You are on page 1of 5

Le Funzioni di Bessel

Serie di Laurent del prodotto


Siano f, g : C due funzioni olomorfe in un anello := {z C | r < |z z
0
| < R},
r < R. Allora f(z)g(z) `e olomorfa in e quindi si potr` a scrivere come una serie di
Laurent totalmente convergente in ogni anello chiuso D = {z C | r
1
|z z
0
| R
1
}
con r < r
1
< R
1
< R. Ci proponiamo di calcolare i coecienti di Laurent c
n
di f(z)g(z)
in supponendo di conoscere quelli di f(z) e g(z) in . In altre parole scrivendo
f(z) =

nZ
c

n
(z z
0
)
n
g(z) =

nZ
c

n
(z z
0
)
n
e
f(z)g(z) =

nZ
c
n
(z z
0
)
n
vogliamo determinare c
n
in funzione di {c

n
}
nZ
e {c

n
}
nZ
. Sappiamo gi` a che le serie che
danno f(z), g(z) e f(z)g(z) convergono totalmente in ogni anello chiuso
0
come sopra.
Sia allora una curva generalmente regolare, semplice e chiusa contenuta in . Si ha
c

n
=
1
2i
_

f(z)
(z z
0
)
n+1
dz, c

n
=
1
2i
_

g(z)
(z z
0
)
n+1
dz
e quindi
c
n
=
1
2i
_

f(z)g(z)
(z z
0
)
n+1
dz =
1
2i
_

g(z)

kZ
c

k
(z z
0
)
n+1k
dz
=

kZ
c

k
2i
_

g(z)
(z z
0
)
nk+1
dz =

kZ
c

k
c

nk
Consideriamo, in particolare, il caso in cui f(z) sia analitica in D = {z C | |z z
0
| <
R} e che la serie di Laurent di g(z
0
+ w
1
) in D
1
= {w C | |w| > R
1
} sia una serie di
Taylor, ossia supponiamo che sia:
f(z) =

n=0
a
n
(z z
0
)
n
per |z z
0
| < R e
g(z
0
+ w
1
) =

n=0
b
n
w
n
per |w| > R
1
. Posto w = (z z
0
)
1
otteniamo:
g(z) =

n=0
b
n
(z z
0
)
n
=
0

n=
b
n
(z z
0
)
n
.
1
per ogni z = z
0
+ w
1
D. In altre parole
c

n
=
_
0 se n < 0
a
n
se n 0
c

n
=
_
0 se n > 0
b
n
se n 0
Dalla c
n
=

kZ
c

k
c

nk
otteniamo allora:
c
n
=

k=0
a
k
c

nk
=

k=max{0,n}
a
k
b
nk
Le funzioni di Bessel
Sia w C un numero complesso. Consideriamo la funzione olomorfa in C

:= {z C |
z = 0}:
F(z) = e
w
2
(zz
1
)
= e
w
2
z
e

w
2z
Posto f(z) := e
w
2
z
e g(z) := e

w
2z
si ha
f(z) :=

k=0
_
w
2
_
n
z
n
n!
e g(z) :=

k=0
_

w
2
_
n
z
n
n!
.
Possiamo quindi applicare il risultato della sezione precedente e scrivere
F(z) =

n=
J
n
(w)z
n
dove
J
n
(w) =

k=max{0,n}
1
k!
_
w
2
_
k
1
(k n)!
_

w
2
_
kn
= (1)
n

k=max{0,n}
(1)
k
k!(k n)!
_
w
2
_
2kn
(si osservi che b
n
=
1
n!
_

w
2
_
n
). Nella somma precedente k e k n sono entrambi 0 e
quindi i coecienti J
n
(w) sono funzioni analitiche di w C. Inoltre essendo k! = (k+1)
[e (kn)! = (kn+1)] e dato che gli interi negativi sono poli della funzione possiamo
porre
1
(n)
= 0 per ogni n N e quindi
J
n
(w) = (1)
n

k=0
(1)
k
(k)(k n)
_
w
2
_
2kn
Denizione. La funzione J
n
(w) si dice funzione di Bessel di ordine n.
Sia n 0 allora
J
n
(w) = (1)
n

k=0
(1)
k
k!(k + n)!
_
w
2
_
2k+n
= (1)
n

j=n
(1)
jn
(j n)!j!
_
w
2
_
2jn
= (1)
n
J
n
(w)
avendo posto j = k+n. In altre parole conoscendo J
n
(w) per n 0 possiamo determinare
J
n
(w) per ogni n Z.
2
Formule ricorsive
Scriviamo
e
w
2
(zz
1
)
=

n=
J
n
(w)z
n
. (1)
Derivando rispetto a z si ottiene:
w
2
_
1 +
1
z
2
_
e
w
2
(zz
1
)
=

n=
nJ
n
(w)z
n1
=

n=
(n + 1)J
n+1
(w)z
n
ossia

n=
(n + 1)J
n+1
(w)z
n
=
w
2

n=
[J
n
(w) + J
n+2
(w)]z
n
e quindi, per lunicit` a degli sviluppi in serie di Laurent:
(n + 1)J
n+1
(w) =
w
2
[J
n
(w) + J
n+2
(w)]. (2)
La precedente `e una prima formula ricorsiva che ci permette di calcolare tutte le funzioni
di Bessel una volta che si conoscono J
0
(w) e J
1
(w). Ad esempio
J
2
(w) =
2
w
J
1
(w) J
0
(w)
J
3
(w) =
4
w
J
2
(w) J
1
(w) =
8w
2
w
2
J
1
(w)
4
w
J
0
(w)
J
4
(w) =
6
w
J
3
(w) J
2
(w) =
82ww
2
w
2
J
1
(w)
4+w
w
J
0
(w)
(3)
Dato che J
2
(w) `e olomorfa in C anche
2
w
J
1
(w) lo sar`a, e quindi dovr`a aversi J
1
(0) = 0.
Infatti, dalla (1) si ottiene subito (ponendo w = 0)

n=
J
n
(0)z
n
= 1
e quindi (per lunicit` a dello sviluppo di Laurent)
J
0
(0) = 1 e J
n
(0) = 0 per ogni n = 0.
Di conseguenza, passando al limite per w 0 nella prima delle (3):
2J

1
(0) = J
0
(0) = 1.
In generale dalla (2) si ha
2(n + 1)J

n+1
(0) = J
n
(0) + J
n+2
(0) = 0
per ogni n 1.
Derivando la (1) rispetto a w otteniamo invece:

nZ
J

n
(w)z
n
=
1
2
(z z
1
)

nZ
J
n
(w)z
n
=
1
2

nZ
[J
n1
(w) J
n+1
(w)]z
n
3
e derivando ancora:

nZ
J

n
(w)z
n
=
1
4
(z
2
+ z
2
2)

nZ
J
n
(w)z
n
=
1
4

nZ
[J
n2
(w) 2J
n
(w) + J
n+2
(w)]z
n
.
Quindi
J

n
(w) =
1
2
[J
n1
(w) J
n+1
(w)]
J

n
(w) =
1
4
[J
n2
(w) 2J
n
(w) + J
n+2
(w)]
(4)
ossia, utilizzando anche la (2) e supponendo w = 0:
J

n
(w) =
1
4
[J
n2
(w) + J
n
(w) 4J
n
(w) + J
n
(w) + J
n+2
(w)]
=
1
4
_
2
w
(n 1)J
n1
(w) 4J
n
(w) +
2
w
(n + 1)J
n+1
(w)
_
=
1
2
_
n
w
(J
n1
(w) + J
n+1
(w)) 2J
n
(w)
1
w
(J
n1
(w) J
n+1
(w))
_
=
1
2
_
2n
2
w
2
J
n
(w) 2J
n
(w)
2
w
J

n
(w)
_
=
n
2
w
2
J
n
(w) J
n
(w)
1
w
J

n
(w).
Vediamo quindi che J
n
(w) soddisfa lequazione dierenziale (detta di Bessel)
w
2
u

(w) + wu

(w) + (w
2
n
2
)u(w) = 0 (5)
assieme alle condizioni iniziali
u(0) =
n
, u

(0) =
1
2
[
n1

n+1
]
essendo
n
= 1 se n = 0 e
n
= 0 se n = 0. Per continuit` a lequazione (5) `e soddisfatta
anche per w = 0. Osserviamo che se n > 1 si ha J
n
(0) = 0 e J

n
(0) = 0 tuttavia
non si ha J
n
(w) = 0 in quanto lequazione (5) `e singolare in w = 0 (il coeciente di
u

(w) si annulla in w = 0). Lequazione di Bessel `e quindi un esempio di una equazione


dierenziale singolare in w = 0 che ammette soluzioni analitiche in C.
Forma integrale delle funzioni di Bessel
Nella (1) poniamo z = e = i e w = x R. Otteniamo:
e
ixsin
=

nZ
J
n
(x)e
in
.
Di conseguenza J
n
(x) `e ln-esimo coeciente di Fourier della funzione 2-periodica e
ixsin
=
cos(x sin ) + i sin(x sin ). Di conseguenza:
J
n
(x) =
1
2
_

e
i(xsin n)
d =
1
2
_

cos(x sin n)d


4
dato che sin(x sin n) `e dispari. Dalla parit`a di cos(x sin n) segue anche
J
n
(x) =
1

_

0
cos(x sin n)d
Dalla uguaglianza di Parseval si ottiene poi:

nZ
|J
n
(x)|
2
=
1
2
_

|e
ixsin
|
2
d = 1
da cui segue che J
n
(x) sono funzioni limitate in R (ovviamente la stessa conclusione `e
falsa se si considerano le funzioni J
n
(w), w C, altrimenti J
n
(w) sarebbe costante in
virt` u del Teorema di Liouville).
5