You are on page 1of 9

Siracusa Risorse Il tempo scorre senza stipendi

A pagina tre www.libertasicilia.com

fondato nel 1987 da Giuseppe Bianca

CRONACA

Omicidio Mauceri In manette due presunti autori


A pagina sette e mail redazione@libertasicilia.com

CRONACA

gioved 17 23 marzo maggio 2013 Anno XXVI N. 120 Direzione Amministrazione e Redazione: via Mosco Tel. 0931 46.21.11 - FAX 0931 / 60.006 - Pubblicit: Poligrafica S.r.l. via Mosco 51Tel. Tel. 0931 46.21.11- -Fax Fax0931 0931/ 60.006 0,50 sabato 2012 Anno XXV N. 64 Direzione Amministrazione e Redazione: via Mosco 5151 Tel. 0931 46.21.11 - FAX 0931 / 60.006 - Pubblicit: Poligrafica S.r.l. via Mosco 51 0931 46.21.11 / 60.006

Quotidiano dELLA provincia Di DI Siracusa SIRACUSA

Oggi la manifestazione dei lavoratori dellarea industriale

Lincidente avvenuto allimpianto C37

Morto un operaio

Cronaca

La Procura ha aperto linchiesta

CRONACA

Luomo, considerato un ope-

Il sostituto procuratore Antonio

Nicastro ha aperto uninchiesta per la morte delloperaio, avvenuta la scorsa notte allo stabilimento Isab impianti Nord di Priolo Gargallo. Il magistrato si recato ieri mattina presso limpianto in cui avvenuto il tragico incidente sul lavoro per effettuare un primo sopralluogo. Si avvarr di consulenti tecnici per stabilire sul concreto cosa sia realmente avvenuto allimpianto priolese. La vittima, Salvatore Ganci, deceduto in nottata, molto probabilmente a causa della fuori uscita di gas da una condotta. L'operaio, di cui non stato dato ancora il nome, lavorava alla Isab. L'incidente si verificato intorno alluna della notte.
A pagina cinque

ratore esperto, da dieci anni era addetto all'impianto Cr 37. A dare l'allarme e a fare scattare i soccorsi stata la segnalazione di alcuni colleghi dell'operatore, insospettiti dal fatto che non rispondesse pi alle chiamate della sala radio centrale. Sul posto oltre alle squadre di soccorso e sanitarie aziendali, intervenute anche le unit del 118, mentre la polizia scientifica ha effettuato rilievi. L'operatore, poco prima, aveva effettuato un'operazione in quota all'impianto Cr 37 chiudendo l'intervento.
A pagina quattro e cinque

Folla e commozione ai funerali di Giovanni Carnevale, lo sfortunato centauro ventiquattrenne siracusano, deceduto domenica notte.
A pagina sette

Ieri i funerali di Giovanni Carnevale

Omicidio Corso Chiesti tre ergastoli

Il pubblico ministero Luigi Lombardo della direzione distrettuale antimafia di Catania ha chiesto la condanna allergastolo a carico del boss di Lentini Sebastiano Nardo, di Giuseppe Giampapa e di Aldo Ercolano, braccio destro del clan Santapaola, ritenuti responsabili dellomicidio di Francesco Corso, avvenuto nel luglio del 1989 ad Agnone Bagni a due passi dalla villetta.
A pagina sei

TRIBUNALE DI SIRACUSA
Avviso di vendita Procedura esecutiva n. 370/09 + 274/10 R.E.I. Si rende noto che giorno 17/7/2013, ore 11.00, presso il proprio studio sito a Siracusa nel viale Montedoro 66, lavv. Giuseppe Librizzi proceder allesame delle offerte di acquisto senza incanto, e se del caso allaggiudicazione, del seguente bene: stacco di terreno sito a Lentini nella c.da Sigona, esteso mq. 21.043 ca.; in catasto Fg. 6, p.lla 188, porzione AA e AB (ex p.lla 188), p.lla 719, porzione AA e AB (ex p.lla 719), p.lla 722, porzione AA e AB (ex p.lla 722), p.lla 723, porzione AA e AB (ex p.lla 723), p.lla 522. Prezzo base dasta 31.213,50. Minima offerta in aumento 2.000,00. In caso di esito negativo della v.s.i., il 24/7/2013, ore 11.00, sempre presso il proprio studio, lavv. Giuseppe Librizzi proceder alla vendita allincanto del suddetto bene. Le offerte o le domande di partecipazione dovranno essere depositate in busta chiusa, presso lo studio del suddetto professionista, entro le ore 12.00 del giorno precedente a quello fissato per la vendita, accompagnate da cauzione del 10% e deposito spese del 20%, con 2 assegni circolari non trasferibili intestati allavv. Giuseppe Librizzi. Avviso integrale e relazione dellesperto disponibile sul sito www.astegiudiziarie.it ovvero presso lo studio predetto. Il professionista delegato Avv. Giuseppe Librizzi

23 MAGGIO 2013, gioved

PROSSIMA INSERZIONE:
Le ASTE GIUDIZIARIE saranno inserite dalla data di pubblicazione del bando fino alla data prevista per l'asta sul sito:

VENDITE IMMOBILIARI E FALLIMENTARI www.astetribunale.com


TRIBUNALE DI SIRACUSA
BENEVENTANO del Bosco - Appartamento vista mare, rifiniture di pregio, tripla esposizione. Edificio anti-sismico, allinterno di complesso recintato in condominio signorile, con posto auto assegnato di propriet. Salone doppio, cucina, 3 camere, doppi servizi, lavanderia, armadi a muro, ampie verande abitabili. Vendesi no intermediari, su richiesta anche ammobiliato. Classe Energ. C Telefonare 348/7094394 BORGATA vendesi bivani con terrazzino a livello, semi-indipendente, prezzo affare. Classe Energetica G Tel. 331/5029514 BORGATA vendesi o monovano 30 mq c/a, anno di costruzione 2004, in contesto signorile con cortiletto interno recintato e posto auto assegnato. Piano intermedio termoasc. con caldaia, metano autonomo, climatizzato, arredato, ideale per 1 sola persona o uso investimento. Classe energetica D. No intermediari, no perditempo Telefonare 334/9017869 solo persone seriamente interessate. Ore serali CITT GIARDINO vendesi appartamento in villetta bifamiliare con ingresso indipendente, mq 135 + vano scala, grande terrazza, grande salone con controsoffitto e faretti, camino funzionante, impianto di riscaldamento, terreno di pertinenza con alberi. Cancello con ampia entrata

26/05/2013

e-mail redazione@libertasicilia.com Cronaca di Siracusa online nel mondo

SIRACUSA

23 maggio 2013, gioved

Vendita Proc. Esec. Imm. n .227/04 R. G. Es. Si rende noto che nella sala delle pubbliche udienze del Tribunale di Siracusa, avanti il Giudice dellEsecuzione Dott. Salvatore Mangano, si vender il 9 Luglio 2013 ore 11.30, senza incanto o, nel caso in cui la vendita senza incanto non abbia luogo per qualsiasi motivo, il 16 Luglio 2013, alle ore 12.00, con incanto, il seguente immobile: - Appartamento posto a primo piano a destra salendo le scale, facente parte del fabbricato sito in Floridia nella Via Toscanini nn. 28, 30, 32, con ingresso dal civico n. 30, composto da quattro vani, cucina bagno e doppio servizio, in catasto fabbricati al foglio 21, part.lla 330 sub. 4. Presentata istanza di condono edilizio (costo sanatoria intero edificio 21.819,23). Prezzo base dasta ribassato di 9.172,61 Ogni concorrente, per partecipare, dovr depositare in cancelleria: - per la vendita senza incanto (9 Luglio 2013 ore 11,30) entro le ore 12.00 del giorno antecedente istanza di offerta di acquisto contenente la dichiarazione, in regola con il bollo, con lindicazione del prezzo, del tempo e del modo del pagamento, nonch, assegno bancario non trasferibile intestato alla procedura, in misura non inferiore al 1/10 del prezzo proposto; - per la vendita allincanto (16 Luglio 2013 ore 12,00) entro le ore 12,00 del giorno antecedente istanza di partecipazione allincanto contenente la cauzione pari al 10% del prezzo base dasta fissato tramite assegno bancario non trasferibile intestato alla procedura. Per la vendita con incanto laumento minimo di 500,00. Laggiudicatario dovr depositare il prezzo di aggiudicazione della vendita (con o senza incanto) entro il termine massimo di 60 giorni dalla data di aggiudicazione su libretto bancario intestato alla procedura e vincolato allordine del Giudice; in mancanza si proceder a norma dellart. 587 c.p.c. La relazione di stima trovasi pubblicata sul sito internet www.astegiudiziarie.it Maggiori informazioni, anche relative alle generalit del debitore, in cancelleria. Siracusa, l Il Direttore di Cancelleria

TRIBUNALEDISIRACUSA

Avviso di vendita Procedura esecutiva n. 337/11 R.E.I. Si rende noto che giorno 17/7/2013, ore 12.30, presso il proprio studio sito a Siracusa nel viale Montedoro 66, lavv. Giuseppe Librizzi proceder allesame delle offerte di acquisto senza incanto, e se del caso allaggiudicazione, del seguente bene: casa terrana sita a Solarino in via Cavour 106. In N.C.E.U. Fg. 8 p.lla 2699 (ex p.lla 1562), Cat. A3, consistenza 4 vani + cucina e accessori. Prezzo base dasta 47.857,50. Minima offerta in aumento 3.000,00. In caso di esito negativo della v.s.i., il 24/7/2013, ore 12.30, sempre presso il proprio studio, lavv. Giuseppe Librizzi proceder alla vendita allincanto del suddetto bene. Le offerte o domande di partecipazione dovranno essere depositate in busta chiusa, presso lo studio del suddetto professionista, entro le ore 12.00 del giorno precedente a quello fissato per la vendita, accompagnate da cauzione del 10% e deposito spese del 20%, con 2 assegni circolari non trasferibili intestati allavv. Giuseppe Librizzi. Avviso integrale e relazione dellesperto disponibile sul sito www.astegiudiziarie.it ovvero presso lo studio predetto. Il professionista delegato Avv. Giuseppe Librizzi Avviso di vendita Procedura esecutiva n. 414/11 R.E.I. Si rende noto che giorno 17/7/2013, ore 12.00, presso il proprio studio sito a Siracusa nel viale Montedoro 66, lavv. Giuseppe Librizzi proceder allesame delle offerte di acquisto senza incanto, e se del caso allaggiudicazione, dei seguenti beni: LOTTO 1: appartamento sito a Lentini in via delle Spighe 59, piano terra, vani 3, esteso mq. 42 circa; in catasto Fg. 94, p.lla 912 sub 1, cat. A\4. Prezzo base dasta 30.725,00 (al netto dei costi per la regolarizzazione della difformit catastale meglio indicata in perizia). Minima offerta in aumento 2.000,00. LOTTO 2: appartamento sito a Lentini in via delle Spighe 61, piano II, vani 4,5, esteso mq. 45 circa; in catasto Fg. 94, p.lla 912 sub 3, cat. A\4. Prezzo base dasta 35.448,00. Minima offerta in aumento 2.000,00. In caso di esito negativo della v.s.i., il 24/7/2013, ore 12.00, sempre presso il proprio studio, lavv. Giuseppe Librizzi proceder alla vendita allincanto dei suddetti beni. Le offerte o le domande di partecipazione dovranno essere depositate in busta chiusa, presso lo studio del suddetto professionista, entro le ore 12.00 del giorno precedente a quello fissato per la vendita, accompagnate da cauzione del 10% e deposito spese del 20%, con 2 assegni circolari non trasferibili intestati allavv. Giuseppe Librizzi. Avviso integrale e relazione dellesperto disponibile sul sito www.astegiudiziarie.it ovvero presso lo studio predetto. Il professionista delegato Avv. Giuseppe Librizzi

TRIBUNALE DI SIRACUSA

per posti auto. E 165.000 Classe Energetica G. Tel. 339/8712183 C.GIARDINO vendesi villetta di nuova costruzione in Via Brancati di 140mq + 400 mq di giardino E 265.000. C.E. B Tel. 0931/442379 ORTIGIA vendesi bivani + servizi e terrazzino, totalmente arredato e ristrutturato, anche brevi periodi. C. E. A Tel. 347/4439498 ORTIGIA adiacenze Cattedrale Piazza Duomo, vendesi piano terra, monovano + servizio mq 30c/a. Parzialmente da ristrutturate, trattativa solo privati. Prezzo affare E 28.000. C.E. G Tel. 347/1386296

Siracusa Risorse Il tempo scorre


Torna
a fare capolino la questione relativa alla mancata corresponsione degli stipendi ai dipendenti della societ Siracusa Risorse. Questione risollevata dalle organizzazioni sindacali di categoria che hanno redatto un documento. Scaduti abbondantemente i termini per il pagamento degli stipendi del trascorso mese di marzo ed aprile, da parte di Siracusa Risorse spa non giunge alcun segnale circa il pagamento degli stipendi. Il Presidente della Provincia regionale di Siracusa dopo aver strombazzato giorno 10 maggio 2013 che da luned 13 maggio sarebbero stati pagati tutti gli stipendi dei dipendenti della Provincia regionale e di Siracusa Risorse, stato, ancora una volta, clamorosamente smentito dalla realt dei fatti. Trascorsi ben nove giorni, da quella dichiarazione, la dirigenza di Siracusa Risorse, in un incontro con le RSA , ha dichiarato che delle due fatture emesse solo una di queste per circa 365 mila euro stata regolarmente liquidata alla Societ in House, che provveder al pagamento del solo stipendio di Marzo 2013; la seconda fattura di oltre 340 mila euro giace non pagata per mancanza di liquidit. Ancora una volta, i conti della societ in-house vengono

Nessuna soluzione alle richieste dei dipendenti della societ che vedono scadere i termini concessi alla Provincia

TRIBUNALE DI SIRACUSA
Avviso di vendita Procedura esecutiva n. 276/95 R.E.I. Si rende noto che giorno 17/7/13, ore 11.30, presso il proprio studio sito a Siracusa nel viale Montedoro 66, lavv. Giuseppe Librizzi proceder allesame delle offerte di acquisto senza incanto, e se del caso allaggiudicazione, dei seguenti beni: LOTTO 3: garage sito a Carlentini in via Martiri della Resistenza 29, esteso mq. 20 ca., cat. C\6; in catasto Fg. 16 p.lla 1696 sub 9 (ex Fg. 16 p.lla 1696, ex Fg. 16 p.lla 32). Prezzo base dasta 9.750,00. Minima offerta in aumento 1.000,00. LOTTO 4: garage sito a Carlentini in via Martiri della Resistenza 29, esteso mq. 19 ca., cat. C\6; in catasto Fg. 16 p.lla 1696 sub 10 (ex Fg. 16 p.lla 1696, ex Fg. 16 p.lla 32). Prezzo base dasta 9.000,00. Minima offerta in aumento 1.000,00 LOTTO 5: garage sito a Carlentini in via Martiri della Resistenza 29, esteso mq. 17.50 ca., cat. C\6; in catasto Fg. 16 p.lla 1696 sub 14 (ex Fg. 16 p.lla 1696, ex Fg. 16 p.lla 32). Prezzo base dasta 9.000,00. Minima offerta in aumento 1.000,00. LOTTO 6: magazzino sito a Carlentini in via del Mare 84, esteso mq. 510 ca., cat. C\6; in catasto Fg. 16 p.lla 2090 sub 14 (ex Fg. 16 p.lle 226, 226/A, 224, 224/A, 259, 259/A, 305, 1760, 1759, 1763, 1765). Prezzo base dasta 173.160,00. Minima offerta in aumento 9.000,00. LOTTO 7: box-deposito sito a Carlentini in via del Mare 68, esteso mq. 618 ca., cat. C\2; in catasto Fg. 16 p.lla 2090 sub 17, 29 e 30 (ex Fg. 16 p.lle 226, 226/A, 224, 224/A, 259, 259/A, 305, 1760, 1759, 1763, 1765). Prezzo base dasta 135.750,00. Minima offerta in aumento 7.000,00. LOTTO 8: appartamento sito a Carlentini in via del Mare 44, esteso mq. 110 ca., vani 6,5, cat. A\2; in catasto Fg. 16 p.lla 224 sub 29 (ex Fg. 16 p.lle 224, 1760, 1759, 1763, 1765). Prezzo base dasta 93.000,00. Minima offerta in aumento 5.000,00. In caso di esito negativo della vendita senza incanto, il 24/7/2013, ore 11.30, sempre presso il proprio studio, lavv. Giuseppe Librizzi proceder alla vendita allincanto dei suddetti beni. Le offerte o le domande di partecipazione dovranno essere depositate in busta chiusa, presso lo studio del suddetto professionista, entro le ore 12.00 del giorno precedente a quello fissato per la vendita, accompagnate da cauzione del 10% e deposito spese del 20%, con 2 assegni circolari non trasferibili intestati allavv. Giuseppe Librizzi. Avviso integrale e relazione dellesperto disponibile sul sito internet www.astegiudiziarie.it ovvero presso lo studio predetto. Il professionista delegato Avv. Giuseppe Librizzi

In foto, recente manifestazione dei dipendenti di Siracusa risorse

TRIBUNALE DI SIRACUSA

penalizzati fortemente dallesposizione bancaria, in quanto listituto di credito, dopo aver incamera-

to per intero la somma liquidata dalla Provincia Regionale, ha acceso un credito per consentire il pa-

gamento di un solo stipendio e questo nonostante Siracusa Risorse vanta nei confronti dellente

provincia un credito di oltre 4 milioni e mezzo di euro. La societ Siracusa Risorse spa rischia

quindi il collasso in quanto i fornitori, che vantano crediti dalla stessa, si rifiutano di continuare la fornitura, necessaria per lespletamento dei servizi offerti quali il carburante e la manutenzione dei mezzi. Le organizzazioni sindacali Filcams Fisascat Uiltucs, unitariamente hanno richiesto lintervento di del Prefetto di Siracusa per convocare al tavolo la Provincia regionale ed il management di Siracusa Risorse, anche alla luce della disperazione che regna tra i lavoratori costretti senza alcun salario da oltre due mesi. I lavoratori di Siracusa Risorse, sono stanchi di patire sulla propria pelle le inefficienze dellEnte Provincia, che si distingue nei proclami che ancora non hanno prodotto il minimo risultato tangibile; A Giugno maturer la 14 mensilit, ma dubitiamo che la societ in-house possa onorare la naturale scadenza.

Autosport

S.r.l. C.da Targia 18 Siracusa Tel.0931 759918

autosport.toyota.it

Oggi lo sciopero di 4 ore nellintera area industriale


La morte delloperaio allo stabilimento Isab Nord ha fatto scattare la mobilitazione dei lavoratori che oggi si fermano
Lepisodio
della nube tossica che ha ammorbato sabato sera i centri abitati di Melilli e Priolo, e adesso la morte di un operaio specializzato allo stabilimento Isab Nord, ha fatto mettere in marcia il sindacato. Gi ieri mattina in alcuni stabilimenti ci sono state manifestazioni di solidariet per il decesso di Salvatore Ganci. Manifestazioni pi o meno spontanee si sono susseguite durante la giornata. Ma questa mattina si prevede il massimo del concentramento con lo sciopero di quattro ore indetto da Cgil, Cisl e Uil di Siracusa e da tutte le categorie del settore industria. Si comincia alle ore 8 per completare il ciclo alle ore 12 con concentramento nel piazzale antistante la portineria Cr dellIsab di Priolo. Nellesprimere solidariet alla famiglia del lavoratore che ha trovato la morte durante il proprio turno di lavoro e, sulle cui cause, attendono adesso risposte certe e rapide, le organizzazioni sindacali registrano, comunque, un grave susseguirsi di incidenti con cadenza giornaliera. Non si ancora risolto il caso della nube tossica che sabato ha investito Melilli e Priolo, episodio che non ha ancora un responsabile, laltro ieri sera, a causa di un fuori servizio al turbogas di Isab Sud, si fermata l'intera raffineria con enormi sfiaccolamenti ed oggi siamo invece davanti ad un ragazzo che perde la propria vita sul proprio luogo di lavoro. Cgil, Cisl e Uil sostengono che debba essere posta la parola fine a questo stato di cose. Non pi tempo di aspettare - scritto in un documento congiunto - Le organizzazioni sindacali hanno, sino ad oggi, tenuto un atteggiamento responsabile, ma la stessa responsabilit non si registrata da parte delle aziende. arrivato il momento che Lavoratori e Cittadini, OOSS ed Istituzioni facciano fronte comune ad una deriva che gi oggi ha causato una grave conseguenza. Non pi possibile assistere ad eventi e incidenti che, mettano in pericolo, la Sicurezza nei posti di lavoro, la Salute di Cittadini e Lavoratori e l'ambiente del nostro territorio. I segretari delle organizzazioni sindacali hanno chiesto al Pre-

23 maggio 2013, gioved

23 maggio 2013, gioved

Operaio morto in stabilimento Inchiesta della magistratura


Il sostituto procuratore Antonio
Nicastro ha aperto uninchiesta per la morte delloperaio, avvenuta la scorsa notte allo stabilimento Isab impianti Nord di Priolo Gargallo. Il magistrato si recato ieri mattina presso limpianto in cui avvenuto il tragico incidente sul lavoro per effettuare un primo sopralluogo. Si avvarr di consulenti tecnici per stabilire sul concreto cosa sia realmente avvenuto allimpianto priolese. La vittima, Salvatore Ganci, deceduto in nottata, molto probabilmente a causa della fuori uscita di gas da una condotta. L'operaio, di cui non stato dato ancora il nome, lavorava alla Isab. L'incidente si verificato intorno alle 1,30 della scorsa notte. L'operaio morto aveva 38 anni ed era addetto ad uno degli impianti che trattano acidi di processo di raffinazione alla Isab Nord. L'uomo, considerato un operatore esperto, da dieci anni era addetto all'impianto Cr 37. A dare l'allarme e a fare scattare i soccorsi stata la segnalazione di alcuni colleghi dell'operatore, insospettiti dal fatto che non rispondesse pi alle chiamate della sala radio centrale. Sul posto oltre alle squadre di soccorso e sanitarie aziendali, intervenute anche le unit del 118, mentre la polizia scientifica ha effettuato rilievi. L'operatore, poco prima, aveva effettuato un'operazione in quota all'impianto Cr 37 chiudendo l'intervento con la relativa comunicazione e riportandosi al piano stradale. Poi nessun altro contatto sino a quando non stato trovato cadavere. Salvatore Ganci lascia la moglie e due figli. Dopo avere appreso la notizia della morte dell'operaio, i sindacati hanno immediatamente proclamato lo sciopero dei lavoratori diretti e dell'indotto dell'impianto Isab Nord di Priolo, dove lavorano circa 700 persone. Nelle prossime ore i sindacati valuteranno altre iniziative di mobilitazione. La produzione oggi rimarr ferma per l'intera giornata. Salvatore Ganci, l'operaio morto intorno all'1,30 della scorsa notte al petrolchimico di Priolo, potrebbe aver inalato acido solfidrico mentre lavorava nei pressi dell'impianto CR37 dell'Isab Nord. Per la Fiom-Cgil di Siracusa, questo ennesimo gravissimo

Salvatore Ganci, 38 anni, si trovava allimpianto C37 di Isab Impianti Nord quando non ha pi dato segnali di vita. Il Pm Antonio Nicastro ieri in stabilimento

Coltraro Accertare subito quanto accaduto


Il

In foto, lo stabilimento di Isab a Priolo.

fetto che convochi tutte le parti interessate, dopo che i lavoratori dellIsab e dellindotto si sono,

spontaneamente, astenuti dalle attivit per l'intera giornata di ieri.

Lennesima vittima sul lavoro questa volta alla Raffineria Isab Impianti Nord ripropone con tragica urgenza il tema della sicurezza nei luoghi di lavoro e nelle attivit industriali in particolare. Gli organi preposti facciano subito chiarezza sulle cause ed eventuali responsabilit ma chiaro che la sicurezza sul lavoro rimane una delle grandi emergenze del nostro Paese e della nostra provincia. Questo afferma il parlamentare nazionale siracusano Pippo Zappulla che prosegue. Per quanto attiene la nostra zona industriale, la tutela ambientale e la sicurezza per i lavoratori e i cittadini devono rappresentare la condizione indispensabile per un nuovo patto tra imprese, sindacato, enti locali e comunit. Al centro la sostenibilit e la salute e vita dei lavoratori e dei cittadini: i recenti fatti denunziati invece dalla comunit e dagli amministratori di Melilli confermano che, ancora, per le grandi committenti c molta strada da fare sul terreno della tutela ambientale e corretta e tempestiva informazione. Le attivit industriali si possono difendere seriamente e concretamente - afferma il deputato nazionale del partito democratico realizzando un salto di qualit sul terreno della sostenibilit delle produzioni, della innovazione tecnologica, della qualit dei cicli e prodotti: solo cos si potr programmare un futuro per le grandi aziende. Molto stato fatto certo ma se il cielo di Melilli coperto da nubi misteriose e, soprattutto, se unaltra vita viene spezzata sul lavoro vuol dire che ancora molta strada resta da fare. Piena solidariet ai familiari, ai lavoratori e alle organizzazioni sindacali - conclude lonorevole Zappulla - per una ennesima e inaccettabile vittima sul lavoro. Nei giorni scorsi ho presentato un disegno di legge che tende a potenziare prevenzione e repressione con la istituzione della Commissione Nazionale sulla Sicurezza sul Lavoro; forte e costante sar la mia iniziativa per ci che considero uno dei tratti distintivi di una societ e una economia davvero civile. R.L.

Il governo istituisca una commissione nazionale sulla sicurezza sul lavoro

L'ON. ZAPPULLA

Negli ultimi anni nellarea

Ultimo caso a Priolo nel 1988

segretario della Commissione attivit produttive allArs, Giambattista Coltraro del Gruppo parlamentare Il Megafono Lista Crocetta, esprime il pi vivo cordoglio alla famiglia della vedova di Salvatore Ganci, loperaio morto questa notte allIsab Nord di Priolo, mentre era in servizio. Non pensabile che al giorno doggi si possa morire per il lavoro. Le notizie al momento sono frammentarie, ma in tempi rapidi si dovranno accertare le cause concrete di cosa accaduto allinterno dello stabilimento e conoscere di conseguenza le cause che hanno provocato il decesso di Ganci. Tra laltro - aggiunge Coltraro le popolazioni di Priolo, Melilli ed Augusta, sono sempre pi preoccupate dopo la nube di fumo che si sprigionata sabato scorso nellarea del Petrolchimico siracusano.

In foto, lo stabilimento di Isab Impianti Nord di Priolo Gargallo.

incidente rappresenta l'epilogo drammatico di un impressionante sequenza di incidenti e mancati incidenti che ripropone seri interrogativi sulle reali condizioni di sicurezza in cui sono costretti a operare i lavoratori del petrolchimico. Secondo il sindacato, occorre costruire percorsi di mobilitazione per affermare un

sistema adeguato di prevenzione dei rischi, esigere la bonifica delle aree, i controlli che oggi non sono attuati e occorre realizzare finalmente strutture territoriali che esercitando una costante azione di monitoraggio e denuncia, capaci di creare reali condizioni di legalit salvaguardando il diritto al lavoro e alla salute

di lavoratori e cittadini. 'C' bisogno di un protocollo su 'sicurezza e legalita'' perch - ritiene la Fiom - dietro ogni incidente, ogni morte sul lavoro, c' sempre lo sfruttamento, la condizione di subalternit dei lavoratori alle logiche e agli interessi delle imprese che continuano a ricercare il profitto ad ogni costo.

del petrolchimico si sono verificati incidenti, anche se non mortali. Due incendi nel giugno e nel dicembre del 2011 allimpianto Tas dellEni e allIsab Nord provocarono paura, una densa nube nera e, nel primo caso, il ferimento non grave di tre operai. Lultimo precedente che ha causato la morte di un lavoratore risale al 1988 a causa di un incendio allo stabilimento Enichem di Priolo. Mentre tre anni prima, nel 1985, un operaio era rimasto ucciso dalle ustioni riportate durante alcuni lavori di manutenzione allimpianto del gruppo chimico Ra.si.o.m.

Stamattina il conferimento dellincarico per eseguire lautopsia sul cadavere


Sar eseguita questo pomeriggio allobitorio dellospedale Umberto primo di Siracusa lautopsia sul cadavere di Salvatore Ganci, loperaio priolese deceduto la scorsa notte a causa di un incidente sul lavoro presso limpianto CR37 della Raffineria Isab Impianti Nord di Priolo Gargallo. Il pubblico ministero Antonio Nicastro, titolare dellinchiesta, ha disposto proprio per la tarda mattinata odierna il conferimento dellincarico al medico legale dott. Francesco Coco, il quale ieri mattina ha, comunque, eseguito una prima ispezione cadaverica dalla quale non emerge alcuna annotazione di rilievo. Intanto, lazienda Isab ha diramanto un comunicato in cui esprime cordoglio per la scomparsa di Salvatore Ganci. I mezzi di soccorso interni sono intervenuti ed il personale di pronto soccorso ha provato a rianimarlo ma ogni tentativo stato vano. Le circostanze della morte sono, come detto, in fase di accertamento da parte delle autorit inquirenti cui ISAB sta fornendo tutta la collaborazione richiesta. ISAB ha inoltre avviato le sue indagini interne per accertare la causa dellevento.

CRONACA

Avviato liter per accreditare gli asili nido ed i micro-nidi


Il commissario straordinario, Giacchetti, su proposta del dirigente del settore Politiche sociali, Rosaria Garufi, ha firmato lavviso pubblico

23 maggio 2013, gioved

Il

Antonio Fichera e Roberto Giuseppe Campisi sarebbero gli autori delluccisione di Mario Mauceri u lintinisi
Si
fa luce su un omicidio avvenuto a Lentini. Gli agenti della squadra mobile di Catania hanno eseguito una ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di Antonino Fichera, di 68 anni, e Roberto Giuseppe Campisi, di 43, perch ritenuti gli autori dell'omicidio di Mario Mauceri, detto "Mario u lintinisi, 48 anni, presunto affiliato al clan Santapaola ucciso con colpi d'arma da fuoco la sera del 13 settembre del 2009 in contrada Agnone Bagni, ad Augusta La vittima all'epoca del delitto era passata al clan Sciuto. Secondo quanto accertato dalle indagini Fichera e Campisi sarebbero stati animati da sentimenti di vendetta nei confronti della vittima perch quest'ultima avrebbe avuto un ruolo attivo nell'assassinio di Sebastiano Fichera - esponente della cosca SciutoTigna assassinato la sera del 26 agosto del 2008 - figlio di Antonino ed intimo amico di Campisi. Il provvedimento restrittivo, accompagnato dall'accusa di omicidio e porto illegale di armi da fuoco, stato emesso dal Gip del tribunale di Catania. A Campisi stato notificato nel carcere di Agrigento, dove si trova detenuto per altra causa. A loro stata inoltre contestata l'aggravante di avere commesso il fatto avvalendosi delle condizioni di

Omicidio ad Agnone Fermate due persone

23 maggio 2013, gioved

Officiati i funerali di Giovanni Carnevale

commissario straordinario, Alessandro Giacchetti, su proposta del dirigente del settore Politiche sociali, Rosaria Garufi, ha firmato lavviso pubblico per laccreditamento dei soggetti privati che si occupano dei servizi educativi per la prima infanzia. La procedura porter alla stipula di convenzioni con asili nido e micro-nidi destinati alle famiglie inserite nelle graduatorie comunali. Le richieste di accreditamento devono essere presentate al protocollo generale del Comune, che si trova al piano terra di palazzo Vermexio, in piazza Duomo. Le istanze dovranno essere corredate dal progetto educativo, organizzativo e gestionale che si intende realizzare. I richiedenti privi di iscrizione allAlbo regionale saranno ammessi con riserva ma dovranno produrre liscrizione entro sei mesi dalla presentazione della domanda. Con la possibilit di accreditare le strutture private per svolgere lattivit di asilo nido trova finalmente attuazione concreta uno dei provvedimenti pi importanti dellintera consiliatura appena conclusasi dichiara il responsabile nazionale dei Comuni italiani per la famiglia Salvo Sorbello un altro passo verso la riforma della gestione degli asili nido, che devono essere luoghi di cura, di crescita e di sviluppo della personalit. Sulla base di una mia proposta si cerca cos di offrire concrete possibilit alle diverse centinaia di bambini che non venivano ammessi alla frequenza degli asili nido per carenza di posti e una risposta ai genitori costretti spesso a ricorrere a soluzioni inadeguate o improvvisate. Con lintroduzione di un sistema misto pubblico-privato viene ampliata lofferta, ci sar maggiore concorrenza, flessibilit, diversificazione dei servizi e quindi risparmi e migliore qualit. Con il sistema dellaccreditamento, che abbiamo fortemente voluto prosegue Sorbello - alla gestione dei servizi potr ora partecipare anche il privato sociale, sempre sulla base di standard e parametri di assoluta qualit. Importante anche la possibilit di creare i nidi-famiglia, che affiancheranno le strutture tradizionali e che creeranno anche nuovi posti di lavoro. Gli asili nido devono essere

Grande parte-

In foto, palazzo Vermexio.

nuovi luoghi per nuovi bambini, devono essere ambienti ludici e formativi, vanno ripensati in funzione del bambino, delle sue potenzialit affettive, formative e sociali. Devono essere quindi previsti orari flessibili, nellambito di unofferta pi ricca con costi meno proibitivi e con una grande attenzione per i bambini con disa-

Il pubblico ministero Luigi Lombardo della direzione distrettuale antimafia di Catania ha chiesto la condanna allergastolo a carico del boss di Lentini Sebastiano Nardo, di Giuseppe Giampapa e di Aldo Ercolano, braccio destro del clan Santapaola, ritenuti responsabili dellomicidio di Francesco Corso, avvenuto nel luglio del 1989 ad Agnone Bagni a due passi dalla villetta che insieme alla famiglia aveva preso in affitto per trascorrere lestate. Il rappresentante della pubblica accusa ha chiesto lassoluzione per insufficienza di prove per Ciro Fisicaro, per il quale, per, ha invocato 15 anni di carcere per il duplice tentativo di omicidio ai danni di Ange-

Omicidio Corso: il Pm chiede lergastolo per Nardo e altri due

bilit. Per questo bisogna modificare subito lattuale regolamento, che risale al 1981 ed una cura particolare verr riservata alla formazione ed alla riqualificazione del personale ed al coinvolgimento delle famiglie nella definizione delle scelte educative, nella programmazione delle attivit e nella verifica della qualit e dei risultati

dei servizi prestati. Occorre proseguire su questa strada, quella della concretezza, per aiutare le famiglie e restituire ai genitori, soprattutto alle madri, spazi di libert per garantire uneffettiva pari opportunit, tendendo bene in mente che i bambini sono il futuro della nostra societ.

In foto, Giuseppe Campisi ed Antonino Fichera. assoggettamento e riguarda Campisi. tuale antimafia di di omert derivanti Antonino Fichera Catania, volte a ridalla loro contiguit stato rinchiuso nel scontrare le dichiaad ambienti del clan carcere di Bicocca. razioni del collaboCappello, per quan- La misura cautelare ratore di giustizia to riguarda Fichera, scaturita da inda- Gaetano D'Aquino, e al clan dei Cursoti gini, delegate dalla che ha parlato di milanesi per quanto direzione distret- Mauceri come di un

soggetto che aveva avuto un ruolo attivo nell'uccisione di Fichera, avendo accompagnato la vittima all'appuntamento con coloro che lo avrebbero ucciso.

cipazione di persone e profonda commozione ieri sera ai funerali di Giovanni Carnevale, lo sfortunato commerciante 24enne siracusano, la cui vita stata stroncata da un incidente di moto in viale Teracati domenica notte. Il rito funebre stato celebrato nella chiesa di santAntonio alla Pizzuta, dove risiedeva Carnevale. Tanti i ragazzi in lacrime presenti al rito, che si aggiungono ai tanti che gi nelle ore precedenti avevano voluto dare lestremo saluto allo sfortunato centauro siracusano. Presente anche una folta delegazione della Cgil siracusana.

lo Marino. Per il medesimo fatto di sangue, stessa condanna stata chiesta per Giuseppe Giampapa, mentre per il collaboratore di Giustizia Umberto Di Fazio, stato invocato alla Corte dAssise di Siracusa la condanna a 4 mesi di isolamento diurno in continuazione con una precedente condanna emessa dalla Corte dAssise di Catania. Dopo la requisitoria del pubblico ministero, la parola passata ai legali della difesa, non prima che il lentinese Giuseppe Giampapa protestasse la propria estraneit ai fatti ricorrendo alla formula delle dichiarazioni spontanee. Il primo ad arringare alludienza di ieri mattina stato Genovese per conto del proprio assistito Di Fazio. Le altre arringhe sono state fissate per ludienza del 20 giugno prossimo.

Autosport

S.r.l. C.da Targia 18 Siracusa Tel.0931 759918

autosport.toyota.it

23 maggio 2013, gioved

Nel corso della riunione a Palaz- Il presidente dellArs, Ardizzone, ha incontrato i presidenti delle zo dei Normanni, convocata ieri
dallOn. Giovanni Ardizzone, Presidente dellAssemblea Regionale Siciliana, sul tema della situazione economico-finanziaria delle Province Regionali Siciliane, il Presidente della Provincia Regionale di Siracusa, ha dichiarato: La legge Finanziaria regionale stata approvata senza tenere in alcun conto il rispetto degli equilibri di Bilancio delle Province, a cui stata indebitamente quanto illegittimamente sottratta lintera entrata costituita dallaccise delladdizionale sullenergia elettrica. Infatti la legge 44/2012, aveva sancito il preciso obbligo per le Regioni a statuto speciale di reintegrare il minor gettito degli Enti Locali, derivante dallabolizione delladdizionale, utilizzando le risorse che la stessa legge, metteva a disposizione. Non un caso, infatti, che lanno scorso tali adempimenti sono stati correttamente eseguiti, con lemissione di un apposito decreto regionale che ha liquidato integralmente le somme dovute. Uno sforzo per di un solo anno, sostituito nella Finanziaria regionale 2013 da un gioco di prestidigitazione, con cui la Regione si appropriata indebitamente dellintero importo delladdizionale e di altre risorse ancora, riducendo di quasi il 60% le entrate delle Province Siciliane, relative alle medesime poste dello scorso anno. E inutile dire che con tali tagli impensabile potere procedere alla chiusura dei Bilanci per tutte le Province Regionali Siciliane, mentre la situazione per la Provincia Regionale di Siracusa ancora pi paradossale, perch grazie alla correttezza della gestione amministrativa il Bilancio di Previsione 2013 era gi stato redatto e approvato dalla Giunta Provinciale, e dal 1 marzo 2013 inviato allesame del Consiglio Provinciale, che stava per inserirlo allordine del giorno. Purtroppo, la sciagurata decisione della Regione, di appropriarsi delladdizionale sullenergia elettrica, ha fatto venire meno gli equilibri di bilancio faticosamente raggiunti, rendendo impossibile lapprovazione del fondamentale strumento contabile, inoltre ha continuato lon. Bono - da oltre 2 anni e mezzo la Regione non paga la sua quota, pari al 60% dello stipendio del personale ex articolista, oggi stabilizzato, e di fatto usa la Provincia di Siracusa come se fosse il suo bancomat. Si tratta nella fattispecie di una gravissima reiterata violazione di altre leggi regionali ed in particolare dellart. 2 della L.R. 24/2000 e dellart. 23, c. 14 della L.R. 19/2005, che attribuiscono

La Regione restituisca il maltolto alle Province

Province regionali della Sicilia per affrontare la questione

vita di Quartiere

23 maggio 2013, gioved

I lavori, che verranno aperti alle 16,30 dal saluto di mons. Pappalardo, si terranno presso il salone Giovanni Paolo II, accanto alledificio religioso

In foto, Sala dErcole.

alla Regione il pagamento del 60% degli stipendi, quale contributo per la stabilizzazione del personale precario. Una strana

filosofia di governo quella di questo esecutivo regionale, che distribuisce stipendi e indennit a uninfinit di categorie, in

Cos

Scuola di via Calatabiano Firmato il contratto con limpresa appaltatrice

come preannunciato la scorsa settimana, confermo che, questa mattina, stato, finalmente, firmato il contratto con la Ditta che si aggiudicata i lavori per la realizzazione della Scuola di via Calatabiano e, da oggi, decorreranno 750 giorni per la consegna delledificio. Lo comunica lonorevoleVincenzo Vinciullo, gi Vice Sindaco e Assessore allEdilizia Scolastica della Citt di Siracusa. Sono stato lAssessore ha continuato lOn. Vinciullo, Vice Presidente Vicario della Commissione Bilancio e Programmazione allARS che ha curato e seguito la progettazione e la ricerca dei Fondi al Ministero delle Infrastrutture. Liter, durato nove anni ha spiegato lonorevole Vinciullo stato particolarmente tortuoso e complicato e, questo non , di certo, un motivo di orgoglio per chi ama la citt di Siracusa. Sono, comunque, particolarmente contento ha concluso lonorevole Vinciullo che, questa mattina, con la firma del contratto, ci si avvia alla conclusione di un percorso burocratico, tecnico e amministrativo lunghissimo, iniziato nel lontano 2003.

molti casi per servizi di discutibile utilit sociale, e non paga invece gli stipendi del personale che, con grande fatica, gli Enti territoriali sono riusciti a stabilizzare. Per tali ragioni abbiamo richiesto e ottenuto decreti ingiuntivi per un importo di 15 milioni e 707 mila euro, anche perch essendo stati costretti ad anticipare queste enormi risorse al posto della Regione inadempiente, abbiamo totalmente esaurito la nostra liquidit finanziaria che, in passato, non era mai stata oggetto di problematicit di alcun tipo. Ritengo pertanto positiva liniziativa del Presidente Ardizzone e dei capigruppo consiliari di fare una opportuna verifica sullo stato di fatto e di diritto in cui sono state ridotte le Province Siciliane, specie dallultima finanziaria regionale, i cui danni vanno comunque riparati, a prescindere dalla sorte degli Enti di area vasta, poich attengono alla corretta erogazione dei servizi ai cittadini, che comunque devono essere garantiti.

ggi, gioved 23 e domani, venerd 24 maggio 2013 - alle 16.30 presso il Santuario della Madonna delle Lacrime di Siracusa nel salone Giovanni Paolo II si tiene il convegno Maria di Nazaret Madre della Consolazione. Di seguito il programma del convegno stesso. Gioved 23 maggio 2013 (oggi) apertura dellevento. Moderatore Salvatore Marino. Alle 16.30 S. E. mons. Salvatore Pappalardo, Arcivescovo di Siracusa, porter il saluto della Chiesa locale. Alle 16.40 Luca Saraceno, rettore del Santuario, formuler lintroduzione al convegno. Alle 17.00 Dionisio Candido dellistituto superiore di studi religiosi San Metodio

S. Lucia: Oggi e domani in Santuario un convegno di mariologia


interverr sul tema Consolate, consolate il mio popolo (Is 40,1). Alle 17.45 Chiara Giaccardi delluniversit cattolica di Milano interverr sul tema La comunicazione affettiva. Alle 19.00 Celebrazione Eucaristica. Alle 21.00 Preghiera del Rosario. Venerd 24 maggio 2013 (domani) lavori aperti da un nuovo moderatore, Maurizio Aliotta. Alle 16.30 Gian Matteo Roggio della pontificia facolt teologica Marianum interverr sul tema Siracusa e La Salette: due mariofanie di consolazione. Alle 17.15 Salvatore Garro dellistituto superiore di studi religiosi San Metodio interverr sul tema Consolazione e desolazione nella vita spirituale. Alle 18.00 proiezione del documentario della Lacrimazione. Alle 18.15 Salvatore Perrella della pontificia facolt teologica Marianum interverr sul tema La Madre della Compassione nella teologia contemporanea. Alle 19.00 Luca Saraceno, rettore del Santuario, trarr le conclusioni del convegno Madre della Consolazione. Dei tre vangeli sinottici quello che parla pi diffusamente di Maria il Vangelo di Luca. Vi si racconta che Maria viveva a Nazaret, in Galilea e che, promessa sposa di Giuseppe, ricevette dall'arcangelo Gabriele l'annuncio che avrebbe concepito il Figlio di Dio, senza avere rapporti intimi (Luca 1,26-38). Ella accett e, per la sua completa accettazione e fedelt alla missione affidatale da Dio, considerata dai cristiani il modello per tutti i credenti. Lo stesso Vangelo secondo Luca racconta la sua pronta partenza per una citt della regione montuosa di Giuda, per aiutare una parente di nome Elisabetta, anziana, incinta di sei mesi. Da Elisabetta chiamata "la madre del mio Signore". Nel Vangelo secondo Giovanni chiamata sempre la Madre di Ges. I biblisti cattolici ritengono che in tale vangelo Maria sia il simbolo dell'Israele fedele, che aspetta da Ges il dono del vino dell'alleanza nuova (Nozze di Cana). Inoltre, essa colei che ha fatto compiere al Figlio il primo miracolo della sua vita pubblica, ed perci presentata come la mediatrice di tutte le grazie presso Ges Cristo. Sul Calvario, durante l'agonia in croce, Ges l'affida all'apostolo Giovanni, e a Maria affida lo stesso apostolo: Donna, ecco il tuo figlio!. Poi disse al discepolo: Ecco la tua Madre!. E da quel momento il discepolo L'accolse nella sua casa (Gv 19,26-27). Secondo la dottrina cattolica questo sarebbe l'atto che la costituisce Madre dei credenti. Secondo alcuni studiosi, inoltre, l'affidamento di Maria a Giovanni negherebbe implicitamente la tesi circa altri presunti figli di Maria e Giuseppe: non si comprenderebbe infatti il motivo per il quale Ges affida Maria a Giovanni apostolo ed evangelista se fossero stati presenti altri figli di Maria.

a mariologia una branca della teologia cristiana che studia Maria, madre di Ges Cristo. All'interno della Chiesa cattolica il fenomeno mariano molto rilevante; nella liturgia si riconosce a Maria un largo spazio celebrativo. Anche la devozione popolare verso la Madonna oggetto di studio. Gi nel periodo antico la figura di Maria fu posta in primo piano a livello teologico; anche nel medioevo ci fu un grande sviluppo ma solo dopo il Concilio di Trento si avranno dei trattati su Maria, opere esplicitamente dedicate a Maria a carattere apologetico. A coniare il termine mariologia fu Placido Nigido. La lettera apostolica sul culto di Maria, Marialis Cultus, scritta da Paolo VI nel 1974, esorta l'inserimento di questa figura all'interno della storia della salvezza dell'uomo al fine di comprenderne il valore salvifico, riconoscendo i misteri di Maria all'interno della Chiesa dandole spazio nella liturgia, proponendola come modello della Chiesa e come specchio di virt evangeliche. I principali centri di mariologia sono: la Pontificia Accademia Mariana Internazionale (Pami) e la Pontificia Facolt Teologica "Marianum". Nel 2000 la Pontificia Accademia Mariana Internazionale ha scritto a tutti i "cultori di mariologia" una lettera in cui riassume i compiti e le linee fondamentali della mariologia moderna.

Una branca teologica che studia la Madre di Cristo Salvatore

10

23 maggio 2013, gioved

Tiche: Via Lentini senza pace


Parecchie
le firme di cittadini (residenti e operatori commerciali) raccolte per sollecitare con la massima urgenza, ladozione di provvedimenti con finalit di sicurezza sul tratto iniziale di Via Lentini (ossia dallincrocio con viale Santa Panagia/via Franca Gianni, fino allintersezione con via Buscemi). A tal fine i sottoscrittori chiediamo il senso unico di marcia di Via Lentini e il ripristino dellordinanza n 401/12 del 17/07/2012, con un miglioramento che, a parere dei sottoscrittori, lascerebbe a doppio senso di marcia il secondo tratto che va da via Buscemi al viale dei Comuni. Il completamento di Via Carlentini tratto di strada parallela al primo tratto di Via Lentini, previsto a breve con lultimazione di due costruzioni ad uso

Nuova petizione volta a modificare la circolazione lungo la strada

Neapolis: Stamani alle 10,00 parte La via della cultura

In foto, via Lentini. abitativo, completerebbe in via definitiva la viabilit di tutta la zona. Il tutto, sempre secondo i sottoscrittori, consentirebbe: la sicurezza dellincrocio Via Lentini/ viale Santa Panagia/ Via Franca Gianni. Lincolumit dei pedoni che tutti i giorni percorrono il primo

tratto di via Lentini, esponendosi al rischio concreto di un incidente con i mezzi che impegnano la strada specialmente la sera in assenza di illuminazione e marciapiedi. La possibilit di poter compiere le manovre dingresso e duscita con le auto nei propri con-

domini evitando rischi non indifferenti. Una petizione una richiesta a un'autorit - generalmente governativa - o a un ente pubblico. Nel linguaggio colloquiale, una petizione un documento sottoscritto da pi individui e indirizzato a un ente pubblico o privato. Pu essere scritta, trasmessa attraverso internet, o anche orale. In base alle finalit, possibile classificare le petizioni come: precettistiche, se invogliano il legislatore ad approvare delle norme che colmino un vuoto legislativo (vacatio) di sensibilizzazione, se hanno lo scopo di focalizzare l'interesse del destinatario su una particolare tematica abrogative, se invogliano il legislatore ad abrogare una determinata norma giuridica Un tipo particolare di petizione quella usata per chiedere la libert di Nelson Mandela, imprigionato dal governo del Sudafrica durante l'apartheid. La petizione in questione non aveva valore legale, ma le firme di milioni di persone rappresentarono una forza morale che ha aiutato a liberare Mandela e a porre termine alla politica di segregazione razziale. Organizzazioni non governative come ad esempio Amnesty International usano spesso petizioni per supportare le proprie iniziative. Per una petizione non necessaria l'autentica di firma con la registrazione degli estremi di un documento d'identit, per questo le raccolte di firme su Internet hanno lo stesso valore legale anche quando non utilizzano meccanismi di autenticazione dell'utente come la firma digitale.

Stamani,

egambiente vi aspetta per iniziare insieme un nuovo progetto: La via della cultura! L'obiettivo quello di collegare i "tesori" della nostra citt: il parco archeologico, il museo Paolo orsi, le catacombe di San Giovanni, la tonnara di Santa Panagia, le necropoli, e tutti quei beni considerati minori. La prima tappa quella apparentemente pi semplice: collegare due beni che distano fra loro solo 600 metri ma che in mancanza di una semplice segnaletica non sono visitati allo stesso modo: il parco archeologico e il museo "Paolo Orsi"! Per le 10,00 di stamani Legambiente aspetta quindi tutti gli interessati davanti all'ingresso del parco (largo di via Romagnoli) da dove verranno anche accompagnati i turisti che hanno visitato l'area archeologica verso il museo; all'interno del quale gli intervenuti troveranno gli alunni degli istituti comprensivi "Emanuele Giarac" e "Paolo Orsi" pronti a far loro da guida attraverso secoli di storia millenari descritta dalle collezioni del museo archeologico. E non tutto! Spiegano ancora in Legambiente. Per i turisti stranieri saranno presenti alcuni ragazzi dell'Istituto "Rizza" che faranno da guida in lingua inglese! Nel frattempo il team di Legambiente si sta adoperando per la realizzazione di un totem - segnaletica che ci accompagni durante questa prima avventura! Vi aspettiamo!" L'iniziativa accompagna, insieme a tante altre in tutta Italia, la promozione della proposta di legge sulla Bellezza, presentata da Legambiente alla quale hanno aderito gi molti parlamentari. Legambiente nata nel 1980, erede dei primi nuclei ecologisti e del movimento antinucleare che si svilupp in Italia e in tutto il mondo occidentale nella seconda met degli anni 70. Tratto distintivo dellassociazione stato fin dall'inizio lambientalismo scientifico, ovvero la scelta di fondare ogni progetto in difesa dellambiente su una solida base di dati scientifici, uno strumento con cui possibile indicare percorsi alternativi concreti e realizzabili. L'approccio scientifico unito a un costante lavoro di informazione, sensibilizzazione e coinvolgimento dei cittadini ha garantito il profondo radicamento di Legambiente nella societ fino a farne lorganizzazione ambientalista con la diffusione pi capillare sul territorio: oltre 115 mila tra soci e sostenitori, 1.000 gruppi locali, 30 mila classi che partecipano a programmi di educazione ambientale, pi di 3.000 giovani che ogni anno partecipano ai nostri campi di volontariato, oltre 60 aree naturali gestite direttamente o in collaborazione con altre realt locali. Legambiente unassociazione senza fini di lucro, le attivit che organizziamo sono frutto dell'impegno volontario di migliaia di cittadini che con tenacia, fantasia e creativit si impegnano per tenere alta l'attenzione sulle emergenze ambientali del Paese.

23 maggio alle ore 10,00 si terr nella Sala "Costanza Bruno" della Provincia Regionale di Siracusa, in via Malta un Convegno dal titolo "Guarda la Legalit in faccia", durante il quale saranno comemorati i giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Verranno premiati gli studenti che hanno partecipato al Concorso in oggetto, promosso dal Centro Antiviolenza-Antistalking "La Nereide" Onlus, presidente Adriana Prazio, da Scuola E Formazione di Cittadinanzattiva. Giovanni Salvatore Augusto Falcone (Palermo, 18 maggio 1939 Palermo, 23 maggio 1992) stato un magistrato italiano. Fu assassinato con la moglie Francesca Morvillo e alcuni uomini della scorta nella strage di Capaci, opera di cosa nostra. Assieme all'amico e collega Paolo Borsellino considerato uno fra gli eroi simbolo della lotta alla mafia in Italia ed a livello internazionale.

Sotto il patrocinio delle realt due associative La Nereide Onlus e Cittadinanzattiva


Paolo Emanuele Borsellino (Palermo, 19 gennaio 1940 Palermo, 19 luglio 1992) stato un magistrato italiano. considerato uno fra gli eroi simbolo della lotta alla mafia in Italia e a livello internazionale assieme a Giovanni Falcone di cui fu amico e collega. Venne assassinato con alcuni uomini della scorta nella strage di via d'Amelio ad opera di cosa nostra. Il 19 luglio 1992, dopo aver pranzato a Villagrazia con la moglie Agnese e i figli Manfredi e Lucia, Paolo Borsellino si rec insieme alla sua scorta in via D'Amelio, dove viveva sua madre. Una Fiat 126 parcheggiata nei pressi dell'abitazione della madre con circa 100 kg di esplosivo a bordo (semtex e/o tritolo) deton al passaggio del giudice, uccidendo oltre a Paolo Borsellino anche i cinque agenti di scorta Emanuela Loi (prima donna della Polizia di Stato caduta in servizio), Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. L'unico sopravvissuto fu Antonino Vullo, scampato perch al momento della deflagrazione stava parcheggiando uno dei veicoli della scorta. Giovanni Falcone viene assassinato in quella che comunemente detta strage di Capaci, il 23 maggio 1992. Stava tornando, come era solito fare nei fine settimana, da Roma. Il jet di servizio partito dall'aeroporto di Ciampino intorno alle 16:45 arriva a Punta Raisi dopo un viaggio di 53 minuti. Lo attendono tre Fiat Croma blindate, con un gruppo di scorta sotto il comando dell'allora capo della squadra mobile di Palermo, Arnaldo La Barbera. Appena sceso dall'aereo, Falcone si sistema alla guida della Croma bianca, ed accanto prende posto la moglie Francesca Morvillo mentre l'autista giudiziario Giuseppe Costanza va ad occupare il sedile posteriore. Nella Croma marrone c' alla guida Vito Schifani, con accanto l'agente scelto Antonio Montinaro e sul retro Rocco Dicillo, mentre nella vettura azzurra ci sono Paolo Capuzzo, Gaspare Cervello e Angelo Corbo. Al gruppo in testa la Croma marrone, poi la Croma bianca guidata da Falcone, e in coda la Croma azzurra. Alcune telefonate avvisano della partenza i sicari che hanno sistemato l'esplosivo per la strage. I particolari sull'arrivo del giudice dovevano essere coperti dal pi rigido riserbo; indicativo del clima di sospetto che si viveva nel Paese, il fatto che nell'aereo di Stato - che lo riportava a Palermo - avevano avuto un passaggio diversi "grandi elettori" (deputati, senatori e delegati regionali) siciliani reduci dagli scrutini di Montecitorio per l'elezione del Capo dello Stato, prolungatisi invano fino al sabato mattina. Uno di essi sarebbe stato addirittura inquisito per associazione a delinquere di stampo mafioso tre anni

Levento si tiene stamani alle 10,00 presso la sala Costanza Bruno della provincia regionale

S. Lucia: Giornata della legalit

23 maggio 2013, gioved

11

dopo; ma nessuna verit definitiva fu acquisita in sede processuale sull'identit della fonte che aveva comunicato alla mafia la partenza di Falcone da Roma e l'arrivo a Palermo per l'ora stabilita. Le auto lasciano l'aeroporto imboccando l'autostrada in direzione Palermo. La situazione appare tranquilla, tanto che non vengono attivate neppure le sirene. Su una strada parallela, una macchina guidata da Gioacchino La Barbera si affianca agli spostamenti delle tre Croma blindate, per darne segnalazione ai killer in agguato sulle alture sovrastanti il litorale; sono gli ultimi secondi prima della strage. Otto minuti dopo, alle ore 17:58, presso il km 5 della A29, una carica di cinque quintali di tritolo posizionata in una galleria scavata sotto la sede stradale nei pressi dello svincolo di Capaci-Isola delle Femmine viene azionata per telecomando da Giovanni Brusca, il sicario incaricato da Tot Riina.

Ospitati nelloasi naturalistica orientata dallispettorato ripartimentale regionale delle foreste


ltimamente i ragazzi del Progetto Filippide, accompagnati dai genitori, sono stati ospitati, a cura dall'Ispettorato Ripartimentale Foreste, Regione Siciliana, nella riserva naturale orientata faunistica di Vendicari. L'iniziativa, portata avanti da uno dei soci dell'Associazione Sportiva Dilettantistica Filippide Siracusa, Sig. Angelo Gallia, ha trovato la pronta disponibilit del Dirigente, Ispettore Ripartimentale Capo Servizio, Ing. Francesco Di Francesco e del Commissario Sup. , Francesco Campisi, che, con grande entusiasmo, ha accompagnato in un percorso culturale, oltre che naturalistico, genitori e ragazzi che sono stati attratti dalle bellezze naturali, dalla presenza della fauna migratoria, che hanno potuto osservare dall'ap-

I ragazzi del progetto Filippide a Vendicari

posite postazioni, in una cornice veramente splendida per trascorrere una giornata all'insegna di sana spensieratezza, nella quale sono stati coinvolti tutti i partecipanti. L'esperienza ha dato l'opportunit di ammirare le ricchezze naturali di cui dotato il nostro territorio,

nell'ambito di quella collaborazione che le Istituzioni mettono a disposizione, anche nei confronti delle categorie di disabili, per favorire la crescita del percorso di integrazione, che sta alla base di un processo di sviluppo dei principi democratici di uno Stato di diritto. Nel corso

della giornata non mancato il momento di sana allegria, nel momento in cui alcuni dei genitori e ragazzi hanno approfittato di fare il primo bagno della stagione, nelle splendide acque della riserva. La giornata proseguita con la visita nella casa dei tonnaroti, nell'agglomerato della Tonnara , dove stato allestito un museo etnico e dove si trovano esposti attrezzi e strumenti di lavoro risalente all'attivit delle tonnare. Il percorso del museo stato guidato dal Prof. Paolino Uccello. Alla fine della giornata, dopo i ringraziamenti da parte della Presidente dellAsd Filippide, Giuliana Esposito, il Commissario Campisi , a nome dellIspettorato, ha consegnato ai partecipanti, in ricordo della splendida giornata vissuta, dei gadget dell'oasi faunistica.

12

Luomo doggi impastato dall80% del passato


di Arturo Messina Non omnis moriar si aliquod mei manebit = Non morir del tutto se qualcosa di me rester un detto che tutti dovremmo tener presente perch tutti desideriamo lasciare qualcosa di noi e quel qualcosa chiaro che dipende da ci che facciamo, per cui se vogliamo lasciare una buona memoria evidente che dobbiamo lasciare qualcosa di buono. Si pu lasciare qualcosa di buono facendo qualcosa di buono ma anche scrivendo qualcosa di buono. Non sono rari i casi di persone che hanno preso labitudine di tirare le proprie reti a secco ogni sera prima di chiudere gli occhi e affidarsi a Morfeo: riflettono su cosa hanno fatto e come lhanno fatto, su ci che hanno detto e come lhanno detto durante la giornata per promettersi di far meglio lindomani. Sarebbe un gran bene se tutti prendessimo questa doverosa e lodevole consuetudine: il mondo sarebbe sicuramente migliore. Ci sono persone che, oltre a riflettere su come hanno trascorso la giornata, hanno la lodevole abitudine di prendere carta e penna e scrivere il proprio diario. Non sono rari i casi che tali diari diventano provvidenzialmente di pubblico dominio, come alcuni diari di guerra, che sono diventati veramente preziosi, giacch solo da questi che abbiamo potuto conoscere tanti episodi e tante notizie della massima importanza su tanti altri di cui poco o nulla avremmo potuto conoscere del loro svolgersi, visto che non raramente in essi non vengono descritti solamente fatti personali, privati, di chi ha scritto, ma anche eventi e personaggi di rilievo che sono accaduti nel contesto dei fatti personali, di chi li ha riferiti. In questi giorni stato pubblicato dalla Genius loci EditriceRagusa Lalbero del milicuccu, di Giancarlo Bellina che , s, un romanzo diaristico, autobiografico, ma anche parecchio di pi: un romanzo di famiglia e, indubbiamente, di ambiente. Infatti lautore, nel raccontare il proprio vissuto, lo fa inserendolo nel contesto sociale del territorio dove egli vissuto ed ha operato: E un flash originale e appassionato

Lalbero del milicuccu di Giancarlo Bellina


per quanto riguarda i riti e i cibi particolari per Natale e per Pasqua che: Era la festa a Ragusa in cui si magnificava lagnello, macellato tra < miercuri e u iuovi> della settimana santa, con lo stesso rito del maiale natalizio. (pag.78). Per quanto riguarda le tradizioni locali, particolare interesse suscita ricordando quelle pasquali, come quella che, chi non mangiava lagnello, mangiava u piu, il tacchino, oppure quella che ai bambini si usava fare lauceddhu co lovu, forse lantesignano delluovo di Pasqua. Nonna Pippina era la nonna materna, la madre di sua madre, la pi affettuosa. Lautore li nomina e li descrive uno per uno. Che tipo, Nonno totino! Una delle descrizioni pi accurate quella del nonno Totino, il marito della nonna materna: Era un uomo mite, saggio e discreto- comincia a dire dipingendolo prima a grandi linee- che gestiva con gran classe e stile i capricci e le stizze della moglie, senza mai arrivare alla rottura; poi passa a descriverne i particolari: un tappo di vino che cadeva a terra poteva generargli anche la pi indicibile bestemmia, con il gran disappunto di mia nonna che lo ammoniva di santa ragione. Un tocco di colore pi vivace aggiunge poi riferendo: Quando vedeva noi della generazione baby indugiare di fronte al cibo, o fare storie per mangiare, diceva: <na vota cera a fami e mancava u pani; ora c u pani e manca a fami!> ( pag.57). Non si lascia sfuggire mai loccasione di passare dal fatto privato a quello comune, sociale, di quel tempo, quando molto pi grande era il rispetto per le persone anziane, riferendo tra laltro che per la strenna natalizia il nonno pretendeva il bacia mano, nonch note particolari delleconomia di Ragusa che era stata sempre imperniata sullagricoltura e sulle attivit ad essa collegate, della piccola propriet, impegnando il 40% delloccupazione, persino problematiche linguistiche come letimologia della parola Canalicci- il

23 maggio 2013, gioved

Un libro del genere diaristico che suscita grande interesse perch lautore molto noto come uomo dazione

23 maggio 2013, gioved

13

In foto, lautore del libro LAlbero del milicucco, ing. Giancarlo Bellina. dun mondo di valori, di tradizioni, di personaggi, oramai svaniti, ma ancora presente e vivo nel ricordo di chi lo ha vissuto vivamente e lha impresso indelebilmente oltre che nella propria memoria, nel proprio cuore. Ricordare un dovere necessario- scrive lo stesso autoreperch ogni atto del passato ed ogni figura esemplare del passato diventino realt viva del nostro presente (pag. 13). Luomo doggi impastato dall80% del passato. Cos sosteneva Augusto Compte, ma gi due millenni prima Catone diceva che la storia maestra di vita, nel senso che occorre guardare il presente tenendo come punto di osservazione il passato; bisogna saper concordare il presente al passato se si intende vivere meglio lavvenire. I primi anni dellautore Giancarlo Bellina comincia il suo racconto da quando era bambino duna mezza dozzina danni, anche meno, e i suoi genitori, andando da Siracusa a Ragusa, lo portavano dalla nonna Pippina e dove ancora cera quellatavico campanilismo che allora vigeva tra i Sangiuvannari di Ragusa Ibla (sopra) che erano il popolo minuto e la gente di campagna, con i Sangiorgiari, (sotto), che erano i ricchi notabili e la gente di tradizione nobiliare. Ricorda la rivalit che cera tra gli uni e gli altri e come tale campanilismo si registrava anche tra il clero della parte di san Giorgio, la cui parrocchia godeva di privilegi canonici, che faceva valere pesantemente sulle altre chiese. Cosicch Ragusa si poteva considerare formata da due comuni separati, rivali luno dellaltro. Interessante-tra le tante notizie che inserisce nel suo racconto, la descrizione particolareggiata dello spaiari u carrettu , nonch dellambiente, della panificazione fatta in casa, tradizione che costituiva un autentico rito. Rituale era il pranzo, soprattutto quello della domenica, quando era dobbligo u bruodu di jaddhina, la cui ricetta viene riportata minuziosamente. Interessante linserimento delle tradizioni locali anche

nome della terra di cui proprio il nonno Totino era diventato proprietario- che fa derivare dal greco o dal latino (pagg. 58/61) con particolare attenzione allaspetto sociologico locale, che dice lo ha aiutato molto a capire le differenze in molti comportamenti ed atteggiamenti nel particolare percorso di frequentazione e comparazione di Ragusa e Siracusa e quella diffidenza istintiva a cedere allapertura nei rapporti sociali che, effettivamente, stride con il carattere

profondamente onesto del pensate un po che coacervo Ragusano (pag.62). di origini e radici linguistiche che stavano dietro alla comLingegnere Grecista prensione di questo albero di E appare ancor pi interessante milicuccu!. lattenzione dun ingegnere, A proposito delle etimologie, qual lautore, per letimo- fa sorridere il motivo per cui logia greca per lalbero che la casa di campagna di Card il nome al suo libro: il nimuoddhi sembrava a casa milicuccu, che ancora esiste di Sausizzeddha nel senso e segna il confine tra la pro- pi sociale e genuino di questa priet Lissandrello/Blanco e espressione tipica ragusana, Lissandrello/Schembari in pi volte sentita proferire a greco la locuzione <melan- mia nonna e ritenuta una casa coccos> indica una <bacca di sempre aperta e a disposizione colore nerastro>e dunque di tutti.

Do al lettore il piacere di andare a leggerlo personalmente a pag. 84 Che lautore curi molto il passaggio dalla narrazione familiare alla descrizione sociale e persino storica dei luoghi visitati nella fanciullezza lo dimostra anche quando parla di Scicli, dove andava a trovare la zia Minuzza e dice che al vedere tutte quelle chiese buie, quelle immagini di Santi e Madonne, rievocavano unatmosfera cupa e misteriosa, tipicamente medioevale, a cui contribuivano storie di lutti, spesso ricorrenti nei racconti del parentato Lissandrello, i cui abiti sempre neri, con enormi crocifissi al collo, facevano da tetra cornice al gi compromesso quadro dassieme. Ben diversa dalla Scicli di oggi. (pagg. 88/89). Il suo ricordo va nuovamente a Scicli quando racconta che conobbe il suo primo vero maestro di scacchi, Iano Poidomani, a Cava DAliga, frazione marinara di quel paese, e anche in questo caso si compiace di puntualizzare sulla etimologia della parola, se deve significare cava dalghe o cava larga (pag.115). Qui egli approfitta per rivelare alquanto il suo innato senso dorgoglio, quando ricorda che nelle estati trascorse a Cava DAliga portava sempre la chitarra che gli permetteva di dare qualche piccola dimostrazione della doti artistiche alla famiglia Poidomani (pag. 122). Dallurbanistica alla storia Una delle descrizioni urbane pi attraenti certo quella della via Mirabella, che diventa anche un motivo per passare dalla descrizione urbanistica alla storia, alla storia dellinsigne personag-

gio cui dedicata la via, dove egli visse gli anni pi teneri dellinfanzia. ( pag.107) per poi trasferirsi in via Andrea Palma 36. Dal racconto della sua fanciullezza, che costituisce il nocciolo delle sue memorie, lautore che ha scritto questo suo primo libro recentemente, quindi allet di 49 nove anni, compie un ultimo flashback e va ancora pi indietro nelliter della sua vita: a quel venerd del 1963, quando nacque allospedale Maria Patern Arezzo di Ragusa e fu subito chiamato Giancarlo, ossia Giovanni Carlo. E, in effetti, un omaggio che egli, a conclusione delle sue memorie, intende fare alla figura della nobile persona della fondatrice di quel nosocomio nonch un confronto tra quei tempi, quando lItalia era un paese in grande fermento, investita da un inedito dinamismo e il giorno doggi. Fu lanno in cui, tra i tanti eventi di grandissima importanza storica, lUnione Sovietica e gli Stati Uniti dAmerica firmarono un accordo per la sospensione dei propri esperimenti nucleari e quello in cui venne assassinato a Dallas il presidente americano John Kennedy e mor Papa Giovanni XXIII che nonostante la breve durata del suo pontificato stato uno dei pontefici pi amati(pag.131). Oggi ho rivisto quei luoghi E stato bello ma triste ed emozionante. Cos conclude il suo pregevole libro autobiografico, fitto di riferimenti personali e familiari ma anche di tradizioni locali, di spunti sociali, che lo rendono effettivamente interessante anche per il modo scorrevole con cui procede; ritengo che anche il lettore ne rimarr vivamente emozionato.

Appuntamento annotato in agenda per la data di venerd 31 maggio alle 9,00 in via Politi Laudien per la trattazione di un tema dalla scottante attualit.

14

23 maggio 2013, gioved

Grottasanta: Convegno sul servizio idrico integrato


Lacqua un bene prezioso e per questo devessere trattata con professionalit. La societ di servizi Mosaico organizza un importante convegno sul Sistema Idrico Integrato per venerd 31 maggio al Grand Hotel Villa Politi, a partire dalle 9.00. Una giornata che vedr susseguirsi gli interventi di relatori esperti tra tutti il presidente di Sai8 Angelo Isoppo, e Attilio Toscano, docente aggregato di Istituzioni di Diritto Pubblico allUniversit di Catania ed esperto in materia, nominato dalla IV Commissione Ambiente e Territorio dellArs per offrire un significativo contributo tecnico, economico e propositivo alla difficile situazione in atto relativa alla conduzione dei servizi idrici. Una materia quanto mai attuale, che in quest'occasione non si limiter esclusivamente allo studio del Caso Siracusa e alle normative regionali oggi di difficile interpretazione, ma toccher i temi inerenti l'innovazione tecnologica, lo sviluppo delle risorse e le prospettive che interessano gli utenti e il territorio. Nell'attuale situazione di incertezza che il servizio presenta a livello nazionale, l'intervento degli esperti del settore vuole offrire una panoramica a 360 gradi sulle potenzialit ancora inespresse. Il servizio idrico integrato (lingua inglese: Integrated urban water management) un servizio regolato normativamente in tutto il mondo e legato alla gestione amministrativa dell'acqua. Le norme italiane recepi-

scono questo concetto a partire dagli anni novanta del Novecento. Di servizio idrico integrato si parla per la prima volta in Italia nella cosiddetta legge Galli (l. num. 36 del 5 gennaio 1994), recante Disposizioni in materia di risorse idriche, in cui viene descritto all'articolo 4 come "costituito dall'insieme dei servizi pubblici di captazione, adduzione e distribuzione di acqua ad

usi civili, di fognatura e di depurazione delle acque reflue"; tale servizio va gestito all'interno di ambiti territoriali ottimali. Nel 2006, il decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 recante Norme in materia ambientale abroga la legge Galli e ridefinisce il servizio pubblico integrato come "costituito dall'insieme dei servizi pubblici di captazione, adduzione e distribuzione di acqua ad usi civili di fognatura e di depurazione delle acque reflue, e deve essere gestito secondo principi di efficienza, efficacia ed economicit, nel rispetto delle norme nazionali e comunitarie". La tariffa del servizio idrico integrato disciplinata, nei suoi aspetti generali, allart. 154 del Decreto Legislativo 152/2006 (Norme in materia ambientale). Il legislatore definisce la tariffa il corrispettivo del servizio idrico integrato (cost reflective) e prevede che per la specificazione del metodo tariffario il Ministero dellambiente e della tutela del territorio, su proposta dellAutorit di Vigilanza sulle risorse idriche e sui rifiuti, definisca con decreto le componenti di costo per la determinazione della tariffa relativa ai servizi idrici per i vari settori di impiego dellacqua. Il Decreto Ministeriale 1/08/96 Metodo Normalizzato per definire le componenti di costo e determinare la tariffa di riferimento, emanato in attuazione dellarticolo 13 della allora vigente legge Galli (Legge 36/94), risulta ancora oggi il decreto di riferimento per la determinazione della tariffa reale media del servizio idrico integrato (Sii).

Nella finale K1 femminile la Burgo ,si piazzata al 14 posto con il tempo di 23:51,4 in una gara dominata dalle due australiane Wallace e Flood.
L'Italia della canoa velocit rientrata a Racice e punta ora dritta al campionato europeo in programma dal 14 al 16 giugno a Montemor, in Portogallo. Una spedizione che ha regalato agli azzurri il podio di Sergiu Craciun nel C1 5000, un buon numero di finali e soprattutto la possibilit di toccare con mano il proprio stato di forma, confrontandolo con quello delle altre nazioni. Il post Londra 2012 iniziato con la consapevolezza di avere un gruppo importante al quale serve ancora del lavoro per poi crescere e puntare a risultati di prestigio. Sicuramente del gruppo laretusea Irene Burgo che nel K1 femminile, sulla lunga si con la conferma che abbiamo delle ragazze giovani e determinate, ma ancora con una cilindrata inferiore alla miglior concorrenza. Il settore canadese pur con numeri ristretti sembra aver imboccato la strada giusta per tendere a quel miglioramento continuo, indispensabile per poter ambire alla qualifica olimpica. I kayak maschili si sono sicuramente impegnati al massimo. Sospendiamo per il momento ogni giudizio sulle classifiche di Racice e ci concentreremo sul lavoro che gi da oggi ci aspetta." Stringato ma efficace l'intervento del DT azzurro che esterna anche un plauso ai tecnici e ai collaboratori tecnici per l'impegno mostrato durante la trasferta e durante il periodo di preparazione di queste settimane. L'Italia della canoa velocit si ritrover a Mantova dal 2 all'11 giugno per preparare il Campionato Europeo in programma a Montemor, in Portogallo, dal 14 al 16 giugno. Un altro banco di prova importante per la nazionale azzurra di canoa velocit . Una nazionale giovane, come latleta aretusea Irene Burgo, ma anche esperta con il giusto mix di new entry e di senatori alla ricerca del giusto assieme per far volare al massimo le barche azzurre.

Canoa. Buona la prova di Irene Burgo a Racice

SPORT Siracusa

24 maggio 2013 gioved

15

piazzata al 14 posto con il tempo di 23:51,4 in una gara dominata dalle due australiane Wallace e Flood, che conquistano la doppietta oro/argento. La Burgo, presente anche nella finale K4 500mt, in aggiunta a Norma Murabito,Cristina Pe-

trarca e Sofia Campana , hanno chiusa la gara i 9 posizione fermando il cronometro a 1:44.870. Nelle parole del Direttore Tecnico dell'Italia Mauro Baron il punto della situazione al termine della trasferta azzurra in Repubblica Ceca: "Torniamo da Racice

Pallamano/ Paulina Pawlukovska selezionata per il Trofeo delle Isole 2013


Latleta, punta di forza del settore giovanile avolese che questanno ha fatto parte in pianta stabile della prima squadra, stata selezionata per far parte della rappresentativa siciliana di pallamano femminile volata ad Ajaccio (Corsica) per prendere parte alledizione 2013 del torneo internazionale denominato Trofeo delle Isole dal 21 al 26 maggio. E stata sicuramente una lieta ma non inaspettata notizia la convocazione, nella rappresentativa siciliana di pallamano femminile riservata alle atlete nate tra il 1997 ed il 1998, per Paulina Pawlukovska promettente portiere dellHybla Mayor. Per lei, la possibilit di fare una esperienza unica considerata la sua giovane et (15 anni il prossimo 30 maggio) dal punto di vista personale, sportivo e agonistico. Infatti, alla competizione internazionale denominata Trofeo delle Isole che si svolge con cadenza biennale, e questanno organizzata dalla Corsica ad Ajaccio, partecipano le squadre di ben ventitr nazioni. La selezione attenta e minuziosa delle atlete stata curata dal tecnico darea Luigi Rudilosso e dalla sua collaboratrice Prof.ssa Francesca Muscarella, e si svolta settimanalmente a Licata e ad Enna durante i mesi di aprile e maggio. Difficile stata la scelta delle quattordici atlete da selezionare e comunicare al C.O.N.I. di Palermo, sulle ventidue presentatesi. Il materiale umano fornito dalle societ siciliane di pallamano femminile stato davvero tanto e di indubbia qualit. Paulina Pawlukovska insieme a Cristina Aleo

Karate/Podio al 8 Memorial M Giuseppe Pullia del taiji Kase

(anche lei compir 15 anni nel corso del mese di maggio), appartenente alla societ Pallamano Acireale avranno il difficile compito di difendere la porta della rappresentativa siciliana al Trofeo delle Isole. Per lHybla Mayor, societ sportiva avolese di pallamano femminile, ormai una costante fornire propri atleti alle squadre siciliane giovanili. A tal proposito, ricordiamo che nel 2011 e nel 2009 hanno fatto parte della rappresentativa siciliana al Trofeo delle Isole rispettivamente Arianna DellAlbani e Dorotea Boccaccio. Questo a testimonianza della bont del lavoro di scouting e a carattere giovanile svolto dai tecnici di competenza, i quali contribuiscono a tener alto il blasone di Avola sportiva. R.L.

Si svolto al Palazzotto dello Sport PalaTracuzzi di Messina lottavo memeorial M Giuseppe Pullia di karate riservato alle classe Cadetti ed Esordienti B Kumite (maschile e femminile). Sono saliti tutti sul podio come dice il direttore tecnico Roberto DellAquila gli Atleti dellAssociazione Sportiva Dilettantistica Centro Sportivo Taiji Kase. Argento per Concetta Ortisi,Bronzo per Aurora Romano,Giuseppe Martinez e Albachiara Urso allenati dai tecnici Marianna De Simone e Giancarlo Trigilio.

16

23 MAGGIO 2013, gioved

Autosport S.r.l. C.da Targia 18

Siracusa Tel.0931 759918

autosport.toyota.it