Consensus by Rinaldo Lampis

Movimento per la libertà di pensiero e di cura

Ottobre 1, 2005

Cancro e Medicina. Anche il vostro medico vi parla in questo modo?
Categories Diritto al Benessere (http://www.newmediaexplorer.org/rinaldo_lampis/diritto_al_benessere.htm)

Diffondo il commento di un medico sull’argomento recentemente trattato: “L’Emergenza Cancro: perché l’Italia sta già vivendo nel mondo di Matrix”. Si commenterebbe da solo ma... “Io vorrei chiedere a Lampis, come genitore, se sarebbe disposto a curare un suo ipotetico figlio affetto da osteosarcoma del femore con del Bicarbonato. Gli farei inoltre leggere il libro di Terzani "Un altro giro di giostra". L'autore aveva i mezzi, economici ed intellettuali, per intraprendere una sua personale ricerca nel mondo della medicina cosiddetta "olistica". Ed ha provato di tutto, dalla coda di rospo all'amuleto, per poi concludere che non esiste la medicina che ti può guarire, ma che il rimedio è dentro di te. “Eppure, pur avendo intuito la strada non è riuscito a percorrerla, e anche Lui è morto. E' vero che le case farmaceutiche ci marciano, è vero che la chemioterapia distrugge anche i tessuti sani, ma attualmente è tutto ciò che abbiamo e non possiamo contrapporre alla CT la medicina alternativa, anche perché guarisce solo il rimedio in cui credi (anche il bicarbonato). L'importante è come fare a crederci! Inoltre la Chemioterapia ti deresponsabilizza, mentre l'altra medicina ti affibbia tutta la responsabilità della tua malattia. Pensa che bello rotolarsi dal dolore, vedere il proprio corpo disfarsi e dover anche ingoiare di esserne responsabili. “Anche di questo parlava Terzani e io, come lui, preferisco considerare la malattia come Karma, esperienza che ti porta a contemplare altri angoli visuali, e comunque la malattia DEVE ESSERE ...VISSUTA. Ma quanti di noi ne sono capaci? Io per ora ho visto quelli che soccombono. Magistrati o vescovi, medici o contadini, reiki people o politici (anche importanti), attori o cantanti, ciascuno con la propria fede, ciacuno CON LA PROPRIA IMPOTENTE RIBELLIONE. E ritorniamo al punto. Esiste il cancro, esistiamo noi e per ora NON ESISTE RIMEDIO. A mio parere. G” Queste affermazioni da parte di un medico (tipico, suppongo) sono così gravi, da richiedere dei commenti senza “guanti”. La mia prima reazione a questa email sarebbe quella di dire a tutti i suoi pazienti, se li conoscessi, di trovarsi un altro medico.
()

A parte la credenza superficiale nel karma (che dovrebbe essere una presa di consapevolezza delle proprie responsabilità di vita, ma non per questa persona), i commenti sembrano rispecchiare l’opinione medica prevalente in Italia. Questa è un’ulteriore conferma di quanto sia diffuso l’indottrinamento medico menzionato in “Matrix”. Nell’illusione ben pianificata nella quale viviamo, i medici sono i nuovi (spero inconsapevoli) preti che hanno il compito di tranquillizzare e rassicurare noi, il “popolo ignorante”, sulla correttezza dei loro consigli.

Nello specifico: certamente non farei fare alle mie figlie (ne ho due) alcuna forma di terapia con veleni (il nome chemio è usato perché meno violento) o con radiazioni. Certo che no. Perché? Perché non funzionano. Così dicono i numeri, i fatti. Li ha mai analizzati questo medico i fatti? Ha mai letto questo medico i commenti dei suoi colleghi oncologi allegati allo scritto su Matrix? Più o meno tutti (da ogni parte del mondo) dichiaravano che non si sarebbero sottoposti ad alcuna terapia oncologica se si fossero ammalati di cancro! Con queste opinioni “esperte”, come fa un medico a raccomandare la chemio ad un paziente? Forse perché “tutti lo fanno”? Forse, se chiedessimo ai lemming (i topi artici famosi per eseguire suicidi di massa gettandosi a migliaia dalle scogliere norvegesi) perché lo fanno, otterremmo la stessa risposta. Dov’è l’etica e la logica scientifica in “gli altri lo fanno”? Si spera che un medico abbia entrambe queste qualità professionali, perché qui stiamo trattando della vita di persone, non di cosa mangiare per pranzo. Ho conosciuto brevemente Terzani e letto anche il suo libro, che mi è piaciuto molto. Vorrei poter scrivere nel suo modo diretto ed avvincente, ma questo è un progetto per la prossima vita... Per il resto, non vedo perché il medico lo citi come “opinion leader” solo perché “anche Lui” ha scelto di fare la chemio. Terzani era (ed è ancora, suppongo, in qualsiasi posto sia finito) un bravo ragazzo. Non commento sui suoi mezzi intellettuali; so che aveva sufficienti mezzi economici per pagarsi costosissimi avvelenamenti in rinomate cliniche americane. I quali, a mio avviso e secondo le statistiche, gli possono aver accorciato la vita. Alla fine del commento, sul cancro il medico quasi grida con le maiuscole, che “NON ESISTE RIMEDIO”, significando che chi dice il contrario illude le persone, se non peggio. L’affermazione sembra avere l’imprimatur dell’ufficialità. Forse viviamo su pianeti diversi, o forse l’educazione di questo medico è finita sui banchi dell’università ed ora sta solamente divulgando l’indottrinamento datogli dalle case farmaceutiche che dice, in sostanza: “Dato che noi non abbiamo la cura, è impossibile che esista”. Che imbarazzo, se non vergogna, per un medico chiudersi a nuove possibilità che potrebbero salvare vite umane. Di cure, in realtà, ce n’è più di una. Ho menzionato quella del bicarbonato di sodio del dottor Simoncini perché la conosco meglio delle altre. Percentuali di successo? Dall’80 al 90%, a seconda del cancro. Come funziona? Rendendo alcalino il terreno dove il cancro alloggia (che prospera in ambienti acidi). Quindi il poco costoso bicarbonato non è una medicina, ma un “mezzo” che aiuta le difese immunitarie a fare meglio il loro lavoro. Infatti, il successo di questa e di altre cure che funzionano si basa sempre sullo stesso principio; quello di modificare il “terreno” biologico dove il cancro prospera. Ha mai sentito parlare questo medico del concetto di "modifica del terreno biologico"? Probabilmente no, dato che la dottrina memorizzata a scuola impone di vedere le cellule cancerose come elementi da annientare (da qui i costosi veleni e le radiazioni). Per fare un paragone bellico, l’oncologia tenta di liberare un territorio occupato da forze nemiche (il corpo umano malato) con bombe atomiche, non preoccupandosi che, così facendo, accelera la resa totale. Altri approcci più intelligenti ed efficaci forniscono invece armi agli occupati (alle difese immunitarie), dandogli la possibilità di cacciare da sè gl’invasori. Questi sono i fatti. Ma per la medicina di Stato l’approccio della semplice modifica del terreno biologico è vista come eresia, perché non fa guadagnare le case farmaceutiche e, se usata diffusamente, causerebbe molti disoccupati anche tra i medici. Ne guadagnerebbe solo il paziente ma, nell’industria della salute, non si può accontentare tutti. rinaldo lampis

mandato da Rinaldo Lampis il Sabato Ottobre 1 2005

Sign up to vote on this title
UsefulNot useful