Cestec SpA – Via Restelli, 5/A – 20124 Milano – Italy - +39 02 66737400 – Fax +39 02 66737499– info@cened.it - www.cened.

it


D.G.R. VIII/8745
Punto 5.4 a)
Nota interpretativa sulla
valutazione quantitativa
dell’efficacia dei sistemi
schermanti
Certificazione ENergetica degli EDifici

Pagina 2 di 19
Cestec SpA – Via Restelli, 5/A – 20124 Milano – Italy - +39 02 66737400 – Fax +39 02 66737499– info@cened.it - www.cened.it


1 INTRODUZIONE
La finalità del presente documento è di proporre una strategia per il rispetto degli obiettivi di
controllo della radiazione solare fissati dalla D.G.R. VIII/8745 del 22 dicembre 2008.
Il punto 5.4 a) della suddetta norma riporta quanto segue:
“Ad eccezione degli edifici appartenenti alle categorie E.6 ed E.8, al fine di limitare i fabbisogni
energetici per la climatizzazione estiva o il raffrescamento e di contenere la temperatura interna
degli ambienti, il progettista, con applicazione limitata alle parti di edificio oggetto dell’intervento:
a) valuta e documenta l’efficacia dei sistemi schermanti, che devono essere tali da ridurre del 70%
l’irradiazione solare massima sulle superfici trasparenti durante il periodo estivo e tali da
consentire il completo utilizzo della massima irradiazione solare incidente durante il periodo
invernale; nel caso di ristrutturazioni edilizie che coinvolgano il 25% o meno della superficie
disperdente dell’edificio a cui l’impianto è asservito, nel caso di manutenzioni straordinarie, nel
caso di ampliamenti volumetrici, sempreché il volume lordo a temperatura controllata o
climatizzato della nuova porzione sia inferiore o uguale al 20% dell’esistente e nel caso di
recupero a fini abitativi di sottotetti esistenti è consentito impiegare al posto dei sistemi
schermanti sistemi filtranti che assicurino le stesse prestazioni. Nel caso di documentata
impossibilità tecnica di raggiungere il 70% di riduzione dell’irradiazione solare massima estiva
con i soli sistemi schermanti è consentita l’adozione combinata di sistemi schermanti e sistemi
filtranti;”.


















Certificazione ENergetica degli EDifici

Pagina 3 di 19
Cestec SpA – Via Restelli, 5/A – 20124 Milano – Italy - +39 02 66737400 – Fax +39 02 66737499– info@cened.it - www.cened.it



2 INTERPRETAZIONE DELLA NORMATIVA
Le disposizioni contenute nella D.G.R. VIII/8745 richiedono al progettista di valutare e documentare
le prestazioni dei sistemi schermanti, definiti al punto 2 bbb) come:
“sistemi che permettono di ridurre l’irradiazione solare sulle superfici trasparenti appartenenti
all’involucro edilizio; non sono considerati tali i sistemi, fissi o mobili, applicati all’interno
dell’ambiente a temperatura controllata o climatizzato”.
La definizione quindi riconosce come sistemi schermanti tutte quelle soluzioni che, poste
all’esterno degli ambienti, risultano degli efficaci sistemi di controllo solare, in quanto respingono la
radiazione prima che questa raggiunga la superficie del vetro, innescando un microeffetto serra tra
la superficie dello schermo solare e quella del vetro. Il posizionamento dei sistemi schermanti
all’esterno dell’involucro consente, inoltre, di disperdere il re-irraggiamento nell’infrarosso
prodotto dalla superficie dello schermo quando questa viene investita dai raggi solari.
Possono essere considerate in accordo con le prescrizioni della norma anche tutte quelle soluzioni
progettuali che prevedono l’inserimento di sistemi schermanti all’interno di apposite intercapedini,
purché quest’ultime siano ventilate naturalmente o meccanicamente (si vedano in proposito le
Figure 1 e 2). In entrambi i casi sarà comunque cura del progettista verificare che nel periodo estivo
la portata d’aria di ventilazione sia sufficiente ad evitare fenomeni di surriscaldamento
dell’intercapedine.
Rientrano tra i sistemi schermanti esterni anche gli elementi non appartenenti all’involucro bensì al
contesto in cui l’edificio si trova: costruzioni limitrofe e vegetazione. Per quanto riguarda la
vegetazione, affinché siano soddisfatti i requisiti della norma, è necessario che non vengano
utilizzate essenze arboree sempreverdi, bensì caducifoglie affinché non limitino il passaggio della
radiazione solare durante il periodo invernale.
Vengono esclusi, invece, dalla definizione di sistemi schermanti tutti quei dispositivi che, collocati
all’interno degli ambienti, non impediscono alla radiazione solare di attraversare i componenti
vetrati dell’involucro e penetrare nei locali.
Non sono considerati, inoltre, sistemi schermanti tutti quei trattamenti superficiali del vetro definiti
nel decreto “sistemi filtranti” e descritti al punto 2 aaa) come:
“pellicole polimeriche autoadesive applicabili sui vetri, sul lato interno o esterno, in grado di
modificare una o più delle seguenti caratteristiche della superficie vetrata: trasmissione dell’energia
solare, trasmissione ultravioletti, trasmissione infrarossi, trasmissione luce visibile”.
L’impiego di sistemi filtranti è consentito, dalla norma, solo nel caso in cui il progettista riscontri
un’oggettiva impossibilità tecnica nel garantire il rispetto dei requisiti richiesti al punto 5.4
mediante il solo utilizzo di sistemi schermanti. Tale impossibilità tecnica, che deve essere
opportunamente documentata negli allegati progettuali, può essere di varia natura. A solo titolo
esemplificativo, possono rientrare nel concetto di “impossibilità tecnica” i vincoli derivanti da
strumenti urbanistici e regolamenti comunali.


Certificazione ENergetica degli EDifici

Pagina 4 di 19
Cestec SpA – Via Restelli, 5/A – 20124 Milano – Italy - +39 02 66737400 – Fax +39 02 66737499– info@cened.it - www.cened.it



Figura 1 - Esempio di Box Window con sistema schermante integrato
(Fonte: rivista Cda n. 07/08)


Figura 2 – Esempio di facciata ventilata naturalmente (a sinistra) e meccanicamente (a destra) con sistema
schermante integrato nella doppia pelle
(Fonte: [2])
La grandezza da verificare al punto 5.4 a) è l’irradiazione solare definita nella norma UNI
10349:1994 (“Riscaldamento e raffrescamento degli edifici – Dati climatici”) come:
“Rapporto tra l’energia radiante che incide su una superficie e l’area della medesima superficie”
cioè l’ energia solare che incide complessivamente nell’arco di una giornata su una superficie per
unità d’area della superficie stessa, [MJ] o [kWh].
Ai fini dell’applicazione della D.G.R. relativamente alla verifica sull’efficacia dei sistemi schermanti,
dal momento che tali sistemi per loro natura servono a limitare l’ingresso della radiazione diretta e
non della diffusa, questo si ritiene soddisfatto se la condizione di riduzione pari al 70% della
massima irradiazione solare sulla superficie orientata viene verificata sulla sola componente
diretta e intendendo con irradiazione massima quella che si verifica in condizioni di cielo sereno.
La verifica va effettuata mensilmente, nel giorno di declinazione media riportato in Tabella 1, per
tutto il periodo estivo e tutto il periodo invernale.
Certificazione ENergetica degli EDifici

Pagina 5 di 19
Cestec SpA – Via Restelli, 5/A – 20124 Milano – Italy - +39 02 66737400 – Fax +39 02 66737499– info@cened.it - www.cened.it



n per l’ i-esimo
giorno del mese
per il giorno medio nel mese
Mese
data
n-esimo giorno
dell’anno
Declinazione
δ
Gennaio i 17 17 -20,9
Febbraio 31 + ì 16 47 -13,0
Marzo 59 + i 16 75 -2,4
Aprile 90 + i 15 105 9,4
Maggio 120 + i 15 135 18,8
Giugno 151 + i 11 162 23,1
Luglio 181 + i 17 198 21,2
Agosto 212 + i 16 228 13,5
Settembre 243 + i 15 258 2,2
Ottobre 273 + i 15 288 -9,6
Novembre 304 + i 14 318 -18,9
Dicembre 334 + i 10 344 -23,1
Tabella 1 – Valori medi mensili dell’angolo di declinazione δ
Per periodo estivo e periodo invernale si intendono i mesi che compongono la stagione
meteorologica, cioè:
- il periodo estivo è quello che comprende i mesi di giugno, luglio, agosto e settembre;
- il periodo invernale è quello che comprende i mesi di dicembre, gennaio, febbraio e
marzo.
In tali periodi, la D.G.R. VIII/8745 richiede:
- per il mese estivo considerato, la riduzione pari al 70% della irradiazione solare diretta
incidente sulla superficie orientata;
- per il mese invernale considerato, il completo utilizzo della irradiazione solare diretta
incidente sulla superficie orientata.
Per quanto riguarda il primo requisito, la verifica deve essere effettuata garantendo, nel
contempo, il rispetto delle condizioni di comfort visivo all’interno degli ambienti; sarà cura del
progettista gestire tale aspetto durante la fase progettuale.
Per quanto riguarda la verifica del secondo requisito,“Il completo utilizzo della massima
irradiazione solare incidente durante il periodo invernale” deve essere applicata solo agli schermi
adottati per la riduzione della radiazione solare nel periodo estivo, che non devono quindi
impedire la disponibilità di radiazione diretta sulle superfici interessante durante il periodo
invernale. Tale verifica non esclude comunque il rispetto delle condizioni di comfort visivo
all’interno degli ambienti (devono essere evitate situazioni di discomfort locale nelle aree adiacenti
Certificazione ENergetica degli EDifici

Pagina 6 di 19
Cestec SpA – Via Restelli, 5/A – 20124 Milano – Italy - +39 02 66737400 – Fax +39 02 66737499– info@cened.it - www.cened.it


alle finestre a seguito di fenomeni di abbagliamento dovuti alla presenza di radiazione diretta), che
sarà cura del progettista gestire durante la fase progettuale.

3 VALUTAZIONE DELL’EFFICACIA DEI SISTEMI SCHERMANTI – METODI DI
CALCOLO
La valutazione dell’efficacia dei sistemi schermanti può essere verificata sia mediante l’utilizzo di
software dedicati sia ricorrendo alla metodologia di calcolo riportata di seguito.
Nella verificare gli obiettivi di controllo della radiazione solare non si può prescindere dal
considerare la diversa intensità ed orientamento della radiazione solare diretta durante l’arco del
giorno, specialmente in relazione a sistemi di schermatura fissi e dalla co-presenza di ombre
portate da edifici adiacenti. Di conseguenza la verifica va effettuata considerando un modello
orario applicato al giorno di declinazione media mensile, che calcoli il fattore di ombreggiamento
medio giornaliero, relativo allo schermo di tipologia x e all’elemento trasparente y,
y x, sh,
f , per la
radiazione diretta definito come segue:



=
=

⋅ ⋅ ⋅
=
y at,
y a,
y t,
y a,
t
t i
i y, b,
t
t i
i y, b, i y, h, i y, x, sh,
y x, sh,
Δt G
Δt G F f
f (1)
dove:
y x, sh,
f fattore di ombreggiamento medio giornaliero per la radiazione diretta dello schermo x
relativo alla superficie y, [-];
f
sh,x,y,i
fattore di ombreggiamento per la radiazione diretta valutato all’ora i dello schermo x
relativo alla superficie y, [-];
F
h, y,i
fattore di ombreggiamento per la radiazione diretta valutato all’ora i relativo alla superficie
y dovuto ad ombre portate da altri edifici, [-];
G
b,y,i
irradianza solare diretta sulla superficie y a cielo sereno all’ora i, [W/m
2
];
∆t intervallo temporale di integrazione pari a 1 ora, [h];
t
a,y
numero dell’ora dell’alba per la superficie y, [-];
t
t,y
numero dell’ora del tramonto per la superficie y, [-].


Certificazione ENergetica degli EDifici

Pagina 7 di 19
Cestec SpA – Via Restelli, 5/A – 20124 Milano – Italy - +39 02 66737400 – Fax +39 02 66737499– info@cened.it - www.cened.it


La verifica da effettuare per ogni mese del periodo estivo corrisponde quindi al rispetto della
seguente condizione:
0.7 f
y x, sh,
≥ (2)
La verifica da effettuare per ogni mese del periodo invernale corrisponde invece al rispetto, per le
stesse schermature verificate nel periodo estivo, della condizione:

y h, y x, sh,
F f = ovvero i ogni per 0 f
i y, x, sh,
= (3)
Viene nel seguito riportata la procedura per la valutazione quantitativa dell’equazione (1).

3.1 Modello semplificato della radiazione solare a cielo sereno
Per il calcolo dell’irradianza diretta sulla generica superficie y all’ora i-esima nel giorno n di
declinazione media mensile si impiega il seguente modello di radiazione [1], che restituisce il
valore orario della irradianza solare diretta normale, G
cnb
, e dell’irradianza solare diffusa isotropra,
G
cd
, in condizioni di cielo sereno, per il generico giorno n nel sito di latitudine φ.
(n) G ) (t τ ) (t G
on i b i cnb
⋅ = (4)
) (t cosθ (n) G ) (t τ ) (t G
i z on i d i cd
⋅ ⋅ = (5)
con:

(
¸
(

¸

|
¹
|

\
|

+ =
365
n 360
0,033cos 1 G G
sc on
(6)
( ) ) (t θ k/cos exp a a ) (t τ
i z 1 o i b
− ⋅ + = (7)
) (t τ 0,294 0,271 ) (t τ
i b i d
⋅ − = (8)
δ(n) sin φ sin ) ω(t cos δ(n) cos φ cos ) (t θ cos
i i z
⋅ + ⋅ ⋅ = (9)
° ⋅ − = 15 12) (t ) ω(t
i i
(10)
con:
τ
b
coefficiente di trasmissione dell’atmosfera per la radiazione solare diretta normale, [W/m
2
];
τ
d
coefficiente di trasmissione dell’atmosfera per la radiazione solare diffusa isotropa, [W/m
2
];
G
on
irradianza solare normale extraterrestre al giorno n, [W/m
2
];
G
sc
irradianza costante solare pari a 1367 [W/m
2
];
cos θ
z
coseno dell’angolo azimutale solare, [-];
φ latitudine del sito, [°];
δ angolo di declinazione, (da Tabella 1), [°];
Certificazione ENergetica degli EDifici

Pagina 8 di 19
Cestec SpA – Via Restelli, 5/A – 20124 Milano – Italy - +39 02 66737400 – Fax +39 02 66737499– info@cened.it - www.cened.it


ω angolo orario, [°];
t
i
ora solare i-esima, [h].

Periodo a
0
a
1
k
Estivo 0.4110 - 0.00796 ·(6 - A)
2
0.5004 + 0.00589 ·(6.5 - A)
2
0.3253 + 0.02230 ·(2.5 - A)
2

Invernale 0.4364 - 0.00846 ·(6 - A)
2
0.5106 + 0.00601 ·(6.5 - A)
2
0.2711 + 0.01858 ·(2.5 - A)
2

A altitudine del sito espressa in km
Tabella 2 – Valori dei coefficienti dell’equazione (7)


Figura 3 – Posizione del Sole rispetto a superfici di diversa inclinazione e orientamento

La posizione del sole nel cielo è individuata da due angoli, l’altezza solare α
s
e l’azimut solare γ
s
,
che si calcolano come segue:
) (t θ - 90 ) (t α
i z i s
° = (11)
N
E
S
O
γ
αs
θ z
θ
n
β
sole
Zenit
Normale alla superficie orizzontale
γ
s
Certificazione ENergetica degli EDifici

Pagina 9 di 19
Cestec SpA – Via Restelli, 5/A – 20124 Milano – Italy - +39 02 66737400 – Fax +39 02 66737499– info@cened.it - www.cened.it



( )
( )
tanφ
δ(n) tan
cosω con
0 ω se 1
0 ω se 1
C
0 δ φ se 1
0 δ φ se 1
C
ω ω se 1
ω ω se 1
C
) (t θ sin
δ(n) sin ) ω(t sin
) (t γ sin : con
] [ 180
2
C C 1
C ) (t γ C C ) (t γ
ew 3
2
ew
ew
1
i z
i
i s
2 1
3 i s 2 1 i s
− =
¹
´
¦
< −

=
¹
´
¦
< − −
≥ −
=
¹
´
¦
> −

=
= ′
° ⋅ |
¹
|

\
|

+ ′ =
(12)

L’irradianza diretta sulla generica superficie y all’ora i-esima nel giorno n di declinazione media
mensile, G
b,y,i
si calcola quindi come:
) θ(t cos ) (t G ) (t G G
i i cbn i y b, i y, b,
⋅ = = (13)
con:

) γ sin β (sin (n) δ cos V
γ) cos β sin φ sin β cos φ (cos δ(n) cos U
γ) cos β sin φ cos β cos φ (sin (n) δ sin T
: con e
) ω(t sin V ) ω(t cos U T ) θ(t cos
i i i
⋅ ⋅ =
⋅ ⋅ + ⋅ ⋅ =
⋅ ⋅ − ⋅ ⋅ =
⋅ + ⋅ + =
(14)
dove:
cos θ coseno dell’angolo di incidenza [-];
γ angolo azimutale della superficie y (0° se sud, -90° se est, +90° se ovest , se ±180° nord), [°];
β angolo di inclinazione della superficie y sul piano dell’orizzonte (0° se orizzontale, 90° se
verticale), [°].

L’irradianza diffusa sulla generica superficie y all’ora i-esima nel giorno n di declinazione media
mensile, G
d,y,i
si calcola invece come:
( )
2
cos 1
) (t G ) (t θ cos ) (t G
2
cos 1
) (t G ) (t G G
i cdn i z i cbn i cdn i y d, i y, d,
β −
⋅ + ⋅ ⋅ ρ +
β +
⋅ = = (15)
dove:
ρ coefficiente di “albedo” del piano dell’orizzonte, Tabella 3 , [-];


Certificazione ENergetica degli EDifici

Pagina 10 di 19
Cestec SpA – Via Restelli, 5/A – 20124 Milano – Italy - +39 02 66737400 – Fax +39 02 66737499– info@cened.it - www.cened.it


Superficie Albedo
Neve (caduta di fresco o con un film di ghiaccio) 0,75
Superfici acquose 0,07
Suolo (creta, marne) 0,14
Strade sterrate 0,04
Bosco di conifere d’inverno 0,07
Bosco in autunno/ campi con raccolti maturi e piante 0,26
Asfalto invecchiato 0,10
Calcestruzzo invecchiato 0,22
Foglie morte 0,30
Erba secca 0,20
Erba verde 0,26
Tetti e terrazze in bitume 0,13
Pietrisco 0,20
Superfici scure di edifici (mattoni scuri, vernici scure) 0,27
Superfici chiare di edifici (mattoni chiari, vernici chiare) 0,60
Tabella 3 – Valori del fattore di riflessione solare (Fonte: www.ingegneriadelsole.it)

e dove il primo termine rappresenta la radiazione diffusa proveniente dal cielo e il secondo
termine la radiazione diffusa proveniente dal piano dell’orizzonte per riflessione della radiazione
totale su esso incidente.

Figura 4 – Radiazione globale su un piano inclinato
β ββ β
ϑ ϑϑ ϑ
Cielo
Gb,n
Gb,n
Gd,sky
Gd,ground
n
Certificazione ENergetica degli EDifici

Pagina 11 di 19
Cestec SpA – Via Restelli, 5/A – 20124 Milano – Italy - +39 02 66737400 – Fax +39 02 66737499– info@cened.it - www.cened.it


La radiazione globale o totale sulla superficie orientata è poi data dalla somma del contributo diretto
e del contributo diffuso, cioè:
) (t G ) (t G G
i y d, i y b, i y, T,
+ = (16)

3.2 Calcolo dell’ora di alba e tramonto per una superficie orientata
Per poter applicare l’equazione (1) per il calcolo del fattore di ombreggiamento medio giornaliero,
occorre definire l’ora di alba e l’ora di tramonto per la superficie orientata y, che definiscono
l’estro inferiore e quello superiode della sommatoria oraria.
Si definisce, per la generica superficie y, orientata (di azimut γ e inclinazione β):
- ora di alba, t
a,y
, l’ora solare per cui la superficie inizia a vedere il disco solare;
- ora di tramonto, t
t,y
, l’ora solare per cui la superficie termina di vedere il disco solare.
Tali ore, la cui differenza rappresenta il periodo temporale di visone del disco solare da parte della
superficie y, si determinano verificando contemporaneamente le seguenti due condizioni:
- il sole è sopra il piano dell’orizzonte:

t y t,
a y a,
t t
t t


(17)
- il sole è visibile dalla superficie:
0 ) θ(t cos
i
≥ (18)
dove:
t
a
ora dell’alba del sito, [h];
t
t
ora del tramonto del sito, [h];
che si determinano come:

( ) φ tan δ(n) tan cos (n) ω
15
(n) ω
12 t
15
(n) ω
12 t
1
ss
ss
t
ss
a
⋅ − =
°
+ =
°
− =

(19)
dove:
ω
ss
è il modulo dell’angolo orario di alba e tramonto.
In termini di angolo orario, la condizione di visibilità del disco solare espressa dalla (18), si riduce
alla determinazione dei valori iniziali, ω
1
(alba), e finali, ω
2
(tramonto), dell’arco orario ottenuti
determinando le radici della seguente equazione di secondo grado:
Certificazione ENergetica degli EDifici

Pagina 12 di 19
Cestec SpA – Via Restelli, 5/A – 20124 Milano – Italy - +39 02 66737400 – Fax +39 02 66737499– info@cened.it - www.cened.it




|
|
¹
|

\
|

− + ± −
=

U(n) T(n)
(n) T (n) V (n) U V(n)
tan ω
2 2 2
1
y x,
(20)

ordinate in modo tale che l’angolo orario di alba per la superficie y, ω
1
= ω
x
oppure, ω
1
= ω
y
, risulti
rispettare la seguente condizione:

1 1
ω sin U(n) ω cos V(n) ⋅ > ⋅ (21)

Nella ricerca delle due radici vi possono essere due casi singolari:

- 0 (n) T (n) V (n) U Δ
2 2 2
< − + = , (radici complesse) nel qual caso o la superficie non vede mai
il sole oppure lo vede sempre (durante l’arco della giornata):

ss y t, ss y a,
y t, y a,
ω ω ; ω ω 0 U(n) T(n)
0 ω ω 0 U(n) T(n)
+ = − = ⇒ > +
= = ⇒ < +
(22)
- 0 (n) T (n) V (n) U Δ
2 2 2
≥ − + = , radici reali, ma con le ulteriori condizioni:

° = ° − = ⇒ ° − = ° =
° = ° = ⇒ ° = ° =
0 ω ; 180 ω 90 γ ; 90 β
180 ω ; 0 ω 90 γ ; 90 β
2 1
2 1
(23)

La condizione che sia contemporaneamente il sole sopra l’orizzonte, espressa dalla (17), è poi
definita, sempre in termini di angolo orario, dalle seguenti relazioni:


( )
( )
( )
( )
( )
( )

ω , ω max ω
ω , ω max ω
ω ω
ω ω ; ω ω
ω ω ; ω ω
ω ω
ω ω .and. ω ω

0 ω"
0 ω'
ω ω
ω , ω min ω
ω , ω min ω
ω ω
ω ω .and. ω ω
2 ss y t,
1 ss y a,
ss 2
ss y t,2, 2 y t,1,
1 y a,2, ss y a,1,
ss 2
ss 1 2 1
ss 2
2 ss y t,
1 ss y a,
ss 2
ss 1 2 1
¦
¦
¹
¦
¦
´
¦
¹
´
¦
+ =
− =
− ≤
¹
´
¦
= =
= − =
− >
≤ >
¦
¦
¹
¦
¦
´
¦
¹
´
¦
=
=
− ≤
¹
´
¦
+ =
− =
− >
> >
(24)

Il terzo sottocaso della relazione (24) comporta la presenza di due archi di visibilità del sole da
parte della superficie e rappresenta il caso di superficie verticale o inclinata esposta a nord nei
mesi estivi: la superficie vede il sole per qualche ora subito dopo l’alba e per qualche ora subito
prima del tramonto.
Certificazione ENergetica degli EDifici

Pagina 13 di 19
Cestec SpA – Via Restelli, 5/A – 20124 Milano – Italy - +39 02 66737400 – Fax +39 02 66737499– info@cened.it - www.cened.it


Determinati gli angoli orari di alba e tramonto per la superficie il valore (preso intero) dell’ora di
alba e tramonto vengono determinati come segue:

|
|
¹
|

\
|
+
°
+ =
|
|
¹
|

\
|

°
+ =
0,5
15
ω
12 int t
0,5
15
ω
12 int t
y t,
y t,
y a,
y a,
(25)
dove la funzione int() arrotonda all’intero superiore se la parte decimale è maggiore-uguale a 0,5.

3.3 Calcolo dell’ombreggiamento dovuto al contesto
La valutazione delle ombre portate da un edificio B su una superficie verticale y dell’edificio in
esame A di azimut γ assegnato, cioè il calcolo del fattore di ombreggiamento F
h,y
, si effettua con le
seguenti relazioni:

h
B
d
h
A
α αα α
z
B
A
w
S D
b
S
b
D
d
x
sh
(S)
x
sh
(D)
A
B
w
L
D S
S D
-b
S
d
x
sh
(S)
x
sh
(D)
-b
D
A
B
w
L
S D

Figura 5 – Ombre portate dovute a edifici prospicienti

( ) [ ]
(D)
sh
(S)
sh sh
x x L; min z A + ⋅ = (26)


Certificazione ENergetica degli EDifici

Pagina 14 di 19
Cestec SpA – Via Restelli, 5/A – 20124 Milano – Italy - +39 02 66737400 – Fax +39 02 66737499– info@cened.it - www.cened.it


dove la quota z dell’ombra si calcola come:

( )
( )
A
s
s
B
h z 0 con
γ γ cos
α tan
d h z
≤ ≤

⋅ − ⋅ =
(27)

mentre le profondità orizzontali dell’ombra portata da sinistra (S) e da destra (D) si calcolano
come:

(D) (D)
sh
(S) (S)
sh
x L x ; x L x − = − = (28)
con:

( ) ( ) [ ]
( ) [ ]
( ) [ ] [ ]
γ - γ Δγ con
b Δγ tan d L; min 0; max x 0 Δγ
0 x 0 Δγ
0 x 0 Δγ
0 b
Δγ tan d b L; min x 0 Δγ
b x 0 Δγ
Δγ tan w d b 0; max x 0 Δγ
0 b
s
(S) (S)
(S)
(S)
(S)
(S) (S)
(S) (S)
(S) (S)
(S)
=
¦
¹
¦
´
¦
+ ⋅ = >
= =
= <
<
¦
¹
¦
´
¦
⋅ + = >
= =
⋅ + + = <
>







(29)

( ) [ ]
( ) ( ) [ ]
( ) [ ] [ ]
γ - γ Δγ con
0 x 0 Δγ
0 x 0 Δγ
Δγ tan d b L; min 0; max x 0 Δγ
0 b
Δγ tan w d b 0; max x 0 Δγ
b x 0 Δγ
Δγ tan d b L; min x 0 Δγ
0 b
s
(D)
(D)
(D) (D)
(D)
(D) (D)
(D) (D)
(D) (D)
(D)
=
¦
¹
¦
´
¦
= >
= =
⋅ − = <
<
¦
¹
¦
´
¦
⋅ + − = >
= =
⋅ − = <
>







(30)
dove:
L è la lunghezza in pianta della facciata dell’edificio A di cui si vuole calcolare l’ombra portata
dall’edificio B, [m];
h
B
è l’altezza dell’edificio B, [m];
h
A
è l’altezza dell’edificio A, [m];
d è la distanza in pianta tra la facciata dell’edificio A interessata e la facciata dell’edificio B
prospiciente, supposte disposte parallelamente, [m];
b
(D)
è la distanza tra lo spigolo destro dell’edificio A e lo spigolo destro dell’edificio B, presa
positiva se la proiezione perpendicolare dello spigolo destro dell’edificio B è contenuta nella
facciata dell’edificio A; altrimenti viene presa negativa, [m];
Certificazione ENergetica degli EDifici

Pagina 15 di 19
Cestec SpA – Via Restelli, 5/A – 20124 Milano – Italy - +39 02 66737400 – Fax +39 02 66737499– info@cened.it - www.cened.it


b
(S)
è la distanza tra lo spigolo sinistro dell’edificio A e lo spigolo sinistro dell’edificio B, presa
positiva se la proiezione perpendicolare dello spigolo sinistro dell’edificio B è contenuta nella
facciata dell’edificio A; altrimenti viene presa negativa, [m];
w è la profondità in pianta dell’edificio B prospiciente all’edificio A, [m];
γ è l’angolo azimutale della facciata interessata dell’edificio A, [m];
γ
S
è l’angolo azimutale solare, [m].

3.4 Valutazione delle ombre proprie portate da aggetti orizzontali e verticali
L
a
γ γγ γ
Sud
h
γ γγ γ
s
∆γ ∆γ ∆γ ∆γ
L
1
D
L
3
S
α αα αs
α αα α
L
2

Figura 6 – Ombre proprie dovute a schermi orizzontali
In figura è rappresentato un edificio munito di uno schermo orizzontale di larghezza L e profondità
a.
La posizione del sole è individuata dall’angolo di altezza solare α αα α
s
e dall’azimut solare γ γγ γ
s
;
l’orientazione della parete dal suo angolo azimutale γ γγ γ, la parete è verticale. Dati i riferimenti di
Figura 6, il fattore di ombreggiamento per aggetto orizzontale, f
sh,o
, che è definito come il
complemento all’unità del rapporto tra l’area dell’ l’ombra portata dall’aggetto orizzontale sulla
superficie sottesa di area A = L h, è :


A
A
1 f
o sh,
o sh,
− = (31)
con A
sh,o
calcolabile come:
|
¹
|

\
|
− ⋅ =
2
L
L L A
x
2 o sh,
(32)
Certificazione ENergetica degli EDifici

Pagina 16 di 19
Cestec SpA – Via Restelli, 5/A – 20124 Milano – Italy - +39 02 66737400 – Fax +39 02 66737499– info@cened.it - www.cened.it


dove:
L
2
lunghezza dell’ombra nella direzione verticale al generico tempo t, [m];
L
x
distanza orizzontale dal vertice sinistro o destro dell’inizio dell’ombra (D), [m];
L larghezza dell’aggetto orizzontale, [m].
Le lunghezze L
2
e L
x
si calcolano come:

( )
( )
( )
( )
γ γ Δγ
Δγ cos
α tan
α tan
: con

α tan a L
s
s
2
− =
=
⋅ =
(33)


[ ]
( ) [ ]
( ) [ ]
0 L L 0 Δγ

L ; Δγ tan a min L
0 L
0 Δγ

0 L
L ; Δγ tan a min L
0 Δγ
: con
L ; L max L
3 1
3
1
3
1
3 1 x
= = =
¹
´
¦
⋅ − =
=
<
¹
´
¦
=
⋅ =
>
=
(34)

L
a
γ γγ γ
Sud
h
γ γγ γs
∆γ ∆γ ∆γ ∆γ
L
1
L
2
D
L
3
S
α αα α
s

Figura 7 – Ombre proprie dovute a schermi verticali
In figura è rappresentato un edificio munito di due schermi verticali di larghezza L e profondità a.
Certificazione ENergetica degli EDifici

Pagina 17 di 19
Cestec SpA – Via Restelli, 5/A – 20124 Milano – Italy - +39 02 66737400 – Fax +39 02 66737499– info@cened.it - www.cened.it


La posizione del sole è individuata dall’angolo di altezza solare α αα α
s
e dall’azimut solare γ γγ γ
s
;
l’orientazione della parete dal suo angolo azimutale γ γγ γ, la parete è verticale. Dati i riferimenti di
Figura 7, il fattore di ombreggiamento per aggetto verticale, f
sh,v
, che è definito come il
complemento all’unità del rapporto tra l’area dell’ l’ombra portata dall’aggetto verticale sulla
superficie sottesa di area A = L h, è :

A
A
1 f
v sh,
v sh,
− = (35)

con A
sh,v
calcolabile come:
|
¹
|

\
|
− ⋅ =
2
L
h L A
2
x v sh,
(36)
dove:

L
2
lunghezza dell’attacco dell’ombra nella direzione verticale al generico tempo t, [m];
L
x
distanza orizzontale dal vertice sinistro o destro dell’inizio dell’ombra (D), [m];
L larghezza dell’aggetto orizzontale, [m].
Le lunghezze L
2
e L
x
si calcolano come:

( )
( )
( )
( )
γ γ Δγ
Δγ cos
α tan
α tan
: con

α tan a L
s
s
2
− =
=
⋅ =
(37)

e per l’aggetto posizionato a sinistra (S):

( ) [ ]
0 L 0 Δγ
L ; Δγ tan a min L 0 Δγ
1
1
= ≤
⋅ = >
(38)

mentre per l’aggetto posizionato a destra (D):

( ) [ ]
0 L 0 Δγ
L ; Δγ tan a - min L 0 Δγ
3
3
= ≥
⋅ = <
(39)





Certificazione ENergetica degli EDifici

Pagina 18 di 19
Cestec SpA – Via Restelli, 5/A – 20124 Milano – Italy - +39 02 66737400 – Fax +39 02 66737499– info@cened.it - www.cened.it


Se si ha solo l’aggetto di sinistra o di destra, oppure entrambi, si avrà:


[ ]
3 1 x
3 x
1 x
L ; L max L entrambi
L L (D) solo
L L (S) solo
= ⇒
= ⇒
= ⇒
(40)


L
a
γ γγ γ
Sud
h
γ γγ γs
∆γ ∆γ ∆γ ∆γ
L
1
D
L
3 α αα αs
α αα α
L
2
D
S


Figura 8 – Ombre proprie dovute sia a schermi verticali che orizzontale
In figura è rappresentato un edificio munito contemporaneamente di due schermi verticali di
larghezza L e profondità a e di uno schermo orizzontale di stessa larghezza e profondità.
La posizione del sole è individuata dall’angolo di altezza solare α αα α
s
e dall’azimut solare γ γγ γ
s
;
l’orientazione della parete dal suo angolo azimutale γ γγ γ, la parete è verticale. Dati i riferimenti di
Figura 8, il fattore di ombreggiamento per il sistema di aggetti (due verticali e uno orizzontale),
f
sh,v+o
, che è definito come il complemento all’unità del rapporto tra l’area dell’ l’ombra portata
sistema di aggetti sulla superficie sottesa di area A = L h, è :

A
A
1 f
o v sh,
v sh,
+
− = (41)

con A
sh,o
calcolabile come:
( ) L L L h L A
2 2 x o v sh,
⋅ + − ⋅ =
+
(42)
Dove L
x
e L
2
si calcolano esattamente come per il caso dei soli aggetti verticali.



Certificazione ENergetica degli EDifici

Pagina 19 di 19
Cestec SpA – Via Restelli, 5/A – 20124 Milano – Italy - +39 02 66737400 – Fax +39 02 66737499– info@cened.it - www.cened.it







[1] Duffie J.A., Beckman W.A. – Solar engineering of thermal processes, New York, John Wiley &
Sons, 1991.
[2] Colombari M., De Carli M. – Involucri edilizi trasparenti a ventilazione forzata: implicazioni
impiantistiche, 54° Convegno ATI, Trento, 2003.
Bibliografia