Università degli studi di Trieste

Facoltà di Ingegneria Civile Corso di Progetto di Strutture I
Prof. Ing. Clemente Isaia Studente: Enrico Bergamo - 82900065

Relazione di calcolo: intervento di miglioramento strutturale
Abstract
Nel presente studio viene affrontata la progettazione degli interventi di miglioramento strutturale di un organismo edilizio situato a Gorizia ed adibito ad uso scolastico.

Indice
1 Descrizione generale dell’opera 2 Normative di riferimento 3 Caratteristiche dei materiali 3.1 Calcestruzzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3.2 Acciaio per armature ordinarie . . . . . . . . 3.3 Legno lamellare incollato . . . . . . . . . . . 4 Verifica dei solai in latero cemento 4.1 Tipologia di solaio . . . . . . . . . . . . . 4.2 Verifica solaio con luce L1 . . . . . . . . . 4.2.1 Sezione resistente . . . . . . . . . 4.2.2 Analisi dei carichi . . . . . . . . . 4.2.3 Azioni di progetto . . . . . . . . . 4.2.4 Sollecitazioni di progetto . . . . . 4.2.5 Verifica SLU . . . . . . . . . . . . 4.2.6 Verifica SLE . . . . . . . . . . . . 4.3 Verifica solaio con luce L2 . . . . . . . . . 4.3.1 Sezione resistente . . . . . . . . . 4.3.2 Analisi dei carichi . . . . . . . . . 4.3.3 Azioni di progetto . . . . . . . . . 4.3.4 Sollecitazioni di progetto . . . . . 4.3.5 Verifica SLU . . . . . . . . . . . . 4.3.6 Verifica SLE . . . . . . . . . . . . 4.4 Verifica solaio con luce L3 . . . . . . . . . 4.5 Cordoli di ancoraggio . . . . . . . . . . . 4.5.1 Schema statico . . . . . . . . . . 4.5.2 Caratteristiche della sollecitazione 4.5.3 Forma della sezione . . . . . . . . 4.5.4 Verifica SLU . . . . . . . . . . . . 4.5.5 Verifica SLE . . . . . . . . . . . . 4.6 Mensola . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4.6.1 Geometria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3 3 3 3 3 4 5 5 5 5 6 6 6 7 8 11 11 11 11 12 12 14 16 16 16 17 17 17 18 20 20

4.6.2 Sollecitazioni . . . . . . . . . . . . . . 4.6.3 Verifiche . . . . . . . . . . . . . . . . 4.6.4 Gerarchia delle resistenze . . . . . . 5 Verifica dei solai in legno-calcestruzzo 5.1 Tipologia di solaio . . . . . . . . . . . . . . 5.2 Verifica solaio con luce L1 . . . . . . . . . . 5.2.1 Dati di progetto . . . . . . . . . . . 5.2.2 Caratteristiche dei materiali . . . . . 5.2.3 Caratteristiche dei connettori . . . . 5.2.4 Analisi dei carichi . . . . . . . . . . 5.2.5 Azioni di progetto . . . . . . . . . . 5.2.6 Sollecitazioni di progetto . . . . . . 5.2.7 Verifica SLU – tempo iniziale (t = 0) 5.2.8 Verifica SLE – tempo iniziale (t = 0) 5.2.9 Verifica SLU – tempo finale (t = 1) 5.2.10 Verifica SLE – tempo finale (t = 1) 5.3 Verifica solaio con luce L2 . . . . . . . . . . 5.3.1 Dati di progetto . . . . . . . . . . . 5.3.2 Caratteristiche dei materiali . . . . . 5.3.3 Caratteristiche dei connettori . . . . 5.3.4 Analisi dei carichi . . . . . . . . . . 5.3.5 Azioni di progetto . . . . . . . . . . 5.3.6 Sollecitazioni di progetto . . . . . . 5.3.7 Verifica SLU – tempo iniziale (t = 0) 5.3.8 Verifica SLE – tempo iniziale (t = 0) 5.3.9 Verifica SLU – tempo finale (t = 1) 5.3.10 Verifica SLE – tempo finale (t = 1) 5.4 Verifica solaio con luce L3 . . . . . . . . . . 5.4.1 Dati di progetto . . . . . . . . . . . 5.4.2 Caratteristiche dei materiali . . . . . 5.4.3 Caratteristiche dei connettori . . . . 5.4.4 Analisi dei carichi . . . . . . . . . . 5.4.5 Azioni di progetto . . . . . . . . . . 5.4.6 Sollecitazioni di progetto . . . . . . 5.4.7 Verifica SLU – tempo iniziale (t = 0) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

20 20 22 23 23 23 23 23 24 25 25 25 25 27 27 28 29 29 29 30 31 31 31 31 33 33 34 35 35 35 36 37 37 37 37

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

1

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

5.4.8 Verifica SLE – tempo iniziale (t = 0) . 5.4.9 Verifica SLU – tempo finale (t = 1) . 5.4.10 Verifica SLE – tempo finale (t = 1) . 6 Progetto e verifica degli elementi strutturali di copertura 6.1 Tavolato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6.1.1 Caratteristiche geometriche . . . . . . 6.1.2 Analisi dei carichi . . . . . . . . . . . 6.1.3 Stato Limite Ultimo . . . . . . . . . . 6.1.4 Stato Limite di Esercizio . . . . . . . . 6.2 Travetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6.2.1 Caratteristiche geometriche . . . . . . 6.2.2 Analisi dei carichi . . . . . . . . . . . 6.2.3 Sollecitazioni di progetto . . . . . . . 6.2.4 Stato Limite Ultimo . . . . . . . . . . 6.2.5 Stato Limite di Esercizio . . . . . . . . 6.3 Trave displuvio . . . . . . . . . . . . . . . . . 6.3.1 Caratteristiche geometriche . . . . . . 6.3.2 Analisi dei carichi . . . . . . . . . . . 6.3.3 Sollecitazioni di progetto . . . . . . . 6.3.4 Stato Limite Ultimo . . . . . . . . . . 6.3.5 Stato Limite di Esercizio . . . . . . . . 6.4 Trave rompitratta . . . . . . . . . . . . . . . . 6.4.1 Caratteristiche geometriche . . . . . . 6.4.2 Analisi dei carichi . . . . . . . . . . . 6.4.3 Sollecitazioni di progetto . . . . . . . 6.4.4 Stato Limite Ultimo . . . . . . . . . . 6.4.5 Stato Limite di Esercizio . . . . . . . . 7 Verifica dell’organismo edilizio all’azione vento 7.1 Azioni di progetto . . . . . . . . . . . . . . 7.1.1 Carichi da vento . . . . . . . . . . . 7.1.2 Carichi verticali . . . . . . . . . . . 7.2 Modello a telaio equivalente . . . . . . . . 7.2.1 Sezioni . . . . . . . . . . . . . . . . 7.2.2 Materiali . . . . . . . . . . . . . . . 7.3 Verifiche condotte sui maschi murari . . . . 7.4 Verifiche condotte sulle travi in muratura . . 7.5 Interventi di miglioramento in progetto . . . 7.6 Verifica del terreno in fondazione . . . . . . del . . . . . . . . . .

39 39 40 42 42 42 42 43 43 43 43 44 44 45 45 45 45 45 46 46 47 47 47 47 48 48 48 49 49 49 50 50 51 51 52 52 64 76 76 77 77 77 77 79 79 79 79

8 Verifica dell’organismo edilizio all’azione sismica 8.1 Modello . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.2 Azioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.3 Risultati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8.3.1 Verifica a pressoflessione nel piano dei maschi . . . . . . . . . . . . . . . 8.3.2 Verifica a taglio dei maschi . . . . . . 8.3.3 Verifica a pressoflessione fuori piano dei maschi . . . . . . . . . . . . . . . 8.3.4 Verifica a taglio delle travi . . . . . . . 8.3.5 Verifica a pressoflessione delle travi .

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

2

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

1 Descrizione generale dell’opera
L’edificio oggetto di ristrutturazione è sito nel comune di Gorizia, e ad intervento ultimato risulterà adibito ad uso pubblico scolastico. L’edificio è composto da quattro piani fuori terra; la struttura portante è in muratura realizzata con mattoni pieni sovrapposti in opera gli uni agli altri, con interposizione di malta cementizia. Il tetto, a falde inclinate, è realizzato con elementi lignei quali travi di colmo, puntoni, tavolato e capriate, nonché da tegole in laterizio a formare un manto di copertura. Le murature trasferiscono il carico al terreno mediante una fondazione continua anch’essa realizzata in muratura ed avente una dimensione in pianta maggiore rispetto ai muri sovrastanti. L’opera di ristrutturazione si compone dei seguenti interventi strutturali: • nuova copertura in legno lamellare; • nuovo solaio sottotetto in legno tradizionale (travi in legno lamellare più tavolato non collaborante); • nuovi solai piano primo e secondo in legnocalcestruzzo (travi in legno lamellare più soletta di calcestruzzo armato collaborante); • nuovo solaio piano terra in latero-cemento; • interventi di consolidamento della muratura esistente; La struttura portante in muratura è stata modellata e verificata secondo uno schema a telaio equivalente; l’analisi statica lineare è stata eseguita con il software strutturale agli elementi finiti SAP2000. Tutti gli altri elementi strutturali sono stati calcolati e verificati con schemi statici semplificati, in ogni caso cautelativi.

D.M. 14/01/2008 “Norme Tecniche per le Costruzioni” , con l’ausilio della Circolare 2 febbraio 2009, n. 617 “Istruzioni per l’applicazione delle nuove Norme Tecniche per le Costruzioni di cui al D.M. 14 gennaio 2008”;

CNR-DT 206/2007 “Istruzioni per il Progetto,l’Esecuzione e il Controllo delle Strutture in Legno”;

EC2 “Progettazione delle strutture in calcestruzzo”;

EC5 “Progettazione delle strutture in legno”;

EC6 “Progettazione di strutture in muratura”.

3 Caratteristiche dei materiali
3.1 Calcestruzzo
Calcestruzzo C25/30

Rck fck = 0, 83 · Rck
c

↵cc fcm = fck + 8 fcd = ↵cc · fck / c 2/ 3 fctm = 0, 30 · fck fctk = 0, 7 · ftm fctd = fctk / c ⇢ca Ecm = 22000 · (fcm /10)0,3 ✏cu

30 MPa 24, 90 MPa 1, 50 0, 85 32, 9 MPa 14, 11 MPa 2, 56 MPa 1, 79 MPa 1, 19 MPa 24, 50 kN /m3 31447, 16 MPa 0, 0350

2 Normative di riferimento
Tutti i calcoli sono eseguiti secondo i criteri della Scienza delle Costruzioni. Le verifiche sono svolte utilizzando il metodo degli stati limite. Le unità di misura utilizzate sono quelle del Sistema Internazionale SI. Gli elementi strutturali non espressamente riportati nella relazione sono stati comunque calcolati e dimensionati secondo i criteri sopra citati; analogamente le verifiche che non risultano esplicitate si intendono comunque soddisfatte. Tutti i calcoli e le verifiche sono redatti in conformità alla normativa vigente in materia, ed in particolare:

3.2

Acciaio per armature ordinarie
Acciaio B450C

fyk fyd = fyk /
s s

✏su Es ✏yd = fyd /Es

450 MPa 1, 15 391, 30 MPa 0, 0100 208000, 00 MPa 0, 0019

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

3

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

3.3

Legno lamellare incollato
Classe GL28H

R flessione R trazione R compressione R taglio Moduli elastici

Modulo taglio

fm,g ,k ft ,0,g ,k ft ,90,g ,k fc ,0,g ,k fc ,90,g ,k fv ,g ,k E0,g ,mean E0,g ,0,5 E90,g ,mean Gg ,mean

28, 00 MPa 19, 50 MPa 0, 45 MPa 26, 50 MPa 3, 00 MPa 3, 20 MPa 12600 MPa 10200 MPa 490 MPa 780 MPa 410 kg /m3 1, 45 2 0, 90

⇢ g ,k
Classe di servizio kmod
m

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

4

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

4 Verifica dei solai in latero cemento
Per il rifacimento del solaio del piano rialzato è previsto l’uso di travetti tralicciati prefabbricati con soletta di completamento in calcestruzzo, armata con rete elettrosaldata ed eventuali ferri B450C nelle zone a momento negativo. Si è dimensionato il solaio in base ai due schemi limite di appoggio perfetto e incastro perfetto. Grazie alle sue capacità duttili, il solaio in opera raggiungerà un suo equilibrio interno ed una configurazione congruente, con valori delle sollecitazioni inferiori o al più uguali a quelle stimate in fase di progetto, con riferimento ai suddetti casi limite. Con riferimento alla pianta del piano rialzato, sono state individuate tre diverse luci di calcolo.

Figura 4.2: Descrizione componenti Gli elementi accostati vengono quindi a formare una struttura monolitica delle dimensioni indicate in figura

Luci di calcolo solai

L1 L2 L3

7, 46 m 5, 20 m 3, 15 m

Figura 4.3: Misure del solaio finito

4.2

Verifica solaio con luce L1
L luce di calcolo 7, 460 m

4.1

Tipologia di solaio
L’altezza totale minima del solaio, comprensiva dunque dello spessore di cappa, viene determinata dalla condizione Hmin = L/25 essendo L la luce di progetto. Hmin = 29, 84 cm L’altezza di solaio scelta è pari a 32 cm . 4.2.1 Sezione resistente L’altezza scelta comporta una sezione resistente con le seguenti caratteristiche geometriche:

Si è scelto di utilizzare il solaio in laterocemento prefabbricato denominato “Eurosolaio” prodotto dalla Barbieri S.R.L. La caratteristica principale del fondello in laterizio consiste in una fresatura trasversale all’asse longitudinale del fondello, destinata ad alloggiare una barra d’acciaio trasversale con funzione di armatura e distanziatore. Ogni elemento costituente il solaio è composto di due tralicci posti alle estremità dell’elemento in laterizio e da un elemento di alleggerimento in polistirene.

Figura 4.1: Elemento prefabbricato in laterocemento

Figura 4.4: Geometria della sezione

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

5

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

B H b s h d d0

interasse altezza totale base fusto spessore soletta altezza fusto altezza utile braccio superiore

50, 0 cm 29, 5 cm 18, 0 cm 4, 0 cm 25, 5 cm 28, 5 cm 2, 0 cm

Le combinazioni di carico sono le seguenti: SLU Fd = SLE – rara Fd = Gk 1 + Gk 2 + Qk 1
G1

· Gk 1 +

G2

· Gk 2 +

Q1

· Qk

Le altre caratteristiche del solaio sono Gk 1 peso proprio strutturale consumo di cls 412 kg /m 4, 04 kN /m2 119 l /m2
2

SLE – frequente Fd = G k 1 + G k 2 +
11 Qk 1

4.2.2 Gk 1

Analisi dei carichi peso proprio strutturale 4, 04 kN /m2 2, 03 kN /m2 0, 75 kN /m2 15 kN /m3 0, 05 m 0, 08 kN /m2 3, 2 kN /m3 0, 025 m 0, 4 kN /m2 0, 8 kN /m
2

SLE – quasi permanente Fd = G k 1 + G k 2 +
21 Qk 1

Gk 2

peso proprio non strutturale

Queste portano a determinare i seguenti carichi di progetto:

massetto peso specifico spessore isolamento peso specifico spessore finitura divisori interni

SLU SLE – rara SLE – frequente SLE – quasi permanente

8, 65 kN /m 6, 04 kN /m 5, 14 kN /m 4, 84 kN /m

4.2.4 Sollecitazioni di progetto Come accennato sopra, il solaio andrà dimensionato in base ai due schemi limite di appoggio perfetto e incastro perfetto. Grazie alle sue capacità duttili, il solaio in opera raggiungerà un suo equilibrio interno ed una configurazione congruente, con valori delle sollecitazioni inferiori o al più uguali a quelle stimate in fase di progetto, con riferimento ai suddetti casi limite. Luce L = 7, 46 m

Qk 1

carico variabile

6, 00 kN /m2

I carichi agenti sulla singola trave sono: Gk 1 Gk 2 Qk 1 peso proprio strutturale peso proprio non strutturale carico variabile 2, 02 kN /m 1, 02 kN /m 3, 00 kN /m

+ MEd

MEd 40, 11 kN /m 27, 99 kN /m 23, 81 kN /m 22, 42 kN /m

4.2.3

Azioni di progetto

Si combinano i suddetti carichi caratteristici, secondo normativa, ciascuno moltiplicato per opportuni coefficienti amplificativi per passare così ai valori di progetto.
G1 G2 Q1 0,j 1,j 2,j

SLU SLE – rara SLE – frequente SLE – q. p.

60, 16 kNm 41, 98 kNm 35, 72 kNm 33, 64 kNm VEd

coeff. parziale carico coeff. parziale carico coeff. parziale carico coeff. di combinazione coeff. di combinazione coeff. di combinazione

1, 30 1, 50 1, 50 0, 70 0, 70 0, 60

SLU SLE – rara SLE – frequente SLE – q. p.

32, 26 kN 22, 51 kN 19, 15 kN 18, 04 kN

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

6

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

4.2.5

Verifica SLU

Flessione Le sezioni di controllo che sono state verificate sono quella di mezzeria e quella di appoggio in cui si hanno rispettivamente il massimo momento positivo ed il massimo momento negativo. Momento positivo – campata

A+ s As

4 14 4 14 + 4 5 (travetto)

6, 16 cm2 6, 94 cm2

Così composta, la sezione risulta avere il seguente comportamento allo stato limite ultimo: Tipo rottura Deformazione acciaio Asse neutro Campo di rottura Momento resistente MRd = Lato calcestruzzo Acciaio snervato 52, 11 h 1, 731 cm 0, 063 2 63, 97 kNm

MEd = 60, 16 kNm L’armatura necessaria a resistere a tale sollecitazione è pari a: A+ s As 0, 00 cm2 6, 94 cm2

✏s = x= x /d =

4 14 + 4 5 (travetto)

Così composta, la sezione risulta avere il seguente comportamento allo stato limite ultimo: Tipo rottura Deformazione acciaio Asse neutro Campo di rottura Momento resistente MRd = Lato calcestruzzo Acciaio snervato 16, 96 h 4, 876 cm 0, 1711 2 72, 08 kNm Taglio

✏s = x= x /d =

Figura 4.6: Sezione sollecitata dal momento negativo La verifica a flessione è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 1,59

VEd = 32, 26 kN Il solaio in latero cemento è un elemento non armato a taglio. In questo caso, come richiesto dalla normativa, il taglio resistente viene valutato considerando solo il contributo resistivo a trazione del calcestruzzo. Con riferimento all’elemento fessurato da momento flettente, la resistenza al taglio è stata valutata secondo la formula 4.1.14 riportata nel DM14-01-2008: VRd = [0, 18 · k · (100 · ⇢1 · fck )1/3 / VRd con (vmin + 0, 15 · + 0, 15 ·
cp ]

Figura 4.5: Sezione sollecitata dal momento positivo

c cp )

· bw · d

· bw · d

La verifica a flessione è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 1,20 Momento negativo – appoggio

vmin = 0, 035 · k 3/2 · fck

k = 1 + (200/d )1/2 = 1, 84  2
1/2

= 0, 44 MPa

d = 285 mm

MEd =

40, 11 kNm

L’armatura necessaria a resistere a tale sollecitazione è pari a:

bw = 180 mm As 1 ⇢1 = = 0, 012  0, 02 bw · d cp = 0 MPa

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

7

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

4.2.6 Verifica SLE VRd = 35, 11 kN VRd > 22, 32 kN VRd > VEd La verifica a taglio è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 1,09 Verifica dell’armatura agli appoggi Come prescritto dalla normativa, inoltre, si verifica che in corrispondenza degli appoggi le armature longitudinali siano in grado di assorbire uno sforzo pari al taglio sull’appoggio. As · fyd = 512, 61 kN > VEd La verifica dell’armatura agli appoggi è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 15,89 Verifica della lunghezza di ancoraggio La lunghezza di ancoraggio è funzione della tensione tangenziale ultima di aderenza calcolata come segue: fbd = dove:
c

Verifica delle tensioni di esercizio (NTC2008, par. 4.1.2.2.5) Valutati i massimi momenti sollecitanti positivi e negativi, dovuti alle combinazioni caratteristica e quasi permanente delle azioni, si calcolano le massime tensioni sia nel calcestruzzo sia nelle armature, ipotizzando: la conservazione delle sezioni piane, la possibilità di parzializzazione della sezione reagente per l’ipotesi di resistenza a trazione nulla del calcestruzzo, e un comportamento elastico lineare dei due materiali base costituenti la sezione ossia l’acciaio d’armatura e il calcestruzzo. Si deve verificare che le tensioni, calcolate con le suddette ipotesi, siano inferiori ai massimi valori consentiti di seguito riportati:
c c

< 0, 60 · fck per combinazione caratteristica (rara); < 0, 45 · fck per combinazione quasi permanente.

Per l’acciaio la tensione massima s , per effetto delle azioni dovute alla combinazione caratteristica, deve rispettare la seguente limitazione:
s

< 0, 80 · fyk

fbk
c

Nel caso di elementi piani (solette, pareti, ...) gettati in opera con calcestruzzi ordinari e con spessori di calcestruzzo minori di 50 mm i valori limite sopra scritti vanno ridotti del 20%. Combinazione caratteristica (rara) Le tensioni massime consentite sono:
c ,max

è il coefficiente parziale di sicurezza del calcestruzzo;

fbk è la resistenza tangenziale caratteristica di aderenza data da: fbk = 2, 25 · ⌘ · fctk

= 11, 952 MPa = 288 MPa

in cui:

s,max

Il momento sollecitante è pari a:

⌘ = 1 per barre di diametro ⌘ = (132

 32 mm;

)/100 per barre di diametro superiore.

MEd = 41, 98 kNm

Nel caso di armature molto addensate o ancoraggi in zona di calcestruzzo teso, la resistenza di aderenza va ridotta dividendola almeno per 1,5. Avremo quindi:

⌘=1
fbk = 4, 03 MPa fbd = 2, 69 MPa La lunghezza di ancoraggio, per barre a: Lb = fyd · = 51, 0 cm fbd · 4 Figura 4.7: Sezione sollecitata dal momento positivo della combinazione di carico rara = 14 mm è pari

Si assume una lunghezza di ancoraggio Lb = 55 cm. La verifica della lunghezza di ancoraggio è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 1,08

x = 9, 841 cm

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

8

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

✏s = 1, 163h
c

=
s

8, 176 MPa

Verifica di fessurazione Campata – combinazione frequente La distanza media tra le fessure può essere valutata con l’espressione:
s,max

= 232, 5 MPa in cui:

= k3 · c + k1 k2 k4 ·

⇢eff

La verifica delle tensioni nel calcestruzzo è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 1,46 La verifica delle tensioni nell’acciaio è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 1,24 Combinazione quasi permanente Le tensioni massime consentite sono:
c ,max

è il diametro delle barre: 1, 4 cm; c è il ricoprimento dell’armatura: 1 cm; k1 = 0, 8 per barre ad aderenza migliorata; k2 = 0, 5 nel caso di flessione; k3 = 3, 4; k4 = 0, 425;

= 8, 964 MPa

Il momento sollecitante è pari a: MEd = 33, 64 kNm

⇢eff è pari a As /Ac ,eff = 0, 154;
Ac ,eff = 45 cm2 è l’area efficace di calcestruzzo teso attorno all’armatura, di altezza hc ,eff hc ,eff è il valore minore tra:

x = 9, 841 cm

✏s = 0, 9317h
c

2, 5(h

d ) = 2, 5 ;

h 3

x

= 6, 553 ;

h = 14, 75 2

ovvero 2,5 ;
s,max

=
s

6, 552 MPa

= 4, 94 cm

= 186, 3 MPa

Dall’equilibrio sulla sezione omogeneizzata si ricava:

La verifica delle tensioni nel calcestruzzo è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 1,37 Verifica di fessurazione (NTC2008, par. 4.1.2.2.4) Le NTC2008 prescrivono di determinare la fessurazione degli elementi in calcestruzzo (funzione del tipo di armatura e della combinazione di carico considerata) e verificare, per ambienti ordinari e armature poco sensibili, i seguenti aspetti: • la verifica di apertura delle fessure con riferimento al valore limite w3 = 0, 4 mm, per le sollecitazioni derivanti dalla combinazione frequente; • la verifica di apertura delle fessure con riferimento al valore limite w2 = 0, 3 mm ,per le sollecitazioni derivanti dalla combinazione quasi permanente. Il valore di calcolo wd da confrontare con il limite normativo, risulta così definito: wd = 1, 7 · wm dove wm , rappresenta l’ampiezza media delle fessure. L’ampiezza media delle fessure wm è calcolata come prodotto della deformazione media delle barre d’armatura ✏sm per la distanza media tra le fessure s,max : wm = ✏sm · Enrico Bergamo
s,max

Avremo quindi:

✏sm = 0, 9893h
s,max

wd = 1, 7 · ✏sm ·

= 0, 083 mm

La verifica della fessurazione del calcestruzzo è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 4,81 Verifica di fessurazione Campata – combinazione quasi permanente La distanza media tra le fessure può essere valutata con l’espressione:
s,max

= k3 · c + k1 k2 k4 ·

⇢eff

in cui: è il diametro delle barre: 1, 4 cm; c è il ricoprimento dell’armatura: 1 cm; k1 = 0, 8 per barre ad aderenza migliorata; k2 = 0, 5 nel caso di flessione; k3 = 3, 4; k4 = 0, 425;

⇢eff è pari a As /Ac ,eff = 0, 154;
Ac ,eff = 45 cm2 è l’area efficace di calcestruzzo teso attorno all’armatura, di altezza hc ,eff

18 marzo 2013

9

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

hc ,eff è il valore minore tra: 2, 5(h d ) = 2, 5 ; h 3 x = 6, 553 ; h = 14, 75 2

Verifica di fessurazione Appoggio – combinazione quasi permanente La distanza media tra le fessure può essere valutata con l’espressione:
s,max

ovvero 2,5 ; = 4, 94 cm in cui:

= k3 · c + k1 k2 k4 ·

⇢eff

s,max

Dall’equilibrio sulla sezione omogeneizzata si ricava:

è il diametro delle barre: 1, 4 cm; c è il ricoprimento dell’armatura: 2 cm; k1 = 0, 8 per barre ad aderenza migliorata; k2 = 0, 5 nel caso di flessione; k3 = 3, 4; k4 = 0, 425;

Avremo quindi:

✏sm = 0, 9317h
s,max

wd = 1, 7 · ✏sm ·

= 0, 078 mm

La verifica della fessurazione del calcestruzzo è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 3,83 Verifica di fessurazione Appoggio – combinazione frequente La distanza media tra le fessure può essere valutata con l’espressione:
s,max

⇢eff è pari a As /Ac ,eff = 0, 137;
Ac ,eff = 45 cm2 è l’area efficace di calcestruzzo teso attorno all’armatura, di altezza hc ,eff hc ,eff è il valore minore tra:

= k3 · c + k1 k2 k4 ·

⇢eff

2, 5(h

d ) = 2, 5 ;

h 3

x

= 6, 553 ;

in cui: è il diametro delle barre: 1, 4 cm; c è il ricoprimento dell’armatura: 2 cm; k1 = 0, 8 per barre ad aderenza migliorata; k2 = 0, 5 nel caso di flessione; k3 = 3, 4; k4 = 0, 425;

h = 14, 75 2

ovvero 2,5 ;
s,max

= 8, 54 cm

Dall’equilibrio sulla sezione omogeneizzata si ricava:

Avremo quindi:

✏sm = 0, 7141h
s,max

wd = 1, 7 · ✏sm ·

= 0, 104 mm

⇢eff è pari a As /Ac ,eff = 0, 137;
Ac ,eff = 45 cm2 è l’area efficace di calcestruzzo teso attorno all’armatura, di altezza hc ,eff hc ,eff è il valore minore tra: 2, 5(h d ) = 2, 5 ; h 3 x = 6, 553 ; h = 14, 75 2

La verifica della fessurazione del calcestruzzo è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 2,89 Verifica di deformabilità (DM14-1-2008, par. 4.1.2.2.6) A riguardo la norma prescrive (cfr. 4.1.2.2.2): “Per quanto riguarda i limiti di deformabilità, essi devono essere congruenti con le prestazioni richieste alla struttura anche in relazione alla destinazione d’uso, con riferimento alle esigenze statiche, funzionali ed estetiche. Per quanto riguarda i valori limite, essi dovranno essere commisurati a specifiche esigenze e potranno essere dedotti da documentazione tecnica di comprovata validità.” In letteratura tecnica si riscontra che la suddetta verifica è da intendersi soddisfatta se il rapporto tra la luce L del solaio e l’altezza totale H del solaio, entrambe espresse in metri, risulta minore o al più uguale a 26 . L = 23, 31 H La verifica della deformabilità è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 1,12

ovvero 2,5 ; = 8, 54 cm

s,max

Dall’equilibrio sulla sezione omogeneizzata si ricava:

Avremo quindi:

✏sm = 0, 7584h
s,max

wd = 1, 7 · ✏sm ·

= 0, 110 mm

La verifica della fessurazione del calcestruzzo è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 3,63

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

10

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

4.3

Verifica solaio con luce L2
L luce di calcolo 5, 20 m

4.3.2 Analisi dei carichi Gk 1 peso proprio strutturale 4, 04 kN /m2 2, 03 kN /m2 0, 75 kN /m2 15 kN /m3 0, 05 m 0, 08 kN /m2 3, 2 kN /m3 0, 025 m 0, 4 kN /m2 0, 8 kN /m2 6, 00 kN /m2

Gk 2 L’altezza totale minima del solaio, comprensiva dunque dello spessore di cappa, viene determinata dalla condizione Hmin = L/25 essendo L la luce di progetto.

peso proprio non strutturale

massetto peso specifico spessore isolamento peso specifico spessore finitura divisori interni

Hmin = 20, 8 cm L’altezza di solaio scelta è pari a 32 cm .

4.3.1

Sezione resistente Qk 1 carico variabile

L’altezza scelta comporta una sezione resistente con le seguenti caratteristiche geometriche:

I carichi agenti sulla singola trave sono: Gk 1 Gk 2 Qk 1 peso proprio strutturale peso proprio non strutturale carico variabile 2, 02 kN /m 1, 02 kN /m 3, 00 kN /m

4.3.3 Azioni di progetto Si combinano i suddetti carichi caratteristici, secondo normativa, ciascuno moltiplicato per opportuni coefficienti amplificativi per passare così ai valori di progetto. Figura 4.8: Geometria della sezione
G1 G2 Q1 0,j 1,j 2,j

coeff. parziale carico coeff. parziale carico coeff. parziale carico coeff. di combinazione coeff. di combinazione coeff. di combinazione

1, 30 1, 50 1, 50 0, 70 0, 70 0, 60

B H b s h d d0

interasse altezza totale base fusto spessore soletta altezza fusto altezza utile braccio superiore

50, 0 cm 29, 5 cm 18, 0 cm 4, 0 cm 25, 5 cm 28, 5 cm 2, 0 cm

Le combinazioni di carico sono le seguenti: SLU Fd = SLE – rara
G1

· Gk 1 +

G2

· Gk 2 +

Q1

· Qk

Le altre caratteristiche del solaio sono

Fd = Gk 1 + Gk 2 + Qk 1 SLE – frequente Fd = G k 1 + G k 2 +
11 Qk 1

Gk 1

peso proprio strutturale consumo di cls

412 kg /m2 4, 04 kN /m2 119 l /m2

SLE – quasi permanente Fd = G k 1 + G k 2 +
21 Qk 1

Queste portano a determinare i seguenti carichi di progetto:

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

11

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

Tipo rottura SLU SLE – rara SLE – frequente SLE – quasi permanente 8, 65 kN /m 6, 04 kN /m 5, 14 kN /m 4, 84 kN /m Deformazione acciaio Asse neutro Campo di rottura Momento resistente MRd =

✏s = x= x /d =

Lato calcestruzzo Acciaio snervato 36, 55 h 2, 491 cm 0, 0874 2 41, 4 kNm

4.3.4

Sollecitazioni di progetto

Come accennato sopra, il solaio andrà dimensionato in base ai due schemi limite di appoggio perfetto e incastro perfetto. Grazie alle sue capacità duttili, il solaio in opera raggiungerà un suo equilibrio interno ed una configurazione congruente, con valori delle sollecitazioni inferiori o al più uguali a quelle stimate in fase di progetto, con riferimento ai suddetti casi limite. Luce L = 5, 2 m

+ MEd

MEd 19, 49 kN /m 13, 60 kN /m 11, 57 kN /m 10, 90 kN /m Figura 4.9: Sezione sollecitata dal momento positivo

SLU SLE – rara SLE – frequente SLE – q. p.

29, 23 kNm 20, 40 kNm 17, 36 kNm 16, 34 kNm VEd

La verifica a flessione è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 1,42

SLU SLE – rara SLE – frequente SLE – q. p. 4.3.5 Verifica SLU

22, 49 kN 15, 69 kN 13, 35 kN 12, 57 kN

Momento negativo – appoggio

MEd =

19, 49 kNm

Flessione Le sezioni di controllo che sono state verificate sono quella di mezzeria e quella di appoggio in cui si hanno rispettivamente il massimo momento positivo ed il massimo momento negativo. Momento positivo – campata

L’armatura necessaria a resistere a tale sollecitazione è pari a:

A+ s As

2 14 2 14 + 4 5 (travetto)

3, 64 cm2 3, 86 cm2

MEd = 29, 23 kNm L’armatura necessaria a resistere a tale sollecitazione è pari a:

Così composta, la sezione risulta avere il seguente comportamento allo stato limite ultimo:

Tipo rottura A+ s As 2 14 + 4 5 (travetto) 0, 00 cm2 3, 86 cm2 Deformazione acciaio Asse neutro Campo di rottura Momento resistente MRd =

✏s = x= x /d =

Così composta, la sezione risulta avere il seguente comportamento allo stato limite ultimo:

Lato calcestruzzo Acciaio snervato 54, 32 h 1, 665 cm 0, 0605 2 37, 85 kNm

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

12

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

Verifica dell’armatura agli appoggi Come prescritto dalla normativa, inoltre, si verifica che in corrispondenza degli appoggi le armature longitudinali siano in grado di assorbire uno sforzo pari al taglio sull’appoggio. As · fyd = 293, 48 kN > VEd La verifica dell’armatura agli appoggi è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 13,05 Figura 4.10: Sezione sollecitata dal momento negativo Verifica della lunghezza di ancoraggio La verifica a flessione è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 1,94 Taglio fbd = VEd = 22, 49 kN Il solaio in latero cemento è un elemento non armato a taglio. In questo caso, come richiesto dalla normativa, il taglio resistente viene valutato considerando solo il contributo resistivo a trazione del calcestruzzo. Con riferimento all’elemento fessurato da momento flettente, la resistenza al taglio è stata valutata secondo la formula 4.1.14 riportata nel DM14-01-2008: VRd = [0, 18 · k · (100 · ⇢1 · fck )1/3 / VRd con k = 1 + (200/d )1/2 = 1, 84  2 vmin = 0, 035 · k 3/2 · fck
1/2 c

La lunghezza di ancoraggio è funzione della tensione tangenziale ultima di aderenza calcolata come segue: fbk
c

dove: è il coefficiente parziale di sicurezza del calcestruzzo;

fbk è la resistenza tangenziale caratteristica di aderenza data da: fbk = 2, 25 · ⌘ · fctk in cui:

c cp )

+ 0, 15 ·

cp ]

· bw · d

(vmin + 0, 15 ·

· bw · d

⌘ = 1 per barre di diametro ⌘ = (132

 32 mm;

)/100 per barre di diametro superiore.

= 0, 44 MPa

Nel caso di armature molto addensate o ancoraggi in zona di calcestruzzo teso, la resistenza di aderenza va ridotta dividendola almeno per 1,5. Avremo quindi:

d = 285 mm bw = 180 mm

⌘=1
fbk = 4, 03 MPa fbd = 2, 69 MPa La lunghezza di ancoraggio, per barre = 14 mm è pari

⇢1 =

As 1 = 0, 007  0, 02 bw · d
cp

= 0 MPa a:

VRd = 29, 46 kN VRd > 22, 32 kN VRd > VEd La verifica a taglio è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 1,31

Lb =

fyd · = 51, 0 cm fbd · 4

Si assume una lunghezza di ancoraggio Lb = 55 cm. La verifica della lunghezza di ancoraggio è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 1,08

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

13

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

4.3.6

Verifica SLE

Verifica delle tensioni di esercizio (NTC2008, par. 4.1.2.2.5) Valutati i massimi momenti sollecitanti positivi e negativi, dovuti alle combinazioni caratteristica e quasi permanente delle azioni, si calcolano le massime tensioni sia nel calcestruzzo sia nelle armature, ipotizzando: la conservazione delle sezioni piane, la possibilità di parzializzazione della sezione reagente per l’ipotesi di resistenza a trazione nulla del calcestruzzo, e un comportamento elastico lineare dei due materiali base costituenti la sezione ossia l’acciaio d’armatura e il calcestruzzo. Si deve verificare che le tensioni, calcolate con le suddette ipotesi, siano inferiori ai massimi valori consentiti di seguito riportati:
c c

✏s = 0, 9988h
c

=
s

4, 648 MPa

= 199, 8 MPa

La verifica delle tensioni nel calcestruzzo è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 2,57 La verifica delle tensioni nell’acciaio è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 1,44 Combinazione quasi permanente Le tensioni massime consentite sono:
c ,max

= 8, 964 MPa

Il momento sollecitante è pari a: MEd = 16, 34 kNm x = 7, 374 cm

< 0, 60 · fck per combinazione caratteristica (rara); < 0, 45 · fck per combinazione quasi permanente.

Per l’acciaio la tensione massima s , per effetto delle azioni dovute alla combinazione caratteristica, deve rispettare la seguente limitazione:
s

✏s = 0, 8h
c

< 0, 80 · fyk

=
s

3, 723 MPa = 160 MPa

Nel caso di elementi piani (solette, pareti, ...) gettati in opera con calcestruzzi ordinari e con spessori di calcestruzzo minori di 50 mm i valori limite sopra scritti vanno ridotti del 20%. Combinazione caratteristica (rara) Le tensioni massime consentite sono:
c ,max

La verifica delle tensioni nel calcestruzzo è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 2,41 Verifica di fessurazione (NTC2008, par. 4.1.2.2.4) Le NTC2008 prescrivono di determinare la fessurazione degli elementi in calcestruzzo (funzione del tipo di armatura e della combinazione di carico considerata) e verificare, per ambienti ordinari e armature poco sensibili, i seguenti aspetti: • la verifica di apertura delle fessure con riferimento al valore limite w3 = 0, 4 mm, per le sollecitazioni derivanti dalla combinazione frequente; • la verifica di apertura delle fessure con riferimento al valore limite w2 = 0, 3 mm ,per le sollecitazioni derivanti dalla combinazione quasi permanente. Il valore di calcolo wd da confrontare con il limite normativo, risulta così definito: dove wm , rappresenta l’ampiezza media delle fessure. L’ampiezza media delle fessure wm è calcolata come prodotto della deformazione media delle barre d’armatura ✏sm per la distanza media tra le fessure s,max : Verifica di fessurazione Campata – combinazione frequente La distanza media tra le fessure può essere valutata con l’espressione:
s,max

= 11, 952 MPa = 288 MPa

s,max

Il momento sollecitante è pari a: MEd = 20, 40 kNm

wd = 1, 7 · wm

wm = ✏sm ·

s,max

Figura 4.11: Sezione sollecitata dal momento positivo della combinazione di carico rara

= k3 · c + k1 k2 k4 ·

⇢eff

x = 7, 374 cm

in cui:

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

14

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

è il diametro delle barre: 1, 4 cm; c è il ricoprimento dell’armatura: 1 cm; k1 = 0, 8 per barre ad aderenza migliorata; k2 = 0, 5 nel caso di flessione; k3 = 3, 4; k4 = 0, 425;
s,max

= 6, 17 cm

Dall’equilibrio sulla sezione omogeneizzata si ricava:

Avremo quindi:

✏sm = 0, 8h
s,max

wd = 1, 7 · ✏sm ·

= 0, 084 mm

⇢eff è pari a As /Ac ,eff = 0, 086;
Ac ,eff = 45 cm2 è l’area efficace di calcestruzzo teso attorno all’armatura, di altezza hc ,eff hc ,eff è il valore minore tra: 2, 5(h d ) = 2, 5 ; h 3 x = 6, 553 ; h = 14, 75 2

La verifica della fessurazione del calcestruzzo è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 3,57 Verifica di fessurazione Appoggio – combinazione frequente La distanza media tra le fessure può essere valutata con l’espressione:
s,max

ovvero 2,5 ;
s,max

= k3 · c + k1 k2 k4 ·

⇢eff

in cui: = 6, 17 cm è il diametro delle barre: 1, 4 cm; c è il ricoprimento dell’armatura: 2 cm; k1 = 0, 8 per barre ad aderenza migliorata; k2 = 0, 5 nel caso di flessione; k3 = 3, 4; k4 = 0, 425;

Dall’equilibrio sulla sezione omogeneizzata si ricava:

Avremo quindi:

✏sm = 0, 85h
s,max

wd = 1, 7 · ✏sm ·

= 0, 089 mm

La verifica della fessurazione del calcestruzzo è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 4,48 Verifica di fessurazione Campata – combinazione quasi permanente La distanza media tra le fessure può essere valutata con l’espressione:
s,max

⇢eff è pari a As /Ac ,eff = 0, 081;
Ac ,eff = 45 cm2 è l’area efficace di calcestruzzo teso attorno all’armatura, di altezza hc ,eff hc ,eff è il valore minore tra: 2, 5(h d ) = 2, 5 ; h 3 x = 6, 553 ; h = 14, 75 2

= k3 · c + k1 k2 k4 ·

⇢eff

in cui: è il diametro delle barre: 1, 4 cm; c è il ricoprimento dell’armatura: 1 cm; k1 = 0, 8 per barre ad aderenza migliorata; k2 = 0, 5 nel caso di flessione; k3 = 3, 4; k4 = 0, 425;

ovvero 2,5 ;
s,max

= 9, 74 cm

Dall’equilibrio sulla sezione omogeneizzata si ricava:

Avremo quindi:

✏sm = 0, 6246h
s,max

wd = 1, 7 · ✏sm ·

= 0, 103 mm

⇢eff è pari a As /Ac ,eff = 0, 086;
Ac ,eff = 45 cm2 è l’area efficace di calcestruzzo teso attorno all’armatura, di altezza hc ,eff hc ,eff è il valore minore tra: 2, 5(h d ) = 2, 5 ; h 3 x = 6, 553 ; h = 14, 75 2

La verifica della fessurazione del calcestruzzo è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 3,87 Verifica di fessurazione Appoggio – combinazione quasi permanente La distanza media tra le fessure può essere valutata con l’espressione:
s,max

= k3 · c + k1 k2 k4 ·

⇢eff

ovvero 2,5 ;

in cui:

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

15

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

è il diametro delle barre: 1, 4 cm; c è il ricoprimento dell’armatura: 2 cm; k1 = 0, 8 per barre ad aderenza migliorata; k2 = 0, 5 nel caso di flessione; k3 = 3, 4; k4 = 0, 425;

4.5

Cordoli di ancoraggio

⇢eff è pari a As /Ac ,eff = 0, 081;
Ac ,eff = 45 cm2 è l’area efficace di calcestruzzo teso attorno all’armatura, di altezza hc ,eff hc ,eff è il valore minore tra: 2, 5(h d ) = 2, 5 ; h 3 x = 6, 553 ; h = 14, 75 2

ovvero 2,5 ; = 9, 74 cm

s,max

Dall’equilibrio sulla sezione omogeneizzata si ricava:

La circolare esplicativa, a proposito delle cordolature dice: Cordoli in sommità alla muratura possono costituire una soluzione efficace per collegare le pareti, in una zona dove la muratura è meno coesa a causa del limitato livello di compressione, e per migliorare l’interazione con la copertura; va invece evitata l’esecuzione di cordolature ai livelli intermedi, eseguite nello spessore della parete (specie se di muratura in pietrame), dati gli effetti negativi che le aperture in breccia producono nella distribuzione delle sollecitazioni sui paramenti. I cordoli possono essere realizzati in c.a. solo se di altezza limitata, per evitare eccessivi appesantimenti ed irrigidimenti, che si sono dimostrati dannosi in quanto producono elevate sollecitazioni tangenziali tra cordolo e muratura, con conseguenti scorrimenti e disgregazione di quest’ultima. In particolare, tali effetti si sono manifestati nei casi in cui anche la struttura di copertura era stata irrigidita ed appesantita. Nel caso di cordolo in c.a. è in genere opportuno un consolidamento della muratura in prossimità dello stesso, in quanto comunque è diversa la rigidezza dei due elementi.Il collegamento tra cordolo e muratura può essere migliorato tramite perfori armati. Dato l’importante spessore delle murature, per evitare interventi troppo invasivi, i cordoli saranno collegati alle stesse tramite code di rondine disposte con interasse di circa 1, 50 m. Nel caso in questione la soluzione adottata comprende tre interventi fondamentali:

Avremo quindi:

✏sm = 0, 5884h
s,max

wd = 1, 7 · ✏sm ·

= 0, 097 mm

La verifica della fessurazione del calcestruzzo è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 3,08 Verifica di deformabilità (DM14-1-2008, par. 4.1.2.2.6) A riguardo la norma prescrive (cfr. 4.1.2.2.2): “Per quanto riguarda i limiti di deformabilità, essi devono essere congruenti con le prestazioni richieste alla struttura anche in relazione alla destinazione d’uso, con riferimento alle esigenze statiche, funzionali ed estetiche. Per quanto riguarda i valori limite, essi dovranno essere commisurati a specifiche esigenze e potranno essere dedotti da documentazione tecnica di comprovata validità.” In letteratura tecnica si riscontra che la suddetta verifica è da intendersi soddisfatta se il rapporto tra la luce L del solaio e l’altezza totale H del solaio, entrambe espresse in metri, risulta minore o al più uguale a 26 . L = 16, 25 H La verifica della deformabilità è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 1,60

1. il progetto e la verifica del cordolo come una trave in c.a.;

2. il progetto e la verifica delle mensole atte a trasmettere i carichi verticali;

3. il dimensionamento dei tiranti da ancorare localmente al cordolo per evitare meccanismi di ribaltamento.

4.5.1 Schema statico Posto l’interasse delle code di rondine pari al massimo a 1, 5 m e l’interasse dei travetti pari al massimo a 0, 5 m , avremo due possibili tipi di schema statico limite in cui vengono massimizzati rispettivamente il taglio e il momento flettente.

4.4

Verifica solaio con luce L3

Si assumono per il solaio con luce L3 le medesime armature del solaio con luce L2 . Le verifiche si intendono tutte soddisfatte.

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

16

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

B H d d0

base altezza totale altezza utile braccio superiore

15 cm 32 cm 29 cm 3 cm

Figura 4.13: Sezione cordolo Figura 4.12: Schemi di carico agenti sul cordolo 4.5.4 Verifica SLU Verranno ora verificate le sezioni agli stati limite. L’armatura predisposta sarà simmetrica in modo da poter ritenere valide le verifiche anche per l’appoggio nel caso di schema statico di trave incastrata. Questa ipotesi viene giustificata dalle capacità di redistribuzione del c.a. e dal soddisfacimento delle verifiche con coefficienti di sicurezza superiori a 2. Flessione

Le azioni per cui verranno dimensionati tutti i cordoli sono quelle relative al solaio di luce maggiore. Verranno condotte le verifiche allo stato limite ultimo ed allo stato limite di esercizio. Le forze concentrate da utilizzare nel calcolo sono le sollecitazioni taglianti relative ad ogni combinazione di carico considerata: REd SLU SLE – rara SLE – frequente SLE – q. p. 4.5.2 32, 26 kN 22, 51 kN 19, 15 kN 18, 04 kN

MEd = 20, 16 kNm L’armatura necessaria a resistere a tale sollecitazione è pari a:

Caratteristiche della sollecitazione

Per gli schemi di carico considerati esse conducono alle seguenti coppie di caratteristiche della sollecitazione:
+ MEd

VEd 64, 52 kN 45, 02 kN 38, 31 kN 36, 07 kN

A+ s As

2 16 2 16

4, 02 cm2 4, 02 cm2

SLU SLE – rara SLE – frequente SLE – q. p.

20, 16 kNm 14, 07 kNm 11, 97 kNm 11, 27 kNm

Così composta, la sezione risulta avere il seguente comportamento allo stato limite ultimo: Tipo rottura Deformazione acciaio Asse neutro Campo di rottura Momento resistente MRd = Lato calcestruzzo Acciaio snervato 20, 26 h 4, 271 cm 0, 1473 2 41, 8 kNm

+ Dove, MEd è stato calcolato utilizzando lo schema b) della figura 4.12 e VEd è stato calcolato utilizzando lo schema a) della figura 4.12.

4.5.3

Forma della sezione

La sezione resistente avrà un altezza pari a quella del solaio e una larghezza minima di 15 cm. Le dimensioni assunte sono:

✏s = x= x /d =

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

17

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

della quale si registra la contemporanea crisi delle bielle di calcestruzzo e dell’armatura a taglio: cot ✓ = Dove:

r

⌫ · ↵c !sw

1

⌫ = 0, 5 come prescritto dalla norma italiana; ↵c = 1 nel caso di membratura non compressa; !sw è la percentuale meccanica di armatura trasversale.
I parametri necessari a determinare !sw , sono: Figura 4.14: Sezione sollecitata dal momento positivo Asw s 2 8 passo 1, 01 cm2 25 cm

La verifica a flessione è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 2,07 Verifica dei minimi normativi As,trazione 0, 6 · b · d fyk
2

!sw =
0, 0015 · b · d
2 2

Avremo quindi:

Asw · fyd = 0, 074 B · s · fcd

La minima armatura disposta in zona tesa è pari a 2 16: As,trazione = 4, 02 cm As,trazione = 4, 02 cm
2

cot ✓ = 2, 393 che rispetta la condizione 1  ✓  2, 5 La resistenza a taglio VRd sarà uguale per i due meccanismi e pari a: Asw · fyd · (cot ↵ + cot ✓) · sin ↵ = 98, 27 kN s

0, 58 cm

0, 6525 cm

Verifica dei massimi normativi As,max  0, 04 · Ac

La massima armatura disposta è pari a 4 16: As,trazione = 8, 04 cm2  19, 2 cm2 Armatura inferiore sugli appoggi terminali in grado di assorbire una forza proporzionale al taglio FS = VEd · As,min Taglio VEd = 64, 52 kN La resistenza a taglio VRd di elementi strutturali dotati di specifica armatura a taglio deve essere valutata sulla base di una adeguata schematizzazione a traliccio. Gli elementi resistenti dell’ideale traliccio sono: le armature trasversali, le armature longitudinali, il corrente compresso di calcestruzzo e i puntoni d’anima inclinati. L’inclinazione ✓ dei puntoni di calcestruzzo rispetto all’asse della trave deve rispettare i limiti seguenti: 1  ✓  2, 5 al = 18, 54 kN 0, 9 · d VRd = 0, 9 · d ·

La verifica a flessione è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 1,52 4.5.5 Verifica SLE Verifica delle tensioni di esercizio (NTC2008, par. 4.1.2.2.5) Valutati i massimi momenti sollecitanti positivi e negativi, dovuti alle combinazioni caratteristica e quasi permanente delle azioni, si calcolano le massime tensioni sia nel calcestruzzo sia nelle armature, ipotizzando: la conservazione delle sezioni piane, la possibilità di parzializzazione della sezione reagente per l’ipotesi di resistenza a trazione nulla del calcestruzzo, e un comportamento elastico lineare dei due materiali base costituenti la sezione ossia l’acciaio d’armatura e il calcestruzzo. Si deve verificare che le tensioni, calcolate con le suddette ipotesi, siano inferiori ai massimi valori consentiti di seguito riportati:
c c

FS = = 0, 47 < 4, 02 cm2 fyd

Nel caso di armature trasversali costituite da sole staffe (↵ = 90 ) è possibile ricavare la cot ✓ in corrispondenza

< 0, 60 · fck per combinazione caratteristica (rara); < 0, 45 · fck per combinazione quasi permanente.
18

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

Per l’acciaio la tensione massima s , per effetto delle azioni dovute alla combinazione caratteristica, deve rispettare la seguente limitazione:
s

Il momento sollecitante è pari a: MEd = 11, 27 kNm

< 0, 80 · fyk

Nel caso di elementi piani (solette, pareti, ...) gettati in opera con calcestruzzi ordinari e con spessori di calcestruzzo minori di 50 mm i valori limite sopra scritti vanno ridotti del 20%. Combinazione caratteristica (rara) Le tensioni massime consentite sono:
c ,max

x = 9, 902 cm

✏s = 0, 5431h
c

=
s

3, 755 MPa

= 108, 6 MPa

La verifica delle tensioni nel calcestruzzo è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 2,39 Verifica di fessurazione (NTC2008, par. 4.1.2.2.4) Le NTC2008 prescrivono di determinare la fessurazione degli elementi in calcestruzzo (funzione del tipo di armatura e della combinazione di carico considerata) e verificare, per ambienti ordinari e armature poco sensibili, i seguenti aspetti: • la verifica di apertura delle fessure con riferimento al valore limite w3 = 0, 4 mm, per le sollecitazioni derivanti dalla combinazione frequente; • la verifica di apertura delle fessure con riferimento al valore limite w2 = 0, 3 mm ,per le sollecitazioni derivanti dalla combinazione quasi permanente. Il valore di calcolo wd da confrontare con il limite normativo, risulta così definito: wd = 1, 7 · wm dove wm , rappresenta l’ampiezza media delle fessure. L’ampiezza media delle fessure wm è calcolata come prodotto della deformazione media delle barre d’armatura ✏sm per la distanza media tra le fessure s,max : wm = ✏sm ·
s,max

= 14, 94 MPa = 360 MPa

s,max

Il momento sollecitante è pari a: MEd = 14, 07 kNm

Figura 4.15: Sezione sollecitata a flessione della combinazione di carico rara

x = 9, 902 cm

✏s = 0, 6781h
c

Verifica di fessurazione Combinazione frequente La distanza media tra le fessure può essere valutata con l’espressione:
s,max

=
s

4, 688 MPa in cui:

= k3 · c + k1 k2 k4 ·

⇢eff

= 135, 6 MPa

La verifica delle tensioni nel calcestruzzo è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 3,19 La verifica delle tensioni nell’acciaio è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 2,65 Combinazione quasi permanente Le tensioni massime consentite sono:
c ,max

è il diametro delle barre: 1, 6 cm; c è il ricoprimento dell’armatura: 3 cm; k1 = 0, 8 per barre ad aderenza migliorata; k2 = 0, 5 nel caso di flessione; k3 = 3, 4; k4 = 0, 425;

= 8, 964 MPa

⇢eff è pari a As /Ac ,eff = 0, 036;
18 marzo 2013 19

Enrico Bergamo

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

Ac ,eff = 110, 49 cm2 è l’area efficace di calcestruzzo teso attorno all’armatura, di altezza hc ,eff hc ,eff è il valore minore tra: 2, 5(h d ) = 7, 5 ; h 3 x = 7, 366 ; h = 16 2

La verifica della fessurazione del calcestruzzo è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 3,05 Verifica di deformabilità (DM14-1-2008, par. 4.1.2.2.6) A riguardo la norma prescrive (cfr. 4.1.2.2.2): “Per quanto riguarda i limiti di deformabilità, essi devono essere congruenti con le prestazioni richieste alla struttura anche in relazione alla destinazione d’uso, con riferimento alle esigenze statiche, funzionali ed estetiche. Per quanto riguarda i valori limite, essi dovranno essere commisurati a specifiche esigenze e potranno essere dedotti da documentazione tecnica di comprovata validità.” In letteratura tecnica si riscontra che la suddetta verifica è da intendersi soddisfatta se il rapporto tra la luce L del solaio e l’altezza totale H del solaio, entrambe espresse in metri, risulta minore o al più uguale a 26 . L = 4, 69 H La verifica della deformabilità è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 5,55

ovvero 7,366 ; = 17, 67 cm

s,max

Dall’equilibrio sulla sezione omogeneizzata si ricava:

Avremo quindi:

✏sm = 0, 5769h
s,max

wd = 1, 7 · ✏sm ·

= 0, 173 mm

La verifica della fessurazione del calcestruzzo è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 2,31 Verifica di fessurazione Combinazione quasi permanente La distanza media tra le fessure può essere valutata con l’espressione:
s,max

= k3 · c + k1 k2 k4 ·

⇢eff

in cui: è il diametro delle barre: 1, 6 cm; c è il ricoprimento dell’armatura: 3 cm; k1 = 0, 8 per barre ad aderenza migliorata; k2 = 0, 5 nel caso di flessione; k3 = 3, 4; k4 = 0, 425;

4.6

Mensola

4.6.1 Geometria La mensola corta avrà le seguenti dimensioni: a B H d braccio base altezza totale altezza utile 30 cm 30 cm 32 cm 29 cm

⇢eff è pari a As /Ac ,eff = 0, 584;
Ac ,eff = 110, 49 cm2 è l’area efficace di calcestruzzo teso attorno all’armatura, di altezza hc ,eff hc ,eff è il valore minore tra: 2, 5(h d ) = 7, 5 ; h 3 x = 7, 366 ; h = 16 2 4.6.2 Sollecitazioni La sollecitazione verticale agente sulla singola mensola sarà pari al taglio massimo che si sviluppa sul singolo travetto del solaio, moltiplicata il numero di travetti competenti ad una singola mensola: P = 96, 78 kN
s,max

ovvero 7,366 ; = 10, 67 cm 4.6.3 Verifiche

Dall’equilibrio sulla sezione omogeneizzata si ricava:

Avremo quindi:

✏sm = 0, 5431h
s,max

Le esperienze hanno messo in luce che per la verifica dell’armatura è sufficientemente cautelativo assumere z = 0, 85 · d = 24, 65 cm 18 marzo 2013 20

wd = 1, 7 · ✏sm · Enrico Bergamo

= 0, 098 mm

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

As,ver

2 staffe

8

2 braccia

2, 01 cm2

La verifica del puntone inclinato di calcestruzzo viene condotta ipotizzando un’altezza efficace x pari a: x= a: P·a = 141, 65 kN x Conseguentemente la tensione nel calcestruzzo è pari a: N=
c

Lo sforzo normale di compressione che si genera è pari

1, 8 · d · a = 20, 50 cm 1, 6 · d + a

Figura 4.16: Sezione della coda di rondine Avremo quindi: Fa = P · a = 117, 78 kN z

=

Che risulta inferiore rispetto alla resistenza a compressione del calcestruzzo fcd . La verifica a compressione del puntone è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 1,73 Verifica della lunghezza di ancoraggio La lunghezza di ancoraggio è funzione della tensione tangenziale ultima di aderenza calcolata come segue: fbd = dove:
c

N = 8, 14 MPa 0, 2 · d · b

L’armatura necessaria a riprendere tale sforzo è dunque pari a: As,min = Fa = 3, 01 cm2 fyd

Inoltre, per evitare rotture fragili e per limitare la fessurazione in esercizio, l’area tesa deve soddisfare le seguenti indicazioni: 0, 3 · b · d As,min = 2, 61 cm2 100 Si prescrive l’utilizzo della seguente armatura principale: As 2 16 4, 02 cm2

fbk
c

è il coefficiente parziale di sicurezza del calcestruzzo;

fbk è la resistenza tangenziale caratteristica di aderenza data da: fbk = 2, 25 · ⌘ · fctk

La verifica a trazione dell’armatura è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 1,34 L’armatura deve essere disposta nella parte inferiore ad una distanza dall’intradosso: 0, 1 · d  ds  0, 2 · d

in cui:

⌘ = 1 per barre di diametro ⌘ = (132

 32 mm;

)/100 per barre di diametro superiore.

Nella porzione superiore della mensola deve essere prevista un’armatura diffusa pari al 40% di quella nel tirante inferiore. As,sec ,min = As · 0, 4 = 1, 61 cm
2

Nel caso di armature molto addensate o ancoraggi in zona di calcestruzzo teso, la resistenza di aderenza va ridotta dividendola almeno per 1,5. Avremo quindi:

⌘=1
fbk = 4, 03 MPa fbd = 1, 79 MPa La lunghezza di ancoraggio, per barre a: Lb = fyd · = 87, 4 cm fbd · 4 = 16 mm è pari

Si utilizzeranno quindi: As,sec 2 staffe

8

2 braccia

2, 01 cm2

L’armatura verticale minima necessaria viene assunta pari a: As As,ver ,min = = 1, 01 cm2 4 Si utilizzeranno quindi:

Si assume una lunghezza di ancoraggio Lb = 120 cm. La verifica della lunghezza di ancoraggio è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 1,37

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

21

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

4.6.4

Gerarchia delle resistenze

Le NTC prescrivono che per gli elementi tozzi si debba rispettare una gerarchia delle resistenze che prevede che la resistenza dei tiranti costituiti dalle sole armature debba essere minore: • della resistenza dei puntoni di calcestruzzo compresso; • della resistenza di ancoraggio delle armature ; Osservando i coefficienti di sicurezza delle verifiche si nota come questa prescrizione sia soddisfatta: 1, 73 = CS Calcestruzzo > CS Armatura tesa = 1, 34 1, 37 = CS Ancoraggio > CS Armatura tesa = 1, 34 La verifica della gerarchia è soddisfatta

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

22

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

5 Verifica dei calcestruzzo

solai

in

legno-

Per la ristrutturazione dei solai del primo e secondo piano dell’edificio, si è optato per la soluzione legno-calcestruzzo, basata sull’accoppiamento di una soletta in calcestruzzo C25/30 con una trave in legno lamellare omogeneo. Con riferimento alla pianta del piano rialzato, sono state individuate tre diverse luci di calcolo.

Figura 5.1: Sezione del solaio composto legno-cls Luci di calcolo solai

L1 L2 L3

7, 46 m 5, 20 m 3, 15 m

5.2

Verifica solaio con luce L1

5.2.1 Dati di progetto L VN luce di calcolo vita nominale Classe d’uso 7, 46 m 75 anni III

5.1

Tipologia di solaio

Il solaio impegato si compone di travi portanti in legno lamellare e di soletta collaborante in calcestruzzo. La connessione legno-calcestruzzo è considerata deformabile in accordo alle nuove Norme Tecniche per le Costruzioni di cui al D.M. 14.01.2008 (NTC). In particolare, gli ultimi due capoversi del punto 4.4.2 prevedono rispettivamente che In presenza di giunti meccanici si deve, di regola, considerare l’influenza della deformabilità degli stessi. Per tutte le strutture, in particolare per quelle composte da parti con diverso comportamento reologico, le verifiche, per gli stati limite ultimi e di esercizio, devono essere effettuate con riferimento, oltre che alle condizioni iniziali, anche alle condizioni finali (a tempo infinito). In particolare, per le verifiche degli stati limite di esercizio, il punto 4.4.7 delle NTC prescrive che In generale nella valutazione delle deformazioni delle strutture si deve tener conto della deformabilità dei collegamenti e che Considerando il particolare comportamento reologico del legno e dei materiali derivanti dal legno, si devono valutare sia la deformazione istantanea sia la deformazione a lungo termine. Il secondo capoverso del punto 4.4.10 stabilisce che Le verifiche dell’elemento composto dovranno tener conto degli scorrimenti nelle unioni. A tale scopo è ammesso adottare per le unioni un legame lineare tra sforzo e scorrimento. Appare quindi chiaro, oltre che tecnicamente corretto, come la sicurezza e la funzionalità del solaio composto legnocalcestruzzo debbano essere valutati considerando la deformabilità della connessione, in condizioni sia iniziali sia finali (a tempo infinito). Per il calcolo della capacità portante del sistema legno- connettore-calcestruzzo si è fatto riferimento alla procedura riportata nell’appendice B della UNI EN 1995-1-1:2009 [5], nel rispetto delle relative ipotesi.

Le caratteristiche geometriche sono: h1 h0 h2 H b i
C

spessore soletta spessore tavolato altezza trave spessore totale solaio base della trave interasse travi diametro connettori passo connettori appoggi passo connettori campata infissione del connettore: nella soletta ( 2, 5 C ) nella trave ( 6 C )

6 cm 3 cm 28 cm 37 cm 14 cm 60 cm 16 mm 10, 00 cm 25 cm 4, 5 cm 14 cm

smin smax LC LW

Si sottolinea che per il soddisfacimento delle verifiche era sufficiente una soletta da 5 cm. È stata adottata una soletta da 6 cm al fine di garantire un adeguato copriferro della rete elettrosaldata e un efficace ancoraggio dei connettori nella soletta, anche in funzione del diametro minimo D del mandrino di piega.

D=4

= 64 mm

!

Lc ,min = D /2 +

= 48 mm

5.2.2 Caratteristiche dei materiali Le principali caratteristiche dei materiali necessarie alla verifica della struttura e non precedentemente indicate sono:

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

23

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

kk kdef kmod kmod

Legno Classe di servizio = min[(600/h2 )0,1 ; 1, 1] = carichi permanenti carichi variabili media durata tavolato Calcestruzzo Classe di esposizione Classe di consistenza al getto Diametro massimo aggregato coefficiente di viscosità

⇢k

2 1, 08 0, 80 0, 60 0, 80 600 kg /m3

D’ora in avanti, per le verifiche si fa riferimento alla combinazione dei carichi che comprendono sia le azioni permanenti (strutturali e non) e sia i carichi variabili (kmod = 0, 80), poiché tale situazione, nel caso oggetto di studio, risulta più gravosa rispetto a quella con i soli carichi permanenti (kmod = 0, 60).

Dmax (1, t0 )

XC 1 S4 15 mm ⇡ 2, 30

5.2.3 Caratteristiche dei connettori Capacità portante dei connettori Il valore di progetto della capacità portante del singolo connettore è pari al minore dei seguenti valori (non si considera la resistenza caratteristica all’estrazione Fax ,Rk ): Fv ,R ,k = fh,k · Lw · d Fv ,R ,k = fh,k · Lw · d ·

Il coefficiente di viscosità (1, t0 ) tempo infinito, funzione della classe di servizio, è stato dedotto in maniera semplificata dalla Tabella 11.2.VI delle NTC (Valori di (1, t0 ). Atmosfera con umidità relativa di circa il 75%), adottando: t0 h0 60 giorni 12 cm

dimensione fittizia

"s

Secondo la UNI EN 1992-1-1:2005 [4], il coefficiente di viscosità così dedotto è da ritenersi valido per calcestruzzi con classe di consistenza S2 o S3. Per tener conto della classe di consistenza del calcestruzzo adottato, il coefficiente di viscosità ottenuto dalla Tabella 11.2.VI è stato moltiplicato per 1,2. I connettori impiegati consistono in barre 14 ad aderenza migliorata in acciaio B450C conforme al D.M. 14.01.2008. fy ,k fu ,k 450 MPa 540 MPa

dove: My ,Rk è il valore caratteristico del momento di snervamento del connettore che si ricava dalla seguente espressione: My ,Rk = ⇣b · fu ,k · con d3 6

Fv ,R ,k = 2, 3 ·

p fh,k · My ,Rk · d

4 · My ,Rk 2+ fh,k · L2 w ·d

1

#

⇣b =

1, 8 d 0,4

My ,Rk = 218890, 53 Nmm fh,k è il valore caratteristico della resistenza a rifollamento del legno (per unioni con preforatura) pari a: fh,↵,k = fh,0,k = 0, 082(1 d )⇢k = 28, 2408 MPa

Resistenze di calcolo del legno Il valore di calcolo di una proprietà del legno è calcolato dalla relazione: Xk Xd = kmod ·
w

Fv ,R ,k = min(63, 26; 28, 39; 22, 87) [kN ] La capacità portante del connettore è quindi pari a: Fv ,R ,d = kmod · Fv ,R ,k ,min
v

da cui si ottiene (fm,k e ft ,0,k sono moltiplicati per il coefficiente kh ): Per kmod = 0, 80 fm,d ft ,0,d ft ,90,d fc ,90,d fv ,d Per kmod = 0, 60 fm,d ft ,0,d ft ,90,d fc ,90,d fv ,d Enrico Bergamo 12, 50 MPa 8, 71 MPa 0, 19 MPa 1, 24 MPa 1, 32 MPa 16, 67 MPa 11, 61 MPa 0, 25 MPa 1, 66 MPa 1, 77 MPa

= 12, 20 kN

Rigidezza dei connettori Per le unioni legno-calcestruzzo e per il tipo di connettore adottato, il modulo di scorrimento istantaneo Kser , sotto l’azione dei carichi allo stato limite di esercizio, viene ricavato dalla seguente relazione (con ⇢k in kg /m3 e d in mm): Kser = 2 · ⇢1,5 k · d = 13282, 99 N /mm 20

mentre il modulo di scorrimento istantaneo Ku , sotto l’azione dei carichi allo stato limite ultimo, è ricavato come: Ku = 2 · Kser = 8855, 33 N /mm 3

Interasse equivalente di calcolo dei connettori

18 marzo 2013

24

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

I connettori sono posti con passo di 10 cm su una lunghezza di L/4 dagli appoggi, e con passo 25 cm nella zona centrale L/2. Essendo il passo massimo non superiore a 4 volte il passo minimo, ai fini dei calcoli si può adottare un passo equivalente pari a: seq = 0, 75 · smin + 0, 25 · smax = 13, 75 cm 5.2.4 Analisi dei carichi

G1 G2 Q1 0,j 1,j 2,j

coeff. parziale carico coeff. parziale carico coeff. parziale carico coeff. di combinazione coeff. di combinazione coeff. di combinazione

1, 30 1, 50 1, 50 0, 70 0, 70 0, 60

Le combinazioni di carico sono le seguenti: SLU Fd = SLE – rara
G1

I carichi lineari dovuti al peso proprio della trave sono:

Gk 1

peso proprio trave

0, 16 kN /m

· Gk 1 +

G2

· Gk 2 +

Q1

· Qk

I carichi superficiali agenti sono, invece:

Fd = Gk 1 + Gk 2 + Qk 1 SLE – frequente Fd = G k 1 + G k 2 +
11 Qk 1

Gk 1

peso proprio strutturale

1, 65 kN /m2 0, 18 kN /m2 1, 47 kN /m2
2

tavolato soletta

SLE – quasi permanente Fd = G k 1 + G k 2 +
21 Qk 1

Gk 2

peso proprio non strutturale

2, 03 kN /m

massetto peso specifico spessore isolamento peso specifico spessore finitura divisori interni

0, 75 kN /m2 15 kN /m3 0, 05 m 0, 08 kN /m2 3, 2 kN /m3 0, 025 m 0, 4 kN /m2 0, 8 kN /m2 3, 50 kN /m2

Queste portano a determinare i seguenti carichi di progetto:

SLU SLE – rara SLE – frequente SLE – quasi permanente

6, 47 kN /m 4, 46 kN /m 3, 83 kN /m 3, 62 kN /m

5.2.6 Sollecitazioni di progetto Lo schema statico adottato per il calcolo delle sollecitazioni è quello di trave in semplice appoggio. Luce L = 7, 46 m

Qk 1

carico variabile

I carichi agenti sulla singola trave sono: MEd Gk 1 Gk 2 Qk 1 peso proprio strutturale peso proprio non strutturale carico variabile 1, 15 kN /m 1, 22 kN /m 2, 10 kN /m SLU SLE – rara SLE – frequente SLE – q. p. 44, 98 kNm 31, 05 kNm 26, 67 kNm 25, 21 kNm VEd 24, 12 kN 16, 65 kN 14, 30 kN 13, 52 kN

5.2.5

Azioni di progetto

Si combinano i suddetti carichi caratteristici, secondo normativa, ciascuno moltiplicato per opportuni coefficienti amplificativi per passare così ai valori di progetto.

5.2.7 Verifica SLU – tempo iniziale (t = 0) Per le verifiche si adottano le formulazioni riportate nell’appendice B dell’Eurocodice 5.

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

25

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

m,1

= 0, 5 · E1 · h1 ·

MEd = 3, 99 MPa (EJ )ef

da cui si ricavano le seguenti tensioni normali per le verifiche (la soletta risulta totalmente compressa): = + = 8, 14 MPa

1,c

m,1

1

La verifica a compressione del calcestruzzo è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 1,73 Figura 5.2: Geometria degli elementi resistenti del solaio con distribuzione delle tensioni normali Calcestruzzo (1) h b A J E 60, 00 mm 600, 00 mm 36000, 00 mm2 10800000 mm4 31447 MPa
2

Verifiche Legno Le tensioni normali indicate in Figura 5.2 sono calcolate con le seguenti formule: MEd = 3, 81 MPa < fcd (EJ )ef

Legno (2) 280, 00 mm 140, 00 mm 39200, 00 mm2 256106667 mm4 12600 MPa

2

=

2

· E2 · a 2 ·

=1

m,2

= 0, 5 · E2 · h2 ·

MEd = 7, 46 MPa < fctd (EJ )ef

1

= ✓

1 ◆ = 0, 243 ⇡ · E1 · A1 · seq 1+ Ku · L2
2

da cui la verifica a tensoflessione fornisce:
2

ft ,0,d

+

m,2

fm,d

= 0, 78 < 1

a2 =

· E1 · A1 · (h1 + h2 + 2 · h0 ) = 71, 52 mm 2 · ( 1 · E1 · A1 + 2 · E2 · A2 )
1

a1 + a2 = 200 mm a1 = 128, 48 mm È da notare che la formula 2f riportata nell’Appendice B dell’Eurocodice 5 non contiene il termine 2 · h0 in quanto le due sezioni 1 e 2 sono a diretto contatto. L’inserimento del termine 2 · h0 e la sostituzione di (h1 + h2 +2 · h0 )/2 con (a1 + a2 ) permette di tener conto dello spessore di quanto compreso tra l’estradosso della trave e l’intradosso della soletta. y2 = H (a1 + 0, 5 · h1 ) = 211, 52 mm
2 1 · E1 · A1 · a1 ) + (E2

La verifica a tensfolessione del legno è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 1,29 La massima tensione tangenziale e la relativa verifica è pari a:

2 ⌧max ,2 = 0, 5 · E2 · y2 ·

VEd = 0, 64 MPa < fvd (EJ )ef

La verifica a taglio del legno è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 2,76 Verifiche Connettori

(EJ )ef = (E1 · J1 +

· J2 +

2 2 · E2 · A2 · a2 )

=

Lo sforzo agente sul connettore e la relativa verifica è pari a:

= 1, 06E + 013 Nmm2 Verifiche Calcestruzzo Le tensioni normali indicate in Figura 5.2 sono calcolate con le seguenti formule:
1

F1 =

1

· E1 · A1 · a1 · se q ·

VEd = 11, 02 kN < Fv ,Rd (EJ )ef

=

1

· E1 · a1 ·

MEd = 4, 15 MPa (EJ )ef 18 marzo 2013

La verifica dei connettori è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 1,11

Enrico Bergamo

26

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

5.2.8

Verifica SLE – tempo iniziale (t = 0)

Per le verifiche si adottano le formulazioni riportate nell’appendice B dell’Eurocodice 5. La verifica della freccia istantanea è condotta con la combinazione di carico rara (combinazione caratteristica). Facendo riferimento alla Figura 5.2 e alla formulazione dell’Appendice B dell’Eurocodice 5, adottando per il modulo di scorrimento il valore Kser = 13282, 99 N /mm , la rigidezza efficace è pari a: Calcestruzzo (1) h b A J E 60, 00 mm 600, 00 mm 36000, 00 mm2 10800000 mm4 31447 MPa
2

Adottando i parametri ricavati per la verifica di deformabilità del solaio e procedendo come per le verifiche allo SLU, la massima tensione di compressione del calcestruzzo in esercizio nelle combinazioni rara:
1

=

1

· E1 · a 1 ·

MEd = 3, 03 MPa (EJ )ef ,ser MEd = 2, 44 MPa (EJ )ef ,ser

m,1

= 0, 5 · E1 · h1 ·

Legno (2) 280, 00 mm 140, 00 mm 39200, 00 mm2 256106667 mm4 12600 MPa

da cui si ricavano le seguenti tensioni normali per le verifiche (la soletta risulta totalmente compressa):
1,c

=

m,1

+

1

= 5, 47 MPa

La verifica a compressione del calcestruzzo è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 1,55 e quasi permanente risultano:
1

=1

1

1 ◆ = 0, 325 = ✓ ⇡ 2 · E1 · A1 · seq 1+ Kser · L2

=

1

· E1 · a 1 ·

MEd = 2, 46 MPa (EJ )ef ,ser MEd = 1, 98 MPa (EJ )ef .ser

m,1

= 0, 5 · E1 · h1 ·

a2 =

1

2·(

· E1 · A1 · (h1 + h2 + 2 · h0 ) = 85, 36 mm 1 · E1 · A1 + 2 · E2 · A2 )
a1 + a2 = 200 mm a1 = 114, 64 mm

da cui si ricavano le seguenti tensioni normali per le verifiche (la soletta risulta totalmente compressa):
1,c

=

m,1

+

1

= 4, 44 MPa

La verifica a compressione del calcestruzzo è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 1,43 5.2.9 Verifica SLU – tempo finale (t = 1) Per tener conto degli effetti viscosi del legno e del calcestruzzo si adottano i seguenti valori delle rigidezze delle unioni e dei materiali: Kser ,fin = KU ,fin = Kser = 7379, 44 MPa 1 + kdef KU = 4919, 63 MPa 1 + kdef E0,m = 7000 MPa 1 + kdef

È da notare che la formula 2f riportata nell’Appendice B dell’Eurocodice 5 non contiene il termine 2 · h0 in quanto le due sezioni 1 e 2 sono a diretto contatto. L’inserimento del termine 2 · h0 e la sostituzione di (h1 + h2 +2 · h0 )/2 con (a1 + a2 ) permette di tener conto dello spessore di quanto compreso tra l’estradosso della trave e l’intradosso della soletta. y2 = H (a1 + 0, 5 · h1 ) = 225, 36 mm
2 2 1 · E1 · A1 · a1 ) + (E2 · J2 + 2 · E2 · A2 · a2 )

(EJ )ef ,ser = (E1 · J1 +

=

E0,m,fin = = 1, 20E + 013 Nmm2 Per la verifica delle frecce, il contributo della deformabilità a taglio del sistema trave-soletta è convenzionalmente riferito al solo legno ed assunto pari a: Gm,fin = Ecm,fin =

Gm = 433, 33 MPa 1 + kdef Ecm = 9529, 44 MPa 1+ Legno (2) 280, 00 mm 140, 00 mm 39200, 00 mm2 256106667 mm4 7000 MPa

↵ = 0, 96 ·

La freccia istantanea a tempo t = 0 è pari a: uin = (1 + ↵) ·
4

h2 L

◆2 ✓ ◆ E0,m · = 0, 022 Gm
h b A J E

Calcestruzzo (1) 60, 00 mm 600, 00 mm 36000, 00 mm2 10800000 mm4 9529 MPa

5 qd ,rara · L = 15, 33 mm 384 (EJ )ef ,ser

Verifiche Calcestruzzo

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

27

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

2

=1

La verifica a tensfolessione del legno è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 1,23

1

= ✓

1 1+

⇡ · E1,fin · A1 · seq Ku · L2

2

◆ = 0, 370

La massima tensione tangenziale e la relativa verifica è pari a: VEd = 0, 65 MPa < fvd (EJ )ef ,fin

1 · E1,fin · A1 · (h1 + h2 + 2 · h0 ) a2 = = 63, 29 mm 2 · ( 1 · E1,fin · A1 + 2 · E2,fin · A2 )

2 ⌧max ,2 = 0, 5 · E2,fin · y2 ·

a1 + a2 = 200 mm a1 = 136, 71 mm È da notare che la formula 2f riportata nell’Appendice B dell’Eurocodice 5 non contiene il termine 2 · h0 in quanto le due sezioni 1 e 2 sono a diretto contatto. L’inserimento del termine 2 · h0 e la sostituzione di (h1 + h2 +2 · h0 )/2 con (a1 + a2 ) permette di tener conto dello spessore di quanto compreso tra l’estradosso della trave e l’intradosso della soletta. y2 = H (a1 + 0, 5 · h1 ) = 203, 29 mm

La verifica a taglio del legno è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 2,72 Verifiche Connettori Lo sforzo agente sul connettore e la relativa verifica è pari a: VEd = 10, 73 kN < Fv ,Rd (EJ )ef ,fin

F1 =

1

· E1,fin · A1 · a1 · se q ·

La verifica dei connettori è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 1,14 5.2.10 Verifica SLE – tempo finale (t = 1)

2 2 (EJ )ef ,fin = (E1,fin ·J1 + 1 ·E1,fin ·A1 ·a1 )+(E2,fin ·J2 + 2 ·E2,fin ·A2 ·a2 ) = Per le verifiche si adottano le formulazioni riportate nell’appendice B dell’Eurocodice 5. La verifica della freccia istantanea è condotta con la = 5, 37E + 012 Nmm2 combinazione di carico rara (combinazione caratteristica). Facendo riferimento alla Figura 5.2 e alla formulazione delVerifiche Calcestruzzo Le tensioni normali indicate in Figura 5.2 sono calcolate l’Appendice B dell’Eurocodice 5, adottando per il modulo di scorrimento il valore Kser = 7379, 44 N /mm , la rigidezza con le seguenti formule: efficace è pari a: MEd = 4, 04 MPa 1 = 1 · E1,fin · a1 · Calcestruzzo (1) Legno (2) (EJ )ef ,fin

m,1

= 0, 5 · E1,fin · h1 ·

MEd = 2, 40 MPa (EJ )ef ,fin

da cui si ricavano le seguenti tensioni normali per le verifiche (la soletta risulta tutta compressa):
1,c

h b A J E

60, 00 mm 600, 00 mm 36000, 00 mm2 10800000 mm4 9529, 44 MPa
2

280, 00 mm 140, 00 mm 39200, 00 mm2 256106667 mm4 7000, 00 MPa

=

m,1

+

1

= 6, 44 MPa

=1

La verifica a compressione del calcestruzzo è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 2,19 Verifiche Legno Le tensioni normali indicate in Figura 5.2 sono calcolate con le seguenti formule: =

1

= ✓

1 ◆ = 0, 469 ⇡ 2 · E1 · A1 · seq 1+ Kser · L2

2

2

· E2,fin · a2 ·

MEd = 3, 71 MPa < fcd (EJ )ef ,fin MEd = 8, 21 MPa < fctd (EJ )ef ,fin

a2 =

1

2·(

· E1 · A1 · (h1 + h2 + 2 · h0 ) = 73, 89 mm 1 · E1 · A1 + 2 · E2 · A2 )
a1 + a2 = 200 mm a1 = 126, 11 mm

m,2

= 0, 5 · E2,fin · h2 ·

da cui la verifica a tensoflessione fornisce:
2

ft ,0,d

+

m,2

fm,d

= 0, 81 < 1

È da notare che la formula 2f riportata nell’Appendice B dell’Eurocodice 5 non contiene il termine 2 · h0 in quanto le due sezioni 1 e 2 sono a diretto contatto. L’inserimento del termine 2 · h0 e la sostituzione di (h1 + h2 +2 · h0 )/2 con (a1 + a2 ) 18 marzo 2013 28

Enrico Bergamo

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

permette di tener conto dello spessore di quanto compreso tra l’estradosso della trave e l’intradosso della soletta.
m,1

y2 = H

(EJ )ef ,ser ,fin

da cui si ricavano le seguenti tensioni normali per le verifiche (la soletta risulta tutta compressa): 2 2 = (E1,fin ·J1 + 1 ·E1,fin ·A1 ·a1 )+(E2,fin ·J2 + 2 ·E2,fin ·A2 ·a2 )=
1,c

(a1 + 0, 5 · h1 ) = 213, 89 mm

= 0, 5 · E1,fin · h1 ·

MEd = 1, 21 MPa (EJ )ef

=

m,1

+

1

= 3, 60 MPa

= 5, 95E + 012 Nmm2 La freccia finale a tempo t = 1 è pari a: ufin = (1 + ↵) · 5 qd ,qp · L4 = 25, 09 mm 384 (EJ )ef ,ser ,fin La verifica a compressione del calcestruzzo è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 1,77

La norma del CNR, al punto 6.4.1, per le verifiche agli stati limite d’esercizio prescrive che Per il calcolo della deformazione finale (ufin) occorre valutare la deformazione a lungo termine per la combinazione di carico quasi permanente e sommare a quest’ultima la deformazione istantanea dovuta alla sola aliquota mancante, nella combinazione quasi permanente, del carico accidentale prevalente (da intendersi come il carico variabile di base della combinazione rara). In base di queste indicazioni, la freccia finale è pari a:
0 ufin = ufin + u ⇤in

5.3

Verifica solaio con luce L2

5.3.1 Dati di progetto

L VN

luce di calcolo vita nominale Classe d’uso

5, 2 m 75 anni III

dove: 5 (qd ,rara qd ,qp ) · L4 u ⇤in = (1 + ↵) · = 2, 88 mm 384 (EJ )ef ,ser da cui risulta:
0 ufin = ufin + u ⇤in = 27, 98 mm

Le caratteristiche geometriche sono: h1 h0 h2 H b i
C

spessore soletta spessore tavolato altezza trave spessore totale solaio base della trave interasse travi diametro connettori passo connettori appoggi passo connettori campata infissione del connettore: nella soletta ( 2, 5 C ) nella trave ( 6 C )

6 cm 3 cm 28 cm 37 cm 14 cm 70 cm 16 mm 10, 00 cm 25 cm 4, 5 cm 14 cm

Verifiche Calcestruzzo Adottando i parametri ricavati per la verifica di deformabilità del solaio e procedendo come per le verifiche allo SLU, la massima tensione di compressione del calcestruzzo in esercizio nelle combinazioni rara:
1

smin smax LC LW

MEd = 1 · E1,fin · a1 · = 2, 94 MPa (EJ )ef ,ser ,fin MEd = 0, 5 · E1,fin · h1 · = 1, 49 MPa (EJ )ef ,ser ,fin

m,1

da cui si ricavano le seguenti tensioni normali per le verifiche (la soletta risulta tutta compressa):
1,c

Si sottolinea che per il soddisfacimento delle verifiche era sufficiente una soletta da 5 cm. È stata adottata una soletta da 6 cm al fine di garantire un adeguato copriferro della rete elettrosaldata e un efficace ancoraggio dei connettori nella soletta, anche in funzione del diametro minimo D del mandrino di piega.

=

m,1

+

1

= 4, 43 MPa D=4 = 64 mm

La verifica a compressione del calcestruzzo è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 1,91 e quasi permanente risultano:
1

!

Lc ,min = D /2 +

= 48 mm

5.3.2 Caratteristiche dei materiali Le principali caratteristiche dei materiali necessarie alla verifica della struttura e non precedentemente indicate sono:

=

1

· E1,fin · a1 ·

MEd = 2, 39 MPa (EJ )ef

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

29

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

kk kdef kmod kmod

Legno Classe di servizio = min[(600/h2 )0,1 ; 1, 1] = carichi permanenti carichi variabili media durata tavolato Calcestruzzo Classe di esposizione Classe di consistenza al getto Diametro massimo aggregato coefficiente di viscosità

⇢k

2 1, 08 0, 80 0, 60 0, 80 600 kg /m3

D’ora in avanti, per le verifiche si fa riferimento alla combinazione dei carichi che comprendono sia le azioni permanenti (strutturali e non) e sia i carichi variabili (kmod = 0, 80), poiché tale situazione, nel caso oggetto di studio, risulta più gravosa rispetto a quella con i soli carichi permanenti (kmod = 0, 60).

Dmax (1, t0 )

XC 1 S4 15 mm ⇡ 2, 30

5.3.3 Caratteristiche dei connettori Capacità portante dei connettori Il valore di progetto della capacità portante del singolo connettore è pari al minore dei seguenti valori (non si considera la resistenza caratteristica all’estrazione Fax ,Rk ): Fv ,R ,k = fh,k · Lw · d Fv ,R ,k = fh,k · Lw · d ·

Il coefficiente di viscosità (1, t0 ) tempo infinito, funzione della classe di servizio, è stato dedotto in maniera semplificata dalla Tabella 11.2.VI delle NTC (Valori di (1, t0 ). Atmosfera con umidità relativa di circa il 75%), adottando: t0 h0 60 giorni 12 cm

dimensione fittizia

"s

Secondo la UNI EN 1992-1-1:2005 [4], il coefficiente di viscosità così dedotto è da ritenersi valido per calcestruzzi con classe di consistenza S2 o S3. Per tener conto della classe di consistenza del calcestruzzo adottato, il coefficiente di viscosità ottenuto dalla Tabella 11.2.VI è stato moltiplicato per 1,2. I connettori impiegati consistono in barre 14 ad aderenza migliorata in acciaio B450C conforme al D.M. 14.01.2008. fy ,k fu ,k 450 MPa 540 MPa

dove: My ,Rk è il valore caratteristico del momento di snervamento del connettore che si ricava dalla seguente espressione: My ,Rk = ⇣b · fu ,k · con d3 6

Fv ,R ,k = 2, 3 ·

p fh,k · My ,Rk · d

4 · My ,Rk 2+ fh,k · L2 w ·d

1

#

⇣b =

1, 8 d 0,4

My ,Rk = 218890, 53 Nmm fh,k è il valore caratteristico della resistenza a rifollamento del legno (per unioni con preforatura) pari a: fh,↵,k = fh,0,k = 0, 082(1 d )⇢k = 28, 2408 MPa

Resistenze di calcolo del legno Il valore di calcolo di una proprietà del legno è calcolato dalla relazione: Xk Xd = kmod ·
w

Fv ,R ,k = min(63, 26; 28, 39; 22, 87) [kN ] La capacità portante del connettore è quindi pari a: Fv ,R ,d = kmod · Fv ,R ,k ,min
v

da cui si ottiene (fm,k e ft ,0,k sono moltiplicati per il coefficiente kh ): Per kmod = 0, 80 fm,d ft ,0,d ft ,90,d fc ,90,d fv ,d Per kmod = 0, 60 fm,d ft ,0,d ft ,90,d fc ,90,d fv ,d Enrico Bergamo 12, 50 MPa 8, 71 MPa 0, 19 MPa 1, 24 MPa 1, 32 MPa 16, 67 MPa 11, 61 MPa 0, 25 MPa 1, 66 MPa 1, 77 MPa

= 12, 20 kN

Rigidezza dei connettori Per le unioni legno-calcestruzzo e per il tipo di connettore adottato, il modulo di scorrimento istantaneo Kser , sotto l’azione dei carichi allo stato limite di esercizio, viene ricavato dalla seguente relazione (con ⇢k in kg /m3 e d in mm): Kser = 2 · ⇢1,5 k · d = 13282, 99 N /mm 20

mentre il modulo di scorrimento istantaneo Ku , sotto l’azione dei carichi allo stato limite ultimo, è ricavato come: Ku = 2 · Kser = 8855, 33 N /mm 3

Interasse equivalente di calcolo dei connettori

18 marzo 2013

30

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

I connettori sono posti con passo di 10 cm su una lunghezza di L/4 dagli appoggi, e con passo 25 cm nella zona centrale L/2. Essendo il passo massimo non superiore a 4 volte il passo minimo, ai fini dei calcoli si può adottare un passo equivalente pari a: seq = 0, 75 · smin + 0, 25 · smax = 13, 75 cm 5.3.4 Analisi dei carichi

G1 G2 Q1 0,j 1,j 2,j

coeff. parziale carico coeff. parziale carico coeff. parziale carico coeff. di combinazione coeff. di combinazione coeff. di combinazione

1, 30 1, 50 1, 50 0, 70 0, 70 0, 60

Le combinazioni di carico sono le seguenti: SLU Fd = SLE – rara
G1

I carichi lineari dovuti al peso proprio della trave sono:

Gk 1

peso proprio trave

0, 16 kN /m

· Gk 1 +

G2

· Gk 2 +

Q1

· Qk

I carichi superficiali agenti sono, invece:

Fd = Gk 1 + Gk 2 + Qk 1 SLE – frequente Fd = G k 1 + G k 2 +
11 Qk 1

Gk 1

peso proprio strutturale

1, 65 kN /m2 0, 18 kN /m2 1, 47 kN /m2
2

tavolato soletta

SLE – quasi permanente Fd = G k 1 + G k 2 +
21 Qk 1

Gk 2

peso proprio non strutturale

2, 03 kN /m

massetto peso specifico spessore isolamento peso specifico spessore finitura divisori interni

0, 75 kN /m2 15 kN /m3 0, 05 m 0, 08 kN /m2 3, 2 kN /m3 0, 025 m 0, 4 kN /m2 0, 8 kN /m2 3, 50 kN /m2

Queste portano a determinare i seguenti carichi di progetto:

SLU SLE – rara SLE – frequente SLE – quasi permanente

7, 51 kN /m 5, 18 kN /m 4, 45 kN /m 4, 20 kN /m

5.3.6 Sollecitazioni di progetto Lo schema statico adottato per il calcolo delle sollecitazioni è quello di trave in semplice appoggio. Luce L = 5, 2 m

Qk 1

carico variabile

I carichi agenti sulla singola trave sono: MEd Gk 1 Gk 2 Qk 1 peso proprio strutturale peso proprio non strutturale carico variabile 1, 31 kN /m 1, 42 kN /m 2, 45 kN /m SLU SLE – rara SLE – frequente SLE – q. p. 25, 38 kNm 17, 51 kNm 15, 03 kNm 14, 20 kNm VEd 19, 53 kN 13, 47 kN 11, 56 kN 10, 92 kN

5.3.5

Azioni di progetto

Si combinano i suddetti carichi caratteristici, secondo normativa, ciascuno moltiplicato per opportuni coefficienti amplificativi per passare così ai valori di progetto.

5.3.7 Verifica SLU – tempo iniziale (t = 0) Per le verifiche si adottano le formulazioni riportate nell’appendice B dell’Eurocodice 5.

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

31

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

m,1

= 0, 5 · E1 · h1 ·

MEd = 2, 87 MPa (EJ )ef

da cui si ricavano le seguenti tensioni normali per le verifiche (la soletta risulta totalmente compressa): = + = 4, 58 MPa

1,c

m,1

1

La verifica a compressione del calcestruzzo è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 3,08 Figura 5.3: Geometria degli elementi resistenti del solaio con distribuzione delle tensioni normali Calcestruzzo (1) h b A J E 60, 00 mm 700, 00 mm 42000, 00 mm2 12600000 mm4 31447 MPa
2

Verifiche Legno Le tensioni normali indicate in Figura 5.3 sono calcolate con le seguenti formule: MEd = 1, 83 MPa < fcd (EJ )ef

Legno (2) 280, 00 mm 140, 00 mm 39200, 00 mm2 256106667 mm4 12600 MPa

2

=

2

· E2 · a 2 ·

=1

m,2

= 0, 5 · E2 · h2 ·

MEd = 5, 36 MPa < fctd (EJ )ef

1

= ✓

1 ◆ = 0, 118 ⇡ · E1 · A1 · seq 1+ Ku · L2
2

da cui la verifica a tensoflessione fornisce:
2

ft ,0,d

+

m,2

fm,d

= 0, 48 < 1

a2 =

· E1 · A1 · (h1 + h2 + 2 · h0 ) = 47, 92 mm 2 · ( 1 · E1 · A1 + 2 · E2 · A2 )
1

a1 + a2 = 200 mm a1 = 152, 08 mm È da notare che la formula 2f riportata nell’Appendice B dell’Eurocodice 5 non contiene il termine 2 · h0 in quanto le due sezioni 1 e 2 sono a diretto contatto. L’inserimento del termine 2 · h0 e la sostituzione di (h1 + h2 +2 · h0 )/2 con (a1 + a2 ) permette di tener conto dello spessore di quanto compreso tra l’estradosso della trave e l’intradosso della soletta. y2 = H (a1 + 0, 5 · h1 ) = 187, 92 mm
2 1 · E1 · A1 · a1 ) + (E2

La verifica a tensfolessione del legno è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 2,09 La massima tensione tangenziale e la relativa verifica è pari a:

2 ⌧max ,2 = 0, 5 · E2 · y2 ·

VEd = 0, 52 MPa < fvd (EJ )ef

La verifica a taglio del legno è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 3,40 Verifiche Connettori

(EJ )ef = (E1 · J1 +

· J2 +

2 2 · E2 · A2 · a2 )

=

Lo sforzo agente sul connettore e la relativa verifica è pari a:

= 8, 36E + 012 Nmm2 Verifiche Calcestruzzo Le tensioni normali indicate in Figura 5.3 sono calcolate con le seguenti formule:
1

F1 =

1

· E1 · A1 · a1 · se q ·

VEd = 7, 60 kN < Fv ,Rd (EJ )ef

=

1

· E1 · a1 ·

MEd = 1, 71 MPa (EJ )ef 18 marzo 2013

La verifica dei connettori è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 1,60

Enrico Bergamo

32

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

5.3.8

Verifica SLE – tempo iniziale (t = 0)

Per le verifiche si adottano le formulazioni riportate nell’appendice B dell’Eurocodice 5. La verifica della freccia istantanea è condotta con la combinazione di carico rara (combinazione caratteristica). Facendo riferimento alla Figura 5.3 e alla formulazione dell’Appendice B dell’Eurocodice 5, adottando per il modulo di scorrimento il valore Kser = 13282, 99 N /mm , la rigidezza efficace è pari a: Calcestruzzo (1) h b A J E 60, 00 mm 700, 00 mm 42000, 00 mm2 12600000 mm4 31447 MPa
2

Adottando i parametri ricavati per la verifica di deformabilità del solaio e procedendo come per le verifiche allo SLU, la massima tensione di compressione del calcestruzzo in esercizio nelle combinazioni rara:
1

=

1

· E1 · a 1 ·

MEd = 1, 31 MPa (EJ )ef ,ser MEd = 1, 70 MPa (EJ )ef ,ser

m,1

= 0, 5 · E1 · h1 ·

Legno (2) 280, 00 mm 140, 00 mm 39200, 00 mm2 256106667 mm4 12600 MPa

da cui si ricavano le seguenti tensioni normali per le verifiche (la soletta risulta totalmente compressa):
1,c

=

m,1

+

1

= 3, 01 MPa

La verifica a compressione del calcestruzzo è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 2,82 e quasi permanente risultano:
1

=1

1

1 ◆ = 0, 167 = ✓ ⇡ 2 · E1 · A1 · seq 1+ Kser · L2

=

1

· E1 · a 1 ·

MEd = 1, 06 MPa (EJ )ef ,ser MEd = 1, 38 MPa (EJ )ef .ser

m,1

= 0, 5 · E1 · h1 ·

a2 =

1

2·(

· E1 · A1 · (h1 + h2 + 2 · h0 ) = 61, 73 mm 1 · E1 · A1 + 2 · E2 · A2 )
a1 + a2 = 200 mm a1 = 138, 27 mm

da cui si ricavano le seguenti tensioni normali per le verifiche (la soletta risulta totalmente compressa):
1,c

=

m,1

+

1

= 2, 44 MPa

La verifica a compressione del calcestruzzo è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 2,60 5.3.9 Verifica SLU – tempo finale (t = 1) Per tener conto degli effetti viscosi del legno e del calcestruzzo si adottano i seguenti valori delle rigidezze delle unioni e dei materiali: Kser ,fin = KU ,fin = Kser = 7379, 44 MPa 1 + kdef KU = 4919, 63 MPa 1 + kdef E0,m = 7000 MPa 1 + kdef Gm = 0, 00 MPa 1 + kdef Ecm = 9529, 44 MPa 1+ Legno (2) 280, 00 mm 140, 00 mm 39200, 00 mm2 256106667 mm4 7000 MPa

È da notare che la formula 2f riportata nell’Appendice B dell’Eurocodice 5 non contiene il termine 2 · h0 in quanto le due sezioni 1 e 2 sono a diretto contatto. L’inserimento del termine 2 · h0 e la sostituzione di (h1 + h2 +2 · h0 )/2 con (a1 + a2 ) permette di tener conto dello spessore di quanto compreso tra l’estradosso della trave e l’intradosso della soletta. y2 = H (a1 + 0, 5 · h1 ) = 201, 73 mm
2 2 1 · E1 · A1 · a1 ) + (E2 · J2 + 2 · E2 · A2 · a2 )

(EJ )ef ,ser = (E1 · J1 +

=

E0,m,fin = = 9, 72E + 012 Nmm2 Per la verifica delle frecce, il contributo della deformabilità a taglio del sistema trave-soletta è convenzionalmente riferito al solo legno ed assunto pari a: Gm,fin = Ecm,fin =

↵ = 0, 96 ·

La freccia istantanea a tempo t = 0 è pari a: uin = (1 + ↵) ·
4

h2 L

◆2 ✓ ◆ E0,m · = 0, 045 Gm
h b A J E

Calcestruzzo (1) 60, 00 mm 700, 00 mm 42000, 00 mm2 12600000 mm4 9529 MPa

5 qd ,rara · L = 5, 30 mm 384 (EJ )ef ,ser

Verifiche Calcestruzzo

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

33

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

2

=1

La verifica a tensfolessione del legno è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 2,01

1

= ✓

1 1+

⇡ · E1,fin · A1 · seq Ku · L2

2

◆ = 0, 197

La massima tensione tangenziale e la relativa verifica è pari a: VEd = 0, 53 MPa < fvd (EJ )ef ,fin

1 · E1,fin · A1 · (h1 + h2 + 2 · h0 ) a2 = = 44, 59 mm 2 · ( 1 · E1,fin · A1 + 2 · E2,fin · A2 )

2 ⌧max ,2 = 0, 5 · E2,fin · y2 ·

a1 + a2 = 200 mm a1 = 155, 41 mm È da notare che la formula 2f riportata nell’Appendice B dell’Eurocodice 5 non contiene il termine 2 · h0 in quanto le due sezioni 1 e 2 sono a diretto contatto. L’inserimento del termine 2 · h0 e la sostituzione di (h1 + h2 +2 · h0 )/2 con (a1 + a2 ) permette di tener conto dello spessore di quanto compreso tra l’estradosso della trave e l’intradosso della soletta. y2 = H (a1 + 0, 5 · h1 ) = 184, 59 mm

La verifica a taglio del legno è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 3,31 Verifiche Connettori Lo sforzo agente sul connettore e la relativa verifica è pari a: VEd = 7, 53 kN < Fv ,Rd (EJ )ef ,fin

F1 =

1

· E1,fin · A1 · a1 · se q ·

La verifica dei connettori è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 1,62 5.3.10 Verifica SLE – tempo finale (t = 1)

2 2 (EJ )ef ,fin = (E1,fin ·J1 + 1 ·E1,fin ·A1 ·a1 )+(E2,fin ·J2 + 2 ·E2,fin ·A2 ·a2 ) = Per le verifiche si adottano le formulazioni riportate nell’appendice B dell’Eurocodice 5. La verifica della freccia istantanea è condotta con la = 4, 36E + 012 Nmm2 combinazione di carico rara (combinazione caratteristica). Facendo riferimento alla Figura 5.3 e alla formulazione delVerifiche Calcestruzzo Le tensioni normali indicate in Figura 5.3 sono calcolate l’Appendice B dell’Eurocodice 5, adottando per il modulo di scorrimento il valore Kser = 7379, 44 N /mm , la rigidezza con le seguenti formule: efficace è pari a: MEd = 1, 70 MPa 1 = 1 · E1,fin · a1 · Calcestruzzo (1) Legno (2) (EJ )ef ,fin

m,1

= 0, 5 · E1,fin · h1 ·

MEd = 1, 66 MPa (EJ )ef ,fin

da cui si ricavano le seguenti tensioni normali per le verifiche (la soletta risulta tutta compressa):
1,c

h b A J E

60, 00 mm 700, 00 mm 42000, 00 mm2 12600000 mm4 9529, 44 MPa
2

280, 00 mm 140, 00 mm 39200, 00 mm2 256106667 mm4 7000, 00 MPa

=

m,1

+

1

= 3, 36 MPa

=1

La verifica a compressione del calcestruzzo è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 4,20 Verifiche Legno Le tensioni normali indicate in Figura 5.3 sono calcolate con le seguenti formule: =

1

= ✓

1 ◆ = 0, 269 ⇡ 2 · E1 · A1 · seq 1+ Kser · L2

2

2

· E2,fin · a2 ·

MEd = 1, 82 MPa < fcd (EJ )ef ,fin MEd = 5, 71 MPa < fctd (EJ )ef ,fin

a2 =

1

2·(

· E1 · A1 · (h1 + h2 + 2 · h0 ) = 56, 31 mm 1 · E1 · A1 + 2 · E2 · A2 )
a1 + a2 = 200 mm a1 = 143, 69 mm

m,2

= 0, 5 · E2,fin · h2 ·

da cui la verifica a tensoflessione fornisce:
2

ft ,0,d

+

m,2

fm,d

= 0, 50 < 1

È da notare che la formula 2f riportata nell’Appendice B dell’Eurocodice 5 non contiene il termine 2 · h0 in quanto le due sezioni 1 e 2 sono a diretto contatto. L’inserimento del termine 2 · h0 e la sostituzione di (h1 + h2 +2 · h0 )/2 con (a1 + a2 ) 18 marzo 2013 34

Enrico Bergamo

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

permette di tener conto dello spessore di quanto compreso tra l’estradosso della trave e l’intradosso della soletta.
m,1

y2 = H

(EJ )ef ,ser ,fin

da cui si ricavano le seguenti tensioni normali per le verifiche (la soletta risulta tutta compressa): 2 2 = (E1,fin ·J1 + 1 ·E1,fin ·A1 ·a1 )+(E2,fin ·J2 + 2 ·E2,fin ·A2 ·a2 )=
1,c

(a1 + 0, 5 · h1 ) = 196, 31 mm

= 0, 5 · E1,fin · h1 ·

MEd = 0, 81 MPa (EJ )ef

=

m,1

+

1

= 1, 86 MPa

= 5, 00E + 012 Nmm2 La freccia finale a tempo t = 1 è pari a: ufin = (1 + ↵) · 5 qd ,qp · L4 = 8, 35 mm 384 (EJ )ef ,ser ,fin La verifica a compressione del calcestruzzo è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 3,42

La norma del CNR, al punto 6.4.1, per le verifiche agli stati limite d’esercizio prescrive che Per il calcolo della deformazione finale (ufin) occorre valutare la deformazione a lungo termine per la combinazione di carico quasi permanente e sommare a quest’ultima la deformazione istantanea dovuta alla sola aliquota mancante, nella combinazione quasi permanente, del carico accidentale prevalente (da intendersi come il carico variabile di base della combinazione rara). In base di queste indicazioni, la freccia finale è pari a:
0 ufin = ufin + u ⇤in

5.4

Verifica solaio con luce L3

5.4.1 Dati di progetto

L VN

luce di calcolo vita nominale Classe d’uso

3, 15 m 75 anni III

dove: 5 (qd ,rara qd ,qp ) · L4 u ⇤in = (1 + ↵) · = 1, 00 mm 384 (EJ )ef ,ser da cui risulta:
0 ufin = ufin + u ⇤in = 9, 36 mm

Le caratteristiche geometriche sono: h1 h0 h2 H b i
C

spessore soletta spessore tavolato altezza trave spessore totale solaio base della trave interasse travi diametro connettori passo connettori appoggi passo connettori campata infissione del connettore: nella soletta ( 2, 5 C ) nella trave ( 6 C )

6 cm 3 cm 28 cm 37 cm 14 cm 75 cm 16 mm 10, 00 cm 25 cm 4, 5 cm 14 cm

Verifiche Calcestruzzo Adottando i parametri ricavati per la verifica di deformabilità del solaio e procedendo come per le verifiche allo SLU, la massima tensione di compressione del calcestruzzo in esercizio nelle combinazioni rara:
1

smin smax LC LW

MEd = 1 · E1,fin · a1 · = 1, 29 MPa (EJ )ef ,ser ,fin MEd = 0, 5 · E1,fin · h1 · = 1, 00 MPa (EJ )ef ,ser ,fin

m,1

da cui si ricavano le seguenti tensioni normali per le verifiche (la soletta risulta tutta compressa):
1,c

Si sottolinea che per il soddisfacimento delle verifiche era sufficiente una soletta da 5 cm. È stata adottata una soletta da 6 cm al fine di garantire un adeguato copriferro della rete elettrosaldata e un efficace ancoraggio dei connettori nella soletta, anche in funzione del diametro minimo D del mandrino di piega.

=

m,1

+

1

= 2, 29 MPa D=4 = 64 mm

La verifica a compressione del calcestruzzo è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 3,70 e quasi permanente risultano:
1

!

Lc ,min = D /2 +

= 48 mm

5.4.2 Caratteristiche dei materiali Le principali caratteristiche dei materiali necessarie alla verifica della struttura e non precedentemente indicate sono:

=

1

· E1,fin · a1 ·

MEd = 1, 04 MPa (EJ )ef

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

35

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

kk kdef kmod kmod

Legno Classe di servizio = min[(600/h2 )0,1 ; 1, 1] = carichi permanenti carichi variabili media durata tavolato Calcestruzzo Classe di esposizione Classe di consistenza al getto Diametro massimo aggregato coefficiente di viscosità

⇢k

2 1, 08 0, 80 0, 60 0, 80 600 kg /m3

D’ora in avanti, per le verifiche si fa riferimento alla combinazione dei carichi che comprendono sia le azioni permanenti (strutturali e non) e sia i carichi variabili (kmod = 0, 80), poiché tale situazione, nel caso oggetto di studio, risulta più gravosa rispetto a quella con i soli carichi permanenti (kmod = 0, 60).

Dmax (1, t0 )

XC 1 S4 15 mm ⇡ 2, 30

5.4.3 Caratteristiche dei connettori Capacità portante dei connettori Il valore di progetto della capacità portante del singolo connettore è pari al minore dei seguenti valori (non si considera la resistenza caratteristica all’estrazione Fax ,Rk ): Fv ,R ,k = fh,k · Lw · d Fv ,R ,k = fh,k · Lw · d ·

Il coefficiente di viscosità (1, t0 ) tempo infinito, funzione della classe di servizio, è stato dedotto in maniera semplificata dalla Tabella 11.2.VI delle NTC (Valori di (1, t0 ). Atmosfera con umidità relativa di circa il 75%), adottando: t0 h0 60 giorni 12 cm

dimensione fittizia

"s

Secondo la UNI EN 1992-1-1:2005 [4], il coefficiente di viscosità così dedotto è da ritenersi valido per calcestruzzi con classe di consistenza S2 o S3. Per tener conto della classe di consistenza del calcestruzzo adottato, il coefficiente di viscosità ottenuto dalla Tabella 11.2.VI è stato moltiplicato per 1,2. I connettori impiegati consistono in barre 14 ad aderenza migliorata in acciaio B450C conforme al D.M. 14.01.2008. fy ,k fu ,k 450 MPa 540 MPa

dove: My ,Rk è il valore caratteristico del momento di snervamento del connettore che si ricava dalla seguente espressione: My ,Rk = ⇣b · fu ,k · con d3 6

Fv ,R ,k = 2, 3 ·

p fh,k · My ,Rk · d

4 · My ,Rk 2+ fh,k · L2 w ·d

1

#

⇣b =

1, 8 d 0,4

My ,Rk = 218890, 53 Nmm fh,k è il valore caratteristico della resistenza a rifollamento del legno (per unioni con preforatura) pari a: fh,↵,k = fh,0,k = 0, 082(1 d )⇢k = 28, 2408 MPa

Resistenze di calcolo del legno Il valore di calcolo di una proprietà del legno è calcolato dalla relazione: Xk Xd = kmod ·
w

Fv ,R ,k = min(63, 26; 28, 39; 22, 87) [kN ] La capacità portante del connettore è quindi pari a: Fv ,R ,d = kmod · Fv ,R ,k ,min
v

da cui si ottiene (fm,k e ft ,0,k sono moltiplicati per il coefficiente kh ): Per kmod = 0, 80 fm,d ft ,0,d ft ,90,d fc ,90,d fv ,d Per kmod = 0, 60 fm,d ft ,0,d ft ,90,d fc ,90,d fv ,d Enrico Bergamo 12, 50 MPa 8, 71 MPa 0, 19 MPa 1, 24 MPa 1, 32 MPa 16, 67 MPa 11, 61 MPa 0, 25 MPa 1, 66 MPa 1, 77 MPa

= 12, 20 kN

Rigidezza dei connettori Per le unioni legno-calcestruzzo e per il tipo di connettore adottato, il modulo di scorrimento istantaneo Kser , sotto l’azione dei carichi allo stato limite di esercizio, viene ricavato dalla seguente relazione (con ⇢k in kg /m3 e d in mm): Kser = 2 · ⇢1,5 k · d = 13282, 99 N /mm 20

mentre il modulo di scorrimento istantaneo Ku , sotto l’azione dei carichi allo stato limite ultimo, è ricavato come: Ku = 2 · Kser = 8855, 33 N /mm 3

Interasse equivalente di calcolo dei connettori

18 marzo 2013

36

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

I connettori sono posti con passo di 10 cm su una lunghezza di L/4 dagli appoggi, e con passo 25 cm nella zona centrale L/2. Essendo il passo massimo non superiore a 4 volte il passo minimo, ai fini dei calcoli si può adottare un passo equivalente pari a: seq = 0, 75 · smin + 0, 25 · smax = 13, 75 cm 5.4.4 Analisi dei carichi

G1 G2 Q1 0,j 1,j 2,j

coeff. parziale carico coeff. parziale carico coeff. parziale carico coeff. di combinazione coeff. di combinazione coeff. di combinazione

1, 30 1, 50 1, 50 0, 70 0, 70 0, 60

Le combinazioni di carico sono le seguenti: SLU Fd = SLE – rara
G1

I carichi lineari dovuti al peso proprio della trave sono:

Gk 1

peso proprio trave

0, 16 kN /m

· Gk 1 +

G2

· Gk 2 +

Q1

· Qk

I carichi superficiali agenti sono, invece:

Fd = Gk 1 + Gk 2 + Qk 1 SLE – frequente Fd = G k 1 + G k 2 +
11 Qk 1

Gk 1

peso proprio strutturale

1, 65 kN /m2 0, 18 kN /m2 1, 47 kN /m2
2

tavolato soletta

SLE – quasi permanente Fd = G k 1 + G k 2 +
21 Qk 1

Gk 2

peso proprio non strutturale

2, 03 kN /m

massetto peso specifico spessore isolamento peso specifico spessore finitura divisori interni

0, 75 kN /m2 15 kN /m3 0, 05 m 0, 08 kN /m2 3, 2 kN /m3 0, 025 m 0, 4 kN /m2 0, 8 kN /m2 3, 50 kN /m2

Queste portano a determinare i seguenti carichi di progetto:

SLU SLE – rara SLE – frequente SLE – quasi permanente

8, 03 kN /m 5, 54 kN /m 4, 75 kN /m 4, 49 kN /m

5.4.6 Sollecitazioni di progetto Lo schema statico adottato per il calcolo delle sollecitazioni è quello di trave in semplice appoggio. Luce L = 3, 15 m

Qk 1

carico variabile

I carichi agenti sulla singola trave sono: MEd Gk 1 Gk 2 Qk 1 peso proprio strutturale peso proprio non strutturale carico variabile 1, 39 kN /m 1, 52 kN /m 2, 63 kN /m SLU SLE – rara SLE – frequente SLE – q. p. 9, 96 kNm 6, 87 kNm 5, 89 kNm 5, 57 kNm VEd 12, 65 kN 8, 73 kN 7, 49 kN 7, 07 kN

5.4.5

Azioni di progetto

Si combinano i suddetti carichi caratteristici, secondo normativa, ciascuno moltiplicato per opportuni coefficienti amplificativi per passare così ai valori di progetto.

5.4.7 Verifica SLU – tempo iniziale (t = 0) Per le verifiche si adottano le formulazioni riportate nell’appendice B dell’Eurocodice 5.

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

37

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

m,1

= 0, 5 · E1 · h1 ·

MEd = 1, 61 MPa (EJ )ef

da cui si ricavano le seguenti tensioni normali per le verifiche (la soletta risulta totalmente compressa): = + = 2, 02 MPa

1,c

m,1

1

La verifica a compressione del calcestruzzo è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 6,98 Figura 5.4: Geometria degli elementi resistenti del solaio con distribuzione delle tensioni normali Calcestruzzo (1) h b A J E 60, 00 mm 750, 00 mm 45000, 00 mm2 13500000 mm4 31447 MPa
2

Verifiche Legno Le tensioni normali indicate in Figura 5.4 sono calcolate con le seguenti formule: MEd = 0, 48 MPa < fcd (EJ )ef

Legno (2) 280, 00 mm 140, 00 mm 39200, 00 mm2 256106667 mm4 12600 MPa

2

=

2

· E2 · a 2 ·

=1

m,2

= 0, 5 · E2 · h2 ·

MEd = 3, 00 MPa < fctd (EJ )ef

1

= ✓

1 ◆ = 0, 044 ⇡ · E1 · A1 · seq 1+ Ku · L2
2

da cui la verifica a tensoflessione fornisce:
2

ft ,0,d

+

m,2

fm,d

= 0, 22 < 1

a2 =

· E1 · A1 · (h1 + h2 + 2 · h0 ) = 22, 28 mm 2 · ( 1 · E1 · A1 + 2 · E2 · A2 )
1

a1 + a2 = 200 mm a1 = 177, 72 mm È da notare che la formula 2f riportata nell’Appendice B dell’Eurocodice 5 non contiene il termine 2 · h0 in quanto le due sezioni 1 e 2 sono a diretto contatto. L’inserimento del termine 2 · h0 e la sostituzione di (h1 + h2 +2 · h0 )/2 con (a1 + a2 ) permette di tener conto dello spessore di quanto compreso tra l’estradosso della trave e l’intradosso della soletta. y2 = H (a1 + 0, 5 · h1 ) = 162, 28 mm
2 1 · E1 · A1 · a1 ) + (E2

La verifica a tensfolessione del legno è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 4,52 La massima tensione tangenziale e la relativa verifica è pari a:

2 ⌧max ,2 = 0, 5 · E2 · y2 ·

VEd = 0, 36 MPa < fvd (EJ )ef

La verifica a taglio del legno è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 4,92 Verifiche Connettori

(EJ )ef = (E1 · J1 +

· J2 +

2 2 · E2 · A2 · a2 )

=

Lo sforzo agente sul connettore e la relativa verifica è pari a:

= 5, 85E + 012 Nmm2 Verifiche Calcestruzzo Le tensioni normali indicate in Figura 5.4 sono calcolate con le seguenti formule:
1

F1 =

1

· E1 · A1 · a1 · se q ·

VEd = 3, 27 kN < Fv ,Rd (EJ )ef

=

1

· E1 · a1 ·

MEd = 0, 42 MPa (EJ )ef 18 marzo 2013

La verifica dei connettori è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 3,73

Enrico Bergamo

38

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

5.4.8

Verifica SLE – tempo iniziale (t = 0)

Per le verifiche si adottano le formulazioni riportate nell’appendice B dell’Eurocodice 5. La verifica della freccia istantanea è condotta con la combinazione di carico rara (combinazione caratteristica). Facendo riferimento alla Figura 5.4 e alla formulazione dell’Appendice B dell’Eurocodice 5, adottando per il modulo di scorrimento il valore Kser = 13282, 99 N /mm , la rigidezza efficace è pari a: Calcestruzzo (1) h b A J E 60, 00 mm 750, 00 mm 45000, 00 mm2 13500000 mm4 31447 MPa
2

Adottando i parametri ricavati per la verifica di deformabilità del solaio e procedendo come per le verifiche allo SLU, la massima tensione di compressione del calcestruzzo in esercizio nelle combinazioni rara:
1

=

1

· E1 · a 1 ·

MEd = 0, 35 MPa (EJ )ef ,ser MEd = 0, 96 MPa (EJ )ef ,ser

m,1

= 0, 5 · E1 · h1 ·

Legno (2) 280, 00 mm 140, 00 mm 39200, 00 mm2 256106667 mm4 12600 MPa

da cui si ricavano le seguenti tensioni normali per le verifiche (la soletta risulta totalmente compressa):
1,c

=

m,1

+

1

= 1, 31 MPa

La verifica a compressione del calcestruzzo è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 6,45 e quasi permanente risultano:
1

=1

1

1 ◆ = 0, 064 = ✓ ⇡ 2 · E1 · A1 · seq 1+ Kser · L2

=

1

· E1 · a 1 ·

MEd = 0, 28 MPa (EJ )ef ,ser MEd = 0, 78 MPa (EJ )ef .ser

m,1

= 0, 5 · E1 · h1 ·

a2 =

1

2·(

· E1 · A1 · (h1 + h2 + 2 · h0 ) = 31, 08 mm 1 · E1 · A1 + 2 · E2 · A2 )
a1 + a2 = 200 mm a1 = 168, 92 mm

da cui si ricavano le seguenti tensioni normali per le verifiche (la soletta risulta totalmente compressa):
1,c

=

m,1

+

1

= 1, 06 MPa

La verifica a compressione del calcestruzzo è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 5,97 5.4.9 Verifica SLU – tempo finale (t = 1) Per tener conto degli effetti viscosi del legno e del calcestruzzo si adottano i seguenti valori delle rigidezze delle unioni e dei materiali: Kser ,fin = KU ,fin = Kser = 7379, 44 MPa 1 + kdef KU = 4919, 63 MPa 1 + kdef E0,m = 7000 MPa 1 + kdef Gm = 0, 00 MPa 1 + kdef Ecm = 9529, 44 MPa 1+ Legno (2) 280, 00 mm 140, 00 mm 39200, 00 mm2 256106667 mm4 7000 MPa

È da notare che la formula 2f riportata nell’Appendice B dell’Eurocodice 5 non contiene il termine 2 · h0 in quanto le due sezioni 1 e 2 sono a diretto contatto. L’inserimento del termine 2 · h0 e la sostituzione di (h1 + h2 +2 · h0 )/2 con (a1 + a2 ) permette di tener conto dello spessore di quanto compreso tra l’estradosso della trave e l’intradosso della soletta. y2 = H (a1 + 0, 5 · h1 ) = 171, 08 mm
2 2 1 · E1 · A1 · a1 ) + (E2 · J2 + 2 · E2 · A2 · a2 )

(EJ )ef ,ser = (E1 · J1 +

=

E0,m,fin = = 6, 72E + 012 Nmm2 Per la verifica delle frecce, il contributo della deformabilità a taglio del sistema trave-soletta è convenzionalmente riferito al solo legno ed assunto pari a: Gm,fin = Ecm,fin =

↵ = 0, 96 ·

La freccia istantanea a tempo t = 0 è pari a: uin = (1 + ↵) ·
4

h2 L

◆2 ✓ ◆ E0,m · = 0, 123 Gm
h b A J E

Calcestruzzo (1) 60, 00 mm 750, 00 mm 45000, 00 mm2 13500000 mm4 9529 MPa

5 qd ,rara · L = 1, 19 mm 384 (EJ )ef ,ser

Verifiche Calcestruzzo

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

39

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

2

=1

La verifica a tensfolessione del legno è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 4,34

1

= ✓

1 1+

⇡ · E1,fin · A1 · seq Ku · L2

2

◆ = 0, 077

La massima tensione tangenziale e la relativa verifica è pari a: VEd = 0, 37 MPa < fvd (EJ )ef ,fin

1 · E1,fin · A1 · (h1 + h2 + 2 · h0 ) a2 = = 21, 58 mm 2 · ( 1 · E1,fin · A1 + 2 · E2,fin · A2 )

2 ⌧max ,2 = 0, 5 · E2,fin · y2 ·

a1 + a2 = 200 mm a1 = 178, 42 mm È da notare che la formula 2f riportata nell’Appendice B dell’Eurocodice 5 non contiene il termine 2 · h0 in quanto le due sezioni 1 e 2 sono a diretto contatto. L’inserimento del termine 2 · h0 e la sostituzione di (h1 + h2 +2 · h0 )/2 con (a1 + a2 ) permette di tener conto dello spessore di quanto compreso tra l’estradosso della trave e l’intradosso della soletta. y2 = H (a1 + 0, 5 · h1 ) = 161, 58 mm

La verifica a taglio del legno è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 4,74 Verifiche Connettori Lo sforzo agente sul connettore e la relativa verifica è pari a: VEd = 3, 32 kN < Fv ,Rd (EJ )ef ,fin

F1 =

1

· E1,fin · A1 · a1 · se q ·

La verifica dei connettori è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 3,68 5.4.10 Verifica SLE – tempo finale (t = 1)

2 2 (EJ )ef ,fin = (E1,fin ·J1 + 1 ·E1,fin ·A1 ·a1 )+(E2,fin ·J2 + 2 ·E2,fin ·A2 ·a2 ) = Per le verifiche si adottano le formulazioni riportate nell’appendice B dell’Eurocodice 5. La verifica della freccia istantanea è condotta con la = 3, 11E + 012 Nmm2 combinazione di carico rara (combinazione caratteristica). Facendo riferimento alla Figura 5.4 e alla formulazione delVerifiche Calcestruzzo Le tensioni normali indicate in Figura 5.4 sono calcolate l’Appendice B dell’Eurocodice 5, adottando per il modulo di scorrimento il valore Kser = 7379, 44 N /mm , la rigidezza con le seguenti formule: efficace è pari a: MEd = 0, 42 MPa 1 = 1 · E1,fin · a1 · Calcestruzzo (1) Legno (2) (EJ )ef ,fin

m,1

= 0, 5 · E1,fin · h1 ·

MEd = 0, 92 MPa (EJ )ef ,fin

da cui si ricavano le seguenti tensioni normali per le verifiche (la soletta risulta tutta compressa):
1,c

h b A J E

60, 00 mm 750, 00 mm 45000, 00 mm2 13500000 mm4 9529, 44 MPa
2

280, 00 mm 140, 00 mm 39200, 00 mm2 256106667 mm4 7000, 00 MPa

=

m,1

+

1

= 1, 34 MPa

=1

La verifica a compressione del calcestruzzo è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 10,54 Verifiche Legno Le tensioni normali indicate in Figura 5.4 sono calcolate con le seguenti formule: =

1

= ✓

1 ◆ = 0, 112 ⇡ 2 · E1 · A1 · seq 1+ Kser · L2

2

2

· E2,fin · a2 ·

MEd = 0, 48 MPa < fcd (EJ )ef ,fin MEd = 3, 14 MPa < fctd (EJ )ef ,fin

a2 =

1

2·(

· E1 · A1 · (h1 + h2 + 2 · h0 ) = 29, 74 mm 1 · E1 · A1 + 2 · E2 · A2 )
a1 + a2 = 200 mm a1 = 170, 26 mm

m,2

= 0, 5 · E2,fin · h2 ·

da cui la verifica a tensoflessione fornisce:
2

ft ,0,d

+

m,2

fm,d

= 0, 23 < 1

È da notare che la formula 2f riportata nell’Appendice B dell’Eurocodice 5 non contiene il termine 2 · h0 in quanto le due sezioni 1 e 2 sono a diretto contatto. L’inserimento del termine 2 · h0 e la sostituzione di (h1 + h2 +2 · h0 )/2 con (a1 + a2 ) 18 marzo 2013 40

Enrico Bergamo

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

permette di tener conto dello spessore di quanto compreso tra l’estradosso della trave e l’intradosso della soletta. y2 = H (a1 + 0, 5 · h1 ) = 169, 74 mm

m,1

= 0, 5 · E1,fin · h1 ·

MEd = 0, 45 MPa (EJ )ef

da cui si ricavano le seguenti tensioni normali per le verifiche (la soletta risulta tutta compressa):
1,c

2 2 (EJ )ef ,ser ,fin = (E1,fin ·J1 + 1 ·E1,fin ·A1 ·a1 )+(E2,fin ·J2 + 2 ·E2,fin ·A2 ·a2 )=

=

m,1

+

1

= 0, 73 MPa

= 3, 55E + 012 Nmm

2

La verifica a compressione del calcestruzzo è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 8,67

La freccia finale a tempo t = 1 è pari a: ufin = (1 + ↵) · 5 qd ,qp · L4 = 1, 82 mm 384 (EJ )ef ,ser ,fin

La norma del CNR, al punto 6.4.1, per le verifiche agli stati limite d’esercizio prescrive che Per il calcolo della deformazione finale (ufin) occorre valutare la deformazione a lungo termine per la combinazione di carico quasi permanente e sommare a quest’ultima la deformazione istantanea dovuta alla sola aliquota mancante, nella combinazione quasi permanente, del carico accidentale prevalente (da intendersi come il carico variabile di base della combinazione rara). In base di queste indicazioni, la freccia finale è pari a:
0 ufin = ufin + u ⇤in

dove: 5 (qd ,rara qd ,qp ) · L4 = 0, 22 mm 384 (EJ )ef ,ser

u ⇤in = (1 + ↵) · da cui risulta:

0 ufin = ufin + u ⇤in = 2, 04 mm

Verifiche Calcestruzzo Adottando i parametri ricavati per la verifica di deformabilità del solaio e procedendo come per le verifiche allo SLU, la massima tensione di compressione del calcestruzzo in esercizio nelle combinazioni rara:
1

=

1

· E1,fin · a1 ·

MEd = 0, 35 MPa (EJ )ef ,ser ,fin MEd = 0, 55 MPa (EJ )ef ,ser ,fin

m,1

= 0, 5 · E1,fin · h1 ·

da cui si ricavano le seguenti tensioni normali per le verifiche (la soletta risulta tutta compressa):
1,c

=

m,1

+

1

= 0, 90 MPa

La verifica a compressione del calcestruzzo è soddisfatta Coefficiente di sicurezza 9,37 e quasi permanente risultano:
1

=

1

· E1,fin · a1 ·

MEd = 0, 28 MPa (EJ )ef 18 marzo 2013 41

Enrico Bergamo

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

6 Progetto e verifica degli elementi strutturali di copertura
La copertura prevede uno strato di ventilazione per migliorare il comportamento termico dell’edificio. Essa è composta, nell’ordine partendo dall’estradosso, da:

• tavolato inferiore in legno; • travetti in legno (in blu); • le travi lignee di appoggio dei travetti: esse, a seconda della posizione nella copertura e del conseguente ruolo strutturale, si suddividono come indicato in figura 6.2 in: – travi di displuvio (in verde); – trave principale di colmo (in rosso);

6 5 4 3 2 1

– travi rompitratta (in rosso); • le capriate lignee, costituenti appoggio di scarico delle travi principali di copertura sulle murature portanti. Nel progetto sarà effettuato il dimensionamento e la verifica del tavolato inferiore, del travetto maggiormente sollecitato, nonché delle travi lignee maggiormente sollecitate.

6.1

Tavolato

6.1.1 Caratteristiche geometriche Si è scelto un legname massiccio di latifoglie classe D30 secondo la EN338, delle seguenti dimensioni: Figura 6.1: Sezione del tetto L B H Area Wx Jx G1
v

1. coppi rossi 50 cm · 18 cm; 2. listeli d’aerazione; 3. tavolato grezzo superiore di appoggio; 4. strato di isolamento; 5. strato di isolamento pesante; 6. tavolato inferiore; I listelli per lo strato areato verranno disposti sopra i travetti e saranno inchiodati mediante viti filettate che attraversano gli strati di isolante. Dal punto di vista strutturale, gli elementi portanti della copertura sono:

luce tavolato (interasse) larghezza tavola altezza tavola area sezione modulo di resistenza tavolato momento d’inerzia tavolato massa volumica peso proprio tavolato

0, 7 m 20 cm 2, 5 cm 50 cm2 20, 83 cm3 26, 04 cm4 6, 28 kN /m3 0, 157 kN /m2

6.1.2 Analisi dei carichi I carichi gravanti sul tavolato sono: G1 peso proprio tavolato coppi impermeabilizzazione tavolato sup. listelli isolante G2 Q1 Q2 carico variabile neve carico variabile manutenzione 0, 157 kN /m2 0, 600 kN /m2 0, 300 kN /m2 0, 157 kN /m2 0, 538 kN /m2 0, 150 kN /m2 1, 745 kN /m2 0, 800 kg /m2 0, 500 kN /m2

Il carico lineare agente sulla singola tavola è pari a: G1 = 0, 03 kN /m G2 = 0, 35 kN /m Q1 = 0, 16 kN /m Q2 = 0, 10 kN /m Figura 6.2: Elementi strutturali componenti la copertura Le azioni di progetto conseguenti saranno, per il carico variabile neve:

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

42

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

SLU SLE rara SLE frequente SLE q. p.

0, 80 kN /m 0, 59 kN /m 0, 41 kN /m 0, 38 kN /m

Q a fv ,Ed

carico concentrato impronta quadrata di lato tensioni di taglio fv ,Ed = 0, 25 < 1, 20 = fv ,d

100 kg 980, 66 N 4 cm 0, 25 MPa

Mentre per il carico variabile manutenzione: SLU SLE rara SLE frequente SLE q. p. 6.1.3 Stato Limite Ultimo 0, 71 kN /m 0, 48 kN /m 0, 38 kN /m 0, 38 kN /m

La verifica a punzonamento risulta soddisfatta Coefficiente di sicurezza 4,89 6.1.4 Stato Limite di Esercizio Verifica della deformabilità La verifica della deformabilità consiste nell’accertare che la freccia massima della trave rientri nei limiti di usabilità della struttura. In particolare, per solai in generale, la normativa prescrive: L = 2, 33 mm 300 Il modulo elastico del materiale utilizzato per l’elemento strutturale è pari a: flim = E0,mean = 10000 MPa Il modulo elastico deve essere modificato in accordo alle prescrizioni del paragrafo 4.4.7 delle NTC2008 30, 00 MPa 1, 5 0, 6 12, 00 MPa E0,mean,corr = 1 E0,mean = 5555, 56 MPa 1 + kdef

Verifica a flessione Ipotizzando cautelativamente uno schema statico in semplice appoggio il momento massimo sarà pari a: MEd = 1 · q · l 2 = 0, 049 kNm 8

Censeguentemente la tensione massima a flessione: fm,Ed = fm,0,k kmod fm,0,d
M

MEd = 2, 36 MPa Wx

resistenza a flessione caratteristica coefficiente sicurezza materiale resistenza a flessione di progetto fm,Ed = 2, 36 < 12, 00 = fm,0,d

La freccia massima per carichi istantanei è pari a: f0 = 5 q · l4 = 0, 71 mm 384 E0,mean · J

La verifica a flessione risulta soddisfatta Coefficiente di sicurezza 5,07 Verifica a taglio Lo sforzo di taglio massimo sviluppato è pari a: VEd ,max = ql = 0, 282 kN 2

La freccia massima per carichi di lungo periodo è pari a: f1 = 5 q · l4 = 1, 28 mm 384 E0,mean,corr · J fmax = 1, 28 < 2, 33 = flim La verifica delle deformazioni risulta soddisfatta Coefficiente di sicurezza 1,83

La tensione tangenziale massima è quindi pari a: fv ,Ed = fv ,k kmod fv ,d
M

3VEd ,max = 0, 08 MPa 2A 3, 00 MPa 1, 5 0, 6 1, 20 MPa

6.2

Travetto

resistenza a taglio caratteristica coefficiente sicurezza materiale resistenza a taglio di progetto fv ,Ed = 0, 08 < 1, 20 = fv ,d

6.2.1 Caratteristiche geometriche Si è scelto un legname lamellare di classe GL28h secondo la EN338, delle seguenti dimensioni: i l1 l2 B H Area Wx Jx
v

La verifica a taglio risulta soddisfatta Coefficiente di sicurezza 14,21 Verifica a punzonamento La verifica a punzonamento è necessaria per cautelarsi dal collasso rispetto ai carichi concentrati.

interasse travetti lunghezza prima campata lunghezza seconda campata larghezza sezione altezza sezione area sezione modulo di resistenza tavolato momento d’inerzia tavolato massa volumica inclinazione trave

0, 7 m 3, 55 m 1, 68 m 12 cm 20 cm 240 cm2 800, 00 cm3 8000, 00 cm4 3, 73 kN /m3 25, 00

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

43

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

6.2.2

Analisi dei carichi

6.2.3 Sollecitazioni di progetto Lo schema statico necessario al calcolo delle sollecitazioni è quello riportato in figura 6.4.

I carichi gravanti sulla trave sono: G1 peso proprio travetto coppi impermeabilizzazione tavolati listelli isolante G2 Q1 Q2 carico variabile neve carico variabile manutenzione 0, 089 kN /m 0, 600 kN /m2 0, 300 kN /m2 0, 314 kN /m2 0, 538 kN /m2 0, 150 kN /m2 1, 902 kN /m2 0, 800 kg /m2 0, 500 kN /m2

Il carico lineare agente sulla singola tavola è pari a: G1 = 0, 09 kN /m G2 = 1, 33 kN /m Q1 = 0, 56 kN /m Q2 = 0, 35 kN /m Le azioni di progetto andranno combinate secondo quanto indicato nelle NTC2008: • SLU: qd =
G1

Figura 6.3: Schema statico travetto

Le sollecitazioni verticali massime calcolate sono: MEd 3, 83 kNm 2, 56 kNm 1, 83 kNm 1, 70 kNm VEd 6, 03 kN 4, 04 kN 2, 88 kN 2, 67 kN

· G1 +

G2

· G2 +

Q1 02

· Q1 + · Q2 · Q1 +
22

Q2

·

02

· Q2

• SLE rara: qd = G1 + G2 + Q1 + • SLE frequente: qd = G1 + G2 + • SLE q. p.: qd = G1 + G2 + Con: = 1, 3 = 1, 5 = 1, 5 Neve 0j = 0, 5 1j = 0, 2 2j = 0, 0
21

SLU SLE rara SLE frequente SLE q. p.

11

22

· Q2

· Q1 +

· Q2

La componente parallela alla trave esplica la propria azione secondo le seguenti entità: NEd 7, 11 kN 4, 76 kN 3, 39 kN 3, 14 kN

G1 G2 Qk

Copertura 0j = 0, 0 1j = 0, 0 2j = 0, 0

SLU SLE rara SLE frequente SLE q. p.

Le combinazioni di progetto conseguenti saranno, per il carico variabile neve: Totale [kN /m] 3, 22 2, 16 1, 53 1, 42 Verticale [kN /m] 2, 91 1, 95 1, 39 1, 29 Orizzontale [kN /m] 1, 36 0, 91 0, 65 0, 60

SLU SLE rara SLE frequente SLE q. p.

Mentre per il carico variabile manutenzione: Totale [kN /m] 2, 64 1, 77 1, 42 1, 42 Verticale [kN /m] 2, 39 1, 60 1, 29 1, 29 Orizzontale [kN /m] 1, 11 0, 75 0, 60 0, 60

SLU SLE rara SLE frequente SLE q. p.

Figura 6.4: Sollecitazioni travetto

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

44

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

6.2.4

Stato Limite Ultimo

Verifica a flessione Essendo il travetto sollecitato sia da carichi verticali che assiali occorre condurre una verifica a tenso-flessione; va inoltre verificato che le tensioni interne soddisfino alle verifiche di trazione e taglio.

Il modulo elastico del materiale utilizzato per l’elemento strutturale è pari a: E0,mean = 12600 MPa Il modulo elastico deve essere modificato in accordo alle prescrizioni del paragrafo 4.4.7 delle NTC2008 1 E0,mean = 7000, 00 MPa 1 + kdef

N ,d

ft ,0,g ,k

◆2
N ,d

+

< ft ,0,g ,k

m ,d

fm,0,d

<1
E0,mean,corr =

⌧S ,d < fV ,d
ft ,0,g ,k fm,0,k fv ,g ,k kmod ft ,0,d fm,0,d fv ,g ,d
M

La freccia massima per carichi istantanei è pari a: 19, 50 MPa 28, 00 MPa 3, 20 MPa 1, 45 0, 9 12, 10 MPa 17, 38 MPa 1, 99 MPa f0 = 5 q · l4 = 2, 39 mm 384 E0,mean · J

resistenza a trazione caratteristica resistenza a flessione caratteristica resistenza a taglio caratteristica coefficiente sicurezza materiale resistenza a trazione di progetto resistenza a flessione di progetto resistenza a taglio di progetto

La freccia massima per carichi di lungo periodo è pari a: f1 = 5 q · l4 = 4, 30 mm 384 E0,mean,corr · J fmax = 4, 30 < 11, 83 = flim La verifica delle deformazioni risulta soddisfatta Coefficiente di sicurezza 2,75

Le sollecitazioni sono:
m ,d

=

MEd ,max = 4, 788 MPa Wx = NEd = 0, 296 MPa b·h

N ,d

6.3

Trave displuvio

Le verifiche:

6.3.1 Caratteristiche geometriche Si è scelto un legname lamellare di classe GL28h secondo la EN338, delle seguenti dimensioni: l1 l2 B H Area Wx Jx
v

N ,d

ft ,0,g ,k

◆2

+

m,0,d

fm,d

= 0, 28 < 1, 00

La verifica a flessione risulta soddisfatta Coefficiente di sicurezza 3,62 Verifica a taglio Lo sforzo di taglio massimo sviluppato è pari a: VEd ,max = 6, 030 kN La tensione tangenziale massima è quindi pari a: fv ,Ed = 3VEd ,max = 0, 38 MPa 2A

lunghezza prima campata lunghezza seconda campata larghezza sezione altezza sezione area sezione modulo di resistenza tavolato momento d’inerzia tavolato massa volumica inclinazione trave

7m 3, 05 m 22 cm 34 cm 748 cm2 4238, 67 cm3 72057, 33 cm4 4, 41 kN /m3 25, 00

6.3.2 Analisi dei carichi I carichi gravanti sulla trave sono: G1 peso proprio trave coppi impermeabilizzazione tavolati listelli isolante G2 Q1 Q2 18 marzo 2013 carico variabile neve carico variabile manutenzione 0, 330 kN /m 0, 600 kN /m2 0, 300 kN /m2 0, 314 kN /m2 0, 538 kN /m2 0, 150 kN /m2 1, 902 kN /m2 0, 800 kg /m2 0, 500 kN /m2

fv ,Ed = 0, 38 < 1, 99 = fv ,d La verifica a taglio risulta soddisfatta Coefficiente di sicurezza 5,27 6.2.5 Stato Limite di Esercizio

Verifica della deformabilità La verifica della deformabilità consiste nell’accertare che la freccia massima della trave rientri nei limiti di usabilità della struttura. In particolare, per solai in generale, la normativa prescrive: flim = L = 11, 83 mm 300

Enrico Bergamo

45

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

Si dimensiona l’elemento di displuvio più lungo e più caricato: tale elemento è la trave A, e la si intende per semplicità di calcolo e a vantaggio di sicurezza, caricata da coppie di travetti ciascuna di lunghezza lt assunta pari a 7, 37 m, ossia la luce massima dei travetti che, nella realtà dell’edificio, caricano la trave in questione da un lato e le murature portanti dall’altro. Per questo i carichi a metro lineare sulla trave si ottengono moltiplicando gli opportuni carichi a mq per la lunghezza di travetto lt = 7, 37 m (infatti si è detto che ogni travetto scarica il peso equivalente a metà campata) e per l’interasse i = 0, 7 m dei travetti, e dividendo il tutto per l’interasse dei travetti valutato sulla trave, considerando pertanto l’inclinazione sull’orizzontale di quest ultima. Il carico lineare agente sulla singola tavola è pari a: G1 = 0, 33 kN /m G2,0 = 14, 02 kN /m Q1,0 = 5, 90 kN /m Q2 = 3, 69 kN /m G2,l = 0, 00 kN /m Q1,l = 0, 00 kN /m Q2,l = 0, 00 kN /m

6.3.3 Sollecitazioni di progetto Lo schema statico necessario al calcolo delle sollecitazioni è quello riportato in figura 6.5.

Figura 6.5: Schema statico trave diagonale

Le sollecitazioni verticali massime calcolate sono: SLU SLE rara SLE frequente SLE q. p. MEd 62, 37 kNm 41, 66 kNm 29, 35 kNm 27, 15 kNm VEd 62, 84 kN 42, 02 kN 29, 57 kN 27, 34 kN

Le azioni di progetto andranno combinate secondo quanto indicato nelle NTC2008: • SLU: qd =
G1

· G1 +

G2

· G2 +

Q1 02

· Q1 + · Q2 · Q1 +
22

Q2

·

02

· Q2

• SLE rara: qd = G1 + G2 + Q1 + • SLE frequente: qd = G1 + G2 + • SLE q. p.: qd = G1 + G2 + Con: = 1, 3 = 1, 5 = 1, 5 Neve = 0, 5 1j = 0, 2 2j = 0, 0
0j 21

11

22

· Q2

La componente parallela alla trave esplica la propria azione secondo le seguenti entità: SLU SLE rara SLE frequente SLE q. p. 6.3.4 Stato Limite Ultimo Verifica a flessione Essendo il travetto sollecitato sia da carichi verticali che assiali occorre condurre una verifica a tenso-flessione; va inoltre verificato che le tensioni interne soddisfino alle verifiche di trazione e taglio. NEd 140, 43 kN 93, 80 kN 65, 95 kN 60, 94 kN

· Q1 +

· Q2

G1 G2 Qk

Copertura 0j = 0, 0 1j = 0, 0 2j = 0, 0

Le combinazioni di progetto conseguenti saranno, per il carico variabile neve: Totale [kN /m] 33, 06 22, 09 15, 53 14, 35 Verticale [kN /m] 29, 96 20, 02 14, 07 13, 00 Orizzontale [kN /m] 13, 97 9, 33 6, 56 6, 06

SLU SLE rara SLE frequente SLE q. p.

N ,d

ft ,0,g ,k

◆2
N ,d

+

< ft ,0,g ,k

m ,d

fm,0,d

<1

⌧S ,d < fV ,d
ft ,0,g ,k fm,0,k fv ,g ,k kmod ft ,0,d fm,0,d fv ,g ,d
M

Mentre per il carico variabile manutenzione: Totale [kN /m] 26, 98 18, 03 14, 35 14, 35 Verticale [kN /m] 24, 45 16, 34 13, 00 13, 00 Orizzontale [kN /m] 11, 40 7, 62 6, 06 6, 06

SLU SLE rara SLE frequente SLE q. p.

resistenza a trazione caratteristica resistenza a flessione caratteristica resistenza a taglio caratteristica coefficiente sicurezza materiale resistenza a trazione di progetto resistenza a flessione di progetto resistenza a taglio di progetto

19, 50 MPa 28, 00 MPa 3, 20 MPa 1, 45 0, 9 12, 10 MPa 17, 38 MPa 1, 99 MPa

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

46

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

Le sollecitazioni sono:
m ,d

6.4

Trave rompitratta

=

MEd ,max = 14, 715 MPa Wx NEd = = 1, 877 MPa b·h

6.4.1 Caratteristiche geometriche Si è scelto un legname lamellare di classe GL28h secondo la EN338, delle seguenti dimensioni: l B H Area Wx Jx
v

N ,d

Le verifiche:

N ,d

ft ,0,g ,k

◆2

+

m,0,d

fm,d

= 0, 87 < 1, 00

La verifica a flessione risulta soddisfatta Coefficiente di sicurezza 1,15 Verifica a taglio Lo sforzo di taglio massimo sviluppato è pari a: VEd ,max = 62, 840 kN La tensione tangenziale massima è quindi pari a: fv ,Ed = 3VEd ,max = 1, 26 MPa 2A

lunghezza prima campata larghezza sezione altezza sezione area sezione modulo di resistenza tavolato momento d’inerzia tavolato massa volumica inclinazione trave

3, 9 m 30 cm 52 cm 1560 cm2 13520, 00 cm3 351520, 00 cm4 4, 41 kN /m3 0, 00

6.4.2 Analisi dei carichi I carichi gravanti sulla trave sono: G1 peso proprio trave coppi impermeabilizzazione tavolati listelli isolante G2 Q1 Q2 carico variabile neve carico variabile manutenzione 0, 688 kN /m 0, 600 kN /m2 0, 300 kN /m2 0, 314 kN /m2 0, 538 kN /m2 0, 150 kN /m2 1, 902 kN /m2 0, 800 kg /m2 0, 500 kN /m2

fv ,Ed = 1, 26 < 1, 99 = fv ,d La verifica a taglio risulta soddisfatta Coefficiente di sicurezza 1,58 6.3.5 Stato Limite di Esercizio

Verifica della deformabilità La verifica della deformabilità consiste nell’accertare che la freccia massima della trave rientri nei limiti di usabilità della struttura. In particolare, per solai in generale, la normativa prescrive: L = 23, 33 mm 300 Il modulo elastico del materiale utilizzato per l’elemento strutturale è pari a: flim = E0,mean = 12600 MPa Il modulo elastico deve essere modificato in accordo alle prescrizioni del paragrafo 4.4.7 delle NTC2008 E0,mean,corr = 1 E0,mean = 7000, 00 MPa 1 + kdef

Il carico lineare agente sulla singola tavola è pari a: G1 = 0, 69 kN /m G2 = 7, 22 kN /m Q1 = 3, 04 kN /m Q2 = 1, 90 kN /m Le azioni di progetto andranno combinate secondo quanto indicato nelle NTC2008: • SLU: qd =
G1

· G1 +

G2

· G2 +

Q1 02

· Q1 + · Q2 · Q1 +
22

Q2

·

02

· Q2

La freccia massima per carichi istantanei è pari a: 5 q · l4 f0 = = 12, 61 mm 384 E0,mean · J

• SLE rara: qd = G1 + G2 + Q1 + • SLE frequente: qd = G1 + G2 + • SLE q. p.: qd = G1 + G2 + Con: = 1, 3 = 1, 5 = 1, 5 Neve = 0, 5 1j = 0, 2 2j = 0, 0
0j 21

11

22

· Q2

· Q1 +

· Q2

La freccia massima per carichi di lungo periodo è pari a: f1 = 5 q · l4 = 22, 71 mm 384 E0,mean,corr · J fmax = 22, 71 < 23, 33 = flim La verifica delle deformazioni risulta soddisfatta Coefficiente di sicurezza 1,03

G1 G2 Qk

Copertura 0j = 0, 0 1j = 0, 0 2j = 0, 0

Le combinazioni di progetto conseguenti saranno, per il carico variabile neve:

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

47

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

SLU SLE rara SLE frequente SLE q. p.

Totale 17, 70 kN /m 11, 89 kN /m 8, 51 kN /m 7, 91 kN /m

La verifica a flessione risulta soddisfatta Coefficiente di sicurezza 6,98 Verifica a taglio Lo sforzo d taglio massimo sviluppato è pari a: VEd ,max = 34, 511 kN La tensione tangenziale massima è quindi pari a: fv ,Ed = 3VEd ,max = 0, 33 MPa 2A

Mentre per il carico variabile manutenzione: SLU SLE rara SLE frequente SLE q. p. 6.4.3 Totale 14, 57 kN /m 9, 80 kN /m 7, 91 kN /m 7, 91 kN /m

fv ,Ed = 0, 33 < 1, 99 = fv ,d Sollecitazioni di progetto Lo schema statico necessario al calcolo delle sollecitazioni è quello riportato in figura 6.6. La verifica a taglio risulta soddisfatta Coefficiente di sicurezza 5,99 6.4.5 Stato Limite di Esercizio Verifica della deformabilità La verifica della deformabilità consiste nell’accertare che la freccia massima della trave rientri nei limiti di usabilità della struttura. In particolare, per solai in generale, la normativa prescrive: L = 13, 00 mm 300 Il modulo elastico del materiale utilizzato per l’elemento strutturale è pari a: flim = E0,mean = 12600 MPa Le sollecitazioni verticali massime calcolate sono: SLU SLE rara SLE frequente SLE q. p. 6.4.4 MEd 33, 65 kNm 22, 61 kNm 16, 19 kNm 15, 03 kNm VEd 34, 51 kN 23, 19 kN 16, 60 kN 15, 42 kN Il modulo elastico deve essere modificato in accordo alle prescrizioni del paragrafo 4.4.7 delle NTC2008 1 E0,mean = 7000, 00 MPa 1 + kdef

Figura 6.6: Schema statico trave di colmo

E0,mean,corr =

La freccia massima per carichi istantanei è pari a: Stato Limite Ultimo f0 = Verifica a flessione 5 q · l4 = 6, 67 mm 384 E0,mean · J

La freccia massima per carichi di lungo periodo è pari ft ,0,g ,k fm,0,k fv ,g ,k kmod ft ,0,d fm,0,d fv ,g ,d
M

resistenza a trazione caratteristica resistenza a flessione caratteristica resistenza a taglio caratteristica coefficiente sicurezza materiale resistenza a trazione di progetto resistenza a flessione di progetto resistenza a taglio di progetto

19, 50 MPa 28, 00 MPa 3, 20 MPa 1, 45 0, 9 12, 10 MPa 17, 38 MPa 1, 99 MPa

a: f1 =

5 q · l4 = 12, 00 mm 384 E0,mean,corr · J fmax = 12, 00 < 13, 00 = flim

La verifica delle deformazioni risulta soddisfatta Coefficiente di sicurezza 1,08

Le sollecitazioni sono:
m ,d

=

MEd ,max = 2, 489 MPa Wx

Le verifiche:
m ,d

= 2, 49 < 17, 38 MPa

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

48

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

7 Verifica dell’organismo edilizio all’azione del vento
Il vento, la cui direzione si considera generalmente orizzontale, esercita sulle costruzioni azioni che variano nel tempo e nello spazio provocando, in generale, effetti dinamici. Per le costruzioni usuali tali azioni sono convenzionalmente ricondotte alle azioni statiche equivalenti definite al paragrafo 3.3.3 delle NTC2008. La velocità di riferimento vb è il valore caratteristico della velocità del vento a 10 m dal suolo su un terreno di categoria di esposizione II mediata su 10 minuti e riferita ad un periodo di ritorno di 50 anni. Le azioni statiche del vento sono costituite da pressioni e depressioni agenti normalmente alle superfici, sia esterne che interne, degli elementi che compongono la costruzione. La pressione del vento è data dall’espressione: p = qb · Ce · Cp · Cd

Velocità di riferimento = 25, 00 m/s Pressione cinetica di riferimento qb = 0, 39 kN /mq Coefficiente di forma Cp = 1, 00 Coefficiente dinamico Cd = 1, 00 Coefficiente di esposizione Ce = 2, 53 Coefficiente di esposizione topografica Ct = 1, 00 Altezza dell’edificio = 18, 00 m Pressione del vento p = qb · Ce · Cp · Cd = 0, 99 kN /mq Al fine di considerare gli effetti differenti delle zone direttamente investite dal vento rispetto a quelle non direttamente investite, come indicato nella circolare esplicativa, si adotteranno due coefficienti di forma diversi: Coefficiente di forma 0,8 per zone sopravento: Pressione del vento p = qb · Ce · Cp · Cd = 0, 792 kN /mq Coefficiente di forma 0,4 per zone sottovento: Pressione del vento p = qb · Ce · Cp · Cd = 0, 396 kN /mq Maschi esposti Base [cm] 160 257 370 100 137 Posizione Serramento Serramento Serramento Fascia Fascia Nomenclatura MP160 MP257 MP370 MP100 MP137 Ca = 0, 8 [kN /m] 1,267 2,035 2,930 0,792 1,085

dove:

qb è la pressione cinetica di riferimento di cui al paragrafo 3.3.6 delle NTC2008; Ce è il coefficiente di esposizione di cui al paragrafo 3.3.7 delle NTC2008; Cp è il coefficiente di forma (o coefficiente aerodinamico), funzione della tipologia e della geometria della costruzione e del suo orientamento rispetto alla direzione del vento. Il suo valore può essere ricavato da dati suffragati da opportuna documentazione o da prove sperimentali in galleria del vento; Cd è il coefficiente dinamico con cui si tiene conto degli effetti riduttivi associati alla non contemporaneità delle massime pressioni locali e degli effetti amplificativi dovuti alle vibrazioni strutturali. Indicazioni per la sua valutazione sono riportate al paragrafo 3.3.8 delle NTC2008.

Fasce esposte Base [cm] 200 50 120 Nomenclatura FP200 FP50 FP120 Ca = 0, 8 [kN /m] 1,584 0,396 0,950

Maschi depressione Base [cm] 160 257 128,5 414 498 100 137 68,5 355 370 Posizione Serramento Serramento Serramento Serramento Serramento Fascia Fascia Fascia Fascia Fascia Nomenclatura MN160 MN257 MN128 MN414 MN498 MN100 MN137 MN69 MN355 MN370 Ca = 0, 4 [kN /m] 0,634 1,018 0,509 1,639 1,972 0,396 0,543 0,271 1,406 1,465

7.1
7.1.1

Azioni di progetto
Carichi da vento

Si riportano di seguito i dati ipotizzati per il calcolo dell’azione del vento: Zona vento: 1 Vb.o = 25 m/s Ao = 1000 m Ka = 0, 010 1/s

Fasce depressione Base [cm] 200 50 120 Nomenclatura FN200 FN50 FN200 Ca = 0, 4 [kN /m] 0,792 0,198 0,475

Classe di rugosità del terreno: C (Aree con ostacoli diffusi (alberi, case, muri, recinzioni...); aree con rugosità non riconducibile alle classi A, B, D) Categoria esposizione: tipo III Kr = 0, 20 Zo = 0, 10 m Zmin = 5 m

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

49

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

7.1.2

Carichi verticali

Sono stati inseriti gli elementi secondo il seguente schema: 1. sono stati assegnati i tratti rigidi dalla base all’intradosso del primo foro (rigidezza infinita, peso effettivo, colore verde);

I carichi verticali si riferiscono alle forze verticali che i solai scaricano sui rispettivi cordoli, i quali a loro volta scaricano sulle fasce di piano alle quali sono ancorati. Si avrà quindi che le forze alle quali sono soggette le fasce sono le seguenti: • Peso proprio delle fasce (G1 ); • Peso proprio del cordolo (G1 ); • Peso proprio del solaio (G1 ); • Peso proprio dei carichi non strutturali (G2 ); • Peso proprio delle tramezzature (G2 ); • Carico accidentale da uso (Q1 ); I maschi murari invece sono soggetti, oltre che al peso proprio, ai carichi che le fasce scaricano su di essi. Il caso di carico dovuto all’azione del vento andrà combinato con quelli dei carichi verticali nelle modalità previste dalla normativa (SLU):
G1

2. dal nodo superiore appena creato sono fatte partire due aste orizzontali (rigidezza infinita, peso nullo, colore blu);

0

3. viene modellato il maschio murario soggetto a deformazione e rottura (caratteristiche effettive, colore rosso);

4. dal nodo superiore appena creato sono fatte partire due aste orizzontali (rigidezza infinita, peso nullo, colore blu);

· G1 +

G2

· G2 +

Q1

· Qk 1 +

Q2

·

02

· Qk 2

5. dal nodo centrale viene creata un’asta verticale fino a raggiungere l’orizzontamento di piano (rigidezza infinita, peso infinito, colore verde);

Tutte le combinazioni che si possono ottenere sono otto. I coefficienti di partecipazione sono riassunti in tabella. Cmb 1 2 3 4 5 6 7 8 G1 1,3 1,3 1 1 1,3 1,3 1 1 G2 1,3 1,3 1 1 1,3 1,3 1 1 G2 1,5 1,5 0 0 1,5 1,5 0 0
0

Q1 0 1,5 0 1,5 0 1,05 0 1,05

Qv 0,9 0,9 0,9 0,9 1,5 1,5 1,5 1,5

6. si creano le travi in muratura tra un nodo di tratto rigido e il successivo (caratteristiche effettive, offset allineamento); I solai sono stati modellati come un diaframma rigido che costringe tutti i punti compresi nel piano a muoversi della stessa quantità, rispondendo così coerentemente agli interventi messi in atto con la sostituzione dei solai.

7.2

Modello a telaio equivalente

Il metodo a telaio equivalente prevede una schematizzazione della muratura a telaio spaziale: i maschi murari e le fasce di piano sono schematizzati mediante il loro asse, che risulterà essere verticale nel caso dei maschi ed orizzontale nel caso delle fasce. Il modello è tanto più accettabile quanto più regolari sono la geometria delle pareti e la distribuzione delle aperture presenti (il modello è migliore nel caso di perfetto allineamento delle aperture e dei baricentri dei maschi murari). Il modello è stato creato indicando i seguenti materiali: • sono state inserite le caratteristiche della muratura costituente l’edificio (elementi rossi); • sono stati creati due materiali, entrambi con rigidezza infinita ma uno con peso uguale a quello della muratura (elementi verdi) e uno con peso nullo (elementi blu);

Figura 7.1: Modello a telaio equivalente

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

50

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

7.2.1 Sezioni Le sezioni utilizzate per creare il telaio sono riassunte in tabella: Sez 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 Dimensioni b=60 h=50 b=60 h=200 b=60 h=107 b=60 h=106,91 b=60 h=95,09 b=60 h=76 b=60 h=108 b=60 h=48,50 b=60 h=109,50 b=60 h=63,50 b=60 h=107,50 b=60 h=741 b=60 h=310 b=60 h=46,91 b=60 h=353,22 b=60 h=122,44 b=60 h=136,37 b=60 h=120,09 b=60 h=104 b=60 h=328 b=60 h=34 b=60 h=309 b=60 h=58,50 b=60 h=64,50 b=60 h=105 b=60 h=49,50 b=60 h=57,61 b=60 h=50,02 b=60 h=44,37 b=60 h=40,94 b=60 h=44,06 b=60 h=35 b=60 h=44,30 b=60 h=312,39 b=60 h=746 b=60 h=315,22 b=60 h=150 b=60 h=345,38 b=60 h=300,41 b=60 h=187,50 b=60 h=189,50 b=60 h=180,50 b=60 h=90,38 b=60 h=838,12 b=60 h=761 Sez 59 60 61 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 Dimensioni b=60 h=469,54 b=60 h=121,46 b=60 h=170 b=55 h=50 b=55 h=120 b=55 h=107 b=55 h=106,91 b=55 h=95,09 b=55 h=76 b=55 h=108 b=55 h=48,50 b=55 h=109,50 b=55 h=63,50 b=55 h=107,50 b=55 h=46,91 b=55 h=353,22 b=55 h=122,44 b=55 h=136,37 b=55 h=44,30 b=55 h=35 b=55 h=44,06 b=55 h=40,94 b=55 h=44,37 b=55 h=50,02 b=55 h=309 b=55 h=57,61 b=55 h=49,50 b=55 h=105 b=55 h=64,50 b=55 h=58,50 b=55 h=34 b=55 h=328 b=55 h=104 b=55 h=120,09 b=55 h=310 b=55 h=741 b=60 h=120 b=55 h=170 b=55 h=187,50 b=55 h=312,39 b=55 h=746 b=55 h=469,54 b=55 h=150 b=55 h=121,46 b=55 h=761

Figura 7.2: Estratto della numerazione

Figura 7.3: Vista assonometrica del modello - fronte

7.2.2 Materiali Figura 7.4: Vista assonometrica del modello – retro Le caratteristiche del materiale muratura utilizzato nella modellazione sono riassunte nella seguente tabella:

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

51

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

fbk Classe malta fk E G fd fvk ,0 fvd ,0
m

15 MPa M5 6 MPa 3 6000 MPa 2400 MPa 2 MPa 0, 2 MPa 0, 067 MPa

Ver. V rapporto il taglio di progetto e il taglio ultimo in relazione alla verifica Par. 7.8.2.2.2 (taglio complanare);

7.4

Verifiche condotte sulle travi in muratura

Fascia numero dell’elemento; Stato esito delle verifiche sull’elemento; Vp resistenza a taglio secondo la formula (7.8.6); Vt resistenza a taglio secondo la formula (7.8.4); Mu massimo momento resistente associato al meccanismo di pressoflessione secondo la formula (7.8.5); Ver. V ini rapporto tra il taglio di progetto e il minore dei tagli resistenti Vp e Vt in relazione alla verifica del par. 7.8.2.2.4 (nodo iniziale); Ver. V fin rapporto tra il taglio di progetto e il minore dei tagli resistenti Vp e Vt in relazione alla verifica del par. 7.8.2.2.4 (nodo finale); Ver. M ini rapporto tra il momento di progetto e il momento ultimo in relazione alla verifica del par. 7.8.2.2.4 (nodo iniziale); Ver. M fin rapporto tra il momento di progetto e il momento ultimo in relazione alla verifica del par. 7.8.2.2.4 (nodo finale);

7.3

Verifiche condotte sui maschi murari

In tabella vengono riportati per ogni elemento il numero dello stesso ed il codice di verifica. Le verifiche sono state condotte secondo le NTC2008. In particolare sono previste le seguenti verifiche: • Par. 4.5.6.2 Verifiche agli stati limite ultimi, con riferimento in particolare a carichi laterali (fuori dal piano del muro) in assenza di sisma e a stabilità • Par. 7.8.2.2.3 Verifiche a pressoflessione per carichi laterali (fuori dal piano del muro) in presenza di sisma • Par. 7.8.2.2.1 Verifiche a pressoflessione nel piano del muro (in tutte le combinazioni) • Par. 7.8.2.2.2 Verifiche a taglio per azioni nel piano del muro (in tutte le combinazioni) La tabella contiene i seguenti dati: Elem numero dell’elemento; Stato esito delle verifiche sull’elemento; Pos ascissa relariva alle verifiche (nodo iniziale o finale); h0 /t valore della snellezza convenzionale; h0 è la lunghezza libera di inflessione della parete valutata in base alle condizioni di vincolo ai bordi espresse dalla (4.5.6); t è lo spessore della parete; Ecc /t massimo valore del rapporto e1 /t o e2 /t ; (t ) fattore per la riduzione della resistenza in funzione dell’eccentricità trasversale calcolato con Ecc /t ; P /A tensione verticale media (Ao relativamente alla verifica di pressoflessione per carichi laterali in assenza di sisma, Ap relativamente alla verifica a pressoflessione nel piano del muro, Acv tensione verticale media nella parte compressa utilizzata nella verifica a taglio nel piano del muro); Ver. Mo rapporto tra l’ azione assiale di progetto e l’azione assiale ultima in relazione alla verifica Par. 4.5.6.2 (pressoflessione ortogonale) effettuato per le combinazioni senza sisma; Ver. Mp rapporto tra il momento di progetto e il momento Mrd in relazione alla verifica Par. 7.8.2.2.1 (pressoflessione complanare) effettuato per tutte le combinazioni;

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

52

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

Ele.

Sez.

Stato

Pos

h0 /t

Ecc /t

(t )

P /Ao [MPa] 0,66 0,61 0,66 0,6 0,63 0,55 0,6 0,52 0,53 0,5 0,62 0,59 0,35 0,24 0,68 0,63 0,71 0,65 0,71 0,66 0,39 0,28 0,65 0,6 0,64 0,58 0,62 0,57 0,59 0,54 0,53 0,48 0,61 0,55 0,63 0,54 0,63 0,57 0,6 0,54 0,57 0,51 0,62 0,56 0,61 0,55 0,47 0,42 0,5 0,46 0,59 0,53 0,62 0,57

P /Ap [MPa] 0,35 0,35 0,58 0,52 0,54 0,49 0,51 0,46 0,47 0,41 0,44 0,4 0,23 0,16 0,58 0,53 0,36 0,39 0,59 0,44 0,25 0,17 0,61 0,55 0,32 0,54 0,62 0,57 0,59 0,54 0,31 0,27 0,58 0,35 0,6 0,57 0,63 0,49 0,33 0,33 0,59 0,53 0,62 0,56 0,42 0,42 0,48 0,27 0,32 0,46 0,59 0,53 0,41 0,54

P /Acv [MPa] 0,4 0,56 0,59 0,53 0,55 0,5 0,52 0,47 0,48 0,43 0,44 0,4 0,26 0,15 0,59 0,53 0,41 0,33 0,59 0,54 0,28 0,17 0,62 0,58 0,39 0,67 0,63 0,58 0,61 0,55 0,52 0,47 0,6 0,55 0,61 0,55 0,64 0,58 0,38 0,36 0,59 0,53 0,62 0,57 0,47 0,45 0,47 0,42 0,52 0,47 0,6 0,56 0,61 0,56

Ver. Mo

Ver. Mp

Ver. V

2 9 18 27 36 45 49 52 61 70 75 77 86 93 102 111 118 127 136 145 155 165 168 175 184 193 208

s=14 s=16 s=16 s=17 s=18 s=19 s=25 s=20 s=21 s=22 s=58 s=22 s=21 s=20 s=23 s=24 s=16 s=16 s=16 s=14 s=44 s=45 s=27 s=28 s=29 s=30 s=46

VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER

0 250 0 250 0 250 0 250 0 250 0 250 0 500 0 250 0 250 0 250 0 500 0 250 0 250 0 250 0 250 0 250 0 250 0 250 0 250 0 250 0 250 0 250 0 250 0 250 0 250 0 250 0 250

4,2 4,2 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 7,1 7,1 3,5 3,5 4,4 4,4 3,5 3,5 7,1 7,1 3,5 3,5 4,4 4,4 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 4,2 4,2 4,8 4,8 6,1 6,1 4,5 4,5 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 4,8 4,8

0,03 0,03 0,05 0,05 0,02 0,12 0,04 0,1 0,07 0,02 0,08 0,03 0,04 0,04 0,06 0,02 0,03 0,03 0,07 0,05 0,04 0,04 0,08 0,08 0,03 0,04 0,04 0,04 0,05 0,04 0,08 0,07 0,05 0,05 0,04 0,07 0,05 0,04 0,03 0,03 0,06 0,07 0,06 0,06 0,03 0,03 0,06 0,02 0,07 0,02 0,06 0,05 0,05 0,05

0,89 0,89 0,91 0,91 0,91 0,74 0,91 0,78 0,83 0,91 0,83 0,91 0,8 0,79 0,9 0,91 0,89 0,89 0,89 0,9 0,8 0,79 0,82 0,73 0,87 0,86 0,89 0,87 0,9 0,89 0,86 0,87 0,91 0,9 0,91 0,84 0,9 0,91 0,89 0,89 0,82 0,8 0,82 0,82 0,88 0,87 0,84 0,91 0,84 0,91 0,89 0,91 0,88 0,88

0,37 0,34 0,36 0,33 0,35 0,37 0,33 0,34 0,32 0,28 0,37 0,33 0,22 0,15 0,38 0,34 0,4 0,36 0,4 0,36 0,24 0,18 0,4 0,41 0,37 0,34 0,35 0,33 0,33 0,3 0,31 0,27 0,34 0,31 0,34 0,32 0,35 0,31 0,34 0,31 0,35 0,32 0,38 0,34 0,35 0,32 0,28 0,23 0,3 0,25 0,33 0,29 0,35 0,32

0,17 0,08 0,02 0,03 0,02 0,03 0,03 0,04 0,02 0,04 0,01 0,02 0,14 0,01 0,01 0,01 0,15 0,07 0,01 0,01 0,13 0,04 0,04 0,06 0,21 0,2 0,02 0,02 0,03 0,04 0,06 0,1 0,05 0,06 0,03 0,03 0,03 0,02 0,15 0,1 0,01 0,01 0,01 0,01 0,14 0,1 0,01 0,02 0,01 0,02 0,02 0,07 0,04 0,06

0,15 0,01 0,03 0,03 0,03 0,03 0,04 0,04 0,03 0,03 0,01 0,01 0,22 0,23 0,01 0,01 0,14 0,01 0,01 0,01 0,19 0,2 0,06 0,06 0,2 0,09 0,03 0,03 0,02 0,02 0,08 0,09 0,06 0,06 0,03 0,03 0,02 0,03 0,12 0,03 0,01 0,01 0,01 0,01 0,11 0,04 0,04 0,05 0,01 0,01 0,07 0,07 0,03 0,03

Tabella 7.1: Verifiche dello stato attuale sui maschi murari (1 di 8)

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

53

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

Ele.

Sez.

Stato

Pos

h0 /t

Ecc /t

(t )

P /Ao [MPa] 0,69 0,63 0,35 0,24 0,6 0,56 0,56 0,52 0,53 0,49 0,55 0,49 0,56 0,51 0,45 0,39 0,5 0,44 0,5 0,44 0,64 0,58 0,64 0,58 0,71 0,66 0,67 0,62 0,66 0,6 0,51 0,47 0,48 0,44 0,49 0,43 0,53 0,47 0,57 0,49 0,67 0,59 0,7 0,62 0,66 0,58 0,61 0,53 0,66 0,58 0,64 0,56 0,55 0,47

P /Ap [MPa] 0,46 0,42 0,24 0,17 0,39 0,35 0,4 0,31 0,33 0,28 0,55 0,49 0,32 0,27 0,29 0,24 0,5 0,44 0,5 0,45 0,38 0,34 0,65 0,6 0,71 0,66 0,4 0,36 0,39 0,35 0,51 0,47 0,49 0,44 0,51 0,43 0,55 0,49 0,57 0,49 0,67 0,59 0,7 0,5 0,66 0,58 0,61 0,53 0,66 0,58 0,64 0,56 0,55 0,47

P /Acv [MPa] 0,51 0,46 0,29 0,2 0,4 0,36 0,4 0,36 0,33 0,29 0,56 0,52 0,43 0,32 0,34 0,25 0,51 0,45 0,51 0,46 0,43 0,38 0,67 0,62 0,72 0,67 0,45 0,4 0,44 0,39 0,52 0,48 0,5 0,44 0,51 0,46 0,55 0,5 0,58 0,53 0,67 0,6 0,57 0,5 0,67 0,61 0,63 0,58 0,66 0,59 0,65 0,57 0,57 0,5

Ver. Mo

Ver. Mp

Ver. V

216 220 223 232 241 250 259 266 275 284 291 300 307 316 325 332 341 348 357 364 368 373 378 383 387 392 396

s=14 s=26 s=16 s=16 s=17 s=31 s=32 s=33 s=34 s=35 s=36 s=37 s=38 s=39 s=40 s=35 s=41 s=42 s=43 s=49 s=51 s=52 s=53 s=54 s=55 s=56 s=57

VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER

0 250 0 500 0 250 0 250 0 250 0 250 0 250 0 250 0 250 0 250 0 250 0 250 0 250 0 250 0 250 0 250 0 250 0 250 0 250 0 350 0 350 0 350 0 350 0 350 0 350 0 350 0 350

4,2 4,2 7,1 7,1 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 6,3 6,3 3,5 3,5 3,6 3,6 3,5 3,5 3,5 3,5 4,3 4,3 3,7 3,7 3,5 3,5 4,2 4,2 4,8 4,8 5,2 5,2 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5

0,03 0,03 0,04 0,04 0,06 0,02 0,08 0,02 0,08 0,02 0,08 0,07 0,03 0,04 0,02 0,02 0,05 0,04 0,06 0,04 0,03 0,04 0,06 0,06 0,05 0,03 0,03 0,03 0,03 0,03 0,06 0,05 0,06 0,05 0,07 0,08 0,07 0,07 0,05 0,05 0,03 0,03 0,03 0,03 0,04 0,05 0,07 0,1 0,04 0,04 0,04 0,04 0,04 0,05

0,89 0,89 0,79 0,79 0,84 0,91 0,8 0,91 0,82 0,9 0,87 0,87 0,88 0,86 0,9 0,91 0,82 0,82 0,85 0,88 0,87 0,85 0,85 0,87 0,91 0,91 0,88 0,87 0,9 0,88 0,84 0,9 0,84 0,88 0,81 0,8 0,81 0,79 0,87 0,87 0,88 0,88 0,88 0,87 0,84 0,82 0,75 0,68 0,86 0,86 0,87 0,87 0,87 0,86

0,39 0,36 0,22 0,15 0,36 0,31 0,35 0,29 0,32 0,27 0,31 0,28 0,32 0,3 0,25 0,22 0,3 0,27 0,29 0,25 0,37 0,34 0,37 0,34 0,39 0,36 0,38 0,35 0,37 0,34 0,3 0,26 0,28 0,25 0,3 0,27 0,33 0,3 0,33 0,28 0,38 0,34 0,4 0,36 0,39 0,36 0,41 0,4 0,38 0,34 0,37 0,33 0,32 0,27

0,13 0,1 0,13 0,13 0,02 0,04 0,01 0,03 0,02 0,03 0,04 0,08 0,19 0,18 0,19 0,04 0,03 0,03 0,03 0,04 0,14 0,13 0,05 0,06 0,02 0,03 0,14 0,12 0,14 0,13 0,01 0,03 0,01 0,02 0,01 0,01 0,01 0,01 0,02 0,1 0,01 0,02 0,01 0,01 0,03 0,07 0,05 0,12 0,01 0,02 0,01 0,02 0,05 0,09

0,11 0,04 0,15 0,18 0,03 0,04 0,02 0,02 0,02 0,02 0,07 0,07 0,19 0,2 0,37 0,36 0,02 0,02 0,11 0,12 0,11 0,06 0,04 0,04 0,03 0,03 0,11 0,06 0,11 0,06 0,04 0,04 0,01 0,01 0,01 0,01 0,01 0,01 0,14 0,16 0,04 0,04 0,01 0,01 0,06 0,07 0,12 0,13 0,02 0,02 0,01 0,01 0,1 0,1

Tabella 7.2: Verifiche dello stato attuale sui maschi murari (2 di 8)

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

54

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

Ele.

Sez.

Stato

Pos

h0 /t

Ecc /t

(t )

P /Ao [MPa] 0,39 0,28 0,39 0,28 0,15 0,04 0,47 0,39 0,64 0,56 0,45 0,37 0,54 0,46 0,36 0,25 0,37 0,26 0,5 0,42 0,59 0,51 0,54 0,48 0,5 0,45 0,45 0,39 0,42 0,37 0,38 0,32 0,24 0,13 0,5 0,44 0,53 0,47 0,53 0,48 0,55 0,49 0,56 0,5 0,54 0,48 0,47 0,41 0,43 0,37 0,48 0,44 0,26 0,15

P /Ap [MPa] 0,25 0,17 0,25 0,17 0,11 0,02 0,29 0,39 0,36 0,3 0,45 0,37 0,45 0,27 0,23 0,15 0,24 0,15 0,5 0,42 0,36 0,3 0,32 0,27 0,44 0,39 0,4 0,34 0,42 0,32 0,38 0,34 0,18 0,08 0,5 0,44 0,53 0,47 0,33 0,45 0,55 0,49 0,56 0,5 0,28 0,24 0,47 0,41 0,43 0,37 0,31 0,26 0,17 0,08

P /Acv [MPa] 0,28 0,16 0,31 0,19 0,13 0,02 0,33 0,24 0,4 0,34 0,46 0,4 0,33 0,28 0,26 0,15 0,27 0,16 0,51 0,46 0,58 0,51 0,35 0,24 0,46 0,41 0,41 0,36 0,44 0,39 0,43 0,38 0,27 0,17 0,53 0,47 0,54 0,49 0,38 0,24 0,57 0,53 0,6 0,55 0,4 0,53 0,49 0,44 0,45 0,4 0,35 0,3 0,18 0,09

Ver. Mo

Ver. Mp

Ver. V

399 402 405 408 412 417 421 426 429 432 436 442 449 458 467 476 483 485 492 501 510 517 526 533 542 551 555

s=25 s=26 s=58 s=59 s=60 s=61 s=53 s=48 s=48 s=47 s=36 s=63 s=65 s=65 s=66 s=67 s=94 s=68 s=69 s=70 s=71 s=71 s=70 s=69 s=72 s=73 s=95

VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER

0 500 0 500 0 500 0 350 0 350 0 350 0 350 0 500 0 500 0 350 0 350 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 500 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 500

7,1 7,1 7,1 7,1 7,1 7,1 5 5 5 5 5 5 5 5 7,1 7,1 7,1 7,1 5 5 5,1 5,1 4,4 4,4 4 4 4 4 4 4 4 4 7,7 7,7 4 4 4 4 4,6 4,6 4 4 4 4 4,6 4,6 4 4 4 4 4 4 7,7 7,7

0,04 0,05 0,04 0,05 0,04 0,05 0,03 0,04 0,03 0,03 0,04 0,05 0,04 0,05 0,05 0,05 0,04 0,05 0,03 0,03 0,03 0,04 0,03 0,04 0,05 0,03 0,14 0,14 0,12 0,11 0,11 0,18 0,05 0,05 0,05 0,07 0,03 0,03 0,04 0,05 0,09 0,07 0,12 0,07 0,05 0,05 0,05 0,03 0,03 0,07 0,08 0,07 0,05 0,05

0,79 0,79 0,79 0,77 0,79 0,77 0,86 0,85 0,87 0,86 0,85 0,82 0,85 0,84 0,79 0,78 0,79 0,78 0,87 0,87 0,87 0,87 0,89 0,89 0,9 0,9 0,7 0,72 0,73 0,77 0,74 0,66 0,76 0,76 0,9 0,88 0,9 0,89 0,84 0,82 0,85 0,84 0,73 0,81 0,83 0,8 0,87 0,9 0,89 0,87 0,8 0,82 0,77 0,76

0,24 0,18 0,25 0,18 0,1 0,03 0,27 0,23 0,37 0,32 0,26 0,22 0,31 0,28 0,23 0,16 0,24 0,17 0,29 0,24 0,34 0,29 0,3 0,27 0,28 0,25 0,32 0,27 0,29 0,24 0,26 0,24 0,16 0,09 0,28 0,25 0,29 0,26 0,32 0,29 0,32 0,29 0,38 0,31 0,33 0,3 0,27 0,23 0,24 0,21 0,3 0,27 0,17 0,1

0,14 0,02 0,13 0,11 0,2 0,09 0,15 0,09 0,12 0,13 0,06 0,11 0,01 0,02 0,13 0,02 0,13 0,02 0,02 0,11 0,09 0,11 0,13 0,03 0,04 0,07 0,04 0,07 0,05 0,08 0,08 0,13 0,13 0,29 0,07 0,08 0,04 0,05 0,18 0,09 0,07 0,09 0,09 0,13 0,35 0,17 0,04 0,07 0,07 0,1 0,13 0,15 0,05 0,13

0,23 0,24 0,15 0,17 0,24 0,26 0,15 0,16 0,11 0,12 0,1 0,11 0,01 0,01 0,19 0,2 0,2 0,21 0,15 0,17 0,04 0,05 0,13 0,06 0,06 0,06 0,05 0,06 0,07 0,07 0,09 0,1 0,18 0,24 0,06 0,06 0,05 0,05 0,16 0,05 0,09 0,09 0,12 0,13 0,25 0,07 0,06 0,06 0,05 0,06 0,14 0,15 0,15 0,19

Tabella 7.3: Verifiche dello stato attuale sui maschi murari (3 di 8)

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

55

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

Ele.

Sez.

Stato

Pos

h0 /t

Ecc /t

(t )

P /Ao [MPa] 0,46 0,4 0,44 0,38 0,47 0,41 0,47 0,41 0,37 0,31 0,35 0,29 0,37 0,32 0,42 0,37 0,43 0,37 0,46 0,4 0,44 0,38 0,42 0,37 0,39 0,34 0,36 0,3 0,38 0,32 0,47 0,41 0,49 0,44 0,52 0,47 0,47 0,41 0,45 0,4 0,36 0,3 0,32 0,26 0,35 0,29 0,39 0,33 0,4 0,34 0,39 0,34 0,41 0,35

P /Ap [MPa] 0,3 0,25 0,44 0,38 0,41 0,35 0,3 0,25 0,27 0,22 0,35 0,18 0,37 0,32 0,42 0,37 0,43 0,37 0,46 0,4 0,46 0,4 0,44 0,38 0,4 0,35 0,36 0,3 0,38 0,32 0,48 0,43 0,28 0,24 0,51 0,47 0,48 0,42 0,47 0,41 0,36 0,3 0,32 0,26 0,21 0,17 0,25 0,21 0,4 0,34 0,24 0,19 0,26 0,21

P /Acv [MPa] 0,32 0,28 0,45 0,4 0,42 0,37 0,34 0,23 0,32 0,35 0,35 0,29 0,39 0,33 0,47 0,41 0,46 0,4 0,46 0,41 0,46 0,41 0,44 0,39 0,41 0,35 0,37 0,31 0,38 0,35 0,51 0,46 0,35 0,29 0,54 0,49 0,53 0,48 0,51 0,46 0,37 0,34 0,34 0,28 0,23 0,2 0,43 0,39 0,45 0,4 0,25 0,2 0,27 0,23

Ver. Mo

Ver. Mp

Ver. V

558 567 576 585 594 601 610 619 628 635 644 653 662 671 680 687 696 703 712 721 728 737 744 753 762 769 778

s=65 s=65 s=65 s=63 s=74 s=75 s=76 s=77 s=78 s=79 s=80 s=81 s=82 s=83 s=84 s=85 s=86 s=87 s=88 s=89 s=84 s=90 s=91 s=92 s=93 s=66 s=65

VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER

0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260

4 4 4 4 4 4 4,4 4,4 4,7 4,7 4 4 4 4 4 4 5 5 6,3 6,3 5 5 5,4 5,4 5 5 4,4 4,4 4 4 4 4 4,5 4,5 4 4 4 4 4 4 4 4 6,5 6,5 4 4 4 4 4 4 4 4 4 4

0,06 0,04 0,09 0,09 0,05 0,03 0,03 0,04 0,05 0,05 0,03 0,03 0,03 0,03 0,06 0,07 0,05 0,07 0,07 0,08 0,09 0,11 0,09 0,11 0,09 0,11 0,06 0,08 0,06 0,07 0,09 0,09 0,05 0,06 0,04 0,04 0,09 0,08 0,09 0,08 0,05 0,05 0,05 0,05 0,03 0,03 0,07 0,07 0,07 0,08 0,03 0,03 0,02 0,03

0,89 0,89 0,8 0,81 0,9 0,9 0,89 0,89 0,82 0,8 0,9 0,89 0,9 0,9 0,89 0,88 0,86 0,86 0,8 0,8 0,77 0,74 0,75 0,73 0,77 0,74 0,84 0,81 0,85 0,82 0,81 0,83 0,82 0,79 0,9 0,89 0,82 0,84 0,81 0,84 0,85 0,86 0,79 0,8 0,89 0,87 0,77 0,75 0,82 0,8 0,9 0,88 0,9 0,89

0,26 0,23 0,28 0,24 0,26 0,23 0,26 0,23 0,23 0,2 0,19 0,16 0,21 0,18 0,24 0,21 0,25 0,22 0,29 0,25 0,29 0,26 0,28 0,25 0,25 0,23 0,21 0,19 0,22 0,2 0,29 0,25 0,3 0,27 0,29 0,26 0,28 0,24 0,28 0,24 0,21 0,17 0,2 0,16 0,2 0,17 0,25 0,22 0,24 0,21 0,22 0,19 0,23 0,2

0,09 0,11 0,05 0,06 0,04 0,05 0,15 0,05 0,19 0,15 0,03 0,04 0,04 0,07 0,12 0,15 0,09 0,1 0,01 0,03 0,01 0,01 0,01 0,02 0,01 0,03 0,03 0,05 0,01 0,09 0,08 0,09 0,23 0,21 0,04 0,06 0,12 0,15 0,12 0,14 0,02 0,15 0,06 0,09 0,07 0,18 0,2 0,27 0,15 0,17 0,04 0,05 0,05 0,07

0,1 0,1 0,05 0,06 0,04 0,04 0,14 0,06 0,13 0,05 0,1 0,11 0,06 0,07 0,18 0,2 0,05 0,05 0,01 0,01 0,01 0,01 0,01 0,01 0,01 0,01 0,02 0,02 0,14 0,15 0,05 0,05 0,15 0,08 0,05 0,06 0,09 0,1 0,08 0,08 0,23 0,26 0,04 0,04 0,27 0,32 0,22 0,25 0,19 0,21 0,04 0,04 0,05 0,05

Tabella 7.4: Verifiche dello stato attuale sui maschi murari (4 di 8)

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

56

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

Ele.

Sez.

Stato

Pos

h0 /t

Ecc /t

(t )

P /Ao [MPa] 0,43 0,38 0,44 0,39 0,28 0,17 0,3 0,19 0,34 0,25 0,38 0,29 0,4 0,32 0,39 0,3 0,32 0,23 0,39 0,31 0,39 0,31 0,41 0,32 0,29 0,21 0,33 0,25 0,32 0,24 0,35 0,26 0,27 0,16 0,28 0,17 0,3 0,19 0,25 0,14 0,31 0,2 0,29 0,18 0,15 0,09 0,12 0,07 0,13 0,07 0,18 0,12 0,17 0,11

P /Ap [MPa] 0,28 0,24 0,29 0,24 0,2 0,1 0,18 0,1 0,34 0,26 0,38 0,29 0,35 0,16 0,39 0,3 0,32 0,24 0,27 0,21 0,27 0,2 0,41 0,32 0,29 0,21 0,31 0,15 0,32 0,24 0,33 0,16 0,17 0,08 0,17 0,09 0,19 0,1 0,14 0,06 0,19 0,11 0,18 0,1 0,15 0,09 0,12 0,06 0,13 0,06 0,09 0,05 0,11 0,05

P /Acv [MPa] 0,3 0,26 0,33 0,41 0,3 0,2 0,19 0,11 0,37 0,29 0,38 0,3 0,36 0,28 0,42 0,34 0,33 0,26 0,4 0,31 0,4 0,31 0,46 0,35 0,33 0,25 0,34 0,26 0,35 0,28 0,34 0,25 0,18 0,1 0,18 0,1 0,31 0,2 0,16 0,09 0,22 0,14 0,19 0,1 0,21 0,18 0,15 0,09 0,15 0,09 0,1 0,07 0,2 0,1

Ver. Mo

Ver. Mp

Ver. V

787 796 804 807 808 812 817 822 827 831 836 840 845 849 854 858 863 866 869 872 875 878 889 896 905 912 921

s=65 s=63 s=94 s=95 s=49 s=51 s=52 s=53 s=57 s=56 s=55 s=54 s=97 s=98 s=99 s=89 s=100 s=100 s=101 s=102 s=103 s=104 s=89 s=84 s=90 s=91 s=92

VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER

0 260 0 260 0 500 0 500 0 380 0 380 0 380 0 380 0 380 0 380 0 380 0 380 0 380 0 380 0 380 0 380 0 500 0 500 0 500 0 500 0 500 0 500 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260

4 4 4,4 4,4 7,7 7,7 7,7 7,7 5,4 5,4 5,4 5,4 5,4 5,4 5,4 5,4 5,4 5,4 5,4 5,4 5,4 5,4 5,4 5,4 5,9 5,9 5,9 5,9 5,9 5,9 5,9 5,9 7,7 7,7 7,7 7,7 7,7 7,7 7,7 7,7 7,7 7,7 7,7 7,7 4 4 4 4 6,5 6,5 4 4 4 4

0,03 0,03 0,03 0,04 0,05 0,06 0,05 0,06 0,06 0,08 0,03 0,03 0,04 0,04 0,07 0,09 0,06 0,07 0,06 0,08 0,06 0,08 0,1 0,12 0,05 0,07 0,06 0,08 0,04 0,06 0,07 0,09 0,05 0,06 0,05 0,06 0,06 0,06 0,05 0,06 0,05 0,05 0,05 0,05 0,14 0,17 0,08 0,12 0,06 0,13 0,03 0,04 0,11 0,16

0,9 0,89 0,87 0,88 0,74 0,73 0,76 0,75 0,82 0,79 0,86 0,86 0,85 0,85 0,74 0,7 0,84 0,8 0,81 0,77 0,82 0,78 0,68 0,74 0,78 0,74 0,79 0,76 0,84 0,84 0,73 0,69 0,76 0,74 0,77 0,76 0,74 0,73 0,75 0,74 0,77 0,77 0,76 0,76 0,68 0,64 0,79 0,71 0,79 0,7 0,88 0,87 0,67 0,58

0,24 0,21 0,25 0,22 0,19 0,11 0,2 0,12 0,2 0,16 0,22 0,17 0,24 0,19 0,26 0,22 0,19 0,15 0,24 0,2 0,24 0,2 0,3 0,22 0,19 0,14 0,21 0,16 0,19 0,14 0,24 0,19 0,18 0,11 0,18 0,11 0,21 0,13 0,17 0,09 0,2 0,13 0,19 0,12 0,11 0,07 0,08 0,05 0,08 0,05 0,1 0,07 0,12 0,09

0,07 0,09 0,14 0,1 0,11 0,22 0,05 0,1 0,12 0,15 0,02 0,04 0,02 0,02 0,1 0,13 0,01 0,09 0,01 0,01 0,02 0,02 0,15 0,1 0,13 0,17 0,04 0,05 0,09 0,15 0,04 0,05 0,07 0,13 0,07 0,16 0,03 0,07 0,15 0,37 0,15 0,24 0,07 0,06 0,32 0,51 0,18 0,31 0,13 0,24 0,04 0,27 0,26 0,49

0,07 0,08 0,1 0,03 0,15 0,19 0,14 0,17 0,25 0,28 0,06 0,07 0,04 0,04 0,14 0,16 0,15 0,17 0,01 0,01 0,02 0,02 0,16 0,17 0,14 0,17 0,04 0,05 0,22 0,25 0,02 0,02 0,18 0,22 0,21 0,26 0,06 0,07 0,08 0,12 0,07 0,09 0,15 0,17 0,15 0,21 0,32 0,41 0,04 0,05 0,14 0,19 0,17 0,23

Tabella 7.5: Verifiche dello stato attuale sui maschi murari (5 di 8)

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

57

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

Ele.

Sez.

Stato

Pos

h0 /t

Ecc /t

(t )

P /Ao [MPa] 0,15 0,1 0,15 0,09 0,16 0,1 0,17 0,11 0,16 0,1 0,14 0,03 0,18 0,06 0,16 0,07 0,14 0,06 0,17 0,08 0,18 0,1 0,14 0,05 0,16 0,08 0,17 0,08 0,15 0,07 0,13 0,04 0,15 0,06 0,14 0,05 0,18 0,09 0,16 0,05 0,16 0,05 0,19 0,07 0,18 0,07 0,16 0,05 0,16 0,05 0,31 0,26 0,15 0,09

P /Ap [MPa] 0,15 0,1 0,1 0,05 0,11 0,06 0,11 0,07 0,11 0,1 0,1 0,01 0,18 0,02 0,15 0,03 0,13 0,05 0,17 0,08 0,18 0,04 0,13 0,03 0,16 0,08 0,16 0,08 0,15 0,07 0,13 0,03 0,1 0,04 0,14 0,03 0,11 0,05 0,15 0,01 0,14 0,01 0,18 0,02 0,1 0,02 0,1 0,01 0,1 0,04 0,16 0,12 0,15 0,1

P /Acv [MPa] 0,2 0,16 0,11 0,07 0,18 0,13 0,2 0,15 0,2 0,13 0,16 0,34 0,1 0,02 0,18 0,05 0,14 0,07 0,17 0,11 0,22 0,15 0,14 0,05 0,17 0,08 0,17 0,08 0,18 0,13 0,16 0,11 0,15 0,1 0,16 0,1 0,18 0,1 0,14 0,09 0,16 0,04 0,19 0,09 0,12 0,08 0,12 0,17 0,16 0,05 0,18 0,13 0,18 0,16

Ver. Mo

Ver. Mp

Ver. V

930 937 946 955 964 972 975 976 980 985 990 995 999 1004 1008 1013 1017 1022 1026 1033 1036 1039 1042 1045 1048 1052 1059

s=93 s=66 s=65 s=65 s=63 s=94 s=95 s=49 s=51 s=52 s=53 s=57 s=56 s=55 s=54 s=97 s=98 s=99 s=89 s=100 s=100 s=101 s=102 s=103 s=104 s=63 s=65

VER VER VER VER VER NON VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER NON VER NON VER VER VER VER VER VER VER

0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 500 0 500 0 380 0 380 0 380 0 380 0 380 0 380 0 380 0 380 0 380 0 380 0 380 0 380 0 500 0 500 0 500 0 500 0 500 0 500 0 260 0 260

4 4 4 4 4 4 4 4 4,4 4,4 7,7 7,7 7,7 7,7 5,4 5,4 5,4 5,4 5,4 5,4 5,4 5,4 5,4 5,4 5,4 5,4 5,4 5,4 5,4 5,4 5,9 5,9 5,9 5,9 5,9 5,9 5,9 5,9 7,7 7,7 7,7 7,7 7,7 7,7 7,7 7,7 7,7 7,7 7,7 7,7 4,4 4,4 4 4

0,09 0,11 0,03 0,04 0,03 0,03 0,04 0,04 0,05 0,07 0,06 0,16 0,05 0,09 0,07 0,17 0,04 0,03 0,04 0,04 0,12 0,22 0,07 0,2 0,08 0,18 0,08 0,16 0,05 0,05 0,06 0,18 0,07 0,13 0,08 0,28 0,09 0,14 0,06 0,31 0,06 0,26 0,05 0,09 0,05 0,06 0,05 0,07 0,05 0,09 0,06 0,09 0,03 0,07

0,75 0,77 0,89 0,9 0,89 0,9 0,88 0,86 0,86 0,83 0,74 0,65 0,76 0,66 0,78 0,64 0,84 0,86 0,85 0,86 0,64 0,5 0,77 0,6 0,79 0,66 0,8 0,67 0,84 0,82 0,76 0,62 0,74 0,64 0,71 0,41 0,68 0,59 0,74 0,6 0,74 0,62 0,76 0,72 0,76 0,77 0,75 0,73 0,76 0,66 0,79 0,7 0,87 0,82

0,1 0,06 0,08 0,05 0,09 0,06 0,1 0,06 0,09 0,06 0,1 0,02 0,12 0,05 0,1 0,06 0,08 0,03 0,1 0,05 0,14 0,1 0,09 0,05 0,1 0,06 0,11 0,06 0,09 0,04 0,09 0,04 0,1 0,05 0,1 0,06 0,13 0,08 0,11 0,04 0,11 0,04 0,12 0,05 0,12 0,04 0,1 0,03 0,1 0,03 0,2 0,18 0,09 0,06

0,27 0,44 0,14 0,31 0,15 0,27 0,2 0,35 0,25 0,24 0,12 1,67 0,04 0,29 0,19 0,28 0,05 0,32 0,03 0,24 0,2 0,47 0,05 0,12 0,02 0,04 0,03 0,06 0,18 0,5 0,22 0,66 0,06 0,4 0,18 0,52 0,04 0,11 0,02 1,24 0,03 1,05 0,03 0,17 0,13 0,82 0,14 0,92 0,01 0,1 0,17 0,07 0,16 0,43

0,25 0,34 0,08 0,11 0,1 0,12 0,14 0,17 0,14 0,03 0,16 1,25 0,03 0,04 0,18 0,21 0,12 0,19 0,11 0,15 0,2 0,28 0,14 0,17 0,01 0,01 0,03 0,03 0,18 0,32 0,17 0,36 0,08 0,13 0,26 0,46 0,01 0,01 0,05 0,58 0,06 0,19 0,07 0,1 0,05 0,26 0,05 0,41 0,04 0,05 0,15 0,1 0,16 0,24

Tabella 7.6: Verifiche dello stato attuale sui maschi murari (6 di 8)

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

58

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

Ele.

Sez.

Stato

Pos

h0 /t

Ecc /t

(t )

P /Ao [MPa] 0,12 0,06 0,12 0,06 0,11 0,05 0,12 0,01 0,19 0,13 0,21 0,15 0,18 0,13 0,15 0,08 0,12 0,04 0,12 0,07 0,12 0,07 0,12 0,06 0,22 0,17 0,14 0,03 0,13 0,07 0,12 0,06 0,14 0,08 0,22 0,16 0,14 0,08 0,14 0,08 0,14 0,09 0,16 0,1 0,18 0,12 0,28 0,22 0,28 0,23 0,27 0,21 0,22 0,16

P /Ap [MPa] 0,12 0,06 0,09 0,04 0,09 0,04 0,09 0,01 0,19 0,07 0,21 0,07 0,11 0,07 0,09 0,05 0,11 0,05 0,09 0,05 0,13 0,07 0,12 0,06 0,13 0,17 0,14 0,01 0,09 0,04 0,12 0,06 0,14 0,08 0,12 0,09 0,1 0,05 0,09 0,05 0,1 0,05 0,16 0,1 0,18 0,11 0,26 0,08 0,26 0,08 0,27 0,08 0,22 0,06

P /Acv [MPa] 0,13 0,07 0,13 0,06 0,15 0,1 0,13 0 0,25 0,21 0,24 0,18 0,17 0,08 0,18 0,06 0,16 0,1 0,16 0,11 0,15 0,09 0,15 0,1 0,23 0,2 0,09 0,04 0,11 0,07 0,13 0,08 0,16 0,13 0,16 0,1 0,19 0,11 0,15 0,09 0,17 0,12 0,21 0,16 0,2 0,14 0,28 0,22 0,29 0,21 0,27 0,21 0,23 0,17

Ver. Mo

Ver. Mp

Ver. V

1068 1077 1086 1093 1095 1102 1111 1120 1127 1136 1143 1152 1161 1165 1168 1177 1186 1195 1204 1211 1220 1229 1238 1245 1254 1263 1272

s=65 s=66 s=67 s=94 s=68 s=69 s=70 s=71 s=71 s=70 s=69 s=72 s=73 s=95 s=65 s=65 s=65 s=63 s=74 s=75 s=76 s=77 s=78 s=79 s=80 s=81 s=82

VER VER NON VER NON VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER

0 260 0 260 0 260 0 500 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 500 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260

4 4 4 4 4 4 7,7 7,7 4 4 4 4 4,6 4,6 4 4 4 4 4,6 4,6 4 4 4 4 4 4 7,7 7,7 4 4 4 4 4 4 4,4 4,4 4,7 4,7 4 4 4 4 4 4 5 5 6,3 6,3 5 5 5,4 5,4 5 5

0,07 0,21 0,06 0,26 0,03 0,38 0,05 18,45 0,14 0,17 0,09 0,05 0,09 0,1 0,18 0,14 0,25 0,32 0,11 0,16 0,11 0,17 0,13 0,3 0,09 0,11 0,05 0,17 0,03 0,08 0,03 0,11 0,04 0,08 0,07 0,1 0,1 0,15 0,03 0,04 0,04 0,04 0,1 0,15 0,09 0,15 0,09 0,13 0,12 0,18 0,13 0,21 0,15 0,26

0,81 0,56 0,83 0,49 0,9 0,34 0,75 0,52 0,71 0,7 0,8 0,87 0,73 0,77 0,62 0,62 0,51 0,29 0,66 0,57 0,7 0,63 0,69 0,45 0,75 0,69 0,77 0,7 0,87 0,79 0,89 0,71 0,87 0,8 0,78 0,7 0,69 0,61 0,88 0,88 0,87 0,86 0,76 0,64 0,75 0,62 0,8 0,81 0,76 0,72 0,68 0,63 0,63 0,51

0,07 0,05 0,07 0,06 0,06 0,08 0,08 0,01 0,13 0,09 0,13 0,09 0,13 0,08 0,12 0,07 0,12 0,07 0,09 0,06 0,09 0,05 0,09 0,07 0,15 0,12 0,09 0,02 0,07 0,04 0,07 0,04 0,08 0,05 0,14 0,12 0,1 0,07 0,08 0,04 0,08 0,05 0,1 0,08 0,12 0,1 0,17 0,14 0,19 0,16 0,19 0,17 0,17 0,16

0,07 0,14 0,16 0,33 0,28 0,52 0,15 371,55 0,26 0,4 0,15 0,2 0,36 0,2 0,27 0,3 0,33 0,53 0,45 0,59 0,15 0,26 0,21 0,38 0,14 0,18 0,04 0,87 0,2 0,4 0,14 0,3 0,17 0,39 0,22 0,11 0,34 0,33 0,07 0,2 0,16 0,35 0,24 0,37 0,13 0,16 0,02 0,03 0,02 0,01 0,03 0,02 0,06 0,07

0,04 0,05 0,08 0,11 0,15 0,23 0,15 0 0,18 0,22 0,13 0,14 0,24 0,1 0,13 0,14 0,21 0,32 0,33 0,06 0,1 0,12 0,08 0,11 0,07 0,08 0,02 0,15 0,11 0,15 0,09 0,12 0,14 0,2 0,16 0,11 0,17 0,05 0,18 0,22 0,14 0,18 0,26 0,33 0,05 0,05 0,01 0,01 0,01 0,01 0,01 0,01 0,02 0,02

Tabella 7.7: Verifiche dello stato attuale sui maschi murari (7 di 8)

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

59

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

Ele.

Sez.

Stato

Pos

h0 /t

Ecc /t

(t )

P /Ao [MPa] 0,15 0,09 0,13 0,07 0,15 0,09 0,16 0,1 0,13 0,08 0,15 0,09

P /Ap [MPa] 0,15 0,07 0,13 0,06 0,15 0,09 0,11 0,07 0,12 0,06 0,15 0,1

P /Acv [MPa] 0,17 0,11 0,16 0,09 0,21 0,18 0,16 0,11 0,14 0,09 0,22 0,19

Ver. Mo

Ver. Mp

Ver. V

1281 1290 1297 1306 1313 1322

s=83 s=84 s=85 s=86 s=87 s=88

VER VER VER VER VER VER

0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260

4,4 4,4 4 4 4 4 4,5 4,5 4 4 4 4

0,14 0,26 0,13 0,27 0,15 0,17 0,15 0,23 0,08 0,07 0,14 0,16

0,61 0,41 0,63 0,37 0,68 0,66 0,59 0,43 0,77 0,78 0,69 0,65

0,12 0,11 0,1 0,1 0,11 0,07 0,13 0,11 0,09 0,05 0,11 0,07

0,12 0,19 0,19 0,23 0,31 0,52 0,35 0,4 0,11 0,2 0,33 0,53

0,04 0,05 0,3 0,34 0,14 0,21 0,17 0,06 0,07 0,08 0,17 0,25

Tabella 7.8: Verifiche dello stato attuale sui maschi murari (8 di 8)

Fascia

Stato

Vp [kN ] 190,58 25,41 338,82 25,41 338,82 25,41 338,82 25,41 338,82 25,41 338,82 25,41 338,82 14,12 25,41 338,82 25,41 338,82 25,41 338,82 25,41 338,82 25,41 338,82 25,41 338,82 42,35 564,69 25,41 338,82 27,23 363,02 29,42

Vt [kN ] 60 20 80 20 80 20 80 20 80 20 80 20 80 20 20 80 20 80 20 80 20 80 20 80 20 80 20 80 20 80 20 80 20

Mu [kN · m] 142,94 19,06 254,11 19,06 254,11 19,06 254,11 19,06 254,11 19,06 254,11 19,06 254,11 19,06 19,06 254,11 19,06 254,11 19,06 254,11 19,06 254,11 19,06 254,11 19,06 254,11 19,06 254,11 19,06 254,11 19,06 254,11 19,06

Ver. V ini

Ver. M ini

Ver. V fin

Ver. M fin

6 12 15 21 24 30 33 39 42 55 58 64 67 80 96 99 105 108 121 124 130 133 139 142 148 151 158 161 178 181 187 190 196

NON VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER NON VER VER VER VER VER

1,29 0,23 0,25 0,21 0,25 0,22 0,25 0,21 0,25 0,26 0,25 0,25 0,25 0,61 0,29 0,25 0,23 0,25 0,35 0,25 0,28 0,25 0,29 0,25 0,28 0,25 0,07 0,15 1,04 0,25 0,71 0,23 0,69

0,14 0,05 0,02 0,03 0,02 0,04 0,02 0,03 0,02 0,07 0,02 0,07 0,02 0,18 0,11 0,02 0,05 0,02 0,14 0,02 0,08 0,02 0,1 0,02 0,09 0,02 0,03 0,01 0,4 0,02 0,16 0,02 0,16

1,26 0,3 0,25 0,3 0,25 0,28 0,25 0,3 0,25 0,25 0,25 0,27 0,25 0,66 0,23 0,25 0,28 0,25 0,2 0,25 0,23 0,25 0,21 0,25 0,24 0,25 0,26 0,15 0,59 0,25 0,8 0,23 0,71

0,13 0,1 0,02 0,1 0,02 0,09 0,02 0,1 0,02 0,06 0,02 0,08 0,02 0,24 0,06 0,02 0,08 0,02 0,03 0,02 0,05 0,02 0,03 0,02 0,05 0,02 0,08 0,01 0,04 0,02 0,23 0,02 0,18

Tabella 7.9: Verifiche dello stato attuale sulle fasce (1 di 5)

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

60

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

Fascia

Stato

Vp [kN ] 392,27 42,35 564,69 27,72 369,62 25,41 338,82 25,41 338,82 25,41 338,82 25,41 338,82 27,23 363,02 27,23 363,02 27,23 363,02 31,76 423,52 25,41 338,82 27,05 360,72 46,71 622,74 42,35 564,69 190,58 190,58 190,58 190,58 381,17 190,58 191,73 111,81 111,81 111,81 111,81 111,81 111,81 111,81 111,81 111,81 111,81 111,81 111,81 62,12 62,12 111,81 111,81 111,81 111,81

Vt [kN ] 80 20 80 20 80 20 80 20 80 20 80 20 80 20 80 20 80 20 80 20 80 20 80 20 80 20 80 20 80 60 60 60 60 60 60 60 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44

Mu [kN · m] 254,11 19,06 254,11 19,06 254,11 19,06 254,11 19,06 254,11 19,06 254,11 19,06 254,11 19,06 254,11 19,06 254,11 19,06 254,11 19,06 254,11 19,06 254,11 19,06 254,11 19,06 254,11 19,06 254,11 142,94 142,94 142,94 142,94 142,94 142,94 142,94 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86

Ver. V ini

Ver. M ini

Ver. V fin

Ver. M fin

199 202 205 211 214 226 229 235 238 244 247 253 256 269 272 278 281 294 297 310 313 319 322 335 338 351 354 360 363 371 376 381 390 415 424 439 452 455 461 464 470 473 479 482 495 498 504 507 520 523 536 539 545 548

VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER NON VER NON VER NON VER NON VER NON VER NON VER NON VER NON VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER NON VER VER VER VER VER VER

0,21 0,07 0,15 0,2 0,23 0,71 0,25 0,79 0,25 0,79 0,25 0,73 0,25 0,19 0,23 0,22 0,23 0,48 0,23 0,3 0,2 0,26 0,25 0,08 0,23 0,18 0,13 0,05 0,15 1,57 1,43 1,06 0,93 2,4 1,49 0,99 0,69 0,22 0,76 0,15 0,84 0,17 0,78 0,14 0,93 0,28 0,76 0,27 2,69 0,38 0,9 0,35 0,92 0,21

0,01 0,04 0,01 0,04 0,02 0,13 0,02 0,2 0,02 0,2 0,02 0,17 0,02 0,24 0,02 0,1 0,02 0,25 0,02 0,09 0,01 0,06 0,02 0,07 0,02 0,07 0,01 0,05 0,01 0,15 0,18 0,06 0,06 0,37 0,19 0,07 0,04 0,03 0,07 0,02 0,1 0,01 0,06 0,02 0,11 0,03 0,1 0,04 0,55 0,04 0,15 0,1 0,11 0,01

0,22 0,27 0,15 0,31 0,23 0,91 0,25 0,83 0,25 0,83 0,25 0,89 0,25 0,65 0,23 0,38 0,23 0,05 0,23 0,15 0,2 0,27 0,25 0,41 0,23 0,43 0,14 0,33 0,15 1,04 1,17 0,99 1,12 2,15 0,35 1,6 1,04 0,37 0,96 0,37 0,88 0,34 0,95 0,38 0,82 0,24 0,99 0,31 2,73 0,53 0,85 0,2 0,83 0,32

0,01 0,07 0,01 0,08 0,02 0,28 0,02 0,23 0,02 0,23 0,02 0,3 0,02 0,38 0,02 0,19 0,02 0,11 0,02 0,04 0,01 0,07 0,02 0,2 0,02 0,19 0,01 0,12 0,01 0,03 0,08 0,03 0,06 0,35 0,19 0,14 0,15 0,07 0,14 0,08 0,11 0,06 0,12 0,08 0,07 0,02 0,19 0,06 0,59 0,15 0,13 0,04 0,08 0,04

Tabella 7.10: Verifiche dello stato attuale sulle fasce (2 di 5)

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

61

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

Fascia

Stato

Vp [kN ] 111,81 111,81 111,81 111,81 111,81 111,81 111,81 111,81 111,81 111,81 119,8 119,8 129,45 129,45 121,97 121,97 186,35 186,35 186,35 186,35 186,35 186,35 205,5 205,5 119,04 119,04 111,81 111,81 139,76 139,76 119,8 119,8 119,8 119,8 119,8 119,8 111,81 111,81 111,81 111,81 111,81 111,81 111,81 111,81 121,97 121,97 121,97 121,97 121,97 111,81 112,48 381,17 139,76 139,76

Vt [kN ] 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 48 48 48 48 48 44 44 60 44 44

Mu [kN · m] 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 91,48 91,48 91,48 91,48 91,48 83,86 83,86 142,94 83,86 83,86

Ver. V ini

Ver. M ini

Ver. V fin

Ver. M fin

561 564 570 573 579 582 588 591 604 607 613 616 622 625 638 641 647 650 656 659 665 668 674 677 690 693 706 709 715 718 731 734 747 750 756 759 772 775 781 784 790 793 799 802 815 820 825 834 843 852 861 881 883 886

VER VER VER VER VER VER VER VER NON VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER NON VER VER NON VER VER NON VER VER NON VER VER VER VER VER NON VER VER VER VER VER VER VER VER VER NON VER NON VER NON VER NON VER NON VER NON VER NON VER NON VER VER VER

0,95 0,51 0,94 0,33 0,98 0,36 0,95 0,34 1,21 0,88 0,29 0,12 0,24 0,19 0,37 0,16 0,08 0,07 0,09 0,07 0,22 0,17 0,3 0,35 0,14 0,22 1,31 0,28 1,52 0,43 1,52 0,85 0,36 0,3 0,53 0,81 0,34 0,06 0,4 0,2 0,39 0,2 0,28 0,05 1,45 1,34 0,96 0,83 1,37 1,97 0,8 1,61 0,23 0,53

0,13 0,12 0,14 0,05 0,15 0,07 0,12 0,06 0,39 0,31 0,04 0,01 0,02 0,06 0,04 0,14 0,06 0,07 0,07 0,04 0,07 0,03 0,03 0,03 0,14 0,11 0,04 0,04 0,14 0,04 0,4 0,3 0,1 0,15 0,2 0,31 0,06 0,02 0,04 0,02 0,03 0,02 0,05 0,1 0,26 0,23 0,11 0,12 0,23 0,42 0,06 0,38 0,07 0,04

0,77 0,13 0,78 0,21 0,74 0,15 0,77 0,23 0,26 0,39 0,65 0,35 0,63 0,25 0,13 0,43 0,28 0,35 0,39 0,34 0,52 0,47 0,57 0,61 1,49 0,69 1,66 0,31 0,85 0,15 0,14 0,38 0,36 0,66 1 1,28 0,67 0,49 0,61 0,31 0,62 0,31 0,73 0,55 0,64 0,75 1,16 1,27 0,75 0,27 1,42 1,86 0,26 0,13

0,08 0,09 0,07 0,02 0,05 0,02 0,05 0,02 0,19 0,19 0,17 0,1 0,15 0,08 0,06 0,01 0,01 0,03 0,04 0,05 0,11 0,13 0,17 0,23 0,38 0,22 0,16 0,03 0,06 0,11 0,14 0,15 0,09 0,2 0,36 0,45 0,19 0,18 0,13 0,06 0,12 0,07 0,15 0,13 0,06 0,03 0,12 0,25 0,08 0,25 0,19 0,18 0,08 0,17

Tabella 7.11: Verifiche dello stato attuale sulle fasce (3 di 5)

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

62

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

Fascia

Stato

Vp [kN ] 119,8 119,8 119,8 119,8 119,8 119,8 111,81 111,81 111,81 111,81 111,81 111,81 111,81 111,81 121,97 121,97 121,97 121,97 121,97 111,81 112,48 111,81 111,81 111,81 111,81 111,81 111,81 111,81 111,81 111,81 111,81 111,81 111,81 62,12 62,12 111,81 111,81 111,81 111,81 111,81 111,81 111,81 111,81 111,81 111,81 111,81 111,81 111,81 111,81 119,8 119,8 129,45 129,45

Vt [kN ] 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 48 48 48 48 48 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44

Mu [kN · m] 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 91,48 91,48 91,48 91,48 91,48 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86

Ver. V ini

Ver. M ini

Ver. V fin

Ver. M fin

899 902 915 918 924 927 940 943 949 952 958 961 967 970 983 988 993 1002 1011 1020 1029 1062 1065 1071 1074 1080 1083 1089 1092 1105 1108 1114 1117 1130 1133 1146 1149 1155 1158 1171 1174 1180 1183 1189 1192 1198 1201 1214 1217 1223 1226 1232 1235

NON VER VER VER VER NON VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER NON VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER NON VER VER VER VER VER VER

1,09 0,95 0,8 0,36 0,17 0,53 0,26 0,08 0,33 0,15 0,32 0,16 0,22 0,05 0,82 0,53 0,77 0,27 0,69 0,88 0,15 0,15 0,19 0,3 0,15 0,25 0,24 0,17 0,18 0,68 0,32 0,7 0,19 0,49 0,42 0,26 0,31 0,25 0,29 0,35 0,35 0,35 0,33 0,28 0,37 0,51 0,4 1,13 0,97 0,19 0,07 0,24 0,06

0,39 0,33 0,12 0,1 0,16 0,2 0,08 0,02 0,04 0,01 0,03 0,01 0,08 0,08 0,25 0,13 0,07 0,22 0,11 0,25 0,11 0,1 0,07 0,12 0,01 0,03 0,03 0,02 0,03 0,06 0,04 0,07 0,02 0,13 0,04 0,06 0,08 0,01 0,03 0,15 0,08 0,09 0,06 0,08 0,08 0,13 0,08 0,36 0,36 0,05 0,01 0,03 0,01

0,63 0,49 0,47 0,36 1,21 1 0,58 0,44 0,45 0,36 0,47 0,37 0,61 0,5 0,18 0,22 0,79 1,02 0,11 0,11 0,76 0,65 0,48 0,21 0,35 0,26 0,27 0,37 0,34 0,53 0,2 0,51 0,39 0,46 0,52 0,33 0,22 0,28 0,21 0,26 0,27 0,18 0,21 0,23 0,15 0,16 0,22 0,35 0,47 0,54 0,41 0,52 0,41

0,24 0,2 0,02 0,09 0,31 0,36 0,21 0,16 0,08 0,09 0,1 0,09 0,1 0,12 0,11 0,02 0,04 0,29 0,14 0,14 0,19 0,22 0,11 0,09 0,07 0,03 0,03 0,07 0,05 0,02 0,02 0,02 0,11 0,12 0,11 0,07 0,05 0,03 0,01 0,11 0,05 0,04 0,02 0,06 0,03 0,08 0,04 0,23 0,21 0,18 0,14 0,12 0,12

Tabella 7.12: Verifiche dello stato attuale sulle fasce (4 di 5)

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

63

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

Fascia

Stato

Vp [kN ] 121,97 121,97 186,35 186,35 186,35 186,35 186,35 186,35 205,5 205,5 119,04 119,04 111,81 111,81

Vt [kN ] 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44 44

Mu [kN · m] 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86 83,86

Ver. V ini

Ver. M ini

Ver. V fin

Ver. M fin

1248 1251 1257 1260 1266 1269 1275 1278 1284 1287 1300 1303 1316 1319

VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER NON VER VER VER VER

0,87 0,37 0,28 0,08 0,33 0,09 0,23 0,22 0,11 0,3 0,61 0,44 0,39 0,24

0,06 0,04 0,13 0,06 0,09 0,07 0,07 0,06 0,04 0,03 0,22 0,19 0,06 0,14

0,36 0,13 0,52 0,28 0,47 0,39 0,57 0,51 0,8 0,57 1,07 0,91 0,17 0,42

0,13 0,06 0,07 0,02 0,05 0,04 0,03 0,11 0,23 0,17 0,4 0,31 0,13 0,03

Tabella 7.13: Verifiche dello stato attuale sulle fasce (5 di 5)

7.5

Interventi di miglioramento in progetto

Analizzando i dati delle verifiche è possibile notare come numerosi elementi non soddisfino ai requisiti imposti dalla normativa. Si vuole quindi indagare l’effetto che un intervento di miglioramento locale delle caratteristiche della muratura potrebbe avere sul comportamento strutturale globale. A tal fine si prescrive l’adozione di intonaco armato per gli elementi non verificati. Tale intervento consiste nell’applicare su entrambi i lati della muratura una rete elettrosaldata, ricoperta in seguito da uno spessore di circa 5 cm di intonaco con adeguate caratteristiche meccaniche. In letteratura si è potuto constatare che un intervento di questo tipo, eseguito su muratura in mattoni pieni, porta all’incremento del 50% delle proprietà meccaniche (in particolare resistenza a taglio e a sforzo normale). Le nuove proprietà della muratura consolidata saranno: fk E G fd fvk ,0 fvd ,0
m

9 MPa 3 9000 MPa 3600 MPa 3 MPa 0, 3 MPa 0, 1 MPa

Nelle tabelle seguenti si riportano le verifiche con il materiale aggiornato.

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

64

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

Ele.

Stato

Pos

h0 /t

Ecc /t

(t )

P /Ao [MPa] 0,67 0,61 0,66 0,6 0,63 0,55 0,6 0,52 0,53 0,5 0,62 0,6 0,35 0,24 0,69 0,63 0,71 0,66 0,72 0,67 0,38 0,27 0,67 0,61 0,65 0,6 0,63 0,57 0,6 0,54 0,53 0,47 0,61 0,55 0,63 0,57 0,63 0,57 0,6 0,55 0,57 0,51 0,62 0,57 0,61 0,55 0,47 0,42 0,5 0,46 0,59 0,54 0,63 0,57

P /Ap [MPa] 0,35 0,35 0,57 0,52 0,54 0,49 0,51 0,46 0,47 0,41 0,44 0,4 0,23 0,16 0,36 0,32 0,36 0,39 0,6 0,45 0,25 0,17 0,62 0,48 0,33 0,55 0,59 0,57 0,6 0,54 0,31 0,27 0,39 0,35 0,6 0,54 0,59 0,49 0,33 0,33 0,59 0,53 0,62 0,57 0,42 0,41 0,47 0,27 0,32 0,46 0,59 0,54 0,42 0,54

P /Acv [MPa] 0,4 0,37 0,59 0,53 0,55 0,5 0,52 0,47 0,48 0,43 0,44 0,4 0,27 0,15 0,59 0,53 0,41 0,33 0,6 0,54 0,29 0,17 0,64 0,59 0,39 0,68 0,64 0,59 0,61 0,56 0,51 0,47 0,6 0,54 0,61 0,55 0,64 0,58 0,38 0,36 0,59 0,54 0,62 0,57 0,47 0,45 0,47 0,41 0,46 0,41 0,6 0,56 0,62 0,56

Ver. Mo

Ver. Mp

Ver. V

2 9 18 27 36 45 49 52 61 70 75 77 86 93 102 111 118 127 136 145 155 165 168 175 184 193 208

VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER

0 250 0 250 0 250 0 250 0 250 0 250 0 500 0 250 0 250 0 250 0 500 0 250 0 250 0 250 0 250 0 250 0 250 0 250 0 250 0 250 0 250 0 250 0 250 0 250 0 250 0 250 0 250

4,2 4,2 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 7,1 7,1 3,5 3,5 4,4 4,4 3,5 3,5 7,1 7,1 3,5 3,5 4,4 4,4 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 4,2 4,2 4,8 4,8 6,1 6,1 4,5 4,5 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 4,8 4,8

0,03 0,03 0,06 0,05 0,04 0,12 0,05 0,09 0,08 0,02 0,09 0,03 0,04 0,04 0,06 0,02 0,03 0,03 0,07 0,05 0,04 0,04 0,07 0,08 0,03 0,04 0,04 0,04 0,05 0,04 0,09 0,07 0,05 0,05 0,05 0,06 0,06 0,03 0,03 0,03 0,07 0,08 0,06 0,06 0,03 0,03 0,06 0,02 0,07 0,02 0,07 0,05 0,05 0,05

0,89 0,89 0,9 0,91 0,91 0,76 0,9 0,79 0,81 0,91 0,81 0,91 0,79 0,79 0,89 0,91 0,89 0,89 0,89 0,9 0,8 0,79 0,82 0,74 0,87 0,86 0,89 0,87 0,9 0,89 0,86 0,87 0,9 0,91 0,9 0,89 0,89 0,91 0,89 0,89 0,81 0,8 0,82 0,82 0,87 0,87 0,84 0,91 0,83 0,91 0,89 0,9 0,88 0,88

0,25 0,23 0,24 0,22 0,23 0,24 0,22 0,22 0,22 0,18 0,25 0,22 0,15 0,1 0,26 0,23 0,27 0,25 0,27 0,25 0,16 0,11 0,27 0,28 0,25 0,23 0,24 0,22 0,22 0,2 0,2 0,18 0,23 0,2 0,23 0,21 0,23 0,21 0,23 0,2 0,23 0,21 0,25 0,23 0,23 0,21 0,18 0,15 0,2 0,17 0,22 0,2 0,24 0,22

0,16 0,07 0,02 0,02 0,02 0,02 0,03 0,03 0,02 0,03 0,01 0,01 0,13 0,02 0,01 0,01 0,14 0,06 0,01 0,01 0,13 0,05 0,04 0,06 0,18 0,17 0,02 0,03 0,03 0,03 0,06 0,1 0,04 0,06 0,03 0,03 0,02 0,02 0,14 0,09 0,01 0,01 0,01 0,01 0,12 0,09 0,01 0,02 0,01 0,02 0,02 0,06 0,04 0,05

0,1 0,01 0,02 0,02 0,02 0,02 0,03 0,03 0,02 0,02 0,01 0,01 0,15 0,15 0,01 0,01 0,09 0,01 0,01 0,01 0,12 0,13 0,04 0,04 0,13 0,05 0,02 0,02 0,02 0,02 0,06 0,06 0,04 0,04 0,02 0,02 0,02 0,02 0,08 0,02 0,01 0,01 0,01 0,01 0,08 0,03 0,03 0,03 0,01 0,01 0,05 0,05 0,02 0,02

Tabella 7.14: Verifiche post intervento sui maschi murari (1 di 8)

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

65

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

Ele.

Stato

Pos

h0 /t

Ecc /t

(t )

P /Ao [MPa] 0,68 0,63 0,35 0,24 0,6 0,56 0,56 0,52 0,52 0,49 0,55 0,49 0,56 0,51 0,45 0,39 0,49 0,44 0,5 0,44 0,63 0,58 0,64 0,58 0,71 0,66 0,67 0,62 0,65 0,6 0,51 0,47 0,48 0,44 0,49 0,43 0,53 0,47 0,57 0,49 0,67 0,59 0,7 0,63 0,67 0,59 0,63 0,55 0,66 0,58 0,65 0,57 0,55 0,47

P /Ap [MPa] 0,47 0,42 0,24 0,17 0,39 0,35 0,4 0,31 0,33 0,28 0,55 0,49 0,32 0,27 0,29 0,24 0,49 0,44 0,5 0,45 0,38 0,34 0,65 0,6 0,69 0,63 0,4 0,35 0,39 0,35 0,51 0,47 0,49 0,44 0,51 0,43 0,55 0,47 0,57 0,49 0,67 0,59 0,57 0,5 0,67 0,59 0,63 0,55 0,66 0,58 0,65 0,57 0,55 0,47

P /Acv [MPa] 0,52 0,46 0,29 0,19 0,4 0,36 0,4 0,36 0,33 0,29 0,56 0,52 0,37 0,32 0,34 0,25 0,51 0,45 0,51 0,46 0,42 0,37 0,67 0,62 0,7 0,64 0,44 0,39 0,44 0,39 0,52 0,48 0,5 0,44 0,51 0,46 0,55 0,5 0,58 0,53 0,67 0,6 0,58 0,5 0,68 0,62 0,65 0,59 0,66 0,59 0,65 0,57 0,57 0,5

Ver. Mo

Ver. Mp

Ver. V

216 220 223 232 241 250 259 266 275 284 291 300 307 316 325 332 341 348 357 364 368 373 378 383 387 392 396

VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER

0 250 0 500 0 250 0 250 0 250 0 250 0 250 0 250 0 250 0 250 0 250 0 250 0 250 0 250 0 250 0 250 0 250 0 250 0 250 0 350 0 350 0 350 0 350 0 350 0 350 0 350 0 350

4,2 4,2 7,1 7,1 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 3,5 6,3 6,3 3,5 3,5 3,6 3,6 3,5 3,5 3,5 3,5 4,3 4,3 3,7 3,7 3,5 3,5 4,2 4,2 4,8 4,8 5,2 5,2 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5 5

0,03 0,03 0,04 0,04 0,06 0,02 0,09 0,02 0,08 0,02 0,08 0,07 0,03 0,04 0,02 0,02 0,05 0,04 0,06 0,04 0,03 0,04 0,06 0,05 0,05 0,02 0,03 0,03 0,03 0,03 0,07 0,05 0,06 0,06 0,07 0,08 0,07 0,08 0,05 0,05 0,03 0,03 0,03 0,03 0,04 0,05 0,07 0,1 0,04 0,04 0,04 0,04 0,04 0,05

0,89 0,89 0,79 0,8 0,84 0,91 0,8 0,91 0,82 0,9 0,87 0,87 0,88 0,85 0,9 0,91 0,82 0,82 0,85 0,88 0,87 0,85 0,86 0,87 0,91 0,91 0,88 0,87 0,89 0,88 0,84 0,89 0,83 0,88 0,81 0,79 0,8 0,79 0,87 0,87 0,88 0,88 0,88 0,87 0,84 0,81 0,75 0,68 0,87 0,86 0,87 0,87 0,87 0,86

0,26 0,24 0,15 0,1 0,24 0,2 0,23 0,19 0,21 0,18 0,21 0,19 0,21 0,2 0,16 0,14 0,2 0,18 0,2 0,17 0,24 0,23 0,25 0,22 0,26 0,24 0,25 0,24 0,24 0,23 0,2 0,17 0,19 0,17 0,2 0,18 0,22 0,2 0,22 0,19 0,25 0,23 0,27 0,24 0,27 0,24 0,28 0,27 0,25 0,23 0,25 0,22 0,21 0,18

0,12 0,09 0,12 0,11 0,02 0,04 0,01 0,02 0,01 0,03 0,03 0,07 0,17 0,16 0,18 0,04 0,03 0,03 0,03 0,03 0,13 0,12 0,04 0,06 0,02 0,02 0,13 0,11 0,13 0,12 0,01 0,03 0,01 0,01 0,01 0,01 0,01 0,01 0,02 0,09 0,01 0,02 0,01 0,01 0,02 0,05 0,04 0,09 0,01 0,02 0,01 0,01 0,04 0,08

0,07 0,03 0,1 0,11 0,02 0,02 0,01 0,01 0,01 0,01 0,05 0,05 0,12 0,13 0,25 0,24 0,01 0,01 0,07 0,08 0,07 0,04 0,03 0,03 0,02 0,02 0,07 0,04 0,07 0,04 0,02 0,03 0,01 0,01 0,01 0,01 0,01 0,01 0,09 0,1 0,02 0,03 0,01 0,01 0,04 0,04 0,07 0,08 0,01 0,02 0,01 0,01 0,06 0,07

Tabella 7.15: Verifiche post intervento sui maschi murari (2 di 8)

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

66

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

Ele.

Stato

Pos

h0 /t

Ecc /t

(t )

P /Ao [MPa] 0,39 0,27 0,39 0,28 0,15 0,04 0,47 0,39 0,64 0,56 0,45 0,37 0,54 0,47 0,36 0,25 0,37 0,26 0,5 0,43 0,6 0,53 0,55 0,49 0,5 0,45 0,45 0,39 0,42 0,37 0,38 0,32 0,24 0,13 0,5 0,42 0,53 0,47 0,54 0,48 0,55 0,5 0,56 0,5 0,54 0,48 0,47 0,42 0,43 0,37 0,48 0,44 0,26 0,15

P /Ap [MPa] 0,25 0,17 0,25 0,19 0,1 0,02 0,29 0,39 0,36 0,3 0,45 0,37 0,45 0,28 0,24 0,15 0,24 0,15 0,5 0,43 0,37 0,31 0,32 0,27 0,44 0,38 0,4 0,34 0,37 0,32 0,38 0,34 0,18 0,08 0,5 0,44 0,53 0,47 0,33 0,45 0,55 0,5 0,52 0,5 0,28 0,23 0,47 0,42 0,43 0,37 0,31 0,26 0,17 0,08

P /Acv [MPa] 0,28 0,17 0,31 0,21 0,13 0,02 0,33 0,25 0,4 0,34 0,47 0,41 0,34 0,28 0,27 0,16 0,27 0,16 0,51 0,47 0,59 0,52 0,36 0,24 0,46 0,41 0,41 0,36 0,44 0,39 0,42 0,38 0,27 0,17 0,53 0,47 0,55 0,49 0,39 0,24 0,58 0,53 0,6 0,55 0,39 0,52 0,49 0,44 0,45 0,4 0,35 0,3 0,18 0,09

Ver. Mo

Ver. Mp

Ver. V

399 402 405 408 412 417 421 426 429 432 436 442 449 458 467 476 483 485 492 501 510 517 526 533 542 551 555

VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER

0 500 0 500 0 500 0 350 0 350 0 350 0 350 0 500 0 500 0 350 0 350 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 500 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 500

7,1 7,1 7,1 7,1 7,1 7,1 5 5 5 5 5 5 5 5 7,1 7,1 7,1 7,1 5 5 5,1 5,1 4,4 4,4 4 4 4 4 4 4 4 4 7,7 7,7 4 4 4 4 4,6 4,6 4 4 4 4 4,6 4,6 4 4 4 4 4 4 7,7 7,7

0,04 0,05 0,04 0,05 0,05 0,05 0,04 0,04 0,03 0,03 0,04 0,05 0,04 0,05 0,04 0,05 0,04 0,05 0,03 0,03 0,03 0,04 0,04 0,04 0,05 0,03 0,13 0,14 0,11 0,11 0,12 0,18 0,05 0,05 0,06 0,08 0,03 0,03 0,04 0,05 0,09 0,07 0,12 0,07 0,05 0,06 0,05 0,03 0,03 0,07 0,09 0,07 0,05 0,05

0,79 0,79 0,79 0,78 0,78 0,79 0,86 0,85 0,87 0,86 0,85 0,82 0,85 0,83 0,79 0,78 0,79 0,78 0,87 0,86 0,87 0,87 0,89 0,88 0,9 0,9 0,71 0,72 0,75 0,77 0,73 0,66 0,76 0,76 0,89 0,83 0,89 0,88 0,84 0,82 0,85 0,83 0,73 0,82 0,82 0,8 0,87 0,89 0,89 0,88 0,79 0,82 0,77 0,76

0,16 0,12 0,16 0,12 0,06 0,02 0,18 0,15 0,25 0,22 0,18 0,15 0,21 0,19 0,15 0,11 0,16 0,11 0,19 0,16 0,23 0,2 0,2 0,18 0,19 0,17 0,21 0,18 0,19 0,16 0,18 0,16 0,11 0,06 0,19 0,17 0,2 0,18 0,21 0,2 0,22 0,2 0,25 0,2 0,22 0,2 0,18 0,16 0,16 0,14 0,2 0,18 0,11 0,06

0,14 0,02 0,12 0,1 0,2 0,09 0,15 0,08 0,11 0,13 0,05 0,11 0,01 0,01 0,13 0,03 0,13 0,03 0,02 0,11 0,08 0,11 0,13 0,04 0,04 0,06 0,04 0,06 0,05 0,08 0,08 0,12 0,12 0,28 0,06 0,08 0,04 0,05 0,17 0,09 0,06 0,08 0,08 0,12 0,33 0,15 0,04 0,07 0,07 0,1 0,13 0,15 0,05 0,12

0,15 0,16 0,1 0,11 0,16 0,17 0,1 0,11 0,07 0,08 0,07 0,08 0,01 0,01 0,12 0,13 0,13 0,14 0,11 0,12 0,03 0,03 0,09 0,04 0,04 0,04 0,04 0,04 0,05 0,05 0,06 0,07 0,12 0,16 0,04 0,04 0,03 0,04 0,11 0,03 0,06 0,07 0,09 0,09 0,17 0,05 0,04 0,05 0,04 0,04 0,1 0,1 0,1 0,12

Tabella 7.16: Verifiche post intervento sui maschi murari (3 di 8)

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

67

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

Ele.

Stato

Pos

h0 /t

Ecc /t

(t )

P /Ao [MPa] 0,46 0,4 0,44 0,38 0,47 0,41 0,48 0,42 0,37 0,31 0,34 0,29 0,37 0,31 0,42 0,37 0,43 0,37 0,46 0,4 0,44 0,38 0,42 0,37 0,39 0,34 0,36 0,3 0,38 0,32 0,47 0,41 0,5 0,44 0,52 0,47 0,47 0,41 0,45 0,4 0,35 0,3 0,32 0,26 0,35 0,29 0,39 0,33 0,4 0,34 0,39 0,33 0,41 0,35

P /Ap [MPa] 0,29 0,25 0,44 0,38 0,41 0,35 0,3 0,26 0,27 0,22 0,34 0,18 0,37 0,31 0,42 0,37 0,43 0,35 0,46 0,4 0,46 0,4 0,44 0,38 0,4 0,35 0,36 0,3 0,38 0,32 0,48 0,43 0,28 0,24 0,51 0,45 0,48 0,42 0,47 0,41 0,36 0,3 0,32 0,26 0,21 0,17 0,25 0,21 0,4 0,34 0,24 0,19 0,26 0,21

P /Acv [MPa] 0,32 0,28 0,45 0,4 0,42 0,37 0,34 0,23 0,32 0,35 0,35 0,29 0,38 0,33 0,47 0,42 0,46 0,4 0,46 0,41 0,46 0,41 0,44 0,39 0,41 0,36 0,37 0,31 0,38 0,35 0,51 0,46 0,35 0,29 0,52 0,47 0,53 0,48 0,51 0,46 0,37 0,34 0,33 0,28 0,23 0,2 0,43 0,39 0,45 0,4 0,25 0,2 0,29 0,25

Ver. Mo

Ver. Mp

Ver. V

558 567 576 585 594 601 610 619 628 635 644 653 662 671 680 687 696 703 712 721 728 737 744 753 762 769 778

VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER

0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260

4 4 4 4 4 4 4,4 4,4 4,7 4,7 4 4 4 4 4 4 5 5 6,3 6,3 5 5 5,4 5,4 5 5 4,4 4,4 4 4 4 4 4,5 4,5 4 4 4 4 4 4 4 4 6,5 6,5 4 4 4 4 4 4 4 4 4 4

0,05 0,04 0,08 0,08 0,04 0,03 0,03 0,04 0,05 0,06 0,03 0,03 0,03 0,03 0,06 0,07 0,05 0,07 0,08 0,09 0,09 0,11 0,1 0,11 0,09 0,11 0,06 0,09 0,07 0,08 0,1 0,09 0,05 0,06 0,04 0,04 0,09 0,08 0,09 0,08 0,05 0,05 0,05 0,05 0,03 0,03 0,07 0,07 0,08 0,08 0,02 0,03 0,03 0,04

0,89 0,89 0,81 0,81 0,9 0,9 0,89 0,89 0,81 0,79 0,9 0,89 0,9 0,9 0,88 0,88 0,86 0,86 0,8 0,79 0,76 0,73 0,75 0,72 0,76 0,73 0,84 0,81 0,85 0,82 0,81 0,83 0,81 0,79 0,9 0,89 0,82 0,84 0,82 0,84 0,85 0,86 0,79 0,79 0,89 0,87 0,77 0,75 0,83 0,8 0,9 0,88 0,9 0,89

0,17 0,15 0,18 0,16 0,17 0,15 0,18 0,16 0,15 0,13 0,13 0,11 0,14 0,12 0,16 0,14 0,17 0,14 0,19 0,17 0,19 0,17 0,19 0,17 0,17 0,15 0,14 0,12 0,15 0,13 0,19 0,17 0,2 0,19 0,2 0,17 0,19 0,16 0,18 0,16 0,14 0,12 0,13 0,11 0,13 0,11 0,17 0,15 0,16 0,14 0,15 0,13 0,15 0,13

0,09 0,11 0,04 0,05 0,03 0,04 0,14 0,05 0,18 0,15 0,03 0,04 0,04 0,06 0,11 0,14 0,08 0,1 0,01 0,02 0,01 0,01 0,01 0,01 0,01 0,03 0,03 0,05 0,01 0,09 0,07 0,09 0,22 0,21 0,04 0,05 0,11 0,14 0,11 0,13 0,02 0,14 0,05 0,09 0,07 0,18 0,2 0,27 0,14 0,16 0,04 0,05 0,04 0,07

0,06 0,07 0,04 0,04 0,03 0,03 0,1 0,04 0,09 0,04 0,07 0,08 0,04 0,04 0,12 0,13 0,03 0,04 0,01 0,01 0,01 0,01 0,01 0,01 0,01 0,01 0,01 0,02 0,09 0,1 0,03 0,04 0,1 0,05 0,03 0,04 0,06 0,07 0,05 0,06 0,15 0,17 0,02 0,03 0,19 0,22 0,15 0,17 0,13 0,14 0,02 0,03 0,03 0,03

Tabella 7.17: Verifiche post intervento sui maschi murari (4 di 8)

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

68

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

Ele.

Stato

Pos

h0 /t

Ecc /t

(t )

P /Ao [MPa] 0,43 0,37 0,44 0,38 0,28 0,17 0,3 0,19 0,34 0,25 0,38 0,29 0,41 0,32 0,39 0,31 0,32 0,24 0,4 0,31 0,4 0,31 0,41 0,31 0,29 0,21 0,34 0,25 0,33 0,24 0,35 0,27 0,27 0,16 0,28 0,17 0,3 0,19 0,25 0,14 0,31 0,2 0,29 0,18 0,15 0,09 0,12 0,06 0,13 0,07 0,18 0,12 0,17 0,11

P /Ap [MPa] 0,28 0,24 0,29 0,24 0,2 0,1 0,18 0,1 0,34 0,26 0,38 0,29 0,23 0,16 0,39 0,31 0,32 0,24 0,27 0,21 0,27 0,21 0,41 0,32 0,29 0,21 0,34 0,15 0,33 0,24 0,33 0,16 0,17 0,08 0,17 0,09 0,19 0,1 0,14 0,06 0,19 0,11 0,18 0,1 0,15 0,09 0,12 0,06 0,13 0,06 0,09 0,05 0,11 0,05

P /Acv [MPa] 0,32 0,26 0,35 0,41 0,3 0,2 0,19 0,11 0,37 0,29 0,38 0,3 0,36 0,28 0,43 0,34 0,33 0,26 0,4 0,32 0,4 0,32 0,46 0,35 0,33 0,25 0,35 0,26 0,35 0,28 0,37 0,28 0,18 0,09 0,2 0,1 0,19 0,1 0,17 0,09 0,23 0,14 0,19 0,1 0,21 0,18 0,15 0,09 0,15 0,09 0,1 0,07 0,2 0,1

Ver. Mo

Ver. Mp

Ver. V

787 796 804 807 808 812 817 822 827 831 836 840 845 849 854 858 863 866 869 872 875 878 889 896 905 912 921

VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER

0 260 0 260 0 500 0 500 0 380 0 380 0 380 0 380 0 380 0 380 0 380 0 380 0 380 0 380 0 380 0 380 0 500 0 500 0 500 0 500 0 500 0 500 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260

4 4 4,4 4,4 7,7 7,7 7,7 7,7 5,4 5,4 5,4 5,4 5,4 5,4 5,4 5,4 5,4 5,4 5,4 5,4 5,4 5,4 5,4 5,4 5,9 5,9 5,9 5,9 5,9 5,9 5,9 5,9 7,7 7,7 7,7 7,7 7,7 7,7 7,7 7,7 7,7 7,7 7,7 7,7 4 4 4 4 6,5 6,5 4 4 4 4

0,03 0,03 0,03 0,04 0,05 0,06 0,05 0,05 0,06 0,08 0,03 0,04 0,04 0,04 0,08 0,09 0,05 0,07 0,06 0,08 0,07 0,08 0,1 0,12 0,05 0,07 0,06 0,08 0,04 0,06 0,08 0,1 0,05 0,05 0,05 0,05 0,06 0,06 0,05 0,06 0,05 0,05 0,05 0,05 0,16 0,2 0,09 0,13 0,06 0,13 0,03 0,04 0,1 0,15

0,89 0,88 0,88 0,89 0,75 0,73 0,76 0,76 0,82 0,78 0,86 0,86 0,85 0,85 0,73 0,68 0,84 0,8 0,81 0,78 0,82 0,79 0,68 0,7 0,78 0,74 0,78 0,75 0,84 0,84 0,72 0,67 0,76 0,74 0,77 0,76 0,74 0,74 0,75 0,74 0,77 0,77 0,76 0,77 0,66 0,61 0,78 0,7 0,78 0,69 0,88 0,87 0,68 0,59

0,16 0,14 0,17 0,14 0,12 0,08 0,13 0,08 0,14 0,11 0,15 0,11 0,16 0,13 0,18 0,15 0,13 0,1 0,16 0,13 0,16 0,13 0,2 0,15 0,13 0,09 0,14 0,11 0,13 0,1 0,17 0,13 0,12 0,07 0,12 0,07 0,14 0,09 0,11 0,06 0,14 0,09 0,13 0,08 0,07 0,05 0,05 0,03 0,06 0,03 0,07 0,05 0,08 0,06

0,07 0,09 0,13 0,09 0,1 0,21 0,05 0,09 0,1 0,14 0,01 0,04 0,02 0,02 0,09 0,12 0,01 0,08 0,01 0,01 0,02 0,02 0,13 0,09 0,12 0,16 0,04 0,04 0,09 0,14 0,04 0,05 0,07 0,12 0,07 0,14 0,04 0,06 0,16 0,4 0,16 0,25 0,07 0,06 0,32 0,53 0,17 0,3 0,12 0,23 0,04 0,27 0,25 0,48

0,05 0,05 0,07 0,02 0,1 0,13 0,1 0,12 0,16 0,19 0,04 0,04 0,03 0,03 0,09 0,1 0,09 0,11 0,01 0,01 0,01 0,01 0,1 0,11 0,1 0,11 0,03 0,03 0,15 0,17 0,01 0,01 0,12 0,14 0,13 0,17 0,04 0,05 0,06 0,09 0,05 0,07 0,1 0,11 0,1 0,15 0,21 0,27 0,03 0,03 0,09 0,12 0,11 0,15

Tabella 7.18: Verifiche post intervento sui maschi murari (5 di 8)

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

69

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

Ele.

Stato

Pos

h0 /t

Ecc /t

(t )

P /Ao [MPa] 0,15 0,1 0,15 0,09 0,16 0,1 0,17 0,11 0,16 0,1 0,14 0,03 0,18 0,06 0,16 0,07 0,14 0,06 0,17 0,08 0,19 0,1 0,14 0,05 0,16 0,08 0,17 0,08 0,15 0,07 0,13 0,05 0,15 0,07 0,14 0,05 0,18 0,09 0,16 0,05 0,16 0,05 0,19 0,08 0,18 0,07 0,16 0,05 0,16 0,04 0,32 0,26 0,15 0,09

P / Ap [MPa] 0,15 0,06 0,1 0,05 0,11 0,06 0,11 0,07 0,11 0,1 0,1 0,01 0,17 0,02 0,15 0,04 0,13 0,05 0,11 0,08 0,19 0,05 0,13 0,03 0,16 0,08 0,16 0,08 0,15 0,07 0,13 0,03 0,1 0,04 0,14 0,03 0,11 0,05 0,15 0,01 0,14 0,01 0,1 0,02 0,1 0,02 0,1 0,02 0,1 0,01 0,16 0,12 0,15 0,1

P /Acv [MPa] 0,2 0,16 0,16 0,07 0,18 0,13 0,2 0,15 0,2 0,13 0,16 1,56 0,1 0,02 0,18 0,05 0,14 0,07 0,17 0,11 0,22 0,15 0,14 0,05 0,16 0,08 0,17 0,08 0,18 0,13 0,16 0,11 0,15 0,1 0,16 0,1 0,18 0,1 0,14 0,03 0,16 0,11 0,18 0,09 0,12 0,22 0,18 0,05 0,16 0,05 0,19 0,13 0,18 0,16

Ver. Mo

Ver. Mp

Ver. V

930 937 946 955 964 972 975 976 980 985 990 995 999 1004 1008 1013 1017 1022 1026 1033 1036 1039 1042 1045 1048 1052 1059

VER VER VER VER VER NON VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER NON VER VER VER VER NON VER VER VER VER

0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 500 0 500 0 380 0 380 0 380 0 380 0 380 0 380 0 380 0 380 0 380 0 380 0 380 0 380 0 500 0 500 0 500 0 500 0 500 0 500 0 260 0 260

4 4 4 4 4 4 4 4 4,4 4,4 7,7 7,7 7,7 7,7 5,4 5,4 5,4 5,4 5,4 5,4 5,4 5,4 5,4 5,4 5,4 5,4 5,4 5,4 5,4 5,4 5,9 5,9 5,9 5,9 5,9 5,9 5,9 5,9 7,7 7,7 7,7 7,7 7,7 7,7 7,7 7,7 7,7 7,7 7,7 7,7 4,4 4,4 4 4

0,09 0,11 0,03 0,04 0,03 0,04 0,04 0,05 0,06 0,08 0,05 0,13 0,05 0,09 0,08 0,19 0,04 0,03 0,04 0,04 0,13 0,25 0,08 0,21 0,08 0,18 0,08 0,16 0,05 0,05 0,06 0,18 0,07 0,15 0,08 0,28 0,11 0,17 0,05 0,26 0,05 0,22 0,05 0,09 0,05 0,06 0,05 0,07 0,05 0,09 0,06 0,1 0,04 0,08

0,75 0,78 0,89 0,9 0,89 0,89 0,88 0,86 0,84 0,82 0,74 0,66 0,76 0,65 0,76 0,61 0,84 0,86 0,84 0,86 0,61 0,46 0,77 0,58 0,78 0,63 0,78 0,64 0,85 0,81 0,76 0,62 0,72 0,63 0,71 0,41 0,65 0,54 0,74 0,61 0,75 0,63 0,76 0,72 0,76 0,77 0,75 0,73 0,77 0,67 0,77 0,68 0,86 0,81

0,07 0,04 0,06 0,03 0,06 0,04 0,06 0,04 0,06 0,04 0,06 0,01 0,08 0,03 0,07 0,04 0,06 0,02 0,07 0,03 0,1 0,07 0,06 0,03 0,07 0,04 0,07 0,04 0,06 0,03 0,06 0,02 0,07 0,03 0,06 0,04 0,09 0,06 0,07 0,02 0,07 0,03 0,08 0,03 0,08 0,03 0,07 0,02 0,07 0,02 0,14 0,13 0,06 0,04

0,25 0,42 0,14 0,31 0,15 0,27 0,2 0,36 0,26 0,27 0,11 1,73 0,04 0,28 0,18 0,27 0,05 0,29 0,03 0,23 0,19 0,45 0,04 0,11 0,03 0,05 0,04 0,06 0,18 0,49 0,2 0,65 0,05 0,38 0,18 0,52 0,03 0,1 0,02 1,03 0,03 0,93 0,02 0,17 0,15 0,93 0,16 1,06 0,01 0,12 0,19 0,07 0,15 0,41

0,16 0,22 0,06 0,07 0,07 0,09 0,1 0,12 0,1 0,03 0,11 1,63 0,02 0,03 0,12 0,13 0,07 0,11 0,07 0,1 0,13 0,18 0,09 0,11 0,01 0,01 0,02 0,02 0,13 0,22 0,11 0,22 0,05 0,08 0,18 0,31 0,01 0,01 0,03 0,09 0,03 0,36 0,05 0,06 0,04 0,41 0,04 0,08 0,02 0,03 0,11 0,06 0,1 0,15

Tabella 7.19: Verifiche post intervento sui maschi murari (6 di 8)

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

70

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

Ele.

Stato

Pos

h0 /t

Ecc /t

(t )

P /Ao [MPa] 0,12 0,06 0,12 0,06 0,11 0,05 0,12 0,01 0,19 0,13 0,21 0,15 0,19 0,13 0,15 0,08 0,12 0,04 0,12 0,07 0,12 0,07 0,12 0,06 0,22 0,17 0,14 0,03 0,13 0,07 0,12 0,06 0,14 0,08 0,22 0,16 0,14 0,08 0,14 0,08 0,14 0,09 0,16 0,1 0,18 0,12 0,28 0,22 0,28 0,23 0,27 0,21 0,22 0,16

P / Ap [MPa] 0,12 0,06 0,09 0,04 0,09 0,04 0,09 0,01 0,19 0,07 0,21 0,08 0,11 0,07 0,09 0,05 0,11 0,05 0,09 0,05 0,13 0,07 0,12 0,06 0,12 0,16 0,14 0,01 0,09 0,04 0,12 0,06 0,14 0,08 0,12 0,09 0,1 0,05 0,09 0,05 0,1 0,05 0,16 0,1 0,18 0,11 0,26 0,08 0,26 0,08 0,27 0,08 0,22 0,06

P /Acv [MPa] 0,12 0,07 0,1 0,06 0,15 0,09 0,14 0 0,25 0,21 0,24 0,18 0,18 0,08 0,19 0,07 0,16 0,11 0,16 0,12 0,15 0,09 0,15 0,1 0,23 0,2 0,15 0,04 0,11 0,07 0,13 0,08 0,16 0,12 0,16 0,09 0,19 0,12 0,15 0,09 0,17 0,12 0,21 0,16 0,2 0,14 0,26 0,2 0,27 0,21 0,27 0,21 0,23 0,17

Ver. Mo

Ver. Mp

Ver. V

1068 1077 1086 1093 1095 1102 1111 1120 1127 1136 1143 1152 1161 1165 1168 1177 1186 1195 1204 1211 1220 1229 1238 1245 1254 1263 1272

VER VER NON VER NON VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER

0 260 0 260 0 260 0 500 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 500 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260

4 4 4 4 4 4 7,7 7,7 4 4 4 4 4,6 4,6 4 4 4 4 4,6 4,6 4 4 4 4 4 4 7,7 7,7 4 4 4 4 4 4 4,4 4,4 4,7 4,7 4 4 4 4 4 4 5 5 6,3 6,3 5 5 5,4 5,4 5 5

0,07 0,21 0,05 0,25 0,03 0,38 0,06 3,8 0,15 0,17 0,09 0,06 0,1 0,11 0,2 0,17 0,25 0,33 0,11 0,16 0,11 0,18 0,12 0,3 0,1 0,12 0,05 0,17 0,04 0,08 0,03 0,11 0,05 0,08 0,07 0,11 0,12 0,19 0,03 0,04 0,04 0,04 0,11 0,15 0,09 0,16 0,09 0,14 0,12 0,19 0,14 0,22 0,15 0,27

0,81 0,57 0,83 0,5 0,9 0,33 0,74 0,43 0,7 0,7 0,79 0,86 0,72 0,75 0,59 0,56 0,51 0,29 0,66 0,56 0,71 0,62 0,7 0,44 0,73 0,67 0,76 0,69 0,87 0,78 0,89 0,71 0,85 0,79 0,77 0,68 0,66 0,54 0,87 0,88 0,87 0,86 0,75 0,64 0,75 0,62 0,8 0,8 0,76 0,72 0,68 0,63 0,63 0,52

0,05 0,04 0,05 0,04 0,04 0,05 0,05 0,01 0,09 0,06 0,09 0,06 0,09 0,06 0,08 0,05 0,08 0,05 0,06 0,04 0,06 0,04 0,06 0,04 0,1 0,08 0,06 0,02 0,05 0,03 0,04 0,03 0,05 0,03 0,1 0,08 0,07 0,05 0,05 0,03 0,06 0,03 0,07 0,05 0,08 0,07 0,12 0,09 0,12 0,1 0,13 0,11 0,12 0,1

0,05 0,11 0,15 0,31 0,27 0,52 0,14 50,99 0,26 0,41 0,15 0,2 0,4 0,28 0,28 0,34 0,33 0,54 0,44 0,6 0,15 0,26 0,21 0,4 0,14 0,18 0,04 0,89 0,19 0,37 0,13 0,27 0,15 0,37 0,24 0,1 0,36 0,38 0,08 0,19 0,14 0,33 0,24 0,37 0,12 0,16 0,02 0,03 0,02 0,01 0,03 0,02 0,06 0,07

0,02 0,02 0,05 0,07 0,1 0,14 0,11 0 0,12 0,16 0,09 0,1 0,18 0,06 0,09 0,11 0,14 0,22 0,21 0,04 0,07 0,08 0,06 0,08 0,05 0,06 0,01 0,1 0,07 0,09 0,05 0,07 0,09 0,12 0,12 0,07 0,12 0,04 0,12 0,15 0,09 0,11 0,17 0,22 0,03 0,04 0,01 0,01 0,01 0,01 0,01 0,01 0,02 0,02

Tabella 7.20: Verifiche post intervento sui maschi murari (7 di 8)

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

71

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

Ele.

Stato

Pos

h0 /t

Ecc /t

(t )

P /Ao [MPa] 0,15 0,09 0,13 0,07 0,15 0,09 0,16 0,1 0,13 0,08 0,15 0,09

P /Ap [MPa] 0,15 0,07 0,13 0,06 0,15 0,09 0,11 0,07 0,13 0,07 0,15 0,09

P /Acv [MPa] 0,17 0,11 0,15 0,09 0,21 0,19 0,17 0,12 0,14 0,09 0,22 0,2

Ver. Mo

Ver. Mp

Ver. V

1281 1290 1297 1306 1313 1322

VER VER VER VER VER VER

0 260 0 260 0 260 0 260 0 260 0 260

4,4 4,4 4 4 4 4 4,5 4,5 4 4 4 4

0,14 0,26 0,14 0,27 0,16 0,2 0,16 0,25 0,09 0,08 0,15 0,19

0,61 0,41 0,63 0,37 0,66 0,61 0,57 0,4 0,76 0,76 0,67 0,61

0,08 0,08 0,07 0,06 0,07 0,05 0,09 0,08 0,06 0,03 0,08 0,05

0,12 0,18 0,18 0,22 0,32 0,55 0,38 0,48 0,1 0,19 0,33 0,54

0,03 0,03 0,2 0,22 0,1 0,16 0,13 0,06 0,04 0,05 0,12 0,18

Tabella 7.21: Verifiche post intervento sui maschi murari (8 di 8)

Fascia

Stato

Vp [kN ] 285,88 38,12 508,22 38,12 508,22 38,12 508,22 38,12 508,22 38,12 508,22 38,12 508,22 21,18 38,12 508,22 38,12 508,22 38,12 508,22 38,12 508,22 38,12 508,22 38,12 508,22 63,53 847,04 38,12 508,22 40,84 544,53 44,13

Vt [kN ] 90 30 120 30 120 30 120 30 120 30 120 30 120 30 30 120 30 120 30 120 30 120 30 120 30 120 30 120 30 120 30 120 30

Mu [kN · m] 214,41 28,59 381,17 28,59 381,17 28,59 381,17 28,59 381,17 28,59 381,17 28,59 381,17 28,59 28,59 381,17 28,59 381,17 28,59 381,17 28,59 381,17 28,59 381,17 28,59 381,17 28,59 381,17 28,59 381,17 28,59 381,17 28,59

Ver. V ini

Ver. M ini

Ver. V fin

Ver. M fin

6 12 15 21 24 30 33 39 42 55 58 64 67 80 96 99 105 108 121 124 130 133 139 142 148 151 158 161 178 181 187 190 196

VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER

0,87 0,15 0,16 0,14 0,17 0,15 0,17 0,14 0,17 0,17 0,16 0,17 0,17 0,41 0,18 0,17 0,15 0,17 0,24 0,17 0,19 0,17 0,2 0,17 0,19 0,17 0,05 0,1 0,68 0,17 0,48 0,15 0,46

0,1 0,03 0,01 0,02 0,01 0,03 0,01 0,02 0,01 0,05 0,01 0,05 0,01 0,12 0,06 0,01 0,03 0,01 0,09 0,01 0,06 0,01 0,06 0,01 0,06 0,01 0,02 0,01 0,26 0,01 0,11 0,01 0,11

0,83 0,2 0,17 0,2 0,17 0,19 0,17 0,2 0,17 0,16 0,17 0,18 0,17 0,44 0,16 0,17 0,18 0,16 0,13 0,17 0,15 0,17 0,14 0,17 0,16 0,16 0,18 0,1 0,4 0,16 0,53 0,15 0,47

0,08 0,07 0,01 0,07 0,01 0,06 0,01 0,07 0,01 0,04 0,01 0,06 0,01 0,15 0,05 0,01 0,05 0,01 0,02 0,01 0,03 0,01 0,02 0,01 0,03 0,01 0,05 0,01 0,04 0,01 0,15 0,01 0,12

Tabella 7.22: Verifiche post intervento sulle fasce (1 di 5)

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

72

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

Fascia

Stato

Vp [kN ] 588,41 63,53 847,04 41,58 554,43 38,12 508,22 38,12 508,22 38,12 508,22 38,12 508,22 40,84 544,53 40,84 544,53 40,84 544,53 47,65 635,28 38,12 508,22 40,58 541,07 70,06 934,11 63,53 847,04 285,88 285,88 285,88 285,88 571,75 285,88 287,59 167,71 167,71 167,71 167,71 167,71 167,71 167,71 167,71 167,71 167,71 167,71 167,71 93,17 93,17 167,71 167,71 167,71 167,71

Vt [kN ] 120 30 120 30 120 30 120 30 120 30 120 30 120 30 120 30 120 30 120 30 120 30 120 30 120 30 120 30 120 90 90 90 90 90 90 90 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66

Mu [kN · m] 381,17 28,59 381,17 28,59 381,17 28,59 381,17 28,59 381,17 28,59 381,17 28,59 381,17 28,59 381,17 28,59 381,17 28,59 381,17 28,59 381,17 28,59 381,17 28,59 381,17 28,59 381,17 28,59 381,17 214,41 214,41 214,41 214,41 214,41 214,41 214,41 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79

Ver. V ini

Ver. M ini

Ver. V fin

Ver. M fin

199 202 205 211 214 226 229 235 238 244 247 253 256 269 272 278 281 294 297 310 313 319 322 335 338 351 354 360 363 371 376 381 390 415 424 439 452 455 461 464 470 473 479 482 495 498 504 507 520 523 536 539 545 548

VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER NON VER VER VER VER NON VER NON VER NON VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER NON VER VER VER VER VER VER

0,14 0,05 0,1 0,13 0,15 0,48 0,16 0,53 0,17 0,53 0,17 0,49 0,17 0,13 0,15 0,14 0,15 0,31 0,16 0,2 0,13 0,17 0,17 0,06 0,16 0,13 0,09 0,04 0,1 1,04 0,96 0,72 0,61 1,6 1,01 0,62 0,45 0,14 0,51 0,09 0,57 0,11 0,52 0,09 0,62 0,19 0,52 0,18 1,79 0,26 0,59 0,21 0,61 0,14

0,01 0,03 0,01 0,03 0,01 0,09 0,01 0,13 0,01 0,13 0,01 0,11 0,01 0,16 0,01 0,07 0,01 0,16 0,01 0,06 0,01 0,04 0,01 0,04 0,01 0,05 0,01 0,04 0,01 0,1 0,12 0,04 0,03 0,24 0,13 0,06 0,03 0,02 0,05 0,01 0,07 0,01 0,04 0,02 0,08 0,02 0,07 0,03 0,37 0,03 0,1 0,06 0,07 0,01

0,14 0,18 0,1 0,21 0,15 0,6 0,17 0,56 0,17 0,56 0,17 0,6 0,17 0,44 0,16 0,26 0,16 0,04 0,15 0,1 0,13 0,18 0,17 0,27 0,16 0,29 0,09 0,23 0,1 0,7 0,78 0,64 0,76 1,43 0,22 1,1 0,7 0,25 0,63 0,25 0,58 0,23 0,63 0,26 0,55 0,16 0,65 0,21 1,82 0,35 0,58 0,16 0,56 0,22

0,01 0,05 0,01 0,06 0,01 0,19 0,01 0,16 0,01 0,15 0,01 0,2 0,01 0,25 0,01 0,13 0,01 0,07 0,01 0,03 0,01 0,04 0,01 0,13 0,01 0,13 0,01 0,09 0,01 0,02 0,05 0,02 0,03 0,23 0,13 0,1 0,11 0,05 0,1 0,05 0,07 0,04 0,08 0,06 0,05 0,01 0,12 0,04 0,39 0,09 0,09 0,04 0,05 0,03

Tabella 7.23: Verifiche post intervento sulle fasce (2 di 5)

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

73

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

Fascia

Stato

Vp [kN ] 167,71 167,71 167,71 167,71 167,71 167,71 167,71 167,71 167,71 167,71 179,69 179,69 194,17 194,17 182,96 182,96 279,52 279,52 279,52 279,52 279,52 279,52 308,26 308,26 178,55 178,55 167,71 167,71 209,64 209,64 179,69 179,69 179,69 179,69 179,69 179,69 167,71 167,71 167,71 167,71 167,71 167,71 167,71 167,71 182,96 182,96 182,96 182,96 182,96 167,71 168,72 571,75 209,64 209,64

Vt [kN ] 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 72 72 72 72 72 66 66 90 66 66

Mu [kN · m] 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 137,22 137,22 137,22 137,22 137,22 125,79 125,79 214,41 125,79 125,79

Ver. V ini

Ver. M ini

Ver. V fin

Ver. M fin

561 564 570 573 579 582 588 591 604 607 613 616 622 625 638 641 647 650 656 659 665 668 674 677 690 693 706 709 715 718 731 734 747 750 756 759 772 775 781 784 790 793 799 802 815 820 825 834 843 852 861 881 883 886

VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER NON VER VER NON VER VER NON VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER NON VER VER NON VER VER VER

0,63 0,35 0,63 0,23 0,65 0,24 0,64 0,22 0,8 0,57 0,2 0,08 0,17 0,13 0,25 0,1 0,05 0,05 0,07 0,05 0,15 0,12 0,21 0,25 0,09 0,14 0,87 0,19 1,01 0,28 1,01 0,55 0,24 0,21 0,36 0,55 0,22 0,04 0,26 0,13 0,26 0,14 0,19 0,03 0,93 0,88 0,66 0,57 0,89 1,32 0,49 1,1 0,14 0,35

0,09 0,08 0,09 0,03 0,1 0,05 0,08 0,04 0,26 0,21 0,03 0,01 0,02 0,04 0,03 0,1 0,04 0,05 0,05 0,03 0,04 0,02 0,02 0,02 0,09 0,07 0,02 0,03 0,09 0,02 0,26 0,2 0,06 0,1 0,14 0,21 0,03 0,01 0,02 0,01 0,02 0,02 0,03 0,06 0,16 0,15 0,07 0,08 0,15 0,28 0,06 0,26 0,05 0,02

0,52 0,08 0,52 0,14 0,5 0,1 0,51 0,15 0,17 0,24 0,42 0,23 0,41 0,17 0,09 0,3 0,19 0,24 0,27 0,23 0,35 0,32 0,39 0,42 0,99 0,45 1,11 0,21 0,57 0,09 0,08 0,24 0,25 0,45 0,67 0,86 0,46 0,33 0,42 0,21 0,41 0,21 0,48 0,35 0,46 0,51 0,75 0,84 0,52 0,17 1 1,27 0,17 0,09

0,05 0,06 0,05 0,02 0,04 0,02 0,04 0,01 0,12 0,11 0,11 0,06 0,1 0,05 0,04 0,01 0,01 0,02 0,03 0,04 0,07 0,09 0,11 0,16 0,25 0,15 0,11 0,02 0,04 0,07 0,09 0,09 0,06 0,14 0,24 0,31 0,13 0,12 0,09 0,04 0,08 0,05 0,1 0,09 0,03 0,02 0,07 0,16 0,05 0,17 0,14 0,12 0,06 0,11

Tabella 7.24: Verifiche post intervento sulle fasce (3 di 5)

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

74

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

Fascia

Stato

Vp [kN ] 179,69 179,69 179,69 179,69 179,69 179,69 167,71 167,71 167,71 167,71 167,71 167,71 167,71 167,71 182,96 182,96 182,96 182,96 182,96 167,71 168,72 167,71 167,71 167,71 167,71 167,71 167,71 167,71 167,71 167,71 167,71 167,71 167,71 93,17 93,17 167,71 167,71 167,71 167,71 167,71 167,71 167,71 167,71 167,71 167,71 167,71 167,71 167,71 167,71 179,69 179,69 194,17 194,17

Vt [kN ] 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 72 72 72 72 72 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66

Mu [kN · m] 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 137,22 137,22 137,22 137,22 137,22 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79

Ver. V ini

Ver. M ini

Ver. V fin

Ver. M fin

899 902 915 918 924 927 940 943 949 952 958 961 967 970 983 988 993 1002 1011 1020 1029 1062 1065 1071 1074 1080 1083 1089 1092 1105 1108 1114 1117 1130 1133 1146 1149 1155 1158 1171 1174 1180 1183 1189 1192 1198 1201 1214 1217 1223 1226 1232 1235

VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER

0,71 0,62 0,53 0,24 0,11 0,36 0,17 0,05 0,22 0,1 0,21 0,11 0,15 0,04 0,53 0,34 0,52 0,17 0,45 0,58 0,09 0,08 0,12 0,2 0,1 0,17 0,17 0,12 0,12 0,45 0,22 0,47 0,13 0,32 0,28 0,17 0,2 0,17 0,19 0,24 0,23 0,23 0,22 0,18 0,24 0,33 0,27 0,73 0,64 0,13 0,05 0,17 0,05

0,26 0,22 0,08 0,06 0,11 0,14 0,05 0,01 0,02 0,01 0,02 0,01 0,05 0,05 0,16 0,08 0,04 0,14 0,07 0,17 0,08 0,04 0,05 0,09 0,01 0,02 0,02 0,01 0,02 0,04 0,03 0,05 0,01 0,09 0,03 0,04 0,05 0,01 0,02 0,1 0,05 0,06 0,04 0,05 0,05 0,09 0,05 0,24 0,24 0,04 0,01 0,02 0,01

0,4 0,31 0,31 0,25 0,81 0,67 0,4 0,3 0,3 0,25 0,32 0,24 0,41 0,33 0,12 0,16 0,51 0,67 0,08 0,06 0,53 0,41 0,32 0,13 0,23 0,17 0,18 0,24 0,22 0,35 0,13 0,33 0,25 0,3 0,34 0,23 0,16 0,18 0,14 0,16 0,18 0,12 0,14 0,16 0,1 0,11 0,15 0,21 0,31 0,35 0,27 0,34 0,26

0,15 0,13 0,02 0,06 0,2 0,24 0,14 0,11 0,06 0,06 0,07 0,06 0,07 0,08 0,06 0,01 0,02 0,19 0,09 0,09 0,13 0,15 0,07 0,06 0,05 0,02 0,02 0,05 0,03 0,01 0,01 0,02 0,07 0,07 0,07 0,05 0,04 0,02 0,01 0,07 0,03 0,02 0,01 0,04 0,02 0,04 0,03 0,13 0,13 0,12 0,09 0,08 0,08

Tabella 7.25: Verifiche post intervento sulle fasce (4 di 5)

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

75

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

Fascia

Stato

Vp [kN ] 182,96 182,96 279,52 279,52 279,52 279,52 279,52 279,52 308,26 308,26 178,55 178,55 167,71 167,71

Vt [kN ] 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66 66

Mu [kN · m] 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79 125,79

Ver. V ini

Ver. M ini

Ver. V fin

Ver. M fin

1248 1251 1257 1260 1266 1269 1275 1278 1284 1287 1300 1303 1316 1319

VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER VER

0,57 0,25 0,19 0,05 0,22 0,06 0,16 0,15 0,08 0,2 0,39 0,29 0,26 0,16

0,03 0,03 0,09 0,04 0,06 0,05 0,04 0,04 0,03 0,02 0,13 0,13 0,04 0,09

0,25 0,09 0,35 0,19 0,31 0,26 0,38 0,35 0,53 0,38 0,7 0,6 0,11 0,28

0,09 0,04 0,05 0,01 0,04 0,03 0,02 0,07 0,15 0,11 0,27 0,21 0,09 0,02

Tabella 7.26: Verifiche post intervento sulle fasce (5 di 5)

7.6

Verifica del terreno in fondazione

L’edificio in esame presenta una fondazione di tipo continuo che consiste in un semplice allargamento della sezione murale al di sotto del livello del solaio seminterrato. Poiché non si dispone di rilievi più precisi delle fondazioni, si è ipotizzato un allargamento di 20 cm su entrambi i lati di ogni setto, e di 30 cm nel setto centrale a causa dei maggiori carichi gravanti. La verifica è stata condotta in maniera semplificata, sommando le azioni verticali scaricate da tutti i maschi appartenenti ad uno stesso setto, distribuendole poi su una superficie pari alla lunghezza totale del setto moltiplicata per lo spessore dello stesso. La tensione così ottenuta è stata poi confrontata con la tensione resistente a compressione del terreno. Si può constatare come il terreno resista sotto l’azione di tutti i setti murari. Di seguito vengono riportati i risultati numerici: Sezione 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Ntot [kN ] 10051,14 15421,77 12615,25 2857,06 5255,69 1687,4 4557,95 3139,23 1755 1755 Ltot [m ] 37,35 37,35 37,35 15,65 18,55 7,4 18,55 18,55 11,55 11,55 t [m] 1 1,2 1 1 1 1 0,95 0,95 1 1 [MPa] 0,269 0,344 0,338 0,183 0,283 0,228 0,259 0,178 0,152 0,152
Ed

8 Verifica dell’organismo edilizio all’azione sismica
Si è voluto verificare l’efficacia dell’intervento di miglioramento messo in atto per contrastare l’azione del vento anche nel caso di un evento sismico. La modellazione strutturale della muratura è stata effettuata mediante elementi finiti piani tipo piastra. Con questo metodo è possibile superare i limiti del modello a telaio equivalente, riassumibili in: • i setti d’angolo nel modello non interagiscono direttamente ma solo alle estremità tramite le travi di piano; • i solai che appoggiano su un setto largo prossimo ad uno stretto d’angolo, finiscono per scaricare (una buona) parte dei carichi verticali sui piccoli setti paralleli al solaio; • la modellazione con pilastri equivalenti poco si adatta alla schematizzazione di edifici monumentali o di culto, o in genere edifici con archi, volte, speroni ecc. La modellazione con elementi piani tipo 3D, a 4 nodi, permette di avere una modellazione più attinente al comportamento reale dell’edificio. Questo metodo è influenzato dall’input della geometria, infatti le dimensioni dei singoli elementi devono essere il più possibile regolari (lati con dimensioni confrontabili, assenza di distorsioni geometriche) ed occorre evitare elementi a tre nodi isoparametrici, specialmente nei punti con elevato gradiente tensionale. Nel caso del telaio equivalente le sollecitazioni globali del setto sono dirette. Nel caso di elementi finiti 3D le sollecitazioni globali si ottengono dai diagrammi tensionali sui singoli elementi, pertanto i risultati risentono della bontà della modellazione.

Dato che la tensione resistente massima del terreno è pari a 0, 35 MPa, La verifica del terreno di fondazione risulta soddisfatta Coefficiente di sicurezza max 1,02

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

76

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

8.1

Modello

La struttura è stata modellata con l’ausilio del software di calcolo ProSAP. È stata posta particolare cura nel rispettare i diversi spessori degli elementi componenti la muratura e di allinearli secondo il filo esterno, in modo da tenere conto degli effetti dell’eccentricità del carico. Lo spessore delle pareti perimetrali è stato ridotto cautelativamente di 10 cm per tenere conto delle finiture non resistenti al sisma. Gli elementi utilizzati sono di tipo tridimensionale con dimensioni medie di 60 · 60 cm.

Figura 8.4: Azione in direzione ↵ = 90 ed eccentricità negativa

8.2

Azioni

I carichi sismici utilizzati nel calcolo sono stati definiti in accordo con le prescrizioni delle NTC 2008. I dati caratterizzanti sono: Luogo costruzione: Gorizia Classe edificio: III (scuole) Categoria terreno: B Classe topografia: T1 L’accelerazione trovata grazie alla localizzazione geografica e al tempo di ritorno per il relativo caso di carico viene inserita tra i casi di carico sismici tenendo conto del fatto che, a causa delle inevitabili incertezze del modello, il punto di applicazione dell’azione sismica andrà spostato rispetto al centro della rigidezza. Di seguito vengono riportati i casi di carico adottati per questo modello:

In figura 8.5 è possibile vedere la distribuzione di forze del quarto caso di carico. In figura 8.6 un estratto a livello del solaio. Tutte questi quattro casi di carico andranno combinati assieme a formare le 96 combinazioni di carico previste dalla normativa. Per questo modello è stato utilizzato un fattore di struttura pari a 3,6.

8.3

Risultati

Con le condizioni di carico appena descritte, l’analisi sul presente modello fornisce la seguente partecipazione delle masse: Massa Eccitata X-X = 2.548e+06 pari al 94.73% Massa Eccitata Y-Y = 2.090e+06 pari al 77.73% Massa Eccitata Z-Z = 2.660e+06 pari al 98.91% Si vede che in direzione Y-Y la massa eccitata non è sufficiente in quanto le NTC prescrivono che almeno l’85% della massa venga attivata durante l’evento sismico. Nel post intervento si ha:

Figura 8.1: Azione in direzione ↵ = 0 ed eccentricità positiva

Massa Eccitata X-X = 2.713e+06 pari al 98.72% Massa Eccitata Y-Y = 2.475e+06 pari al 90.05% Massa Eccitata Z-Z = 2.740e+06 pari al 99.68% Si riassumono le principali formule utilizzate nelle verifiche e i risultati di massima che sono stati ottenuti. In figura 8.7 è possibile distinguere gli elementi non verificati (in rosso) da quelli verificati nelle fasi di stato di fatto (a sinistra) e post intervento (a destra).

Figura 8.2: Azione in direzione ↵ = 0 ed eccentricità negativa

8.3.1 Verifica a pressoflessione nel piano dei maschi Secondo quanto riportato in normativa al paragrafo 7.8.2.2.1 è stato confrontato il momento agente di calcolo con il momento ultimo resistente. (fig. 8.8) Min. coeff. di sicurezza stato di fatto 303,84 Min. coeff. di sicurezza post intervento 33,51

Figura 8.3: Azione in direzione ↵ = 90 ed eccentricità positiva

Solo pochissimi elementi non soddisfano alle verifiche della normativa, potrebbe quindi trattarsi di distorsioni indotte dalla modellazione.

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

77

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

Figura 8.5: Forze d’inerzia dovute all’azione sismica

Figura 8.6: Forze d’inerzia dovute all’azione sismica - estratto

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

78

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

8.3.2

Verifica a taglio dei maschi

8.3.4 Verifica a taglio delle travi Secondo quanto riportato in normativa alla formula (7.8.4) è sono state verificate a taglio le travi in muratura. (fig. 8.11) Min. coeff. di sicurezza stato di fatto 2,59 Min. coeff. di sicurezza post intervento 1,79

Secondo quanto riportato in normativa al paragrafo 7.8.2.2.2 è stato confrontato il taglio agente di calcolo con il taglio ultimo resistente. (fig. 8.9) Min. coeff. di sicurezza stato di fatto 208,42 8.3.3 Min. coeff. di sicurezza post intervento 2,90

Verifica a pressoflessione fuori piano dei maschi

8.3.5 Verifica a pressoflessione delle travi Secondo quanto riportato in normativa alla formula (7.8.5) è sono state verificate a pressoflessione le travi in muratura. (fig. 8.12) Min. coeff. di sicurezza stato di fatto 2,33 Min. coeff. di sicurezza post intervento 0,80

Secondo quanto riportato in normativa al paragrafo 7.8.2.2.3 è stato verificato il valore del momento di collasso. (fig. 8.10) Min. coeff. di sicurezza stato di fatto 100,70 Min. coeff. di sicurezza post intervento 7,96

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

79

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

Figura 8.7: Veduta globale degli elementi non verificati (in rosso): sinistra - stato di fatto; destra - post intervento

Figura 8.8: Verifica a pressoflessione nel piano dei maschi - par. 7.8.2.2.1 NTC2008

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

80

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

Figura 8.9: Verifica a taglio dei maschi - par. 7.8.2.2.2 NTC2008

Figura 8.10: Verifica a pressoflessione fuori piano dei maschi - par. 7.8.2.2.3 NTC2008

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

81

Corso di Progetto di Strutture I

Università degli Studi di Trieste - Facoltà di Ingegneria Civile

Figura 8.11: Verifica a taglio delle travi - formula (7.8.4) NTC2008

Figura 8.12: Verifica a pressoflessione delle travi - formula (7.8.5) NTC2008

Enrico Bergamo

18 marzo 2013

82

50 SEZ. AA 18 32 18 SOLAIO IN PROGETTO CORDOLO Pos. 1: ∅8 Pos. 2: ∅8 Pos. 3: ∅16 L=324
20 89 89

MURATURA ESISTENTE Pos. 1 Pos. 2 Pos. 3 CORDOLO SOLAIO IN PROGETTO

PRESCRIZIONI SOLAI
Si prevede agli appoggi solai armatura inferiore aggiuntiva in grado di assorbire sforzo di trazione pari al taglio.

NORMATIVA DI VERIFICA
Norma di verifica c.a. stati limite D.M. 14.01.2008

N.B. le piante con le armature dei solai devono essere preventivamente esaminate ed approvate dal progettista
e dalla D.L., dunque gli elaborati grafici vanno presentati almeno 3 gg prima della posa

NOTE DA SEGUIRE NOTE ARCHITETTONICHE
N.B. confrontare con esecutivi architettonici N.B. confrontare con esecutivi architettonici per determinare i passaggi degli impianti

26

LEGENDA SOLAIO
SOL. ZERO: "EUROSOLAIO" 28+4 peso proprio= 404 dN/mq carico permanente= 203 dN/mq carico accidentale= 600 dN/mq

St. 3 St. 2 150 SEZ. AA St. 1 MURATURA ESISTENTE

29

25

40 St. 1 = ∅8 L=140 St. 2 = ∅8 L=132 St. 3 = ∅8 L=122

15

2∅16
11

N.B. Strutture di fondazione copriferro = 4 cm (salvo diversa prescrizione)

St. ∅8/25 L=102

N.B. Strutture in elevazione pilastri copriferro = 3,5 cm (salvo diversa prescrizione)

SEZ. AA PARTICOLARE A
scala 1:20
MURATURA ESISTENTE CORDOLO SOLAIO IN PROGETTO MURATURA ESISTENTE CORDOLO SEZ. BB SEZ. BB SOLAIO IN PROGETTO 2∅16
11

2∅16 ARMATURA CORDOLO

ARMATURA AGGIUNTIVA ALL'APPOGGIO
N.B. Qualora si intenda utilizzare una tipologia di solaio diversa da quella indicata nelle presenti tavole di disegno, necessita avvertire la D.L. STRUTTURE ed ottenerne la conseguente approvazione.

N.B. Strutture in elevazione travi copriferro min. = 2 cm (salvo diversa prescrizione) N.B. Le lunghezze dei ferri d'armatura sono da verificare in cantiere Vibrare i getti con vibratore

scala 1:20

PRESCRIZIONI MATERIALI (D.M.LL.PP. 14/01/2008) "EUROSOLAIO BARBIERI" ALTEZZA 28+4

ACCIAIO IN BARRE PER CEMENTO ARMATO: B450C
- L'armatura negativa va posizionata sopra la rete di ripartizione - L'eventuale armatura indicata nella pianta solaio è riferita al singolo travetto - La posa dei travetti di solaio va effettuata previo posizionamento degli eventuali travetti accostati come indicato in pianta 1- cappa superiore s=4 cm 2- armatura negativa 3-‐ rete elettrosaldata ø6/20x20 4- polistirolo 5678traliccio malta armatura di confezionamento laterizio fyk > - 4500 daN/cm² -‐ ftk > - 5400 daN/cm² -‐ (fy / fyk) < - 1,25 - (ft / fy ) MEDIO > - 1,13

ACCIAIO PER TRALICCI E RETI ELETTROSALDATE: B450C
fyk > - 4500 daN/cm² -‐ ftk > - 5400 daN/cm² -‐ (fy / fyk) < - 1,25 - (ft / fy ) MEDIO > - 1,13 Tutti i ferri d'armatura devono essere ancorati salvo diversa indicazione : -‐-‐ mediante sovrapposizione di almeno 50 volte ∅ -‐-‐ mediante ancoraggio in getti di almeno 50 volte ∅
-‐-‐ mediante piegatura a 90° di lunghezza pari a 10 volte ∅

4

Raggio minimo di curvatura delle barre: -‐-‐ 2 ø per diametri ø<12 mm -‐-‐ 4 ø per diametri 12 mm<ø<18 mm -‐-‐ 5 ø per diametri 18 mm<ø<25 mm

32 28 22

N.B. sovrapposizione minima delle reti elettrosaldate pari a due maglie
9 32 9 50

6

CALCESTRUZZO (UNI 11104 - ENV 206-1)
CLASSE DI RESISTENZA

2∅16 St. ∅8/25 L=102 ARMATURA CORDOLO 9 32 9 15 45 15 51 15 60 15

CORREA DI RIPARTIZIONE
rete elettrosaldata ø6/20x20 correa

CLASSE DI ESPOSIZIONE

ARMATURA CORREA
2∅12 2∅12
8 21

CLASSE DI CONSISTENZA DIM. MAX INERTE

St. ∅8/30

RAPP. ACQUA-CEMENTO CEMENTO

PARTICOLARE B
scala 1:20

SEZ. BB
scala 1:20

fondazioni strutture in elevazione fondazioni elevazioni fondazioni elevazioni fondazioni strutture in elevazione fondazioni strutture in elevazione Tipo Portland classe 325

classe RCK 30 MPa classe RCK 30 MPa XC2 XC1 S3 S4 30 mm 20 mm 0.5 0.5

3744 1085 1574 1085

CORREA DI RIPARTIZIONE

Provincia di
2∅14 L=180
135 30

2∅14 L=180
15
135 30

2∅14 L=180
135 30

2∅14 L=180
15
135 30

GORIZIA
752

2∅14 + 4∅5 tr (confezionamento)

Luce L2 = 520

15

2∅14 + 4∅5 tr (confezionamento)

15

VUOTO SCALA

Comune di

Luce L2 = 520

GORIZIA
PROGETTO PER IL MIGLIORAMENTO STRUTTURALE DI UN EDIFICIO AD USO SCOLASTICO

30

Luce L3 = 315

2∅14 + 4∅5 tr

2∅14 264 L=324

GORIZIA
1867

FOGLIO N. 123 MAPPALI 123

30

TITOLARI:
30

Comune di Gorizia
Piazza Municipio, 1 34170 Gorizia GO P. IVA: 00122500317

4∅14 205 L=250

4∅14 + 4∅5 tr (confezionamento)

CORREA DI RIPARTIZIONE

Luce L1 = 746

1115

15

4∅14 L=250 205

15
30

PARTICOLARE B

STRUTTURE ESECUTIVO
Solaio zero scala 1:100, 1:20

E 1

PARTICOLARE A
1085 1574 3744 1085

Università degli Studi di Trieste

PIANTA SOLAIO
scala 1:100

Facoltà di Ingegneria -‐ C.d.L.S. in Ingegneria Civile Corso di Progetto di Strutture I - Prof. Ing. Isaia Clemente
Studente: Enrico Bergamo
Il presente elaborato è di esclusiva proprietà del professionista sopra scritto che ne vieta la riproduzione e la divulgazione senza autorizzazione

45 ZANCA IN ACCIAIO ZINCATO sp. 10mm TRAVE IN LEGNO LAMELLARE GL28H SEZ. 28*14cm i=60cm

PRESCRIZIONI SOLAI
Si prevede agli appoggi solai armatura inferiore aggiuntiva in grado di assorbire sforzo di trazione pari al taglio.

NORMATIVA DI VERIFICA
Norma di verifica c.a. stati limite D.M. 14.01.2008

N.B. le piante con le armature dei solai devono essere preventivamente esaminate ed approvate dal progettista
e dalla D.L., dunque gli elaborati grafici vanno presentati almeno 3 gg prima della posa

NOTE DA SEGUIRE NOTE ARCHITETTONICHE
N.B. confrontare con esecutivi architettonici N.B. confrontare con esecutivi architettonici per determinare i passaggi degli impianti

interasse connettori=10cm ; L=170cm

interasse connettori=25cm ; L=330cm 671

interasse connettori=10cm ; L=170cm

LEGENDA SOLAIO
SOL. INTERPIANO: Legno + CLS peso proprio= 165 dN/mq carico permanente= 203 dN/mq carico accidentale= 350 dN/mq

SOLAIO TIPO 1 (i=60cm)
scala 1:20

N.B. Strutture di fondazione copriferro = 4 cm (salvo diversa prescrizione)

N.B. Qualora si intenda utilizzare una tipologia di solaio diversa da quella indicata nelle presenti tavole di
disegno, necessita avvertire la D.L. STRUTTURE ed ottenerne la conseguente approvazione.

N.B. Strutture in elevazione pilastri copriferro = 3,5 cm (salvo diversa prescrizione) N.B. Strutture in elevazione travi copriferro min. = 2 cm (salvo diversa prescrizione)

SOLAIO LEGNO CALCESTRUZZO
TRAVE IN LEGNO LAMELLARE GL28H SEZ. 28*14cm i=70cm
1- trave in legno lamellare GL28H 2-‐ connettore ø16 in acciaio B450C 3-‐ rete elettrosaldata ø6/20x20 4- distanziatore 5- foglio traspirante impermeabile 6- soletta in CLS 7- tavolato spessore 3 cm

N.B. Le lunghezze dei ferri d'armatura sono da verificare in cantiere Vibrare i getti con vibratore

PRESCRIZIONI MATERIALI (D.M.LL.PP. 14/01/2008)

ACCIAIO IN BARRE PER CEMENTO ARMATO: B450C
fyk > - 4500 daN/cm² -‐ ftk > - 5400 daN/cm² -‐ (fy / fyk) < - 1,25 - (ft / fy ) MEDIO > - 1,13

int conn=10cm ; L=110cm

int conn=25cm ; L=225cm 445

int conn=10cm ; L=110cm

ACCIAIO PER TRALICCI E RETI ELETTROSALDATE: B450C
fyk > - 4500 daN/cm² -‐ ftk > - 5400 daN/cm² -‐ (fy / fyk) < - 1,25 - (ft / fy ) MEDIO > - 1,13 Tutti i ferri d'armatura devono essere ancorati salvo diversa indicazione : -‐-‐ mediante sovrapposizione di almeno 50 volte ∅ Raggio minimo di curvatura delle barre: -‐-‐ 2 ø per diametri ø<12 mm -‐-‐ 4 ø per diametri 12 mm<ø<18 mm -‐-‐ 5 ø per diametri 18 mm<ø<25 mm

SOLAIO TIPO 2 (i=70cm)
scala 1:20
RETE ELETTROSALDATA ∅6 20*20 60 TAVOLATO sp. 3cm 14 46 14 TRAVE IN LEGNO LAMELLARE GL28H SEZ. 28*14cm CORDOLO

-‐-‐ mediante ancoraggio in getti di almeno 50 volte ∅
-‐-‐ mediante piegatura a 90° di lunghezza pari a 10 volte ∅

14 Interasse

N.B. sovrapposizione minima delle reti elettrosaldate pari a due maglie CALCESTRUZZO (UNI 11104 - ENV 206-1)
CLASSE DI RESISTENZA

TRAVE IN LEGNO LAMELLARE GL28H SEZ. 28*14cm i=75cm MURATURA ESISTENTE

CLASSE DI ESPOSIZIONE

PRESCRIZIONI MATERIALI (D.M.LL.PP. 14/01/2008) - LEGNO LAMELLARE GL28H
CLASSE DI CONSISTENZA

Resistenza caratt. a flessione f m,g,k= 28 MPa Resistenza caratt. a trazione f t,0,g,k= 16,5 MPa

Modulo elastico parallelo car. E 0,g,05= 9400 MPa Modulo elastico tangenziale G mean= 720 MPa
DIM. MAX INERTE RAPP. ACQUA-CEMENTO CEMENTO

int conn=10cm L=60cm

int conn=25cm L=120cm 240

int conn=10cm L=60cm

Resistenza caratt. a compressione f c,0,g,k= 24 MPa Modulo elastico parallelo med. E 0,g,mean= 11600 MPa Resistenza caratt. a taglio f v,g,k= 3,2 MPa

fondazioni strutture in elevazione fondazioni elevazioni fondazioni elevazioni fondazioni strutture in elevazione fondazioni strutture in elevazione Tipo Portland classe 325

classe RCK 30 MPa classe RCK 30 MPa XC2 XC1 S3 S4 30 mm 20 mm 0.5 0.5

SOLAIO TIPO 3 (i=75cm)
scala 1:20

PARTICOLARE A
scala 1:20

3744 1085 1574 1085

SOLAIO LEGNO-CLS TIPO 2 Interasse 70cm - Luce L2 = 520cm

SOLAIO LEGNO-CLS TIPO 2 Interasse 70cm - Luce L2 = 520cm

Provincia di

GORIZIA
Comune di

GORIZIA
VUOTO SCALA
752

PROGETTO PER IL MIGLIORAMENTO STRUTTURALE DI UN EDIFICIO AD USO SCOLASTICO
GORIZIA FOGLIO N. 123 MAPPALI 123

SOLAIO LEGNO-CLS TIPO 3 Interasse 75cm - Luce L3 = 315cm
TITOLARI: 1867 Comune di Gorizia
Piazza Municipio, 1 34170 Gorizia GO P. IVA: 00122500317

SOLAIO IN LEGNO-CLS TIPO 1 Interasse 60cm - Luce L1 = 746cm

1115

STRUTTURE ESECUTIVO
Primo e secondo solaio scala 1:100, 1:20

E 2

PARTICOLARE A
1085 1574 3744 1085

Università degli Studi di Trieste
Facoltà di Ingegneria -‐ C.d.L.S. in Ingegneria Civile Corso di Progetto di Strutture I - Prof. Ing. Isaia Clemente
Studente: Enrico Bergamo
Il presente elaborato è di esclusiva proprietà del professionista sopra scritto che ne vieta la riproduzione e la divulgazione senza autorizzazione

PIANTA SOLAIO
scala 1:100

1

COPERTURA SU INTERNI

STRUTTURA
11. CORDOLO IN C.A.

2

1. CORRENTINO IN ABETE 12*20cm i=69cm

3

2. TAVOLATO ABETE (SP. 2,5 cm)

PRESCRIZIONI SOLAI

NORMATIVA DI VERIFICA
Norma di verifica c.a. stati limite D.M. 14.01.2008

4

3. CELENIT N (SP. 5 cm)

5

4. LANA DI ROCCIA ROCKWOOL 234 (SP. 5+5+5 cm)

LATTONERIE
12. TAVOLA DELLA GRONDA 13. CANALE DI GRONDA 14. STAFFA DI SOSTEGNO 15. GOCCIOLATOIO IN LAMIERA 16. GRIGLIA DI VENTILAZIONE 17. GOCCIOLATOIO DEL SOTTOGRONDA

Si prevede agli appoggi solai armatura inferiore aggiuntiva in grado di assorbire sforzo di trazione pari al taglio.

6

5. CELENIT N (SP. 2 cm)

N.B. le piante con le armature dei solai devono essere preventivamente esaminate ed approvate dal progettista
e dalla D.L., dunque gli elaborati grafici vanno presentati almeno 3 gg prima della posa

7

6. GUAINA DUPONT TYVEK ENERCOR ROOF

NOTE DA SEGUIRE NOTE ARCHITETTONICHE
N.B. confrontare con esecutivi architettonici N.B. confrontare con esecutivi architettonici per determinare i passaggi degli impianti

8

7. MORALI CAMERA VENTILAZIONE (H. 4 cm)

9 10

8. MORALI ALLOGGIAMENTO TEGOLE (H. 3 cm) 9. TEGOLE DI ARGILLA 10. CORRENTINO IN ABETE 12X20 CM

LEGENDA SOLAIO
SOL. INTERPIANO: Legno + CLS peso proprio= 165 dN/mq carico permanente= 203 dN/mq carico accidentale= 350 dN/mq

N.B. Strutture di fondazione copriferro = 4 cm (salvo diversa prescrizione)

12 11

N.B. Qualora si intenda utilizzare una tipologia di solaio diversa da quella indicata nelle presenti tavole di

13

disegno, necessita avvertire la D.L. STRUTTURE ed ottenerne la conseguente approvazione.

N.B. Strutture in elevazione pilastri copriferro = 3,5 cm (salvo diversa prescrizione) N.B. Strutture in elevazione travi copriferro min. = 2 cm (salvo diversa prescrizione)

14 1. TEGOLA DI COLMO IN COTTO VENTILATA

"EUROSOLAIO BARBIERI" ALTEZZA 28+4
1- trave in legno lamellare GL28H 2-‐ connettore ø16 in acciaio B450C 3-‐ rete elettrosaldata ø6/20x20 4- distanziatore 5- foglio traspirante impermeabile 6- soletta in CLS 7- tavolato spessore 3 cm

N.B. Le lunghezze dei ferri d'armatura sono da verificare in cantiere Vibrare i getti con vibratore

5∅14

17

16

15

2. STAFFA DI ANCORAGGIO

PRESCRIZIONI MATERIALI (D.M.LL.PP. 14/01/2008)

ACCIAIO IN BARRE PER CEMENTO ARMATO: B450C
fyk > - 4500 daN/cm² -‐ ftk > - 5400 daN/cm² -‐ (fy / fyk) < - 1,25 - (ft / fy ) MEDIO > - 1,13

ACCIAIO PER TRALICCI E RETI ELETTROSALDATE: B450C
fyk > - 4500 daN/cm² -‐ ftk > - 5400 daN/cm² -‐ (fy / fyk) < - 1,25 - (ft / fy ) MEDIO > - 1,13 Tutti i ferri d'armatura devono essere ancorati salvo diversa indicazione : -‐-‐ mediante sovrapposizione di almeno 50 volte ∅ Raggio minimo di curvatura delle barre: -‐-‐ 2 ø per diametri ø<12 mm -‐-‐ 4 ø per diametri 12 mm<ø<18 mm -‐-‐ 5 ø per diametri 18 mm<ø<25 mm

16,4
14 Interasse

-‐-‐ mediante ancoraggio in getti di almeno 50 volte ∅
-‐-‐ mediante piegatura a 90° di lunghezza pari a 10 volte ∅

N.B. sovrapposizione minima delle reti elettrosaldate pari a due maglie CALCESTRUZZO (UNI 11104 - ENV 206-1)
CLASSE DI RESISTENZA

39

8

Scarpa metallica

CLASSE DI ESPOSIZIONE

PRESCRIZIONI MATERIALI (D.M.LL.PP. 14/01/2008) - LEGNO LAMELLARE GL28H

St. ∅8/20 L=206
3. TRAVE DI COLMO 30X52 CM

CLASSE DI CONSISTENZA

Resistenza caratt. a flessione f m,g,k= 28 MPa Resistenza caratt. a trazione f t,0,g,k= 16,5 MPa Resistenza caratt. a taglio f v,g,k= 3,2 MPa

Modulo elastico parallelo car. E 0,g,05= 9400 MPa Modulo elastico tangenziale G mean= 720 MPa
DIM. MAX INERTE RAPP. ACQUA-CEMENTO CEMENTO

DESCRIZIONE PACCHETTO ISOLANTE
La soluzione prevede, sopra l'assito di copertura: -‐ uno strato di pannelli Celenit N dello spessore di 50 mm (N° 3); -‐ al di sopra di questo, un secondo strato di pannelli di lana di roccia (sp. 15 cm) (N° 4); -‐ a finire un terzo strato di pannelli Celenit N dello spessore di 20 mm (N° 5) che supporta la guaina DuPont Tyvek Enecor Roof (N° 6), a protezione della copertura. I morali per la ventilazione si posizionano sopra questo ultimo strato.

Resistenza caratt. a compressione f c,0,g,k= 24 MPa Modulo elastico parallelo med. E 0,g,mean= 11600 MPa

fondazioni strutture in elevazione fondazioni elevazioni fondazioni elevazioni fondazioni strutture in elevazione fondazioni strutture in elevazione Tipo Portland classe 325

classe RCK 30 MPa classe RCK 30 MPa XC2 XC1 S3 S4 30 mm 20 mm 0.5 0.5

PARTICOLARE COPERTURA
scala 1:10

PARTICOLARE COLMO
scala 1:10

3744 1085 69 TRAVE IN LEGNO LAMELLARE GL28H SEZ. 12*20cm i=69cm TRAVE IN LEGNO LAMELLARE GL28H SEZ. 30*52cm 69 1574 1085

Provincia di

GORIZIA
752

Comune di

GORIZIA
TRAVE IN LEGNO LAMELLARE GL28H SEZ. 22*34cm 69

PROGETTO PER IL MIGLIORAMENTO STRUTTURALE DI UN EDIFICIO AD USO SCOLASTICO
GORIZIA
1867

FOGLIO N. 123 MAPPALI 123

TITOLARI: 69

Comune di Gorizia
Piazza Municipio, 1 34170 Gorizia GO P. IVA: 00122500317

1115

TRAVE IN LEGNO LAMELLARE GL28H SEZ. 12*20cm i=69cm TRAVE IN LEGNO LAMELLARE GL28H SEZ. 22*34cm

STRUTTURE ESECUTIVO
Copertura scala 1:100, 1:10

E 3

69 1085 1574 3744 1085

Università degli Studi di Trieste

PIANTA COPERTURA
scala 1:100

Facoltà di Ingegneria -‐ C.d.L.S. in Ingegneria Civile Corso di Progetto di Strutture I - Prof. Ing. Isaia Clemente
Studente: Enrico Bergamo
Il presente elaborato è di esclusiva proprietà del professionista sopra scritto che ne vieta la riproduzione e la divulgazione senza autorizzazione

Sign up to vote on this title
UsefulNot useful