You are on page 1of 8

Infinito (lat. infinitus) 1. Presentazione.

Il tema dellinfinito attraversa tutta lopera bruniana: due scritti (De linfinito, universo e mondi e De immenso et innumerabilibus) manifestano fin dal titolo la centralit di questo concetto, ma esso riveste unimportanza fondamentale fin dai primi dialoghi londinesi per poi riemergere, con connotazioni diverse, lungo tutta la produzione filosofica di Bruno. Di queste occorrenze e delle loro variazioni semantiche si cercher di dare conto, con leccezione di quelle che chiamano in gioco il rapporto tra teoria dellinfinito e matematica, talmente vasto da richiedere una trattazione specifica. Laccezione pi nota, quella che caratterizza la filosofia del Nolano anche nei manuali liceali, quella che fa dellinfinito la caratteristica principale delluniverso. Infrangendo una plurisecolare tradizione, Bruno ritiene che possa esistere un corpo infinito in atto sia dal punto di vista dellestensione spaziale, sia della quantit numerica: luniverso dunque infinito e infiniti sono i mondi che lo compongono, ossia i sistemi planetari. Netta dunque lopposizione alla fisica e alla cosmologia aristotelica e tolemaica, in nome di una filosofia che unisce in maniera originale ladesione al copernicanesimo, motivi di ispirazione cusaniana, eredit lucreziane ed elementi averroisti. Lelaborazione di questo modello cosmologico infinitista comporta una profonda revisione dei concetti-cardine della fisica aristotelica: diversa la nozione di spazio, cos come quella di moto e di elemento. Bruno intimamente convinto della radicale novit del suo pensiero. La sua opera si inserisce anzi in una filosofia della storia in cui si assegna un ruolo fondamentale in quel ritorno allautentica comprensione della natura e del suo rapporto con Dio propria degli antichi Egizi, offuscata e stravolta prima da Aristotele, poi dai cristiani e infine dai luterani e dai calvinisti. Ma luniverso infinito tale in quanto strettamente correlato, fino a diventare inseparabile, allinfinito divino: di esso immagine e simulacro. Certo, nellattribuire a Dio linfinit, Bruno non fa che rielaborare una lunga tradizione teologica; ma il modo in cui essa viene declinata decisamente originale: come luniverso, ma con caratteri peculiari, Dio perfettamente omogeneo. Riprendendo ladagio anassagoreo e rileggendolo alla luce di un monismo rigoroso, il Nolano afferma che nella divinit tutto in tutto e tutto in ogni parte. In breve, gli attributi divini coincidono perfettamente fino a diventare indistinguibili luno dallaltro: per questo Dio, infinito in atto, pu solo generare un infinito altrettanto attuale, luniverso, senza che nel divino vi sia spazio per nessun tipo di diversificazione tra atto e potenza, tra intelletto e volont, tra potenza attiva e potenza passiva, tra potenza assoluta e potenza ordinata, come invece avveniva nella tradizione teologica precedente a Bruno. Come vedremo, spesso Bruno si serve di sintagmi simili per caratterizzare Dio e luniverso, pur mantenendo fermo il presupposto che essi non siano identificabili. La radice metafisica della sua scelta teorica va individuata nel fatto che entrambi sono luno, lente, il vero e il buono, il primo sotto la forma complicata propria alla monade delle monadi, il secondo come sua immagine esplicata. Dio e luniverso sono insomma due aspetti della sostanza: con vocabolario spinoziano, potremmo dire che Dio la natura naturans e il cosmo la natura naturata. Le differenze con Spinoza, tuttavia, sono di peso: intanto, per Bruno luniverso non un modo infinito, ma anchesso sostanza; in secondo luogo, profondamente diversa lantropologia e la gnoseologia del Nolano, che non concede alla mente umana la conoscenza chiara e distinta di Dio, ma solo quella, umbratile, delluniverso. Se la filosofia bruniana sembra dunque un inno allinfinito in atto, si potrebbe avere limpressione che nel dialogo serrato instaurato con Aristotele, il Nolano elimini del tutto linfinito potenziale. In realt, come vedremo, egli riconosce la presenza e limportanza di alcuni processi potenzialmente infiniti, purch essi possano venir letti come una trasposizione da parte del finito dellinfinito attuale, Dio o luniverso. 2. Linfinito come tutto: Dio. Ricorre pi volte negli scritti bruniani, con grande coerenza, laffermazione che non possiamo conoscere Dio direttamente, ma solo attraverso il suo vestigio, luniverso [1]. Per definire il rapporto tra mondo e Dio, Bruno attinge spesso alla tradizione platonica, intesa in senso ampio. Da Cusano deriva le nozioni di complicatio ed explicatio [2]: ci che si trova in Dio sotto forma di unit e semplicit, nelluniverso come disperso in uninfinit spaziale ma anche numerica, che pone necessariamente una differenza tra il tutto e le parti. Come

emerge dal De linfinito, Dio contemporaneamente tutto infinito e totalmente infinito, ossia egli presente nella sua totalit in ogni sua parte, mentre luniverso no. Ancora ispirandosi a Cusano, nel De la causa Bruno spiega che in Dio la potenza attiva, ossia capacit di fare, di produrre, di creare, implica necessariamente la potenza passiva, ossia quella di esser fatto, produto, creato, senza che questi due tipi di potenza possano essere disgiunti. Di conseguenza, Dio tutto quel che pu essere, mentre le singole cose non lo sono mai, perch potrebbero non essere affatto o essere diverse da come sono. Al contrario di Cusano, per, Bruno ritiene che anche luniverso, inteso come tutto, sia tutto ci che pu essere. Ancora una volta, la differenza tra i due si pone nel rapporto tutto-parti: in quanto tutto esplicato di Dio, nelluniverso vi sono parti che non sono tutto ci che possono essere, il che non avviene nel caso di Dio [3]. Infine, Bruno mutua da Cusano anche il paragone con la sfera infinita: come il filosofo tedesco, infatti, egli ritiene che non solo Dio, ma anche luniverso, sia una sfera uniforme, il cui centro ovunque e la circonferenza in nessun luogo. In essa, secondo la dottrina della coincidenza degli opposti, sempre cusaniana, tutte le dimensioni sono identiche [4]. Da Ficino e da Averro, Bruno trae invece elementi fondamentali per costruire un monismo in cui libert e necessit si identificano. Egli elimina ogni differenziazione tra potenza, operazione ed effetti di Dio, scardinando al gerarchia degli attributi divini e la distinzione tra potenza assoluta e potenza ordinata usate da Tommaso DAquino per neutralizzare il principio aristotelico in aeternis idem esse et posse. In effetti, i temi della semplicit, dellunit e dellimmutabilit divina, di per s nientaffatto originali, ma presenti in tutta la tradizione teologica cristiana, vengono da Bruno declinati in modo innovativo. Coerentemente con la metafisica del De la causa, atto e potenza coincidono, ossia in Dio essenza, onnipotenza e azione sono ununit indistinguibile. Ne deriva in primo luogo lassoluta identit degli attributi divini, in particolare il volere e il potere: Dio, dunque, non pu fare se non quel che fa [5]. In secondo luogo, Bruno assimila anche libert e necessit: la libera volont divina la necessit stessa non nel senso che Dio pu liberamente scegliere di rendere necessario un avvenimento o un ente, ma nel senso pi radicale che non esiste differenza alcuna tra la necessit e la libert, tra necessario e volontario [6]. Bruno risponde cos a coloro che, Tommaso in primis, difendono una concezione della libert divina intesa come scelta tra diversi possibili: la libert invece semplice assenza di coercizione [7]. Questa azione divina, strettamente complementare alla potenza, non deve in alcuno modo essere limitata o mediata: essa e deve essere interpretata come la produzione ab aeterno di un universo infinito. Per ritenere concluso il suo ragionamento, Bruno obbligato a superare unultima difficolt: deve dare la propria interpretazione della differenza tra infinito intensivo ed estensivo, introdotta dai commentatori aristotelici per spiegare perch il Motore Immobile non muove il Primo Mobile in un istante, e usata dai teologi per escludere che Dio traduca in enti realmente esistenti tutti i possibili. Il problema affrontato alla fine del Primo Dialogo del De linfinito, su vari livelli: in prima istanza, si pu affermare che luniverso immobile e che i mondi hanno un principio intrinseco di moto, la loro anima. Il ragionamento aristotelico prevedeva, invece, che il moto fosse trasmesso da motori estrinseci e attraverso gradi successivi. In seconda istanza, per, possibile sostenere che esista nei corpi un moto infinito, derivante dallazione dellanima del mondo, ma che questo moto, essendo istantaneo, non sia percepibile [8]. In altri luoghi dellopera bruniana, per, questa stessa distinzione tra infinito intensivo ed estensivo riappare, con sfumature diverse da quelle appena indicate. La coppia intensivo/estensivo sembra altrove funzionale alla distinzione tra Dio e luniverso [9]. Questultimo, infatti, pur essendo infinito, non agisce intensivamente, ma estensivamente, essendo esplicato e disperso nello spazio. Per Bruno possibile cos non solo superare alcune obiezioni di Aristotele contro lesistenza di un corpo infinito in atto, ma anche spiegare come si moduli il passaggio dalluniverso infinito ai mondi o, in generale, alle parti che possiamo individuare in esso [10]. Facendo coincidere gli attributi divini, latto e la potenza, la potenza attiva e la potenza passiva, la potenza intensivamente infinita e quella estensivamente infinita, Bruno un grado di concludere che non dobbiamo distinguere tra azione di Dio ab intra e ad extra, tra la processione delle tre persone della Trinit e la creazione del mondo. Impossibile anche credere che Dio abbia creato solo una parte di ci che il suo intelletto concepisce. Lo stretto

legame che Bruno istituisce tra la metafisica e la cosmologia lascia dunque trasparire una radicale contestazione dei dogmi della Trinit e dellIncarnazione e una concezione di Dio che nulla ha a che fare con quella che deriva dalla Bibbia, ma che cos polemica con il Dio-persona del cristianesimo da essere lontana anche da quella di filosofi, come Cusano, per altri versi molto amati dal Nolano. Bruno concorda, invece, con una lunga tradizione filosofica antica che, da Parmenide a Plotino, letto tramite Ficino, aveva concepito Dio come assolutamente uno: il suo monismo evidente fin dalla prima giovinezza, come ci attestano le tracce di processi subiti gi nel 1575 per la difesa delle opinioni di Ario. In maniera altrettanto precoce, a partire dal Sigillus, vivace la polemica contro la figura di Cristo, mostro mitologico che pretenderebbe di riunire in una sola natura finito e infinito, mediandoli [11], mentre solo luniverso infinito pu aspirare a mostrarci il volto della divinit, per quanto unicamente come unombra, uno specchio [12]. 3. Linfinito come tutto: luniverso. a partire dai dialoghi italiani, stampati nel 1584, che linfinit delluniverso diventa uno dei temi caratteristici e centrali della filosofia di Bruno. Fin dalla Cena delle ceneri questa dottrina si presenta come una conseguenza del copernicanesimo e come una tappa fondamentale di una pi generale riforma del sapere che avr importanti conseguenze sulla morale e sulla religione, restaurando un corretto concetto della divinit, del cosmo, del loro reciproco rapporto e del ruolo delluomo nelluniverso. In pagine celebri, riprese poi nellAcrotismus, Bruno si presenta in termini che ricalcano quelli usati da Lucrezio per esaltare lopera di Epicuro ma che, al tempo stesso, riprendono stilemi evangelici: Bruno, e non Cristo, colui che ha ridato la vista ai ciechi, la parola ai muti e ha reso gli zoppi capaci di camminare [13]. Bruno non il primo a conferire linfinit alluniverso: accenni in questo senso si trovano anche in Palingenio, Thomas Digges e Francesco Patrizi. Ma il cosmo bruniano non solo infinito: anche fisicamente uniforme. Il Nolano ci offre limmagine di un mondo in cui vige una duplice analogia: spodestata dalla sua sede al centro del tutto, la Terra simile agli altri pianeti che girano intorno al Sole, mentre le stelle non sono altro che dei Soli, centro delle orbite di pianeti a noi invisibili per leccessiva lontananza. I pianeti sono dunque delle terre, ossia hanno una composizione simile a quelle del corpo celeste su cui viviamo e sono abitati. Luniverso composto quindi dalla ripetizione allinfinito di sistemi tra loro simili, come avveniva nel modello cosmologico proposto dagli atomisti. Tuttavia, questi sistemi sono eliocentrici, non possono avere forme e aspetti completamente diversi dal nostro, in nome del principio di uniformit, e sono in collegamento tra di loro, non isolati dagli intermundia. Bruno eredita e utilizza una complessa serie di prove dellinfinit delluniverso, tratte in primo luogo dalla confutazione delle tesi infinitiste elaborate da Aristotele e dai suoi commentatori; il Nolano si serve anche di argomenti derivati ma da Nicola Cusano e da Lucrezio. Spesso lunghe sezioni del De linfinito, ma anche dellAcrotismus e del De immenso, seguono come un commento in controcanto le tesi degli scritti fisici e cosmologici di Aristotele, demolendole e sostituendole con altre teorie. Cos, la dimostrazione dellinfinit delluniverso passa attraverso una serrata discussione della nozione aristotelica di luogo. Applicata al cosmo, essa genera una serie di contraddizioni che nessun commentatore dello Stagirita ha saputo superare e che rimangono tali anche modificando alcuni elementi del sistema peripatetico. Infatti, lipotesi che il mondo, finito, sia circondato dal vuoto o da una sostanza incorporea inaccettabile: Bruno ha buon gioco nel riprendere esempi e testi lucreziani (largomento di Archita, ad esempio) per arrivare alla conclusione che lunica soluzione abbandonare la nozione di luogo per adottare quella di spazio [14]. Uno spazio inteso come ente infinito e, quel che forse conta ancora di pi, uniforme. Se le analogie con la dottrina atomista sono evidenti, bisogna anche tener conto delle differenze: lo spazio per Bruno non il vuoto assoluto, ma finisce per coincidere con letere. Nel De immenso Bruno fa proprie le considerazioni di Filopono sullo spazio: si tratta di una quantit continua, che precede per natura le cose corporee, indifferente a ci che contiene, impenetrabile (ossia non separabile in parti), un ente che comprende tutto e non compreso da nulla e che non n sostanza n accidente. Anche nella Lampas il Caos ha propriet simili: non agisce n patisce; uniforme e indivisibile; infinito, capace di accogliere una grandezza infinita; pieno di corpi, non affetto dalla loro diversit e distinzione. Luniformit dello spazio diventa poi lasse portante di una

delle prove della sua infinit delluniverso: una volta ammesso che lo spazio sia infinito, perch solo una parte di esso dovrebbe essere occupata dal nostro mondo e non anche le altre sue parti [15]? Su questa struttura argomentativa si innestano motivi derivanti dal De la causa: se consideriamo che la potenza passiva, intesa, nel caso dello spazio, come capacit di essere riempito dai corpi, coincide sempre con la potenza attiva, e viceversa, arriviamo alla stessa conclusione: lo spazio infinito popolato da uninfinit di sistemi solari. Proprio questo principio alla base di due altre dimostrazioni dellinfinit del cosmo. La pi celebre, quella che ha valso a Bruno lonore di essere inserito da Arthur O. Lovejoy tra i principali rappresentanti del principio di pienezza, parte da Dio per arrivare al mondo: chi crede che la potenza divina non si traduca immediatamente e completamente in atto ne fa un essere ozioso e invidioso, rendendo vana e inutile quella parte di potenza che non viene esplicata (temi di ascendenza averroista e platonica) [16]. Laltra ha un ruolo solo marginale del De infinito, ma assume invece maggiore importanza nellAcrotismus e si ritrover, come vedremo, sotto altre spoglie anche negli Eroici Furori: se potenza attiva e passiva coincidono, impossibile affermare, come invece aveva fatto Aristotele, che la nostra capacit di immaginare spazi e corpi sempre pi grandi, senza fine, sia un semplice atto mentale, cui non corrisponde niente di reale. Al contrario, operazioni mentali e realt in questo caso sonno perfettamente isomorfe [17]. In che cosa linfinit delluniverso differisce da quella di Dio? Bruno fa riferimento a diverse definizioni dellinfinito. Quando il confronto con Aristotele pi diretto, egli adotta quelle che trova nella Physica: linfinito pu essere ci per cui, presa una quantit, ne rimane sempre unaltra da prendere (infinito in potenza), oppure ci al di fuori del quale non esiste nulla (infinito in atto). La prima definizione, per, secondo il Nolano si applica agli enti particolari che fanno parte di un tutto infinito; la seconda, invece, al tutto [18]. Pi spesso, Bruno ricorre alla distinzione tomista, ripresa da Cusano, tra infinito negativo e infinito privativo: il primo non ha fine, contiene tutto e non pu essere finito; il secondo manca di una fine, che invece dovrebbe avere, ed incompleto, imperfetto [19]. Mentre per le sue fonti facevano di Dio lunico infinito negativo, il Nolano applica questa definizione anche alluniverso. In effetti, possiamo assistere a una vera e propria migrazione di attributi divini verso il cosmo: il quinto dialogo del De la causa, ad esempio, si apre con una lunga descrizione delluniverso in cui apprendiamo che esso uno, infinito, immobile, incorruttibile, tutto, massimo, privo di parti, non essendo composto. In esso tutte le dimensioni coincidono, come nella sfera infinita; coincidono anche latto e la potenza, perch luniverso tutto quello che pu essere. Nel cosmo infinito tutto in tutto [20]. Nel De la causa e nei Furori luniverso e Diana sono luno, lente e il vero; simile anche lelenco delle propriet dellente infinito nellAcrotismus, ente infinito che Bruno precisa subito essere il cosmo [21]. Il monismo parmenideo, ladagio anassagoreo della presenza del tutto nel tutto, la sfera infinita, la coincidenza di atto e potenza: sono temi che Bruno, come nelle sue fonti, applica a Dio ma che, diversamente dalle sue fonti, usa anche per definire le caratteristiche delluniverso. Che, come si gi accennato, differisce da Dio solo per il rapporto tutto-parti: pur non essendo composto da parti, nel cosmo possono infatti essere individuate delle parti [22]. La condizione che esse siano altrettanto infinite del tutto cui si riferiscono: nellinfinito non vi distinzione tra maggiore e minore, tra pari e dispari, tra ununit di misura e i suoi multipli [23]. Prive di consistenza metafisica (sono puri accidenti), le parti delluniverso incarnano, ognuna a suo modo, uno dei suoi modi di essere, senza poter essere, in un medesimo istante, tutti i modi di essere [24]. La vicissitudine che regna nel mondo far s che ognuna di esse, in un tempo eterno, diventer di volta in volta diversi modi di essere; ma ci avverr secondo le modalit di quellinfinito esplicato e non complicato che luniverso [25]. Bruno sancisce cos definitivamente limpossibilit per qualunque ente finito di presentarsi come una rappresentazione dellinfinito o addirittura una mediazione tra finito e infinito: solo luniverso, un tutto infinito, pu essere limmagine, il vestigio, il simulacro dellinfinito divino. Il tentativo cristiano di proporre Cristo come ununione, e dunque una mediazione, tra linfinito e il finito dunque altrettanto mostruoso e impossibile di quelle unioni tra natura umana e animale che sono i centauri della mitologia classica [26].

4. Linfinito in potenza: leroico furore. Tra le prove dellinfinit delluniverso, come abbiano visto, Bruno ne aveva esposta una che, partendo dalla nostra capacit di aggiungere spazi a spazi con limmaginazione, concludeva che uno spazio infinito doveva realmente esistere. Come spesso avviene, il Nolano ha ribaltato in questo caso le conclusioni degli avversari: nella Physica, Aristotele aveva confutato questa tesi dei sostenitori dellinfinito in atto, affermando che si trattava di un procedimento solo mentale, privo di ogni aggancio alla realt delle cose. La posizione di Bruno non era determinata da un realismo ingenuo (tutto ci che immaginiamo vero), ma da unapplicazione della coincidenza tra atto e potenza, tra potenza passiva e potenza attiva, stabilita nel De la causa. Se noi immaginiamo enti sempre pi grandi allinfinito, in Dio deve essere presente lidea di una grandezza infinita e, se cos, li questa idea deve essere tradotta in atto. Stessa cosa avviene se consideriamo la capacit del fuoco di incendiare sempre pi materia, allinfinito: anche in questo caso, alla potenza passiva della materia deve corrispondere una potenza attiva nellefficiente, ossia in Dio, che non pu non venir realizzata [27]. In maniera speculare, lo stesso principio viene invocato per giustificare il rifiuto dellinfinita divisibilit della materia. Mentre nei processi che vanno verso linfinitamente grande, infatti, esiste un ente, luniverso, che attualizza il processo di infinito e progressivo ingrandimento, non altrettanto pu dirsi per quelli che andrebbero verso linfinitamente piccolo: di qui la necessit di pensare che tutti gli enti, anche quelli matematici, siano composti da minimi indivisibili [28]. Ma il collegamento tra potenza attiva e potenza passiva, tra potenza e atto permette a Bruno di effettuare altrove una ben pi clamorosa rivalutazione dellinfinito in potenza. Tutti gli Eroici furori, infatti, sono dedicati a descrivere e a esaltare un processo che, per definizione, e deve rimanere aperto, ma che mai viene per questo tacciato di essere imperfetto o incompiuto. Fin dallinizio, desiderio e intelletto sono posti come due facolt che superano in continuazione ogni specifico oggetto che viene loro proposto, perch la loro apprensione non ha termine, cos come non ha termine la capacit di aggiungere un numero a un altro [29]. Proprio perch il nostro desiderio di conoscere e di amare non si appaga mai di nessun oggetto raggiunto, ma prosegue la sua corsa insaziabile, noi possiamo aspirare a conoscere e amare linfinito: altrimenti noi porremmo un termine a ci che termine non ha. Come Bruno ha gi stabilito nei precedenti dialoghi, nulla che sia finito, infatti, pu rappresentare linfinito: dunque conveniente e naturale che linfinito per essere infinito sia infinitamente perseguitato [30]. Pi oltre Bruno articola meglio il suo pensiero e spiega che proprio per non infrangere il principio nihil frustra, da lui seguito fedelmente nelle prove dellinfinit delluniverso, il nostro intelletto, nella sua mai conclusa ricerca delloggetto infinito, dimostra di avere uninfinita potenza che sarebbe s vana e privativa, ossia denuncerebbe unimperfezione dellintelletto e della sua capacit conoscitiva, se si esercitasse su un oggetto finito, ma che invece una perfezione positiva dal momento che si applica a un oggetto infinito. Certo, linfinita potenza dellintelletto non uguale allinfinita potenza di Dio o delluniverso (il suo oggetto): questi sono infinitamente infiniti, mentre le capacit dellintelletto sono finitamente infinite, ossia sono finite in ogni momento dato, ma generanti un processo infinito [31]. Lintero percorso riesposto nel Dialogo terzo della Seconda Parte: la ricerca perenne del furioso non va in nessun modo assimilata a una forma imperfetta di infinito, perch essa non di questa sorta per assenza di un fine che invece la renderebbe perfetta e compiuta. Solo in questo modo un ente finito pu comprendere un oggetto infinito: continuando a cercarlo, senza mai appagarsi del risultato raggiunto. La fine di questa progressione rovescerebbe le caratteristiche delloggetto nel suo contrario: il bene infinito non sarebbe pi tale [32]. La caccia del furioso non lunica attivit della mente umana che abbia possa mettere in scena forme di infinito. Altrettanto si pu dire della produzione delle immagini che caratterizza lars memoriae: come afferma nel De imaginum compositionem, Bruno crede che lo spiritus phantasticus sia in grado, come fa la natura, di produrre infinite combinazioni a partire dagli stessi elementi, al punto che Sinesio, fonte ispiratrice di Bruno in questo passo, riteneva che luomo dormiente fosse dotato di una potenza immaginativa che lo rendeva simile a Dio [33]. possibile tracciare un parallelo tra la ricerca del furioso e la vicissitudine. In questa, come abbiamo visto, i cambiamenti incessanti che regnano nelluniverso vengono spiegati con il principio che ogni parte della materia deve assumere

nel tempo infinite forme, affinch non solo il tutto sia immagine esplicata dellinfinito contratto, ma anche le sue parti lo diventino, in un processo per che eterno e non ha mai fine. In quella, lintelletto e la volont umana ricercano un oggetto e un bene infinito attraverso un processo che anchesso privo di fine e inarrestabile e che si configura dunque, come lunico modo possibile per un ente finito di perseguire linfinito. Questa ipotesi corroborata da due elementi: in primo luogo, Largomento et allegoria del quinto dialogo accomuna la ricerca dei nove ciechi con le eterne vicissitudini che, secondo i veri filosofi come Origene, coinvolgono tutte le anime e le intelligenze. Come nel corso di una vita, dunque, la ricerca del vero non si acquieta mai, cos anche nella vita complessiva delluniverso le anime e le intelligenze sono prese da perenni mutamenti, ascese e discese, in cui nessuno stadio definitivamente acquisito [34]. In secondo luogo, la Lampas offre un esempio di come la vicissitudine e lincessabile desiderio, lungi dallessere un cattivo infinito, possano assurgere a struttura metafisica del reale. Il Caos o spazio infatti seguito dallOrco, ossia dallaptitudo quaedam seu carentia seu desideratio infinita. Generatore di tutte le vicissitudini, lOrco fa s che ogni cosa desideri essere tutte le altre e che ogni singolo ente voglia essere in tutto. Ricorre significativamente, in questo caso, la stessa spiegazione che abbiamo visto nei Furori: lappetito e la ricerca non devono mai appagarsi, cos come mai lintelletto e la volont finite si saziano di un bene finito, perch il loro oggetto un bene infinito che mai pu essere pienamente raggiunto, altrimenti smetterebbe di essere infinito [35]. Tutti questi temi (incessante ricerca del bene e del vero; aspirazione di ogni singola parte della materia ad assumere sempre nuove forme; capacit del senso, dellimmaginazione e dellintelletto di procedere oltre ogni grandezza data) tornano in una densa pagina del De immenso come esplicito tentativo delle nature particolari di aspirare alla natura universale, immagini mobili e finite dellinfinito [36]. [1] Causa, BOeuC III 103-109, 207, 253; Infinito, BOeuC IV 77; Furori, BOeuC VII 391; De immenso, BOL I-II 300-301; Lampas trig. stat., BOL III 43 (BOM 1022). [2] Causa, BOeuC III 207; Infinito, BOeuC IV 13-15, 75, 85. [3] Causa, BOeuC III 203-207. [4] Causa, BOeuC III 27, 273, 277; Infinito, BOeuC IV 85, 339; Furori, BOeuC VII 263; De immenso, BOL I-I 291, 297, 302, BOL I-II 237; Articuli adv. math, BOL I-III 14-15, 22, 72; De minimo, BOL I-III 144-145, 147, 180-181; Lampas trig. stat., BOL III 38-39 (BOM 1010-1012); Summa term. met., BOL I-IV 89. [5] Infinito, BOeuC IV 89, 91; Furori, BoeuC VII 261-263; De immenso, BOL I-I 241-247, 319-320, BOL I-II 293; Lampas trig. stat., BOL III 41 (BOM 1018); Summa term. met., BOL I-IV 95. [6] Infinito, BOeuC IV 89, De immenso, BOL I-I 243, 246-247; Lampas trig. stat., BOL III 41 (BOM 1018); Summa term. met., BOL I-IV 65-66. [7] De immenso, BOL I-I 243-246. [8] Infinito, BOeuC IV 95-105; De immenso, BOL I-I 275-276. [9] De imag. comp. BOL II-III 96. [10] Infinito, BOeuC IV 137, 165-171; De minimo, BOL I-III 225; De immenso BOL I-I 52-283, 286-293. [11] Sigillus, BOL II-II 189-190; De immenso, BOL I-I 205, 291, 308; BOL I-II 291. [12] Cena, BOeuC II 51; Causa, BOeuC III 207; De immenso BOL I-I 203,205, 226, 239-240, 241-242, 250, 307-308, BOL I-II 316; Lampas trig. stat., BOL III 43 (BOM 1022). [13] Cena, BOeuC II 47-49; Acrotismus, BOL I-I 67-68. [14] Infinito, BOeuC IV 61-69; Acrotismus, BOL I-I 123-143; De immenso, BOL I-I 221-230, BOL I-II 258. [15] Infinito, BOeuC IV 71-79; De immenso, BOL I-I 223, 230-235, 243-244, BOL I-II 302-303, 316; Lampas trig. stat., BOL III 9-16 (BOM 942-958). [16] Infinito, BOeuC IV 83-91; De immenso, BOL I-I 235-238, 240-241, 243. [17] Infinito, BOeuC IV 109-111; Acrotismus, BOL I-I 117-119; De immenso, BOL I-I 201-206, 248-250. [18] Acrotismus, BOL I-I 121. [19] Acrotismus, BOL I-I 122; Summa term. met., BOL I-IV 25, 84. [20] Causa, BOeuC III 271-277. [21] Causa, BOeuC III 281-283; Furori, BOeuC VII 395; Acrotismus, BOL I-I 96-99. [22] Infinito, BOeuC IV 165. [23] Infinito BOeuC IV 161-163; De minimo, BOL IIII 144-149, 154-162; De immenso, BOL I-I 216, 284-286. [24] Causa, BOeuC III 205-207, 277281; Infinito, BOeuC IV 85-87. [25] Cena, BOeuC II 255-259; De immenso, BOL I-I 372; Lampas trig. stat., BOL III 19 (BOM 964). [26] De immenso, BOL I-II 291. [27] Infinito, BOeuC IV 109111; Acrotismus, BOL I-I 117-119; De immenso, BOL I-I 201-206, 248-250. [28] De minimo, BOL

I-III 152-154, 158-159. [29] Furori, BOeuC VII 109. [30] Furori, BOeuC VII 139-141, 165-169; De immenso, BOL I-I 203. [31] Furori, BOeuC VII 269-271. [32] Furori, BOeuC VII 415-419. [33] De imag. comp., BOL II-III 119-120. [34] Furori, BOeuC VII 41-45; 291-293; 485-487; De immenso, BOL I-I 203-204. [35] Lampas trig. stat., BOL III 16-19 (BOM 958-964). [36] De immenso, BOL I-I 203-204. BIBLIOGRAFIA N. Badaloni, Giordano Bruno. Tra cosmologia ed etica, Roma 1988 A. Bnker-Vallon, Lunit del metodo e lo sviluppo di una nuovo fisica. Considerazioni sul significato del De linfinito, universo e mondi di Giordano Bruno per la scienza moderna, Bruniana & Campanelliana. Ricerche filosofiche e materiali storico-testuali, VI, 2000, 1, pp. 3556. A. Bnker-Vallon, I paradossi dellinfinito nel pensiero filosofico-matematico di Giordano Bruno, in F. Meroi (a cura di), La mente di Giordano Bruno, Firenze 2004, pp. 163-194. L. de Bernart, Immaginazione e scienza in Giordano Bruno. Linfinito nelle forme dellesperienza, Pisa 1986 H. Blumenberg, Aspekte der Epochenschwelle: Cusaner und Nolaner, [1976], Franckfurt/Main 1985 E. Canone, Il dorso e il grembo delleterno. Percorsi della filosofia di Giordano Bruno, Pisa-Roma, Istituti Poligrafici Internazionali, 2003 M. Ciliberto, Giordano Bruno, [1990], Roma-Bari 1992 T. Dagron, Unit de ltre et dialectique. Lide de philosophie naturelle chez Giordano Bruno, Paris 1999 A. Del Prete, Bruno, linfini et les mondes, Paris 1999 M. A. Granada, Bruno, Digges e Palingenio: omogeneit ed eterogeneit nella concezione delluniverso finito, Rivista di storia della filosofia, 1992/1, XLVII, pp. 47-53 M. A. Granada, Il rifiuto della distinzione tra potentia absoluta e potentia ordinata di Dio e laffermazione delluniverso infinito in Giordano Bruno, Rivista di storia della filosofia, XLIX, 1994, 3, pp. 495-532 M. A. Granada, Linfinit de lunivers et la conception du systme solaire chez Giordano Bruno, Revue des sciences philosophiques et thologiques, 1998/2, LXXXII, pp. 243-275 M. A. Granada, Giordano Bruno. Universo infinito, unin con Dios, perfeccin del hombre Barcelona 2002. M. A. Granada, Blasphemia vero est facere Deum alium a Deo. La polemica di Bruno con laristotelismo a proposito della potenza di Dio, in E. Canone (a cura di), Letture bruniane I-II del Lessico Intellettuale Europeo. 1996-1997, Pisa-Roma, 2002, pp. 151-188 A. Koyr, Dal mondo chiuso alluniverso infinito, [1957], Milano 1984 M.-P. Lerner, Le monde des sphres. II. La fin du cosmos classique, Paris 1997 P. Rossi, La scienza e la filosofia dei moderni. Aspetti della Rivoluzione scientifica, Torino 1989 J. Seidengart, La cosmologie infinitiste de Giordano Bruno, in F. Monnoyeur (a cura di), Infini des mathmaticiens, infini des philosophes, Paris 1992, pp. 59-82

J. Seidengart, Linfinitisation de lunivers et les proprits de lespace cosmique chez Giordano Bruno, Physis. Rivista internazionale di storia della filosofia, XXXVIII, 2001, pp. 149-169 H. Vdrine, La conception de la nature chez Giordano Bruno, Paris 1967