Progetto

:

BLOCCO.1 BLOCCO.2 BLOCCO.3

CANTIERI NAVALI EOLICO OFFSHORE EOLICO A TERRA

Intervento: INVESTIMENTO

VIETATA DIVULGAZIONE

RISERVATISSIMO

Aprile 2012 2

EA-ECO Srl
PREMESSE Il Gruppo, del quale fa parte la EA-ECO Srl, opera da vari anni nel settore delle Energie Alternative, ed ha acquisito esperienza e credibilità nel settore attraverso “operazioni” dirette ed indirette, in particolare, ha trattato l’acquisizione di progetti destinati alla produzione di energia elettrica generata da impianti Fotovoltaici, Eolici e Biomassa per conto proprio e di terzi. Il progetto “MULTIEOL” nasce dalla reale situazione e confusione che il settore sta attraversando e che ha spinto Aziende storiche e solide, che operavano in settori come l’edilizia e la cantieristica a sobbarcarsi alcuni costi attraverso l’acquisizione di “quote societarie” da “Committenti” in cambio di “Forniture” e “Lavoro”, che hanno procurato danni economici ed instabilità. Il nostro piano di sviluppo industriale, scaturisce dalla possibilità di acquisire quote di alcune di queste Aziende, che vantano crediti, diritti di acquisto di progetti in corso e commesse di lavoro per completare o realizzare Parchi Eolici. L’INVESTIMENTO Per meglio identificare i settori oggetto dell’investimento, vengono identificati 3 blocchi: 1. - Acquisto del 50% dei Cantieri Navali (gli incontri e le definizioni di massima tra EAECO ed i legittimi proprietari delle Aziende sono state fissate da regole rigide e strategie congiunte); 2. - Acquisto del 100% dei diritti, progetti ed autorizzazione di un parco eolico “OFFSHORE” da realizzare in Italia, con l’apporto della Cantieri Navali (che ha costruito, testato e messo a dimora il prototipo per i test condotti e che hanno confermato la piena fattibilità del progetto). La stessa Cantieri Navali ha un contratto per la realizzazione del parco eolico. 3. - Acquisto del 100% di un costruendo parco eolico a terra, con previsione di allaccio alla Rete Elettrica Nazionale entro il 2012.

VIETATA DIVULGAZIONE

RISERVATISSIMO

Aprile 2012

VIETATA DIVULGAZIONE

RISERVATISSIMO

Aprile 2012 3

Il 100% della sua fattibilità, scaturisce dagli accordi già stabiliti con i principali interlocutori, in armonia con le nostre proposte e le strategie congiunte I primi contatti diretti, risalenti alla fine del 2010, fatti dalla EA-ECO che operava per conto di terzi interlocutori “Committenti”, ci vedeva principali interlocutori per ACQUISTO totale o in quote, o in alternativa “FINANZIARE” I progetti oggetto dell’acquisto hanno superato varie difficoltà amministrative ed oggi si è in grado di affermare che sono REALIZZABILI. CONSIDERAZIONI - BASE Dai dati in nostro possesso, e dalle indagini svolte in maniera accurata in maniera asincrona sui tre BLOCCHI primari, definiti: possiamo trarre le dovute considerazioni.

Partendo dalla sicurezza di ben operare la strategia è in linea con le nostre aspettative, e l’investimento risulta ben calibrato ed i rischi risultano al di sotto delle previsioni più pessime. La nostra intenzione è quella di acquistare nel pieno rispetto del BUDGET, stabilito in 360 milioni di Euro per l’intero progetto detto “MULTIEOL”, destinabili in %: 1. Considerato che circa il 3% dell’investimento è destinato all’acquisto del 50% del , che in

parte servono a stabilizzare le finanze (carenti per ritardati pagamenti), ma le commesse in atto e quelle che potrebbero scaturire da un apporto di management dinamico e pertinente, genererebbero fatturati molto interessanti. Si rimanda in seguito una più ampia analisi del parziale investimento sul .

VIETATA DIVULGAZIONE

RISERVATISSIMO

Aprile 2012

VIETATA DIVULGAZIONE

RISERVATISSIMO

Aprile 2012 4

2. Un ulteriore 81%, necessario all’acquisto delle autorizzazioni e del 100% delle quote societarie della Società proprietaria del progetto “OFFSHORE” e che si ipotizza una Potenza di produzione di circa 96MW. A seguito delle ultime Autorizzazioni ottenute, sono in esame le reali possibilità di produzione di energia con aerogeneratori di nuova generatori. Si tenga presente che l’80% del lavoro verrà eseguito, per contratto, dalla porterebbe nelle casse della stessa

porterebbero 100 milioni di Euro con un margine di utile di circa il 30%. 3. Il restante 16%, è destinato all’acquisto di un parco eolico a terra costruzione e che si presume venga collegato alla fine del 2012. La disponibilità dell’intero importo, ci permetterà sia a velocizzazione l’acquisto, sia ad ottenere sconti da qualsiasi fornitore e/o partner che dovessimo preferire. di 24MWp, in

IL PROGETTO E RELATIVI BLOCCHI

,

e

Considerato che la completa “operazione” si realizzerà nel meridione, il nostro gruppo prediligerà l’inserimento di giovani tecnici o specialisti, sia per l’egoistico fine di “costi inferiori” ed “agevolazioni ottenibili”, sia perché impegnati in settori in evoluzione che richiedono speciali attitudini necessarie a settori emergenti. La maggior parte del personale, impiegabile in vari sottosettori sarà significativo e la previsione è di circa 200 unità lavorative, il 50% delle quali inserite a tempo indeterminato per circa 20-25 anni di operatività. CONSIDERAZIONI - REDDITIVITÀ Partendo dalla (settore Cantieri Navali) che produce un ottimo reddito, circa il 30%, e che oggi ha e .

già un numero considerevole di personale impiegato, si considerano gli utili derivati da

VIETATA DIVULGAZIONE

RISERVATISSIMO

Aprile 2012

VIETATA DIVULGAZIONE

RISERVATISSIMO

Aprile 2012 5

1.

- CANTIERI NAVALI

Oggi, pur se la storicità dell’Azienda e la qualità delle maestranze la ascrivono tra quelle “ALTAMENTE
AFFIDABILI”,

ha dovuto rallentare le attività, principalmente, a seguito di mancati o ritardati

pagamenti per circa 1 milione di Euro. Detiene il 5% della Società titolare del Progetto , e dalla stessa, risulta creditrice per i

lavori svolti (costruzione in cantiere, del prototipo destinato alla piattaforma Offshore e sua collocazione e messa in opera a mare). Dopo, le operazioni verranno, sinteticamente, condotte per fasi: Fase-1: EA-ECO, acquista il 50% del Cantiere Navale (stabilito in circa 10 milioni di euro), entrando di diritto in amministrazione congiunta, al fianco dell’attuale proprietà. L’immissione di investimento, oltre che a rassicurare le attuali maestranze, permetterà di ammoderna alcune linee di lavorazione di Cantiere ed acquisisce nuove commesse. Fase-2: Noto che l’attuale Società detentrice del progetto ha espresso la volontà di

cedere. Visto che il Cantiere già detiene 5% della stessa, si propone direttamente per rilevare il 95% dagli altri Soci, per diritto di prelazione. Indirettamente, riscuoterà il credito avanzato, necessario al risanamento. In forza al contratto detenuto, all’assicurazione della continuità dell’opera e la messa a dimora in mare di tutte le piattaforme, si potrà contare sulla piena realizzazione dell’intero Parco Eolico Offshore.

VIETATA DIVULGAZIONE

RISERVATISSIMO

Aprile 2012

VIETATA DIVULGAZIONE

RISERVATISSIMO

Aprile 2012 6

2.

- PARCO EOLICO “OFFSHORE” DA REALIZZARE IN ITALIA

VIETATA DIVULGAZIONE

RISERVATISSIMO

Aprile 2012

VIETATA DIVULGAZIONE

RISERVATISSIMO

Aprile 2012 7

NELLA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO SI EVIDENZIA LA PURA VERITA’

Oggi, superati tutti i problemi burocratici ed autorizzativi, incluso il benestare della commissione regionale, si è in grado di iniziare i lavori entro il 2012. Le valutazioni tecniche e dell’investimento sono in linea con le attuali valutazioni medio-alte del settore, ed a breve verrà fornita la rielaborazione allineata alle attuali leggi e decreti. Dopo, alla Fase 2, del citato si definiranno le fasi successive, che saranno: , contrattato attraverso il Cantiere

Fase-3: EA-ECO, acquista il 95% del progetto

Navale, che mantiene il suo 5%, minimo, fino alla completa realizzazione dell’intero impianto. Comunque, dopo si valuterà il ruolo della manterrà la manutenzione di piattaforme e strutture. Fase-4: Per la messa in Opera del parco , si valuteranno i migliori partner reperibili sul che sicuramente

mercato. Valutazione che verrà estesa ai fornitori degli aerogeneratori, che per certo, assumeranno la funzione di EPC.

VIETATA DIVULGAZIONE

RISERVATISSIMO

Aprile 2012

VIETATA DIVULGAZIONE

RISERVATISSIMO

Aprile 2012 8

3.

- PARCO EOLICO A TERRA Premesso che NON ha alcun legame con il progetto precedentemente illustrato. Oggi, è in costruzione e si presume che la connessione avverrà entro la fine del 2012. Le valutazioni qualitative e finanziarie, sono in linea con gli attuali canoni valutativi. Dopo, l’acquisto pattuito con la proprietà attuale prevede vari step di passaggio quote e beni in funzione ad un protocollo che rispecchia i termini stabiliti.

NECESSITÀ FINANZIARIE PER PORTARE A TERMINE L’OPERAZIONE.

Ogni singolo BLOCCO, oggetto dell’investimento, è supportato da singoli Business Plans, che a seguito del necessario benestare preliminare al proseguo dell’operazione, verranno assoggettati ad approfondite Due Diligence Tecniche, Amministrative e Legali.

SOMMARIO DATI INVESTIMENTO SETTORE FABBISOGNO €
NOTE

15.000.000 € Nei totali parziali riferiti ai vari blocchi, sono stati
vagliati tutti i costi presunti, con un margine di errore

403.000.000 € inferiore al 5%. 82.000.000 €
TOTALE

500.000.000 €

Tabella Riassuntiva

VIETATA DIVULGAZIONE

RISERVATISSIMO

Aprile 2012

VIETATA DIVULGAZIONE

RISERVATISSIMO

Aprile 2012 9

TABELLE PARTICOLAREGGIATE PER BLOCCO

VIETATA DIVULGAZIONE

RISERVATISSIMO

Aprile 2012

VIETATA DIVULGAZIONE

RISERVATISSIMO

Aprile 2012 10

ANALISI di BASE per gli INVESTIMENTI
OPR ABILITY TO INVEST - 100% verso FINANCIAL CAPACITY TO INVEST - 100%

ATTIVITÀ RIDONDANTE
Preliminarmente, si tenga presente che: 1. 2.

PRO
In soli 2 anni (2010-2011), con largo anticipo, ha raggiunto tutti gli obiettivi prefissati. Finanziariamente, ha rafforzamento l’esistente ed ha sopperito ai nuovi impegni con fondi propri. La struttura commerciale ed operativa è in fase di ampliamento come personale ed organizzazione. Il master project impostato sulla “ridondanza” di beni ed attività risulta fattibile al 100%, ed i risultati previsti sono di facile intuizione. L’immissione di capitale fresco (acquisto del 50% del GMS dalla SPV), permetterà il raggiungimento di tutti i target nell’arco di 4-5 anni, con crescita esponenziale e non graduale.

3.

4.

5.

Per le citate condizioni, dal punto di vista del Gruppo esterno di INVESTITORI, è possibile stabilire alcune direttive e regole stabilite con il GMS.

CONTRO
Alla possibilità positiva di realizzare per intero il progetto “FARMA FILIERA” si considerano i punti che richiedono una particolare attenzione per evitare un rallentamento o un remoto incaglio, e che sono: 1. 2. 3. 4. La necessità di un investimento massivo ed immediato, non ottenibile dagli attuali flussi di cassa che non permettono l’autofinanziamento. I tempi necessari allo sviluppo dei nuovi progetti, come la Rete Vendita “FARMA WHITE”. La debolezza della struttura tecnica, amministrativa, commerciale e management, che al momento, è appena sufficiente. L’ottimizzazione dello stato attuale dei costi generali di gestione, che andrebbero ad erodere parzialmente gli utili.

SOLUZIONE
Intervento di investimento immediato con controllo diretto e risolutivo, finalizzato a: 1. ACQUISTO degli immobili “CHIAVE”, sedi delle attività in essere, o nuove attività di immediata attuazione, attraverso una divisione immobiliare che metterebbe a reddito gli introiti da e per lo stesso GRUPPO che assicurano il parziale rientro dell’investimento. ELIMINAZIONE di tutte le pendenze a breve termine verso fornitori. CASSA DISPONIBILE per tutte le operazione di acquisto-vendita che vanno: a. b. c. d. 4. dalla produzione di farmaci e parafarmaci a marchio proprio, con acquisto “cash” di materie prime o semilavorati; commercio di prodotti in Italia ed all’estero, che nel settore richiedono pagamenti con LC a vista; finanziare una propria “RETE” FARMA WHITE; finanziare, parzialmente, la stessa rete in quota parte configurazione “FRANCHISING”.

2. 3.

PARTECIPAZIONE e CONTROLLO attraverso l’acquisto del 50% delle quote in “REAL EQUITY” che comprendono tutte le attività GMS. Gestione monitorata e controllata da doppia amministrazione.

CONCLUSIONE: RISCHIO GLOBALE PESSIMISTICO INFERIORE AL 20%

VIETATA DIVULGAZIONE

RISERVATISSIMO

Aprile 2012