Vogliamo una città pulita. La risposta dell’Assessore all’ecologia Nino Messina.

Il coraggio di intraprendere iniziative come quella della raccolta differenziata a Scordia, di certo non è qualcosa che si può realizzare in due o tre giorni. Casualmente faccio riferimento ad un sindaco che governava la città di Scordia nel 2006 e che di raccolta differenziata ne parlava spesso, ma in atto non metteva mai nulla. Nella seduta pubblica consiliare n° 105 del 11/12/2006 diceva e spiegava “le economie che l’ATO doveva comportare abbattendo i costi in discarica, era rappresentato da una parabola che ipotizzava un raggiungimento di un picco entro tre anni, dove l’aumento della raccolta differenziata doveva provocare l’abbattimento dei costi” anche allora possiamo dire che era un sogno o un utopia. Dal 2005 fino a luglio 2008 la raccolta differenziata a Scordia ha avuto una Media del 7% annuo, con l’aggravio a carico di questa Amministrazione che oggi governa la città di Scordia di sanare debiti fuori bilancio provocati da Amministrazioni precedenti con dicitura del genere “ulteriore conferimento in discarica di indifferenziata anno 2007 di € 70.000,00 circa ecc..” a carico delle variazioni nel bilancio comunale 2008 “grazie ex sindaco”. Ricordo al PD gli aumenti effettuati dal 2005 al 2007 e scaricati sui cittadini nelle bollette Tarsu. Di contro devo precisare il non aumento della TARSU per il 2009 da parte di quest’Amministrazione nei confronti delle Famiglie di Scordia. Forse è meglio parlare del presente e del prossimo futuro della raccolta differenziata a Scordia che è cominciata da appena un mese. Ebbene la prima cosa che quest’amministrazione ha pensato di fare è stata proprio quella di rispettare il programma elettorale presentato nelle ultime elezioni comunali con la vittoria della coalizione del Dott. Angelo Agnello, e quella di togliere quanto più cassonetti possibili nella nostra Città, (e non di strombazzare per dimostrare qualcosa come dice il volantino del PD), la nostra preoccupazione è il D.Lgs 36/2003, dispone che dal 1° gennaio 2009 e con le modifiche apportate dalle varie ordinanze dell’ARRA spostata al 1° Luglio 2009, i rifiuti saranno ammessi in discarica solo se appartengono a Comuni che conferiscono meno di 173 Kg/anno per abitante, per far ciò l’ARRA (Agenzia Regionale per i rifiuti e le Acque) ricorda che a tale obbligo si può adempiere tramite la

separazione della frazione umida (scarti da cucina, frutta e verdura, avanzi di cibo ecc…) e da quella secca, quale (carta, cartone, plastica, lattine, vetro ecc…) e quindi con il raggiungimento di risultati in termini di raccolta differenziata. In caso contrario se la soglia dei rifiuti indifferenziati da conferire in discarica fosse superiore a quello stabilito per legge, andremmo a pagare il 40% in più di pretrattamento a bocca della discarica dove si va a conferire, quindi l’organizzazione che fa riferimento al volantino del PD non ha seguito, questo D.Lgs 36/2003 ci impedisce di non poter organizzare, per i tempi stretti che si trova a cavalcare quest’amministrazione, mentre quelli di prima che di tempo per attuare il D.Lgs 36/200 ne avevano abbastanza, pensavano ad altro. Per precisare la differenza tra spazzatura e rifiuti, la spazzatura come citato nel volantino del PD e quella che va solo in discarica cioè l’indifferenziata che inquina l’ambiente, oggi i rifiuti sono distinti in differenziati e indifferenziati, i cumoli di sacchetti che si vedono in giro accanto ai cassonetti non è spazzatura si chiama differenziata, e quindi civiltà di tanti cittadini che collaborano e che hanno percepito senza esitare all’iniziativa coraggiosa che quest’Amministrazione ha avuto, per avere un futuro più pulito e sicuramente con questo sistema si andrà a risparmiare anche sulla TARSU. Che c’è da dire sulle chiacchiere e lo scaricabile, quando la verità e elementare, tutti i consiglieri sono stati invitati alla presentazione del nuovo piano annuale 2009 sullo smaltimento e la raccolta dei rifiuti a Scordia, piano che è stato concordato insieme a Kalat Ambiente, vagliato in maggioranza e approvato in giunta con entusiasmo, nessuno pensa di scaricare responsabilità non esistenti a qualcuno altro, ed e chiaro che in un contesto come questo si discuta il da farsi mettendo a confronto le opinioni dell’uno e dell’altro per discutere con calma intorno ad una questione per la organizzazione del servizio di raccolta dei rifiuti, ma nulla di particolare per chi si deve confrontare, lavorando con lealtà in un contesto come quello che sta succedendo a Scordia. Quest’Assessorato ringrazia i cittadini di Scordia per la risposta positiva sulla raccolta differenziata, e i comunicatori responsabili di Kalat Ambiente che insieme ai 13 dipendenti comunali hanno svolto un ottimo lavoro di Comunicazione alla cittadinanza. Da Kalat Ambiente spa arrivano notizie confortanti del 50% sulla raccolta differenziata sul “porta a porta”, per la raccolta sullo stradale del 30% circa.

Si fa presente che sono stati aumentati i punti di raccolta di differenziata da venti sono passati a quaranta contestualmente quali contenitori di carta, plastica e vetro, per agevolare il cittadino, si pregano gli utenti se trovano i contenitori pieni a conferire nelle postazioni più vicine, oppure se ne ha la possibilità di conferire presso il centro comunale di raccolta, sito nella zona industriale Strada N, utilizzando la tessera magnetica personalizzata. Per qualsiasi questione inerente la raccolta dei rifiuti o per qualsiasi problematica che riguarda il servizio di raccolta e spezzamento, i cittadini possono chiedere informazioni al Comune, secondo piano presso l’ufficio ecologia oppure telefonare al numero 095-651249 e a Kalat Ambiente tramite il numero verde 800198088. Data 23/05/2009 l’ Assessore all’Ecologia Nino Messina

Una frase presa a caso. Rispetto a ogni atto di iniziativa, c’è solo una verità elementare, l’ignoranza uccide innumerevoli idee e splendidi piani. Nel momento in cui uno si scommette definitivamente, anche la provvidenza si muove. Ogni sorta di cosa accade per aiutare, cose che altrimenti non sarebbero mai accadute. Tutto quello che puoi fare, o sognare di poter fare, incomincialo.

Sign up to vote on this title
UsefulNot useful