You are on page 1of 17

15/12/12

Lo sviluppo occulto dell'uomo nelle sue 4 parti costitutive - Studi sulle opere di Rudolf Steiner - Eson

Home Articoli Multimedia Biblioteca Esoterica Blogs Downloads Accedi

Sei qui: Home / Antroposofia / Studi sulle opere di Rudolf Steiner / Lo sviluppo occulto dell'uomo nelle sue 4 parti costitutive

CERCA

Traduci il sito
Seleziona lingua
Pow ered by

Lo sviluppo occulto dell'uomo nelle sue 4 parti costitutive


Data pubblicazione Scritto da Tiziano Bellucci Categoria principale: Antroposofia

Traduttore

Valutazione attuale: /5 Scarso Ottimo Valutazione Capitolo XIII della serie

Menu Principale
Home Il Progetto Esonet Notizie Articoli Appuntamenti Audioconferenze Social Networks Esonet su FaceBook News dai siti amici Siti consigliati Cerca Contattaci Accesso utenti Enciclopedia dell'Esoterismo Forum La Via del Guerriero

Studi sulle opere di Rudolf Steiner


a cura di Tiziano Bellucci

Studio sulla percezione fisica e spirituale di Tiziano Bellucci Tutto il libro tratta dei mutamenti e delle modificazioni che lo sviluppo occulto e la pratica esoterica determinano sui veicoli costitutivi lentit umana; inoltre vengono trattate le sensazioni e le impressioni che compaiono nellanima umana, di conseguenza a tali metamorfosi.

1 conferenza Mediante lantroposofia si diventa diversi, si trasforma la propria intera struttura umana. Sia il corpo fisico, sia leterico, sia lastrale e lio vengono trasformati. In generale, tutti i singoli corpi, i singoli organi facenti parti dei rispettivi corpi, divengono pi mobili, pi autonomi, pi indipendenti luno dallaltro. LE MODIFICAZIONI ENTRO IL CORPO FISICO Il cuore, il cervello, il sangue, il midollo spinale diventano pi autonomi: si ha un passaggio da un iniziale, insito e precostituito stato di equilibrio, ad uno stato di equilibrio pi debole, labile. Percependo in s qualcosa di diverso, lo si pu interpretare come se si fosse indisposti, malati. Non si abituati a sperimentare lindipendenza fra loro, degli organi. Nel futuro dellumanit gli organi delluomo diverranno sempre pi indipendenti luno dallaltro. Il corpo fisico pi pesante Si avverte il proprio corpo fisico in modo pi grave di prima, come se esso appesantisse la nostra entit. Ci accade perch con la pratica esoterica il corpo fisico tende a diventare pi denso in s. Lo si percepisce pi immobile di quanto fosse prima. Si sperimenta come di portare con s qualcosa di scomodo: si avverte maggiormente la sensazione di grevit conferita dalla materia fisica. Il cambiare luogo Il sistema sanguigno diventa pi sensibile nella sua indipendenza: se ci si trasferisce in unaltro luogo o regione diversa della terra, si avverte nel proprio sangue ad esempio, il carattere di una data citt straniera. I cambi stagionali Si diviene inoltre molto pi percettivi riguardo il cambio delle 4 stagioni; specialmente si avverte bene la differenza fra estate e inverno. Ci si rende conto che in estate risulta pi facile fare pensieri pi vivi, colmi di immagini, mentre
1/17

Nome utente

Password

Ricordami Accedi
Login With Facebook

Registrati al sito Hai dimenticato i tuoi dati?

esonet.org//lo-sviluppo-occulto-delluomo-nelle-sue-4-parti-costitutive

15/12/12

Lo sviluppo occulto dell'uomo nelle sue 4 parti costitutive - Studi sulle opere di Rudolf Steiner - Eson

Categorie
Simbolismo Studi Tradizionali Studi Orientali Studi Biblici Studi sull'Antico Egitto Studi sull'I Ching e l'Antica Cina Advaita Vedanta Alchimia Antroposofia Martinismo Massoneria Pagine d'esoterismo Psicologia Esoterica Sathya Sai Baba Scienza ed esoterismo

in inverno essi tendono a diventare astratti. In inverno ci si sente pi portati a pensare astrattamente, in estate a farlo in modo pi fantasioso. Il pensare Lindipendenza del cervello rende pi difficile il pensare astratto, pi di quanto lo fosse prima, mentre agevola il pensare in immagini. Lalcool E qualcosa del tutto speciale entro i regni della natura. In esso vive una potenzaantagonista allio umano. Nellalcool vi qualcosa che paragonabile soltanto al potere che lio ha sul sangue. Lalcool agisce sul sangue proprio come vi agisce lio. Introducendo nel corpo alcool, inseriamo qualcosa che agisce nel sangue, il quale momentaneamente tende a sostituirsi al nostro io; prende le veci dellio. Nellattimo in sui assumiamo alcool, accogliamo un contro-io che direttamente un avversario delle azioni del nostro io spirituale. Scateniamo cos una guerra interiore, condannando allimpotenza tutto ci che proviene dallio. Con lingestione di alcool viene eliminata lattivit dellio sul sangue.

2 conferenza Lalimentazione carnea Si sperimenta di portare con s qualcosa di pi pesante quando ci si alimenta con carne: il nutrirsi di animali produce nelluomo qualcosa che per il suo corpo fisico diventa un peso. La carne sviluppa maggiore animalit nelluomo, accendendo maggiormente la vita volitiva istintiva: gli affetti e le passioni si generano con maggiore intensit e frequenza. La carne stimola laggressivit e la passionalit. Con il progresso esoterico, si produce una specie di naturale disgusto nel nutrirsi di carne. Rifiutando di cibarsi di carne, si perdono istinti, passioni e aggressivit. La carne incatena luomo alla terra: lo priva di quelle forze che sarebbero capaci di liberarlo dalla terra: di conseguenza tende a unirsi sempre pi con la terrestrit. La carne condanna luomo a configurare la terra come sua dimora durevole: essa spinge a rinunciare al cielo, ad assorbire luomo entro la sfera terrena. Il latte Esso prepara luomo a divenire una creatura umana terrestre, unendolo alle condizioni della terra, senza per incatenarlo; lo fa cittadino della terra senza togliergli lanelito e lambizione di potersi sentire cittadino dellintero sistema solare. Il latte fa sentire luomo come un essere di passaggio sulla terra, che la utilizza solo come mezzo per la sua evoluzione. Il vegetarianesimo Lalimentazione vegetale, attiva nelluomo date forze eteriche che lo portano ad una specie di collegamento cosmico, ad una partecipazione con lintero sistema planetario. Nel vegetale si assume qualcosa di solare, un cibo che dato dal sole: come se si mangiassero raggi solari. Entrano nel corpo quelle stesse forze solari che poco prima lavoravano sulle piante. Lalimentazione vegetale svincola dalla terra, rende pi leggeri. I latticini e i vegetali Chi faccia un cammino esoterico non bene che si nutra solo di vegetali, perch in tal modo tenderebbe solo al cielo: bene, se non vuole essere un fanatico vegetariano, appesantirsi assumendo anche il latte e i suoi derivati. Il latte controbilancia il troppo sovraccarico che darebbe la carne, rispetto la leggerezza celeste dei vegetali. Le proteine e i grassi Le proteine vengono edificate le forze cosmiche degli Spiriti della forma; i grassi vengono prodotti dagli Spiriti del movimento. Si sperimentano in s stessi le proteine come un qualcosa che ci d statura, che ci compenetra interiormente; i grassi appaiono invece come qualcosa che ci dona una certa flemma, calma. Gli zuccheri Fornisce interiore saldezza, sostenendo interiormente; eleva il carattere di personalit egoica delluomo. Non lo fa diventare un egoista, ma gli dona consapevolezza di possedere un io che lo deve mantenere distaccato dal tutto. Lo zucchero solleva il singolo uomo dal carattere impersonale dato dallo Spirito di popolo, conferendo un impronta di maggiore carattere personale, nelle sue azioni e nei suoi pensieri. Il caff

Online adesso
None

esonet.org//lo-sviluppo-occulto-delluomo-nelle-sue-4-parti-costitutive

2/17

15/12/12

Lo sviluppo occulto dell'uomo nelle sue 4 parti costitutive - Studi sulle opere di Rudolf Steiner - Eson

Il caff solleva il corpo eterico dal corpo fisico, differenziando un po' luno rispetto allaltro. Di conseguenza a ci viene favorita la coerenza logica, il pensare coerente e logico, aderente e conforme ai fatti. Ottenendo una migliore concatenazione logica fra frase e frase, fra pensiero e pensiero si pu ottenere una maggiore facilit nel tendere verso il pensare esatto, logico. Il caff aiuta liniziando a mantenere in s un pensiero chiaro e lucido. Il t A differenza del caff, il t tende a far divenire pi dispersivi e volubili i pensieri, a renderli meno idonei ad aderire ai fatti. Il t stimola la fantasia, e di conseguenza la ciarlataneria. La cioccolata Essa invece promuove il convenzionalismo, lipocrisia. Il cuore E lorgano che in rapporto con il sole: non il cuore a far muovere il sangue, ma al contrario il sangue che fa muovere il cuore. Il cuore una controimmagine microcosmica di ci che nel macrocosmo il sole realizza nei confronti della terra. Il cervello Esso ha a che fare con i rapporti cosmici dellintero cielo stellato. Ci che esiste fuori nel cosmo, sulle stelle al di fuori del sole, collegato con il cervello. Quando luomo durante la meditazione di dedica a qualche immaginazione, i processi che si svolgono nel suo cervello non hanno nulla a che fare col sistema solare, ma corrispondono a processi che si attuano al di fuori del nostro sistema solare. Il pensare stellare e il sentire solare Liniziando comincia pian piano ad avvertire in s la differenza di due influssi: uno solare entro il suo cuore, e unaltro stellare, nel suo cervello. Egli avverte come la presenza di due poli che prima agivano in modo frammisto, che ora invece gli appaiono separatamente, come forza di sentimento distinta dalla forza di pensiero. Egli sente lintera mobilit del sistema solare nel suo cuore, e il procedere calmo che il cielo notturno gli mostra con le sue stelle, entro il suo cervello. Il percepire chiaroveggentemente il proprio corpo fisico Liniziato, osservando la sua circolazione sanguigna e il suo cuore, pu vedere lagire riflesso delle entit della seconda gerarchia che hanno il loro dominio nel sistema solare; guardando il suo cervello gli appaiono gli esseri della prima gerarchia, che dal cosmo stellare vi si riflettono. Loroscopo stellare-cerebrale La configurazione strutturale del cervello una specie di immagine riflessa della posizione dei corpi celesti che alla nascita delluomo esiste per il punto della terra in cui egli nasce.

3 conferenza La percezione dei propri muscoli Li si avverte come compenetrati da una debole coscienza interiore: come se la propria coscienza si estendesse sin dentro al sistema muscolare. Nel piegare e nel distendere i propri muscoli, si ha una sottile percezione di quel che vi accade nel loro interno: si avvertono le forze del corpo eterico attive dentro i muscoli. Si potrebbe dire che si sognano i propri muscoli; nel senso che come da un eco risonante, vago e assonnato, si ha la vaga sensazione che la nostra coscienza presieda, in modo meno desto, anche linterno della muscolatura. Si potrebbe dire che si sentono i muscoli come arti di un burattino che viene mosso dallesterno. Le propria ossa Esse vengono percepite come se si portasse in s unombra, lombra di ci che ci fa invecchiare, deperire. Gli organi di senso Gli organi fisici di senso devono venire condannati allinattivit durante la pratica esoterica; sono esclusi. Tale esclusione fa avvertire qualcosa di particolare: si sente come se, attraverso le aperture dei sensi, mondi speciali e diversi penetrassero in noi. Si avvertono le forze eteriche del corpo eterico che agiscono sugli organi di senso fisici, organizzandoli: ci viene avvertito come se tali forze, fossero penetrate in noi, perforandoci. Ogni organo di senso un foro che fu creato un tempo, dalle forze eteriche sopra linvolucro fisico. Il senso della vista
esonet.org//lo-sviluppo-occulto-delluomo-nelle-sue-4-parti-costitutive 3/17

15/12/12

Lo sviluppo occulto dell'uomo nelle sue 4 parti costitutive - Studi sulle opere di Rudolf Steiner - Eson

Nellocchio si sente che una forza eterica delletere di luce penetrata in noi in un antico passato; ci che campo visivo, se lo si esclude, diviene un panorama intessuto di forze della luce. Escludendo lattivit di percezione dellocchio, si viene a conoscere la natura interiore delle forze di luce. Il senso del calore E bene meditare in un luogo ove vi una temperatura che non trasmetta n caldo n freddo, cos da non esserne irritati. Letere di calore lo si percepisce come una forza irradiante attraverso lo spazio. Il senso del gusto Se si riesce a ricordarsi delle sensazioni gustative, allora si riesce a conoscere la natura delletere chimico. Il senso dellolfatto Lescluderlo, cercando di ricordarsi di dati odori o profumi, si pu sperimentare letere della vita. Il senso delludito Si deve arrivare ad unastrazione tale da non poter udire nulla nelle vicinanze: si deve diventare capaci di prescindere a proprio arbitrio dalludibile. In tale silenzio voluto, ci vengono incontro le forze che organizzarono il nostro senso uditivo. Lorecchio deve la sua esistenza in minima parte alle forze eteriche che avvolgono la terra; queste infatti sono attive solo nellaria, perch in queste trovano un opposizione. Nellera lunare lorecchio umano percepiva la musica delle sfere ; questa musica lo ha plasmato. LA PERCEZIONE DEL PROPRIO CORPO ETERICO La perdita di memoria durante il tirocinio La capacit mnemonica si affievolisce; allinizio si ha una memoria peggiore. Cessa di essere attiva soprattutto la memoria meccanica, ossia la capacit di ripetere a pappagallo. Le cose si dimenticano con facilit. La memoria che serve per la vita esteriore, va perduta; scompaiono per solo le cose le cose vane, quelle non essenziali, quelle a cui non ci si pu affezionare. Al contrario, rimane impresso molto meglio ci che ci ha fatto animicamente crescere. Si consiglia, quando si studia, di ricapitolare a ritroso con il ricordo le varie fasi di un libro, dalla fine al principio, e di scrivere brevi pensieri, cercando di esporre il contenuto con parole proprie. Ci si accorge allora che nata una nuova memoria. Si deve imparare a guardare indietro nel tempo, a ritroso: le cose non diverranno pi ricordi, ma esseri che ci aspettano sulla via del tempo. Le cose studiate diverranno pi ricche di immagini: la memoria si far sempre pi immaginativa. Non appariranno ricordi, ma come se affiorasse davanti allanima limmagine di noi stessi mentre leggevamo quel libro: sorger non la nozione, ma la stessa atmosfera che si era creata in noi nellattimo in cui apprendavamo quella data conoscenza. In quanto eravamo collegati con quelle nozioni, esse ora affiorano in immagini, accompagnate dalle nostre emozioni di allora. La memoria diviene un contemplare immagini poste in uno spazio che in realt una lontananza, una visuale temporale. Questo un timido anticipo di ci che significa leggere nellAkasha: la memoria che si sostituisce con un imparare a leggere in immagini, nel tempo trascorso. La nuova forma del Giudizio La trasformazione della memoria, conduce inevitabilmente alla comparsa di una nuova forma di giudizio nella nostra interiorit: lautogiudizio. Si diventa pi giudici di s stessi; si assume un differente stato di giudizio nei confronti delle proprie azioni passate: si diviene capaci di vedersi dal di fuori, oggettivando le proprie azioni, non pi identificandosi con esse come accadeva prima. Ci che abbiamo fatto diventa una cosa, noi unaltra: si vede s stessi in una prospettiva diversa, come distaccata. Del resto si deve tendere dapprima a sviluppare questa massima capacit di autogiudizio, per poi abbandonarla qualora si entri nel mondo spirituale: l, nei confronti delle vicende del mondo spirituale assennatezza, ragionevolezza e capacit giudicante non hanno alcun senso. Si deve dapprima sviluppare una sana forza di giudizio, riguardo gli avvenimenti del mondo fisico; si deve essere consapevoli che per nei mondi superiori tale capacit non ha quasi nessuna importanza. Si deve esercitare un sano giudicare terreno, per mutarlo in una sana visione spirituale. Mentre prima si provava piacere nel biasimare qualcuno, durante levoluzione esoterica non si prover pi alcuna gioia. Liniziando prova invece dolore se deve nel giudicare, biasimare, correggere altri; la sofferenza derivata dal dover biasimare come una sorta di barometro di controllo per levoluzione occulta. Pi si prova gioia a criticare e biasimare, meno si progrediti. Occorre diventare capaci di guardare le stoltezze e gli errori del mondo con un occhio pieno di
esonet.org//lo-sviluppo-occulto-delluomo-nelle-sue-4-parti-costitutive 4/17

15/12/12

Lo sviluppo occulto dell'uomo nelle sue 4 parti costitutive - Studi sulle opere di Rudolf Steiner - Eson

lacrime e con un occhio asciutto, calmo. Il proprio temperamento Diventa pi percepibile il proprio temperamento; si cominciano a sentire le proprie tendenze ed inclinazioni ad un grado pi alto. Un malinconico, che prima tendeva a lamentarsi di tutte le cose che vedeva nel mondo, ora sente in s molte cose che non vanno bene. Mentre prima gli era antipatico il mondo, ora diventa lui antipatico a se stesso. A ci si ovvia tentando di stimolare il proprio interesse verso cose che prima non attiravano la nostra attenzione e il nostro interesse.

4 conferenza Il sentimento del tempo Quanto pi ci si trasforma esotericamente, tanto pi si arriva ad ottenere ci che si potrebbe definire un sentimento del tempo: la sensazione del susseguirsi di fatti ed eventi nel tempo. Di solito la vita umana priva di ci. Si nota che nel corso del tempo, si percepisce un vivere differenziato: il tempo appare come qualcosa di vivente nel suo incedere. Esso non pi solo un qualcosa che dal presente si tramuta in un passato impalpabile, in un offuscato ricordo, ma ogni singolo atto diviene qualcosa di indipendente che vive per forza propria. Questo vale non solo per il proprio mondo di ricordi, ma anche per ci che accade nel mondo; si percepiscono meglio i cambi stagionali, i ritmi dellanno, perch si sperimenta, si entra in comunione con la vita delletere esterno che ci circonda. Letere appare come un qualcosa che vive una vita intessuta di sostanza di tempo: si sperimenta la vita progressiva delletere esterno: esso in certo modo una specie di essere vivente. Lestate Al contrario di quanto si pensa, lestate rappresenta il vero e proprio periodo di sonno della terra. Di solito si pensa: mattino = primavera; mezzogiorno = estate; sera = autunno notte = inverno. Ma si sbaglia facendo cos; pi giusto dire: mattino = autunno; mezzogiorno = inverno; sera = primavera; notte = estate. In realt, durante lestate lo Spirito della terra si separa dal territorio terreno di un particolare emisfero, per trasferirsi in unaltro. La terra, in estate, dorme quindi, cos come quando lio delluomo esce dal corpo durante la notte e si trasferisce nel mondo spirituale. Le sette entit attive nel capo umano e durante le stagioni Durante lestate il corpo eterico umano si trova privato della presenza dello Spirito della terra; a causa di ci, egli percepisce il suo corpo eterico meglio che nella stagione invernale. Percepisce lautonomia del suo corpo eterico, e specialmente lautonomia della parte eterica del capo. In questa parte del capo sono attive e creative certe entit che si danno il cambio tra loro nei diversi periodi dellanno, inviando le loro differenti forze eteriche. Queste entit hanno lavorato in un antico passato, alledificazione della parte cerebrale del corpo eterico: esse plasmarono lorgano cerebrale eterico nelluomo, il cervello eterico. Queste entit esplicano la loro azione durante periodi di tempo. (Archai, Spiriti del tempo o dei periodi ciclici?) Il cervello eterico umano stato creato a poco a poco, estraendo sostanza dal cosmo spirituale. Tali entit spirituali fanno sentire ancora i loro influssi entro il pensare umano, durante i vari periodi delle stagioni: un primo Spirito comincia ad irraggiare influenze con linizio della primavera; poi un secondo lo sostituisce verso la fine della primavera. (Da quanto stato detto sopra, si potrebbe dire che due entit si alternano per ogni stagione, susseguendosi; da ci sembrerebbero 8, ossia 2 x 4= 8; ma non pu essere cos, dato che Steiner parla di 7 entit: probabile che durante una stagione vi sia un solo Spirito a governo di essa.) Le entit delle stagioni sono operanti al presente solo nei loro effetti passati non come cause presenti Tali entit cicliche, furono vere e proprie forze formatrici del cervello umano durante lepoca lunare; al presente, non si deve per credere che esse ancora operino in modo diretto sulluomo.
esonet.org//lo-sviluppo-occulto-delluomo-nelle-sue-4-parti-costitutive 5/17

15/12/12

Lo sviluppo occulto dell'uomo nelle sue 4 parti costitutive - Studi sulle opere di Rudolf Steiner - Eson

Questi spiriti hanno alloggi, tuttaltri compiti nelletere. Il differente tono e latmosfera pensante che viene recepita dalluomo durante le diverse stagioni non risulta come unagire diretto di tali entit; esse non hanno pi un diretto influsso che irradia verso il cervello umano: in esso si esplicano solo gli effetti di quellazione antica. Le modificazioni di pensiero che appaiono nelluomo, si presentano come leffetto postumo di un agire passato di quelle entit. Quelle azioni, provenienti da un antico passato, sono rimaste impresse entro il corpo eterico umano: riaffiorano come ricordi di partecipazione con un dato essere, a seconda dei cicli del tempo. In altre parole, si sperimenta ancora oggi durante lalternarsi delle stagioni, ci che si accolto durante lantica luna. Ad esempio, durante la primavera, luomo sperimenta una data coloritura di pensiero perch in realt si sente imparentato con un dato Spirito, il quale ag direttamente sul suo corpo eterico in un dato periodo dellantica luna. Rivive in s, come puro effetto reminescente, ci che fu lazione formatrice di quel dato Spirito. (In ogni periodo dellantica luna - 7 cicli susseguenti - ha agito sulluomo un diverso Spirito; la cosa si ripresenta ora durante le 4 stagioni: i 7 spiriti dei 7 cicli lunari si manifestano durante le 4 stagioni, riaffiorando nelluomo come una sorta di ricordi cosmici. Quando luomo si accinge a ricordare un evento significativo che ha vissuto durante la vita terrena, il ricordo gli fa sempre sorgere un particolare stato danimo: accade che il ricordo gli riporti quella data atmosfera di partecipazione animica che fu da lui sperimentata nel passato. Allo stesso modo, quando sulla terra luomo attraversa le diverse stagioni, ricapitola inconsciamente, come ricordi spirituali, i gesti che quelle entit praticarono sul suo corpo eterico durante lantica luna. Il sentimento che sorge e si presenta come atmosfera animica di una data stagione, in realt un sentimento di compartecipazione con una data entit) La propria testa eterica Liniziando avverte che la sua testa si prolunga a coppa (tramite una sorta di mezzaluna che inizia sotto la laringe) , verso lalto. (Vedi pag. 64 del testo) Si avverte di essere in relazione con i mondi spirituali, di aprirsi a loro e di ricevere qualcosa dal cielo: si sa che per potere avere pensieri nella mente, lo si pu solo perch dallalto qualcuno ce li dona. Il nuotare nel tempo Inoltre si ha il chiaro sentimento come se, con il pensiero, si avesse limpressione di nuotare entro la corrente del tempo, e si prendesse con s il tempo, accumulandoselo dentro la testa. Difatti entro la testa eterica si porta con s tutto ci che nel tempo accadde nellantica era lunare. La melanconia lunare e le visioni lunari Chi si autoconcentra tanto da avvertire linterno della sua testa eterica, sente effuso dentro il suo capo uno stato malinconico, che rievoca lera lunare. Da tale sentimento si melanconia, se si progredisce sulla via occulta, si differenzia, e compare a poco a poco una visione: appaiono immagine mnemoniche di un antico passato dellantica era lunare. Questo significa che attraverso uneducazione esoterica, si pu giungere alla visione di antichi stati preterrestri imparando a guardare entro s stessi: si impara a far emergere di nuovo ci che un tempo stato da noi stessi sperimentato, quando si era uomini lunari. Liniziato attinge le sue conoscenze sugli antichi stadi lunari, solari e saturni anche attraverso questa tecnica: losservazione occulta dei suoi veicoli fisico, eterico e astrale. Fenomeni temporali giacciono in noi come avvolti, inviluppati, inscritti sui nostri veicoli eterico, astrale e fisico: si deve solo imparare a svolgerli, portandoli a compimento. Ogni azione compiuta da entit in tempi remoti incisa sulla sostanza dei nostri corpi: tutto ci pu apparire, imparando a far emergere dai loro substrati le antiche scritture che sono in realt processi e gesta compiute da entit divino spirituali. La parte eterica mediana E la parte che maggiormente collegata con la vita eterica generale, quella tramite cui si sperimentano il differenziarsi dei ritmi e delle stagioni: in primavera tramite essa si sperimenta un andare insieme con la corrente del tempo, in autunno come un respingere tale corrente. La parte eterica inferiore Essa tende a scorrere, a espandersi verso il basso, entro la terra. La quarta parte del corpo eterico E a forma duovo: accoglie dentro s tutta la forma fisica delluomo. I colori dellaura eterica La parte eterica della testa violetto-azzurrognola; trapassa verso il basso nel verdognolo. La parte mediana giallo-rossiccia. La parte eterica inferiore tende fino ad un rosso profondo. Come forma, la parte eterica della testa del tutto simile alla testa fisica; in grado minore questo vale anche per la parte mediana. Ma pi si va verso il basso, tanto meno questo si verifica. Se si guarda il corpo eterico dalla parte alta verso il basso, si ha limpressione che esso sia una
esonet.org//lo-sviluppo-occulto-delluomo-nelle-sue-4-parti-costitutive 6/17

15/12/12

Lo sviluppo occulto dell'uomo nelle sue 4 parti costitutive - Studi sulle opere di Rudolf Steiner - Eson

specie di forma fondamentale del corpo fisico. Verso il basso si perde per il sentimento del concordare con gli arti fisici. I vari toni di temperamento entro il corpo eterico e le dimensioni delle controparti fisiche La parte superiore la si sperimenta intonata melanconicamente; la parte mediana alternativamente collerica o flemmatica; la parte inferiore tende al collerico. Se in un uomo prevale un determinato temperamento, una delle tre parte eteriche corrispondenti appare pi poderosa, pi grande; di conseguenza le parti fisiche corrispondenti crescono per pi piccole. Un malinconico tende ad avere la testa piccola; un flemmatico o un sanguinico il torace stretto o tozzo; un collerico le gambe corte. Corpo spaziale e corpo temporale Il corpo fisico un corpo spaziale; il corpo eterico un corpo temporale. Le influenze sul corpo eterico durante il ritmo giornaliero Gli spiriti del mattino stimolano a far tendere luomo pi verso il raziocinio, allintellezione: luomo pi portato ad elaborare e riflettere con il suo giudizio ci che sperimenta nel mondo. Verso mezzogiorno si tende maggiormente a sentire in s forze volitive. Alla sera si hanno pi forze di fantasia. Il pensare in inverno e in estate In estate lo Spirito della terra, dorme; quindi luomo come pi emancipato da esso, e al contempo meno ispirato: in estate si elaborano pensieri pi individualmente, in modo maggiormente astratto, con colorazione meno spirituale. In inverno, quando invece lo Spirito della terra sveglio e ben presente, si pi agevolati a utilizzare le forze dellimmagine e della fantasia, perch si pi ispirati dallo Spirito terrestre. In inverno il pensare si svolge con pi facilit, si sviluppa quasi spontaneamente. Il reprimere i propri pensieri astratti durante la pratica occulta Il corpo eterico si evolve, ossia lo si desta sempre pi, tendendo ad eliminare, durante la meditazione, il pensare usuale, automatico. Si deve eliminare il pensare astratto per passare al pensare concreto, in immagini. Si deve passare dal pensare al pensiero, e poi lasciare cadere anche i pensieri. In tal modo si instaura la coscienza vuota; svuotandosi quindi anche dei pensieri viventi che sono stati prodotti con i nostri sforzi, ci si sente come vivificati da unaltro tipo di pensieri che affluiscono in noi come da mondi sconosciuti. Ci si sente ricolmi di pensieri degli di. Luomo cessa di essere ragionevole e diviene saggio. Si dilegua il senno, ossia ci che si elabora in s tramite la forza del giudizio; si giunge ad avere la consapevolezza che non bene attribuire al pensare usuale un valore troppo elevato, perch esso non regge il confronto con limmane saggezza donata dagli di che compare ora nella nostra anima. Di fronte a tale saggezza divina donata, luomo diventa sempre pi umile; si scopre che, orgogliosi e presuntuosi lo si pu essere soltanto riguardo a ci che il nostro cervello produce. La saggezza degli di per sperimentabile solo se la si accoglie con serenit e gratitudine.

5 conferenza Il non mischiare le esperienze fisiche con quelle spirituali Durante la vita fisica, bene cercare di usare espressioni conformi ai fatti della vita fisica, senza trasporre nulla di spirituale; non bene dire: non sopporto laura di quelluomo; invece giusto dire: quelluomo mi antipatico. Non si devono mischiare le prospettive spirituali con quelle fisiche; ci si deve guardare dallinserire nelle relazioni quotidiane parole, concetti e rappresentazioni che appartengono alla vita superiore. Se ci si sente spinti a designare la vita ordinaria con parole connesse alla vita superiore, si cerchi almeno di tradurle in un linguaggio il pi possibile adatto per il piano fisico. Il riflettere prima di giudicare Liniziando impara man mano che se vuole giungere ad un corretto giudizio su tutti i fatti, essi devono venir spinti ad una maturazione tramite lattesa. Opinioni, concezioni debbono essere ottenute combattendo, devono essere conquistate. Si deve attendere che i pensieri che si sono accolti abbiano soggiornato per qualche tempo entro il nostro corpo eterico, onde poterne ricavare un giudizio sicuro. Il rispondere subito, dimpeto ad una domanda, ci porta soggetti allerrore. E fondamentale lasciare maturare tutto ci che contenuto animico. Si viene a sapere che esistono due correnti, che concorrono alla formazione dei nostri giudizi
esonet.org//lo-sviluppo-occulto-delluomo-nelle-sue-4-parti-costitutive 7/17

15/12/12

Lo sviluppo occulto dell'uomo nelle sue 4 parti costitutive - Studi sulle opere di Rudolf Steiner - Eson

sulle cose: una appartenente al passato e unaltra al futuro. La prima corrente proviene dal nostro interno, dalla nostra memoria, dallesperienza che abbiamo fatto nel mondo; riferendoci e raffrontandoci riguardo al nostro patrimonio di conoscenza e di esperienza acquisita in passato, giudichiamo applicando ci verso gli oggetti del nostro giudizio. Unaltra corrente, proveniente dal futuro, subentra solo qualora si lasci depositare in s un fatto, o un evento, lasciando passare un po' di tempo, anche giorni; tale corrente appare allora provenire non dal proprio interno, ma dallesterno: come se il giudizio che compare, non fosse nostro, ma di qualcuno che ce lo ha donato da fuori, come se ce lo avesse accordato. Ci si abbandona cos, con dedizione, a ricevere un giudizio dalla saggezza della divinit del cosmo. Cos facendo si noter sorgere nellanima una certa contraddizione tra il modo di come prima si giudicava e il come si giudica ora. Questa nuovo atteggiamento che compare nellanima, significa sperimentare il sentimento del tempo: iniziare ad avere la percezione del proprio corpo eterico. Si avvertir che i pensieri fluiscono in noi da fuori e non vengono prodotti da noi, come prima si credeva; ci si sente ricolmare di pensieri dallesterno: altre entit li creano e solo cos possiamo averli nella nostra coscienza. Noi possiamo pensare la rosa perch essa esisteva prima che noi la pensassimo: se non avessimo mai visto prima una rosa, essa non esiterebbe per noi, quindi non esisterebbe neppure il pensiero della rosa che noi crediamo di avere creato. Se qualcuno prima di noi, non avesse creato un dato pensiero, noi non giungeremmo mai a crearlo dal nulla. Luomo non pu autonomamente creare pensieri; crede di farlo, perch altre entit glielo fanno credere. Queste entit fanno comparire nella sua coscienza pensieri che sono una loro creazione: essi, proiettandosi nellanima, non compaiono soltanto, ma a causa della particolarit riflettente dellanima umana, rilasciano da s stessi come un sentimento di identificazione con il riproduttore (luomo). Questi crede di essere quei pensieri: in realt sono invece i pensieri a fargli credere di essere suoi. Luomo crede di esserne lartefice, mentre diviene solo un riproduttore inconsapevole della volont di altre entit. Con levoluzione esoterica, si perviene sempre pi che il pensare usuale, autonomo o ispirato da di inferiori, deve essere soppresso, perch di scarso valore; mentre di gran valore il pensare superiore offerto dagli Di superiori. Man mano luomo perde il suo pensare autonomo, per rendersi agibile al manifestarsi del pensare degli Di del cosmo. Di conseguenza a ci rimangono solo il sentire autonomo e il volere autonomo. Luomo non forma pi i suoi pensieri autonomi: nella sua anima compaiono pensieri di altri Di. Il sentimento diviene sempre pi attivo e la volont sempre pi conforme al sentimento. Non si pu pi esprimere un atto volitivo senza che assieme si sviluppi un sentimento. Se si agisce nel male, appare un sentimento di amarezza; se si agisce nel bene compare elevazione. Appare un giudice interiore, che ci rende pi morali di quanto si era prima. I sentimenti che sorgono solo per amore di s, per godimento di s, si affermano accompagnati da una specie di rimprovero; i sentimenti nobili invece, li si sente come un qualcosa che sono degni di essere ospitati nella nostra anima. Non si deve attribuire troppo valore ai propri pensieri, ma occorre comunque farli questi pensieri: controllarli. Quando si sente ancora soddisfazione per aver detto qualcosa di giusto, ci comprover che vi ancora troppa presunzione in noi. Si cerchi non far sorgere lautocompiacimento. Si deve piuttosto pensare: sono riuscito a dire qualcosa che conforme alla saggia direzione del cosmo. Il pericolo degli esercizi di respirazione fatti prematuramente Pu accadere, a seguito di esercizi respiratori, che si associ una data esperienza del mondo eterico; ma si possono presentare tutti i possibili esseri elementari buoni o cattivi, orrendi o dannosi. Facendo la loro conoscenza in un tempo inopportuno, essi ci si impongono come se ci trovassimo in un mondo spirituale di gran valore, mentre in realt essi non sono altro che esseri decaduti dal mondo spirituale. Chi vuole penetrare nel mondo spirituale deve conoscere anche queste entit, ma non bene conoscerle per prime. Le Archai in noi Quando, esprimendo un giudizio, si provano sentimenti di vergogna o di gratitudine, in realt tutto ci la dimostrazione di una prima attivit elementare dellattivit delle Archai verso di noi. Esse dirigono forze le quali fanno sorgere i sentimenti sopra caratterizzati: le riversano nel nostro corpo eterico affinch esso possa reagire nei confronti delle altre forze di saggezza che giungono dalle profondit del cosmo.

6 conferenza
esonet.org//lo-sviluppo-occulto-delluomo-nelle-sue-4-parti-costitutive 8/17

15/12/12

Lo sviluppo occulto dell'uomo nelle sue 4 parti costitutive - Studi sulle opere di Rudolf Steiner - Eson

LO SPERIMENTARE IL PROPRIO CORPO ASTRALE Lo sperimentare contrariet nei confronti di ci che dice la propria personalit Levoluzione occulta fa sorgere nelluomo un sentimento di maggiore partecipazione al decorso degli eventi, in un modo pi fine. Ci un primo inizio di una effettiva liberazione dalla propria corporeit. Si pu avvertire la propria corporeit come una sorta di calamit: dato che tramite essa si possono solo avere pensieri e sentimenti tendenti allerrore e allegoismo, si sperimenta una sorta di contraddizione interiore, come se non ci si fidasse pi di ci che il cervello suggerisce. Si comincia a non essere del tutto daccordo con la propria personalit, la quale si fornda sul connubio fra i corpi fisico-eterico. La percezione del proprio corpo fisico e delleterico visti dal proprio astrale e dallio Essendo riusciti a restare desti, pur dormendo, si esce dalla corporeit con il proprio astrale e lio; guardando indietro a ci che rimasto sul letto, pu accadere di vedere il nostro corpo eterico come una formazione nebulosa, in s articolata, pervasa da ogni sorta di correnti in perpetua mobilit. In questo moto continuo di correnti scorgiamo indistintamente il nostro corpo fisico. Sappiamo che per poter uscire dal corpo, abbiamo dovuto sopprimere il nostro pensare: su ci che percepiamo quindi non ci consentito di formarci dei pensieri propri, altrimenti nel momento che lo facessimo, sarebbe il segno che siamo gi rientrati nel corpo. Pensieri propri (ossia pensieri di lucifero e arimane) si possono formare solo con lausilio del cervello. Se qualcuno, dice di potersi fare pensieri autonomi durante unesperienza esoterica, in realt si inganna: non ancora fuori dal corpo fisico; potrebbe trovarsi in una situazione intermedia, ossia trovarsi solo dentro al corpo eterico. Ma in tal modo il cervello fisico interagisce, influenza ancora lesperienza. Ci che osserviamo, in questo caso la nostra corporeit, agisce solo sul sentimento, non sul pensare. Appare come se avessimo perduto il nostro pensare usuale: non per questo annullato il sentimento di sentirsi esistenti, di poter ricevere altrui pensieri. Trovandosi fuori dalla corporeit ci dato di farsi ispirare dai pensieri cosmici che fluiscono in noi; noi taciamo, e il cosmo pu parlare: ci insegna, ci racconta ci che , ci che fu il nostro corpo fisico e il nostro corpo eterico. Il sentimento di tristezza nel vedere il proprio corpo fisico composto di antiche entit disseccate Ogni uomo, che sia capace di guardare indietro al suo corpo fisico, sperimenta una sensazione di tremenda tristezza; essendo impossibilitati a farci pensieri propri, si avverte ci solo nel sentimento. Tale sentimento di immane tristezza qualcosa che tutti gli uomini sperimentano universalmente, quando, da dentro lio e lastrale contemplano il loro corpo fisico. I pensieri che compaiono allora nella nostra coscienza non sono nostri, ma di entit spirituali; sono queste che ci raccontano veramente cosa stiamo osservando. Ci narranno della grande tristezza che in loro, nel considerare lo stato del nostro attuale corpo fisico. Essi ci dicono: ci che hai davanti a te, un tempo era qualcosa di meraviglioso; era costituito di uninsieme di sublimi entit, che ora si sono indurite, raggrinzite e disseccato. Ogni organo del tuo corpo era una volta unessere che dimorava in un luogo bellissimo. Il tuo cuore, il tuo polmone una volta era un essere poderoso, che ora come mummificato, pietrificato. Il polmone: laquila Cercando come di attingere dalla memoria il pensiero del polmone, indietreggiando verso un passato lontanissimo che appartiene al nostro io, arriviamo a suscitare una visione chiaroveggente: ci appare limmaginazione dellaquila. Veniamo a sapere che un tempo antichissimo il polmone era unentit, certo non paragonabile fisicamente allaquila, ma che aveva nella sua natura unintonazione comune con ci che dal sentimento sorge nellosservazione di unaquila. Il cuore: il leone Il cuore si rivela come ci che resta, in forma disseccata di unantica entit. Il ricambio e gli arti: il toro Oltre a percepire limmaginazione del toro, passando poi allosservazione degli altri organi veniamo a sapere che ognuno di essi corrisponde a qualcosa di paragonabile a quasi tutte le forme del regno animale sulla terra. Il sistema nervoso Il cervello e i nervi appaiono come composti da una somma di entit vegetali, che serpeggiavano un tempo attraverso quelle entit definite animali. Il sistema neurosensoriale si presenta come il panorama, lambiente vegetale su cui dimoravano e si muovevano le entit animali. I pensieri cosmici ci dicono: Tutto ci che ti appare ci che appassito e raggrinzito rispetto una magnificenza passata. Ci che vedi chiaroveggentemente non esiste pi ora: dovette decadere affinch tu potessi usufruire
esonet.org//lo-sviluppo-occulto-delluomo-nelle-sue-4-parti-costitutive 9/17

15/12/12

Lo sviluppo occulto dell'uomo nelle sue 4 parti costitutive - Studi sulle opere di Rudolf Steiner - Eson

di un corpo fisico. Quegli esseri meravigliosi si sono sacrificati per donarti ci che ora il supporto della tua autocoscienza. A tal punto appare nella coscienza il sentimento di essere tremendamente egoisti, un essere che non pensa altro che a s stesso, privo di riconoscenza. Ci si sente tristi. Chi ha prodotto il raggrinzimento delle entit del corpo fisico? Sorge la domanda: chi ha raggrinzito quegli esseri meravigliosi in ci che ora il nostro corpo fisico? Siamo stati noi stessi. Laver impregnato quelle entit con il proprio essere, ha causato il loro indurimento; si come instillato un veleno in esse, immergendo un germe di morte in tutta la loro magnificenza. Si viene a sapere di poter avere oggi unautocoscienza proprio perch si stati capaci di uccidere quelle entit. Lucifero e la cacciata dallEden: limmaginazione del Paradiso La visione che segue deriva dallosservazione che il veggente pu fare osservando in modo occulto il proprio corpo fisico; affinch essa possa prodursi occorre essere capaci di restare desti entro la coscienza profonda di sonno: lo stato di sonno senza sogni. Guardando da fuori indietro al proprio corpo fisico e alleterico, ci si deve far stimolare da essi affinch essi producano in noi tale corrispondente immaginazione. Essa deve apparire, perch contenuta in essi. Esiste quindi la possibilit di vedere questo lontanissimo passato della Terra, estraendo il proprio io e lastrale dalla corporeit fisco-eterica, guardando indietro ad essa. Nella visione veggente del proprio corpo fisico, tra gli animali primordiali che si muovono entro il giardino vegetale si scorge Lucifero in una forma meravigliosa che, nel fondo del panorama si contorce. Si viene allora a sapere che luomo era quel giardino; ogni essere vegetale ed animale allora distinto e molteplice, era una parte di ci che ora il corpo fisico: allora tutto era un mondo indifferenziato costituito di svariate entit, mentre ora tutto si trova riunito in un unico corpo, pur essendo ancora differenziati gli organi fisici. In quella condizione paradisiaca, Lucifero lo attir a s ed egli si uni con lui. Di conseguenza le Gerarchie lo spinsero insieme a Lucifero, fuori, in altre regioni. Si immagini di ingrandire enormemente ogni singolo organo, in modo che ognuno di essi diventi un possente essere animale o vegetale: apparir unimmensa formazione. A quel tempo luomo viveva entro quel mondo di paradiso, vedeva e si sentiva in quelle entit direttamente; di conseguenza allunione con Lucifero egli venne espulso. Ci che era il paradiso si rimpicciol condensandosi, si raggrinz e si moltiplic in miliardi di copie: divenne la sostanza interna degli organi di ogni singolo corpo fisico umano. Mentre prima luomo vedeva e conosceva un regno di paradiso come suo mondo esterno, ora quel mondo sparito alla sua percezione, perch diventato il suo mondo interno. Prima vedeva il Dio del polmone, il Dio del cuore: oggi non li vede pi, perch essi sono ora come fossilizzati entro linterno del suo corpo fisico. Oggi luomo vede solo ci che allesterno dei suoi occhi; un tempo egli vedeva ci che gli stava dentro. In altre parole, luomo, con lunione con Lucifero ha causato la condensazione del mondo in cui prima dimorava, in prodotti di appassimento e di raggrinzamento, rintracciabili quali organi del suo attuale corpo fisico. La percezione occulta del proprio corpo eterico Se si capaci di restare desti nellattimo delladdormentarsi, ossia permanere coscienti durante la fuoriuscita del corpo astrale e dellio (stato di sogno), si pu vedere il proprio corpo eterico. Appaiono come sogni viventi, le correnti in moto perenne che lo pervadono. Non si vedono eventi spaziali, ma temporali. Si ha la sensazione che un abisso separi la nostra coscienza dal nostro corpo eterico; come se ci si trovasse al di l della riva di un immenso oceano, oltre il quale vediamo focalizzati in lontananza, come in una formazione, dei processi che vi si svolgono. Ci si sente come un navigatore che va verso un isola, che in realt il proprio corpo eterico. Accade poi che avvicinandosi, si approda su quellisola; si entra in essa. In realt in quel momento, entro il corpo eterico si svolgono solo processi vegetativi, di ripristino delle forze consumate durante la veglia. Il corpo fisico appare come unentit incantata rinchiusa in una rocca Il corpo fisico si mostra come lo strumento del nostro agire sulla terra. Il nostro cervello non ci appare come allanatomista, fatto di circonvoluzioni e materie cerebrali, ma come se fosse stato rinchiuso, imprigionato dentro un sfera dalle pareti di roccia, come rinchiuso dentro ad un castello. Quella sfera la scatola cranica. E il corpo astrale, durante la veglia che invia forze entro la scatola cranica, facendo in modo che si realizzi a mezzo del sistema dei nervi, lattivit di sensazione e movimento negli organi e negli arti. In tal modo si mettono in moto pensieri, sentimenti e atti volitivi. Lio si esplica tramite le forze del sangue.
esonet.org//lo-sviluppo-occulto-delluomo-nelle-sue-4-parti-costitutive

10/17

15/12/12

Lo sviluppo occulto dell'uomo nelle sue 4 parti costitutive - Studi sulle opere di Rudolf Steiner - Eson

Il cervello si nutre solo di minerali nobili Il corpo eterico non permette che alla parte di cervello deputata al pensare, affluiscano nutrimenti di origine animale e vegetale: ad esso invia solo nobili estratti minerali purificati.

7 conferenza Lesoterista In esso il corpo astrale vive in lui in modo gi distaccato, in maniera indipendente. Liniziando pu a piacere, portare la coscienza in un dato momento entro la corporeit, in un altro decidere di uscirne, per svolgere unindagine occulta svincolandosi dagli influssi delle forze corporee. Difatti quando lio e lastrale sono nel corpo, sono come limitati dalle forze terrestri di questo: ispirazioni e immaginazioni vengono alterate, deformate. Liberandosi dal corpo, non sussiste pi linterazione corpo-anima: si possono ricevere conoscenze realmente conformi alla verit, non soggette ad errori. Il corpo astrale: il grande egoista Legoismo la qualit predominante del corpo astrale, qualora questultimo si trovi entro un corpo fisico sulla terra; il tendere ad ottenere tutto per s, ad applicare a s stessi ogni premura. E da tenere ben presente che chi pratica un evoluzione occulta, al principio soggetto spesso a diventare peggio di quanto era prima di iniziare quella via; tramite lapplicazione di studi e meditazioni il corpo astrale tende ad allentare i legami con la corporeit, di conseguenza il discepolo sente affiorare in s maggiormente un tono egoistico. Nelle societ occulte vi maggiormente la tendenza alla litigiosit perch si manifesta in grado maggiore che altrove questo problema: un aumento del grado di egoismo individuale. Non nominare il nome di Dio (Amore) invano Si parla spesso di voler sviluppare amore universale, perch in realt non lo si conosce e non lo si sa applicare; luomo tende a parlare pi spesso e volentieri delle cose di cui sprovvisto, di ci di cui privo. Si nomina spesso il Dio Amore, perch non lo si conosce. Lamore universale dovrebbe divenire nelle anime come un qualcosa di ovvio, di cui parlarne sarebbe superfluo e scontato, perch non teoria, ma condizione pratica della vita. Non si parla di come si cammina, perch lo si sa fare bene. Legoismo-altruismo Legoismo pu mutarsi in altruismo e viceversa. Entrambi possono coincidere nelle parole armonia dAmore. Unoffesa fatta ad un figlio, come unoffesa fatta alla madre. Il suo s esteso al figlio, come se tramite il suo amore si realizzasse un allargamento della sua individualit in modo da abbracciare e coinvolgere il suo essere animicamente e fisicamente. Una madre pu amare un figlio al punto tale da arrecargli danno; pu preoccuparsi che gli succeda qualcosa di male, al punto di non farlo uscire di casa, ossia privandolo delle necessarie esperienze di vita; oppure pu accontentarlo invece in tutto, viziandolo. In entrambi i casi le intenzioni materne sono di benevolenza, di protezione, di apparente amore; ciononostante producono danni, e possono venire giudicate come azioni egoistiche. La stessa cosa vale nel sociale: se accadesse che ad un proprietario terriero, che possiede case, operai e servi, qualcuno attentasse alla sua propriet, facendo male ai suoi servi o agli operai, egli si sentirebbe, animato da Spirito di protezione, a custodire, a salvaguardare la salute e lintegrit di ci che gli appartiene, sia uomo che pietra. Egli in realt mosso dal suo egoismo, ma cos facendo, cio estendendo la sua individualit in altri, fa qualcosa di non solo utile a s stesso, ma anche agli altri. Si pu quindi intendere che quando legoismo tende ad assistere, a proteggere ci che gli appartiene, pu divenire altruismo. Legoista si identifica con la sua propriet: cos come la madre sente il figlio come una prolungazione di s, cos come limprenditore sente il suo essere allargato agli altri uomini che lavorano per lui. Si deve smettere di considerare propria propriet solo il proprio corpo ed il proprio essere. Un modo invece per mutare laltruismo in egoismo il seguente: ammettiamo che uno spiritualista, un politico o un religioso, animati entrambi di buoni propositi, vogliano convincere un altro uomo di riconoscersi in ci che essi credono, in ci che essi sentono come il migliore bene dellumanit. Ammettiamo che questuomo non sia daccordo con loro. Dopo vari tentativi privi di risultato, essi cominciano a minacciare laltro di rompergli la faccia se continua a non volere diventare un loro discepolo: questo egoismo. La fratellanza cosmica Si detto che il corpo astrale dapprima, dentro un corpo fisico, un grande egoista: se uscisse
esonet.org//lo-sviluppo-occulto-delluomo-nelle-sue-4-parti-costitutive

11/17

15/12/12

Lo sviluppo occulto dell'uomo nelle sue 4 parti costitutive - Studi sulle opere di Rudolf Steiner - Eson

dal corpo come ordinariamente si manifesterebbe come impregnato da pura forza luciferica. La forza luciferica fu difatti inoculata nel corpo astrale nellera lunare, da Lucifero. Gli interessi del corpo astrale, sono ordinariamente interessi legati alla propria persona, verso il ristretto campo di persone o cose che gli appartengono o verso altro in vista, che pu in futuro appartenergli: con leducazione esoterica, si deve tendere ad allargare i propri interessi sempre pi, sino a poter sentire proprio lintero pianeta terra e tutta lumanit. In tal modo, se da una parte del mondo un uomo soffre, soffre anche liniziando, perch lo sente parte di s: una parte di lui, che lo coinvolge, sta male. Si sente di dover fare qualcosa. Questa vera solidariet. Bisogna cessare di avere interessi solo per il ristretto campo della propria personalit; non dobbiamo soltanto sentirci legati ai nostri parenti, agli amici o ai collaboratori. Bisogna destare il pi profondo interesse per tutto quanto riguarda lessere umano, apprendere quali siano i suoi nessi cosmici, quale sia la missione umana in relazione con il progetto divino. Occorre arrivare a considerare affar nostro tutto quanto concerne levoluzione terrestre, sentendo gli altri come un prolungamento di noi stessi. Ci si pu realizzare solo immettendo vera Conoscenza entro lanima; in tal modo si realizzer uno svelarsi di una realt che tende ad accomunare tutti gli uomini: ci si sentir intimamente uniti, fratelli di un unico Padre. Si arriver a sperimentare in s fratellanza cosmica. Gli interessi della terra devono diventare i nostri interessi. Nella leggenda del paradiso, luomo (Adamo ed Eva) uno: in esso condensata lintera umanit prima della scissione, della moltiplicazione che avvenne tramite Lucifero. Adamo aveva un solo interesse: vivere nel giardino con Dio, ossia operare allunisono in armonia nel grembo della divinit. Quellumanit non poteva avere contrasti in s, perch uno era linteresse. (Con linflusso luciferico, viene inoculata la possibilit di smettere di avere quellunico interesse per sostituirlo con miliardi di altri interessi diversi, che potevano venire liberamente scelti: la prospettiva seduce Adamo, tanto che ogni interesse causa unesplosione, una frammentazione del suo essere: ogni possibile interesse si condensa in un corpo, in una possibilit di incarnarsi per fruire del piacere per goderne.) (Da pagina 113 a pagina 115 si parla della leggenda del Graal) Lincombenza di difendersi dagli influssi di altri corpi astrali Durante leducazione esoterica, il corpo astrale diventa pi libero, pi indipendente dai corpi: in tal modo ne risulta per che diviene anche pi fragile, dato che la corporeit non gli offre pi quel solido sostegno roccioso che vi era prima. Si diventa pi influenzabili. Diventa pi permeabile, dando modo alle forze di corpi astrali pi forti, di influire pi facilmente su di lui. Gli influssi di altri si riversano nel suo corpo astrale. Durante un rito religioso, il corpo astrale diventa libero in alcuni brevi momenti, e quanto pi forte il rito tanto pi vengono repressi gli effetti difensivi della corporeit. Durante la cerimonia corpo astrale si libera dal corpo fisico e dal corpo eterico. (Qui si dice che fare un sonnellino in chiesa durante un rito, una cosa molto dannosa, perch durante il sonno lastrale uscendo naturalmente da modo che gli influssi del rito agiscono ugualmente su di esso, facendo in modo che forze presenti in altri corpi astrali vi penetrino maggiormente: in questo caso la cosa peggiore, perch non vi la supervisione dellautocoscienza.) Una persona che sia capace di liberare il proprio astrale, capace di influire su un altro corpo astrale pi debole, meno emancipato, trasferendo in esso le sue forze: penetrano nella personalit pi debole delle immaginazioni che appartengono allaltro pi forte, le quali la dominano, la sottomettono. Limportanza dello sviluppo di una coscienza morale nelliniziando E pericoloso occuparsi di occultismo per coloro che aspirano al potere per il solo loro interesse. Liniziando deve tendere invece a non volere nulla solo per s, ma deve porre come ideale che il suo progresso sar asservito al bene dellumanit. Non bene sentire antipatie e simpatie nei confronti di altri componenti del movimento occulto di cui fa parte, n gli permesso sentirle per il mondo esterno.

8 conferenza LO SPERIMENTARE IL PROPRIO IO SUPERIORE Il riflesso del corpo astrale e dellio sulla terra Nella vita ordinaria, ci si identifica in tutto ci che si svolge nel proprio corpo astrale (brame, istinti, passioni, affetti); ci si sente anche in ci che trova la sua espressione nellio. Tuttavia, cos facendo non si dice io al vero corpo astrale e al vero Io: lo si dice al loro specchiarsi entro il corpo eterico e corpo fisico. Nella vita usuale non si sperimenta mai
esonet.org//lo-sviluppo-occulto-delluomo-nelle-sue-4-parti-costitutive

12/17

15/12/12

Lo sviluppo occulto dell'uomo nelle sue 4 parti costitutive - Studi sulle opere di Rudolf Steiner - Eson

coscientemente in s stessi la vera vita del proprio corpo astrale e del proprio io. Ossia, non si mai essi, ma il loro riflesso. E come se guardandosi in uno specchio, si dicesse io allimmagine che compare sul vetro, credendo di essere quellimmagine: non affiora mai la consapevolezza di identificarsi in quellentit che rende possibile, al di l dello specchio, il palesarsi della sua immagine. In altre parole, si sperimenta solo lombra di ci che giunge dal riflesso della propria vera entit. Le forze che rendono possibile loriginarsi del senso della coesione interiore Come centinaia di forze di attrazione magnetica, gli interessi personali, gli affetti e i sentimenti che si sono costruiti sul piano fisico realizzano ci che si denomina con il nome di egoit, o capacit di sentirsi come contratto in un punto, un punto ben separato dal mondo. Ci che concorre alla realizzazione del proprio centro di egoit il corpo astrale. Lastrale: la solitudine e il Guardiano della Soglia Liniziando, che riesce a distaccarsi dalla corporeit eterico-fisica, sperimenta la propria coscienza ora nel corpo astrale liberato, priva degli influssi del corpo; si prova uninfinita, glaciale solitudine . Ci si sente da un lato pieni di s, ricolmi della propria entit, ma da un altro lato si avverte unimmensa e gelida solitudine. Se si prova solo questo, non si pronti per entrare nel mondo spirituale. Oltre a provare solitudine, deve cessare in noi legoismo che ci portiamo dalla terra: esso deve essere stato mutato da interessi personali, in interessi universali. La solitudine una sorta di educatore, la quale ci indica che, sino a quando non saremo capaci di allargare il nostro essere identificandolo con il contenuto del mondo, non incontreremo il Guardiano della soglia. Se saremo stati capaci di fare nostri i reali interessi universali, privandoci di ogni ambizione o desiderio personale, allora apparir il Guardiano: lo si potr sorpassare. Se non si riesce a passare, ci dovuto al perch gli interessi personali ci tirano indietro, formando una sorta di fardello pesante che non ci da modo di involarci. Gli interessi egoistici offuscano il mondo spirituale e si viene respinti nella vita personale. Lincontro del proprio corpo astrale con il proprio vero Io Giunti oltre il Guardiano, ci si osserva nella propria astralit: ossia, si vedono gli esseri elementari astrali che costituiscono il proprio corpo astrale: ci si pu anche stordire, perdere in essi, credendo che essi siano entit viventi nel mondo spirituale circostante, mentre sono parte di noi stessi. Siamo ancora dentro a noi stessi. Ci si pu ingannare, credendo di essere gi entrati nel reale mondo spirituale; in tal modo ci si preclude invece lincontro con entit indipendenti dimoranti nel mondo spirituale. Se si capaci di sperimentare in s sufficientemente il sentimento di solitudine, tale sentimento sar una forza in grado di fornire la facolt di guardarsi intorno e non di perdersi nella sola contemplazione del proprio corpo astrale. La solitudine dar modo di porgere lo sguardo su unaltra entit. La prima entit che appare, suscita una certa impressione, perch in qualche modo essa avere qualcosa a che fare con noi stessi; ha qualcosa di familiare, di assomigliante con noi. Si avverte che il proprio corpo astrale come rivolto verso lalto; il corpo astrale dellaltro essere invece ha il corpo astrale rivolto verso il basso. Noi rivolgiamo le nostre forze verso lalto; laltro essere le invia verso il basso. In conseguenza a tale constatazione affiora nella nostra anima questa consapevolezza: io valgo meno di lui. Ci si rende conto che quellessere dona verso la terra le sue forze, che ha attinto e guadagnato nello spirituale, come forze benedicenti, mentre noi miriamo a entrare solo nello spirituale. Si avverte che per eguagliare quellessere occorre che pratichiamo un sacrificio, una rinuncia, un atto spirituale. Si deve volere avvicinarsi a quellessere cercando di farsi riscaldare dal suo calore, rinunciando a noi stessi, affinch la nostra gelida solitudine venga sciolta: ci si deve unire con lui. Cos facendo, per un attimo si ha per un momento limpressione che la nostra coscienza cada nellincoscienza, che si spenga, come se stesse avvenendo un ardere, un interiore combustione del nostro essere. Dimprovviso la nostra autocoscienza si riaccende e appare lispirazione ; ci si sente ispirati dallaltro essere, e si pu entrare in dialogo con esso. Esso ci dice: ora hai trovato la strada verso laltro essere; sei stato capace di unirti con un altro, con me: ora ti consentito di ritornare ricolmo di me sulla terra. Sarai il mio guardiano sulla terra. Esiste nello spirituale un essere (lIo superiore) che ha molto pi valore di noi stessi, il quale di continuo invia forze benedicenti verso la terra. Si viene a sapere che il proprio corpo fisico ed eterico in realt non sono altro che strumenti mossi dalla volont di questo essere superiore; prima si era incoscienti di ci: ora si sa di essere dei messi, inviati sulla terra da sfere superiori. Dopo quellesperienza legoit s di essere mossa da un ente superiore; a sua volta muover i corpi corrispondentemente ad esso.
esonet.org//lo-sviluppo-occulto-delluomo-nelle-sue-4-parti-costitutive

13/17

15/12/12

Lo sviluppo occulto dell'uomo nelle sue 4 parti costitutive - Studi sulle opere di Rudolf Steiner - Eson

Lo spirito non pu autocoscientemente agire direttamente nella materia, senza lintermediazione dellanima. Ora si completamente a conoscenza dei nessi fra gli involucri esteriori (corpo fisico, eterico e astrale: guardiano) e lentit interiore delluomo (Io o S: comandante). Limmaginazione di Caino e Abele A seguito della precedente impressione, ne appare unaltra. Dal mondo spirituale, si guarda gi nel mondo fisico: si presenta limmagine di come luomo nel mondo terreno, quando si trova entro il corpo fisico. La situazione si capovolge. Vediamo il nostro corpo astrale, che mentre nella condizione sovracitata si rivolgeva verso lalto, ora tende invece verso il basso: non anela al mondo spirituale, ma piuttosto alle gioie e ai piaceri terrestri. Si vede anche laltro essere (il nostro Io superiore), che rivolge il corpo astrale verso lalto (In altre parole si vede la nostra parte egoica-animica tendente alla terra: lanima senziente e razionale; dopodich la nostra parte spirituale: il connubio anima cosciente-s spirituale che si rivolge verso il cielo). Ci si vede come scissi, in due entit: la parte peggiore e la parte migliore di noi. Sorge allora una terribile sensazione: si desidera uccidere quellaltra parte di s, quella che sembra migliore. In realt questa decisione non viene dallIo, perch esso invece proprio in quella parte che si vorrebbe uccidere: la nostra egoit che per invidia, vorrebbe uccidere la sua controparte divina. Una voce vendicativa sorgendo dallaltro essere dice, rivolgendosi a noi: dove tuo fratello? Di conseguenza, la nostra parte inferiore risponde: non voglio essere il guardiano di mio fratello. (Questa la risposta che d la nostra egoita alla richiesta che ci aveva fatto nello spirituale il nostro Io superiore: ti nomino mio guardiano; e cos rispondiamo: non voglio essere il tuo guardiano.) Dopo tale esperienza si comprende cosa significhi la storia di Caino ed Abele: essa non altro che la traduzione allegorica di unesperienza occulta. Gli influssi di distruzione inoculati nel corpo astrale umano Nel corpo astrale risiedono forze che tendono allannientamento, alla distruzione della coesistenza umana operante sul piano fisico. Entit ritardatarie inocularono nellanima umana limpulso di desiderare la guerra di tutti contro tutti. Di contro, entit progredite impregnarono il corpo fisico e leterico di forze capaci di stordire questo desiderio di distruzione totale, al fine di attenuare questa volont di voler uccidere laltro uomo. Se luomo fosse lasciato agire solo nel suo corpo astrale, privo di corporeit, egli riuscirebbe benissimo a realizzare il fine delle entit oppositrici. Quel desiderio di distruzione viene quindi assopito: luomo sente, ma non vede il suo corpo astrale. Non vedendolo, gli rimane inconosciuto quel terribile desiderio. Egli lo sente solo affievolito. Colui che principalmente eccita quel desiderio Arimane. Legoismo un ostacolo per il conseguimento della veggenza Solo se si diviene capaci di rinunciare ad ogni nostra invasione nellaltro uomo, collocando gli interessi dellaltro pi in alto dei nostri propri interessi, si pu assurgere alla veggenza: ama il prossimo tuo come te stesso. Quanto pi si ha interesse per il proprio essere, tanto meno si pu sperare di conoscere un Angelo. Ci si deve educare ad avere interessi universali, in modo che essi vengano sentiti come pi significativi e pi importanti dei nostri. Se si tenta di progredire sul cammino occulto ritenendo la nostra persona come qualcosa di prezioso, pi preziosa di altri esseri che si vogliono conoscere, non si capito proprio nulla. La magia nera opera proprio in questo modo: liniziato nero non ha che interessi per s, e nessuno per gli altri. I riflessi del corpo astrale e dellio Ci che si sperimenta interiormente come propria entit animica, che gli fornisce il pensare, il sentire e il volere, non il vero e proprio corpo astrale: il corpo astrale che si riflette nel corpo eterico. Quello che luomo chiama io, ossia ci tramite cui affiora la rappresentazione del proprio io, non il vero Io, ma il vero Io che si riflette nel corpo fisico. Se luomo sperimentasse immaturamente le forme del proprio corpo astrale e del proprio Io, nascerebbero in lui impulsi distruttivi, aggressivi, gli sorgerebbe il piacere di nuocere. La base dellesoterismo Tutto loccultismo si basa sulla capacit di potersi tuffare nellaltro essere, privati dei propri interessi: dopodich occorre volitivamente volere scoprire che nellaltro essere vi qualcosa di pi significativo di quanto si trova in se stessi. Occorre non desiderare pi di volersi solo riscaldare al calore dei nostri soli affetti, dei nostri soli sentimenti, distaccati dagli altri, rinchiusi nella nostra cameretta interiore; lautocompiacerci nella solitudine deve farci sperimentare solo gelido freddo.
esonet.org//lo-sviluppo-occulto-delluomo-nelle-sue-4-parti-costitutive

14/17

15/12/12

Lo sviluppo occulto dell'uomo nelle sue 4 parti costitutive - Studi sulle opere di Rudolf Steiner - Eson

Ci si deve invece immedesimare nella propria gelida solitudine e provandone sofferenza bisogna desiderare di avvicinarsi agli altri, per aprirsi al loro calore. Non si giunge altrimenti agli esseri delle Gerarchie superiori.

9 conferenza Il libro Buddismo esoterico Nel libro il Buddismo esoterico del Sinnet sono presentati, soprattutto nella parte centrale del libro, una grande quantit di veri fatti occulti; essi si riferiscono al periodo centrale dellevoluzione della Terra. Nelle altre parti del libro vi per lo pi unenunciazione di deduzioni, di schematismi e di teorie, ricavate non da unindagine occulta, ma da intellezione. La forma fisica delluomo nellantico passato Per poter vedere come era luomo ad esempio nellera lemurica occorre quindi, mediante un osservazione a ritroso guardandosi da fuori, farsi stimolare dalle impressioni del proprio corpo fisico ed eterico: si vede allora che luomo non fu mai somigliante a nessuna forma animale oggi conosciuta. Le scimmie Nellepoca lemurica le scimmie non esistevano ancora; esse comparvero solo pi tardi, a met dellepoca atlantica, originandosi da forme umane decadute . La percezione della propria corporeit tramite lio e lastrale: il centauro e la sfinge Quando il nostro io e il nostro corpo astrale sono fuori dalla corporeit, e rigirandosi si volgono ad osservarla, essi la vedono in modo diverso, in modo particolare. La nostra testa appare a mala pena, in modo confuso e nebbioso, sfuocato; non si cancella completamente, ma appare del tutto indistinta. Al contrario, il resto della corporeit viene invece percepita pi distintamente; essa non appare per provvista di carne ed ossa, cos come la si vede attraverso un occhio fisico. Se ne riceve limpressione come se essa fosse costituita in maniera pi imponente di ci che si reputa durante lo stato di veglia. La corporeit ci appare come la riproduzione dellinsieme di varie forme animali; non che osservandola appaiano in essa molteplici forme animali conosciute in maniera distinta e suddivisa, ma si riceve limpressione come se il nostro corpo fosse la sintesi di tutte le forme animali: si ha come la sensazione che la parte inferiore del corpo, testa esclusa, rammenti nella sua essenza, una figura leggendaria, intermedia fra il centauro e la sfinge . Le antiche immagini mitologiche sono in realt visioni della progressiva evoluzione della forma umana. Lucifero e la bellezza lunare: legoismo Ci che di giorno spinge luomo ad avere interessi personali, brame e desideri egoistici, questa parte animale che occultamente in lui: una forza che lo trae verso il basso. E la forza luciferica. Se si risale sino allimmaginazione del paradiso, ci appare Lucifero in una forma di sublime bellezza: la sua vera forma, cos come egli volle conservarsi nellevoluzione dellantica Luna fino alla Terra. Lucifero non volle evolversi come arcangelo nel succedersi dellera terrestre; decise di rimanere angelo: innamorato della sua meravigliosa bellezza lunare divenne egoista, tanto da portare entro il corpo astrale umano unimmagine di s. La bellezza di Lucifero divent entro alluomo una controimmagine di quella sua sublime qualit animica: legoismo. Lucifero da una parte lo Spirito della bellezza, dallaltra lo Spirito dellegoismo. Il suo errore fu di trasferire sulla terra qualcosa che era caratteristico durante lera lunare, ma illecito nellera terrestre: sulla luna ci si doveva impregnare di egoismo, affinch il corpo astrale potesse realizzarsi quale forza capace di sviluppare un sentimento di coesione interiore. Ora, sulla terra quella forza dannosa, perch conduce non soltanto pi allautocoscienza, ma bens alla separazione, al distacco dal resto del mondo. Lucifero produce brame allinterno delluomo; Arimane le crea dal suo esterno. Tutto ci che nasce dallanima umana senza bisogno di essere suscitato da stimoli esterni, sono creazioni di Lucifero. Ci che invece, dal di fuori, stimola luomo tramite oggetti o esseri a lui esterni, spingendolo al loro godimento, viene prodotto da Arimane. Arimane incute anche la paura dallesterno; Lucifero la accende dallinterno inconscio. Ovunque ci sia qualcosa nel mondo che suscita possibilit di godimento, in ci occorre riconoscere Arimane. Ovunque l nel mondo vi materia, in realt vi Arimane; le teorie materialistiche della fisica e dellatomistica non altro che studi sulle forze arimaniche.
esonet.org//lo-sviluppo-occulto-delluomo-nelle-sue-4-parti-costitutive

15/17

15/12/12

Lo sviluppo occulto dell'uomo nelle sue 4 parti costitutive - Studi sulle opere di Rudolf Steiner - Eson

Lucifero, Arimame e Cristo nel futuro dellumanit Lucifero si avvicin alluomo durante lera lemurica, poi solo pi tardi si avvicin linflusso arimanico come conseguenza di quello luciferico. In futuro vi sar uninversione: prima si rafforzer linflusso arimanico, poi si assocer quello luciferico. La comparsa del Cristo don alluomo la forza per proteggersi da tali impulsi nel futuro.

10 conferenza Le dodici forze operanti nel corpo fisico Si visto che nel corso dellevoluzione occulta il corpo fisico umano si scompone, si scinde: lo si percepisce come in continua dilatazione, che si ingrandisce. Allo sguardo chiaroveggente la materia fisica sparisce, e al suo posto compaiono le forze spirituali che sovrintendono la forma e la sostanza del corpo fisico. Questo appare di conseguenza composto da diverse parti, 12 parti: 12 diverse immaginazioni; ognuna di esse lespressione dellazione occulta si una corrispondente costellazione nelluniverso. Ogni singola parte, riunita insieme alle altre, va a configurare il mosaico uomo. Si ha come limpressione che un pittore abbia creato sulla terra delle miniature che riproducono in piccolo, realt gigantesche esistenti nel cosmo; ne abbia disegnate dodici, riunendole nel corpo umano. In altre parole, se un iniziato osserva veggentemente unaltro iniziato, scopre in lui la presenza di immagini che rappresentano esseri spirituali del macrocosmo, le quali si raggruppano per formare il corpo fisico che sta osservando. Egli viene a sapere che le entit che stanno a fondamento del corpo fisico umano, sono esseri delle Gerarchie pi alte. Il corpo eterico: il narratore Dallosservazione del corpo eterico, si possono apprendere conoscenze circa lantico passato dellevoluzione cosmica, la formazione di pianeti, lo sviluppo di civilt umane e anche delle singole incarnazioni passate di un dato individuo. Il corpo eterico narra eventi accaduti nel tempo; racconta la storia delluniverso nei suoi avvenimenti interiori. Quanto pi luomo osservato esotericamente evoluto, tanto pi possibile risalire indietro nel tempo; se egli molto evoluto, si pu addirittura risalire ai primordi della creazione. (Il corpo eterico appare come una sorta di portale temporale, collegato, con la cronaca dellakasha; essendo esso stesso parte delletericit cosmica generale, nella quale inscritto tutto il passato del divenire, per suo tramite, partendo da esso possibile attingere ai fatti contenuti appunto nellakasha eterica) Il corpo astrale: lespressione morale individuale Tramite losservazione del corpo astrale di un altro uomo, esso appare in toni di colore e di suono, i quali esprimono animicamente il grado di valore morale che quelluomo ha attualmente rispetto il suo io superiore. A seconda che esso si mostri in toni splendenti o tenebrosi, o in suoni stridenti o armoniosi, si potr vedere quanto la persona in questione ancora egoista o se altruista. Il corpo astrale appare raggiante e risuonante se una persona ha imparato a far propri gli eventi eventi universali, facendoli coincidere con gli eventi umani. La separazione del proprio io entro altre entit Se uno uomo vuole ad esempio conoscere unentit della gerarchia degli Angeli, non pu usare le ordinarie forze di conoscenza, ma deve rendersi capace di poter trasferire una parte della coscienza del suo io entro laltra entit. Si pu difatti conoscere veramente un altro essere soltanto se possiamo trasferire la nostra coscienza entro di lui. Lio deve uscire da se stesso, per entrare nellaltro, facendo continuare a vivere nellaltro ci che viveva prima soltanto in se stesso. Al grado usuale di umanit, luscire da se stessi corrisponde al bisogno di sonno, al perdere la propria coscienza per sprofondare nel sonno: si lascia la propria ordinaria coscienza, per trasferirla nelle entit del mondo spirituale; ma ci avviene solitamente in modo incosciente. La conoscenza di un essere superiore significa abbandonare la propria coscienza, come la si abbandona nel sonno, ma abbandonarla in virt di forze superiori destate in noi; significa addormentarsi non cadendo nellincoscienza, ma destarsi entro la coscienza di un essere superiore, per ritrovare non s stessi, ma quellessere in cui si penetrati. In quellatto si rinuncia a vivere per se stessi, per vivere entro laltro. E attraverso il corpo astrale e lio che si rende possibile lentrare in relazione con esseri superiori.

esonet.org//lo-sviluppo-occulto-delluomo-nelle-sue-4-parti-costitutive

16/17

15/12/12

Lo sviluppo occulto dell'uomo nelle sue 4 parti costitutive - Studi sulle opere di Rudolf Steiner - Eson

Al chiaroveggente il mondo fisico appare composto da immaginazioni di Arimane Il veggente che osserva gli animali, le piante e i minerali, scopre che che i loro corpi fisici non sono altro che immaginazioni create da Arimane. Ogni entit materiale esiste allocchio umano perch nellattimo in cui esse le percepisce Arimane altera la loro natura spirituale in apparente natura fisica. Le anime di gruppo, le entit che guidano i regni della natura non sono immaginazioni di Arimane; solo i singoli animali, le singole piante lo sono. I singoli individui che appaiono in forma sensibile sono creazioni di Arimane. Lentit che ad esempio a governo del regno dei leoni, tramite un influsso pari a una sorta di incantesimo, viene costretta da Arimane ad apparire in forma molteplice, mentre in realt essa non ha che una forma unica. Le singole forme leonine che si muovono nel mondo sono in realt una moltiplicazione alterata di un unico essere, operata da Arimane. (Egli suddivide in milioni di parti la linea di vita dellessere del leone che si diffonde sulla terra, facendo apparire non lintero suo essere, ma una sua scomposizione. E come se venisse esercitata, tramite un gioco di specchi, una illusoria moltiplicazione.) La modificazione delle tre anime umane La capacit primaria dellanima senziente di generare impulsi, brame e passioni: trae tali forze attingendole dal corpo astrale. (Corpo senziente). Lanima razionale si serve dei moti eterici, traendoli dal corpo eterico, per generare sentimenti di compassione e ragionamenti pensanti. Lanima cosciente si serve degli strumenti fisici del corpo fisico (cervello) per agire e imporsi nel mondo. Le impressioni sensorie vengono trasmesse tramite lanima senziente; ricevendole, lanima cosciente si rafforza moltissimo: si acuisce lautoaffermazione, la brama di affermarsi in tutti i campi. Reprimendo le impressioni sensorie tramite un tirocinio esoterico, le forze delle tre anime si ritirano, tendendo a diminuire larroganza dellanima cosciente nellaffermarsi, lesaltazione dellanima razionale e il bramare leffimero dellanima senziente. In altre parole, lanima cosciente tende a smettere di cercare solo lautoaffermazione di se stessa, di proclamarsi fautrice di una libert che non le spetta; in tal si muta in anima immaginativa. Rinunciando a provare sentimenti e giudizi personali, si comincia a rinunciare a formarsi pensieri e opinioni proprie, reprimendo di conseguenza il pensare autonomo, il quale tende sempre ad inserire qualcosa di personale e di non allineato alla verit oggettiva: lanima razionale diviene anima ispirativa; superando le brame tendenti alla sola soddisfazione del piacere per se stessi, si muta invece lanima senziente in anima intuitiva. Il punto base di unevoluzione occulta nellepoca attuale che luomo elimini brame ed impulsi personali, elevandoli a interessi universali. Lincontro con il Guardiano della Soglia Vi sempre il pericolo di immettere forze di distruzione nel proprio corpo eterico e fisico nellattimo in cui si incontra il Guardiano; i 6 esercizi accessori devono costituire una difesa a ci. Levoluzione occulta reca con s sempre la possibilit di introdurre germi di morte: per tal motivo essa non deve proseguire se da un altro lato non le si contrappone una giusta condotta morale.
Condividi questo articolo:

Categoria: Studi sulle opere di Rudolf Steiner Visite: 1569

@Esonet.org - 2011

Template Joomla Realizzato per www.joomla.it Grafica e conversione in template Joomla braincode - Sviluppo componenti Joomla - Siti web Joomla

esonet.org//lo-sviluppo-occulto-delluomo-nelle-sue-4-parti-costitutive

17/17