ASSEMBLEA MAFLOW 15 GIUGNO 2009

Quest’assemblea è stata convocata per valutare le ultime novità emerse alla Maflow s.p.a. in amministrazione giudiziale: 1. Lettera dei commissari che annuncia a tutti i creditori la data dell’udienza in cui bisogna insinuarsi nello stato passivo della Maflow. 2. Incontro con i commissari del 10 giugno 2009. Partiamo dall’incontro di mercoledì 06 giugno; è stato un incontro interlocutorio, in cui i commissari si sono presentati alle rappresentanze sindacali, ed hanno chiarito il compito che dovranno svolgere in questa fase. I commissari, ad oggi hanno verificato tutti i conti della Maflow dalla data di acquisizione dalla Manuli Auto. I commissari hanno redatto un documento conclusivo che tra qualche giorno sarà depositato in tribunale, questo documento dovrebbe accogliere la Maflow nell’amministrazione straordinaria, coinvolgendo così nella procedura anche le altre aziende del gruppo: Man service, Francia, Spagna ecc.. I commissari hanno dichiarato che la Maflow non rischia il fallimento, in quanto i debiti contratti sono dovuti a strategie di mercato azzardate, (ndr) negli ultimi anni la maflow ha avuto un comportamento aggressivo verso il mercato, comprando multinazionali come Codan e aziende Asiatiche. partecipazioni in altre Nello stesso tempo la Maflow ha guadagnato fette di

mercato che dovrebbero permetterle di restare sul mercato, e renderla appetibile a possibili compratori. Questo hanno dichiarato!! Il compito maggiore dei commissari è: vendere non al miglior offerente, ma di evitare lo “ spezzatino” perché lo stabilimento che resta fuori dalla vendita fallisce in automatico. Altro compito dei commissari è ridurre i costi, posto che le autovetture dei dirigenti sono troppo vecchie, ( la X5 di Francione NO), s’ipotizza un riduzione del personale per adesso stanno ragionando per qualche dirigente, gli operai ed impiegati possono attendere……..per poco!

1

S’ipotizza qualche prepensionamento, ma su questo nulla è stato scritto quindi valuteremo cammin facendo. Sulla riduzione sel personale mi piacerebbe fare una mia valutazione: oggi noi stiamo facendo una cassa integrazione ordinaria dovuta ad una flessione di mercato mondiale, le previsioni sono nel prossimo periodo di crescita: ad Ascoli hanno già assunto sei Lavoratori interinali chiederanno per altri sette, alcuni dipendenti effettuano ore di straordinari, Giampaoletti nell‘incontro ha negato, come al solito ha mentito spudoratamente! gli stabilimenti Polacchi dopo un periodo di licenziamenti circa 600 dipendenti durante la crisi, oggi ha ripreso ad assumere qualche Lavoratore, a Trezzano stanotte lavoreranno una decina di Lavoratori, e la CIGO si è ridotta a trenta unità per settimana, da sessanta settanta lavoratori a settimana. Se questi segnali di ripresa si concretizzano e possiamo ipotizzare che nei primi mesi del 2010 avremo ordini simili al 2007 perché dovremmo fare la riduzione del personale? Già negli ultimi anni con i pensionamenti e varie dimissioni il personale si è ridotto in modo fisiologico, meno Lavoratori per gli stessi volumi del 2007, significa aumento dello sfruttamento o come dicono i manager aumento dell’efficienza. Mi piacerebbe che noi la smettessimo di giudicare i nostri colleghi su chi merita o no di lavorare, queste sono questioni che competono alla direzione che dovrà iniziare a fare il proprio lavoro, si può invece giudicare se volete Ing. Francione che nel 2003 ha guadagnato 769000 euro e oggi grazie a questo signore siamo in queste condizioni. Sulla questione riduzione del personale vorrei rivolgere un appello ai funzionari della FLMUniti e FIOM che tanto parlano e scrivono per il blocco dei licenziamenti, adesso vi chiediamo di aiutarci con tutte le azioni possibili per applicarlo.

2

Noi Lavoratori dovremmo essere disponibili e pronti a rinunciare anche ad un ora di lavoro per salvare tutti i posti di lavoro, se le condizioni c’è lo richiedono. LAVORARE MENO LAVORARE TUTTI INSINUAZIONE NELLO STATO PASSIVO: L’altra questione importante è l’insinuazione nello stato passivo dell’azienda, cosa vuol dire?: Il tribunale di Milano con una sentenza del 10/05/2009 ha dichiarato lo stato d’insolvenza della Maflow, che significa, che la Maflow non riesce a pagare i debiti contratti, il giudice il 24 novembre dovrà verificare quanti sono questi debiti, quali sono i privilegiati e quanti i chirografari. I dipendenti sono creditori privilegiati verso la Maflow. La FLMUniti sta già organizzando i propri iscritti raccogliendo gli ultimi cinque anni di buste paga per fare i conteggi per recuperare i crediti. Per chiarire il discorso della commissione del 2% per il recupero dei crediti vale solo se questi soldi vengono ritirati, se invece come tutti si auspicano il TFR passa dalla Maflow alla nuova società non si paga nessuna commissione, perché il 2% di zero fa zero. In un ipotetico fallimento siccome i soldi li recupera il sindacato si paga la commissione, ma noi la scongiuriamo. QUATTORDICESIMA MENSILITA’ E IRPEF (730) Per quanto riguarda il pagamento dei ratei della quattordicesima mensilità, sappiamo benissimo che i ratei che partono d’agosto ad aprile sono congelati, teoricamente dovremmo ritirare soltanto tre ratei di quattordicesima. Abbiamo chiesto ai commissari di fare un'altra richiesta speciale al giudice per questo pagamento simile allo stipendio di maggio, anche perché non pagarli significherebbe disparità di trattamento tra dipendenti rispetto alla

3

MAN che come ha sempre dichiarato la direzione, sono a tutti gli effetti uguali a Noi, la cessione di ramo d’azienda è stata fatta solo per questioni fiscali. In due settimane dovrebbero darci notizia speriamo affermativa, stesso discorso anche per il recupero del 730.

III TURNO Il terzo turno fatto oggi è sicuramente una contraddizione in questo momento in cui i Lavoratori ruotano in CIGO, questo fatto rivela ancora una volta le deficienze organizzative che questa direzione ha mostrato negli anni passati, e nelle condizioni attuali di crisi e commissari che vogliono ridurre il personale al livello dirigenziale la disorganizzazione è molto più elevata. Il mio giudizio è negativo, ma dobbiamo fare un’analisi più approfondita, dovremmo utilizzare questi esempi per indurre i commissari a non richiedere ulteriore cassa integrazione e soprattutto non richiedere cassa integrazione straordinaria come questi vorrebbero fare. Dobbiamo usare le loro contraddizioni per evitare ogni licenziamento, bisogna ricordare che ad Ascoli hanno licenziato con la mobilità 10 dipendenti e oggi hanno richiesto l’assunzione di 13 lavoratori interinali. A trezzano questo dobbiamo evitarlo!!!! BUSTE PAGA MAGGIO Le buste paga di maggio sono sbagliate come più volte abbiamo ribadito, precisamente gli errori sono: • Aggiornamento TFR • Aggiornamento Ferie • Recupero delle detrazioni fiscali Sono tre errori a danno dei Lavoratori, il recupero delle detrazioni fiscali per familiari a carico sono quelle che danno l’impatto immediato sul netto, ci sono molti Lavoratori che hanno ricevuto la busta paga molto più leggera, es: i
4

part-time hanno preso cento euro in meno, chi ha moglie e figli a carico fino a trecento euro. Questi soldi comunque verranno recuperati a fine anno quando si fa il conguaglio, ma noi ci siamo già attivati per recuperarli subito.

Conclusioni Questa settimana e la prossima non lavoro, mi raccomando non togliete tutte le nostre tessere sull’onda delle calunnie o promesse di pulcinella che qualcuno passerà a raccontarvi, tutte le informazioni che cercate anche le parole che ho detto oggi li troverete sul blog che stiamo costruendo per realizzare un sindacato trasparente, e soprattutto che dia le informazioni a tutti agli iscritti, ai non iscritti, ai dirigenti a chiunque possano servire.

http://vogliamocontinuarealavorareallamaflow.blogspot.com/
Esiste un gruppo di discussione:

http://groups.google.com/group/maflow?hl=it
Sul Blog oltre a tutti i documenti è presente la delega da compilare per chi vuole aderire alla nostra confederazione, si stampa si compila e può consegnarla all’ufficio personale o ai nostri attivisti Maria Rosa Missaglia, Simona Nizzoli, Enzo Bruno, Mario Vito, Salvatore De Lisi. Passo la parola.

5