You are on page 1of 12

Piante medicinali con funzionalit respiratoria, digestiva ed epatica - Antiossidanti Dispensa corso di aggiornamento professionale

Modulo didattico 4 Piante medicinali e derivati vegetali utili nellipercolesterolemia e nellipetrigliceridemia


Dottor Guido Flamini, Dipartimento di Scienze Farmaceutiche, Sede di Chimica Bioorganica e Biofarmacia, Universit degli Studi di Pisa

1. Introduzione
Le iperlipidemie (o dislipidemie) sono delle condizioni cliniche caratterizzate da un aumento dei grassi (o lipidi) circolanti nel sangue. Molti studi epidemiologici hanno evidenziato come questa condizione rappresenti un fattore di rischio per la malattia coronarica, ossia aumenti la probabilit che un soggetto possa essere colpito da infarto miocardico, particolarmente negli individui di sesso maschile. Inoltre le iperlipidemie sono alla base di numerosi altri problemi di salute cui lindividuo pu andare incontro. Negli ultimi 40 anni, la ricerca ha dimostrato in maniera inequivocabile lincidenza delle dislipidemie su vari tipi di malattie, mortalit e costi sanitari. L'Organizzazione Mondiale della Sanit (O.M.S.) ha stimato che la dislipidemia associata a pi della met dei casi di cardiopatie ischemiche e a pi di 4 milioni di decessi allanno. In Italia si ritiene che questa situazione riguardi non meno del 15-20% della popolazione. I lipidi sono uno dei gruppi di metaboliti primari (insieme a proteine, carboidrati e acidi nucleici) indispensabili per il nostro organismo. Rappresentano il modo in cui lorganismo immagazzina lenergia di cui potrebbe aver bisogno in futuro. Inoltre sono anche una fonte di energia diretta che viene bruciata durante il lavoro muscolare aerobico. Entrano infine a far parte della struttura delle membrane cellulari e possono essere precursori di altre molecole fisiologicamente importanti. Normalmente, nelle iperlipidemie, con lipidi si intendono colesterolo e trigliceridi. Il primo uno steroide che luomo ottiene sia dallalimentazione che per biosintesi endogena da parte del fegato, del surrene e delle gonadi. Queste ultime lo impiegano per la sintesi degli ormoni sessuali maschili e femminili. I trigliceridi sono esteri della glicerina con tre molecole di acidi grassi. La prima deriva dal metabolismo glucidico, mentre i secondi vengono quasi esclusivamente introdotti con la dieta. Si pu pertanto dedurre che, mentre i livelli ematici di trigliceridi dipendono in larga parte dal tipo di alimentazione, quelli di colesterolo dipendono anche da caratteristiche genetico-metaboliche dellindividuo. Essendo per queste sostanze insolubili nellambiente polare del sangue, colesterolo e trigliceridi vengono trasportati nel circolo ematico legati ad apposite proteine, dette lipoproteine. Queste si differenziano a seconda della loro densit in varie categorie, delle quali
Copyright2010TecnicheNuoveSpA

Piante medicinali con funzionalit respiratoria, digestiva ed epatica - Antiossidanti Dispensa corso di aggiornamento professionale

citiamo solo le HDL (High Density Lipoproteins) e le LDL (Low Density Lipoproteins), rispettivamente lipoproteine ad alta e bassa densit. Abbiamo detto che la condizione iperlipidemica rappresenta un fattore di rischio per la malattia coronarica ma, fortunatamente, un fattore di rischio modificabile, vale a dire un fattore di rischio controllabile con modifiche dello stile di vita e/o con un corretto approccio farmacologico. La classificazione delle iperlipidemie ha subto delle variazioni nel tempo. Nella prima met del '900 veniva ritenuta importante la sola concentrazione ematica del colesterolo. In seguito venne introdotto anche il dosaggio dei trigliceridi e, ancora successivamente, il dosaggio delle diverse lipoproteine. Per questi motivi la prima classificazione delle dislipidemie era distinta in tre grandi gruppi: 1. le ipercolesterolemie; 2. le ipertrigliceridemie; 3. le iperlipidemie combinate (cio entrambe le due prime forme che occorrono contemporaneamente). Con l'avvento delle tecniche analitiche elettroforetiche che hanno permesso di dosare le diverse lipoproteine, si riusc a distinguere le forme endogene da quelle esogene. Pertanto la classificazione fu spostata dai lipidi come tali alle lipoproteine che legano tali lipidi. Si parla infatti spesso, pi correttamente, di iperlipidoproteinemie riferendosi alle dislipidemie. L'O.M.S. distingue sei diversi profili lipidici plasmatici fenotipici (oltre a una classificazione genotipica, che riguarda cio le cause genetiche alla base delle iperlipidemie primitive). Infatti, questi sei gruppi servono unicamente a tipizzare le diverse forme di alterazione lipidica, senza andare in alcun modo a individuarne le cause, la patogenesi o le caratteristiche cliniche. Infatti, ciascun profilo fenotipico pu essere dovuto a un'alterazione primitiva del metabolismo lipidico (forme primitive) o a un'alterazione del metabolismo causata da altri fattori (forme secondarie). I sei diversi profili sono determinati dal tipo di lipoproteine aumentate; abbiamo cos che il: gruppo I si ha nel caso di aumento dei chilomicroni; gruppo IIA in caso di aumento delle LDL; gruppo IIB considera le LDL e le VLDL; gruppo III le beta-VLDL; gruppo IV tiene conto delle VLDL; V dei chilomicroni e delle VLDL. Questo significa che nel gruppo I si hanno livelli ematici di colesterolo normali o leggermente aumentati e di trigliceridi abbastanza elevati, nel gruppo IIA sono i trigliceridi a essere normali mentre il colesterolo elevato, nel gruppo IIB sia trigliceridi che colesterolo risultano elevati, cos come pure nel gruppo III. Nel gruppo IV i trigliceridi raggiungono valori piuttosto elevati, mentre il colesterolo pu essere normale, infine nel gruppo V di nuovo entrambi i valori sono alterati, soprattutto quelli dei trigliceridi. Dal punto di vista pratico, l'ipercolesterolemia corrisponde al gruppo IIA, l'ipertrigliceridemia al gruppo IV e l'iperlipidemia combinata al gruppo IIB.
Copyright2010TecnicheNuoveSpA

Piante medicinali con funzionalit respiratoria, digestiva ed epatica - Antiossidanti Dispensa corso di aggiornamento professionale

Ovviamente gli schemi non sono cos rigidi, in quanto un'alterazione in una classe di lipoproteine influenza molto anche le altri classi, essendo queste strettamente correlate fra di loro nel metabolismo lipoproteico globale. Come precedentemente accennato, colesterolo e trigliceridi non rappresentano di per s un fattore negativo per la salute, anzi sono indispensabili per il corretto funzionamento dellorganismo. I pericoli diventano invece evidenti quando la loro concentrazione supera determinati valori soglia. In questo caso, infatti, leccesso di grassi pu portare a un loro accumulo nel fegato e nei vasi sanguigni, particolarmente sulla parete delle arterie (aterosclerosi). Le placche aterosclerotiche irrigidiscono la parete arteriosa e ne ostruiscono sempre di pi il lume. Se il fenomeno interessa le coronarie si pu avere un infarto cardiaco, se a essere ostruite sono le arterie che portano il sangue al cervello si pu avere un ictus cerebrale. Le diverse lipoproteine non hanno tutte le stesse funzioni. Infatti, le LDL si occupano di portare verso la periferia il colesterolo, mentre le HDL raccolgono il colesterolo in eccesso e lo riportano verso il fegato, da cui i rispettivi termini colesterolo cattivo e colesterolo buono per le due diverse forme. Da qui si deduce anche che non tanto il valore del colesterolo totale a essere importante per una valutazione reale del rischio, quanto i rispettivi valori LDL e HDL (e quindi il loro rapporto). stato valutato come fattore di rischio aumentato un valore del colesterolo totale superiore a 200 mg/dl, un valore del colesterolo LDL superiore a 160 mg/dl ed uno inferiore a 40 mg/dl per quello HDL. Il valore desiderabile del rapporto fra colesterolo LDL e quello HDL dovrebbe essere inferiore a 3.3. Per i trigliceridi la soglia stata fissata a 200 mg/dl. In caso di ipertensione, diabete o soggetto fumatore, questi valori si abbassano ulteriormente. Essendo la dislipidemia una condizione che pu rimanere a lungo asintomatica, importante sottolineare limportanza della prevenzione con un controllo periodico dei valori ematici di trigliceridi e colesterolo. Nei casi pi lievi, quelli in cui i valori non sono troppo superiori a quelli raccomandati, soprattutto se la causa non dovuta a difetti genetici, il primo approccio potrebbe essere soprattutto sullo stile di vita, con accorgimenti dietetici volti a ridurre leventuale eccesso ponderale, una riduzione dellintroduzione di grassi saturi o insaturi trans (derivanti in genere da alcuni cibi lavorati), alimenti ricchi di colesterolo e accompagnati da un aumento dellattivit fisica dellindividuo. In caso di altre patologie concomitanti quali diabete, alcolismo, cirrosi, problemi renali, ipotiroidismo, il controllo di queste malattie permetterebbe un miglioramento della dislipidemia. Se il problema pi grave, o la risposta agli accorgimenti sopra citati insufficiente, allora lapproccio farmacologico si rende indispensabile. Oltre ai tradizionali farmaci impiegati nella terapia (es. statine e fibrati), alcune piante e principi attivi da esse ottenute possono trovare unutile applicazione. Queste possono servire a integrare la dieta con alimenti ricchi di fibre (es. verdure, legumi e cereali integrali) oppure che apportino mucillagini quali Plantago psillium, Cyamopsis tetragonolobus (guar), lecitine (soprattutto soia), pectine (mele, agrumi). Rimanendo ancora in ambito alimentare, stato osservato che i fitosteroli sono in grado di abbassare la concentrazione ematica di colesterolo, per cui stiamo assistendo alla comparsa sul mercato di molti cibi ricchi in (o addizionati di) queste sostanze. In una meta-analisi di 18 prove cliniche di fitosteroli inglobati in una crema alimentare appositamente formulata, stata osservata la riduzione dell8-15% del colesterolo LDL, pari a una riduzione del 25% del fattore
Copyright2010TecnicheNuoveSpA

Piante medicinali con funzionalit respiratoria, digestiva ed epatica - Antiossidanti Dispensa corso di aggiornamento professionale

di rischio (Moreau at al., 2002). Si osservato per che ad essere pi attivi dei fitosteroli naturali, sono i fitostanoli idrogenati (Becker at al., 1993; Gylling at al., 1994; Miettinen at al., 1994). Nella maggior parte dei trials clinici le dosi impiegate erano di 0.8-3 g/d, anche se sono stati notati effetti positivi pure a dosi minori. Sono anche stati valutati gli effetti del consumo di cibi addizionati di fitosteroli, sia nel caso di cibi tradizionali che di cibi a ridotto contenuto di grassi, come pure di cibi che solitamente non contengono questi prodotti, come ad esempio le carni. I risultati sono incoraggianti, in quanto non sono stati osservati apprezzabili effetti collaterali a fronte di una riduzione della colesterolemia. Tuttavia mancano ancora dati di sicurezza nel caso di assunzioni croniche (Onge at al., 2003). La loro efficacia pare sia dovuta al fatto che, al contrario del colesterolo, i fitosteroli non vengono assorbiti a livello intestinale per cui, vista la forte somiglianza strutturale, si trovano a competere con questultimo per i siti di assorbimento, di fatto bloccandoli.

2. Piante medicinali
Molte sono le droghe vegetali impiegate tradizionalmente in questa condizione, ma solo alcune di esse sono state testate in studi clinici. Tra queste la pi studiata Allium sativum, laglio. una monocotiledone perenne della famiglia delle Liliaceae di 30-80 cm di altezza, con caule cavo da cui si dipartono 6-12 foglie parallelinervie e al cui apice porta unombrella sferica di fiori bianco-rossastri con perigonio di 6 pezzi. La droga il bulbo, formato da una decina di bulbilli rivestiti da brattee involucrali bianco-rossicce. I principi attivi sono una miscela di composti solforati, che conferiscono il tipico odore, derivanti da un precursore inodore, lalliina. Uno studio ha evidenziato che, oltre a ridurre i livelli di colesterolo e trigliceridi ematici, pu inibire lo sviluppo di processi aterosclerotici (Orekov at al., 1997), soprattutto quelli dovuti allavanzare dellet (Koscielny at al., 1999) Altro effetto desiderabile la diminuzione del rapporto colesterolo LDL/HDL. La commissione E tedesca lo raccomanda nelle iperlipidemie. stato notato in una metanalisi di studi clinici che il trattamento con aglio riduce il colesterolo totale in misura maggiore del placebo, ma gli autori concludono che, poich leffetto modesto, limpiego dellaglio nellipercolesterolemia, specialmente in caso di livelli molto alti, discutibile (Stevinson at al., 2000). In ogni caso, lazione dellaglio sembra dovuta alla sua capacit di inibire alcuni enzimi chiave coinvolti nella biosintesi del colesterolo e degli acidi grassi, in particolare la 3-idrossimetilglutaril CoA reduttasi (HMG-CoA) per il primo e il malicosintasi e acido grasso-sintasi per i secondi. In generale, a parte reazioni allergiche individuali, gli effetti indesiderati sono abbastanza modesti, in alcuni casi pu provocare problemi gastrointestinali e modificare la flora saprofita intestinale, oltre alla ben nota azione sullalito. A causa dei suoi effetti sulla coagulazione va usato con cautela nei soggetti in terapia anticoagulante o antiaggregante piastrinica. Pu essere usata la droga fresca come tale (secondo la Commissione E circa 4 g/die), comunque in commercio se ne trovano svariate formulazioni.

Cynara scolymus
UnAsteracea tradizionalmente impiegata nelle dislipidemie il carciofo, Cynara scolymus, pianta erbacea perenne, con grandi foglie lobate e grossi capolini di soli fiori tubulosi blu-violetti inseriti su un ricettacolo carnoso e circondati da brattee carnose che possono terminare in una spina. Mentre linfiorescenza immatura costituisce la parte edibile, la droga costituita
Copyright2010TecnicheNuoveSpA

Piante medicinali con funzionalit respiratoria, digestiva ed epatica - Antiossidanti Dispensa corso di aggiornamento professionale

dalle foglie. I principali principi attivi sembrano essere dei derivati caffeoilchinici, fra cui la cinarina. I meccanismi dazione ipocolesterolemizzante proposti per i preparati a base di carciofo sono molteplici, fra cui ancora linibizione dellenzima HMG-CoA reduttasi e unaumentata escrezione del colesterolo secondaria alla sua azione colagoga. La reale efficacia tuttavia ancora controversa. In un recentissimo studio (Kucukgergin at al., 2010) aprono a un possibile impiego ipolipidemizzante, sia nei confronti del colesterolo che dei trigliceridi, grazie a un possibile effetto antiossidante dei suoi costituenti. In commercio si trovano numerosi preparati a base di carciofo, e fra questi sono da preferire quelli standardizzati aventi elevati valori di acidi caffeoilchinici (la F.U. X prevede un titolo fra il 13% e il 18% espresso come acido clorogenico). Un altro fattore da tenere in considerazione che non chiaro se la cinarina sia un costituente presente nella pianta del carciofo o se invece si formi durante il processo di estrazione. In questultimo caso sarebbe ovviamente importante laspetto preparativo del fitoterapico. stato infatti osservato che lestrazione acquosa incrementa i livelli di cinarina in seguito alla sua formazione per intra-esterificazione dellacido 1,3dicaffeoilchinico. Al contrario, lestrazione con alcool non permette la sua formazione. Importante anche la temperatura di estrazione: 2 ore con acqua a 60C non portano a formazione significativa di cinarina, al contrario della stessa estrazione a 100C (Fritsche at al., 2002). In uno studio clinico controllato effettuato in Germania su 143 pazienti dislipidemici, la somministrazione orale di 1800 mg di un estratto secco di carciofo titolato al 15% in acido clorogenico, sono state osservate delle riduzioni significative dei valori ematici di colesterolo nei pazienti trattati con il fitoterapico rispetto a quelli che avevano ricevuto il placebo (Englisch at al., 2000). Risultati analoghi si avevano dalla metanalisi condotta da Pittler at al. (2002). In tutti gli studi effettuati, a parte il sapore amaro piuttosto sgradevole, non venivano riportati effetti indesiderati degni di nota. Lunica avvertenza la cautela nel caso di soggetti portatori di calcoli biliari a causa delleffetto coleretico/colagogo della droga.

Trigonella foenum graecum


Molto promettente sembrerebbe essere il fieno greco, Trigonella foenum graecum (Fabaceae). questa unerba annuale alta circa mezzo metro, con foglie trifogliate lungamente picciolate e fiori gialli. I semi, che ne costituiscono la droga, sono di odore sgradevole, appiattiti, racchiusi in un legume. Sono ricchi in proteine, mucillagini e saponine. Proprio queste due ultime classi di composti sembrano le responsabili dellattivit ipolipidemica. In seguito a trattamento a caldo con acqua, le mucillagini vengono facilmente estratte e, dopo somministrazione orale, potrebbero formare una specie di barriera che va a rivestire il tratto intestinale, limitando meccanicamente lassorbimento dei nutrienti, colesterolo e grassi compresi. Le saponine rinforzerebbero lefficacia della droga aumentando lescrezione degli acidi biliari, andando cos a intaccare le riserve epatiche di colesterolo (da cui gli acidi biliari vengono sintetizzati). In cinque studi clinici, anche se condotti con metodi non completamente soddisfacenti, sono state osservate riduzioni del colesterolo ematico del 15-40% sui 140 pazienti coinvolti. Al contrario, luso di parti diverse dalla droga quali le foglie, non ha dato risultati apprezzabili. In generale non sono stati notati effetti collaterali gravi, solo problemi gastrointestinali che non hanno richiesto la sospensione del trattamento. In alcuni soggetti si assistito a una riduzione del potassio ematico (Thompson Coon at al., 2003). Tuttavia, le mucillagini potrebbero alterare lassorbimento di altri farmaci, che pertanto andrebbero assunti a distanza di alcune ore. A causa di effetti sulla glicemia, sarebbe opportuno che i diabetici non utilizzassero i preparati a base di fieno greco. Per leffetto sul potassio occorre prestare attenzione in caso di assunzione di diuretici e di mineralcorticoidi. In commercio possibile reperire lestratto secco e altre preparazioni pronte per lassunzione.

Commiphora mukul
Unaltra specie studiata nelle iperlipidemie Commiphora mukul (Burseraceae), da cui si ricava unoleoresina nota col nome di gomma guggul. un piccolo albero spinoso originario dellIndia con foglie composte, piccoli fiori rossastri e drupe rosse. Loleoresina si ricava da incisioni
Copyright2010TecnicheNuoveSpA

Piante medicinali con funzionalit respiratoria, digestiva ed epatica - Antiossidanti Dispensa corso di aggiornamento professionale

effettuate sulla corteccia. Attraverso vari passaggi questa viene frazionata fino a ottenere il guggulipide, una miscela di varie sostanze, principalmente di natura steroidea. Fino al 2003 sono stati riportati studi, anche se non impeccabili dal punto di vista clinico, che ne indicavano lefficacia nel ridurre i trigliceridi, il colesterolo totale e quello LDL e nellinnalzare quello HDL. Nel 2003 fu invece pubblicato un lavoro che contraddiceva questi risultati, riportando addirittura un effetto contrario (Szapary at al., 2003). Per questo motivo, allo stato attuale delle ricerche, non ci sono sufficienti evidenze scientifiche per lutilizzo del guggul in ambito fitoterapico. A ci va aggiunto il fatto che sono stati evidenziati notevoli effetti indesiderati, che vanno da problemi gastrici o allergici ad altri molto pi seri, quali quelli sul SNC, endocrini, ematici e genito-urinari (Ulbricht at al., 2005).

Riso rosso fermentato


Un prodotto particolarmente interessante il cosiddetto riso rosso fermentato. Questo viene preparato facendo crescere sul riso cotto (Oryza sativa, Poaceae) un fungo (Monascus purpureus). Questo fungo impiegato tradizionalmente in Cina per produrre il vino di riso. Il riso rosso fermentato contiene una classe di sostanze dette monacoline. Una di queste, la monacolina K, ha struttura perfettamente identica a quella della lovastatina, una statina impiegata per il controllo della colesterolemia. Pertanto lazione farmacologica si ha a livello dellinibizione dellenzima HMG-CoA reduttasi, e pertanto particolarmente efficace nei casi in cui si abbia iperproduzione di colesterolo endogeno. Lefficacia del riso rosso fermentato per superiore a quella teorica che ci potremmo aspettare da un contenuto analogo di statina, per cui ipotizzabile la presenza di altre sostanze attive o che, quanto meno, potenziano lazione della monacolina. Anche alcuni test clinici, come prevedibile, hanno dimostrato lefficacia di questo prodotto sulla colesterolemia: su quasi 700 pazienti stata osservata una riduzione statisticamente significativa, variabile dal 16 al 31% rispetto al placebo (Thompson Coon et al., 2003). Altri studi clinici, condotti sia su estratti di riso rosso da solo o in associazione con altre sostanze, hanno confermato lefficacia di queste preparazioni (Stefanutti et al., 2009; Sumioka et al., 2006; Wang et al., 1997; Cicero et al., 2005) Nelluso occorre per tenere conto di vari fattori, primo fra i quali, vista leffettiva presenza di una statina nel riso rosso, quello di non associare tale prodotto a una eventuale concomitante terapia con statine per evitare sovradosaggi. Inoltre, vista linterferenza fra lovastatina e warfarin, bene evitare il riso rosso fermentato in pazienti in trattamento con anticoagulanti cumarinici orali. Fra le complicanze delluso degli inibitori dellHMG-CoA reduttasi si ha la rabdomiolisi. stato descritto linsorgere di questo problema anche in un paziente trapiantato di rene che assumeva riso rosso e che si supposto sia stato causato dallinterazione delle monacoline con il farmaco antirigetto ciclosporina (Prasad at al., 2002). Comunque, linsorgenza dello stesso problema anche in soggetti non trapiantati, lascia presupporre anche un meccanismo diverso (Smith at al., 2003; Mueller, 2006).

Omega-3
Altri principi attivi utili per contrastare le iperlipidemie sono i cosiddetti acidi omega-3, ovvero degli acidi grassi poli-insaturi essenziali (necessari cio allorganismo, ma che questo non sa sintetizzare e che pertanto deve assumere con la dieta). Il loro nome deriva dal fatto che tutti hanno nella posizione 3 (rispetto al metile terminale della catena, cio in posizione omega) un doppio legame. Gli omega-3 pi importanti sono lacido eicosapentaenoico (EPA), che ha nella sua molecola a 20 atomi di carbonio 5 doppi legami tutti con stereochimica cis, e lacido docosaesaenoico (DHA), un acido con 22 atomi di carbonio e 6 doppi legami cis. Essendo liquidi e trovandosi in abbondanza nel pesce, soprattutto in quello azzurro (tonno, sardine, sgombri, ecc.) sono anche conosciuti come olio di pesce. Luso ha evidenziato un effetto positivo sulle
Copyright2010TecnicheNuoveSpA

Piante medicinali con funzionalit respiratoria, digestiva ed epatica - Antiossidanti Dispensa corso di aggiornamento professionale

concentrazioni ematiche di colesterolo e, soprattutto, di trigliceridi. Buoni risultati si sono ottenuti anche in associazione con statine (Bays at al., 2010). Sfortunatamente, nelle piante questi acidi grassi non sono molto rappresentati, si trovano in genere gli omologhi inferiori, molto meno attivi, quali lacido alfa-linolenico (ALA), un acido grasso omega-3 a 18 atomi di carbonio con tre doppi legami cis. Infatti, le piante sono molto pi ricche in acidi grassi omega6, che per hanno altri effetti sulla salute. LALA potrebbe essere convertito nei pi efficaci EPA e DHA, ma purtroppo nelluomo stato osservato che questa conversione molto scarsa (Calder at al., 2009). In ogni caso, anche se con effetti pi modesti rispetto allolio di pesce, anche il consumo di oli vegetali contenenti acidi grassi poli-insaturi della serie 3 (es. olio di lino e di noci) ha mostrato effetti benefici su questo tipo di condizione (Pan at al., 2009; Zibaeenezhad at al., 2003).

Flavonoidi degli agrumi


Anche i flavonoidi degli agrumi hanno mostrato di avere possibilit di impiego nelle iperlipidemie. In uno studio clinico un elevato consumo di succo di arancia (Citrus aurantium, Rutaceae), non inferiore a 750 ml al giorno, ha ridotto il rapporto fra colesterolo LDL e HDL, in quanto ha innalzato il livelli di colesterolo buono. importante sottolineare che lassunzione deve raggiungere questi livelli minimi in quanto a 250 e 500 ml/d i risultati non erano significativi (Korowska at al., 2000). Un risultato analogo si avuto con il succo di pompelmo rosso (Citrus paradisi), ma questa volta lazione era pi rivolta alla diminuzione della concentrazione ematica di trigliceridi (Gorinstein at al., 2006). Visti per i ben noti effetti inibenti del succo di pompelmo su alcuni isoenzimi del complesso citocromo P450 responsabili del metabolismo di molti farmaci (Dahan at al., 2004), bene valutare attentamente lassunzione del succo in concomitanza con terapie farmacologiche per altre patologie o anche per questa stessa condizione: le statine infatti rientrano fra i farmaci metabolizzati da questi isoenzimi, per cui ne aumenta lemivita e si ha un possibile rischio di iperdosaggio e/o accumulo (Ando at al., 2005). Si potrebbe eventualmente valutare una riduzione del dosaggio della statina in associazione con il succo di pompelmo. Fra i flavonoidi degli agrumi, uno dei pi comuni, la naringenina, ha mostrato propriet ipolipidemiche negli animali da esperimento (Mulvihill at al., 2010).

Acido nicotinico
Unaltra sostanza naturale utile nelle dislipidemie lacido nicotinico, conosciuto anche come niacina o vitamina B3 (a volte viene anche detta vitamina PP, da pellagra-preventing). Si trova anche in forma ammidica (nicotinammide). Le principali fonti sono la pula (involucro) dei cereali, il lievito di birra, le verdure a foglia, molti legumi e i pomodori. Nei vegetali si trova pi frequentemente sotto forma di ammide, mentre negli alimenti di origine animale come acido. una vitamina idrosolubile e, come le altre del complesso B, ha fra le varie funzioni quella di aiutare lorganismo nel metabolismo dei grassi. In forma non ammidica, usato sin dagli anni 50 per abbassare i livelli ematici del colesterolo cattivo (LDL) e dei trigliceridi. In uno studio clinico si osservata la riduzione del 24% del colesterolo totale, del 34% di quello LDL e del 45% dei trigliceridi (Garg at al., 1990).

Curcuma (C. longa, C. domestica, C. xanthorrhizae) Da varie specie di Curcuma (C. longa, C. domestica, C. xanthorrhizae), si ottengono estratti ricchi in composti polifenolici denominati curcuminoidi, dei quali la curcumina il principale e il pi promettente. Questi composti sono studiati prevalentemente per le loro caratteristiche antiossidanti e i conseguenti effetti benefici su svariate patologie. Questi effetti sembrerebbero rivelarsi utili anche nel caso delle iperlipidemie. stato infatti osservato che gli estratti di curcuma inibiscono lossidazione delle LDL e hanno effetti
Copyright2010TecnicheNuoveSpA

Piante medicinali con funzionalit respiratoria, digestiva ed epatica - Antiossidanti Dispensa corso di aggiornamento professionale

ipocolesterolemici sui conigli (Tortosa at al., 1999). Anche la stessa curcumina ha effetto ipolipidemico sul ratto (Babu at al., 1997; Arafa, 2005). Sulluomo stato condotto uno studio clinico, anche se su un numero limitato di soggetti, che sembrerebbe confermare la possibilit di utilizzo della curcumina nella patologia, anche se stata osservata una curiosa dipendenza dalla dose impiegata: per bassi dosaggi di curcumina si ottenevano riduzioni della lipidemia che diventavano per sempre minori con laumentare della dose. Nel caso dei trigliceridi, addirittura, alle dosi pi alte si aveva un incremento dei livelli, anche se non in maniera statisticamente significativa rispetto al placebo (Alwi at al., 2008). Pertanto, allo stato attuale delle conoscenze, sarebbe forse utile attendere nuovi studi clinici che confermino la supposta utilit della curcuma in questo ambito.

Dioscorea
Si tratta di un genere di piante erbacee perenni appartenente alla famiglia delle Dioscoreaceae, diffuso prevalentemente ai tropici e dotate di grossi tuberi ricchi in amido, conosciuti come ignami, consumati dalle popolazioni locali. Il genere noto soprattutto per lelevata concentrazione di saponine steroidiche, fra cui la pi rappresentata la diosgenina, che costituiscono un ottimo materiale di partenza per la semisintesi di steroidi. Recentemente stato notato che il rizoma polverizzato riduceva lo stress ossidativo e laterosclerosi nei conigli iperlipidemici in quanto capace di abbassare i livelli ematici di colesterolo e trigliceridi (Chang at al., 2005). Le propriet benefiche sono state attribuite alle sapogenine e, in particolare, alla diosgenina. Infatti, si visto che la somministrazione di queste sostanze agli animali da esperimento permetteva una maggiore escrezione fecale dei lipidi (Jeon at al., 2006) e una riduzione dellassorbimento intestinale del colesterolo oltre che a una ridistribuzione delle lipoproteine con incremento delle HDL e riduzione delle LDL (Cayen at al., 1979). Il fatto che la diosgenina sia la pi attiva fra le sapogenine di Dioscorea stato dimostrato confrontando leffetto ipolipidemico del composto puro rispetto allestratto totale delle sapogenine (Ma at al., 2002). Purtroppo mancano studi clinici sulluomo che possano confermare la possibilit di utilizzazione della Dioscorea come droga ipolipidemica.

Melatonina
Una sostanza su cui stata posta lattenzione, comunemente venduta in erboristeria come integratore alimentare, la melatonina. un ormone prodotto dalla ghiandola pineale con un ritmo circadiano e che ha quale scopo fisiologico principale quello di regolare il ciclo sonnoveglia. Fino a non molto tempo fa si pensava fosse distribuita nel solo regno animale, ma in seguito stata identificata anche in un certo numero di piante, anche alimentari, quali sedano, ciliegie, frutti di finocchio e semi di girasole (Hattori at al., 1995; Reiter e Tan, 2002). stato notato che in seguito al consumo di piante contenenti melatonina, i livelli di questa sostanza aumentano nel sangue, per cui risulta facilmente biodisponibile. Sono stati notati dei legami molto stretti fra melatonina e sistema cardiovascolare: esistono dei recettori melatoninergici che hanno azione sia vasodilatatrice che vasocostrittrice, inoltre si notato che i soggetti con problemi coronarici hanno livelli pi bassi di questo ormone. Infine, stato osservato che le persone con elevati valori di colesterolo LDL presentano basse concentrazioni di melatonina. Alcuni studi hanno permesso di chiarire che la melatonina riduce del 38% la formazione di colesterolo e del 42% laccumulo di quello LDL (Sewerynek, 2002). Uno studio clinico ha per evidenziato una risposta non molto uniforme da parte dei pazienti (Rindone e Achacoso, 1997). Se ulteriori studi permetteranno di chiarire meglio questa situazione, la melatonina potrebbe rappresentare unottima molecola, soprattutto in virt della sua bassissima tossicit.

Antiossidanti
utile evidenziare una categoria di sostanze che svolgono unimportante e sempre pi promettente funzione nella prevenzione e nel miglioramento delle condizioni di salute: gli antiossidanti. Queste sostanze sono molto studiate in questi anni, in quanto sembrano essere
Copyright2010TecnicheNuoveSpA

Piante medicinali con funzionalit respiratoria, digestiva ed epatica - Antiossidanti Dispensa corso di aggiornamento professionale

particolarmente efficaci nelle malattie degenerative che, con laumento dellaspettativa di vita, stanno diventando un problema sempre pi sentito. Con il termine antiossidante si definisce una molecola in grado di rallentare o prevenire lossidazione di altre molecole, e quindi anche di substrati biologici presenti nei vari distretti dellorganismo, prevenendo cos molte malattie. A questo proposito in letteratura sono rintracciabili molte reviews riguardanti le svariate applicazioni, fra cui cancro, Alzheimer, invecchiamento, infiammazioni, diabete, Parkinson e aterosclerosi (Moon e Shibamoto, 2009). Poich lossidazione delle LDL uno dei passaggi necessari per la formazione delle placche aterosclerotiche, lintroduzione di antiossidanti pu prevenire e, in parte, far regredire il rischio associato di danni cardiovascolari. Fra gli antiossidanti naturali pi comuni troviamo molte vitamine quali la A, C ed E, i carotenoidi, i composti polifenolici come i flavonoidi, lacido caffeico e i suoi derivati. Questi composti sono abbastanza ubiquitari nel mondo vegetale, anche se alcune piante ne contengono quantitativi maggiori (es. piante aromatiche usate come spezie, verdure a foglia larga, foglie e frutti colorati). In questo modo si chiude il cerchio e si torna al concetto espresso nellintroduzione secondo il quale, soprattutto nellambito della prevenzione e del trattamento delle dislipidemie moderate, gli accorgimenti dietetici sono il primo passo da mettere in atto. Solo in seguito si pu pensare di passare a unintegrazione con droghe vegetali pi mirate e, in casi pi gravi, ad una terapia farmacologica secondo la medicina ufficiale, integrata o meno da terapie naturali, a discrezione del medico, che comunque dovrebbe essere sempre informato di eventuali autoprescrizioni di fitoterapici da parte del paziente.

Copyright2010TecnicheNuoveSpA

Piante medicinali con funzionalit respiratoria, digestiva ed epatica - Antiossidanti Dispensa corso di aggiornamento professionale

10

3. Allium sativum L.
Famiglia: Liliaceae Nome comune: aglio Parte utilizzata: bulbo Costituenti principali: miscela di composti solforati derivanti dal precursore alliina.

Propriet Inibizione degli enzimi 3-idrossimetilglutaril CoA reduttasi, HMG-CoA (colesterolo) e della malico-sintasi e acido grasso-sintasi (trigliceridi).

Studi clinici 1. Orekov AN, Grunwald J, 1997, Nutrition 13, 565-663; 2. Koscielny J, Klussendorf D, Latza R, Schmitt R, Radtke H, Siegel G, Kiesewetter H, 1999, Atherosclerosis 144, 237-249. Indicazioni principali Ipercolesterolemia e ipertrigliceridemia. Dosaggio e preparazioni Droga fresca, 4 grammi al giorno (secondo Commissione E tedesca) oppure Aglio secco in polvere (600-1000 mg/giorno) Precauzioni alluso Evitare luso in soggetti allergici. La somministrazione cronica nel ratto provoca inibizione della spermatogenesi. Gravidanza e allattamento Preferibile evitare dosaggi elevati. Controindicazioni Concomitante terapia anticoagulante o antipiastrinica, epatopatie. Reazioni avverse Alcuni casi di dermatiti da contatto e fenomeni asmatici; possibili fenomeni crociati con pollini allergenici; possibilit di alterazione della flora batterica intestinale; odore sgradevole di alito e sudore.

Copyright2010TecnicheNuoveSpA

Piante medicinali con funzionalit respiratoria, digestiva ed epatica - Antiossidanti Dispensa corso di aggiornamento professionale

11

4. Oryza sativa e Monascus purpureus


Famiglia: Poaceae + Elaphomycetaceae Nome comune: riso rosso fermentato Parte utilizzata: cariossidi bollite e fatte fermentare in presenza del fungo Costituenti principali: Monacolina K

Propriet Potente antiipercolesterolemico (struttura analoga alle statine) Studi clinici 1. Thompson Coon J, Ernst E, 2003, J. Fam. Pract. 52, 468-478; 2. Stefanutti C, Mazza F, Vivenzio A, Di Giacomo S, Perrone G, Serra M, Bucci A, 2009, Lipids 44, 1141-1148; 3. Sumioka I, Hayama M, Shimokawa Y, Shiraishi S, Tokunaga A, 2006, Hiroshima J. Med. Sci. 55, 59-64; 4. Wang J, Lu Z, Chi J, Wang W, Su M, Kou W, Yu P, Yu L, Chen L, Zhu JS, Chang J, 1997, Curr. Ther. Res. 58, 964-978; 5. Cicero AF, Brancaleoni M, Laghi L, Donati F, Mino M, 2005, Complement. Ther. Med. 13, 273-278 Indicazioni principali Ipercolesterolemia, particolarmente il tipo dovuta a fattori endogeni. Dosaggio e preparazioni Variabile, necessario stabilire il titolo in monacoline. In commercio esistono preparazioni titolate allo 0.4% di monacolina K. Precauzioni alluso Pu potenziare leffetto delle statine di sintesi se assunto contemporaneamente; teoricamente le stesse indicate per la lovastatina (es. problemi renali, malattie epatiche, debolezza muscolare, ipotensione). Gravidanza e allattamento Uso sconsigliato. Controindicazioni Oltre alluso durante terapie con statine, bene evitare anche la contemporaneit con barbiturici, carbamazepina, fenitoina e altri farmaci induttori dellisoenzima CYP3A4, erba di San Giovanni (iperico) compresa. Inoltre anticoagulanti cumarinici e ciclosporina. Reazioni avverse Rabdomiolisi, bruciore gastrico, vertigini.

Copyright2010TecnicheNuoveSpA

Piante medicinali con funzionalit respiratoria, digestiva ed epatica - Antiossidanti Dispensa corso di aggiornamento professionale

12

5. Bibliografia
1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9. 10. 11. 12. 13. 14. 15. 16. 17. 18. 19. 20. 21. 22. 23. 24. 25. 26. 27. 28. 29. 30. 31. 32. 33. 34. 35. 36. 37. 38. 39. 40. 41. 42. 43. Alwi I, Santoso T, Suyono S, Sutrisna B, Suyatna FD, Kresno SB, Ernie S, 2008, Acta Med. Indones. 40, 201-210. Ando H, Tsuruoka S, Yanigihara H, Sugimoto K, Miyata M, Yamazoe Y, Takamura T, Kaneko S, Fujimura A, 2005, Brit. J. Clin. Pharmacol. 60, 494-497. Arafa HMM, 2005, Med. Sci. Monit. 11, 228-234. Babu PS, Srinivasan K, 1997, Mol. Cell. Biochem. 166, 169-175. Bays HE, Maki KC, McKenney J, Snipes R, Meadowcroft A, Schroyer R, Doyle RT, Stein E, 2010, Curr. Med. Res. Opin. 26, 907-915. Becker M, Staab D, von Bergmann K, 1993, J. Pediatr. 122, 292-296. Calder PC, Yaqoob P, 2009, Postgrad. Med. 121, 148-157. Cayen M, Dvornik D, 1979, J. Lipid Res. 20, 162-174. Chang WC, Yu, YM, Wu CH, Tseng YH, Wu KY, 2005, Can. J. Physiol. Pharmacol. 83, 423-430. Cicero AF, Brancaleoni M, Laghi L, Donati F, Mino M, 2005, Complement. Ther. Med. 13, 273-278 Dahan A, Altman H, 2004, Eur. J. Clin. Nutr. 58, 1-9. Englisch W, Beckers C, Unkauf M, Ruepp M, Zinserling V, 2000, Arzneimittelforsch. 50, 260-265. Fritsche J, Beindorff CM, Dachtler M, Zhang H, Lammers JG, 2002, Eur. Food Res. Technol. 215, 149-157. Garg A, Grundy SM, 1990, JAMA 264, 723-726. Gorinstein S, Caspi, A, Libman, I, Lerner HT, Huang D, Leontowicz H, Leontowicz M, Tashma Z, Katrich E, Feng S, Trakhtenberg S, 2006, J. Agric. Food Chem. 54, 1887-1892. Gylling H, Miettinen TA, 1994, Diabetologia 37, 773-780. Hattori A, Migitaka H, Ilgo M, Itoh M, Yamamoto K, Ohtani-Kaneko R, Hara M, Suzuki T, Reiter RJ, 1995, Biochem. Mol. Biol. Int. 35, 627-634. Jeon JR, Lee JS, Lee CH, Kim JY, Kim SD, Nam DH, 2006, Arch. Pharm. Res. 29, 348-353. Koscielny J, Klussendorf D, Latza R, Schmitt R, Radtke H, Siegel G, Kiesewetter H, 1999, Atherosclerosis 144, 237-249. Kucukgergin C, Aydin AF, Ozdemirler G, Mehmetcik G, Uysal M, 2010, Biol. Trace Elem. Res. 135, 264-274. Kurowska EM, Spence JD, Jordan J, Wetmore S, Freeman DJ, PIch LA, Serratore P, 2000, Am. J. Clin. Nutr. 72, 1095-1100. Ma HY, Zhao ZT, Wang LJ, Wang Y, Zhou QL, Wang BX, 2002, Zhonhguo Zhong Yao Za Zhi 27, 528-531. Miettinen TA, Vanhanen HT, 1994, Atherosclerosis 105, 217-226. Moon JK, Shibamoto T, 2009, J. Agric. Food Chem. 57, 1655-1666. Moreau RA, Whitaker BD, Hicks KB, 2002, Prog. Lipid Res. 41, 457-500. Mueller PS, 2006, Ann. Intern. Med. 145, 474-475. Mulvihill EE, Assini JM, Sutherland BG, DiMattia AS, Khami M, Koppes JB, Sawyez CG, Whitman SC, Huff MW, 2010, Arterioscl. Thromb. Vasc. Biol. 30, 742-748. Onge MPS, Jones PJH, 2003, Lipids 38, 367-375. Orekov AN, Grunwald J, 1997, Nutrition 13, 565-663. Pan A, Yu D, Demark-Wahnefried W, Franco OH, Lin X, 2009, Am. J. Clin. Nutr. 90, 288-297. Pittler MH, Thompson Coon J, Ernst E, 2002, Cochrane Database Syst. Rev., CD003335. Prasad GVR, Wong T, Meliton G, Bhaloo S, 2002, Clin. Transpl. 74, 1200-1201. Reiter RJ, Tan DX, 2002, Ann. N. Y. Acad. Sci. 957, 34-344. Rindone JP, Achacoso R, 1997, Am. J. Therap. 4, 409-412. Sewerynek E, 2002, Neuroendocrinol. Lett. 23, 79-83. Smith DJ, Olive KE, 2003, South Med. J. 96, 1265-1267. Stevinson C, Pittler MH, Ernst E, 2000, Ann. Intern. Med. 133, 420-429. Szapary PO, Wolfe ML, Bloedon LT, Cucchiara AJ, Der-Maderosian AH, Cirigliano MD, 2003, JAMA 290, 765-772. Thompson Coon J, Ernst E, 2003, J. Fam. Pract. 52, 468-478. Tortosa MCR, Mesa MD, Aguilera MC, Quiles JL, Bar L, Tortosa CL, Victoria E, Gil A, 1999, Atherosclerosis 147, 371-378. Ulbricht C, Basch E, Szapary P, Hammerness P, Axentsev S, Boon H, Kroll D, Garraway L, Vora M, Woods J, 2005, Compl. Ther. Med. 13, 279-290. Wang J, Lu Z, Chi J, Wang W, Su M, Kou W, Yu P, Yu L, Chen L, Zhu JS, Chang J, 1997, Curr. Ther. Res. 58, 964-978. Zibaeenezhad MJ, Rezaiezadeh M, Mowla A, Ayatollahi SM, Panjehshahin MR, 2003, Angiology 54, 411-414.

Foto tratte da:Dizionario di fitoterapia e piante medicinali di E. Campanini, Tecniche Nuove Copyright2010TecnicheNuoveSpA