You are on page 1of 2

http://www.losai.eu/il-cancro-si-curerebbe-con-il-bicarbonato-un-problema-per-le-casefarmaceutiche/ Il cancro si curerebbe con il bicarbonato, un problema per le case farmaceutiche by Daniele Di Luciano 5 Comments 06.

nov 2012 - Di David PascucciUna buona notizia per tutti noi e una cattiva notizia per la case farmaceutiche. Il Dr. Mark Pagel della University of Arizona Cancer Center, ricever 2 milioni di dollari dal National Institutes of Health per studiare lefficacia della terapia personalizzata con bicarbonato di sodio per il trattamento del cancro al seno. Ecco il comunicato sul quale scritto :Il fondo da 2 milioni di dollari servir a migliorare la misurazione sullefficacia del bere bicarbonato di sodio nel curare il cancro al seno. E stato provato che bere bicarbonato di sodio riduce o elimina il diffondersi del cancro nel seno, nei polmoni, cervello ed ossa. In realt, il bicarbonato di sodio gi utilizzato per la cura di malattie come linfluenza e il raffreddore; se assunto per via orale e transdermica, ecco che il bicarbonato potrebbe diventare una prima cura per il trattamento del cancro, malattie renali, diabete. La notizia non priva di fondamento scientifico, anzi, provata in questo documento della NCBI (National Center of Biotechnology Information) In sostanza, il bicarbonato agirebbe sul grado di acidit del nostro sangue. Il pH del nostro sangue e dei nostri fluidi corporei, non rappresenta altro che il nostro stato di salute e il bicarbonato agirebbe come vero e proprio regolatore del pH influendo direttamente sul livello acido-alcalino alla base della salute umana. La scala del pH come un termometro del nostro stato di salute, a tal punto che valori al di sopra o al di sotto di 7,35-7,45 possono segnalare sintomi di malattie o patologie gravi. Difatti, quando il corpo non riesce pi a neutralizzare gli acidi, essi vengono trasferiti nei fluidi extracellulari e nel tessuto connettivo recando danni allintegrit cellulare. Facciamo un esempio: laumento di acidit di un lago colpito dalle piogge acide si tradurr in una maggiore solubilit di elementi come lalluminio e in una proliferazione di alghe. Questi due elementi concorrono ad elevare il tasso di mortalit di quel lago. Per riportare il lago in vita occorre alcalinizzare lacqua ripristinando il pH. Poich il cancro si sviluppa e vive in un ambiente acido, riuscire a ripristinare il pH naturale pu aiutare la distruzione delle cellule cancerose o almeno ritardarne la diffusione. E per questo che gi alcuni anni fa furono iniziati alcuni studi sullutilizzo degli antiacidi associati ai farmaci chemioterapici. Una ricerca pubblicata nel Marzo 2009 dalla US National Library of Medicine dimostr che su alcuni topi da laboratorio il bicarbonato era in grado di rallentare la diffusione delle metastasi. Il Dr. Pagel i suoi colleghi utilizzeranno una speciale risonanza magnetica per misurare il pH di un particolare tumore e verificare lefficacia del bicarbonato sulla massa in oggetto. Infatti con questa nuova macchina, il team dellUniversit dellArizona potr studiare i pazienti prima e dopo la somministrazione del bicarbonato per tentare di sviluppare un approccio personalizzato per ogni paziente. Ovviamente un grado di pH del nostro corpo intorno ai valori 7,35-7,45 garantisce un giusto equilibrio fisico rendendoci pi resistenti alle malattie. Questo significa che possiamo praticare la cosiddetta cura del pH avendo uno stile di vita sano ed alimentandoci nel modo giusto. Sicuramente, invece, per avere risultati nellambito delle cure per il cancro dovremo aspettare che le sperimentazioni siano portate a termine, cosa che procede a rilento a causa della mancanza di fondi soprattutto da parte delle case farmaceutiche. In questultimo caso infatti la domanda dobbligo: quali sarebbero le ripercussioni per le case farmaceutiche? Sicuramente ne risentirebbero negativamente in quanto diminuirebbero domanda e consumi per medicinali chemioterapici, per la cura del cancro in genere, per la cura delle malattie come diabete e malattie pi comuni come influenza e raffreddore. Un bel problema per le case farmaceutiche, un problema risolto per la nostra salute e per il nostro benessere.

5 Comments 16:03, 09.nov 2012 Alessandra Il prof. Tullio Simoncini, molto famoso allestero e non in Italia, sono ventanni che cura il cancro con il bicarbonato di sodio. Secondo i suoi studi la causa principale dovuta al proliferare di un fungo: la candida albicans, la quale ha il potere di acidificare il pH del sangue e far proliferare cellule tumorali (anaerobie, che vivono quindi in assenza di ossigeno). Per maggiori info guardate il sito http://www.curenaturalicancro.org/ ?reply comment 14:48, 30.nov 2012 Luca ma anche il metodo Di Bella non si basava su una cosa simile? ?reply comment 14:07, 25.ago 2013 tommaso Tutto fumo e niente arrosto. Non credo che nel reparto oncologico ti perquisiscano per vedere se porti bicarbonato al tuo caro che soffre di cancro. Larticolo d per scontato che la medicina vive solo con i soldi della cura contro il cancro. a parte che alcuni farmaci vengono dati gratis: http://www.google.it/url?sa=t&rct=j&q=&esrc=s&source=web&cd=3&ved=0CEIQFjAC&url=http %3A%2F%2Fwww.signoraggio.it%2Fcancro-in-vendita-2-farmaci-a-pagamento-e-contro-lacostituzione%2F&ei=3_IZUr8VzIqzBt_ugJgM&usg=AFQjCNHGErQX8_aqx6bNpfGBArekrR21 Ng&bvm=bv.51156542,d.Yms&cad=rja ma ci sono infiniti problemi medici che richiedono soldi! ?reply comment 19:18, 26.ago 2013 Giovanni Tommaso scusami ma hai detto una gran boiata. vero, la medicina non vive di soli soldi del cancro, sono le case farmaceutiche a farlo! e non solo con tumori, anche con: hiv, epatite, diabete, leucemia ecc le case farmaceutiche vivono della sofferenza altrui. le malattie pi drammatiche sono il loro pane, da esse traggono maggiore profitto e da esse non si separeranno mai! non a caso, da quando esiste la farmacologia centinaia di malattie sono state debellate ma, di controparte, centinaia e centinaia di malanni mai sentiti prima sono apparsi come dal nulla! e non credo che si siano tutte evolute autonomamente. un opinione, ma sai quante case farmaceutiche possiedono i mezzi per generare malattie, volendo? loro vivono su ci, quindi non puoi pensare che cure alla portata di tutti per i pi grandi malanni li lascerebbe indifferenti. come ipotizzare una fonte denergia pulita la cui scoperta non mandi il sangue alla testa ai magnati del petrolio! ?reply comment 17:16, 08.set 2013