ARCH.

BISIGNANO
STRUTTURE IN C.A.

PREMESSA
La casa, un bene per la vita………. Vale di più e dura a lungo se è costruita con materiali affidabili, sicuri, compatibili con l'ambiente ed in grado di assicurare le migliori condizioni di benessere a chi ci vive. Il benessere abitativo, oggi, è un requisito irrinunciabile ed è il risultato di una serie di prestazioni per le quali è fondamentale il ruolo svolto dai materiali.

CARATTERISTICHE GENERALI DELL’OPERA
Le fondazioni saranno del tipo continue, così come indicato per le zone sismiche, a travi rovesce o a platea, saranno costruite con conglomerato cementizio avente classe di resistenza minima C25/30 ed armatura in

acciaio del tipo B450C. Le dimensioni degli elementi strutturali, la quantità, il diametro e la disposizione delle armature saranno funzione delle verifiche sismiche da effettuare secondo le vigenti Norme Tecniche per le Costruzioni 2008 e s.m.i.. Il vespaio di fondazione sarà del tipo areato, realizzato con elementi tipo cupolex di altezza minima 20,00 cm..

La struttura portante sarà in muratura armata. Lo spessore dei maschi murari è funzione delle verifiche sismiche da effettuare secondo le vigenti Norme Tecniche per le Costruzioni 2008 e s.m.i.. Verranno utilizzatti blocchi in laterizio portante

I solai saranno del tipo misto in c.a. e laterizi, realizzati con travetti in calcestruzzo precompresso e blocchi interposti di laterizio con sovrastante caldana in calcestruzzo ed interposta rete d’acciaio elettrosaldata del diametro minimo φ 8/20. Tale soluzione risulta adatta a realizzare solai di bassi spessori ed ampie luci, adatto a piante di qualsiasi forma anche molto sicurezza ed affidabilità. In alternativa il solaio potrà avere struttura portante in legno, realizzato con travetti in lamellare tipo GL24h (BS11), delle dimensione definie dai calcoli statici in funzione della luce del solaio, con sovrastante massetto in calcestruzzo dello spessore minimo di 5,00 cm con interposta rete elettrosaldata del diametro minimo φ 8/20. irregolari, con prestazioni statiche molto ampie, di grande

1

. 2. saranno realizzate con termoblocchi Alveolater . permettendo altresì un ottimo isolamento acustico dai rumori esterni. in tal modo si possono evitare i ponti termici e ridurre i dannosi effetti indotti nelle strutture e nei parametri murari dalle variazioni rapide della temperatura esterna evitando altresì fenomeni di condensa e migliorando il comfort abitativo. posa della listellatura di areazione in legno di abete. Tale soluzione prevede: Ø posa di un perlinato di cm. pianerottoli e balconi verranno realizzati con struttura intermante in c. Soluzione ideale per murature monostrato ad alte prestazioni termiche. Cappotto termico sulla consiste parte nella realizzazione dell’edificio. Ø Ø posa del manto di copertura compresi gli elementi di areazione. garantendo il valore limite di trasmittanza termica imposto dalla normativa. nei modi e nelle quantità disposte dalla D. posa della seconda linea di orditura in Le murature perimetrali. La copertura sarà del tipo isolato e ventilato con manto di copertura in cotto.L.BISIGNANO STRUTTURE IN C.A.ARCH.00 di spessore in legno di abete (nel caso di solaio in c. posa grondaie e pluviali in lamiera preverniciata. posa in continuo del pannello isolante ad alta densità di adeguato spessore (in funzione del valore limite di trasmittanza imposto dalla norma nella specifica zona climatica). Ø listelli di abete. Ø Ø posa del manto impermeabilizzante.a. in grado di soddisfare tutti i requisiti imposti dalla normativa sul risparmio energetico per l’ isolamento termico e acustico. Ø Ø posa della barriera al vapore..a. Le eventuali scale. di cosi un da rivestimento esterna avvolgerlo interamente. Ciclo applicativo del Sistema Cappotto: 2 . studiati ad hoc per ottenere valori di trasmittanza in opera delle murature ampiamente inferiori ai limiti imposti dalle normative in materia di risparmio energetico. A stagionatura avvenuta verranno eseguite tutte le prove di carico e di resistenza. e laterizio non è necessaria la posa del perlinato).

20x25.v. 412/93. di prima scelta in gres porcellanato smaltato.A. Sarà possibile scegliere tra vari tipi di campionatura che faranno sempre parte del capitolato. sarà posato il battiscopa in 3 .Rete di armatura: La rete di armatura in fibra di vetro alcali-resistente ha la funzione di conferire al sistema una adeguata capacità di resistere agli urti e a contenere le tensioni che si vengono ad originare a seguito degli sbalzi termici e dei fenomeni da ritiro. 40x40. da dove saranno immesse nella fogna principale. insieme alla rete d’armatura. al pari della rasatura. 45x45 per tutti gli ambienti interni.BISIGNANO STRUTTURE IN C. . . verranno convogliate nel bacino chiarificatore prefabbricato.R. 43X43. .P.Pannello isolante: La coibentazione viene garantita da pannelli in EPS (polistirene espanso sinterizzato) autoestinguente. Inoltre termineranno al piede in apposito pozzetto sifonato ispezionabile e di qui le acque nere. per tutti i bagni e le cucine saranno posati pavimenti 20x20. . Rivestimenti e pavimenti saranno della o similari. Le pareti divisorie saranno realizzati con mattoni forati Le colonne di scarico e di ventilazione. Lo spessore del pannello viene scelto a seconda delle esigenze di isolamento e comunque in osservanza della legge 10/91 e al D. Le canne fumarie esterne serviranno per lo scarico dei fumi delle caldaie secondo la normativa vigente. L’incollaggio può avvenire mediante l’impiego di un adesivo premiscelato in polvere oppure in alternativa mediante un collante in pasta.ARCH. 30x30.Strato di finitura: La finitura. . (norme UNI 7447/75 serie 303 e successive modifiche) con marchio di qualità (resistente alle alte temperature ed all'aggressività degli acidi). armonia con i In tutti gli ambienti escluse quelli con le pareti rivestite. 25x40.c. dei bagni e delle cucine saranno realizzate con tubazione in p. svolge la funzione protettiva degli strati sottostanti oltre a conferire un aspetto esterno dell’edificio non diverso da quello tradizionale. piastrelle 30x30. In ogni unità saranno posati le seguenti pavimentazioni: piastrelle 20x20 o 17x34 per tutte le balconate. Tutte le colonne di scarico prolungate sopra la copertura.Collante e tasselli: Collante e tasselli hanno la specifica funzione di fissare i pannelli alla muratura.Rasatura: La funzione affidata alla rasatura è quella di proteggere. Il tutto fatto salvo ogni modifica in funzione dell’applicazione delle nuove norme della legge per il disinquinamento. il pannello isolante. termineranno con gli usuali cappellotti di protezione. attraverso pozzetti di raccordo semplici. pavimenti secondo i propri gusti e la forma della posa in opera.

Si precisa. l’approvazione per tutte le categorie di lavoro fin qui descritte e per quanto altro non specificato. in modo da non essere visibili in prospetto. L.). 3. che spetta esclusivamente al Direttore dei Lavori. completi di chiusino apribile in cemento o in ghisa a seconda della posizione degli stessi che indicherà la D. 20 a cm.. La rete fognaria principale verrà realizzata con tubi in P.ARCH.L. Tutte le tubazioni saranno sottotraccia.L.40 dal pavimento. Per lo scarico delle acque della copertura verranno messi in opera pluviali in lamiera preverniciata dello spessore di mm. con uno sviluppo adeguato alle diverse situazioni (come da prescrizioni della D. tutti convogliati in fognatura previo pozzetto sifonato al piede dei pluviali stessi. e impermeabilizzati con doppio strato di guaina in poliestere con resistenza al gelo -10° C con protezione di vernice acrilica. Sommariamente avranno le seguenti caratteristiche sotto specificate. La rete di raccolta dei reflui interna al fabbricato verrà realizzata con tubi in polivinile opportunamente rinfrancate ed avranno un diametro che potrà variare da cm. pavimenti. In alternativa si potranno realizzare canali di gronda in opera con strutture in c.. Tutti i rivestimenti saranno poste in opera su intonaco rustico con idonei collanti per una altezza pari a mt. La produzione di acqua calda sarà assicurata da caldaie murali a camera stagna a gas metano a doppio uso autonome che andranno ad alimentare anche gli opportuni corpi scaldanti collocati nelle varie stanze. infine. Per la raccolta ed il convogliamento delle acque sui vari tetti saranno poste in opera gronde. I pozzetti ai piedi delle colonne delle cucine. scossaline e converse in lamiera preverniciata a fuoco dello spessore di 6/10 mm. igienici sanitari e di produzione di acqua calda saranno del tipo PPrandom diametro 20x3 np codes verde a saldare. A valle di ogni singolo contatore per l'acqua sarà istallata una saracinesca per il sezionamento generale.A. in ogni servizio e cucina sono previste due chiavi di arresto da incasso: una per acqua calda ed una per l'acqua fredda. I pozzetti d'ispezione lungo le fogne e in corrispondenza di ogni verticale saranno del tipo prefabbricato in conglomerato cementizio e di profondità adeguata alla fogna in quel punto. Gli impianti idrici. Tutta la rete idrica delle unità immobiliari saranno dotate di chiave d'arresto.BISIGNANO STRUTTURE IN C. 50. La rete per lo smaltimento delle acque sarà realizzata come indicato nei disegni di progetto allegati e secondo le indicazioni della D.C. pesante opportunamente rinfrancata ed intercalata da pozzetti d'ispezione e scaricherà in apposito collettore indicato dalla direzione Lavori. Essi saranno completi di tutti gli accessori occorrenti per darli perfettamente funzionanti. Le tubazioni di 4 . completate con pozzetti nei punti necessari per l'ispezione. con cappuccio ed una saracinesca al contatore.V. 2. lavatoi e pluviali saranno del tipo prefabbricato di sezione 40x40 o 50x50 a tenuta idraulica.a. ad incasso.

.V. Gli scarichi degli apparecchi igienici saranno realizzati con tubazioni in pvc tipo nicoll ad incollaggio. 5 . pesante opportunamente rinfrancata ed intercalata da pozzetti d'ispezione e scaricherà in apposito collettore indicato dalla direzione Lavori.BISIGNANO STRUTTURE IN C. Salvo altre disposizioni della D. verrà realizzato un locale per l’alloggiamento di un autoclave per il corretto funzionamento dell’impianto di distribuzione acqua potabile. La fognatura principale verrà realizzata con tubi in P.ARCH. Gli apparecchi igienici saranno della o della di colore bianco. I corpi scaldanti sono costituiti da dei pannelli radianti a pavimento. Durante la realizzazione dell’impianto saranno eseguite idonee verifiche sui materiali e sull’installazione al fine di accertarne il corretto funzionamento. infine. Si precisa. Al termine dei lavori verrà rilasciato il certificato di conformità dell’impianto.A. dalle tubazioni per la distribuzione del fluido termovettore e dai pannelli radianti a pavimento. l’approvazione per tutte le categorie di lavoro fin qui descritte e per quanto altro non specificato.c. Sui punti alti verranno installate le valvoline sfiato aria dotate di valvola d’intercettazione. acqua calda e fredda saranno separate e coibentate per evitare eventuali interferenze e dispersioni di calore. inoltre. saranno negli coibentate con guaine in elastomero spessori indicati dalle vigenti normative. L’impianto di riscaldamento sarà del tipo autonomo. L'impianto a pavimento evita l'utilizzo dei radiatori per il riscaldamento. il risparmio energetico raggiunge livelli ancora più alti rispetto ai sistemi di riscaldamento convenzionali e garantisce un livello di comfort nettamente più alto soprattutto se paragonato ai sistemi di riscaldamento ad aria. Il generatore di calore previsto sarà una caldaia a gas del tipo a condensazione. posate sottotraccia a pavimento o a parete. a camera stagna ed a tiraggio forzato che servirà sia per l’impianto di riscaldamento che per la produzione istantanea di acqua calda sanitaria (caldaia esclusa). Ogni alloggio sarà dotato delle seguenti apparecchiature: 1) negli spazi adibiti a cucina n° 1 attacco per lavello completo di scarico. con tubazioni di alta qualità e con alta resistenza sia alla temperatura che alle sollecitazioni meccaniche. costituito da un generatore di calore.L. 2) negli spazi adibiti a w. che spetta esclusivamente al Direttore dei Lavori.C. garantendo una piena libertà per l'arredamento. Tutte le tubazioni. e lavanderia un totale di n° 6 punti acqua e n° 2 punti di scarico.

rettangolari 100x 160 per più di dieci connessioni. all'ingresso di ogni unità dovrà essere montato un quadro di protezione così composto: centralina da incasso completa di otto moduli. nella corte comune.6 volt. fino a dieci connessioni. L’impianto elettrico sarà realizzato con materiale ed apparecchiatura a norma di legge (CEI 64-9).A. Tutte le derivazione saranno effettuate esclusivamente con morsetti passanti. Tutti i conduttori infilati saranno a norma come da tabelle UNEL tipo "1XSUF/3". comunque.3 volte quella della circonferenza che circoscrive i conduttori infilati. La regolazione dell’impianto sarà del tipo climatico e ambientale quindi ogni caldaia sarà dotata di centralina climatica in grado di regolare la temperatura di mandata in funzione della temperatura esterna e di cronotermostato che permette di regolare la temperatura su due livelli nell’arco delle 24 ore. Ogni apparecchio sarà corredato di valvola di intercettazione gas metano conforme alla vigente UNI 7129/92 e successiva integrazioni e modificazioni. All'interno delle unità le derivazioni e le connessioni di alimentazione o di comando. in condutture flessibili murate di diametro tale che la superficie della sezione del tubo sia maggiore oppure uguale a 1. L'impianto.BISIGNANO STRUTTURE IN C. saranno esclusivamente effettuiate tramite morsetti. contrassegnati IMQ ed eseguito in conformità alla normativa vigente. dovrà essere realizzato secondo la normativa vigente all'atto dell'esecuzione ed il relativo progetto dovrà essere redatto a cura e spese dell'Impresa che rilascerà a fine lavori i relativi certificati di conformità. Si useranno due tipi di cassette di derivazione: quadrate 100x 100. L’impianto gas metano sarà realizzato a partire dai contatori installati dall’ente erogatore posti all’esterno del fabbricato al piano terra. Le sezioni dei conduttori saranno calcolate in modo da avere dal contatore all'utilizzatore una caduta di tensione inferiore al 3% della tensione nominale d'esercizio 220 volt ovvero 6. Ipotizzando per l'unità abitativa una potenza di 3 KW. in apposita predisposizione prevista sul confine della proprietà.ARCH. Tutto l'impianto sarà sotto traccia sfilabile. Le distribuzioni saranno eseguite in acciaio zincato a norma UNI 8863 corrente in vista all’esterno e sotto traccia all’interno del fabbricato ed alimenteranno sia le caldaie ed i piani cottura. Durante la realizzazione dell’impianto saranno eseguite idonee verifiche sui materiali e sull’installazione al fine di accertarne il corretto funzionamento. Al termine dei lavori verrà rilasciato il certificato di conformità dell’impianto. interruttorem 6 . La connessione con l’impianto di messa a terra effettuata con conduttori giallo-verde con sezione 16 mmq. Ove necessario dovranno essere realizzate a filo pavimento e a filo soffitto 2 aperture protette da griglie per l’ingresso dell’aria comburente aventi superficie netta minima di 100 cm2. Durante la realizzazione dell’impianto saranno eseguite idonee verifiche sui materiali e sull’installazione al fine di accertarne il corretto funzionamento. uno intero per ogni montante. Al termine dei lavori verrà rilasciato il certificato di conformità dell’impianto. dal dispersore all'ultima utenza. I contatori saranno collocati all'esterno.

Certificata in classe 2 secondo la norma ENV 1627-1. Saranno dotate di coprifili. Ogni garage sara' dotato di n° 1 punto luce interrotto. In alcuni locali. collegato alla linea dell’appartamento e protetto con interruttore differenziale magnetotermico da 16° con bobine di sgancio. all'interno dell'unità.10 e le prese installate ad una allessa di m.30. si provvederà alla posa di porte a pacchetto o del tipo a scomparsa (Scrigno). o in alternativa con superiore laccatura di colore bianco. 40. L'intero impianto sarà ripartito su due linee tutte derivate dall'unico interruttore differenziale e ciascuna protetta dal proprio interruttore magnetotermico. cerniere. saranno realizzati in allumino a taglio termico. con vetro-camera dello spess.ARCH. L’impianto videocitofono sarà della all'ingresso (portoncino parco. 1. 2 telecamere portoncino scala) con targa. liscie e cieche e saranno montate su controtelai in abete. sarà a prova di scasso in base alla sua capacità di resistenza.L. per una più pratica utilizzazione dello stesso. Verranno installate lampade di emergenza a soffitto. video a parete posto all'interno. L'unità abitativa sarà dotata di un impianto di campanello con suoneria (con trasformatore e pulsante porta targa). La struttura è costituita da acciaio elettrozincato con nervature verticali di rinforzo e quattro rostri fissi. con cilindro europeo. 4/12/4 e chiusura con scuri a in alluminio in colore legno o a scelta della committenza. Nelle parti comuni verrà realizzato l’impianto di illuminazione con temporizzatore e orologio per accensione automatica. o similare con portiere elettrico e n. 7 punti di chiusura mobili. seguendo i disegni forniti dal progettista ed approvati dalla D. 0. Il Portoncino d'ingresso blindato della o . Ogni alloggio sara' dotato di n° 1 videocitofono. ad una o più ante. mentre all’ingresso delle rampe verrà posto un interruttore di emergenza per l’interruzione contemporanea dell’energia elettrica in caso di incendio. e sarà collegato al contatore condominiale generale. 4 rostri fissi. disponibile con serratura a doppia mappa o cilindro. La dimensione del telaio e la tipologia di gas racchiusa nel vetro-camera saranno tali da garantire il rispetto dei limiti di trasmittanza imposte dalla normativa sul contenimento energetico in vigore all’atto della realizzazione. o sarà concordato con gli acquirenti in tempo per l'acquisto. 7 .45. Apparecchi componibili su armature isolanti della seriem Living o Mivar con placca esterna di colore (a scelta dell’acquirente) con i comandi istallati ad una altezza di m. 1 deviatore. serratura con chiave e maniglia in ottone o alluminio anodizzato. L’impianto sarà realizzato con una tubazione indipendente in modo da ottenere un ottimo circuito di conversazione.BISIGNANO STRUTTURE IN C. verranno distribuite. differenziale puro bipolare 25 a 30 A. Le porte interne saranno del tipo a battente piano tamburato dello spessore totale finito di mm. Le prese e i punti luce a soffitto o parete per un totale di n.A. n° tre interruttori bipolari magnetotermici da 15 A. in colore legno o a scelta della committenza. Verrà inoltre predisposta la sola tubazione per l'impianto di allarme. n° 1 presa da 16 A + T. con impiallacciatura in essenza di noce Tanganika. Gli infissi esterni come finestre e porte-finestre. di mm.

La tinteggiatura interna sarà realizzata con pittura lavabile di resina vinilacrilica emulsionabile (idropittura). Su tutte le pareti interne sarà realizzata preventivamente la camicia di stucco. a due mani a tinte chiare e di media tonalità.L. a superficie opaca. previa passata di antiruggine al minio (ringhiera scala interna. La verniciatura a finire di opere in ferro sarà fatta con smalto sintetico o ferro micaceo di colore da stabilire. La tinteggiatura esterna sarà realizzata con pittura acril-silossanica a base di farina di quarzo.A. finestroni e cancelli). 8 . Sarà possibile scegliere i colori secondo i propri gusti tra i vari tipi di campionatura che faranno sempre parte del capitolato Le opere in ferro verranno realizzate diligentemente.. ringhiera balcone.. di elevata permeabilità al vapore acqueo e resistenza agli agenti atmosferici. secondo le indicazioni della D. in colori correnti.ARCH.BISIGNANO STRUTTURE IN C. ringhiera parco. t. regolarità di forme e precisione di dimensioni. Sarà possibile scegliere i colori secondo i propri gusti tra i vari tipi di campionatura che faranno sempre parte del capitolato. ringhiera p. con maestria.

Sign up to vote on this title
UsefulNot useful