You are on page 1of 23

#riScattiUrbani 2013 - Selezione della giuria di Astore

Venghino donne, Silvia Posa

Questa foto, precisa dal punto di vista tecnico e dotata di forte potenza comunicativa, interpreta con semplicità e bellezza lo spirito di #riScattiUrbani. Le linee, le forme, la costruzione geometrica, i colori... Mi sa che piacerebbe a Luigi Ghirri. E noi non ci stanchiamo di guardarla. [Della stessa autrice segnaliamo anche un altro scatto].

Emozioni, Cristiano Salinardi

Il vincitore del premio social con Synchro, ci ha colpito subito con quest'altra foto, divisa efficacemente in tre settori ben definiti: l'acqua, lo sfondo col muro e i bambini che giocano, la parte destra caratterizzata dal soggetto principale che esprime commovente rassegnazione e dalla statuaria presenza della mamma a suo fianco. I tre soli colori presenti rendono l'immagine pulita e di forte impatto.

Giochi di bambine a Londra, Luna Simoncini

Composizione variata e compatta. Splendidi colori pastello. Foto che trasmette giovialità, resa ancor più vivace dal sapiente uso del mosso creativo.

Londra 2011, Alessandro Ruggiero

L'uso di colori primari e la semplicità della costruzione rendono la foto chiara e di immediata lettura. L'uomo posto al centro dell'immagine esprime stanchezza e “sbraco” con forte potenza visiva.

Senza titolo, Francesco Bartozzi

Un sorriso emozionante che mette di buon umore chi guarda, reso ancor più "forte" dallo sfumato nello sfondo.

Cappello, strada e le persone sotto il ponte, Eric Herrera

Street photography intesa nell'accezione più classica ma non per questo scontata. E che voglia di conoscere le storie dietro i due personaggi ritratti!

Ristorante per cerimonie nella ex- DDR, Ruskia

Scatto creativo e di forte impatto visivo, dove il vetro scheggiato fa da filtro al nostro sguardo e ci guida alla riscoperta di un vecchio edificio abbandonato.

Silenzi, Giulia Petetta

Una delle interpretazioni più “laterali” di street photography. Ci piace perché due elementi apparentemente insignificanti – una sigaretta spenta e una mosca inerme – “comunicano” innescando piccole ipotesi di storie, e per la capacità della foto di trasmettere al contempo calma e tensione. Della stessa autrice segnaliamo anche una foto più propriamente urbana: -4chiacchiere-

Senza titolo, Beatrice Semplici

Le irresistibili smorfie dei due ragazzini riconciliano con il mondo. E ci hanno ricordato questo scatto di Henri Cartier Bresson.

Omnia Sunt Communia , DettaLalla

La storia di Communia Roma, *spazio pubblico restituito al Quartiere* e laboratorio sociale di mutuo soccorso, è di per sé la storia di un grande riscatto urbano. Questa foto ne racconta un pezzo, colpendo per la bellezza dei colori e la curata e originale composizione, con la linea di fuga creata dai palazzi in fila che crea un potente contrasto con il piano obliquo del terrazzo e con la parete frontale.

Senza titolo, Mauro Capozucca

La banalità di un palo della luce, riscattata e posta al centro, per un'interpretazione molto introspettiva e personale della street photography. Opposizione di colori ed elementi. Essenzialità, nitidezza, geometria. La perpendicolare che "rompe" la divisione dei piani.

Senza titolo , Francesco Giacchetta

C'è chi dice che in certe foto in bianco/nero ci sono più colori che nelle foto a colori... Lo scatto che ci ha colpito di più tra quelli presentati dall'autore, di cui segnaliamo anche quest'altro.

Tube girl, Luca Carbonari

Il ritratto di un tipico 'ambiente "urban" come la metropolitana nel racconto della routine dei passeggeri, di cui osserviamo le azioni e immaginiamo i pensieri, con l'eccentricità della donna in primo piano che turba la nostra attenzione. A riguardo la finalista del premio social Eleonora Corvatta ha commentato così: «ci ho visto tutta la grazia distaccata di una Margot Tenenbaum in giro per Londra».

Parigi, Federico Giusti

Uno dei soggetti turistici più immortalati in assoluto – la torre Eiffel – reinterpretato da un punto di vista particolare. Una “cartolina” atipica da conservare.

Senza titolo, Pino Scataglini

Nei giochi di ombre e negli sguardi incrociati e inconsapevoli del prete al bar e del buffo signore fuori dal portone, risiede il segreto della foto, canovaccio di un racconto tutto da scrivere.

Senza titolo, TheRealMadda

Il riscatto urbano di cui abbiamo discusso di più, alternando giudizi contrastanti e abbozzando ipotesi interpretative. Alla fine abbiamo capito che non potevamo non menzionare questa foto “sbagliata” e spiazzante, filtrata dall'occhio di un cane curioso e da una macchia indistinta e misteriosa :)

Underground Berlin , Andrea Marconi

Il riscatto del momento dell'attesa, raccontato dai volti e dalla azioni di tre amici. L'efficace costruzione fa emergere vari elementi triangolari che rimandano tutti ad un unico punto prospettico.

Punti di vista, Vincenzo Verdecchia

Piacevole gioco di luci e simmetrie. Un elemento architettonico che solitamente desta poco interesse come una tromba della scale viene valorizzato in maniera creativa.

Vintage taste, Silvia Meschini

La prospettiva guida lo sguardo dalla motocicletta in primo piano verso l'uomo che si avvicina sicuro ad essa. La curva della via rende armoniosa la costruzione dell'immagine di uno spaccato di vita urbana.

Senza titolo, Lisa Guenci

Una foto molto bella e ben costruita che trasmette l'idea di movimento e ritrae un paesaggio urbano variegato e composito.

Balla con gli zampilli, Francesca Frigeri

Una foto che ci ha colpito a prima vista e che ci ha convinto ancora di più a un secondo sguardo più attento. Semplice ma particolare, coglie al meglio lo spirito di questo contest.

Senza titolo, Carla Soriano Rodriguez

Il ritratto spontaneo ed empatico di una corsa scomposta e spedita in una strada battuta. Perché la bimba sta correndo? Sta forse scappando? Da cosa? Di sicuro tifiamo per lei.

La selezione è stata effettuata tra tutte le 220 foto partecipanti , da un giuria composta da: Fabrizio Centioni, fotografo professionista da vent'anni, creatore del progetto AStore e titolare dell'omonimo studio/laboratorio maceratese. Francesco Spè, web master e curatore dei contenuti del sito di AStore, ha ideato questo contest. Il suo conflittuale rapporto con la fotografia è espresso dal progetto Serendipity-l'error fecondo, realizzato nel 2011 per la mostra collettiva "Al_tra, idee visive". Coordina la rubrica fotografica Il collezionista di memorie per il blog La Rotta per itaca. Giovanni Martone, fotografo apprendista presso A Store, co-organizzatore di Riscatti Urbani. Nella primavera 2013 ha vinto il concorso "Foto-narra il 25 aprile: Resistere oggi" con il progetto Volta la carta, segui il flusso, fissa quegl'attimi.