You are on page 1of 2

di Davide Bennato

namici come MySQL [http://www. com/software/staroffice]. Il mon-


L’INTELLIGENZA OPEN SOURCE mysql.com], anche questo prodotto
dal mondo dell’open source e so-
do dell’open source è in costante
fermento: nuovi progetti nascono,
boli giornalistiche legate al mondo decine di casi di successo di prodotti stenuto in tempi recenti da giganti altri si stabilizzano, altri muoiono
del computer e internet, ma in que- open source, sui quali i mezzi di co- come Sun Microsistem, ovvero la oppure cambiano nome. Il modo
sto caso l’assonanza è qualcosa di municazione poco hanno indugiato società che sta dietro Java e che ha per seguire questo susseguirsi di
più di una semplice scelta retorica. ma che rappresentano la nervatura colto l’importanza della diffusione di applicazioni non è semplice. Un
Perché protagonista? delle attività informatiche che ogni questo database, è sempre più pro- ottimo punto di partenza è senza
Tutti conosco la storia di Linux, il giorno si svolgono nel mondo. Come tagonista della nascita dei servizi dubbio Sourceforge [http://www.
sistema operativo nato dall’insod- per esempio Apache [http://www. web 2.0. Dagli esempi fin qui citati sourceforge.org] un archivio il cui
disfazione per i sistemi operativi apache.org] il celebre software per i si potrebbe pensare che il software scopo è quello di contribuire alla
didattici di Linus Torvald e che non server web che rappresenta circa il open source sia roba da esperti di nascita delle comunità di sviluppa- sonati pacchetti commerciali. Ce
avrebbe potuto vedere la luce se 46% dei siti mondiali (dati Netcraft internet che difficilmente vanno a tori di software open fornendo loro ne sono di tutti i tipi: da Gimpshop,
non fosse stato sostenuto da una aggiornati ad aprile 2009). Oppure finire nelle mani dei semplici utenti. uno spazio digitale in cui nascono versione open di Photoshop, a
community di appassionati. Scrive- a linguaggi di scripting come PHP Sbagliato. Molti conoscono – e non i progetti, vengono archiviati i dati Avidemux, versione alternativa
re un sistema operativo è qualcosa [http://www.php.net] che sono riescono a farne a meno – le carat- e vengono seguiti nello sviluppo. di Moviemaker. Ma perché tutte
di complesso e organizzato in ma- diventati scelte obbligate per svi- teristiche di navigabilità di prodotti Un altro esempio di applicazione queste persone decidono di la-
niera minuziosamente tayloristica: luppare applicazioni lato server. come Firefox o client email come interessante è Osalt [http://www. vorare gratuitamente per un pro-
ricorda le strategie di costruzione Spesso in coppia con database di- Thunderbird [http://www.mozil- osalt.com] in grado di aiutare getto software lungo, complesso
delle cattedrali. I processi produt- la-europe.org]. Mentre molti di noi l’utente inesper- e senza essere pagati? Molti
tivi del software libero sono meno sono utenti, oppure semplicemente to (ma anche hanno cercato di rispondere a
Li usiamo spesso, alcuni di noi tutti i strutturati, c’è una comunità inter- hanno sentito parlare, di pacchetti quello smaliziato) questa domanda. Per mettere
giorni. C’è chi lo fa per sentirsi la co- nazionale che attraverso strumenti alternativi a Microsoft Office come a cercare un’al- alla prova le proprie capacità
scienza in pace e quindi per evitare informatici – in principio furono i Open Office [http://www.openoffice. ternativa open di programmazione, per
di installare prodotti commerciali newsgroup, adesso i wiki – coor- org] o StarOffice [http://www.sun. source ai più bla- sviluppare prodotti per poi
senza averne la licenza. Chi lo fa dina le diverse attività avvalendosi essere commercializzati
per un motivo etico-politico perché della libera partecipazione delle
in questo modo ribadisce istanze persone. Questo modo di proce-
polemiche rispetto all’industria del dere è stato paragonato da Eric
software. C’è chi invece lo fa perché Raymond, personaggio importante
ne conosce i pregi e la qualità del della scena hacker internazionale,
codice che ne consente il funziona- al bazar, una forma organizzativa
mento. È il software open source, rizomatica, complessa, partecipata
vero protagonista della rivoluzione e autopoietica. Ma se Linux è sotto
informatica di questi ultimi anni. I gli occhi di tutti, soprattutto perché
termini “rivoluzione” e “informatica” alternativa importante dei sistemi
spesso sono accoppiati nelle iper- operativi commerciali, esistono altre
44 45
in forma alternativa, per mostrare voluzione profondamente cultura-
che un altro mondo software è pos- le, di cui l’aspetto tecnologico è
sibile. Ma spesso il motivo è quello semplicemente uno tra gli aspetti
di far parte di una comunità specia- possibili. Gli esempi sono davvero
le, in cui ci sono programmatori bril- tanti. Il progetto Creative Commons
lanti, in cui il proprio valore si misu- di Lawrence Lessig nasce come ri-
ra in quanto elegante è il codice, in sposta alternativa al copyright in cui
cui si possono far nascere modelli la condivisione è condizione neces-
di business nuovi come hanno fat- saria per lo sviluppo della creatività
to Niklas Zenstroom e Janus Friis e deve le sue forme originarie pro-
che hanno messo a frutto il proprio prio alle licenze software che sono
know how nel progettare protocolli nate per migliorare la distribuzione
peer to peer grazie a Kazaa e che del software open. Anche i compor-
hanno così dato vita a Skype [http:// tamenti sociali legati al web 2.0 si
www.skype.com], il più famoso sof- ispirano alle forme di collaborazio-
tware di VOIP che tanto fa tremare ne collettiva spontanea tipica dei

pubblicità prase
le compagnie telefoniche. progetti open source: Wikipedia
Queste nuove forme commerciali è basata su questo principio, gli
e lo sviluppo di modelli di business user generated content di servizi componente hacker, quanto la
hanno fatto nascere diversi studi come Flickr o Youtube sono basati sua componente etica, ovvero la
che cercano di comprendere il tipo su questo principio. Persino forme sua particolare disciplina del la-
di economia sviluppata da queste sofisticate di collaborazione come voro che si esprime in norme che
applicazioni. Fra gli altri, famosa il crowdsourcing – ovvero le forme devono essere seguite dai membri
l’analisi di Yochai Benkler che nel emergenti di intelligenza collettiva della comunità per poterne fare
suo La ricchezza delle Reti intro- nata dall’aggregazione di diverse parte. Essere hacker non vuol dire
duce il concetto di commons based competenze professionali e semi- essere smanettone, ma vuol dire
peer production, ovvero produzione professionali – sono riconducibili ad far proprie le regole della comunità
tra pari basata su risorse comuni, un processo lavorativo di tipo open hacker che sono condivisione, ov-
per illustrare il diverso modello eco- source. Continuando ad analizzare vero la conoscenza deve essere pa-
nomico a cui i progetti open source il movimento del software open, trimonio di tutti, indipendenza del
hanno dato vita. Il tema delle nuove c’è qualcosa che appare in tutta la sapere rispetto a chi lo ha prodotto,
forme economiche basate sulla pro- sua forza: è l’etica hacker. Ciò che libertà di circolazione del sapere e
duzione condivisa, introduce l’idea rende assolutamente interessante della conoscenza. Se si ragiona un
che quella open source è una ri- l’etica hacker, non è tanto la sua attimo su queste dimensioni, ci si
rende conto che fanno parte del-
l’ethos del lavoro scientifico: l’etica
hacker e le norme deontologiche
dello scienziato moderno hanno le
stesse caratteristiche. Questo vuol
dire che gli hacker sono una forma
di scienziato contemporaneo, una
specie di particolare lavoratore
della conoscenza. Similmente an-
che il software open source ha le
stesse caratteristiche di condivisio-
ne indipendenza e libertà.
Questo vuol dire semplicemente
una cosa: non è l’open source ad
essere intelligente.
È l’intelligenza ad essere open
source.

46 47