You are on page 1of 2

CITTA’ DI VENEZIA

Municipalità di Mestre - Carpenedo

EMENDAMENTO (il PAT ed i nuovi alberghi) AL PARERE EX ART. 23 STATUTO


COMUNALE SU PROPOSTA DI DELIBERA DELLA GIUNTA N. 1775 DEL 13.05.2009

 Premesso che nella Relazione di Progetto (pag. 19) si afferma che “il turismo rappresenta
una componente importantissima dell’economia locale” ricordando i circa 4 milioni di turisti
pernottanti all’anno insieme agli 11/14 milioni di escursionisti di vario tipo e che, di seguito,
si ricorda che “lo sviluppo turistico non è stato omogeneo nei diversi ambiti territoriali che
costituiscono il comune. Mentre Venezia prevale in termini di presenze e fatturato, Mestre e
Lido continuano a soffrire sia in termini di presenze, che in termini economici. L’aumento
della recettività a Venezia ha fatto diventare Mestre meta per turisti di gruppi a bassa
disponibilità di spesa, che porta alla diminuzione dei fatturati delle imprese…”;
 premesso che nel paragrafo dedicato a “le strategie per il settore turistico” (pagg. 37 – 38) si
dichiara che “al fine di rafforzare e promuovere i nuovi segmenti del settore (itinerari della
terraferma, nautica da diporto e rimessaggio, congressi e fiere) il Piano contribuisce a
definire: - la compatibilità del numero di turisti a medio e lungo termine con la vivibilità
della città; - la valorizzazione di aree strategiche…con previsione di ammortizzatori per
evitare danni all’economia delle aree circostanti (valorizzazione del front lagunare e della
zona aeroportuale dal punto di vista turistico…); - la rideterminazione degli ambiti di
destinazioni d’uso ricettivo, compatibilmente con la politica residenziale nel centro storico
di Venezia…”;
 premesso che a proposito del dimensionamento non residenziale (pag. 90) “il PAT prevede
per il turismo un carico insediativo aggiuntivo di 475.000 mq (295 mila in terraferma e 180
mila in città antica ed isole)”;
 premesso infine che l’art. 51 delle N.T. del PAT, dedicato alle attività ricettive, afferma che
il P.I. (Piano degli Interventi) per “salvaguardare la residenzialità stabile…potrà
determinare anche limitazioni…agli usi ricettivi extra alberghieri, che comunque possano
configurarsi come concorrenti alla residenza stabile nei centri storici di Venezia e Murano”
e poi che “il P.I., inoltre, potra prevedere forme di riconversione e ricostruzione, anche in
siti diversi, di strutture ricettive obsolete, in un quadro complessivo dell’offerta
ricettiva…anche usando gli strumenti del credito edilizio e della compensazione”;
 considerato che i posti letto alberghieri ed extralberghieri nel territorio comunale sono
aumentati notevolmente nell’ultimo decennio: dal 1999 al 2008 si è passati in centro storico
da 13.423 posti a 24.888, al Lido da 3.530 a 3.684 ed in terraferma da 8.900 a 12.285;
 considerato che molti albergatori hanno dimostrato già interesse per il possibile aumento di
cubatura del 20% previsto dal Piano Casa regionale;
 considerato che, in base ai dati forniti dalla Regione Veneto, l’occupazione dei posti letto
nei 5 stelle è stata, nel 2007, del 53,48%, nei 4 stelle del 55,17%, nei 3 stelle del 55%, nei 2
stelle del 43,72% e negli alberghi ad una stella del 35,16%;
 considerato che la città di Venezia sta caratterizzandosi sempre più per un turismo “mordi e
fuggi” particolarmente dannoso per la città stessa, intesa come patrimonio architettonico ed
artistico unico al mondo, le sue attività economiche ed i suoi residenti;
 considerato infine che occorre avviare una seria politica di riequilibrio tra l’offerta di posti
letto e la domanda turistica che, peraltro, non potrà fisicamente aumentare ancora di molto;

IL CONSIGLIO DELLA MUNICIPALITA’ DI MESTRE – CARPENEDO

chiede di tagliare di almeno due terzi le previsioni di nuovi insediamenti alberghieri nel territorio
comunale privilegiando l’eventuale spostamento di strutture recettive dal centro città verso
l’esterno, sfruttando gli strumenti urbanistici sopra accennati e con le dovute compensazioni
ambientali.

Venezia, 15.07.2009
Relatore dell’emendamento:
Davide Scano
Gruppo consiliare Verdi – Città Nuova