III : LA RIVELAZIONE DI DIO Nell’incontro precedente abbiamo visto che l’uomo, con la sua ragione può giungere alla

conoscenza di Dio. Attraverso il creato e la voce della sua coscienza, l’uomo può raggiungere la certezza dell’esistenza di Dio (cfr. Catechismo della Chiesa Cattolica n° !" #$. Ciò nonostante l’uomo, pur potendo parlare di Dio, non può con il solo linguaggio umano esaurire il %istero ( cfr.ivi n° &$. 'd ( per elevarlo a )uesto ordine di conoscenza, che da solo l’uomo non può arrivarci con le sue forze, il motivo per cui Dio si rivela e si dona all’uomo, svelando il suo %istero.“ Sappiamo anche che il Figlio di Dio è venuto e ci ha dato l'intelligenza per conoscere il vero Dio” ( *+v ,,-.$.

/N012D34/2N'5 “….Tu però rimani saldo in uello che hai imparato….sapendo da chi l!hai appreso e che "in dall!in"anzia conosci le Sacre Scritture# ueste possono istruirti per la salvezza. Tutta la Scrittura in"atti è ispirata da Dio e utile per insegnare$ convincere$ correggere e "ormare… perch% l!uomo di Dio sia completo e &en preparato per ogni opera &uona..” ('Tim.($)*+),-. 1/67'88/2N'5 Cos’( la 1ivelazione9 :uali sono le fonti della 1ivelazione9 ;erch< Dio si rivela9 =Cristo, che ( il nuovo Adamo, proprio rivelando il mistero del ;adre e del suo amore svela anche pienamente l>uomo a se stesso e gli manifesta la sua altissima vocazione.? ( +.8pes n°-- $. 7’unit@ dei due 0estamenti. /l Canone palestinese e alessandrino ( trad. dei #.$. 7a Aulgata di 8. +irolamo. 7a 0radizione Apostolica. 7’/spirazione e l’interpretazione autentica biblica. ?Sappiate prima di tutto uesto# che nessuna pro"ezia della Scrittura proviene da un'interpretazione personale ? (*;t *,-.$. Cristo ha affidato al %agistero e alla Chiesa il compito di trasmettere ed interpretare la Bibbia. 7’/nerranza biblica. 7’Autore e gli autori della 8. 8crittura. Cristo 1ivelatore del ;adre. 7a 1ivelazione biblica e le rivelazioni private (visioni e apparizioni$ =7e rivelazioni private verificatesi lungo i secoli, anche se riconosciute dal %agistero non migliorano o completano la 1ivelazione definitiva di Cristo e non appartengono al deposito della fede. Nessuna rivelazione può superare o correggere la 1ivelazione di cui Cristo ( il compimento? (Catechismo n°!#$. A Dio che rivela ( dovuta l’?obbedienza? della fede (cfr. 1om. *,,C *!,-!$. 7a fede nasce dall’ascolto della ;arola di vita ed ( la risposta dell’uomo al ;adre 1ivelatore. 7a ;arola non diventa realt@ che nell’incontro tra l’/2 di Dio e il 0u dell’uomo. ;1'+D/'1A C2NC738/AA5 . Dio nostro /adre$ donaci la "orza e la grazia di saperTi riconoscere nella meditazione e nell!ascolto della Tua /arola$ lampada per i nostri passi. 0endici umili e silenziosi a""inch% il nostro cuore si apra al Tuo messaggio di amore e di verit1. Dacci la gioia di “vederTi” con gli occhi della "ede nella parola “spezzata” dai Tuoi 2postoli# /apa$ 3escovi$ Sacerdoti e tutti coloro che nella 4hiesa ci spiegano le Scritture a""inch% possa ardere il nostro cuore come ai discepoli di 5mmaus e imitare la 3ergine Santa che accolse l!annuncio della Salvezza. Te lo chiediamo per 6es7 4risto$ Figlio di 8aria$ nostro Signore e Salvatore che vive e regna nei secoli dei secoli. 2859