“ In volo sulla Sicilia : al di là dell’oblio Cultura e Tradizioni”

“Nel dialetto è la storia del popolo che lo parla; e dal dialetto siciliano ,cos co!e dai parlari di esso,è dato apprendere chi "urono i padri nostri,che cosa "ecero,co!e e dove vissero,con #uali $enti ebbero rapporti,vicinanza,co!unicazione”%
&iuseppe 'itre’

(a bandiera della Sicilia

SICI(I)

La Sicilia prende il nome dai Sicani e dai Siculi,antiche popolazioni che la abitarono. Anticamente la Sicilia veniva chiamata Trinacria in greco significa :”dalle tre punte”. Il vessillo ufficiale della Regione siciliana costituito da un drappo bicolore giallo! rosso:il giallo della bandiera di "alermo,il rosso della bandierai #orleone$il primo comune che segu% "alermo nella ribellione contro i &rancesi dei 'espri siciliani nel ()*)+. ,ella bandiera si trova raffigurata la Triscele.Al centro della Triscele c- la testa di .orgoni che era una divinit/ mitologica greca che pietrificava chiun0ue la guardava. Le tre gambe rappresentano la forma triangolare della Sicilia.Le spighe rappresentano la fertilit/ della nostra Terra .I Romani anticamente usavano 0uesto simbolo per rappresentare la Sicilia.

LO STATUTO SPECIALE
Il (1 maggio si celebra la festa dell-autonomia siciliana ,cio si ricorda che la Sicilia una Regione a Statuto Speciale. L-autonomia fu concessa il (1 maggio del(234 dal re 5mberto di Savoia. Lo scopo di 0uesta celebrazione 0uello di ricordare ai Siciliani,ma soprattutto ai giovani,che la Sicilia grazie allo Statuto Speciale ha maggiore importanza e autonomia nell-ambito politico,legislativo,amministrativo e finanziario rispetto alle altre Regioni italiane. Si vuole sensibilizzare il popolo siciliano a capire che 0uesta autonomia pu6 essere vantaggio importante per lo sviluppo e il rilancio della propria Isola. In particolare la Sicilia esercita la sua autonomia nel campo dell-agricoltura,beni culturali,ambientali,pesca ed altri ancora.

INN* +,(() SICI(I)

7A8R9T9RRA
Sei il sorriso che fa ritornare sei la 7ontagna di cui senti il cuore con l-universo non ti cambierei: 7adreterra di 5omini e 8ei Sei tu l-inverno che riesce a scaldare l-estate antica che fa innamorare sei la cometa che io seguirei 7adreterra di 5omini e 8ei Sicilia terra mia triangolo di luce al mondo Sicilia terra mia un sole onesto che non ha tramonto: Sicilia sei cos%.... il paradiso 0ui: Tra le tue braccia nata la Storia Sulla tua bocca ;&ratelli d-Italia”: e per difenderti io morirei madreterra di 5omini e 8ei Sicilia terra mia triangolo di pace per il mondo Sicilia terra mia ;rosa aulentissima” nel tempo Sicilia terra mia bandiera liberata in mezzo al vento Sicilia sei cos%... il paradiso 0ui

c*()',SC,
La leggenda di #olapesce la storia di un certo #ola di 7essina, figlio di un pescatore soprannominato #olapesce per la sua abilit/ di muoversi in ac0ua. <uando tornava dalle sue immersioni in mare, raccontava le meraviglie del mare che osservava. La sua fama arriv6 alla #orte di &ederico II che decise di metterlo alla prova. Il re gett6 in mare la corona e #olapesce riusc% nell-impresa di raccoglierla dal fondo del mare. Ancora una volta il re lo mise alla prova, gettando un anello in un posto pi= profondo. 7a #olapesce non ritorn6 pi= a galla. Secondo la leggenda, la Sicilia era sorretta da tre colonne, delle 0uali una consumata dal fuoco,perci6 #olapesce aveva deciso di restare sott-ac0ua sorreggendo la colonna per evitare che l-isola sprofondasse. 7olte leggende, sono tramandate da padre in figlio,prendono spunto a volte, da avvenimenti accaduti, poi coloriti ed arricchiti da particolari, ingigantiti e fantastici,che danno alla storia un fascino particolare, altre volte,invece, sono frutto solo della fantasia. La Sicilia terra di miti, leggende e tradizioni, ed assiemealle bellezze del suo mare,delle sue montagne del suo calore, della bont/ della sua cucina, offre ai visitatori grandi suggestioni ed emozioni. La statua del mito di #olapesce si trova in "iazza 5niversit/ nella citt/ di #atania.

Canzone -, ) T,..) /I)

Tu t’a""acciatu !ai do bivvidiri 0uannu i tra!unti abbruciunu lu !ari , i vecchi assittati 1nte sirili Sutta a coppula a!!uccianu i pinzeri , ri!i ha ca!inatu pi 1sti strati Su stiddi a !enziornu 1sti li!uni , u ventu a!!enzu l’avvuli e li casi )lle$$iu alle$$iu canta i so canzuni -e a terra !ia -e a terra !ia ,’ scritta co cura$$iu ca puisia -e a terra !ia -e a terra !ia , nuddu non !a po’ livari,no , #uannu sbatti "orti la !area Si sente ancora )ci Ca chia!a &alatea 2ai !ai currutu scausu nta 1sta ca!pa$na Cu l’evva ca s’annaca

Co!u u !ari ) -aci nesci l’ac#ua ra !unta$na )bbunniti cent’anni po’ ca!pari -e a terra !ia -e a terra !ia ,’ scritta co cura$$iu e ca puisia -e a terra !ia -e a terra !ia , nuddu non !a po’ livari,no , dirti cch’assai non si po’ 1sta Terra è a !ia /a si voi 3e !acari a t4%

E’ LA MIA TERRA
Tu ti sei !ai a""acciato dal belvedere 0uando i tra!onti bruciano il !are , i vecchi seduti nei sedili Sotto la coppola nascondono i pensieri , di!!i hai !ai ca!!inato per #ueste strade Sono stelle a !ezzo$iorno #uesti li!oni , il vento in !ezzo a$li alberi e alle case 'iano piano canta le sue canzoni ,’ la !ia terra ,’ la !ia terra ,’ scritta con il cora$$io e con la poesia

,’ la !ia terra ,’ la !ia terra , nessuno !e la pu4 levare,no , #uando sbatte "orte la !area Si sente ancora )ci Che chia!a &alatea 2ai !ai corso scalzo in #uesta ca!pa$na Con l’erba che si !uove Co!e il !are )d )ci esce l’ac#ua dalla !onta$na I!!er$iti cent’anni puoi vivere ,’ la !ia terra ,’ la !ia terra ,’ scritta con il cora$$io e la poesia ,’ la !ia terra ,’ la !ia terra , nessuno !e la pu4 levare,no , dirti di pi5 non si pu4 0uesta terra è la !ia /a se vuoi è pure la tua%

LA SICILIA NELLA POESIA

SICI(I), T,..) /I)
Semmu siciliani e ni vantamu ca ,cca c‟ suli, mari e sintimentu, femmini beddi ass/ e spissu cantamu cca nasci l‟allegria ogni mumentu. Lu focu ca n% >etta 7uncibeddu attira li turisti d‟ogni parti, na scena veramenti surprindenti ca lassa senza sciatu tanta genti. S% tanti cosi boni v6 gustari sta terra di Sicilia a visitari cassateddi, cannola e marturana fannu ?nzuccarari a vita amara. #u visita sta bedda #onca d‟@ru, trova a zagara bianca e profumata sutta u cielu limpidu e turchinu di tuttu , u munnu amata e disiata. 9 pi finiri gridamu a vuci forti: ;'initi ca truvati ?a bona sorti” Trinacria terra duci e di biddrizza ca lassa n‟tra lu ?to cori ?a cuntintizza: SICILIA ,TERRA MIA Siamo Siciliani e ci vantiamo #he 0ua c- sole,mare e sentimento Aelle donne e spesso cantiamo <ua nasce l-allegria ogni momento Il fuoco che ci butta 7ongibello Attira i turisti da ogni parte,

uno scenario veramente sorprendente che lascia senza fiato tanta gente. Se tante cose buone vuoi gustare <uesta terra di Sicilia devi visitare #assate,cannoli e frutta martorana &anno dolce la vita amara. #hi visita 0uesta bella #onca d-@ro, trova la zagara bianca e profumata sotto al cielo limpido e azzurro. 8i tutto il mondo amata e desiderata. 9 per finire gridiamo a voce alta: ;'enite,0ua troverete la fortuna”. Trinacria terra dolce e bella che lascia dentro il cuore tanta gioia:

SICI(I) 6,++)

Sicilia bedda .ispettu all’in"inità di lu !unnu, si na puntidda di terra troppu a!!untuata% 1N te!pu "usti terra di cuntisa Tra )rabi,&reci,.o!ani,)"ricani, chissà #uali autri parti di lu !unnu% 0uannu pareva ca’ la paci )vissi truvatu,lu "ocu +i novu "u sva!patu% 7 !ari t’atturnia , li peni to’ ha canusciutu8 Tra l’a!arizza di la vita, la terra,bedda ,di Sicilia, 1na cuntintizza à assapuratu% 17 cori di la $enti da /aria 9u consulatu,cu li so lacri!i, "u biniriciutu e cun"urtatu% Tuttu u’ !unnu à saputu Ca chista è terra d’a!uri

, di $randi arduri% +iu dissi a 'etru:: Supra Stà petra porta avanti lu !a vuliri%; +i la ranni petra, a Sicilia, e’ na pitruzza spirduta% ) /arunnuzza 1u cori di 1sta Terra visit4 e privile$i4% 1 7 'atri +ivinu, cu tuttu 1u so cori l’abbrazz4% SICI(I) 6,(() Sicilia bella .ispetto all’in"inità del !ondo, sei una piccola <parte= di terra tanto no!inata% 7n te!po sei stata terra di lotta tra )rabi,&reci, .o!ani,)"ricani e chissà #uali altre do!inazioni del /ondo% 0uando se!brava che la pace )vesse trovato la $uerra +i nuovo si riaccese% Il !are ti circonda, le tue pene ha conosciuto8 Tra l’a!arezza della vita, la terra ,bella di Sicilia ha assaporato una $ioia

il cuore della $ente da /aria "u consolato,con le sue lacri!e, "u benedetto e con"ortato% Tutto il !ondo ha saputo Che #uesta è terra d’)!ore , di $rande ardore% +io disse a 'ietro:;Sopra #uesta pietra porta avanti il !io volere;% +ella $rande pietra,la Sicilia, è una pietruzza sperduta% (a /adonna il cuore di #uesta Terra visit4 e privile$i4% Il 'adre +ivino con tutto il suo cuore ti abbracci4%

)(() SC*',.T) +,((, N*ST., T.)+I>I*NI

&(I )NTIC2I /,STI,.I
/olti de$li antichi !estieri sono #uasi del tutto sco!parsi o divenuti rari,perch? sono stati soppiantati da altri abitudini di vita ,costu!i di i!portazione straniera e da consu!i diversi% )l te!po dei nostri nonni ,lun$o le strade si aprivano diverse botte$he dove $li arti$iani trascorrevano le $iornate intenti al loro lavoro% )lcuni,invece ,esercitavano il loro !estiere in "or!a a!bulante% () 6)(()T) +,I /,STI,.I 0uannu lu pani era di "arina 0uannu lu vinu era di racina (’o!u "aceva !isteri valenti 'i la ricchezza di tutti li $enti% (u !ulinaru cirneva "arina (u carritteri scinneva a la Chiana (a lavannara lavava a la sa3a , lu dutturi curava li chia3a Tiàni abbuddati a lu sta$nataru Scarpi s"unnati a lu scarparu, #uannu la banna sunava li tru!!i lu !ascularu sparava li bu!!i%

/)ST.)N>I

Sintiti chi scrusciu nta la bur$ata @ la putia chi duna nt’a strata% (u sta$nataru cu lu pi$nateddu )bbersa lu ra!u tra ncunia e !arteddu% , batti puru lu !astru scarparu, cus la sola e batti di paru, ntaccia li chiova a la sola sardata di li scarpina ta$$hia la strata%

I NONNI RACCONTANO

AINI&N)T7.)
(a vende!!ia, sin dai te!pi antichi,è stata una "esta d’alle$ria % I piccoli proprietari dei vi$neti,invitavano a!ici e parenti alla raccolta dell’uva,tutto si svol$eva in un cli!a di "esta con

$iochi,canti ed un’abbu""ata di baccalà "ritto,salsiccia di !aiale arrostita alla brace,olive nere e bianche e vino a volontà% I $randi proprietari di vi$neti assu!evano invece una “ciur!a”co!posta in !a$$ior parte di donne "ornite di ceste% )lla sera,dopo cena, nello spiazzale della !asseria venivano i!provvisati cori , canti e balli tradizionali co!e la tarantella e la #uadri$lia % AINNI&N).I Tutta la ciur!a è pront’i !atina 'i vinni$nari la bedda racina .a lu suduri ca va$na la "runti Canta la vi$na e ascuta lu !unti: Si lu par!entu è chin’i racina 'ista pista e poi l’ac#ua rina% (’o!u ci !etti trava$$hiu e suduri 'i "ari lu san$u di Nostru Si$nuri%

()A)NN).)
I( !estiere di lavandaia era duro e "aticoso ,svolto con tanto “olio di $o!ito”% (e lavandaie di 'atern4 andavano a lavare i panni alle Salinelle%” Al canale andavano donne,per lo pi= in et/ matura,per lavare soprattutto la biancheria della propria famiglia ma anche a pagamento per le famiglie agiate del paese,vi si recavano a piedi con i fagotti legati e sulla testa. 9rano le lavandaie del paese che offrivano un buon servizio con i lavatoi, riuscendo a migliorare il loro lavoro senza penuria di ac0ua e con ampi spazi per asciugare i panni. 8opo avere asciugato la biancheria al sole e stesa sui cespugli circostanti,rientravano a casa con

il fagotto in testa e completavano il servizio con la stiratura di camicie,biancheria ecc. Accadeva a volte che tra le lavandaie nascessero discussioni animate,e tra una canzone e l-altra poteva scapparci 0ualche lite tra le comari del lavatoio arricchita con 0ualche parolaccia. Succedeva anche che tra 0ualche giovane lavandaia e un giovane contadino nascesse un idillio d-amore. #anti,racconti,pettegolezzi e curiosit/ del paese erano di moda tra lavandaie impegnate sempre in una 0uotidiana fatica.

()A)NN).I Nta la Biu!ara sintiti chi vuci ScrusBiu d’ac#ua,sapuni e di petri% (i lavannari sbattenu li panni Si cuntunu trazzi,li peni e l’a""anni% -anch’i linzola e li "azzoletti -anchi li cosci sutta li "adetti% (u suli asciuca la biancaria, #uaria li "i!!ini !entr’i talia%

/)NISC)(C7 ;9I..).7 0uando le !acchine non avevano ancora invaso le nostre strade,i !ezzi di trasporto di !erci,ani!ali e persone erano carri,carretti,carrozze e carrozzine trainati da cavalli o !uli o asini% I padroni ai cavalli, ai muli e agli asini dedicavano molte cure anche perchB rappresentavano un segno di discreto benessere . Alla cura degli zoccoli ci pensavano ; i firrara” i maniscalchi. <uello del maniscalco sicuramente uno dei pi= antichi mestieri al mondo . In passato l-arte della mascalcia ossia del pareggio e della ferratura degli e0uini, la si tramandava di padre in figlio. Il pareggio consiste nel rendere uniforme la parte dello zoccolo che batte sul terreno e che generalmente si consuma in maniera irregolare. 5na volta terminato il pareggio si passa alla ferratura che consiste nell-adattare allo zoccolo il ferro, lavorandolo a caldo o a freddo con la mazza e con l-incudine, fino ad ottenere una perfetta corrispondenza. *ltre ai "erri dei cavalli i !aniscalchi realizzavano vari stru!enti per i contadini co!e zappe,"alci e altro%

17 /)NISC)(C7 (a "or$ia sciuscia e 1ddu!a lu carbuni 1n"oca lu "erru e la tina$$hia 1u teni (u batti "orti cu du !artidduni Nt’accunia l’a!!acca chiattu veni% .i"ridda e lu #uadia cu pri!ura , 1nto curvallu si è curtu lu stira Chiu’ lu trava$$hia e chiu "a "iura Ci "a i pirtusa e non sba$$hia la !ira% ) unu a unu pi$$hia la !isura Ca lu cavaddu 1ncunincia a tri!ari , chiddu co teni,n ietta sudura8 Ci strinci a cuda e nun u "a ri!inari% Na l’u$na !etti i "erri e li chiova (a li!a passa 1ppi la pulitura , lu cavaddu lu ristoru trova +i #uattru "erri "atti su !isura% Scecchi,cavaddi e !uli di !isteri Senza nun ponnu ca!inari

(’u$na si ru!pi a!!enzi li trazzeri Senti 1u duluri !a non po parrari% /a l’o!u c’arra$iuna 1ccu l’ar!ali , 1ccu li !ossi so’ si "a capiri /a u cavaddu sinzibbili ani!ali Ti duna tanti spassi,e piaciri% *ra lu !aniscalco canciau !isteri Ca picca ci 1nni su cavaccaturi S’ancora #ualchi vecchiu !etti "erri *$$i si "a chia!ari lu dutturi%

AISIT) )(() 6*TT,&) +I 7N C)(>*()I* 'er conoscere !e$lio uno dei !estieri #uasi del tutto sco!parsi nella nostra città,sia!o andati a visitare la botte$a del si$nor Nino (a .ussa ,uno de$li ulti!i “scarpari” di 'atern4%

+opo aver$li spie$ato perch? sia!o andati nella sua botte$a ,e$li ,contento della nostra visita, ci ha voluto dare una di!ostrazione 7 scarparu Nino (a .ussa del suo lavoro% )bbia!o rivissuto per un !o!ento l’at!os"era che si respirava nella botte$a “du scarparu”% (a stanza piccola e stretta, il piccolo tavolo” vanchitta” ripieno di vari stru!enti che erano necessari per il lavoro,lesine,raspe,tena$lie e pinze la!e “trincetti”, zeppole” zippuli”,solette,strisce di cuoi,$o!itoli di spa$o e stracci di lana% +ietro la vanchitta, una sedia senza spalliera e un recipiente di allu!inio “u vacili” che conteneva l’ac#ua per a!!orbidire il cuoio% )lle pareti diverse "or!e di le$no %Sulle $a!be una "or!a di $hisa su cui po$$iare la scarpa da riparare% Il si$nor (a .ussa ci ha spie$ato che una volta i calzolai si dividevano in due cate$orie% I scarpari che ese$uivano su !isura scarpe resistenti e i ciabattini che riparavano le scarpe !ettendo sopratacchi,petti,lunette e rattoppando la to!aia% Inoltre ci ha anche spie$ato che la colla non veniva co!prata nei ne$ozi !a realizzata nella botte$a,!escolando ac#ua e "arina, il !iscu$lio ottenuto veniva riscaldato sul "uoco % Ci ha anche raccontato un po’ della sua vita% 2a iniziato a "re#uentare la botte$a di un calzolaio all’età di sette anni nei po!eri$$i dopo la scuola, cioè andava “u !astru”,#uando i!par4 il !estiere apr una sua botte$a, ebbe tanto lavoro "ino a$li anni cin#uanta% )ll’inizio de$li anni sessanta le "abbriche co!inciarono a produrre scarpe e le persone pre"erivano co!prarle $ià con"ezionate ,allora il suo lavoro entr4 in crisi e lui decise di chiudere la botte$a e di "are altro nella sua vita% )ndato in pensione decise di riaprire la sua piccola botte$a ,che ri!arrà aperta "ino a che le sue "orze lo consentiranno%

)bbia!o ascoltato !eravi$liati e increduli il racconto di #uesto si!patico e uno de$li ulti!i scarpari paternese%

) T)CCI) Si si poeta e l’ani!u t’abbasta Tu di!!i:cu ca!ina cu la testaC 'oeta su$nu e l’ani!u !’abbasta (a taccia ci ca!ina cu la testa%

Proverbi

“ I ',CC2I”
Il sopranno!e o “peccu” in dialetto siciliano è un appellativo scherzoso o in$iurioso che prende $eneral!ente spunto da #ualche caratteristica individuale e viene usato per identi"icare una persona%

)lcuni pecchi sono "unzionali e altri hanno carattere ludico;i pri!i si ri"eriscono a no!i $eo$ra"ici,a !estieri,a no!i del padre e della !adre,i secondi sottolineano i di"etti "isici,le #ualità o di"etti di carattere o di corporatura,e le si!ilitudini con il re$no ani!ale%

I ',CC2I )
)livo;)nciova;)ranciara;)ricchiazza;)ri!unna a baccilla;)rridda; )tta sicca;)ttu; )vvucaticchiu D)zzusaru%

6
6abbi;6a""i di "erru"ilatu;6accalaru;6accilla;6allacchera;6allarinu; 6ellascaccia;6a!bola;6a!!inu% 6eddu da nanna% 6idduzzu; 6illib % 6u""a; 6addu;6u!!itta;6urraccia;6uzzuni%

C
Cacadinari;Caca"etu; Cacocciula;Caliaru; Caloria;Ca !oru;Cannata; Cannaturi;Cannedda;Cannutteri;Canta .azzia;Cappiddera;Caracca; Carrabacchi;Carricatubbi;Carricchiu;Casaloti; Casa pazza; Castiddani;Cavaleri% Cicera; Ciddaru;Cinisa;Cipudda% Chian$i chian$i;Chiattiddaru;Chiudaru;Chiurca% Coc4; Coculu;Cucchia;Cudi di porcu; Cuddaru persu;Cudduruni; CularinaECulu di tuppu; Culu tunnu;Cutidderi;Cuttu%

+
+acani; +a Chiana;+addi;+areci% +enti d’oru% +iavulazzu% 9accia lorda;9accia vecchia;9acc’i cani% 9atu% 9avuzza% 9iorentina% 9orbici e "orbiciddi% 9rica "rica;9rutta3olu 9u$$hia!ara;9ulippuni;9unciutu%

&
&iona; &irbusi;&iulia%

I
Ianu u vili;Ica ica;I’n$rasciati;Issari;-unciaru%

(
(a!bretta; (apazza;(avannara% (i$nu;(li!atu% (on$a;(ordu;(oscu% (upa; (uppinaru%

/

/acca;/adunnuzza;/alaspina;/alavita;/a!eu;/ancia cira;/ancia !accu;/ancia panuzzi;/anuncula; /ar!itta; /ar!ittuni; /ara .azzia ah ah;/arteddi;/attavedda ;/au !au;/azzarrisi% /enzapisa% /ilari;/illiliri;/itru D/isci4;/otti$hiolu% /uttisi; /ustazzusa; /ussustortu%

N
Naca naca;Naschidda; Nasuni% Nicchi;Niuri% N"unnacasa%

*
*cchi rossi%

'
'a$$hialoru;'aleri;'allina;'alu!era;'anicottu;'anneri;'antana; 'anzà;'anzuni;'aparazzi;'apareddaE'apella;'ar!itta;'atata% 'ecura 3anca;'edi a ra!pinu;'edi d’a$$hiu;'edi on$u;'edi vancu%'ernu di cascia% 'ica;'icchitta;'idazza;'iducchiusu;pi$nataru;'ila 3addu;piliddi;'ilusi; 'ilurussu;'innaceddu;'innuluni;'iscaru; 'isciacausi ;'iseddu; 'itrullina;'ittirrini; 'izzari% 'razziteddu;'reiti sulu% 'uddicini;'ulani;'ulici prenu;'untilici;'untinari;'unti"ici;'ustinu; 'urcidduzzi%

0
0uadara;0uadaruni;0uarantottu%

.
.acca!ati;.acchiu; .a!panti% .icciulina;.inalora;.inzini;.izza% .obbapudditri;.occa;.ossi ;.otulo e !enzu%

S
Sacchinaru;Sansuni;Sapunara;Sardedda;Sauta"ossa;Sca!u$hia; Scarpareddu% Sciarota;Sciaccali$na; Sciancata;Sciavazza;Sciccaru;Sci!!ia% Scuzzu!ulu;Scupuni% Serracorna;Sett’3orna % Sicaretta;S$ricciateddi;Si$nuruzzu% Spaduzza;Spariciu% Specialista%

S#ualu% Sta!pella;Stazzunaru% Suca ova ;Suddunaru; Sunaturi;Surdu DSur$i%

T
Tabbazza;Tabbiolu; Tardei; Tassuni% Tedescu;Tenchia; Testa nica ;Testa pisanti;Testa di tu!!inu% Ti$nusu; Tinchiara; Turinisi% Tra!ula;Tricarrina;Tri testi; Trizza; Tru!!a% Tuppu d’oro; Turtatti%

7
7cca aperta; 7$hialoru;7ttaru;7zzuni% Aucca; Auccaru Aaccheri;Aardaboscu; Aavusu% Aecchia% Ailleri;Ainzicchiu;Aiviac#ua%

>
>ezè