You are on page 1of 11

MODULO

Le filosofie orientali

.2.
Mahavira

Il giainismo e il principio della non-violenza


` fonIl giainismo, la terza grande religione indiana accanto allinduismo e al buddhismo, e dato da Mahavira, vissuto secondo la tradizione fra il 540 e il 468 a. C. La tradizione lo presenta come lultimo di una serie di altri 24 profeti, i quali avrebbero tutti predicato la dottrina giaina (dallepiteto del profeta, Jina, letteralmente il Vittorioso) in epo` sicuramente una che diverse. Questa e leggenda, ma dimostra che Mahavira si presenta come il continuatore di una tendenza a lui precedente. Sul piano storico si ` contemporaneo del sa poco di lui. E ` anBuddha, di qualche decina danni piu ziano, come lui abbandona la famiglia verso i trentanni per una vita di meditazione e ascetismo, raggiungendo lilluminazione dopo dodici anni di preparazione. I suoi scritti sono andati tutti perduti, per cui il canone giainista comprende 45 opere messe per iscritto solo intorno al V I secolo d. C. Nonostante lenorme influenza sulla cultura indiana, il giainismo non ha mai avuto uno straordinario seguito popolare; oggi vi aderisce solo poco ` ` piu di un milione e mezzo di indiani. Non si e mai diffuso nel mondo contadino, forse per linsistenza sul principio di non nuocere ad alcun animale, dogma ben difficilmente conciliabile con il lavoro agricolo. La predicazione di Mahavira parte dalle questioni fondamentali poste dalla cultura induista: ` condannata lanima umana e come spezzare il ciclo di reincarnazioni successive cui e ` in questo mondo, raggiungere il nirvana? Come anticipare tale stato di beatitudine gia spezzando la legge del karma, leterno susseguirsi di cause ed effetti da cui dipende ogni ` sia dolore? Mahavira condivide con il Buddha lidea che lesistenza di qualsivoglia divinita un problema secondario. Infatti, da una parte, la legge del karma agisce autonomamente e senza lintervento di alcun creatore od ordinatore; dallaltra, le pratiche necessarie alla li` di un salvatore e richiedono uno sforzo che non berazione non prevedono la necessita ` umane. Loriginalita ` della proposta giainista consiste nel consupera le ordinarie capacita ` del tutto evidente, siderare gli stretti legami che connettono il karma alla violenza. E infatti, che sino a che si risponde allira con lira, alloffesa con loffesa e alla violenza con la ` mai. Letica giainista propone di uscire da violenza, la concatenazione negativa non finira questo circolo vizioso attraverso la pratica della ahimsa, ossia del principio della nonviolenza. ` diventato universalmente noto a seguito della lotta Il principio giainista della non-violenza e di indipendenza indiana contro il colonialismo inglese guidata dal Mahatma Gandhi ` evidente, infatti, che lambito privilegiato del(Mahatma significa Grande Anima). E lazione non-violenta sia quello politico-sociale, in cui si esprime come resistenza passiva allaggressione. Letica giainista, tuttavia, prevede lapplicazione radicale dello stesso principio anche in altri ambiti. Verso la natura, ad esempio. Nessuna religione o filosofia ha mai

Rappresentazione di Mahavira, fondatore del giainismo.

Ahimsa: la non-violenza
AA

T2

Nonviolenza politica ed ecologica

12
& Loescher Editore, 2008 - da ISBN 97-888-201-2724-4

2. Il giainismo e il principio della non-violenza

PROFILO

Monaco giainista con la puttika, il velo che impedisce agli insetti di essere casualmente inghiottiti e uccisi. Miniatura da un testo sacro giaina.

difeso tanto fortemente il valore del rispetto di ogni essere vivente. Un giainista osservante sentiva il dovere ` dobbligo, dato (il passato e che limpatto della modernizzazione sta velocemente ` cambiando anche la societa ` traindiana, una delle piu dizionaliste dellintero pianeta) di porre davanti alla bocca un fazzoletto in modo da evitare che, involontariamente, il suo respiro uc` piccolo cidesse anche il piu insetto. Per gli stessi motivi attaccava sonagli alle sue scarpe, in modo da avvisare del suo ` piccoli da non poter essere visti e scansati. Ancora oggi i giainisti passaggio gli animali cos praticano un vegetarianismo stretto, rifiutano ogni forma di sacrificio cruento e si prendono cura degli animali ammalati. Ma in epoche passate gli asceti giainisti spingevano il digiuno sino alla morte volontaria per inedia e praticavano una forma estrema di meditazione, consistente nelloffrire il loro stesso corpo come cibo per gli animali, ponendosi a meditare sul terreno di celle appositamente costruite accanto ai templi, molto umide e proliferanti di piccoli insetti.

GUIDA ALLO STUDIO


O Le religioni indiane, e il giainismo in particolare, danno molta importanza alla morale alimentare, ad
esempio praticando il vegetarianismo. Sai spiegarne le ragioni? ` essere la relazione fra vegetarianismo e metempsicosi? O Quale puo O Anche i culti misterici praticati in Grecia, ad esempio lorfismo e i culti dionisiaci, prescrivevano precise norme alimentari. Sai descrivere quali?

O Sai indicare eventi storici in cui sia stata praticata lidea giainista della non-violenza?

PER IL DIBATTITO
Il pacifismo gandhiano
`, Oggi molti considerano il principio della non-violenza la via per risolvere i conflitti mondiali. Altri, pero ` di universalizzare la pratica della notano che la stessa vicenda di Gandhi sembra smentire la possibilita ` vincente nella lotta di liberazione indiana, e ` dubbio che avrebbe ahimsa. Se questa, infatti, risulto ` hitleriana, cosa che lo stesso Mahatma sembro ` riconoscere, potuto aver ragione dellaggressivita rinunciando a criticare il fatto che truppe indiane combattessero a fianco di quelle inglesi. ` che la politica si adegui alla pratica della non-violenza O Anche coloro che negano la possibilita ` essere soriconoscono comunque lalto valore morale del principio. Con quali argomenti puo stenuta tale distinzione? ` differenti dallimpoO Anche la Chiesa cristiana sostiene lidea pacifista, ma con accenti e modalita ` compatibile con i princ `pi della stazione gandhiana. Sai specificare quali? Il pacifismo gandhiano e legittima difesa, della sicurezza nazionale, della guerra giusta contro laggressione?

13
& Loescher Editore, 2008 - da ISBN 97-888-201-2724-4

MODULO

Le filosofie orientali

.3.

Buddha e il buddhismo

La vita del Buddha


Il principe Siddharta

Siddharta Gautama nasce nel 565 a. C. a Kapilavastu in Nepal da una ricca e nobile famiglia. ` difficile discernere gli elementi leggendari da quelli storici, la Stando alla tradizione, in cui e ` la zia materna, madre Maya (letteralmente illusione) muore sette giorni dopo il parto ed e ` tardi andra ` sposa al padre, a prendersi cura di lui. Volendo preservarlo da un che piu ` che il figlio viva tutta linfanzia aldoloroso contatto diretto con il mondo, il padre fa s linterno delle mura domestiche, fra agi e piaceri di ogni genere. Riceve uneducazione adeguata al suo rango e a sedici anni sposa una principessa sua cugina, da cui ha un figlio, Rahula (legame). ` , spinto da un irrefrenabile desiderio di conoscenza, Siddharta esce per Giunto alla maturita ` che la prima volta dalla sua principesca dimora e inizia la sua esplorazione del mondo. Cio ` della sofferenza, della miseria e della poverta ` la realta ` : la prima volta che subito scopre e esce dal palazzo si imbatte in un vecchio che si trascina a fatica sulle proprie gambe, la seconda volta in un malato che respira a stento, infine in un corteo funebre. La quarta volta che esce dal giardino del palazzo incontra un asceta mendicante e vede nella sua serena ` una prima via di liberazione dal dolore del mondo. Cio ` basta perche il giovane decida dignita di dedicare tutta la vita a un unico compito: estirpare il dolore dallesistenza umana. Nella

La scoperta del dolore

14
& Loescher Editore, 2008 - da ISBN 97-888-201-2724-4

3. Buddha e il buddhismo

PROFILO

notte della grande rinuncia, decide di abbandonare la famiglia per la pratica ascetica. Prima di inoltrarsi nella foresta scrive al padre queste parole: Non si affligga per me che finora ho rinunciato al mondo per sottrarmi al dolore; sono invece da compiangere coloro i quali, avidi di godere, concepiscono desideri che sono appunto causa di dolore. Ha 29 anni.
La pratica ascetica

Dopo aver deciso di dedicare la propria vita alla ricerca spirituale, va a vivere presso due stimati brahmani per ricevere il loro insegnamento, ma gli basta un anno per capire che il rigido ritualismo tradizionale non offre risposte allinquietudine del suo animo. Per sei anni, quindi, si ritira nella foresta insieme a cinque compagni per svolgere una lunga serie di esercizi di meditazione e di mortificazione corporale. Narra la tradizione che per tutto questo tempo si nutre solo di un chicco di riso e di uno di sesamo al giorno. Ma, nonostante questa rigidissima pratica ascetica, non riesce a raggiungere la pace interiore e decide ancora una volta di cambiare vita, tentando una via di mezzo fra i due modelli estremi che ha praticato sino ` ledonismo principesco dellinfanzia e lautoumiliazioallora, cioe ne fisica dellascetismo estremo. Lilluminazione arriva a 35 anni, in una notte passata a meditare sotto un albero. Seduto immobile a gambe incrociate nella posizione del loto, Siddharta raggiunge un eccezionale stato di profonda meditazione, passando attraverso quattro gradi di estasi: la ` dellanimo, labbandono del suprema concentrazione, la lievita ` assoluta, ovvero uno stato di corpo e infine limperturbabilita totale indifferenza verso la gioia e il dolore. Durante questa notte santa ha tre grandi visioni: 1) vede il susseguirsi delle nascite e ` infinito; delle reincarnazioni e comprende che il ciclo della vita e ` il risultato di questo ciclo e che la vita 2) vede che lintero mondo e ` condizionata dalle dei singoli esseri viventi, uomini o animali, e azioni commesse nella vita precedente; 3) vede che tutto il dolore Il principe Siddharta come del mondo proviene proprio da questo perenne susseguirsi di cause bodhisattva, Gandhara, I - I I e Guimet). secolo (Parigi, Muse ed effetti e che la soluzione sta quindi nello sfuggire alla sua ` detto, il Buddha, ossia lilluminato. costrizione. Da quel momento diviene, ed e ` tormentato dai dubbi circa Dopo aver ricevuto lilluminazione, per sette giorni il Buddha e ` di rivelare al mondo la propria scoperta. In una visione gli appare Mara, il lopportunita diavolo, che tenta di indurlo a suicidarsi, in modo da raggiungere immediatamente lo stadio finale del nirvana. Ma riesce a resistere alla tentazione e, rinunciando temporaneamente alla ` propria personale salvezza, decide di continuare a vivere per comunicare a tutti la verita conquistata. Con questa scelta, sulla cui importanza insiste in particolare come vedremo il ` buddhismo del Grande Veicolo, il Buddha dimostra di porre al centro della propria religiosita non un ideale privato di salvezza personale, ma limpegno nellaiutare tutti gli uomini a trovare la via della perfezione. Da quel momento si trasforma in bodhisattva, letteralmente ` lilluminazione. colui la cui essenza e ` santa di Benares e, nel parco Il settimo giorno si mette in cammino per raggiungere la citta delle gazzelle, al cospetto dei cinque asceti che sono stati suoi compagni, pronuncia il ` . Inizia cos ` la sua opera di proselitismo, destinata a un discorso sulle quattro sante verita

Lilluminazione

La scelta del bodhisattva

Il discorso di Benares

15
& Loescher Editore, 2008 - da ISBN 97-888-201-2724-4

MODULO

Le filosofie orientali

grande e immediato successo. I cinque asceti chiedono ` la prima comunita ` subito i voti monastici, creando cos ` buddhista (sangha). Dopo tre mesi i monaci sono gia ` numerosi sono i fedeli laici, fra cui sessanta e molto piu svariate donne. Riconfermando la scelta di una pratica di impegno, il Buddha li invita a diffondere la nuova dottrina con queste parole: Andate, o monaci, a predicare nel mondo la legge. Agite sempre nel vostro e nellaltrui interesse. Portate a tutti questo messaggio di gioia.
La predicazione

Buddha durante la predica del Primo Discorso, 465-85 ca. (Sarnath, Museo Archeologico).

Il Buddha trascorre i 45 anni che gli restano da vivere come monaco mendicante e itinerante percorrendo la valle del Gange, mentre schiere di numerosi ascoltatori accorrono alle sue orazioni pubbliche. Daltra parte non mancano i nemici, in particolare i brahmani, il cui potere ` messo in discussione dal nuovo messaggio, ritualistico e e gli asceti, che mal giudicano lo svuotamento di senso ` delle loro eroiche astinenze. La tradizione buddhista e ricca di storie relative ai miracoli compiuti da Siddharta come estrema forma di autodifesa. Si narra, ad esempio, ` piu ` che suo cugino Devadatta, che lo odiava e tento ` volte di assassinarlo, un giorno gli aizzo contro un ele` lanimale fante in un vicolo molto stretto, ma il Buddha con la forza del proprio amore fermo . e lo fece inginocchiare davanti a se Muore ormai ottantenne, dopo aver trascorso gli ultimi anni in un monastero. Nellimminenza della morte, avvenuta verso il 486 a. C., tiene un ultimo magistrale discorso, ` cremato, e le sue ceneri sono divise fra i nove rifiutandosi tuttavia di indicare successori. E regni indiani in cui ha predicato. Trasmandati oralmente per circa cinque secoli, i Discorsi del Buddha sono messi per iscritto solo nel I secolo a. C. Comprendono materiali di natura diversa: poesie, prediche e dialoghi che spesso prendono spunto da precise questioni sottoposte dai seguaci.

AA

T4

La morte di Gautama Siddharta, il Buddha.

16
& Loescher Editore, 2008 - da ISBN 97-888-201-2724-4

3. Buddha e il buddhismo

PROFILO

La dottrina buddhista
Il buddhismo ` una e religione?

` e non vuole essere una religione. I Il buddhismo, almeno nella fase della sua nascita, non e ` antichi attribuiscono al Buddha una natura e caratteristiche strettamente umane, testi piu anche se ovviamente eccezionali, ed egli stesso non pretende mai di essere considerato un profeta o unincarnazione di Dio. Nega inoltre lesistenza di un Principio Assoluto tra` scendente e considera gli eccessi della speculazione teologica inutili e devianti. Non si puo tuttavia negare che il buddhismo, ai giorni nostri, costituisce a tutti gli effetti una religione, basata sullinsegnamento del Buddha e sugli scritti canonici, dotata di una propria liturgia, ` ` , ben presto il Buddha e una precettistica ecc. In effetti, contro la sua esplicita volonta ` fatto oggetto del culto e della venerazione che si devono a un dio, e la sua divinizzato, cioe ` interpretata come una manifestazione terrena della divinita ` . Lelaborazione vicenda storica e ` ha inoltre comportato lo sviluppo di una sofisticata teologia, che del concetto di buddhita postula, ad esempio, lesistenza di altri Buddha precedenti a Siddharta o di un Buddha futuro oppure ancora di un Buddha per ognuno dei mondi possibili. ` eterno o non eterno, se e ` Raccontano le storie del Buddha che a chi gli chiede se il mondo e finito o infinito, se lanima e il corpo sono uno o non sono uno, egli semplicemente rifiuta di rispondere, scegliendo la pratica del silenzio metafisico. LIlluminato non entra mai in le ignori o ne sia indifferente, ma perche le consiquesto tipo di speculazioni, non perche dera presuntuose e capaci di distogliere lattenzione dai problemi veri. Non vuole neppure dare alla sua dottrina una formulazione sistematica, preferendo spiegarsi attraverso il dialogo estemporaneo, e soprattutto offrendo lesempio della sua esistenza come prova della ` delle sue dottrine. validita Il buddhismo si caratterizza per una particolare interpretazione delle due nozioni fondanti ` indiana, il nirvana e il karma: 1) il nirvana, che linduismo considera della religiosita ` possibile solo dopo la morte, come fuoruscita dellanima dal ciclo delle reincarnazioni, e ` durante lesistenza terrena; 2) la legge di causauno stato di beatitudine raggiungibile gia effetto che sostanzia lidea di karma non deve essere applicata solo al ciclo delle rinascite, ma esprime anche la concatenazione che nella vita terrena dellindividuo lega desiderio a desiderio, dolore a dolore. Ogni desiderio provoca ulteriori desideri e ogni dolore provoca ulteriori dolori: se si vuole smettere di desiderare e di soffrire bisogna interrompere defi` che ogni azione nitivamente questo circolo vizioso in cui il passato pregiudica il futuro e fa s non sia altro che leffetto di cause precedenti. Il buddhismo potrebbe essere definito una tecnica di comportamento, una proposta di vita in vista dellannullamento di ogni sofferenza (nirvana). In polemica con la tradizione sacra della rivelazione contenuta nei Veda e con il rigido ritualismo formale del brahmanesimo, il Buddha pone la questione delleffettiva ` dellesistenza umana, chiedendosi quale sia il giusto modo per affrontare la malattia, realta la vecchiaia e la morte. ` che il buddhismo intende il dharma non piu ` come Una conseguenza di quanto detto e osservanza delle regole sociali, ma come la legge, ossia come la dottrina predicata dal ` , i cui contenuti hanno valore uniBuddha, quindi come personale esercizio della virtu versale. Sebbene questa interpretazione sia potenzialmente sovversiva nei confronti del sistema castale, il Buddha non fa nulla per eliminare tale rigido sistema. Solo allinterno della ` dei monaci buddhisti (il sangha) viene abolita ogni distinzione tra sacerdoti, comunita ` entrare nellOrdine, indipendenteguerrieri, commercianti e artigiani. Ogni persona puo ostacolerebbero mente dal suo diritto di nascita; solo gli stolti vengono esclusi, perche linsegnamento. Per tutti, dunque, vale il detto: Luomo dotato di saggezza e buona con` il migliore tra gli de ` i e gli uomini. dotta e

Silenzio e ` profondita metafisica

Laccezione buddhista di dharma, karma e nirvana

Buddhismo e sistema castale

17
& Loescher Editore, 2008 - da ISBN 97-888-201-2724-4

MODULO
Le quattro ` nobili verita
AA

Le filosofie orientali

T3

` importante e ` quello di Benares, in cui Fra tutti i discorsi pronunciati dal Buddha, il piu ` dolore sotto tutti gli ` : 1) la vita e lIlluminato enuncia le seguenti quattro nobili verita ` la voglia di vivere, il desiderio di prolungare la propria aspetti; 2) la causa del dolore e ` possibile piacevoli; 3) per annullare il dolore e ` esistenza, la sete di esperienze il piu necessario annullare tutti i desideri, superare la dimensione dellio personale; 4) al`pi dellottuplice sentiero, che lannullamento dei desideri si arriva vivendo secondo i princ costituisce la parte prescrittiva della dottrina: retta visione (ossia retta comprensione della dottrina), retta risoluzione, retto parlare, retto agire, retto modo di sostentarsi, retto sforzo, ` puo ` essere periretta concentrazione, retta meditazione. Anche il desiderio della santita ` tradursi in una sete di perfezione dagli effetti disastrosi. La giusta via e ` la coloso, puo ` la via media, rinuncia al mondo accompagnata da una moderata pratica ascetica: e ` della vita dedita al piacere, e dellontana dai due estremi opposti delledonismo, cioe leccessivo ascetismo. Losservanza delle otto regole, unita alla pratica della meditazione, permette di raggiungere ` abolita. Il nirvana consiste in un la beatitudine nirvanica, in cui la dimensione del dolore e superamento della coscienza della propria esistenza come essere individuale e perma` che chiamiamo io, indicando con cio ` qualcosa di unitario che ci accompagna nente. Cio dalla nascita alla morte, semplicemente non esiste; a questo termine non corrisponde al di reale. Reale e ` solo lo stato attuale, il momento presente, ma oltre ad esso nulla cunche ` dove le parti di un carro esiste. Per spiegarlo il Buddha propone questa similitudine: come la ` la ` dove i si trovano riunite, si suole usare la parola carro, che in se non esiste, cos fenomeni psicofisici sono riuniti, si suole usare la parola io, ma in effetti lio non esiste ` in se . Annullare lio significa svuotare di significato ogni termine possessivo come entita ` senso); spezzare alla nascita ogni possibile desiderio, perche viene meno il (mio non ha piu legame tra presente e futuro che mette in relazione il momento del desiderio con quello ` della sua realizzazione; accettare il vuoto, ossia lidea della propria impermanenza (cioe non permanenza) come dimensione esistenziale. Unaltra celebre similitudine buddhista paragona la legge del karma al movimento della ruota del vasaio: spezzare la catena dei rapporti di causa-effetto che provoca la sofferenza in ` come fermare il giro vorticoso della questa vita e lega lanima al ciclo delle reincarnazioni e `a ruota, facendo venir meno la spinta che la muove. Ebbene, come questa ruota continuera ` il perfetto buddhista, girare per forza di inerzia anche quando cessa lenergia propulsiva, cos ` colui che ha gia ` conosciuto lesperienza del nirvana, deve rimanere vigile guardiano di cioe ` presse stesso per combattere gli ultimi residui del suo karma, la cui continua rinascita e inevitabile finche lanima permane nel corpo. Il perfetto e completo stato del nirvana soche ` raggiungibile solo quando la vita si spegne del tutto e una definitiva morte corporale libera e lo spirito da ulteriori reincarnazioni. si curo ` di costruire alcuna chiesa o piu ` in Il Buddha non volle designare alcun successore, ne generale una organizzazione capace di garantire lortodossia del movimento da lui fondato. Ben presto, dopo la sua morte, iniziano le discussioni interpretative dei seguaci. Nonostante il tentativo di formalizzare unortodossia tramite la convocazione di quattro concili generali dei monaci, le divergenze portano a una spaccatura insanabile fra due tendenze ancora oggi ` chiamate per presenti: la corrente del Piccolo Veicolo e quella del Grande Veicolo, cos ` elitario della prima rispetto alla seconda. indicare metaforicamente laspetto piu La corrente del Piccolo Veicolo (oggi nota come scuola del buddhismo Theravada) opta per ` la via preferita dai leroismo dellimpegno e professa uno stile di vita rigidamente ascetico. E `, monaci, che al rispetto delle norme dellottuplice sentiero aggiungono i voti di poverta ` la via di chi, interpretando in modo integrale il messaggio del ` e distacco dal mondo. E castita

Limpermanenza dellio

Leterna legge del karma

Il Piccolo e il Grande Veicolo

Hinayana, il Piccolo Veicolo

18
& Loescher Editore, 2008 - da ISBN 97-888-201-2724-4

3. Buddha e il buddhismo

PROFILO

maestro, punta alla propria salvezza individuale, ossia a raggiungere la perfezione del nirvana liberandosi dai vincoli del mondo e spezzando il ciclo di reincarnazioni che incatena lanima.
Mahayana, il Grande Veicolo

I sostenitori del Grande Veicolo riconoscono che i propri avversari si rifanno alla lettera il Buddha stesso, pur allinsegnamento del Buddha, ma rivolgono loro una domanda: perche , continuo ` tuttavia a rimanere avendo raggiunto lo stato nirvanico dellannullamento di se nel mondo? Egli non volle perseguire egoisticamente la propria liberazione, ma decise di posporre la propria salvezza per aiutare gli altri a raggiungere il nirvana adoperandosi dunque per il bene e la salvezza altrui. Il Mahayana pone al centro della propria dottrina un ulteriore precetto, non codificato nellottuplice sentiero ma presente in ogni atto e parola del Buddha: la compassione, ossia limpegno per ridurre non la propria sofferenza ma quella ` aperto alle vicende mondane, il Grande Veicolo non richiede una fuga dal degli altri. Piu mondo ma una partecipazione attiva al dolore di ogni essere vivente.

GUIDA ALLO STUDIO


O Induismo e buddhismo usano spesso le stesse parole, attribuendo loro un significato parzialmente
differente. Sai specificare il diverso senso del termine dharma nellinduismo e nel buddhismo? ` molta importanza al fatto che il Buddha non si sia suicidato. Perche O Il buddhismo Mahayana da e ` cos ` importante che non lo abbia fatto? avrebbe potuto farlo? Perche ` in qualche modo essere O Ponendosi il compito di curare i mali dellanima, il buddhismo puo paragonato alle filosofie occidentali dellepoca ellenistica. Confronta la dottrina delle quattro nobili ` con la filosofia stoica e con quella epicurea. Quali sono le somiglianze e quali le differenze? verita

19
& Loescher Editore, 2008 - da ISBN 97-888-201-2724-4

MODULO

Le filosofie orientali

.4.

Il confucianesimo e laspirazione allarmonia

` Il fine e nel passato


AA

T5

Vissuto in unepoca di grande inquietudine politica, come testimonia la sua vicenda personale, Confucio pone come scopo della sua riflessione la restaurazione di un ordine ar` e natura, sostenendo che tale armonia puo ` essere raggiunta monico fra individuo, societa solo attraverso la restaurazione della saggezza originaria contenuta nei testi sacri. Non pretende di fondare alcuna nuova dottrina e presenta il suo pensiero come una mera sistemazione della sapienza tradizionale. Dimostrando un approccio essenzialmente con` e ` giustificabile solo se servativo, contrario a ogni innovazione, sostiene che ogni novita consiste in un ritorno ai costumi del passato, tanto che uno degli aforismi attribuitigli recita `: Io tramando, non creo. cos Per evitare qualsiasi turbamento della vita sociale, bisogna affidarsi al principio di gerarchia. si sviluppano Confucio sottolinea che le relazioni sociali non sono mai paritarie, perche sempre fra individui superiori e inferiori. Vi sono cinque relazioni fondamentali che avvengono tra: 1) sovrano e suddito; 2) padre e figlio; 3) fratello maggiore e fratello minore;

Il principio di gerarchia

20
& Loescher Editore, 2008 - da ISBN 97-888-201-2724-4

4. Il confucianesimo e laspirazione allarmonia

PROFILO

4) marito e moglie; 5) amico e amico. Nessuna di queste si svolge fra pari, le prime quattro anche in un rapporto damicizia si distingue sempre tra per evidenti ragioni, lultima perche ` anziano e quello piu ` giovane. Fulcro della societa ` ideale confuciana e ` la famiglia, lamico piu ` al cui interno si svolgono ben tre delle cinque possibili relazioni sociali. Anche lo Stato e ` preconcepito in termini paternalistici, come una grande famiglia di cui limperatore e sentato come padre e madre. Nel sistema confuciano, dato che il valore risiede sempre nel ` e ` sinonimo di saggezza e assume un valore di per se . Corollario sul passato, lanzianita ` la tradizionale gerontocrazia cinese, nella quale il potere piano politico di questo principio e ` preferibilmente affidato ai piu ` vecchi. e
Compenetrazione fra etica e politica

` , rifiutando ogni Il confucianesimo insiste sullo stretto legame che unisce luomo alla societa possibile separazione tra sfera privata e sfera pubblica. A un discepolo che gli chiede quale ` correggere i nomi sia il primo dovere di un governante, Confucio risponde che lessenziale e delle cose. Infatti, se i nomi sono sbagliati, i discorsi sono incoerenti; se i discorsi sono incoerenti, gli affari sono compromessi; se gli affari sono compromessi, riti e musica (ossia la sostanza delle tradizioni) vengono trascurati; se i riti e la musica vengono trascurati, castighi e pene risultano inadeguati e se i castighi e le pene sono inadeguati, allora il popolo non ha ` una guida. Alla virtu ` , in ambito politico, non e ` estranea la buona educazione, in cui piu confluiscono sia linteriore gentilezza danimo sia la formale osservanza delletichetta e delle convenienze sociali. ` e conservazione e ` dunque comprensibile come, per Sullo sfondo di questo ideale di stabilita ` importanti virtu ` etiche siano la rettitudine del comportamento e la beConfucio, le piu nevolenza verso il prossimo. Il loro esercizio permette allindividuo di essere in sintonia con ` a grandi linee traducibile come principio di umanita ` . Indica latlo yen. Tale nozione e `, titudine intrinseca in ogni individuo a porsi in positiva sintonia con il resto dellumanita `. assumendo verso il mondo nel suo complesso un atteggiamento di disponibilita ` quella di li, la cui significanza in ambiti Strettamente connessa alla nozione di yen e diversi ne rende difficile la traduzione. Anticamente era applicata in ambito strettamente ` poi a indicare le religioso, a indicare i riti che accompagnavano le pratiche religiose. Passo regole e le convenzioni che strutturano la vita sociale, i riti matrimoniali, militari, di governo ecc. In questo senso, il li esprime la ragione profonda delle leggi, dei codici di comporta-

`pi I princ dello yen e del li

NOTIZIE BIO-BIBLIOGRAFICHE
Confucio, italianizzazione di Kung-futzu, che in cinese significa Maestro Kung, secondo la tradizione nasce nel 551 a. C. da ununione extraconiugale. ` , detiene diversi incarichi Dotato di eccezionali capacita al servizio del sovrano dello Stato di Lu, nellattuale Shantung, sino a diventare ministro della giustizia e primo ministro ad interim. Questa posizione di premi` pero ` incrinata da intrighi politici, che nenza sociale e nel 496 lo costringono a prendere la via dellesilio, condizione nella quale trascorre circa dodici anni. Vi` cinesi, cercando di convin` importanti citta sita le piu `pi cere sovrani e amministratori ad adottare i princ della sua dottrina. Deluso da troppi fallimenti, e per sottolineare la sua opposizione alla corruzione dilagante, decide di ritirarsi dalla vita pubblica per consacrarsi sia allinsegnamento sia alla raccolta e alla sistemazione degli antichi testi della saggezza cinese, ` . La ` remota antichita la cui origine affonda nella piu tradizione gli attribuisce la revisione e il commento dello Shi-ching (Libro delle odi), dello Shu-ching (Libro della storia) e dello I-ching (Libro dei mutamenti). ` facile Muore nel 479 a. C. La sua biografia, in cui non e ` e leggenda, e ` scritta da Ssu-ma discernere tra verita Chien intorno all86 a. C. La divinizzazione della sua persona risale allepoca della dinastia Han (206 a. C. 220 d. C.), alla fine della quale il confucianesimo diventa dottrina ufficiale dello Stato cinese.

21
& Loescher Editore, 2008 - da ISBN 97-888-201-2724-4

MODULO

Le filosofie orientali

mento e della morale comune. Infine, in particolare con linsegnamento di Confucio, la ` stata generalizzata sino a significare il principio di ordine e di razionalita ` stessa nozione e ` umana ma anche il mondo naturale nel suo complesso. che governa non solo la societa
Etica precettistica

Il peso ideologico e il potere di convinzione del confucianesimo si basano su una ricca precettistica, ossia su un insegnamento costituito dallesposizione minuziosa delle regole di ciascuno svolga appieno il comportamento da assumere in ogni relazione sociale. Affinche proprio ruolo, Confucio specifica i compiti che gli spettano: il figlio deve essere obbediente, ` anil padre amorevole ma soprattutto autoritario, il fratello minore rispettoso verso il piu ` e questa benevolente verso di lui. Ognuno deve ziano, il suddito reverente verso lautorita ` occupare il proprio posto e sapere esattamente quali sono i suoi doveri. La nozione di liberta ` allinterno di quelle individuale non ha grande spazio nel sistema confuciano, limitata come ` che non sono condizionate dalla relazione sociale. poche attivita Il confucianesimo si configura, dunque, in primo luogo come unideologia, ossia un com` per questo che in esso il problema plesso di concezioni atte a giustificare il potere politico. E ` assume unimportanza straordinaria. Vissuto in della fonte e della natura dellautorita ` unepoca in cui il principio ereditario su cui si fonda il potere dellaristocrazia dominante e messo in dubbio dallinquietudine sociale, Confucio cerca di rifondare la struttura sociale su ` solide, ossia sulleducazione e sulla cultura. Ottiene che i funzionari dello Stato basi piu siano scelti solo fra gli intellettuali che hanno svolto con successo un lungo percorso educativo, fondamentalmente di tipo umanistico. La selezione deve avvenire secondo il principio della meritocrazia, ossia con un sistema di riconoscimenti, compensi e assunzioni ` individuali. Uninvenzione che il mondo intero deve al basato esclusivamente sulle capacita ` il sistema degli esami confucianesimo, recepita in Occidente solo in epoca moderna, e imperiali, concorsi pubblici e aperti a tutti per la selezione e il reclutamento degli amministratori pubblici.

Il sistema degli esami imperiali

GUIDA ALLO STUDIO


` come una grande famiglia, e ` compatibile con O Lidea paternalistica dello Stato, che considera la societa la moderna concezione occidentale della democrazia?

O Il confucianesimo ha inventato il principio della meritocrazia. Sai definirlo? A quali pratiche diede
` oggi praticato nelle societa ` occidentali? origine in Cina? Come e ` cinese consiste nellaffidare il governo O Una caratteristica tipica almeno fino a pochi anni fa della societa del Paese a persone anziane. Su quali basi filosofiche si basa tale usanza?

22
& Loescher Editore, 2008 - da ISBN 97-888-201-2724-4