You are on page 1of 15

Ufficio Volontariato, relazioni istituzionali e internazionali

SERVIZIO FORMAZIONE





P
PPr
rro
oog
gge
eet
ttt
tto
oo
"
""A
AA S
SSc
ccu
uuo
ool
lla
aa c
cco
oon
nn l
lla
aa p
ppr
rro
oot
tte
eez
zzi
iio
oon
nne
ee c
cci
iiv
vvi
iil
lle
ee"
""















e-mail formazione@protezionecivile.it
tel. 06.68.20.22.91-24.58
fax 06.68.20.27.73



R Ro om ma a - - 2 20 00 07 7
Presidenza del Consiglio dei Ministri
DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE
CIVILE

Servizio Formazione del personale
e dei livelli territoriali competenti

2

PREMESSA - Oggi si va diffondendo in modo sempre più marcato la
consapevolezza che la protezione civile è e deve diventarlo sempre di più
patrimonio dell´intera collettività. Grazie anche all´articolazione di un sistema
che si è evoluto in direzione centrifuga con il coinvolgimento degli enti
territoriali, in ambito locale si apprezza la costante proliferazione di iniziative
e programmi tesi a diffondere le conoscenze sulla protezione civile. Molte di
queste attività vengono rivolte anche al mondo della scuola, con la proposta
di progetti finalizzati a diffondere nei giovani l´uso di pratiche e la
conoscenza di norme utili alla sicurezza individuale e collettiva.
L´importante concetto della ¨prevenzione¨, che segna in modo inequivocabile
il cambiamento rispetto al passato dove l´investimento più consistente era
quello fatto sul concetto dell´¨emergenza¨, viene, tuttavia, interpretato dai
soggetti promotori solo come processo favorevole all´adozione, presso gli
alunni delle scuole, di comportamenti finalizzati ad accrescere il grado di
autotutela.
Considerando, invece, il potenziale, in termini di proiezione futura, che
esprime il mondo dei giovani e, ancor di più, quello dei giovanissimi intesi
come alunni delle scuole primarie, si intuisce come tale esercizio può essere
interpretato anche e soprattutto in maniera differente. Non solo, quindi, la
diffusione di norme e comportamenti per la sicurezza individuale ma
comportamenti basati sul ¨rispetto¨ di tutto quanto interagisce con la
quotidianità dei bambini; quindi il rispetto degli altri, degli ambienti
(domestici, scolastici, pubblici), del territorio attraverso comportamenti
finalizzati alla crescita di una classe sociale del domani, non più sclerotizzata
e ancorata all´indifferenza, ma sensibile alle problematiche dell´ambiente,
inteso in tutte le sue forme.
Il concetto più ampio della protezione civile, non interpretato solo ed
esclusivamente come sterile organizzazione di risorse e procedure, ma come
complesso di atteggiamenti, rete di rapporti, senso civico, etica, può
rappresentare il veicolo più idoneo per un investimento futuro capace di
creare i presupposti per una coscienza popolare più attenta e più
consapevole.
Servizio Formazione del personale
e dei livelli territoriali competenti

3
Il progetto "A Scuola con la protezione civile" che qui si propone si
inserisce nell´ambito delle numerose rassegne già avviate, introducendo
l´analisi del fenomeno attraverso un punto di osservazione diverso: non più
come comportarsi per difendere la propria sicurezza, ma quali
atteggiamenti adottare per limitare gli effetti derivanti dai fenomeni
calamitosi.
Questo obiettivo è quello che si prefigge il programma appositamente tarato
per le scuole dell´obbligo che, attraverso la compartecipazione di molteplici
soggetti, vuole contribuire a veicolare il significato della protezione civile
nelle classi, anche quelle dei più piccoli, in modo da responsabilizzare gli
alunni rispetto ad un concetto fondamentale: tutti i rischi a cui è soggetto
l´uomo nel suo ambiente, urbano, periurbano o extraurbano sono
strettamente legati al tipo di uso che si fa del territorio stesso.
A partire da questo principio si innesta e si articola tutto il programma dei
contenuti che viene proposto nell´ambito del progetto e che riguarda l´analisi
dei principali fattori che concorrono ad esprimere la protezione civile come
funzione e gli strumenti utili alla sua realizzazione che ne determinano la
struttura stessa, intesa come sistema.
Si ritiene che questo messaggio, complesso e delicato, sia più diretto e facile
da comprendere se nella sua elaborazione viene interpretato anche da
persone del luogo come i Vigili del Fuoco, la Forestale, le organizzazioni di
volontariato, il 118, la Croce Rossa, i rappresentanti degli uffici territoriali
competenti (Regione, Provincia, Utg, Comune, CSA). A rafforzare il
conseguimento di tali obiettivi concorre anche ruolo e il legame, introdotto
dall´autonomia, che la scuola ha con il proprio territorio.

CONTESTO - A livello nazionale, ormai da qualche anno, sono numerose le
iniziative realizzate dai vari soggetti competenti. In particolare, si segnalano
le attività di alcune Regioni (Piemonte, Marche, Abruzzo, Emilia Romagna,
Friuli Venezia Giulia, Liguria, Campania, Valle d´Aosta) che hanno promosso
progetti e percorsi formativi vari destinati al mondo della scuola. Da una
analisi generale, tuttavia, risulta che tali programmi hanno come obiettivo
Servizio Formazione del personale
e dei livelli territoriali competenti

4
principale quello di informare gli studenti in modo da renderli consapevoli dei
rischi e di consentir loro di adottare comportamenti utili alla loro stessa
sicurezza.
Il Progetto "A Scuola con la protezione civile¨, tenuto conto di questo
particolare contesto che vede il problema gia ampiamente affrontato dai vari
livelli territoriali competenti, vuole inserirsi nel pieno rispetto di una logica di
sussidiariertà introducendo un aspetto e una modalità innovativa che,
peraltro, rafforzano l´impegno delle altre attività già in itinere.

OBIETTIVI - Obiettivo fondamentale del progetto è il cambiamento
prodotto negli alunni, rappresentato dalla consapevolezza che l´uomo è
artefice del suo futuro ed è responsabile di tutto quello che avviene e che,
spesso ed erroneamente, viene interpretato come evento imponderabile.
Obiettivi specifici sono quelli di introdurre e/o rafforzare nella formazione
emotiva e sociale degli alunni temi quali:
• Solidarietà e spirito di collaborazione;
• Consapevolezza sul ruolo di ogni singolo cittadino;
• Senso di appartenenza alla collettività;
• Rispetto della cosa pubblica come "res communis omnibus¨ e non
come "res nullius¨;
• Fiducia nelle istituzioni.











Servizio Formazione del personale
e dei livelli territoriali competenti

5
CONTENUTI - Il programma si articola in un tre differenti moduli:
1) Conoscenza del proprio del territorio, delle sue caratteristiche
geologiche, morfologiche, naturalistiche, infrastrutturali ecc ;
2) L´individuazione dei rischi più rilevanti (o che accadono più di
frequente);
3) L'organizzazione della protezione civile, soprattutto a livello
locale.

Il progetto didattico, secondo lo schema previsto nel punto
concernente il calendario d´aula, si realizza nel primo modulo attraverso
la presentazione e la discussione di vari argomenti quali la biologia
vegetale, la geologia, l´idrologia, ecc.. Nel secondo modulo vengono
esaminati il rischio incendi boschivi (o idrogeologico) e il rischio
sismico, andando a rappresentare per ognuno le attività che concorrono a
ridurre o a mitigare gli effetti di tali eventi. Nel terzo modulo vengono
trattati argomenti quali l'educazione civica, l´organizzazione della
Pubblica amministrazione e il ruolo della cittadinanza attiva quali fattori di
partecipazione alla politica del paese.
Indipendentemente dal programma dei contenuti, in considerazione del fatto
che la realizzazione del progetto prevede l´impiego di risorse locali e in
ossequio a particolari esigenze di carattere territoriale, in sede di attuazione
potranno essere previste variazioni e modifiche al programma di base.

DESTINATARI - Alunni della scuola primaria (preferibilmente alunni delle
classi III, IV e V)

METODOLOGIA DIDATTICA - Per quanto gli argomenti trattati possano
sembrare non pertinenti all´età degli alunni, bisogna sottolineare come
questi vengano, comunque, trattati in forma "leggibile¨ attraverso un
linguaggio appropriato, moderni strumenti didattici e soprattutto per mezzo
di metodi attivi. L´uso dei metodi di didattica attiva consente non solo una
partecipazione costante degli alunni ma anche la definizione dell´enunciato
Servizio Formazione del personale
e dei livelli territoriali competenti

6
teorico attraverso un processo deduttivo costruito dall´alunno stesso. In
sostanza si interviene, fatte le debite proporzioni, sul "saper essere¨ più che
sul "sapere¨. La lezione viene "costruita¨ dall´alunno, opportunamente
guidato dall´operatore, in modo da rappresentare il processo cognitivo
attraverso la rappresentazione del reale prima, dall´analisi dei processi che
ne regolano il funzionamento poi e infine con la definizione dell´"effetto¨. Da
qui è automatico risalire al concetto di "causa¨ e quindi alla responsabilità di
una gestione corretta del territorio. I contenuti non vengono rappresentati in
modo avulso, ma come "conseguenza¨ di una "causa¨ e rappresentati in
forma "biomorfa¨ o, meglio ancora, "antropomorfa¨. Questo perché tutto ciò
che è diverso difficilmente viene fatto oggetto di attenzione. Così come nelle
grandi strategie di comunicazione, per pilotare l´opinione pubblica nella
mistificazione di qualcuno questo viene assimilato a un qualcosa di non
umano, di "diverso¨, così per facilitare il processo di comprensione i concetti
vengono "antropizzati¨ anche attraverso giuochi di ruolo, simulazioni, ecc,..
Infine è importante sottolineare come a conclusione di ogni argomento
l´operatore verifichi che a ogni domanda sia stata data una risposta precisa
in modo da dare al bambino punti di riferimento ben identificabili. Questo
perché la percezione della realtà deve avere una dimensione oggettiva,
perfettamente riconoscibile e, quindi, gestibile.
Nel fare ciò, i docenti devono porre particolare attenzione all´uso del linguag-
gio, evitando accuratamente parole come "morte¨ "distruzione¨ che possano
in qualche modo spaventare i bambini.
Infine, considerato che attraverso il gioco possono essere rappresentate
situazioni che definiscono la trattazione dei singoli argomenti , là dove
possibile vengono utilizzati metodi di "role playing¨. La tecnica consiste
nell´assegnare ad ogni bambino un ruolo stimolandolo al comportamento
consono per quel tipo di ruolo.
A completamento del progetto, presso ogni scuola, verranno distribuiti dei
test di verifica (ipotesi in all. n. 1) per valutare il grado di raggiungimento
degli obiettivi fissati.

Servizio Formazione del personale
e dei livelli territoriali competenti

7
STRUMENTI DIDATTICI - Saranno utilizzate attrezzature classiche come
lavagne a fogli mobili, pc collegati a videoproiettori e dispense cartacee. Il
programma formativo verrà integrato dall´utilizzo do un cd multimediale che
accompagnerà la didattica in aula e l´attività di studio degli studenti anche
dopo la partecipazione al progetto.
Le caratteristiche di multimedialità e interattività permesse dai nuovi
strumenti tecnologici possono essere sfruttate per rendere la formazione un
percorso al quale l´utente partecipa attivamente e cioè con una concezione
diversa rispetto alla formazione unidirezionale, dal docente al discente.
La possibilità di avere i materiale didattici organizzati in una struttura
ipertestuale navigabile, laboratori e spazi virtuali, quiz e linkografie
stimolano l´utente a giocare un ruolo attivo.
Proprio per le caratteristiche sopra menzionate, si ritiene utile la
realizzazione di un DVD da affiancare agli interventi in aula. Inoltre, l´utilizzo
di supporti come il DVD permette di prolungare e rafforzare il rapporto che
si viene a creare durante le lezioni in aula che non devono essere intese
come interventi episodici e sporadici. L´obiettivo è infatti quello di far
compiere ai discenti il passaggio dalla sfera della conoscenza (sapere) a
quella della competenza (saper fare) fino ad arrivare a quella del saper
essere, inculcando loro principi quali il rispetto del territorio e la coscienza
civile.
In più, integrando ulteriormente questi strumenti con altre tecnologie on-line
è possibile ottenere anche un feedback costante dell´efficacia dei corsi, non
solo attraverso questionari di gradimento, ma anche con test di verifica
progressivi che permettono di vedere i progressi dei discenti. Questo offre al
Dipartimento la possibilità di rimodulare i corsi a seconda dei risultati.
Tutto ciò, insieme alla grande possibilità che questi strumenti offrono a
ciascun utente (o classi di utenti) di costruirsi un percorso ad hoc in base
alle proprie preferenze e necessità, rende l´utilizzo di supporti come i DVD
uno strumento molto FLESSIBILE in grado di dare un valore aggiunto alle
metodologie didattiche in presenza.


Servizio Formazione del personale
e dei livelli territoriali competenti

8
Il dvd verrà essenzialmente diviso in 2 parti. Nella prima, "A scuola con la
protezione civile¨, viene inserito tutto il materiale didattico, sfruttando
soprattutto filmati e applicazioni interattive che incrementino il
coinvolgimento dei partecipanti.
L´obiettivo di quest´area non è solo quello di aumentare la conoscenza
tecnico-scientifica degli utenti, ma anche quella di renderli più consapevoli e
di conseguenza più rispettosi del loro territorio.
Uno degli effetti principali di questo cambiamento di sensibilità è quello delle
percezione del "rischio¨ non più come attesa di un evento fortuito ed
accidentale, ma come risultato di processi che l´uomo può controllare o, per
lo meno, conoscere. E´ quindi sulla mitigazione e la prevenzione del rischio
che si vuole puntare, piuttosto che sulle semplici "misure di emergenza¨ da
adottare quando il rischio è ormai conclamato. Questo permette anche di
illustrare e far vedere la complessità del sistema della protezione civile e la
molteplicità dei suoi campi d´intervento.
La seconda sezione, intitolata "L´inviato della protezione civile¨, vuole,
invece, non solo verificare l´efficacia delle lezioni in aula e del dvd, ma anche
dare la possibilità "concreta¨ ai ragazzi di operare coerentemente con quanto
appreso in aula.
In pratica si richiede loro, in quanto "inviati speciali¨, di verificare sul loro
territorio chi sono i soggetti che si occupano di protezione civile (le autorità
comunali, le associazioni di volontariato e le altre strutture operative
presenti, etc.) e quali sono i loro compiti; le attività già realizzate sul
territorio (c´è un piano di emergenza? Sono state previste e segnalate le
aree di emergenza? Ci sono state e sono previste esercitazioni? Ci sono
campagne informative? Etc.) e quali sono quelle mancanti. L´obiettivo è
quello di far crescere nei ragazzi la consapevolezza che la "protezione civile¨
non è una materia estranea e relegata a specifici enti ed organi, ma
qualcosa che coinvolge ciascun cittadino.
Nel dvd verrà inserita un apposita sezione contenente i moduli dove i ragazzi
possono riportare le loro "scoperte¨. Una volta rinviato il modulo al
Dipartimento della protezione civile, i ragazzi riceveranno in premio una
Servizio Formazione del personale
e dei livelli territoriali competenti

9
targa che li nomina ufficialmente come "Inviati della protezione civile¨, a
suggellare il fatto che loro sono ormai parte di un sistema di cui possono e
devono essere i principali protagonisti.

DOCENTI - Negli incontri con gli alunni verranno impiegati, a seconda delle
disponibilità preventivamente definite, i rappresentanti dei soggetti che
normalmente costituiscono l´insieme delle componenti e delle strutture
operative del Servizio Nazionale della protezione civile. L´individuazione
verrà eseguita tramite il concorso di tutti gli enti e le organizzazioni che
partecipano al progetto in modo da utilizzare solamente il personale più
adatto a questo tipo di iniziativa.

TEMPISTICA - Il Progetto viene articolato normalmente in tre giornate di
incontro secondo lo schema qui di seguito rappresentato. Normalmente ogni
operatore ha un argomento specifico da trattare. Come già specificato nel
punto precedentemente il programma potrà prevedere modifiche sia nelle
tempistiche che nei contenuti. Qui di seguito viene riportato un programma
base:














Servizio Formazione del personale
e dei livelli territoriali competenti

10




Calendario d'aula tipo
GIORNATA ORA ARGOMENTO DOCENTE

Prima giornata
9.00
10.00
Saluto di benvenuto e introduzione
all´esperienza
C.S.A.; D.P.C.;
Regione; Provincia;
U.T.G.; Comune;

10.00
11.00
Le nostre montagne, i fiumi, i laghi.
Caratteristiche territoriali della
provincia e la questione dei rifiuti
solidi urbani

Provincia


11.00
12.00
I nostri boschi: e se li abbandoniamo?
Il patrimonio forestale come elemento
per la stabilità del territorio

C.F.S.

Seconda
giornata
9.00
10.00
Perché la terra trema?
Il fenomeno sismico come fenomeno
naturale

VV.F.


10.00-
11.00
Ecco come fare per evitare di correre
rischi!
Le attività utili a mitigare i rischi

Org. Volontariato


11.00
12.00
E se ci facciamo male?
Il soccorso verso se stessi e verso il
prossimo

C.R.I./118

Terza giornata
9.00
10.00
L´importanza di aiutare gli altri:
La solidarietà come strumento di
uguaglianza sociale
Org. Volontariato

10.00
11.00
Così funziona la Protezione Civile:
Il Sindaco e la protezione civile
Autorità Locali

11.00
12.00
Cerimonia di chiusura e consegna dei
diplomi
C.S.A.; D.P.C.;
Comune;




Servizio Formazione del personale
e dei livelli territoriali competenti

11
FASI ORGANIZZATIVE - Normalmente le attività, presentate a tutte
Regioni attraverso una comunicazione del Capo del Dipartimento della
protezione civile, si avviano attraverso un incontro tra le Amministrazioni
provinciali interessate, le Prefetture, il Dipartimento della Protezione Civile e
i Centri Servizi Amministrativi regionale e provinciali.
Condivisa l´iniziativa e concordata la partecipazione, gli uffici di protezione
civile delle Province inoltrano richiesta di collaborazione agli altri enti (C.F.S.,
VV.F., org. Volontarito, ecc.). Analogamente i Centri Servizi Amministrativi
provinciali inoltreranno una comunicazione alle scuole primarie dei rispettivi
territori per informarle del progetto e richiederne la partecipazione, limitando
la stessa alle n prime richieste pervenute.
Una volta definito il team dei docenti (es. UTG; CFS, VVF, CRI, ecc.) si
stabiliranno i contenuti specifici e le metodologie didattiche.
Successivamente si darà luogo alla promozione dell´iniziativa attraverso tv e
stampa locali, manifesti (es. in all. n. 2), radio, ecc..
Il Dipartimento accompagnerà l´iniziativa attraverso la somministrazione, a
tutti gli alunni partecipanti, di una casacchina (fratino) con il logo del
progetto e la dicitura "Dipartimento della protezione civile¨ (da realizzare) e
con una copia del Vademecum per le famiglie. A conclusione verranno
rilasciati dei "diplomi di partecipazione¨ al Progetto a tutti gli alunni (es. in
all. n. 3). Riassumendo le fasi del progetto prevedono:











Servizio Formazione del personale
e dei livelli territoriali competenti

12
FASE 1 - Invio comunicazione alle regioni e province autonome del Progetto
"A Scuola con al protezione civile¨;

FASE 2 - Incontro tra DPC, CSA e Provincie; adesione al Progetto;


FASE 3 - Coinvolgimento enti e associazioni interessate;


FASE 4 - Elaborazione calendario d´aula, definizione contenuti e metodologie
didattiche;

FASE 5 - Invito alle scuole del territorio;


FASE 6 - Promozione e pubblicità dell´iniziativa;


FASE 7 - Realizzazione dei singoli interventi nelle scuole;

Servizio Formazione del personale
e dei livelli territoriali competenti

13
all. n. 1 - Ipotesi di test di verifica

Provo o rispondere o quesfe domondine,

• Se tu fossi un Sinduco e uvessi u disposizione tunti tunti euro Ii
spenderesti per,
o Comprore i fuochi d'orfificio e i doIceffi per Io fesfo deI comune e fore
boIdorio fuffo Io noffe
o Comprore miIIe pionfine do pionfumore suIIo coIIino posfo sopro oIIo fuo
scuoIo per evifore che uno pioggio froppo vioIenfo posso forIo fronore

• Per eviture i dunni dovuti ud unu scossu di terremoto è preferibiIe,
o Cercore di copire dove e quondo un ferremofo si verifico
o Cercore di non obifore e non cosfruire cose "onfisismiche"

• Lu protezione civiIe è un,
o Corpo specioIe dei VigiIi deI Fuoco e dei VoIonfori
o Uno "squodro" composfo do fonfe persone che fonno Iovori diversi e do
fuffi i ciffodini

• Dopo uver mungiuto un pucchetto di pututine Iu bustinu,
o Lo geffi in sfrodo perche non c'è un cesfino dei rifiufi,
o Lo conservi fino o che non frovi un confenifore o un cesfino perche soi
che se Io geffi in sfrodo puo osfruire Ie conoIeffe che roccoIgono
I'ocquo piovono

Servizio Formazione del personale
e dei livelli territoriali competenti

14
all. n. 2 - Ipotesi di locandina




Presidenza del Consiglio dei Ministri
DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE

Comune di xxxxxxx xx offobre Z007
ore 9.00

Comune di xxxxxxx xx novembre Z007
ore 9.00

Comune di xxxxxxx xx gennoio Z008
ore I0.00

Comune di xxxxxxx xx febbroio Z008
ore 9.30
In CoIIuboruzione con:
Provincio di xxxxxxx
U.T.0. Prefeffuro di xxxxxxx
Coordinomenfo provincioIe dei
VigiIi deI Fuoco di xxxxxxx
Coordinomenfo provincioIe deI
Corpo ForesfoIe deIIo Sfofo di xxxxxxx
C.P.I. d xxxxxxx i
Associo;ione di xxxxxxx
Servizio Formazione del personale
e dei livelli territoriali competenti

15
all. n. 3 - Ipotesi di attestato


Presidenza del Consiglio dei Ministri
DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE

Il Dipartimento della Protezione Civile e il C.S.A. di xxxxxxxx
conferiscono questo
ATTESTATO
di partecipazione a:
Dipartimento della
Protezione Civile
C.S.A. di xxxxxxxx

In CoIIuboruzione con:
Provincio di xxxxxxx
U.T.0. Prefeffuro di xxxxxxx
Coordinomenfo provincioIe dei
VigiIi deI Fuoco di xxxxxxx
Coordinomenfo provincioIe deI
Corpo ForesfoIe deIIo Sfofo di xxxxxxx
C.P.I. d xxxxxxx i
Associo;ione di xxxxxxx