You are on page 1of 13

U.L.S.S.

della Provincia di Treviso settembre - ottobre 2013


F
a
r
m
a
r
c
a
_
C
o
n
s
o
r
z
i
o

d
i

F
a
r
m
a
c
i
e

d
e
l
l
a

M
a
r
c
a

T
r
e
v
i
g
i
a
n
a

_

L
e

N
o
t
i
z
i
e

S
u
l
l
a

S
a
l
u
t
e


_

B
o
l
l
e
t
t
i
n
o

d

I
n
f
o
r
m
a
z
i
o
n
e

s
u
l

B
e
n
e
s
s
e
r
e

_

n
.
6
3

_

s
e
t
t
e
m
b
r
e

/

o
t
t
o
b
r
e

2
0
1
3


SOMMARIO
Farmarca Le Noti zi e Sul l a Sal ute _ n.63 _ settembre / ottobre 2013
EDITORIALE
a cura del l a Dr.ssa M. Sandra Muffato, farmaci sta
I
l sorriso il biglietto davisitadi unapersona, sorridere
fa starebenecon sestessi econ gli altri; quindi
molto importante mantenere sana la nostra bocca.
Tutti noi ci occupiamo quotidianamente delligiene
oralecon spazzolino, dentifricio, collutorio equando
si presentano dei problemi ai denti o alle gengive
andiamo dal dentistadi ducia.
Daricerchepubblicaterecentementesu vari quotidiani
nazionali e locali, emerso che circa il 29% della
popolazione italiana rinuncia alle cure dentistiche a
causadellacrisi di questi ultimi anni.
E un dato allarmante; come se la popolazione
rinunciasse alle cure contro il diabete, o le malattie
cardiovascolari o lipertensione; lasalutedellabocca
importantetanto quanto quelladi altri organi edisturbi
a denti e gengive possono provocare complicanze
anchegravi! Dal 1980 l AssociazioneDentisti Italiani
(ANDI) e la Societ Italiana di Ortodonzia (SIDO),
organizzano con successo Il mese della prevenzione
dentale e Il mese della salute orale, il cui obiettivo
sensibilizzarelapopolazioneanon trascurarelevisite
odontoiatrichedi controllo.
Queste associazioni offrono gratuitamente la loro
consulenza sulle pi importanti tematiche: cura e
prevenzionedellacarie, ligieneoraleper gli adulti ei
bambini, lasalutedellegengive, lasensibilitdentale,
le cure estetiche, limpiantologia e lortodonzia.
Lortodonzia si occupa della prevenzione, diagnosi
ecuradellamalposizionedei denti edelleanomalie
di crescita della faccia. Gli odontoiatri specialisti
in ortodonzia evidenziano come la masticazione,
la deglutizione, la fonazione e la respirazione
possano essere alterate da un allineamento dentale
non corretto. Approttiamo di questa opportunit
per un controllo della nostra bocca e quella dei
nostri bambini perch mai come in questo ambito
prevenire meglio che curare, negli studi privati,
nellecooperativeo allestero... limportantefarlo!
IMPORTANZA DELLA
PREVENZIONE
DENTALE
Pag. 03 FARMARCA _ Le Noti zi e Sul l a Sal ute _ n.63 _ settembre / ottobre 2013
CONSORZIOFARMARCA
Vi a Cortese, 8 - 31100 Trevi so
Tel . 0422.419232 - Fax: 0422.583252
farmarca@farmaci etv.i t - www.farmarca.i t
Di rezi one General e
DMC Agenziadi Pubblicit
Vi a Borgo Trevi so, 65 - 31033 Castel franco Veneto (TV)
Tel . 0423.494066 - Fax 0423.742449
e- mai l : dmc@dmccomuni cazi one.i t
Referente Redazi one Farmarca: Mari a Sandra Muffato
Responsabi l e DMC per Farmarca: Paol a Bonora
www.farmarca.it
Pag. 04 - Intervi sta al Dott. Mari o Del Prete
Prevenzione del Cavo Orale
a cura di Barbara Vi an
Pag. 06 - Intervi sta al Prof. Edoardo Stel l i ni
La Salute dei Denti del Tuo Bambino
a cura di Sergi o Mazzol eni
Pag. 09 - Turni di Tutte l e Farmaci e del l a Marca
I Turni delle Farmacie
mesi di settembre e ottobre 2013
Pag. 18 - Intervi sta al Dott. Di ego Sal vi
Salute Orale nellAnziano
a cura di Chi ara Cestaro
Pag. 20 - I Ci bi Ami ci del Nostro Sorri so
Alimentazione e Salute dei Denti
a cura di Barbara Vi an
Pag. 22 - Nel l a Precoce Di fesa del Danno Endotel i al e
Monacolina K 10 mg
Informazi one Pubbl i ci tari a
D
ott. Del Prete, come ormai risaputo, la carie
dentaria una patologia del cavo orale e
pu essere considerata, tra le numerose patologie
dentali, quella pi diffusa.
E possibile sapere se una persona cariocettiva,
cio soggetta pi di unaltra alla carie dentaria?
S, oggi possibile tramite alcuni semplici esami
eseguibili dal proprio odontoiatra. Il primo test
consiste nel misurare il potere tamponante della
saliva: unasalivapoco acida, tendentecioal basico,
riesceatamponarelaciditdi alcuni alimenti, come
per esempio agrumi, soft drink, succhi di fruttaegli
acidi prodotti da batteri che corrodono la supercie
del dente. Questo esamesi pu fareanchenei bambini
primadei sei anni di et.
Un altro esame permette di calcolare la quantit di
batteri che provocano la carie presenti in bocca,
in particolare dello Streptococcus mutans e del
Lactobacillus spp. Generalmentepi batteri di questo
tipo sono presenti, pi i denti sono soggetti allecarie.
Possiamo fare qual cosa se sappiamo di essere
cariocettivi?
Assolutamentes, selapropriasalivacaratterizzata
da un pH troppo acido, pu essere utile correggere
la propria alimentazione diminuendo il consumo
di zuccheri, caramelle, cioccolato, bibite gassate,
aperitivi e prodotti da forno. Ma contro la presenza
di batteri cariogeni soprattutto lodontoiatrachepu
attuareunastrategiadi difesadel dente.
Innanzitutto con visite di controllo ogni tre-quattro
mesi per vericare lo stato di salute della bocca e
intervenire precocemente se si riscontra una lesione
cariosa.
E per quanto riguarda la placca e il tartaro?
La placca (pi specicamente placca batterica,
un aggregato di germi tenacemente uniti tra loro
IMPORTANZA DELLA PREVENZIONE DELLE PATOLOGIE DEL CAVO ORALE
A COLLOQUIO CON IL DOTT. MARIO DEL PRETE, DIRETTORE SANITARIO DENTALCOOP DI SAN DON DI PIAVE
Pag. 04 FARMARCA _ Le Noti zi e Sul l a Sal ute _ n.63 _ settembre / ottobre 2013
A cura del l a Dott.ssa Barbara Vi an, farmaci sta naturopata
e alle superci dentali, che promuove e sostiene
la carie e le padontopatie, cio infezioni dei tessuti
chesi trovano attorno al denteechenedeterminano
la perdita) e il tartaro (chiamato anche calcolo,
formato dallinsieme dei depositi minerali che si
annidano intorno al dente; si possono distingueredue
tipi di tartaro ed il pi pericoloso quello chealberga
allinterno della gengiva e delle tasche parodontali
ed correlato a malattie dentali e gengivali), e la
conseguente gengivite (inammazione dei tessuti
gengivali, caratterizzata da gonore, arrossamento,
calore e sanguinamento), sono a volte sottovalutati
perch, almeno nelleprimefasi, non generano dolore
eccessivo o sono confusi con un banaleingiallimento
dei denti dovuti allabuso di caffo di fumo.
In realt dovrebbero essere immediatamente curati,
per evitare laggravarsi dello stato e linsorgere di
problemi parodontali e quindi anche della futura
spesaodontoiatrica.
Come conseguenza di ci occorre dare spazio agli
interventi di pulizia e ordinaria manutenzione:
ligienista, generalmente ogni sei mesi, rimuove
sicamenteplaccaetartaro consentendo di ripristinare
lo stato ottimaledellegengive, scongiurando infezioni
o patologiepi gravi.
Nei pazienti giin cura, per esempio personechehanno
impianti, ponti, coroneconsigliabileunabonicao
levigatura radicolare pi approfondita che va fatta
ogni tre quattro mesi afnch non sopraggiungano
inammazioni gengivali o carie che colpiscano, per
esempio, il moncone sotto la capsula. Avere denti e
gengivesaneunasceltachedi migliori risultati a
lungo termine. Unacorrettastrategiadi prevenzione
consentedi rinviarenel tempo effetti irreversibili di
alcunepatologiecomelagengivite, laparodontitee
lacarie.
Cosa ne pensa delluso di collutori disinfettanti
nella pulizia del cavo orale ?
Per quanto riguarda la prevenzione farmacologica,
recenti studi al riguardo consigliano luso, pi che
di disinfettanti e/o antibiotici, quando necessario, di
farmaci con azioneantinammatoria.
Si parla sempre pi spesso di prevenzione delle
lesioni precancerose del cavo orale, pu dirci qual
cosa a tale proposito?
Lapossibilitdapartedellodontoiatradi incontrare
pazienti potenzialmente candidati a sviluppare
una neoplasia nella bocca, fa s che nello studio
odontoiatrico sia destrema importanza porre
lattenzione su qualsiasi anomalia riscontrabile, al
di ldellenormali cureodontoiatriche. Unadiagnosi
precocedi unapossibilelesionebenignae/o maligna
del cavo oralepu salvarelavitaamoltepersone. La
prevenzionefondamentalein odontoiatria, comelo
, del resto, in ogni brancadellamedicina.
La prevenzione dunque larma fondamentale per
evitare linsorgere di inammazioni e patologie
anche gravi del cavo orale. Come si effettua una
corretta igiene orale?
Per unaboccasanaeun sorriso spendente, occorre
conoscere i principi che regolano la pulizia dei
denti ed applicarli con perseveranza ogni giorno.
Innanzitutto bisogna spazzolare i denti per almeno
dueminuti dopo ogni pasto.
Anchesesiamo al ristorante, ricordiamoci di portare
con noi uno spazzolino tascabile. Utilizziamo uno
spazzolino con setole sintetiche arrotondate (perch
hanno unazione di sfregamento ottimale ) e di
durezzamedia(trannequando il proprio dentistada
un consiglio differente).
Effettuiamo lo spazzolamento dei denti inclinando
lo spazzolino emuovendo verticalmentecon azione
rotatoria dalla gengiva verso il dente. Ricordiamoci
di cambiare lo spazzolino quando le setole hanno
modicato laloro formainiziale.
Altri sussidi per unacorrettaigieneoralesono il lo
interdentale, lo scovolino elepasticcherivelatrici di
placca.
Il lo interdentale, meglio senon cerato, aiutaapulire
gli spazi interdentali. Si consigliaper unarapidaed
efcace pulizia larchetto tendilo, un dispositivo
venduto in farmaciachefacilitalutilizzo del lo sui
denti posteriori.
Lo scovolino o spazzolno interprossimalee un altro
strumento che insieme al lo interdentale permette
unefcacepuliziadegli spazi tradenteedente.
Inne, per vericare quali punti del cavo orale
puliamo meno correttamenteequindi , correggerela
nostratecnicadi spazzolamento dei denti, utilefare
uso dellepasticcherivelatrici di placcache, scioltein
bocca dopo aver lavato i denti, colorano di rosso le
superci dentali coperteancoradaplaccabatterica.
Pag. 05 FARMARCA _ Le Noti zi e Sul l a Sal ute _ n.63 _ settembre / ottobre 2013
Pag. 06 FARMARCA _ Le Noti zi e Sul l a Sal ute _ n.63 _ settembre / ottobre 2013 Pag. 07 FARMARCA _ Le Noti zi e Sul l a Sal ute _ n.63 _ settembre / ottobre 2013
INTERVISTA AL PROF. EDOARDO STELLINI, PRIMARIO DIRETTORE RESPONSABILE DELLUNIT OPERATIVA DI PEDODONZIA DELLULSS 8 A CASTELFRANCO VENETO
LA SALUTE DEI DENTI DEL TUO BAMBINO
U
n articolo apparso poco tempo fa in una famosa
testatanazionaleriportavadati allarmanti riguardo
al ricorso allecuredentariedapartedegli italiani. Sembra
che a causa della crisi una famiglia su tre non porti
i propri gli dal dentistain quanto moltefamiglienon
possono pipermettersi lecure.
Per capire quale sia la situazione nel nostro territorio
ci siamo rivolti al Prof. Edoardo Stellini, Primario
Direttore responsabile dellUnit Operativa di
Pedodonzia dellUlss8aCastelfranco Veneto.
Professor Stellini, cosa ne pensa di questo fenomeno e
cosa pu consigliare alle neo mamme?
La situazione generale della salute orale vede,
fortunatamente, un calo dellincidenza di nuove carie
nella popolazione in et pediatrica anche nella nostra
regione.
Questasituazione, inanalogiaconci cheaccadeormai
da decenni in tutti i paesi occidentali come lItalia,
dovutaessenzialmentealladiffusionenellapopolazione
di concetti di educazione sanitaria per la promozione
dellasaluteoro-dentale.
Nella condizionegeneraledi difcolt legata alla crisi
economica il fatto che i bambini tendano ad essere
gravati dameno carierispetto allegenerazioni precedenti
un fatto estremamentepositivo esu cui far levaper
potenziare in maniera sempre pi efcace laspetto
preventivo nei confronti dellaterapiacherisultamolto
picostosaedindaginosasiaper loperatorecheper il
paziente.
Naturalmentelacarienonscomparsa, anzi rappresenta
ancoralamalattiapidiffusatralapopolazionepediatrica,
ma la reale possibilit di prevenirla efcacemente
dimostrato per contrasto dallabenpigrandeincidenza
presente nella popolazione di bambini immigrati che
meno hanno risentito nora degli effetti beneci della
prevenzione.
In questa ottica diventa estremamente preziosa la
presenza nel territorio di strutture pubbliche come
la U.O Pedodonzia che fungano da riferimento per
la popolazione non solo per laspetto curativo ma
soprattutto per laprevenzionedellamalattienellenuove
generazioni.
Nei bambini, comunque, lacarienonlunicapatologia
dentaleriscontrabile.
LaU.O Pedodonzia, infatti, svolgeunruolo importante
nella diagnosi precoce delle malocclusioni e delle
problematiche di crescita delle strutture scheletriche
mascellari emandibolari.
In alcuni casi ci possibile intervenire direttamente
come per esempio mediante il progetto di trattamento
del morso crociato, ovvero della relativa ristrettezza
trasversale dellarcata superiore, che viene eseguito a
tutti i bambini chelo presentano.
In tutti gli altri casi diamo puntuali informazioni sui
tempi emodi di intervento ortodontico intercettivo.
Presso il nostro Reparto svolto, inoltre, un servizio
di pronto soccorso per la traumatologia dentale e di
trattamento, in seduta di Anestesia Generale, di quei
piccoli pazienti cheper condizioni generali nonpossono
esserecurati ambulatorialmente.
Daultimo, conlacollaborazionedegli Igienisti del Corso
di LaureainIgieneDentalechehasedeaCastelfranco
Veneto, ci possibile intervenire per formare una
generazione di pazienti educati n dallet infantile
allacuradellasalutedellegengiveedel parodonto per
prevenireedevitareper quanto possibile, inetadulta, le
problematicheconnesseallamalattiaparodontale.
Professor Stellini, Lei ritiene fondamentale il ruolo
dellambiente familiare nel prevenire le malattie
dei denti? Quali indicazioni e consigli pu dare ai
genitori dopo la nascita del bambino?
Lafamiglialasentinelladellasalutedei propri gli.
E questo valeinparticolar modo per lasalutedentalein
quanto no aduncertaeti genitori devono provvedere
direttamente (e poi indirettamente con il controllo) ad
eseguirelemanovrenecessariealladetersionedei denti.
Altro protagonista fondamentale nel guidare i
comportamenti corretti di prevenzione e nel suggerire
eventuali visitedallo specialistaodontoiatrail Pediatra
di Famiglia.
La prevenzione, della carie in particolare, uno stile
chevaintrodotto ndallapiteneraetperchfatto
di regolesemplici daattuaremachevanno seguitecon
costanzaeducianel tempo.
Si pu direchelaprevenzionevafattadallanascita, anzi
anche prima del lieto evento ponendo attenzione alla
curapersonaledellasalutedentaledellamammaedella
famigliaingenerale.
provato infatti che i gli di genitori (le mamme in
particolare), che trascurano la propria salute dentale e
abbiano moltecarieattivevadano aloro voltaincontro
adunalto numero di lesioni cariose.
Ci dovuto sia allimportanza di recepire come
proprie, e quindi trasmettere ai gli, abitudini positive
per laprevenzionesiaallatrasmissionedirettadi batteri
cariogeni dagenitori agli chesarmaggioresei genitori
stessi sono afitti damoltecarie.
Per cui fondamentalecurareunaspetto di prevenzione
di comunit allinterno della famiglia intervenendo
sugli stili di igieneedi alimentazionechepossono essere
coinvolti nellinsorgenzadellacarie.
Fondamentale soprattutto controllare le abitudini
alimentari non correttecomeintrodurrefrequentemente
nel cavo orale quantit seppur modeste di alimenti
zuccherati ma che, nella loro ripetitivit, risultano
estremamentenocivi nel produrrelacarie.
Unesempio sututti lacosiddetta Cariedabiberon che
colpisceinmanieramolto destruentei denti dalattedei
bambini; infatti lerrataabitudinedi assumereogni sera
liquidi zuccherati, latteo altro, primadi addormentarsi
procurail ristagno duranteil riposo notturno di questo
liquido sulla supercie dei denti, causando dapprima
la demineralizzazione dello smalto e successivamente
lesioni profonde(cariedetterampanti) emolto precoci
del tessuto dentiario del bambino.
Ligiene orale deve essere eseguita almeno 2 volte al
giorno, al mattino dopo lacolazioneeallasera primadi
andarealetto, conundentifricio contenenteuoro per
una protezione locale nel cavo orale del bambino per
diverseore.
Si cominciaadeseguireligieneoraleallacomparsadel
primo dentedalatte, ingenereattorno al sesto mesedi
vita, e la manovra va fatta dai genitori no a quando
progressivamenteil bambino acquisisceautonomiama
sempresotto lasupervisionedei genitori.
Altro caposaldo fondamentale della prevenzione il
controllo periodico dapartedel dentistapedodontista.
Laprimavisitaconsigliabilechesiaanchessaprecoce,
non oltreil primo anno di vitadel bambino, per poter
impostaredasubito correttamenteleabitudini di igiene
eprevenzione.
Alleruzione dei primi denti permanenti, incisivi
e primi molari, di solito dopo i 6 anni, si eseguono
le sigillature dei molari per ridurre il rischio di
carie delle fossette occlusali e va fatta una prima
valutazionesullaocclusionein formazione.
Nel caso si possono individuare interventi mirati
per migliorare la crescita dei denti e dei mascellari
erenderemeno impegnativo lintervento ortodontico
con apparecchi ssi in etadolescenziale.
Larmonica evoluzione dello sviluppo dei denti e
della masticazione e la prevenzione delle malattie
sono basati su questo insieme di regole, di principi
e di interventi di soggetti diversi che collaborano
assiemein ambito sinergico.
Lacoordinazionedi tutto ci appunto quello di cui
si occupa la U.O. di Pedodonzia dellOspedale di
Castelfranco Veneto.
A cura del Prof. Sergi o Mazzol eni , Ri cercatore Uni versi tari o, Di ri gente medi co U.O. Pedodonzi a e Docente di Odontoi atri a Pedi atri ca, Padova
U.l .s.s. 7
Turni di tutte l e Farmaci e del l e U.L.S.S. del l a provi nci a di Trevi so. (Peri odo: Settembre - Ottobre 2013)
I TURNI DELLE FARMACIE
farmarca
CONSORZIO DI FARMACIE DELLA MARCA TREVIGIANA
Federfarma Treviso
ASSOCIAZIONE TITOLARI DI FARMACIA DELLA PROVINCIA DI TREVISO
farmarca
CONSORZIO DI FARMACIE DELLA MARCA TREVIGIANA
Federfarma Treviso
ASSOCIAZIONE TITOLARI DI FARMACIA DELLA PROVINCIA DI TREVISO
Chiedi sempre il sacchetto Biodegradabile Compostabile
al tuo Farmacista e sfruttane
i molti vantaggi...
risparmio economico
rispetto per I'ambiente
riutiIizzabiIi per Ia raccoIta
deII'umido
Avanzi e scarti di cucina
di oriine animale e veetale
Filtri di the e fondi di caff
Fiori e folie in piccole quantit
Lettiere di piccoli animali domestici
Tovalioli e fazzoletti di carta usati
Via Grecia, 14 - Padova - Tel. +39 049 8701544
www.pharmabag.com - info@pharmabag.com
U.L.S.S. n.7 Elenco Comuni Appartenenti
Bocca di Strada Cappel l a Maggi ore Ci son di Val mari no Codogn Col
San Marti no Col l e Umberto Conegl i ano Corbanese Cordi gnano
Fal z di Pi ave Farra di Sol i go Fol l i na Franceni go di Gai ari ne Fregona
Gai ari ne Godega S.Urbano Mareno di Pi ave Mi ane Mori ago del l a
Battagl i a Orsago Par di Conegl i ano Pi eve di Sol i go Ponte del l a
Pri ul a Refrontol o Revi ne Lago S.Luci a di Pi ave S. Pi etro di Fel etto
San Fi or San Vendemi ano Sarmede Sernagl i a del l a Battagl i a
Susegana Tarzo Vazzol a Vi ttori o Veneto Zopp di S.Vendemi ano.
N.B. Per l e U.L.S.S. 7, 8 e 9 Opi tergi no Mottense , tutte l e farmaci e
fanno turno conti nuato 24 ore. (Il turno i ni zi a i l venerd sera e prosegue
i ni nterrottamente no al venerd sera del l a setti mana successi va).
N.B. For the U.L.S.S. 7, 8 and 9 Opi tergi no Mottense , al l the pharmaci es
work a ful l 24 hour duty. (The duty wi l l start on the Fri day eveni ng and
conti nue uni nterrupted unti l the Fri day eveni ng of the fol l owi ng week).
[dal 30 Agostoal 6 Settembre 2013] _ [30th August to6th September 2013]
Conegliano - LOSEGO - via Cavallotti, 11
Vittorio Veneto - COMUNALE 3/COSTA- via Forlanini, 2
Follina - CESCA- via Sanavalle, 1
Sarano/S. Lucia di P. - FRUSI E CALLEGARI -Via Distrettuale, 58
Sarmede - POJANA- via dei Sarmati, 12
Gaiarine - GENTILI - via Roma, 37
[dal 4 all 11 Ottobre 2013] _ [4th to 11th October 2013]
Conegliano - MELATI - via Cavour, 7
Vittorio Veneto - COMUNALE 2 - San Giacomo di Veglia
Moriago della Battaglia - MARIANA- via Montegrappa 7/A
Ponte della Priula -FARM. GT PRIULA- via IV Novembre 75 e 75/A
San Fior - SABADIN - Via Europa, 40/D
Revine Lago - CESCA- Strada dei Laghi, 5
[dal 13 al 20 Settembre 2013] _ [13th to 20th September 2013]
Conegliano - FIORENZATO - via Veneto, 14
Vittorio Veneto - AI FRATI - via G. Garibaldi, 114
Bocca di Strada /Mareno - VIGILANTI CAMA- via A. Manzoni, 2
Cappella Maggiore - MARSON SNC - piazza Vittorio Veneto, 34
Col San Martino - CALLEGARI - via Treviset, 61
[dal 18 all 25 Ottobre 2013] _ [18th to 25th October 2013]
Conegliano - CARLI - via Matteotti, 13/A
Vittorio Veneto - COMUNALE 3/COSTA- via Forlanini, 2
Mareno di Piave - GRIGIO - piazza Municipio, 9
Corbanese - FARMACIA- via Piave, 2/E
Sernaglia della Battaglia - TOSETTO - via della Rimembranza, 6
[dal 6 al 13 Settembre 2013] _ [6th to 13th September 2013]
Par di Conegliano - MODENESE - v.le Venezia, 34/G
Scomigo di Conegliano - FERRARESE - via Bortotti, 61
Vittorio Veneto - ZAMPERLINI - via L. da Ponte, 26
San Pietro di Feletto - EREDI PETRONE - Via Salera, 2
Susegana - TONOLO - Via Nazionale 2/F
Cordignano - DAVANZO - Via Roma, 27
Miane - FARMACIADI MIANE - Via A. De Gasperi, 70
[dall11 al 18 Ottobre 2013] _ [11th to 18th October 2013]
Conegliano - TONOLO SAS - viale Italia, 192/C
Vittorio Veneto - PANCOTTO - piazza Flaminio, 10
Falz di Piave - COMUNALE - piazza Arditi, 20
Tarzo - FARMACIADI TARZO - via Roma, 13
Zopp di San Vendemiano - ZAN - piazza San Pietro, 13
Bibano di Godega - FARMACIA- via Marconi, 28
[dal 20 al 27 Settembre 2013] _ [20th to 27th September 2013]
Conegliano - MARSON S.N.C. - via XX Settembre, 64
Vittorio Veneto - COMUNALE 1 CENTRO -via Brandolini 111
Pieve di Soligo - BATTISTELLA-piazza Umberto I, 9
S. Lucia di Piave - PEZZE - via Caldemessa, 1
Orsago - MAZZA- via Vittorio Veneto, 2/A
[dal 25 Ottobre al 1 Novembre 2013] _ [25th October to1thNovember 2013]
Conegliano - LOSEGO - via Cavallotti, 11
Vittorio Veneto - ZAMPERLINI - via L. da Ponte, 26
Vazzola - BOCCARDINI - Via Roma, 3
Colle Umberto - CARRARO - Via Menar, 14
Refrontolo - CICERCHIA-Viale Degli Alpini, 13
[dal 27 Settembre al 4 Ottobre 2013] _ [27thSeptember to4thOctober 2013]
Conegliano - DE LORENZO - p.le Chiesa S.Pio X
Vittorio Veneto - PALATINI -via Cavour 114
Cison di Valmarino - FONTANIN - via Sanavalle, 1/H
Codogn - DE ROIA- via Roma, 20
Fregona - PESSA- via Roma, 43
Colfosco di Susegana - CAIS - via 18 Giugno, 122
Turni di tutte l e Farmaci e del l e U.L.S.S. del l a provi nci a di Trevi so. (Peri odo: Settembre - Ottobre 2013)
I TURNI DELLE FARMACIE
U.L.S.S. n.8 Elenco Comuni Appartenenti
Al baredo Al ti vol e Asol o Bi adene di Montebel l una Borso d. G.
Caerano di S.Marco Casel l a dAsol o Castel cucco Castel franco Veneto
Castel l o di Godego Cavaso del Tomba Ci ano del Montel l o Cornuda
Coste di Maser Crespano d. G. Crocetta del Montel l o Fal z di
Trevi gnano Fanzol o Gi avera del Montel l o Lori a Montebel l una
Nervesa del l a Battagl i a On di Fonte Oni go di Pi ave Paderno d. G.
Pederobba Possagno Resana Ri ese Pi o X Sal varosa S. Zenone
degl i Ezzel i ni Segusi no Trevi gnano Trevi l l e Val dobbi adene Val l di
Ri ese Vedel ago Venegazz Vi dor Vol pago del Montel l o.
U.L.S.S. n.9 _Opitergino Mottense Elenco Comuni Appartenenti
Campodi pi etra di Sal gareda Cessal to Chi arano Ci madol mo
Fontanel l e Gorgo al Monti cano Mansu Meduna di Li venza Motta di
Li venza Negri si a di Ponte di Pi ave Oderzo Ormel l e Pi avon di Oderzo
Ponte di Pi ave Portobuffol Sal gareda S. Pol o di Pi ave.
[dal 30 Agostoal 6 Settembre 2013] _ [30th August to6th September 2013]
Castelfranco V.to - STELLA- ALPHEGAFARMACIA- via Francia, 8
Coste di Maser - SAN GIORGIO - via Bassanese, 185/A
Resana - PILLA- via Castellana, 10
Montebelluna - AI PILASTRONI - piazza Parigi, 32
[dal 4 all 11 Ottobre 2013] _ [4th to 11th October 2013]
Castelfranco V.to - ALLAFONTE della SALUTE -v.Valsugana 3/D
Venegazz del Montello - FEDELE -via Montello, 2
Riese Pio X - SAN PIO X - via G. Sarto, 36
Asolo - BONOTTO - piazza Garibaldi, 79
[dal 13 al 20 Settembre 2013] _ [13th to 20th September 2013]
Treville di C.franco V.to - AI DUE ANGELI - via S. Daniele, 1/A
Montebelluna - FAGGIONATO - corso Mazzini 120
On di Fonte - AGOSTINI - via Asolana, 16
Vidor - GONELLA- via Montegrappa, 24
[dal 18 all 25 Ottobre 2013] _ [18th to 25th October 2013]
C.franco V.to - MONTI ALLAQUILAREALE - b.go Treviso, 138/A
Trevignano - LEONARDI - via Roma, 18/A
Fanzolo di Vedelago - BOSCARINI - via dellUnione, 6
CavasodelT. -ALLAMADONNADELLASALUTE- borgo Filanda, 21
[dal 6 al 13 Settembre 2013] _ [6th to 13th September 2013]
Castelfranco V.to - FARMACIAALLATORRE - via F.M.Preti, 1
Volpago del Montello - MINA- via Schiavonesca, 92
Albaredo di Vedelago - SCHIAVETTO - via Fornace, 1
Paderno del Grappa - GARBUIO - via Roma, 5
S. Vito di Altivole - FARMACIAS. VITO - via Castellana, 2/B
[dall11 al 18 Ottobre 2013] _ [11th to 18th October 2013]
Castelfranco V.to - ALLAGATTA- piazza Giorgione, 14
Montebelluna - BASSI - via Montegrappa, 100
Ciano del Montello - BONOTTO - via Boschieri, 95/1
Castione di Loria - BARON - via Villa, 43/A
Crespano del Grappa - CHIMENTI - piazza San Marco, 23
[dal 20 al 27 Settembre 2013] _ [20th to 27th September 2013]
C.franco V.to - Alla MADONNA(c/o Shopping Day) - v.le Europa, 24
Falz di Trevignano - ROSSI - via Privata, 2
Vedelago - BOSCARINI - via G. Marconi, 10
C Rainati - LACARINATESE - via Risorgimento, 137
Pederobba - GOBBATO - via Roma, 127
[dal 25 Ottobre al 1 Novembre 2013] _ [25th October to1thNovember 2013]
Castelfranco V.to - STELLA- ALPHEGAFARMACIA- via Francia, 8
Biadene di Monteb. - DALLE FESTE - v. Feltrina Centro, 56
Vall di Riese Pio X - SAN GIOVANNI - via Marconi, 6
Possangno - GALLO - viale Canova, 11
[dal 27 Settembre al 4 Ottobre 2013] _ [27thSeptember to4thOctober 2013]
Castelfranco V.to - FABBIAN - via b.go Padova, 65/A
Montebelluna - COMUNALE - corso G. Mazzini, 92
Crocetta del Montello - MAGAGNIN - via G. Marconi, 40
Castelminio di Resana - BERTUZZO - via Della Croce, 24
Borso del Grappa - SERENA&MARINI - via Piave, 22
U.l .s.s. 8
Turni di tutte l e Farmaci e del l e U.L.S.S. del l a provi nci a di Trevi so. (Peri odo: Settembre - Ottobre 2013)
I TURNI DELLE FARMACIE
Duty Rotas for al l the Pharmaci es i n the U.L.S.S. of Trevi so. (Peri od: September - October 2013)
PHARMACY DUTY ROTAS
U.l .s.s. 9
Dal l e ore 8.45 al l e ore 22.00
From 8.45 to 22.00
Gi orno e Notte (dal l e ore 8.45 al l e ore 8.45 del gi orno successi vo)
Day and Ni ght (from 8.45 to 8.45 the fol l owi ng day)
Setti manal e 24 ore (dal venerd al l e ore 19.30 conti nuato no al l e 19.30 del venerd successi vo)
A Conti nuous Week (from Fri day 7.30 pm uni nterrupted ti l the fol l owi ng Fri day 7.30 pm)
Sabato (Matti na e Pomeri ggi o)
Saturday (Morni ng and Afternoon)
Sabato (Matti na)
Saturday (Morni ng)
Dal l e ore 15.45 al l e ore 19.15
From 15.45 to 19.15
Treviso - EREDI FANOLI - p.zza Duomo, 29
Treviso - CALLEGARI - via S. Pelaio, 100
Treviso - COMUN. S. GIUSEPPE - via Noalese, 47
Treviso - S. M. MAGGIORE - p.zza S. M. Maggiore, 6
Treviso - FARMACIAPATELLI S.N.C. - p.zza Quart. Latino 18/21
Treviso - S. BONA- via S. Bona Nuova, 43
Treviso - FIERA- v.le IV Novembre, 84/E
Treviso - SS. QUARANTA- b.go Cavour, 95/A
Treviso - DALLAZORZA- via Terraglio, 37
Treviso - CALMAGGIORE - via Calmaggiore, 24
Treviso - S. AGOSTINO - via S. Agostino, 55/57
Treviso - COMUN. VILL. SAN LIBERALE - via Mantiero, 4
Treviso - COMUN. ZONASTADIO - via Rota, 13
Treviso - AL PONTE S. MARTINO - c.so del Popolo, 2
Treviso - COMUNALE - via S. Antonino, 162/A
Treviso - COMUN. VIALE LUZZATTI - v.le Luzzatti, 38/B
Treviso - S. ANGELO S.N.C. - via SantAngelo, 83 - 83/A
Treviso - S. MARIADEL ROVERE - via Ellero, 1
Treviso - MILLIONI - piazza Borsa
Treviso - ALLATESTADORO - v.le Burchiellati, 10/A
Treviso - COMUN. EDEN - v.le XXIV Maggio, 5/B
Treviso - COMUN. SAN LAZZARO - via Terraglio, 104
Treviso - GRAZIATI AI DUE POMI - p.zza Monte di Piet
1 13 7 19 2 14 8 20 3 15 9 21 4 16 10 5 17 11 6 18 12
Mese di SETTEMBRE 2013_ SEPTEMBER 2013
25 6 12 26 7 1 13 27 8 2 14 28 9 3 22 15 29 10 4 23 16 30 11 5 24 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28
Mese di OTTOBRE 2013 _OCTOBER 2013
1 25 13 6 7 19 12 2 26 14 7 8 1 20 13 3 27 15 8 9 2 21 14 4 28 16 9 10 3 22 15 5 29 17 10 11 4 23 16 6 30 18 11 12 5 24 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28
Mese di SETTEMBRE 2013_ SEPTEMBER 2013 Mese di OTTOBRE 2013 _ OCTOBER 2013
Mogliano V.to - VILLA- via G. Matteotti, 29
Mogliano V.to - ALLAMARCADI VIAMARIGNANA, 7
Mogliano V.to - AL TERRAGLIO S.A.S. - via Terraglio, 18
Mogliano V.to - RIZZO - via Zermanesa, 35
Mogliano V.to - ALLAMARCA- via Roma, 91
Mogliano V.to - SAN MARCO - via Ronzinella, 68/A
U.l .s.s. 9 Mogl i ano
29 30
29 30
31
31
Turni di tutte l e Farmaci e del l e U.L.S.S. del l a provi nci a di Trevi so. (Peri odo: Settembre - Ottobre 2013)
I TURNI DELLE FARMACIE
Monastier - GIOVANNI XXIII - via Giovanni XXIII
Paese - COMUNALE - via della Resistenza, 10
Varago - FARMACIADI VARAGO - via Trevisana, 61
Lancenigo - FARMACIADI LANCENIGO - via Udine, 2/I
S. Cristina - FARMACIA- via M. Tognana, 62
S. Elena di Silea - FERRARA- via S. Elena, 77
Casier - DODI - via Dalla Chiesa, 1
Maserada - CREPET - via G. Matteotti, 3
Postioma - EREDI SILVESTRI - via E. Fermi, 6
Scandolara - COMUNALE - via G. DAnnunzio, 3/B
Santrovaso - SANTROVASO SNC - via Franchetti, 24
Carit - FARMACIAACARIT S.A.S. - via Roma, 117
Zenson di Piave - CONTE - via Badini, 14
Paderno - SAN FRANCESCO S.A.S. - via Cicogna, 23
Preganziol - FARM. CENTRALE SNC - via Terraglio, 210
Saletto - GRISOSTOLO - via Davanzo, 12/9
Zero Branco - SANTARELLO - via Trento Trieste, 23
Povegliano - BREDAGIORGIO - via Capitello, 12
Casale sul Sile - SAVIO SNC - via Vittorio V.to, 27/29
Istrana - BERTIN SAS - via N. Sauro, 11
Visnadello - CASTELLARI - via Gritti, 41
Olmi - CLAUDIAAUGUSTA- via Postumia Ovest, 243
Ponzano Veneto - COMUNALE - via Burlini
Carbonera - IELLOUSHEG - via degli Alpini, 16
Preganziol - LUCIANI - via Saragat, 9/11
Catena - CHIARADIA- via Marconi, 129
Roncade - COLLOVINI - via Roma, 57
Zero Branco - SAGRAMORA- p.zza Umberto I
Badoere - TONICELLO - via S. Ambrogio, 32
Silea - INTERNAZIONALE - via Treviso, 22
Spresiano - BUREI - via Menegazzo, 3
Breda - BRUSCAGNIN - via Trento Trieste, 21
Dosson - FARMACIADOSSON - p.zza L. Da Vinci, 13
Sala di Istrana - PIVA- via F. Baracca, 22 A/B
Campocroce - VIALE - via Zero Branco, 24
Paese - BURLINI - via Pravato, 2
S.Biagio - BELLAVITIS - via Postumia Centro
Villorba - SIGNORI - p.zza V. Emanuele, 25
Biancade - EUROPEA- via Boito, 7/A
Castagnole - FARMACIA- via Mons. DAlessi, 4
Frescada - BRUNELLO - via Terraglio, 115/B
Lovadina - GRANZOTTO - p.zza della Repubblica, 1/A
Arcade - INNOCENTI - via D. Guido Tognana, 19
Lughignano - RIBAUDO - p.zza S. Martino, 4/2
Quinto di Treviso - GIRARDI - via Vittorio Emanuele, 13
Mignagola - LE ZARE - via Grande, 100
Padernello - PATRICELLI - via Trento, 5
San Cipriano - ZERBINI - via Marconi, 6
U.l .s.s. 9 1 25 13 6 7 19 12 2 26 14 7 8 1 20 13 3 27 15 8 9 2 21 14 4 28 16 9 10 3 22 15 5 29 17 10 11 4 23 16 6 30 18 11 12 5 24 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28
Mese di SETTEMBRE 2013 _ SEPTEMBER 2013 Mese di OTTOBRE 2013 _ OCTOBER 2013
Gi orno e Notte (dal l e ore 8.45 al l e ore 8.45 del gi orno successi vo) Day and Ni ght (from 8.45 to 8.45 the fol l owi ng day) Setti manal e 24 ore (dal venerd al l e ore 19.30 conti nuato fi no al l e 19.30 del venerd successi vo) A Conti nuous Week (from Fri day 7.15 pm uni nterrupted ti l the fol l owi ng Fri day 7.15 pm)
Duty Rotas for al l the Pharmaci es i n the U.L.S.S. of Trevi so. (Peri od: September - October 2013)
PHARMACY DUTY ROTAS
29 30 31
Pag. 16 FARMARCA _ Le Noti zi e Sul l a Sal ute _ n.63 _ settembre / ottobre 2013
Per curiosit, domande
ed informazioni, invialetueletterea:
Consorzio Farmarca
LO SPECIALISTA RISPONDE
Via Cortese, 8 - 31100 Treviso
Fax: +39. 0422. 583252
Oppureinvialetuee-mail a:
farmarca@farmacietv.it
[dal 30 Agostoal 6 Settembre 2013] _ [30th August to6th September 2013]
Oderzo - SCOTTO di Mason Dr. Paola - via Postumia di Camino, 6
Fontanelle - LEGRENZI -via Roma, 310
[dal 4 all 11 Ottobre 2013] _ [4th to 11th October 2013]
Oderzo - SCOTTO di Mason dott.ssa Paola- via Postumia di Camino, 6
Ormelle - MOLIN - via Roma, 26
[dal 6 al 13 Settembre 2013] _ [6th to 13th September 2013]
Oderzo - FAVERO - via G. Garibaldi, 18
Chiarano - SCOTINI - via Roma 1/A
[dall11 al 18 Ottobre 2013] _ [11th to 18th October 2013]
Oderzo - FAVERO - via G. Garibaldi, 18
Meduna di Livenza - BROTTO - piazza Umberto I, 9/10
U.l .s.s. 9 Opi tergi no Mottense
[dal 20 al 27 Settembre 2013] _ [20th to 27th September 2013]
Oderzo - COMUNALE - via Maestri del Commercio, 6
Salgareda - ZANETTE - via Roma, 107
* [dal 25 Ottobre al 1 Novembre 2013] _ [25th October to1thNovember 2013]
Oderzo - COMUNALE - via Maestri del Commercio, 6
Motta di Livenza - AL PONTE - via IV Novembre, 42
[dal 13 al 20 Settembre 2013] _ [13th to 20th September 2013]
Oderzo - TREVISAN - piazza Grande, 18
Campodipietra - DALLOSSO - via Marconi, 48/50
* [dal 18 all 25 Ottobre 2013] _ [18th to 25th October 2013]
Oderzo - TREVISAN - piazza Grande, 18
Portobuffol - GRANDE - via Settimo, 7
[dal 27 Settembre al 4 Ottobre 2013] _ [27thSeptember to4thOctober 2013]
Piavon di Oderzo - DAL MAGRO - p.zza M. DAviano, 7
San Polo di Piave - FERRARI - V.lo Strada Maggiore, 1
Turni di tutte l e Farmaci e del l e U.L.S.S. del l a provi nci a di Trevi so. (Peri odo: Settembre - Ottobre 2013)
I TURNI DELLE FARMACIE
* Si segnala che i turni dal 18 al 31 Ottobre 2013 dellUlss 9 Opitergino Mottense
potrebbero subire variazioni a seguito di delibera dellUlss successiva alla data di stampa
della presente rivista. Chiedete informazioni al Vostro farmacista.
ATTENZIONE
Pag. 18 FARMARCA _ Le Noti zi e Sul l a Sal ute _ n.63 _ settembre / ottobre 2013 Pag. 19 FARMARCA _ Le Noti zi e Sul l a Sal ute _ n.63 _ settembre / ottobre 2013
INTERVISTA AL DOTT. DIEGO SALVI, SPECIALISTA IN ODONTOIATRIA, RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI ODONTOSTOMATOLOGIA DELLA CASA DI CURA GIOVANNI XXIII, MONASTIER DI TREVISO
LIMPORTANZA DELLA SALUTE ORALE NELLANZIANO
O
ggi, la considerazionechelasaluteoralesiaparte
integrante di quella generale, ed essenziale al
benessere dellindividuo, ha favorito lo sviluppo non
solo delle conoscenze, ma anche degli strumenti per
miglioraresignicativamentelasalutedentaleequindi
laqualitdellavita.
Laumento dellapopolazioneedellasperanzadi vitaun
dato di fatto, basti pensarechenel 1970lavitamediaera
di 67anni, nel 2005lavitamediasi spostataa79anni.
Ci comporta un evidente aumento di popolazione
anzianache, oltreallecuresanitariegenerali, necessita
di cure odontoiatriche atte a garantire un adeguata
masticazione. Lintervento di un professionista diventa
unatto di primariaimportanzanonsolo per preservare,
maancheper ripristinarelacorrettafunzionalitdel cavo
oralesoprattutto nel pazienteanziano.
Ci rivolgiamo pertanto ad uno specialista, il Dott.
Salvi, per sapere quali sono i problemi dentari pi
frequenti riscontrabili nellanziano.
Sicuramente la masticazione! Se vero che la prima
digestione avviene in bocca anche vero che la
masticazione assume un ruolo basilare per evitare
problemi digestivi edi malassorbimento.
Diventa una funzione di assoluta importanza,
indispensabileallavita, soprattutto inunpazienteanziano
dal momento chelassunzionedi proteine, carboidrati,
sali minerali ecc.. fondamentale.
Attualmente la popolazione anziana, spesso edentula,
viene riabilitata mediante apparecchiature protesiche
mobili rimovibili.
Questultime nella maggior parte dei casi risultano
inadeguatenel soddisfarelasiologicamasticazione.
E bennoto cheinoltreunaprotesi tradizionaleinuenzi
losso basale aumentandone il riassorbimento e
diminuendo lanormalemineralizzazioneossea, tutto ci
comporta una instabilit protesica sempre maggiore e
proporzionaleagli anni.
Il microcircolo gengivalerisultasofferenteacausadella
compressioneedel carico masticatorio dellaprotesi con
conseguenteinassorbimento osseo elesioni dadecubito.
La popolazione anziana gi di per s affetta da
dismetabolismo e/o vascolopatie maggiormente
penalizzata da quanto sopra. Inoltre la protesi mobile
nellasuainstabilit, comportauninsiemedi condizioni
indesiderate quali: l aumentato invecchiamento
faccialedal momento cheaccentualeplichenaso labiali
favorendo cos labbassamento dei muscoli facciali,
lallungamento del labbro superiorecheassumeil tipico
aspetto malinconico, gli incisivi non risultano pi
visibili, le commessure labiali vengono striate verso
il basso compromettendo sia la mimica facciale che
lesteticadel viso stesso.
Linevitabile impatto psicologico che ne deriva su un
paziente portatore di protesi mobile, la tendenza,
spesso associataaverarassegnazione, adevadereeventi
conviviali-sociali proprio acausadel disagio masticatorio
soprattutto di fronteai cibi solidi.
Inutileevidenziarelinsoddisfazioneeladepressioneche
nepu derivareinsoggetti gicompromessi.
Labbandono delleprotesi mobili tradizionali diventaoggi
unascelta obbligataselobiettivo quello di migliorare
gli aspetti funzionali epsicologici del pazienteanziano.
La tecnica proposta si denisce ALL ON FOUR
perch grazie a solo quattro impianti osteointegrati, la
protesi vieneavvitataeresastabilein tempi brevi con
evidente benecio psicologico e soprattutto funzionale
del pazienteedentulo.
Talemetodicaquindi economica, semplice, scarsamente
invasivaeallavanguardia. Latecnicaimplantareinfatti
pu essere eseguita anche con preventive metodiche
computerizzate che predeniscono lintervento e che
medianteluso di unamascherinachirurgicasi possono
applicare sul paziente in modo indolore, molto rapido
econfortevole. La protesi avvitata su impianti decurta
tempi tecnico-protesici con contenimento di costi,
maneggevolezzaefollow-upchetutelamaggiormenteil
tessuto osseo del paziente.
Dott. Salvi, quali sono le patologie pi frequenti,
riscontrabili nellanziano?
Purtroppo conlavanzaredellet, aumentalatendenza
adedicarsi sempremeno asestessi eanonrecarsi dallo
specialistaper sottoporsi ai controlli ecurenecessarie.
Anche nel soggetto anziano autosufciente esiste
lincapacit di guardarsi in bocca non riuscendo di
conseguenzaavalutareil proprio stato di igieneorale.
Nella maggior parte dei casi si riscontrano infezioni
pio meno gravi, inrelazioneancheallo stato di salute
generale del paziente: un soggetto diabetico sviluppa
infezioni molto piaccese.
Leinammazioni gengivali nascono spesso dalluso di
apparecchi protesici sporchi o noncalibrati per mancanza
dei controlli di manutenzione, comeraccomandato, ogni
sei mesi o al massimo unanno.
Lasituazionediventapiproblematicaquando si deve
intervenire su un soggetto anziano non collaborante o
affetto daunagravedisabilitdellefunzioni motorieed
intellettive.
La difcolt di gestione di questi casi, obbliga ad
intervenire con uno stato di sedazione o di narcosi.
Lapatologiapicomunelasepsi orale, ovvero delle
infezioni di tipo purulento, chenascono dallincapacit
del soggetto di pulirsi adeguatamente.
Leconseguenzepossono esseregravi sesi considerada
unlato chequesteinfezioni molto spesso impediscono
di potersi alimentarecorrettamenteportando allatotale
debilitazionedellorganismo, dallaltro chesenontrattate
portano adelleincidenzesistemiche.
Lunico intervento inquesti casi unaterapiadi bonica
chepermettedi eliminareil focusinammatorio, mentre
lariabilitazionepurtroppo nonattuabile.
A cura del l a Dott.ssa Chi ara Cestaro, farmaci sta
E
sisteuno stretto legametrasalutedel cavo oralee
sanaalimentazione.
Allorigine dei problemi dello stato sico dentale
ci sono i cambiamenti dello stile di vita, che hanno
portato in molti paesi industrializzati ladiffusionedi
dietericchedi zuccheri eaumentati consumi di alcol e
tabacco. Mangiando in mediaquattro volteal giorno,
non solo risulta fondamentale la pulizia dei denti
(almeno al mattino dopo laprimacolazioneelasera
primadi coricarci), maancorapi importantediviene
lasceltascrupolosaeattentadi cibi ebevande.
Mangiarein modo scorretto pu portareallaformazione
di carieed aumentareil rischio di patologiegengivali
di diversagravit, chepossono portareno allaperdita
dei denti, comenel caso dellapiorrea.
Ogni alimento ha un proprio grado di acidit (pH),
capace di indebolire lo strato protettivo che riveste
i nostri denti. In particolare, gli agrumi, contengono
acido citrico, sostanzaabrasivaper lo smalto. Questo
non signicachedebbano esserebanditi dallanostra
tavola, in quanto alimenti preziosi, ricchi di vitamine
tralequali lavitaminaC, cheproteggelegengive.
Basta semplicemente sciacquarsi la bocca subito
dopo averli ingeriti. Un vero pericolo ed attentato
per il benesseredel cavo oralecostituiscono lebibite
gassate e gli energy drink che, a causa della loro
composizionein zuccheri semplici, corrodono dentina
e polpa dei nostri denti. Anche laceto, insieme
alla birra, secondo studi recenti, si constatato che
triplichino il rischio di danni allo smalto.
Chi beveogni giorno questebevande, dovrebbeusare
un dentifricio specico, in grado di proteggere e
ripararelo smalto dei denti.
E beneridurredrasticamenteil consumo di caramelle
edolciumi, maanchedi snack siadolci chesalati, ma
anchedi patatine, tartineealtri prodotti daforno fatti
con farine rafnate, che, specialmente se presi con
laperitivo, possono lasciare residui adesivi sui
denti anche per ore, danneggiandoli seriamente.
Inoltrelalcol presentenegli aperitivi vienedegradato
da enzimi naturalmente presenti nella bocca che
lo trasformano in acetaldeide, sostanza in grado
di danneggiare i broblasti, cio le cellule che
compongono i tessuti di sostegno dellegengive.
Inoltretutti i prodotti daforno rafnati, lapastaeil
paneaumentano i depositi di placcaelaformazione
del tartaro.
Ricordiamoci anche, sebeviamo un caff, di lavarci
subito dopo i denti e di usare uno spazzolino che
permetta di pulire anche la lingua. Il caff infatti
oltrealasciaredellemacchiegiallepiuttosto vistose
sui denti, una bevanda acidicante e che quindi
favoriscelaformazionedellacarie.
Vialiberainveceasnack spezzafamecomesedano e
caroteche, oltreadessereunapreziosafontedi vitamine
esali minerali, al tempo stesso eliminano laplacca.
I pomodori, i rapanelli, il crescioneeleciliegiesono
ricchi di uoro cherinforzalo smalto dentario. I frutti
di bosco contengono sostanzeantibatterichenaturali
capaci di ridurre i depositi di placca dell80%,
ovviamentemangiati senzazuccheri.
Molto bene assumere anche verdure a foglia larga,
comespinaci, bieta, insalataeradicchio chestimolano
lasalivazioneeaiutano apulirelabocca.
Per quanto riguardaleproteine, molto consigliati sono
anchei fagioli checontengono ferro emagnesio, utili
allasalutedei denti edellegengive. Comecarboidrati
meglio sceglierequelli integrali, in quanto pi ricchi
in breesali minerali.
Anche un buon bicchiere di vino rosso a pasto,
essendo ricco di polifenoli, sostanze in grado di
inibirelacapacitdei batteri ad aderireallasupercie
dentale, aiutaamantenerein formail sorriso.
Pag. 20 FARMARCA _ Le Noti zi e Sul l a Sal ute _ n.63 _ settembre / ottobre 2013
I CIBI AMICI DEL NOSTRO SORRISO
ALIMENTAZIONE E SALUTE DEI DENTI
A cura del l a Dott.ssa Barbara Vi an, farmaci sta naturopata
L
a disfunzione endoteliale appare presto
nellaterosclerosi (indurimento della parete
arteriosa) ed assodato chegiochi un ruolo rilevante
nellaterotrombosi (formazione di trombi nel lume
del vaso).
Lendotelio rappresenta il conne fra sangue e vasi
e ha la propriet di non consentire, normalmente,
ladesione delle cellule sanguigne favorendo il
siologico scorrimento del sangue.
Lacellulaendotelialelasededi unattivitbiologica
importantedi sintesi edi secrezione, con produzione
di numerosesostanzefondamentali per emostasi ela
trombosi.
Laltraimportanteproprietdellendotelio quelladi
esserebarrieraapermeabilitselettiva, chepermette
e regola lo scambio di molecole (nutrienti, prodotti
di scarto dellevarieattivitmetaboliche) frasangue
etessuti.
Ladisfunzioneendotelialeacutasi manifestaaseguito
dellaumento siologico dei trigliceridi dopo i pasti
non solo nei pazienti affetti damalattiacoronaricama
anchenei pazienti sani.
Strettamenteassociataalladisfunzioneendotelialee
allaterosclerosi linammazionecronica a carico
dellearteriedi grandeemedio calibro.
Recenti dati osservazionali indicano che trattando
laumento del colesterolo elinammazionesi possa
ridurreladisfunzioneendoteliale.
Monacolina K 10 mg un estratto del Riso rosso
fermentato approvato e ritenuto efcace con tale
dosaggio daEFSA (European Food Safety Autority,
Autorit Europea per la Sicurezza degli Alimenti )
con lindicazionecontribuisceal mantenimento dei
livelli normali di colesterolo nel sangue.
Anche le linee guida della Societ Europea
di Cardiologia (ESC) e della Societ Europea
dellAterosclerosi (EAS), suggeriscono lutilizzo
dei nutraceutici (integratori alimentari), insiemealla
dieta, nelle primissime fasi in cui la disfunzione
endoteliale ancora silente e i pazienti sono in una
fase di basso o medio rischio cardiologico, che
non prevede ancora luso delle statine o anche in
associazioneallestatinestesseper ridurnei dosaggi
elimitaregli effetti collaterali.
Concludendo il Riso rosso fermentato (di cui
monacolinaK 10 mg) rappresentaun efcacescelta
terapeutica per prevenire la disfunzione endoteliale
siaattraverso lasuaefcaceazioneantiinammatoria
sullendotelio stesso che aiutando a mantenere
normali i livelli di colesterolo nel sangue.
Pag. 22 FARMARCA _ Le Noti zi e Sul l a Sal ute _ n.63 _ settembre / ottobre 2013
NELLA PRECOCE DIFESA DEL DANNO ENDOTELIALE
MONACOLINA K 10 MG
Informazi one Pubbl i ci tari a