You are on page 1of 79

Il sistema circolatorio aperto e chiuso

TIPI DI POMPE
peristaltica

a camera

accessoria

Il sistema circolatorio nei mammiferi

Ventricolo sinistro Aorta Circolo sistemico Arterie sistemiche Capillari sistemici Vene sistemiche Vene cave Atrio destro .

Ventricolo destro Tronco polmonare Circolo polmonare Arterie polmonari Capillari polmonari Vene polmonari Atrio sinistro .

Il circolo sistemico e polmonare sono in serie Ventricolo sinistro Atrio sinistro Aorta Arterie sistemiche Vene polmonari Capillari polmonari Capillari sistemici Vene sistemiche Arterie polmonari Vene Cave Tronco polmonare Ventricolo destro ATRIO DESTRO .

Organizzazione in parallelo dei distretti circolatori .

IL CUORE: UNA POMPA MUSCOLARE Organizzazione anatomica nei Mammiferi .

.

IL CUORE: Scheletro fibroso .

IL CUORE: Fibre profonde e superficiali .

Le valvole consentono il flusso in una sola direzione .

Le valvole cardiache sono aperte quando il gradiente pressorio è favorevole al flusso nella giusta direzione. si chiudono quando si crea un gradiente di pressione retrogrado .

LA PARETE CARDIACA .

CELLULE MIOCARDICHE .

Connessioni elettriche fra le cellule del miocardio .

Gap Junctions .

Tessuto specifico (pace-maker e di conduzione) .

Proprietà del muscolo cardiaco Eccitabilità (batmotropismo) Automatismo (cronotropismo) Conducibilità (dromotropismo) Contrattilità (inotropismo) .

Proprietà del muscolo cardiaco Eccitabilità (batmotropismo) .

Potenziale d’azione cardiaco .

Potenziale d’azione cardiaco .

.

.

.

Periodo di refrattarietà .

PERIODO REFRATTARIO E SOMMAZIONE DELLE SCOSSE .

.

Proprietà del muscolo cardiaco Automatismo (cronotropismo) .

Potenziale Pacemaker .

Potenziale Pacemaker .

Potenziale lento o pace-maker .

Differenza fra Potenziale Pacemaker e Potenziale del miocardio comune Ampiezza minore Potenziale lento (dovuto al calcio) Assenza di plateau Ripolarizzazione lenta Presenza del prepotenziale .

LEGGE DELLA DOMINANZA DEL RITMO Più FREQUENTE .

Modulazione del potenziale pacemaker da parte del sistema nervoso .

.

EFFETTI CRONOTROPI POSITIVI DEL SIMPATICO .

Recettori muscarinici .

EFFETTI CRONOTROPI NEGATIVI DEL PARASIMPATICO .

Proprietà del muscolo cardiaco Conducibilità (dromotropismo) .

Sistema di conduzione del cuore .

.

.

La Velocità di propagazione del potenziale dipende: Ampiezza del potenziale Velocità di depolarizzazione Valore del potenziale di riposo La propagazione è unidirezionale .

0 • Rete di Purkinje • Miocardio ventricolare 0.Velocità di propagazione del potenziali cardiaci (metri/sec) • nodo SA • Miocardio atriale • Nodo AV • Fascio AV • Branche 2.0 – 1.3 – 1.0 1.02 – 0.0 .0 – 4.2 0.2 – 2.05 1.

Il sistema nervoso simpatico controlla anche la velocità di conduzione a livello del nodo AV .

Proprietà del muscolo cardiaco Contrattilità (inotropismo) .

ACCOPPIAMENTO ECCITAZIONE-CONTRAZIONE .

Funzione meccanica del cuore (Regolazione della forza di contrazione) • Reclutamento di unità motrici • Incremento della frequenza di scarica nei neuroni motori • Calcio per innescare la contrazione .

CONTRATTILITA’ .

Digitale). . adrenalina e tiroxina) – Farmaci (es. – Aumento dell’attività simpatica – ormoni (es.Contrattilità • La contrattilità può essere incrementata (effetto inotropo positivo) da : – Aumento della frequenza cardiaca.

FENOMENO SCALA LA CONTRATTILITA’ AUMENTA SE AUMENTA LA FREQUENZA CARDIACA .

Aumento della frequenza di contrazione = aumento della contrattilità Ca++ Ca++ Normal Heart Rate Fast Heart Rate Ca++ Ca++ Ca++ Ca++ .

EFFETTO INOTROPO POSITIVO DEL SIMPATICO .

Effetti positivi dei glicosidi cardiaci sulla contrattilità 3Na+ Ca2+ 3 ATP Glicosidi cardiaci 3K+ 1 3Na+ 4 2 [Na+] [Ca2+] 5 Effetto inotropo positivo .

Il miocardio si contrae con maggiore forza quando è allungato .

IL CICLO CARDIACO .

Propagazione dell’eccitamento .

8 sec A V Sistole Diastole .CICLO CARDIACO 0.

.

.

LAVORO DEL VENTRICOLO SN .

Gittata Cardiaca • Il volume di sangue immesso dal ventricolo nell’arteria corrispondente in un minuto Gittata cardiaca = Frequenza cardiaca x volume sistolico (la gittata cardiaca dei due ventricoli deve essere uguale) .

[O2] v .MISURA DELLA GITTATA CARDIACA THE FICK METHOD: q1 + q2 = q3 q1 VO2 = O2/min q2 q3 .[O2] v x flusso ematico flusso ematico = VO2 / [O2] a . q1 = [O2] v x flusso ematico q3 = [O2] a x flusso ematico [O2] v x flusso ematico + VO2 = [O2] a x flusso ematico VO2 = [O2] a x flusso ematico .

MISURA DELLA GITTATA CARDIACA

VO2 Flusso = [O2]a - [O2]v

Spirometria (250 ml/min)

Sangue arteria polmonare (15 ml%) . Sangue arterioso (20 ml%) Gettata cardiaca (Q) = = VO2 [O2]a - [O2]v 250 ml/min = 5 L/min 20 ml% - 15 ml%

. Q = Fc x SV . Q 5 L/min SV = = 0.0714 L or 71.4 ml = FR 70 battiti/min

Controllo nervoso del cuore

Controllo Antagonistico Un incremento dell’attività simpatica incrementa la frequenza cardiaca mentre un incremento dell’attività parasimpatica decrementa la frequenza cardiaca .

Stimolazione vagale Stimolazione simpatica .

TONO VAGALE E SIMPATICO .

CONTROLLO NERVOSO DELLA FREQUENZA .

LEGGE DI STARLING L’energia che si sviluppa durante la contrazione è funzione della lunghezza iniziale delle fibre muscolari .

Preparato cuore polmoni .

Precarico e postcarico .

L’aumento del precarico aumenta la gittata sistolica .

L’aumento del postcarico aumenta la gittata sistolica .

MECCANISMI ALLA BASE DELLA REGOLAZIONE ETEROMETRICA 1. Sensibilità al Ca2+ aumentata a lunghezza maggiori 1. Maggiore influsso di Ca2+ a lunghezza maggiori Legge di Frank-Starling . Avvicinamento alla lunghezza ottimale 2.

2.IMPORTANZA FUNZIONALE DELLA REGOLAZIONE ETEROMETRICA 1. MANTIENE LA GITTATA COSTANTE ANCHE SE AUMENTA LA PRESSIONE ARTERIOSA Legge di Frank-Starling . LA GETTATA MEDIA DEI DUE VENTRICOLI E’ SEMPRE UGUALE ED IL SANGUE NON SI ACCUMULA IN UNA DELLE DUE SEZIONI.