You are on page 1of 24

‘ ´

˛
Associazione Culturale
Librerie Storiche e antiquarie d’Italia
FONDATA a milano NEL 2004
Ekecheiria
P E R I O D I C O D I I N F O R M A Z I O N E D E L L’ A S S O C I A Z I O N E
Anno II - Numero 2 - 2009

Ekecheiria organo d’informazione dell’Associazione Culturale Librerie Storiche e Antiquarie d’Italia a diffusione gratuita - Registrazione Tribunale di Milano n. 9098 del 31/3/2008
Direttore: Emanuele Lazzati - Segretaria di Redazione: Drina Xhoga - Progetto grafico: Donatella Bertoletti - Sede: Galleria Vittorio Emanuele II, 12 - 20121 Milano - e.mail: info@fotolitolombarda.it
cell. 348 6922267 - www.libreriestoriche.it - CALS centro acquisti librerie storiche- cell. 339 6859871

Walter Valentini, “Le misure, il cielo”, 2002, fusione in bronzo lucido e patinato, progetto per la fontana di Loano
 2

LIBRERIE STORICHE D’ITALIA


Libreria Antiquaria Garisenda Libri e Stampe, Libreria Balletta, Santa Maria a Vico dal 1918 Libreria Docet, Bologna dal 1952
Bologna dal 1959 Via Appia, 366 - 81028 Santa Maria a Vico (CE) Via Galliera, 34/a - 40121 Bologna
Strada Maggiore, 14/A e B - 40125 Bologna Enrico Balletta Loris Rabiti
Maria Fiammenghi tel. 0823.808572 tel. 051.255085
tel. 051.231893 e.mail: balletta@altervista.org e.mail: libreriadocet@ tin.it
e.mail: info@ garisenda.it - www.garisenda.it www.balletta.altervista.org
Libreria Fissore, Alessandria dal 1951
Libreria Antiquaria Gonnelli, Firenze dal 1875 Libreria Battei, Parma dal 1872 Piazza della Libertà, 26 - 15100 Alessandria
Via Ricasoli, 6 - 14/r - 50122 Firenze Strada Cavour, 5/c - 43100 Parma Francesca Orzalesi
Marco Manetti Antonio Battei, Silvia Masini tel. 0131.252768
e.mail: libreria96@ libreriafissore.191.it
tel. 055.216835 - fax 055.2396812 tel. 0521.283077 - 0521.233733
e.mail: info@ gonnelli.it - www.libreria-gonnelli.it e.mail: libreriabattei@battei.it
www.battei.it/libreria.html Libreria Galla,Vicenza dal 1880
Corso Palladio, 11 - 36100 Vicenza
Libreria Antiquaria Gozzini, Firenze dal 1850
Alberto Galla
Via Ricasoli, 49/103r - 50122 Firenze Libreria Belforte, Livorno dal 1805
tel. 0444.225200 - 0444.225252 - fax 0444.225210
Francesco Chellini Via Grande, 91 - 57123 Livorno e.mail: info@ galla1880.com - www.galla1880.com
tel. 055.212433 - fax 055.211105 Pasquale Di Paolo, Guido Guastalla
e.mail: info@ gozzini.it - www.gozzini.it tel. 0586.887379 - e.mail info@ libreriabelforte.com Libreria Goggia, Asti dal 1850
www.libreriabelforte.it Corso Alfieri, 299 - 14100 Asti
Libreria Antiquaria Gutenberg al Colosseo, Luigi Doano
Roma dal 1810 Libreria Bocca, Milano dal 1775 tel./fax 0141.592804
Via di S. Giovanni in Laterano, 94 - 00184 Roma Galleria Vittorio Emanuele II, 12 - 20121 Milano e.mail: libreria.goggia@ fastwebnet.it
Maria Benigno e Matteo Maglia Gabriele, Giorgio e Monica Lodetti www.libreriagoggia.it
tel. 06.77208831 - 06.97270758 tel. 02.86462321 - 02.860806 - fax 02.876572
e.mail: lgutcol@ agora.stm.it e.mail: libreriabocca@ libreriabocca.com Libreria Guida, Napoli dal 1920
www.libri-antichi.com/gutenbergalcolosseo www.libreriabocca.com Via Port’Alba, 20/23 - 80134 Napoli
Mario Guida
Libreria Antiquaria Malavasi, Milano dal 1940 Libreria Bozzi, Genova dal 1810 tel. 081.446377 - fax 081.451883
Largo Schuster, 1 - 20122 Milano Via Cairoli, 2/a r - 16124 Genova e.mail: libri@ guida.it - www.guida.it
Maurizio Malavasi Tonino Bozzi
tel. 02.804607 - fax 02.864002 tel. 010.2461718 - fax 010.2461652 Libreria La Toletta,Venezia dal 1933
e.mail: malavasi@ libreriamalavasi.com e.mail: info@libreriabozzi.it - www.libreriabozzi.it dorsoduro, 1213 - 30123 Venezia
www.libreriamalavasi.com Giovanni Pelizzato
Libreria Buscemi, Enna dal 1898 tel. 041.5232034 - fax 041.2415371
Libreria Antiquaria Mediolanum, Milano dal 1928 Piazza Vittorio Emanuele, 19 - 94100 Enna e.mail: toletta@ libreriatoletta.it
Sebastiano Buscemi www.libreriatoletta.it
Via del Carmine, 1 - 20121 Milano
tel./fax 0935.500070 - e.mail: info @ libreriabuscemi.it
Luca Pozzi www.libreriabuscemi.it
tel. 02.86462616 - fax 02.45474333 Libreria Lapaglia, Catania dal 1906
e.mail: mediolanum@ libreriamediolanum.com Via Etnea, 391/3/5 - 95125 Catania
Libreria Carù, Gallarate dal 1942
www.libreriamediolanum.com Piazza Garibaldi, 6 - 21013 Gallarate (VA) Enrico e Stefano Morgano
Anna Carù tel. 095.446640
Libreria Antiquaria Prandi, Reggio Emilia dal 1926 tel. 0331.792508 - 0331.776122 - fax 0331.791071 e.mail: librerialapaglia@ librerialapaglia.com
Viale Timavo, 75 - 42100 Reggio Emilia e.mail: libri@ caru.com - www.caru.com www.librerialapaglia.com
Paolo Prandi
tel. 0522.434973 - e.mail: libreria@ prandi.info Libreria Casa del Libro, Siracusa dal 1930 Libreria Laterza, Bari dal 1896
www.libreriaprandi.it Via Maestranza, 20/22 - 96100 Siracusa Via Sparano da Bari, 136 - 70121 Bari
Lorenzo Mascali Giovanna Gennari Laterza, Alessandro e Maria Laterza
Libreria Antiquaria Pregliasco,Torino dal 1912 tel. 0931.65186 - e.mail: lorenzo.mascali@ tin.it tel. 080.5211780 - fax 080.5243767
Via Accademia Albertina, 3/bis - 10123 Torino e.mail: alaterza@ laterza.it
Umberto Pregliasco Libreria Casa del Libro,Taranto dal 1936 www.laterza.it
tel. 011.8177114 - e.mail: preglias @ fileita.it Via D’Aquino, 142 - 74100 Taranto
www.preliber.com Nicola Mandese Libreria G. B. Moneta, Savona dal 1920
tel. 099.4520504 Via Paolo Boselli, 8 -10r - 17100 Savona
Libreria Antiquaria Rappaport, Roma dal 1906 e.mail: libronic@libero.it - storicamandese@tele2.it Mario Schiavi
Via Sistina, 23 - 00187 Roma tel. 019.823895 - fax 019.812378
Bernardo e Marlis Seacomb Libreria Cattaneo, Lecco dal 1930 e.mail: info@ libreriamoneta.it
tel. 06.483826 - fax 06.4818079 Via Roma, 52 - 23900 Lecco www.libreriamoneta.it
e.mail: info@ rappaport.it - www.rappaport.it Tina Cattaneo
tel. 0341.286323 - fax 0341.285189 Libreria Musumeci, Catania dal 1952
e.mail: libreria@cattaneolecco.it
Libreria Antiquaria Regina, Napoli dal 1880 Via Caronda, 16/18 - 95129 Catania
Via S. Maria di Costantinopoli, 51/103 - 80138 Napoli Orazia Musumeci
Libreria Cattolica, Ascoli Piceno dal 1950
Luigi Regina tel./fax 095.7158505
Piazza Arrigo, 21 - 63100 Ascoli Piceno
tel./fax 081.459983 - 081.290925 Francesco Armandi
e.mail: info@ libreriaregina.it - www.libreriaregina.it tel. 0736.259679 - fax 0736.259625 Libreria Nanni Arnaldo, Bologna dal 1825
e.mail: libreria.cattolica@ tin.it Via de’ Musei, 8 - 40124 Bologna
Libreria Antiquaria Scarpignato, Roma dal 1936 www.libreriacattolica.com Nerio Nanni
Via di Ripetta, 156 - 00186 Roma tel. 051.221841 - fax 051.279198
Aldo Scarpignato Libreria Cavallotto, Catania dal 1954 e.mail: libreria66@libreriananni.it
tel. 06.6875923 - fax 06.97256407 Corso Sicilia, 91 - 95131 Catania www.libreriananni.it
e.mail: aldo.scarpignato@ fastwebnet.it Anna Cavallotto, Adalgisa D’Ambra
www.libreriascarpignato.com tel. 095.310414 - 095.320431 Libreria Paolino, Ragusa dal 1953
e.mail: ingo@ cavallotto.it - www.cavallotto.it Corso Vittorio Veneto, 144 - 97100 Ragusa
Libreria Antiquaria Vallerini, Pisa dal 1909 Salvatore Paolino
Via dei Mille, 7/a - 13 - 56126 Pisa Libreria Cesareti, Roma dal 1888 tel. 0932.626260
Andrea Vallerini Via Piè di Marmo, 27 - 00186 Roma
tel. 050.555450 - fax 050.562752 Saverio Lefevre Libreria Paravia,Torino dal 1802
e.mail: andrea@ vallerini.it - www.vallerini.it tel. 06.6786264 Via Garibaldi, 23 - 10122 Torino
Giuseppe Calarco
Libreria Alterocca,Terni dal 1890 Libreria Ciofalo, Messina dal 1939 tel. 011.540608 - fax 011.5184475
Corso Tacito, 27-29 - 05100 Terni Piazza Municipio, 35 - 98122 Messina e.mail: libreria.paravia@tenet.it
Giovanna Durastanti Nino Crapanzano www.libreria-paravia.it
tel. 0744.409201 tel. 090.675311 - www.ciofalo.it

Libreria Croce, Roma dal 1945 Libreria Prampolini, Catania dal 1894
Libreria Ambrosiana, Milano dal 1882 Corso V. Emanuele II, 156/158 - 00186 Roma Via Vittorio Emanuele, 333 - 95124 Catania
Via San Clemente, 1 - 20122 Milano Rodrigo Dias Luigi Calabrese
Orazio Perenzin tel. 06.68802269 - 06.68802630 tel. /fax 095.321099
tel. 02.86462158 e.mail: crocedias@ libero.it - aliass@ tin.it e.mail: prampolinilibreria@ tiscali.it
www.prampolinilibreria.it
Libreria Arnoldi, Bergamo dal 1913 Libreria Dante Alighieri,Torino dal 1911
Piazza Giacomo Matteotti, 12 - 24122 Bergamo Piazza Carlo Felice, 19 - 10123 Torino Libreria Princivalli, Lido di Jesolo dal 1954
Pier Paolo Arnoldi Mimmo Fògola Via Bafile, 254 - 30016 Lido di Jesolo (VE)
tel. 035.243462 - fax 035.235423 tel. 011.535897 - e.mail: info@ fogola.com Alessandra Princivalli
e.mail: info@ arnoldilibreria.it - www.arnoldilibreria.it www.fogola.com tel. 0421.93736
 3

LIBRERIE STORICHE D’ITALIA


Libreria Resola, Brescia dal 1948 Libreria Umberto Saba,Trieste dal 1919 Libreria Tarantola, Sesto San Giovanni dal 1859
Corso Garibaldi, 39/b - 25122 Brescia Via San Nicolò, 30 - 34100 Trieste Piazza Martiri di via Fani, 15
Gianfranco Resola Mario Cerne 20099 Sesto S. Giovanni (MI)
tel. 030.42476 - fax 030.3756090 tel./fax 040.631741 Giorgio Tarantola
e.mail: libreria.resola@ tin.it e.mail mario.cerne @ iol.it tel. 02.2621696

Libreria Riminese, Rimini dal 1931 Libreria Serra Tarantola, Brescia dal 1908 Libreria Tombolini, Roma dal 1885
Piazzetta Gregorio da Rimini, 13 - 47900 Rimini Corso Zanardelli, 52 - 25121 Brescia Via 4 Novembre, 146 - 00187 Roma
Mirco Pecci Marco Serra Tarantola, Silvana Tarantola Serra Daniele Brisigotti,Vincenzo Orieti, Carla Tombolini
tel. 0541.26417 - fax 0541.26246 tel. 030.49300 - fax 030.3772569 tel. 06.6795719 - 06.6785925 - fax 06.69941790
e.mail libreria.riminese@ libero.it e.mail: info@tarantola.it - www.tarantola.it e.mail: libreria.tombolini@ iol.it - www.tombolini.net

LE ISTITUZIONI E LE LIBRERIE STORICHE


Nel primo numero di questa pubblicazio- poca Francesco Rutelli. Le diverse propo- neghina in dissolvimento. Come andrà a fi-
ne davo le motivazioni che ci hanno spin- ste di legge erano state unificate e quella nire? Tutto questo può essere letto in due
to a dar vita ad un periodico che portasse comune ad entrambe le parti politiche del chiavi, quella ottimistica: con la volontà ogni
a conoscenza di molti, delle difficili condi- Parlamento, cosiddetta “bipartisan”, aveva ostacolo può venire superato, l’altra pessi-
zioni in cui versano le librerie storiche nel ricevuto l’approvazione da tutte le mistica: le librerie storiche continueranno
nostro paese, oltre a spiegare il significato Commissioni competenti, Finanze, Giustizia, a morire, mentre si salveranno quelle for-
di un titolo, ai più, poco chiaro, Ekecheiria. Trasporti e Attività Produttive. Mancava il tunate proprietarie dei muri, fino al mo-
Non secondaria quella di partecipare ai col- passaggio finale per diventare legge quan- mento in cui generosissime offerte le con-
leghi librai, l’abitudine di collaborare su sca- do cadde il Governo Prodi. Ricontattate le vinceranno a chiudere.
la nazionale, coinvolgendo, dove possibile, Presidenze della Repubblica, del Consiglio Giacomo Lodetti
i propri clienti, spesso amici dei titolari, con- e della Camera, si arrivava ai nostri giorni
dividendo un vasto patrimonio culturale. con questo risultato: il problema veniva de- Organigramma Associazione
L’unico vero successo dell’iniziativa, in real- mandato alle Regioni che lo avrebbero af- Sede:Via Molino delle Armi, 5
tà, è stato quello di vedere il primo nume- frontato compatibilmente con la futura leg- 20123 Milano
ro, nonostante tutto, pubblicato. Cosicché ge sul Federalismo, ancora da approvare.
grazie alla tenacia di chi scrive, anche il se- Ma il caso della Regione Lombardia, che nel Presidente
condo vede la luce. frattempo si era dotata di una legge appro- Giacomo Lodetti - Lib. Bocca 1775 - MI
Ringraziamenti doverosi vanno quindi a tut- priata, spendendo nel produrre e distribui-
Vice Presidente e Tesoriere
ti coloro i quali hanno contribuito a questa re gratuitamente libri guida, vetrofanie, di-
Guido Guastalla - Lib. Belforte - LI
nascita, condividendone il costo e inviando plomi di appartenenza alla nobile catego-
testi e immagini alla redazione, in partico- ria, aveva emanato un bando col quale in- Segretario Generale
lare all’amico Marco Serra Tarantola, dell’o- tendeva finanziare in nove punti le botte- Vincenzo Orieti - Lib.Tombolini - RM
monima libreria storica di Brescia che ne ghe storiche di tutta la regione, non stan- Consiglieri
ha curato la stampa, alla segretaria del- ziando però i fondi necessari a rendere ope- Luigi Calabrese - Lib. Prampolini - CT
l’Associazione, la signorina Drina Xhoga che rativa la legge, faceva pensare al peggio. Mario Cerne - Lib. Umberto Saba -TS
ha pazientemente raccolto e ordinato il ma- Nel frattempo alcune librerie storiche chiu- Guido Guastalla - Lib. Belforte - LI
teriale, occupandosi anche della diffusione, devano, altre entravano in difficoltà per gli Mario Guida - Lib. Guida - NA
alla signora Anna Cavallotto dell’omonima eccessivi aumenti dei canoni d’affitto e tra Giacomo Lodetti - Lib. Bocca 1775 - MI
libreria storica di Catania che ha seguito i queste, caso più clamoroso, la storica Maurizio Malavasi - Lib. Malavasi - MI
collegamenti coi librai siciliani e alla signo- Libreria Bocca di Milano, inquilina dal 1930 Vincenzo Orieti - Lib.Tombolini - RM
ra Donatella Bertoletti della storica libre- del Comune, in Galleria Vittorio Emanuele Presidenti Commissioni
ria Bocca di Milano che ne ha curato im- II.Attorno alla vicenda di una libreria che si Tonino Bozzi - Lib. Bozzi - GE
paginazione e redazione. I nostri rapporti vedeva triplicato l’affitto da un anno con Anna D’Ambra Cavallotto
con le Istituzioni risalgono al 2004 e preci- l’altro, scendeva in campo persino il F.A.I., Lib. Cavallotto - CT
samente con il Sottosegretario alla Pre- Fondo per l’Ambiente Italiano, che riceve- Matteo Maglia - Lib. Antiquaria
sidenza del Consiglio Onorevole Gianni va dalla cittadinanza oltre 5000 richieste di Gutenberg - RM
Letta, l’allora Presidente Onorevole Silvio tutela di un simbolo della cultura milanese. Alessandra Princivalli - Lib. Princivalli -
Berlusconi. All’epoca in Parlamento giace- Giornali, radio, televisioni locali e nazionali Lido di Jesolo
vano alcune proposte di legge sulla tutela riportavano la notizia e il peso dell’opinio- Revisore
delle botteghe storiche che tuttavia non ne pubblica spingeva il Comune a cercare Andrea Bondanini
ebbero l’esame e la relativa approvazione una soluzione concordata.Veniva così con- Consulente Legale
delle Commissioni parlamentari coinvolte. vocata l’Unione del Commercio per valu- Avvocato Pietro Santoro
Cambiato il Governo, ottenemmo atten- tare la fattibilità di una Fondazione, sul mo-
zione da parte del Presidente della Camera, dello di quella del Teatro alla Scala, che ge- Direttore di Ekecheiria
Emanuele Lazzati
l’Onorevole Fausto Bertinotti che procurò stisse l’enorme e preziosissima area com-
al sottoscritto e al Segretario Generale merciale del centro di Milano, sia per repe- Direttore del sito internet
dell’Associazione Enzo Orieti della storica rire gli enormi investimenti necessari a da- Giorgio Lodetti
libreria Tombolini di Roma, un’udienza alla re vita ad attività di eccellenza in oltre Relazioni coi Media
X Commissione col suo Presidente, l’Ono- 100.000 metri quadri del centro città, in Antonio D’Amico
revole Pietro Folena e una conversazione un’area che va da piazza Duomo a Piazza
Segretaria
sui problemi della categoria con una espo- della Scala, sia per tutelare le superstiti bot-
Drina Xhoga
nente del Ministero dei Beni Culturali, all’e- teghe storiche, baluardo di un’identità me-
 5

LIBRERIA ANTIQUARIA GONNELLI


Dal 1875
Via Ricasoli, 6-14/r
50122 Firenze
tel. 055.216835
fax 055.2346812
e-mail: info@gonnelli.it
www.gonnelli.it

Da ottobre a maggio
orari: 9 - 13 * 16 - 19.30
da martedì a sabato
chiuso lunedì e domenica

Da giugno a settembre
orari: 9 - 13 * 16 - 19.30
da lunedì a venerdì
chiuso sabato e domenica

Fondata ufficialmente nel 1875 la Libreria ti da personaggi della cultura del calibro di segni, la libreria, già alla fine dell’Ottocento,
Antiquaria Gonnelli è una delle più antiche D’annunzio. Papini, Martini, Croce, Prezzolini iniziò una propria attività editoriale.Tra le
e storiche d’italia. allora direttore de La Voce. Dipinti di Fattori sue prime edizioni il Dizionario dei pittori
Già nel 1863 il fondatore Luigi aveva diffu- e altri pittori macchiaioli sono stati propo- compilato da Angiolo De Gubernatis nel
so un opuscolo della Accademia della sti in vendita presso la Saletta Gonnelli, at- 1892. Grazie all’iniziativa di Alfiero Manetti
Crusca Libro delle segrete cose delle donne tigua alla libreria, negli anni in cui Aldo genero di Aldo Gonnelli, la libreria ha in-
nel quale si legge sulla copertina: «questo, e Bonelli era amico del mercante collezioni- trapreso da circa trent’anni la pubblicazio-
il seguente opuscolo di Crusca, pubblicato per sta Mario Galli e del pittore-scrittore ne di due prestigiose collane editoriali: Do-
cura del prof.Ab. Giuseppe Manuzzi, trovansi Borgiotti. Nella Saletta sono state presen- cumenti inediti di cultura toscana e Papy-
vendibili dal librajo Luigi Gonnelli, via Ricasoli tate mostre di varie generazioni di artisti rologica fiorentina. Giunta alla quarta gene-
n° 6, Firenze». Già all’inizio del Novecento tra i quali maestri del Novecento come De razione familiare, attualmente la libreria è
in bottega si potevano trovare preziose edi- Chirico e Rosai. Accanto alla vendita di li- gestita da Marco Manetti coadiuvato da
zioni e incunaboli, i locali erano frequenta- bri antichi e rari, manoscritti, stampe e di- uno staff di validi collaboratori.

Dalla quadriennale collaborazio- filologia italiana e, fra quelle esi-


ne tra l’Accademia della Crusca stenti, è la più antica accademia
ed ERA Edizioni trova realizza- italiana.
zione il prestigioso progetto edi- Rappresenta sicuramente la più
toriale di ristampa anastatica prestigiosa istituzione linguistica
della prima “impressione” del italiana: tra gli ultimi riconosci-
Vocabolario degli Accademici menti in tal senso, è stata anche
della Crusca, momento fonda- chiamata a far parte della “Fe-
mentale ed imprescindibile della derazione Europea delle Isti-
nostra storia linguistica e cultura- tuzioni Linguistiche Nazionali”
le. Compresa all’interno di un recentemente costituita con il
curatissimo cofanetto, la fedele compito di elaborare una linea
riproduzione del Vocabolario comune di protezione di tutte le
degli Accademici della Crusca è lingue nazionali. Per l’Italia alla Fe-
accompagnata da un CD-ROM derazione partecipano l’Ac-
con la versione digitale del cademia della Crusca e l’Opera
Vocabolario integralmente con- del Vocabolario Italiano del CNR
sultabile e da un fascicolo di pre- (iniziativa avviata dal CNR, peral-
sentazione storico-linguistica del- tro, proprio in collaborazione
l’opera, corredato da immagini e con l’Accademia della Crusca).
introdotto dall’autorevole contri- Sorta a Firenze nel 1583, si è
buto critico di Francesco Sa- sempre distinta per il suo stre-
batini. nuo impegno a mantenere “pu-
L’edizione del Vocabolario degli ra” la lingua italiana originale,
Accademici della Crusca è di- pubblicando già nel 1612 la
sponibile con una preziosa rile- prima edizione del Vocabolario
gatura eseguita a mano in pelle della lingua italiana, che servì da
naturale. L’Accademia della Cru- esempio lessicografico anche
sca è un’istituzione che raccoglie per le lingue francese, spagnola,
studiosi ed esperti di linguistica e tedesca ed inglese.
 6

LIBRERIA ANTIQUARIA MALAVASI


Dal 1940
Largo Schuster, 1
20122 Milano
tel. 02.804607
fax 02.864002
e-mail: malavasi@libreriamalavasi.com
www.libreriamalavasi.com

orari: 9.30 - 13 * 15 - 19
da lunedì a sabato
chiuso lunedì mattina e domenica

tesp.) “Containing the dangerous voyage


and bold attempts of Capt. Bartholomew
Sharp, and others; performed upon the
coasts of the South Sea, for the space of
two years, etc.”, from the original Journal
of the said Voyage, written by Mr. Basil
Ringrose : pp.num. (16),216 (mal numer.
Sergio e Maurizio Malavasi
in 212),(24). Importante opera, una delle
A metà strada fra il Duomo e l’Università pelle mod. e la V serie ne ha 12 in mz. per- prime a trattare la storia dei pirati, molto
Statale si incontra la Libreria Malavasi, una gam.). Importante e celebrata collezione ben illustrata da complessive 11 tavv. f.t.
delle librerie antiquarie più amate dai mi- di cui offriamo la raccolta completa, com- inc. in rame di cui: 4 ritratti - 1 carta geo-
lanesi, specializzata in storia locale e belle posta da 5 serie cosi’ suddivise: grafica (South Sea and Coasts of America)
lettere, ma pronta a stupire anche il più - Serie I: 13 voll. (“Trattati complessivi”). e 2 maps (Panama e suo territorio; Hilo),
esigente bibliofilo per la vastità dell’offer- Vi è pure contenuta la seconda ediz. ita- più volte ripieg. - 4 scene di battaglie e,
ta e la competenza nel consigliare. liana delle Ricerche sopra la natura e le nel secondo vol., da numerosiss. profili del-
Il fondatore, Paride Malavasi, apre nego- cause della ricchezza delle nazioni di Adam le coste, golfi, baie, isole, silografati o inc.
zio in via S.Tecla nel 1940, con l’insegna Smith (1851). - Serie II: 13 voll. in 12 to- in rame nel t. Questo resoconto contie-
“Libreria Malavasi” e nei settantanni di sto- mi + Indice della I e II serie diretta da ne anche “the unparallel’d exploits of Sir
ria la libreria conosce i bombardamenti Francesco Ferrara (“Trattati speciali”).
durante la guerra e quindi la ripresa. - Serie III: 15 voll. in 24 tomi + Indice
Della rinascita, la libreria vive i momenti (“Raccolta delle più pregiate opere mo-
intellettuali e culturali, diventando luogo derne italiane e straniere di economia po-
di ritrovo per scrittori, docenti, professio- litica” diretta dal Prof. Gerolamo Boc-
nisti. Poi, alla vivacità del dopoguerra, su- cardo).Vi sono pure contenute: la prima
bentra la crescita come libreria antiqua- ediz. italiana del Capitale di Carlo Marx
ria con taglio preciso verso temi di scien- (1886) e la prima italiana dei Principii di
ze, architettura, arte, storia locale italiana, Sociologia di Herbert Spencer (1881-87-
libri di qualità dell’Ottocento ed esauriti 99). - Serie IV: 10 voll. in 13 tomi + Indice.
del Novecento, nonché il libro antico. Nel (Serie diretta da S. Cognetti De Martiis).
1975, il testimone viene raccolto dai figli, Vi è pure contenuta la prima ediz. italia-
prima Maurizio, poi Sergio e Sandra. na dei Principii di economica di A. Marshall
La vocazione della libreria è mantenuta (1905). - Serie V: 13 voll. (tutto il pubbli-
nella sua essenza, ma gli eredi procedono cato). Serie diretta da Pasquale Jan-
ad un consolidamento sostanziale. Dalla naccone. Cfr. Cat. Storico delle edizioni
seconda metà degli anni ‘70 progressiva- Pomba e Utet, pp. 360/370 - Raro trova-
mente ampliano e qualificano la presen- re la collezione completa. Il ns. esempla-
za nel settore libro antico del XVI-XVIII re è ben conservato.
secolo, sino a trasformarlo oggi in uno dei Henry Morgan, our English Jamaican he-
cardini della libreria. Dal 1985 vengono EXQUEMELIN ALEXANDRE OLIVIER ro, who sack’d Puerto Velo, burnt Panama,
pubblicati tre cataloghi all’anno e, a tut- BUCANIERS OF AMERICA, or a true ac- etc. Written originally in Dutch, by John
t’oggi, la Libreria Malavasi si colloca tra le count of the most remarkable assaults Esquemeling, one of the bucaniers, who
migliori librerie antiquarie del paese. committed of late years upon the coasts was present at those tragedies, and trans-
of the West Indies, by the bucaniers of lated into Spanish by Alonso de Bonne-
BIBLIOTECA DELL’ECONOMISTA. Jamaica and Tortuga, both English and Maison… The second edition, corrected,
Scelta collezione delle piu’ importanti pro- French… London, printed for William and inlarged with two additional relations,
duzioni di economia politica, antiche e mo- Crooke, 1684-1685. In-8 p. (mm 215 x viz. the one of Captain Cook, and the
derne, italiane e straniere. Torino, Pom- 165), 4 parti in 2 voll. rilegati in 1, p. pelle other of Captain Sharp. Now faithfully ren-
ba/Utet, 1850-1922. coeva, dorso a cordoni e tit. oro su tas- dred into English”. Cfr. “The Hill Coll. of
In-8 gr., 64 voll. in 78 tomi, uniforme lega- sello. Vol. 1° (prime tre parti): pp. num. Pacific Voyages”,579:“This is the first com-
tura in mz. pelle coeva con fregi e tit. oro (12),55 (mal numer. in 47); 80; 84,(12) - plete edition, in 4 parts, although it is the
al dorso (solo la IV serie ha 1 vol. in mz. Vol. 2° (quarta parte, con proprio fron- second English edition of parts I-III”.
 7

LIBRERIA ANTIQUARIA MEDIOLANUM


his investigations to Etna and the Lipari
Islands and in February 1783 traveled to Dal 1928
Calabria to survey the effects of the earth- Via del Carmine, 1
quakes which had just devasted that area". 20121 Milano
DSB VI, p. 84. tel. 02.86462616
Zittel p. 45:“Still holds its reputation as one fax 02.45474333
of the most trustworthy historical and scien- e-mail:mediolanum@ libreriamediolanum.com
tific accounts of Mount Vesuvius". www.libreriamediolanum.com

CORONELLI VINCENZO. Singolarità di orari: 10 - 13 * 15.30 - 19


Venezia - La Brenta. - Venezia, Vincenzo da lunedì a venerdì
Coronelli, 1708-1709. sabato aperto da novembre a marzo
Tre volumi in-4° oblungo composti da 447 e su appuntamento, chiuso domenica
tavole incise in rame (i due volumi delle
“Singolarità”) e da 162 il volume della
“Brenta” (antiporta, occhietto, titolo, dedi- Mira, Dolo, Stra ecc… Le ville, i palazzi e i
ca, ritratto, 2 carte geografiche, 1 tavola con giardini della Brenta costituiscono senza
Luca Pozzi a sinistra col figlio Giacomo il burchiello che navigava nella Brenta, 2 ta- dubbio uno degli insiemi architettonici più
vole con la laguna ghiacciata nel 1708, 17 interessanti che siano mai stati edificati, ba-
In questo numero la famiglia Pozzi, anima titoli parziali e 135 tavole con le immagini sti pensare agli edifici costruiti su disegno
della libreria, propone ai lettori di Ekecheiria delle ville, giardini, paesi e località lungo la di Palladio del Sansovino e dello Scamozzi
le seguenti tre pregevoli edizioni: Brenta e dei dintorni di Padova). Legatura fino ad arrivare a quelli del secolo XVIII.
coeva in tutta pergamena. Il volume della Queste architetture ebbero un’influenza
HAMILTON WILLIAM. Campi Phlegraei. "Brenta" è di formato un poco più piccolo. enorme come modelli per palazzi e ville di
Observations on the volcanos of the Two Qualche piccolo strappo e segni di tarlo campagna in tutta Europa e nel nord
Sicilies as they have been communicated marginali anticamente riparati, rare gore, America. Come è ben noto le raccolte di
to the Royal Society of London by sir macchioline e tracce d’uso. Coronelli si differenziano spesso per nume-
William Hamilton. - Napoli, (Pietro Fabris), Assai rara raccolta di vedute di Venezia e ro di tavole. Fin dall’origine infatti gli esem-
1776-1779. 3 volumi in-folio; legatura stret- dintorni approntata dal Coronelli (1650- plari venivano venduti con significative dif-
tamente d’epoca in mezza pelle. 1718) nei primi anni del ’700. ferenze. Rispetto all’esemplare descritto
Ottimo esemplare. Prima edizione. Celebre Le 447 tavole dei primi due volumi, rispet- dall’Armao e a quello della Marciana qui
e magnifica opera sul Vesuvio e le zone vul- tivamente 223 e 224 raffigurano, sestiere sono presenti un maggior numero di tavo-
caniche dell’area napoletana illustrata da 60 per sestiere, i più importanti palazzi, chie- le. "I vari esemplari esaminati differiscono
tavole incise e finemente passate a tempe- se, luoghi di Venezia senza dimenticare le notevolmente per il numero, l’ordinamen-
ra all’origine. Pubblicato tra il 1776 ed il isole lagunari, i dintorni, le feste, i giochi e le to e le dimensioni esterne delle tavole".
1779 con testo bilingue (inglese e france- cerimonie tipici della vita veneziana. Il ter-
se) perché destinata ai viaggiatori del Grand zo volume, dedicato alla Brenta sin oltre a STATUTA MEDIOLANI. - Milano, Paulus
Tour, questo celeberrimo e raffinato capo- Padova, illustra con le sue 162 tavole le vil- de Suardis, 20 Dicembre 1480. (Unito:)
lavoro figurativo del XVIII secolo su Napoli, le e i paesi lungo il fiume che sfocia in lagu- STATUTA MEDIOLANI TABULA. Milano,
la Sicilia e i Campi Flegrei, reso possibile dal- na. (Nel numero delle tavole sono compre- (Joannes Antonius De Honate), 30 novem-
la cultura e dal mecenatismo di William si i titoli incisi). Questo monumentale com- bre 1482. Due opere in un volume in-fo-
Hamilton, ministro plenipotenziario inglese plesso iconografico rappresenta un fonda- lio; 14 cc. (l’indice, stampato due anni do-
alla corte Napoli, e dall’arte raffinata del pit- mentale riferimento storico-artistico per po, in questo esemplare è secondo l’anti-
tore paesaggista Pietro Fabris autore delle l’immagine della città. co uso anteposto) e 238 cc. (compresa la
59 magnifiche tempere, è considerato tra La descrizione precisa, ancorchè di gusto prima bianca all’inizio degli Statuta, le due
i libri più belli di tutto il ‘700. "William popolare, ci permette lo studio delle archi- bianche che seguono gli Statuti criminali e
Hamiltom (1730-1803), in his first four years tetture di ville, palazzi e chiese, delle quali quella pure bianca che precede quelli
in Naples, climbed Vesuvius at least twenty- quasi sempre il Coronelli indica l’architet- “Extraordinaria” mancano).Testo stampa-
two times, during which he or Pietro Fabris, to. I personaggi e le scenette, che spesso to in rosso e nero.
an artist he had trained, did numerous sket- animano le vedute, ci consentono inoltre Esemplare genuino con postille di antica
ches of all the stages of the eruptions which una puntuale ricostruzione della vita della mano che si leggono per lo più sugli ampi
they were able to observe. In order to città nei suoi canali, calli e campi. margini del testo. Legatura settecentesca in
maintain a complete record of volcanic ac- "La Brenta" rappresenta la prima grande tutta pergamena. Lievi gore al margine in-
tivity around Naples when he could not raccolta di immagini sullo straordinario in- terno bianco di poche carte, qualche pagi-
observe himself, Hamilton employed, about sieme di ville di campagna edificato lungo na lievemente brunita.
1791, a Dominican friar named Resina who questo corso d’acqua dalla nobiltà venezia- Prima edizione degli Statuti di Milano ben
kept a daily account of the phenomena. na tra il secolo XVI e il XVIII. Solo più tar- stampata in rosso e nero.
Hamilton’s scientific activity was not limited di il Costa pubblicherà una splendida rac- Si contengono gli Statuta criminalia, civilia,
to the observation of volcanic eruptions colta di vedute che, anche se di maggior extraordinaria, victualia, datiorum, merca-
but also included the collection of various spessore artistico, non potrà sostituire que- torum, mercatorum lanae. Dopo varie at-
types of lavas, ashes, and minerals produ- sta del Coronelli. Si tratta di un vero e pro- tribuzioni piuttosto deboli, gli studiosi sono
ced by volcanism in the Naples vicinity. prio viaggio che l’autore ci fa compiere par- quasi concordi nell’assegnare la seconda
He donated this collection to the British tendo dallo sbocco in laguna a Fusina fino parte,vale a dire la Tabula stampata nel 1482
Museum in 1767. Hamilton then extended a Padova, a Este e Monselice, passando per a Giovanni Antonio da Onate.
 8

LIBRERIA ANTIQUARIA PREGLIASCO


accuratissima per l’esecuzione tipografica;
è stampata in graziosi caratteri gotici mino-
ri, su buona carta grave… Assai rara è que-
sta edizione”. MAMBELLI 7: “È un poco
scorretta, sebbene curata nella esecuzione
tipografica; su carta grave, su due colonne,
con caratteri gotici bellissimi”.

PETRARCA, Francesco.
Trionfi, Sonetti e Canzoniere
con i Commenti di Bernardo Lapini da
Siena, Francesco Filelfo e Gerolamo
Squarciafico (rivi sto da Gabriele Bruno e
Girolamo Centone).Ve nezia, Bartholomeo
de Zani, 11 Luglio e 30 Ago sto 1497, 2
parti in un volume in-folio (316 x 216mm.),
ff.136 (il primo f. bianco) e 98 ff. (l’ultimo f.
bianco), legatura antica piena pelle. (A cau-
sa di una inversione nella composizione ti-
pografica del primo quaderno al posto del-
la pagina aa3 verso è stata impressa aa6
recto e viceversa; tale particolarità compa-
DANTE. La Divina Commedia. re sicuramente in qualche altro esempla-
Con il commento di Benvenuto da Imola re).Testo racchiuso nel commento, caratt. LOMAZZO, Giovanni Paolo.
(ma in realtà di Jacopo della Lana, e la Vita romano, capilettera ornati su fondo nero. Trattato dell’Arte de la Pittura, di Gio.
di Dante di Giovanni Boccaccio. Edita a cu- Incunabolo illustrato da 6 stupende figure Paolo Lomazzo Milanese Pittore, diviso in
ra di C. Berardi da Pesaro). (In fine:) Venetia, silografiche ai Trionfi a piena pagina entro sette libri. Ne’ quali si contiene tutta la
Spiera Vindelin fu il stampatore del mille bordura architettonica, già utilizzate per l’e- Theorica, & la prattica d’essa pittura. Milano,
quattrocento e settantasetti correvan gli dizione del Codecha del 1493. Gli indici dei P. Gottardo Pontio, 1584,
anni del Nostro Signore (Venezia,Vindelino Trionfi sono seguiti dal Prologo di Bernardo in-4, pp. (40), 700, (2, errata corrige), leg.
da Spira, 1477), in-folio (320 x 235 mm), ff. Lapini a Borso d’Este, quelli del Canzoniere 700esca piena pergamena, tit. oro su tas-
373 su 376 (mancano il primo e l’ultimo dalla dedica di Francesco Filelfo al Duca di sello e fregi al dorso. Ritratto dell’autore in
bianchi, ed il f. a7, sostituito da ottimo ma- Milano Filippo Maria Visconti. Edizione mol- ovale silogr. all’inizio del libro I. Dedica a
noscritto settecentesco), buona legatura to rara, fedele ristampa dell’ediz. di Piero Carlo Emanuele I di Savoia. Prima edizio-
del XVII secolo in piena pergamena, titolo de Plasiis,Venezia 1490, corredata dei com- ne, prima tiratura, di questo celebre libro,
e piccolo fregio manoscritti al dorso. menti del Lapini, altrimenti detto Bernardo considerato "la Bibbia del Manierismo".
Carattere gotico, testo su 2 colonne, 44-49 da Monte Illicino da Siena e del Filelfo Lomazzo (Milano 1538-1600) concepì l’o-
linee. Prima edizione commentata della (1398- 1481), che terminano col sonetto pera come una fonte universale per i pit-
Commedia, e prima con la Vita di Dante CVIII, cui fanno seguito quelli di Girolamo tori ed influenzò enormemente tutta la cri-
scritta dal Boccaccio. Prima edizione del Squarzafico; entrambi furono rivisti e cor- tica artistica europea. Gli ultimi due capito-
Credo e di altre rime dantesche, edizione retti da Girolamo Centone. Le sei grandi li sono di fondamentale importanza per lo
originale dei due capitoli in terza rima di silografie ai Trionfi (di Amore, Castità, Morte, studio del manierismo e per le notizie sui
Bosone dei Gabrielli e di Jacopo, figlio di Fama,Tempo e di Eternità), di eccezionale pittori milanesi. Il primo libro tratta delle
Dante, a proposito della Commedia. Sesta pregio e bellezza, sono ora attribuite al proporzioni del corpo umano e degli ordi-
edizione assoluta. Il commento di Jacopo Maestro del Pico, anonimo illustratore e mi- ni architettonici; il secondo delle passioni; il
della Lana, che giunge a tutto il canto X del niatore di incunaboli. Benché non stimata terzo dei colori; il quarto della luce e del-
Paradiso, è senz’altro il migliore tra quelli dal Marsand (“edizione assai brutta, quan- l’ombra; il quinto della prospettiva lineare;
trecenteschi, ed ebbe una straordinaria dif- t’è alla parte tipografica, e di nessun pregio il sesto ha per materia l’applicazione prati-
fusione, tanto che, integralmente o in par- quanto alla lezione del testo”) si tratta di ca delle regole esposte in precedenza; l’ul-
te, figura in ben 77 codici manoscritti. Nella un bell’incunabolo di poesia volgare figura- timo è un utile trattatello d’iconografia.
seconda metà del ’300 fu più volte tradot- to, di cui sovente si trova una sola delle due Esemplare assai fresco, duplice timbro di bi-
to in latino, e venne per la prima volta pub- parti. Esemplare della biblioteca di Walter blioteca privata sul titolo; raro.
blicato in questa edizione, esemplato sul Ashburner (1864- 1936), grande bibliofilo,
codice trecentesco posseduto nella ricca professore ad Oxford e co-fondatore del I libri recensiti su questo
biblioteca di lord Vernon (1803-1866). British Institute di Firenze (suo timbro sul
Esemplare assai grande di margini (primo primo e sull’ultimo f.).Al primo bianco no- numero di Ekecheiria sono
e ultimo foglio del primo fascicolo con i ta di possesso coeva “Questo Petrarca e di acquistabili presso
margini esterni laterali e inferiore accura- me Andrea Amulii” ed altra in fine “Ad
Camilli Duchati comuniumque amicorum
il CALS
tamente restaurati, fascicolo cc e dd pro-
venienti da altro esemplare, rimarginati su usum”. Il primo possessore ha vergato fre- Centro Acquisti
due lati, strappo restaurato al f. o10, ultimo quenti chiose in latino nei larghi margini. Librerie Storiche
f. rimarginato e con lievi aloni); malgrado (Una stanza al f. 56 che cita “belzebub” leg-
questi antichi interventi, rimane assai at- germente censurata a inchiostro ma per- Cell. 3396859871
traente. DE BATINES I, p. 23-29:“Edizione fettamente leggibile).
 9

tonico dell’antichità ed uno dei più bei li-


bri illustrati del Cinquecento. La versione
si deve ad A. Gallo ed A. Pirovano, la tra-
duzione a Mauro Bono e Benedetto
Giovio. Il commento, impresso con elegan-
za intorno al testo, si deve a Cesare
Cesariano. L’edizione fu sovvenzionata da
Agostino Gallo di Como ed Aloisio
Pirovano di Milano. Il commento è note-
vole per la continua attenzione che il
Cesariano rivolge a Milano, sua città nata-
le. Le silografie che ornano l’edizione so-
no in parte attribuite a Leonardo da Vinci;
l’incisione al f. CLXVI porta il monogram-
ma “CC” ed è datata 1519; queste iniziali
sono con ogni probabilità quelle del
Cesariano. Le incisioni illustrano colonne,
templi, teatri, terme, macchine militari; par-
ticolarmente importanti le tavole che raf-
figurano il Duomo di Milano, in quanto co- presente foglio, di notevole interesse te-
stituiscono la più antica raf fi gurazione co- stuale in quanto tratta dell’infedeltà coniu-
nosciuta di una architettura gotica. Questa gale delle donne, proviene da un esempla-
edizione di Como, commentata da Cesare re incompleto che era nella biblioteca
VITRUVIO, Marco Pollione - Cesariano, C. Cesariano, allievo di Bramante, è fra le ope- Sulzbach-Manneihm e poi nella biblioteca
De Architectura libri dece traducti de re più celebrate del Rinascimento e, con Reale di Monaco. Venne venduto da
Latino in Vulgare affigurati. Commentati e le splendide illustrazioni, é senza dubbio la Sotheby’s nel 1920 e acquistato dal libraio
con mirando oridine insi gniti… (In fine, co- più bella delle antiche edizioni di Vitruvio. americamno Gabriel Wells il quale sciolse
lophon:) Impressa nel amoena et delecte- Magnifico esemplare, puro e con ampi mar- l’esemplare e vendette i fogli singolarmen-
vole citade de Como p. magistro Gotardo gini (lievissimi aloni e ingialliture in alcuni te come “Noble Fragment”, accompagna-
da Pote… M.D.XXI. (Como, Gottardo da ff.). MORTIMER 544. SANDER 7696. FO- ti da una premessa bibliografica di 4 pp. di
Pon te, 15 Luglio 1521), in-folio (410x284 WLER 395. BERLIN CAT. 1802. PMM 26. Edward Newton e in elegante legatura in
mm.); ff. (8), CLXXXIII, (1) (tabula degli er- [11916] pieno marocchino nero di Stikeman.“It is
rori); affascinante legatura del tempo in per- the first and, judging it by the quality of its
gamena, i piatti utilizzano due fogli di codi- GUTENBERG, Johann. Un foglio della BIB- design and materials, the greatest of all prin-
ce manoscritto del XV sec., il dorso in per- BIA LATINA DELLE 42 LINEE (volume ted books”. Straordinario documento di
gamena bianca, astuccio in plexiglass e dor- primo, f. 66 del Libro dei Numeri). Mainz, storia civile e culturale e di tecnica tipogra-
so in pelle. Marca tipografica al titolo e fi- Johann Gutenberg & Johann Fust, (1454- fica, di eccezionale importanza e rarità.
gure nel testo incise in legno, nitide e ben 1455), un foglio (390 x 286 mm) impres- BMC, I, 17. GOFF B-526. GW 4201. HC
contrastate. Prima edizione della prima tra- so recto e verso, su due colonne di 42 li- 3031. [11363]
duzione dal latino di Vitruvio, in volgare ita- nee.Titoli in alto di pagina dipinti in rosso
liano. Questa edizione di Como, commen- e blu, iniziale L in blu su tre righe. Foglio I libri recensiti su questo
tata da Cesare Cesariano, allievo di singolo, 66.mo (non num.) del volume pri- numero di Ekecheiria sono
Bramante, è fra le opere più celebrate del mo (su due) della Bibbia di Gutenberg, il acquistabili presso
Rinascimento e con le splendide illustrazio- primo libro al mondo impresso al torchio,
ni, è in assoluto la più bella delle antiche che fu l’invenzione fondamentale per la ci- il CALS
edizioni di Vitruvio: adorna di 117 stupen- viltà umana. Gutenberg ne produsse 185 Centro Acquisti
de incisioni in legno, molte su fondo nero, esemplari, dei quali 35 su pergamena, com- Librerie Storiche
9 a piena pagina; numerose grandi iniziali pleti di 641 fogli. Oggigiorno ne sono con- Cell. 3396859871
ornate. E’ il più importante testo architet- servati 48 esemplari, completi o quasi. Il

LABORATORIO DI RESTAURO FURLOTTI


 10

LIBRERIA ANTIQUARIA VALLERINI


1909-2009 CENTENARIO DELLA NASCITA
Dal 1909
Via dei Mille, 7/a - 13
56126 Pisa
tel. 050.555450
fax 050.562752
e-mail: andrea@vallerini.it
www.vallerini.it

orari: 9 - 13 * 15.30 - 19.30


da lunedì a sabato
chiuso domenica

l’azienda, occupandosi del settore di Libreria


Universitaria ed Estera, apre in collabora-
zione con i fratelli Carlo e Alberto una li-
breria a Roma e Viareggio e tiene la sua pri-
ma personale di sculture, disegni e cerami-
che nella “Sala delle Stagioni”, sotto gli au-
Fernando Vallerini (Pisa 1909-1993) spici dell’Art Club, la propositiva e vitalissi-
ma associazione internazionale della cui se-
Fernando Vallerini nasce a Pisa il 13 giugno riale di “Paesaggio”, la rivista di Mino Rosi zione pisana, fondata in collaborazione con
1909. Ancora quindicenne, comincia a la- che uscirà in soli quattro numeri, ma avrà Mino Rosi, egli è il segretario e sicuramen-
vorare nell’azienda tipografica ed editoria- una straordinaria tangenza culturale. In quel te tra i principali animatori.
le del padre Augusto, sul Lungarno Regio torno, nell’intento di ravvivare la vita intel- Come artista successivamente esporrà al-
di Pisa. Nello stesso tempo si avvia da au- lettuale nella Pisa distrutta dalla guerra, su- la Quadriennale di Roma diretta da
todidatta alla scultura e si iscrive al Liceo scita interessi letterari e artistici con pub- Fortunato Bellonzi, assiduo frequentatore
Artistico di Bologna. Negli anni successivi, blici incontri di letterati e critici e con mo- della Casa Editrice.Tra il 1951 e il 1953 è
soggiornando alternativamente tra Bologna stre di artisti di fama. Nella prima sede a a Parigi con una borsa di studio concessa-
e Pisa, dirige in seno all’azienda paterna la Palazzo Franceschi ospita ogni forma vali- gli dall’Istituto Italiano di Cultura, all’epoca
libreria Internazionale e cura la pubblicazio- da di arte. In seguito nella stessa sala in diretto dall’amico Luigi Ferrarino. Sempre
ne di quasi tutte le più importanti dispen- Lungarno Pacinotti, che accolse Garibaldi a Parigi, nel 1955 crea un centro di scam-
se di lezioni dell’Università di Pisa. dopo la ferita di Aspromonte, ora denomi- bio culturale con l’Italia impiantandovi una
Non cessa però di seguire la propria voca- nata “Sala delle Stagioni” e divenuta una ve- libreria che chiamerà “Aux Saisons d’Art”
zione plastica, pertanto integra i propri stu- ra e propria Galleria d’Arte, vedrà dal 1949 in Rue de Seine, e organizzando una serie
di iscrivendosi all’Accademia di Belle Arti di un susseguirsi di letterati: da Bacchelli a di mostre del Libro Italiano d’Arte a Parigi,
Firenze, maestro Italo Griselli. Da allora, al- Quasimodo, da Angioletti a Flora, da Strasburgo e Grenoble. Frattanto, su invito
l’attività editoriale e libraria si alterneranno Vieillefond a Gabriel Marcel ecc. dell’illustre fisiologo Moruzzi dell’Università
la scultura, la ceramica, il disegno e la lito- Il 1949 è per Fernando Vallerini un anno di Pisa, aveva ripreso le pubblicazioni degli
grafia come interessi prevalenti e perma- importante: sposa Adriana Mortara, che sa- “Archives Italiennes de Biologie” fondati da
nenti. Nel 1942 seguì il proprio reparto in rà la sua più importante collaboratrice nel- Mosso nel 1882 e che erano stati interrot-
Russia quale ufficiale di complemento del
Genio, assegnato dal Ministero della Cultura
Popolare alla sezione Propaganda con l’in-
carico di dirigere la Tipografia Mobile
Campale, destinata al seguito dell’Armir.
Di quella esperienza dette testimonianza
nel 1987 con il volume di disegni e scritti
Russia delle retrovie. Il rimpatrio, tra il gen-
naio e il febbraio del 1943, coincide con la
morte del padre, artefice di una vasta azien-
da creata per i sette figli: Luigi,Angelo, Carlo,
Silvano,Alberto ed Ugo. Fernando si dedi-
ca al settore dell’antiquariato librario e del-
l’editoria, mantenendo i contatti con i do-
centi universitari più in vista e pubblicando
le loro lezioni secondo la tradizione pater-
na. Nell’immediato dopoguerra stampa, e
pubblica in edizione in folio, le dieci litogra-
fie del Romanzo nero di Giuseppe Viviani.
Cura inoltre la veste tipografica ed edito-
 11

ti nel 1935. Da queste pubblicazioni di al- nato lavoro di ricerca storica ed elabora- realizzazioni moderne.Allo scorcio del 1984
to valore scientifico gli derivarono presti- zione creativa intorno a Pisa e alla sua cul- tiene a Pisa, presso la Galleria Il Centauro,
gio e riconoscimenti, ultimo in ordine di tura attraverso i secoli. Pubblica così i vo- una mostra personale intitolata Segno cro-
tempo, e il più ambito, il Premio Editoriale lumi di grande formato Pisa come Pisano matico di Fernando Vallerini, presentata da
Marzotto 1959. Negli anni Sessanta segui- (1973), Il territorio pisano (1975), Monte Mino Rosi. Nel 1986 pubblica I mostri di
tano le sue diverse attività di editore, libraio Sant’Angelo sul Gargano (1977), riccamen- San Rossore, libro di visioni grafiche e fan-
antiquario e conoscitore di stampe antiche te illustrati con suoi disegni originali, e il li- tasticherie suggerite dall’osservazione dei
e moderne oltre che di artista. Nel 1968 bro figurato Pisa come una fiaba (1979) de- ceppi e radiche e tronchi della selva di San
espone nella Rassegna Pisana di Arti dicato alla memoria del padre nel centena- Rossore, nel 1987, esce il volume Russia
Figurative.Tiene inoltre conferenze in Italia rio della nascita. Nel 1980 cura Pisa e Lucca: delle retrovie, infine nei primi mesi del 1993
e all’estero spesso accompagnate da mo- cinque giornate in villa, atti del convegno di esce l’ultimo volume: “Chiese Romaniche
stre grafiche e librarie. Con gli anni Settanta autori ed editori da lui organizzato, che si del Casentino e del Valdarno Superiore, fi-
abbandona l’esercizio diretto della profes- tenne a Pugnano pisano nella Villa Roncioni, no al mare”. Fernando Vallerini muore a Pisa
sione di libraio e antiquario, che affida ai fi- occasione per mettere in luce il valore del- nel dicembre 1993.
gli Simone ed Andrea, e avvia un appassio- l’editoria pisana nella sua storia e nelle sue

LIBRERIA BELFORTE
La storia della casa editrice Salomone un libro di preghiere in ebraico presso la
Belforte & C. si intreccia da sempre con tipografia di un altro ebreo, Elieser Sadun. Dal 1805
quella di Livorno e delle vicende degli ebrei Pochi anni dopo il figlio, Salomone, stam- Via Grande, 91
sefarditi che abitano il bacino del Me- pa con alcuni soci altri quattro libri, e nel 57123 Livorno
diterraneo. Gli ebrei arrivano numerosi a 1834 apre ufficialmente la Salomone tel. 0586.887379
Livorno – città nuova voluta dai Medici co- Belforte & C. Con tenacia e pazienza e-mail: info@ libreriabelforte.com
me porto toscano – alla fine del ‘500, ri- Salomone riesce a ottenere, ancor prima www.libreriabelforte.it
chiamati dalle leggi che promettono loro li- che venga concessa dal Granduca di
bertà di culto e di commerci, insieme a pri- Lorena la libertà di stampa nel 1848, il per- orari: 9 - 19.45
vilegi unici per l’Europa di allora. messo, prima provvisorio e poi definitivo, da lunedì a venerdì
L’avventura dei Belforte inizia nel 1805. a stampare anche in italiano i libri di pre- sabato 9 - 13 * 16 - 20
Joseph Belforte, definito negli archivi della ghiera. Oggi organizza settimanalmente chiuso domenica
comunità “studente”, stampa a sue spese presentazioni di libri.
Loghi dell’azienda da sinistra: 1850, 1900, 1920
1934, 1970, 2001

Da sinistra: Paolo Amato, Guido Guastalla,


Magdi Allam

Da sinistra: Claudio Morpurgo,


Altero Matteoli, Guido Guastalla e Gianfranco Fini

Da sinistra: Guido Guastalla, Sergio Romano,


Piero Sinatti
 12

LIBRERIA BOCCA
Dal 1775
Galleria Vittorio Emanuele II, 12
20121 Milano
tel. 02.86462321 - 02.860806
fax 02.876572
e-mail: libreriabocca@libreriabocca.com
www.libreriabocca.com

orari: 9 - 19
domenica compresa

ma Milano. I Celti di quella regione la con-


siderano la loro capitale. Quando seppe-
ro della sconfitta e della morte del loro
re (Virdumaro) si allontanarono. Milano
fu presa e i Celti si consegnarono da sé,
ottenendo la pace a miti condizioni.”

CARLO CESARE MALVASIA. Le pittu-


Drina Xhoga e Monica Lodetti re di Bologna che nella pretesa, e rimo-
strata… antichità, e impareggiabile eccel-
Nella storica libreria, specializzata nella mano, e peregrinò nel mondo strettamen- lenza nella Pittura. Bologna 1755 nella
vendita di cataloghi ragionati di artisti e di te conosciuto del suo tempo. stamperia del Longhi.
mostre italiane ed estere, gli assidui fre- A Plutarco si sarà riferito nel Quattrocen- Bel volume in 12° (160x90 mm) rilegato
quentatori da qualche tempo distolgono to l’epigrafista e precettore dei Gonzaga in piena pergamena moderna con titolo
attenzione e interesse da libri e cataloghi a Mantova,Vittorino da Feltre, che trarrà manoscritto sul dorso, con pregevole cu-
d’arte verso un corposo libro di fattura dalle narrazioni degli antichi, spunti e mo- stodia di cartone, di pagine XXXI, 396,
antica, troneggiante sopra uno stiglio av- tivazioni dell’ epopea dell’Umanismo e del tracce d’uso. Il volume è la quarta edizio-
viluppato da legacci: LE VITE PARALLE- Rinascimento.A Plutarco e alla sua predi- ne di una guida turistica di successo del-
LE DI PLUTARCO in una edizione origi- lezione per le implicazioni tragiche di ta- la Bologna del 1755. L’autore ne fu il con-
nale del ’500. luni suoi personaggi, si riferiranno Shake- te Carlo Cesare Malvasia (Bologna 1616-
È un volume, stampata a Basilea con ca- speare, Corneille e Alfieri. Persino il mo- 1693) che lo pubblicò nel 1686, sotto il
ratteri gotici puntuti e svolazzanti, che ri- derno Vincenzo Gemito ebbe a significa- nome dell’Ascoso Accademico Gelato.
vela un’omogeneità di fattura con l’origi- re che l’attenta immedesimazione con vi- L’opera maggiore del Malvasia è Felsina
naria matrice magontina. cissitudini di Alessandro Magno, gli avreb- Pittrice stampato nel 1678 dove sulla scia
Plutarco, moralista e poligrafo greco, non- be facilitato la modellatura delle famose e in concorrenza al Vasari fiorentino illu-
ché studioso di Platone, era stato attrat- teste. Dei due sommi conquistatori del- stra e valorizza la storia della pittura bo-
to dalla cultura riferita ai due poli della l’antichità, i prediletti, si rileverà esegeta lognese. Questa è un’opera fondamenta-
compiuta civiltà del tempo, di Atene e di perfetto, nulla tralasciando delle moltepli- le per la storia dell’arte di Bologna, non
Roma (la sapiente eredità di Pericle ave- ci audacie e travagli che rifulsero sulla sa- turbata nella sostanza dal fatto che per
va invischiato il centro del mondo) pre- gacia e sullo splendore della compiuta ci- opporsi al Vasari (a sua volta fan di Firenze)
ludendo altresì, con il contemporaneo viltà euroasiatica, dal Tamigi all’Indo. non si peritò di trattare Raffaello da “boc-
Seneca, al fascino e al fervore del cristia- Emanuele Lazzati colaio di Urbino” nelle prime rarissime
nesimo incipiente. Il volume racchiude l’o- copie della sua prima edizione del 1678.
pera più nota dell’autore, quelle Vite paral- LA CADUTA DI MILANO INSUBRE La cosa colpì tanto che Malvasia imme-
lele che non sono mere connessioni sim- NEL RACCONTO DI PLUTARCO diatamente fece correggere la pagina al-
boliche, bensì una magistrale endiadi tra Plutarco raccoglie nelle Vite parallele le lo stampatore, rinunciando a una polemi-
un soggetto della grecità con uno della biografie comparate di grandi uomini del ca grossolana. Con il ricco materiale ac-
romanità e che finisce per riflettersi in una passato. Le sue vivaci narrazioni ricreano cumulato per la scrittura della sua Felsina
superiore idealità, laddove prevalgono le emozioni e le passioni umane che ac- Pittrice pubblicò, sotto pseudonimo, nel
onestà e coraggio, lealtà e grandezza d’a- compagnano gli eventi e inducono a me- 1686 quella che si può considerare la pri-
nimo: le virtù di Alcibiade e Coriolano, di ditare sul ruolo del destino al quale è im- ma guida artistica di Bologna: Le Pitture di
Demostene e Cicerone, di Alessandro possibile sottrarsi. Ecco le suggestive pa- Bologna.Vi erano state guide precedenti:
Magno e Giulio Cesare. role con cui narra la presa di Milano, do- il Lami, l’Alidosi, il Masini tra gli altri, ma la
Sono questi, forse i più significativi sogget- po la sconfitta di Clastidium, 222 a.C. prima vera è questa del Malvasia. Ebbe un
ti tra una cinquantina, tutti accomunati dal- ”Dopo aver ucciso la maggior parte dei successo enorme con ben otto edizione
l’antico principio della retorica, in virtù del- nemici ed essersi impossessato delle lo- fino al 1792. Le successive del 1706, 1732
la quale il confronto di due termini pone ro armi e di quanto avevano, Marcello e 1755 furono aggiornate da Giampietro
in luce aspetti sia omogenei che divergen- (console Marco Claudio Marcello) fece Cavazzoni Zanotti (1674-1765), l’ultima
ti, consentendo un’analisi approfondita di ritorno dal collega (console Cneo del 1792 ebbe correzioni e aggiunte so-
ciascuno. Plutarco fu a Roma ammirato e Cornelio Scipione) che stava lottando con stanziali dell’abate Carlo Bianconi. Questa
riverito da Adriano e da Traiano, gli ultimi fatica contro i Celti intorno alla città dei antica guida di Bologna non è solo uno
amplificatori dei termini dell’impero ro- Galli più grande e più popolosa che si chia- strumento fondamentale per gli storici
 13

dell’arte (sia per le antiche attribuzioni, nonché pittore egli stesso in età giovani- perante nelle corti europee. La mostra,
sia per localizzare le opere) ma è di affa- le. In mostra oltre sessanta dipinti, dalle curata da Nicola Spinosa, rientra nelle
scinante lettura e guida moderna di lucide visioni di van Wittel ai numerosi proposte culturali del “Viaggio nelle
Bologna per cogliere le permanenze - e soggetti religiosi e pagani per chiese e pa- Emozioni” ideato dall’Assessorato al
non sono poche - e quanto il tempo ha lazzi nobiliari napoletani, oltre ai diversi Turismo e Beni Culturali della Regione
inevitabilmente consumato tra sposta- trionfi allegorici della dinastia regnante. Campania.
menti e distruzioni. Fanno da contrappunto al percorso i ri-
tratti ufficiali di Casa Reale e di persona- L’UOMO DEL CONCILIO. IL CAR-
MARCO BOSCHINI. Le miniere della lità eminenti dell’aristocrazia napoletana, DINALE GIOVANNI MORONE TRA
pittura. Compendiosa informazione di nonché le immagini celebrative di un’in- ROMA E TRENTO NELL’ETÀ DI
Marco Boschini non solo delle pitture tensa vita di Corte, dalla partenza di Carlo MICHELANGELO
pubbliche di Venezia, ma delle isole anco- per la Spagna nel 1759, immortalata da Il Concilio di Trento ebbe un riconosciu-
ra circonvicine.Al Serenissimo Principe e Joli, alle cacce o alle scene più intime e to protagonista nel cardinale Giovanni
Regal Collegio di Venezia.Venezia 1664. bucoliche di attività agricole nei siti reali. Morone (Milano 1509 – Roma 1580), di
Appresso Francesco Nicolini. Bel volume Né potevano mancare le sublimi visioni cui si celebrano quest’anno i 500 anni dal-
in 12° (mm 155x90) rilegato in piena per- del Vesuvio in eruzione, documentate con la nascita. Chiamato per due volte a gui-
gamena moderna con titolo manoscrit- estro e partecipazione emotiva da dare la straordinaria assemblea, che do-
to sul dorso e la data, con pregevole cu- Bonavia e Volaire. Il percorso si arricchi- veva partorire quella riforma della Chiesa
stodia di cartone, di pagine (36), 572, sce di molteplici suggestioni da una sele- troppe volte annunciata, ma mai messa
(4), 5 belle incisioni nel testo. Buone con- zione di sculture, soprattutto di Giuseppe in cantiere, Morone incarna le contrad-
dizioni. Il volume di Marco Boschini (1613- Sanmartino, ad un articolato settore de- dizioni sottese alla crisi religiosa del suo
1704) è la prima rara edizione di una im- dicato all’arredo e alle arti decorative che, tempo. Le sue doti diplomatiche lo po-
portante guida “turistica” ai dipinti pre- proprio grazie all’impulso di Vanvitelli, rag- sero fin da giovane ai vertici della curia
senti nelle chiese e nei palazzi dei sei giunse un raffinato livello di esecuzione romana, ma la sua disponibilità al dialogo
Sestieri in cui è divisa Venezia a cui seguì per opera di maestri attivi nelle reali ma- e al confronto con il mondo luterano lo
una seconda edizione aggiornata nel 1674 nifatture. Un’ampia sezione è dedicata al- resero ben presto sospetto ai conserva-
intitolata Le ricche miniere della pittura ve- l’architettura, con una scelta di disegni rea- tori, tanto da dover subire un lungo pro-
neziana. Il testo di Boschini era così sti- lizzati da Vanvitelli stesso e da altri archi- cesso per eresia istruito dall’Inquisizione.
mato che nel 1733 Anton Maria Zanetti tetti operanti a corte. Completa il per- Questa persecuzione culminò nell’arre-
ne pubblicò un rifacimento: Descrizione di corso, infine, un nucleo di oggetti, statui- sto e nella prigionia in Castel Sant’Angelo,
tutte le pubbliche pitture della città di ne e affreschi provenienti dagli scavi ve- ordinati nel 1557 da papa Paolo IV. Solo
Venezia. Marco Boschini è più noto co- suviani, documentati, tra l’altro, dalle pre- dopo la morte di quest’ultimo, Morone
me autore della La carta del navigar pit- ziose illustrazioni delle Antichità di poté recuperare la libertà, mentre il pre-
toresco del 1660 rassegna ammirevolmen- Ercolano, testimonianza non solo della stigio di cui ancora godeva indusse papa
te critica della storia della pittura venezia- cultura classica del celebre architetto, ma Pio IV ad affidargli la delicata missione del-
na, scritta in versi veneziani che accentua anche dell’importanza rivestita dall’Antico la chiusura del Concilio.
il suo carattere campanilistico, tuttavia la nella formulazione del nuovo gusto im- Le travagliate vicende del cardinale mila-
successiva guida del 1664 dimo- nese assumono dunque un valore
stra un’ulteriore maturazione del- emblematico, evidenziando i conflit-
la sua conoscenza critica della pit- ti e le inquietudini che percorsero
tura veneziana. Perciò è un testo la Chiesa di Roma nel corso del
fondamentale sulla pittura a Cinquecento, e offrono lo spunto
Venezia e sulla collocazione anti- per una rilettura nuova e appassio-
ca delle opere. nante del Concilio di Trento, final-
Andrea Bondanini mente lontana dai luoghi comuni. in
mostra più di 70 opere d’arte - pro-
ALLA CORTE DI VANVITELLI venienti dal Louvre, dagli Uffizi, dal-
I BORBONE E LE ARTI ALLA la Biblioteca Apostolica Vaticana e
REGGIA DI CASERTA dalle principali Gallerie di Roma, ma
Nel monumentale e suggestivo anche dai musei di Berlino, Napoli,
scenario della Reggia di Caserta Siena e da prestigiose collezioni pri-
il 4 aprile si è inaugurata la mo- vate - raccontano gli splendori del-
stra Alla corte di Vanvitelli. Nei fa- l’arte sacra e le vite dei papi, dei car-
stosi saloni degli Appartamenti dinali, degli imperatori e dei padri
Storici si snoda il percorso espo- della Riforma protestante negli an-
sitivo, tra opere concesse in pre- ni del Concilio.
stito e arredi permanenti della Particolare attenzione è dedicata al-
Reggia, per sottolineare quella fer- le opere di Michelangelo e della sua
vida e innovativa temperie cultu- cerchia, sorte in seno al “circolo de-
rale che si generò intorno alla fi- gli spirituali”, un eletto gruppo di
gura del celebre architetto. prelati e intellettuali che si riuniva a
Vanvitelli fu regista e artefice di Viterbo intorno al cardinale d’In-
una visione unitaria e globale del- ghilterra Reginald Pole e alla poe-
la civiltà figurativa, a partire dalla tessa Vittoria Colonna. Accanto ad
pittura, settore verso il quale mo- esse, i libri della biblioteca persona-
strava particolare inclinazione, per le di Morone, lettere autografe e
essere stato figlio del celebre au- preziosi documenti d’archivio mai
tore di ‘vedute et architetture’, esposti al pubblico.
 14

LIBRERIA CASA DEL LIBRO DI LORENZO MASCALI


Dal 1930
Via Maestranza, 20-22
96100 Siracusa
tel./fax 0931.65186
e-mail: lorenzo.mascali@ tin.it

orari: 9 - 13 * 16.30 - 21
da lunedì a sabato
chiuso domenica

La libreria, la cui fondazione come Casa del Come non ricordare Denis Mack Smith,
Libro nel 1930 fu annunciata da un giorna- Sciascia, Bufalino e i celebri attori, che, ve-
le locale “Ortigia” diretto da Antonio Fugale nuti a Siracusa per recitare al teatro greco,
(vedi riproduzione in alto a destra), diven- non mancavano di passare e poi ritornare
ne subito spontaneo cenacolo di cultura. alla libreria di via Maestranza?
Rosario Mascali, nato a Catania il 18 mar- Presto Rosario Mascali intraprese l’attività
zo 1910, dopo aver conseguito il diploma di editore. Nel 1945 fece stampare il libro
magistrale, lavorò presso la sede SEI di di Salvatore Aglianò “Cos’é questa Sicilia?”
Catania come impiegato e successivamen- fu un successo, ristampato nel 1982 da
te, come agente di commercio per tutta Mondadori e poi da Sellerio, con prefazio-
l’Italia meridionale. Nel 1942 si trasferì a ne di Leonardo Sciascia. Nel 1946 stampò
Siracusa, dove rilevò la libreria che era del un nuovo successo: “Rapporto sulle cose
fratello del suo principale di Catania. divine” di Cardile. Nel 1947 “Il processo al
Fascismo” di Giuseppe Agnello.
Poi pubblicò la collana di nar-
rativa “Idee vive” e libri come Rosario Mascali nella sua libreria, 1970
“Grandine sugli uomini” di Ugo
Tigano,“L’Estetica e i suoi pro-
blemi” di Vittorio Guardo, Hanno scritto di Lui
“Museo di Palazzo Bellomo” di La scrittrice giornalista Teresa Callari da
Santi Luigi Agnallo e di Michele “Prospettive Siracusane” del 1986 scrive:
Minniti “Il porto di Siracusa an- «Rosario Mascali, Saro per gli amici, è vera-
tica”, “Storia di Siracusa anti- mente un uomo di modestia impensabile.
ca”,“È questa la Sicilia”. In realtà non si rende effettivamente con-
Diverse le sigle delle edizioni: to, forse per l’assuefazione prodotta dalla
Edizioni Mascali, Rosario lunga abitudine al lavoro, d’essere diventa-
Mascali Editore o semplice- to un protagonista, un’istituzione nel cam-
mente Mascali. Né vanno di- po dell’istruzione a Siracusa».
Lorenzo Mascali
menticati di Giuseppe Agnello Ancora nel 1994 Salvatore Maiorca scrive:
Conosceva bene la piazza di Siracusa, per- “Il carnevale politico nel siracusano” (1924) «Una lunga ovazione ha salutato la conse-
ché ci veniva spesso a servire i clienti del- e la guida del Duomo di Sicuracusa. Ed al- gna del premio “Fedeltà al lavoro” a Rosario
la SEI. Uomini come Giuseppe Barra, Paolo tri libri, altri titoli: nel contesto non facili im- Mascali. Nella rivista “I Siracusani” nel 2000
Rio, Corrado Curcio, Luigi Leone, Luigi prese del libraio-editore Rosario Mascali Piero Fillioley scrive: «Non subiva soggezio-
Malerba, Raffaele Lanza, Giovanni Naro, i Di l’attività editoriale prosegue fino agli anni ni personalistiche dinnanzi a personaggi di
Giovanni, Giovanni Occhipinti, Augusto Meli ‘70: “Senza contributi e a spese proprie”, alto livello: Brancati, Bufalino, Sciascia r simi-
e ancora Aldo Carratore, Lino Romano, portate avanti con la passione e con la vo- li eccellenti. Per tutti Rosario Mascali aveva
Vincenzo Moscuzza furono l’anima per quel glia di fare che sono poi coinvogliate in un’in- pari contegno sereno, signorile, suadente
luogo di confronti e di idee. telligente conduzione di un’azienda a spic- occorrendo.
I grandi: Agnello, padre e figlio, i Gargallo, cato profilo familiare. Oggi, morto Rosario Loredana Faraci su “La Sicilia” nel 2000 scri-
Quasimodo,Vittorini, Mezio, Brancati, i fra- Mascali nel 2000 all’età di 90 anni e fino agli ve: «È stato il libraio di Siracusa che da so-
telli Assenza e poi, ancora Aglianò, Zammit, ultimi giorni sempre presente nella sua li- lo ha fatto sessant’anni di cultura. Con
Maltese, Capodieci, Failla sono nomi che breria, la gestione dell’attività commerciale Rosario Mascali si è spenta a Siracusa la cul-
hanno dato lustro alla Casa del Libro. è passata al figlio Lorenzo. tura del ‘900.
 15

LIBRERIA CASA DEL LIBRO DI NICOLA MANDESE


Dal 1936
Via D’Aquino, 142
74100 Taranto
tel. 099.4520504
e-mail: libronic@libero.it
storicamandese@tele2.it
orari: 9 - 13 * 16.30 - 21
da lunedì a sabato
chiuso domenica

Seduto alla scrivania R. Bacchelli

L’impegno dei Mandese nel settore libra- le, in particolare con Pietro Acclavio cui og-
rio comincia negli ultimi decenni del XIX gi è intitolata la Biblioteca Civica. Fu Antonio,
secolo, allorché Nicola Mandese, dalla cit- sulle orme del padre Nicola, a fondare nel
tà campana di Nola, si trasferisce a Taranto, 1936 la prima Casa del Libro, ubicata in via
dove avvia la propria attività e allaccia rela- d’Aquino. Contatti, allora, vernnero presi
zioni con il mondo culturale e sociale loca- con personaggi illustri come D’Annunzio.

Nicola Mandese e Stefano Zecchi

Alcuni storici incontri di


Nicola Mandese con illustri
esponenti del mondo della cultura

È il salotto della città, dove, tra i suoi antichi scaffali lignei, si


confondono e si mescolano gli odori e i ricordi del passato. È
Primo a sinistra Nicola Mandese una struttura che ricorda uomini e cose scomparsi, ma riesce
a mantenere un rapporto vivo e saldo con il presente, proiet-
tandosi verso il futuro. Fin dalle origini, l’attività dei Mandese è
stata rivolta all’universo del libro, dalla vendita alla produzione,
iniziata nel 1882, con Vallardi, per la coedizione del Dizionario
Enciclopedico Melzi. Rilevante riconoscimento di una vita spe-
sa per i libri, è stata la “Gerla d’Oro”, conferita ad Antonio
Mandese (il più anziano libraio d’Italia), in occasione del
Premio Bancarella nel 1982. La storica libreria è stata un
punto di riferimento per intere generazioni di giovani e, ancora
oggi, rappresenta il fulcro di numerosi incontri culturali.
A sinistra: Nicola Mandese e Vittorio Sgarbi
 17

LIBRERIA PAOLINO
Dal 1953
Corso Vittorio Veneto, 144
97100 Ragusa
tel./fax 0932.626260

orari: 9 - 20
da lunedì a sabato
chiuso domenica

Da destra Giovanni Paolino,


Gesualdo Bufalino e Salvatore Paolino, nel 1953

tà editoriale che ha sempre privilegiato la


pubblicazione di testi storici e a carattere
locale, contribuendo alla riscoperta di ope-
re sconosciute o destinate ad essere di-
menticate. L’attuale titolare è Salvatore
Paolino, figlio di uno dei fratelli fondatori,
Risale al 1953 l’apertura della Libreria svolgendo una rinnovata attività culturale, che continua la tradizione di famiglia.
Moderna dei fratelli Giovanni e Antonio divenendo un punto di incontro e di pre- Il negozio è costituito da due grandi am-
Paolino, nata dall’acquisizione della più an- sentazioni editoriali.Tanti i nomi noti della bienti con alti soffitti a botte e un piccolo
tica Libreria Fiume che diventa, grazie alla cultura italiana che in questi anni hanno fre- spazio dedicato alla letteratura per ragaz-
loro passione, un punto di riferimento del- quentato la libreria, dal poeta Salvatore zi, con circa 15000 libri complessivamente,
la vita culturale della città di Ragusa e del- Quasimodo a Leonardo Sciascia, Gesualdo divisi per argomento, disposti su scaffali di
l’intera Provincia. Dal 1993, con il trasferi- Bufalino,Vincenzo Consolo, Dacia Maraini legno.
mento nei nuovi e più ampi locali vicini al- e altri non meno prestigiosi, in particolare Da alcuni anni la libreria è convenzionata
la vecchia sede, in pieno centro storico, la il regista Pietro Germi, per tutto il tempo con l’Università di Catania per la vendita e
libreria ha cambiato il suo nome in Libreria che durarono le riprese del film Divorzio al- con l’applicazione del relativo sconto, dei
Paolino, offrendo una veste più moderna e l’italiana. La libreria svolge inoltre un’attivi- testi universitari.

LA MALEDIZIONE DI PALAZZO MARINO


La maledizione di Palazzo Marino è una sto- chiesa di San Fedele la bellissima Ara, figlia polo a maledire il palazzo: «Questo edifi-
ria a metà strada fra la leggenda e la real- di sua Eccellenza Cornaro, patrizio vene- cio di pietre, innalzato con tante ruberie,
tà. A raccontarcela è Internet che dal suo ziano. Convinto di poterla avere con la so- brucerà, o cadrà in rovina, o se lo porterà
"cappello magico" pesca pagine come la potenza del suo denaro, ne chiede la ma- via un altro ladrone», per vendicarsi della
www.museumonline.at/1999/schools/via/se- no al padre, che però rifiuta: «Non conce- prepotenza, dell’avarizia e dei soprusi di
sto-calende/palazzo-marino.htm per farci derò in sposa mia figlia – spiega – se non Tommaso Marino, arricchitosi con il mo-
sapere di "favole popolari attorno al Palazzo avrà un alloggio degno dei palazzi venezia- nopolio dell’odiata tassa sul sale.
Marino". Favole che viste da scorci Web co- ni». Il conte, allora, commissiona la reggia Bene, a proposito della terza profezia la
me www.milanoin.it/milanesi/leggende/ma- per la sua amata al miglior architetto del storia racconta che, dopo aver abitato nel
rino.asp o come www.milanoin.it/curiosita/- tempo: Galeazzo Alessi. «Voglio il palazzo palazzo per pochi anni, Marino dilapidò il
leggende/palazzo-marino.htm, partono da più bello che si trovi in cristianità» ordina suo patrimonio e così gli Spagnoli glielo
un titolo piuttosto inquietante: La maledi- (come rivela www.italiamultimedia.com/- confiscarono (poi passò al banchiere Emilio
zione di Palazzo Marino. cortiliaperti/marino.html). Omodei, finanziatore del governo spagno-
E allora eccoli i passaggi di questa maledi- E ancora: «Lo voglio dove ho incontrato lo, per essere riacquistato dallo Stato il 14
zione. Siamo nella Milano del 1553. per la prima volta Ara». Ed è così che, nel luglio 1781).
La dominazione spagnola è appena comin- 1558, venne posata la prima pietra dell’at- Alla possibilità di farlo cadere in rovina ci
ciata. Nel Ducato i banchieri fanno affari fi- tuale edificio storico. ha pensato invece la seconda guerra mon-
nanziando le imprese militari di imperato- Una reggia sontuosa che corona il sogno diale: nel 1943 Palazzo Marino rischiò di
ri e papi. Il conte Tommaso Marino, ricco e del conte, ma porta con sé una profetico crollare quasi del tutto, sotto i bombarda-
arrogante finanziere genovese al servizio anatema. menti. Manca soltanto la prova del fuoco
degli Spagnoli, un giorno vede uscire dalla La tradizione popolare narra che fu il po- e poi la maledizione sarà compiuta.
 18

LIBRERIA PRAMPOLINI
Dal 1894
Via Vittorio Emanuele, 333/337
95124 Catania
tel./fax 095.321099
e-mail: prampolinilibreria@tiscali.it
www.prampolinilibreria.it
orari: 9 - 13 * 16 - 19,30
da lunedì a venerdì
sabato: 9 - 13
chiuso sabato pomeriggio e domenica

Il 13 Dicembre 1894 Giuseppe Prampolini di Michele Amari (1933-1939), testo fon- alcuni amici – professionisti, docenti, im-
fondava a Catania la Libreria-Legatoria, di- damentale nella storiografia moderna e la prenditori – riunitisi in società, si sono pro-
venuta, nel 1921, Libreria Editrice. La spin- rivista “Il Folklore Italiano”, coordinata dal posti di salvarne l’inestimabile patrimonio
ta alla trasformazione venne dalla ferven- Prof. R. Corso, ancora oggi valido strumen- culturale e rinnovare il lustro passato: prov-
te vita culturale della città nei primi decen- to per gli studiosi del settore, per il rigore vedendo al ripristino degli ambienti e degli
ni del ventesimo secolo. Il giovane Romeo scientifico, la qualità e la ricchezza della do- arredi originali, recuperando numerosi ma-
Prampolini, succeduto al padre, conobbe e cumentazione nel campo dell’antropologia teriali e promuovendo varie iniziative, per
ospitò nei locali di via Vittorio Emanuele, i culturale. essere nel contempo fedeli custodi di no-
personaggi più autorevoli della cultura ca- Le difficoltà economiche del periodo bel- bili memorie e proiettati nel futuro con un
tanese del tempo: da Verga, De Roberto e lico e post-bellico costrinsero molti edito- sano spirito di impresa. Il primo riconosci-
Capuana, a tutti i giovani che al loro segui- ri a chiudere la loro attività o a modificar- mento non ha tardato ad arrivare: nel 2007
to si formavano. La libreria, già ricca di vo- ne le linee-guida e influirono anche sulla la Sopraintendenza ai Beni Culturali di
lumi, diventò così un punto di riferimento, Prampolini che pubblicò sempre meno li- Catania ha iscritto la Libreria Prampolini nel
un luogo di incontro e di confronto, e nel bri, non venendo, però, mai meno ai suoi Registro delle Eredità Immateriali.
contempo trasse nuova linfa dall’attività edi- principi di scelte impegnate. Se la Casa Tipologia dei libri venduti ed eventuali spe-
toriale. Allora altre Case Editrici lavorava- Editrice conobbe quindi momenti difficili, la cializzazioni.
no a Catania, tuttavia la Prampolini si distin- libreria restò comunque al centro della vi- Un catalogo, presente su Internet, raccoglie
se per la ricerca e la pubblicazione di testi ta culturale della città e vide passare nelle oggi i titoli delle storiche edizioni Prampolini,
antichi e di pregio, a volte riprodotti in co- sue sale, ormai storiche, i più attenti osser- insieme a numerosi altri, sempre più ogget-
pia anastatica. vatori della società di quegli anni: Brancati, to di interesse per appassionati bibliofili e
Nel catalogo dei libri stampati in tale pe- Arcangelo Blandini,Villaroel. lettori curiosi. La libreria offre infatti libri an-
riodo: vi compaiono opere di autori sicilia- Nel 1974, con la morte di Romeo Pram- tichi e rari, prime edizioni del Novecento
ni, trattatelli sapidi, proposte nuove e origi- polini, il quale non aveva eredi diretti, la li- italiano, curiosità, edizioni musicali, piccola
nali; ma qualunque sia ‘il titolo’, si tratta sem- breria visse alterne vicende e rimase a lun- e media editoria selezionata (come Ibiskos,
pre di scelte dettate da autentica passione go chiusa. Fu riaperta nel 1994 per l’inte- Rubbettino, Nova Charta, Il Cammello); ol-
e da un assoluto spirito di indipendenza. ressamento dell’editore Boemi, che contri- tre a quelli già posseduti, sta attualmente
Basti citare la Storia dei Musulmani di Sicilia buì alla sua sopravvivenza, finché nel 2005 acquisendo materiali preziosi sul territorio
 19

siciliano. sonalità del mondo della cultura e della ri- Il 12 giugno 2007 il principe Francesco
Servizi particolari offerti alla clientela. cerca, docenti dell’Università, delle Scuole e Alliata ha rievocato le vicende della casa ci-
La libreria si appoggia ad esperti bibliogra- del Conservatorio di musica, ai giovani che nematografica siciliana “Panaria” ed è stato
fi che offrono un servizio di stima, valuta- da soli, o in visite guidate, amano curiosare proiettato il film Vulcano, con Anna Magnani
zione e restauro di singoli volumi e fondi li- fra gli scaffali. Si cerca così di mantenere vi- e Rossano Brazzi, per la regia di William
brari. Il personale è sempre disponibile ad ve le tradizioni ereditate, nella speranza che Dieterle. Cultura e svago si sono poi asso-
aiutare i clienti, nella ricerca di testi rari o i Verga, i De Roberto, i Brancati di oggi si in- ciate in un evento particolare: alla presen-
introvabili. contrino con i loro predecessori. tazione delle recenti scoperte archeologi-
Nella sede della Prampolini è stata inoltre Nella sede della Prampolini il passato ritor- che nella “Terra dei Sicani”, curata dal prof.
ricavata una saletta per incontri culturali, na… Nei suoi locali il 4 marzo 2006 sono Ignazio Alessi (maggio 2006), è seguita una
presentazioni di libri, proiezioni di film da stati celebrati, con filmati d’epoca, i Cento piacevole gita sui luoghi, ossia a S.Angelo
cineteca ed eventi musicali, a cura Anni della Targa Florio e, muovendosi tra i Muxaro, gita organizzata insieme al Touring
dell’Associazione Culturale Romeo Pram- vecchi arredi, le scaffalature, i libri, anche i Club di Catania (2007). Si segnala inoltre la
polini. ‘piloti d’epoca’ hanno a loro volta ricorda- presenza della Libreria Prampolini nella pub-
Tipologia della clientela to come quelle storiche stanze siano state blicazione curata da Oliviero Diliberto “I li-
La libreria è aperta a studiosi, bibliofili, per- per loro, studenti, un ‘percorso obbligato’! bronauti” - Aliberti editore.

ASSOCIAZIONE LOCALI STORICI D’ITALIA


PATROCINIO DEL MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI
crescono le richieste dei giornalisti per pub-
blicare articoli sui nostri locali, crescono le
richieste del pubblico per ottenere la Guida
che si è imposta tra le maggiori d’Italia».

ORGANIGRAMMA
ASSOCIAZIONE
LOCALI STORICI D’ITALIA

Consiglio Direttivo 2008-2010


La nostra Associazione mantiene uno stret- Assemblea Costituente dell’Associazione
to legame con l’Associazione Locali Storici Presidente Librerie Storiche d’Italia, Milano 2004.
d’Italia, dalla quale, grazie anche all’aiuto del Giuseppe Nardini Da sinistra:Vincenzo Orieti, Loris Rabiti,
loro Segretario generale Enrico Guagnini, Giacomo Lodetti,Tonino Bozzi
ha preso vita, attraverso il nostro Presidente Vice Presidenti
che nel loro Consiglio Direttivo ha mante- Jean-Marc Droulers, Pietro Romanengo,
nuto il compito di Consultore. Angelo Schiavi, Daniela Vedaldi
Riportiamo in questa sede un breve passo
della relazione all’Assemblea annuale dei Segretario Generale
Soci, del Cavaliere del lavoro Giuseppe Enrico Guagnini
Nardini, Presidente dell’Associazione
Culturale Locali Storici d’Italia, tenuta a Consiglieri
Viareggio lo scorso 8 maggio, presso il Antonio Chessa, Gaetano Finocchiaro,
Grand Hotel Principe di Piemonte. Andrea Fustinoni, Laura Maioglio,
«Con il lavoro svolto in trentatre anni di at- Marisa Manaigo, Carlo Pellegrini,
tività per la promozione e la tutela dei più Nicola Piegaja, Karl Platino,
Da sinistra: Rossana Bossaglia, Mario Cerne,
antichi locali italiani, il prestigio del- Francesco Renzelli, Annapaola Rey, Maurizio Malavasi.
Antonio Sergio, Giuseppe Sinigaglia, Sul fondo a sinistra: Guido Guastalla
l’Associazione ha raggiunto vette notevoli
Mario Suban
e continua a crescere: il nostro sodalizio è
oggi riconosciuto tra i maggiori e prestigio-
si protagonisti del turismo culturale nazio- Tesoriere
Paolo Guarneri
nale e internazionale. Le conferme del no-
stro successo ci vengono da più direzioni,
un sempre maggior numero di locali chie- Revisore
Mosè Pietro Colaianni
de di aderire all’Associazione. Italia Nostra,
più precisamente la sezione di Salso-
Consultori
maggiore, ci ha chiesto aiuto e collabora-
Enrica Colombi, Elvio Guagnini,
zione per il salvataggio di una storica pa-
Giacomo Lodetti, Antonio Mansi
sticceria della città. La Guida ai Bar del
Gambero Rosso ha inserito i nostri Caffè Da sinistra: Gerard Labrot, Andrea Bondanini,
Direttore
e i bar dei nostri alberghi, identificandoli con Pietro Randi.
Claudio Guagnini
il simbolo “Locale storico secondo i cano- In secondo piano:Guido Guastalla,Mario Cerne,
ni dell’Associazione Locali Storici d’Italia”, Loris Rabiti, Pierlorenzo Ranieri Tenti
 21

LIBRERIA PRINCIVALLI
Dal 1954
Via Bafile, 254
30016 Lido di Jesolo (VE)
tel./fax 0421.93736
e-mail: info@libreriaprincivalli.com
www.libreriaprincivalli.com

orari invernali: 10 - 13 * 16 - 20
domenica e festivi 16 - 20
chiuso lunedì
orari estivi: 10.45 - 13 * 16.45 - 23.30
aperto tutti i giorni

manzo Stabat mater, premio Strega, e il


suo Discorso di una guida turistica di fron-
te al tramonto,pubblicato da Amos Edizioni,
un piccolo, colto e coraggioso editore.
Dei musicisti ospitati in libreria consiglio i
Alessandra Princivalli seguenti cd: di Gianluca Mosole, No title e
di Michele Gazich, La nave dei folli. Con-
Per questo secondo appuntamento con Grossman, Vita e destino. Rivolgendoci in- cludo con lo scrittore Giovanni Del Giudice
il giornale dell’Associazione Culturale Li- vece agli scrittori italiani dell’area nord-est, che dopo anni di attesa ha dato alle stam-
brerie Storiche e Antiquarie d’Italia, par- presentati in libreria, consiglio Gianfranco pe Orizzonte mobile da cui cito la frase:«Per
lerò delle attività culturali realizzate paral- Bettin con Gorgo. In fondo alla paura, Marco sua natura, la Storia non è che scrittura in
lelamente al tempo dedicato all’attività li- Mancassola che ha scritto La vita erotica una forma diversa». Buona lettura.
braria.Trascorsi l’inverno e la primavera dei superuomini e Tiziano Scarpa con il ro- Alessandra Princivalli
che mi concedono lo spazio serale, a li-
breria chiusa, per ospitare incontri con
scrittori, poeti e ultimamente anche mu-
sicisti (occasioni che d’estate risultano im-
possibili per l’estensione dell’orario di aper-
tura, tutti i giorni anche la sera), durante
la stagione estiva viene organizzato, in col-
laborazione con il Comune di Jesolo, un
Concorso letterario per racconti, aperto a
tutti. Quest’anno ha come tema di ispira-
zione “Saluti da Jesolo”.
Un modo per coinvolgere residenti, turi-
sti e chiunque desideri cimentarsi nel rac-
conto di un momento trascorso in un luo-
go di mare che non implica necessaria-
mente l’ambientazione nella nostra città
balneare. Il vincitore, scelto tra una cinqui-
na di finalisti, riceve un buono libri dalla li-
breria, un riconoscimento da parte del
Comune e l’ospitalità per due persone in
un albergo di Jesolo per un week-end di
settembre, offerto dall’Associazione
Jesolana Albergatori. La serata di premia-
zione si svolge in concomitanza con un La libreria Princivalli, aperta nella sede attuale nel 1995, è la naturale prosecuzio-
concerto. ne dell’attività di libraio svolta da Lorenzo Princivalli nel corso della sua vita. Vita
Per eventuali informazioni sul bando po- passata tra i libri e gli scaffali, a partire dal 1943, quando, ancora ragazzo, viene
tete visitare il sito della libreria o quello assunto a Oderzo nella cartolibreria Bianchi Zamuner, per poi decidere di cam-
del Comune di Jesolo. biare città e trasferirsi definitivamente a Jesolo. È il momento in cui la ditta
Non voglio rinunciare a suggerire la let- Marton di Treviso, a qualche anno di distanza dall’apertura della libreria Minerva,
tura di alcuni autori contemporanei, per la prima della località turistica, avvenuta nel 1948 a cura di un maestro di scuola
me importanti e indimenticabili, sapendo elementare, rileva quella libreria e propone a Lorenzo di gestirla. In quegli anni
che la scelta ne escluderà molti.Tra i clas- Jesolo inizia ad espandersi, a diventare centro turistico internazionale e poco dopo
sici contemporanei il capolavoro di Agota la libreria Minerva si sposta in un nuovo complesso edilizio, il Largo Tempini e
Kristof, Trilogia della città di k, Josè Saramago diventa Cartolibreria Marton. Alessandra, che ora gestisce la libreria Princivalli, ini-
con il suo romanzo più significativo Cecità zia la sua professione.
e tra i libri di recente traduzione Vasilij
 22

LIBRERIA TARANTOLA
1859-2009 CENTOCINQUANTENARIO DELLA NASCITA
Dal 1859
Piazza Martiri di via Fani, 1
20099 Sesto San Giovanni
tel. 02.2621696
fax 02.22471467
e-mail: gtarantola@.mdd.it

orari: 8,30 - 19.30


da martedì a sabato
chiuso lunedì mattina e domenica

zie ed è in grado di reperire volumi ricer-


cati. Dal quotidiano Nuovasesto del 20 mar-
zo 2009, a firma di Antonella Zambelloni
leggiamo: «Sono già 150! Già perchè la sto-
rica Libreria Tarantola festeggia il suo com-
pleanno con una serie di iniziative cultura-
La LibreriaTarantola appartiene ad una del- La storia della dinastia compare in varie li che comprendono un vero e proprio ci-
le più antiche famiglie di librai italiani. opere letterarie, la si ritrova nei romanzi di clo di incontri dal sapore letterario, per ri-
Rigoni Stern, raccontata cordare il suo passato e il cammino sin qui
da Oriana Fallaci, citata da svolto. In un periodo di crisi economica è
Hemingway, Bevilacqua, sicuramente significativo che la vendita dei
Vassalli,Vigevani. libri non abbia risentito, almeno sul suolo
Nel 1945 i Tarantola furo- sestese, di questo calo. Oltre all’ormai sto-
no i primi a pubblicare un rica libreria in Piazza Martiri di Via Fani, 1 la
libro di Indro Montanelli, Tarantola ha aperto lo scorso settembre
allora rifiutato dai grandi dall’altra parte della strada la Libreria per i
editori e per questo il ragazzi con una scelta di testi specifica per
grande giornalista fu loro i giovani fino ai 12 anni, di cui il proprieta-
sempre riconoscente. rio Giorgio Tarantola va molto fiero. Non
Ora il negozio, pur con- tutti sanno che il mio antenato Francesco
servando la tradizione era originario di quello che allora era il
pontremolese, si presen- Ducato di Parma e nel 1859 ha ottenuto
ta come una moderna li- da Maria Luisa di Borbone il permesso di
Roberto Tarantola breria generalista, con set- vendere libri al di fuori del territorio nata-
Originari di Montereggio, un paesino della te luminose vetrine, si sviluppa su due livel- le. Con un po’ di fortuna e con l’amplia-
Lunigiana in provincia di Pontremoli, inizia- li dove si possono trovare oltre 30000 vo- mento del mercato librario e del livello di
rono a vendere libri all’inizio dell’Ottocento, lumi, dalle novità ai classici, dalle guide turi- istruzione, dall’attività itinerante si è passa-
come dimostra un documento di Luisa di stiche ai saggi, dai libri d’arte alla manuali- ti alle bancarelle e successivamente alla crea-
Borbone nel quale già nel 1859 si autoriz- stica. Sui banchi esterni vengono proposte zione di un vero e proprio negozio».
zava Francesco Tarantola a commerciare li- promozioni su oltre
bri fuori dal Ducato di Parma. 1000 titoli.
Fino alla fine del secolo, svolsero l’attività di Organizzano presen-
librai erranti, poi comparvero le prime ban- tazioni ed incontri
carelle e nei primi anni del Novecento ini- con gli autori e da qui
ziarono a trasferire l’attività in librerie. sono passati Giu-
Nel 1942 , in piena seconda guerra mon- seppe Ungaretti,Gio-
diale, Umberto ne aprì una al rondò di vanni Spadolini, Al-
Sesto. Erano anni in cui ad ogni sirena che berto Bevilacqua,
annunciava i bombardamenti, insieme alla Enzo Biagi, Stefano
moglie Gianna, portavano al sicuro prima Zecchi, Luis Sepul-
di tutto i libri negli scantinati. Ora la libre- veda,Tiziano Terzani.
ria rinnovata ed ingrandita è gestita dal fi- Un negozio attiguo è
glio Roberto e dal nipote Giorgio. dedicato esclusiva-
Insieme ad altri librai pontremolesi,nel 1952, mente ai remainde-
i Tarantola contribuirono alla fondazione del r’s. Inoltre Giorgio,
Premio Bancarella, uno dei più prestigiosi cresciuto tra i libri an-
premi italiani di cui sono ancora elettori, tichi, è un esperto di
Il premio che in diversi casi anticipò l’asse- libri rari in particola-
gnazione del Nobel come nel 1953 con re rinascimentali.
Hemingway e nel 1958 con Pasternak. Fornisce stime, peri- Giorgio Tarantola
 23

LIBRERIA TOMBOLINI
È una delle piu antiche librerie di Roma, ed estere. Pubblica periodicamente catalo-
fondata nel 1885. ghi di antichità classica e di cultura medie- Dal 1885
È stata centro di attrazione per personag- vale e sono presenti nella rete. Via IV Novembre, 146
gi della politica e della cultura dall’inizio se- Paolo Tombolini ha dato un notevole im- 00187 Roma
colo ad oggi, tra cui Einaudi, Spadolini, pulso alla specializzazione della libreria che, tel. 06.6795719
Togliatti, La Malfa, Giolitti, Ciampi, Moravia, con il passare degli anni, ha mantenuto le fax 06.69941790
Bertolucci, Paratore, La Regina, Macchia, sue specializzazioni nel campo storico, po- e-mail: libreria.tombolini@iol.it
Ferrara, Fazio, Pratolini, Carandini. La libre- litico, umanistico e specialmente in filologia www.tombolini.net
ria è specializzata nel campo umanistico e classica e romanza, filosofia, linguistica, ar-
svolge un notevole lavoro di reperimento cheologia e storia medievale. orari: 9 - 13 * 16 - 19.30
di volumi e riviste per conto di enti pubbli- Da tempo gode del premio conferito dal- da lunedì a sabato
ci istituzionali e privati, Camera, Senato, la Presidenza del Consiglio dei Ministri, per chiuso domenica
Banca d’Italia e di molte università italiane l’esportazione.

Carla Santori Tombolini


e Vincenzo Orieti
Vincitori del Premio Maestro del
Lavoro e dell’Economia, edizio-
ne 2008. Contitolari della storica
libreria Tombolini, con Daniele, fi-
glio di Carla, fondata nel 1885 col
nome di Libreria Mantegazza, poi
Libreria Cremonese e infine dal
1940 Libreria P. Tombolini. Spe-
cializzata in storia, filosofia, archeo-
logia, filologia classica e romanza.

Il Premio Maestro del Lavoro e dell’Economia


è un riconoscimento ufficiale che la Camera co che la Camera di Commercio torna a
di Commercio di Roma conferisce ad im- promuovere dopo 25 anni, vuol dare testi-
prese e lavoratori che si sono distinti per monianza dell’impegno che ha caratteriz-
impegno, capacità, costanza e longevità sul zato la vita professionale dei premiati. I pro-
territorio provinciale. tagonisti del lavoro e dell’economia, cele-
Il premio consiste in una medaglia d’oro del brati per la loro fedeltà, danno lustro al no-
conio camerale con relativo diploma. I be- stro commercio e scrivono, ogni giorno, una
nemeriti dell’edizione 2008 sono stati 100. pagina nuova e indelebile dell’economia del-
Questa iniziativa di riconoscimento pubbli- la nostra Provincia.
FAI ANCHE TU
NON SOLO UNA SIGLA MA ANCHE VOCE DEL VERBO FARE
Mai un’attività commerciale, in questo caso una libreria storica,
era stata segnalata come “Luogo del Cuore” dagli italiani. Giunta
al IV anno la collaborazione di Intesa SanPaolo con il FAI nell’am-
bito dell’iniziativa “I Luoghi del Cuore” cui la banca ha aderito met-
tendo a disposizione oltre 5.600 sportelli sul territorio naziona-
le, oltre al sostegno per rendere concreto l’impegno del FAI per
la salvaguardia dei luoghi amati dagli italiani, l’iniziativa ha visto vo-
tata al secondo posto la storica Libreria Bocca.