Bilancio d’Esercizio al 30 giugno 2012

Innovare per crescere. Crescere per innovare.

Indice

Bic Incubatori FVG S.p.A. Via Flavia 23/1 - Trieste Capitale Sociale 1.775.741,04 - Registro delle Imprese e Codice Fiscale 00686200320 - Società Unipersonale Società soggetta alla direzione e al coordinamento di Friulia S.p.A. (Codice Fisscale 00051580322)

Indice

1. Organi di Gestione e Controllo 2. Bilancio di esercizio al 30 giugno 2012

- Relazione sulla Gestione - Schemi di Bilancio - Nota Integrativa al 30 giugno 2012 - Allegati

5

7 23 29 55

3. Relazione del Collegio Sindacale 4. Relazione della Società di Revisione

61

65

Organi di Gestione e Controllo .

Consiglio di Amministrazione Lino Vattovani Collegio Sindacale Fausto Salvador PresiDeNte CoNsigLierI PresiDeNte siNDACI Alessandro Morelli Marco Oggioni Antonio Sfiligoj Marco Simeon Silvano Galeotto Giuseppe Viani Pricewaterhoouse Coopers S.p. sOCIETA’ DI REVISIONE 5 5 .A.

.

Relazione sulla Relazione sulla Gestione Gestione 7 7 .

A. può determinare in Italia un maggior PIL pari a 0. in particolare sul dollaro (-8. specie in Brasile. L’attività industriale è diminuita in giugno del -1.1 punti di PIL. pianificata in 5. inoltre.3 da 45.1) per il quinto mese consecutivo.32 indicato dal CSC a giugno. dove l’indice di fiducia IFO è in caduta da tre mesi.6% sul secondo trimestre 2011). Relativamente ai maggiori Paesi emergenti. la più marcata dal maggio 2009.8% nel secondo trimestre. partita dalla periferia.Relazione sulla Gestione 1. gli investimenti fissi lordi del -2. rispetto all’1.7 punti percentuali nel 2013. minimo dal giugno 2009). conseguente all’acquisizione della Società da parte della Friulia S. la contrazione dell’attività economica. 8 . ultimamente si espandeva grazie ai servizi.A. grazie all’apporto dei Paesi emergenti. ma poco incisiva.dove è scoppiata la bolla immobiliare. dopo le flessioni di marzo e aprile. La svalutazione dell’euro rispetto alle altre principali valute (-5. ha ormai coinvolto le maggiori economie i cui effetti iniziano a lambire la Germania investendo i Paesi Bassi .5%. Quadro economico generale e situazione dell’economia (Centro Studi Confindustria – Banca d’Italia – il Sole 24 Ore – Regione FVg – Confindustria FVG) Gli anni 2011 e 2012 sono stati caratterizzati dalle gravi instabilità nei mercati finanziari e dal fatto che le crisi economiche . ospitando start up e spin off tecnologici. peggiorando ulteriormente.p. Premessa Signori Azionisti. Purtroppo. accompagnando le nuove imprese nel loro sviluppo e nella crescita dimensionale. soprattutto i nuovi ordini. In Cina. a giugno. nel complesso.21.7 % la contrazione nel 2° trimestre. L’economia tedesca.0 da 49.6 da 47. ha cessato di migliorare. la loro crescita non procede ai ritmi spediti di qualche trimestre fa e la frenata è evidente. andamento coerente con una successiva ulteriore contrazione del PIL. in quanto la debolezza del mercato del lavoro non permette significativi rilanci dei consumi. 2.9% in un anno. Si pensi che un cambio dollaro/euro a 1.precedute dalle note problematiche finanziarie . il passaggio dei poteri politici alla nuova leadership non agevola il varo immediato di stimoli alla spesa.3% su maggio ed ha portato a -1. BIC Incubatori FVG S. l’esercizio chiuso al 30 giugno 2012 ha visto il consolidamento delle attività della Vostra Società. Il PMI manifatturiero di luglio è ai minimi da oltre tre anni e il livello degli ordinativi anticipa ulteriori arretramenti dell’attività.7). Coerentemente con lo statuto. è incrementato nel mese di maggio.7% in un trimestre e del -2. In Italia la diminuzione del PIL proseguirà anche nel secondo semestre dell’anno: il secondo trimestre si è chiuso con tutti gli indicatori congiunturali in ribasso (-0.. La domanda interna (specie i consumi) sta calando più del previsto e l’export ha perso slancio rispetto a qualche mese fa . -2. Lo scenario economico globale degli ultimi mesi. del 2. la contrazione coinvolge la stessa Germania (43. grava l’incognita su come sarà gestita la riduzione automatica del deficit. I Paesi dell’Eurozona e la Gran Bretagna appaiono intrappolati in una spirale depressiva. annullando così le probabilità di rilancio nella seconda metà dell’anno. ora il PIL dei servizi è in zona recessiva (47.di alcune aree di Eurolandia hanno successivamente contagiato le altre economie della zona Euro. In Europa.i consumi sono scesi dello 0. dove si erano riscontrati alcuni timidi segnali positivi. opera nell’area dell’incubazione d’impresa.p. la Società è anche impegnata nell’attuazione di progetti di internazionalizzazione e cooperazione economica. gli ordini esteri globali sono risultati in contrazione marcata (47.5% nei dodici. rispetto al secondo semestre dello scorso anno. Negli Stati Uniti d’America la ripresa continua. attesa scattare dal 1° gennaio 2013.3% nei tre mesi e del -9. potrà sostenere le esportazioni dei paesi dell’area euro. Il commercio mondiale.4%).0.3% dalla fine di marzo 2012 a luglio).

infatti. A questo proposito.5%. In controtendenza l’occupazione che rispetto al trimestre precedente perde poco più di mezzo punto percentuale scendendo da +0. I tassi sono elevati: 3.8% a 9 . in particolare quelle relative al mercato interno.i dati tendenziali .8% sotto il livello di settembre 2011.5%. In dettaglio. sia sul mercato interno. in particolare per il finanziamento degli investimenti. che è stato stimato dal CSC pari a 370mila unità di lavoro. La crisi economica deriva anche dalle difficoltà dei sistemi bancari: carenza di liquidità. è calata la domanda di fondi delle imprese.2% su aprile. il bacino di persone in CIG. Il credit crunch molto probabilmente proseguirà per cause strutturali (pulizia dei bilanci.2% a + 4.in particolare nella produzione e nelle vendite. segnano valori negativi e peggiori rispetto al precedente riscontro. Lo spread sull’Euribor a tre mesi è a livelli record: +3. mentre i dati congiunturali segnano. 4. invece.5. interbancario frammentato. e sono dell’1. Nel secondo trimestre 2012 la produzione migliora di circa quattro punti percentuali salendo dal precedente valore negativo -2. sebbene l’aumento dei tassi abbia rallentato la sua corsa.0 punti a maggio (+4.7% a maggio. che prima erano inattive e che ora cercano assiduamente un impiego per rimpinguare il bilancio familiare.7%.1% a -0. raccolta onerosa. specie donne. che tornano ad essere positive . chiedono più garanzie e accorciando le scadenze. A inizio 2012. deleveraging per rispettare i più alti ratio di capitale. Analoga tendenza di crescita presentano le vendite che. +2. sia nelle esportazioni ritornano positive dopo un primo trimestre sensibilmente negativo. Sono alti.7%.Il saldo dei giudizi sulle condizioni per investire è sceso a -47. per la prima volta dal 2009 e a seguito delle ripercussioni della restrizione creditizia. negli ultimi mesi il credit crunch si è ulteriormente accentuato.che indicano le variazioni rispetto allo stesso trimestre dell’anno scorso risultano.1% liquidità insufficiente per il 3° (Banca d’Italia-Il Sole 24Ore). gli istituti di credito denunciano tuttora difficoltà di raccolta e tendono a diminuire gli attivi: a maggio i prestiti alle imprese sono scesi dello 0.4% al positivo +1. Le banche tendono a ridurre ammontari e margini. Per quanto riguarda il dettaglio dei principali indicatori tendenziali (che confrontano i risultati del trimestre in esame con quelli dello stesso periodo dell’anno precedente) viene evidenziato che nel secondo trimestre 2012 la Produzione rimane negativa e rallenta scendendo dal precedente -0.2% nell’agosto 2011). infatti. qualche buon recupero rispetto al trimestre precedente . A maggio i disoccupati in Italia (quasi 2.6 milioni) rappresentavano il 10.9%. Il Friuli Venezia Giulia Dalla recente indagine di Confindustria regionale risulta che il quadro delle prospettive del settore produttivo nel breve periodo rimane ancora incerto. le vendite totali scendono da -3. In particolare le Vendite Totali salgono dal precedente -6.3% a + 2. sofferenze su crediti.1 di marzo. L’aumento del numero di persone in cerca di occupazione conferma le difficoltà dei bilanci delle famiglie (che tendono a rafforzare il risparmio precauzionale). in quanto. grazie alla buona crescita delle Vendite + 4.4 in giugno dal -26. anche del lavoro. negativi e con valori inferiori a quelli registrati nei tre mesi precedenti.0 per le PMI). sono sempre più numerose le persone. L’espansione della forza lavoro (+0. sia i timori di peggioramento della situazione economica familiare sia la paura per l’andamento della disoccupazione.6% a -3.1%.9% delle imprese ha registrato condizioni di credito peggiori nel 2° trimestre e il 26. mentre i margini delle imprese sono erosi dai maggiori costi unitari. dopo il recupero di aprile che aveva interrotto sei mesi di cali consecutivi.8 da -21. Il 32.1% della forza lavoro (8.5% a causa soprattutto delle venBilancio d’esercizio al 30 giugno 2012 Italia (da -5. Anche le vendite. Medie che nascondono costi proibitivi per molte aziende.0% su agosto 2011) proseguirà anche nei prossimi mesi. più alti ratio. Il progressivo deterioramento delle prospettive occupazionali è confermato dalle attese delle imprese.1% in nove mesi). quello relativo alle previsioni sulle condizioni economiche generali è calato a -37. Non si svuota. A fronte di un’occupazione sostanzialmente stabile (+0. affidamento a raccolta più stabile) e cicliche (debolezza dell’economia e crisi dei debiti sovrani).7% per le PMI.7%) ed alla ancora migliore performance delle Vendite Estero che salgono da -6. che pure proseguono nel tentativo di salvaguardare il capitale umano.2% a -4. perdite su titoli. infatti.

Banca d’Italia ha condotto un’analisi dei principali indicatori tratti dai bilanci aziendali per un campione di quasi 6.3 per cento).7 per cento. in quanto si attende una diminuzione della domanda estera e dell’occupazione. misurata dal ROE.2 per cento.0 per cento). sia nel confronto congiunturale (-0. come un ulteriore segno di debolezza dei mercati. la flessione ha colpito soprattutto il settore manifatturiero (-4.7 per cento. più debole rispetto a quella del totale dell’economia.9%). Le previsioni degli operatori dell’industria per il terzo trimestre. In generale il calo di redditività è riconducibile prevalentemente a una diminuzione dei margini operativi: in rapporto all’attivo l’incidenza media del MOL è diminuita di oltre tre punti percentuali dal 2007 al 2009. attestandosi al 61 per cento. iniziata nel 2008. sono orientate al pessimismo. si è pressoché annullata nel 2009. La domanda di credito da parte del settore produttivo ha risentito della debolezza dell’attività di investimento.400 società al fine di analizzare l’impatto della crisi. sulle condizioni economiche e finanziarie delle imprese del Friuli Venezia Giulia. Sul fabbisogno finanziario delle imprese ha influito l’esigenza di finanziamento del capitale circolante in connessione all’ulteriore allungamento della durata del portafoglio commerciale e dei ritardi di riscossione dei crediti. 10 . si può rilevare. La dinamica dei prestiti al settore produttivo. ha rallentato e nei dodici mesi terminanti in dicembre il credito ha registrato una diminuzione. mentre quella di aziende in perdita è aumentata dal 25 al 29 per cento. è diminuito dello 0. nel 2010 ha recuperato parzialmente portandosi al 5. nel 2011 si è lievemente ridotta la quota di imprese che hanno chiuso l’esercizio in utile rispetto all’anno precedente. i valori riscontrati alla fine del primo trimestre erano rispettivamente +2. Il finanziamento delle imprese Nel corso del 2011 il credito al settore produttivo. nel 2011 il credito si è ridotto per tutti i principali comparti produttivi.dite Italia che perdono quasi cinque punti calando da -3.3 per cento).5%. si mantengono su valori vicini a quelli precedentemente riscontrati (-2. il calo è proseguito nei primi tre mesi del 2012 (-2.1 punti percentuali). in linea con le indicazioni fornite dalle banche. anche per effetto della scarsa attività di investimento da parte delle imprese in particolare è proseguita la riduzione del leasing finanziario. Rispetto al massimo ciclico del 2007. condotta dalla Banca d’Italia su un campione di 134 aziende con almeno 20 addetti. quando il fatturato in termini reali era tornato sui livelli del 2007 solo per il 33 per cento delle imprese. il valore negativo dei nuovi ordini. mente le Vendite Estero.4% a -8. A riguardo degli altri indicatori esaminati. La situazione economica e finanziaria delle imprese del Friuli Venezia Giulia Secondo i risultati di una recente indagine sul Friuli Venezia Giulia. la flessione si è accentuata nel primo trimestre del 2012 (-2.7% e -10. la crescita dei finanziamenti alle famiglie consumatrici ha proseguito seppure in attenuazione.2%. sia per quelle di classe dimensionale più piccola (-1. Le vendite delle imprese del campione hanno registrato una forte caduta nel 2009 con un recupero parziale nell’anno successivo.9%).0%.2 per cento a marzo). erogato da banche e società finanziarie. Escludendo i finanziamenti al settore primario e alle attività industriali non manifatturiere in aumento rispettivamente del 3. La redditività media in rapporto ai mezzi propri. L’evoluzione dei dati di bilancio nel periodo 2005-10.7%). avviatasi nel secondo semestre dell’anno precedente. Il finanziamento dell’economia Nel corso del 2011 la ripresa dei prestiti bancari a clientela residente. con il -2. mostrando una debole ripresa nell’anno successivo. coerentemente con il negativo andamento del trimestre appena concluso e con le previste fisiologiche chiusure estive. che in quello tendenziale (-11.8 per cento. è diventata negativa negli ultimi mesi: in dicembre i finanziamenti sono calati sia per le imprese medie e grandi (-2.7 e del 13. sia pur in presenza di una crescita modesta del fatturato delle imprese dell’industria e dei servizi (3. Tra le diverse tipologie di finanziamenti si è mantenuta positiva la dinamica per le forme tecniche collegate alla gestione del portafoglio commerciale e alla cessione di crediti mentre i finanziamenti a medio e a lungo termine sono diminuiti dell’1. Questo perché. Sull’andamento del credito bancario hanno influito sia il calo della domanda sia la restrizione dei criteri di offerta.6%) questa ha avuto effetti contenuti sulla redditività netta.

Nella tabella sotto indicata si riporta la compagine sociale al 30 giugno 2012. se applicati al bilancio della Società.e 3 Società finanziarie iscritte all’albo ex art. N. 2497-bis c. La Vostra Società. 107 del Testo unico bancario.La struttura del sistema finanziario Alla fine del 2011 operavano in Friuli Venezia Giulia 59 banche. presenti con 943 sportelli di cui 551 appartenenti a banche con sede in regione. 3 Società di gestione del risparmio – di cui 2 riferiscono al medesimo Gruppo .A.775. Alla luce del disposto dell’art. si provvede ad illustrare la situazione economica.) Il Consiglio di Amministrazione. 5 cod. La composizione degli intermediari finanziari locali con sede amministrativa o direzione generale entro i confini regionali è di 25 banche. Analisi della situazione della società 11 . area di particolare interesse per l’insediamento di imprese nell’incubatore.6%). nel corso dell’esercizio. diventando così l’unico azionista della Società. ha acquisito 400 azioni dall’Autorità portuale di Trieste.494 Importo 1. Le società di capitali cessate sono state 14. al calcolo dei principali indici di bilancio economici.p. Non si procede. Il 14% delle nuove iscrizioni ha riguardato società di capitali (34 unità).04 % 100. finanziaria e patrimoniale della società indicando rischi ed incertezze future. Azionista Friulia S.494 azioni ordinarie senza valore nominale. La Società è controllata dal 29 giugno 2009 dalla Friulia – Finanziaria Friuli Venezia Giulia S.A.000 euro sottoscritto e versato totalmente in data 19 giugno 2012. in questa relazione sulla gestione. in diminuzione del 31% rispetto al precedente trimestre e del 14% rispetto allo stesso trimestre dello scorso anno (a livello nazionale si è invece registrata una contrazione del 2.A.p. Tale analisi si basa unicamente su un commento delle principali voci di bilancio e sulle cause che hanno determinato il risultato d’esercizio. 3. non ha acquistato o ceduto azioni proprie o azioni di società controllanti. neanche con il tramite di fiduciarie o altri intermediari. Azioni 667. finanziari e patrimoniali in quanto gli stessi. volutamente. Tra la fine del 2001 e quella del 2009 le quote di mercato sui prestiti delle banche e dei gruppi bancari di minore dimensione sono cresciute dal 19. Il Friuli Venezia Giulia continua a caratterizzarsi per una significativa presenza degli intermediari locali di dimensioni contenute che in regione detengono quote di mercato superiori alla media nazionale. i dati statistici della locale Camera di Commercio evidenziano che nel secondo trimestre del 2012 si sono registrate in totale 246 iscrizioni.p. Le cessazioni sono state 163. Bilancio d’esercizio al 30 giugno 2012 4.741. risultano poco significativi se non addirittura fuorvianti. 667.8 per cento.5 al 31. Informativa sull’attività di Direzione e Coordinamento (art. Relativamente alla Provincia di Trieste. Capitale sociale e compagine azionaria Il capitale sociale risulta costituito da n. 6 Società di intermediazione mobiliare.00% Il 14 novembre 2011 la Friulia S. ed è soggetta alla sua direzione e coordinamento. civ. in diminuzione del 65% rispetto al precedente trimestre 2012 e di quasi il 15% rispetto al secondo trimestre 2011 (a livello nazionale invece si è avuto un incremento del 7%). 2428 comma 1 e 2 del codice civile. L’assemblea degli azionisti del 18 giugno 2012 ha deliberato un aumento di capitale sociale di 50. Le iscrizioni di queste sono diminuite di quasi il 29% rispetto al trimestre precedente. illustra agli Azionisti i rapporti intercorsi nell’esercizio con la società controllante e gli effetti conseguenti all’attività di direzione e coordinamento. 2.

I proventi straordinari registrano la conclusione positiva del contenzioso con il fornitore dell’impianto fotovoltaico e altri minori.variazione lavori in corso .370 12 mesi 461..880 12 mesi 471.978 211.euro.537 2.riaddebito utenze . Rientrando la Società nelle previsioni specificate dalla normativa fiscale per le società che presentano dichiarazioni in perdita fiscale per tre periodi d’imposta consecutivi si è provveduto a richiedere all’Agenzia delle Entrate l’esonero.387 111.182 -4.576 273.360 3. I “Contributi in conto esercizio” si riferiscono alle attività svolte nell’ambito del progetto Central Europe Proincor.430 - -1.200 17. L’incremento degli “Altri ricavi e proventi” deriva dal riaddebito dei costi del personale distaccato presso la Controllante e la consociata Friulia SGR e dal venir meno delle ragioni che avevano fatto apppostare alcuni fondi rischi.018 8.034 179.829 24.Plusvalenza alienazione partecipazione . affidate alla Società dalla precedente controllante.619 12 mesi 518.noleggio attrezzature laboratorio .500 - - 169.057 487.462.proventi straordinari 2011/2012 2010/2011 2009/2010 30.611 117.305 134.537.consulenze e prestazioni di servizi .2 Contributi in conto esercizio I contributi in c/esercizio ammontano a euro della stessa.euro.1.contributi in conto esercizio . 4..130 372. proporzionali ai costi sostenuti per lo svolgimento 4.09 2008 2007 12 mesi 368.672 54.3 Risultato gestione finanziaria Il risultato della gestione finanziaria è pari a euro 3.757 - -300 72.1. 12 .528 164...622 105.800 13.011. i ricavi della gestione degli incubatori registrano una contrazione. 4. rispetto all’esercizio precedente. La Società.011 - - - 237.267 2.333 - - - 202.1 Ricavi d’esercizio I ricavi dell’esercizio chiuso al 30 giugno 2012 derivano da: Ricavi . La “plusvalenza alienazione partecipazioni” deriva dalla cessione della partecipazione in Innovazion Factory Scarl. Negli anni precedenti le “Consulenze e le prestazioni di servizi” registravano sostanzialmente le attività su commesse.987.448 119.06.390 - 23.1 Risultato economico d’esercizio L’esercizio si chiude con un utile di euro 9. mediante interpello disapplicativo inviato alla stessa in data 12 settembre 2012. dopo aver registrato ammortamenti per 108.1.787 61.710 157.canoni incubatore . alla data del 31 dicembre 2010.4. aveva un debito finanziario verso la Capogruppo di 400.591 423. al 30 giugno 2012.141 15.980 Nell’esercizio chiuso al 30 giugno 2012.241 6 mesi 240.000. incubatore peraltro caratterizzato da una strutturale antieconomicità di gestione.448 12 mesi 424.-..627 221.altri ricavi e proventi .485 4. le attività sul Progetto Tri Ict Interreg Italia – Austria si sono concluse a fine maggio 2011. derivante dalla riconsegna del centro di Spilimbergo Corte Europa al proprietario dell’immobile – Comune di Spilimbergo.369 82.989 236.altri proventi finanziari .943 119.118 - 14. I ricavi da riaddebiti subiscono una analoga contrazione sempre derivante dalla chiusura del Centro di Spilimbergo.e derivano sostanzialmente dalle attività svolte nell’ambito della commessa “Central Europe Proincor“. contratto nel corso dell’esercizio 2010 allo scopo di coprire parzialmente i fabbisogni degli investimenti realizzati e più specificatamente la coibentazione delle coperture dell’edificio di via Flavia – Trieste ai fini del risparmio energetico e dell’acquisizione dell’impianto fotovoltaico installato sul tetto dello stesso edificio.184 125.interessi attivi .838 - 15.116 38. 157.

051 - 18.2009 6 mesi 539.Costi e prestazioni di terzi su commessa .330 -5.912 56.000.950 7.4 Costi d’esercizio Costi Per materie prime sussidiarie e di consumo Per servizi di cui: .351 -768.156 36.993 - 72.405 2007 12 mesi 1.475 3.890 78.Compensi e spese del Collegio Sindacale .Altri Per godimento beni di terzi Per il personale Per ammortamenti e svalutazioni Per accantonamento per rischi Oneri diversi di gestione 146.723 98.290 - 55.549 6.Assicurazioni .990.736.493 988.337 9.869 1.057.571 9.525 29.528 -878 144.731 2.096 31.415 5.862 25.Revisione e certificazione .091 16.212 122.265. • Immobilizzazioni materiali al lordo del fondo ammortamento per euro 3. la generalizzata riduzione dei costi per servizi.323 63.608 73.287 17.124.532 111.944 - -9.112 1.291 30.985 -37.782 529.904 13.754 Si evidenzia che l’esercizio chiuso al 30 giugno 2012.199 -1.840 277. pulizia e giardinaggio .369 169.612 30..303 23.489 2.455 12. riflette la chiusura al 31 dicembre 2010 dell’incubatore di Spilimbergo.184 6.051.953 22.Spese di vigilanza.553 2007 7. e. si evidenziano le variazioni più rilevanti rispetto ai periodi precedenti: • il decremento dei costi e prestazioni di terzi su commessa deriva dal fatto che l’attività svolta nel corso dell’esercizio è stata limitata all’ambito del progetto Central Europe Proincor.Spese di pubblicità e promozione .603 2008 10.419 .600 21.679 2008 12 mesi 953. la sensibile riduzione dei proventi straordinari rispetto agli esercizi precedenti.-.540 - -3.548 32.-.001 251.Audit .3 Situazione Patrimoniale Al 30 giugno 2012 l’attivo patrimoniale della società è costituito da: • Immobilizzazioni immateriali al lordo del fondo ammortamento per euro 182. dovuta alla sua gestione non economica.162.468 350.926 810.723 12 mesi 12 mesi L’esercizio è stato caratterizzato dalla conferma del contenimento generalizzato dei costi e.703 12 mesi 3.988 - 10.027. • la variazione del costo del personale registra sostanzialmente la riduzione dello stesso per l’assunzione da parte della Capogruppo di due dipendenti precedentemente distaccati presso la stessa.591 - 421.877 27.449 11.931 21.864 7.057 279.275 135.398 546.508 26.695.290 -71.802 723.293 3.385 23.145 187.963 1.934 585.519.469 65.570 1.953 15.236 49.793 - 45.411 6.984 760.770 6.811 6.582 16.06.083 15.124 12 mesi 5.4.379 108.506 51.353 9.06.228 185.609.302 144.142 36.508 7.300 6.461 - 25.09 6 mesi 4. totalmente ammortizzate.144 28.555 32.276 16.196 293.914 44.742 10. remunerati alle migliori condizioni di mercato.547 5. attività e relativi costi totalmente contribuiti.2 Situazione finanziaria correnti bancari – per euro 94.Legali notarili e consulenze . come il precedente.864 14.-.Canoni e spese di manutenzione e riparazione . .414 772.000 25.318 20. di seguito.235 30.730. Bilancio d’esercizio al 30 giugno 2012 Le risorse finanziarie a disposizione al 30 giugno 2012.513 75.727 1. 4.117 27. pari a euro 94.462 374 37.710 144.Utenze .987 2010/2011 12 mesi 1.186 -91.035 30.000 61.544 20.111 31.236 98.500 - 20.Emolumenti e spese al Consiglio di Amm.952 63.666 1.405 2009/2010 12 mesi 1.1.820 2011/2012 2010/2011 2009/2010 12 mesi 4.341 16.914 23.500 18.288 - 19.ed ammortizzate 13 .881 39. Conto Economico Valore della produzione Costi della produzione Proventi e oneri finanziari Rettifiche attività finanziarie Proventi e oneri straordinari Imposte dell’esercizio Risultato dell’esercizio 2011/2012 12 mesi 934.310 240.293 14.748 8.093 -58.900 16.473 6. sono depositate in conti 4.

793 .2012 vanta inoltre crediti esigibili entro l’esercizio successivo: • Crediti vs/clienti euro 195.per euro 1.693. Il 100% dei dipendenti è assunto con contratto a tempo indeterminato. 4.relativi a prestazioni di servizi. - Debiti verso controllanti per euro 405. - Altri debiti per 147.06.derivanti dall’effetto del consolidato fiscale.e sono così costituiti: - Fondo rischio revocatoria Finmek Space per euro 70.330..-.419.000.-.-. risultati esercizi precedenti euro -25. > Debiti diversi per euro 57.000 .-.242 . - Partecipazioni in altre imprese per euro 26. I ratei e risconti ammontano a euro 17. I contributi in c/impianti ricevuti nel corso degli anni non sono mai stati portati in rettifica diretta del costo storico delle suddette immobilizzazioni.30 14. 7 unità.922.661 e risultato d’esercizio per euro 9.519 . ricorrendone i presupposti si è proceduto alla loro svalutazione.90% - 7 100.-.-.e sono così costituiti: - Debiti verso fornitori per euro 118.-.558. > Debiti diversi -decimi da versare 13.-. • Crediti vs/altri euro 270. • I debiti ammontano complessivamente a euro 710. Inquadramento Dirigenti Quadri 1° livello Uomini % 1 1 14.così costituiti: > Debiti verso dipendenti per euro 76..-. con il 60% di laureati.775.-. Le disponibilità finanziarie a disposizione ammontano a euro 94. • Crediti vs/controllante euro 92.50 - - 1 1 - 1 14.30 1 3 - 1 14. • Immobilizzazioni finanziarie costituite da : - Partecipazioni in imprese collegate per euro 4. - Debiti verso istituti previdenziali per euro 18.971.713.-. • I Fondi per rischi e oneri ammontano a euro 75.788.987-.30 - - - 4 57.-. - Fondo future manutenzioni immobile per euro 5.06.1 Inquadramento del personale Al 30 giugno 2012 i dipendenti sono pari a n. Le partecipazioni sono sempre state rilevate al costo d’acquisto.741. L’età media è di 49 anni. Al 30. Il grado di scolarizzazione è elevato.30 Donne % - - - - Totale 1 1 % 14. - Debiti tributari per euro 17.80 14.307 .prevalentemente dovuti alla maturazione dei contributi comunitari e alla posizione creditizia verso la precedente controllante.-..30 - 14.979.-.500.30 42.000. di cui 3 a part-time. Al 30 giugno 2012 il passivo patrimoniale è così composto: • Capitale sociale sottoscritto e versato per euro 1.00% 14 . riserva legale per euro 812.30 14.4.511.501 .-.671. Alla stessa data il dirigente è distaccato al 50% presso altra società del Gruppo.. La società al 30.30 Impiegati di cui: 2° livello 3° livello 4° livello 5° livello Operai Totale 2 - - 28.30 14.2012 la Società non ha ricorso a finanziamenti bancari.4 Risorse umane e organizzazione aziendale 4...005.864.10% - - 3 42.-.-. prevalentemente in economia e commercio. • Il Fondo TFR ammonta a euro 172.-. di cui un dirigente e un quadro.

Non sono state effettuate assunzioni e tanto meno sottoscritte tipologie contrattuali a tempo determinato. di cui 3 a part – time e il dirigente distaccato al 50% ad altra società del Gruppo.30 71. il personale della Società si è ridotto così da 9 a 7 unità.4.2 Anzianità di servizio Circa l’86 % del personale ha un’anzianità di servizio pari o superiore a 10 anni mentre il 14% ha un’anzianità di servizio inferiore a 10 anni.4.30 - 28.30 Donne - - 3 - % - - 42.40 14.00% 4 57.30 100.20% 3 42.3 Turn over del personale Nel corso dell’esercizio.4.60 14.80% 4. Anzianità aziendale da 5 a 10 anni da 10 a 15 anni da 15 a 20 anni oltre a 20 anni Totale Uomini 1 - 2 1 % 14. Bilancio d’esercizio al 30 giugno 2012 15 .80 - Totale 1 - 5 1 7 % 14. con l’assunzione da parte della Capogruppo di 2 dipendenti precedentemente distaccati.

A. Dall’inizio delle attività (1989). Nel corso del 2011.p. fornitura di spazi attrezzati per le imprese.. seguiva anche la conduzione del Centro di Spilimbergo Corte Europa. L’appartenenza al Gruppo Friulia facilita le imprese ospitate a beneficiare di servizi finanziari completi e alla vicinanza ad un network di primaria importanza. L’attività di incubazione si integra pertanto strettamente con i servizi di facilitazione all’accesso al venture capital. sono 30 le imprese ospitate nell’ incubatori di Trieste. per un’occupazione complessiva di circa 200 addetti. come dimostrato dai recenti insediamenti di Sprin Technologies e Sphera.-) €539. Andamento della gestione nei settori in cui opera la società Analizzando la ripartizione dei costi e dei ricavi per settore operativo emerge quanto segue: 6. BIC Incubatori FVG S. ha contribuito ad avviare oltre 200 imprese. essa contribuisce allo sviluppo delle imprese innovative con attività di: 1.1. la gestione complessiva della Società . 4. soprattutto ad alta tecnologia con fabbisogni finanziari elevati. Nell’ultimo semestre dell’esercizio preso in considerazione sono 5 le nuove aziende insediatesi nell’incubatore. rafforzamento del piano d’impresa: contatti con potenziali clienti. Dati statistici della CCIAA di Trieste ci evidenziano che nel secondo trimestre del 2012 si sono registrate 34 nuove costituzioni di società e 14 cessazioni Ricavi incubatori: (comprensivi della rifatturazione delle utenze per 171. L’impatto occupazionale totale delle imprese uscite e attualmente operanti supera le 2000 unità. causa la grave crisi economica che non incoraggia l’avvio di nuove iniziative economiche.69%.5. supporto allo sviluppo della cultura imprenditoriale: individuazione e selezione di progetti imprenditoriali e loro rafforzamento preliminare. Andamento e risultato complessivo della gestione Nel corso dell’esercizio chiuso al 30 giugno 2012.1 Settore Creazione d’Impresa 6.si era registrato un notevole calo di richieste di contatto e d’informazioni. manageriale e partner. Dai primi giorni del mese di settembre si sono registrati almeno tre promettenti richieste di insediamento. Nell’esercizio 2011/2012 si è evidenziato un buon interesse nell’avvio di nuove iniziative concretizzatosi con 5 (3 nell’esercizio precedente) nuovi insediamenti. al trasferimento tecnologico. 16 . nel corso del semestre 2011 – il primo semestre del presente esercizio di bilancio . le aziende ospitate hanno realizzato oltre 24 milioni di euro di fatturato.011. 6. risulta occupata alla stessa data per l’80.1 Gli Incubatori d’Impresa Attualmente la Società gestisce l’incubatore di Trieste mentre. al networking. accordi con le università e gli istituti di ricerca. anche in sinergia con le altre società del Gruppo. tutti nel semestre 2012. Questi i risultati raggiunti nel corso del 2012: Al 30 giugno 2012.è stata fortemente influenzata dall’attività svolta ai fini del suo rilancio nel ruolo di sostegno alle nuove imprese in fase di start up e spin off e di accompagnamento alle aziende nella loro crescita dimensionale. collegamento con la controllante per eventuali interventi per il rafforzamento della struttura finanziaria. nonché della sua stabilizzazione economica e finanziaria. La superficie dedicata all’incubazione.-. sino al 31 dicembre 2010.sia dal lato operativo che sotto gli aspetti economici e finanziari . 3. 2.622. pari a 5008 mq.

Il progetto aiuta il rafforzamento della competitività delle PMI attraverso il supporto proattivo delle performance d’innovazione nell’area geografica delimitata dal corridoio Mar Baltico – Mar Mediterraneo. anche perché non sono registrate posizioni di debito e le disponibilità finanziarie rappresentano le giacenze in conti correnti bancari remunerati alle 17 . euro. I ricavi sono costituiti dagli interessi attivi.euro. durante l’esercizio 2011/2012 si è verificato da parte di un’azienda insediata un caso di inadempimento poi seguito dalla dichiarazione di fallimento. Il fideiussore ha ricorso in appello. Nel corso dell’esercizio sono stati maturati contributi per 157. del valore complessivo di 3. secondo l’Autorità. 6. il Bautzen Innovation Centre.2013 La Società ha ideato e promosso nel 2010.-. installato sul tetto dello stesso edificio. 2428. la Società non ha adottato politiche che prevedano la copertura dai rischi legati a fluttuazioni avverse nei tassi di interesse. In particolare: - per il rischio di credito. tra i quali il BIC Frankfurt. l’organizzazione del terzo incontro di partenariato di progetto a Trieste. attualmente. è attualmente attiva sul: Progetto CENTRAL EUROPE Proincor 2010 . Come richiesto dall’art. le analisi politiche per l’innovazione nelle regioni partecipanti. Strumenti finanziari e gestione dei rischi La Società non ha fatto utilizzo nel corso dell’esercizio di strumenti finanziari di alcuna natura.400.066.euro a fronte di attività quali la costituzione di un gruppo interregionale di esperti in innovazione e internazionalizzazione d’impresa.440. Si è inoltre richiesto il fallimento di una seconda azienda da anni esterna ed inattiva verso la quale si vantava un credito peraltro già svalutato con la precedente appostazione di un fondo dedicato. la valuta di riferimento è esclusivamente l’Euro e non ci sono operazioni con valute diverse dall’Euro. non assoggettabile.-. . è in grado di generare sufficienti risorse atte a soddisfare le prevedibili necessità finanziarie per gli impegni di breve termine. per il rischio di liquidità come già detto la Società.3 Settore Finanziario Ricavi € 10.A. ha una durata complessiva di 36 mesi e il budget assegnato alla società per realizzare le attività previste ammonta a 402. derivanti dal calcolo degli interessi di mora per ritardati pagamenti e da interessi risultanti dai fondi liquidi presenti nei conti correnti. il progetto “Proincor”. le operazioni commerciali sono monitorate sulla base di procedure formalizzate di valutazione e di affidamento delle controparti. la promozione della cooperazione tra imprese e centri per l’innovazione partecipanti al progetto. oltre a questo è stata dichiarata fallita un’azienda da anni esterna ed inattiva verso la quale si vantava un credito peraltro già svalutato con la precedente appostazione di un fondo dedicato. Per questa non è stato ottenuta la dichiarazione di fallimento in quanto. comma 2.2 Settore Cooperazione Internazionale e Innovazione BIC Incubatori FVG S.. al fine di coprire parzialmente gli investimenti realizzati e più specificatamente la coibentazione delle coperture dell’edificio di via Flavia – Trieste ai fini del risparmio energetico e l’acquisizione dell’impianto fotovoltaico.. qui di seguito si illustrano le principali politiche adottate dalla Società circa la gestione dei rischi finanziari. che ha tra i suoi obiettivi principali la diffusione e l’applicazione della conoscenza nei nuovi prodotti. La Società non ha posizioni finanziarie debitorie verso gli istituti di credito mentre nel corso dell’esercizio ha sottoscritto un contratto di finanziamento con la Controllante di euro 400. in quanto uno di questi aveva stornato un cespite. per il rischio di tasso di interesse.p. in collaborazione con altri 9 soggetti.6. . punto 6-bis del Codice Civile. generato cioè dall’esposizione della Società a potenziali perdite derivanti dal mancato adempimento degli obblighi assunti dalle controparti. i contatti e primi interventi di audit tecnologico con imprese regionali. . il Parco Tecnologico di Lubiana. Il Progetto.537. Non si sono verificati casi significativi di mancato adempimento delle controparti e i crediti esposti nel bilancio chiuso al 30 giugno 2012 non presentano significativi rischi Bilancio d’esercizio al 30 giugno 2012 di credito oltre a quelli già oggetto di svalutazioni.690. in questo caso si è in possesso di una fideiussione dei soci per la quale è stata eseguita l’escussione ma senza successo.000. operazione per la quale si è chiesto e ottenuta la revocatoria dal Tribunale di Venezia. . processi e servizi. per il rischio di cambio.

C.000.087. 7.p. In data 16 dicembre 2009 è stato sottoscritto il Regolamento di partecipazione al consolidato fiscale nazionale per le società del Gruppo Friulia e questo ha permesso di conferire la Perdita Fiscale Individuale. Sede Trieste Via del Follatoio. 7. è pari ad euro 31.migliori condizioni di mercato. Tutte le operazioni con le parti correlate sono state realizzate a condizioni di mercato.000 14.l.2 Rapporti con Società Collegate Al 30 giugno 2012 la Società partecipa nel capitale sociale della seguente impresa collegata: Denominazione Consulting Services S.derivanti dal finanziamento di euro 400. per euro 900. secondo quanto previsto dall’art. 18 ..A.. Notizie particolari ai sensi dell’art.euro.228. Sono stati inoltre riaddebitati costi diversi per 726. derivanti dal distacco del dirigente.317 .euro e con la FINANZIARIA MEDIOCREDITO FVG S. Oltre al rapporto di azionariato.961 euro riguardanti i costi assicurativi della rc amministratori. con il riaddebito dei costi per euro 71.p.e le ritenute subite per euro 345.euro. Al 30. Partecipazioni Il 18 giugno 2012 la Società ha sottoscritto la partecipazione al capitale sociale della DITENAVE Scarl e in data 20 febbraio ha ceduto la partecipazione in Innovation Factory all’Area Science Park di Trieste. 7. 12 Cap. Risultato Note % Valore di bilancio netto d’esercizio posseduta 13. 2428.519 Nota 1: dati bilancio al 31 dicembre 2011 Non risultano crediti al 30 giugno 2012 verso la società collegata.-.966.A. 2428 commi 3 e 4 del C..00% 4.312. derivanti dal distacco di cui sopra. 7.06. la Società non ha svolto. concesso dalla stessa nello scorso esercizio e 2. un vantaggio fiscale pari a euro 92.p. derivante dalla fatturazione del compenso per la carica di Consigliere della stessa ricoperta dal dirigente della Società.06. nel corso. Finanziamenti soci Nel corso dell’esercizio non sono stati rilasciati né rimborsati finanziamenti nei confronti dei soci.000.r.3. punto 1) del Codice Civile.. 7..3 Rapporti con l’impresa controllante e le imprese del Gruppo 7.2012 il valore delle partecipazioni in essere.1 Attività di Ricerca e Sviluppo Si informa che. Garanzie Nel corso dell’esercizio non sono state rilasciate fideiussioni o qualsivoglia garanzia a favore di terzi.. in data 1°Febbraio 2012 queste sono state assunte dalla stessa società.626. Soc. dell’esercizio attività di ricerca e sviluppo in senso proprio.2012 la società ha in essere un finanziamento da parte della Controllante di euro 400. Inoltre sono stati addebitati dalla Capogruppo Friulia alla Società interessi per euro 7.708 284 1 35.-. è maturato il rapporto di carattere operativo relativo al Consiglio di Amministrazione con il conseguente riaddebito da parte della controllante dei compensi amministratori per 2.2 Rapporti con le società del Gruppo Nel corso dell’esercizio si sono registrati rapporti economici con la Friulia SGR S.1 Rapporti con la società controllante Nell’esercizio 2011/2012 alcune risorse della Società hanno continuato ad essere distaccate presso la controllante Finanziaria Regionale Friuli Venezia Giulia FRIULIA S.A con il regolare riaddebito dei costi per euro 59.3. al netto delle svalutazioni. Patrim. Al 30.

n. l’uso di internet. la posta elettronica.7. scenario e incertezze future L’entrata nel Gruppo Friulia ha consentito alla Società di trovare l’equilibrio finanziario ed economico nella gestione e di assumere un ruolo significativo nel supporto alla creazione e allo sviluppo delle piccole imprese ad alta tecnologia. 7.5. si attesta l’aggiornamento della stesso. né per tramite di società fiduciaria o interposta persona.5. 7. secondo quanto disposto dalla legislazione in materia. azioni proprie o azioni della società controllante.5 Altre notizie particolari 7. 7.1 Documento Programmatico della Sicurezza In relazione all’obbligo legislativo della redazione del Documento Programmatico della Sicurezza (DPS). di beneficiare di servizi finanziari evoluti erogati dalle altre società del Gruppo e di partnership con università e istituti di ricerca locali.6 Fatti di rilievo avvenuti dopo la chiusura dell’esercizio Non si registrano particolari fatti di rilievo avvenuti dopo la chiusura dell’esercizio. sviluppo e accelerazione d’impresa e la valutazione di opportunità dell’ampliamento dell’attività di incubazione sul territorio regionale. né direttamente né per tramite di società fiduciaria o interposta persona. Saranno rafforzate le già avviate azioni. Bilancio d’esercizio al 30 giugno 2012 19 . non ha acquistato o alienato nel corso dell’esercizio né direttamente. azioni proprie o azioni della società controllante. 196/2003. Già nel corso del 2003. poi aggiornati nel corso degli anni anche in osservanza della deliberazione n. lgs. In particolare si è dotata di tutte quelle misure minime necessarie e previste dal D.3 Sedi secondarie e unità locali Al 30 giugno 2012 la Società non ha altre unità locali oltre alla sede di via Flavia 23/1.2 Ambiente. 7. salute La società ha intrapreso tutte le iniziative necessarie alla tutela dei luoghi di lavoro. 7.Trieste. 13 del 01/03/2007 del Garante per la protezione dei dati personali. tra le quali vanno evidenziate la valorizzazione di sinergie con altri enti di ricerca.Lgs. per le imprese ospitate. sicurezza. 81/08 (Testo Unico in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro).4 Azioni proprie e azioni della società controllante possedute La Società non possiede. redatto ai sensi del D.5. Il tutto offrendo logistica di eccellenza e la possibilità. è stato adottato il disciplinare interno relativo alle problematiche sulla privacy.7 Evoluzione prevedibile della gestione.

pari a euro 499. 26 settembre 2012 20 . euro 9. Considerazioni finali Signori Azionisti.488 a copertura delle perdite dell’esercizio precedente. conto economico e commentati nella nota integrativa. sottoposto alla Vostra approvazione.987.-. alla riserva legale. Vi confermiamo che il progetto di bilancio al 30 giugno 2012. corrisponde alle scritture contabili redatte in conformità alle norme vigenti e rappresenta in modo veritiero e corretto la situazione patrimoniale e finanziaria della società ed il risultato economico dell’esercizio.8. Trieste.987 euro come segue: il 5%. Vi invitiamo pertanto ad approvare il bilancio chiuso al 30 giugno 2012 nonché la proposta di destinare l’utile di esercizio pari a 9. Riteniamo che la presente relazione sulla gestione Vi descriva in maniera sufficientemente dettagliata i motivi che hanno portato a mettere a consuntivo i risultati esposti negli schemi di stato patrimoniale. Il bilancio al 30 giugno 2012 chiude con un utile di euro 9.

.

.

Schemi di Relazione sulla Gestione Bilancio Schemi di bilancio .

041 2.010.410 - 50.esigibili entro l’esercizio successivo 39.di cui importi esigibili oltre l’esercizio successivo - 270.829 1.005 10.995.022 .237.134 458.520 II IMMOBILIZZAZIONI 1) Partecipazioni in: a) Imprese controllate b) Imprese collegate MATERIALI - 4.886 239.129.722 111.399.742 1.esigibili d) oltre l’esercizio successivo - .604 478.469 477.354 D 738.esigibili l’esercizio successivo - .239.956 35.242 2. marchi e diritti simili 5) Immobilizzazioni in corso licenze.161.895.763 20.713 263.922 - 40.l’esercizio di cui importi esigibili oltre l’esercizio .508.esigibili entro l’esercizio successivo .003 - - - 20.237.410 3) Altri titoli d) Altre imprese Totale Immobilizzazioni finanziarie 45.821 - - - - - 4) Crediti verso Controllanti . ed anticipi Totale Immobilizzazioni immateriali 1.515.821 3) Crediti verso imprese collegate .496 4bis) Crediti tributari .982 RATEI E RISCONTI 1) Ratei attivi 2) Risconti attivi TOTALE RATEI E RISCONTI ATTIVI (D) TOTALE ATTIVO 646 16.410 2) Impianti e macchinario c) imprese controllanti - d) Altre imprese 2) Crediti Totale Totale partecipazioni 4) Altri beni Immobilizzazioni materiali 26.788 260.062.682.410 - 533.di cui importi esigibili entro l’esercizio successivo .312 a) Crediti verso imprese controllate 2.000.419 658.066.162 257 94.561 TOTALE IMMOBILIZZAZIONI (B) ATTIVO CIRCOLANTE Totale partecipazioni C 2) Crediti 2.599 - 16.295 - .927.804 65.656.387.575 260.135 131.971 - 55.713 1) Crediti verso clienti .di cui importi esigibili entro l’esercizio successivo .037 6.262 14.879 20.932.415 454.788 5) Crediti verso altri .508.410 1.593 14.959 758.519 4.178 704.193.di - - - 195.239 452.927.503 32.496 40.839.719.005 12.803.395 b) Imprese collegate 1.719 2.204 - II IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI B IMMOBILIZZAZIONI 2) Impianti e macchinario 4) Altri beni Totale Immobilizzazioni materiali III IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE 3) Attrezzature industriali e commerciali 1) Costi di Impianto e di ampliamento I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1.722.esigibili entro l’esercizio successivo .812 27.esigibili entro l’esercizio successivo .540.l’esercizio di cui importi esigibili entro l’esercizio .266 685.161.710 - - 2.121 a) Crediti verso società controllate I RIMANENZE II CREDITI .575 .581.341 1) Partecipazioni in: a)entro Imprese controllate 512.esigibili b) oltre l’esercizio successivo - Crediti verso società collegate 55.584 12.418 31.185 653.860.971 89.598 158.937 1.897 694 17.044 134 51.416 673.686 89.793 10.802.esigibili entro l’esercizio successivo c) Crediti verso controllanti 92.esigibili oltre successivo successivo - 5.604 51.596 17.esigibili oltre successivo successivo - 92.045.149 551.007.694 2.295 - - .584 - - - Totale crediti Totale crediti III ATTIVITA’ FINANZIARIE CHE NON COSTITUISCONO Totale Immobilizzazioni finanziarie 564.475 762.519 1) Terreni e fabbricati 1.466 - 241.di cui importi esigibili oltre l’esercizio successivo - 263.260 III IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE b) Crediti verso imprese collegate c) Crediti verso controllanti d) Crediti verso altri - - - 2.043.802.922 - Crediti verso altri 10.262 24 .410 106.662 741.di cui importi esigibili oltre l’esercizio successivo 5.461.esigibili oltre l’esercizio successivo Totale crediti 1.879 - cui importi esigibili entro l’esercizio successivo 195.634 - 2.esigibili oltre l’esercizio successivo 270.Stato patrimoniale Attivo (espresso in €) Attivo (espresso in €) Esercizio 2011/2012 Esercizio 2010/2011 A CREDITI VERSO SOCI PER VERSAMENTI ANCORA DOVUTI - - Esercizio Esercizio B IMMOBILIZZAZIONI 2008/2009 2007/2008 - A I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI CREDITI VERSO SOCI PER VERSAMENTI ANCORA DOVUTI Totale Immobilizzazioni immateriali 1) Terreni e fabbricati - - 1.369 73.571 - 4) Concessioni.686 39.449 - IMMOBILIZZAZIONI IV DISPONIBILITA’ LIQUIDE TOTALE IMMOBILIZZAZIONI - 1) Depositi bancari e postali 3) Denaro e valori in cassa Totale disponibilità liquide TOTALE ATTIVO CIRCOLANTE (C) 94.003 - .

741 812 2 2 11.501 2.775.954 23.153 405.018 11.405 1.018 2.894 169.scadenti entro 12 mesi .511 217.132 414.scadenti oltre 12 mesi .788 147.719.scadenti entro 12 mesi .350 106.725.000 75.881 - - 75.073 169.803.000 1.760.330 18.000 33.376 125.983 705.376 125.297 400.864 710.788 147.262 6) Acconti .Stato patrimoniale Passivo (espresso in €) A PATRIMONIO NETTO C I IV VII VIII IX Capitale sociale Riserva legale Altre riserve distintamente indicate 4.262 - 11.983 118.scadenti entro 12 mesi 7) Debiti verso fornitori 10) Debiti verso imprese collegate 11) Debiti verso controllanti - 1.185 D DEBITI 1) Ratei passivi TOTALE RATEI E RISCONTI TOTALE PASSIVO GARANZIE E ALTRI CONTI D’ORDINE 312 312 2. Riserva conversione in euro Utili (perdite) portati a nuovo Utile (perdita) dell’esercizio 1.073 -25.330 18.scadenti entro 12 mesi .700.744 -37.954 23.661 9.scadenti entro 12 mesi .scadenti entro 12 mesi .092 33.501 2.922 400.922 1.558 E RATEI E RISCONTI Bilancio d’esercizio al 30 giugno 2012 25 .000 17.297 106.132 - 14.741 812 2 Esercizio 2011/2012 Esercizio 2010/2011 2 TOTALE PATRIMONIO NETTO 1) per trattamento quiescenza e obblighi simili 2) per imposte anche differite 3) altri Totale Fondi per rischi e oneri TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO SUBORDINATO B FONDI PER RISCHI E ONERI 172.350 - 118.153 5.987 1.scadenti entro 12 mesi .864 12) Debiti tributari 13) Debiti verso istituti di previdenza e di sicurezza sociale 14) Altri debiti TOTALE DEBITI 17.

448 17.034 179. correnti.018 - -97.571 23) RISULTATO DELL’ESERCIZIO 26 .065 B COSTI DELLA PRODUZIONE 350.606 2.973 -9.247 29.985 91.256 7.672 12 14.118 1. differite e anticipate a) imposte correnti 374 - - 17.093 - 374 54.672 14.703 340. sussidiarie.793 - 98.057.985 -37.186 374 a) di partecipazioni PROVENTI E ONERI STRAORDINARI 54.228 1 9.262 -81.955 31.247 202.241 - C PROVENTI E ONERI FINANZIARI a) in imprese controllate e collegate b) in altre imprese D E b) da titoli iscritti nelle immobilizzazioni che non cost.139 34.152 Esercizio 2011/2012 Esercizio 2010/2011 237.405 31.255 - 3. 3.124. partecipaz.880 26.di cui altri ricavi e proventi .Conto Economico (espresso in €) A VALORE DELLA PRODUZIONE 1) Ricavi delle vendite e delle prestazioni 3) Variazione dei lavori in corso su ordinazione 5) Altri ricavi e proventi .993 98.462 RETTIFICHE DI VALORE DI ATTIVITA’ FINANZIARIE 18) Rivalutazioni a) di partecipazioni 19) Svalutazioni TOTALE RETTIFICHE (D) 20) Proventi b) altri proventi .348 10) Ammortamenti e svalutazioni b) Ammortamento delle immobilizzazioni materiali d) Svalutazione dei crediti 108.188 16) Altri proventi finanziari d) proventi diversi dai precedenti 17) Interessi ed altri oneri finanziari 7.027.236 645.310 1.973 17.960 381.112 3.018 - - 8.448 17.571 58.390 91.782 529.584 -96.di cui contributi in c/esercizio 539.262 37.785 128.405 9.987 58.869 4.880 26.altri oneri 21) Oneri TOTALE DELLE PARTITE STRAORDINARIE (E) RISULTATO PRIMA DELLE IMPOSTE (A-B+C+D+E) 22) Imposte sul reddito d’esercizio.793 a) Ammortamento delle immobilizzazioni immateriali 108.622 - 395.188 4.944 8.011 982 12) Accantonamenti per rischi 14) Oneri diversi di gestione TOTALE COSTI DELLA PRODUZIONE (B) DIFFERENZA TRA VALORE E COSTI DELLA PRODUZIONE (A-B) 15) Proventi da partecipazioni - 72.124 389.671 115. da altri b) verso controllanti c) verso altri TOTALE PROVENTI E ONERI FINANZIARI (C) - 2. di consumo e merci 7) Costi per servizi 8) Costi per godimento di beni e di terzi 9) Costi per il personale a) Salari e stipendi b) Oneri sociali c) Trattamento di fine rapporto e) Altri costi 934.228 4.473 1.956 1.353 -122.934 585.475 45.710 157.379 393.537 TOTALE VALORE DELLA PRODUZIONE (A) 6) Costi per materie prime.145 1.

797 17. maturato nell’esercizio .624 25. utilizzato nell’esercizio .Valore netto contabile di cespiti alienati .Crediti .619 18.30 giugno 2011 -37.Debiti tributari 89.T. (utilizzo) fondi per rischi ed oneri e contributi c/to impianti Variazioni nelle attività e passività correnti: .Incremento/decremento immobilizzazioni finanziarie -73.241 51.30 giugno 2012 1 luglio 2010 .706 -16.R.856 -30.650 -60.749 -6.Accant.729 108.T.139 -70.247 -32.) nei conti cassa e banche Cassa e Banche all’inizio dell’esecizio Cassa e banche alla fine dell’esercizio -88.F.Acquisizione di immobilizzazioni tecniche .004 43.Assunzione (rimborso) di nuovi finanziamenti .000 4 50.866 -449.079 -94.107 -37.178 Bilancio d’esercizio al 30 giugno 2012 27 .680 -453.567 -2.R.980 - 400.000 50.Rendiconto Finanziario (flussi) (espresso in €) 1 luglio 2011 .198 12 -15.647 Flussi di cassa generati dall’attività operativa Flussi di cassa dall’attività di investimento: .050 216 2.211 9.362 Totale Flussi di cassa dall’attività finanziaria: .524 -7.793 34.419 -87.293 -10.987 totale -20.405 -76.Ratei e risconti passivi .477 4.Fornitori .Ammortamenti .258 3.Ratei e risconti attivi .Altre variazioni nei conti di patrimonio netto Totale Incremento (decr.854 82.Debiti diversi .F.405 Utile (perdita) d’esercizio Rettifiche relative a voci che non hanno effetto sulla liquidità: .516 51.617 11.715 totale 102.000 400.011 31.073 98.178 94.338 138.

.

Nota integrativa .

Conto Economico e Nota Integrativa. ai sensi di quanto disposto dall’art. Lgs 127/91. così come modificata dal D. nonché del Risultato Economico conseguito dalla Società nell’esercizio chiuso a tale data. il bilancio è stato integrato dal rendiconto finanziario. Per un’adeguata e completa comprensione della Situazione Patrimoniale e Finanziaria della FINANZIARIA REGIONALE FRIULI VENEZIA GIULIA FRIULIA S. aggiunte o adattamenti di voci.A. 30 . al 30 giugno 2011. Dati essenziali della FINANZIARIA REGIONALE FRIULI VENEZIA GIULIA FRIULIA S. si rinvia alla lettura del Bilancio che corredato dalla “Relazione” della Società di Revisione. Si informa che la Società. non è soggetta all’obbligo di redazione del bilancio consolidato. sono stati estratti dal relativo Bilancio per l’Esercizio chiuso al 30 giugno 2011. In nessun caso si è reso necessario applicare la deroga di cui all’art.2497 bis del Codice Civile.A.p. né vi è alcun elemento che ricada sotto più voci. 27 del D. è stato redatto secondo i criteri previsti dalla normativa civilistica. non sono stati effettuati raggruppamenti.p. esposti nell’allegato B richiesto dall’art.Criteri generali di redazione Prospetti contabili al 30 giugno 2010 La valutazione delle voci di bilancio è stata fatta ispirandosi a criteri generali di prudenza e competenza. I dati essenziali della FINANZIARIA REGIONALE FRIULI VENEZIA GIULIA FRIULIA S. 2423 4° comma del c.. Il bilancio.p. è disponibile nelle forme e nei modi previsti dalla Legge.A. c. Il bilancio consolidato di gruppo viene redatto dalla controllante Finanziaria Regionale Friuli Venezia Giulia FRIULIA S.p.A.p. Al fine di offrire una migliore informativa.. (100%) con sede in Trieste che esercita la direzione e il coordinamento su BIC Incubatori FVG S.A. 127/91 ed integrata dai Principi Contabili emessi dall’Organismo Italiano di Contabilità (OIC). Lgs. nella prospettiva di continuazione dell’attività. costituito da Stato Patrimoniale.

sia attivi che passivi. 72 del 19 marzo 1983 precisiamo che non sono state effettuate rivalutazioni monetarie. I criteri di valutazione adottati sono conformi a quelli previsti dall’art. I beni aventi un valore unitario inferiore a 516 euro. della competenza e nella prospettiva della continuazione dell’attività aziendale come disposto dall’art. ossia la quota di accantonamento di competenza dell’anno e la rivalutazione annuale del fondo preesistente. CREDITI DEL CIRCOLANTE I crediti sono stati iscritti al valore di presumibile realizzo.c. iscritte al costo. 2426 del c. sono stati ammortizzati completamente nell’esercizio in quanto hanno espletato la loro funzione utile nel periodo stesso. Per quanto concerne i crediti sono iscritti al valore di presumibile realizzo.PARTE A . interessi non maturati ed altre cause di minor realizzo.bis del c. previo consenso del Collegio Sindacale. e dai Principi Contabili emessi dal OIC. IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI Le immobilizzazioni immateriali erano state iscritte al costo d’acquisto inclusi gli oneri accessori. IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE Nell’ambito delle immobilizzazioni finanziarie le partecipazioni sono valutate con il metodo del costo. c. Bilancio d’esercizio al 30 giugno 2012 31 . ove necessario. Non si è ritenuto di procedere ad alcuna rivalutazione dei cespiti. adottando il criterio di valutazione temporale in conformità a quanto disposto dall’art. ovvero accreditati ad apposita riserva del patrimonio netto. acquisiti nel corso del periodo 1 luglio 2011 – 30 giugno 2012. rettificato dei rispettivi ammortamenti. TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO SUBORDINATO Nella voce trattamento di fine rapporto è stato iscritto il valore che i dipendenti avrebbero diritto a percepire in caso di cessazione del rapporto di lavoro alla data di chiusura del bilancio. risultano congrue rispetto al loro valore. sono determinate in conformità alle norme vigenti. Nella determinazione di tale costo si è tenuto conto delle spese accessorie sostenute al fine di avere la piena disponibilità del bene. economiche o deroghe ai sensi degli articoli 2423 e 2423 bis. inclusi gli oneri accessori direttamente imputabili. nel caso di contributi in conto esercizio. IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Le immobilizzazioni materiali sono state iscritte in base al criterio generale del costo di acquisto o di produzione.CRITERI DI VALUTAZIONE La valutazione delle poste di bilancio è stata effettuata secondo i principi della prudenza. in sospensione d’imposta. 10 legge n. . sino al 31 dicembre 1992. Con specifico riferimento alle singole poste che compongono lo Stato Patrimoniale ed il Conto Economico. RATEI E RISCONTI ATTIVI E PASSIVI I ratei ed i risconti.c. Il suddetto valore è stato poi rettificato dei rispettivi ammortamenti calcolati in maniera sistematica in relazione alla loro residua possibilità di utilizzazione. vengono esposti qui di seguito i criteri adottati per la loro valutazione. Non sono state effettuate ulteriori svalutazioni in quanto le immobilizzazioni. Il valore di iscrizione in bilancio è determinato sulla base del prezzo di acquisto o di sottoscrizione. Ai sensi dell’art. sono stati iscritti nelle rispettive voci nel rispetto del principio della competenza. sconti e abbuoni. 2423 . DEBITI I debiti sono iscritti al loro valore nominale. ossia al valore nominale del credito rettificato. per tenere conto delle perdite dovute ad inesigibilità. rettifiche di fatturazione.. qualora si trattasse di contributi in conto capitale. rettificato delle eventuali perdite durevoli di valore come disposto dall’art. 2426 del c. CONTRIBUTI DA ENTI PUBBLICI I contributi da enti pubblici. Le indennità di anzianità costituenti la suddetta voce. furono sempre accreditati al conto economico in base a delibera.

sono da riferirsi per la colonna di sinistra all’esercizio in corso e per la colonna di destra all’esercizio precedente. c. ovvero al presumibile valore dell’impegno stesso.bis 6° comma del c. degli oneri e dei proventi avviene nel rispetto dei principi della competenza temporale e della prudenza. Si passa ora ad illustrare le principali voci dello Stato Patrimoniale (parte B) e del Conto Economico (parte C) i cui importi. CONTI D’ORDINE Le garanzie concesse e gli impegni assunti sono rilevati nei conti d’ordine sulla base del valore contrattuale ove esistente. mentre si tiene conto dei rischi e delle perdite anche se conosciuti dopo la chiusura dello stesso. tutti espressi in euro. Pertanto gli utili vengono rilevati solo se realizzati alla data di chiusura dell’esercizio. ACCERTAMENTO DEI COSTI E RICONOSCIMENTO DEI RICAVI La rilevazione dei costi e ricavi. 32 .2424 ..

Concessioni.2011 2. marchi e diritti simili si riferiscono a licenze software e risultano totalmente ammortizzati.06.416 2.06.33 7.2012 30. L’iscrizione dei costi d’impianto ed ampliamento era avvenuta previo consenso del Collegio Sindacale. l’aliquota utilizzata per l’ammortamento la seguente: Categoria Aliq. amm. 1. ossia 3 anni.043. dismesso e riconsegnato al proprietario al 31 dicembre 2010. erano costituiti principalmente da migliorie all’impiantistica del fabbricato e risultavano totalmente ammortizzati già al 30 giugno 2010.561 I) Immobilizzazioni immateriali Attivo I) Immobilizzazioni immateriali 30. marchi e diritti simili I costi per concessioni.2011 - - Le immobilizzazioni immateriali risultano ammortizzate per il 100 % del loro costo storico. licenze.DETTAGLI PATRIMONIALE B) IMMOBILIZZAZIONI Attivo Immobilizzazioni DELLE VOCI DI STATO 30.062.to % Licenze 33. Gli investimenti relativi al centro.2012 30. Categoria Costi di impianto ed ampliamento Aliq.to % 20.06.06. Bilancio d’esercizio al 30 giugno 2012 33 . licenze. I suddetti costi sono stati ammortizzati sulla base del periodo più breve tra la scadenza del diritto e il previsto periodo di utilizzo. amm.Corte Europa.PARTE B . Costi di impianto e di ampliamento I costi d’impianto ed ampliamento si riferiscono alle spese di costituzione e agli oneri derivanti dagli aumenti di capitale sociale effettuati nel corso della vita della Società. realizzati sull’immobile di proprietà del Comune. Altre Investimenti su immobili di terzi Gli investimenti su immobili di terzi riguardavano l’immobile detenuto dalla Società e utilizzato per ospitare il Centro di Spilimbergo . Al 30 giugno 2012 i costi di impianto ed ampliamento risultano totalmente ammortizzati.00 4.

c.694 2. acquisiti nel corso del periodo. Rivalutazioni Riclass.010.045.730 - - - - VALORE NETTO AL 30. punto 2 del c.2012 - - II) Immobilizzazioni materiali II) Immobilizzazioni materiali 30. I beni aventi un valore unitario inferiore a 516 euro.760 - - - - - - - - - - - 24.5%.030 . Le aliquote utilizzate sono le seguenti: 34 . sono stati ammortizzati completamente in quanto hanno terminato la loro vita utile nel periodo stesso. Immob.2012 30.2012 Costo storico Rivalutazioni Fondo svalutazioni Amm.ni in corso e acconti Altre Totale licenze e marchi 157. Si rammenta che nell’esercizio 1996 l’aliquota di ammortamento della categoria fabbricati industriali fu ridotta all’1.760 - - -157. Si evidenzia che tale categoria risulta già ammortizzata per 743. Svalutazioni/minusv./Decr.06..euro. cespite Dismissioni Ammortamento Incr. sulla base di aliquote ritenute rappresentative della vita utile economico-tecnica stimata dei cespiti ed adottate anche nell’esercizio precedente.730 - - - - - - - - 182.730 -182.06. Fondo amm. ridotti al 50% per i beni acquisiti nel periodo.06. diritti di utilizzazione opere ingegno Concessioni Avviam.06.MOVIMENTAZIONE DELLE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI E DEI RELATIVI AMMORTAMENTI Nella tabella che segue sono esposti i movimenti delle immobilizzazioni in aderenza a quanto disposto dall’art.970 - - -24. così da rendere il valore netto del cespite congruo alla sua vita utile residua.to accumulato Valore netto VARIAZIONI ESERCIZIO Acquisizioni Riprese valore cesp.970 - - - - - - - - - - 182.2011 Costo storico Rivalutazioni Svalutazioni Amm.520 Nel corso del periodo non è stata effettuata alcuna rivalutazione delle immobilizzazioni.760 - - - - - - - - - - 24. pari al 36. 2427 1° comma.to Decremento fondo sval. L’impiantistica relativa al fabbricato è stata imputata. in singole categorie autonome ed ammortizzata sulla base della loro vita utile residua.2011 2. VALORI AL 30. Immobilizzazioni Immateriali VALORI AL 30.06.970 - - - - - - - - - - - - - 182. Gli ammortamenti imputati al conto economico sono stati calcolati in modo sistematico e costante..970 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - 157. fin dall’origine.730 - -24.to accumulato Costi di impianto e ampliamento Costi di pubblicità e R&S Brev.760 - - -157. Le suddette immobilizzazioni sono state ammortizzate tenendo conto della loro residua possibilità di utilizzazione.21 % del costo storico e rappresenta quasi esclusivamente le strutture murarie del fabbricato.

Amm.886 - - 2.979.06.425. comma 345.50% 15.921.520 5.00% 20.00% aliquota 15.346 - - - - - - - - - - - - - 73. gode dell’agevolazione prevista dalla L.583 206.00% aliquota 12.045.753 477.934 - - - - - - - - 4.166 16. da ripartire in Bilancio d’esercizio al 30 giugno 2012 35 .00% 12.990.891 222.011 4. impianto sicurezza impianto rete dati attrezzatura mensa mobilio arredi opere in verde attrezzatura varia aliquota aliquota aliquota aliquota aliquota aliquota aliquota aliquota aliquota 1.293 1.198 4.50% 15.583 Terreni e fabbricati IMMOBILIZZAZIONI Fabbricati industriali Impianti e macchinario MATERIALI Attrezzature industriali e E Altri beni DEI Immob.309 - 3. e F.do Svalutazioni Svalutazione VALORI AL 30.ni in corso e acconti RELATIVI Totale civili commerciali 2.021 478.00% MOVIMENTAZIONE DELLE FONDI AMMORTAMENTO Immobilizzazioni Materiali VALORI AL 30.737 - - - - - - - 2.296.do amm.2012 Costo storico Rivalutazioni Svalutazioni Fondo Ammortamento VALORE NETTO AL 30.326 - - - - - 66.886 -947.359 10.161 - - - - 206.010.309 -1.00% 15.030 -1.286 27.00% 7.00% aliquota aliquota 10.333.309.2012 206.583 - - - - - - - - - - - - - -712.06.280 -16.694 Nessuna cespite è gravato da vincoli derivanti da ipoteca o privilegio.N.000 - - - - - - - - - - - - - - - -743.to ord.872 - 67. del 27 dicembre 2006 n. cespite Dismissioni Ammortamento Contributi Utilizzo F.525 16.875.052.014.179 1.051 1. e consistente nella detrazione d’imposta del 55% delle spese sostenute.06.492.309 - 3. % fabbricati industriali impianto termosanitario impianto elettrico impianto rilevazione presenze mobili e macchine ordinarie d’ufficio macchine d’ufficio elettroniche e elettr.00% 25.309 -1. Nella categoria “Fabbricati industriali” dall’investimento L’investimento relativo alla coibentazione e conseguente rifacimento delle coperture del fabbricato di proprietà di via Flavia – Trieste.00% 15.359 108.046. ai fini del risparmio energetico.346 - - - - - - - - - - - - - - - - 30.340 - 4.00% 30.812 -199.204 16.583 - - 206.Categoria Aliq.641 2.239 -16.565 226.306 1.687 -205.2011 Costo storico Rivalutazioni Svalutazioni Fondo Ammortamento Valore netto VARIAZIONI ESERCIZIO Acquisizioni capitalizzazioni Riprese valore Rivalutazioni Riclass.

Ditenave Scarl Sede Trieste Via Weiss.40 % e la categoria “altri beni” del 100%.041 1.5 anni.r. 2427 del Codice Civile si attesta che sulle partecipazioni esistenti nel patrimonio della Società al 30 giugno 2012 non è stata mai operata alcuna rivalutazione economica o monetaria. Per la movimentazione delle partecipazioni in imprese collegate e altre vedasi anche l’ allegato A).85% 12.21%. 20 Nota 1: dati bilancio al 31 dicembre 2011 Nota 2: società costituita il 18 giugno 2012 Ai sensi dell’art.2012 32. Risultato Note % Valore di bilancio netto d’esercizio posseduta ALTRE IMPRESE Denominazione Consorzio MIB Aria S.000 12.06. L’intero portafoglio delle partecipazioni è stato acquistato con fondi derivanti dai mezzi propri.2011 17.545 1. I decrementi nella categoria “Attrezzature Industriali e commerciali” sono determinati dalla dismissione e conseguente cessione e radiazione di mobilio.l.708 284 1 35.l.00% 2.820 150.000 94. Soc. Soc. 12 13. Patrim.270 150.00% 4.000 Cap. 36 .euro. Patrim. Al 30 giugno 2012 il fabbricato industriale risulta complessivamente ammortizzato nella misura del 36.70% 15. Sede Trieste Via del Follatoio.-. arredi e sedute incluse nella categoria stessa. L’incremento nella categoria “Impianti e macchinari” registra l’ampliamento dell’impianto fotovoltaico installato sul tetto dell’edificio di via Flavia.714 18.06. 15 Spilimbergo Monfalcone 122.722 30. Partecipazioni Il valore netto delle partecipazioni è di euro 31.312.97%. Risultato Note % Valore di bilancio netto d’esercizio posseduta via Cosulich.164 - 1 1 2 1. Alla stessa data non risultano beni di proprietà della Società presso terzi. gli impianti e macchinari mediamente del 67. le attrezzature industriali del 92. III) Immobilizzazioni finanziarie III) Immobilizzazioni finanziarie 30. La svalutazione della partecipazione nel Consorzio MIB.r.107 63. è stata positivamente adeguata in considerazione dell’andamento della società.274 41. Elenco delle partecipazioni al 30/06/12 Dati desunti dal bilancio dell’esercizio precedente IMPRESE COLLEGATE Denominazione Consulting Services S.000 14. entro il massimale di 60. opportunamente adeguata nell’esercizio 2009/2010 per perdita di valore. 10 della legge 19 marzo 1983 n. Non è stata eseguita alcuna capitalizzazione di oneri finanziari sul costo delle immobilizzazioni acquistate nell’esercizio.079 6. massimale raggiunto nel caso dell’investimento specifico.000. 72 e dell’art..519 Cap.

2012 30.097 46.713 -168.410 Gli “Altri crediti” rappresentano i depositi cauzionali relativi agli allacciamenti elettrici.2012 30.2012 30.410 1.06.410 - 1. alienati all’inizio dell’esercizio.695 431. Verso clienti Crediti per fatture emesse Crediti per fatture da emettere Totale (F.804 1.2011 - 694 Trattavasi di titoli obbligazionari Mediobanca. 3.2 verso altri – esigibili oltre l’esercizio successivo oltre l’esercizio successivo (Fondo svalut.420 196. Bilancio d’esercizio al 30 giugno 2012 Il “Fondo svalutazione crediti di natura specifica” ammonta a euro 982.2011 564.2012 30. 37 .2012 30. Crediti d. .06.410 1.06.517 -982 195.06.604 704.do svalutazione) Valore netto 30.2011 - - II) Crediti Attivo Crediti 30.514 263.321 70.06.003 Vi informiamo che l’intero ammontare rientra nella categoria dei “crediti esigibili entro l’esercizio successivo”.2012 30.06.06.2011 1.06.2011 126. Crediti) Valore netto 30. altri titoli Attivo Altri Titoli 30.2.06.06.2011 658.982 I) Rimanenze Attivo Rimanenze 30.374 385. C) ATTIVO CIRCOLANTE Attivo Attivo circolante 30.06.06.185 653.-.

610 5.655 1.514 -168. In relazione ai “Crediti verso clienti” le seguenti aziende insediate hanno prestato cauzione a favore della Società: Azienda importo AGIRE ENGYS EUROSEN EXACT LAB GEOTECHNOS GK PROJECT GPQ NORTHERN STAR QNET QSM SPRIN TEKNODATA 3.368 500 Totale 43. 38 .Movimentazione del fondo Saldo all’inizio dell’esercizio Variazione nell’esercizio Accantonamento dell’esercizio Saldo alla fine dell’esercizio 30.747 600 12.514 982 982 L’utilizzo del periodo si riferisce a posizioni datate delle società Testability.153 60.900 786 550 3.835 10.517 9. Avalon. assicurando così la sua congruità rispetto alle singole posizioni creditizie.000 1.2012 168. Talent e Biostrand per le quali si sono realizzati gli elementi certi e precisi della loro irrecuperabilità e alla dichiarazione di fallimento della società Unitech.104 3.340 1.615 4.530 Totale Si precisa che non vi sono crediti con esigibilità prevista oltre i cinque anni. Biofutura.800 25.760 8. Il fondo è adeguato.06.392 Al 30 giugno 2012 risultano concesse a favore della Società le seguenti fideiussioni bancarie o di terzi a garanzia degli adempimenti per gli obblighi contrattuali delle aziende associate: Azienda ALTRAN AZIENDA AGRICOLA IL PUCINO ECOTREND EUFOTON INNOVA MQUADRO NEALYS P&C REAL TIME ENVIROMENT Istituto di Credito/Assicurazione Unicredit Liguria Assicurazioni Cassa di Risparmio FVG Eurofidi & Servizi Integrati Banca Popolare di Vicenza Milano Assicurazioni Allianz Lloyd Adriatico Unicredit Assicurazione Cattolica importo 1.735 2.727 620 4.

2011 - - 4.06.295 Trattasi di crediti derivanti dal consolidamento fiscale.440 Crediti per contributi Interreg Italia Austria TRI ICT - 52.Progetto Proincor” – rappresentano il finanziamento delle attività di progetto svolte nel corso dell’esercizio 2011 . Il Gestore Servizi Energetici.024 11.do svalutazione) Valore netto 30. completato negli ultimi mesi dell’esercizio precedente sono stati regolarmente incassati.2011 5.115 1. I “Crediti per contributi Central Europe .06. Verso imprese collegate Attivo Verso Imprese Collegate 30.06.Progetto TRI ICT”.2012 30. 4.869 60.energia fotovoltaica Crediti per contributi KIS4SAT Cr. a causa di un errore nell’invio dell’istanza da parte del fornitore non ha riconosciuto tali contributi che sono stati portati a sopravvenienze passive.2012 30.2011 - - 5.2012 30.06.ter Imposte anticipate Imposte anticipate 30. 39 .005 260. Verso altri entro l’esercizio successivo Crediti per contributi Central Europe progetto Proincor Crediti per contributi GSE .06.bis Crediti tributari Crediti verso l’Erario per IVA Crediti verso l’Erario per imposte dirette Crediti verso l’Erario per altri Totale 30.3.22-bis) si rimanda a quanto esposto in Relazione alla gestione.584 I “Crediti per contributi Interreg Italia Austria . Verso controllanti Fatture emesse Fatture da emettere Crediti per consolidamento fiscale (F. Ai sensi dell’articolo 2427 n.06. costituiti dalla cessione di ritenute subite e perdite fiscali realizzate.06.426 89.496 40.2012 30. verso ex controllante Invitalia per consolidato fiscale Altri Totale 30. che ha registrato lo svolgimento delle due diligence tecnologiche alle PMI coinvolte. I “Crediti per contributi GSE – energia fotovoltaica” erano stati stimati in funzione della tariffa incentivante all’epoca prevista.321 270.2012.2011 200. costituiti dal cofinanziamento delle attività Bilancio d’esercizio al 30 giugno 2012 conclusive di progetto.256 122.971 - 92.2011 - - 92.496 - - 40.115 6.446 305 171 5.971 28.2012 30.06.517 167 68.06.06.467 - 167 68.922 4.

venutosi a creare nel corso dell’esercizio verso la precedente controllante Invitalia e derivante dalla cessione delle perdite degli esercizi precedenti e dal loro parziale utilizzo. di noleggio. telefonici.178 I “Depositi bancari e postali” sono costituiti esclusivamente da disponibilità sui conti correnti bancari liberi. Il credito per consolidato fiscale.596 14.06. ammonta a 68. IV) Disponibilità liquide Depositi bancari e postali Assegni Cassa Totale 30.419 51.2012 30. Si precisa che non vi sono crediti con l’esigibilità prevista oltre i cinque anni.044 134 - 94. manutenzioni e abbonamenti relativi all’esercizio successivo.719 I ratei attivi rappresentano i conguagli dei consumi relativi al periodo da addebitare alle aziende ospitate negli incubatori. Tutti i ratei e i risconti.2011 646 16.115 euro.2011 94. 40 . La voce risconti attivi comprende i pagamenti anticipati di servizi.2012 30.242 35.162 257 51. sia attivi che passivi hanno durata inferiore a cinque anni. la variazione rispetto l’esercizio precedente rappresenta l’importo incassato nel corso dell’esercizio. assicurazioni. Si precisa che non vi sono crediti con l’esigibilità prevista oltre i cinque anni. ammonta a 68.06.956 17.06. D) Ratei e risconti attivi Ratei attivi Risconti attivi Totale 30.Il credito per consolidato fiscale verso la precedente controllante Invitalia e derivante dalla cessione delle perdite degli esercizi precedenti e dal loro parziale utilizzo nei periodi precedenti. nel corso dell’esercizio non è stato erogato alcunché da parte della precedente controllante.763 20. IMU.115 euro.06.

L’assemblea ordinaria degli Azionisti del 22 maggio 2009 aveva deliberato di ripianare la perdita dell’esercizio 2008.738.725.06.494 azioni senza valore nominale.2012 30.556 1..per un totale di 1. alla riserva legale.405 a nuovo.744 - - - - A.06.06. Al 31 dicembre 2007.-.750.760.523 - - - - - - 1.892 12.e. la “Riserva sovrapprezzo azioni”.679 euro a copertura delle perdite dell’esercizio precedente e di rimandare il residuo a nuovo.e le perdite degli esercizi precedenti rimandate a nuovo.405 Variazioni dell’esercizio 50.741 812 2 -25. B- - - - - 812 - 11. pari a euro 1.700.. pari a 812 euro.987 Il capitale sociale.523. Si informa che: L’Assemblea Straordinaria degli Azionisti del 18 giugno 2012 aveva deliberato di aumentare il capitale sociale di euro 50.881 1.741.2011 1. ridotto così a 1.728.987 Valore netto al 30.PASSIVO A) PATRIMONIO NETTO Passivo Patrimonio Netto 30. B - A.528. 3.000.528 - 9.2011 1. di euro 560. Riepilogo delle utilizzazioni effettuate nei tre esercizi precedenti Natura/descrizione Importo Possibilità di Quota per coperture per distribuz. in data 19 giugno 2012 è stato registrato il versamento dell’aumento. pari a 208.775..556 - 1.2012 1.051 C= per distribuzione ai soci Bilancio d’esercizio al 30 giugno 2012 41 . derivante dall’eccedenza del patrimonio netto contabile della società incorporata rispetto al valore nominale delle nuove azioni emesse dalla incorporante.661 9.051 mediante il totale l’utilizzo della riserva legale di euro 9.405 11.718.760.405 37.987 1.744 12. L’Assemblea Ordinaria degli Azionisti del 18 ottobre 2011 aveva deliberato di rinviare la perdita dell’esercizio 2010/2011. 2011 e prec. rappresentava l’avanzo di concambio della fusione avvenuta nel 2002. L’Assemblea Ordinaria degli Azionisti del 18 ottobre 2010 aveva deliberato di destinare l’utile per il 5%.775. al 30 giugno 2012.405.000 - - - - - - - 9. portandolo così a euro 1. pari a euro 37. è composto da 667.728.519.euro.744 -37.646.775. per la differenza.405 1.881 - 59.725.741 - 812 -37. utilizzazione disponibile perdite dividendi Capitale sociale Riserve di capitale Riserva sovrapprezzo azioni Riserve di utili Riserva legale Altre riserve Perdite a nuovo Utili portati a nuovo Totale di cui quota non distribuibile di cui quota distribuibile A= aumento di capitale B= copertura perdite 1. - - - - - - - -37.700.741 - - 812 - - 2 11.06..894 Destinazione risultato es.108. mediante la riduzione del capitale sociale di 1.741 euro.894 MOVIMENTAZIONE DEL PATRIMONIO NETTO Capitale Riserva sovrapprezzo azioni Riserve di rivalutazione Riserva legale Riserva di azioni proprie Riserve Statutarie Altre riserve Risultati esercizi precedenti Risultati dell’esercizio Totale Valore netto al 30.

000 euro. per il periodo tra il 25. pari a euro 42.05.06. tutte da realizzare sull’incubatore di Trieste..l. 42 ..2012 30.). Altri Fondo Rischi riorganizzazione .B) FONDI PER RISCHI ED ONERI Attivo Fondi per Rischi ed Oneri 30.p.euro. Il giorno 27 marzo 2009 era stata notificata alla Società l’azione revocatoria del Tribunale di Padova in relazione all’ammissione in Amministrazione Straordinaria della Finmek Space S. Il legale si è dichiarato ottimista. Residuando solo alcune piccole manutenzioni.000.000 5.000 169.2012 30.523 euro ed essendosi chiusa la controversia con l’archiviazione della pratica.2004 per un totale di euro 57. Il “Fondo rischi ambientale” era stato utilizzato per 11. La prossima udienza è fissata al 18 settembre 2013 ai fini della precisazione delle conclusioni.073 Il “Fondo rischi riorganizzazione .r.2012 30. Non essendo programmati altri interventi. relative alla verifica e certificazioni di alcuni quadri elettrici stimata in 3.p. il residuo è stato stornato alla voce altri ricavi.200.692 70.-.000 59.06. venendo quindi meno la ragione della sua esistenza.000 - - 37. il residuo.2011 - 70.A.oneri futuri Fondo Rischio revocatoria Finmek Space Fondo Future manutenzioni immobile Fondo Rischi restituzione penali Fondo Rischi ambientale Totale 30.oneri futuri” era stato appostato negli esercizi precedenti e adeguato il 30 giugno 2009. è stato stornato e l’ammontare contabilizzato nella voce altri ricavi. Al 30 giugno 2009 si era provveduto ad adeguare il relativo fondo rischi con la copertura delle spese legali.043.874 è stato stornato alla voce altri ricavi.2003 e il 25.p. Al 30 giugno 2009 si era provveduto ad appostare un “Fondo Future Manutenzioni Immobile” mediante un accantonamento di 110. Nel corso di un esercizio precedente venne costituito il “Fondo rischi ambientale” – per 12.06.073 2. Venendo meno la ragione della sua esistenza. anche differite Totale 30.ai fini di fronteggiare i costi e i potenziali addebiti derivanti da un’infrazione accertata dall’Arpa FVG.000 euro e della sostituzione di alcune batterie di dispositivi di segnalazione acustica per ulteriori 2..euro . venendo meno la ragione della sua esistenza. e comunque contestata dalla Società-.419 1..2011 - - - - 3. La revocatoria fallimentare ha previsto la revoca dei pagamenti fatti dalla società in favore di BIC Incubatori FVG S.A. già Equipe S.419 e. anche differite Per imposte.A. Al 1° luglio 2011 il fondo ammontava ancora a euro 59.06.05. Nel dicembre 2011 si è rilasciata testimonianza sui fatti al giudice incaricato presso il Tribunale di Padova.06. Per imposte.962 75. è stato utilizzato ai fini delle manutenzioni per il quale era destinato per un valore pari a 11. (già Telital Automotive S.000 169. nel corso dell’esercizio.545.06.2011 75.euro in previsione di manutenzioni ed adeguamenti –.

983 705.2012 30.497 54.405 -817 -75.004 53.185 Movimentazione trattamento di fine rapporto di lavoro subordinato 30. D) DEBITI Debiti 30.092 Non sono presenti debiti assistiti da garanzie reali.C) TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO Trattamento di Fine Rapporto 30.132 414.153 405. Debiti verso fornitori Debiti verso fornitori per fatture ricevute Debiti verso fornitori per fatture da ricevere Totale 30.06. tenuto conto delle retribuzioni. nel rispetto degli obblighi contrattuali e di legge in materia.2011 710.2011 172.376 125.06.06.092 6.501 2.2012 30.06.350 Trattasi di anticipi ricevuti da clienti.297 33.511 Gli smobilizzi registrano l’anticipazione concessa ad una dipendente e la liquidazione del trattamento di fine rapporto relativa alla cessazione di due rapporti di lavoro continuati successivamente con la Capogruppo.330 18.558 705.06.864 710.185 31.350 106.021 118.511 217.2011 - 118. dell’anzianità di servizio e dei diritti acquisiti a tale data.2012 30. a norma dell’articolo 2120 del Codice Civile.06.111 53. L’ammontare finale al 30 giugno copre tutte le spettanze maturate a questo titolo dal personale dipendente.2011 - 1.788 147.262 172.501 106. 7.954 23.06.2012 30.132 Bilancio d’esercizio al 30 giugno 2012 43 .2012 30. Debiti per acconti Debiti per acconti Totale 30.2011 64.2012 Saldo all’inizio dell’esercizio Accantonamento dell’esercizio (imposta sostitutiva) (Smobilizzi) Saldo alla fine dell’esercizio 217.922 17.06.558 1.06. Debiti per acconti Debiti verso fornitori Debiti verso imprese collegate Debiti verso imprese controllanti Debiti tributari Debiti verso enti previdenziali Altri debiti Totale alla fine dell’esercizio 30.06.06.350 - 1.

330 33.06. 10. sono state regolarmente versate entro i termini di legge.C.06.922 414.06.954 Le ritenute su redditi di lavoro autonomo e dipendente operate.153 - 2. Debiti verso controllanti Fatture ricevute Fatture da ricevere Totale debiti entro 12 mesi Debiti per finanziamenti .2011 - 2. 12.06.06.000 14.153 - 11.06.297 14.oltre 12 mesi Totale debiti oltre 12 mesi Totale 30. I debiti per finanziamenti sono costituiti dal debito contratto con la capogruppo ai fini della copertura dei fabbisogni derivanti dalla realizzazione della coibentazione del tetto del fabbricato di via Flavia – Trieste.IRAP Verso l’Erario per IVA Verso l’Erario per ritenuta alla fonte Altri debiti tributari Totale 30.2011 5. Non sono presenti debiti con durata superiore ai 5 anni.283 5.783 21.2012 30.143 474 11.I debiti verso fornitori sono tutti a scadenza entro l’esercizio. Non sono presenti debiti assistiti da garanzie reali. al fine del risparmio energetico e dall’acquisizione dell’impianto fotovoltaico installato sul tetto del fabbricato di proprietà. Gli altri debiti tributari sono costituiti dal saldo dell’IMU e dal saldo Tarsu.2011 904 - 11.297 400. Non sono presenti debiti con durata superiore ai 5 anni. ai sensi 2467 e 2497 quinquies C.2012 30.000 405.297 I debiti per fatture ricevute al 30 giugno 2012 derivano dal riaddebito effettuato dalla controllante dei costi assicurativi a copertura del rischio responsabilità civile degli organi sociali. è postergato rispetto alla soddisfazione degli altri creditori.922 - 5. Debiti verso le imprese collegate Debiti verso imprese collegate Fatture da ricevere Totale 30.000 400.922 400.2012 30..000 400. I termini di pagamento sono sostanzialmente invariati rispetto all’esercizio precedente. Il finanziamento ricevuto dalla società che esercita attività di direzione e coordinamento. 44 . Debiti tributari Per imposte correnti .697 17.

788 23. Debiti verso Istituti di previdenza e di sicurezza sociale Debiti verso istituti di previdenza Totale 30. telefoniche e del servizio internet.06.018 - 312 11.06. dalla banca ore.13. le cauzioni a garanzia (41.06.236 147.720 euro).06.06.2011 76. 14.06.06.2011 312 - 11. PREVINDAI.486 euro). I “Debiti diversi” registrano i debiti verso i sindaci (14.2011 - - - - Bilancio d’esercizio al 30 giugno 2012 45 .693 13.376 I debiti verso enti previdenziali si riferiscono al debito verso l’INPS. Conti d’ordine Conti d’ordine Totale 30. da competenze non liquidate e altre minori.2012 30. Altri debiti Debiti verso dipendenti Decimi da versare Debiti diversi .376 18.983 Il “Debito verso i dipendenti” é costituito dal fondo ferie non usufruite.797 950 39. PREVIRAS e l’INAIL.864 125. e altri minori.2012 30.2012 30.671 85.06.018 La voce ”Ratei passivi” è costituita dall’accantonamento dei consumi delle utenze energetiche.2011 18. E) RATEI E RISCONTI PASSIVI Ratei passivi Risconti passivi Totale 30.rimborsi spese Debiti diversi Totale 30.500 - 57.788 23.2012 30.

processi e servizi a vantaggio delle PMI regionali.152 La voce “Altri ricavi e proventi” registra principalmente i riaddebiti del costo del personale distaccato e dei costi correlati presso la controllante Friulia e la consociata Friulia SGR per un totale di euro 130.to es. 5.011 424. le riduzioni dei fondi rischi per 81. e più specificatamente alla promozione della business community TRI ICT nei confronti dei principali lead users di tecnologie e servizi ICT e potenziali investitori italiani e austriaci. Lakeside Labs e le Università di Udine. oltre a BIC Incubatori FVG S.710 157. Trieste e Klagenfurt.516 2. GSE energia fotovoltaica Contributi c.648 105.to es. Altri ricavi e proventi Altri ricavi e proventi Contributi in conto esercizio Totale 2011/2012 2010/2011 237.333 2011/2012 2010/2011 539. oramai conclusosi.960 La riduzione dei ricavi risente della chiusura dell’incubatore di Spilimbergo. L’attività svolta riguardava sostanzialmente.627 221. il Parco Tecnologico di Lubiana.611 171.Riaddebito costi per utenze Totale 368. I “Contributi in conto esercizio” sono così costituiti: Contributi c.670 - - 867 59.622 645. Commessa INTERREG IT .027. all’organizzazione di incontri tra imprese e alla partecipazione agli eventi di diffusione dei risultati di progetto. Totale 2011/2012 2010/2011 - 156.to es.to es. Ricavi delle vendite e delle prestazioni Ricavi per prestazioni: .608 157.247 381.112 1.to es. erano: Friuli Innovazione (Lead Partner). alla guida operativa sui servizi alle PMI. la promozione della 46 .537 202.179 167 11. Il Progetto “Tri-ICT” aveva come obiettivo principale la promozione dell’offerta delle PMI del Friuli Venezia Giulia e della Carinzia in settori ad alto impatto e crescente domanda di prodotti innovativi e servizi ICT.A.Corte Europa è stato riconsegnato al Comune.INFORMAZIONI SULLE VOCI DI CONTO ECONOMICO A) VALORE DELLA PRODUZIONE Valore della Produzione 2011/2012 934.034 179.869 2010/2011 1.p.AU Contributi c. I “Contributi in conto esercizio Commessa Central Europe PROINCOR” si riferiscono al progetto ideato e promosso dalla Società.243 euro in quanto i rischi non sono più attuali.537 179. il Bautzen Innovation Centre. Commessa KIS4SAT Contributi c. avvenuta al 31 dicembre 2010.Canoni incubatore . Commessa Central Europe PROINCOR Contributi c. Il progetto “Proincor” ha tra i suoi obiettivi principali la diffusione e l’applicazione della conoscenza nei nuovi prodotti.Austria DOCUP 2007-2013. in collaborazione con altri 9 soggetti. tra i quali il BIC Frankfurt.-. alla redazione e alla pubblicazione del documento strategico sullo sviluppo delle Smart Cities in area transfrontaliera. i contatti e primi interventi di audit tecnologico alle imprese regionali. proprietario dell’edificio. plusvalenze da alienazione cespiti e altri ricavi diversi. I partner principali di Tri-ICT.609. decontribuzione oneri soc.118 395. L’immobile utilizzato per ospitare l’incubatore di Spilimbergo .118 I “Contributi in conto esercizio Commessa INTERREG IT-AU” si riferivano alle attività svolte nell’ambito del Progetto “Tri-Ict” Programma INTERREG IV Italia .PARTE C .

475 1.cancelleria . In data 24 agosto 2012 il GSE ha comunicato formalmente alla Società di aver valutato positivamente la richiesta di agevolazione. di consumo e merci Costi di acquisto: . previsti dai singoli progetti ed approvati dagli enti preposti in sede di gara.570 340.934 Sono costituiti dal canone di locazione delle apparecchiature fotocopiatrici a disposizione delle aziende ospitate nell’incubatore di Trieste.600 21.963 187.703 3.953 22.300 6. 8.415 5.881 39. vigilanza e manutenzione giardino Canoni e spese di manutenzione e riparazione Altri Totale 2011/2012 2010/2011 146. Nel corso dell’esercizio.materiali di consumo Totale 3.353 6. si è provveduto a far riconoscere al fornitore la sua responsabilità ed ottenere il risarcimento del danno mediante ampliamento dell’impianto e nuova comunicazione al GSE.473 6. Per servizi Utenze Assicurazioni Legali.124 7. i costi postali. successivamente non riconosciti a causa di un ritardo di comunicazione al GSE di responsabilità del fornitore dell’impianto. B) COSTI DELLA PRODUZIONE Costi della Produzione 2011/2012 2010/2011 1.770 6.782 1.877 27.500 18. notarili e consulenze Revisione e certificazione Costi audit Emolumenti e rimborso spese al Consiglio di Amministrazione Compensi e rimborso spese al Collegio Sindacale Costi.156 36.956 La voce “Utenze” rappresenta sostanzialmente il costo delle utenze erogate alle aziende ospitate nei Centri e rifatturato alle stesse. sussidiarie. le spedizioni.555 32.811 6. consulenze e prestazioni di terzi su commesse Spese di pubblicità e promozione Spese di pulizia.117 27. avvenuta al 31 dicembre 2010 e dal cambio di gestore telefonico.473 389. Bilancio d’esercizio al 30 giugno 2012 La voce “Altri” rappresenta i costi per i trasporti.385 23.057.902 801 1.124.508 7.184 6. la partecipazione agli incontri di partenariato di progetto.864 14. le spese bancarie e altri. La riduzione deriva dalla chiusura dell’incubatore di Spilimbergo.931 21.864 7. L’incremento della voce “Costi.cooperazione tra imprese e centri per l’innovazione partecipanti al progetto.291 30. Per materie prime.934 1.461 - 25. Per godimento beni di terzi Locazioni Totale 2011/2012 2010/2011 1. 47 . ottenendo così la sanatoria anche per il precedente.782 1. consulenze e prestazioni di terzi su commessa” registra i costi di diretta imputazione alle commesse. le analisi politiche per l’innovazione nelle regioni partecipanti.280 2011/2012 2010/2011 4. I Contributi in conto esercizio GSE si riferivano ai contributi previsti per la produzione di energia elettrica dall’impianto fotovoltaico installato sull’edificio di via Flavia.844 1.

793 - 108.405 393.247 498.145 45.171 31.671 115.436. dalle quote associative derivanti dall’iscrizione a Confindustria Trieste e all’EBN e da altri oneri minori.ni immateriali b) Ammortamento delle imm. dalle spese fiscalmente indeducibili.139 34.236 Il decremento della voce deriva dalla variazione nel numero dei dipendenti registrata nel corso dell’esercizio.065 529.223. 48 . ICI/IMU).euro.031 556. Gli “Oneri diversi” sono costituiti dalle perdite su crediti.659 - 32.ni materiali e immateriali d) Svalutazioni dei crediti compresi nell’attivo circolante e delle disponibilità liquide Totale 982 2011/2012 2010/2011 - 108. Per il personale Salari e stipendi Oneri sociali Trattamento fine rapporto Totale Altri costi Totale 2011/2012 2010/2011 350.-euro) ed indeducibili (30. ll contratto adottato dalla Società è il contratto della precedente Controllante.486 36.348 29.793 Le quote di ammortamento rappresentano l’onere a carico dell’esercizio derivante dall’utilizzo dei singoli cespiti e sono determinate in funzione delle aliquote precedentemente illustrate. Ammortamenti e svalutazioni a) Ammortamento delle imm.955 31. 10. L’incremento degli ammortamenti delle immobilizzazioni materiali deriva dagli investimenti realizzati nel corso dell’esercizio.993 98.9. dagli abbonamenti alle riviste tecniche.p.379 585.785 128. Invitalia S.611 72.ni materiali c) Altre svalutazioni delle imm. 14.310 La voce ”Imposte indirette e tasse“ è costituita dalle imposte e tasse deducibili (9.A. Oneri diversi di gestione Imposte indirette e tasse Minusvalenze da alienazione cespiti Oneri diversi di natura non finanziaria Totale 2011/2012 2010/2011 39.557 142 8.011 - 98.

C. Altri proventi finanziari Proventi da partecipazioni b) in altre imprese Altri proventi finanziari b) da titoli iscritti nelle immobilizzazioni che non costituiscono partecipazioni - 12 2.da altri Totale d) Totale 1. PROVENTI E ONERI FINANZIARI Proventi e Oneri Finanziari 2011/2012 2010/2011 3.228 4.200 Gli interessi attivi da banche derivano da disponibilità libere.690 14.263 14.412 7.944 16.188 10.da banche . depositate in conti correnti non vincolati.925 10.verso controllanti .255 1 2011/2012 2010/2011 7.018 2011/2012 2010/2011 d) Proventi diversi dai precedenti interessi e commissioni da altre imprese e altri proventi: . Interessi ed altri oneri finanziari Interessi e commissioni ad altri ed oneri vari .260 8.672 3.utili e perdite su cambi .462 9.256 Bilancio d’esercizio al 30 giugno 2012 49 .altri Totale 7.228 - - 4. Gli interessi attivi da altri sono costituiti da interessi di mora. 17.

a di partecipazioni Rivalutazioni di partecipazioni Totale 2011/2012 2010/2011 374 - 374 - La rivalutazione deriva dall’adeguamento positivo della partecipazione detenuta nel Consorzio MIB in base alle risultanze del suo patrimonio netto risultante dal Bilancio al 31 dicembre 2011.euro).973 Gli “Altri oneri” sono costituiti dalla rettifica relativa al contributo GSE inscritto e non incassato a causa della tardività nell’invio della richiesta da parte del fornitore per l’accesso alla tariffa incentivante e da maggiori costi relativi agli esercizi precedenti rispetto a quelli preventivati e riguardanti sostanzialmente il riaddebito del trasporto di energia elettrica da parte del titolare della rete. Proventi straordinari Plusvalenze da alienazioni non iscr. al numero 5) Altri proventi straordinari Totale 2011/2012 2010/2011 - 54.euro) e dall’effetto della cessione delle perdite fiscali alla capogruppo (-59.262 26..571 -58.D.186 -9. E.973 17. 21.. 50 . L’originaria svalutazione della partecipazione era stata effettuata in base al patrimonio netto risultante dal bilancio chiuso al 31 dicembre 2009. Oneri straordinari Altri oneri Totale 2011/2012 2010/2011 17.448 17.363.093 20. Imposte sul reddito d’esercizio Imposte correnti Imposte differite e anticipate Totale 2011/2012 2010/2011 -91.880 54.262 26.985 Le imposte correnti sono costituite dall’accantonamento IRAP (378.448 17. 22. PROVENTI E ONERI STRAORDINARI Proventi e oneri straordinari 2011/2012 2010/2011 37.571 - -58.880 Gli “Altri proventi straordinari” sono costituiti prevalentemente dalla sopravvenienza attiva originatasi dall’ampliamento dell’impianto fotovoltaico di cui il fornitore si è fatto pienamente carico a seguito della riconosciuta tardività nell’invio della richiesta al fine dell’ottenimento della tariffa incentivante prevista dalla normativa di settore e da minori costi degli esercizi precedenti. RETTIFICHE DI VALORE DI ATTIVITA’ FINANZIARIE Rettifiche di valore di attività finanziarie 2011/2012 2010/2011 374 - 18.985 - -91.

b) Imposte differite ed imposte anticipate Imposte differite Passività per imposte differite Importo iniziale Aumenti Imposte differite sorte nell’esercizio Diminuizioni Imposte differite annullate nell’esercizio Importo finale - - - 2011/2012 - 2010/2011 - Imposte anticipate Passività per imposte anticipate Importo iniziale Aumenti Imposte differite sorte nell’esercizio Diminuizioni Imposte differite annullate nell’esercizio Importo finale - - - 2011/2012 - 2010/2011 - Nell’esercizio non sono state prudenzialmente contabilizzate le imposte anticipate sulle perdite IRES riportabili in quanto la società negli ultimi esercizi non ha mai generato redditi di segno positivo. e prospetticamente non è né certa né facilmente stimabile l’entità degli imponibili fiscali che potrebbero essere realizzati. Bilancio d’esercizio al 30 giugno 2012 51 .

291 30.20 9.877 27.50 0.00 6.799 46. Trieste.222 euro e da parte del Collegio sindacale a 680 euro.20 1. Nel periodo la forza media risulta pari a 7.PARTE D) .508 18.20 in funzione del passaggio di 2 unità ad altra società del Gruppo e di un’uscita.00 8. in virtù di 3 contratti part – time.263 Le spese viaggio addebitate da parte degli Amministratori ammontano a 4. Compensi e spese viaggio ad Amministratori e Sindaci Categoria Ammontare Amministratori Sindaci Totale 2011/2012 2010/2011 21. collegate e altre consociate. medio 2011/2012 2010/2011 1. rapporti con imprese controllate.12 l’organico della società era costituito da 7 dipendenti mentre il numero medio risultava 8.386 51.50 Al 30.3 unità/anno.ALTRE INFORMAZIONI Numero medio dei dipendenti Categoria Dirigenti Quadri Impiegati Intermedi Totale N. Ai sensi dell’articolo 2427 n. Si rimanda alla relazione sulla gestione per le seguenti informazioni: • • • natura e attività dell’impresa.00 1. 22-ter) si segnala che non esistono accordi non risultanti dallo stato patrimoniale che possono provocare effetti di natura patrimoniale e finanziaria o economica.00 0.00 7.06. 26 settembre 2012 52 .00 1. fatti di rilievo avvenuti dopo la chiusura dell’esercizio.

53 Bilancio d’esercizio al 30 giugno 2012 .

54

Allegati al bilancio
Movimentazione delle partecipazioni Dati essenziali di Bilancio della capogruppo Friulia S.p.A. al 30 giugno 2011 Società soggetta alla direzione e al coordinamento

Bilancio d’esercizio al 30 giugno 2012

55

56
VARIAZIONI DELL’ESERCIZIO Fondo
Variazioni in diminuizione Ripristini (svalutazioni) Altre variazioni Costo (Fondo) storico Valore netto

Movimentazioni delle partecipazioni
VALORI AL 30.06.2012

VALORI AL 01.07.2011

Costo
Valore netto Variazioni incrementative

Costo (Fondo)

Imprese controllate

Imprese collegate - - 4.519 - - - 4.519 - - - - - 4.519 4.519 - - 4.519 4.519

Consulting Services S.r.l.

4.519

Totale collegate

4.519

Altre imprese -878 - - - -878 -878 14.937 18.000 2.000 10.418 18.000 2.000 - 18.000 - 2.000 - 2.000 6.714 - - - - - 375 375 1.704 - - 375 - - - - - - 2.582 6.714 - 18.000 27.296 31.815 -503 - - - -503 -503 2.079 6.714 18.000 26.793 31.312

Consorzio MIB

2.582

Aria S.r.l.

6.714

Innovaction Factory S.r.l.

2.000

Ditenave Scarl

-

Totale altre imprese

11.296

Totale partecipazioni

15.815

ALLEGATO A

656 2.871 1.837 Totale rettifiche di valore su partecipazioni e finanz.257 - 5.704 1.Differenze di cambio TOTALE PATRIMONIO .471 .361 - 801.576 - - 53.884 CONTO ECONOMICO RICLASSIFICATO in migliaia di Euro Dividendi da società del Gruppo (netti) Ricavi da partecipazioni e da finanziamenti (netti) Ricavi delle prestazioni di servizi Altri proventi TOTALE RICAVI GESTIONE CARATTERISTICA Rettifiche di valore su società del Gruppo Rettifiche di valore su società detenute nell’ambito dell’attività di Investimento Esercizio Esercizio 2010/2011 2009/2010 10.181 1.556 1.332 435.688) 12.748 823.902 - - 1.428 2009/2010 1.367 -240 -12.312 2.06.535 - 2. Riserve Partecipazioni in Controllate e Collegate del Gruppo 552.164.Copertura dei flussi finanziari Utile (perdita) dell’esercizio . Sovrapprezzi di emissione - ATTIVO 3.751 -7.703 1.A.594. Azioni proprie Altre attività 109.378 - - - 374.694 Proventi della gestione finanziaria (netti) Componenti straordinarie ed imposte 691 642 Risultato ante componenti straordinarie -11.2010 30. Riserve da valutazione TOTALE ATTIVO .441 5.370 - - 62.888 -7.364) (429. al 30 giugno 2011 STATO PATRIMONIALE RICLASSIFICATO in migliaia di Euro 1.Utili/perdite attuariali relativi a piani previdenziali a benefici Fondi per rischi ed oneri definiti Debiti verso Controllate .ALLEGATO B Dati essenziali di Bilancio della capogruppo Friulia S.378 823.764 5.065 17.064 1.altre Liquidità e strumenti finanziari assimilati 4.925 54.628 - 3.114 2.785 5. Strumenti di capitale .121 8. titoli.286 5. utile (Perdita) d’esercizio TOTALE DEBITI E PASSIVITA’ Totale TOTALE PASSIVO - -10.003 RISULTATO AL LORDO DELLE IMPOSTE -10.di cui fondi di terzi in gestione 7.06. dilazioni e altri crediti nell’ambito dell’attività c) azioni proprie di investimento d) altre .445 1.di utili - Crediti verso Controllate e Collegate Strategiche 31.594.p.173 -7.884 374.958 6.837 815.Leggi speciali di rivalutazione TFR .583 13.463 813.137 -5.869 a) legale - Partecipazioni assunte nell’ambito dell’attività di Investimento b) statutaria Finanziamenti.223 2.2009 Esercizio Esercizio 2010/2011 1.321.Quota delle riserve da valutazione relative a partecipazioni Altre passività valutate a patrimonio netto 6.676 2.653 - - - 1.440 4.432 -7.332 - 437.069 - 1.646 102.Attività finanziarie disponibili per la vendita PASSIVO .740 813.361 Bilancio d’esercizio al 30 giugno 2012 396 57 .Attività materiali .Attività non correnti NETTO e gruppi di attività in via di dismissione .428 562.468 4.088 7.949 72.658 23.Attività immateriali Capitale sociale Copertura di investimenti Riserve e Sovraprezzo azioni esteri . (nette) Totale costi della gestione MARGINE NETTO GESTIONE CARATTERISTICA -11.192 -17. Capitale 30.942 - -(273.

Società per Azioni Autovie Venete La Friulia S. opzione valida sino al periodo di imposta 2011/2012. 58 .R.G. Friulia S.A.A. provvede alla redazione del bilancio consolidato di gruppo al quale la società BIC Incubatori FVG S. Finest S. S.A.A.p.ALLEGATO C Società soggette alla direzione e al coordinamento Società soggette alla direzione e al coordinamento adempimenti art.p.p.. che esercita attività di direzione e coordinamento.A. Interporto Cervignano del Friuli S.p.c. 2497 bis c. Società Bic Incubatori FVG S. appartiene. In data 16 dicembre 2009 è stato sottoscritto dalla società il Regolamento di partecipazione al consolidato fiscale nazionale per le società del Gruppo Friulia.p.p.A.

59 Bilancio d’esercizio al 30 giugno 2012 .

.

Relazione del Collegio Sindacale Relazione sulla Gestione .

Sulla base degli accertamenti condotti.p.2012 da noi esaminato. di regola ogni novanta giorni. 62 .Relazione del Collegio Sindacale al bilancio al 30 giugno 2012 Signori Soci. 2409-ter del Codice Civile (ora art. la revisione è stata pianificata e svolta al fine di acquisire ogni elemento necessario per accertare se il bilancio d’esercizio sia viziato da errori significativi e se risulti.composto dallo stato patrimoniale. 14 D. rilasciato in base ai controlli eseguiti. riferisce all’Assemblea ai sensi dell’art. è conforme alle norme che ne disciplinano i criteri di redazione. per quanto ivi non previsto. nonché le informazioni previste dall’art. redatto dall’Organo Amministrativo della società in forma ordinaria e pertanto è accompagnato dalla Relazione sulla gestione ai sensi dell’art. 2428 del codice civile. Il procedimento di revisione comprende l’esame.A. tramite i quali sono stati acquisiti gli elementi ritenuti utili per accertare che esso non sia viziato da errori significativi. 2409-ter. A nostro giudizio la relazione sulla gestione è coerente con il bilancio d’esercizio della Società. come richiesto dall’art. Il progetto di bilancio – che evidenzia un patrimonio netto di Euro 1. La responsabilità della redazione del bilancio compete all’Organo Amministrativo della società. 2429 del Codice civile. Lgs.987= . Giudizio sul bilancio. La responsabilità della relazione sulla gestione in conformità a quanto previsto dalle norme di legge compete agli Amministratori. 2403 e del Codice Civile. 3. nonché la valutazione dell’adeguatezza e della correttezza dei criteri contabili utilizzati e della ragionevolezza delle stime effettuate dagli amministratori. dal conto economico e dalla nota integrativa è stato redatto seguendo le regole stabilite dagli articoli 2423 e seguenti del Codice civile e. degli elementi probativi a supporto dei saldi e delle informazioni contenute nel bilancio.760. al 30.06. E’ di nostra competenza l’espressione del giudizio sulla coerenza della relazione sulla gestione con il bilancio. lettera e). al quale sono affidate tanto la funzione di controllo contabile. 27. A tal fine abbiamo svolto le procedure indicate a proposito dal Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili. dai Principi Contabili dell’Organismo Italiano di Contabilità. Fra tali notizie è inclusa l’esposizione dei criteri di valutazione utilizzati per la redazione del progetto di bilancio dei quali abbiamo controllato l’applicazione e la rispondenza con quelli stabiliti dalla legge. Riteniamo che il lavoro svolto fornisca una ragionevole base per l’espressione del nostro giudizio professionale.06. CONTROLLO CONTABILE 1. del Codice Civile.A. tenuto conto delle evidenze di fine esercizio e di quanto predisposto per la chiusura dei conti ed i dati in essi contenuti sono in linea con gli accertamenti e le verifiche eseguite. 2435-bis del Codice civile relativamente alle fattispecie ricorrenti.p. attendibile. il Collegio Sindacale. quanto quella di controllo sull’amministrazione di cui all’art. mentre è di nostra competenza il giudizio professionale espresso sul progetto di bilancio stesso. Paragrafo introduttivo Abbiamo svolto il controllo contabile sul progetto di bilancio d’esercizio della BIC Incubatori FVG S.01.2010 nr.881= ed una utile di esercizio di esercizio di Euro 9. al 30. esso pertanto è redatto con chiarezza e rappresenta in modo veritiero e corretto la situazione patrimoniale e finanziaria e il risultato economico della società. di cui all’art. tramite i quali è stato verificato l’aggiornamento della contabilità e la corretta rilevazione dei fatti di gestione risultanti dalla documentazione sociale. Descrizione della portata della revisione Il nostro esame è stato condotto secondo i principi di comportamento fissati dal Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili e secondo gli statuiti principi di revisione contabile. nel suo complesso. 5. In conformità ai predetti principi. sulla base di verifiche a campione. Il Consiglio di amministrazione nel corrente esercizio ha rettificato parte dei fondi svalutazione crediti e dei fondi rischi accantonati nei precedenti esercizi senza peraltro effettuare nuovi significativi accantonamenti. In particolare nel corso dell’esercizio sono stati effettuati i controlli periodici da parte del presente Collegio. La nota integrativa riporta le notizie richieste dall’art.2012. tenuto conto di tutto quanto sopra esposto. 2497-bis del Codice civile. Giudizio sulla coerenza della relazione sulla gestione. 2. Richiami di informativa Non vi sono richiami di informativa da effettuare. Lo stato patrimoniale ed il conto economico corrispondono alle risultanze delle scritture contabili. 39) . 4. riteniamo di poter affermare che il progetto di bilancio d’esercizio della BIC Incubatori FVG S.

amministrativo e contabile adottato dalla società. non abbiamo rilevato anomalie sulle operazioni effettuate. struttura ed oggetto della società. il sistema amministrativo – contabile risulta affidabile a rappresentare correttamente i fatti di gestione. nonché sul suo concreto funzionamento. rassegniamo con tutto quanto sopra esposto. Trieste. A seguito dell’attività di vigilanza svolta comunichiamo che: - - - - - con riferimento alla conformità alla legge ed allo statuto della società. sul rispetto dei principi di corretta amministrazione ed in particolare sull’adeguatezza dell’assetto organizzativo. tenuto conto della sua dimensione. non essendosene verificati i presupposti. - - - - Ciò posto.CONTROLLO SULL’AMMINISTRAZIONE Il Collegio ha preso le dovute informazioni sull’osservanza della legge e dello statuto. struttura ed oggetto. sull’adeguatezza e sul funzionamento dell’assetto organizzativo ed amministrativo della società. abbiamo partecipato alle riunioni degli Organi Sociali ed abbiamo acquisito notizie sull’andamento delle operazioni della società. lì 5 ottobre 2012 Bilancio d’esercizio al 30 giugno 2012 1 63 63 2 . l’organo amministrativo nella redazione del progetto di bilancio non ha derogato alle norme di legge.06. non sono stati rilasciati nel corso dell’esercizio pareri dovuti dal Collegio Sindacale in forza di legge. nel corso dell’esercizio gli organi della società si sono riuniti con una frequenza che giudichiamo sufficiente considerata la dimensione. Ci siamo riuniti con la cadenza periodica richiesta dalla legge. nonché la configurazione della sua compagine sociale. il risultato dell’esercizio sociale è esposto nel conto economico ed ad esso hanno concorso le componenti positive e negative ivi indicate come evidenziate nello schema di conto economico.2012 al Vostro esame. comunicandovi che per quanto di nostra competenza non rileviamo motivi ostativi alla sua approvazione ed all’approvazione delle proposte formulate dall’Organo Amministrativo relative al risultato economico emergente dal medesimo. il progetto di bilancio al 30. non sono pervenute al Collegio Sindacale denunzie ai sensi dell’art. 2408 del Codice civile. non si ritiene di avere rilievi da segnalare sul rispetto dei principi di corretta amministrazione. non sono emerse operazioni atipiche o inusuali. né ci risultano essere stati presentati esposti di qualsiasi titolo o ragione in altre sedi.

.

Relazione della Relazione sulla Gestione Società di Revisione .

66 .

1 67 63 2 Bilancio d’esercizio al 30 giugno 2012 .

p. .progetto grafico: Friulia S.A.