Rita Minello Relazione intervento CTI – San Donà di Piave (VE) – 15 marzo 2007 TITOLO INTERVENTO: LA GESTIONE DI CLASSI/ALLIEVI

DIFFICILI

L’argomento ha toccato una problematica davvero importante per la maggior parte dei docenti, che si trovano da soli a gestire problemi disciplinari e motivazionali di varia natura, non tanto causati da fenomeni di bullismo visible ed aclatante, quanto da fenomeni di disagio e di disturbo che, pur rientrando nella media, rendono difficile il rapporto con la classe e l’evoluzione adeguata di una lezione. Se il docente tradizionale trova importante confrontarsi sul tema, il docente di sostegno ha alcuni specifici interessi professionali nell’accostarsi a questo tipo di difficolta. In particolare: 1) Molto spesso, i ragazzi considerati difficili o addirittura etichettati come “bulli”, sono ragazzi che soffrono di particolari disturbi della personalità (es. Disturbo narcisistico della Personalità, Disturbo oppositivo-provocatorio), dell’apprendimento o dell’attenzione (es. Disturbo della condotta, Disturbo da Deficit di attenzione/Iperattività) 2) L’insegnante di sostegno opera in realtà di classe quasi sempre difficili, dove le difficoltà della relazione con lo studente diversamente abile si complica a causa di fenomeni paralleli quali la presenza congiunta, nella stessa classe, di studenti in fase di abbandono, studenti stranieri, varie forme di disagio sociale o personale. Considerata da molti l'età della beata spensieratezza, la pre-adolescenza e l'adolescenza sono in realtà periodi critici in cui il rischio di devianza è sempre in agguato a causa del disagio evolutivo. L'adolescente vive una profonda trasformazione che interessa soprattutto le sfere della relazione (con se stesso, la famiglia, la scuola, i coetanei, il gruppo, ecc.), dell'identità (abbandono delle identificazioni infantili), dei valori e dei modelli. L'adolescenza è, per definizione, età della crisi, momento in cui si ricerca un nuovo equilibrio per far fronte alla rottura degli assetti precedenti. Il cammino verso l'identità, infatti, non è privo di ostacoli e, spesso, è accompagnato da difficoltà e disorientamento che vengono vissuti come disagio e, se non superati, danno luogo a disadattamento e devianza. Che deve fare l’educatore quando le difficoltà relazionali di uno o più ragazzi si scontrano con le reali esigenze quotidiane della didattica e dell’insegnamento? Come relazionarsi per mantenere un’equilibrata disciplina, una sostanziale attenzione di classe, un’accettabile motivazione allo studio anche in contesti difficili?

1

l’intervento si è avvalso di questionari che hanno aiutato i docenti a riflettere sul molti degli aspetti sopra menzionati. In ogni sua fase l’intervento ha richiesto – ed ottenuto . Copia dello stesso materiale è stata lasciata alle organizzatrici presenti in aula. e l’impossibilità di strutturare sull’argomento un laboratorio vero e proprio. strategie per gestirle quali sono i tipi di insegnante che funzionano soprattutto nelle classi difficili uso delle sanzioni: quali funzionano e quali no come evitare e/o reagire in caso di abusi verbali o insulti. e a individuare i punti critici nella loro classe.I contenuti fondamentali dell’intervento Considerata la natura veloce dell’intervento.la partecipazione attiva dei docenti. si è scelto di concentrare il focus sulla ricerca e l’identificazione degli elementi di difficoltà quali: • • • • • fattori specifici che rendono difficile operare in una classe interruzioni. Prof. con l’intendimento di far scattare la molla della riflessione sul proprio operato di docenti. di volta in volta simulate. suddiviso in diversi incontri. Rita Minello 2 . Materiale utilizzato Si allegano alla presente relazione i questionari utilizzati e la bibliografia minima proposta ai presenti. quali stategie utilizzare Caratteristiche dell’intervento Nella fase iniziale. intrusioni e disturbi della lezione. l’analisi di casi e la focalizzazione di specifiche situazioni.

Mentre cercate di cominciare la lezione. 12. Gettano gli involucri per terra o li lanciano con scarso impegno in direzione del cestino. o gridano commenti o domande che sovrastano quello che state dicendo. Alcuni studenti discutono animatamente e si insultano a vicenda: ciò può sfociare nel peggiore dei casi in una lotta fisica e nel migliore in un’accesa lite verbale. 15. Alcuni studenti hanno uno scoppio di rabbia se si chiede loro di smettere di parlare. alcuni studenti continuano a chiacchierare fra loro ed è molto difficile farli smettere. Ancor peggio. E . 9.Questo tipo di comportamento si verifica regolarmente in alcune delle mie lezioni. D’altro canto. B . D . C . insieme a comportamenti anche peggiori. si verifica nella maggior parte delle mie lezioni. far loro tirare fuori i libri dallo zaino e farli liberare dai cappotti deve cominciare di nuovo. Questi studenti spesso corrono fuori dall’aula e vi ritornano senza fare caso alle vostre istruzioni. e ciò blocca l’andamento regolare della lezione. 7. 4. A . Ciò ha spesso come conseguenza un confronto verbale se insistete nel chiedere dì smettere di disturbare. Sono così impegnati a parlare fra loro che fanno fatica a prestarvi attenzione. Ciò può essere aggravato dal fatto che sono piegati di lato o vi danno le spalle. in alcune lezioni specialmente prima del pranzo o nel pomeriggio — c’è 3. picchiano dei compagni o sottraggono loro qualche oggetto. Gli studenti non vogliono entrare in classe all’inizio della lezione e sono riluttanti a togliersi i cappotti e a sedere ai loro banchi senza un intervento energico dell’insegnante (perdendo almeno cinque minuti di lezione). 14.Questo tipo di comportamento è frequente nelle mie lezioni. 1. 8. quando si avvicina la fine dell’ora. anche perché il più delle volte quel che dicono non ha alcuna attinenza con ciò di cui stavate parlando. Alcuni studenti iniziano a parlare con i compagni di banco appena iniziate a rivolgervi alla classe o fate una domanda. 6. Piccoli gruppi di studenti arrivano in ritardo. non li portano). Si scambiano messaggi su pezzi dì quaderno o di scheda (o tramite telefonino. 10. vicevcersa. L’intero processo di farli sedere. i ragazzi si stirano o si stravaccano sulle sedie. Si alzano dai banchi. 2. Ignorano le vostre istruzioni di metter via i libri o di portarli a casa (o. Entrano e immediatamente iniziano a parlare con i loro compagni che voi avete cercato di predisporre alla lezione.Questo tipo di comportamento. in poche delle mie lezioni. I libri restano sul banco o per terra mentre i ragazzi si precipitano fuori. Alcuni studenti urlano risposte. Scarabocchiano libri e quaderni. Alcuni studenti. C’è un senso generale di irrequietezza e di “movimento’ nell’aula fin da quando la lezione ha inizio. 13. molto di meno di quel che potrebbero. 11. Alcuni studenti urlano. Alcuni studenti stracciano le schede su cui dovrebbero lavorare e buttano per terra la carta lacerata o le usano per farne freccette e pallottoline che lanciano ai compagni o a voi. 3 . Alcuni studenti scrivono soltanto poche righe durante l’ora. cominciano a infilare i cappotti o a mettere via i libri prima che voi abbiate chiesto loro di farlo. che tengono acceso con la vibrazione). se decidete di spostare chi disturba lontano dal suo gruppo di amici sapete che vi verrà opposto un rifiuto con un conseguente confronto aperto. Lasciano il banco prima che suoni il campanello e gironzolano per l’aula o escono. 5. salatini e chewing-gum per tutto il corso della lezione.Questo tipo di comportamento si verifica occasionalmente. dove si ammucchiano per terra.Questo tipo di comportamento non si è mai verificato durante le mie lezioni. Dovete usare molta energia per cercare di persuaderli a tornare ai loro posti. Alcuni studenti mangiano dolci.IDENTIFICAZIONE CLASSE DIFFICILE QUESTIONARIO PER L’INSEGNANTE In quante delle vostre lezioni di questa settimana gli studenti hanno manifestato le caratteristiche indicate di seguito? Usate questa scala di valutazione e attribuite un punteggio alle lezioni che avete tenuto. Alcuni studenti abbandonano il loro posto senza chiedervene il permesso e vanno a parlare o a disturbare dei compagni.

si sbellicano dalle risate come se fossero ubriachi o isterici. urlano qualcosa all’indirizzo di qualcuno in particolare o al vuoto.un’atmosfera generale che potrebbe essere definita di semifrenesia. Se avete ottenuto A in tutte le risposte. a giocare in modo pesante o a fare delle vere e proprie lotte. 6 o 14. Parlare loro è quasi impossibile. vi urlano aggressivamente la risposta. ma se la predominanza delle risposte spazia fra B ed E troverete validi suggerimenti in questa giornata. Hanno la tendenza a commettere prepotenze. I ragazzi cadono dalla sedia. un confronto sul tema potrà esservi utile! 4 . Quando vi rivolgete a uno di loro con voce calma. Se anche avete collezionato solo un B nelle affermazioni 5. probabilmente non troverete utile questa lezione.

R per “raramente” (una o due volte l’anno) e M per “mai” 1. Ciascuno degli eventi elencati ha un effetto negativo sulla vostra lezione. 3. 9. Alunni di altre classi vogliono entrare nella vostra classe e parlare ad un loro amico. 5. 4. Quante interruzioni del genere possono verificarsi nello spazio di una lezione? Come gestite ciascuna di esse? 5 .INTRUSIONI E INTERRUZIONI QUESTIONARIO PER L’INSEGNANTE Con quale frequenza delle intrusioni esterne impediscono il progresso delle vostre lezioni? Esaminate questo elenco. 2. 10. 7. Come abbiamo già visto. Altri insegnanti entrano nella vostra classe e vi rivolgono domande o parlano agli alunni. Considerate l’entità dell’impatto di ciascuno degli incidenti menzionati sulla vostra capacità di dare mordente alla lezione. 6. Un alunno (o più alunni) che avete mandato fuori continua ad aprire la porta e a urlare qualcosa alla classe. 8. Genitori intrusi irrompono nella vostra classe e chiedono di parlarvi di un incidente accaduto al loro figlio. disturbando. dare un buon impulso alla lezione è la massima sfida in una classe difficile. ripensate alla vostra giornata lavorativa e scrivete F per “frequentemente”. Alcuni intrusi minacciano di usarvi violenza se non li lasciate entrare. Alunni che hanno disertato la loro classe bighellonano fuori della vostra. Intrusi entrano nella vostra aula alla ricerca di un alunno. Alcuni alunni di altre classi vi vengono mandati perché si comportano male. Alunni di altre vostre classi o che seguite per altre attività di istituto cercano di coinvolgervi in un problema mentre state cercando di fare lezione e loro dovrebbero trovarsi nella loro classe. Alcuni alunni arrivano in ritardo e interrompono il buon andamento della lezione.

Firenze 1998 E. La Nuova Italia. Giunti. Blum. Giunti. Pedagogia interpretativa e linee di intervento. Studi e ricerche sui correlati psicologici del bullismo. Bullismo. Firenze 1999 6 . Menesini. Firenze 1989 P. Caronia. Dallari. Firenze 1999 G. Aspetti psicologici dell’atteggiamento secondario. Trento 2000 P. Petter. La Nuova Italia. Sopravvivere nelle classi difficili. Firenze 2000 A. Erickson. Ragazzi difficili.Bertolini e L.P. Il gioco crudele.Bertolini e M. che fare? Prevenzione e strategie di intervento nella scuola. Giunti. Psicologia e scuola dell’adolescente. Fonzi. Pedagogia al limite.