You are on page 1of 48

ADMINIS1RA - Capitolato 1ecnico - Lotto 1

Pag. 1 di 48


COMUNL DI NAPOLI
DIPAR1IMLN1O AU1ONOMO
Comunicazione istituzionale, tecnologie e societa dell'iníormazione
SLRVIZIO
´í.D ´i.teva ivforvatiro avvivi.tratiro e aocvvevtate

ADMINIS1RA
GLS1IONL LLL11RONICA DLGLI A11I L DLI
DOCUMLN1I AMMINIS1RA1IVI
CUP ßó²D0·0001º0002

- DISCIPLINARL 1LCNICO LO11O 1 -
lornitura in opera di un Centro di Calcolo data center`
quale Centro Ser·izi Documentali




ADMINIS1RA - Capitolato 1ecnico - Lotto 1
Pag. 2 di 48




Questo documento e stato:

Redatto Ing. Vincenzo Calaíiore
lunzionario Iníormatico SISl

Ri·isto Ing. Paolo Lugenio Cresci
Dirigente SIAD

Dott. Mauro lario
Dirigente SISl

Dott.ssa Rosanna Persico
Dirigente R1I

Appro·ato Ing. Paolo Lugenio Cresci
RUP





ADMINIS1RA - Capitolato 1ecnico - Lotto 1
Pag. 3 di 48



Sommario
1 PRLMLSSA LD IN1RODUZIONL..............................................................................................................................5
1.5 Deíinizioni ...............................................................................................................................................................6
1.2 Oggetto dell` appalto ....................................................................................................................................................6
1.3 Strumentalita degli impianti .........................................................................................................................................¯
1.4 Completezza della íornitura ........................................................................................................................................¯
1.5 Sintesi del Progetto.......................................................................................................................................................¯
2 INlRASRU11URA 1LCNOLOGICA IC1..................................................................................................................9
2.1 Architettura ....................................................................................................................................................................9
2.1.1 Requisiti generali................................................................................................................................................. 10
2.1.2 Linee progettuali ................................................................................................................................................. 11
2.1.3 Sistema lardware............................................................................................................................................... 12
2.1.4 Sicurezza e controllo accessi............................................................................................................................. 18
2.1.5 Ambiente di ·irtualizzazione ............................................................................................................................ 18
2.2 Architettura BURA ,Backup, Reco·ery and Archi·ing, ...................................................................................... 20
2.3 Inírastruttura di Networking.................................................................................................................................... 20
2.4 L`attuale Inírastruttura I1 del Comune.................................................................................................................. 23
2.4.1 Il sistema dell`Anagraíe...................................................................................................................................... 23
2.4.2 Il sistema Llezioni .............................................................................................................................................. 26
2.4.3 Il sistema SISDOC............................................................................................................................................. 2¯
2.4.4 Il sistema PMM ,Portale Metropolitano Multicanale, ................................................................................. 28
2.4.5 Lista dell`hardware installato suddi·iso per ser·izi ....................................................................................... 32
2.5 Disaster Reco·ery....................................................................................................................................................... 34
2.6 Computo metrico dispositi·i.................................................................................................................................... 35




ADMINIS1RA - Capitolato 1ecnico - Lotto 1
Pag. 4 di 48


3 MLSSA IN SICURLZZA del DA1A CLN1LR........................................................................................................ 36
3.1 Introduzione ............................................................................................................................................................... 36
3.2 Sistemi di sicurezza .................................................................................................................................................... 36
3.3 Allestimento locali Data Center............................................................................................................................... 40
3.3.1 Generalita............................................................................................................................................................ 40
3.3.2 Descrizione delle opere ..................................................................................................................................... 41
3.3.3 Inírastrutture....................................................................................................................................................... 43
3.3.4 Dimensionamento generale .............................................................................................................................. 44
4 CRONOPROGRAMMA................................................................................................................................................. 48







ADMINIS1RA - Capitolato 1ecnico - Lotto 1
Pag. 5 di 48



J PRLMLSSA LD IN1RODUZIONL
L`accesso ai ser·izi pubblici territoriali e una delle ·ariabili piu importanti utilizzate per ·alutare la
Qualita` di un`area metropolitana e solo quando la Pubblica Amministrazione utilizzera massi·amente
gli inno·ati·i strumenti della Societa dell`Iníormazione in termini di gestione documentale i cittadini e
le imprese del territorio potranno íinalmente godere dei beneíici reali dei ser·izi on-line.
Il Comune di Napoli in questi ultimi anni si e dotato, anche grazie al contributo della Regione
Campania, di numerosi nuo·i strumenti in questo campo:
Il Portale Metropolitano Multicanale ,contributo POR 2000,2006, che ha la possibilita di erogare
piu di 100 ser·izi di cui ben ¯2 assegnati al Comune di Napoli, in modalita multicanale, internet,
intranet, sportelli URP, teleíonia cellulare, call-center e comprende i 4 li·elli di ser·izio
La piattaíorma di protocollo iníormatico acquisita in riuso dalla Regione Campania ,contributo
POR 2000,2006,
Il sistema di gestione degli atti amministrati·i ,delibere, determine, decreti, ., integrato con la
íirma digitale singola e massi·a per íirmare con una sola operazione tutte le delibere appro·ate in
una seduta ,contributo POR 2000,2006,
L`inírastruttura di rete a larga banda` che integra lonia e Dati su reti IP e che raggiunge 5.000
utenti con ser·izi di intranet, controllo delle apparecchiature presenti in rete, aggiornamento e
distribuzione del soítware in automatico
Sistemi di emissione delle Carte d`Identita Llettroniche
Prototipo di datawarehouse ,contributo POR 2000,2006,
Il sistema URP On Line di supporto ai Centri Pubblici di Accesso Assistito ,contributo POR
2000,2006,

Al Comune di Napoli resta da compiere il salto deíiniti·o ·erso la e materializzazione che puo
a··enire solo attra·erso l`uso diííuso dei sistemi di gestione documentale. Da qui l'obiettivo che è alla
base di ADMINIS1RA:
´la creazione di un'unica infrastruttura tecnologica permanente di Servizi Documentali diffusa
a tutte le strutture del Comune e delle J0 Municipalità per l'uso del Protocollo Informatico,
associato alla posta elettronica tradizionale e certificata, e della Gestione Llettronica degli atti
amministrativi (delibere di Giunta, di Consiglio e di Municipalità, determine dirigenziali,
decreti sindacali, ordinanze sindacali e atti amministrativi in genere), associata alla firma
digitale anche massiva, su cui innestare lo sviluppo tecnico-organizzativo dei numerosi
procedimenti ´produttivi¨ propri delle funzioni gestionali, amministrative e tecniche, del
Comune e delle J0 Municipalità, in una stabile e definita rete di soggetti pubblici e privati¨.
Concretamente:
• Realizzare il Sistema Iníormati·o Interno` e íar si che sia utilizzato come proprio strumento di
la·oro quotidiano dalla gran parte dei Dirigenti e lunzionari del Comune di Napoli e delle 10




ADMINIS1RA - Capitolato 1ecnico - Lotto 1
Pag. 6 di 48


Municipalita ,circa 3.500,.
• Diminuire in tre anni del ¯0° il numero delle apparecchiature íax in uso, delle stampanti asser·ite
alle singole stazioni di la·oro e delle íotocopiatrici.

Questo consentira, come pre·isto dall`Azione 1.2 - Dematerializzazione e Gestione Llettronica dei
Documenti:
• in termini di eííicienza`, attra·erso l`accesso ai Ser·izi Documentali, di redigere, sottoscri·ere,
appro·are, trasmettere, archi·iare qualsiasi atto amministrati·o senza stampare carta organizzando
la íase di produzione dei documenti íin dalla loro íormazione, gestendo i ílussi di la·oro tra
amministrazioni, tra Comune e Municipalita, all`interno di ciascuna di esse e, soprattutto, con
cittadini e imprese, direttamente on-line o ·ia Call Center,
• in termini di trasparenza`, di rendere ·isibile e certo all`esterno l`intera azione amministrati·a su
tutti i canali di comunicazione ,internet, Urp, CpdAA, teleíonia cellulare, tele·ideo,\ili, \eb1V
ecc..,, certiíicando lo stato dei procedimenti nonché l`esistenza di un documento in entrata o in
uscita a partire da una data certa a íini probatori, supportando l`interazione con gli utenti sia del
Comune che delle Municipalita.

ADMINIS1RA rappresenta il primo passo concreto per raggiungere , in un` ottica di qualita , sicurezza
e continuita , i predetti obietti·i .

J.S Definizioni
Nell`ambito del presente Capitolato si intende per:
• Amministrazione/Committente: Il Comune di Napoli,
• Iornitore: l`impresa o il raggruppamento di imprese risultato aggiudicatario,
• Parti: lornitore e Amministrazione,Committente,
• Iornitura: íornitura delle componenti lardware, Soítware e Ser·izi e connessa atti·ita di
realizzazione degli impianti e di site preparation` per la Ser·er larm del Comune di Napoli,


J.2 Oggetto dell'appalto
L`oggetto dell`appalto e la íornitura in opera di una Ser·er larm ,Data Center` , a supporto dei
ser·izi telematici erogati dal Comune di Napoli, dotato di ser·er multiprocessori, di sistemi di
storage, di interconnessioni di rete e dell`impiantistica necessaria, nonché della migrazione degli
applicati·i utilizzati e della connessione ridondata tra nuo·o sito e l`attuale nodo di rete, nell`ambito
del progetto denominato Administra` íinanziato dalla Regione Campania sui íondi POR lLSR
Campania 200¯-2013.




ADMINIS1RA - Capitolato 1ecnico - Lotto 1
Pag. 7 di 48




J.3 Strumentalità degli impianti
Llemento centrale della gara e la íornitura delle apparecchiature iníormatiche e telematiche, rispetto
al quale la materiale realizzazione degli impianti costituisce atti·ita prodromica e strumentale, da
realizzare nella prima íase dell`appalto, cui seguira la íornitura delle apparecchiature iníormatiche e
telematiche, e la loro coníigurazione e messa in esercizio, nonché l`assistenza all`esercizio íinalizzata
al collaudo positi·o. Si tratta quindi di un appalto a·ente per oggetto la íornitura di prodotti e, a
titolo accessorio, la·ori di posa in opera e di installazione ed e pertanto considerato un «appalto
pubblico di íorniture» ai sensi del D. Lgs. 163 del 12.04.2006, Art.14 co.2 lett.a.

J.4 Completezza della fornitura
L`appalto pre·ede la íornitura completa e íunzionante della Ser·er larm ,Data Center`,, tutto incluso
e nulla escluso. Pertanto la proposta dei concorrenti de·e essere completa ed autosuííiciente, e de·ono
essere incluse nella íornitura tutte le componenti, i materiali, i ser·izi necessari per la realizzazione del
Data Center a regola d`arte i·i compresi i ser·izi di garanzia per almeno tre anni. Sono in particolare
compresi nella íornitura, a titolo puramente indicati·o e non esausti·o:
1. i ser·izi di trasporto in sito
2. i ser·izi di montaggio degli impianti
3. i ser·izi di cablaggio
4. i ser·izi di installazione
5. i ser·izi di coníigurazione e tuning
6. tutte le opere impiantistiche necessarie alla messa in esercizio chia·i in mano`
¯. tutte le certiíicazioni di Coníormita
8. documentazione completa e manualistica gestionale ed operati·a
9. ipotesi organizzati·a per la períetta e completa gestione e íunzionamento del Data Center` nei
termini di tipologie, numero e qualita delle risorse umane interne da impiegare
10. addestramento del personale del Comune di Napoli mediante corsi tenuti da personale
qualiíicato certiíicato dalla casa produttrice nella misura idonea a soddisíare l`ipotesi
organizzati·a di cui al punto precedente
11. aggiornamento e modiíica del DPS , Documento Programmatico per la Sicurezza , in
riíerimento a tutto quanto realizzato.


J.S Sintesi del Progetto
L`obietti·o strategico del progetto Admnistra` e quello di realizzare il consolidamento e l`
ottimizzazione delle risorse utilizzate per la gestione dell`Inírastruttura I1 del Comune di Napoli,




ADMINIS1RA - Capitolato 1ecnico - Lotto 1
Pag. 8 di 48


nell`ambito della íornitura dei ser·izi al cittadino, allo scopo di aumentarne l`aííidabilita, la sicurezza, la
gestibilita, l`economie di gestione ,costi e tempi, e realizzare un sistema scalabile capace di erogare
ser·izi on-demand` generando qualita in ottica di sempliíicazione e snellimento dei processi di accesso
ai ser·izi ci·ici.
I principali ser·izi del Comune di Napoli che sono coin·olti nel progetto, e quindi oggetto di
migrazione applicati·a, sono i seguenti:
• Anagraíe, Llettorale e Stato Ci·ile
• Portale Metropolitano Multicanale
• SISDOC - Sistema Documentale
• Protocollo Iníormatico
• Llezioni - Sistema Llettorale
• URP - C.P.d.A.A.
• A··ocatura Municipale
• Controllo di Gestione
• ISAP
• C.I.L. , Carta Identita Llettronica ,
• Contra··enzioni al codice della strada





ADMINIS1RA - Capitolato 1ecnico - Lotto 1
Pag. 9 di 48



2 INIRASRU11URA 1LCNOLOGICA IC1

2.J Architettura
Nella íigura che segue ·iene schematizzata un`ipotesi di architettura complessi·a del sistema, con
particolare riguardo all'inírastruttura computazionale ,ser·er,, di gestione delle iníormazioni ,Storage
Area Network, e di sicurezza.

Nello schema qui riprodotto e e·idente la ·olonta di questa Amministrazione di dotarsi di un Data
Center che implementi due caratteristiche íondamentali:
- Server consolidation attra·erso la realizzazione di un ambiente computazionale misto íisico e
·irtuale. L`esigenza di realizzare una tale inírastruttura e relazionata alla necessita di ridurre
e ottimizzare l`impegno nella gestione e manutenzione dell`inírastruttura con un occhio
attento alla :
- riduzione dei costi in termini di risparmio di risorse energetiche ,
- íacilita, immediatezza, semplicita, eííicacia ed eííicienza dei tools di gestione ,
- speciíicita, percorsi ed atti·ita íinalizzate a garantire conoscenze ed operati·ita
per il personale dedicato.




ADMINIS1RA - Capitolato 1ecnico - Lotto 1
Pag. 10 di 48


L` richiesto, altresi , un piano di scalabilita della inírastruttura oííerta íinalizzato a garantire, nel
medio e lungo termine, un` eííetti·a adeguatezza delle períormance delle principali applicazioni.
Inoltre si intende dotare questa Amministrazione di un inírastruttura capace di scalare sia
·erticalmente che orizzontalmente senza la necessita di costosi inter·enti sistemistici e blocco
della íornitura di ser·izi per necessari íermi macchina. Iníine, ma non ultimo in termini di
importanza e sicuramente un elemento cruciale della nuo·a inírastruttura, la realizzazione di un
ambiente in totale alta aííidabilita e disponibilita. La necessita di mantenere un sistema misto e
legata alla mancanza di certiíicazione di ambienti DBMS su inírastruttura ·irtuale e alla
realizzazione di un sistema di controllo e backup dell`inírastruttura.
- Storage Consolidation attra·erso la realizzazione di un inírastruttura di rete dedicata per il
trasporto delle iníormazioni ,dati, íra la componente computazionale e l`unita storage di
back-end multi-li·ello deputata alla gestione delle stesse, la cosidetta Storage Area Network
,SAN,.
- Network : un ulteriore elemento che rende ·alidante tale approccio e insito nella possibilita di
·irtualizzare anche la sezione networking con l`introduzione di ele·ati li·elli di sicurezza e
di controllo oltre che di espandibilita della LAN íisica, tenendo presente che il progetto
necessita del collegamento in alta aííidabilita della nuo·a sala ser·er con l`attuale nodo di
rete sito in p.zza Gio·anni XXIII.

2.J.J Requisiti generali
In sede di oííerta e richiesto un dimensionamento dettagliato del sistema, sia in termini di soítware di
base ed ambiente che in termini di hardware.
1utte le componenti hardware del Data Center de·ono poter essere monitorate attra·erso un sistema di
sensoristica installata nell`ambiente del Data Center, all`interno dei rack e in tutte le componenti
hardware. Quest`ultime de·ono poter essere amministrate da remoto attra·erso console KVM gestibile
attra·erso la rete LAN ,su protocollo 1CP,IP, e,o attra·erso protocollo l11P,l11PS. Inoltre tutte
le componenti de·ono pre·edere un sistema automatico di allarmistica basato su trap SNMP e in·io
mail attra·erso l`impostazione di ser·er SM1P ed allarmi SMS.
Le unita elaborati·e de·ono a·ere un'architettura multi-processore con un adeguato numero di CPU al
íine di garantire una corretta risposta dell`intero ambiente anche in situazioni di ele·ato carico. Piu in
particolare relati·amente al Virtual Data Center, il numero di risorse CPU e Memoria complessi·o de·e
essere calibrato in modo da garantire almeno una scalabilita del 20° e almeno il 10° di risorse libere in
risposta ad ele·ati picchi di carico.
Per ogni ser·er de·e essere speciíicato:
- il tipo di CPU
- il numero di CPU íornite ed il n° massimo installabile
- la írequenza di clock




ADMINIS1RA - Capitolato 1ecnico - Lotto 1
Pag. 11 di 48


- la memoria RAM íornita in GB e la memoria RAM massima installabile
- la capacita complessi·a dei dischi interni
- numero di slot di I,O complessi·i e relati·a espandibilita
- il numero e tipologia interíacce di rete, numero e tipologia porte di I,O ,lBA lC o iSCSI,, se
pre·ista, unita CD-ROM interna
- lorm íactor e occupazione in termini di Unita ,es. 4U, 1U etc.,
Per il soítware di base e d'ambiente il proponente do·ra esplicitare la coníigurazione ritenuta necessaria
per soddisíare le esigenze del progetto. Questo signiíica che le licenze di tutto il soítware di base e di
ambiente sono da intendersi comprese nella íornitura e do·ranno essere intestate al Comune di Napoli.
Compatibilmente con l'hardware proposto, al proponente e lasciata liberta sulla scelta del sistema
operati·o ritenuto piu opportuno alla realizzazione del progetto, naturalmente saranno preíerite quelle
soluzioni, o·e le matrici di compatibilita dell`hardware lo permettessero, che utilizzano pre·alentemente
prodotti Open Source.
Per quanto concerne la piattaíorma DBMS, essa do·ra assicurare piena e completa íunzionalita in
coerenza con le applicazioni di tipo legacy, le implementazioni attese e íacilitare le richieste di
iníormazioni per nuo·e e non pre·iste aggregazione di dati.
Nella íornitura do·ra essere pre·isto un inírastruttura soítware di sicurezza per la protezione da ·irus
gestibile centralmente.

2.J.2 Linee progettuali
Le ditte e,o i raggruppamenti R1I che intendono partecipare al presente appalto concorso, nella
realizzazione del progetto de·ono tener conto delle seguenti linee guida:
1. Il progetto de·e contenere una descrizione AS-IS` dell`attuale inírastruttura del Comune
rile·ata da sopralluoghi obbligatori da eííettuarsi in base ad una calendarizzazione da
concordare con le Aziende,R1I partecipanti.
2. Il progetto de·e contenere una macro descrizione della proposta inírastrutturale 1O-BL` che
sia íacilmente interpretabile e íornisca a questa Amministrazione un immediata e chiara ·isione
degli obietti·i goal` raggiungibili e delle potenzialita della stessa.
3. Per quel che riguarda la realizzazione del Data Center íisico e della relati·a control-room le
Aziende,R1I partecipanti de·ono produrre, sulla base dei dati íorniti e dei sopralluoghi
eííettuati un progetto di dettaglio contenente, disegni, planimetrie, lista dei materiali utilizzati,
certiíicazioni, dettaglio dei consumi energetici ,potenza elettrica e raííreddamento, e quant`altro
sia necessario per íornire a questa Amministrazione adeguati strumenti di ·alutazione, nonché
una descrizione dettagliata dei tempi necessari alla realizzazione e delle risorse richieste a
quest`Amministrazione. L`Amministrazione pro··edera alla nomina di un Direttore dei la·ori a




ADMINIS1RA - Capitolato 1ecnico - Lotto 1
Pag. 12 di 48


partire dalla íase di ·alutazione dei progetti onde ·eriíicare la qualita dei materiali e tutti i
componenti utilizzati nella realizzazione del data center íisico.
4. Il dimensionamento delle tecnologie introdotte per la realizzazione dell`Inírastruttura di sistema
do·ra essere ·alutato in base ai dati íorniti da questa Amministrazione relati·i a:
a. Numero di ser·er
b. Ruoli dei ser·er
c. Numero dei ser·izi erogati e loro tipologia
d. 1ipologia delle connessioni di rete
e. Quantita di spazio storage disponibile ,locale e,o condi·iso,
í. Massimo numero di utenti dei ser·izi
5. Per la parte dell`Inírastruttura di sistema, e in particolare, per tutto cio che riguarda l`ambito del
Virtual Data Center, il lornitore do·ra pre·edere un atti·ita di Assessment` iniziale
attra·erso la quale do·ra produrre un documento di dettaglio contenente le modalita di
realizzazione della nuo·a inírastruttura corredato delle tempistiche e gli e·entuali íermo
macchina che si do·essero rendere necessari.
6. L`obietti·o di questa Amministrazione e realizzare un inírastruttura totalmente scalabile che
permetta l`ottimizzazione delle risorse impegnate, un risparmio energetico ·alutabile e un
progressi·o ritorno dell`in·estimento ROI
¯. In ottica di ROI, nella ·alutazione delle proposte, questa Amministrazione terra conto di
soluzioni inírastrutturali che riducano ed ottimizzino i costi di esercizio dell`inírastruttura anche
in termini di Risparmio Lnergetico.

2.J.3 Sistema Hardware
L'architettura del sistema de·e seguire l'approccio multi-tier che íornisce la separazione tra i dati, la
logica applicati·a, il middleware di integrazione e i ·ari canali di interrogazione e di presentazione dei
dati.
L'architettura intesa come piattaíorma hardware e soítware de·e presentare almeno i seguenti aspetti:
- Architettura hardware basata su sistemi a ripartizione íunzionale: Authentication, DataBase,
Application, \eb e Backup,
- Certiíicazione:
II produttore dei ser·er do·ra essere in possesso di certiíicazione di qualita ISO 9001:2000
in corso di ·alidita alla data di scadenza della presentazione della domanda di partecipazione
all'appalto. La certiíicazione conseguita dal produttore de·e coprire almeno i processi di
progettazione, s·iluppo e produzione ,
- Sistema operati·o:
o I sistemi operati·i da installare sia in ambiente íisico che ·irtuale do·ranno supportare
logiche di cluster e do·ranno preíeribilmente essere Linux Red-lat o \indows Ser·er
2008 o superiore,




ADMINIS1RA - Capitolato 1ecnico - Lotto 1
Pag. 13 di 48


- Il proponente potra oíírire anche soluzioni miste, íatta sal·a l'eccellenza della soluzione
architetturale complessi·a in termini di compatibilita íunzionale dei sistemi, continuita di
íunzionamento e possibilita di gestione e controllo del sistema hardware,soítware nel suo
complesso. Nel caso, la moti·azione do·ra essere obbligatoriamente speciíicata ,per
esempio, economicita o opportunita íunzionale,,
- Scalabilita
o I sistemi oííerti do·ranno essere adeguatamente scalabili in termini complessi·i di
potenza elaborati·a erogata. Si richiede esplicitamente di descri·ere nella Relazione
tecnica le caratteristiche di scalabilita dei sistemi proposti,
- Continuita di íunzionamento
o I sistemi oííerti do·ranno garantire una ele·ata continuita di íunzionamento. Do·ranno
quindi a·ere caratteristiche di ridondanza e sicurezza adeguata, attra·erso:
Clustering non stop
lailo·er adeguatamente ·eloce e ílessibile,
- Un sistema di Backup centralizzato multili·ello,
- 1utti i ser·er de·ono a·ere le seguenti caratteristiche:
o se di tipo Blade : montati su Bay Blade con almeno 14 slot. Qualora per la soluzione
proposta si pre·edono ser·er di tipologia Rack, le Aziende,R1I de·ono moti·arne la
scelta.
o certiíicato incluso nel \indows Ser·er Catalog, certiíicato o in corso di certiíicazione
per l'uso con l'ultima release di Redlat Lnterprise Linux AS o Redlat Lnterprise
Linux LS ed incluso tra i sistemi di categoria ser·er certiíicati nel Red lat lardware
Catalog. Le certiíicazioni do·ranno essere ·alide ed esibite entro la data di collaudo ,
o certiíicato per la ·irtualizzazione e in particolare per i sistemi di ·irtualizzazione di tipo
VM\ARL, Citrix e Microsoít ,
o Soítware di autoinstallazione di prima coníigurazione, gestione e monitoraggio.

Di seguito ·engono íornite le caratteristiche minime attese per i dispositi·i lardware richiesti per il
progetto.
2.J.3.J Sistemi Computazionali (Server)
Le caratteristiche dello chassis blades :
CHASSIS BLADL
Dimensioni Lnclosure modulare con una occupazione massimaa di 10 unita rack
standard
Alimentazione Alimentatori ridondati, hot swap. Gli alimentatori de·ono supportare le
piu moderne tecnologie per massimizzarne l` eííicienza ed il risparmio
energetico
Ridondanza N-N
Ventole Numero adeguato a garantire il corretto raíírescamento di tutto lo




ADMINIS1RA - Capitolato 1ecnico - Lotto 1
Pag. 14 di 48


chassis, le ·entole de·ono essere ridondate e hot swap.
Inoltre de·ono supportare le piu moderne tecnologie per l` eííicienza ed il
risparmio energetico
1ecnologia di I,O Ogni enclosure de·e poter ospitare almeno i seguenti moduli di
connetti·ita:
Switch Gigabit Lthernet e,o 10Gbps Lthernet
Switch libre Channel lC 4 e 8 Gb,s
Moduli Gigabit Lthernet Pass thru
Moduli libre Channel Pass thru
Moduli Iníiniband
Moduli di I,O 1utti gli chassi de·ono essere coníigurati con 4 moduli Gigabit Lthernet
Pass 1hru e 2 moduli íibre channel Pass 1hru, in modo da garantire la
piena conneti·ita ai ser·er richiesti
Modularita Lo chassis de·e essere in grado di poter ospitare contemporaneamente sia
sistemi blade a 4 ·ie che sistemi a 2 ·ie
Gestione Moduli di gestione ridondato ed hot swap
Interíaccia sicura unica per in·entario, coníigurazione, monitoraggio e
a··iso per lo chassis e tutti gli altri componenti
Monitoraggio e gestione termica,energetica in tempo reale
Consumo energetico del sistema in tempo reale con picchi e ·alori minimi
che e possibile reimpostare
Impostazione di limiti per l'alimentazione a li·ello di sistema e
prioritizzazione dell'alimentazione basata sullo slot
Gestisce il controllo della ·elocita delle ·entole
Interíacce Secure \eb ,SSL, e CLI ,1elnet,SSl,
Supporta l'integrazione nei ser·izi Microsoít Acti·e Directory
2 porte Lthernet da 10,100,1000 Mb e 1 porta seriale
Dispositi·i locali 2 porte USB 2.0
1 ingresso ·ideo VGA
Switch KVM con accesso ·ia IP, integrato nello chassis
Supporto e Garanzia Supporto a 3 anni con inter·ento entro 4h e risoluzione NBD
Porte Sistema graíico VGA

Le caratteristiche dei server Host Virtualizzatori de·ono essere almeno quelle elencate di seguito:
SLRVLR 1IPOLOGIA A
Architettura Architettura di sistema a 32 o a 64 bit scalabile ·erticalmente íino a 4 ·ie
Processori Coníigurazione con 4 processori QuadCore con tecnologia per il
supporto alla Virtualizzazione e con caratteristiche minime uguali o
superiori a quelle dei processori utilizzati per il benchmark Spec_Int2006
e Spec_IntRate2006 prestazionale riportato di seguito, tale benchmark
de·e essere pubblicato sul sito spec.org al momento della presentazione
dell` oííerta.
I sistemi oííerti de·ono poter raggiungere i seguenti ·alori :
SPLC_Int2006 ·alore minimo 250
SPLC_IntRate2006 ·alore minimo 230
Memoria Almeno 64 GB DDR2 66¯ Mlz, i sistemi de·ono poter scalare íino ad
almeno 128 GB 66¯ Mlz
lard Disk interni 2 dischi SAS da ¯3GB 15krpm




ADMINIS1RA - Capitolato 1ecnico - Lotto 1
Pag. 15 di 48


Controller Dischi Controller con supporto per coníigurazione almeno RAID 0, 1
LAN Integrata 2 porte Gigabit Lthernet integrate su scheda madre
Schede Rete Aggiunti·e 6 porte Gigabit Lthernet addizionali
lost Bus Adapter 2 porte lC 8 Gb,s
Scheda Management Scheda di accesso remoto ,protocollo IP,con le seguenti íunzionalita:
notiíica di stato, warning, in·entario, monitoring
remote ·irtual media e ·irtual KVM
Supporto IPMI 2.0
Supporto GUI, telnet, SSl
Graíica Sistema graíico VGA
Supporto e Garanzia Supporto a 3 anni con inter·ento entro 4h e risoluzione NBD
Certiíicazione S.O. Red lat LS 5.x, \indows Ser·er Standard Ldition 2008, \indows
Ser·er Lnterprise Ldition 2008, Vmware 3.5 o superiori

Le caratteristiche dei server di back-end (DBMS e Backup) de·ono essere almeno quelle
elencate di seguito:
SLRVLR 1IPOLOGIA B
Architettura Architettura di sistema a 32 o a 64 bit scalabile ·erticalmente almeno íino
a 4 ·ie
Processori Coníigurazione con 2 processori QuadCore con tecnologia per il
supporto alla Virtualizzazione e con caratteristiche minime uguali o
superiori a quelle dei processori utilizzati per il benchmark Spec_Int2006
e Spec_IntRate2006 prestazionale riportato di seguito, tale benchmark
de·e essere pubblicato sul sito spec.org al momento della presentazione
dell` oííerta.
I sistemi oííerti de·ono poter raggiungere i seguenti ·alori :
SPLC_Int2006 ·alore minimo 250
SPLC_IntRate2006 ·alore minimo 230

Memoria Almeno 64 GB DDR2 66¯ Mlz, i sistemi de·ono poter scalare íino ad
almeno 128 GB 66¯ Mlz
lard Disk interni 2 dischi SAS da ¯3GB 15krpm
Controller Dischi Controller con supporto per coníigurazione almeno RAID 0, 1
LAN Integrata 2 Interíacce Gigabit Lthernet integrate su scheda madre
Schede Rete Aggiunti·e 6 interíacce Gigabit Lthernet addizionali
lost Bus Adapter 2 porte lC 8 Gb,s
Scheda Management Scheda di accesso remoto ,protocollo IP,con le seguenti íunzionalita:
notiíica di stato, warning, in·entario, monitoring
remote ·irtual media e ·irtual KVM
Supporto IPMI 2.0
Supporto GUI, telnet, SSl
Graíica Sistema graíico VGA
Supporto e Garanzia Supporto a 3 anni con inter·ento entro 4h e risoluzione NBD
Certiíicazione S.O. Ser·er certiíicato per Microsoít Cluster Ser·er e incluso nella categoria
Cluster Solution del \indows Ser·er Catalog





ADMINIS1RA - Capitolato 1ecnico - Lotto 1
Pag. 16 di 48


Le caratteristiche del server di controllo e gestione de·ono essere almeno quelle elencate di
seguito:
SLRVLR 1IPOLOGIA C
Architettura Architettura di sistema a 32 o a 64 bit scalabile ·erticalmente almeno íino
a 2 ·ie
Processori Coníigurazione con almeno 2 processori QuadCore
caratteristiche minime uguali o superiori a quelle dei processori utilizzati
per il benchmark Spec_Int2006 e Spec_IntRate2006 prestazionale
riportato di seguito, tale benchmark de·e essere pubblicato sul sito
spec.org al momento della presentazione dell` oííerta.
I sistemi oííerti de·ono poter raggiungere i seguenti ·alori :
SPLC_Int2006 ·alore minimo 120
SPLC_IntRate2006 ·alore minimo 100

Memoria Memoria di 4GB LCC espandibile almeno íino a 32 Gbyte
lard Disk interni 2 dischi SAS da ¯3GB 15krpm
Controller Dischi Controller con supporto per coníigurazione almeno RAID 0, 1
LAN Integrata 4 Interíacce Gigabit Lthernet integrate su scheda madre
Scheda Management Scheda di accesso remoto ,protocollo IP,con le seguenti íunzionalita:
notiíica di stato, warning, in·entario, monitoring
remote ·irtual media e ·irtual KVM
Supporto IPMI 2.0
Supporto GUI, telnet, SSl
Graíica Sistema graíico VGA
Supporto e Garanzia Supporto a 3 anni con inter·ento entro 4h e risoluzione NBD
Certiíicazione S.O. Red lat LS 5.x, \indows Ser·er Standard Ldition 2008, \indows
Ser·er Lnterprise Ldition 2008


2.J.3.2 Storage Area Network e dispositivi di back-end
La soluzione pre·ede la íornitura di una Storage Area Network (SAN), intesa come rete di
interconnessione ad alte prestazioni per il trasíerimento delle iníormazioni da e ·erso dispositi·i
storage.
Per quanto attiene alle unità storage di back-end, l`Amministrazione intende dotarsi di un dispositi·o
che sia capace anche di esportare íile system su rete LAN attra·erso i protocolli CIlS ed NlS. Le
caratteristiche minime di tale dispositi·o sono elencate nella seguente tabella:

UNI1A` S1ORAGL DI BACK-LND
CON1ROLLLR I,O Doppio controller ridondato hot swap
POR1L DI lRON1,LND liber
Channel
Almeno 8 porte, espandibile íino a 16 porte.
Verra ·alutata la possibilita di a·ere porte lC 8 Gb,s.
POR1L DI BACK-LND liber Almeno 4 per storage processor.




ADMINIS1RA - Capitolato 1ecnico - Lotto 1
Pag. 17 di 48


Channel
POR1L iSCSI Almeno 4 Lthernet 1GbL, espandibile a 8 porte GbL.
Verra ·alutata la possibilita di a·ere porte 10 GbL.
MLMORIA CAClL PLR
CON1ROLLLR
Almeno 32GB
SUPPOR1O 1IPOLOGIA DISClI lC4 a 10Krpm e 15Krpm
SA1AII a ¯.2Krpm
1IPOLOGIA RAID SUPPOR1A1O RAID 0, 1, 3, 5, 6
CAClL Lo storage de·e disporre di una tecnologia per la protezione
della memoria cache
SCALABILI1A` DISClI Almeno 500 dri·e
MAX lOS1S COLLLGABILI 512 hosts
CAPACI1A` RA\ DISClI lC Almeno 401B ,hard dri·e da 15.000 rpm,
CAPACI1A` RA\ DISClI SA1A Almeno 601B
NAS GA1L\A\ Doppio motore NAS integrato nel sistema corredato di almeno
8 porte Lthernet ,4 per motore,
PRO1OCOLLI NAS SUPPOR1A1I IP·4, IP·6
1CP,IP, UDP,IP
CIlS ,SMB1 and SMB2,, NlS 2, 3, and 4
l1P, 1l1P, and SNMP
NDMP 2, 3, and 4
N1P, SN1P
iSCSI target
Autenticazione Kerberos
LDAP
SOl1\ARL ABILI1A1I Soítware per la creazione di snapshot.
Soítware per la creazione e gestione dei cloni.
Soítware per il mirroring su storage remoto, sia in modalita
sincrona che asincrona.
Soítware per la creazione e gestione di statistiche e accessi.
Soítware per il monitoraggio delle períormance dello storage
stesso.
Soítware per il load balancing ed il íail o·er degli hosts
Soítware Anti·irus per la sezione NAS
Supporto e Garanzia Supporto a 3 anni con inter·ento entro 4h e risoluzione NBD
1utte le conponenti critiche de·ono essere lot-Plug e sostituibili a caldo
Lo storage de·e supportare i sistemi operati·i che saranno montati sui sistemi blades oííerti in gara
Completa gestibilita remota attra·erso interíaccia \LB su protocollo l11PS e ·ia CLI
Supporto integrato per generazione di allarmi ·ia SNMP e,o SM1P.
De·ono essere presenti sistemi di diagnostica proatti·a.

Per quel che riguarda i dispositi·i per il Backup dei dati, l`architettura da proporre de·e pre·edere un
doppio li·ello di backup LAN íree`, il primo basato su disco, per il cosidetto backup near-line`, e il
secondo li·ello che pre·ede il 1ape-Vaulting e quindi basato su nastro. In base a quanto indicato, i
dispositi·i da connettere alla SAN da inserire nell`inírastruttura sono:
un` unità Disk Library di back-end che abbia le seguenti caratteristiche minime:




ADMINIS1RA - Capitolato 1ecnico - Lotto 1
Pag. 18 di 48


DISK LIBRAR\
• Almeno 81B di capacita utilizzabile
• Scalabile íino a 1481B
• 1ipologia dischi: SA1A
• Protezione RAID
• Supporto per Deduplicazione
• Gestibile da remoto attra·erso interíaccia \eb
• Connetti·ita lC o iSCSI
• Supporto e Garanzia a 3 anni con inter·ento entro 4h e risoluzione NBD

un unità 1ape Library di back-end che abbia le seguenti caratteristiche minime:
1APL LIBRAR\
• Almeno N.2 1ape Dri·e L1O4
• Almeno N.80 Slot per nastri L1O4
• Gestibile da remoto attra·erso interíaccia \eb
• Possibilita di partizionamenti
• La libreria de·e poter scalare, anche attra·erso espansioni, íino a 14 dri·es L1O4 e 300 slot
• Connetti·ita lC 4 o iSCSI
• Supporto e Garanzia a 3 anni con inter·ento entro 4h e risoluzione NBD

2.J.4 Sicurezza e controllo accessi
Questa Amministrazione intende dotarsi di un dispositi·o capace di rendere coníorme il controllo
accessi secondo quanto pre·isto dal pro··edimento del Garante della Pri·acy del 2¯ no·embre
2008 ,G.U. n. 300 del 24 Dicembre 2008, in materia di controllo e registrazione degli accessi logici
al sistema iníormatico da parte degli Amministratori di Sistema.

2.J.S Ambiente di virtualizzazione
La piattaíorma di ·irtualizzazione oggetto della íornitura do·ra a·ere le seguenti caratteristiche:
- de·e gestire dinamicamente la RAM íisicamente occupata dalle macchine ·irtuali e consentire di
atti·are macchine ·irtuali con una memoria RAM complessi·a anche superiore a quella
realmente presente sui ser·er íisici ,o·ercommittment della RAM,
- de·e consentire la migrazione a caldo` di una macchina ·irtuale atti·a da un ser·er íisico ad un
altro
- de·e permettere operazioni di riconíigurazione e di manutenzione dell`inírastruttura íisica senza
interrompere le macchine ·irtuali ospitate ,es: estensione a caldo di un íilesystem della
piattaíorma, patching e reboot di un nodo íisico,




ADMINIS1RA - Capitolato 1ecnico - Lotto 1
Pag. 19 di 48


- de·e consentire la migrazione a caldo` del disco di una macchina ·irtuale atti·a da un ·olume
dati ad un altro, presente e ·isibile sulla stessa SAN
- de·e a·ere un meccanismo che distribuisca in modo ottimale le macchine ·irtuali sui ser·er
íisici e che modiíichi tale distribuzione dinamicamente, automaticamente e a caldo`, in modo
che il carico generato dalle macchine ·irtuali sia sempre bilanciato sui ser·er íisici a disposizione
della piattaíorma
- de·e permettere l`assegnazione di risorse per gruppi e sottogruppi di macchine ·irtuali, in modo
che, pur mettendo in condi·isione le risorse íisiche, si possano creare degli insiemi separati e
limitati di macchine ·irtuali
- de·e a·ere un meccanismo che sia in grado di ottimizzare i consumi energetici accendendo e
spegnendo dinamicamente i ser·er íisici in base al carico generato dalle macchine ·irtuali
- de·e a·ere un meccanismo che possa garantire l`esecuzione senza interruzioni di una macchina
·irtuale anche in caso di guasto del ser·er íisico che la ospita
- de·e a·ere una console di gestione centralizzata sia per le macchine ·irtuali che per i ser·er íisici
che le ospitano
- de·e essere in grado di realizzare la ·irtualizzazione del networking attra·erso l`utilizzo di switch
·irtuali e di VLAN da mappare sulle rispetti·e VLAN presenti sulla rete LAN íisica.
- la console di gestione de·e consentire la deíinizione di ruoli e proíili in modo da permettere
l`accesso ad utenti con operati·ita limitata sull`inírastruttura, in termini di azioni e di oggetti
- de·e pre·edere l`integrazione nati·a con i maggiori dispositi·i storage e di backup presenti sul
mercato e permettere il backup delle macchine ·irtuali in un solo step, sia a li·ello immagine
che a li·ello íile, con l`integrazione nati·a ·ia API con i maggiori soítware di backup.
- le licenze di utilizzo del soítware de·ono essere perpetue, supporto e manutenzione de·ono
essere per almeno 3 anni
- il supporto tecnico de·e essere disponibile 24 ore su 24 ¯ giorni su ¯ e íornito esclusi·amente e
direttamente dal produttore del soítware di ·irtualizzazione
. garav¸ia aetta covrer.iove iv rirtvate aei .erri¸i í1 erogati aa qve.ta .vvivi.tra¸iove e atte attirita ai 1e.tivg e
¡a..aggio iv ¡roav¸iove vet vvoro avbievte, it íorvitore aorra ¡rereaere tvtti i vece..ari .erri¸i ai cov.vtev¸a erogati aa
¡er.ovate tecvico certificato .vtte airer.e ¡iattaforve , iv ¡articotare ¡er t` avbievte rirtvate e ¡er gti avbievti ai .v¡¡orto
ai .erri¸i í1 erogati aa qve.to Covvve.





ADMINIS1RA - Capitolato 1ecnico - Lotto 1
Pag. 20 di 48


2.2 Architettura BURA (Backup, Recovery and Archiving)
L`Inírastruttura di sistema realizzata per il presente progetto, in relazione alla sicurezza e alla protezione
delle iníormazioni, de·e realizzare un architettura, cosidetta BURA, di Backup, Recupero ed
Archi·iazione.
Questa Amministrazione, intede dunque dotarsi di un sistema ,hardware e soítware, di archi·ing, da
integrare nell`architettura di sistema e capace di interagire con le applicazioni e i íile system, in grado di
spostare in maniera automatica i dati dai dispositi·i di storage di produzione e memorizzarli,
indicizzandone i contenuti, in dispositi·i atti alla gestione dei cosidetti lixed content` ,documenti
amministrati·i o legali, delibere di giunta, determine e materiale di riíerimento, allegati di posta
elettronica, etc., e al loro mantenimento indeíinito nel tempo. Il dispositi·o di storage in questione e il
cosidetto CAS ,Content Addressed Storage,.
1ale dispositi·o CAS de·e essere in grado di:
- Autenticare il contenuto dei dati garantendone l`immodiíicabilita e la non cancellabilita in
relazione alle retention impostate
- Coníigurare piu classi e periodi di conser·azione
- Risol·ere automaticamente gli errori a garanzia dell`integrita degli oggetti archi·iati
- Garantire scalabilita senza riconíigurazione
- Lsporre interíacce ,API, per l`integrazione con le applicazioni del Comune di Napoli e in
particolare con il sistema documentale

di seguito ·engono elencate le caratteristiche minime per il dispositivo CAS:
Dispositi·o CAS
• Sistema basato su disco
• Almeno 121B con controllo parita
• Connetti·ita Gigabit Lthernet
• Coníormita alle normati·e ·igenti in termini di conser·azione e mantenimento dei dati
• Distruzione elettronica degli archi·i
• Gestione remota
• Dotati di strumenti e kit di interíacciamento soítware ·ia API
• Corredato di sistema soítware per l`archi·iazione dati memorizzati su íile system
• Supporto e Garanzia a 3 anni con inter·ento entro 4h e risoluzione NBD

2.3 Infrastruttura di Networking
La soluzione inírastrutturale de·e pre·edere tutte le componenti necessarie alla realizzazione
dell`interconnessione e l`interíacciamento con l`attuale impianto di rete del Comune di Napoli
attra·erso il nodo di p.zza Gio·anni XXIII. Per tale moti·o e richiesto a tutte le Aziende,R1I




ADMINIS1RA - Capitolato 1ecnico - Lotto 1
Pag. 21 di 48


partecipanti di ·eriíicare in sede di sopralluogo l`attuale impianto e reperire tutte le iníormazioni
necessarie alla corretta stesura del progetto.
A titolo di esempio di seguito ·iene íornita la lista delle caratteristiche principali degli apparati di rete
attualmente utilizzati da questa Amministrazione:
Caratteristiche principali supportate:
• lull-wirespeed a tutti i layer ,architettura non-blocking,, con una switch íabric da 640Gbps con
un lorwarding Rate di 262Mpps, con possibilita di a·ere in coníigurazione Virtual Chassis uno
Chassis da 640x2Gbps da 16 slot
• N.4096 VLAN coníigurabili,
• N.4096 VLAN ID,
• N.16000 MAC Address memorizzabili,
• Supporto dei protocolli SSl·2, SSL·3, RADIUS, ILLL802.1x,
• \irespeed Layer 2 e Layer 3 íiltering,
• \irespeed Layer 3 IP routing,
• Routing statico e dinamico ,RIP·1, RIP·2, OSPl, VRRP,,
• Routing IP multicast ,PIM, DVMRP, IGMP·1, IGMP·2,,
• Supporto dei protocolli VLAN: ILLL802.1Q ,VLAN 1agging,, 802.1D ,S1P,, 802.1\ ,Rapid
S1,, 802.1s ,Multiple S1, ILLL802.1ad ,VLAN double tagging Q-in-Q,
• Aggregazione dei link secondo standard ILLL802.3ad ,LACP link aggregation,,
• lunzioni soíisticate di QoS. Gestione del traííico Multimediale Voce,Video - Ad·anced Quality
oí Ser·ice-QoS ,p.es. 1oS,, e Ad·anced Multicast Protocols ,p.es. DVMRP, PIM-DM,SM,
IGMP Snooping e MLD Snooping,.
• Sicurezza - 802.1x user authentication.
• Dynamic VLAN, NAC, BPDU Protection, S1P Root Guard e Radius Ser·er
• Management SNMP·1, SNMP·2 e SNMP·3,
• Alimentazione ridondata.
• Supporto di tecniche di protezione rapida dai loop in reti Lthernet
• Supporto di tecnologie di ·irtualizzazione dello chassis utilizzando piu macchine íisiche
interconnesse
• GARP,GVRP VLAN Support
• Supports up to 4000 VLANs ,256 Dynamic,
• 1¯6Gbps switching íabric, 131Mpps íorwarding rate
• MAC addresses 16,000
• Jumbo lrames up to 9000 bytes
• ILLL 802.1s Multiple Spanning 1ree Support ,MS1P,
• ILLL 802.3ad link aggregation ,LACP,




ADMINIS1RA - Capitolato 1ecnico - Lotto 1
Pag. 22 di 48


• ILLL 802.1Q VLAN 1agging
• ILLL 802.1d Spanning 1ree
• ILLL 802.3 101 Lthernet
• ILLL 802.3u 1001X Lthernet
• ILLL 802.3ab 10001 Lthernet
• ILLL 802.3ae 10GbL
• ILLL 802.3z 1000X Lthernet
• Port Security
• SSl
• SSL
• RADIUS Authentication
• Access Control Lists
• Redundant Power Supply
• 1ecniche di stacking tra apparati con collegamento ridondato
• IPv6 Ieatures
o 6to4 1unnelling
o IP·6 Management ·ia Ping, 1raceRoute, 1elnet and SSl
o Static Unicast Routes íor IP·6
o RlC 1886 DNS Lxtensions to support IP·6
o RlC 188¯ An Architecture íor IP·6 Unicast Address
o Allocation
o RlC 1981 Path M1U Disco·ery íor IP·6
o RlC 2460 IP·6 speciíication
o RlC 2461 Neighbour Disco·ery íor IP·6
o RlC 2462 IP·6 Stateless Address Autoconíiguration
o RlC 2463 ICMP·6
o RlC 2464 1ransmission oí IP·6 Packets o·er Lthernet
o Networks
o RlC 2526 Reser·ed IP·6 Subnet Anycast Addresses
o RlC 2553 Basic Socket Interíace Lxtensions íor IP·6
o RlC 2¯11 IP·6 Router Alert Option
o RlC 2851 1extual Con·ersions íor Internet \ork
o Addresses
o RlC 2893 1ransition Mechanisms íor IP·6 losts and
o Routers
o RlC 3056 Connection oí IP·6 Domains ·ia IP·4 Clouds
o RlC 3484 Deíault Address Selection íor IP·6
o RlC 3513 IP·6 Addressing Architecture
o RlC 358¯ IP·6 Global Unicast Address lormat




ADMINIS1RA - Capitolato 1ecnico - Lotto 1
Pag. 23 di 48


o RlC 4443 Internet Control Message Protocol ,ICMP·6,
2.4 L'attuale Infrastruttura I1 del Comune
Di seguito ·iene riportata una descrizione di tipo generale e puramente indicati·a dell`attuale
inírastruttura I1 del Comune inerenti l`appalto. Una disanima piu esausti·a, dettagliata ed aggiornata
sara oggetto dei sopralluoghi obbligatori.
2.4.J Il sistema dell'Anagrafe
L`attuale Inírastruttura a ser·izio del sistema Anagraíe e suddi·isa su due sistemi, un primario e un
secondario. Di seguito ·iene íornita una descrizione dell`attuale sistema:
SIS1LMA PRIMARIO:
Lo schema del sistema primario e rappresentato nella íigura seguente:

DB J e DB 2
L' il cluster a due nodi, in coníigurazione Real Application Clusters ,RAC,, che ha la íunzione di
database ser·er del sistema. Il soítware d'ambiente e la piattaíorma di gestione dati Oracle DBMS 11g
che include anche le íunzionalita Oracle RAC ,Real Application Clusters, con le quali e possibile íare
cooperare, in parallelo e su un unico database, piu istanze Oracle distribuendole su un pool di piu
ser·er. Sul nodo DB1 e inoltre installato il soítware Veritas Netbackup 6.5 e relati·o agente "on-line" di
Oracle, per i backup automatici ed a caldo per la base dati Oracle. Lntrambi i nodi sono interconnessi
direttamente ad un disk array condi·iso ,DA, mediante canali SAS ,Serial Attached SCSI,. Il sistema
operati·o installato sui ser·er e Sun Solaris 10. Ogni nodo e costituito da un ser·er Sun SPARC
Lnterprise 15220, dotato di :
• n. 1 CPU UltraSPARC 12 a 4 Gore 1.2Glz
• n. 8 Gb RAM




ADMINIS1RA - Capitolato 1ecnico - Lotto 1
Pag. 24 di 48


• n. 2 dischi 140 GB
• n. 4 adattatori rete
XA J e XA 2
L' il pool di ser·er applicati·i Citrix, in bilanciamento di carico, pro··eduto dallo stesso middleware
Citrix, sul quale e installata la componente applicati·a in Power Builder. Il sistema operati·o installato
su entrambi i ser·er e \indows Ser·er 2003 Lnterprise Ldition.
Ogni sistema e costituito da un ser·er Sun Pire X4150, dotato di :
• n. 2 CPU Quad-Core Intel,R, Xeon,R, X5410
• n. 16 GB RAM
• n. 2 dischi 140 GB
• n. 2 adattatori rete
AS 1 e DB 1
L' il sistema di test, costituito da un database ser·er ed un application ser·er. In particolare:
• Su AS 1 e installato Citrix, ser·ito dall' unico sistema di licensing, la coníigurazione di questo
sistema e identica ad XA 1, sopradescritto
• Su DB 1 e installato sia Oracle Database Standard Ldition, coníigurato in RAC ad un nodo e
licenziato ad utenti, che il soítware Veritas Netbackup 6.5 e relati·o agente "on-line" di Oracle,
per poter eseguire backup automatici ed a caldo per la base dati Oracle. Questo sistema ha
coníigurazione identica al ser·er DB DR, presente sul Sistema del sito Secondario.
Qualora ·enga meno l'esigenza di disaccoppiamento íisico íra I' ambiente di test e tutti gli altri, o
comunque si ·oglia ridurre il costo dell' impianto, come sistema di test si potrebbe utilizzare il Sistema
Secondario
DA
L' il disk array collegato direttamente alla coppia di database ser·er ,DB 1 e DB 2, attra·erso tecnologia
lC ,libre Channel,, e costituito da un dispositi·o Sun Storage1ek,1M, 2540 lC Array, dotato di
attacchi in lC 4 Gb,s e ¯00 GB Raw di capacita disco.
1L
L' il robot di backup, connesso direttamente ad un nodo del RAC, che ha la íunzione di eseguire il
backup,ripristino di tutti i dati gestiti dal sistema. Il sistema e collegato al ser·er mediate un canale
Ultra320 SCSI dedicato ed e costituito da un' unita Sun Storage1ek SL24 tape autoloader dotato di 24
slots ed un dri·e L103.
SIS1LMA SLCONDARIO




ADMINIS1RA - Capitolato 1ecnico - Lotto 1
Pag. 25 di 48


Lo schema del sistema secondario e rappresentato nella íigura seguente:

DB DR
L' il database ser·er coníigurato in Real Application Clusters ,RAC, ad un solo nodo. Il soítware
installato e sia la piattaíorma di gestione dati Oracle DBMS 11g che il soítware Veritas Netbackup 6.5,
per poter eseguire backup automatici per la base dati Oracle. Lo spazio disco necessario alla base dati
Oracle e ottenuto tramite 6 dischi da 140 GB I' uno, interni al ser·er stesso. Il sistema operati·o
pre·isto e Sun Solaris 10. Il ser·er e un Sun SPARC Lnterprise 15220, dotato di :
- n. 1 CPU UltraSPARC 12 a 4 Gore 1.2Glz
- n. 8 GB RAM
- n. 6 dischi 140 GB
- n. 2 adattatori rete
XA DR
L' il ser·er applicati·o Citrix, sul quale e l'installata la componente applicati·a in Power Builder. Il
sistema operati·o pre·isto e \indows Ser·er 2003 Lnterprise Ldition. Questo sistema e un ser·er Sun
Pire X4150, dotato di :
- n. 2 CPU Quad-Core Intel,R, Xeon,R, X5410
- n. 16 GB RAM
- n. 2 dischi 140 GB
- n. 2 adattatori rete
1L
L' il robot di backup, connesso direttamente ad un nodo del RAC, che ha la íunzione di eseguire il
backup,ripristino di tutti i dati gestiti dal sistema. Il sistema e collegato al ser·er mediate un canale
Ultra320 SCSI dedicato ed e costituito da un' unita Sun Storage1ek SL24 tape autoloader dotato di 24
slots ed un dri·e L103.




ADMINIS1RA - Capitolato 1ecnico - Lotto 1
Pag. 26 di 48



2.4.2 Il sistema Llezioni
Di seguito ·iene esposto lo schema dell`architettura íisica del ser·izio Llezioni.
1utti i dispositi·i sono rappresentati separatamente, per migliorare l`esplicati·ita dello schema, ma in
realta sono assemblati in un unico rack.




ApplJ e Appl2

Sono i due application ser·er, in bilanciamento di carico, che ospitano i ·ari componenti soítware
,business logic, basati su piattaíorma ja·a.
WebcluJ e Webclu2





ADMINIS1RA - Capitolato 1ecnico - Lotto 1
Pag. 27 di 48


Sono i due ser·er di íront-end che costituiscono il punto di accesso al sistema, e che hanno la íunzione
di distribuire il traííico sui ·ari ser·er applicati·i interni.
Queste macchine sono basate sulla piattaíorma open source Apache l11P Ser·er e Squid, ·engono
bilanciate tramite opportuna coníigurazione del DNS, o da altri strumenti esterni.
2.4.3 Il sistema SISDOC
Di seguito ·iene esposto lo schema dell`architettura íisica del ser·izio SISDOC.

SRV_DB (Database Server)
Sul ser·er denominato SRV_DB e installato Oracle Database 9.2i ed Oracle \orkílow 2.6

SRV_DM
Il Ser·er SRV_DM ricopre i seguenti ruoli: Application Ser·er, \eb Ser·er, Documentale.
SRV_BO




ADMINIS1RA - Capitolato 1ecnico - Lotto 1
Pag. 28 di 48


Il ser·er SRV_BO attualmente non ·iene utilizzato né da L-Praxi, né da lummingBird.
1ale ser·er e iníatti utilizzato per l`applicazione L-Grammata ,Protocollo,.
SRV_BK
Sul Ser·er SRV_BK giornalmente ·engono trasíeriti i backup dei ·ari componenti del sistema tramite
delle procedure schedulate.
I backup ·engono eííettuati sottoíorma di íiles sui ser·er principali e poi successi·amente spostati sul
ser·er SRV_BK ·ia rete.
DDDClient
Sul ser·er DDDClient e installato J-Boss 4.0, utilizzato per il deployment dell`appliczione L-Praxi di
test.


2.4.4 Il sistema PMM (Portale Metropolitano Multicanale)
L`architettura applicati·a utilizzata e di tipo SOA ed e coníorme ai paradigmi di progettazione e
s·iluppo orientato ai ser·izi e componenti. 1utti i ser·izi del PMM sono esposti sotto íorma di web
ser·ices, attuando un modello architetturale a ser·izi. Nella íigura data sotto si schematizza come il
modello SOA e stato applicato nella realizzazione del PMM.

Servizi Trasversali Servizi Trasversali
S
e
r
v
i
z
i

E
s
i
s
t
e
n
t
i
S
e
r
v
i
z
i

E
s
i
s
t
e
n
t
i
N
u
o
v
i

S
e
r
v
i
z
i
N
u
o
v
i

S
e
r
v
i
z
i
Interfaccia Utente
Interfaccia Comunicazione
Interfaccia Pubblica
Logica Applicativa
Interfaccia
Comunicazione
Interfaccia
Pubblica
Connettore
Applicazione
Legacy
Interfaccia Pubblica
Logica Applicativa
Interfaccia
Comunicazione
Interfaccia
Pubblica
Connettore
Applicazione
Legacy
Interfaccia
Pubblica
Connettore
Applicazione
Legacy
Interfaccia Pubblica
Logica Applicativa
Interfaccia
Comunicazione
I
n
t
e
r
a
z
i
o
n
e
I
n
t
e
r
a
z
i
o
n
e





ADMINIS1RA - Capitolato 1ecnico - Lotto 1
Pag. 29 di 48


Nella íigura sotto sono schematizzate le componenti soítware che costituiscono la Piattaíorma
1ecnologica scelta dal Comune di Napoli per implementare PMM.




Si riporta di seguito il quadro sintetico delle singole componenti e·idenziate in íigura.


!íß ´´O
\LB SSO e un prodotto che supporta il single sign on di applicazioni web-based interamente basata su
standard di mercato.
Profite Mavager
Il prodotto Proíile Manager íornisce l`inírastruttura, gli strumenti e le modalita per erogare ser·izi di
sicurezza a tutte le applicazioni del portale.
Ceocatt
L la soluzione orientata al Customer Relationship Management ,CRM,, o··ero alla ricerca di quegli
strumenti che meglio possano supportare la deíinizione dei bisogni degli utenti del portale.
J8oss J8oss
JetSpeed JetSpeed
bn|verso| bn|verso| Froxy Froxy
Monoger Monoger
Oroc|e Oroc|e º| D8 º| D8
Web SSO Web SSO
Fro|||e Fro|||e
Monoger Monoger
Apoche AXIS Apoche AXIS
App||cot|on App||cot|on
Fromework Fromework
Oroc|e Work||ow Oroc|e Work||ow
SlI
Content
Fromework Fromework
Cne2Cne
CcnIccI
ContoCI
H|ghwoy
DW
J8oss J8oss
JetSpeed JetSpeed
bn|verso| bn|verso| Froxy Froxy
Monoger Monoger
Oroc|e Oroc|e º| D8 º| D8
Web SSO Web SSO
Fro|||e Fro|||e
Monoger Monoger
Apoche AXIS Apoche AXIS
App||cot|on App||cot|on
Fromework Fromework
Oroc|e Work||ow Oroc|e Work||ow
SII
Content
Fromework Fromework
Geoco||

Ver|com
DW




ADMINIS1RA - Capitolato 1ecnico - Lotto 1
Pag. 30 di 48


´í1
L la soluzione di mercato ai Ceogra¡bic. per la creazione e manutenzione del SI1, la pubblicazione e
consultazione ·ia \eb delle mappe territoriali e la gestione di mappe sensibili per i ser·izi del portale.
íraveror/
Il íramework utilizzato e open source e le componenti che íanno parte dell`Architettura Lsecuti·a
sono:
- Uni·ersal Proxy Messaging ,UPM,: e una soluzione open source per la gestione della
messaggistica, essa attualmente costituisce una piattaíorma integrata per la gestione uniíicata dei
canali SMS, MAIL e \AP, íacilmente integrabile in qualsiasi soluzione progettuale.
- Contents lramework: mette a disposizione ser·izi di content, document e knowledge
management.
- Application lramework e l`insieme di classi e di ser·izi tras·ersali a supporto dello s·iluppo
delle applicazioni.

]et´¡eea
Jetspeed e un Portal Ser·er open source che consente la costruzione e l`esecuzione di portali web
utilizzando le portlet come aree applicati·e su cui esporre i ·ari ser·izi.
]bo..
Nell`ambito dei sistemi open-source JBoss rappresenta l`application ser·er Ja·a che oííre le migliori
caratteristiche, equi·alenti a quelle dei maggior prodotti commerciali.
.¡acbe .`í´
Apache AXIS e una implementazione open-source ja·a delle speciíiche Soap ·ersion 1.1 e SOAP
Messages with Attachments.
Oracte !or/ftor
Rappresenta la componente per la gestione del workílow per i processi applicati·i.
D!
Le componenti necessarie a supportare tutte le íunzionalita richieste dalla inírastruttura di Citizen D\
per il CRM sono:
- Oracle D\ per la piattaíorma L1L di Lstrazione, 1rasíormazione e caricamento dei Dati e gli
strumenti di ausilio per il disegno e la progettazione di DataMart e Data\arehouse ,Disegno
del Modello Dati, Disegno del Modello dei processi, Disegno del Modello delle íunzioni di
íruizioni, ecc.,




ADMINIS1RA - Capitolato 1ecnico - Lotto 1
Pag. 31 di 48


- La piattaíorma Business Object, per implementare la soluzione di Query & reporting,
comprensi·a degli strumenti atti alla modellizzazione dei report, Analisi Multidimensionale con
approccio OLAP, Data Minino e dell`inírastruttura tecnologica necessaria per il deli·ery degli
oggetti prodotti ,\eb Intelligence,.

Architettura lardware


Di seguito ·iene data e·idenza, in íorma di tabella ed a puro scopo indicati·o, della consistenza
dell`hardware al momento presente, íatte sal·e le risultanze dei sopralluoghi obbligatori .

Forto|e Metropo||tono Mu|t|cono|e
INTERNET
FL 01
FL 10
lMS
D8 SS
D/
DMZ
WS 01 WS 02
PT 02
COMMUNITY
NEIWOkK
TL
25 linee
teleíoniche
CC
/S 01
PT 01
FC 01
FC 13
/S 02
IS 01 IS 02
2 linee
teleíoniche
CC
IS




ADMINIS1RA - Capitolato 1ecnico - Lotto 1
Pag. 32 di 48


1ipologia Marca modello Quantità
Ser·er IBM xSeries336 8
Ser·er IBM xSeries236 1
Ser·er IBM xSeries365 2
Storage IBM LXP 400 1
1ape Library IBM 1S Ultrium 3582L23 1
UPS UPC smart UPS5 1
Videoconíerenza Vega Star Sil·er-L di Aethra 2
2.4.S Lista dell'hardware installato suddiviso per servizi
Nome Server OS Ruolo 1ipo Caratteristiche
Spazio
in GB
Note
SRV_DB
\in 2003
St. Sp1
Dbms
Oracle 9i -
Standard One
lP ProLiant DL380
G4 , 2 x Intel Xeon
3,4Glz , Bus dati
800Mlz , Ram DDR
II 400Mhz , Lettore
DVD-ROM




SRV_DM
\in 2003
St. Sp1
Application
\eb

Docvvevtate
J-Boss 4.0
IIS 6.0
Cripto Ser·er
2.4
ívvvivgbira
lP ProLiant DL380
G4 , 2 x Intel Xeon
3,4Glz , Bus dati
800Mlz , Ram DDR
II 400Mhz , Lettore
DVD-ROM








SRV_BO
\in 2003
St. Sp1
Application L-Grammata
lP ProLiant DL380
G4 , 2 x Intel Xeon
3,4Glz , Bus dati
800Mlz , Ram DDR
II 400Mhz , Lettore
DVD-ROM

SRV_BK
\in XP
Pro Sp2
lile_Ser·er
,Backup,

S
I
S
D
O
C

DDDClient
\in2000
Pro Sp4
Application
Appl1
Linux Red
lat Ls ·er
4
Application
DL145- G2 , Ram
4GB , 2 AMD
Opteron 248
2 lD
¯5Gb
RAID1

Appl2
Linux Red
lat Ls ·er
4
Application
DL145- G2 , Ram
4GB , 2 AMD
Opteron 248
2 lD
¯5Gb
RAID1

\ebclu1
Linux Red
lat Ls ·er
4
\eb Ser·er
Application

Squid
DL145- G2 , Ram
4GB , 2 AMD
Opteron 248

2 lD
¯5Gb
RAID1

L
L
L
Z
I
O
N
I

\ebclu2
Linux Red
lat Ls ·er
4
\eb Ser·er
Application

Squid
DL145- G2 , Ram
4GB , 2 AMD
Opteron 248
2 lD
¯5Gb
RAID1



M
L
1
R
O
P
O
L
I
1
A
N
O

M
U
L
1
I
C
A
N
A
Pmm db 01
\in 2003
Ser·er
Lnterprise
DataBase
Oracle 9i
Lnterprise
intel xeon biprocessore
2,¯Glz, 4Gb ram
36GB
Cluster atti·o
passi·o con
storage condi·iso
di 3 Dischi Logici
68Gb, 136Gb, 205




ADMINIS1RA - Capitolato 1ecnico - Lotto 1
Pag. 33 di 48


Nome Server OS Ruolo 1ipo Caratteristiche
Spazio
in GB
Note
Pmm db 02
\in 2003
Ser·er
Lnterprise
LDAP Ser·er
ODBC
Gateway


intel xeon biprocessore
2,¯Glz, 4Gb ram
36GB
Gb
Gestione
Utenze
IDLAS
IDLAS
\in 2003
Standard
1ape Lybrary
intel xeon biprocessore
3Glz, 3Gb ram

36GB


CMS
\in 2003
Standard
Redazione
portale
CMS
intel xeon biprocessore
3Glz, 3Gb ram
36GB
GLOCALL
\in 2003
Standard
Application CRM
intel xeon biprocessore
3Glz, 4Gb ram
36GB
Business Objects
\in 2003
Standard
Reportistica
Business
Objects 6.5
intel xeon biprocessore
3Glz, 1,5Gb ram
36GB
Urbanistica
\in 2003
Standard
Gestione
dominio win
Applicazione
web

Urbanistica
ArcIMS
intel xeon biprocessore
3Glz, 2,5Gb ram
36GB
136 Gb



Pmm , nodo 1
\in 2003
Lnterprise
\eb Ser·er
intel xeon biprocessore
3Glz, 3Gb ram
2 lD
¯4GB
Pmm , nodo 2
\in 2003
Lnterprise
\eb Ser·er
intel xeon biprocessore
3Glz, 3Gb ram
2 lD
¯4GB
Due nodi gestiti da
soítware di
bilanciamento di
carico
Pmm test
\in 2003
Standard
\eb Ser·er
intel xeon biprocessore
3Glz, 3Gb ram
36GB
CMS test
\in 2003
Standard
Redazione
portale
CMS
intel xeon biprocessore
3Glz, 3Gb ram
36GB
IDLAS test
\in 2003
Standard
Gestione
Utenze
IDLAS
intel xeon
quadriprocessore
2,80Glz, 0,5Gb ram
36GB
GLOCALL test
\in 2003
Standard

intel xeon
quadriprocessore
2,80Glz, 0,5Gb ram
36GB
Call Center 1
Contact
Center
VLRICOM l\ LLGAC\
Call Center 2
Contact
Center
VLRICOM l\ LLGAC\
lax,SMS
Contact
Center
VLRICOM l\ LLGAC\
PGG \in 2003
intel pentium
biprocessore 3,4 Glz,
4Gb ram
68GB
Macchine esterne -
Lndpoint \S
Interíaccia PMM
DB nodo 1
SUN
Solaris 8
DataBase Oracle 8i Sun Lnterprise 450
41,5GB
36,5GB
A
N
A
G
R
A
I
L

DB nodo 2
SUN
Solaris 8
DataBase Oracle 8i Sun Lnterprise 450
atti·o passi·o
gestiti da Sun
Cluster 2.0 con
storage condi·iso




ADMINIS1RA - Capitolato 1ecnico - Lotto 1
Pag. 34 di 48


Nome Server OS Ruolo 1ipo Caratteristiche
Spazio
in GB
Note
Storage 1
SUN
StorLdge
Array
Storage
N .2
Disk Lnclousure
da ¯ slot con lD
da ¯3GB
Protezione RAID
5
Ser·er larm ,n.6 Ser·er,
\indows
2000
Application

Citrix
Metaírame 1.0
Power Builder
6.5.1
intel pentium
biprocessore 1 Glz,
1Gb ram
4GB
18GB
36GB


DB3
SUN
Solaris ¯
DataBase Oracle 8i Sun Lnterprise 450
Storage 2
SUN
StorLdge
Array
Storage Oracle 8i

Ser·er larm ,n.4 Ser·er,
\indows
2000
Application

Citrix
Metaírame 1.0
Power Builder
6.5.1
Ser·er Unisys

Ser·er n.2 x test \in 2000
Stan-Alone
Application
Backup ed
Llezioni test
, Anagraíe
Ser·er Unisys LS 2024
intel pentium
biprocessore 1 Glz,
256Mb ram, 2 Dischi
Logici 18Gb, 50 Gb
18GB
50GB

Porta Applicati·a
Lnterprise
Linux
Ver. 3
Application
Porta
Applicati·a
"Anagraíe ,
ASL" Ja·a
Ser·er SILMLNS 1
processore XLON DP
2.8 GlZ 2GB Ram 4
lD ¯3 G
¯3GB


2.S Disaster Recovery
L'amministrazione pre·ede, a valle e fuori della fornitura oggetto del presente capitolato, la
realizzazione di un sito secondario attrezzato secondo le logiche del sito primario do·e realizzare
la soluzione di disaster reco·ery secondo il modello DR di seguito descritto.
Il lornitore e in·itato a descri·erne il dimensionamento e le modalita realizzati·e tenendo conto
che questa Amministrazione non intende realizzare un inírastruttura cosiddetta aorvievte` ma ,
in·ero , un` inírastruttura che rispecchi quella del sito di produzione e che contenga , quindi, una
replica di quest`ultimo : si trattera , quindi, di implementare un secondo sito di produzione per il
quale il sito principale rappresenti l`equi·alente sito di disastro.








ADMINIS1RA - Capitolato 1ecnico - Lotto 1
Pag. 35 di 48


2.6 Computo metrico dispositivi
Di seguito ·engono elencate le quantita dei dispositi·i lardware minime pre·iste per la íornitura.
SLRVLR IARM
CA1LGORIA QUAN1I1A'
ClASSIS BLADL 6
SLRVLR 1IPOLOGIA A 12
SLRVLR 1IPOLOGIA B 6
SLRVLR 1IPOLOGIA C 5
S1ORAGL 1
DISK LIBRAR\ 1
1APL LIBRAR\ 1
DISPOSI1IVO CAS 1
Sistemi per le comunicazioni LAN,MAN e SAN Valutazione demandata al lornitore
Licenze Microsoít \indows Ser·er 2008 Lnterprise 18
Licenze Microsoít \indows Ser·er 2008 Standard ,e
possibile íornire licenze OLM,
6
Licenze CAL per \indows Ser·er 2000
SLRVIZI DI CONSULLNZA PLR LA
RLALIZZAZIONL
Valutazione demandata al lornitore





ADMINIS1RA - Capitolato 1ecnico - Lotto 1
Pag. 36 di 48



3 MLSSA IN SICURLZZA del DA1A CLN1LR

Strutture edili ed impianti tecnologici

3.J Introduzione
Il presente capitolato descri·e le speciíiche tecniche minime da seguire per l`allestimento a
data center di alcuni locali posti al piano terra dell`ediíicio comunale di piazza Gio·anni
XXIII.
Questa Amministrazione, comunque, si riser·a di indicare e·entuale altro sito da destinare a
Data Center prima che abbiano inizio i necessari sopralluoghi.
L`inter·ento nel suo complesso do·ra pre·edere la realizzazione del nuo·o layout mediante
l`esecuzione delle seguenti opere:
• Smantellamento degli allestimenti esistenti e non piu utili,
• Opere edili,
• Impiantistica generale ,impianto elettrico generale e climatizzazione,,
• Impiantistica di sicurezza ,impianto antincendio e spegnimento, controllo accessi e
1·cc,,
• Rete íonia-dati e collegamento alla rete preesistente del Comune,
• Allestimenti ·ari quali controsoííitto, pa·imento ílottante, pareti attrezzate, porte RLI,
ecc.,
• Allestimento locale Data Center ,
• Gruppo di continuita e gruppo elettrogeno,
• Arredamenti d`uííicio e complementi.

3.2 Sistemi di sicurezza
Premessa
La necessita di mettere in sicurezza il centro ha dato corpo ad una analisi delle necessita dello stesso,
generando un capitolato che ·uole dare le linee guida per un sistema, ed e redatto prendendo in




ADMINIS1RA - Capitolato 1ecnico - Lotto 1
Pag. 37 di 48


considerazione un soítware di gestione integrato con una serie di sottosistemi con esso compatibili, che
soddisíino le necessita del centro.
1utti i sottosistemi presenti nel sito do·ranno essere super·isionati da un soítware di gestione integrato
che permettera di a·ere sotto controllo tutti i sistemi di sicurezza, permettendo cosi la ricezione degli
allarmi e guasti, degli accessi, delle immagini li·e e registrate pro·enienti dalle telecamere, del controllo
degli accessi, il tutto su mappe graíiche.
1utti i sottosistemi colloquieranno con il centro a mezzo LAN con protocollo 1CP,IP.
Sottosistemi
Il sistema di sicurezza integrato si compone dei seguenti sottosistemi:
1, Sotto Sistema di ri·elazione incendi e allagamento
2, Sotto Sistema antintrusione
3, Sotto Sistema di controllo accessi biometrico
4, Sotto Sistema di ·ideosor·eglianza e registrazione digitale
5, Super·isore soítware graíico

Composizione dei sottosistemi
Sistema di rivelazione incendi e allagamento
Il sistema di ri·elazione incendi do·ra pre·edere una centrale ad un loop analogico sul quale saranno
collegati ri·elatori di íumo, pulsanti, sonde di presenza acqua. La protezione dei ri·elatori di íumo si
estendera anche al sottopa·imento, do·e saranno presenti anche le sonde acqua.
La centrale do·ra pre·edere un collegamento in LAN con protocollo 1CP,IP tramite il quale
colloquiera con il soítware di super·isione con il quale do·ra essere pienamente compatibile, anche in
relazione alle necessita di interazione con gli altri sottosistemi super·isionati dallo stesso soítware.
La centrale de·e essere dotata di \eb ser·er integrato in modo da permettere l`accesso oltre che dal
sistema di super·isione anche da una sua interíaccia graíica di controllo e programmazione.
1utte le operazioni di iníormazione, reset ed altro saranno possibili sia sulla centrale direttamente che
tramite il soítware di super·isione.
I ri·elatori do·ranno essere analogici con isolatore di linea incorporato.
I pulsanti saranno in numero di 2 nel data center.
Occorrera íare la do·uta attenzione a non installare i ri·elatori di íumo in prossimita delle mandate di
aria ad e·itare íalsi allarmi do·uti a íenomeni di condensa do·uti alla aria raííreddata.





ADMINIS1RA - Capitolato 1ecnico - Lotto 1
Pag. 38 di 48



Sistema antintrusione
Il sistema antintrusione do·ra pre·edere una copertura totale degli ambienti con sensori D1 e la
protezione con contatti magnetici solo sui íinestroni del CLD e sulle porte di accesso controllate dal
sistema di controllo accessi biometrico ,Ci saranno per ogni accesso due contatti magnetici, uno per il
sistema antintrusione ed uno per il sistema di controllo accessi biometrico,. Inoltre nella area esterna
do·e saranno ubicate le macchine esterne del condizionamento do·ranno essere posizionate
opportunamente a ridosso della recinzione n.° 3 barriere atti·e ad inírarossi di due metri di altezza.
1utti i sensori íaranno capo ad idonei concentratori collegati ad una centrale a microprocessori
espandibile, con dotazione di base un numero di zone pari ai sensori pre·isti con una riser·a del 10° in
piu di zone di scorta.
La centrale do·ra essere dotata di \eb ser·er integrato in modo da permettere l`accesso oltre che dal
sistema di super·isione anche da una sua interíaccia graíica di controllo e programmazione.
Il sistema do·ra pre·edere una interíaccia operatore a mezzo tastiera LCD con lettore di chia·i digitali
di prossimita per le operazioni di inserimento,disinserimento e di ser·ice, che saranno rese possibili in
íunzione delle possibilita dell`utente loggato al sistema. I sensori do·ranno essere del tipo a doppia
tecnologia con emissione delle microonde in banda X.
I contatti magnetici saranno del tipo con in·olucro metallico.
Il sistema antintrusione, oltre ad in·iare allarmi al sistema di super·isione in·iera delle e-mail di allarme
tramite il web ser·er di cui do·ra essere dotata. Inoltre do·ra essere equipaggiata di un combinatore di
sistema di tipo cellulare che in·iera gli allarmi,guasti a dei numeri di ser·izio.
Almeno 4 ingressi della centrale antintrusione do·ranno essere collegati alla centrale incendio, in modo
da poter utilizzare il combinatore cellulare per in·iare gli allarmi anche del sistema antincendio.

Sistema di controllo accessi biometrico
Il sistema di controllo accessi do·ra essere del tipo con lettore di badge di prossimita integrato ad un
sistema biometrico di lettura delle impronte digitali.
Per e·itare il solle·arsi di problematiche di pri·acy il sistema biometrico ,se sara utilizzato, in quanto il
sistema potra íunzionare anche con la sola tessera o tessera - codice, do·ra leggere la corrispondenza
con i dati biometrici ,template, contenuti ,criptati, nel badge in possesso dell`utente, e do·ra consentire
l`accesso solo se i due dati collimano.




ADMINIS1RA - Capitolato 1ecnico - Lotto 1
Pag. 39 di 48


Ogni ·arco do·ra essere quindi composto da una unita di controllo ·arco collegata in LAN, collegata al
lettore biometrico e di tessera codice collegato all`esterno della porta, un pulsante interno di apertura
·arco, e dello scrocco elettrico sulla porta stessa, oltre al contatto magnetico sulla porta stessa.
Il ·arco do·ra essere cosi controllato in ingresso dal lettore biometrico ,o solo tessera codice,, mentre
l`uscita a··erra premendo un pulsante collegato al sistema di controllo accessi stesso.
Lo scrocco elettrico che sara atti·ato dal controllo accessi do·ra essere di tipo idoneo a íunzionare con
i suddetti sistemi, ,bassissimo assorbimento e dotato di ·aristori antiscintilla, idoneo a supportare anche
la continua eccitazione do·uta alla necessita di tenere la porta sempre sbloccata.
L`apertura della porta non tramite il biometrico o il pulsante interno ,segnalata da uno dei due contatti
magnetici installati sulla porta, sara segnalata al centro ed e·entualmente potra generare anche un
allarme locale se desiderato dall`utente ,tramite riporto del rele di allarme del controllo accessi alla
centrale intrusione,.
O··iamente la struttura del soítware di gestione do·ra pre·edere la possibilita di tenere traccia degli
accessi, e di implementare le politiche di restrizione degli accessi desiderata dall`utente.

Sistema di videosorveglianza e registrazione digitale
Il sistema di ·ideosor·eglianza do·ra essere composto da telecamere Day,Night compatte e di robusta
costruzione metallica anti·andalo e illuminatore ad inírarossi a led incorporato, con ottica
grandangolare idonea a ·isualizzare gli ambienti nei quali sono installate.
Ogni ambiente sara controllato da una telecamera ,ad eccezione dei locali bagni, come anche l`esterno
della porta di accesso alla struttura.
Nel data center a protezione dello spazio esterno do·ranno essere posizionate due telecamere a
risoluzione piu alta con illuminatore a luce inírarossa di portata almeno di 20mt.
I segnali ·ideo delle telecamere saranno riportati ad un digital ·ideo recorder adeguato al numero di
telecamere, e che permetta almeno 5,6 írame,sec per ogni telecamera alla risoluzione di ¯20x5¯6.
Il ·ideoregistratore digitale do·ra essere anch`esso pro··isto di un collegamento LAN 1CP,IP in
maniera da poter essere raggiunto da remoto tramite il soítware di centralizzazione ·ideo.
Do·ra essere possibile l`accesso alle immagini ad uno o piu responsabili anche da pc remoti pre·ia
autenticazione con opportune password.






ADMINIS1RA - Capitolato 1ecnico - Lotto 1
Pag. 40 di 48





Supervisore grafico
1utti i sottosistemi saranno gestiti tramite collegamento LAN,\AN in 1CP,IP da un sistema di
super·isione e mappe graíiche che ne gestira la ricezione degli allarmi e la gestione degli inserimenti,
delle esclusioni di aree, sensori, accessi, ecc.
Il soítware gestira piu mappe graíiche interatti·e sulle quali saranno posizionati tutti gli oggetti atti·i in
campo ,sensori, sirene, lettori biometrici,.
In caso di e·ento che necessiti di una ·isualizzazione delle immagini pro·enienti dalla telecamera, do·ra
essere programmata l`atti·azione automatica di un pop-up delle telecamere poste in ·icinanza
dell`ambiente soggetto a segnalazione.
Do·ra essere comunque installato sul super·isore anche un soítware sempliíicato di ·ideosor·eglianza
che sara ·isualizzabile sul secondo monitor del PC super·isore.
L`accesso alle íunzionalita del soítware ,e quindi delle possibilita di interazione con i sottosistemi, sara
in íunzione delle possibilita assegnate ad ogni utente, anche con íasce data,ora.
Il soítware do·ra essere installato su di un PC con S.O. di caratteristiche idonee al super·isore
utilizzato e pro··isto di doppio monitor LCD da 19`.
Il PC do·ra essere dedicato pre·alentemente alla gestione dei sistemi di sicurezza, e pur potendo entro
certi limiti essere adibito anche ad altri compiti ,di impatto minimo rispetto alle risorse a disposizione,
questo utilizzo misto do·ra essere scoraggiato, pro··edendo inoltre ad installare su detto PC un
soítware di limitazione di utilizzo in modo da e·itare di sporcare` l`installazione primaria.
Sul PC do·ra essere anche installato il soítware di gestione del sottosistema di controllo accessi, che
permettera di caratterizzare i singoli accessi con le do·ute policy di accesso.
Il sistema di super·isione do·ra essere idoneo ad essere remotizzato in altro luogo in íunzione delle
necessita íuture dell`utente, cosi come do·ra poter essere ampliato con íunzioni supplementari tipo
architettura a ser·er ridondanti, client di accesso, limitazione mappe in íunzione degli account, ecc.

3.3 Allestimento locali Data Center
3.3.J Generalità
Oggetto




ADMINIS1RA - Capitolato 1ecnico - Lotto 1
Pag. 41 di 48


Le caratteristiche richieste agli impianti tecnici ed iníormatici da installare nel realizzando complesso
Data Center sono puramente indicati·i e do·ranno essere ·eriíicati e progettati a cura dell'Appaltatore.
L`inter·ento consiste principalmente nel progettare e realizzare, all`interno dei locali indicati, la nuo·a
inírastruttura Data Center con le piu recenti tecnologie in tema di risparmio energetico e nell`adeguare
le inírastrutture dei locali per ospitare gli apparati I1.
In particolare do·ra essere compresa e garantita la progettazione, la íornitura, l`installazione e la
coníigurazione dei seguenti sottosistemi:

a, Inírastruttura generale Sala Ser·er e Sala UPS
b, Integrazione Rete dati CLD e connessione MAN
c, impianto elettrico Sala Ser·er , sala Controllo e Sala UPS
d, Realizzazione dell`impianto di raííreddamento Data Center e Sala UPS
e, Inter·enti di completamento quali ad esempio impianti di spegnimento e rile·azione incendi,
impianti antintrusione etc.
í, Sistema di misura e monitoraggio degli assorbimenti elettrici e delle temperature.

Il progetto che do·ra essere presentato do·ra inoltre pre·edere i seguenti ser·izi a supporto
dell`inírastruttura:
g, Gestione e manutenzione degli impianti ,elettrico e termico, per anni cinque.
h, Manutenzione ,Next Business Day, e Supporto on-site per tutti gli apparati íorniti, per anni cinque.
i, Addestramento del personale dedicato al Centro Llaborazione Dati
La Sala Controllo potra essere asser·ita dall`impianto VRV citato in precedenza per il raííreddamento e
trattamento dell`aria di ricambio nonché, o·e necessario, impianto di condizionamento di precisione
dedicato.

3.3.2 Descrizione delle opere
Inter·enti edili :
- Qualiíicazione locali ed adeguamento al nuo·o uso
- Porte di accesso ai locali
- Pa·imento ílottante di portata adeguata al carico
- liniture
- Uscite di emergenza
- Riníorzo solaio e·entuale




ADMINIS1RA - Capitolato 1ecnico - Lotto 1
Pag. 42 di 48


Impiantistica meccanica di raííreddamento di precisione
Si richiede la progettazione e la realizzazione per impianti di raííreddamento che rappresentino le
ultime inno·azioni tecnologiche in íatto di aííidabilita e di risparmio energetico.
- Il Sistema di condizionamento per la Sala Ser·er do·ra a·ere caratteristiche di aííidabilita con minimo
di coníigurazione in N-1, scalabilita e modulare con possibilita in íuturo di eííettuare ampliamenti in
continuita con quanto attualmente pre·isto e progettato senza spegnere quanto íunzionante ed ad
ele·ato risparmio di Lnergia
-Il Sistema di condizionamento per la Sala UPS do·ra a·ere caratteristiche di aííidabilita con minimo di
coníigurazione in N-1, assicurando continuita e ad ele·ato risparmio di Lnergia
- Per la sala controllo e pre·ista unita di condizionamento che potra essere collegata all`impianto VRV
del íabbricato. O·e íosse necessario si potra inserire unita autonoma split che risponda alle esigenze di
quanto installato nel locale.
1utti i sistemi per locali tecnologici do·ranno controllare oltre che la temperatura anche l`umidita
dell`ambiente con caratteristiche di precisione nell`ordine di 50° U.R. -,- 5°.
Gli impianti di raííreddamento dei ser·er, preíeribilmente ad espansione diretta, do·ranno essere
considerati autonomi con compressori modulanti e condensazione ad aria per poter gestire i carichi
anche parziali all`interno dei singoli rack.

Impiantistica elettrica
- Gruppi statici di continuita dimensionati opportunamente per i carichi da alimentare, ogni singolo
UPS do·ra essere costituito da un singolo modulo di potenza da 200 KVA. Ogni modulo a·ra minimo
le seguenti caratteristiche:
1. ·ersione dual-bus
2. completi di raddrizzatori con assorbimento sinusoidale,
3. riíasamento del cosíi di ingresso,
4. in·erter a IGB1,
5. gestione dell`apparecchiatura mediante DSP ,Digital Signal Process,
- Distribuzione dalla cabina alla Sala Lnergia
- Quadri elettrici di distribuzione dorsali ai rack di·isi su sbarra alimentazione A e sbarra alimentazione
B della Sala Ser·er, Quadri elettrici per i dispositi·i tecnici ed alla Sala di Controllo
- Moduli PDU ,Power Distribution Unit, di alimentazione interni ai rack da 63A per Blade Ser·er
Impiantistica speciale
- Impianto anti incendio ambientale




ADMINIS1RA - Capitolato 1ecnico - Lotto 1
Pag. 43 di 48


- Impianto anti incendio interno agli armadi rack di tipo VLSDA
- Impianto anti intrusione e controllo accessi
- Impianto IP-1VCC: camera accessi e camera íile rack
- Impianto di super·isione e regolazione impianti meccanici

Impiantistica iníormatica
- Cablaggio strutturato
- Aparati atti·i di networking e relati·o soítware di gestione
- Soítware di amministrazione delle inírastrutture íisiche

3.3.3 Infrastrutture
Premessa
Il nuo·o Data Center sara realizzato in un complesso ad alta densita di uííici, ·incolato in termini di
spazi utili, normati·e d'emissione LMI e RlI in specie per le macchine accessorie a ser·izio
dell'impianto ed in zona ad impatto acustico proíilato.
Obietti·i prestazionali
L'impianto in oggetto sara stato esplicitamente pensato per soddisíare le seguenti condizioni, ritenute
·incolanti per questo tipo d'opera:
- Alta aííidabilita e disponibilita dell'impianto
- Possibilita di potenziamento senza interruzione generale di ser·izio
- Coníormita alle norme tecniche del settore nazionali ed internazionali
- Stretta aderenza alle raccomandazioni 1IA942 e 1IA606A
L` pre·isto che i ser·er non debbano essere íermati per eseguire alcuna operazione di manutenzione
ordinaria dell'inírastruttura.
Lo standard di controllo climatico do·ra essere garantito durante tutto l'anno secondo i dettami e le
esigenze di ser·er di tipo blade notoriamente aíílitti dal problema dell'hot spot.
Consumo energetico ed inquinamento acustico
Do·ranno essere attentamente studiati e precisamente e·idenziati tutti i ílussi energetici al íine di
abbattere tutti gli sprechi in un`ottica di utilizzo intelligente dell'energia.




ADMINIS1RA - Capitolato 1ecnico - Lotto 1
Pag. 44 di 48


In particolare tutti i sistemi di raííreddamento do·ranno poter ridurre al massimo i consumi energetici
durante il loro íunzionamento e si do·ranno adeguare automaticamente all`eííetti·a dissipazione dei
se·er anche in caso di parzializzazione del carico all`interno dei rack. Si do·ra íornire tabella esplicati·a
o·e sia e·idenziato il consumo per singolo rack alle seguenti condizioni:
Sala Server (minimo 6 Rack Server).
Condizioni di temperatura ed umidita relati·a ammissibili íronte rack:
1emperatura da 18° a 22°C umidita relati·a 65 - 45°
Condizioni di temperatura ed umidita relati·a ammissibili ripresa aria da parte posteriore Rack
Da 34 a 38°C Umidita relati·a da 20° a 40°.
− Carico di 8 k\ per Rack - per temperature esterna da -3 a 35°C
− Carico di 16 k\ per Rack - per temperature esterna da -3 a 35°C
− Carico di 24 k\ per Rack - per temperature esterna da -3 a 35°C.

Per la Sala UPS unica tabella con temperatura interna alla sala di 23°C -,- 1°C e U.R. al 50° -,- 5°
per temperature esternada -3 a 35°C
Do·ranno inoltre essere attentamente e·idenziati i disturbi sonori emessi dalle unita posizionate in
esterno, siano essi Gruppi Reírigeratori e,o Dry-Cooler e,o condensatori, delle unita interne, do·ra
essere considerato il ri·erbero in ogni locale nonché la coibentazione acustica in direzione orizzontale e
in direzione ·erticale. I soííitti e,o i controsoííitti ·erranno curati in modo da garantire una buona
diííusione attra·erso materiali e superíici che garantiscano capacita di assorbimento dell'onda acustica,
mentre le pareti di íondo saranno trattate con materiali di·ersi, per ridurre i íenomeni di eco.


3.3.4 Dimensionamento generale
Il complesso Data Center pre·ede tre sale: Sala Ser·er , Sala Lnergia ed una sala controllo.
Do·ra essere pre·isto un pa·imento tecnico in tutte le sale del Data Center atto al passaggio di
tubazioni per collegamento unita di raííreddamento delle sale, ca·idotti , canaline per rete elettrica e,o
rete dati con una struttura ed una posa di tipologia antisismica`, questo pa·imento si estendera in tutte
le sale e supportera la íila di armadi rack in cui ·erranno alloggiati i ser·er nonché i sistemi di
raííreddamento, i sistemi UPS e distribuzione energia. Il pa·imento tecnico ospitera l'impianto elettrico
e quello di trasmissione dati distesi su due distinte passerelle in íilo di acciaio una posata da·anti ai rack
ed una dietro.




ADMINIS1RA - Capitolato 1ecnico - Lotto 1
Pag. 45 di 48


Il solaio sara opportunamente dimensionato.
a. - Sala Controllo
Ospitera le postazioni degli addetti nonché i computer di super·isione e gestione a seconda dei carichi
do·ranno essere pre·isti sistemi di raííreddamento suppleti·i a quello collegato al VRV.
b. - Sala Lnergia
Ospitera quadri elettrici ed UPS. Un sistema di continuita assoluta ,UPS, alimentera in permanenza i
ser·er e manterra le sale Ser·er e Controllo in íunzione in caso di blackout per 15 minuti a pieno
regime. Un sistema di soccorso con motore diesel, garantira l'erogazione della potenza per un tempo
illimitato.
c. - Sala ser·er
Ospitera gli armadi rack ser·er da 42U utili preíeribilmente di tipo telaio rack raííreddato
autonomamente e due armadi per cablaggio ed apparati atti·i. Ogni armadio ser·er potra ospitare íino a
tre chassis blade che in coníigurazione completa dissipano íino a 8.000\ ciascuno dunque gli armadi
ser·er richiedono potenza írigoriíera in continuo sensibile netta da 8 a 24K\ ciascuno. Nell`attuale
íase il carico iniziale in ciascun rack sara di 8 k\. 1ale prestazione do·ra essere íormalmente certiíicata
dal produttore, non desunta da pubblicazioni commerciali.
Il networking colleghera i ser·er in modalita dual-homed ,due schede di rete in apparati di·ersi, in
modalita Gigabit Lthernet.
Il cablaggio strutturato sara coníigurato in modalita MOR ,Middle oí the Row, con disponibilita di
almeno 288 punti rame 48 in íibra per ciascun armadio.
Note sull`Inírastruttura
La scelta di un unico reíerente che sia produttore per i sistemi UPS, i sistemi di condizionamento di
precisione, armadi Rack Ser·er ed impianti ad esso asser·iti quali antintrusione, rile·azione e
spegnimento incendio - o·e possibile - e preíeribile perché rappresenta il modello ideale per garantire
comunicabilita, gestibilita e scalabilita. Sara apprezzato maggiormente una soluzione di continuita
produttore-manutentore degli impianti stessi.
Le ragioni di questo apprezzamento riguardano l`eííicacia dell`assistenza tecnica, la standardizzazione
dei componenti, l'implementazione dei sistemi di comunicazione, la gestione centralizzata
dell'inírastruttura e l'integrazione di tutti quei sottosistemi che íaranno parte del Data Center.
Obietti·o primario sara quindi diminuire quanto piu possibile le cause di guasto interne ed esterne,
soprattutto do·ute alla non omogenea progettazione ed utilizzo di soluzioni non appositamente
disegnate per la·orare in sintonia tra loro, che possono causare l'inaííidabilita del sistema.
Si precisa che i locali sono alti solo 300 cm cio sconsiglia l'uso di un sistema di cooling che usi aria
con·ogliata sottopa·imento e raccolta da controsoííitto, sistema peraltro inadatto all'eííicace
raííreddamento di armadi ad alta densita.




ADMINIS1RA - Capitolato 1ecnico - Lotto 1
Pag. 46 di 48


Si preíerisce in·ece un'architettura basata su condizionamento di precisione a li·ello di armadio in
quanto piu adatta al raííreddamento dei Blade Ser·er e a·ente una risposta eííicace e sicura anche in
caso di aumento di densita di calore data dai ser·er blade.
Oííre inoltre, ele·ata ílessibilita e scalabilita, con ciascuna unita íunzionante autonomamente da quelle
adiacenti.
In particolare quindi ·erranno preíeriti sistemi di raííreddamento ad espansione diretta con gas íreon
R40¯C o R410A a·enti condensazione remota ad aria che sia progettato ed eseguitio per oíírire
ridondanza N-1.
Oltre al condizionamento di precisione in ridondanza, sempre a li·ello sicurezza do·ra essere pre·isto
un sistema di ·entilazione íorzata di emergenza a li·ello generale sala Ser·er o su singolo Rack con
autoatti·azione in caso di mancanza rete e quindi collegato sotto rete pri·ilegiata.
Il sistema anti-incendio all`interno del rack do·ra essere preíeribilmente completo di sensori di
rile·azione e sistema di spegnimento con sistema integrato di tipo VLSDA ,Very Larly Smoke
Detection Apparatus, a gas esaíluoropropano llC-236ía, non tossico per le persone e senza eííetti
dannosi per l`ozono. Il sistema di ri·elazione incendio VLSDA puo ri·elare il íumo a li·elli
estremamente bassi:0.005° di oscuramento,m ,1.000 ·olte piu sensibile dei migliori ri·elatori ottici
tradizionali, e quindi e in grado di ri·elare anche piccolissime quantita di íumo, in particolare proprio
nella primissima íase del processo che portera all`incendio.
Considerato che le tecnologie íin qui richieste sono di recente introduzione, la soluzione di
condizionamento tecnico proposta do·ra essere di regolare produzione industriale.
La sala ser·er e la sala energia UPS disporranno anche di un condizionamento di precisione a li·ello di
sala con potenza írigoriíera sensibile adeguata alla presenza di UPS e per preser·are le batterie per la
sala energia e di n° 2 moduli Rack per cablaggio per la sala ser·er. Si richiede un minimo comunque di
10 k\ di condizionamento per controllo temperatura e umidita della stessa sala ser·er P.1.
1utte le unita íin qui elencate do·ranno essere gestibili ·ia IP.

Manutenzione Inírastruttura di condizionamento ed UPS
L`oííerta includera un contratto di manutenzione per cinque anni con il seguente SLA:
- quattro ·isite annuali di manutenzione pre·enti·a
- inclusi tutti i materiali di consumo compresi i íiltri
- inclusi tutti i ricambi e mano d`opera anche per inter·enti straordinari
- tecnici íormati dal íabbricante e certiíicati
- reperibilita 24x365 con inter·ento entro le quattro ore dalla chiamata

L'erogazione elettrica




ADMINIS1RA - Capitolato 1ecnico - Lotto 1
Pag. 47 di 48


I quadri, gli UPS e le relati·e batterie do·ranno essere collocate in Sala Lnergia.
Do·ra essere pre·isto il cablaggio elettrico sottopa·imento su passerella portaca·i in íilo di acciaio,
collegando tutti i rack attra·erso ca·i di collegamento elettrico dotati di connettori industriali
interbloccati
1utte le utenze saranno collegate all'unico Quadro di Distribuzione Llettrica da cui saranno diramate
per la sala Ser·er la sbarra di alimentazione A e la sbarra di alimentazione B: la PDU sui rack ser·er
collegata a sbarra A cosi come a sbarra B e pre·ista con un interruttore tripolare da 63A.
Sul quadro principale do·ranno essere inseriti interruttori da 16A con diííerenziale da 30mA ed
interruttori da 32A con diííerenziale da 30mA. Una parte di questi interruttori do·ra essere dedicati alle
unita interne di condizionamento per il collegamento delle unita di emergenza di ·entilazione, l`altra
parte sara lasciata per íuturi ampliamenti e,o per collegamenti Rack in sala ,2, e sala Controllo..
All'interno do·ranno essere presenti i sezionatori per eííettuare il ByPass di manutenzione. Questa
soluzione do·ra assicurare, in caso di guasto o manutenzione dell'UPS, di alimentare il carico
direttamente attra·erso il pro·ider elettrico senza do·er spegnere gli apparati del Data Center. Alla
conclusione della manutenzione, tramite il ByPass, si do·ra riportare in protezione il carico sempre
senza nessuna interruzione elettrica.
L'UPS ha un ruolo strategico nell`esercizio del Data Center, si preíerira una soluzione con parallelo di
potenza e ridondanza. La potenza elettrica per l'uso iníormatico íruibile a regime in continuita assoluta
sara non iníeriore a 200KVA.
Messa a terra
Una eííicace soluzione di messa a terra sal·aguarda la salute degli utenti, e·ita l'interruzione del ser·izio
e l'aggra·io dei costi di gestione. Il sistema di messa a terra ,grounding,, speciíicamente disegnato per
impianti di datacenter e cablaggio strutturato, sara coníorme agli standard internazionali 1IA 942, 1IA
J-S1D-60¯-A ed ILLL-1100. La prestazione sara di grado NLBS Le·el 3, il superamento dei test per la
certiíicazione NLBS Le·el 3 attesta che il sistema e in grado di operare anche in caso di íulmini,
·ibrazioni, umidita, interíerenze elettromagnetiche e corrosione.

Cablaggio strutturato
Il cablaggio strutturato in rame U1P Categoria 6A 2nd Generation sara coníigurato in modalita MOR
,Middle oí the Row, con disponibilita di almeno 288 punti per ciascun armadio. In aggiunta al rame
ciascun armadio disporra di almeno 48 link in íibra ottica OM3 con connessione LC. In Sala Controllo
si disporranno 24 punti rete in rame delle stesse caratteristiche.
Management e super·isione dell'inírastruttura íisica
La piattaíorma di management richiesta e in grado di gestire e monitorare l'intera inírastruttura íisica
da una piattaíorma centralizzata: opera da unita centralizzata per il cablaggio strutturato,
l'alimentazione, il raííreddamento, i dati ambientali e per il controllo degli accessi.




ADMINIS1RA - Capitolato 1ecnico - Lotto 1
Pag. 48 di 48


Il sistema íornira íacilitazioni per documentare e gestire tutte le iníormazioni relati·e al cablaggio di
rete. Gli attributi del cablaggio includeranno l`identiíicazione del ca·o, le posizioni di inizio e termine
connessione, i risultati delle certiíiche. Il sistema consentira di documentare e gestire le apparecchiature
dell'inírastruttura íisica di rete e le entita collegate. Il sistema includera almeno le caratteristiche pre·iste
dalla 1IA606A. Il sistema consentira la migrazione dei dati, predisponendo la gerarchia dei dati delle
proprieta e delle connessioni, da database esistenti o íogli di calcolo.
In caso di situazione di emergenza, il sistema di gestione in·iera una notiíica immediata al íine di
garantire l'inter·ento e la risoluzione del problema con la massima tempesti·ita. L`applicazione gestira
anche l`emissione ed il tracciamento di ordini di la·orazione agli addetti all`assistenza tecnica.

4 CRONOPROGRAMMA

Il progetto de·e contenere un dettagliato cronoprogramma, le cui atti·ita íondamentali ,di primo
li·ello, sono elencate nel seguito:
1. Messa in sicurezza del data center ,1.1 Strutture edili , 1.2 Impianti tecnologici,
2. Realizzazione inírastruttura IC1
3. Migrazione nel data center dei sistemi gestionali
4. Pronto all`uso
Il tempo totale dallo start al pronto all`uso` non de·e superare dodici mesi.