on iroT id elaeR a cetoilbiB a llen otavr e sno c ottartirotuA .

1 aru giF

I C N I V

O D R A N O

Ingegnere Architetto Urbanista

A D

E L

62 .. .... ..... ..... .... .... ..... ..... .... ..... .... ..... .... ..... .... ..... .... ..... .. onitnelaV acud lI – AIGROB ERASEC 62 .. .... ..... .... ..... .... ..... ..... .... ..... .... ..... .... ..... .... ..... .... ..... ..... .... ..... .... ..... .... ... ITNEMIDNOFORPPA 42 .. .... ..... .... ..... .... ..... .... ..... ..... .... ..... .... ..... .... ..... ..... ...ODRANOEL ID ESEGEVRON ETNOP LI 32 .. .... ..... .... ..... ..... .... .... ..... ..... .... ..... .... ..... .... ..... ..... .... ..... .... .. ODRANOEL ID AIFARGOEG AL 12 .. .... ..... .... ..... .... ..... .... ..... ..... .... ..... .... ..... .... ..... ..... .... .....ANASETRAM ALLED OILGIVAN LI 71 .. .... ..... .... ..... .... ..... .... ..... ..... .... ..... .... ..... .... ..... ..... .... ..... .... ..... .... ..... .... ..... . ELAEDI ’ATTIC AL 61 .. .... ..... .... ..... .... ..... ..... .... ..... .... ..... .... ..... .... ..... ..... .... ..... .... ..... .... ..... ... ONAIVURTIV OMOU’L 31 .. .... ..... .... ..... .... ..... .... ..... ..... .... ..... .... ..... .... ..... ..... .... .... ..... ..... .... ..... .... ..ATALAG ID ETNOP 01 .. .... ..... .... ..... .... ..... ..... .... ..... .... ..... .... ..... .... ..... .... . ERATILIM AIRENGEGNI ID EREPO EL 8 .... .... ..... .... ..... .... ..... ..... .... ..... .... ..... .... ..... .... ..... .... ..... ..... .... ..... .... ..... .... ..... .... ..... ...ESEIHC EL 8 .... .... ..... .... ..... ... ODRANOEL ID ACITSIRENGEGNI – ACINOTTETIHCRA ENOIZUDORP 7 .... .... ..... .... ..... .... ..... ..... .... ..... .... ..... .... ..... .... ..... ..... .... ..... .... ..... .... ..... .... ..... .... ..... .... ..... .... icidoC I 7 .... .... ..... .... ..... .... ..... .... ..... ..... .... ..... .... ..... .... ..... ..... .... ..... .... ..... .... ..... .... ..... .... .....erottiP o dranoeL 7 .... .... ..... .... ..... .... ..... .... ..... ..... .... ..... .... ..... .... ..... ..... .... ..... )7151-6151( ESECNARF ODOIREP 6 .... .... ..... .... ..... ..... .... ..... .... ..... .... ..... .... ..... .... ..... .... ..... ..... ... )6151-3151( ONAMOR ODOIREP 6 .... .... ..... .... ..... .... ..... ..... .... ..... .... ..... .... ..... .... )3151-6051( ESENALIM ODO REP ODNOCES I 6 .... .... ..... .... ..... ..... .... ..... .... ..... .... ..... .... ..... . )6051-9941( ONITNEROIF ODO REP ODNOCES I 5 .... .... ..... .... ..... .... ..... ..... .... ..... .... ..... .... ..... .... ..... . ) 9941-2841( ESENALIM ODOIREP OMIRP 5 .... .... ..... .... ..... ..... .... ..... .... ..... .... ..... .... ..... .... ... )2841-2541( ONITNEROIF ODOIREP OMIRP 5 .... .... ..... .... ..... ..... .... ..... .... ..... .... ..... .... ..... .... ..... .... ..... .... ..... ..... .... ... atiV aL – icniV aD o dranoeL 4 .... .... ..... .... ..... .... ..... ..... .... ..... .... ..... .... ..... .... ..... .... ..... ..... .... ..... .... otnemicsaniR len aruttetihcra’L 3 .... .... ..... .... ..... .... ..... ..... .... ..... .... ..... .... ..... .... ..... .... ..... ..... .... ..... .... ..... .... ..... .... ..... . otnemicsaniR lI 2 .... .... ..... .... ..... ..... .... ..... .... ..... .... ..... .... ..... .... . erengegnI ,ottetihcrA ,atsinabrU – icniV aD o dranoeL

erengegnI ,ottetihcrA ,atsinabrU – icniV aD od ranoeL

Il Rinascimento
Il Rinascimento fu il logico sviluppo di quel movimento letterario della fine del XIV e della prima metà del XV secolo, conosciuto come UMANESIMO. Viene considerato comunemente come la fine del Medioevo e l'inizio dell’Era Moderna Il rinnovamento culturale e scientifico iniziò nel XV secolo in Italia, dove uno dei centri principali fu Firenze, per poi diffondersi in tutta Europa all’inizio del XVI secolo. Alcuni storici pongono la fine del Rinascimento nel 1527, quando le truppe spagnole e tedesche saccheggiarono Roma. In campo artistico LEONARDO [cfr. pg. 5], RAFFAELLO, MICHELANGELO furono gli insuperati maestri di tale periodo. Fatto artistico e fatto letterario furono, però, manifestazioni di una ben più vasta concezione della vita e del mondo, nella quale ideali morali e religiosi si intrecciarono ad ideali umani e letterari. Il Rinascimento vide l'affermarsi di un nuovo ideale di vita e il rifiorire degli studi umanistici e delle belle arti, con la fine di una società frammentata di tipo feudale basata soprattutto sull'economia agricola e su una vita intellettuale e culturale ispirata al pensiero religioso. Tale struttura politica decentralizzata si trasformò in una società dominata da istituzioni politiche controllate da una capitale, che privilegiava un'economia di tipo urbano e il patrocinio laico nell'arte e nella letteratura. Il Rinascimento italiano fu, come già accennato, essenzialmente un fenomeno urbano, un prodotto delle più ricche città italiane, quali Napoli, Roma, Firenze, Ferrara, Milano e Venezia. Fu proprio la ricchezza di queste città, dovuta al periodo di grande espansione economica del XII e del XIII secolo, a rendere possibili le conquiste culturali di questa epoca. I mercanti che operavano in tali città controllavano i flussi commerciali e finanziari di tutta Europa e ne favorirono perciò la fioritura. A questa società mercantile faceva da contrasto quella rurale ancora legata alle tradizioni dell'Europa medievale. La potenza della RAGIONE prevalse sulla FEDE ed alla tradizione dogmatica fu sostituita la ricerca sperimentale: si vide così la nascita della SCIENZA MODERNA. All’uomo del Rinascimento la natura appare come equilibrio ed armonia; nell’arte non mancarono i richiami realistici, a volte un po’ crudi ma conciliati dalla poesia con un’atmosfera magica che rievoca la mitica “età dell’oro”. Lo studio degli antichi doveva fornire un modello di vita e d’arte. Questo atteggiamento mentale culminò nel culto del bello e nella ricerca della purezza della forma. L’uomo del Rinascimento sentiva di poter forgiare la propria storia, forzando il corso degli eventi, sotto l’impulso delle passioni e degli interessi umani, dopo aver relegato sullo sfondo la potenza divina e trovando un limite nel concetto di “fortuna” che in parte era il concatenarsi fatale degli eventi, ed in parte manifestazione dell’imperscrutabile volontà divina. L’uomo, infatti, non si era creato un sistema morale avulso da presupposti religiosi e quindi dovette affrontare il dissidio tra la riscoperta della propria individualità e libertà, le imprescindibili leggi della natura e la volontà divina. Pertanto emerse quel bisogno di rinnovamento cristiano e morale che aprì la via della Riforma.
is odnauq ,ailatI ni acim on oce de acitilop aznedace d al n oc òizini otnemicsaniR led otnomart lI alled ehcitil op edneciv etarutnevs el noC .er ogiv otad onaveva ilg ehc evitaerc ezrof elleuq oresneps alled osnes li ,os olocarim li on oraroiffair ,omo u’lled àticapac ellen e def al òmecs alosinep .avigg uf ocitilop oreisne p li ertnem ,àteiracerp

allen àteicos id elae di’l és ni ed uihccar ehc odoire p nu emoc airotS allen enop is otnemicsaniR lI omirre belec lad otatneserppar etnemanged è otseuq( .”osrevin u’lled ortnec la è om oU’l” ela uq

Lo stile non dipende più dalle possibilità tecniche, come nel periodo gotico, ma da principi estetici: · SIMMETRIA (sia in pianta sia in alzato); · PROPORZIONE; · SISTEMA DEGLI ORDINI (con la reintroduzione dei capitelli dorico, ionico, corinzio, tuscanico e composito ); Si identifica la bellezza col rispetto assoluto di tali principi, e soprattutto proscrivendo l’arco acuto a vantaggio dell’arco a tutto sesto. L’architettura rinascimentale rinuncia ai virtuosismi tecnici medioevali; vieta ogni arditezza come l’eccessiva verticalizzazione dei volumi, l’alleggerimento delle pareti e l’apertura alla luce. Gli architetti del Rinascimento studiano i monumenti dell’età classica, con il conseguente uso del regolo, squadra e compasso per disegnare le piante degli edifici, come avveniva in epoca romana. Durante il periodo rinascimentale, però, si pensano anche nuove tipologie costruttive come la villa suburbana e il palazzo signorile. Un’arte complessa con l’utilizzo sistematico di proporzioni e simmetrie richiede una cultura; è per questo che si prende a modello l’unico trattato architettonico dell’età classica, il “de Architectura” di Vitruvio, con la conseguente produzione di trattati per rendere l’arte classica più attuale, quindi rinascimentale.

led a lopuc al led o toF .2 arugiF

ihcsel lenurB

] 61 .g p .rfc[ )onaivurtiV om oU ’lled ongesid

L’architettura nel Rinascimento
In Italia nasce, per poi diffondersi in tutti i paesi d’Europa, lo stile rinascimentale. L’architettura del Rinascimento ha origine a Firenze agli inizi del Quattrocento in rapporto all’operato di alcuni artisti ed intellettuali fiorentini come Filippo Brunelleschi e Leon Battista Alberti. Brunelleschi ebbe l’incarico di costruire la cupola della cattedrale di Firenze di Santa Maria del Fiore, coronamento di un edificio gotico, stile dominatore assoluto negli ultimi secoli del Medioevo. Le dimensioni, le proporzioni, le difficoltà tecniche superate, l’impostazione del cantiere e l’accentramento del ruolo dell’architetto rendono la cupola una di quelle opere che segnano il passaggio ad un’età nuova. L’architettura del Rinascimento è caratterizzata dalla ripresa degli ordini e delle proporzioni dell’architettura del mondo classico, in particolare di quello romano e dell’avversione verso il modo di costruire di poco precedente, il gotico. Fra i fattori culturali che influenzano questo nuovo indirizzo dell’architettura vi è lo sviluppo dell’umanesimo con il conseguente gusto del classico, che in architettura si traduce nello studio delle belle forme degli edifici antichi, cioè romani.

Per questo la figura del mastro muratore medievale viene sostituita da quella di un artista che riprende, significativamente, il nome greco di “architetto”. Questo concetto, con elementi innovativi, fu ripreso all’inizio del XIX secolo e portò alla nascita del Neo-Classicismo.

Leonardo Da Vinci – La Vita
Fu un celebre pittore, inventore, ingegnere ed architetto italiano del Rinascimento. Nel mio approfondimento prenderò in considerazione Leonardo Da Vinci solo in qualità di architetto e ingegnere.
)2841-2541( ONITNEROIF ODOIREP OMIRP

15 aprile 1452: Nasce a Vinci, presso Firenze. Il padre, Ser Piero Da Vinci, era un possidente o forse un notaio; la madre una contadina di nome Caterina. Poiché Leonardo nacque prima dell’introduzione dei moderni cognomi europei, il suo nome completo era “Leonardo di Ser Piero Da Vinci”. Può essere considerato un archetipo dell’uomo rinascimentale ed è stato spesso definito un genio, a causa della sua eccellenza in tutte le arti, per le sue scoperte scientifiche e le invenzioni tecniche, che appaiono molto in anticipo rispetto al suo tempo. 1469: Leonardo, grazie all’aiuto del padre, diventa apprendista nella bottega fiorentina di Andrea del Verrocchio, già frequentata da artisti come Botticelli, Ghirlandaio, Perugino, ecc… 1472: Entra nella corporazione di San Luca dei pittori fiorentini
)9941-2841( ESENALI M ODOIREP OMIRP

1482-83: Lascia Firenze per andare a Milano dove entra al servizio di Ludovico Sforza, Duca di Milano. La collaborazione è sancita da una lettera dove Leonardo offre i suoi servigi e descrive i suoi progetti di ponti militari, strumenti d’assedio, artiglierie, macchine per escavazione di cunicoli, navi militari e solo in ultima istanza accenna ad opere d’idraulica, architettura, pittura e scultura. A Milano, Leonardo, come ingegnere ducale, progetta lavori d’architettura, esegue alcuni progetti per il Duomo di Milano e per l’urbanistica della città (vedi città ideale). [cfr. pg. 17] Di questo periodo sono anche i progetti per l’inondazione dei fossati del castello e la teoria delle proporzioni. 1483: Si reca a Pavia con Francesco di Giorgio Martini per richiesta dei fabbricieri del duomo 1494: Studia la resistenza di diversi tipi di arcate 1495: Inizia a dipingere l’Ultima Cena (ultimata due anni dopo) 1498: I francesi ,dopo circa 3 anni di battaglie, riescono a conquistare Milano che cade senza combattere, rovesciando gli Sforza.
aneC amit lU'L .3 arugiF

1513: Va a Roma,sperando nella protezione di Leone X, il nuovo papa, appartenente alla famiglia Medici. Per tre anni Leonardo soggiorna a Roma, ospite in Vaticano di Giuliano de Medici e soggiorna nel Belvedere. In questo periodo Leonardo si occupa soprattutto di studi matematici e scientifici 1515: Disegna il proprio Autoritratto

,o dranoeL id oc imotana ongesiD

onamu otef nu e tnarugiffar

.5 arugiF

1506: Charles d’Amboise, governatore francese di Milano, e lo stesso sovrano Luigi XIII, richiedono la sua presenza a Milano. Qui Leonardo incontra Francesco Melzi, che diventerà un suo caro amico e compagno fino alla morte e in seguito suo erede. Per il governatore Leonardo progetta una villa suburbana fuori porta orientale. Di questo periodo sono, inoltre, alcuni disegni per l’ampliamento di villa Melzi di Vaprio d’Adda. 1510: Compie svariate ricerche anatomiche, partecipa a numerose autopsie producendo un numero di disegni anatomici estremamente dettagliati; ai contemporanei non risultava naturale che un uomo potesse recarsi negli obitori per sezionare cadaveri e così comprenderne meglio l’anatomia per questo la genialità di Leonardo veniva guardata con sospetto.
)6 151-3151( ONAMOR OD OIREP

led o lleccu 'd o lov a a tudeV .4 arugiF

àttic alled o groB led e e lanaC-o troP

a longamor

)6051-9941( ONITNEROIF ODOIREP ODNOCES

1499: Leonardo quindi, insieme al suo amico e inventore Luca Pacioli, lascia Milano per Mantova, spostandosi due mesi dopo a Venezia (1500) e quindi di nuovo a Firenze. 1502: A Firenze, Leonardo entra al servizio di Cesare Borgia (noto anche come “Duca Valentino” e figlio di papa Alessandro VI) [cfr.pg.26] come ingegnere militare e architetto. 1502: per incarico del Valentino, studiò le strutture del porto-canale di Cesenatico e, dopo averne eseguita un’attenta ricognizione, disegnò una serie di migliorie e varianti che, successivamente adottate, fecero di quel porto un rifugio sicuro, anche sotto il profilo strategico-militare, come fu dimostrato durante il periodo napoleonico. 1503: Disegna mappe topografiche. [cfr.pg.23] 1504: Dipinge la Gioconda. 1506-8: Compie studi sugli elementi (acqua, aria, fuoco)
)3151 -6051( ESENALIM ODOIREP ODNOCES

Leonardo Pittore
L’attività di pittore di Leonardo è forse la più nota della vita poliedrica del genio, ma questa è forse l’attività più esigua, solo pochi quadri di Leonardo sono arrivati ai nostri giorni (soprattutto per l’uso da parte di Leonardo di continue innovazioni riguardanti il colore e la tecnica pittorica).

I Codici
Amplissimo, invece, fu il campo d’azione della sua attività speculativa che si incentrò soprattutto sul rapporto tra le diverse arti e sull’indagine della causa dei fenomeni naturali. L’approccio alla scienza di Leonardo era di tipo osservativo: cercava di capire i fenomeni descrivendoli e raffigurandoli fin nei minimi dettagli in un misto combinatorio di arte e scienza. Questo tipo di indagine, perseguita attraverso innumerevoli studi e disegni, ora raccolti e ben divisi in dieci Codici: · CODICE ARUNDEL: conservato al British Museum di Londra; · CODICE ASHBURNHAM: conservato all’Institut de France di Parigi; · CODICE ATLANTICO: (il più vasto dei codici di Leonardo) conservato nella Biblioteca Ambrosiana di Milano; · CODICE FORSTER: conservato presso il Victoria and Albert Museum di Londra; · CODICE DELL’ISTITUTO DI FRANCIA: anch’esso conservato all’Institut de France di Parigi; · CODICE LEICESTER: conosciuto anche come codice Hammer è oggi conservato a Seattle, nella collezione privata di Bill Gates; · CODICI MADRID: conservato nella Biblioteca Nazionale di Madrid; · CODICE TRIVULZIANO: conservato nella Biblioteca del Castello Sforzesco di Milano; · CODICE WINDSOR: conservato Presso il castello Reale di Windsor, in Inghilterra; · CODICE SUL VOLO DEGLI UCCELLI: conservato presso la Biblioteca Reale di Torino

id o lletsaC led a tudeV .6 arugiF

es io bmA

)7151-6151( ESECNA RF OD OIREP

1516: Leonardo entra al servizio di Francesco I di Francia, che era riuscito a riprendere Milano un anno prima, con l’incarico di primo pittore, ingegnere e architetto del Re; gli venne dato l’uso del maniero di Clos Lucè, vicino al castello di Amboise residenza del Re, assieme ad una generosa pensione. Leonardo e il Re diventano buoni amici. 1517: Elabora il progetto per il palazzo di Romorantin, residenza reale di Francesco I 2 maggio 1519: Muore, all’età di 67 anni, nel castello di Cloux, vicino ed Amboise in Francia. In base ai suoi desideri, 60 mendicanti seguono il suo feretro. Viene sepolto nella Cappella di Saint-Hubert nel Castello di Amboise, le sue ceneri saranno disperse durante i disordini delle guerre ugonotte. Un mese prima della morte aveva redatto il testamento nominando Francesco Melzi esecutore testamentario, a lui Leonardo lascia tutti i suoi libri e i suoi disegni.

Questa enorme massa di scritti, sicuramente più consistente del periodo rinascimentale, ha subito, dopo la morte di Leonardo, molte vicissitudini. Furono gli eredi del Melzi, dopo la sua morte nel 1570, a dare inizio alla dispersione di questo immenso materiale; addirittura, non avendone compreso l'importanza, inizialmente lasciarono gli scritti in un sottotetto per poi regalarli o cederli a poco prezzo ad amici o collezionisti. Grandi responsabilità del rimescolamento delle carte ha lo scultore seicentesco Pompeo Leoni, che con l'intenzione di separare i disegni artistici da quelli tecnologici e di unificare le pagine scientifiche, smembra parte dei manoscritti originali, tagliando e spostando le pagine cosi' da formare due grandi raccolte: il Codice Atlantico [cfr. pg. 7] e la Raccolta di Windsor [cfr. pg. 7], che conta circa seicento disegni. Proseguendo con lo stesso sistema Leoni compone almeno altri quattro fascicoli. Dal 1637 al 1796 parte dei manoscritti è ospitata nella Biblioteca Ambrosiana, trafugata da Napoleone al suo arrivo a Milano. Nel 1851 solo una parte degli scritti torna a Milano; altri restano a Parigi, e altri ancora in Spagna, dove alcuni verranno ritrovati solo nel 1966. Ecco il perchè della grande dispersione degli scritti di Leonardo.

PRODUZIONE ARCHITETTONICA – INGEGNERISTICA DI  LEONARDO
ESEIHC EL

Attratto dalle forme classiche, Leonardo elaborò bozzetti di chiese a pianta centrale, nelle quali si intravedevano simmetrie architettoniche ottenute con complesse strutture di absidi, nicchie, tabernacoli o loggiati. Tra i numerosi schizzi ne ho scelte due che reputo le più interessanti dal punto di vista rispettivamente dalle soluzioni proposte e dal modello di elaborazione utilizzato da Leonardo.

CHIESA A PIANTA GEMMATA: Probabilmente disegnato tra il 14871490.[cfr.pg.5] La chiesa è costituita, in pianta, da un ottagono regolare centrale dove si affacciano, attraverso stretti corridoi, otto cappelle identiche, su ognuna delle quali insiste un'abside semicircolare. Si tratta quindi di uno studio sulla possibilità di sviluppo di una pianta per gemmazione, ossia articolando radialmente elementi simili per forma ma diversi per dimensione.

a l e tnarugiffar o dranoeL id ozz ihcS .7 arugiF a tammeG aseihC

a l e tnarugiffar o dranoeL id ozz ihcS .8 arugiF

i lleviL euD a ase ihC

EUD A O ELARTNEC ATNAIP A ASEIHC :ILLEVIL

Modello di chiesa a pianta centrale con quattro absidi semicircolari che insistono sui due assi ortogonali (orizzontale e verticale) approssimando la pianta ad uno schema a croce greca. Sono inoltre presenti otto cappelle circolari della stessa dimensione e quattro blocchi di scale in corrispondenza delle entrate. Particolarità di questo edificio è lo sviluppo degli ambienti su due piani sovrapposti. Il disegno e le annotazioni sono fortemente ispirati alla chiesa di S.Sepolcro a Milano [cfr.pg.5], che Leonardo visitò più volte e descrisse minuziosamente nei suoi appunti. Il foglio, databile tra il 1478 ed il 1490, contiene tre disegni della stessa chiesa: in alto una vista d’insieme, lateralmente spaccato della stessa, sotto pianta quadrata con nota esplicativa riportante le lettere c-ab-d, che indicano rispettivamente il tiburio di sopra (c-d) e di sotto (a-b). Particolarità di questo edificio è l’essere abitato sia sopra sia sotto. Infatti Leonardo nella nota riporta “questo edificio è abitato di sotto e di sopra, come S.Sepolcro. E’ di sopra come sotto salvo che il di sopra ha il tiburio cd e il di sotto ha il tiburio ab; e quando entri ne la chiesa di sotto, tu cali 10 scalini e quando tu monti in quella di sopra tu sali 20”.

Altra innovazione importante è la totale assenza di merlatura. Il coronamento superiore di tutta la struttura muraria è, infatti, costituito da un basso parapetto, con profilo sfuggente per deviare i colpi nemici. Qui sono ricavati gli alloggiamenti per le batterie difensive. Altro particolare interessante è costituito dalla scarpata quadrangolare di due delle torri tonde della prima cortina difensiva perimetrale; quest’accorgimento, attuato sulle torri non difese dal rivellino esterno, permette i tiri di fiancheggiamento per la difesa lungo le mura ed evita che si creino punti morti nei quali il nemico sia al sicuro dai tiri dell'artiglieria difensiva. A questo proposito nella nota sotto riportata cosi' scrive Leonardo: "Non si facci le scarpe delle torri sopra delli angoli delle fortezze, che sien di figura retonda, acciò che, sendo tali torre sanza piombatoi, il nemico non sia sicuro al tagliamento, che si po fare in fra le bombardiere, che battan per fianco lì 2 muri, che si congiungano a esse torre...”. ll plastico rappresenta una rocca di montagna probabilmente già esistente, ripensata da Leonardo per meglio resistere all'aumentata forza offensiva delle nuove armi da fuoco, sviluppatesi a partire dalla seconda meta' del’400. Il rivellino, posto probabilmente a difesa di una entrata alla base del castello, indicata nel disegno dalla scritta "sotterranea", è costituito da tre torri fortemente scarpate dalle quali si sviluppa una cortina muraria con ronda superiore e uno sperone centrale con una apertura angolare di circa 125 gradi. Il doppio perimetro di mura concentriche si erge a difesa del possente torrione centrale, forse dimora del signore.

angatnoM id accoR al e tnarugif far o dranoeL id ozz ihcS .9 arugiF

anga tnoM id acco R alled ocitsalP .01 arugiF

ERA TILIM AIREN GEGNI ID EREPO EL

ROCCA DI MONTAGNA CON DUE CINTE DI DIFESA: Il disegno della grande fortezza può essere fatto risalire intorno al 1507 [cfr.pg.6]. Si deduce dalla nota a fianco, in cui Leonardo racconta di un episodio realmente avvenuto in quell'anno e riferibile a un tradimento militare di cui fece le spese Simone Arrigoni, tradito da un certo Gerolamo Poggio, suo capitano. Nella nota, in basso, Leonardo descrive ampiamente le innovazioni che intende adottare, con particolare riferimento all'aumentato rapporto tra misura in pianta e in alzato con l'introduzione di spesse cortine murarie in grado di assorbire i colpi delle armi da fuoco.

id acinceT al led e azneic S alled oesuM la otsopse ocitsalP .01 arugiF

ANGOLO DI ROCCA CON TRIPLICE DIFESA RADENTE Il disegno, realizzato probabilmente durante il primo soggiorno milanese di Leonardo [cfr.pg.5], rappresenta un angolo di rocca, con due fortificazioni angolari. La prima all'interno del perimetro, la seconda su un angolo. Le due strutture dominano il fossato ricavato senza scavo, ma con un muro di contenimento e un considerevole riporto di terra. Particolarmente interessante e innovativo è il posizionamento delle difese per i tiri di fiancheggiamento, realizzato sistemando una fila di bocche da fuoco sulla rocca sporgente, in maniera da poter colpire gli eventuali assalitori che avessero raggiunto la sommità del fossato. L'obiettivo di tale struttura è quello di poter organizzare per fasi successive una serie di tiri radenti che colpiscano gli assalitori nei punti dove e' difficile avanzare: l'argine, il fosso, la cortina, il camminamento superiore.
onaliM

Sul foglio disegni, con relative didascalie, eseguiti con penna e inchiostro seppia, databili tra il 1487 e il 1490. Il particolare del disegno qui riprodotto è posto nella parte inferiore a destra e rappresenta una veduta in pianta e in prospettiva della zona angolare d'una fortezza con corpo di fabbrica quadrangolare sporgente;" fortezza che batte i fossi e l'argine di fori de fossi ".

e tnarugiffar odranoeL id ozz ihcS .11 arugiF accor id o lo gna’l

RIVELLINO O BASTIONE TRIANGOLARE Il disegno di questo rivellino, ispirato probabilmente a un'architettura già esistente, risale al periodo in cui Leonardo si trovava in Romagna a sovrintendere alle fortificazioni militari di Cesare Borgia [cfr.pg.26]. Il periodo in cui Leonardo lavora per Il Duca è uno dei più prolifici per il genio dal punto di vista ingegneristico-cartografico. Infatti Leonardo viaggiò, per quasi un anno, attraverso i territori conquistati dal condottiero: compiendo esami e rilevazioni, delineando alcune delle piante delle città e le mappe topografiche [cfr.pg.23](un punto di partenza per la cartografia moderna), edificando fortezze, realizzando per il porto di Cesenatico una struttura di protezione dai flutti e costruendo macchine da guerra. Un esempio: si occupa del fortilizio di Imola, danneggiato dal precedente assedio, e che quindi aveva necessità di essere rafforzato. Leonardo si interessa al problema, e cominciando col disegnare la nuova sistemazione interna della rocca, finisce per tracciare l'intera pianta della città. Il plastico rappresenta un avamposto, o rivellino, per la difesa dell'entrata di una fortezza.

Il modello, a forma triangolare, che presenta sulla sommità tre piccoli edifici di servizio, possiede pure un camminamento utilizzato anche come piazza d'armi per la fila superiore delle cannoniere.

oni lleviR led ocitsalP .11 arugiF

Il foglio, databile tra il 1501 ed 1504, riporta il disegno (capovolto), eseguito a penna con inchiostro seppia, di un bastione triangolare visto in pianta e in alzato. Il disegno, che sembra rifarsi a modalità architettoniche già esistenti (probabilmente del centro Italia, Romagna o Lazio), presenta un bastione fortemente scarpato, con tamburo e beccatelli su archetti e merli sovrastanti. Nel disegno non vi è alcun riferimento al fossato e all'entrata con il ponte levatoio, che invece sono stati aggiunti nel modello.

odranoeL id ozz ihcS .11 arugiF oni lleviR li e tnaru giffar

atalaG id etnop led acitsitra eno iz a tneserppaR .21 arugiF

)o dranoeL id non(

ATALAG ID ETNOP

Il disegno del Ponte di Galata, di formato ridotto (cm. 10 x 7), databile tra il 1502 e il 1503 [cfr.pg.6], è inserito nel manoscritto "L", uno dei dodici "manoscritti di Francia" [cfr.pg.7] che Napoleone fece trasferire nel 1795 da Milano a Parigi dove sono ancora conservati. Mostra un ponte eseguito sia in pianta che in alzato. “ largo 40 braccia, alto dall'acqua braccia 70, lungo braccia 600, cioè 400 sopra il mare e 200 posa in terra, faciendo di sé spalle a sé medesimo"

Figura 11. Schizzo di Leonardo raffigurante il Ponte di Galata

Il ponte è quindi costituito da un’unica campata lunga 240 metri, con spalle a terra di 60 metri, 23 metri di larghezza e 40 sul livello dell’acqua. Quindi una lunghezza totale di 360 metri. Il disegno è completo di schizzo di nave alberata che passa agevolmente sotto la campata centrale. I PONTI AD ARCO, la cui struttura è tale da tradurre i carichi verticali in azioni che provocano sugli appoggi spinte verso l’esterno, denotano spesso cedimenti delle fondazioni, poste sugli argini, con il consecutivo cedimento dell’intera struttura. Per ovviare a questo Leonardo pensa ad un doppio sostegno delle teste del ponte a forma di code di rondine, per reggere meglio le spinte trasversali. Leonardo capisce che per farlo reggere doveva rinforzarlo senza appesantirlo, quindi costruì, oltre all’arco del ponte, altri due elementi ad arco obliqui che servivano a rinforzare la struttura, ma erano molto sottili al centro, quindi il loro peso si distribuiva sulle due sponde. IL RISULTATO: Un ponte di tre archi combinati insieme. LEONARDO SAREBBE RIUSCITO A COSTRUIRE QUESTO PONTE ? Per costruire il Ponte di Galata di Leonardo e farlo reggere bisognerebbe: ü Distribuire bene i pesi; ü Conoscere tecniche di costruzione particolari; ü Costruire fondamenta molto robuste; ü E per far questo bisogna compiere calcoli molto complicati.

Per questo si dubita che Leonardo, seppur fosse un genio, con le tecniche antiquate disponibili all’epoca, potesse esserne in grado. Analizzando il disegno si può osservare che Leonardo, come in altre occasioni, ci ha lasciato un'immagine carica di intuizioni, ma anche tanto approssimativa e confusa da rendere difficile la comprensione della stessa. Infatti mentre risulta evidente la presenza delle due spalle a forma di coda di rondine per meglio reggere le spinte trasversali, non appare chiara la posizione del piano stradale, indicato solo nell'alzato e non in pianta, tanto da far supporre ai realizzatori del modello conservato al Museo della Scienza e della Tecnica di Milano, la possibilità di una doppia rampa viabile alle estremità del ponte.

Altri studiosi hanno invece interpretato diversamente il disegno, individuando un unico piano stradale centrale appoggiato alla campata del ponte ed esteso come struttura di ritorno ben oltre le spalle, per potenziarne la stabilità.
atalaG id e tnoP led ocitsilaer ùip olledoM .41 arugiF

E’ un ponte grandissimo, talmente grande che non ne era mai stato costruito uno così, il primo di queste dimensioni fu progettato e costruito poco più di 50 anni fa.

a ta laG id etnoP li art a igo lanA .51 arugiF

onaliM id azneicS alleD oesuM la o tavresnoc atalaG id e tnoP led o l ledoM .31 arugiF ino lip us onre dom etno p nu de

PERIODO STORICO: 1502-1503 [cfr.pg.6]: periodo in cui Leonardo era in Romagna al servizio di Cesare Borgia (Duca Valentino).

Nel 1502 gli ambasciatori del Sultano Bayazid II dell’Impero Ottomano si trovavano a Roma alla ricerca di ingegneri italiani per sostituire il vecchio ponte di barche sul Corno d’Oro, a Costantinopoli, con una nuova più stabile e duratura struttura.
orO'D onroC li e orofsoB li :lubmatsI id a tudeV .61 arugiF

Leonardo prende spunto, per la progettazione, da un ponte visto a Castel del Rio in Romagna, con una sola campata di 80 metri opera del 1499 dell’architetto Andrea Furrieri da Imola.

o idnecn i nu opo d otiurtsocir iggo atalaG id etno P lI .71 arugiF

L’ipotesi di un progetto leonardesco da proporre al Sultano pare trovare conferma nella traduzione in turco di una lettera , in cui Leonardo offriva i propri servizi al Sultano Ottomano, mettendo in gioco in caso di fallimento la propria testa.

L’UOMO VITRUVIANO
Disegno di Leonardo, databile presumibilmente 1490 [cfr.pg.5], illustra il canone delle proporzioni umane che Vitruvio, architetto romano del I secolo a.C., aveva posto al centro delle sue teorie architettoniche, descritte approfonditamente nel libro “De architectura”. Nel Rinascimento ci fu una grande riscoperta del trattato di Vitruvio, unico saggio architettonico dell’età classica pervenuto fino al XV secolo, in quanto esso poneva l’uomo al centro della progettazione come misura di tutte le cose. Il testo antico si proponeva di dimostrare che le proporzioni umane sono esattamente inscrivibili in due figure geometriche perfette come il cerchio ed il quadrato, descrivendo l’uomo “ad quadratum”, e l’uomo “ad circulum”. Nel disegno di Leonardo la novità è aver sovrapposto le due illustrazioni nello stesso foglio, attuando la simultanea percezione di due figure diverse. L’uomo vitruviano di Leonardo può essere inteso come risultato di un progetto di antropometria, al quale l’artista lavorava fra il 1487 e il 1490 [cfr.pg.5], in quanto Leonardo non solo studia le proporzioni dettate da Vitruvio, ma le confronta con esperienze di misurazione del corpo umano da lui stesso effettuate. Ne risultano le seguenti proporzioni: ü L’apertura delle braccia è pari all’altezza dell’intero corpo; ü Metà altezza è al livello del pube; ü Il braccio fino al polso è 1/3 dell’altezza dell’intero corpo; ü Il piede 1/7 (contrariamente a Vitruvio che lo poneva uguale a 1/6 dell’altezza del corpo); ü La testa 1/8; ü La faccia e la mano 1/9; ü Il labbro 1/12 dell’altezza della faccia;
a izeneV a a imedaccA 'lled eirel laG

ellen o tavresnoc iggo ,ona ivurtiV omoU'L .81 arugiF

anre dom etra’lle d esa b alla uf ehc am ,oloces XIX le d oizini’lla onif ot uics onocs èhcosser p esamir .il oces imitl u ilged

otnau q ni ,elatnemicsanir avitar ugif etra’l òzneulfni n on ehc ,ol obmis nu è odranoeL i d ongesi d lI

Fre i miti tipicamente rinascimentali, vi è quello della città ideale. Si tratta di una città perfetta, ordinata e razionale, progettata con i canoni tipici dell’architettura del Rinascimento, concepita per manifestare visivamente la potenza del signore, la città ideale stenta tuttavia a tradursi in realtà; costi imponenti e la lunghezza dei tempi di realizzazione rendono la costruzione di insediamenti ex novo un fenomeno estremamente sporadico, facendo preferire interventi settoriali sul tessuto urbano preesistente, limitati alla risistemazione dei quartieri attorno al palazzo del principe. Una città quindi tutta intellettualistica e teorica, che ritorna frequentemente nei trattatisti dell’epoca, da Leon Battista Alberti fino ad arrivare ai grandi architetti del Cinquecento. Il tema della città ideale affascina anche Leonardo che comincia ad occuparsene a Milano intorno all’anno 1480 [cfr.pg.5]. A differenza dei trattatisti contemporanei, egli ricerca una organizzazione dello spazio non tanto geometrica quanto funzionale, in modo da dar soluzione ai problemi della vita quotidiana: · Il traffico; · Gli approvigionamenti; · Le esigenze igenico-sanitarie; Questi problemi hanno un ruolo primario nella progettazione vinciana. Non è un caso che i suoi studi per la città ideale si collochino all’indomani di una grave epidemia di peste, abbattutasi sulla capitale sforzesca nel 1485-1486 (con eventi sporadici prottattasi fino al 1490). Infatti, Milano, città medievale, ha una struttura favorevole al propagarsi dei contagi: ü Vie strette e tortuose; ü Alta densità abitativa (soprattutto nei quartieri più poveeri); ü Scarichi fognari a cielo aperto; ü Grande diffusione di topi e parassiti; Per ovviare a questa situazione esplosiva sotto il profilo sanitario, Leonardo pensa ad un tessuto urbano molto più aperto con: · Strade ampie e rettilinee, col diffuso utilizzo dei porticati, specialemente lungo vie dove si affacciano gli edifici signorili;
el len e lanac nu e tnarugiffar odranoeL id ozz ihcS .02 arugiF e lirongis o icifide nu id ez naniciv

icniV aD o dranoeL id elaed i àttic a lled olledoM .91 arugiF

ELAEDI ’ATTIC AL

· Presenza capillare di corsi d’acqua; per risolvere questa esigenza, prevede che la città sorga in prossimità di un fiume dal corso abbastanza veloce da non creare ristagni che possano inquinare l’aria; (secondo il parere di chi scrive Leonardo, in mancanza di un fiume nei pressi di Milano, penserebbe ai navigli per compiere questo lavoro di ripulizia) [cfr.pg.21] Leonardo progetta la sua città ideale disponendola su 3 livelli distinti: · LIVELLO SOTTERRANEO INFERIORE: - Canali Navigabili [cfr.pg.19] – Attraverso chiuse e conche l’acqua del fiume viene convogliata nell’abitato mediante una rete di canali, grazie ai quali è possibile provvedere innanzitutto alla pulizia urbana (“…sarà comodità di lavare spesso la città…”) e al deflusso dei liquami, per il quale viene studiato un vero e proprio sistema fognario sviluppato a livello sotterraneo. L’aspetto igienico-sanitario resta essenziale, ma i canali assolvono comunque anche altre importanti funzioni, come quella di garantire le comunicazioni e di agevolare gli approvvigionamenti. Il traffico merci avviene infatti, almeno in parte, per via idrica, la quale è organizzata in modo tale da consentire lo scarico delle derrate perfino all’interno dei singoli palazzi: alcuni di essi sono infatti muniti di magazzini seminterrati, cui si accede direttamente dal canale esterno mediante una piccola darsena. Leonardo descrive anche la legislazione per costringere i proprietari di lotti sugli argini dei canali ad aiutare il mantenimento degli stessi; · LIVELLO INTERMEDIO: - Strade – destinate al traffico, veicolare e popolare, e al commercio, per le quali “devono andare i carri e altre some a l’uso e comodità del popolo”; con case prodotte in serie e carreggiate larghe; · LIVELLO SUPERIORE: - Passaggi pedonali spaziosi – destinate esclusivamente alla circolazione dei “gentili omini” ; adornati con case di lusso e giardini da passeggio; Questi livelli sono collegati tra loro da una rete di passaggi sopraelevati e di sentieri pedonali che siano separati dalle aree di traffico pesante. La città, quindi, sui 2 livelli superiori, era divisa secondo un criterio di rigida separazione tra attività produttiva e occupazioni gentilizie, che si riflette nella stessa strutturazione del palazzo signorile. I moduli degli edifici e degli elementi architettonici sono definiti in conseguenza ai suoi studi sulle proporzioni del corpo umano. [cfr.pg.16] La città ideale vinciana si presenta però come una serie di schizzi (edifici e particolari) inseriti in un filone comune evidenziato dalle note riportate dal maestro.

TORRE MILITARE di quattro piani a pianta quadrata, nella quale Leonardo separa il flusso di persone in salita ed in discesa ideando un sistema di scale a quattro rampe indipendenti le une dalle altre.

:ocitsalp led era locitraP 22 arugiF erat iliM erroT

al etnarugiffar o dranoeL id ozz ihcS 12 arugiF eratil iM erroT

Il disegno databile 1487- 1490 [cfr.pg.5] è eseguito a inchiostro seppia e con la tecnica rappresentativa del corpo trasparente che mette in evidenza la funzione e l'uso delle scale. Come riportato nella nota sottostante, l'edificio è quasi sicuramente destinato a uso militare, pertanto il suo inserimento nel plastico della città ideale è da intendersi puramente visivo e non di esatta collocazione.

Particolare delle strade che dovevano essere larghe quasi quanto l'altezza del palazzo signorile qui ricostruito. I palazzi porticati erano riservati agli uomini "gentili" mentre le strade basse al commercio e al trasporto delle merci. Ampie e ben arieggiate erano anche le strade sottostanti il palazzo, destinate al traffico degli animali e del commercio.

Il particolare del plastico mette in evidenza l'uso dei canali navigabili all'interno della città ideale. I canali, infatti, dovevano servire anche come vie di comunicazione tra la città e il vicino fiume, cosicché le barche da carico e da trasporto potevano, dalla città stessa, raggiungere via fiume anche il mare.

ozz alap nu e tnarugiffar o dranoeL id ozz ihcS .32 arugiF

Nella breve nota posta in alto a destra, Leonardo chiarisce che le strade sottostanti il palazzo devono essere larghe quanto l'altezza dei palazzi che qui vengono disegnati porticati e muniti di ampie finestre presenti in tutti i piani.

:ocitsa lp led era locitra P .11 arugiF

elibagivan e lanac

el irongis

ozza laP :ocitsa lp led era locitra P .42 arugiF icitro p noc elirongis

Sul foglio, databile tra il 1487 ed il 1490, [cfr.pg.5] è rappresentata l'idea di una stalla modello i cui elementi architettonici vengono identificati con lettere (mKpnSR-f4-a-3456-b) e successivamente descritti nell'ampia nota riportata sotto il disegno, dove Leonardo fornisce precise indicazioni su come condurre una stalla in modo da assicurare efficienza e pulizia.
i llavac re p allats anu e tnarugiffar o dranoeL id ozz ihcS .72 arugiF

Il classicismo che traspare da questa impostazione della città ideale non deve però meravigliare: non dobbiamo infatti dimenticare che Leonardo è pur sempre un uomo del suo tempo [cfr.pg.3] e la sua città, con le eleganti architetture, le strade porticate, i palazzi adorni di attici e terrazzi, è comunque progettata secondo un’ottica gentilizia, comune a tutti i progetti analoghi dell’epoca. La città ideale di Leonardo era un concetto interamente innovativo, il primo tentativo di rilevare e organizzare le forze naturali di una regione intera [cfr.pg.21] in modo tale da servire scopi umani. Il progetto leonardiano, non è concretamente realizzabile, e verrà infatti abbandonato allorchè, alcuni anni più tardi, si porrà in concreto il problema della risistemazione urbanistica di Milano.

il lavac rep allats :ocitsalp led eralocitraP .62 arugiF

Il particolare del plastico riproduce l'idea di Leonardo sulla struttura e l'organizzazione di una stalla per cavalli. Tale struttura era ritenuta importante al fine di garantire un idoneo ambiente per gli animali che venivano utilizzati per scopi militari e civili, e il cui ruolo era importante per la vita stessa della città. Tre arcate determinano la ripartizione della larghezza in tre parti uguali. Il primo piano superiore è diviso in tre parti con i muri che poggiano sulla ripartizione delle arcate inferiori. Per assicurare il necessario ricambio d'aria, il muro esterno ha delle aperture ad arco di dimensioni notevoli.

IL NAVIGLIO DELLA MARTESANA
NAVIGLIO: canale artificiale, navigabile. E’ derivato da un fiume ed è utilizzato pure per l’irrigazione. Nel 1457 Francesco Sforza affidò a Bertola da Novate la costruzione del Naviglio della Martesana. In soli 35 anni, dal 1439 al 1475, nel territorio milanese furono costruiti ben 90 chilometri di canali resi navigabili dalla presenza di 25 conche. Lo sviluppo del sistema, però, non si fermò solo a questo punto, anzi, con l"arrivo di Leonardo nel 1482 [cfr.pg.5], fu perfezionato il Martesana e si cominciò ad impostare un nuovo sistema di canali che permettessero la navigazione dalla Valtellina fino a Milano. Leonardo da Vinci, appena giunto a Milano, fu incaricato da Ludovico il Moro di studiare un sistema per permettere la navigazione dal lago di Como fino a Milano. Una soluzione a questo problema è rintracciabile all"interno di alcuni disegni del Codice Atlantico [cfr.pg.7] dove si ipotizza un grande sbarramento sul fiume Adda in località Tre Corni, dove uno sbocco in galleria doveva permettere alle barche il passaggio a valle delle rapide del fiume. La diga sarebbe servita anche ad elevare il livello del fiume fino ad alimentare un canale che, a seconda del livello dell"acqua, avrebbe avuto funzione solo irrigua o anche navigabile e, partendo da Brivio, sarebbe arrivato fino a Trezzo scorrendo parallelamente all’Adda.

anasetraM alled oilgivaN led ovitam issor ppa osrocreP .82 arugiF

Lo schizzo descrive il funzionamento di un ponte canale, che permette il superamento di un corso d'acqua tramite una grande conca costituita da un sistema di chiuse poste a una determinata distanza l'una dall'altra. Le chiuse consentono alle imbarcazioni di superare un dislivello d'acqua.

ocitnaltA ecidoC lad ,o dranoeL id ozz ihcS .92 arugiF

Il foglio contiene tre disegni sul progetto di un canale e sono databili agli anni 1482/3 [cfr.pg.5], con riferimento a quanto riportato nella famosa lettera a Ludovico il Moro nella quale Leonardo fa menzione del suo saper "conducer le acque da un loco ad un altro”.

e lanac e tno p led o lledoM .03 arugiF

elanac etnop nu e tnarugiffar ,]6.gp.rfc[

LA GEOGRAFIA DI LEONARDO
Leonardo, nel corso della sua vita, si sofferma principalmente a studiare: città, montagne e corsi d’acqua della Lombardia e della Toscana. In Lombardia esplora soprattutto le zone circostanti il lago di Como, come la Valtellina e la Valsassina. -Suggerisce degli itinerari nelle Prealpi bresciane e bergamasche tra il lago d'Iseo e la Valcamonica, la Val Trompia, la Val Seriana e la Val Brembana. -In Toscana si sofferma in particolare sul fiume Arno.
,ozzerA id a icn ivorp alled a tudeV .13 arugiF rosdniW ecidoC len o tavresnoc

Realizza spettacolari planimetrie e cartine secondo la veduta aerea. Questa rappresentazione a metà tra l’immagine e la pianta, detta rappresentazione “a volo d’uccello”, è tipica di Leonardo e costituisce la principale innovazione nel campo cartografico introdotta dal genio fiorentino. Talvolta nelle cartine per gli itinerari usa una scala di riferimento per segnalare le distanze tra le località Questo tentativo è considerato il primo passo verso lo sviluppo della cartografia moderna

,ac inerrit atsoc al led ”o l leccu ’d o lov a“ atsiV .13 arugiF rosdniW ecidoC len o tavresnoc

IL PONTE NORVEGESE DI LEONARDO
Dalla traduzione del sito internet riportato, ho elaborato l’approfondimento, in inglese, su di un ponte costruito in Norvegia, basatosi sul disegno del Ponte di Galata.[cfr.pg.13]

egdirB naigewroN o dranoeL

eht fo le doM ehT .33 arugiF

I found a modern project by Leonardo that fascinated me. The original design is a project of prominent bridge, with a single span (about 700 foot = 240 metres) designed for the Turkish Sultan of Istanbul. The bridge should connect the Golden Horn and the Bosphorous River, but it was never built. Technically speaking the bridge is a great example of civil engineering about 300 years before the engineering principals contained in the project would be generally accepted. The nice story about this bridge is that a Norwegian painter, Vebjørn Sand, saw the drawing and the model of this bridge in an exhibition on Da Vinci’s work in 1996. The Norwegian painter thought that such a bridge could have a present use.

egdirB naigewro N odranoeL ehT .23 arugiF

lia ted egdirB naigewro N odranoeL ehT .53 arugiF

egdirB

fo dliub eh t gn iruD .43 arugiF

The occasion was the building of a pedestrian overpass on a highly traffic motorway. Vebjørn Sand collaborated with a professional team of engineers and architects to create a “dream team” of experts on the history, design and structural aspects of the Leonardo Bridge Project. The original Da Vinci’s drawing was scaled down in a 100 metres version and with a span and a total length of 135 metres. The public administration who sponsored the project decided to build the bridge in wood and a beautiful Norwegian pine was chosen. The Norwegian Bridge was open to the public on October 31 2001 almost 500 years after the original drawing. It is open to foot and bicycle traffic. The Norwegian Leonardo Bridge Project makes history as the first of Leonardo’s civil engineering designs to be constructed for public use. The bridge joins the past to the present. For the artist, the bridge is also a beautiful metaphor: the meeting point of people, culture and continents. From this Vebjørn Sand’s vision to build the bridge on every continent, also including drawing on the cultural traditions and incorporating materials, unique to each region. Vebjørn Sand is now taking into consideration different places in the U.S.A where the town administration have asked for a similar construction.

APPROFONDIMENTI
onitnelaV acud lI – AIGR OB ERASEC

Cesare Borgia, nato a Roma il 13 settembre 1475, è stato un politico italiano del Rinascimento. Gli storici concordano nell'identificare in lui un'esperienza politica importantissima: all’epoca per la mancanza dello stato, nelle romagne c'era una situazione di anarchia, Cesare Borgia grazie all'istituzione di tribunali riuscì a riportare l'ordine nel territorio del suo dominio. Per questo, forse, la sua personalità ispirò a Machiavelli la figura de Il Principe. Figlio dell'allora cardinale Rodrigo Borgia, futuro papa Alessandro VI (1492-1503) e di Vannozza Cattanei, era secondo di quattro figli : Joan, Cesare, Lucrezia e Jofrè. Già dalla nascita era stato destinato dal padre alla carriera ecclesiastica, grazie alla quale la famiglia aveva preso saldamente piede in Italia. I Borgia infatti, catalani di origine, erano arrivati a Roma una trentina di anni prima al seguito del cardinale Alfons, papa col nome di Callisto III, a caccia di cariche e di fortuna. Cesare, a diciassette anni, il 31 agosto del 1492, fu nominato arcivescovo di Valencia (ma non si recò in Spagna e non prese i sacramenti dell'ordine), poi cardinale il 20 settembre del 1493, e nel 1495 governatore generale e legato di Orvieto. Ottenuto il nuovo incarico di comandante dell'esercito pontificio, il 10 maggio 1499, Cesare sposa Carlotta d'Albret, sorella del re di Navarra (regione a nord della Catalunya) e nipote di Luigi XII, stabilendo una alleanza con la Francia - per la futura conquista della Romagna -, ottenendo il titolo di pari di Francia, e il ducato di Valentinois che da allora avrebbe fornito ai suoi contemporanei e agli storici un paio di soprannomi: il Duca, e il Valentino. Tornando in Italia, il Duca incomincia la graduale conquista della Romagna conclusasi il 25 aprile 1501, con la capitolazione di Faenza. Nel 1502 Cesare Borgia si avvalse della collaborazione di Leonardo Da Vinci [cfr.pg.5] come architetto militare e ingegnere capo. Questi viaggiò per dieci mesi attraverso i territori conquistati dal condottiero: compiendo esami e rilevazioni, delineando alcune delle piante delle città e le mappe topografiche [cfr.pg.23](un punto di partenza per la cartografia moderna), edificando fortezze [cfr.pg.10], realizzando per il porto di Cesenatico una struttura di protezione dai flutti, costruendo macchine da guerra. Il fortilizio di Imola, danneggiato dal precedente assedio, aveva necessità di essere rafforzato. Leonardo si interessa al problema, e cominciando col disegnare la nuova sistemazione interna della rocca, finisce per tracciare l'intera pianta della città. Era il momento di più alta potenza del Duca, i cui successi ormai facevano venire gli incubi ad altri stati nella penisola italiana: Venezia guardando la costa adriatica italiana ormai vedeva quasi soltanto domini pontifici; Firenze doveva considerare la eventualità che il Valentino puntasse a conquistare, in modo sistematico, la Toscana. Eventualità molto probabile, in quanto il piano d’ampliamento del Borgia prevedeva, infatti, la conquista del Granducato di Toscana, il papa padre iniziò trattative segrete con la repubblica di Venezia e con la Francia per preparare il terreno politico e militare. Ma improvvisamente il papa Alessandro VI muore il 18
avort is ehc a igroB eraseC id ottartir nU .63 arugiF omagreB id ararraC a imedaccA' l osserp

agosto 1503 in circostanze misteriose. Così il Valentino entra in conflitto con i Cardinali riuniti in conclave, questi vennero a patto con il Borgia, offrendogli un salvacondotto pur di toglierselo di torno ed eleggere il nuovo papa. Cesare accettò e si trasferì a Nemi, poi il nuovo papa Pio III, acconsentì di farlo tornare a Roma, ma non fu accolto bene dai romani e si rifugiò a Castel S. Angelo. Il nuovo pontefice però rimase in Vaticano per poco meno di un mese. Con il nuovo papa Cesare Borgia ebbe un diverbio e fu esiliato, prima a Napoli, poi di nuovo in Spagna dove re Ferdinando lo fa rinchiudere nella rocca di Medina del Campo. Di li riesce ad evadere il 25 ottobre 1506, rifugiandosi a Pamplona sperando nella protezione di un cognato fino ad allora mai visto ne conosciuto. Questi lo aiutò e lo mise a capo di mille cavalieri e lo inviò contro Luis de Beaumont ribellatosi nel castello di Viana. Qui fu ferito mortalmente, il 12 marzo 1507 durante un’imboscata tesagli dagli assediati. Una fine poco gloriosa per un uomo d’azione come lui.