You are on page 1of 58

--- Difendiamoci dagli Dei ---

Difendiamoci dagli Dei


Compendio del libro originale di Salvador Freixedo

--- Difendiamoci dagli Dei ---

Indice
Introduzione..........................................................................................................................................3 Terza parte......................................................................................................................................16 Che cosa cercano gli dei nel nostro mondo?..................................................................................18 sport...........................................................................................................................................31 incendi.......................................................................................................................................32 erch! do""iamo difenderci dagli dei?..........................................................................................3# illuminazione.............................................................................................................................3$ Come possiamo difenderci dagli dei?............................................................................................#% Do""iamo cam"iare radicalmente la nostra idea di Dio................................................................## &arete come dei..............................................................................................................................#' I( DI) *+(,+-I) D.((/+0TIC) T.&T+*.0T) 1 2+3,./ 4 -.),+ 5 () -0)&TICI&*).................................................................................................................................#$ I( D.*I67-) 8 60 DI) DI ,.0D.TT+9 C7.+T)7. D.((+ *+T.7I+ . 7I0CI . DI :6.&T) *)0D)............................................................................................................................#$ (+ *+(,+-IT+/ D.( DI) .;7+IC)......................................................................................#8

--- Difendiamoci dagli Dei ---

Introduzione
7itengo molto interessante il pensiero di <uesto autore sulle religioni e il mondo e=trafisico in generale9 connaturato all/attualit> del fenomeno 6?). &al@ador ?rei=edo9 spagnolo di origine9 ! stato per 3% anni un prete cattolico gesuita che ha la@orato per la diffusione della fede cristiana sul campo per molti anni in +merica (atina9 particolarmente nel Centro +merica come insegnante ad altissimo li@ello9 essendo anche studioso delle religioni9 antropologo9 sociologo e paraspicologo. 3a studiato psicologia in Canada e +scetica negli &tati 6niti. 3a pu""licato oltre 2% li"ri su @ari argomenti. 3a lAonore di essere stato espulso da Cu"a del dittatore ;atista e di essere incarcerato in ,enezuela9 al tempo dellAoligarchia del go@erno per disaccordo. +d un certo punto della sua @ita9 dopo esperienze sempre piB negati@e e riflessioni sulla in@oluzione dell/umanit> in generale9 piuttosto che sulla sua e@oluzione coscienziale nonostante le religioni9 si ! incamminato su una strada di ricerca e di conoscenza fuori dalle ideologie dominanti religiose o laiche per tro@are una sua @erit>. ./ stato molto perseguitato9 sia dalla Chiesa che dalle autorit> ci@ili e i suoi li"ri che hanno iniziato ad essere pu""licati dalla fine degli anni /6% del no@ecento9 sono stati tolti dalla circolazione9 tanto che sono pressochC intro@a"ili in forma stampata. 0on condi@ido completamente il pensiero di ?rei=edo9 anche se anch/io sono giunta piB o meno alle stesse conclusioni per strade e esperienze di@erse9 soprattutto la sua perentoriet> che9 a @olte9 puD apparire una ricaduta nel dogmatismo proprio della religione. Tutta@ia credo che <uesto autore possa dare stimolo alla riflessione e alla conoscenza affinch! le coscienze umane piB mature possano ela"orare un pensiero proprio9creati@o9 sottratto il piB possi"ile alle negazioni e alle manipolazioni degli EdeiF.

--- Difendiamoci dagli Dei ---

--- Difendiamoci dagli Dei --(a teologia dell/unico @ero Dio ! falsaG la teologia dei falsi Dei ! <uella @era. :uesta non ! una professione di ateismo cosH come9 fin dall/inizio9 @ogliamo dire che non concediamo la nostra fede al dio del entateuco come 6nico Dio 6ni@ersale poichC lo consideriamo come uno dei tanti dei minori che9 lungo il corso della storia del pianeta9 hanno utilizzato gli esseri umani. &H9 il dio cristiano di cui si parla nella ;i""ia ! esistito9 ma non ! il "uon padre al <uale siamo stati o""ligati a credere e9 ancor meno9 il Dio uni@ersale9 creatore di tutto il Cosmo. ./ semplicemente un usurpatore in piB che9 come tanti altri simili a lui9 pretese di farsi passare per la -rande .nergia Intelligente Creatrice di tutto l/6ni@erso. -i> in un/altra occasione a@e@o fatto la distinzione fra gli esseri razionali uguali o superiori all/uomo8 uomini9 superuomini9 dei9 DI). I superuomini sono fondamentalmente come tutti gli altri9 ma sono preparati a compiere una grande missione e9 a <uesto scopo9 sono dotati di <ualit> eccezionali. +lcuni di loro @engono preparati fin dalla nascitaG altri ac<uisiscono <ueste <ualit> ad un dato momento della loro @ita <uando sono scelti da <ualcuno di <uesti esseri che chiamiamo dei. Ioroastro9 ;udda9 *aometto9 *osC9 Confucio9 (ao Tse9 ecc. appartengono a <uesta categoria fino a dare l/impressione che in loro ci sia una parte della natura di@ina9 una specie di i"rido fra uomo e dio e sono stati strumenti per la realizzazione sulla Terra e nelle societ> umane delle @olont> e dei desideri di <uesti esseri e=traumani. -li dei9 in@ece9 non appartengono alla razza umana. +lcuni di loro hanno il potere di manifestarsi come terrestri - e lo hanno fatto in infinite occasioni9 fino a con@i@ere intimamente con noi <uando ciD ! stato confacente per i loro enigmatici propositi - ma9 compiuta la loro missione o raggiunto i loro scopi9 ritornano al loro piano esistenziale in sintonia con le loro caratteristiche psichiche ed elettromagnetiche. ?ra gli dei ci sono molte piB differenze di <uante @e ne siano fra gli uomini9 sia nell/identit> fisica del loro stato naturale9 sia nel modo di manifestarsi a noiG al loro grado di e@oluzione mentale e tecnologica9 ed anche morale in <uanto sem"ra che alcuni di loro siano molto piB attenti di altri nell/interferire nel nostro mondo o a non interferir@i affatto. ossono pro@enire anche da altri pianeti9 presumi"ilmente perD9 <uelli che maggiormente interferiscono nella @ita e nella storia dell/umanit> sono della nostra stessa Terra. *entre gli uomini9 per molte che siano le differenze9 appartengono tutti alla stessa razza umana9 gli dei non appartengono ad un/unica specie di esseri e9 se do""iamo credere a <uanto essi stessi ci fanno capire9 pro@ano una forte sfiducia reciproca9 antipatie manifeste e "attaglie dichiarate. 6n esempio tipico di <uesto antagonismo e di <ueste "attaglie lo riscontriamo nella ri"ellione che9 secondo la teologia cristiana9 (ucifero organizzD insieme a molti suoi seguaci contro 2ah@C. I credenti che accettano come @erit> inconfuta"ili gli insegnamenti della Chiesa9 do@re""ero sapere che tutte le grandi religioni ci parlano di "attaglie simili fra i loro dei o fra un dio principale e gli altri minori. er comprendere l/entit> fisica degli dei e di molte altre creature non umane9 ci si de@e riferire alla fisica atomica e su"atomica. Il EcorpoF degli dei ! elettromagnetico ed ! composto di onde. +nche il corpo umano9 in ultima analisi9 ! composto da onde condensate in materia solida9 mentre <uella che compone il corpo degli dei9 pur essendo uguale alla nostra nella sostanza9 ! strutturata in forma molto piB sottile9 in@isi"ile e impercetti"ileG non solo ma essi hanno9 di@ersamente da noi9 la '

--- Difendiamoci dagli Dei --capacit> di dominare la loro materia9 adottando forme piB o meno e@anescenti cosH da rendersi piB o meno percepi"ili ai nostri sensi9 a loro discrezione. er <uanto riguarda la loro u"icazione nell/6ni@erso9 poichC il loro piano di esistenza o E@i"razionaleF non coincide con il nostro9 puD "enissimo essere che il nostro pianeta sia anche il loro. *olti possono @i@ere - e di fatto lo fanno - <ui tra gli umani9 senza che noi li si possa percepire con i nostri sensi ordinari. 0on ! incredi"ile se pensiamo che l/aria9 pur essendo un corpo fisico per <uanto rarefatto9 ma della stessa sostanza di una pietra9 ! completamente in@isi"ile ai nostri occhi e le onde della tele@isione che inondano le nostre case di@engono @isi"ili tramite un apparecchio predisposto ad hoc. ossiamo dire che non stanno da nessuna parte o o@un<ue9 dato che le leggi fisiche a cui o""ediscono sono di@erse da <uelle che conosciamo9 considerato che la nostra concezione di spazio e tempo ! ancora molto imperfetta e do""iamo con@incerci di non essere gli unici a"itanti intelligenti del pianeta. (a scienza ufficiale nega o@@iamente l/esistenza di <uesti dei9 <ueste energie9 in <uanto sfugge al suo controllo9 alla sua dimostra"ilit> e sperimenta"ilit> di la"oratorioG tutta@ia molti scienziati9 particolarmente le ultime generazioni di fisici9 in pri@ato9 sono molto piB aperti e possi"ilisti all/argomento che resta9 in@ece9 terreno pri@ilegiato delle religioni9 inclusa la cristiana. 0ella maggioranza delle religioni <uesti esseri sono generalmente definiti EspiritiF9sia pure con tanti nomi di@ersi e tipologie differenti9 in <uanto sono sempre tenute in considerazione le grandi differenze esistenti fra di essi. I -reci e i 7omani sono stati coloro che piB si sono a@@icinati alla realt> nel chiamarli semplicemente EdeiF9 se""ene riconoscessero che <uesti spiriti pote@ano assumere forme corporee e che ci fossero anche tutta una serie di deit> minori9 soggette agli dei maggiori. +nche il Cristianesimo accetta l/esistenza di <uesti spiriti8 ne parla costantemente nella ;i""ia e in tutti gli insegnamenti del magistero cristiano nel corso dei secoli. (i chiama EangeliF o EdemoniF e attri"uisce loro grandi poteri. Di fatto9 la storia sacra ci presenta alcuni di loro nel ruolo di ri"elli contro Dio9 cosH come la denominazione delle @arie gerarchie8 angeli9 arcangeli9 troni9 dominazioni9 potest>9 cheru"ini9 serafiniJ. sono la pro@a che la Chiesa ha un/idea molto chiara e concreta della loro esistenza. )ra ! piB che mai necessario che gli esseri umani prendano coscienza che <uesti spiriti non sono cosH "uoni come per millenni ci ! stato fatto credere. Infatti9 &anta *adre Chiesa ci ha sempre detto che alcuni di loro - i demoni - sono per@ersi9 nemici di Dio e dediti a de@iare l/uomo dalla retta @ia. &oprattutto do""iamo tenere presente che la stessa teologia insegna che la lotta fra gli angeli ! iniziata prima che il mondo @isi"ile fosse creato. (a lotta9 che trasformD alcuni di loro in demoni9 non ! ancora terminata perchC la ri@alit> tra gli spiriti ! ancora in atto9 essendo essi molto gelosi dei propri ranghi e prerogati@e. (o spirito che la ;i""ia ci presenta come superiore a tutti9 ma anche come creatore dell/6ni@erso9 non solo non lo !9 ma non ! nC superiore9 nC di@erso dagli altri angeli del Cristianesimo9 di -io@e o ;aal9 cio! ! come gli dei delle altre religioni che si manifesta@ano ai loro popoli EelettiF per guidarli e EproteggerliF. Come a""iamo riscontrato9 a <uesti esseri so@raumani piace EscegliereF un popolo attra@erso il <uale centrare i propri inter@enti sulla razza umana9 positi@i o negati@i9 a @olte in modo atti@o e 6

--- Difendiamoci dagli Dei --diretto. In <uesta ottica l/."raismo e il Cristianesimo non hanno alcuna originalit>. I Cristiani9 come i fedeli di altre religioni9 concentrati nello studio e nel compimento dei loro riti e dogmi9 tenuti all/oscuro dai loro leaders religiosi delle credenze e riti di altri popoli9 hanno ignorato e continuano a ignorare <uei fatti storici che potre""ero seminare grandi du""i sulla originalit> e la @alidit> del proprio credo religioso. In <uesta lotta che gli angeli scatenarono fra loro e che la teologia ci dice che culminD con la sconfitta di (ucifero9 il grande @incitore risultD essere 2ah@C che9 a <uanto pare9 era il capo supremo di <uella fazione di angeli che9 in <uel momento9 sta@ano manifestandosi sul nostro pianeta. Da allora (ucifero do@ette apparire come il *ale e 2ah@C come il ;ene9 cosH come nelle @icende umane9 la storia ! scritta e immortalata dai @incitori e i @inti sono presentati come nemici per@ersi giustamente sconfitti. (e mitologie di tutti i popoli non sono altro che i ricordi deformati di fatti accaduti migliaia di anni fa. +d uno studioso della nuo@a teologia cosmica appare piB che mai credi"ile che nell/antichit> remota9 ma anche in tempi piB recenti9 esseri sedicenti celesti9 si manifesta@ano agli spa@entati a"itanti della Terra9 dicendo di essere EdeiF9 o addirittura il dio creatore di tutto l/6ni@erso. I nostri progenitori9 al loro li@ello e@oluti@o9 da@anti ad una magnificenza e ad una potenza so@rumana9 non du"ita@ano un istante di essere realmente alla presenza dei signori dell/6ni@erso9 ponendosi incondizionatamente al loro ser@izio ./ certo che <uesti fenomeni della manifestazione di un dio o di piB dei si sia ripetuto in tutti i popoli di cui si a""ia storia scritta. (/apparizione nelle manifestazioni colletti@e9 o la illuminazione come processo indi@iduale sono accaduti a tutte le latitudini9 in tutte le culture9 in tutte le epoche nel corso della storia umana. ./ un fatto storico accertato e indiscuti"ile che tutti i popoli9 senza eccezione alcuna9 a""iano o""edito ed onorato <ualche dio che9 in un modo e nell/altro si era manifestato ai loro predecessori ai <uali a@e@a dato grandi insegnamenti Kspesso come curare le malattie o s@elando segreti della 0aturaL9 promettendo loro protezione se a@essero o""edito ai suoi ordini o9 piB in concreto9 seguito le norme di @ita che detta@a loro. (a scienza e la religione hanno considerazioni di@erse rispetto alle credenze dei popoli sulle apparizioni. (a scienza in genere le considera creazioni soggetti@e originate dalla religiosit> innata degli uomini9 o addirittura allucinazioni frutto di uno psichismo alterato e ritiene che ciD che si presenta come EmiracoloF9 cio! come inter@ento diretto dello spirito9 altro non sia che la fruizione cosciente o incosciente di una legge sconosciuta della 0atura. (e religioni9 @olenti o nolenti9 sono costrette ad ammettere che molte @isioni o apparizioni sono accadute e accadono realmente e che9 in un certo <ual senso9 le sca@alcano9 sca@alcano le gerarchie9 scompaginano sempre un po/ gli e<uili"ri di potere e di controllo all/interno delle organizzazioni terrene9 anche perchC l/azione degli dei ! spesso molto am"igua9 incrementando il fanatismo da una parte e un esacer"ato rifiuto del fatto dall/altra. (/esperienza di essere stati EadottatiF da un dio ! comune a <uasi tutti i popoli dell/antichit> con l/o""ligo perD di sottostare a certe condizioni9 la principale delle <uali consiste@a nella richiesta di sacrifici sanguinari di @ario tipo in cam"io di protezione9 peraltro non sempre efficace. Certamente non tutte le mitologie e le leggende folMloristiche dell/antichit> sono supportate da $

--- Difendiamoci dagli Dei --pro@e documentali9 tutta@ia non si puD negare che molti popoli9 separati da migliaia di anni e da migliaia di chilometri9 a""iano a@uto credenze e praticato riti molto simili9 tanto da far pensare ad una origine comune9 ad una stessa matrice. ./ il caso delle analogie storiche e dottrinarie fra gli ."rei del ,ecchio Testamento e gli +ztechi a tremila anni di tempo e diecimila chilometri di distanza. +d entram"i9 il loro Edio protettoreF impose di lasciare il luogo natio per andare in una Eterra promessaF9 sotto il suo diretto comando. -li ."rei errarono per il deserto #% anni9 guidati da 2ah@C che li accompagna@a nella forma di una colonna di fuoco e fumo che illumina@a il cammino durante la notte e face@a om"ra durante il giorno9 aiutandoli a superare le difficolt> che incontra@ano nel cammino. er gli +ztechi ! stata sicuramente piB dura la peregrinazione che ! durata "en duecento anni. Il E dio padre protettoreF 3uitzilopochtli li accompagnD in forma di grande a<uila "ianca dal loro insediamento naturale9 che si presume sia stato fra l/+rizona e l/6tah9 fino all/attuale centro di Citt> del *essico9 allora piccola isola del lago Te=coco e lH si arrestarono perchC appar@e loro l/a<uila che di@ora@a il serpente9 secondo la profezia di@ina che li a@e@a messi in moto. .ntram"i i popoli EelettiF do@ettero affrontare9 com"attere e molto spesso annientare numerose tri"B o etnie che a"ita@ano la Eterra promessaF prima del loro arri@o. (a ;i""ia ! la narrazione storica di <uesta con<uista8 gli +morrei9 i ?ilistei9 i -e"usei9 i -a"oniti9 gli +malechiti hanno la loro controparte americana nei Chichimechi9 Da=techi9 Nochimilchi9 Tepanechi. 6na @olta sta"iliti nella Eterra promessaF9 iniziarono a moltiplicarsi @elocemente9 di@ennero molto potenti e sottomisero tutti i loro @icini9 raggiungendo l/apice dello s@iluppo circa due secoli dopo. &ia gli ."rei che gli +ztechi erano stati indottrinati9 marchiati dal rito della circoncisione e9 tanto 2ah@C che 3uitzilopochtli esige@ano dai loro popoli sacrifici di sangue. ?ra gli ."rei era di animali9 dopo la remissione del sacrificio di +"ramo del figlio Isacco9 ma fra gli +ztechi era sangue umano. 0ella dedicazione del tempio di Tenochtitlan9 secondo gli storici9 si sacrificarono di@erse migliaia di prigionieri9 strappando dal petto il cuore ancora palpitante per propiziare 3uitzilopochtli. Tutta@ia9 se non in forma rituale9 anche fra gli ."rei il sangue umano scorre@a a fiumi a causa delle lotte incessanti con gli altri popoli che 2ah@C stesso incita@a a fareG addirittura poi a @olte il sangue era solo <uello del popolo eletto <uando Esi accende@a la sua ira contro di loroF9 il che accade@a a""astanza spesso. .ntram"i i popoli furono dettagliatamente istruiti su come costruire un grande tempio nella terra promessa con<uistata e <uesto comando lo si riscontra in altre apparizioni religiose nel corso della storia. Diego Duran9 un frate francescano che scrisse le cronache dei primi colonizzatori delle +meriche riporta9 con tutta la pre@enzione possi"ile @erso <uei pagani demoniaci9 la tradizione orale del popolo azteco secondo la <uale i suoi antenati9 a mano a mano che a@anza@ano @erso sud9 sempre seguendo la grande a<uila "ianca che li guida@a dal cielo9 la prima cosa che a@re""ero do@uto fare appena arri@ati in un luogo9 era di costruire un piccolo tempio in cui custodire l/arca che trasporta@ano e mediante la <uale comunica@ano con il loro dio. (a presenza dell/arca che9 come per gli ."rei9 rappresenta@a il @incolo che li lega@a al loro dio 8

--- Difendiamoci dagli Dei --protettore9 fa presupporre che <uesti Espiriti che stanno nell/alto dei CieliF9 come li chiama &an aolo9 a""iano uno stesso clichC9 pro"a"ilmente una necessit> particolare allor<uando si affacciano nel nostro mondo e nella nostra dimensione. &e 2ah@C ha a@uto la sua controparte americana in 3uitzilopochtli9 il Cristo giudaico l/ha a@uta con :uetzalcoatl9 il messaggero di dio9 istruttore e sal@atore del popolo azteco che ! apparso in <uesto mondo in modo misterioso9 ! stato apparentemente un uomo come luiG se n/! andato in modo altrettanto misterioso. .ntram"i promisero che un giorno sare""ero ritornati. 6na inconfuta"ile pro@a della esistenza degli dei ! l/accadimento storico della nascita e della successi@a espansione della religione dei *ormoni9 <uasi contemporaneo a noi e documentato da un atto notarile.

Il caso di Moroni
Ooseph &mith era un gio@ane che nel 1823 @i@e@a @icino alla citt> di .lmira nello &tato di 0eP 2orM e un giorno9 durante una pausa del suo la@oro di contadino9 mentre sta@a pregando9 gli appar@e una figura luminosa e EcelestialeF che disse di essere l/angelo *oroni. :uesto essere si manifestD di@erse @olte e lo istruH su ciD che9 in futuro9 a@re""e do@uto fare9 soprattutto sulle idee religiose che @ole@a fossero diffuse fra familiari e @icini. (/angelo *oroni promise a &mith che gli a@re""e dato delle lamine d/oro9 scritte in carattere antichi9 ma che gli a@re""e insegnato a decifrare9 sulle <uali era scritta la storia di antichi popoli9 arri@ati @ia mare dall/.uropa9 che gi> a@e@ano @issuto in 0ord +merica9 nonch! enunciazione dottrinarie che &mith e i suoi seguaci a@re""ero do@uto sostenere. .ffetti@amente <uelle lamine d/oro furono tro@ate e &mith per due @olte9 si presentD con dieci testimoni da un notaio per autenticarne sostanza9 peso9 forma e contenuto9 esaminate da ogni genere di esperti. Come gli a@e@a detto l/angelo *oroni9 dopo la traduzione e la certificazione le lamine9 collocate nel posto concordato9 sparirono definiti@amente. Il loro messaggio perD costituisce la maggior parte delle Esacre scrittureF della Chiesa *ormone che incominciD ad estendere la nuo@a religione come EChiesa di -esB Cristo dei santi dell/ultimo giornoF9 essendosi innestata sul preesistente credo cristiano con un intento Erinno@atoreF secondo i *ormoni9 EereticoF secondo le confessioni cristiane tradizionali. In <uesto a@@enimento ci sono state le pro@e concrete9 dimostra"ili da un punto di @ista strettamente storico9 dell/apparizione di un essere e=traumano ad un mortale che @iene indottrinato ampiamente su tutta una serie di credenze e di riti che9 nel caso in <uestione9 per esempio9 hanno a@uto una forte espansione9 nonostante gli innumere@oli ostacoli posti dai praticanti di altre religioni classiche secolari. :ueste apparizioni non sono rare9 nC tantomeno unicheG a molti altri esseri umani comuni9 non solo fondatori o riformatori di religioni9 possono capitare9 solo che <uesti casi generalmente non @engono presi in considerazione perch! giudicati come allucinazioni o forme di distur"o mentale e puD9 alcune @olte9 essere cosH. Tutta@ia non solo nel Cristianesimo9 ma anche in ogni altra religione9 <uesti contatti dichiarati9 hanno spesso un certo grado di o"ietti@it>9 considerato che l/intromissione diretta e @isi"ile degli dei nella @ita degli uomini puD accadere anche al di fuori del contesto religioso9 per esempio sotto forma di Espiriti guidaF EmaestriF9 Ee=traterrestriF9 ecc. Il *aestro 7osso della (una chiama Oiins Kin Italiano genio9 folletto o deit> minoreL <uegli esseri Q

--- Difendiamoci dagli Dei --che fre<uentemente irrompono nelle @ite umane. er <uanto strano possa sem"rare9 ci sono persone che hanno rapporti personali con <uesti Oiins che si manifestano con identit> fisica indistingui"ile dall/uomoG il contatto non a@@iene solo in luoghi isolati9 <ualche @olta anche nelle case.

Il fenomeno UFO
Il fenomeno 6?) ! un aspetto9 un sintomo di <uesta costante comunicazione degli dei con i mortali ed ! il mezzo che usano attualmente per mettersi in contatto con noi. ./ molto di piB che la mera @isita di signori a"itanti di altri pianeti ed ha molta piB relazione con la complessit> delle religioni che con il @iaggio di astronauti e=traterrestri. (a presenza nella nostra atmosfera di Eoggetti @olanti non identificatiF ! innega"ile9 testimoniata da migliaia9 se non milioni di testimonianze in tutto il pianeta. *algrado gli sforzi fatti per sta"ilire la loro pro@enienza9 la loro costituzione fisica9 le loro intenzioni9 il loro metodo di propulsione e mille altre cose che li riguardano9 fino ad oggi non si conosce con esattezza <uasi nessuna di <ueste circostanze in <uanto9 dai dati che ci hanno fatto intendere e dai nostri studi9 emerge tutta una serie di contraddizioni che9 a @olte9 rasenta l/assurdo. :ueste EapparizioniF sono a@@enute9 sia pure in circostanze di@erse9 in tempi passati piB o meno remoti e9 in parte9 ci sono state tramandate dagli storici. 0onostante le @ariazioni di tempi9 luoghi9 forme e tecniche9 si tratta dello stesso fenomeno e il nostro intento consiste nel mettere in relazione9 o meglio nell/identificare gli a@@istamenti moderni con le @isioni che hanno costituito per secoli l/origine e l/essenza di tutte le religioni9 compreso il Cristianesimo e di cui ci hanno parlato i mistici. -li storici greci e latini9 in@ece9 ci hanno raccontato dei EprodigiF9 ma gli stessi temi si riscontrano nei li"ri sacri di tutte le religioni. 0ella @isione degli antichi si pote@ano apprendere con maggiore chiarezza le loro intenzioni9 poichC le entit> manifesta@ano direttamente la loro @olont>9 indicando norme di comportamento colletti@e e indi@idualiG a @olte dichiara@ano la loro @era identit>G altre @olte la dissimula@ano9 in ogni caso erano Ecomprensi"iliF. ./ @ero che ! difficile pro@are la @eridicit> o"ietti@a delle apparizioni dell/antichit>G ma ! altrettanto @ero che per <uelle odierne9 per <uanto piB facilmente documenta"ili9 in@ece ! molto piB difficile indi@iduarne il contenuto ideologico. (/assimilazione delle @isioni antiche alle moderne ci consente di approfondire la comprensione del fenomeno in <uanto ci dota di una glo"alit> di elementi di comparazione. )ggi non a""iamo alcun du""io sul fatto che ciD che gli antichi chiama@ano EdeiF e che inseri@ano in un complesso sistema di credenze e riti9 sia lo stesso che noi moderni definiamo Efenomeno 6?)F. 0ei tempi remoti9 <uelle Intelligenze credettero piB opportuno manifestarsi con <uelle modalit>G mentre ai nostri9 di fronte ad una umanit> molto piB a@anzata culturalmente e tecnologicamente9 ritengono piB proficuo presentarsi in forme piB accetta"ili e assimila"ili dagli uomini di oggi poich! le loro intenzioni e le loro intromissione nelle nostre @ite sono restate le stesse. er addentrarci in <uesto studio ! "ene iniziare ad approfondire chi siano realmente <uesti dei di cui stiamo parlandoG come sonoG <uali siano le loro <ualit> e i loro difettiG i rapporti che intercorrono fra 1%

--- Difendiamoci dagli Dei --loro e il Dio dell/6ni@erso9 Colui che molti di loro hanno @oluto cancellare dalla mente e dal cuore degli esseri umaniG <uali siano i loro poteri e le loro de"olezzeG fin do@e arri@ano le loro conoscenzeG <uali siano le loro norme morali9 se ne hannoG la loro relazione con il nostro continuum spazio-tempo9 ecc89 ecc. )ggi la specie umana ! giunta ad una certa maturit> intellettuale e storica per cui puD comprendere almeno alcune leggi cosmiche che reggono l/esistenza e il comportamento di <uesti esseri intelligenti non umani9 che hanno a@uto o ancora hanno interesse a dissimulare le loro @ere intenzioni9 e addirittura a condizionarci a negare la loro esistenza e9 in molte occasioni9 la loro presenza fisica in mezzo a noi.

Del Cosmo conosciamo soltanto un/infinitesima parte perch! il nostro cer@ello ! molto9 molto limitato se comparato alla sua complessit>. 0oi uomini9 aiutati o ingannati dalle religioni - dagli dei - riteniamo di essere il centro dell/6ni@ersoG cosH ci ! stato fatto credere per secoli e secoli. ETutte le creature sono state create per l/uomoF9 si legge nella ;i""iaG perD <uesta ! soltanto un/altra menzogna per tenere tran<uille le nostre menti. (/uomo ! solo uno degli innumere@oli esseri intelligenti9 semi intelligenti o pri@i di intelligenza che popolano l/incommensura"ile 6ni@erso. (e grandi realt> dell/uni@erso e le leggi che le regolano in gran parte ancora sfuggono alla nostra comprensioneG anche se sono sotto i nostri occhi e le utilizziamo <uotidianamente9 ci rimane <uasi completamente sconosciuta la loro essenza. er esempio9 la luce e la gra@it>9 realt> onnipresenti della nostra @ita9 sono ancora due misteri che la scienza ha appena iniziato a s@iscerare. (/6ni@erso ! come una scala infinita che parte da esseri elementari9 imperfetti9 fino ad arri@are ad esseri perfettiG l/uomo a"itante di <uesto pianeta non ! altro che uno degli innumere@oli gradini di <uesta scala9 non certo il piB alto e meno che mai al centro. (e migliaia di specie @egetali e animali sono altri gradini della stessa immensa scala9 la cui "ase denominiamo EmateriaF9 e la cima Eregno dello spiritoF9 sopra il <uale ci do@re""e essere l/.ntit> che gli uomini chiamano9 infantilmente9 Dio. Dio non puD essere definito9 spiegato9 dissezionato9 reificatoG ! <ualcosa di di@erso da tutto ciD che la mente umana possa concepire o immaginare. &e non fosse cosH9 l/essenza stessa di Dio sare""e s@uotata della sua 6nicit>. ossiamo pensare a piB scale nell/6ni@erso per la moltitudine degli esseri che @i @i@ono. (/uomo ! un gradino di una di <ueste9 mentre gli dei sono ad un gradino superiore molto pro"a"ilmente di un/altra e9 per <uanto si e@ol@a o si reincarni su <uesto o su un altro pianeta9 secondo @arie credenze9 non potr> mai passare alla scala di <uesti dei che9 nel corso della storia9 hanno interferito e continuano ad interferire nelle @icende umane. 0on ci sono9 o@@iamente9 pro@e inconfuta"ili di ciD9 tutta@ia <uesta teoria ! stata condi@isa da molti pensatori sia dell/antichit> che contemporanei le cui @oci sono state coperte o ridicolizzate per gli interessi dei poteri costituiti. 11

--- Difendiamoci dagli Dei --&ulla stessa scala dell/uomo9 ai gradini inferiori9 tro@iamo altri componenti e regni della 0atura9 il minerale9 il @egetale9 l/animale9 l/organico9 l/inorganico9 ecc. e possiamo notare che fra di essi @i ! una gradazione9 un passaggio modulato. Infatti9 ci sono molte creature che danno l/impressione di appartenere a due regni di@ersi o di essere una specie di ponte tra i dueG ! il caso degli aminoacidi9 di certi funghi9 dei coralli9 delle proteine. (a composizione fisica del corpo umano non ! che un compendio delle sostanze della 0aturaG dagli elementi semplici studiati dalla fisica e dalla chimica9 fino alle profondit> psichiche studiate dalla psicologia o alla grandezza mistica di cui ci parlano le religioni. Ci sono molte scuole di pensiero - alcune anteriori al Cristianesimo -che sostengono che l/anima degli animali9 dopo di@erse esperienze di e@oluzione9 si trasformi nell/anima di un essere razionale9 cosH come ad un gradino ancora inferiore9 i minerali sono assor"iti dai @egetali che9 a loro @olta9 sono assor"iti dagli animali9 formando tutti <uanti9 unitamente all/uomo9 una scala ininterrotta di @ita atomica9 molecolare9 cellulare9 corporea9 psichica e spirituale. :uale potre""e essere il gradino successi@o dell/essere umano sulla sua scala cosmica dopo la @ita su <uesto pianeta9 non ! dato saperlo con certezza9 si puD solo ipotizzare. I sostenitori della reincarnazione ci assicurano che torneremo ad apparire sulla Terra in epoche e circostanze futureG coloro che non accettano <ueste dottrine9 in@ece9 ci dicono che la nostra anima9 spogliata del corpo9 passer> ad uno stato successi@o nel <uale godr> o soffrir> secondo come si sar> comportata in @ita. In ogni caso9 ! certo che <uasi tutta l/umanit> crede che9 al momento della morte9 la @ita protoplasmatica9 "iologica s/interrompe e che l/essenza del nostro essere9 il nostro spirito intelligente9 passi ad un altro li@ello di esistenza o ad un/altra dimensione nella <uale continua a @i@ere con consape@olezza. .sistono anche altre creature non umane9 inferiori di rango e potere agli dei che stiamo studiando9 che sono dette EelementaliF9 cio! folletti9 gnomi9 elfi9 spiriti e tutta una serie di entit> leggendarie che fanno tanto sorridere gli scienziati e danno altrettanto fastidio ai religiosi. 7ispetto ai primi perchC non si sottopongono ai loro esperimenti di la"oratorio e agiscono in modo completamente indipendente dalle certezze scientifiche sulle leggi della 0aturaG ai secondi perchC demoliscono l/impalcatura dogmatica che regge alcune delle loro credenze fondamentali. . non includiamo fra <uesti esseri le classiche ?ate poichC <uesto ! stato il modo con il <uale9 in numerose occasioni9 gli dei si sono manifestati. (e molte Eapparizioni marianeF9 senza eccezione9 non sono altro che manifestazioni di fate nel contesto cristiano. (/umanit> ha sempre creduto e continua a credere che esistano esseri misteriosi9 intelligenti9 che si manifestano agli uomini in determinate occasioni con innumere@oli sem"ianze e modi di agire. :uesti esseri9 pro@enienti da altre dimensioni o piani di esistenza9 appartengono ad altre scale cosmiche9 di@erse da <uella umanaG la loro e@oluzione e ascensione @erso gradi di maggiore maturit> e intelligenza si s@olge su percorsi di@ersi9 seppure in <ualche modo paralleli a <uelli umani. :uesta9 pro"a"ilmente9 ! la ragione per cui9 a @olte9 a@@iene un certo contatto reciproco fra il nostro e il loro mondo9 le nostre e le loro @ite. &i ! detto che gli dei sono esseri che9 sia pure nella loro particolare scala e@oluti@a9 sono ad un gradino superiore9 o piB ele@ato9 degli uominiG tutta@ia ciD non @uole dire che siano superiori a noi 12

--- Difendiamoci dagli Dei --in tutto. Certo lo sono in alcune manifestazioni di intelligenza9 di forza o di potereG ma9 per <uanto riguarda l/etica9 <uella che definiamo Emoralit>F ! tutta da riconsiderare criticamente. I @alori fondanti delle specie @i@enti sono molti e molto di@ersi fra loroG possono addirittura esistere e funzionare in una determinata scala cosmica ed essere totalmente sconosciuti e incomprensi"ili ai componenti di altre scale. er esempio9 riteniamo uni@ersali molti dei nostri @alori morali9 ma li applichiamo solo alla specie umana e non ci facciamo scrupolo alcuno ad ignorarli nel nostro rapporto con gli animali9 considerandoli creature o esseri che non sono al nostro stesso li@ello. ./pur @ero che non tutte le religioni sono disattente alla @ita non umana come l/."raica9 la Cristiana e la IslamicaG in alcune religioni dell/India il rispetto per tutto ciD che @i@e ! uno dei comandamenti fondamentali. &e noi ci sentiamo moralmente li"eri di non applicare i nostri principi morali e giuridici agli esseri che consideriamo inferiori9 non appartenenti al rango umano9 non do""iamo mera@igliarci se altri esseri non umani9 che sem"rano essere piB forti e piB e@oluti di noi9 non applicano nei nostri confronti <uei principi o @alori che9 pro"a"ilmente9 usano fra loro. Il termine EsuperioriF9 <uindi parlando degli dei9 @a inteso in modo relati@o. &uperiori in conoscenze9 in poteri fisici e psichici9 in energia9 ecc.9 ma non in @irtB o @alori morali @igenti tra gli esseri umani perchC9 spesso9 le loro intromissioni sono molto negati@e per noi. Indu""iamente anche essi hanno parametri e criteri di "ont> e di catti@eria9 "ellezza e "ruttezza9 moralit> e immoralit>9 ma non sono uguali ai nostri e9 come a@@iene fra gli esseri umani9 @i sono indi@idui che @i si attengono ed altri che li @iolano. In sostanza9 <uesti EdeiFsono molto lontani dalla perfezioneG sono anch/essi creature dell/6ni@erso in e@oluzione. &e do""iamo @alutarli con i nostri parametri di giudizio9 la loro intelligenza sem"ra essere piB s@iluppata della nostra. Conoscono e usano molto meglio di noi le leggi della 0atura9 anche <uelle che noi non conosciamo e9 per <uesto9 le loro azioni spesso ci sem"rano miracoli. ?ra le leggi fisiche che utilizzano @e ne sono alcune che consentono loro di rendersi @isi"ili o in@isi"ili ai nostri occhi9 percepi"ili o impercepi"ili9 malgrado gli strumenti che possiamo utilizzare per potenziare i nostri sensi. 3anno una potente forza psichica con la <uale interferiscono facilmente nei processi fisiologici ed elettrici del cer@ello umano e riescono9 in <uesto modo9 a controllare e a manipolare i nostri pensieri e i nostri sentimenti. 0on sono prigionieri della materia come noi9 o meglio9 di una materia come la nostra. In loro9 lo psichico e lo spirituale9 inteso come estrema rarefazione e non come Emoralmente "uonoF hanno la pre@alenza su <uel materiale elettromagnetico che alfine costituisce il loro essere. ?ra loro ci sono molte piB differenze di <uante se ne possano tro@are fra gli umani. &em"ra che alcuni s@olgano le loro atti@it> permanentemente sul nostro pianeta e non lo a""andonino mai9 ritenendosi i principali a"itatori9 esattamente come noiG con la differenza perD che loro sono a conoscenza della nostra esistenza e la controllano9 mentre noi ignoriamo la loro. +ltri sem"ra che a""iano grande facilit> a muo@ersi negli spazi siderali e pro"a"ilmente s@iluppano le loro atti@it> su altri pianeti o altri luoghi del Cosmo. (e differenze riguardano le loro origini9 i loro poteri9 le loro capacit>9 i loro modo di rapportarsi con 13

--- Difendiamoci dagli Dei --gli umani9 sicch! se ne puD dedurre che9 esattamente come fra noi9 ci siano gruppi affini e gruppi in opposizione. ?ra il loro mondo e il nostro o9 detto in altro modo9 fra la loro dimensione e la nostra9 o fra il loro piano di esistenza e il nostro @i sono delle "arriere fisiche per cui9 molto spesso9 il loro agire appare strano e incomprensi"ile per noi ed una di <ueste ! sicuramente il nostro tempo9 al <uale si adeguano con grande difficolt>. 0on sono immortali9 nel senso che noi diamo a <uesta parola9 anche se i -reci e i 7omani li ritene@ano tali. &em"ra che la permanenza Ein @itaF al loro piano cosmico sia molto piB lunga della nostra terrestreG tutta@ia anche per loro9 giunge il momento in cui muoiono o a""andonano lo stato di dei9 do@uto9 pro"a"ilmente9 ad una legge generale del Cosmo. +lcuni di loro9 singolarmente9 hanno la tendenza a scegliere indi@idui umani per proteggerli ed aiutarli in @ari modi9 oppure ad installarsi nella loro psiche9 destrutturandoli fino all/annientamento. In forma colletti@a9 comandati da un capo9 amano scegliere gruppi umani Ktri"B9 razze9 nazioniL per proteggerli o guidarli in di@ersi modi. :uesta protezione puD essere sia "enefica che dannosa9 a seconda delle circostanzeG in ogni caso comporta un utilizzo degli esseri umani e delle loro energie finalizzato ai loro esclusi@i interessi Edi@iniF. &i comportano esattamente come noi facciamo con gli animali8 sia che li amiamo9 che li aiutiamo o che li distruggiamo9 ! sempre preminente il nostro potere su di loro9 la nostra @olont>9 i nostri interessi. 0ulla nel Cosmo ! immo"ileG tutto ! in perpetuo mo@imento e cam"iamento. Come l/elettrone ruota instanca"ilmente intorno al suo nucleo nelle @iscere della pietra e le galassie ruotano negli a"issi siderali le loro spirali come enormi capigliature9 cosH le idee e i EsentimentiF del regno dello spirito cam"iano senza interruzione9 con un mo@imento che non necessita nC di spazio9 nC di tempo. 0el Cosmo tutto si rinno@a costantemente9 secondo una tendenza ascendente - non in senso geografico o geometrico - "ensH dal EmaterialeF allo EspiritualeF9 dal meno EintelligenteF9 al piB Eintelligente9 dal E piccolo9 imperfetto e de"oleF @ero il Egrande9 perfetto e forteF. :uando un essere @i@ente9 nel corso della sua e@oluzione9 giunge al gradino della coscienza o della intelligenza de@e @olere responsa"ilmente andare a@anti nell/ascesa e il non farlo in@ece9 sem"ra che comporti un arretramento sulla sua scala o addirittura <ualche forma di sanzione. Il mo@imento di ascesa non ! sempre costante e uniforme9 ma sem"ra realizzarsi9 almeno in molte occasioni9 a scale9 a tappe9 ad impulsi9 tanto che si potre""e dire che sia ondulatorio o a spirale e che9 a periodi di massimo a@anzamento9 se ne susseguano altri di stasi o di apparente retrocessione. CiD potre""e essere una @alida spiegazione della morte che9 dall/uomo ! considerata come un male9 ma che dal punto di @ista cosmico ! un passaggio al gradino superiore della scala di un essere soggetto alla legge di ascensione ed e@oluzione. Considerata nel contesto cosmico9 la morte ! solo un sintomo della costante pulsazione della ,ita nell/intero 6ni@erso. ?ra le di@erse scale @i sono dei confini "en definiti e pare @i sia una proi"izione di @arcarli agli esseri che le compongono9 mentre per gli appartenenti alla stessa scala9 a gradini di@ersi9 il di@ieto si limita solo a certi atti distrutti@i o di a"uso irrazionale. er esempio9 nel caso di suicidio9 se lo si considera come un/uscita @iolenta e innaturale dal percorso esistenziale che ! stato assegnato ad un essere @i@ente dalla Intelligenza che regge l/ordine dell/6ni@erso. 1#

--- Difendiamoci dagli Dei ---li dei si manifestano in due modi di@ersi8 pu""licamente a popoli interi o a gruppi piB o meno numerosi di esseri umaniG pri@atamente e intimamente a determinate persone9 pro@ocando in loro un forte impatto psichico e9 di solito e inducendo un cam"iamento nelle loro @ite dopo l/incontro9 il contatto. &i tratta dei fenomeni delle +pparizioni9 <uando sono @isi"ili e della Illuminazione <uando accade nella interiorit> dell/essere umano. (e apparizioni non si riscontrano solo nella religione cristiana9 ma sono presenti anche nelle altre e nelle tradizioni di tutti i popoli del mondo. In tutte le epoche ci sono state persone degne della massima credi"ilit> che hanno dichiarato che era loro apparsa una entit> luminosa recante un messaggioG <uasi tutti i &anti delle @arie religioni dell/umanit> sono stati @isitati da EDioFG anche se non si puD negare che alcune @olte <ueste @isioni possano essere state pro@ocate da uno psichismo disordinato. (/apparizione a@@iene secondo un clichC consolidato8 i @eggenti sono in preghiera o in luoghi isolati9 <uasi sempre immersi in sC stessi9 in stato di semisonnolenza coricati nel loro letto o sdraiati in campagnaG molte @olte la @isione ha luogo in una grotta9 @icino all/ac<ua o su <ualche ar"usto ed essi9 non solo @edono9 ma sentono9 toccano9 percepiscono odori dai misteriosi @isitatori. (/.ntit> appare impro@@isamente e in date periodiche prefissate di modo che la mente dei @eggenti si sintonizzi sulla fre<uenza in cui opera per facilitare al massimo la @isione e la comunicazione. 0ella maggior parte dei casi9 un/apparizione diretta ! seguita da una illuminazione9 o da una grande apertura della mente del @eggenteG tutta@ia9 in molte occasioni9 l/illuminazione accade anche senza @isione e puD essere istantanea o progressi@a. 0elle illuminazioni istantanee il soggetto si sente immediatamente in@aso da una felicit> che inonda non solo il suo spirito9 ma ogni minima parte del suo corpoG percepisce la sua mente e la sua intelligenza in espansione di conoscenza e ciD gli d> la certezza di a@ere a che fare con Dio direttamente o con <ualcuno mandato da lui. Il fenomeno psicologico dell/illuminazione9 della Esantit>F9 in ogni caso dell/alterato stato di coscienza9 in passato era collegato con la con@ersione religiosa ed era attri"uito alla presenza o alla predicazione di <ualche grande predicatore o santo. )ggi9 in una societ> secolarizzata e indipendente dall/influenza religiosa9 l/illuminazione @iene fatta scaturire da pratiche esoteriche9 filosofie orientali9 panteiste o cosmiche. In alcune sette protestanti prende spesso il nome di ErinascitaF o E"attesimo dello &pirito &antoF. (e persone piB colte che @i@ono <uesta esperienza da agnostici9 da non credenti9 l/attri"uiscono ad una comunione con il Cosmico o con la -rande Intelligenza diffusa in tutto l/6ni@ersoG ma9 in sostanza9 tanto i fatti esterni al soggetto9 <uanto al meccanismo psicosomatico che @iene messo in moto9 sono esattamente gli stessi9 sia dentro che fuori l/am"ito religioso. (/illuminazione9 in fin dei conti9 ! un fenomeno trascendente in <uanto l/essere umano salta in@olontariamente9 anzi ! forzato a saltare la "arriera che lo separa da altre dimensioni o li@elli di 1'

--- Difendiamoci dagli Dei --esistenza. ?ra i mistici cattolici se ne incontrano alcuni che cercarono di resistere con tutte le loro forze a <ueste in@asioni delle loro menti9 "ench! le ritenessero pro@enienti da DioG ma9 alla fine EDio fini@a sempre con il @incere le loro resistenze9 impadronendosi completamente della loro animaF . <uesto ! il @ero moti@o e il fine ultimo di tutto il fenomeno8 la possessione dell/anima. 0ella teologia cristiana9 <uando il @iolatore ! il E*alignoF non ci sono pro"lemi a chiamarla chiaramente Epossessione dia"olicaFG ma9 <uando la stessa @iolazione @iene pratica da EDioF9 allora si chiama EestasiF o ErapimentoF. :ueste manifestazione degli dei non sono solo un atto altruistico di amore o di aiuto9 "ensH hanno lo scopo primario di dominare <uegli esseri umani scelti per o""ligarli al loro ser@izio. ./ una autentica @iolazione della loro mente per predisporli a certi compiti che9 in seguito9 assegneranno loro e inducendoli a credere di agire di propria @olont>9 completamente li"eri per cause no"ili9 degne o addirittura sante. 6n altro modo di manifestazione indi@iduale degli dei ! la Escrittura automaticaF. :uesto insidioso fenomeno che inganna e schia@izza tante persone9 consiste nel rice@ere Edall/aldil>F messaggi e comunicazioni di @ario genere. + @olte i messaggi sono uditi dagli umani e posti successi@amente per iscrittoG in@ece9 molto piB fre<uentemente9 ! la mano che scri@e meccanicamente9 autonomamente senza che la mente a""ia coscienza di ciD che a@@iene. (a persona9 gratificata dall/essere stata EsceltaF si sottopone @olontariamente al ruolo di ricettore e mediatoreG in realt> sta su"endo l/a"uso di una inde"ita intromissione nei suoi processi mentali e9 <uand/anche in un futuro @olesse li"erarsene9 gli sar> molto difficile sottrarsi. ./ @ero che di solito9 all/inizio dell/esperienza9 i messaggi sono positi@i9 ma con l/andar del tempo9 di@entano sempre piB inattendi"ili9 specialmente <uanto profetizzano la fine del mondo o le grandi catastrofi a tempo. .mmanuel &Peden"org9 scienziato e mistico cristiano del 18R secolo9 essendo stato una @ittima in@olontaria di <uesto fenomeno9 ci ha lasciato <uesto inestima"ile consiglio8 E:uando gli spiriti parlano all/uomo9 <uesti de@e guardarsi "ene del credere a <uello che dicono poichC <uasi tutto di ciD che dicono sono menzogne in@entate da loro. :uando parlano di come sono le cose del Cielo e di come ! l/6ni@erso9 dicono tante sciocchezze che ci lasciano perplessi9 se non spa@entatiF. 0on solo gli dei riescono a superare la "arriera che li separa da noi9 manipolando la nostra mente per porla al loro ser@izio9 ma @anno "en oltre8 Da molti millenni sono riusciti a far sH che noi non ci si renda conto delle loro manipolazioni9 ma soprattutto che le autorit> e i poteri costituiti zittiscano in mille modi9 sottili o @iolenti9 le @oci di tutti coloro che denunciano <uesta situazione. 0el corso dei miei studi di teologia cattolica a@e@o appreso <uanto sia molto importante Efare discepoliF e9 <uando anni dopo mi immersi nello studio del fenomeno 6?)9 rimasi molto sorpreso nel constatare che <uesto imperati@o ! altrettanto importante. I misteriosi @isitatori e=traterrestri9 anche sotto le sem"ianze degli esseri celestiali delle apparizioni9 chiedono di Efare gruppoF9 di Ecreare discepoliF ed infatti tutti i @eggenti9 contattati od illuminati hanno una enorme facilit> ad attrarre addetti e con@ertirli al loro modo di pensare. .d ! <uesta una curiosa e specifica <ualit> di tutti i toccati dagli dei.

16

--- Difendiamoci dagli Dei --:uando un essere umano ha una @isione reale di <ualsiasi tipo9 la sua psiche su"isce profonde alterazioni9 non sempre @isi"ili. &are""e meglio dire che9 <uando ! @ittima di un/apparizione9 per <uanto lui si senta in@aso dalla presenza di@ina9 su"isce una @iolazione psichica e forse anche fisica. (/alterazione piB profonda che il suo cer@ello registra si trasforma spesso in una forma depressi@a mascherata che lo spinge so@ente ad a""andonare la famiglia9 la professione e9 nei casi piB gra@i9 al suicidio9 anche se all/inizio si era presentata come una esperienza positi@a che amplia@a la sua intelligenza e le sue <ualit> mentali e psichiche. &e possedessimo strumenti sufficientemente sensi"ili9 potremmo percepire nel cer@ello di <uesto EpresceltoF delle onde elettromagnetiche che non sono presenti nel cer@ello umano normale. (e persone definite psichiche dalla parapsicologia9 mistiche dalla religione9 medium dallo spiritismo9 contattati dall/ufologia9 o con il termine generico illuminati9 emettono tutti9 senza eccezione con una potenza superiore al normale9 un tipo di onde di fre<uenza e lunghezza specifiche che hanno il potere di alterare9 anche incoscientemente9 il meccanismo cere"rale dei discepoli e dei seguaci in genere. Il cer@ello del EmaestroF o del E@eggenteF9 <uale potente emittente9 in modo totalmente automatico e incosciente9 in@ia nell/aria le sue onde che producono l/effetto di un @ero e proprio "om"ardamento cere"rale9 condizionando i seguaci. ./ un "om"ardamento di tipo fisico9 a li@ello su"atomico9 come lo sono i raggi N o gamma e che finisce con il frastornare completamente i processi mentali di coloro che @i si espongono con una certa assiduit>9 facendo loro perdere la capacit> critica per assor"ire completamente le dottrine del EmaestroF. Il caso di Charles *anson ! una testimonianza tragica di <uesti meccanismi per@ersi. I( processo fisico ! noto in elettronica8 l/onda preminente impone il suo ritmo a <uelle piB de"oli9 facendole @i"rare al suo ritmo e cosH si spiega come le onde cere"rali del EmaestroF finiscano con l/imporsi su <uelle dei discepoli per cui tutte le sue idee9 per <uanto assurde o negati@e9 @engano accettate come <ualcosa di perfettamente naturale. Di norma ! un processo lentoG ma9 in alcuni casi9 <uando il EmaestroF ! dotato di grandi capacit> psichiche radianti o emittenti9 puD anche essere fulminante9 pro@ocando con@ersioni e adesioni istantanee9 anche senza che il EmaestroF parli perchC il cer@ello accoglie <ueste onde anomale alla stregua di messaggi su"liminali. 0el Econtagio psichicoE9 in@ece9 non ! richiesta la presenza fisica di un EmaestroF in <uanto9 come indica il nome stesso9 ! simile al contagio di una malattia mediante @irus. (/onda mentale imposta dal Egran maestroF della setta di@iene pre@alente e generale nella mente di tutti i discepoli e conser@a la sua efficacia anche se non con la stessa forza di <uando era stata emessa direttamente dalla mente del EfondatoreF. 6n esempio chiarissimo e tragico di <uesto complesso meccanismo si ! @erificato nell/orri"ile suicidio di massa della -uaSana nel 1Q$Q. :uesto fenomeno si ! ripetuto molte @olte nel corso dei secoli. )gni @olta che nella storia appare un leader religioso o laico9 anche politico9 seguito da moltitudini incoscienti disposti a dare la @ita per le sue idee9 ! opportuno almeno sospettare di essere di fronte a <uesta manipolazione. Il contagio psichico comporta conseguenze sociali9 psichiche9 sentimentali e spirituali e la @icinanza 1$

--- Difendiamoci dagli Dei --fisica con <ueste persone carismatiche ! molto pericolosa specialmente per gli adolescenti o9 comun<ue9 per le menti immature o de"oli9 in <uanto TlAIlluminatoT emette intorno a s! un campo di irradiazioni uguale ai campi fisici di cui ci parla la fisica moderna9 specie poi se ampliate da campagne di propaganda atti@ate dai potenti mezzi massi@i di comunicazione. 0egli 6&+ migliaia di gio@ani a""andonano la famiglia per seguire <uesti illuminati9 creando un serio pro"lema sociale9 di cui peraltro9 le autorit> si sono fatte carico. (e persone incaricate di ria"ilitare <uesti gio@ani sono dette TdeprogrammatoriT e9 in poco tempo9 sono sorte delle @ere e proprie scuole per la loro formazione. In alcuni casi i metodi della deprogrammazione sono identiti a <uelli della programmazione9 ma in@ersi9 (a mente umana ! molto piB manipola"ile di <uello che possiamo pensare. 6n eminente psichiatra9 che si era recato sullAisola di Trinidad per studiare gli stati di trance rituali di certe tri"B9 si era accorto che il suo cer@ello si sintonizza@a su"ito9 suo malgrado9 con lAonda dominante da alterazione di coscienza che scaturi@a dalle danze colletti@e. . se <uesto puD accadere ad un adulto a@@eduto ed esperto9 pensiamo ai ragazzi e alle persone piB impressiona"iliG del resto9 "asta @edere le migliaia di adolescenti in trance isterica che piangono da@anti a capelloni urlanti che "randiscono una chitarra e cantano9 contorcendosi come ossessi posseduti. +nche la musica rocM che9 come unAonda9 ha in@aso il mondo con<uistando i gusti e la mente dei gio@ani9 ! altamente propiziatoria a <uesti stati alterati di coscienza. (e sue tipiche peculiarit>8 ritmo monotono9 @olume assordante9 mancanza di contenuto ideologico e sentimentale9 contorsioni frenetiche9 ripetizioni ossessi@e fino a indurre esaurimento o stordimento9 sono gli stessi elementi che si riscontrano nei riti e nelle danze sacre di tutte le religioni primiti@e. .A importante perD ricordare che gli dei non sono i Tcreatori dal nullaT del fenomeno della irradiazione straordinaria della mente degli illuminati poich! tutti gli esseri umani9 in minore o maggiore misura9 hanno la capacit> di emettere determinate onde cere"rali capta"ili dai loro simili ed anche da certi animali9 come dimostrato dalla parapsicologia in molte occasioni e in molti esperimenti. :uando il cer@ello umano @i"ra ad un ritmo di 1% cicli al secondo ! in grado di influenzare9 a li@ello su"atomico9 <ualun<ue materia @i@enteG il fatto ! che <uesta capacit> ! atrofizzata e del tutto sconosciuta agli umani9 mentre per gli dei ! molto facile sfruttarla e potenziarla al massimo. .9 se non la ritengono sufficiente9 forniscono al soggetto prescelto9 con mezzi a noi sconosciuti9 altri poteri con i <uali sar> piB facile attrarre alla loro causa gli igna@i esseri umani. I grandi taumaturghi di tutte le religioni e i grandi +@atar sono esempi di <uesta attenzione. 6n contatto soft9 in sordina9 ! TlAispirazioneT o TsuggestioneT9 cio! <uando gli dei usano mezzi piB normali9 meno in@asi@i della mente umana9 magari su"liminali9 per Tcon@incereT la persona prescelta9 ispirandole in modo piB o meno marcato e costante9 <ualche idea9 sistema o riforma da attuare e9 se lAeletto non ha una posizione rile@ante nella societ> in cui @i@e9 sempre discretamente e TnaturalmenteT gli aprono le strade che lo portano a raggiungere gli o"ietti@i prefissati. Certo non tutti i leaders passati9 presenti e futuri de""ono lAinsieme delle loro opere ai TsuggerimentiT degli deiG anzi9 molti di loro sicuramente hanno agito senza alcun inter@ento e=traumanoG tutta@ia sono fermamente con@into che la storia umana sia TguidataT o almeno influenzata perch! agli dei piace immischiarsi nella stessaG lo hanno sempre fatto e lo fanno tuttora9 18

--- Difendiamoci dagli Dei --ogni <ual@olta lo ritengano piB proficuo e fa@ore@ole alla loro supremazia. In un determinato momento della storia preferiscono una TcausaT su unAaltra e lAaiutano piB o meno apertamente. + @olte mantengono lo Tstatus <uoT religioso o patriotticoG altre @olte spingono per le ri@oluzioni9 tenendo sempre conto dei loro esclusi@i interessi. 0on do""iamo dimenticare che fra gli dei esistono grandi ri@alit>9 il che fa sH che le TriformeT o i TriformatoriT promossi da alcuni di loro9 a @olte siano spietatamente com"attute da uomini che seguono inconsciamente le diretti@e di altri dei loro nemici o a@@ersari. )ggigiorno il fenomeno 6?)9 considerato in tutta la sua complessit>9 ! la pro@a piB concreta della presenza degli dei fra di noi. (e apparizioni che si manifestano da@anti a migliaia di spettatori assumono spesso un significato religioso9 come ! a@@enuto a ?atima con il Tmiracolo del soleT9 osser@ato da piB di centomila persone9 ma personaggi e luoghi sacri di tutte le religioni sono in@estiti da <uesta rappresentazione <uando gli dei hanno interesse a farlo. In altre occasioni9 in@ece9 le manifestazioni pu""liche degli dei sono solo indirette9 anche se di grande importanza9 assumendo lAaspetto di fenomeni atmosferici o meteorologici do@uti a cause naturaliG per esempio enormi esplosioni nello spazio9 alle <uali n! la scienza9 n! le forze aeree militari sanno dare una spiegazioneG grandi incendi9 tremori della terrra molto localizzati9 ecc. &pesso si ! potuta pro@are9 senza om"ra di du""io9 il collegamento fra <uesti fenomeni e gli oggetti @olanti non identificati di forma discoidale. +nche se si presentano come meri @iaggiatori e=traterrestri9 possiamo senzAaltro ritenere che <uesti esseri - da <ualun<ue parte pro@engano - sono gli stessi che9 nellAantichit>9 si presenta@ano a tutti i popoli9 sostenendo di essere i loro dei ed esigendo adorazione e o""edienza. Infine si possono anche manifestare in forme esotiche9 umanoidi o animalesche. Il folMlore di tutti i popoli9 in tutti i tempi9 ! pieno di <uesti personaggi pittoreschi e misteriosi. In ogni caso9 ci si creda o no9 ! sicuro che a noi sono <uasi del tutto sconosciute le leggi cosmiche che regolano lAessenza fisica e psichica di <uesti esseri di altre scale dellAuni@erso. Data la loro grande intelligenza e la capacit> di manipolare sia la materia9 sia la mente umana e la loro @olont> di non essere percepiti9 ! naturale che le manifestazioni siano9 <uasi sempre9 le piB @arie e le piB nascoste9 tanto da restare inconosci"ili agli umani ai <uali hanno fatto credere - oggi piB che nei tempi antichi - di essere gli unici signori e padroni di <uesto pianeta.

Che cosa cercano gli dei nel nostro mondo?


Ci aiuter> molto in <uesta analisi la riflessione sui moti@i per i <uali noi umani interferiamo nella @ita degli animali perch! il rapporto fra noi e gli dei ha molti paralleli con <uello che noi a""iamo con il mondo animale e che sono9 fondamentalmente due8 necessit> e piacere. urtroppo anche oggi9 nonostante lo s@iluppo della scienza e delle tecnologie connesse9 siamo ancora dipendenti dagli animali per necessit> alimentari9 non a@endo a@uto cura di s@iluppare unAagricoltura in grado di sfamare la popolazione mondiale e9 peggio ancora9 li utilizziamo "ar"aramente per sperimentazioni di tutti i tipi. Il "isogno che gli dei hanno di noi ! inferiore al "isogno che noi a""iamo ancora degli animali. 1Q

--- Difendiamoci dagli Dei --ro"a"ilmente possono sussistere - per lo meno nel loro am"iente naturale -senza a@ere necessit> di utilizzare noi per <ualche moti@o che9 in@ece9 scatta <uando @ogliono giungere o mantenersi sul nostro piano di esistenza 0on ! necessario che pro@engano da altri luoghi dellAuni@ersoG possono "enissimo risiedere sul nostro stesso pianeta in unAaltra dimensione e il passaggio dal loro piano al nostro potre""e comportare la necessit> di prendere da noi ciD di cui hanno "isogno e che non hanno9 o non possono portare dal loro luogo di origine. &ono esseri intelligenti e la loro necessit> puD essere solo <uella di alimento naturale dellAintelligenza9 di ampliamento continuo di conoscenza8 il sapere per il sapere. .A perfettamente naturale che <uesti esseri9 una @olta scoperta la nostra esistenza9 siano interessati a conoscere i nostri modi di @itaG soprattutto i nostri pensieri9 le nostre emozioni e i sentimenti superiori di cui ! capace lAanima umana. 0on do""iamo nemmeno mera@igliarci se9 in molte occasioni9 pro@ocano deli"eratamente e@enti straordinari per a@ere la possi"ilit> di studiare le nostre reazioni. +nche noi facciamo studi di &toria e &cienze 0aturali con i <uali cataloghiamo gli esseri @i@enti e non che ci circondano per amore della conoscenza e9 in <uestAottica9 ! anche credi"ile che esistano entit> superiori che con noi si pongano come lAentomologo che osser@a costantemente lAandare e @enire delle formiche dal formicaio spinto dalla curiosit> e dellAinteresse personale. Il secondo moti@o di contatto ! il piacere9 il loro non certo il nostro. &e riflettiamo un momento sul nostro comportamento con gli animali appare chiaro che li usiamo non solo per necessit>9 ma anche per di@ertimento e puro piacere egoista. (a caccia9 i safari9 le corride9 com"attimenti fra galli o cani9 ecc. sono esempi di come lAuomo considera T sportT la sofferenza e la @ita degli animali9 @erso i <uali peraltro9 non pro@a alcun odio e neanche alcun rimorso9 dato che sentendosi superiore ad essi9 ritiene di a@ere il diritto di comportarsi come piB gli aggrada. &e gli esseri e=traumani che si manifestano in apparizioni o in @eicoli spaziali hanno la nostra stessa filosofia9 siamo messi proprio male. I solo fatto di essere TdeiT9 o@@ero una specie di superuomini9 come noi non siamo altro che superanimali9 d> loro il diritto di usare gli uomini come meglio ritengono9 anche con la pri@azione della @ita9 se <uesto soddisfa le loro esigenze e il loro gusto. 0aturalmente non ! necessario che pro@ino ostilit> nei nostri confrontiG semplicemente ci considerano degli TinferioriT di scarso o nessun @alore se non in rapporto ai loro interessi. Contrariamente a <uanto predicano le @arie religioni o certi ufologi poco accorti o TilluminatiT costituiscono un freno9 se non un gra@e ostacolo alla e@oluzione e alla maturazione responsa"ile degli esseri umani. :uesti esseri misteriosi e super intelligenti calpesta@ano gi> <uesto pianeta <uando appar@e il primo uomo e9 <uindi9 potre""e essere piB loro che nostro. T(A+damoT9 o il primo uomo di ogni razza9 ! unAopera o un gioco degli .lohim9 dei &ignori9 come sono chiamati nella ;i""ia. :uestAopera non ! da intendersi come Tcreazione dal nullaT9 "ensH come manipolazione di creature piB o meno intelligenti che gi> esiste@ano. +nche gli uomini9 del resto9 hanno manipolato le razze animali9 pro@ocando lAestinzione di molte di esse o creando un grande numero di specie nuo@e o i"ride. Il primo superanimale9 chiamato Thomo sapiensT fu il frutto naturale di una e@oluzione 2%

--- Difendiamoci dagli Dei --programmata dalla 6ni@ersale Intelligenza Creatrice che ! infinitesimamente presente in tutte e in ognuna delle creature dellAuni@erso9 compresa <uella che noi chiamiamo materia morta. :uando il primiti@o Thomo erectusT e""e la possi"ilit> di trasformarsi in Thomo sapiensT9 fecero la loro comparsa gli dei. *anipolarono radicalmente <uella creatura Kcome noi facciamo con gli animaliL e9 dato il loro grado di e@oluzione intellettuale e scientifica9 lo programmarono geneticamente di modo che le loro progenie generazionali fossero in grado di e@ol@ere o non e@ol@ere a seconda di <uanto fosse nella loro con@enienza che non ! certamente la stessa della razza umana. 0oi siamo stati illusi e ingannati dagli dei stessi9 tramite le religioni9 di essere i re del creato9 sicuramente i personaggi centrali9 i padroni del pianeta9 sicch! siamo del tutto disarmati e impreparati ad affrontare la @erit> della loro esistenza e del loro dominio. Il nostro piano materiale di @ita non interferisce minimamente con il loro in <uanto essi si tro@ano al di fuori del nostro spazio fisico9 in una dimensione altra di <uesto immenso condominio che ! il pianeta Terra. er a@erne una idea piB chiara9 diciamo che miliardi di "atteri con@i@ono con noi9 addirittura dentro di noi9 senza che le loro @ite interferiscano o distur"ino le nostre perch! il loro piano di esistenza ! di@erso dal nostro. Con gli dei accade piB o meno lo stesso e la distanza che li separa da noi ! molto superiore a <uella che separa noi dai "atteri con la differenza poi che essi o""ediscono a leggi cosmiche specifiche della loro dimensione che ci sono del tutto sconosciute. -li dei9 dun<ue9 @i@ono nella loro dimensione9 irraggiungi"ile per i nostri sensi9 del tutto indistur"ati dalla nostre @ite e dalle nostre atti@it> e9 al momento di prendere delle grandi decisioni che interessano loro9 non ci tengono in nessuna particolare considerazione. ,i@ono le loro @ite non preoccupandosi minimamente degli uomini9 come noi @i@iamo le nostre senza tenere conto dei miliardi di insetti9 a meno che <uesti insetti non ci diano fastidio e allora9 con grande naturalezza9 li distruggiamo e torniamo alle nostre occupazioni. *algrado la separazione radicale che esiste fra noi e gli dei9 ! possi"ile che alcune nostre azioni trascendano la "arriera dimensionale9 causando loro fastidi diretti o indiretti9 per esempio non attenendoci alle diretti@e che ci hanno dato. In <uesto caso agiscono secondo i loro interessi9 anche drasticamente e credo che <uesto sia accaduto molte @olte nel corso della storia. Il piacere che gli dei traggono dallAuomo certamente non ! dato solo dalla conoscenza di creature inferiori come sapere teorico o passatempo9 "ensH ! <ualcosa di molto piB pregnante e desidera"ile e che9 pro"a"ilmente9 ! la causa principale della loro interferenza nelle nostra @ita e in tutta la nostra storia. -li dei sono molto interessati allAatti@it> psichica del cer@ello umano9 unAatti@it> elettrica che consiste nellAemissione di onde e radiazioni sottilissime9 in particolare <uando ! sottoposto a stati di eccitazione. &ono in grado di captare <ueste @i"razioni elettromagnetiche ed agiscono su di noi per propiziare tutte le circostanze nelle <uali il nostro cer@ello emette piB intensamente <ueste onde o radiazioni9 in <uanto si ipotizza che costituiscano per loro un appagamento molto gratificante9 forse come per noi lo possono essere lAalcool9 il ta"acco9 le droghe di @ario genere. -enericamente possiamo dire che lo stato dAanimo che induce il cer@ello umano a produrre <ueste particolari onde cere"rali ! lAeccitazione. :uesta eccitazione puD pro@enire dallAangoscia9 dalle 21

--- Difendiamoci dagli Dei --grandi aspettati@e9 dagli odi @iolenti9 anche dalle allegrie psicotiche9 ma soprattutto dal dolore morale e ancor piB fisicoG anzi9 pare che di tutti gli stati dAanimo possi"ili9 <uello del dolore fisico sia il maggior produttore di energia e il piB rapido e facile da conseguire. )ggi9 un ricercatore del fenomeno 6?) che studiasse anche gli storici antichi per conoscere ciD che gli dei chiede@ano a <uei tempi ai popoli greci9 romani9 mesopotamici9 precolom"iani attra@erso i riti e le cerimonie religiose9 si accorgere""e su"ito9 senza alcun du""io che9 a distanza di tempo9 di spazio e di sem"ianze ci sono le stesse modalit> propiziatorie di <uegli stessi stati dAanimo. :uello che gli dei hanno sempre chiesto nellAantichit> e continuano a chiedere ancora oggi !9 n! piB n! meno9 che sangue9 tanto di animali che di esseri umani. Il perch! non lo so con certezza9 posso solo fare delle ipotesiG tutta@ia9 la maggioranza degli studiosi di ufologia e di paranormale concorda sul fatto che il sangue e certe @iscere sono il comune denominatore fra gli dei dellAantichit>9 compreso il dio della ;i""ia9 e gli 6?) dei giorni nostri. Dalla lettura della ;i""ia9 infatti9 si @ede come 2ah@!9 unico dio9 spieghi a *os! ciD che @ole@a che fosse fatto con il sangue e i @isceri degli animali sacrificati con una minuziosit> ossessi@a9 (a cosa gra@e9 perD ! che anche ;aal9 *oloc9 Dagon9 ecc8 considerati falsi dei9 chiede@ano le stesse cose ai popoli mesopotamiciG -io@e-Ieus chiede@a gli stessi sacrifici ai -reci e ai 7omaniG in +merica poi 3uitzilopochtli esige@a9 in certe occasioni9 addirittura sangue umano. Come mai lA6nico Dio esige@a le stesse cose @olute dagli altri dei completamente pri@e di rapporto poi con lAamore e lAo""edienza che si intende@ano sim"olizzare nei riti sacri? :ualche sospetto @iene <uando si riflette sul sangue uni@ersalmente rapportato al fenomeno religioso. .A stupefacente che nella ;i""ia lAamore sia nominato 16% @olte e il sangue 28%. (Aarcheologia ufficiale che ha a che fare con il tema che stiamo trattando9 ha delle resistenze ad ammettere i nostri punti di @ista9 "ench! arri@i tal@olta alle stesse conclusioni. Cito al proposito lAautore tedesco Uilhelm Iiehr8 TIn <uesto modo si spiega lAofferta di @ittimeG gli dei non apprezzano il ringraziamento della preghiera o il cam"iamento morale di @ita9 o lAaccettazione di determinati comandamenti9 ma solo il sacrificio e il supremo sacrificio che si possa offrire ! il sangue degli uominiT K(a magia di tempi passati9 ed. *undo +ctual9 ;arcelonaL Il Cristianesimo9 malgrado si sia li"erato dalla za@orra dei sacrifici cruenti di animali9 mantiene nei suoi riti ancora il rituale del sangue9 anche se su"limato. Il Tsangue dellA+gnelloT9 il T@ino trasformato in sangue dal ?iglio di DioT sono due sim"oli fondamentali di tutto il rituale cristiano. &e approfondiamo ulteriormente9 perD9 @ediamo che non sono solo sim"oliG il sangue di Cristo sulla croce fu sangue reale e non sim"olicoG sangue che9 per la fede9 fu @oluto nientemeno che da suo adreV iB che collegare gli 6?) alle entit> chiamate dei9 possiamo affermare che sono la stessa cosa. Il fatto irrefuta"ile ! che9 periodicamente9 usano prele@are certe @iscere e grandi <uantit> di sangue dagli animali9 preferi"ilmente mucche e tori9 dopo a@erli uccisi negli alle@amenti. :ueste macellazioni a@@engono normalmente di notte e in tutto il mondo conosciuto9 anche se nessuna polizia ha mai dato spiegazioni con@incenti9 nonostante che ormai tutti gli ufologi seri ammettano lAuccisione e il dissanguamento di animali. 0egli &tati 6niti si pu""lica una ri@ista che cataloga tutti 22

--- Difendiamoci dagli Dei --<uesti fenomeniG ma la negazione e lAopposizione alla loro di@ulgazione sono pressoch! totali9 messe in atto dal potere costituito nelle sue forme religioso9 politico9 scientifico e militare. &e lAuccisione degli animali compiuta dagli 6?) non sono di@ulgate @olentieri9 ancora meno lo sono le uccisioni e il dissanguamento di esseri umani9 anche perch!9 ai nostri giorni9 a@@engono raramente e in zone molto isolate. 7iguardo alle morti di animali domestici9 pro@ocate dagli e<uipaggi degli 6?) negli anni 1Q$#4$'9 a orto 7ico accaddero altri fatti strani che sia io che altri ricercatori del fenomeno a@e@amo studiato attentamente8 apparizioni di giganteschi animali9 grandi e misteriose esplosioni nellAaria9 apparizioni di @ergini e santi in di@ersi @illaggi9 immagini religiose che sanguina@ano o piange@ano9 miracoli nel santuario di 0ostra &ignora9 scomparse di persone in modo misterioso9 ecc. er me9 tutte <ueste cose9 anche se apparentemente non a@e@ano niente in comune9 erano connesse profondamente fra loro9 cio! a@e@ano la medesima origine. Dalla lettura della ;i""ia apprendiamo che le parti del corpo dellAanimale sacrificato che erano maggiormente graditi al dio erano i reni9 la retina che a@@olge il fegato9 cosH come il se"o9 il grasso e9 soprattutto il sangue. T0on mangiare mai il grasso9 n! il sangueG il grasso e il sangue sono per 2ah@!T KDeut. 12L. Tutte le restanti parti del corpo9 descritte minuziosamente9 do@e@ano essere "ruciate fuori dallAaccampamento. *olti e<uipaggi di 6?)9 come gli dei dellAantichit>9 hanno dimostrato una strana predilezione per certe interiora di animali e di sangue9 sia animale che umano. 7iassumendo9 ci sentiamo di dire che nei tempi passati 2ah@! e gli altri .lohim comandarono ai popoli primiti@i di fare loro dei sacrifici animali. +i giorni nostri9 essendosi ele@ata la ci@ilt> umana9 la richiesta non ! piB cosH esplicita9 diretta. +ncora continuano le uccisioni rituali di animali per dissanguamento come nellAIslam - non hanno piB il nome di sacrifici9 ma la sostanza resta la stessa. Capita cosH che alcune entit>9 oggigiorno9 mietano @ittime direttamente negli alle@amenti9 prendendo alcune @iscere e9 soprattutto il sangue9 dal <uale pare traggano <ualche principio @itale o <ualche energia che9 oggi come allora9 ! loro necessaria per mantenere la forma fisica che adottano per comunicare con noi o per materializzarsi nella nostra dimensione. &empre negli anni $% del no@ecento9 periodo che ho studiato in modo particolare nellA+merica Centrale9 addirittura cAerano strane morti di "am"ini di pochi anni o pochi mesi che risulta@ano completamente senza sangue9 come se fosse stato aspirato9 forse dalla "occa9 in <uanto il loro corpicino non presenta@a alcuna ferita. (e madri erano sommerse in uno stato letargico accanto ai loro "im"i morti9 come se fossero state drogateG alcune di loro riprende@ano conoscenza dopo parecchi giorni e tutte denuncia@ano un forte stato di spossamento. +nche @olendo attri"uire <ueste morti a cause naturali9 ci sono delle coincidenze fra <ueste e la mutilazione di animali. 6na di <ueste consiste nel fatto che9 in <uei giorni9 gli a"itanti della zona a@e@ano @isto delle luci che si muo@e@ano lentamente nel cielo9 descri@endo strane mano@re sopra la cima degli al"eri e dei picchi circostanti. er lAumile gente del luogo9 <ueste luci che appari@ano periodicamente nel cielo erano TstregheT che teme@ano a tal punto da a@ere riti magici e preghiere per difendersi da loro. 23

--- Difendiamoci dagli Dei --*ettere per iscritto e di@ulgare casi come <uesti9 spesso manda in "estia due tipi di persone8 gli scienziati TseriT che credono che al mondo ci sia ancora "en poco da scoprire e che9 in ogni caso9 scienza e potere siano in grado di dare <ualun<ue rispostaG certi TufologiT che9 nella definizione di s!9 gi> denunciano una mancanza di originalit>9 che continuano a credere che gli 6?) siano a@anguardie dei "uoni fratelli cosmici che @engono sul nostro pianeta per aiutarci. :uando si scoprono fatti nuo@i e radicalmente differenti9 ! logico che il pensiero dellAuomo sia stra@olto9 che @ecchie teorie crollino e ne su"entrino altre che siano in grado di spiegare fatti fino a <uel momento sconosciuti. rendiano9 per esempio9 lAattuale contro@ersia fra creazionisti ed e@oluzionisti. :uando la Chiesa cristiana monopolizza@a il pensiero9 non esiste@a il pro"lema della origine della razza umana8 la ;i""ia lo spiega@a chiaramente. :uando appar@ero fatti nuo@i9 ignorati dai leaders religiosi9 nac<uero nuo@e teorie al riguardo e <uelle "i"liche religiose andarono in frantumi. +llora iniziD la scienza ufficiale a monopolizzare il pensiero con le sue nuo@e teorie e@oluzionistiche9 accusando il clero di fanatismo e miopia. (a scienza a@e@a ragione.... fino a <uando non accadde altro ancora9 cio! fino a <uando lAumanit> iniziD a riflettere su fatti accaduti dappertutto e in tutte le epoche9 mandando in frantumi9 <uesta @olta9 molte teorie degli scienziati. In <uesto momento la scienza commette lo stesso errore commesso in passato dai leaders religiosi. &ta dogmatizzando sulle origini dellAuomo8 con un semplice osso9 non solo compone un intero scheletro9 ma addirittura postula un intero sistema di @itaV eggio ancora9 non intende sentir parlare di cose che non concordano con i suoi manuali uni@ersitari e si rifiuta di analizzare lAenorme cumulo di dati che contraddicono le sue teorie. :uando tutti <uesti TfattiT indicano che la razza umana ! discesa9 per "uona parte9 dalle stelle9 insiste nel sostenere che discende dagli al"eri. 0on cA! la certezza o@@iamente9 ma il sospetto sH dellAattaccamento al sangue9 tanto degli dei antichi che degli attuali 6?)9 confermato anche da alcuni TcontattatiT che lAa@re""ero saputo direttamente dagli e=traterrestri9 per <uanto non affida"ili. (a chia@e di tutto ! che il sangue li"era molto facilmente e in modo naturale <uel tipo di energia che piace tanto agli dei e che9 in definiti@a consiste in onde elettromagnetiche specifiche. er ottenere da un corpo @i@o simili energie9 gli dei de@ono ucciderlo @iolentemente e poi "ruciarloG in@ece9 <uando il sangue fluisce li"eramente9 separato dal corpo9 sprigiona <uesta energia in modo completamente spontaneo9 contrariamente a ciD che succede alla maggior parte delle @iscere e della materia organica smem"rata. aracelso afferma@a che i maghi neri si a@@algono del sangue per e@ocare le entit> astrali che9 in <uesto elemento9 tro@ano il plasma con@eniente per materializzarsi. I sacerdoti di ;aal si feri@ano il corpo a sangue per pro@ocare apparizioni tangi"ili. In ersia9 ai confini con la 7ussia9 nei pressi di Temerchan-&hura9 gli aderenti ad una setta religiosa forma@ano un cerchio e gira@ano @elocemente fino ad arri@are alla frenesia e9 in <uesto stato9 si lancia@ano gli 2#

--- Difendiamoci dagli Dei --uni sugli altri armati di coltelli e si feri@ano fino a <uando le loro @esti si inzuppa@ano di sangueG allora ogni danzatore @ede@a accanto a s! unAentit> con cui continuare la danza. +nticamente9 le streghe della Tessaglia mischia@ano sangue di agnello e di "am"ino per e@ocare gli spettri. (Ae@ocazione cruenta si applica anche in alcune zone della ;ulgaria ai confini con la Turchia8 gli 2ezidis9 circa 2%%.%%% a"itanti delle montagne aride della Turchia asiatica9 +rmenia9 &iria e *esopotamia9 formano dei circoli al cui centro si situa il sacerdote che in@oca &atana. I componenti del cerchio corrono9 saltano9 si feriscono @icende@olmente con dei pugnali e ottengono manifestazioni fenomeniche fra le <uali glo"i che9 di @olta in @olta9 si trasformano in giganteschi e strani animali. Dati simili9 tratti da TIside s@elataT9 tomo I, di .lena ;la@astMS9 si possono tro@are in molti altri autori e in <uasi tutti gli storici dellAantichit>. )ltre a <uesti testi profani9 non do""iamo dimenticare dei chiari e taglienti ordini dati da 2ah@! al suo popolo8 T0on "ere mai sangueT9 T@ersalo al suolo come ac<uaT K(e@. 391$- Deut. 1291692#9 ecc.L 0el momento in cui <ualcosa di @i@o muore9 gli elementi fisici materiali che la compongono tornano alla terra9 do@e continuano i loro intermina"ili cicli di disintegrazione9 fusione9 trasformazione. +ltri elementi9 anchAessi fisici9 ma non materiali9 a li@ello <uantico o su"atomico9 non entrano in <uesti ciclo9 ma si li"erano come energie e si aggregano con altre energie che @i"rano alla stessa o simile fre<uenza e dimensione. )r"ene9 creature del Cosmo piB e@olute di noi9 come gli dei9 sono capaci di captare9 per lo meno in parte9 <ueste energie9 onde o @i"razioni che si li"erano <uando si disintegra la materia @i@a. are che <uesta energia procuri loro un immenso piacere e9 per <uesto9 la cercano oggi come lAhanno sempre cercata9 a@@alendosi di mille stratagemmi. :uando la materia @i@a9 sia animale che @egetale9 muore lentamente dopo un processo naturale di in@ecchiamento9 <uesta energia @itale si @a disperdendo a poco a poco prima del momento finale e9 per <uesto9 ! molto piB difficilmente capta"ile ed utilizza"ile da chi ha lAinteresse a farloG perD9 <uando un essere @i@ente ! nel pieno delle sue forze e9 per una causa o per lAaltra9 muore di morte naturale9 come accade ad un animale sgozzato9 o si disintegra rapidamente9 allora tutta lAenergia @itale sgorga come torrente impetuoso e di@enta sostanziosa. Il modo piB facile e normale per disintegrare la materia @i@a ! la cremazione e9 lAenergia che si li"era9 puD essere generata sia dal mondo animale9 sia dal mondo @egetale che9 essendo meno potente9 de@e essere di proporzioni enormi per risultare Tfrui"ileT Kestesi incendi "oschi@i che durano giorni e giorni9 per esempioL. Do""iamo ricorrere alla &toria e ricordare che gli dei9 in tutte le religioni dellAantichit>9 in@ece di esigere atti di pentimento colletti@o emozionali9 preghiere razionali da parte dei loro popoli9 il massimo contri"uto religioso che esige@ano era TlAolocaustoT9 o@@ero cerimonie nelle <uali dapprima si sacrifica@a la @ittima animale o umana9 poi la si "rucia@a integralmente in modo che nessuno ne potasse trarre profitto. Do@e@a ardere fino a consumarsi9 come indica il termine TolocaustoT che deri@a da due parole greche che significano Ttutto "ruciatoT.

2'

--- Difendiamoci dagli Dei --0elle grandi solennit> greche e romane si face@ano grandiosi sacrifici animali9 soprattutto di "o@ini "ruciati su enormi pire9 che si chiama@ano Tecatom"eT9 altre due parole greche che significano Tcento "uoiT. :ueste cerimonie9 che culmina@ano con grandi falD9 erano il modo perfetto che gli dei a@e@ano per TspremereT tutta lAenergia @itale di <uelle creature @i@enti8 in primis mediante lo sgozzamento delle @ittime9 con conseguente spargimento di sangue9 ottene@ano lAenergia sottile che apprezza@ano maggiormente9 <uella emanata dai corpi agonizzanti9 in particolare dai cer@elli tormentati e terrorizzatiG in seguito9 gi> morta cere"ralmente la @ittima9 il fuoco si face@a carico di li"erare in modo rapido lAenergia @itale ancora racchiusa nelle cellule di tutto lAorganismo. :ueste onde di energia che si sprigiona@ano dai corpi fumanti delle @ittime costitui@ano9 come gi> si ! detto9 una specie di droga9 un aroma per i sensi degli dei. 0el entateuco si parla ripetutamente di <uesti Tsacrifici di arrostiT che erano Tci"o tran<uillizzante per 2ah@!T9 o che sali@ano a lui come Taroma calmanteT. +nche nelle altre religioni tro@iamo morte degli animali9 cremazione dei loro corpi9 cerimonie nelle <uali il sangue era lAelemento principaleG ogni epoca9 ogni cultura o credenza li interpreta@a in modi di@ersi9 ma la sostanza era sempre <uella e9 <uando noi uomini ripensiamo ad esse senza pregiudizi e senza paure9 non possiamo che considerarle irrazionali e assurde. 0on solo9 ma in molte religioni <uesti sacrifici erano addirittura di animali umani. In alcune <ueste Tofferte umaneT a@e@ano liturgie feroci9 indegne non solo di un dio9 ma perfino di un popolo sel@aggio. *algrado ciD le @ediamo praticate da popoli che a@e@ano s@iluppato grandi cultureG pensiamo solo alle immolazioni attuate periodicamente dagli Incas a hacamac e agli 3uacas9 alle tremende mattanze rituali praticate dagli +ztechi9 alle offerte periodiche dei primogeniti delle famiglie no"ili nella religione dei ersiani9 ecc. Ci sono religioni orientali e africane nelle <uali9 ancora oggi9 il dio esige che la sposa sia arsa @i@a sulla stessa pira del marito defuntoG eppure i fedeli continuano a credere che sia "uono9 misericordioso e @oglia il loro "eneV I Cristiani ritengono che sia &atana ad ispirare ogni forma di a"errazione fra i agani9 cio! fra i Tpopoli che non conoscono il @ero DioT9 ma ahim!9 risulta dalla letteratura sacra che il dio giudaicocristiano 2ah@!9 pur definendosi TmisericordiosoT e T"enignoT9 non solo esige@a delle mattanze umane9 ma a @olte era lui stesso a realizzarleV T. 2ah@! in@iD un fuoco che di@orD 2'% uominiT Kche gli sta@ano offrendo dellAincensoL 0um8 1693' e tantissime sono le citazioni "i"liche molto esplicati@e che si potre""ero riportare. 0el 0uo@o Testamento e nella moderna teologia si tende a stendere un @elo offuscante su tutto <uesto e a su"limare molte pratiche non del tutto Tdi@ineT di 2ah@!G tutta@ia i @ersetti del entateuco sono lH9 ancora leggi"ili9 dopo a@er sfidato i secoli9 a testimoniarci le di@ine mostruosit>. 7iassumiamo ora le di@erse cose che gli dei cercano fra di noi. - In primo luogo9 le onde che sono prodotte da un cer@ello eccitatoG - le Tonde della @itaT9 o@@ero le onde che sono sprigionate da un corpo @i@ente stroncato da 26

--- Difendiamoci dagli Dei --morte @iolentaG - le onde sprigionate da tutte od ognuna delle cellule che @i@ono per un certo tempo anche dopo la morte dellAanimale o uomo che siaG - il sangue @ersato perch!9 <uando ! fuori dal corpo9 li"era unAenergia molto am"ita da loro

)ltre a ciD9 ci sono altre cose che cercano e tro@ano nella nostra dimensione che noi con notiamo o non percepiamo e che9 pro"a"ilmente9 anche se ci fossero spiegate9 non saremmo in grado di capire. Oohn ;aines esprime <ueste idee dal punto di @ista della sua filosofia ermetica8 TIl sapiens9 nella sua lotta inclemente per lAesistenza9 fa sH che il suo apparato emozionale e ner@oso ela"ori certi elementi incorporei9 ma di una eccezionale potenza9 i <uali a""ondano nel corpo umano9 in forma di @i"razioni emesse da antenne incorporate nella sua unit> "iologica9 le <uali sono orientate o sintonizzate sulle fre<uenze degli +rconti che TraccolgonoT <uesta forza e la utilizzano per fini che non di@ulgheremo9 a@@ertendo perD che9 ad ogni modo9 compiono una funzione cosmica. .d ! cosH che il sapiens ! spogliato ina@@ertitamente dal prodotto piB no"ile9 che egli stesso produce9 il distillato finale dellAesperienza umana... il Tcaldo auriferoT della sua @ita... Il sapiens de@e nascere9 soffrire9 amare9 godere9 riprodursi9 costruire ci@ilt>9 distruggerle9 ammalarsi e morire solo per il "eneficio di potenze superiori in@isi"ili9 coloro che capitalizzano il Tprodotto @itale. Il sapiens !9 pertanto9 uno schia@o per lAeternit>9 nonostante esemplari indi@iduali o isolati Kseparati dal gruppoL possono arri@are ad essere li"eriT Kda8 (os "ruWos ha"lanG Xier ;s +iresL De@o ammettere di non essere del tutto certo che le atti@it> degli dei sul pianeta siano riferi"ili esclusi@amente al piacere o al gioco9 ma che comportino anche il compimento di leggi cosmiche che sfuggono alla nostra compresione. In ciD sono stato anche confortato da altri autori il cui pensiero condi@ido appieno e che consiglio di leggere8 Ouan -. +tienza tratta de T(a grande manipolazione cosmicaT9 da un punto di @ista storico e sociologicoG ?. OimenCz del )so in T.l sindrome ),0IT9 dimostra in@ece di essere un grande psicologo che approfondisce il fenomeno senza farsi influenzare dal tur"inio di assurdit> che9 ine@ita"ilmente9 circonda chi affronta <uesto tema. In <uesto capitolo cercherD di spiegare come gli dei9 nel corso dei secoli9 a""iano ottenuto e continuino ad ottenere che lAumanit> tutta si adegui ai loro desideri e faccia <uello che ! loro confacenteG in altre parole9 cercherD di dimostrare la strategia che gli stessi hanno usato per ottenere che esseri intelligenti facciano T@olontariamenteT9 senza rendersi conto di essere manipolati9 ciD che a loro interessa. )gni cer@ello umano produce e contiene una relati@amente piccola <uantit> di energia che9 nella sua unicit>9 ha a malapena la forza per far funzionare la macchina "iologica9 cio! il corpo a cui appartiene. :uesta energia singola ! di poca utilit> per gli deiG ma9 unita a <uella di molti altri cer@elli9 di@enta molto potente9 <uindi facilmente estrai"ile ed utilizza"ile. :uesta strategia mira ad unire non solo le menti9 ma anche i corpi in modo che siano riuniti nel 2$

--- Difendiamoci dagli Dei --minor spazio possi"ile e ciD facilita il compito di Tgo@ernareT gli umaniG cosH come un alle@atore produttore di latte non lascia le proprie mucche disseminate in @asti pascoli9 ma le tiene nei recinti o nelle stalle per age@olare il suo la@oro di accudimento e mungitura. er ottenere lo stesso scopo9 gli dei idearono uno dei fenomeni sociologici piB antichi registrati dalla storia8 le religioni. Curiosamente9 <uando gli archeologi tro@ano delle tracce di un popolo primiti@o che non ha s@iluppato nessuna forma di arte o di cultura9 le prime cose che cercano sono oggetti o resti collegati alla religione. ,iene spontaneo pensare come per <uegli esseri dallAintelligenza rudimentale9 con il pro"lema di procurarsi il ci"o9 un riparo dalle intemperie e dalle "el@e9 il praticare una religione do@esse essere stata lAultima delle loro preoccupazioni. .ppure9 in un modo o nellAaltro9 si tro@ano riscontri secondo i <uali i loro corpi si riuni@ano in determinati posti per sacrificare animali e le loro menti si uni@ano per chiedere9 per placare9 per lodare9 per temere... perch! gli dei hanno sempre dato un colpo al cerchio e uno alla "otteG hanno aiutato9 ma anche minacciato e castigato chi non o""edi@a prontamente ai loro comandamenti e cosH mantene@ano un timore e una aspettati@a che consenti@a di perseguire i loro scopi. (a religione9 in molti suoi aspetti e considerata nel suo insieme9 ! un formida"ile strumento per indurre gli stati dAanimo nei <uali il nostro cer@ello emette <uesta energia che interessa tanto ai nostri @isitatori e che9 ormai9 ! riconosciuta oltre che nella parapsicologia9 anche nel campo della medicina a@anzata9 come ! dimostrato dallAapplicazione di alcune pratiche energetiche curati@e nelle <uali lo stato TalfaT cere"rale puD ottenere @eri miracoli. -li stati dAanimo piB propizi allAemissione di <ueste energie sono il dolore9 con le sue innumere@oli sfaccettatureG lAeccitazione9 anchAessa molto @ariegataG lAaspettati@a9 <uando ! profonda e9 soprattutto9 costante. Tutte le religioni propiziano <uesto stato dAanimo9 ma a noi interessa in modo particolare il Cristianesimo. (Auomo9 che ha uno spirito profondamente religioso9 ! un uomo speranzoso9 in attesa9 particolarmente nella religione cristiana in cui la morte si pone come Til momento da cui dipende tutta lAeternit>TG unAeternit> felice oppure fra mille tormenti. :uesto stato dAanimo si so@rappone a tutti gli altri Ka parte lo s<uili"rio che puD causare allo stato psichico generaleL e lAindi@iduo finisce con il rispondere alla chiamata della T@ita contemplati@aT9 cio! ad uno stato nel <uale si disinteressa dei pro"lemi di <uesta @ita e9 mentre si dedica a perfezionare la sua anima9 si limita ad attendere il momento di incontrarsi con Dio. &tato dAanimo riassunto genialmente dalla frase di &anta Teresa8 T*uoio perch! non muoioT. )ltre a <uesto stato dAanimo9 nella @ita di un uomo profondamente religioso9 @i sono molti momenti in cui lAanima si carica di emozioni. 0el corso dei secoli9 tutte le religioni e tutte le sette hanno s@iluppato9 con tutta la loro "uona @olont>9 di@ersi meccanismi per ottenere <uesti stati emoti@i per a@@icinare lAanima a Dio e porla incondizionatamente al suo ser@izio8 esercizi spirituali9 ritiri9 corsi9 ecc. ne sono lAesempio. :uesta aspettati@a9 in molte persone de"oli9 di@enta <ualcosa che rasenta lAangoscia e9 a @olte9 la disperazione. (e religioni9 nessuna esclusa9 sono am"i@alenti nel senso che9 da un lato costituiscono anche una grande consolazione nelle innumere@oli tri"olazioni della @ita9 donando sicurezza e pace interioreG dallAaltro essendo causa di dispiaceri e di distur"i nella @ita dei singoli e di dolori fisici e 28

--- Difendiamoci dagli Dei --morali nella @ita dei popoli. :ueste esperienze negati@e ci "alzano maggiormente allAocchio <uando si tratta di religioni di@erse dalla nostra9 con le <uali non a""iamo legami sentimentali o che non condizionano le nostri mentiG @ice@ersa9 @i@iamo come naturale il nostro Tha"itatT culturale-religioso o addirittura non lo prendiamo in considerazione. 0el *edio .@o9 <uando la Chiesa con i suoi comandamenti e i suoi precetti a@e@a una totale influenza sulla societ>9 sem"ra@a che fosse proi"ita la gioia di @i@ere e che tutto ciD che era piace@ole fosse peccato. .ra la logica conseguenza della T@alle di lacrimeT nella <uale gli esseri umani erano condannati a @i@ere. 0essuno puD negare che9 nellAascesi cristiana9 per giungere ad una @era amicizia con Dio9 il mezzo piB sicuro siano la mortificazione9 la Tmorte al mondo e alle sue @anit>T9 la po@ert>9 castit> ed o""edienza che sono lAopposto del "enessere9 della sessualit> e della li"ert>. Il pensiero dei mistici9 sicuramente9 rappresenta lAapoteosi della @ita cristiana e ne ! pro@a la croce che non ! sim"olo di piacere e di @ita9 ma di dolore e morte9 (a croce ! stata ed ! il sim"olo del CristianesimoG tutta@ia pare che tutte le grandi religioni a""iano come dottrina comune che9 per perfezionarsi9 si de""a rinunciare a <uesta @ita8 Til dolore porta a DioT. 6n altro aspetto curioso delle religioni ! che propugnano due cose contrarie fra loro9 ma fortemente @olute dagli dei. (a prima ! lAunione sia fisica che ideologica e mentale attra@erso le grandi concentrazioni religiose nei santuari9 per esempioG la seconda ! la disunione9 attra@erso lAodio reciproco9 fra esseri umani appartenenti a religioni di@erse dalla propria9 o addirittura per di@erse interpretazioni della stessa. 6nAaltra delle grandi strategie che gli dei hanno usato in tutto il corso della storia per ottenere ciD che @ogliono ! la guerra. *algrado tutto e contro tutte le ragioni9 la storia umana ! piagata da guerre di ogni tipo. )ggi possediamo una tecnologia molto sofisticata posta al ser@izio della guerra con la <uale si ammazza piB gente in un secondo di <uanta prima non si ammazza@a in un secolo. (Aelettronica9 la chimica9 lAingegneria piB a@anzata9 in@ece di porsi al ser@izio della gente comune per migliorarne la @ita e le condizioni di la@oro9 cadono in potere di indi@idui che9 in ogni aese9 occupano le piB alte posizioni politiche e militari e si pongono incondizionatamente al ser@izio della guerra. I entagoni di ogni aese9 nei <uali non ! strano tro@are indi@idui con una mentalit> paranoica9 pianificano coscienziosamente le mattanze umane che andranno a fare per moti@i TpatriotticiT9 magari con@inti di essere degnissime persone che agiscono per fini molto ele@ati e non sono sfiorati dal du""io sul senso di <uella carriera il cui fine naturale ! la @iolenza9 la distruzione e la morte di esseri @i@enti. Dietro il para@ento TpatriaT9 siamo condizionati9 fin dalla nascita9 a considerare un Tnon compatriotaT piB come un nemico potenziale che un essere umano esattamente uguale a noi. +l"ert .instein9 ne8 T(a mia @isione del mondoT dice8 T... parlo del peggior embrione sortito dallo spirito delle masse: l'esercito, che odio. E' sufficiente 2Q

--- Difendiamoci dagli Dei --che qualcuno sia capace di sfilare impettito al suono di una marcia per meritare tutto il mio disprezzo; ha ricevuto il cervello per errore, bastava il midollo spinale. Dovremmo cancellare il pi presto possibile questa macchia dalla civilt. h, come detesto le prodezze dei loro comandi, gli atti di violenza senza senso, il beato patriottismo! "iniche e disprezzabili mi appaiono le guerre. #i farei tagliare a pezzi piuttosto che prendere parte ad una azione cos$ vile!...T &e9 come dice@amo9 gli dei cercano il dolore9 lAeccitazione e il terrore perch! il cer@ello umano produca in a""ondanza le onde che interessano loro9 e ancor meglio9 le @ite umane stroncate @iolentemente con spargimento di sangue9 allora do""iamo con@enire che la guerra ! lo strumento perfetto. 7ipensiamo9 solo per un momento9 ai grandi campi di "attaglia tramandati dalla &toria9 seminati di cada@eri9 di uomini feriti e agonizzanti che stanno morendo dissanguati... <uale lauto "anchetto per <ueste sanguisughe e per <uesti dracula dello spazioV Certo ! che hanno saputo fare il la@aggio del cer@ello a tanti9 illustrissimi personaggi della &toria fino a con@incerli che la difesa della democrazia9 dellAonore9 della dignit>9 della patria9 dei @alori morali9 delle finanze e delle religioni @alga <ualun<ue mattanza umana. (e guerre di religione9 poi9 sono le piB ferociG si tratta9 nientemeno che di sterminare i nemici di Dio. &iccome per difendere il suo TonoreT9 tutto ! lecito9 cosH almeno la pensano tutti i fanatici9 le atrocit> che si commettono <ui non hanno paralleli. +llAinterno delle proprie religioni i fanatici9 costituiti in autorit>9 organizzano ogni sorta di tri"unale ecclesiastico9 &anti 6ffizi9 In<uisizioni9 sempre in nome di Dio9 per annientare chi @iene ritenuto eretico9 illuminato9 riformatore9 stregone. &i parla molto dellAIn<uisizione spagnola9 con ragioneG ma ci furono anche feroci In<uisizioni protestanti e islamiche nelle <uali9 a @olte9 furono "ruciati i piB fer@enti ser@itori di *aometto. &e <ueste sono cose del passato9 oggi teatri di guerra aperta9 sotterranea9 dichiarata e non sono atti@i in ogni parte del pianeta9 anche fra seguaci della stessa religione9 non solo di religioni contrapposte o ri@aliG la mattanza ! sempre piB estesaG la guerra TsantaT dellAIslam inonda di sangue9 da otto secoli9 tre continenti. T%l sionismo ortodosso inizi& con il comandamento divino al nostro primo patriarca 'bramo.... tutta la terra che vedi la dar& a te e ai tuoi discendentiT :ueste sono le parole che costituiscono il nostro diritto.... T TIl nostro insediamento in alestina ! un ordine di@ino che de@e essere o""edito come un comandamentoT9 afferma perentoriamente la (ega ;Anai ;rit contro la diffamazione antie"raica. :ueste incredi"ili parole9 che esprimono fanatismo "ello e "uono9 sono cosH commentate da )id *. -ras nel suo li"ro TDeception and mSths of the ;i"leT K;ell9 02 8 T%l furto di un (aese intero, la (alestina, un milione di arabi affamati e senza patria, ecco a che cosa ha portato la credenza nei miti. )a *ibbia, invece che la +parola di Dio+, dovrebbe definirsi +)'opera del Diavolo+. )a sua astuzia , talmente diabolica che ha ingannato il mondo intero per migliaia di anni; le conseguenze sono state oltre sedici secoli di tenebre. "rociate, %nquisizioni, pregiudizi, fanatismo e, nell'attualit, una guerra senza fine negli stessi luoghi in cui tutti questi miti hanno avuto origine. "redo che sia ora di liberarsi di un libro che , stato la causa di tanti imbrogli....T

3%

--- Difendiamoci dagli Dei --Il concetto di TpatriaT9 poi ci @iene inculcato come <ualcosa di sacro e9 seppure intriso di solennit> e sacralit>9 ! frutto9 molto spesso9 di mere am"izioni di condottieri del passato9 di puri incidenti geografici o9 semplicemente della sorte. (e linee di frontiera9 che @ediamo sulle mappe9 non sono altro che lAassurda calligrafia della storia. Il sentimento di amare <uelli che ci stanno @icini ! logico e naturaleG ad un certo punto9 a @olte9 di@iene irrazionale e cagione@ole <uando ! ri@olto allo TstranieroT9 secondo ruoli e limiti tracciati da a@@enturieri am"iziosi o furfanti illustri. &pesso9 i figli degli emigrati9 con millenarie radici etniche e linguistiche totalmente differenti9 di@entano piB patrioti degli autoctoni9 dimenticando rapidamente il paese di origine dei loro genitori. .A lecito supporre che <uesto sentimento9 per <uanto logico9 sia esacer"ato fino alla irrazionalit>9 di modo che si sia spinti piB a difendere i difetti della patria9 piuttosto che i pregi della nazione @icina. 6nito al fenomeno della patria9 a""iamo un altro fatto storico onnipresente8 la grande di@ersit> di lingue che si parlano sul pianeta che9 secondo i linguisti9 ! un processo naturale e nulla ci impedisce di riconoscerlo. Tutta@ia9 do""iamo anche ricordare che gli dei9 nelle loro interferenze nella @ita degli uomini9 molte @olte usano i fenomeni sedicenti naturali per ottenere ciD che @ogliono9 senza che noi ci si renda conto che9 in realt>9 sono stati forzati e manipolati. ,ice@ersa a @olte9 fenomeni che sono @eramente naturali9 ma a noi sconosciuti9 ci sono presentati come TmiracoliT o fatti portentosi do@uti al loro grande potere dal <uale non possiamo prescindere. .A interessante la @ersione "i"lica sullAargomento9 nonostante che io non mi appoggi ad essa per sostenere la mia tesi9 in <uanto9 rispetto al mio pensiero sulla ;i""ia9 sare""e una contraddizione8 T... .ra la Terra di una sola lingua e di una sola parola.... e dissero8 edifichiamo una citt> e una torre Kdi ;a"eleL la cui cuspide tocchi il cielo e ci renda famosi9 affinch! non siamo dispersi su tutta la superficie della terra... &cese allora 2ah@! per @edere la citt> e la torre che sta@ano edificando i figli degli uomini e disse8 .""ene essi sono un solo popolo e hanno una sola lingua e <uesto ! ciD che hanno incominciato a fare. )ra non cA! piB nulla che a""iano in mente di fare e che sia irraggiungi"ile per loro. &cendiamo e confondiamo lH la loro lingua in modo che non capiscano lAuno la lingua dellAaltro. . 2ah@! li disperse per tutta la faccia della terra... T K-enesi9 11.#L +nche la tradizione tolteca tramanda che9 <uando gli antenati dei Toltechi messicani tentarono di costruire una grande piramide9 impro@@isamente incominciarono a parlare in modo di@erso da come a@e@ano sempre fatto9 cosH che9 non essendo piB in grado di capirsi9 do@ettero a""andonare la costruzione e a noi non resta che constatare che i parenti transatlantici di 2ah@! a@e@ano agito al suo stesso modo. (a di@ersificazione delle lingue9 il Tnon capirsiT9 ossia lAassenza di comunicazione9 facilita enormemente la separazione non solo fisica9 ma anche animica9 il chC puD degenerare in odi9 malintesi e guerre9 come infatti ! sempre a@@enuto in <uestAepoca storica giudaico-cristiana. Come le religioni9 anche le lingue da un lato sono strumenti per unire i popoli9 dallAaltro occasioni di di@isione9 incomprensioni e ostilit> @erso gli Taltri da sCT. 31

--- Difendiamoci dagli Dei ---li esseri umani9 nel corso dei secoli9 hanno tro@ato regole e definizioni condi@ise per le misure9 i meridiani9 i calendario astronomico9 le telecomunicazioni9 ecc9 ma non ancora sono riusciti a creare una lingua comune9 neutra9 magari studiata come seconda lingua o""ligatoria in tutti i aesi9 di modo che la comunicazione e la conoscenza fra i popoli e gli indi@idui del pianeta sia incoraggiata ed age@olata. Col tempo potre""e di@enire la lingua comune del pianeta9 correlata alla sempre piB intensa mo"ilit> degli uomini stessi. (Aesperienza dellA.speranto ! @enuta a cadere perch! non cA! mai stato interesse da parte dei potenti a sostenerlaG anzi @i ! sempre stata indifferenza e disattenzione. :uesti personaggi si guardano "ene dal fare <ualcosa di @eramente utile allAumanit> tuttaG preferiscono continuare con il loro TpoliticareT9 nella "ella @ita a spese del popolo9 nei giochi di potere nei <uali danno "riglia sciolta alle loro paranoie. 6nAaltra strategia usata dagli dei per far sH che gli uomini non si capiscano e lottino fra di loro consiste nella di@ersit> delle razze che formano lAumanit>. (a credenza "i"lica secondo la <uale discendiamo tutti da una sola coppia9 creata da Dio stesso nel aradiso terrestre9 ! totalmente infantile. (e differenti razze umane sono apparse singolarmente sul nostro pianeta nel corso di milioni di anniG anche se la scienza ufficiale non ancora accetta <uesta teoria. (e differenze razziali ci fanno notare con chiarezza9 in primis9 la pluralit> delle loro origini. (e Tprime coppieT appar@ero in epoche e luoghi di@ersi del pianeta. +llor<uando <ualche antropoide o gruppo di antropoidi sta@a per fare il salto e@oluti@o o9 detto in altre parole9 <uando appari@a fra loro <ualche mutante9 inter@eni@ano gli dei che lo programma@ano geneticamente secondo la loro con@enienza. Il opol ,uh9 la ;i""ia dei :uich!s9 parla di di@ersi tentati@i falliti Tdei &ignoriT9 prima che riuscisse TlAuomoT. &ono con@into che la chiara differenza fra una razza e unAaltra sia do@uta non solo a fattori naturali9 ma anche allAinter@ento di @ari Tesseri superioriT con maggiori o minori poteri e con di@ersi propositi in mente. &e ciD puD apparire in@erosimile9 "asta pensare9 come esempio9 a come gli uomini9 nel corso dei secoli9 siano inter@enuti nella modifica delle razze canine9 adattandole alle loro necessit>. +""iamo ottenuto cani con zampe corte o lunghe da sfruttare nei @ari tipi di caccia9 cani da guardia o di compagnia. I cani non sono coscienti di <ueste manipolazioni e9 disgraziatamente9 nemmeno noi umani siamo coscienti di essere stati manipolati a nostra @olta. (A+frica ! il continente dei 0eriG lA+merica ! il continente dellAuomo dalla pelle ramataG nella maggior parte dellA+sia il tratto comune sono gli occhi a mandorlaG in India a""iamo un di@erso colore di pelle e tratti caratteristiciG nel *editerraneo esistono almeno un paio di razze di@erse e9 per ultimi e senza preistoria9 i ;iondi del 0ord .uropa che sem"rano essere lAultima creazione degli dei e molto simili a loro9 almeno come ce li hanno descritti i -reci e i 7omani e come si presentano alcune @olte <uando scendono dalle loro na@i 6?) e che9 come razza9 sono gli attuali dominatori del mondo.

32

--- Difendiamoci dagli Dei ---

sport
In enorme contrasto con ciD che ! stato trattato finora ! lo sport che9 tutta@ia9 ! un fenomeno assolutamente interessante per gli dei. (o sport dispone di una organizzazione internazionale in@idiata dalla stessa )06G le diretti@e e gli ordini emanati dal Comitato )limpico Internazionale o dalla ?I?+ sono osser@ati molto piB attentamente di tutte le condanne9 gli em"arghi e le risoluzioni emesse dellA)069 <uasi mai rispettate dai aesi cui sono diretti. Che rapporto cA! fra lo sport e gli dei?9 <uali "enefici traggono dalla sua ottima organizzazione? +""iamo piB @olte detto che9 per ottenere ciD che cercano9 tendono ad adunare gli uomini e ad eccitarli9 in modo che i cer@elli producano <uellAenergia da loro tanto am"ita. Immaginiamo gli stadi nel pomeriggio della domenica9 gremiti di gente urlante arra""iata o esaltataG diffusi a tappeto in tutte le regioni9 gli stati e in tutti i continentiG immaginiamo <uesti esseri in@isi"ili che9 come api che @olano di fiore in fiore succhiando il nettare9 suggono le sottili @i"razioni emanate dagli eccitati cer@elli di tutte <ueste masse umane domenica dopo domenica9 anno dopo anno con o senza crisi economica9 sociale o politicaG superando tutte le difficolt> climatologiche perch! lo spettacolo de@e continuare in ogni caso. er lo sport non esistono impedimenti politici9 sociali9 economici9 militariG tutte le contrapposizioni @engono appianate o sospeseG perD in un mondo tanto disorganizzato9 nel <uale grandi organismi internazionali importanti funzionano male9 unAorganizzazione tanto perfetta da riuscire a riempire ogni settimana una infinit> di stadi9 pieni di esseri umani eccitati fino al parossismo9 ci autorizza ad essere sospettosi.

incendi
6n fenomeno TnaturaleT9 messo in atto dagli dei che9 mi rendo conto9 ! difficilissimo da accettare come @erosimile9 ! <uello che riguarda i grandi incendi "oschi@i. )ggi gli incendi "oschi@i sono di@entati un @ero pro"lema per alcune nazioni9 senza che gli organismi e i tecnici preposti a""iano tro@ato cause e soluzioni. &econdo me9 dietro le cause naturali o i piromani9 spesso sono gli dei stessi a pro@@edere direttamente alla li"erazione dellAenergia @itale della materia che si disintegra in modo @iolento. (a materia torna alla terra9 ma la @ita che la impregna@a si stacca e si li"era in forma di radiazioni o onde di ele@atissima fre<uenza9 non capta"ili dagli strumenti scientifici attuali. :uando si "ruciano corpi di animali9 <uesta energia si stacca rapidamente e in a""ondanzaG mentre9 <uando si "rucia materia @egetale9 si li"era in proporzioni minori ed ! per <uesto che9 per ottenerne una <uantit> apprezza"ile9 "isogna "ruciare grandi <uatit> di materia @i@ente. 0on nego che un "osco possa incendiarsi a causa di un piromane9 o per un mozzicone di sigaretta9 o a causa di una scarica elettrica9 ma nessuna di <ueste cause o9 tutte insieme9 spiegano il grande numero di incendi che si scatenano tutte le estati o@un<ue nel mondo9 tenuto conto che molti di@ampano contemporaneamente in luoghi imper@i do@e non arri@ano i gitanti domenicali9 non @i sono atti@it> agricole o interessi speculati@i.

33

--- Difendiamoci dagli Dei --&tudiando lo strano mondo del paranormale9 ci si im"atte molto spesso nella TproduzioneT di incendi. 0ei fenomeni di poltergeist che si studiano in parapsicologia9 lAentit> che causa rumori9 spostamento di oggetti9 lancio di pietre ed altri fenomeni strani9 ! anche autrice di incendi. 0ella demonologia che9 non solo nella mentalit> popolare9 ma in tutta la sua profonda realt>9 ! sempre imparentata con tutti <uesti strani fenomeni9 Tprodurre fuocoT ! <ualcosa che si attri"uisce sempre al TdemonioT. er me il demonio non ! il nemico personale di Dio9 cosH come ce lo descri@e il Cristianesimo9 "ensH uno degli esseri e=tra umani di cui stiamo trattando e le cui manifestazioni sono negati@e per gli umani. +nche nel campo dellAufologia scopriamo che il fuoco ! strettamente correlato a <uesti misteriosi @isitatori non solo nel pro@ocarlo9 ma in molte occasioni anche nello spegnerlo9 dimostrando di a@ere grande padronanza di <uesto elemento. Il caso piB rappresentati@o ! senzAaltro il famoso Tfuoco di eshtigoT9 piB conosciuto come TlAincendio di ChicagoT. essendo stata <uesta la sua conseguenza. 0on tutti sanno che la stessa notte in cui Chicago andD a fuoco K8 otto"re 18$1L9 "ruciarono anche altri piccoli centri e citt>9 come lAattuale molto popolosa ;reen"aS9 nella <uale perirono oltre 3%%% persone. Contemporaneamente "ruciarono enormi distese di terreno in "en sette &tati del 0ordamerica9 una superficie pari alla met> della penisola i"erica. :uale fu la causa di <uesto fantastico incendio? 0! piB9 nC meno che <uella che oggi chiamiamo 6?)9 una palla di fuoco che scorazzD per il nord e nordest degli &tati 6niti9 dallo &tato del 0e"rasMa fino alla ennsSl@ania9 percorrendo in linea retta non meno di duemila chilometri e causando al suo passaggio enormi deflagrazioni. &econdo i testimoni oculari9 scende@a dal cielo un calore soffocante che non da@a scampo a coloro che si tro@a@ano nei dintorni. :uesti enorme incendi di@ampano nel sud dellA.uropa9 ma soprattutto in ;rasile9 do@e multinazionali speculatrici hanno tutto lAaggio di scacciare gli Indios allAinterno del *ato -rosso per i loro sfruttamentiG in +ustralia "ruciano "oschi e @illaggi per giorni e giorni9 cosH come in California do@e9 nonostante lAimpegno umano e tecnologico per lo spegnimento9 che dura anche settimane su territori di migliaia di ettari9 perfino le lussuose @ille dei di@i di 3ollSPood @engono car"onizzate. I casi piB eclatanti9 degni di essere riportati9 sono migliaiaG alcuni sono notiG altri passati sotto silenzio9 non spiegati9 n! interpretati. &icuramente9 in molti casi gli incendi sono pro@ocati dalla mano dellAuomo o da agenti naturali9 ma ! altrettanto sicuro che <uesti esseri TsuperioriT nascondono il loro operato sul nostro pianeta dietro cause naturaliG @ice@ersa9 in altri casi9 ci fanno credere che <ualcosa sia Tso@rannaturaleT e opera loro9 <uando ! in@ece una reale manifestazione della 0atura che noi ancora non ci spieghiamoG tutto a loro @antaggio e per impressionarci9 partendo da loro stessi che si sono fatti adorare da noi9 come fossero Dio9 in@ece che solo altri esseri dellA6ni@erso. Dalla lettura dei testi "i"lici appare come gli dei esigessero anche la cremazione di determinati @egetali Ts<uisitiT9 tipo cedro e issopo9 in <uantit> e metodi specifici in <uanto pote@ano costituire un condimento adatto alla cremazione dellAanimale che era il pezzo forte del sacrificio. 2ah@! 3#

--- Difendiamoci dagli Dei --pretende@a anche <uotidianamente TlAofferta di cerealiT9 secondo minuti particolari di <uantit>9 tipo e modi di cottura9 in rapporto alla carne "ruciata. :uesti cereali do@e@ano essere sempre Tsenza la@aggiT9 arricchiti con incenso e olio dAoli@a9 salati9 ma mai si do@e@a aggiungere del miele. Curiosamente9 <ueste particolarit> le ritro@iamo anche nelle offerte che gli dei mesopotamici esige@ano dai loro popoli9 il che ci fa supporre che 2ah@! sia uguale a tutti gli altri Tfalsi deiT e spiega anche le sue tremende gelosie nei loro confronti. &ono intermina"ili i particolari pretesi da 2ah@! su come do@e@ano essere "ruciate le offerte9 <uali do@e@ano essere gli olocausti e lAautorizzazione per i sacerdoti9 a @olte9 di poterne mangiare <ualche piccola parte Come ci dicono le scritture9 la sua impazienza di sentire il Tsoa@e odore tran<uillizzanteT era tale per cui9 a @olte9 scende@a lui stesso ad arrostire le offerte per captare da @icino ciD che "rama@a9 in forma di nu"e9 ossia nella Tsua gloriaT...:uesta ! la legge dellAolocaustoG lAolocausto arder> sul focolare dellAaltare dalla sera alla mattina e dalla mattina alla seraG il fuoco dellAaltare do@r> sempre restare acceso....T Il 2R (i"ro delle Cronache della ;i""ia ci descri@e la consacrazione del tempio di &alomone9 circa 3%% anni dopo la morte di *osC8 T... -uando i sacerdoti uscirono dal santuario, la casa si riemp$ della nube, la stessa casa di .ahv,... e i sacerdoti non poterono continuare nel servizio a causa della nube, perch, la gloria di .ahv, riempiva la casa di Dio... -uando /alomone fin$ di pregare, scese fuoco dal cielo che divor& l'olocausto e i sacrifici e la gloria di .ahv, riempiva la casa.... %l re /alomone offr$ in sacrificio 00111 buoi e 201111 pecore cos$ inaugurarono la casa di Dio il re e il suo popolo... T (a presenza di 2ah@! era fisica9 non sim"olicaG il popolo @ede@a la nu"e9 esattamente come ai giorni nostri molta gente ha @isto piccole nu"i fare cose strane e inspiega"ili. *olto pro"a"ilmente <ueste cifre sono esagerate9 ma anche riducendole ad un terzo9 ci tro@iamo di fronte ad un rogo sul <uale "rucia@ano tonnellate di carneG immaginiamo il fumo9 lAodore9 il grasso che cola@a da tutte le parti. T.... /alomone consacr& il cortile interno che stava davanti alla "asa di .ahv,, da l$ gli offr$ gli olocausti e i grassi dei sacrifici di comunione perch, l'altare di bronzo che aveva fatto non riusciva a contenere l'olocausto, le oblazioni, i grassi... la festa dur& sette giorni..T Chiediamoci il perch! di tutta <uesta carneficinaG per ingraziarsi e procurare piacere al @ero Dio9 al Dio della "ellezza9 dellAamore9 al Dio prima e profonda Intelligenza che regge lA6ni@erso? 0on credoG il @ero Dio non si diletta con fumo di puzzolenti grassi "ruciatiG logicamente do""iamo giungere alla conclusione che tutta <uesta carneficina sia stata fatta per un TdioT cui piace@a il sangue9 fratello o cugino di ;aal9 *oloc9 +sera9 DagDn9 Xemon e di tutti gli altri dei mesopotamici9 i <uali erano adorati dai loro popoli mediante sacrifici di animali e di esseri umani9 plagiati dai dogmi @uoti9 assurdi e tirannici delle religioni. &e tutte <ueste cose di cui stiamo parlando sem"rano assurde9 teniamo presente che sono state prese direttamente dalla ;i""ia9 il Tli"ro sacroT che9 per milioni di esseri umani ! stato la guida per secoli e per molti continua ad esserlo. Con una guida cosH9 nella <uale si presenta Dio come un indi@iduo dai gusti tanto animaleschi e tanto stra@aganti9 non cA! da mera@igliarsi che la societ> sia <uella che ! e che le idee del mondo giudaico-cristiano @adano alla deri@a come stanno andando. &e non accettiamo <uesta chia@e di lettura9 non ci renderemo mai conto di essere manipolatiG di 3'

--- Difendiamoci dagli Dei --<uali siano le strategie e i @eri propositi degli deiG continueremo a lasciarci raggirare nella sottomissione inconsape@ole e ad accettare9 come sacri e assoluti9 tutta una serie di principi che9 considerati freddamente9 sono stati disastrosi per lAumanit> intera nel corso di tutta la sua storia.

Perch dobbiamo difenderci dagli dei?


*olte persone9 soprattutto <uelle che sono state contattate in un modo o nellAaltro9 non sono dAaccordo con il mio punto di @ista9 secondo il <uale9 alla lunga9 il fenomeno 6?) sia dannoso per gli esseri umani o9 piB correttamente9 per lAumanit> considerata nel suo insieme. :ualche anno fa9 <uando TlAoperazione 7amaT era al suo apogeo sia in &pagna che in &udamerica9 misi in guardia coloro che @i aderi@ano in <uanto9 malgrado tutte le apparenze di innocuit> e di "ont> di tutta lAoperazione9 si sare""ero esposti a seri pericoli che di@ennero poi realt> in moltissimi casi nei <uali la loro @ita su"H dei traumi e dei cam"iamenti per niente positi@i. Infatti9 persone dalla psiche de"ole e propensa allo s<uili"rio e molti adolescenti su"irono contatti telepatici che risultarono9 nel tempo9 frustanti o funesti. (A)perazione 7ama9 originatasi in erB9 consiste@a nellAincitare al contatto diretto con gli Te=traterrestriT9 presupponendo che <uesti siano i nostri "uoni fratelli dello spazio che @engono ad aiutarci e9 in un certo modo9 a risol@ere i nostri pro"lemi. I capi di <uesto mo@imento non a@e@ano ancora scoperto che gli Te=traterrestriT o gli dei9 come li chiamiamo noi9 in@ece di essere la soluzione delle nostre difficolt>9 sono essi stessi il piB grande dei pro"lemi che lAumanit> ha do@uto e de@e tuttora fronteggiare. Il guaio ! che solo ora cominciamo a rendercene contoG io stesso ho impiegato anni e anni di la@oro sul campo9 studi e riflessioni prima di giungere a <ueste conclusioni. Do""iamo difenderci dagli dei perch!9 a lungo andare9 il contatto con loro ! noci@o per noi. erlomeno il contatto indiscriminato9 o@@ero senza sapere "ene con chi ci stiamo rapportando9 a chi mettiamo in mano la nostra mente e la nostra @olont>9 senza soppesare in modo critico se <uello che ci indicano o ci comandano sia utile o dannoso alla nostra @ita. ?ra lo &piritismo e <uanto stiamo esponendo cA! un parallelismo note@ole. 0ello &piritismo9 a mio parere9 gli dei si manifestano come spiriti di persone morteG tutta@ia ammetto la possi"ilit> e9 in alcuni casi la pro"a"ilit>9 che alcuni dei personaggi9 che si manifestano in una autentica seduta spiritica9 siano effetti@amente i resti dellAenergia psichica di <ualche defunto morto di recente che9 per <ualche tempo9 @aga confusa nel suo nuo@o stato9 rifiutando di a""andonare il li@ello di esistenza nel <uale sta@a prima della morte. Il pontefice del nuo@o spiritismo9 +lan Xardec9 mette in guardia ripetutamente in tutte le sue opere i seguaci e li esorta a non fidarsi mai degli spiriti che si presentano nelle sedute9 a non aprire mai con ingenuit> le anime alla loro influenza9 senza prima essersi accertati di <uale spirito si tratti e se ! @eramente <uello che dice di essere. 0egli spiriti9 e ciD ! sostenuto da Xardec e da altri maestri di spiritismo9 si riscontra lo stesso comportamento degli deiG occorre essere molto cauti perch!9 per <uanto e@oluti siano9 in loro la menzogna e lAinganno sono molto fre<uenti o <uasi normali.

36

--- Difendiamoci dagli Dei --I credenti nello spiritismo9 come i fanatici religiosi e i de@oti degli 6?) credono che le loro TguideT9 i loro TsantiT9 i loro Tprotettori e=traterrestriT non ingannino mai9 ma che solo gli spiriti meno e@oluti lo facciano. (a realt>9 perD ! che con i tre fenomeni8 religione9 spiritismo e 6fo "isogna andare con i piedi di piom"o perch! lAinganno ! allAordine del giornoG n! i TsantiT sono sempre stati santi <uanto lo a""iano creduto i religiosiG n! i T"uoni fratelli dello spazioT siano sempre stati "uoni come credono i loro sostenitoriG n! le Tguide spiritualiT guidino sempre come credono gli spiritisti. ?re<uentemente gli indi@idui contattati dagli e=traterrestri di@entano @aga"ondiG a""andonano il la@oro o lo studio e9 a @olte9 anche la famiglia8 altri cadono in uno stato di misticismo che li aliena completamente dal mondo che li circonda e9 in genere9 di@engono a""astanza pro"lematici per le societ>9 essendo con@inti di do@er compiere una missione e@angelizzatrice9 predicare una T"uona no@ellaT9 sal@atrice dellAumanit>9 o sentendosi depositari di grandi scoperte tecnologiche. 0ei casi piB acuti si ! @erificata la perdita totale delle facolt> mentali del contattato9 manipolate e utilizzate dagli dei per le loro deliranti idee messianiche9 a@endolo poi a""andonato in uno stato di disperazione e di destrutturazione9 fino a suicidarsi9 <uando non ne hanno piB a@uto "isogno. 0el @asto campo del paranormale si mischiano caratteristiche e dettagli che sono costanti nelle manifestazioni di fate9 nelle apparizioni della ,ergine *aria o di <ualsiasi dea di altre religioni9 o di a@@istamenti e contatti 6?). Tutti <uesti fenomeni9 per <uanto i fanatici di ognuno si aggrappino alla @eridicit> del proprio9 sono in fondo la stessa cosa ed hanno unAunica pro@enienza. &e consideriamo il solo campo religioso9 @i tro@iamo gli stessi risultati9 per <uanto i contattati su"limino la loro esperienza. :ui i contatti si chiamano T@isioniT 9 TapparizioniT o TestasiT9 perD la @ita del mistico9 psichicamente e fisiologicamente parlando9 si trasforma in un inferno9 che lui accetta con rassegnazione e anche con gioia9 in cam"io di una TilluminazioneT che apporta alla sua mente e a tutto il suo essere sensazioni appaganti. + sostegno di <uesta tesi9 @oglio riportare un esempio contemporaneo8 +mparo Cue@as9 la @eggente di .l .scorial9 umile e onesta donna che sta a@endo in <uesti giorni delle @isioni che attraggono migliaia di de@oti e curiosi da tutta la &pagna. .A stata assalita e malmenata da sconosciuti esaltati9 sanguina a""ondantemente e fre<uentemente per il dolore che le causano le stigmate. I suoi messaggi9 molto simili a <uelli di altri @eggenti9 sono colmi di preoccupanti minacce e castighi immediati che non si a@@erano mai Ktutti i contattati sono sempre stati profeti di sciagureL e9 come al solito9 la ,ergine le ha ordinato di far erigere sul posto una cappella do@e @engano a pregare i suoi de@oti. erch! proprio +mparo e perch! in <uel posto? 0on possiamo dirlo con certezza9 ma a@anzare due ipotesiG la prima riguarda le onde cere"rali dellA+mparo stessa che9 come <uella di altri contattati o mistici9 sono captate dal dio che appare loro con particolare facilit>G la seconda ! che in <uesto luogo o regione esista uno speciale magnetismo tellurico confacente alla manifestazione degli dei. &e ! importante lAaspetto negati@o che il rapporto con gli dei ha a li@ello indi@iduale9 lo ! ancora di piB a li@ello generale e sociale. (a mia teoria ! che lAumanit> intera sia una specie di alle@amento per gli dei9 un alle@amento in cui 3$

--- Difendiamoci dagli Dei --gli animali domestici e utilizzati siano gli uomini. :uesta @erit> ! durissima da accettare per la mente e la sensi"ilit> umana. er me fu addirittura uno shocM <uando9 da@anti alla inelutta"ilit> dei fatti9 fui costretto ad ammetterla. Da <uesto assioma generale e fondamentale scaturisce che gli dei non ci amano e non ci odianoG ci @edono e ci trattano piB o meno come noi trattiamo gli animali. +nche <uando non li uccidiamo9 non li maltrattiamo9 non procuriamo loro sofferenza9 ma li amiamo e li coccoliamo9 nel nostro rapporto con essi cerchiamo principalmente di dare piacere a noi stessi e9 in molte occasioni9 tale piacere consiste nellAessere amore@oli con gli animali. -li dei ci usano. er <uanto duro possa sem"rare il @er"o usare9 ! <uello piB indicato per descri@ere il moti@o del loro interesse per noi. + loro non interessano i nostri sentimenti9 il nostro giudizio o le nostre reazioni al loro modo di comportarsi con noi Ktranne nel caso si sia s@iluppata una relazione particolare e indi@iduale fra un dio e lAuomoL. In generale9 si puD dire che gli dei9 se con@iene loro fare una determinata azione9 pur sapendo di recarci gra@e danno9 la faranno comun<ue. (a loro moralit> non si estende a noiG nella stessa misura in cui la nostra moralit> non la estendiamo agli animali9 nonostante che essi lottino per difendere la loro @ita9 cosH come lo facciamo noi per la nostra. Tutta la storia umana ! stata sottilmente guidata dagli dei in modo che noi facessimo esattamente ciD che con@eni@a loro. (a razza umana ha @isto ripetutamente frustrata la sua ascensione @erso li@elli di coscienza piB alti9 piB e@oluti9 a causa degli inter@enti degli dei9 interessati a che lAuomo non maturasse e continuasse a ser@irli senza a@erne alcuna consape@olezza. er <uesto hanno usato tutti i trucchi e i falsi @alori di patria9 lingua9 guerre e9 soprattutto religioni e dogmi che hanno tenuto incatenato lo spirito umano per millenni. 0on si puD negare che ci sia una similitudine fra <uello che gli dei hanno fatto con noi9 da un punto di @ista culturale ed e@oluti@o con ciD che hanno fatto molti aesi colonizzatori con le loro colonie. +nche <uando le hanno aiutate a progredire9 lo hanno fatto solo per i propri interessiG molto piB spesso9 in@ece9 pianifica@ano premeditatamente il non s@iluppo9 lAarretratezza per non a@ere pro"lemi di dominio e di sfruttamento e perch! i Tnati@iT continuassero ad o""edire infantilmente alle loro diretti@e.

illuminazione
.A anche giusto e@idenziare che il fenomeno della TilluminazioneT9 al <uale sono soggetti ancora oggi molti esseri umani9 ri@este anche un grande aspetto positi@o in <uanto la mente dellAilluminato si espande enormemente9 di@enendo capace di comprendere e realizzare cose che prima gli erano impossi"ili. + @olte9 <uesto miglioramento repentino riguarda anche il corpo fisico9 conferendo capacit> so@raumane con le <uali ! in grado di con@incere un grande numero di persone9 realizzare imprese9 fondare mo@imenti o istituzioni che9 fre<uentemente9 hanno cam"iato il corso della storia. I grandi a@atar o fandatori di religioni9 malgrado normalmente ci @engano presentati come esseri Tdi@iniT9 Tfigli di DioT o Tin@iati dal CieloT9 ecc89 in realt> sono esseri umani che gli dei hanno preparato per una straordinaria missione fra i loro fratelli9 gli esseri umani. (i hanno dotati di facolt> psichiche e poteri sulla materia tali da apparire9 agli occhi degli altri mortali9 Tdei autenticiT

38

--- Difendiamoci dagli Dei --In tutte le religioni Tla fede non si pensa9 si sente9 si ammetteT9 non ha un fondamento razionale9 fluttua nel @uoto appoggiata unicamente sul sentimento. -li dei si sono incaricati9 nel corso dei millenni9 di renderci animali a"itudinari9 specialmente nei processi mentali. ensare li"eramente9 nella maggioranza delle nostre societ>9 ! un autentico gra@e peccato9 mal@isto da tutte le autorit>. .A @ero che <uesti a@atar9 fondatori di religioni9 danno allAinizio un impulso morale alla e@oluzione dei popoli9 ma sono come il girello per il "am"ino che9 dapprima gli consente di muo@ere i primi passi e spostarsi senza cadereG poi perD9 se non gli @iene tolto9 non imparer> mai a reggersi e a camminare sulle sue gam"ine in modo naturale. (e religioni per i popoli e i TpoteriT per gli indi@idui9 in un primo tempo sono utili9 ma poi a lungo andare9 generano disastri. In generale le religioni tendono9 con i loro insegnamenti9 a li@ellare lAumanit>9 predicando che siamo tutti figli dello stesso adre e dandoci i due comandamenti della giustizia e dellAamore. .A innega"ile che in tempi passati9 tanto il Cristianesimo <uanto le altre religioni9 contri"uirono con i loro principi a trasformare piccole comunit> sparse in una grande societ> in cui la dignit> umana @eni@a piB rispettata e do@e lAuomo9 per la prima @olta9 si senti@a fratello anche di chi non appartene@a alla sua tri"B. (a religione spiritualizza lAuomo9 costantemente za@orrato dalla sua carne e dai suoi istinti animaleschi9 ricordandogli la sua @ocazione @erso lAaldil> dopo la morte con minaccia di castighi per coloro che non hanno rispettato le sue leggi. er milioni di credenti la religione d> risposte tran<uillizzanti rispetto allo spa@entoso interrogati@o della morte9 oltre che forza e consolazione nei momenti di disgrazia e di dolore che tanto a""ondano in <uesto mondo e per i <uali lAintelligenza umana non ha ancora tro@ato una spiegazione con@incente. &tiamo parlando in maniera generica di tutte le religioni9 mettendo in risalto ciD che tutte hanno di "enefico per lAuomo anche se9 pro"a"ilmente9 ognuna ri@endica la @erit> e lAesclusi@it> del suo credo. ?in <ui a""iamo dato testimonianza a fa@ore delle religioniG ora trattiamo i suoi aspetti negati@i. Il primo ! <uello della istituzionalizzazione che9 prima o poi9 finisce con il costituirsi in TpotereT9 o in ausiliario del potere costituito che9 nella storia9 <uasi sempre ! stato oppressore. (e religioni attuali9 che pure iniziarono come principi moralizzatori di popoli9 hanno finito con il trasformarsi in strumenti sociali e politici del potere9 in mano a pochi che usano Tla @olont> di DioT per fini totalmente alieni ai loro fondatori. :uesto tradimento della @olont> originaria di ser@izio allAumanit>9 di@enuto dominio9 ! la causa della paralisi dello spirito e della mente dei fedeli. :uesta paralisi della mente9 in persone poco dotate intellettualmente9 degenera spesso nel nefasto fanatismo che tanto male ha arrecato allAumanit> nel corso dei secoli. Il fanatico ! un indi@iduo che9 con@into di possedere lAunica assoluta @erit>9 rifiuta ogni ragionamento e usa <ualsiasi mezzo9 anche 3Q

--- Difendiamoci dagli Dei --la @iolenza9 per affermare la supremazia del suo dio. :uesto "locco del pensiero si estende a tutti gli am"iti della @ita umana. I popoli molto religiosi9 soprattutto <uelli che adeguano fedelmente la loro @ita a <ualche Tli"ro sacroT9 hanno grandi freni alla loro e@oluzione. I popoli islamici ne sono un chiaro esempio. (a fede nella ;i""ia ha paralizzato per 1$%% lo s@iluppo tecnico e sociale delle nazioni cristiane. +llAinizio dellAottocento9 <uando i li"eri pensatori ruppero le catene con le <uali la ;i""ia tene@a legate le menti del mondo occidentale9 <uesto cominciD a s@ilupparsi rapidamente e a@anzD piB in cento anni di <uanto non lo a@esse fatto in diciotto secoliV (e religioni inoltre di@idono lAumanit> in gruppiG uniscono <uelli che professano la stessa fede9 ma li separano da coloro che non la professanoG non solo9 ma nel seno della stessa religione9 sono numerosissimi i casi di di@isioni e di odi per la di@ersa interpretazione dello stesso precetto o comandamento. (a storia ! piena di guerre di religione e ancora oggi9 "asta dare unAocchiata a <ualun<ue <uotidiano per a@erne la conferma. &cri@e ;ertrand 7ussel nel suo li"ro8 T erch! non sono cristianoT8 T... -uanto pi intensa , stata la religione in qualche periodo e pi profonda la credenza dogmatica, tanto maggiore , stata la crudelt e peggiori le repressioni. 3elle cosiddette +Et della fede+, quando gli uomini credevano veramente nella religione cristiana in tutta la sua integrit, nacque l'%nquisizione con tutte le sue torture; molte sfortunate donne furono bruciate, accusate di essere streghe, oltre a moltissime crudelt praticate in nome della religione...T +lcuni falsi principi religiosi innaturali e traumatizzanti9 in@entati da fanatici o psicopatici costituiti in autorit> e inculcati nellAanima infantile dei credenti9 sono stati la causa occulta di molte ne@rosi9 sfociate in conflitti interiori9 infelicit> e dolore. (e religioni hanno paura o9 perlomeno9 diffidano del piacere. (a rinuncia al piacere ! unAidea fissa del Cristianesimo e un luogo comune per coloro che @ogliono perfezionare lo spirito. (o stesso possiamo dire delle altre grandi religioni9 come se in <uesto9 fosse racchiusa unAenergia segreta per unAaltra @ita. Troppe parole hanno speso gli indottrinatori di tutte le religioni per spiegarci il mistero del dolore nel mondo e male hanno risposto a <uesto grande interrogati@o. 0on ci ! stato detto che il dolore di Cristo sulla croce ! stato necessario per la nostra redenzione? +llora9 perch! aggiungere il dolore di <uesta po@era formica umana che9 contro la sua @olont>9 dopo una "re@e esistenza torner> alla terra? *olte cose che i moralisti definiscono Tleggi naturaliT9 potre""ero9 a ragion @eduta9 essere definite TinnaturaliT9 alcune delle <uali @anno proprio contro naturaG ma siccome si tro@ano nei Tli"ri sacriT o le autorit> religiose dicono di dedurle da essi9 ce le impongono anche se sono molto negati@e per lAumanit>. 6no fra gli esempi di <uesti principi morali s"agliati ! la triste e nefasta decisione di aolo ,I9 secondo lui "asata sul testo "i"lico9 di proi"ire la pillola anticoncezionale o <ualsiasi altro mezzo di controllo delle nascite9 minando in @ari modi la @ita familiare e creando9 a li@ello sociale9 pro"lemi enormi. (o stesso si puD dire del di@orzio che9 purtroppo9 ! un male necessario in una societ> complessa e #%

--- Difendiamoci dagli Dei --anche superficiale. *olte "ra@e persone9 influenzate da Tdottrine sacreT e delle autorit> ecclesiastiche9 attaccano indiscriminatamente lAa"orto come atto contro natura9 sostenendo di fare la T@olont> di DioTG eppure la 0atura ! piB saggia e piB drasticaG a@endo piB attenzione per la specie che per lAindi@iduo9 sacrifica migliaia9 milioni di creature @i@enti sullAaltare di un ordine naturale sta"ilito. (a storia umana9 @ista spassionatamente9 ! un enorme mucchio di spropositi9 spesso mostruosi9 commessi incredi"ilmente dallAanimale TpiB intelligenteT del pianeta. er millenni siamo stati impegnati a difendere principi9 cause9 tradizioni che non hanno aiutato per niente lo s@iluppo della razza umana. Ci hanno tenuti occupati a costruire templi9 ad essere fedeli alle piB s@ariate religioni9 ad ela"orare complicatissimi sistemi teologici9 sfruttando tutte le nostre energie9 in@ece di pensare a come com"attere la fame9 una piaga purtroppo ancora attualeG a guadagnarci la T@ita eternaT9 soffrendo in <uesta con penitenze9 pri@azioni9 rinunce e de@ozioniG ci hanno tenuto occupati ad ucciderci a @icenda in difesa della patria o della religioneG ci hanno ridotto a dei complessati con la credenza che <uesto mondo ! una @alle di lacrime e solo un passaggio per un altro. (e lingue9 le patrie9 le religioni9 le guerre sono stati i mezzi dei <uali gli dei si sono a@@alsi per ingannarci9 di@iderci e lottare senza sosta9 in modo che non ci capissimo e non unissimo i nostri sforzi fisici e mentali per intraprendere il cammino di una e@oluzione @eramente umana. CiD che ci necessit> ! la possi"ilit> di s@iluppare una moralit> umana9 o@@ero dei principi morali adatti alle nostre necessit> e che ci portino ad essere piB responsa"ili9 piB e@oluti9 meno disumanizzati e piB in armonia con noi stessiG do""iamo tro@are le nostre strade di maturazione autonoma per lAuomo nuo@o del futuro. Ci do""iamo difendere dagli dei perch! non ci lasciano essere uomini li"eri e razionali e la pro@a sta nellAorrenda storia umana9 @ogliono che continuiamo ad essere loro schia@i incoscienti e sottomessi perch! ci temono come ri@ali nel dominio del pianeta. 0on dimentichiamo la scena "i"lica e mitologica del aradiso terrestre9 tenuto conto che i miti sono spesso la storia distorta dellAinter@ento degli dei nella @ita dei popoli antichi8 T0on @oglio che mangiate dallAal"ero della &apienza perch!9 se mangerete9 sarete come deiT. 0on rendendosi conto di <uesto9 lAumanit> continuer> ad essere una umanit> "am"ina. :uesta conoscenza e <uesta ri"ellione sono lo sradicamento della @ecchia teologia 9 <uella degli dei9 che cerca@a Dio per adorarlo ad accatti@arselo e che ! risultata essere inganne@ole e dannosa per gli esseri umani. (a nuo@a teologia9 che studia gli dei per smascherarli9 ! <uella @era. Con <uesta nuo@a teologia lAuomo occuper> il posto che gli spetta nellA6ni@erso e smetter> di considerarsi un po@ero schia@o peccatore9 esiliato in <uesta @alle di lacrime che9 disperatamente9 cerca <ualcuno che lo redima e lo sal@i da una eterna condanna.

Come possiamo difenderci dagli dei?


&e certi dei decidono di interferire nella @ita di un uomo9 lAuomo non a@r> praticamente nessun mezzo per impedirlo e sar> alla merc! del dio e di ciD che @orr> fare di lui. Tutte le religioni hanno cercato di su"limare <uesto fatalismo9 o di spiegarlo in mille modi9 ma non sono state capaci di e@itarlo perch! gli dei che in@ocano9 per <uanto si presentino come TpadriT o T"enefattoriT9 sono esattamente gli stessi che lo pro@ocano e sono sempre loro che9 di @olta in @olta9 ci mandano <ualche Tsal@atoreT che ci fa tirare a@anti9 perpetuamente9 la nostra condizione di #1

--- Difendiamoci dagli Dei --sottomissione senza @ie dAuscita. -li dei9 a malapena9 sAinteressano della @ita pri@ata degli uomini e rare @olte interferiscono con <ualcuno in particolare. &Ainteressano molto dellAumanit> considerata come un tutto9 o perlomeno9 in grandi gruppi sociali omogenei9 ma sAinteressano poco ai singoli indi@idui9 se non a <uelli che possono esercitare una note@ole influenza su molta gente. Come ho gi> detto tante @olte9 il miglior modo di studiare9 in modo panoramico9 il rapporto degli dei con gli uomini ! comparandolo con <uello che a""iamo noi con gli animali. Infatti non ! che9 in generale come umanit>9 ci preoccupiamo tanto di un singolo maiale o di una singola mucca9 "ensH operiamo per migliorarne la razza affinch! ci dia il miglior rendimento. In ogni caso9 do""iamo sempre a@ere presente che noi <ui nella materia terrestre siamo nel nostro elemento naturale9 loro no9 per cui non ! automatica e assoluta la loro interferenza nella @ita indi@iduale ed ! "ene conoscere e seguire le regole con le <uali ci ! possi"ile impedire la loro Tin@asioneT psichica manipolatoria inconsape@olmente. 0on do""iamo trascendere i limiti del nostro am"iente umanoG in altre parole9 non do""iamo cercare di entrare nel loro territorio con trance di <ualun<ue tipo9 in luoghi particolari9 con la mente caricata con riti magici e religiosi Knon dimentichiamo che la magia ! lAaltra faccia della religioneL9 o non sottoporsi alle radiazioni anomale di certi predicatoriG ecc. 0on consegnare mai la propria mente nelle mani di altri. (a mente de@e essere sempre li"era e disponi"ile al ser@izio dellAessere umano Il fatto di Tnon consegnare la menteT ha una enorme importanza in <uesti tempi nei <uali le grandi masse ur"ane e le societ> in generale sono plagiati come greggi dagli onnipotenti mezzi di comunicazione di massa come radio e tele@isione9 maneggiati astutamente dai professionisti della manipolazione mentale. &i de@e tenere sempre la mente in stato di allerta e non consegnarla mai nC ai leaders religiosi9 nC ai leaders politici9 nC agli idoli dello sport e dello spettacolo9 nC ai grandi medici e9 meno che mai9 a spiriti o esseri so@raumani. Tutti possono s"agliare e tutti9 ad un determinato momento anche se non @olontariamente9 possono agire nel loro interesse approfittando della nostra credulit>. (a mente di ogni indi@iduo9 o meglio la coscienza9 de@e essere sempre lAultimo giudice delle proprie azioniG consegnarla ad un altro o seguire ciecamente ciD che ci dice9 ! un suicidio mentale che si oppone diametralmente al grande comandamento dellAe@oluzione che ! una legge fondamentale del Cosmo. 0on in@ocare nessuno. 0on e@ocare nessuno per adorarlo. 0on prostrarti da@anti a nessun diopersona o dio-cosa per rendergli culto o cele"rare riti Il @ero Dio dellA6ni@erso9 la &uprema Intelligenza9 totalmente inconosci"ile nella sua interezza dalla mente umana9 non esige che le sue creature gli rendano costantemente adorazioneG continua nella sua intermina"ile impresa di creare9 compiacendosi nel @eder e@ol@ere le sue creature secondo la loro natura9 senza lAo""ligo che si ri@olgano continuamente a (ui per ringraziarlo o per supplicarlo di non essere condannate ad un castigo eterno. (a migliore adorazione che possiamo rendere al @ero Dio ! lAuso corretto delle creature della natura9 cosa che nel Cristianesimo9 ! stata disprezzata poich! secondo il punto di @ista dei dottrinari #2

--- Difendiamoci dagli Dei --cristiani9 lAa"uso non riguarda la religione. Il rispetto della @ita9 comun<ue <uesta si manifesti !9 in alcune religioni orientali9 uno dei comandamenti fondamentali. 0el Cristianesimo <uesto rispetto si applica solo alla @ita umana9 nel caso dellAa"orto in particolare9 sal@o la eliminazione fisica di tutti i @i@i che9 nel corso dei secoli9 sono stati considerati nemici9 scismatici e eretici. :uando sAin@oca <ualcuno si sta propiziando la sua presenzaG da un lato lo si ris@eglia e9 in molti casi9 ! lAenergia mentale degli in@ocatori stessi che fortifica intensamente la sua capacit> di manifestarsiG dallAaltro lato9 perD9 si de"ilita la propria psiche9 diminuendo la resistenza alle influenze esterne e condizionandola a rice@ere supinamente il TmessaggioT dellAentit> di@ina. :uando dico Tnon in@ocareT9 Tnon prostrarti in adorazioneT non sto in nessun modo propugnando lAateismoG sto solo solo cercando di ele@are lAuomo ad un li@ello di maturit> spirituale. (Auomo cerca ed ha sempre cercato la Causa &uprema9 il @ero DI) e le di@erse religioni gli hanno propinato una immagine distorta di <uesto Dio9 personalizzata in <ualche essere che "eneficia@a delle in@ocazioni dei mortali9 approfittando dellAenergia che rice@e@a da loro per manifestarsi ed agire nella nostra dimensione. 6n esempio della pericolosit> di <ueste in@ocazioni generiche consiste nel gioco9 apparentemente leggero o ameno9 della ta@ola Ouija9 in cui si in@itano a manifestarsi entit> sconosciute. Come si ! gi> detto9 @i sono fra loro molte piB differenze che fra gli esseri umani e9 in <ueste in@ocazioni9 ! molto pro"a"ile che le piB e@olute non rispondano perch! non sono interessateG mentre le meno e@olute o le meno intelligenti si presentino9 magari per curiosit> nei nostri confronti o per gioco9 esponendo gli in@ocanti a <ualsiasi interferenza. Il mero fatto dellAin@ocazione ! ciD che d> loro animo ed energia fisica per manifestarsi cio! fare il salto della "arriera che li di@ide dal nostro mondo con conseguenze per gli umani spesso assai negati@e. (e difficolt> che <uesti esseri meno e@oluti incontrano nel TsaltareT nella nostra dimensione9 le incontriamo anche noi e9 pro"a"ilmente anche maggiori9 <uando saltiamo nella loro9 aiutandoci con particolari esercizi mentali e fisici o con lAassunzione di droghe. er ultimo9 diciamo anche che colui che in@oca si presta ad essere TinfestatoT9 come si dice in certi am"ienti di iniziatiG cio! il dio puD installarsi in modo continuati@o nella mente e nella psiche di <uel soggetto9 attingendo energia9 prana come e <uando @uole senza piB "isogno di essere e@ocato. In <uesti casi9 che sono molto piB fre<uenti di <uello che si crede9 la persona cade @ittima di de"olezze e infermit> piB o meno gra@i9 contro le <uali potranno fare poco sia lei stessa che i medici Dai miei studi ho appreso che tutti i mistici del Cristianesimo hanno sofferto di <ueste infermit>G i loro "iografi e le loro auto"iografie ci dicono chiaramente che Til &ignore li fa soffrire per il perfezionamento e la sal@ezza di altre animeT9 secondo la teologia ascetica. 6n mistico in estasi Kdi <ualsiasi religioneL9 con la sofferenza e la felicit> riflesse simultaneamente sul suo @iso9 sono il momento culminante della relazione fra un dio minore e un mortaleG il dio tormenta lAessere umano che gli si ! consegnato e gli offre con piacere il suo dolore. In cam"io9 il dio gli fornuisce una specie di orgasmo psichico perch! il mistico non si scoraggi ed il suo cer@ello continui ad emettere le @i"razioni che tanto gli aggradano.

#3

--- Difendiamoci dagli Dei --0on offrire il tuo doloreG non offrirti di soffrireG rifiuta il dolore per il dolore e non cercarlo maiG ri"ellati contro il TsacroT masochismo. erch! in tutte le religioni il dolore9 la rinuncia e il sacrificio giocano un ruolo cosH importante? erch!9 secondo i leaders religiosi di tutti i tempi9 noi uomini do""iamo sacrificarci per i di@ersi dei in cui crediamo e do""iamo sacrificare anche gli animali? (Aunica spiegazione al mistero del dolore ! che il ,ero DI) non @uole il dolore umano9 gli dei lo @ogliono perch! ne traggono "eneficio. urtroppo gli uomini confondono gli dei con la &uprema .nergia 6ni@ersale e si sentono o""ligati al tri"uto della immolazione della @ita. arafrasando la frase di Cristo8 TDo@un<ue ci sono cada@eri9 lH si riuniscono gli a@@oltoiT9 possiamo dire8 TDovunque c', del dolore umano, l$ transitano gli deiT. -li a"ituali a@@istamenti di 6?) nelle grandi catastrofi9 fre<uenti dopo i terremoti e nelle guerre Kin <uella recente delle *al@ine ci fu una grande atti@it> ufologica o i misteriori ?oo fighters della guerra di CoreaL sono fatti che do@re""ero farci riflettere9 compresi gli ufologi TmiopiT che o non li conoscono9 o preferiscono non tenerne conto perch! contraddicono la loro teoria sulla "ont> dei nostri @isitatori. &i tro@ano lH in <uel preciso momento perch! o sono gli autori dellAaccadimento9 anche se molte @olte lo fanno apparire come naturaleG o sono accorsi @elocemente9 dopo <ualche cataclisma @eramente naturale9 per trarne in <ualche modo i loro "enefici. rescindere da dogmi e ritiG mettere da parte le credenze tradizionali che hanno a che @edere con lAaldil> e con il modo di concepire <uesta @ita ?inch! gli esseri umani rimarranno ancorati ai comandamenti-capriccio dei di@ersi dei9 nei <uali attualmente credono9 e finch! continueranno a pensare che <uesti comandamenti sono superiori alla ragione e al "uon senso9 saranno sempre la loro facile preda. + forza di ammettere9 generazione dopo generazione9 come T@olont> di DioT9 a"errazioni che @anno contro il normale "uon senso e contro i piB elementari giudizi della ragione9 lAumanit> ! arri@ata ad accettare e a fare propri dogmi ed enunciazioni assurdi. ?inch! lAuomo non li"erer> la sua mente da <ueste assurdit>9 sar> incapace di e@ol@ere ed occupare su <uesto pianeta e nel Cosmo il posto che gli spetta come essere razionale. .liminare il trauma8 (i"erare lAanima da tutte le paure9 le angustie e le deformazioni che le erronee credenze religiose Kin ultima analisi9 gli deiL ci hanno inculcato nel corso dei secoli e nel corso della nostra @ita (e nostre menti sono inferme e la capacit> di pensare o"ietti@amente ! seriamente compromessa in tutta la razza umana in modo ereditario e <uesto ! do@uto al fatto che9 nellAinfanzia di tutte le razze9 gli dei ci spa@entarono e ci inculcarono il complesso del non poter fare9 del non saper fare9 di non a@ere @alore9 sicch! a@e@amo "isogno di loro e do@e@amo mettere la nostra @ita al loro ser@izio. In conseguenza di ciD9 lAumanit> ha sprecato9 nel corso dei secoli9 gran parte delle proprie energie a Tser@ire DioT9 piuttosto che a migliorare se stessa e il pianeta9 a@endo @issuto una storia disastrosa e orrenda. (e nostre menti sono @eramente malate9 tanto ! @ero che non riusciamo a metterci dAaccordo e @i@ere in pace e giustizia per tutti e a tutti i li@elliG anzi9 sem"ra che sia in aumento una ##

--- Difendiamoci dagli Dei --programmazione genetica che ci o""liga a guerreggiare e a @i@ere in perpetua discordia. .A piB che mai necessario ed urgente che le sottomettiamo ad un processo di catarsi profonda. :uesta pulizia de@e iniziare da tutti i falsi assiomi che9 pro"a"ilmente9 sono inseriti in noi ancor prima della nascita e che ci tolgono la capacit> di pensieri e scelte consape@oli che possono guidarci alla tappa e@oluti@a di superuomini. Istituire un nuo@o ordine di @alori. )rganizzare nuo@e priorit> nella nostra @ita9 non per esaudire i desideri di <ualsi@oglia dio9 "ensH per le necessit> del genere umano Il ris@eglio della coscienza umana comporta una maturit> grazie alla <uale ci sentiamo capaci di assumere le nostre responsa"ilit>9 senza do@er sempre dipendere dai Trappresentanti di DioT (a sacralit>9 con cui le autorit> religiose hanno ri@estito molte cose e atti della @ita umana9 @err> meno <uando gli uomini comprenderanno <uale sia la sua @era funzione e se la scrolleranno dalle spalle. (Aunica cosa sacra della Terra ! la ,ita stessa e la sua retta e@oluzione per gli esseri umani e per tutte le altre creature del pianeta9 essendo lAunica @olont> del ,ero DI)9 la grande Intelligenza che regge il Cosmo.

Dobbiamo cambiare radicalmente la nostra idea di Dio


:uesto ! importantissimo ed ! la conclusione di tutta la trasformazione che lAumanit> de@e conseguire nei prossimi decenni. (a mera parola TDioT costituisce un @ero pro"lema per la teologia e i teologi piB esperti9 seppure rari9 che ne stanno prendendo atto. Do""iamo tenere presente che tutte le idee e i concetti religiosi sono opera dellAuomo e non di Dio e9 come ! naturale9 lAuomo mescola e rispecchia nelle idee religiose la sua ignoranza9 i suoi insuccessi e i suoi limiti9 il cui sintomo primario ! proprio la definizione di TDioT Io credo che ci sia un DI)9 lA.ssenza del Cosmo9 che non ha niente a che @edere con il dio e"raicocristiano e di altre religioni. +l"ert .instein si esprime cosH sullAargomento8 T%n un certo senso mi considero un uomo profondamente religioso; per& mi risulta impossibile immaginare un Dio che ricompensi o castighi le sue stesse creature o che, in altre parole, abbia una volont simile alla nostraT da8 T (a mia @isione del mondoT In altra parte dice8 T T da 8 TIdee e opinioniT .instein parla ripetutamente dellAargomento che definisce Treligiosit> cosmicaT9 difficile da comprendere perch! da essa non scaturisce un concetto antropomorfico di Dio. T... .A uno stadio dellAesperienza religiosa che riescono a superare solo certe societ> e certi indi@idui particolarmente dotatiT da8 T(a mia @isione del futuroT. Il dio @endicatore9 il dio iracondo9 il dio che sAincapriccia di un popolo e maltratta gli altri9 il dio che lascia morire di fame milioni di persone9 il dio nel cui nome si face@ano guerre9 si con<uista@ano imperi e continenti9 il dio la cui fede era imposta con la spada e difesa con il rogo9 il dio che gode@a della pompa magna dei suoi rappresentanti9 il dio che Tispira@aT i suoi profeti a maledire e a lanciare anatemi su chi la pensa@a di@ersamente9 il dio che ci impone la croce e la sofferenza come #'

--- Difendiamoci dagli Dei --unici mezzi per arri@are a lui9 il dio che castiga <uesta po@era om"ra chiamata uomo9 <uesto dio ! una minaccia per lAumanit>9 non ha alcuna spiegazione logica9 solo un insulto alla intelligenza umanaG <uesto ! un dio che sta morendo nellAattualit> e nella coscienza dellAuomo. (a mente dellAuomo dAoggi sta facendo un enorme sforzo per concepire una immagine di Dio che sia attinente alla realt> cosmica9 una idea nella <uale Dio non sia tanto umanizzato e tanto distorto. Dio pulsa nellA6ni@erso che ci circonda ed ! troppo grande per essere recepito dalla nostra menteG tutta@ia do""iamo concepirlo in noi stessi come )nnipotenza9 )rdine9 -randiosit>9 (uce9 ;ellezza e +more8 noi siamo suoi figli e partecipiamo alla &ua Di@init>.

Sarete come dei


:uesta famosa frase "i"lica9 che ci fu sempre presentata come una menzogna con la <uale &atana9 nellA.den9 tentD di ingannare lAuomo9 alla luce di <uesto nuo@o modo di @edere le cose9 risulta essere una grande @erit> e una indicazione da seguire se lAumanit> @orr> superare il pericoloso stato in cui si tro@a attualmente. (a teologia cristiana classica ci dice che (ucifero si ri"ellD contro 2ah@C e fu sconfittoG pieno di ra""ia nei confronti del @incitore9 con <uesta frase suggerH alla prima coppia umana di trasgredire lAordine di Dio di non mangiare i frutti TdellAal"ero del "ene e del maleT9 dicendo loro Tse ne mangerete9 di@errete come luiT :uesta frase ! la preziosa confidenza che un falso dio9 (ucifero9 ci fece per @endicarsi di un altro falso dio9 2ah@C9 che lo a@e@a @into dopo una fiera "attaglia la cui @ittoria a@re""e a@uto come premio il dominio sulla razza umana. In @erit>9 lAosser@anza coatta dei comandi ha "loccato la nostra e@oluzione9 ci ha tenuti schia@i9 pri@i di consape@olezza. (e lotte di supremazia fra gli dei si sono concretizzate sulla Terra nella spa@entosa storia dellAumanit>9 piena di guerre e sangue fra gli esseri umani di tutti i tempi9 camuffate da comandamenti religiosi impartiti ai @ari popoli. :uelli che hanno comandamenti di@ersi si com"attono per distruggere TlAinfedeleT o il TpaganoTG <uelli che li hanno uguali lo fanno per com"attere TlAereticoT. . <uando non "astano i moti@i religiosi9 entrano in campo tutte le altre strategie che a""iamo @isto nelle pagine precedenti. (a triste @erit> ! che noi uomini9 in@ece di e@ol@ere secondo una linea autenticamente umana9 nella <uale a poco a poco a@remmo perfezionato la nostra natura e le nostre capacit> corporali e spirituali9 a""iamo passato i secoli a ser@ire i nostri rispetti@i dei9 spendendo in loro onore il meglio della nostra ricchezza e della nostra energia fisicaG impiegando nellAadorazione e nellAesaudimento dei loro desideri9 il meglio delle nostre capacit> intellettuali e spirituali. )gni @olta che entriamo in una delle nostre mera@igliose cattedrali9 do@remmo tenere presente che simili montagne di pietra9 la@orata con arte e maestra9 che oggi ci stupiscono9 hanno richiesto un enorme impegno fisico ed economico totalmente sproporzionato alle condizioni di @ita degli uomini che le hanno realizzate. In <uellAepoca9 la fame e le pestilenze dimezza@ano le popolazioni europeeG #6

--- Difendiamoci dagli Dei --perD la mente umana9 accecata dal fanatismo religioso9 in@ece di dedicarsi a @incere <ueste piaghe sociali9 dedica@a tutte le sue energie a Tfare una casa degna a DioT... come se lAautore della @olta celeste necessitasse di una casaV er <uesto ! giunta lAora di s@egliarci. Capisco che le idee che sto propugnando sono molto difficili da accettare e condi@idere in <uanto @anno contro il modo di pensare che ! profondamente radicato nel nostro essere. )gni uomo ! aggrappato alle sue credenze9 alle sue tradizioni9 alla sua cultura9 alla sua razza9 alla sua patria9 alla sua lingua9 senza rendersi conto che <ueste cose TimportantissimeT sono le stesse che9 in realt>9 di@idono lAumanit> e le impediscono di essere felice. ochissimi9 nella generalit>9 sono disposti a prescindere da <uesti T@aloriT perciD il farlo @iene giudicato un tradimento dei Tprincipi etici fondamentaliT. :uesto ! lAinganno magistrale in cui ci hanno fatto cadere gli dei8 farci credere che ciD che ci distrugge ! TsacroT e intocca"ile9 cosH che non cA! molta speranza che <ueste idee siano accolte dalla maggioranza dellAumanit> in tempi "re@i. Ciononostante9 in tutto il mondo stanno aumentando le persone in cui <ueste idee fanno presaG si puD dire che le nuo@e generazioni @engono9 in un certo modo9 predisposte ad accogliere <ueste nuo@e forme di pensiero e a lasciarsi alle spalle "uona parte delle sacre tradizioni ereditate. Il giorno in cui tutti i gio@ani del mondo rifiuteranno di arruolarsi negli eserciti per uccidere fratelli umani9 ai politicanti paranoici e ai generali patriottici sar> molto difficile organizzare <uesto gioco mortale che ha afflitto finora lAumanit>. &tiamo iniziando la prima tappa che consiste nello s@egliarci da un sonno secolare e non do""iamo stupirci se ci sia una grande resistenza9 soprattutto dei politici con interessi consolidati. :uando ci si s@eglia da un lungo e profondo sonno9 sAimpiega del tempo a rendersi conto della realt> circostanteG ma9 dopo a@erlo fatto9 saremo in grado di pianificare la nostra e@oluzione su una linea completamente umana9 ponendoci come meta il nostro perfezionamento fisico9 psicologico e spirituale di modo che9 in un futuro non troppo lontano9 conseguiremo il rango a cui siamo destinati nella posizione della nostra scala cosmica. erch! lAuomo ha dentro di s! un seme che de@e far germogliare per continuare la sua ascensione @erso il posto che gli spetta nellA6ni@erso9 li"ero dalla schia@itB a cui lo hanno sottomesso altri esseri TsuperioriT. .@ol@iamo razionalmente senza paura. Do""iamo e@ol@ere intellettualmente9 ampliando ogni giorno le nostre conoscenze per poter comprendere meglio il nostro mondo e lAuni@erso che lo circondaG moralmente9 migliorandoci ogni giorno9 essendo piB rispettosi dei diritti di tutti e del retto ordine della 0aturaG cooperatori della giustizia e del "ene per tutta lAumanit>G esteticamente9 cam"iando i nostri gusti primiti@i e materialisti con altri degni di menti piB e@olute. 0on solo si de@e amare la ;ellezza9 ma si de@e anche cercare di crearla9 ognuno secondo le proprie forze e la si de@e godere. Infatti9 <uesto mondo ! un gradino dellAinfinito ascendere di tutto lA6ni@erso9 dal meno perfetto al piB perfettoG a""elliamo pertanto il nostro mondo e la nostra @ita9 godiamone come rendimento di grazie alla grande Intelligenza dellA6ni@erso.

#$

--- Difendiamoci dagli Dei ---

IL DIO MALVAGIO DELLANTICO TESTAMENTO YAHVE / GEOVA & LO GNOSTICISMO


(a ;i""ia e"raica dei giudei e il 0uo@o Testamento dei cristiani sono due li"ri profondamente di@ersi9 scritti con propositi politici9 oltre che religiosi9 molto differenti. In un tempo in cui la religione ! @enuta a occupare un posto centrale nella nostra arena politica9 la pro@ocatoria conclusione di ;loom9 secondo la <uale non esiste una tradizione giudaico-cristiana9 dato che le storie9 gli d!i e persino i testi sacri degli e"rei e dei cristiani sono tra loro incompati"ili9 spinge i lettori a ri@edere tutto ciD che era ritenuto un patrimonio comune alle due fedi. T7+TT) D+((+ 7.C.0&I)0. D.( (I;7) -.&6/ 5 2+3,./ K(a frattura originaria tra ."raismo e CristianesimoL di 3+7)(D ;())* F &e uno far> una lesione al suo prossimo9 si far> a lui come egli ha fatto all/altro8 frattura per frattura9 occhio per occhio9 dente per denteG gli si far> la stessa lesione che egli ha fatta all/altro E. K (e@itico 2#81QL *.0T7. I( DI) D.-(I .;7.I 2+3,./ )7DI0+ *+&&+C7I .D ./ 60 DI) -.()&) . ,.0DIC+TI,) 9 I( C7I&T) 7.DIC+ (/+*)7. . I( .7D)0). F +@ete inteso che fu detto8 )cchio per occhio e dente per denteG ma io @i dico di non oppor@i al mal@agioG anzi se uno ti percuote la guancia destra9 tu porgigli anche l/altra E. K *atteo '838-3QL

IL DEMIURGO UN DIO DI VENDETTA! CREATORE DELLA MATERIA E "RINCI"E DI #UESTO MONDO


-ran parte delle sette gnostiche teorizza@ano che il mondo fosse stato creato non da Dio9 ma da eoni che9 nel loro complesso forma@ano il leroma. -li eoni9 in molti sistemi gnostici9 rappresentano le @arie emanazioni del Dio primo9 noto anche come l/6no9 la *onade9 +ion Teleos Kl/.one erfettoL9 ;Sthos Kgreco per rofondit>L9 roarMhe Kgreco per rima dell/InizioL9 +rMhe Kgreco per InizioL.

#8

--- Difendiamoci dagli Dei --:uesto primo essere ! anch/esso un eone e contiene in se un altro essere noto come .nnoia Kgreco per ensieroL9 o Charis Kgreco per -raziaL9 o &ige Kgreco per &ilenzioL. (/essere perfetto9 in seguito9 concepisce il secondo ed il terzo eone8 il maschio Caen Kgreco per otereL e la femmina +Mhana K,erit>9 +moreL. :uando un eone chiamato &ophia emanD senza il suo eone partner9 il risultato fu il Demiurgo9 o mezzo-creatore Knei testi gnostici a @olte chiamato 2alda ;aoth9 o 7e= *undi per i CatariL9 una creatura che non sare""e mai do@uta esistere KIl Dio degli ."rei 2+3,./L. :uesta creatura K2+3,./4-.),+L non appartene@a al pleroma9 e l/6no emanD due eoni9 Cristo e lo &pirito &anto9 per sal@are l/umanit> dal Demiurgo. Cristo prese poi la forma della creatura umana -esB in modo da poter insegnare all/umanit> la @ia per raggiungere la gnosi8 il ritorno al pleroma. In un passo del ,angelo di -iuda KTesto -0)&TIC) considerato + )C7I?)L9 -esB deride i discepoli che pregano l/entit> che loro credono essere il @ero Dio K2+3,./4-.),+L9 ma che ! in realt> il mal@agio Demiurgo. -li gnostici ofiti9 o naaseni @enera@ano il serpente9 perchC9 come narrato nella -enesi K391L9 era stato mandato da &ophia per indurre gli uomini a nutrirsi del frutto proi"ito della conoscenza per ac<uisire una consape@olezza almeno pari a <uella del loro creatore.

LA MAL A!I"A# D$L DIO $%&AICO


I0 :6.&T) & +II) 3) *.&&) &)(+*.0T. 60+ *I0I*+ +7T. D.((+ *+(,+-IT+/ EDI,I0+F D.( DI) D.-(I .;7.I CIT+T) 0.((/+0TIC) T.&T+*.0T) 8 Y F 0essuna persona @otata allo sterminio potr> essere riscattataG do@r> essere messa a morteF. K (e@itico 2$92QL Y F erchC io il &ignore tuo Dio sono un Dio geloso9 che punisce la colpa dei padri nei figli fino alla terza e alla <uarta generazione per <uanti mi odiano9 ma usa misericordia fino a mille generazioni @erso coloro che mi amano e osser@ano i miei comandamenti E. K Deuteronomio '8QL Y F Io la ridurrD a dominio dei ricci9 a palude stagnanteG la scoperD con la scopa della distruzione 1 oracolo del &ignore degli esercitiF. K Isaia 1#83L Y F oichC il faraone si ostina@a a non lasciarci partire9 il &ignore ha ucciso ogni primogenito nel #Q

--- Difendiamoci dagli Dei --paese d/.gitto9 i primogeniti degli uomini e i primogeniti del "estiame. er <uesto io sacrifico al &ignore ogni primo frutto del seno materno9 se di sesso maschile9 e riscatto ogni primogenito dei miei figli. :uesto sar> un segno sulla tua mano9 sar> un ornamento fra i tuoi occhi9 per ricordare che con "raccio potente il &ignore ci ha fatti uscire dall/.gitto E. K .sodo 1381'L Y F .cco9 io KDioL spezzerD il @ostro "raccio e spanderD sulla @ostra faccia escrementi9 gli escrementi delle @ittime immolate nelle @ostre solennit>9 perchC siate spazzati @ia insieme con essi. K *alachia 283L Y F poichCJ hai insultato il &ignore9 il figlio che ti ! nato do@r> morireFJ Il &ignore dun<ue colpH il "am"ino che la moglie di 6ria a@e@a partorito a Da@ide ed esso si ammalD gra@ementeJ il settimo giorno il "am"ino morH E. K 2 &amuele 1281#L Y F (a @ittima9 perchC sia gradita9 do@r> essere perfetta8 senza difetti. 0on offrirete al &ignore nessuna @ittima cieca o storpia o mutilata o con ulceri o con la sca""ia o con piaghe purulenteG non ne farete sull/altare un sacrificio consumato dal fuoco in onore del &ignore E. K (e@itico 22821L Y F Il &ignore disse a *os!8 ZCompi la @endetta degli Israeliti contro i *adianiti9 poi sarai riunito ai tuoi antenati[. *arciarono dun<ue contro *adian come il &ignore a@e@a ordinato a *os!9 e uccisero tutti i maschiJ -li Israeliti fecero prigioniere le donne di *adian e i loro fanciulli e depredarono tutto il loro "estiame9 tutti i loro greggi e ogni loro "eneG appiccarono il fuoco a tutte le citt> che <uelli a"ita@ano e a tutti i loro attendamenti e presero tutto il "ottino e tutta la preda9 gente e "estiame E. K 0umeri 31-$L Y F &e uno far> una lesione al suo prossimo9 si far> a lui come egli ha fatto all/altro8 frattura per frattura9 occhio per occhio9 dente per denteG gli si far> la stessa lesione che egli ha fatta all/altro E. K (e@itico 2#81QL Y F \Dio] .""ene anch/io agirD con furore. Il mio occhio non s/impietosir>G non a@rD compassione8 manderanno alte grida ai miei orecchi9 ma non li ascolterDF. K .zechiele 8818L Y F +llora il &ignore fece marciare contro di loro il re dei Caldei9 che uccise di spada i loro uomini '%

--- Difendiamoci dagli Dei --migliori nel santuario9 senza piet> per i gio@ani9 per le fanciulle9 per gli anziani e per le persone canute. Il &ignore mise tutti nelle sue mani. :uegli portD in ;a"ilonia tutti gli oggetti del tempio9 grandi e piccoli9 i tesori del tempio e i tesori del re e dei suoi ufficiali. :uindi incendiarono il tempio9 demolirono le mura di -erusalemme e diedero alle fiamme tutti i suoi palazzi e distrussero tutte le sue case piB eleganti E. K 2 Cronache 3681$L Y F &e un uomo a@r> un figlio testardo e ri"elle che non o""edisce alla @oce nC di suo padre nC di sua madre e9 "enchC l/a""iano castigato9 non d> loro retta9 suo padre e sua madre lo prenderanno e lo condurranno dagli anziani della citt>9 alla porta del luogo do@e a"ita9 e diranno agli anziani della citt>8 :uesto nostro figlio ! testardo e ri"elleG non @uole o""edire alla nostra @oce9 ! uno sfrenato e un "e@itore. +llora tutti gli uomini della sua citt> lo lapideranno ed egli morir>G cosH estirperai da te il male e tutto Israele lo sapr> e a@r> timore E. K Deuteronomio 21818L Y dice il &ignore Dio8 E.cco9 io manderD contro di te una spada ed eliminerD da te uomini e "estie. (/.gitto di@enter> un luogo desolato e deserto e sapranno che io sono il &ignoreJF. K .zechiele 2Q88L Y EJcom/! @ero ch/io @i@o 1 dice il &ignore Dio 1 ti a""andonerD al sangue e il sangue ti perseguiter>G tu hai odiato il sangue e il sangue ti perseguiter>JF. K .zechiele 3'86L Y F &e uno commette adulterio con la moglie del suo prossimo9 l/adultero e l/adultera do@ranno esser messi a morte E. K (e@itico 2%81%L Y Il "astardo \figlio di genitori non sposati] non entrer> nella comunit> del &ignoreG nessuno dei suoi9 neppure alla decima generazione9 entrer> nella comunit> del &ignore E. K Deuteronomio 2383L Y F &e uno ha rapporti con un uomo come con una donna9 tutti e due hanno commesso un a"ominioG do@ranno essere messi a morteG il loro sangue ricadr> su di loro E. K (e@itico 2%813L Y dice il &ignoreJ F .gli li passer> a fil di spadaG non a@r> piet> di loro9 non li perdoner> nC risparmier> E. K -eremia 218$L Y E erchC noi stiamo per distruggere <uesto luogo il grido innalzato contro di loro da@anti al '1

--- Difendiamoci dagli Dei --&ignore ! grande e il &ignore ci ha mandati a distruggerliF. (ot uscH a parlare ai suoi generi9 che do@e@ano sposare le sue figlie9 e disse E+lzate@i9 uscite da <uesto luogo9 perchC il &ignore sta per distruggere la citt>VF. K -enesi 1Q813L Y EJdice il &ignore8 EDe@astato sar> tutto il paeseG io compirD uno sterminio. ertanto la terra sar> in lutto e i cieli lassB si oscureranno9 perchC io l/ho detto e non me ne pento9 l/ho sta"ilito e non ritratterDF. K -eremia #82$L Y E ertanto9 dice il &ignore Dio8 E.cco il mio furore9 la mia ira si ri@ersa su <uesto luogo9 sugli uomini e sul "estiame9 sugli al"eri dei campi e sui frutti della terra e "rucer> senza estinguersiF. Dice il &ignore degli eserciti9 Dio di Israele8 E+ggiungete pure i @ostri olocausti ai @ostri sacrifici e mangiatene la carneVF. K -eremia $82%L Y EJcosH dun<ue dice il &ignore degli eserciti8 E.cco9 li punirD. I loro gio@ani moriranno di spada9 i loro figli e le loro figlie moriranno di fame. 0on rimarr> di loro alcun superstite9 perchC manderD la s@entura contro gli uomini di +natDt nell/anno del loro castigoF. K -eremia 11822L Y Dice il &ignore Dio8 Com/! @ero ch/io @i@o9 <uelli che stanno fra le ro@ine periranno di spadaG darD in pasto alle "el@e <uelli che sono per la campagna e <uelli che sono nelle fortezze e dentro le ca@erne moriranno di pesteJ K .zechiele 3382$L Y F ,idi il &ignore che sta@a presso l/altare e mi dice@a8 E ercuoti il capitello e siano scossi gli architra@i9 spezza la testa di tutti e io ucciderD il resto con la spada E. K +mos Q81L Y F Chi "estemmia il nome del &ignore do@r> essere messo a morte8 tutta la comunit> lo do@r> lapidareJF. K (e@itico 2#816L Y F Ji sacerdoti spargeranno il sangue attorno all/altare. Di <uesto sacrificio di comunione offrir> come sacrificio consumato dal fuoco in onore del &ignore il grasso che a@@olge le @iscere e tutto <uello che @i ! sopra9 i due reni con il loro grasso e il grasso attorno ai lom"i e al lo"o del fegato9 che distaccher> al di sopra dei reniG i figli di +ronne lo "ruceranno sull/altare9 sopra l/olocausto9 posto sulla legna che ! sul fuoco8 ! un sacrificio consumato dal fuoco9 profumo soa@e per il &ignore E. '2

--- Difendiamoci dagli Dei --K (e@itico 382L Y F @engo a te nel nome del &ignore degli eserciti9 Dio delle schiere d/Israele9 che tu hai insultato. In <uesto stesso giorno9 il &ignore ti far> cadere nelle mie mani. Io ti a""atterD e staccherD la testa dal tuo corpo e getterD i cada@eri dell/esercito filisteo agli uccelli del cielo e alle "estie sel@aticheG tutta la terra sapr> che @i ! un Dio in Israele E. K1 &amuele 1$8#'L Y F Ti a""andonerD nelle loro mani e distruggeranno i tuoi postri"oli9 demoliranno le tue altureG ti spoglieranno delle tue @esti e ti toglieranno i tuoi splendidi ornamenti8 ti lasceranno scoperta e nuda. oi ecciteranno contro di te la folla9 ti lapideranno e ti trafiggeranno con la spada. Incendieranno le tue case e sar> fatta giustizia di te sotto gli occhi di numerose donne8 ti farD smettere di prostituirti e non distri"uirai piB doni. :uando a@rD saziato il mio sdegno su di te9 la mia gelosia si allontaner> da teG mi calmerD e non mi adirerD piB E. K .zechiele 1683QL Y F CosH dice il &ignore Dio8 .ccomi contro di te. &guainerD la spada e ucciderD in te il giusto e il peccatore. &e ucciderD in te il giusto e il peccatore9 significa che la spada sguainata sar> contro ogni carne9 dal mezzogiorno al settentrione. CosH ogni @i@ente sapr> che io9 il &ignore9 ho sguainato la spada ed essa non rientrer> nel fodero. Tu9 figlio dell/uomo9 piangi8 piangi da@anti a loro con il cuore infranto e pieno d/amarezza. :uando ti domanderanno8 erchC piangi? 7isponderai8 erchC ! giunta la notizia che il cuore @err> meno9 le mani s/inde"oliranno9 lo spirito sar> costernato9 le ginocchia @acilleranno. .cco ! giunta e si compieF. arola del &ignore DioJ &pada9 spada aguzza e affilata9 aguzza per scannare9 affilata per lampeggiareV (/ha fatta affilare perchC la si impugni9 l/ha aguzzata e affilata per darla in mano al massacratoreV E. K.zechiele 2188L Y F (a tua mano raggiunger> ogni tuo nemico9 la tua destra raggiunger> chiun<ue ti odia. 0e farai una fornace ardente9 nel giorno in cui ti mostrerai8 il &ignore li consumer> nella sua ira9 li di@orer> il fuoco. &terminerai dalla terra la loro prole9 la loro stirpe di mezzo agli uomini E. K &almo 218QL Y F .lia rispose e disse al capitano dei cin<uanta8 E&e io sono un uomo di Dio9 scenda del fuoco dal cielo9 e consumi te e i tuoi cin<uanta uominiVF . dal cielo scese il fuoco di Dio che consumD lui e i suoi cin<uanta uomini E. K2 7e 181%L Y F Jsi "urlarono di lui dicendo8 E,ieni su9 pelatoG @ieni su9 cal@oVF. .gli si @oltD9 li guardD e li '3

--- Difendiamoci dagli Dei --maledisse nel nome del &ignore. +llora uscirono dalla foresta due orse9 che s"ranarono <uarantadue di <uei fanciulli E. K2 7e 2823L Y F J <uando a@rD affilato la folgore della mia spada e la mia mano inizier> il giudizio9 farD @endetta dei miei a@@ersari9 ripagherD i miei nemici. Ine"rierD di sangue le mie frecce9 si pascer> di carne la mia spada9 del sangue dei cada@eri e dei prigionieri9 delle teste dei condottieri nemiciV .sultate9 o nazioni9 per il suo popolo9 perchC .gli @endicher> il sangue dei suoi ser@iG @olger> la @endetta contro i suoi a@@ersari e purificher> la sua terra e il suo popolo E. K Deuteronomio 328#%L Y F Jil &ignore fece pio@ere dal cielo sopra &Ddoma e sopra -omorra zolfo e fuoco pro@eniente dal &ignore. Distrusse <ueste citt> e tutta la @alle con tutti gli a"itanti delle citt> e la @egetazione del suolo E. K -enesi 1Q82#L Y F :uando il &ignore tuo Dio l/a@r> data nelle tue mani9 ne colpirai a fil di spada tutti i maschiG ma le donne9 i "am"ini9 il "estiame e <uanto sar> nella citt>9 tutto il suo "ottino9 li prenderai come tua predaG mangerai il "ottino dei tuoi nemici9 che il &ignore tuo Dio ti a@r> dato. CosH farai per tutte le citt> che sono molto lontane da te e che non sono citt> di <ueste nazioni E. K Deuteronomio 2%813L Y F erciD9 oracolo del &ignore9 Dio degli eserciti9 il otente di Israele8 E+h9 esigerD soddisfazioni dai miei a@@ersari9 mi @endicherD dei miei nemici E. K Isaia 182#L Y F In <uella notte io passerD per il paese d/.gitto e colpirD ogni primogenito nel paese d/.gitto9 uomo o "estiaG cosH farD giustizia di tutti gli d!i dell/.gitto. Io sono il &ignoreV E. K .sodo 12812L Y F .cco io manderD il dilu@io9 cio! le ac<ue9 sulla terra9 per distruggere sotto il cielo ogni carne9 in cui ! alito di @itaG <uanto ! sulla terra perir> E. K -enesi 681$L Y F ?arD su di loro terri"ili @endette9 castighi furiosi9 e sapranno che io sono il &ignore9 <uando eseguirD su di loro la @endettaJF. K .zechiele 2'81$L Y F Il le""roso colpito dalla le""ra porter> @esti strappate e il capo scoperto9 si coprir> la "ar"a e andr> gridando8 ImmondoV ImmondoV &ar> immondo finchC a@r> la piagaG ! immondo9 se ne star> '#

--- Difendiamoci dagli Dei --solo9 a"iter> fuori dell/accampamento E. K (e@itico 138#'L Y F )rdina loro8 :ualun<ue uomo della @ostra discendenza che nelle generazioni future si accoster>9 in stato d/immondezza9 alle cose sante consacrate dagli Israeliti al &ignore9 sar> eliminato da@anti a me. Io sono il &ignore E. K (e@itico 2283L Y F *a se uno colpisce un altro con uno strumento di ferro e <uegli muore9 <uel tale ! omicidaG l/omicida do@r> essere messo a morte. &e lo colpisce con una pietra che a@e@a in mano9 atta a causare la morte9 e il colpito muore9 <uel tale ! un omicidaG l/omicida do@r> essere messo a morte. ) se lo colpisce con uno strumento di legno che a@e@a in mano9 atto a causare la morte9 e il colpito muore9 <uel tale ! un omicidaG l/omicida do@r> essere messo a morte. &ar> il @endicatore del sangue <uegli che metter> a morte l/omicidaG <uando lo incontrer>9 lo uccider>. &e uno d^ a un altro una spinta per odio o gli getta contro <ualcosa con premeditazione9 e <uegli muore9 o lo colpisce per inimicizia con la mano9 e <uegli muore9 chi ha colpito do@r> essere messo a morteG egli ! un omicida e il @endicatore del sangue uccider> l/omicida <uando lo incontrer>F. K 0umeri 3'816L Y F )sser@erete dun<ue il sa"ato9 perchC lo do@ete ritenere santo. Chi lo profaner> sar> messo a morteG chiun<ue in <uel giorno far> <ualche la@oro9 sar> eliminato dal suo popolo. Durante sei giorni si la@ori9 ma il settimo giorno @i sar> riposo assoluto9 sacro al &ignore. Chiun<ue far> un la@oro di sa"ato sar> messo a morte. -li Israeliti osser@eranno il sa"ato9 festeggiando il sa"ato nelle loro generazioni come un/alleanza perenne E. K .sodo 3181#L Y F Il &ignore disse a *os!8 EConsacrami ogni primogenito9 il primo parto di ogni madre tra gli Israeliti 1 di uomini o di animali 1 8 esso appartiene a me E. K .sodo 1382L Y F 0ondimeno <uanto uno a@r> consacrato al &ignore con @oto di sterminio9 fra le cose che gli appartengono8 persona9 animale o pezzo di terra del suo patrimonio9 non potr> essere nC @enduto nC riscattatoG ogni cosa @otata allo sterminio ! cosa santissima9 riser@ata al &ignore. 0essuna persona @otata allo sterminio potr> essere riscattataG do@r> essere messa a morteJ :uesti sono i comandi che il &ignore diede a *os! per gli Israeliti9 sul monte &inai E. K (e@itico 2$828L Y F ,enderD Kin &chia@itBL i @ostri figli e le @ostre figlie per mezzo dei figli di -iuda9 i <uali li @enderanno ai &a"ei9 un popolo lontano. Il &ignore ha parlato E. K -ioele #88L

''

--- Difendiamoci dagli Dei --Y F Ti renderD schia@o dei tuoi nemici in una terra che non conosci9 perchC si ! acceso il fuoco della mia ira9 che arder> contro di @oi E. K -eremia 1'81#L Y F )ra io so che il &ignore ! piB grande di tutti gli d!i9 poichC egli ha operato contro gli .giziani con <uelle stesse cose di cui essi si @anta@ano E. K .sodo 18811L .,ID.0T.*.0T. 2+3,./4-.),+ 0)0 .7+ I( &)() DI) .&I&T.0T.. (+ &+(,.II+ T7+*IT. (+ C)0)&C.0I+ Il termine gnosticismo deri@a dalla parola greca gn_sis K`abcdeL9 Zconoscenza[. 6na definizione piuttosto parziale del mo@imento "asata sull/etimologia della parola puD essere8 Edottrina della sal@ezza tramite la conoscenzaF. K7I&,.-(I) D.((/+0I*+ +TT7+,.7&) 60 .(.,+II)0. DI C)&CI.0I+L. C)0)&C.0I+ D.( 7)?)0D) D.((/6)*) . D.((+ 7.+(T+/. -0)&TICI&*) C7I&TI+0) -.&6/ ,.7) 6)*)9 ,.7) DI) Il termine apocrifo ! una traslitterazione del greco fghijklme Kngh o da p ijqgrs o nascondereL9 indicante EciD che ! tenuto nascostoF9 EciD che ! tenuto lontano Kdall/usoLF. 0ell/uso corrente la parola ! riferita comunemente alla tradizione giudeo-cristiana9 all/interno della <uale ! stata coniata. In essa con tapocrifo/ si intende un testo non canonico9 cio! non incluso nell/elenco dei li"ri sacri della ;i""ia ritenuti ispirati e pertanto non usato a li@ello dottrinale e liturgico. ,+0-.(I + )C7I?I 60 -.&6/ &.-7.T) ? ?)0T.

T&atana si tra@este da angelo di luce. 0on ! dun<ue cosa eccezionale se anche i suoi ser@itori si tra@estono da ser@itori di giustiziaT

'6

--- Difendiamoci dagli Dei --K2 Corinzi 1181#9 1'L. T*a lo &pirito dice esplicitamente che nei tempi futuri alcuni apostateranno dalla fede9 dando retta a spiriti seduttori e a dottrine di demoniT. K1 Timoteo#81L. E-uardate che nessuno @i seduca. oichC molti @erranno nel mio nome9 dicendo tlo sono il Cristo/. . ne sedurranno molti. *olti falsi profeti sorgeranno e sedurranno molti. +llora9 se <ualcuno @i dice8 Til Cristo ! <uiF9 oppure E./ l>F9 non lo credeteG perchC sorgeranno falsi cristi e falsi profeti9 e faranno grandi segni e prodigi da sedurre9 se fosse possi"ile9 anche gli eletti. .cco9 @e l/ho predettoT K*atteo 2#8#-'9 119 23-2'L. I figli raccolgono legna9 i padri accendono il fuoco9 le donne impastano la farina per fare delle focacce alla regina del cielo e per fare li"azioni ad altri dei9 per offendermi. E./ proprio me che offendonoF9 dice il &I-0)7.9 - non offendono essi loro stessi a loro @ergogna?F erciD cosi parla &ignore9 Dio8 T.cco9 la mia ira9 il mio furore9 si ri@ersa su <uesto luogo . .T K-eremia $818.2%L. T(a nostra "attaglia infatti non ! contro creature fisiche fatte di sangue e carne9 ma contri i rincipati e le otest>9 contro i dominatori di <uesto mondo di tene"ra9 contro gli spiriti del male che a"itano nelle regioni celestiT. (eone NIII in TInimica ,isT sulla *assoneria - .f 6912

(I;7) C)0&I-(I+T) + T.*+ +lieni o Demoni (a "attaglia per la @ita eterna Il dottor Corrado *alanga ! ricercatore e docente di Chimica )rganica presso lA6ni@ersit> di isa. &i interessa di 6?) e +lieni da <uasi <uarantAanni. +ttualmente i suoi interessi sono ri@olti alle pro"lematiche legate ai 7apimenti +lieni K+"ductionL9 che studia mediante tecniche di Ipnosi 7egressi@a e rogrammazione 0euro (inguistica. In <uesto li"ro tro@i tutti gli strumenti necessari ad affrontare le conseguenze del proprio rapimento alieno9 per non farlo ripetere mai piBG la @era storia degli a"usi che gli alieni perpetrano sull/umana progenieG la psicosomatica dei fenomeni di +"ductionG la risoluzione di casi specifici e le tecniche di 0( e Ipnosi 7egressi@a applicate al pro"lema. Tratto dalla prefazione dell/+utore8 Tutto cominciD tanti anni fa. *i interessa@o di 6?) a li@ello amatoriale9 <uando decisi di entrare a far parte di un/organizzazione nazionale che studia@a l/argomento. Di@enni mem"ro del Consiglio diretti@o e la@orai con <uesta organizzazione per s@ariati decenni. 6n giorno mi affidarono l/incarico di seguire un caso di presunto rapimento9 da parte di alieni9 di un ragazzo di -eno@a8 '$

--- Difendiamoci dagli Dei --,alerio. Dopo <uattro anni d/inchiesta9 per @olere dello stesso diretti@o del centro per cui la@ora@o9 trasformai il mio rapporto in un li"ro. &i scatenD l/infernoV ... :uesto trattato spiega9 per filo e per segno9 in cosa consiste il pro"lema delle interferenze aliene9 descri@e le principali razze che praticano le interferenze9 analizza i @ari li@elli d/interferenza interna ed esterna all/addotto9 chiarisce le interrelazioni tra alieni e alieni e tra alieni e gruppi di -o@erno *ondiale K0U)9 0eP Uorld )rderL. &ono descritte le tecniche di sottomissione che gli alieni e i militari con essi collusi utilizzano per i propri scopi. &i indicano i moti@i per i <uali tutto ciD accade e si descri@ono9 per filo e per segno9 le tecniche utilizzate per comprendere il fenomeno. ... arla9 perD9 anche della @era natura dell/6omo e dell/uni@erso9 distingue +nima9 Corpo9 *ente9 &pirito9 realt> reale e realt> @irtuale e fornisce la chia@e di lettura per poter finalmente di@enire. *i sono infatti reso conto che9 nello studiare gli alieni9 a@e@o commesso un gra@e errore metodologico8 non si possono studiare gli alieni senza prima sapere come noi stessi siamo fatti. ;en presto a@e@o capito che gli alieni cerca@ano in noi <ualcosa che non a@e@ano9 <ualcosa che noi non sape@amo di possedere9 <ualcosa che rende molti uomini parte integrante di Dio. (o scopo del presente trattato ! fare chiarezza ...

'8