Repubblica italiana La Corte dei conti in

del. N 33/2014/FRG

Sezione regionale di controllo per l’Abruzzo nella Camera di consiglio del 13 febbraio 2014 composta dai Magistrati: Maria Gio anna G!"R#$N" &'cilla ($&)N*) Gio anni M"CC! Nicola #! G!$NN$N*"N!" $ndrea +$&#$N,$ "riana C$&$+R)-! $ngelo Maria ./$G&!N! %residente Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Referendario 0relatore1

(isto l2articolo 1003 comma 23 della Costit'4ione5 (isto il *./. delle leggi s'lla Corte dei conti3 appro ato con R.#. 12 l'glio 16343 n. 12143 e s'ccessi e modifica4ioni5 (ista la legge 14 gennaio 16643 n. 20 e s'ccessi e modifica4ioni ed integra4ioni5 (ista la delibera4ione delle -e4ioni ri'nite della Corte dei conti del 17 gi'gno 20003 n. 14/2000 c8e 8a appro ato il Regolamento per l2organi44a4ione delle f'n4ioni di controllo della Corte dei conti3

2

modificata con le delibera4ioni delle -e4ioni ri'nite del 3 l'glio 20033 n. 2 e del 19 dicembre 20043 n. 15 (ista la legge 9 dicembre 20123 n. 2133 di con ersione in legge3 con modifica4ioni3 del decreto legge 10 ottobre 20123 n. 1945 (isto il #.%.C.M. 21 dicembre 2012 di recepimento delle linee g'ida s'l rendiconto di eserci4io ann'ale appro ato dai Gr'ppi consiliari dei Consigli regionali3 ai sensi dell:articolo 13 comma 63 del decreto legge 10 ottobre 20123 n. 1943 con ertito3 con modifica4ioni3 dalla legge 9 dicembre 20123 n. 213. (iste le delibera4ioni della -e4ione delle $'tonomie

n. 12/-),$/*/2013 e n. 1;/-),$/*/20135 (ista la legge regionale $br'44o 2< dicembre 20123 n. 7< di modifica alla legge regionale $br'44o 10 agosto 20103 n. 40 recante il *esto /nico s'l trattamento economico spettante ai Consiglieri regionali e s'lle spese generali di f'n4ionamento dei Gr'ppi consiliari5 (ista la riparti4ione tra i Magistrati dei compiti e delle ini4iati e riferibili alle arie aree di atti it= rientranti nella competen4a della

-e4ione regionale3 disposta dal %residente della -e4ione5 (ista l2ordinan4a del 12 febbraio 20143 n. ;/2014 con la >'ale il %residente della -e4ione regionale di controllo per l2$br'44o 8a

con ocato la -e4ione per la data odierna5 /dito il relatore3 Referendario $ngelo Maria ./$G&!N! c8e 8a ill'strato le ragioni per c'i3 allo stato degli atti3 i rendiconti presentati dai Gr'ppi consiliari3 c'i sono indiri44ati gli allegati alla presente

3

com'nica4ione3 non appaiono merite oli di appro a4ione3 ten'to conto della normati a igente. PREMESSO IN FATTO !n data 7 febbraio 2014 sono per en'ti a >'esta -e4ione regionale di controllo i rendiconti dei Gr'ppi del Consiglio regionale ai sensi e per gli effetti dell2articolo 13 comma 6 e seg'enti3 del decreto legge 10 ottobre 20123 n. 1943 con ertito in legge3 con modifica4ioni3 dalla legge 9 dicembre 20123 n. 213. &a competente -e4ione regionale di controllo della Corte dei conti ? ten'ta a pron'nciarsi nel termine di trenta giorni dal rice imento dei s'ddetti rendiconti5 t'tta ia3 il comma 11 del medesimo articolo 1 del decreto legge n. 194 del 20123 pre ede c8e3 >'alora il rendiconto di eserci4io del Gr'ppo consiliare o la doc'menta4ione trasmessa non siano conformi alle prescri4ioni normati e igenti3 la -e4ione regionale della

Corte dei conti adotta apposita com'nica4ione indiri44ata al %residente della Regione3 affinc8@ la trasmetta al %residente del Consiglio regionale e ai responsabili dei Gr'ppi consiliari per la regolari44a4ione dei rendiconti stessi. &a normati a na4ionale nella materia de qua ? integrata dalla legge regionale $br'44o3 10 agosto 20103 n. 403 recante il *esto /nico delle norme s'l trattamento economico spettante ai Consiglieri regionali e s'lle spese generali di f'n4ionamento dei Gr'ppi consiliari3 come modificata dalla legge regionale $br'44o 2< dicembre 20123 n. 7< e della

4

legge regionale $br'44o 20 no embre 20133 n. 42. #etto *esto /nico3 al *itolo !!3 articoli 3< e seg'enti3 disciplina le modalit= di calcolo dei contrib'ti3 i relati i incoli di destina4ione3 nonc8@ le modalit= e l2iter di rendiconta4ione.

DIRITTO Come ric8iamato nelle premesse in fatto3 l2articolo 13 commi 6 e seg'enti3 del decreto legge n. 194/20123 con ertito in legge3 con modifica4ioni3 dalla legge n. 213/20123 8a attrib'ito alle competenti -e4ioni regionali della Corte dei conti il controllo s'lla regolarit= contabile dei rendiconti dei Gr'ppi del Consiglio regionale. &a norma in esame 8a altresA fissato l2iter proced'rale e i termini sia per il trasferimento dei rendiconti alla competente se4ione della Corte dei conti3 sia per l2eserci4io del controllo da parte di >'est2'ltima. %iB precisamente3 in base all2articolo 13 comma 103 del citato decreto legge n. 194/20123 il rendiconto ? trasmesso da ciasc'n Gr'ppo consiliare al %residente del Consiglio regionale e da >'esti al %residente della Regione per il s'ccessi o in io alla competente -e4ione regionale di controllo della Corte dei conti3 entro sessanta giorni dalla c8i's'ra dell:eserci4io. &a competente -e4ione di controllo ? ten'ta a pron'nciarsi s'lla regolarit= del rendiconto nel termine perentorio di trenta giorni3 mediante delibera da trasmettersi al %residente della Regione per il s'ccessi o inoltro al %residente del Consiglio regionale c8e ne c'ra la p'bblica4ione. !n assen4a di pron'ncia nel predetto termine il rendiconto

5

si considera tacitamente appro ato. .'alora la -e4ione regionale riscontri c8e il rendiconto di eserci4io del Gr'ppo consiliare o la doc'menta4ione allegata non siano conformi alle prescri4ioni normati e3 ne d= com'nica4ione al %residente della Regione entro trenta giorni dal rice imento del medesimo rendiconto3 fissando per la regolari44a4ione 'n termine non s'periore a trenta giorni. &a com'nica4ione ? trasmessa al %residente del Consiglio regionale per i s'ccessi i adempimenti del Gr'ppo consiliare interessato e sospende il decorso del termine per la pron'ncia della -e4ione. &a norma pre ede anc8e mis're a carico dei Gr'ppi nel caso in c'i non pro edano alla regolari44a4ione entro il termine fissato5 infatti essi

decadono3 per l2anno in corso3 dal diritto all2eroga4ione di risorse da parte del Consiglio regionale3 fermo restando l2obbligo di restit'4ione delle somme rice 'te a carico del bilancio del Consiglio regionale e non rendicontate 0art. 13 comma 113 decreto legge n. 194 del 20121. %ari effetti conseg'ono alla mancata trasmissione del rendiconto entro il termine di sessanta giorni stabilito dall2articolo 13 comma 103 del citato decreto legge n. 194/2012 e nel caso in c'i la -e4ione regionale di controllo della Corte dei conti emetta 'na delibera di irregolarit= del rendiconto 0art. 13 comma 123 decreto legge n. 194 del 20121. -otto il profilo sostan4iale3 i rendiconti dei Gr'ppi consiliari de ono essere str'tt'rati secondo le &inee g'ida deliberate dalla Conferen4a permanente per i rapporti tra lo -tato3 le Regioni e le %ro ince a'tonome di *rento e di +ol4ano e recepite con decreto del %residente del Consiglio

6

dei Ministri del 21 dicembre 2012. &2articolo 1 delle &inee g'ida fissa i post'lati generali alla base della reda4ione dei rendiconti consiliari: >'ello della eridicit= e >'ello della corrette44a. .'esti principi

costit'iscono anc8e i parametri del controllo esercitato dalle -e4ioni regionali della Corte dei conti c8e non de e essere limitato ai soli aspetti strettamente contabili 0ossia regolare registra4ione delle opera4ioni3 corretta imp'ta4ione alle oci del rendiconto3 complete44a della erifica

doc'menta4ione di s'pporto13 ma de e estendersi anc8e alla della coeren4a della spesa con l2atti it= istit'4ionale del gr'ppo.

"ltre ai citati principi generali3 i rendiconti dei Gr'ppi del Consiglio regionale dell2$br'44o de ono rispettare gli specifici incoli di

destina4ione c8e caratteri44ano i contrib'ti assegnati dal Consiglio. %iB precisamente3 in base agli articoli 36 e 40 della legge regionale $br'44o 10 agosto 20103 n. 403 i Gr'ppi consiliari rice ono d'e tipologie di contrib'ti: la prima finali44ata a coprire le spese di f'n4ionamento5 la seconda dep'tata al finan4iamento delle spese per il personale. !l incolo di destina4ione in commento non consente l2'tili44o dei contrib'ti per finalit= di erse rispetto a >'elle per le >'ali gli stessi sono attrib'iti3 escl'dendo >'indi ogni forma di 'tili44o incrociato tra le d'e tipologie. *ale concl'sione ? des'mibile dalla circostan4a c8e e ent'ali ecceden4e dei contrib'ti assegnati3 rispetto alle spese sosten'te nell2eserci4io3 possono solo essere portate a n'o o e iscritte nelle dota4ione di competen4a dell2anno s'ccessi o3 sempre per la medesima tipologia di spesa5 resta poi fermo l2obbligo di restit'4ione degli a an4i finali al

7

termine della legislat'ra. !n >'esto senso si ? gi= espressa >'esta -e4ione con la delibera n. 376/2013/%$R3 la >'ale3 con specifico riferimento ai contrib'ti per le spese di personale3 8a considerato le somme attrib'ite per tale finalit= dall2art. 40 della legge regionale n. 40 del 2010 come 'n tetto massimo di spesa3 >'indi non integrabile con i contrib'ti pre isti per gli oneri di f'n4ionamento. (ice ersa3 l2'tili44o dei contrib'ti per le spese di personale3 a copert'ra degli oneri di f'n4ionamento3 ? espressamente citata legge regionale. $lla l'ce del >'adro normati o delineato3 >'esta -e4ione 8a proced'to all2esame della doc'menta4ione in iata ed 8a riscontrato3 in ia preliminare3 'na forte disomogeneit= tra le modalit= di presenta4ione e cataloga4ione della doc'menta4ione allegata ai rendiconti dei singoli gr'ppi3 ritenendo opport'na3 per il f't'ro3 l2ado4ione di criteri 'niformi c8e semplific8ino l2atti it= di controllo. Nella stessa prospetti a di rendere piB age ole la fase di erifica3 >'esta -e4ione a'spica 'na ietato dall2art. 403 comma 43 della

tempesti a att'a4ione dell2art. 42Cter della legge regionale n. 40 del 20103 con l2istit'4ione del -istema !nformati o c8e renda disponibili alla Corte dei conti3 per Gr'ppi. #i seg'ito engono offerte alc'ne considera4ioni generali s'lle ia telematica3 i dati relati i ai contrib'ti erogati ai

singole oci di spesa del modello di rendiconto: a1 -pese per libri3 ri iste e >'otidiani: ? necessario indicare l2elenco specifico delle p'bblica4ioni ac>'istate e3 in caso di ac>'isti

8

pl'rimi del medesimo bene3 si rammenta la necessit= di collegare la ric8iesta di rimborso al n'mero di copie congr'o con l2atti it= istit'4ionale5 b1 -pese per cancelleria3 per d'plica4ione e stampa3 per l2ac>'isto o il noleggio di dota4ioni informatic8e e di 'fficio: si ric8iama la necessit= c8e la doc'menta4ione sia tale da consentire la al'ta4ione di ineren4a all2atti it= istit'4ionale3 consentendo3 in particolare3 ac>'istata5 c1 -pese telefonic8e e di trasmissione dati: la -e4ione non ritiene necessaria 0data la nat'ra delle spese1 'na particolare l2indi id'a4ione degli 'tili44atori della merce

rendiconta4ione3 nel pres'pposto c8e sia dimostrata la loro ricond'cibilit= ad 'ten4e di Consiglieri o a l'og8i legati all2atti it= istit'4ionale espletata. %er l2esame di alc'ne anomalie specific8e si rimanda agli allegati doc'menti relati i ai singoli Gr'ppi consiliari5 d1 -pese per atti it= promo4ionali3 di rappresentan4a3 con egni e atti it= di aggiornamento. Con riferimento alle spese in

commento3 si ricorda c8e3 ai sensi dell2art. 13 comma 43 lett. g1 dell2allegato $ al #.%.C.M. 21 dicembre 20123 il contrib'to per le spese di f'n4ionamento p'D essere 'tili44ato solo per E le spese di rappresentanza sostenute in occasione di eventi e circostanze di carattere rappresentativo del gruppo consiliare che prevedono la partecipazione di personalità o autorità estranee all'Assemblea

9

stessaF. "ccorre ricordare c8e le spese di rappresentan4a sono costit'ite dagli oneri sosten'ti per mantenere o accrescere erso

l2esterno il prestigio del Gr'ppo in ambiti direttamente attinenti ai propri fini istit'4ionali. #e e escl'dersi3 conseg'entemente3 c8e spese di rappresentan4a possano a ere l'ogo nell2ambito di normali rapporti istit'4ionali e di ser i4io 0cola4ioni3 cene e pran4i di la oro13 o ero a fa ore di soggetti appartenenti alla stessa

$mministra4ione regionale 0colleg8i Consiglieri e/o personale amministrati o del Gr'ppo1 o3 ancora3 di soggetti di ersi la c'i partecipa4ione all2occasione con i iale non sia ricond'cibile alle indicate finalit= di rappresentan4a. Non rientrano3 >'indi3 nella finalit= del contrib'to le spese per ri'nioni a enti ad oggetto l2organi44a4ione interna e l2atti it= del gr'ppo al di f'ori dei locali messi a disposi4ione dal Consiglio regionale. -i ric8iama inoltre la circostan4a c8e3 in ogni caso3 non possono essere effett'ati rimborsi ai Consiglieri per oci di spesa gi= coperte da altre

eroga4ioni a titolo retrib'ti o o indennitario3 n@ per oneri di ristora4ione3 itto e alloggio a enti carattere personale o legati

allo s olgimento del mandato di consigliere. &e medesime considera4ioni in merito al incolo istit'4ionale sono estensibili

anc8e alle spese logistic8e 0>'ali l2affitto di sale e attre44at're13 spesso str'mentali all2organi44a4ione di e enti fatti rientrare nell2aggregato delle spese di rappresentan4a5 e1 -pese per cons'len4e: si segnala l2esigen4a c8e la

10

doc'menta4ione a s'pporto consenta di indi id'are il destinatario dell2incarico3 l2oggetto della cons'len4a ed il fine istit'4ionale5 f1 -pese per il personale: occorre trasmette i contratti di

collabora4ione stip'lati e gli altri doc'menti gi'stificati i dei pagamenti effett'ati per tale finalit= 0attesta4ione dei ris'ltati raggi'nti dal collaboratore e e ent'ali elaborati prodotti1. %remesse tali considera4ioni generali in ordine alla nat'ra delle spese rimborsabili e alle caratteristic8e della relati a doc'menta4ione a s'pporto3 si allegano le singole com'nica4ioni riferite a ciasc'n gr'ppo consiliare ai sensi dell2articolo 13 comma 113 legge 9 dicembre 2012 n. 213. P.Q.M. &a -e4ione regionale di controllo per l2$br'44o dispone la

com'nica4ione delle ric8ieste istr'ttorie relati e ai rendiconti presentati3 allegate alla presente delibera e distinte per singolo Gr'ppo consiliare3 fissando in 30 giorni il termine entro c'i procedere alla regolari44a4ione o alla 'lteriore prod'4ione doc'mentale. $l fine di garantire il contraddittorio3 si ammette la prod'4ione di memorie o note di accompagnamento nel termine sopra indicato. #ecorso tale termine sen4a alc'na regolari44a4ione o 'lteriore prod'4ione doc'mentale la -e4ione dic8iarer= l2irregolarit= del

rendiconto con le conseg'en4e di c'i all2articolo 13 commi 11 e 123 del decreto legge 10 ottobre 20123 n. 1943 con ertito in legge3 con modifica4ioni3 dalla legge 9 dicembre 20123 n. 213.

11

-i

ordina

alla

-egreteria

della

-e4ione

di

procedere

alla

trasmissione della presente com'nica4ione al %residente della Regione $br'44o. CosA deliberato a &2$>'ila3 nella Camera di consiglio del 13 febbraio 2014.

&2)stensore 0F.*" $ngelo Maria ./$G&!N!1

!l %residente 0F.*" Maria Gio anna G!"R#$N"1

#epositata in -egreteria il 20/02/2014

!l F'n4ionario preposto al -er i4io di -'pporto 0F.*" &orella Giammaria1