UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA

Facoltà di Ingegneria
Corso di Laurea Specialistica in
INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI
ANTENNA AD ONDA LEAKY
ECCITATA DA UNA LENTE
METASUPERFICIALE
Tesi di Laurea di
MARCO SABATINI
Relatore:
Prof. Stefano Maci
Correlatori:
Dott. Enrica Martini
Ing. Gabriele Minatti
Anno Accademico 2010-2011
Indice
Introduzione viii
1 Lente di Lüneburg 1
1.1 Lente di Lüneburg . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2
1.2 Lente di Lüneburg in aria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
1.3 Lente di Lüneburg tra due piatti paralleli . . . . . . . . . . . . . . 12
2 Radiazione e Leaky Waves 17
2.1 Radiazione di un’ apertura su piano di massa . . . . . . . . . . . 18
2.2 Campo irradiato da una slit trasversale . . . . . . . . . . . . . . . 22
2.3 Array di antenne . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
2.4 Radiazione dell’ array di slit in zona di campo lontano . . . . . . 29
2.5 Radiazione per effetto Leaky . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34
3 Dimensionamento dei parametri di antenna 41
3.1 Dimensioni della struttura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
3.1.1 Dihedral Corner Reflector . . . . . . . . . . . . . . . . . 44
3.2 Elementi di disadattamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47
3.2.1 Campo riflesso dai dielettrici . . . . . . . . . . . . . . . . 48
3.2.2 Probe . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51
3.3 Slit e Dielettrico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
ii
Indice iii
3.4 Antenna in disadattamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56
4 Configurazione finale 61
4.1 Antenna in singola polarizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . 65
5 Antenna in doppia polarizzazione 72
5.1 Doppia polarizzazione lineare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 73
5.2 Polarizzazione circolare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74
Bibliografia 84
Elenco delle figure
1.1 Cavità rettangolare con SLITS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2
1.2 Lente di Lüneburg: rifocalizzazione dei raggi incidenti . . . . . . 3
1.3 Lente di Lüneburg: onda piana incidente sulla superficie. . . . . . 4
1.4 Riflessione e rifrazione di un raggio . . . . . . . . . . . . . . . . 5
1.5 Distanza tra sorgente e bordo della lente . . . . . . . . . . . . . . 7
1.6 Simulazioni di onde generate da Probe in diverse posizioni . . . . 7
1.7 Lente di Lüneburg a strati concentrici di dielettrici diversi . . . . . 9
1.8 Lente di Lüneburg in aria, vista laterale. . . . . . . . . . . . . . . 9
1.9 Linea di trasmissione equivalente per la configurazione in aria . . 10
1.10 Lente di Lüneburg tra due piatti paralleli, vista laterale. . . . . . . 13
1.11 Linea di trasmissione equivalente per la configurazione tra PP . . 13
2.1 Slit sulla parete di una guida d’onda rettangolare . . . . . . . . . 18
2.2 Sistema di riferimento per una slit su piano di massa infinito . . . 19
2.3 Pattern di radiazione di una slit trasversale . . . . . . . . . . . . . 22
2.4 Sistema di riferimento per una slit su piano di massa infinito . . . 22
2.5 Correnti elettriche e magnetiche su un piano di massa . . . . . . . 23
2.6 Pattern di radiazione di una slit trasversale . . . . . . . . . . . . . 24
2.7 Array di N antenne: sistema di riferimento . . . . . . . . . . . . . 25
2.8 Array lineare di antenne . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
2.9 Direttività totale sul piano E: guida riempita di aria . . . . . . . . 30
iv
Elenco delle figure v
2.10 Direttività totale sul piano H: guida riempita di aria . . . . . . . . 30
2.11 Direttività totale 3D: guida riempita di aria . . . . . . . . . . . . . 31
2.12 Direttività totale 3D (vista dall’alto): guida riempita di aria . . . . 31
2.13 Direttività totale 3D (vista frontale): guida riempita di aria . . . . 31
2.14 Direttività totale sul piano E: guida riempita di dielettrico . . . . . 32
2.15 Direttività totale sul piano H: guida riempita di dielettrico . . . . . 33
2.16 Direttività totale 3D: guida riempita di dielettrico . . . . . . . . . 33
2.17 Direttività totale 3D (vista dall’alto): guida riempita di dielettrico . 33
2.18 Direttività totale 3D (vista frontale): guida riempita di dielettrico . 34
2.19 Onda viaggiante verso l’interfaccia aria-dielettrico . . . . . . . . . 35
2.20 Onda superficiale evanescente e impropria . . . . . . . . . . . . . 37
2.21 Onda nel dielettrico (a) e onda tipo Leaky (b . . . . . . . . . . . . 38
3.1 Cavità rettangolare con SLITS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44
3.2 Taglio della RWG . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
3.3 Dihedral corner reflector (DCR): vista laterale . . . . . . . . . . . 45
3.4 Percorso dell’ onda all’interno del DCR . . . . . . . . . . . . . . 46
3.5 Doppia guida d’onda connessa con DCR . . . . . . . . . . . . . . 47
3.6 Circuito schematizzato di un’antenna in trasmissione . . . . . . . 48
3.7 Multisection Transformer . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
3.8 Multisection Transformer per il caso aria-dielettrico . . . . . . . . 49
3.9 Binomial Transformer Design . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50
3.10 Coassiale: a destra in trasparenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52
3.11 Analisi parametrica del S
11
vs altezza del probe . . . . . . . . . . 52
3.12 Parte reale dell’impedenza del probe . . . . . . . . . . . . . . . . 52
3.13 Parte immaginaria dell’impedenza del probe . . . . . . . . . . . . 53
3.14 Campo elettrico generato dal probe: riflessioni sulle pareti laterali 53
3.15 Riflettori semicircolari per il probe . . . . . . . . . . . . . . . . . 54
Elenco delle figure vi
3.16 Riflettori semicircolari: campi elettrici generati . . . . . . . . . . 54
3.17 Struttura per le simulazioni di adattamento . . . . . . . . . . . . . 58
3.18 S
11
della struttura non ottimizzata . . . . . . . . . . . . . . . . . 59
3.19 S
11
della struttura con ottimizzazione del MT . . . . . . . . . . . 59
3.20 S
11
della struttura con ottimizzazione delle slit . . . . . . . . . . . 60
3.21 S
11
della struttura con ottimizzazione delle slit e del MT . . . . . 60
4.1 Posizionamento dei due probe . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 62
4.2 Posizionamento dei due probe . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 63
4.3 Onde generate alimentando un probe . . . . . . . . . . . . . . . . 65
4.4 Frame 1: Massimo di campo nella seconda slit e radiazione . . . . 66
4.5 Frame 2: Massimo di campo sotto il patch e assenza di radiazione 66
4.6 Coefficiente di riflessione per antenna in singola polarizzazione . . 66
4.7 Impedenza di ingresso per l’antenna in singola polarizzazione . . 67
4.8 Direttività totale in direzione broadside: piano E . . . . . . . . . . 67
4.9 Direttività totale in direzione broadside: piano H . . . . . . . . . 68
4.10 Direttività sul piano E a 20 GHz() . . . . . . . . . . . . . . . . . 69
4.11 Pattern 3D alla frequenza 18,875 GHZ, puntamento broadside . . 69
4.12 Pattern 3D alla frequenza 17.75 GHz, puntamento forward . . . . 70
4.13 Pattern 3D alla frequenza 20 GHz, puntamento backward . . . . . 70
5.1 Onde generate alimentando due probe . . . . . . . . . . . . . . . 73
5.2 Fronti d’onda sulla parete superiore alimentando due probe . . . . 74
5.3 Coefficiente di riflessione per antenna in doppia polarizzazione . . 75
5.4 Impedenza di Ingresso per l’antenna in doppia polarizzazione . . . 75
5.5 Direttività totale in direzione broadside: piano E . . . . . . . . . . 75
5.6 Pattern 3D alla frequenza 18,75 GHz, puntamento broadside . . . 76
5.7 Pattern 3D alla frequenza 17.5 GHz, puntamento forward . . . . . 76
Elenco delle figure vii
5.8 Pattern 3D alla frequenza 20 GHz, puntamento backward . . . . . 76
5.9 Polarizzazioni lineari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77
5.10 Polarizzazioni lineari e circolari . . . . . . . . . . . . . . . . . . 78
5.11 Andamento dell’ Axial Ratio a 18,75 GHz (piano H) . . . . . . . 79
5.12 Andamento dell’ Axial Ratio a 18,75 GHz (piano E) . . . . . . . 79
5.13 Andamento dell’ Axial Ratio a 18,75 GHz piano H . . . . . . . . 79
Introduzione
Questo lavoro di tesi si è occupato della progettazione, di una antenna a basso
profilo, ad alta direttività con puntamento broadside, a basso costo e di semplice
realizzazione. Le antenne presenti con prestazioni simili sono contraddistinte da
un costo elevato dovuto ai materiali con i quali sono realizzate e da geometrie
spesso complesse e difficili da realizzare fisicamente. Il problema che ci si è pro-
posti di risolvere è quello di ovviare a tali difficoltà sviluppando al tempo stesso
una tipologia di antenna che sia in grado di garantire elevate prestazioni in termini
di efficienza pur mantenendo dimensioni ridotte in termini di grandezze elettrica
e fisica. Partendo da una struttura in guida d’onda a piatti piani paralleli (PPWG)
alimentata con un cavo coassiale, ci siamo orientati verso una struttura chiusa
(Rectangular Waveguide, RWG, o Rectangular Cavity, RC ) eccitata tramite un
probe posizionato in un dielettrico (ABS) modellato a lente di Lüneburg. Tramite
foratura della parete superiore e relativa realizzazione di slit radiative si è ottenuta
una radiazione di tipo broadside. Come ultimo step, ci si è occupati dello sviluppo
dell’antenna per avere una doppia polarizzazione e per migliorarne i parametri e
le caratteristiche. La struttura finale è costituita da una coppia di RWG accoppia-
te, alle estremità, da due dihedral corner reflectors: la cavità inferiore è il sistema
di alimentazione della guida superiore che realizza il meccanismo di radiazione
Leaky. In questo lavoro di tesi proporremo inoltre l’elaborazione e l’esposizione
della teoria che sta alla base dell’analisi delle strutture prese in esame e i mezzi
viii
utilizzati per migliorare le varie configurazioni implementate durante il periodo di
progettazione e sviluppo dell’antenna.
ix
Capitolo 1
Lente di Lüneburg
L’obiettivo di questo lavoro è la realizzazione di un’antenna con direttività mas-
sima in direzione broadside alla frequenza di lavoro di 17 GHz, costruita con
materiali a basso costo e di semplice realizzazione. Per realizzare un’ antenna che
rispetti tali requisiti abbiamo preso in considerazione una struttura composta da
due parti: una cavità metallica che sia in grado di irradiare potenza verso l’esterno
tramite una particolare ed opportuna foratura di una delle sue pareti, innescando
così una radiazione di tipo Leaky; un dielettrico modellato secondo un profilo a
lente di Lüneburg per generare un’onda che alimenti la cavità in modo adeguato.
In questo capitolo ci occuperemo della parte che riguarda il dielettrico modellato
a lente di Lüneburg ed illustreremo le motivazioni che ci hanno portato a scegliere
questa configurazione, esponendo la teoria di questa tipologia di lenti.
1
Capitolo 1. Lente di Lüneburg 2
Figura 1.1: Cavità rettangolare con parete superiore con SLITS: vista dall’alto (destra),
vista 3D (sinistra).
1.1 Lente di Lüneburg
Supponiamo di avere una cavità chiusa, la cui parete superiore presenti delle fes-
sure, e che nella cavità sia presente un’onda viaggiante come in Fig.1.1. Per avere
un’efficiente radiazione broadside da tale cavità è necessario che le fessure sia-
no alimentate in modo adeguato e ciò implica che l’onda elettromagnetica che
le eccita abbia un fronte di fase conforme alla geometria delle fessure: l‘angolo
che si forma tra la direzione di propagazione dell’onda e la normale alla posizio-
ne della singola taperatura determina la fassatura che essa subisce. consideriamo
un’onda piana che viaggia in direzione longitudinale rispetto alla cavità: è pos-
sibile disporre le forature in modo ortogonale, parallelo, radiale o inclinato per
innescare un modo Leaky (v. Capitolo 2 ) ed avere il pattern di radiazione desi-
derato: il nostro caso tratta un’onda piana che incontra una seire di fessure(slit)
poste ortogonalmente rispetto alla sua direzione di propagazione.
É quindi necessario che l’onda all’interno della cavità abbia un fronte d’onda
piano: per generare tale tipo di onda abbiamo utilizzato un dielettrico sagoma-
to secondo la legge di Lüneburg. Nella sua versione lente di Lüneburg è una
Capitolo 1. Lente di Lüneburg 3
Figura 1.2: Lente di Lüneburg: focalizzazione dei raggi incidenti sulla superficie.
lente sferica osemisferica il cui indice di rifrazione n decresce radialmente allon-
tanandosi dal centro della sfera. Ogni punto sulla superficie di una lente ideale di
Lüneburg è il punto focale di un’onda incidente sul lato opposto della lente stessa.
Pertanto la caratteristica principale della lente di Lüneburg è la sua capacità di fo-
calizzare e concentrare in un unico punto i raggi che incidono sulla sua superficie
(v. Fig. 1.2). Idealmente, la costante dielettrica ε
r
del materiale di cui è composta
la lente assume valori compersi tra un massimo di 2, nel suo centro, fino ad un
minimo di 1 sul bordo della sua superficie seguendo la legge matematica:
n(ρ) =

ε
r
=
_
2 −
_
ρ
R
_
2
(1.1)
dove R è il raggio della lente e ρ è il punto interno alla lente e che giace sul
piano orizzontale, cioè la base della lente. Poiché l’indice di rifrazione sul bordo
della lente è lo stesso del mezzo circostante, sul bordo della lente non si verificano
riflessioni, mentre all’interno della lente il percorso dei raggi è un arco di ellisse (v.
Fig. 1.3). In particolare, un’onda piana che colpisce la lente viene completamente
Capitolo 1. Lente di Lüneburg 4
Figura 1.3: Lente di Lüneburg: onda piana incidente sulla superficie.
focalizzata nel punto che si trova sul lato opposto della superficie ed in questo
punto focale si genera un’onda di tipo sferico (v. Fig. 1.3)
Dualmente, se una lente di Lüneburg viene investita da un’onda con fronte
di fase sferico, tale fronte di fase, attraversando la lente, subisce un progressi-
vo raddrizzamento fino ad essere totalmente piano all’uscita della lente. Questo
meccanismo può essere spiegato tramite la Legge di Snell derivante dall’ ottica :
prendiamo due mezzi trasmissivi con indice di rifrazione n
1
(a sinistra) e n
2
(a de-
stra) in contatto tra loro attraverso una superficie, che viene chiamata interfaccia
(linea verticale in figura) e un raggio che viaggia dal mezzo 1 al mezzo 2 (v. Fig.
1.4 ). Come è noto , nel caso in cui n
2
> n
1
la radiazione elettromagnetica ha
una velocità di fase più bassa nel secondo mezzo. Il raggio proveniente dal mezzo
di sinistra colpisce l’interfaccia nel punto O (percorso PO). A partire da questo
punto tracciamo una retta perpendicolare all’interfaccia stessa, che viene chiama-
ta normale all’interfaccia (linea tratteggiata in figura). L’angolo tra la normale e il
raggio PO viene chiamato angolo d’incidenza, θ
1
. Il raggio attraversa l’interfaccia
e prosegue nel mezzo di destra (percorso OQ). L’angolo che tale raggio (rifratto)
forma con la normale si chiama angolo di rifrazione, θ
2
.
Capitolo 1. Lente di Lüneburg 5
Figura 1.4: Riflessione e rifrazione di un raggio all’interfaccia tra due mezzi con indice di
rifrazione diverso
La legge di Snell fornisce la relazione tra gli angoli θ
1
e θ
2
:
sin(θ
1
)
sin(θ
2
)
=
n
2
n
1
(1.2)
Oltre alla rifrazione è presente il fenomeno della riflessione: il raggio incidente
genera un raggio rifratto, all’ interno del mezzo 2, e un raggio riflesso che viaggia
in direzione opposta nel mezzo in cui è presente il raggio incidente (vedi Figura
1.4 ). Si noti che nel caso θ
1
= 0 (ovvero il raggio risulta perpendicolare all’in-
terfaccia) la soluzione è θ
2
= 0 per qualunque valore di n
1
e n
2
. In altri termini,
un raggio che entra in un mezzo in modo perpendicolare alla sua superficie non
viene mai deviato. Fissiamo l’angolo di incidenza θ
1
ad un valore generico: se
il valore dell’indice di rifrazione cresce nel mezzo 2, allora il raggio rifratto si
avvicina alla normale nel mezzo 2. Nella lente, come abbiamo detto, l’indice di
rifrazione aumenta con continuità mano a mano che ci si avvicina al centro della
lente e pertanto un raggio che incide non perpendicolarmente ad un qualsiasi pun-
Capitolo 1. Lente di Lüneburg 6
to del bordo della lente subisce rifrazioni successive e continue fino a diventare
parallelo alla normale nel punto di incidenza del raggio stesso. In altri termini il
raggio in questione subisce una curvatura all’interno della lente.
Possiamo estendere i ragionamenti fatti fino a d adesso al caso planare conside-
rando un fronte di fase cilindrico. Consideriamo adesso il nostro fronte d’onda
cilindrico generato dal probe: la direzione di propagazione dell’onda è radiale ri-
spetto al punto in cui essa viene generata e quindi possiamo vedere il fronte di
fase come una sovrapposizione di raggi che partono dalla sorgente e si propagano
radialmente nello spazio fino ad incontrare la lente. Ogni singolo raggio che col-
pisce la lente subisce un raddrizzamento all’interno del dielettrico,con il risultato
di avere un fronte di fase cilindrico in ingresso alla lente e un fronte di fase piano
in uscita. La capacità della lente di raddrizzare completamente, o in maniera par-
ziale, il fronte di fase è legata alle dimensioni in termini di lunghezza d’onda (il
raggio della lente deve essere maggiore della lunghezza d’onda λ dell’onda che
la investe ) e alla distanza tra bordo della lente e sorgente. Sia α la distanza tra
sorgente e lente, come in Figura 1.5, si può determinare
1
la seguente relazione:
θ
0
= arcsin
_
R +α
R
sin(θ

)
_
(1.3)
Avvicinando la sorgente alla lente, l’angolo θ
0
aumenta( perchè il rapporto tende
ad 1 per α che tende a 0) e quindi si ha che il fronte di fase diventa piano già
all’interno della lente stessa se il raggio della lente è ragionevolmente grande (v.
Fig. 1.6)
In letteratura sono presenti molti studi sulle lenti di Lüneburg per ciò che ri-
guarda le implementazioni e l’ottimizzazione delle possibili configurazioni. Le
applicazioni in cui vengono utilizzati dispositivi a lente di Lüneburg spaziano dai
1
Legge dei seni: vedi “The Improvement of Lunebury Lens Antenna’sAnalysis Method”,Wang
Li-Li,School of Automation and Information Engineering, Xi’an University of Technology, Xi’an,
Shaanxi, 710048
Capitolo 1. Lente di Lüneburg 7
Figura 1.5: Distanza tra sorgente e bordo della lente
Figura 1.6: Simulazioni di onde generate da Probe in diverse posizioni
Capitolo 1. Lente di Lüneburg 8
sistemi RADAR a corto raggio (sensori di movimento, applicazioni auto-motive)
e RADAR per sistemi di telerilevamento e osservazione del suolo, a sistemi per
la concentrazione dei raggi solari, fino ad applicazioni militari in cui si necessi-
ta di Corner Reflectors, per esempio: nei droni di sorveglianza e nei caccia per
aumentare la radra cross section dei velivoli in maniera che questi non possano
essere mal rilevati dai RADAR di terra. Tipicamente si può realizzare una lente di
Lüneburg tramite una serie di gusci sferici concentrici con indice di rifrazione va-
riabile e decrescente dal centro (valore massimo) in direzione radiale (vedi Figura
1.7). Nonostante la semplicità di progetto, il fatto che in queste configurazioni
l’indice di rifrazione è discontinuo comporta sia riflessioni interne indesiderate
che la creazione di cammini multipli dell’onda all’interno della lente ed in ultima
analisi implica la necessità di avere lenti di dimensioni elevate (circa 12 volte la
lunghezza d’onda alla frequenza di lavoro) per poter raddrizzare il fronte d’onda
. Il nostro progetto è invece basato su una lente planare realizzata con un unico
materiale, con un indice di rifrazione costante, poggiata su uno slab di dielet-
trico (ABS, ε
r
= 2.8) nel quale è presente una sorgente di tipo onda cilindrico
posta sul bordo della lente. Inizialmente abbiamo deciso di studiare due possibili
configurazioni per determinare le dimensioni ottimali della lente e il corretto posi-
zionamento della sorgente: in aria ed in guida d’onda a piatti piani paralleli infiniti
(IPPWG) per poi arrivare alla configurazione finale in guida d’onda rettangolare.
In entrambi i casi il profilo di altezza della lente è l’incognita di progetto ed è stato
determinato a partire dalla condizione di risonanza della configurazione presa in
esame.
Capitolo 1. Lente di Lüneburg 9
Figura 1.7: Lente di Lüneburg a strati concentrici di dielettrici diversi
Figura 1.8: Lente di Lüneburg in aria, vista laterale.
1.2 Lente di Lüneburg in aria
Abbiamo considerato la seguente configurazione: una lente di Lüneburg sferica
che giace su uno slab dielettrico di altezza 1 mm e costante dielettrica ε
r
pari a
2.8 che poggia su un piano di PEC e abbiamo considerato la struttura immersa in
aria (vedi Figura 1.8).
Si può assimilare questo sistema ad una linea di trasmissione e deteminare
le costanti di propagazione imponendo la condizione di risonanza. Dalla teoria
delle linee di trasmissione, partendo dalla condizione di risonanza dei carichi ri-
portati alla sezione CC’ (l’interfaccia tra l’aria ed il dielettrico) è stato possibile
Capitolo 1. Lente di Lüneburg 10
Figura 1.9: Linea di trasmissione equivalente per la configurazione in aria
determinare l’altezza della lente per porre l’antenna in condizione di risonanza.
Prendiamo un intervallo della struttura che comprenda sia lo slab che il profilo
della lente, come indicato in Figura 1.8: il sistema prevede un PEC (piano di mas-
sa) sul quale poggia uno strato di dielettrico alto 1 mm dal quale si eleva la lente
e oltre tale strato di dielettrico abbiamo aria.
Considerando come modo propagativo il trasverso magnetico (TM) di ordine
0. Il modello a linea di trasmissione equivalente è dato da (vedi Figura 1.9) dalla
serie dell’impedenza in aria e nel dielettrico (chiusa in corto circuito) riportate alla
sezione CC’. Imponendo la condizione di risonanza a tale sezione si ottiene:
Z
TM
0 CC

+Z
TM
1 CC

= 0 (1.4)
Esplicitando i carichi riportati alla sezione si ha:
Z
TM
0
+jZ
TM
1
tan(k
z
1
h) = 0 (1.5)
_
_
_
Z
TM
0
= ζ
0
k
z
0
/k
0
Z
TM
1
= ζ
1
k
z
1
/k
1
(1.6)
Capitolo 1. Lente di Lüneburg 11
con ζ
0
e ζ
1
e k
0
e k
1
rispettivamente impedenza caratteristica e costanti di propa-
gazione del vuoto e dell’ aria (quindi: ζ
1
= ζ
0

ε
r
e k
1
= k
0

ε
r
), mentre k
z
0
e
k
z
1
sono le costanti di propagazione longitudinali e valgono :
_
_
_
k
z
0
=
_
(k
0
2
−k
ρ
2
)
k
z
1
=
_
(k
1
2
−k
ρ
2
)
(1.7)
dove k
ρ
è la costante di propagazione nel piano orizzontale che segue la legge
della lente di Lüneburg ed è data da
k
ρ
= β
sw
_
2 −
_
ρ
R
_
2
(1.8)
Sostituendo la 1.8 nella 1.7 precedente si ha:
_
¸
¸
_
¸
¸
_
k
z
0
=
_
k
0
2
−(β
sw
)
2
_
2 −
_
ρ
R
_
2
_
k
z
1
=
_
k
0
2
ε
r
−(β
sw
)
2
_
2 −
_
ρ
R
_
2
_
(1.9)
Ora, β
sw
è la costante di propagazione di un’onda superficiale che si propaga sullo
slab dielettrico di altezza 1mm e di costante dielettrica ε
r
e viene calcolata nume-
ricamente tramite un codice MATLAB dedicato e che abbiamo appositamente
sviluppato:a partire dalla condizione di continuità delle costanti di propagazione
trasverse, imponendo la seguente condizione :
Z
TM
0
+jZ
TM
1
tan(k
z
1
(d)) = 0 (1.10)
dove d è l’altezza dello slab e vale 1 mm. Una volta determinata la β
sw
, questa
viene utilizzata per invertire la 1.5 e quindi per determinare analiticamente l’al-
tezza del profilo della lente h(ρ) che è appunto in funzione della distanza ρ dal
centro della lente, della frequenza di lavoro f
o
e della costante dielettrica ε
r
h = f(ρ, f
0
, ε
r
, R) (1.11)
Capitolo 1. Lente di Lüneburg 12
Infine, semplificando nella 1.6 i valori delle costanti dielettriche e di propagazione
e sostituendo la 1.5 all’interno delle 1.7 e 1.8 si ottiene
h = 1/k
z
1
tan
(−1)
_
Z
TM
0
Z
TM
1
_
=
1
k
0

εr−

βsw
k
0

2

2−(
ρ
R
)
2

tan
(−1)
_
_
εr

1−

βsw
k
0

2

2−(
ρ
R
)
2

εr−

βsw
k
0

2

2−(
ρ
R
)
2

_
_
(1.12)
Quindi, una volta fissati ε
r
e R, dato che k
0
=
2πf
0
c
0
( c
0
è la velocità della luce
nell’aria) e dopo aver determinato β
sw
, si ha che h è solo funzione della distanza
dal centro della lente.
1.3 Lente di Lüneburg tra due piatti paralleli
Analogamente a quanto considerato per il punto precedente, posizionando la len-
te
2
all’interno di una guida d’onda a piatti piani paralleli (PPWG)(vedi Figura
1.10), nella quale la distanza tra i due piatti è pari a w, possiamo calcolare il pro-
filo della lente come nel caso precedente tenedo però conto del fatto che adesso la
condizione di risonanza 1.4 fornisce un’equazione di tipo trascendente e pertanto
non può essere risolta analiticamente. Si è reso necessario modificare il codice
MATLAB di cui abbiamo parlato nel paragrafo precedente per adattarlo al caso in
questione.
Prendiamo nuovamente in considerazione il modo trasverso magnetico (TM)
di ordine 0 come eccitazione della guida. Si ha che la linea di trasmissione equi-
valente è data (vedi Figura 1.11) dalla serie dell’impedenza in aria e nel dielettrico
(entrambe chiuse in corto circuito) riportate alla sezione CC’. Quindi imponendo
la condizione di risonanza a tale sezione si ottiene:
2
La lente è con le stesse caratteristiche dielettriche del caso precedente e lo slab dielettrico è
ancora di altezza 1mm
Capitolo 1. Lente di Lüneburg 13
Figura 1.10: Lente di Lüneburg tra due piatti paralleli, vista laterale.
Figura 1.11: Linea di trasmissione equivalente per la configurazione tra PP
Capitolo 1. Lente di Lüneburg 14
jZ
TM
0
tan(k
z
0
(w −h)) +jZ
TM
1
tan(k
z
1
h) = 0 (1.13)
Dato che w è fissata, si determina numericamente β
sw
a partire dall’altezza del-
lo slab dielettrico che come nel caso precedente è di 1mm. Quindi si risolve
numericamente:
jZ
TM
0
tan(k
z
0
(w −1mm)) +jZ
TM
1
tan(k
z
1
(1mm)) = 0 (1.14)
Quindi si procede a calcolare l’altezza h che rispetti la 1.13, ma a differenza della
lente in aria, in questo caso essa non può essere trovata analiticamente poichè tale
equazione è di tipo trascendente. Sostituendo le seguenti espressioni :
_
¸
¸
_
¸
¸
_
k
z
0
=
_
k
0
2
−(β
sw
)
2
_
2 −
_
ρ
R
_
2
_
k
z
1
=
_
k
1
2
−(β
sw
)
2
_
2 −
_
ρ
R
_
2
_
(1.15)
negli argomenti della 1.13 si ottiene:
jZ
TM
0
tan
_
(w −h)
_
k
0
2
−(β
sw
)
2
_
2 −
_
ρ
R
_
2
_
_
=
−jZ
TM
1
tan
_
h
_
k
0
2
ε
r
−(β
sw
)
2
_
2 −
_
ρ
R
_
2
_
_
(1.16)
Possiamo usare la trasformazione tanh (x) = −j tan(jx) per scrivere l’equzione
precedente in una forma più chiara:
Z
TM
0
tan
_
(w −h)
_
k
0
2
−(β
sw
)
2
_
2 −
_
ρ
R
_
2
_
_
=
Z
TM
1
tanh
_
hk
0

r
)
2
_
_
βsw
k
0
(εr)
2
_
2
_
2 −
_
ρ
R
_
2
_
−1
_
(1.17)
Semplificando ulteriormente le impedenze si ha che la 1.17 diventa:
Capitolo 1. Lente di Lüneburg 15
__
k
0
2
−(β
sw
)
2
_
2 −
_
ρ
R
_
2
_
_
tan
_
(w −h)
_
k
0
2
−(β
sw
)
2
_
2 −
_
ρ
R
_
2
_
_
=
k
0

r
)
2
_
1 −
_
βsw
k
0
(εr)
2
_
2
_
2 −
_
ρ
R
_
2
_
tanh
_
hk
0

r
)
2
_
_
βsw
k
0
(εr)
2
_
2
_
2 −
_
ρ
R
_
2
_
−1
_
(1.18)
Le dimensione finali della struttura sono in funzione della lente di Lüneburg.
Come abbiamo già osservato nel paragrafo 1.1, il raggio della lente e la posizione
del Probe influenzano l’efficienza della lente stessa e dopo uno studio accurato ed
approfondito sulle varie combinazioni possibili tra distanza dei PEC, dimensioni
della lente e analisi della posizione del Probe abbiamo optato per una struttura
che avesse: un basso profilo (distanza ravvicinata tra i PEC) tale che il campo
elettrico in direzione verticale fosse il più possibile confinato tra i due PEC in
modo da non innescare modi ulteriori in direzione trasversa (il valore minimo
per questa dimensione è di
λ
0
6
); valore minimo del raggio
3
della lente pari a 6λ
0
dato che per dimensioni inferiori a questo lower bound il fronte d’onda non viene
completamente raddrizzato.
Le IPPWG sono strutture ideali dato che i piatti infiniti sono, ovviamente, un’
astrazione di tipo matematico per poter meglio studiare, cioè per poter semplifi-
care, le condizioni al contorno dei campi all’interno della struttura. Una struttura
in guida d’onda a piatti paralleli finiti (FPPWG) è invece fisicamente realizzabi-
le, ma l’onda che viaggia al suo interno si disperde in direzione laterale alla sua
propagazione: nello step successivo, partendo dai risultati ottenuti con la simula-
zione di una PPWG e dalle dimensioni della lente , abbiamo adottato una struttura
di tipo chiuso (Rectangular PPWG), cioè una cavità rettangolare con pareti di con-
duttore elettrico perfetto (PEC) su tutti i lati per poter simulare una struttura il più
3
Tale parametro, è bene sottilinaerlo, è legato al tipo di dielettrico che di cui è composta la
lente: ci siamo attenuti al materiale plastico (ABS-P430) usato comunemente in stampe 3D, nel
caso di una possibile realizzazione futura
Capitolo 1. Lente di Lüneburg 16
possibile reale e che sia realizzabile fisicamente. L’onda che si crea in una struttu-
ra chiusa, indipendentemente dalle sue dimensioni, è un’ onda di tipo stazionario
poichè le pareti di PEC riflettono l’onda e i contributi delle onde trasmesse e ri-
flesse all’interno della struttura si sommano e sottraggono in fase (a seconda della
distanza tra le pareti) causando appunto la stazionarietà del fronte di fase. A meno
di qualche meccanismo di perdita presente all’interno della struttura, come posso-
no essere per esempio le perdite nel dielettrico, la stazionarietà del fronte di fase
è inevitabile: per questo motivo abbiamo optato per una sistema di forature della
parete superiore, in modo da avere una perdita per radiazione progressiva nella
direzione di propagazione dell’onda ed inoltre abbiamo progettato le slit al fine di
ottenere una radiazione broad-side.
Capitolo 2
Radiazione e Leaky Waves
Una volta riusciti a generare il fronte di fase piano all’interno della cavità, siamo
in grado di poter alimentare in modo adeguato le slit per ottenere la radiazione
dalla struttura. Ovviamente la disposizione, il dimensionamento e il numero tota-
le delle fessure sono gli elementi che influiscono sul pattern di radiazione che si
va a generare. In prima analisi possiamo affermare che il pattern di radiazione è
influenzato da due fattori: dal fattore di array delle slit che va a controllare l’an-
golo di puntamento del campo in zona lontana e dal . Se le slit sono correttamente
dimensionate e se la loro posizione è tale da permettere una fasatura adeguata, al-
lora è possibile controllare la direttività dell’antenna e l’angolo di puntamento del
beam generato: in questo capitolo ci occuperemo dello studio del campo radia-
to dalle slit(singole e schiera). Infine ci occuperemo della radiazione per effetto
del meccanismo leaky presente nelle guide non completamente chiuse eccitate da
un’onda viaggiante.
17
Capitolo 2. Radiazione e Leaky Waves 18
Figura 2.1: Slit sulla parete di una guida d’onda rettangolare
2.1 Radiazione di un’ apertura su piano di massa
Si definisce slit una fessura praticata su un piano metallico di una generica guida
d’onda tale che una delle due dimensioni (lunghezza o larghezza) sia molto più
grande dell’altra (v. Fig. 2.1 ).
Per studiare il campo radiato da una singola slit prendiamo in esame il caso ge-
nerale di un campo generato da una fessura praticata su un piano di massa infinito
posto sul piano XY. L’analisi di antenne ad apertura (le slit ne sono un caso parti-
colare) su piani di massa supposti infiniti diventa troppo complicata se la si studia
nel dominio spaziale, mentre risulta considerevolmente più semplice nel dominio
spettrale. Consideriamo come esempio un’apertura rettangolare di dimensioni a,
b su un piano di massa infinito come in Fig.2.2
Nella regione (supposta priva di sorgenti e di perdite) z > 0 il campo E (x, y,
z) irradiato dall’apertura si può scrivere come sovrapposizione di onde piane nella
forma:
Capitolo 2. Radiazione e Leaky Waves 19
Figura 2.2: Sistema di riferimento per una slit su piano di massa infinito
E(x, y, z) =
1
(2π)
2
+∞
´
−∞
+∞
´
−∞
¯
E(k
x
, k
y
)e
−jk·r
dk
x
dk
y
=
=
1
(2π)
2
+∞
´
−∞
+∞
´
−∞
¯
E(k
x
, k
y
)e
−j(kxx+kyy+kzz)
dk
x
dk
y
(2.1)
essendo k
z
=
_
k
0
2
−k
x
2
−k
y
2
, per cui l’integrale comprende sia onde omo-
genee (uniformi) che evanescenti (non uniformi con vettore di fase ortogonale al
vettore di attenuazione): ovviamente soltanto le prime contribuiranno in maniera
consistente al campo lontano (grandi valori di z). Ponendoci sul piano di massa,
quindi per z = 0, si può osservare che l’equazione precedente equivale a :
E(x, y, 0) =
1
(2π)
2
+∞
ˆ
−∞
+∞
ˆ
−∞
¯
E(k
x
, k
y
)e
−j(kxx+kyy+kzz)
dk
x
dk
y
(2.2)
che è una doppia antitrasformata di Fourier e che può facilmente essere invertita:
¯
E(k
x
, k
y
) =
1
(2π)
2
+∞
ˆ
−∞
+∞
ˆ
−∞
E(x, y, 0)e
j(kxx+kyy)
dk
x
dk
y
(2.3)
Capitolo 2. Radiazione e Leaky Waves 20
In conclusione il campo irradiato dall’apertura è noto (ammesso di essere in grado
di risolvere l’ integrale) conoscendo la trasformata di Fourier del campo sul piano
dell’apertura,
¯
E(k
x
, k
y
). Inoltre possiamo esprimere
¯
E(k
x
, k
y
) come :
¯
E(k
x
, k
y
) = x
0
E
x
(k
x
, k
y
) +y
0
E
y
(k
x
, k
y
) +z
0
E
z
(k
x
, k
y
) =
= E
t
(k
x
, k
y
) +z
0
E
z
(k
x
, k
y
)
(2.4)
Dato che la componente lungo z del campo può essere espressa tramite le altre due
componenti sul piano, allora le componenti tangenziali, che sono nulle sul piano
di massa, sono sufficienti a determinare il campo irradiato in zona lontana. Con il
metodo della fase stazionaria applicato all’integrale 2.1, tralasciando i calcoli, si
può ricavare l’ espressione del campo irradiato in zona lontana (far field zone, FF
), e quindi possiamo esprimere
1
:
E

(x, y, z) =
1
(2π)
2
+∞
´
−∞
+∞
´
−∞
¯
E(k
x
, k
y
)e
−jk·r
dk
x
dk
y
=
=
1
(2π)
2
+∞
´
−∞
+∞
´
−∞
¯
E(k
x
, k
y
)e
−j(kxx+kyy+kzz)
dk
x
dk
y
(2.5)
dove rispetto alla 2.1 abbiamo limitato la regione di integrazione a S che è la
regione di spettro corrispondente alle onde omogenee e cioè per k
x
2
+k
y
2
< k
2
=
ω
2
µε. Quindi:
E

(x, y, z)=E

(r, θ, ϕ)

=
jke
−jkr
2πr
cos θE(k
1
, k
2
) =
=
jke
−jkr
2πr
[cos θE(k sin θ cos ϕ, k sin θ sin ϕ)]
(2.6)
che può essere espresso meglio in coordinate sferiche:
E

(r, θ, ϕ)

=
jke
−jkr
2πr
_
_
_
θ [E
x
(k
1
, k
2
) cos ϕ +E
y
(k
1
, k
2
) sin ϕ] +
ϕcos θ [−E
x
(k
1
, k
2
) sin ϕ +E
y
(k
1
, k
2
) cos ϕ]
_
_
_
(2.7)
1
applichiamo il metodo della fase stazionaria al contributo delle onde omogenee, perchè nel
campo delle evanescenti non sarebbe più verificato che k · r è reale
Capitolo 2. Radiazione e Leaky Waves 21
dove
e
−jkr
2πr
è l’onda sferica uscente ed il campo elettrico in parentesi mostra una di-
pendenza dalle sole coordinate angolari. Possiamo definire un sistema di sorgenti
generiche per descrivere l’eccitazione dell’apertura:
_
¸
¸
¸
¸
_
¸
¸
¸
¸
_
E
x
(θ, ϕ) =
+b/2
´
−b/2
+a/2
´
−a/2
E
ax
(x

, y

)e
−jk(sinθ cos ϕx

+sinθ sinϕy

)
dx

dy

E
y
(θ, ϕ) =
+b/2
´
−b/2
+a/2
´
−a/2
E
ay
(x

, y

)e
−jk(sinθ cos ϕx

+sinθ sinϕy

)
dx

dy

(2.8)
Supponiamo di avere soltanto la sorgente diretta lungo x e calcoliamo textitE
x
(θ, φ,
dove abbiamo E
ax
(x

, y

) = x
0
E
0
:
E
x
(θ, ϕ) =
+b/2
´
−b/2
+a/2
´
−a/2
E
ax
(x

, y

)e
jk(sin θ cos ϕx

+sin θ sin ϕy

)
dx

dy

=
= E
0
+a/2
´
−a/2
e
jk(sin θ cos ϕx

)
dx

+b/2
´
−b/2
e
jk(sin θ sin ϕy

)
dy

=
= E
0

e
jk(sin θ cos ϕx

)

+a/2
−a/2
jk sin θ cos ϕ

e
jk(sin θ sin ϕy

)

+b/2
−b/2
jk sin θ sin ϕ
=
= E
0
2j sin(k sinθ cos ϕ
a
2
)
jk sinθ cos ϕ
2j sin(k sinθ sinϕ
b
2
)
jk sinθ sinϕ
=
= E
0
absinc (X) sinc (Y )
(2.9)
dove X = k sin θ cos ϕ
a
2
e Y = k sin θ sin ϕ
b
2
. Ovviamente per una sorgente
disposta lungo x si ottengono gli stessi risultati. Già da questa prima analisi si
possono trarre informazioni riguardo le dimensioni della fessura: aumentando a
o b i lobi del pattern di radiazione sui piani, rispettivamente XZ (azimuth) e YZ
(elevazione) si restringono. In Fig.2.3 riportiamo plot della funzione 2.10 per a
pari a due volte b: come si può notare il periodo del sinc(X) è metà del periodo
del sinc(Y) perchè a è il doppio di b.
Capitolo 2. Radiazione e Leaky Waves 22
Figura 2.3: Pattern di radiazione di una slit trasversale
Figura 2.4: Sistema di riferimento per una slit su piano di massa infinito
2.2 Campo irradiato da una slit trasversale
Applichiamo quanto detto fino ad adesso alla nostra guida rettangolare. Il modo
che eccita la guida è un’onda piana di tipo TM e quindi, in base al sistema di rit
Supponiamo di eccitare la slit con un’onda diretta lungo x, e il lato lungo è diretto
lungo le y, mentre il lato corto e la sorgente sono dirette lungo x, come in Figura
2.4.
Capitolo 2. Radiazione e Leaky Waves 23
Figura 2.5: Correnti elettriche e magnetiche su un piano di massa
Le correnti sul piano di massa sono date dal sistema:
_
_
_
J = ´ n ×H
M = ´ n ×E
(2.10)
e quindi abbiamo una corrente elettrica parallela alla propagazione x ed una cor-
rente magnetica trasversa in direzione y. Le correnti che generano irradiazione di
campo elettrico sono le correnti elettriche perchè il loro cammino viene interrotto
dalla fessura (v. Fig. 2.5).
Il campo lontano E
x
(θ) ha la stessa forma dell’integrale 2.10 e volgiamo
osservare . l’andamento del campo sul piano XZ, quindi per φ = 0 ed otteniamo
E
x
(θ) =
+a/2
ˆ
−a/2
e
jk(sin θx′)
dx′
+L/2
ˆ
−L/2
E
0
dy′ = E
0
aLsinc
_
k sin θ
a
2
_
(2.11)
E
x
(θ) = E
0
aLsinc
_
k sin θ
a
2
_
(2.12)
In FIGURA 2.6 è riportato il plot del pattern di radiazione di una slit posizio-
nata trasversalmente rispetto alla sorgente che la eccita: sono presenti il plot 3D
del campo e i tagli sul piano elettrico (grigio) e magnetico (nero). Come si può
facilmente notare il pattern sul piano H ha l’andamento di un sinc con un periodo
molto più lungo del sinc poichè lo spessore a influisce sul periodo del sinc sul
piano H e L determina il periodo del sinc sul piano E.
Capitolo 2. Radiazione e Leaky Waves 24
Figura 2.6: Pattern di radiazione di una slit trasversale
2.3 Array di antenne
Dopo aver descritto il pattern di radiazione di una singola slit, andiamo ad esa-
minare il campo irradiato in zona lontana da un array di slit. Abbiamo visto, per
esempio nella 2.7, che una generica antenna irradia nello spazio circostante un
campo che ha questo andamento:
E

(r, θ, ϕ)

=
jk

e
−jkr
r
f(θ, ϕ) (2.13)
dove f(θ, ϕ), denominato Antenna Factor (anche detto fattore di elemento), è
una funzione delle coordinate polari che descrive in che maniera l’antenna ir-
radia potenza, cioè le sue caratteristiche radiative rispetto alle coordinate polari
della sorgente di campo. Naturalmente la sorgente di campo può essere costitui-
ta da un’unica antenna o da un sistema di antenne, propriamente definito array
di antenne. Dato che ogni singola antenna ha un suo fattore di antenna, cioè
Capitolo 2. Radiazione e Leaky Waves 25
Figura 2.7: Array di N antenne: sistema di riferimento
E
i

(r, θ, ϕ)

=
jk

e
−jkr
i
r
i
E
i
f
i

i
, ϕ
i
), il sistema complessivo genera un campo che
è caratterizzato dalla combinazione dei singoli fattori di antenna. Preso un sistema
di N antenne generiche ed un sistema di riferimento come in Figura 2.7.Possiamo
esprimere il campo in zona lontana dell’array di antenne come:
E
Array

(r, θ, ϕ)

=
jk

e
−jkr
r
f

Elemento
(θ, ϕ)
N

i
_
e
−jk(R
i
·a
i
)
E
i
¸
=
=
jk

e
−jkr
r
f

Elemento
(θ, ϕ)f

Array
(θ, ϕ)
(2.14)
Dato che siamo in zona di campo lontano possiamo assumere che il vettore
r
i
= r − R
i
· a
i
che individua il punto di campo lontano P rispetto al centro
dell’antenna i-esima sia approssimabile con il vettore r che congiunge l’origine
del sistema e P: utilizziamo questa approssimazione nel denominatore del fattore
di onda sferica lasciando però invariato l’argomento dell’esponenziale per studiare
il contributo di fase di ogni antenna i-esima. Inoltre in zona di campo lontano la
coppia di angoli (θ
i
, ϕ
i
) è approssimabile con gli angoli (θ, ϕ) che individuano la
posizione di P rispetto all’ origine del sistema di riferimento, e quindi si ha che :
Capitolo 2. Radiazione e Leaky Waves 26
E
Array

(r, θ, ϕ)

=
jk

e
−jkr
r
N

i
_
e
−jk(R
i
·a
i
)
f
i

i
, ϕ
i
)
¸
)

=

=
jk

e
−jkr
r
N

i
_
e
−jk(R
i
·a
i
)
f
i

i
, ϕ
i
)
¸

=

=
jk

e
−jkr
r
f

Array
(θ, ϕ)
(2.15)
Va sottolineato che il fattore f

Array
(θ, ϕ) è influenzato anche dal fattore di ali-
mentazione delle singole antenne. Chiamiamo E
i
l’eccitazione che riceve la i-
esima antenna dell’ array, quindi definiamo con
f

i
(θ, ϕ) = E
i
f
i

i
, ϕ
i
)

= E
i
f
i
(θ, ϕ) (2.16)
il contributo dell’eccitazione della singola antenna sul fattore di antenna comples-
sivo. Infine assumendo che le antenne siano simili tra loro, e che quindi anche i lo-
ro singoli fattori di antenna siano simili in campo lontano, cioè f
i
(θ, ϕ)

=
¯
f(θ, ϕ),
sostituendo ulteriormente nell’espressione del campo lontano si ha :
E
Array

(r, θ, ϕ)

=
jk

e
−jkr
r
f

Elemento
(θ, ϕ)
N

i
_
e
−jk(R
i
·a
i
)
E
i
¸
=
=
jk

e
−jkr
r
f

Elemento
(θ, ϕ)f

Array
(θ, ϕ)
(2.17)
Così come il fattore di elemento descrive l’irraggiamento di una singola antenna,
l’array factor (AF) determina le capacità radiative complessive dell’array di an-
tenne. Studiamo più approfonditamente il fattore di array per due esempi di array
molto esplicativi.
Prendiamo un array lineare (vedi FIGURA 2.8), cioè in cui le antenne sono
allineante lungo una determinata direzione e distanziate di una distanza d l’una
dall’ altra (per semplicità le antenne siano uguali tra loro). Il fattore di array è in
funzione del vettore ´ r e ´ x poichè
´
R = d(i −1)´ x e il prodotto scalare che si ottiene
con ´ x· ´ r = cos ψ = sin θ cos ϕ ci fornisce la seguente formula del fattore di array:
Capitolo 2. Radiazione e Leaky Waves 27
Figura 2.8: Array lineare di antenne
f
Array
(θ, ϕ) =
N

i
_
e
−jkd(i−1) cos ψ
E
i
¸
(2.18)
Un array lineare è definito uniforme se è caratterizzato da queste due proprietà:
la prima è che ogni suo elemento deve essere eccitato in eguale ampiezza; la
seconda è che le eccitazioni devono avere uno sfasamento progressivo, cioè che
la fase aumenta di un fattore nd allontanadosi dall’origine. In altri termini: le
antenne devono avere una fasatura uniforme. Queste condizioni possono essere
espresse nel seguente sistema:
_
_
_
|E
i
| = E
0
E
i
= nd(i −1)
(2.19)
Per un array di questo tipo il calcolo del FA risulta semplice. Dalla prima con-
dizione si può dedurre che il termine E
i
nella ?? diventa indipendente dal pedice
i per quanto riguarda la sua ampiezza, ma non la fase e quindi la sua ampiezza
E
0
può essere estratta dalla sommatoria; inoltre possiamo eseguire un cambio di
variabili che ci porti dal sistema in coordinate polari (θ, ϕ) ad un nuovo sistema
in una singola variabile u :
Capitolo 2. Radiazione e Leaky Waves 28
f
Array
(θ, ϕ) =
N

i
|E
i
|e
jE
i
e
−jkd(i−1) cos ψ
= E
0
N

i
e
jnd(i−1)
e
−jkd(i−1) cos ψ
=
= E
0
N

i
e
j(i−1)
e
d(n+k cos ψ)
(2.20)
e per
_
_
_
u = dk cos ψ
u
0
= nd
(2.21)
si ottiene:
f
Array
(θ, ϕ) = f
Array
(u) = E
0
N

i
e
j(i−1)
e
(u+u
0
)
(2.22)
che è sviluppabile in serie di Taylor come :
f
Array
(u) = E
0
e
j
N
2
(u+u
0
)
−1
e
j
1
2
(u+u
0
)
−1
sin
_
N
2
(u +u
0
)
¸
sin
_
1
2
(u +u
0
)
¸ (2.23)
La precedente equazione può essere posta in modulo in maniera da togliere gli
esponenziali, ottenendo:
¸
¸
f
Array
(u)
¸
¸
= E
0
¸
¸
¸
¸
¸
e
j
N
2
(u+u
0
)
−1
e
j
1
2
(u+u
0
)
−1
¸
¸
¸
¸
¸
¸
¸
¸
¸
¸
sin
_
N
2
(u +u
0
)
¸
sin
_
1
2
(u +u
0
)
¸
¸
¸
¸
¸
¸
= E
0
|sinc(u +u
0
)|
(2.24)
In ultima analisi, dire che gli elementi dell’array sono alimentati in fase equivale
a dire che la traslazione u
0
è nulla, e cioè che la distanza d è tale da non avere
sfasamento. Di per se l’Array Factor non porta molta informazione ma è interes-
sante studiarne il modulo: la funzione
¸
¸
f
Array
(u)
¸
¸
prende il nome di pattern di
campo (pattern field) e contiene tutte le informazione necessarie all’analisi degli
array lineari.
Capitolo 2. Radiazione e Leaky Waves 29
La funzione in questione può essere approssimata ad un modulo di sinc (v.
Fig 2.12) e quindi è una funzione periodica di periodo 2π . Quando l’argomen-
to del seno tende a zero, il seno può essere approssimato con il suo argomento:
utilizzeremo questa approssimazione nelle argomentazioni successive. Possiamo
ricavare subito il valore del lobo principale, che è pari a N
2
studiando il caso in
cui l’argomento del seno si annulla, cioè per u − u
0
= 0. I lobi principali sono
distanziati di 2 ∗ π mentre quelli secondari si trovano sempre compresi tra due
zeri consecutivi: ricaviamo questa distanza annullando il numeratore, cioè per
N
2
(u +u
0
) = kπ ⇒ u
zero,k
= 2

N
−u
0
e sostituendo nel seno questa funzione si
può concludere che il numero di antenne N è il valore del lobo principale mentre
l’altezza del primo lobo secondario e la distanza tra i lobi valgono rispettivamente
2N

e
3pi
N
Come già abbiamo detto in precedenza l’angolo ψ è compreso tra 0 e
1 e quindi −1 ≤ cos ψ ≤ 1 da cui deriva che −k
0
d ≤ u ≤ k
0
d. Quindi definiamo
questo intervallo spazio del visibile e per un sitema di array uniforme lo spazio
del visibile è proprio l’intervallo che va da −k
0
d a +k
0
d.
2.4 Radiazione dell’ array di slit in zona di campo
lontano
Passiamo allo studio del campo in zona lontana generato un array di 25 slit con
fasatura uniforme e dimensioni: 11λ
0
(lato lungo), λ0/10 (lato corto), disposte
ortogonalmente alla direzione di propagazione dell’onda che viaggia nella guida.
Abbiamo scelto di avere 25 slit perchè dai calcoli eseguiti nel paragrafo precedente
si ottiene una differenza tra il lobo principale e il lobo secondario di 13 dB ed
inoltre. Un array lineare genera un fascio di radiazione il cui angolo di puntamento
2
D’ora in poi normalizzeremo la funzione Field Pattern rispetto all’ eccitazione E
0
per
comodità
Capitolo 2. Radiazione e Leaky Waves 30
Figura 2.9: Direttività totale sul piano E: guida riempita di aria
Figura 2.10: Direttività totale sul piano H: guida riempita di aria
è in funzione della distanza tra le fessure: se essa è pari alla lunghezza d’onda della
guida allora il fascio punta in direzione broadside (l’angolo tra la normale alla
supericie e il fascio è nullo); se la distanza tra gli elementi aumenta allora l’angolo
aumenta e si crea un fascio forward; nell’altro caso, se la distanza diminuisce
allora il fascio è backward. La nostra antenna è progettata per realizzare un fascio
broadside quindi siamo nel caso in cui la distanza tra le slit deve essere pari a λ
0
e
di conseguenza l’array ha lunghezza è pari a : 24λ
0
(lunghezza dell’array) + 12λ
0
(diametro lente). Oltre allo svantaggio delle dimensioni elevate, il campionamento
con cui abbiamo eseguito l’array (la distanza tra le slit) comporta anche un altro
fattore negativo: stiamo campionando con un periodo pari allo spazio del visibile e
quindi oltre al lobo principale (in zero) anche i massimi successivi contribuiscono
all’irraggiamento in zona lontana ().
Osservano il plot della direttività totale (sul piano H) alla frequenza in cui si ha
Capitolo 2. Radiazione e Leaky Waves 31
Figura 2.11: Direttività totale 3D: guida riempita di aria
Figura 2.12: Direttività totale 3D (vista dall’alto): guida riempita di aria
Figura 2.13: Direttività totale 3D (vista frontale): guida riempita di aria
Capitolo 2. Radiazione e Leaky Waves 32
Figura 2.14: Direttività totale sul piano E: guida riempita di dielettrico
puntamento broadside (v. Fig.2.9, 2.10) si può facilmente notare come i massimi
successivi entrino nel periodo del campionamento. Nelle Figure seguenti abbiamo
riportato un pattern del campo irradiato in zona lontana in 3D per avere un’idea
più chiara di questo aspetto. Dall’osservazione della direttività sul piano H si può
ottenere un’altra informazione rigurdo al comportamento del campo lontano: la
frequenza broadside è traslata di 0.5 Ghz rispetto alla frequenza di lavoro a cuasa
del fenomeno leaky che si innesca con la presenza delle slit: di questo aspetto
ci occuperemo nel prossimo paragrafo in maniera più approfondita. Un modo
per risolvere il problema del campionamento troppo largo è ovviamente quello
di campionare in maniera più fitta il campo presente nella guida, per esempio
campionando a
λ
0
2
. Abbiamo riempito la parte di guida sottostante l’array con un
dielettrico con costante dielettrica ǫ
r
pari a 4, in modo da sottocampionare con un
periodo pari alla metà della lunghezza d’onda in aria: in questo modo si evitano
i massimi successivi e contemporaneamente l’array dimezza la sua lunghezza (v.
Capitolo 3). Andiamo ad osservare i pattern di radiazione.
La direttività totale (piano E) ha adesso l’andamento di un sinc non regolare
con lobi laterali inferiori a -10 dB a cuasa del fattore di array, mentre sul piano H
otteniamo un sinc più regolare dovuto al fattore di elemento. Dai grafici 3D dei
pattern di radiazione osserviamo che la presenza dei lobi laterali molto pronun-
Capitolo 2. Radiazione e Leaky Waves 33
Figura 2.15: Direttività totale sul piano H: guida riempita di dielettrico
Figura 2.16: Direttività totale 3D: guida riempita di dielettrico
Figura 2.17: Direttività totale 3D (vista dall’alto): guida riempita di dielettrico
Capitolo 2. Radiazione e Leaky Waves 34
Figura 2.18: Direttività totale 3D (vista frontale): guida riempita di dielettrico
ciati è dovuta alle stazionarietà che si generano ortogonalmente alla direzione di
propagazione a causa degli accoppiamenti tra l’onda e le pareti (abbiamo utiliz-
zato pareti magnetiche conduttrici: v. Capitolo 3). Possiamo notare inoltre che
la frequenza alla quale si ha puntamento broadside è traslata a 17.5 GHz come in
precedenza.
2.5 Radiazione per effetto Leaky
La nostra cavità rettangolare è una guida con parete superiore parzialmente aperta
a causa delle forature eseguite: praticando le slit abbiamo innescato un meccani-
smo in grado di provocare radiazione di potenza verso l’esterno, trasformando il
modo di propagazione da confinato (anche definito modo in guida chiusa oppu-
re onda superficiale su slab dielettrico in guida d’onda) a modo radiativo. Tutte
le strutture guidanti che non sono completamente racchiuse da pareti conduttrici,
oltre alle perdite per dissipazione ohmica presenti in qualsiasi struttura reale, pos-
sono essere caratterizzate da perdite addizionali per radiazione. In queste strutture
i modi non siano completamente confinati e perdono, durante la propagazione, una
parte dell’energia che trasportano sotto forma di radiazione nel substrato dielet-
Capitolo 2. Radiazione e Leaky Waves 35
Figura 2.19: Onda viaggiante verso l’interfaccia aria-dielettrico
trico di supporto (se è presente nella guida) e nello spazio. In letteratura questo
fenomeno è indicato con il termine inglese leakage, che letteralmente significa
sgocciolamento, per indicare appunto la diffusione progressiva dell’energia del
modo nello spazio circostante. Il fenomeno di leakage, che tipicamente è carat-
teristico di strutture idealmente infinite (aperture infinte su piani di massa, guide
infinite con fessure longitudianli), riveste una notevole importanza pratica. Infatti
la loro presenza è indice del fatto che una parte della potenza si allontana dalla
struttura guidante e questo causa delle perdite addizionali e una interferenza tra i
vari elementi circuitali presenti nello stesso involucro.
Per esporre meglio il fenomeno della radiazione leaky prendiamo in considerazio-
ne uno slab di dielettrico (di spessore arbitrario e costante dielettrica ε
r
generica)
posto su un PEC su cui sia presente un’onda che viaggia verso l’interfaccia aria –
dielettrico proveniente da una direzione generica, come in Figura 2.1.
Sappiamo che la costante di propagazione dell’onda k
x
è un numero comples-
so ( k
x
ǫ C ) in presenza di un generico meccanismo di perdita, sia esso dovuto a
perdite nel dielettrico, nel conduttore o per radiazione. Dalla relazione di disper-
sione nell’aria (che supponiamo sia assimilabile al vuoto, quindi senza perdite) si
ha:
k
0
2
= ω
2
µ
0
ε
0
= k
z
0
2
+k
x
2
(2.25)
e dato che k
0
è un numero reale ( k
0
ǫ C ) e che k
z
0
, k
x
sono numeri complessi per
Capitolo 2. Radiazione e Leaky Waves 36
ipotesi, allora deve valere che :
_
_
_
k
x
= β
x
−jα
x
k
z
0
= β
z
−jα
z
(2.26)
Sostituendo nella (2.25) si ottiene
k
0
2
= (β
z
−jα
z
)
2
+ (β
x
−jα
x
)
2
= β
z
2
−α
z
2

x
2
−α
x
2
−2jβ
z
α
z
−2jβ
x
α
x
(2.27)
e risolvendo si ha:
_
_
_
k
0
2
= β
z
2
−α
z
2

x
2
−α
x
2
0 = −2jβ
z
α
z
−−2jβ
x
α
x
= jβ
z
α
z

x
α
x
(2.28)
Passando ad un’analisi vettoriale:
_
¸
¸
_
¸
¸
_
β = β
z
z
0

x
x
0
α = α
z
z
0

x
x
0

¸
¸
β
¸
¸
2
= β
z
2

x
2
, |α|
2
= α
z
2

x
2
(2.29)
Infine, in ultima analisi, dalle due equazioni del sistema si ottengono, rispetti-
vamente, le due seguenti relazioni:
_
_
_
¸
¸
β
¸
¸
2
−|α|
2
= k
0
2
¸
¸
β
¸
¸
|α| = 0
per

¸
β
¸
¸
= 0,
¸
¸
β
¸
¸
> |α|
_
(2.30)
Ora, i due vettori β e α sono utili per descrivere le caratteristiche propagative
di un’onda in quanto definiscono rispettivamente la direzione di propagazione e
di attenuazione dell’onda viaggiante. Inoltre i piani ortogonali a β sono definiti
superfici equifase, mentre i piani ortogonali ad α sono le superfici equiampiezza
dell’onda. Studiando il comportamento della costante di propagazione (e quindi
il comportamento di β e α ) siamo in grado di analizzare le situazioni possibili in
cui si viene a trovare l’onda presa in considerazione.
Supponiamo di essere nel caso di assenza di perdite (quindi α
x
= 0).
Capitolo 2. Radiazione e Leaky Waves 37
Figura 2.20: Onda superficiale all’interfaccia aria dielettrico: onda evanescente (a) e
impropria (b)
Se β
x
= 0 si ha un’onda piana entrante o uscente rispetto all’interfaccia aria –
dielettrico a seconda del segno di β
z
(entrante se positivo, uscente altrimenti).
Se invece β
x
= 0, allora si hanno due possibilità:
⇒ se α
z
> 0 si viene a creare un’onda confinata, cioè un’onda la cui intensità
è sensibilmente diversa da 0 solo nelle vicinanze della superficie: questo tipo di
onda viene chiamata onda evanescente ;
⇒ se α
z
< 0 si viene a creare un’onda superficiale impropria, per la quale si
ha comunque una soluzione matematica accettabile dell’equazione caratteristica
ma senza significato fisico dato che si avrebbe un incremento esponenziale del-
l’ampiezza dell’onda lungo le z crescenti e pertanto si violerebbe palesemente la
condizione di radiazione all’infinito;
Supponiamo di essere nel caso di presenza di perdite (quindi α
x
= 0), perciò
si ha un’onda con β
z
, β
x
= 0 e con tutte le componenti non nulle. Si hanno due
casi generali:
⇒ se α
z
> 0, α
x
> 0 e β
z
> 0 e β
x
> 0 siamo nel caso di dielettrico con perdite. In
questo caso β, cioè il flusso di potenza, ha una componente entrante nel dielettrico
in modo da compensare le perdite all’interno dello slab (questa configurazione può
ancora essere vista come un’ onda evanescente sotto le condizioni di riflessione
totale ad angolo critico);
Capitolo 2. Radiazione e Leaky Waves 38
Figura 2.21: Onda nel dielettrico (a) e onda tipo Leaky (b
⇒ se α
z
<0, β
z
>0 e β
x
<0 (α
x
generico) si viene a creare nuovamente un’onda
impropria (onda Leaky): per compensare il flusso di potenza in aria, le perdite nel
dielettrico devono avere segno negativo, cioè si deve generare potenza andando
ad innescare il cosiddetto meccanismo di perdita per radiazione. Ovviamente tale
condizione vale solo per regioni angolarmente limitate, ma può essere ammissibile
per esprimere il meccanismo di perdita per radiazione;
Pertanto, all’interno di strutture guidanti possono innescarsi meccanismi di
perdita per radiazione che danno luogo ad onde di tipo improprio. In letteratura
sono presenti molti esempi di antenne ad onda leaky (LWA), realizzate in varie
configurazioni: cavità con fessure longitudinali, antenne ad onda leaky tramite
strati di dielettico, antenne con pareti parzialmente riflettenti (PRSA). In ognuna
di queste possibili configurazioni il meccanismo di leakage viene eccitato in mo-
do diverso. Prendiamo una struttura abbastanza comune per quanto riguarda le
antenne leaky: una cavità con una fessura longitudinale alla direzione di propaga-
zione del modo supportato dalla guida
3
. Alimentando la guida con un modo TE
le correnti magnetiche che percorrono la parete superiore vengono interrotte dal-
la presenza della fessura e irradiano potenza: questo meccanismo si crea perchè
3
Field Radiated by a Leaky-Wave Slot Fed by Dipole: Ray Description Andrea Neto, Stefano
Maci e Field Radiated by a Leaky Wave Slot Fed by Dipole: UniformAsymptotic Solution Stefano
Maci, Andrea Neto
Capitolo 2. Radiazione e Leaky Waves 39
l’onda viaggia all’interno della cavità e durante la sua propagazione subisce una
progressiva attenuazione per radiazione e questo fenomeno causa un’attenuazio-
ne altrettanto progressiva della sua ampiezza. Come già accennato nel paragrafo
precedente il meccanismo leaky è presente a causa del modo TM che crea le cor-
renti elettriche. Se le slit non sono sufficientemente spesse, per avere irradiazione
di potenza occorrerebbe un numero più elevato di slit percè altrimenti la potenza
trasportata dall’onda non si esaurisce prima della fine della guida, si riflette sulla
parete in fondo alla cavità e ritorna indietro generando un secondo beam meno
intenso del primo che punta in direzione opposta al beam principale. Il fenome-
no leaky influisce anche sulla frequenza con direttività broadside: tale frequenza
è traslata rispetto alla frequenza di lavoro di una quantità stimabile intorno ad
un decimo frequenza di lavoro stessa. Infatti la guida completamente riempita
di dielettrico supporta un modo quasi-TEM (qTEM), mentre in arrivo dalla lente
abbiamo un’onda di tipo TM: innanzitutto il matching tra questi due modi produ-
ce una traslazione in frequenza a causa della forzata polarizzazione dell’onda; in
secondo luogo quando l’onda qTEM (che si propaga lungo le x con una costante
di propagazione pari a k
qTEM
= k
0

4 = k
0
2) incontra le slit deve matchare il
suo modo con quello dell’onda leaky che ne deriva il quale si propaga con una
costante di propagazione pari a:
k
x
−1
= k
x
0
(w) −2
π
d
(2.31)
(dove d è la distanza tra le slit) e dalla teoria delle onde leaky sappiamo che
l’angolo di puntamento del fascio leaky è approssimabile con:
k
x
−1
= k
x
0
(w) −2
π
d
(2.32)
il termine k
x
0
(w) però non varia linearmente con la frequenza e quindi non si
può predire di quanto sia la traslazione in frequenza a meno di eseguire uno studio
Capitolo 2. Radiazione e Leaky Waves 40
sul matching della polarizzazione delle onde viaggianti in guida.
Capitolo 3
Dimensionamento dei parametri di
antenna
In questo capitolo presenteremo un’analisi dei parametri (Direttività, Guadagno,
Efficienza, Adattamento, dimensioni fisiche) ai quali si fa riferimento per descri-
vere le caratteristiche di un’antenna. La nostra antenna è composta di varie parti
che richiedono uno studio dedicato per poter essere adattate le une alle altre ed
avere così una struttura che irradia in maniera efficiente. Una antenna è definita ef-
ficiente se è in grado di irradiare la quasi totalità della potenza che le viene fornita
dal sistema di alimentazione. Il disadattamento, viceversa, si ha quando le corren-
ti che percorrono l’antenna subiscono delle riflessioni che possono essere causate
da diffrazioni e riflessioni interne, discontinuità nei materiali e per questo motivo
seguono un percorso inverso ritornando verso la sorgente. L’adattamento di un’an-
tenna è fondamentale per il suo buon funzionamento, in quanto il disadattamento
influisce negativamente sui parametri e sulle caratteristiche di irraggiamento in
particolare sul Guadagno realizzato. Le componenti dell’antenna che vanno di-
mensionate per avere adattamento sono: il dihedral corner reflector per una cavità
a doppio livello,slit, probe, slab dielettrico. Nei paragrafi successivi tratteremo le
41
Capitolo 3. Dimensionamento dei parametri di antenna 42
varie componenti in un primo passo singolarmente e successivamente in maniera
complessiva.
Capitolo 3. Dimensionamento dei parametri di antenna 43
3.1 Dimensioni della struttura
Une delle caratteristiche che contraddistingue maggiormente l’antenna in esame è
il suo piccolo spessore, sia assoluto sia in termini di lunghezze d’onda (la distanza
verticale tra i piatti PEC è pari a λ
0
/6= 2.9 mm). Un’antenna sottile, cioè con
un’altezza ridotta rispetto alle altre due dimensioni, larghezza e lunghezza, viene
definita antenna a basso profilo: questa tipologia di antenne può risultare utile
in situazioni in cui lo spessore del dispositivo è un parametro di progetto molto
stringente. Al contrario, la larghezza dell’antenna è considerevole a causa della
lente di Lüneburg la quale ha un diametro pari a 12λ
0
(circa 21,23 cm): questo
valore è un lower bound e non si può diminuire ulteriormente poichè, come già
detto nel Capitolo 1, se la lente ha un raggio inferiore a 6λ
0
non è in grado ren-
dere piano il fronte d’onda generato dal probe. Sebbene il rapporto tra altezza e
larghezza sia molto sproporzionato, questo può essere un fattore trascurabile in
fase di progetto se confrontato con la lunghezza dell’antenna. Tale dimensione è
infatti influenzata dal numero delle slit presenti nell’array. Andiamo a considerare
le grandezze in gioco: dato che abbiamo bisogno di circa 25 slit per poter irradia-
re il campo elettrico presente all’interno della guida, considerato che la distanza
a cui campioniamo il campo elettrico è pari a λ
0
/2 e dato che la larghezza del-
le slit è almeno λ
0
/10, con un rapido calcolo possiamo concludere che lo spazio
necessario a realizzare l’array è (almeno) circa pari a :
24
λ
0
2
= 13λ
0
(3.1)
che riportata in centimetri è 22,4 cm. Si ottiene quindi una guida d’onda il cui lato
lungo è circa il doppio del lato corto, (v. Fig. 3.1) . É quindi stato necessario tro-
vare una soluzione che permettesse di ridurre la dimensione del lato lungo senza
però ridurre il numero di slit.
Capitolo 3. Dimensionamento dei parametri di antenna 44
Figura 3.1: Cavità rettangolare con parete superiore con SLITS
3.1.1 Dihedral Corner Reflector
La guida d’onda che abbiamo realizzato fino a questo momento è una cavità che
si sviluppa in modo molto pronunciato in lunghezza. Non potendo eliminare nes-
suna delle sue componenti abbiamo scelto, al fine di ridurne le dimensioni, di
indirizzarci verso una configurazione diversa dal progetto iniziale: una struttura
su due livelli connessi tramite un dihedral corner reflector (DCR). I due livelli
della struttura sono due guide d’onda rettangolari poggiate una sull’altra e con-
giunte da un riflettore. La guida d’onda del progetto di partenza era composta da
due parti principali: la prima in cui è presente la lente di Lüneburg, nella quale
l’onda cilindrica proveniente dalla sorgente viene trasformata in un fronte piano;
l’altra, nella quale abbiamo realizzato l’array di slit, che provvede alla radiazione
dell’onda viaggiante in arrivo dalla lente. L’idea che porta all’utilizzo del rifletto-
re è separare la parte preposta all’alimentazione da quella radiativa, sovrapporle e
connetterle l’una con l’altra (v. Fig. 3.2 ): in questo modo si ottiene una struttura
il cui lato lungo è circa metà della situazione di partenza.
Il dihedral corner reflector (v. FIG. 3.3) è costituito da due striscie uguali di
PEC che si uniscono formando un angolo retto, inclinate di 45
0
rispetto al piano su
cui giace la guida d’onda inferiore. Dato che l’altezza della guida è w, tramite il
teorema di Pitagora si può ricavare la lunghezza dei due lati inclinati del reflector
che è pari a w

2 . Passiamo all’analisi del percorso dell’onda piana generata dalla
lente di Lüneburg: il modo TM si propaga in direzione x dal probe fino a colpire
Capitolo 3. Dimensionamento dei parametri di antenna 45
Figura 3.2: Taglio della RWG
Figura 3.3: Dihedral corner reflector (DCR): vista laterale
il DCR e subisce una doppia riflessione. In FIG 3.4. è rappresentato il tragitto che
compie l’onda: dal punto A essa colpisce la prima rampa in B e cambia traiettoria
dirigendosi verso il punto C subisce la seconda riflessione per poi proseguire il
suo percorso in propagandosi parallelamente rispetto alla direzione di partenza.
L’angolo di ognuna delle due riflessioni è 45 gradi se l’onda si propaga paral-
lelamente alla parete inferiore(v. FIG 3.4 ): in altri termini, la doppia riflessione
non causa diffrazioni indesiderate. Possiamo calcolare quanta distanza percorre
l’onda all’interno del DCR: se l’ onda arriva radente il PEC inferiore percorre 2
volte l’altezza della guida prima di riflettersi nuovamente; la stessa distanza viene
percorsa se l’onda è radente sul PEC intermedio (ma in questo caso il raggio viene
Capitolo 3. Dimensionamento dei parametri di antenna 46
Figura 3.4: Percorso dell’ onda all’interno del DCR
riflesso totalmente); oltre queste due situazioni limite, ci sono tutti i percorsi inter-
medi: dato che il sistema è simmetrico possiamo eseguire i calcoli prendendo in
considerazione la metà inferiore del sistema. Dato che gli angoli delle riflessioni
sono tutti di 45 gradi (ricordiamo che sin 45 = cos 45) allora, per ogni raggio che
incide sul DCR si ha :
_
_
_
AB = AZ
AO = BO

(3.2)
Quindi, per ogni distanza AZ si percorre sempre la stessa distanza: supponiamo
di essere a metà tra i PEC (AZ = w/2), si calcola facilmente che tutti i segmenti
sono uguali e dato che le distanze verticali sono tutte note, si ricava facilmente il
percorso effettuato dall’onda, che è chiaramente pari a 2w. Una volta accertato il
fatto che l’onda non subisce variazioni di direzione nel DCR si è provveduto ad
unire le due parti della guida rettangolare, ottenendo una struttura come in Fig.
Capitolo 3. Dimensionamento dei parametri di antenna 47
Figura 3.5: Doppia guida d’onda connessa con DCR
3.5
3.2 Elementi di disadattamento
Come già accennato nel paragrafo precedente, un’antenna risulta disadattata quan-
do parte della potenza che le fornisce il sistema di alimentazione ritorna verso la
sorgente andando così a peggiorare i parametri di irraggiamento. Prendiamo il
circuito equivalente di un’antenna in trasmissione (v. Fig. 3.6): rappresentiamo
le varie sezioni che collegano il generatore all’antenna con la serie di N carichi
Z
i
. All’interfaccia tra le varie sezioni si hanno riflessioni di potenza (siano esse
minime o consistenti) che si sommano e che vanno ad influire sul generatore di in-
gresso: schematicamente questo fenomeno può essere visto come un contributo di
corrente che percorre il circuito in senso inverso rispetto alla corrente di ingresso
causando una diminuzione della potenza di irraggiamento. In generale possiamo
dire che ogni volta che si hanno discontinuità nei materiali, salti di impedenza di
ingresso così come interferenze di tipo esterno, è presente un disadattamento.
Capitolo 3. Dimensionamento dei parametri di antenna 48
Figura 3.6: Circuito schematizzato di un’antenna in trasmissione
3.2.1 Campo riflesso dai dielettrici
Come già detto nel Capitolo I, presi due mezzi diversi ed un fronte d’onda che
viaggia attraverso il mezzo con costante dielettrica minore verso il dielettrico con
costante maggiore, all’interfaccia aria-dielettrico il campo incidente viene in par-
te riflesso ed in parte trasmesso: maggiore è la costante dielettrica del mezzo sul
quale incide il campo e maggiore è il coefficiente di riflessione e quindi la parte
di campo che viene riflessa dal dielettrico. Abbiamo riempito la guida superiore
con un dielettrico di costante dielettrica ε
r
= 4 per avere un campionamento dell’
array più fitto. Nonostante il dielttrico non sia molto denso, il fatto che l’onda si
propaga in aria dopo la lente e nel DCR comporta comunque una riflessione no-
tevole. Possiamo avere un stima approssimata (senza tener conto delle riflessioni
successive delle slit o della lunghezza dell’array) di tale riflessione con la formula:
Γ

=
Z
L
−Z
0
Z
L
+Z
0
=
2 −1
2 + 1
=
1
3
(3.3)
Un modo per diminuire la riflessione all’interfaccia è di rendere meno brusco
il passaggio tra aria e dielettrico andando ad inserire un Multisection Transfor-
mer. Dalla teoria delle linee di trasmissione, per adattare due linee con impedenza
diversa, tipicamente si utilizza un trasformatore a
λ
eff
4
con impedenza pari alla
radice del prodotto delle altre due. Con un Multisection Transformer si applica lo
stesso principio ma utilizzando un numero variabile di trasformatori che cambia
in funzione della banda desiderata e del coefficiente che si vuole ottenere. L’idea
Capitolo 3. Dimensionamento dei parametri di antenna 49
Figura 3.7: Multisection Transformer
Figura 3.8: Multisection Transformer per il caso aria-dielettrico
nel caso in esame è quella di che sta alla base di questo metodo è di inserire alcuni
slab di spessore diverso dello stesso materiale in modo da realizzare i valori di
impedenza desiderati aumentando gradualmente la percentuale di dielttrico. La
teoria del Multisection Transformer è impostata per avere un adattamento da un
carico minore ad uno maggiore (v. Fig. 3.7). Partendo da una tabella in cui sono
riportati i valori (già impostati) si ricava il valore di impedenza del tratto i-esimo.
Dal valore si ricava l’altezza dello slab e quindi il valore di in funzione del nu-
mero di slab che si intende utilizzare, per poi determinare la lunghezza a λ
eff
,
da cui si ottiene il valore del tratto pari a
λ
eff
4
( Binomial multisection Matching
Tranformers ). Abbiamo dovuto reimpostare il problema dato che il matching
che dobbiamo eseguire prevede la transizione da un tratto di linea con impedenza
dell’aria (il percorso che va dalla fine della lente al DCR fino all’interfaccia aria-
dielettrico ) ad un tratto con ζ
L
= 2ζ
0
e quindi l’impedenza del modo quasi-TEM
(qTEM) del dielettrico è minore di quella dell’aria:
in Fig. 3.8 è riportata la linea con le impedenze volutamente poste in sen-
so contrario per ricordare che i coefficienti binomiali (v. TABELLA 3.9) vanno
utilizzati in senso inverso:
nostro caso si ha:
Capitolo 3. Dimensionamento dei parametri di antenna 50
Figura 3.9: Binomial Transformer Design
_
¸
¸
¸
¸
_
¸
¸
¸
¸
_
Z
1
= (1, 097)
Z
0
2
=
Z
1

ε
eff1
⇒ ε
eff1
=
_
2
1,097
_
2
Z
2
= (1, 4142)
Z
0
2
=
Z
2

ε
eff1
⇒ ε
eff2
=
_
2
1,4142
_
2
Z
3
= (1, 8337)
Z
0
2
=
Z
3

ε
eff1
⇒ ε
eff2
=
_
2
1,8337
_
2
(3.4)
Ogni slab è quindi modellato come un trasformatore con la sua impeden-
za caratteristica, e quindi abbiamo potuto ricavare la sua lunghezza grazie alla
relazione:
L
slab
i
=
λ
eff
i
4
=
λ
0
4
1
_
ε
eff
i
(3.5)
Lo svantaggio di questo modello è che nel nostro caso la relazione tra ǫ
e
ff e lo
spessore non è semplice da ddeterminare in quanto il modo supportato dalla guida
a piatti paralleli parzialmete riempita di dielttrico è un TM, mentre una guida a
piatti paralleli completamente riempita di dielettrico supporta un TEM o qTEM.
Abbiamo deciso di calcolare una media pesando la costante dielettrica dei due
mezzi per la loro altezza relativa:

eff
i
=
h
i
w
ε
r
+
w −h
i
w
⇒ h
i
=
_
ε
eff
i
−1
ε
r
−1
_
(3.6)
La struttura risultante è stata poi ottimizzata a partire dai valori ottenuti dallo
studio del Multisector con 3 slab successivi.
Capitolo 3. Dimensionamento dei parametri di antenna 51
3.2.2 Probe
Per alimentare l’antenna abbiamo utilizzato un cavo coassiale (v. Fig. 3.10) con
un probe di raggio di 0.65 mme calza interna in Teflon con raggio 2.06 mm, la cui
impedenza caratteristica è 50Ω. Un probe può essere visto come un dipolo corto
e la potenza irradiata da un dipolo è proporzionale alla sua area efficace: tenden-
zialmente vorremo che il dipolo fosse il più possibile lungo in direzione verticale
in modo da aumentarne l’area efficace. In una guida d’onda a basso profilo l’al-
tezza del probe desiderata può essere comparabile con quella della distanza tra i
PEC e in questo modo si creano accoppiamenti induttivi e/o capacitivi tra la pare-
te superiore e il probe che vanno a creare una parte immaginaria nell’impedenza
del probe. Inoltre variando l’altezza del probe si aumenta o diminuisce il coeffi-
ciente di riflessione (S
11
): il caso ideale, di perfetto adattamento di un probe si ha
quando l’impedenza è uguale a quella caratteristica del coassiale e tende a zero
(in scala logaritmica è accettabile se inferiore a -20 dB). Abbiamo quindi eseguito
un’analisi parametrica dell’altezza (v. Fig. ??) del probe per determinarne il va-
lore ottimo: il nostro obbiettivo è avere una impedenza con parte reale che tende
a 50Ω e parte immaginaria nulla e con l’S
11
che tende a -20 dB alla frequenza
di lavoro di 17GHz. Come si nota dai grafici, l’ottimo si ha quando l’altezza
del probe è pari a 2,7 mm con i seguenti valori di impedenza e coefficiente di
rflessione: Z
in
= (42, 2886 − j6, 5516)Ω e S
11
= −21.1664dB . Analizzando il
campo elettrico a tale frequenza si nota però che l’onda generata dal probe subi-
sce delle riflessioni sulle pareti laterali con il risultato di non creare più un’onda
cilindrica (v. FIG. 3.14 ) ed data la propagazione laterale si generano stazionarietà
indesiderate.
Abbiamo deciso di inserire un riflettore semicircolare per rifocalizzare sul pro-
be la parte del fronte d’onda lanciata lateralmente e in direzione opposta alla lente
con lo scopo di riutilizzare la potenza che in questo modo era persa. Abbiamo
Capitolo 3. Dimensionamento dei parametri di antenna 52
Figura 3.10: Coassiale: a destra in trasparenza
Figura 3.11: Analisi parametrica del S
11
vs altezza del probe
Figura 3.12: Analisi parametrica della parte reale dell’impedenza vs altezza del probe
Capitolo 3. Dimensionamento dei parametri di antenna 53
Figura 3.13: Analisi parametrica della parte immaginaria dell’impedenza vs altezza del
probe
Figura 3.14: Campo elettrico generato dal probe: riflessioni sulle pareti laterali
posizionato il riflettore realizzato con conduttore perfetto a λ
g
/4 dal probe, (dove
λ
g
è la lunghezza d’onda dell’ onda superficiale) cosicchè i fronti d’onda si som-
mano in fase sul probe (teorema delle immagini). Per togliere definitivamente le
stazionarietà laterali si è reso necessario spostare la parete dietro il probe fino a
arrivare al limite del riflettore per eliminare i fronti che, espandendosi oltre il ri-
flettore si richiudono intorno ad esso (v. Fig. 3.15). Spostando la parete si è creata
la possibilità di realizzare una struttura in conduttore adatta per essere utilizzata
come supporto fisico della guida superiore. In Fig. 3.16 possiamo osservare i
campi elettrici generati dai probe nelle due configurazioni.
Sulle due configurazioni abbiamo eseguito la stessa analisi parametrica effet-
tuata nel caso senza riflettore e, sebbene i risultati siano simili, la soluzione con
struttura di supporto garantisce una maggiore robustezza alle riflessioni laterali
indesiderate. I valori di impedenza e coefficiente si riflessione per questo tipo di
Capitolo 3. Dimensionamento dei parametri di antenna 54
Figura 3.15: Riflettori semicircolari: solo riflettore (sinistra), con struttura di supporto
(destra)
Figura 3.16: Riflettori semicircolari: campi elettrici generati
Capitolo 3. Dimensionamento dei parametri di antenna 55
riflettore sono : Z
in
= (51, 2464 −j4, 7478)Ω e S
11
= −23, 9978dB con altezza
probe pari a 2.50 mm.
3.3 Slit e Dielettrico
Per ciò che concerne l’ottimizzazione delle slit dobbiamo fare una premessa. L’an-
tenna che stiamo implementando è un’antenna ad onda viaggiante cioè un’antenna
che irradia potenza per effetto leaky. Nel nostro caso il fronte che arriva alla guida
superiore si propaga nel dielettrico ed eccita le slit: è interessante approfondire
lo studio del comportamento di una singola slit pratica sul lato superiore di una
PPWG. Supponiamo al solito di avere un campo che si propaga verso la slit: quan-
do quest’ultimo incontra la slit viene in parte radiato, in parte prosegue lungo la
direzione di propagazione ma una piccola quantità di potenza viene riflessa dalla
slit e ritorna verso la sorgente. Questo meccanismo avviene ovviamente per ogni
slit dell’array: ogni slit riflette parte dell’onda che la eccita e dato che le slit han-
no una fasatura uniforme periodica, i contributi delle onde riflesse dalle singole
slit si sommano in fase. Ovviamente i singoli contributi sono trascurabili, ma il
valore complessivo può essere consistente e dare luogo ad un’onda che fuoriesce
dal dielettrico e ritorna verso la sorgente. Inoltre, se la potenza trasportata dal
campo non viene sufficientemente irradiata dall’array, quando essa arriva alla fine
della guida il campo si riflette sulla parete finale e prosegue in direzione contraria:
si innesca nuovamente il meccanismo leaky e le slot irradiano nuovamente nello
spazio circostante. Come abbiamo visto nel capitolo precedente, l’array è fasato
sulla frequenza di lavoro e eccitando la guida con una campo a frequenza diver-
sa si ha un spostamento (cioè un innalzamento o un abbassamento ) del fascio
di irradiazione che si scosta dalla direzione broad-side. Supponendo una parte di
campo non venga radiata dall’array e si rifletta sulla parete finale: in questo caso
Capitolo 3. Dimensionamento dei parametri di antenna 56
si genera un altro beam in direzione opposta a quella del fascio dovuto all’onda
che proviene dalla guida inferiore. Se il meccanismo leaky non è efficace, ci sono
sempre due beam nel pattern di radiazione, che nel caso di direttività broadside
si unisicono in un unico fascio, mentre per le altre frequenze sono distinti in fun-
zione dell’angolo di puntamento. Nel caso peggiore è probabile che una parte
dell’onda riflessa arrivi nuovamente all’interfaccia aria-dielettrico e si sommi al-
l’onda riflessa dal dielettrico. La dimensione delle slit influisce ovviamente sulle
riflessioni e sulla potenza radiata dall’array e si potrebbe concludere in prima ana-
lisi che conviene avere slit larghe (pronunciate lungo la direzione di propagazione)
e lunghe lateralmente ma questo potrebbe generare onde riflesse non desiderate.
Avendo slit sottili si ha poco sfasamento tra il punto iniziale della slit e quello
finale, ottenendo un diagramma di antenna con lobi laterali più bassi, ma si irradia
meno potenza. Infine, se le slit sono molto strette l’onda diventa stazionaria e non
si irradia potenza. Si può dedurre che l’efficienza dell’array vada ad influenzare
anche sul Multisector Transformer: l’adattamento di queste due parti va esegui-
to tenendo conto del fatto che il dielettrico e l’array non possono essere studiati
separatamente.
3.4 Antenna in disadattamento
Dopo avere implementato la nuova struttura a doppia guida d’onda abbiamo ese-
guito alcune simulazioni per analizzare le caratteristiche dell’antenna prima e do-
po l’adattamento delle varie sezioni. Per studiare l’adattamento abbiamo imple-
mentato al simulatore la seguente struttura: una guida rettangolare con le stesse
caratteristiche della nostra guida superiore alla quale abbiamo tolto il DCR. Al-
l’interfaccia aria - dielettrico abbiamo applicato una WAVE PORT per simulare
Capitolo 3. Dimensionamento dei parametri di antenna 57
l’onda qTEM
1
in arrivo dal DCR (v. Fig. 3.17 ). A questa struttura abbiamo in un
secondo momento aggiunto il Multisector Transformer. Le simulazioni effettuate
hanno riguardato la ricerca dell’ottimizzazione delle dimensioni delle slit e degli
scalini del Multisector Transformer prima separatamente e in un secondo momen-
to insieme. Questo doppio controllo si è reso necessario in quanto l’ottimo di
un componente non necessariamente corrisponde all’ottimo dell’antenna nel suo
insieme. Come si osserva dai grafici che seguono, l’andamento della curva che
rappresenta il coefficiente di riflessione S
11
è molto diversa al variare dei parame-
tri ottimizzati e non si può avere una correlazione diretta tra i vari plot. Inoltre le
curve differiscono nei punti di massimo e minimo, cioè hanno minimi e massimi
in punti diversi rispetto alle ordinate e a maggior ragione non si può definire se
un tipo di adattamento tra i tre possibili sia migliore degli altri senza verificare
quali siano gli effetti di una scelta rispetto alle altre. Le osservazioni che si posso-
no fare sono comunque le seguenti: adattando le varie componenti si ha un netto
miglioramento rispetto alla situazione di partenza (nessun adattatore e slit sottili),
passando da una curva con un minimo di 11.27 dB e un andamento convesso che
si avvicina a 0 dB nel suo punto di massimo a curva con valori decisamente più
accettabili. Si può supporre in prima analisi che inserendo il Multisector non si
possa peggiorare perchè influisce solo sul campo riflesso dal dielettrico: infatti nel
plot successivo si nota che la curva ha un minimo relativo di -18 dB a 17.5 GHz e
un minimo assoluto a 20 GHz con valore di -23.5 dB e che ha un andamento con-
cavo fino a 19 GHz per poi tendere verso il minimo assoluto. Osservando invece
la curva dell’adattamento delle slit si può dedurre che si ha un picco massimo in
17.5 GHz ma che in media i valori di questa curva sono inferiori a quelli della
curva iniziale e che inoltre si ha un minimo in 16 GHz di -28.4 dB. Nell’ultimo
caso infine, adattando contemporaneamente le slit e il Multisector Transformer si
1
v. Capitolo IV
Capitolo 3. Dimensionamento dei parametri di antenna 58
Figura 3.17: Struttura per le simulazioni di adattamento
ha una curva che si avvicina all’ottimo che ci eravamo preposti: ha un andamento
concavo su tutto l’intervallo di frequenze, presenta un minimo assoluto in 17.5
GHz (-20 dB) e abbiamo ottenuto un notevole miglioramento del valore S
11
. I
valori che abbiamo ottenuto sono: larghezza slit = 3.799 mm, lunghezza slit =
202.83 mm, h
1
= 2.625mm, L
1
= 3.413, h
2
= 1.592mm, L
2
= 3.116mm,
h
3
= 0.795mm, L
3
= 4.032mm (con h
i
e L
i
altezza e lughezza dello scalino
i-esimo). Nel Capitolo successivo abbiamo utilizzato i valori ottenuti con questo
ultimo tipo di adattamento (slit e Multisector) ma abbiamo notato che l’altezza
del probe influenza notevolmente il parametro S
11
poichè al variare della sua area
efficace si aumenta o meno la quantità di potenza riflessa dalla guida superiore che
investe il probe. Abbiamo pertanto provveduto ad adattare il probe alla struttura
già ottimizzata come al passo predente cercando ottenere l’impedenza desiderata
e un coefficiente di riflessione sufficientemente basso. L’altezza del probe che ha
soddisfatto tali condizioni è 2.38 mme i grafici che riportano i valori di impedenza
e coefficiente di riflessione del capitolo successivo sono riferiti a questa soluzione.
Capitolo 3. Dimensionamento dei parametri di antenna 59
Figura 3.18: S
11
della struttura non ottimizzata
Figura 3.19: S
11
della struttura con ottimizzazione del MT
Capitolo 3. Dimensionamento dei parametri di antenna 60
Figura 3.20: S
11
della struttura con ottimizzazione delle slit
Figura 3.21: S
11
della struttura con ottimizzazione delle slit e del MT
Capitolo 4
Configurazione finale
In questo capitolo ci occuperemo dello sviluppo dell’antenna in doppia polariz-
zazione. L’antenna che abbiamo sviluppato fino a questo punto del nostro lavoro
presenta due svantaggi: il progetto della struttura è legato all’utilizzo di pareti late-
rali di tipo conduttori magnetici perfetti (PMC) che richiedono uno studio dedicato
e sono di difficile realizzazione fisica (metamateriali);la scansione dell’angolo di
puntamento si ottiene spostandosi in frequenza, ma questa caratteristica si ha sol-
tanto in un piano. Il passaggio ad un sistema in doppia polarizzazione permette
di eliminare questi svantaggi: utilizzeremo due probe alimentati separatamente o
singolarmente e modificheremo la geometria della struttura per riconfigurare l’an-
tenna. Andremo quindi ad analizzare il comportamento e i parametri della nuova
configurazione ottenuta.
61
Capitolo 4. Configurazione finale 62
Figura 4.1: Posizionamento dei due probe
Modifiche alla struttura
L’antenna con un singolo probe è una guida rettangolare che si sviluppa in lun-
ghezza. Le pareti con la quale è costituita sono PEC tranne le pareti laterali che
sono delle PMC dirette trasversalmente rispetto alla guida. Le PMC sono su-
perfici ideali e per essere implementate in un modello reale richiedono strutture
complesse che risultano essere molto selettive in frequenza. L’altro limite dell’an-
tenna è che il fascio di puntamento può essere scansionato in elevazione tramite
uno spostamento in frequenza ma solo suun piano. Per risolvere queste problema-
tiche possiamo pensare di aggiungere un probe sul bordo della lente in maniera
ortogonale come in Figura 4.1.
Dobbiamo andare a modificare la parte di struttura che sta di fronte al nuovo
probe. I calcoli effettuati nel Capitolo I per determinare il profilo della lente re-
stano gli stessi perché il sistema che stiamo analizzando è a simmetria circolare.
Insieme al nuovo probe dobbiamo inserire un secondo riflettore semicircolare ed
Capitolo 4. Configurazione finale 63
Figura 4.2: Posizionamento dei due probe
un altro DCR i quali vanno a sostituire le pareti magnetiche laterali: in questo mo-
do si crea una struttura racchiusa unicamente da pareti metalliche. Ovviamente, è
necessario realizzare anche un nuovo array di slit, disposte trasversalmente rispet-
to alla direzione di propagazione del nuovo probe: se lasciassimo soltanto l’array
di slit del probe iniziale, l’onda diretta lungo la direzione y incontrerebbe un array
di slit longitudinali. Come già detto nel Capitolo 2, le correnti generate dall’onda
sul PEC superiore vengono perturbate in maniera irrisoria dalle slit longitudinali,
non irradiano potenza e quindi non irradiano campo in zona lontana. La radiazio-
ne è quindi dovuta principalmente all’array di slot trasversali eccitate dal fronte
d’onda che le investe ortogonalmente. Analizziamo meglio l’antenna in doppia
polarizzazione. In Figura 4.2 è riportata la nuova geometria dell’antenna: come si
può osservare le slit si intersecano e formano un array di patch quadrati distanzia-
ti periodicamente di λ
0
/2 nelle due direzioni l’uno dall’altro. La superficie può
essere vista come una superficie parzialmente riflettente (PRS) ma il metodo con
cui abbiamo progettato le slit sul PEC superiore è totalmente diverso.
É bene sottolineare questa differenza. Per PRS si intende una superficie metal-
Capitolo 4. Configurazione finale 64
lica, poggiata su un dielettrico, sulla quale è stato realizzato un array di elementi
molto vicini tra loro, per esempio λ/30, che avere varie forme: patch, cross, Je-
rulasem cross, fino ad elementi più complessi o elementi composti. Eccitando
questo tipo di configurazione con un’onda superficiale all’interno del dielettrico
che sostiene la superfice metallica si innesca una radiazione leaky: le dimensio-
ni degli elementi e la distanza tra essi viene progettata studiando l’equazione di
dispersione della superficie per ottenere la costanti β e α dell’onda leaky e da
queste ultime si ricava l’angolo di puntamento. Avvicinando gli elementi tra loro
si rende omogenea la PRS in modo da non innescare dei modi superiori di Flo-
quet che contribuirebbero in modo indesiderato al campo, sia vicino che lontano,
dove si vorrebbe solo radiazione leaky. Nel nostro caso invece siamo partiti dallo
studio di un array di slit con spaziatura elevata (pari a λ/2 del vuoto) per avere un
direttività broadside ed abbiamo realizzato la schiera di patch come conseguenza
della doppia polarizzazione. Con questo dimensionamento la direttività broadside
si raggiunge a frequenza più elevate di quella di lavoro (18.75 GHz anzichè 17
GHz) perchè il meccanismo leaky va a modificare la costante di propagazione: le
onde leaky sono onde veloci, in quanto la loro costante di propagazione è inferio-
re a quella della luce. L’antenna che abbiamo implementato può essere alimen-
tata in vari modi scegliendo tra le possibili combinazioni dei due probe: singola
polarizzazione (un solo probe alimentato), doppia polarizzazione (due probe) e
polarizzazione circolare (entrambi i probe alimentati con sfasamento di 90 gra-
di). Nei prossimi paragrafi andremo ad analizzare le configurazioni possibili e le
caratteristiche che le contraddistinguono. L’intervallo di valori in frequenza sul
quale abbiamo valutato i parametri di antenna va da 15 GHz a 20 GHz e i valo-
ri nelle simulazioni per l’ottimizzazione dell’adattamento sono stati utilizzati nel
dimensionamento dell’antenna.
Capitolo 4. Configurazione finale 65
Figura 4.3: Onda generata all’interno della guida inferiore alimentando un singolo probe
4.1 Antenna in singola polarizzazione
L’onda che si genera eccitando un solo probe è la stessa del caso trattato nei ca-
pitoli precedenti: l’onda generata dal probe viene trasformata in onda piana dalla
lente (v. Fig. 4.3), subisce una doppia riflessione nel DCR e va ed eccitare le slit
creando delle correnti superficiali sulla parete PEC superiore. Chiariamo meglio
questo concetto: la radiazione si ha grazie alle slit che permettono interrompono
il percorso delle correnti e al campo di fuoriuscire dalla guida.
Passiamo all’analisi dei parametri di antenna. In Figura 4.6 abbiamo l’anda-
mento del coefficiente di riflessione S
11
al variare della frequenza: come si può
notare dai volari che tale grandezza assume, a differenza dell’ottimo ottenuto nelle
simulazioni del capitolo precedente, siamo al di sopra dei -20 dB. Come possiamo
osservare la curva del parametro S
1
1 è molto frastagliata e con continui salti.
In Fig. 4.7 è riportato l’andamento dell’impedenza di ingresso : notiamo che
la parte reale ed immaginaria oscillano rispettivamente intorno ai valori di 50 Ω e
0 Ω fino a circa 18.3 GHz e oltre tale valore le oscillazioni sono più ampie. Questo
sta a significare che al variare della frequenza l’impedenza ha una parte induttiva
Capitolo 4. Configurazione finale 66
Figura 4.4: Frame 1: Massimo di campo nella seconda slit e radiazione
Figura 4.5: Frame 2: Massimo di campo sotto il patch e assenza di radiazione
Figura 4.6: Coefficiente di riflessione per antenna in singola polarizzazione
Capitolo 4. Configurazione finale 67
Figura 4.7: Impedenza di ingresso per l’antenna in singola polarizzazione
Figura 4.8: Direttività totale in direzione broadside: piano E
e capacitiva che si alternano.
Andiamo ad osservare il pattern di radiazione dell’antenna. La frequnza alla
quale si ha direttività massima in direzione broadside è a 18.875 GHz e ha valore
massimo pari a 31.685 GHz e lobi laterali inferiori di 10 dB. Si può notare che
l’andamento del pattern sul piano E è simile a quello di un sinc come ci aspetta-
vamo dal fattore di array; nell’altra direzione (piano H) invece la direttività segue
l’andamento di un sinc con lobi laterali più bassi, come il fattore di antenna della
singola slit.
Capitolo 4. Configurazione finale 68
Figura 4.9: Direttività totale in direzione broadside: piano H
Un altro aspetto interessante da considerare riguardo al pattern di radiazione
dell’antenna è osservare la direttività per frequenze diverse da quella di punta-
mento broadside. Per a frequenze minori della frequenza per cui si ha puntamento
broadside, abbiamo un fascio che punta in direzione opposta alla direzione di
propagazione dell’onda (backward beam) e viceversa per frequenze superiori il
fascio supera la direzione broadside e punta nella direzione di propagazione del-
l’onda (forward beam), come si nota in Fig. (4.10). Il fascio backward ha intensità
maggiore rispetto al fascio forward perchè che a frequenze minori le slit irradiano
meno potenza ( dato che lunghezza d’onda è inversamente proporzionale alla fre-
quenza, le andrebbero sovradimensionate per avere un’efficiente radiazione ): in
questo modo le slit irradiano meno efficacemente allontandosi dalla frequenza di
lavoro e quindi, dato che , l’array non irradia tutta la potenza che lo alimenta, si ha
un lobo secondario più pronunciato dovuto all’onda riflessa sul PEC in fondo alla
guida. Possiamo quindi, come già detto nel Capitolo 2, scansionare in frequenza
l’angolo di puntamento. Le Figure 4.11, 4.12, 4.13 riportano i vari pattern di ra-
diazione in 3D alle frequenze 18.875 GHz, 20 GHz e 17,75 GHz: alla frequenza
centrale si ha puntamento broadside mentre le altre due generano fasci in direzioni
opposte ( il cui angolo di puntamento è rispettivamente -8 gradi e + 8 gradi).
Capitolo 4. Configurazione finale 69
Figura 4.10: Direttività sul piano E a 20 GHz()
Figura 4.11: Pattern 3D alla frequenza 18,875 GHZ, puntamento broadside
Capitolo 4. Configurazione finale 70
Figura 4.12: Pattern 3D alla frequenza 17.75 GHz, puntamento forward
Figura 4.13: Pattern 3D alla frequenza 20 GHz, puntamento backward
Capitolo 4. Configurazione finale 71
Dai risultati ottenuti possiamo quindi concludere che la configurazione che
abbiamo realizzato, predisposta per essere utilizzata in doppia polarizzazione (co-
me verdemo nel prossimo Capitolo), può quindi essere sfruttata anche in singola
polarizzazione senza che le prestazioni dell’antenna risentano di questa scelta.
Capitolo 5
Antenna in doppia polarizzazione
In questo capitolo ci occuperemo del comportamento dell’antenna in doppia ali-
mentazione nelle due possibili configurazioni lineare e circolare. La polarizzazio-
ne circolare è un caso particolare di doppia polarizzazione in cui i probe vengono
alimentati con la stessa eccitazione ma con una differenza di fase di 90 gradi: è
un tipo di configurazione adatta in casi in cui il tipo di polarizzazione delle anten-
ne del sistema di rice-trasmissione influisce sull’efficienza della comunicazione.
Andremo a vedere il comportamento dell’antenna per quanto riguarda i due casi
di polarizzazione e le specifiche di antenna in polarizzazione circolare.
72
Capitolo 5. Antenna in doppia polarizzazione 73
Figura 5.1: Onda generata all’interno della guida inferiore alimentando due probe
5.1 Doppia polarizzazione lineare
Andando invece ad eccitare i due probe contemporaneamente si ha una doppia
polarizzazione. Dato che i due probe sono posizionati sul bordo della lente, orto-
gonalmente l’uno rispetto all’altro, non si ha nessun tipo di interferenza tra le due
sorgenti, così come le onde che essi generano seguono due percorsi indipendenti
(v. Fig. 5.1). Come già detto in precedenza i due array di slit si intersecano e le
onde che arrivano dalla guida inferiore vengono influenzate in maniera trascura-
bile dalle slit longitudinali che appartengono all’array opposto (v. Fig.5.2). Dato
che vale il principio della sovrapposizione degli effetti per sorgenti indipendenti,
quindi il comportamento che l’antenna ha utilizzandola in singola polarizzazione
si verifica anche in doppia polarizzazione: se in precedenza avevamo un beam
lungo la direzione di propagazione, adesso abbiamo due beam disposti ortogonal-
mente lungo le direzioni di propagazione generati dalle due onde che viaggiano
ortogonalmente l’una all’altra.
I parametri di antenna non sono molto distanti dalla singola polarizzazione,
Capitolo 5. Antenna in doppia polarizzazione 74
Figura 5.2: Fronti d’onda sulla parete superiore alimentando due probe
come ci aspettavamo per la sovrapposizione degli effetti. Possiamo osservare in
figura 5.3 l’andamento del coefficiente di riflessione del singolo probe e il coef-
ficiente di accoppiamento tra i due probe: il primo rispetta la curva che avevamo
già visto nel caso di antenna in singola polarizzazione, mentre il coefficiente di
accoppiamento è notevolemnte inferiore. Ciò sta a significare che i due probe non
interagiscono tra loro e non si scambiano potenza, come dal principio di sovrap-
posizione degli effetti. Analizzando i grafici ottenuti per la direttività totale si ha
che la frequenza con puntamento broadside è traslata a 18.75 GHz.
Dato che alimentando due probe contemporaneamente si generano due fronti
d’onda, la direttività totale sui piani E e H sarà simile (v. Fig. 5.5 ) mentre sul
piano H si ottiene un sinc più stretto (v. Fig 4.9).
5.2 Polarizzazione circolare
Se alimentiamo i due probe con la stessa intensità ma con una differenza di fase
di 90 gradi tra i due probe , otteniamo una polarizzazione circolare. Una pola-
Capitolo 5. Antenna in doppia polarizzazione 75
Figura 5.3: Coefficiente di riflessione per antenna in doppia polarizzazione
Figura 5.4: Impedenza di Ingresso per l’antenna in doppia polarizzazione
Figura 5.5: Direttività totale in direzione broadside: piano E
Capitolo 5. Antenna in doppia polarizzazione 76
Figura 5.6: Pattern 3D alla frequenza 18,75 GHz, puntamento broadside
Figura 5.7: Pattern 3D alla frequenza 17.5 GHz, puntamento forward
Figura 5.8: Pattern 3D alla frequenza 20 GHz, puntamento backward
Capitolo 5. Antenna in doppia polarizzazione 77
Figura 5.9: Polarizzazioni lineari
rizzazione lineare prevede che la componente di campo che abbia una direzione
costante nel tempo, mentre nella polarizzazione circolare si ha che l’onda che si
propaga è composta dalla somma di due campi di uguale ampiezza e perpendi-
colari, le cui oscillazioni siano sfasate di un quarto di periodo (ovvero 90 gradi):
in questo caso, la somma dei campi dà un campo rotante, la cui intensità resta
sempre la stessa, mentre direzione di propagazione ruota (v. Fig. 5.9 e 5.10).
Un’onda con polarizzazione lineare ha un campo elettrico lungo una direzzione
fissata e quindi l’antenna che capta tale segnale deve necessariamente avere la
stessa polarizzazione dell’onda in arrivo per poter ricevere potenza. Al contra-
rio le onde polarizzate circolarmente hanno campo elettrico che ruota nel piano
ortogonale alla direzione di propagazione e quindi l’antenna ricevente può avere
qualsiasi polarizzazione. L’inconveniente di questo sistema di rice-trasmissione è
che l’antenna ricevente ha polarizzazione lineare si riceve soltanto metà della po-
tenza inviata poichè lo sfasamento di π/2 produce sempre un massimo di potenza
su un piano ed un minimo sull’altro piano.
I vantaggi di avere un’antenna in polarizzazione circolare sono molteplici:
poichè essa riceve e trasmette in tutti i piani anche in presenza di forte attenuazio-
Capitolo 5. Antenna in doppia polarizzazione 78
Figura 5.10: Polarizzazioni lineari e circolari
ne in una certa direzione, il segnale non viene perso ma viene spostato su uno dei
piani possibili e questa caratteristica la rende immune a fenomeni come: riflessio-
ni, assorbimento, agenti atmosferici, ostacoli sulla linea di vista. Infatti le antenna
con polarizzazione circolare vengono utilizzate in situazioni nelle quali la pola-
rizzazione del sistema di rice-trasmissione è un limite: comunicazioni satellitari
(la ionosfera può modificare la polarizzazione delle onde), punto-punto (in cui si
hanno ostacoli tra le stazioni), radar per osservazione della superficie terrestre (in
cui le riflessioni sul terreno o sul mare possono degradare il segnale di ritorno).
Per valutare l’efficienza dell’antenna in polarizzazione circolare dobbiamo valu-
tarne l’ Axial Ratio, che è definito come il rapporto tra le componenti ortogonali
del campo elettrico e dato che la polarizzazione circolare prevede stessa ampiezza
per la componetne E ed H, allora tale parametro deve essere pari ad 1 (in pratica
sono accettabili tutti i valori inferiori a 3 dB). Riportiamo un grafico dell’ Axial
Ratio al variare della frequenza che per frequenza
Le figure riguardanti i plot dell’andamento dell’ Axial Ratio mostrano che
l’antenna la polarizzazione circolare è efficiente su tutte le frequenze dell’inter-
vallo di banda. Successivamente abbiamo plottato la curva dell’ Axial Ratio alla
frequenza di massima direttività sul piano E e sul piano H: si nota che l’ AR è
Capitolo 5. Antenna in doppia polarizzazione 79
Figura 5.11: Andamento dell’ Axial Ratio a 18,75 GHz (piano H)
Figura 5.12: Andamento dell’ Axial Ratio a 18,75 GHz (piano E)
Figura 5.13: Andamento dell’ Axial Ratio a 18,75 GHz piano H
Capitolo 5. Antenna in doppia polarizzazione 80
minore di 3 dB per un ristretto intervallo angolare (theta compreso ta ): questo
significa che l’antenna trasmette (o riceve) efficientemente in polarizzazione cir-
colare su un fascio di illuminazione stretto. Questo tipo di trasmissione è adatta
ai collegamenti punto-punto con angolo di vista in cui sono presenti ostacoli o in
condizioni meteo sfavorevoli
Conclusioni
Questo lavoro di tesi si è occupato dello studio e progettazione di una antenna
di basso profilo in banda K
u
ad alta direttività (30 dB), progettata con l’uso di
materiali a basso costo. Abbiamo studiato una struttura costituita da due cavità
rettangolari sottili sovrapposte e accoppiate tramite due dihedral corner reflector
posti sui lati delle guide. Il sistema radiante è costituito da un array di patch qua-
drati realizzato sul piano esterno della cavità superiore. La cavità è riempita di
un dielettrico con costante dielettrica relativa ε
r
= 4 ed è alimentata mediante
la cavità inferiore a cui è accoppiata tramite i dihedral corner reflector. La gui-
da inferiore è invece parzialmente riempita con uno slab dielettrico con costante
dielettrica relativa ε
r
= 2.8. Tale costante corrisponde a quella di un materiale
plastico (ABS-P430) usato comunemente in macchine di prototipazione rapida.
Usando tale materiale, all’interno della cavità inferiore è realizzata una lente di
Lüneburg in tecnologia planare. Per realizzare tale lente è stata applicata la legge
di Lüneburg all’indice di rifrazione del materiale: la variazione di quest’ultimo è
ottenuta modulando l’altezza dello slab dielettrico, considerando un modo di on-
da superficiale TM
0
che si propaga su di esso. Il modo è innescato mediante due
probe verticali alimentati coassialmente e posti su due lati ortogonali della cavi-
tà. La lente trasforma i due fronti d’onda cilindrici provenienti dai due probe in
fronti d’onda piani. Tali fronti d’onda si propagano in direzioni ortogonali l’una
rispetto all’altra sulla superficie dello slab. Ai lati della struttura i due dihedral
81
Capitolo 5. Antenna in doppia polarizzazione 82
corner reflector trasferiscono i fronti d’onda incidenti verso la guida superiore.
Quest’ultima viene quindi eccitata da due modi di tipo qTEM, ancora propagante-
si in direzioni ortogonali. I due modi qTEM costituiscono quindi l’alimentazione
dell’array di patch realizzato sul piano esterno della cavità superiore. L’array di
patch può essere alternativamente considerato come un array di slit periodiche che
campionando il modo eccitante, producono una radiazione di tipo leaky. Le slit
sono disposte periodicamente e distanziate di mezza lunghezza d’onda nello spa-
zio libero alla frequenza di progetto. L’array di slit è replicato anche in direzione
ortogonale alle precedenti, formando così l’array di patch quadrati che realizza-
no la parete radiante della struttura. L’onda leaky innescata produce un fascio
radiante altamente direttivo con puntamento in direzione broadside.
Il dispositivo progettato costituisce una soluzione per un’antenna facilmente
realizzabile e conveniente nei casi in un cui il basso profilo del dispositivo sia
un parametro di progetto importante. La superficie dell’antenna ha dimensioni
211.65mm × 229.84mm, corrispondenti a circa 12λ × 12λ, mentre lo spessore
misura 5.8 mm, pari a λ/3 alla frequenza di progetto.
La soluzione che abbiamo studiato inoltre permette una certa flessibilità in
polarizzazione: l’antenna è infatti in grado di lavorare in doppia polarizzazione
lineare (orizzontale o verticale) e polarizzazione circolare. Sebbene quest’ulti-
ma proprietà sia vincolata ad un angolo di scansione ridotto, attorno al broadsi-
de, essa può essere utilizzata convenientemente in sistemi di ricetrasmettitori in
polarizzazione circolare a puntamento fisso.
L’angolo di puntamento del fascio può essere variato con la frequenza. Si ot-
tiene una variazione di 45 gradi in una banda compresa tra i 16.5 GHz e i 20 GHz.
In tale range di variazione, il guadagno rimane maggiore di 20 dB e il coefficiente
di riflessione alle porte di ingresso inferiore a -10 dB. La dipendenza dell’angolo
di puntamento con la frequenza può essere convenientemente sfruttata in radar
Capitolo 5. Antenna in doppia polarizzazione 83
altimetri e per navigazione Doppler: quest’ultima si basa infatti sull’eco Doppler
ricevuto da quattro fasci distinti che illuminano direzioni ortogonali. Il dispositi-
vo studiato permette di produrre i fasci necessari in modo estremamente semplice.
Sebbene la soluzione presentata è limitata al caso di due porte di alimentazione,
essa può essere estesa facilmente alla configurazione quattro porte. Le caratteri-
stiche di questa tipologia di antenne suggerisce ulteriori ambiti di utilizzo quali:
radar a corto raggio per applicazioni automotive, collegamenti punto-punto con
condizioni ambientali non ottimali. Come sviluppi futuri ci proponiamo di al-
largare la banda di lavoro ed aumentare così il range angolare osservabile con
l’antenna.
Bibliografia
[1] L. Goldstone and A. Oliner, “Leaky-wave antennas i: Rectangular wavegui-
des,” Antennas and Propagation, IRE Transactions on, vol. 7, no. 4, pp. 307
–319, october 1959.
[2] L. Xue and V. Fusco, “Patch-fed planar dielectric slab waveguide luneburg
lens,” Microwaves, Antennas Propagation, IET, vol. 2, no. 2, pp. 109 –114,
march 2008.
[3] W. Li-Li, “The improvement of luneburg lens antenna’s analysis method,”
in Antennas Propagation and EM Theory (ISAPE), 2010 9th International
Symposium on, 29 2010-dec. 2 2010, pp. 30 –32.
[4] M. Bosiljevac, M. Casaletti, F. Caminita, Z. Sipus, and S. Maci, “Highly
tapered, uniform phased horn based on variable impedance lens effect,”
in Antennas and Propagation (EUCAP), Proceedings of the 5th European
Conference on, april 2011, pp. 3683 –3686.
[5] S. Maci and A. Neto, “Field radiated by a leaky wave slot fed by dipo-
le: uniform asymptotic solution,” in Antennas and Propagation Society
International Symposium, 2002. IEEE, vol. 1, 2002, pp. 494 – 497 vol.1.
[6] A. Neto and S. Maci, “Field radiated by a leaky-wave slot fed by dipo-
le: ray description,” in Antennas and Propagation Society International
Symposium, 2002. IEEE, vol. 1, 2002, pp. 490 – 493 vol.1.
[7] ——, “Green’s function for an infinite slot printed between two homoge-
neous dielectrics. i. magnetic currents,” Antennas and Propagation, IEEE
Transactions on, vol. 51, no. 7, pp. 1572 – 1581, july 2003.
[8] S. Maci and A. Neto, “Green’s function of an infinite slot printed between
two homogeneous dielectrics-part ii: uniform asymptotic solution,” Anten-
nas and Propagation, IEEE Transactions on, vol. 52, no. 3, pp. 666 – 676,
march 2004.
84
Bibliografia 85
[9] A. Oliner, “The impedance properties of narrow radiating slots in the broad
face of rectangular waveguide: Part i–theory,” Antennas and Propagation,
IRE Transactions on, vol. 5, no. 1, pp. 4 –11, january 1957.
[10] M. Bailey, “The impedance properties of dielectric-covered narrow radia-
ting slots in the broad face of a rectangular waveguide,” Antennas and
Propagation, IEEE Transactions on, vol. 18, no. 5, pp. 596 – 603, sep 1970.
[11] C. Mateo-Segura, G. Goussetis, and A. Feresidis, “Analysis of 2-d periodic
leaky wave antennas with subwavelength profile,” in Antennas and Propa-
gation Society International Symposium, 2009. APSURSI ’09. IEEE, june
2009, pp. 1 –4.
[12] J.-I. Lee, U.-H. Cho, and Y.-K. Cho, “Analysis for a dielectrically filled
parallel-plate waveguide with finite number of periodic slots in its upper wall
as a leaky-wave antenna,” Antennas and Propagation, IEEE Transactions on,
vol. 47, no. 4, pp. 701 –706, apr 1999.
[13] K. C. Young and S. Hyun, “Characteristics of a parallel-plate waveguide
with a narrow slit in its upper plate,” Electronics Letters, vol. 22, no. 22, pp.
1166 –1167, 23 1986.
[14] L. Felsen and N. Marcuvitz, Radiation and scattering of Waves. John
Wiley-IEEE Press, 1994.
[15] D. M. Pozar, Microwave Engineering. John Wiley and sons, 1998.
[16] Y. Mushiake and S. Adachi, Fundamental Electromagnetic Wave
Engineering. London: Kyoritsu Shuppan, 1973.
[17] H. Nakano, “Recent progress in broadband antennas,” Proc. Int. Symp.
Antennas Propag., November 2006.
[18] R. S. Elliot, Antenna Theory and Design, Chapter 8. Englewood Cliffs,
NJ,: Prentice Hall, 1981.
[19] R. E. Collin, Field Theory of Guided Waves, 2nd ed. New York: IEEE
Press, 1996.
[20] AA.VV., Modern Antenna Handbook, Chapter 11. John Wiley and sons,
2007.