You are on page 1of 58

La Preghiera quotidiana in Quaresima per la coppia e la famiglia

In cammino verso la PASQUA
Quaresima 2014
Tra le sabbie del mio deserto, sotto il sole infuocato del mio tempo, cerco un pozzo che abbia acqua pulita, capace di togliere la sete d'infinito che è dentro di me. So che esiste da qualche parte perché sono inquietato dal mistero e devo trovarlo prima che scenda la notte. Attingo acqua dal pozzo del denaro ed ho sempre più sete al pozzo del piacere e sento prosciugarmi la gola.

Attingo acqua al pozzo del successo e mi sento annebbiare la vista, al pozzo della pubblicit! e mi ritrovo come uno schiavo. Sono forse condannato a morire di sete, inappagato cercatore di certezze assolute" #a se scavo dentro di me, sotto la sabbia alta del mio peccato se scavo nei segni del tempo, sotto la sabbia ammucchiata dal vento arruffato del quotidiano, trovo la sorgente di un'acqua viva e pura, che disseta in eterno, tanto che chi ne beve non ha più sete perché è generata e filtrata dal tuo amore, o Signore, generoso e gratuito, era gi! promessa nei tempi antichi ed ora è sgorgata in abbondanza nel segno della tua Parola. Mi disseto a questa sorgente, custodita dalla mia Chiesa, che per questo si fa ogni giorno fontana del villaggio per salvare tutti gli assetati del mondo. Amen. $uesto semplice libretto vuole essere un aiuto per la preghiera alle coppie e alle famiglie per il periodo di $uaresima. %& frutto della preghiera e riflessione di alcune coppie di sposi sul vangelo del giorno.

'a sua struttura è molto semplice( ) ) ) *rano del vangelo del giorno *reve commento della coppia +na preghiera da recitare

)

+n impegno concreto

,i auguro che questo semplice libretto vi aiuti a dedicare ogni giorno un po& di tempo prezioso a -io e che -io ve lo restituisca ricolmo della sua .razia. +n ringraziamento particolare a /hiara e 'ele, /hiara e #anu, 0aola e #oreno, 0aolo e 'ucia, %lena e #arco, /arla e 1rancesco che hanno accettato di condividere con voi la loro preghiera e riflessione.

!"#$I%A & "A'(!
Dal Vangelo di Matteo 4,1-11 Allora .esù fu condotto dallo Spirito nel deserto per esser tentato dal diavolo. % dopo aver digiunato quaranta giorni e quaranta notti, ebbe fame. 2l tentatore allora gli si accost3 e gli disse( 4Se sei 1iglio di -io, d5 che questi sassi diventino pane6. #a egli rispose( 4Sta scritto( 7on di solo pane vivr! l'uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di -io6. Commento Gesù viene tentato da tanti punti di vista: materiale (i sassi divenuti pane), taumaturgico - spettacolare (la discesa dal pinnacolo del tempio), politico (i regni della terra) Nella nostra vita familiare le tentazioni sono tante! Spesso sono mascherate da necessità inderogabili, da bisogni così radicati in noi che ci sembra assolutamente giusto soddisfarli anche a discapito degli altri, magari, e a discapito dell’ ltro! "ome risolve la #uestione, Gesù$ %a riferimento alla &arola di 'io con verità e non con inganno, come invece fa Satana! %orse ha pregato #uello stesso Spirito che lo aveva condotto nel deserto! nche noi possiamo fare altrettanto: invece di mettere al centro il nostro io, mettiamoci 'io, con la sua &arola e soprattutto con il Suo amore di &adre: da (ui dobbiamo prendere esempio per essere famiglia, sull’esempio di #uella di Nazaret! Preghiera Padre, ti ringra iamo per il dono della famiglia. Aiutaci a vivere la nostra quotidianit! in-tre-cciati con te" amati e quindi pronti ad amare# pregando lo $pirito $anto nei momenti di difficolt! perch% ci suggerisca come agire secondo l&Amore. Preghiamo per coloro che si sentono soli, perch% percepiscano la 'ua vicinan a e la 'ua tenere a di Padre. Impegno #etto da parte le mie esigenze ed i miei bisogni per fare spazio agli altri membri della mia famiglia.

LU$# I) 10 "A'(!
Dal Vangelo di Matteo (, 1-1) ,edendo le folle, .esù sal5 sulla montagna e, messosi a sedere, gli si avvicinarono i suoi discepoli. 0rendendo allora la parola, li ammaestrava dicendo( 4*eati i poveri in spirito, perché di essi è il regno dei cieli. *eati gli afflitti, perché saranno consolati. *eati i miti, perché erediteranno la terra. *eati quelli che hanno fame e sete della giustizia, perché saranno saziati. *eati i misericordiosi, perché troveranno misericordia. *eati i puri di cuore, perché vedranno -io. *eati gli operatori di pace, perché saranno chiamati figli di -io. *eati i perseguitati per causa della giustizia, perché di essi è il regno dei cieli. *eati voi quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi per causa mia. 8allegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei cieli. Commento Gesù sale sul monte, come )os*, ma non per ricevere da 'io la Sua legge, ma per insegnare ai suoi discepoli e alle folle! +,-edendo le folle. / ,Si avvicinarono a lui i suoi discepoli0si mise a parlare e insegnava loro.1! "i sediamo anche noi ad ascoltare Gesù che ha #ualcosa da insegnare anche a noi, come persone, come coppia, come famiglia! (e beatitudini ribaltano la tradizionale visione del mondo, forse ribaltano anche la nostra, ma in una prospettiva di gioia! &er 2 volte Gesù chiama 3eati coloro che seguiranno la sua &arola, che * &arola di 'io! -ale la pena, allora, confrontare le nostre scelte di tutti i giorni con il -angelo, lasciarci rincuorare dalle beatitudini nei momenti di difficoltà o dubbio, condire il nostro #uotidiano con 'io! Preghiera Padre, ci chiami *+eati,. 'i chiediamo di riuscire ad avere sempre come riferimento la 'ua Parola, soprattutto quando in famiglia viviamo delle difficolt!. Aiutaci ad avere un cuore

semplice, mite, giusto, misericordioso, pacifico, puro perch% possiamo *rallegrarci ed esultare, ogni giorno perch% sei con noi, nonostante tuttoImpegno 9ggi dono un sorriso di .ioia vera ad un mio familiare( sono felice perché -io mi ama, mi vuole contento, il mio sorriso vuole riflettere quello di -io.

"A'*# I) 11 "A'(!
Dal Vangelo di Matteo, (,1.-1/ ,oi siete il sale della terra ma se il sale perdesse il sapore, con che cosa lo si potr! render salato" A null'altro serve che ad essere gettato via e calpestato dagli uomini. ,oi siete la luce del mondo non pu3 restare nascosta una citt! collocata sopra un monte, né si accende una lucerna per metterla sotto il moggio, ma sopra il lucerniere perché faccia luce a tutti quelli che sono nella casa. /os5 risplenda la vostra luce davanti agli uomini, perché vedano le vostre opere buone e rendano gloria al vostro 0adre che è nei cieli. Commento 4l sale e la luce: due elementi importantissimi a cui Gesù ci paragona! Gesù usa #uesti due paragoni per definire ciascuno di noi così com’* adesso5 non dice ,sarete il sale e la luce se0., dice ,siete.! "he responsabilità! 4l sale serve per conservare: dobbiamo ,conservare. in noi la &arola di 'io! (a luce serve per illuminare: dobbiamo far risplendere la scintilla d’amore che 'io ha messo in ciascuno di noi! 6utto #uesto perch7 chi ci incontra ,renda gloria al &adre che * nei cieli!. Preghiera Padre, gra ie per la tua fiducia in noi, tanto da chiamarci ad essere sale e luce nel mondo. Perdonaci se a volte siamo insipidi e un po& oscuri, perdonaci se non sempre 'i facciamo risplendere.

Aiutaci, ogni giorno, a riscoprirti in noi e nella nostra famiglia e ad essere *rappresentanti, del 'uo Amore per ciascuno. Impegno 0rovo ad essere 4sale e luce6 e a scoprirlo negli altri, a partire dalla mia famiglia, da coloro che -io, come dono gratuito, mi ha messo accanto quotidianamente:

"#'%!L# I) 12 "A'(!
Dal Vangelo di Matteo (,10-11 7on pensate che io sia venuto ad abolire la 'egge o i 0rofeti non son venuto per abolire, ma per dare compimento. 2n verit! vi dico( finché non siano passati il cielo e la terra, non passer! neppure un iota o un segno dalla legge, senza che tutto sia compiuto. /hi dunque trasgredir! uno solo di questi precetti, anche minimi, e insegner! agli uomini a fare altrettanto, sar! considerato minimo nel regno dei cieli. /hi invece li osserver! e li insegner! agli uomini, sar! considerato grande nel regno dei cieli. Commento Gesù si preoccupa e ci avverte delle conseguenze delle nostre azioni +ancora una volta lascia a ciascuno la libertà di scelta1, ma, visto che non siamo soli al mondo, * fondamentale anche #uello che noi ,insegniamo. agli altri, ovvero l’esempio che diamo con il nostro modo di essere ad ogni persona che incontriamo, piccola o grande che sia, soprattutto all’interno della famiglia! 4gnazio d’ ntiochia, già nel 44 secolo d!"! scriveva: ,Si educa molto con #uel che si dice, ancor più con #uel che si fa, molto di più con #uel che si *!.! Preghiera Padre, ci hai dato una legge chiara da seguire. Donaci una mente attenta e un cuore pronto per declinarla nel nostro quotidiano. Aiutaci ad avere cura di ci2 che trasmettiamo a chi ci 3 accanto.

Impegno 7elle scelte che dovr3 compiere oggi mi chiedo 4.esù cosa avrebbe fatto al mio posto"6

+I!,# I) 1- "A'(!
Dal Vangelo di Matteo (, )4-)/ 0oiché io vi dico( se la vostra giustizia non superer! quella degli scribi e dei farisei, non entrerete nel regno dei cieli. Avete inteso che fu detto agli antichi( 7on uccidere chi avr! ucciso sar! sottoposto a giudizio. #a io vi dico( chiunque si adira con il proprio fratello, sar! sottoposto a giudizio. /hi poi dice al fratello( stupido, sar! sottoposto al sinedrio e chi gli dice( pazzo, sar! sottoposto al fuoco della .eenna. Se dunque presenti la tua offerta sull'altare e l5 ti ricordi che tuo fratello ha qualche cosa contro di te, lascia l5 il tuo dono davanti all'altare e v! prima a riconciliarti con il tuo fratello e poi torna ad offrire il tuo dono. #ettiti presto d'accordo con il tuo avversario mentre sei per via con lui, perché l'avversario non ti consegni al giudice e il giudice alla guardia e tu venga gettato in prigione. 2n verit! ti dico( non uscirai di l! finché tu non abbia pagato fino all'ultimo spicciolo: Commento (a legge che Gesù ci spiega in modo chiaro e con esempi sembra molto impegnativa! 4n realtà, se ci pensiamo e la caliamo nella nostra #uotidianità, semplifica molto le relazioni: #uanta energia che si spreca ad arrabbiarsi! 8uesta legge * mossa solo dall’ more! more di 'io per l’uomo e che l’uomo deve avere per il proprio fratello, prima ancora di amare 'io +,lascia lì il tuo dono davanti all’altare e va’ prima a riconciliarti con il tuo fratello.1! 'io non * altro rispetto alle persone che abbiamo accanto, * in ciascuna di loro ed * in me: abbiamo la responsabilità di lasciar vedere 'io in noi, attraverso le nostre scelte, a partire dalle relazioni che viviamo5 abbiamo la possibilità di vedere 'io in chi ho vicino! Preghiera Padre, a volte si fa proprio fatica a stare insieme davvero" siamo istintivi, rancorosi, poco pronti al perdono e alla fratellan a. 5on crediamo fino in fondo che la 'ua presen a 3

intessuta in noi, nei nostri fratelli, nella nostra vita quotidiana cos6 com&3. 'i chiediamo di aiutarci a sentire la tua tenere a, il tuo a77raccio, perch% possiamo amare8 come teImpegno 8iconoscendo -io in me e in chi ho vicino, soprattutto nella mia famiglia, partendo da qui mi riconcilio, almeno nel mio cuore, con tutti:

,#$#' I) 14 "A'(!
C95DA55A A M9:'; D< =;$>
Dal Vangelo di Matteo .esù intanto comparve davanti al governatore, e il governatore l'interrog3 dicendo( 4Sei tu il re dei .iudei"6. .esù rispose 4Tu lo dici6. % mentre lo accusavano i sommi sacerdoti e gli anziani, non rispondeva nulla. Allora 0ilato gli disse( 47on senti quante cose attestano contro di te"6. #a .esù non gli rispose neanche una parola, con grande meraviglia del governatore. Commento stento riuscirono a trovare un valido motivo per condannare Gesù! 4l Suo silenzio venne interpretato come una tacita ammissione di colpa! )a le Sue parole testimoniano la Sua estraneità alle logiche di potere! 8uante volte con le nostre parole ,mettiamo a morte. #ualcuno: le nostre accuse sono spade taglienti che feriscono! 4 nostri pregiudizi fanno nascere condanne, ancora prima che siano stati indetti processi! Preghiera Padre, quante volte ti condanniamo, soprattutto perch% le cose non vanno secondo i nostri desideri. ?uante volte condanniamo chi ci 3 accanto, a partire dai familiari, perch% non sono come vorremmo noi.

'i chiediamo perdono e il coraggio di non parlare se ci2 che diciamo pu2 fare male. 5el du77io, insomma, se tacere o parlare, aiutaci a tacere, che a parlare siamo sempre in tempoImpegno 2n questa giornata usiamo parole che sappiano guarire, risanare, ricucire

SA.A*! 1/ "A'(!
Dal Vangelo di Matteo 1), 1-@ 2n quel tempo .esù pass3 tra le messi in giorno di sabato, e i suoi discepoli ebbero fame e cominciarono a cogliere spighe e le mangiavano. /i3 vedendo, i farisei gli dissero( 4%cco, i tuoi discepoli stanno facendo quello che non è lecito fare in giorno di sabato6. %d egli rispose( 47on avete letto quello che fece -avide quando ebbe fame insieme ai suoi compagni" /ome entr3 nella casa di -io e mangiarono i pani dell'offerta, che non era lecito mangiare né a lui né ai suoi compagni, ma solo ai sacerdoti" 9 non avete letto nella 'egge che nei giorni di sabato i sacerdoti nel tempio infrangono il sabato e tuttavia sono senza colpa" 9ra io vi dico che qui c'è qualcosa più grande del tempio. Se aveste compreso che cosa significa( #isericordia io voglio e non sacrificio, non avreste condannato individui senza colpa. 0erché il 1iglio dell'uomo è signore del sabato6. Commento ,)isericordia io voglio e non sacrificio.: #uesta * la nuova legge professata da Gesù! 9’ una legge che pone al centro di tutto l’uomo: Gesù lo testimonia in prima persona, guarendo poco dopo, di sabato, un uomo che aveva una mano paralizzata! Gesù sfida i riti e le tradizioni ebraiche più consolidate in nome di #uella misericordia che * del &adre5 in nome di #uella misericordia che 'io ha nei confronti di tutti noi Suoi figli che, seppur peccatori, ci riconosciamo perdonati e, pertanto, amati! Preghiera Padre, siamo troppo legati ai nostri ritmi, alle nostre a7itudini, ai nostri riti e troppo spesso questi finiscono per offuscare il messaggio d&amore che dovremmo vivere nelle rela ioni.

Aiutaci ad avere un cuore li7ero per poter vivere come vivresti 'u, attenti a declinare l&Amore nella nostra quotidianit! sen a lasciarci sopraffare da essa. Impegno 9ggi tralasciamo un nostro 4rito6 per far del bene a una persona.

!"#$I%A 10 "A'(!
Dal Vangelo di Giovanni .iunse cos5 a una citt! della Samaria chiamata Sicar, vicina al terreno che .iacobbe aveva dato a .iuseppe suo figlio( qui c'era un pozzo di .iacobbe. .esù dunque, affaticato per il viaggio, sedeva presso il pozzo. %ra circa mezzogiorno. ;.iunge una donna samaritana ad attingere acqua. .iunse cos5 a una citt! della Samaria chiamata Sicar, vicina al terreno che .iacobbe aveva dato a .iuseppe suo figlio( qui c'era un pozzo di .iacobbe. .esù dunque, affaticato per il viaggio, sedeva presso il pozzo. %ra circa mezzogiorno. .iunge una donna samaritana ad attingere acqua. 'e dice .esù( <-ammi da bere=. 2 suoi discepoli erano andati in citt! a fare provvista di cibi. Allora la donna samaritana gli dice( </ome mai tu, che sei giudeo, chiedi da bere a me, che sono una donna samaritana"=. 2 .iudei infatti non hanno rapporti con i Samaritani. .esù le risponde( <Se tu conoscessi il dono di -io e chi è colui che ti dice( <-ammi da bere:=, tu avresti chiesto a lui ed egli ti avrebbe dato acqua viva=. >....?<Signore ) gli dice la donna ), dammi quest'acqua, perché io non abbia più sete e non continui a venire qui ad attingere acqua=. 'e dice( <,a' a chiamare tuo marito e ritorna qui=. .li risponde la donna( <2o non ho marito=. 'e dice .esù( <@ai detto bene( <2o non ho marito=. 2nfatti hai avuto cinque mariti e quello che hai ora non è tuo marito in questo hai detto il vero=. Commento (a donna samaritana della #uale si parla pu: apparire come una rappresentante dell;uomo moderno, della vita moderna! <a avuto cin#ue mariti e ha convissuto con un altro uomo! <a fatto ampio uso della sua libertà e tuttavia non * diventata più libera, anzi * diventata sempre più vuota! 4l desiderio di trovare la vera felicità, la vera gioia era sempre viva dentro di lei! &er #uesto si * lasciata avvicinare da Gesù5 da #uell;incontro la sua vita * cambiata!

Gesù le ha offerto ac#ua viva, le ha offerto una vita piena, la possibilità di essere realmente libera perch7 colma della Sua presenza! Preghiera $ignore 'i preghiamo, aiutaci a comprendere sempre di piA che 'u sei lBacqua viva che pu2 donare profonda felicit! al nostro cuore, alle nostre rela ioni e alla nostra quotidianit!. 'u sei lBacqua che disseta ogni uomo. Vieni ad incontrarci come hai fatto con la donna samaritanaImpegno Trovo un momento per ringraziare una persona che durante la giornata mi ha reso felice o mi ha donato un motivo di gioia come .esù ha fatto con la Samaritana.

LU$# I1 12 "A'(!
Dal Vangelo di Matteo ,oi avete udito che fu detto( 7on commettere adulterio. #a io vi dico che chiunque guarda una donna per appetirla, ha gi! commesso adulterio con lei nel suo cuore. 9ra, se l&occhio tuo destro ti fa cadere in peccato, cavalo e gettalo via da te poiché val meglio per te che uno dei tuoi membri perisca, e non sia gettato l&intero tuo corpo nella geenna. % se la tua mano destra ti fa cadere in peccato, mozzala e gettala via da te poiché val meglio per te che uno dei tuoi membri perisca, e non vada l&intero tuo corpo nella geenna. Commento =adicalità! Gesù chiede a ciascun uomo e a ciascuna donna, impegno, anche a costo di perdere #ualcosa di s7! Non * condannabile solo un gesto manifesto, anche l;intenzione di compiere tale gesto * da considerarsi un errore! "osa o chi stiamo guardando$ "osa permettiamo che entri nel nostro cuore attraverso i nostri

occhi$ Se ci accorgiamo di essere troppo concentrati a soddisfare i nostri desideri perdendo di vista il rispetto nei confronti della persona che abbiamo di fronte chiediamo aiuto a Gesù: >Non nascondermi il tuo volto, non respingere con ira il tuo servo! Sei tu il mio aiuto, non lasciarmi, non abbandonarmi, 'io della mia salvezza>! +Sal ?@1 Preghiera 5el silen io della notte, io ho scelto te. 5ello splendore del firmamento, io ho scelto te. 5ellBincanto dellBaurora, io ho scelto te. 5elle 7ufere piA tormentose, io ho scelto te. 5ellBarsura piA arida, io ho scelto te. 5ella 7uona e nella cattiva sorte, io ho scelto te. 5ella gioia e nel dolore, io ho scelto te. 5el cuore del mio cuore, io ho scelto te. Impegno Scrivo su un foglio un atteggiamento negativo che ho assunto durante la giornata di oggi, lo appendo in un punto visibile della casa e cerco, chiedendo aiuto a .esù, di smussare quel lato del carattere che mi porta a ferire gli altri.

"A'*# I1 13 "A'(!
Dal Vangelo di Matteo 1u detto( /hiunque ripudia sua moglie, le dia l&atto del divorzio. #a io vi dico( /hiunque manda via la moglie, salvo che per ragione di fornicazione, la fa essere adultera e chiunque sposa colei ch&è mandata via, commette adulterio. Avete udito pure che fu detto agli antichi( 7on spergiurare, ma attieni al Signore i tuoi giuramenti. #a io vi dico( -el tutto non giurate, né per il cielo, perché è il trono di -io né per la terra, perché è lo sgabello dei suoi piedi né per

.erusalemme, perché è la citt! del gran 8e. 7on giurar neppure per il tuo capo, poiché tu non puoi fare un solo capello bianco o nero. #a sia il vostro parlare( S5, s5 no, no poiché il di più vien dal maligno. Commento Altre al comandamento posto da Gesù, in #ueste parole cB* un intrinseco avvertimento! C%ate attenzione a formare la famiglia, l;importante * la scelta definitiva che conduce a formare una unità completa, fisica / psichica / spirituale! (a vera famiglia * sacra, genuina e perenne! ccettatevi tra marito e moglie nonostante tutto, come Gesù ha accettato noi nonostante tutto! Noi siamo imperfetti e Gesù ha accettato la natura umana per aiutarla a perfezionarsiD! 9 ancora, in merito al giuramento, C4l nome del Signore * santoD! 4l dono del nome appartiene all;ordine della confidenza e dell;intimità! &er #uesto l;uomo non pu: abusarne! (o deve custodire in un silenzio di adorazione piena d;amore! Non lo inserirà tra le sue parole, se non per benedirlo, lodarlo e glorificarlo! Preghiera +enedico il $ignore che mi ha dato consiglio# anche di notte il mio cuore mi istruisce. <o pongo sempre innan i a me il $ignore, sta alla mia destra, non posso vacillare. C$al 1(D Impegno 'rovo un momento per dire a mio marito o a mia moglie un lato di luiElei che mi piace e che mi porta a sceglierloEa ogni giorno della mia vita.

"#'%!L# I1 1& "A'(!
Dal Vangelo di Luca

2 suoi genitori si recavano ogni anno a .erusalemme per la festa di 0asqua. $uando egli ebbe dodici anni, vi salirono secondo l&usanza ma, trascorsi i giorni della festa, mentre riprendevano la via del ritorno, il fanciullo rimase a .erusalemme senza che i genitori se ne accorgessero. /redendo che egli fosse nella comitiva fecero una giornata di viaggio, e poi si misero a cercarlo tra i parenti e i conoscenti. 7on avendolo trovato tornarono in cerca di lui a .erusalemme. -opo tre giorni lo trovarono nel Tempio, seduto in mezzo ai maestri, mentre li ascoltava e li interrogava. % tutti quelli che l&udivano erano pieni di stupore per la sua intelligenza e le sue risposte. Al vederlo restarono stupiti e sua #adre gli disse( 41iglio, perché ci hai fatto questo" %cco, tuo padre e io ti cercavamo angosciati6. %d egli rispose( 40erché mi cercavate" 7on sapevate che io devo occuparmi delle cose del 0adre mio"6 Commento )aria e Giuseppe sul momento non hanno compreso le intenzioni e le parole di Gesù! 9; fisiologico che ci siano difficoltà nella vita familiare5 non dobbiamo sorprenderci, purch7 non manchi mai la volontà di superare le incomprensioni, di affrontare con serenità e sapienza i problemi che nascono, le tensioni inevitabili per il crescere dei figli e l’usura del rapporto! 8ui Gesù nomina per la prima volta il >&adre>, l;ultima volta sarà sulla croce! (a prima e l;ultima parola di Gesù * >&adre>! Gesù * venuto per riportare noi nell;obbedienza e nell;amore verso un 'io che * papà! "hiediamo nella preghiera il dono di abbandonarci con fiducia a (ui che ci conosce e ci ama! Preghiera 9 $ignore, aiutami a fare silen io, a entrare nel tuo cuore, a voler essere insieme con te nella volont! del Padre. 'i preghiamo, $ignore, per la nostra famiglia, perch% ci conosciamo sempre meglio e ci comprendiamo nei nostri desideri e nei nostri limiti. Che le nostre discussioni non ci dividano, ma ci uniscano nella ricerca del vero e del 7ene. Amen. Impegno 7el silenzio del cuore incontra il Signore. 8ipeti spesso e vivi questa 0arola( io devo occuparmi delle cose del 0adre mio.

+I!,# I1 20 "A'(!
Dal Vangelo di Matteo State attenti a non praticare la vostra giustizia davanti agli uomini per essere ammirati da loro, altrimenti non c'è ricompensa per voi presso il 0adre vostro che è nei cieli. -unque, quando fai l'elemosina, non suonare la tromba davanti a te, come fanno gli ipocriti nelle sinagoghe e nelle strade, per essere lodati dalla gente. 2n verit! io vi dico( hanno gi! ricevuto la loro ricompensa. 2nvece, mentre tu fai l'elemosina, non sappia la tua sinistra ci3 che fa la tua destra, perché la tua elemosina resti nel segreto e il 0adre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenser!. % quando pregate, non siate simili agli ipocriti che, nelle sinagoghe e negli angoli delle piazze, amano pregare stando ritti, per essere visti dalla gente. 2n verit! io vi dico( hanno gi! ricevuto la loro ricompensa. 2nvece, quando tu preghi, entra nella tua camera, chiudi la porta e prega il 0adre tuo, che è nel segreto e il 0adre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenser!. Commento (e cose in realtà oggi stanno cambiando! Si potrebbe addirittura constatare una sorta di rovesciamento rispetto all;antichità: infatti se c;* un;ostentazione nel mondo attuale, non * l;ostentazione religiosa, semmai il contrario! (a preoccupazione che si nasconde nel vangelo di )atteo * #uella di una teatralità della vita: il desiderio di essere applauditi in ogni cosa che si fa! )atteo invita all;elemosina, alla preghiera, al digiuno, vissuti in modo distaccato dalle preoccupazioni esteriori e orientati invece là dove pu: entrare soltanto colui che vede nel segreto e vede nel nostro cuore! 4l &adre sa ci: di cui noi abbiamo bisogno5 pregare * il più intimo rapporto che possiamo avere con 'io e come tale va custodito! 9lemosina invece * dare del nostro a chi ci chiede e anche a chi non ci chiede5 elemosina * avere nel cuore un angolo sempre libero per accogliere chi cuore non

ha più5 elemosina * farsi prossimo, senza nulla volere in cambio, come il samaritano che soccorre l’incappato nei briganti! Non * dare il soldino per togliersi il ,sassolino dalla scarpa.!

Preghiera Padre mio, io mi a77andono a 'e. Depongo la mia anima nelle tue mani, te la dono, mio Dio con tutto l&amore del mio cuore, perch% ti amo. ;B per me un&esigen a d&amore il donarmi, il rimettermi nelle tue mani, sen a misura, con una confiden a infinita, perch% tu sei il Padre mio. Amen. Impegno 9ggi vado a trovare una persona sola e la affido a .esù nella preghiera.

,#$#' I1 21 "A'(!
F=;$GB CAD; $9''9 <H P;$9 D;HHA C:9C;F
%gli si è caricato delle nostre sofferenze, si è addossato i nostri dolori e noi lo giudicavamo castigato, percosso da -io e umiliato. %gli è stato trafitto per le nostre colpe, schiacciato per le nostre iniquit!. 2l castigo che ci d! salvezza si è abbattuto su di lui per le sue piaghe noi siamo stati guariti. A2s BC, D)EF Commento (;amore non * amato! (;amore non * capito! (;amore * calpestato! Non mi fa meraviglia che Gesù cada: mi fa meraviglia che un uomo, ridotto a #uel modo, stia in piedi e riesca a trascinarsi dietro il legno della croce! 4l Suo amore non

ha misura5 l;adorabile umanità del Salvatore lo porta ad addossarsi tutti i nostri limiti! 9gli cade perch7 cedono le sue povere forze, ma lo Spirito lo aiuta a rialzarsi! Preghiera $ignore ti peso come croce che pesa, come spalla che non regge. 'u per non lasciarmi a terra ti carichi anche del mio fardello e cammini come puoi. ; tra coloro che tu porti cB3 qualcuno che ti accusa di lente a, dimenticando che il portare vale piA dellBarrivare. Chi ama arriva sempreImpegno 8iconoscendomi peccatore e riconoscendo l'adorabile umanit! di .esù, chiudo la mia giornata con un esame di coscienza profondo e sincero in vista della mia prossima /onfessione. 0rogrammo e segno sul calendario il giorno che dedicher3 a questo Sacramento prima della Santa 0asqua.

SA.A*! 22 "A'(!
Dal Vangelo di Marco 0artito quindi di l!, and3 nella sua patria e i discepoli lo seguirono. ,enuto il sabato, incominci3 a insegnare nella sinagoga. % molti ascoltandolo rimanevano stupiti e dicevano( <-onde gli vengono queste cose" % che sapienza è mai questa che gli è stata data" % questi prodigi compiuti dalle sue mani" 7on è costui il carpentiere, il figlio di #aria, il fratello di .iacomo, di 2oses, di .iuda e di Simone" % le sue sorelle non stanno qui da noi"=. % si scandalizzavano di lui. #a .esù disse loro( <+n profeta non è disprezzato che nella sua patria, tra i suoi parenti e in casa sua=. % non vi poté operare nessun prodigio, ma solo impose le mani a pochi ammalati e li guar5. Commento

E un rincorrersi di meraviglie e di stupori il vangelo di oggi! Si meraviglia la folla per l;elo#uenza di Gesù! Si meravigliano alcuni concittadini perch7 Gesù, il figlio di Giuseppe, fa il predicatore senza avere il patentino! Si meraviglia il Signore della loro incredulità! Nella vita ci possiamo stupire per cose positive, per eventi che ci cambiano l;orizzonte, per alcune scoperte, come la fede, che ci mettono letteralmente le ali! )a, purtroppo, ci possiamo anche stupire per le cose negative, infarciti dai nostri pregiudizi religiosi! Gesù non * sufficientemente #ualificato per dire le cose che stupiscono! 9 invece di guardare la luna, gli sciocchi di sempre guardano il dito che la indica! nche noi, purtroppo, a volte ci fermiamo all;apparenza della "hiesa e di chi parla del vangelo! 4nvece di ascoltare con stupore la buona notizia, ci lasciamo turbare dalle inevitabili incoerenze che talora accompagnano l;annuncio! Stupiamoci, oggi, per le tante cose belle che ci circondano e che riconosciamo come immenso segno della bontà di 'io! 9 che 'io non abbia a stupirsi, oggi, della nostra incredulità, della nostra poca fede! &erch7 'io non * #uasi mai come ce lo immaginiamo! Preghiera Piet! di me, o Dio, secondo la tua misericordia# nel tuo grande amore cancella il mio peccato. Havami da tutte le mie colpe, mondami dal mio peccato. :iconosco la mia colpa, il mio peccato mi sta sempre dinan i. Distogli lo sguardo dai miei peccati, cancella tutte le mie colpe. Crea in me, o Dio, un cuore puro, rinnova in me uno spirito saldo. 5on respingermi dalla tua presen a e non privarmi del tuo santo spirito. :endimi la gioia di essere salvato, sostieni in me un animo generoso. Impegno 9ggi voglio riconoscere solo i lati positivi della /omunit! in cui vivo e ne condivido almeno due con un'altra persona, senza cadere nell'errore del giudizio negativo.

!"#$I%A 2- "A'(!
Dal Vangelo di =iovanni @,.1-(1 .esù allora disse a quei .iudei che avevano creduto in lui( <Se rimanete fedeli alla mia parola, sarete davvero miei discepoli conoscerete la verit! e la verit! vi far! liberi=. .li risposero( <7oi siamo discendenza di Abramo e non siamo mai stati schiavi di nessuno. /ome puoi tu dire( -iventerete liberi"=. .esù rispose( <2n verit!, in verit! vi dico( chiunque commette il peccato è schiavo del peccato. 9ra lo schiavo non resta per sempre nella casa, ma il figlio vi resta sempre se dunque il 1iglio vi far! liberi, sarete liberi davvero. G Allora raccolsero pietre per scagliarle contro di lui ma .esù si nascose e usc5 dal tempio. Commento Gesù allora disse a #uei Giudei che avevano creduto in lui: CSe rimanete fedeli alla mia parola, sarete davvero miei discepoli5 conoscerete la verità e la verità vi farà liberiD! Gesù chiede un cammino da compiere: dove tutto parte da una fedeltà! %edeltà nell’ascolto ad una &arola che ci accompagna #uotidianamente e a un metterla in pratica nella vita5 #uesto ci rende suoi discepoli, che seguono il maestro dalla ,&arola vera.5 solo così verremo a conoscenza della -erità su di noi, una verità che dice chi siamo, dove siamo diretti, con #uali mezzi raggiungere i nostri obbiettivi e soprattutto la -erità su 'io, su Gesù, sul male, sul peccato, sulla morte! 8uesta -erità ci rende liberi, liberi perch7 riscopriamo la nostra condizione di figli e non di schiavi, figli liberi di sbagliare e di ricominciare, di peccare e di ottenere perdono! (a fede cristiana * riassunta in #uesti passi presentati oggi da Gesù! Sta ora a noi seguire #uesta strada, ad essere veri cristiani, combattendo per i veri valori che Gesù ci insegna, oppure #ualche volta raccogliamo ,pietre per scagliarle contro di (ui. #uando vogliamo un ,'io su misura. pronto a soddisfare i nostri bisogni$ priamo il nostro cuore senza paura perch7 ,'io abita là dove lo si lascia entrare., allora con forza testimoniamo la bellezza dell’essere cristiani veri, dichiariamo la nostra fede con coraggio con la certezza che 'io * con noi e non ci abbandona! Preghiera: Dammi la fede Mio Dio, comB3 assurda la mia vita sen a il dono della fedeGna candela fumigante 3 la mia intelligen a.

Gn 7raciere colmo di cenere 3 il mio cuore. Gna fredda e 7reve giornata dBinverno 3 la mia esisten a. Dammi la fedeGna fede che dia senso al mio vivere, for a al mio cammino, significato al mio sacrificio, certe a ai miei du77i, speran a alle mie delusioni, coraggio alle mie paure, vigore alle mie stanche e, sentieri ai mie smarrimenti, luce alle notti del mio spirito, riposo e pace alle ansie del cuore. impegno 9ggi voglio testimoniare la bellezza dell&essere cristiano, lasciandomi guidare da .esù, aprendo il mio cuore alle persone che incontrer3 durante la giornata.

LU$# 4 24 "A'(!
Dal Vangelo di Matteo /,0-1( 0regando poi, non sprecate parole come i pagani, i quali credono di venire ascoltati a forza di parole. 7on siate dunque come loro, perché il 0adre vostro sa di quali cose avete bisogno ancor prima che gliele chiediate. ,oi dunque pregate cos5( 0adre nostro che sei nei cieli, sia santificato il tuo nome venga il tuo regno sia fatta la tua volont!, come in cielo cos5 in terra. -acci oggi il nostro pane quotidiano, e rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori, e non ci indurre in tentazione, ma liberaci dal male. Se voi infatti perdonerete agli uomini le loro colpe, il 0adre vostro celeste perdoner! anche a voi ma se voi non perdonerete agli uomini, neppure il 0adre vostro perdoner! le vostre colpe. Commento

-oi dun#ue pregate cosi: &adre nostro 0 (e parole del &adre nostre sono correlate con la nostra esperienza di figli di 'io! Agni volta che pronuncio il nome ,&adre. sento pronunciare la parola ,figlio, figlio mio, figli miei.! 8uesto suscita in noi la sensazione di essere capiti a fondo5 (ui sa ci: di cui ho bisogno! (a sensazione di essere importanti davanti a 'io, come si * ritenuto importante il figlio prodigo dopo l’abbraccio del padre5 se 'io ci permette di chiamarlo &adre, significa che abbiamo grande valore per lui! 'a #ui la sensazione di non essere abbandonati nei giorni della prova, ma essere capiti, sostenuti, accompagnati! "i sentiamo liberi di parlagli con franchezza e libertà e chiedergli ogni cosa senza timore! 4l &adre nostro genera abbandono, scaccia ogni pretesa, nutre l’affidamento! Preghiamo insieme 9 Dio nostro Padre, cos6 a77iamo imparato a chiamarti# cos6 ci ha insegnato il tuo figlio =esA. Aiutaci a comprendere la grande a di questa rivela ione ; a rivolgerci con fiducia a 'e nei momenti della gioia e in quelli del dolore, quando siamo ricchi si speran a e quando vince la triste a, perch% 'u solo sai sostenere i passi del nostro cammino. Amen <mpegno $uesta sera recitiamo il Padre 5ostro tutti insieme, tenendoci per mano, recitiamolo lentamente facendo nostre tutte le parole, affidandoci a .esù, perché 'ui ci insegna a pregare nostro 0adre.

"A'*# 4 2/ "A'(! Annuncia5ione del Signore
Dal Vangelo di Huca 1,)/-.@ 7el sesto mese, l'angelo .abriele fu mandato da -io in una citt!

della .alilea, chiamata 7azaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di -avide, chiamato .iuseppe. 'a vergine si chiamava #aria. %ntrando da lei, disse( HTi saluto, o piena di grazia, il Signore è con teH. A queste parole ella rimase turbata e si domandava che senso avesse un tale saluto. ''angelo le disse( H7on temere, #aria, perché hai trovato grazia presso -io. %cco concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai .esù. Sar! grande e chiamato 1iglio dell'Altissimo il Signore -io gli dar! il trono di -avide suo padre e regner! per sempre sulla casa di .iacobbe e il suo regno non avr! fineH. Allora #aria disse all'angelo( H/ome è possibile" 7on conosco uomoH. 'e rispose l'angelo( H'o Spirito Santo scender! su di te, su te stender! la sua ombra la potenza dell'Altissimo. /olui che nascer! sar! dunque santo e chiamato 1iglio di -io. ,edi( anche %lisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia, ha concepito un figlio e questo è il sesto mese per lei, che tutti dicevano sterile( nulla è impossibile a -ioH. Allora #aria disse( H%ccomi, sono la serva del Signore, avvenga di me quello che hai dettoH. % l'angelo part5 da lei.

Commento
4l ,S4. di )aria ha cambiato la storia dell’umanità! Fn Si unico, inimitabile nel suo genere che invita noi a valorizzare i nostri piccoli e grandi ,si. che possiamo dire a 'io e a chi ci * vicino! "i: ci invita a pensare a #uante volte anche i nostri piccoli ,si. possono dare una direzione diversa alla vita e alle situazioni che viviamo! 8uante volte con un ,si. detto mettiamo in pratica la volontà di 'io, o possiamo rendere felice #ualcuno vicino a noi, o condizionare gli eventi che ne seguono! &roviamo a pensare come oggi possiamo usare bene #uesta semplice sillaba e #uanto pu: cambiare il corso della nostra storia! &ensiamo solo al ,S4. pronunciato nel nostro matrimonio, alla volontà di avere e accogliere un figlio, al ,si. di fronte ad un cambiamento di lavoro, o ad una persona che ci chiedeva un aiuto importante! %accio memoria di #uesti ,si. e rendo lode a 'io per i doni che ho ricevuto! Preghiera Vergine per sempre offerta a Dio, ti offriamo il nostro cuore" insegnaci l&amore. Vergine umile e attenta custode della Parola, apri le menti perch% sappiamo accogliere la Verit!. Vergine orante, con te preghiamo" venga il regno di Dio, rendici testimoni del $ignore.

Vergine che cammini dietro i passi di =esA, nostra giuda sicura, mostraci tu la strada del Vangelo. Vergine docile serva del $ignore, diciamo ancora *s6," esso 3 un piccolo seme, piantalo tu e dia frutto nella Chiesa di Dio. Impegno #i impegno in questa giornata a valorizzare i miei 4S26 e a renderli strumenti per il bene degli altri. /ome il 4S26 di #aria.

"#'%!L# 4 20 "A'(!
Dal Vangelo di Matteo /,11-)4 7on accumulatevi tesori sulla terra, dove tignola e ruggine consumano e dove ladri scassinano e rubano accumulatevi invece tesori nel cielo, dove né tignola né ruggine consumano, e dove ladri non scassinano e non rubano. 0erché l! dov'è il tuo tesoro, sar! anche il tuo cuore. 'a lucerna del corpo è l'occhio se dunque il tuo occhio è chiaro, tutto il tuo corpo sar! nella luce ma se il tuo occhio è malato, tutto il tuo corpo sar! tenebroso. Se dunque la luce che è in te è tenebra, quanto grande sar! la tenebra: 7essuno pu3 servire a due padroni( o odier! l'uno e amer! l'altro, o preferir! l'uno e disprezzer! l'altro( non potete servire a -io e a mammona. Commento 4n #uesto brano Gesù ci da due comandamenti: ,Non accumulatevi tesori sulla terra 0 ccumulatevi invece tesori in cielo.! (’accumulare tesori, il diventare ricco * l’aspirazione di ogni uomo, come se nella ricchezza tutti i pericoli, compresa la morte, possano non toccarci, ricerchiamo tutte le soddisfazioni che il benessere pu: dare fino a diventarne schiavi! Siamo sicuri di aver scelto il tesoro giusto$ Sulla terra tutto * fragile! Noi pensiamo di essere proprietari di case, abiti, gioielli, conti in banca, ma in realtà sono loro ad essere padroni del nostro cuore! &iù l’uomo possiede, e più diventa in#uieto, schiavizzato da un insieme di beni che teme sempre di perdere! (a diagnosi del -angelo * lapidaria: ,'ov’* il tuo tesoro, là sarà anche il tuo cuore.! 4l tesoro per un cristiano sarà Gesù e i suoi insegnamenti, nell’9ucarestia troviamo la nostra perla preziosa, con i nostri occhi sapremo riflettere la luce di "risto che c’* nel nostro cuore e nella nostra mente, sapremo

cogliere nelle persone che si sono accanto la bellezza della luce che 'io ha messo nel loro cuore! Siamo invitati ad apprezzare #uesta ricchezza, non altre! Preghiera di s. Teresina 5on ho altro che lBoggi, =esAHa mia vita, o $ignore, 3 un istante che passa, un momento che fugge e se ne va. 'u lo sai, mio Dio, che per amarti sulla terra, non ho altro che lBoggi. Che importa, $ignore, se lBavvenire 3 oscuro. 5o, io non posso pregarti per il domani. Mantieni puro il mio cuore, coprimi con la tua om7ra, e non sia che per lBoggi. <o non ho, $ignore che questBoggi mio fuggitivo per darti un frutto dBamore, un grappolo di cui ogni chicco sia unBanima. Donami tu, =esA, il fuoco di un apostolo, e sia per oggi. Impegno 9ggi aggiunger3 una perla preziosa nel tesoro che .esù mi chiede di accumulare, trover3 un momento da condividere con 'ui passando in /hiesa.

+I!,# 4 22 "A'(!
Dal Vangelo di Matteo /,)(-.4 0erci3 vi dico( per la vostra vita non affannatevi di quello che mangerete o berrete, e neanche per il vostro corpo, di quello che indosserete la vita forse non vale più del cibo e il corpo più del vestito" .uardate gli uccelli del cielo( non seminano, né mietono, né ammassano nei granai eppure il 0adre vostro

celeste li nutre. 7on contate voi forse più di loro" % chi di voi, per quanto si dia da fare, pu3 aggiungere un'ora sola alla sua vita" % perché vi affannate per il vestito" 9sservate come crescono i gigli del campo( non lavorano e non filano. %ppure io vi dico che neanche Salomone, con tutta la sua gloria, vestiva come uno di loro. 9ra se -io veste cos5 l'erba del campo, che oggi c'è e domani verr! gettata nel forno, non far! assai più per voi, gente di poca fede" 7on affannatevi dunque dicendo( /he cosa mangeremo" /he cosa berremo" /he cosa indosseremo" -i tutte queste cose si preoccupano i pagani il 0adre vostro celeste infatti sa che ne avete bisogno. /ercate prima il regno di -io e la sua giustizia, e tutte queste cose vi saranno date in aggiunta. 7on affannatevi dunque per il domani, perché il domani avr! gi! le sue inquietudini. A ciascun giorno basta la sua pena. Commento ,Fn giorno, ad lessandria d;9gitto, Serapione incontr: un povero intirizzito dal freddo! llora disse tra s7: C"ome mai io che passo per asceta sono rivestito di una tunica, mentre #uesto povero, o piuttosto "risto, muore di freddo$ "ertamente, se lo lascio morire, sar: condannato come omicida nel giorno del giudizioD! llora si spogli: come un valoroso atleta e diede il suo vestito al povero5 #uindi si sedette con il piccolo vangelo che portava sempre sotto il braccio! &ass: una guardia e, vedendolo nudo, gli chiese: C bba Serapione, chi ti ha spogliato$D! )ostrando il suo piccolo vangelo, rispose: C9cco chi mi ha spogliatoD! )entre se ne ripartiva, incontr: un tale che era stato arrestato per un debito, perch7 non aveva da pagare! llora l;immortale Serapione vendette il suo piccolo vangelo e pag: il debito di #uell;uomo! 8uindi ritorn: nella sua cella nudo! 8uando il suo discepolo lo vide nudo, gli chiese: C bba, dov;* la tua tunica$D! (;anziano gli disse: C%iglio, l;ho mandata là dove ne avremo bisognoD! 4l fratello chiese: C'ov;* il tuo piccolo vangelo$D! (;anziano rispose: C4n verità, figlio, ho venduto colui che mi diceva ogni giorno: ,-endi #uello che possiedi e dallo ai poveri.5 l;ho venduto e dato via per avere più fiducia in lui, nel giorno del giudizioD! Preghiera $ignore, non a77iamo ancora misurato quanti affanni ci diano i nostri 7eni materiali- Di nuovo e sempre siamo custoditi da te, che non vuoi ci affidiamo a attere insicure Cper quanto tentiamo di renderle sicureD nel mare talora in tempesta della vita. 'u hai pronta per noi la nave del nostro aiuto solidale fraterno reciproco, se lo vogliamo-

Impegno 9ggi come famiglia fate un gesto semplice di accoglienza Abasterebbe, poniamo, una telefonata disinteressata alla suocera...F e scoprirete che la solidariet! è l'antidoto all'affanno:

,#$#' 4 23 "A'(!
=;$G& <5C95':A HA V;:95<CA
Dal li7ro del profeta <saia. (4,/-0 @o presentato il mio dorso ai flagellatori, le mie guance a coloro che mi strappavano la barba non ho sottratto la faccia agli insulti e agli sputi. 2l Signore -io mi assiste, per questo non resto svergognato, per questo rendo la mia faccia dura come pietra, sapendo di non restare confuso. Commento Agni cristiano e soprattutto noi siamo chiamati a portare un messaggio si speranza che dona serenità e gioia: la consolazione di 'io, la sua tenerezza verso tutti! )a ne possiamo essere portatori se sperimentiamo noi per primi la gioia di essere consolati da (ui, amati da (ui! Non abbiate paura, il Signore * il Signore della consolazione, il signore della tenerezza! 8uesta * la missione! (a gente oggi ha bisogno certamente di parole, ma soprattutto ha bisogno che noi testimoniamo la misericordia, la tenerezza del Signore, che scalda il cuore, che risveglia la speranza, che attira verso il bene! (a gioia di portare al consolazione di 'io! Preghiera $ignore =esA,

3 il tuo volto che cerchiamo, in ogni incontro, 3 il tuo volto che, appena intravisto, ci d! la for a di proseguire, di cercare ancora e di lasciarci trovare e amare da 'e. 5on privarci mai, $ignore, della nostalgia del tuo volto. 'i troveremo in ogni volto dei piccoli, dei poveri, dei sofferenti, nostri maestri di vita. Impegno #i impegno a portare la consolazione e la misericordia di -io a chi incontro e a chi ne ha bisogno. /on una parola, un gesto concreto, come la ,eronica.

SA.A*! 2& "A'(!
Dal Vangelo di Marco /,/-1. % si meravigliava della loro incredulit!. .esù andava attorno per i villaggi, insegnando. Allora chiam3 i -odici, ed incominci3 a mandarli a due a due e diede loro potere sugli spiriti immondi. % ordin3 loro che, oltre al bastone, non prendessero nulla per il viaggio( né pane, né bisaccia, né denaro nella borsa ma, calzati solo i sandali, non indossassero due tuniche. % diceva loro( <%ntrati in una casa, rimanetevi fino a che ve ne andiate da quel luogo. Se in qualche luogo non vi riceveranno e non vi ascolteranno, andandovene, scuotete la polvere di sotto ai vostri piedi, a testimonianza per loro=. % partiti, predicavano che la gente si convertisse, scacciavano molti demoni, ungevano di olio molti infermi e li guarivano. Commento Nell’inviare i suoi discepoli ,a due a due. Gesù si rifà alla pratica ebraica di inviare i messaggeri a coppie: il portavoce doveva avere accanto a s7 un compagno come ulteriore conferma dell’autenticità del messaggio che andava portando! "osì come, nel contesto del processo giudiziario, ci volevano almeno due testimoni per sostenere un’accusa! Ara i discepoli sono inviati da Gesù ,a due a due. perch7 devono darsi reciprocamente sostegno e credibilità nel messaggio che sono

chiamati ad annunciare e, al tempo stesso, sono chiamati ad essere testimoni veri della scelta di chi li ascolterà! Sono inviati ,a due a due. anche perch7 si aiutino a vicenda rendendo così testimonianza della verità di #uel =egno che vanno annunciando e che *, innanzitutto, solidarietà, condivisione, nuova fraternità che si appoggia e si fonda sull’amore ricevuto dal &adre e che ne diventa concreto annuncio proprio nella capacità di riversare #uesto amore ai fratelli! "osì la coppia di genitori in una famiglia sono chiamati a rendere visibile l’amore di 'io per i figli! Preghiera Ti preghiamo, Signore, per la nostra famiglia, perché ci conosciamo sempre meglio e ci comprendiamo nei nostri desideri e nei nostri limiti. Perché ciascuno di noi senta e viva i bisogni degli altri, perché a nessuno sfuggano i momenti di stanchezza, di disagio, di preoccupazione dell'altro. Impegno #i impegno a vivere la mia vocazione e la mia missione di padre, madre figlio con responsabilit! e consapevolezza facendo bene il mio dovere.

!"#$I%A -0 "A'(!
Dal Vangelo di =iovanni 1, 1-.@ 0assando vide un uomo cieco dalla nascitaG -etto questo sput3 per terra, fece del fango con la saliva, spalm3 il fango sugli occhi del cieco e gli disse( 4,! a lavarti nella piscina di S5loe6. $uegli and3, si lav3 e torn3 che ci vedeva. G .esù seppe che l'avevano cacciato fuori, e incontratolo gli disse( 4Tu credi nel 1iglio dell'uomo"6. %gli rispose( 4% chi è, Signore, perché io creda in lui"6. .li disse .esù( 4Tu l'hai visto( colui che parla con te è proprio lui6. %d egli disse( 42o credo, Signore:6. % gli si prostr3 innanzi.

Commento (a storia di #uesto cieco rompiscatole * un vero itinerario di fede! Non una fede basata su ragionamenti astratti! 9; una fede che nasce da una esperienza concreta di guarigione, e che viene poi provata dallo scontro e dalle tensioni della vita, e infine arriva alla professione di fede +9d egli disse: C"redo, Signore!D1 %orse in #uesto cieco posso vedere un po; di me stesso! 4n #uesto cieco vedo il mio cammino di cristiano! )i vedo nella mia ricerca continua di fare esperienza concreta di 'io e di sentire davvero il suo amore! -edo in #uesto cieco che >lotta> con i suoi avversari +più ciechi di lui!1 la mia lotta #uotidiana per tenere salda la fede che ho ricevuto! -edo in #uesto cieco che incontra di nuovo Gesù, il mio desiderio di dire >io credo> non in modo formale e >di facciata>, ma in modo vero e profondo! Solo così, come #uesto cieco, divento una luce accesa che riesce ad illuminare chi si avvicina a me! >%ratelli, un tempo eravate tenebra, ora siete luce nel Signore! "omportatevi perci: come figli della luce!!!> Preghiera O Signore, Tu che sei la luce del mondo, illumina la nostra mente e il nostro cuore, perché, seguendo Te, non camminiamo nelle tenebre, ma abbiamo la luce della vita. Tu che hai aperto gli occhi al cieco nato, apri anche i nostri occhi, perché riconosciamo in Te il Figlio di Dio, ti proclamiamo nostro Signore e edentore, ti adoriamo e ti testimoniamo con tutta la nostra vita. Impegno /on occhi purificati dall&incontro con .esù alla #essa guardo gli altri con amore e rispetto, riscoprendo il bene in loro e non solo il male.

LU$# I) -1 "A'(!
Dal Vangelo di Matteo 0,1-( 7on giudicate, per non essere giudicati perché col giudizio con cui giudicate sarete giudicati, e con la misura con la quale misurate sarete misurati. 0erché osservi la pagliuzza

nell'occhio del tuo fratello, mentre non ti accorgi della trave che hai nel tuo occhio" 9 come potrai dire al tuo fratello( permetti che tolga la pagliuzza dal tuo occhio, mentre nell'occhio tuo c'è la trave" 2pocrita, togli prima la trave dal tuo occhio e poi ci vedrai bene per togliere la pagliuzza dall'occhio del tuo fratello. Commento (’atteggiamento della mitezza nella comunità * una virtù un po’ dimenticata! 9ssere miti, lasciare il posto all’altro! "i sono tanti nemici della mitezza, a incominciare dalle chiacchiere, no$ 8uando si preferisce chiacchierare, chiacchierare dell’altro, bastonare un po’ l’altro! Sono cose #uotidiane che capitano a tutti, anche a meD! CSono tentazioni del maligno che non vuole che lo Spirito venga da noi e faccia #uesta pace, #uesta mitezza nelle comunità cristiane! ndiamo in parrocchia, e le signore della catechesi lottano contro #uelle della "aritasD! 9 Csempre ci sono #ueste lotte! nche in famiglia o nel #uartiere! )a anche tra amici! 9 #uesto non * #uello che vuole Gesù! Non giudicare nessuno: l’unico giudice * il SignoreD! 9cco allora il suggerimento a Cstare zitti! 9 se devo dire #ualcosa, la dico a lui, a lei: ma non a tutto il #uartiere! )a soltanto a chi pu: rimediare alla situazioneD! C8uesto * soltanto un passo, ma * un passo #uotidiano! Se, con la grazia dello Spirito, riusciamo a non chiacchierare mai, sarà un gran bel passo avanti! 9 ci farà bene a tutti! "hiediamo #uesta grazia per tutti noiD! &apa %rancesco Preghiera =esA Cristo, $ignore e fratello nostro" metti un lucchetto alla porta del nostro cuore per non pensare male di nessuno, per non giudicare prima del tempo, per non essere mal disposti, per non supporre n% interpretare male, per non invadere il sacro santuario delle inten ioni. =esA metti un sigillo alla nostra 7occa per chiudere il passo a ogni mormora ione o commento sfavorevole, per custodire gelosamente le confiden e che riceviamo. Impegno /ome ci ha detto il 0apa oggi mi impegno a stare zitto a non parlare male di nessuno, ad evitare ogni giudizio verso il prossimo.

"A'*# I) 1 AP'IL#
Dal Vangelo di Matteo 0,/-1) 7on date le cose sante ai cani e non gettate le vostre perle davanti ai porci, perché non le calpestino con le loro zampe e poi si voltino per sbranarvi. /hiedete e vi sar! dato cercate e troverete bussate e vi sar! aperto perché chiunque chiede riceve, e chi cerca trova e a chi bussa sar! aperto. /hi tra di voi al figlio che gli chiede un pane dar! una pietra" 9 se gli chiede un pesce, dar! una serpe" Se voi dunque che siete cattivi sapete dare cose buone ai vostri figli, quanto più il 0adre vostro che è nei cieli dar! cose buone a quelli che gliele domandano: Tutto quanto volete che gli uomini facciano a voi, anche voi fatelo a loro( questa infatti è la 'egge ed i 0rofeti. Commento "’* un fatto consolante in #uesto brano del vangelo: Gesù ci vede come figli di fronte al &adre e ci assicura che il &adre vostro sarà cose buone a coloro che glielo chiedono! 'io guarda e ascolta con attenzione alle nostre richieste! Notiamo poi che la preghiera di cui si parla * #uella che ha come oggetto la forza di ,cercare il =egno di 'io e la sua giustizia.5 di uniformare il nostro agire all’agire del &adre per la salvezza del mondo! Ara, #uesto si compie solo se preghiamo e una simile preghiera * sempre ascoltata, perch7 * secondo la -olontà di 'io, e lo * soprattutto #uando c’* da soffrire! 'io ci darà sempre le forze per continuare nella fedeltà la nostra missione cristiana! )a #uando preghiamo cosa chiediamo a 'io$ "ose materiali o anche la capacità di realizzare in noi la volontà del &adre$ volte #uesto non lo pensiamo! 9ppure * la preghiera che parla oggi il vangelo! Preghiera =ra ie $ignore perch% sei sollecito ad aprire quando 7ussiamo a casa tua. =ra ie perch% se a77iamo 7isogno di 'e sei sempre pronto ad ascoltarci. =ra ie per tutte le cose 7uone che ci dai, anche sen a chiederle. <n te $ignore mi sono rifugiato,

mai sar2 deluso, per la tua giusti ia salvami. Impegno 9ggi nella preghiera non chiedo cose materiali, ma doni spirituali. $uale dono chiedo oggi a .esù" 'o condivido con il coniuge.

"#'%!L# I) 2 AP'IL#
Dal Vangelo di Matteo 0,1.-)4 %ntrate per la porta stretta, perché larga è la porta e spaziosa la via che conduce alla perdizione, e molti sono quelli che entrano per essa quanto stretta invece è la porta e angusta la via che conduce alla vita, e quanto pochi sono quelli che la trovano: .uardatevi dai falsi profeti che vengono a voi in veste di pecore, ma dentro son lupi rapaci. -ai loro frutti li riconoscerete. Si raccoglie forse uva dalle spine, o fichi dai rovi" /os5 ogni albero buono produce frutti buoni e ogni albero cattivo produce frutti cattivi un albero buono non pu3 produrre frutti cattivi, né un albero cattivo produrre frutti buoni. 9gni albero che non produce frutti buoni viene tagliato e gettato nel fuoco. -ai loro frutti dunque li potrete riconoscere. Commento =icordo che, da ragazzina, #uesto argomento mi metteva in imbarazzo! "ome ogni tipo di strettume che ho incontrato nella vita! (;e#uivoco stava nell;errata interpretazione di #uesta metafora usata da Gesù! "redevo che >porta stretta> significasse rinuncia su rinuncia mortificazione e non so che altro ancora che fosse diniego alla vita e alla gioia! &iù tardi, per grazia di 'io, ho capito che * semplicemente l;opposto! &er passare da una porta stretta devi liberarti da ogni ingombro, peso o valigia che sia! 9 così per passare attraverso la porta che ti immette negli spazi della vita da veri figli di 'io, devi buttar via tanto ingombro di voglie e atteggiamenti e possessi egoistici! (a porta stretta ti spalanca orizzonti in

cui respiri la vera libertà! 6i senti leggera, senza pesi di preoccupazioni inutili e sempre gravitanti su #uel che riguarda te e il tuo bell;apparire! 6i senti lieto, respirando la vera gioia! No, il cristianesimo non * la religione dei rinunciatari di #uelli che voltano le spalle alla vita! 6;invita a rinunciare a ci: che, in sostanza, non * per farti accedere a ci: che *: a ci: che veramente conta! Preghiamo insieme Padre, la porta della tua casa 3 stretta, piccola, a misura di 7am7ino, ma pur sempre aperta. Aperta per ognuno di noi oggi, perch% la salve a ini ia gi! ora, Aiutaci a lasciare le cose ingom7ranti, gli attaccamenti esagerati, per affidarci alla tua 7ont!, come un 7im7o si affida alle 7raccia del padre. Impegno #i impegno a liberarmi, almeno per oggi, di un atteggiamento ingombrante che non mi permette di vivere pienamente il vangelo.

+I!,# I) - AP'IL#
Dal Vangelo di Matteo 0,)1-)0 7on chiunque mi dice( Signore, Signore, entrer! nel regno dei cieli, ma colui che fa la volont! del 0adre mio che è nei cieli. #olti mi diranno in quel giorno( Signore, Signore, non abbiamo noi profetato nel tuo nome e cacciato dem3ni nel tuo nome e compiuto molti miracoli nel tuo nome" 2o per3 dichiarer3 loro( 7on vi ho mai conosciuti allontanatevi da me, voi operatori di iniquit!. 0erci3 chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica, è simile a un uomo saggio che ha costruito la sua casa sulla roccia. /adde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ed essa non cadde, perché era fondata sopra la roccia. /hiunque ascolta queste mie parole e non le mette in pratica, è simile a un uomo stolto che ha costruito la sua casa sulla sabbia. /adde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si

abbatterono su quella casa, ed essa cadde, e la sua rovina fu grande6. Commento 8uali sono le parole di Gesù che sarebbero una ,roccia. per la nostra ,casa.$ 4l brano che riporta l’affermazione * la conclusione del grande discorso del monte, chiamato anche la ,magna charta. della vita cristiana! 8uindi le parole ,roccia. sono i capitoli G,@,H di )atteo! 4n essi Gesù, remando decisamente contro la ,cultura. del tempo, annuncia che sono beati su #uesta terra e meritevoli del regno dei cieli le persone che non si ritengono padroni del mondo, perch7 si riconoscono creature di 'io e perci: fratelli degli altri +poveri in spirito1, coloro che non si lasciano piegare dalle difficoltà e dalle prove, coloro che non ricorrono alla violenza +i miti1, coloro che sono capaci di comprendere gli altri e di perdonarne i limiti +i misericordiosi1, coloro che sono limpidi e leali +puri di cuore1, coloro che costruiscono la pace e cercano la giustizia anche a costo di pagare di persona! Gesù, inoltre, dichiara che la vera onestà * #uella che ,scaturisce dal cuore., da convinzioni profonde e non da controlli esterni, #uella delle intenzioni5 che i rapporti costruttivi con gli altri non sono #uelli basati sul ,tu mi dài, io ti do., o sulla ricerca dell’applauso, ma sulla generosità e la gratuità5 e il rapporto autentico con 'io non pu: basarsi su ostentazioni di preghiere e digiuni, ma sulla figliolanza fiduciosa! &er essere sintetici al massimo, possiamo riassumere le parole ,roccia. così: riconoscersi e accettarsi creature, rifiutando ogni tentazione di potere sugli altri, e impegnandosi a costruire con tutti, anche con coloro che non possono o non vogliono contraccambiare, un rapporto di giustizia, di pace, di lealt!, di misericordia, di generosità e gratuità! 8ueste parole possono davvero essere una ,roccia. per la vita personale, familiare, sociale$ Sì, le parole di Gesù sono la roccia sulla #uale fondare la nostra vita personale, familiare, sociale! )a allora perch7 non c’* un’adesione di massa alle parole di Gesù$ &erch7 costruire castelli di sabbia * facile, non ci vuole niente! "ostruire invece case con la roccia * faticoso! Preghiamo insieme $uscita in noi $ignore il desiderio e la passione per la tua Parola. Donaci il tuo $pirito affinch% la nostra vita si modelli su di essa e si traduca in a ioni concrete di amore. 'u sei la mia roccia e il mio 7aluardo, per il tuo nome dirigi i miei passi. Impegno

9ggi lasceremo aperto il ,angelo sul tavolo della cucina. $uale mattone sento che manca all&edificazione della mia vita cristiana"

,#$#' I) 4 AP'IL#
=;$> ; <H C<:;5;9
Dal Vangelo di Huca ).,)/ #entre lo conducevano via, fermarono un certo Simone di /irene, che tornava dai campi, e gli misero addosso la croce, da portare dietro a .esù. Commento Gesù, non * in grado di andare avanti da solo e accetta di essere aiutato! Non pretende di fare a meno dell’aiuto che gli * offerto! 8uante volte invece noi, #uando siamo stanchi, rifiutiamo il sostegno del coniuge, della mamma o del papà! (’orgoglio ci domina e ci orienta a ritenere di non aver bisogno di nessuno e di poter fare da soli! Non sappiamo riconoscere i nostri limiti con umiltà e verità, e ci irritiamo se #ualcuno in casa ce lo fa notare! 'onaci Signore, la tua umiltà di cuore! Preghiera <nsegnaci, $ignore, ad essere umili e di lasciarci aiutare da chi ci sta accanto. ?uando arriva il tempo della prova, delle incomprensioni, dei du77i o delusioni, fa che ci rendiamo disponi7ili ad accogliere con affetto il dono dell&altro per camminare insieme verso di te. Impegno 9ffro un gesto concreto di vicinanza o una preghiera, come segno di attenzione per una persona che ne ha bisogno.

SA.A*! / AP'IL#
Dal Vangelo di Matteo 11,1.-1( Allora gli furono portati dei bambini perché imponesse loro le mani e pregasse ma i discepoli li sgridavano. .esù per3 disse loro( 4'asciate che i bambini vengano a me, perché di questi è il regno dei cieli6. % dopo avere imposto loro le mani, se ne part5. Commento ,Gli furono portati dei bambini.! 'a chi$ 9’ ovvio5 dai loro genitori, in particolare dalle mamme sempre così sollecite del bene dei figli! )a #ual * il loro bene$ 4nnanzitutto il dono della vita5 chi non nasce non pu: essere amato e non pu: amare! 9cco un problema divenuto drammatico nel nostro tempo: in troppe famiglie l’accoglienza di un figlio, e particolarmente di più figli, non * più vissuta con la speranza e la gioia che dovrebbe sempre dare una nuova vita, ma solo come un problema che renderà più faticoso ancora il cammino! 8uanto costa sposarci$ 8uanto costa un figlio$ Sembrano le uniche domande che contano! "erto, per sposarsi e ancor più per generare, o si parla in termini di amore, e #uindi di gratuità, se necessario anche di sacrificio, o * inutile cercare un’altra logica! 9’ detto in #uesto brano che a Gesù i bambini vengono portati ,perch7 imponesse loro le mani e pregasse.! &ortarli a Gesù sembra voler dire, far intraprendere loro un cammino che racconti Gesù, come certezza e come gioia! &ortarli a scoprirlo, per accoglierlo e possederlo5 un progressivo cammino di fede * compito delle varie realtà educative che incontreranno nella loro vita: ad esempio la parrocchia, la scuola, il gruppo5 ma prima di tutto di babbo e mamma! Preghiera "uida, o #risto, nella verit! i padri e le madri di famiglia$ spronati e fortificati dalla grazia sacramentale del %atrimonio e consapevoli di essere sulla terra il segno visibile del tuo indefettibile amore per la #hiesa, sappiano essere sereni e decisi nell&affrontare con coerenza evangelica la responsabilit! della vita coniugale e dell&educazione cristiana dei figli. "iovanni Paolo ''( Impegno

0rima di coricarci, entriamo nella camera da letto dei nostri figli, tracciamo sulla loro fronte un segno di croce e affidiamoli a .esù perché li custodisca e li accompagni.

!"#$I%A 0 AP'IL#
Dal Vangelo di =iovanni 11, 1-(. ,enne dunque .esù e trov3 'azzaro che era gi! da quattro giorni nel sepolcro. #arta dunque, come seppe che veniva .esù, gli and3 incontro #aria invece stava seduta in casa. #arta disse a .esù( 4Signore, se tu fossi stato qui, mio fratello non sarebbe morto: #a anche ora so che qualunque cosa chiederai a -io, egli te la conceder!6. .esù le disse( 4Tuo fratello risusciter!6. .li rispose #arta( 4So che risusciter! nell'ultimo giorno6. .esù le disse( 42o sono la risurrezione e la vita chi crede in me, anche se muore, vivr! chiunque vive e crede in me, non morr! in eterno. /redi tu questo"6. .li rispose( 4S5, o Signore, io credo che tu sei il /risto, il 1iglio di -io che deve venire nel mondo6. Commento 8uesta pagina del -angelo mette in risalto la grande fede di una donna: )arta, la cui fede la porta a credere, a fidarsi di Gesù, sempre, anche #uando umanamente sembra ormai persa ogni speranza0Siamo di fronte ad una vicenda drammatica: la morte di una persona cara! )arta * morto il fratello, la sua prima reazione, così di primo acchito * #uasi una lamentela nei confronti di Gesù: ,Signore, se tu fossi stato #ui, mio fratello non sarebbe morto!.! &ensiamo a #uante volte anche noi di fronte alle cose che non vanno come vorremmo, ci lamentiamo, #uasi siamo risentiti nei confronti di Gesù e ci capita di pensare: ,9ppure io ho pregato, mi sto comportando come tu mi chiedi ma allora perch7 mi * capitata #uesta cosa$ &erch7 Gesù mi hai mandato #uesta sofferenza$. )arta, ma anche a noi, Gesù insegna ad andare oltre, a non fermarsi alle nostre considerazioni, pur sempre troppo ,umane., ma a fidarsi di (ui, senza riserve, senza la pretesa di potere sempre capire tutto, in anticipo! "’* una cosa per:, che ci ricorda Gesù, di cui

possiamo essere certi e che rappresenta una costante di tutti i misteri di 'io: per #uanto incomprensibili ai nostri occhi possano essere i suoi piani, Dio agisce sempre per il nostro bene, non dobbiamo mai dimenticarlo perch7 solo #uesta certezza ci pu: infondere serenità e, anche nei momenti più bui, accendere in noi la speranza! )'o sono la resurrezione e la vita* afferma Gesù, lo dice a )arta, dialogando fisicamente con lei e lo ripete a noi dando voce al Suo spirito che in noi dimora! )arta pensa alla resurrezione dell’ultimo giorno, sa che suo fratello risorgerà, ma non solo #uesto le rivela Gesù! 8uello che Gesù le, ci, vuol fare capire * che in realtà per la resurrezione e la vita vera, non dobbiamo attendere, Gesù anche ora * #ui con noi e se lo seguiamo la resurrezione ha inizio già in #uesta vita! )arta ha creduto e poi sappiamo come * andata a finire0! (azzaro * tornato in vita! 4l miracolo a cui ambiva Gesù era entrare nel cuore di )arta, lei lo ha accolto e solo dopo lui ha esaudito una sua richiesta, ma0! il miracolo atteso da Gesù era già avvenuto0! Preghiera Aiutaci =esA ad accettare e vivere alla luce della Iede tutto ci2 che la vita ci riserva, le cose 7elle come i momenti piA difficili e dolorosi8. 'i chiediamo non di toglierci la sofferen a, ma di portarla insieme a noi, di darci la =ra ia di sentirti vicino anche e soprattutto quando i tuoi modi ed i tuoi tempi non coincidono con i nostri e facciamo fatica a capire8 Dacci la Ior a di seguire sempre la 'ua - e non la nostra - volont!. Impegno( #i ricordo in una cosa difficile che faccio oggi o in una situazione che in questo periodo è per me causa di sofferenza, che .esù mi è vicino. /erco di mettermi in 4ascolto6 di .esù per attingere da 'ui la 1orza.

LU$# 4 2 AP'IL#
Dal Vangelo di Marco @,)0-.. 0oi .esù part5 con i suoi discepoli verso i villaggi intorno a /esarèa di 1ilippo e per via interrogava i suoi discepoli dicendo( H/hi dice la gente che io sia"H. %d essi gli risposero(

H.iovanni il *attista, altri poi %lia e altri uno dei profetiH. #a egli replic3( H% voi chi dite che io sia"H. 0ietro gli rispose( HTu sei il /ristoH. % impose loro severamente di non parlare di lui a nessuno. % cominci3 a insegnar loro che il 1iglio dell'uomo doveva molto soffrire, ed essere riprovato dagli anziani, dai sommi sacerdoti e dagli scribi, poi venire ucciso e, dopo tre giorni, risuscitare. .esù faceva questo discorso apertamente. Allora 0ietro lo prese in disparte, e si mise a rimproverarlo. #a egli, voltatosi e guardando i discepoli, rimprover3 0ietro e gli disse( H'ungi da me, satana: 0erché tu non pensi secondo -io, ma secondo gli uominiH. Commento "om’ * difficile pensare secondo 'io e non secondo gli uomini! &er farlo Gesù ci chiede due cose, impegnative ma necessarie: )Se +ualcuno vuol venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua*. Seguire Gesù non significa aggiustare un po’ il tiro, modificare un po’ il nostro carattere restando di fondo gli stessi, va fatto #ualcosa di più radicale! 8uante volte i nostri pensieri e il nostro agire si discostano da Gesù0! Non ci allontaniamo da lui soltanto #uando ci comportiamo male con gli altri in modo palese, ogni volta che parliamo male degli altri o semplicemente ,pensiamo. male degli altri, Gesù non * con noi! ,=innegare. se stessi significa cambiare completamente punto di vista, far sì che Gesù trasformi il nostro cuore, togliere il male da dentro di noi: a volte il nostro cuore * abitato da rancori, litigi, antipatie08uando capita #uesto, in realtà non sono gli altri il problema ma noi stessi! "i ergiamo a ,giudici. degli altri, dimenticandoci di fare #uello che ci * stato chiesto da Gesù! Se vogliamo che Gesù torni da noi occorre abbattere il nostro egocentrismo, uscire da noi stessi e coltivare nel nostro cuore unicamente il desiderio del bene! Sentendoci bene dentro saremo anche più corazzati per affrontare le sofferenze che la vita ci riserva! Nella vita non sempre va tutto bene, gioie e dolori si alternano, periodi felici si contrappongono a momenti bui! 9’ facile avere fede #uando le cose vanno bene, ma serve a poco perch7 il nostro rapporto con 'io si mantiene superficiale! Solo il dolore ci pu: far crescere come cristiani, se la nostra sofferenza la affidiamo a 'io e chiediamo il suo aiuto! 8uando la vita non va come ci aspettiamo, il dolore si impossessa di noi e capiamo che da soli non ce la facciamo, sentiamo di avere bisogno di Gesù e lo cerchiamo in modo più profondo, più vero! 'alla sofferenza, se accolta con gli occhi della fede, ne possiamo uscire cambiati, migliorati! &er #uesto per seguire Gesù, per seguirlo davvero, ciascuno di noi deve anche ,prendere., abbracciare la propria croce, e deve farlo ogni giorno! Preghiera

=esA aiutaci ad agire cercando il 7ene dell&altro, a volere sinceramente 7ene all& *altro,, chiunque esso sia, guardandolo come un fratello e non come un nemico da sconfiggere. Dacci il coraggio non solo di accettare la sofferen a ma di accoglierla come un dono, un&opportunit! per incontrarti piA da vicino. Impegno( .uardiamo ci3 che di 4bello6 c&è nelle persone che incontreremo oggi, mettiamo a fuoco il positivo degli altri eGG fermiamoci qui.

"A'*# 4 3 AP'IL#
Dal Vangelo di =iovanni /, /.7 J 01 4'e parole che vi ho dette sono spirito e vita. #a vi sono alcuni tra voi che non credono6. .esù infatti sapeva fin da principio chi erano quelli che non credevano e chi era colui che lo avrebbe tradito. % continu3( 40er questo vi ho detto che nessuno pu3 venire a me, se non gli è concesso dal 0adre mio6. -a allora molti dei suoi discepoli si tirarono indietro e non andavano più con lui. -isse allora .esù ai -odici( 41orse anche voi volete andarvene"6. .li rispose Simon 0ietro( 4Signore, da chi andremo" Tu hai parole di vita eterna noi abbiamo creduto e conosciuto che tu sei il Santo di -io6. 8ispose .esù( 47on ho forse scelto io voi, i -odici" %ppure uno di voi è un diavolo:6. %gli parlava di .iuda, figlio di Simone 2scariota( questi infatti stava per tradirlo, uno dei -odici. Commento Agnuno di noi ha la propria storia, il proprio percorso di fede! (e strade per arrivare a 'io sono tante, c’* una frase celebre che rende bene l’idea, dice così: ,le vie del Signore sono infinite., chissà #uante volte ci * capitato di sentirla09’ proprio così! )a se le strade per arrivare a Gesù sono diverse, #uasi plasmate ,su misura. per ciascuno di noi, * vero anche che la meta, il fine ultimo del nostro cercare, uno solo *, uguale per tutti! "hi, percorrendo la sua strada, * arrivato a credere, e lo ha fatto

nel profondo del suo cuore, ha trovato Gesù! 9 #uando si trova Gesù tutto il resto, anche #uello che prima si credeva così importante e fondamentale, passa in secondo piano! Non sempre * facile seguire Gesù, a volte non ci sentiamo all’altezza del compito che ci * stato affidato, pensiamo di non farcela e siamo tentati anche noi, come i discepoli di allora, di andare via, di cambiare strada09’ proprio in #uei momenti che dobbiamo lasciare risuonare forte in noi la voce dello Spirito, per arrivare a dire, ancora una volta, come &ietro: )Signore, da chi andremo, Tu solo hai parole di vita eterna.*, con la ferma consapevolezza di non avere altre alternative se non #uella di seguire Gesù, se vogliamo davvero vivere! Preghiera Padre ti ringra iamo perch% ci hai concesso di arrivare a =esA. 5on possiamo che ringra iarti, perch% se siamo qui ora non sono nostri i meriti ma la 'ua =ra ia lo ha permesso. =ra ie perch% ci fai sentire in qualche modo privilegiati da 'e. Impegno( /ome segno di ringraziamento cantiamo una canzone, che sentiamo nel cuore, a .esù. 0oi teniamo stretta, dentro, la gioia che questo canto ci ha trasmesso, per ricordarci che -io ama chi si dona a 'uiGG con gioia:

"#'%!L# 4 & AP'IL#
Dal Vangelo di Huca 1@, .1 J .4 0oi prese con sé i -odici e disse loro( 4%cco, noi andiamo a .erusalemme, e tutto ci3 che fu scritto dai profeti riguardo al 1iglio dell'uomo si compir!. Sar! consegnato ai pagani, schernito, oltraggiato, coperto di sputi e, dopo averlo flagellato, lo uccideranno e il terzo giorno risorger!6. #a non compresero nulla di tutto questo quel parlare restava oscuro per loro e non capivano ci3 che egli aveva detto. Commento

2n queste poche righe .esù spiega ai suoi discepoli cosa gli accadr!, cosa lo attende a .erusalemmeG Sono parole forti quelle di .esù, che preannunciano un tragico epilogo. 2 discepoli sembrano non capire, hanno abbandonato tutto per seguirlo, l&hanno visto fare grandi miracoli, lui è il #essia, il 1iglio di -io, lui pu3 tutto, com&è possibile che verr! arrestato, torturato, ucciso" 2n effetti che un 4#essia6 finisca in questo modo apparentemente non ha molto senso. 2n realt!, noi ora lo sappiamo, la morte di .esù non sar! la fine ma solo l&inizio, il primo passo verso una nuova vita perché .esù, dopo solo tre giorni, risorger!. 0er noi oggi è diventato normale, anche 4troppo6 normale, ricordare quello che .esù ha fatto per noi, ma ci rendiamo bene conto di quello che è successo" /irca IJJJ anni fa, nella citt! di .erusalemme, c&è stato qualcuno che ha liberamente deciso di essere deriso, insultato, umiliato, percosso, flagellato arrivando perfino a morire inchiodato ad una croceGe lo ha fatto anche per te, per amore tuo. -irei che più di cos5 era impossibile fare. 1orse è il caso che ci fermiamo un attimo a riflettere. Preghiera =esA ti chiediamo perdono per tutte le volte che ti a77iamo fatto soffrire, per tutte le volte che ci siamo allontanati da te, per tutte le volte che non ti a77iamo saputo8. amare a77astan a. Impegno( ,ado a trovare una persona ammalata o una persona sola, ricerco nel suo volto il volto sofferente di .esù e gli do il mio conforto.

+I!,# 4 10 AP'IL#
Dal Vangelo di =iovanni 0, 4. J (. % nacque dissenso tra la gente riguardo a lui. Alcuni di loro volevano arrestarlo, ma nessuno gli mise le mani addosso. 'e

guardie tornarono quindi dai sommi sacerdoti e dai farisei e questi dissero loro( 40erché non lo avete condotto"6. 8isposero le guardie( 4#ai un uomo ha parlato come parla quest'uomo:6. #a i farisei replicarono loro( 41orse vi siete lasciati ingannare anche voi" 1orse gli ha creduto qualcuno fra i capi, o fra i farisei" #a questa gente, che non conosce la 'egge, è maledetta:6. -isse allora 7icodèmo, uno di loro, che era venuto precedentemente da .esù( 4'a nostra 'egge giudica forse un uomo prima di averlo ascoltato e di sapere ci3 che fa"6. .li risposero( 4Sei forse anche tu della .alilea" Studia e vedrai che non sorge profeta dalla .alilea6. % tornarono ciascuno a casa sua. Commento "entrale in #uesto brano 4l tema della legge! (e guardie, hanno un compito: devono eseguire i comandi che dall’alto gli vengono impartiti dai sommi sacerdoti e dai farisei! 9’ il loro lavoro! Sorprende notare come con Gesù non gli riesce di restare fedeli a #uesta legge e loro, colti in fallo, si giustificano dicendo: )%ai un uomo ha parlato come parla +uest&uomo*. (a legge, i nostri ,doveri., le ,regole. a cui dobbiamo sottostare, sono giuste ed importanti, guai se non ci fossero, sarebbe il caos, ma il -angelo ci ricorda che c’* un’altra legge, ancora più importante, ed * la (egge di 'io! Non sempre le ,nostre. leggi le sentiamo giuste nel profondo della nostra coscienza e #uando capita #uesto ci troviamo di fronte ad un bivio e, come hanno fatto le guardie, dobbiamo decidere da che parte stare, #ual * per noi il richiamo più forte! Preghiera Dio donaci occhi capaci non solo di guardare ma anche di capire e discernere in ogni nostra decisione la 'ua volont!. 5elle tante alternative che la vita spesso ci propone, aiutaci a scegliere non solo la strada giusta, ma quella pensata da 'e per noi, perch% una sola 3 la Via che porta alla Verit! e alla Vita. Iatti sentire soprattutto nei momenti di grande difficolt! quando decidere diventa piA difficile e8. guidaci 'uImpegno: 7el mio lavoro oggi non mi limito a sbrigare formalmente i miei doveri, ma in tutto quello che faccio porto con me .esù e se mi viene chiesto qualcosa in contrasto con la mia coscienza, valuto bene cosa fare, dentro di me, prima di agire.

,#$#' 4 11 AP'IL#
HA C:9C<I<$$<95;
Dal Vangelo di Huca ).,..-.@ $uando giunsero al luogo detto /ranio, l! crocifissero lui e i due malfattori, uno a destra e l'altro a sinistra. .esù diceva( H0adre, perdonali, perché non sanno quello che fannoH. -opo essersi poi divise le sue vesti, le tirarono a sorte. 2l popolo stava a vedere, i capi invece lo schernivano dicendo( H@a salvato gli altri, salvi se stesso, se è il /risto di -io, il suo elettoH. Anche i soldati lo schernivano, e gli si accostavano per porgergli dell'aceto, e dicevano( 4Se tu sei il re dei .iudei, salva te stessoH. /'era anche una scritta, sopra il suo capo( $uesti è il re dei .iudei. Commento Siamo sul Golgota! 6u, Signore, ti lasci inchiodare in silenzio! (e uniche parole che pronunci sono parole di perdono, non di rimprovero o di condanna! )entre vieni inchiodato sulla croce ci guardi con immensa compassione e comprensione! Grazie, Gesù, di amarci così tanto! 9ducaci all’arte del perdono! 8uando il cammino si fa duro o ci sembra insopportabile vieni in nostro soccorso e donaci la forza di guardarci negli occhi per perdonarci, riconciliarci, senza condizioni, per puro amore, come hai fatto 6u dall’alto della croce! Preghiera Perdonaci, $ignore, per tutte le volte che non a77iamo saputo perdonarci e viviamo chiusi nel nostro orgoglio. Donaci il coraggio di non scoraggiarci e ma con umilt! di cuore di amarci

e onorarci ogni giorno della nostra vita. 'u sei la nostra for a e la nostra speran a. Amen Impegno( #i impegno oggi ad essere umile e a chiedere scusa o a rendere il perdono qualora se fosse necessario.

SA.A*! 12 AP'IL#
Dal Vangelo di Matteo 11, )( J .4 2n quel tempo .esù disse( 4Ti benedico, o 0adre, Signore del cielo e della terra, perché hai tenuto nascoste queste cose ai sapienti e agli intelligenti e le hai rivelate ai piccoli. S5, o 0adre, perché cos5 è piaciuto a te. Tutto mi è stato dato dal 0adre mio nessuno conosce il 1iglio se non il 0adre, e nessuno conosce il 0adre se non il 1iglio e colui al quale il 1iglio lo voglia rivelare. ,enite a me, voi tutti, che siete affaticati e oppressi, e io vi ristorer3. 0rendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per le vostre anime. 2l mio giogo infatti è dolce e il mio carico leggero6. Commento 9ssere sapienti ed intelligenti non * di per se una cosa negativa ma lo diventa #uando ci: che siamo / e talvolta anche ci: che possediamo / ci fa credere di poter bastare a noi stessi, di non avere bisogno di niente e di nessuno, compreso 'io! "ompiacersi delle proprie ,doti. e pensare di essere gli unici artefici del proprio destino, fanno perdere di vista Gesù! 8ualche volta pu: essere capitato anche a noi di agire così, magari non in modo netto come i ,sapienti. ed ,intelligenti. cui si riferiva Gesù ma, ogni volta che nella nostra vita abbiamo fatto affidamento unicamente sulle nostre forze, sulla ,nostra. sapienza, in #uei momenti non abbiamo dato altra alternativa a 'io se non #uella di celarsi ai nostri occhi! Gesù ci insegna ad essere ,miti. e ,umili., solo #uando ci facciamo ,piccoli. con la consapevolezza di non essere e non valere niente senza 'io, (ui si rivela a noi e,

continuando così, nel tempo, potremo arrivare a possedere, non la nostra, ma la0! Sua Sapienza! 8uesta Sapienza * accessibile a tutti, non occorrono grandi e particolari doti ma una cosa si, la più bella ma anche la più impegnativa0! tanto more! Preghiera: *Preghiera $emplice, C$. Irancesco d&AssisiD $ignore, fa di me uno strumento della tua Pace" Dove 3 odio, fa& ch&io porti l&Amore. Dove 3 offesa, ch&io porti il Perdono. Dove 3 discordia, ch&io porti l&Gnione. Dove 3 du77io, ch&io porti la Iede. Dove 3 errore, ch&io porti la Verit!. Dove 3 dispera ione, ch&io porti la $peran a. Dove 3 triste a, ch&io porti la =ioia. Dove sono le tene7re, ch&io porti la Huce. Maestro, fa& che io non cerchi tanto" Ad essere consolato, quanto a consolare. Ad essere compreso, quanto a comprendere. Ad essere amato, quanto ad amare. Poich% si 3" dando, che si riceve. Perdonando che si 3 perdonati. Morendo, che si risuscita a Vita ;terna.

<mpegno( 2n questa giornata do dimostrazione pratica in famiglia eKo al lavoro, dell&Amore di .esù attraverso un gesto, un aiuto, una parola, un sorrisoG. Se con qualcuno sto vivendo degli 4attriti6, la sera, nel silenzio della mia camera, lascio tutto e porto questa persona con me, dentro il mio cuore e col cuoreG.la perdono.

!"#$I%A 1- AP'IL#
Dal Vangelo di =iovanni 1), 1)-1/ 2l giorno seguente, la gran folla che era venuta per la festa, udito che .esù veniva a .erusalemme, prese dei rami di palme e usc5 incontro a lui gridando( 9sanna: *enedetto colui che viene nel nome del Signore, il re d&2sraele: .esù, trovato un asinello, vi mont3 sopra, come sta scritto( 7on temere, figlia di Sion: %cco, il tuo re viene, seduto sopra un puledro d'asina. Sul momento i suoi discepoli non compresero queste cose ma quando .esù fu glorificato, si ricordarono che questo era stato scritto di lui e questo gli avevano fatto. Commento 'ue gesti accompagnano l’entrata di Gesù in Gerusalemme! (a folla grida la sua gioia con inni e canti, urla di gioia! Fna gioia che nasce dal cuore nel riconoscere in Gesù il )essia, il %iglio di 'io, atteso dal popolo come Salvatore! 9’ #uella gioia che dovrebbe spingere anche noi ad andare incontro a Gesù in #uesti giorni di &as#ua, a stargli vicino nella sua &assione, a dire la nostra lode e il nostro Asanna! (a folla stende rami di palme e mantelli al passaggio di Gesù! Segno di accoglienza e di rispetto profondo, metto ai tuoi piedi Gesù i miei mantelli perch7 ti riconosco come mio Signore! 9 io cosa metto ai piedi di Gesù come segno di riconoscenza rispetto, di affidamento a (ui$ 'ue gesti accompagnano Gesù nella nostra &as#ua! "on #uali gesti mi preparo alla &as#ua #uest’anno! Preghiera $ignore, in questi giorni che ci fanno rivivere i momenti fondamentali della nostra storia di salve a, rinnova la nostra fede. Che le feste pasquali accendano anche in noi il fuoco vivo del tuo amore, un fuoco con cui incendiare il mondo intero, perch% nessun uomo possa ignorare che tu sei Padre d&amore, e hai donato il tuo Iiglio e lo $pirito per rendere anche noi, e tutti, figli amati e felici di a7itare con te, e lodare per sempre il tuo nome. Amen Impegno: 0enso con quali gesti concreti, mi impegno a vivere questa santa settimana.

LU$# 4 14 AP'IL#
Dal Vangelo Huca )1, .4-./ State bene attenti che i vostri cuori non si appesantiscano in dissipazioni, ubriachezze e affanni della vita e che quel giorno non vi piombi addosso improvviso come un laccio esso si abbatter! sopra tutti coloro che abitano sulla faccia di tutta la terra. ,egliate e pregate in ogni momento, perché abbiate la forza di sfuggire a tutto ci3 che deve accadere, e di comparire davanti al 1iglio dell'uomo=. Commento 'ue sono gli atteggiamenti da avere in #uesti giorni che precedono la &as#ua! Non appesantire il cuore da cose materiali o problemi che ci fanno perdere il senso e la bellezza di #uesti giorni! 9’ facile cadere nella tentazione di lasciarci assorbire da una vita frenetica che ci porta a perdere di vista il senso di ci: che facciamo o che riceviamo! Non lasciare che le cose e i problemi ti schiaccino sotto il loro peso! &er #uesto: -egliate e &regate! 'ue imperativi che liberano il cuore dal peso del mondo e di tutto ci: che ci circonda! -egliate per non lasciarci sorprendere dalle tentazioni5 pregate perch7 lo Spirito ci aiuti a vincere le tentazioni! (a preghiera pu: cambiare la tua vita in #ualun#ue momento, in #ualun#ue situazione tu trovi, a #ualun#ue età! (o scopo della preghiera non * tanto di ottenere ci: che noi domandiamo a 'io, #uanto piuttosto di convertirci e di cambiare vita! Preghiera ?ualche volta mi sento come schiacciato da situa ioni che non ho scelto, dal mio prossimo che mi chiede troppo, da me stesso che non mi rifiuto nulla. <l cuore troppo pesante, roso dalla stanche a, preso dal lavoro, parali ato dalla paura. <l cuore troppo pensante, che gira intorno, Che non pensa che a s%, che fugge dalle responsa7ilit!. Volgete lo sguardo in alto- Dice =esA.

$vegliatevi, fate atten ione, diffidate di voi, non lasciatevi vincere, imprigionare da queste pesante e. Al atevi- $ollevate la testa- Pregate sempre" la vostra li7era ione 3 vicina. Impegno: 'rovo il tempo per pensare alle cose fatte oggi e a ringra iare Dio del 7ene ricevuto e donato.

"A'*# 4 1/ AP'IL#
Dal Vangelo di Matteo )/, 1-( Terminati tutti questi discorsi, .esù disse ai suoi discepoli( <,oi sapete che fra due giorni è 0asqua e che il 1iglio dell'uomo sar! consegnato per essere crocifisso=. Allora i sommi sacerdoti e gli anziani del popolo si riunirono nel palazzo del sommo sacerdote, che si chiamava /aifa, e tennero consiglio per arrestare con un inganno .esù e farlo morire. #a dicevano( <7on durante la festa, perché non avvengano tumulti fra il popolo=. Commento Gesù ha piena consapevolezza di quello che gli sa per accadere, sa bene cosa gli capiterà, eppure va avanti nel suo adempiere la volontà del Padre, non si tira indietro. E con la stessa determinazione le autorità religiose tramano il suo arresto e la sua morte per toglierlo di mezzo. i impressionano queste due chiare posizioni he dicono l!una la piena disponibilità a quello per cui " stato chiamare a #are, l!altra la spietata decisione di togliere di mezzo Gesù. $tteggiamenti che ci toccano nel nostro quotidiano quando siamo di #ronte ad un dovere so##erto o ad una persona che ci da #astidio. %orse questa parola ci mette di #ronte alla nostra realtà e su come noi la a##rontiamo. &n pensiero a riguardo.

Preghiera Perch% le genti congiurano perch% invano cospirano i popoliK <nsorgono i re della terra e i principi congiurano insieme contro il $ignore e contro il suo Messia" F<o lBho costituito mio sovrano sul $ion mio santo monteF. Annun ier2 il decreto del $ignore. ;gli mi ha detto" F'u sei mio figlio, io oggi ti ho generato. servite Dio con timore e con tremore esultate# che non si sdegni e voi perdiate la via. <mprovvisa divampa la sua ira. +eato chi in lui si rifugia.

Impegno" /on che spirito affronto il mio dovere, anche quando questo è motivo di sofferenza per me. 'o accolgo e lo porto avanti. /ome reagisco di fronte alle persone che mi danno fastidio. 9ggi tengo conto di questo.

"#'%!L# 4 10 AP'IL#
Dal Vangelo di Matteo )/, 14-1/ Allora uno dei -odici, chiamato .iuda 2scariota, and3 dai sommi sacerdoti e disse( <$uanto mi volete dare perché io ve lo consegni"=. % quelli gli fissarono trenta monete d'argento. -a quel momento cercava l'occasione propizia per consegnarlo. #ommento &overo Giuda! "he cosa gli sia passato nell’anima io non lo so! 9’ uno dei personaggi più misteriosi che noi troviamo nella &assione del Signore! Non cercher: neanche di spiegarvelo, mi accontento di domandarvi un po’ di pietà per il

nostro povero fratello Giuda! Non vergognatevi di assumere #uesta fratellanza! 4o non me ne vergogno, perch7 so #uante volte ho tradito il Signore5 e credo che nessuno di voi debba vergognarsi di lui! 9 chiamandolo fratello, noi siamo nel linguaggio del Signore! 8uando ha ricevuto il bacio del tradimento, nel Getsemani, il Signore gli ha risposto con #uelle parole che non dobbiamo dimenticare: > mico, con un bacio tradisci il %iglio dell’uomo!> come mai un apostolo del Signore * finito come traditore$ "onoscete voi, o miei cari fratelli, il mistero del male$ Sapete dirmi come noi siamo diventati cattivi$ =icordatevi che nessuno di noi in un certo momento non ha scoperto dentro di s7 il male! (’abbiamo visto crescere il male, non sappiamo neanche perch7 ci siamo abbandonati al male, perch7 siamo diventati dei bestemmiatori, dei negatori! Non sappiamo neanche perch7 abbiamo voltato le spalle a "risto e alla "hiesa! d un certo momento ecco, * venuto fuori il male, di dove * venuto fuori$ "hi ce l’ha insegnato$ "hi ci ha corrotto$ "hi ci ha tolto l’innocenza$ "hi ci ha tolto la fede$ "hi ci ha tolto la capacità di credere nel bene, di amare il bene, di accettare il dovere, di affrontare la vita come una missione! -edete, Giuda, fratello nostro! %ratello in #uesta comune miseria e in #uesta sorpresa! 8ualcheduno per:, deve avere aiutato Giuda a diventare il 6raditore! "’* una parola nel -angelo, che non spiega il mistero del male di Giuda, ma che ce lo mette davanti in un modo impressionante: >Satana lo ha occupato>! <a preso possesso di lui, #ualcheduno deve avervelo introdotto! 8uanta gente ha il mestiere di Satana: distruggere l’opera di 'io, desolare le coscienze, spargere il dubbio, insinuare l’incredulità, togliere la fiducia in 'io, cancellare il 'io dai cuori di tante creature! 8uesta * l’opera del male, * l’opera di Satana! +&rimo )azzolari1 Preghiamo insieme Padre santo, custodiscili nel tuo nome, quello che mi hai dato, perch% siano una sola cosa, come noi. ?uand&ero con loro, io li custodivo nel tuo nome, quello che mi hai dato, e li ho conservati, e nessuno di loro 3 andato perduto, tranne il figlio della perdi ione, perch% si compisse la $crittura. Ma ora io vengo a te e dico questo mentre sono nel mondo, perch% a77iano in se stessi la piene a della mia gioia. <o ho dato loro la tua parola e il mondo li ha odiati, perch% essi non sono del mondo, come io non sono del mondo. Impegno 9ggi avr3 modo di riflettere sui i miei tradimenti verso .esù e verso le persone care e scoprire cosa mi ha spinto a tradire

+I!,# 4 SA$*! 12 AP'IL#
Dal Vangelo di Matteo )/, )/-.4 9ra, mentre essi mangiavano, .esù prese il pane e, pronunziata la benedizione, lo spezz3 e lo diede ai discepoli dicendo( H0rendete e mangiate questo è il mio corpoH. 0oi prese il calice e, dopo aver reso grazie, lo diede loro, dicendo( H*evetene tutti, perché questo è il mio sangue dell'alleanza, versato per molti, in remissione dei peccati. 2o vi dico che da ora non berr3 più di questo frutto della vite fino al giorno in cui lo berr3 nuovo con voi nel regno del 0adre mioH. % dopo aver cantato l'inno, uscirono verso il monte degli +livi. Commento 4l giorno del giovedì santo * caratterizzato dall’istituzione dell’9ucarestia! "on #uesto Gesù, prima di morire e di abbandonare #uesto mondo, ha voluto lasciarci la sua presenza per rimanere sempre con noi! 8uel pezzo di pane consegnato agli postoli non * altro che il suo "orpo dato per amore perch7 cibandoci dell’9ucarestia noi diventiamo capaci di amare come ci ha amati Gesù! "he grande dono l’9ucarestia! Aggi celebriamo il ricordo di #uel gesto, oggi rinnoviamo il suo more per noi! 4l pane e il vino consegnati nelle mani degli postoli come dono sono il preludio della sua consegna nelle mani dei nemici che lo uccideranno e il sangue versato dalla croce il giorno dopo! &er #uesto ogni domenica celebrando l’9ucarestia noi facciamo memoria della sua &as#ua, della sua morte e =esurrezione secondo le sua parole: ,%ate #uesto in memoria di me!.! Preghiera $ignore, aiutaci a vivere sempre in rendimento di gra ie. IaB che cele7riamo lBeucaristia con il cuore puro, con lBanimo preparato, in piena o77edien a a quanto =esA ci ha comandato e la Chiesa ci insegna. IaB che lBeucaristia sia il centro, il modello, la for a plasmatrice di tutta la nostra vita.

Dona a ogni credente, a ogni famiglia, ogni gruppo, ogni comunit!, di trovare nellBeucaristia la regola, il modello e lBalimento della vita cristiana di ogni giorno. Impegno" <n questo giorno mi reco in chiesa per un momento di adora ione a =esA, riconoscendolo presente nell&;ucarestia

,#$#' 4 SA$*! 13 AP'IL#
Dal Vangelo di Marco 1(,..-.0 ,enuto mezzogiorno, si fece buio su tutta la terra, fino alle tre del pomeriggio. Alle tre .esù grid3 con voce forte( %lo5, %lo5, lem! sabact!ni" che significa( -io mio, -io mio, perché mi hai abbandonato" Alcuni dei presenti, udito ci3, dicevano( 4%cco, chiama %lia:6. +no corse a inzuppare di aceto una spugna e, postala su una canna, gli dava da bere, dicendo( 4Aspettate, vediamo se viene %lia a toglierlo dalla croce6. #a .esù, dando un forte grido, spir3. In silenzio mettiti davanti al crocifisso e prega $ignore =esA crocifisso, permettimi di stare qui, davanti a 'e. Mi capita raramente di guardarti come faccio in questo momento. 'u mi attendi qui da sempre, per dirmi quanto mi vuoi 7ene e quanto ti sono pre ioso. Con le tue 7raccia aperte sem7ra che tu voglia raggiungere tutti gli uomini, come in un a77raccio universale. $ento che in questo a77raccio ci sono anch&io.

;sso mi d! sicure a, perch% 3 pieno di amore. ;& un a77raccio gratuito, purissimo, totale, che mi fa superare il timore per le mie impurit!, per le mie cattiverie, per tutti i miei peccati. Per il mistero della tua croce, dona a me e a tutti gli uomini del mondo un supplemento di fede interiore. Portaci per mano fuori da noi stessi, verso di te e verso i fratelli# e fa& che ci2 di cui non siamo capaci possa essere il dono della ricche a del tuo amore infinito. Impegno" 9ggi cerco di partecipare alla via /rucis e mi fermo a contemplare il /rocifisso e gli regalo un bacio.

SA.A*! 1& AP'IL#
Il silen5io del Sa6ato Santo
2l silenzio dentro di sé è fondamentale nella vita della coppia. Signore, che vuoi che io faccia" Amare significa anche smettere di parlare e ascoltare -io con il cuore, sperimentare nel silenzio la sua presenza. +na persona capace di fare silenzio e di ascoltare -io diventer! capace anche di ascoltare il coniuge, i figli o chiunque altro, mettendo a tacere se stesso, le proprie rivendicazioni, e aspettando con fiducia certa che il Signore è fedele alle promesse fatte. 7on si tratta di una attesa passiva, di un silenzio sterile, per cui si finisce solo con il chiudersi in se stessi, con l&abbandonare la lotta,

rassegna dosi alla mediocrit!. $uante speranze sepolte nella nostra vita, nelle nostre famiglie: $uanti sogni, aspirazioni, progetti spenti nei nostri 4sepolcri6. 2l silenzio che si richiede alla coppia non è il nulla. %& piuttosto un entrare nel cuore dei problemi e nel centro della vita. %& un silenzio arricchente, un&attesa piena di speranza, un arte che richiede umilt!, impegno sensibilit!. Preghiera $ignore, tutto 3 finito- ;& venuta la sera e 'u giaci nel sepolcro. 'utti ne tornano a casa, delusi e tristi" e non ci sei piA, di te solo un ricordo. ?uante volte ci sentiamo cos6 anche noi" soli, tristi, delusi, con un solo povero ricordo di te- ;& perch% non a77iamo fede, non sappiamo vederti, non ricordiamo di te le grandi cose che tu hai fatto in noi. Accendi in noi il ricordo palpitante di te# la certe a che tu sei vivo, con noi, sempre. :endici capaci di superare i momenti di sconforto gli insuccessi e le nostre cadute, e di sapere che nel sepolcro, nel silen io, quando tutto sem7ra morto e finito, tu sei ancora vivo e presente, tu sei con noi. Impegno 9ggi far3 una visita al sepolcro e soster3 davanti a .esù e chiedo a lui( $uali sono le mie delusioni speranze e attese

!"#$I%A di PASQUA 20 AP'IL#
Dal Vangelo di =iovanni )4, 11-1@ #aria invece stava all'esterno vicino al sepolcro e piangeva. #entre piangeva, si chin3 verso il sepolcro e vide due angeli in bianche vesti, seduti l'uno dalla parte del capo e l'altro dei piedi, dove era stato posto il corpo di .esù. %d essi le dissero( <-onna, perché piangi"=. 8ispose loro( <@anno portato via il mio Signore e non so dove lo hanno posto=. -etto questo, si volt3 indietro e vide .esù che stava l5 in piedi ma non sapeva che era .esù. 'e disse .esù( <-onna, perché piangi" /hi cerchi"=. %ssa, pensando che fosse il custode del giardino, gli disse( <Signore, se l'hai portato via tu, dimmi dove lo hai posto

e io andr3 a prenderlo=. .esù le disse( <#aria:=. %ssa allora, voltatasi verso di lui, gli disse in ebraico( <8abbun5:=, che significa( #aestro: .esù le disse( <7on mi trattenere, perché non sono ancora salito al 0adre ma va' dai miei fratelli e di' loro( 2o salgo al 0adre mio e 0adre vostro, -io mio e -io vostro=. #aria di #!gdala and3 subito ad annunziare ai discepoli( <@o visto il Signore= e anche ci3 che le aveva detto. Commento 4l vangelo di oggi descrive l;apparizione di Gesù a )aria )addalena! (a morte del suo grande amico spinge )aria a perdere il senso della vita! )a non si arrende nella ricerca! Si reca al sepolcro per incontrare di nuovo colui che la morte le ha rapito! "i sono momenti nella vita in cui tutto si sgretola! Sembra che sia finito tutto! )orte, disastri, dolori, delusioni, tradimenti! 6ante cose che possono farci mancare la terra sotto i piedi e che possono spingerci verso una crisi profonda! )a avvengono anche altre cose! &er esempio che, improvvisamente, incontriamo di nuovo un amico, un;amica e ci: pu: ridarci speranza e pu: farci scoprire che l;amore * più forte della morte e della sconfitta! "osa rende possibile l’incontro di )aria con Gesù$ 'a un lato la mancanza, il vuoto +,<anno portato via il mio Signore.1, che fa nascere il bisogno, il desiderio! 'all’altra Gesù che la chiama per nome +,)aria.1 e soltanto #uando si sente chiamata per nome, )aria riconosce Gesù! 9 il suo cuore * colmo di gioia incontenibile +, nd: subito ad annunziare.1! Fn desiderio che ci mette in moto e la gioia di essere chiamati per nome! (a gioia di scoprire che Gesù non tradisce le sue promesse! "osì lo * anche per noi! Preghiera: $ignore =esA, come avevi predetto sei risorto" hai vinto la morte e l&odio di chi ti ha condannato, hai vinto il peccato di tutti gli uomini per i quali hai offerto al tua vita. 5oi crediamo nella tua :esurre ione, e sappiamo che tu sei vivo. Aiutaci ad amarti presente ora qui con noi, a contemplare il tuo amore che si 3 donato in questa Pasqua e a sentirti oggi e sempre con noi, dentro la nostra vita. <mpegno

'a gioia di aver incontrato il 8isorto ci porta ad annunciarlo e testimoniarlo con gioia a tutti coloro che incontriamo.