You are on page 1of 8

Modenatur unagenzia di viaggio e tour operator.

. Dal 1998 siamo un punto di riferimento per lincoming turistico per Modena e per la regione Emilia-Romagna. Lampio prodotto turistico offerto dal territorio, terra di arte, motori e sapori, ci permette di operare in diversi settori: turismo organizzato e individuale, viaggi incentive, organizzazione di eventi e di congressi LA SEDE E LO STAFF: la nostra sede si trova a Modena. Il nostro staff garantisce la massima assistenza in loco per i nostri ospiti e linea diretta con i fornitori durante lo svolgimento dei programmi I NOSTRI SERVIZI IN BREVE: Servizi hospitality, prenotazioni hotel e ristoranti Coinvolgenti attivit hands-on: corsi di cucina, team building musicali nella citt di Pavarotti, degustazioni teatralizzate... Programmi tematici, arte, gastronomia, motori e opera, motori, natura, terme, cicloturismo, golf Tour dei motori e rally enogastronomici su auto depoca o supercar Viaggi incentive e motivazioniali, team building Organizzazione di ere e congressi Eventi speciali, presentazioni pubbliche, cene di gala Organizzazione di educational, inspection e press tour IAT-R Ufcio Informazioni e Accoglienza Turistica Piazza Grande, 14 41121 Modena - Italy iatmo@comune.modena.it http://turismo.comune.modena.it http://www.facebook.com/iatmodena tel. 059 2032660 - fax 059 2032659 Orari: luned 15.00-18.00 da marted a sabato: 9.00-13.00; 15.00-18.00 domenica e festivi: 9.30-12.30 Chiuso: 1 e 31 Gennaio, Pasqua, Pasquetta, 1 Maggio, 15 Agosto, 25-26 dicembre

Modenatur s.c.a.r.l. via Scudari, 8/10 41121 Modena - Italia www.modenatur.it info@modenatur.it tel. +39 059 220022 fax +39 059 2032688

a Modena
Breve
itinerario
alla scoperta

Benvenuti

Ferrovie dello Stato informa tel. 892021


A cura dellufcio graca del Comune di Modena: Cinzia Casasanta

del Centro

Storico

Radio Taxi a Modena: Area radiotaxi tel. 059 212100 Radiotaxi Cotamo tel. 059 374242

Modena ieri e oggi


olonia romana nel 183 a.C. (Cicerone la den citt oridissima), Modena fu teatro della guerra tra Decimo Bruto e Marco Antonio (43 a.C.) che segn lascesa di Ottaviano e la nascita del II Triumvirato. Semidistrutta nel corso del IV secolo, abbandonata nei secoli V e VI a causa di guerre e alluvioni, la citt risorse attorno allepiscopio e sotto il governo vescovile (secoli VIII-X), pot godere di privilegi imperiali ed entrare nella sfera di inuenza dei signori di Canossa. Dopo la costruzione della Cattedrale, iniziata nel 1099, e le prime avvisaglie di governo cittadino che portarono alla Modena comunale, la citt venne governata dagli Estensi e nel 1598 divent capitale e vide sorgere il nuovo Palazzo ducale (1634). Nel 1796 entrarono a Modena le truppe francesi e diedero inizio ad un dominio che dur, tra alterne vicende, no al 1814. A partire da quellanno, i duchi austro estensi Francesco IV e Francesco V governarono lo Stato no al 1859. Decaduta la sovranit estense, la citt entr a far parte del Regno dItalia.

Duomo
Audioguide Sito Unesco
Presso lUfcio Informazioni e Accoglienza Turistica e i Musei del Duomo possibile noleggiare le audioguide 4
Duomo, Torre Ghirlandina e Piazza Grande Patrimonio mondiale Unesco 1997

Sotto: Statuta Mutine Reformata, 1420-1485. Particolare (Archivio storico comunale)

nsignita di medaglia doro al valor militare per la Resistenza, dopo la Liberazione Modena si affaccia alla democrazia e intraprende una intensa opera di ricostruzione. Limpegno dei modenesi si caratterizza per innovazioni sociali e urbanistiche. A partire dagli anni 50 Modena diventa protagonista di uno straordinario sviluppo economico, a un ritmo superiore a quello delle altre citt italiane. Mentre il territorio vede la nascita di grandi imprese dellagroalimentare, in provincia si sviluppano i distretti produttivi: biomedicale a Mirandola, ceramico a Sassuolo, tessile a Carpi. Negli anni 60 Modena protagonista della scena creativa nazionale con creatori di caroselli e fumetto (nasce qui una scuola che va da Bonvi a Silver) per poi diventare capitale del beat italiano con i Nomadi, Guccini, Caterina Caselli e lEquipe 84. Ma la vena musicale continua no ad oggi con Vasco Rossi, Paolo Belli e Nek mentre il mito di Luciano Pavarotti, si ravviva grazie alle scuole di bel canto che coinvolgono Mirella Freni e Raina Kabaivanska. Tra i modenesi pi celebri un posto di primo piano riservato a Enzo Ferrari, leader di una produzione automobilista deccellenza che ha contribuito a denire limmagine di Modena, e dellItalia, nel mondo. Modena si propone oggi come luogo ideale per un piacevole soggiorno tra arte, musica, gastronomia e motori! 2

ostruito a partire dal 1099 e consacrato da Papa Lucio III nel 1184, il Duomo uno dei massimi capolavori del romanico europeo sia per la struttura architettonica di Lanfranco che per lapparato scultoreo di Wiligelmo. Interventi di modica al progetto originario sono stati realizzati tra il XII e il XIV secolo dai Maestri Campionesi. La facciata divisa in tre settori che corrispondono alle navate.Sotto il rosone (XII secolo) si trova il Portale maggiore scolpito da Wiligelmo, autore anche delle quattro formelle di pietra con storie del libro della Genesi. Sul lato meridionale si aprono la Porta dei Principi, opera del cosiddetto Maestro di San Geminiano e di altri seguaci di Wiligelmo, e la Porta Regia (1178 circa) in marmo rosso veronese. Sul lato settentrionale si trova invece la Porta della Pescheria, testimonianza dellinuenza borgognona.

Duomo di Modena Aperto tutti i giorni 7.00-12.30; 15.30-19.00 In luglio e agosto 6.00-12.00; 15.30-19.00 Le visite non sono consentite durante le funzioni religiose Musei del Duomo di Modena Aperti 9.30-12.30; 15.30-18.30 Estate 9.30-12.30; 15.30-19.00 Chiuso il luned, 25 dicembre e domenica di Pasqua. Ingresso 3 Torre Ghirlandina Aperta sabato e domenica a partire dal primo weekend di aprile no allultimo di ottobre, inclusi i festivi e il 31 Gennaio (Festa del Patrono). Chiusa la domenica di Pasqua e nel mese di agosto. Orario: 9.30-12.30; 15.00-19.00 Ingresso: 2; cumulativo con Palazzo Comunale 3 www.unesco.mo.it/

Duomo: navata centrale, facciata e abside

Allinterno del Duomo si possono ammirare, tra laltro, il pontile con rilievi di Anselmo da Campione (1160-1180 circa) e il Presepe in terracotta del modenese Antonio Begarelli (1527). La cripta ospita la tomba del patrono San Geminiano e la Madonna della pappa in terracotta policroma di Guido Mazzoni (1480). La Torre Ghirlandina, gi costruita no al quinto piano nel 1169, venne terminata nel 1319 dai Maestri Campionesi. Alta 87 metri, sin dallorigine ha avuto funzioni civiche: dalla torre i custodi segnalavano lapertura delle porte cittadine e sorvegliavano i forzieri del Comune. 3

Palazzo Ducale
ostruito a partire dal 1634 su progetto dellarchitetto romano Bartolomeo Avanzini, il Palazzo ha ospitato per pi di due secoli la Corte Estense. Oggi ledicio sede dellAccademia militare. Dal Cortile donore, salendo il maestoso Scalone, si accede al loggiato che conduce allAppartamento dei principi, allAppartamento privato (sede del Museo storico dellAccademia) e allAppartamento di Stato, dove si possono ammirare ritratti di Estensi e affreschi.

Palazzo Comunale
Palazzo Ducale di Modena Aperto periodicamente la domenica mattina con visita guidata. Prenotazione obbligatoria Per info su calendario visite e prenotazioni: Ufcio Informazioni Turistiche tel. +39 059 2032660. Per gruppi di min. 25 persone possibile richiedere ingresso e visita guidata in diversi giorni e orari Info gruppi: Modenatur tel. 059 220022 Per ogni visita sono ammesse al massimo 50 persone. Costo della visita guidata 7 Il Palazzo Ducale sede dellAccademia Militare la quale si riserva, in casi eccezionali, la possibilit di annullare le visite guidate per sopravvenuti motivi interni

i affaccia sulla piazza Grande e ingloba edici medievali incamiciati a partire dal Seicento. Allinterno conservata la Secchia Rapita, sottratta, secondo la tradizione, dai Modenesi ai Bolognesi nella battaglia di Zappolino del 1325 (divenuta lemblema dei valori civici, ha ispirato il celebre poema eroicomico La Secchia Rapita di Alessandro Tassoni). Da visitare anche la Sala del Fuoco con gli affreschi di Nicol dellAbate, realizzati nel 1546 (rafgurano la guerra di Modena del 43 a.C.) e la seicentesca Sala del vecchio Consiglio, dove si trovano gli stalli dei Conservatori e il gonfalone dipinto da Ludovico Lana nel 1633 come ringraziamento per la ne della peste. I dipinti del softto sono di Ercole dellAbate e Bartolomeo Schedoni. Le settecentesche tele della Sala degli arazzi rafgurano la preparazione e la rma del Trattato di pace di Costanza (1183), manifesto dellautonomia comunale.

Palazzo Comunale da lunedi a sabato 9.00-19.00 le domeniche e i festivi 15.00-19.00 Chiuso in agosto, per Pasqua e Natale. Domenica e festivi 2; cumulativo con la Torre Ghirlandina 3 Gratuito i giorni feriali Per informazioni: IAT tel. +39 059 2032660 Per scolaresche e gruppi tel. +39 059 2032582 Apertura soggetta a variazioni per eventuali impegni di rappresentanza. consigliata verica telefonica

Gli ambienti pi spettacolari sono il vasto ed elegante Salone donore e il settecentesco Salottino doro, dove si ritiene che il duca Francesco IV abbia rmato la condanna a morte di Ciro Menotti, protagonista dei moti insurrezionali del 1831.

Sopra a sinistra: Cortile donore dellAccademia Sopra: Salottino doro Sotto: cerimonia militare con i Cadetti

In alto: ingresso Municipio A destra: Il Palazzo comunale si affaccia sulla Piazza Grande A sinistra: la Bonissima Sotto: Sala del fuoco

Palazzo dei Musei


Biblioteca Estense
Conserva libri a stampa, incunaboli, cinquecentine e numerosi codici miniati dal XIV al XVI secolo.Il testo pi prezioso la celebre Bibbia di Borso dEste, capolavoro della miniatura ferrarese (XV secolo).
Biblioteca Estense mostra permanente dei codici miniati o di opere a stampa Da luned a sabato 9.00-13.00 marted, mercoled e gioved 14.30-18.30. Chiuso i festivi Galleria Estense Luned 8.30-14.00 Da marted a sabato: 8.30-19.30 Domenica: 14.00-19.30 Aperta anche il 31 gennaio (Festa del Patrono), Pasqua, Pasquetta, 25 aprile, 1 maggio e Santo Stefano. Chiusa: Natale, Capodanno e lultima domenica di ogni mese eccetto i mesi di giugno, settembre e ottobre. Ingresso: 4 Musei Civici Da martedi a venerd 9.00-12.00; sabato, domenica e festivi 10.00-13.00; 15.00-18.00 (dal 1 ottobre al 31 maggio) e 16.00-19.00 (dal 1 giugno al 30 settembre). Chiuso il luned non festivo, le mattine del 25 dicembre e 1 gennaio. Ingresso gratuito

Palazzo S. Margherita
ituato in corso Canal Grande, sorge su unarea dove si ergeva una chiesa dedicata a Santa Margherita. Al suo interno troviamo, il Museo della Figurina, la Galleria Civica e la Biblioteca Delni.

Palazzo Santa Margherita Corso Canalgrande, 103 41100 Modena Galleria Civica Punto informativo Tel. 059 2032940 Costo: ingresso gratuito Orario punto informativo piano terra: luned 14.00-20.00 da marted a sabato 9.00-20.00 Lorario mostre consultabile sul sito: www.comune.modena.it/ galleria/ Museo della Figurina Tel. 059 2033090 Costo: ingresso gratuito Orario: da mercoled a venerd 10.30-13.00; 16.00-19.30 Sabato, domenica e festivi: 10.30-19.30 Chiuso luned e marted. www.museodellagurina.it

Galleria Estense

Galleria Civica

tra le pi importanti collezioni italiane e riette gli interessi degli Estensi per la pittura e la scultura, ma anche per larcheologia e le arti minori. Pregevoli il busto marmoreo di Francesco I dEste del Bernini, il ritratto di Francesco I del Velasquez, il S.Antonio da Padova di Cosm Tura, la Madonna col Bambino del Correggio, un trittico di El Greco, un Crocisso di Guido Reni. Cospicuo il nucleo della pittura padana dal Trecento al Settecento.

Con lapertura delle Sale Nuove, poste al secondo piano di Palazzo Santa Margherita, il ricco patrimonio delle raccolte della Galleria trova idonea collocazione in locali ampi e suggestivi: oltre a tre nuovi spazi espositivi, altre sale attigue sono adibite a deposito, laboratorio, archivio secondo i pi aggiornati standard museograci e conservativi.

Museo della Figurina

Il Museo della Figurina, nasce a Modena allinterno dellazienda Panini e dallo stesso Giuseppe Panini il quale, in accordo con lazienda e il Comune di Modena, decide di donare la collezione alla sua citt, sede naturale, in quanto capitale mondiale della gurina, di un Museo che ne documenti la storia e lo sviluppo.

In alto: Lastra dei Niobidi (Musei Civici) A destra: Francesco I del Bernini Sotto: Crocessione di Bianchi Ferrari (Galleria Estense)

Palazzina dei Giardini

Musei Civici

Il Museo Civico Archeologico Etnologico conserva le pi antiche testimonianze della presenza umana nel territorio modenese. Accanto a materiali del neolitico, dellet del rame, dellet del bronzo e della prima et del ferro si trovano testimonianze del dominio etrusco, celtico e gallico e della Modena Romana. Le raccolte etnologiche conservano tessuti, ornamenti, armi, ceramiche della Nuova Guinea, del Per precolombiano, dellAmerica del Sud, dellAfrica e dellAsia. Nel Museo Civico dArte quadri, ceramiche, strumenti musicali, strumenti scientici e armi documentano le trasformazioni della citt dal Medioevo allet moderna. Pregevole la collezione di tessuti antichi del Conte Gandini. 6

Voluta nel VII secolo da Francesco I dEste come Casino - luogo di divertimento per la corte Estense - allinterno dei giardini di Palazzo Ducale viene restaurata verso la ne degli anni Settanta, nellambito di un piano di valorizzazione del centro storico promosso dallAmministrazione Comunale. La straordinaria qualit degli spazi, le grandi vetrate, le superci a parete ampie ed articolate, rendono la Palazzina luogo ottimale per mostre personali sia di taglio antologico, sia informativo e documentario.

Sopra: Nottingham Album al Museo della Figurina, Sotto: La Palazzina dei Giardini

Le chiese
1 SantAgostino Fondata nel 1338, ma trasformata nel 1664 in luogo delle esequie ducali, conserva una Deposizione dalla Croce di Antonio Begarelli e una Madonna col Bambino di Tommaso da Modena. 2 Santa Maria Pomposa Costruita nel secolo XVIII, conserva le spoglie dello storico Ludovico Antonio Muratori, che visse nella casa adiacente dal 1716 alla morte (1750). 3 San Barnaba Ricostruita nel 1660, ma completata solo successivamente, conserva dipinti e arredi del XVIII secolo. 4 San Giovanni Battista Costruita nel secolo XVIII, conserva Compianto sul Cristo morto in terracotta policroma di Guido Mazzoni (1480). 5 Chiesa del Voto Progettata da Cristoforo Malagola, venne costruita come ringraziamento alla Madonna per la ne della peste del 1630. 6 San Domenico Costruita tra il 1708 e il 1735, conserva un pregevole gruppo plastico di Antonio Begarelli (1544 - 46 circa). 7 San Giorgio Progettata dallarchitetto e scenografo di Corte Gaspare Vigarani alla met del Seicento, conserva allinterno dipinti del periodo barocco. 8 San Vincenzo Iniziata nel 1617 e restaurata nel primo Ottocento, la chiesa il pantheon modenese degli Estensi e accoglie le salme di duchi e principi. 9 San Biagio Sorta nei primi decenni del XIV secolo, stata notevolmente modicata nel XVII. Linterno conserva dipinti e affreschi del Seicento. 10 San Pietro Annessa anticamente ad unabbazia benedettina fondata nel 966, stata ricostruita tra il 1476 e il 1518. Nellinterno, a cinque navate, opere di Antonio Begarelli, paliotti in scagliola e dipinti del XVI secolo. 11 San Bartolomeo Progettata per i gesuiti e iniziata nel 1607 (la facciata per settecentesca) conserva arredi e dipinti del XVII secolo. 12 San Francesco Iniziata nel 1244 e restaurata nella prima met dellOttocento, conserva tredici statue in terracotta (1523 circa) di Antonio Begarelli (Deposizione dalla Croce). 8
vicolo Eremita

G
-NOVI ARK

F E

piazza Pomposa

vico lo C ase llin e

1
vi Cocc colo apa ni

via Bad ia

lar go San Gio rgio

via de i

Lovo leti

M H

via Bo na cco rsi

piazza Torre

A B 8
Fo sse

v.V ene zia

dellvia Alloro

3
via Triv ella ri
a rtold via Be

vic olo Ca rm eli ta piazzale ne

Boschetti

Sca lze

via delle Grazie

via d Zon ello o

vic olo

via Gra sse tti

largo S. Giacomo

vic olo

Fra sso ne

piazza dei Servi

piazza S. Francesco

S.M de . lle As se

piazza Redecocca

via dei Torn ei

11

12

10

1 2 3 4 5 6

SantAgostino Santa Maria Pomposa San Barnaba San Giovanni Battista Chiesa del Voto San Domenico

7 8 9 10 11 12

San Giorgio San Vincenzo San Biagio San Pietro San Bartolomeo San Francesco

A B C D E F

Duomo e Torre Ghirlandina Palazzo Comunale Palazzo dei Musei Palazzo Ducale Palazzina dei Giardini Foro Boario

G H I L M

Museo Casa Enzo Ferrari Teatro Pavarotti Teatro Storchi Sinagoga Palazzo Santa Margherita

Teatro Comunale Luciano Pavarotti


L
a sua costruzione afdata allarchitetto ducale Francesco Vandelli, gi autore del Foro Boario e della chiesa di S. Giovanni del Cantone. I lavori iniziarono nel maggio 1838 sullarea prescelta, compresa tra Canalgrande, vicolo Venezia, Fontedabisso e strada S. Margherita. Dopo quasi quattro anni di lavoro il teatro - dotato di un ampio portico per le carrozze allesterno, di numerosi locali, di una sala dalla pianta a ferro di cavallo con quattro ordini di palchi e una galleria, oltre che un softto riccamente decorato - sinaugur la sera del 3 ottobre 1841 con lopera Adelaide di Borgogna al Castello di Canossa, musicata da Alessandro Gandini. Da quella data ledicio non ha subito radicali mutamenti; attualmente presenta loriginaria facciata neoclassica con un portico a bugnato piatto a pianterreno, un primo ordine di nestre architravate e un piano attico con nestre minori. Il risalto della parte centrale segnato da quattro colonne doriche sulle quali simposta una ringhiera a pilastretti che inquadra tre nestre scandite da lesene ioniche; a coronamento un fastigio decorato con il Genio di Modena che incornicia lo stemma della citta. Il softto, da cui pende il grande lampadario, decorato con ornati di Camillo Crespolani e con gure di Luigi Manzini, autore anche degli stucchi con storie del Genio che corrono lungo le balconate dei palchi inquadrati da esili pilastrini. Nel 1869 fu eseguita una ridipintura del softto, da parte di Ferdinando Manzini, che propose laggiunta di quattro gruppi di putti. Intitolato al grande maestro Luciano Pavarotti dopo la sua scomparsa.

Modena terra di motori


ra Modena e lautomobilismo esiste un feeling profondo, dalle radici antiche. Una terra di motori dove la passione per la meccanica ha una lunga tradizione e il mito della velocit parte integrante della sua cultura. Nel raggio di pochi chilometri vi sono diversi musei e collezioni private dedicati ai motori:

Museo Casa Enzo Ferrari - Modena

Comprende la casa in cui Enzo Ferrari nacque nel 1898 e una avveniristica struttura espositiva, un suggestivo cofano di alluminio giallo. Comunica la vocazione motoristica del nostro territorio e la storia del grande costruttore modenese, con suggestivi allestimenti multimediali e mostre tematiche.

Info:
Il teatro visitabile, con visita guidata, solo per gruppi di minimo 10 persone; necessaria la prenotazione presso lufcio promozione 059 2033003

Eventi ricorrenti legati ai motori:


MotorSport Expotech Fiera Febbraio

Museo dellauto storica Stanguellini - Modena

Nasce nel 1996 per volont di Francesco Stanguellini, glio di Vittorio, fondatore dellattivit, e si andato via via arricchendo di prestigiosi pezzi rari che hanno ampliato ed impreziosito la collezione, con oltre una trentina di auto tra vetture da corsa e coup sportive.

Modena Terra di Motori Aprile/Maggio Millemiglia Maggio Modena Cento Ore Classic Maggio

Collezione Umberto Panini - Modena

Nella collezione Panini sono esposti vari modelli di auto e moto depoca tra cui la prestigiosa collezione Maserati. La collezione si trova presso lazienda Agricola Hombre che produce Parmigiano Reggiano.

Museo Ferrari - Maranello (MO)

Museo custode del mito. Situata a pochi passi dallo stabilimento della Ferrari, la Galleria il museo aziendale che racconta la storia della casa automobilistica di Maranello e dei suoi eclatanti successi sportivi, commerciali e di immagine.

Collezione privata Righini - Panzano (MO)

Nel castello di Panzano sono conservate molte fra le pi splendide auto depoca per arrivare ai modelli pi esclusivi dei nostri giorni. Tra i pezzi pi famosi la Autoavio, la prima autovettura costruita da Enzo Ferrari nel 1940, la Chiribiri che nel 1915 batt il record di velocit su strada, lAlfa Romeo 8C 1933 appartenuta a Tazio Nuvolari.

Autodromo di Modena
10

Per informazioni: IAT tel +39 059 2032660 iatmo@comune.modena.it Modenatur tel +39 059 220022 info@modenatur.it

Dal 2011 il nuovo Autodromo di Modena si propone come luogo ideale per eventi dinamici sul mondo dei motori. 11

Modena e la gastronomia
M
odena , nel mondo, sinonimo di buona tavola. un primato antico, conquistato in nome della genuinit, del rispetto della tradizione e della salvaguardia dei sapori. Un ideale men alla modenese non pu che aprirsi con i prelibati salumi, primo fra tutti il Prosciutto di Modena. Tra i primi piatti il posto donore va ai Tortellini, quadretti di pasta sfoglia ripiegati su un ripieno di carne di maiale, prosciutto e Parmigiano Reggiano. Segue, tra i secondi, lo Zampone, un impasto di carni di suino macinate, insaporite con aromi e insaccate nella pelle della zampa anteriore del maiale. In tavola non pu mancare lAceto Balsamico Tradizionale di Modena, soave elisir di cui nessunaltra cucina al mondo pu fregiarsi. Si ottiene dal mosto di uva cotto, maturato per lenta aceticazione derivata da naturale fermentazione e da progressiva concentrazione mediante lunghissimo invecchiamento. Sulla tavola modenese non pu mancare una buona porzione di Parmigiano Reggiano, magari gustato a scaglie con qualche goccia di aceto balsamico tradizionale. Questo lauto pranzo sar accompagnato, naturalmente, da un buon bicchiere di Lambrusco, vino frizzante, vivace, di colore rosso rubino, che si sposa felicemente con la gastronomia locale. E poi la frutta: le prelibate Ciliegie di Vignola. Come dolce, inne, potrete scegliere tra le tante specilit, il Bensone, un dolce fatto in casa, la Zuppa inglese e gli Amaretti. Come digestivo un bicchiere di Nocino, gradevolissimo liquore ottenuto dal mallo delle noci. Nel centro storico di Modena, a pochi passi dal Duomo, possibile visitare lo storico Mercato coperto Albinelli Eventi per amanti inaugurato nel 1931. della buona tavola

Calendario eristico
Ottobre - Novembre SKipass
Salone del Turismo e sport invernali www.skipass.it

Novembre 7.8.NoveceNto

Gran Mercato dellantico / Deballage www.7-8novecento.it

Dicembre Curiosa

Idee Atmosfere Sapori in era

www.curiosainera.it Io creo

Salone della Creativit e delle Arti manualiin era www.iocreoinera.it

Gennaio EXpo eLettroNica CoLLeZiosa

Mostra mercato di elettronica & Co. Mostra mercato di collezionismo, curiosit, modellismo www.blunautilus.it

Febbraio motorsport eXpotecH

Mostra convegni di materiali innovativi, tecnologie, prodotti, servizi per veicoli motori da competizioni ed altre prestazioni per auto, moto, kart, nautica e avio www.motorsportexpotech.it

Febbraio uNica - Modenantiquaria, Petra, Excelsior

Mostra mercato dalto Antiquariato Salone di Antiquariato per parchi, giardini e ristrutturazioni Rassegna darte italiana del XIX secolo www.modenantiquaria.it

Marzo ArtigiaNa

Salone della qualit artigiana italiana Giardino, Terrazzo e Case di Campagna www.artigianaitaliana.it

Per informazioni su eventi e visite alle aziende di produzione tipica di Modena (acetaie, caseici, cantine, prosciuttici): Modenatur tel. +39 059 220022 info@modenatur.it

Marzo CHiLdreNs tour

Salone dei viaggi e delle vacanze 0-14 www.childrenstour.it

Marzo pLaY

Festival del Gioco www.play-modena.it

Aprile fiera di modeNa

Fiera Campionaria Modena www.campionariadimodena.it

12

Ulteriori informazioni sul calendario eristico: www.modenaere.it

13

Eventi
Ultima domenica di ogni mese eccetto i mesi di luglio e dicembre Manifestazione di antiquariato, di vintage, arricchita da antichi mestieri. Primo sabato del mese a partire da febbraio escluso il mese di agosto Espongono antiquari ambulanti, artigiani restauratori e commercianti di antiquariato.

Il Mercato dellAntico e degli Antichi mestieri

6 Settembre

LAntico in Piazza Grande

Modena rinnova lappuntamento in ricordo del tenore Pavarotti con un grande concerto, con allestimenti a lui dedicati nelle vetrine dei negozi del centro storico, mentre sotto i portici del cuore della citt diffusione delle arie dopera cantate dal Maestro.

Festivallosoa

Modena terra di motori

Met Settembre Per 3 giorni Modena, Carpi e Sassuolo propongono incontri con i protagonisti del pensiero contemporaneo, cene, lm, spettacoli e mostre.

Aprile-Maggio Auto davanguardia e macchine depoca saranno esposte nelle suggestive piazze e vie del centro storico di Modena.

29 Settembre

Millemiglia

Maggio La celebre corsa di auto depoca da competizione che attraversa Modena e Ferrara attirando un folto pubblico di appassionati. Le auto storiche transiteranno a Modena per poi proseguire verso Brescia, tappa darrivo della gara.

Evento dedicato al fenomeno del beat, movimento culturale che ha attraversato i decenni. Concerti ed iniziative nella citt che si considera a pieno titolo la capitale del beat. Qui sono nati lEquipe 84, Francesco Guccini, Caterina Caselli, I Nomadi...

Grandezze & Meraviglie Festival Musicale Estense


Fine Settembre met Novembre La rassegna presenta musica dal Medioevo al XVIII secolo, con strumenti depoca, e propone spesso nuove produzioni anche legate alla tradizione estense.

Modena Cento ore classic

Maggio La gara internazionale di velocit per auto storiche con partenza e arrivo a Modena.

Vie - Scena contemporanea festival

Seconda met di Maggio Si svolge a Modena, Carpi e Vignola. Rivolge lo sguardo alla contemporaneit e al suo riesso nelle forme teatrali e nelle espressioni artistiche ibride che gravitano attorno al teatro, alla danza e alla performance, cercando di coglierne le manifestazioni pi nuove, con lobiettivo di disegnare la mappa di un territorio teatrale internazionale e nazionale, valorizzandone i protagonisti.

Festival internazionale delle bande militari

Luglio Musicisti in uniforme provenienti da tutto il mondo daranno vita a parate, concerti e grandi spettacoli con evoluzioni e caroselli.
14 15

Related Interests