You are on page 1of 1

sabato 31 ottobre 2009

PRIMO PIANO 5

IL CAPO DELO STATO SULLA RIPRESA ECONOMICA. INTERVENGONO WALTER VELTRONI E CRISTIANA COPPOLA

Messaggio di Napolitano, la Guidi: facciamo la nostra parte


CAPRI. «Al presidente Napolitano possiamo dire che noi ci siamo e Mezzogiorno e della Campania con i Paesi sull’altra sponda del
faremo sommessamente la nostra parte». La presidente dei Giovani Mediterraneo. Parlare di Mediterraneo può sembrare, come ha detto la I GIOVANI IMPRENDITORI.
imprenditori di Confindustria, Federica Guidi, ha risposto così al Guidi, ragionare su un “tema eccentrico”. Invece, la vicepresidente di
messaggio inviato dal capo dello Stato, Giorgio Napolitano, all'apertura Confindustria, Cristiana Coppola, ha dimostrato che dal Sud Italia è più
GIORGIO FIORE APRE LA CONVENTION DI CA-
del convegno degli junior confindustriali. «Negli ultimi mesi si sono facile svilupparsi verso quei lidi, perché è la direzione a cui guardano i PRI: «PRIORITÀ ALLA LOTTA AL CRIMINE, NO
manifestati i primi segnali di miglioramento della situazione porti di Napoli e di Salerno. Tuttavia, Walter Veltroni, rimestando nel ALLE AREE GRIGIE AL NOSTRO INTERNO»
economica mondiale – ha scritto Napolitano - Restano le preoccupazioni sentimento di raccapriccio per le immagini dell’omicidio alla Sanità, ha
per la lentezza e la fragilità della ripresa in atto». E, dunque, spetta insistito sulla cattiva qualità della realtà sociale che si rischia di
alle istituzioni fare ora riforme condivise e agli imprenditori cogliere esportare in Africa. Ma il timore per le influenze che il crimine esercita
l’occasione per rilanciare l’economia, scrive Napolitano. Nello scenario sulle rotte tra il Sud Europa e l’Africa del Nord è stato anche il nucleo
di Capri, però, si è discusso molto sui rapporti dell’Europa, del dell’intervento di chiusura del ministro dell’Interno Roberto Maroni. rb

CONFINDUSTRIA IL LEADER DEGLI INDUSTRIALI CAMPANIA: COLLEGAMENTO DIRETTO CON PREFETTURE E MINISTERO DELL’INTERNO

«Espelliamo le aziende dei clan»


IL BILANCIO E L’ALLARME DEL MINISTRO MARONI dal nostro inviato l’Astronomia i quali hanno inteso
Rosa Benigno spostare lo sguardo oltre la crisi eco-
«Otto boss in cella al giorno, CAPRI. Non si può progettare svi-
nomica dei nostri confini per allun-
garlo ai futuri traffici nel bacino d’ol-
infiltrazioni mafiose a L’Aquila» luppo nel Mezzogiorno senza con-
frontarsi con la criminalità che im-
tresponda. «Va detto – ha affermato
Fiore – che non si può parlare di svi-
CAPRI. «Da quando siamo al governo perversa nel territorio. Non ci si può luppo nel Mediterraneo senza porre
abbiamo arrestato una media di 8 presentare sul palco della vetrina na- il tema centrale della lotta al crimi-
mafiosi al giorno». Lo ha detto il zionale di Confindustria Giovani ne. Bisogna combattere le mafie ita-
ministro dell'Interno, Roberto Maroni senza affrontare lo spettro della vio- liane e quelle straniere. Pensare al-
(nella foto), intervenendo dal palco lenza che pervade la società della lo sviluppo significa esigere dalle
del convegno dei Giovani Industriali a Campania. Impossibile sfuggire al- istituzioni competente un impegno
Capri. Poi il titolare del Viminale ha le domande che sollevano i numeri costante e crescente sul fronte del
aggiunto: «Un risultato ottimo, ma che sull’incidenza del racket, dell’usura, contrasto alla criminalità».
Il presidente degli industriali campani Giorgio Fiore (Foto Agn/De Luca)
la dice lunga su quanti siano i mafiosi dell’infiltrazione dei clan nelle isti- Ai Giovani di Confindustria, sempre
in giro e su quanto lavoro ci sia tuzione e negli appalti. Con gli oc- portatori di grandi speranze per il fu-
ancora da fare». Maroni ha lodato chi feriti dalle immagini del video- finché le istituzioni competenti a timafia nel momento in cui manife- turo ma ancora acerbi nelle analisi,
l'opera del presidente di choc in cui un killer spara e uccide svolgere controlli e verifiche ci se- stano l’intenzione di essere iscritte Fiore ha sottoposto un problema co-
Confindustria Sicilia, Lo Bello «ci ha un boss napoletano tra la gente in- gnalino, di anno in anno le aziende alla nostra associazione. È necessa- gente spiegando: «Come imprendi-
dato molti suggerimenti e per questo differente, il presidente di Confin- sospette, perché ritenute collegate rio – ha proseguito – monitorare nel tori bisogna impegnarci in prima
lo ringrazio». Il ministro ha anche rivelato che nella ricostruzione de dustria Campania, Giorgio Fiore, ha ad esponenti di gruppi criminali». tempo la trasparenza dei nostri as- persona, interrogarci, senza alibi,
l'Aquila «si sentono le infiltrazioni mafiose». Per questo motivo, il dovuto trovare il coraggio di pren- L’obiettivo è di riuscire così a sbar- sociati, nonché quella delle aziende sull’esistenza di aree grigie o peg-
ministro dell'interno ha annunciato che nel capoluogo abruzzese dere per primo la parola alla con- rare la strada alle imprese che si af- alle quali subappaltiamo le nostre gio, di collusione al nostro interno».
colpito dal sisma il 6 aprile scorso verrà insediato un comitato vention in corso a Capri per antici- fiancano alla criminalità al tentati- commesse». «E invito proprio i giovani che si riu-
nazionale per le grandi opere, come quello che c'è a Roma «con il pare le insinuazioni o le accuse di vo di vestire in giacca e cravatta, ri- Fiore ha lanciato un appello che è niscono qui a Capri ad affiancarci in
compito di vigilare sulle infiltrazioni mafiose». Il ministro fa anche corresponsabilità nel degrado del fugiandosi sotto le ali protettive di anche una risposta a chi punta il di- questa battaglia – ha concluso Fio-
il punto sulla lotta alla malavita. «Da quando siamo al governo territorio. E lo ha fatto lanciando una Confindustria. to contro gli industriali di questa ter- re – individuiamo insieme la strada
abbiamo sequestrato beni alla mafia per un controvalore di 5,3 sfida fortissima alla camorra. «Biso- Il presidente degli imprenditori del- ra martoriata, giudicandolo scarsa- per far sì che la trasparenza, al no-
miliardi», dice a Capri. «Abbiamo fatto una aggressione senza gna creare un collegamento diretto, la Campania lo ha affermato con mente coraggiosi o persino collusi. stro interno, non resti solo un’ambi-
precedenti ai patrimoni mafiosi, noi siamo pronti a continuare e costante, tra associazione degli in- chiarezza: «Non è sufficiente, infat- Lo ha fatto nell’ottica più ampia del zione, ma diventi una realtà- Fac-
perché questa è la strada giusta. Se togliamo i soldi - sottolinea dustriali – ha affermato Fiore – pre- ti, come già facciamo, verificare che tema Mediterraneo, che è stato pro- ciamo sì che l’aquila confindustria-
Maroni - va in crisi il sistema militare della mafia». fetture e ministero dell’Interno, af- le aziende abbiano il certificato an- posto dagli under 21 di viale del- le diventi un simbolo della legalità».

L’ANNUNCIO BASSOLINO PUNTA SUL TEMA CARO AGLI INDUSTRIALI: PRONTA LA FIRMA

«Credito d’imposta, Campania prima»


dal nostro inviato morra». La risposta di Bassolino è rare fondi per perseguire questo rivato il momento di avviare la terza
stata pacata e seria: «La camorra – obiettivo. Bassolino ha anche espres- fase: «Dopo il vecchio centralismo
CAPRI. «Abbiamo concluso con il ha detto il presidente della Regione so un giudizio positivo sulla Banca della Cassa, che è alle nostre spalle,
ministero del Tesoro l'iter per il cre- - la chiamavano quelli che avevano per il Mezzogiorno voluta dal mini- e dopo l'indubbio regionalismo ec-
dito di imposta regionale. Mercoledì interessi che lo Stato non aprisse gli stro Tremonti «soprattutto se si met- cessivo e autosufficiente» bisogna
firmeremo e chiuderemo tutto». Il impianti e non facesse le discariche, terà al servizio delle piccole e medie realizzare insieme «grandi progetti
presidente della Regione Campania, quelli che sobillavano apposta le imprese». Le grandi banche devono interregionali di trasporti e delle fer-
Antonio Bassolino, non ha derogato, piazze. Noi, insieme al rovie». Il governatore non si è limita-
nemmeno a Capri al suo stile che governo, abbiamo colla- Siparietto del governatore con la “Ie- to a parlare della situazione econo-
prevede di lanciare annunci popola- borato intensamente per na” Lucci: «Rivolgermi alla camorra mica nel Sud, ma ha guardato anche
ri in occasione di eventi di interesse la soluzione dell'emer- per l’emergenza rifiuti? No, i boss all'Italia, nel suo complesso. Un pae-
nazionale. Lo ha fatto anche ieri in genza rifiuti». «Ma per- erano con chi bloccava gli impianti» se che «cresce troppo poco, in diversi
occasione del convegno dei Giovani chè non si rivolge - ha in- luoghi spesso è ferma da 15 anni.
di Confindustria a Capri. Non lo ha sistito Lucci - alla signora camorra?». essere «più intelligenti e flessibili» Dobbiamo fare i conti con alcuni ma-
scalfito nemmeno la provocazione di «Non posso - ha risposto il governa- verso gli imprenditori del Sud che li molto profondi della realtà italia-
Enrico Lucci, il popolare inviato del- tore della Campania - io la camorra l'- hanno buone idee e, pensa Bassoli- na». Per Bassolino è arrivato il mo-
le Iene, ormai abituale tormentone ho combattuta sin da giovane». Poi, no, la Banca di Tremonti stimolerà i mento di «cambiare il clima e avere
dell’appuntamento degli under 40 ancora dal palco di Confindustria al grandi istituti di credito internazio- un clima diverso, capace di supera-
nell’isola azzurra, il quale gli ha chie- Grand Hotel Quisisana, ha ribadito nali a impegnarsi su questo fronte. re quella sorta di permanente guer-
sto perché «per risolvere la questio- l’importanza di combattere con le Secondo il presidente della Regione ra civile e politica che c'è spesso in
Il governatore della Campania Antonio Bassolino a Capri (Foto Agn/De Luca)
ne spazzatura non si è rivolto alla ca- istituzioni la criminalità e di assicu- Campania, per il Mezzogiorno è ar- un paese come il nostro». roben

LA PROTESTA CORTEO ANTI-SIPPIC CERCA DI RAGGIUNGERE LA SEDE DEL CONVEGNO

Manifestanti vanno all’assalto, tafferugli in Piazzetta


di Giuseppe Catuogno 16 in punto in località Due Golfi: Emanuele, con calci, pugni e incontrare esponenti politici pre-
da qui il corteo si sarebbe dovu- spintoni: tre manifestanti sono senti al convegno di Confindu-
CAPRI. Tafferugli tra manife- to dirigere al porto. Ma i manife- stati fermati e condotti in com- stria per esporre le problemati-
stanti e polizia durante il corteo stanti hanno preferito un’inver- missariato, per poi essere rila- che oggetto della rivolta. Ma so-
contro la centrale elettrica della sione di rotta ed hanno deciso sciati in serata. Un poliziotto è ri- no riusciti a parlare solo con Wal-
Sippic e contro l’inquinamento (per avere una maggiore visibi- masto lievemente ferito, contusi ter Veltroni, ricevuto nella stanza
svoltosi ieri pomeriggio a Capri. lità dato il contemporaneo svol- anche alcuni manifestanti. Al- del sindaco Ciro Lembo. «Non
Oltre 500 persone, la maggior gimento del convegno dei gio- l’altezza dell’hotel La Palma il vogliamo morire di inquinamen-
parte abitanti di Marina Grande vani industriali al Quisisana) di corteo è stato definitivamente to», sbotta Anna De Simone, por-
e della zona antistante la centra- spostarsi verso la Piazzetta, no- fermato. A dirigere le operazioni tavoce dei manifestanti. «È ora
le, ma anche esponenti delle as- nostante il divieto della polizia. I il questore in persona, Santi Giuf- di dire basta ai soprusi», dice
sociazioni di commercianti e al- partecipanti al corteo hanno for- frè, insieme al vicequestore Ste- Guido Lembo, il famoso cantan-
bergatori, consiglieri comunali, zato un primo cordone di agenti fano Iuorio del commissariato di te caprese, in testa al corteo. Per
l’assessore di Capri Sandro Cop- in piazzale Europa, quindi di cor- Capri. Dopo una lunga trattativa Tiberio Brunetti e Tonino De Tur-
pola e ambientalisti guidati dal- sa hanno raggiunto via Roma. I il corteo, con in testa donne, ris, consiglieri comunali di Ana-
la presidente di Marevivo Rosal- primi tafferugli si sono svolti qui, bambini e anziani che indossa- capri, «bisogna risolvere defini-
ba Giugni, hanno preso parte al- in prossimità dello stazionamen- vano mascherine anti-fumi, è ri- tivamente il problema della cen-
la manifestazione promossa dal- to degli autobus. Poi una volta tornato in Piazzetta dove sono trale». Sergio Gargiulo, presi-
l’associazione “Chi ama Capri” e giunti in Piazzetta la situazione stati esposti numerosi striscioni dente di Federalberghi Capri, è
da un comitato spontaneo di cit- sembrava tranquilizzarsi quan- e cartelli contro la Sippic e con- entusiasta: «La grande parteci-
tadini. Al grido “per non morire do all’improvviso di nuovo ten- tro l’inquinamento. Una delega- pazione alla manifestazione ci fa
Un momento degli scontri tra manifestanti e polizia
di inquinamento” il raduno alle sione e disordini in via Vittorio zione di cittadini ha chiesto di ben sperare».