You are on page 1of 98

David Donnini

GAMALA
La citt che per 2000 anni ha custodito il segreto delle origini di Ges Coniglio Editore

QUESTA LA VERSIONE PDF, CONCESSA ESCLUSIVAMENTE PER LA CONSULTAZIONE PRIVATA, DEL LIBRO GAMALA, DI DAVID DONNINI, PUBBLICATO DA CONIGLIO EDITORE (ROMA) NEL 2010. SOTTOPOSTO A COPYRIGHT. VIETATO COPIARE IL TESTO, INTERO O IN PARTE, MODIFICARLO, STAMPARLO, UTILIZZARLO PER FINI COMMERCIALI. EVENTUALI CITAZIONI DI BRANI DEL LIBRO DEVONO ESSERE AUTORIZZATE, INTEGRALI, IMMODIFICATE E RIGOROSAMENTE ACCOMPAGNATE DALLINDICAZIONE: 1) 2) 3) 4) 5) DEL TITOLO ORIGINALE, DEL NOME E COGNOME DELLAUTORE, DELLEDITORE, DELLANNO DI PUBBLICAZIONE, DELLINDIRIZZO WEB http://www.nostraterra.it

OGNI ABUSO CHE NON RISPETTI QUANTO RICHIESTO DAR LUOGO A PROCEDIMENTO LEGALE. PER EVENTUALI AUTORIZZAZIONI RIVOLGERSI A: david.donnini@gmail.com

Indice
Introduzione................................................................................................................................................ 5 1 - Sulle alture del Golan ........................................................................................................................... 9 La scoperta di Gamala............................................................................................................................. 9 Visita a Gamala...................................................................................................................................... 10 Storia della citt sul monte. ............................................................................................................... 12 La fine di Gamala................................................................................................................................... 17 2 - Ges il Messia...................................................................................................................................... 20 Il regno di Dio........................................................................................................................................ 20 Apostoli, fratelli e zeloti. ........................................................................................................................ 25 3 - Gli ultimi giorni di Ges..................................................................................................................... 33 Il proposito di uccidere Ges. ................................................................................................................ 33 Lunzione a Betania. .............................................................................................................................. 34 Lentrata messianica in Gerusalemme................................................................................................... 37 La cacciata dei mercanti dal tempio. ..................................................................................................... 38 Ultima cena. ........................................................................................................................................... 40 Ladunata sul monte degli ulivi.............................................................................................................. 43 Larresto................................................................................................................................................. 44 Il processo davanti al sommo sacerdote. ............................................................................................... 46 Il processo romano................................................................................................................................. 49 Lo scherno dei soldati. ........................................................................................................................... 54 La via crucis........................................................................................................................................... 55 La crocifissione ...................................................................................................................................... 56 Riepilogo ................................................................................................................................................ 59 4 Dopo la morte di Ges.................................................................................................................... 60 I testimoni della morte............................................................................................................................ 60 Deposizione e sepoltura. ........................................................................................................................ 61 La visita al sepolcro. .............................................................................................................................. 63 5 - La famiglia di Ges............................................................................................................................. 67 Giuseppe, Alfeo, Cleofa.......................................................................................................................... 67 Ioses/Iesous/Ioannes .............................................................................................................................. 68 Giacomo il Giusto. ................................................................................................................................. 69 Giuda/Tommaso/Lebbeo/Taddeo/Teuda. ............................................................................................... 70 Simone/Pietro/barjona/cananeo............................................................................................................. 71 Ancora Ioses/Iesous/Ioannes.................................................................................................................. 72

Gamala/Betsaida. ...................................................................................................................................74 6 Nazaret/Gamala ...................................................................................................................................76 Betlemme, citt natale di Ges? .............................................................................................................76 La profezia del Nazareno........................................................................................................................76 Ges il Nazareno. ...................................................................................................................................79 Nazaret, la citt che gioca a nascondino................................................................................................80 Ges a Nazaret. ......................................................................................................................................81 La citt sul monte....................................................................................................................................84 Larea di maggior frequentazione di Ges. ............................................................................................86 La guerra giudaica. ................................................................................................................................88 Gamala, la citt di Ges. ........................................................................................................................92 Bibliografie ................................................................................................................................................97

Introduzione
Circa venti secoli fa, nellarea mediterranea orientale, stata effettuata una sintesi religiosa destinata a conquistare loccidente e a condizionare in modo determinante la storia del mondo. Nasceva il cristianesimo, una coraggiosa evoluzione del messianismo ebraico, che poneva al centro della propria attenzione la figura di Nostro Signor Ges Cristo. Lautore di questa sintesi, lungi dallessere Ges, fu inizialmente un ebreo della diaspora, nativo di Tarso, in Cilicia (odierna Turchia meridionale), che aveva ricevuto uneducazione farisaica, ma che portava dentro di s la profonda influenza delle spiritualit gentili romana, greca e medio orientale. Si chiamava Shaul ma, essendo cittadino romano, era conosciuto anche con un nome latino: Paulus. Chi realmente fosse questuomo e che cosa realmente abbia fatto cosa destinata a rimanere avvolta nel mistero, perch le fonti che parlano di lui hanno carattere confessionale e/o apologetico, e non ci concedono laffidabilit storica necessaria per raggiungere una conoscenza sicura. Come del resto tutta la questione che andremo a trattare, sulla quale giusto che rimanga un ampio margine di dubbio. Certo che il substrato storico sul quale stata costruita la figura di Nostro Signor Ges Cristo, se, come sono propenso a credere, questa identit realmente esistita, non ha voluto il cristianesimo cos come lo conosciamo oggi, n ha mai immaginato che intorno alla sua persona sarebbe nata una fede al di fuori dellebraismo, per di pi conflittuale con esso. Tale substrato, a cui finiremo per dare un molteplice nome di comodo, Iesous/Ioses/Ioannes, condizionati dallinevitabile clima di incertezza in cui si svolge questa ricerca, era nato ebreo, ebreo era vissuto, tale era morto, e tutta la sua vita era stata caratterizzata dal forte attaccamento ad una delle forme pi tradizionali e fondamentaliste dellebraismo. Come e perch da questo punto di riferimento si sia avviato un processo che ha dato origine allattuale fede cristiana, anche attraverso meccanismi di autentico ribaltamento, un fatto complesso in parte chiarito, ma comunque non privo di numerosi punti oscuri. Volendo sintetizzare, potremmo dire che la spinta primaria si originata dal bisogno di allontanare i pericoli dellazione messianista rivoluzionaria, che non solo hanno minacciato la sicurezza della nazione israelitica, ma lhanno portata alla rovina, causando la disfatta nella guerra giudeo romana degli anni 66-70, la diaspora del popolo, nonch un lungo e penoso destino di emarginazione e di persecuzione. Il fatto mitico che rappresenta linizio del processo di formazione della fede cristiana la cosiddetta conversione sulla via di Damasco, una sorta di illuminazione che Shaul/Paolo dichiara di avere ricevuto durante il percorso verso il capoluogo della Siria, quando Ges in persona gli sarebbe apparso per chiamarlo a sostenere e propagare il suo insegnamento. Una scelta paradossale, dal momento che Shaul/Paolo non solo non aveva mai incontrato personalmente Ges, ma i seguaci di lui e testimoni oculari erano ancora vivi e attivi, e Shaul/Paolo, fino a quel momento, se ne era dimostrato feroce nemico. Dunque, cronologicamente parlando, i documenti pi originali del cristianesimo primitivo, che riportano il pensiero di Shaul/Paolo relativo a Ges, sono le sue lettere, oggi inglobate nel Nuovo Testamento dopo i quattro Vangeli e gli Atti degli Apostoli. Sono scritti precedenti di 30-40 anni la redazione dei Vangeli, e quindi fondamentali per determinare il profilo della primissima fede cristiana. Sebbene una lunga serie di dubbi possa essere posta sullautenticit delle lettere di Paolo, di alcune in particolare e di tutte in generale.

Fino ad oggi, a mio parere, non stata data giusta importanza ad un fatto: lanalisi del salto di contenuti della fede cristiana, dalle lettere di Paolo ai successivi documenti neotestamentari, decisiva per capire se alcuni aspetti dellimmagine di Ges, e del racconto della sua vita, siano stati riconosciuti fin da subito o introdotti in seguito. Cominciamo col notare che il Ges delle lettere paoline un personaggio fuori dalla storia, senza coordinate spazio temporali. Nel rappresentarlo, Paolo si mostra privo non solo della necessit, ma anche dellintenzione di delinearne un profilo biografico, esigenza che, successivamente, far parte integrante della redazione evangelica. Il Ges di Paolo semplicemente il risorto dai morti, estraneo allindividuo reale in carne ed ossa, di cui sembra che a Paolo non importasse niente, o che gli desse addirittura fastidio. E tutto questo ben visibile nel clima di insanabile conflitto, che gli scritti cristiani si sforzano inutilmente di ricomporre, fra Shaul/Paolo, autoelettosi apostolo privilegiato per presunta rivelazione diretta, e i seguaci di Ges, in particolar modo Giacomo, suo fratello, abbastanza importante da essere scelto come successore alla guida di quella che chiamiamo chiesa di Gerusalemme. Gli scritti cristiani hanno sempre cercato di minimizzare o ignorare questo fatto, molto diverso dallidea, falsa, che il primo successore di Ges sia stato Simon Pietro. Com possibile trascurare il fatto che il Ges delle lettere di Paolo, diversamente da quello che alcuni decenni pi tardi sar il Ges della narrazione evangelica, non ha un luogo di origine n un luogo di residenza? Non ha niente a che fare con Betlemme. Non ha niente a che fare con quella che gli sar successivamente attribuita come citt di residenza, Nazaret. Non ha genitori, semplicemente nato da donna1, come qualunque altro uomo. Non figlio di una vergine. Per risorto dalla morte nella fisicit del corpo, cosa che i seguaci diretti, che lo avevano conosciuto personalmente, contestavano a Paolo, insieme a innumerevoli altre cose. Maria, Giuseppe, la nascita verginale, lorigine Betlemita, la residenza Nazaretana, ecc, sono importanti caratteristiche, senza le quali oggi non possiamo pensare Ges, ma non dobbiamo dimenticare che sono comparse a posteriori della predicazione di Shaul/Paolo, nel corso di quel grande processo di sintesi creativa di cui il tarsiota era stato liniziatore e lispiratore, ma del quale non conosceva n poteva prevedere gli straordinari sviluppi. abbastanza ovvio che, avendo strutturato il Nuovo Testamento coi Vangeli allinizio, poi gli Atti degli Apostoli, e solo dopo le Lettere paoline, cio stravolgendone lordine cronologico, si d limpressione che la nascita Betlemita e la residenza Nazaretana (rappresentate soprattutto nei Vangeli sinottici) siano concetti primitivi, poi automaticamente impliciti nelle lettere di Paolo, anche se non espressi. Quando invece la fase di elaborazione cristologica realmente primitiva, che corrisponde appunto alla redazione delle lettere paoline, non sfiora nemmeno lontanamente lidea che Ges fosse nato a Betlemme e vissuto a Nazaret. Trenta, o forse quarantanni dopo, a Roma, qualcuno ha iniziato a redigere un testo contenente vita, opere e insegnamenti di Ges e, se andiamo ad analizzare attentamente il Vangelo di Marco, possiamo avanzare lipotesi che le due citt di Ges non fossero ancora inserite nella sua biografia2, mentre a partire da

Gal 4, 4. Betlemme non esiste nel testo marciano e, per quanto riguarda Nazaret, basterebbe semplicemente immaginare che lunica sua citazione, allinizio del testo, (Nazaret di Galilea Mc 1, 9) sia uninterpolazione successiva, o magari una variazione degli aggettivi Nazoraios e Galilaios che, come vedremo, sono titoli settari.
2

Matteo iniziano a comparire queste coordinate geografiche, con funzioni ideologiche e dottrinali che chiariremo in seguito. Il tema specifico di questo lavoro la questione relativa alla citt di Ges, quella in cui sarebbe nato e cresciuto. Lipotesi proposta (perch come ipotesi intendiamo trattarla) che tale citt si trovasse sulle prime alture del Golan (Gaulanitis), a brevissima distanza dalla riva nord orientale del lago di Tiberiade e dalla cittadina di Betsaida, che le faceva da accesso portuale alle acque del lago. Nazaret non sarebbe stata niente per Ges, come ipotesi estrema non sarebbe nemmeno esistita al suo tempo, e avrebbe solo fornito lo spunto per una correzione di significato del titolo ha-Notzri (ebraico), Nazorai (aramaico), Nazoraios (greco), che in origine non aveva alcuna relazione col fatto di essere proveniente da una determinata citt. Credo sia essenziale chiarire che questo lavoro non motivato da una passione materialista ed anticlericale. Al contrario, se c stato e c tuttora, uno stimolo al desiderio di indagare la verit storica dietro le religioni in generale, e il cristianesimo in particolare, questo dovuto al forte richiamo verso una spiritualit autentica, che non sia ingabbiata nei recinti asfittici delle dottrine dogmatiche. Gli anticlericali atei e razionalisti, che in passato hanno utilizzato a loro favore i miei scritti, sono respinti dalla spiritualit, io ne sono costituzionalmente attratto. Ed giusto che io dichiari apertamente la mia distanza da ogni posizione di carattere ateo, agnostico e razionalista. Oggi, purtroppo, viviamo in unepoca di grandi conflitti religiosi. Tant vero che i principali scontri politici ed anche militari si sviluppano proprio sulle linee di frontiera religiose. Ma le singole chiese, dopo aver garbatamente simulato forme superficiali di tolleranza e apertura interconfessionale, com inevitabilmente richiesto da un mondo che corre verso la globalizzazione, continuano a difendere lesclusivit e la superiorit della loro dottrina, alimentando in definitiva ci che dicono di combattere: lintegralismo, lintolleranza, la conflittualit. Su questo piano il cattolicesimo, in particolare, sta facendo da tempo una triste serie di passi indietro. Cos come la societ laica e civile sta facendo numerosi passi indietro rispetto allo sviluppo della tolleranza e della comprensione. Infatti le autorit della Comunit Europea si sono spinte fino a vietare la presenza dei crocifissi nelle aule scolastiche, nel nome di un presunto rispetto della pluralit di fede, quando il fatto stesso costituisce una grossolana superficialit nei confronti delle tradizioni e della cultura di un paese che non deve certo vergognarsi della sua storia. Di cosa ha paura questo laicismo idiota, pavido coi minareti e arrogante coi crocifissi? Personalmente non credo affatto che la conoscenza critica delle origini cristiane, quandanche dovesse mostrare le profonde differenze tra il Ges del catechismo e quello della storia, presupporrebbe la caduta automatica della fede. Dipende naturalmente che come ciascuno la intende. Se la si percepisce come adesione incondizionata allinsegnamento delle autorit ecclesiastiche, qualunque deviazione dalla dottrina comporta una situazione di incompatibilit che mette in dubbio la sostanza della fede. Ma se questa il riconoscimento di una serie di valori che, in vari contesti storici, sociali e culturali, possono essere rappresentati in modi diversi, allora la fede non ha alcuna paura della verit, e non si pone in modo conflittuale con essa. La fede cattolica ha comunque gi avuto una grande evoluzione, da unimpostazione rigidamente ecclesiocentrica, che in alcuni casi sopravvive ancora, ad una cristocentrica, e si sta muovendo, seppur molto lentamente, verso una fase teocentrica. Personalmente, mi sento gi in una fase successiva, che

pone al centro di tutto la ricerca interiore e spirituale. Ed con questanimo che consegno al pubblico il mio lavoro, dispiaciuto del fatto che susciter molti fraintendimenti, in primo luogo sul fatto che il porsi certe domande non significa in modo automatico possederne le risposte. Mentre possedere gi tante risposte significa, probabilmente, non essersi mai posti autentiche domande.

1 - Sulle alture del Golan


La scoperta di Gamala. 5 giugno 1967. I caccia israeliani sferrano un improvviso attacco contro lEgitto e la Siria, distruggendo quasi del tutto laviazione militare di quei paesi. linizio di quella che passer alla storia come guerra dei sei giorni, un conflitto che si concluder rapidamente con la vittoria di Israele e con una grande espansione del territorio sotto il suo controllo. Nella foga dei combattimenti gli israeliani attaccano persino una nave americana, la USS Liberty, nelle acque internazionali del mediterraneo, provocando decine di morti e ancor pi feriti. Due giorni dopo iniziano i bombardamenti sulle alture del Golan, in territorio siriano. Sono i preparativi per lattacco di terra verso questarea situata a nord est del lago Kinneret3. Il 9 giugno i soldati di Israele avanzano fra le colline e si scontrano duramente con le forze siriane, nel corso di sanguinosi combattimenti. Durante lavanzata fra le prime alture del Golan, a breve distanza dalla riva del lago Kinneret, alcuni soldati di Israele risalgono la scarpata che conduce alla vetta di uninsolita collina: ripida verso sud, ma pur sempre praticabile, rocciosa e precipitosa verso nord. Qua e l affiorano evidenti ruderi: pietre squadrate, frammenti di mura e scalinate. In cima, immersi nel verde dellesuberante vegetazione, i resti di una torre e di possenti mura di fortificazione. I soldati si rifugiano fra le rovine, si appoggiano ai muretti, si distendono esausti al riparo di questo curioso non-si-sa-cosa. Qualche sorsata dalla borraccia, un po di sollievo per le spalle spezzate dal peso dello zaino, un istantaneo relax. Il comandante annota nel diario la sosta fra i ruderi e li descrive come tracce di un antico fortilizio arroccato sulla cima di un colle precipitoso. Poi la guerra lampo finisce. Con perdite di vite umane ingenti e diseguali: 800 israeliani contro 15.000 fra egiziani, giordani, siriani ed iracheni. I sopravvissuti tornano a casa, alcuni con ferite irreparabili che cambieranno impietosamente la loro vita. Madri, vedove e fidanzate piangono. Adesso la striscia di Gaza appartiene ad Israele, e cos Gerusalemme est, la Cisgiordania, le alture del Golan. Per molti arabi e musulmani inizia un lungo e, fino ad oggi, interminabile periodo di sottomissione allo stato israeliano. Le autorit del governo vittorioso si trovano a gestire nuovi territori, che devono essere ben conosciuti, al fine di essere amministrati e sfruttati per lespansione coloniale degli insediamenti ebraici, ma anche per le eventuali risorse naturali, nonch per ragioni strategiche militari. Ed in questa fase che viene segnalata alla Israel Antiquities Authority la presenza, sulle alture del Golan, di rovine interessanti per conformazione e posizione. Gi lanno successivo, nel 1968, il professor Itzhak Gal, durante una campagna di esplorazione delle alture, visit il sito. Fu lui ad avanzare per primo lipotesi che quellinsediamento potesse corrispondere ad unantica citt, Gamla (= cammello), o Gamala, di cui si erano completamente perse le tracce, descritta con insistenza e dettagliatamente dallo storico ebreo Giuseppe Flavio.

Il lago pu essere chiamato anche di Tiberiade, Gennsaret o, nelle narrazioni evangeliche, mare di Galilea.

Gamala non si era sottomessa confidando ancor pi di Iotapata nelle sue difese naturali. Da unalta montagna si protende infatti uno sperone dirupato il quale nel mezzo sinnalza in una gobba che dalla sommit declina con uguale pendio sia davanti sia di dietro, tanto da rassomigliare al profilo di un cammello; da questo trae il nome, anche se i paesani non rispettano lesatta pronuncia del nome. Sui fianchi e di fronte termina in burroni impraticabili mentre un po accessibile di dietro, dove come appesa alla montagna, ma anche qui gli abitanti, scavando una fossa trasversale, avevano sbarrato il passaggio. Le case costruite sui ripidi pendii erano fittamente disposte luna sopra laltra: sembrava che la citt fosse appesa e sempre sul punto di cadere dallalto su se stessa. Affacciava a mezzogiorno, e la sua sommit meridionale, elevandosi a smisurata altezza, formava la rocca della citt, sotto cui un dirupo privo di mura piombava in un profondissimo burrone4.

Visita a Gamala. Sono stato a Gamala nel mese di luglio del 1997. In quei giorni ero alloggiato a Nazaret, allHotel San Gabriel. Lo stesso gestore, poco dopo la mia sistemazione in camera, si offr di accompagnarmi a vedere il panorama dalla cima del campanile della chiesa annessa allex convento, che era stato trasformato in albergo. Da quel punto si poteva dominare a 360 gradi la vista della citt ove le scritture cristiane ambientano la vita di Ges. Limpressione fu stupenda. La citt appariva adagiata nella conca formata da alcune morbide colline, sotto un cielo assolutamente blu. Campanili e minareti sembravano aver stretto amicizia, mentre al suono delle campane si alternava il canto del muezzin. Pi in lontananza, verso sud, si scorgeva la piana di Afula, avvolta in una leggera foschia. Per me Nazaret era soltanto una base, un luogo dove alloggiare durante la visita alla Palestina settentrionale. Il mio maggiore interesse era pi a nord est, sulle prime alture del Golan: si trattava della citt di Gamala. Ricordo ancora la grande emozione che avevo addosso quando iniziai a guidare la Fiat Punto bianca, presa a noleggio a Gerusalemme, avendo come meta Gamala. Mi sentivo come un fidanzato che doveva raggiungere la promessa sposa. Arrivavo addirittura a domandarmi se la citt esistesse davvero. Se, per qualche strana suggestione, non si fosse trattato di un sogno creato dalla mia mente. In un primo tempo il viaggio fu una discesa verso il lago Kinneret, fra colline che il clima dellestate aveva reso gialle. Poi percorsi la strada costiera occidentale, in direzione nord, fino a incontrare le segnalazioni per il sito archeologico di Cafarnao. Dopo aver attraversato il Giordano, lasciai il lago Kinneret e le sue verdi sponde, che oggi sono ombreggiate da lunghi filari di eucaliptus, procedendo verso nord-est, e cominciai a salire per strade abbastanza tortuose dalle quali possibile ammirare panorami stupendi. Il traffico era limitatissimo, non incontrai praticamente nessuno, tranne veicoli militari e caserme circondate da fili spinati. In basso la vallata ove si adagia il lago si mostrava in tutta la sua bellezza, mentre in alto si scorgevano colli nei quali non mancava la vegetazione verde: i non pochi alberi, appartenenti probabilmente alla famiglia delle querce, apparivano come punti e macchie

Giuseppe Flavio, La Guerra Giudaica, IV, 1, 1.

nelloceano giallo dellerba. So che in primavera il Golan si tinge di fiori rosa, purtroppo lho visto solo in fotografia: sembra che il creatore si diverta a fare il pittore fra queste alture. Continuando a salire giunsi a scollinare sullaltipiano, quasi piatto o leggermente ondulato, il cui paesaggio ricorda gli spazi solenni delle savane africane o del west americano. Nessuna somiglianza con la valle inferiore del Giordano, nei pressi del Mar Morto. Laggi domina incontrastata la pietra resa rovente dalla potenza del sole. Poi, con piacevole sorpresa, mi sono accorto che grandi avvoltoi stavano descrivendo evoluzioni circolari sulla mia testa, con le loro immense ali spiegate, senza movimento, come barche a vela capaci di fluttuare nellaria. Ho continuato cos sullaltipiano finch, ad un certo punto, ho trovato un cartello che indicava una deviazione verso sinistra: Gamala, parco nazionale, localit archeologica. Qui la strada era sterrata e piena di buche. Un paio di chilometri e sono giunto allingresso del parco, dove una gentile signorina mi ha invitato a pagare il biglietto, e mi ha fornito utili informazioni raccomandandosi, come in tutti i siti archeologici di Israele: Take some water with you!. Da qui la cittadella sul monte non ancora visibile, anzi, il paesaggio intorno completamente piatto, caratterizzato da erba alta, cespugli e alberi sparsi. Mi venuto spontaneo domandarmi se, per caso, non mi trovassi nel posto sbagliato. Ma il dubbio si risolto poco dopo. Infatti bastato camminare per due minuti, lungo il sentiero pianeggiante che conduce verso occidente, per trovarmi improvvisamente sullorlo di una ripida scarpata rocciosa. Una vallata scoscesa puntava verso il lago Kinneret, quasi un immenso crepaccio che spezzava il pianoro e lo divideva in due parti mentre, al centro di questo avvallamento, una rocca si ergeva verso lalto e formava un picco roccioso che terminava in un baratro. A rendere ancora pi suggestivo il tutto contribuivano le picchiate degli avvoltoi, che si gettavano nel vuoto della valle per poi risalire comodamente sullonda di qualche corrente ascensionale. Da lontano giungeva il suono di una cascata o di un torrente. Laggi, nel 67 d.C., la X Legio Fretensis, agli ordini del generale Vespasiano, espugnava la citt e faceva strage dei suoi abitanti. A questo punto stato necessario iniziare la discesa lungo un sentiero accidentato che, in un quarto dora circa, mi ha consentito di raggiungere il luogo degli scavi. Sono arrivato cos ad una selletta dalla quale mi apparsa in tutta la sua possenza la cinta muraria che proteggeva la citt, costruita con grandi blocchi di basalto scuro. Lo sterrato portava diritto alla breccia che consente di superare le mura ed entrare in Gamala. I resti della sinagoga furono subito visibili, a pochi passi. Sono rimasto incantato ad ammirarla in ogni dettaglio. Tuttintorno ho raccolto strani fiori secchi che ora conservo come un prezioso cimelio. Un po pi in alto ho trovato la mikvah, la vasca in cui venivano praticate le abluzioni rituali. Un sentiero conduceva verso la parte occidentale del villaggio, attraverso un percorso a mezza costa, leggermente pi in basso del crinale, sul versante a mezzogiorno. Ed ecco i resti delle abitazioni, le gradinate, il grande frantoio parzialmente ricostruito. Su questa solitudine e questo abbandono ho cercato di inserire con la fantasia le immagini di una citt piena di vita e di movimento ma anche, purtroppo, quelle di combattimenti feroci, accompagnati dal suono di urla strazianti e lamenti di morte. La frazione occidentale del villaggio mi faceva pensare a Machu Picchu, il celebre paese inca nascosto sulle Ande peruviane. Le mura erano forti, ben costruite, le gradinate disegnate con la sapienza del miglior architetto. Sono salito verso la cresta del monte e, da qui, ho raggiunto la cima: una posizione impressionante, una sensazione di respiro appagante, e il timore di trovarsi sul ciglio di un precipizio

roccioso che guarda verso nord. Verso occidente si allungava la valle che raggiunge il lago Kinneret, in corrispondenza della piana di Betsaida. In quel momento ho invidiato gli avvoltoi, perch avrei voluto planare verso il lago, dominando il paesaggio dallalto.

Storia della citt sul monte. Gamala, a cavallo fra il I sec. a.C. e il I sec. d.C., era stata un importante centro per la produzione di olio doliva. Ma aveva acquistato fama soprattutto perch costituiva il luogo dorigine dei principali esponenti del fanatismo nazional religioso e della lotta antiromana. Nel corso della terribile guerra degli anni 66-70 d.C., fra ebrei e romani, Gamala divent una tenace roccaforte della resistenza, al punto che, per essere espugnata, dovette essere posta dassedio per mesi, prima da Erode Agrippa, poi dalle legioni romane, comandate dal generale Vespasiano, non ancora eletto imperatore. In quelloccasione la citt fu completamente distrutta e i suoi abitanti massacrati. Le sue rovine rimasero l, visitate forse soltanto da capre e pastori. Finch nel 1967 i soldati israeliani non vi fecero il loro passaggio. Negli anni 70 furono iniziati scavi sistematici sotto la guida del professor Shemaryahu Gutmann e dello stesso Itzhak Gal. La convinzione definitiva che si trattasse proprio della citt di Gamala fu presto raggiunta grazie ad una serie molteplice di prove inconfutabili, fra cui risaltano le tracce dellassedio delle legioni di Vespasiano. Era evidente il muro di fortificazione risalente al periodo della rivolta antiromana. Fu identificata la breccia che i romani avevano aperto in questo muro; la torre principale; la bellissima sinagoga e, nelle sue vicinanze, una mikvah, ovverosia una vasca cultuale per le abluzioni rituali; accanto alla mikvah un frantoio. Furono trovate molte pietre da catapulta, che i romani avevano lanciato durante lassedio, tante punte di freccia e monete ebraiche. Al di sotto di queste rovine si trovavano testimonianze di un insediamento risalente al 3000 AEC (prima et del bronzo). Nel settore pi occidentale della citt furono scoperti i resti di case che appartenevano probabilmente agli abitanti pi facoltosi, con mura e gradinate, nonch uno splendido frantoio, oggi restaurato, sovrastato da archi di pietra. Il tutto nelle immediate vicinanze di un precipizio roccioso, che guarda verso nord, sulla vallata percorsa dal torrente Nahal Gamala. Gli scavi e le ricerche sono ancora in corso, non solo da parte delle autorit israeliane, ma anche di enti stranieri, come luniversit di San Diego in California. Passiamo adesso a considerare alcuni interessanti aspetti geografici. Come gi sappiamo Gamala si trovava in territorio golanita, non lontano dalle rive del lago Kinneret (circa 8 kilometri), e nemmeno dalle rive del fiume Giordano e dal confine con la Galilea settentrionale, ove sorgevano le citt di Cafarnao e Corazin. Da Gamala scorreva verso ovest il torrente Nahal Gamala, che si gettava in un altro torrente, il Nahal Hivai, il quale, a sua volta, si gettava nel lago Kinneret in corrispondenza della piana di Betsaida, non lontano dal delta del Giordano. La conformazione del territorio era tale che, se i cittadini di Gamala volevano avere contatti col resto del mondo, magari per commerciare grano e olio, dovevano necessariamente scendere verso ovest, raggiungere, in poco pi di unora, la citt di Betsaida e, da qui, procedere lungo le rive del lago, o attraversarlo in barca. La principale citt affacciata sul lago era Tiberiade, sulla riva occidentale, e il collegamento fra questa sponda e Gamala avveniva senzaltro mediante la navigazione tra Tiberiade e Betsaida, o fra Gennsaret e

Betsaisa. Questo ci permette di capire la stretta relazione esistente fra Gamala e Betsaida. Questultima, villaggio di pescatori, costituiva laccesso naturale di Gamala al lago. Era il suo porto, e le due citt erano unite da una cooperazione stretta nelle attivit quotidiane. Coloro che, trovandosi sulla riva galilea del lago, avessero voluto recarsi a Gamala, avrebbero dovuto andare a Betsaida e poi salire sul monte. Addirittura il nome Betsaida, per i cittadini della Galilea centrale, poteva essere sinonimo di Gamala, dal momento che chiunque provenisse da Gamala doveva necessariamente approdare con unimbarcazione che aveva preso il largo da Betsaida. Per gli sviluppi successivi di questo studio necessario tenere ben conto di questa relazione fra Gamala e Betsaida, accettando lidea che le due citt, in seguito alla reciproca posizione geografica, fossero una realt urbana divisa in due nuclei, quello litorale e quello interno. Fin dalla pi antica et del bronzo Gamala era stata un insediamento fortificato che fu successivamente distrutto. Ricostruita in epoca ellenistica, costituiva un forte seleucida. Fu solo verso la fine del secondo sec. AEC che inizi a trasformarsi in un centro abitato da civili. Divenne progressivamente un importante centro agricolo ebraico, come testimoniato dal copioso ritrovamento di attrezzi per la mietitura del grano. Ma la principale attivit appare essere stata la coltivazione delle olive e la produzione di olio. Sembra che Gamala, in tal senso, servisse anche Gerusalemme e che questo commercio labbia resa prospera e abbia arricchito alcune famiglie tra suoi abitanti. Si sono trovati reperti di fine gioielleria, boccette di profumo, dadi di osso e di avorio, oggi conservati e visibili nel museo di Kasrim, poco pi a nord. Lo stesso Erode il grande cerc di incrementare la popolazione ebraica di Gamala, non solo insediandovi dei coloni, ma anche con leggi che favorissero leconomia locale. Tutto ci dovrebbe ulteriormente convincerci che Gamala e Betsaida erano come gemellate, la prima forniva grano, olio, prodotti della pastorizia e manufatti, la seconda forniva prodotti ittici ed era lo scalo commerciale attraverso la navigazione sul lago. A proposito di Erode5, importante segnalare un episodio che lo riguarda, avvenuto nel 47 a.C. circa, nel periodo in cui, prima di diventare re su tutta la Palestina, era fortemente impegnato a conquistare autorit e simpatia da parte dei romani. Ce ne parla a modo suo Giuseppe Flavio:

questi [Erode], che era energico di natura, trov subito campo per la sua azione. Cattur infatti Ezechia, un capo brigante che con una grossa banda infestava la regione sul confine della Siria, e lo uccise con molti dei suoi. Limpresa fu accolta col pi grande favore dagli abitanti della Siria; nelle citt e nei villaggi si inneggiava a Erode come al salvatore della pace e dei beni6.

Il racconto, nel descrivere la soddisfazione del popolo, ha senzaltro un carattere tendenzioso. Del resto, questo atteggiamento comune nelle opere di Giuseppe Flavio, un uomo cos compromesso col potere imperiale romano, allepoca in cui scriveva i suoi resoconti storici. Erode aveva fatto prigioniero Ezechia, un influente e facoltoso rabb della citt di Gamala, che agiva in Galilea insieme al suo gruppo di fedeli
5

Idumeo di origini, e non giudeo, era figlio di Antipatro, che fu fatto dai romani procuratore della Giudea nel 55 a.C. Questultimo dette importanti incarichi ai figli: Fasael divenne stratega di Gerusalemme, Erode tetrarca di Galilea, e Giuseppe prefetto di Masada. 6 Giuseppe Flavio, Guerra Giudaica, I, 10, 5.

Yahwisti, e si era arrogato il diritto di giustiziarli senza interpellare le autorit di Gerusalemme. Il giovane Erode, appena ventiseienne, suscitava preoccupazione per larroganza della sua scalata al potere. Il fatto sollev energiche proteste da parte del sinedrio e il sommo sacerdote Ircano chiam Erode a discolparsi. Ma i romani gli coprirono le spalle, e le minacce del sinedrio si risolsero in una completa assoluzione che ancor pi riemp di spavalderia il giovane ambizioso. Giuseppe Flavio usa un linguaggio spregiativo quando nomina Ezechia, definendolo archilestes (capo brigante), perch intende compiacere il suo pubblico di lettori romani, ma Ezechia apparteneva senzaltro allaristocrazia della citt di Gamala, e vantava illustri origini nella discendenza regale del sangue di Davide. Aveva fatto leva sui sentimenti nazional religiosi diffusi fra la popolazione, aveva raccolto intorno a s un gruppo di facinorosi convinti che i tempi indicati dalle profezie messianiche fossero giunti, e guidava azioni di lotta armata nei territori della Galilea, cos prossimi alla regione del Golan. Al momento della sua morte lasci al figlio, un certo Giuda, leredit di un odio feroce nei confronti di Erode, e la convinzione che la lotta contro il potere congiunto romano erodiano fosse non solo un fatto di fedelt agli ideali della concezione Yahwista, ma una questione familiare che contrapponeva, nellambizione al trono di Israele, la legittima dinastia di Davide (a cui Giuda riteneva di appartenere) alla progenie bastarda dei reucci erodiani. Quello che a noi interessa notare il fatto che Gamala era diventata un centro nevralgico ove fermentavano le ostilit ideologiche contro gli invasori romani, i loro collaboratori erodiani, e la casta sadducea dei sacerdoti del tempio di Gerusalemme, fortemente collusi col potere dominante. Erode fu eletto re su tutto il territorio palestinese nel 37 a.C. e conserv la carica per tutta la vita, sino al 4 a.C., quando mor di malattia. Durante il suo regno vi furono numerosi tentativi di rivolta da parte degli Yahwisti, ma furono puntualmente repressi nel sangue. In particolare, in seguito alla morte del sovrano, molti approfittarono dell'occasione per riproporre rivolte messianiche e, fra costoro, si distinse il figlio di Ezechia:

"...A Sepphoris, nella Galilea, Giuda, figlio del capobrigante Ezechia, che un tempo aveva infestato quel paese ed era stato catturato dal re Erode, avendo raccolto una banda non piccola fece irruzione negli arsenali regi e, riforniti di armi i suoi, attaccava gli altri che aspiravano al potere..."7.

Non si tratt di unazione da poco, ma di una pesante sconfitta inferta allesercito erodiano e, di riflesso, agli stessi romani. Dellepisodio abbiamo una testimonianza pi dettagliata in un altro scritto di Giuseppe Flavio:

"...c'era anche Giuda, il figlio di quell'Ezechia che era stato capo dei briganti; il quale Ezechia era un uomo molto forte, e solo con grande difficolt pot essere catturato da Erode. Questo Giuda, avendo messo insieme una moltitudine di uomini di carattere focoso, vicino a Sepphoris in Galilea, assal il palazzo e prelev tutte le armi che vi erano conservate e, con esse, arm tutti quelli che erano con lui, e port via tutto il denaro che c'era; e divenne terribile nei confronti di
7

Giuseppe Flavio, Guerra giudaica, II, 4, 1.

tutti, seminando zizzania fra coloro che gli venivano vicino; e tutto questo in modo da accrescere il suo potere, come conseguenza di un desiderio ambizioso della dignit regale; e sperava di ottenere ci non come ricompensa delle sue abilit nel combattimento, ma della sua stravaganza nel commettere delitti..."8.

Al di l del linguaggio diffamatorio dello scrittore, comprendiamo che Giuda era diventato un personaggio importante e seguito da molti che, evidentemente, gli riconoscevano lautorit per rappresentare i valori del patriottismo nazional religioso yahwista. Da sottolineare quanto precisa Giuseppe Flavio, nel momento in cui scrive che Giuda agiva spinto dal desiderio ambizioso della dignit regale. Questo conferma che la famiglia di Ezechia rivendicava un diritto dinastico al trono di Israele, perch in qualche modo si considerava appartenente alla discendenza di sangue reale di Davide. Una presunzione del tutto fantastica perch, mille anni dopo Davide, non era certo possibile riconoscere chi davvero appartenesse alla sua discendenza. Gli storici sono pressoch unanimi nel considerare Giuda come il fondatore della setta degli zeloti (dal greco zelotes = zelanti per il loro Dio), ovverosia degli ebrei fondamentalisti e interventisti i quali, rifacendosi alle numerose profezie messianiche presenti nelle antiche scritture, pensavano che fossero giunti i tempi della liberazione di Israele e che fosse necessario combattere per cacciare i romani, spodestare la famiglia erodiana per insediare sul trono di Gerusalemme un messia figlio di Davide, ed eliminare la casta corrotta dei sadducei per insediare nel tempio sacerdoti degni della loro carica. Personalmente credo che gli zeloti non fossero genericamente gli ebrei che condividevano questi ideali messianici ma, in particolare, quelli legati alle figure di Ezechia e di Giuda, e che il loro quartier generale fosse proprio la citt di Gamala. Del resto, gli scavi compiuti da Gutman e Gal hanno evidenziato a Gamala, nel quartiere occidentale, la presenza di monete che non sono mai state trovate altrove, in tutto sei esemplari. Esse portano liscrizione Legulat Yerushalem Hak (Dosha), che significa per la salvezza di Gerusalemme la santa e costituisce un autentico inno di lotta contro il potere degli usurpatori. Gli zeloti furono spesso denominati i galilei, proprio perch le azioni pi eclatanti di Ezechia e di Giuda si erano svolte in Galilea, e quellindicazione geografica fin per diventare distintiva del movimento che aveva avuto origine nei territori della Palestina settentrionale.

questi [Giuda] era un dottore [rabb] che fond una sua setta particolare, e non aveva nulla in comune con gli altri9,

Giuda il galileo fu il fondatore della quarta setta filosofica giudaica [dopo sadducei, farisei ed esseni, n.d.a.]. I suoi seguaci saccordano in generale con la dottrina dei farisei, ma hanno un invincibile amore della libert, perch giudicano che Dio il solo capo e lunico Signore. I pi straordinari generi di morte, i supplizi dei loro parenti e amici li lasciano indifferenti, pur di non dover chiamare nessun uomo col titolo di Signore10.

8 9

Giuseppe Flavio, Antichit giudaiche, XVII, 10, 5. Giuseppe Flavio, Guerra Giudaica, II, 8, 1.

Lo stesso Giuda veniva chiamato Giuda il galileo, sebbene non fosse originario della Galilea, ma in quanto capo della setta degli zeloti detti, appunto, galilaei. I temi della dottrina di Giuda erano sostanzialmente questi: innanzitutto lidea che la sovranit su Israele spettasse esclusivamente a YHWH, e che tale sovranit potesse essere rappresentata in terra solo da una figura regale, un messia (= unto11), appartenente alla discendenza davidica; poi lidea che il riconoscimento di una sovranit a persona diversa, o addirittura straniera, costituisse uninsopportabile blasfemia; quindi lidea che il pagamento dei tributi ai dominatori romani costituisse unoffesa a YHWH, perch ne umiliava la sovranit; infine lidea che bisognasse sollevare il popolo alla rivolta armata, perch era giunto il momento di ricostruire il malkut YHWH (= regno di Dio). Questo afferma di Giuda lo studioso G.Jossa:

"...La predicazione di Giuda il galileo contiene due elementi fondamentali: l'affermazione intransigente della signoria di Jahv e della liberta di Israele e l'annuncio imminente del regno di Dio e della liberazione da Roma. Dal primo punto di vista, Giuda un dottore, un "rabb", che ripropone con assoluta radicalit l'ideale etico teocratico di Israele. Al centro della sua predicazione il richiamo della signoria di Jahv sul popolo e l'affermazione della sua inconciliabilit con la dominazione romana. Questo presuppone una radicalizzazione dell'idea della libert di Israele che comporta il rifiuto della signoria imperiale e del pagamento del tributo. Dal secondo punto di vista, Giuda un profeta un "nabi", che riprende con assoluta urgenza l'attesa messianica nazionale di Israele. Al centro della sua predicazione l'annuncio della venuta del regno di Dio e la richiesta di collaborazione del popolo alla sua realizzazione. questo significa un invito alla liberazione di Israele dal dominio di Roma che comporta la ripresa del messianismo davidico e la necessit della lotta armata..."12.

In seguito alla morte di Erode il grande, avvenuta nel 4 a.C., i romani decisero di effettuare una riforma amministrativa che comportava la divisione del territorio palestinese in tetrarchie che vennero affidate a figli ed eredi del sovrano scomparso. La Giudea, insieme all'Idumea e alla Samaria, vennero affidate ad Erode Archelao. La Galilea e la Perea vennero affidate a Erode Antipa. Il Golan, insieme all'Auranitide e alla Traconitide, vennero affidate a Erode Filippo. L'area intorno all'attuale striscia di Gaza venne affidata a Salom. Alcuni anni dopo, nel 6 d.C., Archelao perdette il potere, perch fu deposto dai romani ed esiliato a Vienne, nella Gallia. A questo punto Augusto decise di trasformare questa tetrarchia in una provincia romana governata direttamente da un praefectus. Il primo della lunga lista, alla quale dal 26 al 36 d.C. appartenne Ponzio Pilato, fu Coponio. L'imperatore decise anche di effettuare un censimento allo scopo, naturalmente, di regolare la riscossione delle tasse. La supervisione di questa operazione, nel 7 d.C., venne affidata al governatore della Siria, che in quegli anni era Publio Sulpicio Quirino, diretto superiore del praefectus Iudaeae. I giudei si videro cos governati direttamente da un'autorit romana, non da un intermediario, e molti di loro si sentirono pesantemente colpiti dai provvedimenti fiscali. La circostanza infiamm gli animi dei messianisti, in particolare degli zeloti di Gamala, che misero in atto un'energica rivolta:
10 11

Giuseppe Flavio, Antichit giudaiche, XVIII, 1, 6. Lunzione rituale fa parte della cerimonia di investitura del re.

"...Essendo stato ridotto a provincia il territorio di Archelao, vi fu mandato come procuratore Coponio, un membro dell'ordine equestre dei romani, investito da Cesare anche del potere di condannare a morte. Sotto di lui un galileo di nome Giuda spinse gli abitanti alla ribellione, colmandoli di ingiurie se avessero continuato a pagare il tributo ai romani e ad avere, oltre Dio, padroni mortali..."13.

"...C'era anche un certo Giuda, un golanita di una citt il cui nome era Gamala, il quale, prendendo con s Sadduc, un fariseo, divenne zelante nel fomentare la rivolta. Entrambi sostenevano che quel censimento portava ad una schiavit totale e chiamavano la nazione a rivendicare la propria libert, [] avvennero cambiamenti tali da contribuire alla distruzione completa, che questi uomini avevano provocato col loro continuo complottare insieme. Infatti Giuda e Sadduc, che avevano creato fra noi una quarta setta filosofica, ed erano seguiti da molti, avevano riempito il nostro governo civile con tumulti e avevano gettato le fondamenta delle nostre future miserie14.

Si tratta di quella che passata alla storia come la rivolta del censimento, che impegn seriamente i romani e che fu domata al prezzo di moltissime vite umane, fra cui quella dello stesso Giuda il galileo. Come il padre Ezechia, Giuda era morto per la liberazione di Israele. Ma questo non arrest la causa messianica, la cui eredit fu di nuovo raccolta dai figli: Giacomo, Simone, Giuda (Theudas o Taddeo), Menahem. Tutti costoro persero la vita, nel corso del I sec. d.C. per la medesima idea. Lultimo in particolare, Menahem, fu lunico che riusc ad indossare la veste regale in Gerusalemme, anche se per un brevissimo periodo. Infatti fu catturato dalle fazioni avverse e ferocemente trucidato, nel corso della terribile guerra degli anni 66-70, che si concluse con la disfatta completa degli ebrei e la distruzione di Gerusalemme da parte di Tito, figlio dellimperatore Vespasiano. Nei primi tre quarti del primo secolo Gamala si distinse sempre come roccaforte dei fondamentalisti Yahwisti e, durante la guerra iniziata nel 66, i romani decisero che era essenziale conquistarla, per infliggere una sconfitta decisiva al movimento zelota. La difesa della citt fu allora affidata al comando di Giuseppe, che la fece ulteriormente fortificare con mura, gallerie e trincee. Era diventata un forte inespugnabile, ed grazie a queste sue caratteristiche che riusc a resistere per sette mesi allassedio posto da Erode Agrippa.

La fine di Gamala. Il generale romano Vespasiano comprese che, se non fosse intervenuto con le proprie legioni, la citt di Gamala avrebbe resistito allinfinito, come un pericoloso focolaio di ribellione. Vespasiano vi giunse con le legioni quinta, decima e quindicesima, che si sistemarono intorno alla ripida collina di Gamala,
12 13

G. Jossa, Ges e i movimenti di liberazione della Palestina, Paideia, Brescia, 1980, p. 169. Giuseppe Flavio, Guerra giudaica, II, 8, 1. 14 Giuseppe Flavio, Antichit giudaiche XVIII, 1,1.

edificando terrapieni strategici. A questo punto, il re Agrippa in persona si fece avanti verso la citt per invitare gli assediati ad intavolare trattative. Come dire: Ecco, io non ce lho fatta. Ma adesso sono giunti i romani, non potrete resistere a lungo, vi conviene accordare dignitose condizioni di resa. Molti cittadini sarebbero anche stati disposti ad accettare, ma il controllo della citt era senz'altro nelle mani del partito estremista e il re, come unica risposta, ricevette una potente sassata che lo fer al braccio. I romani furono impressionati dal gesto arrogante e decisero che non cera altro da fare che adoperarsi per sgominare la citt ed eliminare i ribelli. In breve tempo avvicinarono alle mura di Gamala arieti e catapulte, nel tentativo di aprire una breccia. In effetti vi riuscirono e cominciarono a precipitarsi all'interno. I difensori combattevano come leoni inferociti per ostacolare l'avanzata dei nemici, ma questi erano infinitamente preponderanti come numero e costrinsero i gamalioti a riparare nella parte alta della citt. Questa era ripida e caratterizzata da vicoli stretti, cosicch i difensori sfruttarono la posizione sopraelevata per aggredire gli invasori, i quali vennero improvvisamente a trovarsi in grave difficolt. Bloccati dalla loro stessa ressa, impediti nei movimenti e svantaggiati dal trovarsi in basso, vennero massacrati a decine. La citt, per i romani, si era rivelata una trappola insidiosa. Alcuni di loro, non sapendo come sfuggire ai colpi dei gamalioti, si videro costretti a saltare sopra le case e questo provoc uno dei pi tragici episodi nelle guerre delle milizie romane. Devastate dal peso degli uomini in fuga le case cominciarono a crollare, e molti soldati rimasero intrappolati fra le macerie, schiacciati dai loro stessi compagni, uccisi dai difensori o soffocati dal gran polverone che si era sollevato. Fu un autentico disastro. Pochi legionari riuscirono a fuggire incolumi dalla citt, gli altri persero la vita e, con questo, offrirono agli ebrei anche l'occasione di rifornirsi di armi. Nel frattempo il generale Vespasiano, uomo di grande valore, non sopportando di assistere impotente alla disfatta dei suoi uomini, si era avvicinato pericolosamente, con pochi dei suoi, fino a trovarsi sul culmine della montagna di Gamala, circondato dai nemici. Alcuni ne affront coraggiosamente di persona poi, vista la situazione, ordin ai suoi soldati di congiungere gli scudi e, mentre i colpi li raggiungevano da tutte le parti, il gruppo inizi a retrocedere camminando all'indietro, finch non raggiunse una posizione sicura. I legionari erano demoralizzati per la sconfitta e le perdite, ma il generale, lungi dal rimproverare i suoi, li rincuor dichiarando che occorreva una strategia che tenesse conto della difficile conformazione del territorio. Bisognava stancare gli assediati impedendo loro di rifornirsi di provviste ed evitare assalti improvvisati che esponessero a pericoli sconosciuti. Da parte loro i gamalioti potevano ricavare ben poco entusiasmo dalla vittoria temporanea. Erano consapevoli della superiorit romana e mancavano di viveri, tant' vero che i pochi disponibili erano stati riservati ai combattenti e gli altri cittadini morivano letteralmente di fame. Avveniva cos che i capi erano rimproverati di non aver accettato le condizioni di resa, e molti tentavano la fuga dalla citt, durante la notte, passando attraverso ripidi burroni o gallerie. Una notte, tre soldati romani si spinsero non visti sino ai piedi della torre di Gamala e, cercando di non fare rumore, cominciarono a scalzarne le pietre. Avendone tolte cinque, venne meno lequilibrio della torre che cominci a crollare fragorosamente. Le guardie, sorprese, si dettero alla fuga, mentre il gran rumore svegliava tutti i cittadini, che furono presi dal panico, immaginando che i romani fossero gi

penetrati attraverso le mura. Ma i romani avevano fatto tesoro della tragica passata esperienza e si trattennero dallirrompere in massa, aspettando il momento opportuno e preparando un attacco ben disegnato. Allalba del 20 ottobre dellanno 67 d.C., Tito, figlio del generale Vespasiano, con duecento cavalieri e numerosi fanti sferr lattacco ed entr improvvisamente attraverso le brecce nel muro. Leffetto sorpresa fu devastante sui gamalioti. La gente tentava disordinatamente la fuga, ma incappava regolarmente nei drappelli romani e veniva massacrata sul posto. Molti, in cerca di una difesa disperata, si diressero verso la sommit rocciosa del monte, che presentava fianchi precipitosi da molti lati. Ma, a complicare la situazione, ci si mise anche la bufera, che scoppi allimprovviso. I romani, memori dei molti commilitoni caduti nellattacco precedente, erano avidi di vendetta e non intendevano mostrare piet. Accerchiati i cittadini, presero a farne strage senza guardare in faccia nessuno, vecchi, donne e bambini compresi. Alcuni degli ebrei, vedendo che la fine era inevitabile, si buttarono nello strapiombo che precipitava sul lato settentrionale, trascinando con s mogli e figli. Sembra che a migliaia siano morti cos, forse pi di quelli che i romani trucidarono con le loro spade. I fianchi del monte furono trasformati in ruscelli di sangue, e la popolazione fu interamente sterminata. Questa fu la tragica fine di Gamala, durante un burrascoso giorno dautunno. Le sue rovine rimasero abbandonate e caddero nelloblio per diciannove secoli esatti, finch, nel 1967, non offrirono riparo ai soldati israeliani che invadevano le alture siriane del Golan.

2 - Ges il Messia

Il regno di Dio Nel capitolo precedente abbiamo osservato che uno dei temi fondamentali dellideologia di Giuda il galileo era lannuncio dellimminente rinascita del malkut YHWH, o regno di Dio. Si tenga presente che il senso di questa espressione completamente diverso da quello comune in ambito cristiano. Qui, infatti, si fa riferimento ad una realt spirituale, individuale o generale, che corrisponde alla sovranit di Dio sul mondo e alla supremazia del bene sul male; in contrapposizione sia ai regni materiali, sia al prevalere del male sul bene. Il regno di Dio degli ebrei, e di Giuda in particolare, aveva ben altro significato, strettamente legato allidea di una nazione israelitica liberata dagli stranieri invasori e alla restaurazione messianica della monarchia davidica. lidea prodotta da una concezione teocratica tipicamente semitica, in cui i piani sociale, politico e religioso sono strettamente interconnessi. I vangeli cristiani pongono un annuncio formalmente simile al centro del loro messaggio. Lo stesso nome vangelo (euanghlion) significa lieta novella, buona notizia, che si riferisce in modo inequivocabile allannuncio dellimminente venuta del regno di Dio. Questa lespressione usata da Marco e da Luca, mentre Matteo la sostituisce con regno dei cieli:

Dopo che Giovanni fu arrestato, Ges si rec nella Galilea predicando il vangelo di Dio e diceva: Il tempo compiuto e il regno di Dio vicino; convertitevi e credete al vangelo15;

Da allora Ges cominci a predicare e a dire: Convertitevi, perch il regno dei cieli vicino16; Bisogna che io annunzi il regno di Dio anche alle altre citt; per questo sono stato mandato17.

Nel fare questo Ges riprendeva le stesse parole di Giovanni Battista il quale, prima di lui, predicava sulle rive del Giordano la conversione e limminenza del regno di Dio, sottoponendo i nuovi adepti al rito battesimale18. Nel momento in cui Ges raccolse intorno a s una cerchia di discepoli li mand ad annunziare il regno di Dio19. da notare che lannuncio di Giovanni conteneva una forte enfasi di ostilit nei confronti dei gruppi ebraici farisei e sadducei:

Vedendo per molti farisei e sadducei venire al suo battesimo, disse loro: Razza di vipere! Chi vi ha suggerito di sottrarvi allira imminente? Fate dunque frutti degni di conversione [] Gi

15 16

Mc 1, 14-15. Mt 4,17. 17 Lc 4,43. 18 In quei giorni comparve Giovanni il Battista a predicare nel deserto della Giudea, dicendo: Convertitevi, perch il regno dei cieli vicino! (Mt 3, 1-2). 19 Lc 9, 2.

la scure posta alla radice degli alberi: ogni albero che non produce frutti buoni viene tagliato e gettato nel fuoco20,

mostrando cos che si trattava di una questione interna allebraismo e, non certo, dellanelito alla fondazione di una nuova religione. Una questione che si trovava al centro dellinteresse dei gruppi esseni e zeloti. Lo stesso Ges affermava: Beati voi poveri, perch vostro il regno di Dio21. Si tratta di un frammento del celebre discorso della montagna in cui Ges si rivolge ai poveri che, in un contesto non ben determinato, sembra indirizzato genericamente agli indigenti, ai miserabili. Ma alquanto probabile che il maestro stesse usando intenzionalmente uno dei termini con cui gli esseni indicavano se stessi: ebionm, parola ebraica che significa appunto poveri, a causa del sistema di vita basato sulla frugalit e sulla compropriet dei beni di sussistenza. Non a caso una delle comunit cristiane primitive prendeva il nome di ebioniti e faceva riferimento ad un testo che i padri della chiesa hanno chiamato Vangelo degli ebioniti. C una frase di Ges, relativa allannuncio del regno di Dio, che compare nei testi secondo Matteo e Luca, dal significato alquanto controverso, che pu aprire interessanti finestre sullinterpretazione del messaggio:

Dai giorni di Giovanni il Battista fino ad ora, il regno dei cieli soffre violenza e i violenti se ne impadroniscono. La Legge e tutti i Profeti infatti hanno profetato fino a Giovanni22,

La Legge e i Profeti fino a Giovanni; da allora in poi viene annunziato il regno di Dio e ognuno si sforza per entrarvi23.

Ma si possono incontrare anche traduzioni diverse, come le seguenti:

dal tempo di Giovanni il Battezzatore fino ad oggi il regno di Dio incontra opposizione perch i violenti vi si oppongono24.

dal tempo di Giovanni il battista fino a ora il regno dei cieli oggetto di violenza, poich i violenti vorrebbero farlo fuori25.

Innanzitutto bisogna notare che i traduttori dei Vangeli sembrano non avere la pi pallida idea di cosa voglia significare la frase, dal momento che da una versione allaltra il significato della frase cambia in modo impressionante. Le ultime due traduzioni sembrano voler intendere che, a partire dalla predicazione di Giovanni, i violenti sono diventati i peggiori nemici del regno di Dio, perch si oppongono ad esso. Nelle versioni CEI, invece, troviamo significati opposti fra i testi di Matteo e Luca. Nel primo caso,
20 21

Mt 3, 7-10. Lc 6, 20 22 Mt 11, 12-13, versione CEI. 23 Lc 16, 16, versione CEI. 24 Mt 11, 12; Parola del Signore, il Nuovo Testamento, Elle Di Ci, Leumann, To,1976.

infatti, sembra che i violenti si impadroniscano del regno di Dio (in che senso?), mentre nel secondo caso si parla di uno sforzo per entrarvi. Le difformit rivelano lintenzione, da parte dei traduttori, di dissimulare il significato corretto della frase, affinch non possano essere individuate eventuali implicazioni messianiche. pertanto indispensabile analizzare i testi greci originali per arrivare ad una giusta interpretazione. Iniziamo dal Vangelo secondo Matteo:

ap d tn emern Ionnou to Baptistou os arti e basilea tn ourann bizetai ka biasta arpzousin autn. Pntes gr o proftai ka nmos os Ionnou eprofteusan26,

che si traduce correttamente nel seguente modo:

invece, dai giorni di Giovanni Battista sino ai tempi recenti, il regno di Dio si ottiene con la forza e i violenti lo afferrano. Infatti fino a Giovanni tutti i profeti e la Legge hanno profetizzato,

che verosimilmente significa quanto segue: prima di Giovanni Battista i profeti e le scritture si sono limitati ad annunciare il regno di Dio, invece dai tempi di Giovanni in poi occorre la lotta e sono i violenti quelli che lo ottengono. Per quanto riguarda il Vangelo secondo Luca:

nmos ka o proftai mchri Ionnou. Ap tte basilea to Thou euanghelzetai ka ps es autn bizetai27,

che si traduce correttamente nel seguente modo:

la legge e i profeti sino a Giovanni. Da allora annunciato il regno di Dio e per esso ognuno usa la violenza

che verosimilmente significa quanto segue: prima di Giovanni Battista cerano solo i profeti e le scritture; da allora annunciata limminenza del regno di Dio e per ottenerlo molti usano la forza. Non c dubbio, in entrambi i casi si tratta di un invito messianico: con Giovanni giunto il tempo previsto dalle profezie, la lotta necessaria e il regno potr essere realizzato solo con la forza. Del resto la parola Cristo, che i cristiani intendono attribuita soltanto a Ges, non che la traslitterazione del greco Christs, che significa unto, e che traduce il termine ebraico Mashiah o quello aramaico Meshiha (= messia). Il messia dunque lunto di YHWH, colui che attraverso la cerimonia di unzione

25 26

Mt 11, 12; I Vangeli, Nuovissima versione dei testi originali, Ed. Paoline, Cinisello Balsamo. Mt 11, 12-13. 27 Lc 16, 16.

stato investito re di Israele. Il messia degli ebrei non semplicemente un redentore, ma una figura politica e religiosa allo stesso tempo. Primo fra i Messia fu il re Davide28. Allinterno de quattro Vangeli canonici Ges definito re dei Giudei, o re di Israele, almeno in venti occasioni diverse: Al di sopra del suo capo, posero la motivazione scritta della sua condanna: Questi Ges, il re dei Giudei29. In alcuni passi scritto esplicitamente che nei suoi confronti esisteva unaspettativa messianica: il Signore Dio gli dar il trono di Davide suo padre e regner per sempre sulla casa di Giacobbe30. Dodici volte definito figlio di Davide, a conferma della sua appartenenza alla discendenza davidica e del possesso di un fondamentale requisito messianico: La folla che andava innanzi e quella che veniva dietro, gridava: Osanna al figlio di Davide!31. Possiamo dire che i Vangeli canonici, entrando pi volte in contraddizione con se stessi, forniscono numerose e solide indicazioni della messianit di Ges, nel senso ebraico o yahwista del termine, della sua dignit regale e del suo ruolo nella ricostruzione del regno di Israele. Siamo pertanto costretti a domandarci che genere di relazione potesse sussistere fra il protagonista della narrazione evangelica e i gruppi esseni e zeloti o, addirittura, la fazione e la famiglia di Ezechia e di Giuda il galileo. A tal fine, osserviamo una frase molto eloquente pronunciata da Ges e riportata solo nel Vangelo secondo Luca:

E quei miei nemici che non volevano che diventassi loro re, conduceteli qui e uccideteli davanti a me32.

Quando, dove e perch Ges avrebbe detto una cosa simile? Subito prima di recarsi a Gerusalemme, dove sar arrestato e giustiziato, Ges si trova a Gerico, in prossimit del Mar Morto, non lontano dal monastero di Qumran. Sta traversando la citt attorniato da una grande folla, quando vede un personaggio importante del paese, un certo Zaccheo, ricco e temuto perch capo dei pubblicani, i collaboratori che aiutano i romani nella riscossione delle tasse. Ges si rivolge a Zaccheo chiedendogli ospitalit e costui si profonde in generose offerte, dichiarando che ceder la met dei suoi beni ai poveri (ricordiamo quali significati possono nascondersi dietro il termine poveri = ebionm), e che restituir quattro volte tanto a coloro che sono stati frodati da lui. Si tratta di un forte atteggiamento di discolpa che Zaccheo assume nel momento in cui la comunit dei seguaci di Ges viene a trovarsi nella citt e luomo teme una violenta rappresaglia. Il maestro si compiace di questa conversione33, arringa la folla e conclude con le fatidiche parole che abbiamo citato, le quali non presentano alcuna ambiguit di significato: portate qua i miei nemici, quelli che non accettano la mia regalit, e giustiziateli al mio cospetto!. Solo laspirante re dei

E il Signore disse a Samuele: Fino a quando piangerai su Saul, mentre io l'ho rigettato perch non regni su Israele? Riempi di olio il tuo corno e parti. Ti ordino di andare da Iesse il Betlemmita, perch tra i suoi figli mi sono scelto un re. [] Disse il Signore: Alzati e ungilo: lui!. Samuele prese il corno dell'olio e lo consacr con l'unzione in mezzo ai suoi fratelli, e lo spirito del Signore si pos su Davide da quel giorno in poi (I Sam 16, 1-13). 29 Mt 27, 37. 30 Lc 1, 32-33. 31 Mt 21, 9. 32 Lc 19, 27. 33 Ges gli rispose: Oggi la salvezza entrata in questa casa, perch anch'egli figlio di Abramo; il Figlio dell'uomo infatti venuto a cercare e a salvare ci che era perduto (Lc 19, 9-10).

28

Giudei, capo di un movimento messianico, avrebbe potuto pronunciarle. La frase si trova nel contesto di una parabola e, per essere esatti, in bocca a Ges non sarebbe riferita a s stesso. Ma questo frutto di un espediente prodotto dalla necessit di disinfettare la narrazione evangelica da tutto ci che, agli occhi dei lettori gentili, poteva suscitare il sospetto che Ges fosse un rivoluzionario antiromano che si era posto in conflitto frontale con lautorit imperiale. Il passo seguito immediatamente dalla scena dellingresso messianico nella citt santa, durante il quale Ges viene acclamato re dai suoi stessi discepoli: Benedetto colui che viene, il re, nel nome del Signore34. Che cosa succede allora? Sentendo queste parole alcuni farisei lo invitano a rimproverare coloro che le proferiscono ed egli risponde: Vi dico che, se questi taceranno, grideranno le pietre35, confermando cos che egli approva pienamente quanto viene decantato dai suoi uomini: Io sono lunto del Signore, il messia, e se non lo proclamano gli uomini lo faranno i sassi!. Si tratta di un quadro abbastanza chiaro: non possibile, con questi comportamenti e con queste parole, sostenere la tesi che fossero gli estranei a voler attribuire a Ges una personalit messianica, mentre egli avrebbe fatto il possibile per prenderne le distanze. Questa demessianizzazione forzata non si regge letteralmente in piedi. Perch Zaccheo si sarebbe profuso in offerte e promesse cos generose? La risposta la troviamo in un altro passo di Luca denso di implicazioni:

si diresse decisamente verso Gerusalemme e mand avanti dei messaggeri. Questi si incamminarono ed entrarono in un villaggio di Samaritani per fare i preparativi per lui. Ma essi non vollero riceverlo, perch era diretto verso Gerusalemme. Quando videro ci, i discepoli Giacomo e Giovanni dissero: Signore, vuoi che diciamo che scenda un fuoco dal cielo e li consumi?36.

Nel momento in cui i cittadini esprimono il loro diniego nel ricevere Ges, i discepoli Giacomo e Giovanni propongono al loro leader una punizione esemplare consistente in un fuoco che scenda dal cielo e li consumi. Come dobbiamo intendere questo inquietante suggerimento? Si tratta di unimmagine figurata, o si riferisce alla reale intenzione di appiccare un incendio? La risposta, se ammettiamo che il movimento di Ges fosse una comunit di tipo esseno zelotico, ce la fornisce Giuseppe Flavio, descrivendo il comportamento implacabile degli zeloti, che incendiavano le case degli ebrei considerati collaborazionisti:

i briganti, riunitisi insieme, istigavano molti a ribellarsi e li incitavano alla libert, minacciando di morte chi si sottometteva al dominio dei romani e promettendo che avrebbero fatto fuori con la violenza chi volontariamente si piegava alla schiavit. Distribuitisi in squadre per il paese, saccheggiavano le case dei signori, che poi uccidevano, e davano alle fiamme i villaggi, s che tutta la Giudea fu piena delle loro gesta efferate.37.

34 35

Lc 19, 38. Lc 19, 40. 36 Lc 9, 51-54. 37 G.Flavio, La Guerra Giudaica, II, 13, 6.

Apostoli, fratelli e zeloti. Analizzando le individualit degli apostoli e di altri personaggi del seguito di Ges, possiamo afferrare questioni di importanza fondamentale, non solo perch molti di loro sembrano essere coinvolti nel movimento zelota, ma perch la redazione dei Vangeli canonici si rivela pervasa da un chiaro fine censorio. Lo chiameremo intento di spoliticizzazione e consiste nella volont di tacere o velare, per quanto possibile, due aspetti: uno riguarda le affinit fra il gruppo di Ges e i movimenti esseno zeloti; laltro riguarda la presenza di fratelli e di altri parenti di Ges fra gli apostoli e i seguaci, nonch lesistenza di meccanismi di sdoppiamento dei personaggi. In effetti la redazione evangelica caratterizzata da alterazioni delle identit, cambiamenti dei nomi, anticipazioni o posticipazioni di alcuni fatti, corruzioni del senso di alcuni termini che, per esempio, in certi casi vengono spacciati per attributi geografici, quando invece hanno ben altro significato. I tre vangeli sinottici (Mc, Mt, Lc) offrono un elenco di apostoli, e dei loro nomi, molto diverso da quello presente nel quarto vangelo (Gv). In questultimo sono assenti Matteo, Bartolomeo, Giacomo il minore e Simone il cananeo. Inoltre i due fratelli Giacomo il maggiore e Giovanni, non chiamati per nome ma semplicemente detti figli di Zebedeo, sono presenti solo nel ventunesimo capitolo, che riconosciuto da tutti come unaggiunta posteriore, certamente non esistente nella redazione originale. In pratica, possiamo affermare che i fratelli Giacomo e Giovanni non erano presenti nella redazione originale del quarto Vangelo, il quale fu sottoposto ad un attento processo di normalizzazione, prima di essere accettato nel canone. Sono presenti invece nomi estranei allelenco sinottico: un certo Natanaele e un non identificato discepolo che Ges amava, che la tradizione vuole riconoscere, contro molte evidenze, in Giovanni figlio di Zebedeo, non solo apostolo ma anche presunto evangelista. Cominciamo ad osservare il caso dellapostolo Simone il cananeo. definito cos nei testi secondo Marco38 e Matteo39, i quali danno ad intendere che egli fosse originario della Cananea, o terra di Canaan. Ma si tratta di un piccolo stratagemma che si svela nel momento in cui esaminiamo lelenco offerto dal testo secondo Luca40: qui troviamo la definizione Simone soprannominato zelota, la quale ci offre la possibilit di notare che uno dei termini con cui gli ebrei indicavano gli zeloti era qanai. Gli autori dei primi due Vangeli hanno occultato la personalit zelotica di questo Simone, spacciandola per una semplice provenienza geografica. Un apostolo che, al di fuori del momento in cui viene dato lelenco dei dodici, non ha alcun ruolo e non esiste proprio in tutta la narrazione evangelica. Un fatto che si verifica ancora con lapostolo Tommaso, limitatamene ai tre testi sinottici: in essi Tommaso compare solo nellelencazione ufficiale dei dodici, per il resto, neanche lui ha un ruolo. Il secondo caso che osserviamo quello relativo a Taddeo (Thaddai, Thaddeus, Theudas, Teuda) cos chiamato in Marco e Matteo, mentre Luca lo definisce Giuda di Giacomo, comunemente interpretato come fratello di Giacomo. Del suo nome alcuni manoscritti antichi offrono varianti. Il Novum Testamentum Graece et Latine41 ci informa che questo apostolo, nel testo di Matteo, pu avere altre

38 39

Mc 3, 16-18. Mt 10, 2-3. 40 Lc 6, 13-16. 41 Novum Testamentum Graece et Latine, A. Merk, Istituto Biblico Pontificio, Roma, 1933, pag. 28.

definizioni: Lebbeo, Giuda zelota, e Giuda di Giacomo. Ed ecco lattributo zelota incombere su un altro degli apostoli di Ges, per di pi dimenticato nelle antiche versioni e mai pi riportato nei testi recenti. Il terzo caso di cui ci occupiamo riguarda i fratelli Giacomo e Giovanni, detti figli di Zebedeo, quelli che avrebbero voluto far scendere un fuoco dal cielo per consumare un intero villaggio. Essi sono definiti boanerghes, di cui si specifica che significa figli del tuono. Si tratta di un appellativo da combattenti? interessante scoprire, sempre attraverso il Novum Testamentum, che anche Simone detto Pietro era definito figlio del tuono: Pietro che in comune con gli altri era chiamato boanerghe, che significa figlio del tuono42. Si tratta, ancora una volta, di una variante del testo secondo Marco, non pi leggibile nelle versioni moderne. Simone detto Pietro considerato dalla tradizione cristiana un discepolo di grande importanza, tanto da figurare al primo posto negli elenchi sinottici. C un passo del testo secondo Matteo in cui lapostolo definito Simone, figlio di Giona43. Il testo latino dovrebbe riportare Simon, filius Ioannis, mentre la lettura : Simon, bar Iona44, che utilizza il termine aramaico bar (= figlio di). Il fatto interessante che il testo greco riporta Simon Bariona45, usando un vocabolo tutto intero che pu essere molto verosimilmente inteso come la traslitterazione della parola ebraica barjona la quale, insieme a qanai, era uno dei termini usati in Palestina, al tempo di Ges, per indicare gli zeloti. In particolare i barjonim erano i latitanti, i combattenti alla macchia. Dunque Simone detto Pietro, soprannominato figlio del tuono, era anche Simone zelota. Proprio come laltro Simone soprannominato zelota, quello sempre assente dal racconto evangelico, dando cos adito al sospetto che i due fossero, in realt, una persona sola, e che lo stratagemma sia inteso al semplice fine di scorporare la personalit zelotica dal discepolo che avrebbe dovuto fondare la chiesa di Cristo. Del resto Simon Pietro, sul monte degli ulivi, nel giardino del Getsemani, aveva compiuto un gesto abbastanza esplicito:

Allora Simon Pietro, che aveva una spada, la trasse fuori e colp il servo del sommo sacerdote e gli tagli l'orecchio destro46,

Simone era armato, e tentava di opporre resistenza allarresto di Ges. I discepoli portavano armi perch Ges stesso lo aveva richiesto:

Ed egli [Ges] soggiunse: Ma ora, chi ha una borsa la prenda, e cos una bisaccia; chi non ha spada, venda il mantello e ne compri una47.

Pietro non si faceva scrupolo di usare la spada, come risulta chiaro da questo episodio:

Un uomo di nome Anania con la moglie Saffira vendette un suo podere e, tenuta per s una parte dell'importo d'accordo con la moglie, consegn l'altra parte deponendola ai piedi degli
42 43

Idem, pag. 119. Mt 16, 17. 44 Novum Test., op. cit, pag. 54. 45 Idem 46 Gv 18, 10.

apostoli. Ma Pietro gli disse: Anania, perch mai satana si cos impossessato del tuo cuore che tu hai mentito allo Spirito Santo e ti sei trattenuto parte del prezzo del terreno? Prima di venderlo, non era forse tua propriet e, anche venduto, il ricavato non era sempre a tua disposizione? Perch hai pensato in cuor tuo a quest'azione? Tu non hai mentito agli uomini, ma a Dio. All'udire queste parole, Anania cadde a terra e spir. E un timore grande prese tutti quelli che ascoltavano. Si alzarono allora i pi giovani e, avvoltolo in un lenzuolo, lo portarono fuori e lo seppellirono. Avvenne poi che, circa tre ore pi tardi, entr anche sua moglie, ignara dell'accaduto. Pietro le chiese: Dimmi: avete venduto il campo a tal prezzo?. Ed essa: S, a tanto. Allora Pietro le disse: Perch vi siete accordati per tentare lo Spirito del Signore? Ecco qui alla porta i passi di coloro che hanno seppellito tuo marito e porteranno via anche te. D'improvviso cadde ai piedi di Pietro e spir. Quando i giovani entrarono, la trovarono morta e, portatala fuori, la seppellirono accanto a suo marito. E un grande timore si diffuse in tutta la Chiesa e in quanti venivano a sapere queste cose.48.

Limprovvisa morte di Anania e Saffira presentata come un prodigio. Il racconto degli Atti indica la potenza divina come artefice di questa duplice pena, semplicemente perch Anania e Saffira avevano mentito sullentit della loro offerta. Ma ci vuole poco a capire che si era trattato di una severa ritorsione zelotica per il fatto di non aver rispettato la norma della cessione di tutti i beni, al momento dellammissione nella comunit. Una punizione esemplare di cui Simone era stato lesecutore e che, probabilmente, non era stata la prima n lunica, come ci induce a pensare questo passo dagli Atti degli Apostoli:

In quei giorni Pietro si alz in mezzo ai fratelli (il numero delle persone radunate era circa centoventi) e disse: Fratelli, era necessario che si adempisse ci che nella Scrittura fu predetto dallo Spirito Santo per bocca di Davide riguardo a Giuda, che fece da guida a quelli che arrestarono Ges. Egli era stato del nostro numero e aveva avuto in sorte lo stesso nostro ministero. Giuda compr un pezzo di terra con i proventi del suo delitto e poi precipitando in avanti si squarci in mezzo e si sparsero fuori tutte le sue viscere. La cosa divenuta cos nota a tutti gli abitanti di Gerusalemme, che quel terreno stato chiamato nella loro lingua Akeldam, cio Campo di sangue49,

Ma la versione offerta dal Vangelo secondo Matteo non concorda affatto con quella degli Atti, e sembra finalizzata ad eliminare ogni sospetto che Pietro possa aver avuto un ruolo nella morte di Giuda, giustiziandolo di spada alladdome:

Allora Giuda, il traditore, vedendo che Ges era stato condannato, si pent e riport le trenta monete d'argento ai sommi sacerdoti e agli anziani dicendo: Ho peccato, perch ho tradito sangue innocente. Ma quelli dissero: Che ci riguarda? Veditela tu!. Ed egli, gettate le
47 48

Lc 22, 36. At 5, 1-11.

monete d'argento nel tempio, si allontan e and ad impiccarsi50.

Della eventuale personalit zelotica di questo apostolo esistono indizi gi nel nome stesso: Giuda Iscariota. Di lui il quarto Vangelo dice che sarebbe stato figlio di Simone Iscariota51. Il termine Iscariota molto discusso e le ipotesi pi considerate sono due: una che lo interpreta come Is-Qriyoth (uomo di Kerioth), con riferimento ad un villaggio nominato solo in Geremia e Amos, il cui nome ebraico Qriyot. Ora, le difficolt di questa interpretazione sono da riconoscere nel fatto che difficilmente proveniente da Qriyot avrebbe portato alla forma Iscariot, e tantomeno a quella presente in numerose varianti antiche che leggono Scariot, con la perdita della I iniziale. La seconda ipotesi quella che considera Iscariota come derivante da sicarius (= sicario, in ebraico Ekariot), uno degli appellativi che i romani utilizzavano, assieme a latro (= ladrone) e galilaeus (= galileo), per indicare i ribelli yahwisti, in particolare una frangia molto sanguinaria del movimento, dedita a feroci attentati. Anche per questa interpretazione insorgono difficolt, perch dalla lettura degli scritti di Giuseppe Flavio sembra che il movimento dei sicari sia sorto a partire dagli anni 40-50 e, se cos, Giuda non avrebbe potuto farvi parte al tempo di Ges. Sinora, al fine di scoprire se tra gli apostoli potesse esservi qualcuno coinvolto nel movimento degli zeloti, abbiamo utilizzato argomentazioni di carattere letterario, esaminando termini e varianti che sembrano offrire indizi in tal senso, ma la questione sar chiarita in modo assai pi efficace dal complesso degli argomenti che tratteremo nel seguito del nostro studio. A questo punto ci sar utile osservare che molti degli apostoli di Ges si rivelano come suoi fratelli, mostrando cos che il gruppo non era stato formato raccogliendo persone sconosciute incontrate casualmente, come sembrerebbe nel corso delle narrazioni evangeliche, ma che aveva un forte carattere familiare: una cerchia di fratelli e di parenti stretti che, evidentemente, condividevano uno stesso scopo dinastico. Cominceremo osservando che il Vangelo secondo Marco, il pi antico dei quattro scritti canonici, non contiene alcuna notizia sulla nativit e sullinfanzia di Ges e inizia il suo racconto a partire dallet adulta del protagonista, con lepisodio del battesimo sul Giordano ad opera di Giovanni Battista. In questo Vangelo il padre di Ges non conosciuto. Non ve n cenno, n per nome, n in anonimo:

Non costui [Ges] il carpentiere, il figlio di Maria, il fratello di Giacomo, di Ioses, di Giuda e di Simone? E le sue sorelle non stanno qui da noi?52,

Giunsero sua madre e i suoi fratelli e, stando fuori, lo mandarono a chiamare. Tutto attorno era seduta la folla e gli dissero: Ecco tua madre, i tuoi fratelli e le tue sorelle sono fuori e ti cercano53.

49 50

At 1, 15-19. Mt 27, 3-5. 51 Gv 6, 70. 52 Mc 6, 3. 53 Mc 3, 31.

Sembra praticamente che la famiglia di Ges sia costituita da una madre senza marito (una vedova?) e da un gruppo di fratelli e sorelle. Dei maschi viene espresso il nome: Giacomo, Giuseppe, Giuda e Simone. Ma antiche varianti sostituiscono il nome Ioses (Giuseppe?) con Ioannes (Giovanni)54. Se prendiamo in considerazione questa variante, dismessa nei testi moderni, i nomi dei quattro fratelli di Ges: Giacomo, Giovanni, Giuda e Simone, coincidono esattamente coi nomi di altrettanti apostoli. Anzi, di coppie di apostoli, perch negli elenchi sinottici compaiono due Giacomi, due Giuda, due Simoni. Niente fa pensare che Maria, madre di Ges, chiamata per nome una volta sola, sia la vergine quale viene presentata nelle nativit secondo Matteo e Luca. A voler essere precisi, anche nei Vangeli secondo Matteo e Luca solo le parti iniziali, le nativit appunto, presentano Maria come vergine, perch nel seguito del racconto, quello che inizia dal battesimo sul Giordano, la madre di Ges riprende ad essere una normale madre di famiglia, con numerosi figli e figlie. Concentriamo la nostra attenzione sullapostolo Giacomo detto il minore55, ma anche di Alfeo56, e il giusto. Di lui scrive San Paolo, in una delle sue lettere:

Solo tre anni dopo andai a Gerusalemme per conoscere Pietro e non vidi nessuno degli altri apostoli, ad eccezione di Giacomo, il fratello del Signore...57.

Teniamo presente che San Paolo, nei suoi scritti, non conosce n il padre n la madre di Ges e non ha alcun concetto della nascita verginale. Semplicemente sa che Ges aveva dei fratelli. Lo storico ebreo Giuseppe Flavio scrive nella sua opera pi monumentale:

...convoc una sessione del Sinedrio e vi fece comparire il fratello di Ges detto Cristo che si chiamava Giacomo58.

Mentre il famoso storico della chiesa Eusebio di Cesarea, lo scriba ufficiale dellimperatore Costantino, ci ha lasciato queste testimonianze sullapostolo Giacomo: Poi egli comparve a Giacomo, uno dei cosiddetti fratelli del Salvatore59,

In quel tempo Giacomo, detto fratello del Signore, poich anch'egli era chiamato figlio di Giuseppe, e Giuseppe era padre del Cristo...60, Giacomo, fratello del Signore, succedette all'amministrazione della Chiesa...61,

54 55

Novum Testamentum Graece et Latine, op. cit., pag. 46, nota 55. Mc 15, 40. 56 Mc 3, 18. 57 Gal 1, 18-19. 58 Giuseppe Flavio, Antichit Giudaiche XX, 9, 1. 59 Eusebio di Cesarea, Historia Ecclesiatica, I, 12, 5. 60 Hist. Eccl., op. cit., II, 1, 2. 61 Hist. Eccl., op. cit., II, 23, 4.

Insomma, non solo lapostolo Giacomo era uno dei fratelli di Ges, ma fu il suo successore nominato a capo della chiesa di Gerusalemme, un fatto questo che la tradizione evangelica vuole minimizzare, facendo credere che il successore di Ges sia stato Simon Pietro. Adesso dobbiamo osservare che lapostolo Taddeo, cos nominato negli elenchi apostolici presenti in Marco62 e Matteo63, viene chiamato in tuttaltro modo nellelenco presente in Luca64: Giuda di Giacomo, in cui lespressione di Giacomo sembra aggiunta per distinguerlo dallaltro Giuda, detto lIscariota. Tutti gli studiosi, religiosi e laici, sono concordi nel riconoscere che lespressione vada intesa come fratello di Giacomo, e questo ci porta a conoscere un altro dei fratelli di Ges, Giuda, il cui nome compare nellelenco dei fratelli offerto dal passo di Marco che abbiamo gi visto. Di lui abbiamo gi detto che unantica variante lo definisce zelotes. Uno zelota tra i fratelli di Ges. Il quarto Vangelo chiama questo apostolo Giuda non lIscariota65. Alcune varianti antiche lo definiscono Ioudas o cananites, e noi gi sappiamo che cananites solo una maschera per qanai, zelota, ma lo definiscono anche Thomas o Ioudas Thomas66, cio Giuda Tommaso. Ed ecco quanto appare da questa constatazione: gli apostoli Taddeo e Tommaso sarebbero in realt lo sdoppiamento di una persona sola, il fratello di Ges che si chiamava Giuda. Il professor R. Eisenman (California State University) tende a confermare questa identificazione fra gli apostoli Taddeo e Tommaso67, e ad estenderla a quel Teuda di cui si parla negli Atti degli Apostoli:

Si alz allora nel sinedrio un fariseo, di nome Gamaliele, dottore della legge, stimato presso tutto il popolo. Dato ordine di far uscire per un momento gli accusati, disse: Uomini di Israele, badate bene a ci che state per fare contro questi uomini. Qualche tempo fa venne Teuda, dicendo di essere qualcuno, e a lui si aggregarono circa quattrocento uomini. Ma fu ucciso, e quanti s'erano lasciati persuadere da lui si dispersero e finirono nel nulla. Dopo di lui sorse Giuda il Galileo, al tempo del censimento, e indusse molta gente a seguirlo, ma anch'egli per e quanti s'erano lasciati persuadere da lui furono dispersi68.

curiosa, ed anche significativa, linversione temporale che gli Atti effettuano fra Teuda e Giuda il Galileo, infatti il primo ag molti decenni dopo il secondo, e questi errori stanno solo a testimoniare lintenzione precisa degli autori di confondere date e personalit, ogni qual volta si tratta di individui scomodi e imbarazzanti69.

62 63

Mc 3, 16-19. Mt 10, 2-4. 64 Lc 6, 13-16. 65 Gv 14, 22. 66 Novum Testamentum Graece et Latine, op. cit., pag. 367, nota 22 al testo greco. 67 Il fatto che questo individuo, che possiamo chiamare Teuda, Taddeo, Giuda di Giacomo, Giuda lo zelota, o Giuda Tommaso, si sia recato ad Edessa, compatta ulteriormente tutte le nostre fonti e le tradizioni relative a quel tale Addai. Tutti questi individui cominciano infatti a cenvergere, compreso Tommaso / Giuda Tommaso che, oltre ad avere inviato Addai o Taddeo a evangelizzare re Agbar, sembra essersi recato personalmente a Edessa (R. Eisenman, Giacomo il fratello di Ges, Piemme, Casale Monferrato (Al), 1997. 68 At 5, 34-37. 69 Non solo questo Teuda ha le caratteristiche della persona nota come Taddeo/Giuda Tommaso/Giuda zelota/Giuda Iscariota o persino Giuda fratello di Giacomo nei Vangeli e nei testi paleocristiani, ma,

Dobbiamo anche tenere presente che il nome Tommaso non un nome, ma solo la traslitterazione in greco, thomas, di un vocabolo ebraico, tma, che significa gemello. Ecco perch il quarto Vangelo chiama questo apostolo Tommaso detto Didimo. Didimos in greco vuol dire semplicemente gemello. Si tratta di una tautologia che potremmo rendere con gemello detto gemello! Un modo bizzarro per tacere il nome di questo personaggio. Salvo poi scoprire questa frase allinizio del Vangelo copto di Tommaso, trovato nella met del ventesimo secolo a Nag Hammadi, in Egitto: Queste sono le parole segrete che Ges il Vivente ha detto e Didimo Giuda Tommaso ha trascritto70. Giuda Tommaso: ovverosia Giuda il gemello. Un altro dei fratelli di Ges. Di lui, infatti, scrive Eusebio di Cesarea:

Della famiglia del Signore rimanevano ancora i nipoti di Giuda, detto fratello suo [di Ges] secondo la carne, i quali furono denunciati come appartenenti alla stirpe di Davide. L'evocatus li condusse davanti a Domiziano Cesare, poich anch'egli, come Erode, temeva la venuta del Messia71.

Si tratta di un passo di importanza fondamentale, che fornisce un altro preciso inquadramento al senso e alla finalit del movimento costituito da Ges e dai suoi fratelli. Cerchiamo di comprenderne bene il significato: Giuda fratello carnale di Ges, i suoi nipoti subiscono una denuncia per la loro rivendicazione di appartenenza alla discendenza di Davide e, con questo, del proprio sangue regale. Evidentemente sulla base di questo presupposto compiono atti che turbano lordine pubblico e minacciano il potere di Roma. Vengono portati al cospetto dellimperatore Domiziano (successore di Tito, dall81 al 96 d.C.) che, in modo simile ai sovrani erodiani, preoccupato per la continua pressione rivoluzionaria dei messianisti. Con ci il problema relativo al senso storico delloperato di Ges si inquadra in modo molto chiaro in una questione dinastica per la ricostruzione del regno davidico. Lo stupore per aver trovato zeloti e fratelli nella cerchia degli apostoli si lascia sostituire lentamente dalla verosimiglianza del fatto che costoro appartenessero ad una famiglia che, con la causa messianica, aveva molto a che fare. Alla cerchia degli apostoli-fratelli-zeloti sarebbe appartenuto anche Simone lo zelota, secondo quanto afferma Abdias, primo vescovo di Babilonia, egli sostiene infatti che Giacomo, fratello del Signore, sarebbe stato fratello di Simone il cananeo e di Taddeo72. Il fatto sembra essere riconosciuto anche da Papia il quale afferma che Maria sarebbe stata la madre di Giacomo apostolo, e poi vescovo, nonch di Simone, Taddeo e Giuseppe (il Ioses/Ioannes).

In un frammento di un manoscritto medievale rinvenuto a Oxford e attribuito a Papia sta scritto: Maria, la moglie di Cleofa o Alfeo [] era la madre di Giacomo, vescovo e apostolo, e

in Giuseppe Flavio, viene palesemente indicato come Ges o come una sorta di Giosu redivivo, con tanto di pretese messianiche (R. Eisenman, Il Codice del Nuovo Testamento, Piemme, Casale Monferrato (Al), 2009. 70 Vangelo copto di Tommaso, incipit. 71 Eusebio di Cesarea, Hist. Eccl. III, 20, 1. 72 Abdias, Historia Certaminis Apostolici. Notizia tratta da E.B.Szekely, The Essene Origins of Christianity, Int. Biogenic Soc., USA, 1980.

di Simone, Taddeo e Giuseppe73.

E ancora:

il testo attribuito a Ippolito indica Simone il cananeo (o lo zelota) come il figlio di Clopas, che anche il fratello di Giuda e divenne vescovo di Gerusalemme dopo Giacomo il Giusto74.

Pertanto, come abbiamo ipotizzato, se Simone il cananeo e Simone detto Pietro erano la stessa persona, lapostolo Pietro sarebbe stato un altro dei fratelli di Ges, quello che nellelenco offerto da Marco figura come Simone.

Figli di Giuda il Galileo

Fratelli di Ges

Apostoli sinottici

Giacomo Simone Giuda (Teuda)

Iakobos Simon Ioudas Ioses/Ioannes

Giacomo min. e Giacomo mag. Simon Pietro e Simone zelota Giuda Taddeo e Giuda Tommaso Giovanni

Lo schema mostra una serie di interessanti coincidenze e, sebbene non possa essere considerato dimostrativo, fornisce comunque una serie di indizi e di suggerimenti di indagine che, pi avanti in questo lavoro, offriranno un quadro molto coerente per interpretare il senso storico del movimento cristiano primitivo. Notiamo adesso un interessante particolare che riguarda Simon Pietro: Filippo era di Betsaida, la citt di Andrea e di Pietro75. Ce lo dice il quarto Vangelo, mentre nei tre sinottici totalmente assente linformazione che almeno tre degli apostoli provenissero da Betsaida, la citt cos intimamente legata a Gamala. Per ora lasceremo questa constatazione cos com. La riprenderemo in seguito, scoprendola carica di interessanti implicazioni.

73 74

R.Eisenman, Giacomo il fratello di Ges, Piemme, Casale Monferrato [AL], 2007, pag. 487. idem, pag. 505. 75 Gv 1, 44.

3 - Gli ultimi giorni di Ges


Durante una conferenza tenuta un paio danni fa in una citt dellItalia centrale, quando cedetti la parola al pubblico, intervenne una signora, qualificatasi come teologa, che mi domand con aria contrariata e stupefatta come fosse possibile immaginare una relazione fra Ges e il movimento degli zeloti. Ai suoi occhi la cosa appariva non solo assurda, ma letteralmente blasfema. Purtroppo non potevo permettermi di esporre in modo esauriente gli argomenti che presento nel corso di questo lavoro. Mi limitai a rispondere che lo stesso Nuovo Testamento fornisce molteplici indicazioni in tal senso, ne accennai qualcuna, e feci notare che le azioni di Ges, durante la sua ultima presenza a Gerusalemme, mostrano un susseguirsi di fatti che trova una spiegazione solo ammettendo che egli, quanto meno, fosse coinvolto nel ruolo messianico, e che non fosse estraneo allambizione regale sul trono di Israele. Adesso analizzeremo il concatenamento di quei fatti, il significato che possono avere, singolarmente e nel loro complesso, anche attraverso le contraddizioni che appaiono dal confronto dei quattro Vangeli canonici, e il palese atteggiamento censorio che si evidenzia nella redazione dei testi. Confesso che, nel procedere in questo impegno, mi sento ispirato dal desiderio di offrire una risposta soddisfacente e ben argomentata alla domanda della teologa che, molto verosimilmente, non la troverebbe persuasiva, ma almeno sarebbe indotta a riflettere su quelle che, senzaltro, sono delle imbarazzanti evidenze.

Il proposito di uccidere Ges. Inizieremo la nostra indagine a partire da un brano del quarto Vangelo, che riguarda la reazione del sinedrio a quanto Ges aveva compiuto a Betania, resuscitando Lazzaro:

Molti dei Giudei che erano venuti da Maria, alla vista di quel che egli aveva compiuto, credettero in lui. Ma alcuni andarono dai farisei e riferirono loro quel che Ges aveva fatto. Allora i sommi sacerdoti e i farisei riunirono il sinedrio e dicevano: Che facciamo? Quest'uomo compie molti segni. Se lo lasciamo fare cos, tutti crederanno in lui e verranno i Romani e distruggeranno il nostro luogo santo e la nostra nazione. Ma uno di loro, di nome Caifa, che era sommo sacerdote in quell'anno, disse loro: Voi non capite nulla e non considerate come sia meglio che muoia un solo uomo per il popolo e non perisca la nazione intera. Questo per non lo disse da se stesso, ma essendo sommo sacerdote profetizz che Ges doveva morire per la nazione e non per la nazione soltanto, ma anche per riunire insieme i figli di Dio che erano dispersi. Da quel giorno dunque decisero di ucciderlo.76.

Il primo punto su cui dobbiamo soffermare lattenzione questa riflessione dei sinedriti: Se lo lasciamo fare cos, tutti crederanno in lui e verranno i Romani e distruggeranno il nostro luogo santo e la nostra nazione. Non mi costa fatica credere che un uomo pio e misericordioso, amato dalle folle perch dispensatore di conoscenze, speranze e guarigioni, potesse essere inviso alla classe sacerdotale, ma mi sembra del tutto fuori luogo lassociazione automatica fra la provocazione che Ges poteva rivolgere al

prestigio della classe sacerdotale, col suo stesso essere, e lidea che il suo operato avrebbe scatenato nei romani una reazione tale da distruggere il luogo santo (il tempio di Gerusalemme) e la nazione intera. Come pensano laici e religiosi, il quarto Vangelo stato scritto verso la fine del primo secolo o linizio del secondo, quando le conseguenze della terribile guerra degli anni 66-70, fra ebrei e romani, erano note a tutti, e quando il tempio di Gerusalemme era gi in rovina, dopo la distruzione operata da Tito. Tutti sapevano che i romani non avevano messo in atto una simile catastrofe, dura e funesta per loro oltre che per gli sconfitti, in conseguenza dei fervori spirituali di qualche santuomo che disturbava la credibilit del sinedrio e dei sacerdoti. La rovina del luogo santo e della nazione era scaturita da ben altri zeli, e non avrebbe potuto essere diversamente. Assai al di l del turbamento prodotto dai miracoli di un santone itinerante, era stata lostinazione e la pericolosit dei movimenti messianici, con tutta la loro concreta azione rivoluzionaria, a indurre Nerone ad unazione risolutiva che sistemasse, una volta per tutte, langolo pi indomabile dellimpero. La frase presente nellundicesimo capitolo del quarto Vangelo costituisce un collegamento diretto fra Ges e i pericoli generati dai movimenti esseno zelotici e dal messianismo davidico. Il tutto risulta largamente confermato dallintervento personale del sommo sacerdote Caifa: non considerate come sia meglio che muoia un solo uomo per il popolo e non perisca la nazione intera, il quale ribadisce esattamente lo stesso concetto: se Ges mette in pericolo lesistenza di una nazione intera e di un popolo indiscutibilmente pi opportuno, anzi necessario, che egli sia eliminato e che la sua morte liberi Israele dalla minaccia incombente. verosimile che questa preoccupazione potesse sussistere semplicemente perch Ges compiva atti prodigiosi di carattere pacifico? proponibile che la resurrezione di Lazzaro, in quanto tale, comprendesse in s la minaccia di quella guerra che quarantanni dopo avrebbe ridotto Gerusalemme in cenere?

Lunzione a Betania. Non sono molte le opere pittoriche che riguardano lunzione a Betania. Gli artisti hanno quasi sempre lavorato su commissione, e la richiesta si concentrata su quelle rappresentazioni che servivano a fissare nellimmaginario popolare le scene fondamentali della narrazione evangelica. Quelle che, oltre ad abbellire gli ambienti, svolgevano una funzione catechistica: le annunciazioni, le nativit, le madonne col bambino, le crocifissioni, le deposizioni. Lunzione di Ges da parte di una donna, definita una peccatrice, che solleva importanti domande sul significato del gesto, sullidentit dei personaggi, sulle reazioni di sdegno dei presenti allevento, non ha suscitato linteresse dei committenti, inclini piuttosto ad evitare questo scomodo soggetto. Fortunatamente ci ha pensato Nicolas Poussin, artista francese nato sul finire del sedicesimo secolo, a rappresentare questa scena del racconto evangelico, col taglio tipico del suo stile pittorico. La cena di Betania ambientata in un ricco palazzo della Grecia classica. Ges sembra un Agamennone disteso al tavolo pomposamente imbandito. I commensali appaiono come filosofi o veterani di guerra, avvolti in tuniche preziose e colorate. Tutto improntato al lusso e alla ricchezza. Di giudeo, assolutamente niente.

76

Gv 11, 45-53.

In questo contesto, appare sul lato estremo sinistro dellimmagine, una donna china in atteggiamento devoto, dallespressione ispirata, che asciuga i piedi di Ges coi suoi capelli. Allestremit opposta, sul lato destro, due uomini in piedi sembrano confabulare in atteggiamento critico contro ci che la donna sta compiendo.

Sei giorni prima della Pasqua, Ges and a Betnia, dove si trovava Lazzaro, che egli aveva risuscitato dai morti. E qui gli fecero una cena: Marta serviva e Lazzaro era uno dei commensali. Maria allora, presa una libbra di olio profumato di vero nardo, assai prezioso, cosparse i piedi di Ges e li asciug con i suoi capelli, e tutta la casa si riemp del profumo dell'unguento77.

Una settimana prima della Pasqua, ovverosia pochi giorni prima che Ges sia arrestato, condannato e giustiziato, viene organizzato un banchetto in suo onore nel villaggio di Betania, che sorge su un fianco del Monte degli ulivi, a mezzora di cammino dalla citt di Gerusalemme. La casa sembra essere quella di Lazzaro e delle sue sorelle Marta e Maria, dal momento che i tre svolgono compiti importanti: Lazzaro un commensale, Marta serve a tavola, Maria la protagonista dellepisodio. Questultima, nota nella tradizione cristiana come Maria di Betania, porta una quantit sfarzosa di unguento profumato, del valore di almeno trecento denari (una cifra da nababbi), per eseguire ununzione che considerata, nella lettura abituale del Nuovo Testamento, come un atto estemporaneo di pura devozione personale. Sic et simpliciter. In realt, in quel contesto di circostanze, nonostante limbarazzo per il fatto che lunzione compiuta materialmente da una figura femminile (cosa su cui sono stati argomentati e scritti oceani di parole), non possibile non ricordare che lunzione ha un significato messianico: costui lunto del Signore, il messia di Israele, pu voler dire la donna col suo gesto. Anzi, lepisodio pu essere stato organizzato come tale, e forse la donna, al di l della presunta spontaneit, sta facendo ci che le stato ordinato.

Allora Giuda Iscariota, uno dei suoi discepoli, che doveva poi tradirlo, disse: Perch quest'olio profumato non si venduto per trecento denari per poi darli ai poveri? [= ebionim]78.

Lepisodio presente anche nei Vangeli sinottici, per esempio in Marco e Matteo, dove i racconti si presentano quasi come la copia luno dellaltro:

Ges si trovava a Betania nella casa di Simone il lebbroso. Mentre stava a mensa, giunse una donna con un vasetto di alabastro, pieno di olio profumato di nardo genuino di gran valore; ruppe il vasetto di alabastro e vers l'unguento sul suo capo. Ci furono alcuni che si sdegnarono fra di loro: Perch tutto questo spreco di olio profumato? Si poteva benissimo vendere quest'olio a pi di trecento denari e darli ai poveri! [= ebionim]. Ed erano infuriati contro di

77 78

Gv 12, 1-3. Gv 12, 4-5.

lei.79,

Mentre Ges si trovava a Betania, in casa di Simone il lebbroso, gli si avvicin una donna con un vaso di alabastro di olio profumato molto prezioso, e glielo vers sul capo mentre stava a mensa. I discepoli vedendo ci si sdegnarono e dissero: Perch questo spreco? Lo si poteva vendere a caro prezzo per darlo ai poveri! [= ebionim].80.

Che cosa notiamo di diverso dal quarto Vangelo? Innanzitutto lanonimato dei personaggi. Escluso il padrone di casa, Simone il lebbroso. Ma non possiamo fermarci a questa semplice constatazione. Dobbiamo far presente che tutta la famiglia di Betania censurata dai Vangeli di Marco e Matteo. Lazzaro, Marta e Maria non esistono e, in conseguenza, non esiste nemmeno il miracolo della resurrezione di Lazzaro. Che motivo avevano, gli autori di questi scritti, per gettare nellanonimato, o nelloblio, personaggi cos importanti che, sul palco della scenografia Giovannea, sembrano protagonisti fondamentali? Passiamo a Luca:

Uno dei farisei [in seguito chiamato Simone] lo invit a mangiare da lui. Egli entr nella casa del fariseo e si mise a tavola. Ed ecco una donna, una peccatrice di quella citt, saputo che si trovava nella casa del fariseo, venne con un vasetto di olio profumato; e fermatasi dietro si rannicchi piangendo ai piedi di lui e cominci a bagnarli di lacrime, poi li asciugava con i suoi capelli, li baciava e li cospargeva di olio profumato. A quella vista il fariseo che l'aveva invitato pens tra s. Se costui fosse un profeta, saprebbe chi e che specie di donna colei che lo tocca: una peccatrice.81.

In questo caso non siamo pi a Betania. Il luogo diventato anonimo. Poi non siamo pi nellimminenza della Pasqua, lepisodio fortemente anticipato. Quindi Simone il lebbroso diventato Simone il fariseo. E ancora, la donna diventata una peccatrice di quella citt che, nellinterpretazione abituale, non Maria di Betania ma Maria Maddalena. Inoltre, quel ch peggio, il vaso di alabastro di olio profumato molto prezioso diventato un vasetto di olio profumato. Dalloggetto sfarzoso alloggetto umile. Ma si tratta di una trasformazione di cui responsabile la traduzione, perch il testo latino cos legge: attulit alabastrum unguenti82, e il testo greco: comsasa alabastrn mrou83. Non solo si impegnato Luca a travisare le cose, anche i traduttori lo hanno aiutato. Infatti lepisodio considerato comunemente una vicenda diversa, simile ma indipendente dallunzione di Betania. E per facilitare questa differenziazione sembrava che il solito vaso di alabastro fosse troppo ingombrante, meglio farlo apparire come un vasetto di coccio, con un po di profumo dentro, che non abbia niente a che fare col nardo genuino di gran valore.

79 80

Mc 14, 3-5. Mt 26, 6-8. 81 Lc 7, 36-39. 82 Novum Testamentum, op. cit., pag. 221. 83 Idem.

Fra i vari scopi di queste censure, uno risulta prevalente e comune a tutta la redazione evangelica, quello che abbiamo chiamato intento di spoliticizzazione, che consiste nellallontanare Ges dal suo ruolo messianico. Lunzione, infatti, non fu altro che una cerimonia finalizzata a celebrare la dignit messianica del figlio di Davide, prossimo a salire sul trono di Israele nel ricostruito regno di YHWH. Ma c un altro fatto: i quattro episodi sono un fatto solo, non due, da cui si deduce che Maria Maddalena e Maria di Betania sono esattamente la stessa persona, come era riconosciuto dallantica liturgia latina. Lo sdoppiamento delle persone uno dei capricci pi ricorrenti nella redazione evangelica.

Lentrata messianica in Gerusalemme. Il giorno seguente [successivo allunzione di Betania], la gran folla che era venuta per la festa, udito che Ges veniva a Gerusalemme, prese dei rami di palme e usc incontro a lui gridando: Osanna! Benedetto colui che viene nel nome del Signore, il re d'Israele! Ges, trovato un asinello, vi mont sopra, come sta scritto: Non temere, figlia di Sion! Ecco, il tuo re viene, seduto sopra un puledro d'asina.84.

Non ci si limiti a osservare i fatti singolarmente, ma si cerchi di vederli nel loro concatenamento. Il giorno precedente si era svolto, a Betania, il banchetto nel quale Ges era stato oggetto di una cerimonia di unzione, ufficializzando cos, davanti ad un pubblico ristretto, la sua dignit messianica e lasciando ben intendere i suoi scopi. Addirittura la circostanza avrebbe offerto a Giuda Iscariota loccasione per decidere ed effettuare il tradimento:

Allora Giuda Iscariota, uno dei Dodici, si rec dai sommi sacerdoti, per consegnare loro Ges. Quelli all'udirlo si rallegrarono e promisero di dargli denaro. Ed egli cercava l'occasione opportuna per consegnarlo85.

Il giorno successivo Ges compie un gesto ancora pi pubblico di quello gi compiuto davanti ai commensali di Betania. Entra in Gerusalemme rispettando la coreografia di una profezia messianica di Zaccaria:

Esulta grandemente figlia di Sion, giubila, figlia di Gerusalemme! Ecco, a te viene il tuo re. Egli giusto e vittorioso, umile, cavalca un asino, un puledro figlio d'asina.86.

Il significato del gesto, e la reazione popolare, sono inequivocabili. Ges rivendica la propria dignit regale, e il popolo lo acclama con grande entusiasmo:

Ora questo avvenne perch si adempisse ci che era stato annunziato dal profeta: Dite alla
84 85

Gv 12, 12-15. Mc 14, 10-11. 86 Zc 9,9.

figlia di Sion: Ecco, il tuo re viene a te mite, seduto su un'asina, con un puledro figlio di bestia da soma. I discepoli andarono e fecero quello che aveva ordinato loro Ges: condussero l'asina e il puledro, misero su di essi i mantelli ed egli vi si pose a sedere. La folla numerosissima stese i suoi mantelli sulla strada mentre altri tagliavano rami dagli alberi e li stendevano sulla via. La folla che andava innanzi e quella che veniva dietro, gridava: Osanna al figlio di Davide! Benedetto colui che viene nel nome del Signore! Osanna nel pi alto dei cieli!87.

Non si possono equivocare parole come il tuo re viene e Osanna al figlio di Davide, che indicano in modo preciso il senso di ci che sta accadendo. N si potrebbe affermare che sia in corso un fraintendimento da parte del popolo che si ostinerebbe ad interpretare il ruolo di Ges come quello del messia davidico atteso: levangelista stesso ad effettuare il collegamento con la profezia di Zaccaria. Addirittura, come abbiamo gi avuto occasione di osservare, nel testo lucano88 sono gli stessi discepoli a dichiarare la personalit regale di Ges. Nella tradizione cristiana levento ricordato durante la cosiddetta domenica delle palme, una settimana prima di Pasqua. Ma il senso generale dellepisodio denaturato. Ogni implicazione politica eliminata. O, comunque, travisato il significato storico dellattesa messianica degli ebrei. Esattamente come per la cena di Betania, al senso messianico del fatto sostituita la valenza di un puro gesto devozionale. In questo caso popolare piuttosto che individuale. Lepisodio rappresentato su una parete della Cappella Palatina di Palermo, in un mosaico di stile greco bizantino. Un Ges aureolato domina la scena cavalcando un asino, seguito dal corteo dei suoi discepoli e affiancato da un anziano che gli mostra la via. Alcuni personaggi in primo piano si bagnano sulle rive di un fiume, come a voler regalare un senso di familiarit alla scena. Sulle porte della citt santa una folla attende il messia, le espressioni e gli atteggiamenti delle persone sono piuttosto rigidi, privi di quellentusiasmo festoso che tipico della descrizione evangelica, nella quale si pone molta enfasi sul clamore della gente e sulle grida di Osanna. Ma il mosaico risale al 1150, e siamo ancora lontani dallepoca in cui gli artisti si preoccupano di manifestare al massimo delle loro possibilit il pathos dei soggetti e delle situazioni. I maestri della Cappella Palatina di Palermo intendevano solo decorare ledificio e ricordare un brano evangelico, ben lungi dallo scavarne a fondo il significato. E cos chi il brano, per tanto tempo, lha insegnato ai fedeli.

La cacciata dei mercanti dal tempio. Washington DC, USA. Alla National Gallery of Art conservato un quadro ad olio dipinto su tavola di pioppo. Dimensioni 65 per 83 cm. Si intitola Purificazione del tempio, ed stato eseguito nel 1570 dal pittore Dominikos Theotokopoulos. In arte, El Greco. Rappresenta lepisodio evangelico della cacciata dei mercanti dal tempio. Ambiente neoclassico, colonne corinzie, figure ellenizzanti, puttini nudi. Uno stile decisamente manieristico. Al centro di una folla compatta si vede un Ges infuriato che mena colpi di frusta a destra e a manca. Le persone intorno, persino grandi uomini muscolosi e forti, si scansano,
87 88

Mt 21, 4-9. Lc 19, 9-10

cadono o fuggono terrorizzati. Londra, Inghilterra. Alla National Gallery conservato un dipinto ad olio su tela. Dimensioni 106 per 130 cm. Si intitola La cacciata dei mercanti dal tempio, ed stato eseguito sempre da El Greco, trentanni dopo quello conservato a Washington. La struttura compositiva sostanzialmente identica, stessa disposizione dei personaggi e delle cose. Stessa posizione di Ges, stessi gesti. Eppure tutto cambiato. Innanzitutto la pennellata quella con cui siamo soliti riconoscere El Greco, quella che trasforma i personaggi in figure stilizzate, stranite, allungate in verticale. Il sapore neoclassico fortemente dissolto. Sono spariti i puttini, i pavimenti marmorei, i capitelli greci. Si fatta pi intensa e credibile la drammaticit della scena. Anche se una domanda continua a sorgere spontanea: perch nessuno fermava quelluomo? Come poteva agire indisturbato nel luogo pi importante e prestigioso di tutta la Palestina del suo tempo?

Ges entr poi nel tempio e scacci tutti quelli che vi trov a comprare e a vendere; rovesci i tavoli dei cambiavalute e le sedie dei venditori di colombe e disse loro: La Scrittura dice: La mia casa sar chiamata casa di preghiera ma voi ne fate una spelonca di ladri89.

Ges appena entrato in Gerusalemme proponendosi come il destinatario della profezia di Zaccaria: il re di Israele. E, come tale, stato acclamato dalla folla entusiasta. Raggiunge il tempio, dove entra coi suoi seguaci e compie un atto che non sarebbe assolutamente possibile, in un luogo difeso da guardie armate, se egli stesso e i suoi uomini non fossero dotati di forza concreta. Larea del tempio riservata ai cambiavalute e ai venditori di animali per i sacrifici costituisce una delle fonti di reddito della classe sacerdotale. Qui circola una grande ricchezza per il compimento delle azioni cultuali, e le casse del tempio si riempiono quotidianamente con fiumi di denaro. Nellimminenza della Pasqua i pellegrini sono centinaia di migliaia, e ciascuno di loro spende qualche cifra. Gli esseno zeloti sono consapevoli di questo, e odiano a morte la casta sacerdotale, considerandola venduta ai romani e completamente indegna del ruolo che svolge. Unazione di disturbo ai commerci del tempio non semplicemente un gesto di purificazione, ma un colpo inferto ai sadducei, una provocazione politica e un danno economico pesante. ridicolo immaginare che Ges possa permettersi, incontrastato, di rovesciare i tavoli dei cambiavalute, spargere il denaro, e cacciare i venditori coi loro animali, semplicemente in virt del suo carisma spirituale. Il tempio ben presidiato e una cosa sola pu tenere a bada le guardie: un manipolo di guerriglieri temuti, seguiti da una folla oceanica esaltata. Una forza durto fisica e psicologica allo stesso tempo, capace di intimorire i soldati con la carica suggestiva delle grida di una moltitudine minacciosa, e della fama dei terribili combattenti yahwisti, che non si fanno scrupolo di uccidere i collaborazionisti e bruciare le loro case. Unazione fulminea e precisa. Perch, se non fosse cos, le guardie l presenti fermerebbero Ges al primo gesto avventato, lo trascinerebbero via in catene e lo consegnerebbero al sinedrio. Proprio come succederebbe al giorno doggi, se un balordo decidesse di compiere atti sconsiderati in San Pietro, o alla Mecca, o in qualsiasi altro importante luogo sacro, meta di pellegrinaggi. Ges invece agisce senza incontrare resistenza e, al

89

Mt 21, 12-13.

termine della sua azione, usc fuori dalla citt, verso Betnia, e l trascorse la notte90. Ha appena concluso un attacco violento ai costumi del tempio, e agli affari dei potentissimi sadducei, ma pu permettersi di tornare a casa senza problemi. Se il Vangelo non una fiaba per bambini, si valutino attentamente questi fatti.

Ultima cena.

Il cenacolo di Leonardo senzaltro una delle opere pi famose della fine del rinascimento italiano. Lo ho visitato qualche mese fa, e ho avuto loccasione di sostare quindici minuti di fronte a quel capolavoro, lasciando che la sua bellezza impregnasse la mia mente. Si tratta, ovviamente, di unimmagine assai poco realistica, perch lambiente, larredamento, labbigliamento e tutto il resto, sono molto lontani dalla concretezza di un gruppo di ebrei, seduti su tappeti, in una tipica casa palestinese di venti secoli fa. Il dipinto sembra provocare una sensazione sfuggente, densa di mistero e di domande. A cominciare dallaspetto innegabilmente femminile del discepolo che si nota a sinistra di Ges (alla sua destra); dalla simmetria della sua posizione, che lascia aperta unampia V fra lui e il messia; dalla complementarit dei colori: blu il vestito e rosso il mantello delluno, rosso il vestito e blu il mantello dellaltro. Ovviamente non sappiamo se Leonardo abbia voluto racchiudere dei messaggi simbolici nel dipinto, n quanti, n quali; e troviamo lecito che qualcuno utilizzi questi enigmi finch si limiti a produrre fiction dichiarata che non pretende di essere verit storica. Ma una cosa certa: il racconto evangelico dellultima cena suscita gi, da s, senza bisogno dellaiuto di Leonardo, un insieme di questioni ardue e rilevanti. La pi seria di tutte riguarda un fatto sul quale non siamo soliti riflettere: listituzione delleucarestia, con limmagine del corpo e del sangue di Ges che diventano cibo:

Ora, mentre essi mangiavano, Ges prese il pane e, pronunziata la benedizione, lo spezz e lo diede ai discepoli dicendo: Prendete e mangiate; questo il mio corpo. Poi prese il calice e, dopo aver reso grazie, lo diede loro, dicendo: Bevetene tutti, perch questo il mio sangue dell'alleanza, versato per molti, in remissione dei peccati91.

La tradizione cristiana cos abituata al concetto eucaristico, e allidea che Ges abbia pronunciato quelle parole, in quella precisa circostanza, con lintenzione cosciente di istituire un sacramento, da non rendersi conto che la scena costituisce in s un assurdo, un caso impossibile per molte e importanti ragioni. La prima delle quali che la sostanza intrinseca del gesto, basato sullimmagine del sangue e della carne umana (poi anche divina nella successiva dottrina cristiana) che devono essere bevuti e mangiati, d luogo ad una contrapposizione oltraggiosa al cuore dellinsegnamento religioso degli ebrei, della loro fede e della loro sensibilit. Senza possibilit di eccezione. In modo totale e assoluto. Chi conosce la spiritualit e le abitudini dei circoncisi, a cominciare dalle norme alimentari, dal forte tab del sangue, dalle restrizioni sulle carni sacrificate, dallimpurit dei cadaveri, sa che lassemblea dei
90

Mt 21, 17.

discepoli ebrei, al solo sentire parole di questo genere, avrebbe reagito come di fronte al pi turpe degli scandali. Possiamo enucleare cinque punti fondamentali nel comportamento di Ges: 1 la benedizione e il ringraziamento al Signore per il dono del pane e del vino; 2 la distribuzione ai discepoli; 3 lidentificazione di quei princpi col suo corpo e il suo sangue; 4 linvito a cibarsene come tale; 5 lidea che si tratti di sangue sacrificale versato in remissione dei peccati. Per dobbiamo anche notare che tutto ci limitato ai tre Vangeli sinottici. Il quarto Vangelo, che dedica allevento uno spazio molto superiore rispetto a quello dedicato dai sinottici, non fa cenno a nessuno dei cinque punti. Parla di lavanda dei piedi, di comandamento dellamore reciproco, dellodio del mondo, dellavvento del consolatore, della vera vite e del vignaiolo, ma non conosce listituzione delleucarestia nel corso dellultima cena. Laltra cosa che dobbiamo notare che il concetto teofagico92 insito nellinsegnamento eucaristico era gi comune, da tempi remoti, in aree culturali e geografiche diverse e diffuse dal mediterraneo alloriente. In aree che potremmo definire pagane e, comunque, assolutamente non ebraiche93. Anzi, gli ebrei provavano ribrezzo per queste oscenit teologiche, viste come mostruose barbarie. Noi abbiamo il dovere di distinguere i punti fondamentali della lezione eucaristica presentata nella descrizione sinottica, e di separare quelli che potevano appartenere allinsegnamento di Ges, da quelli che costituiscono un innesto posteriore di spiritualit gentile, operato in un contesto teologico che andava differenziando il cristianesimo dal giudaismo. E, a questo punto, non possiamo fare a meno di ricordare il conflitto fra Giacomo, fratello di Ges e suo successore a capo della cosiddetta chiesa di Gerusalemme, difensore, con lintransigenza di un hassidico94, della piena aderenza alla legge mosaica, e San Paolo, autoproclamatosi apostolo per rivelazione diretta, difensore delle aperture al mondo pagano, della facoltativit delle norme giudaiche di purit, come la circoncisione, le restrizioni alimentari, ecc A sostegno di quanto stiamo affermando osserviamo un passo tratto da un antichissimo documento cristiano:

Riguardo all'eucaristia, cos rendete grazie: dapprima per il calice: Noi ti rendiamo grazie, Padre nostro, per la santa vite di David tuo servo, che ci hai rivelato per mezzo di Ges tuo servo. A te gloria nei secoli. Poi per il pane spezzato: Ti rendiamo grazie, Padre nostro, per la vita e la conoscenza che ci hai rivelato per mezzo di Ges tuo servo. A te gloria nei secoli. Nel modo in cui questo pane spezzato era sparso qua e l sopra i colli e raccolto divenne una sola cosa, cos si raccolga la tua Chiesa nel tuo regno dai confini della terra; perch tua la gloria e la potenza, per Ges Cristo nei secoli. Nessuno per mangi n beva della vostra eucaristia se non i battezzati nel nome del Signore, perch anche riguardo a ci il Signore ha detto: Non date ci che santo ai cani. Dopo che vi sarete saziati, cos rendete grazie: Ti rendiamo
91 92

Mt 26, 26-29. La teofagia un concetto teologico che consiste nel fatto di cibarsi del dio. 93 Nei misteri eleusini, orfici, dei greci, nonch nei riti iniziatici delle religioni vicino orientali, cos come nel mitraismo di origine persiana, esistevano culti basati sullidentificazione di un toro con la divinit e sullabitudine di mangiarne la carne e berne il sangue, assimilati alla carne e al sangue del dio. 94 Gli hassidim sono ebrei fondamentalisti che rispettano alla lettera i principi della Torah, esistevano fin dal secondo secolo AEC, ed dal loro nome che forse deriva il termine esseni.

grazie, Padre santo, per il tuo santo nome che hai fatto abitare nei nostri cuori, e per la conoscenza, la fede e l'immortalit che ci hai rivelato per mezzo di Ges tuo servo. A te gloria nei secoli. Tu, Signore onnipotente, hai creato ogni cosa a gloria del tuo nome; hai dato agli uomini cibo e bevanda a loro conforto, affinch ti rendano grazie; ma a noi hai donato un cibo e una bevanda spirituali e la vita eterna per mezzo del tuo servo. Soprattutto ti rendiamo grazie perch sei potente. A te gloria nei secoli. Ricordati, Signore, della tua chiesa, di preservarla da ogni male e di renderla perfetta nel tuo amore; santificata, raccoglila dai quattro venti nel tuo regno che per lei preparasti. Perch tua la potenza e la gloria nei secoli. Venga la grazia e passi questo mondo. Osanna alla casa di David. Chi santo si avanzi, chi non lo si penta. Maranatha. Amen..95

Queste parole sono tratte dalla Didak (o Dottrina dei 12 apostoli), che fu scoperta, nellultimo quarto del diciannovesimo secolo, dal vescovo greco ortodosso di Nicomedia. In seguito ne furono rinvenute copie in latino, in Austria e, successivamente ancora, copie in copto e in etiope. La discussione sulla datazione della redazione originale aperta e gli studiosi, in conflitto fra loro, si sono espressi per datazioni che vanno dal 70 EC al 200 EC. Si tratta di un documento concepito come manuale di istruzioni dottrinarie sul comportamento e sul culto per gli adepti cristiani. Le sue radici affondano, probabilmente, nel primitivo giudeo cristianesimo. Quello che vogliamo osservare un fatto fondamentale: nella descrizione del culto eucaristico non compresa alcuna visione del pane e del vino come corpo e sangue di Ges n, tantomeno, che si tratti di un rito sacrificale. Dei cinque punti che abbiamo enucleato prima, sussistono solo i primi due: la benedizione e la distribuzione. La qual cosa mostra una coerenza notevole col rito della fractio panis praticato dagli esseni di Qumran:

In ogni luogo in cui saranno dieci uomini del consiglio della comunit, tra di essi non mancher un sacerdote: si siederanno davanti a lui, ognuno secondo il proprio grado, e cos (nello stesso ordine) sar domandato il loro consiglio in ogni cosa. E allorch disporranno la tavola per mangiare o il vino dolce per bere, il sacerdote stender per primo la sua mano per benedire in principio il pane e il vino dolce. Per bere, il sacerdote stender per primo la sua mano per benedire in principio il pane e il vino dolce96,

E quando si raduneranno alla mensa comune oppure a bere il vino dolce, allorch la mensa comune sar pronta e il vino dolce da bere sar versato, nessuno stenda la sua mano sulla primizia del pane e del vino prima del sacerdote, giacch egli benedir la primizia del pane e del vino dolce e stender per primo la sua mano sul pane. Dopo, il Messia di Israele stender le sue mani sul pane e poi benediranno tutti quelli dell'assemblea della comunit, ognuno secondo

95 96

Didak, Capp. 9 e 10. Regola della Comunit, VI, 3-5.

la sua dignit. In conformit di questo statuto essi si comporteranno in ogni refezione, allorch converranno insieme almeno dieci uomini97.

C invece qualcosa nella Didak che sembra mancare nella descrizione sinottica delleucarestia, cio lenfasi sulla concezione davidica: Noi ti rendiamo grazie, Padre nostro, per la santa vite di David tuo servo, che ci hai rivelato per mezzo di Ges tuo servo, si faccia ben attenzione, tuo servo piuttosto che tua incarnazione; e ancora Venga la grazia e passi questo mondo. Osanna alla casa di David. A questo punto ci molto difficile continuare a credere che leucarestia come rito sacrificale teofagico sia stata insegnata cos da Ges, e non sia piuttosto uno sviluppo successivo, risalente con tutta probabilit alla dottrina propagata da Paolo in ambiente gentile.

Ladunata sul monte degli ulivi. Alla National Gallery di Londra conservato un quadro di 63 per 80 cm, pitturato su una tavoletta di legno, che stato dipinto circa cinquecentocinquantasette anni fa (nel 1452) dal pittore veneziano Andrea Mantegna. Si intitola orazione nellorto. una delle poche immagini artistiche raffiguranti Ges nellorto del Getsemani, sul monte degli ulivi, in quel breve lasso di tempo che separa lultima cena dallarresto. Osservandolo, impressionano alcune sue evidenti caratteristiche: una notevole plasticit e prospettiva del paesaggio, con una suggestione quasi tridimensionale; una vivace combinazione di colori; un ambiente inaspettatamente aperto e spoglio, quando la fantasia tenderebbe invece a collocare quella scena in un oscuro folto di alberi. E poi, comunque, Mantegna ha dato allimmagine una luminosit che non appare notturna, affiancata alla presenza di leprotti ed uccelli che sembrano giocherellare allegramente. Ges prega inginocchiato mentre i tre apostoli Pietro, Giacomo e Giovanni, giacciono addormentati. In lontananza loscuro presagio della sciagura incombente: una turba di persone armate che si avvicina.

Giunsero intanto a un podere chiamato Getsmani, ed egli disse ai suoi discepoli: Sedetevi qui, mentre io prego. Prese con s Pietro, Giacomo e Giovanni e cominci a sentire paura e angoscia. Ges disse loro: La mia anima triste fino alla morte. Restate qui e vegliate. Poi, andato un po innanzi, si gett a terra e pregava che, se fosse possibile, passasse da lui quell'ora. E diceva: Abb, Padre! Tutto possibile a te, allontana da me questo calice! Per non ci che io voglio, ma ci che vuoi tu. Tornato indietro, li trov addormentati e disse a Pietro: Simone, dormi? Non sei riuscito a vegliare un'ora sola? Vegliate e pregate per non entrare in tentazione; lo spirito pronto, ma la carne debole98.

La dottrina cristiana vuole che Ges fosse perfettamente consapevole della sua fine imminente, anzi, che la considerasse un giusto e necessario passaggio nel corso della sua missione, e che non abbia fatto niente
97 98

Regola dellAssemblea, II, 17-22. Mc 14, 32-38.

per impedire che ci avvenisse. Ma le ragioni di questo ritiro sul monte degli ulivi sono state senzaltro diverse, quasi certamente legate alla preparazione di uninsurrezione contro il dominio romano. Del resto, secondo il Vangelo di Luca, queste erano state le ultime parole di Ges prima di allontanarsi dal luogo dellultima cena:

Poi disse: Quando vi ho mandato senza borsa, n bisaccia, n sandali, vi forse mancato qualcosa?. Risposero: Nulla. Ed egli soggiunse: Ma ora, chi ha una borsa la prenda, e cos una bisaccia; chi non ha spada, venda il mantello e ne compri una. Perch vi dico: deve compiersi in me questa parola della Scrittura: E fu annoverato tra i malfattori.99.

Erano necessarie le armi, perch il Malkut YHWH (regno di Dio) non poteva essere costruito senza luso della violenza. Una violenza giustificata dal bisogno di neutralizzare la prepotenza dei romani e di restituire la casa di Israele al suo popolo e ad autorit degne e legittime. In altre occasioni il monte degli ulivi fu utilizzato come punto strategico per i rivoltosi che volevano attaccare la torre Antonia (la sede del presidio romano, situata su uno dei quattro angoli del tempio). Giuseppe Flavio, per esempio, ci testimonia di un certo falso profeta egiziano:

Arriv infatti nel paese un ciarlatano che, guadagnatosi la fama di profeta, raccolse una turba di circa trentamila individui che si erano lasciati abbindolare da lui, li guid dal deserto al monte detto degli ulivi e di l si preparava a piombare in forze su Gerusalemme, a battere la guarnigione romana e a farsi signore del popolo con l'aiuto dei suoi seguaci in armi. Felice affrontandolo con i soldati romani, e tutto il popolo collabor alla difesa s che, avvenuto lo scontro, l'egiziano riusc a scampare con alcuni pochi, la maggior parte dei suoi seguaci furono catturati o uccisi mentre tutti gli altri si dispersero100.

Qualcuno ha addirittura proposto che dietro questo episodio si nasconda leco delladunata di Ges coi suoi discepoli nellorto del Getsemani, ma il periodo completamente diverso. Il praefectus Iudaeae ora Felice, siamo fra il 52 e il 60 EC.

Larresto. Padova. Cappella degli Scrovegni. Negli anni 1303-1304, il pittore toscano Giotto di Bondone dipinge quella che, nei secoli a venire, sar una delle figure pi caratteristiche dellarresto di Ges: il bacio di Giuda. Un affresco dotato di grande potenza espressiva, con tutte quelle fiaccole e lance che si agitano sullo sfondo blu scuro del cielo notturno, nella met superiore dellimmagine, in contrapposizione ai colori caldi della met inferiore, rosso, arancio, viola e oro. Un dinamismo eccezionale, anche se Giuda e Ges, che si prendono gran parte dello spazio pittorico, sembrano caratterizzati da una strana immobilit statuaria. Si notano soldati, presumibilmente romani, ma anche una nutrita folla di civili, ebrei, e un
99

100

Lc 22, 35-37. G. Flavio, Guerra Giudaica, II, 13.

personaggio che sembra un sacerdote del tempio. Dietro il Cristo, Pietro, con la sua spada, mozza di netto lorecchio di uno degli intervenuti, Malco, servo del sommo sacerdote101.

E subito, mentre ancora parlava, arriv Giuda, uno dei Dodici, e con lui una folla con spade e bastoni mandata dai sommi sacerdoti, dagli scribi e dagli anziani102,

Mentre parlava ancora, ecco arrivare Giuda, uno dei Dodici, e con lui una gran folla con spade e bastoni, mandata dai sommi sacerdoti e dagli anziani del popolo103,

Mentre egli ancora parlava, ecco una turba di gente; li precedeva colui che si chiamava Giuda, uno dei Dodici, e si accost a Ges per baciarlo104.

La tradizione cristiana non si sofferma molto a precisare chi fossero gli intervenuti allarresto. Lo stesso film di Zeffirelli, Ges di Nazaret, icona della narrazione evangelica di fronte al pubblico planetario, mostra una folla composta esclusivamente di giudei, civili, sinedriti, sacerdoti, guardie del tempio. Ma questo fa parte di una mistificazione storica che i redattori dei sinottici hanno messo in atto, per coerenza con quello che abbiamo gi definito intento di spoliticizzazione. I colpevole della fine di Ges devono risultare giudei, mentre i romani devono apparire succubi di questa volont delle autorit ebraiche. Basterebbe questo antisemitismo intrinseco per capire che i vangeli non li hanno scritti degli ebrei n, tantomeno, dei discepoli di Ges. Il quarto Vangelo, se leggiamo la traduzione comune, sembra essere daccordo con i sinottici:

Allora il distaccamento con il comandante e le guardie dei Giudei afferrarono Ges, lo legarono105.

Infatti si menzionano il distaccamento con un comandante e le guardie dei giudei. Il lettore ignaro, ancora una volta, vede in questa scena una ben precisa volont degli ebrei contro Ges. Ma, in realt, c una grave censura, il cui scopo sempre quello di mascherare il senso generale dellazione. In questo caso la mistificazione opera dei traduttori, perch il redattore aveva usato le parole ten speiran e chiliarcos, che nelle versioni latine sono giustamente tradotte cohors e tribunus, facendo capire, in modo inequivocabile, che il grosso delle forze intervenute sul monte degli ulivi per arrestare Ges era una coorte romana, un corpo militare composto da seicento uomini. I giudei, guardie o sinedriti, non erano che un minimo seguito, un codazzo di aggregati. Era stato il prefetto romano, Ponzio Pilato, a mobilitare, notte tempo, una coorte intera per arrestare un capo ribelle e impedire che fosse messo in atto un piano sovversivo. Giuda, in tutto ci, aveva avuto un duplice compito: da un lato, informare quando e dove i

101 102

Gv 18, 10. Mc 14, 43. 103 Mt 26, 47. 104 Lc 22, 47. 105 Gv 18, 12.

ribelli si sarebbero riuniti, dallaltro, far riconoscere Ges ai soldati romani. Non certo alla turba dei giudei, che lo conoscevano benissimo. Il prefetto della Giudea non avrebbe mai scomodato unintera coorte, per arrestare un predicatore ebreo sgradito ai sacerdoti. Le questioni interne dei giudei, specie se di natura semplicemente religiosa, lo interessavano ben poco. Lazione era stata compiuta perch si temeva che i rivoltosi volessero approfittare della massiccia presenza di pellegrini che erano intervenuti da tutta la Palestina, ed anche da pi lontano, in occasione della Pasqua. Se la sommossa ben organizzata avesse mobilitato una simile folla, eccitata dal panico, esaltata dallodio antiromano e dalla prospettiva che fosse giunta lora del riscatto messianico, le armi dei romani avrebbero potuto ben poco. Grande sarebbe stata la strage dei civili, ma nessun presidio, per quanto ben armato, avrebbe potuto fronteggiare la massa impetuosa di quelle centinaia di migliaia di persone, svegliate in piena notte, spaventate ed infuriate, decise ad uccidere per non essere uccise. Gruppi di ebrei avrebbero scannato i centurioni, facendoli letteralmente a pezzi, e la stessa cosa sarebbe successa ai sacerdoti del tempio. Vano sarebbe stato per i soldati romani fuggire nella campagna, perch sarebbero comunque stati trovati, e finiti con ferocia.

Il processo davanti al sommo sacerdote. I cristiani di oggi celebrano la Pasqua in date variabili, di anno in anno, perch il dato costante costituito dal fatto che levento da ricordare sarebbe avvenuto durante il primo plenilunio di primavera. Possiamo allora immaginare il distaccamento dei soldati romani e tutto il seguito di ebrei che, nel chiarore di una notte illuminata dalla luna piena, procedevano con passo rapido, trascinando Ges legato:

Dopo averlo preso, lo condussero via e lo fecero entrare nella sacerdote ,


106

casa del sommo

Allora condussero Ges dal sommo sacerdote, e l si riunirono tutti i capi dei sacerdoti, gli anziani e gli scribi107.

Come possiamo facilmente notare, si verificato un fatto strano: Ges era stato catturato da una coorte romana, comandata da un tribuno, ma il primo passo successivo allarresto fu la consegna del prigioniero alle autorit ebraiche, gi riunite nella casa del sommo sacerdote Caifa. Non molto verosimile. La logica ci fa pensare che i romani, dopo aver effettuato una rapida azione notturna contro un gruppo di presunti zeloti, in procinto di compiere una sommossa, lo avrebbero portato alla torre Antonia, sede del presidio ed anche delle carceri. Dove Pilato avrebbe potuto prenderlo in consegna e decidere sul da farsi. E invece no, tutti e quattro i Vangeli sono daccordo sul fatto che Ges sia stato condotto nella casa del sommo sacerdote. Con qualche contraddizione, infatti il quarto Vangelo sostiene che Ges sia stato portato inizialmente in casa di Anna, suocero di Caifa. Inoltre per Marco e Matteo i fatti si sarebbero svolti nella notte fra il gioved 14 del mese di Nisan (vigilia di Pasqua) e il venerd 15 (Pasqua). Per Luca
106 107

Lc 22, 54. Mc 14, 53.

si sarebbe trattato del mattino del venerd 15 (Pasqua). Per il quarto evangelista si sarebbe trattato della notte fra il gioved 13 (antivigilia di Pasqua) e il venerd 14 (vigilia di Pasqua). Ma la contraddizione pi grande costituita dal fatto che, mentre i tre sinottici descrivono un processo108, per quanto irregolare109, svoltosi davanti alle autorit ebraiche, con lemissione di un verdetto di morte, il quarto Vangelo non riferisce di alcun processo, ma solo di generici atti oltraggiosi nei confronti del prigioniero:

Allora il sommo sacerdote interrog Ges riguardo ai suoi discepoli e alla sua dottrina. Ges gli rispose: Io ho parlato al mondo apertamente; ho sempre insegnato nella sinagoga e nel tempio, dove tutti i Giudei si riuniscono, e non ho mai detto nulla di nascosto. Perch interroghi me? Interroga quelli che hanno udito ci che ho detto loro; ecco, essi sanno che cosa ho detto. Aveva appena detto questo, che una delle guardie presenti diede uno schiaffo a Ges, dicendo: Cos rispondi al sommo sacerdote?. Gli rispose Ges: Se ho parlato male, dimostrami dov' il male; ma se ho parlato bene, perch mi percuoti?. Allora Anna lo mand legato a Caifa, sommo sacerdote.110.

Sempre secondo il quarto Vangelo, nella casa di Caifa non sarebbe successo niente di rilevante, o meglio, niente di niente, dopodich condussero Ges dalla casa di Caifa nel pretorio (Gv 18, 28) dove Pilato avrebbe preso luomo in consegna. Sembra quasi che, durante il trasporto del prigioniero, ci siano state due brevi tappe, nel corso delle quali, prima Anna e poi Caifa, abbiano voluto vedere Ges catturato, ma che la meta finale del trasferimento fosse il pretorio, come vorrebbe il buon senso. Ecco dunque cosa si evidenzia da questo confronto: i Vangeli sinottici avrebbero rappresentato un processo di fronte al sommo sacerdote, perch era funzionale alla loro ideologia mostrare che i colpevoli della morte di Ges erano gli ebrei, non i romani (coerentemente con la falsit che i romani non sarebbero nemmeno intervenuti alle operazioni di cattura e arresto). E, soprattutto, volevano nascondere la vera causa della condanna, la sovversione antiromana, e attribuirgli una connotazione puramente religiosa: un atto di blasfemia, per essersi definito figlio di Dio. Questo ci che Marco, discepolo di Paolo, fu costretto a sostenere, scrivendo a Roma, in greco, un testo destinato ad un pubblico gentile, a posteriori delle tragiche vicende della guerra tra ebrei e romani, svoltasi fra il 66 e il 70 EC:

Di nuovo il sommo sacerdote lo interrog dicendogli: Sei tu il Cristo, il Figlio di Dio benedetto?. Ges rispose: Io lo sono! E vedrete il Figlio dell'uomo seduto alla destra della Potenza e venire con le nubi del cielo. Allora il sommo sacerdote, stracciandosi le vesti, disse: Che bisogno abbiamo ancora di testimoni? Avete udito la bestemmia; che ve ne pare?. Tutti

Mc 14, 55-65; Mt 26, 59-68; Lc 22, 66-71. I processi dovevano svolgersi di giorno, non di notte; non, comunque, alla vigilia di una festa; in unarea apposita, detta Beth Din, non in una casa privata; fra linterrogatorio e la pronuncia del verdetto dovevano passare ventiquattro ore; la definizione figlio di Dio non costituisce una blasfemia degna di un verdetto di morte; queste ed altre inaccettabili irregolarit sono state ampiamente trattate da una vasta schiera di studiosi. 110 Gv 18, 19-24.
109

108

sentenziarono che era reo di morte111.

Non era proprio tollerabile che i cristiani incirconcisi adorassero quel messia yahwista che aveva cospirato contro il potere imperiale e che era stato crocifisso per la sua ambizione al trono di Gerusalemme. Ges doveva piuttosto apparire come uno degli dei salvifici che gi appartenevano a numerosi culti in voga nellimpero. Doveva essere politicamente innocuo, e la sua crocifissione da parte dei romani doveva apparire come il risultato di un equivoco, un semplice pretesto con cui gli ebrei avrebbero raggirato il prefetto della Giudea. Il quale se ne sarebbe addirittura lavato le mani. semplicemente ridicolo. E noi dobbiamo trarre una conclusione: davanti alle autorit ebraiche non c mai stato alcun processo contro Ges. Le ricerche storiche sul cristianesimo primitivo hanno gi evidenziato da tempo che la cosiddetta chiesa di Gerusalemme, ovvero la comunit dei fedeli ebrei allindomani della morte di Ges, riuniti intorno alla figura di Giacomo, fratello del messia, era in totale contrasto col cristianesimo ellenistico elaborato da San Paolo, cittadino romano che agiva fuori dalla Palestina, di fronte ad un pubblico gentile. I primi restavano nellambito del giudaismo e della legge mosaica, ispirandosi alle idee messianiche degli esseno zeloti. Erano i nazorei, o gli ebioniti, che i cosiddetti padri della chiesa, nei secoli II e III EC, descrissero come eretici, distruggendone la reputazione e gli scritti. I secondi erano pagani incirconcisi, affascinati da un monoteismo che prometteva la salvezza attraverso la fede nel riscatto che Ges avrebbe compiuto ponendosi come agnello sacrificale, sul modello di Mitra, Dioniso, Thammuz, Attis, Adonis, Osiride e tanti altri di gi noti. C una questione su cui dobbiamo porre laccento, ed quella del titolo che, secondo la versione dei sinottici, avrebbe convinto le autorit ebraiche a emettere la sentenza di morte. Lespressione figlio di Dio, nei Vangeli, resa coi termini uis tou Theou (letteralmente figlio di Dio), mentre nelle versioni latine resa da filius Patris (letteralmente figlio del Padre), sulleco del tab ebraico che proibisce di pronunciare il nome di Dio e costringe alluso di diversivi come Eloah, Adonai, Abb... In particolare il termine Abb (Padre) sembra essere stato il preferito da Ges e dai suoi seguaci, tant vero che la parola Padre, come nelluniversale Padre nostro che sei nei cieli, ricorre nella narrazione evangelica pi spesso della parola Dio: Abb, Padre! Tutto possibile per te112. Ora, i personaggi della narrazione evangelica parlavano aramaico e, se il processo di fronte al sommo sacerdote si fosse svolto veramente, quali parole avrebbe usato costui per chiedere a Ges se era il figlio di Dio, o meglio, il figlio del Padre? semplice: avrebbe usato lespressione bar Abb (Barabba):

lepisodio di Barabba e la descrizione lucana della folla in lacrime potrebbero risalire ad ununica fonte dalla quale scatur una tradizione primitiva della storia della passione. Nella successiva redazione Ges Barabba, alias Ges figlio di Dio, venne scisso in due persone113,

il nome Barabba lascia perplessi. Lespressione che era chiamato Barabba, usata da Marco, fa pensare che si trattasse di un epiteto cui doveva precedere un nome proprio, e la letteratura rabbinica attesta luso di figlio del Padre (bar Abba) in questa accezione. La
111 112

Mc 14, 61-64. Mc 14, 36.

variante di lettura in alcuni manoscritti del Vangelo di Matteo Ges Barabba potrebbe indicare il vero nome di questo capo, forse uno zelota114,

nei Vangeli Barabba una specie di controfigura di Ges. In alcuni testi troviamo addirittura Ges Barabba: in aramaico Barabba vuol dire figlio del Padre115;

Per ora, su questo argomento, ci fermiamo qui, ma lo riprenderemo fra poco.

Il processo romano. La tradizione cristiana sostiene che Ges, condannato a morte dal sinedrio, sia stato consegnato ai romani perch gli ebrei non avevano facolt di eseguire pene capitali. Eppure sappiamo che i monarchi erodiani hanno fatto eseguire innumerevoli condanne, tra le quali la pi famosa quella di cui fu vittima Giovanni Battista; Stefano, il primo martire cristiano, stato lapidato dagli ebrei allindomani della morte di Ges; Giacomo, il fratello di Cristo, fu giustiziato dagli ebrei; la tradizione cristiana sostiene che Giuseppe, venendo a conoscenza della gravidanza di Maria, non lavrebbe ripudiata per non sottoporla allinfamia delladulterio e al pericolo di essere lapidata; le stesse narrazioni evangeliche testimoniano del fatto che gli ebrei, al tempo di Ges, eseguivano lapidazioni:

Allora gli scribi e i farisei gli conducono una donna sorpresa in adulterio e, postala nel mezzo, gli dicono: Maestro, questa donna stata sorpresa in flagrante adulterio. Ora Mos, nella Legge, ci ha comandato di lapidare donne come questa. Tu che ne dici?. Questo dicevano per metterlo alla prova e per avere di che accusarlo. Ma Ges, chinatosi, si mise a scrivere col dito per terra. E siccome insistevano nell'interrogarlo, alz il capo e disse loro: Chi di voi senza peccato, scagli per primo la pietra contro di lei116;

e parlano anche del rischio che Ges stesso avrebbe corso di essere lapidato dagli ebrei:

I Giudei portarono di nuovo delle pietre per lapidarlo. Ges rispose loro: Vi ho fatto vedere molte opere buone da parte del Padre mio; per quale di esse mi volete lapidare?. Gli risposero i Giudei: Non ti lapidiamo per un'opera buona, ma per la bestemmia e perch tu, che sei uomo, ti fai Dio117.

Poi, disse ai discepoli: Andiamo di nuovo in Giudea!. I discepoli gli dissero: Rabb, poco fa i Giudei cercavano di lapidarti e tu ci vai di nuovo?118.
113 114

L. Moraldi, [a cura di], Apocrifi del N.T., UTET, Torino, 1975, pag. 382. W.Fricke, Il caso Ges, Rusconi, Milano, 1989, pag.219. 115 R. Eisenman, Giacomo il fratello di Ges, Piemme, Casale Monferrato [Al], 2007. 116 Gv 8, 3-7. 117 Gv 10, 31-33. 118 Gv 11, 7-8.

Con queste evidenze non possiamo accettare lidea che gli ebrei fossero costretti a consegnare Ges ai romani, per farlo giustiziare. Possiamo invece capire quanto si siano impegnati i redattori sinottici, nei testi che dovevano circolare soprattutto fra i gentili (altrimenti non sarebbero stati scritti in greco), a giustificare lo scandalo della crocifissione. Infatti la crocifissione per i romani costituiva un autentico scandalo, che screditava in modo inequivocabile colui che laveva subita. Questa modalit di esecuzione era riservata agli schiavi, ai ribelli, ai non cittadini romani. Essere crocifisso significava essere un nemico di Roma, un infame da togliere di mezzo con disprezzo. Il soggetto di un nuovo culto e di una nuova fede, che si stava diffondendo nel mediterraneo, poteva essere stato crocifisso come ribelle? No. Pertanto la narrazione evangelica doveva mostrare che Ges era finito sulla croce per errore, che i romani erano innocenti della sua morte, che Pilato aveva commesso un madornale atto di leggerezza giudiziaria, e che la responsabilit cadeva completamente sugli ebrei. Per i membri della chiesa di Gerusalemme, ebrei credenti e fondamentalisti, la crocifissione era stata una catastrofe, non uno scandalo; ma per i seguaci dellinsegnamento paolino, estranei al mondo giudaico e inseriti nel mondo culturale latino ellenistico, la crocifissione sarebbe stata uno scandalo se non fosse stata idealmente interpretata come un errore, facente parte di un piano divino che la trasformava in un atto salvifico universale. Questa unaltra delle chiavi di lettura dei Vangeli, senza la quale siamo destinati a rimanere intrappolati allinterno di una fiction teologica. Vediamo adesso alcune parole che il Vangelo secondo Luca fa pronunciare durante la consegna di Ges a Pilato:

Tutta l'assemblea si alz, lo condussero da Pilato e cominciarono ad accusarlo: Abbiamo trovato costui che sobillava il nostro popolo, impediva di dare tributi a Cesare e affermava di essere il Cristo re119,

al che il prefetto avrebbe dovuto reagire immediatamente con: E allora non ci resta che toglierlo di mezzo. E invece le scritture evangeliche ci mostrano un Pilato recalcitrante che non vuole condannare il prigioniero e sostiene di non riconoscere in lui alcuna colpa. Tutto ci, a noi, mostra una cosa sola: limpegno insistente dei redattori a scagionare i romani.

Ma essi insistevano: Costui solleva il popolo, insegnando per tutta la Giudea, dopo aver cominciato dalla Galilea fino a qui120.

Ci nonostante Pilato avrebbe continuato a dissociarsi, e avrebbe deciso di lavarsene le mani, lasciando la cosa agli ebrei. davvero impossibile, innanzitutto perch era stato lui a mobilitare unintera coorte nel corso della notte, per scongiurare il pericolo imminente di una sommossa e arrestare Ges. E ora? Non sapeva nemmeno di cosera accusato? Lo considerava semplicemente un innocuo sognatore, in preda alle

119 120

Lc 23, 1-2. Lc 23, 5.

visioni spirituali? Il prefetto avrebbe dovuto dimostrare che quelle accuse erano fasulle, se non voleva commettere una grave mancanza di fronte allo stesso imperatore. Le accuse di cui parla il Vangelo secondo Luca si riassumono cos:

1) sobillava e sollevava il popolo, 2) istigava allobiezione fiscale, impedendo il pagamento dei tributi ai romani, 3) dichiarava di essere il messia re (di Israele), 4) aveva iniziato la sua azione sovversiva in Galilea, e la estendeva alla Giudea.

Se questa fosse una carta didentit, sarebbe senzaltro quella di Giuda il Galileo, cittadino di Gamala, figlio di Ezechia, come abbiamo gi visto in precedenza, nel paragrafo Storia della citt sul monte. Tutto questo crea un forte legame tra Ges e Giuda il Galileo, anche se Giuda era morto nel 7 EC, quando Ges era un ragazzo. Ma questultimo poteva essere un erede del pensiero di Giuda, se non, addirittura, un erede in senso parentale. Ed avere molto a che fare con la citt di Gamala. Persino G. Jossa, uno studioso cattolico, in un suo saggio costretto ad ammettere quanto segue:

"Giuda un profeta, un nabi, che riprende con assoluta urgenza l'attesa messianica nazionale di Israele. Al centro della sua predicazione l'annuncio della venuta del Regno di Dio e la richiesta di collaborazione del popolo alla sua realizzazione ... Vari elementi sembrano avvicinare le due figure di Giuda di Gamala e Ges di Nazareth. Innanzitutto l'origine galilaica e laica, intesa non puramente come elemento geografico e sociologico, ma come espressione di una religiosit diversa da quella dell'ambiente sacerdotale di Gerusalemme ... Giuda e Ges sono stati chiamati entrambi 'galilei'; fatto che rende talvolta difficile l'identificazione sicura del gruppo religioso indicato nelle fonti con questo nome..."121.

I parallelismi tra Ges e Giuda il Galileo sono senzaltro non casuali. Il movimento venutosi a creare intorno a Ges si ispirava alle stesse tematiche che spingevano lazione di Giuda. Lo vediamo bene anche in quella che sar la posizione di Giacomo nel momento in cui, a seguito della morte del fratello Ges, assumer la carica di suo successore e capo della chiesa di Gerusalemme. Egli sar il difensore della tradizione giudaica, restio a tutte le innovazioni ellenizzanti proposte da Paolo, convinto che solo gli ebrei circoncisi possono appartenere al movimento, e che nessuno pu permettersi di riformare i contenuti dellinsegnamento messianico e dellannuncio del regno di Dio. Sia lautorit di Giacomo, sia il reale contenuto della sua predicazione sono stati trascurati e messi in ombra dagli sviluppi del cristianesimo paolino. Il successore di Ges sembrerebbe essere Pietro. E le diatribe fra Giacomo e Paolo, nella descrizione degli Atti degli Apostoli, sembrerebbero dei semplici confronti dovuti allottusit degli apostoli che avevano conosciuto Ges, incapaci di comprenderne appieno luniversalit del messaggio e ancorati ad una visione bigotta dellortodossia ebraica. Le questioni erano, invece, totalmente sostanziali. Perch Paolo aveva volutamente contrapposto una concezione salvifica di tipo ellenistico o medio orientale al messianismo tradizionale degli ebrei, e il suo
121

G. Jossa, Ges e i movimenti di liberazione della Palestina, Paideia, Brescia, 1980.

Ges, che egli dichiarava di avere conosciuto nel corso di una visione estatica, non aveva niente a che fare col Ges della storia. Ecco perch i quattro Vangeli canonici, che hanno le loro radici ideologiche e teologiche nella predicazione paolina, sono caratterizzati da un intento censorio ossessivo che cerca di ribaltare il senso dei fatti nel momento stesso in cui li raccontano. A questa tendenza appartiene completamente la distorsione del racconto della passione e, in particolare, del processo, che doveva rappresentare una responsabilit ebraica piuttosto che romana. Osserviamo adesso alcune curiose corrispondenze tra il processo giudaico e quello romano:

Processo giudaico (Mt 26, 62-64) Allora il sommo sacerdote gli disse: Non rispondi nulla? Che cosa testimoniano costoro contro di te? Ma Ges taceva. Allora il sommo sacerdote gli disse: Ti scongiuro...perch ci dica se tu sei il Cristo Tu l'hai detto gli rispose Ges.

Processo romano (Mc 15, 4-5, 2) Pilato lo interrog di nuovo: Non rispondi nulla? Vedi di quante cose ti accusano? Ma Ges non rispose... Allora Pilato prese ad interrogarlo: Sei tu il re dei Giudei? Ed egli gli rispose: Tu lo dici

Salta allocchio una singolare uguaglianza di atti e di parole che rende i due processi la copia luno dellaltro. Ovviamente non possiamo pensare che il sacerdote e Pilato abbiano recitato esattamente lo stesso copione e questo ci dimostra, ancora una volta, che il processo giudaico, inficiato dalle sue stesse modalit, non mai esistito come processo reale, perch la partecipazione dei sacerdoti e dei sinedriti alle varie tappe della passione di Ges stata solo una complicit nei confronti dei romani, un favoreggiamento interessato, non la causa prima dellarresto e della condanna di Ges. Il vero ed unico processo, quello di fronte ai romani, trova nella narrazione dei quattro Vangeli canonici un punto di singolarit esasperata nella descrizione del ballottaggio fra Ges e Barabba. Innanzitutto abbiamo gi detto che Barabba, lungi dallessere un nome, lequivalente del titolo che in italiano si esprime con figlio di Dio. Poi bisogna aggiungere che alcune antiche varianti del Vangelo secondo Matteo122 riportano Iesoun Barabban (Ges Barabba) al posto di Barabban, facendo capire che il prigioniero rilasciato sarebbe stato Ges, il figlio di Dio (!). vero che cerano due prigionieri in ballottaggio, uno per la condanna e laltro per la scarcerazione? vero che si chiamavano tutti e due Ges e che portavano lo stesso titolo? vero che uno dei due sarebbe stato liberato? vero che lusanza voleva che un prigioniero fosse graziato in occasione di una festivit ebraica? vero che gli ebrei avrebbero acclamato la liberazione del ribelle e la condanna del predicatore non violento? vero che Pilato avrebbe accettato queste condizioni? O vero piuttosto che gli evangelisti hanno operato un ulteriore

Avevano in quel tempo un prigioniero famoso, Ges Barabba, il quale era stato messo in carcere in occasione di una sommossa scoppiata in citt e di un omicidio (Mt 27,16), vedi Novum Testamentum Graece et Latine, A.Merk, Ist. Biblico Pontificio, Roma 1933, pag. 101, nota 16 al testo greco.

122

sdoppiamento123 al fine di scorporare la componente zelotica criminale da quella spirituale di Ges? Esattamente come sarebbe stato fatto dividendo lapostolo fratello Simone in due: Simon Pietro e Simone il cananeo (zelotes). E lapostolo fratello Giuda in due: Tommaso detto gemello (didimos) e Taddeo (Ioudas zelotes o Theudas). In passato ho sostenuto che i due personaggi del ballottaggio potessero essere riconosciuti nei due aspiranti messia, quello regale (di Davide) e quello sacerdotale (di Aronne) dellattesa espressa nella letteratura qumraniana. Ritengo che questa possa essere trattata solo come unipotesi, da non scartare, ma nemmeno da considerare per certa. Certo solo che il Ges della fede cristiana moderna il risultato di una costruzione molto complessa, e che la sua distanza dal Ges ebreo della storia abissale.

E Pilato, volendo dar soddisfazione alla moltitudine, rilasci loro Barabba e, dopo aver fatto flagellare Ges, lo consegn perch fosse crocifisso124.

Dunque il processo si conclude con un verdetto di crocifissione, la qualcosa ha costretto gli evangelisti a sforzarsi goffamente per sciogliere il prefetto da ogni responsabilit:

[Pilato] si lav le mani davanti alla folla: Non sono responsabile, disse, di questo sangue; vedetevela voi!. E tutto il popolo rispose: Il suo sangue ricada sopra di noi e sopra i nostri figli125; [Pilato] abbandon Ges alla loro volont [degli ebrei]126.

Questo imbarazzo da parte di Pilato rappresentato in un quadro artisticamente molto valido, ma in linea con la dissimulazione storica voluta dalla redazione evangelica. Si tratta di Ecce Homo, un celebre dipinto di Antonio Ciseri. Lautore era nato in Svizzera, nel Canton Ticino, nel 1821, ma a soli 12 anni si era trasferito a Firenze, dove sarebbe rimasto per tutta la vita. Anche Silvestro Lega stato tra i suoi allievi. Il quadro di cui parliamo mostra una veduta dallinterno del Pretorio verso il piazzale gremito di folla. Leffetto pi suggestivo quello dei contrasti di luce fra lesterno e linterno, nonch la posizione dei personaggi, visti di spalle. Architetture e abbigliamenti ricordano Atene piuttosto che Gerusalemme. Ges pi alto di Pilato e dei soldati, ha un corpo atletico e una statura dominante. Il prefetto si sporge verso gli ebrei col braccio teso a indicare il prigioniero, sembra supplicare la folla con una domanda che, di sicuro, non si mai posto: Che devo fare di questuomo? Devo forse condannare un innocente?. E qui gli ebrei si sarebbero attribuiti un destino che, in realt, rappresentava linclinazione dei primi cristiani gentili: lantisemitismo connesso allidea che i giudei fossero i veri assassini del figlio di dio. Ma sono stati i neo-cristiani a rovesciare i fatti e a diffamare gli ebrei difendendo i romani.

Gli sdoppiamenti di persona nelle narrazioni del Nuovo Testamento riguardano gli apostoli, i fratelli di Ges, i suoi genitori, Maria Maddalena / di Betania, ed altri casi che talvolta non facile decodificare. 124 Mc 15,15. 125 Mt 27, 24-25. 126 Lc 23, 25.

123

Lo scherno dei soldati. Michelangelo Merisi, o Merigi o Amerighi, detto il Caravaggio (n. a Milano nel 1571, m. a Porto Ercole nel 1610), dipinse nellultima parte della sua vita (1608) un quadro della flagellazione che rivela ben poco del periodo storico in cui le cose sarebbero avvenute: i soldati romani sembrano braccianti medievali, la colonna ha uno stile decisamente ellenistico, ma il tutto esprime un pathos, nella posa sofferente del Cristo, e nellatteggiamento feroce dei due boia, che senzaltro aiuta il fedele a comprendere la gravit della situazione. Non per il senso storico dellavvenimento. Qualche anno prima Piero della Francesca (Sansepolcro, 1416-1417 circa Sansepolcro, 12 ottobre 1492) , aveva dipinto la stessa scena con criteri completamente diversi. La struttura compositiva dellimmagine e la totale freddezza dei presenti rendono molto perplesso losservatore, che si sarebbe aspettato un altro tentativo di esprimere il senso della tragedia. vero che Piero ha lavorato circa cento anni prima, ma siamo certi che questo non possa giustificare lindifferenza di tutta la scena alla sofferenze di Ges. Spero di poter dire che lopera non mi piace, anche se schiere di critici si sono espressi in termini molto entusiasti.

Allora i soldati del governatore condussero Ges nel pretorio e gli radunarono attorno tutta la coorte. Spogliatolo, gli misero addosso un manto scarlatto e, intrecciata una corona di spine, gliela posero sul capo, con una canna nella destra; poi mentre gli si inginocchiavano davanti, lo schernivano: Salve, re dei Giudei!. E sputandogli addosso, gli tolsero di mano la canna e lo percuotevano sul capo127.

Ecco dunque una delle scene pi atroci del racconto evangelico, a parte la crocifissione. Pilato, che pochi istanti prima avrebbe preso le difese delluomo per salvarlo dalla morte, convinto della sua innocenza, decide improvvisamente di consegnarlo ai soldati che inscenano una burla nei confronti del condannato. Innanzitutto radunano la coorte intera. Tutto il corpo militare che era appena rientrato dalla spedizione sul monte degli ulivi sfoga la propria rabbia sul prigioniero, su quel nemico che avrebbe dovuto sconfiggerli nel corso di una sommossa messianica. Ma i gesti descritti, sempre che il racconto sia storico, non possono essere equivocati. I soldati acconciano Ges come un re, facendogli indossare un manto rosso, simbolo della sovranit, con una corona di spine sulla testa e una canna in mano, a mo di scettro. Poi lo deridono con inchini e lo salutano come re dei Giudei. Luomo avrebbe dovuto ricevere i pi alti onori dal suo popolo, seduto sul trono di Gerusalemme, e invece riempito di sputi, bastonate, calci e schiaffi dalla soldataglia romana. A proposito di questo episodio, dobbiamo notare una straordinaria coincidenza con un brano presente in uno scritto di Filone Alessandrino, ebreo ellenizzato, quasi contemporaneo di Ges. Nella sua opera In Flaccum, lautore riferisce di una scena che fu rappresentata nello stadio di Alessandria128, allorch Erode Agrippa, in viaggio da Roma alla Palestina, fece tappa nella citt egiziana in cui vivevano molti ebrei. La cosa avvenne nel 38 d.C., poco dopo che Agrippa era stato nominato da Caligola tetrarca delle regioni a nord est del lago Gennsaret, fra cui il Golan, patria dei guerriglieri di Giuda di Gamala, i cosiddetti
127

Mt 27, 27-30.

"galilei". Nello stadio di Alessandria si stavano svolgendo i festeggiamenti in onore di Agrippa, quando i cittadini greci trascinarono un individuo addobbato come un re, con tanto di manto regale, corona di rami intrecciati, canna nella mano, soldati a fianco come guardie del corpo. La gente si inchinava e lo scherniva, fingendo di ossequiarlo: Maran atha! gridavano, che significa ecco il nostro re!. Ci colpisce lincredibile somiglianza fra questa rappresentazione e l'episodio evangelico degli scherni, che si spinge fino alle singole frasi e ai minimi particolari. C un serio sospetto che il brano riferito da Filone abbia qualche relazione con la passione di Cristo: i cittadini greci di Alessandria avrebbero voluto mettere in ridicolo quei fanatici messianisti che avevano tentato di insediare sul trono di Israele un re davidico, fallendo miseramente la loro impresa. I regnanti Erodiani avevano conservato il loro potere, minacciato dagli zeloti, e Agrippa avrebbe gradito quella celia concepita a spregio dei suoi nemici. Di questo brano nessuno parla. Meglio il silenzio che limbarazzo.

La via crucis. Allora costrinsero un tale che passava, un certo Simone di Cirene del Glgota, che significa luogo del cranio. 129. che veniva dalla

campagna, padre di Alessandro e Rufo, a portare la croce. Condussero dunque Ges al luogo

Per quanto riguarda il tragitto verso il luogo della crocifissione, c qualcosa su cui gli evangelisti non sono molto daccordo. Ancora una volta si verifica una netta contrapposizione fra i sinottici, da un lato, e il quarto Vangelo, dallaltro. I primi infatti sostengono che la croce sia stata portata da un certo Simone di Cirene, mentre il testo giovanneo afferma che fu proprio Ges a portare la croce:

Essi allora presero Ges ed egli, portando la croce, si avvi verso il luogo del Cranio, detto in ebraico Glgota130.

La cosa potrebbe non essere cos importante, pur gettando seri dubbi sulle memorie di quelli che avrebbero dovuto essere testimoni oculari, se non fosse per il fatto che alcuni cristiani delle origini erano convinti che Ges non fosse morto sulla croce, ma che al posto suo fosse stato crocifisso Simone di Cirene. Tra i documenti reperiti verso la met del secolo scorso a Nag Hammadi, in Egitto, volgarmente noti come Vangeli gnostici, ce n uno in cui si pu leggere:

Era un altro, il loro padre, che ha bevuto la bile e l'aceto; non ero io. Chi fu percosso con la canna, era un altro, Simone, colui che port la croce sulle sue spalle. Era un altro colui cui hanno messo la corona di spine131.

128 129

Philonis Alexandrini, In Flaccum, Oxford University Press, London, 1939. Mc 15, 21-22. 130 Gv 19, 17. 131 Secondo trattato del grande Seth, dalla bibl. Gnostica di Nag Hammadi.

Il padre della chiesa Ireneo, vescovo di Lione morto nel 202 EC, autore di Adversus Haereses, un importante trattato nel quale combatteva quelle che egli considerava idee devianti allinterno del vasto arcipelago cristiano, critic aspramente Basilide, un maestro alessandrino di origine siriana, il quale sosteneva che Ges non era stato crocifisso, e che al posto suo era stato giustiziato Simone di Cirene. Anche il Corano afferma che Ges non sarebbe stato ucciso sulla croce:

e dissero: Abbiamo ucciso il Messia Ges figlio di Maria, il Messaggero di Allah!. Invece non l'hanno n ucciso, n crocifisso, ma cos parve loro. Coloro che sono in discordia a questo proposito, restano nel dubbio: non hanno altra scienza e non seguono altro che la congettura. Per certo non lo hanno ucciso132.

Ma in che senso va intesa questa affermazione? Nel senso aneddotico che qualcun altro era stato elevato sulla croce? O, come ritiene qualcuno, nel senso che la natura di Ges era tale da non poter perire per mano umana? Dovremmo propendere per la prima ipotesi, infatti per lislam inconcepibile che un essere umano sia dotato di natura divina e, pertanto, Ges doveva essere un uomo a tutti gli effetti. Un grande profeta, ma pur sempre un uomo come gli altri. Notiamo adesso un particolare della descrizione dal Vangelo di Luca: Venivano condotti insieme con lui anche due malfattori per essere giustiziati133. Ad essere precisi c unimportante inesattezza nella traduzione dal greco. Qui infatti si legge la parola anche, che sembra implicare unaggiunta: venivano portati al patibolo Ges pi due malfattori. Si genera una sorta di contrapposizione: Ges era un uomo giusto e onesto, che in quella circostanza era mischiato con dei malfattori. Ma il testo greco non legge anche, bens eteroi, cio altri: Venivano condotti insieme con lui altri due malfattori per essere giustiziati. In questo caso sembra che i malfattori fossero tre: Ges e gli altri due. La cosa ha un significato perch questi personaggi che finirono in croce insieme a Ges non erano ladruncoli. La crocifissione era la condanna dei ribelli, non dei generici malfattori. I kakourgoi o lestai, che nel testo latino diventano latrones, erano gli zeloti, che i romani definivano appunto latrones o galilaei. Il cammino dal presidio al luogo della crocifissione fu il trasporto di tre accusati per il medesimo reato: la sedizione contro il potere imperiale. E il fatto che giochi di frasette e di paroline cerchino sempre di camuffare questa realt non fa altro che confermare quello che abbiamo definito intento di spoliticizzazione.

La crocifissione La crocifissione l'immagine pi drammatica di tutto il racconto evangelico che, da parte di numerosi registi cinematografici, stata rappresentata nei modi pi diversi, alcuni dei quali hanno posto laccento sulla piet, mostrando rispetto, sensibilit e finezza, mentre altri si sono soffermati sugli aspetti pi atroci dellagonia, spinti dal desiderio di fare spettacolo con le emozioni grossolane. La crocifissione romana era lesecuzione di quei condannati che, con la loro straziante sofferenza,
132 133

Corano, Sura IV, 157. Lc 23, 32.

dovevano offrire un pesante monito dissuasivo. Essere appesi in alto, di fronte alla gente, era come gridare fra gli spasmi del dolore: Ecco che cosa vi potrebbe succedere se farete quello che io ho fatto!. La sua immagine stata adottata come emblema del cristianesimo che, in tal modo, insiste su un messaggio di paura e di morte piuttosto che su altri suoi contenuti. Ma se qualcosa caratterizza questa nuova religione, e costituisce lelemento che la distacca dallebraismo, si tratta della fede nella resurrezione. Per cui, se fosse stato adeguatamente compreso il messaggio evangelico, invece di porre innanzi agli occhi dei fedeli, come immagine simbolo, il monito della sofferenza e della rovina che incombono su tutti noi, attraverso un patibolo di morte, sarebbe stata privilegiata limmagine del Cristo risorgente, come incoraggiamento e promessa che la vita eterna. Infatti la precariet gi visibile nelle cose quotidiane, mentre limmortalit che, sfuggendo al nostro sguardo quotidiano, ci lascia angosciati nellignoranza di ci che veramente siamo. Ma, del resto, come potrebbe insegnarci tutto ci chi non lo sa, non lha capito, e non lo crede veramente? La crocifissione dunque il quadro pi dipinto della narrazione evangelica, che ogni artista ha voluto trattare nei modi della sua epoca e col suo stile. Noi soffermeremo la nostra attenzione su una rappresentazione in particolare, unopera di Salvator Dal oggi conservata in Scozia, allArt Gallery di Glasgow. Si tratta del Cristo di San Giovanni della croce. In questo dipinto colpisce innanzitutto la prospettiva inconsueta: la visione dallalto, sopra la testa e le spalle del Cristo, che ne evidenzia la tensione muscolare nella posizione straziante del martirio. Il tutto accentuato da una simmetria centrale che rende incisiva limmagine, trascinante. Il crocifisso sembra fluttuare come un modulo alieno sopra un paesaggio che ricorda la scenografia evangelica dei pescatori sul lago: tre figure indifferenti, occupate con ineluttabile nonchalance a svolgere il loro lavoro. Il significato chiaro e universale: luomo non sa alzare gli occhi per vedere, e si aggira nel panorama quotidiano come una talpa che brancola in una galleria ottusa. Il Cristo, o meglio, la verit di cui Cristo vuole essere messaggero, rimane al di sopra delle teste, enorme e innegabile, ma distaccata e negletta. In vetta alla croce si nota, nel primissimo piano, uniscrizione inchiodata al legno:

Erano le nove del mattino quando lo crocifissero. E l'iscrizione con il motivo della condanna diceva: Il re dei Giudei134,

Stando al pi antico dei Vangeli sinottici, quello secondo Marco, Ges sarebbe stato crocifisso alle nove del mattino, mentre il quarto Vangelo sostiene che il verdetto sarebbe stato pronunciato a mezzogiorno135. In poche ore, cio dallarresto avvenuto a mezzanotte circa, si sarebbe svolta una tale sequenza di fatti da lasciare increduli: la cattura sul monte degli ulivi con uno leggero scontro armato; la duplice comparsa prima davanti ad Anna e poi davanti a Caifa, nelle rispettive case private; il processo giudaico con laccusa di bestemmia per essersi dichiarato figlio del Padre; la traduzione alla torre Antonia, sede del presidio romano; linterrogatorio da parte del prefetto; la traduzione davanti a Erode136; il ritorno davanti a Pilato; il processo, col ballottaggio Cristo/Barabba; la pronuncia del verdetto di condanna a morte; la

134 135

Mc 15, 25-26. Gv 19, 14. 136 Lc 23, 8-12.

flagellazione; lepisodio degli scherni da parte dei soldati romani; la traduzione al luogo del supplizio; la crocifissione. In una decina di ore sarebbe successo quello che normalmente avrebbe richiesto una settimana. A dimostrazione del fatto che, oltre alla fantasia degli autori, i quali hanno raccontato cose di cui non erano stati testimoni, larresto, la condanna e lesecuzione di quelluomo facevano parte di una urgente azione antiguerriglia, improvvisa e affrettata, piuttosto che di un regolare procedimento contro un presunto fuorilegge. Sulla croce Pilato ordin di mettere linsegna trilingue con la motivazione della condanna, rex iudaeorum o basileus ton ioudaion w-melek ha-yehudim: giustiziato perch voleva farsi re dei Giudei. Limpegno fondamentale della dottrina cristiana, nei secoli successivi, sar quello di rappresentare questo fatto come tranello giudiziario per ottenere, da parte degli ebrei, unesecuzione che altrimenti non sarebbe stata possibile. La verit, invece, unaltra: linteresse primario e la determinazione ad eliminare Ges appartenevano ai romani, con una partecipazione disomogenea137 dei membri del tempio e del sinedrio, complici per il semplice motivo che, se gli zeloti avessero preso il potere, le autorit politiche e religiose di Gerusalemme sarebbero state brutalmente eliminate. Con lui crocifissero anche due ladroni, uno alla sua destra e uno alla sinistra138,

Ancora una volta le versioni moderne dei testi evangelici sono concepite in modo da sottrarre le immagini della passione al loro vero contesto storico. La crudelt e lincomprensione umana avrebbero condotto luomo pi innocente del mondo a morire fra due generici delinquenti. E cos il quadro, nella sua paradossalit, diventa doppiamente penoso. Ma i due malfattori sono latrones o lestas nei testi antichi, entrambi inequivocabili termini usati per indicare gli zeloti, rispettivamente dai romani e dai greci. Si tratta dellesecuzione dei guerriglieri che avevano cercato di organizzare la rivolta messianica sfruttando la presenza di una folla smisurata di pellegrini durante le celebrazioni della Pasqua. Ges, in agonia in mezzo a loro, era il loro capo. abbastanza significativo che anche i sommi sacerdoti con gli scribi e gli anziani lo schernivano: Ha salvato gli altri, non pu salvare se stesso. il re d'Israele, scenda ora dalla croce e gli crederemo139. Dunque gli stessi ebrei, sacerdoti e sinedriti, riconoscono che egli aveva nutrito unambizione messianica e, ben felici di essere scampati alle terribili vendette zelotiche, lo canzonano per il suo grottesco insuccesso.

Giuseppe di Arimatea, membro autorevole del sinedrio, che aspettava anche lui il regno di Dio, and coraggiosamente da Pilato per chiedere il corpo di Ges (Mc 15, 43); Venuta la sera giunse un uomo ricco di Arimatea, chiamato Giuseppe, il quale era diventato anche lui discepolo di Ges (Mt 27, 57); C'era un uomo di nome Giuseppe, membro del sinedrio, persona buona e giusta. Non aveva aderito alla decisione e all'operato degli altri. Egli era di Arimatea, una citt dei Giudei, e aspettava il regno di Dio (Lc 23, 50-51); Dopo questi fatti, Giuseppe d'Arimatea, che era discepolo di Ges, ma di nascosto per timore dei Giudei, chiese a Pilato di prendere il corpo di Ges. Pilato lo concesse. Allora egli and e prese il corpo di Ges. Vi and anche Nicodemo, quello che in precedenza era andato da lui di notte, e port una mistura di mirra e di aloe di circa cento libbre. Essi presero allora il corpo di Ges, e lo avvolsero in bende insieme con oli aromatici, com' usanza seppellire per i Giudei (Gv 19, 38-40). 138 Mc 15, 27.

137

Riepilogo Dunque i racconti evangelici sono daccordo su questo susseguirsi di fatti. Che, in modo inequivocabile, spiega lazione di Ges e la colloca in un ben preciso contesto storico: 1) I sinedriti e i sacerdoti, riconosciuta la pericolosit di Ges ai fini dellincolumit della nazione, decidono di farlo fuori. 2) Durante un banchetto in suo onore a Betania, in casa di Lazzaro, la sorella di questultimo, Maria, inscena una cerimonia di unzione, mostrando ai presenti la dignit regale di Ges. Alcuni dei presenti si indignano. Giuda Iscariota approfitta di questo momento per allontanarsi a svelare i piani della sommossa e patteggiare la consegna di Ges ai sacerdoti. 3) Ges entra in Gerusalemme acclamato come il re che viene dalla folla. Lepisodio messo in collegamento con una profezia messianica. Sia i discepoli che Ges confermano il senso messianico del gesto. 4) Immediatamente dopo Ges, i suoi uomini e, probabilmente, un codazzo di folla esaltata, irrompono nel cortile esterno del Tempio dove rovesciano i tavoli dei cambiavalute e dei venditori di colombe, rimproverando la corruzione dei sacerdoti. Lazione possibile solo grazie alla sua rapidit e allimprovvisa superiorit di forze rispetto alle guardie del tempio. 5) Ges si ritira per compiere lultima cena coi suoi discepoli. Si tratta dellultimo atto che precede linizio della sommossa. Linserimento di insegnamenti teologici come leucarestia teofagica appartiene solo alla fantasia creativa degli evangelisti sinottici. Ges esegue un rito di ringraziamento e di distribuzione del pane e del vino, simile a quello descritto nei rotoli qumraniani. Poi dichiara che questo gesto non sar ripetuto finch non sar realizzato il malkut YHWH. 6) Nel profondo della notte Ges e i suoi seguaci si riuniscono sul monte degli ulivi, in procinto di dare inizio alla sommossa. 7) Una coorte romana sorprende i rivoltosi presso il giardino del frantoio. A indicare la persona di Ges ai soldati si incaricato Giuda lIscariota. Dopo un breve tentativo di resistenza Ges e qualcun altro vengono catturati. 8) Durante la traduzione in catene, gli arrestati sono fatti comparire davanti al sommo sacerdote e ai sinedriti. 9) Poco dopo gli arrestati sono consegnati al prefetto Pilato e processati per ribellione e lesa maest. Lesito del procedimento una condanna alla crocifissione. 10) Sottoposto a flagellazione Ges viene pesantemente schernito dai soldati romani che lo sbeffeggiano per la sua ambizione di diventare re. 11) Gli arrestati sono condotti al luogo della crocifissione. Forse qualcuno costretto ad aiutare Ges, gi quasi completamente esanime, nel trasporto dellasse di legno. 12) Ges e altri zeloti (latrones) sono crocifissi.

139

Mt 27, 41-42.

4 Dopo la morte di Ges


I testimoni della morte. I tre evangelisti sinottici, contrariamente al quarto autore, sono daccordo sul fatto che, al momento della morte di Ges, sarebbero improvvisamente accaduti numerosi eventi prodigiosi: il velo del tempio si sarebbe squarciato in due, si sarebbero manifestati terribili scosse di terremoto, si sarebbero aperti i sepolcri di molti uomini santi, che sarebbero apparsi alle folle in Gerusalemme140, anche se di queste cose straordinarie non esiste cenno in alcun resoconto storico. Ma quello su cui vogliamo porre lattenzione di questa drammatica circostanza tuttaltro aspetto, e riguarda una questione interessante: chi era presente, ai piedi della croce, al momento della morte di Ges? Nel porci questa domanda, finiremo per incontrare una delle pi importanti chiavi interpretative del codice neotestamentario, ovverosia degli accorgimenti con cui gli autori e i successivi revisori hanno manipolato le identit dei personaggi e la sostanza dei fatti:

C'erano anche alcune donne, che stavano ad osservare da lontano, tra le quali Maria di Magdala, Maria madre di Giacomo il minore e di Ioses, e Salome, che lo seguivano e servivano quando era ancora in Galilea141,

C'erano anche l molte donne che stavano a osservare da lontano; esse avevano seguito Ges dalla Galilea per servirlo. Tra costoro Maria di Magdala, Maria madre di Giacomo e di Giuseppe, e la madre dei figli di Zebedeo142,

Tutti i suoi conoscenti assistevano da lontano e cos le donne che lo avevano seguito fin dalla Galilea, osservando questi avvenimenti143,

Stavano presso la croce di Ges sua madre, la sorella di sua madre, Maria di Cleofa e Maria di Magdala. Ges allora, vedendo la madre e l accanto a lei il discepolo che egli amava, disse alla madre: Donna, ecco il tuo figlio!. Poi disse al discepolo: Ecco la tua madre!. E da quel momento il discepolo la prese nella sua casa144.

Innanzitutto dobbiamo registrare le solite immancabili divergenze fra i sinottici e il quarto Vangelo. I primi sostengono che questi testimoni stavano ad osservare da lontano, mentre laltro dice chiaramente che stavano presso la croce, quanto basta per interloquire con Ges, il che appare abbastanza improbabile, sebbene non del tutto impossibile.

140 141

Mc 15, 37-38; Mt 27, 50-53; Lc 23,45-46; Mc 15, 40-41. 142 Mt 27, 55-56. 143 Lc 23, 49. 144 Gv 19, 25-27.

In particolare notiamo un fatto fondamentale: in questi scenari finali della passione di Ges, appare un terzetto di donne, comunemente note come le tre Marie, che per sembra molto incerto per quanto riguarda lidentit delle persone. Le tre Marie a cui si riferisce la tradizione, e alle quali pensano i fedeli quando ricordano le scene del compianto, o gli artisti quando le rappresentano, sarebbero Maria, la madre di Ges, quindi sua sorella, a volte indicata come Maria madre di Gaicomo e Ioses, altre volte come Maria di Cleofa, e infine Maria Maddalena, la peccatrice redenta. In realt, leggendo i racconti, non possiamo che disorientarci e constatare che le tre Marie talora non sono Marie, ma Salom o Giovanna, e perfino scoprire che sono gli sdoppiamenti e le controfigure di se stesse. Laspetto pi enigmatico senzaltro costituito dal fatto che nei testi sinottici assente la madre di Ges, mentre, nel quarto Vangelo, costei avrebbe parlato con Ges e, proprio in questa circostanza, sarebbe stata affidata da lui al cosiddetto discepolo amato (la cui identit celata sotto un curioso anonimato), come figlio adottivo che avrebbe dovuto prendersi cura di lei, anchegli presente sotto la croce. Per il quarto Vangelo cerano davvero tre Marie: Maria Maddalena (onnipresente, lunica su cui non esistono dubbi), poi Maria la madre, questa volta esplicitamente nominata come presente, e infine la sorella di sua madre, Maria di Clofa145,. Sono sparite Salom e Giovanna, che a volte compaiono nei sinottici. Sono queste due, e non una Maria, a completare il terzetto rispettivamente in Marco e Matteo (Salom), o in Luca (Giovanna).

Deposizione e sepoltura. Il protagonista principale della sepoltura sembra essere un membro del sinedrio, un certo Giuseppe di Arimatea, diventato cos famoso da comparire nelle leggende del Santo Graal. Egli, infatti, accompagner Maria Maddalena nella Francia meridionale e, in seguito, si spinger a nord fino allisola britannica, come vettore della sacra reliquia. Il Nuovo Testamento ci dice che il sinedrita era discepolo di Ges, ma di nascosto per timore dei Giudei146, e che aspettava anche lui il regno di Dio147. Indicazioni sufficienti a farci comprendere la sua adesione allideale yahwista degli esseno zeloti. A lui il quarto Vangelo affianca un altro personaggio autorevole, di nome Nicodemo: C'era tra i farisei un uomo chiamato Nicodemo, un capo dei Giudei. Egli and da Ges, di notte148. E non dimentichiamo che una delle tre donne, quella che si chiamava Giovanna, la moglie di Chuza, nientemeno che un sovrintendente di palazzo di Erode. Insomma, intorno a Ges, in questo momento tragico, c una bella fetta della high society di Gerusalemme. Ci rendiamo conto dellesistenza di connivenze e simpatie segrete istituzionali verso il progetto messianico, cosa di cui troviamo segni anche nel racconto degli Atti degli Apostoli:

Si alz allora nel sinedrio un fariseo, di nome Gamaliele, dottore della legge, stimato presso tutto il popolo. Dato ordine di far uscire per un momento gli accusati, disse: Uomini di Israele, badate bene a ci che state per fare contro questi uomini [...] Per quanto riguarda il caso
145 146

Gv 19, 25. Gv 19,38. 147 Mc 15, 43.

presente, ecco ci che vi dico: Non occupatevi di questi uomini e lasciateli andare. Se infatti questa teoria o questa attivit di origine umana, verr distrutta; ma se essa viene da Dio, non riuscirete a sconfiggerli; non vi accada di trovarvi a combattere contro Dio!149.

Dunque Giuseppe si prende cura del corpo di Ges, dopo avere chiesto lautorizzazione a Pilato:

Allora egli and e prese il corpo di Ges. Vi and anche Nicodmo, quello che in precedenza era andato da lui di notte, e port una mistura di mirra e di aloe di circa cento libbre. Essi presero allora il corpo di Ges, e lo avvolsero in bende insieme con oli aromatici, com' usanza seppellire per i Giudei. Ora, nel luogo dove era stato crocifisso, vi era un giardino e nel giardino un sepolcro nuovo, nel quale nessuno era stato ancora deposto. L dunque deposero Ges, a motivo della Preparazione dei Giudei, poich quel sepolcro era vicino150.

Giuseppe, preso il corpo di Ges, lo avvolse in un candido lenzuolo e lo depose nella sua tomba nuova, che si era fatta scavare nella roccia151.

Insomma, Giuseppe e Nicodemo compiono tutte le azioni di rito e seppelliscono il corpo di Ges in un sepolcro nuovo che Giuseppe stesso, uomo facoltoso, si era fatto scavare in un giardino di sua propriet. In questa circostanza, per Marco e Matteo, le Marie presenti sono due sole: la Maddalena e la cosiddetta Maria di Cleofa (intesa come moglie di Cleofa), presunta sorella della madre di Ges, mentre questultima sarebbe ancora assente. In realt, da questi fatti, stiamo gi cominciando a intuire che

i fratelli di Ges vengono a poco a poco trasformati nei suoi cugini, teoria poi definitivamente ribadita da Girolamo due secoli dopo. In sostanza, le madri diventano zie e infine le loro stesse sorelle! I padri si trasformano in zii152.

In effetti non credibile che due sorelle portassero lo stesso nome mentre, a questo punto, ci appare molto pi credibile che il gioco dei redattori evangelici sia stato pi volte quello dello sdoppiamento, come nel caso di Simon Pietro e Simone il cananeo/zelota, e in quello di Maria di Betania, sorella di Lazzaro, e Maria Maddalena, al fine di ripulire i personaggi da caratteristiche che non dovevano essere mostrate. La Maria nel ruolo di madre dei fratelli di Ges (Giacomo, Simone, Giuda e Ioses/Ioannes), da quando si affermata lidea del concepimento verginale, non poteva essere la madre di Ges, e fu trasformata in sua sorella. Ma questo successo ben dopo la predicazione di San Paolo. Il quale non si era minimamente preoccupato dei rapporti di parentela di Ges, anzi, con tutta probabilit lo aveva chiamato con un nome

148 149

Gv 3, 1-2. At 5, 34-39. 150 Gv 19, 38-42. 151 Mt 27, 59-60. 152 R.Eisenman, Giacomo il fratello di Ges, Piemme, Casale Monferrato [AL], 2007, pag. 487.

falso o storpiato (Iesous, invece di Ioses o Ioannes), per distanziarlo dal personaggio storico in carne ed ossa, al quale non voleva che la figura del suo salvatore fosse associata. In pratica, il dubbio se la madre di Ges fosse presente sotto la croce, secondo le narrazioni evangeliche, e in tutte le altre circostanze del compianto, risolto positivamente riconoscendo che i sinottici lhanno mascherata e il quarto Vangelo lha letteralmente raddoppiata, facendo apparire insieme Maria e il suo clone letterario (presunta quanto improbabile sorella omonima).

La visita al sepolcro. Il giorno dopo le donne si recano alla tomba:

Passato il sabato, Maria di Magdala, Maria di Giacomo e Salom comprarono oli aromatici per andare a imbalsamare Ges153,

Marco, in questa circostanza, fa presenziare tre donne: Maria Maddalena, Maria clone della vergine, e Salom. Matteo fa comparire solo Maria Maddalena e Maria clone. Luca nomina Maria Maddalena, Maria clone, e Giovanna, moglie di Chuza. La situazione, per il quarto Vangelo, completamente diversa. Innanzitutto le donne non hanno alcun bisogno di andare a comperare oli aromatici per linumazione, dal momento che questazione gi stata compiuta dai due sinedriti di cui abbiamo parlato nel paragrafo precedente. Inoltre c una sola donna che si reca al sepolcro in quella triste alba: Maria Maddalena. Lunica figura certa, ben identificata, e sempre presente in questa serie di episodi della passione. Se analizziamo un testo apocrifo, il cosiddetto Vangelo di Pietro154, nel quale si legge che durante lagonia e la morte di Ges, le donne non avevano potuto piangere e battersi il petto in pubblico per timore degli ebrei, che bruciavano dira155. La mattina dopo, allalba, Maria Maddalena, certa di non trovare alcuna folla, avrebbe deciso di recarsi al sepolcro insieme alle amiche. C un passo importante in questo testo (il riferimento a Maria di Magdala): non avendo fatto alla tomba del Signore quanto solevano fare le donne per i morti da loro amati156. Da un lato saremmo portati a pensare che la donna che amava Ges pi di ogni altra fosse la madre, mentre questo scritto pone laccento sullamore della Maddalena e, soprattutto, lo considera come la ragione per cui ella avrebbe dovuto recarsi alla tomba e svolgere le incombenze di rito. Ora, non solo il buon senso ci indica che tali doveri sarebbero spettati ad una figura della famiglia, ma la stessa legge ebraica ci conferma che questo era il ruolo della moglie. Ed eccoci al punto: come da pi parti si sostiene, specialmente da quando il pubblico planetario stato
153 154

Mc 16, 1. Il Vangelo detto di Pietro sembra essere uno dei pi antichi manoscritti che la Chiesa definisce apocrifi. Fino al 1886 era conosciuto, come oggi i vangeli cosiddetti giudeo-cristiani, solo per le citazioni effettuate dai padri della chiesa in alcune loro opere. Nel 1886, in Egitto, ad Akhmim, dentro la tomba di un monaco furono trovate delle pergamene contenenti, fra l'altro, questo testo che stato identificato dagli studiosi come il Vangelo di Pietro. Si tratta, probabilmente, di uno scritto composto nel secondo secolo da una comunit cristiana che potrebbe avere attinto a fonti giudaico-cristiane. 155 Vangelo di Pietro XII,50. 156 ibidem

stuzzicato dagli echi rumorosi di un thriller fantareligioso e dalla sua versione cinematografica, si ripresenta il tema della possibile relazione matrimoniale tra Ges e Maria Maddalena, anchessa alla base di tante leggende sul Santo Graal. Sebbene non voglia prendere una posizione precisa e definitiva nei confronti della questione, devo pronunciarmi non ostile a tale ipotesi che, per una serie molteplice di ragioni, ha una sua discreta verosimiglianza. Possiamo fare ricorso ad unaltra fonte, sempre nel tentativo di sbrogliare lintricato rebus delle tre Marie:

La Sofia, che chiamata sterile, la madre degli angeli. La consorte di Cristo Maria Maddalena. Il signore amava Maria pi di tutti i discepoli e la baciava spesso sulla bocca. Gli altri discepoli allora gli dissero: Perch ami lei pi di tutti noi?. Il Salvatore rispose e disse loro: Perch non amo voi tutti come lei?157,

Erano tre che andavano sempre con il Signore: sua madre Maria, sua sorella, e la Maddalena, che detta sua consorte. Infatti era Maria sua sorella, sua madre, e la sua consorte158.

In pratica, secondo questo testo gnostico, fra i tanti appartenenti alla biblioteca di Nag Hammadi, Maria Maddalena era quella che alcuni traducono con la parola compagna, altri col termine consorte, appoggiando lidea che costei fosse proprio la moglie dellaspirante messia di Israele. E, quel che molto illuminante, il testo attribuito a Filippo ci dice che le tre donne che andavano sempre con Ges, e che pertanto dovevano essere le tre donne del compianto, erano Maria sua madre, Maria sua sorella (sorella di lui, non di sua madre), e Maria Maddalena, sua moglie. Le tre Marie, nel vero senso della parola, chiare, distinte, e credibili. I funambolismi letterari dei Vangeli canonici, appartenenti ad una corrente dottrinaria che doveva rappresentare Ges secondo un profilo teologico inconciliabile col suo profilo storico, non fanno altro che confermare, mostrando il loro ricorrente impegno censorio, che cera qualcosa da nascondere e che, a duemila anni di distanza, il racconto evangelico deve essere letto cercando di capire soprattutto ci che, in esso, non si voleva rendere manifesto. Ma c unaltra importante questione relativa alla visita al sepolcro, oltre a quella delle identit delle protagoniste. Leggiamo questo brano del Vangelo secondo Marco:

Passato il sabato, Maria di Mgdala, Maria di Giacomo e Salome comprarono oli aromatici per andare a imbalsamare Ges. Di buon mattino, il primo giorno dopo il sabato, vennero al sepolcro al levar del sole. Esse dicevano tra loro: Chi ci rotoler via il masso dall'ingresso del sepolcro?. Ma, guardando, videro che il masso era gi stato rotolato via, bench fosse molto grande. Entrando nel sepolcro, videro un giovane, seduto sulla destra, vestito d'una veste bianca, ed ebbero paura. Ma egli disse loro: Non abbiate paura! Voi cercate Ges il nazareno, il crocifisso. risorto, non qui. Ecco il luogo dove l'avevano deposto. Ora andate, dite ai suoi discepoli e a Pietro che egli vi precede in Galilea. L lo vedrete, come vi ha detto. Ed esse,

157 158

Vangelo di Filippo, 55, da I vangeli apocrifi, a cura di Marcello Craveri, Einaudi, Torino 1969. Vangelo di Filippo, 32, da I vangeli apocrifi, op. cit.

uscite, fuggirono via dal sepolcro perch erano piene di timore e di spavento. E non dissero niente a nessuno, perch avevano paura.159.

Come sappiamo, Marco il pi antico dei quattro Vangeli canonici, pi semplice, breve, meno infarcito di affermazioni apologetiche e rifiniture di carattere teologico, che non contiene alcuna nativit, che non sa niente della generazione verginale, per il quale non esiste un padre di nome Giuseppe. Questo testo ha visto la luce nellimmediato indomani della distruzione di Gerusalemme, avvenuta nel 70 EC. stato senzaltro una fonte per gli altri tre evangelisti, almeno per quanto riguarda la storia della vita pubblica di Ges. Ma Matteo e Luca contengono altro materiale, estraneo a Marco, spesso in comune, che ha fatto pensare allesistenza di una fonte pi antica, contenente parole e insegnamenti di Ges, ma non aneddoti della sua vita. Giovanni ha lavorato in modo molto personale, portando allestremo levoluzione teologica, assolutamente extraebraica, che tendeva ad identificare Ges col principio divino stesso, visto ellenisticamente come logos. E, senza dubbio, hanno lavorato in modo molto personale coloro che, nel mezzo di una controversia per leventuale inclusione di questo scritto nel canone neotestamentario, lhanno ben ritoccato al fine di renderlo accettabile. Ora, il passo che abbiamo appena riportato, con limmagine delle donne che non trovano la salma nel sepolcro, era in origine la conclusione del Vangelo di Marco. Tutto il resto160, che riguarda le apparizioni, stato aggiunto successivamente. Ce lo conferma la stessa versione CEI, annotando: I vv. 9-20 sono un supplemento aggiunto in seguito per riassumere rapidamente le apparizioni161. I pi antichi manoscritti conosciuti di Marco sono il Codex Vaticanus (325 EC) e il Codex Sinaiticus (370 EC), in essi assente il finale con le apparizioni. Analogamente per una versione siro-sinaitica (fine del IV EC), una versione copto-shaidica (III-IV EC), e alcune versioni armene e georgiane del V secolo. Eusebio di Cesarea (265340 EC), lo storico costantiniano, ha scritto che al suo tempo esistevano testi del Vangelo di Marco privi del finale con le apparizioni. E cos pure San Girolamo (340-420 EC), che tradusse i testi greci in latino (Vulgata latina), afferm che il finale in questione non poteva essere considerato autentico. Vale a dire che alle origini della letteratura evangelica canonica la passione di Ges si concludeva con lepisodio delle pie donne che, visitando il sepolcro, lo trovavano vuoto e incontravano una creatura angelica che proclamava la resurrezione, dicendo non qui. Nessun resoconto di apparizioni pubbliche.

Mc 16, 1-8. Risuscitato al mattino nel primo giorno dopo il sabato, apparve prima a Maria di Magdala, dalla quale aveva cacciato sette demoni. Questa and ad annunziarlo ai suoi seguaci che erano in lutto e in pianto. Ma essi, udito che era vivo ed era stato visto da lei, non vollero credere. Dopo ci, apparve a due di loro sotto altro aspetto, mentre erano in cammino verso la campagna. Anch'essi ritornarono ad annunziarlo agli altri; ma neanche a loro vollero credere. Alla fine apparve agli undici, mentre stavano a mensa, e li rimprover per la loro incredulit e durezza di cuore, perch non avevano creduto a quelli che lo avevano visto risuscitato. Ges disse loro: Andate in tutto il mondo e predicate il vangelo ad ogni creatura. Chi creder e sar battezzato sar salvo, ma chi non creder sar condannato. E questi saranno i segni che accompagneranno quelli che credono: nel mio nome scacceranno i demoni, parleranno lingue nuove, prenderanno in mano i serpenti e, se berranno qualche veleno, non recher loro danno, imporranno le mani ai malati e questi guariranno. Il Signore Ges, dopo aver parlato con loro, fu assunto in cielo e sedette alla destra di Dio. Allora essi partirono e predicarono dappertutto, mentre il Signore operava insieme con loro e confermava la parola con i prodigi che l'accompagnavano. (Mc 16, 9-20).
160 161

159

Vangelo e Atti degli Ap., cit., pag. 145.

abbastanza ovvio il significato simbolico della rappresentazione: Non preoccupatevi delle spoglie, che giacciono in una tomba dove la carne destinata a corrompersi. Il Ges vivo un altro, non qui ma nel messaggio che ha lasciato. Andate ad annunciare questo ai suoi discepoli, poi recatevi in Galilea e l incontratevi, per incontrarlo ancora. Ma, col passare del tempo, il concetto simbolico della resurrezione e della vita eterna, che corrispondeva allidea dellemancipazione dai vincoli dellignoranza spirituale, fu mutato e affiancato, in ambienti gentili, alle varie teologie misteriche, gi presenti in tanti angoli dellimpero, del dio incarnato che trascorreva tre giorni nel regno dei morti per poi tornare tra i vivi. Ed ecco che i seguaci dellinsegnamento paolino proseguirono lungo questa strada162 intendendo la resurrezione come un fatto fisico, che riguardava la persona Ges, e che era stato confermato dalle sue numerose apparizioni pubbliche. Peccato che gli evangelisti siano totalmente in disaccordo sul numero, il dove, il come e il quando delle apparizioni. Questa progressiva trasformazione della teologia cristiana di origine paolina produceva contrasti con quei giudeo cristiani che seguivano linsegnamento originale, in piena coerenza con le scritture ebraiche, e senza alcuna ambizione di uscire fuori dalla legge mosaica, a cominciare dalla circoncisione e dalle varie regole di purit. Sempre il Vangelo gnostico di Filippo ci testimonia di questa polemica:

Coloro che dicono che il Signore prima morto, poi risorto, si sbagliano, perch egli prima resuscitato e poi morto. Se uno non consegue prima la resurrezione non morir, perch, come vero che Dio vive, egli sar gi morto163,

Mentre siamo in questo mondo necessario per noi acquistare la resurrezione, cosicch, quando ci spogliamo della carne, possiamo essere trovati nella Quiete164.

Abbiamo gi visto come, in parallelo con questo sviluppo della teologia cristiana, si ha anche la trasformazione del concetto eucaristico, che viene assimilato alle varie teofagie che prevedevano lassunzione della carne e del sangue del dio sacrificato. 163 Vangelo di Filippo, 21, da I vangeli apocrifi, op. cit. 164 Vangelo di Filippo, 63, da I vangeli apocrifi, op. cit.

162

5 - La famiglia di Ges

Giuseppe, Alfeo, Cleofa. Analizzando la questione delle Marie presenti nelle varie scene della passione, abbiamo visto che le donne potrebbero essere rispettivamente la madre, la sorella e la moglie di Ges. Ma gli evangelisti, essendo legati ad una serie di vincoli ideologici e teologici che non consentivano una rappresentazione storica fedele, hanno fatto il possibile per descriverle diversamente. Confrontando i brani possiamo ricavare utili indicazioni verso una comprensione pi approfondita delle loro identit e relazioni con Ges. La Maria che abbiamo soprannominato clone descritta in modi diversi: Maria madre di Giacomo il minore e di Ioses165; Maria di Giacomo166; Maria madre di Giacomo e di Giuseppe167; Maria di Cleofa168. Per prima cosa notiamo che i nomi dei suoi figli corrispondono a quelli dei fratelli di Ges. Poi apprendiamo che, secondo questa versione, suo marito doveva chiamarsi Cleofa (Cleophas, Clopas), un nome che trova lequivalente in Alfeo di cui, tra laltro, praticamente lanagramma. Nel corso delle narrazioni evangeliche il nome Cleofa compare solo nel passo di Giovanni che abbiamo citato, altrove espresso sempre col termine Alfeo: lo troviamo nellelencazione dei dodici apostoli, dove si parla di Giacomo di Alfeo169. Si tratta di Giacomo il Giusto, quel fratello di Ges che, dopo la crocifissione, prese la guida della chiesa di Gerusalemme. Abbiamo visto che un apostolo, fratello, e militante messianista, come del resto anche il Giuda [fratello] di Giacomo170, su cui gli evangelisti hanno esercitato una lunga serie di giochi letterari cambiandogli nome e aggettivi (Taddeo, Lebbeo, cananeo, zelota), e finendo anche per clonarlo nella figura di una altro presunto apostolo: Tommaso detto Didimo. Il termine Alfeo compare anche in questo passo: Usc di nuovo lungo il mare; tutta la folla veniva a lui ed egli li ammaestrava. Nel passare, vide Levi, il figlio di Alfeo, seduto al banco delle imposte, e gli disse: Seguimi171, che si riferisce al reclutamento di Matteo nella cerchia dei discepoli. Si tratta di un apostolo anomalo, dal nome che pu essere indifferentemente cambiato in Levi e che, come Simone lo zelota, non ha ruoli nel racconto evangelico, tranne in un breve passo di Luca172. Nel quarto Vangelo Matteo/Levi non esiste. Anche in questo caso, si potrebbe pensare ad un altro sdoppiamento. abbastanza chiaro che Alfeo/Cleofa non altri che il marito di Maria e il padre di Ges o, almeno, una sua controfigura. Compare gi nel Vangelo di Marco, nel quale Giuseppe totalmente assente e

Mc 15, 40. Mc 16, 1; Lc 24, 10. 167 Mt 27, 56. 168 Gv 19, 25. 169 Mc 3, 18; Mt 10, 3; Lc 6, 15; At 1, 13. 170 Lc 6, 16. 171 Mc 2, 13. 172 Poi Levi gli prepar un grande banchetto nella sua casa. C'era una folla di pubblicani e d'altra gente seduta con loro a tavola. I farisei e i loro scribi mormoravano e dicevano ai suoi discepoli: Perch mangiate e bevete con i pubblicani e i peccatori?. Ges rispose: Non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati; io non sono venuto a chiamare i giusti, ma i peccatori a convertirsi. (Lc 5, 29-32).
166

165

sconosciuto. Ma probabile che il padre di Ges non si chiamasse n Alfeo, n Cleofa, n Giuseppe, e che tutti questi nomi siano semplicemente le maschere del vero padre di Ges, un uomo che, nel periodo in cui ambientata la narrazione evangelica del Ges adulto, doveva essere gi morto, avendo lasciato vedova la madre dei suoi figli, chiamati Simone, Giacomo, Giuda e Ioses/Ioannes. Una famiglia fortemente coinvolta nella lotta messianica, forse la famiglia chiave della lotta zelotica, quella che per almeno tre generazioni, nel nord della Palestina, aveva dato filo da torcere ai romani e ai loro alleati principi erodiani.

Ioses/Iesous/Ioannes Adesso domandiamoci chi era il Ioses/Ioannes che compare nellelenco dei quattro fratelli. Ioses, ad essere precisi, non pu essere tradotto con Giuseppe, come finora abbiamo dato per scontato, seguendo quello che hanno fatto i traduttori dei Vangeli. Per significare Giuseppe dovrebbe risultare Iosef, non Ioses. E perch allora, visto che gli altri fratelli di Ges (Simone, Giacomo e Giuda) compaiono nellelenco degli apostoli, non ci compare anche Ioses? Il motivo semplice: Ioses, in realt, non altri che Ges trasformato nel fratello di se stesso. Il termine Ioses una delle tante forme con cui compare il nome Ges, che una semplificazione del nome Giosu: Yehoshua (ebraico), Yeshu (aramaico), Joshe, Ioses. In pratica, nellelencare i quattro figli di Maria e Alfeo/Cleofa/Giuseppe, vengono citati tutti i nomi, compreso quello di Ges, del quale adesso sappiamo che intercambiabile con Ioannes (Giovanni). Dobbiamo renderci conto, anche se questo pu risultare abbastanza ostico, che quanto ci viene presentato come cerchia dei dodici apostoli era, in realt, una sorta di califfato composto dai fratelli appartenenti ad unimportante famiglia proveniente dalle regioni settentrionali della Palestina, che evidentemente rivendicava una discendenza davidica e un diritto dinastico sul trono di Israele a cui, senzaltro, si univano altri militanti non parenti e una vasta schiera di seguaci. I Vangeli, specialmente i sinottici, nellelenco dei dodici presentano nomi sistematicamente raddoppiati che, guarda caso, sono proprio i nomi del terzetto dei fratelli di Ges: due Simoni (Pietro e il cananeo/zelota), due Giacomi (il maggiore e il minore), due Giuda (Taddeo e Tommaso), per voler trascurare quello definito lIscariota. Trasversalmente a questi vengono presentate delle sistenatiche coppie di fratelli: Simon Pietro e Andrea, in un passo descritti come figli di Giona, quando barjona significa invece latitante, brigante, zelota; Giacomo e Giuda (Taddeo), figli di Alfeo/Cleofa; Giacomo e Giovanni, figli di Zebedeo. Siamo daccordo sul fatto che fossero nomi piuttosto comuni a quel tempo, ma questo non ci impedisce di sospettare che in questa presentazione ci sia unarchitettura deliberata, e di pensare che si tratti dei tre fratelli di Ges, e addirittura che anche lui sia finito nellelenco degli apostoli col suo alias Ioannes. Per quanto coraggioso possa essere, crediamo di poterci almeno domandare se il Giovanni figlio di Zebedeo, che compare nella lista apostolica, non sia, alla fin fine, lo stesso Ges173.
173

A ogni buon conto, dovrebbe ormai essere evidente che i vari stravolgimenti legati ai due figli di Zebedeo in realt si riferiscono a Giacomo e al suo ruolo di capo della comunit di Gerusalemme, come peraltro avevamo intuito da tempo, e che Zebedeo semplicemente un nome di facciata Giacomo fratello di Giovanni altrettanto sfuggente, se si esclude il suo inserimento tra i tre apostoli principali, in cui peraltro sta al posto del vero Giacomo Il fatto che, a causa del loro atteggiamento antinazionale e antigiudaico, in base al quale la famiglia di Ges viene presentata come avulsa dai veri

Siamo dunque arrivati ad intravedere che in questa cerchia di fratelli zeloti cerano quattro individui di cui il pi importante, nel contesto della narrazione evangelica, era un certo Ioses/Iesous/Ioannes, aspirante messia di Israele, e poi Iakobos, Simon e Ioudas il gemello (forse di Giacomo). Esistevano anche delle sorelle, di cui una di nome Miriam, come la madre. I genitori sono indicati col nome Miriam e Giuseppe/Alfeo/Cleofa/Zebedeo che, specialmente per quanto riguarda il padre, costituiscono solo delle maschere per nasconderne le vere identit.

Giacomo il Giusto. Giacomo, dopo la crocifissione di Ges, fu eletto suo successore nella guida della comunit e, per tre decenni, segu la linea tracciata dal fratello difendendo linterpretazione classica delle profezie messianiche contro i tentativi, messi in atto soprattutto da Shaul/Paolo (San Paolo), di denaturare la sostanza dellattesa messianica, eliminandone la forte tensione nazionalistica Yahwista e assimilandola alle varie escatologie salvifiche gi esistenti nellarea mediterranea. Il sincretismo di Paolo riscuoteva linteresse di molti e attecchiva negli angoli pi diversi del mediterraneo centrale e orientale. Giacomo respinse sempre ogni proposta di estendere lideale messianico ai non ebrei e di derogare dalle regole della Torah, come la circoncisione, le restrizioni alimentari e losservanza del sabato. Paolo diffondeva al di fuori della Palestina il suo messianismo revisionato, mentre Giacomo si era fatto custode della versione tradizionale a Gerusalemme, dove molti lo apprezzavano come tale. Il racconto degli Atti degli Apostoli tende a minimizzare questo contrasto, rappresentandolo come una diatriba su questioni interne ad un movimento, quello cristiano, che nella realt era tutto fuorch uno. Giacomo rappresentava la dissidenza fondamentalista e zelota, quello che oggi si definisce spesso giudeo cristianesimo, essendo il capo dei cosiddetti nazorei o ebioniti. Paolo, invece, creava una teologia nuova nella quale erano gi presenti tutti i presupposti per un allontanamento dalla legge ebraica e per la genesi di una nuova religione. Il conflitto era frontale e insanabile, la sua eco rintracciabile nella letteratura qumraniana, nellopposizione esistente fra il maestro di giustizia (Giacomo il Giusto) e luomo di menzogna174 (Shaul/Paolo), ma anche nelle parole di padri della chiesa come Ireneo, Eusebio e Teodoreto:

credenti, i vangeli non possono indicare il vero Giacomo nel suo ruolo di apostolo, fratello e principale successore di Ges. Di qui la necessit di inventarsi la figura di Giacomo fratello di Giovanni cui attribuire un padre altrettanto fittizio, Zebedeo Giacomo figlio di Zebedeo non ha alcuna concretezza, e cos pure Joses, il presunto fratello di Ges, talvolta chiamato Giuseppe. A dire il vero per, se lo si esamina attentamente, molto attentamente, Joses acquista concretezza, anche se su di lui non viene mai detto nulla. Tutto sta nel considerare la forma greca maiuscola dei due nomi, e : evidente che si tratta dello stesso nome e che, nellelencare i figli di Cleofa e Maria, Papia afferma che erano soltanto quattro, tutti e quattro noti, tutti e quattro assolutamente reali. Il quarto fratello semplicemente Jesus, ovvero Ges! A questo punto non abbiamo pi dubbi: Ges diventato suo fratello, esattamente come Maria diventata sua sorella. (R. Eisenman, Giacomo il fratello di Ges, op. cit., pagg. 489-490). 174 evidente, nelle lettere di Paolo, la sua ossessione nel volersi scagionare dallaccusa di essere menzognero: Dio e Padre del Signore Ges, lui che benedetto nei secoli, sa che non mentisco (Cor II, 11, 31); In ci che vi scrivo, io attesto davanti a Dio che non mentisco (Gal 1, 20); Dico la verit in Cristo, non mentisco, e la mia coscienza me ne d testimonianza nello Spirito Santo (Rom 9, 1); io sono stato fatto banditore e apostolo, dico la verit, non mentisco (Tim I, 2, 7).

[gli Ebioniti] seguono unicamente il Vangelo che secondo Matteo e rifiutano l'apostolo Paolo, chiamandolo apostata della legge...175,

"...costoro pensavano che fossero da rifiutare tutte le lettere dell'apostolo [Paolo], chiamandolo apostata della legge, e servendosi del solo Vangelo detto secondo gli ebrei, tenevano in poco conto tutti gli altri..."176,

"[I Nazareni] accettano unicamente il Vangelo secondo gli Ebrei e chiamano apostata l'apostolo (Paolo)..."177.

Giacomo mor nel 62 EC. Secondo Giuseppe Flavio questo sarebbe avvenuto per volont del sommo sacerdote Anano figlio di Anano:

questo giovane Anano che, come abbiamo gi detto, era diventato sommo sacerdote, era un uomo deciso e davvero insolente; apparteneva alla setta dei sadducei che sono molto rigidi nel giudizio, pi di tutti gli altri ebrei, come abbiamo gi osservato; quando Anano ebbe questa autorit, pens di avere una nuova occasione per esercitare il suo potere. Festo era morto, e Albino non era ancora arrivato; cos Anano riun il sinedrio e vi condusse innanzi il fratello di Ges, detto Cristo, il cui nome era Giacomo insieme con altri; e quando ebbe formulato unaccusa contro di loro per aver infranto la legge, li consegn perch fossero lapidati178.

Il gesto di Anano sollev pesanti reazioni. Qualcuno giunge a sostenere che la morte di Giacomo esasper i furori dei messianisti al punto da essere la causa che avrebbe provocato, pochi anni dopo, nel 66, linizio della disastrosa guerra giudeo romana.

Giuda/Tommaso/Lebbeo/Taddeo/Teuda. Dellaltro fratello di Ioses/Iesous/Ioannes, quello che si chiamava Giuda, possiamo dire per prima cosa che in letteratura si rintracciano chiare indicazioni del fatto che fosse uno zelota179. Il Vangelo secondo Matteo, nellelencazione degli apostoli, lo definisce Lebbaios o epichleteis Thaddaios, Lebbeo chiamato Taddeo (sinonimo di Teuda) e, come abbiamo gi visto. Luca che lo definisce Giuda di Giacomo180. Si tratta del raddoppiamento di Tommaso detto Didimo181, anchegli di nome Giuda. Nel paragrafo Apostoli, fratelli, zeloti abbiamo visto che gli Atti degli Apostoli collegano Giuda il Galileo a

175 176

Ireneo, Adv. Haer., I, 26. Eusebio di Cesarea, Hist. Eccl., III, 27. 177 Teodoreto, Haer. Fabul. Comp. II, 1. 178 G.Flavio, Antichit giudaiche, XX, 9, 1. 179 Novum Testamentum Graece et Latine, A. Merk, Istituto Biblico Pontificio, Roma, 1933, pag. 28. 180 Lc 6, 16. 181 Novum Testamentum Graece et Latine, op. cit., pag. 367, nota 22 al testo greco.

Teuda, pur effettuando una bizzarra inversione temporale fra i due. Questo ci che Giuseppe Flavio ci dice di lui:

Ora, mentre Fado era procuratore della Giudea, successe che un certo mago, il cui nome era Teuda, convinse una gran parte del popolo a prendere con s la propria roba e a seguirlo sulla riva del Giordano; infatti aveva detto loro di essere un profeta e che, al suo comando, il fiume si sarebbe aperto per consentire loro un facile passaggio, e molti furono disillusi dalle sue parole. Comunque, Fado non permise che essi traessero alcun vantaggio dal sul tentativo, ma invi uno squadrone di cavalieri contro di loro; i quali, piombando improvvisamente su di loro, ne uccisero molti e molti li presero vivi. Presero anche Teuda vivo, e gli mozzarono la testa portandola a Gerusalemme182.

Lepisodio, considerato il periodo del procuratorato di Fado, sarebbe avvenuto fra il 44 e il 46 EC. Ipotizzare che questo Teuda fosse il Giuda, fratello di Ioses/Iesous/Ioannes, chiamato Taddeo o Tommaso, ci sembra verosimile per diverse ragioni. La prima lassonanza del nome, la seconda la comune militanza zelotica, la terza laver effettuato un tentativo di ribellione messianica, circa dieci anni dopo la morte di Ges, finito come sempre nel fallimento pi totale. Anche Eusebio di Cesarea offre segni chiari del coinvolgimento messianico di questo Giuda, in un passo che abbiamo riportato nel suddetto paragrafo, il quale dimostra come negli anni 80, primi anni 90, del primo secolo EC (periodo che coincide con le stesure primitive dei Vangeli sinottici), i nipoti di Giuda, fratello di Ges, fossero sospettati di attivit messianica e per questo arrestati.

Simone/Pietro/barjona/cananeo. Abbiamo visto il significato del titolo barjona, attribuito da Ges a Simon Pietro183. In questo passo comprendiamo che la lettura Simon barjona equivale perfettamente a Simon cananaios, e significa in entrambi i casi Simone zelota. Abbiamo visto che durante larresto di Ges sul monte degli ulivi Simone reag con la spada in mano, mozzando lorecchio di un servo del sommo sacerdote184. Simone potrebbe essere stato lesecutore di una punizione zelota nei confronti del traditore Iscariota185. stato senzaltro lesecutore dei neoadepti Anania e Saffira, colpevoli di non avere ceduto tutti i loro beni al momento dellammissione nella comunit186, a meno che non si voglia spiegare la morte dei due con un intervento sovrannaturale. stato arrestato una prima volta per le sue attivit considerate sovversive: Si alz allora il sommo sacerdote e quelli della sua parte, cio la setta dei sadducei, pieni di livore, e fatti arrestare gli apostoli li fecero gettare nella prigione pubblica.187 Per poi beneficiare, secondo lautore degli Atti, di una prima
182 183

G.Flavio, Antichit Giudaiche, XX, 5, 1. Mt 16, 17. 184 Gv 18, 10. 185 At 1, 15-19. 186 At 5, 1-11. 187 At 5, 17-18.

liberazione miracolosa: Ma durante la notte un angelo del Signore apr le porte della prigione, li condusse fuori e disse: Andate, e mettetevi a predicare al popolo nel tempio tutte queste parole di vita. Udito questo, entrarono nel tempio sul far del giorno e si misero a insegnare188. Il prodigio si sarebbe ripetuto successivamente189. Questa volta larresto avrebbe interessato Giacomo e Simone insieme, intendendo per Giacomo il cosiddetto maggiore, il fratello di Giovanni e figlio di Zebedeo. Questultimo sarebbe stato giustiziato di spada (decapitato?) mentre, ancora una volta, Simone sarebbe sfuggito alla detenzione e alla condanna grazie ad un ulteriore intervento angelico. Stranamente il libro degli Atti, al capitolo quindici (su un totale di ventotto), abbandona completamente Simone detto Pietro lasciando il lettore completamente ignaro di cosaltro abbia fatto e di quale sia stata la sua fine. Ma questo si spiega facilmente constatando che gli Atti sono stati concepiti come unapologia di Paolo, finalizzata a minimizzare i contrasti con i discepoli di Ges e a mostrare come il neoapostolo avesse sostanzialmente ragione in tutte le dispute avute con loro.

Ancora Ioses/Iesous/Ioannes. Finora abbiamo presentato una sintesi relativa ai tre fratelli di Ges. Per quanto riguarda questultimo, Ioses/Iesous/Ioannes poteva essere sposato con una certa Miriam, sorella di Marta e di Eleazar, quello che aveva partecipato ad un rito iniziatico basato sulla rappresentazione simbolica della morte e della resurrezione. Questa Miriam, definita nella tradizione come Maria di Betania, che sarebbe stata lautrice del gesto di unzione effettuato appunto a Betania, stata a sua volta sdoppiata chiamandola anche Maria di Magdala, o Maddalena. Perch? La ragione che gli autori sinottici hanno effettuato una censura totale della famiglia di Betania, in particolar modo di Lazzaro, che non compare mai n in Marco, n in Matteo, n in Luca190. C una ragione importante che ha indotto gli autori sinottici a eliminare queste persone, o a controfigurarle, perch di certo erano esponenti del movimento messianico, e non dovevano essere riconosciuti come tali dai lettori romani e greci. Di tutto questo non si preoccupato lautore del quarto Vangelo che, nella seconda met del suo scritto ha fatto comparire pi volte queste persone. A partire dallundicesimo capitolo Lazzaro (Eleazar) introdotto come colui che Ges ama (Signore, colui che ami ammalato)191. Si noti un fatto: non c bisogno di dire Lazzaro, sufficiente colui che ami, la qual cosa crea un collegamento diretto con un personaggio enigmatico del quarto Vangelo: il cosiddetto discepolo che Ges amava192. Non c il At 5, 19-21. At 12, 1-19. 190 Maria e Marta compaiono con questi nomi in uno sfuggente episodio di Luca, nel quale non precisato che si svolge a Betania, e non fornito alcun elemento per capire di chi si stia parlando: Mentre erano in cammino, entr in un villaggio e una donna, di nome Marta, lo accolse nella sua casa. Essa aveva una sorella, di nome Maria, la quale, sedutasi ai piedi di Ges, ascoltava la sua parola; Marta invece era tutta presa dai molti servizi. Pertanto, fattasi avanti, disse: Signore, non ti curi che mia sorella mi ha lasciata sola a servire? Dille dunque che mi aiuti. Ma Ges le rispose: Marta, Marta, tu ti preoccupi e ti agiti per molte cose, ma una sola la cosa di cui c' bisogno. Maria si scelta la parte migliore, che non le sar tolta. (Lc 10, 38-42). 191 Signore, colui [riferito a Lazzaro] che ami ammalato (Gv 11, 3); Ges amava Marta, sua sorella e Lazzaro (Gv 11, 5); Dissero allora i Giudei: Vedi come lo amava! (Gv 11, 36). 192 Dette queste cose, Ges si commosse profondamente e dichiar: In verit, in verit vi dico: uno di voi mi tradir. I discepoli si guardarono gli uni gli altri, non sapendo di chi parlasse. Ora uno dei
189 188

bench minimo indizio per aderire a quanto sostiene la tradizione sullidentit del discepolo anonimo, tanto meno sul fatto che si tratti di Giovani, figlio di Zebedeo, considerato autore del Vangelo stesso sulla base di una frase presente nel ventunesimo capitolo193. Ma la versione originale del quarto Vangelo, come tutti gli studiosi riconoscono, laici e religiosi, conteneva soltanto venti capitoli, e il ventunesimo semplicemente unaggiunta posteriore escogitata per ribadire il ruolo prioritario di Pietro, come capo della chiesa. Ovverosia funzionale a mascherare quella priorit che invece spettava ad unaltra persona: a Giacomo, che fu lautentico successore di Ges. Il discepolo di cui basta dire colui che ami per identificarlo Lazzaro, e qualsiasi altra ipotesi non pu reggere il confronto con questa. Ora, se Miriam, sua sorella, era la moglie di Iesous/Ioannes, ne consegue che Eleazar era suo cognato. Rileggiamo quindi la scena del compianto sotto la croce, come la descrive il quarto Vangelo:

Stavano presso la croce di Ges sua madre, la sorella di sua madre, Maria di Cleofa e Maria di Magdala. Ges allora, vedendo la madre e l accanto a lei il discepolo che egli amava, disse alla madre: Donna, ecco il tuo figlio!. Poi disse al discepolo: Ecco la tua madre!. E da quel momento il discepolo la prese nella sua casa194.

Alla luce di quanto abbiamo detto finora, comprendiamo che quella, nella tragica circostanza, era unautentica riunione di famiglia durante la quale il condannato preg il cognato di prendere in custodia la madre. Ai piedi della croce cerano la madre Maria, la sorella Maria, la moglie Maria (si ricordi quanto dichiarato dal Vangelo di Filippo al verso 32: era Maria sua sorella, sua madre, e la sua consorte), e il cognato Lazzaro. Il padre non cera e non ci poteva essere, era morto da molto tempo, per una ragione del tutto analoga. discepoli, quello che Ges amava, si trovava a tavola al fianco di Ges. Simon Pietro gli fece un cenno e gli disse: D, chi colui a cui si riferisce?. Ed egli reclinandosi cos sul petto di Ges, gli disse: Signore, chi ?" (Gv XIII, 21-25); "Intanto Simon Pietro seguiva Ges insieme con un altro discepolo. Questo discepolo era conosciuto dal sommo sacerdote e perci entr con Ges nel cortile del sommo sacerdote; Pietro invece si ferm fuori, vicino alla porta. Allora quell'altro discepolo, noto al sommo sacerdote, torn fuori, parl alla portinaia e fece entrare anche Pietro" (Gv XVIII, 15-16); "Stavano presso la croce di Ges sua madre, la sorella di sua madre, Maria di Clofa e Maria di Mgdala. Ges allora, vedendo la madre e l accanto a lei il discepolo che egli amava, disse alla madre: Donna, ecco il tuo figlio!. Poi disse al discepolo: Ecco la tua madre!. E da quel momento il discepolo la prese nella sua casa" (Gv XIX, 25-27); "Nel giorno dopo il sabato, Maria di Mgdala si rec al sepolcro di buon mattino, quand'era ancora buio, e vide che la pietra era stata ribaltata dal sepolcro. Corse allora e and da Simon Pietro e dall'altro discepolo, quello che Ges amava, e disse loro: Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l'hanno posto!" (Gv XX, 1-2); "Quando gi era l'alba Ges si present sulla riva, ma i discepoli non si erano accorti che era Ges. Ges disse loro: Figlioli, non avete nulla da mangiare?. Gli risposero: No. Allora disse loro: Gettate la rete dalla parte destra della barca e troverete. La gettarono e non potevano pi tirarla su per la gran quantit di pesci. Allora quel discepolo che Ges amava disse a Pietro: E` il Signore!. Simon Pietro appena ud che era il Signore, si cinse ai fianchi il camiciotto, poich era spogliato, e si gett in mare. Gli altri discepoli invece vennero con la barca, trascinando la rete piena di pesci: infatti non erano lontani da terra se non un centinaio di metri" (Gv XXI, 4-8); "Pietro allora, voltatosi, vide che li seguiva quel discepolo che Ges amava, quello che nella cena si era trovato al suo fianco e gli aveva domandato: Signore, chi che ti tradisce?" (Gv XXI, 20-24). 193 Questo il discepolo che rende testimonianza su questi fatti e li ha scritti; e noi sappiamo che la sua testimonianza vera (Gv 21, 24). 194 Gv 19, 25-27.

Gamala/Betsaida. Adesso si pone in termini ancora pi concreti il problema: chi era esattamente questa famiglia? E da dove veniva? Non molti sembrano dar peso al fatto che tre apostoli, Simon Pietro, il presunto fratello Andrea, e Filippo, erano nati a Betsaida. N al fatto che i nomi di Andrea e Filippo sono greci, non ebraici n, tantomeno, aramaici. Perch questi nomi stranieri per dei presunti am-ha-aretz195, umili pescatori del lago Gennsaret? Uno dei quali era fratello di Simone. Siamo davanti allennesima copertura? Oggi alcuni autori si spingono ad affermare che anche Giacomo e Giovanni, figli di Zebedeo, sarebbero nati a Betsaida. Il Nuovo Testamento non dice esplicitamente da dove provenissero costoro. E, comunque, abbiamo visto quante buone ragioni ci sono per ipotizzare che i due apostoli fratelli altri non siano che Giacomo e un Ges/Giovanni visto come fratello di s stesso. Il nome Zebedeo sarebbe una copertura del vero padre di Ges. Allora, se alcuni dei fratelli di Ges venivano da Betsaida, forse da l che proveniva originariamente la famiglia? E perch non da Gamala allora? Visto che Gamala/Betsaida, sulla sponda golanita del lago, era ununica realt civica, articolata in due nuclei urbani ravvicinati, quello interno e quello litorale, uniti da interessi comuni e attivit complementari. Da qui proveniva il gruppo originario del movimento zelota: la famiglia di Giuda il Galileo. Guarda caso due dei figli di Giuda il Galileo si chiamavano proprio Giacomo e Simone i quali, secondo Giuseppe Flavio196, sarebbero stati giustiziati quando era prefetto di Giudea Tiberio Alessandro (dal 46 al 48 EC), il successore di Fado. In pochi anni, prima Fado e poi Tiberio, avrebbero fatto fuori la leadership zelotica: Giuda (Teuda), Giacomo e Simone. Forse il Giuda/Teuda che gi conosciamo era un altro figlio di Giuda il Galileo, o comunque aveva con lui una qualche relazione di parentela. In caso affermativo, il fondatore della setta zelotica avrebbe avuto tre figli che portavano quel famoso terzetto di nomi ormai ineluttabilmente legato a Ges197. Allora questi fratelli sarebbero stati cos accaniti nella lotta messianica, fino al sacrificio sistematico della morte per tutti e quattro, perch portavano leredit familiare del padre, fondatore del movimento zelotico, ucciso durante la rivolta del censimento nel 6-7 EC, e del nonno Ezechia, fatto uccidere personalmente da Erode il Grande. Osserviamo unaltra curiosa corrispondenza: secondo gli Atti Giacomo e Simone apostoli sarebbero stati arrestati da Erode (quale dei tanti sovrani erodiani?), ma uno solo, Giacomo, sarebbe stato giustiziato, dal momento che laltro sarebbe riuscito a fuggire miracolosamente198. Ovviamente, nel corso di unanalisi storica, non possiamo prestare fede agli eventi miracolosi. Al contrario, dobbiamo immaginare che, quando il narratore li utilizza, stia cercando di descrivere i fatti compatibilmente con le sue esigenze ideologiche, e che voglia nascondere qualcosa che lo metterebbe in imbarazzo. Anche se, in realt, Simone, tratto in salvo dallangelo, viene fatto fuori ugualmente dal racconto degli Atti, perch Popolani ebrei, persone umili, incolte. Giuseppe Flavio, Antichit Giudaiche XX, 5, 2. 197 vero che i tre nomi erano comuni a quel tempo, ma lo erano anche Abraham, Amos, Anano, Aba, Acaz, Achim, Ezechia, Eleazar, Eliud, Esrom Enoch, Itzak, Maat, Mattat, Mattan, Nacor, Natan, Naum, Noah, Salmon, Zechariah, ecc La coincidenza esatta di tre nomi comincia a mostrare una casualit abbastanza singolare.
196 195

scompare e, per tutta la seconda met del testo, di lui non si sa pi nulla. Ora, quando sarebbero avvenuti questo arresto e questa esecuzione? Bisognerebbe capire quale Erode li aveva fatti arrestare. Erode Agrippa I aveva regnato fino al 44. Ma stato veramente un Erode a farli arrestare? Infatti questa cattura e questa esecuzione descritte dagli Atti potrebbero essere una semplice maschera della cattura e dellesecuzione dei figli di Giuda il Galileo che si chiamavano Giacomo e Simone. Non lo possiamo dimostrare, ma non possiamo nemmeno allontanarne il sospetto. Dobbiamo riconoscere che, sebbene niente di ci che abbiamo detto possa considerarsi provato, stiamo comunque notando la convergenza di molteplici elementi concordi in una direzione: listituto evangelico dei dodici apostoli sarebbe unentit fittizia, creata in funzione della revisione paolina del messianismo davidico; al suo posto dobbiamo immaginare un gruppo di fratelli, appartenenti ad una famiglia che veniva dal nord della Palestina, caratterizzata da unirriducibile presunzione dinastica, radice della predicazione messianica e della militanza zelotica ostinata che avrebbero condotto tutti quanti al sacrificio. Tale connotazione ci porta inevitabilmente a volgere uno sguardo interrogativo verso la progenie gamaliota di Ezechia, e del figlio Giuda con la sua schiera di seguaci che, a partire dallassalto agli arsenali regi di Sefforis nel 4 AEC, in Galilea, allindomani della morte di Erode il Grande, determinarono la nascita del movimento zelota, volgarmente indicato dallappellativo i galilei. Del resto, la sequenza di eventi che precedono larresto e la condanna di Ges, cos come li abbiamo precedentemente esaminati, insieme alle accuse con cui sarebbe stato presentato al prefetto Ponzio Pilato, configurano la carta didentit del movimento di Giuda il Galileo, o meglio, della prosecuzione della sua causa da parte degli eredi, dopo che lui era scomparso dalla scena perch deceduto. In pratica, ci stiamo domandando molto seriamente se dietro la figura evangelica di Giuseppe/Alfeo/Cleofa/Zebedeo non si nasconda, in realt, Giuda il Galileo. I motivi per farlo li abbiamo mostrati, Adesso dobbiamo domandarci se fra Ges e Gamala potesse esserci una qualche relazione.

198

At 12, 1-19.

6 Nazaret/Gamala

Betlemme, citt natale di Ges? Gli studiosi delle origini cristiane sono ormai praticamente concordi nel riconoscere che Betlemme non stata la citt natale di Ges. Betlemme esiste nelle narrazioni evangeliche solo in quelle due parti iniziali dei testi di Matteo e Luca che sono chiamate nativit. Si tratta di due racconti leggendari, totalmente discordanti fra loro, che hanno in comune due soli obiettivi: stabilire che Ges era nato nella citt che mille anni prima aveva dato i natali al grande re Davide, soddisfacendo cos un requisito messianico, e affermare che era nato da una vergine, resa gravida in seguito allintervento miracoloso dello Spirito Santo. Per quanto riguarda tutto il resto: genealogie, citt di residenza dei genitori, date, circostanze storiche, concatenamento dei fatti, personaggi, non c nulla su cui i due autori vadano daccordo. Al punto che alcuni hanno addirittura ipotizzato che si tratti delle nascite di due persone diverse. In questa sede non intendiamo analizzare le differenze fra le nativit, ma semplicemente constatare che si tratta di pure e semplici leggende funzionali alla concezione teologica che andava progressivamente affermandosi fra i seguaci di Shaul/Paolo. Egli stesso, nelle sue lettere, non d segni di conoscere le idee espresse nelle nativit. Per lui Ges semplicemente nato di donna, come ogni comune mortale, non conosce n il padre n la madre di Ges, n tantomeno accenna al fatto che lei potesse avere concepito vergine. Mentre sa che aveva fratelli, e lo dice in pi occasioni. Le leggende della nativit sono scaturite successivamente e noi dovremmo avere laccortezza di distinguere le parti dei racconti evangelici che riguardano let adulta di Ges, a cui daremo il nome di ministeri della vita pubblica, che in tutti e quattro i casi iniziano col battesimo di Ges sul Giordano, dalle nativit, che compaiono solo perch aggiunte successivamente nei Vangeli di Matteo e Luca. Nel Vangelo di Marco Betlemme non esiste assolutamente, n nei ministeri della vita pubblica di Matteo e Luca. Nel quarto Vangelo nominata in un passo da cui si deduce che la gente del tempo negava che Ges venisse dal piccolo villaggio della Giudea:

Altri dicevano: Questi il Cristo!. Altri invece dicevano: Il Cristo viene forse dalla Galilea? Non dice forse la Scrittura che il Cristo verr dalla stirpe di Davide e da Betlemme, il villaggio di Davide?. E nacque dissenso tra la gente riguardo a lui.199.

Come dire: - Che pretende costui? Che non nemmeno nato a Betlemme! -. Se dunque la redazione evangelica (da intendersi non come il risultato di unoperazione monofase compiuta da uno specifico autore) ha scelto con la nascita betlemita di Ges unorigine del tutto leggendaria, non potrebbe aver fatto altrettanto con la scelta del luogo di residenza: Nazaret?

La profezia del Nazareno.

199

Gv 7, 41-43.

Tutti ricordano che uno degli aspetti pi caratteristici della nativit di Matteo la persecuzione che Erode, temendo per la sua sovranit su Israele, avrebbe condotto ai danni del fanciullo Ges, giungendo fino a far trucidare tutti i bambini di Betlemme dai due anni in gi. Ma Ges si sarebbe salvato perch la famiglia, avvertita da un angelo, sarebbe preventivamente fuggita in Egitto. Dopo un po di tempo trascorso in esilio, venuta a conoscenza della morte di Erode il grande, la famiglia sarebbe rientrata in Palestina. A questo punto, temendo che la vicinanza di Erode Archelao200, figlio di Erode il grande, potesse continuare a costituire un pericolo, la famiglia avrebbe deciso di trasferirsi nel nord del paese, in Galilea, a Nazaret. Matteo lo dice con queste parole:

Morto Erode, un angelo del Signore apparve in sogno a Giuseppe in Egitto e gli disse: Alzati, prendi con te il bambino e sua madre e va nel paese d'Israele; perch sono morti coloro che insidiavano la vita del bambino. Egli, alzatosi, prese con s il bambino e sua madre, ed entr nel paese d'Israele. Avendo per saputo che era re della Giudea Archelao al posto di suo padre Erode, ebbe paura di andarvi. Avvertito poi in sogno, si ritir nelle regioni della Galilea e, appena giunto, and ad abitare in una citt chiamata Nazaret, perch si adempisse ci che era stato detto dai profeti: Sar chiamato Nazareno201.

Attenzione, ci troviamo di fronte ad una questione di estrema importanza. In pratica lautore di questa nativit sembra voler riferire a Ges una certa profezia, ma con un piccolo inconveniente, e cio che la profezia non esiste nel Vecchio Testamento! Cos come, in tutto il Vecchio Testamento, non esiste Nazaret. Il passo costituisce un tentativo, che pu funzionare solo sugli ignoranti, per creare un collegamento tra laggettivo nazareno e la citt di Nazaret. Come nei casi dei termini cananeo e galileo che, riferiti ai discepoli di Ges, ne indicano la militanza zelotica ma vengono proposti come aggettivi geografici, effettuando cos una ripulitura ideologica, anche in questo caso loperazione consiste nel mascherare il significato settario del termine nazareno e attribuirgli una valenza innocua. Questo tentativo pu essere messo in atto solo da uno scrittore non ebreo, che si rivolge ad un pubblico gentile. Non ebreo lo scrittore - perch la sua immagine di Ges come incarnazione divina, partorito da una vergine, appartiene alle concezioni pagane del salvatore, mentre ripugna alla sensibilit religiosa degli ebrei. Gentile il pubblico destinatario dello scritto - perch gli ebrei del tempo avrebbero saputo perfettamente che laggettivo nazareno significava ben altro che cittadino di Nazaret. Nazareno era un titolo religioso/settario. I nazareni erano esponenti di una forma rigorosa del giudaismo, che ai tempi di Ges, ed anche prima, avevano preso posizioni intransigenti contro la dominazione romana, seguendo lesempio dei primi Maccabei che, nel secondo secolo AEC, avevano combattuto ostinatamente contro il potere dei seleucidi. Gli ebrei lo sapevano, ma i lettori gentili dei Vangeli redatti in greco non sapevano niente di tutto ci, e potevano bersi lequivoco del nazareno/nazaretano. In verit esistono nella Bibbia delle profezie somiglianti a quella citata da Matteo, ma si riferiscono a tuttaltra cosa:

200 201

Betlemme sorge a breve distanza da Gerusalemme. Mt 2, 19-23.

C'era allora un uomo di Zorea di una famiglia dei Daniti, chiamato Manoach; sua moglie era sterile e non aveva mai partorito. L'angelo del Signore apparve a questa donna e le disse: Ecco, tu sei sterile e non hai avuto figli, ma concepirai e partorirai un figlio. Ora guardati dal bere vino o bevanda inebriante e dal mangiare nulla d'immondo. Poich ecco, tu concepirai e partorirai un figlio, sulla cui testa non passer rasoio, perch il fanciullo sar un nazireo consacrato a Dio fin dal seno materno; egli comincer a liberare Israele dalle mani dei Filistei202.

l'annuncio della nascita di Sansone, ma gli esegeti cattolici si tengono ben lontani dal prenderlo in considerazione come eventuale riferimento alla profezia di cui parla Matteo; sarebbe come ammettere apertamente che il termine nazareno sia collegato con laggettivo nazireo e non abbia niente a che fare con la citt di Nazaret. E poi questo nazireo sar (guarda caso) un liberatore che caccer via la nazione straniera che opprime Israele. Troppi riferimenti pericolosi, meglio evitarli. Il nazireato una condizione in cui si trova una persona che prende certi voti, generalmente temporanei, tipico del nazireato il fatto di lasciarsi crescere i capelli, di rispettare severe regole di purit, di astenersi dal bere vino e bevande inebrianti203. Analoga alla nascita di Sansone, da madre sterile, quella del profeta Samuele, dalla sterile Anna:

Poi [Anna] fece questo voto: Signore degli eserciti, se vorrai considerare la miseria della tua schiava e ricordarti di me, se non dimenticherai la tua schiava e darai alla tua schiava un figlio maschio, io lo offrir al Signore per tutti i giorni della sua vita e il rasoio non passer sul suo capo [in pratica: sar Nazireo, n.d.a.]204.

Qualcosa di molto simile lo troviamo anche nel discorso che langelo fa a Zaccaria, quando gli annuncia la nascita di Giovanni dalla sterile Elisabetta:

Ma l'angelo gli disse: Non temere, Zaccaria, la tua preghiera stata esaudita e tua moglie Elisabetta ti dar un figlio, che chiamerai Giovanni. Avrai gioia ed esultanza e molti si rallegreranno della sua nascita, poich egli sar grande davanti al Signore; non berr vino n bevande inebrianti [in pratica: sar Nazireo, n.d.a.]205.

Insomma, il Vecchio Testamento pieno di passi in cui si dice che il nascituro, generalmente figlio di una Gdc 13, 2-5. Quando un uomo o una donna far un voto speciale, il voto di nazireato, per consacrarsi al Signore, si asterr dal vino e dalle bevande inebrianti; non berr aceto fatto di vino n aceto fatto di bevanda inebriante; non berr liquori tratti dall'uva e non manger uva, n fresca n secca. Per tutto il tempo del suo nazireato non manger alcun prodotto della vigna, dai chicchi acerbi alle vinacce. Per tutto il tempo del suo voto di nazireato il rasoio non passer sul suo capo; finch non siano compiuti i giorni per i quali si consacrato al Signore, sar santo; si lascer crescere la capigliatura. Per tutto il tempo in cui rimane consacrato al Signore, non si avviciner a un cadavere; si trattasse anche di suo padre, di sua madre, di suo fratello e di sua sorella, non si contaminer per loro alla loro morte, perch porta sul capo il segno della sua consacrazione a Dio (Num 6, 2-7). 204 I Sam 1, 11.
203 202

madre sterile, su cui incombe un destino santo e glorioso, sar nazireo. Mentre non c alcun passo in cui si dice che sar nazareno, tantomeno nel senso relativo alla citt di Nazaret. Allora, nella necessit di trovare un riferimento profetico allaffermazione di Matteo, viene chiamato in causa nientemeno che il seguente passo di Isaia: Un virgulto sorger dal tronco di Jesse e un pollone verr su dalle sue radici...206. Isaia voleva dire che il liberatore di Israele sarebbe stato un discendente di Davide, rappresentato come un ramo (pollone) del tronco di Jesse (Jesse il padre di Davide); il fatto che in ebraico ramo si dice, appunto, netzer, la cui radice (NZR) assomiglia a quella della parola Nazaret. Ma si tratta di acrobazie forzate e inammissibili. Innanzitutto Isaia parlava di tutt'altra cosa che di Ges Cristo, perch non si riferiva alla sottomissione degli ebrei ai romani, ma agli assiri; inoltre non aveva alcuna intenzione di riferirsi alla citt di Nazaret. Nemmeno la conosceva. La citt non esisteva ai suoi tempi. Isaia non stava certo dicendo che il liberatore messianico sarebbe stato un cittadino di Nazaret.

Ges il Nazareno. Spesso Ges definito il Nazareno; otto volte nel Vangelo di Marco, due volte in Matteo, tre volte in Luca, tre volte in Giovanni, cinque volte negli Atti degli Apostoli. Mai nelle Lettere di Paolo. Lequivalente di questo termine nelle versioni greche Nazoraios (Iesous o Nazoraios), o Nazarenos. Si noti che Nazoraios esattamente la traslitterazone in caratteri greci del termine aramaico Nazorai, spesso affiancato a Ges: Yeshu Nazorai. Ges, dai suoi compagni e dalla gente normale che parlava lidioma aramaico, era solitamente chiamato Yeshu Nazorai: Ges il Nazoreo. La cui versione ebraica Yehoshua ha-Notzr. N laramaico, n lebraico implicano alcun collegamento alla citt di Nazaret. Questo fatto deve essere ben compreso, e la bimillenaria astuzia deve essere chiarita una volta per tutte, cercando anche di capire la motivazione che aveva spinto gli evangelisti della scuola paolina ad effettuare questo gioco. Anche un celebre Vangelo apocrifo, un testo gnostico della biblioteca di Nag Hammadi, il cosiddetto Vangelo di Filippo, indica un totale scollegamento fra il termine Nazareno e la citt di Nazaret: Nazara la verit. Perci Nazareno quello della verit207,

indicando cos che, nella molteplice costellazione delle teologie cristiane, solo nel ramo facente capo a San Paolo era pressante lesigenza di seppellire del tutto limmagine storica di Ges. I Nazorei, o Nazareni, in parallelo o in coincidenza con gli Ebioniti, erano i seguaci ebrei di Ges e, in seguito alla sua morte, erano il gruppo giudeo cristiano che si riconosceva sotto lautorit di Giacomo il Giusto, fratello di Ges. Nazareni il nome che indicava i messianisti fintantoch, alcuni decenni pi tardi, i seguaci di Paolo, ad Antiochia di Siria, decisero di grecizzare il termine messianisti (che praticamente significherebbe unzionisti, con riferimento alla cerimonia di unzione del re di Israele),

205 206

Lc 1, 13-15. Is 11, 1. 207 Vangelo di Filippo, 47.

togliendogli la sua imbarazzante eco patriottica e rivoluzionaria e traducendolo con chrestianoi, che ha ancora un significato legato allunzione, ma un suono degiudaizzato e, soprattutto, spoliticizzato. Secondo il professor R. Eisenman, i Nazareni erano anche gli zeloti, recabiti, zadochiti, esseni, qumraniani, del I secolo EC, autori, o comunque scolari, di alcuni dei manoscritti del Mar Morto. Tutti costoro erano ferventi messianisti, Yahwisti fondamentalisti, avversari della classe sacerdotale sadducea al potere nel tempio, e della dinastia regnante erodiana, a cui contrapponevano la presunta dinastia davidica, nonch nemici irriducibili dei romani e del loro dominio su Israele. Diciamolo chiaro e tondo: erano un po paragonabili, mutatis mutandis, a quello che oggi sono i talebani nellambito islamico. Potevano gli autori dei Vangeli destinati alla catechesi dei gentili, e soprattutto Marco, che scriveva a Roma dopo la disfatta di Gerusalemme, presentare Ges come il leader dei Nazorei? No! Il suo libello sarebbe stato subito classificato come materiale sovversivo e, in effetti, per i cristiani gentili, nonostante limpegno redazionale degli scribi cristiani, fu abbastanza difficile farsi distinguere, agli occhi delle autorit romane, dai messianisti ebrei. Da qui limperiosa necessit degli evangelisti e di tutti i successivi apologeti di prendere le dovute distanze, ed effettuare tutte le loro complicate disinfezioni dei testi.

Nazaret, la citt che gioca a nascondino. Oggi vanno tutti a Nazaret, anzi a Natzrat. Una quantit incredibile di pellegrini cristiani parte per Israele, un paese pericoloso e difficile, dallItalia come da molte altre nazioni, per visitare i luoghi di Ges: Gerusalemme, con la chiesa del santo sepolcro; Betlemme, con la chiesa della nativit; Nazaret, con la basilica dellannunciazione. Tre miti, non una delle chiese corrisponde a un sito storicamente reale. La Natzrat di oggi grande, trafficata di veicoli, brulicante di gente, intricata nelle sue stradine in salita, gremita di ristoranti arabi, negozi di souvenir, effluvi di kebab, col grasso che si squaglia, di pasticceria profumata alla rosa, e di spezie piccanti; sonorit di melodie da mille e una notte, che invitano alla danza del ventre; colori saturi che stordiscono gli occhi. unautentica azienda della devozione. E duemila anni fa? Ce ne siamo fatti unimmagine nei tanti film su Ges, primo fra tutti il capolavoro di Zeffirelli, dove Nazaret un borgo agricolo pastorale, di casette bianche, in cui si svolge una vita laboriosa e sana, fra capre, galline, ulivi, opunzie, fichi, erba e cespugli spinosi. Maria, pudica fanciulla che porta lacqua con un vaso di terracotta. Giuseppe, il fidanzato, che la guarda e scherza con un amico. Sembra tutto semplice e scontato. Se non fosse che la Nazaret storica ha una malattia inguaribile: levanescenza. Archeologicamente parlando ci sono segnali di presenza umana fin dallepoca delluomo di Neanderthal, ma da qui a documentare lesistenza di una cittadina ebraica ai tempi di Ges, con quel nome, ci corre molto. Ci sono grotte nelle quali evidente lintervento umano, ci sono tombe. C del vasellame del 900-600 AEC. Non ci sono segni di mura, sinagoghe, strade che appartengano ad un villaggio del I sec. EC. Gli scavi sembrano testimoniare che n i greci, n i romani, si siano mai insediati in quel luogo prima del II sec. EC. Fu Bellarmino Bagatti larcheologo di Nazaret, il quale trov quantit di resti romani e bizantini, di epoca molto posteriore a quella di Ges. Per quanto riguarda il I sec. EC, egli parla di deboli evidenze, che possono riferirsi al massimo ad un piccolo centro rurale. Due casette, ammesso che ci fossero, con poche

famiglie. Come se si fosse trattato di una fattoria o una cascina priva di strutture capaci di lasciare importanti resti archeologici. impossibile parlare di una citt di Ges. Gli insediamenti pi consistenti, risalenti alla media et del bronzo, e allet del ferro, sembrano scomparire, nellintorno del 720 AEC, per lasciare il posto al vuoto. Segno evidente che il centro abitato fu totalmente distrutto dagli assiri, come altre citt della zona, e che non fu pi ricostruito. significativo che a Natzrat si possano trovare ceramiche, silos, macine, risalenti a molti secoli prima di Cristo, e che non si trovi nulla dellepoca di Ges. un fatto che la dice lunga. Questi sono gli aspetti archeologici, ma se passiamo a quelli storici e letterari, allora Nazaret diventa veramente una neverland. Non ne parla il Vecchio Testamento, mai. Non la nomina Giuseppe Flavio, che era stato comandante delle truppe ebraiche in Galilea e che fornisce dettagliate descrizioni della sua geografia, menzionando ben quarantacinque citt di quella regione. Non ne parla il Talmud che nomina sessantatre centri abitati della Galilea. Non ne parla alcuna opera dellantica letteratura rabbinica. Ne parla un grande apologeta cristiano del terzo secolo, Origene, che visse a Cesarea, circa trenta miglia da dove oggi si trova Nazaret, ma non sapeva dove fosse. Per queste ragioni siamo fortemente motivati a dubitare che Nazaret, ai tempi di Ges, esistesse veramente. Ma, ci tengo ad affermarlo in modo chiaro e inequivocabile, si tratta di una domanda aperta che non consente, al momento attuale, di avere una risposta sicura. In seguito a questa polemica, qualche difensore della dottrina cattolica ha vantato la prova schiacciante che Nazaret esistesse fin da prima dellepoca di Ges. Infatti nel 1962 gli archeologi hanno trovato a Cesarea marittima uniscrizione ebraica nella quale comparivano alcune consonanti col nome di una citt: NSRT. Attenzione, non Z, ma S. Ne pu uscir fuori Nasaret. Un celebre autore italiano, in una sua opera, ha proclamato che tutti i diffidenti sullesistenza di Nazaret potevano mettersi lanimo in pace, perch il ritrovamento di Cesarea dimostrava che la citt era conosciuta, ed esisteva con quel nome, fin dal terzo secolo AEC. Ma liscrizione di Cesarea stata datata al terzo o quarto secolo EC, sei o settecento anni pi tardi! In essa questa NSRT viene citata come il luogo in cui una certa famiglia sacerdotale (Hapizzez) abitava dopo la ribellione messianica effettuata da Bar Kokhba nel 135 EC. La presunta dimostrazione schiacciante ne esce molto schiacciata.

Ges a Nazaret. Cera una volta un modesto borgo, praticamente un cascinale in aperta campagna. Dove Ges cresceva e imparava il mestiere di falegname col padre Giuseppe, spostandosi ogni tanto per lavoro, magari a Sefforis, mentre la madre Maria attendeva alle faccende domestiche. Tutto era tranquillo, lontano da Gerusalemme e dai luoghi dove romani ed ebrei si scontravano quotidianamente. Finch un giorno, verso let di trentanni, Ges cominci ad allontanarsi dal villaggio in preda ad un rapimento spirituale. Si era fatto battezzare sul Giordano da un profeta visionario. Poi era rimasto per quaranta giorni nel deserto, dove si racconta che avesse incontrato Satana in persona, ed era stato capace di respingerlo.

Da allora vagava per tutta la Galilea e oltre, tramutava lacqua in vino, camminava sullacqua, guariva i malati, restituiva la vista ai ciechi, resuscitava i morti208, annunciava il regno di Dio, pronunciava lunghi sermoni di fronte ad una grande folla, accorsa sulle rive del lago Gennsaret. Ma quando tornava a casa, nella sua piccola Nazaret, non poteva far niente di tutto ci. Gli abitanti lo guardavano con sorpresa: Devessere impazzito! Non il falegname, il figlio di Maria? Che gli prende? I suoi fratelli e le sue sorelle sono qui, ma non si sono mai comportati in questo modo e lo scansavano con sufficienza209. Luca racconta che un giorno entr nella sinagoga di Nazaret, lesse un brano dal rotolo di Isaia (era un rabb, istruito, sapeva leggere), dove si parla di un messia che libera oppressi e prigionieri, ed esord affermando che la profezia si era avverata in quel preciso istante, nella sua persona. Poi deplor i suoi concittadini perch insensibili e scettici, e li ammon che ad altri sarebbero stati concessi i suoi doni, perch loro non ne erano degni. La gente sentenziava scandalo e lo accusava di blasfemia. I pi infervorati volevano prenderlo e gettarlo dal dirupo che precipitava a breve distanza dalla sinagoga210. Alcuni critici minimizzano le anomalie del racconto. Come abbiamo visto, a Nazaret non sembra che ci fosse una sinagoga ai tempi di Ges n, tantomeno, c un precipizio. La citt si trova fra i colli della Galilea, dolcemente stondati, privi di ripide scarpate. Sviluppandosi in tempi moderni si allargata ad ovest, in alto, fino alla sommit ventosa della collina, battuta dalle brezze marine, ma il piccolo villaggio del I secolo, se cera, si trovava proprio nella conca, nella posizione pi protetta, l dove oggi sorge la basilica dellannunciazione. Luca viene superficialmente giustificato per la sua ignoranza del territorio: non era esperto della geografia Galilea. E allora si inventato un precipizio e una collocazione del villaggio nelle sue prossimit. Si deve essere inventato anche lepisodio, o almeno la parte finale, quella in cui leggiamo: lo cacciarono fuori Tutte le narrazioni dei cosiddetti miracoli recano un significato simbolico che, qualche volta, non difficile spiegare. Considerarli cronache di fatti avvenuti cos come sono descritti ingenuo, mentre svelarne il significato nascosto estremamente affascinante. 209 Partito quindi di l, and nella sua patria e i discepoli lo seguirono. Venuto il sabato, incominci a insegnare nella sinagoga. E molti ascoltandolo rimanevano stupiti e dicevano: Donde gli vengono queste cose? E che sapienza mai questa che gli stata data? E questi prodigi compiuti dalle sue mani? Non costui il carpentiere, il figlio di Maria, il fratello di Giacomo, di Ioses, di Giuda e di Simone? E le sue sorelle non stanno qui da noi?. E si scandalizzavano di lui. Ma Ges disse loro: Un profeta non disprezzato che nella sua patria, tra i suoi parenti e in casa sua. E non vi pot operare nessun prodigio, ma solo impose le mani a pochi ammalati e li guar. E si meravigliava della loro incredulit (Mc 6, 1-6). 210 Si rec a Nazaret, dove era stato allevato; ed entr, secondo il suo solito, di sabato nella sinagoga e si alz a leggere. Gli fu dato il rotolo del profeta Isaia; apertolo trov il passo dove era scritto: Lo Spirito del Signore sopra di me; per questo mi ha consacrato con l'unzione, e mi ha mandato per annunziare ai poveri un lieto messaggio, per proclamare ai prigionieri la liberazione e ai ciechi la vista; per rimettere in libert gli oppressi, e predicare un anno di grazia del Signore. Poi arrotol il volume, lo consegn all'inserviente e sedette. Gli occhi di tutti nella sinagoga stavano fissi sopra di lui. Allora cominci a dire: Oggi si adempiuta questa Scrittura che voi avete udita con i vostri orecchi. Tutti gli rendevano testimonianza ed erano meravigliati delle parole di grazia che uscivano dalla sua bocca e dicevano: Non il figlio di Giuseppe?. Ma egli rispose: Di certo voi mi citerete il proverbio: Medico, cura te stesso. Quanto abbiamo udito che accadde a Cafarnao, fallo anche qui, nella tua patria!. Poi aggiunse: Nessun profeta bene accetto in patria. Vi dico anche: c'erano molte vedove in Israele al tempo di Elia, quando il cielo fu chiuso per tre anni e sei mesi e ci fu una grande carestia in tutto il paese; ma a nessuna di esse fu mandato Elia, se non a una vedova in Sarepta di Sidone. C'erano molti lebbrosi in Israele al tempo del profeta Eliseo, ma nessuno di loro fu risanato se non Naaman, il Siro. All'udire queste cose, tutti nella sinagoga furono pieni di sdegno; si levarono, lo cacciarono fuori della citt e lo condussero fin sul ciglio del monte sul quale la loro citt era situata, per gettarlo gi dal precipizio. Ma egli, passando in mezzo a loro, se ne and. (Lc 4, 16-30).
208

della citt e lo condussero fin sul ciglio del monte sul quale la loro citt era situata, per gettarlo gi dal precipizio211. Ma questa volta non cos. Luca non ha inventato il fatto, semplicemente lha ricavato da qualche fonte che descriveva i contrasti che Ges incontrava con quella parte dei suoi concittadini (gamalioti) che non condividevano lideale messianico, o comunque il progetto a breve termine di uno scontro frontale coi romani. Molti concittadini avevano paura della rappresaglia da parte dei romani, se solo questi si fossero resi conto che la citt era un covo di fanatici messianisti. Il passo di Luca denso di significati, innanzitutto perch mostra come Ges fosse determinato nel presentarsi con credenziali messianiche. Egli aveva osato affermare: Allora cominci a dire: Oggi si adempiuta questa Scrittura che voi avete udita con i vostri orecchi, perch, evidentemente, se ne considerava il destinatario. Di cosa tratta la profezia? Lo Spirito del Signore sopra di me, cio sono un prescelto da YHWH; per questo mi ha consacrato con l'unzione, cio mi ha fatto re; e mi ha mandato per annunziare ai poveri un lieto messaggio, mi ha mandato ad annunziare ai poveri (ebionim) il lieto messaggio (euanghelion) dellimminente ricostruzione del regno di Dio (Israele liberata dagli stranieri); per proclamare ai prigionieri la liberazione e ai ciechi la vista; per rimettere in libert gli oppressi , i ciechi senza vista sono coloro che non riconoscono la verit e la giustizia, i prigionieri e gli oppressi sono le vittime della tirannia romana, erodiana e sadducea. Non tanto nelle intenzioni del profeta Isaia, che era ben lontano dal conoscere un futuro avanti di secoli, ma nellinterpretazione e nellutilizzo che i messianisti facevano di queste parole. E ancora: All'udire queste cose, tutti nella sinagoga furono pieni di sdegno, si tratta della parte di popolazione che aveva ragionevolmente paura del radicalismo zelotico e delle sue possibili conseguenze ma, soprattutto, Luca afferma con certezza che nella citt cera una sinagoga; e poi: si levarono, lo cacciarono fuori della citt e lo condussero fin sul ciglio del monte sul quale la loro citt era situata. Dunque Nazaret avrebbe dovuto trovarsi sul ciglio di un monte e non, esattamente al contrario, nella conca fra i colli; per gettarlo gi dal precipizio, pertanto, a breve distanza, avrebbe dovuto esserci una scarpata, ripida abbastanza da provocare la morte di chi vi fosse caduto. Conclusioni: 1- la citt di Ges doveva sorgere sulla sommit di una montagna, 2- doveva avere una sinagoga, 3- doveva trovarsi nelle prossimit di un burrone, 4- aveva conflittualit interne fra il partito zelotico, rappresentato forse da una minoranza ricca e autorevole della popolazione, e il timore della gente comune. Adesso vogliamo osservare che il dibattuto problema delleventuale esistenza di Nazaret nel I secolo EC non pu trovare soluzione in una questione di carattere archeologico. Perch ormai lhanno capito anche le tarme dei libri che in quel luogo ci sono resti di insediamenti umani che occupano a intermittenza la linea del tempo fin dalla preistoria, mostrando uno dei momenti di maggiore assenza proprio nel I secolo. E se qualcuno si consumer le unghie delle mani riuscendo finalmente a trovare qualche traccia: un muretto, due cocci, un osso che possano essere fati risalire al I secolo, questo, ai fini dellidea che l cera un abitato, chiamato Nazaret, e che Ges ci risiedeva, non dimostra assolutamente nulla. Perch
211

Lc 6, 30.

poteva trattarsi di un piccolo borgo rurale, con un altro nome, altrimenti lo avremmo ritrovato fra i quarantacinque toponimi della Galilea citati da Giuseppe Flavio, o fra i sessantatre citati dal Talmud. E negli scritti di San Paolo? Ecco, questo un altro aspetto di estrema importanza. Nelle numerose lettere di Paolo Nazaret non c. Non esiste. Unaltra eloquente assenza della citt. Evidentemente sono stati gli autori sinottici i primi a piazzare Ges a Nazaret, perch limbarazzo del titolo

Notzr/Nazorai/Nazoraios/Nazarenos, che Paolo aveva scansato col silenzio, era troppo grande. E se anche scoprissimo una lapide con scritto Nazaret di Galilea, tetrarchia di Erode Antipa, non avremmo ancora dimostrato che ci abitava Ges. Perch Betlemme esisteva, ma Ges non ci nato. La terra di Canaan e la citt di Cana esistevano, ma Simon cananaios non era di quei luoghi. La Galilea esisteva, ma Giuda il galileo e i suoi seguaci galilaei erano golaniti. Sono libert letterarie, su cui ha fatto comodo giocare. E nemmeno Yesous o Nazoraios era di Nazaret, ma veniva da Gamala.

La citt sul monte. Come abbiamo visto, Luca sostiene che la citt di Ges doveva trovarsi sul ciglio di un monte. Osserviamo allora una serie di frasi, tratte dai racconti evangelici, in cui compare la parola monte:

Ges intanto si ritir presso il lago con i suoi discepoli e lo segu molta folla dalla Galilea. Dalla Giudea e da Gerusalemme e dall'Idumea e dalla Transgiordania e dalle parti di Tiro e Sidone, sentendo ci che faceva, si recavano da lui. Allora egli preg i suoi discepoli che gli mettessero a disposizione una barca, a causa della folla, perch non lo schiacciassero [] Sal poi sul monte, chiam a s quelli che egli volle ed essi andarono da lui.212,

In questo passo di Marco, troviamo Ges che si ritira presso il lago Gennsaret, insieme con i suoi discepoli. Il fatto che lo segua molta gente da alcune regioni (Galilea, Giudea, Idumea, Transgiordania e Fenicia) fa capire che il ritiro non era nel territorio della Galilea ma, forse, nel versante nord-orientale del lago, quello golanita. Ges circondato da una tale calca di folla da essere costretto a salire su una barca. Questo pu significare che si trova nei pressi di una citt. Per esempio Betsaida. Terminato lincontro, sale sul monte, e noi sappiamo che a Betsaida, quando si parla di monte si intende una cosa sola, il villaggio che svetta sul picco facendo mostra di s fra i voli circolari degli avvoltoi, la fortezza degli zeloti, la patria di Ezechia e di Giuda: Gamala. Cos scrive Matteo:

Vedendo le folle, Ges sal sulla montagna e, messosi a sedere, gli si avvicinarono i suoi discepoli. Prendendo allora la parola, li ammaestrava [discorso delle beatitudini] Voi siete la luce del mondo; non pu restare nascosta una citt collocata sopra un monte213,

In questaltro passo, Ges sale sulla montagna perch ha visto le folle. Non sappiamo se per sfuggire alle
212 213

Mc 3, 7-9, 13. Mt 5, 1-2, 14.

folle, o per andar loro incontro. un dato di fatto, per, che si appresta a pronunciare il famoso discorso delle beatitudini, seguito dal bellissimo sermone della montagna. in questa circostanza che Ges pronuncia una frase emblematica: non pu restare nascosta una citt collocata sopra un monte. Si sta rivolgendo ai suoi discepoli e intende: Voi siete la luce, perch possedete la verit, che non pu restare nascosta, cos come non pu restare nascosta una citt che si staglia dallalto di una montagna. Per fare questo esempio avrebbe potuto dire: non pu restare nascosto un fal acceso nella notte, oppure non pu nascondersi una barca che naviga nel mezzo del lago gli esempi sono infiniti, ma quello che ha utilizzato gli suggerito, forse, dalla circostanza in cui i presenti si trovano: nei pressi di un villaggio posto in modo ben visibile sulla vetta di una collina scoscesa. La stessa frase la troviamo nel Vangelo copto di Tomaso, uno dei pi famosi testi della letteratura gnostica ritrovata a Nag Hammadi:

Ges disse: nessun profeta benvenuto nel proprio circondario; i dottori non curano i loro conoscenti. - Ges disse: Una citt costruita su unalta collina e fortificata non pu essere presa, n nascosta.214,

Questo passo contiene pi di una corrispondenza col Vangelo di Matteo: quella relativa alla citt sul monte che non pu nascondersi, e unaltra ancora: quella relativa allo scarso consenso e alla poca adesione che Ges riscuoteva nella sua citt, da parte dei suoi concittadini. Matteo ha intenzionalmente separato le due frasi. Una si trova nel tredicesimo capitolo215 e laltra nel quinto capitolo216. Nel vangelo di Tomaso sembra che la citt costruita sul monte sia la patria di Ges, cosa di cui Matteo, evidentemente, ha voluto evitare la comprensione. Ma c dellaltro, Matteo ha intenzionalmente rimosso alcuni dettagli che sembrano puntare il dito in una direzione fin troppo chiara: una citt costruita su unalta collina ma anche fortificata, come lo era Gamala, circondata da mura possenti. E non solo questa citt non poteva restare nascosta, ma non poteva nemmeno essere presa con facilit. E noi sappiamo che Gamala fu assediata per mesi da Erode Agrippa, senza che costui riuscisse ad espugnarla. Ci vollero ben due legioni di Vespasiano per ottenere questo risultato, ad un prezzo altissimo anche per i romani. E ancora: Quando Ges scendeva dal monte molta folla lo seguiva217,

Dobbiamo dedurre che in genere sulla cima dei monti ci fosse una gran folla? O piuttosto, che il monte era la citt di Gamala, nella quale abitava molta gente che, a volte, seguiva Ges quando scendeva verso Betsaida?

Subito dopo ordin ai discepoli di salire sulla barca e di precederlo sull'altra sponda, mentre egli avrebbe congedato la folla. Congedata la folla, sal sul monte, solo, a pregare. Venuta la sera, egli se ne stava ancora solo lass. [] Compiuta la traversata, approdarono a
214 215

Vangelo copto di Tommaso, vv. 31-32. Mt 13,57. 216 Mt 5, 14. 217 Mt 8, 1.

Gennsaret. E la gente del luogo, riconosciuto Ges, diffuse la notizia in tutta la regione218,

In questaltro passo di Matteo vediamo Ges che ordina ai suoi discepoli di attraversare il lago, e noi possiamo capire che, se la conclusione della traversata sul lato occidentale (Gennsaret), vuol dire che si trovavano sul lato orientale, quello golanita, cio a Betsaida. Una volta congedata la folla il rabb sale sul monte, ovverosia a Gamala, e rimane l, lontano dai suoi discepoli che sono gi partiti, per un certo tempo. Unaltro passo:

Allontanatosi di l [dalla Fenicia], Ges giunse presso il mare di Galilea e, salito sul monte, si ferm l. Attorno a lui si radun molta folla recando con s zoppi, storpi, ciechi, sordi e molti altri malati; li deposero ai suoi piedi, ed egli li guar. E la folla era piena di stupore nel vedere i muti che parlavano, gli storpi raddrizzati, gli zoppi che camminavano e i ciechi che vedevano. E glorificava il Dio di Israele219.

In questaltro brano di Matteo, vediamo Ges che torna dalla Fenicia e raggiunge il lago Gennsaret. Ovviamente provenendo da nord, raggiunge la sponda settentrionale, quella su cui si trova il confine tra Galilea e Golan. Qui egli sale sul monte e ivi si ferma. Su questo monte si raduna intorno a lui una grande folla, segno evidente che il monte non era un luogo solitario, era un paese abitato, cio Gamala.

Larea di maggior frequentazione di Ges. Il fiume Giordano, gettandosi nelle acque del lago Gennsaret, segna il confine fra la Galilea, a occidente, e il Golan, a oriente. possibile che, in tempi remoti la foce si trovasse pi a est, lasciando quella che oggi larea di Betsaida nel versante Galileo. Non so se questo fosse vero nel I secolo EC, e non lo ritengo molto probabile. Penso piuttosto che la Betsaida di Simon Pietro si trovasse gi sulla destra del fiume (sinistra orografica), e quindi in pieno territorio golanita. Almeno cos ci testimoniato da scrittori come Giuseppe Flavio220. Si tratta di unarea pianeggiante, dal terreno fertile perch alimentato dai fanghi e dai detriti del fiume, su cui oggi si trovano vasti campi coltivati e, probabilmente, anche a quel tempo. Gli scavi archeologici, che oggi sorgono allombra degli eucalipti introdotti dallAustralia, mostrano resti evidenti di mura, case e strade. Anche se si tratta di una semplice consapevolezza, impressionante immaginare che questa zona si trovi a circa duecento metri sotto il livello del mare. Betsaida significa casa della pesca, e la sua economia era certamente legata alla posizione sulla riva del lago, per le attivit ittiche, per le attivit portuali, e per il suo accesso alle alture del Golan, che le fanno Mt 14, 22-23, 33-35. Mt 15, 29-31. 220 Quando [Erode] Filippo ebbe terminato di edificare Paneas, una citt alle sorgenti del Giordano, la chiam Cesarea. Egli accrebbe anche il villaggio di Betsaida, situato sul lago Gennesaret, alla dignit di una citt, sia per il numero degli abitanti, sia per altre glorie, e lo chiam col nome di Julias, la figlia di Cesare. (G.Flavio, Antichit Giudaiche XVIII, 2, 1); [Erode Filippo] costru la citt di Cesarea, alle sorgenti del Giordano e nella regione di Paneas, ed anche la citt Julias, nel basso Golan (G.Flavio, Guerra Giudaica II, 9, 1).
219 218

da spalla, e alla vicinissima citt di Gamala. Oggi dista circa due km dal lago, ma in duemila anni, com normale, i detriti portati dai corsi dacqua hanno senzaltro esteso la piana rivierasca. probabile che da qui passassero migliaia di litri di olio doliva provenienti, appunto, da Gamala, in partenza per diverse localit anche lontane. Di Betsaida erano sicuramente tre apostoli, Simon Pietro, Andrea e Filippo:

Tra quelli che erano saliti per il culto durante la festa, c'erano anche alcuni Greci. Questi si avvicinarono a Filippo, che era di Betsaida di Galilea, e gli chiesero: Signore, vogliamo vedere Ges221, Filippo era di Betsaida, la citt di Andrea e di Pietro222,

e noi sappiamo anche che Simone era uno dei fratelli di Ges, il quale si recava spesso a Betsaida: Ordin poi ai discepoli di salire sulla barca e precederlo sull'altra riva, verso Betsaida223, Giunsero a Betsaida, dove gli condussero un cieco pregandolo di toccarlo224;

Allora li prese con s e si ritir verso una citt chiamata Betsaida. Ma le folle lo seppero e lo seguirono. Egli le accolse e prese a parlar loro del regno di Dio225.

Dagli spostamenti che Ges compie nelle narrazioni evangeliche, ci rendiamo conto che egli si trovava sul lato settentrionale del lago, ed anche sulla sponda golanita, assai pi spesso che nel centro della regione Galilea:

Allora si mise a rimproverare le citt nelle quali aveva compiuto il maggior numero di miracoli, perch non si erano convertite: Guai a te, Corazin! Guai a te, Betsaida. Perch, se a Tiro e a Sidone fossero stati compiuti i miracoli che sono stati fatti in mezzo a voi, gi da tempo avrebbero fatto penitenza, ravvolte nel cilicio e nella cenere226,

Guai a te, Corazin, guai a te, Betsaida! Perch se in Tiro e Sidone fossero stati compiuti i miracoli compiuti tra voi, gi da tempo si sarebbero convertiti vestendo il sacco e coprendosi di cenere. Perci nel giudizio Tiro e Sidone saranno trattate meno duramente Cafarnao, sarai innalzata fino al cielo? Fino agli inferi sarai precipitata!227; di voi. E tu,

221 222

Gv 12, 20-21. Gc 1, 44. 223 Mc 6, 45-46. 224 Mc 8, 22. 225 Lc 9, 10-11. 226 Mt 11, 20 21. 227 Lc 10, 13-15.

Corazin, Cafarnao e Betsaida Si messo forse a rimproverare citt come Nazaret, Sefforis, Cana, Magdala o Tiberiade? No! Ges scagliava la sua rabbia contro le citt nelle quali aveva compiuto il maggior numero di miracoli, che non si trovavano nella zona centrale della Galilea, ma nei pressi della foce del Giordano, sulla sponda settentrionale del lago, anche nel Golan. Alle quali non possiamo fare a meno di affiancare Gamala, nonostante sia sempre taciuta, per il semplice fatto che era l, era importante, e non possibile che Ges labbia sistematicamente disertata. Crediamo piuttosto che il silenzio degli evangelisti su questa citt sia intenzionale, serva a non macchiare di pericolosi sospetti e accostamenti il racconto evangelico. Gli stessi Vespasiano e suo figlio Tito, prima di diventare imperatori, avevano combattuto duramente intorno alla citt inespugnabile, avevano rischiato la vita di persona, e avevano assistito alle dure perdite subite dalle legioni impegnate nei combattimenti. Era meglio non nominare quella citt maledetta e, quando necessario, era meglio citarla semplicemente come la sua patria228, il monte229, o la citt sul monte230. Sul fatto che Nazaret esistesse o meno ai tempi di Ges continuiamo ad avere dubbi, ma siamo certi che essa, reale o fittizia che fosse, sia la controfigura evangelica della citt di Gamala.

La guerra giudaica. Nel 66 EC, a Cesarea marittima, la citt sul mediterraneo dove si trovava la sede del praefectus Iudeae, a quel tempo Floro, i cittadini greci, in forte contrasto con i cittadini ebrei, si misero a compiere atti sacrileghi di fronte ad una sinagoga. Il fatto ag come una scintilla che incendi il clima gi abbondantemente esplosivo e caus vari eventi drammatici. Vi furono frequenti azioni contro i romani e numerose proteste contro le tasse imperiali. Che ricordiamo essere il tema fondamentale della lotta zelotica fondata da Giuda il Galileo. Una grave sconfitta colp i romani, guidati dal legato di Siria Cestio Gallo, al passo di Beth Horon. Eleazar ben Simon riusc ad annientare letteralmente una legione: la XII Fulminata. A questo punto limperatore Nerone decise di affidare la repressione della rivolta al generale Vespasiano, il quale intervenne con due legioni: la X Fretensis e la V Macedonica, affiancato da suo figlio Tito, che intervenne con la XV Apollinaris. Inizialmente fu invasa e domata la Galilea perch, evidentemente, i romani avevano capito che le principali forze motrici della ribellione erano localizzate nella parte settentrionale del territorio. in questo contesto che si svolsero lassedio e labbattimento di Gamala, come li abbiamo descritti precedentemente. Si noti che Gamala non si trovava in Galilea, ma nel Golan, ci nonostante possiamo sostenere che il termine Galilea era usato estensivamente come simbolo di tutta la Palestina settentrionale. E poi le espressioni zeloti e galilei erano gi sinonimi da molti decenni. I capi della rivolta settentrionale, Giovanni di Giscala e Simone figlio di Ghiora, scesero a Gerusalemme
228

and nella sua patria e i discepoli lo seguirono (Mc 6, 1); Un profeta non disprezzato che nella sua patria (Mc 6, 4); Terminate queste parabole, Ges part di l e venuto nella sua patria insegnava nella loro sinagoga (Mt 13, 53-54); Quanto abbiamo udito che accadde a Cafarnao, fallo anche qui, nella tua patria (Lc 4,23). 229 Mt 15, 29. 230 Mt 5,14.

dove, oltre a resistere ai romani, dettero luogo ad unautentica guerra civile tra fazioni avverse. In pratica Gerusalemme sopportava contemporaneamente il durissimo assedio romano e i conflitti fra le diverse parti interne aspiranti al potere. Per la popolazione gerosolimitana si tratt del periodo pi drammatico che la citt abbia vissuto in tutta la sua storia. Pur tenendo presente che Gerusalemme sempre stata oggetto di aspri conflitti. Molti tentavano di fuggire dalla citt, ma venivano per lo pi catturati dai romani e sistematicamente crocifissi in macabra vista di fronte alle mura. Giuseppe Flavio si spinge ad affermare che ogni giorno venissero eseguite centinaia (!) di crocifissioni. Leco di questa tribolazione si trova negli stessi Vangeli canonici in brani come i seguenti, nei quali vengono messe in bocca a Ges delle prophetiae post eventum:

Mentre usciva dal tempio, un discepolo gli disse: Maestro, guarda che pietre e che costruzioni!. Ges gli rispose: Vedi queste grandi costruzioni? Non rimarr qui pietra su pietra, che non sia distrutta.231,

Quando vedrete l'abominio della desolazione stare l dove non conviene, chi legge capisca, allora quelli che si trovano nella Giudea fuggano ai monti; chi si trova sulla terrazza non scenda per entrare a prender qualcosa nella sua casa; chi nel campo non torni indietro a prendersi il mantello. Guai alle donne incinte e a quelle che allatteranno in quei giorni! Pregate che ci non accada d'inverno; perch quei giorni saranno una tribolazione, quale non mai stata dall'inizio della creazione, fatta da Dio, fino al presente, n mai vi sar. Se il Signore non abbreviasse quei giorni, nessun uomo si salverebbe. Ma a motivo degli eletti che si scelto ha abbreviato quei giorni. Allora, dunque, se qualcuno vi dir: "Ecco, il Cristo qui, ecco l", non ci credete; perch sorgeranno falsi cristi e falsi profeti e faranno segni e portenti per ingannare, se fosse possibile, anche gli eletti. Voi per state attenti! Io vi ho predetto tutto232.

la cosiddetta piccola apocalisse di Marco che si riferisce alle disgrazie dellassedio e della distruzione di Gerusalemme, a dimostrazione del fatto che il Vangelo di Marco stato scritto dopo quella data (70
EC)

e non, come certi ostinati continuano a volere contro ogni evidenza, negli anni 50-60, o addirittura

prima. Queste convinzioni sono letteralmente penose. Tanto pi che i difensori a oltranza della dottrina storica della chiesa, per uscire da questo imbarazzo, in passato hanno tentato di associare le parole di Marco allepisodio delle statue di Caligola, che avrebbero dovuto essere messe nel Tempio (labominio della desolazione), fra il 38 e il 39 EC. Peccato che le statue non siano mai state messe, e che il fatto non abbia mai provocato nemmeno il lancio di un sasso. Questo aggiunge Luca, a conferma di quanto stiamo affermando:

Ma quando vedrete Gerusalemme circondata da eserciti, sappiate allora che la sua devastazione vicina. Allora coloro che si trovano nella Giudea fuggano ai monti, coloro che

231 232

Mc 13, 1-2. Mc 13, 14-23.

sono dentro la citt se ne allontanino, e quelli in campagna non tornino in citt; saranno infatti giorni di vendetta, perch tutto ci che stato scritto si compia. Guai alle donne che sono incinte e allattano in quei giorni, perch vi sar grande calamit nel paese e ira contro questo popolo. Cadranno a fil di spada e saranno condotti prigionieri tra tutti i popoli; Gerusalemme sar calpestata dai pagani finch i tempi dei pagani siano compiuti233.

In questi passi i Vangeli diventano autentici libri di storia raccontando a posteriori ci che avvenuto nel 69-70 EC. Adesso vogliamo evidenziare alcuni fatti che possono essere fortemente relazionati con la questione storica relativa a Ges e ai suoi eventuali discendenti di famiglia e di lotta politica. Un certo Menahem, che secondo Giuseppe Flavio sarebbe stato figlio di Giuda il Galileo, realizza, sebbene in modo precario e temporaneo, quello che era stato il sogno di tutti i componenti della setta di fratelli di Ges, nonch apostoli e zeloti, indossare in Gerusalemme la corona e il manto rosso, come re messianico:

Nel frattempo, un certo Menahem, il figlio di Giuda che era chiamato il Galileo, che era un vero impostore e aveva ricordato ai giudei, sotto Quirino, che essi erano sudditi prima del Signore e solo dopo dei romani, prese alcuni uomini di spicco con s e si ritir a Masada, dove saccheggi gli arsenali di Erode234;

La distruzione delle opere fortificate e la morte del sommo sacerdote Anania avevano esaltato Menahem fino alla ferocia, ed egli, ritenendo di non avere rivali come capo, si comportava da tiranno insopportabile. Ma contro di lui si levarono i partigiani di Eleazar, ripetendosi lun laltro che non era il caso di ribellarsi ai romani spinti dal desiderio di libert per poi sacrificarla ad un boia paesano, e sopportare un padrone che, se anche non avesse fatto nulla di male, era pur sempre inferiore a loro; e ammesso pure che ci dovesse essere uno a capo del governo, questo compito spettava a chiunque altro pi che a lui; cos si misero daccordo e lo assalirono nel tempio; vi si era infatti recato a pregare in gran pompa, ornato della veste regia e avendo i suoi pi fanatici seguaci come guardia del corpo. Come gli uomini di Eleazar si furono scagliati su di lui, anche il resto del popolo tutto infuriato afferr delle pietre e si diede a colpire il dottore, ritenendo che, levatolo di mezzo, sarebbe interamente cessata la rivolta; gli uomini di Menahem fecero un po di resistenza, ma quando videro che tutta la folla era contro di loro, fuggirono dove ognuno pot, e allora segu una strage di quelli che venivano presi e una caccia a quelli che si nascondevano. Pochi trovarono scampo rifugiandosi nascostamente a Masada, e fra questi Eleazar figlio di Giairo, legato a Menahem da vincoli di parentela, che in seguito fu capo della resistenza a Masada. Quanto a Menahem, che era scappato nel quartiere detto Ofel e vi si era vigliaccamente nascosto, fu preso, tirato fuori e dopo molti supplizi ucciso, e cos pure i suoi luogotenenti e Absalom, il principale ministro della sua tirannide235.

Dunque Menahem sarebbe stato, secondo Giuseppe Flavio, il figlio di Giuda che era chiamato il
233 234

Lc 21, 20-24. G.Flavio, Guerra Giudaica II, 17, 8.

Galileo, anche se decorre un considerevole intervallo di tempo: Giuda era morto nel 7 EC, e le vicende di cui ci occupiamo si svolgono circa sessantanni dopo. Un Menahem sessantenne avrebbe comunque potuto essere protagonista di questi eventi. Nel frattempo Nerone era morto, gli erano succeduti in tempi rapidissimi Ottone, Galba e Vitellio, ma Vespasiano era stato acclamato imperatore dalle legioni e si era recato a Roma, per mettersi al posto del presunto usurpatore Vitellio. Tito rimase a proseguire la guerra e, in particolare, lassedio della citt santa. Qui, nonostante lardua resistenza degli ebrei, molti morivano letteralmente di fame per la scarsit delle provviste. Qualcuno sostiene che si siano verificati addirittura episodi di cannibalismo. Quando la primavera stava ormai giungendo alla fine, i romani riuscirono ad aprire una breccia nelle mura. Verso il 29 luglio del 70 EC la citt fu letteralmente messa a ferro e fuoco e il tempio distrutto. Il Sancta Sanctorum, larea di rispetto, riservata al sommo sacerdote, nella quale era conservato il tesoro, fu profanata da Tito e dai suoi soldati, che prelevarono quanto in essa si trovava per poi esporlo durante la marcia trionfale a Roma, raffigurata nei bassorilievi dellarco di Tito. Alcuni guerriglieri zeloti si rifugiarono nelle fortezze di Herodium e Macheronte, che furono presto espugnate. Altri, sotto la guida di un certo Eleazar ben Jair (Lazzaro figlio di Giairo), ripararono a Masada, la straordinaria fortezza fatta edificare da Erode il Grande, che sorgeva presso la costa sud occidentale del Mar Morto, sopra un alto tavolato roccioso, circondato da pareti quasi verticali. Una posizione praticamente inespugnabile. I romani assediarono la fortezza sotto il comando di Lucio Flavio Silva e si accamparono nel torrido deserto intorno alla montagna, dovendo rifornirsi di acqua una ventina di chilometri pi a nord, presso le sorgenti di Ein Gedi (Engaddi). Furono proposte pi volte delle trattative di resa, ma gli assediati rifiutarono sempre, mostrando di non avere alcuna intenzione di capitolare. I romani dovettero darsi alla costruzione di un enorme ammasso di pietrame e detriti sul lato occidentale del monte, per poterne raggiungere il ciglio. Ancor oggi i resti di questo ghiaione sono perfettamente visibili. Come abbiamo detto il comandante in capo era Lazzaro, che Giuseppe Flavio definisce legato a Menahem da vincoli di parentela. Questo ci dimostra che la stirpe del vecchio Ezechia di Gamala, ucciso da Erode il Grande, di suo figlio Giuda, dei nipoti, e di altri discendenti, aveva sempre una posizione di primo piano nella resistenza antiromana. Si trattava di una famiglia con evidenti pretese dinastiche. Alla quale noi stiamo supponendo che il Iesous/Ioses/Ioannes della letteratura evangelica appartenesse, insieme ai suoi fratelli. Si tratterebbe, se le nostre ipotesi sono giuste, del Ges storico (o Giovanni?), la persona reale non ancora trasfigurata dalla reinterpretazione ellenistica di cui fu ideatore San Paolo. Nellanno 73 gli ebrei asserragliati nella fortezza si resero conto che la disfatta era prossima, il terrapieno artificiale lambiva minacciosamente il ciglio del monte e presto i romani lo avrebbero scalato per sferrare lassalto finale. A questo punto accadde uno degli episodi pi famosi della storia giudaica, su cui sono stati scritti numerosi romanzi e realizzati film: i giudei misero in atto un suicidio collettivo per non consegnarsi ai romani e non subire le umiliazioni e le deportazioni. Il suicidio non consentito dalla religione ebraica. Pertanto furono incaricate alcune persone di dare la morte di spada a tutti gli abitanti della fortezza e poi di uccidersi luno con laltro. Solo lultimo avrebbe
235

G.Flavio, Guerra giudaica, II, 17, 442-448.

dovuto provvedere da solo. straordinario il discorso che Lazzaro pronunci per convincere i suoi a compiere questo dramma o, almeno, ci che Giuseppe Flavio ci riporta di questo discorso. In effetti, molto giusto domandarsi come potesse lautore ebreo romanizzato conoscerlo nei minimi dettagli, dal momento che non era presente alla circostanza, e che ben pochi avrebbero potuto riportarglielo. In esso sono contenuti legami con la spiritualit indo-buddista, relativi alla prigionia dellanima nei corpi e alla liberazione che deriva dal distacco conseguente alla morte, con espliciti riferimenti ai rituali funebri che gli ind erano soliti eseguire allora, e lo sono tuttora, cremando le salme su grandi fal in luoghi pubblici. La descrizione cos espressiva da sembrare il frutto di unesperienza diretta sulle rive del Gange, o di una testimonianza di prima mano, a dimostrazione del fatto che le culture ebraica e orientale avessero i loro punti di contatto e che, verosimilmente, la religiosit degli esseno zeloti potesse essere stata influenzata da quella indobuddista. La disfatta di Masada segn la fine della terribile guerra giudaica. Le conseguenze per gli ebrei furono disastrose. Giuseppe Flavio sostiene che le vittime dellassedio raggiungessero la cifra di un milione e centomila individui, e che molti di essi fossero morti per la fame e le malattie. I sopravvissuti avrebbero raggiunto la cifra di circa centomila individui, la cui sorte fu quella di essere sparsi nei diversi paesi che si affacciavano sul mediterraneo, per lo pi venduti come schiavi. Era linizio di una lunga diaspora forzata, e di un destino di discriminazione e persecuzione che, avviato cos, da parte della Roma imperiale e pagana, fu degnamente, se non pi pesantemente, portato avanti dalla cristianit, almeno sino alla conclusione della seconda guerra mondiale nel XX secolo EC.

Gamala, la citt di Ges. Quando Tito, figlio dellimperatore Vespasiano, futuro imperatore egli stesso, torn a Roma dopo avere saccheggiato Gerusalemme, effettu una colossale marcia trionfale per le vie dellurbe, mostrando meravigliosi trofei: tesori, suppellettili, prigionieri, schiavi e schiave che avrebbero trascorso il resto della loro vita nelle case dei nobili romani. Monete furono coniate in onore di Tito: una mostra una donna (la Giudea) che piange ai piedi di una palma e reca liscrizione IVDAEA CAPTA, laltra mostra un ebreo che si inginocchia davanti a un trofeo di armi romane. Un arco monumentale fu eretto e ancora oggi, nel centro della citt, ricorda quei giorni di gloria per i romani e di sciagura per gli ebrei. Ora, proprio in quel periodo o in anni di poco successivi, a Roma, luomo che conosciamo come evangelista Marco decise di redigere un documento, in lingua greca, ad uso dei seguaci dellinsegnamento ellenizzante di San Paolo, cio di quei cristiani gentili che non avevano niente a che fare con la religione ebraica n, tantomeno, coi suoi aspetti estremi, tipici del fondamentalismo esseno zelota. Di quei cristiani che vedevano il nostro Signor Ges Cristo di Paolo come un salvatore spirituale, assai pi coerente con le figure del Soter greco, del Saoshyant persiano, e del Buddha indiano, o addirittura con gli di misterici che nascevano da una vergine e risuscitavano tre giorni dopo essere scesi agli inferi, che non con laspirante Mashiah ebreo che aveva fallito la sua impresa ed era stato crocifisso da Ponzio Pilato. I cui fratelli e discendenti avevano proseguito con ostinazione la lotta nazional religiosa.

Marco dovette necessariamente attribuire al proprio scritto un carattere tale da allontanare limmagine del Cristo nemico di Roma. Questa la chiave di decodificazione del racconto evangelico. Questo ci che dobbiamo riconoscere come esigenza primaria della redazione marciana. Al di fuori di questo presupposto tutta lesegetica diventa un gioco fumoso di congetture, anche intellettualmente raffinate, ma basate sul nulla e affette dalla parzialit ideologica in difesa delle dottrine cristiane. Marco comp intenzionalmente, o forse sulla base di quanto aveva sentito da Paolo, una lunga serie di dimenticanze, trasformazioni, dissimulazioni, ribaltamenti, per evitare che nel suo scritto fosse possibile riconoscere il leader zelota e la sua provenienza dalla citt di Gamala, dove Vespasiano e Tito avevano combattuto duramente per mesi, rischiando di persona la vita. Nazaret significava, forse, la citt dei Nazareni. Nazaret non era altro che Gamala. Gamala non doveva essere nominata, mai. I termini qanai, galilaei, nazorai, dovevano perdere il loro significato originale ed essere mascherati dietro altre accettabili valenze. Yeshu Nazorai, nella trascrizione Yesous o Nazoraios, diventava Ges di Nazaret. Anche se la mia convinzione quella che Marco potrebbe non aver nominato Nazaret nelle prime stesure del suo scritto, ma essersi limitato ad usare altre espressioni come sua patria236. Nazorai doveva perdere ogni riferimento al movimento dei Nazareni, autori di un ben preciso Vangelo, noti per la loro fedelt alla legge ebraica e per il loro dissenso rispetto al pensiero di Shaul/Paolo237. Qanai diventava cananaios, con riferimento geografico a Canaan, o Cana. Galilaei doveva perdere lesplicito riferimento alle sette zelotiche e rappresentare solo la provenienza da una regione della Palestina settentrionale. Tra laltro, se Ges era galileo (nel senso di cittadino della Galilea) non poteva essere del Golan, anche se il suo probabile genitore, Yehuda ben Ezechiah, era comunemente chiamato galileo pur essendo golanita. Una sola operazione di dissimulazione produceva ben due effetti desiderati. Limprinting che la civilt cristiana ha ricevuto da due decine di secoli, relativamente alla figura di Ges Cristo, stato talmente profondo e si cos radicato nellinconscio collettivo che, oggi, affermare che Betlemme e Nazaret, come citt di nascita e di residenza di Ges, sarebbero solo attribuzioni leggendarie, effettuate durante la redazione dei racconti, cos come affermare che i nomi dei personaggi del copione evangelico sarebbero spesso mere controfigure di individualit storiche, talvolta moltiplicate o condensate, produce un senso di scandalo intollerabile, persino in coloro che si dichiarano non credenti. In questo studio ho voluto mostrare le numerose indicazioni convergenti verso lidea che i redattori degli scritti della scuola paolina abbiano voluto (o meglio dovuto) mascherare tutte le coordinate storiche reali del personaggio che si trovava al centro della catechesi cristiana. Oggetto privilegiato di questo studio la citt dellaspirante Mashiah che fu crocifisso da Pilato durante le festivit di Pasqua, fra il 30 e il 36 EC. Lipotesi proposta che si tratti di Gamala. Questo comporta molte conseguenze, per esempio leventuale appartenenza di Ges alla famiglia di Giuda il Galileo, di cui avrebbe potuto essere un figlio. Un autore anglosassone, Daniel T. Unterbrink, ha pubblicato un lavoro (Judas the Galilean: the flesh and Una sola volta possiamo leggere nel testo di Marco, oggi, il nome della presunta citt di Ges, allinizio del Vangelo stesso: In quei giorni Ges venne da Nazaret di Galilea e fu battezzato nel Giordano da Giovanni (Mc 1, 9), per il resto Marco tratta la citt di Ges in modo sospettosamente anonimo: Partito quindi di l, and nella sua patria e i discepoli lo seguirono (Mc 6, 1). 237 "[I Nazareni] accettano unicamente il Vangelo secondo gli Ebrei e chiamano apostata l'apostolo
236

blood Jesus, iUniverse)238, in cui sostiene che il Ges evangelico altri non sia che la ricostruzione leggendaria della figura storica di Giuda il Galileo. Personalmente preferisco ipotizzare che Ges sia la ricostruzione di un figlio di Giuda il Galileo che, forse, non si chiamava nemmeno Ges ma, eventualmente, Giovanni, primogenito di una serie di fratelli gamalioti che, negli anni centrali del I sec.
EC,

furono irriducibilmente impegnati nella stessa causa messianica.

Gamala, dal canto suo, con le sue caratteristiche morfologiche, geografiche, e storiche, risponde in modo eccezionale a tante questioni irrisolte che vengono sollevate dallidea comune che la citt di Ges si trovasse dove oggi si trova Natzrat. Labbiamo mostrato nel corso di questo studio e, in questo paragrafo, possiamo riassumere alcuni degli aspetti pi evidenti. I vangeli insistono sullimmagine del monte (sul quale si trovano facilmente delle folle) e della citt sul monte, si tratterebbe di un modo per dissimulare Gamala. Spesso si racconta che quando Ges scendeva verso il lago le folle lo seguivano per ascoltare i suoi sermoni. Ora, la discesa da Gamala al lago Gennsaret richiede una camminata abbastanza semplice (8 km), mentre quella da Nazaret al lago richiede un autentico viaggio (32 km con 600 m di dislivello). Si pensi ai tempi di allora, ai mezzi, allo stato delle strade e dei sentieri, al clima. Oggi facile andare in macchina da Nazaret al lago. Ma allora non era molto semplice per la gente uscire, percorrere 32 km in discesa, a piedi o a dorso di mulo, ascoltare Ges, e poi ripercorrerne altri 32, in salita, per tornare a casa. La presunta Nazaret di Ges sarebbe stata situata nellavvallamento fra le morbide colline della Galilea, non era possibile definirla citt sul monte n, tantomeno, pensare che costituisca un valido riferimento alla frase non pu restare nascosta una citt collocata sopra un monte (Mt 5, 14). E a questo si aggiunga quanto abbiamo gi notato: il Vangelo gnostico di Tomaso, legato probabilmente agli antichi loghia di Ges, cio a fonti che potrebbero essere precedenti alla redazione dei sinottici, subito dopo avere nominato la citt, o meglio il suo circondario239, afferma: Una citt costruita su unalta collina e fortificata non pu essere presa, n nascosta240. Gli autori sinottici, allontanando i brani e tagliandoli opportunamente, hanno disinfettato queste parole, mentre nel Vangelo gnostico si capisce chiaramente che la citt di Ges era edificata su unalta collina, fortificata, aveva una posizione militarmente strategica (non pu essere presa), e non poteva evitare di farsi notare perch svettava sulla sommit del monte. Non una di queste caratteristiche si adatta a Nazaret. Ma tutte insieme forniscono la fotografia di Gamala. La presunta Nazaret di Ges non sembra aver avuto alcuna sinagoga n, tantomeno, alcun precipizio nelle immediate vicinanze, come vorrebbe il famoso racconto di Luca241. Per non parlare delle mura di fortificazione, che non esistono proprio. Anche il contenuto del brano di Luca si ambienta meglio a Gamala, non in senso geografico

(Paolo)...". (Teodoreto, Haer. Fabul. Comp. II, 1). 238 Daniel T. Unterbrink, Ges e Ges, AlterEgo, Vittoria (Rg), 2008. 239 Vangelo copto di Tomaso, 31. 240 Idem, 32. 241 Lc 4, 16-30.

ma ideologico, ovverosia nella citt che era patria dei pi fanatici esponenti messianisti. E limportanza delle citt del nord e nord est del lago (Cafarnao, Corazim, Betsaida, per non parlare di Cesarea di Filippo), mostra un baricentro di frequentazione che non quello della Galilea centrale, ma piuttosto del confine galileo/golanita. Il movimento dei seguaci di Ges definito i Galilei, esattamente come il movimento di Giuda. Le accuse mosse a Ges durante la presentazione a Pilato configurano la mappa ideologica del movimento zelota di Giuda. Se fossero state accuse fasulle, centinaia di persone avrebbero potuto testimoniare che Ges era solo un predicatore lealista e non violento. I fratelli di Ges presentano singolari omonimie coi figli di Giuda e ne condividono i destini. Lambizione messianica, causa ufficiale della condanna di Ges, unisce il fine delle azioni di Ges e quelle di Giuda. Levidente atteggiamento censorio degli evangelisti risponde in modo automatico ad una lunga serie di domande. Torniamo allora al famoso brano di Luca e raccontiamolo nel modo in cui dovrebbe esserlo: Iesous/Ioses/Ioannes torna a Gamala, la citt dove cresciuto, e, come dabitudine nel giorno di Sabato, entra nella sinagoga. Giunto il suo turno si alza a leggere. infatti un rabb, un personaggio autorevole, della famiglia di Ezechia e di Giuda, ricchi e potenti aristocratici della citt. Prende il rotolo profetico di Isaia e lo legge ad alta voce: Lo Spirito del Signore sopra di me; per questo mi ha consacrato con l'unzione, e mi ha mandato per annunziare ai poveri un lieto messaggio, per proclamare ai prigionieri la liberazione e ai ciechi la vista; per rimettere in libert gli oppressi, e predicare un anno di grazia del Signore. Quindi proclama ad alta voce di essere loggetto di questa profezia, scelto dal Signore, in possesso di una dignit regale, destinato a realizzare la liberazione di Israele. Ma i cittadini di Gamala hanno gi conosciuto Ezechia e Giuda, e sanno bene a quali spaventosi pericoli sono esposti per colpa del fanatismo estremista di questa famiglia che in passato aveva osato fronteggiare lo stesso Erode il Grande. I romani, come in effetti succeder verso la fine degli anni 60, potrebbero decidere che la citt un intollerabile covo di ribelli e prendere drastiche misure. Molti si adirano e inveiscono contro lo sfrontato rabb, qualcuno grida che andrebbe gettato di sotto dal burrone, per farla finita una volta per tutte. Il precipizio molto vicino, cinquanta o cento metri indietro, paurosamente ripido, con le sue gradinate rocciose. Ma i fratelli e i seguaci di Iesous/Ioses/Ioannes gli fanno una protezione intorno, contro i tumulti della folla nervosa e il rabb riesce a sottrarsi e allontanarsi. Sono stato personalmente in quella sinagoga, con le sue strane colonne a sezione di cuore. Per due volte, in due giornate di Luglio. Ho camminato lentamente entro il suo perimetro rettangolare. Ho raccolto fiori secchi che ora conservo gelosamente come tesori incommensurabili. Mi sono seduto sulle sue gradinate. Ho meditato in silenzio e mi sono sentito circondato da uomini barbuti, vestiti di panni grezzi. Ho visto Ges, con cipiglio fiero, alzarsi e leggere dal rotolo di Isaia. Un uomo di quasi cinquantanni242, forte, abbronzato, dalle mani rugose, volitivo, coi capelli gi leggermente brizzolati. Ho sentito la sua voce parlare nellidioma siriano e ho percepito il brontolio crescente dei presenti. Finch qualcuno si alzava
242

Gli dissero allora i Giudei: Non hai ancora cinquant'anni e hai visto Abramo? Gv 8, 57.

urlando e la concitazione montava veloce. Mi sono spaventato nel vedere la folla in movimento e mi sono sentito spintonato. Ho visto i fratelli di Ges afferrarlo per un braccio e portarlo via, mentre alcuni trattenevano gli infuriati. Poi mi sono trovato solo. Mi sono diretto verso nord est per raggiungere il bordo della scarpata. Mi sono soffermato ad ammirare gli avvoltoi, testimoni impassibili dei rumorosi drammi delluomo, oggi come allora. Ho respirato a polmoni spalancati il vento pieno degli aromi della prateria. Mi sono liberato di alcune zecche che, nel frattempo, si erano velocemente arrampicate sulle mie gambe. E mi sono domandato che cosa successo, veramente, a Gamala. Il mio lavoro solo una riproposizione di questo interrogativo. Non la dichiarazione di una certezza. Un invito, agli accademici e agli studiosi religiosi e laici, cristiani ed ebrei, perch vengano a Gamala, siedano nella sinagoga, e si pongano le domande che io mi sono posto. Gamala nascosta nel racconto evangelico. Gamala bellissima. Gli ebrei che abitano a Maale Gamala, a breve distanza dalla Gamala archeologica, e quelli che vivono a Kasrim, poco pi a nord, nel cui museo sono conservati molti dei reperti di Gamala, non hanno la pi pallida idea di essere seduti sopra uno scrigno storico e archeologico contenente un tesoro di ricchezza incommensurabile. Il baule devessere aperto, e il tesoro mostrato al mondo. I cristiani non devono avere paura. La verit, qualunque essa sia, rende tutti pi vicini a Dio.

Bibliografie
BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE:

C.Augias, R.Cacitti, Inchiesta sul Cristianesimo, Mondadori, Milano, 2008. C.Augias, M.Pesce, Inchiesta su Ges, Mondadori, Milano, 2006. E.Benamozegh, Gli Esseni e la Cabbala, Armenia, Milano, 1979. S.G.F.Brandon, Il Processo a Ges, Ed. di Comunit, Milano, 1974. S.G.F.Brandon, Ges e gli Zeloti, Rizzoli, Milano, 1983. F.F.Bruce, Ges visto dai contemporanei, Claudiana, Torino, 1989. R.Bultmann, Il Cristianesimo primitivo, Garzanti, Milano, 1964. M.Burrows, Prima di Cristo, Feltrinelli, Milano, 1958. R.Calimani, Ges Ebreo, Rusconi, Milano, 1990. R.Calimani, Paolo lebreo che fond il Cristianesimo, Mondadori, 1999, Milano. M.Caredio, Il Messia e il Potere, Edizioni Kineret (Coop. Il Ponte), S.Pellegrino Terme, 1995. J.Carmichael, La Morte di Ges, Ubaldini, Roma, 1971. F.Castel, Storia d'Israele e di Giuda, Ed. Paoline, Cinisello Balsamo, 1987 M.Craveri, La vita di Ges, Feltrinelli, Milano, 1974. M.Craveri, Ges di Nazareth dal mito alla storia, L.Giordano, Cosenza, 1982. M.Craveri, Un Uomo chiamato Ges, Demetra, 1996. M.Craveri, L'Eresia, Mondadori, Milano, 1995. J.Danielou, I Manoscritti del Mar Morto e le Origini del Cristianesimo, Ed. Archeosofica, Roma, 1990. K.Deschner, Il gallo cant ancora, storia critica della chiesa, R.Massari Ed., Bolsena (VT), 1998. R.Di Segni, Il Vangelo del Ghetto, Newton Compton, Roma, 1985. A.Donini, Breve Storia delle Religioni, Newton, Roma, 1991. D.Donnini, Nuove Ipotesi su Ges, Macro Edizioni, Cesena (Fo), 1998. D.Donnini, Cristo, una Vicenda Storica da riscoprire, R.Massari Editore, Bolsena (VT), 1994. D.Donnini, Ges e i Manoscritti del Mar Morto, Coniglio Editore, Roma, 2007. D.Donnini, Il matrimonio di Ges, Coniglio Editore, Roma, 2008. B.D.Ehrman, Ges non lha mai detto, Mondadori, 2005, Milano R.H.Eisenman, M.Wise, Manoscritti Segreti di Qumran, Piemme, Casale Monferrato (AL), 1994. R.H.Eisenman, Giacomo il fratello di Ges, Piemme, Casale Monferrato (AL), 2007. R.H.Eisenman, Codice Ges, Piemme, Casale Monferrato (AL), 2008. R.H.Eisenman, Il codice del Nuovo Testamento, Piemme, Casale Monferrato (AL), 2009. J.G.Frazer, Il ramo d'oro, Newton Compton, 1992. Fricke, Il caso Ges, Rusconi, Milano, 1989. P.Gentile, Storia del Cristianesimo, Bibl. Universale Rizzoli, Milano, 1975. C.Guignebert, Ges, Einaudi, Torino, 1950. C.Guignebert, Il Cristianesimo antico, Ubaldini, Roma, 1973. A.Loisy, Le origini del Cristianesimo, Einaudi, Torino, 1942.

E.Pagels, I Vangeli gnostici, Mondadori, Milano, 1987. H.C.Puech, Storia del Cristianesimo, Laterza, Bari. G.Rosati, Ges il ribelle palestinese, Laris, Colle di Val dElsa (Si), 2009. T.Shemaryahu, Gli aderenti al nuovo patto di Qumran, "Le Scienze", n42, Febbr. 1979. A.Soggin, I Manoscritti del Mar Morto, Club del libro F.lli Melita, La Spezia, 1987. J.Stevenson, La civilt delle catacombe, Club del libro F.lli Melita, La Spezia, 1981. A.N.Wilson, Paolo l'uomo che invent il cristianesimo, Rizzoli, 1997.

TESTI CLASSICI DI RIFERIMENTO:

J.Lagrange, Sinossi dei quattro Evangeli, Mondadori, Milano, 1985. A.Merk, Novum Testamentum Graece et Latine, Ist. Bibl. Pontificio, Roma, 1933. M.Craveri (a cura di), I Vangeli Apocrifi, Einaudi, Torino, 1969. L.Moraldi (a cura di), Apocrifi del Nuovo Testamento, UTET, Torino, 1975. L.Moraldi (a cura di), I Manoscritti del Mar Morto, UTET, Torino. L.Moraldi (a cura di), Vangeli Gnostici (Tomaso, Maria, Verit, Filippo), Adelphi. Flavio Giuseppe, La Guerra Giudaica, a cura di G.Vitucci, Mondadori, Milano, 1982. Flavio Giuseppe, Antichit Giudaiche, http://freeweb.supereva.com/vangelo/index.html?p Eusebio di Cesarea, Storia Ecclesiastica, Rusconi, Milano, 1979.

PAGINE WEB

http://www.pohick.org/sts/gamla.html http://www.jewishmag.com/40mag/gamla/gamla.htm http://home.sandiego.edu/~pgeyer/gamla.html/ http://www.antiquities.org.il/personal_cv_eng.asp?id=20 http://antiquities.org.il/search_eng.asp?q=gamla http://benwitherington.blogspot.com/2008/11/gamla-synagogue.html