You are on page 1of 54

AT8NEO DI SCIENZE LETTERE ED ARTI - BERGAMO RENDICONTl DELLA CLASSE D1 SCIENZE flSICHE

MARCO TODESCHINI

SCIENZA UNIVERSALE

EST RATTO DA

• ATTI DElL'ATENEO D! SC!ENZE, LETTERE ED ARTI.

VOLUME XXXIV" ANNI 1968·1969

TlPOGRAFIA EDITRICE GERARDO SECO"1ANDI - BERGAMO

1 \I 6"

MARCO TODESCHINI

Scienziato Italiano, nato a Valsecca di Bergamo il 25 aprile 1899. Dott. Ing, Prof. specializzato e diploma to in vari rami della [isica ed in [isioneurologia. Colonnello pluridecorato del Servizio Studi ed Esperienze del Genio nella riserva. Gill Proiessore Ordinaria di meccanica razionale ed elettronica al biennia di lngegneria Superiore STGM in Roma. Gia docente di termodinamica all'I stituto Tecnico Industriale Paleocapa di Stato in Bergamo.

Negli attrezzatissimi laboratori del Servizio Studi predetto, realizza va_ rie invenzioni e compi una classica serie di ricerche teoriche e sperimentali giungendo a scoprir« Ie modalita can le quali si svolgono e sono collegati tra di lora i [enomeni tisici, biologici e psichici, di cui determine le precise relazioni matematiche reclproce e di assieme, coordinandoli tutti in una scienza universale, denominata appunto .percio: «Psicobiojisica »,

Questa ha avuto un'eco mondiale, perche supera la teoria di Einstein e fa cibernetica di Wiener, essendo l'unica scienza cosmica unitaria che comprende in se Ie tre discipline [ondamentali dell'Universo : una [isica che dimostra come tutti i [enomeni naturali si identijicano in particolari movimenii di spazo [luido, retti da una sola equazione matematica ; una biologicache dimostra come tali movimenti allorche si inirangono contra i nostri organi di sensa producono in questi delle correnti elettriche, le quali trasmesse dalle linee nervase al cervello, suscitano nella psiche le sensazioni di Iuce, elettricita, calore, suono, ecc. e svela la meravigliosa tecnologia elettronica di tutti goli organi del sistema nervoso; ed una psichica che do le dimostrazioni scientiiiche dell'esistenza dell'anima umana, del mondo spirituale e di Dio.

Percio S. S. il Papa Giovanni XXIlJ nell'agosto del 1950 in una serie di colloqui avuti a Sotto il Monte col Todeschini si propose di [argli tenere un ciclo di conierenze per diiiondere la sua teo ria in Parigi ed in altre citta della Francia, dove Mons. Roncalli era allora Nunzio Apostolieo. Ma la nomina di questi a Cardinale di Venezia ritardo il proget to, che venne poi attuato per ini-

ziativu del Presidente del Consiglio dei Minist ri [rancese Bidault e del Ministro della PI Petit, i quali vollero part ecipare anche al pranzo data in onore al Todeschini dalle piu alte autorita culturali. Ques[i venne allora ,1Ominato membra dell'Accademia di S. Etienne, gli venne conierua la cittadinanza onoraria di Talaudiere e gli venne offerta la. lampada da minatare, simboliszante la luce che egli 1'111 portato sui misteri del Cosmo, cercando nel sottosuolo Ie radici dei [enomeni.

In vari Congressi e SIMo riconosciuto che la Psicobiofisica spiega bene anche i [enomeni metapsichici ( telepatia, rabdomanzia. capac ita t erapeudiche dei guaritori, telecinesi, spiritismo, ecc.).

Notevole il [atto che questa scienza universale e conjermata in pieno perche dall'unica equazione della spaziodinamica su cui si basa, si ricavano tutte Ie leggi che riguardano le varie scienze sperimentali e perc he dai suoi principi sono stale tratte molte applicazioni pratiche sia nel campo Fisico cT1e in quello medico, che la coniermano in ogni sua parte e nel suo chiaro disegno di sintesi cosmica.

Essa interessa in sommo grado: fisici, chimici, ingegneri, indust riali, medici, fllosofi, teologi, scienziati e docenti di tutti i rami del sapere. Percio in Europa ed in America sono sorte catt edre di Psicobiofisica, ed i SUO! principi sana st ati introdot ti in alcuni testi in dotazione ad Universita ed lstituti ed esposti da scienziati in migliaia di articoli su giornali, riviste, libri ed in conjerente radio e televisive.

Todeschini ha part ecipato con import anti relazioni a vari Congressi Internazionali di Fisica e Medicine. E' Ui]. e Comm. dell'Ord. "AI Merito della Repubblica Italiana »; Cav., Uii, e Gr. UtI. della Cr. D'l talia. E' membra d'Onore di 25 Accademie e Soc. Scientifichn italiane ed estere, ed e stato proposto per if premio Nobel.

Pertanto ta sua vita e le sue opere SOIlO stale citate in varie enciclopedie, tra le quali: « Who's Who in Europe". Disionario delle personalita europee, Mayer. Ed. Feniks }966, Bruxelles, pag. 2642 - «Grande Dizionario Enciclopedico» - Fedele, Ed. UTET 1961, Torino, vol. Xll, pag. 180 _ «Dizionario Generale di Cullura» - Brunacci, Ed. SEI, 1958, Torino, pag. 999 - «Storia di Bergamo e del Bergamoschi », Belotti, Ed. Bolis 1959, Bergamo, vol. VI, pag: 494 -« Miscellanea Francescana», Ed. Pontificia Facolta di Teologia F. M., 1951, Roma, vol. LI, pag. 592.

Le pubblrcaztcnl di Todeschini sono specificate nella blbliografla segnata in ca1ce a questa opuscolo,

ATENEO 01 SCIENZE I.ETTERE ED ARTI - BERGAMO

RENDICONTl DELLA CLA55E DI SCrENZE fISICHE

MARCO TODESCHINI

SCIENZA UNIVERSALE

ESTRATIO DA

• ATTI DEll'ATENEO Of SCIENZE, lETIERE ED ARTI· VOLUME XXXIV - ANNI 1968-1969

TlPOGRAf'JA EDITR1CE GERARDO 5ECOMANDI - BE.RGAMO

I 9 e 9

PROPRIETA. RISERVATA ALL'AUTVRE CON TUTTI I DIRITTI E PER TUTTI I PAESf COPYRIGHT 1Il56

SCIENZA UNIVERSALE

Cap. I

REALTA MATERIALI

A) Le vie che conducono alia grande sintesi

L'intuito ci suggerisce che un disegno unitario domina l'Universo ed i suoi fenomeni e che il Cosmo e retto da una sola scienza madre di tutte Ie altre.

Infatti Ie numerose cosmologie ideate da filosofi e scienziati attraver so i millenni, ci confermano che 1'uo010 ha sempre creduto fermamente in questa tesi unitaria e nella pr-ssibilits di scoprire un giorno la grande sintesi,

Sorge quindi spontanea la domanda: Come mai invece di raggiungere tale ambito traguardo di uniticazior,e del sapere, siamo arrivati invece a spezzarlo in un nurnero sempre crescente di scienze e specializzazioni diverse senza relazioni ne continuita tra di loro?

Per rispondere a tale domanda ho scoperto che l'uomo ha ideato tante scienze differenti quanti sono i suoi crgani di senso. Cosl e sorta l'ottica perche abbiamo l'organo della vista ed abbiamo creduto che la luce ed i colori siano realta oggettive. E' scrta l'acustica perche abbiamo l'udito ed abbiamo ritenuto che il suono cd i rumori ci provengano dal mondo fisico circostante. E' sorta la termodinarnica perche abbiamo dei eorpuscoli di Krauser che suscitano nella nostra psiche la sensazione di calore, E' sorta l'elettrotecnica percheabbiarno corpuscoli di Dogiel che suscitano nel nostro spirito la sensazione di una successione di urti rapidissima, sensazione che abbiamo chiamata « elettricita ». E' sorta una dinamica perche abbiamo organi di tatro che sollecitati da urti materiali, suscitano nella nostra anima la sensazione di forza, ece.

Se invece si fosse potuto dimostrare scientificamente, come ho fatto io, ehe tutte Ie sensazioni sorgono esclusivamente nel nostro spirito quando la materia solida, liquida, gassosa 0 sciolta allo stato primordiale di spazio fluido dinamico, viene ad .urtare contro i nostri organi di senso, si sarebbe eompreso subito che 1\ iico fenomeno del

mondo fisico oggettivo e il movimento dello spazio fluido e si sarebbe fatta una sola scienza unitaria: «La spaziodinamica ».

II non aver tenuto conto nella fisica teoretica che Ie sensazioni sono irreperibili nel mondo fisico oggettivo, ha smembrato quindi la. scienza in tante branche diverse quanti sono i nostri organi di senso, suddividendo poi ciascuna di esse in centinaia di specialita slegate l'una dall'altra ed impossibile a collegarsi tra di loro per l'ermetismo dei concetti, dei simboli maternatici, dei vocaboli e della semantica, istituiti per ciascuna. Poiche in tal modo i singoli cultori di esse par- 1ano idiomi incompensibili l'uno all'altro e non ritengono di poter unificare il loro linguaggio senza infrangere il rigore scientifico, la portata ed il significate dei loro concetti, si trovano ora, come taluno di essi ha riconosciuto e come dimosrrano i fatti, nell'incapacita di intendersi a fondo per armonizzare ed integrate le loro specifiche dot.trine e per elaborare assieme quella scienza cosmica unitaria che e nell'aspirazione umana da secoli, si trovano doe nelle condizioni dei costruttori della torre di Babele, che per la diversita e la confusione· prodotta nelle loro favelle dovettero abbandonare l'opera iniziata.

Se si tiene conto che secondo Mose questo evento storico ha dato origine alle diverse centinaia di idiomi dell'umanita, si comprende subite come per scienziati di nazioni diverse, al numero delle lingue delle varie specialita si aggiunga quello delle lingue che si parlano nel mondo, si che diventa quasi impossibile che si intendano tra di loro a fondo ed esaurientemente per la risoluzione delle migliaia di delicati ed .ardui problerni che richiede la coordinazione di tutti i Ienomeni na.turali in un'unica scienza cosmica unitaria.

Cosi fu infranto il divino disegno unitario del Creato in minutissimi pezzi, si che ora sembra follia volerlo ricornporre e renderlo comprensibile a tutti neUe sue varie parti e nel suo insieme meraviglioso.

La prima norma che scaturisce da tale conclusione e questa: Per unificare la scienza, bisogna anzitutto unificarne illinguaggio. Ho impiegato 40 anni deUa rnia vita per raggiungere questa duplice unificazione.

La seconda norma che ho seguito nella mia indagine e quell a propugnata da lord Kelvin e cioe di non ritenere spiegato nessun fenome.no se non e possibile visualizzarne chiararnente il modelIo meccanico.

La terza norma che mi ha guidato e il principio anti-magie chesi puo cosi esprimere: « Nessuna magia e posslbile nel mondo fisico, corpo umano compreso, poiche per. conseguire determinate azioni, tra-

6

.smetterle a distanza e riceverle, occorrono sempre cornplessi materiali tecnicamente adatti alIo scopo, disposti e collegati in particolare ordine tra di loro ed aventi funzionamento specifico e di assieme coordinati .alle finalita da conseguire ».

La quartaregoia che mi ha orientate per raggiungere la grande sintesi e stata queHa di risalire sempre le vie che dane varie specialita .portano aIle lora singole scienze di origine e da queste eonducono alIa scienza cosmica unitaria, e rnai discendere da questa a quelle, E' que~ stione di senso di marcia, Sinora e prevalso, per Ie ragioni sopra espo~ ste, la mania di suddividere la scienza in tante branche e sottobranche; e prevalsa I'analisi sulla sintesi: S1 trattava per me di capovolgere il procedimento e di avvalerrni delle montagne di analisi sinora acquisite per raggiungere sintesi sempre piu vaste, sino alIa sintesi totale; si trattava di risalire dai vari rami della scienza al tronco principale.

E' evidente che solo risalendo i viottoli campestri si possono rag~ giungere le vie secondarie; solo risalendo queste si possono raggiungere quelle primarie che si accentrano a raggiera sopra Ia pio alta rima del mondo dalla quale si puo dominare it piu vasto orizzonte di un panorama mai contemplate. Procedendo in sensa inverso invece si scende sempte piu in basso, si Iirnita sempre piu I 'orizzonte , sino a perdersi nei viottoli campestri che lasciano solo vedere i particolari delluogo.

AlIa domanda se I'Universo e un insierne di corpi e di fenomeni piu 0 meno indipendenti tra di loro, oppure costituisce una sola unita, 1a mia teoria qui riassunta, da Ie dimostrazioni in linguaggio unitario e quindi comprensibile a tutti, che l'Universo fisico e una sola units ed i processi rnateriali che vi accadono si inIluenzano vicendevolmente anche se si svolgono in regioni pill 0 meno distanti tra di Ioro.

Tale teoria da me chiamara « Psicobiofisica » per Ie ragioni che vedremo pill avanti, e illogico sbocco finale delle miIlenarie e tormentate indagini del pensiero umano sui misteri del Creato.

Essa ha radici profonde nel terreno storieo del pensiero scientifico e filosofico e si nutre dei succhi pill vitali di esso. Pur derivando 'nella forma e nella sostanza, come tutte le cosmogonie dal conflitto di altre teorie, essa e il frutto di un accurate e meticoloso riesarne, conIronto e vaglio dei sistemi sinora apparsi, soppesati con pazienza da certosino per mezzo secolo, vagliati con stringente logica per discernere, raccogliere e coordinate cio che di essi risultava accettabile al lume -delle moderne cognizioni scientifiche sperimentali e scartare invece cio

-che di essi risultava insosrenibile.

7

Facendo tesoro del ricavato di questa severo e coscienzioso vaglio e facendo bottino delle montagne di analisi accumulate in questi ultimi secoli, Ia Psicobiofisica realizza su di esse 1a piu vasta, completa e chiara sintesi dell'Universo possibile ai nostri giorni.

Ne e risultato cosl una costruzione che mentre ha il pregio di avere Ie fondamenta sulle roccie granitiche dei fenomeni naturali e delle Ioro Ieggi controllate si eleva inoltre su queste sicure basi sino a raggiungere vette mai toccate e Ia visione di panorami scientifici mai scorti.

Da quanta sopra emerge che la Psicobiofisica e una scienza che espone chiaramente le modalita can cui si svolgono i fenomeni; e una scienza esplicativa che si colloca percio nella trincea opposta alIa scienza astrusa, errnetica ed irrazionale moderna. Tuttavia affinche il Iettore De comprenda a fondo i suoi principi e la sua vasta portata in tutti i campi del sapere, e indispensabile che segua l'evoiuzione storica dei suoi concetti basilari, riassunti qui di seguito.

La questione pili importante della Fisica 51 puo riassumere in questa semplice domanda: - Qual'e la causa del movimento della materia? _. -

Sembra facile rispondere a tale quesito perche e evidente che un corpo puo essere mosso urtandolo can un alrro corpo solido, oppure facendolo trascinare da una corrente liquid a 0 gassosa, ad anche facendolo oscillsre, come una barca sulle onde del mare. Ma contro questa certezza sperimentale che vediamo accadere quotidianamente sotto i nostri occhi, sta il fatto che vi sono anche dei corpi che sembra si muovano senza essere urtati da altri, come ad esempio: un pezzo di ferro quando viene attratto da una calamita; una grave che cade verso Terra; i satelliti che rivoluiscono attorno ai loro pianeti; questi che rotorivoluiscono attorno al Sole; le stelle che compiono rivoluzioni intorno al centro delle loro immense galassie; queste che corrono in tutte le direzioni: gli elettroni che rivoluiscooo intorno al nueleo atomico; Ie molecole che oscillano quando trasmettono pressione, suono, ealore; gli elettroni di un'antenna rnarconiana che assumono mota alterno allorche essa e immersa in -un campo hertziano, ecc.

Ora per spiegare tutti questi movimenti, oscuri nella loro causa, o si ammette che Ie predette masse siano costrette a descrivere Ie loro orbite perche trascinate da correnti di una sostanza Huida invisibile ( etere) e che i corpucoli ci ta ti assumano moto alterno a causa di oode prodotte in tale mezzo £luido in cui sono immersi; oppure si ammette che tali corpi siano attratti e posti in oscillazione da misteriose forze

8