Back to Album · Hans's photos · Hans's Timeline Previous · N

Timeline Photos
Hans Skandergag
IL GIUDAISMO
QUADRO GENERALE
Il Giudaismo moderno rappresenta una delle più antiche religioni praticate ai
nostri giorni. E’ fondato sulle riforme introdotte dalla colonia di Yavne, in
Palestina, successivamente alla distruzione di Gerusalemme nel 70 dopo
Cristo, quelle che diedero vita al Giudaismo moderno o ‘Giudaismo
Rabbinico’, e deve le proprie radici a una straordinaria fusione di ortodossia
Farisaica e saggezza Essena.
Sebbene il Giudaismo oggi abbia una evidente e ininterrotta storia in qualità
di struttura religiosa che perdura da oltre 1900 anni, essa proclama spesso
una antichità che ne traccerebbe l’origine a un passato ancora più lontano, a
migliaia di anni prima.
Sfortunatamente, quest’ultima è in massima parte una cattiva
rappresentazione di fatti storici inoppugnabili, riconducibili al fatto che, prima
del 70 dopo Cristo, il Giudaismo fosse assai distante dal presentarsi quale
una religione unitaria, coesa ed omogenea.
Al contrario, l’antico Giudaismo, quello da datare a migliaia di anni a ritroso
nel tempo, potrebbe essere descritto al meglio come un insieme di fazioni in
competizione a livello culturale, religioso e politico che condividevano una
storia comune, e spesso antipatie reciproche, e in alcuni casi credenze
condivise.
Album: Timeline Photos
Shared with:
Tag this Photo
Edit Location
Open Photo Viewer
Download
Embed Post
I don't like this photo
Public
Tag phot Tag phot Like Like Comment Comment
Franc Franc Search for people, places and things
Chat (Off)
Hans Skandergag - Timeline Photos https://www.facebook.com/photo.php?fbid=380197558760146&set=a...
1 di 13 21/04/2014 11:40
Farisei, che in definitiva possiamo affermare abbiano fondato il Giudaismo
che oggi conosciamo. Tuttavia, il gruppo Ebraico noto come Esseni
reclamava addirittura un più antico retaggio rispetto ad ambedue le altre
correnti. Ci sarebbero poi gli enigmatici Nazareni.
Oggi, 14 milioni di persone identificano sé stesse come Ebree, e circa 3
miliardi e mezzo di persone seguono sistemi religiosi direttamente influenzati
dal Giudaismo (inclusi il Cristianesimo, l’Islam, e la Fede Bah’ai).
(CONTINUA QUI....) http://connessionecosciente.wordpress.com/sul-
giudaismo/
I FONDATORI DEL GIUDAISMO
1. Il Giudaismo rappresenta la religione del popolo Ebraico.
2. Viene indicato come una delle prime fedi religiose che abbiano fatto
riferimento all’adorazione di un “Unico” Dio, mentre i suoi principi religiosi e i
suoi valori si ritiene siano gli stessi della tradizione che fa capo ad Abramo,
Isacco, Giacobbe, Mosè, Davide ed ai grandi profeti e re della storia Ebraica.
3. Il Giudaismo viene inoltre considerato come l’elemento di riferimento
essenziale di altre due grandi fedi monoteistiche, ovvero il Cristianesimo e
l’Islam, religioni, queste ultime, che riconoscono l’autenticità delle antiche
scritture Ebraiche.
4. Quando i testi religiosi e storici Ebraici vengono citati, ciò si verifica quasi
sempre nel quadro di un contesto che prevede una successione
caratterizzata prevalentemente dalla continuità, e priva di differenziazioni di
rilievo, tra “proto-Giudaismo” e “moderno Giudaismo”.
5. Anche ai nostri giorni, quando qualcuno afferma di essere Ebreo (J ewish),
solitamente non attribuisce a tale denominazione il fatto di rappresentare un
seguace del Giudaismo Rabbinico.
6. Eppure, virtualmente ogni persona che sostenga di praticare la fede
Ebraica ai nostri giorni è in effetti un seguace del Giudaismo Rabbinico, un
culto che è decisamente assai differente da quello che praticavano buona
parte degli Ebrei 2.000 anni fa.
7. Al contrario di quanto affermato nei resoconti storici di matrice Rabbinica
e Cristiana dei nostri giorni, l’antico Giudaismo era ben lontano dall’essere
monoteistico, rappresentando invece un universo in massima parte
panteistico, caratterizzato da una serie di varianti/sette operative a livello
regionale che cominciarono ad unificarsi, effettivamente, in quella che
potremmo definire un’unica struttura religiosa, soltanto tra il III e il II secolo
avanti Cristo.
8. Ai nostri giorni, naturalmente, quelle enormi differenziazioni sono state
attentamente occultate e rimosse dalla vista, per cui, gli stessi Ebrei, così
come i Cristiani, non riescono a comprendere appieno quello specifico
contesto storico.
9. Alla stessa maniera, i Rabbini Ebraici reclamano un antichissimo retaggio
di preminenza nell’ambito della società Ebraica che risalirebbe a un tempo
antecedente alla distruzione del Tempio di Gerusalemme, addirittura
sostenendo che la loro posizione ufficiale fosse stata quella di “Nasci”
nell’ambito del consiglio Ebraico, il Sinedrio di quel tempo, relegando
addirittura quelli che noi conosciamo come Alti Sacerdoti a un ruolo di
semplici comprimari, ovvero qualificandoli quali funzionari e soggetti a cui
era stata concessa una carica onorifica.
10. Eppure, lo ripetiamo nuovamente, tutto questo pare dimostrarsi una
Chat (Off)
Franc Franc
Hans Skandergag - Timeline Photos https://www.facebook.com/photo.php?fbid=380197558760146&set=a...
2 di 13 21/04/2014 11:40
Farisei, ovvero gli antenati degli odierni Rabbini.
11. Esiste poi l’affascinante storia legata a località quali la città di Ebla, una
città che ospitava oltre 250.000 abitanti, una città che ha dominato la storia
umana dei suoi tempi, oltre 5.000 anni fa, quale fondamentale centro
spirituale e centro radiante delle forme più elevate del pensiero, e che
adorava i sui patriarchi, ovvero Abramo, Daniele e Isrele, e il suo Dio, El.
12. Esiste inoltre l’ulteriore storia relativa non a uno, ma a due Templi Ebraici
assolutamente operativi in Egitto, il primo nella fase compresa tra l’XI secolo
avanti Cristo e il V secolo avanti Cristo sull’Isola Elefantina, e l’altro tra il II
secolo avanti Cristo e il I secolo avanti Cristo a Leontopolis.
13. Questi ultimi rappresentano siti di enorme rilevanza e rappresentano
inoltre un elemento essenziale della storia Ebraica, eppure risultano
curiosamente assenti dalle scritture Ebraiche, tanto moderne quanto antiche,
degli ultimi 2.000 anni.
(CONTINUA QUI....) http://connessionecosciente.wordpress.com/sul-
giudaismo/687-2/
CAPITOLO 1 - I FARISEI
1. I Farisei rappresentano uno dei più importanti movimenti religiosi
revisionisti della storia umana ed i padri spirituali del movimento rabbinico –
l’elemento fondante di numerose pratiche religiose Ebraiche dei nostri giorni.
2. Come buona parte delle persone di fede Ebraica del nostro tempo, 2000
anni fa, la maggior parte dei Farisei era composta da persone dalle oneste e
pie attitudini impegnate a condurre un’esistenza caratterizzata dall’assoluto
rigetto di pratiche associabili ad atti ispirati dal male o alle oscure arti della
stregoneria.
3. I Farisei erano noti per il gran numero di regole e di precetti a cui si
attenevano nella loro pratica della fede in Dio, e migliaia di anni fa erano
secondi in termini di complessità, in questo specifico ambito, soltanto alle
rigorose regole di devozione tipiche dello Zoroastrianismo praticato in Persia
(Babilonia).
4. In effetti, i Farisei sostengono che il proprio retaggio risalga indietro nel
tempo fino a quello che viene indicato come l’inizio della “Era del Secondo
Tempio” (che prese il via intorno al 515 avanti Cristo). Un tempio che fu
finanziato e costruito dal grande Re Dario I, seguace dello Zoroastrismo.
5. Tuttavia, le effettive pratiche e i rigorosi precetti associati al Giudaismo
Rabbinico che oggi conosciamo furono introdotte soltanto nella fase storica
in cui vissero Nehemiah (Neemia) ed Ezra, quando questi ultimi misero a
punto il cosiddetto Talmud Babilonese tra il 450 e il 430 avanti Cristo.
(CONTINUA QUI....) http://connessionecosciente.wordpress.com/sul-
giudaismo/capitolo-1-i-farisei/
CAPITOLO 2 - L’ORIGINE DEI FARISEI
1. Uno dei compiti più difficili quando si va a rileggere l’antica storia dei
numerosi gruppi religiosi Ebraici, quali i Sadducei, gli Esseni e i Farisei, è
riuscire ad ottenere un quadro chiaro delle evidenti differenze tra tali diversi
gruppi.
2. In numerosi casi, la storia che viene presentata, tanto dai Cristiani quanto
dal Giudaismo Rabbinico, è che tale differenza fosse paragonabile a quella
che esiste oggi tra i partiti politici all’interno di una moderna democrazia – in
Chat (Off)
Franc Franc
Hans Skandergag - Timeline Photos https://www.facebook.com/photo.php?fbid=380197558760146&set=a...
3 di 13 21/04/2014 11:40
3. Eppure simili analogie, che tentano di minimizzare le principali differenze
tra Farisei, Sadducei ed Esseni, non risultano affatto accurate.
Principalmente perché tutti e tre i gruppi facevano ricorso a interpretazioni
sorprendentemente differenti riguardanti tanto l’origine del Giudaismo quanto
l’interpretazione delle scritture Ebraiche.
4. Ad esempio, i Sadducei rinnegavano la possibilità di redenzione per le
anime, mentre gli Esseni consideravano l’intero Talmud Babilonese una
mitologia inventata dai Persiani ed indirizzata a limitare le pratiche sataniche
riconducibili al sacrificio dei bambini nell’ambito del culto di Baal/Dagon,
praticato in origine dagli antenati dei Sadducei – ovvero dai primi Israeliti.
5. Tali differenze possono difficilmente essere considerate di minore
rilevanza. Se proprio si volesse sostenere un’affermazione quale quella di
cui sopra, le credenze dei Farisei, poste a confronto con quelle dei Sadducei
e degli Esseni sarebbero paragonabili, potremmo dire, a quelle che
differenziano il Giudaismo, il Cristianesimo e l’Islam oggi – tutte condividono
un’origine comune, ma ognuna di esse resta una religione differente.
6. Per i discendenti spirituali diretti dei Farisei, e per la filosofia del
Giudaismo Rabbinico, che rappresentano le fondamenta del Giudaismo dei
nostri giorni, è estremamente importante minimizzare tali evidenti differenze.
7. Prima di tutto, la minimizzazione di tali differenze è essenziale per
validare le pretese dei Farisei che avrebbero l’ambizione di rappresentare la
“più antica” delle tre differenti correnti maggiori del Giudaismo risalenti a
2000 anni fa.
(CONTINUA QUI....) http://connessionecosciente.wordpress.com/sul-
giudaismo/capitolo-2-lorigine-dei-farisei/
CAPITOLO 3 - IL TALMUD BABILONESE
1. Quando si parla dell’origine spirituale dei Farisei, al loro retaggio
solitamente si fa riferimento citando il Talmud Babilonese, ed inoltre i
primissimi resoconti relativi ad Abramo e ad Aronne nel corso del grande
esodo dall’Egitto, e delle loro differenti interpretazioni riguardanti la volontà
di Dio.
2. Oltre a tali elementi, si fa riferimento a specifiche affermazioni riguardanti
l’origine dei Farisei, principalmente facendo riferimento all’ambizione
“separatista” manifestatasi all’indomani della distruzione del Primo Tempio
intorno al 586 avanti Cristo ad opera dei Babilonesi.
3. L’enfasi a cui si ricorre descrivendo l’Impero Persiano è quella associata
ad una struttura di potere caratterizzata da crudeltà, idolatria e progressiva
riduzione in schiavitù degli Ebrei.
4. E’ la riduzione in schiavitù del popolo Ebraico, del “Popolo Eletto”, che
viene perennemente enfatizzata, ovvero il fatto che in qualche maniera agli
Ebrei fossero state un tempo promesse da Dio le terre del Golfo del Levante,
a vantaggio dei discendenti di Abramo, ma che da allora in avanti il popolo
Ebraico fosse stato regolarmente separato e disperso, messo in catene e
perseguitato.
5. I moderni studiosi Ebraici, ancora ai nostri giorni, ritengono che l’origine
del termine “Ebraico” derivi dal termine Egizio con cui veniva indicato uno
“schiavo”.
6. Ciò si verifica nonostante il fatto che la storia Egizia mai faccia riferimento
agli Ebrei in un simile contesto. Eppure, allo stesso tempo, ci sono centinaia
di fonti storiche, e un’infinità di prove evidenti relative ad una razza, nota
Chat (Off)
Franc Franc
Hans Skandergag - Timeline Photos https://www.facebook.com/photo.php?fbid=380197558760146&set=a...
4 di 13 21/04/2014 11:40
7. Perché ignorare quelle connessioni tanto ovvie tra il termine Ebraico e il
gruppo noto come “Hibiru”, che a quanto pare proveniva esattamente dal
Golfo del Levante, lo stesso luogo in pare che gli Ebrei avessero avuto
origine?
8. In nessuna maniera sarà mai riferito apertamente che il Talmud, per come
lo conosciamo in qualità di Talmud Babilonese, che fu creato intorno al 430
avanti Cristo, non esistesse affatto in quella fase storica. Tuttavia, i
discendenti spirituali dei Farisei e i Farisei stessi, 2000 anni fa,
consideravano, e considerano ancora oggi, i Libri di Mosè come le più
antiche sacre scritture del Giudaismo, datate a ben prima della conquista ad
opera dei Babilonesi.
(CONTINUA QUI....) http://connessionecosciente.wordpress.com/sul-
giudaismo/capitolo-3-il-talmud-babilonese/
CAPITOLO 4 - LO ZOROASTRISMO
1. Lo Zoroastrismo rappresenta storicamente una religione illuminata
quando la raffrontiamo con le antiche tradizioni legate al sacrificio umano
degli Accadici e degli Assiri dell’antica Mesopotamia e delle regioni del
Medio Oriente.
2. Piuttosto che sacrificare esseri umani, Zoroastro introdusse una serie di
decisivi mutamenti filosofici, incluso l’utilizzo di animali da sacrificare a un
dio monoteistico in sostituzione del sacrificio umano.
3. In effetti, il Libro di Zoroastro (Vendidad) manifesta alcune sorprendenti
similitudini con le leggi contenute nei Cinque Libri di Mosè, eppure gli
studiosi Cristiani ed Ebraici hanno trascorso anni cercando disperatamente
di convincere il mondo scientifico che lo Zoroastrismo fosse una
religione”moderna” e relativamente recente in termini storici.
4. Nonostante le innumerevoli prove a sostegno del contrario, tanto gli
studiosi Cristiani quanto quelli Ebraici, rifiutano recisamente di riconoscere
l’antichità dello Zoroastrismo, per timore delle ovvie implicazioni riguardanti
tanto l’età che l’origine delle storie bibliche così come le motivazioni che si
nascondevano dietro l’introduzione della Bibbia stessa.
5. In effetti, numerosi studiosi Cristiani ed Ebraici hanno in maniera
fraudolenta sostenuto nelle proprie opere che lo Zoroastrismo fosse in
qualche maniera una brutta copia dell’antica religione Ebraica.
6. Così come era avvenuto per Alessandro Magno e i Romani,
Nabucodonosor il Grande (Nebuchedenezzar) (Re, 605-562 avanti Cristo)
detestava le antiche pratiche legate al sacrificio dei bambini, le orge
all’interno dei templi e il cannibalismo praticato dagli Accadici, dagli Assiri e
dalle antiche tribù Israelite e Canaanite. In tutto il suo enorme impero, egli
bandì tali pratiche abominevoli e si impegnò ad imporre una serie di nuove
tendenze caratterizzate da un contesto legislativo più uniforme, da applicare
all’ordine sociale nel suo complesso e ai commerci.
7. Naturalmente, Nabucodonosor il Grande resta un terribile anatema tanto
per gli studiosi Cristiani quanto per quelli Ebraici, così come lo sono i
Romani, poiché egli rappresentò di certo un uomo di grande cultura, un
uomo di sani principi e un sapiente, eppure si tratta anche del personaggio
che ordinò la distruzione del Tempio di Salomone a Gerusalemme.
8. Fu Nabucodonosor che inviò il profeta Geremia con il suo scriba di fiducia
Baruch presso i sacerdoti Ebraici del Tempio intorno al 599 avanti Cristo,
richiedendo che essi rinunciassero alle pratiche legate al sacrifico di bambini
e ad una serie di altre pratiche sataniche abominevoli provvedendo ad
Chat (Off)
Franc Franc
Hans Skandergag - Timeline Photos https://www.facebook.com/photo.php?fbid=380197558760146&set=a...
5 di 13 21/04/2014 11:40
9. Sfortunatamente gli Ebrei, o meglio le linee di sangue sacerdotali e reali
che presiedevano il culto di Satana (Dagon/Baal) sin dalle loro antiche origini
a Ugarit, non avevano alcun interesse per queste innovative favole rispetto
al proprio regno fondato sul sangue, il sesso e il potere.
(CONTINUA QUI....) http://connessionecosciente.wordpress.com/sul-
giudaismo/capitolo-4-lo-zoroastrismo/
CAPITOLO 5 - IL TEMPIO DI DIO
1. A partire dal 537 avanti Cristo circa, l’apparente sradicamento della
palese adorazione satanica e l’adozione di una nuove serie di pratiche
religiose come inizialmente elaborate da Geremia fece guadagnare agli
Israeliti la possibilità di ottenere nuovamente la libertà e di tornare a
Gerusalemme e in Giudea.
2. In seguito a tale contro-esodo, tornarono nella propria terra di origine le
ben occultate e mascherate pratiche religiose caratterizzate dai riti satanici
praticati in segreto, principalmente ad opera dai rappresentanti delle
tradizionali linee di sangue Reali e Sacerdotali Sadducee.
3. I Persiani ritennero di aver posto fine alle pratiche di adorazione satanica
e di sacrificio umano da parte degli Israeliti e costruirono per loro un
bellissimo Tempio che avrebbe rimpiazzato quel luogo di abominio che
avevano distrutto 50 anni prima.
(CONTINUA QUI....) http://connessionecosciente.wordpress.com/sul-
giudaismo/capitolo-5-il-tempio-di-dio/
CAPITOLO 6 - LA PASQUA (PASSOVER)
1. A partire dalla fase 440/430 avanti Cristo, la cerimonia della Pasqua
(Passover) fu istituita da Nehemiah (Neemia) in qualità di evento annuale, e
accompagnata da precetti rigorosi a proposito della sua condotta e della sua
gestione. Egli aggiunse inoltre una serie di festività nel corso dell’anno che
gli Ebrei erano tenuti a rispettare.
2. Che non si commettano errori a questo proposito, il rito della Pasqua per
come descritto nella storia di Mosè, costituisce un evento relativamente
recente, che è apparso soltanto a partire dal 430 avanti Cristo in avanti.
3. Anche se gli Esseni si dimostrarono personaggi disposti al bene, che non
sacrificavano persone o animali, e che erano stati incaricati della gestione
del Tempio sull’Isola Elefantina a partire almeno dal 1096 avanti Cristo,
Nehemiah (Neemia) insistette affinché per loro valesse la medesima regola.
4. Non ci sono dubbi sul fatto che numerosi leader religiosi sotto il regno
religioso di Nehemiah (Neemia) furono uccisi e passati a fil di spada dalle
truppe Persiane sottoposte al suo diretto controllo. Anche lo stesso Tempio
sull’Isola Elefantina fu distrutto per non aver seguito alla lettera le sue
istruzioni.
5. Sebbene il regno di Nehemiah si fosse dimostrato terribile e brutale, a
partire dalla sua morte, nel 413 avanti Cristo, le leggi del Talmud Babilonese
venivano ormai applicate esattamente come era stato previsto dai loro
autori, e la Pasqua veniva celebrata esattamente come lui stesso e i
Persiani avevano sperato.
6. Ora, la storia che è stata appena descritta, risulta completamente
differente da quella sostenuta dagli Ebrei Rabbinici e dai Cristiani. In effetti,
molti di questi ultimi potrebbero sentirsi profondamente offesi da simili
Chat (Off)
Franc Franc
Hans Skandergag - Timeline Photos https://www.facebook.com/photo.php?fbid=380197558760146&set=a...
6 di 13 21/04/2014 11:40
7. Eppure le prove, inclusa una antichissima lettera risalente al 419 avanti
Cristo contenente le istruzioni a proposito dell’istituzione della Pasqua
(Passover) restano in ogni caso un fatto storico.
(CONTINUA QUI....) http://connessionecosciente.wordpress.com/sul-
giudaismo/capitolo-6-la-pasqua-passover/
CAPITOLO 7 - I CRUDELI SADDUCEI
1. E’ ormai chiaro perché esistesse un antagonismo tra i Farisei e i
Sadducei.
2. Non si trattava semplicemente di diversi partiti della stessa fede, ma di
religioni completamente differenti in termini di stile di vita, concezione di dio,
e verità sostenute.
(CONTINUA QUI....) http://connessionecosciente.wordpress.com/sul-
giudaismo/capitolo-7-i-crudeli-sadducei/
CAPITOLO 8 - ALESSANDRO E ARISTOTELE
1. Il periodo Ellenistico della storia Ebraica ebbe inizio nel 332 avanti Cristo,
quando Alessandro Magno conquistò la Persia. Alla sua morte, avvenuta nel
323 avanti Cristo, il suo impero fu diviso tra i suoi generali.
2. Ispirandosi ai brillanti sistemi filosofici e logici di Aristotele, i Greci
riuscirono effettivamente a creare un Impero Ellenico, che aveva quali
pilastri centrali l’insegnamento, la conoscenza, il commercio, una moneta
comune, e un sistema giuridico coerentemente strutturato.
3. Come i Persiani, gli illuminati Greci non vedevano affatto di buon occhio i
comportamenti abominevoli di antica origine relativi a sacrifici di sangue e a
orge all’interno dei templi.
4. Tuttavia, una parte rilevante degli intellettuali Greci, nell’area di Atene e
della Lidia, rappresentava una potente roccaforte delle scuole misteriche di
Dioniso e di Orfeo, ed ambedue queste religioni rappresentavano un ramo
del medesimo albero di cui facevano parte i culti Satanici/degli Israeliti/di
Ugarit.
5. In una prima fase, la Giudea fu governata dalla dinastia Egizio-Ellenica
dei Tolomei, e sarebbe andata incontro ad una fase di effettivo e deciso
controllo in riferimento a pratiche religiose di carattere abominevole, tuttavia,
nel 198 avanti Cristo, l’Impero Siriano-Ellenico (Siro-Ellenico) Seleucide,
sotto il regno di Antioco III, assunse il controllo della Giudea.
6. I Siriani, in questa fase storica, rappresentavano un esempio unico nel
mondo antico, dato che, con i Cartaginesi, rappresentavano l’ultimo bastione
delle palesi pratiche sataniche e del sacrificio dei bambini.
7. Sebbene le classi più elevate della società nelle città Greche, Romane e
Giudee rifuggissero dalla palese pratica di orge rituali, cannibalismo e
sacrificio di bambini, la Siria veniva considerata come il luogo di
pellegrinaggio esclusivo per quella ‘diaspora’ riconducibile al mondo antico
che poteva tracciare le proprie origini a coloro i quali erano stati esiliati 1000
anni prima dal Faraone Egizio Akhenaton.
(CONTINUA QUI....) http://connessionecosciente.wordpress.com/sul-
giudaismo/capitolo-8-alessandro-e-aristotele/
Chat (Off)
Franc Franc
Hans Skandergag - Timeline Photos https://www.facebook.com/photo.php?fbid=380197558760146&set=a...
7 di 13 21/04/2014 11:40
1. Giuda riconquistò Gerusalemme nel 165 avanti Cristo restaurando le
pratiche del Tempio. I combattimenti tuttavia continuarono, e Giuda e suo
fratello Gionata (J onathan) furono uccisi. Nel 141 avanti Cristo, una
assemblea composta da sacerdoti e da altri rappresentanti di rilievo nominò
Simone Alto Sacerdote e capo supremo, dando origine in effetti alla dinastia
Asmonea.
2. Quando Simone fu ucciso nel 135 avanti Cristo, suo figlio Giovanni Ircano
(Hyrcanus) prese il suo posto in qualità di Alto Sacerdote e Re.
3. Dopo aver sconfitto gli eserciti Seleucidi, il nipote di Giuda, Giovanni
Ircano (Hyrcanus) creò una nuova forma di monarchia, che assunse le
caratteristiche tipiche di quella che viene definita dinastia sacerdotale
Asmonea, nel 152 (125) avanti Cristo – che attribuì ai sacerdoti stessi
autorità tanto politiche quanto religiose.
4. Ora, tali fatti, relativi a quello specifico contesto storico, vengono
generalmente accettati dagli studiosi tanto Cristiani quanto Ebraici, ad
eccezione di un elemento – la natura dell’effettiva disputa tra Farisei ed
Esseni da un lato e Sadducei dall’altro, che avevano ora acquisito il controllo
assoluto del Tempio.
5. Ricordiamolo, fino al punto in cui si manifestò la cosiddetta “influenza
Siriana”, i Persiani, e successivamente i Greco-Egizi (Tolomei), avevano
favorito Alti Sacerdoti dell’antico lignaggio degli Esseni, che, a propria volta,
supportavano apertamente i Farisei, seppure, nella propria arena privata,
preferissero evitare la pratica di sacrifici animali, e non venire meno ai propri
voti di purezza.
6. Tuttavia, piuttosto che restaurare il Tempio in base ad un ideale di
purezza, pare che gli Asmonei non solo evitarono di rispettare le regole
all’epoca in vigore per gli Alti Sacerdoti, ma tornarono addirittura alle
pratiche “abominevoli” del lontano passato.
7. Le opere dei Maccabei e degli studiosi biblici tendono a minimizzare
l’effettivo oggetto della contesa, affermando che la disputa fosse sulla
legittimità alla carica di Re da parte delle linee di sangue degli Asmonei.
(CONTINUA QUI....) http://connessionecosciente.wordpress.com/sul-
giudaismo/capitolo-9-gli-asmonei/
CAPITOLO 10 - I ROMANI
1. Ora, discutere nuovamente delle origini Siriano-Fenicie dei sacrifici di
sangue e dei riti satanici potrebbe apparire un atteggiamento criticabile in
relazione al fatto che una simile affermazione appare a molti come la
drammatica iper-enfatizzazione di elementi caratterizzati da limitata o scarsa
evidenza storica.
2. Di certo, una della principali accuse rivolte nei confronti di compie simili
affermazioni è quella in base alla quale l’orrore legato ai sacrifici umani e
all’avere operato il male venga crudelmente e ingiustamente fatto ricadere
sulle antiche fedi Ebraiche e sullo stesso Cristianesimo.
3. Anche perché, nel mondo odierno, casi effettivamente riportati, o anche
miti urbani legati al sacrificio umani appaiono rari e assai distanti dalla
sensibilità della persona comune. Per cui, si potrebbe semplicemente
affermare che quel genere di eventi non si sia in effetti mai verificato,
affermando di conseguenza che ogni pretesa di revisione storica costituisca
un complotto sinistro ai danni dell’una o dell’altra cultura.
4. Ma nel mondo antico, ai tempi dell’Impero Romano, oltre 2.000 anni fa,
Chat (Off)
Franc Franc
Hans Skandergag - Timeline Photos https://www.facebook.com/photo.php?fbid=380197558760146&set=a...
8 di 13 21/04/2014 11:40
5. Ai nostri giorni, le vittime parlano direttamente dalla terra posta al di sotto
di quelli che un tempo furono gli altari utilizzati per i sacrifici, miste ad ossa di
animali e ad olii. La terra tende a restituire tutti i suoi segreti con il
trascorrere del tempo, non importa quanto terribili possano essere.
6. E non c’è propaganda, tentativo di distrarre il pubblico o di mentire
spudoratamente che sarà mai in grado di nascondere la verità in relazione
all’origine di tali abominevoli rituali.
(CONTINUA QUI....) http://connessionecosciente.wordpress.com/sul-
giudaismo/capitolo-10-i-romani/
CAPITOLO 11 - ERODE IL GRANDE
1. Per i Cristiani, Erode il Grande (37 avanti Cristo-4 dopo Cristo)
rappresenta il tiranno proditoriamente accusato della morte di Giovanni il
Battista, ed inoltre accusato di essersi impegnato ad eliminare bambini
innocenti nel corso della sua folle caccia indirizzata a scovare ed eliminare la
famiglia reale.
2. Tuttavia, per gli Ebrei, e in particolare per i Farisei, Erode il Grande
rappresentò il restauratore della moralità e della sacralità nell’ambito della
fede Ebraica, eliminando l’ultimo dei tiranni Asmonei, impegnandosi a
limitare sempre più nel corso del suo regno il potere e l’influenza dei
Sadducei, intraprendendo la costruzione di un nuovo tempio e supportando
lo sviluppo di scuole e centri di insegnamento di ispirazione Farisaica.
3. J osephus riporta che Erode abbia ricompensato un importante leader dei
Farisei di nome Pollione (Pollio) e il suo discepolo Sameas, che avevano
incoraggiato gli Ebrei ad accettare Erode, fondamentalmente sostenendo
che il dominio esercitato da uno straniero fosse il risultato del giudizio divino
e che il popolo avrebbe dovuto sentire la necessità di impegnarsi a
supportarlo.
4. Probabilmente, in seguito a tale intervento, Erode ebbe la possibilità di
stabilire ottimi rapporti con i Farisei per l’intera durata del suo regno, e in
termini più generali riuscì ad evitare conflitti con tale fazione fino a poco
tempo prima della sua morte.
5. Erode si impegnò inoltre a ridurre l’influenza dei Sadducei, che avevano
acquisito nuovamente potere successivamente alla morte di Salomè,
esercitando la propria influenza sull’Alto Sacerdozio oltre che sulla
maggioranza dei membri del Sinedrio (Sanhedrin).
6. Uno dei primi atti che Erode compì appena divenuto Re, nel 37 avanti
Cristo, fu ordinare l’esecuzione di 45 membri dei Sadducei del Sinedrio in
relazione al supporto da loro fornito al suo rivale per la carica di Re,
Antigone (Antigonus); confiscò inoltre le loro proprietà per ripagare Marco
Antonio, il Romano che lo aveva nominato Re. Egli trasformò inoltre il
Sinedrio in una corte (tribunale) di carattere eminentemente religioso e
spirituale, sottraendo ad esso una serie di poteri in riferimento a questioni di
carattere secolare/temporale.
(CONTINUA QUI....) http://connessionecosciente.wordpress.com/sul-
giudaismo/capitolo-11-erode-il-grande/
CAPITOLO 12 - IL SINEDRIO
1. Nel 57 avanti Cristo, il Proconsole Cabineo (Cabineus) stabilì la
costituzione di Sinedri di carattere regionale (Sinedri o consigli) per regolare
gli affari interni degli Ebrei.
Chat (Off)
Franc Franc
Hans Skandergag - Timeline Photos https://www.facebook.com/photo.php?fbid=380197558760146&set=a...
9 di 13 21/04/2014 11:40
oltre all’Alto Sacerdote, che interpretava le leggi Ebraiche e regolava le
controversie soprattutto in materia rituale. La loro specifica composizione e i
loro effettivi poteri variavano a seconda della volontà politica Romana.
3. Ora, nel Giudaismo Rabbinico, i discendenti dei Farisei hanno trascorso
numerosi secoli a rieditare e a modificare accuratamente la storia che a noi
è giunta in relazione a tale istituzione, soprattutto in riferimento alla sua
struttura formale ed allo stato delle relazioni tra i Farisei presenti al suo
interno.
4. Una manipolazione particolarmente accurata che con successo si è
diffusa nell’analisi storica risulta essere l’idea in base alla quale la carica più
elevata nell’ambito del Grande Sinedrio (del Grande Tempio) non fosse in
realtà rappresentata dall’Alto Sacerdote, come la storia ci ha tramandato, ma
da un sommo responsabile dell’applicazione della giustizia (Nasi) coadiuvato
da un vice-responsabile dell’applicazione della giustizia (Av Beit Din).
5. Coincidenza vuole che la storia Giudaico Rabbinica faccia riferimento a un
“universo parallelo” in termini di leadership che risalirebbe invece ai tempi di
Ciro, Re di Persia, e che faceva riferimento a quei personaggi che
effettivamente detenevano la posizione di “Nasi” e di “Av Beit Din” del
Sinedrio, quali gli Alti Sacerdoti, il re/governatore e il sommo responsabile
dell’esazione delle imposte (tasse).
6. Come viene reso noto in base a tale edizione rivista e corretta della storia,
la carica più elevata, in base a quanto riportato dagli antenati dei Farisei, a
partire dal 4 avanti Cristo, non era più quella di Alto Sacerdote, in quella fase
controllata dai Sadducei, ma quella di un “presidente” (Nasci) che si
suppone fosse una carica ricoperta da un Fariseo.
(CONTINUA QUI....) http://connessionecosciente.wordpress.com/sul-
giudaismo/capitolo-12-il-sinedrio/
CAPITOLO 13 - GAMALIEL L’ANZIANO
1. Sebbene il Fariseo Hillel il Vecchio (the Elder) e la sua famiglia siano
considerati come una delle più influenti dinastie tra quelle dei maestri
Ebraici, è suo nipote Gamaliel il Vecchio (the Elder), anche noto come Rabbi
Gamaliel I, a risultare la figura più rilevante.
2. L’anno della sua nascita non è certo, ma presumibilmente avvenne tra il
30 e il 20 avanti Cristo, mentre la sua morte è stata registrata nel 52 dopo
Cristo.
3. Nel Talmud, Gamaliel è il primo ad assumere il titolo di “Rabban”
(Rabbi/Rabbino), un titolo a lui concesso dal Grande Sinedrio, in riferimento
al quale egli rappresenta il primo di una serie di 7 leader della scuola di Hillel
che riuscì a guadagnare per sé appunto quel titolo. Egli rappresenta quindi il
primo Rabbino ufficiale del Giudaismo Rabbinico.
4. Gamaliel I è noto come uno dei più grandi maestri negli annali del
Giudaismo. Mish. Sorah IX 15 gli attribuisce a pieno titolo tale qualità, “Da
quando il Rabbino (Rabban) Gamaliel il Vecchio è morto, non c’è più stato
rispetto per la legge, ed inoltre la purezza e la continenza perirono
anch’esse in quella fase”.
5. Pur ritenendo che la legge fosse interamente ispirata da Dio, egli stabilì
che la regola del Sabato (Sabbath) dovesse dimostrarsi meno rigorosa e che
avesse un’applicazione meno drastica. Egli sostenne inoltre che la legge
avrebbe dovuto proteggere le donne nel corso dei divorzi, e dichiarò che gli
Ebrei dovessero cooperare il più possibile con i Gentili.
6. Gamaliel rappresenta inoltre un maestro unico nel suo genere in
Chat (Off)
Franc Franc
Hans Skandergag - Timeline Photos https://www.facebook.com/photo.php?fbid=380197558760146&set=a...
10 di 13 21/04/2014 11:40
con lui una relazione caratterizzata dalla prossimità e dall’amicizia.
7. La sua favorevole disposizione nei confronti di Paolo, e della religione
nota come Cristianesimo da quest’ultimo creata, viene riportata in tutti gli Atti
degli Apostoli scritti da Luca, discepolo di Paolo.
8. Luca cita inoltre il fatto che Paolo avesse dichiarato di essere un Fariseo,
e che avesse sostenuto inoltre di essere figlio di padre Fariseo. Dato che ciò
risulta assai improbabile, considerata la cittadinanza Romana di cui
beneficiava, ciò implica che certamente che Paolo di Tarso conoscesse e
fosse in buoni rapporti con il figlio maggiore di Gamaliel I, ovvero Simeone II
ben Gamaliel.
(CONTINUA QUI....) http://connessionecosciente.wordpress.com/sul-
giudaismo/capitolo-13-gamaliel-lanziano/
CAPITOLO 14 - GIOVANNI BAR ZECHARAIAH (FIGLIO DI ZACCARIA)
1. C’è una figura ancora più enigmatica coinvolta nella fondazione del
Giudaismo Rabbinico (moderno) di cui è necessario parlare – J ohanan bar
Zecharaiah (Zakkai), o Giovanni, figlio di Zaccaria.
2. Giovanni, figlio di Zaccaria, è il famoso ostaggio che, in base al resoconto
dello stesso J osephus, egli aiutò a fuggire dalla Gerusalemme assediata,
nascondendolo in una bara.
3. Si tratta dello stesso leader spirituale anziano che è stato considerato
come più potente e importante dello stesso Gamaliel il Vecchio.
4. Quando giunse a Yavne, egli in prima persona contribuì a creare ciò che
oggi conosciamo come Mishnah, o “Torah Orale”.
5. Ora, per i non-Ebrei, l’errore frequente è concepire che i testi sacri scritti
“rappresentino tutto ciò che in effetti esiste” per quanto riguarda il moderno
Giudaismo. Sebbene la Tanakh (l’equivalente dell’Antico Testamento
Cristiano) resti fondamentale, la Mishnah ha una eguale se non addirittura
una maggiore rilevanza.
6. Le ragioni stanno semplicemente nel fatto che la Mishnah fornisce l’intero
resoconto storico relativo al contesto che circondava la realizzazione dei
testi sacri. Si tratta di quella “conoscenza nascosta” trasmessa da Rabbino a
Rabbino nel corso dei secoli. E, incredibile a dirsi, quest’ultima si presenta
come decisamente “Essena” nei contenuti.
7. In effetti, la Torah orale presenta elementi di superiore saggezza, assai
più profonda e più decisamente Essena di qualunque altro dei testi scritti.
8. Quindi, se ne potrebbe dedurre che una figura tanto potente, tanto saggia
e tanto istruita nelle conoscenze tipiche degli Esseni avrebbe dovuto
quantomeno essere di ascendenza Essena. Ma allora, chi è stato in effetti
questo Giovanni, figlio di Zaccaria, il personaggio che stabilì i più essenziali
cardini del moderno Giudaismo?
(CONTINUA QUI....) http://connessionecosciente.wordpress.com/sul-
giudaismo/capitolo-14-giovanni-bar-zecharaiah-figlio-di-zaccaria/
CAPITOLO 15 - IL GIUDAISMO MODERNO
1. Il Giudaismo moderno è caratterizzato essenzialmente da una struttura
fondamentalmente di ispirazione Farisaica a cui si aggiungono i misteri e la
sapienza degli Esseni rintracciabili nella tradizione orale per come fu
impostata da Giovanni il Battista.
Chat (Off)
Franc Franc
Hans Skandergag - Timeline Photos https://www.facebook.com/photo.php?fbid=380197558760146&set=a...
11 di 13 21/04/2014 11:40
proclama rispetto per la conoscenza e buona disposizione nei confronti del
mondo intero.
3. Si tratta di una religione, tuttavia, che non conosce il proprio retaggio, e
che è troppo timorosa di approfondirlo, per timore di ciò che potrebbe in
effetti essere rivelato. Di qui lo sviluppo di una ultra-ortodossia che tenta di
negare la verità, così come le prove che potremmo essere in grado di notare
con i nostri occhi e di mettere a fuoco con le nostre menti.
4. Si tratta di una grande tragedia, perché comprendere la vera storia
occulta legata all’evoluzione del movimento Farisaico in direzione
dell’odierno Giudaismo – e la natura delle sue battaglie contro abominevoli
sette del Giudaismo quali in primo luogo i Sadducei – è un elemento che può
farci comprendere il gioco di quelle forze che hanno modellato e che
contribuiscono a modellare il mondo intero ancora ai nostri giorni.
5. In un certo senso, gli eventi culminanti nella distruzione del Tempio di
Erode sono stati incapsulati in una sorta di area sospesa dello spirito e della
storia, e l’effettiva conoscenza dei dettagli relativi a quegli eventi ed al loro
vero significato è rimasta congelata a quel tempo.
(CONTINUA QUI....) http://connessionecosciente.wordpress.com/sul-
giudaismo/capitolo-15-il-giudaismo-moderno/
Like · Comment · Share · 16 April 2013
Hans Skandergag and 4 others like this.
2 shares
Hans Skandergag https://www.facebook.com
/photo.php?fbid=311051709008065
Timeline Photos
EBREI, SIONISTI, GIUDEI: SERVI
CAMERAE REGIS! (SERVI CURIAE)
(HOFJ UDEN) (PARTE P...
Continue Reading
by: Hans Skandergag
16 April 2013 at 21:01 · Like · 4
Hans Skandergag https://www.facebook.com
/photo.php?fbid=311053475674555
Timeline Photos
EBREI, SIONISTI, GIUDEI: SERVI
CAMERAE REGIS! (SERVI CURIAE)
(HOFJ UDEN) (PARTE S...
Continue Reading
by: Hans Skandergag
16 April 2013 at 21:02 · Like · 4
Hans Skandergag https://www.facebook.com
/photo.php?fbid=284517848328118
Timeline Photos
The Rothschild dynasty - Guardians of the
Vatican Treasury (LA DINASTIA DEI
ROTH...
Continue Reading
by: Hans Skandergag
16 April 2013 at 21:02 · Like · 4
Chat (Off)
Franc Franc
Hans Skandergag - Timeline Photos https://www.facebook.com/photo.php?fbid=380197558760146&set=a...
12 di 13 21/04/2014 11:40
About Create Advert Create Page Developers Careers Privacy Cookies Terms Help
Facebook ©2014 · English (UK)
Chat (Off)
Franc Franc
Hans Skandergag - Timeline Photos https://www.facebook.com/photo.php?fbid=380197558760146&set=a...
13 di 13 21/04/2014 11:40