You are on page 1of 4

Esercitazioni Fisica I

24 aprile 2012
Esercizio 1

Si calcoli la forza minima necessaria che si deve applicare alla ruota di


gura perch questa possa superare un gradino di altezza h. Si denoti
e
con r il raggio della ruota e con P il suo peso.
Soluzione
Il punto di partenza ` la secona equazione cardinale:
e
M = I
dove M ` il momento delle forze, I il momento di inerzia e laccelerazione
e
angolare. La ruota supera il gradino quando M = 0.
Le forze cui ` soggetta la ruota sono
e
(1) il peso P (che si considera applicato nel centro di massa);
(2) la reazione vincolare del piano di appoggio;
(3) la reazione vincolare del gradino.
Usiamo come polo rispetto cui calcolare i momenti i punto di contatto
della ruota col gradino in modo da non doverci preoccupare della relativa reazione vincolare (3). Per quel che riguarda la forza (2), essa sar`
a
nulla al momento del distacco della ruota, pertanto non d` contributo
a
ai ni del nostro calcolo.
La ruota inizia a girare quanto i momento di F ` pi` grande di quello
e u
d P:
F (r h) > P r2 (r h)2
h(2r h)
.
rh

F >P
1

Esercizio 2

Una piccola forza orizzontale viene applicata perpendicolarmente al


punto medio di uno degli spigoli superiori di un cubo a riposo su un
piano orizzontale. Quanto deve valere come minimo il coeciente di
attrito statico anch il cubo si ribalti anzich` strisciare?
e
e
Soluzione
Indichiamo con P del cubo e consideriamo come polo rispetto a cui
calcolare i momenti i punto medio dello spigolo immediatamente sottostante quello cui ` applicata la forza. Anch ci sia rotolamento il
e
e
momento prodotta da F deve essere maggiore di quello dovuto a P :
Fa > P

a
2

F >

P
2

dove a ` il lato del cubo.


e
Anch ci sia strisciamento invece la forza applicata deve superare il
e
valore di soglia oltre il quale lattrito statico cessa di sussistere in favore
dellattrito dinamico:
F > P.
Conseguentemente se < 0.5 lattrito statico cede prima che il momento si sbilanci e quindi il cubo striscia senza ribaltarsi. Perch il
e
cubo si metta a rotolare il coeciente di attrito statico deve quindi
essere maggiore del valore critico c = 0.5.
Esercizio 3

Lestremo A di una sbarra orizzontale sottile, di massa trascurabile e


lunghezza L, ` ssata a una parete per mezzo di un perno. Laltro
e
estremo B ` legato al punto C della parete tramite un lo sottile che
e
forma un angolo con la direzione orizzontale. Un oggetto di peso P
` appoggiato alla sbarra a distanza x dalla parete.
e
a) Si determini la tensione T del lo al variare di x.
b) Si determinino le componenti verticale e orizzontale della forza
esercitata sulla sbarra nel punto A.
c) Supponendo che il dilo possa resistere alla massima tensione T =
520 N, si determini il massimo valore di x ammesso per evitare la
rottura se P = 315 N, L = 1.76 m e = 32.
2

Soluzione
a) Calcoliamo i momenti rispetto al punto A in modo da non dover
considerare la reazione vincolare del muro:
P x = T l sin
da cui otteniamo

Px
.
l sin
C` quindi una dipendenza lineare tra T e x.
e
T =

b) Chiamiamo F la reazione vincolare del muro. Per soddisfare la


prima equazione della statica la risultante delle forze applicte deve
essere nulla
R = 0.
Considerando le due componenti indipendentemente
T cos = Fx
T sin P = Fy = 0
Sostituendo il risultato ottenuto per T ricaviamo
P
Fx = L tan x
Fy = P 1

x
L

Pu` la F puntare verso il basso? S` Fy < 0 il che si verica


o
se
quando x > L; ovvero se il punto di aggancio non ` lestremo B
e
ma un punto intermedio dellasta.
c) Per avere la distanza massima dobbiamo ricordare che il lo regge
nch
e
P
x < Tc
T < Tc
L sin
Tc L sin
xc =
= 1.54 m.
P
Esercizio 4

Si dimostri che un cilindro scivolerebbe su un piano inclinato di inclinazione se il coeciente di attrito statico tra le due superci fosse
minore di 1 tan . Cosa cambierebbe per una sfera?
3
3

Soluzione
Le forze agenti sono il peso mg, la reazione vincolare del piano N e
lattrito fs . Se questultimo ` abbastanz robusto, cio` se il suo valore
e
e
di soglia s N ` sucientemente alto, esso costituisce un impedimento
e
suciente al trascinamento e impone la condizione di puro rotolamento
che per laccelerazione a diventa:
a = R.
Prendendo come polo il centro di rotazione istantaneo dato dal punto
di contatto del cilindro con il piano inclinato otteniamo:
mgR sin = I
dove il momento di inerzia I si pu` calcolare come
o
3
1
I = mR2 + mR2 = mR2
2
2
sostituendo:

2g
sin .
3R
Il bilanciamento delle forze d` come risultato:
a
=

mg cos = N
mg sin fs = ma
sostituendo nella seconda la relazione tra accelerazione e accelerazione
angolare:
2
mg sin fs = mgR = mg sin
3
da cui
1
fs = mg sin .
3
I cilindro striscia se lattrito statico supera la soglia fs > s N =
s mg cos ovvero
1
mg sin > s mg cos
3
1
s < tan
3
Nel caso di una sfera a essere diverso ` soltanto il momento di inerzia
e
5
pari a I = 7 mR2 da cui otteniamo il valore critico s = 14 tan .
5
4