You are on page 1of 97

Vademecum

2009-2010

Università degli Studi di Urbino “Carlo Bo”
INDICE

CONTATTI 5

CORSI ATTIVATI 7

REGOLAMENTI DEI CORSI DI LAUREA  8
CORSO DI LAUREA SCIENZE DELL’EDUCAZIONE E DELLA FORMAZIONE 8
CORSO DI LAUREA SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE 11
CORSO DI LAUREA MAGISTRALE PEDAGOGIA E PROGETTAZIONE EDUCATIVA 13
CORSO DI LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA 14
CORSO DI LAUREA EDUCATORE SOCIALE TERRITORIALE 16
CORSO DI LAUREA ESPERTO NEI PROCESSI DI FORMAZIONE E NEI SERVIZI CULTURALI 19
CORSO DI LAUREA SCIENZE PSICOLOGICHE DELL’INTERVENTO CLINICO 22
CORSO DI LAUREA SCIENZE PSICOLOGICHE DEL LAVORO 24
CORSO DI LAUREA QUADRIENNALE SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA 25

PROGRAMMI DEGLI INSEGNAMENTI  29

Coordinamento • Servizio Front Office
Dott.ssa Simona Pigrucci

Grafica e impaginazione • Ufficio Informazioni e Orientamento
Dott. Francesco Biagetti • Sig. Donatello Trisolino

Gweb • Sistema di gestione dei contenuti di Ateneo via Web
Sig. Donatello Trisolino
vademecum 2009/10 parte generale

CONTATTI

SEGRETERIA DI PRESIDENZA SEGRETERIA DIDATTICA
Via Bramante, 17 • Corsi di laurea in Scienze dell’educazione e della
Tel. 0722 303742-3 formazione • Corso di laurea magistrale in Pedagogia e
Fax 0722 303746 progettazione educativa • Corsi di Laurea in Educatore
sociale territoriale, Esperto nei processi di formazione
e-mail: presidenza.sciform@uniurb.it e nei servizi culturali • Corso di laurea quadriennale
Referente: Dott.ssa Annalisa Gnutti in Scienze della formazione primaria
Dott.ssa Monica Pazzaglia
Dott.ssa Silvia Ferri
Orario: lun-ven 9,30-12,30 Dipartimento Scienze Umane (DIPSUM)
mar., merc. e giov. 15.00-16.00 via Bramante, 16
Tel. Centralino 0722 303600
Tel. 0722 303610 - Fax 0722 303611
PER ISCRIVERSI E IMMATRICOLARSI e-mail federico.foglietta@uniurb.it
Segreteria studenti Referente: Sig. Federico Foglietta
via Saffi, 2 (secondo piano) Orario: lun-ven 9,30-12,30;
Tel. 0722 305228 - Fax 0722 305287 mer-gio 15,30-17,30
e-mail: segr.scformazione@uniurb.it
Referente: Dott. Guido Fraternali
Orario: lun-sab 9,30-12,00 SEGRETERIA DIDATTICA
• Corsi di laurea in Scienze e tecniche psicologiche
• corso di laurea magistrale in Psicologia clinica
• Corsi di Laurea in Scienze psicologiche dell’intervento
clinico e Scienze psicologiche del lavoro.

Dipartimento di Psicologia e del Territorio (DIPSITER)
via Saffi, 15 - Tel. 0722 305810 - Fax 0722 305812
e-mail: psicologia@uniurb.it
Referente: Dott. Gino Lelli
Orario: lun-ven. 9.30-12.00

via Ubaldini,17
Tel. e fax 0722 329690
e-mail: psicologia@uniurb.it
Referente: Sig.ra Aniko Nagy
Orario: lun-ven 10.00-12.00

5
vademecum 2009/10 parte generale

TIROCINI E STAGE TIROCINI E LABORATORI CORSI ATTIVATI
• Corsi di laurea in Educatore sociale territoriale, • Corso di Laurea quadriennale in Scienze della
Esperto nei processi di formazione e nei servizi formazione primaria
culturali
Ufficio Tirocini
Segreteria via Bramante, 16 CORSI DI LAUREA (D.M. 270/04)
Dipartimento (DIPSUM) - via Bramante, 16 Tel. 0722 303615 • SCIENZE DELL’EDUCAZIONE E DELLA FORMAZIONE – CLASSE L-19 (I E II ANNO)
Tel. 0722 303610 - Fax 0722 303611 e-mail: tirocinio.urb1@uniurb.it Curriculum A: Educatore
e-mail federico.foglietta@uniurb.it Ufficio Laboratori Curriculum B: Formatore
Referente: Sig. Federico Foglietta Via Bramante, 16 • SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE – CLASSE L-24 (I E II ANNO)
Orario: lun-ven 9,30-12,30; Tel. 0722 303620
mer-gio 15,30-17,30 e-mail: lamberto.clementi@uniurb.it CORSI DI LAUREA MAGISTRALE (D.M. 270/04)
Referente: Sig. Lamberto Clementi • PEDAGOGIA E PROGETTAZIONE EDUCATIVA – CLASSE LM-85
• PSICOLOGIA CLINICA – CLASSE LM-51
TIROCINI E STAGE CORSO DI LAUREA IN DESIGN E DISCIPLINE Curriculum A: Diagnosi ed intervento clinico
• Corsi di laurea in Scienze e tecniche psicologiche, DELLA MODA Curriculum B: Analisi e intervento sociale
Scienze dell’educazione e della formazione • Corsi di Segreteria didattica e tirocini
laurea magistrale in Psicologia clinica e Pedagogia
e progettazione educativa (D.M. 270/04) • Corsi di
Via Bramante, 54 CORSI DI LAUREA (D.M.509/99)
laurea in Scienze psicologiche dell’intervento clinico Tel. e fax 0722 2698 • EDUCATORE SOCIALE TERRITORIALE – CLASSE 18 (III ANNO)
e Scienze psicologiche del lavoro • Corso di laurea e-mail: design.moda@uniurb.it Curriculum A: Educatore sociale territoriale
specialistica in Psicologia clinica e tirocinio post- Curriculum B: Educatore d’infanzia
lauream.
• ESPERTO NEI PROCESSI DI FORMAZIONE E NEI SERVIZI CULTURALI – CLASSE 18 (III ANNO)
LABORATORI CORSI DI LAUREA Curriculum A: Esperto nei processi di formazione
• Corsi di laurea in Scienze e tecniche psicologiche e Curriculum B: Esperto nei servizi culturali
Scienze dell’educazione e della formazione corsi di • SCIENZE PSICOLOGICHE DELL’INTERVENTO CLINICO – CLASSE 34 (III ANNO)
laurea magistrale in Psicologia clinica e Pedagogia e
progettazione educativa.
Curriculum A: Metodi dell’intervento psicologico
Curriculum B: Metodi dell’intervento psicologico in età evolutiva
Segreteria • SCIENZE PSICOLOGICHE DEL LAVORO – CLASSE 34 (III ANNO)
via Bramante, 17 • DESIGN E DISCIPLINE DELLA MODA – CLASSE 23 (INTERFACOLTÀ LETTERE E FILOSOFIA, SCIENZE DELLA
Tel. 0722 303745/8 - Fax. 0722 305744 FORMAZIONE E LINGUE E LETTERATURE STRANIERE)
e-mail: tirocini.sciform@uniurb.it
e-mail: laboratori.sciform@uniurb.it VECCHIO ORDINAMENTO - LAUREA QUADRIENNALE
Referente Sig.ra Roberta Pierini • SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA
Orario: lun-ven 9,30-12,30 Indirizzo Scuola elementare
Indirizzo Scuola materna

6 7
vademecum 2009/10 parte generale

REGOLAMENTI DEI CORSI DI LAUREA II ANNO (curriculum Formatore)
Pedagogia generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PED/01 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
PRIMA DI CONSULTARE IL PIANO DEGLI STUDI SI PREGA DI VERIFICARE SEMPRE L’ANNO DI IMMATRICOLAZIONE. Metodologia della ricerca pedagogica/Pedagogia della formazione* . . . . M-PED/01 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
GLI STUDENTI FUORI CORSO POTRANNO CONSULTARE IL PRORPIO PIANO DEGLI STUDI PRESSO LA SEGRETE- Storia della filosofia politica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-FIL/06 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
RIA STUDENTI. Educazione degli adulti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PED/01 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
Storia della filosofia moderna . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-FIL/06 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
Filosofia teoretica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .M-FIL/01. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
CORSO DI LAUREA Abilità informatiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
SCIENZE DELL’EDUCAZIONE E DELLA FORMAZIONE (L-19) A scelta dello studente** (n.2 Laboratori da 3 CFU cad.) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
Tirocinio (100 ore) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
• PIANO DEGLI STUDI IMMATRICOLATI 2009/10
III ANNO (curriculum Formatore)
I ANNO (in comune) Gnoseologia/Filosofia dell’educazione*. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-FIL/01 - M-PED/01 . . . . . . . . . . . 10
INSEGNAMENTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . SSD. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CFU Pedagogia interculturale/Pedagogia sociale*. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PED/01 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
Storia dell’educazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PED/02 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10 Didattica della formazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PED/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
Storia della filosofia/Storia della filosofia del rinascimento*. . . . . . . . . . . . M-FIL/06 - M-FIL/06. . . . . . . . . . . . 10 Pianificazione territoriale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-GGR/02. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
Psicologia generale/Psicologia dello sviluppo* . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PSI/01 - M-PSI/04. . . . . . . . . . . . 10 Metodologia della ricerca pedagogica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PED/01 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
Pedagogia speciale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PED/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10 Storia medioevale e moderna . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-STO/01. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
Lingua inglese . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . L-LIN/12. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10 A scelta dello studente** (n. 1 Laboratorio da 3 CFU cad.) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
Ulteriori conoscenze linguistiche (Corso di scrittura) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5 Tirocinio (50 ore) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2
A scelta dello studente** (n. 1 Laboratorio da 3 CFU cad.) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3 Prova finale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
Tirocinio (50 ore) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2

II ANNO (curriculum Educatore) • PIANO DEGLI STUDI IMMATRICOLATI 2008/09
Pedagogia generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PED/01 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
Sociologia generale/Teoria dei processi di socializzazione* . . . . . . . . . . . . SPS/07. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10 I ANNO (in comune)
Psicopedagogia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PED/01 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10 INSEGNAMENTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CFU
Filosofia dell’educazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PED/01 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5 Storia dell’educazione M-PED/02 (B), ann. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
Didattica generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PED/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5 Storia della filosofia M-FIL/06 (B), sem / Storia della filosofia del rinascimento M-FIL/06 (B), sem. . . . . . . . . 10
Filosofia teoretica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .M-FIL/01. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5 Psicologia generale M-PSI/01 (B), sem / Psicologia dello sviluppo M-PSI/04 (C), sem. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
Gestione dell’imprese . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . SECS-P/08. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5 Pedagogia speciale M-PED/03 (C), ann. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
Tirocinio (100 ore) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 Lingua inglese L-LIN/12 (C), ann. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
A scelta dello studente** (n.2 Laboratori da 3 CFU cad.) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6 Ulteriori conoscenze linguistiche (Corso di scrittura). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
A scelta dello studente (n. 1 Laboratorio) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
III ANNO (curriculum Educatore) Tirocinio (n. 50 ore)
Antropologia culturale/Geografia sociale*. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-DEA/01-M - GGR/01. . . . . . . . . . 10
Letteratura per l’infanzia/Metodologia e tecnica del gioco e dell’animazione* .M-PED/02 - M-PED/03. . . . . . . . . . 10 II ANNO (curriculum Educatore)
Pedagogia interculturale/Pedagogia sociale* . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PED/01 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10 Pedagogia generale M-PED/01 (B), ann. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
Storia sociale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-STO/04 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10 Sociologia generale SPS/07 (B), sem/Storia delle dottrine sociali SPS/02 (AF), sem . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
Abilità informatiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5 Psicopedagogia M-PED/01 (C), ann. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
Tirocinio (50 ore) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2 Filosofia dell’educazione M-PED/01 (C), sem . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
A scelta dello studente** (n. 1 Laboratorio da 3 CFU cad.) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3 Didattica generale M-PED/03 (AF), sem. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
Prova finale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10 Filosofia teoretica M-FIL/01 (B), sem . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5

8 9
vademecum 2009/10 parte generale

Gestione delle imprese SECS-P/08 (AF), sem. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
CORSO DI LAUREA SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE (L-24)
A scelta dello studente (n.2 Laboratori da 3 CFU cad.). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
Tirocinio (100 ore). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 • PIANO DEGLI STUDI IMMATRICOLATI 2009/10

III ANNO (curriculum Educatore) I ANNO
Antropologia culturale M-DEA/01 (B), sem/ Geografia sociale M-GGR/01 (C), sem. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10 INSEGNAMENTO SSD CFU
Storia sociale M-STO/04 (C), ann. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10 Psicologia generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PSI/01. . . . . . . . . . . . . . 8
Letteratura per l’infanzia M-PED/02 (C), sem/ Metod. e tecnica gioco e animazione M-PED/03 (AF), sem. . . 10 Biologia e genetica del comportamento* . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . BIO/13 . . . . . . . . . . . . . . . 8
Pedagogia interculturale M-PED/01 (C), sem/ Pedagogia sociale M-PED/01(C), sem. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10 Fondamenti anatomo-fisiologici dell’attività psichica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PSI/02 . . . . . . . . . . . . . 8
Abilità informatiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5 Storia della filosofia/Pedagogia sociale** . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-FIL/06 - M-PED/01. . . 8
Abilità relazionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5 Storia della psicologia/Storia del pensiero filosofico e antropologico** . . . . . . . . . . . M-PSI/01 - M-FIL/06. . . . 8
A scelta dello studente (n. 1 Laboratorio) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3 Metodologia della ricerca con elementi di statistica*** . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PSI/05 . . . . . . . . . . . . . 8
Tirocinio (50 ore). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2 Lingua inglese . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . L-LIN/12. . . . . . . . . . . . . . 4
Prova finale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5 Abilità informatiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
II ANNO (curriculum Formatore) A scelta dello studente^ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
Pedagogia generale M-PED/01 (B), ann. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
Metodologia ricerca pedagogica M-PED/01 (C), sem/ Pedagogia della formazione M-PED/01 (C), sem. . . . . 10 II ANNO
Storia della filosofia politica M-FIL/06 (AF), sem. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5 Psicometria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PSI/03 . . . . . . . . . . . . . 8
Educazione degli adulti M-PED/01 (C), sem. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5 Psicologia dello sviluppo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PSI/04 . . . . . . . . . . . . . 8
Storia della filosofia moderna M-FIL/06 (AF), sem . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5 Psicologia sociale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PSI/05 . . . . . . . . . . . . . 8
Filosofia teoretica M-FIL01 (B), sem. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5 Psicologia della personalità/Psicologia interculturale** . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PSI/01 - M-PSI/05. . . . 8
Competenze organizzative e gestionali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5 Psicologia del lavoro e delle organizzazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PSI/06 . . . . . . . . . . . . . 8
A scelta dello studente (n. 2 laboratori da 3 CFU cad.). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6 Psicologia dinamica I . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PSI/07 . . . . . . . . . . . . . 8
Tirocinio (100 ore). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 Laboratori (n. 2 laboratori da 4 CFU cad.) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
A scelta dello studente^ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
III ANNO (curriculum Formatore)
Gnoseologia M-FIL/01 (B), sem/Filosofia dell’educazione M-PED/01 (C), sem. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10 III ANNO
Didattica della formazione M-PED/03 (C), sem. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5 Metodi e tecniche in psicodiagnosi/Teoria e tecniche delle dinamiche di gruppo** . M-PSI/08 - M-PSI/07 . . . 8
Pianificazione territoriale M-GGR/02 (C), sem. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5 Psicologia delle dinamiche familiari/Psicopatologia dello sviluppo** . . . . . . . . . . . . . M-PSI/07 - M-PSI/08. . . . 8
Pedagogia interculturale M-PED/01 (AF), sem/ Pedagogia sociale M-PED/01 (AF), sem. . . . . . . . . . . . . . . . . . 10 Teoria e tecniche del colloquio psicologico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PSI/07 . . . . . . . . . . . . . 8
Metodologia della ricerca pedagogica M-PED/01 (C), sem. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5 Psicologia clinica I . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PSI/08 . . . . . . . . . . . . . 8
Storia medievale e modeerna M-STO/01 (C), ann. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10 Psicologia dell’educazione e della formazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PSI/04 . . . . . . . . . . . . . 8
Abilità informatiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5 Psicologia cognitiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PSI/01. . . . . . . . . . . . . . 4
A scelta dello studente (n. 1 Laboratorio ). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3 Laboratori, tirocini di orientamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
Tirocinio (50 ore). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2 A scelta dello studente^ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
Prova finale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5 Prova finale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4

10 11
vademecum 2009/10 parte generale

• PIANO DEGLI STUDI IMMATRICOLATI 2008/09
CORSO DI LAUREA MAGISTRALE
PEDAGOGIA E PROGETTAZIONE EDUCATIVA (LM-85)
I ANNO
INSEGNAMENTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CFU • PIANO DEGLI STUDI IMMATRICOLATI 2009/10
Psicologia generale M-PSI/01 (B), ann. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
Biologia e genetica del comportamento BIO/13 (B), ann. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8 I ANNO
Fondamenti anatomo-fisiologici dell’attività psichica M-PSI/02 (C), ann. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8 INSEGNAMENTO SSD CFU
Storia della filosofia M-FIL/06 (B), sem/ Pedagogia sociale M-PED/01 (AF), sem. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8 Psicologia della formazione/Psicologia del lavoro* . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PSI/05 - M-PSI/06. . . . . 10
Storia della psicologia M-PSI/01 (C), sem/ Storia del pensiero filos. e antropol. M-FIL/06 (AF), sem. . . . . . . . . 8 Pedagogia della marginalità e della devianza/Pedagogia speciale corso avanzato* . . M-PED/03. . . . . . . . . . . . . 10
Metodologia della ricerca con elementi di statistica M-PSI/05 (AF), ann. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8 Storia della pedagogia/Letteratura per l’infanzia* . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PED/02. . . . . . . . . . . . . 10
Lingua inglese L-LIN/12 (AF), sem . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 Pedagogia generale corso avanzato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PED/01. . . . . . . . . . . . . . 5
Abilità informatiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 Metodologia della ricerca pedagogica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PED/01. . . . . . . . . . . . . . 5
A scelta dello studente. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 Educazione degli adulti corso avanzato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PED/01. . . . . . . . . . . . . . 5
Ulteriori conoscenze linguistiche (lingua inglese) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
II ANNO A scelta dello studente** (n. 2 laboratori da 2 e da 3 CFU cad.) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
Psicometria M-PSI/03 (C), ann . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8 Tirocini (125 ore) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
Psicologia dello sviluppo M-PSI/04 (B), ann . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
Psicologia sociale M-PSI/05 (B), ann. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8 II ANNO
Psicologia della personalità M-PSI/01 (C), sem/ Psicologia interculturale M-PSI/05 (C), sem . . . . . . . . . . . . . . . 8 Storia della filosofia/Sociologia generale corso avanzato* . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-FIL/06 - SPS/07 . . . . . . 10
Psicologia del lavoro e delle organizzazioni M-PSI/06 (C), ann. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8 Geografia culturale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-GGR/01. . . . . . . . . . . . . . 5
Psicologia dinamica I M-PSI/07 (C), ann. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8 Pedagogia sociale/Pedagogia interculturale* . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PED/01. . . . . . . . . . . . . 10
Laboratori, esperienze pratiche guidate, stages, tirocini di orientamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8 Storia sociale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-STO/04. . . . . . . . . . . . . . 5
A scelta dello studente. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 Ulteriori abilità informatiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
A scelta dello studente** (n. 2 laboratori da 2 e da 3 CFU cad.) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
III ANNO Prova finale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
Teoria e tecniche del colloquio psicologico M-PSI/07 (C), ann. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
Metodi e tec. in psicodiagnosi M-PSI/07 (C), sem/Teo. e tec. delle dinamiche di gruppo M-PSI/07 (C), sem. . 4 • PIANO DEGLI STUDI IMMATRICOLATI 2008/09
Psicologia clinica I M-PSI/08 (C), ann. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
Psicologia dell’educazione e dell’orientamento M-PSI/04 (C), ann. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8 I ANNO
Psi. dello svilup. infantile e dinam. familiari M-PSI/04 (C), sem/Psicopatol. dello svilup. M-PSI/08 (C), sem. . . 4 INSEGNAMENTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CFU
Psicologia cognitiva M-PSI/01 (C), sem. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 Pedagogia generale, corso avanzato M-PED/01 (C), sem. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
Laboratori, esperienze pratiche guidate, stages, tirocini di orientamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8 Psicologia della formazione M-PSI/05 (AF), sem/Psicologia del lavoro M-PSI/06 (AF), sem. . . . . . . . . . . . . . . 10
A scelta dello studente. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 Metodologia della ricerca pedagogica, M-PED/01 (C), sem . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
Prova finale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 Didattica spec., corso avanzato M-PED/03 (C), sem/Pedagogia spec., corso avanzato M-PED/03 (C), sem. . . 10
Storia della pedagogia M-PED/02 (C), sem/Letteratura per l’infanzia M-PED/02 (C), sem . . . . . . . . . . . . . . . . 10
Alla fine del 1. anno gli studenti potranno scegliere tra due opzioni: Educazione degli adulti, corso avanzato M-PED/01 (C), sem. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
1. Corso di laurea con possibilità di accreditamento automatico rispetto ai criteri Europsy Ulteriori conoscenze linguistiche (Lingua inglese). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
2. Corso di laurea senza accreditamento Europsy
Nel primo caso lo studente dovrà orientare la propria scelta (a scelta dello studente 12 CFU) con esami di settori M-PSI offerti
Tirocinio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
dalla facoltà. A scelta dello studente (n. 2 Laboratori da 2 e da 3 CFU cad.). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
Nel secondo caso lo studente potrà scegliere liberamente tra tutte le attività offerte dall’Ateneo.
II ANNO
Storia della filosofia M-FIL/06 (C), sem/Sociologia dei processi culturali SPS/08 (C), sem . . . . . . . . . . . . . . . . 10
Educazione ambientale M-PED/01 (C), sem/Geografia culturale M-GGR/01 (AF), sem. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10

12 13
vademecum 2009/10 parte generale

Pedagogia sociale M-PED/01 (C), sem/Pedagogia interculturale M-PED/01 (C), sem. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10 • PIANO DEGLI STUDI IMMATRICOLATI 2008/09
Storia sociale M-STO/04 (C), sem. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
Ulteriori abilità informatiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5 I ANNO
A scelta dello studente (n. 2 Laboratori da 2 e da 3 CFU cad.). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5 INSEGNAMENTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CFU
Prova finale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15 Psicologia giuridica e deontologia professionale M-PSI/05 (C), ann . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
Psicologia dinamica II M-PSI/07 (C), ann . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
Neuropsicologia cogn. M-PSI/01 (C), sem/Psi. dello svilup. del ling. e della comunica. M-PSI/04 (C), sem . . . 8
Psico. clinica nei servizi psichiatrici (salute mentale) M-PSI/08 (C), ann. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
CORSO DI LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA (LM-51) Biologia del comportamento II BIO/13 (AF), sem/Genetica del comportamento II BIO/13 (AF), sem . . . . . . . . 8
Inglese scientifico L-LIN/12 (AF), sem. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
• PIANO DEGLI STUDI IMMATRICOLATI 2009/10 Laboratori, esperienze guidate, stages . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
A scelta dello studente. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
I ANNO
INSEGNAMENTO SSD CFU II ANNO CURRICULUM DIAGNOSI E INTERVENTO CLINICO
Neuropsicologia cognitiva/Psicologia dello sviluppo del linguaggio e della comunicazione* . . M-PSI/01 - M-PSI/04. . 8 Psicologia clinica II M-PSI/08 (C), ann . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
Biologia del comportamento II/Genetica del comportamento II* . . . . . . . . . . . . . . . . . . BIO/13. . . . . . . . . . . . . 8 Principi terapeutici in psicologia clinica M-PSI/08 (C), ann. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
Psicologia giuridica e deontologia professionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PSI/05. . . . . . . . . . . 8 Psicosomatica M-PSI/08 (C), sem /Psicodiagnostica dinamico-clinica M-PSI/07 (C), sem. . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
Psicologia dinamica II . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PSI/07. . . . . . . . . . . . 8 Etnopsicopatologia M-PSI/08 (C), sem /Psicologia delle dipendenze M-PSI/08 (C), sem . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
Psicologia clinica nei servizi psichiatrici. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PSI/08 . . . . . . . . . . . 8 Psicologia dell’handicap e della riabilitazione M-PSI/04 (C), sem
Inglese scientifico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . L-LIN/12. . . . . . . . . . . . 4 oppure
Laboratori (n. 2 laboratori da 4 CFU cad.). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8 Psicologia clinica dell’infanzia e dell’adolescenza M-PSI/08 (C), sem . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
A scelta dello studente** . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8 Laboratori, esperienze guidate, stages. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
Prova finale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
II ANNO CURRICULUM DIAGNOSI E INTERVENTO CLINICO
Psicosomatica/Psicodiagnostica dinamico-clinica*. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PSI/08 - M-PSI/07. . 8 II ANNO CURRICULUM ANALISI E INTERVENTO SOCIALE
Psicologia delle dipendenze . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PSI/08 . . . . . . . . . . . 4 Psicologia clinica II M-PSI/08, (C), ann. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
Intervento psicologico sui gruppi/Psicologia clinica dell’infanzia e dell’adolescenza*. . . M-PSI/07-M-PSI/08. . . 8 Psicologia scolastica e orientamento professionale M-PSI/04 (C), sem
Psicologia clinica II . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PSI/08 . . . . . . . . . . . 8 Psicologia della comunicazione M-PSI/01 (C), sem /Psicologia gerontologica M-PSI/04 (C), sem . . . . . . . . . . . 8
Principi terapeutici in psicologia dinamico-clinica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PSI/07. . . . . . . . . . . . 8 Psi. dei gruppi e di comunità M-PSI/05 (C), sem /Metodologia intervista e questionario M-PSI/05 (C), sem . . 8
Laboratori, esperienze guidate, stages. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8 Psico. della marginalità e della devianza M-PSI/05 (C ), sem/Psico. delle dipendenze M-PSI/08 (C), sem. . . . . 8
Prova finale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16 Laboratori, esperienze guidate, stages. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
Prova finale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
II ANNO CURRICULUM ANALISI E INTERVENTO SOCIALE
Psicologia della comunicazione e della formazione/Metodologia intervista e questionario* . . . M-PSI/05. . . . . . . . . . . 8
Psicologia dei gruppi e di comunità/Psicologia della marginalità e della devianza* . . . . M-PSI/05. . . . . . . . . . . 8
Psicologia delle dipendenze e intervento sociale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PSI/05. . . . . . . . . . . 4
Psicologia clinica II . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PSI/08 . . . . . . . . . . . 8
Psicologia scolastica e orientamento professionale/Psicologia gerontologica*. . . . . . . . M-PSI/04 - M-PSI/08. . 8
Laboratori, esperienze guidate, stages. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
Prova finale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16

14 15
vademecum 2009/10 parte generale

CORSO DI LAUREA III ANNO
EDUCATORE SOCIALE TERRITORIALE (Classe 18) M-PED/01 Pedagogia sociale, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
M-PED/01 Psicopedagogia, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
• PIANO DEGLI STUDI IMMATRICOLATI 2007/08 M-PED/03 Tecnologie dell’istruzione e dell’apprendimento, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
M-PSI/04 Psicologia dell’handicap e della riabilitazione, semestrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
EDUCATORE SOCIALE TERRITORIALE BIO/09 Psicobiologia, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
CURRICULUM A SPS/03 Storia delle istituzioni politiche e sociali, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
SPS/08 Sociologia dei processi culturali, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
I ANNO (disattivato) M-PED/01 Filosofia dell’educazione, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
INSEGNAMENTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CFU M-FIL/06 Storia della filosofia del rinascimento, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
M-PED/01 Pedagogia generale, annuale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8 M-STO/05 Storia del pensiero scientifico, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
M-PED/03 Didattica generale, semestrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 SPS/12 Sociologia della famiglia, semestrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
M-PSI/01 Psicologia generale, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 M-PED/03 Didattica generale, semestrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
L-FIL-LET/12 Linguistica italiana, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 Discipline a scelta dello studente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
M-STO/04 Storia sociale, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 Prova finale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
MED/25 Psichiatria, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 Tirocinio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
M-PED/03 Pedagogia speciale, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
MED/39 Neuropsichiatria infantile, semestrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 EDUCATORE D’INFANZIA
M-PSI/04 Psicologia dello sviluppo, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 CURRICULUM B
MED/50 Logopedia generale, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
M-FIL/02 Logica, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 I ANNO (disattivato)
Discipline a scelta dello studente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 INSEGNAMENTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CFU
Lingua straniera (inglese, francese). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 M-PED/01 Pedagogia generale, annuale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
Abilità informatiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 M-PED/03 Didattica generale, semestrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
M-PSI/01 Psicologia generale, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
II ANNO (disattivato) L-FIL-LET/12 Linguistica italiana, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
M-PED/02 Storia della Pedagogia, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 M-STO/04 Storia sociale, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
M-PED/03 Metodologia e tecnica del lavoro di gruppo, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 MED/25 Psichiatria, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
M-PED/03 Didattica speciale, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 M-PED/03 Pedagogia speciale, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
M-PED/04 Pedagogia sperimentale, semestrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 MED/39 Neuropsichiatria infantile, semestrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
M-FIL/06 Storia della filosofia, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 M-PSI/04 Psicologia dello sviluppo, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
M-PED/03 Pedagogia della marginalità e della devianza minorile, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 MED/50 Logopedia generale, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
SPS/09 Formazione e politiche delle risorse umane, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 M-FIL/02 Logica, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
M-DEA/01 Antropologia culturale, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 Discipline a scelta dello studente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
SECS-P/10 Organizzazione e gestione delle risorse umane, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 Lingua straniera (inglese, francese). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
SPS/09 Organizzazione dei servizi sociali, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 Abilità informatiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
M-FIL/01 Filosofia teoretica, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
L-ART/05 Teatro d’animazione, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 II ANNO (disattivato)
Discipline a scelta dello studente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 M-PED/02 Storia della Pedagogia, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
Lingua straniera (inglese, francese). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2 M-PED/03 Metodologia e tecnica del lavoro di gruppo, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
Tirocinio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 M-PED/03 Didattica speciale, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
M-PED/04 Pedagogia sperimentale, semestrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
M-FIL/06 Storia della filosofia, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4

16 17
vademecum 2009/10 parte generale

M-PED/03 Pedagogia della marginalità e della devianza minorile, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
CORSO DI LAUREA
SPS/09 Formazione e politiche delle risorse umane, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
ESPERTO NEI PROCESSI DI FORMAZIONE E NEI SERVIZI CULTURALI
(Classe 18)
M-DEA/01 Antropologia culturale, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
SECS-P/10 Organizzazione e gestione delle risorse umane, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
SPS/09 Organizzazione dei servizi sociali, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 • PIANO DEGLI STUDI IMMATRICOLATI 2007/08
M-FIL/01 Filosofia teoretica, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
L-ART/05 Teatro d’animazione, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 ESPERTO NEI PROCESSI DI FORMAZIONE
Discipline a scelta dello studente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 CURRICULUM A
Lingua straniera (inglese, francese). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2
Tirocinio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 I ANNO (disattivato)
INSEGNAMENTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CFU
III ANNO M-PED/01 Pedagogia generale, annuale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
M-PED/02 Letteratura per l’infanzia, semestrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 M-PED/03 Didattica generale, semestrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
M-PED/03 Metodologia e tecnica del gioco e dell’animazione, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 M-PED/01 Pedagogia sociale, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
M-PSI/04 Psicologia dell’educazione, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 M-STO/01Storia economica e sociale del medioevo, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
L-FIL-LET/12 Linguistica italiana, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 MED/44 Medicina del lavoro, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
M-FIL/05 Filosofia del linguaggio, semestrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 L-FIL-LET/12 Linguistica italiana, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
MED/39 Psicopatologia dell’età evolutiva, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 M-FIL/01 Propedeutica filosofica, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
MED/42 Igiene applicata, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 M-FIL/06 Storia della filosofia, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
BIO/09 Psicobiologia, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 SPS/09 Formazione e politiche delle risorse umane, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
IUS/09 Istituzioni di diritto pubblico e legislazione scolastica, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 SPS/08 Sociologia della conoscenza, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
M-PED/03 Didattica generale, semestrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 SECS-P/10 Organizzazione e gestione delle risorse umane I, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
M-PED/01 Pedagogia interculturale, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 Discipline a scelta dello studente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
L-ART/05 Teatro d’animazione, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 Lingua straniera (inglese, francese). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
Discipline a scelta dello studente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 Abilità informatiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
Prova finale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
Tirocinio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6 II ANNO (disattivato)
M-PED/01 Pedagogia interculturale, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
M-PED/01 Educazione degli adulti, semestrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
M-PED /03 Tecnologia dell’istruzione e dell’apprendimento, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
M-PED /03 Pedagogia della marginalità e della devianza minorile, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
M-STO/02 Storia del rinascimento, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
M-FIL/06 Storia della filosofia italiana, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
M/FIL/06 Storia della filosofia moderna, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
M-PED/02 Storia della formazione, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
SECS-P/10 Organizzazione e gestione delle risorse umane II, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
L-ART/04 Scienze della cultura e fenomenologia degli stili, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
IUS/09 Diritto regionale e degli enti locali, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
Discipline a scelta dello studente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
Lingua straniera (inglese, francese). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
Abilità informatiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
Tirocinio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4

18 19
vademecum 2009/10 parte generale

III ANNO M-FIL/06 Storia della filosofia italiana, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
M-PSI/04 Psicologia dell’orientamento scolastico, semestrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 M/FIL/06 Storia della filosofia moderna, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
M-PED/03 Didattica generale, semestrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 M-PED/02 Storia della formazione, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
M-STO/05 Storia della scienza, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 SECS-P/10 Organizzazione e gestione delle risorse umane II, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
M-PSI/05 Psicologia dei gruppi, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 L-ART/04 Scienze della cultura e fenomenologia degli stili, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
M-PSI/05 Psicologia della formazione, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 IUS/09 Diritto regionale e degli enti locali, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
M-PSI/06 Psicologia del lavoro, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 Discipline a scelta dello studente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
M-PSI/06 Psicologia delle organizzazioni, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 Lingua straniera (inglese, francese). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
M-PSI/05 Psicologia sociale, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 Abilità informatiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
M-PED/01 Pedagogia della formazione, semestrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 Tirocinio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
SPS/03 Storia delle istituzioni politiche, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
BIO/09 Psicobiologia, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 III ANNO
SECS-S/05 Modelli statistici per l’analisi e la valutazione dei processi educativi, semestrale . . . . . . . . . . . . . . . . 4 M-GGR/01 Geografia culturale, semestrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
Disciplina a scelta dello studente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 M-GGR/01 Geografia sociale, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
Prova finale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2 M-PED/01 Pedagogia della formazione, semestrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
Tirocinio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6 M-STO/01 Storia medievale, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
M-STO/02 Storia moderna, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
ESPERTO NEI SERVIZI CULTURALI M-FIL/06 Storia della filosofia del rinascimento, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
CURRICULUM B M-FIL/06 Storia della filosofia politica, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
M-DEA/01 Antropologia culturale, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
I ANNO (disattivato) L-ART/04 Storia sociale dell’arte, semestrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
INSEGNAMENTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CFU L-ART/07 Storia della musica moderna e contemporanea, semestrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
M-PED/01 Pedagogia generale, annuale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8 L-ART/04 Museologia, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
M-PED/03 Didattica generale, semestrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 BIO/09 Psicobiologia, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
M-PED/01 Pedagogia sociale, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 Discipline a scelta dello studente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
M-STO/01Storia economica e sociale del medioevo, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 Prova finale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2
MED/44 Medicina del lavoro, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 Abilità relazionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
L-FIL-LET/12 Linguistica italiana, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
M-FIL/01 Propedeutica filosofica, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
M-FIL/06 Storia della filosofia, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
SPS/09 Formazione e politiche delle risorse umane, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
SPS/08 Sociologia della conoscenza, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
SECS-P/10 Organizzazione e gestione delle risorse umane I, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
Discipline a scelta dello studente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
Lingua straniera (inglese, francese). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
Abilità informatiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4

II ANNO (disattivato)
M-PED/01 Pedagogia interculturale, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
M-PED/01 Educazione degli adulti, semestrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
M-PED /03 Tecnologia dell’istruzione e dell’apprendimento, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
M-PED /03 Pedagogia della marginalità e della devianza minorile, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
M-STO/02 Storia del rinascimento, semestrale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4

20 21
vademecum 2009/10 parte generale

CORSO DI LAUREA SCIENZE PSICOLOGICHE DELL’INTERVENTO CLINICO
SCIENZE PSICOLOGICHE DELL’INTERVENTO CLINICO (Classe 34) CURRICULUM B

• PIANO DEGLI STUDI IMMATRICOLATI 2007/08 I ANNO (disattivato)
M-PSI/01 – Psicologia generale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
SCIENZE PSICOLOGICHE DELL’INTERVENTO CLINICO M-PSI/04 – Psicologia dello sviluppo 1. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
CURRICULUM A BIO/13 – Biologia e genetica del comportamento. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
BIO/16 – Anatomia del sistema nervoso e degli organi di senso. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
I ANNO (disattivato) SECS-S/05 – Metodologia della ricerca con elementi di statistica. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
INSEGNAMENTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CFU M-PSI/01 – Storia della psicologia. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
M-PSI/01 – Psicologia generale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8 M-DEA/01 – Antropologia culturale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
M-PSI/04 – Psicologia dello sviluppo 1. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8 M-FIL/06 – Storia della filosofia. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
BIO/13 – Biologia e genetica del comportamento. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8 Lingua inglese. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
BIO/16 – Anatomia del sistema nervoso e degli organi di senso. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
SECS-S/05 – Metodologia della ricerca con elementi di statistica. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8 II ANNO (disattivato)
M-PSI/01 – Storia della psicologia. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8 M-PSI/05 – Psicologia sociale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
M-DEA/01 – Antropologia culturale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 M-PSI/07 – Psicologia dinamica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
M-FIL/06 – Storia della filosofia. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 BIO/09 – Neurofisiologia. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
Lingua inglese. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3 M-PSI/04 – Psicologia dello sviluppo 2. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
M-PSI/03 – Psicometria. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
II ANNO (disattivato) M-PSI/04 – Psicologia dell’educazione e dell’orientamento scolastico. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
M-PSI/05 – Psicologia sociale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8 INF/01 – Informatica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2
M-PSI/07 – Psicologia dinamica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8 Lingua inglese. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
BIO/09 – Neurofisiologia. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8 Ulteriori conoscenze linguistiche e/o informatiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
M-PSI/02 – Psicologia biologica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
M-PSI/03 – Psicometria. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8 III ANNO
M-PSI/01 – Psicologia nell’arte o (a scelta dello studente) M-PSI/01 – Psicologia dei processi cognitivi. . . . . . . 8 M-PED/01 – Pedagogia generale e sociale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
INF/01 – Informatica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2 M-PED/02 – Storia della scuola. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
Lingua inglese. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 M-PSI/04 – Sviluppo infantile e dinamiche familiari. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
Ulteriori conoscenze linguistiche e/o informatiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 M-PSI/08 – Psicopatologia dello sviluppo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
M-PSI/07 – Psicodiagnostica infantile. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
III ANNO M-PSI/05 – Psicologia sociale della personalità. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
M-STO/04 – Storia contemporanea . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1 Tirocinio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
M-STO/05 – Storia della sanità. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7 Prova finale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
M-PSI/04 – Sviluppo infantile e dinamiche familiari. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
M-PSI/08 – Psicopatologia generale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8 Nei 3 anni di corso di studio lo studente ha a disposizione 10, da utilizzare con la partecipazione a seminari/lezioni di altri
M-PSI/07 – Psicodiagnostica. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8 insegnamenti dell’Ateneo e/o con altra attività formativa da lui liberamente scelta.
M-PSI/05 – Psicologia sociale della personalità. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
Tirocinio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
Prova finale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3

Nei 3 anni di corso di studio lo studente ha a disposizione 10, da utilizzare con la partecipazione a seminari/lezioni di altri
insegnamenti dell’Ateneo e/o con altra attività formativa da lui liberamente scelta.

22 23
vademecum 2009/10 parte generale

CORSO DI LAUREA CORSO DI LAUREA QUADRIENNALE
SCIENZE PSICOLOGICHE DEL LAVORO (Classe 34) SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA

• PIANO DEGLI STUDI IMMATRICOLATI 2007/08 • PIANO DEGLI STUDI IMMATRICOLATI 2009/10

I ANNO (disattivato) I ANNO
INSEGNAMENTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . CFU INSEGNAMENTO SSD CFU
M-PSI/01 – Psicologia generale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7 Didattica generale/Epistemologia delle scienze umane. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PED/03 - M-FIL/02. . . 6
M-PSI/04 – Psicologia dello sviluppo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7 Pedagogia speciale/Psicologia medica. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PED/03 - MED/25. . . . 6
M-PSI/05 – Psicologia sociale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7 Storia del rinascimento/Didattica della storia. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-STO/02 . . . . . . . . . . . . 6
BIO/13 – Fondamenti biologici dell’attività lavorativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8 Geografia/Didattica della geografia. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-GGR/01. . . . . . . . . . . . 6
SECS-S/05 – Metodologia della ricerca con elementi di statistica. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7 Didattica della lingua italiana/Letteratura per l’infanzia. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . L-FIL-LET/12 - M-PED/02.6
M-DEA/01 – Antropologia culturale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7 Matematica/Didattica della matematica. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . MAT/04. . . . . . . . . . . . . . 6
SPS/07 – Sociologia. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7 Lingua straniera (inglese-francese). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . L-LIN/12 - L-LIN/04. . . . . 6
M-FIL/06 - Storia della filosofia. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
L-LIN/12 – Lingua inglese . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3 II ANNO
Percezione e comunicazione visiva/Disegno. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ICAR/17 . . . . . . . . . . . . . . 6
II ANNO Sociologia della devianza/Teoria dei processi di socializzazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . SPS/12 - SPS/07. . . . . . . . 6
M-PSI/01 – Psicologia dei processi decisionali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7 Educazione ambientale/Igiene ed educazione sanitaria. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PED/03 - MED/42. . . . 6
M-PSI/03 – Psicometria. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7 Pedagogia generale/Tecnologie dell’istruzione e dell’apprendimento. . . . . . . . . . . . . M-PED/01 - M-PED/03. . 6
M-PSI/05 – Metodologia della ricerca psico-sociale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7 Pedagogia interculturale/Storia dell’educazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PED/01 - M-PED/02. . 6
M-PSI/06 – Psicologia del lavoro. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8 Psicologia dello sviluppo cognitivo/Psicologia dell’apprendimento e della memoria. M-PSI/04 - M-PSI/01. . . . 6
M-STO/04 – Storia del lavoro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7 Didattica delle lingue straniere moderne/Lingua straniera (inglese-francese). . . . . . . L-LIN/02 - L-LIN/04. . . . . 6
SPS/09 – Sociologia dei processi economici e del lavoro. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
INF/01 – Informatica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2 II° BIENNIO DI INDIRIZZO
L-LIN/12 – Lingua inglese . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
Ulteriori conoscenze linguistiche e/o informatiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4 III ANNO
Psicopedagogia del linguaggio e della comunicazione/Fisiologia della comunicazione. M-PED/01 - MED/50. . . . 6
III ANNO Teoria, tecnica e didattica dell’attività motoria per l’età evolutiva/Didattica speciale. . M-EDF/02 - M-PED/03. . 6
M-PSI/07 – Psicologia dinamica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7 Metodologia dell’educazione musicale/Teoria musicale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . L-ART/07. . . . . . . . . . . . . 6
M-PSI/06 – Psicologia della formazione e dell’orientamento. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8 Tecniche di osservazione del comportamento infantile/Teoria e tecnica delle dinamiche di gruppo. . M-PSI/03. . . . . . . . . . . . . 6
M-PSI/06 – Psicologia delle organizzazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8 Lingua italiana/Letteratura per l’infanzia. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . L-FIL-LET/12 - M-PED/02.6
M-PSI/05 – Metodologia dell’intervista e del questionario. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7 Didattica delle scienze naturali/Ecologia. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . BIO/05 - BIO/07. . . . . . . 6
MED/43 – Medicina legale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7 Lingua straniera (inglese-francese). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . L-LIN/12 - L-LIN/04. . . . . 6
MED/44 – Medicina del lavoro. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
Tirocinio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10 Note: La lingua straniera del III anno deve essere sostenuta solo dagli studenti che hanno scelto l’indirizzo Scuola elementare.
Prova finale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
IV ANNO
Nei 3 anni di corso di studio lo studente ha a disposizione 10, da utilizzare con la partecipazione a seminari/lezioni di altri DISCIPLINE IN COMUNE AD ENTRAMBI GLI INDIRIZZI
insegnamenti dell’Ateneo e/o con altra attività formativa da lui liberamente scelta. Istituzioni di diritto pubblico e legislazione scolastica/Organizzazione e gestione delle risorse umane. . IUS/09 - SECS-P/10. . . . . 6
Sociologia dei processi culturali/Teoria e tecnica dei nuovi media. . . . . . . . . . . . . . . . SPS/08. . . . . . . . . . . . . . . 6
Pedagogia sperimentale/Docimologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PED/04. . . . . . . . . . . . 6

24 25
vademecum 2009/10 parte generale

INDIRIZZO SCUOLA MATERNA II ANNO
Educazione ambientale/Antropologia culturale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PED/03 - M-DEA/01. . 6 Percezione e comunicazione visiva ICAR/17
Metodologia e tecnica del gioco e dell’animazione/Teatro di animazione. . . . . . . . . . M-PED/03 - L-ART/05. . . 6 Disegno ICAR/17
Psicologia dello sviluppo cognitivo/Logica. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PSI/04 - M-FIL/02. . . . 6 Sociologia della devianza SPS/12
Letteratura per l’infanzia/Psicopedagogia del linguaggio e della comunicazione . . . . M-PED/02 -M-PSI/04. . . 6 Teoria dei processi di socializzazione SPS/07
Educazione ambientale M-PED/03
INDIRIZZO SCUOLA ELEMENTARE Igiene ed educazione sanitaria MED/42
Storia moderna/Storia contemporanea. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-STO/02 - M-STO/04. . 6 Pedagogia generale M-PED/01
Istituzioni di matematica/Logica. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . MAT/04 - M-FIL/02. . . . . 6 Tecnologie dell’istruzione e dell’apprendimento M-PED/03
Grammatica italiana/Lingua e letteratura italiana. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . L-FIL-LET/12 - L-FIL-LET/10. 6 Pedagogia interculturale M-PED/01
Metodi e didattiche delle attività motorie/Teatro di animazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . M-EDF/01 - L-ART/05. . . 6 Storia dell’educazione M-PED/02
Psicologia dello sviluppo cognitivo M-PSI/04
TIROCINIO per l’intero percorso di studi 480 ore pari a 48 crediti Psicologia dell’apprendimento e della memoria M-PSI/01
LABORATORIO per l’intero percorso di studi 240 ore pari a 24 crediti. Didattica delle lingue straniere moderne L-LIN/02
Lingua straniera (inglese [L-LIN/12], francese [L-LIN/04])
INSEGNAMENTI AGGIUNTIVI PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI SOSTEGNO
Psicologia di comunità (primo anno). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PSI/05. . . . . . . . . . . . . 6 II° BIENNIO DI INDIRIZZO
Psicologia dell’handicap e della riabilitazione (primo anno). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PSI/04. . . . . . . . . . . . . 6
Neuropsichiatria infantile (secondo anno). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . MED/39. . . . . . . . . . . . . . 6 III ANNO
Psicologia cognitiva (secondo anno) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PSI/01. . . . . . . . . . . . . 6 Psicopedagogia del linguaggio e della comunicazione M-PED/01
Logopedia generale (terzo anno). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . MED/50. . . . . . . . . . . . . . 6 Fisiologia della comunicazione MED/50
Psicologia dello sviluppo (terzo anno). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PSI/04. . . . . . . . . . . . . 6 Teoria, tecnica e didattica dell’attività motoria per l’età evolutiva M-EDF/02
Didattica speciale (quarto anno). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PED/03. . . . . . . . . . . . 6 Didattica speciale M-PED/03
Metodologia dell’educazione musicale L-ART/07
• PIANO DEGLI STUDI IMMATRICOLATI 2008/09 Teoria musicale L-ART/07
Tecniche di osservazione del comportamento infantile M-PSI/03
I ANNO Teoria e tecnica delle dinamiche di gruppo M-PSI/03
Didattica generale M-PED/03 Lingua italiana L-FIL-LET/12
Epistemologia delle scienze umane M-FIL/02 Letteratura per l’infanzia M-PED/02
Pedagogia speciale M-PED/03 Didattica delle scienze naturali BIO/05
Psicologia medica MED/25 Ecologia BIO/07
Storia del rinascimento M-STO/02 Lingua straniera (inglese [L-LIN/12], francese [L-LIN/04]) solo per indirizzo “Scuola elementare”
Didattica della storia M-STO/02
Geografia M-GGR/01 IV ANNO
Didattica della geografia M-GGR/01 INDIRIZZO SCUOLA MATERNA
Didattica della lingua italiana L-FIL-LET/12 Educazione ambientale M-PED/03
Letteratura per l’infanzia M-PED/02 Storia delle tradizioni popolari M-DEA/01
Matematica MAT/04 Metodologia e tecnica del gioco e dell’animazione M-PED/03
Didattica della matematica MAT/04 Teatro di animazione L-ART/05
Lingua straniera (inglese [L-LIN/12], francese [L-LIN/04]) Psicologia dello sviluppo cognitivo M-PSI/04
Logica M-FIL/02
Letteratura per l’infanzia M-PED/02
Psicopedagogia del linguaggio e della comunicazione M-PSI/04

26 27
vademecum 2009/10 parte generale

INDIRIZZO SCUOLA ELEMENTARE PROGRAMMI DEGLI INSEGNAMENTI
Storia moderna M-STO/02
Storia contemporanea M-STO/04
Istituzioni di matematica MAT/04
Logica M-FIL/02 Eventuali correzioni, integrazioni e modifiche sono consultabili sul portale d’Ateneo all’indirizzo:
Grammatica italiana L-FIL-LET/12 www.uniurb.it/insegnamenti
Lingua e letteratura italiana L-FIL-LET/10
Metodi e didattiche delle attività motorie M-EDF/01
Teatro di animazione L-ART/05

COMUNE AD ENTRAMBI GLI INDIRIZZI
Istituzioni di diritto pubblico e legislazione scolastica IUS/09
Organizzazione e gestione delle risorse umane SECS-P/10
Sociologia dei processi culturali SPS/08
Teoria e tecnica dei nuovi media SPS/08
Pedagogia sperimentale M-PED/04
Docimologia M-PED/04

TIROCINIO per l’intero percorso di studi 480 ore pari a 48 crediti
LABORATORIO per l’intero percorso di studi 240 ore pari a 24 crediti.

Insegnamenti aggiuntivi per il conseguimento del titolo di sostegno
Psicologia di comunità (primo anno). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PSI/05. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
Psicologia dell’handicap e della riabilitazione (primo anno). . . . . . . . . . . . M-PSI/04. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
Neuropsichiatria infantile (secondo anno). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . MED/39. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
Psicologia cognitiva (secondo anno) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PSI/01 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
Logopedia generale (terzo anno). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . MED/50. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
Psicologia dello sviluppo (terzo anno). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PSI/04. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
Didattica speciale (quarto anno). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . M-PED/03 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6

Legenda
L Corso di LAUREA
CU Corso di LAUREA a ciclo unico
LS Corso di LAUREA SPECIALISTICA
LM Corso di LAUREA MAGISTRALE
LMG Corso di LAUREA MAGISTRALE a ciclo unico quinquennale
CNA-L Corso di LAUREA ad esaurimento per il quale non è possibile iscriversi al primo anno

28 29
vademecum 2009/10 insegnamenti

Abilità informatiche (idoneità) ................................................................................................................................
Antropologia culturale 
CFU 4 • DURATA Semestrale M-DEA/01
Titolo corso: Abilità informatiche
Corsi di laurea in: Scienze e tecniche psicologiche (L) CFU 4 • DURATA Semestrale
Titolo corso: Identità e società multietnica
Prof. CERBONI BAIARDI GIACOMO gcbaiardi@info-data.it Corsi di laurea in: Esperto nei processi di formazione e nei servizi culturali (CNA-L)

Obiettivi Formativi: Prof. TABONI PIERFRANCO pierfranco.taboni@uniurb.it
Conoscenza dei sistemi informatici e uso dei fogli elettronici Ricevimento: verrà comunicato all’inizio del secondo semestre
Programma:
Il corso vuole fornire le nozioni di base di un percorso di alfabetizzazione sulle tecnologie dell’informazione e della Obiettivi Formativi:
comunicazione. i sistemi informatici verranno introdotti come strumenti integrati di elaborazione e di trasmissione il corso si propone di affrontare le categorie di civiltà, cultura, appartenenza, società aperta, e le fenomenologie del
dell’informazione per evidenziare la convergenza delle tecnologie dell’informazione e delle tecnologie della
comunicazione. A tal scopo vengono sviluppati parallelamente i temi dell’elaborazione e della trasmissione multiculturalismo
dell’informazione, prendendo a paradigma di sistema informatico il personal computer connesso a una rete locale e a Programma:
Internet. concetti generali e contesti specifici dei rapporti interculturali
E’ richiesta la conoscenza di uno dei sistemi operativi Microsoft (Windows XP, Vista,) e del programmi Applicativi Modalità didattiche:
Microsoft Word e Microsoft PowerPoint. lezioni frontali, seminari tematici, tesine di approfondimento
Risultati di apprendimento: Testi di studio:
In rapporto alle Abilità informatiche lo studente dovrà mostrare il possesso: P.F. Taboni, Anthropos logos, QuattroVenti, Urbino, vol. I:
- della padronanza delle conoscenze di base; J. Habermas - Ch. Taylor, Multiculturalismo, Feltrinelli, Milano (solo il testo di Ch. Taylor La politica del riconoscimento,
- della comprensione dei concetti fondamentali della disciplina; pp. 9- 62);
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare secondo la logica della disciplina. W. Kymlicka, La cittadinanza multiculturale, il Mulino, Bologna (soli i capitoli II, IV, VIII, pp. 21-61, 89-132, 265-301;
Attività a supporto della didattica: Modalità di accertamento:
Lezioni integrative Esame orale
Modalità didattiche: ................................................................................................................................
lezioni frontali
Testi di studio: Biologia del comportamento II
BIO/13
esame scritto
Modalità di accertamento:
CFU 4 • DURATA Semestrale
Introduzione ai sistemi informatici (III edizione), Bonanno, Sciuto, Fornaciari - Mc Graw Hill Editore
Titolo corso: Biologia del Comportamento II
................................................................................................................................ Corsi di laurea in: Psicologia clinica (LM)
Abilità relazionali
Prof. GREGORINI ARMANDO armando.gregorini@uniurb.it
CFU 6
Corsi di laurea in: Esperto nei processi di formazione e nei servizi culturali (CNA-L) Obiettivi Formativi:
Il corso si propone di dare gli strumenti teorici e metodologici per interpretare il comportamento umano alla luce delle
Prof. BENEDETTI BENEDETTO benedettibenedetto@virgilio.it complesse interazioni biologiche e fisiologiche che ne condizionano le manifestazioni. In questo contesto, verranno
fornite nozioni avanzate nel campo della biologia, dell’immunologia e dei modelli evolutivi.
Obiettivi Formativi: Sono richieste cognizioni di base di biologia cellulare e di genetica: organizzazione e funzioni della cellula; struttura e
Il corso si propone di fornire agli studenti i concetti teorici fondamentali delle relazioni umane all’interno dei gruppi funzioni degli acidi nucleici (DNA e RNA); codice genetico e sintesi proteica; organizzazione cromosomica.
secondo l’ottica sistemica Programma:
Programma: - Dalla cellula all’organismo adulto: ciclo cellulare, mitosi e meiosi, gametogenesi, fecondazione, sviluppo e
1. Relazionalità umana 1.1 Le dinamiche: nei piccoli gruppi, nella famiglia 1.2 Gruppo e comunicazione 1.3 Leadership e differenziamento embrionale e fetale; teratogeni, FAS; determinazione sessuale, sesso genotipico, gonadico e fenotipico;
marginalità 1.4 Marginalizzazione familiare e sociale 1.5 Educazione del bambino in età pre-scolare malattie legate ad una errata determinazione sessuale (reversione del sesso; Sindrome di Morris; Ermafroditismo e
Modalità didattiche: Pseudoermafroditismo).
Lezione frontale; tesine di approfondimento - Immunologia: componenti del sistema immunitario; difese aspecifiche (risposta infiammatoria) e specifiche (risposta
Testi di studio: umorale e cellulare); gruppi sanguigni (sistema ABO e Rh); sistema MHC/HLA; ricombinazione somatica dei geni
B.Benedetti, La relazione educativa nel gruppo, Liguori Editore Napoli, 2003. anticorpali; disordini del sistema immunitario (eritroblastosi fetale; allergie; malattie autoimmuni; AIDS); relazioni tra
B.Benedetti, Come in uno specchio infranto: unità e molteplicità della realtà in psicologia evolutiva, Edizioni sistema immunitario, sistema nervoso e sistema endocrino.
Quattroventi, Urbino, 2009. - Diversità ed evoluzione della specie umana: teorie moderne dell’evoluzione; microevoluzione (legge di Hardy-
M. Montanari, Dall’infanzia all’adolescenza: educazione alla criticità, Edizioni Quattroventi, Urbino, in corso di stampa. Weinberg e fattori che alterano l’equilibrio genetico); macroevoluzione; evoluzione dei primati e origine dell’uomo;
Modalità di accertamento: evoluzione e comportamento.
Esame orale

30 31
vademecum 2009/10 insegnamenti

Risultati di apprendimento: Attività a supporto della didattica:
In rapporto alla Biologia del comportamento II lo studente deve mostrare il possesso: Lezioni di approfondimento e seminari integrativi
- della padronanza delle conoscenze delle discipline specialistiche; Modalità didattiche:
- della comprensione dei concetti avanzati della disciplina;  lezioni frontali
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare in maniera autonoma sulle problematiche della disciplina. Testi di studio:
Attività a supporto della didattica: - Sadava D, Heller HG, Orians GH, Purves WK, Hillis DM: Biologia - La Cellula, Terza edizione. Zanichelli, 2009.
Lezioni di approfondimento e seminari integrativi - Sadava D, Heller HG, Orians GH, Purves WK, Hillis DM: Biologia - L’ereditarietà e il genoma, Terza edizione. Zanichelli,
Modalità didattiche: 2009.
 Lezioni frontali Modalità di accertamento:
Testi di studio:  Esame scritto ed esame orale.
Cummings MR: Eredità (Principi e problematiche della genetica umana), II edizione. EDISES, 2009. Note:
Modalità di accertamento: È fortemente consigliato seguire le lezioni o, in alternativa, prendere contatto con il docente per organizzare
 Esame scritto e orale. adeguatamente lo studio.
Note: I testi di studio vanno integrati (particolarmente per i non frequentanti, ma l’integrazione è utile anche ai frequentanti)
 È fortemente consigliato seguire le lezioni o, in alternativa, prendere contatto con il docente per organizzare con materiale di approfondimento che verrà indicato all’inizio delle lezioni.
adeguatamente lo studio. ................................................................................................................................
Il testo di studio va integrato (particolarmente per i non frequentanti, ma l’integrazione è utile anche ai frequentanti) con
materiale di approfondimento che verrà indicato all’inizio delle lezioni.
Competenze organizzative e gestionali
................................................................................................................................ CFU 5 • DURATA Semestrale
Biologia e genetica del comportamento  Corsi di laurea in: Scienze dell’Educazione e della formazione (L)
BIO/13
Prof. BENEDETTI BENEDETTO benedettibenedetto@virgilio.it
CFU 8 • DURATA Annuale
Titolo corso: BIOLOGIA E GENETICA DEL COMPORTAMENTO Obiettivi Formativi:
Corsi di laurea in: Scienze e tecniche psicologiche (L) Il corso si propone di fornire agli studenti i concetti teorici fondamentali delle relazioni umane all’interno dei gruppi
secondo l’ottica sistemica per acquisire competenze organizzative e gestionali.
Prof. GREGORINI ARMANDO armando.gregorini@uniurb.it Programma:
1. Relazionalità umana 1.1 Le dinamiche nei piccoli gruppi 1.2 Gruppo e comunicazione 1.3 Leadership e marginalità 1.4
Obiettivi Formativi: Marginalizzazione sociale 1.5 Materia ed energia, concetti.
Il corso si propone di fornire agli studenti nozioni di biochimica, biologia cellulare, genetica, endocrinologia e Risultati di apprendimento:
immunologia in modo da acquisire gli strumenti idonei per comprendere e interpretare la complessa trama di relazioni In rapporto alle Competenze organizzative e gestionali lo studente dovrà mostrare il possesso:
biologiche che sottendono e influenzano il comportamento umano. In questo contesto verranno approfondite (anche - della padronanza delle conoscenze di base;
con appositi seminari) alcune patologie esemplificative dei modelli studiati. - della comprensione dei concetti fondamentali della disciplina;
Programma: - della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare secondo la logica della disciplina.
- La chimica della vita: elementi; legami chimici; caratteristiche strutturali e funzionali delle macromolecole (Glicidi, Attività a supporto della didattica:
Lipidi, Acidi Nucleici e Proteine). Lezioni integrative.
- Cellule ed energia: struttura e funzioni della cellula eucariotica; principali organuli cellulari; metabolismo energetico. Modalità didattiche:
- Ereditarietà: struttura e funzione degli acidi nucleici, duplicazione del DNA, trascrizione, codice genetico e sintesi lezione frontale
proteica; cromosomi, ciclo cellulare e divisione cellulare (mitosi e meiosi); I e II legge di Mendel e neomendelismo; Testi di studio:
teoria cromosomica dell’eredità; agenti mutageni e mutazioni geniche, cromosomiche e genomiche. B.Benedetti, La relazione educativa nel gruppo, Liguori Editore Napoli, 2003.
- Sistema endocrino: ghiandole endocrine, ormoni e loro meccanismi d’azione, regolazione dell’omeostasi. B.Benedetti, Come in uno specchio infranto: unità e molteplicità della realtà in psicologia evolutiva, Edizioni
- Sistema Immunitario: proprietà e componenti; risposta infiammatoria; risposta umorale e cellulo-mediata; sistema Quattroventi, Urbino, 2009.
MHC/HLA. M. Montanari, Dall’infanzia all’adolescenza: educazione alla criticità, Edizioni Quattroventi, Urbino, in corso di stampa.
- Relazioni tra sistema immunitario, sistema nervoso e sistema endocrino: Risposta allo stress. Modalità di accertamento:
- Approfondimenti: la malattia di Niemann-Pick. Esame orale.
  ................................................................................................................................
 
Eventuali propedeuticità:
Didattica della geografia 
M-GGR/01
L’esame di Biologia e genetica del comportamento è propedeutico a Fondamenti anatomo-fisiologici dell’attività psichica.
Risultati di apprendimento: CFU 3 • DURATA Semestrale
In rapporto alla Biologia e genetica del comportamento lo studente dovrà mostrare il possesso: Titolo corso: La geografia nella scuola e nella società d’inizio millennio
- della padronanza delle conoscenze di base; Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU)
- della comprensione dei concetti fondamentali della disciplina;
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare secondo la logica della disciplina. Prof. UGOLINI MONICA geografia@uniurb.it

32 33
vademecum 2009/10 insegnamenti

Ricevimento: vedi sito web dell’Istituto di Geografia J.M.Barrie, Peter Pan - Il bambino che non voleva crescere,Milano,U.E.Feltrinelli 2003
oppure
Obiettivi Formativi: J.M.Barrie,Peter Pan, Milano, Mondadori 1996
Il corso si propone di fornire agli studenti i concetti teorici fondamentali di didattica della geografia e della cartografia. Modalità di accertamento:
Programma: Esame scritto
Geografia: spirito, finalità, metodi. Linguaggio verbale e linguaggio geografico. Dati e statistiche nella loro ................................................................................................................................
rappresentazione grafica e cartografica. Cartografia: lettura e interpretazione. Ruolo educativo della geografia. Didattica della matematica 
Educazione allo sviluppo sostenibile. Insegnamento-apprendimento. Spazio, cultura e territorio. Spazio assoluto, spazio MAT/04
relativo e spazio geografico, spazio e percezione. Carte mentali. Abilità e intelligenza spaziale. I linguaggi della
geograficità. Il paesaggio e le sue valenze educative. Strumenti per lo studio del lontano. Obiettivi e prerequisiti CFU 3 • DURATA Semestrale
dell’approccio geografico. Analisi e sintesi nell’interpretazione globale. La classe di geografia come laboratorio di ricerca. Titolo corso: Didattica della matematica
Verifiche. Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU)
Modalità didattiche:
Lezione frontale; tesine di approfondimento su temi concordati col docente Prof. GABELLINI GIORGIO giorgio.gabellini@unibo.it
Testi di studio: Ricevimento: Al termine della lezione o previo appuntamento contattando in anticipo il docente al suo indirizzo e-mail
(Per la parte generale, un testo a scelta tra):
- P. Persi (cur.), Spazi della geografia - Geografia degli spazi, Edizioni Goliardiche, Trieste, 2003. Obiettivi Formativi:
- C. Brunelli, Per una geografia della sostenibilità. Teorie e modelli didattici, Pàtron Ed., Bologna, 2006; Analizzare i risultati della ricerca nel campo della didattica della matematica nella scuola primaria e nella scuola
(Per la cartografia, un testo a scelta tra): dell’infanzia allo scopo di impossessarsi di strumenti efficaci per l’analisi, la gestione e la valutazione delle situazioni
- P. Persi, Una cartografia per il territorio, Istituto di Geografia, Urbino. d’aula, quando l’argomento in gioco è la matematica
- E. Lavagna, G. Lucarno, Geocartografia, Zanichelli, Bologna, 2007. Programma:
Modalità di accertamento: Didattica della matematica come epistemologia dell’apprendimento matematico, Contratto didattico, Conflitti,
Esame orale Misconcezioni, Modelli, Ostacoli, Trasposizione didattica, Situazioni didattiche, Matematica e linguaggio, Esercizi,
................................................................................................................................ problemi e situazioni problema, Problem solving, Intuizione e dimostrazione. Concetti di base di una didattica della
Didattica della lingua italiana  matematica, attuale, fortemente empirica, tesa alla comprensione dei complessi fenomeni in gioco nell’insegnamento e
L-FIL-LET/12 nell’apprendimento di questa disciplina.
Modalità didattiche:
CFU 3 • DURATA Semestrale Lezioni frontali e lavoro di gruppo
Titolo corso: Peter Pan come compagno di banco. Un classico della letteratura come occasione per la didattica della Testi di studio:
lingua italiana. D’Amore B., Didattica della matematica, Pitagora, Bologna, 2001. D’Amore et alii, Infanzia e matematica. Didattica della
Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU) matematica nella scuola dell’infanzia, Pitagora, Bologna, 2004 [il primo capitolo (pp.1-51) e un ulteriore capitolo a scelta
dello studente]. Gabellini G. e Masi F., I problemi, Carocci, Roma, 2005
Prof. MAIOLI MASSIMO emmemai@libero.it Modalità di accertamento:
Ricevimento: Giovedì, ore 10 -11 Esame scritto e/o orale
................................................................................................................................
Obiettivi Formativi: Didattica della storia
Analizzare la lingua, le strutture narrative, lo statuto dei personaggi, la disponibilità teatrale di “Peter Pan.Il bambino che M-STO/02
non voleva crescere”, per derivarne esperienze possibili di didattica della lingua italiana nella scuola primaria.
Programma: CFU 3 • DURATA Semestrale
Sicuramente disponibili alla tipologia del fiabesco come a quella del mito, le avventure di “ Peter Pan.Il bambino che non Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU)
voleva crescere” godono, ancora oggi, di una fiorente attività di interpretazione e riscrittura che ne evidenziano e ne
esaltano non solo o tanto il carattere pedagogico, quanto piuttosto la dimensione poetica e la clamorosa disposizione Note:
alla visività, alla sceneggiatura, tanto che larghissima, nel mondo , ne risulta la traduzione filmica (a partire da quella di Informazioni sul corso verranno fornite all’inizio delle lezioni.
Walt Disney), teatrale, fumettistica e musicale (Bennato). Tale disposizione può efficacemente supportare attività
linguistiche di varia natura ed ampiezza, dall’intervento sul lessico alle strutture sintattico-grammaticali, alla riflessione , ................................................................................................................................
infine, sulle sequenze narrative : analisi, tutte, che possono essere contemporaneamente finalizzate, anche attraverso Didattica delle lingue straniere moderne 
l’esercizio ludico della messa in scena, all’ acquisizione, competenza e padronanza d’uso dello strumento linguistico. Il L-LIN/02
corso intende proporre un percorso didattico che valorizzi ciascuno degli aspetti sopra descritti e promuova, col favore
di attività seminariali, esempi concreti di didattica della lingua italiana. CFU 3 • PERIODO II semestre 1°modulo • DURATA Semestrale • SEDE ATTIVITA’ P.za Rinascimento, 7- URBINO
Modalità didattiche: Titolo corso: Le abilità produttive e ricettive nel processo di insegnamento - apprendimento delle lingue
Lezioni frontali e seminari di approfondimento Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU)
Testi di studio:
F.Frasnedi-Y.Martari-C.Panzieri, La lingua per un maestro,Milano,Franco Angeli 2005 Prof. SISTI FLORA flora.sisti@uniurb.it
E.Zamponi , I draghi locopei.Imparare l’italiano con i giochi di parole , Torino,Einaudi 2006 Ricevimento: consultare il sito del docente: : http://www.uniurb.it/lingue/docenti/sisti

34 35
vademecum 2009/10 insegnamenti

Obiettivi Formativi: Prof. VALITUTTI GIUSEPPE gvalitutti@virgilio.it
Il corso mira a promuovere negli studenti la consapevolezza dei processi cognitivi alla base delle quattro abilità
linguistiche (scrivere, leggere, parlare e ascoltare) e a sviluppare la capacità di progettare attività didattiche volte ad Obiettivi Formativi:
esercitarle nell’ambito dell’insegnamento delle lingue moderne. A questo proposito particolare attenzione verrà rivolta Il corso si propone di presentare la Scienza come un processo attivo, centrato su un numero limitato di concetti
ai compiti ed alle competenze dell’insegnante di lingue ed alle strategie di creazione e preparazione di unità di unificanti, che forniranno una comprensione significativa del mondo della natura. I concetti unificanti integrano i concetti
apprendimento consone ai bisogni dei discenti. delle diverse discipline scientifiche, in modo che siano utili all’insegnamento dei contenuti specifici e favoriscano la
Programma: comprensione e l’apprendimento significativo. Pertanto, gli obiettivi possibili del corso sono: 1) Descrivere il mondo
1. Metodi e approcci glottodidattici del XX secolo: gli approcci comunicativi; della natura e rispettare la sua unità. 2) Comprendere alcuni concetti e principi chiave della Scienza. 3) Offrire ripetute
2. Le quattro abilità linguistiche: opportunità di riflessione agli studenti sul formalismo delle Scienze. 4) Riconoscere che la Scienza, la Matematica e la
   • Ascolto e comprensione in L.S.: il processo mentale, le attività didattiche, analisi dei materiali per la comprensione Tecnologia sono imprese umane con tutti i limiti che da ciò derivano. Sapere e saper insegnare sono le tipiche
orale; competenze che il corso vuol fornire ai futuri docenti. Quindi, la metodologia usata è quella di sfidare gli allievi con
   • La produzione orale in L.S.:il processo mentale, le attività didattiche, analisi dei materiali per la produzione orale; domande, la cui risposta si trova per via sperimentale. Al termine del semplice esperimento si costruisce un Learning
   • La produzione scritta in L.S.:il processo mentale, le attività didattiche, analisi dei materiali per la produzione scritta; Object, costituito dalla compilazione di una scheda esplicativa dell’esperimento, accompagnata da una o più immagini
   • Lettura e comprensione in LS: il processo mentale, le attività didattiche, analisi dei materiali per la ricezione scritta; digitali. Agli allievi saranno anche proposti alcuni WebQuest sui principali argomenti della disciplina. Gli studenti
3. L’insegnante di lingue straniere: competenze e compiti; possono scaricare dal sito della Facoltà il manuale di Joseph D. Novak ‘‘Il meraviglioso mondo della scienza ‘‘, che i
4. Progettare una Unità di Apprendimento. futuri docenti della primaria potranno utilizzare in classe. Il programma in aula si occuperà principalmente dell’ambiente
Risultati di apprendimento: fisico in cui crescono e si sviluppano gli organismi.
• Conoscenza e capacità di comprensione: conoscere i meccanismi cognitivi coinvolti nelle abilità produttive e ricettive Programma:
esercitate in lingua straniera e i modelli di programmazione di una Unità di Apprendimento; Unità didattica 1 - Le grandezze fondamentali e derivate. Unità didattica 2 - Le forze. Unità didattica 3 - Il moto. Unità
• Conoscenza e capacità di comprensione applicate: capacità di progettare interventi formativi in linea con le teorie didattica 4 - La forza e il moto. Unità didattica 5 - L’energia, la temperatura e il calore. Unità didattica 6 - L’elettrostatica.
glottodidattiche e rispondenti alle esigenze dei discenti; Unità didattica 7 - Il campo elettrico. Unità didattica 8 - La corrente elettrica e i circuiti. Unità didattica 9 - Le proprietà
• Autonomia di giudizio: capacità critiche che consentano di valutare l’efficacia di strategie e di materiali didattici relativi della materia. Unità didattica 10 - Le trasformazioni della materia. Unità didattica 11 - La struttura della materia.
all’insegnamento delle quattro abilità linguistiche; Modalità didattiche:
• Abilità comunicative: capacità comunicative necessarie ad operare nel contesto della classe di lingua straniera, La lezione è condotta con modalità cooperative, che comprendono esercizi, problemi, domande per realizzare Learning
conoscenza della microlingua scientifico-professionale del settore glottodidattico; Object e costruzione di mappe concettuali. Le prove di valutazione in itinere saranno inviate al docente per e-mail, che le
• Capacità di apprendere: sviluppo della propria capacità di apprendimento collaborativo (lavori di gruppo per l’analisi correggerà e le rispedirà ai singoli allievi. In questa maniera si vogliono allargare gli spazi di collaborazione a distanza
delle Unità di Apprendimento). allievo - docente che la tecnologia informatica rende praticabili. I crediti conquistati in laboratorio saranno assegnati agli
Attività a supporto della didattica: allievi che presenteranno la tesina, i WebQuest, i Learning Object e/o le mappe concettuali concordate col docente.
  Testi di studio: L’educazione come apprendimento del significato - Le mappe concettuali di Joseph Novak - A cura del
Modalità didattiche: Prof. Massimo Baldacci
Lezioni frontali e lavori di gruppo per la preparazione di unità di apprendimento. Franco Angeli Editore
Testi di studio: A partire da Settembre 2009 si potrà scaricare gratuitamente il nuovo corso, completamente rivisto, dal sito della Facoltà
- Sisti F., (a cura di), Giochiamo in Inglese. Ed. Goliardiche, Trieste, 2009 (Nuova Edizione); www.scienzeformaz.urbino.com . Il corso si può anche scaricare dal seguente sito, alla voce Risorse www.
leparoledellascienza.it Durante le lezioni in aula e per e-mail sarà favorita la costruzione di mappe concettuali, per
- Dispensa a cura del docente (disponibile online) migliorare l’apprendimento significativo della disciplina. Il software, per la costruzione delle mappe, è scaricabile
Modalità di accertamento: gratuitamente dal seguente sito: http://www.ihmc.us/ . Si consulti pure il sito http://public-cmaps.coginst.uwf.edu/cmaps
Esame orale perché alla voce SeT si trovano le mappe disegnate in collaborazione dai circa 6000 bambini del Progetto Pilota MIUR.
In alternativa, i libri consigliati sono: Paul G. Hewitt - Fisica per concetti - Zanichelli - Di questo libro si portano solo i
Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti capitoli in parentesi (2°, 3°, 4°, 5°, 8°, 14°, 20°, 21°, 30°). G. Valitutti, A. Tifi, A. Gentile - La Chimica in Moduli - Zanichelli
Testi di studio: - 2001 (soltanto il Modulo A) Vincenzo Balzani, Margherita Venturi - Chimica - Editrice La Scuola - Brescia (soltanto le
Gli studenti non frequentanti dovranno integrare la propria preparazione studiando il seguente testo: prime 53 pagine).
Fabbro F., Neuropedagogia delle lingue. Come insegnare le lingue ai bambini, Astrolabio, Roma 2004 Modalità di accertamento:
Modalità di accertamento: Esame orale. A fine Novembre e metà Dicembre sono previste 2 prove di valutazione con quesiti a scelta multipla, simili
 Esame orale a quelli utilizzati nelle lezioni in classe e pubblicati nelle 11 Unità didattiche del corso.
Note: ................................................................................................................................
Il programma potrebbe subire delle modifiche pertanto gli studenti sono invitati a controllare gli argomenti e la Didattica generale
bibliografia consultando il sito del docente alla fine del corso. M-PED/03
................................................................................................................................
Didattica delle scienze naturali  CFU 5 • DURATA Semestrale
BIO/05 Titolo corso: Didattica generale
Corsi di laurea in: Scienze dell’Educazione e della formazione (L)
CFU 3 • DURATA Semestrale
Titolo corso: Didattica delle scienze naturali Prof. FRABBONI FRANCO franco.frabboni@unibo.it
Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU)
Obiettivi Formativi:
Professionalità dei futuri docenti sul versante della competenze curricolari, metodologiche e relazionali.

36 37
vademecum 2009/10 insegnamenti

Programma: Titolo corso: Trasmissione dei saperi e modelli didattici
La dimensione teorica della didattica: l’oggetto scientifico, i linguaggi, l’ermeneutica, la metodologia della ricerca. Corsi di laurea in: Esperto nei processi di formazione e nei servizi culturali (CNA-L)
La dimensione empirica della didattica: classe - interclasse, disciplinarità - interdisciplinarità, unità didattica - progetto
didattico, microricerca - macroricerca, valutazione formativa - valutazione sommativa. Prof. MARTINI BERTA berta.martini@uniurb.it
Risultati di apprendimento:
In rapporto alla Didattica generale lo studente dovrà mostrare il possesso: Obiettivi Formativi:
- della padronanza delle conoscenze di base; Il corso si propone di fornire agli studenti i concetti teorici e gli strumenti metodologici fondamentali della didattica di
- della comprensione dei concetti fondamentali della disciplina; ambito scolastico e della formazione professionale, con particolare riferimento alle modalità di autoregolazione
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare secondo la logica della disciplina. dell’apprendimento.
Attività a supporto della didattica: Programma:
Lezioni integrative. Componente cognitiva, affettiva e meta cognitiva dell’apprendimento
Modalità didattiche: Transfer delle conoscenze e delle competenze
lezioni frontali, esercitazioni scritte, lavori di gruppo in classe. Declinazione dei modelli didattici lungo la dimensione emozionale
Testi di studio: Modalità didattiche:
Testo di base: lezione frontale, esercitazioni, seminari
F. Frabboni, Manuale di didattica generale, Bari, Laterza 2007 (nuova edizione). Testi di studio:
Due testi integrativi a scelta tra i seguenti: M. Pellerey, Dirigere il proprio apprendimento, La Scuola, Brescia 2006
F. Frabboni, Didattica e apprendimento, Palermo, Sellerio 2006. M. Baldacci, I profili emozionali dei modelli didattici, Franco Angeli 2009
F. Frabboni, Una scuola possibile, Bari, Laterza 2008.  
F. Frabboni, Sognando una scuola normale, Palermo, Sellerio 2009.  
M. Baldacci, F. Frabboni, La controriforma della scuola. Il trionfo del mercato e del mediatico, Milano, Angeli 2009. Modalità di accertamento:
F. Frabboni, La scuola domani: per l’azienda o per la persona?, Napoli, Loffredo 2009. Domande a risposta aperta
  ................................................................................................................................
Modalità di accertamento:
colloquio orale.
Didattica generale (3° anno) 
M-PED/03
................................................................................................................................
Didattica generale  CFU 4 • DURATA Semestrale
M-PED/03 Titolo corso: La costruzione della conoscenza e della competenza
Corsi di laurea in: Educatore sociale territoriale (CNA-L)
CFU 3 • DURATA Semestrale
Titolo corso: Trasmissione dei saperi e modelli didattici Prof. MARTINI BERTA berta.martini@uniurb.it
Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU)
Obiettivi Formativi:
Prof. MARTINI BERTA berta.martini@uniurb.it Il corso si propone di fornire agli studenti i concetti teorici e gli strumenti metodologici fondamentali della didattica di
ambito scolastico e della formazione professionale, con particolare riferimento alle modalità di autoregolazione
Obiettivi Formativi: dell’apprendimento.
Il corso si propone di fornire agli studenti i concetti teorici e gli strumenti metodologici fondamentali della didattica di Programma:
ambito scolastico, con particolare riferimento ai processi di accesso, trasmissione e acquisizione delle conoscenze. Componente cognitiva, affettiva e meta cognitiva dell’apprendimento
Programma: Transfer delle conoscenze e delle competenze
La trasmissione dei saperi tra cultura ed educazione Declinazione dei modelli didattici lungo la dimensione emozionale
Principi teorici e dimensioni operative dei modelli didattici Modalità didattiche:
Declinazione dei modelli didattici lungo la dimensione emozionale. lezione frontale, esercitazioni, seminari
Modalità didattiche: Testi di studio:
lezione frontale, esercitazioni, seminari M. Pellerey, Dirigere il proprio apprendimento, La Scuola, Brescia 2006
Testi di studio: M. Baldacci, I profili emozionali dei modelli didattici, Franco Angeli 2009
B. Martini, Formare ai saperi, Franco Angeli, Milano 2005  
M. Baldacci, I modelli della didattica, Carocci, Roma 2004 Modalità di accertamento:
M. Baldacci, I profili emozionali dei modelli didattici, Franco Angeli 2009 Domande a risposta aperta
Modalità di accertamento: ................................................................................................................................
Domande a risposta aperta Didattica speciale
................................................................................................................................ M-PED/03
Didattica generale (3° anno curriculum A) 
M-PED/03 | Curriculum: Curriculum A CFU 6 • DURATA Annuale
CFU 4 • DURATA Semestrale Titolo corso: Il docente specializzato e la “rete dei sostegni”

38 39
vademecum 2009/10 insegnamenti

Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU) Ricevimento: da definire

Prof. SANDRI PATRIZIA patrizia.sandri@uniurb.it Obiettivi Formativi:
Il corso si propone di fornire agli studenti i fondamenti teorici e operativi della Didattica speciale atti a garantire
Obiettivi Formativi: l’effettiva integrazione e inclusione nella scuola dei soggetti con “bisogni educativi speciali”.
Il corso si prefigge lo scopo di illustrare i fondamenti teorico-pratici della Didattica speciale per garantire il processo In rapporto alla Didattica Speciale, lo studente dovrà mostrare:
d’integrazione scolastica degli alunni con “bisogni educativi speciali”, affrontando in particolare alcuni “nodi” critici che - comprensione dei concetti fondamentali della disciplina;
possono rendere difficile tale processo e riflettendo sulle modalità di intervento necessarie per far sì che l’allievo disabile - padronanza delle conoscenze e degli strumenti operativi di base;
sia effettivamente integrato e la sua presenza sia vissuta come un’occasione di crescita di competenze cognitive e - capacità di usare conoscenze, concetti e strumenti per elaborare progetti inclusivi nella scuola.
relazionali per tutti. Programma:
A tal fine si richiede allo studente, al termine del corso, di conoscere il profilo professionale del docente specializzato, il Parte Generale
suo ruolo e le sue funzioni in relazione con le altre professionalità coinvolte nell’attuazione del processo inclusivo. Si Modelli di integrazione
richiede altresì di possedere conoscenze e abilità avanzate atte a fondare consapevolmente l’elaborazione di Indicatori per un’elevata qualità dell’integrazione scolastica
programmazioni individualizzate e/o personalizzate e le possibili strategie educative/didattiche funzionali alla La Didattica speciale come didattica dell’inclusione
promozione di un contesto realmente inclusivo che valorizzi la cultura della diversità. Gli strumenti per l’inclusione
Programma: Diagnosi clinica, diagnosi funzionale, profilo dinamico funzionale,
Parte generale piano educativo individualizzato.
La Didattica speciale come didattica dell’inclusione delle diversità L’individuazione delle risorse
Le logiche dell’integrazione e dell’inclusione L’individualizzazione e la personalizzazione dei percorsi didattici
La complessità delle competenze dell’insegnante specializzato-a Parte Monografica: Il tempo e l’identità
Modelli di progettazione didattica a confronto Riflessioni teoriche sui concetti relativi all’apprendimento del tempo e allo sviluppo dell’identità
Strumenti e strategie per l’integrazione e l’inclusione delle disabilità Strumenti per l’osservazione e l’analisi delle abilità temporali
Individuazione/declinazione degli obiettivi, delle attività e dei materiali Proposte metodologiche di intervento didattico ed educativo
L’organizzazione del gruppo-classe e le risorse  
Parte Monografica Modalità didattiche:
Analisi delle difficoltà di apprendimento Lezione frontale; esercitazioni; proiezione di filmati; dibattiti su tematiche specifiche.
Un approfondimento: conoscenze e abilità relative al tempo convenzionale Testi di studio:
Caratteristiche del bambino sordo Dario Ianes, Didattica speciale per l’integrazione, Erickson, Trento, 2001.
Il dibattito metodologico e le prospettive rieducative dell’alunno audioleso P.Sandri, La didattica del tempo convenzionale, Franco Angeli, Milano, 2008.
Progettare la didattica dell’integrazione del bambino sordo Modalità di accertamento:
  Prova scritta di fine corso o esame orale.
Modalità didattiche: Note:
lezione frontale; esercitazioni; proiezione di filmati; dibattiti su tematiche specifiche e seminari integrativi. Chi non può frequentare è pregato di prendere contatti con il docente via e-mail al fine di essere orientato nello studio
Testi di studio: dei testi.
• M. Pavone, Personalizzare l’integrazione. Un progetto educativo per l’handicap tra professionalità docente e ................................................................................................................................
dimensione comunitaria, La Scuola, Brescia, 2004.
P. Sandri, Rappresentazioni temporali e deficit intellettivo lieve, Franco Angeli, Milano 2007.
Disegno, 
ICAR/17
• P. Gaspari, Il bambino sordo. Pedagogia speciale e didattica dell’integrazione, Anicia, Roma, 2005.
• L’indicazione di un ulteriore testo, in fase di preparazione, sarà fornita agli inizi delle lezioni e sul sito web dell’Ateneo. CFU 3 • DURATA Semestrale
  Titolo corso: DISEGNO
Modalità di accertamento: Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU)
Prova scritta di fine corso o esame orale
Note: Prof. BUA ROBERTO info@robertobua.it
Chi non può frequentare è pregato di prendere contatti con il docente via e-mail al fine di essere orientato nello studio
dei testi. Obiettivi Formativi:
................................................................................................................................ Ricerca e messa a fuoco delle dinamiche di percezione, elaborazione e restituzione della creatività ed espressività
Didattica speciale  infantile a partire dal nostro sguardo sulla realtà.
M-PED/03 Programma:
La regia nella comunicazione, la condivisione dell’esperienza, l’emozione del bello.
CFU 3 • DURATA Semestrale Il laboratorio come spazio della vita, il gioco come apprendimento.
Titolo corso: I tempi e i luoghi delle integrazioni L’arte osservata tra i poli della distanza e dell’avvicinamento.
Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU) Un possibile percorso di senso tra disciplina e stupore.
Modalità didattiche:
Prof. SANDRI PATRIZIA patrizia.sandri@uniurb.it Lezione frontale, proiezioni, dibattiti, tesine di approfondimento

40 41
vademecum 2009/10 insegnamenti

Testi di studio: Tale impostazione ha come obiettivo di offrire strumenti professionali utili alla corretta comunicazione e
Bruno Munari, Fantasia, Editori Laterza sensibilizzazione.
Daniel Pennac, Come un romanzo, Feltrinelli Programma:
Juanjio Sàez, L’arte, Salani Editore • Lo sviluppo sostenibile, concetti e applicazioni;
Roberto Bua, Alice De Vecchi, Nello spazio dello sguardo, Quattroventi • L’ecosistema, definizione, struttura e funzioni;
Modalità di accertamento: • L’energia negli ecosistemi
Esame orale • Condizioni ecologiche e risorse
................................................................................................................................ • Fattori limitanti
• Organismi: specie sociali, home range, territorialità isolamento
Docimologia  • Dinamica di popolazione
M-PED/04
• Interazioni: competizione, concetto di habitat, nicchia ecologica
• Predazione, comportamento alimentare e sistemi preda-predatore
CFU 3 • DURATA Semestrale
• Comunità biologiche, complessità e stabilità, successioni
Titolo corso: I sistemi di valutazione scolastica
• Modalità di campionamento
Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU)
• Principi di ecologia del paesaggio
• Criteri e metodi di conservazione della biodiversità
Prof. TRAVAGLINI ROBERTO roberto.travaglini@uniurb.it
Modalità didattiche:
lezioni frontali
Obiettivi Formativi:
Testi di studio:
Il corso si propone di fornire agli studenti i concetti teorici fondamentali per comprendere le modalità di costruzione dei
Eugene P. Odum. 2000. Ecologia un ponte tra scienza e società. Piccin ed. Padova, 316 pagine
sistemi di valutazione scolastica.
Modalità di accertamento:
Programma:
verifiche periodiche scritte ed esame orale
1. Parte generale: verranno affrontati i seguenti argomenti: le funzioni e gli strumenti della valutazione; le prove
oggettive di verifica dell’apprendimento; le prove di comprensione di lettura; la somministrazione delle prove e ................................................................................................................................
l’attribuzione dei punteggi grezzi; la misurazione degli apprendimenti; le prove semistrutturate; i giudizi valutativi. Educazione ambientale
2. Parte monografica: il corso si propone l’obiettivo di approfondire le dinamiche interdisciplinari, metodologiche e M-PED/03
valutative sottese al processo di apprendimento/insegnamento della scrittura, nonché di analizzare il percorso di
scientificizzazione della pedagogia e, in particolare, della pedagogia della scrittura (e del gesto grafico) attraverso l’opera CFU 5 • DURATA Semestrale
di J. Piaget. Titolo corso: Educazione ambientale
Modalità didattiche: Corsi di laurea in: Pedagogia e progettazione educativa (LM)
Lezione frontale; seminari; gruppi di ricerca; laboratori; tesine di approfondimento.
Testi di studio: Prof. PERSI ROSELLA rosella.persi@uniurb.it
G. Domenici, Manuale della valutazione scolastica, Laterza, Roma-Bari.
2. Parte monografica Obiettivi Formativi:
N. Filograsso e R. Travaglini (a cura di), Piaget e l’educazione della mente, FrancoAngeli, Milano 2007. Il corso si propone di educare alla consapevolezza del significato di educazione ambientale; di chiarire il carattere
R. Travaglini (a cura di), L’apprendimento della scrittura, Sulla Rotta del Sole, Mesagne (BR) 2008. trasversale di tale educazione rispetto ai saperi e alle discipline; di mostrare una pluralità di approcci metodologici sul
Ulteriori indicazioni bibliografiche potranno essere fornite dal docente durante le lezioni. tema.
Modalità di accertamento: Programma:
Prove scritte e orali di verifica in itinere e a fine corso. Il corso ha per oggetto il concetto di ambiente, l’analisi delle principali problematiche ambientali, le ragioni
................................................................................................................................ dell’importanza di un’educazione ambientale a partire dalla scuola.
Risultati di apprendimento:
Ecologia  In rapporto all’Educazione ambientale lo studente deve mostrare il possesso:
BIO/07
- della padronanza delle conoscenze delle discipline specialistiche;
- della comprensione dei concetti avanzati della disciplina;
CFU 3 • DURATA Semestrale
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare in maniera autonoma sulle problematiche della disciplina.
Titolo corso: Ecologia
Attività a supporto della didattica:
Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU)
Lezioni integrative.
Modalità didattiche:
Prof. SANTOLINI RICCARDO riccardo.santolini@uniurb.it
I temi del corso saranno presentati mediante lezioni frontali e uscite didattiche. Gli studenti sono invitati a partecipare
alle lezioni, approfondendo con la discussione e la riflessione personale i concetti e i problemi via via presi in esame.
Obiettivi Formativi:
Testi di studio:
Gli elementi caratterizzanti il profilo del corso sono rivolti alla preparazione di operatori dotati di conoscenze teoriche in
R. Persi, L’ambiente a scuola, Franco Angeli, 2003
grado di comunicare attraverso anche fasi applicate, i concetti fondamentali dei rapporti tra i viventi e le componenti
R. Persi, Didattica e ricerca ambientale, Carocci, 2005
abiotiche dell’ecosistema. Gli obiettivi tematici sono rivolti alla descrizione tra gli altri di fenomeni come le dinamiche di
Modalità di accertamento:
popolazione in rapporto alle modificazioni del sistema ambientale, l’evoluzione dell’ecosistema e del paesaggio, le
esame scritto e/o orale
grandi alterazioni ambientali, i criteri di conservazione delle risorse naturali.

42 43
vademecum 2009/10 insegnamenti

................................................................................................................................ Corsi di laurea in: Scienze dell’Educazione e della formazione (L)
Educazione ambientale (2° anno)  Prof. NANETTI FRANCO
M-PED/03
Obiettivi Formativi:
CFU 3 • DURATA Semestrale
 Il corso intende offrire una riflessione sulle problematiche generali della ricerca sull’andragogia, sullo studio delle
Titolo corso: Educazione ambientale
dinamiche di insegnamento-apprendimento in età adulta e della formazione professionale.
Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU)
Programma:
 Pedagogia e andragogia Teorie e modelli della formazione in ambito scolastico L’osservazione sistematica e
Prof. PERSI ROSELLA ro.persi@lalice.it, rosella.persi@uniurb.it
l’osservazione qualitativa L’osservazione integrata a sistema aperto: metodi e strumenti L’osservazione degli impliciti di
contesto Semiologia e prassi della comunicazione interpersonale La formazione alla competenza osservativa La
Obiettivi Formativi:
valutazione formativa e sommativa La valutazione : retroazione e regolazione degli interventi educativi e formativi
Il corso si propone di educare alla consapevolezza del significato di educazione ambientale; di chiarire il carattere
Programmazione e valutazione degli interventi formativi L’autovalutazione Metodi e strumenti della valutazione
trasversale di tale educazione rispetto ai saperi e alle discipline; di mostrare una pluralità di approcci metodologici sul
Imparare ad imparare: metacognizione e transfer La valutazione dei processi di insegnamento-apprendimento Stili
tema.
comunicativi e dinamiche di apprendimento-cambiamento La comunicazione interpersonale: teorie e modelli La
Programma:
comunicazione per il cambiamento culturale La formazione alla competenza relazionale Multimedialità e comunicazione
Il corso ha per oggetto il concetto di ambiente, l’analisi delle principali problematiche ambientali, le ragioni
formativa La biografia cognitiva come formazione Il counseling individuale e di gruppo L’orientamento in prospettiva
dell’importanza di un’educazione ambientale a partire dalla scuola.
sociopsicologica Il counseling orientativo L’orientamento scolastico e professionale Fenomenologia e psicodinamica della
Modalità didattiche:
scelta: i gruppi di orientamento. I gruppi di formazione e di problem solving. I gruppi di mutuo aiuto e di apprendimento
I temi del corso saranno presentati mediante lezioni frontali e uscite didattiche. Gli studenti sono invitati a partecipare
cooperativo.
alle lezioni, approfondendo con la discussione e la riflessione personale i concetti e i problemi via via presi in esame.
Risultati di apprendimento:
Testi di studio:
In rapporto all’Educazione degli adulti lo studente dovrà mostrare il possesso:
R. Persi, L’ambiente a scuola, Franco Angeli, 2003
- della padronanza delle conoscenze di base;
R. Persi, Didattica e ricerca ambientale, Carocci, 2005
- della comprensione dei concetti fondamentali della disciplina;
Modalità di accertamento:
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare secondo la logica della disciplina.
esame scritto e/o orale
Attività a supporto della didattica:
................................................................................................................................ Seminari integrativi
Educazione ambientale (4° anno indirizzo materna)  Modalità didattiche:
M-PED/03 Lezione frontale
Testi di studio:
CFU 3 • DURATA Semestrale Testi di base per l’esame: F. Nanetti, Stili relazionali, in corso di stampa. F. Nanetti, Il counseling ad orientamento
Titolo corso: Educazione Ambientale umanistico-esistenziale, Pendragon, Bologna 2009, F. Nanetti, Assertività ed emozioni, Pendragon, Bologna 2009.
Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU) Per l’approfondimento di alcuni temi specifici indicati nel programma del corso si consiglia lo studio diun testo scelto tra
i seguenti: N. Filograsso, Lezioni psicopedagogiche, Angeli Milano, 2009,  Anna Ascenzi, Michele Corsi, Professione
Prof. ROCCATO ERIKA erikar@libero.it educatori/formatori, V&P, Milano, 2005 Kaneklin, Scaratti, Formazione e narrazione, Cortina, Milano, 1999 D. Demetrio
Micropedagogia La Nuova Italia, Firenze, 1992 M.Baldacci, Individualizzazione, Pitagora, Bologna, 1999 M. Dallari Lo
Obiettivi Formativi: specchio e l’altro La Nuova Italia, Firenze, 1990 S.Mantovani La ricerca sul campo in educazione B.Mondadori, Milano,
Il corso si propone di fornire agli studenti i concetti teorici fondamentali e gli strumenti necessari per programmare 1995 M.Castagna Progettare la formazione F.Angeli, Milano,1993 A.Antonietti Il divenire del pensiero Raffaello Cortina,
attività di educazione ambientale nella scuola dell’infanzia. Milano, 1995M. G. Blandino, B. Granieri La disponibilità ad apprendere Raffaello Cortina, Milano, 1995 Trombetta A.
Programma: Ricerca-azione e psicologia dell’educazione Armando, Roma,1988 C. Cornoldi Metacognizione e apprendimento Il
Attraverso l’analisi delle principali problematiche ambientali e in riferimento alle Indicazioni nazionali si forniranno una Mulino, Bologna, 1993 H.V.Foerster Sistemi che osservano Astrolabio, Roma,1987 H. Maturana Sulla conoscenza e
serie di spunti e di proposte operative utili per intraprendere con i bambini della scuola dell’infanzia un percorso l’educazione Manfrini , Trento, 1996 P. Bertolini Sulla didattica , La Nuova Italia , Firenze, 1994 D. Demetrio L’educazione
formativo che, in maniera graduale e ludica, affronti le principali tematiche ambientali. nella vita adulta, NIS, Roma 1995 C. Nanni L’educazione tra crisi e ricerca di senso, LAS Roma 1996 P.Scilligo Alleanza
Modalità didattiche: con le emozioni nei processi di cambiamento, Polarità Roma, 1999 F. Nanetti Giochi formativi Aipac Bologna 2001 D.
lezioni frontali, uscite didattiche, attività laboratoriali. Demetrio Raccontarsi Cortina, Milano 1996 R.Cavaliere Scrivere il diario per conoscere se stessi, Città Nuova, Roma, 1996
Testi di studio: A.Smorti Il pensiero narrativo, Giunti , Firenze, 1996 F.Nanetti La comunicazione autentica Temi, Bologna, 1996 F.Nanetti
R. Persi, Didattica e ricerca ambientale, Roma, Carocci, Ed., 2005; Assertività, Pendragon, Bologna, 2006
AA.VV., A come ambiente, editoriale Scienza, 2008 Modalità di accertamento:
Modalità di accertamento:  Esame orale
esame orale ................................................................................................................................
................................................................................................................................ Educazione degli adulti, corso avanzato 
Educazione degli adulti  M-PED/01
M-PED/01
CFU 5 • DURATA Semestrale
CFU 10 • DURATA Annuale

44 45
vademecum 2009/10 insegnamenti

Corsi di laurea in: Pedagogia e progettazione educativa (LM) ................................................................................................................................
Prof. NANETTI FRANCO
Epistemologia delle scienze umane 
M-FIL/02
Obiettivi Formativi:
CFU 3 • DURATA 30 ore
Il corso intende offrire una riflessione sulle problematiche generali della ricerca sull’andragogia, sullo studio delle
Titolo corso: Idealismo e Romanticismo. Sapere morfologico, esistenza tragica e razionalità del reale
dinamiche di insegnamento-apprendimento in età adulta e della formazione professionale in ambito scolastico e
Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU)
comunitario.
Programma:
Prof. BOZZETTI MAURO mauro.bozzetti@uniurb.it
Pedagogia e andragogia Teorie e modelli della formazione in ambito scolastico L’osservazione sistematica e
l’osservazione qualitativa L’osservazione integrata a sistema aperto: metodi e strumenti L’osservazione degli impliciti di
Obiettivi Formativi:
contesto Semiologia e prassi della comunicazione interpersonale La formazione alla competenza osservativa La
Il corso si propone di studiare l’incontro fra i motivi esistenziali e psicologici della lettura romantica del reale e della
valutazione formativa e sommativa La valutazione : retroazione e regolazione degli interventi educativi e formativi
natura con la teoria filosofica che non vuole rinunciare all’indagine logica. Goethe, Hegel, Hoelderlin e i preromantici
Programmazione e valutazione degli interventi formativi L’autovalutazione Principi e metodi della formazione degli
saranno i termini di riferimento dell’argomentazione.
educatori in gruppo Mentoring e tutoring Il counseling narrativo nella formazione alla competenza relazionale Metodi e
Programma: Il programma prevede lo studio della VI e VII parte della Fenomenologia hegeliana riguardante il percorso
strumenti della valutazione Imparare ad imparare: metacognizione e transfer La valutazione dei processi di
dello spirito dall’eticità alla moralità, e lo sviluppo della religione verso il sapere assoluto. Ampio spazio sarà dedicato al
insegnamento-apprendimento Stili comunicativi e dinamiche di apprendimento-cambiamento La comunicazione
rapporto fra Hegel e Hoelderlin. Lo studente dovrà dimostrare il possesso delle conoscenze base dei concetti e della
interpersonale : teorie e modelli La comunicazione per il cambiamento culturale La formazione alla competenza
logica stessa della disciplina.
relazionale Multimedialità e comunicazione formativa La biografia cognitiva come formazione Il counseling individuale e
Modalità didattiche:
di gruppo L’orientamento in prospettiva sociopsicologica Il counseling orientativo L’orientamento scolastico e
lezioni frontali, attività protocollare, eventuale intervento seminariale
professionale Fenomenologia e psicodinamica della scelta: i gruppi di orientamento
Obblighi:
I modelli della formazione in ambito scolastico e comunitario con particolare riferimento alla prospettiva costruttivista,
relazione protocollare
psicodinamica, sistemico-relazionale.
Testi di studio:
Criteri di verifica dell’efficacia della formazione nei contesti organizzativi.
- M. Bozzetti, Introduzione a Hoelderlin, Laterza, Roma-Bari 2004,
Psicologia dei gruppi e formazione alla conduzione di gruppi di lavoro.
- G.W.F. Hegel, La Fenomelogia della Spirito, a cura di G. Garelli, Einaudi, Torino 2008, i cap. VI e VII.
Risultati di apprendimento:
Modalità di accertamento:
In rapporto all’Educazione degli adulti(corso avanzato) lo studente deve mostrare il possesso:
Esame orale
- della padronanza delle conoscenze delle discipline specialistiche;
- della comprensione dei concetti avanzati della disciplina; ................................................................................................................................
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare in maniera autonoma sulle problematiche della disciplina. Etnopsicopatologia
Attività a supporto della didattica: M-PSI/08
Lezioni integrative
Modalità didattiche: CFU 4 • DURATA Semestrale
Lezione frontale Titolo corso: Etnopsicopatologia
Testi di studio: Corsi di laurea in: Psicologia clinica (LM)
Testi di base per l’esame: F. Nanetti, Stili relazionali, in corso di stampa. F. Nanetti, Il counseling ad orientamento
umanistico-esistenziale, Pendragon, Bologna 2009, Prof. COMELLI FRANCESCO ROBERTO francesco.comelli@alice.it
Per l’approfondimento di alcuni temi specifici indicati nel programma del corso si consiglia lo studio di un testo scelto tra Ricevimento: Previ accordi telefonici: 3939793932 oppure via mail. In occasione delle lezioni il venerdì dopo la lezione
i seguenti: Kaneklin, Scaratti, Formazione e narrazione, Cortina, Milano, 1999 D. Demetrio Micropedagogia La Nuova e il sabato mattina prima della lezione
Italia, Firenze, 1992 M. Baldacci, Individualizzazione, Pitagora, Bologna, 1999 M. Dallari Lo specchio e l’altro La Nuova
Italia, Firenze, 1990 S. Mantovani La ricerca sul campo in educazione, B.Mondadori, Milano, 1995 M. Castagna Obiettivi Formativi:
Progettare la formazione, F.Angeli, Milano,1993 A. Antonietti Il divenire del pensiero Raffaello Cortina, Milano, 1995M. G. 1- Conoscere alcuni elementi storici e attuali dell’ etnopsicopatologia e le differenze fra trattamenti tradizionali e i
Blandino, B. Granieri La disponibilità ad apprendere Raffaello Cortina, Milano, 1995 Trombetta A. Ricerca-azione e metodi adattati ad una cultura. Patologie dell’ occidente e rapporto con la cultura.
psicologia dell’educazione Armando, Roma,1988 C. Cornoldi Metacognizione e apprendimento Il Mulino, Bologna, 1993 2- Conoscere le istituzioni di cura attuali: fattori di fondo al di là delle culture, fattori specifici che le influenzano.
H. V. Foerster Sistemi che osservano Astrolabio, Roma,1987 H. Maturana Sulla conoscenza e l’educazione Manfrini , Panoramica sui contesti di gruppo. Anamnesi culturale. Psicopatologia nelle sue forme attuali . Deculturazione.
Trento, 1996 P. Bertolini Sulla didattica , La Nuova Italia , Firenze, 1994 D. Demetrio L’educazione nella vita adulta, NIS, 3- Approfondire i legami fra la clinica dell’ individuo, clinica delle famiglie e la clinica dei gruppi, con riflessione intorno
Roma 1995 C. Nanni L’educazione tra crisi e ricerca di senso, LAS Roma 1996 P. Scilligo Alleanza con le emozioni nei ai fenomeni della distruttività e guerra.
processi di cambiamento, Polarità Roma, 1999 F. Nanetti Giochi formativi Aipac Bologna 2001 D. Demetrio Raccontarsi 4- Acquisizione di strumenti operativi e concettuali riguardanti la contemporaneità e le nuove forme del soffrire.
Cortina, Milano 1996 R. Cavaliere Scrivere il diario per conoscere se stessi, Città Nuova, Roma, 1996 A. Smorti Il pensiero Psichiatria e psicoterapia con pazienti stranieri.
narrativo, Giunti , Firenze, 1996 F. Nanetti La comunicazione autentica Temi, Bologna, 1996 F. Nanetti Counseling di 5- Individuazione dei termini lessicali legati all’ esperienza del corso per completare la pubblicazione rinnovata di anno
gruppo, in corso di stampa in anno di un testo a partecipazione studentesca (gli studenti ogni anno forniscono termini lessicali chiave con breve
Modalità di accertamento: spiegazione, poi pubblicata su testo in continuo aggiornamento annuale).
Esame orale Programma:
Il corso percorre la storia dell’etnopsichiatria per risalire alle patologie occidentali contemporanee (es anoressia, bulimia,
psicosi), nel tentativo di individuare differenze espressive di patologie in altri ambiti culturali. Vengono presi in

46 47
vademecum 2009/10 insegnamenti

considerazione i rapporti fra cultura, sistemi di cura e espressione del disagio. Le istituzioni di cura e la mente dell’ bulimia, psicosi), nel tentativo di individuare differenze espressive di patologie in altri ambiti culturali. Vengono presi in
operatore immersa in esse vengono prese come punto di partenza per effettuare un’ esperienza legata all’ incontro con considerazione i rapporti fra cultura, sistemi di cura e espressione del disagio. Le istituzioni di cura e la mente dell’
il non noto, con l’ alieno e con la necessità di posizionarlo in contesti di gruppo. In particolare viene anche affrontato lo operatore immersa in esse vengono prese come punto di partenza per effettuare un’ esperienza legata all’ incontro con
scarto fra il concetto di gruppo e il concetto di gruppo etnico. il non noto, con l’ alieno e con la necessità di posizionarlo in contesti di gruppo. In particolare viene anche affrontato lo
Risultati di apprendimento: scarto fra il concetto di gruppo e il concetto di gruppo etnico.
Viene predisposto mediante i gruppi di lavoro una modalità di valutazione dei risultati previsti e delle competenze da Risultati di apprendimento:
acquisire, che consistono nell’ obiettivo di: Viene predisposto mediante i gruppi di lavoro una modalità di valutazione dei risultati previsti e delle competenze da
differenziare sufficientemente bene i diversi quadri psicopatologici in soggetti italiani per poter poi svolgere un simile acquisire, che consistono nell’ obiettivo di:
lavoro con pazienti provenienti da culture diverse (conoscenza discipline specialistiche); differenziare sufficientemente bene i diversi quadri psicopatologici in soggetti italiani per poter poi svolgere un simile
comprendere le modalità di conduzione dei colloqui con soggetti di diverse culture (comprensione concetti avanzati); lavoro con pazienti provenienti da culture diverse (conoscenza discipline specialistiche);
valutare nei disagi presentati il grado di presenza di elementi culturali di origine rispetto ad elementi acquisiti comprendere le modalità di conduzione dei colloqui con soggetti di diverse culture (comprensione concetti avanzati );
(comprensione concetti avanzati ); valutare nei disagi presentati il grado di presenza di elementi culturali di origine rispetto ad elementi acquisiti
comprendere le relazioni individuo\gruppo nei contesti culturali e nei contesti di cura; (comprensione concetti avanzati);
conoscere le modalità di relazione fra culture e sviluppo di disagi psicologici\psichiatrici. comprendere le relazioni individuo \ gruppo nei contesti culturali e nei contesti di cura;
Attività a supporto della didattica: conoscere le modalità di relazione fra culture e sviluppo di disagi psicologici\psichiatrici.
Lezioni, Esercitazioni, seminari a partire da casi clinici (capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare in maniera Attività a supporto della didattica:
autonoma sulle problematiche della disciplina). Lezioni, Esercitazioni, seminari a partire da casi clinici (capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare in maniera
Modalità didattiche: autonoma sulle problematiche della disciplina).
lezione al 50% frontale e al 50% mediante esercitazione suddivisione in piccoli gruppi , con successiva restituzione Modalità didattiche:
generale a gruppo completo. Integrazione con seminari multidisciplinari. Possibile visita e partecipazione a istituzioni. lezione al 50% frontale e al 50% mediante esercitazione suddivisione in piccoli gruppi , con successiva restituzione
Seminari integrati generale a gruppo completo. Integrazione con seminari multidisciplinari. Possibile visita e partecipazione a istituzioni.
Obblighi: Seminari integrati.
frequenza altamente consigliata. Obblighi:
Testi di studio: frequenza altamente consigliata.
G. Devereux, Saggi di Etnopsichiatria Generale, Armando ed. Roma (capitoli 1,2,4,5, 10, 11,13, 15). Testi di studio:
F. Comelli, La cura del campo, Mimesis ed. Milano G. Devereux, Saggi di Etnopsichiatria Generale, Armando ed. Roma (capitoli 1,2,4,5, 10, 11,13, 15).
  F. Comelli, La cura del campo, Mimesis ed. Milano
Modalità di accertamento: Modalità di accertamento:
esame orale Esame orale
................................................................................................................................ ................................................................................................................................
Etnopsicopatologia (a scelta) Filosofia del linguaggio 
M-PSI/08 M-FIL/05

CFU 4 • DURATA Semestrale CFU 4 • DURATA Semestrale
Titolo corso: Etnopsicopatologia Titolo corso: Essere e linguaggio.
Corsi di laurea in: Psicologia clinica (LM) Corsi di laurea in: Educatore sociale territoriale (CNA-L)

Prof. COMELLI FRANCESCO ROBERTO francesco.comelli@alice.it Prof. RIPANTI GRAZIANO graziano.ripanti@uniurb.it
Ricevimento: Previ accordi telefonici: 3939793932 oppure via mail. In occasione delle lezioni il venerdì dopo la lezione
e il sabato mattina prima della lezione Obiettivi Formativi:
La parola: segno o evento?
Obiettivi Formativi: Programma:
1- onoscere alcuni elementi storici e attuali dell’ etnopsicopatologia e le differenze fra trattamenti tradizionali e i metodi Lettura e commento del testo Verità e metodo di H. G. Gadamer, solo la terza parte
adattati ad una cultura. Patologie dell’ occidente e rapporto con la cultura. Modalità didattiche:
2- Conoscere le istituzioni di cura attuali: fattori di fondo al di là delle culture, fattori specifici che le influenzano. Lezioni frontali
Panoramica sui contesti di gruppo. Anamnesi culturale. Psicopatologia nelle sue forme attuali . Deculturazione. Testi di studio:
3- Approfondire i legami fra la clinica dell’ individuo, clinica delle famiglie e la clinica dei gruppi, con riflessione intorno G. Ripanti, Essere e linguaggio, Quattroventi, Urbino
ai fenomeni della distruttività e guerra. Modalità di accertamento:
4- Acquisizione di strumenti operativi e concettuali riguardanti la contemporaneità e le nuove forme del soffrire. Esame orale
Psichiatria e psicoterapia con pazienti stranieri. ................................................................................................................................
5- Individuazione dei termini lessicali legati all’ esperienza del corso per completare la pubblicazione rinnovata di anno
in anno di un testo a partecipazione studentesca (gli studenti ogni anno forniscono termini lessicali chiave con breve
Filosofia dell’educazione 
M-PED/01
spiegazione, poi pubblicata su testo in continuo aggiornamento annuale).
Programma: CFU 4 • DURATA Semestrale
Il corso percorre la storia dell’ etnopsichiatria per risalire alle patologie occidentali contemporanee (es anoressia,

48 49
vademecum 2009/10 insegnamenti

Titolo corso: Il modello problematicista: dal razionalismo critico alla pedagogia come scienza Modalità di accertamento:
Corsi di laurea in: Educatore sociale territoriale (CNA-L) orale
................................................................................................................................
Prof. ANNACONTINI GIUSEPPE giuseppe.annacontini@uniurb.it Filosofia teoretica (curriculum Educatore)
M-FIL/01 | Curriculum: Curriculum Educatore
Obiettivi Formativi:
Acquisire le fondamentali categorie del Problematicismo e approfondire, in particolare, il ruolo da esso svolto nel CFU 5 • DURATA Semestrale
dibattito circa la ridefinizione dello statuto teorico e prassico della pedagogia come scienza autonoma. Problematizzare Titolo corso: Teorie del sapere: John Locke, Immanuel Kant e G.W.F. Hegel
l’idea di pedagogia scientifica alla luce dell’affermarsi del paradigma della complessità. Corsi di laurea in: Scienze dell’Educazione e della formazione (L)
Programma:
1. I fondamenti teorici del problematicismo pedagogico in G.M. Bertin Prof. CRINELLA GALLIANO galliano.crinella@uniurb.it
2. La pedagogia come scienza autonoma
3. Pedagogia e complessità Obiettivi Formativi:
Modalità didattiche: Il Corso intende fornire agli studenti il possesso di alcune conoscenze e concetti basilari attorno ad un problema centrale
Lezione frontale, seminari della filosofia teoretica, quello della costruzione del sapere in alcuni suoi classici interpreti. La padronanza di tale aspetto
Testi di studio: della riflessione filosofica moderna fornisce un quadro di riferimento concettuale entro il quale prendono senso, in una
M. Baldacci, Il problematicismo, Milella, Lecce 2003 (escluso primo capitolo). interconnessione dialettica, altri grandi temi dell’educazione e della formazione. 
G.M. Bertin, Educazione alla ragione, Armando, Roma 1995 (escluse note di fine capitolo e appendici) Programma:
G. Annacontini, Pedagogia e complessità, ETS, Pisa 2008  Il programma del Corso, tenendo conto della semestralità, delineerà, nel loro sviluppo generale, le articolazioni
Modalità di accertamento: speculative che caratterizzano tre grandi teorie della conoscenza, quelle di John Locke, Immanuel Kant e Georg Friedrich
Esame orale Wilhelm Hegel. Ciò attraverso analisi e “letture”, naturalmente parziali, del Saggio sulla intelligenza umana (Locke), della
................................................................................................................................ Critica della ragion pura (Kant) e della Fenomenololgia dello spirito (Hegel). Una parte del Corso, pur breve, riguarderà
Filosofia dell’educazione alcuni aspetti e caratteri del filosofare, sui quali “insiste” il volume di Bodei indicato tra i testi di studio.
M-PED/01 Risultati di apprendimento:
In rapporto alla Filosofia teoretica lo studente dovrà mostrare il possesso:
CFU 5 • DURATA Semestrale - della padronanza delle conoscenze di base;
Titolo corso: Il modello problematicista: dal razionalismo critico alla pedagogia come scienza - della comprensione dei concetti fondamentali della disciplina;
Corsi di laurea in: Scienze dell’Educazione e della formazione (L) - della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare secondo la logica della disciplina.
Attività a supporto della didattica:
Prof. ANNACONTINI GIUSEPPE giuseppe.annacontini@uniurb.it Lezioni integrative.
Modalità didattiche:
Obiettivi Formativi:  Lezione frontale
Acquisire le fondamentali categorie del Problematicismo e approfondire, in particolare, il ruolo da esso svolto nel Obblighi:
dibattito circa la ridefinizione dello statuto teorico e prassico della pedagogia come scienza autonoma. Problematizzare Preparazione dell’esame di profitto sui testi indicati a seguire
l’idea di pedagogia scientifica alla luce dell’affermarsi del paradigma della complessità. Testi di studio:
Programma:  Immanuel Kant, Critica della ragion pura, una delle molte edizioni (preferibilmente l’edizione Adelphi), fino a tutta
1. I fondamenti teorici del problematicismo pedagogico in G.M. Bertin l’Analitica dei concetti;
2. La pedagogia come scienza autonoma G. Crinella - I. Mancini, John Locke, Vita e Pensiero, Milano, 1976, pp. 87-230;
3. Pedagogia e complessità Remo Bodei, Una scintilla di fuoco. Invito alla filosofia, Zanichelli, Bologna, 2005.
Risultati di apprendimento: Modalità di accertamento:
In rapporto all’insegnamento lo studente deve mostrare:  Esame orale
- padronanza delle conoscenze teoriche del modello problematicista e dei principi della complessità; ................................................................................................................................
- comprensione dei concetti avanzati del problematicismo e della teoria della complessità in chiave pedagogica;
- capacità di utilizzare autonomamente tali concetti per l’analisi, l’interpretazione e la progettazione di interventi
Filosofia teoretica (curriculum Formatore)
M-FIL/01
formativi.
Attività a supporto della didattica: CFU 5 • DURATA Semestrale
- Seminari integrativi;
Titolo corso: Dall’antinomia alla dialettica del progresso. Kant e Hegel nella storia della filosofia
- Lezioni di approfondimento Corsi di laurea in: Scienze dell’Educazione e della formazione (L)
Modalità didattiche:
lezione frontale Prof. BOZZETTI MAURO mauro.bozzetti@uniurb.it
Testi di studio:
M. Baldacci, Il problematicismo, Milella, Lecce 2003 (escluso primo capitolo). Obiettivi Formativi:
G.M. Bertin, Educazione alla ragione, Armando, Roma 1995 (escluse note di fine capitolo e appendici) Il corso si propone di mettere a confronto due opposte visioni epistemologiche del procedere filosofico che hanno fatto
G. Annacontini, Pedagogia e complessità, ETS, Pisa 2008 scuola fino ai giorni nostri: criticismo e storicismo. Verrà inoltre valutata la consistenza delle diverse argomentazioni alla

50 51
vademecum 2009/10 insegnamenti

luce della sensibilità e della realtà odierna. CFU 8 • DURATA Annuale
Programma: Titolo corso: Fondamenti anatomo-fisiologici dell’attività psichica
Il programma prevede lo studio del concetto stesso di filosofia, della sua terminologia e la sua esperienza. Come si Corsi di laurea in: Scienze e tecniche psicologiche (L)
qualifica un’argomentazione filosofica. Particolare attenzione sarà riservata ai concetti di mediazione, principio e
idealismo: in Platone Kant e Hegel. Lo studente deve quindi arrivare a possedere una conoscenza base dei concetti e Prof. BONINI LUCA luca.bonini@nemo.unipr.it
della logica della disciplina.
Risultati di apprendimento: Obiettivi Formativi:
In rapporto alla Filosofia teoretica lo studente dovrà mostrare il possesso: Acquisizione di solide conoscenze di base sull’organizzazione anatomo-funzionale del sistema nervoso centrale, dal
- della padronanza delle conoscenze di base; neurone alle funzioni percettive, motorie, cognitive ed emotivo-motivazionali assolte dai diversi sistemi corticali e sotto-
- della comprensione dei concetti fondamentali della disciplina; corticali. Particolare attenzione sarà rivolta agli aspetti neuropsicologici e psicopatologici inerenti i sistemi trattati.
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare secondo la logica della disciplina. Programma:
Attività a supporto della didattica: 1. Geni, cervello e comportamento
Lezioni integrative 2. Organizzazione generale del sistema nervoso centrale
Modalità didattiche: 3. Cellule gliali e neuroni: elementi di citologia
lezione frontale, relazione protocollare, e eventuale attività seminariale da considerare come integrativa alle lezioni. 4. La membrana cellulare: canali ionici e potenziale di riposo
Obblighi: 5. Correnti elettrotoniche e potenziale d’azione
relazione protocollare 6. Le sinapsi elettrica e chimica. Neurotrasmettitori e cenni di psicofarmacologia
Testi di studio: 7. La sinapsi neuromuscolare e la sinapsi centrale
Theodor W. Adorno, Terminologia Filosofica, tr. it. di Anna Solmi, pref. di S. Petrucciani, Einaudi, Torino 2007. 8. Recettori cutanei e propriocettori
Modalità di accertamento: 9. I riflessi del midollo spinale
Esame orale 10. Vie ascendenti della sensibilità somatica
................................................................................................................................ 11. Cortecce somatosensoriali e percezione tattile
Fisiologia della comunicazione  12. L’occhio e la retina
MED/50 13. Vie visive centrali
14. Aree visive di ordine superiore e percezione visiva
CFU 3 • DURATA Semestrale 15. La funzione uditiva
Titolo corso: Fisiologia della Comunicazione 16. Il controllo motorio corticale
Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU) 17. Basi neurali condivise per l’azione e la percezione
18. Linguaggio e afasie
Prof. RAGUSA ORAZIO LUCIO FABIO fabioragusa@inwind.it 19. Aprassia e neglect
20. Funzioni motorie e cognitive dei gangli della base
Obiettivi Formativi: 21. Il cervelletto: controllo esecutivo e apprendimento motorio
Il corso intende fornire le nozioni di base per la comprensione dei meccanismi biologici e neuronali del linguaggio. 22. Formazione reticolare, sonno e stati di coscienza
Si affrontano inoltre le alterazioni del linguaggio statisticamente più diffuse. 23. Sistema nervoso autonomo e ipotalamo
Programma: 24. Basi neurobiologiche delle emozioni e degli stati motivazionali
 Linguaggio 25. Elementi di plasticità del sistema nervoso
- Strutture nervose coinvolte nel linguaggio Eventuali propedeuticità:
- Meccanismi per la produzione del linguaggio L’esame di Biologia e genetica del comportamento è propedeutico a Fondamenti anatomo-fisiologici dell’attività psichica.
- Disturbi del linguaggio Risultati di apprendimento:
- La disortografia e la discalculia In rapporto ai Fondamenti anatomo-fisiologici dell’attività psichica lo studente dovrà mostrare il possesso:
- La dislessia - della padronanza delle conoscenze di base;
- Le afasie e i disturbi comunicativi gravi - della comprensione dei concetti fondamentali della disciplina;
- La sordità. L’autismo - della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare secondo la logica della disciplina.
- I disturbi dell’apprendimento Attività a supporto della didattica:
Modalità didattiche: Lezioni integrative
lezioni frontali Modalità didattiche:
Testi di studio:  lezioni frontali
G.Garrett, Cervello e Comportamento, ed. Zanichelli Obblighi:
R.Cavalieri, D. Chiricò, Parlare, segnare. in relazione all’ampiezza del programma e all’impegno richiesto dal corso è fortemente consigliata la frequenza delle
Modalità di accertamento: lezioni.
Esame scritto e orale Testi di studio:
Testi di studio consigliati:
................................................................................................................................ Come manuale di riferimento, uno a scelta tra:
Fondamenti anatomo-fisiologici dell’attività psichica - Bear, Connors, Paradiso: Neuroscienze. Esplorando il cervello (3°ed). Elsevier Masson
M-PSI/02 oppure

52 53
vademecum 2009/10 insegnamenti

- Kandel, Schwartz, Jessell: Principi di Neuroscienze. (3°ed) Casa Editrice Ambrosiana ................................................................................................................................
SOLO per consultazione, relativo agli aspetti neuropsicologici:
- Denes, Pizzamiglio: Manuale di Neuropsicologia. Ed. Zanichelli
Geografia 
M-GGR/01
- Materiale didattico ed ulteriori informazioni disponibili su www.uniurb.it/psicologia/docenti/bonini.htm
 
CFU 3 • DURATA Semestrale
Modalità di accertamento:
Titolo corso: Temi e problemi d’attualità territoriale
 test scritto preliminare per l’accesso ad una prova orale finalizzata a valutare la padronanza e la comprensione degli
Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU)
aspetti di base proposti nel corso.
................................................................................................................................ Prof. UGOLINI MONICA geografia@uniurb.it
Genetica del comportamento II Ricevimento: vedi sito web dell’Istituto di Geografia
BIO/13
Obiettivi Formativi:
CFU 4 • DURATA Semestrale Il corso si propone di fornire agli studenti le basi teoriche e applicative di geografia al fine di acquisire una
Titolo corso: GENETICA DEL COMPORTAMENTO II professionalità su questioni ambientali e territoriali
Corsi di laurea in: Psicologia clinica (LM) Programma:
1. Le basi geografiche e cartografiche. L’uomo e il clima. L’uomo e le acque. L’uomo e il suolo. L’uomo e le risorse
Prof. GREGORINI ARMANDO armando.gregorini@uniurb.it biologiche. Paesaggio e paesaggi. L’uso di carte geografiche nella progettazione ambientale e territoriale.
2. Ambiente, territorio, paesaggio: tra fruizione e tutela. Sviluppo e sottosviluppo. Le Marche e il Terzo Mondo. Gli spazi
Obiettivi Formativi: regionali e gli assetti geopolitici. La geografia nella progettazione e gestione di geosistemi.
Il corso si propone di fornire nozioni avanzate nel campo della genetica ed è volto a delineare le complesse relazioni Modalità didattiche:
esistenti tra patrimonio genetico, ambiente e fenotipo (compresi i fenotipi comportamentali). Gli studenti acquisiranno Lezione frontale; seminari; escursioni; tesine di approfondimento (vivamente consigliate e su temi concordati col
anche conoscenze relative ai fondamenti genetici di patologie esemplificative dei modelli studiati. docente)
Sono richieste cognizioni di base di biologia cellulare e di genetica: organizzazione e funzioni della cellula; struttura e Testi di studio:
funzioni degli acidi nucleici (DNA e RNA); codice genetico e sintesi proteica; organizzazione cromosomica. • E. Lupia Palmieri, M. Parotto, Il globo terrestre e la sua evoluzione, Bologna, Zanichelli, 2007 (o altro testo di geografia
Programma: generale);
- Analisi della segregazione dei geni: leggi di Mendel e neomendelismo, teoria cromosomica dell’eredità, modelli di • P. Persi, Ambiente territorio e politica di spazi regionali, Urbino, Istituto di Geografia
ereditarietà nell’uomo (Sindrome di Marfan, Fibrosi cistica, Malattia di Tay-Sachs, Fenilchetonuria, Anemia falciforme, Modalità di accertamento:
Distrofia muscolare); eredità mitocondriale (MEERF); penetranza, espressività, linkage. Esame orale
- Genetica quantitativa: eredità poligenica e multifattoriale; Quantitave Trait Loci (QTL); studi con i gemelli; Autismo. ................................................................................................................................
- Alterazioni del genoma: non disgiunzione meiotica e mitotica e mutazioni Genomiche (trisomie 13, 18, 21; monosomia
X e sindrome di Klinefelter; traslocazioni Robertsoniane); mutazioni cromosomiche (delezioni, duplicazioni, inversioni,
Geografia culturale
M-GGR/01
traslocazioni); mutazioni spontanee e agenti mutageni; mutazioni geniche per sostituzione (transizione, transversione;
mutazioni silenti, missenso, non senso, con senso), per inserzione e per delezione; mutazioni dinamiche e ripetizioni
CFU 5 • DURATA Semestrale
trinucleotidiche (Corea di Huntington; Sindrome dell’X fragile).
Titolo corso: Geografia Culturale e prassi territoriale: la “lettura” del paesaggio
- Modificazioni funzionali del genoma: imprinting genomico (Sindrome di Prader-Willi; Sindrome di Angelman);
Corsi di laurea in: Pedagogia e progettazione educativa (LM)
compensazione del dosaggio genico (ipotesi di Lyon e meccanismo di inattivazione del cromosoma X).
Risultati di apprendimento:
Prof. RICCIARDI SABRINA sabrinaricciardi@libero.it
In rapporto alla Genetica del comportamento II lo studente deve mostrare il possesso:
- della padronanza delle conoscenze delle discipline specialistiche;
Obiettivi Formativi:
- della comprensione dei concetti avanzati della disciplina;
Il corso si propone di fornire agli studenti le basi teorico-applicative di Geografia Culturale al fine di acquisire chiavi
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare in maniera autonoma sulle problematiche della disciplina.
interpretative dello spazio, con particolare attenzione al tema del paesaggio.
Attività a supporto della didattica:
Programma:
Lezioni di approfondimento e seminari integrativi
Parte generale
Modalità didattiche:
Fondamenti di Geografia culturale
 Lezioni frontali
Il concetto di cultura in geografia
Testi di studio:
Spazio vissuto, territorio, regione
Cummings MR: Eredità (Principi e problematiche della genetica umana), II edizione. EDISES, 2009.
La corrente percettiva e umanista
Modalità di accertamento:
La corrente razionalista
Esame scritto e orale 
Differenziazione, diversità e identità dei territori
Note:
Geografia culturale e rappresentazioni del territorio
È fortemente consigliato seguire le lezioni o, in alternativa, prendere contatto con il docente per organizzare
Geografia culturale e prassi territoriale
adeguatamente lo studio.
Parte monografica
Il testo di studio va integrato (particolarmente per i non frequentanti, ma l’integrazione è utile anche ai frequentanti) con
Il concetto di paesaggio
materiale di approfondimento che verrà indicato all’inizio delle lezioni.
La concezione positivista del paesaggio

54 55
vademecum 2009/10 insegnamenti

La concezione vidaliana del paesaggio - P. Persi, Mia diletta quiete - Atti convegno di Treia 2003, Pollenza, 2003.
La concezione sistemica del paesaggio Modalità di accertamento:
La concezione spiritualista del paesaggio Esame orale
La Convenzione Unesco sulla Protezione delle Eredità Culturali e Naturali ................................................................................................................................
La Convenzione Europea del Paesaggio
Risultati di apprendimento:
Geografia sociale 
M-GGR/01
In rapporto alla Geografia culturale lo studente deve mostrare il possesso:
- della padronanza delle conoscenze delle discipline specialistiche; CFU 4 • DURATA Semestrale
- della comprensione dei concetti avanzati della disciplina; Titolo corso: Fondamenti di geografia sociale
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare in maniera autonoma sulle problematiche della disciplina. Corsi di laurea in: Esperto nei processi di formazione e nei servizi culturali (CNA-L)
Attività a supporto della didattica:
Lezioni integrative Prof. UGOLINI MONICA m.ugolini@uniurb.it
Modalità didattiche: Ricevimento: vedi sito web dell’Istituto di Geografia
Lezione frontale
Testi di studio: Obiettivi Formativi:
Parte generale Il corso si propone di fornire l’apparato teorico e concettuale nonché le metodologie necessari all’interpretazione
Adalberto Vallega, Geografia culturale. Luoghi, spazi, simboli, Utet-Libreria, Torino, 2003. spaziale dei fenomeni socio-economici.
Parte monografica Programma:
Giuliana Andreotti, Per una architettura del paesaggio, Trento, Valentina Trentini Editore, 2005. Interpretazione e analisi del territorio. Lettura dei fenomeni sociali e geopolitici. Strutture demografiche e mobilità
Peris Persi (cur), Recondita armonia, il paesaggio tra progetto e governo del territorio, Fano, Istituto di Geografia sociale. La città nei suoi rapporti territoriali. Città e campagna. Nuove città e nuovi spazi rurali. L’immagine turistica e le
Università di Urbino, 2007 (parti da concordare). regioni turistiche.
Modalità di accertamento: Modalità didattiche:
Colloquio d’esame Lezione frontale; tesine di approfondimento su temi concordati col docente
................................................................................................................................ Testi di studio:
Geografia culturale  - Dagradi P., Uomo, ambiente, società - Introduzione alla Geografia umana, Pàtron Ed., Bologna, 1995
M-GGR/01 Modalità di accertamento:
Esame orale
CFU 4 • DURATA Semestrale ................................................................................................................................
Titolo corso: Temi e problemi della geografia culturale
Corsi di laurea in: Esperto nei processi di formazione e nei servizi culturali (CNA-L)
Gestione delle imprese
SECS-P/08
Prof. UGOLINI MONICA m.ugolini@uniurb.it CFU 5 • DURATA Semestrale
Ricevimento: vedi sito web dell’Istituto di Geografia Titolo corso: Gestione delle imprese
Corsi di laurea in: Scienze dell’Educazione e della formazione (L)
Obiettivi Formativi:
Il corso si propone di fornire agli studenti le basi teoriche e applicative al fine di una professionalità su questioni Prof. TAMASSIA LUCA ltamassia@libero.it
ambientali e territoriali
  Obiettivi Formativi:
  Obiettivo del corso è fornire gli elementi fondamentali dell’attività economica come attività di produzione e di consumo
Programma: di beni economici per la soddisfazione dei bisogni delle persone svolta nell’ambito di tre classi di istituti: le famiglie, le
1. Parte Istituzionale: La geografia culturale tra interpretazione soggettiva e comuni-cazione oggettiva. Il paesaggio come imprese e le amministrazioni pubbliche. Esso prende avvio dalla concezione sistemica dell’azienda che ha consentito di
valore e bene socio-territoriale di alta pre-gnanza educativa. Esempi di paesaggi culturali italiani. determinare le sue componenti, i suoi contenuti e di fissarne i principi, opportunamente coordinati, riguardanti i
2. Parte monografica: Identità locale e sviluppo regionale quali connessioni di una politica di valorizzazione pienamente processi di governo inerenti la direzione, l’organizzazione, la programmazione ed il controllo. Verrà fornito un quadro
recepita da tutti i documenti di pianificazione territoriali. Il concetto di matrice geografica che suggerisce di esaltare con concettuale di base ed operativo del funzionamento e della gestione delle aziende operanti nell’ambito della formazione
forza l’identità per giungere allo sviluppo. Impone a quanti, a vario titolo, si occupano di territorio di elaborare strategie procedendo ad una analisi delle caratteristiche tipologiche, dell’articolazione in subsistema organizzativo e gestionale e
e sinergie per il riuso e la valorizzazione dei beni culturali quali simboli identitari. del rapporto fra queste ed il sistema ambiente. Saranno anche illustrati casi di asili nido gestiti presso un’azienda, da un
Il corso mira ad individuare alcune chiavi di lettura di un bene culturale e ad esami-nare positivi esempi di riuso ente “non profit” e da un’amministrazione pubblica.
funzionale e di reinserimento in nuove trame progettuali finalizzate al rilancio di aree talvolta marginali, con particolare Programma:
attenzione ai casi marchigiani. ECONOMIA AZIENDALE
Modalità didattiche: L’attività economica: principi generali e le operazioni di consumo e di produzione.
Lezione frontale; tesine di approfondimento su temi concordati col docente Le classi di istituti economici: famiglie, imprese e pubblica amministrazione.
Testi di studio: L’azienda come sistema di forze economiche.
• (Per la parte istituzionale): G. Andreotti, Riscontri di geografia culturale, Artimedia, Trento, 2002. La scomposizione dell’azienda nei suoi subsistemi;
• (Per la parte monografica): passi concordati con la docente su un testo a scelta tra i seguenti: Le interrelazioni fra sistema azienda e sistema ambiente;
- P. Persi, Beni culturali territoriali Regionali - Atti convegno di Urbino 2001, Ur-bino, Istituto di Geografia, 2002;

56 57
vademecum 2009/10 insegnamenti

I “profili” quali elementi qualitativi caratterizzanti il sistema azienda; Modalità didattiche:
L’analisi delle condizioni di “tendenziale equilibrio” Lezioni frontali e seminari di approfondimento
LE AZIENDE DI FORMAZIONE Testi di studio:
I caratteri dell’attività di formazione professionale e la rappresentazione delle finalità aziendali; G. Salvi-L.Vanelli, Nuova grammatica italiana, Bologna, Il Mulino 2004
L’analisi del subsistema organizzativo (Le strutture organizzative tipiche; La scelta della veste giuridica più conveniente; I C. Donati, La sintassi: regole e strutture, Bologna, Il Mulino 2008
meccanismi operativi di coordinamento e controllo) T. Mattioli-A.Trezza, Dire e fare poesia. Inventer un verbe poétique accessible, Rimini, Raffaelli editore 2007
L’analisi del sistema gestionale (Le caratteristiche gestionali generali; Gli equilibri; Lo schema globale di attività. Analisi
delle peculiarità operative) Modalità di accertamento:
L’approccio strategico ed il contesto di mercato delle aziende di formazione (La strategia ; La verifica di fattibilità Esame scritto
dell’intervento formativo; La scelta delle variabili strategiche nella progettazione dell’intervento formativo; La vendita  
dell’intervento formativo; La realizzazione dell’intervento formativo nell’ottica della customer satisfaction; La valutazione Note:
dell’intervento formativo) È vivamente consigliata la frequenza.
LA GESTIONE AZIENDALE DI UN SERVIZIO PUBBLICO: L’ASILO NIDO ................................................................................................................................
L’asilo nido aziendale
La gestione di un asilo nido da parte di un ente “non profit”,
Igiene applicata 
MED/42
La gestione di un asilo nido da parte di una amministrazione comunale
Risultati di apprendimento:
CFU 4 • DURATA Semestrale
In rapporto alla Gestione delle imprese lo studente dovrà mostrare il possesso:
Titolo corso: Igiene ed Educazione sanitaria
- della padronanza delle conoscenze di base;
Corsi di laurea in: Educatore sociale territoriale (CNA-L)
- della comprensione dei concetti fondamentali della disciplina;
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare secondo la logica della disciplina.
Prof. BRANDI GIORGIO giorgio.brandi@uniurb.it
Attività a supporto della didattica:
Ricevimento: lunedì ore 15.00-17.00
Lezioni integrative.
Modalità didattiche:
Obiettivi Formativi:
Lezione frontale con approfondimento di casistiche particolari ed “interventi coordinati” di testimonial nel panorama
Il corso si propone di far conoscere i fattori che condizionano lo stato di salute e di definire il concetto di fattore di
delle varie tipologie di impresa.
rischio per la salute umana, di far conoscere alcune delle più diffuse patologie infettive e cronico-degenerative, di fornire
Testi di studio:
le conoscenze fondamentali sugli strumenti e sui metodi della medicina preventiva e dell’educazione sanitaria, in
Borgia Michele, 2007, “L’economia delle aziende operanti nell’ambito della formazione”, Franco Angeli. Milano: Parte
particolare nell’età evolutiva.
prima, cap. 1 e 2, Parte seconda, cap. 1,2,4.
Programma:
Ulteriore materiale verrà distribuito a lezione.
Definizione e scopi dell’Igiene e dell’ Educazione Sanitaria. Definizione di salute. Le diseguaglianze nella salute.
Modalità di accertamento:
Principali fattori che condizionano il passaggio dalla salute alla malattia: fattori attinenti all’ambiente fisico, biologico,
L’esame orale si svilupperà sulla base di un colloquio afferente ai contenuti ed alle materie oggetto del corso
sociale e al comportamento personale.
................................................................................................................................ Nozioni di epidemiologia generale. Demografia. Le più importanti misure in epidemiologia. Gli indicatori sanitari positivi
Grammatica italiana  e negativi. Il fattore di rischio.                                                                 Epidemiologia delle malattie infettive: sorgenti di
L-FIL-LET/12 infezione, modalità di trasmissione, vie di penetrazione ed eliminazione dei germi patogeni.
La prevenzione primaria, secondaria e terziaria. Come il nostro organismo si difende dalle infezioni; le difese
CFU 3 • DURATA Semestrale immunitarie. La profilassi delle malattie infettive: misure rivolte al malato, alle modalità di trasmissione e di
Titolo corso: Grammatica strumentale e sintassi. Grammatica e creatività. immunoprofilassi. Le vaccinazioni obbligatorie e consigliate.
Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU) Dalla prevenzione all’educazione alla salute: l’educazione sanitaria e comportamento, comunicazione, partecipazione.
Generalità su alcune malattie dell’età evolutiva: le malattie esantematiche, meningite, gastroenteriti acute.
Prof. MATTIOLI TIZIANA tiziana.mattioli@uniurb.it Alcune malattie infettive da errati stili di vita: AIDS, Epatite B, Epatite C.
Ricevimento: martedì, ore 15-16 Aspetti generali di epidemiologia, prevenzione ed educazione sanitaria di alcune malattie sociali non infettive: tumori, le
malattie cardiovascolari, il diabete.
Obiettivi Formativi: Igiene dell’ambiente: principali fonti di inquinamento dell’aria e dell’acqua e riflessi sulla salute, l’igiene degli ambienti
Approfondire le conoscenze teoriche e strumentali della grammatica e della sintassi. Elaborare ipotesi di didattica della confinati con particolari riferimento all’ambiente scolastico. Alcune affezioni non infettive nell’età scolare: paramorfismi,
disciplina. allergie, miopie, carie.
Programma: Aspetti generali dell’Igiene degli alimenti e della nutrizione; la malnutrizione da carenza e da eccesso di principi
Il corso intende presentare le strutture morfologiche e sintattiche dell’italiano nella prospettiva della linguistica moderna, nutritivi. Il BMI; la piramide alimentare. Cenni sul rischio infettivo e chimico derivato dal consumo di alimenti.
con l’intenzione di riuscire tanto ad una occasione descrittiva e d’approfondimento (che significa innanzitutto Nozioni di sanità pubblica: L’OMS e Il Servizio sanitario nazionale
consolidamento della padronanza formale della scrittura), quanto ad una occasione didattica che sappia unire, alla  
visione scientifica moderna dei fatti linguistici, una proposta accessibile di insegnamento. Per tali ragioni, alla parte più Modalità didattiche:
squisitamente teorica il corso affiancherà, in formula seminariale, la messa a punto di un percorso didattico di Lezioni frontali
educazione alla scrittura e alla riflessione grammaticale su questa, partendo da concrete operazioni con materiali Testi di studio:
oggettivi che facciano da tramite nel recupero del rapporto: cosa-parola. Testi di studio: A scelta dello studente uno dei seguenti testi: Barbuti, Bellelli, Fara, Giammanco. IGIENE, Monduzzi

58 59
vademecum 2009/10 insegnamenti

Editore. Brandi, Liguori. Romano Spica: Igiene e Sanità Pubblica per Scienze Motorie. A. Delfino Editore. Prof. CATANI ENRICO enrico.catani@uniurb.it
Modalità di accertamento:
esame orale Obiettivi Formativi:
................................................................................................................................ Analizzare un testo scritto e orale di psicologia al fine di capirne l’organizzazione paragrafica e frastica.
Programma:
Igiene ed educazione sanitaria  Analisi sintattico-lessicale del testo di psicologia.
MED/42
Destrutturazione del testo.
Ristrutturazione del testo
CFU 3 • DURATA Semestrale
Trasposizione e traduzione del testo.
Titolo corso: Igiene ed Educazione sanitaria
Note-taking
Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU)
Parafrasi di gruppi nominali
Risultati di apprendimento:
Prof. BRANDI GIORGIO giorgio.brandi@uniurb.it
In rapporto all’Inglese scientifico lo studente deve mostrare il possesso:
Ricevimento: lunedi 15.00-17.00
- della padronanza delle conoscenze delle discipline specialistiche;
- della comprensione dei concetti avanzati della disciplina;
Obiettivi Formativi:
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare in maniera autonoma sulle problematiche della disciplina.
Il corso si propone di far conoscere i fattori che condizionano lo stato di salute e di definire il concetto di fattore di
Attività a supporto della didattica:
rischio per la salute umana, di far conoscere alcune delle più diffuse patologie infettive e cronico-degenerative, di fornire
Lezioni integrative
le conoscenze fondamentali sugli strumenti e sui metodi della medicina preventiva e dell’educazione sanitaria, in
Modalità didattiche:
particolare nell’età evolutiva.
Lezioni frontali.
Programma:
Esercitazioni di note-taking e paraphrasing tenute dalla Dott. Brenda B. Barry.
Definizione e scopi dell’Igiene e dell’ Educazione Sanitaria. Definizione di salute. Le diseguaglianze nella salute.
Testi di studio:
Principali fattori che condizionano il passaggio dalla salute alla malattia: fattori attinenti all’ambiente fisico, biologico,
Catani E., Coles R., A Companion to Scientific English, QuattroVenti, Urbino, 2006.
sociale e al comportamento personale.
Catani E. A Translation Companion to Education adn Psychology, Quattroventi, 1999
Nozioni di epidemiologia generale. Demografia. Le più importanti misure in epidemiologia. Gli indicatori sanitari positivi
Catani E. (a cura di), A New Companion to English Grammar (con CD), QuattroVenti, Urbino, 2006. (per studenti con
e negativi. Il fattore di rischio. Epidemiologia delle malattie infettive: sorgenti di infezione, modalità di trasmissione, vie di
inadeguata preparazione linguistica)
penetrazione ed eliminazione dei germi patogeni.
Modalità di accertamento:
La prevenzione primaria, secondaria e terziaria. Come il nostro organismo si difende dalle infezioni; le difese
Prova scritta e prova orale.
immunitarie. La profilassi delle malattie infettive: misure rivolte al malato, alle modalità di trasmissione e di
Note:
immunoprofilassi. Le vaccinazioni obbligatorie e consigliate.
Programma e procedura d’esame sono reperibili anche sul sito della Facoltà alla voce Area docenti.
Dalla prevenzione all’educazione alla salute: l’educazione sanitaria e comportamento, comunicazione, partecipazione.
Generalità su alcune malattie dell’età evolutiva: le malattie esantematiche, meningite, gastroenteriti acute. ................................................................................................................................
Alcune malattie infettive da errati stili di vita: AIDS, Epatite B, Epatite C. Introduzione alla psicologia clinica (a scelta)
Aspetti generali di epidemiologia, prevenzione ed educazione sanitaria di alcune malattie sociali non infettive: tumori, le M-PSI/08
malattie cardiovascolari, il diabete.
Igiene dell’ambiente: principali fonti di inquinamento dell’aria e dell’acqua e riflessi sulla salute, l’igiene degli ambienti CFU 4 • DURATA Semestrale
confinati con particolari riferimento all’ambiente scolastico. Alcune affezioni non infettive nell’età scolare: paramorfismi, Titolo corso: Introduzione alla psicologia clinica
allergie, miopie, carie. Corsi di laurea in: Scienze e tecniche psicologiche (L)
Aspetti generali dell’Igiene degli alimenti e della nutrizione; la malnutrizione da carenza e da eccesso di principi nutritivi.
Il BMI; la piramide alimentare. Cenni sul rischio infettivo e chimico derivato dal consumo di alimenti. Prof. BOVE EGIDIO ANIELLO egidiobove@libero.it
Nozioni di sanità pubblica: L’OMS e Il Servizio sanitario nazionale
Modalità didattiche: Obiettivi Formativi:
Lezioni frontali Il corso si propone di fornire agli studenti i concetti fondamentali della psicologia clinica, declinati soprattutto
Testi di studio: nell’incontro e nella costruzione intersoggettiva di diverse modalità d’aiuto, attuate attraverso il peculiare modo di
A scelta dello studente uno dei seguenti testi: Barbuti, Bellelli, Fara, Giammanco. IGIENE, Monduzzi Editore. Brandi, lavorare proprio dello psicologo clinico. Ci si propone di facilitare lo studente a comprendere il valore della soggettività,
Liguori. Romano Spica: Igiene e Sanità Pubblica per Scienze Motorie. A. Delfino Editore. il senso interpersonale di ogni atto clinico, contribuendo allo sviluppo di un atteggiamento critico e allo stesso tempo
Modalità di accertamento: propositivo, indispensabile per chi voglia abituarsi a pensare alle svariate sfaccettature che il panorama della psicologia
esame orale clinica contemporanea ci offre. Sarà posta attenzione al crescente bisogno di spiegare i fenomeni complessi osservabili
................................................................................................................................ nella clinica attraverso teorie sempre meno settoriali, capaci di dialogare con approcci storicamente distanti, come il
cognitivismo, la psicoanalisi, la fenomenologia.
Inglese scientifico Programma:
L-LIN/12
La prima parte del programma sarà dedicata a tracciare l’identità dello psicologo clinico. A tal fine saranno esplorati
diversi temi: alcuni cenni storici sulla disciplina, sulla metodologia utilizzata, sul modo di essere in relazione e di fare
CFU 4 • DURATA Semestrale
diagnosi, sul colloquio clinico, sui test adoperati e sui principali approcci psicoterapeutici. La seconda parte del
Titolo corso: De-structuring e re-structuring a text of psychology
programma prevede lo studio di una delle teorie più importanti ed accreditate dell’intero panorama psicologico
Corsi di laurea in: Psicologia clinica (LM)
internazionale: la teoria dell’attaccamento. Sarà data una visione d’insieme della teoria, dai primi studi di John Bowlby e

60 61
vademecum 2009/10 insegnamenti

della contrapposizione con la psicoanalisi, alle ricerche di Mary Ainsworth e dei differenti stili di attaccamento, fino alle Testi di studio:
teorizzazioni di Mary Main, senza trascurare l’impatto che la teoria ha avuto sul lavoro dei ricercatori italiani. Mitchell S. A., Black J., L’esperienza della psicoanalisi, Bollati Boringhieri,Torino.
L’attaccamento sarà declinato come un utile strumento concettuale per la pratica clinica. Infine verrà trattata l’originalità Freud S., Il sogno, Bollati Boringhieri, Torino.
di alcuni studiosi italiani famosi nel mondo, che hanno integrato il modello dell’attaccamento nell’ambito del Freud S., L’inconscio, saggio della Metapsicologia (pagg. 69-108 oppure pagg. 49-88 nelle Opere)
cognitivismo denominato post-razionalista. Si consiglia la lettura dei seguenti testi:
Risultati di apprendimento: Freud S., L’interesse per la psicoanalisi, Bollati Boringhieri,Torino (Opere, pagg. 245-272)
In rapporto all’Introduzione alla psicologia clinica lo studente dovrà mostrare il possesso: Freud S., Per la storia del movimento psicoanalitico, Bollati Boringhieri,Torino (Opere,pagg. 375-438)
- della padronanza delle conoscenze di base; Freud S., Significato opposto delle parole primordiali, Bollati Boringhieri,Torino (Opere, pagg. 183-191)
- della comprensione dei concetti fondamentali della disciplina; Laplanche J., Pontalis J. B., Enciclopedia della psicoanalisi, Laterza, Bari.
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare secondo la logica della disciplina.  
Attività a supporto della didattica: Modalità di accertamento:
Lezioni integrative orale. La docente potrà prevedere un accertamento scritto quando le prenotazioni saranno superiori a 30.
Modalità didattiche: ................................................................................................................................
Lezione frontale
Testi di studio:
Istituzioni di diritto pubblico e legislazione scolastica
IUS/09
- Del Corno F., Lang M. (a cura di) (2005) Elementi di psicologia clinica. Franco Angeli, Milano.
- Pallini S. (2008) Psicologia dell’attaccamento. Processi interpersonali e valenze educative. Franco Angeli, Milano.
CFU 3 • DURATA Semestrale
Modalità di accertamento:
Titolo corso: Il diritto pubblico, l’ordinamento costituzionale italiano e le garanzie individuali.
Esame orale
Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU)
Note:
Gli studenti frequentanti non dovranno studiare la parte dei test psicodiagnostici (tutta le sezione III) del manuale
Prof. CANTARO ANTONIO antonio.cantaro@uniurb.it
“Elementi di psicologia clinica”.
................................................................................................................................ Obiettivi Formativi:
Introduzione alla psicologia dinamica (a scelta) Il corso si propone di fornire agli studenti la conoscenza dei principali concetti del diritto pubblico. Si propone, inoltre,
M-PSI/07 l’esame degli organi e dei poteri costituzionali, con riferimento anche alla giustizia costituzionale.
Programma:
CFU 4 • DURATA Semestrale 1. Studio delle forme di Stato e di Governo. 2 Aspetti di storia costituzionale Italiana. 3 I diritti fondamentali. 4 Analisi del
Titolo corso: Introduzione alla psicologia dinamica: dalla diùnamis ad una costruzione condivisa del Sé sistema delle fonti del diritto 5 Principi generali del costituzionalismo europeo ed italiano. 6 Parlamenti, Governo,
Corsi di laurea in: Scienze e tecniche psicologiche (L) Presidente della Repubblica. 7 I sistemi elettorali. 8 La Corte costituzionale. 9 Il Governo delle Regioni e degli Enti locali.
Modalità didattiche:
Prof. DE RUGERIIS GRAZIAMARIA graziamaria.derugeriis@uniurb.it Lezione frontale; seminari di approfondimento.
Ricevimento: ora successiva alla lezione (anche su appuntamento) Obblighi:
Studio e lettura dei testi di riferimento.
Obiettivi Formativi: Testi di studio:
Il corso intende fornire le premesse storiche, culturali e scientifiche, le conoscenze fondamentali della disciplina; in Barbera A.; Fusaro C.; Corso di diritto pubblico, Il Mulino, Bologna, ultima edizione Nota: capitoli dal I al XVI
particolare saranno oggetto di studio la terminologia e il linguaggio scientifico necessari per affrontare la complessità Nota per tutti: lettura della Costituzione repubblicana e lettura della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea.
della psicologia dinamica. Cantaro A. (a cura di), L’integrazione europea dopo il Trattato di Lisbona, Giappichelli, 2009
Saranno presi in considerazione i modelli teorici utili per sviluppare le capacità e le competenze metodologiche di base Modalità di accertamento:
che attengono alla costruzione e alla gestione della relazione con l’altro. Esame orale.
Programma: ................................................................................................................................
- Le tematiche fondamentali della psicologia dinamica in una prospettiva storico-critica.
- L’importanza attribuita alla vita psichica, al linguaggio e all’affettività.
Istituzioni di diritto pubblico e legislazione scolastica 
IUS/09
- L’evolversi dei modelli a partire dal pensiero freudiano.
- Lo sviluppo del concetto di oggetto e del costrutto della relazione nel campo psicoanalitico.
CFU 4 • DURATA Semestrale
- Il cambiamento verso le relazioni oggettuali.
Titolo corso: L’assetto normativo della Scuola nel vigente quadro ordinamentale.
Risultati di apprendimento:
Corsi di laurea in: Educatore sociale territoriale (CNA-L)
In rapporto alla Introduzione alla Psicologia dinamica lo studente deve mostrare:
- comprensione e padronanza dei concetti di base della disciplina;
Prof. DE GREGORIO MICHELE midegre@libero.it
- capacità di usare le conoscenze e i concetti acquisiti per ragionare in maniera autonoma sulle tematiche della
disciplina.
Obiettivi Formativi:
Attività a supporto della didattica:
Collegare le modificazioni normative intervenute in ambito scolastico dagli anni ‘90 con l’evoluzione del più vasto
Seminari, esercitazioni.
contesto istituzionale pubblico, per identificare, in particolare, i pre-supposti giustificativi, le finalità ed i limiti
Modalità didattiche:
dell’autonomia scola-stica.
lezione frontale
Programma:

62 63
vademecum 2009/10 insegnamenti

1. Introduzione ................................................................................................................................
2. L’ordinamento costituzionale della Repubblica
3. Poteri ed Organi dello Stato
Letteratura per l’infanzia
M-PED/02
4. La scuola e la sua organizzazione
5. La parità scolastica
CFU 5 • DURATA Semestrale
5. Autonomia scolastica e processi di riforma della scuola
Corsi di laurea in: Pedagogia e progettazione educativa (LM)
Modalità didattiche:
lezioni frontali; tesine di approfondimento e/o esercitazioni di gruppo
Prof. MARINI CARLO carlo.marini@uniurb.it
Testi di studio:
per Diritto Pubblico: Martines T. - Diritto Pubblico
Obiettivi Formativi:
Giuffré (ultima edizione)
Il corso si propone di offrire un’analisi del mondo infantile attraverso l’analisi di opere letterarie che hanno lasciato un
per Legislazione
segno evidente nel panorama della letteratura.
Scolastica: appunti tratti dalle lezioni e analisi di testi normativi (Costituzione; Decreto legislativo n. 297/1994; legge n.
Programma:
59/1997; D.P.R. n. 275/1999; legge n. 62/2000; legge n. 53/2003, ecc.)
Parte generale:
Modalità di accertamento:
Nel corso dell’Ottocento la condizione infantile si modifica, in quanto l’infanzia viene ri-scoperta.
Esercitazioni scritte; esami orali
La maglia, la scuola e la società sono istituzioni che svolgono un ruolo importante nel processo formativo di ogni
................................................................................................................................ giovane individuo, che viene educato secondo quei principi e quei valori che circolano in Italia all’epoca dell’Unità,
Istituzioni di matematica  espressi con modalità differenti anche nei libri di testo e di letteratura per ragazzi, come si può riscontrare nei due
MAT/04 capolavori qui presi in esame.
Parte monografica:
CFU 3 • DURATA Semestrale Attraverso la figura di Gianni Rodari è possibile indagare le condizione infantile in età contemporanea mediante gli
Titolo corso: ISTITUZIONI DI MATEMATICA ideali, i valori, gli interessi del mondo giovanile, rappresentati dall’autore con intelligente ironia e comicità.
Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU)  
Risultati di apprendimento:
Prof. GABELLINI GIORGIO giorgio.gabellini@unibo.it In rapporto alla letteratura per l’infanzia lo studente deve dimostrare il possesso:
Ricevimento: Al termine delle lezioni e previo appuntamento contattando in anticipo il docente al suo indirizzo e-mail - della padronanza delle conoscenze delle discipline specialistiche;
- della comprensione dei concetti avanzati della disciplina;
Obiettivi Formativi: - della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare in maniera autonoma sulle problematiche della disciplina.
Introdurre le basi dell’aritmetica fornendo in modo rigoroso a futuri insegnanti di scuola primaria alcuni indispensabili Attività a supporto della didattica:
riferimenti allo studio teorico dei numeri e degli insiemi numerici Lezioni integrative
Programma: Modalità didattiche:
Gli insiemi numerici: numeri naturali, numeri interi relativi, numeri razionali, numeri reali. Proprietà comuni e proprietà lezioni frontali e seminari di approfondimento
distintive. Testi di studio:
Operazioni. Parte Generale:
Strutture additive e moltiplicative, strutture d’ordine. C. Marini, Pinocchio nella letteratura per l’infanzia, QuattroVenti, Urbino 2001
Numeri, numerali, sistemi di numerazione. C. Marini, Cuore nella letteratura per l’infanzia, QuattroVenti, Urbino 2004
Le proprietà dei numeri naturali. Parte Monografica:
La struttura algebrica dei numeri interi e dei numeri razionali G. Rodari, La grammatica della fantasia, Einaudi, Torino 1973
L’infinità degli insiemi numerici.  
Frazioni, numeri razionali, frazioni decimali, numeri decimali, numeri periodici. Approssimazione decimale di un numero Modalità di accertamento:
razionale. Progetto di lavoro ed esame scritto
Cenni storici ed alcuni richiami di ordine didattico. ................................................................................................................................
Modalità didattiche:
Lezioni frontali ed esercitazioni.
Letteratura per l’infanzia 
M-PED/02
Testi di studio:
• Mario FERRARI, “I mondi numerici del primo ciclo scolastico: teoria didattica e storia”. Quaderno didattico n. 20 de:
CFU 4 • DURATA Semestrale
L’insegnamento della matematica e delle scienze integrate, Luglio 2006, Centro Ricerche Didattiche “Ugo Morin”,
Titolo corso: L’importanza della lettura e della scrittura nella formazione umana.
Paderno del Grappa (Tv);
Corsi di laurea in: Educatore sociale territoriale (CNA-L)
• Mario FERRARI, “Geometria”; capitolo incluso nel volume: Geometria e multimedialità, a cura del MPI e UMI,
quaderno n. 36, 1999, da pag. 11 a pag. 50. Scaricabile gratuitamente dal sito: http://www.liceovallisneri.it/
Prof. MARINI CARLO carlo.marini@uniurb.it
pubblicazioni/36_Geom.pdf
Modalità di accertamento:
Obiettivi Formativi:
Esame scritto e/o orale.
Il corso si propone di far acquisire consapevolezza, ai futuri docenti, dell’importanza, nell’odierna società dell’immagine, della
pratica della scrittura e della lettura, al fine di garantire a ciascun individuo lo sviluppo integrale della propria personalità.

64 65
vademecum 2009/10 insegnamenti

Programma: omologazione, particolarmente diffusi nella moderna società digitalica.
Parte generale: Nell’odierno panorama tecnotronico non si può quindi non auspicare una pacifica convivenza tra lettura e nuovi media.
Nell’odierna società post-moderna, dominata dall’uso-abuso della tecnologia, la comunicazione è diventata sempre più Parte monografica:
veloce ed essenziale. In questo scenario è allora più che mai necessario riscoprire il potere della parola, sia scritta che Tra le varie proposte editoriali adatte ai ragazzi vi sono testi, come quello qui proposto, che racchiudono le memorie di
orale, al fine di contrastare l’affermarsi di fenomeni, quali l’analfabetismo di ritorno, la massificazione, la una vita trascorsa, a testimonianza di un tempo che fu, narrando episodi, in cui l’autore, ha saputo abilmente intrecciare
standardizzazione, l’omologazione. verità, leggenda e folklore, nel raccontare le proprie esperienze giovanili.
Lettura e scrittura, quale binomio inscindibile, svolgono un ruolo significativo nella formazione della personalità umana,  
per tale motivo, nell’era della supremazia degli alfabeti iconico-informatici, non è possibile relegare queste ad un ruolo Modalità didattiche:
marginale nell’esistenza delle giovani generazioni. E’ auspicabile che sia la scuola sia la famiglia cooperino lezioni frontali e seminari di approfondimento
congiuntamente alla realizzazione di tale obiettivo, affinché i giovani di domani siano in grado di porre un freno allo Testi di studio:
strisciante conformismo, responsabile di minare l’impianto valoriale della società. Parte Generale
Parte monografica: C. Marini, Per una pedagogia della lettura, QuattroVenti, Urbino 1995.
Nella realtà contemporanea, caratterizzata dall’egemonia informatica, l’incontro con il libro deve avvenire C. Marini, Lettura e nuovi media, QuattroVenti, Urbino 2009
precocemente. Si tratta quindi di saper proporre ai giovani libri interessanti, che possano rispondere ai loro bisogni ed Parte Monografica
interessi. Tra i vari generi narrativi la fiaba e la favola, riunendo in sé varie funzioni, sono quelle più care ai fanciulli. Per T. Sisti, Du bourdei a cavallo degli anni ‘30, Casa Editrice Neftasia, 2009.
tale motivo gli adulti, sia genitori che insegnanti, non possono non ri-conoscere il valore e il potere educativo di queste  
narrazioni. Modalità di accertamento:
  Esame scritto.
Modalità didattiche: ................................................................................................................................
lezioni frontali e seminari di approfondimento. Letteratura per l’infanzia (4° anno indirizzo materna)
Testi di studio: M-PED/02
Parte Generale
C. Marini, Scrivere per imparare a scrivere, QuattroVenti, Urbino 2009 (dispensa) CFU 3 • DURATA Semestrale
C. Marini, Favola e tecnologia, (dispensa 2009) Titolo corso: L’importanza della lettura e della scrittura nella formazione umana.
Parte Monografica: Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU)
G. Gocci, Incontro con la fiaba, Proposte nuove-Mirdat, Torino
  Prof. MARINI CARLO carlo.marini@uniurb.it
Modalità di accertamento:
Esame scritto. Obiettivi Formativi:
................................................................................................................................ Il corso si propone di far acquisire consapevolezza, ai futuri docenti, dell’importanza, nell’odierna società dell’immagine,
Letteratura per l’infanzia (1° anno)  della pratica della scrittura e della lettura, al fine di garantire a ciascun individuo lo sviluppo integrale della propria
M-PED/02 personalità.
Programma:
CFU 3 • DURATA Semestrale Parte generale:
Titolo corso: Psicopedagogia della lettura Nell’odierna società post-moderna, dominata dall’uso-abuso della tecnologia, la comunicazione è diventata sempre più
Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU) veloce ed essenziale. In questo scenario è allora più che mai necessario riscoprire il potere della parola, sia scritta che
orale, al fine di contrastare l’affermarsi di fenomeni, quali l’analfabetismo di ritorno, la massificazione, la
Prof. MARINI CARLO carlo.marini@uniurb.it standardizzazione, l’omologazione.
Lettura e scrittura, quale binomio inscindibile, svolgono un ruolo significativo nella formazione della personalità umana,
Obiettivi Formativi: per tale motivo, nell’era della supremazia degli alfabeti iconico-informatici, non è possibile relegare queste ad un ruolo
Nell’odierna società, dominata dagli alfabeti iconico-informatici, non si può non rivalutare la pratica della lettura. Proprio marginale nell’esistenza delle giovani generazioni. E’ auspicabile che sia la scuola sia la famiglia cooperino
per questo motivo il corso si propone di offrire una carrellata dei generi letterari più adatti ai ragazzi, riconoscendo congiuntamente alla realizzazione di tale obiettivo, affinché i giovani di domani siano in grado di porre un freno allo
valore alla cosiddetta paraletteratura, nei confronti della quale, in passato, si erano andati ad affermare numerosi strisciante conformismo, responsabile di minare l’impianto valoriale della società.
pregiudizi. Parte monografica:
Programma: Nella realtà contemporanea, caratterizzata dall’egemonia informatica, l’incontro con il libro deve avvenire
Parte generale: precocemente. Si tratta quindi di saper proporre ai giovani libri interessanti, che possano rispondere ai loro bisogni ed
Filo conduttore del corso è la lettura, quale attività in grado di mobilitare, in colui che legge, processi psichici differenti e interessi. Tra i vari generi narrativi la fiaba e la favola, riunendo in sé varie funzioni, sono quelle più care ai fanciulli. Per
di diverso livello. tale motivo gli adulti, sia genitori che insegnanti, non possono non ri-conoscere il valore e il potere educativo di queste
Sebbene esistano vari modi di leggere, è tuttavia necessario puntare su una lettura attiva e critica, che permette al lettore narrazioni.
di porsi con curiosità di fronte al testo, prescelto in base all’età, alle proprie esigenze e ai propri interessi.  
Oggi, poichè il mercato editoriale offre una serie sempre più ricca di proposte, spetta all’adulto, nello svolgere la sua Modalità didattiche:
opera di mediazione tra il bambino e il libro, saper proporre narrazioni piacevoli, sia esse fantastiche, avventurose, lezioni frontali e seminari di approfondimento.
oppure reali, in cui si mescolano tra loro storia, verità, leggenda e tradizione popolare, che sappiano comunque Testi di studio:
sollecitare il piacere di leggere, affinché si possano contrastare i fenomeni di massificazione, standardizzazione, Parte Generale
C. Marini,  Scrivere per imparare a scrivere, QuattroVenti, Urbino 2009

66 67
vademecum 2009/10 insegnamenti

C. Marini, Favola e tecnologia, (dispensa 2009) Obiettivi Formativi:
  Approfondire la conoscenza della prima poesia di Guido Gozzano valutandone i legami con l’esperienza poetica italiana
Parte Monografica: ed europea immediatamente precedente; considerarne il peso ed il valore innovativo rispetto alla tradizione poetica
G. Gocci, Incontro con la fiaba, Proposte nuove-Mirdat, Torino novecentesca italiana nelle forme, nei temi e nel linguaggio
   
Modalità di accertamento:  
Esame scritto. Programma:
................................................................................................................................ Alle soglie del Novecento, e alle soglie della propria esperienza poetica, la voce originalissima di Guido Gozzano, tra
Letteratura per l’infanzia (3°anno)  rispetto e superamento della tradizione, tra lingua colta e stilemi fiabeschi e popolari, tra accumulazione caotica e
M-PED/02 filastrocche iterative, ha segnato indelebilmente le successive esperienze di poesia con un magistero forse non cercato
ma effettivo. Partito da D’Annunzio, ma con una adesione critica e a volte irriverente a quella esperienza di poesia,
CFU 3 • DURATA Semestrale Gozzano ha cantato, sottotono, e con la scelta di un plurilinguismo disincantato e ironico, il proprio male di vivere, e il
Titolo corso: Itinerari di lettura male di vivere della sua generazione, rappresentando in modo paradigmatico il difficile accesso ai toni e ai modi della
Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU) scrittura poetica a venire, la difficile conquista di una voce autonoma e distinta. Sino a giungere a quello
smascheramento dei miti e dei riti letterari che non valgono più per una nuova coscienza della scrittura e della vita, e
Prof. MARINI CARLO carlo.marini@uniurb.it invece valgono per la nuova, smarrita e smagata identità dell’intellettuale novecentesco.
 
Obiettivi Formativi:  
Il corso si propone di presentare i generi più adatti ai ragazzi, offrendo, ai futuri insegnanti, un vero e proprio supporto Modalità didattiche:
nell’intricato panorama letterario. Lezioni frontali e seminari di approfondimento
  Testi di studio:
Programma: Guido Gozzano, Opere, Torino, UTET 2008;
Parte generale: Guido Gozzano, i giorni, le opere. Atti del Convegno nazionale di studi, Firenze, Olschki 1985;
Motivare i giovani alla lettura, far nascere in loro il piacere di leggere non è sempre facile. Un valido aiuto può essere Marziano Guglielminetti, La musa subalpina. Amalia e Guido, Pastonchi e Pitigrilli, Firenze, Olschki 2007;
dato dalla scelta adeguata di un testo, che sappia rispondere concretamente agli interessi e ai bisogni del fanciullo. Per Almo Paita, Guido Gozzano. La breve vita di un grande poeta, Milano, BUR 2008;
tale motivo l’adulto, sia genitore, sia insegnante, non può non conoscere i generi letterari destinati ai ragazzi e le  
proposte editoriali ad essi dedicati. Solo così infatti egli sarà in grado di poter orientare il pubblico giovanile nelle scelte.  
Parte monografica: Modalità di accertamento:
Tra i vari generi letterari adatti ai giovani vi è il diario, una forma letteraria semplice ed immediata, mediante cui l’autore Esame scritto
riesce ad interagire con colui che legge, sollecitandone la curiosità e l’interesse, attraverso il racconto di eventi insoliti e
singolari, che hanno segnato l’esistenza di chi scrive. Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
  Testi di studio:
Modalità didattiche:  
lezioni frontali e seminari di approfondimento Modalità di accertamento:
Testi di studio:  
Parte generale Note:
C. Marini, Itinerari di lettura, QuattroVenti, Urbino, 1993 È vivamente consigliata la frequenza.
A. Nobile, Letteratura giovanile, Editrice la Scuola, Brescia 2009, (in corso di stampa) ................................................................................................................................
Parte monografica: Lingua inglese
M. Passini, Nonna Marta, casalinga, racconta..., QuattroVenti, Urbino 2006 L-LIN/12
 
Modalità di accertamento: CFU 10 • DURATA Annuale
Esame scritto. Titolo corso: Education and Training through English
................................................................................................................................ Corsi di laurea in: Scienze dell’Educazione e della formazione (L)
Lingua e letteratura italiana Prof. COLES ROWENA rowena.coles@uniurb.it
L-FIL-LET/10

CFU 3 • PERIODO 1° semestre • DURATA Semestrale Obiettivi Formativi:
Titolo corso: Attraversare D’Annunzio: l’esordio poetico di Guido Gozzano Il corso si propone di fornire agli studenti competenze linguistiche lessico-sintattiche e fonologico-prosodiche utili per
Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU) comprendere, tradurre e discutere un testo autentico di settore (educazione e formazione).
Programma:
Prof. MATTIOLI TIZIANA tiziana.mattioli@uniurb.it i. morfologia e sintassi della frase
Ricevimento: martedì, ore 15-16 ii. lessico di settore
iii. analisi testuale

68 69
vademecum 2009/10 insegnamenti

iv. la traduzione Modalità di accertamento:
v. discorso orale Verifica scritta e prova orale
Risultati di apprendimento: Note:
In rapporto alla Lingua inglese lo studente dovrà mostrare il possesso: Materiale aggiuntivo, programma e procedura d’esame disponibili sull’Area docenti della Facoltà
- della padronanza delle conoscenze di base; ................................................................................................................................
- della comprensione dei concetti fondamentali della disciplina;
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare secondo la logica della disciplina.
Lingua italiana 
L-FIL-LET/12
Attività a supporto della didattica:
• Esercitazioni orali tenute dalla lettrice Dott.ssa B. B. Barry.
CFU 3 • DURATA Semestrale
• Corsi di recupero (facoltativi) di grammatica di base e di traduzione tenuti dalla lettrice Dott.ssa B.B.Barry
Titolo corso: IL LINGUAGGIO TEATRALE DI DARIO FO: DALLA COMMEDIA
• Seminario sulla trasposizione nella letteratura per l’infanzia in lingua inglese.
Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU)
 
Modalità didattiche:
Prof. TREZZA ANGELO angtrz@libero.it
Lezioni frontali.
Ricevimento: Martedì, ore 15-16
Testi di studio:
Barry B.B., Coles R., Reading and Understanding Texts, Editrice Montefeltro, Urbino, 2003 (con CD).
Obiettivi Formativi:
Catani E., (a cura di), A New Companion to English Grammar, QuattroVenti, Urbino, 2006 (con CD).
Analizzare gli aspetti linguistici e strutturali della scrittura scenica di Dario Fo
Catani E., (a cura di), A New Test Companion to English Grammar, QuattroVenti Urbino, 2006.
Programma:
Catani E., A Translation Companion to Education and Psychology, QuattroVenti, Urbino,1999.
Il corso intende presentare ed analizzare il percorso d’elaborazione dell’originalissimo linguaggio teatrale di Dario Fo,
Modalità di accertamento:
promuovendo dalle iniziali movenze cabarettistiche, alla invenzione della mescidanza del grammelot, al recupero dei
Verifica scritta e prova orale
modi linguistici della Commedia dell’arte innestati su una impostazione epica, narrativa e popolare. Saranno
Note:
specialmente le soluzioni di squisita fattura parodica ad essere oggetto privilegiato di indagine, perché intese a
Materiale aggiuntivo, programma e procedura d’esame disponibili sull’Area docenti della Facoltà
recuperare, nel senso comico, gli esiti più significativi della letteratura ‘alta’, non meno che la vasta tradizione della
cultura popolare, di origine specialmente medievale, resa subalterna dai canoni della tradizione letteraria e qui invece
portati ad un valore assoluto di espressione e di comunicazione. L’esemplarità di questa scrittura, certo irripetibile, potrà
................................................................................................................................ offrire agli studenti l’occasione di riflettere sul mistilinguismo, sulla possibilità del fatto linguistico di prescindere dai
Lingua inglese generi, sulla opportunità di considerare e utilizzare la lingua come materia di gioco estremamente finalizzato.
L-LIN/12 Modalità didattiche:
Lezioni frontali
CFU 4 • DURATA Semestrale Testi di studio:
Titolo corso: Il testo di psicologia: forma e significato Dario Fo, Mistero Buffo, in Le commedie di Dario Fo, Torino, Einaudi 1997, pp. 5-171
Corsi di laurea in: Scienze e tecniche psicologiche (L) M. Pizza, Il gesto, la parola, l’azione. Poetica, drammaturgia e storia dei monologhi di Dario Fo, Roma, Bulzoni 1996, pp.
15-122
Prof. COLES ROWENA rowena.coles@uniurb.it Franco Quadri, Introduzione a Le commedie di Dario Fo, vol. I, Torino, Einaudi 1966, pp. V-XIV
A. Trezza, Dario Fo. Una drammaturgia ‘a parte’, Rimini, Raffaelli editore 2008, pp. 11-88
Obiettivi Formativi: A. Trezza, Quinto racconto. La commedia dell’arte (pp. 40 circa) in Storia del teatro: un racconto (in corso di stampa
Il corso si propone di fornire agli studenti un’adeguata preparazione teorico-pratica necessaria per analizzare, presso l’editore Raffaelli di RImini)
comprendere e tradurre un testo autentico in lingua inglese su argomenti relativi all’indirizzo scelto. Modalità di accertamento:
Programma: Prova scritta
Il modulo propone diverse tipologie testuali, ne interpreta i differenti valori discorsivi (sintattici, semantici, pragmatici), e
ne sottolinea le peculiarità compositive. Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Risultati di apprendimento: Testi di studio:
In rapporto alla Lingua inglese lo studente dovrà mostrare il possesso:  
- della padronanza delle conoscenze di base;  
- della comprensione dei concetti fondamentali della disciplina; Modalità di accertamento:
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare secondo la logica della disciplina.  
Attività a supporto della didattica: Note:
Corsi intensivi di recupero (facoltativo) di grammatica di base e di traduzione tenuti dalla lettrice Dott.ssa B. B. Barry.  È vivamente consigliata la frequenza.
Modalità didattiche: ................................................................................................................................
Lezioni frontali.
Testi di studio:
Lingua straniera (francese ) (1° anno) 
L-LIN/04
Catani E., (a cura di), A New Companion to English Grammar, QuattroVenti, Urbino, 2006 (con CD).
Catani E., A Translation Companion to Education and Psychology, QuattroVenti, Urbino,1999.
CFU 6 • DURATA Annuale
Catani E., Galli C., Approccio traduttivo al testo scientifico, Editrice Montefeltro, Urbino, 2004,
Titolo corso: Il mondo incantato delle fiabe. Riflessioni metodologiche e suggestioni teoriche

70 71
vademecum 2009/10 insegnamenti

Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU) 2. Introduzione alla morfologia delle fiabe.
3. E’ meglio l’ascolto o la visione di una favola?
Prof. COMUNE ANTONINO antoniocomune@uniurb.it Modalità didattiche:
Lezione frontale e/o tesine di approfondimento.
Obiettivi Formativi: Testi di studio:
Il corso si propone di fornire agli studenti le competenze linguistiche teoriche e pratiche per interpretare un testo e George Sand, Contes d’une grand-mère, Paris, Garnier-Flammarion 2004. Gli studenti sono invitati a seguire le
comprenderne le valenze letterarie, pedagogiche ecc... Il corso, che prevede la lettura, la traduzione e l’analisi di alcune esercitazioni linguistiche e grammaticali che saranno finalizzate alle prove d’esame. Si verificheranno le competenze già
fiabe francesi, avvierà una riflessione su alcuni percorsi culturali e su problematiche letterarie del XIX secolo francese. acquisite e si amplierà la conoscenza della lingua francese, delle strutture grammaticali, morfologiche e sintattiche.
Particolare attenzione sarà dedicata agli aspetti affini alle due culture e un certo rilievo avrà la preparazione alla prova Gli studenti potranno iscriversi al C.L.A. secondo le modalità indicate e potranno usufruire del materiale disponibile
scritta e all’approfondimento delle strutture linguistiche che permettono un corretto approccio ai testi. (cassette audio e video, esercitazioni individuali auto-correttive, uso di Internet ecc...)
Programma: Indicazioni bibliografiche per le esercitazioni linguistiche: Testo di Grammatica;
1.La favola come genere letterario E. de Gennaro, Nuova Grammaire par étapes,(con CD auto-correttivo), Il Capitello, Torino, u.e., o altra grammatica 
2.Propp e la morfologia della fiaba equivalente.
3.Bettelheim e la psicologia della fiaba Modalità di accertamento:
4. Il progetto pedagogico di G.Sand Alla fine del semestre vi sarà un test di accertamento linguistico e un colloquio. Alla fine del corso essendo
Modalità didattiche: l’insegnamento della lingua francese del secondo anno modulare il voto confluirà e farà media con l’esame di Didattica
Lezione frontale, tesine di approfondimento delle lingue straniere moderne che dovrà essere sostenuto dopo il superamento dell’esame di Francese.
Testi di studio:
I testi delle favole sono tratte dai Contes d’une grand-mère di George Sand, Paris, Garnier-Flammarion, 2004. Gli Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
studenti dovranno anche studiare; B, Bettelheim, Il mondo incantato, Milano, Feltrinelli u.e. Affiancano il corso e ne Testi di studio:
costituiscono valido supporto le esercitazioni linguistiche e grammaticali che saranno svolte durante le lezioni. Altri Gli studenti non frequentanti dovranno aggiungere al programma sopra indicato il testo di Lucia Rodler, La favola,
momenti qualificanti saranno le riflessioni sulla fonetica e sulla comprensione scritta e orale. Tutti gli studenti potranno Roma, Carocci, 2007. 
iscriversi al Centro Linguistico d’Ateneo (C.L.A.) secondo i tempi e le modalità indicate dal Centro. Lì potranno usufruire ................................................................................................................................
del materiale (cassette audio e video, esercitazioni individuali autocorrettive, uso di Internet ecc...) utile al loro percorso Lingua straniera (francese) (3° anno indirizzo elementare), 
di apprendimento del francese. L-LIN/04
Indicazioni bibliografiche per le esercitazioni linguistiche e per la prova d’esame;
Testi di Grammatica: CFU 6 • DURATA Annuale
E. de Gennaro, Nuova Grammaire par étapes, (con CD autocorrettivo), Torino, Il Capitello 2001. Titolo corso: Introduction à une esthétique personnaliste
Modalità di accertamento: Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU)
L’esame scritto prevede alla fine del corso un test di accertamento linguistico-grammaticale propedeutico ad un
colloquio sulle favole analizzate di G. Sand e sugli altri testi. Prof. COMUNE ANTONINO antoniocomune@uniurb.it
Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti Obiettivi Formativi:
Testi di studio: Il corso si propone di fornire agli studenti i concetti teorici fondamentali dell’avviamento alla lettura, come fase
Gli studenti non frequentanti oltre ai testi delle fiabe e ai testi su citati dovranno leggere: Lucia Rodler, La favola, Roma, dell’apprendimento e come strategia pedagogica. Si valuteranno le possibilità della sua applicazione “evolutiva” in una
Carocci, 2007.  classe.
................................................................................................................................ Programma:
Lingua Straniera (francese ) (2° anno)  1. La persona come progetto
L-LIN/04 2. La cultura come identità
3. L’Arte, l’artista, gli altri.
CFU 3 • DURATA Semestrale Modalità didattiche:
Titolo corso: La morfologia della favola. Lezione frontale e/o tesine di approfondimento
Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU) Testi di studio:
Mounier E., Le Personnalisme, P.U.F. coll. Que sais-je? Paris u.e. Altri testi di riferimento saranno forniti durante le lezioni.
Prof. COMUNE ANTONINO antoniocomune@uniurb.it Gli studenti sono invitati a seguire le esercitazioni linguistiche e grammaticali che saranno svolte durante le lezioni. Si
verificheranno le competenze già acquisite e si amplierà la conoscenza della lingua francese, delle strutture
Obiettivi Formativi: grammaticali, morfologiche e sintattiche.
Nel corso del semestre si proseguirà lo studio avviato nel 1° anno e si svilupperanno nello studente le abilità linguistiche Gli studenti potranno iscriversi secondo le modalità indicate dal C.L.A. ove potranno usufruire del materiale (cassette
necessarie all’acquisizione di un buon livello di competenza comunicativa scritta e orale. Si amplieranno le conoscenze audio e video, esercitazioni individuali autocorrettive, uso di Internet ecc...)
già acquisite e si forniranno ulteriori elementi per comprendere le varie tipologie di fiabe e la loro morfologia. E’ Indicazioni bibliografiche per le esercitazioni linguistiche: Testi di Grammatica:
prevista, inoltre, l’attivazione di un seminario o di altre attività di formazione in cui si discuteranno proposte di E. de Gennaro, Nuova Grammaire par étapes, (con CD autocorrettivo), Il Capitello, Torino 2001.
applicazioni didattiche. Modalità di accertamento:
Programma: Alla fine del corso dopo la prova scritta di accertamento linguistico (dettato e/o versione e esercizi di grammatica) vi
1. Tra favola e fiaba. sarà un colloquio sui testi studiati.

72 73
vademecum 2009/10 insegnamenti

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti 1.The grammar, lexis and prosody of a story
Testi di studio: 2. Destructuring procedure
Gli studenti non frequentanti dovranno aggiungere al programma sopra indicato: Walter H., L’aventure des langues en 3. Restructuring procedure
Occident, Paris, Laffont, Livre de poche, Paris 1994, pp.119-195; 266- 326.  4. From intra-linguistic transposition to creative
................................................................................................................................ Modalità didattiche:
Lezioni frontali. Attività propedeutiche al corso ufficiale: seminari e corsi intensivi di recupero per studenti con
Lingua Straniera (inglese ) (2° anno)  inadeguate competenze linguistiche tenuti dalla lettrice Dott.Brenda B. Barry.
L-LIN/12
Testi di studio:
Dispensa:Le favole di Esopo, esercizi di trasposizione e destrutturazione del testo a cura di Catani disponibile sul sito
CFU 3 • DURATA Semestrale
della Facoltà alla voce Area docenti
Titolo corso: Information packaging in stories for children
Catani E., English Language Millennium Workshop Project, Goliardiche, Trieste, 2002.
Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU)
Catani E. (a cura di), A New Companion to English Grammar (con CD), QuattroVenti, Urbino, 2006. (per studenti con
inadeguata preparazione linguistica)
Prof. COLES ROWENA rowena.coles@uniurb.it
Coles R. A Companion to Grammar and Information Structures, Quattroventi, 2008
Spark M., The very fine clock. (disponibile sito della Facoltà alla voce Area docenti)
Obiettivi Formativi:
Trevor W., Access to the Children, (disponibile in fotocopia)
Il corso si propone di fornire agli studenti le conoscenze della struttura frastica, di quella informativa e
Modalità di accertamento:
dell’organizzazione tematica del discorso riferite a racconti per bambini in lingua inglese.
Esame: verifica scritta e prova orale.
Programma:
Note:
1. The grammar structure of sentences
Programma e procedura d’esame sono reperibili anche sul sito della Facoltà alla voce Area Docenti.
i. Word order
ii. Marked syntactical structures ................................................................................................................................
2. The information structure of utterances Lingua straniera (inglese) 1° anno
i. Theme L-LIN/13
ii. Rheme
iii. Communicative Dynamism CFU 6 • DURATA Annuale
iv. Focusing Titolo corso: Learning how to mean in English
v. Thematic Progression Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU)
Attività a supporto della didattica:
Corso facoltativo di recupero della grammatica di base ed esercitazioni orali tenuti dalla lettrice Dott.ssa B.B.Barry. Prof. MARIANI LUCIA lucia.mariani.vj73@alice.it
Seminario sulla trasposizione nella letteratura per l’infanzia in lingua inglese.
Modalità didattiche: Obiettivi Formativi:
Lezioni frontali Il corso si propone di fornire agli studenti competenze linguistiche lessico-grammaticali e fonologico-prosodiche utili per
  comprendere, leggere, interpretare e discutere un breve testo autentico. Il livello linguistico corrisponde al Livello base
Testi di studio: A2 (cfr. la tabella del Quadro Europeo Cap.8.4.3., tabella 6)
Coles R., A Companion to Grammar and Information Structures, QuattroVenti, Urbino, 2008. Programma:
Wilde O., The Happy Prince, Giunti Demetra, Collana Scuola di inglese - Testi, 2006. i) Morfologia e sintassi della frase.
Modalità di accertamento: ii) Il sistema verbale inglese: uso e funzioni.
verifica scritta e prova orale iii) La fonetica della lingua inglese
Note: iv) La comprensione testuale
Materiale aggiuntivo, programma e procedura d’esame disponibili sull’Area docenti della Facoltà Modalità didattiche:
................................................................................................................................ Lezioni frontali. Attività propedeutiche al corso ufficiale: corsi intensivi di recupero per studenti con inadeguate
competenze linguistiche tenuti dalla lettrice Dott. Brenda B. Barry.
Lingua straniera (inglese) (3° anno indirizzo elementare),  Testi di studio:
L-LIN/14
Barry B.B., Coles R., Reading and Understanding Texts, Editrice Montefeltro, Urbino, 2003 (con CD).
Catani E., (a cura di), A New Companion to English Grammar, QuattroVenti, Urbino, 2006 (con CD).
CFU 6 • DURATA Annuale
Catani E., (a cura di), A New Test Companion to English Grammar, QuattroVenti Urbino, 2006.
Titolo corso: Aesop’s Fables: from intra-linguistic transposition to creative writing
Coles R., The Grammar Structure of Language, Quattroventi, 2008
Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU)
Modalità di accertamento:
Verifica scritta (test a scelta multipla e dettato) e prova orale.
Prof. CATANI ENRICO enrico.catani@uniurb.it
Note:
Materiale aggiuntivo, programma e procedura d’esame disponibili sull’Area docenti della Facoltà.
Obiettivi Formativi:
Raggiungere un’adeguata padronanza del lessico, della sintassi e della grammatica della lingua studiata per poter de- ................................................................................................................................
strutturare un testo e ricostruirlo in modo creativo. Linguistica italiana (3° anno curriculum B) 
Programma: L-FIL-LET/12

74 75
vademecum 2009/10 insegnamenti

CFU 4 • DURATA Semestrale CFU 3 • PERIODO Primo semestre • DURATA Semestrale
Titolo corso: Dalle parole al lessico Titolo corso: Attività logiche e cognitive nella scuola materna.
Corsi di laurea in: Educatore sociale territoriale (CNA-L) Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU)

Prof. PIATTI MORGANTI BRUNA b.piattimorganti@uniurb.it Prof. DE SANCTIS NICOLA n.desanctis@uniurb.it

Obiettivi Formativi: Obiettivi Formativi:
Il corso intende focalizzare l’attenzione sulle strutture morfologiche dell’italiano al fine di evidenziare la ricchezza di Introdurre gli argomenti di logica e di Teoria degli insiemi che interessano l’insegnamento nella scuola primaria.
relazioni e d’implicazioni che esistono tra i vari processi di formazione delle parole. Programma:
Programma: Itinerari metodologici e didattici per lo sviluppo delle funzioni logiche di base nel bambino dai tre ai sei anni.
- “fare” morfologia Modalità didattiche:
- i morfemi Lezione frontale. Seminari di approfondimento, concordati nel corso delle lezioni, saranno tenuti dalla Dott.ssa Giovanna
- derivazione Marani.
- composizione Testi di studio:
- flessione C. Lanciotti - I. Marazzani, Logica, Carocci Editore
Modalità didattiche: U. Tenuta, Itinerari di logica probabilità statistica informatica, Ed. La Scuola (soltanto le pp. 1-204).
lezioni frontali Modalità di accertamento:
Obblighi: Prova scritta
  ................................................................................................................................
Testi di studio:
Mioni A.M., Elementi di morfologia generale, Unipress, Padova 1992
Logopedia generale 
MED/50
Dardano M., La formazione delle parole nell’italiano di oggi,
Bulzoni, Roma. CFU 6 • DURATA Annuale
Modalità di accertamento: Titolo corso: Logopedia Generale
Verifica scritta ed eventuale esame orale. Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU)
Note:
E’ possibile contattare il docente per chiarimenti relativi al programma. Prof. MICHELIZZA BENITO benito.michelizza@libero.it
................................................................................................................................
Logica (indirizzo elementare)  Obiettivi Formativi:
M-FIL/02 Il Corso si propone di portare lo studente alla conoscenza dei principali meccanismi neurofisiologici e dei modelli
neuropsicologica di riferimento che spiegano lo sviluppo del linguaggio in E.E., relativamente alla “competenza” ed alla
CFU 3 • PERIODO Primo Semestre • DURATA Semestrale “performance”. Ulteriore obbiettivo risulta essere la definizione dei principali quadri clinici dei disturbi del linguaggio in
Titolo corso: L’educazione logica come guida all’acquisizione delle capacità cognitive di base per l’apprendimento E.E., i rapporti tra sviluppo della verbalità e sviluppo psicomotorio, i rapporti tra competenza verbale e sviluppo delle
disciplinare. abilità di lettura. Verranno proposte le principali indagini di ordine psicodiagnostica e strumentale per la valutazione del
Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU) linguaggio e le linee guida della riabilitazione. Aspetti di educazione al linguaggio verbale.
Programma:
Prof. DE SANCTIS NICOLA n.desanctis@uniurb.it Struttura del linguaggio: aspetti fonetico-fonologici, morfologici e sintattici Fonetica: i tratti distintivi. Fonologia: I processi
fonologici. Anatomia del SNC (cenni) e dell’apparato fono-articolatorio. Principali quadri clinici: D.S.L., linguaggio e
Obiettivi Formativi: insufficienza mentale, linguaggio e sordità, linguaggio nelle P.C.I.; lo sviluppo psicomotorio in relazione al linguaggio:
Delineare percorsi didattici operativi relativi agli obiettivi dei nuovi programmi della scuola elementare. principali tappe dello sviluppo psicomotorio, lateralità e linguaggio, la competenza comunicativa, le regole della scrittura
Programma: e lettura. La lettura: modelli neuropsicologica e modelli neurofisiologici. I disturbi della lettura. Approcci riabilitativi ed
Elementi di logica, insiemi e relazioni. educativi.
Modalità didattiche: Modalità didattiche:
Lezione frontale. Seminari di approfondimento, concordati nel corso delle lezioni, saranno tenuti dalla Dott.ssa Giovanna lezione frontale, tesine di approfondimento (facoltative).
Marani. Testi di studio:
Testi di studio: Trattato di Foniatria e Logopedia (a cura di L. Croatto) editore La Garangola vol 1 e vol. 2; del volume 1 cap. Anatomia
U. Tenuta, Itinerari di logica probabilità statistica informatica, Ed. La Scuola. dell’apparato di articolazione e risonanza e cap Fisiologia dell’apparato di articolazione e risonanza.
C. Lanciotti, I. Marazzani, Logica, Carocci Editore Del volume 2 cap. La Fonologia; cap. La semantica; cap. La sintassi.
Modalità di accertamento: “Manuale di neuropsicologica dell’età evolutiva” (a cura di G. Sabbadini) Ed Zanichelli . Del volume Parte 2° : il
Prova scritta. Linguaggio e precisamente dal cap 4 al cap. 6 compreso. Parte 3° cap 7 e 8.
................................................................................................................................ “il bambino sordo” di P. Gaspari, Anicia srl, Roma 2005 (lettura).
“La prima infanzia” di L. Campioni, il Mulino; cap 2; cap 3 da pag. 51 a pag 93, cap 4.
Logica (indirizzo materna)  Modalità di accertamento:
M-FIL/02
trascrizione fonetica; esame orale e scritto.

76 77
vademecum 2009/10 insegnamenti

................................................................................................................................ ................................................................................................................................
Matematica  Medicina legale
MAT/04 MED/43

CFU 3 • DURATA Semestrale CFU 7 • DURATA Annuale
Titolo corso: Matematica Titolo corso: Medicina legale
Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU) Corsi di laurea in: Scienze psicologiche del lavoro (CNA-L)

Prof. GABELLINI GIORGIO giorgio.gabellini@unibo.it Prof. CAMERIERE ROBERTO r.cameriere@unimc.it
Ricevimento: Al termine della lezione o previo appuntamento contattando in anticipo il docente al suo indirizzo e-mail
Obiettivi Formativi:
Obiettivi Formativi: Il corso ha lo scopo di fornire la conoscenza delle norme legali, etiche e deontologiche poste alla base dell’esercizio
Analizzare e riappropriarsi dei contenuti matematici minimi, indispensabili ad un futuro insegnante di scuola primaria o della professione del medico e in particolare dello psicologo, concetti utili anche in prospettiva di eventuali
di scuola dell’infanzia; esaminarne gli statuti epistemologici allo scopo di diventare padroni del loro uso in didattica, collaborazioni del professionista (o più in generale del futuro consulente o del perito) con l’Autorità Giudiziaria e/o con
esaminarne lo sviluppo storico per motivi culturali e didattici. l’Autorità Sanitaria. Ulteriore scopo è quello di fornire nozioni indispensabili alla conoscenza del sistema della sicurezza
Programma: sociale e delle forme di tutela previdenziale e assistenziale, con riferimenti all’assetto legislativo e sistematico e alla
Numeri, Figure, Enunciati, Eventi. Concetti di base dello’aritmetica, della geometria, della logica , della probabilità e della trattazione della normativa sull’handicap e sull’invalidità civile.
statistica. Programma:
Modalità didattiche: La medicina legale come disciplina medica: origini e funzioni della medicina legale. La medicina giuridica e la medicina
Lezioni frontali e lavoro di gruppo , esercitazioni forense.
Testi di studio: - La metodologia medico legale, la valutazione dei dati e la diagnosi in medicina legale, l’analisi del rapporto di causalità,
Fandiño Pinilla M.I., Sbaragli S., Matematica di base per insegnanti in formazione, Pitagora, Bologna 2001 il giudizio medico legale e la sua rilevanza.
Modalità di accertamento: - La medicina legale nella applicazione del codice penale.
Esame scritto - La medicina legale nei delitti contro la vita e l’incolumità individuale: aspetti medico-giuridici ed applicativi.
................................................................................................................................ - La medicina legale nei delitti contro la persona: i delitti sessuali; la medicina legale nei delitti contro la famiglia: i
maltrattamenti.
Medicina del lavoro  - La medicina legale nella applicazione del codice civile: la valutazione della capacità: l’interdizione, la inabilitazione, lo
MED/44
stato di incapacità naturale, l’amministrazione di sostegno.
- La valutazione medico legale del danno alla persona in responsabilità civile: il danno emergente, il lucro cessante, il
CFU 7 • DURATA Annuale
danno biologico. La valutazione del danno psichico.
Titolo corso: Medicina del Lavoro
- La medicina forense: la consulenza tecnica e la perizia.
Corsi di laurea in: Scienze psicologiche del lavoro (CNA-L)
- La medicina legale e la deontologia medica: il codice deontologico del medico e degli altri professionisti della salute; la
certificazione medica; i trattamenti sanitari.
Prof. FORTI ALBERTO alberto.forti@libero.it
- La riservatezza ed i problemi connessi con gli obblighi di segretezza: il segreto professionale ed il segreto d’ufficio;
l’obbligo del segreto dal punto di vista deontologico; il trattamento dei dati personali in ambito sanitario.
Obiettivi Formativi:
- I doveri di informativa: il referto all’autorità giudiziaria; la denuncia di reato.
Lo scopo del corso è di fornire agli studenti i concetti di base della Medicina del Lavoro nei suoi aspetti legislativi,di
- La responsabilità professionale del personale sanitario e il problema del consenso al trattamento.
prevenzione,clinici e psicologici
- La medicina legale nella applicazione della normativa assicurativo-sociale: infortunio sul lavoro, malattia professionale;
Programma:
invalidità pensionabile.
Cenni storici e legislativi sull’evoluzione della Medicina del Lavoro - Evoluzione legislative (l.626 e successive) -Handicap
- Mobbing, bossing e stalking: aspetti normativi e medico legali.
e lavoro - Emigrazione e lavoro - ambiente e lavoro - alimentazione e lavoro - lavoro minorile - il lavoro femminile, la
- Alcool, sostanze stupefacenti e psicotrope e ambiente di lavoro.
tutela della gravidanza - disposizioni a sostegno della maternità e paternità (L.53/2000) - indagine epidemiologica -
- La medicina legale nella assistenza sociale e nella tutela degli stati di bisogno: l’invalidità civile; lo stato di handicap;
analisi del rischio professionale e degli infortuni in ambiente di lavoro - idoneità al lavoro - stress e lavoro – Burnour –
l’integrazione della persona disabile nel lavoro, nella scuola e nella società; la sicurezza sociale e il S.S.N.
Mobbing – Agenti fisici – infettivi –parassitari – tossici – sensibilizzanti – irritanti –pneumoconiogeni – cancerogeni -
- L’INAIL e l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali. L’INPS e il sistema delle invalidità e
malattie da radiazioni ionizzanti - cardiopatie e lavoro - malattia dell’edificio malsano - patologie da vibrazioni - da
delle inabilità pensionabili.
videoterminali – da posture errate - sindromi neurologiche di origine professionale - tumori professionali – solventi –
Modalità didattiche:
idrocarburi – metalli – alcoli – pesticidi – amine - aspetti di igiene mentale del lavoro – informazione – educazione –
protezione - prevenzione. lezioni frontali
Testi di studio:
Modalità didattiche:
Considerate le continue novità normative, anche degli ultimi anni, tra i buoni manuali di medicina legale la preferenza
Lezioni frontali e seminari di approfondimento
va data al più recente. A titolo indicativo si citano i seguenti: A. CAZZANIGA, C.M. CATTABENI, R. LUVONI, Compendio di
Testi di studio:
medicina legale e delle assicurazioni, Utet, Torino, 12a ed., 2006; L. MACCHIARELLI, P. ARBARELLO, G CAVE BONDI, N.M.
Chiappino G., Tomasini M., Medicina del Lavoro, Cortina ed.1995 Ambrosi L., Foà V., Medicina del Lavoro, UTET
DI LUCA, T. FEOLA, Compendio di Medicina Legale, Minerva Medica, Torino, 2 ed., 2002; C. PUCCINI, Istituzioni di
Indicazioni su dispense ed appunti verranno comunicate ad inizio corso.
medicina legale, Ambrosiana,Milano, 6 ed., 2003; C. GERIN, F. ANTONIOTTI. S. MERLI, Medicina legale e delle
Modalità di accertamento:
assicurazioni, S.E.U., Roma, 1997.
Lezioni frontali e seminari di approfondimento

78 79
vademecum 2009/10 insegnamenti

Modalità di accertamento: Note:
esame orale Durante il corso verranno dati ulteriori riferimenti e approfondimenti bibliografici specifici.
................................................................................................................................ ................................................................................................................................
Metodi e didattiche delle attività motorie Metodologia dell’educazione musicale 
M-EDF/01 L-ART/07

CFU 3 • DURATA Semestrale CFU 3 • DURATA Semestrale
Titolo corso: Metodi e Didattiche delle Attività Motorie Titolo corso: Identità musicali
Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU) Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU)

Prof. FEDERICI ARIO ario.federici@uniurb.it Prof. SPACCAZOCCHI MAURIZIO spaccazocchi@alice.it
Ricevimento: dopo le lezioni previo appuntamento
Obiettivi Formativi:
Obiettivi Formativi: In stretta relazione con il programma del corso di Teoria Musicale, le lezioni si prefiggono lo scopo di raggiungere i
Il corso è volto a fare acquisire adeguate conoscenze e competenze in ambito motorio per favorire i processi di seguenti obiettivi formativi: a) prendere coscienza della propria identità musicale, b) saper valorizzare le identità
maturazione e  di apprendimento per un’armonica crescita psico-fisica dell’alunno nella Scuola Primaria. musicali altrui, c) sapere, saper fare, saper far fare e saper essere nella relazione umana e sonoro-musicale, d) prendere
Programma: coscienza del rapporto fra la prassi e la teoria nell’esperienza musicale educativa. Prerequisiti: a) conoscere gli
- Codice di Etica sportiva: Fair play, sport ed educazione : valori senza frontiere. - Educazione alla salute; corpo, orientamenti e i programmi di educazione al suono e alla musica presenti nella Scuola d’Infanzia ed Elementare italiana,
movimento e sport nella scuola primaria - Corpo e movimento, metodi e tecniche: il ruolo dell’attività motoria nello b) essere disposti a “mettersi in gioco”, singolarmente e in gruppo, sul piano pratico-musicale, motorio-gestuale,
sviluppo della personalità - I pre-requisiti strutturali e funzionali del movimento, ontogenesi del movimento - Metodi e espressivo-comunicativo e artistico in genere.
tecniche per la strutturazione dello schema corporeo - Strutturazione spazio – temporale, equilibrio, controllo posturale, Programma:
lateralità - Coordinazione dinamica generale e intersegmentaria - Il gioco – sport e l’infanzia, diritti e doveri; Le condotte musicali umane.
l’avviamento alla pratica sportiva multilaterale - Il fenomeno del Droup – out e l’abbandono sportivo precoce - La L’identità musicale: dalla vita prenatale alle pratiche sociali.
sindrome ipocinetica, fattori comportamentali e ambientali - Metodi e tecniche di prevenzione degli infortuni nella L’homo musicus: audiens, loquens, movens, cantans, sonans, videns, sapiens.
pratica motoria a scuola, a casa, nel tempo libero e nello sport per l’infanzia - La scuola all’aperto, l’assistenza, la L’anamnesi musicale come ricerca e distinzione di condotte umane mirate alla soddisfazione dei bisogni e dei piaceri.
prevenzione e la sicurezza in ambiente naturale - Attività motoria ed acquisizione di concetti spaziali e geometrici - Il Musica in sé, musica fuori di sé.
contributo dell’educazione motoria nei progetti scolastici per l’infanzia (aspetti interdisciplinari; l’educazione alla salute e L’esperienza musicale come forma felice.
alimentare, l’educazione interculturale, ambientale, stradale ed alla legalità) - Espressività corporea e comunicazione L’occasione e la musica: l’arte di arrangiarsi, il remake.
non verbale - Programmazione e proposte operative di unità didattiche ed unità di apprendimento nella scuola primaria. L’esperienza musicale fra comunicazione ed emozione.
Risultati di apprendimento: La bellezza della vita nelle pratiche musicali umane.
Conoscenze e capacità di programmazione di attività motorie interdiscipinari. Progettare l’educazione musicale.
Abilità comunicative verbali e non verbali. Laboratorio musicale: Il Corpo, la Parola e la Musica! è il tema educativo-musicale che verrà attivato all’interno del
Modalità didattiche: laboratorio che si svolgerà sia nel primo che nel secondo semestre dell’anno accademico 2008-2009. I percorsi operativi
Lezioni frontali. del laboratorio saranno principalmente finalizzati alla realizzazione di un tirocinio musicale da svolgersi nella Scuola
Testi di studio: d’Infanzia o nella Scuola Elementare. Gli eventuali iscritti sono invitati a partecipare indossando abiti utili anche alla
A. Federici, Attività motoria in ambiente naturale, Ed. Montefeltro, Urbino. pratica gesto-motoria-musicale. Il laboratorio permette di ottenere 3 CFU così ripartiti: 2 per l’obbligo di presenza e 1
M.Valentini, S.Castriconi, L’altro linguaggio. Unità di apprendimento per la Scuola Primaria sul corpo che comunica, per lo svolgimento di un compito da svolgersi individualmente “a casa”. Le caratteristiche di questo compito verranno
Margiacchi-Galeno Editrice, Perugia, 2007. esposte dal docente nel primo incontro del laboratorio e, nell’ultimo incontro, ogni singolo partecipante interessato ad
A. Federici, Raccolta bibliografica (a cura di) – Copisteria Asterisco - Urbino ottenere questo terzo credito, dovrà consegnare personalmente al docente il compito redatto al computer e, qualora sia
  possibile, munito anche di allegati sonori (CD) finalizzati alla comprensione dei materiali musicali utilizzati all’interno
Modalità di accertamento: della proposta didattica svolta.
Valutazione scritta e  esame orale. Modalità didattiche:
Dalla lezione-stimolo al dibattito di gruppo. Dagli esempi musicali e multilinguistici al diretto coinvolgimento del singolo
Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti e del gruppo. La rimessa in memoria delle esperienze musicali vissute come base primaria per stimolare la pratica
Modalità didattiche: sonoro-musicale. Dalla prassi alla riflessione teorica e viceversa.
Stesso programma facendo riferimento ai testi consigliati. Aggiornamento multimediale: Gli studenti potranno utilizzare il sito www.progettisonori.it/spaccazocchi per poter
Testi di studio: accedere ai consigli sulla preparazione delle prove d’esame e a tanti altri temi inerenti l’educazione musicale di base e
A. Federici, Attività motoria in ambiente naturale, Ed. Montefeltro, Urbino. primaria. Altri siti multimediali che trattano temi dell’educazione musicale di base sono: http://www.musicheria.net e
M.Valentini, S.Castriconi, L’altro linguaggio. Unità di apprendimento per la Scuola Primaria sul corpo che comunica, www.atelierdimusica.it .
Margiacchi-Galeno Editrice, Perugia, 2007. Testi di studio:
A. Federici, Raccolta bibliografica (a cura di) – Copisteria Asterisco - Urbino Bibliografia essenziale:
  Spaccazocchi M., Suoni vissuti, suoni narrati, Progetti Sonori. Mercatello sul Metauro, 2008
Modalità di accertamento: Spaccazocchi M., Crescere con il Canto, Progetti Sonori, Mercatello sul Metauro, 2003/04/05/06, voll. 1°, 2° (con allegati
Valutazione scritta e  esame orale. c.d. musicali ad uso didattico)

80 81
vademecum 2009/10 insegnamenti

Spaccazocchi M., Crescere con il Flauto Dolce, Progetti Sonori, Mercatello sul Metauro, 2003/04/05/06, voll. 1°, 2°, 3° Titolo corso: Metodologia dell’Intervista e del Questionario
(con allegati c.d. musicali ad uso didattico) Corsi di laurea in: Scienze psicologiche del lavoro (CNA-L)
Spaccazocchi M., La musica e la pelle, Franco Angeli, Milano, 2004
Spaccazocchi M., In movimento, Progetti sonori, Mercatello sul Metauro, 2006 Prof. FAZZI GABRIELLA gabriella.fazzi@gmail.com
Spaccazocchi M., Strobino E., Piacere Musica, Progetti Sonori, Mercatello sul Metauro, 2006
Bibliografia generale: Obiettivi Formativi:
Anzieu D., L’io-pelle, Borla, Roma, 1994 Il corso si propone di offrire gli strumenti concettuali di base necessari alla conduzione di un’intervista in ambiti e
Blacking J., Come è musicale l’uomo, Ricordi, Milano, 1986 contesti differenti. Ci si propone di fornire le conoscenze teoriche e pratiche relative alle principali tecniche di raccolta
Delalande F., Le condotte musicali, Clueb, Bologna, 1993 dei dati; in particolare si farà riferimento all’intervista ed al questionario, offrendo gli strumenti che permettano di
Delalande F., La musica è un gioco da bambini, Franco Angeli, Milano, 2001 costruire o analizzare criticamente diversi tipi di domande, con particolare attenzione all’analisi delle distorsioni relative
Disoteo M., Antropologia per educatori, Guerini, Milano, 2001 alla successione delle domande e alla loro formulazione.
Disoteo M., Piatti M., Specchi sonori, identità e autobiografie musicali, Franco Angeli, Milano, 2002 Programma:
Ferrari F., Giochi d’ascolto, Franco Angeli, Milano, 2002 Il corso delinea le principali caratteristiche, i vantaggi e i limiti delle diverse tecniche, con diverso grado di strutturazione,
Guerra Lisi S., Stefani G., Gli stili prenatali nelle arti e nella vita, Clueb, Bologna, 1999 utili alla rilevazione dei dati nelle scienze psico-sociali. Ampio spazio è dedicato alla fase di rilevazione, dalla definizione
Piatti M., Strobino E., Anghingò, ETS, Pisa, 2004 degli obiettivi cognitivi dell’indagine, alla rilevanza delle proprietà definite operativamente; saranno analizzati i diversi
Pizzorno C., Rosati L., Cara maestra mi piace tanto la musica, Cipriani, Rovereto, 1996 tipi di intervista (da un massimo di strutturazione all’intervista in profondità) in relazione agli interessi cognitivi del
Scardovelli M., Il dialogo sonoro, Cappelli, Bologna, 1992 committente e/o del ricercatore. Un particolare interesse sarà dedicato all’intervista di selezione e all’intervista
Schafer M., Il paesaggio sonoro, Ricordi, Milano 1985 biografica. Ampio spazio sarà dato alla fase di costruzione delle domande di un questionario, alle modalità di
Spaccazocchi M., Didattica della musica, La Scuola, Brescia, 1987 somministrazione e all’inserimento dei dati, nonché alle questioni relative ai possibili problemi e agli errori di
Spaccazocchi M., Segno Suono Gioco, Suvini Zerboni, Milano, 1980 costruzione dello strumento.
Spaccazocchi M., La tribù dei Suonichiusi, Ricordi, Milano, 1984 Il corso si propone inoltre di offrire gli strumenti per l’analisi dei dati testuali, prevedendo esercitazioni e
Spaccazocchi M., Il dizionario dell’educatore musicale, Ricordi, Milano, 1990 approfondimenti sull’uso di software specifici per l’analisi del testo.
Spaccazocchi M., Musica Umana Esperienza, Quattroventi, Urbino, 2000 Modalità didattiche:
Spaccazocchi M., Stauder P., Musica in sé, Quattroventi, Urbino, 2002 lezioni frontali
Stefani G., Tafuri J., Spaccazocchi M., Educazione musicale di base, La Scuola, Brescia, 1979, Testi di studio:
Strobino E., Musiche in cantiere, Franco Angeli, Milano, 2001 Zammuner V. L. (1998), Tecniche dell’intervista e del questionario. Il Mulino, Bologna.
Tagg Ph., Popular music, Clueb, Bologna, 1994 Argentero P. (2003), L’intervista di selezione. Teoria, ricerca, pratica. Franco Angeli, Milano.
Tomatis A., Ascoltare l’universo, Baldini e Castoldi, Milano, 1998 Bichi R. (2002), L’intervista biografica. Una proposta metodologica, Milano, Vita e Pensiero.
Vitali M., Alla ricerca del suono condiviso, Franco Angeli, Milano, 2004 Modalità di accertamento:
Quaderni di Musica Applicata, Edizioni musicali, P.C.C., Assisi esame orale
Rivista P.U.M., Progetto Uomo Musica, (10 numeri), Ed. Mus. Assisi ................................................................................................................................
N.B.: Le fotocopie di testi e le copie musicali non autorizzate sono severamente punite dalla legge.
Modalità di accertamento:
Metodologia dell’intervista e del questionario
M-PSI/05 | Curriculum: METODOLOGIA DELL’INTERVISTA E DEL QUESTIONARIO.
L’esame fa riferimento al modulo di Metodologia dell’Educazione Musicale e di Teoria Musicale, e prevede le seguenti
due prove: Prova scritta: elaborato da svolgersi in base alla lettura dei testi indicati nella sola bibliografia essenziale.
CFU 4 • DURATA Semestrale
Questa prova ha lo scopo di verificare l’assimilazione dei concetti educativi e umani indicati dai testi e trattati in veste
Corsi di laurea in: Psicologia clinica (LM)
pratico-teorica durante le lezioni e i laboratori. Prova pratica: realizzazione pratica di una unità didattica musicale in
grado di far comprendere: finalità, obiettivi, contenuti, aspetti metodologici, ambienti, mezzi e materiali, verifiche e
Prof. RUSSO EMANUELE emanuele.russo@uniurb.it
valutazioni. Questa prova è essenzialmente pratica, mirata alla esaltazione di quel saper-essere reale e attivo che si deve
mettere in atto nella “scena educativa”. È preferibile che la prova pratica venga svolta in gruppo (comunque non
Obiettivi Formativi:
superiore a 12 elementi) per poter meglio valutare il contributo musicale e relazionale che i singoli partecipanti possono
Verranno introdotti metodi e tecniche di ricerca quantitativa ed di ricerca qualitativa. Si darà anche particolare rilievo
dare ad un progetto di chiara natura cooperativa. Solo in casi di evidente impossibilità sono ammesse le prove pratiche
all’integrazione di metodi e tecniche qualitativo-quantitative, con l’analisi delle implicazioni epistemologiche . Sul
singole.
versante pratico, gli studenti saranno invitati ad individuare le strategie e gli strumenti di ricerca più idonei rispetto a
Importante:con molto anticipo, prima dell’iscrizione agli esami, i candidati (gruppi o singoli), devono obbligatoriamente
specifici scopi, sviluppando la conoscenza di possibili strumenti operativi
contattare il docente per poter organizzare al meglio i tempi e le modalità delle due prove. Normalmente la prova
Programma:
pratica si svolge subito dopo quella scritta. Il docente è disponibile per ogni chiarimento e, per questo, invita gli studenti
Il corso si articolerà in una parte teorica e in una parte pratica.
ad informarsi molto prima degli esami e non vicino al periodo degli appelli che inizieranno a svolgersi nel mese di
La prima riguarderà i fondamenti teorici dell’analisi qualitativa, con riferimento ai presupposti epistemologici e agli
maggio-giugno 2009 al termine delle lezioni svolte nei due semestri. Per ulteriori chiarimenti sulle due prove d’esame si
elementi di distinzione rispetto all’analisi quantitativa, nonché alle implicazioni. Inoltre verranno presentati gli ambiti di
veda Come preparare l’esame in www.progettisonori.it/spaccazocchi ( I testi di riferimento sono quelli indicati
ricerca maggiormente interessati dagli sviluppi dell’analisi psicologica e psico-sociale.
nell’attuale vademecum).
La seconda riguarderà gli aspetti più specificamente operativi e in certa misura tecnici. Verranno presentate strategie di
................................................................................................................................ ricerca, strumenti e modelli di analisi tra i più diffusi (in particolare: analisi del contenuto, analisi linguistico-testuale,
Metodologia dell’intervista e del questionario analisi fattoriale delle corrispondenze, analisi conversazionale, intervista, focus group); inoltre verranno presentati i
M-PSI/05 principali software dedicati al sostegno della ricerca.

CFU 7 • DURATA Annuale

82 83
vademecum 2009/10 insegnamenti

Risultati di apprendimento: In rapporto alla Metodologia della ricerca con elementi di statistica lo studente dovrà mostrare il possesso:
Gli aspetti oggetto di valutazione, definiti gli obiettivi, riguarderanno la padronanza - della padronanza delle conoscenze di base;
- della padronanza delle conoscenze delle discipline specialistiche; - della comprensione dei concetti fondamentali della disciplina;
- della comprensione dei concetti avanzati della disciplina; - della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare secondo la logica della disciplina.
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare in maniera autonoma sulle problematiche della disciplina. Attività a supporto della didattica:
Modalità didattiche: - Seminari integrativi;
Lezioni Frontali Esercitazioni di gruppo. - Esercitazioni
Testi di studio: Modalità didattiche:
Zammuner V.L., (1998) Tecniche dell’intervista e del questionario. Bologna: Il Mulino. Lezioni frontali
Mazzara B.M. (2002) (a cura di) “Metodi qualitativi in psicologia sociale”. Roma: Carocci. Testi di studio:
Verrà scelto un articolo tratto da rivista internazionale accreditata, come approfondimento. Rocchi MBL: Statistica e metodologia della ricerca per le discipline biomediche e psicocomportamentali, Edizioni
Modalità di accertamento: Goliardiche, Trieste, 2007
Esame orale; Valutazione di eventuale lavoro di gruppo. Modalità di accertamento:
................................................................................................................................ esame scritto, colloquio orale facoltativo
Metodologia della ricerca con elementi di statistica  ................................................................................................................................
SECS-S/05 Metodologia della ricerca pedagogica
M-PED/01
CFU 8 • DURATA Annuale
Titolo corso: Metodologia della ricerca con elementi di statistica CFU 5 • DURATA Semestrale
Corsi di laurea in: Scienze e tecniche psicologiche (L) Titolo corso: Le modalità della ricerca educativa nel laboratorio didattico
Corsi di laurea in: Scienze dell’Educazione e della formazione (L)
Prof. ROCCHI MARCO BRUNO LUIGI marco.rocchi@uniurb.it
Ricevimento: previo appuntamento dopo le lezioni Prof. TRAVAGLINI ROBERTO roberto.travaglini@uniurb.it

Obiettivi Formativi: Obiettivi Formativi:
Il corso si propone di fornire allo studente una formazione metodologica e statistica di base, non disgiunta dalla Il corso si propone di fornire agli studenti i concetti teorici fondamentali per comprendere sul piano progettuale, ed
acquisizione di una capacità operativa di fronte a problematiche concrete eventualmente svolgere in termini operativi, una ricerca in campo educativo.
Programma: Programma:
1. Cenni di probabilità e calcolo combinatorio. 1. Parte generale: verranno affrontati i seguenti argomenti: le problematiche storico-evolutive ed epistemologiche della
2. Popolazione e campione. ricerca in campo educativo: l’empirismo e lo sperimentalismo pedagogico; la quantità e l’emergenza della qualità; le
3. Scala di misurazione delle variabili. scienze e la scientificità dell’educazione; lo sviluppo della ricerca; gli strumenti della ricerca: l’osservazione; il
4. Principali indici di posizione (media aritmetica, media geometrica, media armonica, mediana e moda) e di dispersione questionario, l’intervista e il colloquio; i test; i modelli, i contesti e le esperienze in educazione: le esperienze
(intervallo di variazione, varianza, deviazione standard, coefficiente di variazione, quartili, distanza interquartile). performative; il sistema dei laboratori; la ricerca-azione; gli strumenti di misurazione nella ricerca didattica.
5. Statistica bivariata: regressione e correlazione. 2. Parti monografiche: il corso si propone l’obiettivo di approfondire anche: a) la realtà laboratoriale in ambito didattico;
6. Principali distribuzioni: binomiale, di Poisson, gaussiana. b) il rapporto diadico mente/corpo in campo psicopedagogico e interculturale.
7. Le distribuzioni campionarie: distribuzione della media campionaria e distribuzione t di Student. Risultati di apprendimento:
8. Test di significatività: il test z; il test t di Student. In rapporto alla Metodologia della ricerca pedagogica lo studente dovrà mostrare il possesso:
9. Intervalli di confidenza per le medie e per le proporzioni. - della padronanza delle conoscenze di base;
10. Classificazione delle sperimentazioni - della comprensione dei concetti fondamentali della disciplina;
11. Il metodo scientifico e i metodi non scientifici - della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare secondo la logica della disciplina.
12. Il protocollo di ricerca Attività a supporto della didattica:
13. Il razionale Lezioni integrative.
14. La ricerca bibliografica Modalità didattiche:
15. La Randomizzazione Lezione frontale; seminari; gruppi di ricerca; laboratori; tesine di approfondimento.
16. La Cecità Testi di studio:
17. Il Disegno sperimentale 1. Parte generale
18. Dimensioni del campione R. Travaglini, La ricerca in campo educativo, Carocci, Roma 2002.
19. La Valutazione dei soggetti: strumenti di valutazione e loro proprietà psicometriche: attendibilità, validità, 2. Parti monografiche
responsività, minima differenza rilevante, sensibilità e specificità a) R. Travaglini, Il laboratorio didattico. L’attiva ricerca della conoscenza, Guerini, Milano 2009.
20. Deviazioni dal protocollo e loro trattamento b) R. Travaglini, Educare con l’aikidō. Una disciplina per sviluppare l’intelligenza corporea, Erickson, Gardolo (TN) 2008.
21. Lettura critica un lavoro scientifico Ulteriori indicazioni bibliografiche potranno essere fornite dal docente durante le lezioni.
Eventuali propedeuticità: Modalità di accertamento:
L’esame di Metodologia della ricerca con elementi di statistica è propedeutico a Psicometria. Prove scritte e orali di verifica in itinere e a fine corso.
Risultati di apprendimento:

84 85
vademecum 2009/10 insegnamenti

................................................................................................................................ l’ausilio di esercitazioni pratiche, gli studente saranno addestrati a costruire una matrice casi per variabili, e ad applicare
le opportune tecniche d’analisi.
Metodologia della ricerca pedagogica  In particolare, saranno approfonditi argomenti relativi a:
M-PED/01
• i concetti di metodo e di tecnica, e le sue diverse declinazioni in contesti epistemologici differenti;
• i differenti approcci, standard e non standard, alla ricerca psico-sociale; il corso si sofferma sulle tecniche d’analisi
CFU 5 • DURATA Semestrale
standard per la raccolta dei dati, come i test, i questionari, le interviste, con particolare riferimento alla fase della
Titolo corso: Ricercare la qualità: l’etnografia nell’azione pedagogica
definizione operativa e alla stima dell’attendibilità;
Corsi di laurea in: Pedagogia e progettazione educativa (LM)
• l’individuazione degli indicatori, la costruzione degli indici e la stima della validità degli indicatori;
• le differenti strategie di campionamento, con analisi critica dei concetti di casualità e rappresentatività;
Prof. ANNACONTINI GIUSEPPE giuseppe.annacontini@uniurb.it
• le differenze fra esperimenti e quasi esperimenti, e i problemi connessi alla validità interna ed esterna degli stessi;
• la presentazione dei risultati e la stesura dei report di ricerca.
Obiettivi Formativi:
Risultati di apprendimento:
Acquisire le fondamentali categorie della ricerca qualitativa in campo pedagogico con particolare riferimento al metodo
In rapporto alla Metodologia dell’intervista e del questionario lo studente dovrà mostrare il possesso:
della ricerca etnografica.
- della padronanza delle conoscenze di base;
Programma:
- della comprensione dei concetti fondamentali della disciplina;
1. Qualità e quantità nella ricerca pedagogica
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare secondo la logica della disciplina.
2. La metodologia etnografica
Attività a supporto della didattica:
3. La specificità della cura pedagogica
- Seminari integrativi sull’individuazione degli indicatori e la costruzione degli indici; seminari sulla matrice dei dati con
Risultati di apprendimento:
l’uso di specifici software.
In rapporto alla Metodologia della ricerca pedagogica lo studente deve mostrare il possesso:
Modalità didattiche:
- della padronanza delle conoscenze delle discipline specialistiche;
lezioni frontali
- della comprensione dei concetti avanzati della disciplina;
Testi di studio:
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare in maniera autonoma sulle problematiche della disciplina.
• Marradi A. Metodologia delle scienze sociali, (a c. di Pavsic R. e Pitrone M.C.). Bologna: Il Mulino, 2007 - cap. I, IV, V, VI,
Attività a supporto della didattica:
VII, VIII
Lezioni integrative
• Fasanella (a c. di), edizione italiana di D.T. Campbell e J.C. Stanley, Disegni sperimentali e quasi-sperimentali per la
Modalità didattiche:
ricerca. Roma: Eucos, 2004
 Lezione frontale, seminari
Modalità di accertamento:
Obblighi:
esame orale
 
Note:
Testi di studio:
 
G. Annacontini, Lo sguardo e la parola, Progedit, Bari 2006
D. Demetrio, Micropedagogia, La Nuova Italia, Scandicci 1992 ................................................................................................................................
Modalità di accertamento: Metodologia e tecnica del gioco e dell’animazione 
 Esame orale M-PED/03
................................................................................................................................
CFU 3 • DURATA Semestrale
Metodologia della ricerca psicosociale (a scelta) Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU)
MPSI/05
Note:
CFU 4 • DURATA Semestrale
Il docente e il programma del corso verranno indicati all’inizio delle lezioni.
Corsi di laurea in: Scienze e tecniche psicologiche (L)
................................................................................................................................
Prof. FAZZI GABRIELLA gabriella.fazzi@gmail.com Metodologia e tecnica del gioco e dell’animazione 
M-PED/03
Obiettivi Formativi:
Il corso si propone di fornire gli strumenti concettuali e operativi di base, necessari per impostare e e condurre una CFU 4 • DURATA Semestrale
ricerca empirica. In particolare il corso si pone l’obiettivo di rendere familiare agli studenti la costruzione e l’uso della Titolo corso: Metodologia e tecnica del gioco e dell’animazione
matrice dei dati: dalla fase di individuazione dell’unità d’analisi, alla costruire delle variabili mediante opportune Corsi di laurea in: Educatore sociale territoriale (CNA-L)
definizioni operative. Durante le lezioni ci si servirà anche di esempi di ricerche condotte in diversi ambiti per illustrare le
possibili strategie di ricerca. Il corso ntende inoltre mettere in grado lo studente di leggere e analizzare criticamente una Prof. BORGHI BATTISTA QUINTO qborghi@gmail.com
ricerca al fine di potere valutare l’affidabilità delle risultanze prodotte.
  Obiettivi Formativi:
Programma:  Che cosa vuole veramente dire “giocare”? A quali bisogni risponde il bambino attraverso il gioco? Come cambia il gioco
Il corso si propone di fornire agli studenti conoscenze e rilievi critici sul tecniche di ricerca standard nelle scienze psico- da un’età all’altra? Come si può integrare nell’attività scolastica? Quali fattori (psicologici, sociali, materiali, ecc.)
sociali. Nel corso delle lezioni saranno distinti i diversi tipi di proprietà e variabili e le opportune definizioni operative. Si influiscono nel gioco? Quale ruolo compete all’insegnante in relazione al gioco? Come possiamo valutare le attività
approfondiranno i concetti di fedeltà dei dati, attendibilità delle definizioni operative e validità degli indicatori. Con ludiche? Che cosa significa animazione?

86 87
vademecum 2009/10 insegnamenti

Il corso, che intende individuare risposte a queste domande muovendosi in una prospettiva problematica e critica, da un  caratteristiche della didattica museale.
lato cercherà di cogliere alcune idee di fondo di pensatori e studiosi, dall’altro indagherà su metodologie e tecniche di In termini di competenze:
giochi praticati in ambito infantile ed adolescenziale.  saper riconoscere ricostruire il “valore” dell’oggetto musealizzato attraverso le operazioni di musealizzazione;
Programma:  saper ricostruire il processo cognitivo/emotivo “dalla meraviglia alla conoscenza” attraverso gli oggetti musealizzati
• Il ruolo del gioco in relazione allo sviluppo sul piano cognitivo, emozionale, sociale;  saper costruire un percorso di didattica museale
• Il gioco e le sue funzioni in ambito educativo: gioco e libertà, gioco e apprendimento, gioco e differenze di genere; il Programma:
gioco fra regole e fantasia; . L’uomo e le sue tracce
• Il gioco nei servizi educativi scolastici ed extrascolastici: gioco libero e guidato, individuale e di gruppo, con e senza Salvare dal tempo, restare oltre il tempo: il “senso” della me-moria; la dimensione personale e sociale della memoria; Il
giocattoli; ricordo come atto politico di “ricostruzione di senso”; Comunicare con gli oggetti
• Il gioco nella società dei consumi; . Il Museo: luogo per ricordare
• Il gioco e i mass-media; Il museo e la delega sociale a ricordare; l’oggetto musealizzato e i suoi livelli di significato; le azioni museali: costruzione,
I luoghi del gioco: la ludoteca, il centro giochi, il centro ricreativo; il gioco ed i servizi educativi. Criteri per la conservazione, riconoscimento sociale del valore degli oggetti
progettazione di servizi incentrati sul gioco. . Il Museo: luogo dell’incontro
Modalità didattiche: Contenere o promuovere?; le forme dell’accoglienza; le forme del potenziamento; la madiazione tra meraviglia e
 lezioni ed esercitazioni in aula conoscenza; il potenziale comunicativo dell’oggetto musealizzato e le prospettiva del dialogo transgenerazionale; le
Testi di studio: professioni museali.
• Materiali diversi forniti durante le lezioni. (I materiali saranno via via inviati nel periodo in cui si svolgeranno le lezioni . Il Museo: luogo per educare
a tutti coloro che forniranno il proprio indirizzo email). La dimensione interistituzionale dell’educazione museale. I percorsi tematico-testuali e l’esperienza della diversità nella
• Testi di studio: Braga P. (a cura di), Gioco, cultura e formazione, Edizioni Junior, Bergamo, 2005 fruizione artistica.
Modalità di accertamento: . Esercitazioni
 prova orale. Modalità didattiche:
Note: lezioni frontali; esercitazioni in aula ed in situazione
  Testi di studio:
................................................................................................................................ M.V. Marini Clarelli, Che cos’è un museo, Carocci, Roma 2005
A. Lugli, G. Pinna, V. Vercelloni, Tre idee di museo, Jaca Book 2005
Modelli statistici per l’analisi e la valutazione dei processi educativi  E. Nardi, Musei e pubblico, F. Angeli, Milano 2004 (pagine scelte)
SECS-S/05
Modalità di accertamento:
Orale
CFU 4 • DURATA Semestrale
Titolo corso: I sistemi di valutazione scolastica ................................................................................................................................
Corsi di laurea in: Esperto nei processi di formazione e nei servizi culturali (CNA-L) Neuropsichiatria infantile
MED/39
Prof. TRAVAGLINI ROBERTO roberto.travaglini@uniurb.it
CFU 6 • DURATA Annuale
Obiettivi Formativi: Titolo corso: Neuropsichiatria Infantile
  Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU)
Programma:
Insegnamento mutuato Prof. PIAZZALUNGA FRANCESCA francesca.piazzalunga@uniurb.it
Vedere il programma di Docimologia, Corso di laurea in Scienze della formazione primaria di questa facoltà.
................................................................................................................................ Obiettivi Formativi:
Il corso si propone di fornire una conoscenza in merito ai principali disturbi che possono intervenire durante lo sviluppo
Museologia  psicologico e fisico dell’essere umano. Uno sguardo particolare sarà rivolto al disturbo autistico e ai contributi che la
L-ART/04
teoria della mente e la scoperta dei neuroni mirror hanno portato per comprendere ciò che è stato definito come “lo
specchio rotto del mondo”.
CFU 4 • DURATA Semestrale
Programma:
Titolo corso: Il Museo: memoria, comunicazione e ricerca
Basi teoriche e concetti generali della neuropsichiatria infantile, il ritardo mentale, i disturbi della comunicazione, i
Corsi di laurea in: Esperto nei processi di formazione e nei servizi culturali (CNA-L)
disturbi dell’apprendimento, i disturbi della capacità motorie, i disturbi da tic, i disturbi da deficit di attenzione e da
comportamento dirompente, altri disturbi del comportamento, la dipendenza da sostanze, i disturbi dell’evacuazione, i
Prof. VENTURA BIANCA MARIA b.ventura@irre.marche.it; bianca.ventura@uniurb.it
disturbi del comportamento alimentare, patologia del sonno, i disturbi generalizzati dello sviluppo, i disturbi d’ansia, i
disturbi dell’umore, il disturbi borderline, l’abuso, l’adozione. Neuroni mirror.
Obiettivi Formativi:
Modalità didattiche:
In termini di conoscenze:
lezioni frontali
 Il museo, la sua storia e la sua funzione sociale; le scienze museali e la loro evoluzione
Testi di studio:
 le dinamiche sociali sottese alla costruzione dei magazzini della memoria, alla loro funzione relazionale ed educativa
Fagiani M.B. (2002), Lineamenti di psicopatologia dell’età evolutiva, Carocci, Roma.
 tecniche di musealizzazione (selezione, raccolta, conservazione degli oggetti di valore
Frith U. (2007), L’autismo. Spiegazione di un enigma, Laterza, Bari.
 caratteristiche della comunicazione museale;
Rizzolatti G., Vozza L. (2007), Nella mente degli altri. Neuroni specchio e comportamento sociale, Zanichelli, Bologna.

88 89
vademecum 2009/10 insegnamenti

Un testo (obbligatorio) a scelta tra: La valutazione della dislessia, edizioni Città aperta
• Abdelilah-Bauer B. (2008), Il bambino bilingue. Crescere parlando più di una lingua, Raffaello Cortina Editore. Modalità di accertamento:
• Cecconi L. (2006), I bambini nel cinema. La rappresentazione dell’infanzia nella storia del cinema, Franco Angeli. Esame orale
• Dunn J. (2006), L’amicizia tra i bambini. La nascita dell’intimità, Raffaello Cortina Editore. ................................................................................................................................
• Giani Gallino T. (2007), Luoghi di attaccamento, Raffaello Cortina Editore.
• Muratori F. (1999), La nascita della vita mentale e i suoi disturbi. Argomenti di psicopatologia della prima infanzia,
Neuropsicologia cognitiva
M-PSI/01
Edizione del Cerro.
• Rocchetto F., Tabanelli L. (2008), Buio dentro. L’enigma della depressione nei bambini e negli adolescenti, Franco CFU 4 • DURATA Semestrale
Angeli. Titolo corso: NEUROPSICOLOGIA COGNITIVA
• Bogliolo C. Loriedo C. (2005), Famiglie e Psicopatologia infantile. Quando la sofferenza è così precoce, Franco Angeli, Corsi di laurea in: Psicologia clinica (LM)
Milano.
• Pennisi A. (1998), Psicopatologia del linguaggio, Carocci, Roma. Prof. ARDUINO LISA lisa.arduino@uniurb.it
  Ricevimento: lunedì dalle 18.00 alle 19.00 (su richiesta tramite e-mail si potrà concordare anche un giorno diverso)
Modalità di accertamento:
Orale Obiettivi Formativi:
Note: L’obiettivo del corso è lo studio della metodologia e degli assunti teorici della neuropsicologia cognitiva e di come lo
Si consiglia la frequenza delle lezioni per un più agevole apprendimento della materia. studio di pazienti con lesioni cerebrali possa contribuire alla conoscenza della organizzazione funzionale e anatomica
................................................................................................................................ dei processi cognitivi normali.
Neuropsicologia clinica (a scelta) Programma:
M-PSI/08 Il programma prevede lo studio dei metodi di indagine usati in neuropsicologia e le principali sindromi
neuropsicologiche.
CFU 4 • DURATA Semestrale Risultati di apprendimento:
Titolo corso: Neuropsicologia clinica In rapporto alla Neuropsicologia cognitiva lo studente deve mostrare il possesso:
Corsi di laurea in: Psicologia clinica (LM) - della padronanza delle conoscenze delle discipline specialistiche;
- della comprensione dei concetti avanzati della disciplina;
Prof. STELLA GIACOMO stella.giacomo@unimore.it - della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare in maniera autonoma sulle problematiche della disciplina.
Attività a supporto della didattica:
Obiettivi Formativi: Lezioni integrative
Il corso affronta i principali deficit neuropsicologici nell’adulto e nel bambino Modalità didattiche:
Programma: Lezioni frontali
In particolare verranno affrontati Obblighi:
- il disturbo del linguaggio orale: le sindromi afasiche consigliata vivamente la frequenza
- deficit evolutivi del linguaggio scritto dislessia evolutiva e disgrafia Testi di studio:
- deficit acquisiti del linguaggio scritto 11) E. Ladavas e A. Berti. Neuropsicologia. Il Mulino: Bologna (tutto il libro eccetto i cap. 2-4-7)
- disturbi dell’elabotrazione del numero e del calcolo in età evolutiva e 2) Articoli scientifici e lucidi della lezione sui test (scaricabili dal sito della docente)
acquisiti 1. Caramazza, A., & Hillis A. E. (1990) Levels of representation, co-ordinate frames, and unilateral neglect. Cognitive
- i disturbi della programmazione motoria: le aprassie Neuropsychology, 7, 391-445.
- i disturbi di memoria 2. Farah, M. (2000). Consciousness. In The handbook of cognitive neuropsychology (Ed. B. Rapp). Psychology Press
- i disturbi dell’attenzione 3. Coslett et al (1993). Reading in pure alexia. Brain, 116, 21-37
- i disturbi della percezione e dell’identificazione di oggetti: le agnosie 4. Lucidi lezione sui test
- I disturbi visuo-spaziali Modalità di accertamento:
- i disturbi esecutivi. la valutazione consiste in una prova scritta ed una integrazione orale
Risultati di apprendimento:
In rapporto alla Neuropsicologia clinica lo studente deve mostrare il possesso: Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
- della padronanza delle conoscenze delle discipline specialistiche; Testi di studio:
- della comprensione dei concetti avanzati della disciplina;  
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare in maniera autonoma sulle problematiche della disciplina. Modalità di accertamento:
Attività a supporto della didattica:  
Lezioni integrative Note:
Modalità didattiche: Si invita lo studente a visionare il sito del docente, in cui vengono costantemente aggiornate le informazioni utili per
Lezioni frontali seguire le lezioni ed affrontare l’esame (programma, modalità, date di lezioni ed esami.
Testi di studio: ................................................................................................................................
Manuale di Neuropsicologia acura di G. Vallar e C. Papagno (il MUlino).
Capitoli 7, 8,9,10,11,13,14,15, 17)
Neuroscienze sociali e cognitive (a scelta)
M-PSI/02
G. Stella, Di Blasi, Giorgetti, Savelli

90 91
vademecum 2009/10 insegnamenti

CFU 4 • DURATA Semestrale Programma:
Titolo corso: Neuroscienze sociali e cognitive L’Organizzazione: Sistema Impresa, l’individuo e i gruppi:
Corsi di laurea in: Scienze e tecniche psicologiche (L) - struttura organizzativa
- progettazione organizzativa
Prof. BONINI LUCA luca.bonini@nemo.unipr.it - modelli di leadership;
- l’individuo, i gruppi e la gestione dei conflitti
Obiettivi Formativi: Leve di gestione e sviluppo delle risorse umane:
Acquisizione di solide conoscenze di base sulla relazione tra il cervello e le principali funzioni cognitive e socio-cognitive. - reclutamento del personale
Particolare attenzione sarà rivolta agli aspetti neuropsicologici e strumentali relativi allo studio e valutazione del - sviluppo del personale
funzionamento cerebrale nell’ambito delle funzioni cognitive superiori e della cognizione sociale. - valutazione del personale
Programma: - clima e cultura organizzativa
- Relazioni tra strutture cerebrali e funzioni cognitive: breve storia delle neuroscienze - formazione del personale
- I metodi delle neuroscienze: valutazione neuropsicologica e strumentale delle funzioni cognitive  
- Lateralizzazione emisferica e specializzazioni cerebrali Modalità didattiche:
- Le basi neurali della percezione e dell’immaginazione mentale Lezioni frontali, analisi dei casi.
- Apprendimento e memoria Testi di studio:
- Funzioni esecutive e lobi frontali M. Bottegoni, Gestione del personale: la formazione, Editrice Montefeltro, 2008
- Cognizione sociale: aspetti normali, neuropsicologici e psicopatologici M. Bottegoni, Percorsi di Ricerca e Valutazione: eserciziario; Editrice Montefeltro , 2008
- Basi neurobiologiche degli effetti dell’intervento psicoterapeutico, psicofarmacologico e placebo M. Bottegoni, Il Change management: le leve di sviluppo delle risorse umane, Editrice Montefeltro, 2009
Risultati di apprendimento: Modalità di accertamento:
In rapporto alle Neuroscienze sociali e cognitive lo studente dovrà mostrare il possesso: Esame orale
- della padronanza delle conoscenze di base; ................................................................................................................................
- della comprensione dei concetti fondamentali della disciplina;
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare secondo la logica della disciplina.
Pedagogia della formazione
M-PED/01
Attività a supporto della didattica:
Lezioni integrative.
CFU 5 • DURATA Semestrale
Modalità didattiche:
Titolo corso: La formazione: fondamenti teorici e dimensioni operative
lezioni frontali
Corsi di laurea in: Scienze dell’Educazione e della formazione (L)
Obblighi:
è fortemente consigliata la frequenza delle lezioni durante le quali verranno illustrati gli sviluppi più recenti della ricerca
Prof. MICHELINI MARIA CHIARA mariachiara.michelini@uniurb.it
in quasi tutti i domini contemplati dal programma, non ancora inclusi, quindi, in alcun libro di testo.
Ricevimento: mercoledi dalle 14 alle 15.
Testi di studio:
Testi di studio consigliati:
Obiettivi Formativi:
- M.S. Gazzaniga, R.B. Ivry, G.R. Mangun. Neuroscienze cognitive. Zanichelli
Il corso si propone di fornire agli studenti le coordinate di una nuova epistemologia delle pratiche professionali e di una
- Materiale didattico ed ulteriori informazioni fornite all’inizio del corso e in seguito disponibili sul sito www.uniurb.it/
coerente formazione di qualità, alla luce delle sfide complesse e imprevedibili della modernità, nella prospettiva
psicologia/docenti/bonini.htm
dell’apprendimento permanente.
Modalità di accertamento:
In particolare il corso si propone di approfondire il tema della progettazione e del governo della scuola, intesa come
esame esclusivamente orale (indicazioni più precise sul sito www.uniurb.it/psicologia/docenti/bonini.htm)
comunità, non solo in senso ideale, ma anche come sistema di organizzazione e di gestione democratico-partecipativo,
................................................................................................................................ oltre al tema della riflessività nelle pratiche educative, considerata come strategia principe negli itinerari formativi, ma
Organizzazione e gestione delle risorse umane anche come modalità per interpretare una nuova epistemologia professionale. Le due tematiche, analizzate nei
SECS-P/10 fondamenti teorici e nelle possibili dimensioni metodologiche ed operative, verranno coniugate in una prospettiva
unitaria e coerente.
CFU 3 • DURATA Semestrale Programma:
Titolo corso: Organizzazione e gestione delle Risorse Umane 1 La progettazione educativa ed il governo della scuola in senso democratico e partecipativo
Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU) 1.1 Per una scuola come comunità
1.2 Decisionalità diffusa e leadership
Prof. BOTTEGONI MARINA marina.bottegoni@uniurb.it 1.3 Per un modello operativo di governo democratico dei sistemi educativi e formativi
1.4 La progettazione curriculare orientata alle competenze nella dimensione dell’apprendimento permanente
Obiettivi Formativi: 1.5 La formazione in servizio tra visione e organizzazione
Studiare l’organizzazione e le leve di gestione delle risorse umane, a partire dagli individui che ne fanno parte, 1.6 Formazione, valutazione, qualità
dagli strumenti utilizzati per la gestione e dai modelli organizzativi utili al raggiungimento dei diversi obiettivi dati. 1.7 Dall’apprendimento al repertorio del far apprendere: principi, metodi, strumenti, profili e azioni del formatore
Saranno approfondite le leve di sviluppo e di gestione delle risorse umane, dalla selezione e reclutamento, alla 2 La riflessività come paradigma di una nuova epistemologia professionale
valutazione del personale, ai sistemi di carriera, ai sistemi di riconoscimento della centralità della risorsa umana 2.1 Fondamenti teorici
come la formazione professionale e l’employee satisfaction. 2.2 Per un modello di riflessione nel corso dell’azione

92 93
vademecum 2009/10 insegnamenti

2.3 Le prassi riflessive in educazione 2 La riflessività come paradigma di una nuova epistemologia professionale
2.3.1 Il ruolo delle teorie per l’interrogazione della realtà nella progettazione curriculare 2.1 Fondamenti teorici
2.3.2 Dalle pratiche dell’insegnamento alle teorie implicite 2.2 Per un modello di riflessione nel corso dell’azione
2.4 Presupposti e ipotesi per lo sviluppo di metodologie basate sulla riflessività nella formazione. 2.3 Le prassi riflessive in educazione
Risultati di apprendimento: 2.3.1 Il ruolo delle teorie per l’interrogazione della realtà nella progettazione curriculare
In rapporto alla Pedagogia della formazione lo studente dovrà mostrare il possesso: 2.3.2 Dalle pratiche dell’insegnamento alle teorie implicite
- della padronanza delle conoscenze di base; 2.4 Presupposti e ipotesi per lo sviluppo di metodologie basate sulla riflessività nella formazione.
- della comprensione dei concetti fondamentali della disciplina; Modalità didattiche:
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare secondo la logica della disciplina. Lezione frontale
Attività a supporto della didattica: Testi di studio:
Lezioni integrative. M.C. Michelini, Riflessività e pratiche educative, Tecnodid, Napoli, 2008.
Modalità didattiche: M.C. Michelini, Progettare e governare la scuola - Democrazia e partecipazione: dalla progettazione educativa
Lezione frontale all’organizzazione scolastica, FrancoAngeli, Milano, 2006.
Testi di studio: ISFOL, Le dimensioni metacurriculari dell’agire formativo, FrancoAngeli, Milano, 2001. (Solo i capitoli:
M.C. Michelini, Riflessività e pratiche educative, Tecnodid, Napoli, 2008. 2. Da uno scenario dell’apprendere a un repertorio del far apprendere.
M.C. Michelini, Progettare e governare la scuola - Democrazia e partecipazione: dalla progettazione educativa 3. Processi di transfer delle competenze e formazione professionale.
all’organizzazione scolastica, FrancoAngeli, Milano, 2006. 7. I sistemi educativi e formativi nella learning economy: presupposti e ipotesi per lo sviluppo di metodologie basate
ISFOL, Le dimensioni metacurriculari dell’agire formativo, FrancoAngeli, Milano, 2001. (Solo i capitoli: sulla riflessività.)
2. Da uno scenario dell’apprendere a un repertorio del far apprendere. Modalità di accertamento:
3. Processi di transfer delle competenze e formazione professionale. Esame orale
7. I sistemi educativi e formativi nella learning economy: presupposti e ipotesi per lo sviluppo di metodologie basate ................................................................................................................................
sulla riflessività.)
Modalità di accertamento:
Pedagogia della marginalità e della devianza 
M-PED/03
Esame orale.
................................................................................................................................ CFU 5 • DURATA Semestrale
Pedagogia della formazione  Titolo corso: pedagogia della marginalità e della devianza: un percorso di benessere esistenziale e di promozione della
M-PED/01 persona.
Corsi di laurea in: Pedagogia e progettazione educativa (LM)
CFU 4 • DURATA Semestrale
Titolo corso: La formazione: fondamenti teorici e dimensioni operative Prof. ANDREONI ROBERTO arsi@email.it
Corsi di laurea in: Esperto nei processi di formazione e nei servizi culturali (CNA-L)
Obiettivi Formativi:
Prof. MICHELINI MARIA CHIARA mariachiara.michelini@uniurb.it  Il corso vuole incentrare l’attenzione sui concetti di fragilità, vulnerabilità, marginalità, disagio, disadattamento, devianza
Ricevimento: mercoledi dalle 14 alle 15. e far riflettere l’educatore, attraverso articolati saperi pedagogici, sulle strategie di intervento più adeguate per specifici
servizi formativi, al fine di migliorare il benessere delle persone svantaggiate ed offrir loro l’occasione di una migliore
Obiettivi Formativi: integrazione sociale. A tal scopo verranno prese in esame le principali figure professionali che progettano la complessa
Il corso si propone di fornire agli studenti le coordinate di una nuova epistemologia delle pratiche professionali e di una rete di sostegno educativo, in un’ottica di prevenzione, di recupero, di integrazione e di promozione della persona.
coerente formazione di qualità, alla luce delle sfide complesse e imprevedibili della modernità, nella prospettiva Si rifletterà inoltre sui significati di cura educativa e di progetto di vita, all’interno di riconosciute marginalità e “nuove
dell’apprendimento permanente. povertà” al fine di accrescere le competenze teorico-pratiche di formatori capaci di riconoscere, accogliere e progettare
In particolare il corso si propone di approfondire il tema della progettazione e del governo della scuola, intesa come interventi rieducativi, facendo ricorso ad una pluralità di approcci e saperi complessi, costitutivi delle scienze
comunità, non solo in senso ideale, ma anche come sistema di organizzazione e di gestione democratico-partecipativo, dell’educazione.
oltre al tema della riflessività nelle pratiche educative, considerata come strategia principe negli itinerari formativi, ma Programma:
anche come modalità per interpretare una nuova epistemologia professionale. Le due tematiche, analizzate nei  Parte istituzionale
fondamenti teorici e nelle possibili dimensioni metodologiche ed operative, verranno coniugate in una prospettiva I confini epistemologici della pedagogia della marginalità e della devianza
unitaria e coerente. L’ermeneutica della devianza e della marginalità
Programma: Le tematiche più dibattute della pedagogia della marginalità e della devianza
1 La progettazione educativa ed il governo della scuola in senso democratico e partecipativo L’intrinseca complessità delle categorie di fragilità, vulnerabilità, disagio, disadattamento, dipendenza, devianza,
1.1 Per una scuola come comunità emarginazione, marginalità
1.2 Decisionalità diffusa e leadership Gli scenari della marginalità e della devianza
1.3 Per un modello operativo di governo democratico dei sistemi educativi e formativi I fenomeni della marginalità e della devianza giovanile
1.4 La progettazione curriculare orientata alle competenze nella dimensione dell’apprendimento permanente La relazione di aiuto e la cura educativa
1.5 La formazione in servizio tra visione e organizzazione I modelli progettuali per la promozione della persona svantaggiata
1.6 Formazione, valutazione, qualità Parte monografica
1.7 Dall’apprendimento al repertorio del far apprendere: principi, metodi, strumenti, profili e azioni del formatore Aspetti metodologici dell’intervento dell’educatore in contesti problematici

94 95
vademecum 2009/10 insegnamenti

L’approccio ecologico-sistemico Modalità didattiche:
L’approccio cognitivo Lezione frontale
L’autobiografia, strumento per favorire l’inclusione Testi di studio:
Narrazione, disagio, dipendenza, devianza, handicap Baldacci M., La pedagogia come attività razionale, Editori Riuniti, Roma 2007
La resilienza, risorsa per la prevenzione, il recupero, l’integrazione sociale Baldacci M., Ripensare il curricolo, Carocci, Roma 2007
Modelli di progettazione integrata Baldacci M., La dimensione emozionale del curricolo, Franco Angeli, Milano
Il sistema dei servizi di aiuto alle persone a rischio di devianza e di marginalità Baldacci M. et al, Il computer a scuola, Franco Angeli, Milano
La complessa organizzazione dell’équipe organizzativa Bladacci M. a cura di, I profili emozioanli dei modelli didattici, Franco Angeli, Milano
Diritto penale e legislazione minorile  
L’intervento di recupero e di promozione sociale delle Comunità Terapeutiche  
Strategie di aiuto e progetti di vita Modalità di accertamento:
Risultati di apprendimento: Esame orale
In rapporto alla pedagogia della marginalità e della devianza lo studente deve mostrare il possesso: ................................................................................................................................
- della padronanza delle conoscenze delle discipline specialistiche;
- della comprensione dei concetti avanzati della disciplina;
Pedagogia generale 
M-PED/01
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare in maniera autonoma sulle problematiche della disciplina.
Attività a supporto della didattica:
CFU 3 • DURATA Semestrale
Lezioni integrative di approfondimento su specifiche tematiche, con la partecipazione di educatori che operano con
Titolo corso: la pedagogia. I fondamenti teoretici della pedagogia
persone marginali e/o devianti;
Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU)
visione e commento di filmati d hoc.
Modalità didattiche:
Prof. BALDACCI MASSIMO massimo.baldacci@uniurb.it
 lezione frontale, lavori di gruppo, tesine di approfondimento.
Testi di studio:
Obiettivi Formativi:
 P. Gaspari, Vietato escludere. Per una pedagogia di frontiera, Anicia, Roma, 2002, 2° edizione
Il corso si propone di fornire agli studenti i concetti teorici fondamentali e gli strumenti di lavoro basilari della pedagogia.
A. Dionigi, Una proposta pedagogica nell’intervento sulle dipendenze. Lavorare con persone che consumano, abusano,
Programma:
dipendono, CLUEB, Bologna, 2008
I fondamenti teoretici della pedagogia
D. Izzo, A. Mannucci, M. R. Mancaniello, Manuale di pedagogia della marginalità e della devianza, ed. ETS, Pisa, 2003, i
L’oggetto della pedagogia
capitoli: primo, secondo terzo, quarto, quinto, ottavo.
Le dimensioni operative della pedagogia
Modalità di accertamento:
Le direzioni educative: obiettivi e metodi
 esame orale
Modalità didattiche:
................................................................................................................................ Lezione frontale
Pedagogia generale Testi di studio:
M-PED/01 M. Baldacci, La pedagogia come attività razionale, Editori Riuniti, Roma 2007
M. Baldacci, Ripensare il curricolo, Carocci, Roma 2006
CFU 10 • DURATA Annuale M. Baldacci, La dimensione emozionale del curricolo, Franco Angeli
Titolo corso: La pedagogia: fondamenti teorici e dimensioni operative Modalità di accertamento:
Corsi di laurea in: Scienze dell’Educazione e della formazione (L) Esame orale.
................................................................................................................................
Prof. BALDACCI MASSIMO massimo.baldacci@uniurb.it
Pedagogia generale e sociale 
M-PED/01
Obiettivi Formativi:
Il corso è articolato in due parti: la prima si propone di chiarire i concetti teorici della pedagogia come scienza
CFU 1 • DURATA 8 ore
dell’educazione. La seconda parte mira alla contemporanea delle dimensioni operative dell’attività educativa.
Titolo corso: Pedagogia generale e sociale
Programma:
Corsi di laurea in: Scienze psicologiche dell’intervento clinico (CNA-L)
I fondamenti teoretici della pedagogia Gli “oggetti” della pedagogia La metodologia della ricerca pedagogica Le
dimensioni operative della pedagogia Le direzioni educative: obiettivi e metodi Il sistema dei luoghi della formazione Le
Prof. PERSI ROSELLA rosella.persi@uniurb.it
età della formazione.
Risultati di apprendimento:
Obiettivi Formativi:
In rapporto alla Pedagogia generale lo studente dovrà mostrare il possesso:
Il corso si propone di offrire delle riflessioni sulle finalità e gli orizzonti di senso dell’educazione e alcune ipotesi di
- della padronanza delle conoscenze di base;
lavoro in relazione ai principali aspetti del fare scuola.
- della comprensione dei concetti fondamentali della disciplina;
Programma:
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare secondo la logica della disciplina.
Didattica e strategie di insegnamento, qualità dei saperi, affettività e relazioni interpersonali
Attività a supporto della didattica:
Modalità didattiche:
Lezioni integrative
 Lezioni frontali

96 97
vademecum 2009/10 insegnamenti

Testi di studio: - L’inserimento di minori con cittadinanza non italiana: strutture educative e percorsi formativi
Baldacci M., Corsi M. (a cura di) Un’opportunità per la scuola. Il pluralismo e l’autonomia della pedagogia, Tecnodid, - Successo formativo e dispersione scolastica tra gli alunni stranieri
2009 (4 saggi a scelta dello studente) - Gli ostacoli all’inserimento e integrazione della popolazione scolastica immigrata
Modalità di accertamento: - Le difficoltà della comunicazione nei contesti multiculturali e multietnici
 esame scritto e/o orale - I principi della comunicazione interculturale: le competenze linguistiche e comunicative
................................................................................................................................ - Lo shock culturale
- I fondamenti teorici del progetto educativo interculturale
Pedagogia generale, corso avanzato  - L’educazione interculturale: le pratiche diffuse e le nuove figure professionali
M-PED/01
- Il ruolo della riflessione teorica e della ricerca empirica in ambito interculturale
- La ricerca qualitativa in educazione: il metodo biografico
CFU 5 • DURATA Semestrale
- Identità e appartenenza: la percezione di sé tra due culture
Titolo corso: Pedagogia generale
- Il percorso formativo: le percezioni scolastiche
Corsi di laurea in: Pedagogia e progettazione educativa (LM)
Modalità didattiche:
Lezione frontale
Prof. MARTINI BERTA berta.martini@uniurb.it
Testi di studio:
P. D’Ignazi, Educazione e comunicazione interculturale, Carocci, Roma, 2005
Obiettivi Formativi:
F. Pinto Minerva, L’intercultura, Laterza, Roma-Bari,2002 M. Baldacci, I profili emozionali dei modelli didattici,
Il corso intende fornire agli studenti gli strumenti per una riflessione sulle finalità e gli orizzonti di senso dell’educazione,
FrancoAngeli, Milano, 2009
nonché per intraprendere analisi e formulare ipotesi di lavoro relativi ai diversi contesti educativi.
Modalità di accertamento:
Programma:
esame scritto e/o orale
L’educazione come scienza
Le fonti scientifiche dell’educazione ................................................................................................................................
I processi educativi come fonte Pedagogia interculturale
Un contesto educativo privilegiato: la scuola M-PED/01
Risultati di apprendimento:
In rapporto alla Pedagogia generale lo studente deve mostrare il possesso: CFU 5 • DURATA Semestrale
- della padronanza delle conoscenze delle discipline specialistiche; Titolo corso: Pedagogia e interculture: prospettive teoriche e pratiche formative
- della comprensione dei concetti avanzati della disciplina; Corsi di laurea in: Pedagogia e progettazione educativa (LM)
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare in maniera autonoma sulle problematiche della disciplina.
Attività a supporto della didattica: Prof. ANNACONTINI GIUSEPPE giuseppe.annacontini@uniurb.it
Lezioni integrative
Modalità didattiche: Obiettivi Formativi:
lezione frontale, seminari, esercitazioni Acquisire più ampie prospettive teoriche e pratiche della pedagogia interculturale attraverso l’analisi di modelli teorici,
Testi di studio: pratiche e specifiche forme di incontro/ibridazione culturale e antropologico.
M. Baldacci e M. Corsi (a cura di), Un’opportunità per la scuola: il pluralismo e l’autonomia della pedagogia, Tecnodid, Programma:
Napoli 2009 1. Introduzione: la pedagogia interculturale, concetti e categorie
J. Dewey, Le fonti di una scienza dell’educazione. 2. L’incontro: l’io e l’altro
Modalità di accertamento: 3. L’ibridazione: l’io e la macchina
 colloquio orale Risultati di apprendimento:
................................................................................................................................ In rapporto all’insegnamento lo studente deve mostrare:
- padronanza delle conoscenze teoriche della pedagogia interculturale;
Pedagogia interculturale - comprensione dei concetti avanzati di integrazione, nomadismo, previsionalità multiculturalità, interculturalità,
M-PED/01
transculturalità;
- capacità di utilizzare autonomamente tali concetti per l’analisi, l’interpretazione e la progettazione di interventi
CFU 4 • DURATA Semestrale
formativi.
Titolo corso: Educazione e formazione nella prospettiva interculturale
Attività a supporto della didattica:
Corsi di laurea in: Educatore sociale territoriale (CNA-L)
- Seminari integrativi;
- Lezioni di approfondimento
Prof. PERSI ROSELLA rosella.persi@uniurb.it, ro.persi@alice.it
Modalità didattiche:
lezione frontale
Obiettivi Formativi:
Testi di studio:
Il corso si propone di approfondire i fondamenti teorici della pedagogia interculturale e le problematiche emergenti nei
- F. Pinto Minerva, R. Gallelli, Pedagogia e postumano, Carocci, Roma 2004.
contesti educativi multiculturali, sollecitando negli studenti lo sviluppo di competenze adeguate alle nuove esigenze
- P. D’Ignazi, Ragazzi immigrati, FrancoAngeli, Milano 2008
formative.
- F. Cambi, Incontro e dialogo. Prospettive della pedagogia interculturale, Carocci, Roma 2006
Programma:
Modalità di accertamento:
- La morfologia della migrazione in Italia
Esame orale

98 99
vademecum 2009/10 insegnamenti

................................................................................................................................ Modalità di accertamento:
colloquio orale
Pedagogia interculturale 
M-PED/01 ................................................................................................................................
Pedagogia sociale 
CFU 3 • DURATA Semestrale M-PED/01
Titolo corso: Pedagogia interculturale
Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU) CFU 4 • DURATA Semestrale
Corsi di laurea in: Educatore sociale territoriale (CNA-L)
Prof. PERSI ROSELLA ro.persi@lalice.it, rosella.persi@uniurb.it
Prof. MARTINI BERTA berta.martini@uniurb.it
Obiettivi Formativi:
Il corso si propone di educare alla consapevolezza del significato di educazione interculturale nella realtà Obiettivi Formativi:
contemporanea; Il corso intende far acquisire agli studenti i concetti teorici fondamentali della pedagogia intesa come disciplina che si
di chiarire il carattere trasversale di tale educazione rispetto ai saperi e alle discipline; di mostrare una pluralità di occupa dell’educazione, nonché le abilità connesse alla definizione dei problemi educativi e alla capacità di affrontarli in
approcci metodologici su temi pertinenti. direzione di razionalità.
Programma: Programma:
Il corso ha per oggetto il concetto di società multiculturale; il problema dell’immigrazione e la pedagogia interculturale; La pedagogia come scienza dell’educazione
le problematiche di una pedagogia multiculturale, transculturale e interculturale; le problematiche didattiche e sociali la metodologia della ricerca pedagogica
inerenti il tema; Il necessario passaggio da realtà multiculturale a società interculturale. i luoghi dell’educazione e i destinatari dell’educazione
Modalità didattiche: l’integrazione tra cognizione ed emozione nei processi di acquisizione delle competenze
I temi del corso saranno presentati mediante lezioni frontali. Gli studenti sono invitati a partecipare alle lezioni, Modalità didattiche:
approfondendo con la discussione e la riflessione personale i concetti e i problemi via via presi in esame.  Lezione frontale
Testi di studio: Obblighi:
P. D’Ignazi, Educazione e comunicazione interculturale, Carocci, Roma, 2005;  
F. Pinto Minerva, L’intercultura, Laterza, Roma-Bari,2002; Testi di studio:
M. Baldacci, I profili emozionali dei modelli didattici, FrancoAngeli, Milano, 2009 M. Baldacci, La pedagogia come attività razionale, Editori Riuniti, Roma, 2007
Modalità di accertamento: M. Baldacci, La dimensione emozionale del curricolo, Franco Angeli 2008
esame scritto e/o orale Modalità di accertamento:
................................................................................................................................ Domande a risposta aperta
Pedagogia sociale ................................................................................................................................
M-PED/01 Pedagogia sociale 
M-PED/01
CFU 5 • DURATA Semestrale
Corsi di laurea in: Pedagogia e progettazione educativa (LM) CFU 4 • DURATA Semestrale
Titolo corso: La pedagogia tra teoria e prassi
Prof. MARTINI BERTA berta.martini@uniurb.it Corsi di laurea in: Scienze e tecniche psicologiche (L)

Obiettivi Formativi: Prof. MARTINI BERTA berta.martini@uniurb.it
Il corso intende fornire agli studenti gli strumenti per una riflessione sulle finalità e gli orizzonti di senso dell’educazione,
nonché per intraprendere analisi e formulare ipotesi di lavoro relativi ai diversi contesti educativi. Obiettivi Formativi:
Programma:  Il corso intende far acquisire agli studenti i concetti teorici fondamentali della pedagogia intesa come disciplina che si
Una teoria dell’esperienza occupa dell’educazione, nonché le abilità connesse alla definizione dei problemi educativi e alla capacità di affrontarli in
la nozione di competenza direzione di razionalità.
Competenze e pratiche sociali  
Risultati di apprendimento: Programma:
Lo studente dovrà mostrare il possesso: La pedagogia come scienza dell’educazione
- della padronanza delle conoscenze di base; la metodologia della ricerca pedagogica
- della comprensione dei concetti fondamentali della disciplina; i luoghi dell’educazione e i destinatari dell’educazione
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare secondo la logica della disciplina. l’integrazione tra cognizione ed emozione nei processi di acquisizione delle competenze
Modalità didattiche: Risultati di apprendimento:
lezione frontale, seminari, esercitazioni In rapporto alla Pedagogia sociale lo studente dovrà mostrare il possesso:
Testi di studio: - della padronanza delle conoscenze di base;
PH. Perrenoud, Costruire competenze a partire dalla scuola, Anicia, Roma, 2003 - della comprensione dei concetti fondamentali della disciplina;
J. Dewey, Esperienza e educazione, La Nuova Italia - della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare secondo la logica della disciplina.

100 101
vademecum 2009/10 insegnamenti

Attività a supporto della didattica: Gli operatori per la “riduzione dell’handicap”
Lezioni integrative L’educatore sociale territoriale, il formatore e i possibili modelli progettuali nella didattica extra scolastica
Modalità didattiche: Nuove professionalità educative e relazione di aiuto
 lezione frontale L’approccio narrativo in Pedagogia speciale.
Testi di studio: Formazione e pratiche narrativo-autobiografiche
M. Baldacci, La pedagogia come attività razionale, Editori Riuniti, Roma, 2007 Per una didattica speciale della narrazione
M. Baldacci, La dimensione emozionale del curricolo, Franco Angeli, 2008 Le competenza emotive nella relazione d’aiuto.
Modalità di accertamento: Narrazione e diversità: problemi e prospettive.
 Domande a risposta aperta Resilienza e narrazione in Pedagogia speciale.
................................................................................................................................  
Risultati di apprendimento:
Pedagogia speciale In rapporto alla Pedagogia speciale lo studente dovrà mostrare il possesso:
M-PED/01
- della padronanza delle conoscenze di base;
- della comprensione dei concetti fondamentali della disciplina;
CFU 10 • DURATA Annuale
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare secondo la logica della disciplina.
Titolo corso: L’educatore sociale territoriale, il formatore e i professionisti dell’aiuto e dell’integrazione delle diversità,
Attività a supporto della didattica:
secondo l’ottica della Pedagogia speciale.
Lezioni integrative
Corsi di laurea in: Scienze dell’Educazione e della formazione (L)
Modalità didattiche:
 Lezione frontale; tesine di approfondimento; seminari; lavori di gruppo;
Prof. GASPARI PATRIZIA gasparipatrizia@libero.it
dibattiti su specifiche tematiche.
Testi di studio:
Obiettivi Formativi:
C. Billi, Comprendere e costruire la diversità nella relazione di aiuto, ETS, Pisa, 2007.
Il corso si prefigge lo scopo di analizzare le interconnessioni esistenti tra la Pedagogia speciale e le figure professionali
P. Gaspari, L’educatore professionale. Una provocazione per la pedagogia contemporanea, Anicia, Roma, 2002.
dell’educatore sociale territoriale, del formatore e dei professionisti dell’aiuto e della cura educativa, nell’ottica
P. Gaspari, Narrazione e diversità. Il contributo dell’approccio narrativo in Pedagogia speciale, Anicia, Roma, 2008.
dell’integrazione delle persone “diverse”. Una particolare attenzione dovrà essere riservata alle categorie pedagogiche
L’indicazione di un ulteriore testo in fase di preparazione sarà fornita agli studenti all’inizio delle lezioni sul sito web
della cura educativa, dell’aiuto, della riduzione dell’ handicap per promuovere il processo d’integrazione delle diversità,
dell’Ateneo.
in ambito scolastico ed extrascolastico. Si analizzerà anche il recente passaggio dall’integrazione all’inclusione scolastica
Modalità di accertamento:
e sociale delle persone “differenti” e “diverse”. Un ruolo fondamentale verrà attribuito alle più funzionali modalità di
 Esame orale.
intervento rieducativo adottate dagli educatori e all’analisi dei principali modelli progettuali da realizzare per
Note:
promuovere un efficace percorso d’integrazione delle diversità nei micro e macro contesti di vita. Nello specifico,
Eventuali programmi alternativi si possono concordare almeno tre mesi prima della data d’esame.
particolare attenzione verrà rivolta all’analisi dell’importante ruolo esercitato dalle teorie e dalle pratiche narrative intese
come strumento a servizio della formazione degli operatori e come possibile linguaggio formativo e rieducativi delle ................................................................................................................................
persone in situazioni di deficit e di handicap. Pedagogia speciale 
Programma: M-PED/03
Parte istituzionale
L’epistemologia della Pedagogia speciale. CFU 3 • DURATA Semestrale
La Pedagogia speciale e i territori di confine Titolo corso: La Pedagogia speciale come scienza dell’integrazione degli alunni diversamente abili: dall’ integrazione
La Pedagogia speciale come pedagogia dell’integrazione all’inclusione di differenze e diversità.
La Pedagogia speciale come pedagogia della cura educativa Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU)
Aver cura delle persone “diverse”
La relazione d’aiuto Prof. GASPARI PATRIZIA gasparipatrizia@libero.it
Relazione di aiuto e comprensione delle diversità.
Didattica della relazione di cura Obiettivi Formativi:
L’integrazione scolastica e sociale delle diversità Il corso si prefigge lo scopo di esaminare i fondamenti teorico-pratici della Pedagogia speciale interpretata come
Integrazione come costruzione progettuale Pedagogia dell’integrazione degli alunni diversamente abili. Dovranno essere padroneggiati i concetti di diversità, deficit,
Dall’integrazione all’inclusione scolastica e sociale handicap, integrazione, inclusione, sostegno, partendo dall’analisi dei “bisogni educativi speciali”. Una particolare
Gli indicatori del processo d’inclusione scolastica e sociale attenzione verrà dedicata all’integrazione scolastica degli alunni diversamente abili e ai principali modelli progettuali,
Il progetto di vita per il disabile dopo i primi trent’anni di esperienze, per giungere alla recente prospettiva inclusiva in ambito scolastico ed
Complessità e diversità extrascolastico.
Le ambiguità terminologiche in Pedagogia speciale: deficit, handicap, disabilità, diversabilità. Programma:
Modelli progettuali a confronto e logiche di rete. Parte istituzionale
Parte monografica L’epistemologia della Pedagogia speciale
L’educatore sociale territoriale: identità, ruolo e competenze La Pedagogia speciale italiana ed europea
Il problema della formazione e dei formatori La Pedagogia speciale come Pedagogia dell’integrazione delle
L’educatore sociale territoriale interpretato dalla Pedagogia speciale diversità
Il problema delle ambiguità terminologiche e semantiche

102 103
vademecum 2009/10 insegnamenti

Le radici culturali dell’handicap senso le categorie della cura educativa, della relazione di aiuto, della resilienza e della “riduzione dell’handicap” saranno
Dalla cultura dell’handicap alla cultura dell’integrazione rivisitate ed approfondite per individuare funzionali pratiche
Le professioni educative e la Pedagogia speciale Programma:
Dall’integrazione all’inclusione delle diversità a scuola Parte istituzionale
Diversabilità e progettualità. Pedagogia speciale e Pedagogia della marginalità e della devianza minorile: sentieri comuni e differenti confini
Le possibili alleanza col territorio. epistemologici
Gli indicatori di qualità dei processi d’integrazione e di inclusione Integrazione e inclusione
scolastica e sociale. Per una pedagogia dell’inclusione
Parte monografica L’ermeneutica della condizione “diversa”
La costruzione dell’integrazione La riduzione dell’handicap e l’accettazione del deficit
Integrazione e progetto di vita Complessità e diversità
Gli indicatori di qualità dell’integrazione scolastica Vecchie e nuove diversità
Modelli progettuali a confronto Educare alle diversità: le nuove professioni educative
Scuola dell’autonomia, scuola della comunità La formazione dei professionisti dell’aiuto
Una scuola su misura I modelli progettuali e l’integrazione.
La prospettiva inclusiva Parte monografica
Integrazione/inclusione Prevenire il disagio: lo specifico educativo
L’integrazione scolastica dal 1977 al 2007 Disagio, disadattamento, deficit, handicap, devianza e marginalità: oltre la logica della categorizzazione
Narrazione e diversità. La cura educativa e la relazione di aiuto
Il contributo dell’approccio narrativo nella didattica dell’integrazione. Vissuti e modelli di cura
  Lavoro d’équipe, formazione, supervisione e coordinamento dei professionisti dell’aiuto
  Disabilità, cura educativa e progetto di vita
Modalità didattiche: La didattica della relazione di aiuto: dalla diagnosi funzionale al progetto individualizzato
Lezione frontale; tesine di approfondimento; seminari; dibattiti su specifiche tematiche; lavori di gruppo. Narrazione e resilienza
Testi di studio: I saperi imprescindibili nel campo delle diversità
P. Gaspari, Speciale, innanzitutto. Autonomia,”handicap” e scuola dell’infanzia,Anicia, Roma, 2005, (2° Edizione). Gli scenari della devianza
P. Gaspari, Narrazione e diversità. Il contributo dell’approccio narrativo in Pedagogia speciale, Anicia, Roma, 2008. Percorsi formativi e approccio narrativo
Modalità di accertamento:  
Esame orale e prova di verifica scritta Risultati di apprendimento:
Note: In rapporto alla Pedagogia speciale (corso avanzato) lo studente deve mostrare il possesso:
Eventuali programmi alternativi si possono concordare con il docente almeno tre mesi prima della data d’esame. - della padronanza delle conoscenze delle discipline specialistiche;
................................................................................................................................ - della comprensione dei concetti avanzati della disciplina;
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare in maniera autonoma sulle problematiche della disciplina.
Pedagogia speciale, corso avanzato Attività a supporto della didattica:
M-PED/03
Lezioni integrative
Modalità didattiche:
CFU 5 • DURATA Semestrale
 Lezione frontale, tesine di approfondimento; seminari; lavori di
Titolo corso: Pedagogia speciale e pedagogia della marginalità e della devianza minorile: le logiche del confine e del
gruppo; dibattiti su specifiche tematiche.
sentiero e il processo di inclusione.
Testi di studio:
Corsi di laurea in: Pedagogia e progettazione educativa (LM)
P. Gaspari, Aver cura. Pedagogia speciale e territori di confine, Guerini, Milano, 2002.
P. Gaspari, Narrazione e diversità. Il contributo dell’approccio narrativo in Pedagogia speciale, Anicia, Roma, 2008.
Prof. GASPARI PATRIZIA gasparipatrizia@libero.it
C. Billi, Comprendere e costruire la diversità nella relazione di aiuto, ETS, Pisa, 2007.
L’indicazione di un ulteriore testo in fase di preparazione sarà fornita agli studenti all’inizio delle lezioni sul sito web
Obiettivi Formativi:
dell’Ateneo.
Il corso intende compiere un’attenta riflessione sui rapporti esistenti tra la Pedagogia speciale e Pedagogia della
Modalità di accertamento:
marginalità e della devianza, individuando sentieri e territori comuni e specifici settori di appartenenza e competenza.
 Esame orale.
Oltre ai tradizionali concetti di deficit, handicap, svantaggio, verranno analizzate le “nuove” categorie di diversità legate
Note:
al disagio, al disadattamento, alla marginalità, vulnerabilità e devianza minorile, che caratterizzano l’attuale società
 Eventuali programmi alternativi si possono concordare almeno tre mesi prima della data d’esame.
complessa. Ne deriva la necessaria rilettura delle principali professioni educative, specializzate nella creazione-
progettazione delle reti di sostegno e di aiuto in grado di ridurre gli ostacoli e le barriere socio-culturali ed esistenziali ................................................................................................................................
che, di fatto, condizionano lo stato di benessere, il maggior livello d’integrazione scolastica e sociale, e la qualità della Pedagogia sperimentale 
vita delle persone in situazioni di deficit e di handicap o, comunque, “emarginate”. In particolar modo verranno M-PED/04
affrontate le importanti tematiche dell’integrazione, della cura educativa, della resilienza in funzione dell’affermarsi
dell’autentica cultura dell’integrazione di “vecchie” e “nuove” diversità. Nello specifico il programma intende accrescere CFU 3 • DURATA Semestrale
il bagaglio formativo, ovvero le competenze di natura teorico-pratica, di professionisti chiamati, nel prossimo futuro, a Titolo corso: Le modalità della ricerca educativa nel laboratorio didattico
progettare, documentare e coordinare efficaci interventi nei servizi educativi e formativi presenti nel territorio. In questo Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU)

104 105
vademecum 2009/10 insegnamenti

Prof. TRAVAGLINI ROBERTO roberto.travaglini@uniurb.it ................................................................................................................................
Obiettivi Formativi:
Principi terapeutici in psicologia clinica 
M-PSI/08
Il corso si propone di fornire agli studenti i concetti teorici fondamentali per comprendere sul piano progettuale, ed
eventualmente svolgere in termini operativi, una ricerca in campo educativo.
CFU 8 • DURATA Annuale
Programma:
Titolo corso: Principi terapeutici in psicologia dinamico-clinica
1. Parte generale: verranno affrontati i seguenti argomenti: le problematiche storico-evolutive ed epistemologiche della
Corsi di laurea in: Psicologia clinica (LM)
ricerca in campo educativo: l’empirismo e lo sperimentalismo pedagogico; la quantità e l’emergenza della qualità; le
scienze e la scientificità dell’educazione; lo sviluppo della ricerca; gli strumenti della ricerca: l’osservazione; il
Prof. COLLI ANTONELLO antonello.colli@uniurb.it
questionario, l’intervista e il colloquio; i test; i modelli, i contesti e le esperienze in educazione: le esperienze
performative; il sistema dei laboratori; la ricerca-azione; gli strumenti di misurazione nella ricerca didattica.
Obiettivi Formativi:
2. Parti monografiche: il corso si propone l’obiettivo di approfondire anche: a) la realtà laboratoriale in ambito didattico;
  Il corso ha come principale obbiettivo l’illustrazione dei concetti fondamentali della psicoterapia psicodinamica
b) il rapporto diadico mente/corpo in campo psicopedagogico e interculturale.
(transfert/controtrasfert, alleanza terapeutica, interpretazione, resistenza etc) e dei principi tecnici d’intervento. I concetti
Modalità didattiche:
e i principi tecnici saranno trattati secondo una triplice prospettiva: teorica, clinica ed empirica. Infine verranno forniti gli
Lezione frontale; seminari; gruppi di ricerca; laboratori; tesine di approfondimento.
strumenti concettuali fondamentali per poter comprendere e valutare secondo una prospettiva empirica il processo
Testi di studio:
terapeutico.
1. Parte generale
Programma:
R. Travaglini, La ricerca in campo educativo, Carocci, Roma 2002.
La parte iniziale del corso verterà sulla presentazione dei concetti fondamentali della psicoterapia dinamica con
2. Parti monografiche
particolare attenzione rivolta agli interventi del terapeuta (Interpretazione, Confrontazione, Chiarificazione etc) e alle
a) R. Travaglini, Il laboratorio didattico. L’attiva ricerca della conoscenza, Guerini, Milano 2009.
dinamiche della relazione terapeutica (Transfert/Controtrasfert, Alleanza terapeutica, Identificazione Proiettiva etc).
b) R. Travaglini, Educare con l’aikidō. Una disciplina per sviluppare l’intelligenza corporea, Erickson, Gardolo (TN) 2008.
Particolare attenzione sarà rivolta ai concetti di resistenza e di Rottura dell’alleanza terapeutica. La parte centrale del
Modalità di accertamento:
corso sarà dedicata all’illustrazione delle principali modalità d’indagine e concettualizzazione empirica dei più rilevanti
Prove scritte e orali di verifica in itinere e a fine corso.
costrutti della ricerca in psicoterapia psicodinamica (Alleanza terapeutica, Funzione riflessiva, Meccanismi di difesa etc).
................................................................................................................................ La parte finale del corso sarà dedicata all’illustrazione e approfondimento di particolari modelli d’intervento
Percezione e comunicazione visiva  psicodinamico in riferimento a specifiche entità nosologiche quali il Disturbo Borderline, il Disturbo Narcisistico e il
ICAR/17 Disturbo Depressivo.
Risultati di apprendimento:
CFU 3 • DURATA Semestrale In rapporto ai Prinicipi terapeutici in psicologia clinica lo studente deve mostrare il possesso:
Titolo corso: Didattica della percezione e della comunicazione visiva - della padronanza delle conoscenze delle discipline specialistiche;
Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU) - della comprensione dei concetti avanzati della disciplina;
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare in maniera autonoma sulle problematiche della disciplina.
Prof. TRAVAGLINI ROBERTO roberto.travaglini@uniurb.it Attività a supporto della didattica:
Lezioni integrative
Obiettivi Formativi: Modalità didattiche:
Il corso si propone di approfondire alcune tematiche teoretiche legate alla percezione e alla comunicazione visiva in  lezioni frontali, seminari di approfondimento, interventi di esperti
ambito didattico e all’espressione/evoluzione del disegno infantile. Testi di studio:
Programma:  1) Dazzi, N., Lingiardi, V., Colli, A. La ricerca in psicoterapia. Modelli e strumenti. Raffaello Cortina Editore, Milano.
1. Parte generale: si analizzeranno le teorie pedagogiche e i metodi didattici che più si prestano alla facilitazione della (esclusi cap. 4, 5, 8, 12, 16, 23, 27, 29, 31, 32, 33).
comprensione iconologica delle manifestazioni estetiche, con una particolare attenzione al disegno e all’espressione 2) Gabbard, G. Introduzione alla psicoterapia psicodinamica. Raffaello Cortina Editore, Milano.
pittorica quali mezzi per educare alla creatività e all’arte. 3) Un libro a scelta tra:
2. Parti monografiche: una particolare attenzione sarà posta ai processi mentali e, in particolare, a quelli relativi alla Busch, F. N., Rudden, M., Shapiro, T. Psicoterapia psicodinamica della depressione. Raffaello Cortina Editore, Milano
formazione della mente infantile nell’attività grafica, nonché agli elementi psicopedagogici della creatività e Jones, E. E., L’azione terapeutica. Una guida alla terapia psicoanalitica. Raffaello Cortina Editore.
dell’espressione artistica infantile e adolescenziale. Lingiardi, V. L’alleanza terapeutica. Teoria, Clinica, Ricerca. Raffaello Cortina Editore, Milano.
Modalità didattiche: Modalità di accertamento:
Lezione frontale; seminari; gruppi di ricerca; laboratori; tesine di approfondimento.  Esame orale
Testi di studio: ................................................................................................................................
W. Moro, Didattica della comunicazione visiva, La Nuova Italia, Scandicci (FI) 2001.
2. Parti monografiche
Psicobiologia 
BIO/09
a) Aa.Vv., Il disegno infantile. Evoluzione, narrazioni, stili, in “Graphos”, a. IX, n. 17-18, AGAS, Bologna 2006.
b) N. Filograsso e R. Travaglini (a cura di), La mente. itinerari di ricerca, FrancoAngeli, Milano 2009.
CFU 4 • DURATA Semestrale
Ulteriori indicazioni bibliografiche potranno essere fornite dal docente durante le lezioni.
Titolo corso: Dalla sensazione alla cognizione
 
Corsi di laurea in: Educatore sociale territoriale (CNA-L)
Modalità di accertamento:
Prove scritte e orali di verifica in itinere e a fine corso.
Prof. MERAVIGLIA MARIA VITTORIA mmeraviglia@uniurb.it

106 107
vademecum 2009/10 insegnamenti

Obiettivi Formativi: I discenti che prenderanno parte alle esercitazioni, potranno chiedere che l’esito delle stesse sia valutato come parte
Fornire le basi per la conoscenza del funzionamento del sistema nervoso centrale, considerando in una prospettiva integrante dell’esame conclusivo.
evoluzionistica la progressiva complessificazione delle strutture e delle funzioni che rendono l’essere umano in grado di ................................................................................................................................
percepire, agire, conoscere. Psicodiagnostica 
Programma: M-PSI/07
1) Evoluzione filogenetica e ontogenetica del sistema nervoso centrale.
2) Evoluzione storico-culturale: modelli di funzionamento cerebrale CFU 8 • DURATA Annuale
3) L’ipotesi di A. R. Lurija: le tre unità funzionali cerebrali. Titolo corso: La Psicodiagnostica
4) Il movimento: apprendimento e comunicazione. Corsi di laurea in: Scienze psicologiche dell’intervento clinico (CNA-L)
5) Le funzioni corticali superiori: memoria, emozioni, cognizione.
Modalità didattiche: Prof. ACQUARINI ELENA elena.acquarini@uniurb.it
- Lezioni frontali tenute dal docente.
- Seminari di approfondimento con l’intervento di esperto del settore. Obiettivi Formativi:
- Esercitazioni. Il Corso si propone di fornire allo studente gli strumenti metodologici epsicometrici di base necessari per l’utilizzo
Testi di studio: dell’indagine testologica e psicodiagnostica nella valutazione clinica della personalità.
Meraviglia MV - Argomenti di psicobiologia - Montefeltro Programma:
Meraviglia MV - Complessità del movimento - Franco Angeli Saranno analizzati percorsi diagnostici che comprendono colloquio clinico e somministrazione di test, in particolare test
Modalità di accertamento: di personalità e scale di intelligenza (Rorschach, WAIS, TAT, MMPI-2). Saranno descritte le diverse ed articolate modalità
Esame orale. di diagnosi e di restituzione al soggetto esaminato, i particolari modi di lettura dell’ambiente psichico nell’anamnesi, nel
Note: colloquio e nella somministrazione di test. Esamineremo poi l’interazione psicologo/paziente attraverso l’utilizzo
 I materiali necessari per le esercitazioni verranno resi disponibili durante lo svolgimento del corso. sinergico di due modelli di lettura della personalità: quello nosografico (di tipo psichiatrico) e quello nomotetico (di tipo
I discenti che prenderanno parte alle esercitazioni, potranno chiedere che l’esito delle stesse sia valutato come parte psicodinamico). Nel corso verranno fornite informazioni sui presupposti teorici di base che e verrà lasciato ampio spazio
integrante dell’esame conclusivo. alla esemplificazione di casi clinici. Il corso sarà integrato con attività seminariali finalizzate ad approfondire alcune delle
................................................................................................................................ tematiche affrontate.
Psicobiologia  Modalità didattiche:
BIO/09 Lezione frontale. Sono previsti seminari di approfondimento con specialisti.
Testi di studio:
CFU 4 • DURATA Semestrale Del Corno F., Lang M. (a cura di): La diagnosi testologica. Franco Angeli, Milano, 1998. Mc Williams N.(1999): Il caso
Titolo corso: Dalla sensazione alla cognizione clinico. Dal colloquio alla diagnosi. Raffaello Cortina, Milano, 2002. Lang M., Nosego C., Xella C. M.: La Scala WAIS. Uso
Corsi di laurea in: Esperto nei processi di formazione e nei servizi culturali (CNA-L) clinico e valutazione qualitativa. Raffaello Cortina, Milano, 1996. Butcher J. N.: MMPI – 2 e trattamento psicologico.
Giunti, Firenze.
Prof. MERAVIGLIA MARIA VITTORIA mmeraviglia@uniurb.it Modalità di accertamento:
Esame scritto ed orale
Obiettivi Formativi: ................................................................................................................................
Fornire le basi per la conoscenza del funzionamento del sistema nervoso centrale, considerando in una prospettiva Psicodiagnostica dinamico-clinica
evoluzionistica la progressiva complessificazione delle strutture e delle funzioni che rendono l’essere umano in grado di M-PSI/07
percepire, agire, conoscere.
Programma: CFU 4 • DURATA Semestrale
1) Evoluzione filogenetica e ontogenetica del sistema nervoso centrale. Corsi di laurea in: Psicologia clinica (LM)
2) Evoluzione storico-culturale: modelli di funzionamento cerebrale
3) L’ipotesi di A. R. Lurija: le tre unità funzionali cerebrali. Note:
4) Il movimento: apprendimento e comunicazione. Informazioni sul docente e sul programma verranno fornite all’inizio delle lezioni.
5) Le funzioni corticali superiori: memoria, emozioni, cognizione.
Modalità didattiche: ................................................................................................................................
- Lezioni frontali tenute dal docente. Psicodiagnostica infantile
- Seminari di approfondimento con l’intervento di esperto del settore. M-PSI/07
- Esercitazioni.
Testi di studio: CFU 8 • DURATA Annuale
Meraviglia MV - Argomenti di psicobiologia - Montefeltro Titolo corso: Psicodiagnostica infantile
Meraviglia MV - Complessità del movimento - Franco Angeli Corsi di laurea in: Scienze psicologiche dell’intervento clinico (CNA-L)
Modalità di accertamento:
Esame orale Prof. MANCIA FRANCESCA manciafrancesca@yahoo.it
Note:
 I materiali necessari per le esercitazioni verranno resi disponibili durante lo svolgimento del corso. Obiettivi Formativi:
Il corso si propone di fornire allo studente i principi generali tecnico-metodologici della valutazione e della diagnosi del

108 109
vademecum 2009/10 insegnamenti

bambino. L’insegnamento si inquadra in un modello clinico di tipo psicodinamico integrato: verranno illustrati i diversi • Relazioni di cura e di sostegno nello sviluppo
metodi di esplorazione del mondo interno infantile, relazioni affettive, socializzazione, la valutazione cognitiva e la • Intervento clinico ed intervento sociale nei contesti di vita, tra rischi e risorse
restituzione del quadro. Durante il corso verrà proposto l’approfondimento di alcuni temi attraverso attività integrative di carattere seminariale.
Programma: Risultati di apprendimento:
Verranno affrontati i seguenti argomenti: In rapporto alla Psicologia clinica dell’infanzia e dell’adolescenza lo studente deve mostrare il possesso:
1. Le aree di inquadramento diagnostico in età evolutiva (funzioni cognitive, comunicazione, affetti, difese e - della padronanza delle conoscenze delle discipline specialistiche;
preorganizzazioni nella strutturazione del Sé); - della comprensione dei concetti avanzati della disciplina;
2. La sofferenza psichica in età evolutiva: modelli teorici e classificazioni a sostegno della procedura valutativa; - della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare in maniera autonoma sulle problematiche della disciplina.
3. le principali dinamiche relazionali emergenti in situazione di psicodiagnosi infantile; Attività a supporto della didattica:
4. l’incontro con il bambino ed il colloquio con i genitori Lezioni integrative.
5. l’osservazione diretta del bambino e della relazione con i genitori; Modalità didattiche:
6. la scelta, la somministrazione e la lettura del materiale diagnostico nella specificità dell’obiettivo diagnostico; lezioni frontali, seminari interdisciplinari ed esperenziali, con discussioni per piccoli gruppi, produzione di elaborazioni
Modalità didattiche: personali e di gruppo.
Lezione frontale ed esperienze di esercitazione in aula. Testi di studio:
Testi di studio: • Cerabolini, R. Comelli, F.. (a cura di), “Gruppi e reti di sostegno psicologico; teorie, modelli ed esperienze cliniche e
Testi obbligatori: sociali” Quattroventi, Urbino 2004
G. Axia e S. Bonichini (a cura di) La valutazione del bambino - Manuale di metodi e strumenti, ed Carrocci, Roma,2000 --> oppure, a scelta:
V. Carretti, N. Dazzi, R.Rossi (a cura di) DSM IV Guida alla diagnosi dei disturbi dell’infanzia, ed. Masson, 2002 • Cerabolini, R. Comelli, F. (a cura di) “La cura del contesto nel disagio psichico - contributi per un allargamento del
Cursio Luciana Guida pratica alla consultazione psicodiagnostica in età evolutiva Ed. Franco Angeli campo terapeutico” Quattroventi, Urbino 2006.
Sono consigliati i seguenti testi: Inoltre, un testo a scelta tra i seguenti (due per coloro che non frequentano le lezioni, obbligatorio quello contrassegnato
Calvo, V., Rocco, D. (2003). Il colloquio psicologico: modelli clinici e tecniche di analisi. Domeneghini Editore Padova da asterisco*):
Sacchi M. Enrica (a cura di) Relazioni e sviluppo. Metodi e contenuti in psicologia dell’età evolutiva, ed Bollati • Aliprandi M.T., Pelanda E., Senise T. “Psicoterapia breve di individuazione. La metodologia di Tommaso Senise nella
Boringhieri, 1990 consultazione con l’adolescente” Feltrinelli, Milano, 1990
S.Isaac et al. L’osservazione diretta del bambino ed. Bollati Boringhieri, Torino 1989Daniel Marcelli, Psicopatologia del • Fraiberg S. “Il sostegno allo sviluppo” Cortina, Milano (1999)
bambino, ed. Masson. Milano 2001 • Speltini G. (a cura di), “Minori, disagio e aiuto psicosociale” Il Mulino, Bologna, 2005
Marco Casonato, Samantha Sagliaschi La valutazione dell’attaccamento nel ciclo di vita” Ed. Quattro venti • * Sameroff A.J., McDonough S.C., Rosenblum K.L. “Il trattamento clinico della relazione genitore-bambino” Il Mulino,
J. Manzano, F. Palacio Espasa, N. Zilkha Scenari di genitorialità, ed. Raffaello Cortina Bologna, 2006 (* = obbligatorio per i non-frequentanti)
A. Ferro La tecnica della psicoanalisi infantile ed. Raffaello Cortina Modalità di accertamento:
Alessandra Zanon Il colloquio clinico. Metodologie e strumenti Ed Franco Angeli esame orale (è possibile concordare un approfondimento)
  Note:
Modalità di accertamento: data la rilevanza delle attività seminariali e del materiale esperenziale, è fortemente consigliata la frequenza. In
Esame orale mancanza di ciò, si suggerisce di concordare modalità personalizzate per la preparazione dell’esame.
................................................................................................................................ ................................................................................................................................
Psicologia clinica dell’infanzia e dell’adolescenza Psicologia clinica II
M-PSI/08 M-PSI/08

CFU 4 • DURATA Semestrale CFU 8 • DURATA Annuale
Titolo corso: La salute mentale del bambino, tra fattori di rischio e fattori di protezione Titolo corso: Psicologia clinica
Corsi di laurea in: Psicologia clinica (LM) Corsi di laurea in: Psicologia clinica (LM) Psicologia clinica (CNA-LS)

Prof. CERABOLINI ROBERTO roberto.cerabolini@fastwebnet.it Prof. ROSSI MONTI MARIO m.rossimonti@uniurb.it http://rossimonti.altervista.org/

Obiettivi Formativi: Obiettivi Formativi:
Il corso si propone di condurre lo studente alla comprensione dei tratti fondanti la metodologia degli interventi clinici  Il corso intende presentare le caratteristiche della psicologia clinica (1) in quanto metodo di approccio alla individualità
relativi all’età evolutiva. Presenta una ricognizione sulle impostazioni più recenti della psicologia clinica dell’infanzia, con del singolo caso clinico; (2) in quanto disciplina nella quale vengono applicate nella clinica nozioni e conoscenze che
particolare riferimento alle situazioni di criticità che interessano la formazione dell’identità dell’individuo e influenzano provengono da altre branche della psicologia; (3) in quanto insieme di tecniche di tipo diagnostico e terapeutico. In
le relazioni familiari e quelle dei gruppi sociali ai quali appartiene. Lo studente sarà quindi orientato a cogliere le questo senso il corso si propone, l’approfondimento della psicologia clinica come analisi dei problemi della vita interiore
dinamiche che, nelle situazioni problematiche, coinvolgono l’individuo, i gruppi del suo ambiente di vita, e le istituzioni effettuata con il metodo clinico e soprattutto come psicologia del patologico.
preposte alla cura e all’assistenza. Programma:
Programma:  La parte iniziale del corso sarà dedicata ad un tentativo di definizione della psicologia clinica, intesa come materia
Nella prospettiva di un orientamento ecologico verranno introdotti i seguenti temi principali, che fanno riferimento agli altamente eterogenea. In particolare si cercherà di delineare i vari compiti e ruoli che lo psicologo clinico è chiamato a
sviluppi relazionali della teoria psicoanalitica e agli studi sull’attaccamento: svolgere nelle differenti istituzioni nelle quali si può trovare a lavorare (con particolare attenzione ai servizi di salute
• La relazione quale contesto dello sviluppo mentale). Seguirà un a descrizione dei rapporti che la psicologia clinica intrattiene con le discipline di confine ed in
• Eventi e nodi critici dello sviluppo. particolare con psicologia generale, psicologia medica, psichiatria, psicopatologia generale e clinica, psicoanalisi,.
• Malattia e disabilità. L’ipotesi è che l’oggetto della psicologia clinica sia ampiamente sovrapponibile a quello della psichiatria (la sofferenza

110 111
vademecum 2009/10 insegnamenti

mentale nelle sue varie declinazioni) ma che l’approccio a questo oggetto si realizzi (a differenza di quanto accade in soprattutto delle modalità di organizzazione e funzionamento degli attuali servizi psichiatrici territoriali; la seconda
psichiatria) attraverso metodiche diagnostiche e terapeutiche incentrate su mezzi esclusivamente psicologici ed dedicata ad un tema clinico, in un’ottica trasversale alla attuale nosografia
attraverso un metodo specifico: il metodo clinico. Particolare attenzione verrà dedicata quindi alla sofferenza mentale Programma:
nelle sue varie declinazioni (soprattutto per quanto riguarda l’area delle patologie “gravi”: area psicotica e borderline) a Breve introduzione storica, focalizzata sul passaggio dal modello di assistenza manicomiale alla nuova psichiatria
partire dalla analisi di alcuni dispositivi di vulnerabilità per arrivare alla diagnosi e alla indicazione terapeutica. Lo sfondo territoriale o comunitaria della quale verranno delineati i principi ispiratori e gli aspetti organizzativi, con l’intento di
teorico di riferimento è costituito dalle due grandi tradizioni di ricerca sulla soggettività nel campo della patologia delineare il ruolo dello psicologo clinico nell’ambito delle attività dei servizi di salute mentale (preventiva, diagnostica,
psichica: psicoanalisi e psicopatologia fenomenologica. Ampio spazio verrà dato, tutte le volte che sarà possibile, ad terapeutico-riabilitativa).
esemplificazioni cliniche La prima parte del Corso sarà dedicata alla illustrazione delle modalità organizzative ed operative dei moderni Servizi
Risultati di apprendimento: per la Salute Mentale., basati sui principi della psichiatria comunitaria.
In rapporto alla Psicologia clinica lo studente deve mostrare il possesso: Dopo alcuni cenni relativi alla nosografia psichiatrica (con riferimento anche al DSM-IVTR) si prenderanno in
- della padronanza delle conoscenze delle discipline specialistiche; considerazione condotte che si possono inscrivere in differenti disturbi psicopatologici, delineandone le diverse
- della comprensione dei concetti avanzati della disciplina; caratteristiche a livello di esperienza soggettiva vissuta (ad esempio condotte autolesive o suicidarie). In base alla analisi
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare in maniera autonoma sulle problematiche della disciplina. di questi fenomeni si cercherà di realizzare una integrazione tra differenti prospettive: epidemiologica, medico-biologica,
Attività a supporto della didattica: psicologico clinica.
Lezioni integrative L’ultima parte del programma comprende i tradizionali quadri clinici descritti dalla psichiatria a partire dalle nevrosi o
Modalità didattiche: dai loro corrispettivi nel DSM-IV, i disturbi di personalità e gli stati borderline, l’anoressia mentale, le turbe dell’umore,
 lezioni, seminari, discussione casi clinici gli stati psicotici acuti (le bouffée deliranti della nomenclatura francese), le sindromi schizofreniche, le sindromi deliranti
Obblighi: croniche, le psicosi puerperali.
 si consiglia vivamente la frequenza delle lezioni a causa del contenuto applicativo della materia Nel corso sarà inoltre dato spazio alla illustrazione delle principali classi di psicofarmaci e la descrizione dei quadri clinici
Testi di studio: sarà integrata, tutte le volte che sarà possibile, da esemplificazioni tratte dalla clinica
 G. Stanghellini, M. Rossi Monti, Psicologia del patologico. Cortina, Milano, 2009 Risultati di apprendimento:
M. Rossi Monti (a cura di), Percorsi di psicopatologia. Fondamenti in evoluzione, Angeli, Milano, 2001 In rapporto alla Psicologia clinica nei servizi psichiatrici lo studente deve mostrare il possesso:
A. Sims, Introduzione alla psicopatologia descrittiva, Cortina, Milano, 1997 (sono da escludere gli ultimi 4 capitoli) - della padronanza delle conoscenze delle discipline specialistiche;
V. Lingiardi, La personalità e i suoi disturbi. Un’introduzione, Il Saggiatore, Milano, 2004 (da escludere la seconda parte: - della comprensione dei concetti avanzati della disciplina;
“Elementi di Psichiatria Dinamica”, presente nella edizione del 2004) - della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare in maniera autonoma sulle problematiche della disciplina.
  Attività a supporto della didattica:
Modalità di accertamento: Lezioni integrative
Esame orale Modalità didattiche:
lezioni, seminari, discussione casi clinici
Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti Obblighi:
Testi di studio: si consiglia vivamente la frequenza delle lezioni a causa del contenuto applicativo della materia
 G. Stanghellini, M. Rossi Monti, Psicologia del patologico. Cortina, Milano, 2009 Testi di studio:
M. Rossi Monti (a cura di), Percorsi di psicopatologia. Fondamenti in evoluzione, Angeli, Milano, 2001 Tatarelli R. Psichiatria per problemi. Fioriti, Editore, Roma 2005
A. Sims, Introduzione alla psicopatologia descrittiva, Cortina, Milano, 1997 (sono da escludere gli ultimi 4 capitoli) Rossi Monti M., Manuale di psichiatria nel territorio. Fioriti Editore, Roma, 2006
V. Lingiardi, La personalità e i suoi disturbi. Un’introduzione, Il Saggiatore, Milano, 2004 (da escludere la seconda parte:  
“Elementi di Psichiatria Dinamica”, presente nella edizione del 2004) Modalità di accertamento:
Per i non -frequentanti è previsto un testo a scelta tra i seguenti  Esame orale
A. Ballerini, La follia privata. Riflessioni sul delirio, Fioriti, Roma, 2008
H. Grivois, Nascere alla follia. Magi, Roma, 2002 Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
G. Sala, Medicina e psicologia tra potere e impotenza, Franco Angeli, Milano,2009 Testi di studio:
A.Semerari, Storia, teorie e tecniche della psicoterapia congnitiva, Laterza, Bari, 2000 Tatarelli R. Psichiatria per problemi. Fioriti, Editore, Roma 2005
................................................................................................................................ Rossi Monti M., Manuale di psichiatria nel territorio. Fioriti Editore, Roma, 2006
Per i non -frequentanti è previsto un testo a scelta tra i seguenti
Psicologia clinica nei servizi psichiatrici  Berti Ceroni G., Correale A. Psicoanalisi e psichiatria, Cortina, Milano, 1999
M-PSI/08
Rigliano P., Doppia diagnosi. Tossicodipendenza e psicopatologia, Cortina, Milano, 2004
Alanen Y., La schizofrenia. Le sue origini e il trattamento adattato al bisogno, Fioriti, Roma, 2005
CFU 8 • DURATA Annuale
Lanteri-Laura G., Sapere, fare e saper-fare in psichiatria: psicopatologia, clinica ed epistemologia, Fioriti, Roma, 2007
Titolo corso: Psicologia clinica nei servizi psichiatrici
Lorenzi P., Pazzagli A., Le psicosi bianche, Angeli, Milano, 2006
Corsi di laurea in: Psicologia clinica (LM)
................................................................................................................................
Prof. ROSSI MONTI MARIO mario.rossimonti@uniurb.it - http://rossimonti.altervista.org/ Psicologia cognitiva
M-PSI/01
Obiettivi Formativi:
Il corso si propone di fornire il quadro di riferimento storico, teorico ed operativo all’interno del quale si è sviluppato il CFU 6 • DURATA Annuale
nuovo modello di assistenza comunitaria-territoriale nel campo dei disturbi mentali. Per raggiungere questo scopo il Titolo corso: Psicologia Cognitiva e Scienze Cognitive
corso si articola in due parti: la prima dedicata alla conoscenza di cenni di storia della assistenza psichiatrica e Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU)

112 113
vademecum 2009/10 insegnamenti

Prof. CAPUTO GIOVANNI BATTISTA caputo@uniurb.it ................................................................................................................................
Ricevimento: giovedì, ore 11-12, tel. 0722305815, Nuovo Magistero, piano B, via Saffi 15
Psicologia dei gruppi e di comunità
M-PSI/05
Obiettivi Formativi:
La Psicologia Cognitiva è il settore della psicologia che studia il comportamento umano utilizzando di preferenza metodi
CFU 4 • DURATA Semestrale
sperimentali, sia in laboratorio che in situazioni ecologiche, secondo una epistemologia di tipo falsificazionista. Il corso
Corsi di laurea in: Psicologia clinica (CNA-LS)
di Psicologia Cognitiva ha per scopi: l’introduzione ai metodi di ricerca sperimentale, la presentazione dei principali
modelli teorici, l’esame dei fondamentali risultati sperimentali, la discussione critica delle teorie psicologiche moderne e
Prof.
contemporanee, l’approccio ai disturbi cognitivi utilizzando modelli teorici di riferimento scientificamente fondati.
Programma:
Obiettivi Formativi:
Il corso è articolato in due parti:
Programma:
1. Parte generale:
Note:
Presentazione delle metodologie di ricerca, degli oggetti d’indagine e delle tecniche di misurazione della Psicologia
Informazioni sul corso verranno fornite all’inizio delle lezioni
Cognitiva. Presentazione delle principali teorie, esperimenti e risultati relativi agli ambiti di: percezione, attenzione,
memoria, linguaggio, pensiero, emozioni, coscienza e intelligenza. Confronto tra soggetti “normali” e soggetti con ................................................................................................................................
disturbi cognitivi. Psicologia del lavoro
2. Parte sperimentale: M-PSI/06
Sé corporeo e Sé mentale: indagini sulle possibili relazioni tramite lo studio di metafore cognitive e di rappresentazioni
prototipiche. CFU 4 • DURATA Semestrale
Modalità didattiche: Titolo corso: Psicologia del lavoro
Lezione frontale e ricerche sperimentali. Corsi di laurea in: Esperto nei processi di formazione e nei servizi culturali (CNA-L)
Testi di studio:
Testi di studio: Zorzi M., Girotto V., Fondamenti di psicologia generale, Il Mulino, (Capitoli: 1, 3, 5, 6, 7, 8, 12, 13, 14, 15, Prof. LUCARELLI GIOVANNI giovanni.lucarelli@uniurb.it
16, 17, 19, 20, 22).
Modalità di accertamento: Obiettivi Formativi:
L’esame consiste in una prova scritta e nell’esame orale. La prova scritta è basata su domande a risposta aperta che, per Il corso si propone, tramite una breve introduzione storica, di presentare gli elementi principali della psicologia del
quanto riguarda la parte generale del corso, sono estratte dai “percorsi di autoverifica” posti a conclusione di ciascun lavoro. Vengono delineati i percorsi più rilevanti relativi all’attività lavorativa individuale, di gruppo ed organizzativa, con
capitolo del manuale di psicologia sopraindicato. L’esame orale ha la finalità di valutare gli approfondimenti svolti da particolare riferimento alle dinamiche comunicative e relazionali, alla gestione dei conflitti, alla costruzione del
parte dello studente. L’esame orale deve essere sostenuto nello stesso appello della prova scritta. consenso, alle metodologie di problem management.
................................................................................................................................ Programma:
1. Aspetti principali della psicologia del lavoro:
Psicologia dei gruppi  • Teorie classiche ed evoluzione della Psicologia del lavoro;
MPSI/05
• Leadership
• Le dinamiche del lavoro in gruppo;
CFU 4 • DURATA Semestrale
• Clima e Cultura organizzativa;
Titolo corso: Dinamiche psicologiche e conoscenza dei processi simbolici
• Sofferenza lavorativa: mobbing, stress e burn-out;
Corsi di laurea in: Esperto nei processi di formazione e nei servizi culturali (CNA-L)
• Motivazione al lavoro;
• Innovazione e creatività;
Prof. COTELLESSA CARLA carla.cotellessa@libero.it
2. Approfondimento di alcune tematiche relative al lavoro in gruppo:
• La comunicazione efficace nel gruppo;
Obiettivi Formativi:
• Le strategie decisionali;
Il corso propone di fornire elementi e materiale circa la rappresentazione sociale, il contesto delle relazioni e delle
• Il Problem Management;
dinamiche psicologiche e la formazione e l’evolversi del sé personale e dei fenomeni di gruppo.
• La gestione del tempo.
Programma:
 
1. Il gruppo 2. Le patologie del gruppo 3. L’interazione sociale e lo sviluppo della persona 4. La comunicazione 5.
Modalità didattiche:
Dinamiche intra-gruppo e inter-gruppi
Lezioni frontali, esercitazioni di approfondimento e lavori di gruppo.
Modalità didattiche:
Testi di studio:
Lezioni frontali, esercitazioni, monografia seminariale
Testi di studio:
Testi di studio:
- P.Gabassi , Psicologia del lavoro nelle organizzazioni, FrancoAngeli, Milano.
G. Speltina, A. Polmonari, I gruppi sociali, Il Mulino, Bologna, 1999
- G. Lucarelli, Il gruppo al lavoro, FrancoAngeli, Milano, 2005
Testo consigliato:
I non frequentanti, oltre ai due volumi indicati, porteranno un testo a scelta tra i seguenti:
Maci C., Callieri B., a cura di, Paranoia, Ed. Anicia, 2008
- D. Goleman, M. Ray, P. Kaufman, Lo spirito creativo, Rizzoli Bur, Milano, 1999
Modalità di accertamento:
- R. Rumiati , Decidere, Il Mulino, Bologna, 2000.
Esame orale
- C. G. Cortese, Motivare, Raffaello Cortina editore, Milano, 2005
- S. Johnson, Chi ha spostato il mio formaggio? Cambiare se stessi in un mondo che cambia, Sperling & Kupfer, Milano, 1999

114 115
vademecum 2009/10 insegnamenti

 Modalità di accertamento: Corsi di laurea in: Scienze e tecniche psicologiche (L)
esame orale
................................................................................................................................ Prof. SPAGNOLI PAOLA paola.spagnoli@uniurb.it
Ricevimento: su appuntamento.
Psicologia del lavoro 
M-PSI/06
Obiettivi Formativi:
- Fornire un quadro di riferimento storico, teorico e metodologico che consenta di comprendere le relazioni tra le
CFU 5 • DURATA Semestrale
dimensioni individuali e organizzative coinvolte nella realtà lavorativa.
Titolo corso: Psicologia del lavoro
- Facilitare l’acquisizione di conoscenze relative ai modelli di intervento, ai campi di indagine e agli ambiti professionali
Corsi di laurea in: Pedagogia e progettazione educativa (LM)
dello psicologo del lavoro e delle organizzazioni.
Programma:
Prof. LUCARELLI GIOVANNI giovanni.lucarelli@uniurb.it
- Nascita ed evoluzione della psicologia del lavoro nel contesto nord-americano e italiano.
- I significati del lavoro: rappresentazioni sociali, valori e atteggiamenti verso il lavoro.
Obiettivi Formativi:
- Le transizioni al lavoro: socializzazione al lavoro e socializzazione organizzativa.
Il corso mira ad esplorare i processi ed i comportamenti che, quotidianamente, si realizzano all’interno dei contesti
- Motivazione al lavoro e contratto psicologico.
organizzativi. Vengono prese in considerazione ed analizzate le modalità, più o meno funzionali, che caratterizzano le
- Valutazione delle competenze e delle prestazioni: interventi e strumenti di selezione e di sviluppo delle risorse umane.
relazioni interpersonali e lavorative. Particolare attenzione viene dedicata, poi, agli elementi che rendono efficiente il
- I gruppi di lavoro: cooperazione e leadership.
lavoro in gruppo (dinamiche comunicative, strategie decisionali, gestione dei conflitti, creatività, ecc.) e ai diversi fattori
- Gli esiti dell’esperienza lavorativa: stress e benessere individuale e organizzativo.
che agevolano il cambiamento organizzativo. Vengono presentate, a questo proposito, alcune metodologie per favorire
- Culture e modelli organizzativi.
l’innovazione, per riconoscere e realizzare le idee più creative e promettenti.
- La ricerca nelle organizzazioni: valutazione e d interventi di ricerca-azione.
Programma:
Risultati di apprendimento:
1. Psicologia del lavoro e contesti organizzativi:
In rapporto alla Psicologia del lavoro e delle organizzazioni lo studente dovrà mostrare il possesso:
• Lo sviluppo delle capacità imprenditoriali
- della padronanza delle conoscenze di base;
• Stili interpersonali ed intelligenza emotiva
- della comprensione dei concetti fondamentali della disciplina;
• Relazioni lavorative funzionali e collusive
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare secondo la logica della disciplina.
• Team eccellenti ad alta produttività
Attività a supporto della didattica:
• Il cambiamento organizzativo: trasformare la mentalità aziendale
Lezioni integrative.
• Creatività ed innovazione
Modalità didattiche:
• Il management delle idee efficaci
Lezioni di base e seminario di approfondimento tematico. Il seminario è facoltativo e consente di sviluppare competenze
• La gestione dell’innovazione in azienda
operative relative al ruolo professionale dell’orientatore. In particolare, le tematiche trattate verteranno sui profili di
Risultati di apprendimento:
competenze del ruolo di orientatore e sulle specificità della funzione in contesto universitario.
In rapporto alla Psicologia del lavoro lo studente deve mostrare il possesso:
Per chi segue il seminario è consigliata la lettura di approfondimento del testo di Fasanella & Tanucci di seguito
- della padronanza delle conoscenze delle discipline specialistiche;
- della comprensione dei concetti avanzati della disciplina; segnalato, mentre per chi non segue è suggerito il testo di Chmiel.
Testi di studio:
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare in maniera autonoma sulle problematiche della disciplina.
Di base:
Attività a supporto della didattica:
- Sarchielli, G. (2008) “ Psicologia del lavoro”, Il mulino, Bologna
Lezioni integrative
- Depolo Marco (2007). Psicologia delle organizzazioni, Bologna, Il Mulino.
Modalità didattiche:
- Avallone, F. Farnese, M.L. (2005) “Culture organizzative. Modelli e strumenti di intervento”, Milano, Guerini Editore.
 Lezioni frontali, esercitazioni di approfondimento e lavori di gruppo
Di approfondimento (uno a scelta):
Testi di studio:
- A. Fasanella, G. Tanucci (a cura di) (2006) “Orientamento e carriera universitaria”, Francoangeli, Milano.
- Manfred F. R. Kets De Vries, L’organizzazione irrazionale. Raffaello Cortina Editore, Milano, 2001
- Chmiel, N. (1998) “Tecnologia e lavoro”, Il Mulino, Bologna.
- Isaac Gets, Alan G. Robin, Le vostre idee cambieranno tutto! Il Sole 24 ore, Milano, 2005
Modalità di accertamento:
I non frequentanti, oltre ai due volumi indicati, porteranno un testo a scelta tra i seguenti:
Accertamento scritto. L’esame è costituito da una prova relativa a un test con domande a scelta multipla e di una prova
- Lucarelli, Il gruppo al lavoro, FrancoAngeli, Milano, 2005
relativa alla scelta di due tracce da svolgere in modalità aperta o di report. Per la seconda prova lo studente potrà
- D. Goleman, M. Ray, P. Kaufman, Lo spirito creativo, Rizzoli Bur, Milano, 1999
scegliere due tracce su cinque suggerite.
- S. Bowles, D. Carew, E. Parisi-Carew, Uno per tutti, tutti per uno. L’arte di lavorare in team Sperling & Kupfer, Milano,
Note:
2002
- E’ possibile sostenere l’esame in un solo appello per sessione.
Modalità di accertamento:
- La modalità di svolgimento del seminario verrà comunicata ad inizio lezioni.
 Orale
................................................................................................................................ ................................................................................................................................
Psicologia del lavoro e delle organizzazioni Psicologia dell’apprendimento e della memoria 
M-PSI/01
M-PSI/06
CFU 3 • DURATA Semestrale
CFU 8 • DURATA Annuale
Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU)
Titolo corso: PSICOLOGIA DEL LAVORO E DELLE ORGANIZZATIONI

116 117
vademecum 2009/10 insegnamenti

Prof. NANETTI FRANCO Obblighi:
Studio del materiale didattico (testi) di riferimento
Obiettivi Formativi: Testi di studio:
Il corso si propone di esaminare i processi di apprendimento e della memoria sulla base dei contributi teorici ed empirici I testi saranno comunicati all’inizio delle lezioni.
della psicopedagogia cognitiva e delle relative applicazioni in ambito educativo. Modalità di accertamento:
Programma: Accertamento individuale finale effettuato da una commissione presieduta dal Docente titolare del corso
Introduzione ai concetti fondamentali della psicologia dell’apprendimento: cenni storico-metodologici ed inquadramento ................................................................................................................................
teorico. Le teorie dell’apprendimento. L’apprendimento per imitazione e modellamento. L’apprendimento per
comprensione L’apprendimento come costruzione. L’apprendimento cooperativo Le basi cognitive dell’apprendimento. Il
Psicologia dell’handicap e della riabilitazione 
M-PSI/08
ruolo delle motivazioni primarie e secondarie nell’apprendimento. La metaconoscenza nel processo di apprendimento.
Organizzazione delle conoscenze e connessionismo. Apprendimento da testi espositivi e narrativi. Lo sviluppo delle
CFU 4 • DURATA Semestrale
abilità di lettura e di scrittura. Autoefficacia e processi di apprendimento. Difficoltà e disturbi specifici
Titolo corso: Psicologia dell’handicap e della riabilitazione
dell’apprendimento. L’intelligenza emotiva. L’apprendimento ad apprendere. I sistemi fondamentali della memoria
Corsi di laurea in: Psicologia clinica (LM)
procedurale, semantica, episodica. I processi di memoria. La memoria prospettica: dalla memoria del passato alla
memoria del futuro. Memoria intenzionale e memoria incidentale. Il controllo strategico della memoria. Metacognizione
Prof. PIAZZALUNGA FRANCESCA francesca.piazzalunga@uniurb.it
e memoria.
Modalità didattiche:
Obiettivi Formativi:
Lezioni frontali e seminari di approfondimento
Il corso si propone di fornire agli studenti i concetti fondamentali della psicologia dell’handicap e della riabilitazione. A
Testi di studio:
tal fine verranno approfondite le principali problematiche rispetto alla disabilità e ciò che è possibile valutare all’interno
I testi di base per l’esame sono: -A.A.V.V., Psicopedagogia degli apprendimenti, in corso di stampa -F. Nanetti, F.Nanetti Il
del concetto di riabilitazione.
cambiamento intenzionale, Pendragon 2007, Pendargon Bologna 2009 Per l’approfondimento di alcuni temi specifici,
Saranno inoltre discussi i principali quadri che occupano il mondo della disabilità.
indicati nel programma, si consiglia lo studio di un testo scelto tra i seguenti: -G. Mazzoni, L’apprendimento scolastico,
Programma:
Carocci, Roma, 2000 -D. Shacter, Alla ricerca della memoria, Einaudi, Torino, 2001 -D. Siegel, La mente relazionale,
Parte prima: modalità di valutazione e classificazione della disabilità. Parte seconda: riabilitazione psicologica. Parte
Raffaello Cortina, Milano, 2004 -P. Fonagy. Attaccamento e funzione riflessiva, Raffaello Cortina, Milano, 2002 -P.
terza: approfondimenti.
Legrenzi, Psicologia cognitiva applicata, Laterza, Bari, 2004 -A. Varani, Didattica costruttivista, Erickson, Trento, 2004 -J.
Risultati di apprendimento:
Novak, L’apprendimento significativo, Erickson, Trento, 2004 -E. Frieedlander, L’arte di educare con l’intelligenza emotiva,
In rapporto alla Psicologia dell’handicap e della riabilitazione lo studente deve mostrare il possesso:
Newton, Roma, 2000 -C. Nanni, Educazione e scienze dell’educazione, LAS, Roma, 1986 -B. Connors, Neuroscienze,
- della padronanza delle conoscenze delle discipline specialistiche;
Masson, Milano, 1999 -C. Cornoldi, Metacognizione e apprendimento, Il Mulino, Bologna, 1996 -A. Marchetti, Teorie
- della comprensione dei concetti avanzati della disciplina;
della mente, Raffaello Cortina, Milano, 2004 -F. Nanetti, Assertività, Pendragon, Bologna, 2005 -A. Baddeley, La memoria
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare in maniera autonoma sulle problematiche della disciplina.
umana, Il Mulino, Bologna, 1995 -, Stili di pensiero, Erickson, Trento, 2002 -L. Tuffanelli, Intelligenza, emozioni,
Attività a supporto della didattica:
apprendimenti,, Erickson, Trento, 2003 -A. de La Garanderie, I mezzi dell’apprendimento ed il dialogo con l’alunno,
Seminari
Erickson, Trento, 2001 -L. Camaioni, La teoria della mente, Laterza, Bari, 2003 - R.S. Sternberg e P. Ruzgis, Personalità e
Modalità didattiche:
intelligenza, Erickson, Trento, 2001 -R. Anderson, Psicologia cognitiva e sue applicazioni, Zanichelli, Bologna, 2000 -F.
lezioni frontali
Batini, Narrazioni di narrazioni, Erickson, Trento, 2005 -C. Deweck, Teoria del sé, intelligenza, motivazioni, personalità,
Obblighi:
Erickson, Trento, 2001
consigliata la frequenza
Modalità di accertamento:
Testi di studio:
Esame orale
i testi verranno indicati all’inizio del corso
................................................................................................................................ Modalità di accertamento:
Psicologia dell’educazione orale
M-PSI/04 ................................................................................................................................
CFU 4 • DURATA Semestrale
Psicologia dell’handicap e della riabilitazione
M-PSI/04
Corsi di laurea in: Educatore sociale territoriale (CNA-L)
CFU 4 • DURATA Semestrale
Prof. RIZZARDI MARIO rizzarm@libero.it
Titolo corso: Il deficit nello sviluppo psicologico: principi di intervento
Corsi di laurea in: Educatore sociale territoriale (CNA-L)
Obiettivi Formativi:
Il corso si propone di far conoscere alcuni aspetti delle scienze psicologiche, aggiornati allo stato attuale delle ricerche,
Prof. COTTINI LUCIO lcottini@uniurb.it
particolarmente significativi per l’educazione, nella convinzione che le scienze del comportamento rivestono per la
pratica dell’educatore  lo stesso ruolo della  fisiologia e della biochimica per la pratica del medico.
Obiettivi Formativi:
Programma:
Il corso si propone di contribuire all’analisi delle problematiche collegate alla presenza del deficit nello sviluppo della
1. Apprendimento nella prima infanzia, nell’età scolare e nell’adolescenza. 2. Apprendimento percettivo. 3. La lettura 4.
persona e nel suo processo di apprendimento, muovendo su tre direttrici principali:
Motivazione e curiosità 5.Tranfer di esercizio 6.Memoria
l’analisi dello sviluppo psicologico del soggetto disabile, considerando sia la dotazione genetica di base, che i diversi
Modalità didattiche:
contesti di vita;
Lezioni frontali, seminari, studio individuale

118 119
vademecum 2009/10 insegnamenti

il riferimento alle teorie e alle esperienze scientifiche e sperimentali, le quali hanno permesso di delineare i principi di - Definizioni e classificazioni della disabilità (ICD-10, DSM IV, ICF).
base per l’aiuto ai processi di apprendimento in soggetti con disabilità (soprattutto di tipo mentale); - Le diverse tipologie di deficit: mentale, motorio, sensoriale, l’autismo.
l’attenzione alle abilità personali e relazionali, necessarie all’educatore per interagire adeguatamente con allievi disabili. - Linee fondamentali dello sviluppo cognitivo ed affettivo-emotivo.
Tutto ciò allo scopo di ancorare gli interventi educativi, riabilitativi e socio-assistenziali da un lato a saldi parametri teorici - I fattori di rischio nello sviluppo.
e sperimentali e dall’altro alla qualità della relazione e alla considerazione del contesto di vita. - I disturbi nel comportamento e nella relazione.
  - I deficit nell’apprendimento delle abilità strumentali di lettura, scrittura e calcolo.
Programma: - I contesti di vita del soggetto disabile: famiglia, scuola, lavoro, comunità.
Parte generale. Parte monografica.
Deficit, sviluppo ed apprendimento L’intervento educativo
Definizione e classificazione di salute e disabilità. - I principi della diagnosi funzionale.
Le diverse tipologie di deficit: mentale, motorio, sensoriale, l’autismo. - Gli strumenti diagnostici e valutativi di tipo psicologico.
Linee fondamentali dello sviluppo cognitivo ed affettivo-emotivo. - Linee di intervento con bambini con disabilità mentale.
I fattori di rischio nello sviluppo. - Linee di intervento con bambini autistici.
I deficit nell’apprendimento delle abilità strumentali di lettura, scrittura e calcolo. - Linee di intervento educativo e riabilitativo sui problemi di apprendimento.
I contesti di vita del soggetto in situazione di disabilità: famiglia, scuola, lavoro, comunità. - Linee di intervento educativo e riabilitativo sui problemi di comportamento.
Parte monografica.  
L’intervento educativo Modalità didattiche:
Gli strumenti diagnostici e valutativi di tipo psicologico. Lezioni frontali; gruppi di lavoro; tesine di approfondimento
Linee di intervento educativo nelle situazioni di disabilità e nelle difficoltà di apprendimento. Testi di studio:
La persona con disabilità mentale di età avanzata: l’intervento educativo. Cottini L., L. Rosati (a cura di, 2008). Per una didattica speciale di qualità: dalla conoscenza del deficit all’intervento
  inclusivo. Morlacchi, Perugia (solo i capitoli 3, 4, 5, 8, 9, 10, 12, 14, 16)
Modalità didattiche: Cottini L., “Che cos’è l’autismo infantile”, Carocci, Roma 2002.
Lezioni frontali; gruppi di lavoro; tesine di approfondimento Cottini L., “Educazione e riabilitazione del bambino autistico”, Carocci, Roma 2002.
Testi di studio:  
Cottini L., L. Rosati (a cura di, 2008). Per una didattica speciale di qualità: dalla conoscenza del deficit all’intervento Modalità di accertamento:
inclusivo. Morlacchi, Perugia (solo i capitoli 3, 4, 5,7, 8, 9, 10, 12, 14, 16) Prove scritte di verifica in itinere. Esame orale conclusivo.
Cottini L. (a cura di, 2008). “Disabilità mentale e avanzamento d’età. Franco Angeli, Milano (solo i capitoli1,4, 5, 6, 7, 8, ................................................................................................................................
9).
 
Psicologia dell’handicap e della riabilitazione (a scelta)
M-PSI/08
Modalità di accertamento:
Prove scritte di verifica in itinere. Esame orale conclusivo. CFU 4
................................................................................................................................ Titolo corso: Psicologia dell’handicap e della riabilitazione
Psicologia dell’handicap e della riabilitazione Corsi di laurea in: Psicologia clinica (LM)
M-PSI/04
Prof. PIAZZALUNGA FRANCESCA francesca.piazzalunga@uniurb.it
CFU 6 • DURATA Annuale
Titolo corso: Il deficit nello sviluppo psicologico: principi di intervento Obiettivi Formativi:
Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU) Il corso si propone di fornire agli studenti i concetti fondamentali della psicologia dell’handicap e della riabilitazione. A
tal fine verranno approfondite le principali problematiche rispetto alla disabilità e ciò che è possibile valutare all’interno
Prof. COTTINI LUCIO lcottini@uniurb.it del concetto di riabilitazione.
Saranno inoltre discussi i principali quadri che occupano il mondo della disabilità.
Obiettivi Formativi: Programma:
Il corso si propone di contribuire all’analisi delle problematiche collegate alla presenza del deficit nello sviluppo della Parte prima: modalità di valutazione e classificazione della disabilità. Parte seconda: riabilitazione psicologica. Parte
persona e nel suo processo di apprendimento, muovendo su tre direttrici principali: terza: approfondimenti.
- l’analisi dello sviluppo psicologico del soggetto disabile, considerando sia la dotazione genetica di base, che i diversi Risultati di apprendimento:
contesti di vita; possesso:
- il riferimento alle teorie e alle esperienze scientifiche e sperimentali, le quali hanno permesso di delineare i principi di - della padronanza delle conoscenze delle discipline specialistiche;
base per l’aiuto ai processi di apprendimento in soggetti con disabilità (soprattutto di tipo mentale); - della comprensione dei concetti avanzati della disciplina;
- l’attenzione alle abilità personali e relazionali, necessarie all’educatore per interagire adeguatamente con allievi - della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare in maniera autonoma sulle problematiche della disciplina.
disabili. Attività a supporto della didattica:
Tutto ciò allo scopo di ancorare gli interventi educativi, riabilitativi e socio-assistenziali da un lato a saldi parametri teorici Seminari
e sperimentali e dall’altro alla qualità della relazione e alla considerazione del contesto di vita. Modalità didattiche:
Programma: lezioni frontali
Parte generale. Obblighi:
Deficit, sviluppo ed apprendimento consigliata la frequenza

120 121
vademecum 2009/10 insegnamenti

Testi di studio: Titolo corso: Psicologia della Comunicazione
i testi verranno indicati all’inizio del corso. Corsi di laurea in: Psicologia clinica (LM)
Modalità di accertamento:
orale Prof. PIRRO DANIELA daniela.pirro@fastwebnet.it
................................................................................................................................
Obiettivi Formativi:
Psicologia dell’orientamento scolastico  Il corso fornirà le conoscenze base della Psicologia della Comunicazione; in particolare verranno approfonditi i modelli
M-PSI/04
di comunicazione, la comunicazione verbale e non verbale, le forme di miscommunication, comunicazione patologica e
conflitto. Si dedicherà, inoltre, particolare attenzione alla comunicazione di gruppo e alle applicazioni della
CFU 4 • DURATA Semestrale
comunicazione con particolare riferimento alla comunicazione interna in contesti aziendali e alla professionale nella
Titolo corso: Psicologia dell’orientamento e pratiche di counselling nelle scelte scolastiche e formative
relazione con l’utente.
Corsi di laurea in: Esperto nei processi di formazione e nei servizi culturali (CNA-L)
Programma:
- Concetti di base della comunicazione
Prof. RAIA STEFANO
- Codice verbale e non verbale
- Gruppi e comunicazione nei gruppi
Obiettivi Formativi:
- Miscommunication
Il corso propone teorie e  approcci  professionali nelle pratiche di orientamento scolastico e professionale; vengono
- La comunicazione nella gestione dei conflitti
inoltre presentate analisi di pratiche e di sperimentazione delle diverse attività di orientamento  nei sistemi scolastici e
- La comunicazione interna
formativi, nei servizi sociali e di orientamento.
- La comunicazione nella relazione professionale
Programma:
Risultati di apprendimento:
 I° parte del corso
In rapporto alla Psicologia della comunicazione lo studente deve mostrare il possesso:
Verso una definizione dell’orientamento
- della padronanza delle conoscenze delle discipline specialistiche;
Evoluzione storica del concetto di orientamento Principi dell’orientamento scolastico professionale
- della comprensione dei concetti avanzati della disciplina;
Fasi e modelli dell’orientamento, Analisi dei bisogni
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare in maniera autonoma sulle problematiche della disciplina.
II° parte del corso
Attività a supporto della didattica:
Il quadro normativo
Lezioni integrative.
Disposizioni e direttive comunitarie in materia di orientamento scolastico per la Scuola dell’obbligo, per la Scuola
Modalità didattiche:
superiore e per l’Università
lezioni frontali; seminari di approfondimento; esercitazioni
III parte del corso
Testi di studio:
Il colloquio di orientamento e il counselling orientativo
Rumiati R. Lotto L. “Introduzione alla psicologia della comunicazione” Il Mulino 2007
Modalità didattiche:
Pirro D. “Sfumature di grigio: efficacia nella comunicazione e nelle relazioni interpersonali”, F. Angeli in corso di
Le metodologie didattiche impiegate per sviluppare le conoscenze sono: lezioni frontali, discussioni, compiti assegnati
pubblicazione
agli studenti in itinere ed esercitazioni di gruppo, preparazione e presentazione di brevi paper da parte degli studenti.
Saranno invitati anche degli esperti ad illustrare dei casi. Modalità di accertamento:
esame orale
Testi di studio:
Anna Maria di Fabio, Psicologia dell’Orientamento, Giunti 1998 ................................................................................................................................
Durante il corso saranno distribuiti o suggeriti materiali ad hoc (articoli, saggi specifici, report di ricerca,ecc) ad Psicologia della formazione 
integrazione dei testi obbligatori. MPSI/05
Anna Maria di Fabio, Psicologia dell’Orientamento, Giunti 1998
Maria Luisa Pombeni, Il colloquio di orientamento, Carocci 1998 CFU 5 • DURATA Semestrale
Durante il corso saranno distribuiti o suggeriti materiali ad hoc (articoli, saggi specifici, report di ricerca, ecc.) ad Corsi di laurea in: Pedagogia e progettazione educativa (LM)
integrazione dei testi obbligatori.
Modalità di accertamento: Prof. NANETTI FRANCO
 L’accertamento degli obiettivi formativi e del programma di studi avviene tramite:
colloquio individuale orale sui modelli teorici e sui temi trattati durante il corso Obiettivi Formativi:
Per gli studenti frequentanti vengono inoltre proposti:  Il corso intende offrire un quadro complessivo di conoscenza relative alle diverse teorie, modelli e metodologie
- prove di gruppo relative all’analisi e discussione di casi, o sulla progettazione di un qualche intervento, didattiche attive utilizzate nell’ambito della formazione professionale.
- prove individuali riguardanti l’analisi di articoli di ricerca volti ad approfondire temi specifici o metodologie di lavoro. Programma:
Note:  LA FORMAZIONE PROFESSIONALE Significati e funzioni della formazione Epistemologia e multidisciplinarietà della
  formazione Le tappe del processo operativo della formazione L’analisi dei bisogni formativi La progettazione delle azioni
................................................................................................................................ formative Le tecniche e i metodi della formazione Le metodologie didattiche attive I gruppi di formazione La valutazione
dei risultati delle azioni formative La formazione dei formatori CAMBIAMENTO E FORMAZIONE Psicologia della
Psicologia della comunicazione formazione e metabletica Teorie dell’apprendimento e attività di formazione Le fasi del processo affettivo della
M-PSI/01
formazione Il concetto di cambiamento Agenti e fattori di cambiamento Le metafore del cambiamento Teorie del
cambiamento ed implicazioni psicopedagogiche Il cambiamento secondo l’approccio comportamentista Il cambiamento
CFU 4 • DURATA Semestrale

122 123
vademecum 2009/10 insegnamenti

secondo l’approccio cognitivista Il cambiamento secondo l’approccio psicodinamico Il cambiamento secondo l’approccio Programma:
fenomenologico Il cambiamento secondo l’approccio sistemico Il cambiamento secondo la programmazione LA FORMAZIONE PROFESSIONALE Significati e funzioni della formazione Epistemologia e multidisciplinarietà della
neurolinguistica Il cambiamento secondo l’approccio transazionale I gruppi di cambiamento sociale LE METODOLOGIE formazione Le tappe del processo operativo della formazione L’analisi dei bisogni formativi La progettazione delle azioni
DIDATTICHE ATTIVE Esercitazioni e lezioni d’aula Il lavoro di gruppo e i gruppi di lavoro I gruppi di discussione e di formative Le tecniche e i metodi della formazione Le metodologie didattiche attive I gruppi di formazione La valutazione
problem solving I gruppi di brainstorming Il metodo dei casi La ricerca d’aula Simulazioni e role-playing Esercitazioni dei risultati delle azioni formative La formazione dei formatori CAMBIAMENTO E FORMAZIONE Psicologia della
analogiche e autocentrate La ricerca-azione I gruppi di formazione alla comunicazione interpersonale L’orientamento formazione e metabletica Teorie dell’apprendimento e attività di formazione Le fasi del processo affettivo della
scolastico individuale e di gruppo formazione Il concetto di cambiamento Agenti e fattori di cambiamento Le metafore del cambiamento Teorie del
Risultati di apprendimento: cambiamento ed implicazioni psicopedagogiche Il cambiamento secondo l’approccio comportamentista Il cambiamento
In rapporto alla Psicologia della formazione lo studente deve mostrare il possesso: secondo l’approccio cognitivista Il cambiamento secondo l’approccio psicodinamico Il cambiamento secondo l’approccio
- della padronanza delle conoscenze delle discipline specialistiche; fenomenologico Il cambiamento secondo l’approccio sistemico Il cambiamento secondo la programmazione
- della comprensione dei concetti avanzati della disciplina; neurolinguistica Il cambiamento secondo l’approccio transazionale I gruppi di cambiamento sociale LE METODOLOGIE
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare in maniera autonoma sulle problematiche della disciplina. DIDATTICHE ATTIVE Esercitazioni e lezioni d’aula Il lavoro di gruppo e i gruppi di lavoro I gruppi di discussione e di
Attività a supporto della didattica: problem solving I gruppi di brainstorming Il metodo dei casi La ricerca d’aula Simulazioni e role-playing Esercitazioni
Lezioni integrative analogiche e autocentrate La ricerca-azione I gruppi di formazione alla comunicazione interpersonale L’orientamento
Modalità didattiche: scolastico individuale e di gruppo
 Lezione frontale Modalità didattiche:
Testi di studio: Lezione frontale
 Testi di base per l’esame: F. Nanetti, stili relazionali, (in corso di stampa),  F.Nanetti Il counseling ad orientamento Testi di studio:
umanistico, Pendragon, Bologna, 2009 F. Nanetti,Counseling di gruppo, Aipac, Bologna, 2009 Testi di base per l’esame: F. Nanetti, I modelli del fare formazione, (in corso di stampa), F.Nanetti Il counseling ad
Per l’approfondimento di alcuni temi specifici indicati nel programma del corso si consiglia lo studio di un testo a scelta orientamento umanistico-culturale, Pendargon Bologna 2009, AA VV Fare formazione, in corso di stampa Per
tra i seguenti: C Kaneklin, G. Aretino Pensiero organizzativo e azione manageriale Raffaello Cortina Milano 1998 E.Giusti, l’approfondimento di alcuni temi specifici indicati nel programma del corso si consiglia lo studio di tre testi scelti tra i
A.Iannazzo Fenomenologia ed integrazione pluralistica Universitarie Romane, Roma 1998 A.Franza, P.Mottana seguenti: C Kaneklin, G. Aretino Pensiero organizzativo e azione manageriale Raffaello Cortina Milano 1998 E.Giusti, A.
Dissolvenze: le immagini della formazione Clueb Bologna 1998 M. Knowles La formazione degli adulti come Iannazzo Fenomenologia ed integrazione pluralistica Universitarie Romane, Roma 1998 A.Franza, P.Mottana Dissolvenze:
autobiografia, Raffaello Cortina, Milano, 1966 F. Nanetti L’arte di dialogare Quattroventi Urbino 1998 R.Massa (a cura di) le immagini della formazione Clueb Bologna 1998 M. Knowles La formazione degli adulti come autobiografia, Raffaello
La clinica della formazione, F.Angeli, Milano 1992 D.Demetrio L’età adulta NIS, Roma 1990 E.Spaltro Soggettività,Patron , Cortina, Milano, 1966 F. Nanetti L’arte di dialogare Quattroventi Urbino 1998 R.Massa (a cura di) La clinica della
Bologna,1993 D.Fabbri La memoria della regina: pensiero, complessità, formazione, Guerrini e Associati,Milano 1990 formazione, F.Angeli, Milano 1992 D.Demetrio L’età adulta NIS, Roma 1990 E.Spaltro Soggettività,Patron , Bologna,1993
M.L.Pombeni, M.G.D’Angelo L’orientamento di gruppo NIS, Roma 1990 G.P.Quaglino e AAVV Gruppo di lavoro e lavoro D.Fabbri La memoria della regina: pensiero, complessità, formazione, Guerrini e Associati,Milano 1990 M.L.Pombeni,
di gruppo, Raffaello Cortina , Milano 1992 G.P.Quaglino Fare formazione Il Mulino, Bologna 1985 G.P.Quaglino M.G.D’Angelo L’orientamento di gruppo NIS, Roma 1990 G.P.Quaglino e AAVV Gruppo di lavoro e lavoro di gruppo,
Psicodinamica della vita organizzativa Raffaello Cortina Milano 1996 R.Kaes L’apparato pluripsichico Armando , Roma Raffaello Cortina , Milano 1992 G.P.Quaglino Fare formazione Il Mulino, Bologna 1985 G.P.Quaglino Psicodinamica della
1983 P.Watzlawick e AAVV Change.Sulla formazione e la soluzione dei problemi Astrolabio ,Roma 1984 F.Avallone La vita organizzativa Raffaello Cortina Milano 1996 R.Kaes L’apparato pluripsichico Armando , Roma 1983 P.Watzlawick e
formazione psicosociale NIS, Roma 1990 E.Gius , A.Zamperini Etica e psicologia Raffaello Cortina , Milano,1995 F.Nanetti AAVV Change.Sulla formazione e la soluzione dei problemi Astrolabio ,Roma 1984 F.Avallone La formazione psicosociale
Fare formazione a scuola : teorie e modelli Synergon Bologna 1996 C. Argyris Superare le difese organizzative , Raffaello NIS, Roma 1990 E.Gius , A.Zamperini Etica e psicologia Raffaello Cortina , Milano,1995 F.Nanetti Fare formazione a scuola
Cortina, Milano, 1995 G. Blandino , B. Granieri La disponibilità ad apprendere, Raffaello Cortina, Milano, 1995 C. : teorie e modelli Synergon Bologna 1996 C. Argyris Superare le difese organizzative , Raffaello Cortina, Milano, 1995 G.
Piccardo Empowerment Raffaello Cortina , Milano, 1995 S. Castelli La mediazione Raffaello Cortina, Milano,1996 Blandino , B. Granieri La disponibilità ad apprendere, Raffaello Cortina, Milano, 1995 C. Piccardo Empowerment
M.F.R.Kets, De Vries, D. Miller L’organizzazione nevrotica Raffaello Cortina, Milano, 1992 F.Nanetti, Le sembianze del Raffaello Cortina , Milano, 1995 S. Castelli La mediazione Raffaello Cortina, Milano,1996 M.F.R.Kets, De Vries, D. Miller
potere, QuattroVenti, Urbino, 2002 G. Alessandrini Manuale per l’esperto dei processi formativi Corocci, Roma, 1998 C. L’organizzazione nevrotica Raffaello Cortina, Milano, 1992 F.Nanetti, Le sembianze del potere, QuattroVenti, Urbino,
Kaneklin, G.Scaratti, Formazione e narrazione Raffaello Cortina, Milano, 1998 P.de Vito Piscicelli, E.Zanarini, L’arte del 2002 G. Alessandrini Manuale per l’esperto dei processi formativi Corocci, Roma, 1998 C.Kaneklin, G.Scaratti,
comando, NIS, Roma,1996 R. Blander, J.Grinder, La ristrutturazione Astrolabio, Roma, 1993 Stewart,Jones, Analisi Formazione e narrazione Raffaello Cortina, Milano, 1998 P.de Vito Piscicelli, E.Zanarini, L’arte del comando, NIS,
transazionale, Garzanti , Milano, 1998 Roma,1996 R. Blander, J.Grinder, La ristrutturazione Astrolabio, Roma, 1993 Stewart,Jones, Analisi transazionale,
Modalità di accertamento: Garzanti , Milano, 1998
 Esame orale Modalità di accertamento:
................................................................................................................................ Esame orale
Psicologia della formazione  ................................................................................................................................
MPSI/05 Psicologia della formazione e dell’orientamento
M-PSI/06
CFU 4 • DURATA Semestrale
Titolo corso: Psicologia della Formazione CFU 8 • DURATA Annuale
Corsi di laurea in: Esperto nei processi di formazione e nei servizi culturali (CNA-L) Corsi di laurea in: Scienze psicologiche del lavoro (CNA-L)

Prof. NANETTI FRANCO Prof. NANETTI FRANCO

Obiettivi Formativi: Obiettivi Formativi:
Il corso intende offrire un quadro complessivo di conoscenza relative alle diverse teorie, modelli e metodologie Il corso intende offrire un quadro complessivo di conoscenza relative alle diverse teorie, modelli e metodologie
didattiche attive utilizzate nell’ambito della formazione professionale. didattiche attive utilizzate nell’ambito della formazione professionale.

124 125
vademecum 2009/10 insegnamenti

Programma: Titolo corso: Psicologia della personalità
LA FORMAZIONE PROFESSIONALE Significati e funzioni della formazione Epistemologia e multidisciplinarietà della Corsi di laurea in: Scienze e tecniche psicologiche (L)
formazione Le tappe del processo operativo della formazione L’analisi dei bisogni formativi La progettazione delle azioni
formative Le tecniche e i metodi della formazione Le metodologie didattiche attive I gruppi di formazione La valutazione Prof. PERRELLA RAFFAELLA raffaella.perrella@uniurb.it
dei risultati delle azioni formative La formazione dei formatori CAMBIAMENTO E FORMAZIONE Psicologia della
formazione e metabletica Teorie dell’apprendimento e attività di formazione Le fasi del processo affettivo della Obiettivi Formativi:
formazione Il concetto di cambiamento Agenti e fattori di cambiamento Le metafore del cambiamento Teorie del La programmazione didattica si propone di offrire agli studenti una cornice storica e teorico-pratica di riferimento,
cambiamento ed implicazioni psicopedagogiche Il cambiamento secondo l’approccio comportamentista Il cambiamento attraverso l’approfondimento delle principali tematiche ed i più importanti orientamenti teorici della Psicologia della
secondo l’approccio cognitivista Il cambiamento secondo l’approccio psicodinamico Il cambiamento secondo l’approccio Personalità.
fenomenologico Il cambiamento secondo l’approccio sistemico Il cambiamento secondo la programmazione La prima parte del programma sarà dedicata alla trattazione dei temi connessi alla descrizione e alla genesi delle
neurolinguistica Il cambiamento secondo l’approccio transazionale I gruppi di cambiamento sociale LE METODOLOGIE principali strutture della personalità, oltre che ad un approfondimento degli aspetti dinamici e di funzionamento della
DIDATTICHE ATTIVE Esercitazioni e lezioni d’aula Il lavoro di gruppo e i gruppi di lavoro I gruppi di discussione e di personalità. Nella seconda parte saranno approfondite le tematiche relative al ruolo dell’attaccamento nella
problem solving I gruppi di brainstorming Il metodo dei casi La ricerca d’aula Simulazioni e role-playing Esercitazioni strutturazione della personalità normale e patologica e le ipotesi eziopatogenetiche della schizofrenia, con la finalità di
analogiche e autocentrate La ricerca-azione I gruppi di formazione alla comunicazione interpersonale fornire indicazioni teoriche e cliniche che possano consentire allo studente di orientarsi -attraverso l’utilizzo di specifiche
Modalità didattiche: chiavi di lettura- nell’indagine della personalità.
Lezione frontale Programma:
Testi di studio: 1) Le Teorie della personalità
Testi di base per l’esame: F.Nanetti Il counseling ad orientamento umanistico-esistenziale, Pendragon Bologna, 2009, AA • La personalità: storia e teorie
VV Fare formazione, in corso di stampa Per l’approfondimento di alcuni temi specifici indicati nel programma del corso • Nascita e sviluppo della psicoanalisi
si consiglia lo studio di tre testi scelti tra i seguenti: C Kaneklin, G. Aretino Pensiero organizzativo e azione manageriale • Struttura e descrizione della personalità
Raffaello Cortina Milano 1998 E.Giusti, A.Iannazzo Fenomenologia ed integrazione pluralistica Universitarie Romane, • Comportamentismo e ambientalismo
Roma 1998 A.Franza, P.Mottana Dissolvenze: le immagini della formazione Clueb Bologna 1998 M. Knowles La • Cognitivismo e costruttivismo
formazione degli adulti come autobiografia, Raffaello Cortina, Milano, 1966 F. Nanetti L’arte di dialogare Quattroventi • Interazionismo e costruzione della personalità
Urbino 1998 R.Massa (a cura di) La clinica della formazione, F.Angeli, Milano 1992 D.Demetrio L’età adulta NIS, Roma 2) Personalità normale e personalità patologica
1990 E.Spaltro Soggettività,Patron , Bologna,1993 D.Fabbri La memoria della regina: pensiero, complessità, formazione, • Dalla teoria dell’attaccamento alla definizione della personalità
Guerrini e Associati,Milano 1990 M.L.Pombeni, M.G.D’Angelo L’orientamento di gruppo NIS, Roma 1990 G.P.Quaglino e • Ipotesi eziopatogenetiche della schizofrenia
AAVV Gruppo di lavoro e lavoro di gruppo, Raffaello Cortina , Milano 1992 G.P.Quaglino Fare formazione Il Mulino, Risultati di apprendimento:
Bologna 1985 G.P.Quaglino Psicodinamica della vita organizzativa Raffaello Cortina Milano 1996 R.Kaes L’apparato a. In rapporto alla Psicologia della personalità lo studente dovrà mostrare il possesso:
pluripsichico Armando , Roma 1983 P.Watzlawick e AAVV Change.Sulla formazione e la soluzione dei problemi - della padronanza delle conoscenze di base;
Astrolabio ,Roma 1984 F.Avallone La formazione psicosociale NIS, Roma 1990 E.Gius , A.Zamperini Etica e psicologia - della comprensione dei concetti fondamentali della disciplina;
Raffaello Cortina , Milano,1995 F.Nanetti Fare formazione a scuola : teorie e modelli Synergon Bologna 1996 C. Argyris - della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare secondo la logica della disciplina.
Superare le difese organizzative , Raffaello Cortina, Milano, 1995 G. Blandino , B. Granieri La disponibilità ad Attività a supporto della didattica:
apprendere, Raffaello Cortina, Milano, 1995 C. Piccardo Empowerment Raffaello Cortina , Milano, 1995 S. Castelli La Lezioni integrative.
mediazione Raffaello Cortina, Milano,1996 M.F.R.Kets, De Vries, D. Miller L’organizzazione nevrotica Raffaello Cortina, Modalità didattiche:
Milano, 1992 F.Nanetti, Le sembianze del potere, QuattroVenti, Urbino, 2002 G. Alessandrini Manuale per l’esperto dei Lezioni frontali, esemplificazioni cliniche
processi formativi Corocci, Roma, 1998 C.Kaneklin, G.Scaratti, Formazione e narrazione Raffaello Cortina, Milano, 1998 Testi di studio:
P.de Vito Piscicelli, E.Zanarini, L’arte del comando, NIS, Roma,1996 R. Blander, J.Grinder, La ristrutturazione Astrolabio, Gennaro A. (2004), Introduzione alla psicologia della personalità, Il Mulino, Bologna
Roma, 1993 Stewart,Jones, Analisi transazionale, Garzanti , Milano, 1998 Caviglia G. (2003), Attaccamento e psicopatologia, Carocci, Roma (limitatamente ai capitoli 2, 4 e 6).
Modalità di accertamento: Caviglia G., Perrella R. (2009), La schizofrenia: diagnosi, teorie, terapie. Carocci, Roma (limitatamente ai capitoli 1 e 2).
Esame orale Modalità di accertamento:
................................................................................................................................ Esame Orale
Psicologia della marginalità e della devianza ................................................................................................................................
M-PSI/05 Psicologia delle dipendenze
M-PSI/08
CFU 4 • DURATA Semestrale
Corsi di laurea in: Psicologia clinica (LM) CFU 4 • DURATA Semestrale
Titolo corso: Psicologia delle Dipendenze
Note: Corsi di laurea in: Psicologia clinica (LM)
Il programma verrà indicato all’inizio delle lezioni.
................................................................................................................................ Prof. MELONI ANGELO angelo.meloni@sanita.marche.it Recapito telefonico lavorativo (dal lunedì al venerdi): 0737-
7814275
Psicologia della personalità Ricevimento: verrà indicato all’inizio delle lezioni
M-PSI/01
Obiettivi Formativi:
CFU 4 • DURATA Semestrale

126 127
vademecum 2009/10 insegnamenti

1. Padronanza delle conoscenze delle principali teorie sulla dipendenza, con particolare riguardo a quelle di ................................................................................................................................
orientamento psicogenetico; dei più importanti quadri di dipendenza, della loro classificazione secondo la moderna
nosografia (DSM-IV), delle loro relazioni con la patologia psichiatrica nel problema della “doppia diagnosi”; dei diversi
Psicologia delle organizzazioni
M-PSI/06
modelli d’intervento, con particolare riguardo a quelli d’interesse per lo psicologo clinico, e della loro applicazione nel
Servizio Pubblico (Ser.t).
CFU 8 • DURATA Annuale
2. Comprensione dei concetti avanzati di abuso, dipendenza, craving, astinenza, new addicition, doppia diagnosi.
Titolo corso: Psicologia delle organizzazioni
3. Capacità di usare conoscenze e concetti sopra enunciati per ragionare sulle problematiche riguardanti
Corsi di laurea in: Scienze psicologiche del lavoro (CNA-L)
l’inquadramento diagnostico delle varie forme di dipendenza, la diagnosi differenziale tra uso, abuso, dipendenza, le
migliori forme di trattamento in relazione alla valutazione sui tre assi bio-psico-sociale delle varie forme di dipendenza,
Prof. ALFANO VINCENZO alfanovincenzo@libero.it
l’approccio al trattamento integrato della “doppia diagnosi”.
Programma:
Obiettivi Formativi:
Introduzione. Definizioni.
• Favorire l’acquisizione di conoscenze relative alle interazioni di individui e gruppi inseriti nei vari contesti organizzativi,
Breve introduzione sul problema delle dipendenze e sul passaggio da fenomeno storico-culturale a fenomeno clinico-
al funzionamento dei team, alle organizzazioni come costruzioni collettive e come artefatti sociali.
scientifico (la dipendenza come malattia).
• Fornire degli strumenti utili all’analisi e all’intervento per lo sviluppo delle organizzazioni.
Teorie sulla genesi delle dipendenze.
Programma:
Verranno esposte le diverse impostazioni teoriche, a partire da quella neurofisiologica alle concezioni di matrice
• Analisi storica della psicologia delle organizzazioni
psicogenetica, con particolare riguardo a quelle psicanalitiche e sistemico-relazionali.
• Che cosa sono le organizzazioni: la difficoltà di definire “l’organizzazione”, i limiti di un approccio entitario
Concetti fondamentali
• Il comportamento organizzativo: gerarchie, potere e leadership, la tecnologia, le organizzazioni come prodotto
Verranno esposti e trattati con esempi clinici i concetti di: uso, abuso, dipendenza, craving, astinenza, doppia diagnosi, i
dell’attività cognitiva
rapporti tra patologia psichiatrica e da dipendenza.
• La ricerca nelle organizzazioni: fare ricerca nelle organizzazioni, valutare le attività organizzative, interventi di ricerca-
Nosografia e clinica.
azione
Si inizierà dai principali quadri di abuso e dipendenza delle droghe maggiori, con la descrizione degli effetti di queste
• Cultura e simboli nelle organizzazioni: teoria e pratica
sostanze sull’individuo, delle caratteristiche di personalità del tossicodipendente, delle modalità di approccio al lavoro
Modalità didattiche:
clinico con esso. Il programma proseguirà con un approfondimento sul problema dell’uso di droghe nell’adolescenza e
Lezione frontale, seminari, discussione di casi organizzativi
con cenni alle nuove forme di dipendenza (da internet, videogiochi, gioco d’azzardo, ecc.). Verrà inoltre descritto l’uso
Testi di studio:
dell’alcol come sostanza “socializzante” e il rischio che questo comporta rispetto alla possibilità dell’instaurarsi della
• Depolo Marco (2007). Psicologia delle organizzazioni, Bologna, Il Mulino.
dipendenza. La parte nosografica si concluderà con la descrizione dei rapporti tra psichiatria e dipendenza in relazione
• Morgan Gareth (2002). Images. Le metafore dell’organizzazione, Milano, Franco Angeli.
all’interdisciplinarietà delle due materie, al concetto di “dual diagnosis”e alle sue implicazioni nella pratica clinica.
• Schien Edgar H. (2000). Culture d’impresa. Come affrontare con successo le transazioni e i cambiamenti organizzativi,
Modelli di intervento. Le cure possibili.
Milano, Raffaello Cortina Editore.
Verranno esaminati brevemente gli strumenti farmacologici di cura, con particolare riguardo ai farmaci sostitutivi
Per l’approfondimento di alcuni temi specifici si consiglia lo studio di un testo scelto tra i seguenti:
(metadone e buprenorfina). Si proseguirà con una più approfondita descrizione dei modelli psicologici d’intervento, da
• Rumiati R., Pietroni D. (2001). La negoziazione. Psicologia della trattativa: come trasformare un conflitto in opportunità
quello individuale a quello gruppale, fino al modello comunitario. Verrà inoltre presentato il più recente strumento di
di sviluppo personale, organizzativo e sociale, Milano, Raffaello Cortina Editore.
intervento psicologico, il Colloquio Motivazionale. Gli interventi verranno descritti in relazione al funzionamento e
• Favretto G. (a cura di) (2005). Le forme del mobbing. Cause e conseguenze di dinamiche organizzative disfunzionali,
all’organizzazione dei Servizi Pubblici per le Dipendenze e alle modalità di valutazione sui tra assi bio- psico- sociale.
Milano, Raffaello Cortina Editore.
Risultati di apprendimento:
 
In rapporto alla Psicologia delle dipendenze lo studente dovrà mostrare il possesso:
Modalità di accertamento:
- della padronanza delle conoscenze di base;
Esame orale
- della comprensione dei concetti fondamentali della disciplina;
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare secondo la logica della disciplina. ................................................................................................................................
Attività a supporto della didattica: Psicologia delle organizzazioni 
Lezioni integrative. M-PSI/06
Modalità didattiche:
Lezione frontale, interattiva. Discussione di casi clinici e di esempi tratti dalla clinica. Qualora ve ne siano le condizioni CFU 4 • DURATA Semestrale
verrà organizzato un seminario di approfondimento su un tema di particolare interesse e un’esercitazione consistente in Titolo corso: Psicologia delle organizzazioni
una visita ad una Comunità Terapeutica. Corsi di laurea in: Esperto nei processi di formazione e nei servizi culturali (CNA-L)
Testi di studio:
Si consigliano i seguenti testi: Prof. ALFANO VINCENZO alfanovincenzo@libero.it
(a cura di) Vincenzo Caretti, Daniele la Barbera “Le dipendenze patologiche” Raffaello Cortina Editore, 2005
Marcella Ravenna “Psicologia delle tossicodipendenze”. Ed. Il Mulino, 1997 ( I capitoli obbligatori per questo testo Obiettivi Formativi:
verranno indicati a lezione) • Favorire l’acquisizione di conoscenze relative alle interazioni di individui e gruppi inseriti nei vari contesti organizzativi,
Ulteriori indicazioni sui testi di studio verranno fornite nella prima lezione. al funzionamento dei team, alle organizzazioni come costruzioni collettive e come artefatti sociali.
Modalità di accertamento: • Fornire degli strumenti utili all’analisi e all’intervento per lo sviluppo delle organizzazioni.
esame orale. Programma:
• Analisi storica della psicologia delle organizzazioni
• Che cosa sono le organizzazioni: la difficoltà di definire “l’organizzazione”, i limiti di un approccio entitario

128 129
vademecum 2009/10 insegnamenti

• Il comportamento organizzativo: gerarchie, potere e leadership, la tecnologia, le organizzazioni come prodotto Prof. BELACCHI CARMEN carmen.belacchi@uniurb.it
dell’attività cognitiva
• La ricerca nelle organizzazioni: fare ricerca nelle organizzazioni, valutare le attività organizzative, interventi di ricerca- Obiettivi Formativi:
azione Il corso intende fornire le conoscenze teoriche e metodologiche che costituiscono i fondamenti della Psicologia dello
• Cultura e simboli nelle organizzazioni: teoria e pratica Sviluppo, disciplina basilare per ogni attività psicologica e con molteplici collegamenti con gli Insegnamenti dei Corsi di
Modalità didattiche: laurea in Scienze psicologiche. Intende inoltre introdurre alla comprensione dei processi psico-relazionali alla base del
Lezione frontale, seminari, discussione di casi organizzativi fenomeno della comunicazione verbale e non-verbale centrale per la costruzione della conoscenza e dell’identità.
Testi di studio: Programma:
• Depolo Marco (2007). Psicologia delle organizzazioni, Bologna, Il Mulino. I Introduzione - Il concetto di sviluppo - Inquadramento storico della disciplina - Approccio scientifico e metodologia
• Schien Edgar H. (2000). Culture d’impresa. Come affrontare con successo le transazioni e i cambiamenti organizzativi, della ricerca II Le principali teorie dello sviluppo - Le teorie psicoanalitiche (Freud, Erikson) - Le teorie
Milano, Raffaello Cortina Editore. dell’apprendimento sociale (Watson, Skinner, Bandura) - La teoria etologica (Bowlby) - La teoria di Piaget - La teoria di
Per l’approfondimento di alcuni temi specifici si consiglia lo studio di un testo scelto tra i seguenti: Vygotskij - La teoria dell’elaborazione dell’informazione - Gli approcci più recenti III Le principali aree dello sviluppo - Lo
• Rumiati R., Pietroni D. (2001). La negoziazione. Psicologia della trattativa: come trasformare un conflitto in opportunità sviluppo cognitivo e metacognitivo - Lo sviluppo emotivo, affettivo, sociale e morale - Lo sviluppo comunicativo e
di sviluppo personale, organizzativo e sociale, Milano, Raffaello Cortina Editore. linguistico
• Favretto G. (a cura di) (2005). Le forme del mobbing. Cause e conseguenze di dinamiche organizzative disfunzionali, Risultati di apprendimento:
Milano, Raffaello Cortina Editore. In rapporto alla Psicologia dello sviluppo lo studente dovrà mostrare il possesso:
  - della padronanza delle conoscenze di base;
Modalità di accertamento: - della comprensione dei concetti fondamentali della disciplina;
Esame orale - della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare secondo la logica della disciplina.
................................................................................................................................ Attività a supporto della didattica:
Seminari integrativi
Psicologia dello sviluppo Modalità didattiche:
M-PSI/04
Lezione frontale
Testi di studio:
CFU 6 • DURATA Annuale
- Miller P., Teorie dello sviluppo psicologico, Il Mulino, Bologna - Camaioni L. (a cura di), MANUALE DI PSICOLOGIA
Titolo corso: Fondamenti di Psicologia dello sviluppo
DELLO SVILUPPO, IL MULINO, BOLOGNA, 1999; - Belacchi C. e Gobbo C. (2004), Parlare con i bambini, Carocci, Roma
Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU)
Modalità di accertamento:
Esame scritto con integrazione orale
Prof. RIZZARDI MARIO rizzarm@libero.it
................................................................................................................................
Obiettivi Formativi: Psicologia dello sviluppo
Il corso si propone di fornire una conoscenza di base delle principali teorie, dei risultati degli studi e delle ricerche più M-PSI/04
recenti e degli aspetti metodologici specifici della psicologia dello sviluppo. Sarà assunta, come dimensione portante
dello sviluppo dell’individuo, la genesi del pensiero, nella prospettiva che la conoscenza non è soltanto intellettuale, ma CFU 5 • DURATA Semestrale
anche, insieme, percettiva, linguistica e affettiva e si costituisce nell’intersoggettività e nella formazione dell’identità Titolo corso: Fondamenti di Psicologia dello sviluppo
personale. Corsi di laurea in: Scienze dell’Educazione e della formazione (L)
Programma:
Concetti di età evolutiva, di sviluppo e di stadio di sviluppo - Metodologia della ricerca in psicologia dell’età evolutiva Prof. RIZZARDI MARIO rizzarm@libero.it
-Teorie dello sviluppo -Sviluppo percettivo - Sviluppo cognitivo - Sviluppo linguistico - Sviluppo emotivo -Sviluppo
affettivo -Sviluppo sociale Obiettivi Formativi:
Modalità didattiche:  Il corso si propone di fornire una conoscenza di base delle principali teorie, dei risultati degli studi e delle ricerche più
Lezioni frontali, seminari, studio individuale recenti e degli aspetti metodologici specifici della psicologia dello sviluppo. Sarà assunta, come dimensione portante
Obblighi: dello sviluppo dell’individuo, la genesi del pensiero, nella prospettiva che la conoscenza non è soltanto intellettuale, ma
Studio del materiale didattico (testi) di riferimento anche, insieme, percettiva, linguistica e affettiva e si costituisce nell’intersoggettività e nella formazione dell’identità
Testi di studio: personale.
I testi di riferimento saranno indicati all’inizio del corso Programma:
Modalità di accertamento:  Concetti di età evolutiva, di sviluppo e di stadio di sviluppo - Metodologia della ricerca in psicologia dell’età evolutiva
Accertamento individuale finale effettuato da una commissione presieduta dal Docente titolare del corso -Teorie dello sviluppo -Sviluppo percettivo - Sviluppo cognitivo - Sviluppo linguistico - Sviluppo emotivo -Sviluppo
................................................................................................................................ affettivo -Sviluppo sociale
Risultati di apprendimento:
Psicologia dello sviluppo  In rapporto alla Psicologia dello sviluppo lo studente dovrà mostrare il possesso:
M-PSI/04
- della padronanza delle conoscenze di base;
CFU 8 • DURATA Annuale - della comprensione dei concetti fondamentali della disciplina;
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare secondo la logica della disciplina.
Titolo corso: Il problema dello sviluppo
Attività a supporto della didattica:
Corsi di laurea in: Scienze e tecniche psicologiche (L)
Lezioni integrative

130 131
vademecum 2009/10 insegnamenti

Modalità didattiche: Modalità di accertamento:
 Lezioni frontali, seminari, studio individuale Esame orale
Obblighi: ................................................................................................................................
 Studio del materiale didattico (testi) di riferimento
Testi di studio:
Psicologia dello sviluppo, del linguaggio e della comunicazione
M-PSI/04
I testi di studio saranno comunicati all’inizio del corso
Modalità di accertamento: CFU 4 • DURATA Semestrale
  Accertamento individuale finale effettuato da una Commissione presieduta dal Docente titolare del corso Titolo corso: Il ruolo del linguaggio nella costruzione dei significati sociali
................................................................................................................................ Corsi di laurea in: Psicologia clinica (LM)
Psicologia dello sviluppo cognitivo (4° anno indirizzo materna) 
M-PSI/04 Prof. BELACCHI CARMEN carmen.belacchi@uniurb.it

CFU 3 • DURATA Semestrale Obiettivi Formativi:
Titolo corso: psicologia dello sviluppo cognitivo Il corso si prefigge di fornire conoscenze teoriche e metodologiche intorno al linguaggio come elettivo mezzo di
Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU) costruzione-condivisione di rappresentazioni mentali e dunque motore dello sviluppo cognitivo e psichico, in senso lato.
Si considereranno, in particolare, il ruolo della narrazione linguistica in percorsi di sviluppo psicologico tipici e atipici e
Prof. CARBONARI FABIO uymca@tin.it quello della competenza definitoria, una funzione metalinguistica che consente di riflettere (su) ed esplicitare il
significato delle parole e alla cui costruzione concorrono diversi tipi di fattori: cognitivi, linguistici, comunicativi, educativi
Obiettivi Formativi: e metalinguistici. Nello specifico, introdurrà all’utilizzazione di uno strumento di valutazione della competenza definitoria
Il corso si propone di approfondire gli aspetti che concorrono alla formazione dei processi evolutivi superiori, con applicabile sia in popolazioni con sviluppo tipico che atipico.
particolare riferimento alle moderne teorie volte a definire concezioni integrate dello sviluppo. Programma:
Programma: I. Introduzione
1) Definizione dei vari parametri che concorrono allo sviluppo. - Le principali teorie sullo sviluppo del linguaggio
2) La relazione come strumento di crescita; - Lo sviluppo delle funzioni del linguaggio verbale nelle componenti interpersonali ed intrapsichiche: dalla designazione
3) L’attività percettiva e sue valenze simboliche. della realtà (funzione descrittivo-referenziale), all’espressione-organizzazione del pensiero (funzione cognitivo-
Modalità didattiche: categorizzante) al riferimento al linguaggio (funzione metalinguistica-autoriflessiva), all’esplicitazione-costruzione
lezione frontale dell’identità personale.
Testi di studio: II. Narrazione e significato condiviso
Vincenzo Calvo, il colloquio di counseling, Il Mulino, Bologna, 2007. - Rappresentazione di eventi, sviluppo narrativo e modelli operativi interni
Daniel J. Siegel, Mindfulness e cervello, Cortina, Milano, 2009 - Il ruolo dell’adulto nella costruzione-trasmissione del significato sociale
Modalità di accertamento: III. Le definizioni tra costruzione e analisi del significato delle parole
Prova orale - Tipologie di definizioni
................................................................................................................................ - La competenza definitoria (dai primi studi ai più recenti modelli)
- I fattori psicologici implicati nella competenza definitoria
Psicologia dello sviluppo cognitivo (2° anno)  - Sviluppo della competenza definitoria nelle popolazioni tipiche e atipiche
M-PSI/04
Risultati di apprendimento:
In rapporto alla Psicologia del linguaggio e della comunicazione lo studente deve mostrare il possesso:
CFU 3 • DURATA Semestrale
- della padronanza delle conoscenze delle discipline specialistiche;
Titolo corso: psicologia dello sviluppo cognitivo
- della comprensione dei concetti avanzati della disciplina;
Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU)
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare in maniera autonoma sulle problematiche della disciplina.
Attività a supporto della didattica:
Prof. CARBONARI FABIO uymca@tin.it
Lezioni integrative
Modalità didattiche:
Obiettivi Formativi:
Lezione frontale; esercitazioni di applicazione di uno strumento per la valutazione della competenza definitoria
Il corso si propone di introdurre lo studente allo studio delle principali teorie dello sviluppo in generale e cognitivo in
Testi di studio:
particolare. In special modo saranno considerate le variabili emotive ed affettive che concorrono alla evoluzione
- Belacchi C. e Benelli B. (2007), Il significato delle parole. La competenza definitoria nello sviluppo tipico e atipico, Il
mentale.
Mulino, Bologna.
Programma:
- Rollo D. (a cura di) (2007) Narrazione e sviluppo psicologico, Carocci, Roma
1) Teorie dello sviluppo cognitivo.
Modalità di accertamento:
2) Natura dei sentimenti, delle emozioni, della mente e loro interrelazioni.
Esame scritto con integrazione orale
Modalità didattiche:
lezione frontale ................................................................................................................................
Testi di studio: Psicologia di comunità
Fabio Carbonari, Introduzione alla psicologia dello sviluppo, Magi, Roma, 2007. M-PSI/05
Jhon R. Searle, La mente, Raffaello Cortina, Milano, 2005.

132 133
vademecum 2009/10 insegnamenti

CFU 6 • DURATA Semestrale Testi di studio:
Titolo corso: La psicologia di comunità Jervis G., Psicologia dinamica, il Mulino, Bologna, 2001 Freud S. (1938), Compendio di psicoanalisi, Bollati Boringhieri,
Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU) 2001 Jung C.G. (1921), I tipi psicologici, Bollati Boringhieri, 1993. Kernberg O.F., Le relazioni nei gruppi, Raffaello Cortina,
1999 (prima, seconda, quinta parte). Bion W. R., Esperienze nei gruppi, Armando Editore, 1997 (prima parte)
Prof. DE FELICE FRANCO defelicefranco@virgilio.it Modalità di accertamento:
Esame orale
Obiettivi Formativi: ................................................................................................................................
L’insegnamento di psicologia di comunità si pone l’obiettivo di capire e di studiare il comportamento delle persone
all’interno
Psicologia dinamica I
M-PSI/07
del loro ambiente sociale quotidiano per promuoverne il benessere e migliorarne la qualità della vita. La Psicologia di
Comunità
CFU 8 • DURATA Annuale
è un settore nel quale si applicano e si condividono conoscenze psicologiche con operatori di diversa formazione, e si
Titolo corso: La psicoanalisi freudiana
interessa
Corsi di laurea in: Scienze e tecniche psicologiche (L)
delle forme di aiuto non professionali. Nel corso verrà dedicata particolare attenzione ai servizi rivolti ai soggetti deboli
della
Prof. PEDICONI MARIA maria.pediconi@uniurb.it
comunità (minori, handicappati, anziani, ecc.) e gli interventi utili a migliorare la loro qualità della vita.
Programma:
Obiettivi Formativi:
1 Parte 1 Aspetti Generali 1.1 Che cosa è la Psicologia di Comunità 1.2 Metodologia di intervento 1.3 Settori di
Il corso si propone di fornire gli elementi fondamentali per comprendere la formazione e lo sviluppo della teorizzazione
applicazione 2
psicoanalitica. Particolare attenzione sarà rivolta alla lettura e al commento di alcune opere di Freud con lo scopo di
Parte 2 Soggetti deboli e comunità 2.1 Aspetti storico legislativi 2.2 I servizi socio sanitari ed educativi 2.3 Il terzo settore
mostrare la viva sorgente del suo pensiero.
in Italia
Programma:
Modalità didattiche:
La prima parte analizzerà le concezioni di Freud così come si sono articolate nel corso della sua vita. Saranno inoltre
Lezione frontale; seminari e tesine di approfondimento
prese in considerazione le modificazioni cui tali concezioni sono andate incontro nella dialettica tra Freud ed i suoi
Testi di studio:
collaboratori in quanto hanno contribuito alla costruzione dell’edificio psicoanalitico.
Parte 1 - De Felice F., “Il Senso di Comunità - elementi di psicologia di comunità”, Edizioni Goliardiche, Trieste, 2008
La seconda parte, monografica, approfondirà i concetti freudiani che descrivono la costituzione del pensiero umano e le
Parte 2 due testi a scelta tra i seguenti:
sue principali determinazioni patologiche. Una particolare attenzione sarà dedicata al concetto freudiano di pulsione
- De Felice F., Dottori S., “Handicap Grave: i servizi residenziali”, Edizioni Goliardiche, Trieste, 1999 - Crescentini A., De
come esso emerge dalla comparazione tra le due topiche freudiane.
Felice F., Tonzar C., “L’educatore psichiatrico e la riabilitazione in comunità”, Carocci editore, Roma, 2004 - De Felice F.,
L’attività seminariale proporrà inoltre una riflessione circa le implicazioni culturali della psicoanalisi: sia presentando i
Colaninno C. “Psicologia dell’emergenza”, Franco Angeli editore, Milano, 2003 - De Felice F. “Il trattamento psicologico
movimenti di pensiero che hanno contribuito alla sua nascita, sia documentando il rapporto tra la psicoanalisi e la
delle demenze”, Franco Angeli editore, Milano, 2002, Kazepov Y., “La dimensione territoriale delle politiche sociali in
narrativa contemporanea attraverso un percorso esemplificativo.
Italia”, Carocci editore, Roma, 2009
Ulteriori approfondimenti tematici introdurranno le linee più attuali dell’eredità freudiana.
Modalità di accertamento:
Risultati di apprendimento:
Esame orale
In rapporto alla Psicologia dinamica lo studente dovrà mostrare il possesso:
................................................................................................................................ - della padronanza delle conoscenze di base;
Psicologia dinamica - della comprensione dei concetti fondamentali della disciplina;
M-PSI/07 - della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare secondo la logica della disciplina.
Attività a supporto della didattica:
CFU 7 • DURATA Annuale Seminari integrativi
Titolo corso: Psicologia dinamica Modalità didattiche:
Corsi di laurea in: Scienze psicologiche del lavoro (CNA-L) Lezione frontale; lezioni e seminari integrativi; tesine di approfondimento; lavori di gruppo.
Testi di studio:
Prof. ACQUARINI ELENA elena.acquarini@uniurb.it I. P. Roazen, Freud e i suoi seguaci, Einaudi, Torino.
II. S. Freud, Metapsicologia, Boringhieri, Torino.
Obiettivi Formativi: III. S. Freud, Il caso clinico del Piccolo Hans, Boringhieri, Torino.
Il corso si propone di fornire agli studenti la conoscenza dei costrutti di base delle principali teorie psicodinamiche e dei IV. G. B. Contri, L’ordine giuridico del linguaggio, Sic Edizioni, Milano.
loro attuali sviluppi. V. G. M. Genga, M. G. Pediconi (a cura di), Pensare con Freud, Sic Edizioni, Milano
Programma: Letture consigliate:
Alla prima parte del Corso, dedicata ad un tentativo di definizione della psicologia dinamica che terrà conto della storia S. Freud (1924), Autobiografia, in OSF, vol. X, Boringhieri.
e dei molteplici significati, seguirà una riflessione sulla nascita ed evoluzione dei principali modelli teorici di matrice  
psicoanalitica. La parte finale del Corso sarà dedicata ad introdurre la mentalità e le dinamiche di gruppo secondo una Modalità di accertamento:
prospettiva psicoanalitica. Esame orale
Modalità didattiche: Note:
Lezione frontale. Sono previsti seminari di approfondimento con specialisti. 1. Ai frequentanti, durante il corso, verranno proposti: a) approfondimenti tematici e indicazioni bibliografiche
integrative nell’ambito di lavori seminariali; b) lavori di gruppo su narrativa e psicoanalisi. I non frequentanti potranno

134 135
vademecum 2009/10 insegnamenti

completare il programma con il testo di Lis, Stella, Zavattini, Manuale di psicologia dinamica, Il Mulino, Bologna  Il corso si propone di fornire una conoscenza di base del sapere psicologico al fine di una comprensione dei
2. In rapporto alla Psicologia dinamica lo studente dovrà mostrare il possesso: a) della padronanza delle conoscenze di meccanismi fondamentali sottesi al funzionamento della psiche umana e della formazione di una specifica sensibilità, di
base; b) della comprensione dei concetti fondamentali della disciplina; c) della capacità di usare conoscenze e concetti un’attitudine particolare, volta ad affrontare le questioni psicologiche che si possono presentare nell’ambito delle scienze
per ragionare secondo la logica della disciplina. dell’educazione e della formazione.
................................................................................................................................ Programma:
 I metodi di ricerca in psicologia; La coscienza; La percezione; L’apprendimento; La memoria; Il linguaggio, La
Psicologia dinamica II comunicazione; Il pensiero; L’intelligenza; La motivazione, Le emozioni
M-PSI/07
Risultati di apprendimento:
In rapporto alla Psicologia generale lo studente dovrà mostrare il possesso:
CFU 8 • DURATA Annuale
- della padronanza delle conoscenze di base;
Titolo corso: Psicologia dinamica II
- della comprensione dei concetti fondamentali della disciplina;
Corsi di laurea in: Psicologia clinica (LM)
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare secondo la logica della disciplina.
Attività a supporto della didattica:
Prof. ROSSI SERENA serena.rossi@uniurb.it
Lezioni integrative;
Modalità didattiche:
Obiettivi Formativi:
 Lezioni frontali, seminari, studio individuale
Il corso intende fornire le basi di partenza scientifica per comprendere la tecnica del trattamento psicoanalitico e i diversi
Obblighi:
livelli di realtà della relazione analitica.
Studio del materiale didattico (testi) di riferimento 
Programma:
Testi di studio:
1. Introduzione
 I testi di studio saranno comunicati all’inizio del corso
2. Relazione tra teorie e dati dell’esperienza analitica
Modalità di accertamento:
3. Dalla tecnica analitica classica alla tecnica analitica moderna
 Accertamento individuale finale effettuato da una Commissione presieduta dal Docente titolare del corso
4. L’esperienza e i suoi rapporti con la memoria
5. L’esperienza e i suoi rapporti con la fantasia ................................................................................................................................
6. L’esperienza e i suoi rapporti con la l’illusione Psicologia generale
Risultati di apprendimento: M-PSI/01
In rapporto alla Psicologia dinamica II lo studente deve mostrare il possesso:
- della padronanza delle conoscenze delle discipline specialistiche; CFU 8 • DURATA Annuale
- della comprensione dei concetti avanzati della disciplina; Titolo corso: Psicologia generale
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare in maniera autonoma sulle problematiche della disciplina. Corsi di laurea in: Scienze e tecniche psicologiche (L)
Attività a supporto della didattica:
Lezioni integrative Prof. CECCARELLI GLAUCO glauco.ceccarelli@uniurb.it
Modalità didattiche: Ricevimento: (Verrà comunicato successivamente, a lezione e nel sito web)
Lezioni frontali, gruppi di lavoro, seminari di approfondimento
Testi di studio: Obiettivi Formativi:
Green A., Idee per una psicoanalisi contemporanea, Raffaello Cortina Editore Milano Attraverso le attività d’aula e lo studio personale, il corso mira a far acquisire allo studente una conoscenza essenziale,
Mancia M., Percorsi. Psicoanalisi contemporanea, Bollati Boringhieri, Torino ma criticamente costruita e attenta alla dimensione storica, dei fondamenti epistemologici e metodologici della
Model A., Per una teoria del trattamento psicoanalitico, Raffaello Cortina Editore, Milano psicologia generale, nonché dei caratteri salienti dei principali processi psichici, da quelli cognitivi a quelli comunicativi e
Letture consigliate: da quelli affettivi a quelli motivazionali.
Borgna E., Le emozioni ferite, Feltrinelli, Milano Programma:
Sala G., Medicina e psicologia tra potere e impotenza, Franco Angeli, Milano 1. Questioni generali
Khan M. M. R., Lo spazio privato del Sé, Bollati Boringhieri, Torino 1.1 Richiami storici
Modalità di accertamento: 1.2 Articolazioni teoriche ed operative attuali
Esame orale. La docente potrà prevedere una prova scritta quando le prenotazioni saranno superiori a 35. 2. Epistemologia e metodologia della psicologia
................................................................................................................................ 2.1 La questione della scientificità
2.2 La psicologia come scienza
Psicologia generale  2.3 Le antinomie epistemologiche
M-PSI/01
2.4 I metodi
2.4.1 Osservazione
CFU 5 • DURATA Semestrale
2.4.2 Metodo sperimentale
Titolo corso: Fondamenti di Psicologia generale
2.4.3 Metodo clinico
Corsi di laurea in: Scienze dell’Educazione e della formazione (L)
2.4.4 Altri metodi
Prof. RIZZARDI MARIO rizzarm@libero.it 3. I processi psichici
3.1 Percezione
3.2 Coscienza e attenzione
Obiettivi Formativi:
3.3 Apprendimento

136 137
vademecum 2009/10 insegnamenti

3.4 Memoria - Emozioni e sessualità.
3.5 Intelligenza e pensiero - Corpo e psiche nell’invecchiamento: l’immagine del corpo e la “somatizzazione dell’esistenza”.
3.6 Comunicazione e linguaggio - Funzioni cognitive e metacognitive nell’età senile.
3.7 Motivazione - Diagnostica neuropsicologica dell’invecchiamento cerebrale.
3.8 Emozione - Aspetti clinici dell’invecchiamento. L’interazione fra disturbi cognitivi ed affettivi: demenze e pseudo-demenze
4. Fondamenti di psicologia della personalità - L’approccio psicologico al trattamento delle demenze.
4.1 I principali approcci teorici - I percorsi psicopatologici:
Depressione
Risultati di apprendimento: Ansia e panico
In rapporto alla Psicologia generale lo studente dovrà mostrare il possesso: Disturbi deliranti, paranoia
- della padronanza delle conoscenze di base; Ipocondria
- della comprensione dei concetti fondamentali della disciplina; Disturbi del sonno
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare secondo la logica della disciplina. Condotte suicidarie
Attività a supporto della didattica: - Gli interventi specifici: i criteri assistenziali e preventivi (formazione del personale; ruolo dello psicologo nelle case di
Lezioni integrative; riposo; la psicoterapia per l’anziano).
Seminari integrativi; Risultati di apprendimento:
Esercitazioni. In rapporto alla Psicologia gerontologica lo studente deve mostrare il possesso:
Modalità didattiche: - della padronanza delle conoscenze delle discipline specialistiche;
Saranno adottate modalità didattiche comprendenti l’esposizione diretta, la discussione di gruppo, l’analisi di testi - della comprensione dei concetti avanzati della disciplina;
storicamente e scientificamente significativi, lo svolgimento di esperienze e/o esercitazioni e approfondimenti a carattere - della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare in maniera autonoma sulle problematiche della disciplina.
seminariale. Attività a supporto della didattica:
Testi di studio: Sono previsti seminari di approfondimento con specialisti.
1 - UN TESTO SUI TEMI EPISTEMOLOGICI E METODOLOGICI Modalità didattiche:
CECCARELLI, G. (2006). Argomenti di epistemologia e di metodologia della psicologia. Urbino: QuattroVenti. Lezioni frontali con l’ausilio di presentazioni a computer.
2 - UN MANUALE DI RIFERIMENTO GENERALE Testi di studio:
ANOLLI, L. & LEGRENZI, P. (2006). Psicologia generale. Bologna: Il Mulino. I testi e i materiali per la preparazione dell’esame saranno comunicati all’inizio del corso.
3 - UNA MONOGRAFIA SULLA PERSONALITÀ Modalità di accertamento:
CECCARELLI, G. (2007). Prospettive classiche nello studio psicologico della personalità. Urbino: QuattroVenti (seconda L’esame prevede una prova scritta ed una prova orale.
edizione). ................................................................................................................................
 
Modalità di accertamento:
Psicologia giuridica e deontologia professionale 
M-PSI/05
L’esame prevede una prova scritta, che potrà essere seguita da una prova orale (obbligatoria per quanti supereranno lo
scritto con i punteggi di 18, 19, 29 e 30 trentesimi, facoltativa per quanti conseguiranno un punteggio compreso tra 20 e
CFU 8 • DURATA Annuale
28 trentesimi). Titolo corso: Psicologia giuridica
Note: Corsi di laurea in: Psicologia clinica (LM)
Eventuali variazioni nel programma, nell’elenco dei testi, nelle modalità didattiche e di accertamento saranno
comunicate a lezione e nel sito web del Corso di laurea. Prof. PAJARDI DANIELA MARIA daniela.pajardi@uniurb.it
................................................................................................................................ Ricevimento: informazioni sul sito dei Corsi di Laurea in Psicologia
Psicologia gerontologica
M-PSI/04 Obiettivi Formativi:
Il corso si propone di analizzare i rapporti tra psicologia e diritto e gli argomenti di maggiore collaborazione scientifica e
CFU 4 • DURATA Semestrale peritale, sia nell’ambito dei minori (abuso, affidamento dei minori nei casi di separazione, ecc.) sia in quello degli adulti
Titolo corso: La relazione mente-corpo tra salute e malattia (imputabilità, psicologia del testimone, danno psichico, ecc.).
Corsi di laurea in: Psicologia clinica (LM) Durante le lezioni è prevista l’organizzazione di incontri con alcuni operatori (magistrati, consulenti tecnici, operatori
penitenziari), nonché la discussione di casi.
Prof. DI CEGLIE ANTONELLA antonella.diceglie@uniurb.it antonella.diceglie@fastwebnet.it Si propone inoltre di analizzare la responsabilità e la deontologia dello psicologo nei vari ambiti professionali.
Programma:
Obiettivi Formativi: 1. Storia della psicologia giuridica
Il Corso, attraverso un approccio multidimensionale, si propone di fornire agli studenti le conoscenze teoriche e gli 2. Il concetto di norma e le teorie sulla devianza criminale
strumenti applicativi direttamente attinenti all’esperienza dell’invecchiamento inteso come processo di modificazione 3. La riforma del processo penale minorile
biologica e psico-affettiva. 4. La testimonianza
Programma: 5. La responsabilità penale e l’imputabilità
- La dimensione antropologica dell’invecchiamento: l’anzianità nelle diverse culture. 6. La separazione e il divorzio dei coniugi e l’affidamento dei figli
- Caratteristiche psicologiche dell’anziano: temporalità, identità e relazioni. 7. L’adozione nazionale ed internazionale
- Ruolo sociale e differenze di genere nell’invecchiamento. 8. L’affido eterofamiliare

138 139
vademecum 2009/10 insegnamenti

9. La valutazione del danno alla persona Modalità didattiche:
10. La psicologia penitenziaria Lezioni frontali, possibilità di approfondimento seminariale.
11. La comunicazione e le relazioni interpersonali nel contesto giudiziario Testi di studio:
12. Finalità e metodologia della perizia in ambito giudiziario Gozzoli C. Regalia C., Migrazioni e famiglie, Il Mulino, Bologna, 2005.
13. Deontologia e responsabilità professionale dello psicologo Mantovani G., Intercultura, Il Mulino, Bologna, 2004.
Risultati di apprendimento: Modalità di accertamento:
In rapporto alla Psicologia giuridica e deontologia professionale lo studente deve mostrare il possesso: esame orale.
- della padronanza delle conoscenze delle discipline specialistiche; ................................................................................................................................
- della comprensione dei concetti avanzati della disciplina;
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare in maniera autonoma sulle problematiche della disciplina.
Psicologia medica 
MED/25
Attività a supporto della didattica:
Lezioni integrative
CFU 3 • DURATA Semestrale
Modalità didattiche:
Titolo corso: Fondamenti teorici della Psicologia medica
Lezioni frontali, discussioni di casi e simulazioni; incontri con operatori ed esperti.
Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU)
Testi di studio:
Due testi fondamentali ed un libro a scelta
Prof. STELLA ALDO aldostella@interfree.it
Testi fondamentali
 1. Quadrio A. e Rivolta M. ( a cura di), “Aggiornamenti in psicologia giuridica”, ISU-Cattolica, Milano, 2007.
Obiettivi Formativi:
2. Corradini A., Crema S., Lupo M. e Kaneklin Saviane L., “Etica e Deontologia per Psicologi”,  Carocci, Roma, 2007.
Il corso si propone di fornire agli studenti i concetti teorici fondamentali che stanno alla base della Psicologia medica e di
 3.Un testo a scelta tra:
mostrare l’utilità della loro conoscenza per i futuri insegnanti.
 Pajardi D., Macrì I. e Merzagora I. “Guida alla valutazione del danno psichico”, Giuffrè Milano, 2006.
Programma:
Pajardi D. (a cura di)  “Oltre a sorvegliare e punire - Esperienze e riflessioni di operatori su trattamento e cura in
La Parte Istituzionale si incentrerà sulla individuazione dei fondamenti teorici della disciplina, sui quali si rifletterà
carcere”, Giuffrè, Milano, 2008 (paragrafi n. 1.1; 2.1; 3.1; 4.1 e due capitoli a scelta tra i quattro capitoli del volume:
adeguatamente. In particolare, si metterà in evidenza come la Psicologia medica sia una scienza di sintesi, ossia una
“Pena, detenuti e condizione carceraria..”; “Psicologia, psicologi e ambiti d’intervento”; “Gesti autolesivi in carcere”;
scienza che si occupa di relazioni: dalla relazione medico-paziente, alla relazione mente-corpo, fino alla relazione
“Carcere e immigrazione”).
coscienza-inconscio, pensiero-emozione e io-mondo. La Parte Monografica, invece, metterà in luce le analogie e le
Modalità di accertamento:
differenze che sussistono tra la relazione terapeutica e la relazione educativa.
Esame orale
Modalità didattiche:
................................................................................................................................ Si terranno lezioni frontali, ma sono previsti anche seminari di approfondimento tematico nonché relazioni degli
Psicologia interculturale studenti.
M-PSI/05 Testi di studio:
A. Stella, Medicare e meditare. Fondamenti teorici per una scienza unificata della salute, Guerini Editore, Milano 2001.
CFU 4 • DURATA Semestrale Modalità di accertamento:
Titolo corso: PSICOLOGIA INTERCULTURALE L’esame orale sarà preceduto da una prova scritta di verifica che si terrà verso la fine del corso.
Corsi di laurea in: Scienze e tecniche psicologiche (L) ................................................................................................................................
Prof. RUSSO EMANUELE emanuele.russo@uniurb.it
Psicologia scolastica e orientamento professionale
M-PSI/04
Obiettivi Formativi:
CFU 4 • DURATA Semestrale
Lo scopo principale del corso è fornire una panoramica degli studi esistenti sulla relazione tra pratiche comunicative e
Titolo corso: Psicologia scolastica e orientamento professionale
cultura. Il concetto di cultura sarà analizzato alla luce degli approcci più recenti in ambito psicologico, antropologico e
Corsi di laurea in: Psicologia clinica (LM)
linguistico. Il corso intende sviluppare nello studente la capacità di cogliere l’esistenza e la rilevanza dei processi culturali
nelle situazioni comunicative quotidiane legate agli ambiti lavorativi, agli ambiti familiari e di studio.
Prof. TONZAR CLAUDIO claudio.tonzar@uniurb.it
Programma:
Durante il corso saranno affrontati i seguenti temi:
Obiettivi Formativi:
1. Cultura e intercultura;
La finalità dell’insegnamento è quella di fornire agli studenti alcuni strumenti concettuali e metodologici utili alla
2. La psicologia culturale e lo studio della narrazione;
costruzione di una collaborazione produttiva tra lo psicologo e i diversi agenti del sistema scolastico. Il corso mira ad
3. Cultura e socializzazione;
individuare, da un punto di vista generale, le problematiche dello sviluppo dei servizi di psicologia scolastica all’interno
4. Cultura e identità;
della scuola italiana. Verranno approfondite le tematiche relative all’attivazione, da parte dello psicologo scolastico, di
5. Cultura e sistemi di attività.
specifici servizi a valenza educativa all’interno di un’organizzazione complessa come quella scolastica, e le fasi attraverso
Risultati di apprendimento:
cui procedere per rendere pienamente operativo un servizio psico-educativo per la scuola, considerando le diverse aree
La finalità formativa e valutativa è che lo studente acquisisca:
di intervento quali quelle della valutazione, della consulenza, della formazione, dell’orientamento, della ricerca e degli
- le conoscenze di base;
interventi sull’organizzazione.
- la comprensione dei concetti fondamentali della disciplina;
Programma:
- la capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare secondo la logica della disciplina.
1. Rapporti tra psicologia e scuola

140 141
vademecum 2009/10 insegnamenti

2. Psicologia scolastica in Europa CFU 8 • DURATA Annuale
3. Psicologia scolastica in Italia Titolo corso: PSICOLOGIA SOCIALE
4. Ambiti d’intervento dello psicologo scolastico Corsi di laurea in: Scienze e tecniche psicologiche (L)
5. La formazione dello psicologo scolastico
6. Ricerche sullo psicologo scolastico Prof. PAJARDI DANIELA MARIA daniela.pajardi@uniurb.it
7. Programmazione degli interventi formativi e scolastici Ricevimento: vedere indicazioni sul sito dei Corsi di Laurea in Psicologia
8. La valutazione nel contesto scolastico
9. Tecniche e strumenti per la valutazione scolastica Obiettivi Formativi:
Risultati di apprendimento: Lo scopo fondamentale del corso di psicologia sociale è quello di introdurre gli studenti alla comprensione dei processi
In rapporto alla Psicologia scolastica e orientamento professionale lo studente deve mostrare il possesso: socio-psicologici di conoscenza, di rappresentazione e di azione nella realtà sociale alla base dei rapporti tra gli individui
- della padronanza delle conoscenze delle discipline specialistiche; e gli altri (altri singoli individui o gruppi di individui), in relazione agli oggetti sociali con cui gli individui stessi entrano in
- della comprensione dei concetti avanzati della disciplina; contatto. Una modalità fondamentale per il raggiungimento di questo obiettivo riguarda l’acquisizione del linguaggio
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare in maniera autonoma sulle problematiche della disciplina. adeguato a spiegare tali processi andando oltre il codice linguistico utilizzato dal senso comune per spiegare i fenomeni
Attività a supporto della didattica: sociali in cui le persone rivestono il ruolo degli osservatori o dei protagonisti.
- Esercitazioni; Per quanto riguarda il libro a scelta si è deciso di far scegliere lo studente tra testi scritti direttamente da gradi
- Lezioni di approfondimento protagonisti della storia della psicologia sociale in modo da portare lo studente a confrontarsi direttamente con
Modalità didattiche: l’esposizione delle loro ricerche e teorie.
lezioni frontali ed esercitazioni. Sarà possibile condurre degli approfondimenti monotematici individuali o di piccolo Programma:
gruppo su alcuni aspetti specifici del programma attraverso la stesura di relazioni scritte e/o presentazioni orali All’inizio del corso si illustreranno cenni della storia della psicologia sociale. Particolare attenzione verrà dedicata ai
Testi di studio: processi di costruzione della conoscenza e agli aspetti pragmatici del comportamento sociale: la comunicazione, le basi
Domenici G. Manuale della valutazione scolastica, Laterza, Bari, 2008. del comportamento altruistico e del comportamento aggressivo. L’interazione sociale permette di approfondire la
Articoli e materiali segnalati a lezione conoscenza delle relazioni interpersonali nei rapporti faccia a faccia e grippali, dell’influenza sociale e della costruzione
Modalità di accertamento: del sè. La presenza interiorizzata degli altri (le norme e i ruoli), gli stereotipi sociali, gli atteggiamenti, i pregiudizi sociali,
esame orale. le rappresentazioni sociali e le teorie attribuzionali, sono considerati come costrutti che intervengono nel processo
................................................................................................................................ interattivo e si modificano nell’interazione stessa.
Psicologia sociale  Risultati di apprendimento:
M-PSI/05 In rapporto alla Psicologia sociale lo studente dovrà mostrare il possesso:
- della padronanza delle conoscenze di base;
CFU 4 • DURATA Semestrale - della comprensione dei concetti fondamentali della disciplina;
Titolo corso: Psicologia sociale applicata - della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare secondo la logica della disciplina.
Corsi di laurea in: Esperto nei processi di formazione e nei servizi culturali (CNA-L) Attività a supporto della didattica:
Lezioni integrative
Prof. RIZZARDI MARIO rizzarm@libero.it  
Modalità didattiche:
Obiettivi Formativi: Lezione frontale; le lezioni svilupperanno gli argomenti principalmente sul piano teorico, con frequenti esemplificazioni
Il corso si propone di approfondire i concetti fondamentali degli sviluppi teorici ed empirici della psicologia sociale e di di ricerca e di applicazione a diversi contesti professionali. È incentivata la partecipazione attiva e critica degli studenti.
definire le principali dimensioni che intervengono nei processi interpersonali e di gruppo Testi di studio:
Programma: testo fondamentale e un libro a scelta.
1. Introduzione - 1.1 Concezioni teoriche - 1.2 Metodologia della ricerca - 2. I processi comunicativi - 2.1 La Testo fondamentale: Myers D.G., Psicologia sociale, McGraw Hill, Milano, 2009.
comunicazione - 2.2 La persuasione - 2.3 Il “dialogo” - 3. I processi interpersonali - 3.1 La percezione sociale - 3.2 Gli Un testo a scelta tra:
atteggiamenti - 3.3 Il pregiudizio - 3.4 L’ attrazione interpersonale - 3.5 L’aggressività - 3.6 Il comportamento prosociale Goffman E., La vita quotidiana come rappresentazione, Bologna, Il Mulino, 1969.
- 3.7 L’influenza sociale - 4. I processi di gruppo - 4.1 La comunicazione nel gruppo - 4.2 Le interazioni nel gruppo - 4.3 Il Lewin K., La teoria, la ricerca, l’intervento, Bologna, Il Mulino, 2005.
gruppo di lavoro e il lavoro di gruppo - 4.4 La leadership Tajfel H., Gruppi umani e categorie sociali, Bologna, Il Mulino, 1995.
Modalità didattiche: Modalità di accertamento:
Lezioni frontali, seminari, studio individuale Esame scritto obbligatorio; orale obbligatorio o facoltativo in relazione al risultato dello scritto. Specificazioni sulla
Obblighi: modalità si esame ed esempi di domande sono a disposizione sul sito del Corso di Laurea nella pagina dell’esame.
Studio del materiale didattico (testi) di riferimento ................................................................................................................................
Testi di studio: Psicologia sociale della personalità 
I testi di studio saranno comunicati all’inizio del corso M-PSI/05
Modalità di accertamento:
Accertamento orale individuale finale effettuato da una commissione presieduta dal Docente titolare del corso. CFU 8 • DURATA Annuale
................................................................................................................................ Titolo corso: PSICOLOGIA SOCIALE DELLA PERSONALITA’
Psicologia sociale Corsi di laurea in: Scienze psicologiche dell’intervento clinico (CNA-L)
M-PSI/05

142 143
vademecum 2009/10 insegnamenti

Prof. MARCHITELLI SERENA serena.marchitelli@libero.it Obiettivi Formativi:
acquisizione delle conoscenze e competenze di base proprie alla psicologia scientifica in relazione alla correttezza
Obiettivi Formativi: metodologica di applicazione delle tecniche di inferenza statistica; in particolare alla logica sottesa all’inferenza e alle
Il corso si propone di fornire i concetti teorici e metodologici fondamentali della psicologia della personalità. Oltre alla applicazioni di misurazione psicologica.
approfondita rassegna dei modelli classici ed internazionalmente riconosciuti a fondamento della disciplina ulteriore Programma:
attenzione sarà dedicata alle recenti prospettive connesse alla ‘dialogicità’, alla ‘dimensione intersoggettiva’ ed al Il corso comprende statistica inferenziale e teoria e tecnica dei test.
contesto culturale nella formazione e nello sviluppo dell’identità personale e della personalità. Statistica inferenziale: Logica della variabilità; logica della scelta dei test statistici; principali test statistici parametrici e
Programma: non parametrici (ambiti di applicazione e elaborazione matematica).
1 Introduzione alla Psicologia della personalità Teoria e tecnica dei test: Standardizzazione; Attendibilità; Validità; Analisi degli item; Test cognitivi; Questionari di
2 Gli orientamenti fondamentali in psicologia della personalità personalità; Tecniche proiettive; Test neuropsicologici
• L’orientamento psicodinamico Eventuali propedeuticità:
• Il modello Psicoanalitico Classico L’esame di Metodologia della ricerca con elementi di statistica è propedeutico a Psicometria.
• Il modello delle relazioni d’oggetto Risultati di apprendimento:
• La Psicoanalisi del Sè In rapporto alla Psicometria lo studente dovrà mostrare il possesso:
• Sviluppi attuali: la scuola di Losanna e E.Gillieròn - della padronanza delle conoscenze di base;
3 L’orientamento fenomenologico/umanistico - della comprensione dei concetti fondamentali della disciplina;
• La tradizione fenomenologica - della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare secondo la logica della disciplina.
• La psicologia umanistica Attività a supporto della didattica:
• La psicologia dei costrutti personali di G. Kelly Per gli studenti saranno organizzati gruppi di lavoro autogestito con un conduttore che dovrà garantire il compito
4 Le Teorie dei Tratti primario scelto dal gruppo.
• La teoria personologica di G. Allport Il lavoro di gruppo è finalizzato alla applicazione concreta delle tecniche psicometriche descritte e rielaborate durante le
• Dalla fisionomica alla concezione psicosomatica dell’individuo lezioni di esercitazione.
• La misurazione della personalità La partecipazione al gruppo, orientativamente sarà di 20 ore.
• Le teorie dei tratti e l’analisi fattoriale Al termine delle lezioni ogni componente del gruppo potrà presentare un breve elaborato individuale (su supporto
• Il modello dei Big Five cartaceo e informatico), che dovrà avere le caratteristiche di ricerca psicometrica sul tema scelto nel gruppo.
5 La tradizione cognitivista e cognitivo-sociale La valutazione della correttezza delle modalità di sviluppo dell’elaborato, delle soluzioni ricerca individuate e il
• Individuo e cognizione linguaggio tecnico usato nelle conclusioni, permettono la sostituzione della parte scritta dell’esame (riguardante la
• Il Sé nella prospettiva della social cognition statistica psicometrica).
• W. Mischel Modalità didattiche:
• Bandura Lezione frontale; esercitazioni
6 Aspetti ‘dialogici’ e ‘dimensione intersoggettiva’ della personalità Obblighi:
• Introduzione al tema Viene dato per acquisito tutto ciò che fa parte del modulo didattico relativo alla materia “Metodologia della ricerca con
• La prospettiva multidisciplinare in Italia. elementi di statistica” che fa parte del piano di studio relativo al primo anno dei corsi di Laurea in Scienze e Tecniche
Modalità didattiche: Psicologiche.
lezione frontale, gruppi di lavoro e seminari di approfondimento tematico. Testi di studio:
Testi di studio:  Anna Paola Ercolani, Alessandra Areni, Luigi Leone, La statistica per la Psicologia, vol. II Statistica Inferenziale e Analisi
Parte generale: dei Dati, Il Mulino.
Gennaro A., Introduzione alla psicologia della personalità, Il Mulino, Bologna, 2004.  Lucia Boncori, I test in psicologia, Fondamenti teorici e applicazioni, Il Mulino.
Russo E., La dimensione intersoggettiva della personalità, Angeli, Milano, 2005.  Ceccarelli G. , Lambertucci L., Nuovi strumenti per l’indagine psicologica in ambito familiare. Urbino: QuattroVenti.
Parte monografica: Modalità di accertamento:
Baldassarre M., Petrini P., Diagnosi e psicoterapia psicoanalitica, in ristampa Ed Magi, Roma, 2009 (Parte prima)  Parte scritta propedeutica all’esame orale:
   test a scelta multipla e aperta (inerente la sola statistica psicometrica);
Modalità di accertamento:  gli studenti debbono portare Fogli protocollo per i calcoli e calcolatrice.
esame scritto, esame orale. Entrambe le prove saranno svolte lo stesso giorno e con l’ausilio dei collaboratori del  Durante l’esame scritto si possono consultare i testi di riferimento, appunti, si può portare e utilizzare il PC e quant’altro
docente. si ritenga utile per superare la prova scritta.
................................................................................................................................  Parte orale: sui testi “I test in psicologia” e “Nuovi strumenti per l’indagine psicologica in ambito familiare”
Psicometria Note:
MPSI/03 È necessario il possesso di competenze informatiche riguardanti l’uso di un foglio di lavoro elettronico (ad es. “Excel”;
“Openoffice_calc”).
CFU 8 • DURATA Annuale ................................................................................................................................
Titolo corso: La logica della misurazione in psicologia Psicopatologia dell’età evolutiva 
Corsi di laurea in: Scienze e tecniche psicologiche (L) MED/39

Prof. LAMBERTUCCI LAMBERTO lamberto.lambertucci@uniurb.it CFU 4 • DURATA Semestrale

144 145
vademecum 2009/10 insegnamenti

Titolo corso: Continuità e discontinuità tra psicopatologia dell’età evolutiva e dell’età adulta Modalità di accertamento:
Corsi di laurea in: Educatore sociale territoriale (CNA-L) Esame orale
................................................................................................................................
Prof. MANCINI ENRICO enrico.mancini@uniurb.it
Ricevimento: da concordare utilizzando l’indirizzo di posta elettronica
Psicopatologia generale 
M-PSI/08
Obiettivi Formativi: CFU 8 • DURATA Annuale
Il corso si propone di fornire una conoscenza dei principali modelli psicopatologici nel contesto evolutivo e di illustrare i Titolo corso: Psicopatologia Generale
rapporti esistenti tra i disturbi psichici dell’età evolutiva e quelli dell’età adulta attraverso lo studio dei processi di Corsi di laurea in: Scienze psicologiche dell’intervento clinico (CNA-L)
continuità e discontinuità che risultano dal confronto in parallelo dello sviluppo “normale” e dello sviluppo “patologico”.
Programma: Prof. DI CEGLIE ANTONELLA antonella.diceglie@uniurb.it; antonella.diceglie@fastwebnet.it
1. Modelli psicopatologici e costrutti evolutivi 2. Concetti di spettro, comorbidità, continuità, cronicità, ciclo vitale, Life
Event, Neurological Soft Signs ecc. 3. Quadri clinici Obiettivi Formativi:
Modalità didattiche: Il corso si propone di illustrare gli elementi fondamentali della psicopatologia generale, a partire dalla delimitazione del
Lezioni frontali e seminari di approfondimento significato del termine “psicopatologia”, quale specifico metodo psicopatologico inaugurato da Karl Jaspers. Muovendo
Testi di studio: dalla dimensione descrittiva dell’indagine psicopatologica, il corso intende adottare una visione strutturale della
Testo di base: sofferenza mentale, orientata ad oltrepassare il livello fenomenico dei sintomi e a rintracciare, attraverso l’analisi
Fagiani M.B., Lineamenti di psicopatologia dell’età evolutiva, Carocci, Roma, 2009 dell’esperienza soggettiva, i fondamenti e gli organizzatori della patologia psichica. In questo senso il riferimento teorico
Testo di approfondimento: principale sarà costituito dal modello della psicopatologia psicoanalitica e, in modo particolare per l’area clinica delle
Cancrini L. e La rosa C., Il vaso di Pandora. Manuale di psichiatria e psicopatologia, Carocci, Roma, 2006 psicosi, grande attenzione sarà rivolta al contributo fornito dalla psicopatologia fenomenologica.
Testi alternativi o aggiuntivi andranno concordati col docente. Programma:
Modalità di accertamento: La prima parte del corso sarà dedicata alla definizione del concetto di psicopatologia, del suo campo di indagine,degli
Esame orale obiettivi e degli statuti epistemologici dei due principali atteggiamenti conoscitivi: il metodo descrittivo e il metodo
................................................................................................................................ strutturale. Particolare rilievo verrà conferito al momento diagnostico inteso, oltre che nella sua declinazione
Psicopatologia dello sviluppo nosografico-descrittiva, nel suo significato di processo conoscitivo, costituito da una molteplicità di operazioni cognitive
M-PSI/08 ed emotive che il clinico svolge in un campo ineludibilmente relazionale e che coinvolge i suoi sentimenti. Si cercherà di
evidenziare come ogni formulazione psicodinamica rappresenti una operazione provvisoria che prevede anche
CFU 8 • DURATA Annuale l’impostazione di una ipotesi dinamica di tipo terapeutico-trasformativo. In questa prospettiva il DSM sarà integrato dal
Titolo corso: Continuità e discontinuità tra psicopatologia dell’età evolutiva e dell’età adulta Manuale Diagnostico Psicodinamico (2008). Alla clinica sarà dedicata la seconda parte del corso, nella quale verranno
Corsi di laurea in: Scienze psicologiche dell’intervento clinico (CNA-L) considerati i principali quadri psicopatologici. Specifici approfondimenti sono previsti in relazione alla patologia della
personalità, ai disturbi dell’umore ed alla psicosi schizofrenica.
Prof. MANCINI ENRICO enrico.mancini@uniurb.it Ampio spazio sarà dedicato alle esemplificazioni cliniche, in alcuni casi anche attraverso l’ausilio di opere
Ricevimento: da concordare utilizzando l’indirizzo di posta elettronica cinematografiche.
Modalità didattiche:
Obiettivi Formativi: Lezioni frontali, discussione di casi clinici.
Il corso si propone di fornire una conoscenza dei principali modelli psicopatologici nel contesto evolutivo e di illustrare i Testi di studio:
rapporti esistenti tra i disturbi psichici dell’età evolutiva e quelli dell’età adulta attraverso lo studio dei processi di G. O. Gabbard, Psichiatria psicodinamica. Cortina, Milano, 2002.
continuità e discontinuità che risultano dal confronto in parallelo dello sviluppo “normale” e dello sviluppo “patologico”. Mini DSM-IV-TR, Criteri diagnostici. Elsevier Masson, Milano, 2002.
Programma: F. De Masi, Vulnerabilità alla psicosi. Cortina, Milano, 2006.
1. Introduzione critica alla psicopatologia descrittiva A. Bateman, P. Fonagy, Il trattamento basato sulla mentalizzazione. Psicoterapia con il paziente borderline. Cortina,
2. Modelli psicopatologici e costrutti evolutivi Milano, 2006.
3. I nuovi paradigmi nosografici G. Gozzetti, L. Cappellari, A. Ballerini, Psicopatologia fenomenologica della psicosi. Cortina, Milano, 1999.
4. Concetti di spettro, comorbidità, continuità, cronicità, ciclo vitale, Life Event, Neurological Soft Signs ecc. Modalità di accertamento:
5. Quadri clinici L’esame prevede una prova scritta (con domande aperte) ed una prova orale, alla quale lo studente potrà accedere
Modalità didattiche: dopo il superamento della prova scritta.
Lezioni frontali e seminari di approfondimento ................................................................................................................................
Testi di studio:
Testi di base (entrambi):
Psicopedagogia
M-PED/01
Ammaniti M. (a cura di), Manuale di psicopatologia dell’infanzia, Cortina, Milano, 2001
Ammaniti M. (a cura di), Manuale di psicopatologia dell’adolescenza, Cortina, Milano, 2002 CFU 10 • DURATA Annuale
Testi di approfondimento (un volume a scelta): Titolo corso: Psicopedagogia scolastica ed extrascolastica
Bellodi L., Psicopatologia funzionale, Masson, Milano, 2005 Corsi di laurea in: Scienze dell’Educazione e della formazione (L)
Sims A., Introduzione alla psicopatologia descrittiva, Cortina, Milano, 2009
Testi alternativi o aggiuntivi andranno concordati col docente. Prof. RIZZARDI MARIO rizzarm@libero.it

146 147
vademecum 2009/10 insegnamenti

Obiettivi Formativi: Titolo corso: Aspetti psicopedagogici del linguaggio e della comunicazione
Il corso si propone di fornire una visione generale aggiornata delle teorie più importanti, delle acquisizioni sperimentali Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU)
più recenti e delle applicazioni relative ai principi evolutivi psicopedagogici inerenti alla vita quotidiana del bambino
scolastica ed extrascolastica. Prof. LANI BRUNA brunalani@libero.it
Programma:
1. Percezione, linguaggio, apprendimento e prestazione mentale. 2. Il sé, la socializzazione e la crescita. 3. Aggressività, Obiettivi Formativi:
altruismo e sviluppo morale. 4. Ecologia dello sviluppo: famiglia, televisione, scuola e compagni come agenti di Il corso si propone lo sviluppo dei concetti principali della psicopedagogia del linguaggio e della comunicazione, in
socializzazione. particolare la comunicazione educativa.
Risultati di apprendimento: Origini, sviluppo e natura del linguaggio e della comunicazione. Il corso inoltre proporrà l’analisi e le possibili
In rapporto alla Psicopedagogia lo studente dovrà mostrare il possesso: applicazioni di sistemi per favorire la comunicazione in situazioni di difficoltà.
- della padronanza delle conoscenze di base; Programma:
- della comprensione dei concetti fondamentali della disciplina; 1. La comunicazione:
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare secondo la logica della disciplina. - aspetti generali (definizione, teorie e modelli)
Attività a supporto della didattica: - funzioni (regole ed elementi del processo comunicativo)
Lezioni integrative - la comunicazione non verbale
Modalità didattiche: - la comunicazione in classe
Lezioni frontali, seminari, studio individuale - la comunicazione efficace a scuola (elementi, strategie, errori)
Obblighi: 2. Difficoltà nel linguaggio e nella comunicazione:
Studio del materiale didattico (testi) di riferimento - sviluppo del linguaggio
Testi di studio: - caratteristiche dello sviluppo linguistico e comunicativo nel ritardo mentale e nell’autismo
I testi saranno comunicati all’inizio delle lezioni. - interventi educativi (comunicazione facilitata, comunicazione aumentativa e alternativa, ausili visivi).
Modalità di accertamento:  
Accertamento individuale finale effettuato da una commissione presieduta dal Docente titolare del corso Modalità didattiche:
................................................................................................................................ Lezioni frontali
Testi di studio:
Psicopedagogia  G. Boda (2005), Life skills: la comunicazione efficace, Carocci Faber;
M-PED/01
- Dispensa (scaricabile dal sito)
Modalità di accertamento:
CFU 4 • DURATA Semestrale
Esame scritto
Titolo corso: Psicopedagogia scolastica ed extrascolastica
Corsi di laurea in: Educatore sociale territoriale (CNA-L) ................................................................................................................................
Psicopedagogia del linguaggio e della comunicazione(4° anno indirizzo
Prof. RIZZARDI MARIO rizzarm@libero.it materna) 
M-PSI/04
Obiettivi Formativi:
Il corso si propone di fornire una visione generale aggiornata delle teorie più importanti, delle acquisizioni sperimentali CFU 3 • DURATA Semestrale
più recenti e delle applicazioni relative ai principi evolutivi psicopedagogici inerenti alla vita quotidiana del bambino Titolo corso: Psicopedagogia dello sviluppo del linguaggio e della comunicazione
scolastica ed extrascolastica. Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU)
Programma:
1. Percezione, linguaggio, apprendimento e prestazione mentale. 2. Il sé, la socializzazione e la crescita. 3. Aggressività, Prof. NANETTI FRANCO
altruismo e sviluppo morale. 4. Ecologia dello sviluppo: famiglia, televisione, scuola e compagni come agenti di
socializzazione. Obiettivi Formativi:
Modalità didattiche: Obiettivo del corso è quello di approfondire lo sviluppo del linguaggio attraverso le principali teorie sulla sua origine e
Lezioni frontali, seminari, studio individuale natura, il dibattito fra innatismo e apprendimento, soffermando l’attenzione sull’ampio dibattito sorto attorno
Obblighi: all’epistemologia genetica di Jean Piaget, al costruttivismo, agli studi di psicolinguistica applicata.
Studio del materiale didattico (testi) di riferimento Programma:
Testi di studio: A: origine e apprendimento del linguaggio: teorie a confronto (comportamentista, costruttivista, socio-culturale,
I testi saranno comunicati all’inizio delle lezioni. modulare, ecc.)
Modalità di accertamento: B: Comunicazione: teorie e modelli e funzioni; la comunicazione verbale e non verbale; la comunicazione efficace.
Accertamento individuale finale effettuato da una commissione presieduta dal Docente titolare del corso Modalità didattiche:
................................................................................................................................ Lezioni frontali
Psicopedagogia del linguaggio e della comunicazione (3° anno)  Testi di studio:
M-PED/01 FRANCO NANETTI, Il cambiamento intenzionale - Psicopedagogia della comunicazione e del linguaggio, Pendragon,
Bologna 2007.
CFU 3 • DURATA Semestrale FRANCO NANETTI, Stili relazionali, (in corso di stampa)

148 149
vademecum 2009/10 insegnamenti

Ulteriori indicazioni bibliografiche verranno fornite all’inizio del corso. intellettuali. Un’analisi del caso Urbino - e di quello di altre città - servirà per capire come la svolta postmodernista incida
  concretamente sulla vita quotidiana e sulle dinamiche relazionali nel mondo contemporaneo.
Modalità di accertamento: Programma:
Esame scritto o orale 1) Cultura, natura e processi culturali.
................................................................................................................................ 2) Trasformazioni sociali e dinamiche culturali.
3) Modernità e progetto di emancipazione umana.
Psicosomatica 4) La svolta postmodernista.
M-PSI/08
5) Il postmodernismo, Nietzsche e la sinistra culturale.
6) Urbino come scenario postmoderno?
CFU 4 • DURATA Semestrale
Risultati di apprendimento:
Titolo corso: La relazione mente-corpo tra salute e malattia
In rapporto alla Sociologia dei processi culturali lo studente deve mostrare il possesso:
Corsi di laurea in: Psicologia clinica (LM)
- della padronanza delle conoscenze delle discipline specialistiche;
- della comprensione dei concetti avanzati della disciplina;
Prof. DI CEGLIE ANTONELLA antonella.diceglie@uniurb.it antonella.diceglie@fastwebnet.it
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare in maniera autonoma sulle problematiche della disciplina.
Attività a supporto della didattica:
Obiettivi Formativi:
Lezioni integrative
Il Corso si propone di fornire agli studenti gli strumenti teorici e concettuali per accostarsi alla comprensione dei
Modalità didattiche:
fenomeni psicosomatici attraverso l’approfondimento e l’analisi critica dei principali modelli interpretativi e degli
Lezioni frontali
orientamenti della ricerca empirica contemporanea.
Testi di studio:
Programma:
1) Jan Rehmann, I nietzscheani di sinistra. Deleuze, Foucault e il postmodernismo: una decostruzione, a cura di Stefano
Alla prima parte del Corso, dedicata alla definizione della Psicosomatica che terrà conto della continua evoluzione dei
G. Azzarà, Odradek, Roma 2009
suoi confini e del suo ambito di competenza, seguirà una riflessione sui principali costrutti, sui modelli interpretativi e
2) Stefano G. Azzarà, Politica progetto piano. Livio Sichirollo e Giancarlo De Carlo a Urbino 1963-1991, Cattedrale,
sulle attuali direzioni di ricerca, con particolare riferimento al paradigma psicoanalitico e al modello fenomenologico
Ancona 2009-07-06
della corporeità. La terza parte del Corso sarà dedicata alla clinica psicosomatica, nell’ottica di una integrazione tra le
3) Friedrich Nietzsche, Genealogia della morale, Adelphi, Milano.
forme classiche di patologia psicosomatica così come esse si sono delineate nella cultura medica e la traduzione operata
(Questa indicazione va considerata provvisoria: eventuali modifiche saranno annunciate a lezione)
dalla attuale nosografia psichiatrica nella forma dei Disturbi Somatoformi (DSM-IV).
Modalità di accertamento:
Risultati di apprendimento:
esame orale
In rapporto alla Psicosomatica lo studente deve mostrare il possesso:
- della padronanza delle conoscenze delle discipline specialistiche; ................................................................................................................................
- della comprensione dei concetti avanzati della disciplina; Sociologia dei processi culturali 
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare in maniera autonoma sulle problematiche della disciplina. SPS/08
Attività a supporto della didattica:
Sono previsti seminari di approfondimento con specialisti. CFU 4 • PERIODO Secondo semestre • DURATA Semestrale
Modalità didattiche: Titolo corso: La crisi della modernità e la svolta postmodernista: scenari culturali ed esperimenti sul corpo delle città
Lezioni frontali con l’ausilio di presentazioni a computer. Corsi di laurea in: Educatore sociale territoriale (CNA-L)
Testi di studio:
Solano L., Tra mente e corpo. Come si costruisce la salute, Cortina, Milano, 2002. Prof. AZZARA’ GIUSEPPE STEFANO s.azzara@uniurb.it
Taylor G.J., Medicina psicosomatica e psicoanalisi contemporanea, Astrolabio, Roma, 1993.
Debray R., Dejours Ch., Fédida P., Psicopatologia dell’esperienza del corpo, Borla, Roma, 2004 Obiettivi Formativi:
Modalità di accertamento: Il corso si propone di indagare i fondamenti e i caratteri della svolta culturale postmoderna in relazione con le grandi
L’esame prevede una prova scritta ed una prova orale trasformazioni sociali e politiche intervenute nel mondo occidentale a partire dagli anni Settanta. Il riferimento alle
................................................................................................................................ interpretazioni del pensiero di Nietzsche sarà utile per comprendere i mutamenti ideologici nell’ambito dei ceti
intellettuali. Un’analisi del caso Urbino - e di quello di altre città - servirà per capire come la svolta postmodernista incida
Sociologia dei processi culturali concretamente sulla vita quotidiana e sulle dinamiche relazionali nel mondo contemporaneo.
SPS/08
Programma:
1) Processi culturali e dinamiche sociologiche.
CFU 5 • PERIODO Primo semestre • DURATA Semestrale
2) Modernità e postmodernità.
Titolo corso: La crisi della modernità e la svolta postmodernista: scenari culturali ed esperimenti sul corpo delle città
3) I ceti intellettuali e la svolta postmoderna: Nietzsche da destra a sinistra.
Corsi di laurea in: Pedagogia e progettazione educativa (LM)
4) La trasformazione delle città nell’epoca postmoderna.
5) Identità, relazioni, spettacolo. Il postmodernismo nella vita quotidiana.
Prof. AZZARA’ GIUSEPPE STEFANO s.azzara@uniurb.it
6) Urbino e altri non luoghi: scenari postmoderni?
Modalità didattiche:
Obiettivi Formativi:
Il corso si propone di indagare i fondamenti e i caratteri della svolta culturale postmoderna in relazione con le grandi Lezione frontale
Testi di studio:
trasformazioni sociali e politiche intervenute nel mondo occidentale a partire dagli anni Settanta. Il riferimento alle
1) Jan Rehmann, I nietzscheani di sinistra. Deleuze, Foucault e il postmodernismo: una decostruzione, a cura di Stefano
interpretazioni del pensiero di Nietzsche sarà utile per comprendere i mutamenti ideologici nell’ambito dei ceti
G. Azzarà, Odradek, Roma 2009

150 151
vademecum 2009/10 insegnamenti

2) Stefano G. Azzarà, Politica progetto piano. Livio Sichirollo e Giancarlo De Carlo a Urbino 1963-1991, Cattedrale, genere, al quello del suicidio tra i giovani, del bullismo e del sexual harassment ; dall’eziologia dei crimini violenti, al
Ancona 2009-07-06 consumo di sostanze legali e illegali; dall’aumento delle condotte a rischio fra le donne, ai reati di crudeltà sugli animali.
3) Friedrich Nietzsche, Genealogia della morale, Adelphi, Milano. A questo obiettivo si aggiunge quello di fornire un quadro sintetico relativo alle principali scuole di pensiero
(Questa indicazione va considerata provvisoria: eventuali modifiche saranno annunciate a lezione) criminologiche.
Modalità di accertamento: Programma:
Esame orale Il corso è articolato in tre sezioni obbligatorie.
................................................................................................................................ Prima Sezione obbligatoria
Sintesi delle principali teorie sociologiche sulla devianza:
Sociologia dei processi culturali  1. Il paradigma classico e le teorie della scelta razionale
SPS/08
2. Il paradigma sociale: Durkheim e la Scuola di Chicago
3. L’apprendimento del comportamento deviante
CFU 3 • PERIODO Secondo semestre • DURATA Semestrale
4. La teoria della reazione sociale e dell’etichettamento.
Titolo corso: La crisi della modernità e la svolta postmodernista: scenari culturali ed esperimenti sul corpo delle città
Seconda Sezione obbligatoria
Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU)
A partire dai fatti di cronaca recentemente riportati dai media riguardo alla violenza sulle donne, ritengo necessario fare
alcune riflessioni sul costo sociale e psicologico che la violenza di genere comporta, e non solo per le donne, ma per
Prof. AZZARA’ GIUSEPPE STEFANO s.azzara@uniurb.it
l’intera società. Questo fenomeno trascende i tempi storici e le condizioni socio-culturali, si esprime quotidianamente
dentro tante mura domestiche, e ha come vittime non solo le donne ma anche i bambini, con conseguenze devastanti
Obiettivi Formativi:
per tutti, in quanto la violenza si trasmette e si apprende.
Il corso si propone di indagare i fondamenti e i caratteri della svolta culturale postmoderna in relazione con le grandi
Terza Sezione obbligatoria
trasformazioni sociali e politiche intervenute nel mondo occidentale a partire dagli anni Settanta. Il riferimento alle
Letture di approfondimento.
interpretazioni del pensiero di Nietzsche sarà utile per comprendere i mutamenti ideologici nell’ambito dei ceti
Modalità didattiche:
intellettuali. Un’analisi del caso Urbino - e di quello di altre città - servirà per capire come la svolta postmodernista incida
lezione frontale
concretamente sulla vita quotidiana e sulle dinamiche relazionali nel mondo contemporaneo.
Obblighi:
Programma:
 le tre sezioni in cui si articola il corso sono obbligatorie per tutti gli studenti.
1) Processi culturali e dinamiche sociologiche.
Testi di studio:
2) Modernità e postmodernità.
Prima Sezione
3) I ceti intellettuali e la svolta postmoderna: Nietzsche da destra a sinistra.
All’inizio del corso sarà pubblicata una breve dispensa edita da Domu Libraria sulle principali teorie sociologiche della
4) La trasformazione delle città nell’epoca postmoderna.
devianza a cura del docente.
5) Identità, relazioni, spettacolo. Il postmodernismo nella vita quotidiana.
Seconda Sezione
6) Urbino e altri non luoghi: scenari postmoderni?
Isabella Merzagora Betsos, Uomini violenti. I partner abusanti e il loro trattamento, Raffaello Cortina Editore, Milano
Modalità didattiche:
2009
Lezione frontale
Uomini violenti, che inaugura una nuova collana di “Criminologia e scienze forensi”, affronta l’argomento della violenza
Testi di studio:
in famiglia, in particolare dell’uxoricidio, sfatando non pochi pregiudizi e consentendo una conoscenza scientificamente
1) Jan Rehmann, I nietzscheani di sinistra. Deleuze, Foucault e il postmodernismo: una decostruzione, a cura di Stefano
fondata soprattutto dei fattori di rischio. Alla parte teorica si affianca il racconto, dalla voce dei protagonisti, di trenta
G. Azzarà, Odradek, Roma 2009
storie di violenza, anche letale, compresi alcuni casi assurti all’”onore” della cronaca. Un’attenzione particolare è
2) Stefano G. Azzarà, Politica progetto piano. Livio Sichirollo e Giancarlo De Carlo a Urbino 1963-1991, Cattedrale,
dedicata ai progetti di trattamento, finora del tutto assenti in Italia e per la prima volta descritti in questo libro: se ne
Ancona 2009-07-06
analizzano le modalità e gli scopi, primo tra tutti la responsabilizzazione degli aggressori.
3) Friedrich Nietzsche, Genealogia della morale, Adelphi, Milano.
Merete Amann Gainotti - Susanna Pallini (a cura di), La violenza domestica. Testimonianze, interventi, riflessioni, Edizioni
(Questa indicazione va considerata provvisoria: eventuali modifiche saranno annunciate a lezione)
Magi, Roma 2008
Modalità di accertamento:
In molti paesi della cosiddetta cultura occidentale avanzata, si continuano a registrare violenze in famiglia: le umiliazioni,
Esame orale
il ricatto economico, l’abuso sessuale, il plagio, le percosse, addirittura l’omicidio. L’antica sopraffazione maschile sulla
................................................................................................................................ donna non scompare con l’avanzare del progresso, è divenuta solo più subdola e multiforme, in un malefico miscuglio
Sociologia della devianza  di sesso, amore, dipendenza, colpa e potere. La famiglia è luogo costante di traumi e micro-traumi, perpetrati per lo più
SPS/12 dagli uomini.
Terza Sezione
CFU 3 • DURATA Semestrale Ogni studente dovrà scegliere, in base ai propri interessi, un’area di approfondimento tra quelle elencate e leggere uno
Titolo corso: “QUANDO IL NIDO D’AMORE SI TRASFORMA NELLA CANTINA DI BARBABLÙ. LA VIOLENZA DI GENERE dei relativi testi che dovrà essere portato all’esame assieme alla dispensa e ai due testi della seconda sezione.
COME EMERGENZA SOCIALE” Area di approfondimento: BULLISMO, PREPOTENZA E PERSECUZIONE SESSUALE
Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU) Maria Assunta Zanetti - Roberta Renati - Carlo Berrone, Il fenomeno del bullismo. Tra prevenzione ed educazione,
Edizioni Magi, Roma 2009
Prof. LOMBARDINI IVANA ETTORINA ivana.lombardini@fastwebnet.it Il volume illustra la natura specifica del bullismo secondo un modello probabilistico e multicausale, che pone l’accento
Ricevimento: l’ora successiva alla prima lezione settimanale. sulla specificità di ogni singola situazione toccando anche nuove e sempre più consuete tipologie di bullismo: si parla,
dunque, di cyberbullying e di sexual harassment, due forme di prepotenza che solo recentemente si sono imposte
Obiettivi Formativi: all’attenzione dei ricercatori. Vengono inoltre analizzati alcuni tra i principali interventi messi a punto per contrastare il
Il corso si propone di fornire un quadro organico dei principali temi della ricerca, a partire dal tema della violenza di fenomeno, e si propongono percorsi educativi da intraprendere nei contesti scolastici.

152 153
vademecum 2009/10 insegnamenti

Federica Angeli - Emilio Radice, Rose al veleno, stalking. Storie d’amore e d’odio, Bompiani, Milano 2009 caratterizzata, a seconda dei casi, da violenza fisica, violenza psicologica, abuso sessuale, o da tutte queste forme di
Stalking è un termine che indica il ripetuto tentativo da parte di un individuo di diventare padrone della vita di un altro violenza insieme.
seguendone le tracce e i movimenti, come in una caccia, ossessionandolo. Inizialmente con modi gentili, via via con una Frank Ascione, Bambini e animali. Le radici dell’affetto e della crudeltà, Edizioni Cosmopolis, Torino 2007
insistenza impressionante e maniacale. E gli esiti sono devastanti, talvolta mortali. Secondo l’ISTAT sono oltre 7 milioni in Il saggio dimostra come, spesso, le violenze sugli animali possono essere un campanello d’allarme di analoghi
Italia le vittime di violenza fisica e/o psichica, in massima parte donne. comportamenti su esseri umani deboli come, ad esempio, i bambini. La tesi è interessantissima poiché molti rinfacciano
Area di approfondimento: ADOLESCENZA NARCISISTICA TRA DEPRESSIONE E ANNULLAMENTO DI SÉ a quanti si occupano di animali che esistono problemi più gravi e, tra questi, quelli riguardanti i bambini sono tra i più
Gustavo Pietropolli Charmet - Antonio Piotti, Uccidersi. Il tentativo di suicidio in adolescenza, Raffaello Cortina Editore, citati. Tra i diversi tipi di violenza che l’essere umano può agire, esiste una specie d’anello che le collega tutte. Adulti
Milano 2009 violenti, sono stati bambini che hanno subito violenza, adulti stupratori sono spesso stati bambini stuprati; adulti,
Perché un adolescente può desiderare la morte? Facendo riferimento a una ricerca che ha coinvolto centinaia di ragazzi, adolescenti e bambini violenti hanno iniziato questo tipo di comportamenti sugli animali.
gli autori indagano il rapporto tra suicidio e narcisismo nei nuovi adolescenti, insieme fragili e spavaldi. Il modello di Area di approfondimento: LA REALTÀ CARCERARIA DEGLI ADULTI E DEI MINORI
intervento proposto e’ basato sul coinvolgimento, nella presa in carico, del contesto di vita degli adolescenti, in Lucia Castellano - Donatella Stasio, Diritti e castighi. Storia di umanità cancellata in carcere, Il Saggiatore, Milano 2009
particolare del padre e della madre. Un testo di grandissima utilità per i genitori, gli insegnanti, gli educatori e tutti i Carcere di Poggioreale, di Eboli, di Agrigento e di Genova. Carcere di San Vittore a Milano. Sono alcune tappe di
professionisti della salute mentale che si occupano di adolescenti. un’esplorazione terribile ma rivelatrice della realtà carceraria italiana: sovraffollamento insostenibile, condizioni igienico-
Carla Ricci, Hikikomori: adolescenti in volontaria reclusione, Franco Angeli, Milano 2008 (1^ ristampa 2009) sanitarie disumane, violenza e abbrutimento, sprechi di risorse economiche e sociali. Carceri che violano i principi
Hikikomori è un fenomeno che riguarda oltre un milione di giovani giapponesi, che in maniera apparentemente non costituzionali della dignità e del recupero dei detenuti. Un sistema carcerario così profondamente ingiusto e così distante
motivata, si ritira nella propria stanza e vi rimane ininterrottamente per lunghi periodi, spesso molti anni. Un problema dai suoi veri scopi accresce la sicurezza dei cittadini? Scoraggia davvero i criminali dal continuare a delinquere?
che può riguardare tutti i nostri figli, anche se dall’altra parte del mondo. Pino Ciociola, Diretto’, io andrò in Paradiso. Storie dal carcere minorile di Nisida, Àncora, Milano 2008
Area di approfondimento: LE DIPENDENZE SOFT Il lavoro nasce dall’esperienza diretta dell’autore, che ha voluto vivere dall’interno la realtà del carcere minorile dell’isola
Cesare Guerreschi, L’azzardo si veste di rosa. Storie di donne, storie di gioco, storie di rinascita, Franco Angeli, Milano di Nisida (Napoli), mangiando e dormendo dietro le sbarre, facendo la stessa vita dei ragazzi detenuti. Struttura piccola,
2008 con un sano rapporto tra operatori e ragazzi, Nisida si presenta come un carcere che mira ad educare e riabilitare più
Un libro sulle donne e il gioco d’azzardo patologico, la triste denuncia di un fenomeno in aumento e l’elogio alla forza e che punire. Il reportage ha spesso la forma del dialogo e ci mette in diretto ascolto dei protagonisti di questa particolare
alla dedizione delle donne. Il libro cerca di chiarire le caratteristiche del gioco al femminile e dà spazio a quelle donne realtà educativa
che sono state protagoniste nelle storie dei loro uomini, giocatori d’azzardo. Sono inoltre riportate alcune storie di Area di approfondimento: ALCOLISMO E TOSSICODIPENDENZE
donne incappate in queste difficoltà. Caterina Arcidiacono - Richard Velleman - Fortuna Procentese - Cinzia Albanesi, Famiglie sotto stress. Con-vivere con chi
Roberto Pani - Roberta Biolcati, Le dipendenze senza droghe. Lo shopping compulsivo, Internet e il gioco d’azzardo, abusa di alcol o droghe, Unicopli, Milano 2009
UTET Università, Torino 2006 Il volume descrive le risorse e le problematiche di coloro - genitori, figli, mariti, mogli, fratelli e famiglie allargate - che
Tradizionalmente il concetto di dipendenza (addiction) è stato limitato all’alcol e alle droghe; negli ultimi decenni, convivono con chi fa uso di sostanze ricorrendo a strategie di coping tollerante, di controllo ed evitamento. La storia di
invece, si è allargato fino a comprendere tutti quei comportamenti di dipendenza che si traducono in rituali compulsivi. familiari in trattamento propone un percorso per migliorare le strategie con cui questui ultimi fanno fronte ai problemi
Fare acquisti, comperare cose per sé, per gli altri, per scegliere come «presentarsi al mondo», così come giocare, lasciarsi dell’alcolista e/o del tossicodipendente.
andare a momenti di distensione ludica, oppure il navigare in Internet sono però tutte dimensioni quotidiane, radicate Federica Angeli - Emilio Radice, Cocaparty. Storie di ragazzi fra sballi, sesso e cocaina, Bompiani, Milano 2008
nella nostra vita. Quando tutto questo è un sintomo di un più grave disturbo psichico? Abiti, Internet, gioco d’azzardo Hanno tra i 12 e i 17 anni, i protagonisti di questa inchiesta sul mondo della cocaina. Hanno origini differenti: sono
possono divenire oggetto di dipendenza, con un conseguente indebolimento del legame autentico con la realtà. italiani ma anche brasiliani e rumeni; provengono da zone di disagio ma anche da situazioni di agiatezza economica e
Area di approfondimento: LE ORIGINI DELL’AGGRESSIVITÀ familiare, se non di vera e propria ricchezza. Hanno, con la cocaina, rapporti diversi: ci giocano, incoscienti; ci vivono e
Luigi Zoja, Contro Ismene. Considerazioni sulla violenza, Bollati Boringhieri, Torino 2009 lavorano, spacciandola; la preparano, per avventori del sesso e della droga di ogni età, gusto, disponibilità finanziaria;
La violenza ci appartiene, è parte integrante della vita. Anzi, è insita nell’uomo: da queste «scandalose» considerazioni ne sono vittime, come i reduci di incidenti stradali notturni, di ritorno dai ‘cocaparty’.
parte Luigi Zoja per indagare senza ipocrisie le origini degli impulsi distruttivi che abitano l’essere umano. Senza  
ignorare l’immenso balzo in avanti che la violenza ha compiuto con la modernità, dal punto di vista tecnologico e Modalità di accertamento:
antropologico, Contro Ismene passa in rassegna fenomeni che hanno segnato le vicende del genere umano: dalla prova scritta. Ogni appello consisterà nella somministrazione di un questionario a risposta multipla su argomenti relativi
violenza spettacolarizzata di Roma antica, fino al recente scontro di civiltà con il mondo medio-orientale, passando dalla alle tre sezioni obbligatorie del programma.
sanguinosa conquista spagnola del Messico e dai genocidi del XX secolo. ................................................................................................................................
Alice Miller, Riprendersi la vita. I traumi infantili e l’origine del male, Bollati Boringhieri, Torino 2009
Marilyn Monroe, Jean Seberg, Dalida: tre donne bellissime, celebrate dive dello spettacolo che al culmine del successo
Sociologia della famiglia 
SPS/12
hanno preferito la morte. Alice Miller, scrutando l’enigma di questi suicidi, vi scorge la sofferenza del bambino che ha
visto prematuramente soffocata la propria vitalità. L’autrice ripercorre le tappe degli «omicidi dell’anima» perpetrati su CFU 4 • DURATA Semestrale
bambini - sempre innocenti e inermi - che saranno poi destinati a riprodurre sofferenze e violenze: scampati ai tormenti Titolo corso: La famiglia e i suoi problemi
subiti, si tramuteranno a loro volta in carnefici. Ed è proprio nel circolo vizioso della violenza, prima patita e poi rimessa Corsi di laurea in: Educatore sociale territoriale (CNA-L)
in atto in età adulta, che Alice Miller indica la radice del male, dai fatti di cronaca quotidiana, fino alle guerre e agli eccidi
di massa. Prof. RIPANTI GRAZIANO graziano.ripanti@uniurb.it
Area di approfondimento: CRUDELTA’ VERSO GLI ANIMALI E ANTISOCIALITÀ
Monica Bertini - Francesca Sorcinelli - Massimo Tettamanti (a cura di), (DIS)Educazione alla violenza. La violenza a scopo Obiettivi Formativi:
ludico: il circo con animali e le fiere ornitologico-venatorie, Edizioni Cosmopolis, Torino 2008 considerazioni sul valore della famiglia.
Da molti anni la ricerca ha dimostrato che la violenza perpetrata dai bambini e dagli adolescenti nei confronti degli Programma:
animali è spesso associata a disturbi psicologici ed in particolare ad atteggiamenti e comportamenti aggressivi nei la conoscenza dei problemi odierni della famiglia.
confronti delle persone. La crudeltà verso gli animali può essere quindi un indicatore potenziale di una situazione Modalità didattiche:
esistenziale patogena; per esempio, di una situazione familiare ed ambientale particolarmente problematica, Lezioni frontali

154 155
vademecum 2009/10 insegnamenti

Testi di studio: - Statistica descrittiva: La quantificazione in psicologia: concetto di misura; le scale di misura; concetto di variabile.
C.Saraceno-M.Naldini, Sociologia della famiglia, Il Mulino, Bologna 2007 solo i capp. III, IV e V. Distribuzioni statistiche: rilevazioni statistiche; distribuzioni di frequenza; rappresentazioni grafiche; rapporti statistici.
  Indici statistici descrittivi: valori medi, indici di variabilità e indici di forma.
Modalità di accertamento: - Cenni di Statistica Inferenziale
Esame orale  
................................................................................................................................ Risultati di apprendimento:
In rapporto alla Statistica psicometrica lo studente dovrà mostrare il possesso:
Sociologia generale - della padronanza delle conoscenze di base;
SPS/07
- della comprensione dei concetti fondamentali della disciplina;
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare secondo la logica della disciplina.
CFU 5 • DURATA Semestrale
Attività a supporto della didattica:
Titolo corso: Itinerari della sociologia
Esercitazioni pratiche
Corsi di laurea in: Scienze dell’Educazione e della formazione (L)
Modalità didattiche:
lezione frontale, esercitazioni
Prof. SUSCA EMANUELA emanuela.susca@uniurb.it
Testi di studio:
“Elementi di Statistica per la Psicologia” , Anna Paola Ercolani, Alessandra Areni, Luigi Leone. Ed. il Mulino
Obiettivi Formativi:
Modalità di accertamento:
Il corso si propone di offrire agli studenti strumenti per comprendere e padroneggiare le conoscenze di base della
Prova scritta.
sociologia, nonché per avvalersi di tali conoscenze ai fini della riflessione e del ragionamento applicato alle attuali
problematiche sociologiche. ................................................................................................................................
Programma: Storia contemporanea 
Nella prima parte del programma verranno trattati autori classici e tematiche fondamentali della storia del pensiero M-STO/04
sociologico. Dopo avere preso in esame il periodo degli “albori” della sociologia, si tratteranno figure chiave della
disciplina, quali Saint Simon, Comte, Marx, Tönnies, Durkheim e Weber. Nella seconda parte, invece, l’attenzione si CFU 1 • DURATA 8 ore
focalizzerà sugli sviluppi più recenti della sociologia. In particolare, verrà preso in esame il pensiero di un grande Titolo corso: Garibaldi: mito e rappresentazioni di un eroe
sociologo scomparso da pochi anni: Pierre Bourdieu. Corsi di laurea in: Scienze psicologiche dell’intervento clinico (CNA-L)
Risultati di apprendimento:
Lo studente dovrà dimostrare di possedere la padronanza delle conoscenze di base della sociologia. Inoltre, sarà Prof. MENGOZZI DINO dino.mengozzi@uniurb.it
richiesta e valutata la capacità di comprendere i concetti fondamentali della disciplina sociologica e di usare le Ricevimento: Martedì, ore 10-12
conoscenze acquisite e concetti per il ragionamento richiesto dalla stessa disciplina sociologica.
Attività a supporto della didattica: Obiettivi Formativi:
Seminari integrativi, esercitazioni e lezioni di approfondimento. Il corso ha l’obbiettivo di affinare negli studenti una lettura di tipo psico-storico di uno dei simboli più noti
Modalità didattiche: dell’immaginario nazionale italiano. Figura carismatica, leader politico, capo miliare, Garibaldi sarà considerato, in
Lezioni frontali particolare, per il suo apporto alla costituzione di una sacralità profana al processo di costruzione della nazione italiana.
Testi di studio: Anche l’immagine del corpo dell’eroe subiva diverse metamorfosi fino a proporsi come “corpo di cenere”, per meglio
1) P. Zurla, Società moderna e discorso sociologico. Da Saint Simon a Weber, Franco Angeli, Milano, 2008. aderire alla filosofia dei monumenti reliquiari, al fine di stimolare il culto della memoria civica.
2) E. Susca, Pierre Bourdieu: sociologia e conoscenza, in corso di stampa, 2009. Programma:
Modalità di accertamento: Elementi di psicostoria.
Esame orale Reliquie profane e lotta politica.
................................................................................................................................ Monumenti reliquiari di pietra.
Modalità didattiche:
Statistica psicometrica (a scelta) Lettura individuale.
M-PSI/03
Testi di studio:
D. Mengozzi, Garibaldi taumaturgo. Reliquie laiche e politica nell’Ottocento, Manduria-Bari-Roma, Lacaita, 2008.
CFU 4 • DURATA Semestrale
M. Baldacci - S. Bucchi - F. Cambi - C.G. Lacaita - T. Pironi, Gaetano Salvemini e la scuola, Manduria-Bari-Roma, Lacaita,
Titolo corso: Statistica psicometrica
2009.
Corsi di laurea in: Scienze e tecniche psicologiche (L)
Modalità di accertamento:
Esame scritto
Prof. APOLITO ALESSIA annamaria.apolito@uniurb.it
 
Ricevimento: l’orario di ricevimento verrà pubblicato sul sito dell’Istituto di Psicologia
 
Note:
Obiettivi Formativi:
Un ciclo di lezioni sarà tenuto nelle prime due settimane del mese di dicembre.
Il corso intende fornire le competenze di base della statistica applicata ai processi di misurazione in psicologia .
Chi desidera portare un programma autonomo è pregato di concordarlo con il docente almeno un mese prima
Programma:
dell’esame.
- I concetti di base della ricerca scientifica.
- La misurazione in psicologia.

156 157
vademecum 2009/10 insegnamenti

................................................................................................................................ CFU 4 • DURATA Semestrale
Titolo corso: L’uomo e la città: fenomenologie di libertà e tirannide
Storia contemporanea  Corsi di laurea in: Scienze e tecniche psicologiche (L)
M-STO/04
Prof. TABONI PIERFRANCO pierfranco.taboni@uniurb.it
CFU 3 • DURATA Semestrale
Ricevimento: verrà comunicato all’inizio del secondo semestre
Titolo corso: Garibaldi: mito e rappresentazioni di un eroe
Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU)
Obiettivi Formativi:
Il corso si propone di affrontare il rapporto uomo-città nelle simbologie filosofico-mitologiche e nelle configurazioni
Prof. MENGOZZI DINO dino.mengozzi@uniurb.it
storico-politiche
Ricevimento: Martedì, ore 10-12
Programma:
1. Corso monografico
Obiettivi Formativi:
Risultati di apprendimento:
Il corso ha l’obbiettivo di introdurre gli studenti a un approccio storico antropologico verso una figura centrale
In rapporto alla Storia del pensiero filosofico e antropologico lo studente dovrà mostrare il possesso:
nell’immaginario degli italiani: Giuseppe Garibaldi (1807-1882). L’eroe verrà considerato, soprattutto, come simbolo
- della padronanza delle conoscenze di base;
investito di sacralità laica e capo della religione politica nazionale, intorno alla quale si coagulò la partecipazione
- della comprensione dei concetti fondamentali della disciplina;
popolare alla formazione dello Stato nazionale italiano. A quel processo Garibaldi prestò se stesso e i propri martiri
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare secondo la logica della disciplina.
come fonti di sacralità per la politica democratica, fin dal suo inizio. Attraverso un abile uso delle reliquie profane egli
Attività a supporto della didattica:
compensò la debole sacralità della monarchia dei Carignano Savoia e fece concorrenza all’offensiva dei corpi santi
Lezioni integrative
messa in atto dalla Chiesa cattolica. Anche l’immagine del corpo dell’eroe subiva diverse metamorfosi fino a proporsi
Modalità didattiche:
come “corpo di cenere”, per meglio aderire alla filosofia dei monumenti reliquiari, al fine di stimolare il culto della
lezioni frontali, seminari tematici, tesine di approfondimento
memoria civica.
Testi di studio:
Programma:
P.F. Taboni, La città di Caino e la città di Prometeo, QuattroVenti, Urbino
Introduzione alla storia dell’immaginario religioso e politico.
P.F. Taboni, La città tirannica, QuattroVenti, Urbino
Carisma e fama nel mercato dell’informazione ottocentesco.
Modalità di accertamento:
Reliquie profane e lotta politica.
Esame orale
Metamorfosi del corpo dell’eroe.
Monumenti reliquiari di pietra. ................................................................................................................................
Garibaldi e la questione sociale. Storia del pensiero scientifico
Attività a supporto della didattica: M-STO/05
E’ previsto un seminario facoltativo su “Storia e computer”, per iniziare i frequentanti alla redazione di articoli e saggi di
storia e all’esplorazione on line di banche dati. CFU 4 • DURATA Semestrale
Modalità didattiche: Titolo corso: Storia del pensiero scientifico sub specie juris
Lezione frontale. Corsi di laurea in: Educatore sociale territoriale (CNA-L)
Obblighi:
  Prof. AGOSTINIS SERGIO
Testi di studio:
M. Degl’Innocenti, Garibaldi e l’Ottocento. Nazione, popolo, volontariato, associazione, Manduria-Bari-Roma, Lacaita, Obiettivi Formativi:
2008. Il corso, dopo un esame preliminare dei caratteri e degli esiti della “rottura epistemica” che si è delineata a cavallo tra il
D. Mengozzi, Garibaldi taumaturgo. Reliquie laiche e politica nell’Ottocento, Manduria-Bari-Roma, Lacaita, 2008. XVIII e il XIX secolo, affronta i principali sviluppi storico-logici e nodi teorico-problematici del pensiero scientifico inteso
Manuale consigliato: G. Sabbatucci-V. Vidotto, Il mondo contemporaneo, dal 1848 a oggi, Roma-Bari, Laterza, 2004 sub specie juris al fine di arrivare ad una comprensione degli stessi.
Lo studente che lo desideri può approfondire temi di sua scelta, per esempio fra i testi seguenti Programma:
M. Baldacci - S. Bucchi - F. Cambi - C.G. Lacaita - T. Pironi, Gaetano Salvemini e la scuola, Manduria-Bari-Roma, Lacaita, 1.La nascita del paradigma indiziario: dalla testimonianza alla peri-zia; “falsi precursori” e “veri iniziatori”.
2009. 2.L’arcipelago delle scienze forensi: loro specificità e complemen-tarità; attività peritale e trattatistica teorico-pratica.
S.G. Azzarà, Politica, progetto, piano. Livio Sichirollo e Giancarlo De Carlo a Urbino 1963/1990, Prefazione di Stefano 3.La nozione di “identità” (da intendersi anche come “autenticità”) quale principale presupposto fondativo delle
Pivato, Ancona, Cattedrale, 2009. discipline forensi; l’identità relativa come “atto epistemologico”.
  4.Il ruolo della strumentazione: «la scienza contemporanea […] pensa con i suoi apparecchi, non con gli organi di
Modalità di accertamento: senso» (G. Ba-chelard, 1955).
esame scritto 5.Cause di errore e forme di verità; sapere scientifico “sub specie iuris” e verità giudiziaria.
Note: Modalità didattiche:
Chi desidera portare un programma autonomo è pregato di concordarlo con il docente almeno un mese prima Lezioni frontali; ricerche di approfondimento.
dell’esame. Testi di studio:
................................................................................................................................ S. Agostinis, Lineamenti di storia delle scienze forensi, Nuova edizione 2010
S. J. Hicks, B. D. Sales, Criminal Profiling, Cortina, Milano, 2009 (limitatamente all’introduzione e alla prima parte)
Storia del pensiero filosofico e antropologico
M-FIL/06

158 159
vademecum 2009/10 insegnamenti

Modalità di accertamento: - della padronanza delle conoscenze di base;
Esame orale. - della comprensione dei concetti fondamentali della disciplina;
................................................................................................................................ - della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare secondo la logica della disciplina.
Attività a supporto della didattica:
Storia del rinascimento  Lezioni integrative
M-STO/02
Modalità didattiche:
Lezione frontale. L’esposizione critica delle teorie sulle emozioni sarà integrata da attività seminariali. Le date degli
CFU 3 • DURATA Semestrale
incontri saranno esposte nella bacheca dell’Istituto “P. Salvucci” .
Titolo corso: Il Rinascimento: miracolo culturale o mitizzazione di un fenomeno?
Obblighi:
Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU)
è richiesta una ragionevole padronanza delle più importanti teorie pedagogiche dall’età classica ai giorni nostri e una
certa familiarità con l’individuazione delle fonti utili alla storia delle emozioni.
Prof. MERIGGI ALBERTO alberto.meriggi@uniurb.it
Testi di studio:
K.Oatley, Breve storia delle emozioni, Il Mulino, Bologna 2007;
Obiettivi Formativi:
A.Giallongo, Frammenti di storia. Tra genere ed educazione, , Guerini ,Milano 2008.
Il corso intende approfondire le grandi tematiche che hanno caratterizzato il Rinascimento in Italia e in Europa. Inoltre,
A.Giallongo, L’avventura dello sguardo. Educazione e comunicazione visiva nel Medioevo, Dedalo, Bari 1995.
da un lato si propone di esplorare l’idea di “miracolo culturale” e dall’altro di tentare di correggerla secondo una nuova
G.Peota, L’arcipelago inquieto. Percorsi storici sulla formazione, Aracne, Roma 2008
chiave interpretativa basata sui più recenti approfondimenti storiografici.
(o A.Giallongo, Il corpo e la paidèia, Edizioni Goliardiche, Trieste 2005).
Programma:
Modalità di accertamento:
Dal Medioevo alla modernità. Il Rinascimento: periodo storico o fenomeno culturale? La distorsione storiografica da
la verifica prevede una prova orale. Il colloquio è sostituibile in parte con l’attiva partecipazione agli incontri di
Michelet a Burckhardt. Le critiche alla mitizzazione. La “periodizzazione” del Rinascimento italiano ed europeo. Cultura e
laboratorio, interni al corso, e con la valutazione della tesina svolta nei gruppi di studio
“sussidiarietà”. Persistenze e mutamenti rispetto alle mentalità dell’Età di mezzo. Le corti italiane. Il Rinascimento ad
Urbino. ................................................................................................................................
Modalità didattiche: Storia dell’educazione 
Lezioni frontali e seminari di approfondimento M-PED/02
Testi di studio:
1) P. Burke, Il Rinascimento, Il Mulino, Bologna 1989; CFU 3 • PERIODO primo semestre • DURATA Semestrale
2) V. Reinhardt, Il Rinascimento in Italia, Il Mulino, Bologna 2002; Titolo corso: Le emozioni nella storia dell’educazione
3) A. Meriggi, Gli statuti del Comune di Treia, Raffaelli Editore, Rimini 2009 (solo le prime 238 pagine). Corsi di laurea in: Scienze della formazione primaria (CU)
Modalità di accertamento:
Esame orale Prof. GIALLONGO ANGELA non disponibile
................................................................................................................................ Ricevimento: Giovedì dalle ore 13 alle 14 presso l’Istituto “P. Salvucci” (via Bramante 16)
Storia dell’educazione Obiettivi Formativi:
M-PED/02
Il corso intende fornire nella parte generale alcuni strumenti concettuali basilari per la comprensione del ruolo delle
emozioni nella storia della civiltà occidentale; nella parte monografica, dopo l’approccio con le più interessanti
CFU 10 • DURATA Annuale
metodologie critiche scaturite da una solida tradizioni di studi, verranno analizzate le pratiche educative formali ed
Titolo corso: Le emozioni nella storia dell’educazione
informali ereditate dalle società pre-moderne.
Corsi di laurea in: Scienze dell’Educazione e della formazione (L)
Programma:
Profilo storico delle idee e delle ricerche scientifiche che hanno assegnato alle emozioni una funzione formativa,
Prof. GIALLONGO ANGELA non-disponibile
secondo il genere. Particolare attenzione sarà data al ruolo dei linguaggi non-verbali. Il tema dello sguardo come
Ricevimento: Mercoledì dalle ore 18 alle 19 presso l’Istituto “P. Salvucci” (via Bramante 16)
espressione emotiva verrà affrontato anche attraverso la lettura e il commento a pagine scelte di alcune opere
significative dei periodi trattati.
Obiettivi Formativi:
Modalità didattiche:
Il corso intende fornire nella parte generale alcuni strumenti concettuali basilari per la comprensione del ruolo delle
Lezione frontale. L’esposizione critica delle teorie sulle passioni sarà integrata da attività seminariali e di laboratorio. Le
emozioni nella storia della civiltà occidentale; nella parte monografica, dopo l’approccio con le più interessanti
date degli incontri saranno esposte nella bacheca dell’Istituto “P. Salvucci” .
metodologie critiche scaturite da una solida tradizioni di studi, verranno analizzate le pratiche educative formali ed
Obblighi:
informali ereditate dalle società pre-moderne. Il corso si propone di approfondire il rapporto tra processi emotivi e
è richiesta una ragionevole padronanza delle più importanti teorie pedagogiche dall’età classica ai giorni nostri e una
comportamenti sociali e di mettere in evidenza nel dibattito sulla formazione l’importanza delle emozioni nelle nuove
certa familiarità con l’individuazione delle fonti utili alla storia delle emozioni.
professioni educative.
Testi di studio:
Programma:
K.Oatley, Breve storia delle emozioni, Il Mulino, Bologna 2007;
Profilo storico delle idee e delle ricerche scientifiche che hanno assegnato alle emozioni una funzione formativa,
A.Giallongo, Frammenti di storia. Tra genere ed educazione, , Guerini, Milano 2008.
secondo il genere. Particolare attenzione sarà data al ruolo dei linguaggi non-verbali. Il tema dello sguardo come
Modalità di accertamento:
espressione emotiva verrà affrontato anche attraverso la lettura e il commento a pagine scelte di alcune opere
la verifica prevede una prova orale. Il colloquio è sostituibile in parte con l’attiva partecipazione agli incontri di
significative dei periodi trattati.
laboratorio, interni al corso, e con la valutazione della tesina svolta nei gruppi di studio.
Risultati di apprendimento:
Note:
In rapporto alla Storia dell’educazione lo studente dovrà mostrare il possesso:
L’insegnamento è mutuata da Storia dell’educazione presso il Corso di laurea in Scienze dell’educazione e della

160 161
vademecum 2009/10 insegnamenti

formazione. 5) Revisionismo storico e svolta neoliberale
................................................................................................................................  
Risultati di apprendimento:
Storia della filosofia  In rapporto alla Storia della filosofia lo studente dovrà mostrare il possesso:
M-FIL/06
- della padronanza delle conoscenze di base;
- della comprensione dei concetti fondamentali della disciplina;
CFU 5 • DURATA Semestrale
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare secondo la logica della disciplina.
Corsi di laurea in: Pedagogia e progettazione educativa (LM)
Attività a supporto della didattica:
Lezioni integrative
Prof. DE SIMONE ANTONIO prof.antoniodesimone@alice.it
Modalità didattiche:
 Lezione frontale
Obiettivi Formativi:
Testi di studio:
Attraverso un approccio specialistico, il corso sviluppa una riflessione teorica e critica sulla relazione tra azione reciproca
Domenico Losurdo, Storia della non-violenza, Laterza, Roma-Bari, 2009
e libertà nelle metamorfosi del moderno, ricostruendo, nell’ambito della storia della filosofia contemporanea, le
Domenico Losurdo, Controstoria del liberalismo, Laterza, Roma-Bari, 2005 (capp. I, II, IV,V e VII).
posizioni più significative del pensiero di Georg Simmel.
Domenico Losurdo, Il peccato originale del Novecento, Laterza, Roma-Bari, 2007, terza edizione
Programma:
 
1. Forme ed effetti di reciprocità nell’esperienza del moderno: attraverso Simmel
Modalità di accertamento:
2. Filosofia della metropoli: Georg Simmel
 Esme orale
3. Georg Simmel e la questione della libertà
Risultati di apprendimento: ................................................................................................................................
In rapporto alla Storia della filosofia lo studente deve mostrare il possesso: Storia della filosofia
- della padronanza delle conoscenze delle discipline specialistiche; M-FIL/06
- della comprensione dei concetti avanzati della disciplina;
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare in maniera autonoma sulle problematiche della disciplina. CFU 4 • DURATA Semestrale
Attività a supporto della didattica: Titolo corso: Violenza e non-violenza nel mondo contemporaneo
Seminari integrativi. Corsi di laurea in: Scienze e tecniche psicologiche (L)
Modalità didattiche:
Lezioni frontali e seminari Prof. LOSURDO DOMENICO paolo.ercolani@uniurb.it
Testi di studio:
1) G. Simmel, Frammento Sulla Libertà, Armando Editore, Roma 2009 Obiettivi Formativi:
2) A. De Simone, L’ineffabile chiasmo. Configurazioni di reciprocità attraverso Simmel, Liguori Editore, Napoli 2007 Lo studio delle grandi trasformazioni politiche e sociali dei secoli XIX e XX pone oggettivamente il problema dell’uso
Modalità di accertamento: della violenza - violenza dall’alto da parte dello Stato-coercizione e violenza dal basso come rottura dello stato di cose
Esame orale esistente - e del suo significato storico-politico. Il corso si propone di indagare la dialettica tra violenza delle classi
................................................................................................................................ dominanti e violenza delle classi subalterne ma anche quella presente nei rapporti tra le nazioni, con particolare
riguardo alla storia del colonialismo occidentale. Il persistere di profonde differenze nella ripartizione del potere, della
Storia della filosofia  forza e della ricchezza rende dubbio il fatto che la non-violenza, i cui principi vanno comunque indagati, possa essere
M-FIL/06
una forma adeguata di gestione del conflitto.
Programma:
CFU 5 • DURATA Semestrale
1) Violenza, crisi e stato d’eccezione
Titolo corso: Libertà, schiavitù e oppressioni coloniale tra Otto e Novecento
2) I principi della non-violenza
Corsi di laurea in: Scienze dell’Educazione e della formazione (L)
3) Il significato storico concreto dell’appello alla non-violenza nell’ambito di un conflitto acuto
4) Violenza e fondamentalismo
Prof. LOSURDO DOMENICO paolo.ercolani@uniurb.it
5) Svolta neoliberale, crisi della sinistra radicale, revisionismo storico.
 
Obiettivi Formativi:
Risultati di apprendimento:
Il programma si propone di ricostruire la dialettica di libertà, servitù e discriminazione verso gli esclusi negli ultimi due
In rapporto alla Storia della filosofia lo studente dovrà mostrare il possesso:
secoli dell’età moderna. L’affermarsi del liberalismo ha paradossalmente coinciso con la diffusione della schiavitù su
- della padronanza delle conoscenze di base;
base razziale e non è affatto un caso che i paesi più impegnati nell’avventura coloniale siano propri quelli che si
- della comprensione dei concetti fondamentali della disciplina;
richiamano al liberalismo. Solo lo sviluppo delle lotte politico-sociali e l’emergere di ipotesi politiche molto diverse
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare secondo la logica della disciplina.
sollecitano l’avvio di processi di democratizzazione che si pongono in alternativa al liberalismo e ne sollecitano un
Attività a supporto della didattica:
profondo mutamento. In questo contesto si pone il problema dell’uso della violenza nello stato d’eccezione.
Lezioni integrative
Programma:
Modalità didattiche:
1) Liberalismo e schiavitù
2) Liberalismo e radicalismo Lezione frontale
Testi di studio:
3) Violenza, conflitto politico-sociale, stato d’eccezione,
Domenico Losurdo, Storia della non-violenza, Laterza, Roma-Bari, 2009 (per intero)
4) Il Novecento secolo degli orrori?
Domenico Losurdo, Il linguaggio dell’Impero, Laterza, Roma-Bari, 2007 (capp. I, II, III, IV, VI e VII).

162 163
vademecum 2009/10 insegnamenti

Domenico Losurdo, Il peccato originale del Novecento, Laterza, Roma-Bari, 2007, terza edizione 3.Il relativismo come pluralità intollerante
  4.Unione e unità
Modalità di accertamento: 5.Pluralismo e ‘globalismo’ etico
Esame orale 6.La “boiterie” della ragione e l’affaire Martin Guerre
  7.Il “sogno” della stregoneria
................................................................................................................................ Modalità didattiche:
Lezione frontale, seminari
Storia della filosofia del rinascimento Testi di studio:
M-FIL/06
- M. de Montaigne, L’immaginazione, Olschki, Firenze 2000
- N. Panichi, I vincoli del disinganno. Per una nuova interpretazione di Montaigne, Olschki, Firenze 2004
CFU 5 • DURATA Semestrale
Modalità di accertamento:
Titolo corso: Scetticismo, possibilità, immaginazione politica in Montaigne
esame orale
Corsi di laurea in: Scienze dell’Educazione e della formazione (L)
................................................................................................................................
Prof. PANICHI NICOLA nicola.panichi@uniurb.it Storia della filosofia del rinascimento 
M-FIL/06
Obiettivi Formativi:
Il corso si propone di fornire agli studenti gli strumenti per la comprensione di un classico del pensiero filosofico  CFU 4 • DURATA Semestrale
Programma: Titolo corso: Scetticismo, possibilità, immaginazione politica in Montaigne
 1.Spazio dell’umanesimo e fenomenologia dei vincoli Corsi di laurea in: Educatore sociale territoriale (CNA-L)
2.Tolleranza dell’immaginazione
3.Il relativismo come pluralità intollerante Prof. PANICHI NICOLA nicola.panichi@uniurb.it
4.Unione e unità
5.Pluralismo e ‘globalismo’ etico Obiettivi Formativi:
6.La “boiterie” della ragione e l’affaire Martin Guerre Il corso si propone di fornire agli studenti gli strumenti per la comprensione di un classico del pensiero filosofico
7.Il “sogno” della stregoneria Programma:
Risultati di apprendimento: 1.Spazio dell’umanesimo e fenomenologia dei vincoli
In rapporto alla Storia della filosofia del rinascimento lo studente dovrà mostrare il possesso: 2.Tolleranza dell’immaginazione
- della padronanza delle conoscenze di base; 3.Il relativismo come pluralità intollerante
- della comprensione dei concetti fondamentali della disciplina; 4.Unione e unità
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare secondo la logica della disciplina. 5.Pluralismo e ‘globalismo’ etico
Attività a supporto della didattica: 6.La “boiterie” della ragione e l’affaire Martin Guerre
Lezioni integrative 7.Il “sogno” della stregoneria
Modalità didattiche: Modalità didattiche:
 Lezione frontale, seminari Lezione frontale, seminari
Testi di studio: Testi di studio:
 - M. de Montaigne, L’immaginazione, Olschki, Firenze 2000 - M. de Montaigne, L’immaginazione, Olschki, Firenze 2000
- N. Panichi, I vincoli del disinganno. Per una nuova interpretazione di Montaigne, Olschki, Firenze 2004 - N. Panichi, I vincoli del disinganno. Per una nuova interpretazione di Montaigne, Olschki, Firenze 2004
Modalità di accertamento: Modalità di accertamento:
 Esame orale esame orale
................................................................................................................................ ................................................................................................................................
Storia della filosofia del rinascimento  Storia della filosofia moderna 
M-FIL/06 M-FIL/06

CFU 4 • DURATA Semestrale CFU 5 • DURATA Semestrale
Titolo corso: Scetticismo, possibilità, immaginazione politica in Montaigne Titolo corso: Oriente e Occidente
Corsi di laurea in: Esperto nei processi di formazione e nei servizi culturali (CNA-L) Corsi di laurea in: Scienze dell’Educazione e della formazione (L)

Prof. PANICHI NICOLA nicola.panichi@uniurb.it Prof. TABONI PIERFRANCO pierfranco.taboni@uniurb.it
Ricevimento: verrà comunicato all’inizio del primo semestre
Obiettivi Formativi:
Il corso si propone di fornire agli studenti gli strumenti per la comprensione di un classico del pensiero filosofico. Obiettivi Formativi:
Programma: Il corso si propone di affrontare i concetti di Oriente e Occidente nelle tappe salienti del pensiero filosofico dall’ellenismo
1.Spazio dell’umanesimo e fenomenologia dei vincoli all’età moderna e contemporanea.
2.Tolleranza dell’immaginazione Programma:

164 165
vademecum 2009/10 insegnamenti

Gerusalemme e Atene, Oriente e Occidente nella ricostruzione storico-teorica di Leo Strauss. ................................................................................................................................
Risultati di apprendimento:
In rapporto alla Storia della filosofia moderna lo studente dovrà mostrare il possesso:
Storia della filosofia politica 
M-FIL/06
- della padronanza delle conoscenze di base;
- della comprensione dei concetti fondamentali della disciplina;
CFU 4 • DURATA Semestrale
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare secondo la logica della disciplina.
Titolo corso: Itinerari del pensiero politico contemporaneo. Teorie della democrazia
Attività a supporto della didattica:
Corsi di laurea in: Esperto nei processi di formazione e nei servizi culturali (CNA-L)
Seminari integrativi
Modalità didattiche:
Prof. CRINELLA GALLIANO galliano.crinella@uniurb.it
lezioni frontali, seminari tematici, tesine di approfondimento
Testi di studio:
Obiettivi Formativi:
L. Strauss, Gerusalemme e Atene, Einaudi, Torino (solo il saggio Gerusalemme e Atene. Riflessioni preliminari, pp. 3-36);
 Tra gli obiettivi formativi della disciplina, vi sono: padronanza delle conoscenze basilari e dei concetti fondamentali della
S.S. Averincev, Atene e Gerusalemme, Donzelli, Roma;
storia della filosofia politica moderna. Allo stesso tempo è fondamentale la capacità di utilizzo di tali saperi per una
P.F. Taboni, La città di Caino e la città di Prometeo¸ QuattroVenti Urbino (solo l’Introduzione Leo Strass fra Atene e
visione complessiva delle problematiche filosofico-politiche, collocata all’interno degli aspetti più generali della cultura e
Gerusalemme, pp. 7-56);
della formazione sui quali il Corso di studio si focalizza.
P.F. Taboni, La città tirannica, QuattroVenti, Urbino (Solo la Sezione Seconda, pp. 89-389).
Programma:
Modalità di accertamento:
 Il programma del Corso svilupperà alcune delle tematiche generali della storia delle filosofia politica moderna.
Esame orale
All’interno di questo percorso saranno approfonditi alcuni autori, ad iniziare da John Locke, che hanno costruito teorie
................................................................................................................................ attorno al concetto di democrazia. Il tema della democrazia sarà analizzato nelle sue differenti forme storiche e
Storia della filosofia politica  teoretiche e sarà visto in connessione con il classico problema della libertà. Attenzione particolare sarà riservata alla
M-FIL/06 situazione odierna e alle prospettive future. I testi di studio si riveleranno utili ad approfondire i contenuti delle lezioni ai
quali gli studenti è bene che partecipino. Qualora vi siano motivate esigenze, lo studente può richiedere un programma
CFU 5 • PERIODO Secondo semestre • DURATA Semestrale alternativo, concordandolo con il docente all’inizio del Corso.
Titolo corso: Nietzsche tra destra e sinistra Modalità didattiche:
Corsi di laurea in: Scienze dell’Educazione e della formazione (L)  Lezione frontale
Obblighi:
Prof. AZZARA’ GIUSEPPE STEFANO s.azzara@uniurb.it Preparazione dell’esame di profitto sui testi indicati a seguire
Testi di studio:
Obiettivi Formativi:  G. Crinella, I. Mancini, John Locke, Vita e Pensiero, Milano, 1976, pp. 1- 85;
 Il corso si occuperà della filosofia di Friedrich Nietzsche e della sua ricezione nel corso del Novecento, con particolare R. Gatti, Pensare la democrazia, A.V.E., Roma, 1989;
attenzione all’interpretazione di Gianni Vattimo. Norberto Bobbio, Il futuro della democrazia, Einaudi, Torino, 1984.
Programma: Modalità di accertamento:
 1) Società e politica nell’Europa del tardo XIX secolo.  Esame orale
2) Nietzsche e il suo tempo. ................................................................................................................................
3) Nietzsche proto nazista?
4) Nietzsche libertario?
Storia della musica moderna e contemporanea
L-ART/07
5) Gianni Vattimo e l’oltreuomo rivoluzionario.
Risultati di apprendimento:
CFU 4 • DURATA Semestrale
In rapporto alla Storia della filosofia politica lo studente dovrà mostrare il possesso:
Titolo corso: La svolta nel linguaggio musicale e nella percezione del reale tra Ottocento e Novecento.
- della padronanza delle conoscenze di base;
Corsi di laurea in: Esperto nei processi di formazione e nei servizi culturali (CNA-L)
- della comprensione dei concetti fondamentali della disciplina;
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare secondo la logica della disciplina.
Prof. SANTUCCI GIUSEPPINA g.santux@libero.it
Attività a supporto della didattica:
Lezioni integrative.
Obiettivi Formativi:
Modalità didattiche:
Il corso si propone di fornire gli strumenti ermeneutici indispensabili alla comprensione del fenomeno musicale, sintomo
 Lezioni frontali
della profonda trasformazione epocale verificatasi in Europa tra XIX e XX secolo, in riferimento al contesto artistico-
Testi di studio:
culturale cui appartengono poeti e letterati, pittori e filosofi, del calibro - tra gli altri - di Baudelaire e Mallarmé, Proust e
 1) Stefano G. Azzarà, Un Nietzsche italiano. Fortuna e breve vita dell’oltreuomo rivoluzionario, in corso di pubblicazione
Mann, Kandinskij e Klee, Heidegger e Merleau-Ponty.
2009
Programma:
2) Gianni Vattimo, Il soggetto e la maschera. Nietzsche e il problema della liberazione, Bompiani 1974 sgg.
1) La musica e l’Occidente: visione del mondo e retaggi storici;
3) Friedrich Nietzsche, Genealogia della morale, Adelphi, Milano.
2) Wagner e il Wort-Ton-Drama;
(Questa indicazione va considerata provvisoria: eventuali modifiche saranno annunciate a lezione)
3) Mahler e l’atmosfera di congedo;
Modalità di accertamento:
4) I luoghi del disincanto: Debussy, Stravinskij, Ravel;
 Esame orale
5) Satie e l’ironia;

166 167
vademecum 2009/10 insegnamenti

6) Le figure del silenzio: Schönberg, Berg, Webern. Prof. CECCARELLI GLAUCO glauco.ceccarelli@uniurb.it
Modalità didattiche: Ricevimento: (Verrà comunicato successivamente, a lezione e nel sito web)
Lezioni frontali e proposte di ascolto guidato.
Testi di studio: Obiettivi Formativi:
- G. SALVETTI, Il Novecento I, Collana di Storia della Musica, EDT, Torino 1977 (e successive edizioni); Nella sua parte generale, il corso intende proporre una prospettiva storica delle discipline psicologiche, dalle loro radici
- E. LISCIANI-PETRINI, Il suono incrinato. Musica e filosofia nel primo Novecento, Einaudi, Torino 2001; ad oggi, criticamente argomentata. Saranno perciò trattate le principali questioni di ordine storiografico, epistemologico,
- G. SANTUCCI, Jankélévitch. La musica tra charme e silenzio, Milella, Lecce 2001. teorico e metodologico, nonché alcune di quelle riferite all’operatività, con accenni alle problematiche più rilevanti della
Ulteriori testi per eventuali approfondimenti verranno indicati in itinere. psicologia contemporanea, sia sul versante dell’acquisizione delle conoscenze che su quello della professione.
  La parte monografica mira ad approfondire, sullo sfondo della storia della psicologia internazionale e in relazione a
Modalità di accertamento: questa, la vicenda specifica della psicologia in Italia, nelle sue successive fasi, nei suoi caratteri salienti e nei fattori che
Esame orale. hanno concorso a determinare la situazione odierna nel nostro Paese.
Note: Programma:
Gli studenti non frequentanti saranno tenuti, previo accordo con la docente, all’ascolto dei brani musicali consigliati. Parte generale
................................................................................................................................ Storia e storiografia della psicologia - Principali questioni epistemologiche e metodologiche della psicologia - Le origini
della psicologia - Strutturalismo e funzionalismo - Riflessologia e scuola storico-culturale - Psicoanalisi - Psicologia della
Storia della pedagogia Gestalt - Comportamentismo e neo-comportamentismo - Scuola di Ginevra - Cognitivismo - Altri orientamenti teorici -
M-PED/02
Articolazioni teoriche e applicative attuali - Rapporti fra il livello teorico e il livello dell’intervento - Principali tendenze
contemporanee - La psicologia come professione: contesti e forme di operatività.
CFU 5 • PERIODO Secondo semestre • DURATA Semestrale
Parte monografica
Titolo corso: L’uso delle immagini nella ricerca storica e le esperienze educative di genere
Lineamenti storici della psicologia italiana (fino al 1945): il contesto socio-culturale e le influenze filosofiche; gli inizi; la
Corsi di laurea in: Pedagogia e progettazione educativa (LM)
periodizzazione; i rapporti con le principali scuole psicologiche europee ed americane e la presenza in campo
internazionale; i temi e gli studiosi più significativi; le riviste, l’insegnamento universitario e le associazioni; il testing
Prof. GIALLONGO ANGELA non-disponibile
psicologico tra Ottocento e Novecento; la prima diffusione della psicoanalisi in Italia; la Società Italiana di Psicologia e i
Ricevimento: Giovedì dalle ore 13 alle 14 presso l’Istituto “P. Salvucci” (via Bramante 16)
primi congressi nazionali; gli eventi del 1905. Cenni sugli sviluppi dal secondo dopoguerra ad oggi.
 
Obiettivi Formativi:
Risultati di apprendimento:
Il corso si propone di utilizzare le immagini come strumento fondamentale per comprendere l’evolversi di concetti
In rapporto alla Storia della psicologia lo studente dovrà mostrare il possesso:
educativi, come quello di genere, e per documentare il mutamento degli standard di fisicità nella vita formativa di
- della padronanza delle conoscenze di base;
uomini e donne.
- della comprensione dei concetti fondamentali della disciplina;
Programma:
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare secondo la logica della disciplina.
L’uso delle immagini come prove storiche; storie di apprendimenti, secondo il genere.
Attività a supporto della didattica:
Risultati di apprendimento:
Lezioni integrative;
In rapporto alla Storia della pedagogia lo studente deve mostrare il possesso:
Seminari integrativi;
- della padronanza delle conoscenze delle discipline specialistiche;
Esercitazioni.
- della comprensione dei concetti avanzati della disciplina;
Modalità didattiche:
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare in maniera autonoma sulle problematiche della disciplina.
Saranno adottate modalità didattiche comprendenti l’esposizione diretta, la discussione di gruppo, l’analisi di testi
Attività a supporto della didattica:
storicamente e scientificamente significativi e lo svolgimento di esperienze e/o esercitazioni.
Lezioni integrative
Testi di studio:
Modalità didattiche:
LEGRENZI, P. (a cura di). Storia della psicologia. Bologna: Il Mulino (ultima edizione).
Lezione frontale, integrata da attività seminariali.
CECCARELLI, G. (2002). Argomenti di storia della psicologia - Appunti dalle lezioni. Urbino : QuattroVenti.
Obblighi:
CECCARELLI, G. (a cura di) (in stampa). Cento anni dal 1905 - La psicologia italiana all’inizio del Novecento. Milano:
è richiesta preparazione, capacità riflessiva ed argomentativa.
Angeli.
Testi di studio:
[Gli studenti con iniziale del cognome compresa tra A ed L studieranno la prima parte del volume; gli studenti con
P.Burke, Testimoni oculari. Il significato storico delle immagini, Carocci, Roma 2007;
iniziale da M a Z la seconda e la terza].
A.Giallongo, Frammenti di storia. Tra genere ed educazione, Guerini, Milano 2008.
Modalità di accertamento:
Modalità di accertamento:
L’esame prevede una prova scritta, che potrà essere seguita da una prova orale (obbligatoria per quanti supereranno lo
la verifica prevede un colloquio orale.
scritto con i punteggi di 18, 19, 29 e 30 trentesimi, facoltativa per quanti conseguiranno un punteggio compreso tra 20 e
................................................................................................................................ 28 trentesimi).
Storia della psicologia  Note:
M-PSI/01 Eventuali variazioni nel programma, nell’elenco dei testi, nelle modalità didattiche e di accertamento saranno
comunicate a lezione e nel sito web del Corso di laurea.
CFU 4 • DURATA Semestrale ................................................................................................................................
Titolo corso: Storia della psicologia
Corsi di laurea in: Scienze e tecniche psicologiche (L) Storia della psicologia applicata, (a scelta)
M-PSI/01

168 169
vademecum 2009/10 insegnamenti

CFU 4 • DURATA Semestrale con i punteggi di 18, 19, 29 e 30 trentesimi, facoltativa per quanti conseguiranno un punteggio compreso tra 20 e 28
Corsi di laurea in: Psicologia clinica (LM) trentesimi. Potranno tuttavia essere concordate modalità di accertamento differenti.
Note:
Prof. CECCARELLI GLAUCO glauco.ceccarelli@uniurb.it Eventuali variazioni nel programma, nell’elenco dei testi, nelle modalità didattiche e di accertamento saranno
Ricevimento: (Verrà comunicato successivamente, a lezione e nel sito web) comunicate a lezione e nel sito web del Corso di laurea.
................................................................................................................................
Obiettivi Formativi: Storia della sanità
Il corso si propone di fornire i principali elementi di conoscenza, come contributo alla formazione di una base M-STO/05
propedeutica alla futura operatività dello studente, circa i due versanti, variamente connessi e collegati, che si sono
intrecciati lungo la vicenda più che secolare della psicologia, quello della cosiddetta “ricerca pura” e quello CFU 7 • DURATA Annuale
dell’intervento. Su questo secondo piano, intende presentare una rassegna criticamente sviluppata circa i più importanti Titolo corso: Medicina e sanità: tra salute e malattia.
settori applicativi. Corsi di laurea in: Scienze psicologiche dell’intervento clinico (CNA-L)
Nella sua parte monografica, il corso si occupa di una delle più rilevanti forme di applicazione, quella psicoterapeutica,
con specifico riferimento alla situazione italiana del primo Novecento. Prof. MERAVIGLIA MARIA VITTORIA mmeraviglia@uniurb.it
Programma:
Parte generale Obiettivi Formativi:
Parte generale Fornire una traccia dell’evoluzione storica del concetto di sanità nel mondo occidentale a partire dall’antichità classica
  fino ai nostri giorni e di illustrare la sua formulazione attraverso i rapporti che legano economia, società, cultura, politica
  e scienza.
1. Questioni generali: per una storia del rapporto tra ricerca di base e applicazioni Programma:
2. L’operatività psicologica secondo le scuole storicamente più significative 1) L’antichità classica: dalla medicina teurgia al canone “observatio et ratio”
3. Le applicazioni in ambito scolastico-educativo: dalla psicotecnica all’orientamento scolastico 2) Il Medioevo: salvare l’anima per curare il corpo
4. Le applicazioni in ambito lavorativo: dalla psicotecnica all’orientamento professionale e alla selezione del personale 3) Dall’umanesimo al secolo dei lumi: la nascita della scienza moderna
5. Le applicazioni in ambito diagnostico: il testing 4) L’Ottocento: la medicina del piccone
6. Le applicazioni nel settore della salute: le psicoterapie 5) La malattia mentale: la nave dei folli
7. Altri campi di applicazione 6) Guerra e sanità: un’epidemia di traumi
8. Caratteri storiograficamente salienti della psicologia applicata in Italia 7) Il Novecento: quanto è lungo un secolo
Parte monografica 8) Il nuovo millennio: prospettive future
1. La psicoterapia: il quadro internazionale tra la fine dell’800 e l’inizio del ‘900 Modalità didattiche:
2. Nascita e primi sviluppi della psicoterapia in Italia - Lezioni frontali tenute dal docente.
3. Ipnosi, suggestione e altre forme di trattamento nella ricostruzione di Giuseppe Portigliotti - Seminari di approfondimento con l’intervento di esperto del settore.
4. La psicoterapia razionale di Dubois secondo Cipriano Giachetti - Esercitazioni.
  Obblighi:
   
Risultati di apprendimento: Testi di studio:
In rapporto alla Storia della psicologia applicata lo studente dovrà mostrare il possesso: Meraviglia L, Meraviglia MV - Sanità e salute: prospettive di cambiamento. Montefeltro, 2008.
- della padronanza delle conoscenze di base; Modalità di accertamento:
- della comprensione dei concetti fondamentali della disciplina; Esame orale.
- della capacità di usare conoscenze e concetti per ragionare secondo la logica della disciplina. Note:
Attività a supporto della didattica: I materiali necessari per le esercitazioni verranno resi disponibili durante lo svolgimento del corso.
Lezioni integrative; I discenti che prenderanno parte alle esercitazioni, potranno chiedere che l’esito delle stesse sia valutato come parte
Seminari integrativi; integrante dell’esame conclusivo.
Esercitazioni.
Modalità didattiche: ................................................................................................................................
Saranno adottate modalità didattiche comprendenti l’esposizione diretta, la discussione di gruppo, l’analisi di testi Storia della scienza 
storicamente e scientificamente significativi e lo svolgimento di esperienze e/o esercitazioni. Verrà altresì verificata la M-STO/05
possibilità di svolgere una didattica di tipo alternativo, in relazione alle esperienze compiute nell’Anno Accademico
precedente. CFU 4 • DURATA Semestrale
Testi di studio: Titolo corso: Storia delle scienze forensi
CECCARELLI, G. (in stampa). Le applicazioni della psicologia - Lineamenti storici. Urbino: QuattroVenti. Corsi di laurea in: Esperto nei processi di formazione e nei servizi culturali (CNA-L)
CECCARELLI, G. (a cura di) (in stampa). Alfred Binet e la misura dell’intelligenza. Milano: Angeli [saranno indicate le parti
oggetto d’esame]. Prof. AGOSTINIS SERGIO
CECCARELLI, G. (in stampa). La psicoterapia in Italia - Teorie ed esperienze delle origini. Milano: Angeli.
Modalità di accertamento: Obiettivi Formativi:
L’esame prevede una prova scritta, seguita, di norma, da una prova orale obbligatoria per quanti supereranno lo scritto Il corso, dopo un esame preliminare dei caratteri e degli esiti della “rottura epistemica” che si è delineata a cavallo tra il

170 171
vademecum 2009/10