You are on page 1of 5

Progetto Fondo di Perequazione 2007-2008

Sostegno integrato allinternazionalizzazione delle PMI


LA TT!LA "!L "I#ITT$ "AT$#! $%-LI%!
1. Inquadramento generale della tutela del diritto dautore on-line e delle forme di pirateria
informatica 2. Gli strumenti normativi di contrasto alla pirateria - 3. Cenni sugli strumenti
tecnologici di contrasto alla pirateria 4. Cenni sulle iniziative relative agli e-oo!s.
&' Inquadra(ento generale della tutela del diritto dautore on-line e delle )or(e
di *irateria in)or(ati+a'
Napster. Questo nome evoca nella memoria di molti se non il primo, certamente il pi
rinomato dei casi di pirateria online. Per la prima volta dallapertura di internet al grande
pubblico, si mise in dubbio la convinzione, diffusa seppur errata, che tutto ci che viaggia sulla
rete sia gratuito. Napster metteva a disposizione dei propri utenti (i.e. di tutti coloro che
creavano un account e scaricavano gratuitamente da internet il suo programma proprietario)
una vastissima libreria musicale, da cui era possibile prelevare gratuitamente i brani prescelti.
ome noto, i giudici del Nono ircuito della ".#. Court of $ppeal condannarono Napster
al risarcimento di svariati milioni di dollari per violazione dei diritti dautore connessa allo
scaricamento da parte dei propri utenti di brani musicali senza autorizzazione e senza il
pagamento di alcun corrispettivo
!
.
"industria musicale, tuttavia, non # lunica ad essere stata colpita dalla pirateria. $
mero titolo esemplificativo e senza pretesa di esaustivit%, si possono citare fenomeni &uali il
do%nloading e lo streaming di film, lo scaricamento e la diffusione di e-oo!s, la modifica di
consolles per videogiochi e il crac!ing di soft%are.
'stituzioni nazionali e internazionali, coadiuvate dai titolari dei diritti dautore e dei
relativi diritti di sfruttamento economico, si battono ormai da anni per tentare di arginare un
fenomeno in continua espansione, mettendo a punto diversi strumenti normativi e tecnologici.
"a presente scheda tematica intende offrire una panoramica delle principali attivit%
poste in essere in tal senso, soffermandosi in chiusura sulle nuove iniziative relative ai diritti
dautore e agli e-oo!s, che, grazie anche alla rapida diffusione dei talet, stanno assumendo
una sempre maggiore rilevanza.
2' ,li stru(enti nor(ati-i di +ontrasto alla *irateria'
(nde tentare di contrastare il fenomeno della pirateria on)line, che risulta di particolare
rilievo economico in primis per lindustria cinematografica e musicale, i governi nazionali
stanno elaborando procedure amministrative che consentano di porre fine alla violazione, nel
caso di specie consistente nello scaricamento illegale di files, nel pi breve tempo possibile.
'l metodo pi diffuso (adottato, tra gli altri, anche dagli *tati +niti e dall+nione
,uropea) # &uello denominato -notice and ta!e do%n.. "a caratteristica di tale sistema,
introdotto in 'talia attraverso il /. "gs. 01213 che ha recepito a sua volta la /irettiva
omunitaria 411123!2,, consiste nel prevedere una generale esenzione di responsabilit% nei
confronti di chi svolga unattivit% economica on line, il &uale non # tenuto a verificare
1
Per maggiori dettagli sul caso Napster si rinvia a P. Cerina, Il caso Napster e la musica on-line: cronaca della
condanna annunciata di una rivoluzionaria tecnologia, in Dir. Ind. n. 1/2001, p. 48 e S. Staile, Gli MP3 File ed il
diritto dautore, in Dir. Ind., n. !/2001, p. 2"!.
1


Progetto Fondo di Perequazione 2007-2008
Sostegno integrato allinternazionalizzazione delle PMI
spontaneamente se sul proprio spazio internet vengano pubblicati dagli utenti contenuti lesivi
della propriet% intellettuale o industriale di terzi.
"esenzione, tuttavia, viene meno nel momento in cui il gestore del sito internet,
definito dalla normativa italiana sopra richiamata -prestatore di un servizio della societ%
dellinformazione., venga avvertito della presenza di contenuto illecito. (nde evitare
&ualsivoglia responsabilit%, il prestatore del servizio dovr% rimuoverlo o comun&ue impedirne
laccesso tempestivamente, salvo comun&ue il fatto che il gestore non abbia in alcun modo
influito sul contenuto pubblicato. *u richiesta delle autorit% competenti, tale soggetto #, altres5,
tenuto a fornire senza indugio le informazioni in suo possesso al fine di consentire
lidentificazione di chi abbia pubblicato il contenuto pirata.
+n esempio pratico di come funziona &uesto sistema lo si pu trovare sul sito internet
http622777.8outube.com2. /a un lato, ciascun utente pu segnalare un contenuto che ritiene
inappropriato -flaggandolo.
4
. 'n concreto, tale strumento non # rivolto alla rimozione di video
pubblicati in violazione dei diritti dautore di cantanti, artisti (o anche ma&or musicali) o case
cinematografiche, ma anche perch9 offensivi, splatter o in altro modo inadeguati secondo le
polic' del sito. +na volta ricevuta la segnalazione, :ou;ube provvede a esaminare il video e,
&ualora ritenga la segnalazione fondata, provveder% alla rimozione del contenuto.
*e lo strumento del flagging # generale, vi #, inoltre, una procedura riservata ai titolari
di diritti dautore, che possono inviare a :ou;ube un formulario on-line compilato con i propri
dati e i dettagli della violazione. $nche in &uesto caso, se il reclamo viene considerato fondato,
il video viene rimosso.
Quanto sopra descritto # rivolto, come detto, ai prestatori di un servizio della societ%
dellinformazione, ma, il pi delle volte, non determina alcuna conseguenza pregiudizievole
rilevante per lutente che pubblichi il contenuto lesivo. *alvo che non si tratti di una condotta
sistematica, sovente i titolari dei diritti si accontentano di far rimuovere il contenuto, senza poi
perseguire con gli strumenti civili e penali n9 i gestori dei siti n9 gli utenti, i &uali spesso
vengono -semplicemente. sospesi dal gestore del sito.
;ale condotta trova giustificazione, in primo luogo, nelle tempistiche, spesso molto
lunghe, entro cui il titolare dei diritti riuscirebbe ad ottenere una pronuncia e, in secondo
luogo, nei costi che un procedimento giudiziario comporta.
Per ovviare agli inconvenienti sopra descritti, alcuni Paesi, tra cui anche l'talia, si
stanno dotando di procedure amministrative pi snelle, volte a sanzionare la condotta illecita.
'n ,uropa si possono riscontrare due distinti approcci6 alcuni tentano di rendere pi effettiva la
lotta alla pirateria sanzionando direttamente lutente di internet che scarichi files non originali<
altri, invece impongono sanzioni e limitazioni tecniche ai gestori dei siti.
'l primo caso noto, riconducibile alla prima delle due categorie di cui sopra, # &uello
francese, con la promulgazione della c.d. "egge (adopi (acronimo per (aute $utorit) pour la
diffusion des oeuvres et la protection des droits sur l*Internet). 'l meccanismo introdotto da
tale legge non sostituisce le sanzioni penali previste dal codice penale francese, ma vi si
affianca con una procedura di -r)ponse gradu)e.. 'l titolare dellabbonamento a internet
attraverso cui vengano scaricati files illegalmente sar% destinatario di un primo avviso inviato
2
#l flagging consente di segnalare un video inappropriato attraverso la sele$ione di un pulsante posto, solitamente, sotto
il video in %uestione.
2


Progetto Fondo di Perequazione 2007-2008
Sostegno integrato allinternazionalizzazione delle PMI
via e)mail dall(adopi. Qualora la violazione persista, il medesimo soggetto ricever% un
secondo avviso via lettera raccomandata e, se ancora non desiste, gli verr% sospeso
labbonamento al servizio di accesso ad internet per un periodo variabile da 3 mesi a un anno.
'l periodo di sospensione dal servizio potr% essere ridotto da uno a tre mesi, se il destinatario
della sanzione accetti di transigere, sottoscrivendo una dichiarazione in cui riconosce di aver
violato la legge. Naturalmente la sospensione dellabbonamento non interrompe lobbligo da
parte del titolare di corrispondere &uanto dovuto mensilmente alla compagnia telefonica.
$nche il =egno +nito ha optato per sanzionare direttamente lutente, prevedendo di
introdurre una procedura (ancora non operativa a &uanto consta) del tutto simile a &uella
prevista in >rancia con linvio, nel caso inglese direttamente da parte dellInternet #ervice
+rovider, di un massimo di tre comunicazioni allutente diluite nel tempo. Qualora, nonostante
gli avvertimenti, lutente non si astenga dal porre ulteriormente in essere la condotta lesiva,
verr% iscritto in un apposito registro tenuto dallInternet #ervice +rovider e sar% destinatario di
sanzioni tecniche stabilite dal competente ?inistero.
@ermania, *pagna e Paesi Aassi, invece, stanno discutendo sulladozione di misure che
saranno pi che altro volte ad impedire laccesso a determinati siti internet che mettono a
disposizione materiale pirata.
+na soluzione simile sembra sar% adottata anche in 'talia, dove # attualmente oggetto
di consultazione pubblica lo -*chema di =egolamento in materia di tutela del diritto dautore
sulle reti di comunicazione elettronica.
3
(lo -*chema.) predisposto dall$utorit% per le garanzie
nelle comunicazioni (l.$utorit%.).
'l procedimento, come attualmente delineato nello *chema, si colloca sulla scia di
&uanto previsto dal /. "gs. 0124113. Qualora, nonostante linvio di una richiesta formale da
parte del titolare dei diritti di propriet% intellettuale al gestore del sito a provvedere alla
rimozione del contenuto -pirata., lo stesso non venga rimosso entro B giorni dal ricevimento
della comunicazione, il soggetto che si ritiene leso potr% investire della &uestione direttamente
l$utorit% entro 0 giorni dalla scadenza del precedente termine.
$ seguito di unattivit% istruttoria, l$utorit% potr% ordinare ai gestori dei siti i cui nomi a
dominio siano stati registrati da soggetto residente o stabilito in 'talia la rimozione selettiva dei
contenuti, eventualmente richiedendo che venga fornita evidenza di tale circostanza.
"o *chema prevede, inoltre, la possibilit% per l$utorit% di chiedere la rimozione dei
contenuti anche ai gestori di siti esteri. Qualora ci non avvenga nei termini previsti, l$utorit%
segnaler% il caso all$utorit% giudiziaria competente.
.' /enni sugli stru(enti te+nologi+i di +ontrasto alla *irateria'
"e industrie cinematografica ed audiovisiva non sono le uniche ad essere danneggiate
dal fenomeno della pirateria. *econdo la ,usiness soft%are $lliance
4
l'talia # il Paese con il
maggior numero di soft%are -pirata. nella regione dell,uropa, ?edio (riente e $frica
C
.
!
&llegato & alla 'eliera n. !(8/11/C)NS del * luglio 2011 dell+&utorit, per le garan$ie nelle comunica$ioni.
4
-a usiness !oft"are #lliance ./ttp0//111.sa.org/countr2.asp3 4 5 un+organi$$a$ione, c/e rappresenta tutte le
a$iende del settore soft"are nel mondo.
6
/ttp0//internet.sa.org/overvie1//ome.asp3 consultato il 12 agosto 2011
!


Progetto Fondo di Perequazione 2007-2008
Sostegno integrato allinternazionalizzazione delle PMI
Nel tentativo di arginare &uesto fenomeno, da lungo tempo produttori di soft%are e
-ard%are stanno investendo risorse umane ed economiche per creare dispositivi anti)accesso
D
e anti)copia
0
sempre pi efficienti.
"a /irettiva omunitaria 411!24E2,, recepita in 'talia da /. "gs. DF24113 che ha a sua
volta modificato la "egge sul /iritto d$utore (". D332!EB!), ha attribuito protezione legale a
tali misure, purch# siano efficaci, ossia, con le parole della /irettiva, purch# -./0 realizzGinoH
loiettivo di protezione.
F
. "art. D della /irettiva, infatti, prevede che i titolari dei diritti di
propriet% intellettuale possano agire sia contro lelusione di tali mezzi da parte di soggetti
consapevoli di compiere un atto illecito, sia contro coloro che fabbrichino, distribuiscano,
importino, ecc., dispositivi tecnologici atti ad eludere le misure tecnologiche di protezione.
0' /enni sulle iniziati-e relati-e agli e-books'
on la diffusione sempre maggiore dei talets, il fenomeno degli e-oo!s, ossia dei libri
digitalizzati, sta prendendo sempre pi piede. *ebbene ancora un fenomeno relativamente di
nicchia e &uindi non ancora fortemente colpito dalla pirateria, vi sono diverse iniziative, prima
fra tutte Google ,oo!s ma anche ,uropeana (777.europeana.eu), per digitalizzare il maggior
numero possibile di opere protette dal diritto dautore, con relativa necessit% di trovare accordi
e compromessi con i titolari degli stessi.
ome noto, Google ,oo!s # stata oggetto di class actions promosse dalla $uthorIs @uild
e dagli editori nei confronti di @oogle, rispettivamente il 41 settembre 411C e il !E ottobre
411C, entrambe di fronte alla +nited *tates /istrict ourt, *outhern /istrict of Ne7 :orJ.
*ebbene i contendenti sembravano aver trovato un accordo soddisfacente, il 44 marzo 41!! il
giudice ne ha negato lapprovazione, costringendo, pertanto, le parti a riprendere il dialogo.
"Iattenzione dellI+nione ,uropea in materia di digitalizzazione delle informazioni si #
recentemente indirizzata verso la possibilit% di rendere accessibili on)line le c.d. -opere orfane.
(c.d. -$rro7 proKect. ) http622777.arro7)net.eu). "a proposta di normativa europea si prefigge
di consentire lIaccesso transfrontaliero a tali opere senza che alcun diritto venga violato.
Pi in dettaglio, la normativa preveder% che, prima di effettuare la copia digitale, una
biblioteca, un museo o un archivio esegua unIapprofondita ricerca per individuare il titolare dei
diritti dIautore dellIopera, ad esempio, pubblicata sotto pseudonimo o di cui non pare possibile
identificare lIautore.
*
# dispositivi anti7accesso /anno la 8un$ione, appunto, di controllare l+accesso all+opera digitale, ad esempio
ric/iedendo l+immissione di creden$iali di accesso. Si veda, anc/e, 9. P. :egoli, Misure $ecnologic%e di Protezione&
soft"are e interopera'ilit( nellera digitale, in Il Diritto d#utore, 2008, 8asc. !, pp. !40 e ss. gg.
"
# dispositivi anti7copia, invece, operano una volta ottenuto l+accesso, impedendo agli utenti di e88ettuare copie del
soft"are protetto e di trasmetterlo sulle reti telematic/e. Si veda, anc/e, 9. P. :egoli, Misure $ecnologic%e di
Protezione& soft"are e interopera'ilit( nellera digitale, in Il Diritto d#utore, 2008, 8asc. !, pp. !40 e ss. gg.
8
Sul concetto di e88icacia applicato alle misure tecnologic/e di prote$ione, il comma ## dell+art. 102 )uater della -egge
sul 'iritto d+&utore come modi8icata a seguito del recepimento della direttiva Comunitaria 2001/2(/C; stailisce c/e0
*e misure tecnologic%e di protezione sono considerate efficaci nel caso in cui l+uso dell+opera o del materiale protetto
sia controllato dai titolari tramite l+applicazione di un dispositivo di accesso o di un procedimento di protezione& )uale
la cifratura& la distorsione o )ualsiasi altra trasformazione dell+opera o del materiale protetto& ovvero sia limitato
mediante un meccanismo di controllo delle copie c%e realizzi l+o'iettivo di protezione.
4


Progetto Fondo di Perequazione 2007-2008
Sostegno integrato allinternazionalizzazione delle PMI
Qualora dalle ricerche risulti impossibile risalire allIautore, lIopera verr% considerata
-orfana. e ac&uisir% tale status in tutta lI+,. Potr% &uindi essere accessibile on)line senza la
preliminare e altrimenti necessaria autorizzazione da parte del proprietario dei diritti dIautore
almeno finch9 non verr% rintracciato.
"a data prevista di entrata in vigore della normativa europea # il 41!4< entro i !F mesi
successivi, ogni *tato dovr% adeguare la propria legislazione nazionale.
+lteriore interessante iniziativa avente come protagonisti gli e-oo!s consiste nella
possibilit% di concederli in prestito temporaneo da parte delle biblioteche.
'n 'talia, il sito internet http622777.medialibrar8.it2home2home.aspL, gestito
dallomonima societ%, ha raggiunto un accordo con ,digita, la societ% per la distribuzione degli
e)booJ partecipata in parti uguali da =* "ibri, ?essaggerie 'taliane e @ruppo >eltrinelli, per
fornire a pagamento alle biblioteche la possibilit% di dare in prestito ai propri clienti tutte le
ultime novit% editoriali in formato digitale. 'l servizio # gi% attivo in alcune biblioteche italiane a
partire dal !4 maggio 41!!. "Ie)booJ oggetto del -prestito. rimarr% disponibile presso lIutente
per !B giorni, dopodich9 il file diventer% illeggibile. +n sistema analogo # gi% in uso in $merica,
dove si sta discutendo sullIintroduzione di licenze temporanee per le biblioteche. 'n sostanza,
la biblioteca avr% la possibilit% con la licenza ac&uistata di concedere in prestito agli utenti un
determinato libro solo per un numero stabilito di volte, dopodich9 dovr% ac&uistare una nuova
licenza.
"is+lai(er
"a presente schede # aggiornata al mese di luglio 41!!< nessuna responsabilit% derivante da
un utilizzo improprio del contenuto della presente scheda, da eventuali modifiche intervenute
nella normativa o da possibili imprecisioni potr% essere imputata alle amere di ommercio, a
+nioncamere "ombardia o agli estensori della scheda
Per ogni specifica esigenza aziendale, vista la complessit% della materia, +nioncamere
"ombardia raccomanda di utilizzare in aggiunta a &uesta scheda un parere &ualificato.
6