You are on page 1of 3

REPORT SEMINARIO MULTILATERALE ETWINNING

PLUS IN ARMENIA 16-19 MAGGIO 2014

La mail dell’Unità
Nazionale ricevuta proprio
la sera prima di partire per
la visita di istruzione a
Venezia mi annunciava di
essere stata preselezionata
per un seminario eTwinning
Plus in Armenia, poche
settimane dopo sono partita
per quella che considero essere stata
un’esperienza unica nella mia carriera
scolastica.

Ho conosciuto colleghi italiani e stranieri
che mi hanno confermato con il loro
impegno, la loro professionalità, la loro
serietà, il loro entusiasmo che nonostante
tutto ha ancora un certo valore essere
insegnanti oggi.

E’ stato esaltante conoscere da vicino usi,
costumi, tradizioni e storia del popolo
armeno e scoprire che il progetto che ho
proposto alla collega francese (approvato
durante il soggiorno) poteva trovare punti
in comune non solo con i cugini d’oltralpe,
ma anche con la realtà dei colleghi armeni.


Ripensando alle tematiche proposte durante il seminario, ne ricordo una in particolare
che mi sono riproposta di approfondire durante la pausa didattica estiva in vista dei
progetti eTwinning per il prossimo anno scolastico.
Durante la panificazione di un progetto eTwinning è indispensabile aver presente le
finalità e modalità dell’utilizzo delle tecnologie, l’azione educativa e didattica di un
progetto eTwinning deve mirare soprattutto alla formazione di competenze e l’uso
degli strumenti tecnologici deve risultare efficace ed efficiente, quindi privilegiare
una didattica formativa, una didattica che miri, non solo alla trasmissione dei saperi,
ma anche e soprattutto ai processi attraverso i quali si realizza sia l’acquisizione delle
conoscenze, sia la formazione delle capacità e degli atteggiamenti. E’ in tale
prospettiva che va visto l’impiego delle tecnologie multimediali.


Proprio in quest’ottica è stato sviluppato
l’intervento di Donatella Nucci dell’Unità
Nazionale eTwinning Italia.
I docenti conoscono la tassonomia di
Bloom con la classificazione degli obiettivi
educativi elaborata negli anni ’50 e poi
rivisitata agli inizi del nuovo millennio.
Essa è stata riportata recentemente in auge
attraverso varie catalogazioni e declinazioni
inerenti le nuove tecnologie e il settore
digitale.

La tassonomia di Bloom è molto
diffusa/ha e ha trovato applicazione
nella didattica assistita dalle Nuove
Tecnologie e prevede 6 livelli di
complessità' crescente: 1) ricordare,
2) capire, 3) applicare, 4) analizzare,
5) valutare, 6) creare.
E' certamente uno schema di grande
utilità per la quantità di risorse
didattiche proposte e per l'opportunità di
ritrovarle catalogate in relazione alla
dimensione del processo cognitivo.
La tassonomia rispetta in modo concreto quelle che molto probabilmente saranno le
abilità richieste a coloro che
useranno nel prossimo futuro la
rete per le loro professioni.
Interessante il fatto che sulla
piramide della tassonomia in
corrispondenza dei sei livelli si
evidenzino gli strumenti
multimediali che concorrono a
sviluppare il processo cognitivo.







Si fornisce un esempio di applicazione con la sua descrizione:





Giovanna Succio Istituto Comprensivo “Don Evasio Ferraris”
di Cigliano, docente di Lingua Inglese presso la Secondaria
di primo grado “Anna Frank” di Borgo d’Ale (Vercelli)









(sitografia consigliata da cui sono tratte le immagini relative alla classificazione digitale di Bloom:
http://mymood.altervista.org/learning/una-nuova-scuola/44-il-sistema-scuola/121-tassonomia-digitale-
http://youtu.be/6rDLzktQ13E
http://edorigami.wikispaces.com/Bloom%27s+and+ICT+tools)
CREATING: VOICETHREAD
Strumento che consente di
utilizzare immagini, commentarle
e infine condividere il prodotto
https://voicethread.com/#u928784
EVALUATING: SURVEYMONKEY
Permette di effettuare delle
indagini conoscitive mediante
sondaggi e questionari di facile
creazione
www.surveymonkey.com
ANALYZING: GOOGLE EARTH
Semplifica la creazione di mappe
con annotazioni, percorsi,
aggiunta di testi, immagini e
video.
http://www.google.com/earth/

APPLYING: WIKIPEDIA
Sito web che permette ai propri
utenti di aggiungere, modificare o
cancellare contenuti.
www.wikipedia.org
UNDERSTANDING: BUBBL.US
Offre la possibilità di generare e
condividere direttamente online le
proprie “mappe mentali”.
http://bubbl.us
REMEMBERING: DEL.ICIO.US
Consente di memorizzare e
visualizzare i propri segnalibro da
qualsiasi computer e condividerli.
http://www.delicious.com/