You are on page 1of 36

Comune di Rimini

Unit Progetti Speciali






STUDIO DI FATTIBILIT
Viabilit Santa Giustina
Circonvallazione Santa Giustina




PROGETTISTA GENERALE CON COMPITI DI COORDINAMENTO: Geom. Renzo Zannoni

PROGETTISTI: Ing. Anna Paola Oliva
Arch. Tommaso Zappata

ELABORATI GRAFICI: Geom. Stefano Gnoli

COLLABORATORI ALLA PROGETTAZIONE: Arch. Donata Bigazzi
Ing. Danilo Ronchi
Ing. Chiara Semprini
Dott.ssa Elena Favi
P.I. Igino Vichi

COORDINATORE DELLA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE: Geom. Giuseppe Savoretti

RELAZIONE GEOLOGICA E GEOTECNICA: Studio Geologi Associati
Dott. Flavio Carlini e Geol. D. Bastianelli

RILIEVI: Geom. Stefano Scarponi

REDAZIONE DEGLI STUDI AMBIENTALI: AIRIS S.r.l.

RESPONSABILE UNICO DI PROCEDIMENTO Ing. Massimo Totti

PROCEDURA VARIANTE URBANISTICA: Arch. Alberto Fattori
Arch. Rita Bucci
Geom. Daniela Delvecchio
Dott.ssa Paola Bartolucci
Arch. Maria Corvino

PROCEDURA ESPROPRIATIVA: Dott.ssa Anna Errico
Dott.ssa Francesca Gabellini
Geom. Luca Pulcinelli

Documento A
RELAZIONE ILLUSTRATIVA
Aprile 2014


1
INDICE



1 PREMESSA pag. 2


2 INQUADRAMENTO TERRITORIALE E
INDICAZIONE DEI TRACCIATI ESAMINATI pag. 4


2.1 - SOLUZIONE 1 pag. 5


2.2 - SOLUZIONE 2 pag. 10


2.3 - SOLUZIONE 3 pag. 13


2.4 - SOLUZIONE 4 pag. 16


2.5 - SOLUZIONE 5 pag. 19


3 - SOLUZIONE 5 - SCELTA DELLA GIUNTA
COMUNALE - INQUADRAMENTO URBANISTICO pag. 21


4 SCELTA DELLA GEOMETRIA DELLA STRADA pag. 28


5 SCELTA DEL TRACCIATO DELLA STRADA pag. 33



2
1 - PREMESSA

La nuova viabilit in localit Santa Giustina oggetto di attenzioni da parte
dellAmministrazione Comunale fin dallanno 2006 quando stato studiato il tracciato per
collegare la Strada Statale n. 9 Emilia alla nuova Strada di Gronda in territorio del Comune di
Santarcangelo.
La previsione di tale nuova infrastruttura stradale stata inserita tra i 6 interventi di
completamento della rete stradale oggetto della delibera di Consiglio Comunale n. 31 del 6
marzo 2008 in cui stato approvato lo schema della rete stradale funzionale al territorio e di
riferimento per la redazione dei piani di settore, quale primo adempimento amministrativo
successivo alla delibera di Consiglio Comunale n. 170 del 7 dicembre 2006, con la quale sono
state approvate le Linee Guida per la redazione del Piano Urbano della Mobilit del Comune di
Rimini.

Dal momento che il tracciato della nuova Circonvallazione di Santa Giustina con variante alla
Strada Statale n. 9 avrebbe intercettato anche la sede della Autostrada A14, oggetto dei lavori
di ampliamento con la realizzazione della 3^ corsia, i Responsabili della Direzione
Infrastrutture, Mobilit e Ambiente hanno segnalato, con propria nota n. 138442 del 30 luglio
2008, tale nuova infrastruttura tra le opere di ottimizzazione sulla viabilit interferita
dallintervento di ampliamento della 3^ corsia da Rimini a Pedaso.
Purtroppo il Consiglio Comunale con la delibera nella quale lo stesso ha avanzato le
prescrizioni per la procedura di Valutazione di Impatto Ambientale per il progetto di
ampliamento della 3^ corsia da Rimini a Pedaso dellAutostrada A14 Bologna-Bari-Taranto,
non ha n recepito la suddetta indicazione n ribadito le scelte gi oggetto della delibera di
Consiglio Comunale n. 31 del 6 marzo 2008.

Successivamente e per individuare una possibile soluzione per garantire lo spostamento
dellinnesto della nuova Circonvallazione di Santa Giustina sul lato mare dellAutostrada A14,
maturata lesigenza di verificare con i vari Responsabili come sottopassare linfrastruttura
autostradale.
A tale scopo stato fatto in data 24 febbraio 2009 un incontro tra la Societ Autostrade S.p.A.,
la Provincia di Rimini, il Comune di Rimini ed il Comune di Santarcangelo durante il quale il
Rappresentante della Societ Autostrade si era dichiarato disponibile a realizzare un
sottopasso della A14 previa messa a disposizione delle aree necessarie allintervento da parte
degli Enti Locali.

Per risolvere lannoso problema del traffico sulla Strada Statale n. 9 Emilia allinterno della
frazione di Santa Giustina, stato stipulato una Accordo tra la Provincia di Rimini, il Comune di
Rimini ed il Comune di Santarcangelo, delibera della Giunta Comunale di Rimini n. 320 del
08.09.2009.
Nellaccordo la Provincia ha assunto lonere di verificare la compatibilit con gli strumenti
urbanistici, effettuare i rilievi necessari a predisporre il progetto preliminare sul quale impostare
la variante urbanistica a carico del Comune di Rimini, oltre ad inserire lopera nel proprio Piano
Triennale dei Lavori Pubblici.

Ogni oneri per la predisposizione del progetto preliminare stimato in . 100.000,00 stato
sostenuto in parti uguali tra Provincia e Comune di Rimini.

Il Comune di Rimini e nella fattispecie lU.O. Opere a Rete, ha predisposto uno studio di
fattibilit del tracciato che ha subito varie modifiche nei vari incontri tenuti tra le Parti, per
arrivare a quello definitivo che prevedeva di aggirare la frazione di Santa Giustina ed evitare
anche la localit di San Martino, congiungendo il tratto della Strada Statale n. 9 Emilia gi
attualmente ha quattro corsie con la Strada di Gronda.


3
Tale scelta del tracciato stata approvata dalla Giunta del Comune di Rimini nella Seduta del
9 febbraio 2010 sulla base di un Referto presentato dai Tecnici della Direzione Infrastrutture,
Mobilit e Ambiente.
Dato che i tempi erano stretti ed il preliminare non ancora pronto, sul tracciato individuato nello
Studio di Fattibilit, per evitare che fossero rilasciate nuove concessioni, rendendo inutile ogni
tipo di programmazione stata predisposta dai Responsabili della Direzione Pianificazione e
Gestione Territoriale la variante urbanistica, che stata adottata con delibera di Consiglio
Comunale n. 11 del 27 gennaio 2011.

I costi della nuova opera, stimati intorno ai 10-12 milioni di euro, sono stati interamente posti a
carico del Comune di Rimini e della Provincia di Rimini, dato che il Comune di Santarcangelo
aveva gi previsto il proseguimento della viabilit allinterno delle opere di urbanizzazione
dellespansione della confinante zona artigianale.

Nell incontro tenutosi il 18 maggio 2011 tra Provincia, Comune di Rimini e Societ Autostrade,
i Rappresentanti di questultima hanno dichiarato che il sottopasso, di cui si era parlato
nellincontro del febbraio 2009, non era stato inserito nel progetto di ampliamento della 3^
corsia in quanto ancora non era stato approvato il progetto esecutivo della nuova viabilit di
Santa Giustina.

In questo contesto si inserito poi il cambio dellAmministrazione sia a livello provinciale che a
livello comunale e per carenza di risorse finanziarie la nuova viabilit di Santa Giustina oggetto
degli accordi stipulati tra i precedenti amministratori, non stata inserito tra i propri Piani e
Prgrammi.

Nellincontro del 11 novembre 2011 tenuto presso la Provincia di Rimini tra gli Assessori ai
Lavori Pubblici di Provincia e Comune di Rimini, unitamente ai propri Tecnici, stato fatto il
punto sulla situazione della nuova Circonvallazione di Santa Giustina per arrivare alle seguenti
conclusioni:
a) il tracciato sul quale stata predisposta la variante urbanistica dal Comune di Rimini ed il
progetto preliminare dalla Provincia, stato oggetto di parere negativo della Provincia
Settore Urbanistica in quanto il tratto previsto a mare della A14 non sarebbe conforme al
PTCP;
b) questa situazione ha reso inutile prevedere qualsiasi attraversamento dellAutostrada
facendo di fatto cadere le intese con la Societ Autostrade;
c) con tale nuovo scenario si ritornati alla soluzione del febbraio 2003 con la necessit di
prevedere linnesto della nuova Circonvallazione di Santa Giustina con una rotatoria sulla
Strada Statale n.9 in prossimit del Cimitero;
d) per dare seguito a tale nuovo progetto dovranno essere effettuati dei rilievi aggiuntivi per
raccordare il nuovo tracciato con la Strada Statale n. 9;
e) dal momento che previsto lampliamento dellimpianto di depurazione, sar necessario
prevedere un nuovo accesso collegato alla nuova Circonvallazione Santa Giustina che si
discosti dallattuale gi insufficiente per servire lattuale impianto;
f) lAssessore Biagini ha chiesto alla Provincia di lasciare momentaneamente in sospeso
lemissione del parere negativo, per consentire un periodo di riflessione al fine di giungere a
una soluzione concordata, tenuto conto anche entrambi gli enti non hanno al momento le
disponibilit finanziare per eseguire lopera.


4
2 - INQUADRAMENTO TERRITORIALE E INDICAZIONE DEI TRACCIATI ESAMINATI

La nuova infrastruttura stradale da prevedere in localit Santa Giustina si inserisce nel seguente
contesto territoriale.





Seguendo le indicazioni del Decreto Legislativo 12 aprile 2006 n^ 163 Codice dei Contratti
Pubblici - e del Decreto del Presidente della Repubblica 5 ottobre 2010 n^ 207 Regolamento di
esecuzione e di attuazione la scelta del tracciato della nuova infrastruttura stradale stata
compiuta attraverso la valutazione di fattibilit tecnica ed amministrativa e lanalisi SWOT condotte
su 5 diverse soluzioni che di seguito si riportano.












5

2.1 - SOLUZIONE 1
Tracciato oggetto della delibera di Consiglio Comunale n^ 11 del 27 gennaio 2011

Viene riportata di seguito lanalisi sul tracciato della nuova infrastruttura stradale in localit Santa
Giustina identificato come Soluzione 1 secondo il quale stata predisposta la variante urbanistica
adottata con delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 27 gennaio 2011, con la quale stato
apposto anche il vincolo preordinato allesproprio.


















6
Sovrapposizione di massima di tale ipotesi di tracciato sulla tavola di P.R.G. vigente.

























7
A seguito delladozione della variante urbanistica, sono pervenute allAmministrazione n^ 32
Osservazioni e qui di seguito si riporta una planimetria con la loro localizzazione di massima.































8
Sovrapposizione del tracciato sulla Tavola B del Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale
della Provincia di Rimini Tutela del patrimonio paesaggistico nella quale si vede il tratto del
tracciato che ricade nellambito delle Zone di tutela dei caratteri ambientali di laghi, bacini e corsi
dacqua (art. 5.4) per il quale lUfficio Urbanistica della Provincia di Rimini ha espresso parere
negativo.






















9
Analisi SWOT


























10
2.2 - SOLUZIONE 2
Tracciato conforme al Piano Regolatore Generale vigente

Viene riportata di seguito lanalisi sul tracciato conforme al P.R.G. identificata come Soluzione 2.






















11
Sovrapposizione di massima tale ipotesi di tracciato sulla tavola di P.R.G. vigente nella quale si
vede la conformit.
























12
Analisi SWOT


























13
2.3 - SOLUZIONE 3
Interramento della Strada Statale n^ 9

Viene riportata di seguito lanalisi sullipotesi di interramento della Strada Statale n^ 9 nel tratto di
attraversamento dellabitato di santa Giustina identificata come Soluzione 3.






















14

Sovrapposizione di massima di tale ipotesi di tracciato sulla tavola di P.R.G. vigente.
























15
Analisi SWOT



























16
2.4 - SOLUZIONE 4
1^ ipotesi circonvallazione di Santa Giustina con innesto a monte dellA14

Viene riportata di seguito lanalisi sul tracciato della nuova viabilit con linnesto sulla Strada
Statale n^ 9 Emilia secondo un tracciato corto, identificato come Soluzione 4.





















17
Sovrapposizione di massima di tale ipotesi di tracciato sulla tavola di P.R.G. vigente.

























18
Analisi SWOT



























19

2.5 - SOLUZIONE 5
2^ ipotesi circonvallazione di Santa Giustina con innesto a monte dellA14

Viene riportata di seguito lanalisi sul tracciato della nuova viabilit con linnesto sulla Strada
Statale n^ 9 Emilia secondo un tracciato pi lungo, identificato come Soluzione 5.




















20

Analisi SWOT


























21
3 SOLUZIONE 5 - SCELTA DELLA GIUNTA COMUNALE - INQUADRAMENTO
URBANISTICO

Dal confronto delle 5 Soluzioni analizzate ed in base alle analisi SWOT condotte, la Giunta
Comunale nella seduta del 7 gennaio 2014 con proprio Referto n. 12399 del 22 gennaio 2014 ha
deciso di procedere con la Soluzione 5.

A tal riguardo si riporta di seguito linquadramento urbanistico di riferimento per lo sviluppo della
progettazione della nuova infrastruttura stradale in localit Santa Giustina.



Sovrapposizione di massima di tale ipotesi di tracciato sulla tavola di P.R.G. vigente.













22
Sovrapposizione di massima di tale ipotesi di tracciato sulla tavola 1.1a del Piano Strutturale
Comunale adottato.























23
Sovrapposizione di massima di tale ipotesi di tracciato sulla tavola 1.2a del Piano Strutturale
Comunale adottato.























24
Sovrapposizione di massima di tale ipotesi di tracciato sulla tavola 3 del Piano Strutturale
Comunale adottato.























25
Sovrapposizione di massima di tale ipotesi di tracciato sulla tavola A del Piano Territoriale di
Coordinamento Provinciale vigente.























26
Sovrapposizione di massima di tale ipotesi di tracciato sulla tavola B del Piano Territoriale di
Coordinamento Provinciale vigente.























27
Sovrapposizione di massima di tale ipotesi di tracciato sulla tavola D del Piano Territoriale di
Coordinamento Provinciale vigente.
























28
4 SCELTA DELLA GEOMETRIA DELLA STRADA

Il quadro normativo di riferimento per la scelta della geometria della nuova strada trova
fondamento nel Nuovo Codice della Strada approvato con Decreto Legislativo n^ 285 del 30
aprile 1992 e successive modifiche ed integrazione, che ha previsto allarticolo 13 lemanazione
da parte del Ministro dei Lavori Pubblici delle norme funzionali e geometriche per la costruzione,
il controllo ed il collaudo delle strade, dei relativi impianti e servizi ad eccezione di quelle di
esclusivo uso militare.

Pertanto le scelte da operare devono trovare riscontro con quanto stabilito dal Decreto del
Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti 5 novembre 2001 in merito alle Norme funzionali e
geometriche per la costruzione delle strade che in base alle norme richiamate nello stesso
Decreto, rappresentano dei criteri indispensabili per una corretta progettazione dellasse e della
sezione stradale che tra le varie finalit, vi ricompresa anche quella relativa alla riduzione
dellinquinamento acustico ed atmosferico.

A tal riguardo si richiama lintroduzione delle Norme funzionali e geometriche per la costruzione
delle strade emanate dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, dove viene sottolineato
che le stesse norme sono improntate alla sicurezza della circolazione di tutti gli utenti della
strada, alla riduzione dellinquinamento acustico ed atmosferico ed al rispetto dellambiente.

La nuova strada che si intende progettare deve essere destinata alla circolazione dei veicoli
comprese le biciclette e dei pedoni e le norme funzionali e geometriche per la costruzione
definiscono quindi i criteri per la progettazione dei suoi aspetti funzionali e degli elementi
geometrici nel rispetto della sua classificazione secondo il Codice della Strada, sottolineando
che la sua qualificazione funzionale deve basarsi sul tipo di utenti e di attivit ammesse con
riferimento alla situazione ambientale di Santa Giustina.

I criteri di progettazione che saranno seguiti riguarderanno gli elementi geometrici dellasse e
della piattaforma della nuova strada, scelti in modo tale da garantire sicurezza e regolarit nella
circolazione degli utenti ammessi.

Avendo fatto ricorso ad un Soggetto specializzato in materia per le valutazioni degli impatti
ambientali connessi con la nuova strada, la scelta progettuale per definire la sezione stradale e
lintervallo della velocit di progetto, sar determinata sulla base della domanda di trasporto
individuata dal volume orario di traffico, dalla sua composizione e dalla velocit media di
deflusso.

Attraverso quindi la definizione della natura e quantit di traffico interessata dalla nuova strada
in progetto, saranno effettuate le varie scelte tra cui il numero delle corsie di marcia della
sezione stradale e della loro tipologia, mentre lintervallo di velocit di progetto sar determinato
sulla base dellambiente attraversato, delle caratteristiche plano-altimetriche dellasse e delle
dimensioni dei vari elementi della sezione.

Come indicato dalle stesse Norme funzionali e geometriche per la costruzione delle strade
emanate dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, la funzionalit e sicurezza della nuova
strada in progetto da coordinare con il rispetto delle risorse ambientali e con lo sviluppo socio-
economico dellarea territoriale di Santa Giustina, legata strettamente alla individuazione di un
ordinamento delle infrastrutture della rete stradale esistente e alla funzione da assolvere per la
quale viene pensata.

A tale scopo opportuno eseguire una valutazione complessiva delle reti stradali esistenti per
definire per tali reti un preciso rapporto gerarchico basato sulla individuazione della funzione
assolta dalla rete nel contesto territoriale in cui si colloca Santa Giustina e nellambito del
sistema globale delle infrastrutture stradali.

29
In base alle indicazioni delle Norme funzionali e geometriche per la costruzione delle strade, i
fattori fondamentali che nel caratterizzare le reti stradali dal punto di vista funzionale,
consentono di collocare una rete oggetto di studio in una classe precisa, sono:
- tipo di movimento servito quale
- di transito
- di distribuzione
- di penetrazione
- di accesso
- entit dello spostamento inteso come distanza mediamente percorsa dai veicoli
- funzione assunta nel contesto territoriale attraversato
- collegamento nazionale
- interregionale
- provinciale
- locale
- componenti di traffico e relative categorie
- veicoli leggeri
- veicoli pesanti
- motoveicoli
- pedoni

Le stesse Norme funzionali e geometriche stabiliscono quattro livelli di rete in base alla
classificazione funzionale delle strade prevista dallarticolo 2 del Codice della Strada ed ai
quattro fattori fondamentali sopra riportati, e precisamente:

Strade corrispondenti secondo Codice
Rete
in ambito extraurbano in ambito urbano
a - Rete primaria
(di transito,
scorrimento)
Autostrade extraurbane
strade extraurbane principali
Autostrade urbane
strade urbane di scorrimento
b - Rete principale
(di distribuzione)
Strade extraurbane principali Strade urbane di scorrimento
c - Rete secondaria
(di penetrazione)
Strade extraurbane secondarie Strade urbane di quartiere
d - Rete locale
(di accesso)
Strade locali extraurbane Strade locali urbane

Tali quattro livelli di rete sono caratterizzati dai seguenti fattori fondamentali:

RETE PRIMARIA
- movimento servito: transito, scorrimento
- entit dello spostamento: distanze lunghe
- funzione nel territorio: nazionale e interregionale in ambito extraurbano, di intera area urbana in
ambito urbano
- componenti di traffico: componenti limitate

RETE PRINCIPALE
- movimento servito: distribuzione dalla rete primaria alla secondaria ed eventualmente alla locale
- entit dello spostamento: media distanza
- funzione nel territorio: interregionale e regionale in ambito extraurbano, interquartiere in ambito
urbano
- componenti di traffico: componenti limitate

RETE SECONDARIA
- movimento servito: penetrazione verso la rete locale
- entit dello spostamento: distanza ridotta

30
- funzione nel territorio: provinciale e interlocale in ambito extraurbano, di quartiere in ambito
urbano
- componenti di traffico: tutte le componenti

RETE LOCALE
- movimento servito: accesso
- entit dello spostamento: breve distanza
- funzione nel territorio: interlocale e comunale in ambito extraurbano, interna al quartiere in ambito
urbano
- componenti di traffico: tutte le componenti

Una volta individuata la classe funzionale di ciascuna delle reti stradali formanti il sistema globale,
si passa a definire le caratteristiche duso e di collocazione pi idonea per le strade che
compongono la singola rete.
In linea teorica la funzione principale assegnata alla singola strada deve coincidere con quella
propria della rete di appartenenza, ma in realt si pu raggiungere solo una coerenza funzionale
tra rete ed elemento stradale.
Pertanto a tale scopo le Norme funzionali e geometriche prevedono che per ogni singolo tronco
stradale, siano definite delle funzioni principali e delle eventuali funzioni secondarie utili per
garantire il buon funzionamento della rete, secondo il seguente schema:

Tipo di strada
Funzione
Primaria Principale Secondaria Locale
Transito,
scorrimento
O X

Distribuzione
X O X

Penetrazione
X O X
Accesso
X O
O funzione principale propria
X funzione principale della classe adiacente

Per il buon funzionamento del sistema globale necessaria una chiara attribuzione di funzioni alle
singole reti ed una precisa individuazione delle funzioni principali e secondarie per le strade che
compongono la singola rete.

Inoltre per assicurare il funzionamento del sistema globale devono essere aggiunte le
interconnessioni che, se omogenee, collegano strade della stessa rete, e se disomogenee
collegano, di norma, strade appartenenti a reti di livello funzionale adiacente, con individuazione
delle seguenti classi:
- interconnessione primaria (nella rete primaria e tra rete primaria e rete principale)
- interconnessione principale (nella rete principale e fra rete principale e rete secondaria)
- interconnessione secondaria (nella rete secondaria e tra rete secondaria e rete locale)
- interconnessione locale (nella rete locale).

Allinterno di un sistema globale di reti esistenti possibile lassenza di qualche livello funzionale e
questo risulta accettabile purch venga rispettato lordinamento gerarchico dei movimenti fra
elementi stradali gerarchicamente pi prossimi.

La situazione delle reti esistenti nel contesto territoriale in cui si colloca Santa Giustina la
seguente:




31


La nuova infrastruttura stradale si inserisce in un ambito territoriale dove sono presenti le seguenti
reti definite seguendo i criteri indicati dalle Norme funzionali e geometriche per la costruzione delle
strade:
- Autostrada A14 Rete primaria di transito
- Strada Statale n^ 9 Rete principale di distribuzione
- Via Tolemaide-Via Padre Tosi Rete secondaria di penetrazione
- Via Trasversale Marecchia Rete secondaria di penetrazione
- Collegamento Via Trasversale Marecchia- Strada Statale n^ 9
in territorio del Comune di Santarcangelo di Romagna
(Strada di Gronda) Rete principale di distribuzione
- Collegamento Strada Statale n^ 9 - Collegamento Via Trasversale
Marecchia- Strada Statale n^ 9
in territorio del Comune di Santarcangelo di Romagna Interconnessione fra la rete
principale e la rete secondaria per
la penetrazione verso la rete locale

La nuova infrastruttura stradale pensata per collegare la Strada Statale n^ 9, rete principale di
distribuzione, con il collegamento Via Trasversale Marecchia - Strada Statale n^ 9 in territorio del
Comune di Santarcangelo di Romagna, rete secondaria di penetrazione, da inquadrare come una
componente della rete secondaria di penetrazione perch ha le seguenti caratteristiche indicate
dalle Norme funzionali e geometriche per la costruzione delle strade:
- movimento servito: penetrazione verso la rete locale
- entit dello spostamento: distanza ridotta
- funzione nel territorio: di quartiere in ambito urbano
- componenti di traffico: tutte le componenti.

Dal momento che Santa Giustina si trova in ambito urbano e deve essere rispettato il limite di
velocit dei 50 Km/h in base al Codice della Strada, la classificazione della nuova infrastruttura
stradale deve tenere conto anche di quanto stabilito dallarticolo 2 dello stesso Codice.


32
Per tale ragione la nuova infrastruttura stradale nellambito territoriale di Santa Giustina viene
individuata come Strada Locale di tipo F con le caratteristiche tecniche e funzionali necessarie
per natura e quantit di traffico a cui destinata.

La sezione di tale nuova strada viene di seguito riportata.












33
5 SCELTA DEL TRACCIATO DELLA STRADA

Il tracciato che il Gruppo di Progettazione ha sviluppato per il livello preliminare del progetto il
seguente:



























34
Al fine di una maggiore trasparenza e condivisione delle scelte progettuali, a tutti i Soggetti
interessati dal tracciato stata data comunicazione di avvio del procedimento ai sensi degli artt. 7 e
segg. della Legge n. 241/1990 e s.m.i., allegando in copia una planimetria in formato A3 con il
tracciato seguente:

Dal momento che un numero rilevante di tali Soggetti ha presentato le proprie osservazioni non
solo scritte ma anche direttamente in ufficio ai Responsabili del Comune di Rimini negli incontri
concordati, il Gruppo di Progettazione ha recepito alcuni rilievi avanzati aggiornando il tracciato del
progetto da sottoporre al Procedimento Unico ai sensi degli articoli 36ter e seguenti della Legge
Regionale del 24 Marzo 2000 n^ 20, nel seguente modo:


35



Rimini, aprile 2014


Il Dirigente Unit Progetti Speciali
Ing. Massimo Totti