You are on page 1of 103

Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a.

Input per impalcati 1


Capitolo 2 C.D.S. Win
Esempio svolto - Struttura in c.a.
Input per impalcati
Esempio svolto - INTRODUZIONE
Questo documento costituisce unutile guida passo passo per tutti coloro che si accingono ad
apprendere luso del software CDSWin o semplicemente desiderano valutarne le potenzialit.
Anche con la versione TRIAL , freeware e completa, sar possibile rieseguire tutto il percorso di
seguito descritto, scoprendo tutte le caratteristiche che hanno reso il software CDSWin uno degli
strumenti pi usati e professionali per il calcolo strutturale e la progettazione integrata.
Questo esempio mostra come possibile eseguire un progetto completo di una struttura in c.a..
Verr modellata la struttura riportata in figura in un ambiente 3D estremamente semplice nella
comprensione e nelluso delle sue funzionalit.
Successivamente ne sar eseguito il calcolo, analizzati con laiuto di rappresentazioni colormap i
risultati, ottenuti i disegni degli esecutivi con un alto livello di automazione e potenti strumenti di
controllo sulle manipolazioni manuali. Infine verr stampata la relazione di calcolo completa e
personalizzabile.
Per una pi rapida comprensione del programma, tutte le fasi opzionali, saranno rimandate alla
sezione finale di Approfondimenti.
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 2
CAPITOLO 2 C.D.S. WIN ESEMPIO SVOLTO - STRUTTURA IN C.A. INPUT PER IMPALCATI ........... 1
Esempio svolto - INTRODUZIONE............................................................................................................................ 1
Utilizzo del mouse ............................................................................................................................................................. 4
2.1.Gestione dei progetti................................................................................................................................................... 4
2.2.DATI GENERALI ...................................................................................................................................................... 4
INPUT PER IMPALCATI............................................................................................................................................... 4
2.3.1. Elementi strutturali ................................................................................................................................................ 4
2.3.1.1. ARCHIVI............................................................................................................................................................... 4
2.3.1.4. Tipologie di carico................................................................................................................................................. 5
2.3.1.2. FILI FISSI.............................................................................................................................................................. 6
2.3.2.1. Uso del DXF Architettonico................................................................................................................................ 10
2.3.1.3. QUOTE................................................................................................................................................................ 10
2.3.1.4. PIASTRA DI FONDAZIONE............................................................................................................................. 11
2.3.1.6. INPUT ELEMENTI Quota 1............................................................................................................................... 13
2.3.1.7. INPUT ELEMENTI Quota 2............................................................................................................................... 16
2.3.1.8. INPUT ELEMENTI Quota 3............................................................................................................................... 23
2.3.1.9. INPUT ELEMENTI Quota 4 - Copertura............................................................................................................ 30
2.3.2. Input per impalcati - Carichi............................................................................................................................... 35
2.3.2.1. Pannelli ............................................................................................................................................................... 36
2.3.2.2. Pannelli speciali .................................................................................................................................................. 37
2.3.2.3. Carichi speciali ................................................................................................................................................... 38
2.3.2.4. Tamponature....................................................................................................................................................... 39
2.3.2.5. Ballatoi................................................................................................................................................................ 40
2.3.2.6. Spinte setti .......................................................................................................................................................... 42
2.3.3. Vincoli ................................................................................................................................................................... 44
2.3.4. Generazione Solai ................................................................................................................................................ 44
2.3.5. Generazione 3D.................................................................................................................................................... 44
2.4. CALCOLO............................................................................................................................................................... 46
2.5. VISUALIZZAZIONE RISULTATI....................................................................................................................... 47
2.6. ESECUTIVI ............................................................................................................................................................. 56
2.6.1. Esecutivi Setti ......................................................................................................................................................... 56
2.6.2. Esecutivi Piastre...................................................................................................................................................... 61
2.6.3. Esecutivi Travi........................................................................................................................................................ 63
2.6.4. Esecutivi Pilastri ..................................................................................................................................................... 70
2.6.5. Riverifiche T.A. ...................................................................................................................................................... 72
2.6.6. Verifiche S.L.E. (Stati Limite di Esercizio)............................................................................................................ 72
2.7. Assemblaggio Tavole ............................................................................................................................................... 75
2.8. Stampa Relazione di Calcolo .................................................................................................................................. 79
2.9. ACR - Computo metrico ......................................................................................................................................... 80
APPROFONDIMENTI .................................................................................................................................................. 91
2.1.Gestione dei progetti................................................................................................................................................. 91
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 3
2.2.DATI GENERALI.....................................................................................................................................................92
2.2.1. DATI STRUTTURA...............................................................................................................................................92
2.2.2. DATI PER LA GENERAZIONE SPAZIALE........................................................................................................93
2.2.3. PARAMETRI SISMICI ..........................................................................................................................................93
2.2.4. CRITERI DI PROGETTO......................................................................................................................................94
2.2.5. COEFFICIENTI DI RISPOSTA.............................................................................................................................94
2.2.6. PARAMETRI ANALISI DINAMICA ...................................................................................................................95
INPUT PER IMPALCATI .............................................................................................................................................96
2.3.1.1. ARCHIVI .............................................................................................................................................................96
2.3.1.1. Status Impalcati ....................................................................................................................................................96
2.3.1.2. Archivio sezioni ...................................................................................................................................................96
2.3.1.3. Terreni per spinte .................................................................................................................................................97
2.3.2.1. Uso del DXF Architettonico ................................................................................................................................97
Dettaglio Archivio Sezioni................................................................................................................................................99
2.3.3. Vincoli..................................................................................................................................................................101
2.3.4. Generazione Solai ...............................................................................................................................................101
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 4
Utilizzo del mouse
In tutte le fasi in cui sar richiesto linserimento di dati, possibile avvalersi dei valori di default
suggeriti dal programma con il semplice INVIO.
Questa funzione eseguibile anche con il tasto destro del mouse, mentre un clic del tasto sinistro
seleziona un elemento.
2.1.Gestione dei progetti

Vedere sezione Approfondimenti.
2.2.DATI GENERALI
I Dati Generali sono gi impostati di default. I dati standard possono essere modificati.
Per maggiori dettagli vedere la sezione Approfondimenti.
INPUT PER IMPALCATI
2.3.1. Elementi strutturali
Passare alla modellazione della struttura e allinserimento dei carichi.
Il tipo di struttura che ci si accinge a studiare rientra nella tipologia che ricopre la gran parte del
campo dellingegneria edile: gli edifici che si sviluppano per piani.
Per la modellazione di questo tipo di strutture stato creato un ambiente di input adatto, che rende
estremamente agevole linserimento di elementi strutturali e carichi, suddivisi nelle tipologie
classiche.
Linput avviene per piani, definiti dalle quote, e gli elementi fanno riferimento ai fili fissi .
Entrare quindi nell Input per impalcati
2.3.1.1. ARCHIVI
Vedere sezione Approfondimenti.
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 5
2.3.1.4. Tipologie di carico
Larchivio dei carichi pu essere definito e modificato in ogni fase.
A titolo di esempio creare tre tipologie di carico che saranno richiamate in seguito.
La prima voce dellarchivio presenta dei dati di dafault classici: peso proprio 300 Kg/mq;
sovracc. Perman. 200 Kg/mq; sovracc. acc. 100 Kg/mq; Perc. Riduzione sismica 33%.
Aggiungere solo due stringhe descrittive: solaio tipo 1 e civile abitazione .
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 6
Definire le 2 altre tipologie:
Tipologia n 2 Tipologia n 3
Peso Proprio Kg/mq 150 0
Sovr. Permanente Kg/mq 50 100
Sovr. Accidentale Kg/mq 0 100
Coeff. riduzione sovraccarichi % 33 33
Carico neve Kg/mq 0 0
Descr.1 Carico tamponatura Sovraccarico platea di
fondazione
Descr.2
2.3.1.2. FILI FISSI
1 - Iniziare la definizione geometrica della struttura inserendo i fili fissi.
Abilitare la numerazione dei fili fissi (NUM.FILI) nella maschera NUMERAZIONI
Richiamare la voce FILI ed inserre i fili aventi le seguenti coordinate:
FILO 1 Ascissa = 5; Ordinata = 8
FILO 2 Ascissa = 5; Ordinata = 12
FILO 3 Ascissa = 5; Ordinata = 16

2 - Attivare la funzione COPIA . Definire un box comprendente i tre fili gi inseriti e assegnare un
DELTA X pari a 5 m e un DELTA Y pari a 0, confermare con OK.
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 7
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 8
3 - Ripetere loperazione definendo un nuovo box contenente i 6 fili e assegnando i seguenti
valori: DELTA X = 9; DELTA Y = 0. Confermare con OK.
4 Definire un altro box contenente i fili 7, 8, 10 e 11, e assegnare DELTA X pari a 0 e DELTA
Y pari a 8.
5 Ripetere la procedura selezionando i fili 15, 16, 10 e 11, con DELTA X = 4m e DELTA Y
nullo
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 9
6 Effettuare Ancora una copia dei fili 17, 19 e 20 in direzione X ad una distanza di 1.5 m e 0 in
direzione Y, quindi copiare nuovamente gli stessi tre fili a distanza 10.5 m in direzione X e o in Y.
7 eseguire unultima copia dei fili 25, 13, 15, 19 e 22 con DELTA X = 0 e DELTA Y = -1.5.
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 10
2.3.2.1. Uso del DXF Architettonico
Vedere sezione Approfondimenti.
2.3.1.3. QUOTE
12 - Definire adesso i vari piani accedendo alla procedura di gestione delle quote.
Inserire i seguenti dati:
QUOTA 1 QUOTA 2 QUOTA 3 QUOTA 4
Altezza 1.5 3 6 9
Tipo di piano Interpiano Piano sismico Piano sismico Piano sismico
Per maggiori informazioni e chiarimenti circa lattributo di piano sismico / interpiano, vedi in
Appendice: Caratteristiche del piano sismico
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 11
Albero delle Quote
2.3.1.4. PIASTRA DI FONDAZIONE
Procedere con linserimento degli elementi strutturali, definendo la piastra di fondazione.
13 Selezionare la voce PIASTRE e, cliccando sullicona SCELTA QUOTA ATTIVA ,
posizionarsi alla quota 0 (cliccando con il mouse sullalbero delle quote).
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 12
14 Con INVIO o Tasto destro del mouse viene assegnato in automatico il numero identificativo
della piastra (primo libero. N.B.:vale in ogni maschera). Con INVIO, o tasto destro del mouse, appare
larchivio delle sezioni; inserire i valori: Spessore = 40; Kwinkler = 5; Tipo di materiale = 1.
15 Selezionare i fili 7, 24, 26 e 14 come vertici della piastra. Scegliere la tipologia di carico n 3,
sovraccarico platea di fondazione. N.B.. il peso proprio degli elementi strutturali inseriti viene
calcolato in automatico dal programma; quindi non consentito inserire tipologie di carico che
prevedono questo carico (diverso da 0)
Insermento della piastra n 1
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 13
16 Attivare licona COPIA e selezionare con il mouse la piastra appena inserita, quindi
creare un box che contenga tutti fili nella parte bassa della schermata. Confermare con OK.
Uscire dalla procedura di copia con licona FINE COMANDO .
2.3.1.6. INPUT ELEMENTI Quota 1
17 Passare alla quota n 1 (icona scelta quota attiva ) e richiamare la voce TRAVI/SETTI
del menu principale.
Inserire lelemento n 1; assegnando 601(un valore tra 601 e 700) al numero di sezione richiesto
accedere allarchivio delle sezioni dei setti. Inserire i seguenti valori: Spessore = 30; Tipo di materiale
= 1; Densit = 0.
Indichare, anche con il mouse, il filo iniziale (7) e quello finale (14). Lascare gli altri valori come
proposto di default.
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 14
18 Con la funzione di COPIA ELEMENTO CORRENTE selezionare il setto n1 e (2 volte
INVIO) riprodurlo tra i fili 7 e 10, ottenendo un secondo setto con le stessa caratteristiche .
19 Con la funzione COPIA possibile effettuare la copia in parallelo degli elementi.
Selezionare il setto n 1 e definire un box tra i fili 7 e 29. Confermare con OK.
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 15
20 Ripetere loperazione con il setto 2 in un box tra i fili 24 e 22. Al termine:
(Tip: per cambiare elemento origine digitare * e selezionare il nuovo con il mouse.)
21 Cambiare la vista attivando la PIANTA/PROSPETTIVA
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 16
2.3.1.7. INPUT ELEMENTI Quota 2
22 Passare alla quota 2 e attivare la procedura di
inserimento dei PILASTRI. Selezionare il filo 7 e scegliere
la sezione 30-30 presente nellelenco(vedi fig. a lato).
Assegnare una rotazione di 0.
Indicare la posizione del pilastro rispetto al filo fisso,
selezionando lopzione 0 nella maschera riportata a lato.
N.B.: le posizioni indicate fanno riferimento alla sezione non
ruotata.
23 Copiare il pilastro 7 in tutto il box contenente i fili 7-19.
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 17
24 Riportare i pilastri inseriti anche alla quota inferiore (quota 1).
Scegliere la 1 come quota attiva e attivare la procedura COPIA DA ALTRA QUOTA .
Indicare la 2 come quota dalla quale copiare e definire con il mouse un box che contenga tutti i pilastri
precedentemente inseriti.
Al termine eseguire Fine Comando .
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 18

PILASTRI
Quota 1 setti e pilastri
25 Tornare alla quota 2 per inserire le travi di elevazione (attivare la voce TRAVI/SETTI).
Inserire la trave n 1; selezionare dallelenco sezioni la sezione 30x40 oppure, premendo INVIO o
il tasto destro del mouse, accedere allarchivio delle sezioni e selezionare la sezione tra quelle
presenti.
Indicare i fili 13 e 15.
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 19
26 Con la funzione ELEMENTO CORRENTE riprodurre la trave 1 tra i fili 13 e 14.
27 Con la funzione di COPIA ELEMENTO possibile effettuare delle copie in parallelo.
Copiare prima la trave n 1 e poi la 2 in un box definito dai fili 7 e 19.
.
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 20
N.B.: lordine in cui vengono selezionati le travi da copiare determina la numerazione degli
elementi creati. Per selezionare un nuovo elemento da copiare premere ABORT oppure digitare *.
28 Trasformare le tavi 3 e 4 (tra i fili 7-10 e 10-17 rispettivamente) in setti: sufficiente
selezionare dal menu TRAVI/SETTI le due travi e cambiare la sezione indicando la 601 invece
dellattuale.
29 Inserire alla stessa quota le travi di fondazione.
Con le stesse modalit inserire una trave tra i fili 1 e 4, scegliendo nellarchivio sezioni a T la
tipologia n 16.
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 21
N.B.: le travi di fondazione sono riconusciute dalla larghezza del magrone (diversa da 0). E
possibile, quindi, definire qualsiasi tipo di sezione per queste travi, e avere fondazioni su pi livelli.
30 Riprodurre la trave appena inserita (n13 ) tra i fili 1-2 e 12-18, utilizzando la procedura
ELEMENTO CORRENTE (*). Attivare anche la numerazione delle aste mediante licona
NUMERAZIONI .
(*) Dopo aver selezionato lelemento da copiare, premere 2 volte INVIO, o tasto destro del mouse,
per creare i nuovi elementi.
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 22
31 Effettuare nuovamente la procedura di COPIA per modellare la maglia di travi di
fondazioni nel box compreso tra i fili 3 e 17.
Eseguire la copia prima della trave 13 e successivamente della 14.
32 - Vedere la prospettiva , avendo attivato anche il RENDERING e la RIPULITURA LINEE
NASCOSTE tra i parametri .
32 Con le funzioni di UNDO e REDO possibile ripercorre a ritroso e in avanti tutti i
passi fin qui fatti.
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 23
2.3.1.8. INPUT ELEMENTI Quota 3
33 Passare alla quota 3 e attivare la voce PILASTRI.
Riportare i pilastri gi presenti alla quota 2 utilizzando la funzione di COPIA DA ALTRA
QUOTA e selezionando il box che li contiene.
Uscire dalla procedura con FINE COMANDO .
34 Inserire gli altri pilastri utilizzando la funzione COPIA in un box contenente i fili 3 e 17.
Nota : in corrispondenza dei fili in cui sono gi definiti dei pilastri , non verr eseguita la copia e
quindi non ci sar sovrapposizione.
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 24
35 Verranno inseriti i pilastri in tutti i fili definiti nel box. Cancellare quello in corrispondenza
del filo 24. (di colore blu in figura)
36 Anche per le travi copiare una parte dalla quota sottostante.
Selezionata la voce TRAVI/SETTI, attivare la procedura di COPIA DA ALTRA QUOTA ,
indicare 2 come quota da cui copiare e definire un box che contenga tutte le travi.
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 25
37 Richiamata la trave 26 modificare la
sezione in una 60x25
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 26
38 modificare le sezioni di alcune altre travi utilizzando la funzione
COPIA ATTRIBUTI :
1- spuntare la voce SEZIONI e confermare (OK)
2- Scegliere come elemento da copiare uno dei setti (es. setto n.3 o 4) e
riportare la sezione sulle travi 22-15-32.


Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 27
3- Ripetere copiando una sezione 30x40 sulle altre travi di fondazione e sui due setti 3 e 4

Trave da cui
copiare

Travi su cui
copiare
Trave da cui
copiare la sezione
Risultato:

4- Dalla trave modificata al punto 37 (n.26) copiare la sezione 60x25 sulle altre 3 travi 27-28-
29
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 28
39 - Dopo aver effettuato le modifiche si otterr la situazione mostrata in figura:
40 Creare delle aperture nei setti selezionando la voce FORI nella toolbar.
Selezionato il setto 32, fornire i seguenti dati:
Base = 120; Altezza = 150; Posizionamento = 0 (libero); X iniziale = 100; Y iniziale = 100.
Confermare con OK.
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 29
41 - Per i setti 22 e 15 utilizzare invece la procedura DEFINIZIONE FORO CON . Dopo aver
selezionato il setto, definire il box graficamente.
42 Copiare il foro del setto 32 sul setto 22. Icona .
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 30
2.3.1.9. INPUT ELEMENTI Quota 4 - Copertura
43 Passaimo alla quota n 4 .
Tramite la funzione COPIA INTERO PIANO effettuare una copia dellimpalcato 3 sulla quota
4.
Indicare 3 come quota origine, e 4 come quota di destinazione. Confermare la cancellazioni di tutti
gli elementi presenti a quota 4.
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 31
Uscire dalla procedura con .
44 Richiamare la voce QUOTE NODI.
Selezionare il nodo 2 ed assegnare un DELTA QUOTE di 180 cm per spostarlo verso lalto. Le
aste inclinate verranno rappresentate con linea tratteggiata.
45 Copiare lattributo DELTA QUOTA del nodo 2 su
due box contenenti i fili 5-8-11 e 10-15-16. Icona .
NOTA: oltre al delta quota, la procedura consente di
gestire anche il piano sismico. Per maggiori dettagli vedere
la APPENDICE a fine capitolo.
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 32
Uscire dalla procedura con licona FINE COMANDO.
46 Richiamare la voce TRAVI e definire le mensole esterne copiando una delle travi (es.
trave n. 1)
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 33
47 Inserire la piastra di copertura, richaimando la voce PIASTRE.
Definire la n1 creando in archivio una sezione di 25 cm, Kwinkler = 0 e materiale 1.
Indicare i fili 7, 24, 26 e 14 come vertici della piastra. Accedere allarchivio dei carichi e definire
una tipologia con i seguenti valori. Peso proprio = 0; Sovracc. Permanente = 100;
Sovracc.Accidentale = 100; Coeff.riduz. sismica = 33%; Carico neve = 120; Descr.1 = sovraccarico
copertura.
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 34
48 Copiare la piastra in tutta la zona delimitata dai fili 22 e 24 .
49 Uno dei principi fondamentali per una corretta modellazione il rispetto della
CONGRUENZA (vedi anche Appendice). Ovvero, due o pi elementi sono realmente collegati tra
loro se hanno dei nodi in comune.
Nellesempio si vede che la piastra n.1 ha un vertice (nodo) al filo 24, mentre la trave n.16 lo
attraversa, andando dal filo 4 al 7. In questo caso non c cucitura in corrispondenza del nodo
corrispondente al filo 24.
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 35
La situazione corretta invece la seguente:
La trave n.16 stata spezzata automaticamente in corrispondenza del filo 24 durante la fase di
copia.
2.3.2. Input per impalcati - Carichi
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 36
2.3.2.1. Pannelli
50 Per inserire dei solai, selezionare
PANNELLI dalla voce Carichi del menu
principale.
Per il pannello n.1 indicare le travi di
appoggio 16 e 17; creare in archivio la tipologia
(se non gi presente) con le seguenti
caratteristiche:
Peso Proprio = 200; Sovracc. Permanente =
150; Sovracc.Accidentale = 100;
Coeff.rid.sovracc.=33%; Carico neve = 120;
Descr.1 = solaio di copertura.
51 Copiare il pannello 1 su tutta la falda, selezionando le travi con il box. Uscire dalla
procedura con FINE COMANDO .
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 37
2.3.2.2. Pannelli speciali
52 Con i PANNELLI SPECIALI si pu scegliere la direzione di orditura del solaio e fino a 10
travi di appoggio.
Inserire il pannello speciale n.1 tra le travi 15, 23 e 31, con orditura a 45;il pannello speciale n.2,
con orditura a 90, sulle travi di colmo e gronda dellaltra falda (travi n. 13,18,24,3,4,23,21,19 e 16).
53 Passare alla QUOTA 3 e attivare il carico PANNELLI.
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 38
Inserire il solaio 1 tra le travi 14 e 26, con tipologia di carico 1 (solaio civile abitazione).
54 Copiare il pannello 1 su tutte le campate, utilizzando la funzione COPIA .
55 Inserire un PANNELLO SPECIALE a 45 sulle travi 15, 23 e 31, con carico tipo 1.
2.3.2.3. Carichi speciali
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 39
56 Attivare la voce CARICHI ESPLICITI e in serire sulla trave 17 un carico verticale di 1.000
Kg/ml e un momento torcente di 100 Kgm/ml, con coeff.riduzione sismica del 100%.
Con la funzione COPIA replicare il carico anche sulla trave 20 e il setto 22.
2.3.2.4. Tamponature
57 Con il carico TAMPONATURE, selezionare la trave 24 e attribuire unaltezza della
tamponatura di 3 m. Assegnare il carico n.2.
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 40
58 con le modalit gi viste copiare il carico tamponatura sulle travi 23,13,16,3,2,1,11,7 e 6.
2.3.2.5. Ballatoi
59 Richiamare la voce BALLATOI dal menu carichi. Definire sulla trave n.8 un ballatoio con le
seguenti caratteristiche: larghezza = 1.2 m; Delta iniz. = 1m; Delat fin. = 0 m; Tipo carico = 1.
Copiare il ballatoio sulle travi 1 e 2.
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 41
NOTA: Il lato sul quale viene inserito il ballatoio dipende dal verso di inserimento della trave (filo
iniziale e filo finale). Se appare dal lato sbagliato, sufficiente attribuire un valore della larghezza
negativo per cambiarne il verso.
Con la funzione INFO-CARICHI si ottengono le informazioni su tutti i carichi relativi ad un
elemento. Per i pannelli si hanno anche le aree di influenza relative a p. proprio e sovraccarichi.
60 Passati alla Quota 2, attivare la voce PANNELLI. Copiare dalla quota 3 i solai delle
campate in basso.
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 42
61 Inserire una scala da quota 2 a quota 3. Attivata la voce SCALE, definire la n.1 fornendo i
seguenti dati: trave iniziale = 10; quota finale 3, (alla quota 3) trave finale = 8; Pianerottolo iniziale e
finale = 0.8 m; Larghezza = 1.2 m; Delat iniz. e fin. = 2.8 m.
2.3.2.6. Spinte setti
62 Per caricare i setti contro terra, richiamare la tipologia
di carico SPINTE SETTI.
Selezionato il setto 4, definire in archivio la tipologia di
terreno con le seguenti caratteristiche:
Angolo di attrito interno = 30
Angolo di attrito Terra/Muro = 20
Inclinazione del pendio = 0
Peso specifico (gamma) = 1.800 Kg/mc
Sovraccarico = 500 Kg/mq
Delta h testa = 0, Delta h piede = 1.5m
Incremento sismico = SI (1)
-Il valore del lato spinta pu
essere corretto dopo aver
visualizzato il diagramma di spinta
Assegnare una Pressione Aggiuntiva di 200Kg/mq in testa e al piede. Il segno di questultima
spinta dovr essere concorde con quello della spinta del terreno.
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 43
Copiare il carico anche sul setto n.3 .
63 Ripetere lassegnazione del carico SPINTE SETTI anche a quota 1.
Rispetto ai dati inseriti per le spinte dei setti della quota 2 modificare i valori del sovraccarico (0
Kg/mq) e del Delta h testa = 1.5 m (tiene conto del terreno sovrastante) e Delta h piede = 0 m .
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 44
2.3.3. Vincoli
Vedere sezione Approfondimenti.
2.3.4. Generazione Solai
Vedere sezione Approfondimenti.
2.3.5. Generazione 3D
67 Inseriti tutti gli elementi e i carichi, generare la struttura la struttura 3D richiamando la
funzione CANCELLA+GENERA dal menu GEN. 3D.
Durante lelaborazione apparir il
messaggio a lato.
Indica che, erroneamente, ci sono
elementi Winkler su piani sismici.
Questi verranno automaticamente
svincolati.
A termine elaborazione verr creato il modello spaziale della struttura.
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 45
Richiamare licona VISTE VARIE e cliccare sul pulsante RUOTA per osservare la struttura
da tutte le angolazioni. Usare il tasto OK per interrompere la rotazione e la voce MENU per passare
alla videata principale.
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 46
2.4. CALCOLO
Teminato linput della struttura e dei carichi, passare al calcolo.
Dalla voce CALCOLO del menu principale
selezionare CALCOLO+SCELTA CONDIZIONI E
COMBINAZIONI.
Si sta eseguendo in questo caso il primo calcolo;
successivamente sar possibile lanciare
RICALCOLO, SOLO VERIFICA ASTE o
SPOSTAMENTI RELATIVI, tenendo in conto le
scelte fatte precedentemente.
Tra le varie opzioni per il calcolo, selezionare:
- Analisi sismica dinamica, con ipotesi di impalcati rigidi
- Calcolo e verifiche alla Tensioni Ammissibili
Confermare con OK.
Prima che venga eseguito il calcolo appare la maschera di gestione delle COMBINAZIONI DI
CARICO.
Dalla voce Modifica Combinazione possibile creare nuove combinazioni di carico o modificare
le esistenti, variando i coefficienti moltiplicativi per ogni singolo canale di carico.
Le tre voci CONDIZIONE VUOTA si riferiscono ai sovraccarichi accidentali con percentuale di
riduzione sismica diversa da 33, che non sono stati utilizzati.
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 47
COEFF. SIGMA PROFILI riguarda invece gli elementi in acciaio, per i quali si vuole considerare
una diversa sigma ammissibile per particolari combinazioni di carico, come contemplato dalla norma
CNR-10011.
Con AVVIA CALCOLO viene lanciata la procedura che esegue il calcolo e le verifiche richiesti.
2.5. VISUALIZZAZIONE RISULTATI
Per analizzare i risultati del calcolo accedere alla fase
di VISUALIZZAZIONE RISULTATI, dal menu
principale, e selezionare Visualizza risultati 3D.
1 Attivare la prima voce di menu, DEFORMATE, per valutare il comportamento della struttura
sotto lazione dei vari carichi o combinazioni di essi, i modi di vibrare (forme modali dellanalisi
dinamica).
Selezionare lopzione indeformata (visualizza graficamente anche la situazione indeformata) e
scegliere la visualizzazione per combinazioni di carico.
Confermare con OK e indicare la combinazione di carichi 2 per cui visualizzare la deformata.
In basso appare lo spostamento massimo, per la configurazione scelta, e il fattore di amplificazione
grafica (oltre a quello consigliato).
E possibile variare il parametro di amplificazione grafica mediante licona , oppure impostare
quello consigliato con licona (autoscaling). Per capire meglio il comportamento della struttura
pu risultare molto utile una visualizzazione dinamica, mediante licona .
NOTA : la visualizzazione della deformata uno degli strumenti migliori per valutare sia la bont
delle scelte progettuali fatte (sezioni, vincoli, distribuzioni dei carichi e delle rigidezze, etc.), sia la
correttezza della modellazione. In appendice sono riportati alcuni esempi di errori effettuati in fase di
modellazione, individuabili con la rappresentazione deformata.
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 48
2 Oltre ad una visualizzazione grafica qualitativa, possibile avere indicazioni quantitative sullo
spostamento degli elementi, attivando lopzione colormap.
Il clip xy e il clip z permettono di isolare
una porzione della struttura.
Selezionare, con il clip xy, un box che contenga i fili 3
e 8.
Attivare lopzione colormap deformate e riconfermare
le scelte fatte precedentemente (visualizzazione per
combinaz. carichi 2)
La colormap a lato riporta la scala di valori degli spostamenti compresa tra minimo e massimo.
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 49
3 Del tutto simile la procedura per la rappresentazione grafica dei DIAGRAMMI ASTE.
Selezionare lopzione colormap diagrammi, la visualizzazione per combinazioni di carico e la
sollecitazione Mx. Indicare 2 per la combinazione e confermare con OK.
4 - Per gli elementi bidimensionali viene visualizzato lo stato tensionale. Occorre precisare che per
le lastre e le piastre in c.a. tale rappresentazione ha unimportanza relativa, non essendo state
effettuate ancora le verifiche. Queste sono infatti legate al disegno ferri ed eseguite, quindi, in fase di
esecutivi. E interessante invece la valutazione qualitativa della distribuzione di tensioni e
lindividuazione di punti di concentrazione, che potrebbero richiedere un raffittimento delle mesh in
fase di input.
Attivare la voce TENSIONI SHELL e visualizzare solo la piastra di copertura, effettuando un clip
xy e un clip z, dopo aver escluso il clip precedente con licona CLIP OFF .
Tra le opzioni scegliere:
- Combinazioni (indicando successivamente la 1)
- sistema di riferimento a piastra
- riferimento globale (la tensione ideale indipendente dal sist. di
riferimento, per gli altri tensori occore tenere in considerazione il
riferimento corretto, eventualmente definito per 3 punti. Icona
)
- la tensione ideale.
Confermare con OK
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 50

5 Visualizzare la struttura intera e
attivare la voce SPOSTAMENTI SHELL.
Nella maschera delle selezioni scegliere
Combinazioni e spostamenti z.
Indicare 1 alla richiesta del numero della
combinazione.
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 51
6 Effettuare un clip xy e un clip z per delimitare la sola piastra di fondazione.
Selezionare, quindi, lopzione pressione sul terreno e visualizzare il risultato per la combinazione n1.
7 Di tutto ci che appare a video possibile creare
una BITMAP oppure un DXF 2D o 3D, dalla
voce CREA DXF.
8 Dopo aver annullato la visualizzazione parziale accedere alla voce COLORAZIONI
VERIFICHE Elementi Asta. Selezionare lopzione non verificate e confermare con OK.
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 52
Con la rappresentazione a colori possibile individuare immediatamente le travi o i pilastri che
non verificano (color blu scuro). La funzione attiva anche per gli elementi shell, ma occorre aver
eseguito le verifiche in fase di ESECUTIVI.
9 I risultati delle verifiche delle aste vengono rappresentati a video con delle colormap. Es: un
passo staffe nullo indica che non soddisfatta la verifica a taglio (tau >

tau
c1
). Ma anche un passo
staffe di 5 cm pu non essere soddisfacente.
Delimitare una porzione di struttura (clip xy) e scegliere lopzione passo staffe. Per ogni asta verr
riportato il passo staffe minimo.
10 Con lopzione Area ferri possibile unimmediata valutazione dellarea massima per ogni
trave, valutata sul lato pi armato della sezione. La Densit ferri invece permette di prescindere dalle
dimensioni della sezione e consente di prevedere la disposizione dei ferri. Es. una densit ferri di 22
cmq/m corrisponder a circa un tondino 12 mm ogni 5 cm, mentre per 25 cmq/m occorreranno tondini
da 16 mm ogni 8 cm.
Selezionare Densit ferri e confermare con OK per visualizzare la situazione.
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 53
11 Per avere un quadro dettagliato delle verifiche possibile stampare a video il tabulato completo
di qualsiasi elemento.
Da RISULTATI VERIFICHE selezionare Tensioni
Ammissibili e indicare una delle aste.
Dopo aver effettuato il disegno ferri possibile
eseguire le Verifiche S.L.E. e la RIVERIFICA delle
aste alle T.A.; i tabulati saranno a disposizione anche
in questa fase.
Per avere le esatte tensioni di lavoro del ferro e del cls occorre aver
eseguito il disegno e la stampa (anche soltanto a video) degli esecutivi
delle aste (Fase ESECUTIVI).
Dopo aver aver predisposto le armature sar possibile eseguire le
Verifiche S.L.E. e la RIVERIFICA delle aste alle T.A..
Tornando nella fase di Visualizzazione Risultati saranno disponibili i
tabulati relativi a queste verifiche.
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 54
12 Per quanto riguarda le verifiche sismiche, richiamando la voce SPOSTAMENTI RELATIVI si
ottiene la rappresentazione dei risultati. In basso a destra le strighe VERIFICA informano che
soddisfatto sia il controllo sugli spostamenti, sia quello sull85% della massa eccitata eseguito in caso di
analisi sismica dinamica.
Se la prima verifica non fosse soddisfatta (NON VERIFICA), si potrebbe individuare la direzione
critica (controllando la situazione per i due sismi e nei due versi) e il punto debole (banda verticale di
colore diverso).
Se non risultasse soddisfatta la seconda, occorrerebbe modificare i dati riguardanti lanalisi sismica
dinamica nei DATI GENERALI (vedi punto 2.2.6. Parametri Analisi Dinamica).
13 Per vedere il disegno ferri di unasta richiamare la voce VISUALIZZA ESECUTIVI e
selezionare lelemento, con il mouse o digitando il numero identificativo.
Questa procedura risulta estremamente comoda in tutte quelle situazioni in cui, analizzando i dati
relativi alle verifiche visti precedentemente, risultati opportuno agire direttamente sulla disposizione dei
ferri. Un esempio tra tutti rappresentato dalle verifiche a fessurazione (S.L.E.): se per unasta non
soddisfatta tale verifica, possibile richiamare il disegno ferri e diminuire la distanza tra i ferri e/o il
diametro.
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 55
N.B. Dopo aver effettuato le modifiche occorre rilanciare le Verifiche S.L.E. o la Riverifica Aste per
avere i tabulati aggiornati, sia in stampa che in Visualizzazione Risultati.
Tornare al menu principale.
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 56
2.6. ESECUTIVI
Prima di eseguire il disegno ferri delle travi consigliabile predisporre le armature dei setti. In
questo modo potr essere tenuto in considerazione un adeguato passo per i ferri di ripresa nelle prime.
2.6.1. Esecutivi Setti
Dal menu principale accedere a Esecutivi Setti in c.a.
Seguendo limpostazione del menu, La prima
operazione da fare la DEFINIZIONE dei
megaelementi.
Con questa procedura vengono raggruppati i setti definiti in input, sia in altezza che in pianta.
1 - Definire un gruppo quote dalla quota 0 alla 3.
2 - Lanciando la definizione delle Generatrici automatico, vengono individuati tutti gli
allineamenti di setti in pianta.
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 57
3 Gli allineamenti potranno essere modificati attivando la procedura di Generatrici manuale.
Per esempio, lallineamento 4 individuato in automatico si presenta cos:
Con la gestione manuale degli allineamenti risulta pi opportuno, per coerenza esecutiva, scindere il blocco in due
parti, come mostrato in figura:
Nuova Generatrice (9) Generatrice 4 modificata
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 58
4 Un ulteriore raggruppamento pu essere fatto definendo i Nuclei (es. vano scale/ascensore).
Creare il nucleo 1 selezionando gli allineamenti 8, 7 e 4.
Tornare al menu principale.
5 Prima di eseguire la verifica possibile modificare i dati di status riguardanti limpostazione delle
armature. Per maggiori dettagli si rimanda al Manuale duso o al Help On Line.
6 Lanciare la verifica di tutti i setti.
7 Nella fase di Manipolazione Ferri si possono
modificare le armature che il programma ha
predisposto in base ai Criteri di progetto, ai dati di
Status Esecutivi e ai risultati delle verifiche.

Se nei Dati di Status stata imposta la simmetria tra le due facce, sar attiva solo la manipolazione su una di
queste, quella inferiore, valendo le modifiche anche per laltra. Scegliere la manipolazione dei raffitt.
Inferiori.
Tramite licona Scelta Generatrice selezionare la generatrice n.3.
Cancellare il raffittimento n. 2.
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 59
8 Controllare gli effetti della manipolazione attivando la visualizzazione grafica delle aree di
ferro . Nella maschera parametri attivare la rappresentazione della differenza tra lArea di ferro di
calcolo e quella attualmente disegnata, solo se positiva, per larmatura in direzione X e Y.
La colormap indicher i cmq/m lineare di armatura mancante.
9 Uscire dalla fase attuale e ripristinare il raffittimento mancante, definendo la geometria con il
mouse e assegnando passo 30 cm e diametro ferri 8 mm, in direzione X e Y.
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 60
Ripetendo la procedura di visualizzazione delle aree di ferro, si potr verificare se il nuovo
raffittimento sufficiente a coprire larea di ferro richiesta dal calcolo.
10 Stampare gli esecutivi selezionando le generatrici che interessano.
Una stampa a video preliminare consente di controllare la disposizione delle armature.
Successivamente selezionare la stampa su file DXF.
Stampa Rete base + Raffittimenti
Stampa nuclei
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 61
2.6.2. Esecutivi Piastre
Dal menu principale accedere a Esecutivi Piastre in c.a.
11 - Anche in questo caso il primo passo la
definizione dei mega-elementi.
Per definire una mega-piastra selezionare la quota alla quale appartengono gli elementi da unire.
12 - Indicare quota 0 per la piastra di fondazione
13 Definire il perimetro esterno della mega-piastra n.1,
indicando langolo di inclinazione dei ferri e il numero di
vertici
14 Indicare i 4 vertici estreni.

Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 62
15 Con le stesse modalit selezionare la quota 3 e definire le 4 mega-piastre della copertura

Megapiastra 3 Megapiastra 1
Megapiastra 4
Megapiastra 2
16 Tornare al menu principale e lanciare la Verifica di tutti gli elementi definiti.
17 Larmatura verr predisposta in base ai Dati di
Status. Per dettagli in merito consultare il Manuale duso o
lHelp on line.

18 La procedura di manipolazione interattiva dei ferri del tutto simile a quella vista per i setti in
c.a.
19 Lanciare la stampa dei disegni esecutivi, prima a video (per controllo) e successivamente su file
DXF.
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 63
Particolare della stampa dellarmatura di base e dei raffittimenti
20 Larmatura a punzonamento verr inserita solo se
necessaria. Altrimenti apparir il messaggio in figura

21 Tornare al menu principale.
2.6.3. Esecutivi Travi
Dal menu principale accedere a Esecutivi Travi C.A..
22 La definizione dei telai viene eseguita automaticamente dal programma. Gli allineamenti possono
essere modificati con la procedura di Definizione Manuale in fase di Definizione Telai.
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 64
23 Anche le travate individuate in automatico possono essere modificate in fase di Gestione
Travature con la procedura di Gestione Manuale.
24 Nei Dati di Status possibile impostare in modo
dettagliato le caratteristiche delle armature.
Per informazioni dettagliate sulla gestione e impostazione
dei dati qui presenti si rimanda al Manuale duso o lHelp
on Line.

Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 65
Limmagine a lato mostra la maschera dei Dati di Status
relativa ai Diametri/Ancoraggi.
E opportuno ricordare che la prima impostazione per
quanto riguarda le armature, avviene nei Criteri di
Progetto (Dati General-Menu Principale).
Le due immagini sotto riportano i dati riguardanti la
disposizione dei ferri. Questa impostazione ha priorit
rispetto ai dati forniti nella fase di gestione degli esecutivi
(Dati di Status), poich sono dati usati nella fase di verifica
delle travi.
Per maggiori dettagli consultare il manuale duso o la
prima parte di questo documento (Dati Generali Criteri
di Progetto).


25 La procedura di Rigenerazione Disegni aggiorna
gli esecutivi tenendo conto delle modifiche apportate nei
Dati di Status. La procedura richiamata in automatico
alluscita della fase di gestione dei Dati di Status.

Se si desidera tener conto delle modifiche solo per alcuni elementi, scegliere No alla richiesta
precedente e lanciare la procedura di Rigenerazione manualmente, selezionando le travate interessate.

In questo modo le modifiche riguarderanno solo le travate selezionate.
26 Con la procedura di Manipolazione Ferri possibile modificare la disposizione delle
armature ottenuta in automatico in base ai dati visti precedentemente.
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 66
Selezionare la travata 11 al piano 2 .
Nella parte superiore appare il disegno della travata e dei ferri, nella parte inferiore il diagramma
di copertura: i tratti in azzurro indicano larea di ferro disegnata, in rosso larea di ferro richiesta dal
calcolo.
Modificando le armature viene adeguato automaticamente il diagramma, consentendo in questo
modo di mantenere il controllo sulle variazioni apportate.
27 Selezionare con il mouse il gruppo di monconi centrali superiori (8 tondini diametro12 mm) e
portare a 4 il numero dei ferri e a 14 il diametro. La situazione apparir ora cos: il diagramma indica
un difetto di ferro.
Aumentare il diametro dei ferri fino ad ottenere la
copertura dellarea di ferro richiesta (scomparsa delle zone
color rosso pieno)


N.B. La disposizione iniziale ((8 tondini diametro 12 mm) stata ottenuta imponendo nei DATI DI
STATUS-FERRI LONGITUDINALI una distanza minima ferri x travi basse pari a 2 cm. Lasciando il
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 67
valore di default 5 cm si sarebbero ottenuti un numero inferiore di ferri con diametro 14mm. Nulla
cambia ai fini della trattazione dellesempio.
28 Cancellare il gruppo di ferri appena
modificato
e ridisegnarlo avvelendosi anche delle icone
relative alla forma e al tipo di ancoraggio.
Tracciare il ferro direttamente con il mouse sullo
schermo.

Il diagramma indicher se la lunghezza sufficiente o
eccessiva.
E possibile modificarla con la procedura di Modifica
Forma .
Selezionare con il mouse il box di stretch e indicare la
deformazione, fornendone il valore o utilizzando il
mouse.
Ripetere la procedura fino ad ottenere la copertura del
diagramma (vedi parte destra disegno a lato).

29 Con la copia attributi copiare il numero di ferri e il diametro dei ferri centrali sui
monconi di destra.

Situazione precedente
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 68
In questo caso il diagramma presenta un tratto verde: indica che lo spazio per lancoraggio
completo non sufficiente, la resistenza del ferro limitata dallo sfilamento (anche se sufficiente:
tratto non pieno).
Per migliorare il comportamento del ferro sar sufficiente consentire lesecuzione della doppia
piega per lancoraggio, intervenendo nei dati di status (Status Diametri/Ancoraggi Doppia piega
anc. si=1).
30 Unire i due monconi precedenti i un unico filante, selezionando prima lelemento a
sinistra e poi quello a destra.

Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 69
31 Anche per le staffe e i ferri di parete
possibile effettuare delle manipolazioni.
Nel caso delle staffe, per ogni tratto, sono modificabili
diametro, passo e lunghezza del tratto.

32 Tutte le modifiche possono essere annullate o ripristinate con le funzioni di UNDO e REDO
, oppure possibile ripristinare il disegno standard proposto in automatico dal CDSWin .
Di ogni singolo disegno esecutivo pu essere creato direttamente il file DXF in ogni momento
.
33 Terminata la fase di manipolazione, passare alla stampa dei disegni.
Selezionare i telai da stampare ed eseguire una prima stampa a video per controllo.
Successivamente stampare su file DXF o direttamente su stampante.
Tornare al menu principale (menu).
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 70
2.6.4. Esecutivi Pilastri
Dal menu principale accedere a Esecutivi Pilastri C.A..
La prima voce riguarda limpostazione dei Dati di Status, analoga a quanto visto per le travi in c.a.
Per informazioni a riguardo si rimanda al manuale duso o al Help on line.
La Rigenerazione disegni consente di riesegure il disegno in conseguenza della modifica dei Dati di
Status.
Il disegno viene eseguito in automatico. E possibile comunque manipolare i ferri con lapposita
procedura.
34 - Selezionare la quota 4 e il pilastro n.1 .
Per le armature longitudinali possibile modificare il numero di
barre e il diametro.
Un messaggio a video comunicher se larmatura modificata
inferiore alla minima richiesta:


Inoltre il disegno riporter lindicazione della deficienza di ferro
sul lato

35 Modificare anche le staffe e i ferri di spigolo .
36 I disegni esecutivi possono essere stampati sia come tabelle divise per quote che come pilastrate
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 71
Stampa Tabelle divise per quote
Stampa Pilastrate
Anche in questo caso eseguire prima una stampa a video per controllo e successivamente su file
DXF.
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 72
2.6.5. Riverifiche T.A.
Dal menu principale accedere a Esecutivi Riverifiche T.A..
Verranno calcolate le tensioni di lavoro di cls e acciaio. I dati saranno
riportati in un apposito tabulato stampabile (vedi Stampa Relazione di
Calcolo) o possono essere analizzati in fase di Visualizzazione Risultati

2.6.6. Verifiche S.L.E. (Stati Limite di Esercizio)
Dal menu principale accedere a Esecutivi Verifiche S.L.E.
I coefficienti per le verifiche possono essere modificati.
Le Verifiche S.L.E. possono essere eseguite anche
avendo effettuato un calcolo alle T.A, su tutte le aste o solo
su quelle modificate in fase di esecutivi.
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 73
In fase di Visualizazzione Risultati (Color.Verifiche)
possibile controllare i risultati di tali verifiche in dettaglio


Richiamando la voce Vis.Esecutivi si accede alla fase di manipolazione ferri per lasta selezionata,
gi vista precedentemente.
Modificata larmatura e rieseguita la stampa DXF dellesecutivo (vedi figura sotto), potranno
essere rilanciate le verifiche (Riverifiche T.A. o Verifiche S.L.E.).
In questo modo risulta estremamente rapido linterfacciamento tra gestione armature e risultati
delle verifiche.
Un caso classico si presenta con la verifica a fessurazione: se non soddisfatta, si pu agire
direttamente sui ferri (intervenendo su diametro e distanza tra i ferri) e ricontrollare rapidamente i
nuovi risultati.
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 74

Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 75
2.7. Assemblaggio Tavole
Il CDS offre la possibilit di creare automaticamente le
tavole dei disegni in formato DXF creati nella fase di
Esecutivi.
Dal menu principale accedere alla fase di Assemblaggio
Tavole (in Assembla/CAD).

Dalla prima voce del menu impostare il formato del foglio, la rotazione, le dimensione
dellintestazione, i margini, il tipo di assemblaggio (tavole separate per piano, per tipo o miste) e la
scala dei disegni.
Procedere quindi con la Composizione Automatica
delle tavole, confermando la cancellazione di tutte
quelle esistenti.
Con la Composizione Manuale controllare le tavole create automaticamente visualizzando i DXF
e scorrendo le tavole con le apposite icone .
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 76
Selezionando i disegni presenti nella tavole sar
possibile modificarne la posizione (anche utilizzando il
mouse, dopo aver attivato la casella di testo Ascissa o
Ordinata), la scala, la rotazione.
Nuovi disegni possono essere inseriti scegliendoli nellarchivio dei DXF (digitando INVIO nella
casella Nome dxf).
I singoli disegni esecutivi possono essere modificati accedendo direttamente alla fase di gestione
disegno ferri .
Selezionare la trave, modificarne i ferri e rieseguire il disegno DXF .
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 77
Tornare al menu precedente (Menu) e visualizzare il disegno modificato .
Personalizzate le tavole, stamparle in formato DXF
Dal formato DXF possibile generare direttamente tavole in Formato DWG, confermando la
generazione.
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 78
Tornare al menu principale.
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 79
2.8. Stampa Relazione di Calcolo
Dal menu principale selezionare Stampe Stampa
Completa (impalcati)

Dal menu di stampa selezionare le voci da stampare
(Selezioni), suddivise in input e output.
Voci di input
Voci di output
Scegliere il dispositivo di stampa
e impostare i vari parametri , e lanciare la stampa (AvvioStampe).
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 80
Disattivando lindice (icona Indice On/Off) viene visualizzata la pagina a schermo intero ed
possibile attivare leditor per aggiungere o modificare il testo.
Salvare la stampa a video come file RTF (icona Salva in RTF).
2.9. ACR - Computo metrico
Prima di accedere al programma ACRWin per la gestione dei computi metrici, occorre aver installato
il programma e i PREZZARI.
Nel CD sono disponibili numerosi prezzari. Se si desidera utilizzare prezzari non presenti nel CD
possibile consultare il sito www.stsweb.it oppure contattare direttamente gli uffici S.T.S.Percorso da CD:
Installazione prodotti- ACRWIN Archivi ACRWIN :
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 81
Dal progetto strutturale attuale possibile passare al calcolo
dei solai e delle scale, della portanza delle fondazioni e alla
verifica dei eventuali parti in muratura, interfacciandosi con i
relativi programmi.
In questo caso ci si occuper della gestione del computo
metrico, lasciando la trattazione delle altre parti ai relativi esempi
dettagliati.
Il menu principale di ACR Win si presenta cos:
Dalla voce Files aprire un nuovo
progetto contabilit.

Nota. Dopo aver creato un nuovo
progetto appariranno in sequenza le
maschere di gestione dei Dati Generali
e del Parametri di Progetto (in figura).
In questo caso cliccare su
Abbandona in entrambi i casi, lasciando
i valori di default.
Per maggiori dettagli in merito a
questi dati, consultare il manuale,
lhelp-on-line o lesempio svolto
relativo a ACRWin
Selezionare quindi il nuovo
progetto (Scelta Progetto/Contabilit)

Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 82
Dal menu Progetto- Elenco-Quantit accedere alla gestione del computo metrico.

ELENCO PREZZI
COMPUTO METRICO
Impostazione delle finestre di lavoro (Es. di progetto con elenco prezzi e computo gi inseriti)
Selezionare il Prezzario di riferimento ( sufficiente
un clic con il mouse sul box che riporta la descrizione del
prezzario per accedere allarchivio prezzari).
Se il prezzario non stato ancora selezionato
apparir Prezzario non scelto.
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 83

Nella parte superiore appare lElenco Prezzi da creare selezionando le voci dal Prezzario:
- 1 possibilit: nella colonna Codice viene aperto un menu a discesa in cui sono riportate le
voci del Prezzario. Selezionare le voci che interessa inserire nellelenco prezzi.
- 2 possibilit: cliccando sul pulsante Prezzari viene aperta la maschera contenenti le voci
del prezzario
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 84
- con il comando Selezione viene attivato un filtro delle voci da ricercare nel prezzario
- Selezionare le voci che interessano e trascinarle con il mouse nellelenco prezzi
Nella parte inferiore vanno inserite tutte le voci di Computo .
Nell menu in basso presente il comando ApplSTS
che consente di accedere alla gestione dei computi
realizzati con altri programmi STS: strutture in c.a.,
acciaio, plinti, muri di sostegno, paratie, topografia etc.

Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 85
Dalla maschera di gestione progetti Applicativi
lanciare la ricerca dei progetti presenti , selezionare
quindi quello/i di cui si vuole importare il computo e
accedere alla fase di Gestione IMPORT.
Indicare le voci di computo da importare per pilastri,
travi, plinti, acciaio, setti, piastre, etc..
Per ogni tipologia di elementi
saranno attive le voci di cui stato
prodotto il computo in fase di
realizzazione esecutivi.
Se alcune voci apparissero
disattivate o si volessero apportare
modifiche allesecutivo, possibile
richiamare direttamente il progetto
con il CDS
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 86
Nota: nel CDSWin i files
di computo vengono
generati automaticamente
nel momento in cui viene
lanciata la stampa dei
disegni esecutivi, e solo per
gli elementi stampati.
Perch siano prodotti tali
files occorre comunque aver
attivato la voce relativa,
presente nei Dati di Status
Varie(vedi Esecutivi).
Premere OK per eseguire limport delle voci scelte.
Al termine delloperazione verr richiesto di effettuare il Ricalcolo Formule

da eseguire tramite lapposito comando presente nella barra menu inferiore
I dati di computo importati saranno inseriti in un paragrafo appositamente creato dal programma.
Accedere alla gestione capitoli/paragrafi con un clic nel box che ne riporta la descrizione:
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 87
Gestione Capitoli/Paragrafi
Scelto con un doppio clic il paragrafo del computo del progetto CDS (C:\PROGETTI\ESEMPIO1),
nella zone relativa alla gestione quantit (computo metrico) compariranno tutte le voci di computo del
progetto CDS con le quantit:
Ad ogni voce di computo occorre assegnare ora il codice della relativa voce in elenco prezzi:
un menu a discesa permette di effettuare facilmente la selezione
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 88
Al termine, rilanciato il ricalcolo Formule , si avr il computo completo delle quantit e
degli importi.
Per vedere e modificare le quantit in computo, selezionare la voce e attivare la Gestione Formule
con un doppio clic del mouse nella casella contenente il valore quantit.
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 89
Stampare infine il computo metrico
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 90
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 91
Approfondimenti
2.1.Gestione dei progetti

Per iniziare selezionare dal menu File la voce
Nuovo Progetto (Fig1) e indicare il nome e il
percorso del nuovo progetto (Fig 2).

Fig. 2

Fig. 1
Tutti file che compongono il progetto saranno contenuti nella cartella indicata.
Le altre voci presenti nel menu FILE consentono di:
aprire un progetto esistente
visualizzare lelenco di tutti i progetti gi creati
Eseguire il backup, ovvero creare un unico file compresso del progetto.
Eseguire il restore da disco, ovvero caricare un intero progetto da un file di backup. E possibile
caricare la struttura completa oggetto di questa demo dal file Esempio1.zip presente su CD-Rom e
scaricabile allindirizzo web: www.stsweb.it
Inizializzare un progetto, cancellando tutto quanto fatto precedentemente
La tabella riporta il significato delle icone presenti nella schermata principale, utili per la gestione
dei progetti:
FUNZIONE ICONA
Backup completo del progetto (Input, Risultati Calcolo, DXF,
etc.)
Backup solo dei dati di input
Restore (carica un progetto completo in formato .zip)
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 92
2.2.DATI GENERALI
Prima di eseguire la modellazione della
struttura occorre impostare i Dati Generali
riguardanti il modello di calcolo, le
caratteristiche dei materiali, i dati per
lanalisi sismica ed altro.
Si vedranno di seguito alcuni di questi
dati, che interessano il progetto in corso.
Fig.2.2
Dati Generali
2.2.1. DATI STRUTTURA
Impostare le dimensioni per lingombro di massima
della struttura (20x20x10).
Fornire una descrizione del progetto che verr poi
riportata nell arelazione di calcolo.
Scegliereo lunit di misura per la stampa dei
risultati (Kgf)

Fig.2.2.1
Dati Struttura


Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 93
2.2.2. DATI PER LA GENERAZIONE SPAZIALE
Nei dati per la Generazione Spaziale confermare i
valori di default:
- 15 il delta termico (nel caso di An. Termica)
- considerazione dei tratti rigidi (spuntature) nei
nodi in cui convergono le aste in c.a.. Permette di
tagliare il diagramma del momento
- distribuzione uniforme dei carichi solaio
- i pilastri adiacenti ai setti non verranno suddivisi
in automatico secondo la mesh di questi ultimi
- caricamento in automatico di tutte le travi
interessate dal solaio, ma parallele allorditura di
questo, con il carico solaio per una larghezza
di 40 cm
Fig.2.2.2
Dati x Gen. Spaziale
2.2.3. PARAMETRI SISMICI
Confermare anche i dati relativi ai Parametri Sismici,
considerando che si tratta di una zona sismica di II categoria
(Co.Intens.sism=0,07).
Estato inoltre disattivato il rispetto delle indicazioni costruttive
contenute nella Circolare Ministeriale n 65 del 10/4/97.
Qualora venga attivato questo parametro, sia in fase di calcolo
che di disegno ferri, verranno rispettate in toto le indicazioni della
circolare.
Fig.2.2.3
Parametri Sismici
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 94
2.2.4. CRITERI DI PROGETTO
Accedere alla gestione dei Criteri di Progetto e selezionare Criteri Elevazione.
Scorrere le maschere con il PgUp e confermare i valori presenti di default. Per informazioni e
chiarimenti sulle singole voci si rimanda al manuale duso del programma, consultabile anche on-line
(menu principale, icona ?).
Allo stesso modo controllare i dati relativi alle altre tipologie di elementi (travi in elevazione e
fondazione, pilastri, shells, elementi in acciaio).
Per ogni tipologia di elementi possibile creare pi criteri, attribuibili successivamente in fase di
input.
Fig. 2.2.4 Criteri di Progetto
LARCHIVIO STANDARD larchivio
contenente tutti quei dati che il programma propone
di default nel momento in cui si crea una nuova
directory di lavoro.
Aggiornando questo archivio, i dati modificati
saranno memorizzati e riproposti nei nuovi progetti
come default.
Scegliendo NO le variazioni apportate varranno
solo per il progetto in corso.
Non saranno invece interessati in alcun modo i
progetti gi presenti in archivio.
2.2.5. COEFFICIENTI DI RISPOSTA
Richiamare il DIAGRAMMA n1.
Questo il diagramma standard del coefficiente di risposta R utilizzato per il calcolo
dellaccelerazione sismica nel caso di ANALISI SISMICA DINAMICA.
Il CDS utilizza, infatti, il metodo degli spettri di risposta o analisi modale.
E possibile definire diagrammi differenti. Tra i PARAMETRI PER ANALISI DINAMICA
possibile indicare anche il numero del diagramma di risposta, qui definito.
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 95
Diagramma Coefficienti di Risposta
2.2.6. PARAMETRI ANALISI DINAMICA
Dare unocchiata anche ai parametri per lanalisi
dinamica, confermando quanto proposto di default.
Sono riportati:
- il numero e la direzione dei sismi da prendere in
considerazione.
- Il numero dei modi di vibrare che saranno analizzati. Si
aumenter questo valore qualora non venga soddisfatta la
verifica del minimo di 85% della massa eccitata.
- Il rapporto tra coeff. di partecipazione di un modo di
vibrare e quello massimo consente di velocizzare il calcolo,
escludendo quei modi il cui contributo risulterebbe
irrilevante. E possibile abbassare questo valore qualora la
massa eccitata risultasse leggermente inferiore all85%.
- Come visto precedentemente, possibile utilizzare
diagrammi dei coeff. di risposta R diversi da quello
standard (1). Per eseguire lanalisi sismica anche verticale,
sufficiente attribuire il relativo diagramma di risposta.
- Le sollecitazioni relative allanalisi modale possono
essere combinate in tre modi diversi: SRSS (Rad Quadrata
Somma dei Quadrati), CQC (Comb. Quadrata Completa),
ABS (Somma dei Valori Assoluti)
- Infine il fattore di smorzamento
Fig.2.2.6
Parametri Analisi Dinamica
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 96
INPUT PER IMPALCATI
2.3.1.1. ARCHIVI
La prima voce di menu ci consente di accedere ai
vari archivi.
I dati in archivio possono essere inseriti o
modificati sia in questa fase preliminare, che nelle
successive, quando verranno richiamati dalle varie
funzioni.
Oltre alle voci riguardanti le sezioni e i materiali
degli elementi mono e bidimensionali e i carichi,
sono presenti sia gli archivi dei plinti che delle
murature (componenti e materiali).
E infatti possibile studiare strutture miste (c.a.,
acciaio, muratura) con fondazioni su plinti.
I plinti e gli elementi in muratura saranno poi
verificate interfacciandosi con i relativi programmi
(CDP e CDM).
Si tratter la gestione di queste voci nei relativi
esempi (demo e esempio svolto). Lo stesso vale per
ci che riguarda sezioni e materiali diverse dal c.a..
Si vedranno ora alcuni archivi. Si prenderanno in
considerazione gli altri quando verranno richiamati
dalle varie fasi di input.
2.3.1.1. Status Impalcati
Impostare lo snap del mouse e indicare il
nome del file dxf che pu essere richiamato
come supporto per linserimento dei fili fissi.
I file dovr essere copiato nella cartella del
progetto.
2.3.1.2. Archivio sezioni
Richiamare larchivio sezioni per vedere le tipologie presenti. Le sezioni presenti potranno essere
modificate e altre create alloccorrenza, direttamente dalla fase di inserimento travi e pilastri.
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 97
2.3.1.3. Terreni per spinte
Richiamare larchivio Terreni per spinte.
Per la topologia 1, definire le caratteristiche del
terreno e dei sovraccarichi spingenti contro i setti,
fornendo i dati riportati in figura
2.3.2.1. Uso del DXF Architettonico
8 Per utilizzare il dxf dellarchitettonico, o della pianta, come sfondo occorre richiamarlo con
lapposita icona . N.B.: il file (pianta.dxf) deve essere contenuto nella directory del progetto.
Il file incluso tra gli allegati allesempio e al demo (vedi indicazioni contenute in Info-DemoCA.pdf.)
9 Effettuare uno zoom che includa i fili 4 e 5, quindi cancellarli selezionandoli con il
mouse. Al termine cliccare OK
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 98
10 Cliccare sullicona osnap su dxf architettonico e selezionare lopzione Intersect (fig 1),
quindi puntare sulle intersezioni indicate sullarchitettonico per ricreare i fili 4 e 5 (Fig. 2).
Fig. 1
Fig. 2
11 In alternativa allinput diretto dei fili eseguito dal punto 1 al punto 5 precedenti, possibile
effettuare limport da file DXF. In questo caso occorre copiare il file FILICAD.DXF nella directory
del progetto (Vedi documento contenente le informazioni sullutilizzo dei file allegati Info-
DemoCA.pdf).
Cliccando sullapposita icona verranno importati i fili dal n 1 al 20.
Proseguire quindi linput dei fili come mostrato ai punti 6 e 7.
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 99
Dettaglio Archivio Sezioni
Nellarchivio delle sezioni, richiamabile anche direttamente dalla procedura di inserimento pilastri
o travi, sono presenti tutte le sezioni in c.a. e i profilati in acciaio pi usati.
Larchivio estendibile (crea nuovo tipo per sez. in c.a.) e/o modificabile (agendo direttamente sui
valori delle dimensioni che definiscono le sezioni).
Gli elementi di fondazione (Winkler) vengono definiti e riconosciuti dalla larghezza del magrone
(diversa da 0).
N.B. la larghezza del magrone non va confusa con lo spessore. Inserendo un valore di 10 cm per la
largh. magrone della sezione riportata in figura, la trave verrebbe considerata poggiante su una fascia
di terreno pari a 10 cm per la lunghezza della trave. Si avrebbero in questo caso valori erroneamente
elevati della pressione sul terreno (individuabili in fase di Visualizzazione Risultati Colori di
verifica).
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 100
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 101
2.3.3. Vincoli
64 Tutti gli elementi strutturali inseriti sono automaticamente connessi tra loro con vincoli
interni di incastro.
Per modificare o creare nuovi vincoli richiamare le voci VINCOLI INTERNI TRAVI /
PILASTRI, VINCOLI ESTERNI. Selezionando il nodo (vincoli esterni) o lelemento (vincoli interni)
possibile modificare il il vincolo, scegliendo tra quelli in menu o indicando indicando
esplicitamente, per ogni grado di libert, il valore della rigidezza.
2.3.4. Generazione Solai
65 I solai e le scale vengono considerati strutture secondarie che trasmettono carichi e non
saranno calcolate.
Per ottenerne il calcolo, le verifiche e i disegni esecutivi
occorre interfacciarsi con il programma CDFWin. E
possibile passare tutti i dati, per creare un progetto dei solai
e delle scale, generando i solai.
Dal menu GEN.SOLAI richiamare la voce FASCE PIENE,
che consente di attribuire le fasce piene dei solai appoggiati
su una trave. Questo dato pu essere fornito anche
operando nellambito del CDSWin
Selezionare, per esempio, la trave 10 a quota 3 e indicare 30 cm per le fasce piene destra e
sinistra.
La funzione GENERA SOLAI necessaria per definire i solai da calcolare.
Alla quota 3 definire quindi il solaio n.1 tracciando la generatrice con il mouse e assegnando il
tipo di travetto 1.
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 102
.
Confermare il solaio definito.
Ripetere loperazione per tutti i solai di cui si vuole eseguire il calcolo e il disegno degli esecutivi.
66 La carpenteria dei solai/scale pu essere inserita anche sul disegno delle piante.
Richiamare la voce DXF SOLAI. Selezionare la quota iniziale e finale per le piante da stampare in
formato DXF.
Esempio svolto CDSWin Capitolo 2 Struttura in c.a. Input per impalcati 103
Con licona Parametri possibile personalizzare la stampa delle piante.