You are on page 1of 14

6 de enero

San Carlos de Sezze (1613-1670)


por Jos M. Pou y Mart, o.f.m.
Algunos escritores modernos han llamado la atencin de los telogos msticos hacia este lego
franciscano, antes casi desconocido a causa de quedar todava inditos en su mayor parte sus
numerosos escritos, que son cuarenta entre tratados y cartas; solamente seis, y no ciertamente
los ms importantes, merecieron el honor de la imprenta.
Naci este santo varn en See, hermosa villa de la provincia romana, el !! de octu"re de #$#%,
de padres muy po"res de "ienes temporales pero muy ricos de virtudes, los cuales le procuraron
&nicamente la instruccin elemental, que "ien pronto tuvo que interrumpir para dedicarse a la
guarda de las ove'as, lo cual empero sirvile admira"lemente, como a otro (ascual )ailn, para el
e'ercicio de la oracin y la lectura de li"ritos piadosos. *isita"a con frecuencia la iglesia de los
+railes ,enores, no muy le'ana de su casa, y al contemplar en ella los toscos cuadros de los
"eatos -hoy canoniados. Salvador de /orta y (ascual )ailn, legos espa0oles de la e1presada
2rden, senta tal entusiasmo que, como escri"i despus, e1clama"a3 4Si yo llego a entrar en
esta religin imitar a estos santos3 pasar las noches en la iglesia y har aspersima penitencia5.
6ay luego en muy grave enfermedad, la cual fue causa decisiva de su vocacin religiosa, de
modo que a los diecisiete a0os de edad pidi licencia para entrar entre los religiosos franciscanos
de la provincia de 7oma en el estado laical, lo cual consigui despus de larga y dura prue"a,
siendo enviado al convento de Naaro, donde visti el po"re sayal de San +rancisco el da #8 de
mayo de #$%9, empeando luego el noviciado. (asado el a0o de pro"acin entre rigurosos
e'ercicios de penitencia y grandes tri"ulaciones espirituales, algunos religiosos profesos esta"an
perple'os en permitirle o negarle la licencia para pronunciar los tres votos perpetuos, dudando que
pudiese sostener el peso de la vida regular. :n esta lamenta"le situacin acudi el devoto 'oven a
la *irgen Santsima, de quien ha"a reci"ido ya tantsimos favores; esta clementsima ,adre vino
sin tardar en su au1ilio, de modo que, desapareciendo aquellos temores, pudo el da #; de mayo
de #$%$ consagrarse por siempre al Se0or, cam"iando el nom"re de <uan 6arlos por el de 6arlos
de See.
=a vida del fervoroso lego despus de su profesin fue "astante sencilla, residiendo
sucesivamente en los conventos de ,orlupo, (onticelli, (alestrina, 6arpineto -patria del futuro
papa =en >???., San (edro in ,ontorio de 7oma -en gran parte edificado por los 7eyes 6atlicos
+ernando e ?sa"el. y San +rancisco a 7ipa, que conserva el recuerdo de la ha"itacin de San
+rancisco y donde 6arlos de See falleci santamente el da $ de enero de #$@A. ,orando en
,orlupo tuvo una tremenda visin que lo alent en el progreso de la vida contemplativa; en
(onticelli dise enteramente al e'ercicio que llama"a 4la confiana en Bios5 o la peque0e
espiritual, a guisa de un ni0o descansando en el regao de su madre y que tanto recomienda el
Santo en sus escritos. )ien pronto le cautiv otro e'ercicio saluda"le3 rogar todos los das por la
propagacin de la fe en los pases paganos, deseando adems derramar en ellos la sangre por
6risto, y al efecto pidi y o"tuvo partir como misionero para las ?ndias de patronato portugus;
pero al ir para all le so"revino una grave enfermedad, por lo cual fue trasladado a la enfermera
de San +rancisco a 7ipa, llorando amargamente porque no poda acompa0ar a los que salan
destinados a aquellas misiones.
:n aquel tiempo la provincia romana a"ri un convento de retiro en 6astelgandolfo, donde los
religiosos vivan con e1traordinaria austeridad, muy seme'ante a la de los antiguos anacoretas;
all acudi nuestro 6arlos con permiso de los superiores; pero por lo visto el sitio no era muy
sano, as es que poco despus, esto es, en #$C%, hu"o que cerrar aquel convento a causa de las
enfermedades contradas por algunos religiosos; por lo cual el siervo de Bios fue trasladado a
6arpineto, donde pudo dar prue"as de su heroica caridad durante la terri"le epidemia que
devast aquella regin. *isele muchas veces asistiendo a los po"res apestados ms peligrosos,
sin cuidarse de su propia salud y tam"in cargando so"re sus espaldas a los muertos para darles
cristiana sepultura. Bios permiti que, en ve de premio por tanta a"negacin y sacrificio,
reci"iese una p&"lica reprensin y fuese trasladado al convento romano de San (edro in ,ontorio
para encargarse del oficio de sacristn y, ms tarde, del de cuestor de limosnas en la misma
capital. :'ercitando este &ltimo humilde servicio reci"i de <es&s Sacramentado el ms estupendo
prodigio de su vida, que le mereci el ttulo de 4Serafn de la :ucarista5, pues que entrando una
ma0ana en la iglesia de San <os 4de 6apo de 6ase5, situada cerca de la actual plaa de
:spa0a, y oyendo all en compa0a de algunos fieles y todo a"sorto en el amor de <es&s el santo
sacrificio de la misa, al llegar el acto de la elevacin un rayo luminoso parti de la hostia sagrada
hiriendo el costado del Santo hasta penetrar su coran Dcuya se0al se o"serva todava
actualmenteD, con lo cual cay el e1ttico lego en un admira"le deliquio de amor y dolor, como l
mismo refiere en su auto"iografa. Besde este momento la vida de fray 6arlos fue eminentemente
eucarstica, de modo que frecuentemente, despus de la santa comunin, e1perimenta"a largos
coloquios e ntimas comunicaciones con <es&s, a quien tanto recrea"a el fervor y sencille
colum"ina de su siervo.
:ste fidelsimo hi'o del 4(o"recillo de Ass5 fue decorado con el don de milagros3 numerossimos
enfermos reco"raron la salud mediante las oraciones que por ellos eleva"a al Se0or, a la *irgen
Santsima y al entonces )eato Salvador de /orta, taumaturgo cataln, cuya devocin ha"an
propagado por ?talia los franciscanos de 6erde0a, en cuya capital ha"a fallecido en #9$@, y en
este mismo tiempo tra"a'a"a en 7oma para su canoniacin el )eato )uenaventura de
)arcelona, lego tam"in fallecido igualmente como su compatriota en tierras italianas. :l mismo
6arlos de See refiere difusamente unos veinte milagros o"rados por l mediante una reliquia
del prodigioso franciscano de /orta, que lleva"a siempre consigo. :stos milagros, lo mismo que
sus e1celsas virtudes y maravillosas profecas, hicieron popular en el =acio el nom"re de fray
6arlos, de modo que hasta algunos cardenales y papas lo colmaron de o"sequios. (redi'o el
honor del (apado a los purpurados 6higi -Ale'andro *??., 7ospigliosi -6lemente ?>., Alfieri
-6lemente >. y Al"ani -6lemente >?.; otros pontfices lo invitaron no pocas veces a su corte para
aprovecharse de sus so"renaturales conse'os y espiritual doctrina.
,aravilla causa ver en 6arlos de See, que solamente ha"a aprendido a leer y escri"ir, una
doctrina mstica tan su"lime, que algunos escritores modernos la comparan a la de Santa Eeresa
o de San <uan de la 6ru, proclamndolo uno de los me'ores autores de la misma disciplina en el
siglo >*??, dotado ciertamente de ciencia infusa. :s verdaderamente un escritor fecundo. No se
han conservado todas sus o"ras, pues sa"emos que estando en 6arpineto su confesor le mand
quemar un li"ro de meditaciones, lo cual e'ecut sin resistencia alguna, y otro confesor suyo, el
padre Antonio de Aquila, el cual nos ha dado la primera lista de los mismos escritos, asegura que
ha"a otros ya entonces perdidos. Be todos modos, los que e1isten actualmente dan derecho a
proclamar a San 6arlos autor espiritual de grande fecundidad y seguro magisterio.
:ntre sus o"ras, estudiadas recientemente con utilsimos detalles por el docto padre <aime
/eerincF, descuellan por su importancia3 Le tre Vie, tratado so"re la va purgativa, iluminativa y
unitiva; Cammino interno dell'anima; Discorsi sopra la vita di N. Signor Ges Cristo; Sacro
Settenario, que, seg&n dice el mismo autor, la serfica madre Santa Eeresa de <es&s se lo dict
te1tualmente; finalmente la o"ra ms e1tensa y de mayores vuelos3 Le grandezze della
misericordia di Dio in un anima diulata dalla grazia divina, que es su auto"iografa, compuesta por
inspiracin divina y por mandato de su confesor. :l Santo tra"a' en esta &ltima o"ra desde #$$#
hasta #$$9, mientras resida en el convento romano de San (edro in ,ontorio. Bescri"e en ella
su propia vida y so"re todo las gracias que ha"a reci"ido del Altsimo desde su infancia a la edad
de cincuenta y dos a0os. :l li"ro est dividido en siete partes y en ciento doce captulos, su
materia est saturada de preciosas ideas y descripciones importantes no solamente por lo que se
refiere a la vida del autor, sino tam"in y principalmente por la multitud de fenmenos msticos y
muy e1traordinarios, en esta voluminosa o"ra descritos, y que pueden ser utilsimos a los
cultivadores de la ciencia mstica.
=a doctrina espiritual de este siervo de Bios es siempre slida y sustancial; y a pesar de que su
autor no pudo dedicarse a estudios de alta teologa, trata de ella de una manera maravillosa,
descri"iendo sapientemente los grados ms elevados de la mstica catlica, de modo que en este
su'eto verificse de nuevo la verdad de la sentencia evanglica seg&n la cual el Se0or esconde
los misterios divinos a los sa"ios del mundo y los revela a los prvulos de espritu.
,uri el Santo en el convento romano de San +rancisco a 7ipa en la fiesta de los 7eyes de #@$A,
despus de pocos das de enfermedad, durante la cual reci"i, arrodillado en el suelo, el divino
*itico, confortado con una celestial visin del Salvador, de la *irgen Santsima y de muchos
ngeles. :l papa =en >??? lo elev a los primeros honores de los altares en #88! y <uan >>??? lo
ha canoniado en este a0o de #;9; 'untamente con la "arcelonesa <oaquina *edruna de ,s,
fundadora de las 6armelitas de la 6aridad. Su sepulcro se venera en la iglesia franciscana de
San +rancisco a 7ipa, pero el coran incorrupto, con la se0al de la cru impresa en el acto del
prodigio eucarstico referido, se conserva en la capilla del convento llamada de San +rancisco.
Jos M. Pou y Mart, 2+,, San Carlos de Sezze, en Ao Cristiano, Eomo ?, ,adrid, :d. 6atlica
-)A6 #8!., #;9;, pp. C$G9A.
7 gennaio 1996: Padre Raimondo Sarde!!a a! "on#egno su!!a figura di San $ar!o
(. 7A?,2NB2 S)A7B:==A 2.+.,.
S%& $%R'( )% S*++*
,R%&)* M-S.-$( * M%*S.R( )- SP-R-.(
:stratto da !rate !rancesco $% -#;;$., n. C
6enni "iografici
Scrittore
?tinerario mistico
+lorilegio spirituale
6onclusione
)i"liografia
$*&&- /-(,R%0-$-
HNacqui or dunque, per quello che si ricava nella fede di "attesimo, ai ventidue di otto"re #$#%, in giorno di
martedI, e ai ventisette del medesimo mese, in giorno di domenica, fui "atteato, e mi posero nome
Jiovan 6arloH -2pere complete, ?, !$9; in seguito sarK indicato solo il volume e la pagina.. Ancora3
H6hiamavasi mio padre 7uggero ,archionne e mia madre Antonia ,accione, am"edue nativi delle
antiche famiglie di See, cittK della reverenda 6amera ApostolicaH -?, !$A.. Luesto M il "iglietto di
presentaione di S. 6arlo, che si trova nella sua auto"iografia, intitolata3 Le grandezze delle misericordie
di Dio, e deve essere ritenuta della massima esattea -6omunque chi volesse approfondire la questione
sulla precisa data di nascita del Santo e sul suo cognome , puN vedere3 ?, C# ss..
Nei suoi genitori e nella nonna materna, *alena (ilorci, trovN degli educatori esemplari, assidui e
generosi di consigli e di disciplina cristiana. ? principi "asilari, che fra 6arlo, facendo eco alle parole del
padre, dice fondati nella legge di natura, scaturivano dalla parola di Bio3 HNon fare agli altri quello che non
vuoi che sia fatto a te; fai agli altri quello che vuoi che sia fatto a teH -?, !$#.. Nonostante questi "uoni
presupposti e le doti positive che lOarricchivano, germogliN in lui lOistinto della prepotena e della
sopraffaione, tanto che lo chiamavano il gallo di casa -?, !$;.. =Oiniio degli studi scolastici, favoriti dalla
intelligena pronta e dalla vivacitK inconteni"ile, furono ostacolati dalla deviaione di letture non pertinenti,
fino a giungere ad una ri"ellione clamorosa, con conseguente HfrustaturaH -?, $8 ss..
Bi fronte a tali risultati catastrofici, Jian 6arlo si ridusse al lavoro dei campi e a pascolare i "uoi, da lui
stesso richiesti al padre.
?n questa attivitK si ritemprN nella salute e si radicN nella vocaione religiosa con maggiore precisione
nella scelta dello stato di fratello laico tra i +rati ,inori, dimoranti nel locale convento di S. ,aria delle
Jraie. Luesta sua decisione incontrN svariate e forti opposiioni, particolarmente nello io materno, don
+rancesco ,accione, il quale voleva che diventasse prete, e per convincerlo gli promise il suo canonicato;
in seguito accondiscese che si facesse frate, ma sacerdote.
Non ci furono ragioni che potessero prevalere sulla sua volontK. ?l #A maggio #$%9 salutN i suoi e si recN a
7oma, S. +rancesco a 7ipa Jrande, per essere ricevuto allO2rdine e il #8 maggio successivo vestI lOa"ito
religioso nel conventoGnoviiato di S. +rancesco in Naano e fu chiamato fra 6osimo. A un anno esatto
emise la professione religiosa e per richiesta della madre gli fu di nuovo cam"iato il nome in fra 6arlo, e
cominciN il suo pellegrinaggio nei vari conventi laiali.
?l primo fu S. ,aria Seconda di ,orlupo, non molto distante da Naano3 cominciN ad impratichirsi nei
lavori imparati nel noviiato3 orto e cucina. NellOotto"re del #$%@ fu destinato al convento di S. ,aria delle
Jraie di (onticelli Sa"ino. Nel novem"re del #$%8, mentre si trasferiva da (onticelli al convento di S.
+rancesco in (alestrina, ricevette la notiia della morte della madre, giK presentita nel suo intimo; il padre
era morto nellOagosto del #$%$. A (alestrina cominciN a sperimentare le prime estasi propriamente dette e
iniiN a fare il questuante.
Nel maro del #$CA fu mandato nel convento di S. Jiovanni )attista del (iglio, ma nellOaprile seguente fu
destinato a fare il sacrestano a 6arpineto 7omano, dove rimase fino al maro del #$C$. Luivi fu
sottoposto ad una incomprensi"ile persecuione da parte di un confratello e ad una furi"onda tentaione
di lussuria; fu sollecitato a scrivere sulla passione di 6risto, e nel #$C9, durante la peste che sconvolse il
paese, fu il "enefattore e il confortatore degli ammalati, esponendosi al rischio del contaggio -??, @9 ss..
Scrive il Santo3 HBopo aver sopportato, in questo convento di 6arpineto, tante sI spaventose e terri"ili
tentaioni del demonio, del senso e degli uomini, si fece il nuovo 6apitolo provinciale, e fu eletto per
,inistro della (rovincia il padre Jiuseppe da 7oma, della famiglia 7ivaldi, che fu nel #$C$ nel mese di
maro, nel tempo di (apa ?nnoceno >H -??, ;%.. Eale introduione si richiedeva perch in questa
occasione fra 6arlo fu trasferito a 7oma, nel convento di S. (ietro in ,ontorio, sul Jianicolo, dove resterK
per il resto della sua vita, salvo due "revi soste nel convento di S. +rancesco a 7ipa nel #$9A e nel #$9!.
Nel #$C@ viene assalito da una prepotente tentaione di vendetta contro gli uccisori dello io don
+rancesco3 H?l sangue non puN diventare acquaH, scrive egli. +ra 6arlo vincerK la tentaione portando il
perdono personalmente ai parenti degli assassini -??, #AC ss.. Nel #$C8, a seguito di una puniione
accettata con eroica rassegnaione, fu arricchito dalla trasver"eraione del cuore nella chiesa di S.
Jiuseppe a 6apo le 6ase in 7oma -??, #%$ ss.. Si snoda quindi unOaltalena di comandi e di proi"iioni di
scrivere; diventa direttore spirituale di svariate persone, di monasteri, di prelati. Nel #$%9 termina di
scrivere il "rattato delle tre vie, nel #$9@ il Cammino interno e nel #$$A i Settenari sacri; nel #$$# comincia
Le grandezze delle misericordie di Dio, che termina nellOagosto del #$$9. ?ntanto nel #$$! viene mandato
a Napoli, monastero S. 6hiara, per direione spirituale e nel #$$$ accompagna il cardinale 6esare
+acchinetti ad Assisi, =oreto, =a *erna, +irene. Altro viaggio nel #$$; a Spoleto, sempre dal card.
+acchinetti, finch il $ gennaio #$@A rende lOanima a Bio -??, 9#9 ss..
Bopo la morte iniia la raccolta di testimoniane sulla santitK di fra 6arlo da parte di (. Angelo )ianchineri
da Naro, giK suo confessore saltuario e consigliere assiduo, di Nicola Jrappelli ed altri. Nel #$;C =a
6ongregaione dei 7iti decretN di aprire il processo sulla fama di santitK, virtP e miracoli; iniiN cosI una
trafila che si dimostrN, per varie cause, piuttosto la"oriosa3 "asti dire che la congregaione generale per
procedere alla "eatificaione e""e luogo nel #8@9 e solo nel #88! fu proclamato "eato da =eone >???.
Anche per la canoniaione si e""e un contrattempo3 era stata programmata per lOotto"re #;98, ma il ; di
quel mese morI (io >?? e cosI la glorificaione fu aggiornata per il #! aprile #;9;, e fu operata da Jiovanni
>>??? -??, 9#8 ss.. ?l corpo riposa in S. +rancesco a 7ipa e la festa per lO2rdine francescano M stata fissata
per il @ gennaio.
S$R-..(R*
+ra 6arlo studiN per seiGsette anni, giungendo ad apprendere i primi rudimenti della lingua latina; egli dice
che era giunto Ha fare le concordaneH, e secondo un testimone a declinare musa, musae e a coniugare
doceo, doces -?, $;.. ?n seguito, sia per la rigorositK del maestro, sia per le malattie, sia per lOavversione
alla disciplina, lasciN e dimenticN quasi tutto; gli rimase Hsolo nella memoria un poco di leggere e
malamente di scrivereH -?, !@!.. Alla insufficiente, meglio negativa, preparaione letteraria vanno sommati i
contrasti e le proi"iioni che ripetutamente si a""attevano su di lui, il che M molto comprensi"ile, anche se
erano alternati da comandi espliciti e richieste impellenti; ma soprattutto le atroci sofferene interiori, le
improvvise ottusioni di mente e le difficoltK che incontrava per la stampa -?, ##$ ss..
Nonostante queste constataioni negative, egli fu uno scrittore fecondo e trattN con maestria pro"lemi di
altissima spiritualitK, da destare ammiraione in uomini dottissimi, come si espresse =eone >??? nella "olla
di "eatificaione -?, #A;..
Stampati vivente il Santo3
"rattato delle tre vie della meditazione e stati della santa contemplazione, distinto in tre parti .
=Oopera e""e due ediioni3 #$9C e #$$C.
Canti spirituali, nei #uali si spiega l'interno cammino dell'anima innamorata di Ges Cristo suo
sposo; e come sua Divina $aest% l'incammina, con diversi esercizi, e la conduce alla per&ezione
dell'unitivo amore. Anche questOoperetta, in poesia, e""e due ediioni, assieme al "rattato, con il
quale era unita.
Cammino interno dell'anima sposa dell'umanato Ver'o Cristo Ges, per il #uale ella s'incammina
alla per&ezione dell'unitivo amore con Dio, 7oma #$$C3 M il commento ai Canti spirituali; opera
voluminosa e poderosa per la varietK degli argomenti e profonditK dottrinale.
Settenari sacri, ovvero meditazioni pie per sollevare l'anima all'unione con Dio per i sette giorni
della settimana. (pera utilissima per ogni persona desiderosa di salire alla per&ezione, 7oma
#$$$. Si tratta di un grosso volume contenente ;8 meditaioni su @ temi distinti3 la creaione, le
virtP teologali e cardinali, le virtP morali, i sette viaggi dolorosi di 6risto nei giorni della sua
passione e morte, le sette parole di 6risto sopra la croce, le sette petiioni del )ater noster, i doni
dello Spirito Santo.
*sercizio devoto per la novena di nostro Signore, ovvero nove meditazioni, da &arsi in nove giorni,
per apparecc+iarsi a cele'rar con devozione la &esta del santissimo Natale, 7oma #$$$; lOoperetta
fa seguito ai Settenari sacri.
*sercizio devoto per la novena della santissima Vergine $aria, ovvero nove punti da meditarsi in
nove giorni, per apparecc+iarsi a cele'rare con devozione la &esta della Nativit% di essa
santissima Vergine, 7oma #$$$; lo scritto segue la Novena precedente.
Bopo la morte del Santo3 nel #@C! fu ristampato il "rattato delle tre vie e nel #8$9 fu pu""licata di nuovo la
Novena di Natale.
?n questi ultimi anni, in particolare per la circostana della canoniaione del Santo, sono stati pu""licati
altri scritti di varia entitK -? #C#s., ma soprattutto M stata iniiata lOediione critica delle (pere complete
-primo volume #;$%., sospesa nel #;8A e ripresa nel #;;C. Sono usciti $ volumi e comprendono tutte le
opere giK stampate del Santo, e nei primi due volumi3 Le grandezze delle misericordie di Dio in un'anima
aiutata dalla grazia divina -auto"iografia. con altri opuscoli auto"iografici.
?nediti3 ci sono ancora vari opuscoli e alcune lettere -forse non tutte e si spera in qualche felice sorpresa.
che saranno raccolti nel decimo volume delle (pere complete. ?ntanto M in corso di avanata preparaione
il primo volume dei tre preventivati, che comprenderanno lOopera piP voluminosa di fra 6arlo3 *semplare
del cristiano, ovvero discorsi sopra i misteri principali della vita, predicazione, passione e resurrezione di
Ges Cristo, cavati da #uello c+e +anno scritto i #uattro *vangelisti, e divisa in tre parti . Si tratta, come si
comprende, della vita di 6risto, purtroppo incompleta per la sopraggiunta morte dellOAutore, arrivando fino
al discorso sopra lO*cce +omo. =Oopera ha carattere narrativo ed esegetico, ma con molta frequena vi
sono inserite riflessioni di natura eminentemente mistica, che danno un valore notevole allo scritto. ?n
modo particolare fa impressione una conoscena s"alorditiva della Sacra Scrittura da parte di fra 6arlo. ?n
tutto, tra grandi e piccoli, si contano circa 9A scritti.
-.-&*R%R-( M-S.-$(
Bata lOindole dellOarticolo non si crede opportuno esporre sistematicamente la dottrina spirituale di fra
6arlo, il quale ha sperimentato e trattato o descritto tutti i pro"lemi della musica. Luando il confessore, p.
Antonio dellOAquila, gli comandN di scrivere il Cammino interno e Le grandezze delle misericordie di Dio,
gli impose anche che dovesse scrivere esclusivamente tutto ciN che aveva sperimentato, o che man mano
sperimentava, altrimenti glielo avre""e cancellato oppure non lo avre""e assolto -?, #AC., e il Santo
confessa chiaramente di non aver scritto nulla che non scaturiva dalla sua esperiena -??, !$%..
Nella conclusione del Cammino interno, rivolgendosi al confessore, scrive3 H? li"ri dei quali mi sono servito,
sono stati quattro, che dirN a gloria di Bio3 il primo M stata la frequena della santa comunione; il secondo il
servire alla santa messa; il tero il 6rocefisso; il quarto lOoraione. /o imparato nel primo, conforme alla
mia "assa capacitK dOintendere, quelle mistiche e amorose unioni e trasformaioni di amore che passano
fra lOanima amante e JesP 6risto suo sposo nella passiva contemplaione. Nel secondo ho imparato
come il nostro intelletto venga illustrato e acquisti cogniione certa per intendere le divine veritK, e come in
quelle si affeioni la volontK ed esso intelletto sostanialmente si sospenda, sena intendere e conoscere
il ci"o del quale si pasce. Nel tero ho appresa lOintelligena della sacra Scrittura, e lOordine dello stile e
della frase. Nel quarto ho ricevuto lOintendimento e comunicaione delle materie proporionate,
accompagnate con esempi dei santi e devote metafore, con le quali potessero restare meglio spiegate e
intese le sacre dottrine. /o voluto qui significare il tutto a vostra riverena, acciN sOintendi chiaramente che
in scrivere dette materie spirituali si fa piP con lo studio dellOassidua oraione che con il leggere molti li"ri,
penetrando la pratica, dove non giunge la semplice teoria sena lOesperienaH -*, 9C9..
: non M un modo di dire, perch altrove ci confida3 a volte, mentre scrivevo Hmi pigliava un timore sI
grande, che pareva di trovarmi in un profondo mare sena di saperne uscire; e "en spesso mi sentivo una
cosa interiormente che aspramente mi riprendeva di quello che volevo fare, che era come un cane che mi
mordeva le viscere e in estremo mi affliggeva. ?n questi frangenti pigliavo alle volte qualche li"ro per
vedere di aver qualche luce per spiegare il concetto, come anche per fare la mia parte; niente perN mi
giovava. 7icorrevo al li"ro del 6rocifisso, che sempre avevo davanti3 cominciavano a sparir le tene"re e a
venire la chiara luce. +uggiva il cane e veniva il maestro che mi insegnava, cioM lo Spirito Santo,
comunicandomi lOintelligena in quello che dovevo esporre e al quale la mia fiacchea non arrivava.
7estavo altre volte con la stessa offuscaione di mente. 7icorrevo per rifugio adoraione, ponendomi
avanti al Signore nel santissimo sacramento dellOaltare e, unitomi a lui, mi si apriva la mente e lucidava
lOintelletto, e come di vista mi si poneva avanti ordinatamente tutto quello che dovevo scrivere con i passi
della divina Scrittura che vi andavano inseriti, con la dichiaraione appropriata; avvenendomi il medesimo
quando servivo alla santa messa e quando ricevevo nella sacra comunione il santissimo sacramento del
corpo del SignoreH -??, !$%..
Ba Le grandezze delle misericordie di Dio ricaviamo una "reve cronologia dei principali stati di oraione
sperimentati dal Santo.
#$%AG%!3 ?# Signore gli comunica un grande fervore di spirito; fa il voto di castitK perpetua; pregando
dinani allOimmagine della *ergine M arricchito del dono dellOoraione di quiete, primo grado di oraione
infusa3 HSi tratta di unOaltra sorte di oraione, dove lOanima con le potene si raccoglie nellOinteriore, e del
miglioramento che ne segue, acquistando lume, in fare le cose per BioH -?, !8Ass..
#$%;3 (rime estasi a (alestrina3 HSi ragiona delle estasi che cominciai a provare e le cause per le quali
provenivano, dandosi intorno a questo "uoni avvertimentiH. =e cause che originavano le estasi erano3 H=a
prima era in sentir ragionare di Bio, riscaldandosi dellOamor di lui lOaffetto, apprendendo quella sua gran
"ontK, maestK e grandea, dalla quale lOanima era rapita ed elevata sopra di s... =a seconda, sollevando
lOintelletto in qualche mistero sacro della vita di 6risto... Avveniva, nella tera causa, quando che sua
divina ,aestK si compiaceva di risvegliare lOanima con quel suo puro spirito di divinitK, che, come si"ilo
divino o soavissima aura, riduce nella casa dellOinterno le sparse poteneH -?, 9%Ass..
#$C8 otto"re3 stimmata nel cuore3 HSi ragiona del desiderio che concepii nellOanima dellOamor di Bio e la
maniera che nostro Signore tenne in farmelo sentire sensi"ilmente nel cuoreH -?? #%9ss..
#$C8GC;3 A seguito della stimmata per un anno sperimenta grande ripienea di Bio e spirito di adoraione
interiore, dopo di che entra, nel primo grado di oraione di presena di Bio; lascia la meditaione
HimmaginareH ed entra nella contemplaione infusa -??, #9@ss..
#$9#G9%3 (eriodo del secondo grado di oraione di presena di Bio e ariditK di spirito3 HSi prosegue a
ragionare di questa seconda sorte di presena di Bio, e si dice come cominciai ad avere alcune sorti di
rivelaioni e visioni, e come dallo spirito del Signore ero ammaestratoH -??, !A@ss..
#$9!G9%3 Sente particolare dolcea sensi"ile nel fare la comunione e quindi chiede e ottiene di poterla
fare ogni giorno -??, #@;ss.; ne scriverK un "reve trattato, che inserirK nel Cammino ,nterno, per diffondere
la pratica -*, %9CG@@..
#$9%G9$3 HSi ritorna a ragionare della presena di Bio e si dice della tera sorte che si fa puramente
nellOintelletto... 6ome lOanima spiritualmente si trasforma in Bio... Besidera di uscire dal carcere del corpo
per unirsi perfettamente a Bio... e come nostro Signore mi diede lOintelligena della sacra Scrittura e di
intendere gli andamenti dellOanima nel cammino dello spiritoH -??, !%9G@$..
#$9$G9@3 HSi ragiona della quarta sorte di presena di Bio, dove lOanima con luce soprannaturale gode del
medesimo Bio come a s presenteH; ancora3 HSi ragiona dei movimenti ed elevaioni dello spirito e come
in questa sorte di oraione a""ia parte la fede e la sperana ed operi la caritKH. Stato di annichilaione,
esclamaioni, Hevaporaioni dello spiritoH, ri"ellione dei sensi -??, !@@G%98.; tentaione di disperaione e
aumento di sofferena nella preghiera -??, %#$ss..
#$$!G$93 HSi ragiona dellOultimo grado oraione, che M lo stato dellOamor di Bio dolce e soave, nel quale
lOanima con la legge riposa nel medesimo BioH; si parla quindi delle operaioni mistiche che diventano piP
perfette nellOanima, delle ariditK spaventose, delle elevaioni di spirito e di locuioni divine -##, %9;ss..
#$$%3 6onfermato in graia -??, CA#..
Luesta elencaione non M assolutamente esaustiva, ani del tutto restrittiva, perch altrove il Santo parla
di altre esperiene e fenomeni mistici non sempre capiti e perciN non appreati, per esempio3 lo stato
dellOamor puro Hnon inteso da molti e da pochi desideratoH -???, !9Cs. O
Nel "rattato delle tre vie, dopo aver descritto #C Hstati universali della santa contemplaioneH, #A stati
HsingolariH, #% Hestatici struggimentiH, % Hgemiti misticiH, e altri fenomeni, tutti puntualmente da lui vissuti,
scrive3 H,olti altri sono le mansioni e gli stati nella casa del Signore, di alcune dei quali non se ne puN dir
parola sena il divino aiuto, e sono difficilissimi darli ad intendereH. Scende quindi nellOenunciaione3 H?l
dirvi che alcune volte allOanima pare di esser trasportata per immergersi e unirsi con Bio nelle onde
rapidissime dellOamore, e restare il corpo immo"ile... 6he unOanima sarK stata lungo tempo arida secca e
in un istante le sono svelati segreti del cielo... 6he alcune volte, stando i servi di Bio in oraione in paesi
diversi e lontani lOuno dallOaltro, per divina permissione si vedino e parlino in spirito, e altre volte
incontrandosi insieme, sena parlarsi con le loro "ocche, interiormente si vedino i loro cuori e sena
strepito di voce si parlino... 6he il corpo, stando fermo in terra in atto di oraione, agilmente gli paia di
esser elevato in aria, circondato di chiarissima luce... 6he alcune volte si odono gli odori e la fragrana
soavissima, e si sentono diverse armonie di suoni. : cosi delle altre cose appartenenti a questa materia,
sono difficilissime a darle ad intendereH -???, %@$ss.. A questi fenomeni va aggiunta lOimmersione nelle
Hlucidissime tene"reH della natura di Bio -??, %#$..
0'(R-'*,-( SP-R-.1%'*
(er fra 6arlo la moderaione nelle penitene e soprattutto la soprannaturalitK nelle aioni sono lOelemento
"ase della perfeione3 H?l pensare continuamente in Bio santifica la mente, riscalda lOaffetto, illumina
lOintelletto, serve di freno a guardia allOanima per non commettere peccati veniali -maggiormente i gravi.,
ed M scopa dei vii e preparaione per lOoraione; adorna la stana dellOanima di cordiale devoione, la fa
cieca nel vedere i difetti dei prossimi e le concede di parlare amorosamente di Bio per utilitK del prossimo.
*i sono molti che procurano la puritK del cuore per vie lunghe e faticose, cioM digiunando, vigilando,
disciplinandosi, dormendo sulla nuda terra al freddo, al caldo, affliggendo in varie maniere il corpo, e tutto
ciN per ottenere la nettea e limpidea interiore, nella quale si possiede la consumata perfeione; ma io
direi, con ogni sommissione, che la piP facile via, per giungere prestamente alla perfeione, sia ili continuo
pensare in Bio, concludendo che chi spesso pensa in Bio, Bio M con lui e lo tiene per graia e non ha cosa
che gli manchi. (rocuri dunque ognuno, nei suoi pensieri e intenioni, di avere sempre Bio per oggetto, e
di non attaccarsi alle creature. (er esempio se uno fa una caritK ad un altro, M molto "uona cosa averlo
per oggetto come suo prossimo, ma meglio sarK averlo per oggetto come mem"ro di 6risto, e sarK atto di
caritK tanto piP meritorio, quanto che un oggetto M dellOaltro infinitamente piP degno ed elevatoH -???, #;#s..
=a povertK, Hscala del cieloH, M composta di cinque HscaliniH, ai quali corrispondono tre gradi nella vita
spirituale3 il primo consiste nel godimento dei Hdivini a""racciamentiH o consolaioni spirituali sensi"ili; il
secondo M qualificato dalla ricerca dellOamor puro e dal dominio dellOariditK; il tero corrisponde allOunione
trasformante. ?n esso gli HeroiH che vi giungono Hstanno solo in Bio, e da Bio sono rimirati; ed essendo
rimirati da quel divinissimo sole indivisi"ile, divengono illuminati e chiari e quasi in chiarea trasformati, e
due soli, fatto uno, piicando a un certo modo di dire per partecipaione quasi del divino di quella
fruiione soprannaturale e indivisi"ile, appunto come succede alla caraffa che in s riceve il vino rosso3
pare che trasparentemente riceva lo stesso colore, "ench il suo proprio sia indifferente per ricevere i
coloriH. Luesto Hgrado dello spiritoH viene conquistato nel quinto HscalinoH -?*, CA%ss..
=a sintesi della vita cristiana e della perfeione consiste nel possesso vitale, o esisteniale, delle virtP, in
modo particolare di quelle teologali. H?n quella della santa fede, per esser quella, come dice il glorioso
apostolo san (aolo, la sostana e il fondamento di tutte le altre, e fa che crediamo tutto quello che tiene la
nostra santa madre 6hiesa apostolica romana, e per meo delle veritK cattoliche che in essa santa
6hiesa si racchiudono lOanima in fede si dispone ad unirsi con il suo sommo "ene. Nella sperana, la
quale M necessaria per salvarsi, come lo stesso Apostolo cOinsegna3 per la sperana siamo fatti salvi; e
con questa sperana ancora perviene lOanima sposa alla pace e unione con il suo diletto sposo. Nella
caritK, come quella che M la maggiore, ed M dono dello Spirito Santo e condimento di tutte le virtP, ed M
quella che velocissimamente fa correre lOanima allo sposo suo e la sommerge nellOardentissima fornace
del suo divino amore, facendola ardere tutta dOamoreH -?*, #C;s..
Ba quanto detto risulta che la preminena delle virtP venga attri"uita alla caritK; meglio3 lOepilogo e il
coronamento della perfeione si realia nel possesso ine"riante dellOamore, che oltrepassa lOumano
intendimento. ?n altre parole tutte le virtP, quando sono schiette, si ricapitolano nellOamore, dal quale sono
sorrette, trasformate e su"limate. (roprio per questo scrive il Santo3 HQ piP conveniente il credere con
devoto affetto che voler sottilmente speculare i profondi misteri di Bio, che stanno racchiusi nella nostra
santa fedeH -*, C@.; infatti HlOamore vero non consiste tanto nel sapere, quanto consiste nellOamareH -*,
#$A.. : propriamente in amare tanto che mai si possa dire "asta3 HSe""ene si stesse lungamente in
questa vita e si camminasse velocemente con lunghi passi, non si puN amare tanto che si possa dire3 Non
plus ultraH -*, C;A.; quindi con progressione costante, a volte dolorosa, a volte incendiaria, cioM con tutte
le coordinate insite in tale "ruciante desiderio, intessuto di pena e di gaudio, di ansia e di godimento, di
attesa e di Ha""racciamentiH sino a raggiungere la Hsaggia ignoranaH o Hgustosa intelligenaH -?*, !#@; *,
9;, 8%, !#;, ecc.., la HdeiformitKH -*, @A., lo Hstato deificoH -*, ;C..
S. 6arlo ci informa che se lOuomo potesse conoscere pienamente il proprio essere, cadre""e in un grande
avvilimento e la gioia sare""e lontana dal suo cuore; ma il Signore vuole che HlOamiamo con la maggiore
perfeione, non con amore servile, come fanno gli schiavi con i loro padroni, ma con amor puro e sincero,
che non riguarda n a pena, n a premio, n a morte, ma a lui solo, come quello che M il nostro "eneH -*?,
CC#..
?l puro amore produce nei servi di Bio la gioia di compiere la volontK divina, Hove come in un tugurio divino
si riparano, e allora il diletto che sentono M assai maggiore dei passati travagli, e gli stessi travagli e
fatiche gli si convertono in diletti. Bi modo che lasciano addietro ogni curiositK in tutte le loro aioni, che gli
succedono sinistramente o prosperamente. : a somigliana dei servi fedeli, che mai si discostano dalla
volontK dei loro padroni G tenuta da essi per "uona e salutifera G con molta sottomissione si sommergono
nel puro e nudo spirito di servire a Bio come a Bio, e non per i regali che gli dK, o per desiderio di premio
e di gloria, ovvero per timore di pena. Non "ramano di sapere cosa alcuna di altri e di loro stessi. Non
amano, non ammirano, n cercano le cose create, perch con una sciena divina hanno giK vinta la
meraviglia che nasce dallOignorana. Ani illuminati dalla prima veritK, nemmeno da Bio vogliono saper
cosa alcuna di se stessi, ma sommersi nel fonte del divino volere, vogliono vivere nella divina legge,
sena aver memoria e intelletto per pensare altro o volontK per amareH -*?, 9#8..
$(&$'1S-(&*
SarK "ene ricordare che il "rattato delle tre vie, il Cammino interno e i Settenari sacri, dalle quali opere
sono stati desunti i pensieri precedenti, furono scritte tutte prima de Le grandezze delle misericordie di
Dio, dove M descritto lOultimo grado di oraione, Hlo stato dellOamor di Bio dolce e soaveH. Bata
lOespressione si potre""e pensare a qualche cosa di romantico e di poetico, mentre invece si tratta di uno
stato mistico il piP concreto e realistico che si possa avere3 H6onsiste nella pura osservana della divina
legge; essendo che, siccome il cristiano con essa legge dK principio alla vita devota e santa, in questo
grado di oraione con particolar dono celeste vi si sperimenta il suo frutto, che M come dice il santo re
Bavid, la "eatitudine e felicitK spirituale che si concede in questa vita nella nuda amiciia di Bio, dove
lOanima che giunge a questo grado di oraione, a dirla con una sola parola, spogliata da tutti gli affetti, ama
il suo 6reatore Bio, non allettata da sensi"ile devoione e consolaione spirituale, poich come si M
veduto ne M di questo rimasta spogliata, ma nella pura osservana della divina legge3 che viene ad essere
in corrispondena di quello che dice JesP 6risto in san Jiovanni parlando ai suoi discepoli, cioM3 6olui
che ha i miei comandamenti e li osserva, quello mi ama, e chi mi ama sarK amato dal (adre mio e io lo
amerN e gli manifesterN me medesimoH -?l, %9;s..
Se si tien conto che dallOingresso a questOultimo grado di oraione trascorsero circa otto anni fino alla
morte di fra 6arlo, viene da chiedersi se sia stato veramente lOultimo del suo meraviglioso itinerario
spirituale. A Bio, infinita perfeione, certamente non mancano nuovi e piP su"limi modi di comunicarsi alle
anime, le quali, a loro volta, hanno una incalcola"ile e personale capacitK di conquista e di reaione.
6omunque, anche cosI, la vita di fra 6arlo ci offre la netta sensaione di un percorso privilegiato, non
disgiunto dalla sua faticosa colla"oraione, anche se non M stata sottolineata sufficientemente in questo
articolo. 6risto aveva detto3 HSe il grano di frumento, caduto in terra non muore, resta solo; ma se muore,
produce molto fruttoH -Jv #!, !C.. Luesta fu lOattivitK del nostro Santo, aiutato dalla graia3 morire a se
stesso, per rimanere in Bio; e il frutto fu lOappropriaione delle altre parole del divino ,aestro3 H?l mio ci"o M
compiere la volontK del (adre mioH -Jv C, %C.. : proprio per aver messo in atto tale insegnamento il
nostro Santo M un maestro perenne di spiritualitK.
(rima di chiudere M il caso di accennare "revemente allOinclinaione di fra 6arlo a dare saggi di preghiere,
che risultano di una cordialitK e intensitK indici"ili. +ra 6arlo, come tutti i mistici, fu graiato da Bio di
molteplici doni, ma fu anche sottoposto a tentaioni furiose di ogni genere -lussuria, super"ia, vendetta,
ri"ellione, ecc.., a calunnie infamanti, a rimproveri e puniioni purtroppo spesso immeritati, ma soprattutto
a prove divine provenienti da a""andoni e ariditK di spirito spaventose che lo torturavano; si puN dire che
piP erano alti i doni che Bio gli concedeva, piP lacerante il HcontrappesoH che ne seguiva. ?n questa
situaione, paragonandosi allOammalato ina"ile che sostava sdraiato nei pressi della piscina pro"atica,
elevava accorate HesclamaioniH -??, !;$ss., che concludeva con unOinvocaione di fede mira"ile3
HEi adoro, o Signore nel trono della tua ,aestK, con quelle adoraioni che ti danno i tuoi eletti, per mio Bio,
avendo fatto lOuomo e tutto il creato. Ei adoro per mio creatore, per avermi creato a tua immagine, con il
darmi lOessere con il rimanente che si conviene ad una creatura ragionevole. Ei adoro per mio redentore,
avendomi redento con il tuo preiosissimo sangue. Ei adoro per mio conservatore, conservandomi questo
essere che mi hai dato con la mano tua onnipotente. Ei adoro per mio signore, acciocch avendomi fatti
tanti "enefici ti sia o""ediente, riconoscendoti sopra tutte le cose e, illuminato dalla tua vera luce, venga a
te per meo della caritK e caritatevole amore, mentre che mi hai dato la tua santa legge. Ei adoro per mio
"enefattore, provvedendomi in ogni luogo, in ogni tempo, temporalmente e spiritualmente. Ei adoro per
mio glorificatore, dipendendo da le la gloria e lOonore e ogni mio "ene, mentre in te si restringe ogni cosa
essendo primo principio del tutto. (rorompevo ancora in parole di lode, dicendo3 Bio grande, che ogni
cosa a""racci e ogni cosa M in te. Bio immenso, che sei per ogni luogo e in ogni luogo, mi vedi e odi.
+ondo sena termine, larghea sena misura, lunghea sena distana. Bio onnipotente, caritK sena
termine, "ontK infinita, sapiena eterna, amore immenso, misericordioso Signore, padre dei poveri, rifugio
degli afflitti, Bio di ogni consolaione, dove trovano quiete tutte le nostre sperane; e chi in te spera non
perirK in eternoH -??, %A@s..
(er ringraiamento dopo la comunione il Santo suggerisce varie riflessioni per pregare con il massimo
ardore3 H(otrK ancora il fedel servo di Bio, ricevuto che avrK il santissimo sacramento, immaginarsi di
tenere il suo amato JesP nelle sue viscere sotto qualche "ellissimo mistero, cioM pensare di tenerlo come
"am"ino "ello e graioso, oppure coronato di spine, flagellato alla colonna, o schiodato dalla croce tutto
piagato e coperto di sangue, o risuscitato da morte, "ello e glorioso con le piaghe risplendenti come sole.
: secondo detti misteri farK con il suo sposo santi colloqui e fruttuosi ragionamenti. : con amorosi e
infuocato sospiri potrK col cuore e con la "occa devotamente dire, in quel miglior modo che il suo spirito
richiederK3 ( Ges mio, tutto amore, innamorarmi di te, perc+- essendo io di te innamorato, sar. costretto
ad amarti. ( Ges mio, riempimi della tua ine&&a'ile dolcezza, poic+- gustandola io tutto mi li#ue&ar.. (
Ges mio, dammi un 'acio con la tua 'occa, perc+- 'aciandomi tu io rester. in pace. ( Ges mio,
riempimi della tua carit%, della #uale io ripieno, con per&ezione operer.. ( Ges mio dammi il tuo lume
perc+-, avendo esso, camminer. nella verit%H -*, % $9s..
+ra 6arlo chiude il li"ro Le grandezze delle misericordie di Dio con un desiderio, che certamente M ancora
vivo e attuale3 H: infine ho desiderato a tutti la salute dellOanima, e non lascerei cosa alcuna da farsi,
essendo noi tutti figlioli di un (adre, che M Bio, salvatore nostro, e di una madre, che M la nostra santa
madre 6hiesa. : questo desiderio lo desidero che lOa""iano tutti per unione ed eserciio della fraterna
caritK, nella quale in 6risto, come a nostro capo, siamo uniti, per poter con lui regnare. AmenH -??, C#;..
/-/'-(,R%0-%
S. 6A7=2 BA S:RR:, (pere complete, voll. $, a cura di (. 7aimondo S)A7B:==A, 2.+.,., 7oma #;$%G
@%3 ad ogni volume M premessa una ricchissima "i"liografia di opere citate nel testo e di tutto ciN che M
stato scritto su S. 6arlo fino al #;@%; in questa sede si citano solo i lavori apparsi a cominciare da tale
data.
(27ES7AS A., San Carlos de Sezze, pro&undo / &ecundo escritor mistico, poco conocido, in Selecciones
de !ranciscanismo, ! -#;@%. #;#G;;
S)A7B:==A 7., La sacra Scrittura in S. Carlo da Sezze, in La sacra Scrittura e i !rancescani, 7omaG
<erusalem #;@%, #@%G@;
S)A7B:==A 7., S. 0onaventura da 0agnoregio e S. Carlo da Sezze, in Santa C+iara, #$ -#;@C., (asqua
#;@C, #@G!8
S)A7B:==A 7., S. 0onaventura negli scritti di S. Carlo da Sezze, in $iscellanea !rancescana, @9 -#;@9.
;%@GC9
S)A7B:==A 7., La para'ola dei vignaioli nell'inedita interpretazione di S. Carlo da Sezze, in La nuova
rivista di ascetica e mistica, # -#;@$. #9@G@A
S)A7B:==A 7., La Croce in S. Carlo da Sezze, in Atti del Congresso internazionale, 7oma #%G#8 otto"re
#;@9, ??, Eorino #;@$, #;!G%AA
S)A7B:==A 7., Liturgia in onore di S. Carlo da Sezze, 7oma #;@@
6:7A+2J=? J., 1n santo cantautore davanti al presepio, in 0ollettino ceciliano. 2ivista di musica sacra,
@! -#;@@. %#;s
A,27: A., San Giuseppe negli scritti di S, Carlo da Sezze, in *studios 3oese&inos, %9 -#;8#. %#AG!#
RS662N? J., S. Carlo da Sezze, in )ro&ili si santit% sera&ica nel Lazio, 7oma #;8!, $CG$8
6ABB:7? A. 6., San Carlo da Sezze a )alestrina, (alestrina #;8;
J27? S., Carlo da Sezze -santo., in Dizionario enciclopedico di spiritualit%, ?, 7oma #;;!, CC;G9#
)27S? A., San Carlo da Sezze, in Apostoli dello Spirito Santo, (alestrina #;;%, 9G#%
A667266A +., S. Carlo da Sezze, scrittore... senza lettere, in )orziuncola Assisi, @A, N. $, Jiugno #;;C,
%;GC!
Raimondo Sbardella
Torna su