You are on page 1of 40

BREVE

BREVE
RIASSUNTO
RIASSUNTO
DELLE PUNTATE
DELLE PUNTATE
PRECEDENTI ... E
PRECEDENTI ... E
SUCCESSIVE
SUCCESSIVE
ESEMPIO
ESEMPIO
Se mi accingo a scrivere un articolo che passa in
rassegna (review) le patologie legate allabuso di
sostanze stupefacenti le operazioni che far seguono
allincirca questo schema:
1. Cerco su PubMed i riferimenti bibliografici degli
articoli sulle patologie connesse ai vari tipi di sostanze.
2. Estendo la ricerca ai cataloghi (di biblioteche o librerie
online) per i libri e ai motori di ricerca per i siti Web
pertinenti.
3. Recupero il testo completo dei documenti attraverso la
biblioteca (e i suoi servizi) o direttamente scaricandoli
dalla rete.
ESEMPIO
ESEMPIO
4. Metto in ordine i documenti
raggruppandoli o classificandoli in modo
da facilitarne il recupero in caso di
necessit. Una classificazione possibile, nel
nostro caso, quella per sostanza (alcohol,
fumo, marijuana, eroina, cocaina, etc.): se i
documenti sono in formato elettronico, creo
tante cartelle sul pc quante sono le
sottoclassi di sostanze stupefacenti o nocive
di cui mi occuper.
ESEMPIO
ESEMPIO
5. Leggo i documenti, ne sottolineo i
punti essenziali, prendo appunti, scrivo
note critiche e di rimando (tipo vedi
anche oppure confronta con ):
tutte operazioni utili a stabilire quei
nessi concettuali tra i documenti che
formano il materiale grezzo del testo
finale.
ESEMPIO
ESEMPIO
6. Scrivo il testo della rassegna citando,
man mano che si presenta loccasione,
le fonti utilizzate o almeno le pi
importanti. Lelenco completo delle
fonti, collocato alla fine del
manoscritto, forma la
BIBLIOGRAFIA ed una
componente fondamentale di qualsiasi
lavoro di ricerca.
Le operazioni 4, 5, 6 possono
Le operazioni 4, 5, 6 possono
essere tranquillamente effettuate
essere tranquillamente effettuate

all
all

antica
antica

ovvero
ovvero
in modo
in modo
manuale
manuale
usando fotocopie,
usando fotocopie,
schedine cartacee, post
schedine cartacee, post
-
-
it,
it,
evidenziatori, matite, etc.
evidenziatori, matite, etc.
Ma un sistema
Ma un sistema
pi
pi

efficiente
efficiente
per gestire l
per gestire l

intera
intera
attivit
attivit

di
di
raccolta
raccolta
e
e
organizzazione
organizzazione
del materiale in
del materiale in
funzione della scrittura
funzione della scrittura

dato dai
dato dai
SOFTWARE DI GESTIONE
SOFTWARE DI GESTIONE
BIBLIOGRAFICA
BIBLIOGRAFICA
In realt
In realt

questi software fanno


questi software fanno
molto di
molto di
pi
pi

che gestire bibliografie:


che gestire bibliografie:
1)
1)
raccogliere, catalogare e organizzare
raccogliere, catalogare e organizzare
in modo razionale
in modo razionale
qualunque tipo di
qualunque tipo di
materiale
materiale
utilizzato durante lo studio e la
utilizzato durante lo studio e la
ricerca (
ricerca (
research manager/assistant
research manager/assistant
)
)
2)
2)
prendere appunti ed organizzarli
prendere appunti ed organizzarli
in
in
funzione della stesura di un documento
funzione della stesura di un documento
finale (tesi, articolo)
finale (tesi, articolo)
SOFTWARE DI GESTIONE
SOFTWARE DI GESTIONE
BIBLIOGRAFICA: FUNZIONI DI BASE
BIBLIOGRAFICA: FUNZIONI DI BASE
La gestione automatizzata si attua in tre fasi:
1. Inserimento manuale dei record bibliografici e/o
cattura degli stessi da database in linea (PubMed,
siti degli editori, OPAC).
2. Arricchimento dei record bibliografici con
informazioni supplementari (abstract, appunti,
note, parole chiave, link al full-text dei documenti).
3. Formattazione automatica delle citazioni e
integrazione con il Word Processor (ad es.
Microsoft Word) per la compilazione della
bibliografia finale.
SOFTWARE COMMERCIALI DI GESTIONE
SOFTWARE COMMERCIALI DI GESTIONE
BIBLIOGRAFICA
BIBLIOGRAFICA
Esistono diversi software commerciali:
RefWorks [Web-based]
Biblioscape [Windows]
Bookends [Mac OS X]
Library Master [Windows]
ProCite [Windows] [Mac OS 7.5.5]
EndNote [Windows] [Mac OS X]
Reference Manager [Windows]
Una soluzione gratuita, multipiattaforma (Windows,
MAC, Linux) e altamente personalizzabile il BibTeX,
tipicamente usato assieme al sistema LaTeX.
E' in assoluto il sistema migliore ma meno intuitivo
dei software commerciali e per poterlo utilizzare al
meglio in Windows servono, oltre alla familiaritcon il
LaTeX:
1. una distribuzione LaTeX (ad es. MikTeX);
2. un editor LaTeX (ad es. LyX);
3. un gestore di record bibliografici (ad es. JabRef).
SOFTWARE GRATUITI DI GESTIONE
SOFTWARE GRATUITI DI GESTIONE
BIBLIOGRAFICA [1] IL BibTeX
BIBLIOGRAFICA [1] IL BibTeX
Una seconda opzione, decisamente pi
semplice della precedente, il software
open source
ZOTERO
ZOTERO
(http://www.zotero.org/)
E un'estensione del browser Firefox
(richiede almeno Firefox 2.0)
SOFTWARE GRATUITI DI GESTIONE
SOFTWARE GRATUITI DI GESTIONE
BIBLIOGRAFICA [2] ZOTERO
BIBLIOGRAFICA [2] ZOTERO
ZOTERO
ZOTERO
VANTAGGI:
VANTAGGI:
E
E

gratis
gratis
ma fa tutto quello che fanno i software
ma fa tutto quello che fanno i software
commerciali.
commerciali.
E
E

un progetto
un progetto
recentissimo
recentissimo
(2008) ed
(2008) ed
in evoluzione
in evoluzione
,
,
quindi si arricchir
quindi si arricchir

di ulteriori funzionalit
di ulteriori funzionalit

nei
nei
prossimi mesi.
prossimi mesi.
SVANTAGGI:
SVANTAGGI:
Non
Non

autonomo, dipende da un
autonomo, dipende da un
browser
browser
(ma
(ma
funziona anche off
funziona anche off
-
-
line).
line).
ZOTERO: ESEMPI DI
ZOTERO: ESEMPI DI
INSERIMENTO MANUALE
INSERIMENTO MANUALE
Libro:
L'alcolismo: prospettive di ricerca e di intervento /
Claudio Pierlorenzi, Alessandro Senni. - Nuova ed.
aggiornata. - Roma : Carocci, 2001
Articolo:
PepinoMY, MennellaJ A.
Effects of cigarette smoking and family history of alcoholism
on sweet taste perception and food cravings in women.
Alcohol Clin Exp Res. 2007 Nov;31(11):1891-9.
Vediamo ora come Zotero
Vediamo ora come Zotero
manipola le
manipola le
citazioni
citazioni
per creare
per creare
una bibliografia durante la stesura
una bibliografia durante la stesura
di un documento in un
di un documento in un
file di Word
file di Word
(sistema
(sistema
Cite
Cite
-
-
While
While
-
-
You
You
-
-
Write
Write
).
).
Ma prima
Ma prima

alcune nozioni sugli


alcune nozioni sugli
STILI BIBLIOGRAFICI
STILI BIBLIOGRAFICI
BIBLIOGRAFIA
BIBLIOGRAFIA
Contiene l'elenco, in formato standard, dei titoli di
documenti (articoli, libri, etc.) citati nel corpo della
tesi.
Esistono delle norme internazionali o stili che
opportuno seguire per dare un formato coerente ai
riferimenti bibliografici.
Ciascuno stile detta regole univoche su tutti gli aspetti
legati alla composizione materiale della bibliografia
(quali elementi inserire per ciascuna tipologia di
documento, come e in che ordine inserirli).
In ambito tecnico
In ambito tecnico
-
-
scientifico
scientifico
si usano quasi esclusivamente
si usano quasi esclusivamente
2 stili:
2 stili:
(1) il
(1) il
Vancouver Style
Vancouver Style
(Autore
(Autore
-
-
Numero)
Numero)
(2) l'
(2) l'
Harvard Style
Harvard Style
(Autore
(Autore
-
-
Data)
Data)
VANCOUVER STYLE
VANCOUVER STYLE
1. Nel testo si inserisce, di solito tra parentesi tonde o
quadre, un numero progressivo in corrispondenza di ogni
citazione.
2. Tutti i titoli citati sono elencati in fondo alla tesi. Ogni
titolo identificato da un numero consecutivo che coincide
con il primo numero usato nel testo per riferirsi ad esso.
3. Se lo stesso titolo citato in diversi punti del testo, si usa
sempre lo stesso numero tra parentesi.
Si basa sugli standard della
Si basa sugli standard della
International Committee of Medical Journal Editors
International Committee of Medical Journal Editors
VANCOUVER STYLE
VANCOUVER STYLE
Ad esempio, nel testo della tesi scrivo:
Ad esempio, nel testo della tesi scrivo:
Le basi del problema sono state poste in un
articolo pubblicato nel 2002 [1]. Altri autori
hanno discusso le implicazioni di questa
proposta in momenti successivi [2,3], senza
accorgersi che posizioni analoghe erano gi
state espresse [4]. I metodi analitici descritti
in [1] restano comunque un caposaldo della
ricerca nel settore, come ampiamente
documentato in [3].
VANCOUVER STYLE
VANCOUVER STYLE
Nella bibliografia finale trover
Nella bibliografia finale trover
:
:
[1] Banit DM, Kaufer H, Hartford J M. Intraoperativefrozen
section analysis in revision total joint arthroplasty. Clin
Orthop. 2002;35(401):230-8.
[2] Storey KB, editor. Functional metabolism: regulation and
adaptation. Hoboken (NJ ): J . Wiley & Sons; 2004.
[3] Drummond PD. Triggers of motion sickness in migraine
sufferers. Headache. 2005;45(6):653-6.
[4] HalpernSD, Ubel PA, CaplanAL, J ordan FG. Organ
transplantation in HIV-infected patients. N Engl J Med.
2002;347(7):284-7.
VANCOUVER STYLE
VANCOUVER STYLE
[1] Articoli di Riviste
[1] Articoli di Riviste
1. You CH, Lee KY, CheyWY, MenguyR.
Electrogastrographicstudy of patients with unexplained
nausea, bloating and vomiting. Gastroenterology
1980;79:311-4.
2. The Royal MarsdenHospital Bone-Marrow Transplantation
Team. Failure of syngeneicbone-marrow graft without
preconditioning in post-hepatitis marrow aplasia. Lancet
1977;2:242-4.
3. Cancer in South Africa [editorial]. S Afr Med J 1994;84:15
NOTA: Pi di 6 autori: si citano i primi tre seguiti da et al.
1. EisenHN. Immunology: an introduction to molecular and
cellular principles of the immune response. 5th ed. New York:
Harper and Row; 1974.
2. Dausser J , Colombani J , editors. Histocompatibilitytesting
1972. Copenhagen: Munksgaard; 1973.
3. Kimura J , Shibasaki H, editors. Recent advances in clinical
neurophysiology. Proceedings of the 10th International Congress
of EMG and Clinical Neurophysiology; 1995 Oct 15-19; Kyoto,
J apan. Amsterdam: Elsevier; 1996.
4. Kaplan SJ . Post-hospital home health care: the elderly'saccess
and utilization [dissertation]. St. Louis (MO): Washington Univ.;
1995.
VANCOUVER STYLE
VANCOUVER STYLE
[2] Libri e Tesi
[2] Libri e Tesi
1. WeinstenL, Swartz MN. Pathogenic properties of invading
microorganisms. In: SodemanWA J r, SodemanWA,
editors. Pathologic physiology: mechanisms of disease.
Philadelphia: WB Saunders; 1974. p. 457-72.
2. BengtssonS, SolheimBG. Enforcement of data protection,
privacy and security in medical informatics. In: LunKC,
Degoulet P, PiemmeTE, Reinhoff O, editors. MEDINFO
92. Proceedings of the 7th World Congress on Medical
Informatics; 1992 Sep 6-10; Geneva, Switzerland.
Amsterdam: North Holland; 1992. p. 1561-5.
VANCOUVER STYLE
VANCOUVER STYLE
[3] Capitoli, Relazioni
[3] Capitoli, Relazioni
1. McCook A. Pre-diabetic Condition Linked to Memory Loss
[online]. 2003 [cited 2003 Feb 7]. Available from: URL:
http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/news/fullstory_11531.
html
2. High blood pressure in pregnancy [online]. 2001 [cited 2002
Oct 21]. Available from: URL:
http://www.nhlbi.nih.gov/health/public/heart/hbp/hbp_preg.
htm
NOTA: La data di accesso alla pagina fondamentale.
VANCOUVER STYLE
VANCOUVER STYLE
[4] Pagine Web
[4] Pagine Web
VANCOUVER STYLE
VANCOUVER STYLE
Per una guida ONLINE
Per una guida ONLINE
International Committee of Medical Journal
Editors Uniform Requirements for Manuscripts
Submitted to Biomedical Journals: Sample
References
http://www.nlm.nih.gov/bsd/uniform_requirements.html
Spessoil numeronel testosovrascritto. Es.: Lane
Spessoi titoli dei libri si trovanoin MAIUSCOLO.
Luogo di pubblicazioneed editore possonotrovarsi
invertiti.
Variail mododi scriveregli intervalli di pagine. Es.:
805-9 oppureper esteso805-809.
I titoli delle rivistesonotalvoltascritti per esteso.
Le convenzioni sullapunteggiatura possonovariare.
Diversi modi di indicaredata di accesso online
(viewed, retrieved, accessed).
VANCOUVER STYLE
VANCOUVER STYLE
Esistono molte variazioni sul tema
Esistono molte variazioni sul tema
HARVARD STYLE
HARVARD STYLE
1. Nel testo si inserisce, di solito tra parentesi tonde, il
cognome dell'autore e la data in corrispondenza di ogni
citazione (se gli autori sono pidi 3 si cita il primo seguito
da et al.).
2. Tutti i titoli citati sono elencati in fondo alla tesi in ordine
alfabetico per cognome del primo autore o titolo.
3. Se lo stesso titolo citato in diversi punti del testo, si usa
sempre lo stesso sistema autore-data.
Harvard style: Style manual for authors, editors and
Harvard style: Style manual for authors, editors and
printers
printers
6th ed. Sydney: John Wiley & Sons, 2002.
6th ed. Sydney: John Wiley & Sons, 2002.
HARVARD STYLE
HARVARD STYLE
Le basi del problema sono state poste in un articolo
pubblicato da Banit, Kaufer & Hartford (2002). Altri
autori hanno discusso le implicazioni di questa
proposta in momenti successivi (Storey 2004;
Drummond 2005), senza accorgersi che posizioni
analoghe erano gi state espresse (Helpern et al.
2002). I metodi analitici descritti in Banit, Kaufer &
Hartford (2002) restano comunque un caposaldo
della ricerca nel settore, come ampiamente
documentato in Drummond (2005)
Ad esempio, nel testo della tesi scrivo
Ad esempio, nel testo della tesi scrivo
:
:
HARVARD STYLE
HARVARD STYLE
1. Banit D.M., Kaufer H., Hartford J .M. (2002) Intraoperative
frozen section analysis in revision total joint arthroplasty.
Clinical Orthopedics, 35(401): 230-8.
2. Drummond PD. (2005) Triggers of motion sickness in
migraine sufferers. Headache, 45(6): 653-6.
3. HalpernS.D., Ubel P.A., CaplanA.L., J ordan F.G. (2002)
Organ transplantation in HIV-infected patients. New
England Journal of Medicine, 347(7): 284-7.
4. Storey KB. (ed.) (2004) Functional metabolism:
regulation and adaptation. Hoboken (NJ ): J . Wiley &
Sons.
In bibliografia finale trover [in ordine alfabetico]
In bibliografia finale trover [in ordine alfabetico]
:
:
HARVARD STYLE
HARVARD STYLE
In caso di Autore/Anno ripetuti:
In caso di Autore/Anno ripetuti:
1. Smith, B. (2002a) Interim report on company
performance. London: Business press.
2. Smith, B. (2002b) Company performance 2001-2002.
London: Business Press.
3. Smith, B. (2002c) Second interim report on company
performance. London: Business press.
4. Smith, B. (2002d) Second company performance 2001-
2002. London: Business Press.
HARVARD STYLE
HARVARD STYLE
[1] Articoli di Riviste
[1] Articoli di Riviste
1. Wharton, N. (1996) Health and safety in outdoor activity
centres, Journal of Adventure Education and Outdoor
Leadership, 12(4):8-9.
2. Bennett, H., Gunter, H. & Reid, S. (1996) Through a glass
darkly: images of appraisal. Journal of Teacher Development,
5(3):39-46.
3. How dangerous is obesity? (1977) British Medical Journal,
6069:1115.
NOTA: (1) Pi di 6 autori: si citano i primi 6 seguiti da et al.;
(2) I titoli delle rivisteNON sonoabbreviati.
1. Garrison, K.C. & Bernard, H.W. (1967) The Psychology of
childhood: A survey of development and socialization.
London: Staples Dausser.
2. Stoner, J .A.F., Yetton, J .F., Craig, K. D., J ohnston, R. L.,
Yeager, J . & Waters-Marsh, T. et al. (1994) Management.
Sydney: Prentice Hall.
3. Kirk, J . & Munday, R.J . (1988) Narrative analysis. 3rd ed.
Bloomington: Indiana University Press.
4. Byrne, M. (1996) Self-talk and test anxiety, PhD thesis,
MonashUniversity, Melbourne.
HARVARD STYLE
HARVARD STYLE
[2] Libri e Tesi
[2] Libri e Tesi
1. Samson, C. (1970) Problems of information studies in
history. In: S. Stone, ed. Humanities information
research. Sheffield: CRUS, p. 44-68.
2. Anderson, J .C. (1987) Current status of chorionvillus
biopsy. In: D. Tudenhope& J . Chenoweth, eds.
Proceedings of the Fourth Congress of the Australian
Perinatal Society, Sept. 3-6. Queensland, Australian
Perinatal Society, p. 190-196.
HARVARD STYLE
HARVARD STYLE
[3] Capitoli, Relazioni
[3] Capitoli, Relazioni
1. Asian Development Bank (2003) Asian Development
Outlook. Hong Kong: Oxford University Press. Available:
http://www.adb.org/Documents/Books/ADO/2003/. (3 Sep.
2003)
2. Dawson, J ., Deubert, K., Grey-Smith, S. & Smith, L. (2002)
'S' Trek 6: Referencing, not plagiarism. Available:
http://lisweb.curtin.edu.au/guides/studytrekk/strek6.html. (4
Sep. 2004).
NOTA: La data di accesso alla pagina fondamentale.
HARVARD STYLE
HARVARD STYLE
[4] Pagine Web
[4] Pagine Web
Spessoi titoli dei libri si trovanoin
MAIUSCOLO.
Luogo di pubblicazioneed editore possono
trovarsi invertiti e con diversapunteggiatura.
Variail mododi scriveregli intervalli di
pagine. Es.: 805-9 oppureper esteso805-809.
Le convenzioni sullapunteggiatura possono
variare.
Diversi modi di indicaredata di accesso online
(viewed, retrieved, accessed).
HARVARD STYLE
HARVARD STYLE
Esistono molte variazioni sul tema
Esistono molte variazioni sul tema
Una versione molto importante dello
Harvard Style si trova nel manuale di
stile dell'American Psychological
Association (APA). Per una sintesi
delle regole vedi:
http://www.english.uiuc.edu/cws/wworksh
op/writer_resources/citation_styles/apa/ap
a.htm
HARVARD STYLE
HARVARD STYLE
Per una guida ONLINE
Per una guida ONLINE
HARVARD & VANCOUVER
HARVARD & VANCOUVER
Per una SCORCIATOIA
Per una SCORCIATOIA
Per evitare di compilare manualmente ogni
riferimento si pu usare anche un
GENERATORE ONLINE DI CITAZIONI:
(1) http://citationmachine.net/
(per gli stili MLA, APA, CHICAGO, TURABIAN).
(2) http://www.citeulike.org/
(per gli stili VANCOUVER, APA, CHICAGO,
NATURE, HARVARD, TURABIAN, OXFORD,
SCIENCE, MLA).
ZOTERO: FORMATTAZIONE
ZOTERO: FORMATTAZIONE
AUTOMATICA DI UNA BIBLIOGRAFIA
AUTOMATICA DI UNA BIBLIOGRAFIA
Occorre installare il plugin di Word scaricabile
dallindirizzo:
http://www.zotero.org/documentation/windows_word_plug
in_manual_installation_instructions
Il file va copiato nella cartellaSTARTUP di Microsoft
Office che si trova di solito in:
C:\Documents and Settings\Administrator\Application
Data\Microsoft\Word\Startup
ZOTERO: FORMATTAZIONE
ZOTERO: FORMATTAZIONE
AUTOMATICA DI UNA BIBLIOGRAFIA
AUTOMATICA DI UNA BIBLIOGRAFIA
Testo di esempio:
L'alcolismo stato oggetto, negli ultimi anni, di molte
ricerche sperimentali. (1) Alcuni studi hanno dimostrato che
l'alcohol danneggia il gusto. (2)
1. Pierlorenzi C, Senni A. L'alcolismo: prospettive di ricerca e
di intervento . Roma: Carocci; 2001.
2. Pepino M, Mennella J . Effects of cigarette smoking and
family history of alcoholism on sweet taste perception and
food cravings in women. Alcohol Clin Exp Res.
2007;31(11):1891-9.