www.libertasicilia.it mail: libertasicilia@gmail.

com Fondatore Giuseppe Bianca nel 1987
Cronaca
Oggi la protesta
di poliziotti
e vigili del fuoco
a pagina quattro
Voleva spaventare la vittima
Caso Open Land: a novembre
primi verdetti in abbreviato
No alla produzione
di ulteriore indagini
suppletive da parte
dei pubblici ministe-
ri e della stessa parte
civile al processo sca-
turito dalla vicenda.
A pagina cinque
CRONACA CRONACA
POLITICA COMMENTI
Avola
Nascondeva pistola
e mezzo chilo
di hascisc: arrestato
a pagina sette
Calato il silenzio al progetto per la produzione di elastomeri
Deteneva illegalmente
due pistole e relatvo mu-
nizionamento. Pensionato
augustano condannato.
A pagina sette
Deteneva
due pistole
Condannato
Sembra essere chiarito il mistero dei colpi di pistola,
esplosi tre mesi fa nella zona alta del capoluogo, segna-
lata da numerosi residenti e passanti ma che nei fatti
sembrava essere uno scherzo.
La chimica come la raffnazione: tutto fermo
Eni: investimenti
a Priolo congelati
di Concetto Alota
Droga e armi. È la sinte-
si della cronaca di tutti i
giorni nelle operazioni di
polizia che in tutta Italia
impegna le forze dell’or-
dine. Polizia, carabinieri,
guardia di fnanza, arre-
stano centinaia di perso-
ne e sequestrano pistole,
fucili, polvere da sparo e
tanta droga d’ogni quali-
tà e natura. Il fenomeno
segna una nuova linea di
demarcazione; le armi e
la droga seguono lo stesso
percorso, e mentre come
si può pensare le armi ser-
vono per difendersi.
Le armi:
un flone
redditizio
di Salvatore Maiorca
Anche l’Eni in piena
stagnazione a Priolo. Com-
pletata la ristrutturazione
dell’impianto di etilene, è
rimasto sotto silenzio il pro-
getto per il nuovo impianto
di elastomeri. E
sotto silenzio è stato pure
soppresso l’ufficio rela-
zioni esterne. Il settore è
stato accentrato a Roma.
Ma Roma è lontana dal
territorio. Così è per la Esso
di Augusta.
A pagina dodici
A pagina sei
mercoledì 24 settembre 2014 • Anno XXVII • n. 219 • Direzione, Amministrazione e Redazione: via Mosco 51 • Tel. 0931 46.21.11 FAX 0931 60.006 • Pubblicità: Poligrafca S.r.l. via Mosco 51 • Tel. 0931 46.21.11 Fax 0931 60.006 • € 0,50
E’iniziata l’altro ieri e
potrebbe protrarsi fno alla
giornata odierna, la bonif-
ca di un terreno vicino.
A pagina tre
Bonifcata
un’area
di via Algeri
Nulla di fatto nella seduta
di consiglio comunale per
approvare i verbali delle
sedute tenute dall'agosto
del 2013 alla scorso giu-
gno. Al momento della vo-
tazione sul primo verbale.
A pagina due
Stamattina
Consiglio
comunale
Spari in via Acradina
Preso il presunto
autore dell’episodio
A pagina sette
Quotidiano della Provincia di Siracusa Sicilia
CRONACA DI SIRACUSA • 2 Sicilia • 24 SeTTeMbRe 2014, MeRcoLedì
Nulla di fatto nella
seduta di consiglio co-
munale per approvare
i verbali delle sedute
tenute dall'agosto del
2013 alla scorso giu-
gno. Al momento della
votazione sul primo
verbale, quello di in-
sediamento del Con-
siglio, letto in aula dal
segretario generale,
Danila Costa, è infatti
mancato il numero le-
gale. L'assise tornerà a
riunirsi oggi alle 10; la
seduta sarà valida con
la presenza di 16 con-
siglieri su 40.
L'approvazione dei
verbali delle sedute,
normata dall'articolo
34 comma 6 del Re-
golamento sul funzio-
namento del consiglio
comunale, va inserita
all'ordine del giorno
secondo le decisioni
della conferenza dei
capigruppo. Il passag-
gio in aula era stato
richiesto da Tanino
Firenze che ne ha
chiesto anche la lettu-
ra integrale prima del
voto. Tutto questo do-
vrebbe avvenire oggi e
il consigliere Firenze
oggi ha insistito nella
lettura integrale e nella
richiesta di approvare
all'apertura di ogni ri-
unione il resoconto di
quella precedente. Un
passaggio che, secon-
do il segretario gene-
rale, non sarebbe più
necessario poiché la
pubblicazione sul sito
del Comune della regi-
strazioni integrali del-
le sedute, ai cui riman-
dano i verbali, annulla
i margini di errore tra
quanto detto nelle ri-
unioni e il verbale uf-
fciale. Nel corso del
dibattito sono interve-
nuti Simoma Princiot-
ta e Salvo Sorbello che
hanno sollevato criti-
che alle procedure nel-
la convocazione delle
sedute e nella scelta
degli argomenti messi
all'ordine del giorno.
In particolare, Prin-
ciotta ha contestato la
mancata trattazione
dei problemi del par-
cheggio Talete, que-
stione da lei proposta,
rinviata in occasione
della morte di Ettore
Di Giovanni e mai più
portata in aula.
Sorbello ha ricordato
Giuseppe Di Silvestro,
morto venerdì scorso,
giornalista ed ex se-
gretario generale del
Comune, sottolinean-
done la competenza
e il proflo umano an-
che nello svolgimento
del lavoro. La parte
iniziale della seduta è
state dedicata ai disagi
creati con la mancata
consegna delle cartelle
della Tari. Sollecitato
dagli interventi criti-
ci di Elio Di Lorenzo,
Princiotta e Sorbel-
lo (che ha contestato
l'entità della sanzioni
imposte all'agenzia di
recapito per gli errori
commessi), il presi-
dente Leone Sullo ha
informato l'assise che
domani inizierà un se-
condo giro per la noti-
fca degli avvisi e con
un numero maggiore
di assetti. Alla luce di
questa novità, e visto
che la consegna dove-
va avvenire entro il 15
settembre, Giuseppe
Rabbito ha annunciato
che chiederà all'Am-
ministrazione uno slit-
tamento dei termini di
pagamento.
Consiglio
comunale
Si torna
in aula oggi
Agenzia Inps
oggi incontro
al Comune
per la sede
nuLLA di FATTo neLLA SeduTA di ieRi
AUGUSTA
Questa mattina a partire dalle ore
10, si riunirà il comitato provincia-
le dell’Inps (istituto nazionale di
previdenza sociale) presso la sala
di rappresentanza del Comune di
Augusta, piazza D’Astorga 10, per
discutere sugli sviluppi logistici
e funzionali dell’agenzia INPS di
Augusta.
Seguirà un incontro tra il Comitato
e un rappresentante dell’Ammini-
strazione comunale. Un mese fa
circa nel corso di un incontro dei i
segretari generali di Cgil, Cisl e Uil
territoriali, Paolo Zappulla, Paolo
Sanzaro e Stefano Munafò con uno
dei tre commissari straordinari del
Comune, Maria Carmela Librizzi
Domani, il consiglio comunale sarà
chiamato a deliberare sulla gestione
della Latomia dei Cappuccini, con-
cessa tramite convenzione per dieci
anni alla sezione Siracusa di Italia
Nostra e oggi, a convenzione scadu-
ta, oggetto di nuova programmazione
dell’Amministrazione.
A lanciare la volata è il consigliere
comunale Fabio Rodante il quale
afferma: “Italia Nostra” è un’asso-
ciazione che non ha scopi di lucro,
fnalizzata alla promozione e salva-
guardia del patrimonio artistico, mo-
numentale e naturalistico del nostro
Paese.
Da quando i volontari di “Italia No-
stra” si occupano della Latomia dei
Cappuccini, nonostante la convenzione
col comune non preveda alcun contri-
buto da parte dell’ente, mantengono il
sito aperto e visitabile dal Lunedì alla
domenica, compresi i giorni festivi.
La campagna di informazione e sensibi-
lizzazione in città, in Italia e all’estero,
è stata premiata con un sempre maggio-
re numero di presenze, alle quali è stato
offerto un servizio di assistenza unico
in città: brochure e depliant informativi
in tre lingue, informazioni, intratteni-
mento, cultura, spettacolo, e un gruppo
di giovani narratori specializzati e com-
petenti.
Le encomiabili attività svolte in un sito
«Latomia Cappuccini
Confermare gestione
a Italia Nostra»
pressoché dimenticato dai siracusani,
hanno reso la Latomia luogo di incontro,
di passione e rifessione, meta privile-
giata di residenti e turisti che riscoprono
nella cava di pietra la propria memoria,
suggerita dalla voce attenta e consape-
vole dei volontari.
Il dott. Parini, presidente nazionale di
Italia Nostrai ha detto che la Latomia
potrebbe entrare in un circuito di fondi
europei per il restauro. L’assessore re-
gionale all’Agricoltura, avv. Reale, ha
inserito “Italia Nostra” tra gli enti che
potranno ricevere contributi e fnanzia-
menti per la manutenzione straordinaria
del giardino storico, coltivato nella La-
tomia”.
In foto, seduta del Consiglio comunale.
24 SeTTeMbRe 2014, MeRcoLedì • Sicilia 3 • CRONACA DI SIRACUSA
E’ prevista la partecipazione del Prefetto di Siracusa, Armando Gradone e di
altre autorità provinciali domani sera in occasione della cerimonia d'inaugura-
zione della nuova stagione dell’associazione “La Dante Alighieri” di Siracusa.
L’appuntamento è fssato per domani sera alle ore 18 preso l’hotel “Parco delle
Fontane” di viale Scala Greca a Siracusa. Afare gli onori di casa, la presidente
Gioia Rizza Pace.
Domani sera l’inaugurazione
della stagione de “La Dante”
Ruspe in azione da ieri
in un’area di via Algeri
Il fondo si trova alle
spalle delle vicine
case popolari. l’as-
sessore Grasso:
“Frutto di una colla-
borazione”
AmbIente. oPeRA di boniFicA di un TeRRenno
E’ iniziata l’altro ieri e
potrebbe protrarsi fno alla
giornata odierna, la bonif-
ca di un terreno vicino alla
scuola di via Algeri, che
nelle scorse settimane, dopo
essere stata danneggiata dai
vandali, è stata restaurata
su iniziativa di volontari.
Il fondo si trova alle spalle
delle vicine case popolari,
e di recente le condizioni
di abbandono erano state
segnalate dai residenti, dal
consiglio di circoscrizione
e dalla commissione consi-
liare all'Igiene.
Le modalità dell'intervento
sono state concordate dagli
assessori al Decentramen-
to e all'Ambiente, Antonio
Grasso e Francesco Italia,
e dalla Igm. Il problema
era stato esposto, nel corso
della pulizia della scuola, al
sindaco, Giancarlo Garoz-
zo, che aveva sollecitato la
bonifca ai due assessori.
Nei giorni scorsi, l'assesso-
re Grasso ha effettuato un
sopralluogo assieme alla
Pulizia municipale e ai tec-
nici dell'Igm per defnire i
tempi e i modi della pulizia
straordinaria.
“Mi sembra che l'Ammi-
nistrazione Garozzo abbia
dato ancora una volta buo-
na prova di sé ricostituendo
le condizioni igieniche nei
pressi di una scuola e di
alcune palazzine”, ha com-
mentato l'assessore Gras-
so. “Nel terreno si trovava-
no elettrodomestici e rifuti
di ogni genere, ingombranti
e pericolosi, che sono stati
rimossi e smaltiti secondo
le prescrizioni di legge. La
bonifca è anche il frutto di
una effcace collaborazione
istituzionale, non solo tra
assessorati ma anche tra
questi e i rappresentanti del
quartiere, che hanno trasfe-
rito all'Amministrazione le
segnalazioni dei residenti
consentendo un intervento
in tempi ragionevolmente
brevi”.
Proprio nei giorni scorsi il
presidente di Acradina, Pa-
olo Bruno, e alcuni consi-
glieri della stessa circoscri-
zione avevano messo mani
a palette e scope per ripulire
alcune strade del quartiere
da erbacce e dalla sporci-
zia. Ne è nata una polemica
con l’assessore Grasso, che
dovrebbe dirimersi questa
mattina quando nella sede
della delegazione è previsto
un confronto.
“Educare alle differenze”:
il primo meeting naziona-
le a Roma ha riscosso un
successo oltre le previsioni,
in un clima di grande par-
tecipazione e di scambio di
esperienze. Erano presenti
circa 200 gruppi, tra asso-
ciazioni, scuole, case delle
donne, spazi sociali, centri
anti-violenza, provenienti
da tutto il territorio nazio-
nale, coordinati in 7 tavoli
di lavoro. Molte le asso-
ciazioni intervenute dalla
Sicilia, tra le promotrici la
Stonewall di Siracusa con
Tiziana Biondi che ha
aperto i lavori nella gior-
nata di sabato. Ricordiamo
che proprio la Stonewall è
stata la prima promotrice
dell'evento insieme all'As-
sociazione Scosse di Roma
e l'Associazione Progetto
Alice di Bologna. Proprio
direttamente da Siracusa
hanno aderito anche Arci-
ragazzi Siracusa, Zuimana
Arciragazzi Siracusa, Arci
Siracusa, Arcigay Siracusa,
Reti Centri Antiviolenza
Siracusa, Sportello Anti-
violenza di Priolo Gargallo,
Associazione Culturale Ar-
temide di Prioro Gargallo,
tutte impegnate nel terri-
torio a prevenire bullismo,
omofobia, transfobia, vio-
lenza contro le donne. Sono
state illustrate e discusse
idee e progetti elaborati
dalle varie realtà intervenu-
te, con il chiaro obiettivo di
trovare sinergia e punti d'in-
contro per arginare insieme
ogni tipo di discriminazio-
ne. L'evento, si è svolto nel-
la scuola Di Donato, nello
storico quartiere multietni-
co dell'Esquilino, sostenuto
dalla fattiva collaborazione
dell'Associazione Genitori
Di Donato: una due giorni
di intensi dibattiti per co-
struire e condividere una
didattica”.
Educare
alle differenze
Siracusani
a Roma
per il meeting
Dovrebbe quanto prima rientrare la vertenza degli ope-
ratori ecologici. Ieri mattina in prefettura a Siracusa si
è svolto un incontro tra l'amministrazione comunale, la
ditta Busso ed i sindacati. Un appuntamento che fa se-
guito a quella di sabato, avvenuto al palazzo municipale
di via XXV Luglio. Al vertice siracusano hanno parteci-
pato il prefetto, Armando Gradone, il sindaco, Roberto
Bruno, Cgil, Cisl e Ugl e i rappresentanti della ditta.
Dal dibattito sono emerse una certezza e una promessa,
che farebbero ben sperare. La ditta, che sta gestendo in
regime di proroga il servizio di raccolta dei rifuti in cit-
tà, ha assicurato che garantirà ai lavoratori sin da subito
Vertenza Busso: dovrebbe a breve rientrare
l'anticipo di una delle tre mensilità pregresse. Inoltre, la
prefettura si è presa il compito di interloquire coi Gover-
ni, nazionale e regionale, per la questione dei trasferimenti.
in PReFeTTuRA unA nuovA Riunione chiARiFicATRice
In foto, l’area bonifcata vicino alle case popolari di via Algeri.
doMAni diScuSSione in conSigLio
emerse la soluzione che scongiurava
la paventata chiusura dell’agenzia
dell’Istituto nazionale di previden-
za”. I tre segretari avevano chiesto
garanzie. Librizzi ha confermato che
i nuovi locali sono stati individuati
e che consentiranno la permanenza
dell’agenzie e non del semplice
info point.
Poliziotti, penitenziari,
forestali e vigili del fuo-
co si asterranno dal la-
voro. Lo faranno oggi a
partire dalle ore 11 in tut-
ti gli uffci e le caserme
della Sicilia. L’autocon-
vocazione scatta anche
a Siracusa dove sono in
programma diverse as-
semblee sindacali, con
raccolta di frme per ri-
formare la sicurezza.
Le risorse per le donne e
gli uomini in divisa non
sono state ancora tro-
vate e il Governo, dopo
aver solo annunciato un
presunto accordo senza
documenti uffciali, ha
subito smentito se stesso
con le dichiarazioni dei
ministri Pinotti il 18 set-
tembre e del Sottosegre-
tario Bocci il giorno 19
i quali hanno certifcato,
tramite atti parlamentari,
che si è ancora alla ricer-
ca di risorse e che si sta
solo lavorando in quella
direzione.
Ad annunciare la giorna-
ta di protesta in una nota
congiunta sono i Segreta-
ri Regionali della Sicilia
di Sap (Polizia di Stato),
Sappe (Polizia Peniten-
ziaria), Sapaf (Corpo Fo-
restale) e Conapo (Vigili
del Fuoco), i quattro sin-
dacati autonomi riuniti
nella Consulta Sicurezza.
“Le nostre condizioni di
lavoro e di vita sono allo
stremo – spiegano i se-
gretari regionali Rosario
Indelicato, Calogero Na-
varra, Vincenzo Condo,
Giuseppe Musarra – e nel
Governo c’è chi sostiene
che le risorse per le forze
dell’ordine e i vigili del
fuoco siano state trova-
te, salvo omettere che gli
800 milioni annunciati
non sono suffcienti per
tutto il personale, che si
tratta di risorse non strut-
turali, per le sole retribu-
zioni del 2015 e che, so-
prattutto, sono soldi che
arrivano da nuove decur-
tazioni alle già martoriate
voci di bilancio dei nostri
Ministeri, con ulteriori
In foto, la Questura di Siracusa. Afanco, il segretario della Uil Polizia, Paolo Giardina.
Vigili del fuoco e poliziotti
Oggi la protesta sindacale
la manifestazione programmata da sap,
sappe, sapaf e conapo contro il Governo
cronAcA. ASSeMbLee Anche PeR FoReSTALi e PenTenziARi
tagli a straordinari, buo-
ni pasto, formazione e
fondo produttività, senza
contare la prevista chiu-
sura di decine di presidi,
uffci e nuclei specialisti-
ci delle forze di polizia e
dei vigili del fuoco anche
in Sicilia “.
I sindacati autonomi
Sap, Sappe, Sapaf e Co-
napo non ci stanno “ai
contentini del Governo”,
sono da mesi in mobili-
tazione per chiedere una
“vera riforma dell’appa-
rato della sicurezza che
razionalizzi le 7 forze di
polizia oggi esistenti, ac-
corpi il dipartimento dei
vigili del fuoco con quel-
lo della pubblica sicurez-
za, riveda le competenze
sugli incendi boschivi
assegnando ai Vigili del
Fuoco tutti i compiti di
spegnimento e potenzi
i compiti di polizia am-
bientale del Corpo Fo-
restale, riporti allo Stato
tutti i Corpi regionali e
provinciali dei vigili del
fuoco e della forestale, e
reinvesta i risparmi otte-
nuti in maggiore sicurez-
za dei cittadini e nelle re-
tribuzioni del personale”
e concludono con un ap-
pello : “Il premier Renzi
ci ascolti”.
A Siracusa ci sarà una
protesta davanti alla
Questura, organizzata
dal sindacato Sap. As-
semblea dei lavoratori,
invece, nell’aula magna
della caserma dei vigili
del fuoco di Siracusa.
CRONACA DI SIRACUSA • 4 Sicilia • 24 SeTTeMbRe 2014, MeRcoLedì
Condizioni igieniche
pessime alla Borgata
Francesco Candelari, nella qualità di
Vice Presidente del Consiglio di Cir-
coscrizione Santa Lucia denuncia una
situazione di grave emergenza igieni-
co-sanitaria alla Borgata.
In sinergia d’intenti con Edy Bandiera,
Vice Presidente di Forza Italia Sicilia è
intenzione richiedere all’assessore re-
gionale alla Sanità, Lucia Borsellino lo
stato di emergenza igienico-sanitaria
per il quartiere. Segue l’elenco delle
magagne: “non vengono né spazzate
né lavate da diverse settimane; si se-
gnala di continuo un crescente e pre-
occupante incremento di ratti di grosse
dimensioni, capaci d’introdursi nelle
abitazioni e di conseguenza generare
casi d’isteria collettiva, per non par-
lare delle patologie ad essi collegate;
gli scarafaggi stanno aumentando in
modo esponenziale e incontrollabile
nonostante le timide disinfestazioni
abbozzate dalle ditte competenti; le
caditoie non vengono pulite da mesi e
risultano otturate; le strade sono inva-
se da rifuti di ogni genere e da deie-
zioni animali raramente asportate che
costringono i residenti a veri e propri
slalom per poter raggiungere le proprie
abitazioni. Questo stato di cose non è
più tollerabile per tutti gli abitanti di
questo storico e bellissimo Quartiere
dei quali io mi faccio portavoce. Dopo
aver perseguito tutte le strade possibili
che la Legge mette a mia disposizione
e dopo aver tentato inutilmente, più e
più volte, di richiedere aiuto all’ammi-
nistrazione locale”.
denunciA SPoRTA ALL’ASSeSSoRe boRSeLLino
sIndAcAto
La Uil polizia
aretusea
non aderisce
alla protesta
“Aspettiamo
le soluzioni”
La Uil Polizia non
aderisce alla giornata di
mobilitazione indetta dal
Sap. La prima organiz-
zazione sindacale di po-
lizia, la Uil ha riunito il
direttivo provinciale non
solo per gli adempimenti
statutari, legati all’ap-
provazione del bilancio,
avvenuta all’unanimità,
ma anche per fare il pun-
to della situazione.
“Lusinghieri sono i
risultati raggiunti sia sul
piano del dato associati-
vo che su quello politico
sindacale – afferma il se-
gretario Paolo Giardina
-, confermando la grande
vocazione all’integrazio-
ne nel sociale del gio-
vane, ma già ricco della
grande esperienza del
suo quadro dirigente”.
L’organo di direzione
politica della struttura
siracusana s’è arric-
chito di quattro nuovi
componenti, mentre in
quello esecutivo, ha fatto
ingresso di Marcello
Arcidiacono.
Sul piano operativo la
Uil ha “preso atto con
favore delle dichiara-
zioni espresse dal Presi-
dente del Consiglio dei
Ministri, di pervenire
ad una soluzione delle
rivendicazioni dei poli-
ziotti, relative allo sbloc-
co del tetto salariale in
modo strutturale (non
un rinnovo contrattuale),
istanze legate stretta-
mente alla specifcità del
Comparto Sicurezza e
Difesa”.
24 SeTTeMbRe 2014, MeRcoLedì • Sicilia 5 • CRONACA DI SIRACUSA
Caso “Open Land”
Rigettate le indagini
suppletive dei Pm
iL 4 noveMbRe i PRiMi veRdeTTi in AbbReviATo
No alla produzione di
ulteriore indagini supple-
tive da parte dei pubblici
ministeri e della stessa
parte civile al processo
scaturito dalla vicenda
“Open Land”, per la qua-
le sono imputate cinque
persone. Sciogliendo la
riserva, il Gip del tribu-
nale Alessandra Gigli,
ha emesso ieri mattina
un’ordinanza con la quale
ha accolto di fatto le ec-
cezioni avanzate dal col-
legio di difesa.
In particolare, i due rap-
presentanti della pubblica
accusa Antonio Nicastro
e Tommaso Pagano ave-
vano prodotto agli atti del
processo in fase di udien-
za preliminare, documen-
tazione per indagini sup-
pletive.
Il Gip ha poi disposto la
nuova udienza per il 4 no-
vembre. In quella circo-
stralciate. Ha optato, in-
vece, per il rito ordinario
il quinto imputato Corra-
do Gianna, per il quale la
Procura di Siracusa insi-
ste per il rinvio a giudizio.
I cinque imputati a vario
titolo devono rispondere
di tentata concussione ai
danni dei titolari dell’im-
presa che chiedeva il rila-
scio di autorizzazioni alla
costruzione del centro
commerciale in viale Epi-
poli, attualmente in fase
di completamento. Come
si ricorderà, il procedi-
mento penale scaturisce
dalla denuncia, presen-
tata il 30 settembre 2009
presso gli uffci della Pro-
cura di Siracusa, dall’am-
ministratore unico della
“Open Land srl”.
In quella denuncia si fa-
ceva riferimento al fatto
che, dopo avere permesso
che la società il 20 apri-
Valorizzare la conoscenza del territorio comin-
ciando dal mare . Tutela e valorizzazione delle
risorse naturali e culturali sono state il leit motiv
della Giornata “Cominciamo dal Mare” iniziati-
va a cura del Comitato provinciale dell’Unicef
e dell’Area Marina Protetta del Plemmirio che
ha avuto luogo stamani nei locali dell’Area Ma-
rina Protetta del Plemmirio la quale ha messo a
disposizione la sua sede, ubicata nel suggestivo
comprensorio del Maniace, la sala Ferruzza-Ro-
mano e la sala Centimulo, a circa duecento alun-
ni degli istituti comprensivi siracusani. Dopo
i saluti dei vertici del Plemmirio, il presidente
e il direttore dell’Amp del Plemmirio, rispetti-
150 alunni scoprono il mare
vamente Sebastiano Romano e Rosalba Rizza, e
della responsabile del Comitato Unicef di Siracusa
Carmela Pace, la Giornata si è articolata in tre mo-
menti : nella sala multimediale Ferruzza-Romano
si è approfondita la conoscenza dell’oasi marina
del Plemmirio e le sue fnalità anche attraverso
la proiezione di flmati a tema a cui è seguito un
confronto focalizzato sulle domande degli alunni,
nella Sala Centimulo è stato allestito un laboratorio
dove i giovani studenti hanno dato espressione alla
loro visione del mare e delle creature marine, attra-
verso l’attività di pittura e di educazione ambien-
tale, dando forma anche ad uno speciale “Albero
dei Diritti”.
AmbIente. ieRi MAniFeSTAzione ALL’AMP
Puntuale come ogni anno ritorna l'appun-
tamento di Legambiente con l’iniziativa
“Puliamo il Mondo”, l'edizione italiana di
Clean up the World, il più grande appunta-
mento di volontariato ambientale del mon-
do.
Quest'anno Legambiente Siracusa, in
collaborazione con la Circoscrizione di
Acradina, l'Istituto Comprensivo "Nino
Martoglio", RifutiZero e con tante altre re-
altà associative, dà appuntamento a venerdì
prossimo nei pressi di via Italia 103.
Dopo che le cooperative sociali "Tandem"
e "Tempi Nuovi" avranno provveduto a ri-
Venerdì
appuntamento
in via Italia 103
LegAMbienTe LAnciA L’AnnuALe iniziATivA denoMinATA “PuLiAMo iL Mondo”
pulire dalle erbe infestanti le aiuole, entre-
ranno in azione gli studenti della scuole e i
volontari delle associazioni partecipanti per
ripulire un'area che, soprattutto da quando si
svolge il mercato del mercoledì, è piena pla-
In foto, il palazzo di Giustizia. Sotto, l’area Open Land.
In foto, alunni all’Amp.
stanza si approfondisco-
no le posizioni giudiziarie
dei cinque imputati, quat-
tro dei quali hanno scel-
to di chiudere la partita
ricorrendo al rito abbre-
viato. Si tratta dell’inge-
gnere Natale Borgione,
assistito dall’avvocato
Ezechia Reale, nella qua-
lità di dirigente dell’uf-
fcio urbanistica del Co-
mune di Siracusa (oggi
capo dell’Uffcio tecnico
comunale), l’ingegnere
Vincenzo Trigilia, funzio-
nario capo del servizio,
e il geometra Raffaele
Gallo, tecnico istruttore,
difesi dall’avvocato Fran-
cesco Favi, e di Emanuele
Serra, difeso dall’avvo-
cato Giulia Genovese, le
cui posizioni sono state
le 2009, aveva avanzato
al Comune di Siracusa la
richiesta del rilascio del-
la concessione edilizia
con riferimento al pro-
getto denominato “Cen-
tro commerciale Fiera
de Sud che prevedeva
la demolizione e la rico-
struzione del compresso
commerciale di viale Epi-
poli, il dirigente Borgione
avrebbe avanzato, ancor
prima della presentazio-
ne del progetto, richiesta
di indicare lui stesso un
professionista fduciario
per la progettazione e la
predisposizione dei rela-
tivi elaborati.
Parte civile si sono co-
stituiti la società Open
Land, le sorelle Frontino
e il Comune di Siracusa
con il patrocinio degli av-
vocati Fiaccavento, Cala-
fore, Lo Presti.
Francesco Nania
stica, cartacce di rifuti di ogni genere.
Ripulire dai rifuti abbandonati le vie, le
piazze, i parchi cittadini, bonifcare quelle
piccole e odiose discariche abusive che na-
scono ai margini delle strade di periferia,
promuovere una corretta e civile gestione
dei rifuti. Questi sono gli obiettivi di Pulia-
mo il Mondo.
Legambiente ha lanciato l’invito a tutti i cit-
tadini che abbiano a cuore le sorti dell’am-
biente siracusano.
E' stato invitato all'iniziativa l'Assessore al
Territorio e Ambiente della Regione, Pier-
giorgio Gerratana.
In foto, la conferenza
stampa alla squadra
mobile.
Droga e armi. È la
sintesi della cronaca
di tutti i giorni nelle
operazioni di poli-
zia che in tutta Ita-
lia impegna le forze
dell’ordine. Polizia,
carabinieri, guardia
di fnanza, arrestano
centinaia di persone
e sequestrano pistole,
fucili, polvere da spa-
ro e tanta droga d’o-
gni qualità e natura. Il
fenomeno segna una
nuova linea di de-
marcazione; le armi
e la droga seguono
lo stesso percorso, e
mentre come si può
pensare le armi ser-
vono per difendersi
oppure offendere, si
tratta nella maggior,
parte dei casi, di un
vero commercio che
cammina parallelo.
In entrambi i casi è
un’attività vietata
dalla legge, quindi il
rischio rimane in en-
trambi i casi. L’am-
biente in cui i due
articoli sono richiesti
e commercializzabili
è potenzialmente lo
stesso. Chi è a contat-
to con il traffcante di
droga, lo spacciatore
fnale, di solito chie-
de anche un’arma del
tipo che necessita al
richiedente cliente,
ma con requisiti di-
versi.
Il territorio siracu-
sano è da qualche
tempo invaso da dro-
ga e armi, facendo
scattare l’allarme; la
cronaca riporta qua-
si quotidianamente
arresti e sequestri, e
questo rispecchia sia
la condizione genera-
le dell’intero Stivale,
sia quella siciliana,
dove la mafa trat-
ta affari milionari in
tutto il mondo in en-
trambi settori.
La Sicilia rimane nei
primi posti, alla pari
della Calabria e della
Campania, per traff-
co di stupefacenti e
armi. Arrivi e parten-
ze scandiscono i rit-
mi di un’attività con
grossi numeri di “fat-
turato” e di uomini
impegnati in un lavo-
ro quotidiano, come
si trattassero di una
grande industria con
rappresentanti, tra-
sportatori, contabili,
magazzinieri, guar-
diani e via dicendo.
Le indagini ormai
Il mercato delle armi
scorre parallelo
a quello della droga
sono radicali, ma
la criminalità ogni
giorno cambia la tat-
tica del proprio lavo-
ro.
Negli anni passa-
ti la droga arrivava
in Sicilia attraverso
il mare; il metodo è
oggi cambiato. Tut-
to arriva via strada,
molto traffcata e
quindi riesce a dare
una sostanziale co-
pertura visiva. La
droga non arriva più
dal Magreb, Tangeri
e Casablanca diret-
tamente nelle coste
trapanesi e paler-
mitane, come negli
Anni Sessanta e Set-
tanta; oggi i canali di
approvvigionamento
sono infniti. La via
del mare è ancora
attiva, mai i metodi
sono cambiati. Non
sono i porti e i luoghi
dello scambio sono
scelti in maniera del
tutto inaspettato,
attraverso delle mi-
riadi di passaggi di
mano, fno a fnire
nei luoghi più dispa-
rati, come alleva-
menti in campagna,
barche di pescatori
incensurati, camper
e roulotte di zingari,
camion che traspor-
tano frutta e verdura;
l’altro percorso è il
tradizionale su ruota,
con i Tir e dei piccoli
camion per il traspor-
to speciale impiegati
nei trasferimenti in-
ternazionali di merci
e cosi via. Oggi, a
differenza degli anni
passati, non c’è una
città, come Palermo
o altri, che svolge il
ruolo di approvvi-
gionamento e smi-
stamento territoriale,
ogni città si riforni-
sce in luoghi diversi
e da grossisti diversi;
questa strategia ha
raggirato l’ostacolo
della concentrazione,
diventando sempre
più diffcile l’identif-
cazione dei traffcan-
ti che sono indipen-
denti dal commercio
al minuto, quindi i
due settori, ingrosso
e dettaglio completa-
mente slegati.
Il vastissimo giro at-
torno alla droga si
può considerare, dal
punto di vista della
sociologia, un vero
e proprio ammortiz-
zatore sociale, dove
sono impegnate cen-
tinaia di persone sti-
pendiati per svolgere
ognuno il proprio
lavoro, come in un
grande centro com-
merciale a cielo aper-
to, mentre i luoghi
ventaglio molto più
ampio e complesso,
negativo, tutto som-
mato, per chi vuole
“lavorare” in pace;
ma il fenomeno, an-
che arrestando tutti
gli addetti ai lavori
in una sola notte, non
potrà essere debella-
to. Come per l’Araba
Fenice il giorno dopo
risorgeranno traff-
canti, spacciatori,
sentinelle, custodi e
quant’altro, poiché è
il mercato a richiede-
re la presenza del net-
tare del diavolo. Una
massa di tossicodi-
pendenti fa girare
una montagna di sol-
di, ma creano tanta
diffcoltà sociale. La
nuova frontiera dove
la società rimetterà il
proprio destino pas-
serà, piaccia oppure
no, attraverso la con-
dizione economica e
sociale dell’uso de-
gli stupefacenti (che
sarà di certo libera-
lizzata per decreto
legge, almeno quella
leggera, in un tempo
relativamente breve,
come in tanti stati
europei), altrimenti
come spiegare tutti
questi drogati che pa-
gano for di quattrini,
facendo arricchire i
traffcanti; un chilo di
cocaina passa da mil-
lecinquecento euro a
centocinquantamila
euro, e la percentuale
sequestrata nella me-
dia è di appena il die-
ci/quindici per cen-
to. Nessuna attività
criminale potrà mai
fruttare un guadagno
tanto elevato e dove i
clienti sono assicura-
ti, ed anzi in continuo
aumento. Nemme-
no l’attività principe
come quella dell’e-
storsioni vale tan-
to denaro; infatti, il
Questore di Siracusa,
Mario Caggegi, ha
più volte spiegato
chiaramente che il
comparto estorsivo
nell’intera provincia
è quasi azzerato.
Tra le due attività,
droga o estorsioni, i
sociologi indirizzano
come minor male la
prima, con la consa-
pevolezza che è sì la
meno violenta e in-
vasiva, ma dal punto
di vista della separa-
zione storica la più
disintegrante.
Concetto Alota
preferiti per lo scam-
bio sono di solito i
bar, i più frequentati
possibili. Una quan-
tità abnorme di droga
ha invaso il mercato
in questi ultimi tem-
pi, così com’è au-
mentata la richiesta
di cocaina. Quello
che rimane ancora da
capire, almeno qui a
Siracusa, è la reale
condizione messa in
atto dal punto di vi-
sta strettamente eco-
nomico e sociale, e
quanto denaro “fat-
tura” il mercato degli
stupefacenti. Tanti
gli arresti e i seque-
stri, sia di armi sia di
droga, ma a rimanere
nella rete della Giu-
stizia sono sempre i
soliti pesci piccoli;
segno che il sistema
è ben strutturato, or-
ganizzato a compar-
timenti stagni.
Gli arresti per droga
sono di gran lunga
superiore degli ar-
restati per altri reati.
Gli uomini delle for-
ze dell’ordine sono
impegnati per una
buona percentuale
nelle indagini per re-
ati legati al traffco
della droga, cui ora
si sono affancate an-
che le armi. È oggi
un settore strategico
per la giovane crimi-
nalità siracusana in
cerca di nuovi adep-
ti, come lavoranti nei
vari compiti opera-
tivi; verosimilmente
è un lavoro certo e
sicuro per gli aspetti
sociali, del normale
vivere, o sopravvi-
vere, in un momento
di profonda crisi eco-
nomica, cercando di
trovare l’equilibrio
del basso proflo si-
lente; ma gli episodi
dell’ultimo periodo,
con sparatorie e feri-
ti hanno fatto alzare
la guardia alle for-
ze dell’ordine, che
ora viaggiano in un
Siracusa e la sua
provincia
segnano un
altro fenomeno
per un mercato
forente che in
questi giorni sta
emergendo dalle
indagini delle
forze dell’ordine
e il sequestro
di pistole
CRONACA DI SIRACUSA • 6 Sicilia • 24 SeTTeMbRe 2014, MeRcoLedì
Deteneva:
due pistole
pensionato
Condannato
a un anno
Deteneva ille-
galmente due
pistole e relativo
munizionamen-
to.
Un pensionato
augustano è
stato condannato
a conclusione del
processo che si è
celebrato con il
rito abbreviato.
Il Gup del tribu-
nale di Siracusa,
Alessandra
Gigli, ha infitto
la condanna a 1
anno di reclusio-
ne e 200 euro di
multa a carico
di Domenico
Spandea di 69
anni, originario
della provincia
di Catanzaro
ma residente ad
Augusta.
L’episodio si è
verifcato nel
marzo dello
scorso anno
quando, ad un
controllo in
casa, l’imputato
è stato trovato
in possesso di
due pistole una
calibro 7,65 e
una calibro 6,35
con matricole
abrase.
Non solo, cu-
stodiva in casa
anche 252 pro-
iettili di diverso
calibro.
L’uomo, che ha
affdato la pro-
pria difesa agli
avvocati Bonelli
e Petrucci, si è
sempre difeso
sostenendo di
avere trovato le
armi al cosid-
detto “Fosso” di
Augusta, luogo
frequentato
solitamente da
prostitute e dai
loro clienti.
Il giudice ha di-
sposto la confsca
e l’affdamen-
to delle armi
all’artiglieria per
la conseguente
distruzione.
24 SeTTeMbRe 2014, MeRcoLedì • Sicilia 7 • CRONACA DI SIRACUSA
Sparò ad un 24enne
Siracusano in manette
Christian
Terranova
si era co-
stituito già
qualche
giorno dopo.
Adesso deve
risp'ondere
del reato
di tentato
omicidio
L’episodio avvenne il 2 giugno scorso
in via Acradina: tre colpi per spaventare
Sembra essere
chiarito il mistero
dei colpi di pistola,
esplosi tre mesi fa
nella zona alta del
capoluogo, segnala-
ta da numerosi resi-
denti e passanti ma
che nei fatti sembra-
va essere uno scher-
zo.
I poliziotti della
Squadra Mobile di
Siracusa sono riu-
sciti, infatti, a risa-
lire sia alla vittima
dell’agguato che,
soprattutto, al pre-
sunto autore dell’in-
sano gesto.
Le manette sono
scattate ai polsi di
Christian Terrano-
va di 24 anni, si-
racusano, già noto
alle forze di polizia,
si era costituito già
qualche giorno dopo
quella sparatoria ne-
gli uffci della Que-
stura di Siracusa.
Deve rispondere
del reato di tentato
omicidio a mezzo
di pistola giocattolo
modifcata calibro 9.
L’episodio, come
si ricorderà, si era
verifcato nel pome-
riggio del 2 giugno
scorso, quando di-
verse persone ave-
vano chiamato gli
organi di polizia per-
ché avevano sentito
degli spari, simili a
mortaretti.
I poliziotti non
hanno preso sotto
gamba queste se-
gnalazioni ed hanno
avviato le indagini
per fare luce su tale
episodio. Gli inve-
stigatori hanno av-
viato le indagini il
giorno stesso in cui
erano stati segnalati
gli spari. Nel giro di
poco tempo sono ri-
usciti a rintracciare
la vittima e successi-
vamente il presunto
autore dell’aggua-
to sul quale pende
la misura cautelare
degli arresti domici-
liari, che gli è stata
comunicata nelle ore
scorse.
Christian Terrano-
va, assistito dall’av-
vocato Antonio Lo
Iacono, si è subito
messo a disposizione
degli investigatori.
Secondo quanto ri-
costruito dagli in-
quirenti, l’indagato,
nutrendo una forte
rivalità nei confronti
della vittima (un si-
racusano S.O. di 37
anni), aveva ingag-
giato un litigio lungo
la strada. L'episodio
sembrava essersi
esaurito qui, invece,
poco dopo i due si
sono nuovamente in-
contrati in via Acra-
dina, e questa volta
il Terranova era ar-
mato e così avreb-
be esploso contro il
malcapitato tre colpi
di pistola non riu-
scendo per fortuna
a colpirlo anche per-
ché pare avesse mi-
rato per terra e non
al bersaglio grosso.
Terranova, inter-
rogato già qualche
giorno dopo l'even-
to, ha sostanzial-
mente ammesso le
proprie responsabili-
tà, sostenendo di nu-
trire un forte rancore
nei confronti del co-
noscente e di avere
agito per difendersi a
seguito delle minac-
ce subite. Avrebbe
anche chiarito di non
avare avuto alcuna
intenzione di colpire
l’uomo ma soltanto
di spaventarlo.
A disporre il prov-
vedimento restritti-
vo è stato il Gip del
tribunale Patricia Di
Marco su indicazio-
ne del pm Giancarlo
Longo. Nelle pros-
sime ore l’indagato
comparirà dinanzi al
giudice per le inda-
gini preliminari per
essere sottoposto ad
interrogatorio di ga-
ranzia.
F.N.
In foto, Christian
Terranova.
Deteneva pistola
e mezzo chilo
di hascisc: preso
oPeRAzione dei cARAbinieRi
Deteneva nel cor-
tile di casa quasi
mezzo chilo di ha-
scisc e nel borsel-
lo una pistola con
colpo in canna. La
scoperta è stata fat-
ta ieri sera ad Avola,
dai Carabinieri del
nucleo operativo
della Compagnia
di Noto che hanno
tratto in arresto in
fagranza di reato
Antonio Scibilia di
36 anni, già noto
alle forze dell’or-
dine per precedenti
per reati contro la
persona, il patrimo-
nio ed in materia di
stupefacenti. A se-
guito di perquisizio-
ne presso la propria
abitazione l’uomo
è stato sorpreso dai
militari mentre era
intento a ridurre in
dosi un frammento di
hashish del peso di 17
grammi. Sul tavolo
della cucina due bi-
lancini elettronici di
precisione, dei coltel-
li con tracce della ci-
tata sostanza nonché
materiale vario per
il confezionamento
dello stupefacente.
Nel corso della per-
quisizione, occultata
nel borsello che l’uo-
mo era solito portare
al seguito, i militari
hanno rinvenuto una
pistola calibro 9 con
colpo in canna e rela-
tivo caricatore inse-
rito nonché, occultati
in vari punti dell’abi-
tazione, ulteriori 45
proiettili per la stessa
arma. Nel prosieguo
delle operazioni, no-
tando che nel piccolo
cortile di pertinenza
dell’abitazione vi era
un tombino che appa-
riva da poco smosso,
i Carabinieri rinveni-
vano, opportunamen-
te sigillati con del
cellophane, 4 panetti
integri di hashish,
ognuno dal peso di
100 grammi, con im-
presso il logo di una
nota casa automobili-
stica italiana. L’inda-
gato è stato tradotto
presso la casa circon-
dariale “
24 SeTTeMbRe 2014, MeRcoLedì • Sicilia 9 • VITA DI QUARTIERI
Gruppo Mamme a Siracusa
al mondo dell’equitazione
L'iniziativa ha
come obietti-
vo quello di
prendersi uno
spazio tutto
per se, per
scaricare
le tensioni
e lo stress
Si inizierà con la merenda a sacco,
per poi divertirsi con laboratori e giochi
Il 26 settembre sarà la "notte eu-
ropea della ricerca". Più di trecen-
to le città coinvolte in tutta Euro-
pa ed eventi in 22 città italiane. I
ricercatori, per una volta, saranno
protagonisti. La notte europea
della ricerca è al suo nono anno
consecutivo. L'obiettivo è quello
di accendere i rifettori su un la-
voro fondamentale, molto spesso
non compreso:
La Scienza e i suoi Metodi.
La galleriaRoma vuole essere pre-
sente a questa iniziativa e giorno
26 alle ore 18,30 presso i suoi lo-
cali in p.zza S. Giuseppe, Enzo Mo-
nica sosterrà una conversazione con
i presenti su:
Cosa è questa Scienza
Interverrà Giusi Martinez che illu-
strerà il suo lavoro e i problemi che
s’incontrano nella ricerca della co-
noscenza del reale e della verità.
La Notte dei Ricercatori è un'inizia-
tiva promossa dalla Commissione
Europea fn dal 2005 che coinvolge
ogni anno migliaia di ricercatori e
istituzioni di ricerca in tutti i paesi
europei. L'obiettivo è di creare oc-
casioni diincontro tra ricercatori
La Notte Europea dei
Ricercatori, un’iniziativa
promossa dall’UE
e cittadini per diffondere la cultu-
ra scientifca e la conoscenza delle
professioni della ricerca in un con-
testo informale e stimolante. Gli
eventi comprendono esperimenti e
dimostrazioni scientifche dal vivo,
mostre e visite guidate, conferenze
e seminari divulgativi, spettacoli e
concerti.
L'Italia ha aderito da subito all'ini-
ziativa europea con una molteplicità
di progetti che ne fanno tradizional-
mente uno dei paesi europei con il
maggior numero di eventi sparsi sul
territorio.
veneRdì 26 SeTTeMbRe ALLe oRe 18,30 enzo MonicA
“Fuori mamme al
maneggio" sarà l'e-
vento promosso da
Gruppo Mamme a
Siracusa e aperto a
tutte le mamme e i
bimbi che si vorran-
no avvicinare, anche
per la prima volta, al
mondo dell'equita-
zione. venerdi pros-
simo di pomeriggio,
presso il Maneggio
ASSE in Via Elorina,
a Siracusa si inizierà
con la merenda a sac-
co, per poi divertirsi
con laboratori e gio-
chi. Bimbi e mamme
celebreranno il pome-
riggio con un momen-
to magico: il battesi-
mo della prima sella ,
un giro sui cavallini
per i piu piccini e a ca-
vallo per i piu grandi.
E’ sorprendente vede-
re con quanta disin-
voltura e semplicità i
bambini interagisca-
no con i loro coetanei
e con i pony, senza
quell’imbarazzo che
condiziona spesso noi
adulti. L'iniziativa ha
come obiettivo quel-
lo di sensibilizzare
anche i genitori su
quanto possa essere
importante prender-
si uno spazio tutto
per se, per scaricare
le tensioni e lo stress
della quotidianità at-
traverso l'equitazione.
Per il bambino il rap-
porto col cavallo, allo
stesso tempo, sarà
fantastico. Il bambino
imparerà ad amare il
cavallo, ma al tempo
stesso a rispettarlo,
acquisendo il senso
di responsabilità e di
rispetto: doti che gli
torneranno molto uti-
li nella vita di tutti i
giorni.
A tutti i bimbi sarà
consegnato, a con-
clusione dell'evento,
un attestato fnale
di partecipazione in
un' ambi ent azi one
western che farà da
cornice all'evento. I
bambini dovranno,
infatti, portare con
se , da casa ed indos-
sare durante l'evento,
qualcosa che ricordi
il vecchio western...
un cappello, un faz-
zoletto al collo, una
camicia a quadri etc
. E allora spazio alla
fantasia e tutti a ca-
vallo! Sulla pagina
Facebook Mamme
a Siracusa , tutti gli
aggiornamenti per le
prossime iniziative
del mese di Ottobre.
Avviati ricorsi
d’urgenza
al giudice
del Lavoro
Si è costituito, da
qualche giorno, il
Comitato sponta-
neo dei lavoratori
infopoint-guardie
particolari giura-
te, composto da 13
lavoratori dell’Ex
Provincia Regiona-
le di Siracusa, oggi
Libero Consorzio
Comunale per tute-
larci dalla condotta
vessatoria e grave-
mente mobbizzante
tenuta dall’Ammi-
nistrazione Provin-
ciale nei nostri dan-
ni.
Per circa un anno,
per il tramite dello
Studio Legale Giu-
liano di Siracusa
nelle persone
dell’Avv. Corrado
V. Giuliano e del
Prof. Daniel Amato,
quali nostri difenso-
ri incaricati, abbia-
mo cercato un’in-
terlocuzione con i
vertici dell’Ente,
volta al riconosci-
mento del diritto
al consolidamento
dell’orario di lavoro
in base all’espleta-
mento di un orario
di lavoro di 36 ore
settimanali, sebbene
la ns. regolamenta-
zione contrattuale
restasse giuridica-
mente un part time
a 27 ore settimanali.
Una richiesta, dap-
prima avanzata in
via dialettica e stra-
giudiziale, e poi
formulata mediante
ricorso ordinario al
Giudice del Lavoro
(data l’assenza di
qualsivoglia dia-
logo con i vertici
dell’Ente) e basata
su quanto stabili-
to dall’ art. 4 c.15
CCNL 14/09/2000
che afferma testé
: “I dipendenti as-
sunti con rapporto
di lavoro a tempo
parziale hanno di-
ritto di chiedere la
trasformazione del
rapporto a tempo
pieno decorso un
triennio dalla data
di assunzione…”.
Asinistra logo
del gruppo mamme
Siracusa
ASTE GIUDIZIARIE • 8 Sicilia • 24 SeTTeMbRe 2014, MeRcoLedì
TRIBUNALE DI SIRACUSA
ProssImA InserZIone:
28/09/2014
www.astetribunale.com
VENDITE IMMOBILIARI E FALLIMENTARI
InserZIonI GrAtUIte
CASEVACANZE
CERCO/OFFRO
AFFI TTO terreno di
3500mq recintato, situa-
to su un punto strategi-
co. Adetto per qualsiasi
attività commerciale Tel.
330/847391
AFFITTASI terreno 2000
mq x qualsiasi uso a km
7 da Sr Tel. 328/8057615
- 328/5681091
BELVEDERE Villaggio S.
Lucia,(Via Mario Francese)
vendesi 1 appezzamen-
to di terreno di 3000
mq, panoramico, prov-
visto di acqua potabile,
luce Tel. 0931/891260 -
388/1288170
TERRENO mq 18.000,
c.da Cugni (km 4 da
Cassibile), 3 lotti, a corpo,
favolosa posizione pa-
noramica, prezzo affare,
vendesi Tel. 0931/36514
- 333/9590258
TREMILIA vendesi ter-
reno di 17.500 mq (sulla
strada) P.R.G., zona C4,
possibilità realizzare n. 8
ville in lotti da 2000 mq.
Prezzo ribassato, ottimo
affare Tel. 338/1378751
VENDESI terreno re-
cintato di 8000 mq con
struttura di 600 mq su due
livelli compresa mansarda
zona Cassibile - contrada
Cavasecca siracusa,prezzo
affare Tel. 320/0249206
VENDESI appezzamento
di terreno di c/a 500 mq,
zona Villaggio Miano, con
progetto approvato per
una costruzione di c/a
140 mq.Occasione da non
perdere E 90.000 tratt Tel.
339/2067818
VENDESI 7000mq di ter-
reno,con acqua ed edifcio
diroccato ma accatasta-
to a 3km dall’Ospedale
di Lentini sulla provin-
ciale Lentini-Scordia Tel.
393/6252963
BUCCHERI
BUCCHERI vendesi ter-
reno 13000 mq zona
medievale a 1 km c/a
dal paese con uliveto
e frutteto, acqua, luce,
casa di 3 vani e serv. e
forno a legno. Tot. recin-
tato e adiacente strada E
50.000 Tel. 0931/767641
- 338/2403221
CANICATTINI
VENDESI 3000 mq di
terreno agricolo vicino
Canicattini Bagni, con
piccolo caseggiato di 60
mq c/a da ristrutturare E
16.000 Tel. 334/9280779
FLORIDIA
C.DA Monasteri di Sopra,
vendesi giovane agrumeto
pianeggiante,due lotti con-
fnanti uno di 4000 mq e
uno di 3200 mq, con due
ore di acqua settimanali
ciascuno da un pozzo con-
dominiale Tel.339/2467145
LENTINI
VENDESI 27.000 mq di
terreno a tre km dall’o-
spedale di Lentini, sulla
strada per Scordia,incolto,
con acqua e caseggiato di
200 mq, semidiroccato,
ma accatastato e ripristi-
nabile. Prezzo Affare Tel.
393/6252963
PACHINO
VENDESI o scambiasi 13
Tumuli di terreno con
vigneto di uva nero d’avola
da mosto, uliveto, frutteto
e casa abitabile sito in c.da
luparello Pachino con casa
o villetta sita in paese o
città Tel. 0931/492256 -
340/0914511
VENDESI 8 Tumuli di terre-
no con vigneto di uva nero
d’avola da mosto con casa
di mq 70 Tel. 0931/492256
- 340/0914511
VENDESI 5 Tumuli di
terreno con vigneto di
uva nero d’avola da mo-
sto Tel. 0931/492256 -
340/0914511
SORTINO
VENDESI zona Manzo
Sortino terreno mq 1800
c/a agricolo panoramico
prezzo da concordare
Tel.0931/782761 ore serali
TERRENO
VENDESI terreno edif-
cabile con destinazione
ricettiva alberghiera di
23000mq in zona arenella
costa del sole. Superfcie
che si può realizzare 3700
mq Tel. 0931/702714
VIA Cozzo Villa a 3 km
dal mare e a 5 km da SR
terreno 1000 mq edifca-
bile,interamente recintato
zona abitata con progetto
approvato 120 mq vendesi
65.000 E. Solo privati. Scri-
vere sms Tel. 393/3039433
VENDESI terreno edifca-
bile recintato,zona Fanusa,
mq 972, Via Olivieri vici-
nanze Hotel.Chiamare ore
negozio escluso mercoledì
Tel. 0931/759065
LOCALI COMM.LI
CERCO/OFFRO
AFFITTASI locali per de-
posito a 10 km da Siracusa
su strada statale con buo-
ne possib. parcheggio.
Classe Energetica G Tel.
050/552237 - 333/6968504
AFFITTASI basso com-
merciale totalmente ri-
strutturato per uso studio
medico/agenzia immob.
ecc. mq 55, 2 stanze +
bagno zona Borgata, con
ingresso direttamente su
piazza S. Lucia. E 350 C.E.
G Tel. 389/6238966
AFFITTASI locale com-
merciale a Siracusa in
viale S. Panagia, n. 2 vetri-
ne su strada, c/a 170mq.
Con adiacente locale
per possibilità scarico/
carico merci. C.E. G E
1300 Tel. 0931/756562 -
348/7387296
AFFITTASI basso com-
merciale mq 40 c/a, sito
in Via Tagliamento. No
intermediari. C.E. G Tel.
335/6469098
AFFITTASI locale di mq
200 per uso commerciale,
in Via Montegrapppa.E 950
Classe Energetica G Tel.
348/2419041
AFFITTASI locale com-
merciale cat C/1 di c/a 52
mq,sito in Via Adige angolo
Corso Gelone, completa-
mente ristrutturato, con
bagno, condizionatore,
cassaforte, rifiniture di
pregio. Alta visibilità, ide-
ale per qualunque attività.
Classe Energetica in def-
nizione E 800 poco tratt
Tel.333/4379139 ore pasti
AFFITTASI locale com-
merciale zona Gelone, 90
mq circa, 4 luci, climatiz-
zato. Classe Energetica G.
Chiamare Tel. 091/334230
- 339/2029954
AFFITTASI locale-depo-
sito, mq 60, soppalcabile,
zona M.Teresa di Calcutta.
C.E. G Tel. 050/552237 -
333/6968504
AFFITTASI uffcio piano
terra, fnemente ristrut-
turato, con o senza mo-
bili da uffca, con bagno,
piano terra indipendente,
comprensivo di fornitura
di energia elettrica, ac-
qua e condominio E 300
mensili. Zona Piazza Adda.
Classe Energetica G Tel.
335/8004135
AFFITTASI basso com-
merciale cat c/3, mq 110,
ubicato in Via Elorina. Con
soppalco e servizi. Anche
per uso deposito. C.E. G
Tel. 320/4466055
BASSO commerciale am-
pio, affttasi in zona Sc.
Greca,composto da 5 vani
+ 2 bagni.Ideale uso uffcio
Tel. 333/1141658
NEGOZIO di 300 mq
5 porte, zona Bosco
Minniti. Classe Energe-
tica G Tel. 050/552237
- 333/6968504
ZONA centro, pressi
Chimico,Via Pescara locale
commerciale C/3 mq 78,
affittasi per magazzino,
laboratorio o uffcio. C.E.
G Tel. 0931/944385 -
339/7936572
CANICATTINI
AFFITTASI basso commer-
ciale di mq 40, Canicattini
Centro Tel. 338/1948403
LOCALI COMM.LI
COMPRO/VENDO
CENTRO storico, Ortigia,
in Via dei Candelai, locale
commerciale di 130 mq.
Vendesi prezzo affare.
Classe Energetica G Tel.
360/655284
VENDESI locale commer-
ciale a Siracusa in viale S.
Panagia, n. 2 vetrine su
strada, c/a 170mq. Con
adiacente locale per possi-
bilità scarico/carico merci.
C.E. G Tel. 0931/756562 -
348/7387296
VENDESI basso già afft-
tato in zona Grotticelle.
Già locato ad E 700.
Classe Energetica G Tel.
347/8634425
VENDESI basso commer-
ciale di 40 mq c/a, cat.
C1, ottime condizioni,
con annessa attività di
materiale elettrico. Zona
Viale dei Comuni. Prezzo
da concordare in privato.
Possibilità vendita separato
Tel. 339/1942301 oppu-
re giuseppe70.cavarra@
libero.it
VENDESI locale di mq 200
per uso commerciale,in Via
Montegrapppa. C. E. G Tel.
348/2419041
VENDESI locale a piano
terra Via Agatocle, angolo
Piazza Euripide di mq
168, due entrate e cortile
interno. Possibilità di edi-
fcazione 1° piano. C.E. G
Tel. 334/1033086
VIA Pasubio vendesi locale
di mq 37,composto da due
stanze + servizi, piano ter-
ra.Doppia uscita di cui una
su cortile interno.E 25.000.
C.E. G Tel. 0931/759725 -
331/5772962
VIA FILISTO vendesi locale
commerciale, tre punti
luce,mq 90.E 160.000 tratt
C.E. G Tel. 339/2067818
SOLARINO
SOLARINO vendesi/af-
fttasi n° 2 bassi comm.li
di nuova costruzione, con
ingressi e servizi indip. di
cui uno con n. 3 vetrine
ed uno con n. 1 vetrina.
C.E. G Tel. 0931/756562 -
348/7387296
GARAGE
CERCO/OFFRO
AFFITTASI o vendesi am-
pio magazzino mq 160,
uso bottega zona Bo-
sco Minniti, ampia possib.
parcheggio soppalcabile
6 aperture, bagno e an-
tibagno. Classe Energe-
tica G Tel. 050/552237
- 333/6968504
AFFITTASI posto moto
o auto di piccola ci-
lindrata in via Castello
Maniace. Solo privati Te-
lefonare per informa-
zioni al 333/2792308
- 0931/782022 ore pa-
sti 13.30-14.30 oppure
20.00-22.00
AF F I TTAS I g a r a g e
pressi Scala Greca Tel.
346/6609737
trIbUnAle dI sIrAcUsA- seZIone FAllImentI
VendonsI
Avviso di vendita a prezzo ridotto. Procedura fallimentare n.13/2011
Si rende noto che, il giorno 28 novembre 2014 alle
ore 12,00, nella sala delle udienze del Tribunale
Sez. Fallimenti - in questo v.le S. Panagia, 109
terzo livello - avanti il giudice delegato, dr S.
cassaniti giusta ordinanza del 12.6.14, ad istanza
della curatela del fallimento n° 13/2011, avrà luogo
la vendita con incanto dei seguenti beni immobili,
nello stato di fatto e di diritto in cui gli stessi si
trovano e come meglio indicato nella perizia di stima
senza garanzia da parte della massa dei creditori,
con tutte le accessioni, pertinenze, servitù attive
e passive, al valore infra indicato già ribassato
rispetto a quello stimato:
LoTTo 1: PRezzo bASe d’ASTA e 9.600,00
(euro novemilaseicento/oo).
immobile ubicato in Priolo in via Milano n.26
(angolo via como) sito nel piano mansardato
Foglio 80, particella 581, sub 11. consistenza
catastale m2 44 rendita e. 56,81, cat. c/2, cl.7.
LoTTo 2: PRezzo bASe d’ASTA e 10.500,00
(euro diecimilacinquecento/00).
immobile ubicato in Priolo via Milano n.26
(angolo via como) sito nel piano mansardato
Foglio 80, particella 581, sub 12. consistenza
catastale m2 55 rendita e.71,01 cat. c/2, cl.7
LoTTo 3: PRezzo bASe d’ASTA e 12.000,00
(euro dodicimila/00).
immobile ubicato in Priolo in via Milano n.26
(angolo via como) sito nel piano mansardato
Foglio 80, particella 581, sub 13. consistenza
catastale m2 70 rendita e.90,38, cat. c/2, cl.7.
offerta minima in aumento per ogni lotto e
400,00.
oltre ivA, ove dovuta e nella misura di legge,
sul prezzo di aggiudicazione. Le istanze di
partecipazione all’incanto con l0indicazione
dello stato civile e del regime patrimoniale (se
coniugate) per le persone fsiche e del leg.
rapp. per le società, e con allegata fotocopia
di docuemento valido e codice fscale per gli
istanti persone fsiche o certifcato camerale
per le società, dovranno essere depositate in
busta chiusa anonima entro le ore 12 del giorno
non festivo antecedente a quello fssato per
l’incanto presso la cancelleria di competenza.
unitamente all’istanza dovrà essere depositata a
pena di irricevibilità della medesima, una somma
pari al 10% del prezzo base a titolo di cauzione
ed un’ulteriore somma pari al 20% dello stesso
prezzo base quale ammontare approssimativo
delle spese di vendita, salvo conguaglio mediante
consegna di due distinti assegni circolari non
trasferibili intestati alla curatela (con indicazione
anche solo in forma numerica della procedura).
L’aggiudicatario nel termine di 60 giorni
dall’aggiudicazione, dovrà depositare a mezzo
assegno circolare non trasferibile, intestato come
sopra, il residuo prezzo (dedotta la cauzione),
nonchè l’eventuale conguaglio per spese di
vendita; l’aggiudicazione è soggetta all’aumento
di cui all’art. 584 cpc.
Tutte le spese, comrpese quelle di pubblicità
della presente ordinanza, saranno a carico
dell’aggiudicatario.
Le spese eventuali di cancellazione delle
ipoteche e delle altre formalità gravanti sugli
immobili, saranno a carico della Curatela.
La relazione di stima pubblicata su astegiudiziarie.
it ed informazioni in cancelleria fallimentare.
Siracusa 10.7.14

il giudice delegato
dr S. cassaniti
Nei giorni scorsi ab-
biamo appreso dalla
stampa che il Comu-
ne di Pachino non in-
tende opporsi all’isti-
tuzione della Riserva
dei Pantani della Si-
cilia Sud-Orientale,
nonostante la recente
sentenza della Corte
Costituzionale che ha
dichiarato l’illegitti-
mità costituzionale
della legge regionale
in materia di Parchi
e Riserve n.98 del
1981, per violazione
dell’art. 117 della no-
stra Costituzione.
Ci spiace constatare,
anzitutto, come tale
decisione sia frutto
di consultazioni non
meglio identifcate,
che hanno escluso
del tutto il Consorzio
di Tutela Pomodoro
di Pachino Igp, che
si è fatto promotore
in questi anni del-
la battaglia legale
conclusasi con la
sentenza della Corte
Costituzionale sopra
menzionata. Avrem-
mo gradito che il
dialogo per delineare
una strategia comune
si svolgesse in ma-
niera inclusiva e pre-
ventiva alla comuni-
cazione di qualunque
linea. Nonostante ciò
intendiamo manife-
stare la nostra dispo-
nibilità a collaborare
per delineare una
strategia comune che
possa essere effcace
nella valorizzazione
del territorio, ma che
allo stesso tempo ga-
rantisca le esigenze
di tutte le categorie
produttive interessa-
te. In particolar modo
ribadiamo che l’isti-
tuzione della Riserva
in oggetto secondo
le attuali prescrizio-
ni di legge, sarebbe
gravemente nociva
per tutti gli operatori
che gravitano attorno
al mondo dell’agri-
coltura. La legge, in-
fatti, vieta l’esercizio
di qualunque attività
agricola intensiva
all’interno del peri-
metro della riserva,
ammettendo solo col-
ture biologiche. Esse
rappresentano un’u-
topia in quanto le ca-
ratteristiche richieste
non sono realizzabili
in un territorio che è
caratterizzato dalla
frammentazione del-
le coltivazioni. Que-
sto renderebbe neces-
saria la conversione
di tutti i produttori al
biologico, in quanto
la prossimità di chi
non applicherebbe
tale metodo infce-
rebbe l’utilità di chi
ha applicato la con-
versione. Inoltre le
colture erbacee, come
quella del pomodoro,
a differenza di quelle
arboree, sono per de-
fnizione condotte in
maniera intensiva e
richiedono la sommi-
nistrazione di diversi
trattamenti, incompa-
tibili con l’etichetta
biologica. L’esempio
eclatante di come
questo modello non
possa funzionare è la
Riserva di Vendica-
ri: nessuna azienda
che coltiva pomodo-
ro oggi esiste al suo
interno proprio per i
vincoli improbabili
a cui andrebbero in-
contro. Non siamo
contrari alla salva-
guardia del territorio
e ad una sua gestione
più ordinata, tanto è
vero che tante tra le
nostre aziende hanno
provveduto da tempo
a certifcarsi Global
Gap, protocollo che
prevede una traccia-
bilità ecologicamente
rispettosa del pro-
dotto e del territorio;
inoltre riteniamo che
potrebbero esserci
molti provvedimenti
concreti da applicare.
Canicattini, Civico consesso sulle
aliquote Imu e tariffe Tari 2014
Convocato dal presidente Antonino
Zocco, a seguito della conferenza dei
Capigruppo, la seduta or-dinaria del
Consiglio comunale di Canicattini Bagni
per domani alle ore 21, con all’ordine del
giorno: Formalità preliminari alla seduta.
Nomina scrutatori. Lettura e approvazione
dei verbali di sedu-te precedenti (nn. da
12 a 21 del 28-7-2014; nn. da 22 a 26
dell’8-9-2014); Eventuali comunicazio-
ni del Presidente e del Sindaco su fatti
e circostanze che possano interes-sare
il Consiglio comunale; Approvazione
del Regolamento IMU; Approvazione
aliquote IMU anno 2014; Approvazione
Regolamento TARI; Approvazione delle
tariffe TARI anno 2014; Legge n. 203/98,
art. 18. Piano per la valorizzazione e la
dismissione dei beni immobili dell’En-
te. Triennio 2014-2016. Approvazione
progetto; L.R. 12-7-2011, n. 12. Art. 6
- Programma dei lavori pubblici triennio
2014-2016. Elenco an-nuale dei lavori
2014. Approvazione progetto; Attività
ispettiva. Inoltre, sempre per la stessa
seduta, la conferenza dei Capigruppo ha
deciso l’inserimento di un or-dine del
giorno aggiuntivo riguardante; Delibera
di C.C. n. 16 del 28-7-2014 (Nomina del
Revisore unico contabile per il triennio
2014/2017). Rettifca della parte relativa
alla determinazione del compenso del
Revisore. Aconclusione delle due serate
degustazioni di prodotti tipici locali.
sPettAcolI
Lusinghiero
successo
dell’evento
culturale
“Siracusa
d’amare”
S è concluso a Siracusa
una tre giorni di spettaco-
li che hanno visto la città
come protagonista assolu-
ta. Protagonista in termini
di cast, potendo vantare ar-
tisti professionisti ed emer-
genti di grandissimo valo-
re. Protagonista in termini
di location, avendo avuto
l’onore di valorizzare un
sito dalla potente memo-
ria storica come il Momu-
mento ai Caduti d’Africa.
Protagonista in termini di
tematiche trattate, avendo
celebrato sulla scena il no-
stro mare e le nostre tradi-
zioni con il monito fnale
di non abbandonare questa
terra, ma di continuare ad
agire affnché diventi sem-
pre più ridente. Ma soprat-
tutto, Siracusa è stata pro-
tagonista nell’eco che la
manifestazione, fortemen-
te voluta, ideata e organiz-
zata dall’Amministrazione
Comunale con la collabo-
razione dell’Associazione
Culturale PERFORMING
ARTS - Creatività e Svi-
luppo, ha avuto. Il pub-
blico numerosissimo e
attento (abbiamo superato
le 4.000 presenze) ha dato
ancora una volta dimostra-
zione di come l’arte riesca
ad unire gli animi e possa
fare da fltro per guardare
alla nostra città sotto la
luce della bellezza. Perché
se è vero che spesso noi
siracusani dimentichia-
mo il valore del luogo in
cui viviamo, d’altra parte
è vero anche che bisogna
fornire i giusti mezzi per
innamorarsene di nuovo
e, così, riappropriarsene.
L’entusiasmo contagio-
so mostrato dal pubblico
in queste tre sere è chiara
dimostrazione che con l’e-
vento “Siracusa d’amare”
siamo certamente riusciti
nell’intento. Ringrazia-
mo il sindaco Giancarlo
Garozzo, l’Assessorato ai
Beni Culturali, Turismo
e Spettacolo e l’Ammini-
strazione tutta per averci
dato la grande opportunità
di collaborare alla buona
riuscita del progetto.
“Problematica relativa
a «Rete Radar Costie-
ra di Profondità della
Guardia di Finanza»
- Postazione Radar in
Contrada Palombara
Melilli (Sr)”.
E’ l’unico argomento
che domani sera, alle
ore 19, sarà discusso dai
Consiglieri Comunali
convocati in adunanza
aperta dal Presidente del
Consiglio Dott. Salvato-
re Sbona.
“L’argomento - afferma
Sbona - è stato già af-
frontato dai Consiglieri
Comunali circa due
anni fa.
Il Consesso Civico,
all’epoca dei fatti, si
era espresso formulando
parere sfavorevole al ri-
lascio del provvedimen-
to mirato ad autorizzare
l’installazione del Radar
in Contrada Palombara.
Ultimamente, però, tra
la popolazione è tor-
nata a diffondersi la
preoccupazione che
l’attrezzatura possa es-
sere ugualmente piaz-
zata, nonostante il veto
dell’assise consiliare.
In foto, Municipio di Melilli.
Consiglio comunale di Melilli
sulla vicenda Radar
Il consesso civico, tempo fa, aveva formulato
parere sfavorevole al rilascio del provvedimento
ALcuni conSigLieRi coMunALi hAnno SoLLeciTAno LA RiPReSA
Inoltre alcuni Consi-
glieri Comunali hanno
sollecitano di riprendere
la trattazione della pro-
blematica per ulteriori
verifche.
Alla luce di questi fatti,
per operare maggiori ap-
profondimenti, analisi e
precise valutazioni che
il caso impone, ho rite-
nuto doveroso e urgente
proporre l’argomento in
aula, signifcando che
sostengo la necessità di
basare lo zoccolo della
discussione tenendo
conto del principio fon-
damentale e imperativo
di concretizzare azioni
volte essenzialmente a
salvaguardare i nostri
concittadini, garantendo
loro, tra l’altro, l’inalie-
nabile diritto della tutela
della salute. Data la
delicatezza della tema,
spero in una discussione
pacifca, scevra di dema-
gogia e di strumentaliz-
zazione politica.”
Sbona annuncia che a
fne mese convocherà
il Consiglio Comunale
per l’approvazione del
Bilancio.
VITA DI QUARTIERI • 10 Sicilia • 24 SeTTeMbRe 2014, MeRcoLedì
LA SeduTA oRdinARiA deL conSigLio coMunALe Si SvoLgeRà doMAni SeRA
Pachino non intende opporsi all’istituzione della
Riserva dei Pantani della Sicilia Sud-Orientale
e’ stato
escluso
del tutto
il Consorzio
di Tutela
Pomodoro
di Pachino
Igp
In foto, recente incon-
tro sulla Riserva.
Crisi auto e le diffcoltà
di individuare soluzioni
Stabilimento d’auto.
Attualmente tutte le “Case” automobili-
stiche sono in crisi per stasi nelle vendite.
Autorevoli menti hanno cercato di indivi-
duarne la causa e di trovarne la soluzione.
A mio parere la causa è talmente ovvia e
sotto gli occhi di tutti, che passa inosser-
vata:
Non vi sono più posteggi.!
Lo Stato, errando, ha sovvenzionato l’ac-
quisto di nuove auto, mentre avrebbe
dovuto sovvenzionare quei Comuni che
hanno messo in cantiere nuovi parcheggi.
Questa sarebbe una soluzione, un’al-
tra potrebbe essere quella che le stesse
“Case”
risparmiando sulla pubblicità, ottenes-
sero in comodato dai Comuni degli spazi
ove costruire loro i parcheggi (possibil-
mente a silos). Tali parcheggi porterebbe-
ro il nome della “Casa” costruttrice e per
le auto di tale marca si applicherebbero
sconti speciali.
Questa sì, sarebbe una pubblicità vincen-
te! Le “lobbi” delle “Case” produttrici
poi, dovrebbero far pressioni presso il
Governo affnchè emani regole e sanzioni
severe per chi abbandona auto sul suolo
pubblico.
Mi ero permesso scrivere al Sindaco di
Siracusa, informandolo come il Sindaco
di Catania, conoscendo le lungaggini bu-
rocratiche per ottenere la rimozione, ha
autorizzato il Comando della Polizia Mu-
nicipale a servirsi di una nuova procedu-
ra telematica che accerta in tempo reale
se il veicolo possiede o meno l'assicura-
zione. I VV.UU. collegandosi all'A.N.I.A.
acquisiscono l'informazione sull'auto e,
nel caso di un veicolo non assicurato, lo
rimuovono immediatamente e lo affdano
al custode già designato, inserendo la tar-
ga nel sistema informatico dei veicoli se-
questrati (S.I.Ve:S.). Attendo ancora una
risposta.
Come è consuetudine la lettera sarà sta-
ta mandata al macero mormorando: “Ma
cosa vuole questo cretino...ho ben altro
per la testa!”
Giorgio Guarnaccia
24 SeTTeMbRe 2014, MeRcoLedì • Sicilia 11 • VITA DI QUARTIE-
l’osserVAtorIo
Stagnazione anche all’Eni
investimenti bloccati
La chimica come la raffnazione: tutto rimane fermo. Unica ec-
cezione la costruzione dell'impianto di cogenerazione alla Sasol
E' calato il silenzio sul progetto per la produzione di elastomeri
di Salvatore Maiorca
Anche l’Eni in
piena stagnazione a
Priolo. Completata
la ristrutturazione
dell’impianto di eti-
lene, è rimasto sotto
silenzio il progetto
per il nuovo impian-
to di elastomeri. E
sotto silenzio è stato
pure soppresso l’uf-
fcio relazioni ester-
ne. Il settore è stato
accentrato a Roma.
Ma Roma è lontana
dal territorio. Così
è per la Esso di
Augusta, che ese-
gue ordini impartiti
da Roma. E Roma
è soltanto tramite
della casa madre,
che sta in America.
Così è per la Sasol,
la cui casa madre
è in Sud Africa.
Così per Air liquide,
con casa madre in
Francia. Così è per
tutta la nostra zona
industriale. Che ha
i vantaggi (pochi) e
gli svantaggi (tanti)
della internaziona-
territorio. E, se e
quando ne sforano
la conoscenza, non
sono pur sempre
sottoposte a diret-
tive e controlli del
centro.
Sul territorio ri-
mangono le fab-
briche (quelle che
rimangono). Con i
loro problemi, con
gl’inconvenienti
che, non di rado,
provocano al terri-
torio. Con i loro casi
di inquinamento.
Con le loro ristrut-
turazioni. Con i
loro ridimensiona-
menti produttivi e
occupazionali. Con
il loro miraggio
della produttività,
del massimo utile
col minimo mez-
zo. In pratica con
l’adorazione del
solo “idolo dana-
ro”. Quell’idolo più
volte condannato da
papa Francesco. Il
quale invece pone
al centro di tutto
l’uomo.
Qui l’uomo è igno-
rato. I baluardi “na-
turali” a difesa dalle
degenerazioni di
certe gestioni indu-
striali dovrebbero
essere le istituzio-
ni, la politica e il
sindacato. Ma le
istituzioni sono de-
boli e screditate. La
politica lo è ancor di
più perché, quando
interviene, intervie-
ne soltanto per chie-
dere favori. Rimane
il sindacato. Il quale
peraltro ha come
primo obiettivo la
difesa dei posti di
lavoro e della quali-
tà della vita nei posti
di lavoro: salute, si-
curezza, ambiente.
Il sindacato fa an-
che la sua parte nel
rivendicare nuo-
vo sviluppo, nuo-
vi progetti, nuovi
investimenti. Ma
la sua forza di pres-
sione non è più
quella di una vol-
ta. Si sconta forse
lità.
E’ come una rete di
lampade accese e
spente da interrut-
tori lontani.
Le sedi decisionali
sono lontane. Igno-
rano i problemi del
riescono a valutarli
appieno. Al cen-
tro si conoscono
soltanto i proble-
mi delle fabbriche,
comunicati dalle
rispettive direzioni.
Le quali peraltro
Soppresso a Priolo l'uffcio relazioni esterne.
Le sedi decisionali rimangono lontane. L'uni-
ca realtà che non muta è quella dei tagli
qualche eccesso del
passato per tentativi
di condizionamento
delle politiche in-
dustriali. Si sconta
soprattutto il peso
di questa maledetta
crisi che non accen-
na a regredire. E le
armi del sindacato
sono spuntate.
Di nuovi progetti
ci sono soltanto
quello della Sasol,
Senza servizi l’isola pedonale
provoca disagi a residenti e non
VIAbIlItA’ PochI e non FUnZIonAlI GlI stAllI sIA blU che GIAllI
Tre vecchi cinema ristrutturabili in parcheggi multipiani
per l’impianto di
cogenerazione elet-
trica, quello dell’E-
ni per gli elastomeri
(collanti e simili) e
quello della Edison
per la piattaforma
petrolifera Vega B.
Ma si tratta di cose
diverse, con diverse
ricadute possibili
per l’occupazione e
per lo sviluppo.
Il progetto Sasol
è già a buon pun-
to. Quello dell’Eni
invece è diventato
l’araba fenice: “che
ci sia ognun lo dice,
dove sa nessuno
sa”. Il progetto
Edison giace da due
anni al ministero
dell’Ambiente.
In attesa di una
risposta. E non si
può non ricordare
che in attesa di una
risposta (in questo
caso della Regio-
ne) rimase anche il
progetto del rigas-
sifcatore: quest’ul-
timo per sette anni,
fnchè la società non
decise di non farne
più nulla.
Dal progetto Sa-
sol potrà derivare
soltanto un po’ di
lavoro, per breve
periodo peraltro,
nell’impiantistica.
La realizzazione
del progetto Edison
Vega richiede due-
tre anni di lavoro
metalmeccanico. In
questo caso la base
di Punta Cugno è
favorita. Per la spe-
rimentata e consoli-
data professionalità
delle imprese che vi
operano e del rispet-
tivo personale.
Resta il progetto
Eni. Ma dov’è?
Sono mesi ormai
che è stato illu-
strato ai dirigenti
sindacali. Ma non
è stato ancora pre-
sentato nelle sedi
istituzionali per le
procedure autoriz-
zative. E sappia-
mo quali tempi poi
richiedano queste
procedure. Allora
tante domande van-
no poste.
Rilancia il proble-
ma Emanuele Sor-
rentino, segretario
generale Uiltec:
“Perché sul pro-
getto elastomeri è
calato il silenzio?
Cosa real ment e
vuol fare l’Eni del
sito di Priolo? E’
infatti evidente che
l’avvio del progetto
elastomeri signi-
fcherebbe la fne
della stagnazione
e l’apertura di una
nuova fase di svi-
luppo.
Il silenzio invece
alimenterebbe il so-
spetto di una sotta-
ciuta volontà di gra-
duale dismissione.
Non dimentichiamo
infatti che l’impian-
to del polietilene
lineare è chiuso da
oltre un anno ormai.
La zona industriale come una rete di
lampade i cui interruttori sono lonta-
ni. Le ristrutturazioni si susseguono.
Sindacato debole. Politica assente
“Per Gela - ricor-
da Sorrentino - di
fronte alla ventilata
ipotesi di chiusura
della raffneria, in-
sieme con il sinda-
cato, si è mobilitata
la politica, con in
testa il sindaco e il
presidente della Re-
gione. Qui rimane
soltanto la voce del
sindacato. E la po-
litica dov’è? I sin-
daci e il presidente
della Regione dove
sono? I parlamenta-
ri, adusi a lanciare
sovente inutili pro-
clami, dove sono?
Si materializzeran-
no soltanto in vista
di nuove elezioni?
E con quali carte in
mano? Con quali ri-
sultati da presentare
alla popolazione?
Finora non si può
che registrare assen-
ze e silenzi”.
E così cresce sol-
tanto la disoccu-
pazione. Gli edili
aspettano l’apertura
dei cantieri per l’au-
tostrada Rosolini-
Modica per tornare
a intravvedere qual-
che posto di lavoro.
I metalmeccanici
preparano un altro
autunno caldo. I chi-
mici si trascinano
in una stagnazione
senza fne. E l’o-
rizzonte s’incupi-
sce sempre più. E
sempre nell’assenza
della politica.
Senza parcheggi
un’isola pedonale
non può funziona-
re. Quale che sia
e dovunque sia.
Sono pochi gli stal-
li per i residenti. E’
troppo costosa la
sosta sulle strisce
blu. E Ortigia? An-
che Ortigia soffre
della mancanza di
parcheggi. I primi
penalizzati sono i
residenti. I quali
diminuiscono sem-
pre più. E senza
residenti un centro
storico muore.
Non bastano i par-
cheggi del Talete,
del molo Sant’An-
tonio e di viale
Mazzini (di fronte
al Grand Hotel).
Potrebbero bastare
per i non residen-
ti se fossero ben
gestiti e ben ser-
viti da navette con
percorso capillare
nell’intera isola.
Non possono basta-
re per i residenti, i
quali devono poter
lasciare l’auto a
breve distanza d a
casa. Per non par-
lare del costo. La
sosta al parcheggio
di viale Mazzini
costa due ore l’ora:
un prezzo davve-
ro spropositato; un
non residente che
voglia cenare in un
ristorante di Ortigia
e poi fare una pas-
seggiata per l’isola
quanto deve spen-
dere per il parcheg-
gio? Non meno di
sei-otto euro: una
tassa di soggiorno
aggiuntiva e, so-
prattutto, esosa.
Ma il primo proble-
ma riguarda i resi-
denti. I quali sono
veramente scorag-
giati dal risiedere
in Ortigia. Per i re-
sidenti (e non sol-
tanto per loro) oc-
corrono i parcheggi
multipiano in pieno
centro abitato. E
bene ha fatto Titta
Rizza ad affrontare
il problema indi-
candone anche le
soluzioni possibili.
Non si possono cer-
to costruire nuovi
edifci in Ortigia.
Qualche misfatto
del genere è stato
commesso in pas-
sato. Ora basta. E
allora? Allora ecco
la “soluzione Riz-
za”. Ci sono alme-
no tre cinema in
Ortigia dismessi da
decenni: l’Olimpia,
il Diana, il Verga.
Dei primi due non
si parla da quando
sono stati (o forse è
meglio dire furono)
chiusi. Del Verga
non si ancora che
fare. Era della Pro-
vincia. Ora di chi è?
Del commissario?
La ristrutturazione
era in fase avanza-
ta. Poi è stata inter-
rotta per mancanza
di risorse. Ma era
stata concepita e
iniziata per farne
una sala convegni.
Qua si vogliono
fare sale convegni
dappertutto. Ma
non se ne fa nem-
meno una. E tutto
rimane incompiuto.
Da qui la “solu-
zione Rizza”: tra-
sformiamo questi
ex cinema che non
servono più in par-
cheggi: daremo
vita all’Isola. Sa-
rebbe cosa buona e
giusta. Ma ne man-
cano i due presup-
posti essenziali: la
volontà politica e le
risorse fnanziarie.
La volontà politica
è “patrimonio ina-
lienabile” dell’am-
mi n i s t r a z i o n e
comunale. Comun-
que le risorse non
ci sono; e l’opera
non si fa.
La soluzione c’è.
Basta volerla: il
project fnancing:
l’amministrazione
pubblica, mediante
bando, affda l’o-
pera a un privato il
quale la realizza a
proprie spese e poi
la gestisce per ven-
ti o trent’anni. Ma
anche per una so-
luzione del genere
occorre volontà po-
litica. Per non par-
lare poi del solito,
enorme, ostacolo: i
soliti sostenitori del
pubblico ad ogni
costo e in ogni caso:
l’opera dev’esser
pubblica, dicono;
ma le risorse non ci
sono; e l’opera non
si fa. Evviva! E al-
lora? Allora o si af-
frontano i problemi
con sano realismo o
lentamente si spro-
fonda.
ATTUALITÀ • 12 Sicilia • 24 SeTTeMbRe 2014, MeRcoLedì 24 SeTTeMbRe 2014, MeRcoLedì • Sicilia 13 • ATTUALITÀ
L'ingresso dello stabilimento Sasol
Petroliera Esso Augusta in navigazione
L'ex cinema Verga sempre chiuso
Di Polimeri Europa rimane poco pù del logo
Quel che fu il cinema Diana
GIUsePPe bIAncA
Direttore Responsabile
Direzione e Redazione
uffci amministrativi:
via Mosco 51 • Siracusa Tel. 0931 46.21.11
Fax 0931 60.006 • Libertasicilia@gmail.com
Pubblicità diretta: Poligrafca S.r.l.
via Mosco 51 • Siracusa Tel. 0931 46.21.11
Per la pubblicità sono previsti sconti
editrice e Stampa: Poligrafca S.r.l.
Registrazione Tribunale di Siracusa
n.17 del 27.10.1987
Sicilia
“La rotta dei grani
fra storia e ricerca”
I tre appuntamenti organizzati dalla Regione Siciliana-Soat
di Siracusa permetteranno ai testimonial di raccontare
la Sicilia dei borghi
Una ventina di
partecipanti tra
Gruppi di azione
locale, Comuni e
Associazioni di
promozione turi-
stica e culturale,
Aziende priva-
te. Tre convegni
in tre giorni con
una nutrita par-
tecipazione di
esperti che rac-
conteranno le
meraviglie di
una terra ricca
di eccellenze ga-
stronomiche e di
un patrimonio
storico e paesag-
gistico inegua-
gliabile. Diversi
doc ume nt a r i ,
alcuni inediti, a
testimoniare bel-
lezza e momenti
salienti flmati
nel pieno della
vita di riserve,
borghi e parchi
siciliani.
Sono questi i nu-
meri della parte-
cipazione della
Sicilia a “Italia
da amare”, Fie-
ra del Turismo
di Territorio e
di Qualità orga-
nizzata in Piazza
Vittorio Veneto,
nel centro sto-
rico di Torino,
dal 26 al 28 set-
tembre prossimi
in concomitanza
con “Sapori da
sfogliare”, il Sa-
lone del Libro
Enogastronomi-
co.
L’Assessorat o
dell’Agricoltura,
dello Sviluppo
Rurale e della
Pesca Mediterra-
nea della Regio-
ne Sicilia ha con-
diviso le ragioni
di fondo della
che, paesaggi-
stiche ed eno-
gastronomiche
del nostro Paese,
r appr es ent at a
attraverso una
nuova emergen-
te cultura del
turismo, una f-
losofa ed uno
stile di vita che
esaltano la qua-
lità, l’originalità,
la sostenibilità
dell’ambiente, la
ricerca e la sco-
partecipazione a
Italia da Amare
costituisce una
prima verifca
organizzativa in
vista di Milano
Expo 2015” - af-
ferma l’assesso-
re Ezechia Pa-
olo Reale - “da
amministratori
appassionati del-
la nostra terra ci
teniamo parti-
colarmente alla
proiezione di
sia nazionali che
internazionali,
i ncont r er anno
i partecipanti
in una serie di
workshop utili a
presentare pro-
poste turistiche
ed enogastrono-
miche.
I tre appunta-
menti organizza-
ti dalla Regione
Siciliana - Soat
di Siracusa per-
metteranno ai
testimonial di
raccontare la Si-
cilia dei borghi,
dei pescatori,
degli agricoltori
e del rinascimen-
to enogastrono-
mico della più
grande isola del
Mediterraneo. Si
comincia vener-
dì 26 settembre
alle 18.00 con
“La rotta dei gra-
ni fra storia e ri-
cerca”, incontro
che punterà i ri-
fettori sull’im-
portanza della
civiltà del grano
nella storia so-
ciale, economica
e culturale della
Sicilia.
Si continua saba-
to 27 alle 17.00
con l’incontro su
“Meraviglie del
patrimonio cul-
turale marino in
Sicilia” che ve-
drà la partecipa-
zione dell’arche-
ologo Sebastiano
Tusa, soprinten-
dente del Mare
della Regione Si-
ciliana e si chiu-
de domenica 28
alle 10.00 con il
convegno dal ti-
tolo “Comunica-
re i borghi, mare
e riserve da ama-
re in Sicilia” che
verrà concluso
dall’intervento
dell’’assessore
dell’Agricoltura,
dello Sviluppo
Rurale e della
Pesca Mediterra-
nea della Regio-
ne Sicilia, avv.
Ezechia Paolo
Reale.
ed inimitabili e
con le eccellen-
ze agroalimenta-
ri conosciute nel
mondo.”
A Torino nei
padiglioni alle-
stiti in Piazza
Vittorio Veneto
ci saranno i rap-
presentanti dei
Comuni di Noto
e Castronovo di
Sicilia, i Grup-
pi di azione lo-
cale Gal Etna,
Associazioni di
promozione turi-
stica e culturale,
Consorzi e Di-
stretti impegnati
nel far conoscere
in Italia ed oltre i
confni nazionali
le peculiarità più
o meno nasco-
ste di territori
ricchi di storia
e le antiche tra-
dizioni ancora
vive. Buyers
professionisti,
manifestazione,
alla sua prima
edizione, quale
ideale e privi-
legiata vetrina
delle eccellenze
naturali, artisti-
perta, il rispet-
to della storia,
delle tradizioni,
delle persone e
del territorio.
“Nelle nostre
intenzioni, la
una Sicilia pro-
tagonista con
le sue immen-
se potenzialità
storico-culturali,
con la forza dei
suoi luoghi unici
Gal Kalat, Gal
Me t r opol i e s t
S.c.a.r.l. Gal Ne-
brodi Plus, Gal
Terre del Nis-
seno, Gal Ter-
re Normanne,
Sicilia protagonista con una nutrita rappresentanza
di operatori ed un ftto calendario di incontri
CULTURA • 14 Sicilia • 24 SeTTeMbRe 2014, MeRcoLedì 24 SeTTeMbRe 2014, MeRcoLedì • Sicilia 15 • SPORT SIRACUSA
La differenza fra
appassionati di cal-
cio e tifosi c’è sem-
pre stata, ma oggi
dev’essere ancora
più accentuata ri-
spetto al passato se
un avversario as-
sume le sembianze
di un nemico da
abbattere e non una
persona come tan-
te, con i suoi pregi,
con i suoi difetti,
ma anche, come
ogni uomo, con la
sua dignità e con
la sua storia. Questa
banalissima consi-
derazione scaturisce
da una sequenza di
episodi verifcatisi
durante la partita col
Modica di dome-
nica scorsa. Dalla
panchina rossoblù,
di tanto in tanto si
alzava un signore
dall’aspetto bona-
rio, sulla sessantina,
baff e capelli bian-
chi, ben messo di
corporatura, nono-
stante un pronuncia-
to inizio di pancetta.
E pur non facendo
altro che il suo do-
vere, cioè quello di
incitare i suoi a gran
voce, diventò ben
presto il destinatario
di una buona dose
di fschi da parte di
un nutrito gruppo di
tifosi che in tribuna
non vedeva di buon
occhio questo suo
dimenarsi. Conte-
stazione che rag-
giunse il suo culmi-
ne allorché l’arbitro
decise di espellerlo
per una sua molto
presunta infrazione.
Quel signore, che
era poi il diretto col-
laboratore di Luca
Filicetti nella guida
del Modica, rispon-
deva al nome di Se-
bastiano Schiavo,
mediano di ferro del
Siracusa dei primi
anni ‘70, che con un
suo gol all’ultimo
minuto dei tempi
supplementari di un
memorabile spareg-
gio che il Siracusa
stava perdendo per
1-0, rimise in corsa
gli azzurri che poi
avrebbero vinto alla
monetina.
Era il 7 Giugno
dell’anno di grazia
1971 e il Siracusa
che aveva chiuso il
campionato di quar-
ta serie appaiato al
Cantieri Navali di
Palermo a 47 pun-
ti, affrontava sul
neutro del Vomero
di Napoli i valoro-
si rivali allenati da
Del Noce. Per l’im-
portanza dell’incon-
tro, da Siracusa si
era mossa con ogni
mezzo una moltitu-
dine di sostenitori
valutabile in circa
tremila unità. La
nostra città alle 15,
ora di inizio della
partita, era un de-
serto. Tutti intenti
a seguire alla radio
le fasi dell’incon-
tro che alla fne dei
tempi regolamen-
tari si era concluso
sullo zero a zero.
Al 7’ minuto dei
supplementari, Lo-
sio, centravanti del
Cantieri, ricevuta
palla da Di Gaetano,
riuscì ad eludere
la stretta vigilanza
di Ciccio Conti e a
battere di forza Aldo
Fazzino. Quando
tutto sembrava per-
duto, ad un minuto
dalla fne accadde
il miracolo. Il diret-
tore di gara, il trie-
stino Celli, fschiò
una punzione a fa-
vore del Siracusa da
una trentina di metri
dalla porta difesa da
Morana. Tirò con
tutta la forza e la
rabbia che aveva in
corpo Iano Schiavo
e fu il gol del pari.
Qualche attimo
dopo la monetina
avrebbe regalato
agli azzurri la Serie
C.
Per la cronaca il
Siracusa era sceso
in campo nella se-
guente formazione:
Fazzino, Degli In-
nocenti, Corvino ;
Schiavo, Conti, Di
Matteo; Anastasio,
Bagnaschi, Lom-
bardo, Vegna (dal
103’ Peluso), Pater-
lini. All. Benedetti.
Una pagina di storia
del Siracusa che va
opportunamente ri-
cordata a chi ha di-
mostrato di non co-
noscerla, fschiando
ingenerosamente il
suo principale pro-
tagonista.
Armando Galea
Fischi ingenerosi
per Iano Schiavo
eroe del Vomero
impossibile dimenticare: un suo gol su punizione il 7 giugno
del 1971 nel corso di un memorabile spareggio con il cantieri
Navali ci regalò la promozione in serie C
Al polisportivo universitario
di Palermo buona
la prova degli atleti
della A.S. Milone Siracusa
Si è conclusa al campo di atletica leg-
gera dell’impianto polisportivo uni-
versitario di Palermo, la seconda fase
regionale dei Campionati Italiani di So-
cietà Allievi. Un fne settimana, con 17
appuntamenti in tutta la penisola, utile
per i team under 18 in gara, per aumen-
tare il proprio punteggio e conquistare
un posto in una delle cinque fnali in
programma il 4 e 5 ottobre prossimi.
Nella classifche a squadre , nella riu-
nione di Palermo, quella al femminile è
stata vinta dall’Atletica Virtus Acireale
(9994 punti), al secondo posto la Cata-
nia 2000 (9864). In campo maschile la
vittoria è andata al Cus Palermo (11878
punti), a seguire la Milone Siracusa
(8841 punti). Nelle prestazioni indi-
viduali da ricordare la vittoria nei 100
metri della quattrocentista Alice Man-
gione (Cus Palermo) che ha corso in
12.15 (+0.5)
Sempre l’atleta di ha vinto i 200 in
24.91. Negli 800 vittoria di Clara Tasca
(Young Runner Gela) con il tempo di
2.19.54; Sempre con i colori della so-
cietà acese Giorgia Di Vara ha vinto i
100 ostacoli con il tempo di 15.32; la
Di Vara si è ripetuta anche nei 400 osta-
coli andando a vincere con il tempo di
1.07.32, buona seconda Laura Mirone
(1.13.22); nel martello vince con la mi-
sura di 45.40 Ferderica Borgognone del
Cus Palermo. Nella 4x100, bella gara
tra Atletica Virtus Acireale e Catania
2000 con le acesi che fermano il crono
a 54.33; 54.51 per le etnee. Stesse squa-
dre e stesso ordine di posto nella 4x400
con Atletica Virtus Acireale (4.28.61)
e Catania 2000 (4.35.83). Nella cate-
goria allievi questi i risultati: Edward
nei 100 piani vince il cussino Edward
Hawkson (11.58), secondo Luigi Guar-
neri (Milone Siracusa) 11.72; nei 200
piani Hawkson si ripete ( 23.68 +1.5);
nei 400 (51.42) e negli 800 (1.56.41)
si afferma Simone Todaro, buona nel
doppio giro di pista anche la prova di
Vincenzo Messina (Athlon San Gior-
gio) in 1.57.36; nell’alto Antonio Ma-
tarazzo Milone Sr) sale a 1.81, mentre
nel triplo Gioacchino Terrasi atterra a
13.05; Peso e disco sono appannaggio
dell’etneo, tesserato per cus Palermo,
Isidoro Mascali (12.74 – 46.49), men-
tre nel martello Attilio Lisfara (Milone
Sr) lancia a 38.03; nella 4x100 la Milo-
ne Sr (unica sqaudra in gara) fa segnare
il tempo di 49.42.
Le migliori 12 squadre dopo la fase re-
gionale dei CdS Allievi si giocheranno
gli scudetti 2014 nella fnale di Imola
(4 e 5 ottobre). I club che si classif-
cheranno dal tredicesimo al sessante-
simo posto verranno invece suddivisi
in quattro raggruppamenti: quello che
interessa la Sicilia è il raggruppamento
Tirreno (Basilicata, Calabria, Campa-
nia, Lazio, Sardegna, Sicilia e Tosca-
na) a Grosseto
SPORT • PAginA 16 • 24 SeTTeMbRe 2014,MeRcoLedì
Sicilia
CanoaPolo, inizia l'avventura
per gli azzurri della Kst Siracusa
Tra i convocati
senior tre
atleti siracusani
della KST
Romano,
Novara
e emanuele
in acqua l’under 21 allenata
dall'aretuseo Pierpaolo Arganese
Basket serie D,
Salustro Priolo
inserito
nel girone
orientale
Defniti da par-
te dell’uffcio
gare i gironi del
campionato di
serie D regiona-
le. Un raggrup-
pamento sarà
composto da
squadre di Ca-
tania, Siracusa
e Messina città,
mentre l’altro
avrà al suo in-
terno squadre
della provin-
cia di Messi-
na, Palermo,
Cal t ani sset t a,
Piazza Armeri-
na e Agrigento.
Nemmeno una
rappresentante
per il compren-
sorio trapanese,
così come per
quello ragusa-
no.
Il girone orien-
tale sarà com-
posto da Poli-
sportiva Alfa
Catania, Salu-
sport Priolo,
Mens Sana Ma-
scalucia, Forti-
tudo Palagonia
, Basket Club
Zafferana, Ca-
stanea Basket
Messina, Pal-
lacanestro Aci
Bo n a c c o r s i ,
Basket School
Messina.
Nel girone oc-
cidentale sono
state inserite
Cus Palermo,
Cestistica Tor-
renovese Aquila
Nebrodi, Basket
School Gela,
Orsa PG Bar-
cellona Pozzo
di Gotto, Invicta
93Cento Calta-
nissetta, Virtus
Basket Canicat-
tì, Grottacalda
Piazza Armeri-
na e Fortitudo
Balestrate.
Sono partite le tre
rappresentative ita-
liane che dal 23 al
28 settembre, nelle
acque di Thury Har-
court si contende-
ranno il titolo irida-
to di canoa polo.
La delegazione tri-
colore della canoa
polo torna nelle ac-
que della Norman-
dia per vivere l’av-
ventura mondiale:
in acqua vedremo
l'under 21 maschile
guidata dall'aretu-
seo Pierpaolo Arga-
nese, la senior fem-
minile di Giacomo
Amelotti e la squa-
dra azzurra senior
di Rodolfo Vastola;
team che lo scorso
anno ha conquistato
un bronzo ai World
Games di Cali ed un
argento agli Europei
di Poznan. Dopo un
intenso campionato
italiano che ha visto
gli azzurri lottare tra
loro con i rispettivi
club alla conquista
del titolo italiano,
da oggi i polisti tor-
nano in acqua non
più da avversari
ma da compagni di
squadra, uniti sotto
l’azzurro delle loro
canoe, coadiuvati
dal team leader Fa-
biano Roma.
Più di 600 atleti
provenienti da tut-
to il mondo si sf-
deranno a suon di
goal per conquistare
l’oro iridato e salire
sul tetto del mon-
do all’interno dello
spettacolare impian-
to francese situato
nella valle Traspy,
già protagonista
dell’Europeo 2007:
un bacino con quat-
tro campi da gioco
immersi in 15 etti di
verde accoglieranno
la delegazione italia-
na affancata dai tre
arbitri DAC Pelli,
Donzelli e Zannoni,
simbolo dell’eccel-
lenza italiana “fuori
dall’acqua”.
Nei mondiali di
Poznan del 2012 la
nazionale senior az-
zurra con il 3-0 sulla
Danimarca conqui-
stò il quinto posto
che gli valse la qua-
lifcazione ai World
Games. Risultato
che è invece che
sfuggì alle ragazze
che tornarono a casa
con un sesto posto,
battute per 3-0 dalla
Francia. Gli under
21 azzurri chiusero,
invece, in ottava po-
sizione. Tra i convo-
cati senior maschile
tre aretusei ella KST
Siracusa, campioni
d'Italia.
Quindi, in campo
con il tricolore sul
caschetto il team
formato dai siracu-
sani Andrea Roma-
no, Davide Novara
e Gianmarco Ema-
nuele (di classe ‘91
è il più giovane del-
la squadra senior);
dai posillipini Diego
Pagano e Paolo Di
Martino con la triade
chiavarese formata
dal goleador Luca
Bellini, dal giovane
Andera Bertelloni e
da Marco Porzio; ed
a chiudere la rosa il
romano d’adozione
Gianni Lodato. Gli
azzurri fanno par-
te del girone D con
Belgio, Australia,
Russia, Nuova Ze-
landa e Malesia. Da
mercoledì palla al
centro per le quali-
fcazioni alle 09.35
contro la Russia;
mentre alle 14,50
toccherà alla Nuova
Zelanda. Squadra
rodata e vincente,
consapevole delle
proprie capacità. I
big azzurri non do-
vrebbero problemi
nelle fasi di quali-
fcazione (da tenere
d’occhio l’Austra-
lia, quarta classif-
cata nel 2012) ma
negli step succes-
sivi dovranno stare
attenti a Germania,
Olanda e Francia.
In foto, il manifesto
della manifestazione
La prima giornata del campionato di pallamano se-
rie A/1 girone C porta tre successi casalinghi e uno
esterno. È quello del Fondi di mister De Santis, di mi-
sura in casa del Conversano di Tarafno, al Pala San
Giacomo con il punteggio di 29-30 (p.t. 14-15). Tra
le mura amiche arriva il primo successo stagionale
del Teamnetwork Albatro di patron Laudani grazie
ad una prestazione impeccabile del nuovo acquisto
Dedovic e di un incontenibile Andrea Calvo con il
punteggio 23-20 (p.t. 12-8) al termine di una gara
combattuta, ma mai messa in discussione contro il
Geoter Gaeta.
Vincono anche Benevento e Dorica, che superano ri-
spettivamente Lazio col fnale di 29-26 (p.t. 17-11) e
la matricola siciliana della TH Alcamo, 41-25 (p.t.
18-15) che si consola con la convocazione in naziona-
le di Randes Gabriele . Ferma ai box i Campioni d'I-
talia del Fasano.
S.C.
Pallamano serie A/1 il punto
della 1
a
giornata di campionato