Concrete srl Luglio ‘03

Tutor



versione 10.7








Indice
Indice ................................................................................................................................................. 3
Introduzione...................................................................................................................................... 9
Esempio A: semplice struttura in c.a. .......................................................................................... 11
CREAZIONE COMMESSA............................................................................................................... 11
Avvio di SISMICAD.................................................................................................................11
Creazione di un nuovo lavoro .................................................................................................12
CONFIGURAZIONE DEL PROGRAMMA............................................................................................. 13
Dati generali ............................................................................................................................13
DATABASE.................................................................................................................................. 13
Titolo del lavoro.......................................................................................................................14
Dati generali del suolo.............................................................................................................14
Dati elementi finiti ....................................................................................................................14
Livelli .......................................................................................................................................15
Plinti superficiali ......................................................................................................................15
Solai ........................................................................................................................................17
INPUT DA DISEGNO...................................................................................................................... 17
Lancio del programma CAD....................................................................................................18
Posizionamento dei pilastri .....................................................................................................19
Numerazione automatica dei Fili.............................................................................................23
Impostazione Snap ad Oggetto ..............................................................................................23
Inserimento delle travi in c.a. ..................................................................................................24
Dati carichi e sisma.................................................................................................................27
Carichi distribuiti ......................................................................................................................29
Inserimento dei plinti di fondazione.........................................................................................30
Lettura del disegno..................................................................................................................31
CALCOLO DELLA STRUTTURA ....................................................................................................... 31
Risoluzione completa del modello ..........................................................................................32
PROGETTO DI ELEMENTI IN C.A..................................................................................................... 32
Progetto di una trave in c.a. ....................................................................................................32
Uscita dall’ambiente di progetto delle armature delle travi .....................................................35
Verifica di un pilastro in c.a. ....................................................................................................36
Verifica del plinto superficiale..................................................................................................40
IMPAGINAZIONE DEI DISEGNI ESECUTIVI ........................................................................................ 42
Ambiente di Rigenerazione dei disegni DXF ..........................................................................42
LA PIANTA DI CARPENTERIA.......................................................................................................... 45
Creazione della pianta ............................................................................................................45
Lettura del disegno..................................................................................................................46
Indice SismiCAD 10.7 Tutor
4
Creazione della pianta............................................................................................................ 46
Tratteggio dei travetti.............................................................................................................. 47
Sezioni ribaltate...................................................................................................................... 48
Quotatura pianta..................................................................................................................... 49
Armatura del solaio................................................................................................................. 50
Calcolo del solaio ................................................................................................................... 52
Uscita dall’ambiente di manipolazione delle armature dl solaio............................................. 53
Salvataggio pianta/prospetto.................................................................................................. 54
CONCLUSIONE ............................................................................................................................ 54
Esempio B: struttura in c.a. : analisi dinamica modale.............................................................. 55
INTRODUZIONE............................................................................................................................ 55
CREAZIONE COMMESSA ............................................................................................................... 56
Creazione di un nuovo lavoro................................................................................................. 56
CONFIGURAZIONE DEL PROGRAMMA............................................................................................. 57
Dati generali ........................................................................................................................... 57
Cemento armato..................................................................................................................... 58
Travi in cemento armato......................................................................................................... 60
DATABASE .................................................................................................................................. 60
Dati generali del suolo............................................................................................................ 60
Elementi finiti .......................................................................................................................... 61
Livelli della struttura................................................................................................................ 62
Parametri del c.a. ................................................................................................................... 62
Plinti superficiali e bicchieri .................................................................................................... 63
Terreni .................................................................................................................................... 65
Stratigrafie .............................................................................................................................. 65
Pali.......................................................................................................................................... 66
Plinti su pali ............................................................................................................................ 67
Dati di carico........................................................................................................................... 68
AZIONI ORIZZONTALI: SISMA......................................................................................................... 71
Analisi dinamica modale......................................................................................................... 71
Dati generali ........................................................................................................................... 71
Dati del suolo.......................................................................................................................... 73
Dati per analisi statica lineare ................................................................................................ 74
Dati per analisi dinamica modale ........................................................................................... 75
Spettri ..................................................................................................................................... 76
Spostamenti delle masse ai piani ........................................................................................... 77
COMBINAZIONI DI CARICO............................................................................................................. 77
INPUT DA DISEGNO ...................................................................................................................... 78
Lancio del programma CAD................................................................................................... 78
Inserimento della pianta architettonica................................................................................... 78
Configurazione del comando Snap ad oggetto...................................................................... 81
Inserimento dei pilastri in c.a. ................................................................................................. 82
Inserimento delle pareti in c.a. ............................................................................................... 92
Identificazione dei fili .............................................................................................................. 95
Eliminazione delle pianta architettonica................................................................................. 97
Inserimento delle piastre di fondazione.................................................................................. 97
Inserimento dei plinti di fondazione...................................................................................... 105
SismiCAD 10.7 Tutor Indice

5
Inserimento di travi in c.a. .....................................................................................................109
Inserimento dei carichi distribuiti ...........................................................................................113
Definizione ed inserimento delle falde ..................................................................................115
Generazione di elementi .......................................................................................................119
Visualizzazione con ombre e contorni evidenziati ................................................................123
Lettura del disegno................................................................................................................124
RISOLUZIONE............................................................................................................................ 124
ANALISI DEL MODELLO............................................................................................................... 125
Visualizzazione del modello di calcolo..................................................................................125
Uscita dall’ambiente di analisi del modello ...........................................................................129
CHECK DEGLI ELEMENTI IN C.A. .................................................................................................. 130
Preverifica degli elementi ......................................................................................................131
Interrogazione elementi.........................................................................................................131
Uscita dall’ambiente di check degli elementi ........................................................................132
PROGETTO DELLA PARETE IN C.A. .............................................................................................. 132
Armatura pareti e piastre inflesse .........................................................................................133
Selezione degli elementi shell...............................................................................................133
Visualizzazione risultati verifica ............................................................................................134
Nuova rete.............................................................................................................................137
Interrogazione nodo ..............................................................................................................140
Definizione e verifica dei pannelli..........................................................................................141
Travi di collegamento............................................................................................................145
Controllo del punzonamento.................................................................................................146
Output dei disegni in formato Dxf..........................................................................................148
Uscita dall’ambiente di verifica delle pareti ...........................................................................149
VERIFICA PILASTRO................................................................................................................... 149
Modello statico del pilastro....................................................................................................151
Progetto automatico delle armature......................................................................................152
Inserimento di una nuova armatura ......................................................................................153
Modifica di un ferro d’armatura .............................................................................................155
Verifica dei nodi.....................................................................................................................156
Uscita dall’ambiente di progettazione delle armature del pilastro.........................................157
VERIFICA TRAVE DI PIANO.......................................................................................................... 158
Scelta della trave da progettare............................................................................................158
Verifica a taglio della trave....................................................................................................161
Ritorno all’ambiente flessione...............................................................................................162
Uscita dall’ambiente di progettazione delle travi ...................................................................162
CONCLUSIONE .......................................................................................................................... 163
Esempio C: struttura in legno..................................................................................................... 165
CREAZIONE COMMESSA............................................................................................................. 165
Creazione di un nuovo lavoro ...............................................................................................165
CONFIGURAZIONE DEL PROGRAMMA........................................................................................... 166
Dati generali ..........................................................................................................................166
Dati generali c.a. ...................................................................................................................167
Dati generali legno ................................................................................................................169
DATABASE................................................................................................................................ 170
Dati generali del suolo...........................................................................................................170
Elementi finiti .........................................................................................................................171
Indice SismiCAD 10.7 Tutor
6
Livelli..................................................................................................................................... 171
Dati relativi ai materiali: c.a. ................................................................................................. 172
Dati relativi ai materiali: legno .............................................................................................. 172
Dati di carico e sisma ........................................................................................................... 173
INPUT DA DISEGNO .................................................................................................................... 177
Fili ......................................................................................................................................... 180
Falde..................................................................................................................................... 182
Catena.................................................................................................................................. 184
Puntoni ................................................................................................................................. 187
Monaco................................................................................................................................. 190
Puntoni diagonali .................................................................................................................. 193
Reggi-catena in acciaio........................................................................................................ 196
Arcarecci............................................................................................................................... 198
Inserimento delle rimanenti capriate .................................................................................... 202
Carichi .................................................................................................................................. 202
Pareti .................................................................................................................................... 205
Fondazioni di parete............................................................................................................. 208
Lettura del disegno............................................................................................................... 210
RISOLUZIONE............................................................................................................................ 210
VERIFICA LEGNO ....................................................................................................................... 211
Verifica degli elementi lignei ................................................................................................. 211
Dettagli di verifica delle aste................................................................................................. 212
CONCLUSIONE .......................................................................................................................... 213
Esempio D: semplice struttura in acciaio .................................................................................. 215
CREAZIONE COMMESSA ............................................................................................................. 215
Creazione di un nuovo lavoro............................................................................................... 215
CONFIGURAZIONE DEL PROGRAMMA........................................................................................... 216
Dati generali ......................................................................................................................... 216
DATABASE ................................................................................................................................ 217
Dati generali del suolo.......................................................................................................... 217
Elementi finiti ........................................................................................................................ 218
Livelli..................................................................................................................................... 218
Tronchi.................................................................................................................................. 219
Plinti superficiali .................................................................................................................... 219
Dati di carico e sisma ........................................................................................................... 220
Carichi concentrati ................................................................................................................ 222
INPUT DA DISEGNO .................................................................................................................... 224
Nome del file DWG............................................................................................................... 224
Colonne ................................................................................................................................ 225
Reset del collegamento con AutoCAD................................................................................. 227
Fili ......................................................................................................................................... 227
Impostazione dello snap ad oggetto..................................................................................... 228
Travi in acciaio...................................................................................................................... 229
Vista tridimensionale ............................................................................................................ 231
Nuove linee come riferimento per nuove travi...................................................................... 232
Nuovi fili ................................................................................................................................ 233
Travi in acciaio...................................................................................................................... 233
SismiCAD 10.7 Tutor Indice

7
Definizione di una reticolare in acciaio..................................................................................235
Inserimento reticolare............................................................................................................244
Inserimento di nuovi fili..........................................................................................................246
Definizione falde....................................................................................................................246
Inserimento degli arcarecci ...................................................................................................248
Inserimento dei controventi di parete....................................................................................250
Carichi concentrati ................................................................................................................252
Carichi distribuiti ....................................................................................................................252
Inserimento dei plinti superficiali ...........................................................................................253
Inserimento dei controventi di falda ......................................................................................255
Lettura del disegno................................................................................................................259
RISOLUZIONE............................................................................................................................ 259
VISUALIZZAZIONE DEL MODELLO MATEMATICO ............................................................................ 260
VERIFICA DELLE ASTE IN ACCIAIO ............................................................................................... 262
Cambio di un profilo non verificato........................................................................................264
Uscita dall’ambiente di verifica..............................................................................................265
CONCLUSIONE .......................................................................................................................... 265



Introduzione
SISMICAD è un programma di calcolo strutturale. Esso può essere definito come pre
e post processore di un solutore agli elementi finiti che si avvale di AutoCAD®, AutoCAD
LT® o Intellicad® per l’interfaccia grafica.

Il lavoro di progettazione svolto con SISMICAD si articola quindi in tre fasi:
• Definizione dell’oggetto da progettare.
Questa fase inizia con la definizione di alcuni dati generali (es. livelli, materiali) e si
concretizza attraverso la realizzazione da parte dell’utente di un semplice disegno 2D
del manufatto in ambiente CAD. Il disegno è gestito in 3D dal programma ed è facilitato
da macrocomandi dedicati alla rappresentazione degli elementi strutturali; può essere
realizzato a partire dal disegno architettonico qualora questo sia disponibile in formato
elettronico. Nelle entità grafiche sono rappresentati, oltre agli elementi strutturali, anche i
vari tipi di carico cui il manufatto è sottoposto. La definizione della struttura avviene
quindi di norma attraverso l'input da disegno (Input ! !! ! Da disegno) utilizzando
AutoCAD®, AutoCAD LT® o Intellicad®.
E’ prevista una seconda modalità di input (Input ! !! ! Da tastiera) attraverso la quale si
possono inserire tutti i dati relativi alla struttura ed ai carichi attribuiti; se ne consiglia
però l’utilizzo solo ad utenti esperti e solo per un controllo dei dati inseriti. La fase di
input si conclude con la lettura del disegno e con la creazione del database interno di
SISMICAD. Il disegno 3D creato attraverso SISMICAD ha la funzione di descrivere
l’oggetto da verificare per poterlo schematizzare in un modello matematico e produrre
poi gli elaborati esecutivi. Si consiglia, ove possibile, di introdurre nel disegno
semplificazioni in corrispondenza di particolari architettonici strutturalmente non
significativi (ad esempio una lesena in una parete): l’introduzione di questi ultimi può
comportare notevole dispendio di tempo senza apprezzabili vantaggi dal punto di vista
strutturale; inoltre la ricerca del particolare non significativo può facilitare l’introduzione di
errori.
• Modellazione numerica e risoluzione del modello matematico.
E’ una fase del lavoro completamente automatica nella quale l’utente si limita a seguire
a video i vari messaggi che segnalano l’evoluzione delle operazioni. Il manufatto viene
schematizzato con un modello unico di telaio spaziale composto da aste ed elementi
bidimensionali. In particolare il programma: individua i nodi necessari numerandoli e
vincolandoli; individua le aste numerandole, vincolandole, orientandole e caricandole;
schematizza i setti in c.a. ed in muratura, le platee di fondazione e le piastre in
elevazione con mesh di elementi shell di dimensione massima assegnata; simula il suolo
elastico con mesh di elementi molla le cui rigidezze sono calcolate automaticamente una
volta assegnato il coefficiente di sottofondo; modella con elementi membranali i piani
dichiarati non infinitamente rigidi; scrive il file di accesso al solutore. Viene quindi
lanciata automaticamente la soluzione al termine della quale SISMICAD crea il proprio
database interno di spostamenti e sollecitazioni. Il modello ed i risultati dell’analisi, sia in
termini di spostamento sia di sforzi, sono consultabili attraverso una visualizzazione
tridimensionale.
• Post processore.
Introduzione SismiCAD 10.7 Tutor

10
È la fase nella quale è possibile passare alla progettazione dei vari elementi strutturali.
Man mano che si apportano le varie modifiche, vengono prodotti, in maniera automatica
o con correzione interattiva, gli elaborati esecutivi, sotto forma di file dxf per i disegni e di
file di testo per le relazioni di calcolo e di computo.



Esempio A: semplice struttura in c.a.
Come primo esercizio si propone la progettazione di una struttura composta da un solaio a
pianta rettangolare, appoggiato su travi perimetrali in c.a. che poggiano su quattro pilastri
fondati su plinti superficiali.
La struttura che si otterrà è raffigurata dall’immagine seguente

In questo esempio si trascurano i commenti sulle possibilità di impostazione delle opzioni
disponibili in SISMICAD, lasciando quelle fissate come default all’atto dell’installazione.
Creazione commessa
Avvio di SISMICAD
Dopo aver avviato il programma attraverso
Avvio ! Programmi ! Applicazioni Concrete ! SISMICAD 10.6
compare la schermata principale:
Esempio A: semplice struttura in c.a. SismiCAD 10.7 Tutor

12

Creazione di un nuovo lavoro
tramite il comando
File ! Nuovo Lavoro
o l’icona corrispondente si può inserire il nome della nuova commessa:

SismiCAD 10.7 Tutor Configurazione del programma

13
Una nuova commessa (un nuovo progetto) è costituita da un insieme di informazioni
che vengono salvate all’interno di una directory dell’unità disco in uso, sia essa locale o di
rete. La directory viene automaticamente suddivisa dal programma in sottodirectory che
vengono utilizzate dal programma e che quindi non devono essere manipolate dall’utente.
Configurazione del programma
Dati generali
tramite il comando
File ! !! ! Configurazione ! !! ! Dati generali
appare la seguente finestra di dialogo, dove è possibile configurare i parametri generali

Si consiglia di attivare sempre in questa fase l’opzione di ricerca automatica dei
CAD installati per scegliere quello che si desidera utilizzare; nel caso se ne avessero a
disposizione più di uno, si selezioni quello desiderato nell’elenco che appare alla voce
Directory.

Si controlli anche le impostazioni della lingua di AutoCAD® per adattarla a quella del CAD
posseduto. Nella seconda parte del form, nella parte inferiore della finestra di dialogo, si
impostino: il metodo di verifica che si intende adottare per la struttura e l’opzione che elimina
i file temporanei generati dal solutore.
Database
Spiegazioni più esaurienti sul significato delle varie opzioni si possono trovare nel Manuale
d’Uso al capitolo “Database di SISMICAD”.
Per lo svolgimento dell’esempio si consiglia di impostare i valori contenuti nelle finestre di
dialogo che seguono.
Esempio A: semplice struttura in c.a. SismiCAD 10.7 Tutor

14
Titolo del lavoro
tramite il comando
Input ! Database ! Titolo del lavoro
si accede alla finestra che segue dove Il titolo del lavoro può essere direttamente editato

Dopo aver digitato esempio1 come titolo del lavoro, si confermi premendo il tasto OK.
Dati generali del suolo
tramite il comando
Input ! Database ! Dati generali del suolo
si accede alla finestra che segue dove è possibile impostare i dati relativi al suolo su cui
poggerà la struttura.

Dati elementi finiti
tramite il comando
Input ! Database ! Dati elementi finiti
si accede alla finestra che segue dove è possibile impostare i dati relativi agli elementi finiti
che si utilizzeranno per generare la mesh.
SismiCAD 10.7 Tutor Database

15

Si noti come il tipo di algoritmo che deve essere settato per la generazione della mesh è
quello di tipo 1.
Livelli
tramite il comando
Input ! Database ! Livelli
si accede alla seguente finestra per impostare il numero di livelli in cui si articola il fabbricato,
sui quali collocare gli elementi strutturali orizzontali

Si imposti quindi la presenza di un piano a quota 300 cm con uno spessore di 24 cm,
dichiarato come flessibile (l’altra impostazione è piano rigido).
Plinti superficiali
tramite il comando
Database ! !! ! Plinti superficiali
e, dopo aver cliccato su Nuovo, si selezionato il plinto tipo “B” e confermando con il
tasto Ok
Esempio A: semplice struttura in c.a. SismiCAD 10.7 Tutor

16

L’inserimento dei dati relativi al plinto è facilitato tramite la finestra sotto dove appare un
plinto con le seguenti dimensioni:
• 150 x 150 cm come pianta di base (a livello del terreno di fondazione);
• 40 x 40 cm come pianta dell’estradosso del plinto;
• 50 cm di altezza della base de plinto;
• 40 cm come altezza della parte rastremata;
• nessuno come tipo di bicchiere (si assume che il plinto non abbia nella sua parte
superiore il foro a bicchiere per l’inserimento di un pilastro prefabbricato).

Dopo aver confermato con Ok si apre la finestra seguente
SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

17

Si confermi premendo il tasto Ok.

Si noti che è possibile eseguire l’operazione di aggiornamento del database di
SISMICAD anche in fase di input da disegno mediante l’apposito tasto presente sulla barra
degli strumenti di SISMICAD.
Solai
tramite il comando
Database ! !! ! Solai
si definisca un tipo di solaio attraverso il comando.
Si clicchi su tasto Nervatura come tipo di solaio e si completino i vari campi come riportato
nella figura sottostante

Input da disegno
L’intera struttura che si intende calcolare con SIMSICAD è possibile inserirla interamente
mediante l’uso dell’ambiente CAD. I soliti comandi verranno affiancati da quelli forniti dalla
barra degli strumenti di SISMICAD che faciliterà l’inserimento degli elementi strutturali.
Esempio A: semplice struttura in c.a. SismiCAD 10.7 Tutor

18
Lancio del programma CAD
tramite il comando
Input ! Da disegno
o cliccando sull’icona corrispondente, è possibile iniziare la fase di inserimento degli
elementi strutturali direttamente in ambiente CAD.
Automaticamente apparirà la finestra seguente, nella quale è necessario indicare un nome
per il file in formato AutoCAD® (dwg) come visualizzato nella schermata sottostante:

Si presti attenzione nella fase di inserimento del nome di un nuovo disegno: in
questa fase si deve sempre creare un nuovo disegno anche se si intende utilizzare un
disegno architettonico per facilitare l’input dei dati. L’eventuale disegno architettonico va
inserito come blocco in un secondo tempo.

Una volta fissato il nome del disegno, il programma lancia automaticamente AutoCAD®.
Se tutte le operazioni sono state eseguite correttamente, dopo una serie di messaggi,
l’utente vedrà apparire la finestra di AutoCAD® affiancata dalla barra degli strumenti di
SISMICAD come mostrato nella figura seguente
SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

19

La barra degli strumenti di SISMICAD serve ad attivare i macrocomandi specifici per il
disegno degli elementi strutturali; questi vanno ad aggiungersi all’insieme dei comandi di
AutoCAD®.
La forma e la posizione di tale barra possono essere personalizzate cliccando sopra di essa
con il tasto destro del mouse

Posizionamento dei pilastri
Definizione delle sezione dei pilastri
Come prima operazione inseriamo un pilastro a sostegno del piano 1 (cioè tra il piano 0 ed
il piano 1). Cliccando sull’icona corrispondente nella barra degli strumenti di SISMICAD
viene visualizzata la seguente finestra:
Esempio A: semplice struttura in c.a. SismiCAD 10.7 Tutor

20

Si aggiorni il database delle sezioni generiche definendo una nuova sezione in c.a. per i
pilastri.

All’interno della finestra è consentita la definizione di nuove sezioni standard e nuove sezioni
generiche con fori.
Si definisca una nuova sezione standard (30 x 30 cm):
SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

21

Si noti che il programma propone di default il valore del copriferro, ma tale valore non
risulta vincolante ai fini del calcolo, essendo possibile definire una distanza minima dal
cassero in fase di verifica.

Premendo il tasto OK il Database viene automaticamente aggiornato con la sezione da noi
impostata:

Cliccando nuovamente OK si ritorna alla finestra d’inserimento della sezione aggiornata con
la nuova sezione, cui è stata riferita una denominazione automatica ma che può
eventualmente essere editata a piacere:
Esempio A: semplice struttura in c.a. SismiCAD 10.7 Tutor

22

Specifica dei punti di inserimento dei pilastri
I campi rimanenti nella finestra di dialogo soprastante sono completati con dei valori di
default; si clicchi il tasto Inserimento (si veda il paragrafo Pilastro in C.A. del capitolo “Input
da disegno” del Manuale d’uso per specifiche sul punto di inserimento dei pilastri) : di
seguito si indichi in AutoCAD® il punto di inserimento dell’asse del pilastro (nel riquadro per
la scelta del punto di inserimento il pallino nero è nel baricentro). Il punto in AutoCAD® può
essere inserito cliccando col mouse oppure fornendone direttamente le coordinate come nel
nostro caso.

Quando compare la scritta blu nella parte bassa a destra del monitor “Indicare il punto:”,
digitare direttamente da tastiera:
0,0 ↵
500,0 ↵
0,700 ↵
500,700 ↵
Conclusione del comando Pilastri
L’input può essere concluso col tasto destro del mouse, con il tasto return (↵) oppure
cliccando sul bottone Resetta il collegamento con AutoCAD. In caso di errore cancellare il
pilastro con i comandi di AutoCAD® e rifare la procedura controllando che nella parte bassa
a destra del monitor non sia ancora evidenziata la scritta “Indicare il punto:” su sfondo blu: in
questo caso cliccare sul tasto Resetta il collegamento con AutoCAD per ristabilire le
condizioni iniziali.

Sul video sono comparsi i quattro pilastri come mostrato nella seguente figura
SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

23

Numerazione automatica dei Fili
Attraverso il comando
Fili ! !! ! Automatico
accessibile cliccando sulla corrispondente icona presente sulla barra degli strumenti di
SISMICAD, si richiede l’inserimento automatico dei fili per la numerazione dei pilastri.

In realtà i fili non servono solo alla numerazione dei pilastri, ma sono riferimenti
planimetrici collocati a livello del piano zero che hanno anche altre funzioni importanti per
l’interpretazione delle entità grafiche da parte di SISMICAD.
Si consiglia a tale proposito di consultare il Manuale d’uso di SIMISCAD al capitolo “FILI E
NODI 3D”.
Impostazione Snap ad Oggetto
Prima di passare alla fase successiva abilitare una utilità di AutoCAD® per consentire un più
rapido e preciso input degli elementi: cliccando su
Strumenti ! !! ! Impostazione disegno…
per abilitare lo snap all’oggetto “nodo”.
Esempio A: semplice struttura in c.a. SismiCAD 10.7 Tutor

24

Inserimento delle travi in c.a.
Definizione della sezione delle travi
Una volta definita anche questa opzione si inseriscano le travi usando il tasto corrispondente
nella barra degli strumenti di SISMICAD. Si apre una finestra che deve essere completata
come evidenziato sotto.
Cliccando sull’opzione Nuova sezione rettangolare tra le opzioni nella parte Sezione della
finestra di dialogo si definisca la sezione rettangolare della sezione della nuova trave (30 x
40 cm con 2cm di copriferro):
SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

25

Cliccando su Applica la nuova sezione viene inserita nel database delle sezioni delle travi
ed è ora possibile anche definire il punto di inserimento della trave, specificandolo nella
sezione Inserimento delle finestra di dialogo

Esempio A: semplice struttura in c.a. SismiCAD 10.7 Tutor

26
Si presti attenzione che per la definizione della trave l’indicazione della quota deve
corrispondere a quella effettiva del piano su cui giace l’elemento trave che si sta
progettando (in questo caso si selezioni piano 1).
Indicazione delle estremità delle travi
Ora è sufficiente selezionare i quattro fili nello stesso ordine indicato nella seguente figura.
Avendo settato lo snap al nodo l’input avviene correttamente poiché i fili sono entità punto di
AutoCAD®. L’input si termina col tasto destro del mouse, con return (↵) o con il bottone di
Resetta il collegamento con AutoCAD presente sulla barra degli strumenti di SISMICAD.

In caso di errori in qualsiasi procedura si ricorda che possono essere utili: il tasto ESC
che interrompe il comando di AutoCAD®; premendo due volte questo tasto, poi, si
eliminano anche le attivazioni dei grip di AutoCAD® (cioè la visualizzazione di quadratini
blu alle estremità degli elementi del disegno) che consentono altre funzionalità che non
sono trattate in questo testo;
il bottone Annulla che ripristina la condizione precedente all’esecuzione dell’ultimo
comando;
il bottone Resetta il collegamento con AutoCAD che in caso di interruzione di un
comando di SISMICAD ripristina le funzionalità del collegamento tra i programmi;
il tasto CANC o il bottone relativo di AutoCAD® per cancellare un elemento.

Si inseriscano ora i carichi che insistono sulla (per questo esempio solo quelli del solaio di
piano), e si definisca successivamente il tipo di analisi sismica adottata.
SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

27
Dati carichi e sisma
Si noti come questa fase di inserimento dei dati relativi ai carichi e alle azioni sismiche
è possibile eseguirla sia in fase di input da disegno ( ) sia in fase di creazione del
database di un nuovo lavoro ( )
tramite il comando
Dati di carico e sisma.
si inseriscano i dati relativi al carico e al sisma.
Tipo di condizioni di carico

tramite il comando
Condizioni
si apre la seguente finestra

Oltre alla condizione Permanenti, se ne inserisca una nuova cliccando su Nuova
denominandola con il nome Variabili nell’opportuno spazio. Si imposti la condizione
variabile con i valori proposti di default dal programma.

Alla condizione di carico 1 vengono sempre attribuiti i pesi propri degli elementi
strutturali dei quali il programma è in grado di valutare il valore (cioè di tutti gli elementi
esclusi i solai per i quali il peso proprio va inserito come carico di superficie).
Azioni orizzontali: sisma

tramite il comando
Azioni orizzontali ! !! ! Edificio non sismico
si imposti un’analisi di tipo che non considera nessuna azione sismica
Esempio A: semplice struttura in c.a. SismiCAD 10.7 Tutor

28
Specifica dei carichi

tramite il comando
Carichi ! !! ! Di superficie ai piani
si apre la seguente finestra.
Cliccando su Nuovo è possibile definire i carichi che gravano sui piani. In questo esempio si
completino i campi come segue: alla voce Permanenti, il valore di 0.04 daN/cmq e nella
terza, corrispondente alla voce Variabile, il valore di 0.02 daN/cmq.

Si noti che i carichi di superficie possono essere espressi in daN/cmq (.05
daN/cmq = 500 daN/mq), in daN/mq oppure in kN/mq, semplicemente modificando le
impostazioni mediante il menù Unità di misura.
Combinazioni di carico

tramite il comando
Combinazioni ! !! ! Limite ultimo
si impostino le combinazioni utili per il calcolo delle sollecitazioni. Si clicchi sul tasto Default
per ottenere automaticamente i parametri relativi alle diverse combinazioni.

Il tasto Default è attivo solo se sono state dichiarate due condizioni di carico
elementari e se le normative di verifica dei c.a. e degli acciai sono coerenti con il tipo di
analisi sismica richiesta.
SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

29

si prema OK per chiudere la finestra di dialogo.

Le ulteriori combinazioni di carico (Rara, Frequente, Quasi permanente, Per pressioni
sul terreno) sono automaticamente prodotte dal programma;
Uscita dalla finestra di dialogo dei carichi

tramite il comando
Uscita!
si ritorna alla schermata iniziale di SISMICAD .
Carichi distribuiti
tramite il comando
Carico distribuito
è possibile attribuire il carico di piano alla zona interessata dal solaio. Si apre una finestra in
cui si devono definire:
• piano 1 come quota a cui si vuole applicarlo;
• non si setti il controllo tridimensionale (3D);
• 1 come numero del carico (avendone definito uno solo risulta disponibile solo il
numero uno);
• non si indichi nulla come delta termico;
• non si consideri il comportamento membranale dei solai;
• semplice come direzione di orditura monodirezionale

Cliccando poi su Inserimento è possibile definire i vertici dell’area interessata.

Si noti che la selezione dei fili corrispondenti deve essere tale che prima si individuino
quelli paralleli all’orditura dello stesso (ovvero i fili 1-3 oppure 2-4) e successivamente, in
ordine orario od antiorario, i rimanenti.
Esempio A: semplice struttura in c.a. SismiCAD 10.7 Tutor

30

I punti selezionati debbono essere dei fili e, per questo, il programma setta automaticamente
lo snap al nodo.
Terminato l’input di una zona di carico il programma si predispone per l’inserimento di una
nuova zona, se si desidera concludere l’inserimento basta premere: il tasto destro del mouse
o il tasto return o il bottone Resetta il collegamento con AutoCAD.

Per la definizione dei plinti superficiali di fondazione, questi devono essere preventivamente
definiti nel database e poi applicati ai pilastri interessati.
Inserimento dei plinti di fondazione
tramite il comando
Plinto
si inseriscano dei plinti sotto ai rispettivi pilastri.
La finestra mostrata nella figura sottostante, contiene solo l’opzione plinto
superficiale perché si è definito solo tale tipo di plinto e nessun plinto su pali.
Lasciando, come di consueto per questo esempio, i parametri di default definiti in
precedenza, si clicchi sul tasto Inserimento per poter specificare i pilastri a cui imporre il
plinto definito.
SismiCAD 10.7 Tutor Calcolo della struttura

31

Si lasci invariato il valore della costante di Winkler se uguale a quello della costante
definita nel database all’interno dei dati generali del suolo.

Ora basta selezionare col tasto sinistro del mouse i pilastri a cui si vuole attribuire questo
tipo di plinto e confermare alla fine col tasto destro. Automaticamente appariranno i quattro
plinti alla base dei pilastri selezionati e la finestra precedente si ripropone:si prema Annulla
per concludere l’inserimento.

L’input della struttura è stato completato.
Lettura del disegno
tramite il comando
Lettura disegno
è possibile far “leggere” a SISMICAD la struttura.
In questa fase il programma esegue una serie di controlli sulla coerenza dei dati contenuti
nel disegno. Se non vengono riscontrate anomalie appare una segnalazione che propone di
chiudere AutoCAD®, abbandonare l’input da disegno e procedere con il calcolo della
struttura. Si risponda affermativamente salvando il disegno.
Calcolo della struttura
Il procedimento di risoluzione (determinazione di spostamenti e sollecitazioni) si articola in
tre fasi gestite in modo completamente automatico dal programma:
1. Risoluzione ! !! ! Creazione modello
creazione del modello matematico a partire dai dati di input e scrittura del file di
accesso al solutore;
2. Risoluzione ! !! ! Lancio solutore
lancio del solutore e produzione dei file di uscita dello stesso;
3. Risoluzione ! !! ! Lettura risultati solutore
lettura dei file prodotti dal solutore e creazione della base dati interna a SISMICAD
di sollecitazioni e spostamenti.
Esempio A: semplice struttura in c.a. SismiCAD 10.7 Tutor

32
Risoluzione completa del modello
tramite il comando
Risoluzione ! !! ! Completa
o cliccando sulla relativa icona presente nella schermata principale di SISMICAD, queste tre
operazioni possono essere lanciate con un’unica mossa.
Una volta lanciato il programma lo svolgimento delle varie operazioni viene visualizzato con
messaggi a video. In queste fasi il programma esegue una serie di controlli di fattibilità. Se
non vengono segnalate anomalie, al termine della terza fase, viene evidenziato un
messaggio che lascia via libera alle verifiche degli elementi strutturali.

Progetto di elementi in c.a.
Una volta eseguita la risoluzione della struttura è possibile eseguire la verifica degli elementi
in cemento armato in due modi differenti. Si può procedere, cioè, o con il progetto
automatico di travi, pilastri e plinti o con il progetto manuale di singoli elementi. Di seguito
sviluppiamo esempi di progettazione manuale.
Progetto di una trave in c.a.
tramite il comando
Verifiche ! !! ! Cemento armato ! !! ! Travi
o cliccando sulla relativa icona è possibile progettare l’armatura di una trave in cemento
armato.

Per ottenere il risultato riportato nella figura che segue occorre avere attivato la
opzione analisi tridimensionale alla voce di menu generale
Configurazione ! !! ! Cemento armato ! !! ! Travi.

Alla prima schermata specificare
• Nuova trave;
• Di piano;
• Piano n° 1.
SismiCAD 10.7 Tutor Progetto di elementi in c.a.

33

Di seguito viene proposto uno schema della pianta del piano in oggetto, dalla quale
selezionare col tasto sinistro del mouse la travatura (insieme di più campate da progettare
unitariamente) che si intende calcolare e poi confermare con il tasto destro.
Nel nostro caso la travatura è composta di una sola campata e si sceglierà la trave 1 che
verrà evidenziata a video come mostrato nella figura seguente.

Nell’ordine:
• Viene proposto un nome (eventualmente editabile) per la trave che intendiamo
calcolare;
• viene poi chiesto se si intendono importare le armature precedentemente calcolate
di un’altra trave (opzione utile nel caso di travi simili in dimensione e carico);
• nel caso di risposta negativa viene richiesto se si desidera dal programma una
proposta di armatura automatica; rispondendo Si compare la finestra di dialogo
contenente le opzioni per la proposta di armatura.
Esempio A: semplice struttura in c.a. SismiCAD 10.7 Tutor

34

Nella finestra di dialogo delle armature si mantengano i valori di default che il programma
propone e si prema il tasto OK.

Il progetto delle armature viene eseguito in base alle sole combinazioni allo stato
limite ultimo, di conseguenza tale proposta di armatura non è basata su nessuna
condizione di stato limite di esercizio. Nell’esempio corrente il programma identificherà
un’anomalia facendo apparire la seguente finestra

Premendo il tasto OK si apre l’ambiente di manipolazione delle armature.
SismiCAD 10.7 Tutor Progetto di elementi in c.a.

35

Le anomalie riscontrate non verranno considerate in questo esempio anche se l’ambiente
grafico mette a disposizione tutti gli strumenti per la correzione dell’output prodotto
automaticamente.

Per ulteriori spiegazioni sull’ambiente di manipolazione delle armature delle travi si rimanda
al capitolo “Armatura delle travi” del Manuale d’uso di SISMICAD.
Uscita dall’ambiente di progetto delle armature delle travi
Per uscire dall’ambiente di progettazione delle armature della trave, si prema il tasto Uscita
che automaticamente avvia la creazione dei file di progetto tra cui il file dxf che contiene il
disegno esecutivo e che vengono salvati nella sottodirectory Travi-beams all’interno di
quella dell’intera commessa.
Vista la presenza di anomalie, prima dell’uscita completa, la finestra di dialogo contenenti tali
anomalie viene evidenziata; premendo OK la finestra di dialogo che chiede la correzione dei
dati viene visualizzata. Si prema il tasto NO.

Il programma chiede se si desidera progettare una nuova trave: si prema il tasto NO per
poter proseguire con lo sviluppo dell’esempio.
Esempio A: semplice struttura in c.a. SismiCAD 10.7 Tutor

36
Verifica di un pilastro in c.a.
tramite il comando
Verifiche ! !! ! Cemento armato ! !! ! Pilastri
o cliccando sulla relativa icona è possibile richiamare l’ambiente grafico di progettazione
dell’armatura dei pilastri.
Viene visualizzato di seguito uno schema della pianta dei pilastri nel quale selezionare, col
tasto sinistro del mouse, il pilastro su cui si intende eseguire la verifica (nel nostro caso il
pilastro 1).

Proposta dell’armatura del pilastro
Una volta selezionato il pilastro mediante il comando
Proposta
Si imposti la verifica a prospetto come mostrato nella figura seguente
SismiCAD 10.7 Tutor Progetto di elementi in c.a.

37

Si sviluppi l’esempio mediante la verifica a prospetto premendo il tasto corrispondente nella
sezione Tipo di progettazione della finestra di dialogo.
Visualizzazione dei vincoli
Tramite il comando
Riprese
si passa alla visualizzazione della seguente finestra
Esempio A: semplice struttura in c.a. SismiCAD 10.7 Tutor

38

Progetto automatico dell’armatura
Tramite il comando
Progetto ! !! ! Automatico
viene visualizzato un resoconto delle verifiche eseguite a sforzo normale, presso flessione,
torsione ed instabilità. Premendo sul tasto OK si apre l’ambiente di manipolazione delle
armature.
SismiCAD 10.7 Tutor Progetto di elementi in c.a.

39

Nella figura precedente si noti la zona evidenziata dalla freccia e dall’ellisse in rosso:
l’estremità superiore del pilastro presenta un valore del coefficiente di sicurezza inferiore
all’unità. Tale anomalia viene evidenziata un volta che si decida di uscire.
Uscita dall’ambiente di manipolazione delle armature dei pilastri
Tramite il comando
File ! !! ! Esci
si risponda Si alla richiesta di salvataggio dei file relativi al pilastro.
Il resoconto delle verifiche viene riproposto all’utente per presa visione e premuto OK,
appare la seguente finestra di dialogo che evidenzia la presenza delle sezioni non verificate.

si prema Sì per poter continuare ed effettuare il salvataggio dei file dxf del progetto esecutivo
del pilastro scelto
La creazione di tali file di progetto è automatica all’uscita.

Si rimanda per ulteriori approfondimenti al Manuale d’uso di SISMICAD.
Esempio A: semplice struttura in c.a. SismiCAD 10.7 Tutor

40
Verifica del plinto superficiale
tramite il comando
Verifiche ! !! ! Cemento armato ! !! ! Plinti superficiali
o la relativa icona è possibile calcolare l’armatura dei plinti superficiali.
Viene proposto uno schema della pianta del piano di fondazione dalla quale selezionare
attraverso un click del tasto sinistro del mouse il plinto che si intende calcolare.

Selezionato il plinto, viene visualizzata la finestra riportata di seguito per la scelta della
modalità di calcolo. Si scelga l’opzione Asse del pilastro.
Si rimanda per ulteriori approfondimenti al Manuale d’uso di SISMICAD.
SismiCAD 10.7 Tutor Progetto di elementi in c.a.

41

Cliccando su OK compare la finestra di dialogo relativa alle opzioni per la proposta di
armatura del plinto.

Mantenendo i valori proposti come default da SISMICAD, si clicchi su OK.
Esempio A: semplice struttura in c.a. SismiCAD 10.7 Tutor

42
A questo punto si apre l’ambiente di manipolazione delle armature del plinto superficiale.

Premendo l’icona di uscita, si generano automaticamente i file di progetto tra cui il file dxf
del disegno esecutivo.
Impaginazione dei disegni esecutivi
Conclusa la fase di calcolo, è possibile passare alla fase che permette di creare una tavola
esecutiva contenente i disegni prodotti all’uscita dai procedimenti di verifica degli elementi
strutturali. Sarà sufficiente usare solo alcuni comandi visualizzati nella barra degli strumenti
dell’ambiente di rigenerazione.
In particolare il procedimento consiste nelle seguenti fasi:
1. creare una nuova tavola completa di squadratura;
2. richiamare i file dxf degli elementi già calcolati che si trovano all’interno delle
rispettive directory ed inserirli all’interno della tavola;
3. generazione di un unico file dxf (a sua volta rigenerato in un file dwg) dei file dxf
inseriti nella tavola e della squadratura della stessa tavola.
Ambiente di Rigenerazione dei disegni DXF
tramite il comando
Output ! !! ! Rigenerazione automatica DXF
o cliccando sulla relativa icona è possibile generare una tavola dei disegni esecutivi degli
elementi strutturali appena calcolati.
SismiCAD 10.7 Tutor Impaginazione dei disegni esecutivi

43
Le varie funzioni disponibili nel programma di rigenerazione, tra le quali segnaliamo la
possibilità di personalizzare colori e stili di testo, sono illustrate nel manuale di uso.
Nuova tavola
tramite il comando
Tavole ! !! ! Nuova tavola
o cliccando sulla relativa icona, è possibile creare una nuova tavola di disegno cui viene
assegnato un nome di default eventualmente editabile.

Aggiungi dxf
tramite il comando
Tavole ! !! ! Aggiungi dxf
o cliccando sulla relativa icona nella barra degli strumenti, si entra in una finestra di dialogo
richiamante la struttura delle directory della commessa in uso. Aprendo la cartella
Pilastri-Pilars è necessario specificare i file dxf da inserire nella tavola appena
denominata
Esempio A: semplice struttura in c.a. SismiCAD 10.7 Tutor

44

Si devono selezionare, dalle directory in cui sono stati salvati, i file degli elementi strutturali
verificati. Questi sono file dxf, relativi, per questo specifico esempio, alla trave, al pilastro ed
al plinto. Si sistemino i loro ingombri nello schema della tavola come dal disegno sottostante:

In caso di errori nel posizionamento dei file è possibile spostarli, cancellarli o cambiare il
formato della tavola. E’ inoltre possibile in questa fase cambiare colori e stili di testo alle
entità.

Per ulteriori approfondimenti si rimanda al Manuale d’uso di SIMSICAD.
SismiCAD 10.7 Tutor La pianta di carpenteria

45
Creazione file .dwg
Mediante il comando
Tavole ! !! ! Creazione dxf e dwg delle pagine impaginate
o cliccando sulla relativa icona, si aprirà AutoCAD® per la creazione del disegno definitivo.

Il comando apre solamente AutoCAD® per poi richiuderlo automaticamente a
procedura terminata salvando il file dwg della tavola in questione. AutoCAD® rimane
aperto per 4 secondi (impostazione personalizzabile in File ! !! ! Configurazione ! !! !
Intervallo attesa in rigenerazione) in modo da poter consentire, attraverso la pressione
sul tasto ESC per due volte consecutive, l’interruzione della procedura nel caso si volesse
intervenire sul file di disegno: si possono apportare le modifiche del caso e
successivamente salvare ancora attraverso i comandi di AutoCAD®.

La pianta di carpenteria
Si prosegua con il calcolo del solaio e la creazione del disegno delle carpenterie di piano. Le
due operazioni vanno eseguite a partire dal disegno tridimensionale realizzato per l’input da
disegno.
Creazione della pianta
Nel prosieguo dell’esempio, per motivi di completezza dell’esempio stesso, si è
utilizzato come CAD IntelliCAD! XP Nulla cambia rispetto all’uso di AutoCAD® o di
AutoCAD LT® se non le videate mostrate nelle figure.

Esempio A: semplice struttura in c.a. SismiCAD 10.7 Tutor

46
Impostazione di SISMICAD
Si rende necessario quindi specificare il tipo di programma CAD che si intende utilizzare. Si
ricerchi automaticamente il programma IntelliCAD! e si completi la finestra come segue

Apertura dell’ambiente CAD
tramite il comando
Input ! Da disegno
o cliccando sull’icona corrispondente, si acceda all’ambiente CAD precedentemente
specificato.
Visualizzazione della struttura in pianta
tramite il comando
Vista ! !! ! Pianta
è possibile visualizzare la pianta del manufatto che si sta disegnando.
Lettura del disegno
tramite il comando
Lettura disegno
per poter generare il necessario database utile alle soluzione.
Creazione della pianta
tramite il comando
Piante ! !! ! Crea pianta
presente sulla barra degli strumenti di SIMSICAD, si costruisce la pianta delle carpenterie di
piano semplicemente riproducendo in bidimensionale, con le opportune rimozioni di linee
SismiCAD 10.7 Tutor La pianta di carpenteria

47
nascoste o di sovrapposizioni, il disegno 3D. Apparirà la schermata raffigurata nella
seguente figura

Per completare il disegno della pianta, dobbiamo inserire il tratteggio dei travetti, inserire le
sezioni ribaltate delle travi, calcolare il solaio e quotare. L’ordine che si segue nell’esempio
non è obbligatorio; ciascuna delle operazioni può essere eseguita indipendentemente dalle
altre.
Tratteggio dei travetti
tramite il comando
Piante ! !! ! Tratteggio travetti
è possibile visualizzare il tratteggio dei travetti.
Verranno richiesti i dati necessari mediante un messaggio posto sul lato inferiore destro del
monitor, dove una scritta su sfondo blu chiede di inserire nell’ordine:
• la direzione del solaio per la cui definizione è necessario cliccare su una qualsiasi
linea che individui la direzione dello stesso: si clicchi sulla freccia che indica
l’orditura del solaio;
• il lato di partenza del solaio, per il quale è necessario cliccare sulla linea che
individua il lato di inizio del solaio stesso: si clicchi sulla linea del lato parallelo
all’andamento del solaio;
• Distanza primo travetto-lato di partenza per il posizionamento del primo travetto
rispetto alla parete laterale: si inserisca una distanza pari a 0 cm (come indicato in
figura)
Esempio A: semplice struttura in c.a. SismiCAD 10.7 Tutor

48
;
• Lato inserimento solai per la cui definizione è necessario cliccare esattamente sulle
linee che la perimetrano: si clicchi sopra le entità linea del perimetro e si concluda il
comando premendo il tasto destro del mouse.

Apparirà la pianta come nella precedente figura
In caso di errori é sufficiente cancellare e poi ridefinire gli elementi correttamente mediante
l’uso dei consueti comandi di IntelliCAD!.
Sezioni ribaltate
tramite il comando
Piante ! !! ! Sezioni ribaltate
si ottengono delle sezioni ribaltate selezionando un tipo di solaio precedentemente definito
nel database. Nel caso ne sia stato definito uno solo la procedura lo selezionerà
automaticamente.
Verrà richiesto di fissare la loro posizione indicando un punto sull’asse della trave: è
necessario scegliere un punto con il tasto destro del mouse. Possono essere inserite più
sezioni consecutivamente e per terminare l’input si interrompa il comando con una delle
modalità viste in precedenza (es. cliccare il tasto destro del mouse).
SismiCAD 10.7 Tutor La pianta di carpenteria

49

Quotatura pianta
tramite il comando
Piante ! !! ! Quota pianta
è possibile eseguire la quotatura della pianta. Seguendo le indicazioni fornite dalla scritta
bianca su sfondo blu che appare nella parte bassa del monitor, si devono indicare in ordine:
1. la direzione della linea di quota, per la quale basta cliccare su una linea avente la
stessa direzione della linea di quota che si intende disegnare;
2. un punto appartenente alla linea di quota, ovvero un punto per il quale deve
passare la linea di quota (ovvero la posizione in pianta della linea di quota);
3. i punti da quotare, fissati consecutivamente attraverso un semplice click col tasto
sinistro del mouse (si concluda il comando con il tasto destro del mouse).
Per questa operazione di selezione dei punti si consiglia di attivare lo snap ad oggetto
intersezione o punto finale attraverso i menù di IntelliCAD!
Impostazioni ! !! ! Snap ad oggetto ! !! ! Modalità Snap Entità
in modo da definire esattamente i punti.
Esempio A: semplice struttura in c.a. SismiCAD 10.7 Tutor

50

Armatura del solaio
Il calcolo del solaio richiede che si sia visualizzata la pianta delle carpenterie di piano e
definito nel database almeno un tipo di solaio.
tramite il comando
Armatura solai
si accede ad una finestra di dialogo che serve a definire le variabili necessarie al calcolo
come illustrato dalla figura sottostante, nella quale si specifichi:
• il tipo di carico per le due condizioni elementari presenti;
• inserimento manuale dei ferri nella pianta.
Apparirà una scritta bianca su sfondo blu nella parte inferiore destra dello schermo che
richiederà di individuare:
• linea di sezione che individua la zona di solaio: si specifichi una linea che
individui la campata del solaio di cui si desidera eseguire il calcolo (si esegua una
sezione da sinistra a destra onde evitare errati posizionamenti dell’inserimento del
blocco armatura una volta eseguito il calcolo del solaio);
• direzione del solaio per la cui definizione è necessario cliccare su una qualsiasi
linea che individui la direzione dello stesso: si clicchi sulla freccia che indica
l’orditura del solaio
SismiCAD 10.7 Tutor La pianta di carpenteria

51

Una volta conclusa la fase di input si aprirà automaticamente la finestra del programma
BEAMCAD, contenuto in SISMICAD, con lo schema statico del solaio.

Si rimanda al Manuale d’uso di BEAMCAD per i dettagli delle varie funzionalità
disponibili.
Esempio A: semplice struttura in c.a. SismiCAD 10.7 Tutor

52
Calcolo del solaio
tramite il comando
Elaborazione
si richiederà se si desidera una proposta d’armatura

premendo il tasto Sì, apparirà la seguente finestra di proposta dell’armatura.
Si modifichino i valori di diametri dei ferri longitudinali rispetto a quelli proposti (8, 10, 12
mm), per il resto dei valori si lascino quelli di default.

SismiCAD 10.7 Tutor La pianta di carpenteria

53

Uscita dall’ambiente di manipolazione delle armature dl solaio
tramite il comando
Uscita
si esce dall’ambiente BEAMCAD.
Si risponda No alla finestra di dialogo che chiede di correggere i dati.

Si salvi il file di progetto del solaio con il nome solaio1_piano1 quando si apre la finestra
di dialogo corrispondente.
La finestra di IntelliCAD torna ad essere attiva chiedendo di posizionare l’armatura
all’interno del disegno che comparirà come blocco unico.
Esempio A: semplice struttura in c.a. SismiCAD 10.7 Tutor

54

Salvataggio pianta/prospetto
tramite il comando
Salva pianta/prospetto
della barra degli strumenti di SISMICAD, è possibile salvare il disegno ottenuto.
Tutte queste operazioni possono essere compiute per più zone di solaio nella stessa pianta.
Il programma propone di salvare la pianta delle carpenterie del piano 1 come
pianta_1.dwg nella sottodirectory Piante-Plans della directory di lavoro.
Al termine di tale operazione ricompare automaticamente il disegno di input iniziale.
Conclusione
Si è giunti alla fine di questo primo esempio pratico.
Con questo semplice esercizio sono stati illustrati quali sono i percorsi ed i metodi che
SISMICAD utilizza per:
• la definizione della struttura attraverso l’input da disegno;
• la progettazione di alcuni semplici elementi strutturali;
• la creazione delle tavole dei disegni esecutivi degli stessi;
• la creazione della pianta di carpenteria;
• il progetto del solaio.


Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica
modale
Introduzione
In questo tutor della versione 10.7 di SISMICAD, si desidera guidare l’utente nella
progettazione di un semplice edificio in applicazione della nuova normativa antisismica
introdotta dalla recente ordinanza 3274.

Verrà sviluppata la progettazione strutturale di un edificio a due livelli caratterizzato da
elementi strutturali resistenti in cemento armato: travi, pilastri, platee e pareti.

L’esempio si svolgerà seguendo le istruzioni necessarie per:
• La creazione della commessa;
• La configurazione del programma con particolare attenzione alla definizione dei
parametri da usare ai fini di una analisi dinamica modale secondo le indicazioni
normative;
• L’imputazione tramite ambiente CAD;
• La risoluzione ed analisi del modello matematico;
• Il controllo dei risultati numerici;
• La progettazione degli elementi strutturali: parete, pilastro, trave.
Questo esercizio propone la progettazione di una struttura in cemento armato con struttura
mista telaio-pareti, per la quale si applicheranno le disposizioni della Ordinanza 3274. Si
eseguirà un’analisi dinamica modale secondo le indicazione dell’ordinanza stessa.
Si partirà da una pianta architettonica esistente, di cui si dispone il file test.dwg nella
directory di installazione di SISMICAD.
La struttura che si otterrà è raffigurata dall’immagine seguente
Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica modale SismiCAD 10.7 Tutor

56

L’esempio è stato realizzato con SISMICAD 10.7 - versione Beta.
Creazione commessa
Una volta lanciato il programma, l’utente dovrà iniziare un nuovo lavoro, in modo tale che
SISMICAD generi una cartella dedicata, organizzata con tutte le sottocartelle che
necessitano per l’organizzazione della commessa.
Creazione di un nuovo lavoro
tramite il comando
File ! Nuovo Lavoro
o cliccando sull’icona corrispondente, si può inserire il nome della nuova commessa e il titolo
del nuovo lavoro.
SismiCAD 10.7 Tutor Configurazione del programma

57

Configurazione del programma
Prima di procedere con l’input da disegno è opportuno eseguire la configurazione del
programma. In modo tale da poter rendere disponibili tutte le informazioni che si
utilizzeranno in fase di creazione della struttura.
Dati generali
tramite il comando
File ! !! ! Configurazione ! !! ! Dati generali
si apre una finestra che permette di inserire o modificare i parametri generali di
configurazione: programma CAD utilizzato, normativa richiesta per le verifiche.
Per lo svolgimento di questo esempio:
• si è utilizzato il programma AutoCAD LT 2002 nella versione italiana;
• si è utilizzata la normativa italiana (DM 9-1-96) per le verifiche secondo il metodo
agli stati limite.

Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica modale SismiCAD 10.7 Tutor

58

E’ necessario inserire il tipo di programma CAD di cui si dispone e la rispettiva
Directory di installazione. Per non commettere errori conviene utilizzare la funzione
Ricerca automatica CAD installati.

Per l’applicazione della nuova normativa antisismica è obbligatorio scegliere il metodo
do di calcolo agli stati limite secondo il DM 9-1-96 o secondo Eurocodice 2.

Si confermi premendo il tasto OK.
Cemento armato
tramite il comando
File ! !! ! Configurazione ! !! ! Cemento armato ! !! ! Dati generali
si apre una finestra di dialogo che riporta i dati relativi al cemento armato
SismiCAD 10.7 Tutor Configurazione del programma

59

Per questo esempio si utilizzino i dati di default: si confermi cliccando sul tasto OK.
Apparirà una nuova finestra di dialogo contenente i coefficienti utili alle verifiche e alle
combinazioni previste per il metodo di calcolo agli stati limite previsto dal decreto scelto in
fase di impostazione dei dati generali.

Si confermino i dati, cliccando sul tasto OK.
Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica modale SismiCAD 10.7 Tutor

60
Travi in cemento armato
tramite il comando
File ! !! ! Configurazione ! !! ! Cemento armato ! !! ! Travi
è possibile visualizzare i parametri relativi alle travi.
Si ritengano valide le impostazioni di default proposte da SISMICAD ad eccezione del valore
dello spazio per il passaggio del vibratore, posto pari a 7 cm.

Allo stesso modo si possono visualizzare le finestre relative ai pilastri ed al disegno.
Anche in questo caso si accettino i parametri proposti di default, e si confermi cliccando sul
tasto OK.
Database
Spiegazioni esaurienti sul significato delle varie opzioni si possono trovare nel Manuale
d’Uso al capitolo “Database di SISMICAD”.
Per lo svolgimento dell’esempio si consiglia di impostare i valori contenuti nelle finestre di
dialogo che seguono.

Alcuni dei parametri che verranno impostati in questa sezione Database, avrebbero
potuto essere definiti anche in seguito in ambiente AutoCAD nel corso dell’input da
disegno: per linearità nella spiegazione si definiscano prima di inserire il disegno della
struttura.
Dati generali del suolo
tramite il comando
Input ! Database ! Dati generali del suolo
SismiCAD 10.7 Tutor Database

61
si accede alla finestra che segue

Si imposti un coefficiente di sottofondo (K di Winkler) pari a 2 ed un valore del rapporto pari
a 0.5 e si confermi premendo il tasto OK.
Elementi finiti
tramite il comando
Input ! !! ! Database ! !! ! Dati elementi finiti
si accede alla finestra che segue

Se si sta utilizzando una versione limitata del programma (ad esempio una versione
dimostrativa che ammette al massimo 100 nodi) si settino valori maggiori per le dimensioni
delle mesh (es. 300 cm).

Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica modale SismiCAD 10.7 Tutor

62
Si confermino i dati inseriti, premendo il tasto OK.
Livelli della struttura
tramite il comando
Input ! Database ! Livelli
si accede alla finestra che segue

dove si indicherà la presenza di un piano rigido alla quota di imposta di 300 cm , con uno
spessore di 24 cm e si confermi premendo il tasto OK.
Parametri del c.a.
tramite il comando
Input ! Database ! Materiali c.a.
si accede alla finestra che segue.

Si confermi premendo il tasto OK.
SismiCAD 10.7 Tutor Database

63
Plinti superficiali e bicchieri
tramite il comando
Database ! !! ! Plinti superficiali
si apre una finestra per l’inserimento dei dati relativi ai plinti superficiali che in questo esempio
si vogliono generare con dei bicchieri.

Si clicchi su Bicchieri per scegliere le misure del bicchiere che si intende utilizzare. Apparirà
la seguente finestra di dialogo

Dopo aver cliccato su Nuovo, vengono introdotti i dati come indicato nella figura sottostante
Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica modale SismiCAD 10.7 Tutor

64

Inseriti i dati relativi alle dimensioni del bicchiere, cliccando su OK viene visualizzato il
database dei bicchieri. La precedente finestra di dialogo viene aggiornata con le indicazioni
geometriche del nuovo bicchiere. Si confermi premendo il tasto OK.

Alla finestra di dialogo Plinto tipo (cm) si clicchi sul tasto Nuovo e nell’ordine:
• si scelga il tipo di plinto tipo B e si confermi premendo il tasto OK

• si specifichino le dimensioni del plinto avendo cura di indicare come numero di
bicchiere il numero 1 e si prema il tasto OK
SismiCAD 10.7 Tutor Database

65

• Si confermi premendo il tasto OK per uscire dalla finestra di dialogo di specifica delle
dimensioni del plinto;
• Si confermi premendo il tasto OK per uscire dalla finestra di dialogo del database dei
plinti.
Terreni
tramite il comando
Database ! !! ! Terreni
si apre una finestra per l’inserimento dei dati relativi ai terreni.

Cliccando sul tasto Nuovo, è possibile inserire i valori relativi ad un nuovo terreno: coesione,
attrito interno e gamma efficace.
Per confermare i dati introdotti si clicchi sul tasto OK.
Stratigrafie
tramite il comando
Database ! !! ! Stratigrafie
si apre una finestra per l’inserimento dei dati relativi alle stratigrafie.
Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica modale SismiCAD 10.7 Tutor

66

Nell’ordine:
• si clicchi su Nuova Stratigrafia, è possibile inserire il nome della stratigrafia e i dati
relativi al primo strato di terreno;
• si assegni un nuovo strato ad una stratigrafia è necessario, dopo aver selezionato la
stratigrafia, cliccare su Nuovo strato.
Per confermare i dati inseriti si clicchi su OK.
Pali
tramite il comando
Database ! !! ! Pali
è possibile specificare il database dei pali attraverso la finestra che viene riportata di seguito
SismiCAD 10.7 Tutor Database

67

Si clicchi su Nuovo per poter inserire i dati riportati in figura: palo trivellato, di 40 cm di
diametro ed una lunghezza di 8 m.
Si confermino i dati inseriti premendo il tasto OK.
Plinti su pali
tramite il comando
Database ! !! ! Plinti su pali
si accede alla finestra di dialogo che permette di specificare il plinto su pali che si intende
inserire nel lavoro.
Cliccando su Nuovo viene visualizzata la finestra per la scelta della forma del plinto.

Si scelga la palificata n°3.
Cliccando su OK appare la seguente finestra di dialogo che deve essere compilata come
segue
Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica modale SismiCAD 10.7 Tutor

68

si confermino i dati inseriti cliccando sopra il tasto OK.
Dati di carico
tramite il comando
Database ! !! ! Dati di carico e sisma

si possono inserire i dati relativi ai carichi che agiranno sulla struttura.
Di seguito si indicheranno le finestre di dialogo che i vari menù attiveranno: si compilino tali
finestre di dialogo come mostrato nelle varie immagini.
Tipo di condizioni di carico

tramite il comando
Condizioni
si apre la seguente finestra.

SismiCAD 10.7 Tutor Database

69
Dove si noti che per il carico da neve il coefficiente ψ
2
è stato assunto pari a 0.35,
mentre per il carico variabile ai piani è stato assunto apri a 0.30 (si veda Ordinanza 3274
che in questo si differenzia dal DM 9-1-1996)

Si confermi cliccando si OK.
Intensità dei carichi di superficie ai piani

tramite il comando
Carichi ! !! ! Carichi di superficie ai piani
si apre la seguente finestra che va così completata.

Si confermi cliccando sul tasto OK.

Si noti che i carichi di superficie possono essere espressi in daN/cmq (.05 daN/cmq
= 500 daN/mq), oppure in daN/mq o in kN/mq.

Si ricorda che il peso proprio del solaio va aggiunto agli altri carichi permanenti in sede
di input a differenza di quanto avviene per gli altri elementi strutturali il cui peso proprio
viene valutato automaticamente dal programma ed assegnato alla condizione di carico n.1.

si è assunto un valore del coefficiente ϕ=1 in quanto la struttura ha un solo piano. I
coefficienti di partecipazione sismica saranno
• ϕ×ψ
0
per SLD
• ϕ×ψ
2
per SLU
Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica modale SismiCAD 10.7 Tutor

70
Intensità dei carichi di superficie alle falde

tramite il comando
Carichi ! !! ! Carichi di superficie alle falde
si apre la seguente finestra che va così completata.

Si confermi cliccando sul tasto OK.

Si noti che il carico permanente è stato settato come verticale in falda cioè
verticale misurato lungo lo sviluppo della falda mentre il carico da neve è stato settato
come verticale misurato in proiezione.
L’eventuale carico di vento andrebbe settato come normale alla falda e assegnato con il
segno negativo se di depressione.
Intensità dei carichi lineari - verticali

tramite il comando
Carichi ! !! ! Carichi lineari ad azione verticale
si apre la seguente finestra che va così completata.
SismiCAD 10.7 Tutor Azioni orizzontali: sisma

71

Si confermi cliccando sul tasto OK.
Azioni orizzontali: sisma
Analisi dinamica modale

tramite il comando
Azioni orizzontali ! !! ! Ordinanza 3274 analisi dinamica modale
della finestra di dialogo del database dei carichi e del sisma, si apre una finestra di dialogo
organizzata in più sezioni.
Dati generali
La sezione dati generali si presenta come mostrato nella figura sottostante
Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica modale SismiCAD 10.7 Tutor

72

Impostazione del grado di sismicità
Si assuma un grado di sismicità pari al quello imposto per zona 2: a
g
= 0.25 g.
Impostazione della categoria dell’edificio
Si imposti la categoria dell’edificio pari alla III (edificio ordinario), per cui il fattore di
importanza viene fissato pari a 1.0.
Classe di duttilità
Si assuma una classe di duttilità B.
Coefficienti di comportamento
I coefficienti comportamento lungo X e lungo Y si fissino pari a q=3.36 (q=q0⋅K
D
⋅K
R
)
calcolato in base al prodotto dei seguenti coefficienti:
• α
U

1
= 1.2
• q
0
= 4.0⋅α
U

1
= 4.8;
• K
D
= 0.7;
• K
R
= 1.0;
Il coefficiente q per le azioni verticali viene fissato pari a 1.5 di default.
SismiCAD 10.7 Tutor Azioni orizzontali: sisma

73
Rotazione del sisma rispetto agli assi
Si assuma una rotazione del sisma pari a 0° rispetto agli assi di riferimento.
Distanza tra “0” sismico e spiccato di fondazione
Si ponga pari a 0 cm tale distanza.
Considerazione della torsione accidentale per piani flessibili
Avendo dichiarato il piano al livello 1 come piano rigido, la opzione è ininfluente.
Regolarità in pianta ed in elevazione
Non si specifichi la regolarità in pianta dell’edificio, in quanto pur restando valide:
a) configurazione compatta in pianta;
b) rapporto tra i lati di poco inferiore a 2 (< 4);
c) non si presenta nessuna sporgenza e/o rientranza;
d) i solai si presentano infinitamente rigidi rispetto agli elementi verticali.
La pianta non è nemmeno approssimativamente simmetrica lungo due direzioni
ortogonali in relazione alla distribuzione di masse e rigidezze.

Si specifichi la regolarità in elevazione dell’edificio, in quanto:
e) i sistemi resistenti si estendono per tutta l’altezza dell’edificio;
f) non si presentano bruschi cambiamenti di messa e rigidezza lungo l’altezza
dell’edificio;
g) non si presentano rapporti (resistenza effettiva e resistenza richiesta) molto diversi
tra i piani;
h) non si presenta nessun restringimento.
Dati del suolo
La sezione dati del suolo si presenta come mostrato nella figura sottostante
Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica modale SismiCAD 10.7 Tutor

74

Tipo di terreno
Si assuma un terreno di fondazione di tipo E, cioè formato da strati superficiali alluvionali.
Dati per analisi statica lineare
Tali dati devono essere sempre inseriti anche nel caso di analisi dinamica modale.

La sezione dati per analisi statica lineare si presenta come mostrato nella
figura sottostante
SismiCAD 10.7 Tutor Azioni orizzontali: sisma

75

Altezza dell’edificio
Si ponga un’altezza di 700 cm.
Coefficiente C
t
Si assuma un coefficiente pari a 0.075 (struttura a telaio in calcestruzzo armato).
Coefficiente !
Il coefficiente ! viene assunto pari ad 1, in quanto l’edificio non presenta più di due piani.
Primo periodo di vibrazione
Si noti come il periodo di vibrazione della struttura viene automaticamente calcolato una
volta inseriti C
t
dell’edificio, in base alla formula presente nella normativa.
Dati per analisi dinamica modale
La sezione dati per analisi dinamica modale si presenta come mostrato nella
figura seguente
Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica modale SismiCAD 10.7 Tutor

76

Numero di modi di vibrazione
Si imposti un numero di modi di vibrazione da calcolare pari a 5.
Torsione accidentale
Si spunti l’opzione della valutazione della torsione accidentale mediante analisi statica.
Metodo di combinazione
Si scelga il metodo CQC.

Si sconsiglia l’uso del metodo SRSS; si adotti sempre il metodo CQC.
Spettri
La sezione spettri si presenta come mostrato nella figura sottostante

SismiCAD 10.7 Tutor Combinazioni di carico

77

In questa sezione è possibile prendere visione degli spettri elastici che quelli che verranno
utilizzati per la valutazione delle azioni sismiche di progetto.

Si confermi l’inserimento dei dati premendo il tasto OK.
Spostamenti delle masse ai piani
Avendo assunto un piano rigido alla quota del livello piano 1, viene richiesto di inserire uno
spostamento delle masse ai piani. Si assumano degli spostamenti pari a 60 cm in X e 30 cm
in Y (5% delle dimensioni in pianta dell’edificio).

si confermi premendo il tasto OK.

Combinazioni di carico

tramite il comando
Combinazioni ! !! ! Limite ultimo
Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica modale SismiCAD 10.7 Tutor

78
è possibile impostare le combinazioni di carico: si clicchi su Default per ottenere
automaticamente i coefficienti relativi alle diverse combinazioni di carico.



Si noti come il programma applica il punto 4.6 della Ordinanza relativo alla
simultatneità delle componenti dell’azione sismica sommando i valori in una direzione con
il 30% dei valori nelle altre direzioni.

Input da disegno
E’ possibile definire interamente in ambiente CAD la struttura che si intende calcolare con
SIMSICAD. Gli usuali comandi CAD verranno affiancati da quelli forniti dalla barra degli
strumenti di SISMICAD.
Lancio del programma CAD
tramite il comando
Input ! !! ! Da disegno
o cliccando sull’icona corrispondente, è possibile iniziare la fase di input tramite il supporto di
un programma CAD precedentemente selezionato in fase di configurazione del programma.
Alla richiesta di inserire il nome del disegno, si digiti un nome per il file di disegno
(Esempio_A.dwg). Se la configurazione è stata effettuata regolarmente, appare la finestra
di AutoCAD LT associata alla barra degli strumenti di SISMICAD.
Inserimento della pianta architettonica
tramite il comando
Inserisci ! !! ! blocco
si inserisca il disegno architettonico sotto forma di blocco.
SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

79

Una finestra di dialogo chiederà di specificare alcuni dati relativi al blocco.

Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica modale SismiCAD 10.7 Tutor

80
Cliccato su Sfoglia si selezioni il file Test.dwg.

Si confermi premendo il tasto Apri. Viene nuovamente visualizzata la finestra precedente
con indicato il nome TEST sulla casella relativa a Blocco.

Lasciando invariate le impostazioni proposte di default dal programma in tutte le altre sezioni
della finestra di dialogo, si confermi cliccando su OK.
Posizionamento del blocco
Alla richiesta di inserimento del punto base per il posizionamento del blocco, si immettano a
tastiera le coordinate 0,0 come riportato nell’immagine che segue e si confermi con il tasto
Invio della tastiera.
SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

81


Si richiama l’attenzione sulla necessità di non aprire direttamente il disegno
architettonico, ma di aprire un nuovo disegno o un disegno in precedenza aperto dal menù
di SISMICAD. E’ necessario cioè partire dal prototipo fornito col programma.
Configurazione del comando Snap ad oggetto
Tramite il comando
Strumenti ! !! ! Impostazioni disegno…
è possibile attivare la casella relativa a Punto finale e Punto medio, confermando con
OK.
Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica modale SismiCAD 10.7 Tutor

82


Inserimento dei pilastri in c.a.
tramite il comando
Pilastri
presente sulla barra degli strumenti di SISMICAD, si richiama la finestra relativa all’input del
pilastro.
SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

83

Specifica della sezione del pilastro
Aggiorniamo il Database delle sezioni generiche definendo una nuova sezione in c.a. per i
pilastri.

Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica modale SismiCAD 10.7 Tutor

84
All’interno della finestra è consentita la definizione di nuove sezioni standard e nuove sezioni
generiche con fori.
Definizione di una nuova sezione standard:

Si noti che il programma propone di default il valore del copriferro, ma tale valore per i
pilastri non risulta vincolante ai fini del calcolo, essendo possibile definire una distanza
minima dal cassero in fase di verifica.

Premendo il tasto OK il Database viene automaticamente aggiornato con la sezione appena
impostata:
SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

85

Dando nuovamente OK si ritorna alla finestra d’inserimento della sezione:


Posizionamento del primo pilastro (angolo in alto a destra)
Per posizionare il primo pilastro in pianta si scelga come punto di inserimento lo spigolo in
alto a destra.
Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica modale SismiCAD 10.7 Tutor

86
Si procede inserendo i pilastri come riportato nelle figure che seguono


Posizionamento del secondo pilastro (angolo in basso a destra)
Inserito il primo pilastro si ripeta la procedura; nella finestra di dialogo si modifichi il punto di
inserimento
SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

87


Si confermi premendo il tasto Inserimento; ritornati alla videata della pianta inseriamo il
pilastro con il tasto sinistro del mouse.


Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica modale SismiCAD 10.7 Tutor

88
Posizionamento del terzo pilastro
Inserito il primo pilastro si ripeta la procedura; nella finestra di dialogo si modifichi il punto di
inserimento


Si confermi premendo il tasto Inserimento; ritornati alla videata della pianta inseriamo il
pilastro con il tasto sinistro del mouse.

SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

89


Posizionamento del quarto pilastro
Inserito il primo pilastro si ripeta la procedura; nella finestra di dialogo si modifichi il punto di
inserimento


Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica modale SismiCAD 10.7 Tutor

90
Si confermi premendo il tasto Inserimento; ritornati alla videata della pianta inseriamo il
pilastro con il tasto sinistro del mouse.


Conclusione del comando di SISMICAD
L’input può essere concluso col tasto destro del mouse, con il tasto return (↵) oppure
cliccando sul bottone Resetta il collegamento con AutoCAD. In caso di errore cancellare il
pilastro con i comandi di AutoCAD® e rifare la procedura controllando che nella parte bassa
a destra del monitor non sia ancora evidenziata la scritta “Indicare il punto:” su sfondo blu: in
questo caso cliccare sul tasto Resetta il collegamento con AutoCAD per ristabilire le
condizioni iniziali.
Visualizzazione tridimensionale
tramite il comando
Vista ! !! ! 3D
si scelga una visualizzazione 3D della pianta.
SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

91


La vista tridimensionale si può scegliere cliccando un punto sull’orbita in modo tale che i tre
assi siano disposti in modo tale che la vista sia sufficientemente chiara.


La nuova visualizzazione è mostrata nella seguente figura
Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica modale SismiCAD 10.7 Tutor

92


Inserimento delle pareti in c.a.
tramite il comando
Pareti
è possibile inserire una parete forata.
SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

93


Si noti che le voci muratura, puntone singolo e puntone doppio sono disabilitate. Non
sono infatti stati inseriti i dati relativi ai materiali di muratura.

Si richiama l’attenzione:
• alle dimensioni del foro della parete che corrisponde alla finestra presente in pianta;
• alla definizione del punto di inserimento.

Dopo aver modificato i parametri come indicato nella figura precedente, si procede,
cliccando sul tasto Inserimento.
La finestra di dialogo scompare per poter dare all’utente la possibilità di specificare i punti in
pianta corrispondenti alle estremità della parete; si vedano le seguenti figure.
Definizione del primo punto:
Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica modale SismiCAD 10.7 Tutor

94


Secondo punto:


Si concluda il comando, premendo il tasto destro del mouse. Appare la videata che segue.
SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

95



Si noti che la parete viene disegnata a due colori. La parete può essere caricata con un
carico potenziale, cioè con un carico di pressione sulla sua superficie. La faccia più scura è
quella destinata a ricevere in pressione il carico potenziale positivo. Se nel nostro esempio
volessimo simulare la presenza di terreno esternamente al fabbricato dovremmo
assegnare un carico potenziale di segno positivo poiché la faccia più scura è esterna. Se
volessimo invece simulare la presenza di acqua internamente al fabbricato dovremmo
assegnare un carico potenziale negativo.
Identificazione dei fili
tramite il comando
Fili ! !! ! Automatico
si individuino automaticamente i fili delle strutture in elevazione inserite con i passaggi
precedenti.
Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica modale SismiCAD 10.7 Tutor

96


Si noti come il programma posizioni i fili in corrispondenza dei punti utilizzati per
l’inserimento dei pilastri (si veda la figura sottostante).


SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

97
Eliminazione delle pianta architettonica
Gli elementi strutturali appena generati individuano il perimetro della costruzione ed è quindi
possibile cancellare la pianta. Nell’ordine:
• si selezioni la pianta con il tasto sinistro del mouse;
• si cancelli la pianta con il tasto Canc della tastiera (o tramite il comando Modifica ! !! !
Cancella di AutoCAD).


Inserimento delle piastre di fondazione
Si inserisca una piastra di fondazione a platea per la parete e per i due pilastri centrali. Il
bordo della platea lo si imponga con una sporgenza di 30 cm dalle strutture verticali.
Creazione dei riferimenti planimetrici
tramite il comando
polilinea
di AutoCAD si costruisca un rettangolo passante per i vertici esterni della parete e dei pilastri
centrali. Nell’ordine:
• si selezioni il comando polilinea;
• si disegnino i quattro lati del rettangolo selezionando i quattro punti indicati nella
figura riportata sotto
• si termini la selezione con il punto 1 (confermando la selezione con il tasto destro
del mouse) o si digiti a tastiera CH per chiudere la polilinea.
Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica modale SismiCAD 10.7 Tutor

98

2
3
4
11

tramite il comando
offset
di AutoCAD, si costruisca un rettangolo esterno al precedente ad una distanza di 30 cm:
• si selezioni il comando Offset;
• si digiti 30 e si prema invio
• si individui la polilinea appena generata;
• si clicchi con il tasto sinistro sulla zona esterna allo stesso;
• si termini il comando premendo il tasto destro del mouse.
SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

99


Il risultato sarà simile a quanto mostrato nella figura sottostante.


Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica modale SismiCAD 10.7 Tutor

100
Inserimento di nuovi fili
tramite il comando
Fili ! !! ! Nuovo
si definiscano quattro nuovi fili.


Si selezionino i quattro vertici del rettangolo esterno appena generato e si concluda il
comando, premendo il tasto destro del mouse. Verranno evidenziati a video i nuovi fili come
mostrato nella seguente figura
SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

101


Cancellazione dei rettangoli di riferimento
Si cancellino i due rettangoli, la cui creazione è servita esclusivamente per la definizione dei
nuovi fili.
Inserimento della parte centrale della piastra di fondazione
tramite il comando
Piastre
si inseriscano la parte centrale della platea di fondazione.
Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica modale SismiCAD 10.7 Tutor

102


Nella sezione Tipo della finestra di dialogo si scelga l’opzione per una piastra di
fondazione lasciando invariato il valore della costante di Winkler se uguale a quello della
costante definita nel database all’interno dei dati generali del suolo.

Cliccando sul tasto Inserimento il puntatore del mouse viene automaticamente impostato
con lo snap all’oggetto nodo.
Si inserisce per prima la piastra rettangolare definita dai quattro fili interni indicati
nell’immagine che segue

Si ottiene il risultato riportato nella seguente figura
SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

103


Inserimento delle sporgenze della piastra di fondazione
tramite il comando
Piastre
posto nella barra degli strumenti di SISMICAD, si inseriscano ora le quattro piastre a pianta
trapezoidale che completano la platea di fondazione.
Si definiscano per ognuna quattro fili in ordine consecutivo (orario o antiorario). In particolare
per la prima piastra si segua l’ordine riportato in figura

Una volta selezionati i quattro fili si ottiene automaticamente la generazione della piastra
trapezoidale corrispondente, come mostrato in figura
Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica modale SismiCAD 10.7 Tutor

104


Procedendo allo stesso modo per le altre sporgenze della piastra, si ottiene l’immagine
sottostante


Si noti come la piastra sia stata divisa in cinque parti per fare coincidere nei vertici degli
elementi piastra i punti di definizione degli altri elementi strutturali che ad essa si collegano.
SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

105
Inserimento dei plinti di fondazione
tramite il comando
Plinti
si inseriscano i plinti di fondazione.
Inserimento di un plinto superficiale
Si inserisca, dapprima, un plinto superficiale in corrispondenza del pilastro indicato dalla
freccia rossa nell’immagine della videata di AutoCAD.

Si lasci invariato il valore della costante di Winkler se uguale a quello della costante
definita nel database all’interno dei dati generali del suolo.

Dopo aver cliccato su Inserimento, nell’ordine:
• si selezioni con il tasto sinistro del mouse il pilastro desiderato;
• si confermi la selezione con il tasto destro del mouse o premendo invio;
• si prema il tasto Annulla quando riappare la finestra di dialogo di inserimento dei
plinti.
Apparirà quanto mostrato la seguente figura
Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica modale SismiCAD 10.7 Tutor

106


Variazione di un elemento strutturale già inserito
tramite il comando
Variazione di elementi
si modifichino le dimensioni il pilastro rimasto privo di fondazione.
Dopo aver cliccato sul tasto corrispondente al comando, si selezioni, successivamente, il
pilastro con il tasto sinistro del mouse. Compare la finestra che permette la ridefinizione delle
caratteristiche del pilastro.

SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

107
Nell’ordine:
• si prema il tasto per selezionare una nuova geometria;
• si prema il tasto nella nuova finestra di dialogo per poter definire una nuova
geometria che verrà automaticamente denominata R 40x30;
• si prema il tasto OK per confermare la nuova geometria;
• si prema il tasto OK per confermare l’operazione di modifica della geometria.


Inserimento di un plinto su pali
tramite il comando
Plinti
si inserisca un plinto su pali in corrispondenza del pilastro appena modificato
Si scelga l’opzione su pali nella finestra Tipo.
Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica modale SismiCAD 10.7 Tutor

108

Dopo aver cliccato su Inserimento, nell’ordine:
• si selezioni con il tasto sinistro del mouse il pilastro desiderato;
• si confermi la selezione con il tasto destro del mouse o premendo invio;
• si premi il tasto Annulla quando riappare la finestra di dialogo di inserimento dei
plinti.
Apparirà quando mostra la figura seguente



In caso di errori in qualsiasi procedura si ricorda che possono essere utili: il tasto ESC
che interrompe il comando di AutoCAD®; premendo due volte questo tasto, poi, si
SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

109
eliminano anche le attivazioni dei grid di AutoCAD® (cioè la visualizzazione di quadratini
blu alle estremità degli elementi del disegno) che consentono altre funzionalità che non
sono trattate in questo testo;
il bottone Annulla che ripristina la condizione precedente all’esecuzione dell’ultimo
comando;
il bottone Resetta il collegamento con AutoCAD che in caso di interruzione di un
comando di SISMICAD ripristina le funzionalità del collegamento tra i programmi;
il tasto CANC o il bottone relativo di AutoCAD® per cancellare un elemento.
Inserimento di travi in c.a.
Inserimento delle travi di fondazione
tramite il comando
Travi
si inseriscano tre travi di fondazione. Nella seguente finestra di dialogo si indichino: il tipo
(trave di fondazione), la sezione (R50x30), il punto di inserimento (a destra) e il piano (piano
0) della trave.

Si clicchi su Inserimento.
Per l’inserimento si imposti l’opzione di snap all’oggetto nodo, in modo da facilitare
l’individuazione dei punti di inserimento della trave.
Si segua l’ordine indicato dalle frecce nella figura che segue
Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica modale SismiCAD 10.7 Tutor

110


Inserimento delle travi di piano
tramite il comando
Travi
si inseriscano le travi di piano.
Si selezioni la quota a livello del piano 1, si specifichi il punto di inserimento a destra e si
clicchi sul tasto Inserimento.
SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

111


si inseriscano i punti di inserimento seguendo l’ordine indicato nella figura che segue

1
2
3
4
5
6
7
8

terminato l’inserimento dei punti e data conferma con il tasto destro del mouse, si ottiene
quanto riportato di seguito;
Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica modale SismiCAD 10.7 Tutor

112


si cancelli la trave obliqua selezionandola con il tasto sinistro del mouse e premendo quindi il
tasto canc sulla tastiera. Apparirà quanto mostrato nella figura sottostante


SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

113
Visualizzazione in pianta
tramite il comando
Vista ! !! ! Pianta
si scelga una visualizzazione 2D della pianta, ottenendo la videata che segue


Inserimento dei carichi distribuiti
tramite il comando
Carichi distribuiti
si inseriscano due carichi distribuiti che verranno definiti, individuando quattro fili.
Nella finestra di dialogo è necessario specificare:
• la quota corrispondente a Piano 1;
• il numero di carico di piano corrispondente a 1;
• l’opzione di comportamento membranale del solai (essendo il livello n. 1 rigido la
scelta è ininfluente);
• si scelga l’opzione di orditura semplice.
Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica modale SismiCAD 10.7 Tutor

114

si immettano i punti di inserimento (si noti come il puntatore si sia impostato
automaticamente sullo snap ad oggetto nodo), per i due carichi, seguendo l’ordine riportato
nella figura che segue

1
4
3 2
5
6 7
8

Ogni quattro punti immessi si genera automaticamente il carico che insiste sull’area
racchiusa dai fili individuati.
Terminato l’inserimento dei punti e data conferma con il tasto destro del mouse si ottiene la
finestra riportata nella figura sottostante
SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

115


Si ricorda che le zone di solaio hanno il compito di trasferire i carichi alle travi ed alle
pareti. Attivando la opzione comportamento membranale le zone di solaio esplicano anche
una funzione di irrigidimento del piano nel funzionamento a diaframma poiché i punti di
definizione del solaio vengono collegati nel modello da una membrana di materiale n.1 e di
spessore metà di quello dichiarato per il piano o la falda; ovviamente se il piano non è stato
dichiarato rigido.
Definizione ed inserimento delle falde
tramite il comando
Falde ! !! ! Definisci
si definiscano le falde della struttura.
Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica modale SismiCAD 10.7 Tutor

116


Si proceda con l’inserimento delle quote che la caratterizzano come mostrato nella figura
sottostante

Una volta inseriti i dati, si clicchi su Definizione punti per l’inserimento dei punti che
definiscono la falda.
Definizione della prima falda
La sequenza dei punti da inserire nel disegno per specificare la prima falda è riportata
nell’immagine sotto.
SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

117

4
1
2 3

Inseriti i punti, confermando con il tasto destro del mouse si ottiene l’immagine riportata
sotto.


Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica modale SismiCAD 10.7 Tutor

118
Definizione della seconda falda
Si proceda allo stesso modo per la falda n°2 nella modalità riportata di seguito:
definiamo la falda n°2;

inseriamo i punti che individuano il perimetro della falda;

1
2 3
4

si confermino i punti inseriti con il tasto destro del mouse.

SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

119
Tre punti (non allineati) sono necessari alla definizione di un piano nello spazio. Nel
nostro caso ne abbiamo selezionati quattro; sono i primi tre quelli che definiscono il piano.
Il quarto punto che ha una quota ricavata sulla base dei primi tre serve solo per la
visualizzazione della area che si pensa interessata dalla falda. Nulla vieta però di
disegnare elementi di falda anche al di fuori del perimetro visualizzato.
Visualizzazione tridimensionale
Prima di passare alla generazione di elementi dal piano 1 al piano di falda si scelga una
vista tridimensionale con la modalità vista in precedenza.


Generazione di elementi
tramite il comando
Genera elementi ! !! ! Singoli elementi
si generino ulteriori elementi strutturali a partire da quelli già generati
Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica modale SismiCAD 10.7 Tutor

120


Generazione degli elementi sotto falda 1
Una volta apparsa la finestra riportata nella figura sottostante, si imponga il numero 1
come falda di destinazione

si selezionino, con il tasto sinistro del mouse, gli elementi che si desidera generare alla falda
n°1: parete, carico al solaio, pilastri centrali e travi di piano.
SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

121


Si clicchi il tasto destro del mouse per confermare ed eseguire il comando.
Apparirà una videata simile a quella riportata nella figura seguente


Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica modale SismiCAD 10.7 Tutor

122
Generazione degli elementi sotto falda 2
Si proceda allo stesso modo con la falda n°2.
Una volta apparsa la finestra riportata nella figura sottostante, si imponga il numero 2
come falda di destinazione.

dato l’OK, si selezionino, con il tasto sinistro del mouse, gli elementi che si desidera
generare alla falda n°1.


Il risultato finale della generazione di elementi è rappresentato nell’immagine che segue.
SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

123


Visualizzazione con ombre e contorni evidenziati
Selezionando il comando di AutoCAD
Visualizza ! !! ! Ombra ! !! ! 256 colori/contorni evidenziati


Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica modale SismiCAD 10.7 Tutor

124
si ottiene un’immagine analoga a quella riportata di seguito.


Lettura del disegno
Completato l’input da disegno per passare alla fase di calcolo è necessario eseguire la
lettura del disegno cliccando sulla relativa icona; si può rispondere positivamente alla
domanda di chiudere l’AutoCAD per passare alla fase di calcolo.

La fase di lettura del disegno svolge molti controlli sulla congruenza dei dati inseriti o
su errori di inserimento. Nella maggior parte dei casi conviene interrompere la lettura
quando richiesto e correggere il disegno evitando la segnalazione. Può però trattarsi di
anomalie volute dall’utente (ad esempio due carichi lineari ad azione verticale sovrapposti).
Risoluzione
tramite il comando
Risoluzione ! !! ! Completa
o cliccando sulla relativa icona sul menu generale di SISMICAD, il programma provvede
automaticamente ad espletare nell’ordine le seguenti funzioni:
• Creazione del modello;
• Lancio del solutore;
• Lettura dei risultati del solutore.
Alla fine del processo di soluzione il programma propone una finestra di dialogo conferma la
conclusione della soluzione; premendo il tasto OK appare la finestra di conclusione del
SismiCAD 10.7 Tutor Analisi del modello

125
processo di calcolo che permette di procedere all’analisi del modello e successivamente alle
verifiche.

Si richiama l’attenzione sulla opportunità, una volta conclusa questa operazione, di
esaminare i risultati della soluzione in attraverso la analisi del modello.
Analisi del modello
La funzionalità di SISMICAD modello consente la rappresentazione dello schema
statico e dei risultati della elaborazione. Essa è importante perché consente all’utente di
valutare se la modellazione del manufatto è stata realizzata conformemente alle sue
aspettative. Infatti in sede di input la struttura è stata semplicemente disegnata ma nulla è
stato esplicitamente detto in merito alle modalità di modellazione. In realtà conoscendo la
logica di SISMICAD nella interpretazione del disegno (si veda anche il capitolo “Fili e nodi
3D” del Manuale d’uso di SISMICAD) l’utente è in grado di governare perfettamente la
modellazione anche nelle situazioni più inusuali. Si consiglia dopo una soluzione di
analizzare comunque sempre il modello richiedendo la deformata nella condizione di carico
n.1 (permanenti) per evidenziare eventuali errori o difformità da quanto ci si attendeva.
Visualizzazione del modello di calcolo
tramite il comando
Modello
oppure cliccando con il mouse sulla rispettiva icona del menu generale, è possibile lanciare
le procedure di visualizzazione tridimensionale e di ispezione del modello matematico.
Appare la videata che segue
Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica modale SismiCAD 10.7 Tutor

126

Nuova vista: modello matematico
tramite il comando
Nuova vista ! !! ! Modello
è possibile visualizzare il modello ad elementi finiti utilizzato dal solutore.
Comparirà una finestra, riportata sotto, nella quale vengono rappresentati:
• nodi
• aste
• shell
• vincoli

Poiché la Ordinanza 3274 prevede l’analisi di due distinti modelli SLU ed SLD caratterizzati
da masse diverse nell’esempio proposto appare la finestra di dialogo di seguito riportata
SismiCAD 10.7 Tutor Analisi del modello

127

Si scelga la visualizzazione del modello lineare per resistenza e si confermi
premendo il tasto OK.
Quello che appare a video è la seguente visualizzazione:

Nuova vista: Spostamenti
tramite il comando
Nuova vista ! !! ! Spostamenti
è possibile visualizzare gli spostamenti relativi alle varie combinazioni.
Si scelga il modello lineare per resistenza
Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica modale SismiCAD 10.7 Tutor

128

si richiedano gli spostamenti per la condizione di carico Permanente

Si confermi premendo il tasto OK.
Apparirà quanto mostrato nella figura seguente
SismiCAD 10.7 Tutor Analisi del modello

129


Si interroghi il nodo segnato dalla freccia rossa nella figura precedente e si visualizzino gli
spostamenti estremi

Uscita dall’ambiente di analisi del modello
tramite il comando
Uscita
è possibile ritornare alla finestra principale di SISMICAD.
Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica modale SismiCAD 10.7 Tutor

130
Apparirà una finestra di dialogo simile a quella presentata nella figura sottostante

Si prema il tasto Nessuno per non salvare le viste e si confermi premendo il tasto OK.

Per un’analisi dettagliata delle funzioni del modello si rimanda al Manuale d’uso di
SIMSICAD.
Check degli elementi in c.a.
Tramite il comando
Verifiche ! !! ! Cemento armato ! !! ! Check.
si acceda al modulo per la verifica di massima degli elementi in calcestruzzo armato.
Apparirà una finestra di dialogo chiamata Check come mostrato nella figura seguente

SismiCAD 10.7 Tutor Check degli elementi in c.a.

131
Preverifica degli elementi
tramite il comando
Preverifica elementi
si lanci la preverifica delle aste e degli shell. Alla fine delle operazioni preventive, apparirà la
videata che segue

I diversi colori riportati indicano una diversa condizione degli shell.
Interrogazione elementi
tramite il comando
Interrogazione elementi
è possibile interrogare un elemento preverificato e, confermando la selezione con il tasto
destro, i risultati della preverifica vengono evidenziati in una finestra analitica.
Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica modale SismiCAD 10.7 Tutor

132


168

Si interroghi lo shell 57 (della parete verticale in alto a sinistra); in particolare si analizzi il
nodo (168) che con un colore verde più chiaro: ad indicare la maggiore quantità di ferro
necessaria per la presenza della trave di falda (incidenza armature stimata pari a 366.86
daN/mc).

La presenza del semaforo verde in corrispondenza dei singoli elementi indica che il
controllo eseguito ha riportato un esito positivo.
Uscita dall’ambiente di check degli elementi
tramite il comando
Uscita
è possibile ritornare al menu principale di SISMICAD.
Progetto della parete in c.a.
La verifica della parete verticale può essenzialmente essere verificata con due
comandi di SISMICAD: Armatura setti e Armatura pareti e piante inflesse.
L’opzione Armatura setti prevede una valutazione delle sollecitazioni della sezioni a livello
globale: per mezzo di un’integrazione delle sollecitazioni su tutta la sezione trasversale
riferendole al baricentro della stessa.
Considerata però la presenza di travi che sollecitano localmente la parete stessa si
consiglia di usare l’opzione Armatura pareti e piante inflesse.
Le verifiche delle pareti secondo quanto previsto dalla Ordinanza 3274 sono possibili solo
con l’opzione Armatura pareti e piante inflesse.
SismiCAD 10.7 Tutor Progetto della parete in c.a.

133
Armatura pareti e piastre inflesse
tramite il comando
Armatura pareti e piastre inflesse
si accede all’ambiente grafico all’interno del quale si procederà alla progettazione delle
armature della parete verticale.

Selezione degli elementi shell
tramite il comando
Seleziona
si selezionino uno o più elementi shell della parete verticale; il programma individua tutte
quelle giacenti nel medesimo piano.
Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica modale SismiCAD 10.7 Tutor

134

Confermando la selezione con il tasto destro del mouse, apparirà la seguente finestra di
dialogo divisa in due sezioni




Si imposti:
• nella sezione Generali un numero di distanziatori 9 / mq e che non si esegua la
verifica dopo ogni modifica;
• nella sezione Armature una rete ∅12 (15 x 15) sia sul lato A che sul lato
B.
Si confermi premendo il tasto OK e la procedura di calcolo si avvierà automaticamente.
Visualizzazione risultati verifica
A seguito dell’elaborazione si presenta la seguente finestra di dialogo riassuntiva delle
verifiche complessive
SismiCAD 10.7 Tutor Progetto della parete in c.a.

135

Si confermi premendo OK e apparirà la videata mostrata nella figura sottostante

Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica modale SismiCAD 10.7 Tutor

136
In particolare si noti come la finestra di dialogo mostrata nella seguente figura, permetta di
visualizzare a scelta: la percentuale di armatura minima, la verifica alla flessione, l’incidenza
dell’acciaio disposto nelle sezioni; il tutto per le sezioni orizzontali e/o verticali.

In particolare nella videata completa la finestra in basso a destra presenta la verifica alla
flessione orizzontale e verticale.
Visualizzazione risultati
tramite il comando
Opzioni ! !! ! visualizzazioni
si apre una finestra di dialogo dove è possibile editare ed interpretare i colori utilizzati nella
finestra di verifica
SismiCAD 10.7 Tutor Progetto della parete in c.a.

137

In particolare si noti come sia stata impostata la visualizzazione dei soli nodi non verificati.

Tutti i colori sono eventualmente editabili semplicemente cliccando sopra la casella del
colore e quindi scegliendo quello nuovo.
Nuova rete
tramite il comando
Nuova rete
è possibile inserire una nuova rete di armatura per la quale si può inserire le informazioni di
passo, diametro ed eventualmente le dimensioni.
Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica modale SismiCAD 10.7 Tutor

138


Si disponga una rete ∅12 (20 x 20) con ancoraggi superiormente e a sinistra (si vedano
le frecce nere). Si confermi cliccando sul tasto OK ed infine si indichi a video la posizione
della nuova armatura come indicato nella seguente figura dalla freccia nera


Verifica dei nodi
tramite il comando
SismiCAD 10.7 Tutor Progetto della parete in c.a.

139
Calcola ! !! ! Verifica nodi
il programma eseguirà le verifiche di resistenza ed al termine farà apparire una finestra di
dialogo con il riassunto delle verifiche

Si può notare come il nodo in alto a sinistra presenti un diverso colore che in base
all’interpretazione vista prima si ottiene un colore tendente al rosso, cioè tendente alla
condizione di nodo verificato.
Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica modale SismiCAD 10.7 Tutor

140



Interrogazione nodo
tramite il comando
Interroga ! !! ! Nodo
o cliccando sulla relativa icona, è possibile visualizzare i dettagli delle verifiche.
Si scelga di visualizzare il rapporto delle verifiche per il nodo indicato dalla freccia rossa
posta sulla figura precedente.
SismiCAD 10.7 Tutor Progetto della parete in c.a.

141

La presenza della trave che si innesta nella parete presente un punto singolare da studiare
Si noti come ci siano altri nodi che presentano delle condizioni di verifiche non
soddisfatte. Si lascia all’utente il completamento dell’esempio al fine di soddisfare le
verifiche in ogni nodo.
Definizione e verifica dei pannelli
tramite il comando
Modifica ! !! ! Pannelli EC8/Ordinanza 3274 ! !! ! Definisci
è possibile definire dei pannelli relativi ad una parte di parete in modo tale da eseguire la
verifica secondo la ordinanza 3274.
Si definiscano due pannelli verticali nelle posizioni indicate dalle due frecce nere nella figura
sottostante
Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica modale SismiCAD 10.7 Tutor

142

Per ogni pannello verrà proposta una finestra di dialogo simile a quella mostrata nella figura
sottostante.
Per entrambi i pannelli si identifichino 5 sezioni di verifica impostando tale valore nella
sezione Output della finestra di dialogo
SismiCAD 10.7 Tutor Progetto della parete in c.a.

143

Si confermi premendo il tasto OK. Si concluda il comando premendo il tasto destro del
mouse.
Verifica dei pannelli
tramite il comando
Calcola ! !! ! Verifica nodi
il programma eseguirà le verifiche di resistenza. La finestra di dialogo dell’ambiente di
verifica delle pareti inflesse apparirà come mostrato nella figura seguente

Alla fine della nuova verifica dei nodi, una finestra di dialogo riassume la situazione delle
verifiche
Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica modale SismiCAD 10.7 Tutor

144

Si noti come la definizione dei pannelli abbia eliminato la non rispettata condizione del §
5.5.5.2 sulle armature delle pareti, in quanto la definizione di pannelli ha generato
automaticamente l’armatura necessaria ai lati degli stessi.
Controllo delle verifiche dei pannelli

tramite il comando
Interroga ! !! ! Pannello
è possibile andare a visualizzare il report dettagliato delle verifiche.
Si richiede di selezionare la sezione del pannello desiderata: si clicchi alla base del pannello
P1, apparirà la seguente finestra di dialogo
SismiCAD 10.7 Tutor Progetto della parete in c.a.

145

Travi di collegamento
tramite il comando
Armatura su travi di collegamento
è possibile armare le travi collegamento tra i due pannelli. Automaticamente si attivano le
zone identificate come travi di collegamento (contorno blu); si clicchi su tale zona ed
automaticamente appare una finestra di dialogo che mostra la proposta di armatura

Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica modale SismiCAD 10.7 Tutor

146

Cliccando sulle due zone evidenziate in blu (si vedano le frecce rosse sull’immagine
seguente) e confermando le proposte di armatura premendo il tasto OK, la finestra del
programma di verifica delle pareti apparirà come mostrato nella figura sottostante


Controllo del punzonamento
Visualizzazione delle zone soggette a punzonamento
tramite il comando
Alterna visualizzazione punzonamento
è possibile visualizzare i perimetri delle zone soggette a punzonamento.
SismiCAD 10.7 Tutor Progetto della parete in c.a.

147
La relativa finestra risulterà come mostrato nella figura seguente


Verifiche a punzonamento
tramite il comando
Verifica perimetro a punzonamento
è possibile controllare i perimetri evidenziati a video in colore verde.
Si clicchi sopra il perimetro indicato dalla freccia rossa nella precedente figura ed apparirà a
video una finestra di dialogo che riassume la verifica a punzonamento
Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica modale SismiCAD 10.7 Tutor

148

Si verifica come la zona selezionata non necessiti di essere armata a punzonamento.
Si confermi premendo il tasto OK.
Output dei disegni in formato Dxf
Nella directory Setti-Walls vengono automaticamente salvati i disegni in formato dxf che
è possibile visualizzare nello stesso ambiente di manipolazione delle armature delle pareti
all’interno della finestra Preview Dxf.

SismiCAD 10.7 Tutor Verifica pilastro

149
Uscita dall’ambiente di verifica delle pareti
tramite il comando
Uscita
si esca dall’ambiente di progettazione e verifica delle pareti inflesse.
Si salvi il lavoro nella cartella Setti-Walls, con il nome setti_10-7_ok .

Si confermi premendo Salva.

Si risponda Sì alla finestra di dialogo che informa che ci sono nodi non verificati.

Per ulteriori approfondimenti sulla progettazione delle pareti inflesse in c.a. si rimanda
al Manuale d’uso di SISMICAD.
Verifica pilastro
tramite il comando
Armatura pilastri
si apre una nuova finestra di dialogo dove è possibile scegliere il pilastro da verificare.
Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica modale SismiCAD 10.7 Tutor

150

Si impostino le preferenze per la generazione automatica delle armature, in particolare non
richiedendo la verifica ad instabilità per i pilastri.


SismiCAD 10.7 Tutor Verifica pilastro

151
Si scelga di progettare il pilastro corrispondente al filo 6. Tale pilastro assumerà una
colorazione gialla.

Modello statico del pilastro
tramite il comando
Riprese
Apparirà una nuova finestra dove verranno proposte le posizioni per le riprese del getto.
Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica modale SismiCAD 10.7 Tutor

152

Si lascino invariati i dati e si proceda con il progetto automatico delle armature.
Progetto automatico delle armature
tramite il comando
Progetto ! !! ! automatico
si avvii la procedura di armatura automatica.
Eseguite le verifiche richieste appare una videata che riporta le armature e i valori del
coefficiente di sicurezza sezionale
SismiCAD 10.7 Tutor Verifica pilastro

153

Inserimento di una nuova armatura
tramite il comando
Nuova
si apre una finestra di dialogo che permette l’inserimento di una nuova armatura

Si completino i vari spazi come mostrato in figura e si confermi premendo il tasto Ok.
Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica modale SismiCAD 10.7 Tutor

154
Nella finestra di dialogo principale si specifichi direttamente con il mouse il punto d’inizio e di
fine della nuova armatura, come indicato nella figura sottostante

Una volta confermato il punto finale verrà automaticamente lanciata la verifica delle sezioni e
apparirà una videata aggiornata simile alla seguente

SismiCAD 10.7 Tutor Verifica pilastro

155
Modifica di un ferro d’armatura
tramite il comando
Cambia
è possibile modificare i ferri che sono già stati disposti.
Si scelga di modificare il diametro delle barre annegate nella fondazione del pilastro con
delle barre ∅ 22 anziché ∅ 20: una volta selezionati i ferri che si intende modificare
apparirà la seguente finestra di dialogo, dove è possibile editare il diametro

Si confermi premendo il tasto Ok
Si specifichi la nuova lunghezza dei ferri d’armatura scelti semplicemente cliccando sul
punto d’inizio e successivamente sul punto finale.
Appariranno a video le finestre aggiornate
Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica modale SismiCAD 10.7 Tutor

156

Verifica dei nodi
tramite il comando
File ! !! ! Rapporto verif. Nodi
è possibile eseguire la verifica dei nodi in base alle prescrizioni dell’ordinanza 3274 (§
5.4.3.2).
Apparirà una finestra simile alla seguente
SismiCAD 10.7 Tutor Verifica pilastro

157

Uscita dall’ambiente di progettazione delle armature del pilastro
tramite il comando
File ! !! ! Uscita
è possibile uscire dall’ambiente di progettazione delle armature del pilastro. Verrà chiesto di
salvare in file l’armatura del pilastro; si confermi premendo sul tasto Sì.


Per ulteriori approfondimenti sulla progettazione delle armature di pilastri in c.a. si
rimanda al Manuale d’uso di SISMICAD.
Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica modale SismiCAD 10.7 Tutor

158
Verifica trave di piano
Scelta della trave da progettare
tramite il comando
Armatura travi in C.A.
apparirà una finestra di dialogo che permette di specificare che tipo di trave si intende
progettare. Sin indichi una nuova trave di piano a livello del piano 1.

Confermando su OK, si aprirà una finestra corrispondente all’ambiente di manipolazione e
progettazione delle armature di una trave in c.a.


Si scelga di progettare la trave 2 (fili 1 ! 2): si clicchi sopra la trave e si confermi la
selezione con il tasto destro del mouse.
Apparirà una finestra di dialogo che propone il nome della trave (eventualmente editabile); si
confermi premendo il tasto OK.
SismiCAD 10.7 Tutor Verifica trave di piano

159

Verrà richiesto se si desidera recuperare l’armatura da un file precedente. Si clicchi sul tasto
No.

Verrà richiesto se si desidera una proposta d’armatura per la trave. Si clicchi sul tasto Sì.

Apparirà una finestra di dialogo che riassume le opzioni per la disposizione dell’armatura. Si
lascino invariati valori proposti dal programma e si confermi premendo sul tasto OK.
Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica modale SismiCAD 10.7 Tutor

160

Si modifichino i valori proposti di default dal programma con quelli indicati nella precedente
figura (in particolare si ponga il valore della distanza tra le armature correnti pari a 30 cm
per evitare sovrapposizioni), si confermi premendo il tasto OK. Apparirà la videata relativa
alla progettazione dell’armatura a flessione della trave prescelta.
SismiCAD 10.7 Tutor Verifica trave di piano

161

Verifica a taglio della trave
tramite il comando
Taglio
è possibile visualizzare la verifica al taglio e quindi la disposizione delle staffe.
La nuova schermata si presenta simile a quella mostrata nella figura sottostante
Esempio B: struttura in c.a. in analisi dinamica modale SismiCAD 10.7 Tutor

162

Ritorno all’ambiente flessione
tramite il comando
Flessione
è possibile tornare alla finestra di progettazione delle armature a flessione
Uscita dall’ambiente di progettazione delle travi
tramite il comando
Uscita
è possibile uscire dall’ambiente di progettazione delle armature della trave scelta.
Verrà richiesto se si desidera progettare una nuova trave

Si clicchi sul tasto No e si esca definitivamente.

Per ulteriori approfondimenti sulla progettazione delle armature delle travi in c.a. si
rimanda al Manuale d’uso di SISMICAD.
SismiCAD 10.7 Tutor Conclusione

163
Conclusione
Si è giunti alla fine di questo secondo esempio pratico.
Con questo semplice esercizio abbiamo compreso quali sono i percorsi ed i metodi che
utilizza SISMICAD per:
• definizione dei parametri per la nuova normativa antisismica;
• progetto della parete in c.a.;
• progetto di un pilastro in c.a.;
• progetto di una trave in c.a. .

Le progettazioni eseguite in questo esempio hanno seguito le indicazioni previste
dall’ordinanza 3274 “Norme tecniche per il progetto, la valutazione e l’adeguamento sismico
degli edifici”.



Esempio C: struttura in legno
Come terzo esercizio si propone la progettazione di una struttura in con elementi in legno a
partire da una pianta architettonica esistente. Il disegno architettonico di partenza è nel file
testWoodStru.dwg presente nella directory di installazione di SISMICAD.
La struttura che si otterrà è raffigurata dall’immagine seguente

L’esempio è stato realizzato con la versione 10.6 di SISMICAD. L’utilizzatore, in relazione
alla versione in suo possesso può rilevare nello svolgimento dell’esempio piccole differenze
nelle immagini.
Creazione commessa
Creazione di un nuovo lavoro
tramite il comando
File ! Nuovo Lavoro
Esempio C: struttura in legno SismiCAD 10.7 Tutor

166
o cliccando sull’icona corrispondente si può inserire il nome della nuova commessa che in
questo caso verrà chiamata Struttura in legno, mentre il nome della cartella di lavoro verrà
chiamata struttura_legno.

Prima di procedere con l’input da disegno è opportuno configurare il programma.
Configurazione del programma
Dati generali
tramite il comando
File ! !! ! Configurazione ! !! ! Dati generali
si apre una finestra, riportata di seguito, per l’inserimento o la modifica dei parametri generali
di configurazione. Per lo svolgimento di questo esempio si è utilizzato il programma
AutoCAD LT 2000i nella versione in italiano. E’ necessario inserire il tipo di programma
CAD di cui si dispone e la rispettiva Directory di installazione.
Per non commettere errori conviene utilizzare la funzione Ricerca automatica CAD installati.
In questo esempio si utilizza il metodo degli Stati limite DM 9-1-96.
SismiCAD 10.7 Tutor Configurazione del programma

167

Dati generali c.a.
tramite il comando
File ! !! ! Configurazione ! !! ! Cemento armato ! !! ! Dati generali
apparirà la seguente finestra di dialogo in cui si consiglia di mantenere per ora ai valori
proposti dal programma
Esempio C: struttura in legno SismiCAD 10.7 Tutor

168

Premendo il tasto OK si accede alla seguente finestra in cui si consiglia di non modificare i
valori riportati

SismiCAD 10.7 Tutor Configurazione del programma

169
Dati generali legno
tramite il comando
File ! !! ! Configurazione ! !! ! Legno ! !! ! Dati generali
apparirà la seguente finestra di dialogo che visualizza i dati relativi al legno


Esempio C: struttura in legno SismiCAD 10.7 Tutor

170

Si confermino, anche in questo caso, i dati di default cliccando su OK.
Si passa ora all’inserimento dei dati nel database relativo alla commessa attuale.
Database
Spiegazioni esaurienti sul significato delle varie opzioni si possono trovare nel Manuale
d’Uso al capitolo “Database di SISMICAD”.
Per lo svolgimento dell’esempio si consiglia di impostare i valori contenuti nelle finestre di
dialogo che seguono.
Dati generali del suolo
tramite il comando
Input ! Database ! Dati generali del suolo
si accede alla finestra che segue
SismiCAD 10.7 Tutor Database

171

Elementi finiti
tramite il comando
Input ! Database ! Dati per elementi finiti
si accede alla finestra che segue.

Se si sta utilizzando una versione limitata del programma (ad esempio una versione
dimostrativa che ammette al massimo 100 nodi) si settino valori maggiori per le dimensioni
delle mesh (es. 300 cm).
Livelli
tramite il comando
Input ! Database ! Livelli
Esempio C: struttura in legno SismiCAD 10.7 Tutor

172
si accede alla finestra che segue.

Dati relativi ai materiali: c.a.
tramite il comando
Input ! Database ! Materiali c.a.
si accede alla finestra che segue.

Dati relativi ai materiali: legno
tramite il comando
Input ! Database ! Materiali legno
si accede alla finestra che segue
SismiCAD 10.7 Tutor Database

173

Dati di carico e sisma
tramite il comando
Input ! Database ! Dati di carico e sisma.
si inseriscano i dati relativi al carico ed al sisma.
Condizioni di carico

tramite il comando
Condizioni
si apre la seguente finestra

Esempio C: struttura in legno SismiCAD 10.7 Tutor

174
Azioni orizzontali: sisma

tramite il comando
Azioni orizzontali ! !! ! Analisi statica DM 16-01-96
si passa alla schermata che segue, tenendo presente di modificare il valore del coefficiente
di controllo per gli spostamenti interpiano come mostrato in figura

Carichi di superficie ai piani

tramite il comando
Carichi ! !! ! Di superficie ai piani
si apre la seguente finestra che va completata come mostrato nella figura seguente.
Si noti che i carichi di superficie possono essere espressi in daN/cmq (.05 daN/cmq
= 500 daN/mq), in daN/mq oppure in kN/mq, semplicemente modificando le impostazioni
mediante il menù Unità di misura.
SismiCAD 10.7 Tutor Database

175

Carichi di superficie alle falde

tramite il comando
Carichi ! !! ! Di superficie alle falde
Si apre la finestra mostrata nella seguente figura.

Si noti che il carico permanente è stato impostato come verticale in falda cioè
verticale misurato lungo lo sviluppo della falda mentre il carico variabile (pensato come
neve) è stato impostato come verticale misurato in proiezione. L’eventuale carico di vento
andrebbe settato come normale alla falda e assegnato con il segno negativo se di
depressione.
Si ricorda che il peso proprio del solaio va aggiunto agli altri carichi permanenti in sede di
input a differenza di quanto avviene per gli altri elementi strutturali il cui peso proprio viene
valutato automaticamente dal programma ed assegnato alla condizione di carico n.1.

Esempio C: struttura in legno SismiCAD 10.7 Tutor

176

Combinazioni di carico

tramite il comando
Combinazioni ! !! ! Limite ultimo
si impostino le combinazioni utili per il calcolo delle sollecitazioni. Si clicchi sul tasto Default
per ottenere automaticamente i parametri relativi alle diverse combinazioni.

Il tasto Default è attivo solo se sono state dichiarate due condizioni di carico
elementari e se le normative di verifica dei c.a. e degli acciai sono coerenti con la analisi
sismica richiesta.
SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

177

Si confermi cliccando sul tasto OK.
Uscita e ritorno alla finestra principale di SISMICAD

tramite il comando
Uscita!
si ritorna alla schermata iniziale di SISMICAD .

In questo esempio si è deciso di inserire gli altri parametri relativi al database durante
l’input da disegno in ambiente AutoCAD.
Input da disegno
tramite il comando
Input ! !! ! Da disegno
o cliccando sulla rispettiva icona, è possibile iniziare la fase di input che avviene, come già
visto, con il supporto di un programma CAD.
Come per l’esempio A si indichi un nome per il file di disegno (ATTENZIONE! non inserire il
nome del file del disegno architettonico) e, se la configurazione è stata effettuata
regolarmente, appare la videata di AutoCAD LT associata alla barra degli strumenti di
SISMICAD.
Si inserisce, a questo punto, il disegno architettonico sotto forma di blocco utilizzando il
comando inserisci di AutoCAD e procedendo con le modalità viste nell’esempio B.
Esempio C: struttura in legno SismiCAD 10.7 Tutor

178

Cliccato su File si selezioni il file TestWoodStrut.dwg confermando, poi, con Apri.

Viene nuovamente visualizzata la finestra precedente con indicato il nome
TESTWOODSTRUT sulla casella relativa a Blocco.
Si confermi cliccando su OK.
SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

179

Si immettano le coordinate 0,0 e si confermi l’inserimento, con il tasto Invio della tastiera, i
parametri di default per l’inserimento del blocco.

Si richiama la attenzione sulla necessità di non aprire direttamente il disegno
architettonico ma di aprire un nuovo disegno o un disegno in precedenza aperto dal menu
di SISMICAD. E’ necessario cioè partire dal prototipo fornito col programma.

Gli elementi strutturali vanno inseriti nel disegno utilizzando la barra degli strumenti di
SISMICAD.
Esempio C: struttura in legno SismiCAD 10.7 Tutor

180
Fili
tramite il comando
Fili ! !! ! Nuovo
si inseriscano i nuovi fili nella pianta.
Sul lato destro della pianta si individuano 5 fili, a partire dal basso verso l’alto, nei punti
indicati nell’immagine che segue utilizzando lo snap ad oggetto Intersezione.

Si ottiene quanto mostrato dalla figura sotto.

SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

181
Copia dei fili
Per inserire i fili negli altri punti della pianta si proceda in questo modo:
• si renda attivo lo snap ad oggetto Intersezione;
• si selezionino i cinque fili con il tasto sinistro del mouse;
• si esegua il comando Copia di AutoCAD LT;
• si digiti la lettera m per effettuare una copia multipla e si prema Invio;
• si selezioni, con il tasto sinistro del mouse, il filo 1 come punto base della copia;
• si indichino, col tasto sinistro del mouse, i punti su cui ripetere la copia (come
indicato nell’immagine che segue).

Rinumerazione dei fili
tramite il comando
Fili ! !! ! Rinumera
si ottiene l’immagine riportata nella figura sottostante
Esempio C: struttura in legno SismiCAD 10.7 Tutor

182

Falde
Definizione della falda 1
tramite il comando
Falde ! !! ! Definisci
si immettano le quote che individuano la falda 1:

SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

183
Si identifichino i punti richiesti come indicato nella figura seguente

Definizione della falda 2
tramite il comando
Falde ! !! ! Definisci
si immettano le quote che individuano la falda 2:

Si identifichino i punti richiesti come indicato nella figura seguente
Esempio C: struttura in legno SismiCAD 10.7 Tutor

184

Si passi a progettare la capriata in legno inserendo in successione:
• La catena
• I puntoni
• Il monaco
• I puntoni diagonali
• Il reggi catena
Catena
tramite il comando
Trave in legno
o cliccando sulla relativa icona, si apre la finestra per l’inserimento nel database dei dati
relativi alle travi in legno.
Si crei una nuova sezione, cliccando sul tasto Aggiungi

Si immetta il nome della sezione (18x30).
SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

185
Si clicchi su Modifica e successivamente su Aggiungi, per immettere i dati relativi alla
stessa.

Cliccando su OK e poi di nuovo su OK il programma apre una finestra riportata
nell’immagine sottostante, nella quale si inseriscano i dati come indicato in figura, facendo
attenzione a modificare i valori come indicato

Dopo aver cliccato su Inserimento si selezionino, in successione, i fili 16, 17 per ottenere il
tracciamento del primo tratto della catena (per facilitare il procedimento si imposti lo snap ad
oggetto sull’opzione di solo Inserimento)
Esempio C: struttura in legno SismiCAD 10.7 Tutor

186

Si ripeta la procedura per i fili 17,18 e 18, 19 e 19, 20; avendo cura di modificare i vincoli alle
estremità:
• Nessun svincolo/ cerniera per entrambe le estremità (fili 17, 18 e 18, 19);
• Svincolo (Mx) per l’estremità finale (fili 19, 20).

Apparirà un risultato simile a quello che appare nella figura sottostante
SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

187

Puntoni
Inserimento dei puntoni sotto falda 1
tramite il comando
Trave in legno
Apparirà la seguente finestra di dialogo: la si compili con i dati relativi alla nuova trave posta
sotto la falda 1
Esempio C: struttura in legno SismiCAD 10.7 Tutor

188

Una volta cliccato su Inserimento si selezionino, in successione, i fili 16, 17 e 18 e si
clicchi, quindi, il tasto destro del mouse per confermare.
Si confermi premendo il tasto Si alla domanda posta dalla finestra di dialogo che appare per
il tratto che interseca il piano a quota 300cm (fili 16 e 17)

Inserimento dei puntoni sotto falda 2
tramite il comando
Trave in legno
Apparirà la seguente finestra di dialogo: la si compili con i dati relativi alla nuova trave posta
sotto la falda 2
SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

189

Una volta cliccato su Inserimento si selezionino, in successione, i fili 18, 19 e 20 e si
clicchi, quindi, il tasto destro del mouse per confermare.
Si confermi premendo il tasto Si alla domanda posta dalla finestra di dialogo che appare per
il tratto che interseca il piano a quota 300cm (fili 19 e 20)

Si otterrà quanto riportato dall’immagine seguente
Esempio C: struttura in legno SismiCAD 10.7 Tutor

190

Monaco
Inserimento del monaco come tronco nel database
tramite il comando
Database ! !! ! Tronchi
si definisca il tronco che individua il tratto corrispondente al monaco. Compare una finestra,
riportata sotto, in cui vanno inserite le quote, inferiore e superiore, che definiscono il tronco
verticale.

Compilata la finestra, si confermi con OK.
SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

191
Terminata questa operazione, si passa all’inserimento dell’elemento verticale.
Inserimento monaco
tramite il comando
Colonna in legno
per visualizzare la seguente finestra di dialogo che definisce le proprietà geometriche del
tronco che costituirà il monaco

Si confermi la sezione premendo sul tasto OK.
Esempio C: struttura in legno SismiCAD 10.7 Tutor

192

Mantenendo i parametri impostati di default dal programma, si prema il tasto Inserimento
per identificare la posizione della colonna in legno: si clicchi con il tasto sinistro del mouse
sul filo 18

SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

193
Puntoni diagonali
Inserimento del puntone diagonale sotto falda 1
tramite il comando
Trave in legno
si compili, come mostrato di seguito, la finestra che viene visualizzata. Si ponga attenzione
alle definizione del tipo di trave che dovrà essere impostata come trave tra piani, di cui si
devono inserire le quote che individuano gli estremi della trave stessa.

Cliccato su Inserimento si selezionino, con il tasto sinistro del mouse, i fili 17 e 18 e si
confermi poi con il tasto destro. Apparirà quanto mostrato nella seguente figura
Esempio C: struttura in legno SismiCAD 10.7 Tutor

194

Inserimento del puntone diagonale sotto falda 2
Si ripeta la stessa operazione per l’elemento simmetrico al precedente: si immetta, questa
volta, come quota iniziale, la falda 2 e si confermi, come al solito, cliccando su Inserimento.
SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

195

Cliccato su Inserimento si selezionino, con il tasto sinistro del mouse, i fili 19 e 18 e si
confermi poi con il tasto destro. Apparirà quanto mostrato nella seguente figura

Esempio C: struttura in legno SismiCAD 10.7 Tutor

196
A questo punto inseriamo un tirante di acciaio (reggi-catena) lungo l’asse di simmetria della
capriata per il collegamento tra la catena e il monaco.
Reggi-catena in acciaio
Inserimento del reggi-catena come tronco nel database
tramite il comando
Database ! !! ! Tronchi
si inserisca nel Database un nuovo tronco; si compili la finestra come indicato nella figura
sottostante

Una volta inseriti i valori delle due quote si clicchi su OK per tornare alla videata di
AutoCAD.
Inserimento del reggi-catena
tramite il comando
Colonna in acciaio
dalla bottoniera di SISMICAD apparirà la finestra relativa ai dati del profilo
SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

197

Si prema il tasto … , indicato dalla freccia rossa, per poter inserire un profilo da database. Si
cerchi il profilo TONDO 20 scorrendo il menù di sinistra della finestra di dialogo riportata nella
seguente figura

Si confermi cliccando sul tasto OK.
Apparirà la finestra contenente le caratteristiche della colonna in acciaio. Si inseriscano i dati
come riportato di seguito e si clicchi su Inserimento.
Esempio C: struttura in legno SismiCAD 10.7 Tutor

198

Cliccando con il tasto sinistro del mouse sul filo 18 il reggi-catena viene inserito come
illustrato dall’immagine sottostante

Si passa, ora, alla definizione e all’inserimento degli arcarecci.
Arcarecci
tramite il comando
SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

199
Trave in legno
è possibile inserire i dati relativi all’arcareccio sopra la falda 1.

In questo caso, la trave verrà inserita sopra falda e non sotto falda come nel caso dei
puntoni.

Inserimento degli arcarecci sopra la falda 1
Dopo aver cliccato su Inserimento, si selezionino i fili 2, 7, 12 e 17 per il tracciamento
dell’arcareccio di falda 1, terminando la selezione con il tasto destro del mouse. Si ripeta la
stessa procedura per l’arcareccio di sommità, selezionando i fili 3, 8, 13 e 18.
Apparirà quanto mostrato nella seguente figura
Esempio C: struttura in legno SismiCAD 10.7 Tutor

200

Inserimento degli arcarecci sopra la falda 2
tramite il comando
Trave in legno
è possibile inserire i dati relativi all’arcareccio sopra la falda 2.
SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

201

Dopo aver cliccato su Inserimento, si selezionino i fili 4, 9, 14 e 19 per il tracciamento
dell’arcareccio di falda 2, terminando la selezione con il tasto destro del mouse. Si ripeta la
stessa procedura per l’arcareccio di sommità, selezionando i fili 3, 8, 13 e 18.
Apparirà quanto mostrato nella seguente figura

Esempio C: struttura in legno SismiCAD 10.7 Tutor

202
Inserimento delle rimanenti capriate
tramite il comando
Copia
di AutoCAD LT è possibile inserire le altre tre capriate in legno.
Nell’ordine:
• si selezionino tutti gli elementi che compongono la capriata;
• si clicchi sull’icona di AutoCAD LT corrispondente al comando Copia;
• si digiti, sulla tastiera, la lettera m per eseguire una copia multipla degli oggetti
selezionati e si confermi con Invio o con il tasto destro del mouse;
• si selezioni, con il tasto sinistro del mouse, il filo 16 come punto base della copia e i
fili 11, 6 e 1 come punti finali.
Il risultato che si ottiene è rappresentato nella figura che segue.

Carichi
Inserimento carichi su falda 1
tramite il comando
Carichi distribuiti
presente sulla bottoniera di SISMICAD si impostino la quota ed il carico da attribuire alla
falda 1
SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

203

Cliccando su Inserimento si passa alla selezione dei fili che individuano i carichi distribuiti
all’interno dei campi individuati tra le capriate e gli arcarecci.

Si ricordi che i primi due fili selezionati individuano la direzione di tessitura del solaio.

I carichi distribuiti vengono inseriti uno di seguito all’altro.
Nella figura che segue si possono vedere i carichi distribuiti relativi alla falda 1.

Esempio C: struttura in legno SismiCAD 10.7 Tutor

204
Inserimento carichi su falda 2
tramite il comando
Carichi distribuiti
presente sulla bottoniera di SISMICAD si impostino la quota ed il carico da attribuire alla
falda 2

Cliccando su Inserimento si passa alla selezione dei fili che individuano i carichi distribuiti
all’interno dei campi individuati tra le capiate e gli arcarecci.

Si ricordi che i primi due fili selezionati individuano la direzione di tessitura del solaio.

I carichi distribuiti vengono inseriti uno di seguito all’altro.
Visualizzazione in pianta
tramite il comando
Vista ! !! ! Pianta
si scelga una visualizzazione 2D della pianta, ottenendo la videata che segue
SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

205

Pareti
tramite il comando
Parete
è possibile inserire le pareti perimetrali.
Si selezioni, nelle impostazioni di snap ad oggetto, la sola opzione Nodo.
Esempio C: struttura in legno SismiCAD 10.7 Tutor

206

Cliccando sul tasto Inserimento si selezionino i fili 1 e 5 per l’inserimento della parete forata
visibile nella figura che segue

Si inserisca un’altra parete forata nel lato della pianta opposto al precedente.
SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

207

Cliccando sul tasto Inserimento si selezionino i fili 20 e 16 per l’inserimento della parete
forata visibile nella figura che segue

Esempio C: struttura in legno SismiCAD 10.7 Tutor

208
Si inseriscano infine le pareti restanti per completare il perimetro della struttura, avendo cura
di generare un parete forata tra i fili 1 e 6 e delle pareti non forate nelle rimanenti parti del
perimetro.

Fondazioni di parete
tramite il comando
Fondazione di parete
presente sulla bottoniera di SISMICAD, è possibile definire le fondazioni di parete

Si lasci invariato il valore della costante di Winkler se uguale a quello della costante
definita nel database all’interno dei dati generali del suolo.

SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

209
Una volta immessi i dati, si clicchi su Selezione Pareti e si selezionino con il tasto sinistro
del mouse tutte le pareti della struttura (quest’ultima operazione può essere effettuata
attraverso una finestra che contenga tutto il disegno).

Terminato l’input da disegno cancelliamo il blocco TestWoodStru selezionandolo con il tasto
sinistro del mouse e premendo il tasto Canc della tastiera.
Visualizzazione con ombra e contorni evidenziati

tramite il comando
Visualizza ! !! ! Ombra ! !! ! 256 Colori/Contorni evidenziati
si ottiene la visualizzazione della struttura riportata di seguito
Esempio C: struttura in legno SismiCAD 10.7 Tutor

210

Lettura del disegno
tramite il comando
Lettura disegno
è possibile far “leggere” a SISMICAD la struttura.
Si può rispondere positivamente alla domanda di chiudere l’AutoCAD per passare alla fase
di calcolo.

Risoluzione
tramite il comando
Risoluzione ! !! ! Completa
o cliccando sulla relativa icona sul menu generale di SISMICAD, il programma provvede
automaticamente ad espletare nell’ordine le funzioni di:
• Creazione del modello;
• Lancio del solutore;
SismiCAD 10.7 Tutor Verifica legno

211
• Lettura risultati del solutore.
Conclusa questa operazione è possibile passare all’analisi del modello.
In questo esempio tralasciamo l’analisi del modello e le verifiche degli elementi in c.a. che
possono essere eseguite con le stesse modalità viste negli esempi precedenti.
Passiamo, quindi, direttamente alla verifica degli elementi in legno.
Verifica legno
tramite il comando
Verifiche ! !! ! Legno
o cliccando sulla relativa icona, il programma visualizza la videata riportata di seguito

Verifica degli elementi lignei
tramite il comando
Calcolo
il programma esegue la verifica della struttura in legno.
A seguito delle operazioni di verifica, apparirà il modello utilizzato per il calcolo dove le aste
dichiarate in materiale ligneo vengono colorate a seconda dello stato di verifica o meno delle
stesse.
Esempio C: struttura in legno SismiCAD 10.7 Tutor

212

Dettagli di verifica delle aste
tramite il comando
Interroga entità
è possibile esaminare i vari elementi strutturali per verificare se le verifiche siano o meno
soddisfatte.
Si scelga di analizzare l’asta indicata dalla freccia rossa riportata sulla figura precedente: la
si selezioni con il tasto destro del mouse e si confermi premendo il tasto destro del mouse.
Apparirà la seguente finestra di dialogo
SismiCAD 10.7 Tutor Conclusione

213

E’ possibile notare che nessuna anomalia è riportata nella parte destra della finestra di
dialogo, ad indicare che la sezione assunta come catena della capriata risulta essere
verificata.
Conclusione
Si è giunti alla fine di questo terzo esempio pratico.
Con questo semplice esercizio abbiamo esaminato le seguenti procedure:
• Configurazione dei parametri per gli elementi strutturali in legno;
• Definizione degli elementi strutturali lignei mediante l’input da disegno;
• Risoluzione del modello e verifica degli elementi lignei.

Per la verifica delle pareti si rimanda l’utente a quanto mostrato nell’esempio precedente.


Esempio D: semplice struttura in acciaio
Come quarto esercizio si propone la progettazione di una struttura porta silo; essa è una
struttura formata da 6 colonne in acciaio, con 2 travi reticolari, il tutto controventato. La
struttura poggia su 6 plinti superficiali.
La struttura che si otterrà è raffigurata dall’immagine seguente

L’esempio è stato realizzato con la versione 10.6 di SISMICAD. L’utilizzatore, in relazione
alla versione in suo possesso può rilevare nello svolgimento dell’esempio piccole differenze
nelle immagini.
Creazione commessa
Creazione di un nuovo lavoro
tramite il comando
File ! Nuovo Lavoro
Esempio D: semplice struttura in acciaio SismiCAD 10.7 Tutor

216
o cliccando sull’icona corrispondente si può inserire il nome della nuova commessa che in
questo caso verrà chiamata Struttura in acciaio, mentre il nome della cartella di lavoro verrà
chiamata struttura_acciaio.

Prima di procedere con l’esercizio è opportuno configurare correttamente il programma.
Configurazione del programma
Dati generali
tramite il comando
File ! !! ! Configurazione ! !! ! Dati generali
si apre una finestra, riportata di seguito, per l’inserimento o la modifica dei parametri generali
di configurazione. Per lo svolgimento di questo esempio si è utilizzato il programma
AutoCAD LT 2000i nella versione in italiano. E’ necessario inserire il tipo di programma
CAD di cui si dispone e la rispettiva Directory di installazione.
Per non commettere errori conviene utilizzare la funzione Ricerca automatica CAD installati.
In questo esempio si utilizza il metodo degli Stati limite DM 9-1-96.
SismiCAD 10.7 Tutor Database

217

Database
Spiegazioni esaurienti sul significato delle varie opzioni si possono trovare nel Manuale
d’Uso al capitolo “Database di SISMICAD”.
Per lo svolgimento dell’esempio si consiglia di impostare i valori contenuti nelle finestre di
dialogo che seguono.
Dati generali del suolo
tramite il comando
Input ! Database ! Dati generali del suolo
si accede alla finestra che segue

Esempio D: semplice struttura in acciaio SismiCAD 10.7 Tutor

218
Si prema sul tasto OK per confermare la presa visione dell’avviso che appare a video e
riportato nella figura sottostante

Elementi finiti
tramite il comando
Input ! Database ! Dati elementi finiti
si accede alla finestra che segue

Livelli
tramite il comando
Input ! !! ! Database ! !! ! Livelli
si definiscano i livelli sui quali collocare elementi strutturali orizzontali. Si impostino due nuovi
livelli come indicato nella seguente figura
SismiCAD 10.7 Tutor Database

219

Tronchi
tramite il comando
Input ! !! ! Database ! !! ! Tronchi
si accede alla finestra che segue

Plinti superficiali
tramite il comando
Input ! Database ! Plinti superficiali
si definisca un plinto di tipo “B” con le misure riportate nella seguente immagine
Esempio D: semplice struttura in acciaio SismiCAD 10.7 Tutor

220

Dati di carico e sisma
tramite il comando
Database ! !! ! Dati di carico e sisma.
è possibile inserire i dati di carico e sisma
Condizioni di carico

tramite il comando
Condizioni
si apre la seguente finestra.

SismiCAD 10.7 Tutor Database

221
Azioni orizzontali: sisma

tramite il comando
Azioni orizzontali ! !! ! Analisi statica DM 16-01-96
si passa alla schermata che segue, tenendo presente di modificare il valore del coefficiente
di controllo per gli spostamenti interpiano (.002) come mostrato in figura

Carichi di superficie ai piani

tramite il comando
Carichi ! !! ! Di superficie ai piani
si apre la seguente finestra che va completata come mostrato nella figura seguente.
Si noti che i carichi di superficie possono essere espressi in daN/cmq (.05 daN/cmq =
500 daN/mq), in daN/mq oppure in kN/mq, semplicemente modificando le impostazioni
mediante il menù Unità di misura.
Esempio D: semplice struttura in acciaio SismiCAD 10.7 Tutor

222

Carichi di superficie alle falde

tramite il comando
Carichi ! !! ! Di superficie alle falde
Si apre la finestra mostrata nella seguente figura.

Carichi concentrati

SismiCAD 10.7 Tutor Database

223
tramite il comando
Carichi ! !! ! Concentrati
Si apre la finestra mostrata nella seguente figura.

Combinazione di carico

tramite il comando
Combinazioni ! !! ! Limite ultimo
si impostino le combinazioni utili per il calcolo delle sollecitazioni. Si clicchi sul tasto Default
per ottenere automaticamente i parametri relativi alle diverse combinazioni.

Il tasto Default è attivo solo se sono state dichiarate due condizioni di carico elementari
e se le normative di verifica dei c.a. e degli acciai sono coerenti con la analisi sismica
richiesta.
Esempio D: semplice struttura in acciaio SismiCAD 10.7 Tutor

224

Si clicchi sul tasto OK per confermare.
Uscita e ritorno al finestra principale di SISMICAD

tramite il comando
Uscita!
si ritorna alla schermata iniziale di SISMICAD.
Input da disegno
Nome del file DWG
tramite il comando
Input ! !! ! Da disegno
o cliccando sull’icona corrispondente, è possibile procedere con la fase di inserimento degli
elementi strutturali.
Nella finestra che appare si digiti un nome per il file in formato AutoCAD® (dwg) come
visualizzato nella schermata sottostante:
SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

225

Una volta fissato il nome del disegno, il programma lancia AutoCAD®. Se tutte le operazioni
sono state eseguite correttamente, dopo una serie di messaggi lo schermo deve presentarsi
con la videata di AutoCAD® affiancata dalla barra degli strumenti di SISMICAD. La forma e
la posizione di quest’ultima possono essere personalizzate cliccando sull’icona in alto a
sinistra. La barra degli strumenti di SISMICAD serve ad attivare i macrocomandi specifici per
il disegno degli elementi strutturali; questi vanno ad aggiungersi all’insieme dei comandi di
AutoCAD®.

Colonne
tramite il comando
Colonna in acciaio
si inseriscano le colonne, selezionando la sezione trasversale dal database degli elementi in
acciaio. Cliccando sull’icona corrispondente nella barra degli strumenti di SISMICAD viene
visualizzata la finestra
Esempio D: semplice struttura in acciaio SismiCAD 10.7 Tutor

226

Si scelga il profilo HEA 240 tra quelli disponibili

Si confermi premendo OK e nuovamente OK al fine di definire il tronco 1, il quale
sarà disposto ruotato di 90 gradi in pianta ed inoltre si definiscano i parametri relativi
alla verifica a compressione unitari (Beta x = 1, Beta y = 1).
SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

227

Si completino i campi proposti come indicato nella figura soprastante e si clicchi il tasto
Inserimento: di seguito si indichi in AutoCAD® il punto di inserimento della colonna. Il punto
in AutoCAD® può essere inserito cliccando col mouse oppure fornendone direttamente le
coordinate come nel nostro caso.
Quando compare la scritta blu nella parte bassa a destra del monitor “Indicare il punto:”,
digitare direttamente a tastiera confermando con il tasto invio (↵):
0,0 ↵
500,0 ↵
1500,0 ↵
0,500 ↵
500,500 ↵
1500,500 ↵
Reset del collegamento con AutoCAD
L’input può essere concluso col tasto destro del mouse, con il tasto return (↵) oppure
cliccando sul bottone Resetta il collegamento con AutoCAD. In caso di errore cancellare il
pilastro con i comandi di AutoCAD® e rifare la procedura controllando che nella parte bassa
a destra del monitor non sia ancora evidenziata la scritta “Indicare il punto:” su sfondo blu: in
questo caso cliccare sul tasto Resetta il collegamento con AutoCAD per ristabilire le
condizioni iniziali.
Fili
tramite il comando
Fili ! !! ! Automatico
si inseriscano i fili per la numerazione dei pilastri.
In realtà i fili non servono solo alla numerazione dei pilastri, ma sono riferimenti planimetrici
collocati a livello del piano zero che hanno anche altre funzioni importanti per
l’interpretazione delle entità grafiche da parte di SISMICAD.
Esempio D: semplice struttura in acciaio SismiCAD 10.7 Tutor

228
Si ottiene quello che è illustrato nella seguente figura

Si consiglia a tale proposito di consultare il Manuale d’uso di SISMICAD al capitolo “Fili e
nodi 3D”.
Impostazione dello snap ad oggetto

tramite il comando
Strumenti ! !! ! Impostazione disegno…
si imposti l’utilità di AutoCAD® per consentire un più rapido e preciso input degli elementi: si
clicchi sull’opzione nodo
SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

229

Travi in acciaio
tramite il comando
Trave in acciaio
si inseriscano le travi, selezionando la sezione trasversale dal database degli elementi in
acciaio. Cliccando sull’icona corrispondente nella barra degli strumenti di SISMICAD viene
visualizzata la finestra
Esempio D: semplice struttura in acciaio SismiCAD 10.7 Tutor

230

Si scelga il profilo HEA 220 tra quelli disponibili

Si confermi premendo OK e nuovamente OK al fine di definire le travi a livello del piano 1.
Comparirà la seguente finestra di dialogo che dovrà essere impostata come mostrato in
figura
SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

231

In questo caso si crei una trave in acciaio semplicemente appoggiata: si impostino degli
svincoli alle estremità iniziale e finale:

Essendo già stata definita la quota come proprietà dell’elemento, basta cliccare
consecutivamente su tutti i fili specificando i fili 1, 2, 3, 4. Avendo impostato lo snap
all’oggetto nodo, l’input avviene correttamente poiché i fili sono entità punto di AutoCAD®.
L’input si termina col tasto destro del mouse, con return (↵) o con il bottone di Interrompi il
collegamento… di SISMICAD.
Vista tridimensionale
tramite il comando
Vista ! !! ! 3D
è possibile disporre una vista in tre dimensioni degli elementi fin qui inseriti
Esempio D: semplice struttura in acciaio SismiCAD 10.7 Tutor

232


In caso di errori in qualsiasi procedura si ricorda che possono essere utili: il tasto ESC
che interrompe il comando di AutoCAD®; premendo due volte questo tasto, poi, si
eliminano anche le attivazioni dei grip di AutoCAD® (cioè la visualizzazione di quadratini
blu alle estremità degli elementi del disegno) che consentono altre funzionalità che non
sono trattate in questo testo;
il bottone Annulla che ripristina la condizione precedente all’esecuzione dell’ultimo
comando;
il bottone Resetta il collegamento con AutoCAD che in caso di interruzione di un
comando di SISMICAD ripristina le funzionalità del collegamento tra i programmi;
il tasto CANC o il bottone relativo di AutoCAD® per cancellare un elemento.
Nuove linee come riferimento per nuove travi
tramite il comando
Linea
del programma AutoCAD® si generino delle nuove linee in modo da facilitare l’inserimento
di nuove travi.
Si inserisca delle linee tra i fili 1, 2, 3, 4 e successivamente si generino delle linee che
abbiano come estremità i punti medi di quelle appena create. Il risultato deve essere simile a
quella mostrata nella seguente figura
SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

233

Nuovi fili
tramite il comando
Fili ! !! ! nuovo
si inseriscano nuovi fili esattamente in corrispondenza con le intersezione delle linee
precedentemente create
Travi in acciaio
tramite il comando
Trave in acciaio
si inseriscano le travi a livello del piano 2, selezionando la sezione trasversale dal
database degli elementi in acciaio.
Esempio D: semplice struttura in acciaio SismiCAD 10.7 Tutor

234

Cliccando sul tasto Inserimento e specificando i fili 1, 2, 3, 4 si confermi con il tasto destro
del mouse. Si ripeta l’operazione per i nuovi fili appena generati. Il risultato è mostrato nella
figura seguente, una volta che si sia impostata la vista tridimensionale opportuna

SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

235
Definizione di una reticolare in acciaio
tramite il comando
Database ! !! ! Reticolari
si inseriscano le informazioni relative delle travi reticolari all’interno del database.

Cliccando il tasto Nuovo si apre la seguente schermata di selezione.
Si imposti la generazione di una capriata:
• Simmetrica;
• con riferimento agli assi di truschinaggio;
• con la briglia inferiore svincolata.

Si inseriscano le caratteristiche geometriche richieste ed i rispettivi passi in cm
Esempio D: semplice struttura in acciaio SismiCAD 10.7 Tutor

236

Confermando su OK si apre la seguente finestra

Inserimento e definizione di una nuova asta
tramite il comando
Nuova asta
SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

237
è possibile definire una nuova asta. Apparirà la seguente finestra tramite la quale si definirà il
nuovo profilo (L100 x 10) ed il tipo di collegamento

Si prema il tasto … segnato dalla freccia rossa per poter accedere al database dei profili
standard. Si scelga un L100x10

Si confermi premendo il tasto OK e si scelga l’accoppiamento dei profili e la distanza tra di
essi (10 mm), come indicato nella figura sottostante
Esempio D: semplice struttura in acciaio SismiCAD 10.7 Tutor

238

Collegamento trasversale
Si prema il tasto Coll. trasversale indicato dalla freccia rossa nella figura precedente per
poter accedere all’ambiente grafico di impostazione dei collegamenti trasversali.
Apparirà la seguente figura
SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

239

Imbottitura
tramite il comando
Nuova imbottitura con 2 bulloni
si scelga un collegamento trasversale con imbottitura e bulloni.
Esempio D: semplice struttura in acciaio SismiCAD 10.7 Tutor

240

Si esca dall’ambiente di manipolazione dei collegamenti trasversali premendo il tasto
(Uscita). La finestra di dialogo relativa ai dati del profilo apparirà compilata come segue
SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

241

Inserimento aste
Si prema il tasto OK della finestra di dialogo che si presenterà attiva ed apparirà la seguente
finestra
Esempio D: semplice struttura in acciaio SismiCAD 10.7 Tutor

242

Si indichi lo svincolo delle estremità alla flessione (Mx) e si confermi premendo il tasto OK.
Si creino le aste cliccando consecutivamente sui nodi: ad ogni coppia di nodi si assegnerà
un’asta. Al termine della generazione delle aste, apparirà quanto mostrato nella figura
sottostante

Si confermi la fine dell’inserimento delle aste premendo il tasto destro del mouse.
Apparirà la seguente schermata dove verranno indicati gli svincoli alle estremità delle aste
SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

243

Nodo di inserimento
tramite il comando
Nodo inserimento
si modifichi il nodo di aggancio alla struttura

Uscita dall’ambiente di inserimento aste
Terminato l’input della reticolare, si esca premendo il con il tasto Uscita.
La reticolare a questo punto risulta inserita nel database ed è possibile utilizzarla in
ambiente AutoCAD.
Esempio D: semplice struttura in acciaio SismiCAD 10.7 Tutor

244

Si confermi premendo il tasto OK.
Inserimento reticolare
tramite il comando
Reticolare
si inserisca la capriata appena definita. Si specifichi la quota e si clicchi su Inserimento.

Si indichino i fili 3, 5 e 4, 6 ed automaticamente si genereranno le due capriate come
mostrato nella seguente figura
SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

245

Disabilitando la voce Visualizzazione profili, è possibile utilizzare una visualizzazione di
tipo unifilare

Esempio D: semplice struttura in acciaio SismiCAD 10.7 Tutor

246
Inserimento di nuovi fili
tramite il comando
Fili ! !! ! nuovo
si inseriscano nuovi fili esattamente in corrispondenza con le intersezioni delle linee del
modello unifilare della reticolare


Definizione falde
Inserimento della falda 1
tramite il comando
Falde ! !! ! definisci
si definisca una nuova falda inclinata.
Si scelga l’opzione di definire i punti in visione tridimensionale (3D)
SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

247

Cliccando sui 4 punti che identificano i vertici della falda 1 e confermando
premendo il tasto destro del mouse, si visualizzerà a video la nuova falda come
mostrato nella seguente figura

Inserimento della falda 2
Si definisca anche la falda 2 come indicato precedentemente ed ottenendo l’immagine
sottostante
Esempio D: semplice struttura in acciaio SismiCAD 10.7 Tutor

248

Inserimento degli arcarecci
tramite il comando
Trave in acciaio
è possibile inserire gli arcarecci ora che sono state definite le falde
SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

249

Si specifichi una trave sopra falda di cui si vada a specificare il nuovo profilo (IPE 180).
Per quanto riguarda il numero della falda si scelga inizialmente la falda 1.
Si prema il tasto Inserimento e si proceda inserendo gli arcarecci sotto tale falda, andando a
specificare i fili corrispondenti.

Si ripeta il tutto specificando la quota falda 2.

Si consiglia di cliccare sulla puntina indicata dalla freccia in modo tale da visualizzare
la finestra di dialogo ad ogni trave inserita, evitando l’inserimento di travi oblique. Tale
problema nasce a seguito della possibilità di inserire le travi successivamente assumendo
che il punto finale della precedente coincida con quello iniziale della successiva.
Esempio D: semplice struttura in acciaio SismiCAD 10.7 Tutor

250

Inserimento dei controventi di parete
tramite il comando
Trave in acciaio
è possibile inserire i controventi. Si specifichino le quote iniziale e finale come punti 3D e
utilizzando un profilo pari ad un tondo 30.
SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

251

Cliccando sul tasto Inserimento si indicheranno i punti successivamente come indicato in
figura

1
2
3
4
Esempio D: semplice struttura in acciaio SismiCAD 10.7 Tutor

252
Carichi concentrati
tramite il comando
Carichi concentrati
si inseriscano i carichi concentrati precedentemente identificati nel database; è necessario
specificare la quota e il numero di carico di piano ( nel nostro caso Piano 2 e numero di
carico 1).

Si selezionino i fili corrispondenti all’intersezione delle travi di perimetro con quelle interne a
quota del piano 2

Carichi distribuiti
tramite il comando
Carichi distribuiti
SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

253
si inseriscano due carichi distribuiti che definiamo a livello delle falde 1 e 2.

Ai fini della distribuzione del carico sugli arcarecci, si dispongano i carichi distribuiti tra un
arcareccio e quello adiacente.
Il risultato è mostrato nella figura seguente

Inserimento dei plinti superficiali
tramite il comando
Plinto
Esempio D: semplice struttura in acciaio SismiCAD 10.7 Tutor

254
è possibile inserire i plinti superficiali in corrispondenza dei pilastri della struttura.

Si lasci invariato il valore della costante di Winkler se uguale a quello della costante
definita nel database all’interno dei dati generali del suolo.

Dopo aver cliccato su Inserimento si selezioni con il tasto sinistro del mouse la colonna
desiderata e si dia conferma con il tasto destro.

SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

255
Inserimento dei controventi di falda
tramite il comando
Trave in acciaio
è possibile inserire i controventi di falda. Si specifichino le quote iniziale e finale come punti
3D e utilizzando un profilo pari ad un tondo 20.

Nella finestra di dialogo si prema il bottone relativo al tipo di profilo in modo da selezionare
quello desiderato.
Esempio D: semplice struttura in acciaio SismiCAD 10.7 Tutor

256

Si prema il tasto indicato dalla freccia rossa e apparirà una finestra di dialogo che permetterà
di selezionare il tondo da 20 mm

Si prema su OK per confermare.
SismiCAD 10.7 Tutor Input da disegno

257

Si confermi premendo il tasto OK.
Esempio D: semplice struttura in acciaio SismiCAD 10.7 Tutor

258

Si clicchi su Inserimento, selezionando i fili, facilitando la selezione impostando l’opzione di
Snap all’oggetto nodo

SismiCAD 10.7 Tutor Risoluzione

259
La figura precedente presenta i controventi inseriti sopra le due falde
Lettura del disegno
tramite il comando
Lettura disegno
è possibile far “leggere” a SISMICAD la struttura.
Si può rispondere positivamente alla domanda di chiudere il programma AutoCAD per
passare alla fase di calcolo.

Risoluzione
tramite il comando
Risoluzione ! !! ! Completa
o cliccando sulla relativa icona sul menu generale di SISMICAD, il programma provvede
automaticamente ad espletare nell’ordine le funzioni di:
• Creazione del modello;
• Lancio del solutore;
• Lettura risultati del solutore.
Conclusa questa operazione è possibile passare all’analisi del modello.
In questo esempio tralasciamo le verifiche degli elementi in c.a. che possono essere
eseguite con le stesse modalità viste negli esempi precedenti.
Eventuali anomalie verranno riscontrate con riferimento allo spostamento relativo massimo:

Si prosegua comunque vista e considerata la natura didattica dell’esempio.
Esempio D: semplice struttura in acciaio SismiCAD 10.7 Tutor

260

Conclusa questa operazione è possibile passare all’analisi del modello.
Visualizzazione del modello matematico
Il modello è una funzionalità di SISMICAD che consente la rappresentazione in
unifilare dello schema statico e dei risultati della elaborazione. Essa è importante perché
consente all’utente di valutare se la modellazione del manufatto è stata realizzata
conformemente alle sue aspettative. Infatti in sede di input la struttura è stata
semplicemente disegnata ma nulla è stato esplicitamente detto in merito alle modalità di
modellazione. In realtà conoscendo la logica di SISMICAD nella interpretazione del
disegno (capitolo relativo a fili e nodi 3D del manuale d’uso) l’utente è in grado di
governare perfettamente la modellazione anche nelle situazioni più inusuali. Si consiglia
dopo una soluzione di analizzare comunque sempre il modello richiedendo la deformata
nella condizione di carico n.1 (permanenti) per evidenziare eventuali errori o difformità da
quanto ci si attendeva.
tramite il comando
Modello
presente nel menu generale di SISMICAD, oppure cliccando con il mouse sulla rispettiva
icona, si lancino le procedure di visualizzazione tridimensionale e di ispezione del modello
matematico.

SismiCAD 10.7 Tutor Visualizzazione del modello matematico

261
Visualizzazione di una nuova vista
tramite il comando
Nuova vista ! !! ! Modello
è possibile visualizzare il modello cliccando sulla relativa icona.
Compare una finestra, riportata sotto, nella quale vengono rappresentati:
• nodi
• aste
• vincoli

Uscita dall’ambiente di visualizzazione del modello matematico
tramite il comando
Uscita
è possibile tornare al menu principale di SISMICAD.
Se non si desidera archiviare nessuna vista si clicchi nella casella corrispondente per non
eseguire tale operazione
Esempio D: semplice struttura in acciaio SismiCAD 10.7 Tutor

262

Si prema il tasto OK per uscire definitivamente.
Verifica delle aste in acciaio
tramite il comando
Verifiche ! !! ! Acciaio ! !! ! Aste
o cliccando sulla relativa icona, il programma visualizza la finestra di dialogo sottostante

Il programma apre automaticamente una finestra simile alla seguente dove è possibile
esaminare le proprietà delle aste. Premendo l’icona (Uscita) viene eseguita la verifica
automatica.
Si rientri nell’ambiente di verifica delle aste in acciaio premendo l’icona presente nella
schermata di SISMICAD, si aprirà una finestra simile alle seguente
SismiCAD 10.7 Tutor Verifica delle aste in acciaio

263

I colori delle aste denunciano lo stato delle stesse (si verifichi il significato dei vari colori
premendo l’icona ).
Cliccando sopra uno degli arcarecci che presentano un colore verde (Aste non verificate ad
instabilità), si apre automaticamente una finestra che riassume i dati delle sollecitazioni e
delle tensioni nonché dei valori di resistenza.
Esempio D: semplice struttura in acciaio SismiCAD 10.7 Tutor

264

Come evidenziato dalla freccia rossa l’asta non è verificata ad instabilità.
Cambio di un profilo non verificato
Si supponga di cambiare profilo ed utilizzare un HEA200. Nell’ordine:
1. Si prema il tasto dove è riportato il profilo utilizzato (in questo caso IPE180);
2. si prema il tasto Verifica
SismiCAD 10.7 Tutor Conclusione

265

Uscita dall’ambiente di verifica
tramite il comando
Uscita
è possibile tornare al menu principale di SISMICAD.
Conclusione
Si è giunti alla fine di questo esempio pratico.
Con questo semplice esercizio sono state esaminate le seguenti procedure:
• creazione di una reticolare;
• inserimento di una reticolare in acciaio;
• inserimento di controventi;
• definizione ed inserimento di carichi concentrati;
• verifica delle aste in acciaio.