AGRATI GROUP

ED. 2001-A
84
7
DADI SPECIALI
DADI ESAGONALI FLANGIATI CON CHIAVE RIDOTTA
Il dado flangiato con esagono ridotto è prodotto con le
stesse tecnologie di stampaggio a freddo dei dadi
flangiati standard (DIN 6923, DIN 6927) e viene
realizzato sia nella versione normale che in quella
autofrenante interamente metallica.
Dagli standard si differenzia per due aspetti principali,
ovvero:
1) Esagono ridotto
2) Inclinazione della flangia.
L’esagono ridotto ha la funzione di limitare l’ingombro
totale del dado e di conseguenza il suo peso; la
flangia, con un’inclinazione di 40° in luogo dei 15°,
permette di mantenere inalterate le caratteristiche
meccaniche rispetto al dado standard.
DESCRIZIONE PRODOTTO
I dadi flangiati con esagono ridotto sono stati
sviluppati principalmente nel settore aeronautico ed in
quello delle vetture da competizione, dove, l’obiettivo
primario dei progettisti, è quello di ridurre pesi ed
ingombri dei componenti pur mantenendone le
caratteristiche meccaniche e di funzionalità.
L’estensione di questi principi alla produzione di
grande serie, permette di rendere disponibili i vantaggi
tecnici di questi prodotti a costi paragonabili a quelli
dei dadi standard: dal punto di vista degli ingombri,
con i dadi flangiati ad esagono ridotto si ottiene un
risparmio del 30% rispetto ad un dado secondo
DIN 6923, mentre il risparmio in peso è circa del 50%.
Questo è ottenuto senza pregiudicare le caratteristiche
meccaniche del prodotto: grazie, infatti, alla diversa
inclinazione della flangia, si ottiene una struttura del
dado oltremodo robusta che, abbinata ad un’altezza di
filettatura pari ad una volta il diametro nominale,
consente di rispettare le caratteristiche meccaniche
previste della classe di resistenza del prodotto.
I dadi flangiati con esagono ridotto sono prodotti
anche nella versione autofrenante interamente
metallica: le prescrizioni riguardanti i valori di
frenatura all’avvitamento ed allo svitamento sono le
stesse di un pari diametro secondo DIN 6927
(DIN 267 Parte 15).
CARATTERISTICHE TECNICHE
α
∆ M
∆ S ∆ S
α
Momento
frenante
Momento
frenante
Deformazione
filetto
Deformazione
filetto
∆ M
AGRATI GROUP
86
7
ED. 2001-A
DADI SPECIALI
DADO A FRENATURA METALLICA
α
Zona interessata
dalla deformazione
Diametro medio
dopo deformazione
Diametro medio
nominale
F
α
Fig.1 Fig.2
- Sono autofrenanti e pertanto esercitano la loro
funzione di impedire lo svitamento anche in assenza
di coppia di serraggio.
- Permettono innumerevoli avvitamenti e svitamenti.
- Consentono un aumento dei carichi a parità
d’ingombro in altezza: non essendo presente alcun
inserto, lo spessore normalmente occupato da questo
è interamente filettato.
- Garantiscono una migliore distribuzione dell'effetto
autofrenante: come mostrato in Fig. 1, la zona longitu-
dinale interessata dalla deformazione è relativamente
ampia (50% ca. dell'altezza totale). Per questo motivo
il dado inizia a svolgere la sua azione frenante circa a
metà della sua altezza, fatta salva la libera avvitabilità
della vite per almeno due filetti. E' quindi corretto
affermare che il dado a frenatura metallica fornisce
una maggiore sicurezza rispetto ai dadi con inserto,
dove l'azione autofrenante viene esercitata solo sugli
ultimi filetti.
- Permettono un preciso controllo del momento frenante:
nel Grafico 1 è mostrato l'andamento del momento
frenante in funzione della deformazione assiale
(riduzione del passo). E' facile notare come, ad una
piccola variazione della deformazione, corrisponda
un'elevata variazione del momento frenante. Questo
all'atto pratico, si traduce in una variabilità piuttosto
accentuata dei momenti frenanti, che genera problemi
in sede di montaggio (taratura avvitatori).
Nel Grafico 2 è mostrato invece l'andamento del
momento frenante in funzione della deformazione
radiale (riduzione del diametro medio). Dato che
l'angolo alfa presenta valori inferiori al caso
precedente, si otterrà, a parità di ∆S, una minor
variazione dei momenti frenanti ∆M con evidenti
benefici. Inoltre la deformazione del diametro medio di
filettatura avviene in condizioni rigorosamente
controllate grazie ad un'attrezzatura accuratamente
studiata e grazie al fatto che la deformazione viene
eseguita sulla chiave di manovra, che notoriamente ha
delle tolleranze dimensionali ristrette.
CARATTERISTICHE TECNICHE
Grafico 1 Grafico 2
E’ un dado a frenatura interamente metallica ottenuto
mediante deformazione radiale dei filetti: tale
deformazione, riducendo progressivamente il diametro di
filettatura nella parte superiore, rende il dado autofrenante.
Viene lubrificato con un prodotto appositamente studiato
per i dadi autofrenanti: la capacità di tale lubrificante di
sopportare elevate pressioni permette di evitare fenomeni
di microgrippaggi localizzati.
L'effetto di frenatura avviene in modo radiale mediante la
riduzione controllata del diametro medio della filettatura
(Fig.1). In fase d’avvitamento (Fig.2) il dado ritorna
elasticamente nella sua forma originaria generando una
forza F la quale, attraverso l'attrito che si viene a creare sui
filetti, genera il momento frenante.
DESCRIZIONE PRODOTTO
87
7
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
DADI SPECIALI
DADI ESAGONALI FLANGIATI CON CHIAVE RIDOTTA
AUTOFRENANTI INTERAMENTE METALLICI
1
0
U
mw
m
Zona deformata per la
realizzazione dei momenti frenanti
d
r
c
0°÷1°30’
s
e
d
w











d
c











d
a
4
0
°
CARATTERISTICHE E NORME DI RIFERIMENTO
Materiale Acciaio
Carichi di serraggio
e momenti frenanti
Finitura
Collaudo
Per le procedure di accettazione, vedere ISO 3269
Tolleranze Norma internazionale ISO 4759-1
Prescrizioni
generali
Filettatura
Proprietà
meccaniche
Tolleranza 6H
Norma internazionale ISO 8992
Norma internazionale
Designazione A3A - Fe/Zn 8c1A A3C - Fe/Zn 8c2C
Passivazione Trasparente chiara Gialla
Post trattamento Lubrificata con Torque’n Tension
Norma internazionale ISO 4042
Codice Agrati Group Numero finale 36 = Zincatura trasparente chiara Numero finale 38 = Zincatura gialla
Se si desiderano rivestimenti elettrolitici differenti o altri tipi di finitura, devono
essere presi accordi tra committente e fornitore.
Difetti superficiali EN 493
ISO 261, ISO 965-2
Classe 10
Norma internazionale ISO 898-2
Norma DIN 267-15
Passo
s e m dc dw da mw c r
Codice Agrati Group
max. min. min. max. min. max min. max. min. min. min. max.
M6
M8
M10
M12
M14
1 8 7.78 8.79 6 5.7 11.8 9.8 6.75 6 3.1 1.0 0.30 MW1D00600038
1.25 10 9.78 11.05 8 7.6 14.2 12.2 8.75 8 4.5 1.1 0.36 MW1D00800038
1.5 13 12.73 14.38 10 9.6 17.9 15.8 10.80 10 5.5 1.2 0.48 MW1D01000038
1.75 16 15.73 17.77 12 11.6 21.8 19.6 13.00 12 6.7 1.5 0.60 MW1D01200038
2 18 17.73 20.03 14 13.3 26.0 23.8 15.10 14 7.8 1.8 0.72 MW1D01400038
Filettatura
d
AGRATI GROUP
ED. 2001-A
85
7
DADI SPECIALI
U
mw
m
4
0
°
d
a
d
r
Marcatura classe di
resistenza: 8 10 o altro
c
s
e
d
c
0°÷1°30’
d
w
CARATTERISTICHE E NORME DI RIFERIMENTO
Materiale Acciaio
Tolleranze
Finitura
Collaudo Per le procedure di accettazione, vedere ISO 3269
Prescrizioni
generali
Filettatura
Proprietà
meccaniche
Tolleranza 6H
Norma internazionale ISO 8992
Norma internazionale ISO 261, ISO 965-2
Classe 8 10
Norma internazionale ISO 898-2
Norma internazionale ISO 4759-1
Passo
s e m dc dw da mw c r Codice Agrati Group
max. min. min. max. min. max. min. max. min. min. min. max. Classe
Filettatura
d
M6
M8
M10
M12
M14
1 8 7.78 8.79 6 5.7 11.8 9.8 6.75 6 3.1 1.0 0.30
8 DW1B00600038
10 DW1D00600038
1.25 10 9.78 11.05 8 7.6 14.2 12.2 8.75 8 4.5 1.1 0.36
8 DW1B00800038
10 DW1D00800038
1.5 13 12.73 14.38 10 9.6 17.9 15.8 10.80 10 5.5 1.2 0.48
8 DW1B01000038
10 DW1D01000038
1.75 16 15.73 17.77 12 11.6 21.8 19.6 13.00 12 6.7 1.5 0.60
8 DW1B01200038
10 DW1D01200038
2 18 17.73 20.03 14 13.3 26.0 23.8 15.10 14 7.8 1.8 0.72
8 DW1B01400038
10 DW1D01400038
Difetti superficiali EN 493
Codice Agrati Group Numero finale 36 = Zincatura trasparente chiara Numero finale 38 = Zincatura gialla
Se si desiderano rivestimenti elettrolitici differenti o altri tipi di finitura, devono
essere presi accordi tra committente e fornitore.
Norma internazionale ISO 4042
Passivazione Trasparente chiara Gialla
Designazione A3A - Fe/Zn 8c1A A3C - Fe/Zn 8c2C
DADI ESAGONALI FLANGIATI CON CHIAVE RIDOTTA
88
7
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
DADI SPECIALI
ROMOB
Il dado con rondella è composto da un dado con uno
speciale codolo, al quale viene aggraffata una rondella
che può avere varie forme e dimensioni. La graffatura
della rondella è prevista in modo che alla stessa sia
impedito lo sfilamento e contemporaneamente non ne
venga preclusa la libera rotazione rispetto al corpo del
dado; è comunque possibile impedire la rotazione della
rondella sul corpo del dado, in caso di specifiche
necessità. Per come è concepito, il dado Romob può
essere agevolmente adattato ad ogni esigenza del
cliente: è possibile prevedere infatti l'assemblaggio di
differenti tipi di dadi con rondelle aventi le più svariate
forme e dimensioni. Nelle sue versioni standard il
Romob viene realizzato assemblando un dado esagonale
con rondelle coniche lisce a base larga (CL), a base
stretta (CS), coniche zigrinate (CZ) e piane lisce (PL); è
però tuttavia possibile utilizzare dadi autofrenanti
metallici, dadi con inserto di nylon e dadi a calotta: ciò
determina una estrema flessibilità e modulabilità del
sistema, in quanto le possibili combinazioni tra tipo di
dado e tipo di rondella, aumentano in modo
esponenziale nell'ambito della singola misura. Si viene
quindi a determinare un ventaglio di possibili soluzioni,
all'interno del quale ogni progettista può trovare la
soluzione su misura per il proprio assemblaggio. Le
caratteristiche del prodotto finito sono evidentemente
funzione dell'abbinamento dado-rondella scelto.
DESCRIZIONE PRODOTTO
89
7
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
DADI SPECIALI
ROMOB
Rondella conica larga (CL)
La conformazione della rondella, in particolare il suo
spessore e la sua freccia residua (ritorno elastico), la
fanno preferire in quei montaggi dove è utilizzata
un'elevata coppia di serraggio, in quanto per ottenere
l'appiattimento della rondella è necessario un carico
significativo. La rondella a fascia larga ha un diametro
esterno di circa tre volte il diametro di filettatura: è
quindi indicata per impieghi dove il diametro di foratura
è molto più grande del diametro nominale di filettatura
(ad es. asole ovali). In aggiunta a ciò, l'ampia superficie
di appoggio garantisce una maggiore ed uniforme
distribuzione dei carichi sul piano d'appoggio stesso.
Rondella conica stretta (CS)
Il diametro esterno, la forma geometrica e lo spessore,
sono calcolati in modo che l'appiattimento della
rondella per effetto del carico di serraggio, avvenga in
modo graduale e soprattutto senza la necessità di
applicare carichi elevati. Quanto sopra rende questa
rondella indicata per impieghi dove non sia previsto
l'uso di viti di classe 8.8 o superiori, e/o in presenza di
serraggi che per loro natura non prevedano l'impiego di
elevate coppie.
Rondella conica zigrinata (CZ)
La funzionalità di questa rondella è riconducibile al
tipo CS, con l'aggiunta di un aspetto tecnico
qualificante, rappresentato dalla corona circolare
zigrinata nella parte di contatto tra dado e rondella. A
questa zigrinatura, in aggiunta alle caratteristiche
elastiche della rondella liscia, è demandato il compito di
contrastare ulteriormente il fenomeno di svitamento
accidentale per effetto delle vibrazioni. Avendo la
rondella caratteristiche di durezza superiori a quelle del
dado, il tiro assiale che si viene a determinare per effetto
della coppia di serraggio applicata, fà si che le creste
della zigrinatura si piantino nella base del dado stesso, in
modo che, all'atto dello smontaggio, sia necessaria una
coppia di rimozione mediamente più alta di quella
applicata al serraggio.
Rondella piana liscia (PL)
Nella versione PL la rondella è di tipo piano ed è
costruita con materiale non bonificato. Si adatta quindi a
tutte quelle situazioni dove è attualmente previsto
l'impiego di una rondella di appoggio in combinazione
con un dado.
TIPI DI RONDELLE
90
7
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
DADI SPECIALI
ROMOB
Ogni tipo di dado può essere accoppiato ad ognuno dei
tipi di rondella disponibili: per ogni combinazione
dado/rondella esiste a catalogo una misura standard; su
richiesta possono essere modificati, a parità di
dimensione del dado, il diametro o addirittura la forma
della rondella: per ogni tipo di assemblaggio è quindi
possibile avere il Romob più indicato.
VERSATILITÀ E MODULABILITÀ
+
91
7
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
DADI SPECIALI
ROMOB
Il dado con rondella conica si avvita liberamente sino al
contatto con la superficie da serrare. Per effetto della
coppia applicata, si determina una deformazione di tipo
elastico sulla rondella, la quale, essendo costruita con
materiale ad alto limite di snervamento, esercita sul dado
una pressione tale da impedirne lo svitamento
accidentale dovuto a vibrazioni e/o perdite di carico nel
serraggio.
La Fig. 1 mostra il comportamento del dado Romob ed il
suo principio di funzionamento.
F - é la forza che si viene a creare sul dado e quindi sulla
rondella per effetto della coppia di serraggio applicata.
f* - é la freccia originale della rondella elastica, prima del
montaggio.
fr - è la freccia residua della rondella quando è sottoposta
ad un carico.
Fe - é la forza generata dal ritorno elastico della rondella.
Prima del serraggio, con forza F uguale a zero, sono
presenti tutti quei giochi tra vite e dado che si
determinano per effetto delle tolleranze, e che possono
essere causa di svitamenti accidentali. Dopo il serraggio
notiamo che, per effetto della forza F, la rondella tende
ad appiattirsi.
La freccia originale f* si è ridotta fino a diventare fr. La
differenza tra la freccia originale e quella residua genera,
per effetto del ritorno elastico della rondella, una forza F
che, agendo tra la superficie d'appoggio e la base del
dado, garantisce il costante contatto tra i filetti di vite e
dado sopprimendone i giochi relativi. é importante
notare che eventuali assestamenti dell'accoppiamento
filettato, purché di entità inferiore ad f* - fr, non sono in
grado di annullare la forza Fe.
PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO
f*
F=0
freccia
originale
Fe
fr
freccia
residua
PRIMA DEL
SERRAGGIO
giochi
determinati
dalle tolleranze
tra vite e dado
DOPO IL
SERRAGGIO
soppressione
del gioco tra
vite e dado
carico generato
dal ritorno elastico
della rondella
F=CARICO
Fig.1
92
7
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
DADI SPECIALI
ROMOB
- Il dado è autobloccante.
- E' assicurato che, all'atto del montaggio, la rondella
sia sempre presente in quanto incorporata al dado, e
quindi non soggetta a dimenticanze di posa da parte
dell'operatore.
- Su materiali leggeri quali alluminio, plastica, gomma
o su parti verniciate, il dado Romob preserva
l'integrità delle superfici in quanto la rondella non
ruota all'atto del serraggio (Fig. 2).
- Il fatto che le rotazioni relative durante il serraggio
avvengano solo tra dado e rondella, garantisce inoltre
che lo scorrimento avvenga tra due superfici
perfettamente complanari, con il risultato di
mantenere costante il coefficiente d'attrito e, di
conseguenza, il rapporto coppia/tiro (Fig. 3).
- I montaggi rovesciati, notoriamente i più critici, sono
notevolmente facilitati in quanto l'operatore non deve
preoccuparsi di trattenere in posizione la rondella
sciolta (Fig. 4).
- L'utilizzo del Romob è particolarmente indicato nei
montaggi automatizzati: le linee automatiche di
assemblaggio possono essere infatti dotate di un
unico alimentatore sia per il dado che per la
rondella; inoltre per la sua geometria risulta di facile
orientamento nei di sistemi di alimentazione
automatica (Es. vibratori).
CARATTERISTICHE TECNICHE
VITE
DADO
ROMOB
asse di
rotazione
rotazione
applicata
al dado
a contatto
la rondella
si blocca
superficie delicata
(alluminio/ottone)
DADO
(in rotazione)
area di
contatto
RONDELLA (ferma)
SEZIONE
DADO
NORMALE
ROMOB
PEZZO
RONDELLA
MONTAGGI ROVESCIATI
Fig.2
Fig.3
Fig.4
93
7
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
DADI SPECIALI
ROMOB
- Permette l'approvvigionamento di un solo pezzo
anziché due (dado e rosetta), con risparmio di costi di
gestione per tutti gli enti aziendali interessati (acquisti,
controllo qualità, logistica, contabilità).
- Evita il montaggio della rondella con conseguente
notevole riduzione dei costi di assemblaggio.
- Elimina la necessità di verificare la presenza della
rosetta e la sua integrità ad assemblaggio effettuato.
- Permette la riduzione pezzi da gestire a ricambio.
VANTAGGI ECONOMICI
94
7
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
DADI SPECIALI
DADI ESAGONALI
CON RONDELLA MOBILE CONICA STRETTA
ROMOB CS
h
m
d
c
s
e
c
c
d
8
1
U
CARATTERISTICHE E NORME DI RIFERIMENTO
Materiale
Tolleranze
Finitura
Collaudo
Prescrizioni
generali
Filettatura
Proprietà
meccaniche
Tolleranza
Norma internazionale
Norma internazionale
Classe
Durezza
Norma internazionale
Difetti superficiali
Norma
Codice Agrati Group
Passivazione
Designazione
Norma internazionale
Dado Rondella
Acciaio C60 - C67 DIN 17222
ISO 8992 -
6H -
ISO 261, ISO 965-2 -
8 -
- HV 420 – 490
ISO 898-2 -
ISO 4759-1 -
A3C - Fe/Zn 8c2C Zincatura meccanica Fe/MZn 8c2C
Gialla Gialla
ISO 4042 UNI 3740-6
Numero finale 36 = Zincatura trasparente chiara Numero finale 38 = Zincatura gialla
Se si desiderano rivestimenti elettrolitici differenti o altri tipi di finitura, devono
essere presi accordi tra committente e fornitore.
EN 493 -
Per le procedure di accettazione, vedere ISO 3269
95
7
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
DADI SPECIALI
DADI ESAGONALI
CON RONDELLA MOBILE CONICA STRETTA
ROMOB CS
Passo
s e h dc m
c
1
c Classe - Finitura
Codice
max. min. min. max. max. max. min. Agrati Group
M6
M6
M8
M8
M8
M8
M10
M10
M10
M12
1 10.00 9.78 11.05 5.40 18 4.00 3.70 1.40 1.10 Classe 04 ISO 898-2 RS1BA0605338
1 10.00 9.78 11.05 6.90 15 5.00 4.70 1.70 1.00 Lubrif. Torque’n Tension RS1BB0607038
1.25 13.00 12.73 14.38 6.60 16 5.00 4.70 1.50 0.70
Classe 04 ISO 898-2
RS1BA0806338
Lubrif. Torque’n Tension
1.25 13.00 12.73 14.38 9.20 18 6.50 6.14 2.50 1.80 RS1AA0809238
1.25 13.00 12.73 14.38 10.00 28 6.50 6.14 3.20 2.00
Rondella con finitura
RS1BC0810038
Dacromet 320A
1.25 13.00 12.73 14.38 9.30 18 6.80 6.44 2.50 1.80 Classe 10 ISO 898-2 RS1DA0810038
1.25 17.00 16.73 18.90 11.50 22 8.00 7.64 3.00 1.60 Classe 8 DIN 267-4 RK2B01000038
1.25 17.00 16.73 18.90 11.00 22 8.00 7.64 3.00 1.60
Classe 8 DIN 267-4
RS2BA1010046
Finitura. Dacromet 320A
1.25 17.00 16.73 18.90 11.50 22 8.00 7.64 3.00 1.60 Classe 10 ISO 898-6 RS2DA1011038
1.25 18.00 17.73 20.03 11.50 23 8.50 8.14 3.20 2.50
Classe 05 ISO 898-6
RS2DA1211536
Dado zincato Fe/Zn 8c1A
Rond. zincata Fe/MZn 8c1A
Filettatura
d
VARIANTI
Passo
s e h dc m
c
1
c
Codice
max. min. min. max. max. max. min. Agrati Group
M4
M5
M6
M8
M10
0.7 7.00 6.78 7.66 4.70 10 3.20 2.90 1.30 0.80 RK1B00400038
0.8 8.00 7.78 8.79 5.80 12 4.00 3.70 1.60 0.90 RK1B00500038
1 10.00 9.78 11.05 7.00 14 5.00 4.70 1.70 1.00 RK1B00600038
1.25 13.00 12.73 14.38 9.00 18 6.50 6.14 2.20 1.40 RK1B00800038
1.5 17.00 16.73 18.90 11.50 22 8.00 7.64 3.00 1.60 RK1B01000038
Filettatura
d
96
7
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
DADI SPECIALI
DADI ESAGONALI AUTOFRENANTI CON INSERTO NON
METALLICO E CON RONDELLA MOBILE CONICA STRETTA
ROMOB CS-N
Passo
s e h dc m
c
1
c
Codice
max. min. min. max. max. max. min. Agrati Group
M6
M8
M10
1 10.00 9.78 11.05 8.50 14 6.50 6.14 1.70 1.00 RN1B00600038
1.25 13.00 12.73 14.38 11.00 18 8.50 8.14 2.20 1.40 RN1B00800038
1.5 16.00 15.73 17.77 14.00 22 10.50 10.07 3.00 1.60 RN1B01000038
Filettatura
d
s
e
d
c
h
m
c
c
1
d
Passo
s e h dc m
c
1
c Classe - Finitura
Codice
max. min. min. max. max. max. min. Agrati Group
M8
M8
M8
M10
1.25 13.00 12.73 14.38 10.00 19 8.00 7.64 1.80 0.80
Dado zincato Fe/Zn 8c1A
RS1BA0810036
Rondella brunita
1.25 13.00 12.73 14.38 11.40 28 8.00 7.64 3.20 1.50 Rondella brunita RS1BA0811538
1.25 13.00 12.73 14.38 11.40 28 8.00 7.64 3.20 2.00 Rondella brunita RS1BB0811538
1.25 16.00 15.73 17.77 14.00 22 10.50 10.07 3.00 1.60 Classe 8 DIN 267-4 RN2B01000038
Filettatura
d
VARIANTI
Materiale
Carichi di serraggio
e momenti frenanti
Finitura
Collaudo
Tolleranze
Prescrizioni
generali
Filettatura
Proprietà
meccaniche
Tolleranza
Norma internazionale
Norma internazionale
Corpo del dado
Inserto
Norma internazionale
Difetti superficiali
Norma
Codice Agrati Group
Passivazione
Designazione
Norma internazionale
Durezza
Classe
Norma
Dado Rondella
Acciaio
C60 - C67 DIN 17222
Poliammide 6.6 giallo
ISO 8992 -
6H -
ISO 261, ISO 965-2 -
8 -
- HV 420 – 490
ISO 898-2 -
DIN 267-15 -
ISO 4759-1 -
A3C - Fe/Zn 8c2C Zincatura meccanica Fe/MZn 8c2C
Gialla Gialla
ISO 4042 UNI 3740-6
Numero finale 36 = Zincatura trasparente chiara Numero finale 38 = Zincatura gialla
Se si desiderano rivestimenti elettrolitici differenti o altri tipi di finitura, devono
essere presi accordi tra committente e fornitore.
EN 493 -
Per le procedure di accettazione, vedere ISO 3269
CARATTERISTICHE E NORME DI RIFERIMENTO
98
7
DADI SPECIALI
DADI ESAGONALI
CON RONDELLA MOBILE CONICA LARGA
ROMOB CL
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
Passo
s e h dc m
c
1
c
Codice
max. min. min. max. max. max. min. Agrati Group
M4
M5
M6
M8
M10
0.7 7.00 6.78 7.66 4.90 12 3.20 2.90 1.70 1.00 RM1B00400038
0.8 8.00 7.78 8.79 6.00 15 4.00 3.70 2.00 1.20 RM1B00500038
1 10.00 9.78 11.05 7.50 18 5.00 4.70 2.50 1.50 RM1B00600038
1.25 13.00 12.73 14.38 9.70 23 6.50 6.14 3.20 2.00 RM1B00800038
1.5 17.00 16.73 18.90 12.00 28 8.00 7.64 4.00 2.50 RM1B01000038
Filettatura
d
Passo
s e h dc m
c
1
c Classe - Finitura
Codice
max. min. min. max. max. max. min. Agrati Group
M6
M10
1 10.00 9.78 11.05 7.50 21 5.00 4.70 2.50 1.50
Dado zincato Fe/Zn 8c1A
Rond. zincata Fe/MZn 8c1A
RM1BB0607536
1.25 17.00 16.73 18.90 12.00 28 8.00 7.64 4.00 2.50 Classe 8 DIN267-4 RM2B01000038
Filettatura
d
VARIANTI
Materiale
Finitura
Collaudo
Tolleranze
Prescrizioni
generali
Filettatura
Proprietà
meccaniche
Tolleranza
Norma internazionale
Norma internazionale
Norma internazionale
Difetti superficiali
Norma
Codice Agrati Group
Passivazione
Designazione
Norma internazionale
Durezza
Classe
CARATTERISTICHE E NORME DI RIFERIMENTO
d
c
h
s
e
c
c
m
U
8
1
d
Dado Rondella
Acciaio C60 – C67 DIN 17222
ISO 8992 -
6H -
ISO 261, ISO 965-2 -
8 -
- HV 420 – 490
ISO 898-2 -
ISO 4759-1 -
A3C - Fe/Zn 8c2C Zincatura meccanica Fe/MZn 8c2C
Gialla Gialla
ISO 4042 UNI 3740-6
Numero finale 36 = Zincatura trasparente chiara Numero finale 38 = Zincatura gialla
Se si desiderano rivestimenti elettrolitici differenti o altri tipi di finitura, devono
essere presi accordi tra committente e fornitore.
EN 493 -
Per le procedure di accettazione, vedere ISO 3269
99
7
DADI SPECIALI
DADI ESAGONALI AUTOFRENANTI CON INSERTO NON
METALLICO E CON RONDELLA MOBILE CONICA LARGA
ROMOB CL-N
ED. 2001-A
m
h
d
c
s
e
c
c
1
d
Passo
s e h dc m
c
1
c
Codice
max. min. min. max. max. max. min. Agrati Group
M6
M8
M10
1 10.00 9.78 11.05 9.40 18 6.50 6.14 2.50 1.50 RV1B00600038
1.25 13.00 12.73 14.38 12.00 23 8.50 8.14 3.20 2.00 RV1B00800038
1.5 16.00 15.73 17.77 15.00 28 10.50 10.07 4.00 2.50 RV1B01000038
Filettatura
d
Passo
s e h dc m
c
1
c Classe - Finitura
Codice
max. min. min. max. max. max. min. Agrati Group
M8
M10
1.25 13.00 12.73 14.38 11.50 23 8.00 7.64 3.20 2.00 Finitura Deltacoll RS1BC0811077
1.25 16.00 15.73 17.77 15.00 28 10.50 10.07 4.00 2.50 Classe 8 DIN267-4 RV2B01000038
VARIANTI
Materiale
Carichi di serraggio
e momenti frenanti
Finitura
Collaudo
Tolleranze
Prescrizioni
generali
Filettatura
Proprietà
meccaniche
Tolleranza
Norma internazionale
Norma internazionale
Corpo del dado
Inserto
Norma internazionale
Difetti superficiali
Norma
Codice Agrati Group
Passivazione
Designazione
Norma internazionale
Durezza
Classe
Norma
Dado Rondella
Acciaio
C60 - C67 DIN 17222
Poliammide 6.6 giallo
ISO 8992 -
6H -
ISO 261, ISO 965-2 -
8 -
- HV 420 – 490
ISO 898-2 -
DIN 267-15 -
ISO 4759-1 -
A3C - Fe/Zn 8c2C Zincatura meccanica Fe/MZn 8c2C
Gialla Gialla
ISO 4042 UNI 3740-6
Numero finale 36 = Zincatura trasparente chiara Numero finale 38 = Zincatura gialla
Se si desiderano rivestimenti elettrolitici differenti o altri tipi di finitura, devono
essere presi accordi tra committente e fornitore.
EN 493 -
Per le procedure di accettazione, vedere ISO 3269
CARATTERISTICHE E NORME DI RIFERIMENTO
Filettatura
d
AGRATI GROUP
100
7
DADI SPECIALI
DADI ESAGONALI AUTOFRENANTI INTERAMENTE
METALLICI CON RONDELLA MOBILE CONICA LARGA
ROMOB CL-M
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
d
c
h
s
e
c
Zona deformata per la
realizzazione dei momenti frenanti
U
8
c
1
m
d
Passo
s e h dc m
c
1
c
Codice
max. min. min. max. max. max. min. Agrati Group
M5
M6
M8
M10
0.8 8.00 7.78 8.79 6.20 15 4.00 3.70 2.00 1.20 RU1B00500038
1 10.00 9.78 11.05 7.80 18 5.00 4.70 2.50 1.50 RU1B00600038
1.25 13.00 12.73 14.38 10.00 23 6.50 6.14 3.20 2.00 RU1B00800038
1.5 17.00 16.73 18.90 12.20 28 8.00 7.65 4.00 2.50 RU1B01000038
Filettatura
d
Passo
s e h dc m
c
1
c Classe - Finitura
Codice
max. min. min. max. max. max. min. Agrati Group
M10 1.25 17.00 16.73 18.90 12.20 28 8.00 7.65 4.00 2.50 Classe 8 DIN267-4 RU2B01000038
Filettatura
d
VARIANTI
Materiale
Carichi di serraggio
e momenti frenanti
Finitura
Collaudo
Tolleranze
Prescrizioni
generali
Filettatura
Proprietà
meccaniche
Tolleranza
Norma internazionale
Norma internazionale
Norma internazionale
Difetti superficiali
Post trattamento
Norma
Codice Agrati Group
Passivazione
Designazione
Norma internazionale
Durezza
Classe
Norma
CARATTERISTICHE E NORME DI RIFERIMENTO
Dado Rondella
Acciaio C60 - C67 DIN 17222
ISO 8992 -
6H -
ISO 261, ISO 965-2 -
8 -
- HV 420 – 490
ISO 898-2 -
DIN 267-15 -
ISO 4759-1 -
A3C - Fe/Zn 8c2C Zincatura meccanica Fe/MZn 8c2C
Gialla Gialla
Lubrificata con Torque’n Tension
ISO 4042 UNI 3740-6
Numero finale 36 = Zincatura trasparente chiara Numero finale 38 = Zincatura gialla
Se si desiderano rivestimenti elettrolitici differenti o altri tipi di finitura, devono
essere presi accordi tra committente e fornitore.
EN 493 -
Per le procedure di accettazione, vedere ISO 3269
101
7
DADI SPECIALI
DADI ESAGONALI AUTOFRENANTI
CON INSERTO A CALOTTA SFERICA NON METALLICO
E CON RONDELLA MOBILE CONICA
ROMOB CL-C
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
r
V min
W max
h
s
e
d
c
c
2
1
1)
1) Zona in cui deve essere
posizionata l’estremita’ della vite
c
d
mw
Passo
s e mw h
2
dc
c c
1
r
V W Codice
max. min. min. min. max. max. min. max. Agrati Group
M6
M8
1 10.00 9.78 11.05 3.30 15.80 18 1.50 2.50 3.00 10 12 RR1B00600038
1.25 13.00 12.73 14.38 4.40 18.50 23 2.00 3.20 4.50 12 14 RR1B00800038
Filettatura
d
Materiale
Carichi di serraggio
e momenti frenanti
Finitura
Collaudo
Tolleranze
Prescrizioni
generali
Filettatura
Proprietà
meccaniche
Tolleranza
Norma internazionale
Norma internazionale
Corpo del dado
Calotta-Inserto
Norma internazionale
Difetti superficiali
Norma
Codice Agrati Group
Passivazione
Designazione
Norma internazionale
Durezza
Classe
Norma
Dado Rondella
Acciaio
C60 - C67 DIN 17222
Poliammide 6.6 nero
ISO 8992 -
6H -
ISO 261, ISO 965-2 -
8 -
- HV 420 – 490
ISO 898-2 -
DIN 267-15 -
ISO 4759-1 -
A3C - Fe/Zn 8c2C Zincatura meccanica Fe/MZn 8c2C
Gialla Gialla
ISO 4042 UNI 3740-6
Numero finale 36 = Zincatura trasparente chiara Numero finale 38 = Zincatura gialla
Se si desiderano rivestimenti elettrolitici differenti o altri tipi di finitura, devono
essere presi accordi tra committente e fornitore.
EN 493 -
Per le procedure di accettazione, vedere ISO 3269
CARATTERISTICHE E NORME DI RIFERIMENTO
102
7
DADI SPECIALI
DADI ESAGONALI
CON RONDELLA MOBILE CONICA ZIGRINATA
ROMOB CZ
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
h
m
d
c
s
e
c
c
1
8
U
d
Passo
s e h dc m
c
1
c
Codice
max. min. min. max. max. max. min. Agrati Group
M4
M5
M6
M8
M10
0.7 7.00 6.78 7.66 4.80 10 3.20 2.90 1.30 0.80 RW1B00400038
0.8 8.00 7.78 8.79 5.80 12 4.00 3.70 1.60 1.00 RW1B00500038
1 10.00 9.78 11.05 7.00 14 5.00 4.70 1.70 1.00 RW1B00600038
1.25 13.00 12.73 14.38 9.00 18 6.50 6.14 2.20 1.40 RW1B00800038
1.5 17.00 16.73 18.90 11.00 22 8.00 7.64 2.50 1.60 RW1B01000038
Filettatura
d
Passo
s e h dc m
c
1
c Classe - Finitura
Codice
max. min. min. max. max. max. min. Agrati Group
M4
M5 SX
M10
0.7 7.00 6.78 7.66 4.80 11 3.20 2.90 1.30 0.80 RS1BA0404541
0.8 8.00 7.78 8.79 5.20 12 3.50 3.20 1.70 1.00
Filetto sinistro
Classe 04 ISO 898-2
RS1BA0505838
1.25 17.00 16.73 18.90 11.00 22 8.00 7.64 2.50 1.60 Classe 8 DIN 267-4 RW2B01000038
Filettatura
d
VARIANTI
Materiale
Finitura
Collaudo
Tolleranze
Prescrizioni
generali
Filettatura
Proprietà
meccaniche
Tolleranza
Norma internazionale
Norma internazionale
Norma internazionale
Difetti superficiali
Norma
Codice Agrati Group
Passivazione
Designazione
Norma internazionale
Durezza
Classe
CARATTERISTICHE E NORME DI RIFERIMENTO
Dado Rondella
Acciaio C60 - C67 DIN 17222
ISO 8992 -
6H -
ISO 261, ISO 965-2 -
8 -
- HV 420 – 490
ISO 898-2 -
ISO 4759-1 -
A3C - Fe/Zn 8c2C Zincatura meccanica Fe/MZn 8c2C
Gialla Gialla
ISO 4042 UNI 3740-6
Numero finale 36 = Zincatura trasparente chiara Numero finale 38 = Zincatura gialla
Se si desiderano rivestimenti elettrolitici differenti o altri tipi di finitura, devono
essere presi accordi tra committente e fornitore.
EN 493 -
Per le procedure di accettazione, vedere ISO 3269
103
7
DADI SPECIALI
DADI ESAGONALI AUTOFRENANTI CON INSERTO NON
METALLICO E CON RONDELLA MOBILE CONICA ZIGRINATA
ROMOB CZ-N
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
s
e
d
c
h
m
c
c
1
d
Passo
s e h dc m
c
1
c
Codice
max. min. min. max. max. max. min. Agrati Group
M6
M8
M10
1 10.00 9.78 11.05 8.50 14 6.50 6.14 1.70 1.00 RZ1B00600038
1.25 13.00 12.73 14.38 11.00 18 8.50 8.14 2.20 1.40 RZ1B00800038
1.5 16.00 15.73 17.77 13.50 22 10.50 10.07 2.50 1.60 RZ1B01000038
Filettatura
d
Passo
s e h dc m
c
1
c Classe - Finitura
Codice
max. min. min. max. max. max. min. Agrati Group
M10 1.25 16.00 15.73 17.77 13.50 22 10.50 10.07 2.50 1.60 Classe 8 DIN267-4 RZ2B01000038
Filettatura
d
VARIANTI
Materiale
Carichi di serraggio
e momenti frenanti
Finitura
Collaudo
Tolleranze
Prescrizioni
generali
Filettatura
Proprietà
meccaniche
Tolleranza
Norma internazionale
Norma internazionale
Corpo del dado
Inserto
Norma internazionale
Difetti superficiali
Norma
Codice Agrati Group
Passivazione
Designazione
Norma internazionale
Durezza
Classe
Norma
Dado Rondella
Acciaio
C60 - C67 DIN 17222
Poliammide 6.6 giallo
ISO 8992 -
6H -
ISO 261, ISO 965-2 -
8 -
- HV 420 – 490
ISO 898-2 -
DIN 267-15 -
ISO 4759-1 -
A3C - Fe/Zn 8c2C Zincatura meccanica Fe/MZn 8c2C
Gialla Gialla
ISO 4042 UNI 3740-6
Numero finale 36 = Zincatura trasparente chiara Numero finale 38 = Zincatura gialla
Se si desiderano rivestimenti elettrolitici differenti o altri tipi di finitura, devono
essere presi accordi tra committente e fornitore.
EN 493 -
Per le procedure di accettazione, vedere ISO 3269
CARATTERISTICHE E NORME DI RIFERIMENTO
104
7
DADI SPECIALI
DADI ESAGONALI AUTOFRENANTI INTERAMENTE
METALLICI CON RONDELLA MOBILE CONICA ZIGRINATA
ROMOB CZ-M
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
Passo
s e h dc m
c
1
c
Codice
max. min. min. max. max. max. min. Agrati Group
M5
M6
M8
M10
0.8 8.00 7.78 8.79 5.80 12 4.00 3.70 1.60 0.90 RY1B00500038
1 10.00 9.78 11.05 7.00 14 5.00 4.70 1.70 1.00 RY1B00600038
1.25 13.00 12.73 14.38 9.00 18 6.50 6.14 2.20 1.40 RY1B00800038
1.5 17.00 16.73 18.90 11.00 22 8.00 7.64 2.50 1.60 RY1B01000038
Filettatura
d
M8
M10
1.25 13.00 12.73 14.38 10.00 28 6.50 6.14 3.50 2.00 Rondella naturale RY1BA0810038
1.25 17.00 16.73 18.90 11.00 22 8.00 7.64 2.50 1.60 Classe 8 DIN267-4 RY2B01000038
Filettatura
d
VARIANTI
h
m
d
c
s
e
c
c
Zona deformata per
la realizzazione dei momenti frenanti
1
8
U
d
Passo
s e h dc m
c
1
c Classe - Finitura
Codice
max. min. min. max. max. max. min. Agrati Group
Materiale
Carichi di serraggio
e momenti frenanti
Finitura
Collaudo
Tolleranze
Prescrizioni
generali
Filettatura
Proprietà
meccaniche
Tolleranza
Norma internazionale
Norma internazionale
Norma internazionale
Difetti superficiali
Post trattamento
Norma
Codice Agrati Group
Passivazione
Designazione
Norma internazionale
Durezza
Classe
Norma
CARATTERISTICHE E NORME DI RIFERIMENTO
Dado Rondella
Acciaio C60 - C67 DIN 17222
ISO 8992 -
6H -
ISO 261, ISO 965-2 -
8 -
- HV 420 – 490
ISO 898-2 -
DIN 267-15 -
ISO 4759-1 -
A3C - Fe/Zn 8c2C Zincatura meccanica Fe/MZn 8c2C
Gialla Gialla
Lubrificata con Torque’n Tension
ISO 4042 UNI 3740-6
Numero finale 36 = Zincatura trasparente chiara Numero finale 38 = Zincatura gialla
Se si desiderano rivestimenti elettrolitici differenti o altri tipi di finitura, devono
essere presi accordi tra committente e fornitore.
EN 493 -
Per le procedure di accettazione, vedere ISO 3269
106
7
DADI SPECIALI
DADI ESAGONALI CON RONDELLA MOBILE PIANA
ROMOB PL
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
m
s
e
h
d
c
c
U
8
d
Materiale
Finitura
Collaudo
Tolleranze
Prescrizioni
generali
Filettatura
Proprietà
meccaniche
Tolleranza
Norma internazionale
Norma internazionale
Norma internazionale
Difetti superficiali
Norma
Codice Agrati Group
Passivazione
Designazione
Norma internazionale
Classe
CARATTERISTICHE E NORME DI RIFERIMENTO
Dado Rondella
Acciaio St 2 K60 DIN 1624
ISO 8992 -
6H -
ISO 261, ISO 965-2 -
8 -
ISO 898-2 -
ISO 4759-1 ISO 4759-3
A3C - Fe/Zn 8c2C A3C - Fe/Zn 8c2C
Gialla Gialla
ISO 4042 ISO 4042
Numero finale 36 = Zincatura trasparente chiara Numero finale 38 = Zincatura gialla
Se si desiderano rivestimenti elettrolitici differenti o altri tipi di finitura, devono
essere presi accordi tra committente e fornitore.
EN 493 -
Per le procedure di accettazione, vedere ISO 3269
107
7
DADI SPECIALI
DADI ESAGONALI CON RONDELLA MOBILE PIANA
ROMOB PL
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
Passo
s e h dc m
c
Codice
max. min. min. max. max. max. min. Agrati Group
M4
M5
M6
M8
M10
0.7 7.00 6.78 7.66 4.40 10 3.20 2.90 0.90 RG1B00400038
0.8 8.00 7.78 8.79 5.40 11 4.00 3.70 1.00 RG1B00500038
1 10.00 9.78 11.05 6.80 14 5.00 4.70 1.40 RG1B00600038
1.25 13.00 12.73 14.38 8.50 18 6.50 6.14 1.50 RG1B00800038
1.5 17.00 16.73 18.90 10.50 22 8.00 7.64 2.00 RG1B01000038
Filettatura
d
0.8 8.00 7.78 8.79 5.00 11 4.00 3.70 1.00 RS1BB0505038
0.8 8.00 7.78 8.79 5.00 13 4.00 3.70 1.00 RS1BC0505041
0.8 8.00 7.78 8.79 5.50 13 4.00 3.70 1.50 Lubrif. Torque’n Tension RS1BA0504038
Classe 10 ISO 898-2
0.8 8.00 7.78 8.79 5.50 13 4.00 3.70 1.50
Lubrif. Torque’n Tension
RS1DA0504038
1 10.00 9.78 11.05 7.00 24 4.90 4.60 1.60
Finitura Zinco Ferro Nero
Lubrif. Torque’n Tension
RG1BA0607085
1 10.00 9.78 11.05 6.40 17 5.00 4.70 1.40
Mat. rondella C60 Fe/MZn 8c2C
Lubrif. Torque’n Tension
RS1BA0606438
1 10.00 9.78 11.05 6.50 20 5.00 4.70 1.50 Lubrif. Torque’n Tension RS1BA0606738
1 10.00 9.78 11.05 6.50 14 5.00 4.70 1.50 Lubrif. Torque’n Tension RS1BB0606538
1.25 13.00 12.73 14.38 8.40 17 6.80 6.44 1.60
Finitura Fe/Zn 8c1A
Lubrif. Torque’n Tension
RS1BA0808432
1.25 13.00 12.73 14.38 8.40 16 6.80 6.44 1.60 RS1BB0808438
1.25 13.00 12.73 14.38 7.20 18 5.50 5.20 1.50
Classe 05 ISO 898-2
Finitura Dacromet 320B
Lubrif. Torque’n Tension Verde
RS1DA0807267
1.25 17.00 16.73 18.90 10.50 22 8.00 7.64 2.20 Classe 8 DIN267-4 RG2B01000038
1.5 16.00 15.73 17.77 11.50 25 8.50 8.14 3.00
Classe 10 ISO 898-2
Finitura Dacromet 320B
Lubrif. Torque’n Tension Verde
RS1DA1011667
VARIANTI
Passo
s e h dc m
c Classe - Finitura
Codice
max. min. min. max. max. max. min. Agrati Group
M5
M5
M5
M5
M6
M6
M6
M6
M8
M8
M8
M10
M10
Filettatura
d
108
7
DADI SPECIALI
DADI ESAGONALI AUTOFRENANTI CON INSERTO
NON METALLICO E CON RONDELLA MOBILE PIANA
ROMOB PL-N
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
m
s
e
h
c
d
c
d
Passo
s e h dc m
c
Codice
max. min. min. max. max. max. min. Agrati Group
M6
M8
M10
1 10.00 9.78 11.05 8.40 14 6.50 6.14 1.40 RJ1B00600038
1.25 13.00 12.73 14.38 10.50 18 8.50 8.14 1.50 RJ1B00800038
1.5 16.00 15.73 17.77 13.00 22 10.50 10.07 2.00 RJ1B01000038
Filettatura
d
0.8 8.00 7.78 8.79 5.50 13 4.50 4.20 1.00 Protez. Fe/Zn 8c1A RS1BD0505036
1 10.00 9.78 11.05 10.00 24 6.50 6.14 2.20 RS1BA0610038
1 10.00 9.78 11.05 8.20 20 6.50 6.14 1.50 Lubrif. Torque’n Tension RS1BA0608238
1 10.00 9.78 11.05 8.20 17 6.50 6.14 1.50 RS1BB0608238
1.25 16.00 15.73 17.77 13.00 22 10.50 10.07 2.00 Classe 8 DIN 267-4 RJ2B01000038
VARIANTI
Passo
s e h dc m
c Classe - Finitura
Codice
max. min. min. max. max. max. min. Agrati Group
M5
M6
M6
M6
M10
Filettatura
d
Materiale
Carichi di serraggio
e momenti frenanti
Finitura
Collaudo
Tolleranze
Prescrizioni
generali
Filettatura
Proprietà
meccaniche
Tolleranza
Norma internazionale
Norma internazionale
Corpo del dado
Inserto
Norma internazionale
Difetti superficiali
Norma internazionale
Codice Agrati Group
Passivazione
Designazione
Norma internazionale
Classe
Norma
Dado Rondella
Acciaio
St 2 K60 DIN 1624
Poliammide 6.6 giallo
ISO 8992 -
6H -
ISO 261, ISO 965-2 -
8 -
ISO 898-2 -
DIN 267-15 -
ISO 4759-1 ISO 4759-3
A3C - Fe/Zn 8c2C A3C - Fe/Zn 8c2C
Gialla Gialla
ISO 4042 ISO 4042
Numero finale 36 = Zincatura trasparente chiara Numero finale 38 = Zincatura gialla
Se si desiderano rivestimenti elettrolitici differenti o altri tipi di finitura, devono
essere presi accordi tra committente e fornitore.
EN 493 -
Per le procedure di accettazione, vedere ISO 3269
CARATTERISTICHE E NORME DI RIFERIMENTO
109
7
DADI SPECIALI
DADI ESAGONALI AUTOFRENANTI INTERAMENTE
METALLICI CON RONDELLA MOBILE PIANA
ROMOB PL-M
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
1 10.00 9.78 11.05 6.70 20 5.00 4.70 1.60 RQ1BA0606738
1.25 13.00 12.73 14.38 10.00 24 7.50 7.14 2.50 Protezione Dorrltech RS1BB0810383
1.5 16.00 15.73 17.77 11.00 25 8.00 7.64 3.00 RQ1BA1011038
1.25 16.00 15.73 17.77 11.00 25 8.00 7.64 3.00 Classe 10 ISO 898-6 RQ2DA1011038
Passo
s e h dc m
c Classe - Finitura
Codice
max. min. min. max. max. max. min. Agrati Group
M6
M8
M10
M10
Filettatura
d
Materiale
Carichi di serraggio
e momenti frenanti
Finitura
Collaudo
Tolleranze
Prescrizioni
generali
Filettatura
Proprietà
meccaniche
Tolleranza
Norma internazionale
Norma internazionale
Norma internazionale
Difetti superficiali
Post trattamento
Norma internazionale
Codice Agrati Group
Passivazione
Designazione
Norma internazionale
Classe
Norma
CARATTERISTICHE E NORME DI RIFERIMENTO
Dado Rondella
Acciaio St 2 K 60 DIN 1624
ISO 8992 -
6H -
ISO 261, ISO 965-2 -
8 -
ISO 898-2 -
DIN 267-15 -
ISO 4759-1 ISO 4759-3
A3C - Fe/Zn 8c2C A3C - Fe/Zn 8c2C
Gialla Gialla
Lubrificata con Torque’n Tension
ISO 4042 ISO 4042
Numero finale 36 = Zincatura trasparente chiara Numero finale 38 = Zincatura gialla
Se si desiderano rivestimenti elettrolitici differenti o altri tipi di finitura, devono
essere presi accordi tra committente e fornitore.
EN 493 -
Per le procedure di accettazione, vedere ISO 3269
m
s
e
h
d
c
c
Zona deformata per
la realizzazione dei momenti frenanti
d
U
8
Passo
s e h dc m
c
Codice
max. min. min. max. max. max. min. Agrati Group
M5
M6
M8
M10
0.8 8.00 7.78 8.79 5.40 11 4.00 3.70 1.00 RQ1B00500038
1 10.00 9.78 11.05 6.80 14 5.00 4.70 1.40 RQ1B00600038
1.25 13.00 12.73 14.38 8.50 18 6.50 6.14 1.50 RQ1B00800038
1.5 17.00 16.73 18.90 10.50 22 8.00 7.64 2.00 RQ1B01000038
Filettatura
d
VARIANTI
110
7
DADI SPECIALI
DADI ESAGONALI AUTOFRENANTI
CON INSERTO A CALOTTA SFERICA NON METALLICO
E CON RONDELLA MOBILE PIANA
ROMOB PL-C
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
r
s
e
d
c
h
c
2
V min
W max
1)
1) Zona in cui deve essere
posizionata l’estremita’ della vite
d
mw
Passo
s e mw h
2
dc
c r
V W Codice
max. min. min. min. max. max. min. max. Agrati Group
M6
M8
1 10.00 9.78 11.05 3.30 14.50 14 1.40 3.00 9.00 11.00 RH1B00600038
1.25 13.00 12.73 14.38 4.40 16.80 18 1.50 4.50 10.50 12.50 RH1B00800038
Filettatura
d
Materiale
Carichi di serraggio
e momenti frenanti
Finitura
Collaudo
Tolleranze
Prescrizioni
generali
Filettatura
Proprietà
meccaniche
Tolleranza
Norma internazionale
Norma internazionale
Corpo del dado
Calotta-Inserto
Norma internazionale
Difetti superficiali
Norma internazionale
Codice Agrati Group
Passivazione
Designazione
Norma internazionale
Classe
Norma
Acciaio
St 2 K60 DIN 1624
Poliammide 6.6 nero
ISO 8992 -
6H -
ISO 261, ISO 965-2 -
8 -
ISO 898-2 -
DIN 267-15 -
ISO 4759-1 ISO 4759-3
A3C - Fe/Zn 8c2C A3C - Fe/Zn 8c2C
Gialla Gialla
ISO 4042 ISO 4042
Numero finale 36 = Zincatura trasparente chiara Numero finale 38 = Zincatura gialla
Se si desiderano rivestimenti elettrolitici differenti o altri tipi di finitura, devono
essere presi accordi tra committente e fornitore.
EN 493 -
Per le procedure di accettazione, vedere ISO 3269
CARATTERISTICHE E NORME DI RIFERIMENTO
Dado Rondella
111
7
DADI SPECIALI
DADI ESAGONALI AUTOFRENANTI E AUTOPULENTI
INTERAMENTE METALLICI CON RONDELLA MOBILE PIANA
ROMOB PL-M Autopulenti
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
s
d
c
m
h
t
c
Zona deformata per
la realizzazione dei momenti frenanti
e
U
8
d
Passo
s e h dc m
t c Classe - Finitura
Codice
max. min. min. max. max. max. min. Agrati Group
M6
M8
M10
1 10.00 9.78 11.05 7.00 17 5.00 4.70 1.50 1.50 RS1BA0606538
1 10.00 9.78 11.05 7.00 14 5.00 4.70 1.50 1.50 RS1BC0606538
1 10.00 9.78 11.05 7.00 14 5.00 4.70 1.50 1.50 Classe 6 ISO 898-2 RS1BD0606538
Filettatura
d
Materiale
Carichi di serraggio
e momenti frenanti
Finitura
Collaudo
Tolleranze
Prescrizioni
generali
Filettatura
Proprietà
meccaniche
Tolleranza
Norma internazionale
Norma internazionale
Norma internazionale
Difetti superficiali
Post trattamento
Norma internazionale
Codice Agrati Group
Passivazione
Designazione
Norma internazionale
Classe
Norma
CARATTERISTICHE E NORME DI RIFERIMENTO
Dado Rondella
Acciaio St 2 K60 DIN 1624
ISO 8992 -
6H -
ISO 261, ISO 965-2 -
8 -
ISO 898-2 -
DIN 267-15 -
ISO 4759-1 ISO 4759-3
A3C - Fe/Zn 8c2C A3C - Fe/Zn 8c2C
Gialla Gialla
Lubrificata con Torque’n Tension
ISO 4042 ISO 4042
Numero finale 36 = Zincatura trasparente chiara Numero finale 38 = Zincatura gialla
Se si desiderano rivestimenti elettrolitici differenti o altri tipi di finitura, devono
essere presi accordi tra committente e fornitore.
EN 493 -
Per le procedure di accettazione, vedere ISO 3269
112
7
DADI SPECIALI
DADI ESAGONALI AUTOFRENANTI INTERAMENTE
METALLICI CON RONDELLA MOBILE PIANA SPECIALE
ROMOB PL-SM
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
Zona deformata per
la realizzazione dei momenti frenanti
e
s
c
c
h
d
c
m
1
U
8
d
Materiale
Carichi di serraggio
e momenti frenanti
Finitura
Collaudo
Tolleranze
Prescrizioni
generali
Filettatura
Proprietà
meccaniche
Tolleranza
Norma internazionale
Norma internazionale
Norma internazionale
Difetti superficiali
Norma internazionale
Codice Agrati Group
Passivazione
Designazione
Norma internazionale
Durezza
Classe
Norma
CARATTERISTICHE E NORME DI RIFERIMENTO
Dado Rondella
Acciaio C60 – C67 DIN 17222
ISO 8992 -
6H -
ISO 261, ISO 965-2 -
8 -
- HV 420 – 490
ISO 898-2 -
DIN 267-15 -
ISO 4759-1 -
A3C - Fe/Zn 8c2C Naturale
Gialla -
ISO 4042 -
Numero finale 36 = Zincatura trasparente chiara Numero finale 38 = Zincatura gialla
Se si desiderano rivestimenti elettrolitici differenti o altri tipi di finitura, devono
essere presi accordi tra committente e fornitore.
EN 493 -
Per le procedure di accettazione, vedere ISO 3269
Passo
s e h dc m
c
1
c Classe - Finitura
Codice
max. min. min. max. max. max. min. Agrati Group
M6
M6
M8
1 10.00 9.78 11.05 7.70 20 5.00 4.70 2.50 1.50
Finitura dado Fe/Zn 12c2C
Rond. Fe/MZn 12c2C
RF1BC0607541
1 10.00 9.78 11.05 7.70 28 5.00 4.70 2.50 1.50 Finitura dado Fe/Zn 8c1A RF1BB0607536
1.25 13.00 12.73 14.38 9.70 32 6.50 6.14 3.20 2.00 Lubrif. Torque’n Tension RF1BA0810038
Filettatura
d
113
7
DADI SPECIALI
DADI ESAGONALI FLANGIATI AUTOFRENANTI INSERTO
NON METALLICO E CON RONDELLA MOBILE PIANA
ROMOB PC-N
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
s
e
d
c
U
h
c
mw
d d
1
Passo
s e h dc mw
c d
1
Codice
max. min. min. max. max. min. Agrati Group
M10 1.25 17.00 16.73 18.90 14.50 24 6.00 1.00 11.00 RS2DA1014538
Filettatura
d
Materiale
Carichi di serraggio
e momenti frenanti
Finitura
Collaudo
Tolleranze
Prescrizioni
generali
Filettatura
Proprietà
meccaniche
Tolleranza
Norma internazionale
Norma internazionale
Corpo del dado
Inserto
Norma internazionale
Difetti superficiali
Norma internazionale
Codice Agrati Group
Passivazione
Designazione
Norma internazionale
Durezza
Classe
Norma
Dado Rondella
Acciaio Acciaio
Poliammide 6.6 giallo
ISO 8992 -
6H -
ISO 261, ISO 965-2 -
10 -
HV 250 - 295
ISO 898-6 -
DIN 267-15 -
ISO 4759-1 -
A3C - Fe/Zn 8c2C A3C - Fe/Zn 8c2C
Gialla Gialla
ISO 4042 ISO 4042
Numero finale 36 = Zincatura trasparente chiara Numero finale 38 = Zincatura gialla
Se si desiderano rivestimenti elettrolitici differenti o altri tipi di finitura, devono
essere presi accordi tra committente e fornitore.
EN 493 -
Per le procedure di accettazione, vedere ISO 3269
CARATTERISTICHE E NORME DI RIFERIMENTO
114
7
DADI SPECIALI
DADI ESAGONALI FLANGIATI AUTOFRENANTI E
AUTOPULENTI CON INSERTO NON METALLICO
E CON RONDELLA MOBILE PIANA
ROMOB PC-N Autopulenti
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
s
e
d
c
U
h
c
n. 3 tacche
autopulenti
mw
d d
1
Passo
s e h dc mw
c d
1
Codice
max. min. min. max. max. min. Agrati Group
M8 1.25 13.00 12.73 14.38 10.50 18 4.70 0.50 12.00 RS1BA0810538
Filettatura
d
Materiale
Carichi di serraggio
e momenti frenanti
Finitura
Collaudo
Tolleranze
Prescrizioni
generali
Filettatura
Proprietà
meccaniche
Tolleranza
Norma internazionale
Norma internazionale
Norma internazionale
Difetti superficiali
Post trattamento
Norma internazionale
Codice Agrati Group
Passivazione
Designazione
Corpo del dado
Inserto
Norma internazionale
Classe
Norma
CARATTERISTICHE E NORME DI RIFERIMENTO
Dado Rondella
Acciaio
St 2 K60 DIN 1624
Poliammide 6.6 giallo
ISO 8992 -
6H -
ISO 261, ISO 965-2 -
8 -
ISO 898-2 -
DIN 267-15 -
ISO 4759-1 -
A3C - Fe/Zn 8c2C A3C - Fe/Zn 8c2C
Gialla Gialla
Lubrificata con Torque’n Tension
ISO 4042 ISO 4042
Numero finale 36 = Zincatura trasparente chiara Numero finale 38 = Zincatura gialla
Se si desiderano rivestimenti elettrolitici differenti o altri tipi di finitura, devono
essere presi accordi tra committente e fornitore.
EN 493 -
Per le procedure di accettazione, vedere ISO 3269
115
7
DADI SPECIALI
DADI ESAGONALI
CON RONDELLA MOBILE CONICA DENTELLATA
ROMOB CD
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
m
d
c
h
s
e
c
c
U
8
1
d
Passo
s e h dc m
c
1
c
Codice
max. min. min. max. max. max. min. Agrati Group
M5
M6
0.8 8.00 7.78 8.79 7.00 18 4.00 3.70 2.90 1.50 RD1B00500038
1 10.00 9.78 11.05 8.00 20 5.00 4.70 3.00 1.50 RD1B00600038
Filettatura
d
M6
M6
M6 SX
M6 SX
1 10.00 9.78 11.05 8.00 18 5.00 4.70 3.00 1.50 RS1BA0607938
1 10.00 9.78 11.05 8.00 18 5.00 4.70 3.00 1.50 Rondella fissa RS1BF0607938
1 10.00 9.78 11.05 8.00 18 5.00 4.70 3.00 1.50 Filetto sinistro Rondella fissa RS1BB0607938
1 10.00 9.78 11.05 8.00 16 5.00 4.70 3.00 1.20 Filetto sinistro Rondella fissa RS1BE0607938
Filettatura
d
VARIANTI
Passo
s e h dc m
c
1
c Note
Codice
max. min. min. max. max. max. min. Agrati Group
Materiale
Finitura
Collaudo
Tolleranze
Prescrizioni
generali
Filettatura
Proprietà
meccaniche
Tolleranza
Norma internazionale
Norma internazionale
Norma internazionale
Difetti superficiali
Norma
Codice Agrati Group
Passivazione
Designazione
Norma internazionale
Durezza
Classe
CARATTERISTICHE E NORME DI RIFERIMENTO
Dado Rondella
Acciaio C60 - C67 DIN 17222
ISO 8992 -
6H -
ISO 261, ISO 965-2 -
8 -
- HV 420 – 490
ISO 898-2 -
ISO 4759-1
A3C - Fe/Zn 8c2C Zincatura meccanica Fe/MZn 8c2C
Gialla Gialla
ISO 4042 UNI 3740-6
Numero finale 36 = Zincatura trasparente chiara Numero finale 38 = Zincatura gialla
Se si desiderano rivestimenti elettrolitici differenti o altri tipi di finitura, devono
essere presi accordi tra committente e fornitore.
EN 493 -
Per le procedure di accettazione, vedere ISO 3269
116
7
DADI SPECIALI
DADI ESAGONALI FLANGIATI
CON RONDELLA MOBILE PIANA
ROMOB FL-PL
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
s
e
d
c
c
h
df
mw
8
U
d
Passo
s e h dc df m
c
Codice
max. min. min. max. max. max. max. min. Agrati Group
M6
M8
M10
M12
M14
1 10.00 9.78 11.05 7.50 14.50 12.20 4.00 3.70 1.5 RX1B00600038
1.25 13.00 12.73 14.38 10.00 20.00 16.50 4.50 4.20 2.0 RX1B00800038
1.25 17.00 16.73 18.90 12.00 24.00 21.80 5.50 5.20 2.0 RX2B01000038
1.5 18.00 17.73 20.03 14.50 27.00 22.00 6.70 6.34 2.5 RX9B01200038
1.5 21.00 20.67 23.35 16.50 28.00 25.00 7.14 6.78 3.0 RX2B01400038
Filettatura
d
Materiale
Finitura
Collaudo
Tolleranze
Prescrizioni
generali
Filettatura
Proprietà
meccaniche
Tolleranza
Norma internazionale
Norma internazionale
Norma internazionale
Difetti superficiali
Post trattamento
Norma internazionale
Codice Agrati Group
Passivazione
Designazione
Norma internazionale
Classe
CARATTERISTICHE E NORME DI RIFERIMENTO
Dado Rondella
Acciaio St 2 K 60 DIN 1624
ISO 8992 -
6H -
ISO 261, ISO 965-2 -
8 -
ISO 898-2 ISO 898-6 -
ISO 4759-1 ISO 4759-3
A3C - Fe/Zn 8c2C A3C - Fe/Zn 8c2C
Gialla Gialla
Lubrificata con Torque’n Tension
ISO 4042 ISO 4042
Numero finale 36 = Zincatura trasparente chiara Numero finale 38 = Zincatura gialla
Se si desiderano rivestimenti elettrolitici differenti o altri tipi di finitura, devono
essere presi accordi tra committente e fornitore.
EN 493 -
Per le procedure di accettazione, vedere ISO 3269
118
7
DADI SPECIALI
SERPRESS
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
Il dado Serpress viene realizzato mediante deformazione
progressiva di un nastro metallico: la particolare forma
geometrica che questa tecnologia produttiva permette di
ottenere, conferisce al dado proprietà elastiche uniche nel
campo dei fissaggi autobloccanti.
Il corpo del dado, per sua stessa natura flangiato, è costituito
da un cilindro interno filettato C piegato all'interno
dell'esagono J, che termina con una base circolare E; il
cilindro C ha un'altezza leggermente inferiore rispetto
all'esagono J. Il dado Serpress è disponibile, oltre che nella
versione standard (ST), anche nelle versioni a base larga (BL)
e a base mordente (BM) (Fig. 1).
DESCRIZIONE PRODOTTO
PRIMA DEL
SERRAGGIO
DOPO IL
SERRAGGIO
F2
F
A
J
C
E
A
J
C
E
F1
Fig.1
Il dado Serpress (Fig.1), essendo un dado autobloccante,
si avvita liberamente sino al contatto con la superficie di
appoggio; prima del serraggio la base E dell'esagono J è
in contatto con la superficie di appoggio, la parte anulare
A (il cui ruolo è simile a quello di una rondella conica
elastica ma che si schiaccia allo stesso carico applicato
alla vite) conserva la sua forma conica, il cilindro filettato
C è ancora molto più corto del corpo del dado.
PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO
119
7
DADI SPECIALI
SERPRESS
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
- Quando un assemblaggio tradizionale è sottoposto a
vibrazioni, queste si trasmettono direttamente lungo F1
ai fianchi inferiori dei filetti della vite poichè i fianchi
superiori non sono a contatto con i filetti del dado. Ciò
provoca una tendenza allo svitamento ben conosciuta
negli assemblaggi tradizionali; al contrario, il dado
elastico Serpress riceve gli stessi sforzi F attraverso la sua
base e li trasmette alla vite attraverso il corpo e la parte
anulare secondo un itinerario diverso da quello di un
dado normale. Questo consente di avere: o la parte
anulare che funge da ammortizzatore o i fianchi inferiori
e superiori dei filetti vite-dado in contatto tra loro e
quindi di ottenere un sistema antisvitamento.(Fig. 2)
-
Considerazioni teoriche, largamente confortate da
evidenze sperimentali, consentono di affermare che, in
un accoppiamento filettato, un dado normale ha una
ripartizione disomogenea delle sollecitazioni sui filetti
(soprattutto perchè lavora a compressione, anziché a
trazione): la maggior parte del carico infatti (75%)
viene sopportata dal primo e dal secondo filetto,
aumentando il rischio di rottura a fatica nella vite e
provocando un pericoloso effetto di taglio. Col dado
Serpress, che lavora nelle condizioni ideali e cioè a
trazione, si ottiene una migliore ripartizione degli
sforzi sui filetti, che diminuisce il rischio di rottura a
fatica nella vite e sopprime l'effetto di taglio. (Fig. 3)
- E' noto che quando si hanno superfici con materiali
teneri (alluminio, zama, ottone, ecc.), il dado normale,
avendo una piccola superficie di appoggio, sviluppa
una elevata pressione specifica che, oltretutto, si
esercita sul bordo del foro provocando uno
scorrimento del materiale dal bordo verso i filetti della
vite. Il dado Serpress invece, avendo una superficie di
appoggio maggiore di quella di un dado normale e più
lontana dal bordo del foro, riduce sensibilmente il
fenomeno di scorrimento. (Fig. 4)
-
Il dado Serpress a base mordente in particolare,
associa alle qualità del dado Serpress standard le
caratteristiche antisvitamento che gli sono conferite
dalla presenza sul piano d'appoggio di tre sezioni
mordenti orientate e dimensionate in modo tale da
favorire il montaggio ed opporsi all'allentamento. La
presenza delle sezioni mordenti inoltre rende il dado
particolarmente indicato nelle applicazioni ove si
rende indispensabile il raschiamento della superficie di
appoggio per garantire il contatto elettrico. La
particolare conformazione della sezione mordente, nel
caso di montaggi su materiali non ferrosi, permette
inoltre il tensionamento mediante rotazione della vite:
in questo caso la sezione mordente evita la rotazione
del dado durante il serraggio, facilitando in tal modo
l'operazione.
- Grazie alla sua geometria, il dado Serpress risulta di
facile orientamento nei sistemi di alimentazione
automatica e pertanto di facile utilizzo nei montaggi
robotizzati.
- Il dado Serpress, poiché è elastico, aumenta
virtualmente la lunghezza utile della vite permettendo
cioè di avere un allungamento elastico uguale a quello
che si avrebbe se la vite fosse molto più lunga: se si
raffrontano infatti due assemblaggi identici, uno
montato con dado normale, l'altro con dado Serpress,
si constata che quest'ultimo dà all'assemblaggio
un'elasticità residua notevolmente superiore che
garantisce il perfetto bloccaggio dei pezzi tra loro.
CARATTERISTICHE TECNICHE
F
F
F
1
F
2
DADO
NORMALE
DADO
SERPRESS
Fig.2
DADO
NORMALE
DADO
SERPRESS
circa il 75%
del carico
effetto
di taglio
Fig.3
C C
DADO
NORMALE
DADO
SERPRESS
Fig.4
120
7
DADI SPECIALI
DADI ESAGONALI FLANGIATI
SERPRESS
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
r
s
e
1)
c
d
c
d
m
M3
M4
M5
M6
M7
M8
0.5 5.50 5.32 6.01 3.50 3.10 0.40 7.60 7.40 0.50 P01B00300038
0.7 7.00 6.85 7.74 3.80 3.40 0.40 9.10 8.90 0.50 P01B00400038
0.8 8.00 7.85 8.87 4.60 4.20 0.50 10.60 10.40 0.50 P01B00500038
1 10.00 9.78 11.05 5.40 5.00 0.60 12.60 12.40 0.50 P01B00600038
1 11.00 10.73 12.12 6.40 6.00 0.70 14.10 13.90 1.00 P01B00700038
1.25 13.00 12.73 14.38 7.10 6.70 0.90 16.10 15.90 1.00 P01B00800038
Filettatura
d
TIPO A BASE NORMALE
Passo
s e m c dc
r
Codice
max. min. min. max. min. min. max. min. Agrati Group
M4
M5
M6
M8
0.7 7.00 6.85 7.74 3.80 3.40 0.40 11.10 10.90 0.50 P11B00400038
0.8 8.00 7.85 8.87 4.60 4.20 0.50 12.20 12.00 0.50 P11B00500038
1 10.00 9.78 11.05 5.40 5.00 0.60 14.70 14.50 0.50 P11B00600038
1.25 13.00 12.73 14.38 7.10 6.70 0.90 18.70 18.50 1.00 P11B00800038
Filettatura
d
TIPO A BASE LARGA
Passo
s e m c dc
r
Codice
max. min. min. max. min. min. max. min. Agrati Group
Materiale
Finitura
Collaudo
Tolleranze
Prescrizioni
generali
Filettatura
Proprietà
meccaniche
Tolleranza
Norma internazionale
Norma internazionale
Norma internazionale
Difetti superficiali
Norma internazionale
Codice Agrati Group
Passivazione
Codice Designazione
Norma
Classe
CARATTERISTICHE E NORME DI RIFERIMENTO
Acciaio
ISO 8992
6H
ISO 261, ISO 965-2
5S
UNI 3740-4
ISO 4759-1
A3A - Fe/Zn 8c1A A3C - Fe/Zn 8c2C
Trasparente chiara Gialla
ISO 4042
Numero finale 36 = Zincatura trasparente chiara Numero finale 38 = Zincatura gialla
Se si desiderano rivestimenti elettrolitici differenti o altri tipi di finitura, devono
essere presi accordi tra committente e fornitore.
EN 493
Per le procedure di accettazione, vedere ISO 3269.
1) senza marcatura
121
7
DADI SPECIALI
DADI ESAGONALI FLANGIATI AUTOFRENANTI
INTERAMENTE METALLICI
SERPRESS AF
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
r
c s
e
1)
d
c
d
m
Zona deformata per
la realizzazione dei momenti frenanti
M4
M5
M6
M8
0.7 7.00 6.85 7.74 3.80 3.40 0.40 9.10 8.90 0.50 P21B00400038
0.8 8.00 7.85 8.87 4.60 4.20 0.50 10.60 10.40 0.50 P21B00500038
1 10.00 9.78 11.05 5.40 5.00 0.60 12.60 12.40 0.50 P21B00600038
1.25 13.00 12.73 14.38 7.10 6.70 0.90 16.10 15.90 1.00 P21B00800038
Filettatura
d
TIPO A BASE NORMALE
Passo
s e m c dc
r
Codice
max. min. min. max. min. min. max. min. Agrati Group
M4
M5
M6
M8
0.7 7.00 6.85 7.74 3.80 3.40 0.40 11.10 10.90 0.50 P11B00400038
0.8 8.00 7.85 8.87 4.60 4.20 0.50 12.20 12.00 0.50 P11B00500038
1 10.00 9.78 11.05 5.40 5.00 0.60 14.70 14.50 0.50 P11B00600038
1.25 13.00 12.73 14.38 7.10 6.70 0.90 18.70 18.50 1.00 P11B00800038
Filettatura
d
TIPO A BASE LARGA
Passo
s e m c dc
r
Codice
max. min. min. max. min. min. max. min. Agrati Group
Materiale
Finitura
Collaudo
Tolleranze
Prescrizioni
generali
Filettatura
Proprietà
meccaniche
Tolleranza
Norma internazionale
Norma internazionale
Norma internazionale
Momenti frenanti Norma
Difetti superficiali
Post trattamento
Norma internazionale
Codice Agrati Group
Passivazione
Codice Designazione
Norma
Classe
CARATTERISTICHE E NORME DI RIFERIMENTO
Acciaio
ISO 8992
6H
ISO 261, ISO 965-2
5S
UNI 3740-4
1° avvitamento e 1° svitamento UNI 7323-5
ISO 4759-1
A3A - Fe/Zn 8c1A A3C - Fe/Zn 8c2C
Trasparente chiara Gialla
Lubrificata con Torque’n Tension
ISO 4042
Numero finale 36 = Zincatura trasparente chiara Numero finale 38 = Zincatura gialla
Se si desiderano rivestimenti elettrolitici differenti o altri tipi di finitura, devono
essere presi accordi tra committente e fornitore.
EN 493
Per le procedure di accettazione, vedere ISO 3269.
1) senza marcatura
122
7
DADI SPECIALI
DADI ESAGONALI FLANGIATI
CON PIANO FLANGIA ZIGRINATO
SERPRESS MORDENTI
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
r
s
e
1)
c
d
c
d
m
A A
g
fsez. A-A
Materiale
Finitura
Collaudo
Tolleranze
Prescrizioni
generali
Filettatura
Proprietà
meccaniche
Tolleranza
Norma internazionale
Norma internazionale
Norma internazionale
Difetti superficiali
Norma internazionale
Codice Agrati Group
Passivazione
Codice Designazione
Norma
Trattamento termico
superficiale
Classe
CARATTERISTICHE E NORME DI RIFERIMENTO
Acciaio
ISO 8992
6H
ISO 261, ISO 965-2
5S
UNI 3740-4
Cmt. 1
ISO 4759-1
A3A - Fe/Zn 8c1A A3C - Fe/Zn 8c2C
Trasparente chiara Gialla
ISO 4042
Numero finale 36 = Zincatura trasparente chiara Numero finale 38 = Zincatura gialla
Se si desiderano rivestimenti elettrolitici differenti o altri tipi di finitura, devono
essere presi accordi tra committente e fornitore.
EN 493
Per le procedure di accettazione, vedere ISO 3269.
Passo
s e m c dc
r g f
Codice
max. min. min. max. min. min. max. min. Agrati Group
M4
M5
M6
M8
0.7 7.00 6.85 7.74 4.05 3.65 0.40 11.10 10.90 0.50 0.40 0.25 P41B00400038
0.8 8.00 7.85 8.87 4.85 4.45 0.50 12.30 12.00 0.50 0.50 0.25 P41B00500038
1 10.00 9.78 11.05 5.70 5.30 0.60 14.70 14.50 0.50 0.60 0.30 P41B00600038
1.25 13.00 12.73 14.38 7.40 7.00 0.90 18.70 18.50 1.00 0.65 0.35 P41B00800038
Filettatura
d
1) senza marcatura
124
7
DADI SPECIALI
DADI ELASTIC STOP
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
I dadi Elastic Stop alloggiano, in un'apposita camera, un
anello elastico di nylon opportunamente dimensionato e
non filettato che li rende autofrenanti. Il poliammide
utilizzato per la fabbricazione delle rondelle dei dadi
Elastic Stop è l'unico in grado di rispondere alle esigenze
particolari previste per quest’impiego. Infatti, oltre a
possedere un notevole ritorno elastico anche dopo una
considerevole deformazione, ragione per la quale il dado
Elastic Stop è più volte riutilizzabile, resiste perfettamente
a numerosi prodotti chimici largamente impiegati
nell'industria.
Gli oli per motori non attaccano il nylon ed il nylon non
contamina tali oli. Il nylon resiste assai bene alla maggior
parte degli acidi organici ad eccezione dei seguenti: acido
formico, acido cresilico, acido fenico. Il nylon è attaccato
dagli acidi minerali ed anche dalle basi forti, non sopporta
quindi un’immersione prolungata nei bagni acidi di
nichelatura e nelle soluzioni di acido cromico o di acido
solforico utilizzate per il trattamento anodico dell'alluminio
o per la cromatura.
Il dado Elastic Stop conserva la sua capacità frenante
entro temperature di -40 e +100ºC. Può, comunque,
sopportare punte di 140º (es. passaggio in forni di
verniciatura) essendo la temperatura di fusione del nylon
di circa 250ºC. Oltre i 100ºC è consigliabile l'utilizzo di
dadi a frenatura metallica. In caso di funzionamento a
bagno d'olio, la temperatura massima ammissibile deve
essere convenientemente ridotta.
Il comportamento del dado Elastic Stop è tipicamente
autofrenante: quando la vite si impegna nell'anello
elastico, questo oppone una resistenza all'avanzamento
originando una tensione verso l'alto che fa scomparire il
gioco fra i filetti metallici creando pertanto un notevole
attrito tra di essi. Nel medesimo tempo, i filetti creatisi nel
nylon per compressione del materiale, generano una
frizione notevole che, aggiunta a quella esistente tra i
filetti metallici, impedisce al dado di ruotare e svitarsi
anche in presenza di elevate vibrazioni. (Fig.1)
PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO
NYLON
GIOCO
ATTRITO
Fig.1
125
7
DADI SPECIALI
DADI ELASTIC STOP
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
- Sono autofrenanti e pertanto esercitano la loro
funzione di impedire lo svitamento anche in assenza
di coppie di serraggio.
- Permettono innumerevoli avvitamenti e svitamenti.
- Come noto, quando si hanno superfici con materiali
teneri (alluminio, zama, ottone), il dado normale,
avendo una piccola superficie di appoggio, sviluppa
una elevata pressione specifica che, oltretutto, si
esercita sul bordo del foro provocando uno scorrimento
del materiale dal bordo verso i filetti della vite. Il dado
Elastic Stop flangiato invece, avendo una superficie di
appoggio maggiore di quella di un dado normale e più
lontana dal bordo del foro, riduce sensibilmente il
fenomeno di scorrimento.
- I dadi Elastic Stop a calotta sono particolarmente
indicati negli accoppiamenti filettati ove vi sia la
necessità di una protezione antinfortunistica oppure
ove sia richiesta una protezione degli accoppiamenti
stessi da agenti atmosferici.
CARATTERISTICHE TECNICHE
126
7
DADI SPECIALI
DADI ESAGONALI ALTI AUTOFRENANTI
CON INSERTO NON METALLICO
ELASTIC STOP
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
Passo
s e h m Codice Agrati Group
max. min. min. max. min. Classe 6S Classe 8G
M27
M30
M33
M36
M39
M42
M45
M48
3 41.00 40.38 45.63 30.80 21.60 D01B02700038 D01D02700038
3.5 46.00 45.38 51.28 33.20 24.00 D01B03000038 D01D03000038
3.5 50.00 49.26 55.80 36.00 26.40 D01B03300038 D01D03300038
4 55.00 54.26 61.31 40.00 28.80 D01B03600038 D01D03600038
4 60.00 59.26 66.96 42.00 31.20 D01B03900038 D01D03900038
4.5 65.00 64.26 72.61 44.00 33.00 D01B04200038 D01D04200038
4.5 70.00 69.26 78.26 46.00 36.00 D01B04500038 D01D04500038
5 75.00 74.26 83.91 48.00 38.00 D01B04800038 D01D04800038
Filettatura
d
e
s
d
h
m


s
d


s
h
Versione 8G
(con finta rondella)
m
Versione 6S
(con bisello)
Materiale
Carichi di serraggio
e momenti frenanti
Finitura
Collaudo
Tolleranze
Prescrizioni
generali
Filettatura
Proprietà
meccaniche
Tolleranza
Norma internazionale
Norma internazionale
Norma internazionale
Difetti superficiali
Norma internazionale
Codice Agrati Group
Passivazione
Designazione
Corpo del dado
Inserto
Norma
Classe
Norma
CARATTERISTICHE E NORME DI RIFERIMENTO
Acciaio
Poliammide 6.6 giallo
ISO 8992
6H
ISO 261, ISO 965-2
6S 8G
UNI 3740-4
UNI 7323-5
ISO 4759-1
A3A - Fe/Zn 8c1A A3C - Fe/Zn 8c2C
Trasparente chiara Gialla
ISO 4042
Numero finale 36 = Zincatura trasparente chiara Numero finale 38 = Zincatura gialla
Se si desiderano rivestimenti elettrolitici differenti o altri tipi di finitura, devono
essere presi accordi tra committente e fornitore.
EN 493
Per le procedure di accettazione, vedere ISO 3269
127
7
DADI SPECIALI
DADI ESAGONALI ALTI AUTOFRENANTI CON FILETTATURA
METRICA A PASSO FINE E CON INSERTO NON METALLICO
ELASTIC STOP
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
e
s
d
h
m


s
d


s
h
Versione 8G
(con finta rondella)
m
Versione 6S
(con bisello)
Passo
s e h m Codice Agrati Group
max. min. min. max. min. Classe 6S Classe 8G
M27
M30
M33
M36
M39
M42
M45
M48
2 41.00 40.38 45.63 30.80 21.60 D02B02700038 D02D02700038
2 46.00 45.38 51.28 33.20 24.00 D02B03000038 D02D03000038
2 50.00 49.26 55.80 36.00 26.40 D02B03300038 D02D03300038
3 55.00 54.26 61.31 40.00 28.80 D02B03600038 D02D03600038
3 60.00 59.26 66.96 42.00 31.20 D02B03900038 D02D03900038
3 65.00 64.26 72.61 44.00 33.00 D02B04200038 D02D04200038
3 70.00 69.26 78.26 46.00 36.00 D02B04500038 D02D04500038
3 75.00 74.26 83.91 48.00 38.00 D02B04800038 D02D04800038
Filettatura
d
Materiale
Carichi di serraggio
e momenti frenanti
Finitura
Collaudo
Tolleranze
Prescrizioni
generali
Filettatura
Proprietà
meccaniche
Tolleranza
Norma internazionale
Norma internazionale
Norma internazionale
Difetti superficiali
Norma internazionale
Codice Agrati Group
Passivazione
Designazione
Corpo del dado
Inserto
Norma
Classe
Norma
CARATTERISTICHE E NORME DI RIFERIMENTO
Acciaio
Poliammide 6.6 giallo
ISO 8992
6H
ISO 261, ISO 965-2
6S 8G
UNI 3740-4
UNI 7323-5
ISO 4759-1
A3A - Fe/Zn 8c1A A3C - Fe/Zn 8c2C
Trasparente chiara Gialla
ISO 4042
Numero finale 36 = Zincatura trasparente chiara Numero finale 38 = Zincatura gialla
Se si desiderano rivestimenti elettrolitici differenti o altri tipi di finitura, devono
essere presi accordi tra committente e fornitore.
EN 493.
Per le procedure di accettazione, vedere ISO 3269
128
7
DADI SPECIALI
DADI ESAGONALI BASSI AUTOFRENANTI
CON INSERTO NON METALLICO
ELASTIC STOP
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
e
s
Versione 6S
(con bisello)


s
d
h
m


s
Versione 8G
(con finta rondella)
d
h
m
Passo
s e h m Codice Agrati Group
max. min. min. max. min. Classe 6S Classe 8G
M27
M30
M33
M36
M39
M42
M45
M48
3 41.00 40.38 45.63 22.50 13.50 D11B02700038 D11D02700038
3.5 46.00 45.38 51.28 24.50 16.00 D11B03000038 D11D03000038
3.5 50.00 49.26 55.80 26.00 16.50 D11B03300038 D11D03300038
4 55.00 54.26 61.31 30.00 18.00 D11B03600038 D11D03600038
4 60.00 59.26 66.96 32.00 19.50 D11B03900038 D11D03900038
4.5 65.00 64.26 72.61 32.00 21.00 D11B04200038 D11D04200038
4.5 70.00 69.26 78.26 33.00 22.50 D11B04500038 D11D04500038
5 75.00 74.26 83.91 35.00 24.00 D11B04800038 D11D04800038
Filettatura
d
Materiale
Carichi di serraggio
e momenti frenanti
Finitura
Collaudo
Tolleranze
Prescrizioni
generali
Filettatura
Proprietà
meccaniche
Tolleranza
Norma internazionale
Norma internazionale
Norma internazionale
Difetti superficiali
Norma internazionale
Codice Agrati Group
Passivazione
Designazione
Corpo del dado
Inserto
Norma
Classe
Norma
CARATTERISTICHE E NORME DI RIFERIMENTO
Acciaio
Poliammide 6.6 giallo
ISO 8992
6H
ISO 261, ISO 965-2
6S 8G
UNI 3740-4
UNI 7323-5
ISO 4759-1
A3A - Fe/Zn 8c1A A3C - Fe/Zn 8c2C
Trasparente chiara Gialla
ISO 4042
Numero finale 36 = Zincatura trasparente chiara Numero finale 38 = Zincatura gialla
Se si desiderano rivestimenti elettrolitici differenti o altri tipi di finitura, devono
essere presi accordi tra committente e fornitore.
EN 493
Per le procedure di accettazione, vedere ISO 3269
129
7
DADI SPECIALI
DADI ESAGONALI BASSI AUTOFRENANTI
CON FILETTATURA METRICA A PASSO FINE
E CON INSERTO NON METALLICO
ELASTIC STOP
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
e
s
Versione 6S
(con bisello)


s
d
h
m


s
Versione 8G
(con finta rondella)
d
h
m
Passo
s e h m Codice Agrati Group
max. min. min. max. min. Classe 6S Classe 8G
M27
M30
M33
M36
M39
M42
M45
M48
2 41.00 40.38 45.63 22.50 13.50 D12B02700038 D12D02700038
2 46.00 45.38 51.28 24.50 16.00 D12B03000038 D12D03000038
2 50.00 49.26 55.80 26.00 16.50 D12B03300038 D12D03300038
3 55.00 54.26 61.31 30.00 18.00 D12B03600038 D12D03600038
3 60.00 59.26 66.96 32.00 19.50 D12B03900038 D12D03900038
3 65.00 64.26 72.61 32.00 21.00 D12B04200038 D12D04200038
3 70.00 69.26 78.26 33.00 22.50 D12B04500038 D12D04500038
3 75.00 74.26 83.91 35.00 24.00 D12B04800038 D12D04800038
Filettatura
d
Materiale
Carichi di serraggio
e momenti frenanti
Finitura
Collaudo
Tolleranze
Prescrizioni
generali
Filettatura
Proprietà
meccaniche
Tolleranza
Norma internazionale
Norma internazionale
Norma internazionale
Difetti superficiali
Norma internazionale
Codice Agrati Group
Passivazione
Designazione
Corpo del dado
Inserto
Norma
Classe
Norma
CARATTERISTICHE E NORME DI RIFERIMENTO
Acciaio
Poliammide 6.6 giallo
ISO 8992
6H
ISO 261, ISO 965-2
6S 8G
UNI 3740-4
UNI 7323-5
ISO 4759-1
A3A - Fe/Zn 8c1A A3C - Fe/Zn 8c2C
Trasparente chiara Gialla
ISO 4042
Numero finale 36 = Zincatura trasparente chiara Numero finale 38 = Zincatura gialla
Se si desiderano rivestimenti elettrolitici differenti o altri tipi di finitura, devono
essere presi accordi tra committente e fornitore.
EN 493
Per le procedure di accettazione, vedere ISO 3269
130
7
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
DADI SPECIALI
GHIERE AUTOFRENANTI ELASTIC STOP
Le ghiere Elastic Stop, simili per forma alle ghiere KM
(DIN 981), alloggiano, in un'apposita camera, un anello
elastico di nylon opportunamente dimensionato e non
filettato. Sono disponibili nelle versioni GUK, che
differiscono dimensionalmente dalle KM principalmente
per la maggiore altezza necessaria all'alloggiamento del
nylon, GUP (rinforzate) e GUA (speciali, prodotte su
richiesta).
Il poliammide utilizzato per la fabbricazione delle
rondelle delle ghiere Elastic Stop è l'unico in grado di
rispondere alle esigenze particolari previste per questo
impiego. Infatti, oltre a possedere un notevole ritorno
elastico anche dopo una considerevole deformazione,
ragione per la quale la ghiera Elastic Stop è più volte
riutilizzabile, resiste perfettamente a numerosi prodotti
chimici largamente impiegati nell'industria. Gli oli per
motori non attaccano il nylon ed il nylon non contamina
tali oli. Il nylon resiste assai bene alla maggior parte degli
acidi organici ad eccezione dei seguenti: acido formico,
acido cresilico, acido fenico.
Il nylon è attaccato dagli acidi minerali ed anche dalle
basi forti, non sopporta quindi una immersione
prolungata nei bagni acidi di nichelatura e nelle soluzioni
di acido cromico o di acido solforico utilizzate per il
trattamento anodico dell'alluminio o per la cromatura.
La ghiera Elastic Stop conserva il suo potere frenante
entro temperature di -40 e +100ºC. Può, comunque,
sopportare punte di 140º (es. passaggio in forni di
verniciatura) essendo la temperatura di fusione del nylon
di circa 250ºC; in caso di funzionamento in bagno d'olio
la temperatura massima ammissibile dove essere
convenientemente ridotta.
DESCRIZIONE PRODOTTO
131
7
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
DADI SPECIALI
GHIERE AUTOFRENANTI ELASTIC STOP
Il comportamento delle ghiere Elastic Stop è tipicamente
autofrenante: quando l'albero si impegna nell'anello
elastico, questo oppone una resistenza all'avanzamento,
originando una tensione verso l'alto che fa scomparire il
gioco fra i filetti metallici creando pertanto un notevole
attrito tra di essi.
Nel medesimo tempo, i filetti creatisi nel nylon per
compressione del materiale, generano una frizione
notevole che, aggiunta a quella esistente tra i filetti
metallici, impedisce alla ghiera di ruotare e svitarsi anche
in presenza di elevate vibrazioni.
PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO
- Sono autofrenanti e pertanto esercitano la loro
funzione di impedire lo svitamento anche in assenza di
coppie di serraggio.
- Permettono innumerevoli avvitamenti e svitamenti.
- Consentono una maggiore precisione nella
registrazione della coppia di serraggio rispetto
all'utilizzo della ghiera KM con rondella ed una
registrazione più veloce rispetto alla KM con
controghiera
CARATTERISTICHE TECNICHE
- Consentono, rispetto all'utilizzo di KM con rosetta,
l'eliminazione dell'operazione di fresatura dell'albero
edella conseguente sbavatura del filetto fresato.
- Comportano il risparmio del costo della rosetta o della
controghiera.
- Evitano il montaggio della rondella o della
controghiera con conseguente notevole riduzione dei
costi di assemblaggio.
- Permettono l'approvvigionamento di un solo pezzo
anziché due, con risparmio di costi di gestione per tutti
gli enti aziendali interessati (acquisti, controllo qualità,
logistica, contabilità).
- Eliminano la necessità di verificare la presenza della
rosetta e la sua integrità ad assemblaggio effettuato.
VANTAGGI ECONOMICI
GIOCO
NYLON
ATTRITO
GHIERA
ELASTIC STOP
GHIERA KM CON
CONTROGHIERA
GHIERA KM CON
ROSETTA
132
7
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
DADI SPECIALI
GHIERE AUTOFRENANTI GUK
CON INSERTO NON METALLICO
ELASTIC STOP
A
z
A
s
b
d d
23
h
m
d
Materiale
Finitura
Collaudo
Tolleranze
Momenti frenanti
Prescrizioni
generali
Filettatura
Proprietà
meccaniche
Tolleranza
Norma internazionale
Norma internazionale
Norma internazionale
Difetti superficiali
Norma internazionale
Codice Agrati Group
Passivazione
Designazione
Corpo della ghiera
Inserto
Durezza
Norma
Classe
CARATTERISTICHE E NORME DI RIFERIMENTO
Acciaio
Poliammide 6.6 giallo
ISO 8992
4H
ISO 261, ISO 965-2
14H
HV 140 min.
DIN 267-24
TABELLA A
ISO 4759-1
A3A - Fe/Zn 8c1A
Trasparente chiara
ISO 4042
Numero finale 36 = Zincatura trasparente chiara Numero finale 38 = Zincatura gialla
Se si desiderano rivestimenti elettrolitici differenti o altri tipi di finitura, devono
essere presi accordi tra committente e fornitore.
EN 493
Per le procedure di accettazione, vedere ISO 3269
Non marcate
133
7
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
DADI SPECIALI
GHIERE AUTOFRENANTI GUK
CON INSERTO NON METALLICO
ELASTIC STOP
Passo
h m d
2
d
3
s b
n° tacche z
Codice
max. min. h 11 h 13 js 13 H 13 Agrati Group
M10
M12
M15
M17
M20
M25
M30
M35
M40
M45
M50
M55
M60
M65
M70
M75
M80
M85
M90
M95
M100
0.75 7.60 4.40 18 15 15 3 4 0.04 G0BB01000036
1 7.60 4.50 21 18 18 3 4 0.04 G0CB01200036
1 8.60 5.90 24 21 21 4 4 0.04 G0CB01500036
1 8.60 5.20 28 24 24 4 4 0.04 G0CB01700036
1 9.60 6.00 32 27 27 4 4 0.04 G0CB02000036
1.5 10.50 6.00 38 33 33 5 4 0.04 G0EB02500036
1.5 10.70 6.60 44 38 38 5 4 0.04 G0EB03000036
1.5 11.30 6.60 50 44 44 5 4 0.04 G0EB03500036
1.5 12.30 7.50 56 50 50 6 4 0.04 G0EB04000036
1.5 12.30 7.50 62 55 55 6 4 0.04 G0EB04500036
1.5 12.90 8.10 68 61 61 6 4 0.04 G0EB05000036
2 13.40 7.60 75 68 68 7 6 0.05 G0GB05500036
2 13.40 7.60 80 73 73 7 6 0.05 G0GB06000036
2 14.50 8.70 85 77 77 7 6 0.05 G0GB06500036
2 14.50 8.70 92 84 84 8 6 0.05 G0GB07000036
2 15.50 9.70 98 89 89 8 6 0.05 G0GB07500036
2 16.50 10.70 105 96 96 10 8 0.05 G0GB08000036
2 17.50 11.70 110 100 100 10 8 0.05 G0GB08500036
2 17.70 11.90 120 110 110 10 8 0.05 G0GB09000036
2 18.70 12.90 125 115 115 10 8 0.05 G0GB09500036
2 19.70 13.90 130 120 120 10 8 0.05 G0GB10000036
Filettatura
d
134
7
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
DADI SPECIALI
GHIERE AUTOFRENANTI GUP
CON INSERTO NON METALLICO
ELASTIC STOP
A
z
A
s
b
d d
23
h
m
d
Materiale
Finitura
Collaudo
Tolleranze
Momenti frenanti
Prescrizioni
generali
Filettatura
Proprietà
meccaniche
Tolleranza
Norma internazionale
Norma internazionale
Norma internazionale
Difetti superficiali
Norma internazionale
Codice Agrati Group
Passivazione
Designazione
Corpo della ghiera
Inserto
Durezza
Norma
Classe
CARATTERISTICHE E NORME DI RIFERIMENTO
Acciaio
Poliammide 6.6 giallo
ISO 8992
4H
ISO 261, ISO 965-2
14H
HV 140 min.
DIN 267-24
TABELLA A
ISO 4759-1
A3A - Fe/Zn 8c1A
Trasparente chiara
ISO 4042
Numero finale 36 = Zincatura trasparente chiara Numero finale 38 = Zincatura gialla
Se si desiderano rivestimenti elettrolitici differenti o altri tipi di finitura, devono
essere presi accordi tra committente e fornitore.
EN 493
Per le procedure di accettazione, vedere ISO 3269
Non marcate
135
7
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
DADI SPECIALI
GHIERE AUTOFRENANTI GUP
CON INSERTO NON METALLICO
ELASTIC STOP
Passo
h m d
2
d
3
s b
n° tacche z
Codice
max. min. h 11 h 13 js 13 H 13 Agrati Group
M20
M25
M30
M35
M40
M45
M50
M55
M60
M65
M70
M75
M80
M85
M90
M95
M100
1 13.20 9.60 32 27 27 4 4 0.04 G1CB02000036
1.5 14.20 10.00 38 33 33 5 4 0.04 G1EB02500036
1.5 14.20 10.00 44 38 38 5 4 0.04 G1EB03000036
1.5 15.20 10.60 50 44 44 5 4 0.04 G1EB03500036
1.5 16.70 11.90 56 50 50 6 4 0.04 G1EB04000036
1.5 16.70 11.90 62 55 55 6 4 0.04 G1EB04500036
1.5 18.70 13.90 68 61 61 6 4 0.04 G1EB05000036
2 18.70 12.90 75 68 68 7 6 0.05 G1GB05500036
2 18.70 12.90 80 73 73 7 6 0.05 G1GB06000036
2 19.70 13.90 85 77 77 7 6 0.05 G1GB06500036
2 19.70 13.90 92 84 84 8 6 0.05 G1GB07000036
2 20.70 14.90 98 89 89 8 6 0.05 G1GB07500036
2 20.70 14.90 105 96 96 10 8 0.05 G1GB08000036
2 21.70 15.90 110 100 100 10 8 0.05 G1GB08500036
2 21.70 15.90 120 110 110 10 8 0.05 G1GB09000036
2 22.20 17.10 125 115 115 10 8 0.05 G1GB09500036
2 24.20 18.40 130 120 120 10 8 0.05 G1GB10000036
Filettatura
d
136
7
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
DADI SPECIALI
GHIERE AUTOFRENANTI GUA
CON INSERTO NON METALLICO
ELASTIC STOP
A
z
A
s
b
d d
23
h
m
d
Materiale
Finitura
Collaudo
Tolleranze
Momenti frenanti
Prescrizioni
generali
Filettatura
Proprietà
meccaniche
Tolleranza
Norma internazionale
Norma internazionale
Norma internazionale
Difetti superficiali
Norma internazionale
Codice Agrati Group
Passivazione
Designazione
Corpo della ghiera
Inserto
Durezza
Norma
Classe
CARATTERISTICHE E NORME DI RIFERIMENTO
Acciaio
Poliammide 6.6 giallo
ISO 8992
4H
ISO 261, ISO 965-2
14H
HV 140 min.
DIN 267-24
TABELLA A
ISO 4759-1
A3A - Fe/Zn 8c1A
Trasparente chiara
ISO 4042
Numero finale 36 = Zincatura trasparente chiara Numero finale 38 = Zincatura gialla
Se si desiderano rivestimenti elettrolitici differenti o altri tipi di finitura, devono
essere presi accordi tra committente e fornitore.
EN 493
Per le procedure di accettazione, vedere ISO 3269
Non marcate
137
7
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
DADI SPECIALI
GHIERE AUTOFRENANTI GUA
CON INSERTO NON METALLICO
ELASTIC STOP
Passo
h m d
2
d
3
s b
n° tacche z
Codice
max. min. h 11 h 13 js 13 H 13 Agrati Group
M10
M10
M12
M12
M14
M14
M14
M16
M16
M16
M18
M18
M18
M20
M20
M22
M22
M22
M24
M24
M24
M27
M28
M32
M34
M36
M38
M38
M38
M39
M42
M45
M48
M52
M65
M105
M110
M115
M120
M125
M130
M135
M140
M150
M160
M180
M220
1 7.60 4.40 18 15 15 3 4 0.04 G2CB01000036
1.5 7.60 4.40 18 15 15 3 4 0.04 G2EB01000036
1.5 9.20 5.70 21 18 18 3 4 0.04 G2EB01200036
1.75 9.20 5.70 21 18 18 3 4 0.04 G2FB01200036
1 8.60 5.50 24 21 21 4 4 0.04 G2CB01400036
1.5 10.70 6.00 24 21 21 4 4 0.04 G2EB01400036
2 10.70 6.00 24 21 21 4 4 0.04 G2GB01400036
1 8.60 5.20 28 24 24 4 4 0.04 G2CB01600036
1.5 10.70 6.00 28 24 24 4 4 0.04 G2EB01600036
2 11.70 7.00 28 24 24 4 4 0.04 G2GB01600036
1 8.60 5.20 28 24 24 4 4 0.04 G2CB01800036
1.5 10.70 7.30 28 24 24 4 4 0.04 G2EB01800036
2.5 10.70 6.00 28 24 24 4 4 0.04 G2HB01800036
1.5 9.60 6.00 32 27 27 4 4 0.04 G2EB02000036
2.5 12.70 7.00 32 27 27 4 4 0.04 G2HB02000036
1 10.20 5.90 38 33 33 5 4 0.04 G2CB02200036
1.5 12.70 7.00 38 33 33 5 4 0.04 G2EB02200036
2.5 12.70 7.00 38 33 33 5 4 0.04 G2HB02200036
1.5 10.70 6.20 38 33 33 5 4 0.04 G2EB02400036
2 12.70 6.70 44 38 38 5 4 0.04 G2GB02400036
3 12.70 6.70 44 38 38 5 4 0.04 G2LB02400036
1.5 11.20 6.90 44 38 38 5 4 0.04 G2EB02700036
1.5 11.20 6.90 44 38 38 5 4 0.04 G2EB02800036
1.5 11.20 6.60 50 44 44 5 4 0.04 G2EB03200036
1.5 11.30 6.50 50 44 44 5 4 0.04 G2EB03400036
2 19.20 10.20 64 58 58 6 4 0.04 02GB03600036
1 12.20 6.60 53 47 47 5 4 0.04 G2CB03800036
1.5 12.20 6.60 53 47 47 5 4 0.04 G2EB03800036
2 12.20 6.60 53 47 47 5 4 0.04 G2GB03800036
3 30.20 21.20 64 58 58 6 4 0.04 G2LB03900036
1.5 15.20 10.60 62 55 55 6 4 0.04 G2EB04200036
2 12.20 7.80 62 55 55 6 4 0.04 G2GB04500036
1.5 13.70 9.10 64 57 57 6 4 0.04 G2EB04800036
1.5 13.70 9.10 75 68 68 6 4 0.05 G2EB05200036
1.5 14.50 8.90 85 77 77 7 6 0.05 G2EB06500036
2 20.20 14.40 135 124 124 12 8 0.05 G2GB10500036
2 20.20 14.40 140 129 129 12 8 0.05 G2GB11000036
2 25.20 19.40 145 134 134 12 8 0.05 G2GB11500036
2 23.70 17.90 150 139 139 12 8 0.05 G2GB12000036
2 23.70 18.10 155 144 144 12 8 0.06 G2GB12500036
2 23.70 18.10 160 149 149 12 8 0.06 G2GB13000036
2 23.70 18.10 165 154 154 12 8 0.06 G2GB13500036
2 23.70 18.10 170 159 159 12 8 0.06 G2GB14000036
2 26.20 20.60 195 183 183 14 8 0.06 G2GB15000036
3 26.20 16.90 205 191 191 16 8 0.06 G2LB16000036
3 27.20 18.90 230 214 214 18 8 0.06 G2LB18000036
3 33.20 24.90 280 260 260 20 8 0.06 G2LB22000036
Filettatura
d
138
7
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
DADI SPECIALI
GHIERE A FRENATURA METALLICA
Le ghiere a frenatura metallica sono simili per forma e
dimensioni alle comuni ghiere con inserto in poliammide
ma presentano caratteristiche autofrenanti grazie alla
particolare conformazione della filettatura.
L'eliminazione dell'inserto in poliammide permette
pertanto tutti quegli impieghi in cui il nylon 6.6 non può
garantire l'effetto autofrenante.
DESCRIZIONE PRODOTTO
139
7
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
DADI SPECIALI
GHIERE A FRENATURA METALLICA
Il momento frenante è ottenuto mediante la variazione
controllata del passo della filettatura: in fase di
avvitamento la parte superiore della filettatura viene
deformata elasticamente dalla vite; tale deformazione
produce una forza che, attraverso l'attrito che si viene a
creare sui filetti, genera l'effetto autofrenante
PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO
- Garantiscono momenti frenanti più elevati rispetto alle
ghiere con inserto in poliammide ed a quelle con
inserto metallico.
- Mantengono le loro proprietà autofrenanti fino a
245ºC, anche in presenza di agenti normalmente
aggressivi per la poliammide.
- Presentano un limitato decadimento del momento
frenante a seguito di ripetuti cicli di
avvitamento/svitamento.
- Consentono la possibilità di modulare il momento
frenante: variando opportunamente alcuni parametri
costruttivi è possibile ottenere pezzi speciali con
caratteristiche autofrenanti ottimali per l'applicazione
specifica.
- Rispetto alle ghiere DIN 981 con rosetta offrono una
maggiore precisione nella registrazione della coppia di
serraggio.
- Rispetto alle ghiere autofrenanti con inserto metallico
in particolare presentano i seguenti vantaggi:
a) Non generano alcun inconveniente legato alla
fasatura dell'inserto rispetto alla filettatura;
b) Eliminano il rischio di danneggiamento dell'inserto
metallico al primo avvitamento;
c) Non compromettono l'integrità della filettatura
dell'albero a causa del contatto con l'inserto
autofilettante.
CARATTERISTICHE TECNICHE
- Consentono, rispetto all'utilizzo della DIN 981 con
rosetta, l'eliminazione dell'operazione di fresatura
dell'albero e della conseguente sbavatura del filetto
fresato.
- Comportano il risparmio del costo della rosetta o della
controghiera.
- Evitano il montaggio della rosetta o della controghiera,
con un conseguente notevole riduzione dei costi
d’assemblaggio.
- Permettono l'approvvigionamento di un solo pezzo
anziché due, con risparmio di costi di gestione per tutti
gli enti aziendali interessati (acquisti, controllo qualità,
logistica e contabilità).
- Eliminano la necessità di verificare la presenza della
rosetta e la sua integrità ad assemblaggio effettuato
VANTAGGI ECONOMICI
140
7
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
DADI SPECIALI
GHIERE GM A FRENATURA METALLICA
A
z A
d ds
b
23
d
m
h
Passo
h m d
2
d
3
s b
n° tacche z
Codice
max. min. h 11 js 13 js 13 H 13 Agrati Group
M 20
M 25
M 30
M 35
M 40
M 45
M 50
M 55
M 60
M 65
M 70
M 75
M 80
M 85
M 90
M 95
M 100
1 11.30 6.20 32 26 28 4 4 0.04 G5CB02000056
1.5 12.30 6.60 38 32 34 5 4 0.04 G5EB02500056
1.5 13.00 6.90 45 38 41 5 4 0.04 G5EB03000056
1.5 13.00 6.90 52 44 48 5 4 0.04 G5EB03500056
1.5 14.00 7.90 58 50 53 6 4 0.04 G5EB04000056
1.5 14.00 7.90 65 56 60 6 4 0.04 G5EB04500056
1.5 14.00 7.90 70 61 65 6 4 0.04 G5EB05000056
2 15.70 8.20 75 67 69 7 6 0.05 G5GB05500056
2 15.70 8.20 80 72 74 7 6 0.05 G5GB06000056
2 16.70 9.20 85 79 79 7 6 0.05 G5GB06500056
2 16.70 9.20 92 85 85 8 6 0.05 G5GB07000056
2 17.70 10.20 98 90 91 8 6 0.05 G5GB07500056
2 18.70 11.20 105 95 98 10 8 0.05 G5GB08000056
2 19.70 12.20 110 102 103 10 8 0.05 G5GB08500056
2 20.70 13.20 120 108 112 10 8 0.05 G5GB09000056
2 21.70 14.20 125 113 117 10 8 0.05 G5GB09500056
2 22.70 15.20 130 119 120 10 8 0.05 G5GB10000056
Filettatura
d
Non marcate
Materiale
Finitura
Collaudo
Tolleranze
Momenti frenanti
Prescrizioni
generali
Filettatura
Proprietà
meccaniche
Tolleranza
Norma internazionale
Norma internazionale
Norma internazionale
Difetti superficiali
Norma
Post trattamento
Designazione
Durezza
Norma
Classe
CARATTERISTICHE E NORME DI RIFERIMENTO
Acciaio
ISO 8992
4H
ISO 261, ISO 965-2
14H
HV 140 min.
DIN 267-24
TABELLA A
ISO 4759-1
Fosfatazione al manganese Fe/FAGMn 7
Lubrificata con Torque’n Tension
UNI 3740-6
Se si desiderano rivestimenti elettrolitici differenti o altri tipi di finitura, devono
essere presi accordi tra committente e fornitore.
EN 493
Per le procedure di accettazione, vedere ISO 3269
141
7
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
DADI SPECIALI
DADI IN GABBIA
I dadi in gabbia sono indicati per fissaggi leggeri in
genere su pannelli, lamierati o telai. La conformazione
della gabbia metallica con alette di ritegno consente al
dado in essa racchiuso di rimanere nella propria sede
anche quando il pannello o il telaio sul quale è montato
venga rimosso, ad esempio per ispezioni e
manutenzioni varie. Il tutto senza l'assillo di dover
recuperare i dadi smontati come normalmente avviene
nei normali montaggi.
Un'altro vantaggio deriva dal fatto che sia il dado che la
gabbia metallica hanno una forma quadrata che
impedisce la rotazione del dado in fase di serraggio.
Questo consente all'operatore, ma anche all'utilizzatore,
di smontare e rimontare il pannello senza dover tenere il
dado con una chiave, e di eseguire l'operazione
unicamente con l'utensile necessario al solo serraggio
della vite. Il dado all'interno della gabbia metallica ha
inoltre la possibilità di flottare e di muoversi lungo due
direttrici, per cui è possibile recuperare quei piccoli errori
di interasse che sui prodotti di carpenteria sono
solitamente presenti. Il dado in gabbia, viene identificato
con il diametro nominale di filettatura, il tipo di foratura
del pannello (quadrata o rettangolare) e con lo spessore
della lamiera sulla quale andrà montato.
142
7
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
DADI SPECIALI
DADI IN GABBIA QUADRA
(GABBIA IN ACCIAIO PER MOLLE)
r=0.5
C
A
B
H
D
L
S
h
Q
Q
R
>Q
r=0.5
Sede
Materiale
Finitura
Collaudo
Tolleranze
Prescrizioni
generali
Filettatura
Proprietà
meccaniche
Tolleranza
Norma internazionale
Norma internazionale
Norma internazionale
Difetti superficiali
Norma
Codice Agrati Group
Post trattamento
Designazione
Durezza
Norma
Classe
CARATTERISTICHE E NORME DI RIFERIMENTO
Dado Gabbia
Acciaio C67
ISO 8992
6H
ISO 261, ISO 965-2
5S
HRC 38 - 43
UNI-3740-4
ISO 4759-1
A3A Fe/Zn 8c1A A3C Fe/Zn 8c2C
A3A Fe/Zn 8c1A A3C Fe/Zn 8c2C
Deidrogenata Deidrogenata
Trasparente chiara Gialla Trasparente chiara Gialla
ISO 4042 ISO 4042
Numero finale 36 = Zincatura trasparente chiara Numero finale 38 = Zincatura gialla
Se si desiderano rivestimenti elettrolitici differenti o altri tipi di finitura, devono
essere presi accordi tra committente e fornitore.
EN 493
Per le procedure di accettazione, vedere ISO 3269
143
7
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
DADI SPECIALI
DADI IN GABBIA QUADRA
(GABBIA IN ACCIAIO PER MOLLE)
Diam.
Vite
L
spessore
lamiera
Designazione
Codice
Agrati Group
H h A B C D S
Sede
Q R
Dimensioni Nominali
3.6 9.3 8.8 4.8 9.7 0.30 5.3 5.0
3.6 9.3 8.8 4.8 9.7 0.30 5.3 5.0
6.0 12.0 11.4 7.2 12.2 0.45 8.3 8.1
6.0 12.0 11.4 7.2 12.2 0.45 8.3 8.1
6.4 13.5 11.8 8.2 13.5 0.45 9.5 9.3
6.0 12.0 11.4 7.2 12.2 0.45 8.3 8.1
6.4 13.5 11.8 8.2 13.5 0.45 9.5 9.3
7.8 16.4 15.5 10.6 16.6 0.50 12.3 12.1
7.8 16.4 15.5 10.6 16.6 0.50 12.3 12.1
5 10.5 10 6.5 10.3 0.45 6.7 6.5
F40Q50300838
F40Q50301538
F40Q50302038
F40Q50303038
F40Q50400838
F40Q50401538
F40Q50402038
F40Q50403038
F40Q51400838
F40Q51401538
F40Q51402038
F40Q51403038
F40Q51404038
F40Q50500838
F40Q50501538
F40Q50502038
F40Q50503038
F40Q50504038
F40Q51501538
F40Q51502038
F40Q50600838
F40Q50601538
F40Q50602038
F40Q50603038
F40Q50604038
F40Q51601538
F40Q51602038
F40Q50801538
F40Q50803038
F40Q50804538
F40Q51001538
F40Q51003038
F40Q51004038
F40Q52301538
F40Q52401538
F40Q52501538
0.3 ÷ 0.9 Q 503 - 08 5.2
1.0 ÷ 1.6 Q 503 - 15 5.9
1.7 ÷ 2.3 Q 503 - 20 6.6
2.4 ÷ 3.1 Q 503 - 30 7.4
0.3 ÷ 0.9 Q 504 - 08 5.2
1.0 ÷ 1.6 Q 504 - 15 5.9
1.7 ÷ 2.3 Q 504 - 20 6.6
2.4 ÷ 3.1 Q 504 - 30 7.4
0.3 ÷ 1.1 Q 514 - 08 7.6
1.2 ÷ 1.6 Q 514 - 15 8.0
1.7 ÷ 2.5 Q 514 - 20 9.0
2.6 ÷ 3.5 Q 514 - 30 10.0
3.6 ÷ 4.5 Q 514 - 40 11.0
0.5 ÷ 1.1 Q 505 - 08 7.6
1.2 ÷ 1.6 Q 505 - 15 8.0
1.7 ÷ 2.5 Q 505 - 20 9.0
2.6 ÷ 3.5 Q 505 - 30 10.0
3.6 ÷ 4.5 Q 505 - 40 11.0
0.7 ÷ 1.6 Q 515 - 15 8.7
1.8 ÷ 2.6 Q 515 - 20 9.7
0.3 ÷ 1.1 Q 506 - 08 7.6
1.2 ÷ 1.6 Q 506 - 15 8.0
1.7 ÷ 2.5 Q 506 - 20 9.0
2.6 ÷ 3.5 Q 506 - 30 10.0
3.6 ÷ 4.5 Q 506 - 40 11.0
0.7 ÷ 1.6 Q 516 - 15 8.7
1.8 ÷ 2.6 Q 516 - 20 9.7
1.0 ÷ 1.7 Q 508 - 15 10.4
1.8 ÷ 3.2 Q 508 - 30 12.0
3.3 ÷ 4.7 Q 508 - 45 13.5
1.0 ÷ 1.7 Q 510 - 15 10.4
1.8 ÷ 3.2 Q 510 - 30 12.0
3.3 ÷ 4.7 Q 510 - 40 13.5
0.7 ÷ 1.6 Q 523 - 15
0.7 ÷ 1.6 Q 524 - 15 7.2
0.7 ÷ 1.6 Q 525 - 15
M3
M4
M5
M6
M8
M10
M3
M4
M5
144
7
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
DADI SPECIALI
DADI IN GABBIA QUADRA
(GABBIA IN ACCIAIO INOX)
r=0.5
C
A
B
H
D
L
S
h
Q
Q
R
>Q
r=0.5
Sede
Materiale
Finitura
Collaudo
Tolleranze
Prescrizioni
generali
Filettatura
Proprietà
meccaniche
Tolleranza
Norma internazionale
Norma internazionale
Norma internazionale
Difetti superficiali
Norma internazionale
Codice Agrati Group
Passivazione
Designazione
Durezza
Norma
Classe
CARATTERISTICHE E NORME DI RIFERIMENTO
Dado Gabbia
Acciaio AISI 304
ISO 8992 -
6H -
ISO 261, ISO 965-2 -
5S
HRC 34-39
UNI-3740-4 -
ISO 4759-1 -
A3A Fe/Zn 8c1A A3C Fe/Zn 8c2C Naturale
Trasparente chiara Gialla -
ISO 4042 -
Numero finale 36 = Zincatura trasparente chiara Numero finale 38 = Zincatura gialla
Se si desiderano rivestimenti elettrolitici differenti o altri tipi di finitura, devono
essere presi accordi tra committente e fornitore.
EN 493. -
Per le procedure di accettazione, vedere ISO 3269
145
7
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
DADI SPECIALI
DADI IN GABBIA QUADRA
(GABBIA IN ACCIAIO INOX)
Diam.
Vite
L
spessore
lamiera
Designazione
Codice
Agrati Group
H h A B C D S
Sede
Q R
Dimensioni Nominali
3.6 9.3 8.8 4.8 9.7 0.30 5.3 5.0
3.6 9.3 8.8 4.8 9.7 0.30 5.3 5.0
6.0 12.0 11.4 7.2 12.2 0.45 8.3 8.1
6.0 12.0 11.4 7.2 12.2 0.45 8.3 8.1
6.4 13.5 11.8 8.2 13.5 0.45 9.5 9.3
6.0 12.0 11.4 7.2 12.2 0.45 8.3 8.1
6.4 13.5 11.8 8.2 13.5 0.45 9.5 9.3
7.8 16.4 15.5 10.6 16.6 0.50 12.3 12.1
7.8 16.4 15.5 10.6 16.6 0.50 12.3 12.1
10.4 20.0 19.4 12.6 20.5 0.60 14.0 13.7
10.4 20.0 19.4 12.6 20.5 0.60 14.0 13.7
F40Q40300838
F40Q40301538
F40Q40302038
F40Q40303038
F40Q40400838
F40Q40401538
F40Q40402038
F40Q40403038
F40Q41400838
F40Q41401538
F40Q41402038
F40Q41403038
F40Q41404038
F40Q40500838
F40Q40501538
F40Q40502038
F40Q40503038
F40Q40504038
F40Q41501538
F40Q41502038
F40Q40600838
F40Q40601538
F40Q40602038
F40Q40603038
F40Q40604038
F40Q41601538
F40Q41602038
F40Q40801538
F40Q40803038
F40Q40804538
F40Q41001538
F40Q41003038
F40Q41004038
F40Q49001538
F40Q49003038
F40Q49004038
F40Q49006038
F40Q41201538
F40Q41202538
F40Q41203038
F40Q41204038
F40Q41206038
0.3 ÷ 0.9 Q 403 - 08 5.2
1.0 ÷ 1.6 Q 403 - 15 5.9
1.7 ÷ 2.3 Q 403 - 20 6.6
2.4 ÷ 3.1 Q 403 - 30 7.4
0.3 ÷ 0.9 Q 404 - 08 5.2
1.0 ÷ 1.6 Q 404 - 15 5.9
1.7 ÷ 2.3 Q 404 - 20 6.6
2.4 ÷ 3.1 Q 404 - 30 7.4
0.3 ÷ 1.1 Q 414 - 08 7.6
1.2 ÷ 1.6 Q 414 - 15 8.0
1.7 ÷ 2.5 Q 414 - 20 9.0
2.6 ÷ 3.5 Q 414 - 30 10.0
3.6 ÷ 4.5 Q 414 - 40 11.0
0.5 ÷ 1.1 Q 405 - 08 7.6
1.2 ÷ 1.6 Q 405 - 15 8.0
1.7 ÷ 2.5 Q 405 - 20 9.0
2.6 ÷ 3.5 Q 405 - 30 10.0
3.6 ÷ 4.5 Q 405 - 40 11.0
0.7 ÷ 1.6 Q 415 - 15 8.7
1.8 ÷ 2.6 Q 415 - 20 9.7
0.3 ÷ 1.1 Q 406 - 08 7.6
1.2 ÷ 1.6 Q 406 - 15 8.0
1.7 ÷ 2.5 Q 406 - 20 9.0
2.6 ÷ 3.5 Q 406 - 30 10.0
3.6 ÷ 4.5 Q 406 - 40 11.0
0.7 ÷ 1.6 Q 416 - 15 8.7
1.8 ÷ 2.6 Q 416 - 20 9.7
1.0 ÷ 1.7 Q 408 - 15 10.4
1.8 ÷ 3.2 Q 408 - 30 12.0
3.3 ÷ 4.7 Q 408 - 45 13.5
1.0 ÷ 1.7 Q 410 - 15 10.4
1.8 ÷ 3.2 Q 410 - 30 12.0
3.3 ÷ 4.7 Q 410 - 40 13.5
1.0 ÷ 1.7 Q 490 - 15 13.5
1.8 ÷ 3.2 Q 490 - 30 15.0
3.3 ÷ 4.7 Q 490 - 40 16.5
4.8 ÷ 6.2 Q 490 - 60 18.0
1.0 ÷ 1.7 Q 412 - 15 13.5
2.4 ÷ 2.8 Q 412 - 25 14.8
1.8 ÷ 3.2 Q 412 - 30 15.0
3.3 ÷ 4.7 Q 412 - 40 16.5
4.8 ÷ 6.2 Q 412 - 60 18.0
M3
M4
M5
M6
M8
M10
M12
146
7
DADI SPECIALI
APPLICAZIONI SPECIALI
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
Il Gruppo Agrati è in grado di offrire un servizio,
un prodotto e un’assistenza altamente qualificati e
affidabili. Da sempre questi risultati vengono ottenuti
attraverso una organizzazione articolata e completa, che
spazia dalla ricerca alla progettazione, dall’analisi del
mercato all’acquisizione di sofisticati macchinari
produttivi, dal collaudo sul campo in condizioni estreme
a una rete commerciale che soddisfa anche il cliente
più esigente. Questo bagaglio di risorse permette di
risolvere qualsiasi problema legato alle applicazioni che
richiedono qualità autofrenanti, collegamenti e fissaggi
non ottenibili con le tecnologie tradizionali e di stare al
passo con le esigenze sempre più specifiche e complesse
del mercato.
147
7
DADI SPECIALI
APPLICAZIONI SPECIALI
PEZZI FORGIATI E STAMPATI A CALDO
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
Il pezzo stampato a caldo o forgiato viene lavorato
su macchine a controllo numerico dotate di sistemi
automatici di carico e scarico appositamente costruiti per
garantire la più ampia flessibilità e produttività. Nel caso
in cui sia necessaria la tornitura su entrambe le facce del
pezzo, la lavorazione viene eseguita su macchina a due
mandrini e a quattro assi, con trasferimento automatico
del pezzo da un mandrino all'altro. E' possibile ottenere
così il pezzo finito senza ulteriori manipolazioni. La
filettatura dei pezzi viene ottenuta mediante lavorazione
in multipassata con apposito utensile. In tal modo si
possono tenere sotto controllo statistico i diametri di
filettatura, garantendo in modo assoluto la conformità
della stessa alle specifiche. Inoltre la sfacciatura del
piano viene sempre eseguita contemporaneamente
all'operazione di filettatura, garantendo la perfetta
perpendicolarità tra filettatura e piano d'appoggio.
I pezzi forgiati sono ottenuti tramite deformazione di un
tronchetto di materiale preriscaldato e portato allo stato
plastico. La forgiatura avviene mediante pressa verticale
a bilanciere con trasporto manuale da uno stampo
all'altro. Sono due, principalmente, i motivi che
portano ad utilizzare il sistema di forgiatura: la forma e il
materiale. Attraverso la forgiatura si possono ottenere
forme particolari, che diversamente richiederebbero
un'asportazione di truciolo (come cave, dentature e pezzi
flangiati). I materiali utilizzati sono l'acciaio C30, C40 e
C45, che non hanno presenza di piombo e zolfo,
garantendo così maggior omogeneità del materiale.
Inoltre mediante la forgiatura le fibre si dispongono in
modo da assicurare il massimo della resistenza. Riguardo
il livello qualitativo, le tolleranze delle parti non lavorate
sono di ± 0,5 mm rispetto alla quota nominale con
rugosità 3,2 max.
149
7
DADI SPECIALI
APPLICAZIONI SPECIALI
PEZZI TORNITI DA BARRA
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
148
7
DADI SPECIALI
APPLICAZIONI SPECIALI
PEZZI FORGIATI E STAMPATI A CALDO
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
Lo stampaggio a caldo si differenzia dalla forgiatura in
quanto il pezzo è ottenuto da barra preriscaldata che,
tramite trasporto automatico, attraversa una macchina
multistazione. Questo tipo di lavorazione è molto
competitivo per produzioni di grossa serie, avendo una
cadenza oraria molto elevata e raggiungendo una qualità
superiore del prodotto.
Le tolleranze ottenute sono quindi molto ristrette,
nell'ordine di ± 0,15 mm sulla quota nominale.
Viene da sè che il pezzo stampato a caldo non necessita
di alcuna ripresa, se non quelle che ne eseguiranno la
filettatura o che permetteranno il raggiungimento di
tolleranze ulteriormente ristrette.
Anche per la produzione di questi pezzi, come per quelli
forgiati, la forma e i materiali impiegati (acciaio C43,
30CD4, ottone) sono gli elementi determinanti per la scelta
di questa soluzione.
La produzione Urama di minuteria tornita secondo
disegno del cliente, è frutto dell'analisi dei possibili cicli
di lavorazione miranti ad ottimizzare i costi di produzione.
Partendo da barra trafilata di differente sagoma (tonda,
esagonale, quadra o con profili speciali) con un max. di
68 mm, Urama esegue qualsiasi tipo di lavorazione
(tornitura, foratura, filettatura e brocciatura) su materiali
diversi quali rame, ottone, alluminio, acciaio inox, acciai
da costruzione, automatici e non, includendo un eventuale
trattamento termico.
E' inoltre possibile la fornitura di particolari torniti-filettati
già comprensivi dell'esclusivo freno Urama Eslok.
149
7
DADI SPECIALI
APPLICAZIONI SPECIALI
PEZZI TORNITI DA BARRA
ED. 2001-A
AGRATI GROUP
La produzione Urama di minuteria tornita secondo
disegno del cliente, è frutto dell'analisi dei possibili cicli
di lavorazione miranti ad ottimizzare i costi di produzione.
Partendo da barra trafilata di differente sagoma (tonda,
esagonale, quadra o con profili speciali) con un max. di
68 mm, Urama esegue qualsiasi tipo di lavorazione
(tornitura, foratura, filettatura e brocciatura) su materiali
diversi quali rame, ottone, alluminio, acciaio inox, acciai
da costruzione, automatici e non, includendo un eventuale
trattamento termico.
E' inoltre possibile la fornitura di particolari torniti-filettati
già comprensivi dell'esclusivo freno Urama Eslok.