CLASSIFICAZIONE DELLE STRUTTURE PIANE

ANALISI CINEMATICA ANALISI STATICA ESEMPI
ricerca della esistenza di atti di moto rigido della struttura
a prescindere dalle cause che lo generano
ricerca della possibilità di equilibrio statico della struttura
per la specifica condizione di carico applicata

ATTO DI
MOTO

CLASSIFICAZIONE
STRUTTURA
VINCOLI
CONDIZIONE
CINEMATICA
EQUILIBRIO
CLASSIFICAZIONE
STRUTTURA

REAZIONI
VINCOLARI

CONDIZIONE
STATICA

tutti necessari
v = 3n

isodeterminata


sempre
consentito
dai vincoli

EQUILIBRATA


tutte necessarie

isostatica


v = 3n
non
consentito
dai vincoli

FISSA


sovrabbondanti
v > 3n

iperdeterminata


sempre
consentito
dai vincoli

EQUILIBRATA


sovrabbondanti

iperstatica


v > 3n
tutte necessarie

staticamente
determinata


v < 3n
v = 3n
consentito
per
particolari
condizioni
di carico
dai vincoli


EQUILIBRATA


sovrabbondanti

staticamente
indeterminata


v > 3n
v < 3n
v = 3n
consentito
dai vincoli

LABILE


insufficienti
v < 3n


sufficienti ma
maldisposti
v = 3n


sovrabbondanti
ma maldisposti
v > 3n

ipodeterminata


non
consentito
dai vincoli

NON
EQUILIBRATA


insufficienti

ipostatica


v > 3n
NOTE: n = numero di elementi strutturali
v = numero di condizioni elementari di vincolo
© G. ZAVARISE – 23/04/2007
Polinomi di terzo grado - Soluzione mediante la Formula di Cardano
Giorgio Zavarise
Dept. of Innovation Engineering - University of Salento
March 8, 2007
1 Premessa
Questo materiale didattico non è stato ancora sottoposto a revisione. Si prega di
segnalare eventuali errori o imprecisioni via e-mail all’autore: giorgio.zavarise@unile.it.
2 Soluzione generale
Per individuare le radici dell’equazione
x
3
+ ax
2
+ bx + c = 0 (1)
la soluzione si consegue utilizzando la “formula di Cardano”. Il metodo richiede una
trasformazione mediante cambio di variabile, al fine di eliminare il termine di secondo
grado. Il risultato si consegue applicando la sostituzione
x = y −
1
3
a (2)
che permettere di riscrivere l’equazione originale come
y
3
+ py + q = 0 (3)
dove
p = b −
1
3
a
2
, q =
2
27
a
3

1
3
ab + c (4)
Per questa equazione la soluzione è data dalla formula di Cardano
y =
3

p
3

3
+

q
2

2
+
q
2

3

p
3

3
+

q
2

2

q
2
(5)
La soluzione può presentare radici reali e radici immaginarie. Ulteriori dettagli possono
essere reperiti in vari siti web. Sono interessanti, in particolare i seguenti url:
http://it.wikipedia.org/wiki/Equazione_di_terzo_grado
http://it.wikipedia.org/wiki/Funzione_cubica
http://www.matematicamente.it/storia/l’equazione_di_terzo_grado.html
3 Soluzione particolare per il caso a radici tutte reali
Consideriamo il caso particolare a radici reali
x
3
−ax
2
−bx −c = 0 (6)
Il segno negativo dei coefficienti è stato introdotto per avere la stessa struttura
dell’equazione che si ottiene in generale nella ricerca delle tensioni o delle deformazioni
principali. In questo caso a, b e c corrispondono, rispettivamente al primo, secondo e
terzo invariante.
Coerentemente con il metodo generale, la soluzione richiede la determinazione di due
parametri di trasformazione, che in questo caso diventano
p = −b −
1
3
a
2
, q = −
2
27
a
3

1
3
ab −c (7)
mediante questi coefficienti è possibile riscrivere l’equazione eliminando il termine
quadratico. La soluzione, essendo certi del fatto che le radici sono reali, possono
esssere ottenute introducendo i seguenti ulteriori parametri
r = 2


1
3
p θ = arccos


4q
r
3

(8)
f
1
= cos

θ
3

, f
2
= cos

θ + 2π
3

, f
3
= cos

θ + 4π
3

(9)
che permettono di determinare la soluzione come
1
x
1
=rf
1
+
1
3
a (10)
x
2
=rf
2
+
1
3
a (11)
x
3
=rf
3
+
1
3
a (12)
4 Esempio
Costruiamo per comodità un’equazione cubica di cui conosciamo a priori le radici, che
assumiamo essere le seguenti
x
1
= 5, x
2
= 3, x
3
= −2 (13)
La costruzione dell’equazione avviene, semplicemente, mediante il prodotto di tre
monomi
(x −5) (x −3) (x + 2) = 0 (14)
Lo sviluppo dell’equazone fornisce i seguento risultati

x
2
−3x −5x + 15

(x + 2) =

x
2
−8x + 15

(x + 2)
= x
3
+ 2x
2
−8x
2
−16x + 15x + 30 = 0 (15)
La forma finale dell’equazione, da utilizzarsi nel nostro caso come equazione di partenza
per ricavarne le radici con il metodo delineato al paragrafo precedente, è quindi
x
3
−6x
2
−1x + 30 = 0 (16)
Concordemente con i segni del caso particolare, i coefficienti sono pari a
a = 6, b = 1, c = −30 (17)
Le costanti p e q diventano quindi
p = −b −
1
3
a
2
= −1 −
1
3
6
2
= −13 (18)
q =−
2
27
a
3

1
3
ab −c = −
2
27
6
3

1
3
6 · 1 −(−30) =
=−
2
27
216 −2 + 30 = −16 −2 + 30 = 12 (19)
mentre le ulteriori costanti r e θ assumono i seguenti valori
r =2


1
3
p = 2


1
3
(−13) = 4.163332 (20)
θ =arccos


4q
r
3

= arccos


4 · 12
4.163332
3

= 2.298487 (21)
mentre per quanto riguarda f
1
, f
2
ed f
3
si ottiene
f
1
= cos

θ
3

= cos

2.298487
3

=0.720577 (22)
f
2
= cos

θ + 2π
3

= cos

2.298487 + 2π
3

=−0.960769 (23)
f
3
= cos

θ + 4π
3

= cos

2.298487 + 4π
3

=0.240192 (24)
Le radici dell’equazione cubica sono quindi le seguenti
x
1
= rf
1
+
1
3
a = 4.163332 · 0.720577 +
1
3
6 =5 (25)
x
2
= rf
2
+
1
3
a = −4.163332 · 0.960769 +
1
3
6 =−2 (26)
x
3
= rf
3
+
1
3
a = 4.163332 · 0.240192 +
1
3
6 =3 (27)
che coincidono, correttamente, con i valori di partenza.
2



y = k y' = 0 y = x y' = 1
y x
n
= y nx
n
' =
!1

( ) { } y f x
n
= ( ) { } y n f x f x
n
' ' ( ) =
!1

y x = y
x
' =
1
2
y f x = ( ) y
f x
f x '
( )
' ( ) =
1
2

y x
n
= y
n x
n n
' =
!
1
1
y f x
n
= ( ) y
n f x
f x
n
n
'
( )
' ( ) =
!
1
1

y x
m n
= y
m
n x
n m n
' =
!

{ } y f x
m
n
= ( )
{ }
m
n f x
f x
n m
n
( )
' ( )
!

y = sin x y' = cos x y = sin f(x) y' = cos f(x) f'(x)
y = cos x y' = - sin x y = cos f(x) y' = - sin f(x) f'(x)
y = tg x y' =
1
2
cos x
y = tg f(x) y' =
1
2
cos ( )
' ( )
f x
f x
y = ctg x y' = !
1
2
sin x
y =ctg f(x) y' = !
1
2
sin f x
f x
( )
' ( )
y = arcsin x y' =
1
1
2
! x

y = arcsin f(x) y' =
{ }
1
1
2
! f x
f x
( )
' ( )

y = arccos x y' = !
!
1
1
2
x

y = arccos f(x) y' =
{ }
!
!
1
1
2
f x
f x
( )
' ( )

y = arctg x y' =
1
1
2
+ x

y = arctg f(x) y' =
{ }
1
1
2
+ f x
f x
( )
' ( )

y = arcctg x y' = !
+
1
1
2
x

y =axcctg f(x) y' =
{ }
!
+
1
1
2
f x
f x
( )
' ( )

y = log
a
x y' =
1
x
e
a
log y = log ( )
a
f x y' =
1
f x
e f x
a
( )
log ' ( ) " "

y = log ( )
a
f x y' =
1 1
f x
f x
a ( )
' ( )
ln
" "

y = ln x y' =
1
x
y = ln f(x) y' =
1
f x
f x
( )
' ( )

y = a
x
y' = a a
x
"ln y = a
f x ( )
y' = a a f x
f x ( )
ln ' ( ) "
y = e
x
y' = e
x
y = e
f x ( )
y' = e f x
f x ( )
' ( ) "

y = x
x
y' = x x
x
( ln ) 1+
y = { } f x
x
( )
( ) !

y' = { } f x x f x
x
f x
f x
x
( ) ' ( ) ln ( )
( )
( )
' ( )
( ) !
!
!
" +
#
$
%
&
'
(



TABELLA DERIVATE
TABELLA INTEGRALI


0! =
"
dx c

dx x c = +
"
k f x k f x dx ! = !
" "
( ) ( )
1
, ( 1)
1
n
n
x
x dx c n
n
+
= + # $
+
"
[ ] [ ] f x f x dx
n
f x c
n
n
( ) ( ) ( )
'
"
! =
+
+
+ 1
1
1

"
+ = c x dx
x
dx
2

"
+ = c x f dx
x f
x f
) (
) ( 2
) ( '

sinx dx x c = $ +
"
cos sen ( ) ' ( ) cos ( ) f x f x dx f x c ! = $ +
"

cos sen x dx x c = +
"
cos ( ) ' ( ) sen ( ) f x f x dx f x c ! = +
"

"
+ = c x tg dx
x
2
cos
1

f x
f x
dx tg f x c
' ( )
cos ( )
( )
2 "
= +
"
+ $ = c x ctg dx
x
2
sen
1

f x
f x
dx ctg f x c
' ( )
sen ( )
( )
2
= $ +
"

dx
x
arcsin x c
1
2
$
= +
"

[ ]
f x
f x
dx arcsin f x c
' ( )
( )
( )
1
2
$
= +
"

dx
x
x c
1
2
+
= +
"
arctg
[ ]
f x
f x
dx f x c
' ( )
( )
arctg ( )
1
2
+
= +
"

dx
x
x c = +
"
ln
f x
f x
dx f x c
' ( )
( )
ln ( )
"
= +
e dx e c
x x
= +
"
e f x dx e c
f x f x ( ) ( )
' ( )
"
= +
a dx
a
a
c
x
x
"
= +
ln
a f x dx
a
a
c
f x
f x
( )
( )
' ( )
ln
"
= +
( )
( )
x a dx
x a
m
c
m
m
+ =
+
+
+
+
"
1
1
( )
( )
( )
a bx dx
a bx
b n
c
n
n
+ =
+
+
+
+
"
1
1

dx
a x a
x
a
c
2 2
1
+
= +
"
arctg
dx
a bx b a bx
c
( ) ( ) +
= $
+
+
" 2
1

( )
( )
( )
a bx dx
a bx
b n
c
n
n
+ =
+
+
+
+
"
1
1

dx
a bx b a bx
c
( ) ( ) +
= $
+
+
" 2
1

1
1
1
2
1
1
2
$
=
+
$
+
"
x
dx
x
x
c ln
1
1 2 +
= +
"
cosx
tg
x
c
1
1 2 !
= ! +
"
cos x
dx ctg
x
c
tg x dx x c
"
= ! + lncos
ctg xdx sin x c = +
"
ln
dx
sin x
tg
x
c
"
= + ln
2

dx
x
sinx
sinx
c
cos
ln
"
=
+
!
+
1
2
1
1

arcsinx dx x arcsinx x c = + ! +
"
1
2

arccos arccos x dx x x x c
"
= ! ! + 1
2

arctg arctg ln xdx x x x c
"
= ! + +
1
2
1
2

arcctgxdx xarcctgx x c = + + +
"
1
2
1
2
ln
dx
a bx b
a bx c
+
= + +
"
1
ln
dx
a bx ab
b
a
x c
+
= #
$
%
&
'
(
) +
" 2
1
arctg
dx
a bx
dx
ab
ab bx
ab bx
c
!
=
+
!
+
" 2
1
2
ln
a x dx
x
a x
a
arcsin
x
a
c
2 2 2 2
2
2 2
! = ! + +
"

dx
a x
arcsin
x
a
c
2 2
!
= +
"

a x dx
x
a x
a
x a x c
2 2 2 2
2
2 2
2 2
+ = + + + + +
"
ln

a bx dx
b
a bx c + = + +
"
2
3
3
( )
dx
a x
x a x c
2 2
2 2
±
= + ± +
"
ln
dx
a bx b
a bx c
+
= + +
"
2

dx
x
x
x
c
2
1
1
2
1
1 !
=
!
+
+
"
ln
ln ln xdx x x x c = ! +
"

ln ln x
x
dx
x
x x
c
2
1
"
= ! ! + cos ( cos )
2
1
2
"
= + + xdx x sinx x c
sin xdx x sinx x c
2
1
2
= ! +
"
( cos ) cos ( ) ( ( ) cos( )
2
1
2
x a dx x sin x a x a c ! = + ! ! +
"

dx
sinx
tg
x
c
"
= + ln
2

dx
x
tg
x
c
cos
ln
"
= ! !
$
%
&
'
(
) +
!
4 2