Antananarivo – 15 ottobre 2006 Ciao ragazzi, come va? So che avete ripreso gli incontri del martedì.....

vi piace la proposta di quest'anno?? Siete carichi?? Io sto bene, a parte qualche dolore allo stomaco....ma me l'aspettavo. Non solo la mente e il cuore devono ambientarsi, ma anche il fisico...ci vorrà un po di tempo perchè qui è tutto diverso! Dovreste vedere quanto è colorato il Madagascar!! In queste settimane sto visitando diversi gruppi di artigiani sparsi in tante città e così ho la possibilità di spostarmi e il paesaggio è sempre diverso: campi di risaie si alternano a immensi terreni non coltivati, avvicinandosi poi alla costa i campi si ricoprono di vegetazione, foreste di palme, fino a raggiungere il mare (oceano indiano)... sembra di essere ai tropici!!! Bellissimo!!! I colori poi sono fantastici: il rosso della terra si mischia al verde della vegetazione e quando il cielo è sereno i contrasti sono fantastici!!! Non solo cambia il paesaggio, ma cambiano anche le case, l'abbigliamento delle persone, le condizioni di vita, gli usi e i costumi... il prossimo mese visto che tornano a casa dei volontari vi preparo un cd di foto!! La città dove vivo (Tanà, capitale) è davvero gigantesca e ricca di contrasti... quartieri abbastanza benestanti si mescolano a quartieri degradati e poveri. Credo che qui non si muoia di fame, anche se c'è tantissima miseria: la gente vive vendendo per strada quello che ha, si preoccupa del presente, di quello che mangerà nella giornata... vive giorno per giorno. Le strade sono sempre stracolme di macchine (che traffico e quanto smog!!), taxi, persone che anche per strada cercano di venderti qualcosa!! A volte è davvero pesante... non fai in tempo a parcheggiare o a fermarti un attimo che sei subito assalito da qualche venditore e dai bambini che chiedono l'elemosina... e ce ne sono tanti. Sono sempre per strada, scalzi, sporchi e con a seguito i fratelli minori. Quando vedono un vasa (bianco) lo ricorrono fino a quando non si sale in macchina e bisogna fare attenzione perché rimangono attaccati al finestrino e quindi rischi di tirarli sotto perché non si spostano!! Molti di loro sono davvero piccoli e sembra che si divertano a rincorrerti... a volte sembra che fare l'elemosina per loro sia un gioco... è davvero triste!! Il quartiere dove abitiamo si chiama Tongarivo... è un quartiere molto povero, pieno di bimbi e di persone che vendono verdura, frutta, carne, pesce lungo la strada (al mattino ci sono degli odori abbastanza forti... non piacevoli!!!). Vicino a noi c'è la casa della carità dove vivono tre suore italiane... davvero in gamba!!! In questa settimana sono stata sempre ad Ambustra (dicono che sia la capitale dell'artigianato in Madagascar) per conoscere alcuni degli artigiani che fanno parte del progetto di commercio equo (ve lo spiegherò più avanti). La città è molto più piccola rispetto a Tanà e quindi più vivibile!!! Anche la povertà è diversa... più omogenea... non ci sono i contrasti di Tanà. Quindi come avete potuto capire, il Madagascar è davvero ricco, ogni giorno è una novità. Ancora faccio fatica ad ambientarmi... la mia testa e il mio cuore è pieno di immagini che mi lasciano perplessa, mi fanno pensare. Vorrei per i prossimi mesi interrogarmi insieme a voi su quanto sto vivendo. Innanzitutto quanto sia diversa la realtà qui... così distante dal nostro modo di vivere, dalle nostre comodità!! Viene spontaneo in questo posto domandarsi il perché di questa disparità tra noi e loro... quali sono le cause che spiegano questa diversa distribuzione della ricchezza... conoscere e approfondire questi temi davvero impegnativi ci avvicina a quella parte di mondo spesso dimenticata, ci avvicina a quell'umanità sofferente e lontana. Il desiderio è di accostarci insieme a questa umanità per conoscerla perché ci aiuti ad

allargare il nostro cuore e a crescere nella capacità di amare, sviluppando in noi una sensibilità nuova, più attenta, più partecipe delle sofferenze degli altri... Questo cammino la faremo insieme... anzi so che voi l'avete già incominciato!! Accostatevi con tanta curiosità e con apertura di cuore ai temi che vi proporranno i catechisti, lasciandovi interrogare!! Sono temi impegnativi, ma stimolanti che ci aiutano a prendere coscienza della realtà anche mondiale nella quale viviamo!!! Parlare di globalizzazione, nord e sud del mondo, povertà e ricchezza vi aiuterà a capire meglio quanto siamo fortunati e quanto ci sia bisogno di condividere questo fortuna con altri!! Quindi approfondite questi temi, cercate notizie, dati per farvi un quadro un po' della situazione. In questo vi potete appoggiare a RTM e al centro di documentazione del CMD... poi mi raccomando scrivetemi!!! Cercate per quanto sia possibile di coinvolgere anche la parrocchia, aiutatela a sensibilizzarsi su questi argomenti... voi ne sarete responsabili e sono sicura che riuscirete alla grande!!!!!!!! Allora buon lavoro e buon cammino......vi ricordo sempre!!! Un abbraccio a tutti!!! Anna. anna.galloni84@libero.it