You are on page 1of 109

REPUBBLICANESIMO GEO

-
POLITICO*
ÌL CORRÌERE DELLA COLLERA
Per la Repubblica di domani
IL CORRIERE DELLA COLLERA
_-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
(“IL CORRIERE DELLA COLLERA”, 23 NOVEMBRE 2013)
ALLA RICERCA DELL’IDENTITÀ ITALIANA
Di MASSIMO MORIGI
Come in nessun’altra democrazia rappresentativa occidentale, l’Italia, con la sua
involuzione verso il dominio delle oligarchie finanziarie, si presta alla più perfetta
dimostrazione della “legge ferrea dell’oligarchia” di Robert ichels! se sul piano
dell’enunciazione ideologica le "lite al potere e i partiti politici dichiarano piena
adesione alla democrazia, de facto, costantemente operano per una sempre maggiore
restrizione degli spazi di libert#$
ichels vedeva nel parlamento il luogo dove avvenivano %ueste illiberali transazioni
fra partiti e lobb&, oggi aggiornando il suo pensiero c’' da osservare che il parlamento
' sempre più surclassato come luogo di compensazione fra %uesti poteri dalla
tecnoburocrazia transnazionale collusa con la grande finanza, una tecnoburocrazia
che a differenza del partito michelsiano non ' nemmeno formalmente responsabile
verso il suo elettorato$
(e %uesto ' “lo stato delle cose” ' %uindi di tutta evidenza che rivolte di piazza non
possono che subire “manu militari” una facile repressione, vista la sproporzione delle
forze in campo$
) allora %uale via d’uscita* +a risposta ' che se le attuali pseudo-democrazie
rappresentative sono immensamente più forti ed imbattibili come forza militare che
possono dispiegare sul campo degli ancien régime spazzati via dalla rivoluzione
francese ,o dell’autocratico regime zarista o, per rimanere in Italia, dell’Italia liberale
che non seppe superare la terribile prova del primo dopoguerra-, non possono
__________
.Col presente documento si immettono in rete in gli articoli e gli interventi di assimo origi sul repubblicanesimo
geopolitico / o repubblicanesimo geostrategico o repubblicanesimo strategico, animati dalla ricerca teorica sui concetti
di Lebensraum republicanism e di conflitto repubblicano strategico / e sulle attuali %uestioni geopolitiche apparsi fino
al 0 marzo 1234 sul blog “Il Corriere della Collera”$ (ono pure pubblicati alcuni dei commenti del blog a %uesti articoli
ed interventi$ 5reme per ultimo sottolineare che, per %uanto sviluppatosi del tutto autonomamente e con una sua
specificit# dialettica, il repubblicanesimo geo-politico condivide una profonda affinit# colla scuola neomar6ista di
7ianfranco +a 7rassa e sul suo euristicamente denso concetto di conflitto strategico$ Ravenna-Coimbra, marzo 1234$
nemmeno rinunciare, vista la loro natura poliarchica, a mantenere aperti %uegli spazi
di libert# di espressione che, se possono risultare molto fastidiosi, costituiscono anche
il terreno di manovra sui cui si possono scontrare i vari gruppi di potere ,e a
dimostrazione di %uanto %uesti spazi di “libera circolazione” siano intesi dai gruppi di
potere in maniera strumentale, si considerino in tentativi messi in atto in ogni
liberaldemocrazia per comprimere la libert# di espressione dando invece libero sfogo
alla anarchica libera circolazione delle merci e dei capitali-$
(iamo %uindi di fronte ad un problema di “egemonia”, una egemonia come direbbe
7ramsci che, invece di lanciare fantomatici e ridicoli appelli per una con%uista del
5alazzo d’inverno, deve preoccuparsi di con%uistare a s" sempre più vasti strati della
popolazione, attualmente indifferente o addormentata dall’oppio neoliberale$
8al punto di vista dell’elaborazione teorica %uesto ' il programma del
repubblicanesimo geopolitico$ 5er %uanto riguarda gli strumenti per diffondere una
vera consapevolezza democratica, unico in campo nazionale / per non dire
internazionale / ' il blog, il “Corriere della Collera”, che cortesemente ospita %uesto
ed altri interventi animati tutti dalla medesima consapevolezza della crisi epocale che
le democrazie rappresentative stanno attraversando$
Visti gli strumenti materiali messi in campo, sembrerebbe che la sfida per superare il
vecchio canone neoliberale sia disperata.
9on dimentichiamo per: che l’Italia ' sorta su scommesse che parevano gi# perse in
partenza e che i protagonisti di %ueste scommesse azzardate furono uomini ,primo fra
tutti azzini- che ben lungi dall’essere metafisici sognatori capivano che il dato
fondamentale di ogni azione sono le rappresentazioni che gli uomini si fanno della
situazione$
;ggi %uesta impostazione la si chiamerebbe costruttivista$ <uello che importa non '
tuttavia il nome ma la consapevolezza che ' dalla tradizione dell’azione e del
pensiero politico italiani che non solo le più profonde correnti del pensiero politico
internazionale trovano le sue radici ma che, soprattutto, possiamo trarre forza ed
ispirazione per contrastare le forze delle oligarchie$
-------------
8i antoniochedice, il novembre 10, 1230 alle 33!2= am, in costume, (toria$ >ag!Roberto ichels$ ? commenti
I trac@bac@ sono chiusi, ma puoi postare un commento$
A +) RB7I;9I 8)+ 8)C+I9;$ 9;9 (IB; 5IC D9 5;5;+; 8I 9BEI7B>;RI! B9CF) 7R)CI ) >DRCFI
FB99; 5IC 9BEI )RCB9>I+I 8I 9;I$
+B CBCCIB B G)9 +B8)9 (BR)GG) C;(>B>B 5BR)CCFI ;R>I D$($B$ D9 >)(>I;9) RIH)RI(C) 8I
5BR)CCFI) I G;8J GB7I B)RICB9) ) I >)5I (;9; I9E)R;(II+I$ K
Commenti
• luigiza Il novembre 10, 1230 alle L!2M pm
5ermalin@ N Replica
7ran bell’articolo ma temo che la battaglia, neppure cominciata, sia ormai gi# persa$
il Gaulaiter al momento installato in Italia mi pare stia facendo un ottimo lavoro per i suoi
veri padroni$ Come il suo predecessore del resto$
;h certamente opera per il salvataggio dell’Italia$ Certamente, certamente, nessun lo dubita
e frau mer@el ringrazia$
OBntoniochedice
proprio ora che l’Bmerica di mr ;bama sembra prendere le distanze dall’occoppiata (aud-
Israele, +ei rimane silente*
(ig$ Bntonio necessito delle sue illuminanti analisi$
5er favore non lasci i sui lettori a secco di informazioni$
o antoniochedice Il novembre 10, 1230 alle L!31 pm
5ermalin@ N Replica
Fo problemi di salute e di lavoro$ (to anche pensando di elaborare il blog
rendendolo accessibile previa selezione$
(ono interessato a informare chi ' interessato ad agire e sono interessato a non
informare chi pensa che non ci sia nulla da fare$ 9on ne vedo il motivo$
Roberto (tefanini Il novembre 14, 1230 alle P!12 am
5ermalin@ N Replica
(eguo da poco tempo %uesto blog e, per %uanto riguarda %uesto articolo, vorrei capire
meglio il suo pensiero$
3- Cosa intende con repubblicanesimo geopolitico*
1- Che rappresentazione si fa della situazione*
0- B %uale parte della”tradizione dell’azione e del pensiero politico italiano” si riferisce*
7razie$
Roberto Il novembre 1=, 1230 alle L!=0 am
5ermalin@ N Replica
(e azzini avesse dovuto valutare le vincite e le perdite saremmo ancora sotto i (avoia$ In
politica le battaglie si fanno per un ideale, per il sogno, magari utopistico, di una societ#
migliore$ I conti si fanno dal commercialista
o antoniochedice Il novembre 1=, 1230 alle 33!=P am
5ermalin@ N Replica
Credo tu abbia ragione! chi sostiene l’immutabilit#, sostiene il sistema$ Horse anche
non disinteressatamente$
______________________
abrahammoriah Il novembre 1M, 1230 alle 32!14 am
(“IL CORRIERE DELLA COLLERA”, 26 NOVEMBRE
2013)
REPUBBLICANESIMO GEOPOLITICO: ALCUNE
DELUCIDAZIONI PRELIMINARI
Di MASSIMO MORIGI
Rispondo molto volentieri, ringraziandolo per l’interesse mostrato, alle assai
opportune domande di Roberto (tefanini sul repubblicanesimo geopolitico e ringrazio
pure “Il Corriere della Collera” per dare spazio ed ospitalit# alle seguenti opinioni ed
analisi, ovviamente ascrivibili unicamente allo scrivente e non interpretabili come
una sorta di sua linea editoriale ma che si ha fiducia che, almeno nello spirito,
possano essere condivise dal blog e dai suoi cortesi ed attenti lettori$ (enza scendere
troppo nel dettaglio sugli autori e le fonti, attualmente, in contrapposizione ad una
visione liberale della democrazia, che intravvede la libert# come non interferenza ,e
cio' che si sarebbe tanto più liberi %uanto più la legge positiva non vieta di fare
%uesto o %uello-, si contrappone, fra le altre, una corrente di pensiero che viene
definita repubblicana o neorepubblicana ,fra le altre, perch" il repubblicanesimo o
neorepubblicanesimo, nell’ambito delle dottrine che ambiscono a sostituire il
liberalismo come ideologia guida, non ' l’unica possibilit# messa in campo dalla
filosofia politica! abbiamo, per esempio, il pensiero comunitario
3
/ cfr$ ichael
3
In %uesta risposta sul blog sul “repubblicanesimo
geopolitico” ho originariamente omesso %ualsiasi citazione
dei vari 9ozi@, Hriedrich von Fa&e@, 8Qor@in e Rothbard
come autori di riferimento in merito al canone liberale$ +a
ragione ' molto semplice$ >utti %uesti autori, chi più da
“sinistra” chi più da “destra”, ci restituiscono un’immagine
(andel, Blasdair acInt&re /, che indica come soluzione al deficit democratico un
maggiore legame dell’individuo con la sua comunit# di riferimento e che, da alcuni,
per la sua critica alla versione liberaldemocratica della democrazia, viene avvicinato
al repubblicanesimo, per non parlare dei vari mar6ismi più o meno neo che siano-$
;ra il ,neo-repubblicanesimo, in contrapposizione ad una interpretazione liberale
della libert# intesa come non interferenza, avanza un’idea della libert# intesa come
non dominio ,cfr$, in particolare, 5hilip 5ettit e <uentin (@inner-, e cio' si '
veramente liberi non solo %uando la legge positiva interferisce il meno possibile con
le scelte dell’individuo ma anche / e soprattutto / %uando il contesto politico ed
talmente caricaturale del liberalismo / e talmente priva di
%ualsiasi riferimento alla nozione di “conflitto strategico”
,concetto coniato da 7ianfranco +a 7rassa nell’ambito del
suo fondamentale rinnovamento del mar6ismo e
dell’interpretazione del filosofo di >reviri ma il cui campo
semantico rimanda direttamente a achiavelli- / che da
parte di un pensiero, come il “repubblicanesimo
geopolitico”, che intende seriamente e radicamente
superare il pensiero liberale ' consigliabile, almeno in sede
divulgativa come pu: essere %uella di un blog, piuttosto che
lasciarsi andare a facili, scontate / seppur giustificate /
ironie, lasciar perdere ed ignorarli del tutto$ Insomma, i
lettori dei blog politici ,o, meglio, tutti coloro che vogliono
costruirsi una vera cultura politica e comprendere %uindi
anche la grandezza, seppur da superare, del liberalismo- se
vogliono “perdere” tempo, affrontino >ucidide,
achiavelli, Fobbes, Bdam (mith, Ricardo, Carl von
ClauseQitz, Fegel, ar6, azzini, osca, 5areto,
GenRamin Constant, Ble6is de >oc%ueville, Carl (chmitt,
(orel, +enin, Fannah Brendt, Hriedrich +ist, (chumpeter,
Sohn a&nard Te&nes, per finire con i padri della
economico della societ# non consente che fra individuo ed individuo s’instaurino
relazioni di dominio$ +’esempio classico per illustrare la situazione di dominio ' il
rapporto servoUpadrone di Fegel, dove il servo ' sV legalmente libero di prendere
decisioni in contrasto col suo padrone ma dove %uesto comportamento ', de facto,
reso impossibile dalla disparit# di forze fra %uesti due attori ,per Fegel il rapporto
servoUpadrone aveva poi una sua evoluzione dialettica per cui il servo divenendo
sempre più indispensabile al padrone, alla fine “padroneggiava” il padrone stesso, il
,neo-repubblicanesimo meno dialettico e più “politicall& correct” vorrebbe, non si sa
bene come, l’abolizione, e6 abrupto / e b&passando del tutto la dinamica sociale delle
geopolitica Blfred >ha&er ahan, Falford Sohn ac@inder
e Hriedrich Ratzel piuttosto che i moderni pedestri,
feticistici ed irrealistici propagandisti nominati sopra di un
liberalismo visto come una sorta di sistema eterno,
immutabile e al di sopra della storia ,e di un indiduo come
una sorta di onnipotente Robinson sociale-, servi sciocchi di
%uegli agenti strategici, che coperti dalle enunciazioni
idologiche ,un tempo socialiste e liberali oggi solo liberali-
ad usum della manipolazione del consenso hanno inteso le
varie organizzazioni socioeconomiche in cui venivano ad
operare ,socialiste e liberaldemocratiche e oggi solo
liberaldemocratiche- come il campo di battaglia sul %uale
scontrarsi per ottenere la supremazia$ Bgenti strategici che,
insomma, da veri propri leviatani hobbessiani hanno fatto
sempre un sol boccone, strumentalizzandoli e trattandoli
come carne da cannone, dei vari Robison sociali del
liberalismo e dei vari (ta@anov del socialismo reale$ W
inutile aggiungere che il “repubblicanesimo geopolitico” sia
dal punta di vista conoscitivo che da %uello politico '
unicamente inteso a far uscire dal loro “stato di minorit#”
%uesti illusi Robinson liberali e i tuttora persistenti / e
scontro fra classi e della nascita da %uesta dialettica di nuove ed inedite classi / di
%uesto rapporto-$ <uindi fra servo e padrone si instaura un rapporto di dominio e,
giustamente secondo il ,neo-repubblicanesimo, %uesto rapporto ' una metafora di
%uanto avviene oggi nelle nostre moderne societ# rette politicamente da varie forme
di democrazia rappresentativa$ 5er il ,neo-repubblicanesimo ' necessario, allora, per
la costruzione di una societ# più democratica, affiancare alla non interferenza di
matrice liberale anche una visione della libert# intesa come non dominio, una
situazione %uindi dove il comportamento del servo non sia condizionato dal maggior
potere del padrone$ <uanto ci dice il ,neo-repubblicanesimo ' totalmente
condivisibile a livello di etica pubblica ma risulta, per:, totalmente embrionale e a
livello di elaborazione teorica e a livello di proposte di politiche pubbliche$ Eeniamo
prima alla politiche pubbliche avanzate dal ,neo-repubblicanesimo$ 5er %uanto
riguarda %uesto aspetto del ,neo-repubblicanesimo, ci troviamo di fronte alla assoluta
fumosit# dei suggerimenti, fumosit# il cui autentico “crampo del pensiero” '
rappresentato dal fatto che l’analisi dei problemi politico-istituzionali delle societ#
liberaldemocratiche non ' mai affiancata ad una analisi delle classi socio-economiche
che in %ueste societ# operano, dimodoch" il ,neo-repubblicanesimo stenta moltissimo
ad individuare i reali rapporti di forza eUo di potere che operano all’interno di %ueste
societ#, una dimenticanza di non piccolo momento per una dottrina che vorrebbe
instaurare rapporti di non dominio all’interno delle democrazie rappresentative$ (e
%uesto ' un problema del ,neo-repubblicanesimo per %uanta riguarda le politiche
pubbliche ,un problema che, comun%ue, potrebbe apparentemente essere risolto nella
prassi con versioni più a “sinistra” e più redistributive della dottrina-, ' a livello
teorico che troviamo il grande problema del ,neo-repubblicanesimo, grande problema
che sta proprio nella visione della libert# come non dominio, una visione, cio', dove
il potere ,dominio- ' visto come una cosa in s" cattiva e da contrastare il più
possibile, una specie di pulsione da reprimere e da cacciare il più possibile
nell’inconscio della vita politica, mentre il problema del potere non ' tanto %uello di
rimuoverlo o di esorcizzarlo come una specie di peccato originale ,una societ#
ispirata al principio del non dominio altro non ' che la realizzazione di %uesta
rimozione- ma bensV un suo incremento e sempre maggiore condivisione di %uote
crescenti dello stesso fra tutti i membri della societ#$ (e %uindi la bandiera del
,neo-repubblicanesimo ' il non dominio, il repubblicanesimo geopolitico
esprimendosi in termini simmetricamente contrari parla di dominio diffuso eUo
diffusivo come condizione indispensabile per lo sviluppo della libert#$ 5er esprimersi
ancora con maggior sintesi e ad uso di un facile promemoria! l’obiettivo del
repubblicanesimo geopolitico ' il 8ominio Repubblicano 8iffusivo, in inglese
Republican 8iffusive 8omination ,R88 se si preferisce l’impiego dell’acronimo o la
Republican increased common domination, RIC8, Bumentato dominio comune
perdenti / cultori del fu (ta@anov del defunto socialismo
reale$
repubblicano, usando un’altra locuzione semanticamente e%uivalente ed il suo
rispettivo acronimo-$ <uesta analisi sul potere come cosa in s" tutt’altro che
malvagia, non proviene da autori autoritari, antidemocratici eUo fascisti ma discende
direttamente dal pensiero di Fannah Brendt, per la %uale, appunto, il potere non
andava esorcizzato ma era lo strumento principale attraverso il %uale sia la comunit#
politica che il singolo individuo potevano tendere alla realizzazione di una Eita
Bctiva, %uella Eita Bctiva la cui entelechia era la realizzazione di una immortale
gloria terrena attraverso l’incremento della libert#Upotere di ogni singolo individuo
che, proprio in virtù di %uesta sua sempre più espansiva ed accresciuta capacit#
esistenziale, avrebbe potuto aspirare per s" e per la sua comunit# ad obiettivi di tale
esemplarit# e bellezza da risultare immortali ,tali da “vincere di mille secoli il
silenzio”, cfr$ in La guerra del Peloponneso di >ucidide il discorso funebre di 5ericle
agli Bteniesi-$ (e per: l’analisi del potere di Fannah Brendt risulta essere
assolutamente realistica ,il potere non ' il male ma ' la benzina della societ#-, la
filosofa politica ebrea tedesca naturalizzata statunitense non fu altrettanto puntuale
nell’analizzare le problematiche del potere relative alla moderne democrazie
rappresentative, in %uanto il suo punto di riferimento della polis greca se
assolutamente illuminante per %uanto riguarda l’analisi fenomenologica del potere,
non ' assolutamente proponibile come modello per le moderne societ# industriali ,e
la Brendt ne era assolutamente consapevole- e la sua mitizzazione della rivoluzione
americana / con l’idea di una riproposizione come futuro soggetto politico, mutatis
mutantis, delle piccole comunit# americane di origine che erano state alla base della
voglia di libert# e laboratorio politico della rivoluzione e delle prime forme di
democrazia del nuovo continente / se ancora fondamentale per capire le dinamiche
dominio-potere-libert# risulta ancora una volta improponibile come reale modello
alternativo alla democrazia rappresentativa$ Brrivo %uindi rapidamente alla
conclusione intorno alla domanda di cosa sia il repubblicanesimo geopolitico$ Il
repubblicanesimo geopolitico intende riempire %uesta lacuna nella consapevolezza
molto elementare ma fondamentale che la partita della libert# non si gioca n" in
astratti enunciati ,libert# come non interferenza di matrice liberale o libert# come non
dominio del ,neo-repubblicanesimo- ma nei concreti rapporti di forza ,e %uindi nei
concreti spazi di libert#- che si sviluppano all’interno della societ#$ Con %uesta enfasi
sui rapporti di forza fra le classi, sembrerebbe per: essere dalle parti di una riedizione
del mar6ismo vecchia maniera$ )rrore e per due semplici motivi$ 5rimo perch" nel
repubblicanesimo geopolitico l’accento ' messo sul potere come energia generatrice
di libert# mentre il mar6imo classico vuole una societ# dove i rapporti di forza siano
estinti ,fine della storia, estinzione dello stato-$ (econdo perch" se per il mar6imo
l’agente generatore di una societ# più libera ' il proletariato, per il repubblicanesimo
geopolitico l’agente per una maggiore libert# sono proprio %uelle forze ed energie
,%uindi anche il proletariato ma pure le forze che vi si contrappongono- che
scontrandosi originano una dialettica del potere che ' alla base per un concreto e non
astratto ampliamento della sfera della libert# ,sottolineo che %uesta della conflittualit#
come origine della libert# eUo della forza di una comunit# politica non ' certo molto
originale discendendo direttamente da achiavelli e dalla sua spiegazione della forza
militare degli antichi romani, la %uale, secondo il (egretario fiorentino, discendeva
direttamente dalla lotta fra patrizi e plebei che trovava una sua valvola di sfogo nella
espansione territoriale di Roma-$ ) %ueste forze ed energie per il repubblicanesimo
geopolitico possono trovare la loro piena espressione solo a condizione che il %uadro
geopolitico in cui %uesta comunit# vive la sua esperienza storica sia favorevole a che
%uesta comunit# possa irrobustire la sua identit# e, di conseguenza, progettare e
lottare per sempre maggiori spazi di libert#$ <uando azzini parlava di una
“missione” dell’Italia una volta che fosse stata riunificata geograficamente e
spiritualmente, sarebbe assai singolare non vedere in %ueste parole la consapevolezza
che una nazione non pu: vivere / e %uindi essere libera / senza che abbia un’idea
della sua collocazione fra le altre comunit# politiche del mondo, senza che possa
disporre di un suo +ebensraum, non solo geografico e materiale ma anche culturale e
spirituale ,%uello di +ebensraum, cio' spazio vitale, ' un concetto che venne coniato
da Hriedrich Ratzel e sviluppato dalla geopolitica tedesca e per %uesto ha subito una
sorta di damnatio memoriae$ ;ra il fatto che il nazismo abbia sviluppato una sua
versione criminale del +ebensraum non significa che %uesto concetto non sia
fondamentale per la geopolitica e %uindi per il repubblicanesimo geopolitico, tanto
che il repubblicanesimo geopolitico potrebbe anche essere chiamato +ebensraum
repubblicanesimo se non fosse per il fatto che il concetto di +ebensraum ' ancor oggi
appaiato all’imperialismo guglielmino e al male assoluto del nazismo / e per ironia
della storia, se pur rifiutato dalle accademie politologiche e filosofico-politiche del
secondo dopoguerra / impiegato come strumento di analisi fondamentale per dirigere
l’azione geopolitica delle potenze vincitrici del secondo conflitto mondiale$ Il
repubblicanesimo geopolitico, invece, intende impiegarlo per i suoi scopi di libert#-$
<uando azzini criticava il mar6ismo %uesto non avveniva per una sorta di cecit# nei
confronti delle condizioni della classe operaia ma avveniva nella consapevolezza che
la dinamica dello scontro delle classi sociali / e %uindi della libert# / non poteva
essere compressa nelle formulette tipo la “dittatura del proletariato”$ azzini fu
sempre accusato di misticismo$ In realt# non era affatto un mistico ma, piuttosto, un
dialettico che era consapevole che la partita della libert# poteva essere vinta solo con
una generale crescita culturale ,e %uindi politica- di tutta la societ#$ <uando azzini
preconizzava l’edificazione per la sua nuova Italia di “scuole, scuole, scuole”, non
designava per s" il ruolo di futuro ministro della pubblica istruzione ma era
semplicemente consapevole che la libert# italiana doveva passare attraverso
l’innalzamento culturale del popolo$ ;ggi %uesta dimensione culturale ' entrata a
pieno vigore nel lessico della geopolitica e si chiama noopoliti@, %uella noopoliti@ che
presa molto sul serio dal Celeste Impero, rischia di %ui a pochi anni, assieme ai fattori
di eccellenza economica, di rendere la Cina la prima superpotenza a dispetto degli
standard terribilmente mediocri, almeno se comparati a %uelli delle democrazie
rappresentative occidentali, nel campo dei diritti politici$ ;ra, senza voler ripercorrere
tutti %uegli autori e personaggi storici in cui il momento geopolitico fu fondamentale
,7aribaldi fu un geopolitico “pratico”, il nazionalismo italiano ebbe una sua versione
di destra tipicamente autoritaria mentre la matrice democratica del nazionalismo '
impensabile senza considerare il aestro di 7enova, l’interventismo democratico era
mazzinianamente animato da una profonda, anche se rudimentale, consapevolezza
repubblicana e geopolitica che la libert# del nuovo stato / e %uindi dei suoi cittadini /
non era al sicuro senza la demolizione degli Imperi centrali, l’impresa fiumana ben
lungi dall’essere stata uno stolto rigurgito del peggior nazionalismo come da certa
stereotipata storiografia, diede voce / ed azione / alla consapevolezza geopolitica di
matrice mazziniana diffusa fra gli strati più umili, ma non per %uesto non certo
politicamente meno avvertiti, della popolazione, che l’astratto Qilsonismo era un
attentato non solo contro la potenza di una nazione, l’Italia, che aveva vinto la guerra
ma anche contro la sua libert# nel consesso delle nazioni e, %uindi, al suo interno,
anche contro il suo sviluppo in una societ# sempre più libera$ ) %uanto fossero
avanzate le concezioni politiche e sociali dei “fiumani” guidati da 8’Bnnunzio,
volentieri si rimanda alla misconosciuta Carta del Carnaro-, la tragedia dell’Italia
attuale ' che la sconfitta nel secondo conflitto mondiale, assieme alla giusta
ridicolizzazione del fascismo, trascin: nel disastro anche %uel repubblicanesimo
geopolitico che era stato una delle componenti fondamenti del suo Risorgimento e
della sua riunificazione e che aveva ben compreso che la libert# non poteva essere
scissa dalla sua componente spaziale-geografica ,fondamentale per comprendere sul
piano teorico %uesta dialettica spazioUlibert# Democratic Ideals and Reality. !tudy
in the Politics of Reconstruction, +ondon, 3L3L di Falford ac@inder, il fondatore
accanto a >ha&er ahan della geopolitica, e al %uale si deve la comprensione che la
democrazia ' nata e si sviluppata grazie all’insularit# della 7ran Gretagna e che
%uindi il Qilsonismo / oggi si direbbe l’esportazione della democrazia / era un
assoluto non senso-$ Rimane da rispondere al %uesito posto da Roberto (tefanini sulla
rappresentazione della situazione che si fa il repubblicanesimo geopolitico$ (e per
rappresentazione della situazione s’intende il %uadro delle relazioni internazionali, il
repubblicanesimo geopolitico sente una profonda affinit#, e prende robusti spunti
oltre che dai gi# citati padri della geopolitica, dalla dottrina delle relazioni
internazionali che oggigiorno va sotto il nome di costruttivismo e che ha per
caposcuola Ble6ander Xendt$ Hamosa la frase di Ble6ander Xendt “Bnarch& is Qhat
states ma@e of it”, e cio' che l’anarchia del sistema internazionale non ' una
meccanica legge di natura ma dipende dalle scelte, a loro volta influenzate dalla
storia e dalla cultura, che le singole nazioni compiono di volta in volta$ Il
costruttivismo, insomma, sottolinea l’importanza dei cosiddetti dati “sovrastrutturali”
e volitivi nel determinare la dinamica del sistema internazionale$ 8a %uesto punto di
vista, il repubblicanesimo geopolitico ' completamente d’accordo col costruttivismo
ma con una piccola rivendicazione, non per s" stesso / ci mancherebbe / ma per chi
prima ancora del costruttivismo e con feroce volont# attuativa pens: in %uesti
termini! il solito 7iuseppe azzini$ (e per rappresentazione della situazione si
intende, invece, il giudizio sullo stato di salute della democrazia in Italia e nelle altre
democrazie rappresentative, il giudizio ' gi# stato espresso in altri interventi sul
“Corriere della Collera” ma, in estrema sintesi, si riassume nella conclusione che
%uello che i media / ed anche un pensiero politico asservito a necessit# che con la
ricerca della verit# e dell’espansione della libert# hanno poco a che spartire / oggi
chiamiamo democrazia non ' altro che un regime ove le oligarchie finanziarie
sostengono e foraggiano un teatrino dove ancora si consente di scegliere attraverso
formalmente libere elezioni la propria rappresentanza politica ma in cui %uesta
rappresentanza politica ' totalmente irresponsabile rispetto al suo elettorato ed '
spogliata, de facto, di %ualsiasi potere decisionale ,%uesto teatrino del potere e della
falsa libert# politica ' comune a tutte le democrazie rappresentative occidentali$
5roseguendo con l’immagine, possiamo dire che, allo stato attuale, la democrazia '
una recita fatta dai politici su un palco gentilmente fornito dalle oligarchie
finanziarie$ In Italia poi, per non farci mancare niente, gli attori sono pure degli
scadenti guitti-$ <uesto giudizio, peraltro, non ' proprio un’esclusivit# del
repubblicanesimo geopolitico ma ' condiviso anche dalla parte meno corrotta
dell’attuale mainstream della scienza politica ,Colin Crouch, Robert 8ahl tanto per
citare %ualche autore-$ Bl contrario per: di coloro che vedono la postdemocrazia eUo
la poliarchia come un destino inevitabile per le democrazie rappresentative
occidentali, il repubblicanesimo geopolitico non si rassegna all’avvizzimento della
democrazia per il semplice motivo che se gli uomini per pigrizia possono essere sordi
sulla loro libert#, la storia ' un’ottima sveglia e che, se inascoltata, pu: portare a
traumatici e tragici risvegli$ W la storia del nostro paese che ' tutto un susseguirsi di
momenti alti e di altri di tragica miseria$ W persino inutile dire in %uale momento il
repubblicanesimo geopolitico ambisca a collocarsi$ (embrerebbe, ' vero, una
missione impossibile, per non dire connotata da un’assoluta ed insopportabile hubris$
(e il repubblicanesimo geopolitico fosse una semplice nuova elaborazione di scuola
sui temi ,neo-repubblicani ci: sarebbe assolutamente vero$ a ovviamente la pretesa
/ o meglio la speranza / del repubblicanesimo geopolitico non ' di essere la solita
accademica variazione sul tema ,neo-repubblicano ma modestamente, anche se con
molto orgoglio, ' di non essere altro che l’ennesima espressione di %uel moto
profondo che nasce dal cuore della nostra storia e civilt# e che si riassume nella
ricerca di una sempre maggiore espansione della libert#$ ;ra e sempre$
Ravenna, 1M novembre 1230
----------
Bfganistan Bfrica Bldo oro Bngela er@el arabia saudita Gahrain Ganca Centrale europea Ganca
dYItalia Gan@italia Gara@ FDssein ;bama Gara@ ;bama Gashar el assad GenRamin 9etan&ahu
Geppe 7rillo Gerlusconi bilancio dello stato Charles 8e 7aulle CIB Cina Corriere della sera
corruzione 8avid Cameron debito pubblico economia )gitto HIB> HI Hondo onetario
Internazionale Hrancia Hrancois Follande gheddafi 7iorgio 9apolitano guerra di +ibia 7uerra di
(iria Famas Fezbollah Filar& Clinton Fillar& Clinton Ignazio +a russa imposta patrimoniale India
ira@ Iran Israele Rohn @err& +ega araba +ibano +ibia mario draghi mario monti arocco
ohammed )+ GBRB8)I uammar 7heddafi ubara@ 9B>; 9eQ &or@ times 9IC;+B(
(BRT;ZJ 5acciardi 5a@istan 5apa Hrancesco 5ier luigi bersani 5rima Repubblica Randolfo
5acciardi risparmi Russia (addam Fussein (ar@osi (ilvio Gerlusconi (iria (tupidit# (udan >unisia
>urchia Dnione )uropea Eladimir 5utin
Articoli recenti
o I8)9>I>[ ) 5;+I>ICB$ di Hrancesco Eenanzi
o +B 7DBR8IB 8I HI9B9ZB, I 8)GI>I 8)+ 5DGG+IC; )RBRI; ) +)
9D;E) 8IR)>>IE) (DI HB++I)9>I 8)++) GB9CF)$ di Bntonio
de artini
o B++B RIC)RCB 8)++B I8)9>I>[ I>B+IB9B$ 8IB+;7; >RB ;RI7I
) (>)HB9I9I
o +B (EIZZ)RB I98IC) D9 R)H)R)98D (DI +II>I B7+I (>I5)98I 8)I
B9B7)R( )8 W I9 BRRIE; <D)++; 8)+ R)88I>; I9I;
7BRB9>I>; B >D>>I I CI>>B8I9I di Bntonio de artini
o 30 7I;R9I HB;(I 8)++Y ;>>;GR) 3LM1! I +B CRI(I 8I CDGBI >RB
RD((IB ) (>B>I D9I>I
Link
o giornalismo Internet
o (ponsor ufficiale! atiso Immobili di 5restigio
Roberto (tefanini 1P-33-1230
Risposta esauriente e molto approfondita$ 7razie$
;ra che i miei ricordi scolastici su azzini sono stati integrati e molto ampliati da lei, concordo che
nel pensiero mazziniano ci siano elementi di modernit# tuttora validi$
Concordo anche che, a seguito della sconfitta dell’Italia nella (econda guerra mondiale e delle sue
varie conseguenze, si sia “buttato via anche il bambino con l’ac%ua sporca”, ossia che siano stati
demonizzati anche principi importanti, che sarebbe bene recuperare$
5er rimanere in termini mazziniani, la fase pensiero non mi sembra completa$ ancano a mio
avviso almeno due fattori importanti$
3- <ual ' l’interesse nazionale italiano oggi* <ualcuno lo ha definito con chiarezza* Bmmesso che
nelle alte sfere ci sia %ualcuno interessato a perseguirlo e che sia possibile farlo, visto che siamo
ampiamente un paese a sovranit# limitata, soggetto a dosi massicce di disinformazione interessata$
1- Come la tecnologia moderna e Internet in particolare, possono influire sullo schema ottocentesco
di azzini*
Concludo, oltre a recuperare validi aspetti della nostra tradizione storica e tenere conto della nostra
collocazione geopolitica, bisognerebbe inventarsi anche %ualche cosa di radicalmente nuovo$ Cosa
certo non facile ma non impossibile$ (iamo o non siamo un popolo di gente fantasiosa*
o antoniochedice Il novembre 1P, 1230 alle M!31 pm
5ermalin@ N Replica
i inserisco un istante per dire che non dobbiamo per forza trovare %ualcosa di
nuovo, bensV di efficace$ )fficace$ )fficace$

« LA SVÌZZERA ÌNDÌCE UN REFERENDUM SUÌ LÌMÌTÌ AGLÌ STÌPENDÌ DEÌ MANAGERS ED È
ÌN ARRÌVO QUELLO DEL REDDÌTO MÌNÌMO GARANTÌTO A TUTTÌ Ì CÌTTADÌNÌ di Antonio
de Martini
LA GUARDÌA DÌ FÌNANZA, Ì DEBÌTÌ DEL PUBBLÌCO ERARÌO E LE NUOVE DÌRETTÌVE SUÌ
FALLÌMENTÌ DELLE BANCHE. di Antonio de Martini »
Commenti Francesco Venanzi On novembre 28, 2013 at 11:23 am
Permalink | Rispondi
olti passi dell’analisi di origi sono condivisibili, direi illuminanti se non fossimo in %ualche
modo forse confuso gi# illuminati$ +e democrazie di oggi sono un teatrino! %uesta ' la sintesi$ Bl
dun%ue, restano pregnanti le ultime domande di (tefanini, senza risposta$ anca oggi chi sia in
grado di dare la risposta$ Ci vogliamo provare* H$
o
o antoniochedice On novembre 28, 2013 at 11:40 am
Permalink | Rispondi
Caro Hrancesco, sarebbe ora che tu, Eitangeli, Hantoni, e tanti altri ripiegati sull’introspezione
cominciaste a fare la vostra parte$ Che aspetti*
______________________________
abrahammoriah On dicembre 2, 2013 at 9:47 am
(“IL CORRIERE DELLA COLLERA”, 2 DICEMBRE 2013)
COMMENTO DI MASSIMO MORIGI
Ravenna, 1 dicembre 1230
“(ovrano ' chi decide sullo stato di eccezione$” ,C$ (chmitt, "eologia politica, in Le
categorie del #politico$, a cura di 7$ iglio, e 5$ (chiera, Il ulino, Gologna, 3LP1,
p$ 00-$ >utta la costruzione giuridica dell’D) invece di concentrarsi su %uesto
elementare dato di fondo rilevato dal giuspubblicista di 5lettenberg, ha preferito
muoversi lungo la linea Telsen di rimozione del problema della sovranit#$ (i ' cosV
ottenuto che il popolo, che ' il titolare della sovranit# democratica, ha di fatto perso
sempre più potere ,gli sono state sottratte %uote sempre più crescenti di “8ominio
Repubblicano 8iffusivo” per esprimerci nei termini del repubblicanesimo
geopolitico-, essendo che %uesto potere era basato su una base giuridica sempre più
svuotata ,la sovranit#, appunto- mentre il potere stesso ha subito una sorta di
“translatio loci” dal popolo alla burocrazia e alla finanza ,nazionali eUo transnazionali
che siano-, la cui azione non ' giustificata da una forma defunta di sovranit# ,%uella
democratica- ma in base a puri criteri di efficacia$ ) cosV, nonostante la sua rimozione
dalla dottrina giuspubblicista prevalente, la sovranit# si ' ricostituita avendo nuovi
titolari! la burocrazia e la finanza$ Come si ' visto nella ultima crisi finanziaria dove a
decidere in )uropa sullo stato di eccezione ,cio' sui provvedimenti da prendere per
farvi fronte- non ' stata la politica ma %uesti luoghi in cui era migrata la sovranit#$
Rispondendo %uindi a (tefanini in merito a %uale sia l’interesse italiano oggi, si pu:
dire che l’interesse italiano / anche se con maggiore urgenza che nelle altre nazioni
europee dove la politica non ha raggiunto l’indecenza del nostro paese / ' “ritraslare”
il potere e la sovranit# verso il popolo$ Hra pochi mesi avranno luogo le elezioni per il
parlamento europeo$ 5ur con il dovuto disgusto verso la retorica e la disinformazione
“democratica” ,di fatto totalmente autoritaria- che da sempre accompagna la
costruzione di %uesta )uropa e i suoi appuntamenti elettorali, non sarebbe il caso di
pensare di approfittare di %uesta occasione per uscire dal campo della pura analisi per
cominciare ad avventurarci nella prassi* ) in Italia non potrebbero essere protagonisti
di %uesto tentativo coloro che non da ieri ma ancor %uando si pensava che %uesto
sistema fosse in grado di dispensare libert# e benessere hanno sempre sostenuto che il
potere del nostro paese ' meno che altrove in mano al popolo ma di coloro che
pretendono di agire in loro nome e loro conto se%uestrandone di fatto la sovranit#*
assimo origi
-------------------
Roberto Stefanini On dicembre 6, 2013 at 11:07 am
5ermalin@ N Rispondi
In termini di “pura analisi”, su %uello che sia l’interesse nazionale italiano più urgente, %uesta
risposta mi sembra ineccepibile$ Concordo anche che sarebbe ora di avventurarci nella prassi$ a
come*
Circoscrivere l’azione solo nell’ambito delle regole elettorali vigenti, significa continuare a giocare
con bari usando il loro mazzo di carte segnate$
Credo che ora sia necessario inventarsi %ualcosa di radicalmente nuovo, che tenga conto sV della
nostra tradizione, ma anche dell’influenza nel socio-politico-culturale delle nuove tecnologie
dell’informazione e della comunicazione$
Cosa più facile a dirsi che a farsi, ma non impossibile$
__________________________
abrahammoriah On dicembre 8, 2013 at 8:00 am
(“IL CORRIERE DELLA COLLERA”, 8 DICEMBRE 2013)
COMMENTO DI MASSIMO MORIGI
? dicembre 1230
(i riprende in %uesta nota il “dialogo” fra origi e (tefanini e si risponde anche alle
varie considerazioni e spunti apparsi in “Identit# e politica di Hrancesco Eenanzi” e si
integrano pure ,e, purtroppo, si ripetono parzialmente a noia dei lettori- le mie parole
e concetti apparsi in “8a Repubblica del 1L aprile\”-$
+’Italia ' entrata tecnicamente in %uello in termini giuspubblicistici viene definito
“stato d’eccezione”$ <uesta ' l’ineluttabile conseguenza della sentenza della Consulta
in merito alla legge elettorale che ha portato alla elezione dell’attuale 5arlamento e
%uesto ' il “factum horribile” che tutti gli osservatori hanno rimosso, arrivando
costoro ad affermare che il 5arlamento in seguito alla sentenza sarebbe politicamente
delegittimato, giudizio corretto ma parziale perch" si svolge unicamente lungo
categorie moral-politiche avendo omesso di sottolineare il fatto / assolutamente più
grave / che il 5arlamento ' pure giuridicamente decaduto$ B parziale scusante della
cecit# dei commenti ,suscitati ovviamente dall’intento di mantenere inalterati i vecchi
privilegi oligarchici ma anche dal sincero terrore che tutto crolli e in %uesto novero si
inserisce anche l’atteggiamento del 5residente della Repubblica che all’insegna del
“>out va bien adame la ar%uise” e sottolineando unicamente l’inderogabilit#
della riforma del sistema elettorale e cosV ignorando la terribile crisi sistemica intende
mettere al riparo la stessa prima carica dello stato / eletta da un 5arlamento originato
da una procedura elettorale giudicata incostituzionale / dallo stato di eccezione
generato dalla sentenza della consulta-, bisogna tenere presente che il nostro sistema
politico-istituzionale prima ancora che entrare nell’attuale conclamato “stato
d’eccezione” ' da tempo che sperimenta prove tecniche di sospensione eUo
aggiramento de facto della vigenza delle norme che ,avrebbero dovuto- regolare la
vita della repubblica parlamentare italiana$ ), oltre alla continua decretazione
d’urgenza che ha completamente esautorato il 5arlamento e che ha conferito
all’esecutivo una sorta di funzione dittatoriale, il primo e più grave esempio del
continuo “autogolpe” che da tempo si infligge il nostro sistema politico-istituzionale
' stato il conferimento di %uote sempre maggiori di sovranit# alle istituzioni politiche
e agli organi tecnici dell’Dnione europea, un processo che se in linea di principio
consentito dalla Costituzione ,Brt$ 33 Cost$ ! “+’Italia ripudia la guerra come
strumento di offesa alla libert# degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle
controversie internazionali] consente, in condizioni di parit# con gli altri (tati, alle
limitazioni di sovranit# ^sottolineatura nostra_ necessarie ad un ordinamento che
assicuri la pace e la giustizia fra le 9azioni] promuove e favorisce le organizzazioni
internazionali rivolte a tale scopo”-, %uesto non poteva avvenire a detrimento dei
diritti politico-sociali di cui godevano i cittadini italiani ,come ' successo durante la
presente crisi economica dell’eurozona, dove le decisioni assunte sono state
direttamente imposte dalle tecnoburocrazie europee cui nessun procedimento elettivo
democratico aveva conferito %uesto ruolo e dove %ueste decisioni hanno direttamente
leso i diritti politico-sociali degli italiani e %uindi la possibilit# di ampliare / in realt#
la si ' ridotta / la sfera di libert# del popolo, ampliamento che dovrebbe essere la vera
“teleologia” di ogni sistema democratico degno di %uesto nome ,esprimendoci nei
termini del repubblicanesimo geopolitico %uesta “teleologia” viene definita anche
come “Republican increased common domination” ma %uesta inedita terminologia
del gi# noto concetto di “empoQerment” non deve nascondere l’elementare fatto che
' sempre stato di tutta evidenza che un sistema democratico che abdica al
fondamentale “principio di speranza” di migliorare le condizioni spirituali e materiali
del suo popolo non ' più, de facto, un sistema democratico e che invertendo il
processo di espansione degli spazi di libert# a favore di agenti sovranazionali che
assumono %uote sempre più crescenti di sovranit# ma che non assumono l’onere di
onorare lo scambio fra soggezione e libert#Uprotezione dello stato originario, si
genera per i popoli sottomessi a %uesto processo una situazione con profonde
analogie con %uella descritta da Fannah Brendt per gli apolidi nel suo saggio sul
totalitarismo / cfr$ Fannah Brendt, Le origini del totalitarismo, >orino, )dizioni di
Comunit#, 3LLL, pp$ 432-43? -, i %uali sono in possesso solo dei teorici diritti umani
ma, concretamente, n" di diritti politici n" sociali, che possono essere garantiti solo
da uno stato che concretamente ha storicamente contrattato col popolo %uesti spazi di
libert#-$ 5artendo %uindi dalla constatazione dell’ “autogolpe” che si inflitto il sistema
politico-istituzionale italiano, giungo alle conclusioni e alla risposte$ +’attuale “stato
di eccezione” italiano ha caratteri terribilmente drammatici non solo in ragione del
mancato suo riconoscimento da parte delle oligarchie politico-finanziarie ,vecchia
pratica che / come si ' sottolineato / ' la cupa nota di fondo della nostra vita
pubblica - ma anche in ragione del fatto che nella nostra repubblica parlamentare se
la legittimit# giuridica dell’elezione del 5arlamento viene colpita a morte, vengono
colpiti a morte anche il 7overno e la 5residenza della Repubblica che dal 5arlamento
sono stati messi in carica$ Insomma lo “stato di eccezione” italiano non trova alcun
sovrano che possa assumersi n" l’onere di decretarlo formalmente n" di prendere
provvedimenti per poterne uscire ,ricordo ancora da una precedente nota che
“(ovrano ' chi decide sullo stato di eccezione” , %. !chmitt, "eologia politica, in Le
categorie del #politico$, a cura di 7$ iglio, e 5$ (chiera, Il ulino, Gologna, 3LP1,
p$ 00-$ ) allora* ) allora non essendoci un vero sovrano che possa prendersi carico
dello “stato di eccezione” ma solo, come ' accaduto in passato, una serie di sovrani
abusivi, tutto ' possibile, in %uanto la situazione non pu: nemmeno definirsi come
uno stato di rottura della Costituzione ma, bensV, di vera e propria “li%uefazione
costituzionale” perch", parlando in linea di diritto, gli attuali strumenti da essa
indicati per agire / anche se con una terminologia e costruzione dell’articolo non
adeguate ed incomplete per descrivere e fronteggiare lo stato di eccezione ,Brt$ P?
Cost$! “+e Camere deliberano lo stato di guerra e conferiscono al 7overno i poteri
necessari”- / per effetto della sentenza della Consulta sono anch’essi entrati in uno
stato di caducazione giuridica$ 9elle pagine del “Corriere della Collera” citate a
premessa della presente nota, sono apparsi interessantissimi post con varie ed
intelligenti soluzioni per uscire dall’attuale crisi e anch’io ho voluto dare il mio
contributo suggerendo che nel brevissimo periodo le elezioni europee potrebbero
essere una ottima occasione per tentare di diffondere ad una vasta platea le idee
comuni presenti in %uesto blog$ >utto ancora valido ma con un “piccolo” corollario$
+’attuale crisi del parlamentarismo italiano ha raggiunto con l’attuale “stato di
eccezione” caratterizzato dalla “li%uefazione costituzionale” il suo momento più
drammatico e con sbocchi, vista la debolezza evidenziata in Costituzione di un
“sovrano” che possa farsi carico della soluzione ,fra l’altro storicamente minato da
%uella tara per la %uale 7iuseppe aranini coni: il termine di partitocrazia- e visto
che %uesto stesso “sovrano” ,il 5arlamento in prima battuta e poi il 7overno, e6 Brt$
P? Cost$-, per gli effetti a cascata della sentenza della Consulta, ' stato messo fuori
gioco, assolutamente imprevedibili$ (ono pertanto necessarie delle forze che possano
costituire il momento generatore / pena la morte definitiva della democrazia italiana
e il trionfo delle oligarchie politico-finanziare / del “nuovo sovrano” che difenda la
libert# e la democrazia$ Gene %uindi %uanto da noi detto e proposto$ a con la
consapevolezza aggiuntiva / mi rendo conto che non ' cosa da poco / che gli odierni
tempi straordinari pongono le premesse per altrettanto straordinarie future azioni
politico-culturali a difesa dell’attuale ,sempre più declinante- legalit# democratica e
contro il sempre più impetuoso imbarbarimento oligarchico$
assimo origi
__________________________
Afganistan Africa Alcide De Gasperi Aldo Moro Angela Merkel arabia saudita Bahrain Banca Centrale europea Banca d'Ìtalia Bankitalia Barak HUssein Obama Barak Obama Bashar
el assad Benjamin Netanyahu Berlusconi bilancio dello stato Charles De Gaulle CÌA Cina Corriere della sera corruzione David Cameron debito pubblico economia Egitto Federal
reserve FÌAT FMÌ Fondo Monetario Ìnternazionale Francia Francois Hollande gheddafi Giorgio Napolitano guerra di Libia Guerra di Siria Hamas Hezbollah Hilary Clinton Hillary
Clinton Ìgnazio La russa imposta patrimoniale Ìndia irak Ìran Ìsraele john kerry Lega araba Libano Libia mario draghi mario monti Marocco Muammar Gheddafi Mubarak NATO New
york times NÌCOLAS SARKOZY Osama ben Laden Pacciardi Pakistan Pier luigi bersani Prima Repubblica Randolfo Pacciardi risparmi Russia Saddam Hussein Sarkosi Silvio
Berlusconi Siria Stupidità Sudan Tunisia Turchia Unione Europea Vladimir Putin
Articoli Recenti
o PER RENZÌ VALE ÌL ¨ WAÌT AND SEE¨ PERÒ CON QUALCHE DOMANDA. di Gic.
o Ì PAESÌ BRÌCS ÌN DÌFFÌCOLTA' FÌNANZÌARÌE MOSTRANO LE FRAGÌLÌTA' DÌ SEMPRE intervista a Paolo Raimondi esperto di economia
o ÌL FASCÌNO DEL DÌALOGO CON CADORNA HA CONTAGÌATO MOLTÌ LETTORÌ. OPPURE E' STATO L'ARGOMENTO RENZÌ. di Antonio de Martini
o UCRAÌNA, PRÌMA PEDÌNA DELLA TEORÌA DEL DOMÌNO O PROVA DÌ UNA NUOVA YALTA A GEOMETRÌA VARÌABÌLE? di Antonio de Martini
o GLÌ USA CONTÌNUANO LA POLÌTÌCA DÌ "APEASEMENT¨ VERSO L'ÌRAN: LÌCENZÌATO ÌL CAPO DEÌ SERVÌZÌ SEGRETÌ SAUDÌTÌ CHE
ORGANÌZZAVA GLÌ ATTENTATÌ. intervista a Antonio de Martini
!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
(“IL CORRIERE DELLA COLLERA”, 3 MAGGIO 2013)
ÌL CORRÌERE DELLA COLLERA
Per la Repubblica di domani
DA ” REPUBBLICA” DEL 29 APRILE. L’ ARTICOLO DI FEDERICO
RAMPINI SPIEGA COME E’ SUCCESSO CHE DUE PROFESSORI ABBIANO
FATTO LICENZIARE TRE MILIONI DI PERSONE IN ITALIA E IN FRANCIA E SEI
IN SPAGNA (OLTRE A MEZZA GRECIA). MA NON SPIEGA CHI PAGHERA’ I
DANNI.
Di ANTONIO DE MARTINI
http!UUcorrieredellacollera$com 5er celebrare il miesim" #"st di $%est" &"',
pubblico, da un giornale che so poco letto dai lettori del blog, un articolo di &ederico
Rampini sul famoso errore dei due “scenziati” che ha provocato un disastro
economico in dodici milioni di famiglie del continente europeo$ +’;C8), pagato
solo per fare conti, non se n’' accorto, come non se ne sono accorti l’I(>B> e il HI,
+a Ganca Centrale )uropea, GB9TI>B+IB, la GD98)(GB9T e compagnia
cantante$
Chiediamo troppo se ai dodici milioni di disoccupati , che hanno pagato per la svista
e l’imbroglio- diciamo che a loro d"(re&&er" a''i%n'ersi i ca#i ec"n"misti di
$%esti istit%ti* Il 5residente dell’Istat e il direttore generale della Ganca d’Italia sono
gi# stati cacciati e relegati al governo in mezzo agli altri somari, ma non credo che ci
accontenteremo$ ndr
“) apparso come star nel popolare tal@shoQ di satira politica T*e C"&ert Re#"rt$
(e l’' meritata davvero %uesta fama T*"mas +ernd"n, che prepara la sua tesi di
5h$8$ alla Dniversit& of assachussetts di Bmherst$
Il premio 9obel dell’economia Pa% ,r%'man gli d# atto di avere Aconfutato lo
studio accademico più autorevole degli ultimi anniK$ (coprendovi degli errori banali,
imbarazzanti per gli autori$
Le vittime di Ferndon sono due tra gli economisti più stimati del mondo! Carmen
Rein*art e ,ennet* R"'"--$ +oro due insegnano in una super-universit#, +ar(ard,
ben più prestigiosa di %uella dove studia il 1?enne dottorando che li ha messi al
tappeto$ Rogoff, che ' stato economista anche al Hondo monetario internazionale e
alla .edera Reser(e, insieme con la sua collega Reinhart pubblic: “7roQth in a
>ime of 8ebt”, una ricerca conclusa proprio %uando stava scoppiando la crisi della
7recia$ In %uel testo vi era la “prova scientifica”, secondo gli autori, che se il debito
pubblico di una nazione raggiunge la soglia del L2` del 5il, diventa un ostacolo
insuperabile alla crescita$
<uella cifra “magica” venne adottata come un dogma, istantaneamente ripresa da
organizzazioni internazionali e governi! da An'ea Mer/e alla C"mmissi"ne
e%r"#ea0 fino al partito repubblicano negli (tati Dniti$ +o stesso 'rugman ricorda
che Aebbe un ruolo cruciale nella svolta delle politiche economiche, con l’abbandono
delle manovre anti- recessive sostituite prontamente con politiche di austerit& K$ +a
tesi di 'rugman ' che c’erano gi# poderose correnti ideologiche in azione per
interrompere le manovre antirecessive, e tuttavia %uello studio divenne un regalo
insperato, una pietra miliare, il fondamento teorico per l’austerit&$ (erndon, che si
definisce An" conservatore n" progressistaK, non ' stato mosso da un’agenda politica$
A9on ero partito a racconta a con l’intenzione di demolire lo studio di Reinhart-
Rogoff, davvero non ero a caccia di errori$ I
miei professori di Am*erst mi avevano assegnato un compito molto comune! prendi
una ricerca fatta da altri economisti, e prova a dimostrare che sei capace di replicarne
il risultatoK$ W cosV, esercitandosi a rifare lo stesso percorso di Rein*art1R"'"--, che
il 1?enne si ' imbattuto nella sua scoperta$ A5rovavo e riprovavo a fare i loro stessi
calcoli, ma i risultati non erano %uelli$I conti non tornavano K$ 5er vederci chiaro lui
si rivolse agli stessi autori$ Che reagirono con grande fair-pla& e trasparenza$Horse
sottovalutando il pericolo* 8i certo non snobbarono il giovane dottorando di una
universit# meno prestigiosa$
A(u mia richiesta a racconta lui a mi hanno messo a disposizione tutte le loro fonti
originarie da cui avevano attinto i dati sulla crescita$ i hanno dato accesso anche
alle varie versioni dei loro calcoliK$ al gliene incolse$ 5erch" il preciso e scrupoloso
Ferndon scoprV l’errore$ Bnzi due categorie di errori, grossolani e dalle conseguenze
isastrose$ +a coppia di grandi economisti aveva banalmente commesso una svista di
“allineamento” nelle colonne delle cifre da addizionare usando il softQare E2ce
dea Micr"s"-t$ (icch" alcuni calcoli erano sbagliati$ In più a %uesto forse ' lo
sbaglio più imperdonabile a Reinhart-Rogoff avevano omesso di includere tra le
nazioni esaminate ben tre casi ,Canada0 A%straia0 N%"(a Zeanda- in cui la
crescita economica non ' stata affatto penalizzata da un elevato debito pubblico$
+a rivelazione di Ferndon ha avuto un impatto enorme$ I due imputati, Reinhart-
Rogoff, hanno dovuto ammettere l’errore$ +o hanno fatto con una imbarazzata
column sul Ne3 4"r/ Times, cercando al tempo stesso di prendere le distanze dalle
politiche di austerit& applicate usando la loro ricerca$ ) come rivela il 5a Street
6"%rna, Aall’ultima riunione del 712 7 stat" de#ennat" da c"m%nicat" -inae
"'ni ri-eriment" a ra##"rt" de&it"8Pi0 #er e--ett" di $%esta sc"#erta9:
+’anchorman satirico Ste#*en C"&ert conclude! A) ora chi glielo dice agli europei*
(ono cosV contenti dell’austerit&, che ogni tanto per festeggiarla scendono in piazza e
accendono dei fuochi\K$ +a lezione di umilt# vale anche per gli avversari del rigore$
I grandi nomi del pensiero neo@e&nesiano, da Trugman a Soseph (tiglitz, non
avevano mai accettato il dogma di Reinhart-Rogoff$ a le loro contestazioni
volavano alto, troppo alto$ 9essuno si era imbarcato nella fatica di fare il lavoro
“operaio” del 1?enne Ferndon!prendersi tutti i numeri, uno per uno, e rifare le
addizioni$
,1L aprile 1230-
Per renderi c"nt" di in $%ai mani siam"0 e''ere i #"st de ;< 'ennai" =>;?:
I+ H;98; ;9)>BRI; B)>>) 8I BE)R (GB7+IB>;
(;>>;EB+D>B98; 7+I )HH)>>I 8)++) R)(>RIZI;9I (DI 9;(>RI
C;9>I$ ;9>I ) EI(C; HB99; HI9>B 8I 9D++B$ 5)RCFW 9;9
CFI)8)R) I 8B99I B CFI 9;9 FB C;9>R;++B>;* B C;I9CIBR) 8B
>RICF)>, ;9>I ) EI(C;$ di Bntonio de artini
--------------
Related
ÌL SENATO HA APPROVATO CON MOTÌVAZÌONÌ ÌNCOMPRENSÌBÌLÌ ÌL REGALO ALLE
BANCHE. L'ORO ÌTALÌANO E' ÌN PERÌCOLO di Davide GiacaloneÌn "banks and finance"
Fondazioni Bancarie. SE LE NAZÌONALÌZZÌAMO E LE METTÌAMO ÌN VENDÌTA A
SOGGETTÌ ÌNDÌVÌDUALÌ CHE ABBÌANO PAGATO LE TASSE ÌN iTALÌA, ÌNCASSÌAMO
OLTRE CENTO MÌLÌARDÌ ED EVÌTÌAMO "VASÌ COMUNÌCANTÌ" COÌ PARTÌTÌ di Antonio
de MartiniÌn "bankitalia"
PRÌMA DOMANDA: DOVE SÌ TROVA L'ORO AFFÌDATO ALLA BANCA D'ÌTALÌA? di
Antonio de Martini Ìn "banks and finance"
By antoniochedice, on !""#o $, 2%&$ !' ()(% *, +n,-. bankitalia, banks and finance,
costume, disinformazione, economia internazionale. T!")Amherst University
, Angela Merkel, Carmen Reinhart, Commissione Europea, Federal reserve, Federico
Rampini, Kenneth Rogoff, Paul Krugman, The Colbert R, The colbert Report, Thomas
Herndon. $ /o-n'#
I '.!/01!/0 2ono /3#+2#, ! *+o# postare un commento.
« Chuck Hagel: un "game changer¨ in soccorso di Obama di Antonio de Martini
ÌL QATAR RAGGÌUNGE ÌTALÌA+SPAGNA NEL CAMPO DELLE POLÌTÌCHE SOCÌALÌ. »
Commenti
antoniochedice On novembre 18, 2013 at 5:47 am
Permalink | Rispondi
+’ha ribloggato su I+ C;RRI)R) 8)++B C;++)RB e ha commentato!
Fanno provocato un olocausto sociale di sei milioni di disoccupati, ma restano a decidere del
destino d’)uropa$ (ono rei confessi da sette mesi e non succede niente$ 9emmeno un digiuno di
5annella$
__________________________
abrahammoriah ;n novembre 3?, 1230 at L!3P am
(“IL CORRIERE DELLA COLLERA”, 18 NOVEMBRE 2013)
Commento di Massim" M"ri'i del 3? novembre 1230 al post di Ant"ni" de Martini
“DA @ REPUBBLICA@ DEL =< APRILE: L’ ARTICOLO DI .EDERICO
RAMPINI SPIEGA COME ) SUCCESSO C+E DUE PRO.ESSORI
ABBIANO .ATTO LICENZIARE TRE MILIONI DI PERSONE IN ITALIA E
IN .RANCIA E SEI IN SPAGNA AOLTRE A MEZZA GRECIAB: MA NON
SPIEGA C+I PAG+ERÀ I DANNI@
3? novembre 1230
,Commento che comprende anche “D9 B+>R; )RR;R) )C;9;IC; CF) FB
5R;E;CB>; 8I(;CCD5B>I B I+I;9I ()9ZB 5R;EE)8I)9>I B
CBRIC; 8)I R)(5;9(BGI+I$ 5)RCFb I (I98BCB>I 9;9 R)B7I(C;9;*”-
B fronte della Cina che ha appena annunciato che verr# posta una restrizione sulla
pena di morte ed una revisione sulla politica demografica, sono sempre più
conclamati, in entrambe le sponde dell’Btlantico, i casi che dimostrano un apparente
inevitabile declino delle democrazie rappresentative, una decadenza in cui
l’avventurista politica turbobellicista statunitense ,vedi caso (iria - fa benissimo il
paio con l’avventurista politica economica europea attraverso la %uale, il continente
al %uale ' stato assegnato il premio 9obel per la pace, non si ' peritato, per
cervellotiche e criminali decisioni della sua ascarizzata tecnoburocrazia continentale,
di ridurre letteralmente alla fame la parte sud del continente$ 5erch" trattiamo nello
stesso post due fatti che apparentemente non sembrano avere alcun legame fra loro*
olte semplicemente perch" la Cina sta sempre più puntando, oltre che sugli aspetti
materiali della geopolitica, anche sulla noopoliti@, sta puntando cio' anche alla
con%uista di %uel +ebensraum costituito dalle rappresentazioni culturali, ideali eUo
ideologiche che fino a poco tempo fa era un elemento di grave handicap
internazionale per un Celeste Impero governato dal partito unico comunista ma che
ora, viste le male parate interne ed internazionali delle democrazie rappresentative
occidentali, si presenta come uno spazio ormai del tutto abbandonato$ )’ %uindi di
tutta evidenza che se il primo frutto della evoluzione postdemocratica delle
democrazie rappresentative si presenta come un’affermazione delle burocrazie ed
oligarchie irresponsabili, la seconda conseguenza sar# non solo l’immiserimento fino
al decesso delle libert# politiche a livello interno ma anche, a livello geopolitico, la
definitiva scomparsa di %ualsiasi appeal del modello liberaldemocratico,
apparentemente vincitore dopo la caduta del muro di Gerlino, per i paesi emergenti$
“+’epoca delle neutralizzazioni e delle spoliticizzazioni” si presenta %uindi molto
meno neutrale e spoliticizzata di come l’avrebbero voluta le "lite postdemocratiche di
entrambe le sponde dell’Btlantico$ 9oi in Italia, per cominciare a pensare in termini
geopolitici e di noopoliti@, dovremmo cominciare di smettere di pensare che la
salvezza possa venire puntando sulla vecchio %uadro internazionale emerso dal
secondo conflitto mondiale e condotti, in %uesto devastato scenario, da una classe
dirigente che ha delegato la sovranit# nazionale alle tecnoburocrazie europee$ In
mancanza di %uesta ,rivoluzionaria- presa di coscienza, l’unica noopoliti@ che ci sar#
consentita saranno gli spettacoli di variet# sui “mitici” anni (essanta ,dove tutto
andava bene perch" il %uadro internazionale non ci poteva permettere che andassero
male-$
assimo origi
--------------
abrahammoriah On dicembre 4, 2013 at 9:34 am
(“IL CORRIERE DELLA COLLERA”, DICEMBRE 2013)
Dlteriore commento di Massim" M"ri'i, del 4 dicembre 1230, al post di Ant"ni" de
Martini “8B ” R)5DGG+ICB” 8)+ 1L B5RI+)$ +’ BR>IC;+; 8I H)8)RIC;
RB5I9I (5I)7B C;) )’ (DCC)((; CF) 8D) 5R;H)((;RI BGGIB9;
HB>>; +IC)9ZIBR) >R) I+I;9I 8I 5)R(;9) I9 I>B+IB ) I9 HRB9CIB )
()I I9 (5B79B ,;+>R) B )ZZB 7R)CIB-$ B 9;9 (5I)7B CFI
5B7F)RB’ I 8B99I”$
Ravenna, 4 dicembre 1230
“8obbiamo essere soddisfatti e orgogliosamente consapevoli degli sforzi fin %ui
compiuti per risanare le finanze pubbliche”$ CosV ha dichiarato 9apolitano al termine
del collo%uio al <uirinale con il presidente della Repubblica di Croazia Ivo Sosipovic
ma in realt# rispondendo al commissario europeo agli Bffari )conomici ;lli Rehn il
%uale aveva espresso le ,una volta tanto giuste- perplessit# della D) in merito alla
patetica e caotica azione del governo italiano$ Certamente 9apolitano ha le sue buone
ragioni! come si permettono %uesti signori europei / %uesto il retropensiero del
5residente / di rimproverarci dopo che uniformandoci ai loro consigli abbiamo in
pratica distrutto l’Italia* a buone ragioni a dire %uello che ha detto ha anche ;lli
Rehn, perch" a memoria d’uomo mai si era visto un “risanamento” economico / se
non in %ualche sperduto paese del terzo mondo ostaggio delle multinazionali e del
Hondo monetario internazionale / condotto in maniera più scriteriata, inefficace e
facendo più macelleria sociale$ +a realt# ' che avendo tutti e due ragione, hanno tutte
due torto e cio' che le oligarchie politico-burocratiche nazionali e %uelle europee
hanno capito di avere esaurito tutto il loro credito ,e capacit# di manovra- e, come i
soliti ignoti colti in flagrante, tentano pateticamente di addossare all’altro la colpa per
il disastro che hanno creato ,e per %uelli che a breve si profilano all’orizzonte-$ (e '
%uindi la viscosit#Ucollusivit# dei rapporti delle oligarchie interne-internazionali il
vero problema dell’Italia ' se perci: ' assolutamente ridicolo pensare che la
soluzione dei nostri problemi possa venire da una azione “correttiva” in sede europea
,che invece ha un’azione del tutto negativa sulle gi# nostre pesantissime tare
comportamentali-, la fuoruscita dal girone infernale in cui ' entrata l’Italia pu: solo
venire andando alla radice del problema, vale a dire l’esproprio che i partiti, dal
secondo dopoguerra fino ad oggi, hanno fatto della sovranit# popolare$ ) anche se
rispetto a %uanto gi# molti lustri orsono aveva segnalato aranini la situazione si '
ancor più aggravata ,e cio' che i partiti non sono antidemocraticamente hanno
espropriato la sovranit# popolare ma che, in ragione della loro totale imbelle
cleptocrazia, la hanno gentilmente girata alle burocrazie nazionali eUo europee-,
l’inizio di una soluzione non pu: che venire riprendendo le idee e l’azione politica di
%uanti agli inizi degli anni (essanta presero ispirazione dalle idee di %uesto grande
giuspubblicista e dall’azione politica di un grande antifascista che per: aveva in
disgusto coloro che dell’antifascismo avevano fatto mestiere \ 9onostante, come al
solito, sia tutto un gridare di grandi riforme non solo economiche ma anche politiche
ma che dell’unica cosa veramente seria che dovrebbe essere introdotta, la repubblica
presidenziale, nessuno osi pronunciare nemmeno il nome ,perch" la repubblica
presidenziale significherebbe la rivoluzionaria distruzione della partitocrazia e con
essa, a cascata, anche del suo autoritario rapporto collusivo con le burocrazie
postdemocratiche-, lo spazio ' aperto anche dal punto di vista della comunicazione
politica \
assimo origi
__________________________
Afganistan Africa Alcide De Gasperi Aldo Moro Angela Merkel arabia saudita Bahrain Banca
Centrale europea Banca d'Ìtalia Bankitalia Barak HUssein Obama Barak Obama Bashar el assad
Benjamin Netanyahu Berlusconi bilancio dello stato Charles De Gaulle CÌA Cina Corriere della sera
corruzione David Cameron debito pubblico economia Egitto Federal reserve FÌAT FMÌ Fondo
Monetario Ìnternazionale Francia Francois Hollande gheddafi Giorgio Napolitano guerra di Libia
Guerra di Siria Hamas Hezbollah Hilary Clinton Hillary Clinton Ìgnazio La russa imposta patrimoniale
Ìndia irak Ìran Ìsraele john kerry Lega araba Libano Libia mario draghi mario monti Marocco
Muammar Gheddafi Mubarak NATO New york times NÌCOLAS SARKOZY Osama ben Laden
Pacciardi Pakistan Pier luigi bersani Prima Repubblica Randolfo Pacciardi risparmi Russia Saddam
Hussein Sarkosi Silvio Berlusconi Siria Stupidità Sudan Tunisia Turchia Unione Europea Vladimir
Putin
Articoli Recenti
o PER RENZÌ VALE ÌL ¨ WAÌT AND SEE¨ PERÒ CON QUALCHE DOMANDA.
di Gic.
o Ì PAESÌ BRÌCS ÌN DÌFFÌCOLTA' FÌNANZÌARÌE MOSTRANO LE FRAGÌLÌTA' DÌ
SEMPRE intervista a Paolo Raimondi esperto di economia
o ÌL FASCÌNO DEL DÌALOGO CON CADORNA HA CONTAGÌATO MOLTÌ
LETTORÌ. OPPURE E' STATO L'ARGOMENTO RENZÌ. di Antonio de Martini
o UCRAÌNA, PRÌMA PEDÌNA DELLA TEORÌA DEL DOMÌNO O PROVA DÌ UNA
NUOVA YALTA A GEOMETRÌA VARÌABÌLE? di Antonio de Martini
o GLÌ USA CONTÌNUANO LA POLÌTÌCA DÌ "APEASEMENT¨ VERSO L'ÌRAN:
LÌCENZÌATO ÌL CAPO DEÌ SERVÌZÌ SEGRETÌ SAUDÌTÌ CHE ORGANÌZZAVA
GLÌ ATTENTATÌ. intervista a Antonio de Martini
!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
(“IL CORRIERE DELLA COLLERA”, GENNAIO 201)
L’ORO DEPOSITATO PRESSO LA BANCA D’ITALIA AOLTRE =C>> TONNELLATEB
DALUTATO A ?> EURO AL GRAMMO0 DALE OLTRE EC MILIARDI DI EURO C+E
DOGLIONO REGALARE AD ABRAMO BAZOLI0 ALESSANDRO PRO.UMO E A
UNICREDIT A C+E .INIRÀ IN MANI TEDESC+EB: CONTRO FUESTA ABERRANTE
CRIMINALITÀ ECONOMICA SERDE UNA NUODA NORIMBERGA
di Massim" M"ri'i e Ant"ni" de Martini Ae di $%anti ("rrann" aderireB
5er spiegare la oscena realt# che si cela dietro il proposito di rivalutazione della %uote
della Ganca d’Italia, che ' stato bocciato dalla GC), solo poche righe$
>ramite %uesto provvedimento s%uinternato verrebbe rivalutato il capitale sociale di
Gan@italia finora gestito fiduciariamente al L=` dalle banche italiane e6
pubbliche ,valore attualmente segnato nei bilanci al prezzo di 3=M$222 euro-$ Il
decreto mira a tramutarlo da $%"ta di #arteci#aGi"ne c"n (a"re sim&"ic" a $%"ta
#r"#rietaria Ada se'narsi a #atrim"ni"B ra##"rtata a (a"re reae dea Banca
d’Itaia0 (a"re reae ra##resentat" dai diritti di si'n"ra''i" e dae s%e riser(e
a%ree racc"te da sei 'eneraGi"ni di Itaiani:
<uesto significa, in pratica, che il popolo italiano ,9;I- non sarebbe più il possessore
delle riserve auree della Ganca d’Italia ma lo diverrebbero gli istituti di credito che
“partecipano” al suddetto “aumento” di capitale ! detto in altre parole, si tratta di un
furto ai danni del popolo italiano per sostenere con una semplice scrittura contabile
la tradizionale sottocapitalizzazione delle banche italiane$
a non siamo di fronte al solito esempio di malcostume della nostra vita pubblica$
<uesto tentativo di furto dell’oro della banca d’Italia non ' l’ennesimo scandalo
politico ma, molto più semplicemente, i #iH 'rande crimine c"ntr" i n"str" #aese
e i n"str" #"#"" c"m#i%t" da $%and" *a ra''i%nt" a s%a %nitI] un crimine che
per la sua gravit# suona come il preannuncio della dissoluzione di ogni parvenza di
legittimit# democratica per l’attuale sistema politico oligarchico ed instaura, de facto,
uno stato di eccezione ,o meglio, lo conferma, perch" la decisione della Consulta im
merito all’incostituzionalit# dell’attuale legge elettorale gi# deligittimava tutto il
sistema politico uscito dalle ultime elezioni- e richiama l’esigenza di istituire un
tribunale speciale tipo N"rim&er'a per giudicare %uesti disegni criminosi$ In attesa
che la magistratura si muova con il suo riconosciuto senso dello (tato e leggendaria
tempestivit# e che il dibattito politico riesca a produrre una decisione in merito alle
coppie di fatto ,o che scelga, ) la carte, %uale sia il migliore sistema elettorale-
rimaniamo attivi e fiduciosi nella reazione degli italiani$
Hate circolare %uesta notizia e mandate la vostra adesione a
antoniodemartiniOgmail$com per organizzare una manifestazione in occasione della
prossima assemblea della Ganca d’Italia che si terr# a fine maggio$ Eogliono gli
azionisti* )bbene, ci saremo$
------------------
Condividi:
• Haceboo@
• +in@edIn
• >Qitter
• )-mail
• (tampa
• 5oc@et

Mi piace:
Related
GB9TI>B+IB$ 8;CD)9>I 8B C;9;(C)R) ! articolo 4 del decreto legge 300 del 02
9ovembre pubblicato in 7azzetta ufficiale il 1P novembre$ Blla GC) hanno dato cin%ue giorni di
tempo per decidere$ Blle colf si danno gli otto giorni$In Iban@s and financeI
B5;5>;(I ! ,DCCI(I;9) 5R;7RBB>B- +B 9;(>RB ; +B +;R;$ di Bntonio de artini
e assimo origiIn Idecreto Gan@italiaI
5RIB 8;B98B! 8;E) (I >R;EB +Y;R; BHHI8B>; B++B GB9CB 8YI>B+IB* di
Bntonio de artini In Iban@s and financeI
G& antoniochedice, on gennaio 4, 1234 at 31!=0 pm, under ban@s and finance, corruzione, crimini di guerra,
disinformazione, economia internazionale, 5olitica )stera$ >ag!assemblea della banca dYItalia, Ganca dYItalia, criminalit#
economica governativa, 8ecreto (accomanni, tribunale di 9orimberga$ ? commenti
I trac@bac@ sono chiusi, ma puoi postare un commento$
A (D+ 8)CR)>; GB9TI>B+IB +’;)R>B’ C;9>I9DB$ >BCCI;9; 5)R(I9; I ” B)(>RI 8)+ 9D++B” di
8avide 7iacalone
1230 in revieQ! l’annuale statistica sui lettori de ” I+ C;RRI)R) 8)++B C5++)RB” preparata da Qordpress K
Commenti
Carlo Cadorna ;n gennaio =, 1234 at 32!12 am
5ermalin@ N Rispondi
+a manifestazione mi sembra un’ottima idea! io ci sar: senz’altroc
o antoniochedice ;n gennaio M, 1234 at 1!33 am
5ermalin@ N Rispondi
7razie dell’incoraggiamento da parte di una persona che ha avuto cin%ue generazioni
al servizio dello (tato$ (pero che altri seguano il tuo esempio$
geri@o ;n gennaio M, 1234 at P!32 am
5ermalin@ N Rispondi
Credo che serva ben altro che una manifestazione$ ;ra ' il momento di riprenderci ci: che '
nostro$ +a prossima settimana torniamo ad essere cittadini di uno (tato, invece che di una
($p$a
Blzate la testa e riempite il cuore di coraggio, si sta decidendo il futuro dei nostri figli$ +o
facciamo per loro lo facciamo per l’Italia$
o antoniochedice ;n gennaio M, 1234 at P!40 am
5ermalin@ N Rispondi
)cco un bell’esempio di retorica che non porta da nessuna parte$ (erve a sabotare
una iniziativa con l’aria di supportarla$
Che farai la prossima settimana* Eai con un corpo d’armata a riprenderti l’oro*
5er raggiungere un obiettivo politico sono necessarie ore di lavoro certosino, raccolte
di indirizzi e dibattiti con chiacchieroni in cerca di una frase ad effetto$
)siste gente che va a fare una manifestazione davanti a un ministero o ad una grande
industria$
;rganizzare una civile manifestazione di fronte alla Ganca d’Italia in occasione
dell’assemblea annuale significa fare conoscere a tutte le autorit# italiane in
contemporanea ,tutti i ministri, i principali industriali, i sindacati, gli ecclesiastici,
l’opposizione, i media- che i cittadini hanno capito %uel che si sta preparando e
vigilano$
Carlo Cadorna ;n gennaio M, 1234 at M!4? pm
5ermalin@ N Rispondi
Come bene hai scritto, %uesta ' un’occasione unica per la agistratura! dimostrare di essere
il punto di riferimento di coloro che rispettano le regole$
o antoniochedice ;n gennaio M, 1234 at P!22 pm
5ermalin@ N Rispondi
+a magistratura dovrebbe essere aiutata da esposti dei cittadini$ (periamo li facciano$
nonsonopazzoeneanchestronzo ;n gennaio ?, 1234 at 0!22 pm
5ermalin@ N Rispondi
W mai possibile che dobbiamo ringraziare un uomo dell’apparato finanziario come 8raghi*
Dn’altra partita molto inportante ' il fatto che milioni di cittadini non sono a conoscenza che
la GC) presta soldi che non ha ,fin %uando non li stampa-, e noi cittadini dobbiamo pagare
capitali ed interessi fino all’ultima goccia di sangue$
Isabella ;n gennaio 32, 1234 at 4!2L am
5ermalin@ N Rispondi
I’m gone to sa& to m& little brother, that he should also pa& a
%uic@ visit this Qeb site on regular basis to obtain updated from hottest neQs$
____________________
(“IL CORRIERE DELLA COLLERA”, 2 GENNAIO 201)
APOPTOSI AUCCISIONE PROGRAMMATAB: LA NOSTRA O LA LORO
Di ANTONIO DE MARTINI e MASSIMO MORIGI
Con il tentativo da parte del sistema bancario nazionale di derubare il popolo italiano
dell’oro della banca d’Italia ,e con le totalmente assenti reazioni da parte della
politica e dei media a %uesta mostruosit#, de facto genocidiaria contro gli italiani-,
le oligarchie politico-finanziarie del nostro paese hanno finalmente mostrato il loro
vero volto, e cio' hanno palesato l’intenzione di instaurare un processo di morte
programmata di %uanto ancora rimane della democrazia italiana$
5ossiamo cosV dire che la situazione italiana sta introducendo un’inedita variabile nei
processi degenerativi delle democrazie gi# descritti in dottrina$
(e finora la scienza politica classificava fra i processi che pongono fine alle
democrazie o violenti assalti contro l’ordine costituito o un lento scivolamento verso
unit# decisionali più efficienti e potenti di %uelli nominate attraverso il principio della
rappresentanza ,in altre parole le tecnoburocrazie che prevalgono sui parlamenti e gli
esecutivi, in un processo definito da Crouch postdemocrazia-, oltre, come gi# detto,
segno di un proposito di schiavizzazione eUo annientamento del popolo, il furto
dell’oro della banca d’Italia non pu: essere interpretato altrimenti / tralasciando ogni
altra considerazione “catastrofica” per la storia del nostro paese ma limitando
l’analisi su un piano meramente politologico / come la manifestazione di una
volont# programmata all’uccisione della democrazia e, prendendo a prestito il
concetto noto in biologia come apoptosi / che contempla un processo ove le cellule,
anzich" per malattia, per trauma o per senescenza possano morire in virtù di un loro
specifico programma che pone termine alla loro esistenza /, come una sorta di
inedita “apoptosi democratica”, una morte programmata della democrazia portata
avanti per la prima volta nella storia della democrazia occidentale da parte di %uelle
stesse "lite politiche e finanziarie che precedentemente svolgevano il ruolo di “+ord
protettore” del sistema pluralistico$
B %uesto punto, veramente le “categorie del politico” ereditate dal 9ovecento si
dissolvono come neve al sole e le reazioni a %uesto nuovo %uadro devono tenere
conto dell’elementare dato di fatto che l’ “a#"#t"si dem"cratica” non ' nemmeno
giustificabile come l’antidemocratico scivolamento verso un sistema maggiormente
efficiente anche se non democratico ,il processo postdemocratico- ma non significa
altro che la riduzione in schiavitù del popolo$ Che fare %uindi*
In primo luogo essere consapevoli del processo e svincolarsi da *ualsiasi forma di
sottomissione anche mentale da un *uadro politico+culturale sorto dopo la seconda
guerra mondiale e che oggi non ' altro che una cortina fumogena per impedire di
prendere consapevolezza del definitivo ,e voluto- decesso del vecchio canone politico
liberaldemocratico$
In secondo luogo, sembrer# poco ma in realt# ' moltissimo, contrastare
democraticamente %uesto processo di “apoptosi democratica” laddove esso si '
manifestato in maniera cosV spudorata e violenta$
(i tratta, in altre parole, di essere presenti alla manifestazione di fine maggio in
occasione della prossima assemblea della Ganca d’Italia$ 9on ' una manifestazione
contro l’ennesimo scandalo politico italiano ma ' il primo atto per dire che abbiamo
capito che %uesto sistema ha esaurito il suo ciclo storico e che se si vuole non solo la
sopravvivenza ma l’ampliamento della sfera delle libert# repubblicane ,secondo il
programma del repubblicanesimo geopolitico- un altro deve prendere il suo posto$ )
l’aurora di %uesto nuovo sistema repubblicano ' anche cominciare a dire a chiare
lettere che l’oro della banca d’Italia appartiene, come la sua cultura ed identit#, al
popolo italiano e che chi vuole mettergli le mani sopra deve essere trattato come i
criminali processati a 9orimberga, che per la loro folle volont# di potere e rapina
distrussero popoli ed etnie$ Come si propongono oggi di fare gli attuali ingegneri dell’
“apoptosi democratica” e ladri dell’oro degli italiani$
a noi rinviamo al mittente %ueste intenzioni lottando, piuttosto, per l’apoptosi
,“robustamente” assistita e sorretta dalla nostra consapevole iniziativa- di %uesta
classe dirigente$
9essuno escluso$
-----------------

Related
Come arrivare alla NUOVA REPUBBLÌCA e perché (1 parte: i prodromi) Ìn "comuni italiani"
LA DÌSOBBEDÌENZA ÌN DEMOCRAZÌA. OVVERO COME LÌBERARSÌ DELLA PARTÌTOCRAZÌA ÌN UN MESE E VÌVERE FELÌCÌ. di Antonio de MartiniÌn "comuni
italiani"
ALLA RÌCERCA DELLA ÌDENTÌTÀ ÌTALÌANA. DÌALOGO TRA MORÌGÌ E STEFANÌNÌWith 5 comments
By !n'on#o/3-,#/-, on "-nn!#o 2(, 2%&( !' ()(4 *, +n,-. Un/!'-"o.#5-,. T!"),-/.-'o B!n0#'!6#!, D-/.-'o S!//o!nn#, *o2',-o/.!5#!. ( /o-n'#
I '.!/01!/0 2ono /3#+2#, ! *+o# *o2'!.- +n /o-n'o.
« LA SOVRANÌTA' MONETARÌA: UN LÌBRO DÌ CLAUDÌO MOFFA UN PO SOPRA LE RÌGHE, MA CHE VA LETTO PER CAPÌRE ÌL QUADRO
GUERRA DÌ SÌRÌA: TRE FALSE NOTÌZÌE PER BLOCCARE Ì NEGOZÌATÌ DÌ GÌNEVRA ÌÌ E FARNE USO PROPAGANDÌSTÌCO di Antonio de Martini »
Commenti
• robertobuffagni On gennaio 24, 2014 at 8:02 pm
Permalink | Rispondi
Concordo, bisogna esserci.
• Anafesto On gennaio 26, 2014 at 1:42 am
Permalink | Rispondi
Condivisibile, rimango scettico sulla partecipazione della popolazione all’assemblea di Ganca
d’Italia, credo possa essere limitata a piacere dalla stessa banda Gassotti che ci governa] %uali altre
opzioni*
o antoniochedice On gennaio 26, 2014 at 5:11 am
Permalink | Rispondi
Bnche in D@raina il governo pensava di poter limitare il tutto e le cin%ue giornate di ilano
nac%uero da una iniziativa di dubbio esito %uale il boicottaggio del monopolio del tabacco
austriaco e dai poliziotti che andavano ostentatamente in giro fumandoli$
5erch" non prova una volta nella vita ad essere meno scettico* ;ltretutto una gita a Roma le
farebbe bene$
 Anafesto On gennaio 26, 2014 at 10:59 am
Permalink
Fo detto che rimango scettico sulla partecipazione di %ualche centinaio o migliaio di persone
all’assemblea, ammesso e non concesso che si riesca ad entrare e che a %ualcuno del gruppo sia
concesso argomentare, non che non parteciperei, per una gita a Roma in concomitanza con detta
assemblea sarei anche disponibile con adeguato preavviso e informazione sul luogo di incontro,
magari evitando accuratamente i treni come Hreccia Rossa per i %uali ho gi# datoc
5er l’D@raina ritengo che in ci: che sta succedendo ci sia il pesante zampino dei soliti
esportatori di democrazia ,%uella che ci stanno sottraendo-, magari se %ualcuno dei dimostranti
avesse informazioni su come %uesta )uropa ha ridotto nazioni come la 7recia, l’Italia e altre,
penso ci sarebbero molti meno dimostranti$
__________________________
(“IL CORRIERE DELLA COLLERA”, ! "EBBRAIO 201)
PERC+J LA C+IESA CATTOLICA DIENE ATTACCATA DALL’ONU
Di MASSIMO MORIGI
+a Chiesa cattolica ' la più antica / e ormai unica / “agenzia di senso” globale
ancora in dotazione ed operativa in un mondo in cui tutte le narrazioni politiche della
modernit# hanno fallito e stanno lasciando un panorama di autentica devastazione$
In %uesto %uadro, per %uanto riguarda il perimetro delle ,post-liberaldemocrazie
occidentali, si cerca di riempire lo spazio geopolitico dell’ ideologia con %uelle che
viene definita “noopoliti@” ,politica di con%uista a livello planetario delle menti e
delle intelligenze! la propaganda di vecchia memoria ma enormemente potenziata
rispetto al passato dalla nascita di internet e da più scaltrite conoscenze della
psicologia delle masse-, la cui apparente ragione sociale ' la difesa dei diritti umani,
una difesa che in realt# non ' altro che la copertura per l’aggressione prima mediatica
,ed eventualmente, in seguito, anche militare- di %uei paesi che non si vogliono
piegare al Xashington consensus:
5apa Hrancesco ha poi, da parte sua, avuto il coraggio di opporsi con tutte le sue forze
/ e con successo / all’aggressione alla (iria e alla “strategia del caos” che gli (tati
uniti volevano applicare anche su %uesto paese mediorientale, sempre con la scusa
della difesa dei diritti umani$
), a %uesto punto, fa la sua comparsa la ridicola commissione dell’;9D che non solo
accusa la Chiesa di ogni possibile ne%uizia sessuale ma che anche vorrebbe imporre
alla (anta (ede una sua particolare ideologia “politicall& correct” in materia di
morale sessuale$
Bl di l# delle considerazioni che si potrebbero fare in merito ad un tentativo di
delegittimazione di stampo mafioso-totalitario contro la (anta (ede, rimanendo su un
piano più asettico, c’' solo da notare che anche da %uesto episodio emerge in tutta
evidenza che tutto l’impianto politico, ideologico ed infine anche istituzionale che ha
retto a livello interno ed internazionale le cosiddette liberaldemocrazie dopo il
secondo conflitto mondiale ha definitivamente cessato non solo diciamo di essere
efficace ma anche minimamente credibile$
)d ' altrettanto evidente che nel contrastare %uesto vuoto culturale e politico la
Chiesa cattolica non solo non deve essere lasciata sola ma deve essere affiancata
anche da apporti che se, apparentemente, hanno più che fare con %uello che deve
essere dato a Cesare piuttosto che a 8io, cionondimeno affondano le loro radici,
come il repubblicanesimo geopolitico, in una concezione di vita e di cultura che '
nata nello stesso terreno sul %uale ha prosperato la religione che ha dato forma alla
civilt# occidentale$
---------------
Related
editerraneo e (trategie di sopravvivenza$In IintelligenceI
<DB9>) 8IEI(I;9I FB I+ 5B5B* +) CFI)() CB>>;+ICB ) ;R>;8;((B (I B++)B9; 5)R ;>>)9)R) D9B (;+DZI;9) 5;+I>ICB I9 (IRIB$ In IantiterrorismoI
EB>ICB9;! I+ CBR8I9B+) G;D>R;( RBI (E;+7) 8I HB>>; +B HD9ZI;9) 8I ()7R)>BRI; 8I (>B>; BHHR;9>B98; +B <D)(>I;9) (IRIB9B C;I 5;>)9>I
8)++B >)RRB di Bntonio de artiniIn IIra@I
BK ant"ni"c*edice0 "n -e&&rai" <0 =>;L at ;:LE am0 %nder disin-"rmaGi"ne0 P"itica Estera: Ta':c*iesa
catt"ica0 ONU0 5as*in't"n c"nsens%s: ;; c"mmenti
I trac/&ac/ s"n" c*i%si0 ma #%"i #"stare %n c"mment":
A (;R5R)(B! 9)++B C;I((I;9) ;9D 5)R I 8IRI>>I DB9I CF) FB C;98B99B>; +B CFI)(B
CB>>;+ICB C’W D9B I>B+IB9B CF) EI)9) 5R)()9>B>B C;) )(5)R>B 8I 8IRI>>I DB9I$
KCommenti
gicecca On febbraio 9, 2014 at 8:18 am
Permalink | Rispondi
Il rapporto ;9D unisce, e perci: confonde, il problema della pedofilia, che ahim" non " affatto una
prerogativa dei preti cattolici, con la visione antropologica della Chiesa Cattolica$ Il fatto di unire
alla pedofilia i problemi dell’insegnamento cattolico su omosessualit# aborto etc$ indica secondo me
la tendenza dei “laici” dell’;9D a voler imporre la loro visione dell’Domo anche a chi per motivi
religiosi la rifiuta$ 9on ' forse %uesta una violenza altrettanto da evitare * Che poi tutto o parte di
%uesto attacco alla Chiesa sia in rapporto con le posizioni particolari sulla (iria o su altri temi
contingenti mi pare molto riduttivo$ (tiamo tornando alla 8ea Ragione, che si dimostr: al%uanto
irragionevole$ 7iC
• robertobuffagni ;n febbraio L, 1234 at 31!=2 pm
5ermalin@ N Rispondi
“In the course of the last ninet& odd &ears three revolutions have reRected )uropean civilisation and
attempted to permanentl& replace it! the Russian Communist revolution, the 7erman 9azi
revolution and the Bmerican left-liberal revolution$ >he Russian attempt lasted P2 &ears, the
7erman attempt Qas thQarted b& militar& defeat] the Bmerican effort, ongoing since the 3LM2s-P2s
and bac@ed b& Xestern capitalism, has been increasingl& shaping life in the Xest, Ireland centrall&
included$ In each case the revolutionaries believed that )uropean civilisation Qas, in differing Qa&s,
oppressive and unRust and saQ their envisaged neQ construct as a righter of those Qrongs$ Gefore
tracing the course of Qhat has been in effect the (econd Bmerican Revolution, let me clarif& a
civilisation] )uropean or Xestern civilisation] and a revolution$ ”
)’ un breve stralcio da un saggio di 8esmond Hennell, un filosofo irlandese contemporaneo che ha
vissuto a lungo anche in Italia ,ad Bnguillara, per la precisione-$ Hennell ' poco noto, ma secondo il
mio avviso, con la sua riflessione sulla “post-)uropean condition”, ' prezioso per capire il nostro
mondo$ +o si trova %ui! http!UUQQQ$desmondfennell$comUessa&-Qests-reigning-ideolog&$htm
• +uigi za ;n febbraio L, 1234 at =!0L pm
5ermalin@ N Rispondi
Papa &rancesco ha poi, da parte sua, avuto il coraggio di opporsi con tutte le sue for,e - e con
successo - all$aggressione alla !iria e alla .strategia del caos/ che gli !tati uniti volevano
applicare anche su *uesto paese mediorientale..
Hrancamente mi pare affermazione al%uanto azzardata, come %uella che attribuiva alle parole ed
azioni di papa 7iovanni 5aolo II il merito di aver fatto implodere l’DR(($
(e fossero papi taumaturgici lo potrei anche credere, ma al sottoscritto paiono solo delle macchiette$
)d " per %uesto che la Chiesa cattolica " sotto scacco non perch' siano forti i suoi avversari$
(e i primi avessero conoscenza del linguaggio della (colastica e sapessero per sapienza ,non per
lettura- cosa esso veicolava ed ad esso tornassero col fischio ;9D ' nanetti annessi e connessi
potrebbero scalfirne la autorit#$
a come scrivevo poco sopra son macchiette$
+’unico che non lo era, papa Ratzinger, l’hanno costretto a ritirarsi$
;razio ;n febbraio L, 1234 at M!31 pm
5ermalin@ N Rispondi
papa Ratzinger, se non mi sbaglio per %uello che ha detto era a favore del 9X;, c’' %ualche cosa
che non %uadrac
o antoniochedice ;n febbraio L, 1234 at M!=P pm
5ermalin@ N Rispondi
orto ,o dimissionato- un 5apa, se ne fa un altro$ Comun%ue io non ricordo una dichiarazione
che lo collegasse alla politica D(B del 9eQ Xorld ;rder$
roberto ;n febbraio L, 1234 at P!31 pm
5ermalin@ N Rispondi
smettiamola con %uesta storia delle radici comuni$ +a repubblica nasce in un mondo laico e pagano
o antoniochedice ;n febbraio L, 1234 at P!3P pm
5ermalin@ N Rispondi
I romani sono stati il popolo più religioso del mondo$ Dn giorno ne parleremo$
donato ;n febbraio L, 1234 at 33!0L pm
5ermalin@ N Rispondi
<uelli odierni sono indifferenti a tutto*
o antoniochedice ;n febbraio 32, 1234 at 32!1L am
5ermalin@ N Rispondi
Halso$ (ono circospetti$
gicecca ;n febbraio 33, 1234 at 31!20 pm
5ermalin@ N Rispondi
7razie a Guffagni per l’articolo segnalato$ olto interessante e profondo$ 8a commentare, ma ci
vuole tempo$ 7iC
o robertobuffagni ;n febbraio 33, 1234 at 3!3? pm
5ermalin@ N Rispondi
(i figuri, grazie a lei$ i permetto di suggerire la lettura dei libri di Hennell$ +a sua riflessione
intorno alle conseguenze di Firoshima e del rifiuto americano di farne pubblicamente ammenda,
che ci hanno fatto entrare in una condizione “post-occidentale” o “post-europea” ' a mio avviso
geniale e preziosissima] anche per comprendere meglio che cos’' la D), e %uale atteggiamento
prendere nei suoi confronti se si ama la civilt# europea$
__________________________
(“IL CORRIERE DELLA COLLERA”, # "EBBRAIO 201)
LA NUODA POLITICA ESTERA DELLA GERMANIA E LE CRISI NELL’EST EUROPA
Di MASSIMO MORIGI
7li interventi sul “Corriere della Collera” di Bntonio de artini sulla crisi Dcraina /
e sulla prossima crisi della oldova che gi# si intravvede / ci offrono una doppia
chiave di lettura in merito al delinearsi e disporsi delle forze che si contedono il
dominio dello scenario internazionale$
In primo luogo, come peraltro rilevato da più osservatori, c’' da osservare che la
7ermania sta definitivamente abbandonando il ruolo di gigante economico ma nano
politico a favore di una politica che al posto della vecchia ;stpoliti@, consunto
ricordo di una 7ermania ancora divisa, intende piuttosto sposare l’ ancor più vecchio
/ e carico di lugubri e tragici ricordi / Drang nach 0sten che fu uno degli slogan non
solo della criminale politica nazionalsocialista ma anche la linea guida della politica
guglielmina riguardo l’)uropa orientale, che gi# nei piani di guerra della 7ermania
imperiale doveva essere completamente asservita ,vedi il !eptember Programme che
fra le altre cose, tipo l’annessione del Gelgio, contemplava ad est la creazione di stati
satelliti completamente sottomessi alla 7ermania ed in funzione anti russa$
;ggi, a differenza che nel !eptember Programme e nel Drang nach 0sten, %uesta
spinta verso oriente non viene più effettuata dalla 7ermania manu militari ma in
modo indiretto sobillando tumulti verso %uelle aree dell’e6 impero sovietico che si
mostrano più credulone / ed anche più corrotte nelle loro classi dirigenti / riguardo
alle “magnifiche sorti e progressive” assicurate dall’ingresso nell’Dnione europea,
alla %uale non a caso ' stato conferito il premio 9obel per la 5ace \ -$
) con ancor maggior differenza che nel passato novecentesco, in %uest’opera di
tentata disgregazione dell’area di influenza russa in )uropa, la 7ermania viene
spalleggiata dagli (tati uniti, ai %uali non sembra vero di aver trovato finalmente un
attivo proconsole che nell’area del Eecchio continente la possa spalleggiare nella sua
“stragegia del caos”, peraltro praticata in altre aree con alterne fortune$
+a seconda considerazione riguarda, more solito, la totale disinformat,ia di cui ha
goduto l’evento in %uestione$
Come al solito ,vedi primavere arabe, vedi caso (iria- nessun mass media e nessun
intellettuale / tranne le solite pochissime eccezioni / ha proferito una sillaba su
%uello che sta realmente accadendo in Dcraina, sulle forze che si stanno scontrando e
sugli interessi che realmente sono sul tappeto$
) a costo di riperci ancora, %uesto occultamento della verit# se ' da un lato '
spiegabile con l’ “umano, troppo umano” di coloro che operano nei mezzi di
informazione ,mezzi di informazione che anche all’estero, contrariamente a %uanto si
crede, sono anch’essi %uasi totalmente funzionali al rincretimento delle masse-,
dall’altro richiama in campo la necessit# di fuoruscita dagli idola fori ereditati dalla
seconda guerra mondiale$
Il repubblicanesimo geopolitico ' il tentativo di operare %uesta fuoruscita e in nome
di un autentico e concreto praticato percorso di libert# vuole far sV che il disvelamento
delle menzogne ideologiche che hanno prosperato all’ombra dei nobilissimi concetti
della tradizione politica occidentale non porti il ripiombare / de facto / nelle vecchie
forme di autoritarismo$
Dn’impresa per la %uale tutte le evidenze stanno a mostrarci ' veramente molto
vocata / mutatis mutandis / l’Dnione europea e prima di tutti il caposcalo di zona
agli ordini degli (tati uniti, che risponde a nome di Repubblica Hederale di 7ermania$
__________________________
(“IL CORRIERE DELLA COLLERA”, 1$ "EBBRAIO 201)
PER CAPIRE L’ECONOMIA INTERNAZIONALE LEGGETE DON CLAUSE5ITZ E PER
CAPIRE LA GEOPOLITICA OCCORRE LEGGERE ADAM SMIT+

Di MASSIMO MORIGI
Riguardo la presente crisi economica che ha colpito il mondo retto dal 1ashington
consesus, un elemento accomuna tutte le analisi siano di matrice neoliberista o
neo@e&nesiana o più di destra o più di sinistra per le politiche sociali da adottare! la
più completa e totale assenza di un pur minimo in%uadramento geopolitico$ +a
visione dell’economia di tutti %uesti più o meno illustri osservatori ,viene da dire più
o meno somari commentatori-, in fondo non si discosta dalla visione che ne ebbe a
suo tempo il padre fondatore della moderna dottrina economica, Bdam (mith,
secondo il %uale sul mercato la migliore allocazione delle risorse e l’incontro della
domanda e dell’offerta ' assicurata da una sorta di “mano invisibile”, la %uale deve
essere lasciata agire indisturbata al fine di assicurare la massima efficienza
economica$
9on ' %uesta la sede per discutere nel dettaglio la attuale fallacia di %uesta
affermazione ma pu: essere, invece, l’occasione per sottolineare, al di l# dell’ambito
strettamente tecnico, i guasti “ideologici” che nell’odierno pensiero politico - di
destra come di sinistra - derivano dall’impostazione smithiana$
B proposito della comprensione dei mercati oligopolistici, l’economista Turt X$
Rothschild ebbe a osservare che piuttosto che compulsare come fossero sacre
scritture i testi degli economisti, meglio sarebbe stato rivolgersi al manuale di Carl
von ClauseQitz !ulla guerra ,Vom 'riege-$
8etto in altre parole, Turt X$ Rothschild sosteneva che considerando i soli parametri
economici, l’economia era del tutto incomprensibile e che, se si vuole avere
sull’argomento un %ualche barlume di comprensione, bisogna mettere nel conto lo
scontro fra le unit# politico-territoriali di cui l’economia non ' che una delle sue
espressioni, nemmeno %uella più importante e decisiva$
Il panorama che i mass media occidentali vogliono invece offrire alle masse
intorpidite dei loro paesi non ' altro che un’incomprensibile e postmoderno fluttuare
nell’aria di incomprensibili coriandoli di informazione! in (iria combattenti per la
libert# lottano contro un regime dispotico che non si perita di usare i gas per imporre
il suo regime dittatoriale, in Dcraina un popolo unito come un sol uomo lotta per
raggiungere gli alti standard politici e di rispetto dei diritti umani che vigono
all’interno dell’Dnione europea ,evidentemente la lezione greca avrebbe bisogno di
un po’ di ripasso- e per unirsi alla stessa Dnione europea in una sorta di abbraccio
fraterno$
a nel frattempo, la storia ' veramente cinica e bara, l’)gitto che prima della
cacciata di ubara@ era toto corde schierato con gli (tati uniti, ac%uista, con l’aiuto
dell’Brabia (audita, una consistente partita di armi dalla Russia ,e di solito il
commento non va al di l# del risibile che il nuovo Rais egiziano Bl-(issi e 5utin
vanno d’accordo perch" entrambi dittatori \- e ciliegina sulla torta accade, come
puntualmente rilevato nel post di de artini “P2!I 3RI%!” C;9 (EB+D>BZI;9I
()+EB77) , Grasile, India, Cina , (ud Bfrica-”, che gli (tati uniti riducono la loro
li%uidit# in circolazione per colpire i GRIC( ,%uesta notizia, per la verit#, dalla
maggioranza dei mezzi di informazione e dai commentatori non viene nemmeno data
o viene commentata non collegandola col %uadro geopolitico generale-$
) trionfo del politicall& correct , e del politicamente ridicolo-, ci viene detto che
5utin ' tanto cattivo perch" nel suo medievale paese si permettono di trattenere per
%ualche ora il suo omonimo transgender italico perch" in Russia ,orrore degli orrori
che fa impallidire le velleit# belliciste statunitensi passate, presenti e future- ci sono
leggi che proibiscono la propaganda dell’omosessualit#$
Se su un piano generale si pu: sempre dire che volere imporre i propri valori e stili di
vita nasconde sempre una volont# di dominio, nei casi appena citati c’' da rilevare
che, a differenza dell’epoca colonialista, la volont# di dominio non ' solo rivolta
contro i popoli da colonizzare ma nella presente epoca ' rivolta anche contro le
popolazioni delle metropoli sviluppate, che dal non riconoscimento del feticcio
ideologico dell’esistenza di un’economia pura svincolata dal dato strategico della
geopolitica ,che fa il paio con l’altro imbroglio del “politicall& correct”- hanno tutto
da perdere$
(tudiare %uindi Eon ClauseQitz anche per far uscire l’Italia dalla sua terribile crisi* Il
repubblicanesimo geopolitico non ' altro, in fondo, che il tentativo di diffondere
ac%uisizioni e conoscenze che, a livello di programmazione strategica delle grandi
potenze politiche ed economiche, sono il normale strumento di lavoro ,e di scontro-$
+a convinzione che lo anima ' che la difesa e l’avanzamento della libert# debba
abbandonare il terreno delle “fair& tales” per approdare ad una adulta consapevolezza
dove libert# significa, innanzitutto, una concreta autonomia ,a livello geopolitico
come a livello delle formazioni socio-politiche all’ interno dei vari paesi per giungere
al singolo individuo- dalle potenze in perpetua lotta per il dominio ,un processo che,
tanto per essere chiari, significa per %uanto riguarda l’Italia che il nostro paese deve
dare inizio ad una decisa riappropiazione di sovranit# a tutti i livelli$
Bltrimenti la propria prosperit# rimarr# tristemente affidata nelle mani di coloro che
si ostinano a non vedere alcun legame fra economia e geopolitica e la libert# rimarr#
appannaggio, sempre più deperendo, ai cantori delle “gaie scienze”$
(“IL CORRIERE DELLA COLLERA”, 3 MAR%O 201)
COSA SIGNI.ICA LA CRISI UCRAINA PER LA GEOPOLITICA ITALIANA
Di ANTONIO DE MARTINI e MASSIMO MORIGI
(e non fosse per gli aspetti di transizione epocale dell’attuale situazione
internazionale, mettendo in confronto la crisi siriana con %uella ucraina, verrebbe
proprio da concordare su %uanto scriveva ar6 nel 45 brumaio di Luigi 3onaparte
che la storia si ripete sempre due volte! “la prima come tragedia, la seconda volta
come farsa”$
7li (tati uniti non contenti dei sanguinosi e disastrosi effetti ,disastrosi per i loro
interessi- delle da loro eterodirette rivoluzioni arabe, con la crisi ucraina stanno infatti
cercando di applicare, con altro evidente insuccesso e / per fortuna / almeno per ora
nessun altrettanto copioso spargimento di sangue, la stessa strategia del caos, la cui
filosofia pu: essere riassunta nel seguente modo! siccome abbiamo sempre più
difficolt# ad esercitare il ruolo di unica superpotenza, dobbiamo rinunciare al compito
di egemonizzare con una sorta di pa6 americana tutto il mondo ma ci dobbiamo
accontentare di portare il caos non solo all’interno del perimetro dei nostri avversari
,vedi (iria ed ora Dcraina- ma anche dentro il nostro perimetro ,vedi
destabilizzazione D(B dell’ )gitto e vedi pure il brillante risultato finale della vendita
di armi da parte della Russia a %uel paese-$ Insomma, se non si riesce più a essere i
primi in un mondo più o meno ordinato, forse si pu: continuarlo ad esserlo in un
mondo frammentato e tornato in una sorta di stato di natura alla Fobbes di tutti
contro tutti$
Bnche se non si pu: negare che “c’' del metodo in %uesta follia” ,e il metodo
consiste nel fatto che l’esercizio del primato statunitense in %uesta fase di passaggio
da un mondo unipolare ad uno multipolare non pu: che essere esercitato facendo
saltare tutto il tavolo delle attuali relazioni internazionali, la cui evoluzione, se non si
fa %ualcosa, sar# inevitabilmente il suo ulteriore consolidamento in uno schema
policentrico dove gli (tati uniti avranno sempre meno voce in capitolo-, la follia,
come ' noto, deve fare i conti, prima o poi, con la realt#$
) la realt#, come in (iria cosV come in Dcraina, si chiama Russia, la %uale solo i
mentecatti che attualmente ispirano l’attuale politica obamiana potevano pensare che
il paese guidato da 5utin avrebbe potuto accettare %uesto agognato
ridemensionamento geopolitico che contempla, tuttalpiù, una Russia solo stolto
rifornitore per l’occidente di riserve energetiche, un servo sciocco da essere affidato
in tutela, come ulteriore sfregio per i suoi trascorsi storici, al nuovo maggiordomo
degli americani che va sotto il nome di Repubblica federale di 7ermania$
(i sta vedendo come stanno andando le cose$ +a Russia non accettando di essere
ridemensionata ha mandato le sue truppe in Crimea ,con la giustificazione “per
difendere i nostri interessi” che, nella sua disarmante semplicit#, fa
meravigliosamente giustizia di tutte le fandonie lessicali e concettuali “politicall&
correct” dell’attuale amminastrazione ;bama e dei suoi servi occidentali-] la
7ermania, evidentemente impaurita per la piega che hanno preso le cose, offre i suoi
buoni uffici per raffreddare la situazione$
(iamo passati %uindi dalla tragedia siriana alla / meno male / farsa ucraina$
a %uesta farsa non ci deve per: far dimenticare la dimensione tragica dell’attuale
situazione, una situazione caratterizzata da uno scontro strategico degli (tati uniti
contro tutte %uelle forze / avversari ed anche alleati, poco importa / che vorrebbero
una stabilizzazione entro un %uadro multipolare in progressiva e / più o meno /
ordinata evoluzione verso una situazione policentrica$
In %uesto %uadro, un discorso a parte merita l’Italia$
Il nostro paese, nell’ambito della strategia del caos statunitense, non ha nessun ruolo
da giocare e, al limite, come ' gi# successo per altri paesi amici degli (tati uniti, pu:
diventarne addirittura una vittima$
Bppare %uindi di tutta evidenza che un suo spostamento verso posizioni neutraliste
che lo mettano al riparo da %uegli agenti strategici che puntano sull’attuale caos del
%uadro internazionale se, apparentemente, potrebbe sembrare una mossa avventata,
alla lunga potrebbe rivelarsi come una delle fondamentali carte da giocare non solo
perch' il nostro paese possa ripredersi dall’attuale terribile crisi ,ricordiamo ancora
%uello che disse l’economista Turt X$ Rothschild, per il %uale piuttosto che studiare i
testi degli economisti classici era meglio leggere il manuale di Carl von ClauseQitz
sull’arte della guerra e su %uanto l’attuale crisi finanziaria sia stata assai poco
finanziaria ma molto pesantemente politicamente eterodiretta nell’ambito dello
scontro strategico internazionale, un aspetto %uest’ultimo della situazione geopolitica
generale che c’' da augurarsi divenga presto di appannaggio non solo degli addetti ai
lavori- ma anche perch" possa preservare la sua unit# territoriale ,come si ' visto, la
strategia del caos nella sua hubris retorica sui diritti umani, non bada certo alle
irrisorie conseguenze che per perseguire %uesti alti obiettivi, gli stati possano anche
polverizzarsi, con tutte le “insignificanti” conseguenze del caso \-$
In %uesto %uadro che passa dalla tragedia alla farsa ma che si svolge, comun%ue,
entro un orizzonte di crescenti scontri strategici, compito del repubblicanesimo
geopolitico non ' solo far comprendere i terribili pericoli insiti in un mondo non più
monocentrico ma anche mettere in risalto le grandi potenzialit# di un sistema
internazionale in evoluzione verso il policentrismo$
Dna evoluzione che, per:, non dovr# essere accompagnata solo da distaccate analisi
sulla situazione ma dovr# vedere, da parte di tutti coloro che condividono %uesta
analisi, la costruzione di concrete alleanze politiche fra tutti coloro che si oppongono
alla strategia del caos$
5er %uanto riguarda l’Italia0 lo ripetiamo0 la posta in palio nel cogliere la giusta
impostazione geostrategica, oltre a preservare la sua unit# territoriale ,come si '
visto, la strategia del caos nella sua hubris retorica sui diritti umani, non bada certo
alle irrisorie conseguenze che per perseguire %uesti alti obiettivi, gli stati possano
anche polverizzarsi, con tutte le “insignificanti” conseguenze del caso \- e saldare le
alleanze politiche favorevoli, non ' solo la sua libert# e prosperit# ma anche a s%a
stessa esistenGa:
__________________________
?????????????????????????
(“IL CORRIERE DELLA COLLERA”, 8 MAR%O 201)
ANCORA SU UCRAINA0 ITALIA0 STATI UNITI AMA SCOMODIAMO
ANC+E CARL SC+MITT E LA GRANDE BELLEZZA: SCEGLIETEB
Di ANTONIO DE MARTINI e MASSIMO MORIGI
(ebbene l’offerta di un miliardo di dollari fatta dal segretario di (tato Sohn Terr&
appena giunto in Dcraina richiami alla mente analoghe transazioni messe in atto dai
nascenti (tati uniti verso i nativi americani o %uelli delle potenze coloniali europee
nella prima penetrazione e successiva colonizzazione del continente africano e
sebbene tornando ai giorni nostri, non balzi alla mente, per contrasto, che %uando un
paese in termini geopolitici conta meno del due di coppe ,vedi 7recia- %uesto pu:
bellamente morire di fame aiutato solo da prestiti concessi con umilianti procedure e
con tassi di interesse che non fanno che peggiorare la situazione, non ci si deve
fermare a %ueste valutazioni / pur giuste dal punto di vista etico e realistiche dal
punto di vista fattuale / ma ' possibile, invece, trarne indicazioni che possano
informare le valutazioni geopolitiche dei prossimi anni$ 5unto primo, che riguarda un
giudizio sugli attori operanti sulla scena ucraina$ (ulla strategia del caos statunitense
abbiamo gi# detto ma, nonostante il giudizio estremamente negativo che ne abbiamo
dato dal punto di vista della sua efficacia strategica, risulta veramente difficoltoso
comprendere come l’amministrazione ;bama possa essere cosV goffa
nell’applicazione di %uesta pur discutibilissima strategia$ Eolendo escludere
l’insipienza come giustificazione di %ueste lunga serie di malaparate di cui la crisi
ucraina ' solo l’ultima della serie ,intendiamo insipienza da parte di %uegli agenti
strategici che portano avanti %uesto approccio caotico alle relazioni internazionali,
perch", se guardiamo i singoli portavoce di %ueste forze, insipienza ed hubris la fanno
da padrone-, %uello che emerge ' che la politica estera statunitense, oltre ad avere un
approccio teorico “caotico” ' pure caotica in merito a chi debba esercitare la
leadership di %uesta politica$ 8etto in altre parole! anche se, da un punto di vista di
dottrina ' necessario fare ammenda dell’ipostasi che %uando si parla di uno stato
%uesto lo si debba intendere come una sorta di persona che agisce animato da
volizioni paragonabili a %uelle umane ma, invece, sia più realistico considerarlo come
il manifestarsi della risultante di forze strategiche contrastanti che trovano di volta in
volta dei punti di incontro all’interno come all’esterno di ogni singolo paese, oggi,
come mai non era accaduto in passato, appare evidente lo scontro fra i vari agenti
strategici statunitensi$ 8i %uesto i vari governanti dei paesi alleati agli (tati uniti
dovrebbero tenerne conto, e ne tengono conto, vedi l’ambiguit# della 7ermania nel
caso ucraino che partendo da un atteggiamento di supporto all’aggressivit# americana
nello svolgimento della crisi ha cercato poi di defilarsi$ 8a %uesto punto di vista,
l’atteggiamento italiano di estrema prudenza nella crisi ucraina non deve essere
lodato, perch" ' di tutta evidenza che non ' certo prodromo ad un auspicabile
processo di collocazione in campo neutrale del nostro paese$ (i tratta, più
banalmente, di semplice buonsenso alla (ancho 5anza di fronte alle follie del padrone
d’oltreoceano$ 5unto secondo, una analisi che cerca d’andar oltre i pur evidenti
problemi dell’amministrazione ;bama e dei configgenti agenti strategici americani
che attualmente operano sotto la copertura nominale di %uesta amministrazione$ In
fondo, %uando parliamo di strategia del caos statunitense e imputiamo %uesta
strategia alla volont# americana di reagire al suo fallito tentativo di egemonia
unipolare post caduta del muro di Gerlino compiamo, in un certo, un errore di
prospettiva storica, un errore perch" %uesta tendenza caotica nelle relazioni
internazionali era gi# stata individuata agli inizi degli anni Cin%uanta da Carl (chmitt
nel suo Il nomos della terra nel diritto interna,ionale dello .6us Publicum
2uropaeum/$ In estrema sintesi, Carl (chmitt sosteneva che l’affermazione
novecentesca su piano globale delle potenze marittime, prima l’Inghilterra oggi gli
(tati uniti, aveva comportato il deterioramento del diritto internazionale, con la
conseguenza che con %uesta mutazione veniva gradualmente svanendo la personalit#
dei singoli stati, cosV come era concepita in seguito all’assetto Qestfaliano, per essere
sostituita da una visione privatistico-commerciale e della guerra e dei rapporti
internazionali$ (iamo %uindi ritornati a Sohn Terr& che offre un miliardo di dollari
agli indiani-ucraini, in spregio del fatto che il governo verso il %uale dimostra tanta
generosit# ' frutto di un illegale colpo di stato e che come legittimit#, tuttalpiù, non '
maggiore a %uella di una privata assemblea di condominio ,che fra l’altro decida di
deliberare in spregio alle vigenti norme del codice civile-$ Che poi le conseguenze di
%uesto operare caotico, o meglio, in spregio di %uello che un tempo diede forma allo
“Sus 5ublicum )uropaeum”, sia il rischio dello smembramento dell’Dcraina, poco
importa$ ; almeno poco importa agli agenti strategici statunitensi$ Bgli agenti
strategici italiani, invece, dovrebbe importare e molto$ Costoro devono stare molto
attenti perch" per l’Italia la posta geopolitica dei prossimi anni non ' tanto %uale
agente strategico nazionale sar# più abile a presentarsi come cameriere degli (tati
uniti / per %uesto ruolo ne servono altri più strutturati di noi, vedi la 7ermania / ma a
%uale agente, distrutta de facto l’Italia come entit# statuale, sar# data l’opportunit# di
esibirsi / come un tempo agli indiani nel circo di Guffalo Gill e come oggi nelle
riserve / per il divertito passatempo degli agenti strategici americani$ )d ' inutile
sottolineare che il repubblicanesimo geopolitico per %uanto non intenda
astoricamente sposare un ritorno sic et simpliciter allo “Sus 5ublicum )uropaeum” ,il
problema delle libert# politiche e civili era del tutto ignorato se non avversato dal
giuspubblicista fascista di 5lettemberg-, intende battersi con tutte le sue forze sia dal
punto dell’analisi che da %uello delle alleanze politiche perch" il caos strategico
statunitense non significhi per l’Italia la riduzione ad una condizione simile a %uella
delle riserve indiane dove magari, al posto della danza della pioggia, vengano
officiati riti e litanie in onore della sua “grande bellezza”$
-----------
In Ieconomia internazionaleI
(>B>I D9I>I 8YB)RICB$ C)9>; B99I 8I (;+I>D8I9)! 8B++YI(;+BZI;9I(;
B++YI(;+B)9>; 5;+I>IC;$ di Bntonio de artiniIn Ieconomia internazionaleI
G& antoniochedice, on marzo ?, 1234 at ?!10 pm, under costume politico, 5olitica, 5olitica )stera$ >ag!I film +a 7rande
GellezzaI, CBR+ (CFI>>, Rohn @err&, Sus )uropaeum$ 31 commenti
I trac@bac@ sono chiusi, ma puoi postare un commento$
A +B HI9) 8)7+I )<DI+IGRI 8I JB+>B ) +’I9IZI; 8)+ ;98; D+>I5;+BR) ,videointervista a 7ianni
8e ichelis-
I+ “9D;E; 7;E)R9; DCRBI9;” FB >R;EB>; C;) (5)98)R) I (;+8I 8I T)RRJ$ BRRD;+B
)RC)9BRI CF) ;5)RB9; B TI)E ) 8;9)>(T$ di Bntonio de artini K
Commenti
• robertobuffagni ;n marzo ?, 1234 at L!0? pm
5ermalin@ N Rispondi
Chi diffonde la peste prima o poi se ne contagia$ +a strategia del caos americana disgrega gli
altri, ma non solo gli altri$
• gicecca ;n marzo L, 1234 at P!=4 am
5ermalin@ N Rispondi
a non era proibito dalle leggi D(B dare contributi agli autori di colpi di stato* ;ra prima
in )gitto e poi in Dcraina la cosa sembra non valere più ovvero si stabilisce che il cambio di
7overno attuato dalla piazza non " un colpo di stato$ Inoltre, mi pare di essere all’asta dei
popoli! prima la Russia offre 3= miliardi per l’Dcraina, poi si svilisce il prezzo con un po’ di
morti e di confusione, allora l’altro concorrente offre un miliardo \ e chi sa che alla fine si
comperi lo schiavo con nulla$
Genissimo, poi, aver ricordato la 7recia, di cui non parla più assolutamente nessuno$ >utti
mali sono guariti, o il malato " definitivamente morto * i piacerebbe saperlo] magari
%uest’estate vado in 7recia$ 7iC
o
o antoniochedice ;n marzo L, 1234 at L!3M am
5ermalin@ N Rispondi
(i danno contributi a delle ;97 che mostrino di avere un %ualche scopo sociale$ 5oi
se %ueste creano problemi di ordine pubblico e le forze armate intervengono , o
meno- a difesa dello status %uo esistente ' %uestione che non interessa più di tanto$
+’importante ' che chi vince sia grato allo zio (am poich" le organizzazioni private
che lo hanno finanziato erano americane $ <uanto alla 7recia, ' vero non se ne parla
più$ 5er aver ceduto il 5ireo ai cinesi ha avuto la sua punizione$ <ualcuno gli deve
aver detto la ormai famosa frase ! “Qe Qill ma@e an e6emple of &ou” con la %uale
Tissinger salut: Bldo oro$
 +uca ;n marzo L, 1234 at 32!=P am
5ermalin@
(i riferisce che si siano svolte trattative segrete tra amministrazione campana
e inviati cinesi per discutere dell’ac%uisto di met# del porto di 9apoli e
dell’intera area delle >erme di Bgnano$
Intanto la Cina ha gi# stanziato 022 milioni di euro per abbassare il fondale
marino del porto, utile al movimento di grandi mercantili e nel 1222 ha
rilevato il =2` del terminal container del porto$
Il porto di 9apoli ' gi# diventato il nostro 5ireo*
8a esempi come %uesti ci rendiamo conto dell’attrattivit# e dell’importanza
strategica dell’Italia come terminal di merci per l’)uropa ,per non parlare
della rete di metanodotti- e per la collocazione geografica nel centro del
editerraneo* 5robabilmente potremmo vivere di rendita$
o (C ;n marzo L, 1234 at 32!2M am
5ermalin@ N Rispondi
Fanno iniziato con aiutare la Russia nella seconda guerra mondiale, e poi all’iran$ Il
loro modus operandi e rimasto lo stesso$
• giovanni ;n marzo L, 1234 at ?!42 am
5ermalin@ N Rispondi
“(i tratta, più banalmente, di semplice buonsenso alla (ancho 5anza di fronte alle follie del
padrone d’oltreoceano$”
o più probabilmente del terrore del servo cui il padrone ha dato un ordine a cui si ' risposto
“sissignore” e adesso si rende conto che l’ordine non ' chiaro e se la fa sotto all’idea di
tornare dal padrone a chiedere di spiegarsi meglio$
<uanto alla strategia del caos americana, %uesta ' voluta e scientemente perseguita, visto
che solo nel caos assoluto il primato militare ,che ' l’unico rimasto a uno stato che non '
fallito ufficialmente solo perch' il resto del mondo ' terrorizzato dalla paura di essere
incenerito se come (addam passa dai dollari agli euro per scambiare petrolio- ha il suo
massimo effetto$
(piace che gli strateghi cinesi non capiscano la volont# americana di ridurre l’intero pianeta
a uno stato di guerra civile permanente, e %uindi non si schierino apertamente e anche
militarmente dalla parte delle vittime del totalitarismo terrorista D(B$ <uano gli D(B
armeranno fino ai denti i popoli ai confini con la Cina e le minoranza interne, sar# troppo
tardi per reagire$ Capisco che non ' nella mentalit# cinese impegnarsi attivamente all’estero,
ma %uando hai contro la principale potenza militare globale non puoi aspettare che raccolga
tutte le sue forze contro di te, ti devi muovere prima$
o
o antoniochedice ;n marzo L, 1234 at L!1= am
5ermalin@ N Rispondi
(trategia opinabile$ I cinesi hanno una maledizione che suona cosV ” che tu possa
vivere in un’epoca di cambiamenti”$ 5oi, a dirla tutta, gli D(B stanno applicando un
strategia di mar@eting tipica del mondo dei computer! ti cambio il softQare ogni
tanto e lo impongo con la grancassa$ (e non lo compri ti tagli fuori dal tuo stesso
mondo$ 9iente più mail, niente più allegati, niente più chat$ Il prezzo da pagare ' uno
sforzo immane per concepire un salto di civilt# $
 (C ;n marzo L, 1234 at 32!34 am
5ermalin@
Gasta volere un cambio di protocolli ,il che ' valido sia nel mondo dei
softQare che in %uello di relazione reale-$ Russia, Cina, India, Iran e gran
parte del sud america ribollono, attendono solo una intelligenza che li guidi
fuori dall’era del dollaroUamero e li emancipi da classi dirigenti corrotte
• +uca ;n marzo L, 1234 at 33!22 am
5ermalin@ N Rispondi
Carl (chmitt in due foto$ Il clima delle relazioni internazionali %uando si basano sul
principio commerciale “una +u@oil contro una bottiglia di Eod@a” e %uando si torna invece a
confrontare interessi pubblici di entit# statuali$
http!UU0$bp$blogspot$comU-2u(nCR<oIo)UD6n_MMThSHIUBBBBBBBBCasUhS_a-
_Fd8FQUs3M22UXhoetheeXestereall&eli@es$png
• +uca ;n marzo L, 1234 at 33!=0 am
5ermalin@ N Rispondi
+a visione degli stati come risultante di forze strategiche contrastanti non viene %uasi mai
proposta, ma sembra invece un approccio molto maturo$
(i potrebbe anzi sostenere che ogni forma di governo stabile ma dinamica comprende al
proprio interno i principali conflitti di poteri che tengono viva la societ# e ne determinano la
sua tensione evolutiva$ Il governo ' coeso e ha consenso non %uando ha eliminato le cause
di contrasto, ma fintantoch" riesce a fare sentire i principali poteri rappresentati e composti
in una visione nella %uale si sentono compresi$ (oddisfacendoli in parte e superandoli per
ci: resta insoddisfatto con l’offerta di una visione comune$
>ale visione comune negli stati moderni, fondati come stati di diritto con il superamento
degli stati di polizia, ' la supremazia della legge$
(i parla sempre e soltanto di 5utin, ma si dimentica che il presidente del consiglio dei
ministri ' edvedev$ Il %uale prima era presidente della Hederazione russa, mentre 5utin era
primo ministro$ )ntrambi rappresentano forze sociali importanti e confliggenti$ (econdo
alcuni 5utin si fa interprete dei cd “sovranisti euroasiatici”, mentre edvedev rappresenta
gli “integrazionisti atlantisti”$ <uesti vettori, %uando erano in contrasto senza una forza di
composizione, hanno portato alla dissoluzione della Russia degli anni ’L2$ 7li anni della
democrazia e del caos, come li ricordano alcuni russi$
Bllo stesso modo negli D$($ possiamo trovare in ogni sede istituzionale i democratici e dei
repubblicani, in perenne lotta per la prevalenza degli interessi di cui si sentono portatori$
+a differenza principale che si osserva oggi dal 1222 in poi tra D$($ e Hederazione russa
potrebbe essere sintetizzata con un esempio$ +’ufficio del inistero degli esteri russo
competente per i diritti civili e politici si intitola “per i diritti umani, la democrazia e la
supremazia della legge”$
+a supremazia della legge, interna e internazionale, ' probabilmente %uel principio di
composizione dei conflitti che manca oggi agli D$($ (enza il %uale rischiano di restare una
e6 grande potenza allo sbando$ >ravolgendo nel crollo tutti coloro che saranno troppo deboli
per opporsi, per proporre nuove prospettive internazionali, per stabilire legami innovativi di
alleanza$
o antoniochedice ;n marzo L, 1234 at L!4M pm
5ermalin@ N Rispondi
“+a visione degli stati come risultante di forze strategiche contrastanti non viene
%uasi mai proposta, ma sembra invece un approccio molto maturo$” In realt# amico
mio la maggior parte dei blog ' a favore di uno dei contendenti con aprioristica
sicumera, mentre la realt# non ' mai compatta, le teste / anche nelle dittature più
coese / tendono a pensare, analizzare, proporre$ (olo noi italiani facciamo di ogni
partigianeria un articolo di fede$
• b3e1t0t4a3 ;n marzo L, 1234 at 4!13 pm
5ermalin@ N Rispondi
+’ha ribloggato su CI 8I(5IBC)\$B EI9C)R); 9;Ic$
Roberto ;n marzo 32, 1234 at =!34 pm
5ermalin@ N Rispondi
5er forza facciamo di ogni partigianeria una %uestione di fede$ (iamo schiavi della fede e
tendiamo ad uccidere coloro i %uali tendono ad avere visioni “laiche”$ Hino a ieri sui roghi o
sui ceppi papalini, oggi sui veicoli mediatici$
??????????????????????????????????????
________________________________________
??????????????????????????????????????
(“IL CORRIERE DELLA COLLERA”, 13 MAR%O 201)
CRISI UCRAINA: IL SIGNOR 5OL.O5ITZ NEL
PAESE DEGLI IGNORANTI +A .ATTO SCUOLA
Di ANTONIO DE MARTINI e MASSIMO MORIGI
Bnche se c’' da nutrire seri dubbi che gli agenti strategici e i centri decisionali
istituzionali della politica estera statunitense nella loro attivit# di destabilizzazione
caotica portata avanti a livello globale siano stati ispirati, oltre che da un pensiero che
risulta da un mi6 di geopolitica e una visione del mondo e dell’uomo di stampo
hobbesiano, da suggestioni di tipo letterario, nella vicenda Dcraina / come del resto
in altre consimili! un caso con profonde analogie operative di tentato rovesciamento
dei poteri legittimamente alla guida del paese, il Eenezuela prima e dopo la morte di
Chavez / %uesta certezza sembrerebbe per un attimo vacillare$ In fondo cosa hanno
cercato / e tentano tuttora / di fare gli (tati uniti con l’Dcraina* olto
semplicemente hanno cercato di replicare %uanto il grande scrittore ucraino 7ogol
aveva immaginato nelle nime morte attraverso la creazione del suo immortale
antieroe Cicicov, il %uale attraversava la Russia in lungo e in largo per ac%uistare i
nomi dei defunti servi della gleba che, in seguito, avrebbero dovuto essere
truffaldinamente esibiti alle autorit# per potere ottenere dei cospicui finanziamenti$ )
se certamente l’attivit# di ac%uisto e di corruzione da parte degli (tati uniti dei settori
più disperati e di %uelli gangsteristicamente più vocati della societ# ucraina richiama
veramente l’idea di una compravendita di “anime morte” da esibire di fronte al
mondo per giustificare il definitivo passaggio al Xashington consensus
dell’Dcraina, %uello che sorprende non ' tanto che gli agenti strategici statunitensi
dimostrino di non conoscere come va a finire l’immortale romanzo di 7ogol
,Cicocov non riesce nel suo intento e l’ignobile furbata viene scoperta- ma di non
aver preso nemmeno per un attimo in considerazione l’immancabile e scontata
reazione della Russia che mai avrebbe accettato / e mai accetter# / il proposito
americano di annientarla in %uanto superpotenza ,ed anche di progressivamente
contrarla e sminuzzarla pure territorialmente facendo leva sulle sue varie componenti
etnico-culturali-$ 9el caso specifico della crisi ucraina, la reazione russa a %uesta
impostazione statunitense ,Grand strategy americana che non ' una nostra
elucubrazione ma che ha trovato gi# da più di due decenni una sua elaborazione
esplicita nella cosiddetta dottrina XolfoQitz, vedi all’indirizzo
http!UUQor@$colum$eduUfamillerUQolfoQitz3LL1$htm, urte6t della politica estera
statunitense dopo la fine della guerra fredda, della %uale il primo commento fu fatto
dal 9eQ Jor@ >imes l’ ? marzo3LL1 con il significativo titolo MU:S: Strate'K Pan
Cas -"r Ins%rin' N" Ri(as De(e"#
A One1S%#er#"3er 5"rd: Penta'"n’s D"c%ment O%tines 5aKs t" T*3art
C*aen'es t" PrimacK "- America@- anche se parimenti del suo rivale americano
nulla deve alla letteratura, forse %ualcosa deve ad una visione certamente più creativa
e meno nichilistica di %uella portata avanti dagli agenti strategici del caos americani$
Con l’indizione del referendum che staccher# la Crimea dall’Dcraina ,dagli D(B e
dai suoi accodati alleati giudicato / parole evidentemente emesse senza il permesso
del cervello ma sotto la convincente pressione del portafoglio / illegale-, la Russia
mostrando una sorta di astuzia luciferina ,cosa c’' infatti di più sacro dal punto di
vista delle liberaldemocrazie e soprattutto dal punto di vista americano, del principio
di autodeterminazione dei popoli! vedi il nefasto ruolo del presidente americano
Xilson alla conferenza di pace di 5arigi nello smembrare / con l’assai poco
previdente appoggio delle principali potenze vincitrici / alla luce dei suoi
“<uattordici punti”, senza alcun ritegno e logica geopolitica / se non una gi# allora
incipiente “strategia del caos” / l’impero asburgico e vedi l’accusa americana
perdurante durante tutta la guerra fredda che l’Dnione sovietica non permetteva la
libera espressione dei popoli sottoposti al patto di Earsavia-, ha dato alla truffa (tati
unitiUCicicov una soluzione che non sarebbe nemmeno dispiaciuta all’autore delle
nime morte$ <uale soluzione* olto semplicemente la Russia dice %uesto agli (tati
uniti ,e ai suoi alleati-$ (e volete, tenetevi pure le vostre anime morte ,una Dcraina
fallita economicamente e che dopo essere stata accolta a braccia aperte
dall’;ccidente diverr# preda dei mortali aiuti internazionali, 7recia docet-, noi ve le
lasciamo volentieri e, se ci riuscite, traetene pure un profitto$ 9oi, da parte nostra, ci
limitiamo ad offrire una alternativa a coloro che non vogliono accettare di essere
ac%uistati ,la Crimea russofona- come una sorta di “anima morta” dalla truffa del
novello Cicicov americano$ +a morale finale della storia vale non solo per %uegli
ucraini ,chi in buona fede e chi direttamente pagati- si sono fatti trattare come carne
da cannone in omaggio alla strategia del caos americana ma anche per %uegli alleati
di una superpotenza che ha ormai perso ogni ritegno nella sua hubris imperialistica$
Bl contrario che nel romanzo di 7ogol, per le anime morte della strategia statunitense
c’' una possibilit# di ritorno alla vita$ 8ubitiamo fortemente che %uesta possibilit# sia
ancora a disposizione di un’Dcraina territorialmente integra$ Il repubblicanesimo
geopolitico crede fermamente invece che lo sia per %uei paesi i cui agenti strategici
abbiano un loro lungo e sedimentato passato che non pu: essere ridotto / come
evidentemente nel caso ucraino / ad una triste ed opaca storia di famiglia di vecchie
corrotte burocrazie di partito in cannibalesca ricerca di un agognato riciclaggio
“democratico” e che, al contrario dell’Dcraina, si siano nel tempo legati allo
sviluppo di forti appartenenze, tradizioni e culture nazionali$ ) dove in %uesto atlante
geopolitico di forze ed agenti strategici che alla luce delle storie di “lunga durata”
delle loro vite nazionali cercano una fuoruscita dagli idola theatri e dalle pratiche del
(ecolo breve sia la futura naturale collocazione dell’Italia ', pensiamo, persino
offensivo accennarlo$
-------------
• 7ianni Gordet ;n marzo 30, 1234 at 1!12 pm
5ermalin@ N Rispondi
+a Russia non pu: aver dimostrato astuzia luciferina, semmai una ben superiore astuzia
Bngelica, l’anticristo abita a Xashinton ed ha un pied-a-terre a +ondra dove si intrattiene
con le prostitute europee ,senza nulla togliere alle oneste lavoratrici del sesso che sbarcano il
lunario-, a osca non si azzarda ad inoltrarsi perch' ha troppa paura dell’Bc%ua (anta e
degli occhiutissimi 5ope$
7ianni
o
o antoniochedice ;n marzo 30, 1234 at 4!43 pm
5ermalin@ N Rispondi
Commovente$
• francesco ;n marzo 30, 1234 at 1!4? pm
5ermalin@ N Rispondi
magnificocc
• H$ ;n marzo 30, 1234 at =!=3 pm
5ermalin@ N Rispondi
gli americani preparano un false flag in Crimea entro il 3=$ ' %uanto attesterebbero le mails
tra un tenente colonnello americano a @iev e un ufficiale u@raino!
http!UUbeforeitsneQs$comUmilitar&U1234U20Uus-read&-for-militar&-response-in-u@raine-
declares-chairman-of-Roint-chiefs-14=L==4$html
che ne pensa*
• luigiza ;n marzo 30, 1234 at =!=M pm
5ermalin@ N Rispondi
La morale finale della storia vale non solo per *uegli ucraini 7
7.
Dubitiamo fortemente che *uesta possibilit) sia ancora a disposi,ione di un$8craina
territorialmente integra.
Gravo sig$ Bntono, dopo un piccolo sbandamento su una %uestioncella italica, la vedo
tornato alla sua solita ed apprezzatissima lucidit# di lettura dei fatti$
5er: non crede, sospetta, teme che invece della sola Dcraina sarebbe il caso di parlare
dell’)uropa occidentale tutta*
<ualcosa mi dice che presto la geografia politica di essa cambier# e temo pure in modo non
pacifico$
In fondo " successo gi# più volte in passato, perch' non dovrebbe ripetersi*
5$($ non mi banner# pure %uesto innocuo ma profetico commento, spero

o antoniochedice ;n marzo 34, 1234 at L!3= am
5ermalin@ N Rispondi
Io banno tutti i commenti non pertinenti all’argomento o stupidamente fascistoidi '
rivolti al passato e rievocanti la scorsa guerra ,civile e militare- $ <ui sto parlando da
sempre della prossima guerra, non di %uella scorsa$ Considero chi lo fa un
provocatore o un fesso$
• +uca ;n marzo 34, 1234 at L!1M am
5ermalin@ N Rispondi
“5resident ;bama has as@ed me to leave tomorroQ evening and fl& to +ondon to meet Qith
Russia’s Horeign inister (ergei +avrov on Hrida& and I Qill do that”$
8ella serie! scusatemi, ma devo proprio* (arebbe interessante fare mappe di relazioni e
soprattutto di affiliazioni$
;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;
;;;;;;;;;;;;;;;;;;;
(“IL CORRIERE DELLA COLLERA”, 26 MAR%O 201)
TRA USA E RUSSIA SI STA DERI.ICANDO UNA
INDERSIONE DEI RUOLI ADUTI NELLA PRIMA
GUERRA .REDDA: UNA RIPETIZIONE A
RODESCIO SAREBBE GROTTESCA
Di ANTONIO DE MARTINI e MASSIMO MORIGI
Col proposito di fornire il %uadro economico che aveva fatto da sfondo allo scoppio
della prima guerra mondiale, nel 3L3= +enin inizi: a scrivere “+’imperialismo fase
suprema del capitalismo”, il cui capitolo EII, “+’imperialismo, particolare stadio del
capitalismo”, si presta sia al commento della crisi Dcraina dopo che il referendum ha
ricongiunto la Crimea con la Russia sia a riflessioni teoriche, di natura politica e
geostrategica, che investono in pieno il ruolo che deve svolgere il repubblicanesimo
geopolitico nell’attuale fase$ (criveva dun%ue +enin nel capitolo EII dell’
“Imperialismo fase suprema del capitalismo”! “^\_ <uindi noi ^\_dobbiamo dare
una definizione dellYimperialismo, che contenga i suoi cin%ue principali contrassegni,
e cio'! la concentrazione della produzione e del capitale, che ha raggiunto un grado
talmente alto di sviluppo da creare i monopoli con funzione decisiva nella vita
economica] la fusione del capitale bancario col capitale industriale e il formarsi, sulla
base di %uesto “capitale finanziario”, di una oligarchia finanziaria] la grande
importanza ac%uisita dall’esportazione di capitale in confronto con l’esportazione di
merci] il sorgere di associazioni monopolistiche internazionali di capitalisti, che si
ripartiscono il mondo] la compiuta ripartizione della terra tra le più grandi potenze
capitalistiche$”
8al punto di vista dell’analisi, %ueste parole di +enin come rappresentano una pietra
miliare per in%uadrare la situazione geoeconomica che preluse allo scoppio della
prima guerra mondiale, sembrano pure scritte per descrivere l’attuale situazione di
scontro multipolare, con particolare riferimento alla vicenda Dcraina$ Dna vicenda,
%uella Dcraina, in cui come in nessun altra crisi ' apparso chiaro il terribile ed
immenso sforzo delle potenza imperialistica egemone di accaparrarsi con tutti i
mezzi, in primo luogo tramite le immense risorse del capitalismo finanziario,
%uest’area vitale per la permanenza della Russia nel novero delle grandi potenze e per
la possibilit# di contrastare la potenza statunitense$ 7eneralmente, %uando si parla
delle “inframmettenze” statunitensi in Dcraina, se si possiede un po’ di memoria
storica ci appaiono alla mente fra i principali missionari dell’esportazione della
democrazia marca D(B nella terra di 7ogol la figura di %uel singolare personaggio
che va sotto il nome di 7ene (harp e del suo Blbert )instein Institute$ 5er farla breve$
(ia o non sia un agente della CIB o emanazione più o meno diretta di %ualche altro
agente od ente strategico statunitense ,%uello dell’appartenza diretta di (harp
all’agenzia di intelligence statunitense fu tesi sostenuta a suo tempo da Chavez ed '
anche convinzione condivisa dall’Iran] noi / non necessitati alle semplificazioni
propedeutiche alla mobilitazione delle masse contro il nemico ma non per %uesto
non consapevoli che in politica i complotti esistono, eccome / ci limitiamo a dire che
per essere al servizio di un %ualche agente strategico non ' necessario esserne
direttamente e consapevolmente al soldo-, (harp ' autore di un libro “Hrom
dictatorship to democrac&$ B conceptual frameQor@ for liberation” ,per chi vuole
consultarlo nell’originale versione in inglese all’indirizzo
http!UUQQQ$aeinstein$orgUQp-contentUuploadsU1230U2LUH8>8$pdf - che, sotto il
pretesto di essere semplicemente una guida per combattere regimi dittatoriali sotto
%ualsiasi forma si presentino ' storicamente risultato, a tutti gli effetti, non essere
altro che un manuale scritto con pretta mentalit# organizzativa militare per abbattere
tramite la mobilitazione delle masse i regimi invisi agli (tati uniti$ Ci: ha avuto pieno
successo in (erbia, dove le istruzioni del manuale di (harp sono state fondamentali,
tramite l’emanazione locale dell’Blbert )instein Institute, l’;tpor, per la deposizione
di ilosevic ed ha avuto poi una ancora più vasta applicazione su scala globale con il
CB9EB( ,Center for Bpplied 9onviolent Bction and (trategies-, una diretta
emanazione dell’ ;tpor, che invece che sulla (erbia ha messo il suo zampino in tutte
%uelle aree, Dcraina compresa, dove gli (tati uniti hanno applicato i loro processi di
strategia del caos %uando attuati attraverso mezzi di intervento non diretto ma,
piuttosto, di sobillazione delle masse eterodirette e più o meno non violente ,vedi
ruolo del CB9EB( anche nelle primavere arabe-$
a se ci si limitasse alla semplice indicazione di sigle e di più o meno %uinte o seste
colonne che agiscono all’interno di alcuni paesi, che possono essere %uelli che si
oppongono al Xashington consensus ,ma non solo, vedi )gitto di ubara@- ma alle
%uali si potrebbe ribattere con altrettanti nomi e sigle che rispondono / con diverso
grado ed intensit# / sotterraneamente ad agenti strategici del campo avverso / %uello
delle spie e degli agenti provocatori ' uno strumento della politica internazionale che
viene dalla notte dei tempi e non caratterizza certo l’attuale fase imperialistico-
multipolare /, ci: non ci avvicinerebbe affatto al %uadro disegnato da +enin nel suo
“Imperialismo fase suprema del capitalismo”$ 5iù che la stretta elencazione di %uesti
agenti, se vogliamo comprendere %uanto nella situazione ucraina ,e %uindi anche
nelle altre aree di crisi dove le summenzionate %uinte colonne hanno avuto la
possibilit# di agire- abbiano contato le oligarchie finanziarie indicate da +enin per
tentare di accaparrarsi %uest’area geopolitica, ' ancor meglio ascoltare le parole
pronunciate pubblicamente dall’assistente segretario di stato per gli affari europei ed
euroasiatici Eictoria 9uland$ )bbene il 30 dicembre 1230, in una conferenza tenuta a
Xashington, Eictoria 9uland ha affermato che a partire dal 3LL3 in Dcraina gli (tati
uniti hanno finanziato organizzazioni politiche e non governative per un ammontare
di = miliardi di dollari ,“(ince D@raine’s independence in 3LL3, the Dnited (tates has
supported D@rainians as the& build democratic s@ills and institutions, as the& promote
civic participation and good governance, all of Qhich are preconditions for D@raine to
achieve its )uropean aspirations$ Xe’ve invested over g= billion to assist D@raine in
these and other goals that Qill ensure a secure and prosperous and democratic
D@raine”-$ Chi si vada a leggere il testo integrale di %uesta conferenza , per il %uale
si rimanda al sito del 8ipartimento di stato Bmericano all’indirizzo
http!UUQQQ$state$govUpUeurUrlsUrmU1230UdecU13??24$htm-, potr# avere contezza non
solo di %ueste “candide” affermazioni che ci fanno capire %uanto in Dcraina / e di
riflesso negli altri paesi che rifiutano il Xashington consensus / sia stato immenso
l’apporto di risorse che, attraverso il capitale finanziario, gli agenti strategici della
principale potenza su piazza hanno riversato sulle %uinte colonne alla ;tpor o alla
CB9EB( per sovvertire “pacificamente” i governi che si volevano opporre agli (tati
uniti ma potr# anche vedere il grado di arroganza usato dagli (tati uniti contro i
governanti ucraini per costringerli all’adesione all’Dnione europea e per accettare gli
aiuti del Hondo monetario internazionale , sempre citando dalla conferenza di
Eictoria 9uland! “Bs &ou all @noQ, and as I’m sure &ou Rust heard from Bnders and
other colleagues, D@raine’s econom& is in a dire state, having been in recession for
more than a &ear and Qith less than three months Qorth of foreign currenc& reserves
in place$ >he reforms that the IH insists on are necessar& for the long-term
economic health of the countr&$ B neQ deal Qith the IH Qould also send a positive
signal to private mar@ets and Qould increase foreign direct investment that is so
urgentl& needed in D@raine$ (igning the Bssociation Bgreement Qith the )D Qould
also put D@raine on the path to strengthening the sort of stable and predictable
business environment that investors re%uire$ >here is no other path that Qould bring
D@raine bac@ to long-term political stabilit& and economic groQth”-$
(e fin %ui l’analisi leniniana sulla situazione che fece da sfondo allo scoppio della
prima guerra mondiale si rivela fondamentale per fotografare non solo la dinamica
degli agenti strategici e finanziari operanti in Dcraina ma più in generale su tutto lo
scacchiere internazionale, l’esperienza storica sta per: a dimostrarci / al contrario di
%uanto sperava il mar6ismo ed in genere tutti i movimenti ad alto tasso di
millenerarismo / che la speranza nelle “ultime fasi”, oltre a essere strettamente
collegata ad una mentalit# propensa al totalitarismo, ' anche una previsione del tutto
sbagliata ,e di %uesto +enin ne era anche inconsciamente avvertito! se il titolo del
suo libro richiamava la fase terminale del capitalismo, nel titolo del capitolo da noi
citato, l’imperialismo veniva degradato a “fase particolare” del capitalismo-$ 8etto in
parole semplici e tradotto ad uso del repubblicanesimo geopolitico$ 3- +’attuale
sconfitta che gli agenti strategici statunitensi stanno subendo nella loro strategia del
caos attuata attraverso la leva del capitale finanziario e l’impiego sul campo delle
masse eterodirette dallo smart poQer delle 97; modello ;tpor o CB9EB( non
prelude affatto ad una loro uscita di scena ,non prelude affatto, cio', ad una loro “fase
finale” ma semmai ad un rimodulazione del loro modus operandi, con un possibile
ritorno a pratiche destabilizzanti muscolari dell’era Gush! ;bama attenzione guardati
alle spalle, i tuoi agenti strategici non sono molto contenti del tuo operato\- ma,
semmai, ad un passaggio dalla fase unipolare post caduta del muro di Gerlino ad una
policentrica molto più travagliata di %uella che / ingenuamente / da parte della
stragrande maggioranza degli osservatori ci si era aspettati all’indomani della prima
elezione di ;bama$ 1- (e nel suo vedere la “fase finale” del capitalismo +enin
dovette pagare il pegno al profetismo chiliastico del mar6ismo, la sua mentalit#
strategica, o meglio geostrategica, comprese benissimo che la lotta contro i monopoli
poteva avvenire ed avere successo in %uei paesi che costituivano “l’anello debole” di
%uesta evoluzione del capitale finanziario$ 8imostrazione della correttezza di %uesta
visione strategica leniniana di puntare sull’ anello debole delle nazioni capitalistiche
per far vincere la rivoluzione ,e con %uesto successo che per: non pot" tramutarsi nel
sogno comunista ma nell’edificazione “solo” di una moderna superpotenza, l’Dnione
(ovietica, anche dimostrazione della successiva impossibilit# storica e teorica di
realizzare la rivoluzione proletaria- fu la Russia con l’abbattimento dello zarismo ed
il successo della rivoluzione bolscevica$
Certamente, alla luce del referendum che ha ricongiunto alla grande madre Russia la
Crimea, un anello debole della strategia americana di invasione del mondo col suo
capitale monopolistico si ' dimostrata l’Dcraina$ Ci: ' certamente un punto segnato
da 5utin che, degno successore di +enin, ha sempre dimostrato di sapere colpire al
momento opportuno e con inusitata efficacia gli “anelli deboli” della strategia del
caos statunitense$ Il punto molto semplice ' per: che, visto che le “fasi finali” delle
transizioni da uno stato unipolare a uno multipolare / come %uelle, per fortuna, del
passaggio millenaristico e definitivo dal capitalismo al comunismo / appartengono al
mondo dei sogni e non alla realt# dello scontro fra agenti strategici, gli spazi di
libert# che sono la naturale conseguenza della messa in crisi della potenza ancora
attualmente egemone non possono essere affidati in un unico appalto a chi ora
contesta, e con successo, %uesta potenza$ <ui sta il compito del repubblicanesimo
geopolitico! alla luce di un %uadro ormai brulicante di “anelli deboli” del Xashington
consensus, diffondere la consapevolezza che un aumento degli spazi di prosperit# e
libert# dell’Italia e del suo popolo sia nell’accettare con coraggio la nascente fase
multipolare$ ) nell’altrettanto forte consapevolezza, che in definitiva ci viene proprio
da +enin, che nella scelta degli alleati, interni ed internazionali, che rendano possibile
%uesto passaggio, le “fasi finali” appartengono al mondo delle fate o, per esprimerci
in termini politici, a %uello delle ideologie$ 5roprio come stanno a provare nella loro
pelle gli ingenui ucraini trattati come carne da cannone dall’ D) e dagli D(B, nella
scelta delle alleanze e dei compagni di viaggio di tutto abbiamo bisogno tranne che
ripercorrere meccanicamente e solo in senso contrario %uello che ' gi# stato fatto
negli ultimi cin%uant’anni$
------------
COMMENTI
• Roberto ;n marzo 1M, 1234 at ?!0L pm
5ermalin@ N Rispondi
<uesta analisi ' improntata ad una profonda cultura politica di stampo novecentesco ma non
contenendo ipotesi di complotto plutogiudaicomassonico ' certamente sbagliata$ (tudiate
7rillo e lasciate stare +enin per favore\$
• Bnafesto ;n marzo 1P, 1234 at 31!24 am
5ermalin@ N Rispondi
Credo che agli D(B siano fumo negli occhi %uei paesi che rifiutano, non il consenso, ma la
dominazione di Xashington, %uindi direi che non ' arroganza statunitense %uella applicata in
Dcraina, ma vero e proprio bullismo$
8etto %uesto, possiamo notare, come in tutti i bulli, tendano a mostrare più i muscoli che il
cervello e le faccende (iria e Dcraina ne sono la conferma$
7li stati europei, come tutti i cani da compagnia, o sarebbe più esatto dire da lecco, abbaiano
all’intruso, pronti per: a leccargli le mani se %uesto allunga %ualche sostanzioso boccone$
In %uesto scenario la carne da cannone non ' solo %uella degli Dcraini, ma anche %uella
degli europei, con unica eccezione l’inghilterra, geograficamente e spiritualmente separata
dall’)uropa, mentre 5utin, come giustamente osservato, testa gli anelli deboli e si muove
unicamente su %uelli$
9on credo sia in grado, ancora, di proporre mosse non asimetriche per ovvia disparit# di
forze, ma credo che continui a puntare su referendum del tipo di %uello in Crimea, nelle
regioni di Thar@ov e 8onets@, sicuro tra l’altro di portare a casa il risultato e prima o poi
Tiev su %uelle regioni dovr# capitolare, ammesso che non capitoli direttamente Tiev dopo la
cura di %ualche semestre europeo$
?????????????????????????????????????????????????
??????????????????????
AINDIATO AL MCORRIERE DELLA COLLERA IL ?; MARZO =>;L MA NON
PUBBLICATOB
POLITISC+E ROMANTI,0 RENZISC+E ROMANTI,
Di MASSIMO MORIGI
“>utti i casi della nostra vita sono ^per 9ovalis_ i materiali con cui possiamo fare ci:
che vogliamo, ogni cosa ' il primo anello di una catena infinita” ,Carl (chmitt,
Romanticismo politico, a cura di Carlo 7alli, ilano, 7iuffr', 3L?3, p$ 31P-$
+a pubblicazione nel 3L3L di Politische Romanti9 rappresenta per il giuspubblicista
fascista di 5lettenberg l’inizio della configurazione di una fortunata serie di metafore
e concetti politici volti, lungo tutto il corso della sua produzione, a mettere in
discussione %uelle “categorie del politico” che erano alla base sia del pensiero
mar6ista che di %uello liberaldemocratico$ In %uest’ambito di creazione di idealtipi
politico-ideologici che fossero di supporto al riorientamento in senso antidemocratico
della societ# tedesca, il riferimento in Romanticismo politico al poeta degli Inni alla
notte e simbolo di tutto il movimento romantico tedesco non era tanto un vezzo
erudito ma serviva a delineare non solo la forma della mentalit# romantica in
letteratura ma anche %uella della mentalit# politica democratica, che evidentemente
per Carl (chmitt molto doveva al romanticismo, una mentalit# per la %uale, sulla
scorta di un 9ovalis correttamente giudicato modello gestaltico di tutto il
romanticismo, “possiamo fare ^tutto_ ci: che vogliamo” e in cui “ogni cosa ^non '
altro che_ il primo anello di una catena infinita”$ <uesta tensione verso un infinito
apparentemente eroico ma che fa sV che la verifica di realt# sia sempre rimandata e
che fa sV che / citiamo sempre da Romanticismo politico / “i fatti non sono mai
considerati nelle loro connessioni politiche, storiografiche, giuridiche o morali, ma
sono soltanto l’oggetto di un interesse estetico e sentimentale” viene tacciata, con
esplicito riferimento a alebranche, di “occasionalismo” ,la cervellotica dottrina
filosofica che estremizzando l’insegnamento di Cartesio recideva %ualsiasi rapporto
immanente fra la res cogitans e la res e6tensa-, un occasionalismo che traslato dal
post cartesianesimo seicentesco all’epoca romantica rendeva tutto il mondo, e %uindi
anche la politica, non altro che il pretesto per una solipsistica ed improduttiva attivit#
di vacua ed inefficace poeticizzazione della realt#$
(ebbene la storia del 9ovecento e la biografia intellettuale e personale di Carl
(chmitt abbiano ampiamente dimostrato che non solo i politici “democratici”
pecchino di “occasionalismo” ,certamente se considerato dal punto di vista del
calcolo razionale mezziUfini Fitler fu il più grande politico romantico del (ecolo
breve e lo stesso Carl (chmitt fu “occasionalisticamente” uno dei maggiori
responsabili intellettuali della tragedia tedesca-, non si pu: certo negare che l’analisi
schmittiana svolta in Romanticismo politico sia particolarmente adatta per descrivere
la deriva demagogica delle moderne liberaldemocrazie, una deriva che evidentemente
non riguarda solo il rapporto classi dirigenti e governati ma investe anche il
progressivo degrado del senso della realt# che guida %ueste classi dirigenti anche
nella loro azione di governo$ In %uesto senso, i comportamenti e le dichiarazioni del
5residente del Consiglio italiano hanno veramente la morfologia idealtipica del
romanticismo politico cosV come individuata da (chmitt, sia dal punto di vista della
vecchia classe dirigente, di cui egli non ' altro che un’ espressione giovanilistica, sia
sotto il profilo della sua concreta azione politica fin %ui svolta ed empiricamente
verificabile$ <uando Renzi promette che ogni mese sar# contrassegnato da una
riforma politica epocale, %uando dice che ci sono le coperture per finanziarie in
media ottanta euro di esenzioni fiscali per i lavoratori dipendenti, %uando il
5residente del Consiglio annuncia tagli tremendi alle spese della pubblica
amministrazione per poi genuflettersi di fronte all’;bama venditore del suo
costosissimo gas e dei farlocchi H-0= ,alla faccia degli annunciati tagli alla difesa-,
come direbbe Carl (chmitt siamo in pieno occasionalismo politico ,o, come diremmo
noi, in piena follia geopolitica e geostrategica-$ <uando, infine, si afferma che del
problema del Hiscal Compact ce ne occuperemo %uando il problema si presenter#
,cio' fra pochi mesi- siamo giunti al cuore dell’ occasionalismo politico dove proprio
accade una reale separazione fra la res cogitans ,vulgo il cervello- e la res e6tensa ,la
realt#, vale a dire un Hiscal Compact che, se rispettato, ci farebbe diventare il primo
caso del secondo dopoguerra di un paese industriale moderno regredito a posizioni da
terzo mondo-$
>utta l’attivit# giuspubblicistica di Carl (chmitt ,e come anche testimoniato dai suoi
tragici errori- era intesa all’evocazione del Tat"chon, cio' di %uel “frenatore” da
contrapporre all’epoca delle “neutralizzazioni e spoliticizzazioni” che per (chmitt era
incarnata dalla democrazia e, nella specifica contingenza storica, dalla Repubblica di
Xeimar$ Bnche nella nostra situazione italiana, con un paese in mano alle oligarchie
politico-finanziarie italiane, a loro volta schiave degli agenti strategici occidentali,
siamo in una situazione in cui, se non verr# presto trovato un Tat"chon, l’esistenza
stessa della nostra nazione sar# messa direttamente in pericolo dal “romanticismo
politico” di cui il renzismo non ' che l’ultima e più sguaiata manifestazione$ B
differenza di (chmitt, siamo totalmente contrari a soluzioni autoritarie ,in fondo,
l’ultima involuzione del romanticismo politico- ma, d’accordo con (chmitt, siamo
anche totalmente consapevoli che il “romanticismo politico” da sempre
inevitabilmente dedito solo alla sua funzione espressiva ,rapportato alla nostra
odierna situazione interna, la retorica sulle nostre attuali istituzioni “democratiche”,
cortina fumogena per voraci oligarchie e a livello internazionale, tanto per essere
chiari, la pseudoreligione dei diritti umani / non altro che una coperta tarlata per
coprire interessi imperialistici di cui anche l’Italia ' vittima / e il pavloviano riflesso
condizionato / d""samente c"ndiGi"nat" dai comportamenti dagli odierni mass
media e dai maggiori rappresentanti del pensiero politico, per il %uali mai la
bendiana trahison des clercs fu espressione più adatta, ancorch" troppo gentile /
della meccanica litania sull’inevitabile appartenenza ai vecchi blocchi emersi dal
secondo conflitto mondiale- ', come accadde alla repubblica di Xeimar, il biglietto
per la dissoluzione politico-statuale del nostro paese$ Il repubblicanesimo geopolitico
ha l’ambizione di essere %uel Tat"chon, %uel frenatore della degenerazione di %uesto
cupio dissolvi della statualit# e della nazionalit# italiane$ <uando al giudizio specifico
sul “politico romantico” Renzi, pensiamo di avergli reso anche un eccessivo favore
inserendolo in un discorso sulle ideologie e i più grandi drammi del 9ovecento ma la
situazione di cui egli ' la più perfetta rappresentazione che sia emersa in Italia dal
secondo dopoguerra ad oggi contiene davvero fortissimi elementi di tragicit#, anche
se le sue buffonesche caratteristiche personali più che richiamare le “categorie del
politico” ci avrebbero portato a discettare piuttosto su personaggi e metafore
disne&ani$ a lo ripetiamo, la vacuit# ed inconsistenza dell’odierno 5residente del
Consiglio non ci deve trarre in inganno sulla sua effettiva pericolosit#, ultima
manifestazione di un mondo che ha tradito tutti i valori ed interessi italiani$ Dn
mondo contro il %uale dire che bisogna scagliare un formidabile Tat"chon ' gi# una
grossa concessione al politicall& correct ed ad una indispensabile ,necessaria e
rispettosa non certo verso %uesta classe dirigente ma solo verso noi stessi- prudenza
espressiva$
fffffff
5ppppppppp cane
8888
ca
il corriere della collera 1? aprile 1234
EUROPA: LA OSTPOLITI, TEDESCA AL BIDIO TRA RUSSIA E
USA: MER,EL RISC+IA ANC+E LA LEADERS+IP EUROPEA: di
Ant"ni" de Martini
+a 7ermania importa dalla Russia il 0?` del gas e il 0=` del petrolio$ +’interscambio D) con la
Russia ' di 422 miliardi di euro all’anno$ 7li interessi degli europei e della 7ermania sembrano
convergere nel mantenere basso il livello di conflittualit# con la Russia, ma le pressioni e l’enfasi
che gli (tati Dniti stanno ponendo sul problema ucraino, rischiano di far fare alla cancelliera Bngela
er@el la stessa fine di Fitler! impegnarsi su due fronti e perdere in entrambi la posizione di
leadership finora tenuta$
Intanto i rapporti della 7ermania coi paesi baltici e la 5olonia stanno conoscendo inediti momenti di
incomprensione a causa della riluttanza tedesca ad imboccare una più rigida politica sanzionatoria
nei confronti di 5utin!importanti gruppi industriali tedeschi specie nel settore chimico-farmaceutico
e petrolifero stanno facendo forti pressioni lobbistiche / anche pubbliche / per evitare di
promulgare altre sanzioni , il cosiddetto terzo livello- che potrebbero rappresentare un pericolo
economico per il benessere tedesco$ Ieri Ram#ini su La Repubblica ha scritto un articolo
illuminante in materia citando il Ne3 4"r/ Times:
+a stessa coalizione di governo tedesca, complice il momento elettorale europeo, potrebbe essere in
pericolo data l’influenza sul partito socialista dell’e6 cancelliereGer*ard Sc*r"der che
di GaG#r"m ' il principale lobbista in 7ermania$ Il ministro degli esteri (teinmaier ha ier l’altro
dichiarato che avrebbe visto volentieri una forte attenzione sul come evitare di applicare le sanzioni,
almeno pari a %uella che si verifica %uando si tratta di applicarle$
+a ostpoliti9 tedesca si trova a un bivio! se privilegiare il rapporto con la Russia o %uello con i
partner D) , polonia e i tre paesi Galtici- necessari a mantenere la leadership in seno alla Dnione
)uropea$ Dna alterazione di %uesto e%uilibrio costringerebbe la 7ermania ad una linea politica più
accomodante verso i paesi mediterranei che oggi soffrono per la politica sanzionatoria tedesca che
mira a cambiare lo stile di vita di interi paesi %uali la (pagna, il 5ortogallo, la 7recia, la Hrancia e
l’Italia$
5erdere, sia pure per brevi periodi alcuni rapporti economici con la Russia per la 7ermania / che sta
soffrendo la concorrenza cinese verso la Russia in numerosi settori / rappresenterebbe un pericolo
strategico-economico$ 5erdere l’appoggio di 5olonia e paesi baltici rappresenta un pericolo
strategico-politico, senza contare la tensione politica che va instaurandosi con gli (tati Dniti che,
con la scusa di appoggiare le aspirazioni unitarie e indipendentiste ucraine stanno premendo su tutti
i fronti mettendo in difficolt# Hrau er@el nella sua politica estera sia a ovest che ad est e in
estremo oriente$ 9on potr# mantenere le posizioni e gli D(B sperano che ceda sul fronte dell’)uro$
5er noi sarebbe la ripresa economica $
<uesto ' il momento per i partners europei mediterranei per costringere la 7ermania a scegliere
%uale politiche privilegiare$! se accettare il F%antitati(e Easin' a ovest , la GC) ' pronta-
accontentando le richieste latine o accontentare le richieste dei paesi Galtici di fare la faccia feroce
con la Russia e autodanneggiarsi$ 9el caso nostro, %ualsiasi scelta faccia la 7ermania, l’Italia ha da
guadagnare$ B patto che sia costretta a scegliere$ +a campagna elettorale europea giunge a proposito
e l’intervento alla Eier@evood di Gerlusconi pu: definirsi provvidenziale$
8un%ue ' nostro interesse nazionale che la crisi ucraina duri fino a che le pressioni sulla 7ermania
diventino insopportabili$ Hare gli atlantisti ad oltranza al nostro governo non dovrebbe risultare
difficile$


Condividi:
• Facebook 23
• LinkedIn 3
• Twitter 3
• E-mail
• Stampa
• Pocket

Articoli collegati
CI5R;! E)9)R) ) )DR;5B (;9; 9B>) <DI$ +B 7)RB9IB 9;9 +) ED;+)$ di Bntonio de artiniIn Iban@s and financeI
Dcraina! la crisi come conseguenza di strategie superate e due pregiudizi obsoleti! +a 7ermania fa correre un rischio di guerra alla Dnione )uropea$ di Bntonio de artiniIn
IdisinformazioneI
(I (CRIE) DCRBI9B, B (I +)77) 7)RB9IB$ +B RH> ) +B (DB ;(>5;+I>IT GI(BRCTIB9B (;9; D9B B+>)R9B>IEB B++B D$)$ ) B++Y)DR;Z;9B$
;GBB 9;9 ED;+)$ di Bntonio de artiniIn I5olitica )steraI
BK ant"ni"c*edice0 "n a#rie =N0 =>;L at E:L? am0 %nder ec"n"mia internaGi"nae0 P"itica Estera: Ta':An'ea
Mer/e0 GaG#r"m0 Ger*ard Sc*r"der0 La #"itica estera tedesca (ers" a R%ssia0 Ne3 K"r/ times0 SanGi"ni UE aa
R%ssia: O c"mmenti
Trac/&ac/s are c"sed0 &%t K"% can #"st a c"mment:
A ()((B9>B B99I HB +B 5RIB C;C)9>) (C;9HI>>B 8)++’;CCI8)9>) B 8I)9 GI)9 HD$ 9;9 FB99;
8I)9>ICB>;, B 9;9 FB99; I5BRB>; 9D++B$ di Bntonio de artini
CRI(I )C;9;ICB ;98IB+)$ ) ()C;98; I+ H;98; ;9)>BRI; I9>)R9BZI;9B+) W B9CF)
()C;+BR)$ )CC; D9B B9B+I(I 8I RBI;98I ) +)>>I)RI CF) CI>B I+ 8IR$ 7)9$ 8)++B GB9CB 8)I
R)7;+B)9>I I9>)R9BZI;9B+I 8I GB(I+)B$ K
Commenti
• Roberto On aprile 28, 2014 at 9:18 am
Permalink | Rispondi
le prossime elezioni europee saranno un referendum pro o contro questa Europa che Europa non è. E vinceranno abbondantemente i contrari che magari
contrari non sono ma vogliono un'Europa vera politicamente unita. Finirà il dominio della Germania e della sua politica neonazista
• abrahammoriah On aprile 28, 2014 at 8:25 pm
Permalink | Rispondi
28 aprile 2014
Con il rinvio a dopo le elezioni europee (recte: sine die) della riforma del Senato, il governo Renzi ha mostrato tutta la truffaldina natura dei suo fuochi (fatui)
d'artificio. Lo scenario post elettorale di maggio è quindi quello di un quadro politico ancor più degradato di quello lasciato in eredità dal governo Letta e che
prelude verosimilmente ad elezioni politiche anticipate da qui a non molti mesi. Ìn questa nuova fase di instabilità e scontro politico, vogliamo lasciare la
rappresentanza dei vitali interessi geopolitici nazionali alle screditate armate del vaffa e a coloro che dopo aver agognato una padania satellite della
potenza centrale europea hanno da poco scoperto le virtù di una sana diffidenza verso la Germania e di un totale rifiuto dell'euro? Contro gli agenti
strategici interni ed internazionali (di matrice atlantica, tanto per essere chiari) che mirano ad una ucraizzazione de facto dell'Ìtalia, è giunto allora il
momento di passare dalle parole ai fatti, la costruzione, cioè,
di un nuovo soggetto politico dove lo schmittiano discrimine fra amico e nemico passi attraverso la consapevolezza o meno delle terribili sfide geopolitiche
che attendono nei prossimi anni l'Ìtalia.
Massimo Morigi
• abrahammoriah On aprile 28, 2014 at 9:18 pm
Permalink | Rispondi
Recte: ucrainizzazione
• antoniochedice On luglio 15, 2014 at 7:17 pm
Permalink | Rispondi
L'ha ribloggato su ÌL CORRÌERE DELLA COLLERAe ha commentato:
Coppa la veccia..
• Raymond Ìssa On luglio 16, 2014 at 10:47 am
Permalink | Rispondi
Leggendo il sig. Massimo Morigi , le chiederei a chi secondo lui dobbiamo votare perche non sono sicuro di avere capito bene, non c,e nessuno che le
piace
• abrahammoriah On luglio 16, 2014 at 12:53 pm
Permalink | Rispondi
16 luglio 2014
Aedificare necesse est, eligere non necesse.
Massimo Morigi
mmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmm
RRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRR
16 giugno 2014 il corriere della collera
ZONA EURO:TRA =>>N E =>;> I SUICIDI SONO AUMENTATI DI
NODEMILA UNITA’ A PERSONEB RISPETTO ALLA MEDIA ABITUALE:
LA PERDITA DI RUOLO DI C+I E’ COLPITO DALL’AUSTERIT4: di
Ant"ni" de Martini
+a notizia, corredata dai dati analitici e commenti ' apparsa in una ricerca della Dniversit# di
;6ford pubblicata dal Britis* 6"%rna "- PsKc*iatrK in circolazione in %uesti giorni, Circa
diecimila persone hanno commesso suicidio tra il 122? e il 1232 in eccesso rispetto alle medie
statistiche cui eravamo abituati$
Il nesso di causa ed effetto con la crisi economica globale ' giustificato dalla-ascia di etI delle
persone coinvolte e dalla situazione occupazionale$ Come controprova abbiamo il caso della N%"(a
Zeanda, solo paese industrializzato risparmiato dalla crisi economica globale e che ha mantenuto il
numero dei decessi autoprovocati entro i limiti ” abituali”$ I novemila morti “in più” sono il doppio
dei caduti in dieci anni di guerra in Bfganistan$
9aturalmente il record negativo ', e anche %uesto ' un indizio importante di causalit#,
della Grecia, che nel 122? ha visto radd"##iarsi i n%mer" dei s%icidirispetto al 122P , %uando
era il più basso d’)uropa- e nell’anno successivo ha visto %uesto tragico numero aumentare ancora
del L>P ris#ett" a’ann" #recedente:
Il francese D"mini$%e Stra%ss ,*an, defenestrato in circostanze non chiare dalla direzione del
HI , Hondo onetario Internazionale- mentre si accingeva a varare il salvataggio di %uel paese,
ha rilasciato oggi una dichiarazione, pubblicata da “+e Higaro” che fa planare un terribile dubbio
sulla utilit# di %uesti cruenti sacrifici fatti finora! ” ove non si condonino altri = miliardi di euro del
debito greco per %uest’anno, statali e privati, a Grecia d"(rI dic*iarare i de-a%t:“
<uesti sono i soli numeri statistici sui suicidi della zona )uro, ma la ricerca delB6P investe anche
gli (tati Dniti e il Canada ed il numero totale dei suicidi “anormali rispetto alle medie “abituali”
giunge a 30$222 persone, come voi e me , uccise da un errore di calcolo del HI e dalla miopia
accademica di autodefinitisi tecnici avvallati da una classe dirigente superficiale e, per %uel che ci
riguarda, anche inetta e corrotta$
Bdesso si comincia a parlare di misure della Ganca Centrale )uropea indecisa comun%ue tra
il FE , :uantitative 2asing- e il Ne3 Dea0 ma sempre intenzionata a far finta che sia necessario
passare per il sistema bancario invece che aiutare le persone e le loro famiglie$ Dna grave
responsabilit# per ario 8raghi$ Dna gravissima per i presidenti dell’I(B> che mettono la sordina
ai dati italiani in cambio di un ministero$
B partire da che numero di sacrifici umani costoro diventeranno punibili*

Condividi:
• Facebook 10
• LinkedÌn 2
• Twitter 4
• E-mail
• Stampa
• Pocket

Articoli collegati
CRI(I )C;9;ICB ;98IB+)$ ) ()C;98; I+ H;98; ;9)>BRI; I9>)R9BZI;9B+) W B9CF) ()C;+BR)$ )CC; D9B B9B+I(I 8I RBI;98I ) +)>>I)RI
CF) CI>B I+ 8IR$ 7)9$ 8)++B GB9CB 8)I R)7;+B)9>I I9>)R9BZI;9B+I 8I GB(I+)B$ In Iban@s and financeI
BRRIEB9; +) )+)ZI;9I )DR;5))$ 7+I )DR;(C)>>ICI HBRB99; I+ 7I;C; 8)7+I D(B$ di Bntonio de artiniIn Ieconomia internazionaleI
+Yagenzia Italia scopre oggi il problema degli H11 che abbiamo segnalato il 1 maggio$ Riflessione sulla utilit# dei blog in generale e sul fatto che la guerra ' la campagna pubblicitaria
dellYindustria aeronautica$ di Bntonio de artiniIn Ieconomia internazionaleI
BK ant"ni"c*edice0 "n 'i%'n" ;O0 =>;L at ;=:=O #m0 %nder &an/s and -inance0 c"rr%Gi"ne0disin-"rmaGi"ne0 ec"n"mia
internaGi"nae: Ta':Banca Centrae e%r"#ea0 Britis* 6"%rna "- PsKc*iatrK0 D"mini$%e Stra%ss ,*an0 mari"
dra'*i0 s%icidi c"nnessi aa crisi ec"n"mica: ;= c"mmenti
I trac/&ac/ s"n" c*i%si0 ma #%"i #"stare %n c"mment":
A )8I>)RRB9);$ un sito Qeb splendido e struggente, ahim" non in italiano, ma ci baster# guadare mappe e figure
per capire cosa stiamo perdendo$
CRI(I IRBCF)9B! +B B9;ERB D(B (I ;(>RB B++B +DC) 8)+ (;+)! )+II9BR) 9;DRI B+
B+ITI , B>>DB+) 5R)I)R- ) IGBRCBR) I (D99I>I$ I CRI(>IB9I 8I >BR)T BZIZ 5B7B9; I+
C;9>;$ di Bntonio de artini K
commenti
• Francesco On giugno 16, 2014 at 1:39 pm
Permalink | Rispondi
Non saranno mai puniti, caro Sig. Antonio, purtroppo,aggiungerei..ma i nostri tecnici-funzionari-politici-chierichetti sanno di essere un bersaglio, hanno
paura, non escono mai senza la propria scorta!
Tengono su un sistema criminale, che miete e continuerà a mietere vittime. La tragicommedia della BCE poi.ne vogliamo parlare?
Sganciare miliardi su miliardi alle banche, con la promessa che quest'ultime, POÌ, aiuteranno i cittadini!
Durante quel "PǪ, di durata infinita, continueremo noi cittadini a pagarne le nefaste conseguenze.
• abrahammoriah On giugno 16, 2014 at 2:03 pm
Permalink | Rispondi
16 giugno 2014
Unione europea premio Nobel per la pace. Eterna
o Francesco On giugno 16, 2014 at 2:09 pm
Permalink | Rispondi
dove per pace s'intende immobilismo? Sottoscrivo.
• abrahammoriah On giugno 16, 2014 at 2:12 pm
Permalink | Rispondi
Dove per pace eterna, s'intende quello che s'è sempre inteso. Morte
Massimo Morigi
• Francesco On giugno 16, 2014 at 2:24 pm
Permalink | Rispondi
¨ Zum ewigen Frieden ", invece, è chiedere troppo?
• gicecca On giugno 16, 2014 at 3:11 pm
Permalink | Rispondi
Non per fare il solito pierino bastian contrario, ma tutti gli studi di correlazione sono estremamente difficili da interpretare. Per esempio, e lo dicono anche gli
illustri Autori, nello stesso periodo c' é stato un notevolissimo aumento delle prescrizioni di antidepressivi maggiori che a loro volta possono indurre, ahinoi,
al suicidio. Non voglio affatto dire che il dato non sia vero, ma che le cause possono anche essere altre. Per esempio, il dato che in Svezia l'aumento non
sia stato marcato viene dagli A: riportato al fatto che lo Stato svedese fornisce aiuti adeguati in caso di perdita del lavoro. Ma la Svezia é già di per se uno
dei Paesi a più alto tasso di suicidio, per cui da un lato il fenomeno cresce poco e dall'altro indica che gli aiuti dello stato in condizioni abituali non
diminuisce di per se la frequenza del fenomeno. Detto questo, e accennato al fatto che gli stessi A. si occupano della Grecia in particolare in un altro lavoro
apparso sul Lancet sempre a giu 2014, non voglio certo dire che le politiche alla Merkel non abbiano una grossa parte nella situazione; voglio solo dire
sommessamente e da medico un poco addetto ai lavori, di stare attenti a non attribuire sempre a post hoc il propter hoc. GiC
o antoniochedice On giugno 16, 2014 at 5:01 pm
Permalink | Rispondi
E il medico come spiega che in Nuova Zelanda in cui non c'è stata crisi, non c'è stato un aumento dei suicidi? E come mai l'aumento del numero dei
suicidi sia proporzionale alla gravità della crisi? Detto questo, capisco che dal punto di vista scientifico vi siano dei margini di incertezza , ma dal punto di
vista politico sarebbe utile invertire la marcia per vedere se si inverte la tendenza.
• gicecca On giugno 16, 2014 at 7:58 pm
Permalink | Rispondi
Caro Antonio, non lo so perché in NZ etc etc. Ma forse se uno andasse a vedere forse anche nell'Ecuador o nel Burkina Faso i suicidi non sono aumentati,
o al contrario. Politicamente, forse sono altrettanto importanti i milioni di disoccupati o l'aumento della povertà o le diseguaglianze sociali (vedi il libro di
Piketty, se si chiama così). Ricordo che due anni fa in TV da noi le notizie dei suicidi tra i piccoli imprenditori andavano nei Tg un giorno si e l'altro pure. Ora
non ci sono più, ma non credo che la crisi sia finita. Ìnsomma, a volte i medici si improvvisano economisti e credo siano altrettanto pericolosi di eventuali
economisti che si improvvisassero medici. E non ho mai amato e apprezzato le correlazioni specie da quando molti anni fa un famoso articolo sul Lancet
dimostrò che gli infarti erano più numerosi nei nati sotto un certo segno astrologico (che non mi ricordo più quale fosse, spero non l'Ariete che é il mio). GiC
o antoniochedice On giugno 16, 2014 at 8:46 pm
Permalink | Rispondi
La notizia RAÌ erano i primi suicidi. Fino a che non è più stata una notizia nuova, ma un fatto politico da non propagandare. Nemmeno, ¨
scientificamente¨ con le statistiche ÌSTAT.
 antoniochedice On giugno 18, 2014 at 1:19 pm
Permalink
Ho letto il commento inviato da Luca. Propaganda e confusione.
• abrahammoriah On giugno 16, 2014 at 8:04 pm
Permalink | Rispondi
Un giudizio e un sommesso ÷ ma reciso ÷ suggerimento per gli amici che vogliano costruirsi una solida cultura geopolitica. Nonostante la sua indubbia
grandezza architettonica ÷ e nonostante l'indiscutibile integrità morale del pensatore di Königsberg ÷ il sistema filosofico di Kant fu un totale fallimento sia
dal punto di vista gnoseologico sia nel gettare solide basi per l'etica privata e pubblica. Si può dire che dal punto di vista filosofico ÷ posto che per un
soggetto pubblico come l'Unione europea le categorie filosofiche abbiano un qualche senso ÷ l'UE non è altro che l'inevitabile portato di una cultura politica
di cui Kant può essere considerato il suo padre nobile (e illuso). Kant a suo tempo affermò che siccome le società umane devono essere rette da un
indiscusso principio di giustizia, ciò comportava che se anche il vincolo etico-politico che tiene unite queste società avesse dovuto dissolversi, queste
società prima di piombare nello stato di natura avrebbero dovuto comunque giustiziare i loro criminali. Un "imperativo categorico¨ dove è totalmente
latitante il principio di responsabilità e del quale si ebbe un'ottima dimostrazione nella fine sanguinosa del nazismo è si è avuta oggi nella messa in atto
delle politiche economiche ad input germanico dell'Unione europea.
Massimo Morigi
P.S. Siccome il presente blog tratta di geopolitica e non di filosofia politica e/o di filosofia morale, dichiaro fin da adesso che non intendo replicare ad
eventuali accuse di aver voluto mettere sullo stesso piano Hitler e Kant . e la Merkel. Molto più semplicemente ho voluto cogliere l'occasione per
sottolineare che la costruzione di un percorso di libertà deve andare al di là dei luoghi comuni e che la situazione della Grecia ÷ e dei paesi deboli dell'UE ÷
è frutto, oltre che di rapporti di forza che rivelano la natura iniqua e feroce di questa costruzione politico-finanziaria, anche di un "pensiero debole¨ che
facendo della parola democrazia uno slogan passepartout ma non analizzando ÷ come cerca di fare il repubblicanesimo geopolitico ÷ le condizioni reali che
rendono concretamente possibile lo sviluppo degli spazi di libertà ÷ ha reso possibile l'occultamento della natura assai poco angelica dell'Unione europea.
• Anafesto On giugno 16, 2014 at 8:12 pm
Permalink | Rispondi
Credo si debba valutare il fenomeno nella sua completezza: aumentano il numero dei suicidi, parallelamente aumentano gli omicidi, con particolare
attinenza a quelli di origine psicopatica.
Ìn una regione (l'Europa) che dopo la seconda guerra mondiale cercava di darsi una connotazione sociale è irrotto il neoliberismo, una dottrina psicopatica
e insostenibile nel nostro pianeta.
Sparisce la socialità ed esplode l'individualismo, muore la cooperazione e divampa la concorrenza; ma l'uomo è un animale sociale e la socialità impone la
cooperazione.
Ì governi Europei si sono trasformati in barbari plotoni di tassazione alla faccia di costituzioni e leggi dei singoli stati (una volta almeno le cose erano più
limpide, il signorotto aveva potere di vita e di morte sui suoi sudditi!).
Credo che abbastanza illuminante sia il film di Michael Moore "Bowling a Columbine¨, da questo si può ben trarre delle conclusioni su quali sono i destini di
questa Europa sottomessa e senza dignità.
Occorrerebbe poi chiedersi cosa certe entità cercano di ottenere con questa imposizione della "American way of life¨; BCE, FMÌ, banche, eccetera sono gli
strumenti per ottenere certi risultati che magari ognuno potrà predire da solo improvvisandosi in una novella Cassandra.
---------
I+ C;RR)R) 8)++B C;++)RB 1 +D7+I;
1234
COME DISTRUGGERE IL BUSINESS DEI MERCANTI DI SCHIA7I NEL MEDITERRANEO E SAL7ARE ALITALIA
( 2-/on,o *o2' ,# '.- 2+66! -#".!5#on-) ,# An'on#o ,- M!.'#n#
La guerra di Libia ha portato alla luce il problema di chi fugge dall 'Africa. La soluzione è di una semplicità infantile e ci sono anche dei precedenti,
( Ìnghilterra anni sessanta), non costa, è umana ed è perfino gestibile da una classe dirigente sgangherata come la nostra.
Esiste una mafia di trafficanti di uomini che specula sull'immigrazione clandestina di disperati provenienti dall'Africa.
Lasciamo perdere la distinzione causidica tra clandestini e profughi. Non c'è luogo d'Africa ( forse il Kenia, che comunque..) che non abbia avuto eventi
luttuosi sotto forma di guerra o di conflitto civile: L'Ageria, Ìl Marocco ( polisario), La Libia, Ìl Chad, Ìl Burundi, Ìl Congo, la Costa d'avorio, La Nigeria,
L'Angola e il Mozambico, il Madagascar, L'Eritrea, La Somalia, L'Uganda, il Niger, il Sudan, la Repubblica centroafricana, L'Ìrak.
Sappiamo ormai tutti che +n *!22!""#o ,# 2o6! !n,!'! costa dalle coste africane all'Europa costa circa &.$%% -+.o. Questo denaro finisce in mano alla
malavita che lo usa per finanziare i suoi traffici ed aumentare in potenza e ricchezza. Molti per giungere alle coste africane ed avere il triste privilegio di
rischiare la vita su un malconcio barcozzo, spendonoi altre cifre di denaro o si prostituiscono o compiono reati per guadagnarsi un passaggio. Tutto
questo crea un circuito di corruzione di poliziotti, autidsti, impiegati consolari, doganieri.
Ogni disgraziato aspirante alla fuga dalla guerra e dalla miseria ha quindi a disposizione un budget di circa 1.500 euro.
Vediamo ora come un stato ordinato affronterebbe la situazione.
• il sig Ougadugu si presenta in uno sportello di una compagnia aerea ( ALITALIA?) di Abidjan o Addis Abeba o una agenzia di viaggi ÌATA
delle stesse città e compra un biglietto a tariffa ¨ temporary immigrant¨
• il biglietto ¨ temporary immigrant¨ è un biglietto di andata e ritorno in classe turistica, valido ( per il ritorno) fino a un anno. Per l'acquisto, il
citato Mr Ouagadugu versa 900 euro. Un biglietto normale di classe turistica costa almeno 150 euro in meno. Un biglietto ,! Tunisi non
supera i trecento euro.
• L'Agenzia versa il dovuto all'A6#'!6#! ( o altra compagnia che venga a Roma o MÌlano) e la parte "viaggio¨ è fatta in maniera legale da una
persona munita di documenti e che si presenta per prima cosa alle autorità di polizia.
• All'arrivo, il viaggiatore ÷ che ha dovuto esibire i documenti all’aeroporto di partenza - è identificato e mostra i quattrocento euro in contanti
o in traveler's cheques che dimostrano la sua capacità di mantenersi per X giorni ( ci sono libri che reclamizzano "Europe with 5 dollars a day,¨
noi diciamo 8 euro al giorno, ok? ) e finora siamo nei limiti del budget indicato, #n .-"#- ,# /on/o..-n5! /on 6! !68#'!.A questo punto le
organizzazioni umanitarie potrebbero dare ospitalità, diciamo a tre euro a notte.
• Ìl sig Ouagadugu sa che ha XX giorni per trovare un lavoro , tornare a casa e farsi chiamare dall'impresa che lo richiede, rispettando la legge.
( poi con un minimo di intelligenza si può cambiare la legge e si consente di restare senza fare avanti-indietro).
• L’Alitalia incassa i denari e mette in cassa novecento euro, affrontando i costi per una sola tratta di andata. Ìl resto è un residuo attivo che
non danneggia certo il suo bilancio. Anzi.Rispetto ad altre compagnie aeree, l’Alitalia può offrire – grazie al patrimonio immobiliare situato in
Italia - le opportune garanzie per i depositi che si accumulano nelle sue casse. Le altre compagnie se vogliono sfruttare uesta opportunit! di
business , possono fare altrettanto, investendo in Italia nell’immobiliare.
• L! *o6#5#! identifica così tutti coloro che entrano, li affida a organizzazioni umanitarie e monitorizza i loro movimenti.
• Trascorso il tempo consentito dalla disponibilità di contante, se il sig O. ha trovato da fare, bene. Sennò può essere rimpatriato a sue spese e
se entra in clandestinità, lo fa senza suscitare pietà per la sua odissea che non c'è più, e gli organi di polizia hanno tutti gli estremi identificativi
per rintracciarlo e rimpatriarlo. Eventuali terroristi, si vedrebbero preclusa l'opportunità di confondersi col flusso migratorio clandestino ( filiera
cui non credo. Ì terroristi viaggiano in prima).
• Ci sono vantaggi di o.,#n- *+116#/o, del 1#6!n/#o ,-66o 2'!'o ( la flotta che non va a caccia di singoli nel mare e non deve ospedalizzare tutti
quelli che arrivano fortunosamente; gli straordinari di polizia, guardia costiera, carabinieri, ospedali ecc) di *+116#/! 9+#-'- - : 6! -''o *-.
+6'#! : ,# +!n#';.
• N- 2o<.ono 6- /!22- ,-66! !6!8#'! /3- 8-,ono ,##n+#.- # 6o.o #n'.o#'# ,# $9 #6#on# !nno ( 1!2- $%.%%% ##".!'#). Ìn capo a un anno la
pista del dolore rappresentata dai migranti si inaridirà e verranno a mancare le maglie della filiera. A pari numero di "temporary Ìmmigrant¨ nelle
casse Alitalia entrerebbero 2= #6#on# ,# -+.o #n 1#"6#-''# ,# /+# 6! -'; #n ,-*o2#'o, dalle rotte africane. La Partenza da Tunisi frutterebbe
meno ovviamente, ma la basi di partenza indicate sono realistiche.
Cosa ci vuole ?? Semplice primo, che A6#'!6#! !,o''# +n! '!.#<<! ( due giorni?) secondo che il Ministro dell'Ìnterno ÷ che ha fatto il passo difficile del
permesso temporaneo sotto la pressione degli eventi, che poi è quasi lo stesso - vari le necessarie istruzioni e ci dica quanto è il risparmio per l'erario.
Questo è il secondo di tre post ( pubblicato su questo blog il 9 aprile 2011) sull'emigrazione. Ìl precedente è di pari data e segue questo.
Ìnformazioni su questi ad
Occasionally, some of your visitors may see an advertisement here.
Tell me more | Dismiss this message
ondividi!
• Facebook 13
• LinkedÌn 3
• Twitter 1
• E-mail
• Stampa
• Pocket

Articoli collegati
Africa-Ìmmigrati c'è una soluzione che ammazza i trafficanti, è gratuita e da una mano all'ALÌTALÌA. Modesta proposta a modesto ministro. di Antonio de MartiniÌn
"etiopia"
LAMPEDUSA : TRAGEDÌA UN CORNO! È COMPLÌCÌTÀ COÌ TRAFFÌCANTÌ DÌ SCHÌAVÌ. E NON VOGLÌONO SOLUZÌONÌ. QUESTO POST È DEL 9 APRÌLE 2011.
SE SÌ TRATTA QUESTA GENTE COME ESSERÌ UMANÌ, POÌ NON ACCETTA DÌ LAVORARE PER 24 EURO AL GÌORNO. di Antonio de Martini.Ìn "corruzione"
AFRÌCA. LÌBÌA: DALLA GUERRA CÌVÌLE AL TUTTÌ CONTRO TUTTÌ. CHÌ PERDE E' L'ÌTALÌA. di Antonio de MartiniÌn "antiterrorismo"
By !n'on#o/3-,#/-, on 6+"6#o 2, 2%&( !' &)&$ *, +n,-. /o..+5#on-, -/ono#! #n'-.n!5#on!6-,Po6#'#/! E2'-.!. T!")ALITALIA, G+-..- #n A<.#/!, ##".!5#on-, ##".!5#on-
/6!n,-2'#n!, M!<#! - *o6#'#/!. $ /o-n'#
T.!/01!/02 !.- /6o2-,, 1+' yo+ /!n *o2' ! /o-n'.
« ÌMMÌGRATÌ E ÌMMÌGRAZÌONE, CAPÌRE ÌL PROBLEMA E ACCETTARE LE MÌE SOLUZÌONÌ ( al diavolo la modestia) di Antonio de Martini
TUNÌSÌA: che fare per smorzare l'ondata migratoria "democratica¨ in arrivo. »
Commenti
• abrahammoriah On luglio 2, 2014 at 3:26 pm
Permalink | Rispondi
2 luglio 2014
L'idea che sia lo stato italiano ad organizzare e sovrintendere il flusso dei migranti possiede una carica di rivoluzionario buonsenso. Come al solito, l'unico
'piccolo' dettaglio è che mancando, sia nella classe dirigente italiana che nel suo povero popolo da questa insolentito e taglieggiato, una benché minima
consapevolezza degli interessi geopolitici italiani, il dibattito sull'immigrazione rimarrà ancora per tempi immemori incagliato in un duello rusticano fra
'buonisti' e 'cattivisti', con tanti ringraziamenti da parte di una classe politica che così può continuare a far vestire ai rispettivi elettorati le magliette di destra
e di sinistra e delle varie organizzazioni criminali che possono continuare a lucrare (e magari a girare cortesemente qualcosa alla suddetta classe politica
.). Ìnsomma l'imagination au pouvoir è una faccenda che ha assai poco a che fare, in questo caso come negli altri della nostra disgraziata vita pubblica,
con lo spontaneismo ed implica una tenace costruzione politica e culturale: il compito, già in altre occasioni sottolineato, a cui è votato il repubblicanesimo
geopolitico e tutti coloro che hanno smascherato i vecchi giochetti politico-ideologici del Novecento.
Massimo Morigi
• Stefano On luglio 2, 2014 at 7:12 pm
Permalink | Rispondi
Sono d'accordo sulla posizione di Morigi. Aggiungerei il fatto che, trattandosi di una iniziativa che non ha costi e quindi "mazzette¨, i nostri politici e burocrati
non sono interessati ad attuarla.
o antoniochedice On luglio 2, 2014 at 7:23 pm
Permalink | Rispondi
La UE , si. La popolazione, si. La Tunisia, si
Rispondi
IL CORRIERE DELLA COLLERA $ LUGLIO 2%&(
>SIAMO GO7ERNATI DA IDEE ECONOMICHE
MORTE” ( ?o2-*3 S'#"6#'5) LIBERIAMOCENE PRIMA
CHE UCCIDANO ANCORA. ,# An'on#o ,- M!.'#n#
Grazie alla segnalazione di G#o8!nn# C-//!.-66# che tutti conoscete come Gic. ho scoperto di avere un'anima gemella almeno per quanto riguarda la
politica estera e quella economica che è più di quanto abitualmente condivida con i miei cari.
Si tratta di un giornalista della Reuters, An!'o6y @!6-'20y, che ha un suo blog in quella galassia e che fa anche consulenze e analisi economiche sugli
investimenti in Asia dal suo osservatorio di Honk Kong. Anche lui prevede una guerra ( ¨ che da impossibile sta diventando inevitabile¨) e ha chiare idee di
economia su cosa ci ha nuociuto e potevamo evitare.
Egli ha presieduto un convegno a Toronto la settimana scorsa e riferisce e commenta una domanda posta dal premio Nobel per l'economia ?o2-*3 E.
S'#"6#5 al consesso di esperti presente: ¨ "erch# le $anche centrali e i governi stanno ancora tentando di predire gli effetti delle loro politiche economiche
utilizzando modelli economici dimostratisi palesemente assurdi%&
A ben vedere è quel che ci sforziamo di capire noi, assidui di questo blog, da un buon triennio pur non avendo la stessa profondità di pensiero, ma certo la
stessa bruciante curiosità.
Riassumo le sue conclusioni:
1)Ì modelli macroeconomici studiati nelle Università e pubblicati nelle piu importanti riviste del settore sono largamente basati su un concetto semplificativo
detto del ¨ representative agent¨ ossia che in economia ciascuno resta sempre quel che è. Quindi questi modelli non tengono conto del prestito o del
credito, ignorano l'esistenza delle banche e dei fallimenti ritenendoli ininfluenti ai fini del risultato finale. Nessuna meraviglia che non prevedano gli
accadimenti.
S# '.!''! ,-6 o,-66o !,o''!'o ,!66! !""#o. *!.'- ,-66- B!n/3- /-n'.!6#.
Una seconda idea ¨ strana¨ è che i modelli macroeconomici ritengono che ogni economia tenda a stabilizzarsi da sola. La conseguenza virtuale è che
qualsiasi politica economica venga adottata, questa tende per definizione all'auto-regolazione e cioè al pieno impiego virtuale, ahimè non reale.
2)Anatoly cita anche un altro bell'errore strategico mettendolo in bocca a A,!#. T+.n-. -A *.-2#,-n'- ,-66! FSA ( Financial services Authority britannica):
le regole dell'Eurozona, messe a punto nel 1991 erano basate sulla credenza che ¨ gli economisti avessero decifrato il problema della macroeconomia e
cioè che una inflazione bassa e stabile non era solo condizione necessaria, ma anchesufficiente per il successo economico¨. Noi stiamo morendo di questa
credenza degna del Dio Baal.
3) A completare il disastro, è intervenuto, all'atto della stesura del T.!''!'o ,# M!!2'.#/3', lo sposalizio di questa idea con il concetto germanico di ¨ o.,o
6#1-.!6#2¨ che dichiarava che l'unico legittimo compito dei governi consisteva nel porre regole chiare per la concorrenza e stabilità dei prezzi - *o#
/+.!.n- 6! .#"#,! !**6#/!5#on-. Ìl sig T+.n-. ha aggiunto che si può notare come conseguenza che il reparto legale della $undesban' ha raggiunto lo
stesso grado di potenza del dipartimento economico della stessa. Questo è il secondo nostro assassino.
(Ho avuto modo di vedere gli effetti nefasti di questa cultura anche nelle grandi società e banche italiane come La Telecom e l'Eni, la BNL, Banca Ìntesa
ecc. in cui la compliance fa premio su tutto: non contano più i risultati economici o sociali, ma "l'atto giuridicamente perfetto¨ il responsabile
della /o*6#!n/- spesso impone il suo punto di vista anche al capo azienda, per non parlare dei responsabili commerciali o delle risorse umane).
A,-22o 2!**#!o /3- 6’”o.,o 6#1-.!6#2 ” non <+n5#on! #n M!/.o-/ono#!. Ci sono voluti novemila suicidi e 15 milioni di disoccupati per capirlo, ma
non ammetterlo: i cambiamenti saranno lentissimi e tali da non compromettere le posizioni di potere raggiunte dai mandarini del regime europeo e
continua T+.n-. ¨L’(uropa rischia di diventare come il )iappone degli anni novanta* con molti anni di crescita minima o nulla, ma con molte pi+ tensioni
sociali, essendo il )iappone socialmente pi+ compatto e ,consensuale& che non l’(uropa.
La conclusione di Anatoly e di Turmer è di sapore sturziano: che l'economia deve tornare ad essere una branca della morale come dicevano Adamo Smith
e gli economisti classici e che essa non può prescindere dalla politica che deve tener conto in primis dei risultati sociali delle proprie scelte. Temo che
ormai sia una risposta troppo teorica per placare le novemila famiglie che piangono i loro morti.
La mia conclusione è più concreta: se non se ne vanno entro breve ( sei mesi), dobbiamo fare quel che gli abitanti di Crotone fecero agli adoratori dei
numeri dell'epoca - i pitagorici ÷ nel lontano VÌ secolo A C : bruciare loro la casa, evitando che accada, come allora, che se ne salvino due.
Se vi intenerite, pensate ai novemila sacrificati !66- #,-- ,# /o2'o.o ( che erano pagati per vegliare alla salute dell'economia) ed ai 15 milioni di uomini che
cercano la sopravvivenza e vivono di mendicità, mentre loro ÷ i nomi li conosciamo tutti ÷ nuotano negli agi e nei fringe benefits.





ondividi!
• Facebook 30
• LinkedÌn 1
• Twitter 3
• E-mail
• Stampa
• Pocket

Articoli collegati
DA LÌBRE ÌDEE.ORG UNA ALTRA CONFERMA ALLA TESÌ CHE BÌSOGNA NAZÌONALÌZZARE LE BANCHE. LO DÌCE JOSEPH STÌGLÌTZ E ORMAÌ ANCHE ALAN
GREENSPAN. LO FECERO SVEZÌA E NORVEGÌA NEGLÌ ANNÌ 90. PERCHÉ NON NOÌ OGGÌ?Ìn "banks and finance"
COME L'ARGENTÌNA E' USCÌTA DALLA CRÌSÌ GRAZÌE A UNA POLÌTÌCA OPPOSTA A QUELLA CHE VOGLÌONO ÌMPORCÌ. ÌL NOBEL USA STÌGLÌTZ CÌ
CONSÌGLÌA LA SOLUZÌONE ARGENTÌNA. di Antonio de MartiniÌn "Berlusconi"
ÌL SÌGNOR LUCÌO SCRÌVE COSE GÌUSTE. MA NON CENTRANO ÌL TEMAÌn "economia internazionale"
By !n'on#o/3-,#/-, on 6+"6#o $, 2%&( !' B)2B *, +n,-. 1!n0#'!6#!, 1!n02 !n, <#n!n/-,,#2#n<o.!5#on-, -/ono#! #n'-.n!5#on!6-. T!")Co.,o 6#1-.!6#2C, A,!#. T+.n-., An!'o6y
@!6-'20y,C3#6on- ,# C.o'on-, ENI, F#n!n/#!6 2-.8#/-2 !+'3o.#'y, FSA, ?o2-*3 STIGLITZ, *#'!"o.#/#, T-6-/o,T.!''!'o ,# M!!2'.#/3'. &% /o-n'#
T.!/01!/02 !.- /6o2-,, 1+' yo+ /!n *o2' ! /o-n'.
« TUNÌSÌA: che fare per smorzare l'ondata migratoria "democratica¨ in arrivo.
L'ÌMPATTO DELL'ETÀ SULL'ARTE DEL COMANDO. di Antonio de Martini »
Commenti
• luigiza (@luigiza1) On luglio 3, 2014 at 6:39 pm
Permalink | Rispondi
Bella sintesi sui concetti (? Forse meglio dire fantasie) alla base della economiavoodo che impazza in occidente.
o antoniochedice On luglio 3, 2014 at 7:05 pm
Permalink | Rispondi
Nervosetto, eh!
 luigiza (@luigiza1) On luglio 3, 2014 at 7:52 pm
Permalink
No incavolato come una iena.
Ciò che Lei chiama adoratori dei numeri io li chiamo costruttori di Utopia.
La loro opera é deleteria in tutti i tempi ed a qualunque latitudine.
Andrebbero fermati ad ogni costo. Ì siracusani ebbero l'intelligenza di capirlo e agirono per il meglio.
Noi non l'abbiamo capito non abbiamo reagito per tempo ed ora ne paghiamo le conseguenze.
 antoniochedice On luglio 3, 2014 at 8:07 pm
Permalink
Crotonesi, non siracusani. Calma e gesso.
• antoniochedice On luglio 3, 2014 at 7:08 pm
Permalink | Rispondi
Caro Antonio, grazie ancora una volta della "propaganda¨ sul blog. Ìmmeritata, ma che aumenta la mia autostima in questi momenti molto in ribasso. Ìl tuo
accenno alla crescente importanza, nelle organizzazioni, della governance, e in definitiva degli atti formalmente corretti ma sostanzialmente fallimentari, mi
ha fatto venire in mente la mia esperienza di medico nell'industria farmaceutica. Negli anni '50 e '60 del secolo scorso il ruolo fondamentale era quello del
medico, perché era l'unico che capisse qualcosa dei nuovi farmaci (antibiotici, cortisonici etc) che irrompevano; poi sono diventati importantissimi quelli del
marketing, perché i farmaci erano sempre gli stessi e bisognava inventare motivi nuovi -falsi- per venderli; poi sono diventati importantissimi gli
amministrativi, perché sapevano come far fruttare i soldi fatti a palate grazie ai precedenti; poi sono diventati fondamentali i legulei, perché bisogna
difendersi dalla cause che i malati, assistiti da altri legulei, fanno per i danni alcuni veri e altri inventati opportunamente- da farmaci. Ìn tutto questo
percorso, che vale non solo per l'industria ma anche per gli ospedali divenuti nel frattempo aziende, l'importanza del medico si è via via assottigliata, fino
quasi a scomparire; per non parlare di quella del malato, che nei discorsi che si fanno nei congressi è al centro di tutto e nella pratica è divenuto una
necessaria calamità.
Grazie ancora. GiC
o luigiza (@luigiza1) On luglio 3, 2014 at 7:48 pm
Permalink | Rispondi
@GÌC
..per non parlare di uella del malato, che nei discorsi che si fanno nei congressi - al centro di tutto e nella pratica - divenuto una necessaria calamit!.
Sicuro? Ìo son quasi convinto che il malato sia in realtà una bella mucca da mungere spillando soldi allo Stato.
• abrahammoriah On luglio 3, 2014 at 8:49 pm
Permalink | Rispondi
3 luglio 2014
Parafrasando Mosca, Pareto e Michels, siamo governati da idee economiche (e politiche ) morte ma soprattutto da oligarchie e agenti strategici
estremamente vivi e vitali che di queste idee si fanno paravento per continuare a prosperare alla faccia dei governati da loro presi per i fondelli e che,
sebbene delusi ed abbattuti per loro prospettive di vita sempre più disperanti, non hanno ancora compreso che il primo passo per riprendersi la vita in
mano è fare tabula rasa di tutti quei pseudoconcetti politici ed economici usati per infinocchiarli. E anche se la consapevolezza politico-economica del
mainstream della nostra opinione pubblica sembra ora essere compendiata da un raggelante "se potessi avere ottanta euro al mese¨, non si deve
dimenticare che grandi delusioni possono avere effetti assai benefici. Ìl repubblicanesimo geopolitico è quindi in fiduciosa (e vigile ed attiva) attesa che
l'astuzia della ragione (che significa che prima che ancora che traumatici ed epocali cambiamenti a livello politico ed economico, si compia finalmente quel
chiarimento nelle idee che non consenta più le suddette truffe) possa finalmente fare il suo corso . La nottola di Minerva inizia il suo volo al far del
crepuscolo. E questo crepuscolo è ormai trapassato in una profonda notte.
Massimo Morigi
• Anafesto On luglio 4, 2014 at 12:25 pm
Permalink | Rispondi
Dopo aver capito che il "libero mercato¨ è tutto meno che libero e autoregolante, che gli stregoni pomposamente definiti "economisti¨ non hanno alcuna
comprensione e tanto meno capacità di controllo sulle macumbe propiziatorie da loro praticate, che una bassa inflazione stabile con qualsiasi scenario è
sintomo di economia comatosa, che il compito dei governi è ben altro che quello di legiferare a favore delle lobby, che le multinazionali hanno una morale
ben più indecente di Cosa Nostra, che l'Europa non sta rischiando, ma è molto più mal messa del Giappone degli anni '90, quale soluzione si può proporre
a parte quella di cacciare i mercanti dal tempio?
Tutti i governi di questo flaccido e psicopatico Occidente hanno consegnato alla alta finanza tutte le armi per poter scannare a piacimento le popolazioni;
basterà, sulla falsariga di Crotone del sesto secolo a.C., bruciare le case, evitando la fuga, dei quisling marionette "posti nella vigna a far da pali¨?
Nel libero e democratico occidente figure come Xi Jinping e Vladimir Putin sono sempre più additate come affidabili e competenti politici, per di più,
difensori delle libertà, che chiaramente sembrano non coincidere con le stesse libertà e democrazia che ci ostiniamo ad esportare a piene mani a
popolazioni recalcitranti.
• davide On luglio 5, 2014 at 9:07 pm
Permalink | Rispondi
dove sarà la miccia per la guerra prossima a venire? Ìran o korea o ukraina o.
o antoniochedice On luglio 5, 2014 at 11:05 pm
Permalink | Rispondi
O isole Senkaku o Kurdistan o Artico o Leviathan o la Georgia o...La miccia è come quella delle prima e seconda guerra mondiale: un incidente che si
ingigantisce per l'accavallarsi automatico di obblighi di alleanze creano una catena di interventi incrociati che scattano fino al verificarsi
dell'imprevedibile
Rispondi
IL CORRIERE DELLA COLLERA 14
LUGLIO 2014
CRISI USADGERMANIA) NON E’ GUERRA, MA SOLO GELOSIE TRA RAZZISTI. ALTRO CHE >EMANCIPAZIONE”
E ,# An'on#o ,- M!.'#n#
Prima che cominciamo a litigare, da bravi italiani, tra filo americani e filo tedeschi, è necessario spiegare che non si tratta di una vera guerra, ma solo di
una crisi di gelosia tra razzisti conclamati. Passo a spiegare.
E' un po di tempo che la Germania da segni di irrequietezza che i B#2!.0#!n# '-,-2/3# ( coloro che ricordano l'invito di O''o 8on B#2!.0 a cercare
sempre una intesa con la Russia) cercano di presentare come segnali di una volontà di-!n/#*!5#on- che in realtà non credo esista davvero. la merkel
vuole solo essere cooptata, mentre esiste il partito contrario.
Si tratta di un partito che ha alla sua testa H-6+'3 S/#,t , ex cancelliere SPD oggi novantenne e G-.!.,' S/3.o-,-., anche lui ex cancelliere tedesco,
ora consulente senior della G!2*.o russa, seguiti da un codazzo di industriali desiderosi di insediarsi a est invece di competere asimmetricamente con
gli USA.
La vera differenza strategica sta nella politica monetaria: gli USA da anni (ufficialmente dal 1971) praticano l'affrancamento della propria carta moneta
dall'ancoraggio all'oro e la Germania pratica in senso contrario dal 1949 l'opposta religione.
Alla lunga questo atteggiamento tedesco /o2'#'+#2/- +n *-.#/o6o .-!6- per il governo e la prosperità degli Stati Uniti, specie da quando l'Euro da prova di
riuscire a resistere agli attacchi della finanza ( privata) americana senza mai eccedere nei toni, senza bellicismi, senza perdere in rigidità e senza perdere
pezzi.
Ìnoltre, la Germania ha sempre avuto ÷ cominciò Bismarck per controbilanciare l'intesa Franco-inglese ÷ un partito filorusso.
Ìl credo politico americano recita che 6’-"-on#! on,#!6- !-.#/!n! *+F -22-.- #n2#,#!'! 2o6'!n'o ,! +n! #n'-2! E+.o!2#!'#/!.
Un paese ricco di materie prime come la Russia ( ha mantenuto per 70 anni il comunismo improduttivo.!.) abbinato a una Ue forte di tecnologie di
prim'ordine e un mercato di 500 milioni di consumatori , segnerebbe l'inizio di un rapido declino politico, economico e tecnologico degli USA.
Da parte tedesca, oltre alla divergenza strategica ÷ che non si può sottovalutare e di cui tratteremo - esiste una crescente irritazione per la !n/!'!
!#22#on- !6 /6+1 ,-# /#n9+- *!-2# /on /+# "6# USA 3!nno +n *!''o ,# non 2*#on!""#o .-/#*.o/o ( USA, Canada, Uk, Australia e Nuova Zelanda).
Gli viene negato il seggio in consiglio di sicurezza e la si considera meno affidabile della Nuova Zelanda. Eppure ha contribuito economicamente e
militarmente alla guerra Afgana ed altre iniziative che a giudizio della Germania le valgono il titolo.
Le prime frizioni pubbliche dopo anni di lavorio sottotraccia hanno preso corpo con l'operazione contro la Libia ( 2011) in cui entrambe le potenze,
Germania e Turchia, si astennero dall'intervento NATO , recando un vulnus all'intesa e dando adito al sospetto che la posizione di non belligeranza fosse
in ualche modo concertata, visto che la Germania si era assunta il compito di coach della Turchia nella vicenda siriana già in corso, peraltro non riuscita
bene.
Nell'ottobre del 2012, l'intervento della /o.'- ,-# /on'# '-,-2/! che richiedeva il rimpatrio dell'Oro depositato presso la Federal Reserve ( colpo al cerchio)
e concordando per la restituzione un lasso di tempo di tre anni ( colpo alla botte).
Sulla crisi Ucraina, ho già scritto un post illustrando come si è trattato ANCHE di un test per provare la fedeltà alla NATO della Germania, che si è limitata
però a veementi comunicati stampa,( colpo al cerchio) ma che si è rifiutata di passare alle sanzioni ( colpo alla botte).
L'ha fatto con diplomazia, ma l'ha fatto: in Germania ora una parola d'ordine in politica estera è EMANCIPAZIONE un termine sconosciuto da anni, mai
usato dal governo ( colpo al cerchio), ma che comincia a serpeggiare nel paese e nei convegni economici (colpo alla botte).
Dopo la pausa elettorale, le punzecchiature erano riprese con la vicenda E,G!., SnoG,-n, il transfuga USA che rivela le intercettazioni telefoniche del
cellulare della Cancelliera tedesca ( colpo al cerchio) e la promessa di B!.!0 O1!! di non farlo più (colpo alla botte) ma rifiutò nuovamente l'impegno a
non fare spionaggio come con gli altri 1#" <#8-.
Una successiva rivelazione difensiva della NSA al N-G Ho.0 T#-2 sulla vicenda Snowden, ha messo in chiaro che le intercettazioni sono indispensabili
anche perché ¨ 3!nno /on2-n'#'o ,# 2/o*.#.- /3- +n *!-2- !66-!'o 2'!8! <!/-n,o #6 ,o**#o "#o/o¨ ( colpo al cerchio) senza però fare il nome
dell'alleato ( colpo alla botte).
La risposta all'accusa di doppio gioco non si è fatta attendere: un assistente del capo del BND ( l'intelligence tedesco) viene arrestato per spionaggio a
favore degli USA ( che molto si lamentarono con Ìsraele per il caso Po66!., ora all'ergastolo) Colpo al cerchio. Per evitare che qualcuno pensasse a un
caso isolato, la settimana successiva, l'arresto ha colpito con identiche accuse, un funzionario del' Ministero degli esteri. ( secondo colpo al cerchio).
Quando il gioco fair smette di esserlo, gli inglesi hanno una bella espressione: it’s no cric'et.
Ìl terzo colpo è consistito nella 9+!2# dichiarazione di persona non grata nei confronti del capo della stazione CÌA di Berlino.
La risposta, indiretta, è stata data stamani parlando della vittoria della nazionale tedesca in Brasile: dei "rumors¨ annunziano che la Merkel avrebbe in
animo di ritirarsi ¨ prima della fine del suo mandato¨.
Non sappiamo se la M-.0-6 2#! "#; 2+66! 8#! ,-6 .#'o.no ,! R#o, ma il presidente cinese I# ?#n*#n" stanotte ha dormito a Rodi ( Grecia) sostando sulla
via del Brasile dove è atteso stamattina per la riunione del BRÌCS ( Brasile, Russia, Ìndia, Cina e Sud Africa che hanno appena lanciato il nuovo Fondo
Monetario autonomo dagli USA) .
Putin ieri era a Cuba in visita a Fidel. Chiaro segnale ( stile anni trenta) che se gli USA mettono missili in Ucraina ( o Romania) , loro potrebbero ricordarsi
del 1962 replicare la crisi di Cuba.
La Merkel si fermerà in coincidenza con questi illustri arrivi, o tornerà indietro per non dare adito a ulteriori sospetti? Fornirà aiuto economico diventando
fornitore privilegiato come gli USA lo sono del FMÌ?
Quel che è certo è che gli USA non possono ammettere le Germania nel "club¨ della no 2*y 5on-. Loro dicono per non creare un precedente con , ad
esempio la Francia o la Polonia, ma io dico che la differenza è di tipo razzista e segue le linee guida di Churchill ( 1945) che limitava il club
agli !n"6o2!22on# come volevanoC-/#6 R3o,-2 e A6<.-, M#6n-. (rispettivamente teorico e pratico della superiorità della razza anglosassone. "scelta da
Dio per governare il mondo¨) Ìnoltre, avendolo ripetutamente proposto Hitler nei suoi scritti politici e geopolitici, non possono dargli ragione tanto
apertamente e svelare l'origine americana ( campi di concentramento, marce della fame, diffusione di malattie) del razzismo hitleriano.
Non lo dico io. Lo dice L#! M!n,-61!+ sul .e/ish .ournal di Los Angeles, data 18 giugno 2013, in un disturbante saggio in cui mostra come Hitler si sia
ispirato alle tecniche di sterminio del governo americano applicate agli indiani d'America e si chiede se la discussione sull'Olocausto non debba estendersi
anche ¨ ai nativi d'America ed altri popoli¨.
A conforto della sua nobile tesi ripubblicata significativamente in questi giorni di tensione a Gaza, cita Ìl premio Pulitzer ?o3n To6!n, e il suo libro su Hitler
a pagina 202 e lo scrittore tedesco @!.6 M!y uno scrittore di avventure del West popolare ai tempi della adolescenza di Hitler e che il Furher cita rivolto ai
suoi ufficiali invitandoli ad adottare per la Russia le tecniche usate da O6, S3!''-.3!n,÷ l'eroe dei racconti contro i pellerossa ÷ nella operazione
Barbarossa.
Le coincidenze stanno diventando troppe e un presidente di colore o una cancelliere donna non bastano più a nasconderle.
ondividi!
• Facebook 8
• LinkedÌn 1
• Twitter 2
• E-mail
• Stampa
• Pocket

Articoli collegati
ÌL MÌTO DÌ EUROPA. UNA PROFEZÌA ? CACCÌATE LA MERKEL E L'EUROPA TORNERA' EUROPEA. PAROLA DÌ HELMUT SCHMÌDT di Antonio de MartiniÌn
"Berlusconi"
EUROPA: LA OSTPOLÌTÌK TEDESCA AL BÌVÌO TRA RUSSÌA E USA. MERKEL RÌSCHÌA ANCHE LA LEADERSHÌP EUROPEA. di Antonio de MartiniÌn "economia
internazionale"
Ucraina: la crisi come conseguenza di strategie superate e due pregiudizi obsoleti: La Germania fa correre un rischio di guerra alla Unione Europea. di Antonio de
MartiniÌn "disinformazione"
By !n'on#o/3-,#/-, on 6+"6#o &(, 2%&( !' &2)%4 *, +n,-. /.##n# ,# "+-..!, ,#2#n<o.!5#on-,-/ono#! #n'-.n!5#on!6-, Po6#'#/! E2'-.!, S'o.#!. T!")A,o6< H#'6-., A6<.-, M#6n-., An"-6!
M-.0-6,B!.!0 O1!!, BND, BRICS, C-/#6 R3o,-2, E,G!., SnoG,-n, F#,-6 C!2'.o, G!2*.o, G-.3!.,' S/3.o-,-., H-6+'3 S/#,', ?o3n To6!n,, ?o3n!'!n Po66!.,, @!.6 M!y, L#!
!n,-61!+, N-G yo.0 '#-2, .!55#2o, 76!,##. P+'#n, I# ?#n*#n". B /o-n'#
T.!/01!/02 !.- /6o2-,, 1+' yo+ /!n *o2' ! /o-n'.
« ENNÌO FLAÌANO ÷ PREMÌO STREGA 1947 con "Tempo di uccidere¨ ÷ NON SÌ E' LÌMÌTATO A SCRÌVERE SOGGETTÌ E SCENEGGÌATURE TRA CUÌ
LA ¨ DOLCE VÌTA¨. LEGGETEVÌ QUESTA LETTERA DAL PASSATO.
ÌL CORRÌERE DELLA COLLERA N 6: BLAÌR HA PUBBLÌCATO LE SUE MEMORÌE »
Commenti
• gemini2401 On luglio 14, 2014 at 12:42 pm
Permalink | Rispondi
direi di estendere la ricerca degli Olocausti anche alla guerra anglo-boera. Giusto per non far torto ai capostipiti
o antoniochedice On luglio 14, 2014 at 1:03 pm
Permalink | Rispondi
Ho citato Rhodes, l'ideologo e Milner il governatore del sud Africa all'epoca. Ma i capostipite sono Made in USA: le riserve ( campi di concentramento),
le marce di trasferimento verso le riserve ( marce della fame) le epidemie non curate: tutto è nato in USA dove sono rimasti pochi nativi, proprio pochino.
Boeri ce ne sono.
• rinus On luglio 14, 2014 at 3:15 pm
Permalink | Rispondi
Se la storia recente non è truccata, il terzo Reich ha perso la guerra nella fredda tundra russa, intorno a Stalingrado. Quel ricordo rimarrà sempre
presente ,ed io che ho vissuto li 5 anni tra gli anni 60 e70 posso confermarlo. Lo spazio vitale della Gemania è ad EST,forse ,luogo di provenienza della
gente germanica
o antoniochedice On luglio 14, 2014 at 4:05 pm
Permalink | Rispondi
A Stalingrado La Germania ha sentito il sapore del suo sangue.
o Quasi in contemporanea gli italo tedeschi venivano sconfitti a El Alamein e i giapponesi a Midway erano stati fermati tre mesi prima.
Senza una di queste tre battaglie, la guerra sarebbe durata il doppio del tempo. Lo spazio economico della Germania può essere a est ( Russia) e a sud
( Balcani) . L'est è ricco di materie prime e spazi agricoli da sfruttare. Ìl Sud è povero e litigioso. Ì tentativi della Germania di espandersi in Africa sono
stati fermati dalla prima guerra mondiale. A sud può avere le briciole di Francesco Giuseppe e a est innervosisce i vincitori della seconda.
 abrahammoriah On luglio 14, 2014 at 9:49 pm
Permalink | Rispondi
14 luglio 2014
Ricordo solo uno dei più recenti segnali dell'assoluta irrilevanza dell'Ìtalia negli attuali campi di forza geopolitici: il non invito del nostro ineffabile presidente
del consiglio alle celebrazioni del settantesimo anniversario dello sbarco in Normandia. E rammento pure che la cosa è stata spiegata dai nostri grandi
mezzi di informazione ( quando è stata spiegata ) come una sorta di accidente dovuto al fatto che il repentino ricambio alla presidenza del consiglio poteva
aver creato il disguido ( del tipo: avrei voluto invitare al mio matrimonio quel caro vecchio amico di scuola ma era da molto che non ci vedevamo, ne avevo
perso le tracce e non mi ricordavo nemmeno più il suo nome . ) . Ìn realtà le tracce che si sono perse da molto tempo sono quelle dell'Ìtalia che, se non
saprà in fretta ritrovarle nel segno di una radicale ridiscussione dai cliché politico-ideologici (e mentali) del secondo dopoguerra, fra non molto sarà
veramente ridotta de facto a quella espressione geografica di metternichiana memoria. La geopolitica come realistico strumento di lettura dell'attuale
penosa collocazione dell'Ìtalia sullo scenario internazionale ed il repubblicanesimo geopolitico come l'indispensabile strumento per intravvedere (e
costruire) una fuoruscita da questa condizione. Un compito certamente da far tremare le vene ai polsi ma se pensiamo che l'attuale dibattito pubblico
nazionale è mesmerizzato dalle farlocche (ma non per questo non dannose ) riforme elettorali ed istituzionali renziane ed invece nulla si dice del fatto che
l'Ìtalia è ora ridotta nella considerazione internazionale ad un stato da operetta, ci si rende conto che almeno non si deve temere sul piano interno alcuna
vera concorrenza e che per un'azione politico-culturale di reale e profondo rinnovamento sono aperte vaste e non battute praterie ( non più battute oggi ma
che in un passato più e meno recente ÷ solo due nomi Mazzini e Pacciardi ÷ furono la base per la nascita e lo sviluppo della più importante e seminale
tradizione politica italiana).
Massimo Morigi
Il corriere della collera 3= luglio 1234
2$ AGOSTO &9$9 IL PATTO DI NON AGGRESSIONE GERMANOD SO7IETICO. 2%&2 STESSO DILEMMA,
MUTATIS MUTANDIS. ,# An'on#o ,- M!.'#n#
Nel 1950 -51 Winston Churchill esclamó ¨ abbiamo ucciso il porco sbagliato¨, ( "we killed the wrong pig¨) ma si sa, era un depresso cronico.
All'epoca, la guerra fredda era al suo punto più "caldo¨ e Stalin sembrava immortale e minaccioso più che mai.
Sir Winston alludeva al dibattito durato per tutti gli anni trenta, tenutosi nell'impero e negli USA circa la necessità di eliminare le grandi dittature e quale per
prima.
Mentre numerosi esponenti britannici ÷ incluso il Re Edoardo VÌÌ ÷ propendevano per l'eliminazione prioritaria dell'URSS e di Stalin , con malcelate
simpatie razziste, Churchill insisteva per eliminare prima la Germania hitleriana, grande concorrente dell'Ìnghilterra anche sul piano navale, industriale e
tecnologico.
La Russia, non sembrava in grado di andare oltre le periodiche purghe interne. Ìl pericolo che L'URSS e la Germania si alleassero tra loro contro le potenze
borghesi occidentali, pareva irrealistico per ragioni ideologiche.
Umiliato da Stalin a Yalta , nel dopoguerra ÷ a cose fatte ÷ evidentemente Churchill aveva cambiato idea.
La Storia ha dato ragione alla sua prima scelta, ma nei primi anni cinquanta, il dubbio era venuto a molti.
l'annunzio del patto decennale di non aggressione Germano sovietico dato il 23 agosto 1939, permise a Hitler di dichiarare guerra alla Polonia la settimana
successiva e a Stalin di assalire la Finlandia, i paesi baltici e la Romania, approfittando dello scompiglio.
Ìl mondo occidentale dichiarò guerra alla Germania e iniziò il conflitto mondiale contro il pericolo N1. Ci pensò Hitler a attaccare l'Unione sovietica,
Ìmpiccandosi con le sue stesse mani e completò il Kara Kiri dichiarando guerra agli USA in ottemperanza al patto anticomintern .
Di fatto, la coalizione vincente fu messa in piedi da Hitler e non dalla sapienza politica inglese.
Oggi, l'Ìnghilterra è sostituita dagli Stati Uniti nel ruolo egemone, l'URSS è diventata capitalista, ma vuole essere seconda indiscussa e la Cina è l'alleato
che decide le sorti della guerra prima ancora che questa inizi.
Ìl dibattito odierno negli USA è se allearsi con la Cina per sconfiggere la Russia ( 1971 strategia Nixon, Kissinger, Bush padre. Vedi ¨ Cina¨ di Henry
Kissinger, Mondadori ) oppure se allearsi con la Russia per eliminare lo scomodo concorrente-creditore-produttore-cliente cinese , come appare dalla
strategia USA da quando Barak Hussein Obama guida il mondo dalla Casa Bianca.
la politica estera americana è cambiata più volte in questi quaranta anni, perché Russia e Cina sono cambiate radicalmente.
La Russia, superato il trauma del passaggio al capitalismo, ha ripreso la politica di potenza degli Zar e del Comunismo, senza complessi, ha fidelizzato
quasi tutti gli ex paesi satelliti, imparato a dialogare col mondo, si è fortemente modernizzata e si sta riarmando.
La Cina è il paese che ha fatto i maggiori cambiamenti.
All'arrivo al potere di Deng Tsiao Ping, rappresentava il 5% del PÌL del mondo.
Oggi, supera il 30%, sforna annualmente oltre 400.000 ingegneri all'anno ed ha comprato oltre il trenta per cento del debito americano.
Quel che è più stupefacente è che è la prima volta nella storia del mondo che un impero ritorna alla ribalta mondiale dopo essere decaduto per un secolo e
mezzo.
Ognuno dei tre imperi cerca di essere in posizione tale da poter scegliere con chi allearsi e a chi muovere eventualmente guerra.
Nel corso dell'ultimo biennio, con la crisi libica prima e quella Siriana poi, gli Stati Uniti sono riusciti a fare quel che era in passato riuscito solo a Hitler:
costruire con le proprie mani una coalizione di Stati in grado di sconfiggerli.
Cina e Russia assieme, concordi e coordinati quali non erano mai stati, appoggiati politicamente dall'Ìndia e dal gruppo dei cinque di Scianghai,
rappresentano oltre metà del genere umano, senza contare che la stessa Europa si sta dividendo sulla opportunità di continuare ad appoggiare gli USA in
questa sua politica muscolare nei confronti del bacino mediterraneo e del Medio Oriente ( Afganistan, Ìran, Pakistan).
A settembre tre tappe importanti: la richiesta della Palestina di essere ammessa all'ONU con lo status di paese osservatore ( niente doveri) ; l'accordo tra
Sudan e Sud Sudan per il petrolio e la visita di Putin ÷ una primizia ÷ in Pakistan per firmare l'accordo commerciale e petrolifero che rivoluzionerà l'intera
Asia mussulmana.
E le stelle ( e strisce) stanno a guardare.
ondividi!
• Facebook 7
• LinkedIn 1
• Twitter 2
• E-mail
• Stampa
• Pocket

Articoli collegati
LE CONSEGUENZE DELLA " PRÌMAVERA"ANGLO-FRANCO-AMERÌCANA ÌN MEDÌO ORÌENTE. di Antonio de MartiniÌn "economia internazionale"
LA GUERRA MEDÌTERRANEA ÌNÌZÌATA DUE ANNÌ E MEZZO FA, ESPLODE ALLO SCOPERTO. NON C'È ODORE DÌ GAS, MA PUZZA DÌ ÌMBROGLÌO. di Antonio
de MartiniÌn "antiterrorismo"
STANCHÌ DELL'EUROPA Ì VARÌ PAESÌ SÌ STANNO ATTREZZANDO ÌN SOTTOGRUPPÌ. TRANNE Ì MEDÌTERRANEÌ. di Antonio de MartiniÌn "economia
internazionale"
By !n'on#o/3-,#/-, on !"o2'o 2$, 2%&2 !' 2)(9 *, +n,-. #n'-66#"-n/-, Po6#'#/!, Po6#'#/! E2'-.!. T!")A,o6<o H#'6-., Con<-.-n5! ,# y!6'!, "-o*o6#'#/!, G#+2-**- S'!6#n, R- E,o!.,o
7II, 2'.!'-"#!,76!,##. P+'#n, J#n2'on C3+./3#66. 4 /o-n'#
T.!/01!/02 !.- /6o2-,, 1+' yo+ /!n *o2' ! /o-n'.
« MENTRE MONTÌ FA LEGGÌ PER ÌL RÌSPARMÌO, Ì POLÌTÌCÌ E Ì LORO FAMÌGLÌ CONTÌNUANO LA FÌNANZA ALLEGRA. PER ÌNDURLÌ A RUBARE DÌ
MENO, CÌ VUOLE LA PENA CAPÌTALE E NON UNA CAPÌTALE CHE FA PENA. di Antonio de Martini
L'U.S. ARMY CERCA UN RÌMEDÌO ( TECNOLOGÌCO) ALL'ONDATA DÌ SUÌCÌDÌ CHE LA SCUOTE »
Commenti
• Giuseppe Accorinti On agosto 23, 2012 at 3:14 pm
Permalink | Rispondi
RAGAZZO de MARTÌNÌ,
bravo! È un saggio di storia
Ossequi a Madame: al ritorno anche la mia ha guidato quasi sempre
Cordilitò
Acc
• Carlo Cadorna On agosto 24, 2012 at 6:08 am
Permalink | Rispondi
Mi associo: è una bellissima sintesi!!!!
• antoniochedice On luglio 11, 2014 at 10:14 pm
Permalink | Rispondi
L'ha ribloggato su ÌL CORRÌERE DELLA COLLERAe ha commentato:
LA PROSSÌMA GUERRAFACCÌAMO ÌN MODO CHE AVVENGA SENZA DÌ NOÌ
• luigiza (@luigiza1) On luglio 12, 2014 at 3:18 am
Permalink | Rispondi
0el 1234 -31 5inston 6hurchill esclam7 & abbiamo ucciso il porco sbagliato&, 8 ,/e 'illed the /rong pig&9 ma si sa, era un depresso cronico.
Pronunciò pure poco dopo la vittoria questa frase sibillina:
abbiamo schiacciato la testa della vipera appena in tempo e credo che il significato pieno di quella affermazione lo capiremo poco dopo lo scoppio della
prossima Terza Guerra Mondiale.
Certi segreti sono stati un questo settantennio di pace in Occidente ben custoditi.
:miliato da ;talin a <alta , nel dopoguerra – a cose fatte – evidentemente 6hurchill aveva cambiato idea.
Oh bella io avevo sempre letto che ad Yalta fu Stalin a meravigliarsi di quanto gli veniva offerto dagli alleati: praticamente mezza Europa.
Perchè Lei sig. Antonio parla di umiliazione di Churcill?
Non sarebbe più pportuno parlare di ingenuità della coppia Churcill-Roosvelt?
o antoniochedice On luglio 12, 2014 at 3:50 am
Permalink | Rispondi
Poco dopo Yalta, gli USA appurarono che uno degli assistenti di Roosevelt era una spia dell'URSS. Stalin era tutto meno che meravigliato.
• abrahammoriah On luglio 15, 2014 at 2:23 pm
Permalink | Rispondi
15 luglio 2014
Da "Famiglia cristiana¨ 22 giugno 2014, pp. 62-63: "Un progetto d'avanguardia. Ìl cinese s'impara fin dall'asilo. Ìn una scuola materna di Milano i bambini si
cimentano con la lingua del Celeste impero. Ìnsegnanti madrelingua, alunni allegri e genitori soddisfatti.¨ Siamo in trepida attesa che qualcuno deputato allo
scopo (Società Dante Alighieri, Stato italiano, Chiesa cattolica o qualche assessorato alla cultura di uno dei centinaia comunelli italiani) invocando il
principio di reciprocità (geopolitica) spinga per far insegnare il latino e/o l'italiano in qualche nido di Pechino o di Shanghai. Proprio non vorremmo che le
immense gioie dell'apprendimento per i propri figli di una lingua esotica e di grande cultura fosse lasciata in esclusiva ai genitori italiani .
Massimo Morigi
o antoniochedice On luglio 15, 2014 at 3:21 pm
Permalink | Rispondi
A Milano ci sono più cinesi che terroni.
• abrahammoriah On luglio 15, 2014 at 5:52 pm
Permalink | Rispondi
15 luglio 2014
E quelli che ancora non sono sudditi dell'ex grande oriente rosso (terroni e polentoni) con gli appositi corsi di cui sopra possono sempre diventarli ad
honorem. E così finalmente gli italiani tutti, già dimentichi del loro passato, avranno trovato il tratto identitario comune: la rinuncia, appunto, della loro
identità ÷ processo veramente già da tempo iniziato col secondo dopoguerra e in cui la Cina non ha la minima responsabilità ÷ surrogandola con quella del
Celeste impero. Delle serie "se non puoi sconfiggerli, unisciti a loro¨ (frase cara a gatto Silvestro che non riuscendo a sconfiggere Speedy Gonzales decide
di diventare anche lui un topo ma noi preferiamo concludere con quest' ultima citazione tratta dai "Salamini¨ di Petrolini: "Più stupidi di così si muore¨.).
Massimo Morigi
Rispondi
888888888888888888888888888888
(“IL CORRIERE DELLA COLLERA”, 30 MAR%O 2013)
B++B 5R;C)((I;9) 8)+ 7I;E)8h I9 ;98;EI(I;9), I+
9D;E; 5B5B FB 8B>; +B 5BR;+B BI CRI(>IB9I 8’;RI)9>) )8
B+ +;R; CB+EBRI;$ B <DB9>I (;9;* 8;E) (;9;* W
+’I9IZI; 8I D9B C)9>RB+I>[ 8)+ RB55;R>; C;9 +’I(+B
5)R G+;CCBR) +’BGGB8;9; 8)++B >)RRB (B9>B*
Di ANTONIO DE MARTINI
<uando si parla di “mondo cristiano” nei paesi arabi, noi italiani tendiamo a pensare
ai cattolici$ )’ un altro residuo di provincialismo, %uesta volta in campo religioso$
9el ondo Brabo, la confessioni cristiane principali sono tredici! nascono dalle varie
eresie , etimo! “scelte”- avvenute nei vari concili che costellarono i primi secoli del
cristiasnesimo! 9icea, )feso, Calcedonia $
Bssiri , 332$222 e 302$222 nella diaspora-] Caldei , 422U=22$222 e 312$222 nella
diaspora-] (iriani ortodossi , 34M$222 e 3=2$222 nella diaspora-] (iriani cattolici
,323$222 e circa =2$222 nella diaspora-] aroniti , ==2UP22$222 e circa 1 milioni
nella diaspora-] Copti ortodossi da tre a sei milioni e 422$222 nella diaspora-] Copti
cattolici , 3=2$222 e nella diaspora imprecisati- 7reci ortodossi ,L=L$222 e 422$222
nella diaspora-] 7reci cattolici el@iti ,441$222 e =22$222 nella diaspora-] Brmeni
apostolici ,04?$222 e “alcuni milioni nella diaspora”-] Brmeni cattolici , =3$222 e
322$222 nella diaspora-] +atini ,?M$022 -] 5rotestanti ,M2U?2$222-$ IN TOTALE0 da
O0C mii"ni a <0E mii"ni:
Honte , Chretiens du monde arabe ! un archipel en terre d’islam sotto la direzione di
Gernard Fe&berger] )ditions Butrement collection memoires 9 L4$- 9ote del
redattore! ho arrotondato i numeri per difetto, non interessandoci noi di demografia$
5er diaspora generalmente si intendono i paesi di tradizionale emigrazione dei
levantini ! D(B, Canada, Bustralia e Bmerica +atina, con una presenza in Hrancia di
(iro Caldei, 7reci cattolici e maroniti$
I copti sono mal censiti ma molto concentrati in )gitto$ +e incertezze circa la
consistenza dei copti, sono dovute al fatto che la legge egiziana proibisce / pena la
morte / i matrimoni misti di mussulmani con donne copte$
+a saggezza millenaria del popolo egiziano ha reso inattuabile il rispetto della legge,
ma i numeri sono molto ingarbugliati$ Il figlio di un matrimonio misto , che, per
legge, non deve esistere- viene censito come mussulmano, ma l’educazione dei figli '
femminile\$$
8a %uesti numeri risulta strategica per il vaticano l’importanza delle comunit#
autocefale che fanno capo ai vari patriarcati ! 34 di cui sette cattolici e gli altri
ortodossi di vario genere, ma che contano i seguaci più numerosi$
B %uesti si aggiungono i circa $%attr"cent"mia "rt"d"ssi immi'rati in Israee
s#acciand"si #er e&rei %uando era il solo modo per uscire dall’Dnione (ovietica e
che adesso stanno dando vita a una comunit# anche religiosa che far# capo al
patriarcato di osca ,e fanno 3=-$
I cristiani in Israele prima di %uesta “invasione” erano circa 322$222$
+a diaspora dei Cristiani provenienti dal ondo Brabo / circa 0,? milioni di persone,
inizia a “pesare” nella politica internazionale, con particolare riguardo alla comunit#
presente negli D(B che ha terreno di intesa anche con gli islamici di origine araba
presenti in forze$ +a presenza di %ueste vere e proprie lobb& comincia a farsi sentire
su numerosi temi, in particolare riguardo al problema palestinese e la sistemazione di
7erusalemme$
+a più numerosa comunit# cristiana presente in 5alestina ' costituita da greci
ortodossi, circa 42$222$
B parte le considerazioni sull’attuale “persecuzione ” dei Cristiani nel mondo arabo /
che vanno prese con beneficio di inventario / la presenza di Cristiani in terra islamica
' storicamente radicatissima ed ' %uasi uguale a %uella , più recente, degli islamici in
)uropa$
Dna politica basata sulla reciprocit#, potrebbe costituire un elemento negoziale
importante$
5er il mondo arabo / anche islamico / la presenza dei Cristiani ' ugualmente
importante! testim"nia dea #resistente indi#endenGa ara&a anc*e nei c"n-r"nti
de’isam$ 7li arabi / ' bene ricordarlo visto che religioni e politica stanno
intersecandosi pericolosamente / rappresentano appena il 3?` del mondo
mussulmano$
<uesto post ' la replica del post pubblicato il 1P dicembre 1232$ Come i lettori ormai
sanno, non sono capace ancora di fare +in@s$ Col tempo e con la paglia$
----------------
(“IL CORRIERE DELLA COLLERA”, # SETTEMBRE 2013)
Commento di Massim" M"ri'i al post di Ant"ni" de Martini “B++B
5R;C)((I;9) 8)+ 7I;E)8h I9 ;98;EI(I;9), I+ 9D;E;
5B5B FB 8B>; +B 5BR;+B BI CRI(>IB9I 8’;RI)9>) )8 B+
+;R; CB+EBRI;$ B <DB9>I (;9;* 8;E) (;9;* W +’I9IZI;
8I D9B C)9>RB+I>[ 8)+ RB55;R>; C;9 +’I(+B 5)R
G+;CCBR) +’BGGB98;9; 8)++B >)RRB (B9>B*”
= settembre 1230
In uno scenario internazionale dominato da apprendisti stregoni, papa
Hrancesco, indicendo la 7I;R9B>B ;98IB+) 8I 5R)7FI)RB 5)R +B
5BC) I9 (IRIB, si sta rivelando l’unico vero realpoliti@er su piazza$
9onostante gli evidenti problemi / sul piano secolare e della dottrina / la
Chiesa cattolica ' allo stato l’unica pubblica / e potente / “agenzia di senso”
tuttora viva ed operante in occidente$ (e salta la (iria anche l’insediamento dei
cristiani / non solo dei cattolici / rischia di essere cancellato per sempre in
tutta l’area mediorientale, con conseguenze storiche, geopolitiche e spirituali
catastrofiche$ 5apa Hrancesco %uesto lo sa$ I lugubri buffoni occidentali
operanti nella regione no$
assimo origi
________________________
(“IL CORRIERE DELLA COLLERA”, ! SETTEMBRE 2013)
COMMENTO DI MASSIMO MORIGI DEL < SETTEMBRE =>;?
L settembre 1230
+’analisi di antoniochedice del comportamento geostrategico statunitense
sviluppatosi dopo la fine della guerra fredda ,il costante e sistemico tentativo di
destabilizzare il %uadro internazionale entro un’impostazione di “guerre
autofertilizzanti” rese possibili e dalla progressiva frantumazione geopolitica /
favorita dagli D(B / post caduta del muro di Gerlino e dalla supremazia militare
statunitense-, ' assolutamente impeccabile e non richiederebbe alcuna chiosa$ i
permetto un piccolo corollario in merito alle fonti$ ;ltre al citato +uttQa@, segnalo
che non solo il noto polemologo statunitense di origine rumena ha teorizzato un
assetto internazionale dominato da uno stato di caos continuo dove %uello che conta
non ' tanto impostare una politica di e%uilibrio ma l’essere più veloci e scaltri nell’
approfittare delle mutevoli circostanze ,una sorta di machiavellismo degradato ad
usum D(B-, ma anche che vi sono istituti e thin@ tan@ che teorizzano il “casino”
universale allo scopo del mantenimento del predominio mondiale americano$ Dno di
%uesti ' il (anta He Institute che, nell’ambito del suo studio istituzionale dei Comple6
Bdaptive (&stems e della teoria del caos, ha sviluppato un suo pensiero riguardo la
polemologia e la geopolitica, un pensiero che riprende in termini formalmente più
tecnici %uanto gi# sostenuto da +uttQa@ riguardo la necessit# di approcci non lineari
alla politica internazionale ,cio' spregiudicati e violenti, vedi per ultimo la criminale
politica D(B sulla (iria-$ Chiusa %uesta premessa, rinvio al lin@ del (anta He Institute
relativo a %uesti argomenti ,http!UUQQQ$santafe$eduUsearchUresultsU*
%uer&imilitar&estrateg&-, con l’avvertenza che le formalmente eleganti impostazioni
che attingono alla teoria dei giochi , alla teoria dei sistemi complessi autoadattivi e
alla teoria del caos, sono la rappresentazione teorica di concrete e violente vicende
geopolitiche, di cui la (iria non ' che l’ultimo caso$
assimo origi
__________________________
(“IL CORRIERE DELLA COLLERA”, OTTOBRE 2013)
COMMENTO DI MASSIMO MORIGI DEL L OTTOBRE =>;?

4 ottobre 1234
8opo la fine della guerra fredda, l’Italia pur non ricoprendo più il ruolo di
portaerei naturale contro il blocco sovietico, ' rimasta di fondamentale
importanza nell’ottica militare statunitense$ ) per %uale motivo, visto che le
vecchie motivazioni geostrategiche sembrerebbero suggerire il contrario* In
primo luogo c’' da considerare che la portaerei Italia ' fondamentale per
tutelare gli interessi americani in edioriente$ In secondo luogo il ruolo
geostrategico dell’Italia ' esaltato dall’elementare dato di fatto che il nostro
paese non ' più a sovranit# limitata ma a sovranit# del tutto cancellata e che
%uindi %ualsiasi potentato straniero ,sia esso economico o nella fattispecie in
discussione politico-militare- pu: fare del suo popolo e sul suo territorio %uello
che vuole ,pagando, ovviamente, i dovuti pedaggi \ ma non proprio riscossi
dalla collettivit#, la %uale, semmai, paga il conto per %ueste scriteriate scelte
della sua classe politica-$ <uando gli italiani si renderanno conto che la politica
italiana ' ridotta ad una lugubre pagliacciata inscenata al solo scopo di illudere
le opposte tifoserie che la politica in Italia conta ancora / mentre in realt# il
solo scopo ' di far pagare un biglietto molto salato per uno spettacolo scadente
e dannoso / potremo dare una ridefinizione dei tristi dati geopolitici a cui si '
accennato$
assimo origi
________________________
(“IL CORRIERE DELLA COLLERA”, 6 OTTOBRE 2013)
COMMENTO DI MASSIMO MORIGI DEL O OTTOBRE =>;?
M ottobre 1230
(enza volere in %uesto post fare una rassegna dei massimi autori del pensiero
geopolitico statunitense post guerra fredda, penso sia sicuramente utile iniziare
citando un minore di %uesti teorizzatori della distruzione di %ualsiasi regola nei
rapporti internazionali$ (i tratta di ichael Brthur +edeen e della famigerata dottrina
che prende il suo nome$ +a cosiddetta dottrina +edeen, pubblicamente resa pubblica
nel 1221 dal suo amico Sonah 7oldberg, recita letteralmente nel seguente modo!
“)ver& ten &ears or so, the Dnited (tates needs to pic@ up some small crapp& little
countr& and throQ it against the Qall, Rust to shoQ the Qorld Qe mean
business”, cfr$ http!UUQQQ$nationalrevieQ$comUarticlesU12=3?PUbaghdad-delenda-est-
part-tQoURonah-goldberg-$ Certamente il pensiero neoconservatore ha dato origine ad
elaborati più sofisticati ma nulla meglio della dottrina +edeen sottolinea il vero
retropensiero di tutta %uesta scuola di pensiero! la violenza ha anche un significato
simbolico e va usata a livello internazionale non solo per conseguire obiettivi
specifici ma anche per far capire a tutti, amici e nemici, chi ' il più forte$ 5oco
importa se si condivida o meno il realismo estremista di +edeen, il suo pregio sta
proprio nel suo violento candore che ci consente di andare al cuore del
comportamento di %uesti ultimi due decenni delle amministrazioni D(B in campo
internazionale, vicenda siriana compresa dove l’opinione pubblica internazionale '
stata inondata dalle ses%uipedali fesserie sulle armi di distruzione di massa che
sarebbero state usate dalla (iria$ ) se %ualcuno obietta che +edeen ' un
neoconservatore e ;bama un magnifico progressista, invito all’esame della dottrina
che dall’attuale presidente statunitense prende il nome$
assimo origi
(“IL CORRIERE DELLA COLLERA”, 10 OTTOBRE 2013)
COMMENTO DI MASSIMO MORIGI DEL ;> OTTOBRE =>;?
32 ottobre 1230
5rima ancora che per evitare in un improbabile terzo conflitto mondiale, l’idea
di Bntonio de artini di creare nel centro-sud dell’ )uropa un blocco di paesi
neutrali e non allineati ' la vera sola idea forte in grado di contrapporsi
all’attuale costruzione dell’D) totalmente basata sull’ antidemocratico
predominio della attuale burocrazia transnazionale$ (i tratta %uindi di un
disegno che si riallaccia alla migliore tradizione geopolitica, nel %uale lo spazio
vitale e geostrategico delle nazioni , e la sua dialettica in spazio
continentaleUmarittimo - viene indicato come un elemento fondamentale anche
per lo sviluppo di un’autentica democrazia ,cfr$ac@inder, F$ S$ ,3L3L;.
Democratic Ideals and Reality! !tudy in the
Politics of Reconstruction$ +ondon! Constable -$ Dna democrazia che se vuole
avere %ualche chance di sopravvivere nel ddI secolo deve fare i conti con il
concetto di Lebensraum ,che per %uanto abbia subito negli studi politologici e
filosofico-politici del secondo dopoguerra una sorta di damnatio memoriae per
essere ,mal-praticato dalla criminale politica nazista ' tuttora alla base della
politica degli (tati uniti e delle altre potenze minori- e col tentativo statunitense
di rimanere con le buone ,o più spesso e volentieri- con le cattive l’ unica
superpotenza su piazza$ Ea da s" che i due giacimenti petroliferi mediterranei
di cui si parla nell’intervista a 8e artini ,all’indirizzo!
https!UUQQQ$&outube$comUQatch*vi25BCe)>03Ig-, potrebbero costituire la
dote di partenza per un progetto geopolitico europeo che partendo dalla
neutralit# di importanti paesi del continente, rifiuti un mondo unipolare e con
esso la definitiva cancellazione di %uello spazio vitale per un mondo
multipolare, che ' la precondizione sistemica generale indispensabile perch" a
livello di ogni singola unit# nazionale possa essere praticata una autentica
democrazia$
assimo origi
(“IL CORRIERE DELLA COLLERA”, 12 OTTOBRE 2013)
COMMENTO DI MASSIMO MORIGI DEL ;= OTTOBRE =>;?
31 ottobre 1230
5remesso, tanto per essere chiari, che sindacare sui gusti e comportamenti da
camera da letto ' un’ottima premessa per ogni pensiero totalitario, per essere
altrettanto chiari non deve sfuggire che siamo in presenza di una martellante
esaltazione ,anche %uesta con un forte retrogusto totalitario- dell’omosessualit#
e che %uesto martellamento proveniente da più fonti non pu: essere li%uidato
come un bizzarro fatto di costume, come del resto non ' certo casuale che fra
gli indicatori della %ualit# della vita non venga mai menzionata la prima della
caratteristiche della vita stessa, la sua capacit# di autoriprorudursi, che detto in
altre parole significa la facilit# o meno da parte della popolazione di costituire
famiglie e di avere figli$ iseria delle ideologie che hanno fatto il secondo
dopoguerra e necessit# di una rinnovata visione geopolitica in cui il concetto di
“spazio vitale” non sia inteso solo in senso spaziale ma indichi anche %uelle
dimensioni / collettive e private / la cui espansione e rafforzamento rendono la
vita dell’individuo e della comunit# di cui fa parte non solo degna di essere
vissuta ,di alta %ualit#, %uindi- ma anche con una reale capacit#
autoriproduttiva$ ) una sana politica di rafforzamento demografico ,nonostante
le ridicole distorsioni nazifasciste- ' certamente uno degli elementi portanti per
la creazione di %uello spazio vitale ,inteso non solo in senso geografico-
spaziale- fondamentale / nonostante %uanto possa insegnare uno sciocco
neoliberismo / per la salute della comunit# nazionale e %uindi della
democrazia$
________________________
(“IL CORRIERE DELLA COLLERA”, 13 OTTOBRE 2013)
COMMENTO DI MASSIMO MORIGI DEL ;? OTTOBRE =>;?
30 ottobre 1230
B proposito della strumentalizzazione degli (tati uniti sulla detenzione e
,ipotetico- uso delle armi chimiche da parte del regime siriano, %uest’anno il
premio 9obel ,ma sarebbe meglio dire a %uesto punto ignobel- per la pace '
stato assegnato all’;5BC, l’organizzazione internazionale creata nel 3LLP per
dare attuazione al trattato di interdizione all’uso delle armi chimiche$ W
evidente che l’essere lo strumento per neutralizzare l’arsenale chimico di Bssad
ed essere perci: ora più che mai un docile agente della politica D(B, l’ha fatta
preferire a alala Jousafzai, la studentessa pa@istana che ' viva per miracolo
dopo l’attentato del L ottobre 1231 da parte dei talebani e ora in prima linea per
cercare di far rispettare i diritti civili in %uel paese$ +a spiegazione di %uesta
scelta assai singolare ' l’attuazione della “7rand strateg&” americana di
egemonizzare l’heartland centroasiatico e di impossessarsi delle sue immense
risorse energetiche, un piano che, su grande scala, non si ferma di fronte al
massacro del popolo siriano e su dimensione minore, ma non per %uesto meno
significativa, pu: anche contemplare lo scippo del premio 9obel ad una
ragazzina che ne avrebbe avuto bisogno come una sorta di assicurazione sulla
vita per assegnarlo al lacch' di turno utile per la realizzazione della sua grande
strategia di egemonia mondiale$ “;ggi una goccia di petrolio vale %uanto una
goccia di sangue” ebbe a dire 7eorges Clemanceau, cui non difettava il
realismo politico come agli attuali ispiratori e conduttori della politica estera
statunitense$ a a differenza di %uesti ultimi, il >igre era dotato di una visione
geostrategica ed anche di una moralit# politica$ Costoro, invece, sono persi in
una autoreferenziale visione di un mondo unipolare il cui fallimento non solo
sta passando e passer# attraverso il versamento di mari di sangue ma metter#
definitivamente in crisi il sistema di relazioni internazionali e con esso %uella
sorta di moralit# pratica, basata se non altro su %uella dote che si chiama
prudenza e senso del limite, sui cui finora si era retto$
assimo origi
________________________
(“IL CORRIERE DELLA COLLERA”, 1# OTTOBRE 2013)
COMMENTO DI MASSIMO MORIGI DEL ;C OTTOBRE =>;?
3= ottobre 1234
9ota di servizio per i cultori / e per le burocrazie internazionali / dedite alla
demonologia / o meglio alla truffa / della guerra chimica$ Cosa dire del
computer %uantico e allo sviluppo della fisica %uantistica ad esso connessa con
tutte le sue sconvolgenti applicazioni militari fino a giungere alla possibilit# di
prevedere il futuro* entre la pubblica opinione ' frastornata e presa in giro
con dibattiti tipo %uello all’alba delle armi da fuoco dove ci si chiedeva se una
cristiana morte avesse potuto essere data solo da un proiettile sferico anzich"
uno ad angoli vivi, nei laboratori vengono elaborate armi che trasformano non
solo il concetto di guerra ma anche %uello del posto dell’uomo nel mondo$
Hacendo velo per un attimo al nostro naturale senso di umanit#, il tutto
potrebbe avere anche una sua importante ricaduta culturale sia a livello di
classi dirigenti che a livello di massa per relegare nella soffitta della storia le
idiozie ideologiche del (ecolo breve attraverso le %uali tuttora si governa il
mondo delle postdemocrazie$ 5urtroppo il tutto viene svolto nel segreto dei
laboratori e, soprattutto, ad onore e gloria del brave neQ Qorld unipolare e
turbobellicista statunitense$
assimo origi
________________________
(“IL CORRIERE DELLA COLLERA”, 2# DICEMBRE 2012)
COMMENTO DI MASSIMO MORIGI DEL ;E OTTOBRE =>;?

3P ottobre 1230
5er in%uadrare l’attuale situazione siriana, non vi sono parole più appropriate
di %uelle che nel lontano 3L3L ebbe a scrivere il padre della geopolitica
Falford ac@inder! “Xho rules )ast )urope commands the Feartland! Qho
rules the Feartland commands the Xorld-Island! Qho rules the Xorld-Island
controls the Xorld$” +a visione statunitense post guerra fredda di un mondo
unipolare trova nel tentativo di dominare l’hearland centroasiatico, e di poter
%uindi liberamente disporre / a discapito della Russia e della Cina / delle sue
immense risorse energetiche, il suo momento della verit#$ a per vincere
%uesto nuovo 7reat 7ame di dominio centro-asiatico ' necessario instaurare
nell’area regimi che formalmente si ispirino alle liberaldemocrazie occidentali
e %uindi ideologicamente ostili alla Russia e alla Cina$ )’ notizia recentissima
che il (egretrario di (tato Sohn Terr& nel lanciare l’ennesimo appello perch' si
svolga a brevissimo una conferenza di pace sulla crisi (iriana, ha ancora una
volta affermato che '! “di vitale importanza stabilire un giorno per tenere la
Conferenza e iniziare a lavorare per creare una nuova (iria$ Crediamo inoltre
che il 5residente abbia perso %uella legittimit# necessaria a creare un fronte
comune con la gente$ b per %uesto che il bisogno di un governo di transizione '
impellente$” +a chiave per comprendere la crisi siriana ' il tentativo americano
di operare un cambio di regime in (iria per creare un regime ideologicamente
vicino agli (tati uniti, mossa indispensabile per il dominio dell’heartland
centroasiatico e, conseguentemente, per la realizzazione di un mondo unipolare
a dominio americano$ a a %uesta transizione impellente / veramente
impellente per gli interessi americani / si oppone un regime, %uello siriano, che
per %uanto molto lontano dagli standard “politicall& correct” di matrice
liberaldemocratica non ' costruito sulla sabbia ma ' dotato di solide
fondamenta costituite sV dal suo autoritarismo ma anche da un sapiente
e%uilibrio fra le sue componenti politico-religiose ,come efficacemente
mostrato nel post di antoniochedice-$ Eia allora alle scemenze ses%uipedali
sull’uso delle armi chimiche\
assimo origi
(“IL CORRIERE DELLA COLLERA”, 1$ OTTOBRE 2013)
COMMENTO DI MASSIMO MORIGI DEL ;N OTTOBRE =>;?
3? ottobre 1230
B proposito delle mosche cocchiere dell’indignazione ) la carte, segnalo
l’International Hederation for Fuman Rights ,HI8F-$ >ale benemerita
organizzazione gestisce un budget annuale di circa = milioni di euro ma si '
sempre rifiutata sistematicamente di dire da chi proviene tanto ben di 8io,
dimenticando / se proprio vogliamo usare la mano leggera nelle accuse / che il
principale diritto dell’uomo ' %uello di conoscere per deliberare$ a tant’', la
HI8F ' evidentemente occupata in fronti meno secondari per la difesa dei
diritti dell’uomo, come %uello di definire Bssad criminale di guerra ,mentre gli
altri sono agnellini- e di dire che sV vanno bene le ispezioni in (iria per
smantellare le armi chimiche ma che per: il vero obiettivo ' rovesciare il
regime di 8amasco$ (i rinvia per avere contezza di %ueste perle della HI8F ai
due lin@ in calce al post, mentre per altri argomenti, che evidentemente non
meritano altrettanta furia salvifica per tutelare i diritti umani, come per
esempio 7uantanamo, chi vuole pu: utilizzare il motore di ricerca del sito
della Hederazione$ (i vedr# che i termini e i toni con cui viene trattato %uesto
lager statunitense, da incendiari come nel caso (iria, diventano ora più felpati,
più curiali$ ) cosV ci fanno comprendere da %uale curia vengono i
finanziamenti di %uesta benemerita organizzazione$ ) ci fanno anche
comprendere che il 7reat 7ame geopolitico statunitense non si gioca solo sul
piano militare ma anche sul piano della noopoliti@ ,occupazione di %uel
+ebensraum costituito dalle rappresentazioni ideologiche, un tempo si sarebbe
detto propaganda-, argomento sui cui torneremo nei prossimi post$
assimo origi
I due sopracitati lin@!
http!UUQQQ$fidh$orgUenUnorth-africa-middle-eastUs&riaUGashar-Bl-Bssad-
Criminal-Bgainst
http!UUQQQ$fidh$orgUenUnorth-africa-middle-eastUs&riaUbrea@through-resolution-
on-s&ria
________________________
(“IL CORRIERE DELLA COLLERA”, 18 OTTOBRE 2013)
COMMENTO DI MASSIMO MORIGI DEL ;< OTTOBRE =>;?
3L ottobre 1232
) %uindi per rimanere nello spirito informativo di %uesto blog e nell’argomento
del post ,2cco il mappamondo delle armi portatili standard nel globo- penso
sia interessante notificare ai lettori del “Corriere della Collera” che nel 1231 le
spese militari degli (tati uniti, pur in diminuzione del M` rispetto l’anno
precedente, hanno rappresentato il 42` delle spese militari mondiali, più di
%uelle di Russia e Cina assommate ,D(B MM? miliardi di dollari] Cina 3=P
miliardi di dollari] Russia L2 miliardi di dollari-$ )videntemente contrastare i
vantaggi logistici sull’heartland asiatico della (hanghai Cooperation
;rganization ,l’alleanza politico-miliare fra Cina, Russia, Taza@istan,
>agi@istan e Tirghizistan- vale %ualche spesuccia e l’ “energico” appoggio
dato, come in (iria, a chi vuole rovesciare regimi autocratici$ Cosa non si
farebbe per la democrazia nel mondo e per doverosamente assicurarle le
adeguate fonti energetiche\
assimo origi
________________________
(“IL CORRIERE DELLA COLLERA”, 22 OTTOBRE 2013)
DEBITI CRED Q ULONI
Di ANTONIO DE MARTINI
(econdo E%r"stat, nel 1231 sui ventotto stati della Dnione )uropea 3= hanno ridotto
il loro deficit, dodici lo hanno aumentato ed uno ' rimasto stazionario$+a classifica
dei buffi ' guidata dalla 7recia con i ra##"rt" de&it"8PIL c*e *a ra''i%nt" $%"ta
;CO0<P:
+’Italia ' al 31P`, segue il 5ortogallo col 314,3` e l’Irlanda col 33P,4`$
+a 7recia ha migliorato il deficit di bilancio 1231 portandolo dal 32` al L`
facendosi superare dalla (pagna che si ' assestata al 32,M ` tallonata dall’Irlanda con
l’?,1` mentre 5ortogallo e Cipro si attestano al M,4` a pari demerito$
Come sappiamo, l’Italia ha rinunziato sia a investire che a ridurre la spesa ed '
rientrata nel parametro di aastrict del 0` $ Chi di dovere avr# diritto a un lecca-
lecca, come se non lo avesse gi# fatto abbastanza$
I media continuano a parlare di Gerlusconi distraendo i lettori creduloni e
indirizzando l’odio proletario nazionale verso il malcapitato$
Comparando i dati della )urozona con %uelli della D), vediamo che %uesta ultima sta
in migliore posizione %uanto a deficit e forse lievemente peggiore %uanto a debito! il
deficit della )urozone ' passato dal 4$,1 ` al 0,P` mentre il totale D) ' passato dal
4,4` al 0,L` $
Il debito complessivo della )urozona ' passato dall’?P,0` del 59+ al L2,M` mentre
l’Dnine )uropea si trova rispettivamente a passare dall’?1,0` all’?=,3`$
8ai dati, vediamo che in termini di debiti, ’E%r"G"na si tr"(a $%asi esattamente
nea #"siGi"ne dea Germania , e la Dnione )uropea sta lievemente meglio- e che
%uindi un consolidamento del debito a livello continentale dei paesi che usano l’)uro
, o addirittura di tutti e 1? i paesi della Dnione- non la danneggerebbe più di tanto
,anzi se si contabilizzasse come sarebbe giusto anche il debito dell’e%uivalente
germanico della Cassa depositi e prestiti tedesca, ci guadagnerebbe-$
Bllora perch" la guerra economica che ha messo sul lastrico 31 milioni di persone*
5er dare la patente di eroina alla er@el*
5erch" i dati economici aggregati a livello )uropa non vengono mediatizzati a livello
di massa* 5er non far capire ai concittadini che i sacrifici fatti finora non sono serviti
a nulla*
Il HI lo aveva previsto e anch’io avevo pubblicato sul blog il grafico che prevedeva
il peggioramento$
B proposito di previsioni$
Il ."nd" M"netari" InternaGi"nae ha ammesso ufficialmente di aver compiuto
almeno tre importanti errori di valutazione nel prevedere gli effetti recessivi delle
restrizioni richieste ai nostri paesi ,e tutti peggiorativi degli effetti- con gravi
conseguenze sulla occupazione in )uropa$
+’unica cosa che ' cambiata al HI ' la pettinatura della direttrice generale C*ristine
La'arde$ B me sembra poco$ Come sembra poca e di circostanza la reazione dei
sindacati$
---------------
COMMENTO DI MASSIMO MORIGI DEL == OTTOBRE =>;? AL
POST DI ANTONIO DE MARTINI MDEBITI CREDQ ULONI@

11 ottobre 1230
Bl di l# delle follie criminali naziste, nel valutare il comportamento
internazionale della 7ermania post riunificazione si dimentica il significato
geopolitico della prima e della seconda guerra mondiale! il tentativo da parte
della 7ermania di ripetere sul Eecchio continente gli schemi ,e le violente
procedure- coloniali applicati in Bfrica e Bsia dalle altre potenze europee
,nello specifico sia nella prima che nella seconda guerra mondiale l’obiettivo
geopolitico della 7ermania era l’occupazione e sfruttamento dell’est del
continente europeo ed in particolare dell’Dcraina-$ ;ra pensare che una
7ermania rafforzata dalla riunificazione abbia, in virtù delle sue istituzioni
liberaldemocratiche, rinunciato a %uesta secolare 7rand strateg& e che per la
sua realizzazione non veda il resto dell’eurozona ,Italia compresa- che come
un utile serbatoio di risorse per realizzare la sua novella 8rang nach ;sten '
veramene l’ultima delle illusioni frutto, %uando non di interessate connivenze
delle classi dirigenti europee, del provincialismo in cui il pensiero politico del
Eecchio continente ' caduto dopo la seconda guerra mondiale$ Infine un
accenno al HI e più in generale al sistema e alle istituzioni sorte da Gretton
Xoods$ 9egli ultimi anni la Cina ha superato e surclassato %ueste due
istituzioni nel campo dei prestiti ai paesi in via di sviluppo$ +a ragione di
%uesto sorpasso, oltre naturalmente la sua immensa disponibilit# finanziaria, '
che la Cina, al contrario di %ueste due “benemerite” istituzioni finanziarie
occidentali, si cura unicamente di stabilire le condizioni ,e la possibilit#- di
restituzione del credito ,molto spesso la contropartita sono commesse sul luogo
di imprese cinesi- ma assolutamente non si cura di imporre particolari politiche
economiche all’interno dei paesi a cui ha concesso i prestiti ,al contrario della
Xorld Gan@ e dell’HI che vogliono imporre politiche neoliberiste con i
brillanti risultati che si sono visti in passato-$ Il passaggio dal Xashington
Consensus allo GeiRing Consensus ,il tramonto del neoliberalismo e della sua
ideologia pseudodemocratica che gli (tati uniti vorrebbero imporre al resto del
mondo e l’emersione di un protagonista mondiale, la Cina, assolutamente
indifferente, in ragione della sua millenaria cultura e dell’attuale sua potenza,
ai dettami liberaldemocratici-, se non giustifica, sicuramente spiega i
cambiamenti solamente cosmetici della signora +agarde! riportare al centro dei
cambiamenti geopolitici in corso il mondo sorto da Gretton Xoods '
un’impresa fallita in partenza, un mondo dove per sopravvivere non baster#
certo formulare previsioni patacca pro 7ermania o cambiare l’ acconciatura dei
capelli$ In Italia, intanto, si discute sull’orientamento sessuale dell’attuale
compagna dell’e6 presidente del Consiglio\
assimo origi
________________________
(“IL CORRIERE DELLA COLLERA”, 1# NOVEMBRE 2013)
COMMENTO DI MASSIMO MORIGI DEL ;C NODEMBRE =>;?
3= novembre 1230
+a scuola neorealista di Tenneth Xaltz ebbe il grande merito di sottolineare
che, al di l# delle ideologie, le relazioni di pace o di conflitto fra gli stati vanno
inserite nel %uadro di anarchia del sistema internazionale$ Il limite del
neorealismo fu per: di non considerare come elementi fondanti della
geopolitica la profonda influenza che le ideologie, ma anche la cultura e
l’informazione, hanno nella costituzione degli asset geostrategici$ B %ueste
criticit# della scuola neorealista ha cercato di dare risposta la scuola
costruttivista ,principale esponente Ble6ander Xendt- sottolineando
l’importanza degli elementi di cui sopra nel determinare o meno la struttura
anarchica del sistema internazionale ,famoso il suo “Bnarch& is Qhat states
ma@e of it”, e cio' l’anarchia del sistema internazionale dipende dalle volizioni
dei singoli stati, influenzate a loro volta dalla loro ideologia, cultura ed
informazione- e %uindi anche del %uadro geopolitico$ +a sfida che sta di fronte
alla attuale morente democrazia rappresentativa ' di sbarazzarsi della ideologia
neoliberale che impera dal secondo dopoguerra per sostituirla con un canone,
sia a livello di massa che di classi dirigenti, che attinga dialetticamente sia dal
neorealismo che dal costruttivismo ,vanno in %uesta direzione anche gli
importantissimi contributi della scuola neomar6ista di 7ianfranco +a 7rassa
basati sul concetto di conflitto strategico-$ )’ una sfida difficile ma che deve
essere affrontata con coraggio e decisione se non si vuole che l’evoluzione
postdemocratica degeneri sempre più verso una conclamata, ferrea ed illiberale
oligarchia$
assimo origi
++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++
Il corriere dela collera 1? novembre
1231
IL TERMOMETRO DELLA NOSTRA CREDIBILITK INTERNAZIONALE SONO GLI IN7ESTIMENTI ESTERI.
SECONDO LA BANCA MONDIALE, SIAMO DIETRO LO ZAMBIA. ,# An'on#o ,- M!.'#n#
Nel triennio 2010-2012, di investimenti stranieri in Ìnghilterra ce ne sono stati per 208 miliardi di euro in Francia per 132 e in Germania 90.
Nello stesso periodo in Ìtalia ci sono stati investitimenti esteri per 18 miliardi.
La Banca mondiale ha stilato una classifica della capacità dei paesi di attrarre capitali sulla base della difficoltà di accesso al credito, della facilità di
registrazione di proprietà, proteggere un contratto di diritto privato, di ottenere un allacciamento elettrico o un permesso di costruzione.
Se siete un po' campanilisti, preparatevi a una delusione : su 183 paesi presi in considerazione, l'Ìtalia é all'87 posto dietro a Albania, Moldova, Ìsole
Salomone e Zambia.
Se il governo sedicente tecnico attualmente in carica avesse un minimo di capacità di incidere sulla realtà economica generale del paese, in oltre un anno
di incontrastato esercizio del potere avrebbe almeno reso più leggibili, chessò, le bollette della luce.
Queste sistematiche omissioni di un minimo di attività preparatoria agli investimenti privati ÷ italiani o esteri poco importa ÷ potrebbero persino essere viste
come un semi patriottico tentativo di contrastare la cessione a stranieri delle nostre aziende ¨ strategiche¨ ma non é così .
Tra poco , arriveranno a comprare le aziende ancora vitali del nostro sistema-paese, ottenendo , dal benemerito di turno, una serie di esenzioni, facilitazioni
e guarentigie ad personam ¨ visto che il sistema é tanto obsoleto e c'é necessità di posti di lavoro¨.
Pagando s'intende.
Dopo la meritoria attività divulgativa della Banca Mondiale, arriveranno le proposte di prestiti del Fondo Monetario Ìnternazionale o della BCE , a condizione
÷ naturalmente ÷ che l'Ìtalia ¨ si apra agli investimenti esteri¨ e infine arriveranno a comprare.
Questa successione di eventi, attori e conseguenze, si é già verificata nell'anno del signore 1995 in estremo oriente ÷ Giappone e Corea ÷ in occasione
della crisi finanziaria giapponese innescata dai "ratings¨ di Moody's dai quali la Corea è uscita spennata delle aziende più interessanti, comprate dalle ¨ Tigri
asiatiche¨ tipo Singapore dove capitali senza patria entrano e escono a piacimento.
Poco importa se si sia trattato di una coincidenza o una cospirazione. Quel che é certo è che si tratta di una spirale alla quale è necessario sottrarsi.
Per adesso, quando si dice che abbiamo un governo che ha riacquistato credibilità internazionale, si allude al fatto che Monti, invece di raccontare
barzellette osé come il cavaliere, recita freddure con aria triste alla Buster Keaton.
Le attività economiche devono essere rese facili per tutti prescindendo dalla dimensione o nazionalità.
ondividi!
• Facebook 20
• LinkedÌn
• Twitter
• E-mail
• Stampa
• Pocket

Articoli collegati
L'ARPÌA BÌRMANA: ÌL CLUB DEÌ PAESÌ CREDÌTORÌ ABBUONA ÌL DEBÌTO DEL MYANMAR DÌ OLTRE 13 MÌLÌARDÌ DÌ DOLLARÌ. PERCHE LA GRECÌA NO? di
Antonio de MartiniÌn "banks and finance"
HOLLANDE PRESENTERA' ÌN MESSÌCO PROPOSTE PER 120 MÌLÌARDÌ PER LA CRESCÌTA DA PRESENTARE A BRUXELLES A FÌNE MESE. di Antonio de
MartiniÌn "economia internazionale"
ÌNTESA CÌNA-GÌAPPONE SUÌ CAMBÌ:UN OCCHÌO NERO A OBAMA di Antonio de MartiniÌn "economia internazionale"
By !n'on#o/3-,#/-, on no8-1.- 24, 2%&2 !' =)2% !, +n,-. 1!n02 !n, <#n!n/-, /o2'+-,-/ono#! #n'-.n!5#on!6-, 6o!n2 '-/3n#9+-2. T!")A61!n#!, !''.!5#on- ,-"6# #n8-2'#-n'#, B!n/!
Mon,#!6-, B+2'-. @-!'on, /.#2# <#n!n5#!.#! "#!**on-2-, I2o6- S!6oon-, !.#o on'#, !.0-'#n" ,-6 '-..#'o.#o, Mo6,o8!, Moo,yL2, P.o/-,+.- !#n#2'.!'#8- *-. #n8-2'#'o.#, Go.6,
1!n0, Z!1#!. $ /o-n'#
I '.!/01!/0 2ono /3#+2#, ! *+o# *o2'!.- +n /o-n'o.
« U.S.A. : Ì SUÌCÌDÌ NELLE FFAA SONO FUORÌ CONTROLLO. ÌL PENTAGONO NON PROVVEDE. di Antonio de Martini
LA PALESTÌNA RÌCONOSCÌUTA COME STATO. POSÌZÌONÌ E CONSEGUENZE. di Antonio de Martini »
commenti
• abrahammoriah On novembre 28, 2012 at 9:17 am
Permalink | Rispondi
28 novembre 2012
La spennatura dei paesi in crisi debitoria non è nè coincidenza nè cospirazione: si tratta molto semplicemente della predazione di un organismo debilitato
da parte di organismi più forti e più in salute. Quello che è comico dell'attuale situazione italiana è che questa tragica condizione di eliminazione darwiniana
del più debole venga definita come riacquistata credibilità internazionale. Ìl che, in un certo senso, è pure vero: dopo la cura del governo Monti, l'economia
italiana è come non mia credibile nello subire passivamente la spennatura da parte della globalizzata finanza internazionale.
Massimo Morigi
• imbuteria On novembre 28, 2012 at 6:45 pm
Permalink | Rispondi
Reblogged this on Ìmbuteria's Blog.
• forum.ashobby.ru On giugno 26, 2014 at 6:01 am
Permalink | Rispondi
Hola y mil gracias!
Debo decir que tu entrada en el blog me ha sido certamente hábil!
Termometro de cocina
Il corriere della collera L settembre
1231
PROGRESSI IN LIBIA NEL PROCESSO UNITARIO) DAL >TUTTI CONTRO TUTTI”, AL >TUTTI CONTRO GLI
U.S.A”. ,# An'on#o ,- M!.'#n#
0on sono stati i nostalgici di )heddafi, ma i figli prediletti del ;.A.; inglese, armati, nutriti e addestrati dalla =elta force americana .
>anno imparato a sparare, e adesso vogliono il petrolio. e lo vogliono ?utto.
@orse adesso gli occidentali si renderanno conto che gli attacchi contro )heddafi e i suoi scherani non erano condotti da eroici combattenti per la libert! e
la =emocrazia.
Anche in ;omalia il "residente 8 cittadino americano impiegato provinciale nel 0e/ .erseA9 l’ha scampata per un pelo.
@orse - meglio limitarsi a esportare la 6oca 6ola nel BAanmar 8 Reuter di ieri9 che la =emocrazia all’americana nei paesi arabi e 0ord Africani. Lo shoc'
sar! forte per ualche giorno, salter! ualche testa 8 sarebbe meglio dire testone9, ma credo che la lezione non sar! sufficiente ad ottenere un cambio di
politica estera della 6linton.
Leggete con attenzione uesto post pubblicato treCuattro mesi fa per mostrare che la Libia era in preda ai predoni soliti e che chi stava cercando di
ristabilire l’ordine, non sarebbe stato in grado di farlo e di capire come vanno le cose in uesta parte di mondo.
L’ennesima societ! di sicurezza europea 8 vedi il post9 si - mangiata 10 milioni di dollari , – chiss! uanti altri soldi sono andati alle societ! :;A - ma
la sicurezza - una chimera come dimostrato dalla tragica fine dell’ambasciatore americano in Libia.
Interessante sapere come intende il governo italiano reagir!, a parte le condoglianze e un mazzetto di fiori al neo inaugurato monumento al Baresciallo
)raziani.
Sapete l'ultima barzelletta che circola in quel di Tripoli?
Che differenza c'è tra Gheddafi e la confusione ? Risposta: Gheddafi era colonnello, mentre la confusione è generale.
Sei mesi dopo la morte di Gheddafi, la Libia si trova sotto l'influenza di tre forze politico-militari in forte attrito tra loro:
il CNT, il governo provvisorio e le milizie. La sostanziale debolezza del CNT si riscontra anche dall'assenza di controlli e dallo stato di anarchia nelle aree
di confine.
Per porvi rimedio, i libici sono venuti ad annunziare l'arrivo di rifugiati nuovi. Facile profezia. Con l'arrivo della bella stagione possono mettersi in mare
anche vecchie carrette e con il flusso dei profugji dal Mali, dal Niger e dal Marocco ÷ dove il fronte Polisario cerca di ingraziarsi la nuova amministrazione
francese, possiamo prevedere un raddoppio dei flussi rispetto allo scorso anno, in cui i profughi venivano "solo¨ dalla Libia.
L'afflusso di migranti africani, soprattutto ciadiani e sudanesi, evidenzia la grave permeabilità delle frontiere libiche. Ìl punto di frontiera rappresentato
dall'oasi diDufra rimane un crocevia del fenomeno proveniente dall'Africa Orientale.
In'!n'o 6! "+-..! '.! <!5#on# non !//-nn! ! ,##n+#.- . Forze corazzate hanno quindi preso posizione fra ?arhuna e $ani 5alid, per contrastare alcuni
gruppi di lealisti ancora attivissimi, impedire la diffusione delle armi e contrastare l'immigrazione clandestina. non accennano a ridursi, intanto, le tensioni
politiche.
Quattro persone sono rimaste ferite a seguito dell'esplosione di una bomba nel Tribunale di B-n"!2#. Migliaia di cittadini hanno manifestato a
Tripoli, affinch# sia conferito all’(sercito 0azionale il ruolo che gli spetta, sottraendo alle milizie la gestione della sicurezza e dell’ordine pubblico. 0el
fronteggiare la situazione di precaria sicurezza, i nuovi dirigenti politici si mostrano tutt’altro che uniti.
Ìl Presidente del Consiglio Nazionale di Transizione è tornato a smentire le notizie delle dimissioni del Premier al-Dib, anche se da più parti si segnalano
profonde divergenze fra il CNT e il governo al-Dib. Le autorità libiche hanno, inoltre, ricusato ufficialmente la Corte Penale Ìnternazionale come autorità
competente a giudicare ;aAf al-Islam per crimini contro l'umanità. Sempre sul fronte interno, si segnala che il CNT ha accolto le dimissioni di Abdelhakim
Belhadj da Presidente del Consiglio Militare di Tripoli.
Gli succederà il suo vice, :thman Salih . $elhadE intenderebbe dedicarsi alla vita politica e candidarsi alle prossime presidenziali. Un portavoce del
Ministero dell'Ìnterno ha affermato che due guardie in servizio nella sede del governo libico situato nel cuore di Tripoli sono rimaste uccise nel corso di un
attacco lanciato da alcuni ex rivoluzionari che chiedevano ricompense economiche per il loro operato durante la ribellione. )li assalitori hanno impiegato
armi leggere e di medio calibro, compresi cannoni anti-aerei.
Ìl governo aveva sospeso il pagamento ai rivoluzionari dopo aver rilevato brogli nella consegna dei compensi. Ìl portavoce del governo di
transizione, 0asir Al-Bani, durante una conferenza stampa tenutasi a Tripoli, ha specificato che la sospensione del pagamento delle ricompense ai ribelli
era stata temporanea, a causa delle molteplici falsificazioni nelle liste dei richiedenti. Ìl Ministro delle Finanze, >asan Zaqlan , ha deciso pertanto di
formare una commissione incaricata di gestire l'erogazione dei premi.
Ìl Ministero dell'Ìnterno, inoltre, ha riferito i dettagli del piano di ricostruzione dell'apparato di sicurezza, integrando nella sua gestione i ribelli, al fine di
migliorare il livello della sicurezza nel Paese.
#L S-.8#5#o E+.o*-o *-. 6’A5#on- E2'-.n! (SEAE), /3- !22#2'- at"erineA23'on , A6'o R!**.-2-n'!n'- ,-66! UE *-. "6# A<<!.# E2'-.# - 6! Po6#'#/! ,#
S#/+.-55!, 3! !**.o8!'o +n /on'.!''o ,! &% #6#on# ,# -+.o *-. 6’#n8#o ,# *-.2on!6- ,# 2#/+.-55! #n L#1#! 2o''o 6! 2+*-.8#2#on- ,# +n! /o*!"n#!
,# 2#/+.-55! *.#8!'! 1.#'!nn#/!, 6! G(S.
L'invio è stato effettuato senza l'approvazione delle autorità libiche. Ìl contratto prevede la fornitura di sicurezza ai funzionari libici e agli edifici dell'UE a
Tripoli e a Bengasi, per un periodo totale di quattro anni, a partire dal prossimo primo luglio. Ìnoltre, la UE ha autorizzato la G4S a trasportare armi in Libia,
per essere utilizzate nell'attività di sicurezza sul campo. Come mai si prevede atmosfera pesante a quattro anni data, mentre in Afganistan ÷ dove c'è la
guerra ÷ si prevede l'evacuazione tra sei mesi ?
Mentre l'intelligence britannico si finanzia la penetrazione coi fondi U E , che sono anche i nostri soldi, l' AÌSE ha destinato una trentina di nostri giovani e
inesperti agenti a supportare lo sforzo dell'ENÌ che aspira a mantenere la posizione privilegiata che aveva col passato regime di intesa Berlusconi-
Gheddafi.
Faranno tutto il possibile, ma non sanno fare il necessario
ondividi!
• Facebook 11
• LinkedIn
• Twitter
• E-mail
• Stampa
• Pocket

Articoli collegati
Mediterraneo: tutti protagonisti, tranne l'ÌtaliaÌn "antiterrorismo"
Libia - Bahrain- Giappone : le correlazioni pericolose (inglesi). Si può voler bombardare la Libia e restare amici del Bahrain, quando i comportamenti sono identici? E si
può subire un ulteriore salasso di cinquanta miliardi nell'area assicurativa in Giappone e restare una grande potenza? Analisi a cura di Antonio de MartiniÌn "Berlusconi"
AFRÌCA: ÌL KENÌA BOMBARDA LA SOMALÌA( O QUEL CHE NE RESTA)Ìn "antiterrorismo"
By !n'on#o/3-,#/-, on 2-''-1.- &2, 2%&2 !' 2)B( *, +n,-. !n'#'-..o.#2o, B-.6+2/on#, -/ono#! #n'-.n!5#on!6-, -6-5#on#, "+-..! !<"!n#2'!n, #n'-66#"-n/-, M-,#o O.#-n'-, Po6#'#/!
E2'-.!, '-..o.#2o. T!")A1, -6 H!0# B-63!MM#, !1!2/#!'o.- !-.#/!no #n L#1#!, !22!22#n#o ,#*6o!'#/o USA, !''-n'!'o !6 *.-2#,-n'- 2o!6o, H!2!n Z!96!n, M+!!.
G3-,,!<#, Ro,o6<o G.!5#!n#, S-.8#5#o E+.o*-o *-. 6LA5#on- E2'-.n!. = /o-n'#
T.!/01!/02 !.- /6o2-,, 1+' yo+ /!n *o2' ! /o-n'.
« COME ÌL PROBLEMA ÌDRÌCO ÌNFLUÌSCE SULLA GUERRA ÌN SÌRÌA ( dal post del 23 marzo 2011 ¨ la prossima guerra sarà per l'acqua¨). di Antonio
de Martini
ASPETTANDO ÌL PAPA A BEÌRUT: QUANTÌ SONO Ì CRÌSTÌANÌ DEL MONDO ARABO? di Antonio de Martini »
Commenti
• abrahammoriah On settembre 12, 2012 at 4:45 pm
Permalink | Rispondi
Ravenna, 12 settembre 2012
Come nel Medioevo l' ideologia della Res publica Christiana costituiva il momento identitario fondamentale ed il catalizzatore della mobilitazione delle
masse, nel XXÌ secolo, nel perimetro delle società postindustriali ( dopo il tramonto dei totalitarismi del XX secolo ) questo ruolo viene svolto dall' ideologia
democratica. E così come nel Medioevo, per mantenere una gerarchia ecclesiastica parissitaria attraverso la passiva sottomissione delle masse dei fedeli,
venivano forgiati i vari dogmi, oggi non c'è sommovimento dei paesi del terzo mondo che, per gli interessi dei gruppi economici internazionali, non venga
definito democratico e quindi meritevole d'aiuto. Sotto questo punto di vista, la natura angelicata dell' esportazione della democrazia trova nei contractor i
suoi interpreti più autentici e la dimostrazione di una nascosta "provvidenza¨ ( perchè ignorata o non debitamente valutata dai più ) che anima gli odierni
rapporti internazionali dei paesi democratici.
Massimo Morigi
• gicecca On settembre 12, 2012 at 6:45 pm
Permalink | Rispondi
Quali sono i "dogmi forgiati nel Medio Evo2 ? Non parliamo per favore del Purgatorio che non è un dogma. Perché si vuole sempre vedere alla base di tutto
(il male) di oggi il cattolicesimo, di cui poi si dice che ha perso ogni potere sulle masse ? La democrazia che già a Churchill appariva il meno peggio del
possibile, oggi soggiace a molti altri poteri che non risiedono più nel popolo, dal popolo per il popolo. Ìl fatto stesso che in Ìtalia si "debba¨ andare a votare
ma si faccia di tutto perché il risultato sia stabilito dopo il voto e non col voto, lo indica chiaramente. Spero ceh dai vari articoli di AdM sia apparso a più
d'uno come la "Primavera Araba¨ non sia stata e non sia affatto una primavera, cui seguono buon e abbondanti frutti, e non sia stata affatto "araba¨, ma con
alla base Paesi fondamentalmente di derivazione protestante e al meno gallicana. giC
o antoniochedice On settembre 12, 2012 at 7:01 pm
Permalink | Rispondi
Giusto Gic! Ìnoltre la religione c'entra come Ì cavoli a merenda ( solo in tempi di crisi?)
• abrahammoriah On settembre 12, 2012 at 9:26 pm
Permalink | Rispondi
Ì cavoli a merenda sono ottimi, fuor e dentro di metafora.
Massimo Morigi
o antoniochedice On settembre 12, 2012 at 9:27 pm
Permalink | Rispondi
Complimenti per come cucina la signora!
 abrahammoriah On settembre 12, 2012 at 9:35 pm
Permalink
Complimenti per i complimenti!
Massimo Morigi
• gicecca On settembre 13, 2012 at 6:35 am
Permalink | Rispondi
Oeri sera evidentemente avevo bevuto e ho scritto qualche sciocchezza sul Purgatorio. Ma, come dice AdM, la religione non c entra. Da cattolico peccatore
faccio penitenza e per un po di giorni non scrivo, evitando cosi altre scemenze. giC
Rispondi
I+ C;RRI)R) 8)++B C;++)RB 3L
()>>)GR) 1231
OBAMA DESEGRETA LA DIRETTIDA PRESIDENZIALE PD C<
SULLA GUERRA NUCLEARE: SORPRESA: ) .IRMATA DAL
PRESIDENTE CARTER 0 PREDEDE L’ATTACCO ALLA RUSSIA E LE
RAGIONI SONO SEMPRE MEDIO ORIENTE E CORNO D’A.RICA: di
Ant"ni" de Martini
Continua la politica / attribuibile a ;bama *- di divulgazione mirata di documenti del passato
suscettibili di influenzare la politica attuale e in particolare la campagna elettorale$
8opo la botta a Israele della pubblicazione dei collo%ui israelo americani che precedettero la strage
di (abra e Chatila, ecco il colpo ai Russi sotto forma della pubblicazione di un documento finora
gelosamente custodito$
Il 9ational (ecurit& Brchive del 7overno degli (tati Dniti, ha tolto il vincolo di segretezza alla
58=L la ” 5residential 8irective =L “che esamina la prospettiva di una guerra nucleare con l’DR(($
Il documento, rintracciabile sul sito Xeb della 7eorgetoQn Dniversit& nella pagina del D( 9ational
(ecurit& Brchive, consente per la prima volta di apprendere ufficialmente il pensiero strategico dei
responsabili americani in materia di guerra nucleare$
(e non ho capito male, lo (tato aggiore D(B, contrariamente a %uanto propalato ai media
anteriormente, non prevedeva tanto il bombardamento di citt# , idea %uesta che ha favorito il
crescere dell’isterismo atomico tra le popolazioni - , %uanto un processo di identificazione e
distruzione di obiettivi s%uisitamente nucleari e militari / e industrie e installazioni collegate / sia
fissi che mobili grazie a sistemi di intelligence Fi >ech e di attenta valutazione dei risultati$
7i# nel luglio 3L?2 , anno di stesura e firma del documento sotto la 5residenza di Simm& Carter , si
parlava di ” precisione chirurgica” nel cogliere gli obbiettivi$
+a parte a mio avviso più interessante del documento ' %uella del commento archivistico che
afferma che “la filosofia di base non ' granch" cambiata da allora” , anche se il 5residente ;bama ”
ha posto come obbiettivo della sua presidenza un mondo libero dal nucleare”$
In%uietante la seconda considerazione, consistente nel contesto di guerra fredda in cui ' maturata la
58=L ” l’invasione dell’Bfganistan da parte dei sovietici, una maggiore instabilit# del edio
;riente, diritti umani, Corno d’Bfrica e earlier strains over China polic&” e il tema degli
)uromissili$
Il messaggio mi sembra chiarissimo ed ' una constatazione- avvertimento! i problemi sul tappeto
sono gli stessi della guerra fredda, la dottrina nucleare ' identica$ per aggiornare il documento basta
cambiare il nome del destinatario delle bombe da DR(( a Russia$
Condividi:
• Facebook 9
• LinkedIn
• Twitter
• E-mail
• Stampa
• Pocket

Articoli collegati
8;CD)9>; )(C+D(IE;! +) 5R)EI(I;9I I9 >D>>I I CB5I 8)+ 7;E)R9; B)RICB9; B >D>>; I+ 1202 cIn IantiterrorismoI
H;R)I79 5;+I>IC( 5DGG+ICB D9 8;CD)9>; CF) BCCD(B 7+I D(B 8I B+)9; C;5+ICI>[ 9)++YD(; 8)I 7B( 8B 5BR>) 8I (B88B FD(()I9$In
Icrimini di guerraI
;GBB 5D9I(C) I(RB)+)$ I (FBR;9 FB ;R8I9B>; ) E;+D>; +B (>RB7) 8I (BGRB ) CFB>I+B, I97B99B98; 7+I D$($B$I () 9)>B9JBD 9;9 +B(CIB,
;GBB 5;>R)GG) RI9CBRBR) +B 8;() C;9 D9YB+>RB BCCD(B >)RRIGI+)! +YD(; 8)I 7B($ di Bntonio de artiniIn IamericaneI
BK ant"ni"c*edice0 "n settem&re ;<0 =>;= at C:;N am0 %nder '%erra a-'anistan0 intei'ence0Medi" Oriente0 P"itica
Estera0 St"ria: Ta':Bara/ O&ama0 eeGi"ni americane0 6immK Carter0Nati"na sec%ritK arci(esc"("0 #"itica n%ceare
USA0 Presidentia Directi(e C<: < c"mmenti
Trac/&ac/s are c"sed0 &%t K"% can #"st a c"mment:
A ;GBB 5D9I(C) I(RB)+)$ ” (FBR;9 FB ;R8I9B>; ) E;+D>; +B (>RB7) 8I (BGRB ) CFB>I+B,
I97B99B98; 7+I D$($B$” () 9)>B9JBD 9;9 +B(CIB, ;GBB 5;>R)GG) RI9CBRBR) +B 8;() C;9
D9’B+>RB BCCD(B >)RRIGI+)! +’D(; 8)I 7B($ di Bntonio de artini
C;) ;>>)9)R) 9D;EI CB5I>B+I ()9ZB E)98)R) I+ 5B>RI;9I;! GB(>B CF) D9B B7)9ZIB +;
;HHRB I9 7BRB9ZIB! 5BR;+B 8I 5B;+; (BE;9B$ K
Commenti
• abrahammoriah On settembre 19, 2012 at 8:33 am
Permalink | Rispondi
19 settembre 2012
Questo significa che la dottrina del MAD, acronimo che sta per mutual assured destruction, in realtà non ha avuto, almeno a partire dall'amministrazione
Carter fino ad oggi, molto credito presso il complesso militare industriale statunitense. Ìnteressante quindi chiedersi perché ciò non fosse di pubblico
dominio non solo all'opinione pubblica statunitense e a quelle degli altri paesi democratici. Una risposta potrebbe essere che l'esplicito abbandono del MAD
avrebbe potuto avere gravi conseguenze sulla deterrenza nucleare da esercitare contro il blocco sovietico ( ma tutto ciò non sembra molto credibile, per il
semplice motivo che è assai inverosimile che l'Unione sovietica non fosse a conoscenza del discredito in cui era caduto la MAD ). Una interpretazione che
si presenta invece più interessante è che la distruzione nucleare vicendevolmente sicura abbia rappresentato un utilissimo spauracchio per il
"disciplinamento¨ delle masse democratiche e per non contestare il complesso militare industriale dei vari paesi democratici. Se dal punto di vista storico
siamo in presenza quindi di un interessantissimo campo di ricerca, ancora più interessante è il problema politologico ( o filosofico-politico, se si vuole ) che
si pone: la democrazia non è concepibile senza una completa e chiara informazione ma questa completa e chiara informazione confligge direttamente con
la possibilità di conferire stabilità ad un qualsiasi regime politico, democratico o autoritario che essa sia. Un problema vecchio come il mondo e che la
modernità delle democrazie di massa non ha portato alcun contributo per la sua soluzione.
Massimo Morigi
• imbuteria On settembre 19, 2012 at 6:47 pm
Permalink | Rispondi
Reblogged this on Ìmbuteria's Blog.
• antoniochedice On novembre 11, 2013 at 9:11 pm
Permalink | Rispondi
L'ha ribloggato su ÌL CORRÌERE DELLA COLLERA.
• Francesco On gennaio 9, 2014 at 3:43 pm
Permalink | Rispondi
nel frattempo pare che Putin promette una forte reazione in Medio Oriente in contrasto ai Sauditi. Pare che sia intenzionato a presentare una risoluzione
all'ONU in cui qualifica l'Arabia Saudita come stato terrorista a proposito degli attentati ceceni di questi giorni.
(http://www.manartv.com.lb/spanish/adetails.php?eid=49300&cid=25&fromval=1&frid=25&seccatid=43&s1=1 )
o Francesco On gennaio 9, 2014 at 3:46 pm
Permalink | Rispondi
(chiedo scusa, nel copia-incolla non mi sono avveduto del primo "pare che¨ di troppo)
• Alberto Zignani On gennaio 9, 2014 at 6:59 pm
Permalink | Rispondi
Bisogna tenere presenti le date. La "Presidential Directive 59¨ viene elaborata e firmata nel luglio 1980. A quella data la MAD era semplicemente già stata
sostituita dalla cosiddetta "doppia decisione¨ del 1979, a seguito della quale la NATO aveva deciso di schierare in Europa quasi 600 missili nucleari a medio
raggio statunitensi (464 Cruise e 108 Pershing2), dotati di una gittata di circa 5.000 km. sufficiente a colpire l'Unione Sovietica. E ciò in risposta ai missili
SS-20 che il Patto di Varsavia aveva iniziato a schierare sin dal 1977. Da notare che gli SS-20 erano costruiti in modo tale da essere perfettamente
riconoscibili al momento del lancio. E poiché la loro gittata era noto fosse di circa 5.000 km., sarebbe stato evidente che essi avrebbero potuto colpire
l'Europa, ma non gli USA. Questa nuova situazione aveva dato vita al seguente dilemma: avrebbero gli USA avuto la "forza¨ di avviare la "risposta
flessibile¨ e quindi, quale "estrema ratio¨, di scatenare la MAD, sapendo che quei missili non avrebbero mai potuto colpire il loro territorio? Gli Usa
rispondevano di sì, ma gli alleati europei ne erano fortemente dubbiosi. Allora, nel 1979, su pressione del cancelliere socialdemocratico tedesco Helmut
Schmidt, era stato deciso di schierare i cosiddetti euromissili, con ciò ponendo in "seconda battuta¨ la "risposta flessibile¨ su cui si era esclusivamente
basata, fino a quel momento, la deterrenza nucleare della NATO. Se il Patto di Varsavia avesse lanciato gli SS-20, la Nato avrebbe risposto con gli
euromissili. Se il Patto di Varsavia avesse lanciato i missili intercontinentali, sarebbe scattata la "risposta flessibile¨ la cui ultima istanza sarebbe stata la
MAD. Ìn tal modo veniva scongiurato il pericolo di "decoupling¨ nucleare, cui evidentemente mirava lo schieramento degli SS-20. E tutto questo, non solo
era perfettamente noto ai Paesi membri della NATO, ma da alcuni di essi (l'Ìtalia in primis) era stato fortemente voluto. Tutto qui. Ogni altra illazione relativa
al complesso militare-industriale o al "disciplinamento¨ delle masse democratiche mi sembra fuori luogo.
• antoniochedice On gennaio 9, 2014 at 10:28 pm
Permalink | Rispondi
L'autorevolissimo commento di Alberto Zignani ÷ già segretario generale del ministero della Difesa ÷ porta una parola definitiva sul tema MAD- Difesa
flessibile.
• antoniochedice On gennaio 9, 2014 at 10:39 pm
Permalink | Rispondi
A Francesco. Ìl sito Al Manar di cui hai fornito il link è un sito vicino all'Hezbollah libanese. Va detto per completezza di informazione. vale la pena far..Va
anche fatto notare a mio avviso, che è nella versione di lingua spagnola. La versione di lingua italiana evidentemente non
• antoniochedice On gennaio 9, 2014 at 10:40 pm
Permalink | Rispondi
vale la pena farla..
Conflitti e strategie 1L giugno 1234
PER UN RECUPERO DELLE PREROGATI7E DELLO STATO NAZIONALE ITALIANO, PER LA
SAL7AGUARDIA DELLA INTEGRITA’ DEL PAESE, 7ERSO UNA POSIZIONE DI NEUTRALITA’ 7IGILE
Scritto da: Giuseppe Germinario (03/05/2014)
Share on facebook Share on twitter Share on email Share on pinterest_share More Sharing Services 4
Sottoponiamo ai nostri lettori un documento elaborato dalla redazione, pochi mesi fa, in occasione di un incontro con alcuni blogger tenutosi a
Roma. L'obbiettivo è quello di fornire una base comune di discussione e di confronto che punti quantomeno alla definizione di alcuni punti
condivisi di analisi ed indirizzo politico.
$:F0A L(??:RA
PER UN RECUPERO DELLE PREROGATI7E DELLO STATO NAZIONALE ITALIANO, PER LA SAL7AGUARDIA DELLA INTEGRITA’ DEL
PAESE, 7ERSO UNA POSIZIONE DI NEUTRALITA’ 7IGILE
Ìl crollo del sistema di dominio bipolare, avvenuto ormai più di venti anni fa, ha travolto definitivamente ogni rappresentazione dualistica con la
quale si è cercato di ingabbiare la complessità dei conflitti sociali e soprattutto dei rapporti tra centri strategici, stati e i loro sistemi di alleanze.
L'implosione dell'Unione Sovietica ha creato una situazione di sbilanciamento degli assetti globali e conseguentemente, in un contesto di ancora
evidente prevalenza americana, allargato le maglie attraverso le quali tentano di riemergere e assurgere a un ruolo di potenza nuovi paesi in
particolare del continente euroasiatico e in minor misura latino-americano.
Ì conflitti sempre più evidenti tra le maggiori potenze, pur in un quadro di ancora conclamato squilibrio dei rapporti di forze, trovano continuo e
progressivo alimento e occasione di esercizio dal riemergere, in diverse regioni del mondo, di rivendicazioni identitarie, di conflitti storici ed
esigenze di emancipazione in qualche maniera sopiti o addomesticati per quarant'anni nella gabbia bipolare tessuta alla fine della seconda
guerra mondiale.
Uno dei focolai più virulenti in cui si sta concentrando la conflittualità riguarda la fascia che parte dal Nord-Africa, passa per il Grande Medio
Oriente e si insinua in Europa tra i paesi balcanici e l'estremo oriente europeo.
Ìl ruolo svolto dall'Unione Europea, con il suo allargamento e il suo processo di integrazione economica, è stato e continua ad essere del tutto
complementare alle mire espansionistiche della NATO in funzione antirussa consentendo di conciliare, al momento e presumibilmente per un
lungo periodo, le mire di potenza regionale della Germania con quelle strategiche statunitensi con il corollario del neointerventismo
francobritannico.
Contrariamente ai fini dichiarati, le attuali politiche dell'Unione Europea stanno accentuando drammaticamente gli squilibri tra i paesi e
contribuendo a formare almeno tre aree geopolitiche divergenti delle quali, quella mediterranea rappresenta il ventre molle e la componente
meno strutturata ma più esposta agli sconvolgimenti e all'instabilità attuale delle regioni nord africane.
La collocazione strategica al centro del Mediterraneo, la residua ricchezza del proprio patrimonio industriale e produttivo uniti alla
frammentazione istituzionale, alla debolezza e supina subordinazione dei centri strategici in pressoché tutti gli ambiti della società e alla
pochezza del ceto politico fanno sempre più del nostro paese un possibile campo di azione e appropriazione nonché strumento docile di
intervento di interessi e strategie di forze esterne, spesso contrastanti con gli interessi strategici del paese anche nelle zone più remote.
Forte della propria collocazione geografica, del proprio residuo potenziale economico e della tradizione di rapporti sopravvissuti alla sciagura
dell'intervento militare in Libia e nella ex-Jugoslavia, con le aree circostanti in particolare nell'area adriatica e mediterranea, l'Ìtalia può svolgere
un ruolo autonomo significativo orientato alla risoluzione positiva dei conflitti e alla creazione di un contesto che possa allargare rapporti oggi
preclusi e garantire lo sviluppo economico e sociale del paese.
Un ruolo autonomo che strappi il paese fuori dalle sciagurate avventure militari di questo ventennio e dalle prossime che stanno maturando.
Un ruolo autonomo che deve essere il frutto della formazione di una nuova classe dirigente nazionale capace di creare le risorse e le strutture
necessarie a dare alimento a queste politiche ma che, per affermarsi compiutamente, deve saper cogliere realisticamente le occasioni offerte da
eventuali variazioni di contesto interni al paese dominante e da una situazione internazionale più incerta.
Diventa, quindi, fondamentale puntare a:
• La riaffermazione e ridefinizione del ruolo dello stato nazionale, di recupero di prerogative, comprese quelle economico-finanziarie, e
di una sua intrinseca autorevolezza che puntino a favorire la crescita e la salvaguardia dell'integrità del paese in una fase di esaurimento
dell'unipolarismo
• La ricostruzione prioritaria, sulla base della crisi e della destrutturazione degli attuali schieramenti politici, dei gruppi dirigenti in grado
di dare prospettive e plasmare l'identità della formazione sociale sulla base di un riorientamento degli interessi e di nuove regole di governo,
nonché capaci di individuare, in particolare tra i ceti professionali e direttivi, i referenti in grado di coagulare le forze necessarie a garantire il
successo della svolta
• La riorganizzazione degli apparati statali e governativi con la ridefinizione delle gerarchie di competenze, sovranità e rappresentatività,
compreso l'attuale assetto delle regioni e il loro rapporto con lo stato centrale, in modo da garantire efficienza, snellezza e legittimità alle scelte
politiche necessarie e una struttura burocratica più agile in cui sia riconosciuta una migliore corrispondenza tra responsabilità, competenze e
retribuzioni
• La rivisitazione dei rapporti di alleanza e cooperazione come fondamento delle relazioni con i paesi europei, eurasiatici e mediterranei
attraverso la coltivazione prevalente di rapporti bilaterali tra i paesi rispetto all'attuale prevalenza del principio del multilateralismo, veicolo
ottimale di affermazione degli attuali assetti.
La salvaguardia delle prerogative nazionali comporta per tanto la necessità di creazione autonoma di risorse economiche e di potenziamento del
proprio apparato produttivo e di servizi con:
i) Ìl controllo, la salvaguardia e lo sviluppo delle attività ed industrie strategiche (energia, tecnologie di punta, complesso militare, industria
legata alle infrastrutture vitali del paese, ricerca scientifica e sviluppo tecnologico rivolti all'innovazione e all'efficienza, agricoltura)
ii) Lo sviluppo di una economia (industria di prodotti di consumi civili, turismo, beni culturali, servizi, ect) tesa a garantire equilibrio economico,
promozione e riconoscimento sociale, equità scevra da assistenzialismo, e benessere; sulla base di questo ricostruire uno stato sociale più forte
e più calibrato sulla base di incentivi e politiche attive e una condizione di maggiore sicurezza interna e controllo dei flussi migratori
iii) La riorganizzazione delle politiche formative, assistenziali e redistributive del paese finalizzate all'occupazione e al riconoscimento
professionale
Si tratta, quindi, di riguadagnare progressivamente un ruolo attivo ed importante di leadership a tutti i livelli sfruttando il potenziale di risorse del
paese e riconfigurando le attuali limitazioni esterne, in particolare l'Unione Europea.
Diventa, quindi, propedeutica ed essenziale:
• La pubblicizzazione, per altro prevista dalle leggi correnti e rivisitazione degli accordi bilaterali e multilaterali, militari e politico-
diplomatici in corso
• L'eventuale reintroduzione dell'esercito di leva affiancato e integrato con i reparti specializzati
• La revisione dei trattati europei che porti a:
1. Regolamentare e controllare la libera circolazione dei capitali finanziari in maniera da incentivare le competenze tecnologiche e le
capacità imprenditoriali e gestionali
2. Rendere possibile l'attuazione di una politica industriale che favorisca la collaborazione paritetica dei grandi complessi industriali
nazionali nei settori strategici e inneschi processi di effettiva industrializzazione nelle aree depresse tali da sviluppare con il radicamento in loco
dei centri decisionali strategici le capacità imprenditoriali e gestionali
3. Ricondurre le politiche regionali a politiche industriali nazionali e adeguare i criteri di finanziamento europei a questa ottica
4. Ricondurre le politiche di collaborazione e integrazione regionale europea al controllo degli stati nazionali in collaborazione tra essi
5. Riorganizzare e controllare le attuali strutture amministrative europee basate esplicitamente al momento su rapporti di tipo lobbistico e
su criteri diversi secondo i referenti nazionali; un processo che richiede la dissoluzione dell'attuale architettura istituzionale europeistica
6. Puntare a nuovi trattati e accordi con i paesi limitrofi alla nostra realtà in modo da bilanciare la progressiva concentrazione delle
risorse europee nell'Europa centrorientale
Sulla base di questi punti è necessario valutare in modo serio la questione dell'uscita dal sistema di moneta unica (euro).
La coesione di una formazione sociale e la salvaguardia delle condizioni di vita degli strati popolari e intermedi dipendono dalla salvaguardia e
riorganizzazione del welfare e queste, sempre più, dalla solidità e dall'autorevolezza delle strutture del paese e dalla solidità di una economia
nazionale ben integrata ed equilibrata, dal ridimensionamento politico ed dalla ricollocazione economica dei settori più subordinati agli interessi
dei paesi dominanti presenti nelle istituzioni e nei centri nevralgici del paese.
Ìl presente documento e manifesto ha l'ambizione di definire quelle coordinate che consentano la creazione e sviluppo rapidi di una piattaforma
comune sulla quale gruppi o singole persone possano offrire il proprio contributo di analisi e proposte sino a determinare un terreno favorevole
alla nascita di una o più formazioni politiche capaci di sostenere, perseguire e conseguire gli obbiettivi enunciati così urgenti rispetto all'attuale
condizione del paese.
4
Share on facebook Share on google Share on twitter Share on email More Sharing Services 4
# comments to $%&' () '&(%&'* +&LL& %'&'*,ATI-& +&LL* .TAT*
)A/I*)AL& ITALIA)*0 %&' LA .AL-A,(A'+IA +&LLA I)T&,'ITA’ +&L %A&.&0
-&'.* ()A %*.I/I*)& +I )&(T'ALITA’ -I,IL&1
1. A.0!,#y Z. Says:
maggio 4, 2014 at 2:10 pm
E' chiaro che la presenza di una formazione che abbia a cuore la prosperità della comunità nazionale sarebbe un toccasana,
anzi, ÌL toccasana. Ma contemporaneamente sarebbe come si è già ripetutamente visto da Mattei ai giorni nostri la cosa più
avversata dal Potere globale. Ìn ogni caso la prospettiva rimane quanto mai lontana dal momento che queste istanze ed ideali
sono presenti solo in partiti largamente minoritari e in nessuno dei partiti maggiori compreso quello più "nuovo¨. A livello di
opinione pubblica ormai perfettamente indottrinata e rincitrullita da mezzi di informazione altrettanto omologati queste idee sono
poi del tutto assenti. No, questa è l'ora dei proconsoli o zelanti kapo' esecutori di ordini e desideri altrui sia in Ìtalia che in ogni
altro Paese (colonia) chiave dell'Europa. Questo è il massimo che ci è concesso. Riuscite forse a rilevare significative differenze
tra i vari "centrosinistra¨ o "centrodestra¨ che si avvicendano al governo dei vari Paesi della UE? Vi sembra che un Hollande sia
diverso da un Sarkosy o da una Merkel o da un Renzi o dalle mille altre figure simili che con sigle diverse popolano governi ed
istituzioni? Vi sembra ad esempio che il PSE o il PPE siano davvero diversi e contrapposti?
2. G2 Says:
maggio 4, 2014 at 2:25 pm
ok ma
probabilmente sara' perche' ho dato solo una scorsa rapida ( sono infatti oramai saturo di tutte queste "prediche inutili¨) ma non
mi sembra di aver visto , almeno come elemento PRÌMARÌO .
R#D,!.- !66! 2'!'o #6 MONOPOLIO ,-66! /.-!5#on- ,-6 /.-,#'o
altrimenti, mi dispiace , ma rimarra' tutto ¨ willing thinking¨ .
3. G#!n<.!n/o L! G.!22! Says:
maggio 5, 2014 at 10:29 am
http://www.ilgiornale.it/news/interni/lira-degli-agenti-sotto-attacco-e-i-politici-si-godono-show-1016297.html
Sta per saltare il tappo? Difficile ancora dirlo. Certo che ormai le sedicenti istituzioni non sanno più come agire, sbagliano una
mossa dopo l'altra. E ho la sensazione che il disprezzo per questo inesistente ceto politico cresca. Ìn ogni caso, non mi sembra
che i "consiglieri Usa¨ di Renzi siano in grado di guidare una simile banda di mentecatti e quaquaraqua. Ammesso che questi
consiglieri siano dei geni. Mi sembra che anche gli Stati Uniti dell'Amministrazione Obama non siano tanto brillanti. Hanno la
fortuna di trovarsi di fronte sul piano internazionale una Russia che appare troppo incerta (immagino per problemi interni più che
per vera debolezza). Tuttavia, la sensazione è di trovarsi oggi di fronte ad una impasse politica dell'intero "occidente¨, che non
ha gruppi dirigenti adeguati nemmeno nel portare avanti e ben concludere gli atti criminali che si stanno svolgendo in ogni
scacchiere mondiale. Un vero disastro "epocale¨, che si accompagna ad una ormai ben realizzata desertificazione del
panorama culturale. Nessuna salvezza senza un vero tsunami che travolga ed elimini l'intero ceto politico e intellettuale; intanto
europeo (e italiano in primo luogo). Poi affrontare il problema delle "strutture economiche¨; e non semplicemente dei "poteri
finanziari¨, l'aspetto più superficiale del problema e il più semplice su cui organizzare sterili proteste, che non intaccano i veri
poteri dei delinquenti in azione in questo "occidente¨. Ci si prepari ad odiare fortemente e... a compiere tutto ciò che ne
seguirà!
4. G#!n/!.6o Says:
maggio 5, 2014 at 1:38 pm
Bene, letto il manifesto, tutto OK, ma ne ho letti decine simili, GLG dice giustamente prepariamoci ad odiare, sono decine di
anni che odio, sono decine di anni che abbiamo capito, grazie anche a GLG, come vanno le cose, ma siamo sempre allo stesso
punto: che fare? C'è qualche Lenin o qualche Robespierre all'orizzonte? Non mi pare, mi sembra che l'unica cosa da fare sia
scommettere su quando avverrà il crollo totale, perchè avverrà, altro non mi pare si possa fare.
5. M!22#o Mo.#"# Says:
giugno 29, 2014 at 9:27 pm
29 giugno 2014
Concordo in toto col documento redatto da Germinario, l'unico 'piccolo' problema riguarda la creazione del soggetto
rivoluzionario per tradurre in una coerente ed efficace azione politica questa impeccabile analisi. L'Ìtalia attuale è quella di Renzi
della partita di giro degli ottanta euro al mese, disposta a prostituirsi e a farsi prendere per i fondelli per un'elemosina che dovrà
essere restituita ÷ come è già iniziato ÷ con gli interessi. Ma proprio per questo forse siamo giunti all'ultimo giro di valzer e il
documento "Per un recupero delle prerogative dello stato nazionale¨ costituisce la fondamentale piattaforma programmatica per
l'auspicabile nuova fase rivoluzionaria.
Massimo Morigi
6. P-. +n .-/+*-.o ,-66- *.-.o"!'#8- ,-66o 2'!'o n!5#on!6- #'!6#!no Says:
giugno 30, 2014 at 10:25 am
[.] [.]
Lascia un commento
You must be logged in to post a comment.
----------------------------------------------
1. a!!imo ori"i il 18/07/2014 alle 15:37 !cri#e$
PR% &%'( RE P')LI*( (E+IFI*(&+(, (I*IS ITT% -REP.))LI*(&ESI% /E%P%LITI*%0$
1ttp$22corrieredellacollera.com223132112242alla-ricerca-della-identita-italiana-dialo"o-tra-mori"i-e-!te5anini
1ttp$22corrieredellacollera.com223132112232alla-ricerca-dellidentita-italiana-di-ma!!imo-mori"i2
1ttp$22corrieredellacollera.com223132112142dal-po!t-del-19-"ennaio-2313-6n-altro-errore-economico-c1e-1a-pro#ocato-di!occ6pati-a-
milioni-!en7a-pro##edimenti-a-carico-dei-re!pon!abili-perc1e-i-!indacati-non-rea"i!cono2
(SSI% %RI/I
Ri!pondi 8
o adminil 21/07/2014 alle 18:24 !cri#e$
Si rin"ra7ia il pro5. ori"i per i contrib6ti !6""eriti c1e conten"ono di#er!i e intere!!anti ri9e!!ioni e c1e rappre!entano anc1e
l0occa!ione per preci!are il no!tro pen!iero !6l rep6bblicane!imo.
Il !6cce!!o ri!co!!o nella c6lt6ra an"lo!a!!one da"li !torici contemporanei del rep6bblicane!imo :a partire da Pocock, Skinner e Pettit; !i
< !#il6ppato in almeno tre dimen!ioni. Il rep6bblicane!imo, da =lone !torio"ra=co c1e identi=ca 6na tradi7ione ideale, < !tato 6tili77ato
anc1e come criterio alternati#o di lett6ra della !toria moderna e, nella !6a acce7ione pi> ampia, come ba!e ideolo"ica di 6na n6o#a
pro!petti#a politica. E ?6e!to perc1@ il rep6bblicane!imo attra#er!o l06!o di cate"orie =lo!o=c1e ade"6ate :6n0idea di libertA non
6ni#oca ma in ?6alc1e modo 6nitaria; rie!ce a 5ornire 6na lett6ra di a!petti deci!i#i della modernitA :la !toria come pro"re!!i#a
aBerma7ione della libertA; oBrendo co!C lo !tr6mento per approcci 56t6ri :?6ale libertA "arantire ai cittadini, ?6ali meccani!mi di
controllo adottare nei con5ronti del potere;. Proprio a ?6e!t06ltimo a!petto !embra ri5erir!i il pro5. ori"i nei te!ti !6""eriti. S6l criterio di
lett6ra della !toria e !6lla pro!petti#a politica del rep6bblicane!imo non mancano interpreta7ioni tenden7ialmente =nali!tic1e c1e non
po!!ono non !6!citare 5orti perple!!itA per il loro carattere intrin!ecamente a!!ol6ti!ta.
In5atti, il !6cce!!o otten6to dal rep6bblicane!imo in (merica 1a 5atto !C c1e e!!o tenda a tra!5ormar!i in 6n contenitore co!C lar"o da
incl6dere molte conce7ioni di#er!e e per!ino contra!tanti. In ?6e!to =lone !torio"ra=co, e !opratt6tto nei !6oi !#il6ppi politici, 1anno
tentato di in!erir!i interpreta7ioni molto di#er!e, !ia po!tmarDi!te c1e 5rancamente di de!tra. &oi riteniamo c1e il rep6bblicane!imo
apparten"a ad 6na c6lt6ra di !ini!tra non marDi!ta co!C come la de=ni#a )obbio. +6e e!!en7ialmente i criteri di incl6!ione da 6tili77are
per 6na identi=ca7ione pi> !eletti#a delle teorie rep6bblicane. Innan7it6tto l0idea di libertA alla ?6ale !i 5a ri5erimento. In !econdo l6o"o
la po!iti#itA del con9itto come !tr6mento e!!en7iale di a!!e!tamento de"li e?6ilibri politici !6 li#elli !empre pi> rappre!entati#i della
comple!!itA !ociale. &on !i tratta di criteri a!tratti. (d e!empio, proprio per di!c6tere 6n a!petto trattato dal pro5. ori"i, il primo
con9itto mondiale 56 interpretato dai ma77iniani come 6ltimo atto del Ri!or"imento o##ero di ?6el proce!!o di co!tr67ione di 6na
com6nitA al c6i interno !olamente p6E reali77ar!i l06omo. L06nitA della patria come co!tr67ione di 6na com6nitA, non come !pa7io #itale.
( ?6e!to a!petto po!iti#o della libertA :l06nitA della patria; il ma77ianiane!imo 5ace#a !e"6ire altri elementi c1e po!!ono e!!ere
interpretati in termini di acce7ione ne"ati#a :l0indipenden7a della na7ione e l0emancipa7ione !ociale;. In!omma, nel rep6bblicane!imo,
"li elementi po!iti#i e ?6elli ne"ati#i della libertA non #anno inte!i in parallelo ma !econdo la !6cce!!ione ma77iniana :6nitA della patria,
indipenden7a della na7ione, ri!catto !ociale;. F6e!to il no!tro con#incimento.
&ei te!ti propo!ti dal pro5. ori"i #iene molto #alori77ata la radice tede!ca del rep6bblicane!imo ed inoltre !i pone la ?6e!tione
dell0irre!pon!abilitA dei poteri economico-=nan7iari. S6 ?6e!to ar"omento, ricond6cibile alla conce7ione dell0acco6ntabilitG
an"lo!a!!one, < !tata propo!ta 6na prima ri9e!!ione all0indiri77o
1ttp$22www.democra7iap6ra.alter#i!ta.or"2Hpa"eIidJ2K31
Ri!pondi 8
2. a!!imo ori"i il 22/07/2014 alle 00:51 !cri#e$
22 l6"lio 231L
Rin"ra7io M+emocra7ia P6raN per l0atten7ione pre!tata al Rep6bblicane!imo "eopolitico e ?6e!ta corte!ia mi 5arebbe ?6a!i di!!6adere
dal ribattere ad alc6ne o!!er#a7ioni a#an7ate. T6tta#ia non per polemica ma a p6ro titolo di corte!ia e per la cre!cita di 6na rinno#ata
c6lt6ra della Re! P6blica < mio con#incimento ?6anto !e"6e$ 1; O #ero nel rep6bblicane!imo "eopolitico Mnon mancano interpreta7ioni
tenden7ialmente =nali!tic1eN an7i, per e!!ere ancora pi> c1iari, il rep6bblicane!imo "eopolitico < totalmente =nali!tico, come del re!to
erano =nali!ti (ri!totele, Platone, ac1ia#elli per =nire con a77ini. Sen7a #oler a ?6e!to p6nto ripercorrere la !toria della =lo!o=a e
della =lo!o=a politica, l0abbandono delle !pie"a7ioni =nali!tic1e < 6no dei "randi #6ln6! della no!tra di!"ra7iata modernitA. .n di!a!tro
politico-c6lt6rale c1e limitandoci alle !cien7e politic1e, !olo recentemente, dopo l0ecli!!e dell0ideali!mo, !i cerca di rimediare dal p6nto
di #i!ta teorico :#edi il co!tr6tti#i!mo di (leDander Pendt e #edi anc1e, !6l terreno dello !contro politico interna7ionale, il concreto
m6o#er!i nell0arena interna7ionale dei "randi a"enti !trate"ici, i ?6ali peraltro 1anno da !empre 6na #i!ione =nali!tica e !trate"ica della
lotta politica;. In!omma, !e #o"liamo e!!ere pro#ocatori =no in 5ondo, !arebbe me"lio per t6tti c1e, !e p6r con i do#6ti onori, i #ari Qant
e Popper non 5o!!ero #i!ti come le 6ltime ta#ole della le""e ma 5o!!ero in?6adrati, p6r nella "rande77a arc1itettonica del loro pen!iero,
nella pro!petti#a della cri!i e del 5allimento del pen!iero liberale. L0in5erno < la!tricato di b6one inten7ioni e limitandoci ad 6na
pro!petti#a meramente =lo!o=ca, ma con immediate ed e#identi ricad6te anc1e !6lla !5era politica, la !ta7ione =nale di ?6e!ta linea di
pen!iero di tipo meccanici!ta < Mil n0G a pa! de 1or!-teDteN po!t!moderni!ta di +errida. 2; Secondo )obbio il rep6bblicane!imo
apparterrebbe ad 6na c6lt6ra di !ini!tra non marDi!ta. (ncora 6na #olta, non intendo !cendere nel detta"lio e ?6indi non #o"lio ora
di!c6tere dal p6nto di #i!ta !torico ?6e!ta aBerma7ione ma, dal p6nto di #i!ta di 6n rinno#amento teoretico ed a!!iolo"ico del
rep6bblicane!imo, in#ito caldamente a dimenticare t6tti i l6o"1i com6ni del Secolo bre#e. Fino a non molto tempo 5a, in ambiente
rep6bblicano !i dice#a c1e la cad6ta del 6ro di )erlino !i"ni=ca#a 6na !ola co!a$ a77ini a#e#a #into e arD a#e#a per!o. In realtA o""i
#ediamo c1e 1anno per!o t6tti e d6e, a meno c1e non !i "i6dic1i l0 Mirre!pon!abilitAN de"li a"enti !trate"ici economico-=nan7iari :in
realtA il loro pieno e totale potere e pre#arica7ione !6i popoli e !6lle i!tit67ioni rappre!entati#e da e!!i eletti; come 6na !orta di
!in"olare bi77arria della !toria e non come il #ero Mc6ore di tenebraN della no!tra epoca.
In amici7ia e per il contrib6to al dibattito
a!!imo ori"i
Ri!pondi 8
o adminil 22/07/2014 alle 09:10 !cri#e$
Si rin"ra7ia il Pro5. ori"i per l06lteriore contrib6to alla ri9e!!ione. .na preci!a7ione !6lla cita7ione di )obbio c1e e#identemente
abbiamo e!pre!!o in modo e?6i#oco. 'ole#amo ri5erirci alla de=ni7ione c1e )obbio diede di de!tra e !ini!tra. &on intende#amo attrib6ire
a )obbio la colloca7ione del rep6bblicane!imo nell0ambito della c6lt6ra di !ini!tra. F6e!to < !olo il no!tro pen!iero.
Ri!pondi 8
11111111111111111111111111111111111111
1. Massimo Morigi il 18/07/2014 alle 15:37 scrive:
PRO NOVA RE PVBLICA AEDIFICANDA, AMICIS MITTO ‘REPUBBLICANESIMO GEOPOLITICO’:
http://corrieredellacollera.com/2013/11/28/alla-ricerca-della-identita-italiana-dialogo-tra-morigi-e-stefanini
http://corrieredellacollera.com/2013/11/23/alla-ricerca-dellidentita-italiana-di-massimo-morigi/
http://corrieredellacollera.com/2013/11/18/dal-post-del-19-gennaio-2013-un-altro-errore-economico-che-ha-provocato-disoccupati-a-milioni-senza-
provvedimenti-a-carico-dei-responsabili-perche-i-sindacati-non-reagiscono/
MASSIMO MORIGI
Rispondi ↓
 admin il 21/07/2014 alle 18:24 scrive:
Si ringrazia il prof. Morigi per i contributi suggeriti che contengono diversi e interessanti rifessioni e che rappresentano anche l’occasione per precisare il
nostro pensiero sul repubblicanesimo.
Il successo riscosso nella cultura anglosassone dagli storici contemporanei del repubblicanesimo (a partire da Pocock, Skinner e Pettit) si è sviluppato in
almeno tre dimensioni. Il repubblicanesimo, da flone storiografco che identifca una tradizione ideale, è stato utilizzato anche come criterio alternativo di
lettura della storia moderna e, nella sua accezione più ampia, come base ideologica di una nuova prospettiva politica. E questo perché il repubblicanesimo
attraverso l’uso di categorie flosofche adeguate (un’idea di libertà non univoca ma in qualche modo unitaria) riesce a fornire una lettura di aspetti decisivi
della modernità (la storia come progressiva afermazione della libertà) ofrendo così lo strumento per approcci futuri (quale libertà garantire ai cittadini, quali
meccanismi di controllo adottare nei confronti del potere). Proprio a quest’ultimo aspetto sembra riferirsi il prof. Morigi nei testi suggeriti. Sul criterio di lettura
della storia e sulla prospettiva politica del repubblicanesimo non mancano interpretazioni tendenzialmente fnalistiche che non possono non suscitare forti
perplessità per il loro carattere intrinsecamente assolutista.
Infatti, il successo ottenuto dal repubblicanesimo in America ha fatto sì che esso tenda a trasformarsi in un contenitore così largo da includere molte
concezioni diverse e persino contrastanti. In questo flone storiografco, e soprattutto nei suoi sviluppi politici, hanno tentato di inserirsi interpretazioni molto
diverse, sia postmarxiste che francamente di destra. Noi riteniamo che il repubblicanesimo appartenga ad una cultura di sinistra non marxista così come la
defniva Bobbio. Due essenzialmente i criteri di inclusione da utilizzare per una identifcazione più selettiva delle teorie repubblicane. Innanzitutto l’idea di
libertà alla quale si fa riferimento. In secondo luogo la positività del confitto come strumento essenziale di assestamento degli equilibri politici su livelli
sempre più rappresentativi della complessità sociale. Non si tratta di criteri astratti. Ad esempio, proprio per discutere un aspetto trattato dal prof. Morigi, il
primo confitto mondiale fu interpretato dai mazziniani come ultimo atto del Risorgimento ovvero di quel processo di costruzione di una comunità al cui
interno solamente può realizzarsi l’uomo. L’unità della patria come costruzione di una comunità, non come spazio vitale. A questo aspetto positivo della
libertà (l’unità della patria) il mazzianianesimo faceva seguire altri elementi che possono essere interpretati in termini di accezione negativa (l’indipendenza
della nazione e l’emancipazione sociale). Insomma, nel repubblicanesimo, gli elementi positivi e quelli negativi della libertà non vanno intesi in parallelo ma
secondo la successione mazziniana (unità della patria, indipendenza della nazione, riscatto sociale). Questo il nostro convincimento.
Nei testi proposti dal prof. Morigi viene molto valorizzata la radice tedesca del repubblicanesimo ed inoltre si pone la questione dell’irresponsabilità dei
poteri economico-fnanziari. Su questo argomento, riconducibile alla concezione dell’accountability anglosassone, è stata proposta una prima rifessione
all’indirizzo
http://www.democraziapura.altervista.org/?page_id=2631
Rispondi ↓
2. Massimo Morigi il 22/07/2014 alle 00:51 scrive:
Il commento è in attesa di moderazione.
22 luglio 2014
Ringrazio “Democrazia Pura” per l’attenzione prestata al Repubblicanesimo geopolitico e questa cortesia mi farebbe quasi dissuadere dal ribattere ad
alcune osservazioni avanzate. Tuttavia non per polemica ma a puro titolo di cortesia e per la crescita di una rinnovata cultura della Res Publica è mio
convincimento quanto segue: 1) È vero nel repubblicanesimo geopolitico “non mancano interpretazioni tendenzialmente fnalistiche” anzi, per essere ancora
più chiari, il repubblicanesimo geopolitico è totalmente fnalistico, come del resto erano fnalisti Aristotele, Platone, Machiavelli per fnire con Mazzini. Senza
voler a questo punto ripercorrere la storia della flosofa e della flosofa politica, l’abbandono delle spiegazioni fnalistiche è uno dei grandi vulnus della
nostra disgraziata modernità. Un disastro politico-culturale che limitandoci alle scienze politiche, solo recentemente, dopo l’eclisse dell’idealismo, si cerca di
rimediare dal punto di vista teorico (vedi il costruttivismo di Alexander Wendt e vedi anche, sul terreno dello scontro politico internazionale, il concreto
muoversi nell’arena internazionale dei grandi agenti strategici, i quali peraltro hanno da sempre una visione fnalistica e strategica della lotta politica).
Insomma, se vogliamo essere provocatori fno in fondo, sarebbe meglio per tutti che, se pur con i dovuti onori, i vari Kant e Popper non fossero visti come le
ultime tavole della legge ma fossero inquadrati, pur nella grandezza architettonica del loro pensiero, nella prospettiva della crisi e del fallimento del pensiero
liberale. L’inferno è lastricato di buone intenzioni e limitandoci ad una prospettiva meramente flosofca, ma con immediate ed evidenti ricadute anche sulla
sfera politica, la stazione fnale di questa linea di pensiero di tipo meccanicista è “il n’y a pas de hors-texte” postsmodernista di Derrida. 2) Secondo Bobbio
il repubblicanesimo apparterrebbe ad una cultura di sinistra non marxista. Ancora una volta, non intendo scendere nel dettaglio e quindi non voglio ora
discutere dal punto di vista storico questa afermazione ma, dal punto di vista di un rinnovamento teoretico ed assiologico del repubblicanesimo, invito
caldamente a dimenticare tutti i luoghi comuni del Secolo breve. Fino a non molto tempo fa, in ambiente repubblicano si diceva che la caduta del Muro di
Berlino signifcava una sola cosa: Mazzini aveva vinto e Marx aveva perso. In realtà oggi vediamo che hanno perso tutti e due, a meno che non si giudichi l’
“irresponsabilità” degli agenti strategici economico-fnanziari (in realtà il loro pieno e totale potere e prevaricazione sui popoli e sulle istituzioni
rappresentative da essi eletti) come una sorta di singolare bizzarria della storia e non come il vero “cuore di tenebra” della nostra epoca.
In amicizia e per il contributo al dibattito
Massimo Morigi
Rispondi ↓
1111111111111111111111111111111111111111111
IL CORRIERE DELLA COLLERA = settem&re =>;L
5er la Repubblica di domani
SE SCOPPIA UN CON.LITTO0 COSA .ARÀ L’ITALIAR NESSUN POLITICO SI SBOTTONA0 MA
IL DIBATTITO INIZIA UGUALMENTE SUL 5EB E NELLE TD LIBERE: di Ant"ni" de Martini
+’aumento della tensione internazionale, il processo in corso di ricomposizione dei vecchi blocchi,
il moltiplicarsi dei focolai di guerra asimmetrica, la depenalizzazione di fatto dei bombardamenti su
agglomerati urbani, hanno ” innervosito” la pubblica opinione mondiale$ 9umerose autorit# morali,
incluso il P"nte-ice R"man", si stanno ribellando a %uesta macabra prospettiva$
+e nostre autorit# cercano di prepararci alla guerra ” santificando” i militari morti per cause di
servi,io con solenni funerali di stato come se si fossero volontariamente immolati in
combattimento$
;ltre %uesto grottesco cerimoniale, resiste la finora isolata
” #r"#"sta de Martini” di a((iare aa ne%traitI i n"str" #aese prima che sia tardi$
Bllo scoppio di entrambe le guerre mondiali, l’Italia ha tentato di restarne fuori , per nove mesi
nella prima e dieci nella seconda- poi gli avventuristi presero il sopravvento in entrambi i casi con
le conseguenze che abbiamo constatato sulla nostra pelle$
Ness%na s"stanGiae di--erenGa tra '%erre (itt"ri"se e #erse: lutti, nessun vantaggio, debiti,
sommovimenti sociali in entrambi i casi$
LA .INANZA SUL 5EB ha ripreso oggi, con un editoriale che verr# trasmesso da domani in
alcuni telegiornali di >E libere, la proposta di neutralizzazione / o di non belligeranza / fatta dal
nostro C"rrieredeac"era$
Parlando con linguaggio giornalistico, accenna alla / uscita dalla <"0/, ma non = necessario.
(ia l’Ira@ che l’Dcraina NON SONO PAESI NATO e %uindi non vige l’automatismo a intervenire
previsto dal trattato se un membro ' aggredito e la C"stit%Gi"ne dea Re#%&&ica , art 33- non
consente “l’attacco a scopo difensivo”$
(e la condividete a necessitI di di&attere $%est" tema, diffondete il video e mandate un lin@ de
http!UUQQQ$corrieredellacollera$com a amici e conoscenti 5otreste salvare la vita di un vostro
familiare$
W necessario a#rire %n di&attit" naGi"nae su cosa debba fare l’Italia in caso di guerra prima che il
libero dibattito venga soffocato dai tamburi della guerra che per ora vi sembrano ancora lontani$
:uesto blog favorisce il dibattito delle idee diffuse da persone capaci di esprimersi sen,a insultare$
Condividi:
• Haceboo@ L
• +in@edIn
• >Qitter 0
• )-mail
• (tampa
• 5oc@et

Mi piace:
Articoli collegati
7eopolitica primaria! nella guerra di +ibia, gli Dsa si stanno battendo per sopravvivere$ +a posta in
gioco ' il controllo sulla Cina$ ) cYentra anche lo >sunami giapponese$$$$$$ di Bntonio de artiniIn
IGerlusconiI
+) RIE;+DZI;9I )DR;5)) C;I9CIBR;9; ()5R) C;9 D9B RIE;+>B I9
D97F)RIB$ CFID8) +YDHHICI; H$$I$ B GD8B5)(>$ di Bntonio de artiniIn Ieconomia
internazionaleI
>RB D(B ) RD((IB (I (>B E)RIHICB98; D9B I9E)R(I;9) 8)I RD;+I BED>I 9)++B
5RIB 7D)RRB HR)88B$ D9B RI5)>IZI;9) B R;E)(CI; (BR)GG) 7R;>>)(CB$ di
Bntonio de artini e assimo origiIn IdisinformazioneI
G& antoniochedice, on settembre 1, 1234 at M!=4 pm, under disinformazione, 5olitica )stera, (toria$ >ag!crisi irachena,
crisi ucraina, 7uerra, iniziative per la pace del 5apa, Italia neutrale, 9B>;, pericolo di guerra$ 1 commenti
>rac@bac@s are closed, but &ou can post a comment$
A B+7)RIB! (>B9ZIB>I 1M2 I+IBR8I 5)R +; (EI+D55;$ HRB9CIB ) 7)RB9IB CI 5D9>B9; )9>R)
9;I 8I+B5I8IB; +’)R)8I>[ 8I B>>)I$ di Bntonio de artini
Commenti
• gicecca ;n settembre 0, 1234 at P!22 am
5ermalin@ N Rispondi
5enso che il movimento “proneutralitate” potrebbe avere un minimo di successo se,
sfuggendo alle sirene dei pacifisti a ogni costo, riuscisse a coagulare alcuni delle nazioni del
sud )uropa più esposte sia economicamente che geograficamente ad un eventuale e
deprecato estendersi delle “primavere” che poi si trasformano, come si ' visto, %uasi
inevitabilmente in rigidissimi inverni$ Intendo, al solito, (pagna, 5ortogallo e 7recia$ I
(alandra oggi, come cento anni fa, sono molto eterodiretti] occorre innanzi tutto una soprta
di autarchia di pensiero che non ' affatto diffusa$ 7iC
• abrahammoriah ;n settembre 0, 1234 at P!04 am
5ermalin@ N Rispondi
0 settembre 3L34
Condivido parola per parola il post e %uanto commentato in proposito dalla “Hinanza sul
Qeb”$ a visto l’evolversi della situazione internazionale il punto non ' esprimere
lungimiranti analisi sull’opportunit# dell’Italia di uscire dalla 9B>; e sull’essere il punto di
riferimento per un costruendo schieramento internazionale neutrale ma suscitare un forte
movimento d’opinione che spinga in %uesta direzione$ <uestione a %uesto punto non tanto di
pensiero ma di organizzazione del consenso e di lungimiranti intese con tutti coloro che
hanno capito che il vero problema del nostro paese ' l’ essere terreno di scorribanda di
agenti strategici interni ed internazionali il cui unico scopo sociale ' operare costantemente
contro i nostri interessi nazionali$
assimo origi
I c"rriere dea c"era ;; settem&re =>;L
OBLABLABLA’ : LA NUODA STRATEGIA DI OBAMA CONSISTE
NELL’ADDESTRARE I RIBELLI SIRIANI IN ARABIA SAUDITA
INDECE C+E IN GIORDANIA: di Ant"ni" de Martini
Il presidente D(B$ Fa annunziato la nascita di una grande Coalizione, ma non ha fatto nomi$ Il solo
ministro degli esteri francese ha detto che il suo paese parteciper# () 9)C)((BRI; alle forze
aeree, , sottinteso non con truppe-$
I ribelli ” moderati” siriani che non sono riusciti finora a sconfiggere il governo siriano, d’ora in poi
attaccheranno anche l’I(I( , ennesimo nome dei soliti banditi di Bl Gaghdadi- e oltre che in (iria, in
Ira@$ Buguri$
<ualcuno in alto pensa,evidentemente, che combattendo su due fronti, i moderati siriani, saranno
più efficaci e finalmente vittoriosi$
8opo l’adozione del :uantitative 2asing monetario, %uesta ' la seconda imitazione che il governo
D(B fa delle scelte strategiche di Ad"- +iter$
+a vera novit# ' che mentre finora ;bama aveva combattuto le guerre di Gush Rr, adesso ne ha una
tutta sua$ +a perder# se insister# ad usare solo la superiorit# aerea e truppe demotivate e inaffidabili$
+a divisione Gari nella guerra mondiale fu ” riaddestrata” undici volte e altrettante croll: sotto il
fuoco$
+a popolazione americana ' favorevole per due terzi a %uesto intervento presentato l’33 settembre
/ tredicesimo anniversario dell’attacco alle due torri gemelle / come fu portata ad approvare
l’intervento in Eietnam, in Bfganistan e in Ira@$
Il fatto che i campi di addestramento dei ribelli siano stati spostati dalla 7iordania all’Brabia
saudita la dice lunga sullo stato della sicurezza giordana, sulla ripresa dei buoni rapporti D(B-
B$(BD8I>B e sui miei sospetti sul luogo in cui furono addestrati gli islamisti che ora si vogliono
combattere$
Chi fa le spese di %uesta nuova stagione di rapporti sauditi-usa ' la Hrancia che si sta facendo portar
via il programma gi# assegnatole di costruzioni navali per la arina (audita (BXBRI III di un
valore superiore ai 0 miliardi$
)d ' anche una rappresaglia D(B per il rifiuto francese a cancellare la fornitura delle due navi
classe I(>RB+ alla Russia nel %uadro delle sanzioni per la crisi ucraina$ <uesta decisione ' il
primo legame tra crisi ucraina e crisi mediorientale$ Grutto segno$
Condividi:
• Facebook R
• LinkedIn
• Twitter 1
• E-mail
• Stampa
• Pocket

Articoli collegati
D9B (>RB>)7IB BRBGB 5)R GBRBT ;GBB$ di Bntonio de artiniIn IantiterrorismoI
(IRIB!5ICC;+I 5B((I E)R(; +B 5BC)$ di Bntonio de artiniIn IantiterrorismoI
I+ XB(FI97>;9 5;(> B)>>) CF) I+ 7;E)R9; D(B HI9B9ZIB ()7R)>B)9>) I RIG)++I (IRIB9I$ di Bntonio de artiniIn IamericaneI
BK ant"ni"c*edice0 "n settem&re ;;0 =>;L at L:CN am0 %nder antiterr"rism"0 disin-"rmaGi"ne0ec"n"mia
internaGi"nae0 Medi" Oriente0 P"itica Estera0 Siria: Ta':Ad"- +iter0 Bara/ O&ama0Grande C"aiGi"ne anti
ISIS0 n%"(a strate'ia USA in Ira/ e Siria0 Sa3ari III: ? c"mmenti
Trac/&ac/s are c"sed0 &%t K"% can #"st a c"mment:
A (IRIB ) )8I; ;RI)9>)! CFI FB EI9>; ) CFI FB 5)R(;$ di Bntonio d$ de artini
)CC; I+ >)(>; I9>)7RB+) 8)+ 8I(C;R(; 8I GBRBT ;GBB CF) 5Dj RIB((D)R(I 9)+ 8)>>;
9B5;+)>B9; ” +’BC<DB W 5;CB ) kB 5B5)RB 9D9 7B++)77IB” K
Commenti
• abrahammoriah On settembre 11, 2014 at 7:57 am
Permalink | Rispondi
11 settembre 2014
Ìl grado di asservimento dei media nazionali ed internazionali e anche di quelle forze che pomposamente ÷ da destra come da sinistra ÷ in Ìtalia come
altrove si autoproclamano alternative e antagoniste all'attuale sistemo ha giunto un tale livello di ridicolo asservimento che praticamente nessuno, tranne
che in pochi ed elitari cenacoli (ogni riferimento è puramente voluto e non casuale .) osa proclamare questa semplice verità: l' ÌSÌS è la diretta
conseguenza della politica americana di destrutturazione "caotica¨ dell'area (come del resto gli attuali casini ucraini risalgono direttamente ai tentativi degli
agenti strategici occidentali di destrutturare l'area di influenza geopolitica dell'Unione sovietica in europa orientale). Un nuovo modo di ragionare che sappia
andare oltre l'ideologia pseudemocratica (l'ideologia non la fondamentale acquisizione culturale prima che politica occidentale della democrazia) e che
sappia semplicemente proclamare che "il re è nudo¨ e che per quanto ci riguarda sappia indirizzare l'Ìtalia, come scelta migliore per il suo futuro, verso la
neutralità è il compito del repubblicanesimo geopolitico. Sulla base di questa analisi e di questo programma dovranno svilupparsi l'azione, le alleanze e la
"razionalità strategica¨ e politica di un rinnovato repubblicanesimo. Dalla constatazione, invece, della pigrizia e dall'inerzia alla ripetizione dei vecchi slogan
pseudodemocratici, dovrà invece essere facilmente delimitato l'altrettanto fondamentale campo del "nemico¨.
Massimo Morigi
• fed On settembre 11, 2014 at 1:31 pm
Permalink | Rispondi
La Francia ha cancellato le Mistral.
o antoniochedice On settembre 11, 2014 at 2:23 pm
Permalink | Rispondi
non è esatto. ha detto che "non sono riunite tutte le condizioni¨ per procedere alla consegna. Questo non significa che non si possano riunire le
condizioni in futuro. Non è un no definitivo.
B9CB R)5DGG+ICB9)(I;
7);5;+I>IC; C;9 B>>BR)++I
_______________________________
"INE DI REPUBBLICANESIMO GEO-POLITICO) RAVENNA-
COIMBRA, MAR%O 201
h ResultsRes%ts: 3 through M of O ,2$220 secs-
4"% searc*ed -"r: mediat&pe!te6ts B98 subRect!IRepubblicanesimo geopoliticoI
GESAMT@UNSTJER@ RES PUBLICA, REPUBLICAN DIFFUSI7E DOMINATION, DOMINAZIONE REPUBBLICANA DIFFUSI7A, DOMINIO REPUBBLICANO DIFFUSI7O, DOMINAZIONE REPUBBLICANA DIFFUSA, DOMINIO REPUBBLICANO DIFFUSO, REPUBBLICANESIMO GEODNUANTICODDIALETTICODMARIISTA, MASSIMO MORIGI, HANNAH ARENDT, @ARL MARI - Massi mo Morigi
GESAMTKUNSTWERK RES PUBLÌCA è UN PAPER DÌ FÌLOSOFÌA POLÌTÌCA CHE PARTENDO DA UNA CRÌTÌCA ALL'ESTETÌZZAZÌONE DELLA POLÌTÌCA MESSA ÌNATTODAÌ REGÌMÌ FASCÌSTÌ E NAZÌSTÌ Ã¨ VOLTOADUNA RÌFONDAZÌONE DEL REPUBBLICANESIMO CHE Anziché VOLGERSÌ A SCHEMÌ DÌ NON DOMÌNÌO DEVE GUARDARE AMODELLÌ DÌ DOMÌNÌO DÌFFUSO (O DÌFFUSÌVO), CÌOè ASCHEMÌ DÌ POTERE PARCELLÌZZATOE UNÌVERSALMENTE CONDÌVÌSO (LEZÌONE DÌ HANNAH ARENDT).
@-yGo.,2) Massi mo Morigi; Diffusi ve Domi nati on; Walter Benj amin; György Lukács; Repubbli canesimo; Republi cani sm;Republi kani smus; Diffusi ve Domi nati on; Republ ican Diffusi ve Domi nati on; Domi ni o Di ffuso; Dominazione Diffusa;Domi nazi one Di ffusi va; Dominio Di ffusi vo; Dominazione Repubbli cana Di ffusi va; Dominazione Repubbli cana Di ffusa; Domi ni o Repubbli cano Diffuso; Domi ni o Repubbli cano Diffusi vo; Domi nazi one Di ffusa; Dominazione repubbli cana diffusa;Repubbl icanesi mo Quantico; Republ icani sm 2.0; Repubbl icanesi mo 2.0; Republ i kani smus 2.0; Lebensraum Republi kani smus;Lebensraum Republi cani sm; Lebensraum Repubbl icanesi mo; Repubbli canesimo geopol itico; Geopol itical Republ icanism; Geo-pol itical
Republi cani sm; Geopol iti sche Republ i kani smus; Di ffusi ve Dominion; Republ ican Diffusi ve Domi ni on; R 2.0; R. 2.0;R2.0; DD; D.D; D.R.D; DRD; R.D.D; RDD; D2; RD2; D2R; Geopoli ti ca Repubbli cana; Republi can Geopol itics;Republ i kani sche Geopol iti k; Republ i kani scher Geopoli ti k; neo marxi smo; neomarxi smo; neo-marxi smo; neorepubbl icanesi mo;neo-repubbl icanesi mo; neo repubbli canesimo; marxi smo; marxi smus; marxi sm; di al etti ca; dialettica marxi sta; marxi st dialectics; marxi st di al ecti c; repubbl icanesi mo quanti co; repubbli canesimo quantico-di al etti co; repubbl icanesi mo marxi sta;repubbli canesimo neo-marxi sta; Karl Marx; Hannah Arendt; Carl Schmitt; LR; L. R; repubbli canesimo dialettico;repubbli canesimo quantico-di al etti co-
marxi sta; repubbli canesimo geo-quantico-di al etti co; repubbl icanesi mo geo-quanti co-dialettico-marxi sta; Massi mo Mori gi ; Republi can Di ffusi ve Domination; Lebensraum Republ icani sm , Massi mo Mori gi ; Di ffusi ve Domination; Wal ter Benjami n; György Lukács; Repubbli canesimo; Republi cani sm; Republi kani smus; Diffusi ve Domi nati on;Republ ican Diffusi ve Domi nati on; Domi ni o Di ffuso; Dominazione Diffusa; Domi nazi one Di ffusi va; Dominio Di ffusi vo;Dominazione Repubbli cana Di ffusi va; Dominazione Repubbli cana Di ffusa; Domi ni o Repubbli cano Diffuso; Domi ni o Repubbli cano Diffusi vo; Domi nazi one Di ffusa; Dominazione repubbli cana diffusa; Repubbl icanesi mo Quantico; Republ icani sm 2.0; Repubbl icanesi mo 2.0; Republ i kani smus 2.0; Lebensraum
Republi kani smus; Lebensraum Republi cani sm; Lebensraum Repubbl icanesi mo; Repubbli canesimo geopol itico; Geopol itical Republ icanism; Geo-pol itical Republ icani sm; Geopoli ti sche Republi kani smus; Diffusi ve Domi ni on; Republi can Di ffusi ve Dominion; R 2.0; R. 2.0; R2.0; DD; D.D; D.R.D; DRD; R.D.D;RDD; D2; RD2; D2R; Geopol itica Repubbl icana; Republ ican Geopoli ti cs; Republi kani sche Geopoli ti k; Republi kani scher Geopol iti k; neo marxi smo; neomarxi smo; neo-marxi smo; neorepubbli canesimo
DoGn6o!,2) 7
GESAMT@UNSTJER@ RES PUBLICA, REPUBLICAN DIFFUSI7E DOMINATION, REPUBBLICANESIMO GEODNUANTICODDIALETTICO MARIISTA, MASSIMO MORIGI, HANNAH ARENDT, @ARL MARI, CARL SCHMITT - MASSÌMO MORÌGÌ
"GESAMTKUNSTWERK RES PUBLÌCA, REPUBLÌCAN DÌFFUSÌVE DOMÌNATÌON..." è UN PAPER SCRÌTTODA MASSÌMO MORÌGÌ SULL'ESTETÌZZAZÌONE DELLA POLÌTÌCA OPERATADAÌ REGÌMÌ FASCÌSTÌ. ÌL PAPER è ÌNTESO ALLOSVÌLUPPO DÌ UNA TEORÌA NEOREPUBBLÌCANA BASATAAnzi ché SUL NON DOMÌNÌO SUL DOMÌNÌO DÌFFUSÌVO
@-yGo.,2) Massi mo Morigi; Republ ican Ìncreased Common Domi nation; Ìncreased Common Domi nation; Diffusi ve Domi nati on; Walter Benj amin; György Lukács; Repubbli canesimo; Republi cani sm; Republi kani smus; Diffusi ve Domi nati on;Republ ican Diffusi ve Domi nati on; Domi ni o Di ffuso; Dominazione Diffusa; Domi nazi one Di ffusi va; Dominio Di ffusi vo;Dominazione Repubbli cana Di ffusi va; Dominazione Repubbli cana Di ffusa; Domi ni o Repubbli cano Diffuso; Domi ni o Repubbli cano Diffusi vo; Domi nazi one Di ffusa; Dominazione repubbli cana diffusa; Repubbl icanesi mo Quantico; Republ icani sm 2.0; Repubbl icanesi mo 2.0; Republ i kani smus 2.0; Lebensraum Republi kani smus; Lebensraum Republi cani sm; Lebensraum Repubbl icanesi mo; Repubbli canesimo
geopol itico; Geopol itical Republ icanism; Geo-pol itical Republ icani sm; Geopoli ti sche Republi kani smus; Diffusi ve Domi ni on; Republi can Di ffusi ve Dominion; R 2.0; R. 2.0; R2.0; DD; D.D; D.R.D; DRD; R.D.D;RDD; D2; RD2; D2R; Geopol itica Repubbl icana; Republ ican Geopoli ti cs; Republi kani sche Geopoli ti k; Republi kani scher Geopol iti k; neo marxi smo; neomarxi smo; neo-marxi smo; neorepubbli canesimo; neo-repubbli canesimo; neo repubbl icanesi mo;marxi smo; marxi smus; marxi sm; dialettica; di al etti ca marxi sta; marxi st di al ecti cs; marxi st dialectic; repubbli canesimo quantico;repubbl icanesi mo quanti co-dialettico; repubbli canesimo marxi sta; repubbl icanesi mo neo-marxi sta; Karl Marx; Hannah Arendt;Carl Schmi tt; LR; L. R; repubbl icanesi mo
di al etti co; repubbl icanesi mo quanti co-dialettico-marxi sta; repubbli canesimo geo-quantico-di al etti co; repubbl icanesi mo geo-quanti co-dialettico-marxi sta; Massi mo Mori gi ; Republi can Di ffusi ve Domination;Lebensraum Republ icani sm; Massi mo Morigi; Diffusi ve Domi nati on; Walter Benj amin; György Lukács; Repubbli canesimo;Republi cani sm; Republi kani smus; Diffusi ve Domi nati on; Republ ican Diffusi ve Domi nati on; Domi ni o Di ffuso; Dominazione Diffusa; Domi nazi one Di ffusi va; Dominio Di ffusi vo; Dominazione Repubbli cana Di ffusi va; Dominazione Repubbli cana Di ffusa;Domi ni o Repubbli cano Diffuso; Domi ni o Repubbli cano Diffusi vo; Domi nazi one Di ffusa; Dominazione repubbli cana diffusa;Repubbl icanesi mo Quantico; Republ icani sm 2.0; Repubbl icanesi mo
2.0; Republi kani smus 2.0; Lebensraum Republ i kani smus;Lebensraum Republ icani sm; Lebensraum Repubbli canesimo; Repubbl icanesi mo geopoli ti co; Geopoli ti cal Republi cani sm; Geo-poli ti cal Republi cani sm; Geopol iti sche Republ i kani smus; Di ffusi ve Dominion; Republ ican Diffusi ve Domi ni on; R 2.0; R. 2.0;R2.0; DD; D.D; D.R.D; DRD; R.D.D; RDD; D2; RD2; D2R; Geopoli ti ca Repubbli cana; Republi can Geopol itics;Republ i kani sche Geopol iti k; Republ i kani scher Geopoli ti k; neo marxi smo; neomarxi smo; neo-marxi smo; neorepubbl icanesi mo;neo-repubbl icanesi mo; neo repubbli canesimo; marxi smo; marxi smus; marxi sm; di al etti ca; dialettica marxi sta; marxi st dialectics; marxi st di al ecti c; repubbl icanesi mo quanti co; repubbli canesimo quantico-
di al etti co; repubbl icanesi mo marxi sta;repubbli canesimo neo-marxi sta; Karl Marx; Hannah Arendt; Carl Schmitt; LR; L. R; repubbli canesimo dialettico;repubbli canesimo quantico-di al etti co-marxi sta; repubbl icanesi mo geo-quanti co-dialettico; repubbli canesimo geo-quantico-di al etti co-marxi sta; Massi mo Morigi; Republ ican Diffusi ve Domi nati on; Lebensraum Republi cani sm; Massi mo Mori gi ; Di ffusi ve Domination; Wal ter Benjami n; György Lukács; Repubbli canesimo; Republi cani sm; Republi kani smus; Diffusi ve Domi nati on;Republ ican Diffusi ve Domi nati on; Domi ni o Di ffuso; Dominazione Diffusa; Domi nazi one Di ffusi va; Dominio Di ffusi vo;Dominazione Repubbli cana Di ffusi va; Dominazione Repubbli cana Di ffusa; Domi ni o Repubbli cano Diffuso; Domi ni o
Repubbl icano Di ffusi vo; Domi nazi one Di ffusa; Dominazione repubbli cana diffusa; Repubbl icanesi mo Quantico; Republ icani sm 2.0; Repubbl icanesi mo 2.0; Republ i kani smus 2.0; Lebensraum Republi kani smus; Lebensraum Republi cani sm; Lebensraum Repubbl icanesi mo; Repubbli canesimo geopol itico; Geopol itical Republ icanism; Geo-pol itical Republ icani sm; Geopoli ti sche Republi kani smus; Diffusi ve Domi ni on; Republi can Di ffusi ve Dominion; R 2.0; R. 2.0; R2.0; DD; D.D; D.R.D; DRD; R.D.D;RDD; D2; RD2; D2R; Geopol itica Repubbl icana; Republ ican Geopoli ti cs; Republi kani sche Geopoli ti k; Republi kani scher Geopol iti k; neo marxi smo; neomarxi smo; neo-marxi smo; neorepubbli canesimo
DoGn6o!,2) 10
GESAMT@UNSTJER@ RES PUBLICA, REPUBBLICANESIMO, REPUBLICANISM, DIFFUSI7E DOMINATION, REPUBLICAN DIFFUSI7E DOMINATION, MASSIMO MORIGI - Massi mo Morigi
SAGGÌO NEOREPUBBLÌCANO E NEOMARXÌSTASULL'ESTEÌTÌZZAZÌONE DELLA POLÌTÌCA E PER UN NUOVOREPUBBLICANESIMO BASATOSULLA "REPUBLÌCAN DÌFFUSÌVE DOMÌNATÌON"
@-yGo.,2) Massi mo Morigi; Diffusi ve Domi nati on; Republ ican Ìncreased Common Domi nation; Ìncreased Common Domi nation; Walter Benj amin; György Lukács; Repubbli canesimo; Republi cani sm; Republi kani smus; Diffusi ve Domi nati on;Republ ican Diffusi ve Domi nati on; Domi ni o Di ffuso; Dominazione Diffusa; Domi nazi one Di ffusi va; Dominio Di ffusi vo;Dominazione Repubbli cana Di ffusi va; Dominazione Repubbli cana Di ffusa; Domi ni o Repubbli cano Diffuso; Domi ni o Repubbli cano Diffusi vo; Domi nazi one Di ffusa; Dominazione repubbli cana diffusa; Repubbl icanesi mo Quantico; Republ icani sm 2.0; Repubbl icanesi mo 2.0; Republ i kani smus 2.0; Lebensraum Republi kani smus; Lebensraum Republi cani sm; Lebensraum Repubbl icanesi mo; Repubbli canesimo
geopol itico; Geopol itical Republ icanism; Geo-pol itical Republ icani sm; Geopoli ti sche Republi kani smus; Diffusi ve Domi ni on; Republi can Di ffusi ve Dominion; R 2.0; R. 2.0; R2.0; DD; D.D; D.R.D; DRD; R.D.D;RDD; D2; RD2; D2R; Geopol itica Repubbl icana; Republ ican Geopoli ti cs; Republi kani sche Geopoli ti k; Republi kani scher Geopol iti k; neo marxi smo; neomarxi smo; neo-marxi smo; neorepubbli canesimo; neo-repubbli canesimo; neo repubbl icanesi mo;marxi smo; marxi smus; marxi sm; dialettica; di al etti ca marxi sta; marxi st di al ecti cs; marxi st dialectic; repubbli canesimo quantico;repubbl icanesi mo quanti co-dialettico; repubbli canesimo marxi sta; repubbl icanesi mo neo-marxi sta; Karl Marx; Hannah Arendt;Carl Schmi tt; LR; L. R; repubbl icanesi mo
di al etti co; repubbl icanesi mo quanti co-dialettico-marxi sta; repubbli canesimo geo-quantico-di al etti co; repubbl icanesi mo geo-quanti co-dialettico-marxi sta; Massi mo Mori gi ; Republi can Di ffusi ve Domination;Lebensraum Republ icani sm , Massi mo Mori gi ; Stefano Sal mi; repubbl icanesi mo quanti sti co-dialettico; repubbli canesimo quanto-dialettico; repubbli canesimo quantico-di al etti co; quantodi al etti co repubbl icanesi mo; repubbl icanesi mo quanto-di al etti co;quanto di al etti co repubbli canesimo; quantodialettico repubbli canesimo; neo-repubbli canesimo quanti stico-di al etti co; neo-repubbl icanesi mo quanto-di al etti co; neo-repubbl icanesi mo quanti co-dialettico; quantodialettico neo-repubbli canesimo; quanto-di al etti co neo-repubbli canesimo; quanto dialettico neo-
repubbli canesimo; quantodialettico neo-repubbli canesimo; marxi smo quanti sti co-dialettico; marxi smo quanto-dialettico; marxi smo quantico-dialettico; marxi smo quantodialettico; quanto-dialettico marxi smo; quanto di al etti co marxi smo; quantodialettico marxi smo; neo-marxi smo quanti stico-di al etti co; neo-marxi smo quanto-di al etti co; neo-marxi smo quanti co-di al etti co; neo-marxi smo quantodi al ettico; neo-marxi smo quanto-dialettico; neo-marxi smo quanto di al etti co; neo-marxi smo quantodi al ettico; quantofuturi smo; quan
DoGn6o!,2) 3
REPUBLICAN DIFFUSI7E DOMINATION, GESAMT@UNSTJER@ RES PUBLICA, MASSIMO MORIGI, HANNAH ARENDT, @ARL MARI - Massi mo Mori gi
PAPER DÌ MASSÌMO MORÌGÌ PER UNA REPUBLÌCAN DÌFFUSÌVE DOMÌNATÌON
@-yGo.,2) Massi mo Morigi, Stefano Sal mi , repubbli canesimo quanti stico-di al etti co, repubbl icanesi mo quanto-dialettico, repubbli canesimo quanti co-di al etti co, quantodialettico repubbli canesimo, repubbl icanesi mo quanto-di al etti co, quanto dialettico repubbl icanesi mo, quantodialettico repubbli canesimo, neo-repubbli canesimo quanti sti co-di al etti co, neo-repubbli canesimo quanto-di al etti co, neo-repubbli canesimo quantico-di al etti co, quantodi al ettico neo-repubbl icanesi mo, quanto-di al etti co neo-repubbl icanesi mo, quanto dialetticoneo-repubbl icanesi mo, quantodi al ettico neo-repubbli canesimo, marxi smo quanti stico-di al etti co, marxi smo quanto-di al etti co, marxi smo quantico-dialettico, marxi smo quantodialettico, quanto-di al etti co marxi smo, quanto dialettico
marxi smo, quantodialettico marxi smo, neo-marxi smo quanti sti co-dialettico, neo-marxi smo quanto-di al etti co, neo-marxi smo quantico-dialettico, neo-marxi smo quantodialettico, neo-marxi smo quanto-di al etti co, neo-marxi smo quanto di al etti co, neo-marxi smo quantodialetti co, quantofuturi smo, quanto-futuri smo, quanto futuri smo, quantodi al etti co futuri smo, quanto dialettico futuri smo, quanto-di al etti co futuri smo, futuri smo quanti co dialettico, futuri smo quantico-di al etti co, , Massi mo Morigi, Stefano Sal mi , repubbl icanesi mo quanti stico-dialettico, repubbl icanesi mo quanto-dialettico, repubbli canesimo quanti co-di al etti co, quantodialettico repubbli canesimo, repubbli canesimo quanto-di al etti co, quanto dialettico repubbl icanesi mo, quantodialettico repubbli canesimo, neo-
repubbli canesimo quanti stico-di al etti co, neo-repubbl icanesi mo quanto-dialettico, neo-repubbl icanesi mo quanti co-dialettico, quantodialetti co neo-repubbl icanesi mo, quanto-di al etti co neo-repubbli canesimo, quanto di al etti co neo-repubbli canesimo, quantodi al etti co neo-repubbl icanesi mo, marxi smo quanti sti co-dialettico, marxi smo quanto-dialettico, marxi smo quanti co-dialettico, marxi smo quantodi al etti co, quanto-dialetticomarxi smo, quanto di al etti co marxi smo, quantodialetti co marxi smo, neo-marxi smo quanti stico-di al etti co, neo-marxi smo quanto-dialettico, neo-marxi smo quanti co-di al etti co, neo-marxi smo quantodi al etti co, neo-marxi smo quanto-dialettico, neo-marxi smo quanto dialettico, neo-marxi smo quantodi al ettico, quantofuturi smo, quanto-futuri smo, quanto
futuri smo, quantodi al etti co futuri smo, quanto di al etti co futuri smo, quanto-di al etti co futuri smo, futuri smo quanti co di al etti co, futuri smo quanti co-di al etti co, , Quantum bil ocation heterotopi a, Quantum bi-l ocation heterotopia, Quantum bil ocation heterotopy, Quantum bi -locati on heterotopy, Quantum multil ocationheterotopi a, Quantum multi-l ocation heterotopia, Quantum mul ti locati on heterotopy, Quantum multi-l ocation heterotopy, Mul ti locale eterotopia quanti ca, bil ocal eeterotopi a quanti ca, eterotopi a quantica multil ocal e, eterotopi a quantica bi locale, Quantum mechani cs bil ocationheterotopi a, Quantum mechani cs bi -locati on heterotopi a, Quantum mechanics bi locati on heterotopy, Quantum mechanicsbi -locati on heterotopy, Quantum mechanicsmul ti locati on
heterotopia, Quantum mechani cs mul ti -locati on heterotopia, Quantum mechanics multil ocationheterotopy, Quantum mechanics multi-l ocation heterotopy, Stefano Salmi, Princi pi odi i ndeterminazi one, Princi pi odi indetermi nazione quantico, Pri ncipio di i ndeterminazi one quanti stico, Uncertainty Princi pl e, Quantum Uncertainty Princi pl e, princi pe d'incerti tude, pri ncipe d'i ndétermi nati on, Pri ncipio di incertezza, Pri ncipio di incertezza quantico, Hei senbergsche Unschärferelati on, Unbestimmthei tsrelation, Hei senbergs Prinzi p, Hei senbergs Unschärferel ation, Princípi o da Ìncerteza, pri ncípio de i ncertezas, Mul ti verso, Mul ti verse, mul ti verso quanti co, mul ti verso quanti sti co, eteropi a quantico-mul ti verso, eterotopia quanti co multiverso, Quantum multiverse, Many-Worl ds,
Many Worl ds, Many-Worlds interpretation of Quantum Mechani cs, multiverso eterotopi co, mul ti verso quanti stico-eterotopi co, multiverso quanto-eterotopico, Quantum heterotopi an multiverse, Quantum heterotopic mul ti verse, multiverse heterotopy, multiverse heterotopia, Quantum multiverse heterotopy, Quantum multiverse heterotopi a, eteropia mul ti verso quanti ca, eterotopi a mul ti -verso quantica, eterotopia multiverso-quanti ca, eterotopi a mul ti verso quanti ca, Princi pi o d'indeterminazi one, Princi pi o d'incertezza , zoon poli ti kon, pol i s, L'opera d'arte nell 'epoca dell a sua ri producibil ità tecnica, The Work of Art in the Age of Mechanical Reproducti on, Das Kunstwerk im Zei talter seiner techni schen Reproduzi erbarkei t, L'Cuvre d'art à l 'époque de sa reproducti bi li té
techni que, L'oeuvre d'art à l'ère de sa reproductibil ité techni que, L'opera d'arte nel l'epoca del la sua riproduci bi li tà meccanica, Massi mo Mori gi , Fiat ars - pereat mundus, Aesthetica fasci sti ca Ì, homo laborans/faber, homo laborans, homo faber, Cappel la dei Marti ri, Gesamtkunstwerk, opera d'arte totale, empowerment , Res Publi ca, Ezra Pound, Pound, Mori gi , Waldemar George, Fi li ppo de Pi si s, Charles Edouard Jeanneret, Le Corbusi er, Ìncipit novus ordo, Arnal do Carpanetti , Fortunato Depero, Depero, Osval do Peruzzi, Ernesto Michahell es, Thayhat, Prampoli ni , Enri co Prampoli ni , Ferrucci o Vecchi, TheTheory of the Avant-Garde, Theory of the Avant-Garde, Renato Poggioli , Peter Bürger, Tertull iano, agorà, De Chi ri co, Giorgi o De Chi rico, Raffael lo, Raffael lo
Sanzi o, Scuola di Atene, Ci ano, Galeazzo Ci ano, Gi an Gal eazzo Ci ano, Diari o di Ci ano, Carrà, Carlo Carrà, Emil Nol de, Omero, Sepp Hi l z, Werner Peiner, Oscar Martin Amorbach, Adol f Ziegl er, Konrad Hommel, Arno Breker, Ghunther von Hagens, Capitan Harl ock, Gi anna Nanni ni , Vol taire, Françoi s-Mari e Arouet, Lettres Phi losophiques, Bacone, Francesco Bacone, Bacon, Franci s Bacon, Novum Organum, Phänomenol ogie des Gei stes, fenomenol ogia dell o spi ri to, Max Horkhei mer, Theodor Ludwi g Wi esengrund Adorno, bi os poli ti kos, ai esthesi s , Angel us Novus, perdono, Wi sl awa Szymborska, Schwarze Sonne, Fukuyama, Yoshihi ro Franci s Fukuyama, Franci s Fukuyama, Marx, Karl Marx, Avantgarde, mécani que quanti que, mecánicacuántica, mecani ca
quanti ca, Quantenphysi k, quanti schen Mechani k, Di al ecti que quanti que, dialecticaquantica, quantum dialekti ske, di al éticacuántica, dialéti ca quanti ca, quantum di al ekti sche, di al ekti sche, Avanguardia quanti ca, avanguardi a quanti stica, avant-garde quanti ca, avant-garde quanti stica, quantum avant-garde, avant-garde quanti que, vanguardia cuánti ca, quanti schen Avantgarde, Futuri smo quanti co, futuri smo quanti sti co, quantum futuri sm, quanti schen futuri smus, quanti sch futuri smus, futuri sme quantique, futuri smo cuánti co, Fi losofia poli ti ca quanti ca, fil osofia poli ti ca quanti sti ca, quantum Pol itical phil osophy, phil osophi e poli ti que quanti que, quanti schen pol iti sche Phil osophi e, fil osofia poli ti ca cuánti ca, quanti sch pol iti sche Phil osophie, Stori a quantica, storia
quanti sti ca, stori ografi a quanti ca, storiografi a quanti stica, hi stoi re quanti que, quantum hi story, Quantenphysi kgeschichte, Quanten geschichte, quanti schen geschichte, Hi stóri a cuánti ca, hi stori a quanti ca, quanti sch geschichte, quanti sch Geschi chtsschrei bung, quanti schen Geschi chtsschrei bung, quantum hi stori ography, hi storiographie quanti que, materi al i smo hi storico, materiali smo hi stóri co, Eteropi a quanti ca, Eterotopi a quanti stica, quantum heterotopi a, quantum heterotopy, hétérotopie quanti que, quanti schen heterotopie, heterotopia cuánti ca, heterotopi a quanti ca, quanti sch heterotopi e, Quantum superposi tion heterotopi a, quantum superposi tion heterotopy, quantum entangl ement heterotopia, quantum entangl ement heterotopy, eterotopia quanti ca,
eterotopi a quanti sti ca, Superposi tion quanti co-eterotopi ca, superposi tion quanto-eterotopica, superposi ti on quanti sti co-eterotopi ca, superposi tion eterotopica-quanti ca, superposi tion eterotopica-quanti stica, quanti co-eterotopi ca superposi ti on, quanto-eterotopica superposi tion, quanti sti co-eterotopi ca superposi ti on, eterotopica-quanti ca superposi ti on, eterotopica-quanti stica superposi tion, eterotopi ca-quantica superposi tion, eterotopi co-quanti ca superposi ti on, eterotopico-quanti stica superposi ti on, eterotopico-quantica superposi tion, heterotopi c quantum entanglement, heterotopian quantum entangl ement, heterotopi c quantum superposi ton, heterotopi an quantum entanglement, entangl ement eterotopico-quanti co, entangl ement eterotopico-quanti stico,
entanglement eterotopico-quantico, entanglement quantico-eterotopico, entanglement quanti stico-eterotopico, entanglement quantico-eterotopico, quanti co-eterotopico entangl ement, quanti stico-eterotopico entangl ement, quantico-eterotopico entangl ement, entangl ement quanti sti co-eterotopi co, entangl ement quanti co-eterotopi co, entangl ement quanti co-eterotopi co, quantico-eterotopi co entanglement, Quantum observer heterotopi a, Quantum observer heterotopy, heterotopi an quantum observer, heterotopic quantum observer, eterotopia dell 'osservatore quanti co, eterotopia dell 'osservatore quanti stico, materiali smo storico quantico, materi al i smo stori co quanti stico, quanti schen Hi stori scher Materi al i smus, matériali sme hi stori que quanti que, Quantum hi storical
materiali sm, materiali smo hi stori co quanti co, materiali smo hi stóri co cuánti co, materiali smo dialettico quanti co, materi al i smo di al etti co quanti stico, Quantum di al ectical materi al i sm, quanti schen Dialekti scher Materi al i smus, Matériali sme dialectique quantique, materiali smo dialéti co cuánti co, materiali smo di al écticoquantico, materiali smo stori co-dialettico, materi al i smo storico e di al etti co, materiali smo stori co e materiali smo di al etti co, hi storical dialectical materiali sm, hi storical -di al ecti cal -materi al i sm, matéri al i sme hi storique-di al ecti que, matéri al i sme hi storique et dialectique, Di al ekti sch-hi stori scher Materiali smus, di al ekti schen und hi stori schen Materi al i smus, Materiali smo Hi stórico Dialéti co, materi al i smo hi storico di al écti co, materi al i smo quantico storico-di al etti co,
materiali smo quanti co e stori co-dialettico, materi al i smo quanti stico storico-di al etti co, materiali smo quanti stico e stori co-dialettico, materi al i smo stori co-dialetticoquantico, materiali smo stori co-dialettico quanti sti co, materi al i smo storico e dialettico quanti co, materi al i smo storico e di al etti co quanti sti co, materi al i smo storico e materiali smo dialettico quanti ci , materiali smo stori co e materi al i smo di al etti co quanti stici, materi al i smo quantico-stori co-dialettico, materi al i smo quanti sti co-stori co-dialettico, quantum hi storical dialectical materi al i sm, quantum hi storical -di al ecti cal -materi al i sm, matéri al i sme quanti que-hi stori que-dialectique, matériali sme quantique hi stori que et di al ecti que, quanti schen Di al ekti sch-hi stori scher Materiali smus, quanti sch di al ekti schen und
hi stori schen Materi al i smus, Materi al i smo cuánti co Hi stóri co Di al ético, materiali smo quanti co hi storico dialéctico, Di amat quanti stico, Di amat quantico, quantum Di amat, Di amat quantique, quanti sch Di amat, quanti schen Di amat, Diamat cuánti co, materiali smo quantico, materiali smo quanti stico, quantum materiali sm, matériali sme quantique, quanti sch materiali smus, quanti schen materiali smus, materi al i smo cuántico, marxi smo quanti stico, marxi smo quantico, quantum marxi sm, marxi sme quanti que, quanti sch marxi smus, quanti schen marxi smus, marxi smo cuántico, neo marxi smo quanti co, neo marxi smo quanti sti co, neo-marxi smo quanti co, neo-marxi smo quanti stico, neomarxi smo quanti co, neomarxi smo quanti stico, quanti sch neue marxi smus, quanti schen
neue marxi smus, quanti sch neo marxi smus, quanti schen neo marxi smus, quanti sch neomarxi smus, quanti schen neomarxi smus, néo-marxi sme quanti sti que, néomarxi sme quanti stique, neo-marxi smo cuántico, repubbli canesimo quanti co, repubbli canesimo quanti stico, quantum republi cani sm, républ icani sme quanti que, quanti schen republ i kani smus, quanti sch republi kani smus, republi cani smo quantico, republi cani smo cuánti co, neorepubbl icanesi mo quantico, neo repubbli canesimo quanti stico, neo-repubbli canesimo quantico, neo-repubbli canesimo quanti stico, neo repubbl icanesi mo quanti co, neo repubbl icanesi mo quanti stico, quantum neo-republi cani sm, quantum neo republi cani sm, néo-républ icani sme quantique, néorépubli cani sme quantique, quanti sch
neue republ i kani smus, quanti sch neo republ i kani smus, quanti sch neo-republ i kani smus, quanti sch neorepubli kani smus, quanti schen neue republi kani smus, quanti schen neo republ i kani smus, quanti schen neo-republ i kani smus, quanti schen neorepubli kani smus, neo-republi cani smo cuántico, neo republi cani smo cuánti co, neorepubl icani smo cuánti co, neorepubl icani smo quanti co, neo-republ icani smo quantico, neo republ icani smo quanti co, eterotopi a quantica, eterotopi a quanti sti ca, quantum heterotopi a, quantum heterotopy, hétérotopi e quanti stique, quanti schen heterotopie, quanti sch heterotopi e, heterotopia quanti ca, heterotopi a cuántica, Subli me, erhaben, subli mi s,Subli me eterotopia, subli me heterotopia, subl ime heterotopy, subl ime hétérotopie , erhaben
heterotopie, Subli me eterotopico, subl ime eterotopi sti co, heterotopic subli me, heterotopi an subli me, subli me Hétérotopi c, aposubli me, Eterotopia, heterotopi a, heterotopy, hétérotopie, heterotopi e, Mel ni kov, El Li ssi tzky, Gustav Kl utsi s, Cappell a dei Marti ri , Emi l Nol de, Teoria estetica, Quarto d'ora di poesi a dell a X Mas, X Mas, Gioventù i tali ana del li ttori o, Hegel, Georg Wi lhel m Friedrich Hegel , Di al ettica, dialettica marxi sta, dialectique marxi ste, marxi st dialectics, marxi st di al ecti c, marxi st di al ectic method, marxi sti che dialekti k, marxi sti sche dialekti k, dialectica marxi sta, di al écti ca marxi sta, di al etti ca neomarxi sta, dialettica neo marxi sta, dialettica neo-marxi sta, dialectique néo-marxi ste, neo-marxi st dialectics, neo-marxi st dialectic, neo-marxi st dialectic method,
neue marxi sti sche dialekti k, neo marxi sti sche di al ekti k, di al écticaneo-marxi sta, di al ecticaneo-marxi sta, di al etti ca repubbli cana, republ ican dialectics, republ ican di al ecti c, republi can di al ecti c method, republi kani sche dialekti k, republ i kani scher di al ekti k, di al ecti querépubli caine, dialéctica republi cana, dialectica republi cana, dialetticaneorepubbli cana, dialetticaneo repubbli cana, di al etti ca neo-repubbl icana, neo-republi can di al ectics, neo-republi candialectic, neo-republ ican dialectic method, neue republi kani sche di al ekti k, neo republ i kani sche di al ekti k, néo-républi cainedialectique, di al ecti ca neo-republi cana, dialectica néo-republi cana, dialetticaquanti stica, quantum di al ectics, quantum dialectic, quantum di al ecti c method, neo marxi smus, neomarxi smus ,
Total itare Kunst, Totalitäre Kunst, Totali tari an Art, Arte totali taria, art total itari enne, materiali smo di al etti co, Di al ekti scher Materiali smus, Dialectical materiali sm, Matériali sme dialectique, materiali smo di al ético, materiali smo di al éctico, materiali smo storico, Hi stori scher Materi al i smus, matériali sme hi stori que, Hi storical Materi al i sm, Pol iarchi a, Polyarchy, Polyarchi e, Pol iarqui a, postdemocrazia, post-democrazi a, Postdemocracy, Post-Democracy, Postdemokrati e, Post-Demokrati e, post-démocrati e, pós-democracia, post democrazi a, esteti zzazione del la pol itica, aestheti ci zati on of poli ti cs, pol itical aestheticization, poli ti sche Ästheti k, ÄSTHETÌK DES POLÌTÌSCHEN, Aestheti ci zati on of Poli ti cal Acti on, esthétiquement de l a poli ti que, Esthétique et poli ti que,
Gesamtkunstwerk, Res Publ ica, Nazi smo, Nazi onal soci al i smo, Nazi sme, nati onal -sociali sme, National sociali sme, Nazi smus, National sozi al i smus, Nazi sm, Nati onal Soci al ism, Absoluten Hi stori smus, hi stori smo absol uto, hi stori ci sme absol ue, absol ute hi stori ci sm, di al ecti que, dialectics, di al ecti c, di al éctica, di al ética, Diamat, Scuola di Francoforte, Escola de Frankfurt, Escuela de Frankfurt, Teoria cri ti ca, Kri ti sche Theori e, Cri ti cal Theory, Théorie critique, Di al etti ca dell 'i ll uminismo, Scuola di Francoforte, Frankfurt School, Frankfurter Schul e, Teoria cri ti ca, Kri ti sche Theori e, Cri ti cal Theory, Dialectic of enli ghtenment, Dialekti k der Aufklärung, Dialectique de l 'Ìll umini sme, Dialetti ca del l'il lumi ni smo, Scuola di Francoforte, Frankfurt School, Frankfurter Schule, Teori a
critica, Kriti sche Theori e, Cri ti cal Theory, Di al ecti c of enli ghtenment, Dialekti k der Aufklärung, Di al ecti que de l 'Ìll umini sme, Dialetti ca del l'il lumi ni smo, totali tarian rule, arte degenerata, teori a marxi sta, marxi st theory, marxi sti sche Theori e, Théorie marxi ste, teori a repubbli cana, Republi can Theory, théori e républi caine, Republ i kaner Theorie, republi kani sche Theorie, teoria neo repubbl icana, teori a neo-repubbl icana, teori a neorepubbli cana, neo-republ ican theory, neo republ ican theory, théorie néo-républ icai ne, théorie néo républi caine, neo marxi st theory, neo-marxi st theory, théori e néo-marxi ste, théori e néo marxi ste, neue marxi sti sche Theori e, meccanicaquanti sti ca, teoria neo-marxi sta, teori a neo marxi sta, teoria neomarxi sta, Quantum mechani cs, quantum
physics, quantum theory, fi sica quanti sti ca, teori a quanti stica, sovrapposi zi one, sovrapposi zi one quanti sti ca, princi pi odi sovrapposi zione, pri ncipio di sovrapposi zi one quanti sti ca, superposi ti on, superposi ti on pri nciple, quantum superposi ti on, quantum superposi ti on of quantum mechanics, superposi ti on pri nciple of quantum mechanics, quantum superposi ti on pri nciple, correlazione quanti sti ca, entanglement quanti sti co, entanglement, Quantum entanglement, compl ementari età, princi pi o di compl ementari età, princi pi o di compl ementari età, pri ncipio di compl ementarietà quanti sti ca, compl ementarità, compl ementari ty, quantum compl ementari ty princi pl e, compl ementari ty princi pl e, Quantum observer effect, observer effect, pri ncipio di osservazi one, princi pi odi
osservazi one quanti stico, Quantum observer pri nciple, princi pi o di i ndeterminazi one, uncertai nty pri nciple, Quantum Zeno effect, Effetto Zenone quanti stico, retrocausal ità, retrocausali tà quanti stica, retracausal ity, quantum retrocausal ity, princi pi o di non locali tà, princi pi o di non locali tà quanti sti ca, nonlocali ty, quantum nonl ocal ity, quantum nonlocali ty princi pl e, fil osofia pol itica, Poli ti cal phi losophy, phil osophi e pol itique, pol iti sche Phil osophi e, , Massi mo Mori gi , Mao, Aesthetica fasci sti ca, mostra dell a rivoluzi one fasci sta del 1932, esteti ca, aesthetica, tradi zi onal i smo, moderni smo, fascio, arte fasci sta, arte nazi sta, arte total itari a, esteti ca fasci sta, esteti ca nazi sta, avant garde, totali tari smo imperfetto, Ventenni o, fasci smo i tali ano, Novecento, novecenti smo, Stali n,
Pi acenti ni , Marcel lo Piacentini, Espressi oni smo, Expressi oni smus, Expressi oni sm, Expressi oni sme, Sarfatti, Margherita Sarfatti, Pi acenti ni , Marcel lo Piacentini, Terragni, Gi useppe Terragni, Libera, Adalberto, Libera, Aestheti ca, Fasci sti ca, Aesthetica Fasci stica Ì, neo republ icani smo, neo-republ icani smo, neorepubl icani smo, republ icani smo, républ icani sme, Republ icani sme, marxi sm, marxi sme, neo-repubbli canesimo, neo repubbl icanesi mo, néomarxi sme, néo marxi sme, néo-marxi sme, neomarxsi me, neo marxi sme, neo marxi smo, neo-marxi smo, neo-marxi sm, neo marxi sm, neo marxi smus, neomarxi smus, neue marxi smus, totali tari sme, total itari sm, fasci sm, fasci sme, faschi smus, nazi onal soci al i smo, nazi onal sociali smo, nazional -sociali smo, nazi sm, National
sociali sm, nazi sme, National soci al i sme, National soci al i sme, nazi smus, national sozi ali smus, post democrazi a, post-democrazia, post democracy, postdemocracy, post-démocratie, postdémocrati e, post demokratie, postdemokratie, post democrazi a, post-democraci a, postdemocracia, turbo capital i smo, turbo-capital i smo, turbo capi tali sm, turbo-capital ism, turbocapi tali sm, turbo capi tali sme, turbocapi tali sme, turbo-capital i sme, futuri smus, futuri sme, futuri sm, avanguardia, avanguardi e, avanguardie storiche, Fi li ppo Tommaso Marinetti, Entartete Kunst, Mussoli ni , Benito Mussol ini, Bottai, Al fredo Bottai, Si roni, Mario Si roni, Gesamtkunstwerk, mostra del decennale del la ri voluzione fasci sta, mostra dell a ri vol uzi one fasci sta, mostra del la ri voluzione fasci sta del 1933,
premi o Cremona, Fari nacci , Totalitarian art, Totali tari ske Kunst, Web, Ìnternet, Poli ti ci zzazione dell 'estetica, esteti zzazione del la violenza, Benjami n, Wal ter Benjami n, Machiavell i, Ni ccol òMachi avel li , Tesi di fil osofia del la stori a, Max Horkhei mer, Theodor Ludwig Wiesengrund Adorno, Golomstock, REPUBLÌCANÌSM, MARXÌSM, REPUBLÌKANÌSMUS, MARXÌSMUS, NEUE REPUBLÌKANÌSMUS, NEUE MARXÌSMUS, NEO REPUBLÌCANÌSM, NEO MARXÌSM, TOTALÌTARÌSMO, TOTALÌTARÌSMUS, TOTALÌTARÌANÌSM, FASCÌSMO, NAZÌSMO, ARTE TOTALÌTARÌA, ARTE FASCÌSTA, ARTE NAZÌSTA, POSTDEMOCRAZÌA, TURBOCAPÌTALÌSMO, POST DEMOCRACY, TURBO CAPÌTALÌSM, VÌTAACTÌVA, Mao, repubbli canesimo, marxi smo, neomarxi smo,
fasci smo, esteti zzazione del la pol itica, futuri smo, avant-garde, avantgarde, Marinetti, Hannah Arendt, Vita Acti va, Leo Strauss, Angelus Novus, Wi sl awa Szymborska, Vi ta Activa La condizione umana, Li eta novel la, Gesù, perdono, effetto tunnel , effetto tunnel quanti co, effetto tunnel quanti stico, tunnel effect, tunnel ing effect, Quantum tunneli ng effect, Quantum tunnel effect, Quantum bil ocation, Quantum bil ocationeffect, bil ocazione, bi locazi one quanti ca, bil ocazione quanti stica, effetto dell a bi locazi one quantica, Quantum mechani cs mul ti l ocation, Quantum mechani cs multi -locati on, Quantum mechanicsmul ti l ocation, Quantum mechani cs mul ti l ocations, Quantum mechani cs mul ti -locati ons, Quantum mechanicsmul ti l ocations, multi locazi one quanti ca, mul ti -
locazi one quantica, mul ti locazi one quanti ca, mul ti l ocazione quanti stica, multi-l ocazione quanti stica, multil ocazione quanti stica, multi locazi one, multi-l ocazione, mul ti locazi one, Massi mo Morigi, Stefano Sal mi , Di ffusi ve Domination, Walter Benj amin, György Lukács, Massi mo Mori gi , Repubbl icanesi mo, Republi cani sm, Diffusi ve Domination, Republ ican Diffusi ve Domi nati on, Domi ni o Diffuso, Dominio Repubbl icano Di ffuso, Dominazi one Di ffusa, Dominazi one repubbl icana di ffusa, Repubbl icanesi mo Quantico ; Massi mo Mori gi ; Di ffusi ve Domination; Wal ter Benjami n;György Lukács; Repubbl icanesi mo; Republ icani sm; Republ i kani smus; Di ffusi ve Domination; Republi can Di ffusi ve Domination;Dominio Di ffuso; Domi nazi one Di ffusa; Dominazione Diffusi va; Domi ni o
Di ffusi vo; Dominazione Repubbli cana Di ffusi va;Dominazione Repubbli cana Di ffusa; Domi ni o Repubbli cano Diffuso; Domi ni o Repubbli cano Diffusi vo; Domi nazi one Di ffusa;Dominazione repubbli cana diffusa; Repubbl icanesi mo Quantico; Republ icani sm 2.0; Repubbl icanesi mo 2.0; Republ i kani smus 2.0; Lebensraum Republi kani smus; Lebensraum Republi cani sm; Lebensraum Repubbl icanesi mo; Repubbli canesimo geopol itico; Geopol itical Republ icanism; Geo-pol itical Republ icani sm; Geopoli ti sche Republi kani smus; Diffusi ve Domi ni on;Republi can Di ffusi ve Dominion; R 2.0; R. 2.0; R2.0; DD; D.D; D.R.D; DRD; R.D.D; RDD; D2; RD2; D2R; Geopol itica Repubbl icana; Republ ican Geopoli ti cs; Republi kani sche Geopoli ti k; Republi kani scher Geopol iti k; neo
marxi smo; neomarxi smo;neo-marxi smo; neorepubbli canesimo; neo-repubbli canesimo; neo repubbl icanesi mo; marxi smo; marxi smus; marxi sm;dialettica; di al etti ca marxi sta; marxi st di al ecti cs; marxi st dialectic; repubbli canesimo quantico; repubbl icanesi mo quanti co-dialettico; repubbli canesimo marxi sta; repubbl icanesi mo neo-marxi sta; Karl Marx; Hannah Arendt; Carl Schmi tt; LR; L. R;repubbl icanesi mo di al etti co; repubbl icanesi mo quanti co-dialettico-marxi sta; repubbli canesimo geo-quantico-di al etti co;repubbl icanesi mo geo-quanti co-dialettico-marxi sta; Massi mo Mori gi ; Republi can Di ffusi ve Domination; Lebensraum Republ icani sm; Massi mo Morigi; Diffusi ve Domi nati on; Walter Benj amin; György
Lukács; Repubbl icanesi mo;Republ icani sm; Republ i kani smus; Di ffusi ve Domination; Republi can Di ffusi ve Domination; Dominio Di ffuso; Domi nazi one Di ffusa; Dominazione Diffusi va; Domi ni o Di ffusi vo; Domi nazi one Repubbl icana Di ffusi va; Domi nazi one Repubbl icana Di ffusa;Dominio Repubbl icano Di ffuso; Dominio Repubbl icano Di ffusi vo; Dominazione Diffusa; Domi nazi one repubbl icana di ffusa;Repubbli canesimo Quanti co; Republi cani sm 2.0; Repubbli canesimo 2.0; Republi kani smus 2.0; Lebensraum Republ i kani smus;Lebensraum Republ icani sm; Lebensraum Repubbli canesimo; Repubbl icanesi mo geopoli ti co; Geopoli ti cal Republi cani sm; Geo-poli ti cal Republi cani sm; Geopol iti sche Republ i kani smus; Di ffusi ve Dominion; Republ ican Diffusi ve Domi ni on; R
2.0; R. 2.0;R2.0; DD; D.D; D.R.D; DRD; R.D.D; RDD; D2; RD2; D2R; Geopoli ti ca Repubbli cana; Republi can Geopol itics;Republ i kani sche Geopol iti k; Republ i kani scher Geopoli ti k; neo marxi smo; neomarxi smo; neo-marxi smo; neorepubbl icanesi mo
DoGn6o!,2) 29
GESAMT@UNSJER@ RES PUBLICA, REPUBLICAN DIFFUSI7E DOMINATION, MASSIMO MORIGI, HANNAH ARENDT, @ARL MARI - Massi mo Mori gi
GESAMTKUNSTWERK RES PUBLÌCA: PAPERDÌ MASSÌMO MORÌGÌ PERUNA REPUBLÌCAN DÌFFUSÌVE DOMÌNATÌON SULLA LÌNEA DELL'ÌNSEGMAMENTO DÌ HANNAH ARENDT
@-yGo.,2) Massi mo Morigi, Stefano Sal mi , repubbli canesimo quanti stico-di al etti co, repubbl icanesi mo quanto-dialettico, repubbli canesimo quanti co-di al etti co, quantodialettico repubbli canesimo, repubbl icanesi mo quanto-di al etti co, quanto dialettico repubbl icanesi mo, quantodialettico repubbli canesimo, neo-repubbli canesimo quanti sti co-di al etti co, neo-repubbli canesimo quanto-di al etti co, neo-repubbli canesimo quantico-di al etti co, quantodi al ettico neo-repubbl icanesi mo, quanto-di al etti co neo-repubbl icanesi mo, quanto dialetticoneo-repubbl icanesi mo, quantodi al ettico neo-repubbli canesimo, marxi smo quanti stico-di al etti co, marxi smo quanto-di al etti co, marxi smo quantico-dialettico, marxi smo quantodialettico, quanto-di al etti co marxi smo, quanto dialettico
marxi smo, quantodialettico marxi smo, neo-marxi smo quanti sti co-dialettico, neo-marxi smo quanto-di al etti co, neo-marxi smo quantico-dialettico, neo-marxi smo quantodialettico, neo-marxi smo quanto-di al etti co, neo-marxi smo quanto di al etti co, neo-marxi smo quantodialetti co, quantofuturi smo, quanto-futuri smo, quanto futuri smo, quantodi al etti co futuri smo, quanto dialettico futuri smo, quanto-di al etti co futuri smo, futuri smo quanti co dialettico, futuri smo quantico-di al etti co, , Massi mo Morigi, Stefano Sal mi , repubbl icanesi mo quanti stico-dialettico, repubbl icanesi mo quanto-dialettico, repubbli canesimo quanti co-di al etti co, quantodialettico repubbli canesimo, repubbli canesimo quanto-di al etti co, quanto dialettico repubbl icanesi mo, quantodialettico repubbli canesimo, neo-
repubbli canesimo quanti stico-di al etti co, neo-repubbl icanesi mo quanto-dialettico, neo-repubbl icanesi mo quanti co-dialettico, quantodialetti co neo-repubbl icanesi mo, quanto-di al etti co neo-repubbli canesimo, quanto di al etti co neo-repubbli canesimo, quantodi al etti co neo-repubbl icanesi mo, marxi smo quanti sti co-dialettico, marxi smo quanto-dialettico, marxi smo quanti co-dialettico, marxi smo quantodi al etti co, quanto-dialetticomarxi smo, quanto di al etti co marxi smo, quantodialetti co marxi smo, neo-marxi smo quanti stico-di al etti co, neo-marxi smo quanto-dialettico, neo-marxi smo quanti co-di al etti co, neo-marxi smo quantodi al etti co, neo-marxi smo quanto-dialettico, neo-marxi smo quanto dialettico, neo-marxi smo quantodi al ettico, quantofuturi smo, quanto-futuri smo, quanto
futuri smo, quantodi al etti co futuri smo, quanto di al etti co futuri smo, quanto-di al etti co futuri smo, futuri smo quanti co di al etti co, futuri smo quanti co-di al etti co, , Quantum bil ocation heterotopi a, Quantum bi-l ocation heterotopia, Quantum bil ocation heterotopy, Quantum bi -locati on heterotopy, Quantum multil ocationheterotopi a, Quantum multi-l ocation heterotopia, Quantum mul ti locati on heterotopy, Quantum multi-l ocation heterotopy, Mul ti locale eterotopia quanti ca, bil ocal eeterotopi a quanti ca, eterotopi a quantica multil ocal e, eterotopi a quantica bi locale, Quantum mechani cs bil ocationheterotopi a, Quantum mechani cs bi -locati on heterotopi a, Quantum mechanics bi locati on heterotopy, Quantum mechanicsbi -locati on heterotopy, Quantum mechanicsmul ti locati on
heterotopia, Quantum mechani cs mul ti -locati on heterotopia, Quantum mechanics multil ocationheterotopy, Quantum mechanics multi-l ocation heterotopy, Stefano Salmi, Princi pi odi i ndeterminazi one, Princi pi odi indetermi nazione quantico, Pri ncipio di i ndeterminazi one quanti stico, Uncertainty Princi pl e, Quantum Uncertainty Princi pl e, princi pe d'incerti tude, pri ncipe d'i ndétermi nati on, Pri ncipio di incertezza, Pri ncipio di incertezza quantico, Hei senbergsche Unschärferelati on, Unbestimmthei tsrelation, Hei senbergs Prinzi p, Hei senbergs Unschärferel ation, Princípi o da Ìncerteza, pri ncípio de i ncertezas, Mul ti verso, Mul ti verse, mul ti verso quanti co, mul ti verso quanti sti co, eteropi a quantico-mul ti verso, eterotopia quanti co multiverso, Quantum multiverse, Many-Worl ds,
Many Worl ds, Many-Worlds interpretation of Quantum Mechani cs, multiverso eterotopi co, mul ti verso quanti stico-eterotopi co, multiverso quanto-eterotopico, Quantum heterotopi an multiverse, Quantum heterotopic mul ti verse, multiverse heterotopy, multiverse heterotopia, Quantum multiverse heterotopy, Quantum multiverse heterotopi a, eteropia mul ti verso quanti ca, eterotopi a mul ti -verso quantica, eterotopia multiverso-quanti ca, eterotopi a mul ti verso quanti ca, Princi pi o d'indeterminazi one, Princi pi o d'incertezza , zoon poli ti kon, pol i s, L'opera d'arte nell 'epoca dell a sua ri producibil ità tecnica, The Work of Art in the Age of Mechanical Reproducti on, Das Kunstwerk im Zei talter seiner techni schen Reproduzi erbarkei t, L'Cuvre d'art à l 'époque de sa reproducti bi li té
techni que, L'oeuvre d'art à l'ère de sa reproductibil ité techni que, L'opera d'arte nel l'epoca del la sua riproduci bi li tà meccanica, Massi mo Mori gi , Fiat ars - pereat mundus, Aesthetica fasci sti ca Ì, homo laborans/faber, homo laborans, homo faber, Cappel la dei Marti ri, Gesamtkunstwerk, opera d'arte totale, empowerment , Res Publi ca, Ezra Pound, Pound, Mori gi , Waldemar George, Fi li ppo de Pi si s, Charles Edouard Jeanneret, Le Corbusi er, Ìncipit novus ordo, Arnal do Carpanetti , Fortunato Depero, Depero, Osval do Peruzzi, Ernesto Michahell es, Thayhat, Prampoli ni , Enri co Prampoli ni , Ferrucci o Vecchi, TheTheory of the Avant-Garde, Theory of the Avant-Garde, Renato Poggioli , Peter Bürger, Tertull iano, agorà, De Chi ri co, Giorgi o De Chi rico, Raffael lo, Raffael lo
Sanzi o, Scuola di Atene, Ci ano, Galeazzo Ci ano, Gi an Gal eazzo Ci ano, Diari o di Ci ano, Carrà, Carlo Carrà, Emil Nol de, Omero, Sepp Hi l z, Werner Peiner, Oscar Martin Amorbach, Adol f Ziegl er, Konrad Hommel, Arno Breker, Ghunther von Hagens, Capitan Harl ock, Gi anna Nanni ni , Vol taire, Françoi s-Mari e Arouet, Lettres Phi losophiques, Bacone, Francesco Bacone, Bacon, Franci s Bacon, Novum Organum, Phänomenol ogie des Gei stes, fenomenol ogia dell o spi ri to, Max Horkhei mer, Theodor Ludwi g Wi esengrund Adorno, bi os poli ti kos, ai esthesi s , Angel us Novus, perdono, Wi sl awa Szymborska, Schwarze Sonne, Fukuyama, Yoshihi ro Franci s Fukuyama, Franci s Fukuyama, Marx, Karl Marx, Avantgarde, mécani que quanti que, mecánicacuántica, mecani ca
quanti ca, Quantenphysi k, quanti schen Mechani k, Di al ecti que quanti que, dialecticaquantica, quantum dialekti ske, di al éticacuántica, dialéti ca quanti ca, quantum di al ekti sche, di al ekti sche, Avanguardia quanti ca, avanguardi a quanti stica, avant-garde quanti ca, avant-garde quanti stica, quantum avant-garde, avant-garde quanti que, vanguardia cuánti ca, quanti schen Avantgarde, Futuri smo quanti co, futuri smo quanti sti co, quantum futuri sm, quanti schen futuri smus, quanti sch futuri smus, futuri sme quantique, futuri smo cuánti co, Fi losofia poli ti ca quanti ca, fil osofia poli ti ca quanti sti ca, quantum Pol itical phil osophy, phil osophi e poli ti que quanti que, quanti schen pol iti sche Phil osophi e, fil osofia poli ti ca cuánti ca, quanti sch pol iti sche Phil osophie, Stori a quantica, storia
quanti sti ca, stori ografi a quanti ca, storiografi a quanti stica, hi stoi re quanti que, quantum hi story, Quantenphysi kgeschichte, Quanten geschichte, quanti schen geschichte, Hi stóri a cuánti ca, hi stori a quanti ca, quanti sch geschichte, quanti sch Geschi chtsschrei bung, quanti schen Geschi chtsschrei bung, quantum hi stori ography, hi storiographie quanti que, materi al i smo hi storico, materiali smo hi stóri co, Eteropi a quanti ca, Eterotopi a quanti stica, quantum heterotopi a, quantum heterotopy, hétérotopie quanti que, quanti schen heterotopie, heterotopia cuánti ca, heterotopi a quanti ca, quanti sch heterotopi e, Quantum superposi tion heterotopi a, quantum superposi tion heterotopy, quantum entangl ement heterotopia, quantum entangl ement heterotopy, eterotopia quanti ca,
eterotopi a quanti sti ca, Superposi tion quanti co-eterotopi ca, superposi tion quanto-eterotopica, superposi ti on quanti sti co-eterotopi ca, superposi tion eterotopica-quanti ca, superposi tion eterotopica-quanti stica, quanti co-eterotopi ca superposi ti on, quanto-eterotopica superposi tion, quanti sti co-eterotopi ca superposi ti on, eterotopica-quanti ca superposi ti on, eterotopica-quanti stica superposi tion, eterotopi ca-quantica superposi tion, eterotopi co-quanti ca superposi ti on, eterotopico-quanti stica superposi ti on, eterotopico-quantica superposi tion, heterotopi c quantum entanglement, heterotopian quantum entangl ement, heterotopi c quantum superposi ton, heterotopi an quantum entanglement, entangl ement eterotopico-quanti co, entangl ement eterotopico-quanti stico,
entanglement eterotopico-quantico, entanglement quantico-eterotopico, entanglement quanti stico-eterotopico, entanglement quantico-eterotopico, quanti co-eterotopico entangl ement, quanti stico-eterotopico entangl ement, quantico-eterotopico entangl ement, entangl ement quanti sti co-eterotopi co, entangl ement quanti co-eterotopi co, entangl ement quanti co-eterotopi co, quantico-eterotopi co entanglement, Quantum observer heterotopi a, Quantum observer heterotopy, heterotopi an quantum observer, heterotopic quantum observer, eterotopia dell 'osservatore quanti co, eterotopia dell 'osservatore quanti stico, materiali smo storico quantico, materi al i smo stori co quanti stico, quanti schen Hi stori scher Materi al i smus, matériali sme hi stori que quanti que, Quantum hi storical
materiali sm, materiali smo hi stori co quanti co, materiali smo hi stóri co cuánti co, materiali smo dialettico quanti co, materi al i smo di al etti co quanti stico, Quantum di al ectical materi al i sm, quanti schen Dialekti scher Materi al i smus, Matériali sme dialectique quantique, materiali smo dialéti co cuánti co, materiali smo di al écticoquantico, materiali smo stori co-dialettico, materi al i smo storico e di al etti co, materiali smo stori co e materiali smo di al etti co, hi storical dialectical materiali sm, hi storical -di al ecti cal -materi al i sm, matéri al i sme hi storique-di al ecti que, matéri al i sme hi storique et dialectique, Di al ekti sch-hi stori scher Materiali smus, di al ekti schen und hi stori schen Materi al i smus, Materiali smo Hi stórico Dialéti co, materi al i smo hi storico di al écti co, materi al i smo quantico storico-di al etti co,
materiali smo quanti co e stori co-dialettico, materi al i smo quanti stico storico-di al etti co, materiali smo quanti stico e stori co-dialettico, materi al i smo stori co-dialetticoquantico, materiali smo stori co-dialettico quanti sti co, materi al i smo storico e dialettico quanti co, materi al i smo storico e di al etti co quanti sti co, materi al i smo storico e materiali smo dialettico quanti ci , materiali smo stori co e materi al i smo di al etti co quanti stici, materi al i smo quantico-stori co-dialettico, materi al i smo quanti sti co-stori co-dialettico, quantum hi storical dialectical materi al i sm, quantum hi storical -di al ecti cal -materi al i sm, matéri al i sme quanti que-hi stori que-dialectique, matériali sme quantique hi stori que et di al ecti que, quanti schen Di al ekti sch-hi stori scher Materiali smus, quanti sch di al ekti schen und
hi stori schen Materi al i smus, Materi al i smo cuánti co Hi stóri co Di al ético, materiali smo quanti co hi storico dialéctico, Di amat quanti stico, Di amat quantico, quantum Di amat, Di amat quantique, quanti sch Di amat, quanti schen Di amat, Diamat cuánti co, materiali smo quantico, materiali smo quanti stico, quantum materiali sm, matériali sme quantique, quanti sch materiali smus, quanti schen materiali smus, materi al i smo cuántico, marxi smo quanti stico, marxi smo quantico, quantum marxi sm, marxi sme quanti que, quanti sch marxi smus, quanti schen marxi smus, marxi smo cuántico, neo marxi smo quanti co, neo marxi smo quanti sti co, neo-marxi smo quanti co, neo-marxi smo quanti stico, neomarxi smo quanti co, neomarxi smo quanti stico, quanti sch neue marxi smus, quanti schen
neue marxi smus, quanti sch neo marxi smus, quanti schen neo marxi smus, quanti sch neomarxi smus, quanti schen neomarxi smus, néo-marxi sme quanti sti que, néomarxi sme quanti stique, neo-marxi smo cuántico, repubbli canesimo quanti co, repubbli canesimo quanti stico, quantum republi cani sm, républ icani sme quanti que, quanti schen republ i kani smus, quanti sch republi kani smus, republi cani smo quantico, republi cani smo cuánti co, neorepubbl icanesi mo quantico, neo repubbli canesimo quanti stico, neo-repubbli canesimo quantico, neo-repubbli canesimo quanti stico, neo repubbl icanesi mo quanti co, neo repubbl icanesi mo quanti stico, quantum neo-republi cani sm, quantum neo republi cani sm, néo-républ icani sme quantique, néorépubli cani sme quantique, quanti sch
neue republ i kani smus, quanti sch neo republ i kani smus, quanti sch neo-republ i kani smus, quanti sch neorepubli kani smus, quanti schen neue republi kani smus, quanti schen neo republ i kani smus, quanti schen neo-republ i kani smus, quanti schen neorepubli kani smus, neo-republi cani smo cuántico, neo republi cani smo cuánti co, neorepubl icani smo cuánti co, neorepubl icani smo quanti co, neo-republ icani smo quantico, neo republ icani smo quanti co, eterotopi a quantica, eterotopi a quanti sti ca, quantum heterotopi a, quantum heterotopy, hétérotopi e quanti stique, quanti schen heterotopie, quanti sch heterotopi e, heterotopia quanti ca, heterotopi a cuántica, Subli me, erhaben, subli mi s,Subli me eterotopia, subli me heterotopia, subl ime heterotopy, subl ime hétérotopie , erhaben
heterotopie, Subli me eterotopico, subl ime eterotopi sti co, heterotopic subli me, heterotopi an subli me, subli me Hétérotopi c, aposubli me, Eterotopia, heterotopi a, heterotopy, hétérotopie, heterotopi e, Mel ni kov, El Li ssi tzky, Gustav Kl utsi s, Cappell a dei Marti ri , Emi l Nol de, Teoria estetica, Quarto d'ora di poesi a dell a X Mas, X Mas, Gioventù i tali ana del li ttori o, Hegel, Georg Wi lhel m Friedrich Hegel , Di al ettica, dialettica marxi sta, dialectique marxi ste, marxi st dialectics, marxi st di al ecti c, marxi st di al ectic method, marxi sti che dialekti k, marxi sti sche dialekti k, dialectica marxi sta, di al écti ca marxi sta, di al etti ca neomarxi sta, dialettica neo marxi sta, dialettica neo-marxi sta, dialectique néo-marxi ste, neo-marxi st dialectics, neo-marxi st dialectic, neo-marxi st dialectic method,
neue marxi sti sche dialekti k, neo marxi sti sche di al ekti k, di al écticaneo-marxi sta, di al ecticaneo-marxi sta, di al etti ca repubbli cana, republ ican dialectics, republ ican di al ecti c, republi can di al ecti c method, republi kani sche dialekti k, republ i kani scher di al ekti k, di al ecti querépubli caine, dialéctica republi cana, dialectica republi cana, dialetticaneorepubbli cana, dialetticaneo repubbli cana, di al etti ca neo-repubbl icana, neo-republi can di al ectics, neo-republi candialectic, neo-republ ican dialectic method, neue republi kani sche di al ekti k, neo republ i kani sche di al ekti k, néo-républi cainedialectique, di al ecti ca neo-republi cana, dialectica néo-republi cana, dialetticaquanti stica, quantum di al ectics, quantum dialectic, quantum di al ecti c method, neo marxi smus, neomarxi smus ,
Total itare Kunst, Totalitäre Kunst, Totali tari an Art, Arte totali taria, art total itari enne, materiali smo di al etti co, Di al ekti scher Materiali smus, Dialectical materiali sm, Matériali sme dialectique, materiali smo di al ético, materiali smo di al éctico, materiali smo storico, Hi stori scher Materi al i smus, matériali sme hi stori que, Hi storical Materi al i sm, Pol iarchi a, Polyarchy, Polyarchi e, Pol iarqui a, postdemocrazia, post-democrazi a, Postdemocracy, Post-Democracy, Postdemokrati e, Post-Demokrati e, post-démocrati e, pós-democracia, post democrazi a, esteti zzazione del la pol itica, aestheti ci zati on of poli ti cs, pol itical aestheticization, poli ti sche Ästheti k, ÄSTHETÌK DES POLÌTÌSCHEN, Aestheti ci zati on of Poli ti cal Acti on, esthétiquement de l a poli ti que, Esthétique et poli ti que,
Gesamtkunstwerk, Res Publ ica, Nazi smo, Nazi onal soci al i smo, Nazi sme, nati onal -sociali sme, National sociali sme, Nazi smus, National sozi al i smus, Nazi sm, Nati onal Soci al ism, Absoluten Hi stori smus, hi stori smo absol uto, hi stori ci sme absol ue, absol ute hi stori ci sm, di al ecti que, dialectics, di al ecti c, di al éctica, di al ética, Diamat, Scuola di Francoforte, Escola de Frankfurt, Escuela de Frankfurt, Teoria cri ti ca, Kri ti sche Theori e, Cri ti cal Theory, Théorie critique, Di al etti ca dell 'i ll uminismo, Scuola di Francoforte, Frankfurt School, Frankfurter Schul e, Teoria cri ti ca, Kri ti sche Theori e, Cri ti cal Theory, Dialectic of enli ghtenment, Dialekti k der Aufklärung, Dialectique de l 'Ìll umini sme, Dialetti ca del l'il lumi ni smo, Scuola di Francoforte, Frankfurt School, Frankfurter Schule, Teori a
critica, Kriti sche Theori e, Cri ti cal Theory, Di al ecti c of enli ghtenment, Dialekti k der Aufklärung, Di al ecti que de l 'Ìll umini sme, Dialetti ca del l'il lumi ni smo, totali tarian rule, arte degenerata, teori a marxi sta, marxi st theory, marxi sti sche Theori e, Théorie marxi ste, teori a repubbli cana, Republi can Theory, théori e républi caine, Republ i kaner Theorie, republi kani sche Theorie, teoria neo repubbl icana, teori a neo-repubbl icana, teori a neorepubbli cana, neo-republ ican theory, neo republ ican theory, théorie néo-républ icai ne, théorie néo républi caine, neo marxi st theory, neo-marxi st theory, théori e néo-marxi ste, théori e néo marxi ste, neue marxi sti sche Theori e, meccanicaquanti sti ca, teoria neo-marxi sta, teori a neo marxi sta, teoria neomarxi sta, Quantum mechani cs, quantum
physics, quantum theory, fi sica quanti sti ca, teori a quanti stica, sovrapposi zi one, sovrapposi zi one quanti sti ca, princi pi odi sovrapposi zione, pri ncipio di sovrapposi zi one quanti sti ca, superposi ti on, superposi ti on pri nciple, quantum superposi ti on, quantum superposi ti on of quantum mechanics, superposi ti on pri nciple of quantum mechanics, quantum superposi ti on pri nciple, correlazione quanti sti ca, entanglement quanti sti co, entanglement, Quantum entanglement, compl ementari età, princi pi o di compl ementari età, princi pi o di compl ementari età, pri ncipio di compl ementarietà quanti sti ca, compl ementarità, compl ementari ty, quantum compl ementari ty princi pl e, compl ementari ty princi pl e, Quantum observer effect, observer effect, pri ncipio di osservazi one, princi pi odi
osservazi one quanti stico, Quantum observer pri nciple, princi pi o di i ndeterminazi one, uncertai nty pri nciple, Quantum Zeno effect, Effetto Zenone quanti stico, retrocausal ità, retrocausali tà quanti stica, retracausal ity, quantum retrocausal ity, princi pi o di non locali tà, princi pi o di non locali tà quanti sti ca, nonlocali ty, quantum nonl ocal ity, quantum nonlocali ty princi pl e, fil osofia pol itica, Poli ti cal phi losophy, phil osophi e pol itique, pol iti sche Phil osophi e, , Massi mo Mori gi , Mao, Aesthetica fasci sti ca, mostra dell a rivoluzi one fasci sta del 1932, esteti ca, aesthetica, tradi zi onal i smo, moderni smo, fascio, arte fasci sta, arte nazi sta, arte total itari a, esteti ca fasci sta, esteti ca nazi sta, avant garde, totali tari smo imperfetto, Ventenni o, fasci smo i tali ano, Novecento, novecenti smo, Stali n,
Pi acenti ni , Marcel lo Piacentini, Espressi oni smo, Expressi oni smus, Expressi oni sm, Expressi oni sme, Sarfatti, Margherita Sarfatti, Pi acenti ni , Marcel lo Piacentini, Terragni, Gi useppe Terragni, Libera, Adalberto, Libera, Aestheti ca, Fasci sti ca, Aesthetica Fasci stica Ì, neo republ icani smo, neo-republ icani smo, neorepubl icani smo, republ icani smo, républ icani sme, Republ icani sme, marxi sm, marxi sme, neo-repubbli canesimo, neo repubbl icanesi mo, néomarxi sme, néo marxi sme, néo-marxi sme, neomarxsi me, neo marxi sme, neo marxi smo, neo-marxi smo, neo-marxi sm, neo marxi sm, neo marxi smus, neomarxi smus, neue marxi smus, totali tari sme, total itari sm, fasci sm, fasci sme, faschi smus, nazi onal soci al i smo, nazi onal sociali smo, nazional -sociali smo, nazi sm, National
sociali sm, nazi sme, National soci al i sme, National soci al i sme, nazi smus, national sozi ali smus, post democrazi a, post-democrazia, post democracy, postdemocracy, post-démocratie, postdémocrati e, post demokratie, postdemokratie, post democrazi a, post-democraci a, postdemocracia, turbo capital i smo, turbo-capital i smo, turbo capi tali sm, turbo-capital ism, turbocapi tali sm, turbo capi tali sme, turbocapi tali sme, turbo-capital i sme, futuri smus, futuri sme, futuri sm, avanguardia, avanguardi e, avanguardie storiche, Fi li ppo Tommaso Marinetti, Entartete Kunst, Mussoli ni , Benito Mussol ini, Bottai, Al fredo Bottai, Si roni, Mario Si roni, Gesamtkunstwerk, mostra del decennale del la ri voluzione fasci sta, mostra dell a ri vol uzi one fasci sta, mostra del la ri voluzione fasci sta del 1933,
premi o Cremona, Fari nacci , Totalitarian art, Totali tari ske Kunst, Web, Ìnternet, Poli ti ci zzazione dell 'estetica, esteti zzazione del la violenza, Benjami n, Wal ter Benjami n, Machiavell i, Ni ccol òMachi avel li , Tesi di fil osofia del la stori a, Max Horkhei mer, Theodor Ludwig Wiesengrund Adorno, Golomstock, REPUBLÌCANÌSM, MARXÌSM, REPUBLÌKANÌSMUS, MARXÌSMUS, NEUE REPUBLÌKANÌSMUS, NEUE MARXÌSMUS, NEO REPUBLÌCANÌSM, NEO MARXÌSM, TOTALÌTARÌSMO, TOTALÌTARÌSMUS, TOTALÌTARÌANÌSM, FASCÌSMO, NAZÌSMO, ARTE TOTALÌTARÌA, ARTE FASCÌSTA, ARTE NAZÌSTA, POSTDEMOCRAZÌA, TURBOCAPÌTALÌSMO, POST DEMOCRACY, TURBO CAPÌTALÌSM, VÌTAACTÌVA, Mao, repubbli canesimo, marxi smo, neomarxi smo,
fasci smo, esteti zzazione del la pol itica, futuri smo, avant-garde, avantgarde, Marinetti, Hannah Arendt, Vita Acti va, Leo Strauss, Angelus Novus, Wi sl awa Szymborska, Vi ta Activa La condizione umana, Li eta novel la, Gesù, perdono, effetto tunnel , effetto tunnel quanti co, effetto tunnel quanti stico, tunnel effect, tunnel ing effect, Quantum tunneli ng effect, Quantum tunnel effect, Quantum bil ocation, Quantum bil ocationeffect, bil ocazione, bi locazi one quanti ca, bil ocazione quanti stica, effetto dell a bi locazi one quantica, Quantum mechani cs mul ti l ocation, Quantum mechani cs multi -locati on, Quantum mechanicsmul ti l ocation, Quantum mechani cs mul ti l ocations, Quantum mechani cs mul ti -locati ons, Quantum mechanicsmul ti l ocations, multi locazi one quanti ca, mul ti -
locazi one quantica, mul ti locazi one quanti ca, mul ti l ocazione quanti stica, multi-l ocazione quanti stica, multil ocazione quanti stica, multi locazi one, multi-l ocazione, mul ti locazi one, Massi mo Morigi, Stefano Sal mi , Di ffusi ve Domination, Walter Benj amin, György Lukács, Massi mo Mori gi , Repubbl icanesi mo, Republi cani sm, Diffusi ve Domination, Republ ican Diffusi ve Domi nati on, Domi ni o Diffuso, Dominio Repubbl icano Di ffuso, Dominazi one Di ffusa, Dominazi one repubbl icana di ffusa, Repubbl icanesi mo Quantico ; Massi mo Mori gi ; Di ffusi ve Domination; Wal ter Benjami n;György Lukács; Repubbl icanesi mo; Republ icani sm; Republ i kani smus; Di ffusi ve Domination; Republi can Di ffusi ve Domination;Dominio Di ffuso; Domi nazi one Di ffusa; Dominazione Diffusi va; Domi ni o
Di ffusi vo; Dominazione Repubbli cana Di ffusi va;Dominazione Repubbli cana Di ffusa; Domi ni o Repubbli cano Diffuso; Domi ni o Repubbli cano Diffusi vo; Domi nazi one Di ffusa;Dominazione repubbli cana diffusa; Repubbl icanesi mo Quantico; Republ icani sm 2.0; Repubbl icanesi mo 2.0; Republ i kani smus 2.0; Lebensraum Republi kani smus; Lebensraum Republi cani sm; Lebensraum Repubbl icanesi mo; Repubbli canesimo geopol itico; Geopol itical Republ icanism; Geo-pol itical Republ icani sm; Geopoli ti sche Republi kani smus; Diffusi ve Domi ni on;Republi can Di ffusi ve Dominion; R 2.0; R. 2.0; R2.0; DD; D.D; D.R.D; DRD; R.D.D; RDD; D2; RD2; D2R; Geopol itica Repubbl icana; Republ ican Geopoli ti cs; Republi kani sche Geopoli ti k; Republi kani scher Geopol iti k; neo
marxi smo; neomarxi smo;neo-marxi smo; neorepubbli canesimo; neo-repubbli canesimo; neo repubbl icanesi mo; marxi smo; marxi smus; marxi sm;dialettica; di al etti ca marxi sta; marxi st di al ecti cs; marxi st dialectic; repubbli canesimo quantico; repubbl icanesi mo quanti co-dialettico; repubbli canesimo marxi sta; repubbl icanesi mo neo-marxi sta; Karl Marx; Hannah Arendt; Carl Schmi tt; LR; L. R;repubbl icanesi mo di al etti co; repubbl icanesi mo quanti co-dialettico-marxi sta; repubbli canesimo geo-quantico-di al etti co;repubbl icanesi mo geo-quanti co-dialettico-marxi sta; Massi mo Mori gi ; Republi can Di ffusi ve Domination; Lebensraum Republ icani sm; Geopoli ti ca Repubbli cana; Republi can Geopol itics; Republ i kani sche Geopol iti k; Republ i kani scher Geopoli ti k;neo
marxi smo; neomarxi smo; neo-marxi smo; neorepubbli canesimo; neo-repubbli canesimo; neo repubbl icanesi mo; marxi smo;marxi smus; marxi sm; dialettica; di al etti ca marxi sta; marxi st di al ecti cs; marxi st dialectic; repubbli canesimo quantico;repubbl icanesi mo quanti co-dialettico; repubbli canesimo marxi sta; repubbl icanesi mo neo-marxi sta; Karl Marx; Hannah Arendt;LR; L. R; repubbli canesimo dialettico; repubbli canesimo quantico-di al etti co-marxi sta; repubbl icanesi mo geo-quanti co-dialettico; repubbli canesimo geo-quantico-di al etti co-marxi sta; Massi mo Morigi; Republ ican Diffusi ve Domi nati on; Lebensraum Republi cani sm; Massi mo Mori gi ; Di ffusi ve Domination; Wal ter Benjami n; György Lukács; Repubbli canesimo;Republi cani sm; Republi kani smus; Diffusi ve
Domination; Republi can Di ffusi ve Domination; Dominio Di ffuso; Domi nazi one Di ffusa; Dominazione Diffusi va; Domi ni o Di ffusi vo; Domi nazi one Repubbl icana Di ffusi va; Domi n
DoGn6o!,2) 32
G-2!'0+n2'G-.0 R-2 P+16#/!. D#<<+2#8- Do#n!'#on - Massi mo Mori gi
PAPER SUL REPUBBLICANESIMO E LA DÌFFUSÌVE DOMÌNATÌON
@-yGo.,2) Massi mo Morigi; Massi mo Morigi; Republ ican Ìncreased Common Domi nation; Ìncreased Common Domi nation;Diffusi ve Domi nati on; Walter Benj amin; György Lukács; Repubbli canesimo; Republi cani sm; Republi kani smus; Diffusi ve Domi nati on; Republ ican Diffusi ve Domi nati on; Domi ni o Di ffuso; Dominazione Diffusa; Domi nazi one Di ffusi va; Dominio Di ffusi vo; Dominazione Repubbli cana Di ffusi va; Dominazione Repubbli cana Di ffusa; Domi ni o Repubbli cano Diffuso; Domi ni o Repubbli cano Diffusi vo; Domi nazi one Di ffusa; Dominazione repubbli cana diffusa; Repubbl icanesi mo Quantico; Republ icani sm 2.0; Repubbl icanesi mo 2.0; Republ i kani smus 2.0; Lebensraum Republi kani smus; Lebensraum Republi cani sm; Lebensraum
Repubbl icanesi mo; Repubbli canesimo geopol itico; Geopol itical Republ icanism; Geo-pol itical Republ icani sm; Geopoli ti sche Republi kani smus; Diffusi ve Domi ni on; Republi can Di ffusi ve Dominion; R 2.0; R. 2.0; R2.0; DD; D.D; D.R.D; DRD; R.D.D;RDD; D2; RD2; D2R; Geopol itica Repubbl icana; Republ ican Geopoli ti cs; Republi kani sche Geopoli ti k; Republi kani scher Geopol iti k; neo marxi smo; neomarxi smo; neo-marxi smo; neorepubbli canesimo; neo-repubbli canesimo; neo repubbl icanesi mo;marxi smo; marxi smus; marxi sm; dialettica; di al etti ca marxi sta; marxi st di al ecti cs; marxi st dialectic; repubbli canesimo quantico;repubbl icanesi mo quanti co-dialettico; repubbli canesimo marxi sta; repubbl icanesi mo neo-marxi sta; Karl Marx; Hannah Arendt;Carl
Schmitt; LR; L. R; repubbli canesimo dialettico; repubbli canesimo quantico-di al etti co-marxi sta; repubbl icanesi mo geo-quanti co-dialettico; repubbli canesimo geo-quantico-di al etti co-marxi sta; Massi mo Morigi; Republ ican Diffusi ve Domi nati on;Massi mo Morigi, Stefano Sal mi , repubbli canesimo quanti stico-di al etti co, repubbl icanesi mo quanto-dialettico, repubbli canesimo quanti co-di al etti co, quantodialettico repubbli canesimo, repubbl icanesi mo quanto-di al etti co, quanto dialettico repubbl icanesi mo, quantodialettico repubbli canesimo, neo-repubbli canesimo quanti sti co-di al etti co, neo-repubbli canesimo quanto-di al etti co, neo-repubbli canesimo quantico-di al etti co, quantodi al ettico neo-repubbl icanesi mo, quanto-di al etti co neo-repubbl icanesi mo, quanto dialetticoneo-
repubbli canesimo, quantodialettico neo-repubbli canesimo, marxi smo quanti stico-di al etti co, marxi smo quanto-dialettico, marxi smo quanti co-di al etti co, marxi smo quantodialetti co, quanto-di al etti co marxi smo, quanto di al etti co marxi smo, quantodialettico marxi smo, neo-marxi smo quanti stico-di al etti co, neo-marxi smo quanto-di al etti co, neo-marxi smo quantico-di al etti co, neo-marxi smo quantodialettico, neo-marxi smo quanto-dialettico, neo-marxi smo quanto di al etti co, neo-marxi smo quantodi al etti co, quantofuturi smo, quanto-futuri smo, quanto futuri smo, quantodi al etti co futuri smo, quanto di al etti co futuri smo, quanto-di al etti co futuri smo, futuri smo quanti co dialettico, futuri smo quanti co-di al etti co, , Massi mo Morigi, Stefano Sal mi , repubbli canesimo quanti stico-di al etti co,
repubbli canesimo quanto-dialettico, repubbl icanesi mo quanti co-dialettico, quantodialetti co repubbli canesimo, repubbl icanesi mo quanto-di al etti co, quanto dialettico repubbli canesimo, quantodialettico repubbli canesimo, neo-repubbl icanesi mo quanti sti co-dialettico, neo-repubbl icanesi mo quanto-di al etti co, neo-repubbli canesimo quanti co-di al etti co, quantodialettico neo-repubbli canesimo, quanto-dialetticoneo-repubbl icanesi mo, quanto dialettico neo-repubbl icanesi mo, quantodialettico neo-repubbli canesimo, marxi smo quanti stico-di al etti co, marxi smo quanto-dialettico, marxi smo quantico-di al etti co, marxi smo quantodialettico, quanto-di al etti co marxi smo, quanto dialettico marxi smo, quantodialettico marxi smo, neo-marxi smo quanti sti co-dialettico, neo-marxi smo
quanto-di al etti co, neo-marxi smo quantico-dialettico, neo-marxi smo quantodialettico, neo-marxi smo quanto-di al etti co, neo-marxi smo quanto di al etti co, neo-marxi smo quantodialetti co, quantofuturi smo, quanto-futuri smo, quanto futuri smo, quantodi al etti co futuri smo, quanto dialettico futuri smo, quanto-di al etti co futuri smo, futuri smo quanti co dialettico, futuri smo quantico-di al etti co, , Quantum bil ocationheterotopi a, Quantum bi-l ocation heterotopi a, Quantum bil ocationheterotopy, Quantum bi-l ocation heterotopy, Quantum mul ti locati on heterotopia, Quantum multi-l ocation heterotopi a, Quantum mul ti locati on heterotopy, Quantum multi-l ocationheterotopy, Mul ti local eeterotopia quanti ca, bil ocal eeterotopi a quantica, eterotopia quantica multil ocal e, eterotopia quantica
bi locale, Quantum mechani cs bil ocationheterotopi a, Quantum mechanics bi -locati on heterotopi a, Quantum mechanics bi locati on heterotopy, Quantum mechanicsbi-l ocation heterotopy, Quantum mechanicsmul ti locati on heterotopia, Quantum mechanicsmul ti -locati on heterotopi a, Quantum mechanics multil ocationheterotopy, Quantum mechanics multi-l ocation heterotopy, Stefano Salmi, Princi pi o di i ndeterminazi one, Princi pi odi indeterminazione quantico, Pri ncipio di i ndetermi nazi one quanti sti co, Uncertainty Princi pl e, Quantum Uncertainty Princi pl e, princi pe d'incerti tude, pri ncipe d'i ndétermi nati on, Pri ncipio di incertezza, Pri ncipio di incertezza quantico, Hei senbergsche Unschärferelati on, Unbestimmthei tsrelation, Hei senbergs Prinzi p, Hei senbergs
Unschärferelati on, Pri ncípio da Ìncerteza, princípi o de incertezas, Multiverso, Multiverse, multiverso quantico, multiverso quanti stico, eteropia quanti co-multiverso, eterotopi a quantico mul ti verso, Quantum mul ti verse, Many-Worlds, Many Worl ds, Many-Worl ds interpretati on of Quantum Mechanics, mul ti verso eterotopi co, multiverso quanti stico-eterotopico, multiverso quanto-eterotopi co, Quantum heterotopi an multiverse, Quantum heterotopic mul ti verse, mul ti verse heterotopy, multiverse heterotopia, Quantum multiverse heterotopy, Quantum multiverse heterotopi a, eteropia multiverso quantica, eterotopia mul ti -verso quanti ca, eterotopi a multiverso-quanti ca, eterotopi a mul ti verso quanti ca, Princi pi od'indeterminazi one, Princi pi od'incertezza , zoon poli ti kon, pol i s,
L'opera d'arte nel l'epoca del la sua riproduci bi li tà tecni ca, The Work of Art i n the Age of Mechani cal Reproduction, Das Kunstwerk im Zeital ter sei ner techni schen Reproduzierbarkei t, L'Cuvre d'art à l'époque de sa reproductibil ité techni que, L'oeuvre d'art à l'ère de sa reproductibil ité techni que, L'opera d'arte nel l'epoca del la sua riproduci bi li tà meccanica, Massi mo Mori gi , Fiat ars - pereat mundus, Aesthetica fasci sti ca Ì, homo laborans/faber, homo laborans, homo faber, Cappel la dei Marti ri, Gesamtkunstwerk, opera d'arte totale, empowerment , Res Publi ca, Ezra Pound, Pound, Mori gi , Waldemar George, Fi li ppo de Pi si s, Charles Edouard Jeanneret, Le Corbusi er, Ìncipit novus ordo, Arnal do Carpanetti , Fortunato Depero, Depero, Osval do Peruzzi, Ernesto
Mi chahel les, Thayhat, Prampol ini, Enri co Prampol ini, Ferruccio Vecchi , The Theory of the Avant-Garde, Theory of the Avant-Garde, Renato Poggi ol i, Peter Bürger, Tertull iano, agorà, De Chi rico, Giorgi o De Chi rico, Raffaell o, Raffaell o Sanzi o, Scuol a di Atene, Ciano, Galeazzo Ci ano, Gi an Galeazzo Ci ano, Di ari o di Ciano, Carrà, Carlo Carrà, Emil Nol de, Omero, Sepp Hil z, Werner Pei ner, Oscar Martin Amorbach, Adolf Ziegl er, Konrad Hommel, Arno Breker, Ghunther von Hagens, Capitan Harlock, Gi anna Nanni ni , Vol taire, Françoi s-Marie Arouet, Lettres Phi losophiques, Bacone, Francesco Bacone, Bacon, Franci s Bacon, Novum Organum, Phänomenol ogie des Gei stes, fenomenol ogia dell o spi ri to, Max Horkhei mer, Theodor Ludwig Wiesengrund Adorno, bi os
poli ti kos, ai esthesi s , Angel us Novus, perdono, Wi sl awa Szymborska, Schwarze Sonne, Fukuyama, Yoshihiro Franci s Fukuyama, Franci s Fukuyama, Marx, Karl Marx, Avantgarde, mécani que quanti que, mecánicacuánti ca, mecani ca quanti ca, Quantenphysi k, quanti schen Mechani k, Dialectique quanti que, dialectica quanti ca, quantum dialekti ske, dialéti ca cuánti ca, di al éticaquantica, quantum di al ekti sche, di al ekti sche, Avanguardia quanti ca, avanguardia quanti sti ca, avant-garde quanti ca, avant-garde quanti sti ca, quantum avant-garde, avant-garde quanti que, vanguardi a cuántica, quanti schen Avantgarde, Futuri smo quantico, futuri smo quanti stico, quantum futuri sm, quanti schen futuri smus, quanti sch futuri smus, futuri sme quantique, futuri smo cuánti co, Fil osofi a
poli ti ca quanti ca, fil osofia poli ti ca quanti sti ca, quantum Pol itical phil osophy, phil osophi e poli ti que quanti que, quanti schen pol iti sche Phil osophi e, fil osofia poli ti ca cuánti ca, quanti sch pol iti sche Phil osophie, Stori a quantica, storia quanti sti ca, stori ografia quanti ca, stori ografi a quanti stica, hi stoi re quantique, quantum hi story, Quantenphysi kgeschi chte, Quanten geschichte, quanti schen geschichte, Hi stória cuánti ca, hi stori a quanti ca, quanti sch geschi chte, quanti sch Geschi chtsschrei bung, quanti schen Geschi chtsschrei bung, quantum hi storiography, hi stori ographie quanti que, materi al i smo hi storico, materiali smo hi stóri co, Eteropia quanti ca, Eterotopi a quanti stica, quantum heterotopia, quantum heterotopy, hétérotopie quanti que, quanti schen heterotopi e, heterotopia
cuánti ca, heterotopi a quanti ca, quanti sch heterotopi e, Quantum superposi ti on heterotopia, quantum superposi tion heterotopy, quantum entangl ement heterotopia, quantum entangl ement heterotopy, eterotopia quantica, eterotopia quanti sti ca, Superposi tion quantico-eterotopica, superposi ti on quanto-eterotopi ca, superposi tion quanti stico-eterotopica, superposi tion eterotopi ca-quantica, superposi ti on eterotopi ca-quanti sti ca, quantico-eterotopica superposi tion, quanto-eterotopi ca superposi ti on, quanti stico-eterotopi ca superposi tion, eterotopica-quantica superposi tion, eterotopi ca-quanti sti ca superposi ti on, eterotopi ca-quanti ca superposi ti on, eterotopico-quanti ca superposi tion, eterotopico-quanti stica superposi tion, eterotopi co-quantica superposi ti on, heterotopic
quantum entanglement, heterotopian quantum entangl ement, heterotopi c quantum superposi ton, heterotopian quantum entangl ement, entanglement eterotopi co-quanti co, entangl ement eterotopi co-quanti sti co, entangl ement eterotopi co-quanti co, entangl ement quanti co-eterotopi co, entangl ement quanti stico-eterotopi co, entangl ement quanti co-eterotopi co, quanti co-eterotopi co entanglement, quanti sti co-eterotopi co entanglement, quanti co-eterotopi co entangl ement, entanglement quanti stico-eterotopico, entanglement quantico-eterotopico, entanglement quantico-eterotopico, quantico-eterotopico entangl ement, Quantum observer heterotopia, Quantum observer heterotopy, heterotopian quantum observer, heterotopic quantum observer, eterotopi a
dell 'osservatore quanti co, eterotopi a del l'osservatore quanti stico, materiali smo stori co quanti co, materi al i smo storico quanti stico, quanti schen Hi stori scher Materi al i smus, matéri al i sme hi stori que quanti que, Quantum hi storical materi al i sm, materi al i smo hi storico quantico, materiali smo hi stóri co cuántico, materi al i smo di al etti co quantico, materiali smo dialettico quanti sti co, Quantum dialectical materi al i sm, quanti schen Di al ekti scher Materiali smus, Matéri al i sme di al ecti que quanti que, materi al i smo di al ético cuánti co, materi al i smo dialéctico quanti co, materi al i smo storico-di al etti co, materiali smo stori co e dialettico, materi al i smo storico e materiali smo dialettico, hi stori cal di al ectical materiali sm, hi stori cal-dialectical-materiali sm, matériali sme hi stori que-dialectique,
matériali sme hi stori que et di al ecti que, Dialekti sch-hi stori scher Materi al i smus, di al ekti schen und hi stori schen Materi al i smus, Materi al i smo Hi stóri co Di al ético, materiali smo hi stori co di al éctico, materiali smo quanti co stori co-dialettico, materi al i smo quantico e storico-di al etti co, materiali smo quanti stico stori co-dialettico, materi al i smo quanti sti co e storico-di al etti co, materiali smo storico-dialettico quanti co, materi al i smo storico-di al etti co quanti sti co, materiali smo stori co e di al etti co quantico, materiali smo stori co e di al etti co quanti stico, materiali smo stori co e materi al i smo di al etti co quantici, materi al i smo storico e materiali smo dialettico quanti stici, materiali smo quanti co-storico-di al etti co, materiali smo quanti stico-storico-dialettico, quantum hi stori cal di al ectical materiali sm,
quantum hi stori cal -di al ectical -materiali sm, matériali sme quanti que-hi storique-di al ecti que, matéri al i sme quantique hi storique et dialectique, quanti schen Di al ekti sch-hi stori scher Materi al i smus, quanti sch dialekti schen und hi stori schen Materiali smus, Materi al i smo cuánti co Hi stóri co Di al ético, materiali smo quanti co hi storico dialéctico, Di amat quanti sti co, Di amat quantico, quantum Diamat, Di amat quantique, quanti sch Di amat, quanti schen Di amat, Diamat cuánti co, materi al i smo quantico, materiali smo quanti stico, quantum materiali sm, matériali sme quantique, quanti sch materiali smus, quanti schen materiali smus, materi al i smo cuántico, marxi smo quanti stico, marxi smo quanti co, quantum marxi sm, marxi sme quanti que, quanti sch marxi smus, quanti schen
marxi smus, marxi smo cuántico, neo marxi smo quanti co, neo marxi smo quanti sti co, neo-marxi smo quanti co, neo-marxi smo quanti stico, neomarxi smo quanti co, neomarxi smo quanti sti co, quanti sch neue marxi smus, quanti schen neue marxi smus, quanti sch neo marxi smus, quanti schen neo marxi smus, quanti sch neomarxi smus, quanti schen neomarxi smus, néo-marxi sme quanti sti que, néomarxi sme quanti sti que, neo-marxi smo cuánti co, repubbl icanesi mo quanti co, repubbl icanesi mo quanti sti co, quantum republ icani sm, républi cani sme quanti que, quanti schen republ i kani smus, quanti sch republ i kani smus, republ icani smo quanti co, republ icanismo cuántico, neorepubbli canesimo quantico, neo repubbli canesimo quanti sti co, neo-repubbli canesimo quanti co, neo-
repubbli canesimo quanti stico, neo repubbli canesimo quanti co, neo repubbl icanesi mo quanti sti co, quantum neo-republi cani sm, quantum neo republ icani sm, néo-républ icanisme quantique, néorépubli cani sme quanti que, quanti sch neue republ i kani smus, quanti sch neo republi kani smus, quanti sch neo-republ i kani smus, quanti sch neorepubli kani smus, quanti schen neue republi kani smus, quanti schen neo republ i kani smus, quanti schen neo-republ i kani smus, quanti schen neorepubl i kani smus, neo-republ icani smo cuántico, neo republi cani smo cuántico, neorepubli cani smo cuánti co, neorepubli cani smo quanti co, neo-republi cani smo quanti co, neo republi cani smo quantico, eterotopia quanti ca, eterotopi a quanti stica, quantum heterotopia, quantum heterotopy,
hétérotopie quanti sti que, quanti schen heterotopie, quanti sch heterotopi e, heterotopia quantica, heterotopi a cuántica, Subli me, erhaben, subli mi s,Subli me eterotopia, subl ime heterotopia, subl ime heterotopy, subl ime hétérotopi e , erhaben heterotopi e, Subl ime eterotopi co, subli me eterotopi stico, heterotopi c subl ime, heterotopian subl ime, subl ime Hétérotopic, aposubl ime, Eterotopi a, heterotopia, heterotopy, hétérotopi e, heterotopie, Melni kov, El Li ssi tzky, Gustav Klutsi s, Cappel la dei Marti ri, Emil Nolde, Teori a esteti ca, Quarto d'ora di poesia del la X Mas, X Mas, Gi oventù ital iana del l ittorio, Hegel , Georg Wil helm Fri edri ch Hegel, Dialetti ca, di al etti ca marxi sta, di al ecti quemarxi ste, marxi st di al ectics, marxi st dialectic, marxi st dialectic method, marxi stiche di al ekti k,
marxi sti sche dialekti k, di al ecti ca marxi sta, di al écti camarxi sta, di al etti ca neomarxi sta, dialettica neo marxi sta, dialettica neo-marxi sta, dialectique néo-marxi ste, neo-marxi st dialectics, neo-marxi st dialectic, neo-marxi st dialectic method, neue marxi sti sche di al ekti k, neo marxi sti sche dialekti k, di al écti ca neo-marxi sta, di al ecti ca neo-marxi sta, di al etti ca repubbl icana, republ ican dialectics, republ ican dialectic, republ ican dialectic method, republ i kani sche di al ekti k, republ i kani scher dialekti k, di al ecti que républi caine, dialécticarepubl icana, dialecticarepubl icana, dialettica neorepubbl icana, dialettica neo repubbli cana, dialettica neo-repubbl icana, neo-republi can di al ecti cs, neo-republi can di al ectic, neo-republi can di al ectic method, neue republi kani sche dialekti k, neo
republi kani sche dialekti k, néo-républ icai ne dialectique, di al ecticaneo-republ icana, di al ecticanéo-republ icana, di al etti ca quanti sti ca, quantum dialectics, quantum di al ecti c, quantum dialectic method, neo marxi smus, neomarxi smus , Totali tare Kunst, Totali täre Kunst, Total itarian Art, Arte total itari a, art totali tarienne, materi al i smo dialettico, Dialekti scher Materi al i smus, Di al ecti cal materi al i sm, Matéri al i sme di al ecti que, materi al i smo dialéti co, materi al i smo dialéctico, materi al i smo stori co, Hi stori scher Materiali smus, matéri al i sme hi storique, Hi stori cal Materiali sm, Poli archia, Pol yarchy, Pol yarchie, Poli arquia, postdemocrazi a, post-democrazia, Postdemocracy, Post-Democracy, Postdemokratie, Post-Demokrati e, post-démocratie, pós-democraci a, post democrazia,
esteti zzazione del la pol itica, aestheti ci zati on of poli ti cs, poli ti cal aestheti ci zati on, poli ti sche Ästheti k, ÄSTHETÌK DES POLÌTÌSCHEN, Aestheti ci zati on of Poli ti cal Acti on, esthétiquement de l a poli ti que, Esthéti que et poli ti que, Gesamtkunstwerk, Res Publ ica, Nazi smo, Nazi onal soci al i smo, Nazi sme, nati onal -soci al i sme, National sociali sme, Nazi smus, National sozi al i smus, Nazi sm, National Sociali sm, Absoluten Hi stori smus, hi stori smo absol uto, hi stori ci sme absol ue, absolute hi stori ci sm, dialectique, di al ecti cs, di al ectic, dialéctica, di al ética, Diamat, Scuol a di Francoforte, Escola de Frankfurt, Escuela de Frankfurt, Teoria critica, Kri ti sche Theori e, Cri ti cal Theory, Théori e critique, Dialetti ca del l'il lumi ni smo, Scuola di Francoforte, Frankfurt School, Frankfurter Schule,
Teori a critica, Kriti sche Theori e, Cri ti cal Theory, Di al ecti c of enli ghtenment, Dialekti k der Aufklärung, Di al ecti que de l 'Ìll umini sme, Dialetti ca del l'il lumi ni smo, Scuol a di Francoforte, Frankfurt School , Frankfurter Schule, Teori a critica, Kriti sche Theorie, Critical Theory, Di al ecti c of enl ightenment, Di alekti k der Aufkl ärung, Di al ecti que de l'Ìl lumi ni sme, Di alettica dell 'i ll umini smo, total itari an rule, arte degenerata, teori a marxi sta, marxi st theory, marxi sti sche Theori e, Théori e marxi ste, teori a repubbl icana, Republi can Theory, théori e républi caine, Republ i kaner Theorie, republi kani sche Theori e, teoria neo repubbl icana, teori a neo-repubbl icana, teori a neorepubbli cana, neo-republ ican theory, neo republ ican theory, théori e néo-républi caine, théorie néo républi caine, neo
marxi st theory, neo-marxi st theory, théori e néo-marxi ste, théori e néo marxi ste, neue marxi sti sche Theori e, meccanicaquanti sti ca, teori a neo-marxi sta, teori a neo marxi sta, teoria neomarxi sta, Quantum mechani cs, quantum physics, quantum theory, fi sica quanti sti ca, teoria quanti stica, sovrapposi zi one, sovrapposi zi one quanti sti ca, princi pi odi sovrapposi zione, pri ncipio di sovrapposi zi one quanti sti ca, superposi tion, superposi ti on pri nciple, quantum superposi ti on, quantum superposi ti on of quantum mechanics, superposi ti on pri nciple of quantum mechanics, quantum superposi tion princi pl e, correlazione quanti sti ca, entangl ement quanti sti co, entangl ement, Quantum entanglement, complementari età, princi pi odi compl ementari età, princi pi o di compl ementari età,
pri ncipio di complementarietà quanti sti ca, complementarità, compl ementari ty, quantum compl ementari ty princi pl e, compl ementari ty princi pl e, Quantum observer effect, observer effect, princi pi odi osservazi one, princi pi o di osservazi one quanti sti co, Quantum observer pri nciple, pri ncipio di indetermi nazione, uncertainty princi pl e, Quantum Zeno effect, Effetto Zenone quanti stico, retrocausali tà, retrocausal ità quanti stica, retracausali ty, quantum retrocausal ity, pri ncipio di non l ocal ità, pri ncipio di non l ocal itàquanti sti ca, nonl ocal ity, quantum nonlocali ty, quantum nonl ocal ity pri nciple, fi losofi a pol itica, Pol itical phil osophy, phil osophi e poli ti que, pol iti sche Phi losophie, , Massi mo Mori gi , Mao, Aestheti ca fasci stica, mostra del la ri voluzione fasci sta del 1932, estetica,
aestheti ca, tradizionali smo, moderni smo, fasci o, arte fasci sta, arte nazi sta, arte totali taria, estetica fasci sta, estetica nazi sta, avant garde, total itari smo i mperfetto, Ventennio, fasci smo ital iano, Novecento, novecenti smo, Stal in, Piacentini, Marcell o Pi acenti ni , Espressi oni smo, Expressi oni smus, Expressi oni sm, Expressi oni sme, Sarfatti , Margheri ta Sarfatti, Piacentini, Marcell o Pi acenti ni , Terragni, Giuseppe Terragni , Libera, Adalberto, Li bera, Aesthetica, Fasci sti ca, Aestheti ca Fasci sti ca Ì, neo republi cani smo, neo-republi cani smo, neorepubli cani smo, republi cani smo, républi cani sme, Republi cani sme, marxi sm, marxi sme, neo-repubbli canesimo, neo repubbli canesimo, néomarxi sme, néo marxi sme, néo-marxi sme, neomarxsi me, neo marxi sme, neo marxi smo, neo-
marxi smo, neo-marxi sm, neo marxi sm, neo marxi smus, neomarxi smus, neue marxi smus, totali tari sme, total itari sm, fasci sm, fasci sme, faschi smus, nazi onal soci al i smo, nazional soci al i smo, nazi onal -sociali smo, nazi sm, Nati onal sociali sm, nazi sme, National soci al i sme, National soci al i sme, nazi smus, nati onal soziali smus, post democrazi a, post-democrazi a, post democracy, postdemocracy, post-démocrati e, postdémocrati e, post demokratie, postdemokratie, post democrazi a, post-democraci a, postdemocracia, turbo capi tali smo, turbo-capital i smo, turbo capi tali sm, turbo-capital ism, turbocapi tali sm, turbo capi tali sme, turbocapi tali sme, turbo-capital i sme, futuri smus, futuri sme, futuri sm, avanguardia, avanguardi e, avanguardie storiche, Fi li ppo Tommaso Marinetti,
Entartete Kunst, Mussoli ni , Benito Mussol ini, Bottai, Al fredo Bottai, Si roni, Mario Si roni, Gesamtkunstwerk, mostra del decennale del la ri voluzione fasci sta, mostra dell a ri vol uzi one fasci sta, mostra del la ri voluzione fasci sta del 1933, premio Cremona, Fari nacci, Total itarian art, Totalitari ske Kunst, Web, Ìnternet, Pol iticizzazi one dell 'estetica, estetizzazi one dell a vi ol enza, Benj amin, Walter Benj amin, Machi avel li , Niccolò Machi avel li , Tesi di fi losofia dell a storia, Max Horkheimer, Theodor Ludwi g Wi esengrund Adorno, Golomstock, REPUBLÌCANÌSM, MARXÌSM, REPUBLÌKANÌSMUS, MARXÌSMUS, NEUE REPUBLÌKANÌSMUS, NEUE MARXÌSMUS, NEO REPUBLÌCANÌSM, NEO MARXÌSM, TOTALÌTARÌSMO, TOTALÌTARÌSMUS, TOTALÌTARÌANÌSM, FASCÌSMO,
NAZÌSMO, ARTE TOTALÌTARÌA, ARTE FASCÌSTA, ARTE NAZÌSTA, POSTDEMOCRAZÌA, TURBOCAPÌTALÌSMO, POST DEMOCRACY, TURBO CAPÌTALÌSM, VÌTAACTÌVA, Mao, repubbl icanesi mo, marxi smo, neomarxi smo, fasci smo, esteti zzazione dell a poli ti ca, futuri smo, avant-garde, avantgarde, Marinetti, Hannah Arendt, Vita Acti va, Leo Strauss, Angel us Novus, Wi sl awa Szymborska, Vi ta Activa La condizione umana, Li eta novel la, Gesù, perdono, effetto tunnel, effetto tunnel quanti co, effetto tunnel quanti stico, tunnel effect, tunnel ing effect, Quantum tunneli ng effect, Quantum tunnel effect, Quantum bil ocation, Quantum bi locati on effect, bi locazi one, bi locazi one quanti ca, bil ocazione quanti sti ca, effetto dell a bi locazi one quanti ca, Quantum mechani cs multi
locati on, Quantum mechanics multi-l ocation, Quantum mechani cs mul ti l ocation, Quantum mechani cs multi locati ons, Quantum mechanics multi-l ocations, Quantum mechani cs mul ti l ocations, mul ti l ocazione quantica, multi-l ocazione quanti ca, multil ocazione quantica, multi locazi one quanti sti ca, mul ti -locazi one quanti sti ca, multil ocazione quanti sti ca, mul ti l ocazione, mul ti -locazi one, multil ocazione, Massi mo Mori gi , Stefano Salmi, Di ffusi ve Domi nati on, Wal ter Benjami n, György Lukács, Massi mo Morigi, Repubbli canesimo, Republ icani sm, Di ffusi ve Domi nati on, Republi can Di ffusi ve Domination, Dominio Di ffuso, Domi ni o Repubbli cano Diffuso, Domi nazione Diffusa, Domi nazione repubbli cana diffusa, Repubbli canesimo Quanti co ; Lebensraum
Republi cani sm; Stefano Sal mi;repubbl icanesi mo quanti sti co-dialettico; repubbli canesimo quanto-dialettico; repubbli canesimo quantico-di al etti co;quantodi al etti co repubbl icanesi mo; repubbl icanesi mo quanto-di al etti co; quanto di al etti co repubbli canesimo; quantodialettico repubbli canesimo; neo-repubbli canesimo quanti stico-di al etti co; Princi pi o di i ndeterminazi one quanti stico; Uncertainty Princi pl e; Quantum Uncertai nty Pri nciple; princi pe d'incerti tude; princi pe d'indétermination; Pri ncipio di incertezza; Princi pi o di i ncertezza quanti co; Hei senbergsche Unschärferelati on; Unbesti mmtheitsrel ati on; Hei senbergs Pri nzi p; neo-repubbli canesimo quanto-dialettico; Hei senbergs Unschärferelation; Princípi o da Ìncerteza; princípi o de
incertezas;Mul ti verso; Multiverse; mul ti verso quanti co; multiverso quanti stico; eteropi a quantico-multiverso; eterotopia quanti co mul ti verso;Quantum multiverse; neo-repubbl icanesi mo quanti co-dialettico; Many-Worl ds; Many Worl ds; Many-Worl ds i nterpretation of Quantum Mechanics; mul ti verso eterotopico; mul ti verso quanti sti co-eterotopi co; multiverso quanto-eterotopi co; Quantum heterotopian mul ti verse; Quantum heterotopic mul ti verse; multiverse heterotopy; mul ti verse heterotopia; quantodialettico neo-repubbli canesimo; Quantum multiverse heterotopy; Quantum mul ti verse heterotopia; eteropia multiverso quantica; eterotopia multi-verso quantica; eterotopia multiverso-quanti ca; eterotopi a mul ti verso quanti ca; Princi pi o d'indeterminazi one; Pri ncipio
d'i ncertezza; zoon poli ti kon; poli s; quanto-dialettico neo-repubbl icanesi mo; L'opera d'arte nell 'epoca dell a sua ri producibil ità tecnica; The Work of Art i n the Age of Mechanical Reproducti on; Das Kunstwerk im Zei talter seiner techni schen Reproduzi erbarkei t; L'Cuvre d'art à l 'époque de sa reproducti bi li té technique; L'oeuvre d'art à l'ère de sa reproductibil ité techni que; L'opera d'arte nell 'epoca dell a sua ri producibil ità meccanica; Massi mo Mori gi ; Fi at ars - pereat mundus; Aestheti ca fasci stica Ì; homo laborans/faber; quanto dialettico neo-repubbl icanesi mo; homo l aborans; homo faber; Cappell a dei Marti ri ;Gesamtkunstwerk; opera d'arte totale; empowerment; Res Publi ca; Ezra Pound; Pound; Mori gi ; quantodi al etti co neo-repubbl icanesi mo; Waldemar
George; Fil ippo de Pi si s; Charles Edouard Jeanneret; Le Corbusier; Ìnci pi t novus ordo; Arnaldo Carpanetti ; Fortunato Depero; Depero; Osvaldo Peruzzi ; Ernesto Mi chahell es; marxi smo quanti stico-di al etti co; Thayhat;Prampoli ni ; Enrico Prampoli ni; Ferrucci o Vecchi; The Theory of the Avant-Garde; Theory of the Avant-Garde; Renato Poggioli ; Peter Bürger; Tertull iano; agorà; marxi smo quanto-dialettico; De Chi ri co; Gi orgio De Chi ri co; Raffaell o; Raffael lo Sanzio; Scuol a di Atene; Ci ano; Gal eazzo Ciano; Gi an Galeazzo Ci ano; Diari o di Ci ano; Carrà; marxi smo quanti co-di al etti co;Carlo Carrà; Emi l Nolde; Omero; Sepp Hil z; Werner Peiner; Oscar Martin Amorbach; Adol f Ziegl er; Konrad Hommel ; Arno Breker; Ghunther von Hagens; marxi smo
quantodialettico; Capi tan Harl ock; Gi anna Nanni ni ; Voltai re; Françoi s-Marie Arouet;Lettres Phi losophiques; Bacone; Francesco Bacone; Bacon; Franci s Bacon; Novum Organum; quanto-di al etti co marxi smo;Phänomenol ogie des Gei stes; fenomenologi a del lo spi ri to; Max Horkhei mer; Theodor Ludwi g Wi esengrund Adorno; bios pol iti kos; ai esthesi s; Angel us Novus; perdono; Wi sl awa Szymborska ; Schwarze Sonne; quanto di al etti co marxi smo;Fukuyama; Yoshi hi ro Franci s Fukuyama; Franci s Fukuyama; Marx; Karl Marx; Avantgarde; mécanique quantique; mecánicacuántica; mecanicaquantica; Quantenphysi k; quantodi al etti co marxi smo; quanti schen Mechanik; Dialectique quanti que;di al ecti caquantica; quantum dialekti ske; di al éticacuántica; di al ética
quanti ca; quantum di al ekti sche; dialekti sche;Avanguardia quanti ca; avanguardia quanti sti ca; neo-marxi smo quanti sti co-dialettico; avant-garde quantica; avant-garde quanti sti ca; quantum avant-garde; avant-garde quanti que; vanguardi a cuántica; quanti schen Avantgarde; Futuri smo quanti co;futuri smo quanti sti co; quantum futuri sm; quanti schen futuri smus; neo-marxi smo quanto-di al etti co; quanti sch futuri smus;futuri sme quantique; futuri smo cuántico; Fi losofia poli ti ca quanti ca; fi losofi a poli ti ca quanti stica; quantum Pol itical phi losophy;phi losophie poli ti que quantique; quanti schen pol iti sche Phil osophi e; fi losofi a poli ti ca cuánti ca; quanti sch pol iti sche Phi losophie; neo-marxi smo quantico-dialettico; Stori a quanti ca; storia quanti sti ca; storiografi a
quanti ca; storiografi a quanti sti ca; hi stoi re quantique; quantum hi story; Quantenphysi kgeschi chte; Quanten geschi chte; quanti schen geschichte;Hi stóri a cuánti ca; neo-marxi smo quantodialetti co; hi stori a quantica; quanti sch geschi chte; quanti sch Geschichtsschreibung;quanti schen Geschichtsschreibung; quantum hi stori ography; hi stori ographie quanti que; materiali smo hi stori co; materiali smo hi stóri co; Eteropia quanti ca; Eterotopi a quanti stica; neo-marxi smo quanto-di al etti co; quantum heterotopia; quantum heterotopy; hétérotopi e quantique; quanti schen heterotopie; heterotopi a cuántica; heterotopia quanti ca; quanti sch heterotopi e;Quantum superposi tion heterotopi a; quantum superposi tion heterotopy; quantum entanglement heterotopi a; neo-marxi smo
quanto dialettico; quantum entanglement heterotopy; eterotopia quanti ca; eterotopi a quanti sti ca; Superposi tion quantico-eterotopica; superposi ti on quanto-eterotopica; superposi ti on quanti sti co-eterotopi ca; superposi tion eterotopi ca-quantica;superposi ti on eterotopica-quanti stica; quanti co-eterotopi ca superposi ti on; quanto-eterotopica superposi ti on; neo-marxi smo quantodi al ettico; quanti sti co-eterotopi ca superposi ti on; eterotopica-quantica superposi tion; eterotopi ca-quanti sti ca superposi ti on; eterotopica-quantica superposi tion; eterotopi co-quanti ca superposi ti on; eterotopico-quanti stica superposi tion;eterotopi co-quanti ca superposi ti on; heterotopi c quantum entanglement; heterotopi an quantum entanglement; heterotopi c quantum
superposi ton; quantofuturi smo; heterotopi an quantum entanglement; entangl ement eterotopi co-quanti co;entanglement eterotopico-quanti stico; entangl ement eterotopi co-quanti co; entanglement quantico-eterotopico; entangl ement quanti sti co-eterotopi co; entanglement quantico-eterotopico; quantico-eterotopico entangl ement; quanti sti co-eterotopi co entanglement; quantico-eterotopico entangl ement; quanto-futuri smo; entangl ement quanti sti co-eterotopi co; entanglement quantico-eterotopico; entangl ement quanti co-eterotopi co; quanti co-eterotopi co entanglement; Quantum observer heterotopia;Quantum observer heterotopy; heterotopi an quantum observer; heterotopic quantum observer; eterotopi a del l'osservatore quantico; eterotopi a del l'osservatore
quanti sti co; quanto futuri smo; materi al i smo storico quantico; materi al i smo storico quanti stico; quanti schen Hi stori scher Materiali smus; matériali sme hi stori que quanti que; Quantum hi storical materi al i sm;materiali smo hi stori co quanti co; materiali smo hi stóri co cuánti co; materiali smo di al etti co quanti co; materiali smo di al etti co quanti sti co; Quantum di al ecti cal materiali sm; quantodi al etti co futuri smo; quanti schen Di al ekti scher Materiali smus; Matériali sme dialectique quantique; materi al i smo dialéti co cuánti co; materiali smo di al écticoquantico; materi al i smo storico-di al etti co;materi al i smo storico e di al etti co; materi al i smo storico e materiali smo dialettico; hi storical dialectical materiali sm; hi stori cal-dialectical-materiali sm; matéri al i sme hi storique-di al ecti que; quanto
di al etti co futuri smo; matéri al i sme hi storique et dialectique;Dialekti sch-hi stori scher Materi al i smus; di al ekti schen und hi stori schen Materi al i smus; Materi al i smo Hi stóri co Di al ético;materi al i smo hi storico dialéctico; materiali smo quanti co stori co-dialettico; materiali smo quanti co e stori co-dialettico;materiali smo quanti stico stori co-dialettico; materiali smo quanti stico e stori co-dialettico; materiali smo stori co-dialettico quanti co;quanto-di al etti co futuri smo; materi al i smo storico-di al etti co quanti stico; materi al i smo storico e di al etti co quantico; materiali smo stori co e dialetticoquanti stico; materi al i smo storico e materiali smo dialettico quanti ci; materi al i smo storico e materiali smo dialettico quanti sti ci; materi al i smo quantico-stori co-dialettico; materiali smo quanti stico-storico-
di al etti co; quantum hi storical dialectical materi al i sm; quantum hi stori cal -di al ectical -materiali sm; matéri al i sme quantique-hi stori que-dialectique; futuri smo quantico di al etti co; matériali sme quanti que hi stori que et di al ecti que; quanti schen Di al ekti sch-hi stori scher Materi al i smus;quanti sch di al ekti schen und hi stori schen Materi al i smus; Materi al i smo cuánti co Hi stóri co Di al ético; materi al i smo quantico hi stori co di al écti co; Di amat quanti stico; Diamat quanti co; quantum Di amat; Diamat quanti que; quanti sch Di amat; futuri smo quantico-di al etti co; quanti schen Diamat; Di amat cuántico; materiali smo quanti co; materi al i smo quanti sti co; quantum materiali sm; matéri al i sme quantique; quanti sch materiali smus; quanti schen materiali smus; materiali smo cuánti co; marxi smo
quanti sti co; Massi mo Mori gi ; marxi smo quantico; quantum marxi sm; marxi sme quantique; quanti sch marxi smus; quanti schen marxi smus; marxi smo cuántico; neo marxi smo quantico; neo marxi smo quanti stico; neo-marxi smo quanti co; neo-marxi smo quanti sti co; Stefano Salmi; neomarxi smo quanti co; neomarxi smo quanti sti co; quanti sch neue marxi smus; quanti schen neue marxi smus; quanti sch neo marxi smus; quanti schen neo marxi smus; quanti sch neomarxi smus; quanti schen neomarxi smus;néo-marxi sme quanti sti que; néomarxi sme quanti sti que; repubbli canesimo quanti stico-di al etti co; neo-marxi smo cuánti co;repubbli canesimo quantico; repubbl icanesi mo quanti sti co; quantum republi cani sm; républi cani sme quantique; quanti schen
republi kani smus; quanti sch republ i kani smus; republi cani smo quantico; republ icani smo cuánti co; neorepubbl icanesi mo quantico; repubbli canesimo quanto-dialettico; neo repubbl icanesi mo quanti sti co; neo-repubbli canesimo quantico; neo-repubbl icanesi mo quanti sti co; neo repubbl icanesi mo quanti co; neo repubbl icanesi mo quanti sti co; quantum neo-republi cani sm;quantum neo republ icani sm; néo-républi cani sme quanti que; néorépubli cani sme quanti que; quanti sch neue republi kani smus;repubbl icanesi mo quanti co-dialettico; quanti sch neo republ i kani smus; quanti sch neo-republi kani smus; quanti sch neorepubli kani smus; quanti schen neue republ i kani smus; quanti schen neo republ i kani smus; quanti schen neo-republi kani smus;quanti schen
neorepubli kani smus; neo-republi cani smo cuánti co; neo republi cani smo cuántico; neorepubl icani smo cuántico;quantodialettico repubbli canesimo; neorepubli cani smo quanti co; neo-republ icanismo quantico; neo republi cani smo quantico;eterotopia quanti ca; eterotopi a quanti sti ca; quantum heterotopia; quantum heterotopy; hétérotopi e quanti stique; quanti schen heterotopie; quanti sch heterotopie; repubbl icanesi mo quanto-di al etti co; heterotopi a quantica; heterotopi a cuántica; Subl ime;erhaben; subli mi s; Subl ime eterotopi a; subli me heterotopia; subl ime heterotopy; subli me hétérotopie; erhaben heterotopi e;quanto dialettico repubbl icanesi mo; Subli me eterotopico; subl ime eterotopi sti co; heterotopic subli me; heterotopian subli me;subl ime
Hétérotopi c; aposubli me; Eterotopi a; heterotopi a; heterotopy; hétérotopi e; quantodi al etti co repubbl icanesi mo;heterotopi e; Mel ni kov; El Li ssi tzky; Gustav Kl utsi s; Cappel la dei Marti ri ; Emil Nol de; Teoria esteti ca; Quarto d'ora di poesia del la X Mas; X Mas; Gi oventù ital iana del l ittorio; neo-repubbl icanesi mo quanti sti co-dialettico; Hegel ; Georg Wil helm Fri edri ch Hegel ; Di al ettica; dialettica marxi sta; dialectique marxi ste; marxi st di al ecti cs; marxi st dialectic; marxi st di al ecti c method;marxi stiche di al ekti k; marxi sti sche dialekti k; neo-repubbl icanesi mo quanto-di al etti co; dialecticamarxi sta; di al écti camarxi sta;dialettica neomarxi sta; dialettica neo marxi sta; di al etti ca neo-marxi sta; dialectique néo-marxi ste; neo-marxi st di al ecti cs; neo-marxi st dialectic; neo-marxi st
di al ecti c method; neue marxi sti sche di al ekti k; neo-repubbl icanesi mo quanti co-dialettico; neo marxi sti sche di al ekti k; di al écti caneo-marxi sta; dialecticaneo-marxi sta; di al etti ca repubbli cana; republi can di al ecti cs;republ ican dialectic; republi can di al ecti c method; republ i kani sche di al ekti k; republ i kani scher dialekti k; dialectique républ icai ne;quantodi al etti co neo-repubbl icanesi mo; dialécticarepubl icana; di al ecti carepubli cana; dialettica neorepubbl icana; di al etti ca neo repubbl icana; dialettica neo-repubbl icana; neo-republi candialectics; neo-republ ican di al ecti c; neo-republi candialectic method; neue republ i kani sche dialekti k; neo republ i kani sche di al ekti k; quanto-dialettico neo-repubbl icanesi mo; néo-républi cainedialectique; dialecticaneo-republ icana; di al ecti ca
néo-republ icana; di al etti ca quanti sti ca; quantum dialectics;quantum dialectic; quantum dialectic method; neo marxi smus; neomarxi smus; Totali tare Kunst; quanto di al etti co neo-repubbli canesimo; Total itäre Kunst ; Total itarian Art; Arte totali taria; art totali tarienne; materi al i smo dialettico; Di al ekti scher Materiali smus; Di al ecti cal materi al i sm; Matériali sme dialectique; materi al i smo dialéti co; materiali smo di al éctico;quantodi al etti co neo-repubbl icanesi mo; materi al i smo storico; Hi stori scher Materi al i smus; matéri al i sme hi storique; Hi stori cal Materiali sm; Pol iarchi a; Pol yarchy; Polyarchi e; Pol iarquia; postdemocrazi a; post-democrazia; marxi smo quanti sti co-dialettico;Postdemocracy; Post-Democracy; Postdemokratie; Post-Demokrati e; post-démocrati e; pós-
democracia; post democrazi a;esteti zzazi one dell a poli ti ca; aestheti ci zati on of poli ti cs; pol itical aestheticization; marxi smo quanto-dialettico; poli ti sche Ästheti k; ÄSTHETÌK DES POLÌTÌSCHEN; Aestheticization of Pol itical Action; esthétiquement de l a poli ti que; Esthéti que et pol itique; Gesamtkunstwerk; Res Publi ca; Nazi smo; Nazional sociali smo; Nazi sme; marxi smo quanti co-di al etti co; national -sociali sme; National sociali sme; Nazi smus; National sozi ali smus; Nazi sm; Nati onal Soci al ism; Absoluten Hi stori smus; hi stori smo absol uto; hi stori ci sme absol ue; absol ute hi storici sm; marxi smo quantodi al etti co; di al ecti que; di al ecti cs; dialectic; di al écti ca;di al ética; Di amat; Scuola di Francoforte; Escola de Frankfurt ; Escuel a de Frankfurt; Teoria cri ti ca; quanto-dialettico
marxi smo;Kriti sche Theorie; Cri ti cal Theory; Théorie cri ti que; Dialetti ca del l'il lumi ni smo; Scuol a di Francoforte; Frankfurt School;Frankfurter Schul e; Teoria cri ti ca; Kriti sche Theorie; Cri ti cal Theory; quanto di al etti co marxi smo; Di al ecti c of enli ghtenment;Di al ekti k der Aufkl ärung; Di al ecti que de l 'Ìll umini sme; Di al ettica dell 'i ll umini smo; Scuola di Francoforte; Frankfurt School;Frankfurter Schule; Teori a critica; Kri ti sche Theori e; Critical Theory; quantodialettico marxi smo; Dialectic of enl ightenment;Dialekti k der Aufklärung; Dialectique de l'Ìl lumi ni sme; Dialetti ca del l'il lumi ni smo; total itari an rule; arte degenerata; teoria marxi sta; marxi st theory; marxi sti sche Theori e; Théori e marxi ste; neo-marxi smo quanti stico-di al etti co; teoria repubbli cana;Republi can Theory; théorie
républi caine; Republi kaner Theori e; republi kani sche Theorie; teoria neo repubbl icana; teoria neo-repubbli cana; teori a neorepubbl icana; neo-republ ican theory; neo republ ican theory; neo-marxi smo quanto-dialettico; théorie néo-républ icai ne; théori e néo républ icai ne; neo marxi st theory; neo-marxi st theory; théorie néo-marxi ste; théori e néo marxi ste;neue marxi sti sche Theori e; meccanica quanti stica; teoria neo-marxi sta; teoria neo marxi sta; neo-marxi smo quanti co-di al etti co;teoria neomarxi sta; Quantum mechanics; quantum physics; quantum theory; fi sica quanti sti ca; teori a quanti stica;sovrapposi zi one; sovrapposi zi one quanti stica; princi pi odi sovrapposi zione; princi pi odi sovrapposi zione quanti stica; neo-marxi smo
quantodialettico; superposi ti on; superposi tion princi pl e; quantum superposi ti on; quantum superposi tion of quantum mechani cs; superposi ti on pri nciple of quantum mechanics; quantum superposi ti on pri nciple; correlazi one quanti sti ca;entanglement quanti stico; entangl ement; Quantum entangl ement; neo-marxi smo quanto-di al etti co; compl ementari età; princi pi odi compl ementari età; pri ncipio di complementarietà; princi pi odi compl ementari età quanti stica; complementarità;compl ementari ty; quantum complementarity pri nciple; compl ementari ty princi pl e; Quantum observer effect; observer effect;neo-marxi smo quanto di al etti co; princi pi odi osservazi one; princi pi odi osservazi one quanti sti co; Quantum observer princi pl e;pri ncipio di indetermi nazione; uncertai nty
pri nciple; Quantum Zeno effect; Effetto Zenone quanti stico; retrocausali tà;retrocausali tà quanti stica; retracausali ty; neo-marxi smo quantodialetti co; quantum retrocausali ty; princi pi odi non località;pri ncipio di non l ocali tà quanti sti ca; nonl ocal ity; quantum nonl ocal ity; quantum nonl ocal ity princi pl e; fi losofi a poli ti ca; Poli ti cal phi losophy; phil osophi e pol itique; poli ti sche Phi losophie; quantofuturi smo; Massi mo Morigi; Mao; Aestheti ca fasci stica; mostra dell a ri vol uzi one fasci sta del 1932; estetica; aesthetica; tradizionali smo; moderni smo; fasci o; arte fasci sta; quanto-futuri smo;arte nazi sta; arte totali taria; esteti ca fasci sta; esteti ca nazi sta; avant garde; total itari smo i mperfetto; Ventenni o; fasci smo ital iano; Novecento; novecenti smo; quanto
futuri smo; Stali n; Piacentini; Marcel lo Piacentini; Espressi oni smo;Expressi oni smus; Expressi oni sm; Expressi oni sme; Sarfatti; Margheri ta Sarfatti ; Pi acenti ni; quantodi al etti co futuri smo; Marcel lo Piacentini; Terragni ; Gi useppe Terragni; Libera; Adalberto; Libera; Aesthetica; Fasci sti ca; Aestheti ca Fasci sti ca Ì; neo republi cani smo; quanto di al etti co futuri smo; neo-republi cani smo; neorepubli cani smo; republ icani smo; républi cani sme;Republ icani sme; marxi sm; marxi sme; neo-repubbl icanesi mo; neo repubbli canesimo; néomarxi sme; quanto-dialettico futuri smo;néo marxi sme; néo-marxi sme; neomarxsi me; neo marxi sme; neo marxi smo; neo-marxi smo; neo-marxi sm; neo marxi sm; neo marxi smus; neomarxi smus; futuri smo quantico di al etti co; neue
marxi smus; total itari sme; total itari sm; fasci sm; fasci sme;faschi smus; nazional sociali smo; nazi onal soci al i smo; nazi onal -sociali smo; nazi sm; futuri smo quantico-di al etti co; Nati onal sociali sm; nazi sme; National soci al i sme; Nati onal sociali sme; nazi smus; national sozi al i smus; post democrazia; post-democrazia; post democracy; postdemocracy; Quantum bil ocationheterotopi a; post-démocrati e; postdémocrati e; post demokrati e; postdemokratie; post democrazia; post-democraci a; postdemocracia; turbo capital i smo; turbo-capi tali smo; turbo capi tali sm; Quantum bi -locati on heterotopi a; turbo-capital i sm; turbocapi tali sm; turbo capital i sme; turbocapital i sme; turbo-capi tali sme; futuri smus; futuri sme; futuri sm; avanguardia; avanguardie; Quantum bi locati on
heterotopy; avanguardie storiche;Fi li ppo Tommaso Marinetti ; Entartete Kunst ; Mussol ini ; Beni to Mussol ini ; Bottai; Alfredo Bottai; Si roni ; Mari o Si roni ;Gesamtkunstwerk; Quantum bi-l ocation heterotopy; mostra del decennale del la ri vol uzione fasci sta; mostra dell a ri vol uzi one fasci sta; mostra dell a ri vol uzi one fasci sta del 1933; premi o Cremona; Fari nacci; Totali tari an art; Totali tari ske Kunst; Web;Ìnternet; Poli ti ci zzazione del l'esteti ca; Quantum multil ocationheterotopi a; esteti zzazione del la violenza; Benj amin; Wal ter Benjami n; Machi avel li; Ni ccol òMachi avel li; Tesi di fi losofia dell a storia; Max Horkhei mer; Theodor Ludwi g Wi esengrund Adorno; Gol omstock; REPUBLÌCANÌSM; Quantum multi-l ocation
heterotopia; MARXÌSM; REPUBLÌKANÌSMUS; MARXÌSMUS;NEUE REPUBLÌKANÌSMUS; NEUE MARXÌSMUS; NEO REPUBLÌCANÌSM; NEO MARXÌSM; TOTALÌTARÌSMO;TOTALÌTARÌSMUS; TOTALÌTARÌANÌSM; Quantum multil ocationheterotopy; FASCÌSMO; NAZÌSMO; ARTE TOTALÌTARÌA;ARTE FASCÌSTA; ARTE NAZÌSTA; POSTDEMOCRAZÌA; TURBOCAPÌTALÌSMO; POST DEMOCRACY; TURBO CAPÌTALÌSM;VÌTAACTÌVA; Quantum mul ti -locati on heterotopy; Mao; repubbli canesimo; marxi smo; neomarxi smo; fasci smo; esteti zzazi one dell a poli ti ca; futuri smo; avant-garde; avantgarde; Mari netti ; Mul ti localeeterotopia quanti ca; Hannah Arendt; Vi ta Activa; Leo Strauss; Angelus Novus; Wi sl awa Szymborska; Vita Acti va La condi zi one umana; Li eta
novell a; Gesù; perdono; effetto tunnel;bil ocal eeterotopi a quanti ca; effetto tunnel quanti co; effetto tunnel quanti stico; tunnel effect; tunnel ing effect; Quantum tunnel ing effect; Quantum tunnel effect; Quantum bil ocation; Quantum bi locati on effect; bil ocazione; bi locazi one quanti ca;eterotopi a quantica multil ocal e; bil ocazione quanti stica; effetto dell a bi locazi one quanti ca; Quantum mechanics multi locati on;Quantum mechani cs mul ti -locati on; Quantum mechani cs mul ti l ocation; Quantum mechanics multi locati ons; Quantum mechani cs mul ti -locati ons; Quantum mechani cs mul ti l ocations; multi locazi one quantica; multi-l ocazione quanti ca; eterotopia quanti ca bil ocal e; mul ti locazi one quanti ca; multi locazi one quanti sti ca; multi-l ocazione quanti stica; mul ti locazi one
quanti sti ca;multi locazi one; mul ti -locazi one; mul ti locazi one; Massi mo Mori gi ; Di ffusi ve Domination; Quantum mechanics bi locati on heterotopia; Quantum mechanics bi -locati on heterotopia; Quantum mechani cs bil ocationheterotopy; Quantum mechani cs bi-l ocation heterotopy; Quantum mechanics multil ocationheterotopia; Quantum mechani cs mul ti -locati on heterotopia; Quantum mechani cs mul ti locati on heterotopy; Quantum mechanics multi-l ocationheterotopy; Stefano Sal mi; Princi pi o di i ndeterminazi one; Pri ncipio di indetermi nazione quanti co
DoGn6o!,2) 27
GESAMT@UNSTJER@ RES PUBLICA, REPUBLICAN DIFFUSI7E DOMINATION, DOMINAZIONE REPUBBLICANA DIFFUSI7A, DOMINIO REPUBBLICANO DIFFUSI7O, DOMINAZIONE REPUBBLICANA DIFFUSA, DOMINIO REPUBBLICANO DIFFUSO, REPUBBLICANESIMO GEODNUANTICODDIALETTICOD MARIISTA, MASSIMO MORIGI, HANNAH ARENDT, @ARL MARI - Massi mo Mori gi
GESAMTKUNSTWERK RES PUBLÌCA è UN PAPERDÌ FÌLOSOFÌA POLÌTÌCA CHE PARTENDO DA UNA CRÌTÌCA ALL'ESTETÌZZAZÌONE DELLA POLÌTÌCA MESSA ÌNATTODAÌ REGÌMÌ FASCÌSTÌ E NAZÌSTÌ Ã¨ VOLTOAD UNA RÌFONDAZÌONE DEL REPUBBLICANESIMO CHE Anzi chéVOLGERSÌ ASCHEMÌ DÌ NON DOMÌNÌO DEVE GUARDARE A MODELLÌ DÌ DOMÌNÌO DÌFFUSO (O DÌFFUSÌVO), CÌOè A SCHEMÌ DÌ POTERE PARCELLÌZZATOE UNÌVERSALMENTE CONDÌVÌSO (LEZÌONE DÌ HANNAH ARENDT).
@-yGo.,2) Massi mo Mori gi ; Di ffusi ve Domination; Wal ter Benjami n; György Lukács; Repubbl icanesi mo; Republ icani sm;Republ i kani smus; Di ffusi ve Domination; Republi can Di ffusi ve Domination; Dominio Di ffuso; Domi nazi one Di ffusa;Dominazione Diffusi va; Domi ni o Di ffusi vo; Domi nazi one Repubbl icana Di ffusi va; Domi nazi one Repubbl icana Di ffusa; Dominio Repubbl icano Di ffuso; Dominio Repubbl icano Di ffusi vo; Dominazione Diffusa; Domi nazi one repubbl icana di ffusa;Repubbli canesimo Quanti co; Republi cani sm 2.0; Repubbli canesimo 2.0; Republi kani smus 2.0; Lebensraum Republ i kani smus;Lebensraum Republ icani sm; Lebensraum Repubbli canesimo; Repubbl icanesi mo geopoli ti co; Geopoli ti cal Republi cani sm; Geo-poli ti cal Republi cani sm; Geopol iti sche Republ i kani smus; Di ffusi ve Dominion; Republ ican Diffusi ve Domi ni on; R 2.0; R. 2.0;R2.0; DD; D.D; D.R.D; DRD; R.D.D; RDD; D2; RD2; D2R; Geopoli ti ca
Repubbli cana; Republi can Geopol itics;Republ i kani sche Geopol iti k; Republ i kani scher Geopoli ti k; neo marxi smo; neomarxi smo; neo-marxi smo; neorepubbl icanesi mo;neo-repubbl icanesi mo; neo repubbli canesimo; marxi smo; marxi smus; marxi sm; di al etti ca; dialettica marxi sta; marxi st dialectics; marxi st di al ecti c; repubbl icanesi mo quanti co; repubbli canesimo quantico-di al etti co; repubbl icanesi mo marxi sta;repubbli canesimo neo-marxi sta; Karl Marx; Hannah Arendt; Carl Schmitt; LR; L. R; repubbli canesimo dialettico;repubbli canesimo quantico-di al etti co-marxi sta; repubbl icanesi mo geo-quanti co-dialettico; repubbli canesimo geo-quantico-di al etti co-marxi sta; Massi mo Morigi; Republ ican Diffusi ve Domi nati on; Lebensraum Republi cani sm , Massi mo Morigi; Diffusi ve Domi nati on; Walter Benj amin; György Lukács; Repubbl icanesi mo; Republ icani sm; Republ i kani smus; Di ffusi ve Domination;Republi can Di ffusi ve Domination; Dominio
Diffuso; Domi nazi one Di ffusa; Dominazione Diffusi va; Domi ni o Di ffusi vo;Domi nazi one Repubbl icana Di ffusi va; Domi nazi one Repubbl icana Di ffusa; Dominio Repubbl icano Di ffuso; Dominio Repubbl icano Di ffusi vo; Dominazione Diffusa; Domi nazi one repubbl icana di ffusa; Repubbli canesimo Quanti co; Republi cani sm 2.0; Repubbli canesimo 2.0; Republi kani smus 2.0; Lebensraum Republ i kani smus; Lebensraum Republ icani sm; Lebensraum Repubbli canesimo; Repubbl icanesi mo geopoli ti co; Geopoli ti cal Republi cani sm; Geo-poli ti cal Republi cani sm; Geopol iti sche Republ i kani smus; Di ffusi ve Dominion; Republ ican Diffusi ve Domi ni on; R 2.0; R. 2.0; R2.0; DD; D.D; D.R.D; DRD; R.D.D;RDD; D2; RD2; D2R; Geopoli ti ca Repubbli cana; Republi can Geopol itics; Republ i kani sche Geopol iti k; Republ i kani scher Geopoli ti k; neo marxi smo; neomarxi smo; neo-marxi smo; neorepubbl icanesi mo
DoGn6o!,2) 7
GESAMT@UNSTJER@ RES PUBLICA, REPUBLICAN DIFFUSI7E DOMINATION, REPUBBLICANESIMO GEODNUANTICODDIALETTICO MARIISTA, MASSIMO MORIGI, HANNAH ARENDT, @ARL MARI, CARL SCHMITT - MASSÌMO MORÌGÌ
"GESAMTKUNSTWERK RES PUBLÌCA, REPUBLÌCAN DÌFFUSÌVE DOMÌNATÌON..." è UN PAPER SCRÌTTODA MASSÌMO MORÌGÌ SULL'ESTETÌZZAZÌONE DELLA POLÌTÌCA OPERATADAÌ REGÌMÌ FASCÌSTÌ. ÌL PAPER è ÌNTESO ALLO SVÌLUPPO DÌ UNA TEORÌA NEOREPUBBLÌCANA BASATAAnziché SUL NON DOMÌNÌO SUL DOMÌNÌO DÌFFUSÌVO
@-yGo.,2) Massi mo Mori gi ; Republi can Ìncreased Common Dominati on; Ìncreased Common Dominati on; Di ffusi ve Domination; Wal ter Benjami n; György Lukács; Repubbl icanesi mo; Republ icani sm; Republ i kani smus; Di ffusi ve Domination;Republi can Di ffusi ve Domination; Dominio Di ffuso; Domi nazi one Di ffusa; Dominazione Diffusi va; Domi ni o Di ffusi vo;Domi nazi one Repubbl icana Di ffusi va; Domi nazi one Repubbl icana Di ffusa; Dominio Repubbl icano Di ffuso; Dominio Repubbl icano Di ffusi vo; Dominazione Diffusa; Domi nazi one repubbl icana di ffusa; Repubbli canesimo Quanti co; Republi cani sm 2.0; Repubbli canesimo 2.0; Republi kani smus 2.0; Lebensraum Republ i kani smus; Lebensraum Republ icani sm; Lebensraum Repubbli canesimo; Repubbl icanesi mo geopoli ti co; Geopoli ti cal Republi cani sm; Geo-poli ti cal Republi cani sm; Geopol iti sche Republ i kani smus; Di ffusi ve Dominion; Republ ican Diffusi ve Domi ni on; R 2.0; R.
2.0; R2.0; DD; D.D; D.R.D; DRD; R.D.D;RDD; D2; RD2; D2R; Geopoli ti ca Repubbli cana; Republi can Geopol itics; Republ i kani sche Geopol iti k; Republ i kani scher Geopoli ti k; neo marxi smo; neomarxi smo; neo-marxi smo; neorepubbl icanesi mo; neo-repubbl icanesi mo; neo repubbli canesimo;marxi smo; marxi smus; marxi sm; di al etti ca; dialettica marxi sta; marxi st dialectics; marxi st di al ecti c; repubbl icanesi mo quanti co;repubbli canesimo quantico-di al etti co; repubbl icanesi mo marxi sta; repubbli canesimo neo-marxi sta; Karl Marx; Hannah Arendt;Carl Schmitt; LR; L. R; repubbli canesimo dialettico; repubbli canesimo quantico-di al etti co-marxi sta; repubbl icanesi mo geo-quanti co-dialettico; repubbli canesimo geo-quantico-di al etti co-marxi sta; Massi mo Morigi; Republ ican Diffusi ve Domi nati on;Lebensraum Republi cani sm; Massi mo Mori gi ; Di ffusi ve Domination; Wal ter Benjami n; György
Lukács; Repubbli canesimo;Republi cani sm; Republi kani smus; Diffusi ve Domi nati on; Republ ican Diffusi ve Domi nati on; Domi ni o Di ffuso; Dominazione Diffusa; Domi nazi one Di ffusi va; Dominio Di ffusi vo; Dominazione Repubbli cana Di ffusi va; Dominazione Repubbli cana Di ffusa;Domi ni o Repubbli cano Diffuso; Domi ni o Repubbli cano Diffusi vo; Domi nazi one Di ffusa; Dominazione repubbli cana diffusa;Repubbl icanesi mo Quantico; Republ icani sm 2.0; Repubbl icanesi mo 2.0; Republ i kani smus 2.0; Lebensraum Republi kani smus;Lebensraum Republi cani sm; Lebensraum Repubbl icanesi mo; Repubbli canesimo geopol itico; Geopol itical Republ icanism; Geo-pol itical Republ icani sm; Geopoli ti sche Republi kani smus; Diffusi ve Domi ni on; Republi can Di ffusi ve Dominion; R 2.0; R. 2.0;R2.0; DD; D.D; D.R.D; DRD; R.D.D; RDD; D2; RD2; D2R; Geopol itica Repubbl icana; Republ ican Geopoli ti cs;Republi kani sche Geopoli ti k; Republi kani scher Geopol iti k; neo
marxi smo; neomarxi smo; neo-marxi smo; neorepubbl icanesi mo;neo-repubbl icanesi mo; neo repubbli canesimo; marxi smo; marxi smus; marxi sm; di al etti ca; dialettica marxi sta; marxi st dialectics; marxi st di al ecti c; repubbl icanesi mo quanti co; repubbli canesimo quantico-di al etti co; repubbl icanesi mo marxi sta;repubbli canesimo neo-marxi sta; Karl Marx; Hannah Arendt; Carl Schmitt; LR; L. R; repubbli canesimo dialettico;repubbli canesimo quantico-di al etti co-marxi sta; repubbl icanesi mo geo-quanti co-dialettico; repubbli canesimo geo-quantico-di al etti co-marxi sta; Massi mo Morigi; Republ ican Diffusi ve Domi nati on; Lebensraum Republi cani sm; Massi mo Mori gi ; Di ffusi ve Domination; Wal ter Benjami n; György Lukács; Repubbli canesimo; Republi cani sm; Republi kani smus; Diffusi ve Domi nati on;Republ ican Diffusi ve Domi nati on; Domi ni o Di ffuso; Dominazione Diffusa; Domi nazi one Di ffusi va; Dominio Di ffusi vo;Dominazione Repubbli cana
Diffusi va; Domi nazi one Repubbl icana Di ffusa; Dominio Repubbl icano Di ffuso; Dominio Repubbl icano Di ffusi vo; Dominazione Diffusa; Domi nazi one repubbl icana di ffusa; Repubbli canesimo Quanti co; Republi cani sm 2.0; Repubbli canesimo 2.0; Republi kani smus 2.0; Lebensraum Republ i kani smus; Lebensraum Republ icani sm; Lebensraum Repubbli canesimo; Repubbl icanesi mo geopoli ti co; Geopoli ti cal Republi cani sm; Geo-poli ti cal Republi cani sm; Geopol iti sche Republ i kani smus; Di ffusi ve Dominion; Republ ican Diffusi ve Domi ni on; R 2.0; R. 2.0; R2.0; DD; D.D; D.R.D; DRD; R.D.D;RDD; D2; RD2; D2R; Geopoli ti ca Repubbli cana; Republi can Geopol itics; Republ i kani sche Geopol iti k; Republ i kani scher Geopoli ti k; neo marxi smo; neomarxi smo; neo-marxi smo; neorepubbl icanesi mo
DoGn6o!,2) 10
GESAMT@UNSTJER@ RES PUBLICA, REPUBBLICANESIMO, REPUBLICANISM, DIFFUSI7E DOMINATION, REPUBLICAN DIFFUSI7E DOMINATION, MASSIMO MORIGI - Massi mo Mori gi
SAGGÌO NEOREPUBBLÌCANO E NEOMARXÌSTASULL'ESTEÌTÌZZAZÌONE DELLA POLÌTÌCA E PER UN NUOVOREPUBBLICANESIMO BASATOSULLA "REPUBLÌCAN DÌFFUSÌVE DOMÌNATÌON"
@-yGo.,2) Massi mo Mori gi ; Di ffusi ve Domination; Republi can Ìncreased Common Dominati on; Ìncreased Common Dominati on; Wal ter Benjami n; György Lukács; Repubbl icanesi mo; Republ icani sm; Republ i kani smus; Di ffusi ve Domination;Republi can Di ffusi ve Domination; Dominio Di ffuso; Domi nazi one Di ffusa; Dominazione Diffusi va; Domi ni o Di ffusi vo;Domi nazi one Repubbl icana Di ffusi va; Domi nazi one Repubbl icana Di ffusa; Dominio Repubbl icano Di ffuso; Dominio Repubbl icano Di ffusi vo; Dominazione Diffusa; Domi nazi one repubbl icana di ffusa; Repubbli canesimo Quanti co; Republi cani sm 2.0; Repubbli canesimo 2.0; Republi kani smus 2.0; Lebensraum Republ i kani smus; Lebensraum Republ icani sm; Lebensraum Repubbli canesimo; Repubbl icanesi mo geopoli ti co; Geopoli ti cal Republi cani sm; Geo-poli ti cal Republi cani sm; Geopol iti sche Republ i kani smus; Di ffusi ve Dominion; Republ ican Diffusi ve Domi ni on; R 2.0; R.
2.0; R2.0; DD; D.D; D.R.D; DRD; R.D.D;RDD; D2; RD2; D2R; Geopoli ti ca Repubbli cana; Republi can Geopol itics; Republ i kani sche Geopol iti k; Republ i kani scher Geopoli ti k; neo marxi smo; neomarxi smo; neo-marxi smo; neorepubbl icanesi mo; neo-repubbl icanesi mo; neo repubbli canesimo;marxi smo; marxi smus; marxi sm; di al etti ca; dialettica marxi sta; marxi st dialectics; marxi st di al ecti c; repubbl icanesi mo quanti co;repubbli canesimo quantico-di al etti co; repubbl icanesi mo marxi sta; repubbli canesimo neo-marxi sta; Karl Marx; Hannah Arendt;Carl Schmitt; LR; L. R; repubbli canesimo dialettico; repubbli canesimo quantico-di al etti co-marxi sta; repubbl icanesi mo geo-quanti co-dialettico; repubbli canesimo geo-quantico-di al etti co-marxi sta; Massi mo Morigi; Republ ican Diffusi ve Domi nati on;Lebensraum Republi cani sm , Massi mo Morigi; Stefano Salmi; repubbli canesimo quanti stico-di al etti co; repubbl icanesi mo quanto-di al etti co; repubbl icanesi mo
quantico-di al etti co; quantodi al etti co repubbl icanesi mo; repubbl icanesi mo quanto-di al etti co;quanto di al etti co repubbli canesimo; quantodialettico repubbli canesimo; neo-repubbli canesimo quanti stico-di al etti co; neo-repubbl icanesi mo quanto-di al etti co; neo-repubbl icanesi mo quanti co-dialettico; quantodialettico neo-repubbli canesimo; quanto-di al etti co neo-repubbli canesimo; quanto dialettico neo-repubbl icanesi mo; quantodi al etti co neo-repubbl icanesi mo; marxi smo quanti stico-di al etti co; marxi smo quanto-di al etti co; marxi smo quanti co-di al etti co; marxi smo quantodi al etti co; quanto-di al etti co marxi smo; quanto dialettico marxi smo; quantodi al etti co marxi smo; neo-marxi smo quanti sti co-dialettico; neo-marxi smo quanto-dialettico; neo-marxi smo quantico-dialettico; neo-marxi smo quantodialetti co; neo-marxi smo quanto-di al etti co; neo-marxi smo quanto dialettico; neo-marxi smo quantodialetti co; quantofuturi smo; quan
DoGn6o!,2) 3
REPUBLICAN DIFFUSI7E DOMINATION, GESAMT@UNSTJER@ RES PUBLICA, MASSIMO MORIGI, HANNAH ARENDT, @ARL MARI - Massi mo Morigi
PAPER DÌ MASSÌMO MORÌGÌ PER UNA REPUBLÌCAN DÌFFUSÌVE DOMÌNATÌON
@-yGo.,2) Massi mo Mori gi , Stefano Salmi, repubbl icanesi mo quanti sti co-dialettico, repubbli canesimo quanto-di al etti co, repubbl icanesi mo quantico-dialettico, quantodi al etti co repubbl icanesi mo, repubbli canesimo quanto-dialettico, quanto di al etti co repubbli canesimo, quantodi al etti co repubbl icanesi mo, neo-repubbl icanesi mo quanti stico-dialettico, neo-repubbl icanesi mo quanto-dialettico, neo-repubbl icanesi mo quanti co-dialettico, quantodialetti co neo-repubbli canesimo, quanto-dialettico neo-repubbli canesimo, quanto di al etti co neo-repubbli canesimo, quantodialetti co neo-repubbl icanesi mo, marxi smo quanti sti co-dialettico, marxi smo quanto-dialettico, marxi smo quanti co-di al etti co, marxi smo quantodi al etti co, quanto-dialetticomarxi smo, quanto di al etti co marxi smo, quantodialetti co marxi smo, neo-marxi smo quanti stico-di al etti co, neo-marxi smo quanto-dialettico, neo-marxi smo quanti co-di al etti co, neo-marxi smo quantodialetti co, neo-marxi smo
quanto-dialettico, neo-marxi smo quanto dialettico, neo-marxi smo quantodi al etti co, quantofuturi smo, quanto-futuri smo, quanto futuri smo, quantodi al ettico futuri smo, quanto di al etti co futuri smo, quanto-di al etti co futuri smo, futuri smo quantico di al etti co, futuri smo quanti co-di al etti co, , Massi mo Mori gi , Stefano Sal mi , repubbli canesimo quanti stico-di al etti co, repubbli canesimo quanto-dialettico, repubbl icanesi mo quantico-dialettico, quantodi al etti co repubbl icanesi mo, repubbl icanesi mo quanto-dialettico, quanto di al etti co repubbli canesimo, quantodialetti co repubbli canesimo, neo-repubbl icanesi mo quanti sti co-dialettico, neo-repubbl icanesi mo quanto-di al etti co, neo-repubbli canesimo quanti co-di al etti co, quantodialettico neo-repubbli canesimo, quanto-dialettico neo-repubbl icanesi mo, quanto dialettico neo-repubbl icanesi mo, quantodialettico neo-repubbli canesimo, marxi smo quanti stico-di al etti co, marxi smo quanto-dialettico, marxi smo quanti co-di al etti co,
marxi smo quantodi al etti co, quanto-dialettico marxi smo, quanto dialetticomarxi smo, quantodi al etti co marxi smo, neo-marxi smo quanti sti co-di al etti co, neo-marxi smo quanto-dialettico, neo-marxi smo quanti co-dialettico, neo-marxi smo quantodi al etti co, neo-marxi smo quanto-di al etti co, neo-marxi smo quanto dialettico, neo-marxi smo quantodialettico, quantofuturi smo, quanto-futuri smo, quanto futuri smo, quantodialettico futuri smo, quanto dialetticofuturi smo, quanto-dialetticofuturi smo, futuri smo quantico di al etti co, futuri smo quantico-dialettico, , Quantum bi locati on heterotopia, Quantum bi -locati on heterotopia, Quantum bi locati on heterotopy, Quantum bi -locati on heterotopy, Quantum multil ocation heterotopi a, Quantum mul ti -locati on heterotopia, Quantum multil ocationheterotopy, Quantum mul ti -locati on heterotopy, Multil ocal eeterotopi a quantica, bi localeeterotopia quanti ca, eterotopi a quanti ca mul ti locale, eterotopi a quanti ca bil ocal e, Quantum
mechani cs bil ocationheterotopi a, Quantum mechanics bi -locati on heterotopia, Quantum mechanics bi locati on heterotopy, Quantum mechani cs bi-l ocation heterotopy, Quantum mechani cs mul ti locati on heterotopia, Quantum mechani cs mul ti -locati on heterotopia, Quantum mechanics multil ocationheterotopy, Quantum mechanics multi-l ocation heterotopy, Stefano Salmi, Princi pi odi i ndeterminazi one, Princi pi odi indetermi nazione quantico, Pri ncipio di i ndeterminazi one quanti stico, Uncertainty Princi pl e, Quantum Uncertainty Princi pl e, princi pe d'incerti tude, pri ncipe d'i ndétermi nati on, Pri ncipio di incertezza, Pri ncipio di incertezza quantico, Hei senbergsche Unschärferelati on, Unbestimmthei tsrelation, Hei senbergs Prinzi p, Hei senbergs Unschärferel ation, Princípi o da Ìncerteza, pri ncípio de i ncertezas, Mul ti verso, Mul ti verse, mul ti verso quanti co, mul ti verso quanti sti co, eteropi a quantico-mul ti verso, eterotopia quanti co multiverso, Quantum
mul ti verse, Many-Worlds, Many Worl ds, Many-Worlds interpretati on of Quantum Mechani cs, multiverso eterotopi co, mul ti verso quanti stico-eterotopico, multiverso quanto-eterotopi co, Quantum heterotopi an multiverse, Quantum heterotopic mul ti verse, mul ti verse heterotopy, multiverse heterotopia, Quantum multiverse heterotopy, Quantum multiverse heterotopi a, eteropia multiverso quantica, eterotopi a mul ti -verso quanti ca, eterotopia multiverso-quanti ca, eterotopi a mul ti verso quanti ca, Princi pi od'indeterminazi one, Princi pi o d'incertezza , zoon poli ti kon, pol i s, L'opera d'arte nell 'epoca dell a sua ri producibil ità tecnica, The Work of Art in the Age of Mechanical Reproducti on, Das Kunstwerk i m Zei talter seiner techni schen Reproduzi erbarkei t, L'Cuvre d'art à l 'époque de sa reproducti bi li té technique, L'oeuvre d'art à l 'ère de sa reproducti bi li té technique, L'opera d'arte nell 'epoca dell a sua ri producibil ità meccanica, Massi mo Morigi, Fi at ars - pereat
mundus, Aestheti ca fasci stica Ì, homo l aborans/faber, homo l aborans, homo faber, Cappell a dei Marti ri , Gesamtkunstwerk, opera d'arte totale, empowerment , Res Publ ica, Ezra Pound, Pound, Mori gi , Waldemar George, Fi li ppo de Pi si s, Charles Edouard Jeanneret, Le Corbusi er, Ìnci pi t novus ordo, Arnaldo Carpanetti, Fortunato Depero, Depero, Osval do Peruzzi, Ernesto Michahell es, Thayhat, Prampoli ni , Enrico Prampoli ni , Ferrucci o Vecchi , The Theory of the Avant-Garde, Theory of the Avant-Garde, Renato Poggioli , Peter Bürger, Tertul li ano, agorà, De Chi rico, Gi orgio De Chi ri co, Raffael lo, Raffael lo Sanzio, Scuola di Atene, Ci ano, Gal eazzo Ciano, Gian Gal eazzo Ciano, Di ario di Ci ano, Carrà, Carl o Carrà, Emi l Nolde, Omero, Sepp Hi lz, Werner Pei ner, Oscar Marti n Amorbach, Adolf Zi egler, Konrad Hommel , Arno Breker, Ghunther von Hagens, Capi tan Harl ock, Gianna Nannini, Voltai re, Françoi s-Mari e Arouet, Lettres Phil osophi ques,
Bacone, Francesco Bacone, Bacon, Franci s Bacon, Novum Organum, Phänomenologi e des Gei stes, fenomenologi a del lo spi rito, Max Horkheimer, Theodor Ludwig Wi esengrund Adorno, bios pol iti kos, aiesthesi s , Angelus Novus, perdono, Wi sl awa Szymborska, Schwarze Sonne, Fukuyama, Yoshi hi ro Franci s Fukuyama, Franci s Fukuyama, Marx, Karl Marx, Avantgarde, mécanique quantique, mecáni ca cuánti ca, mecanicaquantica, Quantenphysi k, quanti schen Mechanik, Di al ecti que quantique, di al ecti caquanti ca, quantum di al ekti ske, dialéti ca cuánti ca, dialéti ca quantica, quantum dialekti sche, dialekti sche, Avanguardi a quantica, avanguardia quanti stica, avant-garde quantica, avant-garde quanti sti ca, quantum avant-garde, avant-garde quantique, vanguardia cuántica, quanti schen Avantgarde, Futuri smo quanti co, futuri smo quanti stico, quantum futuri sm, quanti schen futuri smus, quanti sch futuri smus, futuri sme quanti que, futuri smo cuántico,
Fil osofi a pol iticaquantica, fi losofi a poli ti ca quanti stica, quantum Poli ti cal phi losophy, phil osophi e pol itique quantique, quanti schen poli ti sche Phi losophie, fi losofi a pol iticacuántica, quanti sch poli ti sche Phil osophi e, Storia quanti ca, stori a quanti stica, storiografi a quantica, storiografia quanti sti ca, hi stoi re quanti que, quantum hi story, Quantenphysi kgeschichte, Quanten geschi chte, quanti schen geschichte, Hi stóri a cuántica, hi stori a quantica, quanti sch geschichte, quanti sch Geschichtsschrei bung, quanti schen Geschichtsschreibung, quantum hi stori ography, hi storiographi e quantique, materiali smo hi stori co, materiali smo hi stóri co, Eteropi a quantica, Eterotopia quanti sti ca, quantum heterotopi a, quantum heterotopy, hétérotopi e quanti que, quanti schen heterotopie, heterotopi a cuántica, heterotopi a quantica, quanti sch heterotopi e, Quantum superposi tion heterotopi a, quantum superposi tion heterotopy, quantum entangl ement heterotopi a, quantum
entangl ement heterotopy, eterotopia quantica, eterotopia quanti sti ca, Superposi tion quantico-eterotopica, superposi ti on quanto-eterotopi ca, superposi tion quanti stico-eterotopica, superposi tion eterotopi ca-quantica, superposi ti on eterotopi ca-quanti sti ca, quantico-eterotopica superposi tion, quanto-eterotopi ca superposi ti on, quanti stico-eterotopi ca superposi tion, eterotopica-quantica superposi tion, eterotopi ca-quanti sti ca superposi ti on, eterotopi ca-quanti ca superposi ti on, eterotopico-quanti ca superposi tion, eterotopico-quanti stica superposi tion, eterotopi co-quantica superposi ti on, heterotopic quantum entangl ement, heterotopi an quantum entanglement, heterotopic quantum superposi ton, heterotopian quantum entanglement, entanglement eterotopico-quantico, entanglement eterotopi co-quanti sti co, entanglement eterotopi co-quantico, entanglement quantico-eterotopico, entanglement quanti sti co-eterotopi co, entangl ement quanti co-eterotopi co,
quantico-eterotopico entangl ement, quanti stico-eterotopico entanglement, quantico-eterotopico entanglement, entangl ement quanti stico-eterotopi co, entangl ement quanti co-eterotopi co, entangl ement quanti co-eterotopico, quanti co-eterotopi co entanglement, Quantum observer heterotopi a, Quantum observer heterotopy, heterotopi an quantum observer, heterotopi c quantum observer, eterotopia dell 'osservatore quanti co, eterotopi a del l'osservatore quanti stico, materiali smo stori co quanti co, materi al i smo storico quanti stico, quanti schen Hi stori scher Materi al i smus, matéri al i sme hi stori que quanti que, Quantum hi storical materi al i sm, materi al i smo hi storico quantico, materiali smo hi stóri co cuántico, materi al i smo di al etti co quantico, materiali smo dialettico quanti sti co, Quantum dialectical materi al i sm, quanti schen Di al ekti scher Materiali smus, Matéri al i sme di al ecti que quanti que, materi al i smo di al ético cuánti co, materi al i smo dialéctico quanti co,
materi al i smo storico-di al etti co, materiali smo storico e dialettico, materi al i smo stori co e materiali smo dialettico, hi stori cal di al ecti cal materiali sm, hi stori cal -di al ectical -materiali sm, matériali sme hi stori que-dialectique, matériali sme hi stori que et dialectique, Di al ekti sch-hi stori scher Materi al i smus, di al ekti schen und hi stori schen Materi al i smus, Materiali smo Hi stórico Di al éti co, materiali smo hi stori co di al éctico, materi al i smo quanti co stori co-dialettico, materi al i smo quantico e stori co-di al etti co, materi al i smo quanti sti co stori co-dialettico, materi al i smo quanti sti co e stori co-di al etti co, materi al i smo storico-di al etti co quantico, materi al i smo stori co-di al etti co quanti stico, materiali smo stori co e dialetticoquantico, materiali smo stori co e dialetticoquanti stico, materiali smo storico e materi al i smo di al etti co quantici, materi al i smo stori co e materiali smo dialettico quanti sti ci , materiali smo quanti co-storico-di al etti co, materiali smo quanti stico-storico-di al etti co, quantum
hi stori cal di al ectical materi al i sm, quantum hi storical -dialectical-materiali sm, matéri al i sme quantique-hi stori que-dialectique, matériali sme quanti que hi stori que et di al ecti que, quanti schen Dialekti sch-hi stori scher Materi al i smus, quanti sch dialekti schen und hi stori schen Materiali smus, Materiali smo cuántico Hi stórico Dialéti co, materi al i smo quantico hi stori co di al écti co, Diamat quanti sti co, Diamat quanti co, quantum Di amat, Diamat quanti que, quanti sch Diamat, quanti schen Diamat, Di amat cuántico, materi al i smo quanti co, materi al i smo quanti sti co, quantum materi al i sm, matéri al i sme quanti que, quanti sch materi al i smus, quanti schen materi al i smus, materiali smo cuánti co, marxi smo quanti sti co, marxi smo quanti co, quantum marxi sm, marxi sme quantique, quanti sch marxi smus, quanti schen marxi smus, marxi smo cuánti co, neo marxi smo quantico, neo marxi smo quanti stico, neo-marxi smo quantico, neo-marxi smo quanti sti co, neomarxi smo quantico,
neomarxi smo quanti stico, quanti sch neue marxi smus, quanti schen neue marxi smus, quanti sch neo marxi smus, quanti schen neo marxi smus, quanti sch neomarxi smus, quanti schen neomarxi smus, néo-marxi sme quanti stique, néomarxi sme quanti sti que, neo-marxi smo cuánti co, repubbl icanesi mo quantico, repubbl icanesi mo quanti sti co, quantum republ icani sm, républi cani sme quantique, quanti schen republi kani smus, quanti sch republ i kani smus, republ icani smo quanti co, republ icani smo cuántico, neorepubbli canesimo quanti co, neo repubbl icanesi mo quanti sti co, neo-repubbl icanesi mo quanti co, neo-repubbl icanesi mo quanti sti co, neo repubbli canesimo quantico, neo repubbli canesimo quanti sti co, quantum neo-republ icani sm, quantum neo republ icanism, néo-républi cani sme quanti que, néorépubl icani sme quanti que, quanti sch neue republi kani smus, quanti sch neo republ i kani smus, quanti sch neo-republ i kani smus, quanti sch neorepubli kani smus,
quanti schen neue republ i kani smus, quanti schen neo republi kani smus, quanti schen neo-republi kani smus, quanti schen neorepubl i kani smus, neo-republi cani smo cuánti co, neo republ icani smo cuántico, neorepubl icani smo cuántico, neorepubl icani smo quantico, neo-republi cani smo quantico, neo republ icani smo quantico, eterotopi a quantica, eterotopia quanti sti ca, quantum heterotopia, quantum heterotopy, hétérotopi e quanti stique, quanti schen heterotopie, quanti sch heterotopie, heterotopia quanti ca, heterotopia cuánti ca, Subl ime, erhaben, subl imi s,Subl ime eterotopi a, subli me heterotopi a, subli me heterotopy, subli me hétérotopie , erhaben heterotopie, Subl ime eterotopico, subl ime eterotopi sti co, heterotopi c subl ime, heterotopian subli me, subli me Hétérotopi c, aposubli me, Eterotopia, heterotopi a, heterotopy, hétérotopie, heterotopie, Mel ni kov, El Li ssi tzky, Gustav Kl utsi s, Cappell a dei Marti ri , Emil Nol de, Teori aestetica, Quarto d'ora di poesi a
del la X Mas, X Mas, Gi oventù ital iana del l ittorio, Hegel , Georg Wil helm Fri edri ch Hegel , Dialetti ca, dialetticamarxi sta, di al ecti quemarxi ste, marxi st di al ecti cs, marxi st di al ectic, marxi st dialectic method, marxi stiche di al ekti k, marxi sti sche di al ekti k, di al ecticamarxi sta, di al écticamarxi sta, dialettica neomarxi sta, di al etti ca neo marxi sta, dialetticaneo-marxi sta, di al ecti que néo-marxi ste, neo-marxi st dialectics, neo-marxi st di al ecti c, neo-marxi st di al ectic method, neue marxi sti sche dialekti k, neo marxi sti sche di al ekti k, di al écticaneo-marxi sta, di al ecticaneo-marxi sta, di al etti ca repubbli cana, republ ican dialectics, republi can di al ecti c, republi can di al ectic method, republi kani sche dialekti k, republ i kani scher di al ekti k, di al ecti querépubl icai ne, di al écti ca republi cana, di al ecti ca republi cana, di al etti ca neorepubbli cana, dialetticaneo repubbli cana, di al etti ca neo-repubbl icana, neo-republi candialectics, neo-republ ican dialectic, neo-republ ican dialectic method,
neue republi kani sche di al ekti k, neo republ i kani sche di al ekti k, néo-républi cainedialectique, di al ecti caneo-republi cana, di al ecti ca néo-republi cana, dialetticaquanti stica, quantum di al ectics, quantum dialectic, quantum di al ecti c method, neo marxi smus, neomarxi smus , Totali tare Kunst, Total itäre Kunst, Totalitarian Art, Arte total itari a, art total itari enne, materiali smo di al etti co, Di al ekti scher Materiali smus, Dialectical materiali sm, Matériali sme dialectique, materiali smo dialéti co, materiali smo dialéctico, materiali smo stori co, Hi stori scher Materi al i smus, matériali sme hi stori que, Hi storical Materi al i sm, Pol iarchi a, Polyarchy, Polyarchi e, Poli arqui a, postdemocrazia, post-democrazi a, Postdemocracy, Post-Democracy, Postdemokrati e, Post-Demokrati e, post-démocratie, pós-democraci a, post democrazia, esteti zzazione del la pol itica, aestheti ci zati on of poli ti cs, poli ti cal aestheti ci zati on, poli ti sche Ästheti k, ÄSTHETÌK DES POLÌTÌSCHEN, Aestheti ci zati on of
Pol itical Action, esthéti quement de la pol itique, Esthétique et pol itique, Gesamtkunstwerk, Res Publi ca, Nazi smo, Nazional sociali smo, Nazi sme, national -sociali sme, Nati onal soci al i sme, Nazi smus, Nati onal soziali smus, Nazi sm, Nati onal Soci al ism, Absol uten Hi stori smus, hi stori smo absol uto, hi storici sme absolue, absol ute hi storici sm, di al ecti que, dialectics, dialectic, di al écti ca, dialéti ca, Di amat, Scuola di Francoforte, Escol a de Frankfurt, Escuel a de Frankfurt, Teori acri ti ca, Kriti sche Theorie, Cri tical Theory, Théorie cri ti que, Di al ettica dell 'i ll umini smo, Scuol a di Francoforte, Frankfurt School , Frankfurter Schul e, Teoria cri ti ca, Kriti sche Theorie, Cri tical Theory, Dialectic of enl ightenment, Di al ekti k der Aufkl ärung, Dialectique de l'Ìl lumi ni sme, Di al ettica dell 'i ll uminismo, Scuola di Francoforte, Frankfurt School, Frankfurter Schul e, Teoria cri ti ca, Kri ti sche Theorie, Cri ti cal Theory, Dialectic of enli ghtenment, Di al ekti k der Aufkl ärung, Dialectique de
l 'Ìll umini sme, Dialetti ca del l'il lumi ni smo, totali tarian rule, arte degenerata, teoria marxi sta, marxi st theory, marxi sti sche Theori e, Théorie marxi ste, teoria repubbli cana, Republ ican Theory, théori e républi caine, Republi kaner Theorie, republi kani sche Theorie, teori a neo repubbli cana, teori a neo-repubbli cana, teori a neorepubbl icana, neo-republi can theory, neo republ ican theory, théorie néo-républ icai ne, théorie néo républi caine, neo marxi st theory, neo-marxi st theory, théorie néo-marxi ste, théori e néo marxi ste, neue marxi sti sche Theorie, meccanicaquanti sti ca, teori a neo-marxi sta, teori a neo marxi sta, teori a neomarxi sta, Quantum mechani cs, quantum physics, quantum theory, fi sica quanti sti ca, teori a quanti stica, sovrapposi zi one, sovrapposi zi one quanti sti ca, princi pi odi sovrapposi zione, pri ncipio di sovrapposi zi one quanti sti ca, superposi tion, superposi ti on pri nciple, quantum superposi ti on, quantum superposi ti on of quantum mechanics,
superposi ti on pri nciple of quantum mechanics, quantum superposi tion princi pl e, correlazione quanti sti ca, entangl ement quanti sti co, entangl ement, Quantum entanglement, complementari età, princi pi odi compl ementari età, princi pi o di compl ementari età, princi pi o di compl ementari età quanti sti ca, compl ementari tà, complementari ty, quantum complementari ty pri nciple, complementari ty princi pl e, Quantum observer effect, observer effect, pri ncipio di osservazione, princi pi odi osservazi one quanti stico, Quantum observer pri nciple, pri ncipio di i ndeterminazi one, uncertai nty pri nciple, Quantum Zeno effect, Effetto Zenone quanti stico, retrocausal ità, retrocausali tà quanti stica, retracausal ity, quantum retrocausal ity, princi pi o di non locali tà, princi pi o di non locali tà quanti sti ca, nonlocali ty, quantum nonl ocal ity, quantum nonl ocal ityprinci pl e, fil osofi a pol itica, Poli ti cal phi losophy, phil osophi e pol itique, pol iti sche Phil osophi e, , Massi mo Mori gi , Mao, Aesthetica
fasci stica, mostra del la ri voluzione fasci sta del 1932, estetica, aestheti ca, tradizionali smo, moderni smo, fasci o, arte fasci sta, arte nazi sta, arte totali taria, estetica fasci sta, estetica nazi sta, avant garde, total itari smo i mperfetto, Ventennio, fasci smo i tali ano, Novecento, novecenti smo, Stali n, Piacentini, Marcell o Pi acenti ni , Espressi oni smo, Expressi oni smus, Expressi oni sm, Expressi oni sme, Sarfatti , Margheri ta Sarfatti, Piacentini, Marcell o Pi acenti ni , Terragni, Giuseppe Terragni , Libera, Adalberto, Libera, Aesthetica, Fasci sti ca, Aestheti ca Fasci sti ca Ì, neo republ icani smo, neo-republi cani smo, neorepubl icani smo, republi cani smo, républi cani sme, Republi cani sme, marxi sm, marxi sme, neo-repubbli canesimo, neo repubbli canesimo, néomarxi sme, néo marxi sme, néo-marxi sme, neomarxsi me, neo marxi sme, neo marxi smo, neo-marxi smo, neo-marxi sm, neo marxi sm, neo marxi smus, neomarxi smus, neue marxi smus, total itari sme, totali tari sm, fasci sm,
fasci sme, faschi smus, nazional sociali smo, nazional soci al i smo, nazi onal -soci al i smo, nazi sm, Nati onal sociali sm, nazi sme, Nati onal sociali sme, Nati onal sociali sme, nazi smus, national sozi al i smus, post democrazi a, post-democrazia, post democracy, postdemocracy, post-démocratie, postdémocratie, post demokrati e, postdemokrati e, post democrazia, post-democracia, postdemocraci a, turbo capital ismo, turbo-capital ismo, turbo capital i sm, turbo-capi tali sm, turbocapital i sm, turbo capi tali sme, turbocapi tali sme, turbo-capital isme, futuri smus, futuri sme, futuri sm, avanguardi a, avanguardie, avanguardie storiche, Fil ippo Tommaso Mari netti , Entartete Kunst, Mussol ini, Benito Mussoli ni , Bottai , Alfredo Bottai , Si roni, Mari o Si roni , Gesamtkunstwerk, mostra del decennal e dell a ri vol uzi one fasci sta, mostra del la ri voluzione fasci sta, mostra dell a ri vol uzi one fasci sta del 1933, premio Cremona, Farinacci , Totali tari an art, Total itari ske Kunst, Web, Ìnternet,
Pol iticizzazi one dell 'estetica, estetizzazione dell a vi ol enza, Benjami n, Walter Benjami n, Machi avel li , Niccolò Machi avel li , Tesi di fil osofia dell a storia, Max Horkheimer, Theodor Ludwi g Wi esengrund Adorno, Golomstock, REPUBLÌCANÌSM, MARXÌSM, REPUBLÌKANÌSMUS, MARXÌSMUS, NEUE REPUBLÌKANÌSMUS, NEUE MARXÌSMUS, NEO REPUBLÌCANÌSM, NEO MARXÌSM, TOTALÌTARÌSMO, TOTALÌTARÌSMUS, TOTALÌTARÌANÌSM, FASCÌSMO, NAZÌSMO, ARTE TOTALÌTARÌA, ARTE FASCÌSTA, ARTE NAZÌSTA, POSTDEMOCRAZÌA, TURBOCAPÌTALÌSMO, POST DEMOCRACY, TURBO CAPÌTALÌSM, VÌTAACTÌVA, Mao, repubbli canesimo, marxi smo, neomarxi smo, fasci smo, esteti zzazione del la pol itica, futuri smo, avant-garde, avantgarde, Marinetti, Hannah Arendt, Vita Acti va, Leo Strauss, Angelus Novus, Wi sl awa Szymborska, Vi ta Activa La condizione umana, Li eta novel la, Gesù, perdono, effetto tunnel , effetto tunnel quanti co,
effetto tunnel quanti sti co, tunnel effect, tunneli ng effect, Quantum tunneli ng effect, Quantum tunnel effect, Quantum bil ocation, Quantum bil ocationeffect, bil ocazione, bi locazi one quanti ca, bil ocazione quanti stica, effetto del la bil ocazione quantica, Quantum mechani cs mul ti l ocation, Quantum mechani cs mul ti -locati on, Quantum mechanicsmul ti l ocation, Quantum mechanicsmul ti l ocations, Quantum mechani cs mul ti -locati ons, Quantum mechanics multi locati ons, multi locazi one quanti ca, mul ti -locazi one quantica, mul ti locazi one quanti ca, mul ti l ocazione quanti stica, multi-l ocazione quanti stica, multil ocazione quanti stica, multi locazi one, multi-l ocazione, mul ti locazi one, Massi mo Morigi, Stefano Sal mi , Di ffusi ve Domination, Walter Benj amin, György Lukács, Massi mo Mori gi , Repubbl icanesi mo, Republi cani sm, Diffusi ve Domination, Republ ican Diffusi ve Domi nati on, Domi ni o Diffuso, Dominio Repubbl icano Di ffuso, Dominazi one Di ffusa,
Domi nazi one repubbl icana di ffusa, Repubbl icanesi mo Quantico; Massi mo Morigi; Diffusi ve Domi nati on; Walter Benj amin;György Lukács; Repubbli canesimo; Republi cani sm; Republi kani smus; Diffusi ve Domi nati on; Republ ican Diffusi ve Domi nati on;Domi ni o Di ffuso; Dominazione Diffusa; Domi nazi one Di ffusi va; Dominio Di ffusi vo; Dominazione Repubbli cana Di ffusi va;Dominazione Repubbli cana Di ffusa; Domi ni o Repubbli cano Diffuso; Domi ni o Repubbli cano Diffusi vo; Domi nazi one Di ffusa;Dominazione repubbli cana diffusa; Repubbl icanesi mo Quantico; Republ icani sm 2.0; Repubbl icanesi mo 2.0; Republ i kani smus 2.0; Lebensraum Republi kani smus; Lebensraum Republi cani sm; Lebensraum Repubbl icanesi mo; Repubbli canesimo geopol itico; Geopol itical Republ icanism; Geo-pol itical Republ icani sm; Geopoli ti sche Republi kani smus; Diffusi ve Domi ni on;Republi can Di ffusi ve Dominion; R 2.0; R.
2.0; R2.0; DD; D.D; D.R.D; DRD; R.D.D; RDD; D2; RD2; D2R; Geopoli ti ca Repubbli cana; Republi can Geopol itics; Republ i kani sche Geopol iti k; Republ i kani scher Geopoli ti k; neo marxi smo; neomarxi smo;neo-marxi smo; neorepubbl icanesi mo; neo-repubbl icanesi mo; neo repubbli canesimo; marxi smo; marxi smus; marxi sm;di al etti ca; dialettica marxi sta; marxi st dialectics; marxi st di al ecti c; repubbl icanesi mo quanti co; repubbli canesimo quantico-di al etti co; repubbl icanesi mo marxi sta; repubbli canesimo neo-marxi sta; Karl Marx; Hannah Arendt; Carl Schmitt; LR; L. R;repubbli canesimo dialettico; repubbli canesimo quantico-di al etti co-marxi sta; repubbl icanesi mo geo-quanti co-dialettico;repubbli canesimo geo-quantico-di al etti co-marxi sta; Massi mo Morigi; Republ ican Diffusi ve Domi nati on; Lebensraum Republi cani sm; Massi mo Mori gi ; Di ffusi ve Domination; Wal ter Benjami n; György
Lukács; Repubbli canesimo;Republi cani sm; Republi kani smus; Diffusi ve Domi nati on; Republ ican Diffusi ve Domi nati on; Domi ni o Di ffuso; Dominazione Diffusa; Domi nazi one Di ffusi va; Dominio Di ffusi vo; Dominazione Repubbli cana Di ffusi va; Dominazione Repubbli cana Di ffusa;Domi ni o Repubbli cano Diffuso; Domi ni o Repubbli cano Diffusi vo; Domi nazi one Di ffusa; Dominazione repubbli cana diffusa;Repubbl icanesi mo Quantico; Republ icani sm 2.0; Repubbl icanesi mo 2.0; Republ i kani smus 2.0; Lebensraum Republi kani smus;Lebensraum Republi cani sm; Lebensraum Repubbl icanesi mo; Repubbli canesimo geopol itico; Geopol itical Republ icanism; Geo-pol itical Republ icani sm; Geopoli ti sche Republi kani smus; Diffusi ve Domi ni on; Republi can Di ffusi ve Dominion; R 2.0; R. 2.0;R2.0; DD; D.D; D.R.D; DRD; R.D.D; RDD; D2; RD2; D2R; Geopol itica Repubbl icana; Republ ican Geopoli ti cs;Republi kani sche Geopoli ti k; Republi kani scher
Geopoli ti k; neo marxi smo; neomarxi smo; neo-marxi smo; neorepubbl icanesi mo
DoGn6o!,2) 29
GESAMT@UNSJER@ RES PUBLICA, REPUBLICAN DIFFUSI7E DOMINATION, MASSIMO MORIGI, HANNAH ARENDT, @ARL MARI - Massi mo Morigi
GESAMTKUNSTWERK RES PUBLÌCA: PAPER DÌ MASSÌMO MORÌGÌ PER UNA REPUBLÌCAN DÌFFUSÌVE DOMÌNATÌONSULLA LÌNEA DELL'ÌNSEGMAMENTO DÌ HANNAHARENDT
@-yGo.,2) Massi mo Mori gi , Stefano Salmi, repubbl icanesi mo quanti sti co-dialettico, repubbli canesimo quanto-di al etti co, repubbl icanesi mo quantico-dialettico, quantodi al etti co repubbl icanesi mo, repubbli canesimo quanto-dialettico, quanto di al etti co repubbli canesimo, quantodi al etti co repubbl icanesi mo, neo-repubbl icanesi mo quanti stico-dialettico, neo-repubbl icanesi mo quanto-dialettico, neo-repubbl icanesi mo quanti co-dialettico, quantodialetti co neo-repubbli canesimo, quanto-dialettico neo-repubbli canesimo, quanto di al etti co neo-repubbli canesimo, quantodialetti co neo-repubbl icanesi mo, marxi smo quanti sti co-dialettico, marxi smo quanto-dialettico, marxi smo quanti co-di al etti co, marxi smo quantodi al etti co, quanto-dialetticomarxi smo, quanto di al etti co marxi smo, quantodialetti co marxi smo, neo-marxi smo quanti stico-di al etti co, neo-marxi smo quanto-dialettico, neo-marxi smo quanti co-di al etti co, neo-marxi smo quantodialetti co, neo-marxi smo
quanto-dialettico, neo-marxi smo quanto dialettico, neo-marxi smo quantodi al etti co, quantofuturi smo, quanto-futuri smo, quanto futuri smo, quantodi al ettico futuri smo, quanto di al etti co futuri smo, quanto-di al etti co futuri smo, futuri smo quantico di al etti co, futuri smo quanti co-di al etti co, , Massi mo Mori gi , Stefano Sal mi , repubbli canesimo quanti stico-di al etti co, repubbli canesimo quanto-dialettico, repubbl icanesi mo quantico-dialettico, quantodi al etti co repubbl icanesi mo, repubbl icanesi mo quanto-dialettico, quanto di al etti co repubbli canesimo, quantodialetti co repubbli canesimo, neo-repubbl icanesi mo quanti sti co-dialettico, neo-repubbl icanesi mo quanto-di al etti co, neo-repubbli canesimo quanti co-di al etti co, quantodialettico neo-repubbli canesimo, quanto-dialettico neo-repubbl icanesi mo, quanto dialettico neo-repubbl icanesi mo, quantodialettico neo-repubbli canesimo, marxi smo quanti stico-di al etti co, marxi smo quanto-dialettico, marxi smo quanti co-di al etti co,
marxi smo quantodi al etti co, quanto-dialettico marxi smo, quanto dialetticomarxi smo, quantodi al etti co marxi smo, neo-marxi smo quanti sti co-di al etti co, neo-marxi smo quanto-dialettico, neo-marxi smo quanti co-dialettico, neo-marxi smo quantodi al etti co, neo-marxi smo quanto-di al etti co, neo-marxi smo quanto dialettico, neo-marxi smo quantodialettico, quantofuturi smo, quanto-futuri smo, quanto futuri smo, quantodialettico futuri smo, quanto dialetticofuturi smo, quanto-dialetticofuturi smo, futuri smo quantico di al etti co, futuri smo quantico-dialettico, , Quantum bi locati on heterotopia, Quantum bi -locati on heterotopia, Quantum bi locati on heterotopy, Quantum bi -locati on heterotopy, Quantum multil ocation heterotopi a, Quantum mul ti -locati on heterotopia, Quantum multil ocationheterotopy, Quantum mul ti -locati on heterotopy, Multil ocal eeterotopi a quantica, bi localeeterotopia quanti ca, eterotopi a quanti ca mul ti locale, eterotopi a quanti ca bil ocal e, Quantum
mechani cs bil ocationheterotopi a, Quantum mechanics bi -locati on heterotopia, Quantum mechanics bi locati on heterotopy, Quantum mechani cs bi-l ocation heterotopy, Quantum mechani cs mul ti locati on heterotopia, Quantum mechani cs mul ti -locati on heterotopia, Quantum mechanics multil ocationheterotopy, Quantum mechanics multi-l ocation heterotopy, Stefano Salmi, Princi pi odi i ndeterminazi one, Princi pi odi indetermi nazione quantico, Pri ncipio di i ndeterminazi one quanti stico, Uncertainty Princi pl e, Quantum Uncertainty Princi pl e, princi pe d'incerti tude, pri ncipe d'i ndétermi nati on, Pri ncipio di incertezza, Pri ncipio di incertezza quantico, Hei senbergsche Unschärferelati on, Unbestimmthei tsrelation, Hei senbergs Prinzi p, Hei senbergs Unschärferel ation, Princípi o da Ìncerteza, pri ncípio de i ncertezas, Mul ti verso, Mul ti verse, mul ti verso quanti co, mul ti verso quanti sti co, eteropi a quantico-mul ti verso, eterotopia quanti co multiverso, Quantum
mul ti verse, Many-Worlds, Many Worl ds, Many-Worlds interpretati on of Quantum Mechani cs, multiverso eterotopi co, mul ti verso quanti stico-eterotopico, multiverso quanto-eterotopi co, Quantum heterotopi an multiverse, Quantum heterotopic mul ti verse, mul ti verse heterotopy, multiverse heterotopia, Quantum multiverse heterotopy, Quantum multiverse heterotopi a, eteropia multiverso quantica, eterotopi a mul ti -verso quanti ca, eterotopia multiverso-quanti ca, eterotopi a mul ti verso quanti ca, Princi pi od'indeterminazi one, Princi pi o d'incertezza , zoon poli ti kon, pol i s, L'opera d'arte nell 'epoca dell a sua ri producibil ità tecnica, The Work of Art in the Age of Mechanical Reproducti on, Das Kunstwerk i m Zei talter seiner techni schen Reproduzi erbarkei t, L'Cuvre d'art à l 'époque de sa reproducti bi li té technique, L'oeuvre d'art à l 'ère de sa reproducti bi li té technique, L'opera d'arte nell 'epoca dell a sua ri producibil ità meccanica, Massi mo Morigi, Fi at ars - pereat
mundus, Aestheti ca fasci stica Ì, homo l aborans/faber, homo l aborans, homo faber, Cappell a dei Marti ri , Gesamtkunstwerk, opera d'arte totale, empowerment , Res Publ ica, Ezra Pound, Pound, Mori gi , Waldemar George, Fi li ppo de Pi si s, Charles Edouard Jeanneret, Le Corbusi er, Ìnci pi t novus ordo, Arnaldo Carpanetti, Fortunato Depero, Depero, Osval do Peruzzi, Ernesto Michahell es, Thayhat, Prampoli ni , Enrico Prampoli ni , Ferrucci o Vecchi , The Theory of the Avant-Garde, Theory of the Avant-Garde, Renato Poggioli , Peter Bürger, Tertul li ano, agorà, De Chi rico, Gi orgio De Chi ri co, Raffael lo, Raffael lo Sanzio, Scuola di Atene, Ci ano, Gal eazzo Ciano, Gian Gal eazzo Ciano, Di ario di Ci ano, Carrà, Carl o Carrà, Emi l Nolde, Omero, Sepp Hi lz, Werner Pei ner, Oscar Marti n Amorbach, Adolf Zi egler, Konrad Hommel , Arno Breker, Ghunther von Hagens, Capi tan Harl ock, Gianna Nannini, Voltai re, Françoi s-Mari e Arouet, Lettres Phil osophi ques,
Bacone, Francesco Bacone, Bacon, Franci s Bacon, Novum Organum, Phänomenologi e des Gei stes, fenomenologi a del lo spi rito, Max Horkheimer, Theodor Ludwig Wi esengrund Adorno, bios pol iti kos, aiesthesi s , Angelus Novus, perdono, Wi sl awa Szymborska, Schwarze Sonne, Fukuyama, Yoshi hi ro Franci s Fukuyama, Franci s Fukuyama, Marx, Karl Marx, Avantgarde, mécanique quantique, mecáni ca cuánti ca, mecanicaquantica, Quantenphysi k, quanti schen Mechanik, Di al ecti que quantique, di al ecti caquanti ca, quantum di al ekti ske, dialéti ca cuánti ca, dialéti ca quantica, quantum dialekti sche, dialekti sche, Avanguardi a quantica, avanguardia quanti stica, avant-garde quantica, avant-garde quanti sti ca, quantum avant-garde, avant-garde quantique, vanguardia cuántica, quanti schen Avantgarde, Futuri smo quanti co, futuri smo quanti stico, quantum futuri sm, quanti schen futuri smus, quanti sch futuri smus, futuri sme quanti que, futuri smo cuántico,
Fil osofi a pol iticaquantica, fi losofi a poli ti ca quanti stica, quantum Poli ti cal phi losophy, phil osophi e pol itique quantique, quanti schen poli ti sche Phi losophie, fi losofi a pol iticacuántica, quanti sch poli ti sche Phil osophi e, Storia quanti ca, stori a quanti stica, storiografi a quantica, storiografia quanti sti ca, hi stoi re quanti que, quantum hi story, Quantenphysi kgeschichte, Quanten geschi chte, quanti schen geschichte, Hi stóri a cuántica, hi stori a quantica, quanti sch geschichte, quanti sch Geschichtsschrei bung, quanti schen Geschichtsschreibung, quantum hi stori ography, hi storiographi e quantique, materiali smo hi stori co, materiali smo hi stóri co, Eteropi a quantica, Eterotopia quanti sti ca, quantum heterotopi a, quantum heterotopy, hétérotopi e quanti que, quanti schen heterotopie, heterotopi a cuántica, heterotopi a quantica, quanti sch heterotopi e, Quantum superposi tion heterotopi a, quantum superposi tion heterotopy, quantum entangl ement heterotopi a, quantum
entangl ement heterotopy, eterotopia quantica, eterotopia quanti sti ca, Superposi tion quantico-eterotopica, superposi ti on quanto-eterotopi ca, superposi tion quanti stico-eterotopica, superposi tion eterotopi ca-quantica, superposi ti on eterotopi ca-quanti sti ca, quantico-eterotopica superposi tion, quanto-eterotopi ca superposi ti on, quanti stico-eterotopi ca superposi tion, eterotopica-quantica superposi tion, eterotopi ca-quanti sti ca superposi ti on, eterotopi ca-quanti ca superposi ti on, eterotopico-quanti ca superposi tion, eterotopico-quanti stica superposi tion, eterotopi co-quantica superposi ti on, heterotopic quantum entangl ement, heterotopi an quantum entanglement, heterotopic quantum superposi ton, heterotopian quantum entanglement, entanglement eterotopico-quantico, entanglement eterotopi co-quanti sti co, entanglement eterotopi co-quantico, entanglement quantico-eterotopico, entanglement quanti sti co-eterotopi co, entangl ement quanti co-eterotopi co,
quantico-eterotopico entangl ement, quanti stico-eterotopico entanglement, quantico-eterotopico entanglement, entangl ement quanti stico-eterotopi co, entangl ement quanti co-eterotopi co, entangl ement quanti co-eterotopico, quanti co-eterotopi co entanglement, Quantum observer heterotopi a, Quantum observer heterotopy, heterotopi an quantum observer, heterotopi c quantum observer, eterotopia dell 'osservatore quanti co, eterotopi a del l'osservatore quanti stico, materiali smo stori co quanti co, materi al i smo storico quanti stico, quanti schen Hi stori scher Materi al i smus, matéri al i sme hi stori que quanti que, Quantum hi storical materi al i sm, materi al i smo hi storico quantico, materiali smo hi stóri co cuántico, materi al i smo di al etti co quantico, materiali smo dialettico quanti sti co, Quantum dialectical materi al i sm, quanti schen Di al ekti scher Materiali smus, Matéri al i sme di al ecti que quanti que, materi al i smo di al ético cuánti co, materi al i smo dialéctico quanti co,
materi al i smo storico-di al etti co, materiali smo storico e dialettico, materi al i smo stori co e materiali smo dialettico, hi stori cal di al ecti cal materiali sm, hi stori cal -di al ectical -materiali sm, matériali sme hi stori que-dialectique, matériali sme hi stori que et dialectique, Di al ekti sch-hi stori scher Materi al i smus, di al ekti schen und hi stori schen Materi al i smus, Materiali smo Hi stórico Di al éti co, materiali smo hi stori co di al éctico, materi al i smo quanti co stori co-dialettico, materi al i smo quantico e stori co-di al etti co, materi al i smo quanti sti co stori co-dialettico, materi al i smo quanti sti co e stori co-di al etti co, materi al i smo storico-di al etti co quantico, materi al i smo stori co-di al etti co quanti stico, materiali smo stori co e dialetticoquantico, materiali smo stori co e dialetticoquanti stico, materiali smo storico e materi al i smo di al etti co quantici, materi al i smo stori co e materiali smo dialettico quanti sti ci , materiali smo quanti co-storico-di al etti co, materiali smo quanti stico-storico-di al etti co, quantum
hi stori cal di al ectical materi al i sm, quantum hi storical -dialectical-materiali sm, matéri al i sme quantique-hi stori que-dialectique, matériali sme quanti que hi stori que et di al ecti que, quanti schen Dialekti sch-hi stori scher Materi al i smus, quanti sch dialekti schen und hi stori schen Materiali smus, Materiali smo cuántico Hi stórico Dialéti co, materi al i smo quantico hi stori co di al écti co, Diamat quanti sti co, Diamat quanti co, quantum Di amat, Diamat quanti que, quanti sch Diamat, quanti schen Diamat, Di amat cuántico, materi al i smo quanti co, materi al i smo quanti sti co, quantum materi al i sm, matéri al i sme quanti que, quanti sch materi al i smus, quanti schen materi al i smus, materiali smo cuánti co, marxi smo quanti sti co, marxi smo quanti co, quantum marxi sm, marxi sme quantique, quanti sch marxi smus, quanti schen marxi smus, marxi smo cuánti co, neo marxi smo quantico, neo marxi smo quanti stico, neo-marxi smo quantico, neo-marxi smo quanti sti co, neomarxi smo quantico,
neomarxi smo quanti stico, quanti sch neue marxi smus, quanti schen neue marxi smus, quanti sch neo marxi smus, quanti schen neo marxi smus, quanti sch neomarxi smus, quanti schen neomarxi smus, néo-marxi sme quanti stique, néomarxi sme quanti sti que, neo-marxi smo cuánti co, repubbl icanesi mo quantico, repubbl icanesi mo quanti sti co, quantum republ icani sm, républi cani sme quantique, quanti schen republi kani smus, quanti sch republ i kani smus, republ icani smo quanti co, republ icani smo cuántico, neorepubbli canesimo quanti co, neo repubbl icanesi mo quanti sti co, neo-repubbl icanesi mo quanti co, neo-repubbl icanesi mo quanti sti co, neo repubbli canesimo quantico, neo repubbli canesimo quanti sti co, quantum neo-republ icani sm, quantum neo republ icanism, néo-républi cani sme quanti que, néorépubl icani sme quanti que, quanti sch neue republi kani smus, quanti sch neo republ i kani smus, quanti sch neo-republ i kani smus, quanti sch neorepubli kani smus,
quanti schen neue republ i kani smus, quanti schen neo republi kani smus, quanti schen neo-republi kani smus, quanti schen neorepubl i kani smus, neo-republi cani smo cuánti co, neo republ icani smo cuántico, neorepubl icani smo cuántico, neorepubl icani smo quantico, neo-republi cani smo quantico, neo republ icani smo quantico, eterotopi a quantica, eterotopia quanti sti ca, quantum heterotopia, quantum heterotopy, hétérotopi e quanti stique, quanti schen heterotopie, quanti sch heterotopie, heterotopia quanti ca, heterotopia cuánti ca, Subl ime, erhaben, subl imi s,Subl ime eterotopi a, subli me heterotopi a, subli me heterotopy, subli me hétérotopie , erhaben heterotopie, Subl ime eterotopico, subl ime eterotopi sti co, heterotopi c subl ime, heterotopian subli me, subli me Hétérotopi c, aposubli me, Eterotopia, heterotopi a, heterotopy, hétérotopie, heterotopie, Mel ni kov, El Li ssi tzky, Gustav Kl utsi s, Cappell a dei Marti ri , Emil Nol de, Teori aestetica, Quarto d'ora di poesi a
del la X Mas, X Mas, Gi oventù ital iana del l ittorio, Hegel , Georg Wil helm Fri edri ch Hegel , Dialetti ca, dialetticamarxi sta, di al ecti quemarxi ste, marxi st di al ecti cs, marxi st di al ectic, marxi st dialectic method, marxi stiche di al ekti k, marxi sti sche di al ekti k, di al ecticamarxi sta, di al écticamarxi sta, dialettica neomarxi sta, di al etti ca neo marxi sta, dialetticaneo-marxi sta, di al ecti que néo-marxi ste, neo-marxi st dialectics, neo-marxi st di al ecti c, neo-marxi st di al ectic method, neue marxi sti sche dialekti k, neo marxi sti sche di al ekti k, di al écticaneo-marxi sta, di al ecticaneo-marxi sta, di al etti ca repubbli cana, republ ican dialectics, republi can di al ecti c, republi can di al ectic method, republi kani sche dialekti k, republ i kani scher di al ekti k, di al ecti querépubl icai ne, di al écti ca republi cana, di al ecti ca republi cana, di al etti ca neorepubbli cana, dialetticaneo repubbli cana, di al etti ca neo-repubbl icana, neo-republi candialectics, neo-republ ican dialectic, neo-republ ican dialectic method,
neue republi kani sche di al ekti k, neo republ i kani sche di al ekti k, néo-républi cainedialectique, di al ecti caneo-republi cana, di al ecti ca néo-republi cana, dialetticaquanti stica, quantum di al ectics, quantum dialectic, quantum di al ecti c method, neo marxi smus, neomarxi smus , Totali tare Kunst, Total itäre Kunst, Totalitarian Art, Arte total itari a, art total itari enne, materiali smo di al etti co, Di al ekti scher Materiali smus, Dialectical materiali sm, Matériali sme dialectique, materiali smo dialéti co, materiali smo dialéctico, materiali smo stori co, Hi stori scher Materi al i smus, matériali sme hi stori que, Hi storical Materi al i sm, Pol iarchi a, Polyarchy, Polyarchi e, Poli arqui a, postdemocrazia, post-democrazi a, Postdemocracy, Post-Democracy, Postdemokrati e, Post-Demokrati e, post-démocratie, pós-democraci a, post democrazia, esteti zzazione del la pol itica, aestheti ci zati on of poli ti cs, poli ti cal aestheti ci zati on, poli ti sche Ästheti k, ÄSTHETÌK DES POLÌTÌSCHEN, Aestheti ci zati on of
Pol itical Action, esthéti quement de la pol itique, Esthétique et pol itique, Gesamtkunstwerk, Res Publi ca, Nazi smo, Nazional sociali smo, Nazi sme, national -sociali sme, Nati onal soci al i sme, Nazi smus, Nati onal soziali smus, Nazi sm, Nati onal Soci al ism, Absol uten Hi stori smus, hi stori smo absol uto, hi storici sme absolue, absol ute hi storici sm, di al ecti que, dialectics, dialectic, di al écti ca, dialéti ca, Di amat, Scuola di Francoforte, Escol a de Frankfurt, Escuel a de Frankfurt, Teori acri ti ca, Kriti sche Theorie, Cri tical Theory, Théorie cri ti que, Di al ettica dell 'i ll umini smo, Scuol a di Francoforte, Frankfurt School , Frankfurter Schul e, Teoria cri ti ca, Kriti sche Theorie, Cri tical Theory, Dialectic of enl ightenment, Di al ekti k der Aufkl ärung, Dialectique de l'Ìl lumi ni sme, Di al ettica dell 'i ll uminismo, Scuola di Francoforte, Frankfurt School, Frankfurter Schul e, Teoria cri ti ca, Kri ti sche Theorie, Cri ti cal Theory, Dialectic of enli ghtenment, Di al ekti k der Aufkl ärung, Dialectique de
l 'Ìll umini sme, Dialetti ca del l'il lumi ni smo, totali tarian rule, arte degenerata, teoria marxi sta, marxi st theory, marxi sti sche Theori e, Théorie marxi ste, teoria repubbli cana, Republ ican Theory, théori e républi caine, Republi kaner Theorie, republi kani sche Theorie, teori a neo repubbli cana, teori a neo-repubbli cana, teori a neorepubbl icana, neo-republi can theory, neo republ ican theory, théorie néo-républ icai ne, théorie néo républi caine, neo marxi st theory, neo-marxi st theory, théorie néo-marxi ste, théori e néo marxi ste, neue marxi sti sche Theorie, meccanicaquanti sti ca, teori a neo-marxi sta, teori a neo marxi sta, teori a neomarxi sta, Quantum mechani cs, quantum physics, quantum theory, fi sica quanti sti ca, teori a quanti stica, sovrapposi zi one, sovrapposi zi one quanti sti ca, princi pi odi sovrapposi zione, pri ncipio di sovrapposi zi one quanti sti ca, superposi tion, superposi ti on pri nciple, quantum superposi ti on, quantum superposi ti on of quantum mechanics,
superposi ti on pri nciple of quantum mechanics, quantum superposi tion princi pl e, correlazione quanti sti ca, entangl ement quanti sti co, entangl ement, Quantum entanglement, complementari età, princi pi odi compl ementari età, princi pi o di compl ementari età, princi pi o di compl ementari età quanti sti ca, compl ementari tà, complementari ty, quantum complementari ty pri nciple, complementari ty princi pl e, Quantum observer effect, observer effect, pri ncipio di osservazione, princi pi odi osservazi one quanti stico, Quantum observer pri nciple, pri ncipio di i ndeterminazi one, uncertai nty pri nciple, Quantum Zeno effect, Effetto Zenone quanti stico, retrocausal ità, retrocausali tà quanti stica, retracausal ity, quantum retrocausal ity, princi pi o di non locali tà, princi pi o di non locali tà quanti sti ca, nonlocali ty, quantum nonl ocal ity, quantum nonl ocal ityprinci pl e, fil osofi a pol itica, Poli ti cal phi losophy, phil osophi e pol itique, pol iti sche Phil osophi e, , Massi mo Mori gi , Mao, Aesthetica
fasci stica, mostra del la ri voluzione fasci sta del 1932, estetica, aestheti ca, tradizionali smo, moderni smo, fasci o, arte fasci sta, arte nazi sta, arte totali taria, estetica fasci sta, estetica nazi sta, avant garde, total itari smo i mperfetto, Ventennio, fasci smo i tali ano, Novecento, novecenti smo, Stali n, Piacentini, Marcell o Pi acenti ni , Espressi oni smo, Expressi oni smus, Expressi oni sm, Expressi oni sme, Sarfatti , Margheri ta Sarfatti, Piacentini, Marcell o Pi acenti ni , Terragni, Giuseppe Terragni , Libera, Adalberto, Libera, Aesthetica, Fasci sti ca, Aestheti ca Fasci sti ca Ì, neo republ icani smo, neo-republi cani smo, neorepubl icani smo, republi cani smo, républi cani sme, Republi cani sme, marxi sm, marxi sme, neo-repubbli canesimo, neo repubbli canesimo, néomarxi sme, néo marxi sme, néo-marxi sme, neomarxsi me, neo marxi sme, neo marxi smo, neo-marxi smo, neo-marxi sm, neo marxi sm, neo marxi smus, neomarxi smus, neue marxi smus, total itari sme, totali tari sm, fasci sm,
fasci sme, faschi smus, nazional sociali smo, nazional soci al i smo, nazi onal -soci al i smo, nazi sm, Nati onal sociali sm, nazi sme, Nati onal sociali sme, Nati onal sociali sme, nazi smus, national sozi al i smus, post democrazi a, post-democrazia, post democracy, postdemocracy, post-démocratie, postdémocratie, post demokrati e, postdemokrati e, post democrazia, post-democracia, postdemocraci a, turbo capital ismo, turbo-capital ismo, turbo capital i sm, turbo-capi tali sm, turbocapital i sm, turbo capi tali sme, turbocapi tali sme, turbo-capital isme, futuri smus, futuri sme, futuri sm, avanguardi a, avanguardie, avanguardie storiche, Fil ippo Tommaso Mari netti , Entartete Kunst, Mussol ini, Benito Mussoli ni , Bottai , Alfredo Bottai , Si roni, Mari o Si roni , Gesamtkunstwerk, mostra del decennal e dell a ri vol uzi one fasci sta, mostra del la ri voluzione fasci sta, mostra dell a ri vol uzi one fasci sta del 1933, premio Cremona, Farinacci , Totali tari an art, Total itari ske Kunst, Web, Ìnternet,
Pol iticizzazi one dell 'estetica, estetizzazione dell a vi ol enza, Benjami n, Walter Benjami n, Machi avel li , Niccolò Machi avel li , Tesi di fil osofia dell a storia, Max Horkheimer, Theodor Ludwi g Wi esengrund Adorno, Golomstock, REPUBLÌCANÌSM, MARXÌSM, REPUBLÌKANÌSMUS, MARXÌSMUS, NEUE REPUBLÌKANÌSMUS, NEUE MARXÌSMUS, NEO REPUBLÌCANÌSM, NEO MARXÌSM, TOTALÌTARÌSMO, TOTALÌTARÌSMUS, TOTALÌTARÌANÌSM, FASCÌSMO, NAZÌSMO, ARTE TOTALÌTARÌA, ARTE FASCÌSTA, ARTE NAZÌSTA, POSTDEMOCRAZÌA, TURBOCAPÌTALÌSMO, POST DEMOCRACY, TURBO CAPÌTALÌSM, VÌTAACTÌVA, Mao, repubbli canesimo, marxi smo, neomarxi smo, fasci smo, esteti zzazione del la pol itica, futuri smo, avant-garde, avantgarde, Marinetti, Hannah Arendt, Vita Acti va, Leo Strauss, Angelus Novus, Wi sl awa Szymborska, Vi ta Activa La condizione umana, Li eta novel la, Gesù, perdono, effetto tunnel , effetto tunnel quanti co,
effetto tunnel quanti sti co, tunnel effect, tunneli ng effect, Quantum tunneli ng effect, Quantum tunnel effect, Quantum bil ocation, Quantum bil ocationeffect, bil ocazione, bi locazi one quanti ca, bil ocazione quanti stica, effetto del la bil ocazione quantica, Quantum mechani cs mul ti l ocation, Quantum mechani cs mul ti -locati on, Quantum mechanicsmul ti l ocation, Quantum mechanicsmul ti l ocations, Quantum mechani cs mul ti -locati ons, Quantum mechanics multi locati ons, multi locazi one quanti ca, mul ti -locazi one quantica, mul ti locazi one quanti ca, mul ti l ocazione quanti stica, multi-l ocazione quanti stica, multil ocazione quanti stica, multi locazi one, multi-l ocazione, mul ti locazi one, Massi mo Morigi, Stefano Sal mi , Di ffusi ve Domination, Walter Benj amin, György Lukács, Massi mo Mori gi , Repubbl icanesi mo, Republi cani sm, Diffusi ve Domination, Republ ican Diffusi ve Domi nati on, Domi ni o Diffuso, Dominio Repubbl icano Di ffuso, Dominazi one Di ffusa,
Domi nazi one repubbl icana di ffusa, Repubbl icanesi mo Quantico; Massi mo Morigi; Diffusi ve Domi nati on; Walter Benj amin;György Lukács; Repubbli canesimo; Republi cani sm; Republi kani smus; Diffusi ve Domi nati on; Republ ican Diffusi ve Domi nati on;Domi ni o Di ffuso; Dominazione Diffusa; Domi nazi one Di ffusi va; Dominio Di ffusi vo; Dominazione Repubbli cana Di ffusi va;Dominazione Repubbli cana Di ffusa; Domi ni o Repubbli cano Diffuso; Domi ni o Repubbli cano Diffusi vo; Domi nazi one Di ffusa;Dominazione repubbli cana diffusa; Repubbl icanesi mo Quantico; Republ icani sm 2.0; Repubbl icanesi mo 2.0; Republ i kani smus 2.0; Lebensraum Republi kani smus; Lebensraum Republi cani sm; Lebensraum Repubbl icanesi mo; Repubbli canesimo geopol itico; Geopol itical Republ icanism; Geo-pol itical Republ icani sm; Geopoli ti sche Republi kani smus; Diffusi ve Domi ni on;Republi can Di ffusi ve Dominion; R 2.0; R.
2.0; R2.0; DD; D.D; D.R.D; DRD; R.D.D; RDD; D2; RD2; D2R; Geopoli ti ca Repubbli cana; Republi can Geopol itics; Republ i kani sche Geopol iti k; Republ i kani scher Geopoli ti k; neo marxi smo; neomarxi smo;neo-marxi smo; neorepubbl icanesi mo; neo-repubbl icanesi mo; neo repubbli canesimo; marxi smo; marxi smus; marxi sm;di al etti ca; dialettica marxi sta; marxi st dialectics; marxi st di al ecti c; repubbl icanesi mo quanti co; repubbli canesimo quantico-di al etti co; repubbl icanesi mo marxi sta; repubbli canesimo neo-marxi sta; Karl Marx; Hannah Arendt; Carl Schmitt; LR; L. R;repubbli canesimo dialettico; repubbli canesimo quantico-di al etti co-marxi sta; repubbl icanesi mo geo-quanti co-dialettico;repubbli canesimo geo-quantico-di al etti co-marxi sta; Massi mo Morigi; Republ ican Diffusi ve Domi nati on; Lebensraum Republi cani sm; Geopol itica Repubbl icana; Republ ican Geopoli ti cs; Republi kani sche Geopoli ti k; Republi kani scher Geopol iti k;neo
marxi smo; neomarxi smo; neo-marxi smo; neorepubbl icanesi mo; neo-repubbl icanesi mo; neo repubbli canesimo; marxi smo;marxi smus; marxi sm; di al etti ca; dialettica marxi sta; marxi st dialectics; marxi st di al ecti c; repubbl icanesi mo quanti co;repubbli canesimo quantico-di al etti co; repubbl icanesi mo marxi sta; repubbli canesimo neo-marxi sta; Karl Marx; Hannah Arendt;LR; L. R; repubbl icanesi mo di al etti co; repubbl icanesi mo quanti co-dialettico-marxi sta; repubbli canesimo geo-quantico-di al etti co; repubbl icanesi mo geo-quanti co-dialettico-marxi sta; Massi mo Mori gi ; Republi can Di ffusi ve Domination; Lebensraum Republ icani sm; Massi mo Morigi; Diffusi ve Domi nati on; Walter Benj amin; György Lukács; Repubbl icanesi mo;Republ icani sm; Republ i kani smus; Di ffusi ve Domination; Republi can Di ffusi ve Domination; Dominio Di ffuso; Domi nazi one Di ffusa; Dominazione Diffusi va; Domi ni o Di ffusi vo; Domi nazi one Repubbl icana Di ffusi va; Domi n
DoGn6o!,2) 32
G-2!'0+n2'G-.0 R-2 P+16#/!. D#<<+2#8-Do#n!'#on - Massi mo Morigi
PAPER SUL REPUBBLICANESIMO E LA DÌFFUSÌVE DOMÌNATÌON
@-yGo.,2) Massi mo Mori gi ; Massi mo Mori gi ; Republi can Ìncreased Common Dominati on; Ìncreased Common Dominati on;Di ffusi ve Domination; Wal ter Benjami n; György Lukács; Repubbl icanesi mo; Republ icani sm; Republ i kani smus; Di ffusi ve Domination; Republi can Di ffusi ve Domination; Dominio Di ffuso; Domi nazi one Di ffusa; Dominazione Diffusi va; Domi ni o Di ffusi vo; Domi nazi one Repubbl icana Di ffusi va; Domi nazi one Repubbl icana Di ffusa; Dominio Repubbl icano Di ffuso; Dominio Repubbl icano Di ffusi vo; Dominazione Diffusa; Domi nazi one repubbl icana di ffusa; Repubbli canesimo Quanti co; Republi cani sm 2.0; Repubbli canesimo 2.0; Republi kani smus 2.0; Lebensraum Republ i kani smus; Lebensraum Republ icani sm; Lebensraum Repubbli canesimo; Repubbl icanesi mo geopoli ti co; Geopoli ti cal Republi cani sm; Geo-poli ti cal Republi cani sm; Geopol iti sche Republ i kani smus; Di ffusi ve Dominion; Republ ican Diffusi ve Domi ni on; R 2.0; R.
2.0; R2.0; DD; D.D; D.R.D; DRD; R.D.D;RDD; D2; RD2; D2R; Geopoli ti ca Repubbli cana; Republi can Geopol itics; Republ i kani sche Geopol iti k; Republ i kani scher Geopoli ti k; neo marxi smo; neomarxi smo; neo-marxi smo; neorepubbl icanesi mo; neo-repubbl icanesi mo; neo repubbli canesimo;marxi smo; marxi smus; marxi sm; di al etti ca; dialettica marxi sta; marxi st dialectics; marxi st di al ecti c; repubbl icanesi mo quanti co;repubbli canesimo quantico-di al etti co; repubbl icanesi mo marxi sta; repubbli canesimo neo-marxi sta; Karl Marx; Hannah Arendt;Carl Schmitt; LR; L. R; repubbli canesimo dialettico; repubbli canesimo quantico-di al etti co-marxi sta; repubbl icanesi mo geo-quanti co-dialettico; repubbli canesimo geo-quantico-di al etti co-marxi sta; Massi mo Morigi; Republ ican Diffusi ve Domi nati on;Massi mo Morigi, Stefano Sal mi , repubbli canesimo quanti stico-di al etti co, repubbl icanesi mo quanto-dialettico, repubbli canesimo quanti co-di al etti co, quantodialettico
repubbl icanesi mo, repubbl icanesi mo quanto-dialettico, quanto di al etti co repubbli canesimo, quantodialetti co repubbli canesimo, neo-repubbl icanesi mo quanti sti co-dialettico, neo-repubbl icanesi mo quanto-di al etti co, neo-repubbli canesimo quanti co-di al etti co, quantodialettico neo-repubbli canesimo, quanto-dialettico neo-repubbl icanesi mo, quanto dialettico neo-repubbl icanesi mo, quantodialettico neo-repubbli canesimo, marxi smo quanti stico-di al etti co, marxi smo quanto-dialettico, marxi smo quanti co-di al etti co, marxi smo quantodialettico, quanto-di al etti co marxi smo, quanto di al etti co marxi smo, quantodialettico marxi smo, neo-marxi smo quanti stico-dialettico, neo-marxi smo quanto-di al etti co, neo-marxi smo quantico-di al etti co, neo-marxi smo quantodialettico, neo-marxi smo quanto-dialettico, neo-marxi smo quanto di al etti co, neo-marxi smo quantodi al etti co, quantofuturi smo, quanto-futuri smo, quanto futuri smo, quantodi al etti co futuri smo, quanto di al etti co
futuri smo, quanto-dialetticofuturi smo, futuri smo quantico di al etti co, futuri smo quanti co-dialettico, , Massi mo Mori gi , Stefano Salmi, repubbli canesimo quanti sti co-di al etti co, repubbli canesimo quanto-di al etti co, repubbl icanesi mo quantico-dialettico, quantodi al etti co repubbl icanesi mo, repubbl icanesi mo quanto-dialettico, quanto di al etti co repubbli canesimo, quantodi al etti co repubbl icanesi mo, neo-repubbl icanesi mo quanti sti co-dialettico, neo-repubbl icanesi mo quanto-dialettico, neo-repubbli canesimo quanti co-di al etti co, quantodialettico neo-repubbli canesimo, quanto-dialettico neo-repubbli canesimo, quanto dialettico neo-repubbli canesimo, quantodialetti co neo-repubbli canesimo, marxi smo quanti sti co-di al etti co, marxi smo quanto-dialettico, marxi smo quanti co-di al etti co, marxi smo quantodialetti co, quanto-di al etti co marxi smo, quanto di al etti co marxi smo, quantodialettico marxi smo, neo-marxi smo quanti stico-di al etti co, neo-marxi smo quanto-dialettico,
neo-marxi smo quanti co-di al etti co, neo-marxi smo quantodi al etti co, neo-marxi smo quanto-dialettico, neo-marxi smo quanto dialettico, neo-marxi smo quantodi al ettico, quantofuturi smo, quanto-futuri smo, quanto futuri smo, quantodi al ettico futuri smo, quanto di al etti co futuri smo, quanto-di al etti co futuri smo, futuri smo quantico di al etti co, futuri smo quanti co-dialettico, , Quantum bi locati on heterotopia, Quantum bi -locati on heterotopia, Quantum bi locati on heterotopy, Quantum bi -locati on heterotopy, Quantum multil ocationheterotopi a, Quantum mul ti -locati on heterotopia, Quantum multil ocationheterotopy, Quantum multi -locati on heterotopy, Multil ocale eterotopia quantica, bil ocal eeterotopia quanti ca, eterotopi a quantica mul ti local e, eterotopi a quantica bil ocal e, Quantum mechanicsbil ocation heterotopi a, Quantum mechani cs bi -l ocationheterotopi a, Quantum mechani cs bi locati on heterotopy, Quantum mechanics bi -locati on heterotopy, Quantum
mechani cs mul ti locati on heterotopi a, Quantum mechani cs mul ti -locati on heterotopia, Quantum mechanicsmul ti locati on heterotopy, Quantum mechanicsmul ti -l ocationheterotopy, Stefano Sal mi , Princi pi odi indetermi nazione, Pri ncipio di indetermi nazione quantico, Princi pi o di i ndeterminazi one quanti stico, Uncertai nty Princi pl e, Quantum Uncertainty Princi pl e, princi pe d'i ncertitude, pri ncipe d'indétermi nati on, Pri ncipio di i ncertezza, Pri ncipio di i ncertezza quanti co, Hei senbergsche Unschärferelati on, Unbestimmtheitsrel ati on, Hei senbergs Pri nzi p, Hei senbergs Unschärferel ation, Princípi o da Ìncerteza, princípi o de i ncertezas, Mul ti verso, Mul ti verse, mul ti verso quanti co, mul ti verso quanti stico, eteropia quantico-mul ti verso, eterotopia quanti co mul ti verso, Quantum multiverse, Many-Worlds, Many Worlds, Many-Worlds i nterpretation of Quantum Mechani cs, multiverso eterotopi co, mul ti verso quanti sti co-eterotopi co, mul ti verso quanto-eterotopico,
Quantum heterotopi an multiverse, Quantum heterotopic mul ti verse, mul ti verse heterotopy, multiverse heterotopia, Quantum multiverse heterotopy, Quantum multiverse heterotopi a, eteropia multiverso quantica, eterotopi a mul ti -verso quanti ca, eterotopia multiverso-quanti ca, eterotopi a mul ti verso quanti ca, Princi pi od'indeterminazi one, Princi pi o d'incertezza , zoon poli ti kon, pol i s, L'opera d'arte nell 'epoca dell a sua ri producibil ità tecnica, The Work of Art in the Age of Mechanical Reproducti on, Das Kunstwerk i m Zei talter seiner techni schen Reproduzi erbarkei t, L'Cuvre d'art à l 'époque de sa reproducti bi li té technique, L'oeuvre d'art à l 'ère de sa reproducti bi li té technique, L'opera d'arte nell 'epoca dell a sua ri producibil ità meccanica, Massi mo Morigi, Fi at ars - pereat mundus, Aestheti ca fasci stica Ì, homo l aborans/faber, homo l aborans, homo faber, Cappell a dei Marti ri , Gesamtkunstwerk, opera d'arte total e, empowerment , Res Publ ica, Ezra Pound,
Pound, Mori gi , Waldemar George, Fi li ppo de Pi si s, Charles Edouard Jeanneret, Le Corbusi er, Ìncipit novus ordo, Arnal do Carpanetti , Fortunato Depero, Depero, Osval do Peruzzi, Ernesto Michahell es, Thayhat, Prampoli ni , Enri co Prampoli ni , Ferrucci o Vecchi, TheTheory of the Avant-Garde, Theory of the Avant-Garde, Renato Poggioli , Peter Bürger, Tertull iano, agorà, De Chi ri co, Giorgi o De Chi rico, Raffael lo, Raffael lo Sanzio, Scuola di Atene, Ci ano, Galeazzo Ci ano, Gian Gal eazzo Ciano, Diario di Ci ano, Carrà, Carl o Carrà, Emi l Nol de, Omero, Sepp Hi l z, Werner Peiner, Oscar Marti n Amorbach, Adol f Zi egler, Konrad Hommel , Arno Breker, Ghunther von Hagens, Capi tan Harl ock, Gianna Nannini, Vol taire, Françoi s-Mari e Arouet, Lettres Phi losophiques, Bacone, Francesco Bacone, Bacon, Franci s Bacon, Novum Organum, Phänomenol ogie des Gei stes, fenomenol ogia dell o spi ri to, Max Horkheimer, Theodor Ludwi g Wi esengrund Adorno, bi os
pol iti kos, aiesthesi s , Angelus Novus, perdono, Wi sl awa Szymborska, Schwarze Sonne, Fukuyama, Yoshi hi ro Franci s Fukuyama, Franci s Fukuyama, Marx, Karl Marx, Avantgarde, mécanique quantique, mecáni cacuántica, mecanicaquantica, Quantenphysi k, quanti schen Mechani k, Di al ecti que quantique, di al ecticaquantica, quantum di al ekti ske, di al éticacuántica, dialéti ca quanti ca, quantum dialekti sche, dialekti sche, Avanguardi a quantica, avanguardi a quanti stica, avant-garde quantica, avant-garde quanti stica, quantum avant-garde, avant-garde quantique, vanguardia cuánti ca, quanti schen Avantgarde, Futuri smo quanti co, futuri smo quanti sti co, quantum futuri sm, quanti schen futuri smus, quanti sch futuri smus, futuri sme quanti que, futuri smo cuántico, Fi losofia pol iticaquantica, fil osofi a pol iticaquanti stica, quantum Pol itical phil osophy, phi losophie poli ti que quantique, quanti schen pol iti sche Phil osophie, fil osofi a pol iticacuántica, quanti sch
pol iti sche Phil osophi e, Storia quantica, storia quanti sti ca, stori ografia quanti ca, stori ografi a quanti stica, hi stoi re quanti que, quantum hi story, Quantenphysi kgeschi chte, Quanten geschichte, quanti schen geschichte, Hi stóri a cuánti ca, hi stori a quanti ca, quanti sch geschi chte, quanti sch Geschi chtsschrei bung, quanti schen Geschi chtsschrei bung, quantum hi stori ography, hi storiographie quanti que, materi al i smo hi storico, materiali smo hi stóri co, Eteropi a quanti ca, Eterotopi a quanti stica, quantum heterotopi a, quantum heterotopy, hétérotopie quanti que, quanti schen heterotopi e, heterotopia cuánti ca, heterotopi a quanti ca, quanti sch heterotopi e, Quantum superposi ti on heterotopia, quantum superposi tion heterotopy, quantum entangl ement heterotopia, quantum entangl ement heterotopy, eterotopia quantica, eterotopia quanti sti ca, Superposi tion quantico-eterotopica, superposi ti on quanto-eterotopi ca, superposi tion quanti stico-eterotopica, superposi tion
eterotopica-quantica, superposi ti on eterotopi ca-quanti sti ca, quantico-eterotopica superposi tion, quanto-eterotopi ca superposi ti on, quanti stico-eterotopi ca superposi tion, eterotopica-quantica superposi tion, eterotopi ca-quanti sti ca superposi ti on, eterotopi ca-quanti ca superposi ti on, eterotopico-quanti ca superposi tion, eterotopico-quanti stica superposi tion, eterotopi co-quantica superposi ti on, heterotopic quantum entangl ement, heterotopi an quantum entanglement, heterotopic quantum superposi ton, heterotopian quantum entanglement, entanglement eterotopico-quantico, entanglement eterotopico-quanti stico, entanglement eterotopi co-quantico, entanglement quantico-eterotopico, entanglement quanti sti co-eterotopico, entanglement quantico-eterotopi co, quantico-eterotopico entangl ement, quanti stico-eterotopico entanglement, quantico-eterotopico entanglement, entangl ement quanti stico-eterotopi co, entangl ement quanti co-eterotopi co,
entangl ement quanti co-eterotopi co, quantico-eterotopico entanglement, Quantum observer heterotopia, Quantum observer heterotopy, heterotopian quantum observer, heterotopic quantum observer, eterotopi a del l'osservatore quantico, eterotopia dell 'osservatore quanti sti co, materi al i smo storico quantico, materiali smo stori co quanti stico, quanti schen Hi stori scher Materiali smus, matériali sme hi stori que quanti que, Quantum hi stori cal materiali sm, materiali smo hi stori co quanti co, materiali smo hi stóri co cuánti co, materiali smo dialettico quanti co, materi al i smo di al etti co quanti stico, Quantum di al ectical materi al i sm, quanti schen Dialekti scher Materi al i smus, Matériali sme dialectique quantique, materiali smo dialéti co cuánti co, materiali smo di al écticoquantico, materiali smo stori co-dialettico, materi al i smo storico e di al etti co, materiali smo stori co e materiali smo di al etti co, hi storical dialectical materiali sm, hi storical -di al ecti cal -materi al i sm, matéri al i sme
hi stori que-dialectique, matériali sme hi stori que et di al ecti que, Dialekti sch-hi stori scher Materi al i smus, dialekti schen und hi stori schen Materiali smus, Materi al i smo Hi stóri co Di al ético, materiali smo hi stori co dialéctico, materiali smo quanti co stori co-di al etti co, materi al i smo quanti co e storico-di al etti co, materiali smo quanti stico stori co-di al etti co, materi al i smo quanti sti co e storico-di al etti co, materiali smo stori co-dialettico quanti co, materi al i smo storico-di al etti co quanti sti co, materi al i smo stori co e di al etti co quantico, materi al i smo stori co e di al etti co quanti sti co, materiali smo stori co e materiali smo di al etti co quantici, materi al i smo storico e materi al i smo dialetticoquanti stici, materiali smo quantico-stori co-dialettico, materi al i smo quanti stico-stori co-dialettico, quantum hi storical di al ectical materi al i sm, quantum hi storical -dialectical-materi al i sm, matéri al i sme quantique-hi stori que-dialectique, matériali sme quanti que hi stori que et di al ecti que, quanti schen
Dialekti sch-hi stori scher Materi al i smus, quanti sch dialekti schen und hi stori schen Materiali smus, Materiali smo cuánti co Hi stóri co Dialético, materi al i smo quantico hi storico di al écti co, Diamat quanti sti co, Diamat quanti co, quantum Diamat, Diamat quantique, quanti sch Diamat, quanti schen Diamat, Di amat cuántico, materi al i smo quanti co, materi al i smo quanti sti co, quantum materi al i sm, matéri al i sme quantique, quanti sch materi al i smus, quanti schen materiali smus, materi al i smo cuánti co, marxi smo quanti sti co, marxi smo quanti co, quantum marxi sm, marxi sme quanti que, quanti sch marxi smus, quanti schen marxi smus, marxi smo cuánti co, neo marxi smo quantico, neo marxi smo quanti stico, neo-marxi smo quantico, neo-marxi smo quanti sti co, neomarxi smo quanti co, neomarxi smo quanti sti co, quanti sch neue marxi smus, quanti schen neue marxi smus, quanti sch neo marxi smus, quanti schen neo marxi smus, quanti sch neomarxi smus, quanti schen
neomarxi smus, néo-marxi sme quanti stique, néomarxi sme quanti sti que, neo-marxi smo cuánti co, repubbl icanesi mo quantico, repubbl icanesi mo quanti sti co, quantum republi cani sm, républ icanisme quantique, quanti schen republi kani smus, quanti sch republi kani smus, republi cani smo quanti co, republ icani smo cuánti co, neorepubbli canesimo quanti co, neo repubbl icanesi mo quanti sti co, neo-repubbl icanesi mo quantico, neo-repubbl icanesi mo quanti sti co, neo repubbli canesimo quanti co, neo repubbl icanesi mo quanti sti co, quantum neo-republ icani sm, quantum neo republ icani sm, néo-républi cani sme quantique, néorépubl icani sme quanti que, quanti sch neue republ i kani smus, quanti sch neo republ i kani smus, quanti sch neo-republ i kani smus, quanti sch neorepubli kani smus, quanti schen neue republi kani smus, quanti schen neo republ i kani smus, quanti schen neo-republ i kani smus, quanti schen neorepubli kani smus, neo-republi cani smo cuántico, neo
republ icani smo cuánti co, neorepubl icani smo cuánti co, neorepubl icani smo quanti co, neo-republ icani smo quantico, neo republ icani smo quanti co, eterotopi a quantica, eterotopia quanti sti ca, quantum heterotopi a, quantum heterotopy, hétérotopi e quanti stique, quanti schen heterotopie, quanti sch heterotopi e, heterotopia quanti ca, heterotopi a cuántica, Subl ime, erhaben, subli mi s,Subli me eterotopia, subli me heterotopia, subli me heterotopy, subl ime hétérotopie , erhaben heterotopie, Subl ime eterotopi co, subl ime eterotopi sti co, heterotopi c subl ime, heterotopian subli me, subl ime Hétérotopi c, aposubl ime, Eterotopia, heterotopia, heterotopy, hétérotopi e, heterotopie, Melnikov, El Li ssi tzky, Gustav Kl utsi s, Cappell a dei Marti ri , Emil Nol de, Teori a estetica, Quarto d'ora di poesia dell a X Mas, X Mas, Gi oventù i tali ana del l ittorio, Hegel, Georg Wil helm Fri edrich Hegel, Di alettica, di al etti ca marxi sta, dialectique marxi ste, marxi st dialectics, marxi st dialectic,
marxi st dialectic method, marxi stiche di al ekti k, marxi sti sche di al ekti k, di al ecticamarxi sta, di al écticamarxi sta, dialettica neomarxi sta, di al etti ca neo marxi sta, dialetticaneo-marxi sta, di al ecti que néo-marxi ste, neo-marxi st dialectics, neo-marxi st di al ecti c, neo-marxi st di al ectic method, neue marxi sti sche dialekti k, neo marxi sti sche di al ekti k, di al écticaneo-marxi sta, di al ecticaneo-marxi sta, di al etti ca repubbli cana, republ ican dialectics, republi can di al ecti c, republi can di al ectic method, republi kani sche dialekti k, republ i kani scher di al ekti k, di al ecti querépubl icai ne, di al écti ca republi cana, di al ecti ca republi cana, di al etti ca neorepubbli cana, dialetticaneo repubbli cana, di al etti ca neo-repubbl icana, neo-republi candialectics, neo-republ ican dialectic, neo-republ ican dialectic method, neue republi kani sche di al ekti k, neo republ i kani sche di al ekti k, néo-républi cainedialectique, di al ecti caneo-republi cana, di al ecti ca néo-republi cana, dialetticaquanti stica, quantum
dialectics, quantum di al ecti c, quantum dialectic method, neo marxi smus, neomarxi smus , Totali tare Kunst, Totali täre Kunst, Total itarian Art, Arte total itari a, art totali tarienne, materi al i smo dialettico, Dialekti scher Materi al i smus, Di al ecti cal materi al i sm, Matéri al i sme di al ecti que, materi al i smo dialéti co, materi al i smo dialéctico, materi al i smo stori co, Hi stori scher Materiali smus, matéri al i sme hi storique, Hi stori cal Materiali sm, Poli archia, Pol yarchy, Pol yarchie, Poli arquia, postdemocrazi a, post-democrazia, Postdemocracy, Post-Democracy, Postdemokratie, Post-Demokrati e, post-démocratie, pós-democraci a, post democrazia, estetizzazi one dell a poli ti ca, aestheticization of pol itics, poli ti cal aestheti ci zati on, pol iti sche Ästheti k, ÄSTHETÌK DES POLÌTÌSCHEN, Aestheticization of Pol itical Action, esthéti quement de la pol itique, Esthéti que et pol itique, Gesamtkunstwerk, Res Publi ca, Nazi smo, Nazional sociali smo, Nazi sme, national -soci al i sme,
Nati onal soci al i sme, Nazi smus, Nati onal soziali smus, Nazi sm, Nati onal Soci al i sm, Absol uten Hi stori smus, hi stori smo absoluto, hi storici sme absolue, absol ute hi storici sm, di al ecti que, dialectics, dialectic, di al écti ca, dialéti ca, Di amat, Scuola di Francoforte, Escol a de Frankfurt, Escuel a de Frankfurt, Teori a critica, Kriti sche Theorie, Critical Theory, Théori e cri ti que, Di alettica dell 'i ll umini smo, Scuol a di Francoforte, Frankfurt School , Frankfurter Schul e, Teori acri ti ca, Kriti sche Theorie, Cri tical Theory, Di al ecti c of enl ightenment, Di al ekti k der Aufkl ärung, Di al ecti que de l'Ìl lumi ni sme, Di al ettica dell 'i ll umini smo, Scuol adi Francoforte, Frankfurt School, Frankfurter Schul e, Teoria cri ti ca, Kri ti sche Theorie, Cri tical Theory, Dialectic of enl ightenment, Di al ekti k der Aufkl ärung, Dialectique de l'Ìl lumi ni sme, Di al ettica dell 'i ll uminismo, total itari an rul e, arte degenerata, teoria marxi sta, marxi st theory, marxi sti sche Theorie, Théori e marxi ste, teori a repubbl icana,
Republ ican Theory, théorie républ icai ne, Republi kaner Theori e, republ i kani sche Theori e, teori a neo repubbli cana, teoria neo-repubbli cana, teoria neorepubbl icana, neo-republi can theory, neo republi can theory, théori e néo-républi caine, théori e néo républ icai ne, neo marxi st theory, neo-marxi st theory, théorie néo-marxi ste, théorie néo marxi ste, neue marxi sti sche Theorie, meccanicaquanti stica, teori a neo-marxi sta, teoria neo marxi sta, teori a neomarxi sta, Quantum mechanics, quantum physi cs, quantum theory, fi si ca quanti stica, teori a quanti stica, sovrapposi zione, sovrapposi zione quanti sti ca, princi pi o di sovrapposi zi one, princi pi odi sovrapposi zione quanti sti ca, superposi ti on, superposi ti on princi pl e, quantum superposi tion, quantum superposi tion of quantum mechani cs, superposi ti on princi pl eof quantum mechani cs, quantum superposi ti on pri nciple, correl azi one quanti stica, entanglement quanti stico, entanglement, Quantum entangl ement,
compl ementari età, pri ncipio di compl ementarietà, pri ncipio di compl ementarietà, pri ncipio di complementarietà quanti sti ca, complementarità, compl ementari ty, quantum compl ementari ty princi pl e, compl ementari ty princi pl e, Quantum observer effect, observer effect, princi pi odi osservazi one, princi pi o di osservazi one quanti sti co, Quantum observer pri nciple, pri ncipio di indetermi nazione, uncertainty princi pl e, Quantum Zeno effect, Effetto Zenone quanti stico, retrocausali tà, retrocausal ità quanti stica, retracausali ty, quantum retrocausal ity, pri ncipio di non l ocal ità, pri ncipio di non l ocal itàquanti sti ca, nonl ocal ity, quantum nonlocali ty, quantum nonl ocal ity pri nciple, fi losofi a pol itica, Pol itical phil osophy, phil osophi e poli ti que, pol iti sche Phi losophie, , Massi mo Mori gi , Mao, Aestheti ca fasci stica, mostra del la ri voluzione fasci sta del 1932, estetica, aestheti ca, tradizionali smo, moderni smo, fasci o, arte fasci sta, arte nazi sta, arte totali taria, estetica fasci sta,
esteti ca nazi sta, avant garde, total itari smo imperfetto, Ventennio, fasci smo i tali ano, Novecento, novecenti smo, Stali n, Pi acenti ni , Marcell o Pi acenti ni , Espressi oni smo, Expressi oni smus, Expressi oni sm, Expressi oni sme, Sarfatti, Margherita Sarfatti, Pi acenti ni , Marcell o Pi acenti ni , Terragni, Giuseppe Terragni, Libera, Adalberto, Libera, Aesthetica, Fasci sti ca, Aestheti ca Fasci sti ca Ì, neo republ icani smo, neo-republi cani smo, neorepubl icani smo, republ icani smo, républi cani sme, Republi cani sme, marxi sm, marxi sme, neo-repubbli canesimo, neo repubbl icanesi mo, néomarxi sme, néo marxi sme, néo-marxi sme, neomarxsi me, neo marxi sme, neo marxi smo, neo-marxi smo, neo-marxi sm, neo marxi sm, neo marxi smus, neomarxi smus, neue marxi smus, total itari sme, totali tari sm, fasci sm, fasci sme, faschi smus, nazi onal soci al i smo, nazi onal sociali smo, nazional -sociali smo, nazi sm, National soci al i sm, nazi sme, Nati onal sociali sme, Nati onal sociali sme,
nazi smus, national sozi al i smus, post democrazi a, post-democrazia, post democracy, postdemocracy, post-démocratie, postdémocratie, post demokrati e, postdemokrati e, post democrazia, post-democracia, postdemocraci a, turbo capital ismo, turbo-capital ismo, turbo capital i sm, turbo-capi tali sm, turbocapital i sm, turbo capi tali sme, turbocapi tali sme, turbo-capital isme, futuri smus, futuri sme, futuri sm, avanguardi a, avanguardie, avanguardie storiche, Fil ippo Tommaso Mari netti , Entartete Kunst, Mussol ini, Benito Mussoli ni , Bottai , Alfredo Bottai , Si roni, Mari o Si roni , Gesamtkunstwerk, mostra del decennal e dell a ri vol uzi one fasci sta, mostra del la ri voluzione fasci sta, mostra dell a ri vol uzi one fasci sta del 1933, premio Cremona, Farinacci , Totali tari an art, Total itari ske Kunst, Web, Ìnternet, Poli ti ci zzazi one del l'esteti ca, esteti zzazi one del la violenza, Benj amin, Walter Benj amin, Machi avel li , Niccolò Machiavell i, Tesi di fi losofi a del la stori a, Max Horkheimer,
Theodor Ludwig Wiesengrund Adorno, Gol omstock, REPUBLÌCANÌSM, MARXÌSM, REPUBLÌKANÌSMUS, MARXÌSMUS, NEUE REPUBLÌKANÌSMUS, NEUE MARXÌSMUS, NEO REPUBLÌCANÌSM, NEO MARXÌSM, TOTALÌTARÌSMO, TOTALÌTARÌSMUS, TOTALÌTARÌANÌSM, FASCÌSMO, NAZÌSMO, ARTE TOTALÌTARÌA, ARTE FASCÌSTA, ARTE NAZÌSTA, POSTDEMOCRAZÌA, TURBOCAPÌTALÌSMO, POST DEMOCRACY, TURBO CAPÌTALÌSM, VÌTAACTÌVA, Mao, repubbl icanesi mo, marxi smo, neomarxi smo, fasci smo, estetizzazi one dell a poli ti ca, futuri smo, avant-garde, avantgarde, Mari netti , Hannah Arendt, Vi ta Activa, Leo Strauss, Angel us Novus, Wi slawa Szymborska, Vita Acti va La condi zi one umana, Lieta novell a, Gesù, perdono, effetto tunnel, effetto tunnel quantico, effetto tunnel quanti sti co, tunnel effect, tunneli ng effect, Quantum tunnel ing effect, Quantum tunnel effect, Quantum bi locati on, Quantum bi locati on effect, bi locazi one,
bil ocazione quantica, bi locazi one quanti sti ca, effetto del la bil ocazione quanti ca, Quantum mechanics multi locati on, Quantum mechanicsmul ti -l ocation, Quantum mechani cs multi locati on, Quantum mechanics multi locati ons, Quantum mechanics multi-l ocations, Quantum mechani cs multi locati ons, mul ti l ocazione quantica, multi-l ocazione quantica, multil ocazione quantica, multi locazi one quanti sti ca, mul ti -locazi one quanti sti ca, mul ti locazi one quanti sti ca, mul ti l ocazione, mul ti -locazi one, multil ocazione, Massi mo Mori gi , Stefano Salmi, Diffusi ve Domi nati on, Walter Benjami n, György Lukács, Massi mo Morigi, Repubbli canesimo, Republ icani sm, Di ffusi ve Domi nati on, Republi can Di ffusi ve Domi nation, Dominio Di ffuso, Dominio Repubbl icano Di ffuso, Domi nazione Di ffusa, Domi nazione repubbli cana diffusa, Repubbli canesimo Quanti co ; Lebensraum Republi cani sm; Stefano Sal mi;repubbl icanesi mo quanti sti co-dialettico; repubbli canesimo quanto-
dialettico; repubbli canesimo quantico-di al etti co;quantodi al etti co repubbl icanesi mo; repubbl icanesi mo quanto-di al etti co; quanto di al etti co repubbli canesimo; quantodialettico repubbli canesimo; neo-repubbli canesimo quanti stico-di al etti co; Princi pi o di i ndeterminazi one quanti stico; Uncertainty Princi pl e; Quantum Uncertai nty Pri nciple; princi pe d'incerti tude; princi pe d'indétermination; Pri ncipio di incertezza; Princi pi o di i ncertezza quanti co; Hei senbergsche Unschärferelati on; Unbesti mmtheitsrel ati on; Hei senbergs Pri nzi p; neo-repubbli canesimo quanto-dialettico; Hei senbergs Unschärferelation; Princípi o da Ìncerteza; princípi o de incertezas;Multiverso; Mul ti verse; multiverso quantico; mul ti verso quanti sti co; eteropia quanti co-mul ti verso; eterotopi a quantico multiverso;Quantum mul ti verse; neo-repubbli canesimo quantico-di al etti co; Many-Worl ds; Many Worlds; Many-Worl ds interpretati on of Quantum Mechanics; multiverso eterotopi co; multiverso
quanti stico-eterotopico; mul ti verso quanto-eterotopico; Quantum heterotopi an multiverse; Quantum heterotopi c multiverse; mul ti verse heterotopy; multiverse heterotopi a; quantodi al etti co neo-repubbl icanesi mo; Quantum mul ti verse heterotopy; Quantum multiverse heterotopi a; eteropi a mul ti verso quanti ca; eterotopi a mul ti -verso quanti ca; eterotopi a mul ti verso-quantica; eterotopia multiverso quantica; Pri ncipio d'i ndetermi nazione; Princi pi o d'incertezza; zoon poli ti kon; poli s; quanto-dialettico neo-repubbl icanesi mo; L'opera d'arte nell 'epoca dell a sua ri producibil ità tecnica; The Work of Art i n the Age of Mechanical Reproducti on; Das Kunstwerk im Zei talter seiner techni schen Reproduzi erbarkei t; L'Cuvre d'art à l 'époque de sa reproducti bi li té technique; L'oeuvre d'art à l'ère de sa reproductibil ité techni que; L'opera d'arte nell 'epoca dell a sua ri producibil ità meccanica; Massi mo Mori gi ; Fi at ars - pereat mundus; Aestheti ca fasci stica Ì; homo
l aborans/faber; quanto di al etti co neo-repubbli canesimo; homo laborans; homo faber; Cappel la dei Marti ri ;Gesamtkunstwerk; opera d'arte total e; empowerment; Res Publ ica; Ezra Pound; Pound; Morigi ; quantodialettico neo-repubbli canesimo; Wal demar George; Fi li ppo de Pi si s; Charl es Edouard Jeanneret; Le Corbusi er; Ìncipit novus ordo; Arnal do Carpanetti; Fortunato Depero; Depero; Osval do Peruzzi ; Ernesto Michahelles; marxi smo quanti sti co-dialettico; Thayhat;Prampol ini; Enri co Prampol ini; Ferruccio Vecchi; The Theory of the Avant-Garde; Theory of the Avant-Garde; Renato Poggi ol i; Peter Bürger; Tertul li ano; agorà; marxi smo quanto-di al etti co; De Chi rico; Giorgi o De Chi rico; Raffael lo; Raffaell o Sanzi o; Scuola di Atene; Ciano; Galeazzo Ci ano; Gian Gal eazzo Ciano; Di ari o di Ciano; Carrà; marxi smo quantico-dialettico;Carl o Carrà; Emil Nol de; Omero; Sepp Hi l z; Werner Pei ner; Oscar Marti n Amorbach; Adolf Zi egler; Konrad
Hommel ; Arno Breker; Ghunther von Hagens; marxi smo quantodi al etti co; Capitan Harlock; Gianna Nannini; Vol taire; Françoi s-Mari e Arouet;Lettres Phil osophi ques; Bacone; Francesco Bacone; Bacon; Franci s Bacon; Novum Organum; quanto-dialettico marxi smo;Phänomenologi e des Gei stes; fenomenol ogia dell o spi ri to; Max Horkheimer; Theodor Ludwig Wiesengrund Adorno; bi os poli ti kos; aiesthesi s; Angelus Novus; perdono; Wi sl awa Szymborska; Schwarze Sonne; quanto dialettico marxi smo;Fukuyama; Yoshihi ro Franci s Fukuyama; Franci s Fukuyama; Marx; Karl Marx; Avantgarde; mécani que quanti que; mecáni ca cuánti ca; mecani ca quanti ca; Quantenphysi k; quantodialettico marxi smo; quanti schen Mechani k; Di al ecti que quantique;dialecticaquanti ca; quantum di al ekti ske; dialéti ca cuánti ca; dialéti ca quanti ca; quantum di al ekti sche; dialekti sche;Avanguardia quanti ca; avanguardia quanti sti ca; neo-marxi smo quanti sti co-
dialettico; avant-garde quantica; avant-garde quanti sti ca; quantum avant-garde; avant-garde quanti que; vanguardi a cuántica; quanti schen Avantgarde; Futuri smo quanti co;futuri smo quanti sti co; quantum futuri sm; quanti schen futuri smus; neo-marxi smo quanto-di al etti co; quanti sch futuri smus;futuri sme quantique; futuri smo cuántico; Fi losofia poli ti ca quanti ca; fi losofi a poli ti ca quanti stica; quantum Pol itical phi losophy;phi losophie poli ti que quantique; quanti schen pol iti sche Phil osophi e; fi losofi a poli ti ca cuánti ca; quanti sch pol iti sche Phi losophie; neo-marxi smo quantico-dialettico; Stori a quanti ca; storia quanti sti ca; storiografi a quantica; stori ografia quanti stica; hi stoi re quanti que; quantum hi story; Quantenphysi kgeschichte; Quanten geschichte; quanti schen geschi chte;Hi stória cuántica; neo-marxi smo quantodi al ettico; hi storia quanti ca; quanti sch geschichte; quanti sch Geschi chtsschrei bung;quanti schen Geschi chtsschrei bung; quantum
hi stori ography; hi stori ographie quanti que; materiali smo hi stori co; materiali smo hi stóri co; Eteropia quanti ca; Eterotopi a quanti stica; neo-marxi smo quanto-di al etti co; quantum heterotopia; quantum heterotopy; hétérotopi e quantique; quanti schen heterotopie; heterotopi a cuántica; heterotopia quanti ca; quanti sch heterotopi e;Quantum superposi tion heterotopi a; quantum superposi tion heterotopy; quantum entanglement heterotopi a; neo-marxi smo quanto dialettico; quantum entanglement heterotopy; eterotopia quanti ca; eterotopi a quanti sti ca; Superposi tion quantico-eterotopica; superposi ti on quanto-eterotopica; superposi ti on quanti sti co-eterotopi ca; superposi tion eterotopi ca-quantica;superposi ti on eterotopica-quanti stica; quanti co-eterotopi ca superposi ti on; quanto-eterotopica superposi ti on; neo-marxi smo quantodi al ettico; quanti sti co-eterotopi ca superposi ti on; eterotopica-quantica superposi tion; eterotopi ca-quanti sti ca
superposi ti on; eterotopi ca-quanti ca superposi ti on; eterotopico-quantica superposi tion; eterotopi co-quanti sti ca superposi ti on;eterotopico-quantica superposi tion; heterotopic quantum entangl ement; heterotopian quantum entangl ement; heterotopic quantum superposi ton; quantofuturi smo; heterotopi an quantum entanglement; entangl ement eterotopi co-quanti co;entanglement eterotopico-quanti stico; entangl ement eterotopi co-quanti co; entanglement quantico-eterotopico; entangl ement quanti sti co-eterotopi co; entanglement quantico-eterotopico; quantico-eterotopico entangl ement; quanti sti co-eterotopi co entanglement; quantico-eterotopico entangl ement; quanto-futuri smo; entangl ement quanti sti co-eterotopi co; entanglement quantico-eterotopico; entangl ement quanti co-eterotopi co; quanti co-eterotopi co entanglement; Quantum observer heterotopia;Quantum observer heterotopy; heterotopi an quantum observer; heterotopic quantum
observer; eterotopia dell 'osservatore quanti co; eterotopia dell 'osservatore quanti stico; quanto futuri smo; materiali smo stori co quanti co; materiali smo stori co quanti sti co; quanti schen Hi stori scher Materi al i smus; matéri al i sme hi storique quantique; Quantum hi stori cal materiali sm;materi al i smo hi storico quantico; materi al i smo hi stórico cuántico; materi al i smo dialetticoquantico; materi al i smo dialetticoquanti stico; Quantum dialectical materi al i sm; quantodialettico futuri smo; quanti schen Dialekti scher Materi al i smus; Matéri al i sme di al ecti que quanti que; materiali smo di al éticocuántico; materi al i smo dialéctico quanti co; materiali smo stori co-dialettico;materiali smo stori co e dialettico; materiali smo stori co e materi al i smo di al etti co; hi stori cal di al ectical materi al i sm; hi storical -di al ectical -materi al i sm; matériali sme hi stori que-dialectique; quanto di al etti co futuri smo; matéri al i sme hi storique et dialectique;Dialekti sch-hi stori scher Materi al i smus; di al ekti schen und
hi stori schen Materiali smus; Materi al i smo Hi stóri co Di al ético;materi al i smo hi storico dialéctico; materiali smo quanti co stori co-dialettico; materiali smo quanti co e stori co-dialettico;materiali smo quanti stico stori co-dialettico; materiali smo quanti stico e stori co-dialettico; materiali smo stori co-dialettico quanti co;quanto-di al etti co futuri smo; materi al i smo storico-di al etti co quanti stico; materi al i smo storico e di al etti co quantico; materiali smo stori co e dialetticoquanti stico; materi al i smo storico e materiali smo dialettico quanti ci; materi al i smo storico e materiali smo dialettico quanti sti ci; materi al i smo quantico-stori co-dialettico; materiali smo quanti stico-storico-di al etti co; quantum hi storical dialectical materi al i sm; quantum hi stori cal -di al ectical -materiali sm; matéri al i sme quantique-hi stori que-dialectique; futuri smo quantico di al etti co; matériali sme quanti que hi stori que et di al ecti que; quanti schen Di al ekti sch-hi stori scher Materi al i smus;quanti sch di al ekti schen und
hi stori schen Materiali smus; Materi al i smo cuánti co Hi stóri co Di al ético; materi al i smo quantico hi stori co di al écti co; Di amat quanti stico; Diamat quanti co; quantum Di amat; Diamat quanti que; quanti sch Di amat; futuri smo quantico-di al etti co; quanti schen Diamat; Di amat cuántico; materiali smo quanti co; materi al i smo quanti sti co; quantum materiali sm; matéri al i sme quantique; quanti sch materiali smus; quanti schen materiali smus; materiali smo cuánti co; marxi smo quanti sti co; Massi mo Mori gi ; marxi smo quantico; quantum marxi sm; marxi sme quantique; quanti sch marxi smus; quanti schen marxi smus; marxi smo cuántico; neo marxi smo quantico; neo marxi smo quanti stico; neo-marxi smo quanti co; neo-marxi smo quanti sti co; Stefano Salmi; neomarxi smo quanti co; neomarxi smo quanti sti co; quanti sch neue marxi smus; quanti schen neue marxi smus; quanti sch neo marxi smus; quanti schen neo marxi smus; quanti sch neomarxi smus; quanti schen
neomarxi smus;néo-marxi sme quanti sti que; néomarxi sme quanti stique; repubbl icanesi mo quanti sti co-dialettico; neo-marxi smo cuántico;repubbl icanesi mo quanti co; repubbli canesimo quanti stico; quantum republ icani sm; républ icani sme quanti que; quanti schen republi kani smus; quanti sch republ i kani smus; republi cani smo quantico; republ icani smo cuánti co; neorepubbl icanesi mo quantico; repubbli canesimo quanto-dialettico; neo repubbl icanesi mo quanti sti co; neo-repubbli canesimo quantico; neo-repubbl icanesi mo quanti sti co; neo repubbl icanesi mo quanti co; neo repubbl icanesi mo quanti sti co; quantum neo-republi cani sm;quantum neo republ icani sm; néo-républi cani sme quanti que; néorépubli cani sme quanti que; quanti sch neue republi kani smus;repubbl icanesi mo quanti co-dialettico; quanti sch neo republ i kani smus; quanti sch neo-republi kani smus; quanti sch neorepubli kani smus; quanti schen neue republ i kani smus; quanti schen neo
republ i kani smus; quanti schen neo-republi kani smus;quanti schen neorepubl i kani smus; neo-republi cani smo cuánti co; neo republi cani smo cuántico; neorepubl icani smo cuántico;quantodialettico repubbli canesimo; neorepubli cani smo quanti co; neo-republ icanismo quantico; neo republi cani smo quantico;eterotopia quanti ca; eterotopi a quanti sti ca; quantum heterotopia; quantum heterotopy; hétérotopi e quanti stique; quanti schen heterotopie; quanti sch heterotopie; repubbl icanesi mo quanto-di al etti co; heterotopi a quantica; heterotopi a cuántica; Subl ime;erhaben; subli mi s; Subl ime eterotopi a; subli me heterotopia; subl ime heterotopy; subli me hétérotopie; erhaben heterotopi e;quanto dialettico repubbl icanesi mo; Subli me eterotopico; subl ime eterotopi sti co; heterotopic subli me; heterotopian subli me;subl ime Hétérotopic; aposubli me; Eterotopi a; heterotopi a; heterotopy; hétérotopi e; quantodi al etti co repubbl icanesi mo;heterotopi e; Mel ni kov; El
Li ssi tzky; Gustav Klutsi s; Cappell a dei Marti ri ; Emi l Nolde; Teori a estetica; Quarto d'ora di poesi a dell a X Mas; X Mas; Gioventù i tali ana del li ttori o; neo-repubbli canesimo quanti stico-di al etti co; Hegel ; Georg Wi lhel m Friedrich Hegel ; Dialetti ca; di al etti ca marxi sta; di al ecti que marxi ste; marxi st dialectics; marxi st di al ecti c; marxi st dialectic method;marxi sti che dialekti k; marxi sti sche di al ekti k; neo-repubbli canesimo quanto-dialettico; di al ecti camarxi sta; dialécticamarxi sta;di al etti ca neomarxi sta; di al etti ca neo marxi sta; dialettica neo-marxi sta; di al ecti que néo-marxi ste; neo-marxi st dialectics; neo-marxi st di al ecti c; neo-marxi st dialectic method; neue marxi sti sche dialekti k; neo-repubbli canesimo quantico-di al etti co; neo marxi sti sche dialekti k; dialécticaneo-marxi sta; di al ecti caneo-marxi sta; dialettica repubbl icana; republ ican dialectics;republi can di al ecti c; republ ican dialectic method; republi kani sche dialekti k; republi kani scher di al ekti k; di al ecti que
républ icai ne;quantodi al etti co neo-repubbl icanesi mo; dialécticarepubl icana; di al ecti carepubli cana; dialettica neorepubbl icana; di al etti ca neo repubbl icana; dialettica neo-repubbl icana; neo-republi candialectics; neo-republ ican di al ecti c; neo-republi candialectic method; neue republ i kani sche dialekti k; neo republ i kani sche di al ekti k; quanto-dialettico neo-repubbl icanesi mo; néo-républi cainedialectique; dialecticaneo-republ icana; di al ecti canéo-republi cana; dialettica quanti stica; quantum di al ectics;quantum di al ectic; quantum di al ectic method; neo marxi smus; neomarxi smus; Total itare Kunst ; quanto dialettico neo-repubbl icanesi mo; Totali täre Kunst; Totali tari an Art; Arte total itari a; art total itari enne; materiali smo di al etti co; Dialekti scher Materi al i smus; Dialectical materiali sm; Matéri al i sme di al ecti que; materiali smo di al ético; materi al i smo dialéctico;quantodialettico neo-repubbli canesimo; materiali smo stori co; Hi stori scher
Materi al i smus; matéri al i sme hi storique; Hi stori cal Materiali sm; Pol iarchi a; Pol yarchy; Polyarchi e; Pol iarquia; postdemocrazi a; post-democrazia; marxi smo quanti sti co-dialettico;Postdemocracy; Post-Democracy; Postdemokratie; Post-Demokrati e; post-démocrati e; pós-democraci a; post democrazia;esteti zzazione del la pol itica; aestheticization of pol itics; poli ti cal aestheti ci zati on; marxi smo quanto-di al etti co; pol iti sche Ästheti k; ÄSTHETÌK DES POLÌTÌSCHEN; Aestheti ci zati on of Poli ti cal Acti on; esthéti quement de la pol itique; Esthétique et poli ti que; Gesamtkunstwerk; Res Publ ica; Nazi smo; Nazi onal soci al i smo; Nazi sme; marxi smo quantico-dialettico; nati onal -soci al i sme; Nati onal soci al i sme; Nazi smus; Nati onal sozi al i smus; Nazi sm; National Sociali sm; Absol uten Hi stori smus; hi stori smo absoluto; hi storici sme absolue; absolute hi stori ci sm; marxi smo quantodialettico; dialectique; dialectics; di al ecti c; dialéctica;dialéti ca; Diamat; Scuol a di
Francoforte; Escol a de Frankfurt; Escuela de Frankfurt ; Teori a critica; quanto-di al etti co marxi smo;Kri ti sche Theori e; Critical Theory; Théori e critique; Di al ettica dell 'i ll umini smo; Scuola di Francoforte; Frankfurt School;Frankfurter Schule; Teori a critica; Kri ti sche Theori e; Critical Theory; quanto dialettico marxi smo; Dialectic of enl ightenment;Dialekti k der Aufklärung; Dialectique de l'Ìl lumi ni sme; Dialetti ca del l'il lumi ni smo; Scuol a di Francoforte; Frankfurt School;Frankfurter Schul e; Teoria cri ti ca; Kriti sche Theorie; Cri ti cal Theory; quantodi al etti co marxi smo; Di al ecti c of enli ghtenment;Di al ekti k der Aufkl ärung; Di al ecti que de l 'Ìll umini sme; Di al ettica dell 'i ll umini smo; totali tarian rul e; arte degenerata; teori a marxi sta; marxi st theory; marxi sti sche Theorie; Théorie marxi ste; neo-marxi smo quanti sti co-dialettico; teori a repubbl icana;Republ ican Theory; théori e républi caine; Republi kaner Theori e; republi kani sche Theorie; teoria neo repubbl icana; teoria
neo-repubbl icana; teori a neorepubbl icana; neo-republ ican theory; neo republ ican theory; neo-marxi smo quanto-dialettico; théorie néo-républ icai ne; théori e néo républ icai ne; neo marxi st theory; neo-marxi st theory; théorie néo-marxi ste; théori e néo marxi ste;neue marxi sti sche Theori e; meccanica quanti stica; teoria neo-marxi sta; teoria neo marxi sta; neo-marxi smo quanti co-di al etti co;teoria neomarxi sta; Quantum mechanics; quantum physics; quantum theory; fi sica quanti sti ca; teori a quanti stica;sovrapposi zi one; sovrapposi zi one quanti stica; princi pi odi sovrapposi zione; princi pi odi sovrapposi zione quanti stica; neo-marxi smo quantodi al ettico; superposi tion; superposi ti on pri nciple; quantum superposi tion; quantum superposi ti on of quantum mechanics; superposi tion princi pl eof quantum mechani cs; quantum superposi tion princi pl e; correl azione quanti stica;entangl ement quanti sti co; entanglement; Quantum entanglement; neo-marxi smo
quanto-dialettico; complementarietà; pri ncipio di complementarietà; princi pi odi compl ementari età; pri ncipio di complementarietà quanti sti ca; compl ementari tà;complementarity; quantum compl ementari ty princi pl e; complementarity pri nciple; Quantum observer effect; observer effect;neo-marxi smo quanto dialettico; pri ncipio di osservazione; pri ncipio di osservazione quanti stico; Quantum observer pri nciple;princi pi odi i ndeterminazi one; uncertainty princi pl e; Quantum Zeno effect; Effetto Zenone quanti sti co; retrocausal ità;retrocausal ità quanti sti ca; retracausal ity; neo-marxi smo quantodi al ettico; quantum retrocausal ity; pri ncipio di non l ocali tà;princi pi odi non località quanti stica; nonlocali ty; quantum nonlocali ty; quantum nonlocali ty pri nciple; fil osofia pol itica; Pol itical phil osophy; phi losophie poli ti que; pol iti sche Phil osophi e; quantofuturi smo; Massi mo Mori gi ; Mao; Aesthetica fasci sti ca; mostra del la ri voluzione fasci sta del
1932; estetica; aesthetica; tradizionali smo; moderni smo; fasci o; arte fasci sta; quanto-futuri smo;arte nazi sta; arte totali taria; esteti ca fasci sta; esteti ca nazi sta; avant garde; total itari smo i mperfetto; Ventenni o; fasci smo ital iano; Novecento; novecenti smo; quanto futuri smo; Stal in; Pi acenti ni; Marcell o Pi acenti ni; Espressi oni smo;Expressi oni smus; Expressi oni sm; Expressi oni sme; Sarfatti ; Margheri ta Sarfatti ; Piacentini; quantodialettico futuri smo; Marcell o Pi acenti ni; Terragni; Giuseppe Terragni ; Li bera; Adal berto; Li bera; Aestheti ca; Fasci stica; Aesthetica Fasci stica Ì; neo republ icani smo; quanto dialettico futuri smo; neo-republ icanismo; neorepubl icani smo; republi cani smo; républ icani sme;Republi cani sme; marxi sm; marxi sme; neo-repubbli canesimo; neo repubbl icanesi mo; néomarxi sme; quanto-di al etti co futuri smo;néo marxi sme; néo-marxi sme; neomarxsime; neo marxi sme; neo marxi smo; neo-marxi smo; neo-marxi sm; neo marxi sm; neo
marxi smus; neomarxi smus; futuri smo quantico di al etti co; neue marxi smus; total itari sme; total itari sm; fasci sm; fasci sme;faschi smus; nazional sociali smo; nazi onal soci al i smo; nazi onal -sociali smo; nazi sm; futuri smo quantico-di al etti co; Nati onal sociali sm; nazi sme; National soci al i sme; Nati onal sociali sme; nazi smus; national sozi al i smus; post democrazia; post-democrazia; post democracy; postdemocracy; Quantum bil ocationheterotopi a; post-démocrati e; postdémocrati e; post demokrati e; postdemokratie; post democrazia; post-democraci a; postdemocracia; turbo capital i smo; turbo-capi tali smo; turbo capi tali sm; Quantum bi -locati on heterotopi a; turbo-capital i sm; turbocapi tali sm; turbo capital i sme; turbocapital i sme; turbo-capi tali sme; futuri smus; futuri sme; futuri sm; avanguardia; avanguardie; Quantum bi locati on heterotopy; avanguardi e stori che;Fil ippo Tommaso Mari netti ; Entartete Kunst; Mussoli ni ; Benito Mussoli ni ; Bottai ; Al fredo
Bottai ; Si roni; Mario Sironi ;Gesamtkunstwerk; Quantum bi -locati on heterotopy; mostra del decennal e dell a rivoluzi one fasci sta ; mostra del la ri voluzione fasci sta; mostra del la ri voluzione fasci sta del 1933; premio Cremona; Farinacci; Total itarian art; Total itari ske Kunst ; Web;Ìnternet; Pol iticizzazi one dell 'estetica; Quantum mul ti locati on heterotopia; esteti zzazi one dell a vi ol enza; Benjami n; Walter Benj amin; Machiavell i; Niccolò Machiavell i; Tesi di fil osofi a del la stori a; Max Horkheimer; Theodor Ludwig Wiesengrund Adorno; Golomstock; REPUBLÌCANÌSM; Quantum mul ti -locati on heterotopi a; MARXÌSM; REPUBLÌKANÌSMUS; MARXÌSMUS;NEUE REPUBLÌKANÌSMUS; NEUE MARXÌSMUS; NEO REPUBLÌCANÌSM; NEO MARXÌSM; TOTALÌTARÌSMO;TOTALÌTARÌSMUS; TOTALÌTARÌANÌSM; Quantum mul ti locati on heterotopy; FASCÌSMO; NAZÌSMO; ARTE TOTALÌTARÌA;ARTE FASCÌSTA; ARTE
NAZÌSTA; POSTDEMOCRAZÌA; TURBOCAPÌTALÌSMO; POST DEMOCRACY; TURBO CAPÌTALÌSM;VÌTAACTÌVA; Quantum mul ti -locati on heterotopy; Mao; repubbli canesimo; marxi smo; neomarxi smo; fasci smo; esteti zzazi one dell a poli ti ca; futuri smo; avant-garde; avantgarde; Mari netti ; Mul ti localeeterotopia quanti ca; Hannah Arendt; Vi ta Activa; Leo Strauss; Angelus Novus; Wi sl awa Szymborska; Vita Acti va La condi zi one umana; Li eta novel la; Gesù; perdono; effetto tunnel ;bi locale eterotopia quantica; effetto tunnel quantico; effetto tunnel quanti sti co; tunnel effect; tunneli ng effect; Quantum tunneli ng effect; Quantum tunnel effect; Quantum bi locati on; Quantum bil ocationeffect; bi locazi one; bil ocazione quantica;eterotopia quanti ca mul ti locale; bi locazi one quanti sti ca; effetto del la bil ocazione quantica; Quantum mechani cs mul ti l ocation;Quantum mechanics multi-l ocation; Quantum mechanics multi locati on; Quantum mechani cs mul ti
l ocations; Quantum mechanics multi-l ocations; Quantum mechanics multi locati ons; mul ti l ocazione quanti ca; mul ti -locazi one quantica; eterotopi a quantica bi locale; multil ocazione quantica; mul ti l ocazione quanti stica; mul ti -locazi one quanti sti ca; multil ocazione quanti stica;mul ti l ocazione; multi-l ocazione; multil ocazione; Massi mo Morigi; Diffusi ve Domi nati on; Quantum mechani cs bil ocationheterotopi a; Quantum mechani cs bi-l ocation heterotopi a; Quantum mechanics bi locati on heterotopy; Quantum mechanics bi -locati on heterotopy; Quantum mechani cs mul ti locati on heterotopi a; Quantum mechanics multi-l ocationheterotopi a; Quantum mechanics multil ocationheterotopy; Quantum mechani cs mul ti -locati on heterotopy; Stefano Salmi; Pri ncipio di indetermi nazione; Princi pi o di i ndeterminazi one quantico
DoGn6o!,2) 27
a rep6blican increa!ed common domination o la
rep6blican diB6!i#e domination come lSobietti#o
!trateti"ico 5ondamentale della ra7ionalitA !trate"ica
rep6bblicana c1e < contrappo!ta alla ra7ionalitA
!trate"ica capitalitili!tica c1e potremmo de=nire
pri#ate increa!ed 6ncommon domination :da a t6tto
campo materiali preparatori di /ian5ranco La
/ra!!a;. Rep6bblicane!imo !trate"ico, con9itto
rep6bblicano !trate"ico

repubblicanesimo geopolitico, geopolitical republicanism, repubblicanesimo strategico, strategic republicanism, strategical
republicanism, repubblicanesimo geostrategico, geostrategic republicanism, geostrategical republicanism, conflitto repubblicano
strategico, strategic republican conflict, strategical republican conflict, razionalit# strategica repubblicana, republican strategic
rationalit&, republican strategical rationalit&, republican increased common domination, aumentata comune dominazione
repubblicana, dominio comune repubblicano aumentato, republican diffusive domination, dominazione repubblicana diffusa, dominio
repubblicano diffuso, razionalit# strumentale repubblicana, republican instrumental rationalit&, razionalit# strategica repubblicana,
republican strategic rationalit&, republican strategical rationalit&, razionalit# strategica capitalista, razionalit# strategica capitalistica,
capitalistic strategic rationalit&, capitalistical strategical rationalit&, capitalistical strategic rationalit&, capitalistic strategical
rationalit&, razionalit# strumentale capitalista, razionalit# strumentale capitalistica, instrumental capitalistical rationalit&, instrumental
capitalistic rationalit&, costruttivismo, constructivism, Tonstru@tivismus, poliarchia, pol&arch&, postdemocrazia, post-democrazia,
post-democrac&, postdemocrac&, diminuito dominio comune capitalista, diminuito dominio comune capitalistico, decreased
capitalistic common domination, decreased capitalistical common domination, republican diffusive domination, capitalistic
restricted domination, capitalistical restricted domination, +ebensraum Republi@anismus, assimo origi, Repubblicanesimo,
Republicanism, Republi@anismus, 9eo repubblicanesimo, Neo-repubblicanesimo, Neorepubblicanesimo, Neo republicanism,
Neo-republicanism, Neue Republikanismus, costruttivismo, constructivism, marxismo, marxism, marxismus,
marxismus, neo marxismo, neo-marxismo, neomarxismo, neo marxism, neo-marxism, neue Marxismus, Tarl ar6,
Fannah Brendt, 7iuseppe azzini, Carl (chmitt, 7abriele 8’ Bnnunzio, Hriedrich Ratzel, Tarl )rnst Faushofer,
Falford Sohn ac@inder, >ucidide, Blfred >ha&er ahan, Eita Bctiva, 5hilip 5ettit, <uentin (@inner, Fegel, 5ericle, 7iuseppe
7aribaldi, Ble6ander Xendt, Colin Crouch, Robert 8ahl, Robert ichels, Telsen, >eologia politica, 7iuseppe aranini, 9uova
Repubblica, Randolfo 5acciardi, repubblica presidenziale, Costituzione italiana, 8rang nach ;sten, (eptember 5rogramme,
Xashington consesus, Turt X$ Rothschild, Carl von ClauseQitz, Eom Triege, 8ella guerra, Bdam (mith, Repubblicanesimo
dialettico, dialectical republicanism, dialectic republicanism, Repubblicanesimo %uantico, %uantum republicanism, %uantum
mechanics republicanism, %uantistic republicanism, Repubblicanesino %uantico dialettico, %uantum dialectic republicanism, %uantum
dialectical republicanism, aterialismo storico, Fistorical materialism, aterialismo dialettico, dialectical materialism, diamat,
+ebensraum, +ebensraum republicanism, +ebensraum repubblicanesimo, noopoliti@, geopolitica,
geopolitics, 7eopoliti@, 7ianfranco +a 7rassa, Il nomos della terra, >eologia politica, 7eopolitica,
7eo-politica, geopolitics, geopoliti@, g"opoliti%ue, Repubblicanesimo geopolitico,
Repubblicanesimo dialettico strategico, Repubblicanesimo dialettico-strategico, Repubblicanesimo
dialettico geopolitico, Repubblicanesimo dialettico-geopolitico, Conflitto strategico dialettico,
Conflitto dialettico-strategico, R"publicanisme g"o-politi%ue, Republicanisme geo-politi%ue,
Republicanisme geo politi%ue, Republicanisme geopoliti%ue